COMUNE DI PALERMO Settore Servizi Socio-Assistenziali U.O. Attuazione e Gestione Piano Infanzia e Adolescenza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI PALERMO Settore Servizi Socio-Assistenziali U.O. Attuazione e Gestione Piano Infanzia e Adolescenza"

Transcript

1 COMUNE DI PALERMO Settore Servizi Socio-Assistenziali U.O. Attuazione e Gestione Piano Infanzia e Adolescenza SCHEDA TECNICA INT. 13 All. A/8 Titolo intervento Centro Diurno per Adolescenti con Disturbi di Personalità Tipologia di servizio L Azione rientra nei livelli essenziali di assistenza vedi il DPCM 29/11/2001: Assistenza territoriale semiresidenziale o residenziale Prestazioni: attività sanitaria e sociosanitaria nell ambito dei programmi riabilitatitivi a favore delle persone con problemi psichiatrici e/o delle famiglie. Azienda Sanitaria Provinciale di Palermo Via G. Cusmano, PALERMO PAGINA 1

2 OBIETTIVI Premessa Il Centro nasce in coerenza con le linee guida dei Progetti Obiettivo della Salute Mentale e Materno-Infantile Entrambi i progetti indicano un potenziamento della promozione della salute e dell assistenza nell età adolescenziale attraverso anche l istituzione di strutture semiresidenziali per attuare piani terapeutici per disturbi psichiatrici in preadolescenza ed adolescenza. Si ribadisce, pertanto, la centralità, nella tutela della salute mentale della popolazione, della prevenzione, diagnosi e trattamento delle patologie neurologiche e psichiatriche nell età evolutiva. Le Linee-guida del Ministero della Sanità per le attività di riabilitazione (G.U n. 124) indicano come obiettivi della riabilitazione: - recupero di una competenza funzionale; - porre una barriera alla regressione funzionale dominandone la progressione; - reperire formule facilitanti alternative. Il DPCM 29/11/2001 riconosce l importanza dell approccio riabilitativo tanto da inserire la riabilitazione psichiatrica nei LEA. Inoltre, tra le azioni strategiche più efficaci, si privilegiano l unitarietà degli interventi e la continuità terapeutica, evidenziando la necessità da un lato di ottimizzare l organizzazione e la coordinazione dei servizi formali ed informali deputati alla tutela della salute mentale in età puberoadolescenziale, e dall altro di definire strategie innovative volte alla valorizzazione delle risorse umane, materiali, territoriali. Più recentemente, il Piano Sanitario Regionale Piano della Salute pone la necessità di disporre, per l assistenza dei soggetti in età evolutiva, di strutture differenziate (ambulatorio, centro diurno, struttura residenziale ecc.) adottando iniziative atte a garantire la necessaria integrazione con altri ambiti sanitari di confine e con i servizi socioassistenziali degli Enti Locali.le Organizzazioni del Terzo Settore. A tal fine, lo stesso Piano Sanitario Regionale individua, tra gli obiettivi Azienda Sanitaria Provinciale di Palermo Via G. Cusmano, PALERMO PAGINA 2

3 prioritari, promuovere la salute mentale in età evolutiva con particolare riferimento ai soggetti in età adolescenziale.. ed indica, tra i servizi per l assistenza territoriale, i Centri diurni per adolescenti con gravi disturbi psicopatologici, finalizzati a contenere al massimo il ricovero ospedaliero e la sua durata, prevenendone la necessità mediante trattamento terapeutico intensivo e permettendo dimissioni protette, precisando anche che i centri per l assistenza semiresidenziale hanno valenza sopradistrettuale, devono essere dotati di equipe multiprofessionale e devono essere attivi almeno 6 ore al giorno per 6 giorni la settimana. Più operativamente, con l approvazione dell Accordo di Programma per la promozione di diritti ed opportunità per l infanzia e l adolescenza nell ambito territoriale di intervento della Città di Palermo, previsto dalla Legge Nazionale n. 285/97, per il triennio e successivi rinnovi, viene finanziato il Centro Semiresidenziale Interdistrettuale per Adolescenti con disturbi di personalità dell Azienda USL 6, oggi Azienda Sanitaria Provinciale di Palermo, rivolto ad adolescenti residenti nel territorio cittadino, della fascia di età Pertanto, l avvio del Progetto del Centro Diurno per adolescenti si colloca all interno di un crescente interesse ed attenzione su tutto il territorio nazionale, regionale e cittadino alla prevenzione, al trattamento ed alla riabilitazione delle patologie psichiatriche in adolescenza. Definire gli scopi del servizio intervento Il progetto attuale ha lo scopo di potenziare ulteriormente l intervento di riabilitazione psichiatrica degli adolescenti con disturbi della personalità, ma senza gravi compromissioni cognitive di natura organica. Tale progetto mira nello specifico: -alla prevenzione della cronicità psichiatrica di adolescenti con patologie psichiatriche di varia entità - alla prevenzione del disadattamento sociale, correlato alla condizione psicopatologica - al recupero clinico-riabilitativo - alla reintegrazione socio-familiare e scolastico-professionale Stabilire obiettivi operativi, possibilmente misurabili -Ampliamento della operatività: -aumento del numero di adolescenti in carico Indicatore N. minori trattati nel 2010/N minori trattati nel 2009 x 100, v. a. 10% - attivazione di azioni rivolte all integrazione post-dimissioni Indicatore N. minori inseriti in percorsi integrativi esterni post-dimissioni nel Azienda Sanitaria Provinciale di Palermo Via G. Cusmano, PALERMO PAGINA 3

4 2010/N minori inseriti nel 2009 x 100, v. a. 10% - Incremento capacità relazionali ed adattive dei ragazzi Indicatori N di ragazzi che riducono i sintomi /N di ragazzi inseriti in un anno x 100 v. a. 50% (Fonte di verifica: Scheda Diagnosi strutturale e sintomatologia ) N di ragazzi che migliorano il funzionamento adattivo/n di ragazzi inseriti in un anno x 100 v. a. 50% (Fonte di verifica: Scala CGAS). - Sostegno alle famiglie nella gestione dei figli Indicatore N di famiglie prese in carico/n di ragazzi inseriti in un anno x 100 v. a. 70% - Lavoro in rete con le UU. OO. e con gli ambulatori dedicati di NPIA Territoriale presenti nel territorio aziendale Indicatore N di incontri con operatori invianti/n. di ragazzi inseriti x 10 v.a. 4/anno. Definire la popolazione target e la stima quantitativa sull utenza prevista I destinatari del progetto sono: - N. 15 adolescenti segnalati dalle UU. OO. e dagli ambulatori dedicati di NPIA Territoriale - le famiglie degli stessi adolescenti inseriti nel Centro - gli operatori delle UU. OO. e degli ambulatori dedicati di NPIA Territoriale che inviano i ragazzi al Centro, ai quali viene offerto il lavoro riabilitativo come strumento aggiuntivo per la presa in carico clinica. Definire il rapporto fra bisogni, obiettivi, diritti sociali collegati all azione. La grave condizione di disagio correlata alla psicopatologia in età adolescenziale coinvolge i minori e le loro famiglie, determinando profondi guasti nelle relazioni familiari e condizionando negativamente qualunque possibilità di inserimento sociale dei giovani pazienti. Tale condizione rende sovente impossibile, ovvero compromette significativamente, la fruizione del diritto all istruzione ed il godimento delle relazioni sociali adeguate all età ed indispensabili per la crescita ed il successivo inserimento nel mondo degli adulti. La complessità degli interventi necessari a ripristinare una condizione clinica ed adattiva più adeguata alla ripresa di un percorso di crescita si scontra con i limiti del tradizionale intervento ambulatoriale di presa in carico, nelle sue varie espressioni. E, infatti, esperienza comune dei Azienda Sanitaria Provinciale di Palermo Via G. Cusmano, PALERMO PAGINA 4

5 servizi per minori, il verificare che questi tipi di interventi, in molti casi, non riescono ad incidere in modo significativo sull evoluzione della patologia e quindi sulla qualità di vita del paziente e della sua famiglia e, in ultima analisi, non sono sufficienti a prevenire la cronicizzazione del disturbo ed i relativi costi sociali. Peraltro, si assiste sovente al deterioramento delle risorse positive comunque presenti in ogni adolescente, a causa dei limiti insiti nei contesti familiari, scolastici e di aggregazione, rispetto all accoglienza ed alla gestione della sofferenza psichica, con conseguente stabilizzazione o peggioramento del disagio stesso. In ragione di quanto detto l intervento riabilitativo in regime semiresidenziale appare essere l unica strategia idonea, per tempi e complessità di intervento, al raggiungimento di trasformazioni significative, purchè si tenga conto della necessità di coinvolgere in tale percorso le figure genitoriali e gli specialisti delle UU. OO. e degli ambulatori dedicati di NPIA Territoriale che inviano i ragazzi e che continuano ad occuparsi di tutti gli altri aspetti dell intervento terapeutico. Infine, allo scopo di verificare la congruità degli interventi individualizzati risulta indispensabile l utilizzo di strumenti che consentano in itinere, di misurare le trasformazioni relazionali ed adattive raggiunte grazie all intervento riabilitativo effettuato. Descrivere il processo strategico che sarà implementato per raggiungere gli scopi formulati sulla base dei bisogni individuati, per il contrasto ai fenomeni di disagio, per la rimozione di ostacoli che impediscono la piena integrazione ed inclusione, etc. STRATEGIA L'intervento previsto nell'ambito di questo progetto pur presentando, in considerazione del target, un'indiscussa connotazione sanitaria, presenta una notevole ricaduta sul piano sociale in quanto la finalità principale è quella del recupero delle capacità di integrazione sociale e di autorealizzazione di minori con gravi disturbi psicopatologici, altrimenti destinati ad un futuro di emarginazione e di bisogni assistenziali. Allo scopo di realizzare questo complesso intervento è apparsa indispensabile la scelta di reperire personale sanitario qualificato già in servizio nell Area Dipartimentale di NPIA dell'asp di Palermo, con utilizzazione in part-time, per l ' espletamento delle attività più specificamente cliniche. Le attività che i ragazzi svolgono al Centro sono organizzate secondo laboratori espressivi di vario tipo che forniscono loro la possibilità di sperimentare le proprie capacità espressive e creative. Nella riprogrammazione della operatività del Centro si ritiene fattore di miglioramento degli interventi il potenziamento delle attività laboratoriali di arteterapia su progetti individualizzati, condotte in gruppo o individualmente in rapporto a specifici bisogni dei ragazzi identificati in ambito clinico. Le attività laboratoriali devono essere espletate nella fascia oraria pomeridiana, per garantire loro la prosecuzione della frequenza scolastica o della formazione professionale, e, anche laddove si tratti di minori che a causa delle condizioni cliniche in atto non frequentano, di garantire la possibilità di reinserimento nel mondo della Azienda Sanitaria Provinciale di Palermo Via G. Cusmano, PALERMO PAGINA 5

6 scuola o della formazione, consentendo comunque la prosecuzione del lavoro riabilitativo. Il lavoro riabilitativo è pensato prevalentemente in attività di gruppo e, nel caso in cui il livello di sofferenza personale non lo consenta, vengono previste delle attività clinico/riabilitative individuali finalizzate al successivo inserimento nel gruppo stesso. Appare necessario il coinvolgimento fin dall'inizio dell'intervento riabilitativo, delle famiglie dei ragazzi inseriti, individuate anch'esse come destinatarie dell'intervento. Il loro coinvolgimento è volto a favorire la comprensione delle problematiche del ragazzo, dei cambiamenti che si vanno ottenendo nel percorso riabilitativo, nonché la loro valorizzazione. Inoltre esso ha il fine, da una parte di produrre una mobilitazione di risorse positive che supportino i miglioramenti, stabilizzando i risultati ottenuti, dall altra di correggere le modalità distorte di relazione che spesso, inconsapevolmente, favoriscono la patologia. Un aspetto fondamentale dell'intervento è quello di un sistematico lavoro di rete con le UU. OO. NPIA invianti, in quanto l'attività riabilitativa viene offerta loro come strumento aggiuntivo per il trattamento clinico, e pertanto 1'U.O. NPIA inviante rimane titolare della presa in carico del singolo ragazzo. L'intervento riabilitativo, infatti, è pensato come uno strumento da utilizzare "a termine", in rapporto ai bisogni individuali, e ciò nell'ipotesi che se nel lasso di tempo stabilito non si producono trasformazioni sufficientemente significative, il proseguimento dell'intervento potrebbe determinare il rischio di dipendenza e di cronicità. Si precisa che, in rapporto a specifici bilanci di opportunità condivisi con gli operatori invianti, gli operatori ASP del Centro Diurno possono offrire interventi psicoterapici o farmacologici o quanto altro ritenuto opportuno, programmato e condiviso con gli operatori invianti. Infine tra le scelte strategiche particolare centralità va data alle attività di accompagnamento ed inserimento sociale dell'adolescente dimesso dal Centro. Descrivere le attività previste, nonché il processo di erogazione fruizione dei servizi e delle prestazioni Appare opportuno fare una prima distinzione fra attività di tipo specificamente clinico, attività di tipo educativo riabilitativo, risocializzanti e di avviamento all'autonomia personale, attività di arteterapia. DEFINIZIONE DELLE A T T I V I T A ' Le attività cliniche sono costituite da: valutazione clinico-diagnostica interdisciplinare del minore inviato al Centro, volta a verificare l'adeguatezza dell'invio rispetto all'offerta riabilitativa e la motivazione del ragazzo e della famiglia alla frequenza. incontro con l'équipe inviante, finalizzato a concordare l'ammissione e gli obiettivi di intervento sul ragazzo segnalato. incontri sistematici di verifica e programmazione degli interventi fra équipe del Centro ed équipe inviante. interventi individuali mirati, in rapporto ad esigenze specifiche, consistenti in: colloqui clinici individuali di verifica, di supporto o Azienda Sanitaria Provinciale di Palermo Via G. Cusmano, PALERMO PAGINA 6

7 psicoterapici. Sono anche previsti, laddove necessari, percorsi individuali e di gruppo di psicomotricità. valutazione della famiglia, volta a conoscere sia le problematiche familiari che le risorse presenti o da attivare al fine di un buon esito dell'intervento riabilitativo interventi psicoterapici individuali o di gruppo rivolti agli adolescenti frequentanti o post dimissioni interventi psicofarmacologici rivolti agli adolescenti frequentanti o post dimissioni counseling familiare attraverso incontri sistematici quindicinali che accompagnano il percorso riabilitativo del ragazzo, finalizzati ad informare e supportare i genitori, ma anche a promuovere all'interno delle relazioni familiari cambiamenti utili a rafforzare e sostenere le trasformazioni positive del figlio. - attività di orientamento post-dimissione. Le attività educativo/riabilitative e risocializzanti di gruppo sono costituite da: laboratorio di ceramica laboratorio di falegnameria laboratorio di cucina laboratorio fotografico laboratorio di redazione del giornalino - laboratorio di bricolage - laboratorio di stimolazione cognitiva volto all'acquisizione delle fondamentali autonomie personali e sociali - esperienze di conoscenza del territorio cittadino e dell'uso dei servizi - attività non strutturate di libera scelta, per stimolare le capacità di autodeterminazione Le attività di arteterapia sono costituite da: laboratorio grafico-pittorico laboratorio di musicoterapia laboratorio di drammaterapia laboratorio di danzamovimentoterapia Identificare le prestazioni erogate -attività cliniche (Neuropsichiatrica, Psicologica, Pedagogica, Psicomotorie) -attività psicosociale -attività educative -attività riabilitative -attività di animazione -attività sociali Definire una stima dei tempi di attuazione dell'azione, secondo le fasi e le attività previste e la loro interdipendenza Il progetto si sviluppa attraverso programmazioni annuali che Azienda Sanitaria Provinciale di Palermo Via G. Cusmano, PALERMO PAGINA 7

8 TEMPISTICA prevedono attività di monitoraggio articolate in diversi momenti di verifica. A tale scopo l'équipe sanitaria dovrà mettere a punto il sistema di valutazione. Si prevedono tempi per gli aspetti organizzativi/gestionali che consistono in: -riunioni settimanali dell'équipe sanitaria per la programmazioneorganizzazione e verifica delle attività cliniche e riabilitative (2h/sett.) -riunioni settimanali con gli operatori del privato sociale che conducono le attività per la programmazione, organizzazione e verifica delle attività riabilitative (4h/ sett.) -incontri con i Referenti Aziendali per la verifica in itinere e finale del progetto (2 riunioni l'anno) Per quanto riguarda i tempi di attuazione dei progetti riabilitativi individualizzati, questi vengono suddivisi nelle seguenti fasi: Fase di accettazione: Parte dalla segnalazione ed arriva al contratto preliminare ed all inserimento nel Centro. Questa fase prevede: - Arrivo al Centro e valutazione della Segnalazione inviata tramite apposita scheda dalle U U.OO. di NPIA Territoriale. Tempo di attuazione: entro 15 giorni dalla segnalazione. - Accoglienza dell'adolescente con i suoi genitori. Tempo: entro 15 gg. dalla segnalazione. - Valutazione del ragazzo attraverso 2/3 incontri conoscitivi e di approfondimento diagnostico. Tempo: entro 1 mese dalla accoglienza. - Valutazione della famiglia parallelamente al percorso diagnostico del ragazzo. - Incontro con l'équipe inviante finalizzata a concordare l'ammissione del ragazzo e gli obiettivi individualizzati del lavoro riabilitativo. Tempo: alla fine della valutazione. - Contratto di ammissione con il ragazzo, i genitori e l'équipe inviante Fase di intervento: - Periodo di osservazione in regime di frequenza almeno 2 volte/settimana. Tempo: 2 mesi. - Riformulazione del contratto sulla base di un progetto individualizzato con incremento degli accessi in rapporto ai bisogni individuali. Tempo: alla fine del periodo di osservazione. - Lavoro riabilitativo di gruppo o individuale in rapporto a bisogni specifici. Tempi: variabili dai 12 ai 18 mesi (max 24) in ragione delle singole necessità. - Counseling familiare a cadenza quindicinale. Tempi: tutto il periodo del lavoro riabilitativo del ragazzo. - Incontri di raccordo, verifica e programmazione a cadenza bimestrale con l'équipe inviante. Tempi: per tutto il periodo dell'intervento riabilitativo sul minore. Azienda Sanitaria Provinciale di Palermo Via G. Cusmano, PALERMO PAGINA 8

9 Fase di dimissione: Intervento di accompagnamento e supporto all uscita del ragazzo ed orientamento post dimissioni. Tempo: 3-4 mesi. In tutte le fasi di attuazione del progetto individuale si prevede un tempo ( 1h /giorno) per l attività di documentazione e registrazione delle prestazioni erogate. Definire un sistema di controllo - monitoraggio sui tempi Per la realizzazione del progetto si prevede preliminarmente l individuazione del privato sociale che risponda ai requisiti richiesti e garantisca la continuità terapeutico-assistenziale dell azione già avviata (senza interruzione del servizio). Tempi previsti: entro dicembre Individuare la rete di collaborazione fra servizi pubblici e del privato sociale, i soggetti coinvolti, le modalità di coinvolgimento e di partecipazione; in particolare precisare, se del caso, il livello di integrazione socio-sanitaria DEFINIZIONE STRUTTURA ORGANIZZATIVA Per quanto riguarda la dimensione organizzativa, il progetto, pur in conformità con le direttive date dal Piano Sanitario Regionale Piano della Salute , anticipa i requisiti organizzativi (in fase di elaborazione presso l Assessorato Regionale alla Salute) per l'accreditamento dei Centri Diurni Riabilitativi per Adolescenti con gravi disturbi psicopatologici. Il personale dell'asp di Palermo, individuato per tale intervento è scelto tenuto conto della multiprofessionalità all'interno dell Area Dipartimentale NPIA Territoriale e pertanto l'équipe è composta da: - 4 Dirigenti Medici NPI - 1 Psicologo - 2 Pedagogisti - 1 Assistente Sociale - 1 Psicomotricista. Per quanto concerne la conduzione dei laboratori espressivi, di arteterapia e delle altre attività non cliniche, queste devono essere gestite da Privato Sociale da convenzionare con il Comune di Palermo. Il Privato Sociale dovrà fornire personale che deve essere necessariamente competente nella conduzione delle specifiche attività laboratoriali previste dal progetto e con adeguata e documentata esperienza, almeno settennale, rispetto all accoglienza ed alla relazione con adolescenti affetti da gravi disturbi psicopatologici. L'apertura della struttura è prevista 5 volte a settimana, di cui 4 in fascia pomeridiana con orario , ed una apertura di mattina con orario E comunque prevedibile un ampliamento dei giorni di apertura settimanale in rapporto alla riorganizzazione aziendale dell Area Dipartimentale di NPIA Territoriale (in corso). E' sempre prevista la presenza di almeno 1 operatore medico NPI, trattandosi di soggetti con gravi psicopatologie. Come già specificato nell'ambito Azienda Sanitaria Provinciale di Palermo Via G. Cusmano, PALERMO PAGINA 9

10 delle strategie, il Centro Diurno è collegato in rete con le UU. OO. di NPIA Territoriali, allo scopo di concordare con gli operatori invianti il progetto riabilitativo individualizzato. L'efficacia dell'intervento sarà verificata con incontri sistematici programmati fra l'équipe del Centro e l'équipe inviante. Indicare le risorse necessarie in termine di strutture ed attrezzature DEFINIZIONE RISORSE Struttura il Centro, con attuale sede presso i locali del Padiglione "Puricelli" (ex alloggio delle suore) del P. O. "E. Albanese" (come da Delibera Aziendale n 202 del 24/01/01), ha caratteristiche conformi ai requisiti strutturali previsti per l'accreditamento dei Centri Diurni Psichiatrici. Si precisa che in atto l ASP sta provvedendo alla ristrutturazione, adeguamento ed integrazione degli arredi di nuovi locali da destinare al Centro Diurno per Adolescenti con disturbi di personalità. A tal fine, a completamento dei lavori, previsto nei prossimi mesi (presumibilmente autunno 2011), si prevede il trasferimento del Centro nei suddetti locali, ubicati in via Lancia di Brolo n. 10, Pad. Firmaturi del P. Aiuto Materno. Tali locali comprendono: N. 3 sale polivalenti per attività laboratoriali, di cui una attrezzata con parquet. N. 1 locale da adibire a laboratorio di cucina N. 1 locale da adibire a soggiorno N. 1 ripostiglio N. 3 W.C. di cui 1 per portatori di handicap e 1 per gli operatori N. 1 spogliatoio per gli operatori N 1 deposito biancheria N. 1 sala di attesa per utenti N. 1 ambulatorio-infermeria N. 1 segreteria amministrativa N. 1 stanza archivio N. 1 ambulatorio medico N. 1 stanza psicologo N. 1 stanza assistente sociale N. 1 Uscita secondaria di emergenza Nei lavori di adeguamento della struttura sono previsti anche i costi di climatizzazione di tutti gli ambienti. Complessivamente la superficie utile è di circa 350 mq. E in corso da parte della ASP la procedura di accreditamento dei locali. Si precisa che l ubicazione dei nuovi locali è all interno del contesto urbano del quartiere Noce, nel cuore della Città, facilmente fruibile da tutti i quartieri cittadini, compresi quelli delle periferie urbane. Attrezzature - N. 1 fotocopiatrice A3/A4 già in dotazione - N. 1 P.C. con 1 stampante in dotazione Azienda Sanitaria Provinciale di Palermo Via G. Cusmano, PALERMO PAGINA 10

11 - N. 1 mezzo di trasporto (minimo 7 posti) di proprietà o messo a disposizione dal privato sociale da convenzionare non caratterizzato per il trasporto disabili. Si precisa che l ASP di Palermo sta provvedendo alla integrazione degli arredi, già in dotazione del Centro Diurno, finanziati con fondi 285/97 in fase di primo impianto (anno ). Tale integrazione prevede l acquisto di: N. 3 Armadi a tre ante con chiusura per le attività laboratoriali N. 3 librerie a due ante, superiori in vetro, basse in legno, con mensole interne e con chiusura per ambulatori e soggiorno N. 2 divani a due posti a sedere per soggiorno N. 1 televisore a schermo piatto a parete N. 1 Tavolo da lavoro rettangolare con piano antigraffio, m. 1,80x 0,90 per cucina N. 1 Piano cottura con quattro fornelli e forno elettrico N. 1 Pensile scolapiatti N. 1 cappa con mensole N. 1 mobiletto a doppia anta con lavello incorporato N. 1 pensile m. 1,20 con scaffali interni N. 1 base m. 1,20 con scaffali interni N. 1 cassettiera a 4 cassetti cm. 60 N. 1 armadio alto a tre ante con chiusura a chiave circa m. 2 di lunghezza N. 3 Pensili a due ante con scaffali interni cm. 90 N. 3 Base a due ante con cassetti e scaffali interni cm. 90 N 1 carrello porta vivande N. 3 specchi con luce per bagni N. 3 mobiletti bagno N. 3 accessori per bagno (porta carta igienica, spazzolone per W.C. ecc.) N. 1 scaffalatura metallica a L a tetto m. 1,20 x m. 1,20 profonda cm. 50. Personale ASL Neuropsichiatria Infantile N unità N ore settimana 4 10 ciascuno Psicologo 1 10 Pedagogista 2 10 ciascuno Psicomotricista 1 10 Assistente Sociale 1 10 Personale del Privato Sociale Educatore/animatore 4 12 ciascuno Esperto in Drammaterapia 1 8 Esperto in Musicoterapia 1 8 Esperto in 1 8 Danzamovimentoterapia Esperto in Arteterapia 1 8 Custode addetto alla segreteria 1 23 Ausiliario 1 16 Azienda Sanitaria Provinciale di Palermo Via G. Cusmano, PALERMO PAGINA 11

12 Descrivere le modalità di coinvolgimento dei cittadini e degli utenti, in particolare le strategie che saranno utilizzate per aumentare la fiducia, accrescere l affidabilità e la capacità di risposta e di assicurazione (competenza, cortesia, credibilità, sicurezza) al cittadino, valorizzare l empatia (flessibilità nell accesso, comprensione bisogni individuali ecc.) COMUNICAZIONE Si potenzieranno le attività di informazione e di sensibilizzazione rivolte agli operatori delle UU. OO. di NPIA Territoriali, attraverso un periodico aggiornamento e distribuzione (2 volte l'anno) dell'opuscolo informativo già predisposto. Verrà predisposto un questionario che valuterà il gradimento sia da parte dei ragazzi che delle famiglie sulle prestazioni erogate con particolare riferimento all'accoglienza dei bisogni individuali, alla flessibilità nell'accesso, alla competenza del personale. La somministrazione del questionario verrà attuata in itinere (alla fine del 1 anno di trattamento) e nella fase di dimissione. Descrivere le modalità di accesso al servizio, i tempi di attesa per l erogazione, etc. Al Centro si accede, come già detto, attraverso l'invio da parte degli operatori delle UONPI distrettuali titolari del caso. I tempi di attesa mediamente non dovranno superare i 6 mesi dall'esito positivo della valutazione e sono condizionati comunque non solo dal numero degli utenti inseriti che non deve superare le 15 unità, ma anche dalla valutazione della compatibilità con la composizione dei gruppi già attivi. Azienda Sanitaria Provinciale di Palermo Via G. Cusmano, PALERMO PAGINA 12

13 Budget in base alle risorse necessarie: N. 1 Costi a carico della ASP di Palermo per anno di attività BUDGET Personale N unità Costo annuale Medico NPI 4 per 10 h / ,00 settimana Psicologo 1 per 10 h / ,00 settimana Pedagogista 2 per 10 h / ,00 settimana Assistente Sociale 1 per 10 h / 9.360,00 settimana Psicomotricista 1 per 10 h / 8.320,00 settimana Costi gestione Utenze 4000 cancelleria 1000 Integrazione ,00 arredi TOTALE COSTI ASP ,00 Azienda Sanitaria Provinciale di Palermo Via G. Cusmano, PALERMO PAGINA 13

14 N. 2 Costi per anno con finanziamento 285/97 (escluso IVA) Personale N unità -4Educatori/Animatori N.10-4 Esperti in Drammaterapia Musicoterapia Arteterapia Danzamovimentoterapia - 1 Custode addetto alla segreteria 1 Ausiliario Totale costi risorse umane Costo annuale ,00 SPESE GESTIONE Materiale per le attività laboratoriali; Trasporto; Amministrazione Totale previsto per le spese di gestione ,00 TOTALE COSTI ,00 compreso iva Definire il disegno di valutazione dell'azione, comprensivo di indicatori, strumenti, responsabilità, tempi. Per quanto concerne il disegno di valutazione si rinvia a quanto già precedentemente indicato alla voce obiettivi operativi ed indicatori Azienda Sanitaria Provinciale di Palermo Via G. Cusmano, PALERMO PAGINA 14

15 CONTROLLI E VALUTAZIONE misurabili ed alla voce tempistica. In particolare, in quest ultima voce sono stati individuati indicatori di processo e tempi di valutazione. La responsabilità del monitoraggio e della valutazione, sia di processo che di risultato, è affidata all équipe sanitaria. Il sistema di valutazione comprenderà anche le attività di follow up. Indicare i soggetti e le professionalità coinvolte nella valutazione Operatori della équipe sanitaria. Individuare strumenti e metodi per la misurazione della soddisfazione dei cittadini utenti Per la misurazione dell adeguatezza del Servizio offerto rispetto agli obiettivi del Progetto verranno utilizzate tecniche di osservazioni di comportamenti e saranno somministrati questionari volti alla valutazione della soddisfazione dei destinatari in merito al servizio offerto agli utenti (operatori UU. OO. di NPIA Territoriali, ragazzi, famiglie). Azienda Sanitaria Provinciale di Palermo Via G. Cusmano, PALERMO PAGINA 15

UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO

UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO PREMESSA Nelle finalità del progetto riabilitativo complessivo dell

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 La Sol Levante nasce nel 1998 per dare una risposta alle esigenze delle persone, di ogni fascia d età, affette da disagio psichico e con problematiche in

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Attilio Vercelloni Data di nascita 28/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASL DI VERCELLI Staff - S.C. Neuropsichiatria

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

D.P.R. 10-11-1999 Approvazione del Progetto-Obiettivo "Tutela della Salute Mentale" 1998-2000

D.P.R. 10-11-1999 Approvazione del Progetto-Obiettivo Tutela della Salute Mentale 1998-2000 D.P.R. 10-11-1999 Approvazione del Progetto-Obiettivo "Tutela della Salute Mentale" 1998-2000 IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visto l'articolo 1 del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI Ufficio del Piano di Zona Sociale dell' Ambito Territoriale A 1 COMUNE DI ARIANO IRPINO Capofila REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI erogato nei Comuni dell ambito territoriale

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO CIRCOLARE REGIONALE del 15/01/2014 - N 1 OGGETTO: PRIME INDICAZIONI ATTUATIVE DELLA DGR N. 1185/2013 CON SPECIFICO RIFERIMENTO ALLE DGR

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO.

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. Ricercatrice: Serena Bezzi Trento, gennaio 2009 - giugno

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12

REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12 60 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 56 suppl. del 22 04 2015 REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12 Regolamento regionale Presidi territoriali di recupero e riabilitazione funzionale dei

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute TAVOLO NAZIONALE DI LAVORO SULL AUTISMO RELAZIONE FINALE Il Tavolo di lavoro sulle problematiche dell autismo, istituito su indicazione del Ministro della Salute, composto da rappresentanti

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Si cura a scuola? Per una cura del processo educativo

Si cura a scuola? Per una cura del processo educativo Si cura a scuola? Per una cura del processo educativo Dal PEI al Progetto di Vita L ovvietà delle sigle, la routine delle pratiche Il potere delle procedure di progettazione individualizzata Porsi domande

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c.

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c. ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE Regolamento Regolamento GLHI del gruppo di lavoro sull handicap Ai sensi dell art. 15 c. L 104/92 Approvato dal Consiglio di stituto in data 08/07/2013 1 Gruppo di Lavoro

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE N.B. Qualora ritenga importante integrare il questionario con commenti particolari o chiarimenti che ritiene importanti può farlo scrivendo quanto ritiene opportuno nello

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU32 09/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 30 luglio 2012, n. 45-4248 Il nuovo modello integrato di assistenza residenziale e semiresidenziale socio-sanitaria a favore delle

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE Premessa Obiettivo delle presenti linee-guida è fornire indirizzi per la organizzazione della rete dei servizi di riabilitazione

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI Fondazione di partecipazione dei Comuni di Casole d Elsa Colle di Val d Elsa Poggibonsi San Gimignano Radicondoli REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI - 1- INDICE Premessa... 5 Titolo Primo

Dettagli

ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione del SERVIZIO INTEGRATO TERRITORIALE su AFFIDO ed ADOZIONE

ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione del SERVIZIO INTEGRATO TERRITORIALE su AFFIDO ed ADOZIONE CASARANO COLLEPASSO MATINO PARABITA RUFFANO SUPERSANO TAURISANO AMBITO TERRITORIALE SOCIALE DI CASARANO PROVINCIA di LECCE Assessorato alle Politiche Sociali ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione

Dettagli

CENTRO DIURNO PER PERSONE DISABILI NOI E GLI ALTRI

CENTRO DIURNO PER PERSONE DISABILI NOI E GLI ALTRI CENTRO DIURNO PER PERSONE DISABILI NOI E GLI ALTRI PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA La mission del Centro Diurno è quella di garantire il benessere psicofisico degli ospiti, in un ambiente idoneo, volto a

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Che cos è il Centro diurno regionale Ai Gelsi? Il nuovo Centro diurno socio-assistenziale con sede a Riva San Vitale si inserisce nel

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE Allegato 8.6 8.6. Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE Allegato 8.6 8.6. Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica 8.6 Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica 1 Premessa Qualità e sostenibilità economica sono le principali esigenze cui cerca di rispondere la concentrazione delle

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Project Work. La campagna di sensibilizzazione sull affido familiare

Project Work. La campagna di sensibilizzazione sull affido familiare Project Work La campagna di sensibilizzazione sull affido familiare Autori Barbara Gastaldin, Elisabetta Niccolai, Federica Lodolini Servizi ASP Seneca Distretto Pianura Ovest, Servizio Sociale Minori

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: GIARDINO BRANCACCIO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: Educazione e Promozione culturale: 01 Centri di aggregazione (bambini, giovani, anziani):

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A.

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A. PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO UONPIA Varese, Busto A., Gallarate Mancanza di un sistema di monitoraggio nazionale Nel 201110.985

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Approvato con. D.C.C. n.17/2008

Approvato con. D.C.C. n.17/2008 Approvato con. D.C.C. n.17/2008 REGOLAMENTO UNICO PER L ACCESSO AL SISTEMA INTEGRATO DI INTERVENTI E SERVIZI SOCIO -ASSISTENZIALI E PER LA COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AL COSTO DEI SERVIZI E DELLE PRESTAZIONI

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Servizio Sanitario Nazionale - Regione dell Umbria AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE UMBRIA N. 2 Sede Legale Provvisoria: Viale Donato Bramante 37 Terni Codice Fiscale e Partita IVA 01499590550 DETERMINAZIONE

Dettagli

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA Studio professionale di fisioterapia: Gli Studi Professionali di Fisioterapia sono strutture dove possono essere erogate prestazioni terapeutiche riconducibili al profilo professionale del fisioterapista

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA. COMUNE DI CATTOLICA cod. NZ 02255

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA. COMUNE DI CATTOLICA cod. NZ 02255 (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: COMUNE DI MISANO ADRIATICO (Capofila) COMUNE DI CATTOLICA COMUNE DI BELLARIA-IGEA

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

REGIONE LIGURIA MANUALE PER L ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SOCIO-SANITARIE PUBBLICHE E PRIVATE

REGIONE LIGURIA MANUALE PER L ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SOCIO-SANITARIE PUBBLICHE E PRIVATE MANUALE PER L ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SOCIO-SANITARIE PUBBLICHE E PRIVATE Versione 2.0 Aprile 2002 INDICE I.1 PREMESSA...5 I.1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO...5 I.2 DEFINIZIONI PRELIMINARI...6 II. IL

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE STRUTTURE SOCIO SANITARIE E SOCIALI (DGR n. 84 del 16/01/2007)

CLASSIFICAZIONE DELLE STRUTTURE SOCIO SANITARIE E SOCIALI (DGR n. 84 del 16/01/2007) I SUPPORTO ALLA FAMIGLIA - PRIMA INFANZIA (AS- NI 502/92 maternoinfantile con strutture a ciclo diurno ALO NIO Servizi sociali e strutture sociali, a ciclo residenziale e semiresidenziale, a gestione pubblica

Dettagli

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192)

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) Gazzetta Ufficiale N. 244 del 18 Ottobre 2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) La Camera dei deputati ed il Senato

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli