Regione Liguria Dipartimento Ambiente Settore Ecosistema Costiero Ilaria Fasce. Normativa e linee guida per gli interventi di difesa della costa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Regione Liguria Dipartimento Ambiente Settore Ecosistema Costiero Ilaria Fasce. Normativa e linee guida per gli interventi di difesa della costa"

Transcript

1 Regione Liguria Dipartimento Ambiente Settore Ecosistema Costiero Ilaria Fasce Normativa e linee guida per gli interventi di difesa della costa

2 Direttiva Habitat mantenere l habitat naturale prioritario POSIDONIETO in stato soddisfacente

3 DISTRUZIONE DEGLI HABITAT

4 L.R. 13/99: art. 3 Competenze Regione art. 4 Competenze Comuni RIPASCIMENTI STAGIONALI: < 10 m 3 /m spiaggia Approvazione Comunale DISCIPLINA E NORME TECNICHE PER I RIPASCIMENTI STAGIONALI D.G.R. 1553/ /2006 REGOLAMENTO 6 /2002

5 CRITERI RIPASCIMENTI STAGIONALI SPIAGGIA BARRA DI FOCE Fa parte, a tutti gli effetti, della spiaggia FONDALE PORTUALE All interno del bacino portuale, in zona non interessata dalla modellazione dei sedimenti dovuta al moto ondoso.

6 DEFINIZIONI Unità Fisiografica Paraggio costiero Cella litorale Limite di Cella Litorale Limite di Paraggio Costiero Limite di Unità Fisiografica

7 INDICAZIONI Trasferimento e movimentazione materiale di spiaggia nell ambito dello stesso paraggio (in direzione opposta alla deriva litoranea). Trasferimento di materiale della barra di foce di un corso d acqua afferente lo stesso Paraggio Costiero.

8 La zona portuale di Genova con la foce del T. Polcevera Materiale da corsi d'acqua potrà essere impiegato in altra Unità Fisiografica esclusivamente nel caso in cui quella di pertinenza non comprenda spiagge o non sia in grado di ricevere tutto o parte del materiale.

9 Il paraggio sottoflutto al porto di Andora. Materiale da fondale portuale potrà essere impiegato nel paraggio sopraflutto solo nel caso in cui quello di pertinenza non comprenda spiagge o non siano in grado di ricevere tutto o parte del materiale.

10 SITO D INTERVENTO Di norma : caratterizzazione chimica e microbiologica caratterizzazione granulometrica MA NESSUNA CARATTERIZZAZIONE Chimica e granulometrica per movimentazione di materiale di spiaggia (emersa e sommersa) nello stesso paraggio. Per materiale proveniente da fondali portuali o da zone di prelievo caratterizzate dalla presenza di possibili fonti di contaminazione occorre carat. chimica

11 LA SITO RELAZIONE D INTERVENTO TECNICA MATERIALE da utilizzare per il RIPASCIMENTO Caratterizzazione chimica e microbiologica METALLI PESANTI concentrazione determinata sul passante ai 2 mm è rappresentativa dell intero campione. INQUINANTI ORGANICI concentrazione determinata sul passante ai 2 mm va rapportata all intero campione.

12 SITO D INTERVENTO MATERIALE da utilizzare per il RIPASCIMENTO Caratterizzazione GRANULOMETRICA (ad umido) Caratteristiche TESSITURALI Presenza di AMIANTO Determinazione obbligatoria per materiale da zone caratterizzate da presenza di rocce amiantifere; Indice di Rilascio secondo la metodica per materiali in breccia del D.M.14/05/1996.

13 VALUTAZIONE EFFICACIA dell INTERVENTO in termini di effettivo consolidamento e relativo equilibrio della spiaggia FATTORE DI RIEMPIMENTO FATTORE DI RIPASCIMENTO VALUTAZIONE ASSENZA IMPATTI SIGNIFICATIVI su acque e fondali per la salvaguardia dei valori biologico-naturalistici costa sensibile altre aree % massima di pelite nel materiale utilizzato quantità massima di pelite per metro lineare di spiaggia per quinquennio (m3) 5% 8% 2 m 3 3,2 m 3

14 LA RELAZIONE TECNICA SITO D INTERVENTO TRATTI di COSTA SENSIBILE

15 VALUTAZIONE della COMPATIBILITÀ CHIMICA dei sedimenti da utilizzare per il ripascimento METALLI PESANTI Le concentrazioni limite dipendono dal back-ground naturale dei sedimenti fluviali dovuto alla natura geochimica dei bacini versanti. Tenore in metalli pesanti nel sedimento non superiore a quello che naturalmente può essere rilevato nei sedimenti fluviali di alveo attuale dei bacini afferenti l Unitl Unità Fisiografica cui fanno parte le spiagge oggetto dell intervento intervento.

16 METALLI PESANTI Dati di letteratura e litologia del bacino (per il territorio non coperto dall Atlante Geochimico Nazionale). Carta dei valori limite del tenore in metalli pesanti nei materiali da utilizzarsi per ripascimento degli arenili derivante dall Atlante Geochimico Nazionale Carta del tenore in metalli Mercurio

17 VALUTAZIONE della COMPATIBILITÀ CHIMICA INQUINANTI ORGANICI In attesa di specifica norma, si fa riferimento a standard internazionali (CSQG-DQTS- NOAA) e, in assenza di riferimenti chiari, alla tab.a del D.M. 471/96, elaborato in senso cautelativo. Il tenore delle sostanze organiche ricercate (concentrazione media per l intera l massa destinata al ripascimento) non deve superare i valori di soglia assunti Per materiale di barra di foce,, ne è ammesso l utilizzo anche in caso di superi solo per documentate necessità di ordine idraulico, entro 100 m dal sito di prelievo

18 INQUINANTI ORGANICI V a lo ri s o g lia Fonte μ g/kg peso secco Organometalli Tributilstagno 5 NOAA PCB PCB totali 21,5 CSQG P o lic ic lic i A ro m a tic i IPA totali 1684 CSQG Naftalene 35 CSQG Fenantrene 87 CSQG Antracene 47 CSQG Fluorantene 113 CSQG Benzo(k)fluorantene 20 DQTS Benzo(a)antracene 75 CSQG Benzo(b)fluorantene 89 CSQG Benzo(ghi)perilene 80 DQTS Crisene 108 CSQG Benzo(a)pirene 89 CSQG Dibenzo(ah)antracene 7 CSQG Indeno(1,2,3-cd)pirene 60 DQTS Pirene 153 CSQG P e s tic id i e fito fa rm a c i DDT 1,2 CSQG DDE 2,1 CSQG DDD 1,2 CSQG D D s to ta li 3,9 CSQG HCH alfa 0,32 HCH beta 0,32 HCH gamma 0,32 CSQG Esaclorobenzene?? Dieldrin 0,71 CSQG Endrin 2,67 CSQG Eptacloro 0,60 CSQG Tabella 4.2 Valori soglia per la valutazione della compatibilità chimica in relazione alla presenza di sostanze di prevalente origine antropica.

19 L.R. 13/99: INTERVENTI DI DIFESA COSTA E RIPASCIMENTI STRUTTURALI Approvazione REGIONE - CRITERI TECNICI PER PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE OPERE DIFESA E RIPASCIMENTI

20 Analisi del sito oggetto di intervento - Rilievi batimetrici - analisi biocenosi marine - analisi meteo-marine (clima ondoso la largo, evoluzione del moto ondoso, stato di mare di progetto) - Analisi processi costieri (car.che sedimentologiche, trasporto medio longitudinale, stabilità trasversale, bilancio dei sedimenti) Scelta progettuale - analisi granulometriche - profilo spiaggia nell ipotesi di progetto - livello di risalita massima - livello di stabilità longitudinale e trasversale - aspetti paesistici

21 Piano di Monitoraggio Profilo morfosedimentologico Aspetti bionaturalistici

22 D.G.R. n 773/2003 Criteri per la valutazione degli impatti diretti e indiretti sugli habitat naturali marini Posidonia oceanica

23 Metodologia per l identificazione dell habitat sottoposto a tutela e la valutazione degli impatti

24 Tab. 2. Determinazione dello stato di conservazione della prateria sulla base della densità (n fasci fogliari/m 2 ) in funzione della profondità. profondità m densità prateria in stato di conservazione non soddisfacente densità prateria in stato di conservazione soddisfacente densità prateria in stato di conservazione eccezionale 0-3 < 550 da 550 a 900 > 900 3,01-5 < 420 da 420 a 700 > 700 5,01-7 < 330 da 330 a 600 > 600 7,01-10 < 240 da 240 a 500 > ,01-14 < 160 da 160 a 400 > ,01-18 < 90 da 90 a 350 > ,01-23 < 30 da 30 a 280 > 280 oltre 23 < 10 da 10 a 200 > 200 Profondità m 0 Linea di costa m 100 m m Trans. 1 Trans. 2 Trans. 3 Trans. 4 Trans m 100 m 100 m 100 m Fig. 1. Rappresentazione schematica dei transetti di rilevamento. Qui è stata considerata una distanza tra i transetti pari a 100 m. In grigio sono rappresentati alcuni esempi delle aree entro le quali effettuare la stima di ricoprimento per ogni range batimetrico e per ogni transetto. L Atlante degli habitat marini della Liguria - uno strumento per lo sviluppo sostenibile - Genova, 11 giugno 20007

25 D.G.R del 2 dicembre 2005 Criteri diretti a salvaguardare l habitat naturale prioritario prateria di Posidonia oceanica norma tecnica tematica per la valutazione di incidenza

26 RIPASCIMENTI OK LA SPIAGGIA VIENE AMPLIATA SENZA CHE IL NUOVO PROFILO SEPPELLISCA IL POSIDONIETO IL MATERIALE UTILIZZATO HA BASSE PERCENTUALI DI FANGO E NON PROVOCA INFANGAMENTO DEI FONDALI LIMITROFI NO LA SPIAGGIA VIENE AMPLIATA IN MANIERA TALE CHE IL PIEDE SOMMERSO DEL NUOVO PROFILO SEPPELLISCE IL MARGINE SUPERIORE DEL POSIDONIETO

27 D.G.R del 7 dicembre 2005 riperimetrazione in scala cartografica 1: dei siti di importanza comunitaria marini

28

29 Beach-rock

30 Coralligeno - biocostruzioni - grotte

31 Atlante e progettualità Documento di riferimento per i ripascimenti stagionali (verifiche nel caso di dragaggi di spiaggia sommersa) Punto di partenza per gli studi locali relativi alle progettazioni delle opere marittime

32 L.R. 20/06 Art. 41 obiettivo principale Piano di tutela dell ambiente marino e costiero Miglioramento della qualità ambientale della fascia costiera: riequilibrio dei litorali stabilizzazione costa alta qualità delle acque costiere difesa e valorizzazione habitat marini

33 Piano di tutela dell ambiente marino e costiero Caratteristiche - Piano di settore - Piano di ambientale - Piano regionale redatto per u.f. - Gestione integrata

34 Punta Portofino Foce Entella U.F. Golfo del Tigullio Punta Manara

35 Formazione del Piano Caratteristiche del territorio Cartografia Norme di attuazione

36 Piano di tutela dell ambiente marino e costiero Caratteristiche del territorio 1 Dinamica costiera Inquadramento geologico-morfologico Evoluzione storica del litorale Morfologia della fascia litorale Trasporto solido bacini versanti Clima ondoso

37 Piano di tutela dell ambiente marino e costiero Caratteristiche del territorio 21 Tutela acque ed habitat Bionomia marina Spiaggiamenti Posidonia Pressioni antropiche fascia costiera Qualità acque costiere Qualità ambienti fluviali

Sala Porta Soprana - Fondazione CARIGE 15 maggio 2006 Ripascimenti stagionali

Sala Porta Soprana - Fondazione CARIGE 15 maggio 2006 Ripascimenti stagionali Sala Porta Soprana - Fondazione CARIGE 15 maggio 2006 Ripascimenti stagionali Inquadramento generale LE COMPETENZE L.r. 28 aprile 1999 n.13 Disciplina delle funzioni in materia di difesa della costa, ripascimento

Dettagli

Specifiche tecniche per la redazione della relazione tecnica per interventi stagionali di ripascimento di quantitativo superiore a 1000 metri cubi

Specifiche tecniche per la redazione della relazione tecnica per interventi stagionali di ripascimento di quantitativo superiore a 1000 metri cubi Specifiche tecniche per la redazione della relazione tecnica per interventi stagionali di ripascimento di quantitativo superiore a 1000 metri cubi ovvero di quantitativo inferiore a 1000 metri cubi 1 Parte

Dettagli

EVOLUZIONE DELLA LINEA DI COSTA

EVOLUZIONE DELLA LINEA DI COSTA U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I C A T A N I A F A C O L T À D I I N G E G N E R I A C o r s o d i I D R A U L I C A M A R I T T I M A EVOLUZIONE DELLA LINEA DI COSTA Prof. Ing. Enrico FOTI&

Dettagli

Decreto Ministeriale 14 aprile 2009, n. 56

Decreto Ministeriale 14 aprile 2009, n. 56 Decreto Ministeriale 14 aprile 2009, n. 56 Acque superficiali Tab. 1/A Standard di qualità nella colonna d acqua per le sostanze dell elenco di priorità 1 2 (1) Le sostanze contraddistinte dalla lettera

Dettagli

APPENDICE A: Tipologia delle opere

APPENDICE A: Tipologia delle opere APPENDICE A: Tipologia delle opere Le opere di difesa dall azione del mare possono suddividersi in due tipologie: opere di difesa passiva e attiva. Le prime assicurano la protezione dall impatto diretto

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER IL CENTRO REGIONALE PER LO STUDIO DELLA DINAMICA DEI LITORALI PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL CRSDL

PROTOCOLLO DI INTESA PER IL CENTRO REGIONALE PER LO STUDIO DELLA DINAMICA DEI LITORALI PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL CRSDL PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL CRSDL CENTRO REGIONALE PER LO STUDIO DELLA TRA PROVINCIA DI GROSSETO PROVINCIA DI LIVORNO PROVINCIA DI LUCCA PROVINCIA DI MASSA - CARRARA PROVINCIA DI PISA COMUNE

Dettagli

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 18_SML

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 18_SML a. IDENTIFICAZIONE DEL TRATTO DI COSTA Denominazione Codice inizio fine Lunghezza (km) -Zoagli 0701001018 * Punta Punta Chiappe 29,6 * Il codice è costruito con i seguenti campi: Codice Istat Regione Liguria

Dettagli

Modello previsionale sulla variazione del limite superiore delle praterie di Posidonia oceanica in funzione dell idrodinamismo costiero

Modello previsionale sulla variazione del limite superiore delle praterie di Posidonia oceanica in funzione dell idrodinamismo costiero Modello previsionale sulla variazione del limite superiore delle praterie di Posidonia oceanica in funzione dell idrodinamismo costiero Provincia di Livorno Influenza del sistema costiero sulle praterie

Dettagli

Regione Liguria. *Servizio Parchi e Aree Protette **Settore Ecosistema Costiero. stefano coppo** giovanni diviacco*

Regione Liguria. *Servizio Parchi e Aree Protette **Settore Ecosistema Costiero. stefano coppo** giovanni diviacco* giovanni diviacco* stefano coppo** atlante degli habitat marini della liguria Regione Liguria *Servizio Parchi e Aree Protette **Settore Ecosistema Costiero UFFICI COINVOLTI Settore Ecosistema Costiero

Dettagli

PIANO DI TUTELA DELL AMBIENTE MARINO E COSTIERO

PIANO DI TUTELA DELL AMBIENTE MARINO E COSTIERO PIANO DI TUTELA DELL AMBIENTE MARINO E COSTIERO AMBITO COSTIERO 15 Unità fisiografiche Golfo del Tigullio, Baia del Silenzio e Riva Trigoso ART. 41 LEGGE REGIONALE N 20/2006 Relazione Paraggio dal porto

Dettagli

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 03_SAN

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 03_SAN a. IDENTIFICAZIONE DEL TRATTO DI COSTA Denominazione Codice inizio fine Lunghezza (km) 0700800803 Capo Sant Ampelio Capo Verde 31,2 * Il codice è costruito con i seguenti campi: Codice Istat Regione Liguria

Dettagli

Eleonora Martorelli, Francesco Latino Chiocci, Francesco Falese CNR IGAG, Roma Università «Sapienza» di Roma, Dipartimento Scienze della Terra

Eleonora Martorelli, Francesco Latino Chiocci, Francesco Falese CNR IGAG, Roma Università «Sapienza» di Roma, Dipartimento Scienze della Terra Eleonora Martorelli, Francesco Latino Chiocci, Francesco Falese CNR IGAG, Roma Università «Sapienza» di Roma, Dipartimento Scienze della Terra Protocollo Premessa documento tecnico-operativo di riferimento

Dettagli

6. NORME DI ATTUAZIONE Titolo I Finalità e contenuti ed elaborati del Piano

6. NORME DI ATTUAZIONE Titolo I Finalità e contenuti ed elaborati del Piano 6. NORME DI ATTUAZIONE Titolo I Finalità e contenuti ed elaborati del Piano Art. 1 Finalità generali del Piano 1. Il presente Piano costituisce piano stralcio di bacino ai sensi del c.6 ter dell art.17

Dettagli

RICHIAMATI: PREMESSO CHE:

RICHIAMATI: PREMESSO CHE: RICHIAMATI: il D.Lgs. 31 marzo 1998, n. 112 recante Conferimento di funzioni e compiti amministrativi dello Stato alle Regioni ed agli Enti locali, in attuazione del capo I della L. 15 marzo 1997, n. 59

Dettagli

Difesa del suolo e pianificazione dei bacini idrografici

Difesa del suolo e pianificazione dei bacini idrografici Quadro normativo: Legge 183/89, «Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo» Si intende: a) per suolo: il territorio, il suolo, il sottosuolo, gli abitati e le opere infrastrutturali;

Dettagli

PIANO DI TUTELA DELL AMBIENTE MARINO E COSTIERO

PIANO DI TUTELA DELL AMBIENTE MARINO E COSTIERO PIANO DI TUTELA DELL AMBIENTE MARINO E COSTIERO AMBITO COSTIERO 08 Unità fisiografiche del Centa, Centa Sud e Maremola ART. 41 LEGGE REGIONALE N 20/2006 RELAZIONE SUL CLIMA ONDOSO AL LARGO (RO) 1 Indice

Dettagli

2.1 La struttura di difesa soffolta 2.2 Ripascimento 2.3.Nucleo in massi e pietra a difesa delle fondazioni del muro di controripa.

2.1 La struttura di difesa soffolta 2.2 Ripascimento 2.3.Nucleo in massi e pietra a difesa delle fondazioni del muro di controripa. INDICE 1.PREMESSA 2. FINALITÀ E DESCRIZIONE DELL INTERVENTO. 2.1 La struttura di difesa soffolta 2.2 Ripascimento 2.3.Nucleo in massi e pietra a difesa delle fondazioni del muro di controripa. 3. ASPETTI

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO. Opere di competenza del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali

PROGETTO ESECUTIVO. Opere di competenza del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali PROGETTO SISTEMA IRRIGUO VALLI GIRALDA-GAFFARO-FALCE PROGETTO ESECUTIVO Opere di competenza del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali Salvaguardia ambientale e riassetto irriguo del comprensorio

Dettagli

Mappatura della pericolosità da inondazione costiera nella Regione Sardegna

Mappatura della pericolosità da inondazione costiera nella Regione Sardegna Mappatura della pericolosità da inondazione costiera nella Regione Sardegna Andrea Balzano, Andrea Sulis, Claudia Pedone, Massimiliano Ventroni Università di Cagliari - DICAAR Torino, 9-1 Ottobre 213 Torino,

Dettagli

AFFIDAMENTO AI SENSI DELL ART. 91 COMMA 2 DEL D.LGS. 163/2006 E S.M.I

AFFIDAMENTO AI SENSI DELL ART. 91 COMMA 2 DEL D.LGS. 163/2006 E S.M.I ALL. C AFFIDAMENTO AI SENSI DELL ART. 91 COMMA 2 DEL D.LGS. 163/2006 E S.M.I. DELLE ATTIVITÀ DI SUPPORTO ALLA PROGETTAZIONE DEFINITIVA ED ESECUTIVA DEGLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE DELLA FOCE DEL FIUME

Dettagli

Il Naftalene è il più semplice degli IPA. Cl 12

Il Naftalene è il più semplice degli IPA. Cl 12 Gli idrocarburi policiclici aromatici sono idrocarburi costituiti da due o più anelli benzenici uniti fra loro, in un unica struttura piana, attraverso coppie di atomi di carbonio condivisi fra anelli

Dettagli

Indice degli Elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale di Isola di Pantelleria. versione conforme al DDG ARTA n 603 del 26/06/2009

Indice degli Elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale di Isola di Pantelleria. versione conforme al DDG ARTA n 603 del 26/06/2009 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0351 Ambito territoriale di Isola di Pantelleria PIANO DI GESTIONE versione

Dettagli

Projet BEACHMED Phase C Attività 2: Studio degli Aspetti Ambientali per l utilizzo dei Depositi Sabbiosi Marini

Projet BEACHMED Phase C Attività 2: Studio degli Aspetti Ambientali per l utilizzo dei Depositi Sabbiosi Marini Generalità 2. ATTIVITÀ 2: STUDIO DEGLI ASPETTI AMBIENTALI PER L'UTILIZZO DEI DEPOSITI SABBIOSI MARINI Nell ambito dell attività 2 l Università di Valencia per la Comunità Valenciana e l ICRAM (Istituto

Dettagli

Documentazione richiesta per il rilascio del parere di compatibilità acustica ambientale (clima/impatto acustico)

Documentazione richiesta per il rilascio del parere di compatibilità acustica ambientale (clima/impatto acustico) l.g. cantieri 04/14 Dipartimento Tutela Ambientale - Protezione Civile U.O. Tutela dagli Inquinamenti Documentazione richiesta per il rilascio del parere di compatibilità acustica ambientale (clima/impatto

Dettagli

Zone di Protezione delle acque sotterranee: aree di ricarica nel territorio di pedecollina- pianura della Provincia di Bologna.

Zone di Protezione delle acque sotterranee: aree di ricarica nel territorio di pedecollina- pianura della Provincia di Bologna. Bologna, 29 Maggio 2 0 0 8 Zone di Protezione delle acque sotterranee: aree di ricarica nel territorio di pedecollina- pianura della Provincia di Bologna. Paolo Severi, Luciana Bonzi Servizio Geologico,

Dettagli

Il monitoraggio del fiume Serio: Inquadramento delle criticità ambientali

Il monitoraggio del fiume Serio: Inquadramento delle criticità ambientali UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Dipartimento di Scienze dell Ambiente e del Territorio Il monitoraggio del fiume Serio: Inquadramento delle criticità ambientali Relatore: SERGIO CANOBBIO Seriate,,

Dettagli

Sulle condizioni di rischio idraulico in relazione alla realizzazione del nuovo impianto di depurazione alla foce del fiume Entella

Sulle condizioni di rischio idraulico in relazione alla realizzazione del nuovo impianto di depurazione alla foce del fiume Entella Lavagna (GE), 27 marzo 2014 Sulle condizioni di rischio idraulico in relazione alla realizzazione del nuovo impianto di depurazione alla foce del fiume Entella DIST Dipartimento Interateneo di Scienze,

Dettagli

Simone Ciadamidaro, Maria Rita Minciardi, Gian Luigi Rossi ENEA Laboratorio di Ecologia UTTS-ECO - Centro Ricerche ENEA di Saluggia

Simone Ciadamidaro, Maria Rita Minciardi, Gian Luigi Rossi ENEA Laboratorio di Ecologia UTTS-ECO - Centro Ricerche ENEA di Saluggia Sperimentazione di Linee guida per la valutazione della compatibilità ambientale degli impianti idroelettrici sull ecosistema fluviale in ambiente montano Simone Ciadamidaro, Maria Rita Minciardi, Gian

Dettagli

1. MANUTENZIONE E MONITORAGGIO

1. MANUTENZIONE E MONITORAGGIO 1. MANUTENZIONE E MONITORAGGIO Come richiesto dal D.P.R. 509/97 sono di seguito fornite le indicazioni preliminari per l utilizzo e la manutenzione delle opere, degli impianti e dei servizi esistenti,

Dettagli

BOZZA DI LINEE GUIDA PER I CONTROLLI RADIOMETRICI SULLE ACQUE POTABILI

BOZZA DI LINEE GUIDA PER I CONTROLLI RADIOMETRICI SULLE ACQUE POTABILI BOZZA DI LINEE GUIDA PER I CONTROLLI RADIOMETRICI SULLE ACQUE POTABILI Maria Teresa Cazzaniga ARPA Lombardia Dipartimento Provinciale di Milano U.O. Agenti Fisici Il Decreto Legislativo 31/2001, recepimento

Dettagli

Confronto tra concentrazioni limite accettabili ex D.M. 471/99 e concentrazioni soglia di contaminazione ex D.Lgs 152/06.

Confronto tra concentrazioni limite accettabili ex D.M. 471/99 e concentrazioni soglia di contaminazione ex D.Lgs 152/06. Confronto tra concentrazioni limite accettabili ex D.M. 471/99 e concentrazioni soglia di contaminazione ex D.Lgs 152/06 Acque sotterranee D.M. 471/99 D.Lgs. 152/06 Sostanze Valori limite (μ/l) Sostanze

Dettagli

RELAZIONE DI RIFERIMENTO D.M. 272/14

RELAZIONE DI RIFERIMENTO D.M. 272/14 RELAZIONE DI RIFERIMENTO D.M. 272/14 UNA NUOVA NORMATIVA IN MATERIA AMBIENTALE Con il D.M. n.272/2014 e il D.lgs n.46/2014 l Italia ha accolto le indicazioni normative provenienti dalla Direttiva Europea

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE DEGLI INTERVENTI

LINEE GUIDA PER LA PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE DEGLI INTERVENTI REGIONE CALABRIA AUTORITA DI BACINO REGIONALE ACCORDO DI PROGRAMMA QUADRO DIFESA DEL SUOLO - EROSIONE DELLE COSTE LINEE GUIDA PER LA PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE DEGLI INTERVENTI Catanzaro, Novembre 2006

Dettagli

UNIVERSITÀ MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA Dipartimento di Ingegneria Civile, dell'energia, dell'ambiente e dei Materiali (DICEAM)

UNIVERSITÀ MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA Dipartimento di Ingegneria Civile, dell'energia, dell'ambiente e dei Materiali (DICEAM) ORARIO CORSI A.A. 15/16 I SEMESTRE DAL 5 OTTOBRE AL 18 DICEMBRE 2015 ---- CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA CIVILE AMBIENTALE I ANNO Fisica Analisi matematica I Analisi matematica I Fisica Analisi matematica

Dettagli

CAPITOLO 8 I PROGRAMMI DI INTERVENTO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO

CAPITOLO 8 I PROGRAMMI DI INTERVENTO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO CAPITOLO 8 I PROGRAMMI DI INTERVENTO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO 207 I PROGRAMMI DI INTERVENTO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO 8.1 Criteri generali di individuazione e valutazione degli interventi Gli

Dettagli

Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente Ligure

Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente Ligure Validazione della Caratterizzazione Ambientale dei Cantieri Navali Michelini s.r.l. V.le S. Bartolomeo S.I.N. Pitelli La Spezia 1 Indice INDICE...2 1 PREMESSA...3 2 RISULTATI DELLA CARATTERIZZAZIONE...5

Dettagli

CARTOGRAFIA TEMATICA DEI FONDALI MARINI LAZIALI

CARTOGRAFIA TEMATICA DEI FONDALI MARINI LAZIALI CARTOGRAFIA TEMATICA DEI FONDALI MARINI LAZIALI Compendio degli studi condotti nel decennio 1999-2009 per la caratterizzazione ambientale dei fondi marini antistanti la costa laziale per il dragaggio di

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 15/ 4 DEL 11.3.2008

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 15/ 4 DEL 11.3.2008 DELIBERAZIONE N. 15/ 4 Oggetto: Procedura di verifica ai sensi dell art. 31 della L.R. 18.1.1999 n. 1 e s.m.i. e della Delib.G.R. 15.2.2005 n. 5/11 e s.m.i. relativa al progetto Ampliamento del Porto Turistico

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 47/17 DEL 25.11.2014

DELIBERAZIONE N. 47/17 DEL 25.11.2014 Oggetto: Procedura di verifica di assoggettabilità a Valutazione di Impatto Ambientale ai sensi del D.Lgs. n. 152/2006 e s.m.i., relativa al progetto Interventi di salvaguardia della fascia costiera e

Dettagli

L evento ha causato vari danni al litorale del comprensorio cesenate colpendo in particolare i seguenti tratti:

L evento ha causato vari danni al litorale del comprensorio cesenate colpendo in particolare i seguenti tratti: PREMESSA Tra il 31/10/2012 e il 01/11/2012 il litorale regionale è stato oggetto di un evento meteomarino di eccezionale rilevanza. La concomitanza sfavorevole dei massimi di marea astronomica, di acqua

Dettagli

R.03 PORTO DI MARINA DI CARRARA AUTORITA' PORTUALE DI MARINA DI CARRARA

R.03 PORTO DI MARINA DI CARRARA AUTORITA' PORTUALE DI MARINA DI CARRARA Autorità Portuale AUTORITA' PORTUALE DI PORTO DI LAVORI DI STABILIZZAZIONE AL PIEDE DEI CONOIDI DI TESTATA C.U.P. D86J13000160001 PROGETTISTA E COORDINATORE PER LA PROGETTAZIONE: GRUPPO DI PROGETTAZIONE

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE : PROCEDURA DI VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA PER REALIZZAZIONE IMPIANTO FOTOVOLTAICO

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE : PROCEDURA DI VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA PER REALIZZAZIONE IMPIANTO FOTOVOLTAICO Nelle tavole seguenti si esaminano rispettivamente i valori storico-culturali e il patrimonio storico architettonico con la viabilità storica; in questo caso non si rilevano situazioni di particolare interesse.

Dettagli

Tab.1 Punti di monitoraggio oggetto di campionamento di suolo

Tab.1 Punti di monitoraggio oggetto di campionamento di suolo ARPAT Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana Dipartimento Provinciale di Arezzo U.O. C. Prevenzione e Controlli Ambientali Integrati 52100 Arezzo - viale Maginardo, 1 tel. 0575939105

Dettagli

Documentazione richiesta per il rilascio del parere di compatibilità acustica ambientale per attività a carattere permanente

Documentazione richiesta per il rilascio del parere di compatibilità acustica ambientale per attività a carattere permanente mod. perm. 04/14 Dipartimento Tutela Ambientale - Protezione Civile U.O. Tutela dagli Inquinamenti Documentazione richiesta per il rilascio del parere di compatibilità acustica ambientale per attività

Dettagli

EROSIONE COSTIERA misure di gestione della fascia litoranea romana

EROSIONE COSTIERA misure di gestione della fascia litoranea romana Attività del centro di monitoraggio dell'osservatorio dei Litorali Laziali Ciro Riccardi Capo Settore Centro di Monitoraggio Osservatorio dei Litorali Laziali Regione Lazio Funzioni e compiti dell Osservatorio

Dettagli

RECUPERO AMBIENTALE E SALVAGUARDIA DEL LITORALE INDICE

RECUPERO AMBIENTALE E SALVAGUARDIA DEL LITORALE INDICE INDICE 1. Premesse...2 2. Manuale d uso delle opere...3 2.1. Descrizione delle opere...3 2.2. Modalità d uso delle opere progettate...4 3. Monitoraggio delle opere...5 4. Manutenzione...6 PROGETTO DEFINITIVO

Dettagli

Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA

Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA 6.0 I Sistemi Deposizionali Costieri Sergio G. Longhitano Dipartimento di

Dettagli

LIPIDUR MISCELA PER OPERE DI IMMOBILIZZAZIONE E STABILIZZAZIONE

LIPIDUR MISCELA PER OPERE DI IMMOBILIZZAZIONE E STABILIZZAZIONE LIPIDUR MISCELA PER OPERE DI IMMOBILIZZAZIONE E STABILIZZAZIONE LIPIDUR LIPIDUR è un prodotto premiscelato composto da leganti minerali cementizi e aggiunte speciali. LIPIDUR viene sempre confezionato

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER IL MONITORAGGIO E LA GESTIONE DEL TERRITORIO E DELL AMBIENTE

TECNICO SUPERIORE PER IL MONITORAGGIO E LA GESTIONE DEL TERRITORIO E DELL AMBIENTE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE AMBIENTE TECNICO SUPERIORE PER IL MONITORAGGIO E LA GESTIONE DEL TERRITORIO E DELL AMBIENTE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO

Dettagli

2.3 Risorse ittiche marine

2.3 Risorse ittiche marine 2.3 Risorse ittiche marine La politica per la pesca dell Unione Europea richiede di assicurare uno sfruttamento delle risorse acquatiche viventi realizzato in modo tale da garantire condizioni di sostenibilità

Dettagli

IL DISSESTO IDROGEOLOGICO CAUSE, EFFETTI E INTERVENTI A DIFESA DEL SUOLO

IL DISSESTO IDROGEOLOGICO CAUSE, EFFETTI E INTERVENTI A DIFESA DEL SUOLO IL DISSESTO IDROGEOLOGICO CAUSE, EFFETTI E INTERVENTI A DIFESA DEL SUOLO Marcello Benedini Giuseppe Gisotti Indice pag. 11 Introduzione Scopi e necessità della protezione idrogeologica 17 l. Parte prima.

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. VISTO la legge regionale n.1 del 5 gennaio 2001 recante Norme per la valorizzazione e lo sviluppo del litorale del Lazio ;

LA GIUNTA REGIONALE. VISTO la legge regionale n.1 del 5 gennaio 2001 recante Norme per la valorizzazione e lo sviluppo del litorale del Lazio ; OGGETTO: PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTI PER LO SVILUPPO DEL LITORALE DEL LAZIO, DI CUI ALLA LEGGE REGIONALE N.1 DEL 5 GENNAIO 2001 - AZIONE I.1.4. RAFFORZAMENTO DEGLI STRUMENTI DI VALUTAZIONE E CONTROLLO

Dettagli

Tutela dei versanti e sicurezza idrogeologica

Tutela dei versanti e sicurezza idrogeologica Tutela dei versanti e sicurezza idrogeologica 20 ottobre 2004 Tutela dei versanti e sicurezza idrogeologica Norme di Attuazione: Titolo 6 Elaborati grafici di riferimento: Tavola 2 OBIETTIVI DEL PTCP COORDINAMENTO

Dettagli

Autorità di Bacino BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO

Autorità di Bacino BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO Autorità di Bacino BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO Piano di Gestione delle Acque I Aggiornamento Rapporto tra PDGAcque e altri piani di indirizzo: PDGAlluvioni, Piano di Sviluppo Rurale, Piano di Indirizzo

Dettagli

Projet BEACHMED Phase C Attività 4: Studio delle Tecnologie d intervento ottimali

Projet BEACHMED Phase C Attività 4: Studio delle Tecnologie d intervento ottimali Attività 4: Studio delle Tecnologie di intervento Ottimali 4. ATTIVITÀ 4: STUDIO DELLE TECNOLOGIE D'INTERVENTO OTTIMALI Generalità L'attività n 4 del progetto è stata dedicata allo studio delle tecnologie

Dettagli

REGIONE ABRUZZO COMUNE DI ROCCA S. GIOVANNI

REGIONE ABRUZZO COMUNE DI ROCCA S. GIOVANNI REGIONE ABRUZZO COMUNE DI ROCCA S. GIOVANNI INTERVENTO FINALIZZATO ALLA PROTEZIONE DEL LITORALE APPARTENENTE AL COMUNE DI ROCCA SAN GIOVANNI NELLE LOCALITA' "IL CAVALLUCCIO" E "VALLE DELLE GROTTE" - Fondi

Dettagli

Rapporto finale di sintesi dei risultati delle indagini ambientali

Rapporto finale di sintesi dei risultati delle indagini ambientali HIA21 - Participative assessment of the health, environmental and socio-economic impacts resulting from urban waste treatment LIFE10 ENV/IT/000331 AZIONE D1 Rapporto finale di sintesi dei risultati delle

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007 2013

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007 2013 PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007 2013 (OMISSIS) 4.3.4. Bonifica dei Siti Inquinati 4.3.4.1. Obiettivo Specifico e Obiettivi Operativi Restituire all uso collettivo le aree compromesse da

Dettagli

CARATTERIZZAZIONE DELL AMBIENTE MARINO CIRCOSTANTE LA PIATTAFORMA RSM-B

CARATTERIZZAZIONE DELL AMBIENTE MARINO CIRCOSTANTE LA PIATTAFORMA RSM-B VARIAZIONE PROGRAMMA LAVORI NELL AMBITO DELLA CONCESSIONE DI COLTIVAZIONE B.C8.LF : PERFORAZIONE DI NUOVI POZZI DI COLTIVAZIONE E ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI ESISTENTI PER L OTTIMIZZAZIONE DEL RECUPERO

Dettagli

Gemellaggi per l Internalizzazione Regionale di Esperienze di successo (A.G.I.R.E. POR) A.G.I.R.E. POR - Bari 17.03. 2008 1

Gemellaggi per l Internalizzazione Regionale di Esperienze di successo (A.G.I.R.E. POR) A.G.I.R.E. POR - Bari 17.03. 2008 1 Gemellaggi per l Internalizzazione Regionale di Esperienze di successo (A.G.I.R.E. POR) A.G.I.R.E. POR - Bari 17.03. 2008 1 Fase 2.1.1 Trasferimento delle esperienze maturate dalla Regione Marche in materia

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE E TECNOLOGIE PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO Classe LM-75 (DM 270 del 22/10/2004 e DM 50 del 23/12/2010)

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE E TECNOLOGIE PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO Classe LM-75 (DM 270 del 22/10/2004 e DM 50 del 23/12/2010) CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE E TECNOLOGIE PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO Classe LM-75 (DM 270 del 22/10/2004 e DM 50 del 23/12/2010) Il Corso di laurea magistrale in Scienze e Tecnologie per l

Dettagli

Scheda per la valutazione qualitativa dei possibili effetti locali nei siti di ubicazione di edifici strategici e monumentali

Scheda per la valutazione qualitativa dei possibili effetti locali nei siti di ubicazione di edifici strategici e monumentali INGV - Gruppo Nazionale per la Difesa dai Terremoti Dipartimento di Ingegneria Strutturale Politecnico di Milano Scheda per la valutazione qualitativa dei possibili effetti locali nei siti di ubicazione

Dettagli

L EVOLUZIONE DELLE BARENE LAGUNARI

L EVOLUZIONE DELLE BARENE LAGUNARI L EVOLUZIONE DELLE BARENE LAGUNARI risultati del: PROGETTO DI RICERCA E STUDIO SEDIMENTOLOGICO - GEOCHIMICO DELLE AREE BARENICOLE DELLA LAGUNA DI MARANO E GRADO Collaborazione tra ARPA FVG e Università

Dettagli

Gestione integrata e partecipata delle risorse idriche

Gestione integrata e partecipata delle risorse idriche Gestione integrata e partecipata delle risorse idriche Quadro legislativo Direttiva 2000/60/CE D.Lgs 152/2006, riportante Norme in materia ambientale Piano di Gestione del distretto idrografico del Fiume

Dettagli

Interventi di messa in sicurezza. 21 dicembre 2009

Interventi di messa in sicurezza. 21 dicembre 2009 Interventi di messa in sicurezza 21 dicembre 2009 La Caratterizzazione di Pian Masino Le risultanze pongono in evidenza: Acque di falda altamente compromesse Criticità elevata per presenza di Cr VI a Pian

Dettagli

ACEA Distribuzione Direzione Operazioni Rete AT

ACEA Distribuzione Direzione Operazioni Rete AT Capitolato Tecnico per le prestazioni professionali relative alla redazione di documentazione inerente la gestione delle terre e rocce da scavo DATA rev. 00 ottobre 2012 Elaborato N. 7-3-329 REDATTO VERIFICATO

Dettagli

La gestione dei materiali di risulta nei cantieri Evoluzione normativa e casi di studio

La gestione dei materiali di risulta nei cantieri Evoluzione normativa e casi di studio La gestione dei materiali di risulta nei cantieri Evoluzione normativa e casi di studio IL SITO CONTAMINATO DELLA NUOVA STAZIONE AV DI BOLOGNA Gestione dell iter amministrativo e delle interferenze con

Dettagli

Il Piano Regionale per le Coste della Puglia nella Gestione Integrata

Il Piano Regionale per le Coste della Puglia nella Gestione Integrata Il Piano Regionale per le Coste della Puglia nella Gestione Integrata della Zona Costiera L approccio della Pianificazione Marittima Regione Puglia Ufficio Parte 1. Gestione integrata del rischio erosione

Dettagli

Università di Cagliari Dipartimento di Ingegneria del Territorio Corso di Regime e Protezione dei Litorali. Corso di REGIME E PROTEZIONE DEI LITORALI

Università di Cagliari Dipartimento di Ingegneria del Territorio Corso di Regime e Protezione dei Litorali. Corso di REGIME E PROTEZIONE DEI LITORALI Corso di REGIME E PROTEZIONE DEI LITORALI (A. A. 009 010) ESERCITAZIONE N Trasferimento delle onde estreme alla costa Nella costa sud-orientale della Sardegna si deve realizzare un opera di difesa mediante

Dettagli

PROGETTO DI MASSIMA DELLE OPERE MOBILI ALLE BOCCHE DI PORTO PER LA REGOLAZIONE DEI FLUSSI DI MAREA IN LAGUNA. STUDIO D IMPATTO AMBIENTALE *

PROGETTO DI MASSIMA DELLE OPERE MOBILI ALLE BOCCHE DI PORTO PER LA REGOLAZIONE DEI FLUSSI DI MAREA IN LAGUNA. STUDIO D IMPATTO AMBIENTALE * PROGETTO DI MASSIMA DELLE OPERE MOBILI ALLE BOCCHE DI PORTO PER LA REGOLAZIONE DEI FLUSSI DI MAREA IN LAGUNA. STUDIO D IMPATTO AMBIENTALE * PREMESSA Il progetto di massima delle opere alle bocche di porto

Dettagli

Progetto Sito di Ferrara Nuova Torcia MTD (Migliore Tecnologia Disponibile) per Basell Poliolefine Italia S.r.l.

Progetto Sito di Ferrara Nuova Torcia MTD (Migliore Tecnologia Disponibile) per Basell Poliolefine Italia S.r.l. Progetto Sito di Ferrara Nuova Torcia MTD (Migliore Tecnologia Disponibile) per Basell Poliolefine Italia S.r.l. Comunicazione al pubblico ai sensi del PMA approvato con prescrizioni da ISPRA (Istituto

Dettagli

CONCORSO INTERNAZIONALE DI IDEE SUL TEMA: DIFESA,RIQUALIFICAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLA COSTA DEL COMUNE DI SALERNO

CONCORSO INTERNAZIONALE DI IDEE SUL TEMA: DIFESA,RIQUALIFICAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLA COSTA DEL COMUNE DI SALERNO CONCORSO INTERNAZIONALE DI IDEE SUL TEMA: DIFESA,RIQUALIFICAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLA COSTA DEL COMUNE DI SALERNO Indirizzi progettuali di concorso Maggio 2007 INDICE 1- Premessa 2- Oggetto del concorso

Dettagli

S.G.M. geologia e ambiente. ingegneria ambientale

S.G.M. geologia e ambiente. ingegneria ambientale S.G.M. geologia e ambiente ingegneria ambientale S.G.M. Geologia e Ambiente INGEGNERIA AMBIENTALE GESTIONE DEI RIFIUTI S.G.M. Geologia e Ambiente offre un ampia gamma di servizi specifici per le problematiche

Dettagli

GLI INQUINANTI DI ORIGINE TERRESTRE NELL ADRIATICO (Marine pollution from land based source in the Adriatic)

GLI INQUINANTI DI ORIGINE TERRESTRE NELL ADRIATICO (Marine pollution from land based source in the Adriatic) GLI INQUINANTI DI ORIGINE TERRESTRE NELL ADRIATICO (Marine pollution from land based source in the Adriatic) Ferdinando De Rosa Direttore Tecnico Scientifico ARPAM Hotel Sporting, Torrette di Ancona, 4

Dettagli

Si elencano di seguito :

Si elencano di seguito : Si elencano di seguito : a) i principali servizi di progettazione per la categoria effettuati negli ultimi 5 anni con l importo delle opere a cui i servizi si riferiscono b)i principali studi effettuati

Dettagli

ALLEGATI AL DLGS 152/99

ALLEGATI AL DLGS 152/99 ALLEGATI AL DLGS 152/99 Così come modificati dal Dlgs del 18 agosto 2000 n. 258, secondo quanto indicato all articolo 25 Indice: ALLEGATO 1: MONITORAGGIO E CLASSIFICAZIONE DELLE ACQUE IN FUNZIONE DEGLI

Dettagli

STRUTTURA DEL PIANO DI MONITORAGGIO DEI LAVORI PREVISTI DAL PROGRAMMA DI INTERVENTI PRIORITARI DI RECUPERO E RIEQUILIBRIO DEL LITORALE - D.C.

STRUTTURA DEL PIANO DI MONITORAGGIO DEI LAVORI PREVISTI DAL PROGRAMMA DI INTERVENTI PRIORITARI DI RECUPERO E RIEQUILIBRIO DEL LITORALE - D.C. STRUTTURA DEL PIANO DI MONITORAGGIO DEI LAVORI PREVISTI DAL PROGRAMMA DI INTERVENTI PRIORITARI DI RECUPERO E RIEQUILIBRIO DEL LITORALE - D.C.R. 47/2003 - PROGETTO N 20 FOCE DEL FIUME OMBRONE PER CONTRASTARE

Dettagli

Progetto di Piano Stralcio per la Difesa delle Coste. Relazione Generale

Progetto di Piano Stralcio per la Difesa delle Coste. Relazione Generale Progetto di Piano Stralcio per la Difesa delle Coste Relazione Generale 2 1 INTRODUZIONE.....3 2 IL PIANO STRALCIO DIFESA DELLE COSTE... 5 2.2 Obiettivi dello studio... 7 2.3 Piano di lavoro... 7 2.3.1

Dettagli

PREMESSA 2 DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 2 VERIFICA DEL SODDISFACIMENTO DEGLI OBIETTIVI PREPOSTI NELLA VAS 3. Clima e atmosfera 4

PREMESSA 2 DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 2 VERIFICA DEL SODDISFACIMENTO DEGLI OBIETTIVI PREPOSTI NELLA VAS 3. Clima e atmosfera 4 PREMESSA 2 DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 2 VERIFICA DEL SODDISFACIMENTO DEGLI OBIETTIVI PREPOSTI NELLA VAS 3 Clima e atmosfera 4 Biodiversità e paesaggio 4 Qualità del sistema insediativo 4 Uso delle risorse

Dettagli

AL PERSONALE DOCENTE e NON DEOCENTE. CIRCOLARE n 157

AL PERSONALE DOCENTE e NON DEOCENTE. CIRCOLARE n 157 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Liceo Scientifico, Liceo Classico, Liceo delle Scienze Umane, Liceo Linguistico Tito Lucrezio Caro 35013 CITTADELLA (PD) - Via Alfieri, 58 tel. 049 5971313 - fax 049 5970692

Dettagli

Misure di Conservazione sito specifiche per i SIC marini liguri

Misure di Conservazione sito specifiche per i SIC marini liguri Conservazione sito specifiche per i SIC marini liguri (revisione post osservazioni degli enti gestori) ottobre 2014 2 Sommario 1 Habitat e specie presenti nei SIC marini liguri 2. Pressioni su e specie

Dettagli

ATTIVITÀ CONDOTTE DA ARPA

ATTIVITÀ CONDOTTE DA ARPA ATTIVITÀ DI MONITORAGGIO AMBIENTALE 8 giugno 2010 Sezione Provinciale di Ferrara Via Bologna, 534 44124 Ferrara ATTIVITÀ CONDOTTE DA ARPA Ricerca di microinquinanti in suoli superficiali della provincia

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA GESTIONE DI TERRE E ROCCE DA SCAVO. Normativa di riferimento: La gestione delle terre e rocce da scavo può avvenire:

ISTRUZIONI PER LA GESTIONE DI TERRE E ROCCE DA SCAVO. Normativa di riferimento: La gestione delle terre e rocce da scavo può avvenire: ISTRUZIONI PER LA GESTIONE DI TERRE E ROCCE DA SCAVO Normativa di riferimento: art. 186 del D.Lgs. 152/06 D.G.R.V. N. 2424 del 08/08/2008 art. 20, comma 10-sexies del D.L. 29/11/2008 n. 185 La gestione

Dettagli

CRITERI GENERALI DA OSSERVARSI NELLA PROGETTAZIONE DEGLI INTERVENTI STAGIONALI DI RIPASCIMENTO DEGLI ARENILI

CRITERI GENERALI DA OSSERVARSI NELLA PROGETTAZIONE DEGLI INTERVENTI STAGIONALI DI RIPASCIMENTO DEGLI ARENILI CRITERI GENERALI DA OSSERVARSI NELLA PROGETTAZIONE DEGLI INTERVENTI STAGIONALI DI RIPASCIMENTO DEGLI ARENILI (testo coordinato di cui alla DGR 1209 del 20/12/2016 ed alla DGR 95 del 08/02/2017) Sommario

Dettagli

ACQUE DI BALNEAZIONE

ACQUE DI BALNEAZIONE ACQUE DI BALNEAZIONE SCHEDA INFORMATIVA PUNTO DI CAMPIONAMENTO N. 82 1.1 Dati identificativi 1 Denominazione acqua di balneazione* BARRICATA SUD 2 Id acqua di balneazione* IT005029039006 3 Id gruppo* 4

Dettagli

Geologia Fisica (12 CFU, 42 ore di lezioni frontali + 72 ore di laboratorio)

Geologia Fisica (12 CFU, 42 ore di lezioni frontali + 72 ore di laboratorio) Università degli Studi di Catania Dipartimento di Scienze Biologiche, Geologiche e Ambientali (SBGA) Corso di Laurea in Scienze Geologiche Anno Accademico 2015/16 Geologia Fisica (12 CFU, 42 ore di lezioni

Dettagli

Bio i d o i d v i er e s r i s t i à à in i n r e r t e e.

Bio i d o i d v i er e s r i s t i à à in i n r e r t e e. Biodiversità in rete. Studio di fattibilità della Rete Ecologica locale tra Adda e Lambro passando per il Monte Barro. Con il contributo di Il progetto nel suo contesto. Il presente progetto è stato presentato

Dettagli

Rocca B (Ind/U) Traffico Urbano (Zalamella) Fondo Urbano Res. (Caorle) Fondo Sub Urbano (Delta Cervia)

Rocca B (Ind/U) Traffico Urbano (Zalamella) Fondo Urbano Res. (Caorle) Fondo Sub Urbano (Delta Cervia) 2. LA RETE DI MONITORAGGIO DELLA QUALITÀ DELL ARIA 2.1 - Configurazione attuale della Rete La Regione Emilia Romagna ha iniziato nel 2005 una prima modifica della struttura della Rete Regionale di monitoraggio

Dettagli

Corso di laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio

Corso di laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Corso di laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Idraulica Marittima VALUTAZIONE DELLA PROPAGAZIONE DEL MOTO ONDOSO DEL LITORALE DELLA FOCE DEL FIUME LATO CALCOLO DEL FETCH EFFICACE

Dettagli

SCHEDA n.18 porto di Civitanova Marche

SCHEDA n.18 porto di Civitanova Marche SCHEDA n.18 porto di Civitanova Marche Tratto: 18 Comuni interessati: Civitanova Marche (0,52 ) Lunghezza del tratto di costa: 0, 5 2 k m Bacini principali di apporto solido alla spiaggia: in questo tratto

Dettagli

Rapporto sui risultati relativi alla ricerca di fitofarmaci nelle acque Anno 2007

Rapporto sui risultati relativi alla ricerca di fitofarmaci nelle acque Anno 2007 Rapporto sui risultati relativi alla ricerca di fitofarmaci nelle acque Anno 2007 a cura di Alessandro Franchi, ARPA - Toscana 1 Introduzione Fin dal 1997 il Gruppo di lavoro APAT-ARPA-APAT Fitofarmaci,

Dettagli

Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per scuola sec di 1 grado e biennio di scuola sec. di 2 grado

Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per scuola sec di 1 grado e biennio di scuola sec. di 2 grado Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per scuola sec di 1 grado e biennio di scuola sec. di 2 grado ECOLOGIA A MIRABILANDIA Gli organismi delle comunità di un ambiente naturale non vivono isolati. Ciascuno

Dettagli

Art. 1 (Istituzione del Parco Marino Regionale Riviera dei Cedri )

Art. 1 (Istituzione del Parco Marino Regionale Riviera dei Cedri ) Legge regionale 21 aprile 2008, n. 9 Istituzione del Parco Marino Regionale Riviera dei Cedri. (BUR n. 8 del 16 aprile 2008, supplemento straordinario n. 2 del 29 aprile 2008) Art. 1 (Istituzione del Parco

Dettagli

4.3 Acque marino-costiere

4.3 Acque marino-costiere 4.3 Acque marino-costiere La Provincia di Viterbo ha un estensione di costa di circa 55 Km di cui circa il 75% con vocazione balneare mentre la restante è destinata ad usi differenti (militari, industriali,

Dettagli

DISCIPLINARE ISPRA PER LA DEFINIZIONE DELLE INFORMAZIONI DEGLI STANDARD E DELLE MODALITÀ DI TRASMISSIONE DI CUI ALL ART. 13 DEL DM161/2012.

DISCIPLINARE ISPRA PER LA DEFINIZIONE DELLE INFORMAZIONI DEGLI STANDARD E DELLE MODALITÀ DI TRASMISSIONE DI CUI ALL ART. 13 DEL DM161/2012. DISCIPLINARE ISPRA PER LA DEFINIZIONE DELLE INFORMAZIONI DEGLI STANDARD E DELLE MODALITÀ DI TRASMISSIONE DI CUI ALL ART. 13 DEL DM161/2012. 1. Premessa L art. 13 del DM 161/2012 prevede che al fine di

Dettagli

GREEN SHIPPING SUMMIT 2015

GREEN SHIPPING SUMMIT 2015 GREEN SHIPPING SUMMIT 2015 Ing. Francesco Messineo Presidente Autorità Portuale di Marina di Carrara Il dragaggio del porto di Rotterdam Dragaggio annuale 4 7 milioni di m3 solo per la manutenzione dei

Dettagli

Linee guida di progettazione geologica: un esempio in rapporto alla idrogeologia di bassa pianura IL PROGETTO IDRO DELLA PROVINCIA DI VENEZIA

Linee guida di progettazione geologica: un esempio in rapporto alla idrogeologia di bassa pianura IL PROGETTO IDRO DELLA PROVINCIA DI VENEZIA ORDINE DEI GEOLOGI DEL VENETO Venezi a Mestre, 01 febbraio 2014 Linee guida di progettazione geologica: un esempio in rapporto alla idrogeologia di bassa pianura IL PROGETTO IDRO DELLA Valentina Bassan

Dettagli

Sintesi dei dati relativi al tenore di zolfo di alcuni combustibili liquidi prodotti, importati ed utilizzati in Italia

Sintesi dei dati relativi al tenore di zolfo di alcuni combustibili liquidi prodotti, importati ed utilizzati in Italia Sintesi dei dati relativi al tenore di zolfo di alcuni combustibili liquidi prodotti, importati ed utilizzati in Italia (articolo 7 della direttiva 99/32/CE, come modificata dalla direttiva 2005/33/CE)

Dettagli

ESTRATTO DAL PIANO DI GESTIONE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DEL FIUME PO ELABORATO 7, ALLEGATO 7.2 RICOGNIZIONE DELLE MISURE IN REGIONE PIEMONTE

ESTRATTO DAL PIANO DI GESTIONE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DEL FIUME PO ELABORATO 7, ALLEGATO 7.2 RICOGNIZIONE DELLE MISURE IN REGIONE PIEMONTE ESTRATTO DAL PIANO DI GESTIONE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DEL FIUME PO ELABORATO 7, ALLEGATO 7.2 RICOGNIZIONE DELLE MISURE 5 DETTAGLI E MISURE Direttiva 79/409/CEE sugli uccelli selvatici e successivi atti

Dettagli

CURRICULUM VITAE. dati anagrafici: studi: dati professionali: percorso professionale: - presso il Ministero dell ambiente:

CURRICULUM VITAE. dati anagrafici: studi: dati professionali: percorso professionale: - presso il Ministero dell ambiente: CURRICULUM VITAE dati anagrafici: Giuseppe DAIDONE nato a NOTO (SR) il 28 ottobre 1962 residente a AUGUSTA, in via Siracusa, 14 mail: g.daidone@plemmirio.it cell.: 3357702907 studi: - ha conseguito la

Dettagli