Dichiarazione ambientale Anno 2008

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dichiarazione ambientale Anno 2008"

Transcript

1 Dichiarazione ambientale Anno 2008 INFORMAZIONE CONVALIDATA Registrazione numero IT Unità di Business della Spezia centrale termoelettrica Eugenio Montale

2 Dichiarazione ambientale Anno 2008 Unità di Business della Spezia centrale termoelettrica Eugenio Montale Dati aggiornati al 31/12/2008

3 Premesse ORGANIZZAZIONE E SITO REGISTRATO Sulla base di questa Dichiarazione ambientale, l organizzazione registrata a EMAS in conformità al Regolamento CE n. 761/2001 del 19 marzo 2001 è L Unità di Business La Spezia, Via Valdilocchi n La Spezia. L Unità appartiene alla Divisione Generazione ed Energy Management di Enel SpA. Il Comitato ECOLABEL - ECOAUDIT - Sezione EMAS ITALIA ha deliberato in data 13/10/2005 l iscrizione al registro EMAS dell organizzazione e del predetto impianto con numero IT e con il codice della catalogazione statistica delle attività economiche nelle Comunità Europee, NACE Produzione e distribuzione di energia elettrica. CONVALIDA DELLA DICHIARAZIONE E CERTIFICAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE L istituto CERTIQUALITY S.r.l. Via Gaetano Giardino, Milano Tel Fax quale Verificatore ambientale accreditato dal Comitato ECOLABEL - ECOAUDIT - Sezione EMAS ITALIA, con n. IT-V-0001 ha convalidato questa Dichiarazione in data 28/05/2009. Lo stesso istituto ha rilasciato nella stessa data il certificato n riportato a pagina 38, che attesta la conformità alla norma UNI EN ISO 14001:2004 del Sistema di Gestione Ambientale adottato dall organizzazione. Il certificato è in corso di rinnovo.

4 Informazioni generali La Dichiarazione ambientale ha lo scopo di fornire al pubblico e ad altri soggetti interessati informazioni convalidate sugli impianti e sulle prestazioni ambientali dell organizzazione, nonché sul continuo miglioramento della prestazioni stesse. Essa è altresì un mezzo che consente di rispondere a questioni che riguardano gli impatti ambientali significativi che possono preoccupare i soggetti interessati. Per rispondere, in maniera chiara e concisa, a dette finalità questa Dichiarazione è stata articolata in tre parti. La prima è dedicata a comunicare in modo essenziale le informazioni che riguardano la Società, la Politica ambientale, il processo produttivo, il Sistema di Gestione Ambientale. La seconda parte illustra gli aspetti ambientali, gli obiettivi di miglioramento, il Programma ambientale e riporta il Compendio dei dati di esercizio, ovvero le informazioni che necessitano di aggiornamento e convalida annuale, come di seguito spiegato. La terza parte, costituita da schede di approfondimento, permette di esaminare gli aspetti particolari che possono interessare il lettore. La Direzione dell Unità di Business di La Spezia per conservare l iscrizione a EMAS degli impianti oggetto di questa Dichiarazione, dovrà presentare al Comitato ECOLABEL - ECOAUDIT - Sezione EMAS ITALIA una nuova Dichiarazione ambientale convalidata entro tre anni dalla data di registrazione di questa Dichiarazione; inoltre, dovrà preparare annualmente un documento che aggiorni le parti variabili di questa Dichiarazione. L aggiornamento dovrà essere convalidato dal Verificatore accreditato, quindi dovrà essere trasmesso al Comitato suddetto e dovrà essere messo a disposizione del pubblico (secondo l art. 3 comma 3 b, del Regolamento CE n. 761/2001). La Direzione dell Unità Business di La Spezia s impegna a diffondere i suddetti aggiornamenti nel caso in cui sopravvengano fatti nuovi importanti che possano interessare il pubblico; in ogni caso, i previsti aggiornamenti annuali, come pure qualsiasi altra informazione di carattere ambientale relative alle attività di Enel nella centrale Eugenio Montale possono essere richieste per posta al seguente indirizzo: Enel centrale termoelettrica Eugenio Montale Via Valdilocchi, 32, La Spezia oppure direttamente ai seguenti referenti: Valter Moro tel mailto: Fabio Marcenaro tel mailto: Marco Muzzi tel mailto: Commenti e suggerimenti che riguardano questa Dichiarazione possono essere inviati ai predetti indirizzi.

5 Presentazione Questo secondo rinnovo della Dichiarazione ambientale dell Unità di Business di La Spezia contiene la sintesi dell intenso impegno profuso in tema ambientale durante il triennio precedente e gli obiettivi che si intende raggiungere per operare nell ottica di un miglioramento continuo delle prestazioni ambientali. La Dichiarazione ambientale testimonia i risultati raggiunti e va considerata come un ulteriore traguardo a conferma della strategia di gestione dell UB di La Spezia, imperniata nell adozione delle migliori tecnologie e nel coinvolgimento e valorizzazione del potenziale umano dei dipendenti, per il miglioramento delle prestazioni ambientali. La diffusione e la divulgazione all esterno della Dichiarazione ambientale è un efficace strumento di comunicazione e vuole essere un espressione di volontà di trasparenza nei confronti della collettività, con l intento di migliorare il colloquio aperto con le Istituzioni e tutti i cittadini, rinnovando l impegno nella ricerca dello sviluppo sostenibile della realtà locale. La Spezia, aprile 2009 Ing. Andrea Campi Responsabile Unità di Business La Spezia

6 Indice 8 Enel SpA 9 La Politica ambientale 10 Sostenibilità e governance dell ambiente 13 La Divisione Generazione ed Energy Management (GEM) 16 L organizzazione ambientale complessiva 18 La struttura dell Unità di Business della Spezia 20 Il sito produttivo e l ambiente circostante 25 L attività produttiva 26 Profilo storico della produzione e dell evoluzione progettuale 28 Descrizione del processo produttivo 33 La Gestione ambientale nel sito produttivo della Spezia 33 Attuazione della Politica ambientale 35 Le attività per la partecipazione a EMAS 37 Il Sistema di Gestione Ambientale 43 Gli aspetti ambientali 46 Compendio dati e indicatori di prestazione ambientali 48 Gli aspetti ambientali diretti 94 Gli aspetti ambientali indiretti 97 Salute e sicurezza 100 Obiettivi e Programma ambientale 110 Schede di approfondimento Gli strumenti per la governance dell ambiente Principali Norme di Legge applicabili Identificazione e valutazione degli aspetti ambientali Definizione e verifica del campo acustico dell impianto 125 Glossario

7 Enel SpA Enel ha la missione di essere il più efficiente produttore e distributore di elettricità e gas, orientato al mercato e alla qualità del servizio, con l obiettivo di creare valore per gli azionisti, di soddisfare i clienti e di valorizzare tutte le persone che vi lavorano. L attuale struttura organizzativa di Enel SpA prevede sette aree di attività, come illustrato nella sottostante figura 1. Alla Corporate resta attribuito, mediante le proprie funzioni centrali di staff, il ruolo di indirizzo, controllo e coordinamento, con l obiettivo di valorizzare le sinergie del Gruppo e di ottimizzare la gestione dei servizi a supporto del core business. Figura 1 Struttura organizzativa di Enel SpA Consiglio di Amministrazione Presidente P. Gnudi Amministratore Delegato F. Conti Funzioni Corporate Generazione ed Energy Management (GEM) G. Mancini Mercato G. Mancini Ingegneria e Innovazione L. Vido Infrastrutture e Reti L. Gallo Internazionale C. Tamburi Iberia e America Latina A. Brentan Energie Rinnovabili F. Starace Generazione ed Energy Management: ha la missione di produrre e offrire al mercato energia al minimo costo possibile e nel rispetto degli standard ambientali e di sicurezza stabiliti dalle leggi, integrando nel processo decisionale tutti gli elementi della catena del valore, dal reperimento delle fonti energetiche al commercio di energia e combustibili. Sono, inoltre, attribuite a questa Divisione le attività di vendita di energia elettrica e gas a grossisti, rivenditori e clienti energivori. 8 Enel Dichiarazione ambientale 2008 UB La Spezia

8 Mercato: ha la missione di assicurare il presidio completo del mercato dell energia elettrica e del gas, sviluppando un offerta integrata di prodotti/servizi e gestendo un mix articolato di canali distributivi. Ingegneria e Innovazione: ha la missione di gestire per il Gruppo i processi di ingegneria relativi allo sviluppo e alla realizzazione di impianti di Generazione assicurando il conseguimento degli obiettivi qualitativi, temporali ed economici assegnati; coordinare e integrare le attività di ricerca del Gruppo assicurando lo scouting, lo sviluppo e la valorizzazione di opportunità di innovazione in tutte le aree di business del Gruppo con particolare riguardo allo sviluppo di iniziative a forte valenza ambientale. Infrastrutture e Reti: ha la missione di garantire la distribuzione e trasmissione di energia elettrica e gas, valorizzando le conoscenze e le competenze nell ottica di sfruttare le sinergie di costi e investimenti derivanti da una gestione integrata. Internazionale: ha lo scopo di sviluppare la presenza e le attività di Enel all estero nei mercati dell energia elettrica e del gas e di elaborare la strategia di sviluppo e di bilanciamento delle capacità produttive nei mercati esteri. Iberia e America latina: ha lo scopo di sviluppare la presenza e coordinare le attività di Enel nei mercati dell energia elettrica e del gas di Spagna, Portogallo e America Latina; garantire il presidio e l ottimizzazione delle attività operative nelle regioni di competenza; elaborare la strategia di sviluppo nei mercati regionali di interesse. Energie Rinnovabili: ha la missione di sviluppare e gestire le attività di generazione dell energia da fonti rinnovabili del Gruppo. La Divisione opera con piena responsabilità sulle performance tecniche e sui risultati economicofinanziari delle società operative di competenza, garantendone l integrazione nel Gruppo in coerenza con le strategie e i codici di comportamento Enel. La Politica ambientale L attenzione di Enel verso l ambiente e il territorio è ormai una realtà consolidata. Il contenimento delle emissioni, l uso razionale delle risorse, la gestione degli impianti e il loro inserimento nel territorio rappresentano oggi una priorità aziendale. La protezione dell ambiente è, così, diventata strategica per il valore che aggiunge alle scelte industriali di Enel e per l alta valenza sociale che essa riveste. Gli apprezzabili risultati raggiunti nel corso degli anni hanno indotto Enel a confermare la propria Politica ambientale e i principi che la ispirano e a riproporre, con rinnovato impegno, il conseguimento dei relativi obiettivi. Enel Dichiarazione ambientale 2008 UB La Spezia 9

9 Principi Tutelare l ambiente, la sicurezza e la salute dei lavoratori. Proteggere il valore dell Azienda. Migliorare gli standard ambientali e di qualità del prodotto. Obiettivi strategici Utilizzazione di processi e tecnologie che prevengono e/o riducono le interazioni con l ambiente-territorio. Impiego razionale ed efficiente delle risorse energetiche e delle materie prime. Ottimizzazione del recupero dei rifiuti. Applicazione di Sistemi internazionali per la Gestione Ambientale e della sicurezza nelle diverse attività. Ottimizzazione dell inserimento degli impianti nel territorio. Applicazione delle migliori tecniche di esercizio. Comunicazione ai cittadini e alle Istituzioni sulla Gestione ambientale dell Azienda. Formazione e sensibilizzazione dei dipendenti sulle tematiche ambientali. Sostenibilità e governance dell ambiente I grandi investitori internazionali, proprio come i piccoli risparmiatori, chiedono alle aziende dividendi e la minimizzazione dei rischi. Per entrambe le tipologie la Responsabilità sociale d impresa è un elemento importante nella scelta d investimento. Attualmente i fondi etici, quelli specializzati in investimenti socialmente responsabili, detengono una quota rilevante di azioni Enel, perché premiante. Attuare, documentare e comunicare comportamenti socialmente responsabili è fondamentale nella strategia di Enel. La Responsabilità sociale d impresa, traduzione del concetto anglosassone di Corporate Social Responsibility, che si abbrevia con la sigla CSR, rappresenta la capacità di governare la complessa integrazione tra gli interessi economici dell impresa e tra i diritti delle parti sociali interessate, attraverso l impegno a difendere l ambiente, l ecologia, i valori morali. La CSR si compone della: responsabilità economica (tutte le attività che hanno origine o relazione economico-finanziaria); responsabilità ambientale (il grado di capacità dell azienda di governare le variabili e l impatto ambientale della sua attività); responsabilità sociale (le azioni dell impresa verso le persone e le comunità, i gruppi d interesse e di rappresentanza, le persone che vi lavorano). L insieme di queste tre componenti e la capacità dell impresa di tenerle fra loro in un equilibrio efficiente e virtuoso genera il concetto di sostenibilità. 10 Enel Dichiarazione ambientale 2008 UB La Spezia

10 Enel opera nel convincimento che la creazione di valore per gli azionisti, obiettivo di fondo di ogni seria attività d impresa, non sia assolutamente in contrasto con il perseguimento di obiettivi di tipo ambientale e sociale. Anzi, si è certi che la competitività e il successo del marchio siano imprescindibilmente connessi alla capacità di rendere le attività pienamente sostenibili. Oggi, in Enel, la governance ambientale è attuata mediante il reporting, i Sistemi di Gestione Ambientale, la formazione e l informazione. Grazie a questi strumenti la governance stessa viene anche trasferita alle unità territoriali per garantire azioni e comportamenti omogenei. Le registrazioni EMAS degli impianti di produzione e la certificazione UNI EN ISO dei Sistemi di Gestione Ambientale delle Unità di Business territoriali rappresentano in Enel degli elementi che sostengono la governance ambientale. Per informazioni di maggiore dettaglio si rimanda al Rapporto ambientale disponibile sul sito I Sistemi di Gestione Ambientale in ambito Generazione ed Energy Management Per affrontare in modo ordinato ed efficace le questioni ambientali nel rispetto delle disposizioni legislative e regolamentari, la Divisione GEM procede all introduzione di Sistemi di Gestione Ambientale (SGA) nei propri siti e nelle proprie attività. L obiettivo della Divisione è quello di far operare tutti gli impianti di produzione che al 2008 potranno essere ancora chiamati in esercizio, in base a un Sistema di Gestione Ambientale certificato secondo la norma ISO 14001:2004 che sia adeguato all entità degli impatti provocati dai diversi processi di produzione e funzionale al raggiungimento degli obiettivi stabiliti dalle direttive aziendali. A tale scopo si opera per: sensibilizzare e formare adeguatamente il personale coinvolto nella Gestione ambientale ai diversi livelli. sviluppare un processo di audit ambientale interno che costituisca uno strumento capace di assicurare costantemente la rispondenza della Gestione ambientale alla Politica e agli obiettivi ambientali stabiliti, nonché la conformità alla legislazione ambientale applicabile. Le Unità di Business attualmente certificate secondo la norma internazionale ISO 14001:2004 gestiscono l 89% dell attuale potenza elettrica installata di GEM. Nel 2007 la potenza certificata ammontava all 80%. Le registrazioni EMAS coprono il 51% della potenza elettrica installata GEM. La registrazione EMAS delle organizzazioni produttive La partecipazione al sistema Comunitario di Ecogestione e Audit noto come EMAS (Eco Manangement e Audit Scheme) in accordo con le disposizioni del Enel Dichiarazione ambientale 2008 UB La Spezia 11

11 nuovo regolamento CE n. 761 del 19 marzo 2001 costituisce un ulteriore stimolo per il miglioramento continuo e un valido strumento per intrattenere un dialogo aperto con i cittadini e le Istituzioni sulle questioni ambientali dei siti produttivi. Per le Unità di Business che hanno certificato il proprio Sistema di Gestione secondo la norma ISO 14001:2004 si intende procedere progressivamente alla richiesta di registrazione a EMAS. Le centrali termoelettriche di GEM che a oggi hanno ottenuto la registrazioni EMAS sono: Fusina (VE) e Porto Marghera (VE), La Casella (PC), Leri Cavour (VC), Montalto di Castro (VT), Sulcis (CA), Torrevaldaliga Nord (RM), La Spezia, Genova, Priolo Gargallo (SR), Porto Corsini (RA), Bastardo (PG). La formazione e l'informazione I programmi di formazione e di informazione ambientale costituiscono, ormai, elementi qualificanti del piano annuale formativo destinato ad accrescere le competenze e le professionalità delle risorse umane di Enel. In particolare, per quanti più direttamente coinvolti nelle attività di carattere ambientale, nel 2007 sono stati attivati e sviluppati moduli formativi per un ammontare complessivo, in Italia, di circa ore. Anche per il 2008 Enel ha puntato sull informazione per divulgare le proprie iniziative all interno e all esterno dell Azienda. Le attività di informazione hanno raggiunto risultati molto soddisfacenti grazie anche a quasi quattro anni di funzionamento del Canale Ambiente ( e del Canale Natura ( che rappresentano due sezioni tematiche orientate a far conoscere le relazioni fra il mondo industriale, l ambiente e gli aspetti naturalistici legati al territorio. Dopo quasi quattro anni il Canale Ambiente è stato completamente ristrutturato. Dedicato alla Politica ambientale ed energetica dell Azienda, attualizzato nei contenuti e nella veste grafica e semplificato nella logica di navigazione, il nuovo canale si propone come fonte di informazione sulla Politica e le attività energetiche di Enel, oltre a costituire una fonte di documentazione e dibattito sul settore energetico a livello nazionale, comunitario e internazionale. Il Rapporto ambientale Dal 1996, per comunicare a una vasta platea di interlocutori e di parti interessate la propria Politica ambientale, le proprie iniziative e i risultati ambientali, Enel pubblica annualmente un Rapporto ambientale. I dati contenuti nel Rapporto sono sottoposti a verifica indipendente da parte di una società terza. I tempi necessari per consolidare i dati di consuntivo e per la verifica consentono la pubblicazione del Rapporto solo all inizio del periodo estivo. Il Rapporto ambientale annuale rappresenta non solo lo strumento per misurare i risultati raggiunti e tracciare un bilancio delle attività e dei miglioramenti 12 Enel Dichiarazione ambientale 2008 UB La Spezia

12 conseguiti nel corso degli anni, ma anche un documento per presentare le inevitabili criticità ambientali e le problematiche emergenti. La redazione del Rapporto è strettamente connessa al sistema di reporting ambientale. Il Bilancio di sostenibilità Rappresenta lo strumento attraverso cui dare visibilità all impegno nelle tre aree di responsabilità: economica, ambientale e sociale. Ma non si tratta solo di dare evidenza. Le preoccupazioni sociali ed ecologiche nelle operazioni commerciali e nei rapporti con le parti interessate sono infatti tradotte in obiettivi di responsabilità sociale e rese parte integrante del piano industriale 2004/2008. Il piano comprende obiettivi di sostenibilità e responsabilità sociale che sono strettamente connessi con tutte le attività fondamentali dell azienda. Questi obiettivi vanno dal miglioramento della combinazione di combustibili utilizzati al continuo progresso nella sicurezza dei lavoratori e dell ambiente di lavoro; dal controllo delle emissioni in atmosfera alla formazione delle risorse umane; dai rapporti con le associazioni, gruppi d interesse e comunità alla soddisfazione del cliente. Il Bilancio finanziario, il Rapporto ambientale e il Bilancio di sostenibilità, a partire dal 2003, vengono presentati insieme. Essi costituiscono un insieme integrato di documenti che illustrano una realtà economica, ambientale e sociale unita dalla medesima missione. Questi documenti sono disponibili sul sito: La Divisione Generazione ed Energy Management (GEM) Figura 2 Organigramma della Divisione GEM Divisione Generazione ed Energy Management Pianificazione e Controllo Safety e Ambiente Personale e Organizzazione Energy Management Generazione Gas Sviluppo e Assistenza Impianti Strategic Development e Business Improvement Enel Dichiarazione ambientale 2008 UB La Spezia 13

13 Figura 3 UB termoelettriche Leri Cavour Genova Fusina (1) La Casella (7) Porto Tolle Porto Corsini UNITÀ DI BUSINESS Produzione carbone Produzione olio e gas Produzione ciclo combinato e turbogas La Spezia Santa Barbara Piombino (3) Pietrafitta (8) Bastardo Montalto di Castro Torrevaldaliga Nord (6) Bari Brindisi Rossano (4) Sulcis (2) Termini Imerese (5) Porto Empedocle Augusta Priolo Gargallo (1) I dati sono estratti dal Rapporto ambientale Enel 2007, vale a dire dal documento che costituisce il riferimento aziendale per la pubblicazione ufficiale dei dati ambientali. Al momento della preparazione di questo documento l ultimo Rapporto disponibile è quello del 2007 in quanto esso viene di norma pubblicato entro maggio dell anno successivo. La Divisione governa l'intero processo produttivo dell'energia elettrica. La competitività nel libero mercato è oggi l'obiettivo primario della Divisione, che intende concorrere alle nuove sfide e cogliere tutte le opportunità che si presentano sul mercato internazionale tramite l'ottimizzazione della propria capacità produttiva e il raggiungimento di un livello di efficienza sempre più alto. La divisione GEM è organizzata in cinque aree di business (figura 2), le funzioni di staff (personale, pianificazione e controllo e Safety e Ambiente) sono comuni alle diverse aree. A fine 2007 (1) la consistenza degli impianti termici è di 43 per una potenza netta installata complessiva di 25 milioni di kw, i combustibili utilizzati sono olio combustibile, gas naturale, carbone, gasolio, biomassa e rifiuti. Gli impianti idroelettrici sono 501, per una potenza netta complessiva di 14,4 milioni di kw. Gli impianti che sfruttano altre fonti rinnovabili sono: 31 centrali geotermoelettriche per una potenza complessiva di kw; 20 centrali eoliche per una potenza totale di kw; 4 centrali fotovoltaiche per una potenza di kw. Gli impianti termici sono gestiti da ventuno Unità di produzione territoriali (Unità di Business) dislocate come in figura 3. Gli impianti che sfruttano fonti rinnovabili sono gestiti da dodici Unità di produzione territoriali: Domodossola (VB), Bergamo, Sondrio, Bolzano, Trento, Vittorio Veneto (BL), Cuneo, Bologna Montorio (TE), Napoli, Sardegna (Cagliari), Sicilia (Catania). Nel 2007 la produzione complessiva di tutti gli impianti della Divisione GEM in Italia ammonta, al netto degli autoconsumi, a milioni di kwh, di cui milioni di kwh (28,5%) da fonti rinnovabili (grafico 1). 14 Enel Dichiarazione ambientale 2008 UB La Spezia

14 Grafico 1 Ripartizione della produzione 2004 per fonte energetica 0,5% Eolico e solare 5,6% Geotermica 22,5% Idroelettrico 71,5% Termoelettrica Il contributo della produzione idroelettrica, la più significativa fra le energie rinnovabili impiegate in Italia, è fondamentale nelle ore a elevata richiesta di carico. Sostenibilità e governance dell ambiente I grandi investitori internazionali, proprio come i piccoli risparmiatori, chiedono alle aziende dividendi e la minimizzazione dei rischi. Per entrambe le tipologie la Responsabilità sociale d impresa è un elemento importante nella scelta d investimento. Attualmente i fondi etici, quelli specializzati in investimenti socialmente responsabili, che hanno deciso di acquistare azioni Enel sono 47 e detengono circa il 20% della quota istituzionale. Attuare, documentare e comunicare comportamenti socialmente responsabili è pertanto fondamentale nella strategia di Enel, perché premiante. La Responsabilità sociale d impresa è la traduzione del concetto anglosassone di Corporate Social Responsibility, che si abbrevia con la sigla CSR e che rappresenta la capacità di governare la complessa integrazione tra gli interessi economici dell impresa e tra i diritti delle parti sociali interessate, attraverso l impegno a difendere l ambiente, l ecologia, i valori morali. A partire dal 2003, vengono presentati e pubblicati insieme il Bilancio finanziario, il Rapporto ambientale e il Bilancio di sostenibilità, come insieme integrato di documenti che illustrano una realtà economica, ambientale e sociale unita dalla medesima missione. Questi documenti sono disponibili sul sito: Altre informazioni sul Rapporto ambientale e sul Bilancio di sostenibilità sono contenuti nella scheda di approfondimento n. 1. Enel Dichiarazione ambientale 2008 UB La Spezia 15

15 Le registrazioni EMAS degli impianti di produzione e la certificazione UNI EN ISO 14001:2004 dei Sistemi di Gestione Ambientale delle Unità di Business territoriali rappresentano in Enel degli strumenti che sostengono la governace ambientale. CERTIFICAZIONI ISO E REGISTRAZIONI EMAS Le Unità di Business che operano con Sistema di Gestione certificato secondo la norma internazionale UNI EN ISO 14001:2004 gestiscono circa il 76% dell attuale potenza elettrica installata di GEM. Le registrazioni EMAS coprono circa il 43% della potenza elettrica installata GEM. Dopo il perfezionamento degli iter di registrazione avviati e di quelli che si prevede di richiedere a breve si coprirà circa il 63%. Altre informazioni sui programmi di certificazione e registrazione sono riportati nella scheda di approfondimento n. 1. L Unità di Business di La Spezia in applicazione di questa Politica di Gruppo ha stabilito una propria linea di azione ambientale adottando una Politica ambientale di sito commisurata alla specificità degli aspetti ambientali della propria attività (vedi pagina 34). La Politica di sito specifica l impegno al miglioramento delle prestazioni ambientali attraverso misure tecniche e gestionali e sostiene le iniziative di apertura, dialogo e trasparenza verso l esterno. L organizzazione ambientale complessiva La nuova organizzazione aziendale conferisce maggiore responsabilità alla Corporate nel suo ruolo di indirizzo e controllo. Pertanto la Gestione ambientale coinvolge direttamente tutti e tre i livelli aziendali, vale a dire il vertice di Corporate, le Divisioni e le Unità produttive territoriali. In ciascuna delle Divisioni, in relazione alle specifiche problematiche, sono presenti strutture operative e/o figure professionali preposte a svolgere attività in campo ambientale. Le risorse umane complessivamente dedicate, esclusivamente o parzialmente, a temi ambientali ammontano a oltre 220 unità equivalenti a tempo pieno. Nell ambito della Direzione di Corporate Affari Istituzionali e Regolamentari è compresa l Unità Politiche Ambientali, che ha la missione di definire gli obiettivi ambientali strategici di Enel e di assicurare la coerenza dei programmi e delle iniziative conseguenti da parte delle Divisioni. 16 Enel Dichiarazione ambientale 2008 UB La Spezia

16

17 La struttura dell Unità di Business della Spezia Figura 5 Organizzazione dell Unità di Business La Spezia Sulla base di questa Dichiarazione ambientale, l organizzazione registrata a EMAS in conformità al Regolamento CE n. 761/2001 del 19 marzo 2001 è L Unita di Business della Spezia il cui organigramma è rappresentato nella figura sottostante. Responsabile Unità di Business La Spezia Controller e Servizi Ambiente e Sicurezza Supporto Tecnico Unità Movimento Combustibili Capo Impianto Conduzione in Turno Sezione Manutenzione Sezione Esercizio Supporto Tecnico Gestionale Programmazione e Magazzino REDE Laboratorio Chimico Regolazione Meccanica e Civile Elettrica Conduzione in Turno Attualmente l UB della Spezia, il cui organigramma è rappresentato in figura 5, è costituita complessivamente dal Direttore, un capo impianto, 4 quadri intermedi, 99 impiegati e 109 operai. Il personale esterno, costituito prevalentemente da forza lavoro locale, è impegnato in attività appaltate come i servizi di pulizia e mensa, gli interventi specialistici e le attività di manutenzione straordinaria. Il Direttore UB è responsabile della gestione complessiva dell impianto della Spezia ed è quindi responsabile diretto della Gestione ambientale; oltre a stabilire le linee di azione per l applicazione della Politica aziendale a tutte le attività svolte nel sito, egli provvede a: definire gli obiettivi ambientali da perseguire nel sito 18 Enel Dichiarazione ambientale 2008 UB La Spezia

18 individuare e proporre gli interventi del Programma ambientale reperire le risorse necessarie all attuazione del Programma approvare l organizzazione e le risorse dedicate al funzionamento del Sistema di Gestione Ambientale sorvegliare l attuazione del Programma ambientale e il funzionamento del Sistema di Gestione Ambientale. Per la Gestione ambientale il Direttore si avvale di un Rappresentante della Direzione e di un Responsabile del Sistema di Gestione Ambientale. Il Rappresentante riferisce al Direttore sulle prestazioni del Sistema di Gestione Ambientale ai fini del suo riesame e si assicura che i requisiti del Sistema di Gestione siano stabiliti, applicati e mantenuti in conformità al regolamento e che siano adeguati al perseguimento degli obiettivi ambientali stabiliti. Il Responsabile del Sistema di Gestione Ambientale designato dal Direttore cura l aggiornamento e la diffusione della documentazione del Sistema di Gestione Ambientale e ha il compito di controllare l applicazione delle procedure e delle istruzioni operative. Enel Dichiarazione ambientale 2008 UB La Spezia 19

19 Il sito produttivo e l ambiente circostante La centrale Eugenio Montale è collocata nell estrema parte est della città della Spezia, nella cosiddetta piana di Fossamastra (vedi figura 6 e figura 7), su di un area di circa 72 ha di proprietà di Enel. La centrale comprende i macchinari e le strutture di servizio allocati all interno del perimetro dello stabilimento, nonché da altre strutture esterne asservite al processo produttivo, collocate come mostra la mappa di figura 8. Le principali pertinenze esterne all impianto sono: il pontile per l attracco delle navi carboniere e petroliere (in area demaniale all interno del porto) e le relative strutture di servizio realizzate sul piazzale confinante con il viale San Bartolomeo; l opera di presa dell acqua di raffreddamento della centrale, situata alla radice del pontile e i canali di adduzione e restituzione dell acqua; l opera di restituzione dell acqua di raffreddamento della centrale, situata a ponente dell opera di presa in località Fossamastra; le aree precedentemente utilizzate per il lagunaggio delle ceneri; le aree per lo stoccaggio del carbone, situate in località Val Bosca e in località Val Fornola; le opere per il trasporto e la movimentazione del carbone: dalle navi ai parchi di stoccaggio e alla centrale, costituite dai nastri trasportatori e torri di rinvio; il pontile di scarico e l oleodotto di collegamento al deposito per lo stoccaggio dell olio combustibile; le aree esterne all insediamento produttivo gestite dalla centrale. La stazione elettrica, le linee di collegamento alla centrale e le linee di trasmissione dell energia ad alta tensione (220 e 380 kv) non appartengono a Enel SpA, ma alla Società Terna SpA. 20 Enel Dichiarazione ambientale 2008 UB La Spezia

20 Figura 6 Il golfo e la città della Spezia La Spezia, situata nella parte più interna dell omonimo golfo (vedi figura 7), è la seconda città della regione Liguria ( abitanti residenti nel 2001) e centro industriale di notevole consistenza, oltre che importante base navale militare con Arsenale (Darsena Duca degli Abruzzi) e sede di cantieri navali e di un porto adibito a traffico mercantile e passeggeri. L area su cui sorge l impianto è prossima alla zona di più recente espansione, in un area industriale che vede la presenza di una pluralità di insediamenti produttivi, alcuni dei quali già di origine ottocentesca. La rada del golfo della Spezia si estende da punta Santa Teresa, sulla costa orientale del golfo, a punta Santa Maria, su quella occidentale, ed è chiusa verso il mare aperto da una diga foranea lunga circa m con due bocche di passaggio, una a levante larga circa 200 m e una a ponente di circa 400 m. La rada ha una superficie di circa 15 km 2 e un bacino imbrifero di circa 65 km 2, la profondità media è di circa m per un volume stimato di circa 150 milioni di metri cubi. La zona interna alla diga foranea è interessata da coltivazioni di mitili. Le caratteristiche meteoclimatiche del golfo della Spezia sono in parte diverse dagli altri tratti della costa ligure grazie alla presenza dei monti appenninici nella zona a nord e nord-est, che preservano il golfo dai venti freddi di tramontana Enel Dichiarazione ambientale 2008 UB La Spezia 21

21 Figura 7 Collocazione geografica della centrale Eugenio Montale (scala 1:100000) dando anche origine all effetto di Foehn (compressione e riscaldamento dell aria dalla parte del monte non esposta al vento). In aggiunta, le profondità delle acque nel golfo e del Mar Ligure circostante, che raggiungono i m, conferiscono un rilevante potere moderatore del clima, che ha favorito, lungo tutta la costa del golfo, lo svilupparsi di particolari colture agricole e la presenza di località di grande interesse turistico. Le attività portuali e industriali spezzine conoscono il momento di massimo sviluppo fra la fine degli anni 60 e l inizio degli anni 70, tanto che all inizio di questo stesso decennio cinque grandi aziende, già a partecipazione statale (OTO Grafico 2 Distribuzione tipica dei venti (misure effettuate nel periodo di un anno, dal 27/08/1995 al 26/08/1996) % Frequenza 40,0 35,0 30,0 25,0 20,0 15,0 10,0 5,0 0,0 Velocità m/sec > <2 da 0 a 22,5 da 45 a 67,5 da 90 a 112,5 da 135 a 157,5 da 180 a 202,5 da 225 a 247,5 da 270 a 292,5 da 315 a 337,5 22 Enel Dichiarazione ambientale 2008 UB La Spezia

22 Melara, Termomeccanica, Cantieri Navali di Muggiano e San Marco, Stabilimento Elettrodomestici ex San Giorgio), occupano quasi la metà degli addetti industriali dell intera provincia, con lo sviluppo di un significativo indotto produttivo. Questi elementi sono alla radice di una fase di grande accentramento della popolazione, di addetti e di attività costruttiva nella città. Le principali infrastrutture viarie dell area sono il raccordo autostradale, situato immediatamente a nord dell area Enel, e la SS n. 331, che converge nella zona retroportuale, in viale San Bartolomeo. L arteria risulta congestionata, sia in ingresso che in uscita dal capoluogo, dalla commistione del traffico pesante del porto e delle aree industriali limitrofe con il traffico di collegamento giornaliero (pendolarismo). Infatti la zona compresa tra viale San Bartolomeo (SS 331) e la linea di costa verso sud-est è fortemente industrializzata. In questa zona, meno soggetta ai vincoli e alle servitù militari, è localizzata la maggior parte dell attività cantieristica navale. Inoltre, all inizio del viale San Bartolomeo, tra la fine dell Ottocento e gli inizi del Novecento, a ridosso di un grande iutificio ormai dismesso, è sorto il quartiere Fossamastra che si è sviluppato seguendo nel corso degli anni le sorti della parte di levante della città. La zona retrostante il quartiere è stata interessata da profonde trasformazioni territoriali, a causa sia della realizzazione di opere pubbliche quali il depuratore, la discarica di RSU comunale, lo svincolo autostradale nell area degli Stagnoni e il viadotto della nuova strada per Lerici, sia delle attività legate al porto mercantile. I punti nodali della rete viaria più direttamente interessati dal traffico indotto dalle attività della centrale sono: lo svincolo dell asse raccordo autostradale - via Carducci che sfocia in via Valdilocchi; la via San Bartolomeo all incrocio con via Valdilocchi; la via Sarzana (SS Aurelia) all altezza della zona Melara. Informazioni sul traffico indotto dalla centrale sono riportate nel paragrafo aspetti ambientali. Enel Dichiarazione ambientale 2008 UB La Spezia 23

23 Figura 8 Planimetria dell impianto (scala 1:12.000) 24 Enel Dichiarazione ambientale 2008 UB La Spezia

24 L attività produttiva L impianto Eugenio Montale è dedicato alla sola produzione di energia elettrica mediante l esercizio di una unità termoelettrica convenzionale prevalentemente alimentata a carbone e di due unità a ciclo combinato alimentate a gas naturale. L energia prodotta viene immessa nella rete elettrica nazionale di trasporto, gestita dalla Società Terna. Il grafico 3 riporta l energia immessa in rete negli ultimi anni. Grafico 3 Energia netta prodotta dall impianto e immessa nella rete elettrica nazionale di trasporto (miliardi di kwh) Grafico 4 Combustibili utilizzati per la copertura del fabbisogno di calore espresso in tep (L abbreviazione tep sta per tonnellate equivalenti di petrolio che è una misura convenzionale delle quantità di calore: un tep equivale a 10 milioni di kcal). 4,5 4,6 4,5 4, ,16 34,16 63,74 1,95 0,15 26,15 69,40 4,30 0,08 21,02 77,45 1,44 0,18 25,82 72,00 2,00 % da gasolio % da gas naturale % da carbone % da olio calore utilizzato (tep) Il contributo percentuale di ciascun combustibile al fabbisogno complessivo di calore è mostrato nel grafico 4 Sull unità 3 alimentata a carbone, in alcune fasi di esercizio in particolare durante gli avviamenti si utilizzano anche olio combustibile, metano e gasolio. Enel Dichiarazione ambientale 2008 UB La Spezia 25

25 A seguito dell introduzione della borsa dell energia, si è avuta una significativa variazione delle ore di funzionamento annuali delle diverse unità produttive; si è verificato infatti un sensibile aumento percentuale del funzionamento della sezione a carbone a discapito dei cicli combinati. Per le caratteristiche intrinseche dei diversi cicli produttivi, il rendimento complessivo della centrale è perciò diminuito nel corso degli anni, passando da 40,86 kcal/kwh del 2005 a 39,17 kcal/kwh del Profilo storico della produzione e dell evoluzione progettuale L inizio delle attività di costruzione della centrale risale al mese di gennaio Le quattro unità, aventi una potenza efficiente lorda complessiva di kw elettrici, entrarono in servizio per la produzione commerciale progressivamente dal 1962 al 1968 e precisamente: unità 1 da kw dal 1962 unità 2 da kw dal 1964 unità 3 da kw dal 1967 unità 4 da kw dal I combustibili utilizzati erano carbone, olio combustibile denso (OCD) e, per le sole fasi di avviamento, gasolio. A seguito dell entrata in vigore del DPR 203/88 è stato necessario adeguare gli impianti per ridurre le emissioni ai livelli massimi fissati, in applicazione del DPR stesso, dal DM 12 luglio 1990 linee guida per il contenimento delle emissioni inquinanti degli impianti industriali e la fissazione dei valori minimi di emissione. Il progetto di adeguamento, autorizzato dal Decreto MICA del 29 gennaio 1997, oltre che alla riduzione delle emissioni è stato orientato anche alla riduzione del calore scaricato a mare dalle acque di raffreddamento. Con l emanazione della legge 319/1976 erano stati infatti introdotti limiti sull incremento termico delle acque di raffreddamento che risultarono critici nella stagione estiva per lo scarico della centrale, tanto che, nel 1991, venne disposta la revoca dell autorizzazione allo scarico e l impianto rimase fermo per oltre due anni. I principali interventi attuati sono stati: messa fuori servizio dell unità 4; sostituzione della ciminiera dell unità 3, alta 170 m, con la ciminiera dell unità 4, alta 220 m, per assicurare una maggiore dispersione dei fumi emessi; adeguamento ambientale dell unità 3 per l alimentazione a carbone, con il potenziamento del precipitatore elettrostatico (PE) e l installazione di impianti di abbattimento degli ossidi di azoto (DeNO x ) e degli ossidi di zolfo (DeSO x ); 26 Enel Dichiarazione ambientale 2008 UB La Spezia

26 trasformazione delle unità 1-2 in ciclo combinato con alimentazione a gas naturale. Tali interventi hanno comportato un depotenziamento elettrico dell intero sito da kw a circa kw. Per contro, si è avuto un aumento del rendimento medio complessivo dal 40% al 47% (riferito alla potenza massima), con un conseguente minor rilascio di energia termica nella rada del golfo. Il primo parallelo delle nuove unità 1 e 2 a ciclo combinato è stato effettuato rispettivamente il 1 dicembre 1999 e il 12 maggio Entrambe le sezioni sono state messe a regime, come previsto dall articolo 8 del DPR 203/88, in data 3 febbraio La sezione 3, dopo l adeguamento ambientale, è rientrata in servizio il 1 novembre 2000 ed è stata messa a regime il 27 settembre La riduzione delle emissioni ottenuta è stata notevole: l emissione specifica di biossido di zolfo si è ridotta da circa 3,5 g/kwh a circa 0,55 g/kwh (84%); l emissione specifica di ossidi di azoto si è ridotta da circa 2,5 g/kwh a circa 0,50 g/kwh (80%); l emissione specifica di anidride carbonica si è ridotta da circa 830 g/kwh a circa 700 g/kwh (15%). Oltre alla riduzione delle emissioni, il progetto di adeguamento ha comportato la riduzione notevole di altri impatti ambientali. I principali interventi e i benefici ambientali ottenuti si riassumono come segue: Eliminazione dei sistemi ad acqua per l estrazione delle ceneri. Con l estrazione a secco si hanno maggiori possibilità di recupero delle ceneri e l eliminazione della decantazione delle ceneri nei bacini. Ciò consente il recupero delle aree, destinandole ad altri usi consentiti. Realizzazione di un impianto di dissalazione a osmosi inversa per la produzione di acqua industriale destinata all esercizio del desolforatore, permettendo la riduzione del consumo di acqua potabile. Eliminazione di circa t di materiali contaminati da amianto. Tali materiali sono stati destinati in gran parte all inertizzazione mediante un processo di vetrificazione ad altissima temperatura effettuato in un apposito impianto in Francia. Eliminazione di tutto il macchinario elettrico contenente oli contaminati da PCB. Riduzione della capacità di stoccaggio del combustibile liquido con demolizione di un serbatoio da m 3, di due serbatoi del gasolio da 50 m 3 cadauno e di quattro serbatoi giornalieri OCD da m 3. Demolizioni delle ciminiere delle unità 1, 2 e 3 con miglioramento dell impatto visivo. Trasformazione del sistema di raffreddamento olio turbine con acqua di mare da circuito aperto a circuito chiuso per evitare sversamenti in caso di avaria (unità 1, 2 e 3). Ristrutturazione dell intero impianto antincendio con nuove pompe e serbatoi Enel Dichiarazione ambientale 2008 UB La Spezia 27

27 e compartimentazione e/o segregazione di parti di impianto per prevenzione incendi e miglioramento della gestione delle emergenze. Potenziamento dell impianto di trattamento reflui, specificatamente per i reflui derivanti dal DeSO x e riconfigurazione dell intera rete fognaria. Riduzione delle emissioni dai punti non principali con l impiego di tecnologie più avanzate e l adozione di filtri assoluti sugli scarichi dei vapori di olio. Riduzione del livello di rumore emesso per depotenziamento intrinseco del ciclo produttivo. Riduzione delle linee elettriche di collegamento delle unità di produzione con l'esistente stazione da cinque a tre linee. Realizzazione di un impianto di evaporazione ed essiccamento dei reflui prodotti dal desolforatore con azzeramento di tale contributo alle acque di scarico e incremento della possibilità di riutilizzo delle acque interne. Descrizione del processo produttivo Una unità termoelettrica è composta da una parte termica e una elettrica. La parte termica utilizza il calore contenuto nei combustibili fossili per generare un fluido ad alta temperatura e in pressione: il fluido può essere vapor d acqua surriscaldato o direttamente i fumi prodotti dalla combustione. Il fluido così generato attraversa la turbina che è una macchina capace di trasformare l energia termica contenuta nel fluido in energia meccanica di rotazione. Le turbine possono essere pertanto costruite per funzionare con vapore o con i gas della combustione. La parte elettrica è essenzialmente costituita dall alternatore che è una macchina capace di trasformare energia meccanica in energia elettrica. Turbina e alternatore hanno entrambi una parte fissa e una parte mobile rotante (dette rotori). I due rotori sono rigidamente collegati, cosicché il rotore della turbina azionata dal fluido che lo attraversa fornisce l energia meccanica necessaria al rotore dell alternatore per ottenere energia elettrica. I principali elementi che caratterizzano una unità termoelettrica sono il fluido utilizzato, i tipi di combustibili utilizzati, la potenza erogabile con continuità dall alternatore (detta potenza lorda efficiente). La centrale Eugenio Montale è attualmente in grado di erogare una potenza elettrica lorda complessiva di kw utilizzando le seguenti unità: Unità 1, ciclo combinato da kw alimentato con gas naturale; Unità 2, ciclo combinato da kw alimentato con gas naturale; Unità 3, impianto a vapore da kw alimentato prevalentemente con carbone. La preesistente unità 4 da kw è stata demolita. Il gas naturale è fornito dalla SNAM tramite gasdotto. 28 Enel Dichiarazione ambientale 2008 UB La Spezia

28 La terza unità è alimentata con un mix carbone, olio combustibile denso, con prevalenza di carbone. Carbone e olio sono approvvigionati via mare. Dal porto della Spezia, dove vengono scaricati su un apposito pontile asservito alle attività Enel, carbone e olio raggiungono l impianto mediante un nastro di trasporto e un oleodotto. Figura 9 Turbina a vapore e alternatore del ciclo combinato Impianti a ciclo combinato Questo tipo di impianto si chiama combinato perché è composto da due diversi cicli termodinamici: il primo usa direttamente i fumi della combustione in una turbina a gas, il secondo usa il vapore prodotto con i fumi di scarico della turbina a gas. Combinando i due cicli si aumenta notevolmente il rendimento, che raggiunge circa il 55% rispetto al 38% circa di un ciclo a vapore tradizionale. Ciascun ciclo combinato è costituito da un turbogas alimentato a metano capace di erogare kw utilizzando una portata di gas naturale di circa m 3 /h, da un generatore di vapore a recupero (GVR) che, utilizzando i gas di scarico del turbogas che hanno una temperatura di circa 615 C, produce vapore surriscaldato che alimenta una turbina a vapore collegata a un alternatore capace di erogare una potenza di kw. Le principali macchine del ciclo a gas sono in sequenza (vedi figura 10): il compressore, la camera di combustione, la turbina, l alternatore e il trasformatore. Le principali macchine del ciclo a vapore sono il generatore di vapore a recupero (GVR), la turbina, il condensatore, l alternatore e il trasformatore. Il vapore attraversando la turbina si espande e si raffredda, cedendo così la sua energia termica che si trasforma in energia meccanica attraverso il rotore della turbina. In uscita dalla turbina, allo stato di vapore saturo (vapore con poche goccioline di condensa), il vapore stesso raggiunge il condensatore, dove il raffreddamento con acqua di mare provoca la condensazione completa di tutto il vapore e l acqua di condensa si raccoglie sul fondo dell apparecchiatura da dove è prelevata e pompata nuovamente nel GVR. L acqua di mare per il raffreddamento è prelevata e restituita nella rada del golfo tramite canali sotterranei (vedi figura 8). La tensione elettrica di funzionamento degli alternatori è di V, per poter immettere energia elettrica nella rete di trasmissione ad alta tensione è necessario elevare il suo livello di tensione fino a V attraverso i trasformatori elettrici. Enel Dichiarazione ambientale 2008 UB La Spezia 29

29 Figura 10 Schema di funzionamento del ciclo combinato Impianto a carbone Si tratta di un impianto a vapore classico il cui funzionamento è del tutto analogo alla sezione a vapore del ciclo combinato. Con la sola eccezione che non esiste un generatore di vapore a recupero ma una caldaia che utilizza carbone o un mix olio carbone. Alla massima potenza la portata di carbone è pari circa a 200 t/h. Come combustibili di supporto nelle fasi di avviamento si utilizzano gasolio e gas naturale. La figura 11 mostra le componenti principali del ciclo a vapore, che sono la caldaia, la turbina, il condensatore e l alternatore e, sul percorso dei fumi tra caldaia e camino, gli impianti di abbattimento dei principali inquinanti prodotti dalla combustione vale a dire gli ossidi di azoto, le polveri e gli ossidi di zolfo. I sistemi di depurazione dei fumi installati rappresentano la migliore tecnologia disponibile in ambito internazionale, per l abbattimento di tali sostanze, infatti tali tecnologie sono tra quelle individuate nell ambito dell applicazione della Direttiva 96/61/CE meglio conosciuta come Direttiva IPPC. 30 Enel Dichiarazione ambientale 2008 UB La Spezia

30 I sistemi di depurazione dei fumi Abbattimento degli ossidi di azoto (NO x ) L impianto, chiamato denitrificatore catalitico (DeNO x ), utilizzando ammoniaca (NH 3 ), trasforma gli ossidi di azoto (NO x ) in azoto molecolare (N 2 ) e acqua: la reazione avviene a 350 C in presenza di un opportuno catalizzatore. L iniezione di ammoniaca è regolata da un sistema di controllo che adegua la quantità di ammoniaca in funzione della misura degli ossidi a monte e valle del reattore. Per verificare il corretto funzionamento di tutto il sistema, è misurata in continuo l ammoniaca non reagita nei fumi. Periodicamente è verificato lo stato del catalizzatore. Oltre all abbattimento finale i valori di emissione di NO x sono controllati anche mantenendo ai livelli più bassi possibile le quantità che si formano in caldaia. Ciò si ottiene gestendo correttamente un particolare sistema di bruciatori installato in occasione degli interventi di adeguamento ambientale: si tratta dei cosiddetti bruciatori lownox che, mantenendo relativamente basse le temperature di fiamma, contengono la formazione degli ossidi di azoto. Elettrofiltri (precipitatore elettrostatico) Per l abbattimento delle polveri, costituite essenzialmente dalle ceneri di carbone, si usano captatori elettrostatici (elettrofiltri) che hanno una efficienza di abbattimento superiore al 99%. Le particelle vengono fatte transitare all interno di un intenso campo elettrico: la disposizione degli elettrodi che generano il campo è tale che una prima serie elettrizza le particelle e una seconda serie, di segno opposto, le attira e le fa precipitare mediante scuotimento sul fondo dell apparecchiatura da dove vengono estratte per via pneumatica. Desolforatore (DeSO x ) L impianto di desolforazione (DeSO x ) rimuove l anidride solforosa (SO 2 ) presente nei fumi, proveniente dalla reazione di combustione dello zolfo presente nel combustibile. Il processo, chiamato assorbimento a umido calcare/gesso, consiste nel far assorbire l anidride solforosa dal calcare (CaCO 3 ) in sospensione acquosa: si forma così solfato di calcio, vale a dire gesso, direttamente utilizzabile in edilizia. Il sistema è in grado di garantire un abbattimento di SO 2 non inferiore all 80%. Come calcare si usa prevalente la marmettola, cioè i residui delle attività di segagione e lucidatura del marmo. La tecnologia utilizzata permette di ottenere gesso con umidità residua del 10% e purezza minima dell 85%, ciò grazie anche alla efficacia di abbattimento dei captatori elettrostatici. Enel Dichiarazione ambientale 2008 UB La Spezia 31

Lo Stabilimento di Ferrera Erbognone

Lo Stabilimento di Ferrera Erbognone Lo Stabilimento di Ferrera Erbognone LO STABILIMENTO Lo stabilimento, ubicato nel Comune di Ferrera Erbognone (Pavia) nelle adiacenze della Raffineria Eni Divisione R&M di Sannazzaro de Burgondi, è il

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Le centrali termoelettriche sono impianti che utilizzano l energia chimica dei combustibili per trasformarla in energia elettrica. Nelle centrali termoelettriche la produzione

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI VENEZIA. Convegno sul tema

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI VENEZIA. Convegno sul tema ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI VENEZIA Convegno sul tema SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO Prospettive e sinergie con i sistemi di gestione ambiente e qualità

Dettagli

Dichiarazione ambientale

Dichiarazione ambientale Dichiarazione ambientale 2012 Impianto termoelettrico La Spezia Dichiarazione ambientale 2012 Impianto termoelettrico La Spezia Convalida L istituto CERTYQUALITY S.r.l. Via G. Giardino, 4-20123 Milano

Dettagli

Lo Stabilimento di Ravenna

Lo Stabilimento di Ravenna Lo Stabilimento di Ravenna LE NOSTRE RISORSE Sin dalla costituzione EniPower ha adottato strutture organizzative snelle nell ottica di semplificare i processi operativi. Tutto il personale è stato coinvolto

Dettagli

Stabilimento di Livorno

Stabilimento di Livorno Stabilimento di Livorno Lo Stabilimento EniPower opera all interno della Raffineria Eni di Livorno dal 2000 a seguito dell acquisizione da parte della Divisione Refining & Marketing della Centrale Termoelettrica

Dettagli

3 - Cogenerazione tecnologie disponibili, aspetti ambientali e gestionali. Enrico Malusardi Professore a contratto, Politecnico di Milano

3 - Cogenerazione tecnologie disponibili, aspetti ambientali e gestionali. Enrico Malusardi Professore a contratto, Politecnico di Milano 3 - Cogenerazione tecnologie disponibili, aspetti ambientali e gestionali Enrico Malusardi Professore a contratto, Politecnico di Milano PERCHE LA COGENERAZIONE? È la produzione combinata di calore e di

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL SISTEMA DI TELERISCALDAMENTO TORINESE CON IL PROGETTO TORINO NORD EST

L EVOLUZIONE DEL SISTEMA DI TELERISCALDAMENTO TORINESE CON IL PROGETTO TORINO NORD EST 1 Convegno TELERISCALDAMENTO: verso la SMART GRID L EVOLUZIONE DEL SISTEMA DI TELERISCALDAMENTO TORINESE CON IL PROGETTO TORINO NORD EST Torino Lingotto Fiere, 25 maggio 2012 Ing. Carmelo TRIPODI Direttore

Dettagli

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE)

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) 1. Cosa significa gestione ambientale? La gestione ambientale è l individuazione ed il

Dettagli

Tali fluidi, utilizzati in prossimità del punto di produzione, o trasportati a distanza, possono essere utilizzati per diversi impieghi:

Tali fluidi, utilizzati in prossimità del punto di produzione, o trasportati a distanza, possono essere utilizzati per diversi impieghi: LA COGENERAZIONE TERMICA ED ELETTRICA 1. Introduzione 2. Turbine a Gas 3. Turbine a vapore a ciclo combinato 4. Motori alternativi 5. Confronto tra le diverse soluzioni 6. Benefici ambientali 7. Vantaggi

Dettagli

LA CENTRALE TORINO NORD

LA CENTRALE TORINO NORD LA CENTRALE TORINO NORD Iren Energia è la società del Gruppo Iren che opera nei settori della produzione e distribuzione di energia elettrica, nella produzione e distribuzione di energia termica per teleriscaldamento

Dettagli

TELERISCALDAMENTO AD AOSTA. I PRIMI PASSI DI UNA GRANDE RETE. INAUGURAZIONE DEL CANTIERE DELLA CENTRALE DI TELERISCALDAMENTO IN CITTÀ.

TELERISCALDAMENTO AD AOSTA. I PRIMI PASSI DI UNA GRANDE RETE. INAUGURAZIONE DEL CANTIERE DELLA CENTRALE DI TELERISCALDAMENTO IN CITTÀ. 27-09-2013 Comunicato stampa TELERISCALDAMENTO AD AOSTA. I PRIMI PASSI DI UNA GRANDE RETE. INAUGURAZIONE DEL CANTIERE DELLA CENTRALE DI TELERISCALDAMENTO IN CITTÀ. Per contatti e ulteriori informazioni:

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

Indice Errore. Il segnalibro non è definito.

Indice Errore. Il segnalibro non è definito. COGENERAZIONE Indice 1. Definizione e normativa di riferimento... 3 1.1. Indice di risparmio di energia (IRE):... 4 1.2. Limite termico (LT):... 4 2. Descrizione generale degli impianti di cogenerazione...

Dettagli

Il geotermico. Dati Statistici al 31 dicembre 2008. a cura dell Ufficio Statistiche

Il geotermico. Dati Statistici al 31 dicembre 2008. a cura dell Ufficio Statistiche Il geotermico Dati Statistici al 31 dicembre 2008 a cura dell Ufficio Statistiche INDICE Introduzione... 2 Glossario... 3 Impianti geotermoelettrici... 4 Gli impianti geotermoelettrici in Italia dal 1997

Dettagli

Come funziona una centrale a ciclo combinato? Aggiungere l immagine sotto e fare un mix dei due testi di spiegazione del funzionamento

Come funziona una centrale a ciclo combinato? Aggiungere l immagine sotto e fare un mix dei due testi di spiegazione del funzionamento LA TECNOLOGIA DEL CICLO COMBINATO A GAS NATURALE La maggiore quantità di energia elettrica generata da Edison è prodotta da 28 centrali termoelettriche. Edison sviluppa, progetta e costruisce interamente,

Dettagli

Normativa di riferimento

Normativa di riferimento Normativa di riferimento La normativa in materia di energie alternative da fonti rinnovabili è presente a diverse scale territoriali: da indirizzi a livello globale ed europeo sino ad una trattazione a

Dettagli

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia RSA Provincia di Milano Energia Fig. 1: consumi elettrici per ciascun settore La produzione e il consumo di energia hanno impatto dal punto di vista ambientale, soprattutto per ciò che riguarda il consumo

Dettagli

Le centrali elettriche di Porto Corsini e di La Casella: la loro efficienza

Le centrali elettriche di Porto Corsini e di La Casella: la loro efficienza Le centrali elettriche di Porto Corsini e di La Casella: la loro efficienza Enel Divisione Generazione ed Energy Management Area di Business Generazione Responsabile Filiera Olio Gas Bologna, 13 dicembre

Dettagli

Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente

Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente ISO 14001 e OHSAS 18001 nuovi traguardi per una raffineria ogni giorno più compatibile, innovativa, responsabile api raffineria di ancona S.p.A. DUE TRAGUARDI

Dettagli

La quantificazione dei benefici di BIOCASA sui consumi energetici ed emissioni di CO 2

La quantificazione dei benefici di BIOCASA sui consumi energetici ed emissioni di CO 2 La quantificazione dei benefici di BIOCASA sui energetici ed emissioni di CO 2 Rapporto di Sostenibilità 2011 I benefici di BIOCASA su energetici e emissioni di CO 2 Il Progetto BIOCASA è la risposta di

Dettagli

Rapporto ISPRA sulla produzione di energia da fonti rinnovabili in Italia

Rapporto ISPRA sulla produzione di energia da fonti rinnovabili in Italia Page 1 of 11 n. 054 - Lunedì 17 Marzo 2014 Rapporto ISPRA sulla produzione di energia da fonti rinnovabili in Italia Il documento analizza nel dettaglio le diverse sorgenti, il trend evolutivo delle fonti

Dettagli

menoenergia PROPOSTA ENERGETICA SETTORE LATTIERO - CASEARIO Ing. M. Alberti ( Amministratore MenoEnergia S.r.l.)

menoenergia PROPOSTA ENERGETICA SETTORE LATTIERO - CASEARIO Ing. M. Alberti ( Amministratore MenoEnergia S.r.l.) PROPOSTA ENERGETICA SETTORE LATTIERO - CASEARIO Ing. M. Alberti ( Amministratore MenoEnergia S.r.l.) 2 LA MISSION DI MENOENERGIA ORIGINE DI MENOENERGIA Menoenergia è una società controllata dal Gruppo

Dettagli

ENERGIA RINNOVABILE: UTOPIA O REALTA?

ENERGIA RINNOVABILE: UTOPIA O REALTA? ENERGIA RINNOVABILE: UTOPIA O REALTA? Il vertice sul clima a Bruxelles in data 8 marzo 2007 ha impegnato i capi di Stato e di governo dei Ventisette dell Unione Europea. Gli obiettivi del vertice sono

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Introduzione I procedimenti tradizionali di conversione dell energia, messi a punto dall uomo per rendere disponibili, a partire da fonti di energia naturali, energia in forma

Dettagli

CENTRALE DI COGENERAZIONE DI RAVENNA

CENTRALE DI COGENERAZIONE DI RAVENNA CENTRALE DI IN SOSTITUZIONE DELL ESISTENTE B 400 SEZIONE A PREMESSA REV.0 SETTEMBRE 2013 Pagina 1 di 13 REV.0 INDICE A.1 PREMESSA... 3 1 Stato di fatto... 3 1.1 Generalità... 3 2 Motivazioni dell intervento...

Dettagli

IL CONI PER L AMBIENTE

IL CONI PER L AMBIENTE 6 IL CONI PER L AMBIENTE LA POLITICA AMBIENTALE L IMPATTO AMBIENTALE DEL CONI 116 CONI BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2013 IL CONI PER L AMBIENTE LA POLITICA AMBIENTALE Il CONI pone una particolare attenzione

Dettagli

Audit energetico, Certificazione 50001:2011, UNI EN ISO 14001 modalità di integrazione obblighi e opportunità di efficacia ed efficienza energetica

Audit energetico, Certificazione 50001:2011, UNI EN ISO 14001 modalità di integrazione obblighi e opportunità di efficacia ed efficienza energetica In collaborazione con Audit energetico, Certificazione 50001:2011, UNI EN ISO 14001 modalità di integrazione obblighi e opportunità di efficacia ed efficienza energetica Relatore: ing. M. Capuana Taomina,

Dettagli

Introduzione alla norma UNI EN CEI ISO 50001:2011

Introduzione alla norma UNI EN CEI ISO 50001:2011 Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma Seminario di introduzione alla norma ISO 50001 ed ai Sistemi di Gestione per l Energia Integrazione con la legislazione Roma, 16/03/2016 Introduzione alla

Dettagli

DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI. Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia

DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI. Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia DISPOSIZIONI RIGUARDO ALLA SOSTENIBILITÀ DEGLI INSEDIAMENTI Requisiti degli insediamenti in materia di ottimizzazione dell energia 1 Riferimenti: Legge 9/10 del 1991: Norme per l'attuazione del Piano energetico

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Sintesi del decreto legislativo sulla promozione della cogenerazione ad alto rendimento PIU RISPARMIO ENERGETICO INCENTIVANDO LA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO Il decreto

Dettagli

Dirigenze e staff tecnico della Puros hanno una quarantennale esperienza nei combustibili tradizionali (nafta, gasolio, gas). Puros nasce nel 2003

Dirigenze e staff tecnico della Puros hanno una quarantennale esperienza nei combustibili tradizionali (nafta, gasolio, gas). Puros nasce nel 2003 Dirigenze e staff tecnico della Puros hanno una quarantennale esperienza nei combustibili tradizionali (nafta, gasolio, gas). Puros nasce nel 2003 con la volontà di realizzare stufe a biomasse per ridurre

Dettagli

v. il dimensionamento d impianto vi. l integrazione con la realtà produttiva 3. Le opportunità ambientale ed economica

v. il dimensionamento d impianto vi. l integrazione con la realtà produttiva 3. Le opportunità ambientale ed economica Workshop Rafforzare la competitività delle PMI: opportunità in Europa Investire nello sviluppo sostenibile: la cogenerazione ing. Giuseppe Starace Università del Salento LECCE (I) Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA Enel Produzione SpA Concorso nazionale Le buone pratiche sulla manutnzione sicura Campagna Ambienti di lavoro sani e sicuri 2010-2011 Napoli, 27 Ottobre 2011 Villa Colonna Bandini Stefano Di Pietro Responsabile

Dettagli

C PIU RISPARMIO ENERGETICO INCENTIVANDO LA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO

C PIU RISPARMIO ENERGETICO INCENTIVANDO LA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO Allegato C PIU RISPARMIO ENERGETICO INCENTIVANDO LA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO Il decreto legislativo approvato il 7 febbraio 2007 in via definitiva dal Consiglio dei ministri in attuazione della

Dettagli

Per lo sviluppo del teleriscaldamento: l acqua di falda come fonte energetica.

Per lo sviluppo del teleriscaldamento: l acqua di falda come fonte energetica. 1 Per lo sviluppo del teleriscaldamento: l acqua di falda come fonte energetica. A2A Calore & Servizi, società del gruppo A2A attiva nella gestione del teleriscaldamento nelle città di Milano, Brescia

Dettagli

WORKSHOP. I controlli di ARPA agli impianti di incenerimento dei rifiuti in Emilia - Romagna Stato attuale e prospettive RIMINI.

WORKSHOP. I controlli di ARPA agli impianti di incenerimento dei rifiuti in Emilia - Romagna Stato attuale e prospettive RIMINI. WORKSHOP I controlli di ARPA agli impianti di incenerimento dei rifiuti in Emilia - Romagna Stato attuale e prospettive RIMINI 31 Maggio 2005 Centro Congressi SGR Via Chiabrera 34/B Produzione e recupero

Dettagli

Il Decreto legislativo 8/02/2007, n 20 sulla promozione della cogenerazione. Il ruolo del GSE. www.gsel.it

Il Decreto legislativo 8/02/2007, n 20 sulla promozione della cogenerazione. Il ruolo del GSE. www.gsel.it Il Decreto legislativo 8/02/2007, n 20 sulla promozione della cogenerazione Il ruolo del GSE www.gsel.it 2 Indice La cogenerazione: informazioni generali Il D.lgs. 8/02/07, n 20 sulla promozione della

Dettagli

La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE

La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE CERTIQUALITY Via. G. Giardino, 4 - MILANO 02.806917.1 SANDRO COSSU VALUTATORE SISTEMI DI GESTIONE CERTIQUALITY Oristano 27 Maggio 2008 GLI STRUMENTI

Dettagli

Energethica Convegno RENERFOR 25 maggio 2012 Gli incentivi per lo sviluppo della produzione di energia da biomassa: gli aspetti energetici

Energethica Convegno RENERFOR 25 maggio 2012 Gli incentivi per lo sviluppo della produzione di energia da biomassa: gli aspetti energetici Energethica Convegno RENERFOR 25 maggio 2012 Gli incentivi per lo sviluppo della produzione di energia da biomassa: gli aspetti energetici Mauro Bertolino, Ph. D. Settore Politiche Energetiche Direzione

Dettagli

Servizi Integrati. Per realizzare una ef cace AAI devono essere svolti i seguenti passi:

Servizi Integrati. Per realizzare una ef cace AAI devono essere svolti i seguenti passi: Analisi di Prodotto Scheda 1/10 Analisi i inizialei i dei processi Aziendali ambientale secondo operativa 15033 Introduzione: L Analisi (AAI) è una dettagliata e metodica indagine dello stato dell Organizzazione

Dettagli

LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10

LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10 LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10 Norme per l'attuazione del Piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell'energia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia. La

Dettagli

Claudia Gistri Giancarlo Caputo CERTIQUALITY

Claudia Gistri Giancarlo Caputo CERTIQUALITY I requisiti per la certificazione del sistema di gestione sicurezza Claudia Gistri Giancarlo Caputo CERTIQUALITY Seminario La gestione ed il controllo del Rischio Industriale Bergamo, 20 dicembre 2005

Dettagli

Impianto di termovalorizzazione I cipressi (FI) Fasi di funzionamento dell'impianto: Prima fase. Schema. Sezione

Impianto di termovalorizzazione I cipressi (FI) Fasi di funzionamento dell'impianto: Prima fase. Schema. Sezione Impianto di termovalorizzazione I cipressi (FI) Fasi di funzionamento dell'impianto: Prima fase Schema Sezione 1 La seconda fase, quella più "calda", dove i rifiuti vengono bruciati e, col calore ottenuto,

Dettagli

IL PROJECT LEASING. per. IMPIANTI di COGENERAZIONI ALIMENTATI DA BIOMASSA

IL PROJECT LEASING. per. IMPIANTI di COGENERAZIONI ALIMENTATI DA BIOMASSA IL PROJECT LEASING per IMPIANTI di COGENERAZIONI ALIMENTATI DA BIOMASSA NUOVE opportunità di sviluppo PER LA TUA IMPRESA nel settore dell Energia 1 GLI IMPIANTI DI COGENERAZIONE La cogenerazione, CHP (Combined

Dettagli

Impianto per il trattamento ecologico dei rifiuti

Impianto per il trattamento ecologico dei rifiuti Impianto per il trattamento ecologico dei rifiuti Indice 1. Introduzione... 2 2. L'impianto proposto... 3 3. Schema a blocchi dell'impianto... 4 4. Descrizione dell'impianto... 5 4.1 Trattamenti meccanici...

Dettagli

STRUMENTI DI INCENTIVAZIONE PER L EFFICIENZA ENERGETICA: CONTO TERMICO, CERTIFICATI BIANCHI, CAR

STRUMENTI DI INCENTIVAZIONE PER L EFFICIENZA ENERGETICA: CONTO TERMICO, CERTIFICATI BIANCHI, CAR STRUMENTI DI INCENTIVAZIONE PER L EFFICIENZA ENERGETICA: CONTO TERMICO, CERTIFICATI BIANCHI, CAR Fiera Milano 9 maggio 2014 Il ruolo della Cogenerazione ad Alto Rendimento Gabriele Susanna - Direzione

Dettagli

IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PER UN COMUNE

IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PER UN COMUNE IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PER UN COMUNE Relatore: LIFE 04 ENV/IT/494 AGEMAS Obiettivi del sistema di gestione ambientale Prevenzione, riduzione dell inquinamento Eco-efficienza nella gestione delle

Dettagli

Il soddisfacimento dei fabbisogni energetici con la cogenerazione

Il soddisfacimento dei fabbisogni energetici con la cogenerazione COGENERAZIONE & TRIGENERAZIONE RISPARMIO ENERGETICO = RISPARMIO ECONOMICO Il soddisfacimento dei fabbisogni energetici con la cogenerazione Domenico Laforgia Magnifico Rettore Professore ordinario di Sistemi

Dettagli

GENERAZIONE DISTRIBUITA COGENERAZIONE NEL SETTORE INDUSTRIALE

GENERAZIONE DISTRIBUITA COGENERAZIONE NEL SETTORE INDUSTRIALE GENERAZIONE DISTRIBUITA COGENERAZIONE NEL SETTORE INDUSTRIALE LA COGENERAZIONE FINO A 10 MW Microturbine Piccoli cogeneratori (< 100 kw) Applicazioni nel settore civile e terziario Motori endotermici 1500

Dettagli

La Norma UNI CEI EN 16001 e il risparmio energetico in azienda WORKSHOP ECOREALITY Università degli Studi di Bari

La Norma UNI CEI EN 16001 e il risparmio energetico in azienda WORKSHOP ECOREALITY Università degli Studi di Bari La Norma UNI CEI EN 16001 e il risparmio energetico in azienda WORKSHOP ECOREALITY Università degli Studi di Bari I Sistemi di Gestione della Energia conformi a UNI CEI EN 16001:2009 Coordinatore Tecnico-Scientifico

Dettagli

Progetto europeo PERSIL Opportunità del fotovoltaico in Provincia di Torino. Specifiche tecniche sugli impianti fotovoltaici e nuovo conto energia

Progetto europeo PERSIL Opportunità del fotovoltaico in Provincia di Torino. Specifiche tecniche sugli impianti fotovoltaici e nuovo conto energia Progetto europeo PERSIL Opportunità del fotovoltaico in Provincia di Torino Pinerolo-Nichelino-Ivrea-Collegno-Settimo T.se, 9-16-23 febbraio e 2-9 marzo 2011 Specifiche tecniche sugli impianti fotovoltaici

Dettagli

Effetto serra e il Patto dei Sindaci. [k]people

Effetto serra e il Patto dei Sindaci. [k]people Effetto serra e il Patto dei Sindaci L effetto serra Fenomeno naturale che intrappola il calore del sole nell atmosfera per via di alcuni gas. Riscalda la superficie del pianeta Terra rendendo possibile

Dettagli

Gli obiettivi del Piano energetico regionale. Intervento dell Ing. Sebastiano Cacciaguerra Direttore del Servizio Energia

Gli obiettivi del Piano energetico regionale. Intervento dell Ing. Sebastiano Cacciaguerra Direttore del Servizio Energia Gli obiettivi del Piano energetico regionale Intervento dell Ing. Sebastiano Cacciaguerra Direttore del Servizio Energia 1 Il progetto del PER Il Servizio Energia è attualmente impegnato, attraverso un

Dettagli

Rapporto ambientale Anno 2012

Rapporto ambientale Anno 2012 Rapporto ambientale Anno 2012 Pagina 1 di 11 1 ANNO 2012 Nell anno 2005 la SITI TARGHE srl ha ottenuto la certificazione ambientale secondo la norma internazionale ISO 14001:2004, rinnovata nel 2008 e

Dettagli

Ottimizzazione e Manutenzione per il Risparmio Energetico. RELATORE: Ing. Giuseppe Demuru -RESPONSABILE Impianto Servizi Ausiliari-

Ottimizzazione e Manutenzione per il Risparmio Energetico. RELATORE: Ing. Giuseppe Demuru -RESPONSABILE Impianto Servizi Ausiliari- Ottimizzazione e Manutenzione per il Risparmio Energetico RELATORE: Ing. Giuseppe Demuru -RESPONSABILE Impianto Servizi Ausiliari- Portovesme s.r.l. www.portovesme.it S.P. n.2 Carbonia Km. 16,5-09010 Portoscuso

Dettagli

IL TURISMO SOSTENIBILE uno strumento innovativo per lo Sviluppo Rurale. Andrea Zanfini EQO Srl

IL TURISMO SOSTENIBILE uno strumento innovativo per lo Sviluppo Rurale. Andrea Zanfini EQO Srl IL TURISMO SOSTENIBILE uno strumento innovativo per lo Sviluppo Rurale Giovedì 29 Marzo ore 14,30 18,30 Mercato Saraceno, Sala del Consiglio Andrea Zanfini EQO Srl Via Verde, 11 Bologna P.za Falcone Borsellino,

Dettagli

PICCOLI IMPIANTI IDROELETTRICI. Elettricità da Fonti Rinnovabili in Liguria

PICCOLI IMPIANTI IDROELETTRICI. Elettricità da Fonti Rinnovabili in Liguria PICCOLI IMPIANTI IDROELETTRICI Elettricità da Fonti Rinnovabili in Liguria ENERGIA IDROELETTRICA La potenza dell impianto dipende dalle caratteristiche della fonte considerata ed in particolare è funzione

Dettagli

ENERGY MANAGEMENT Gruppo Monte dei Paschi di Siena

ENERGY MANAGEMENT Gruppo Monte dei Paschi di Siena ENERGY MANAGEMENT Gruppo Monte dei Paschi di Siena Ing. Francesco Pellegrino- Energy Manager PGI Milano, 12/11/2004 INDICE 1 LA BANCA MPS 2 LA POLITICA AMBIENTALE 3 IMMOBILIARI 4 ENERGY MANAGEMENT 2 1-

Dettagli

Efficienza energetica e condomini Una visione di insieme. Ing. Emanuele Bulgherini Project Manager EfficiencyKNow srl

Efficienza energetica e condomini Una visione di insieme. Ing. Emanuele Bulgherini Project Manager EfficiencyKNow srl Efficienza energetica e condomini Una visione di insieme Ing. Emanuele Bulgherini Project Manager EfficiencyKNow srl Il quadro normativo sull efficienza energetica e gli strumenti incentivanti o Legge

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 140

LEGGE REGIONALE N. 140 VII LEGISLATURA ATTI: 011117 LEGGE REGIONALE N. 140 NORME PER IL RISPARMIO ENERGETICO NEGLI EDIFICI E PER LA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI INQUINANTI E CLIMALTERANTI Approvata nella seduta del 15 dicembre

Dettagli

N. 14: Produzioni e consumi energetici italiani (v. Q. n. 06)

N. 14: Produzioni e consumi energetici italiani (v. Q. n. 06) N. 14: Produzioni e consumi energetici italiani (v. Q. n. 06) 1. Introduzione I consumi di energia all utilizzatore (domestico, industriale, commerciale, per trasporti, agricolo, amministrativo, ecc) nelle

Dettagli

PRESENTAZIONE PROFESSIONALE. Ing. Daniele Bianchini Geom. Roberto Del Vecchio

PRESENTAZIONE PROFESSIONALE. Ing. Daniele Bianchini Geom. Roberto Del Vecchio PRESENTAZIONE PROFESSIONALE Ing. Daniele Bianchini Geom. Roberto Del Vecchio Traversa Trentaduesima 42 - Villaggio Prealpino (BS) Telefono e Fax 030/2010990 INQUADRAMENTO GENERALE Dalla pluriennale esperienza,

Dettagli

Certificazione ambientale delle imprese secondo Regolamento EMAS e norma ISO 14001. Cuneo, 14 gennaio 2011

Certificazione ambientale delle imprese secondo Regolamento EMAS e norma ISO 14001. Cuneo, 14 gennaio 2011 Certificazione ambientale delle imprese secondo Regolamento EMAS e norma ISO 14001 Cuneo, 14 gennaio 2011 Gli Strumenti di Gestione Ambientale Norma UNI EN ISO 14001: Norma internazionale emanata nella

Dettagli

I mercati per l ambiente

I mercati per l ambiente I mercati per l ambiente Il piano «20-20-20» A marzo 2007, il Consiglio Europeo si è prefissato di raggiungere entro l anno 2020: a)la riduzione delle emissioni di gas a effetto serra di almeno il 20%

Dettagli

Reti di Teleriscaldamento e sfruttamento del calore

Reti di Teleriscaldamento e sfruttamento del calore Risorse geotermiche di media e bassa temperatura in Italia. Potenziale, Prospettive di mercato, Azioni. Reti di Teleriscaldamento e sfruttamento del calore geotermico Ing. Fausto Ferraresi Presidente AIRU

Dettagli

Il mondo produttivo e la Green Economy

Il mondo produttivo e la Green Economy Bologna Venerdì, 22 ottobre 2010 Verso un nuovo PER: linee di indirizzo per un Piano partecipato Il mondo produttivo e la Green Economy LA POLITICA ENERGETICA EUROPEA, LE GREEN TECHNOLOGIES, IL PIANO ANTICRISI

Dettagli

Sistema di Gestione Ambientale ISO 14001 - Comune Saint Denis. Life Cycle Engineering: www.studiolce.it

Sistema di Gestione Ambientale ISO 14001 - Comune Saint Denis. Life Cycle Engineering: www.studiolce.it Sistema di Gestione Ambientale ISO 14001 - Comune Saint Denis Life Cycle Engineering: www.studiolce.it 0 Introduzione: Certificazione ambientale Il Sistema di Gestione Ambientale L'obiettivo del Sistema

Dettagli

DOCUMENTO A SUPPORTO DEL PIANO DI RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA

DOCUMENTO A SUPPORTO DEL PIANO DI RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA Agenzia Regionale per la Prevenzione e l Ambiente dell Emilia-Romagna Via Po, n. 5 40139 - BOLOGNA tel 051/6223811 - fax 051/543255 P.IVA e C.F. 04290860370 Sezione Provinciale di Forlì-Cesena C.P. 345

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA (1)

EFFICIENZA ENERGETICA (1) Tutti gli incentivi per i cittadini: - La detrazione fiscale del 55% per rinnovabili e risparmio energetico nelle abitazioni - Il Conto Energia per il Fotovoltaico - La tariffa omnicomprensiva e i certificati

Dettagli

Diamo Energia All innovazione

Diamo Energia All innovazione Diamo Energia All innovazione Soluzioni innovative per l efficienza energetica Nata nel 2006 come impresa specializzata nello studio, sviluppo ed installazione di impianti e sistemi ad alto contenuto innovativo

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE POLIDORI, VIGNALI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE POLIDORI, VIGNALI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 999 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI POLIDORI, VIGNALI Disposizioni per la razionalizzazione della gestione delle acque e istituzione

Dettagli

Le certificazioni ambientali. Sistemi di gestione ambientale - ISO 14001 - EMAS Certificazione ambientale di prodotto - Ecolabel - Marchi nazionali

Le certificazioni ambientali. Sistemi di gestione ambientale - ISO 14001 - EMAS Certificazione ambientale di prodotto - Ecolabel - Marchi nazionali Le certificazioni ambientali Sistemi di gestione ambientale - ISO 14001 - EMAS Certificazione ambientale di prodotto - Ecolabel - Marchi nazionali Evoluzione storica L attenzione alle questioni ambientali

Dettagli

Dall obbligo all opportunità

Dall obbligo all opportunità Dall obbligo all opportunità Accreditamento secondo la norma UNI CEI EN ISO/IEC 17025:2005 delle prove su attrezzature operanti sotto tensione del Laboratorio multi-sito nell ambito del Sistema di Gestione

Dettagli

Qualità UNI EN ISO 9001. Ambiente UNI EN ISO 14001. Registrazione EMAS. Emission trading. Sicurezza BS OHSAS 18001:2007

Qualità UNI EN ISO 9001. Ambiente UNI EN ISO 14001. Registrazione EMAS. Emission trading. Sicurezza BS OHSAS 18001:2007 ICMQ Certificazioni e controlli per le costruzioni La certificazione dei sistemi di gestione Certificazione sistemi di gestione ICMQ, organismo di certificazione e ispezione per il settore delle costruzioni,

Dettagli

Parametro Valore Unità misura

Parametro Valore Unità misura Parametro Valore Unità di misura Dimensione lotto 268.660 m 2 Potenza elettrica lorda 16,8 MWe Potenza elettrica netta 14,0 MWe Producibilità media lorda annua 126 GWh/anno Tensione di rete 150 kv Potenza

Dettagli

l energia che immagini

l energia che immagini il futuro è rinnovabile l energia che immagini le opportunità di un settore in continua crescita eolico fotovoltaico L'energia eolica è ottenuta dal vento e il suo sfruttamento è attuato tramite macchine

Dettagli

PUNTO ENERGIA _ Industrie o terziario di grandi dimensioni

PUNTO ENERGIA _ Industrie o terziario di grandi dimensioni PUNTO ENERGIA _ Industrie o terziario di grandi dimensioni Incentivazione del risparmio energetico nell industria tramite i Certificati Bianchi Linea Guida per accedere al contributo PREMESSA La legislazione

Dettagli

ART. 1 (Disposizioni per il completamento del processo di liberalizzazione dei settori dell energia elettrica e del gas)

ART. 1 (Disposizioni per il completamento del processo di liberalizzazione dei settori dell energia elettrica e del gas) Schema di disegno di legge recante misure per la liberalizzazione del mercato dell energia, per la razionalizzazione dell approvvigionamento, per il risparmio energetico e misure immediate per il settore

Dettagli

Il contributo del teleriscaldamento al miglioramento energetico ed ambientale

Il contributo del teleriscaldamento al miglioramento energetico ed ambientale Il contributo del teleriscaldamento al miglioramento energetico ed ambientale Studio del caso nella provincia di Forlì Luca Golfera, Marco Pellegrini, Augusto Bianchini, Cesare Saccani DIEM, Facoltà di

Dettagli

FANGHI DI DEPURAZIONE: L ESPERIENZA SMAT

FANGHI DI DEPURAZIONE: L ESPERIENZA SMAT ESPERIENZE INNOVATIVE IN ITALIA SUGLI ASPETTI DEPURATIVI: UN FOCUS SUI FANGHI Bologna, 22 ottobre 2014 FANGHI DI DEPURAZIONE: L ESPERIENZA SMAT Ing. Marco ACRI Direttore Generale SOCIETÀ METROPOLITANA

Dettagli

Decreto legislativo 4 luglio 2014 n 102 attuazione della direttiva 2012/27/UE sull Efficienza Energetica

Decreto legislativo 4 luglio 2014 n 102 attuazione della direttiva 2012/27/UE sull Efficienza Energetica Decreto legislativo 4 luglio 2014 n 102 attuazione della direttiva 2012/27/UE sull Efficienza Energetica Decreto legislativo 4 luglio 2014 n 102 Il provvedimento stabilisce un quadro di misure per la promozione

Dettagli

Procedura. Politica in materia di salute, sicurezza, ambiente, energia e incolumità pubblica. enipower. POL.HSE.pro-01_ep_r03. POL.HSE.

Procedura. Politica in materia di salute, sicurezza, ambiente, energia e incolumità pubblica. enipower. POL.HSE.pro-01_ep_r03. POL.HSE. Procedura Politica in materia di salute, sicurezza, ambiente, energia e incolumità pubblica. TITOLO PROCEDURA TITOLO PRPOCEDURA TITOLO PROCEDURA MSG DI RIFERIMENTO: HSE 1 Frontespizio TITOLO: Politica

Dettagli

Anno 2014. Rapporto ambientale

Anno 2014. Rapporto ambientale Anno 2014 Rapporto ambientale 1 ANNO 2014 Nell anno 2005 la SITI TARGHE S.r.l. ha ottenuto la certificazione ambientale secondo la norma internazionale ISO 14001:2004, rinnovata nel 2008, nel 2011 e nel

Dettagli

design: PRIMA VISIONE Torino L ENERGIA CHE TI VIENE INCONTRO

design: PRIMA VISIONE Torino L ENERGIA CHE TI VIENE INCONTRO design: PRIMA VISIONE Torino L ENERGIA CHE TI VIENE INCONTRO SOCIETA' VENDITA GAS METANO - ENERGIA ELETTRICA SO.MET SOCIETA' DISTRIBUTRICE GAS METANO SERVIZI GESTIONE CALORE GRUPPO SOMET v. G. Testore,

Dettagli

Gestione della produzione di energia idroelettrica ambientalmente compatibile con gli indirizzi della Direttiva Europea

Gestione della produzione di energia idroelettrica ambientalmente compatibile con gli indirizzi della Direttiva Europea Gestione della produzione di energia idroelettrica ambientalmente compatibile con gli indirizzi della Direttiva Europea Casadei Armando CVA SpA Compagnia Valdostana delle Acque S.p.A. La Compagnia Valdostana

Dettagli

Valentina Croff * La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova. Premessa. Contenuti e modalità di attuazione

Valentina Croff * La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova. Premessa. Contenuti e modalità di attuazione 33 Valentina Croff * Premessa Contenuti e modalità di attuazione La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova Lo scorso mese di aprile il Consorzio Venezia Nuova

Dettagli

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane Università degli Studi di Padova Dipartimento Ingegneria Industriale Centro Studi Qualità Ambiente In collaborazione con ACCREDIA Ente Italiano di Accreditamento Benefici, costi e aspettative della certificazione

Dettagli

POLITICA DELLA QUALITA DELL AMBIENTE E DELLA SICUREZZA ALIMENTARE

POLITICA DELLA QUALITA DELL AMBIENTE E DELLA SICUREZZA ALIMENTARE POLITICA DELLA QUALITA DELL AMBIENTE E DELLA SICUREZZA ALIMENTARE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Questo documento descrive le responsabilità della Direzione. Responsabilità che si esplicano nel comunicare

Dettagli

Energia da Biomassa e tecnologie per l Efficienza Energetica

Energia da Biomassa e tecnologie per l Efficienza Energetica Ingeco S.r.l. via Alzaia sul Sile, 26/D I-31057 Silea TV T. +39 0422 363292 F. +39 0422 363294 E. ingeco@ingeco-enr.it W. www.ingeco-enr.it Energia da Biomassa e tecnologie per l Efficienza Energetica

Dettagli

Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di laurea specialistica in Ingegneria Meccanica

Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di laurea specialistica in Ingegneria Meccanica Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di laurea specialistica in Ingegneria Meccanica Corso di Impatto ambientale Modulo Pianificazione Energetica a.a. 2012/13 Prof. Ing. Francesco

Dettagli

Efficienza energetica: opportunità per le aziende e il sistema Italia

Efficienza energetica: opportunità per le aziende e il sistema Italia Efficienza energetica: opportunità per le aziende e il sistema Italia Energy Med Napoli, 23/03/2012 Marco Ballicu, Unità affari istituzionali e regolamentari EGL Italia S.p.A. Una società del Gruppo Indice

Dettagli

2) Quale unità di misura si utilizza per misurare il consumo di fonti primarie di energia?

2) Quale unità di misura si utilizza per misurare il consumo di fonti primarie di energia? 28 QM 4 1) Non è una tecnologia di cogenerazione: Turbina a vapore con spillamento di vapore Turbina a vapore in contropressione Ciclo combinato gas-vapore Motore alternativo con recupero sui gas di scarico

Dettagli

Relazione Tecnica SALUZZO NUOVA CENTRALE DI COGENERAZIONE DENOMINATA CHP4 SITA A SALUZZO. Allegato n 3. Autorizzazione Integrata Ambientale

Relazione Tecnica SALUZZO NUOVA CENTRALE DI COGENERAZIONE DENOMINATA CHP4 SITA A SALUZZO. Allegato n 3. Autorizzazione Integrata Ambientale Relazione Tecnica Allegato n 3 Autorizzazione Integrata Ambientale Impianto IPPC SEDAMYL S.p.A. (AIA n.1018 del 12/10/2007) Comune SALUZZO NUOVA CENTRALE DI COGENERAZIONE DENOMINATA CHP4 SITA A SALUZZO.

Dettagli

TRONCHETTI E PELLET DI LEGNO

TRONCHETTI E PELLET DI LEGNO TRONCHETTI E PELLET DI LEGNO UNI EN ISO 14001:2004 CERTIQUALITY È MEMBRO DELLA FEDERAZIONE CISQ SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE CERTIFICATO produttore di pellet dal 1994 Fondata nel 1969, La TiEsse di Cimadolmo

Dettagli

STEA SpA. STEA SpA. EVOLVE S.r.l.

STEA SpA. STEA SpA. EVOLVE S.r.l. IL PUNTO DI VISTA DELL IMPRESA ESECUTRICE EVOLVE S.r.l. Evolve si occupa di progettare, realizzare e gestire impianti a gas naturale, cogenerazione, biomasse, reti di teleriscaldamento e servizio energia.

Dettagli

Il settore elettrico italiano: dal Monopolio alla Concorrenza

Il settore elettrico italiano: dal Monopolio alla Concorrenza Università degli Studi di Roma "Tor Vergata" Facoltà di Ingegneria Corso di Gestione ed Economia dell Energia e Fonti Rinnovabili Il settore elettrico italiano: dal Monopolio alla Concorrenza Ing. Tiziana

Dettagli

Comune di Udine Pianificazione Energetica

Comune di Udine Pianificazione Energetica Comune di Udine Pianificazione Energetica Pianificazione Energetica: procedura PIANIFICAZIONE ENERGETICA RACCOLTA DATI ANALISI DATI DEFINIZIONE BASELINE BILANCIO ENERGETICO INCIDENZA CONSUMI/EMISSIONI

Dettagli

E.T.A. Energie Tecnologie Ambiente - Fuelco Uno. sistema integrato di produzione di energia elettrica rinnovabile. Cutro - Crotone MARCEGAGLIA.

E.T.A. Energie Tecnologie Ambiente - Fuelco Uno. sistema integrato di produzione di energia elettrica rinnovabile. Cutro - Crotone MARCEGAGLIA. E.T.A. Energie Tecnologie Ambiente - Fuelco Uno sistema integrato di produzione di energia elettrica rinnovabile. Cutro - Crotone MARCEGAGLIA energy La nostra missione: Produrre energia rinnovabile Ridurre

Dettagli