Dipendenze Patologiche

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dipendenze Patologiche"

Transcript

1 Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Patologiche Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Patologiche Guida ai Servizi

2 Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Patologiche Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Patologiche Guida ai Servizi

3 Il presente opuscolo è stato realizzato a cura del Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Patologiche dell Azienda USL di Ravenna, in collaborazione con la dott.ssa Catia Sintoni - Qualità Accreditamento Aziendale dell Azienda USL di Ravenna. U.O. AFFARI GENERALI E SEGRETERIA - AZIENDA USL DI RAVENNA Composizione ed impaginazione: Claura Campanini Stampa: a cura del Centro Stampa Aziendale Ravenna: stampa aprile

4 INDICE - Premessa pag. 7 Sezione 1 - La tutela della Salute Mentale pag. 8 - I nostri principi pag. 9 - La nostra organizzazione pag. 11 Sezione 2 - Le Unità Operative del Dipartimento - U.O.C. Neuropsichiatria Infanzia e Adolescenza pag U.O.C. Dipendenze Patologiche pag U.O.C. Centro Salute Mentale pag. 25 5

5 - Servizio Psichiatrico Diagnosi e Cura pag U.O. Riabilitazione Psichiatrica pag Reclami, elogi e suggerimenti pag. 40 Sezione 3 - Standard di prodotto pag. 41 6

6 Premessa La guida ai servizi del Dipartimento di Salute Mentale e Dipendenze Patologiche dell'azienda USL di Ravenna è il documento che esplicita il "patto" tra questo Dipartimento ed i cittadini - utenti. In questa guida sono contenute tutte le informazioni riguardanti il DSM DP: prestazioni, orari, modalità di accesso, standard di qualità. Essa è pertanto strumento di comunicazione sui contenuti dell'offerta, impegni e garanzie che il DSM DP è in grado di erogare con attenzione costante ai diritti/doveri dei cittadini utenti. Se oggi il principio della partecipazione assume un rilievo particolare nella ridefinizione del rapporto tra servizi sanitari e cittadini, riconoscendo il ruolo attivo e propositivo che questi ultimi possono svolgere nella valorizzazione dei servizi pubblici, questo è tanto più vero nell'area della Salute Mentale. Il cittadino utente è infatti soggetto partecipativo, poiché la collaborazione tra chi eroga un servizio pubblico e chi ne usufruisce consente ai servizi di predisporre azioni di miglioramento per una comunità che sta progressivamente assumendo come propria una concezione di Salute che non è più esclusivamente assenza di malattia, ma che si esprime soprattutto come buona qualità di vita e che pertanto richiede forme nuove e più definite di relazione con i servizi e più precise attese sulla qualità degli stessi. 7

7 Sezione 1 La tutela della Salute Mentale Il Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Patologiche è la struttura aziendale che ha come finalità promuovere percorsi di guarigione delle persone con disabilità psichiatrica aiutandole a permanere nel loro contesto di vita cercando di raggiungere il miglior funzionamento biopsicosociale possibile compatibilmente con i deficit funzionali, la psicopatologia persistente e le ricadute. Nello specifico il DSM DP in ogni sua componente deve: Prevenire l'instaurarsi della disabilità (perdita di ruoli sociali validi) attraverso la presa in cura precoce (entro i primi 2 anni dall'esordio della psicopatologia) Contrastare l'aggravamento della disabilità negli stadi più avanzati di malattia, sostenendo le persone con grave disabilità psichiatrica a permanere nel loro contesto di vita cercando di raggiungere il miglior funzionamento biopsicosociale possibile compatibilmente con i deficit funzionali, la psicopatologia persistente e le ricadute Contenere il ricorso alla residenzialità potenziando i supporti domiciliari, lavorativi e scolastici Ciascuna area del DSM DP deve perseguire tali obiettivi coerentemente con la funzione specifica che riveste ed è solo un segmento del più complessivo processo di cura, strettamente correlato a tutti gli altri. Obiettivo principale è garantire equità e omogeneità su tutto il territorio aziendale rispetto alla qualità delle prestazioni, ai diritti degli utenti e all'uso delle risorse. 8

8 I nostri principi La particolare natura della malattia mentale che oltre ai sintomi determina anche conseguenze disabilitanti e disfunzionali nelle relazioni personali e sociali e nell'espletamento di ruoli, richiede l'intervento di diverse figure professionali. I nuovi concetti introdotti dalla letteratura internazionale sul concetto di guarigione dalle malattie mentali lunghe e persistenti (recovery) fanno sì che il DSM assuma come paradigma fondante quello biopsicosociale e quali suoi valori fondanti i seguenti principi: Principio della presa in carico multidimensionale, intesa come l'assunzione di responsabilità circa le più importanti disfunzioni che l'utente manifesta nelle principali aree di vita (lavoro, cura di sé, abitazione, famiglia, vita sociale e ricreativa), fornendo supporto per tutto il tempo necessario e lungo l'intero processo riabilitativo Principio del lavoro multidisciplinare d'èquipe, inteso come la cooperazione coordinata tra diverse figure professionali coinvolte nell'assistenza e nella riabilitazione di persone con problemi psichiatrici Principio della cooperazione tra tutte le componenti del DSM DP (CSM, SPDC, UONPIA, SERT, RIABILITAZIONE) Principio del lavoro di rete, inteso come la cooperazione con le risorse sociali, al fine di promuovere inserimenti sociali e lavorativi Principio del funzionamento, secondo il quale l'attenzione è rivolta allo svolgimento corretto delle attività quotidiane e dei ruoli sociali piuttosto che alla diminuzione dei sintomi 9

9 Principio del coinvolgimento dell'utente in tutti i passaggi del processo di cura. Il principio per il quale ogni trattamento debba essere attuato con la persona e non sulla persona è essenziale per raggiungere i risultati attesi, in quanto la sua efficacia è strettamente dipendente dal grado di partecipazione degli utenti alle fasi e ai passaggi in cui esso è articolato, fasi e passaggi che devono rispondere agli obiettivi di chi intraprende la riabilitazione e non di chi la eroga Principio del coinvolgimento della famiglia. Uno dei fattori determinanti per l'efficacia di un trattamento è la costruzione di un rapporto di partnership tra il sistema curante e la famiglia dell'utente, alla luce del ruolo primario di assistenza che questa espleta nei confronti del congiunto disabile Principio della scelta, conferisce valore alle preferenze degli utenti, in modo che siano essi stessi, supportati dagli operatori, a scegliere gli ambienti dove intendono realizzarsi Principio dell'orientamento sull'esito. Ogni trattamento tiene innanzi tutto conto del fine ultimo da perseguire, rappresentato dall'esito biopsicosociale. In questo senso, l'indicatore di efficacia di un programma non è la sua durata temporale, o il numero di operatori in esso coinvolti oppure il setting dove si svolge, quanto piuttosto la sua capacità di aiutare gli individui desocializzati a riguadagnarsi una posizione soddisfacente e di successo nella comunità, oltre che ridurre l'intensità e la frequenza dei sintomi e delle ricadute 10

10 La nostra organizzazione Al Dipartimento afferiscono le seguenti aree: Neuropsichiatria dell'infanzia e Adolescenza Dipendenze Patologiche Centro Salute Mentale Servizio Psichiatrico Diagnosi e Cura Riabilitazione Direzione di Dipartimento - Via Missiroli - Ravenna Il Direttore del DSM DP è nominato dalla Direzione Generale dell'azienda con funzioni di coordinamento, programmazione, gestione e verifica. Direttore: Dott.ssa Paola Carozza Responsabile Infermieristico Tecnico Dipartimentale: Dott. Pierpaolo Poletti Segreteria tel fax Il Direttore del Dipartimento ha responsabilità di tipo professionale in materia clinico-organizzativa e di tipo gestionale, è responsabile dell'allocazione delle risorse assegnate per la realizzazione degli obiettivi, discute il budget con la Direzione Generale. 11

11 Rappresenta l'azienda nei rapporti interni ed in quelli esterni istituzionali che riguardano le funzioni tecniche specifiche attinenti alle attività dipartimentali. E' sovraordinato ai Direttori di UO per gli aspetti di natura gestionale attinenti al Dipartimento e mantiene di norma la direzione della struttura alla quale appartiene. E' supportato dalla Direzione Sanitaria, dalla Direzione Infermieristica e Tecnica e dalla Direzione dell'assistenza Farmaceutica. Può avvalersi di un ufficio dipartimentale di staff. Alla Direzione del Dipartimento afferiscono funzioni con valenza dipartimentale: Accreditamento e Qualità Sistema Informativo Formazione Politica del farmaco Direzione Assistenziale dell'area Infermieristica e Tecnica (RITD) Il Dirigente Infermieristico e Tecnico: collabora con il Direttore Aziendale del Servizio Infermieristico e Tecnico per la direzione del personale Infermieristico, Tecnico, di Riabilitazione nonché il personale afferente come OSS, OTA, ADB, Assistente Sanitaria collabora con il responsabile di Dipartimento per garantire l'efficienza organizzativa, assicurando la necessaria flessibilità ed una adeguata gestione delle risorse umane, delle attrezzature, dei beni e dei materiali 12

12 contribuisce all'integrazione organizzativa, funzionale e professionale nel processo dell'assistenza intra ed extra dipartimentale garantisce la regolare applicazione delle decisioni del Direttore di Dipartimento e/o del Comitato di Dipartimento. garantisce la qualità dell'assistenza infermieristica e della funzione riabilitativa, mediante interventi di miglioramento continuo e di ricerca. Garanzie per i cittadini Tutto il personale si impegna affinchè siano garantiti: adozione in tutte le UU.OO. di trattamenti psicosociali Evidence Based riservatezza dei dati degli assistiti e tutela della privacy da parte di ogni operatore condivisione con l'assistito e/o suoi familiari del progetto terapeutico personalizzato valutazione con l'interessato e/o suoi familiari dello stato di avanzamento del progetto terapeutico ed eventuale rimodulazione degli obiettivi valutazione periodica della soddisfazione degli utenti 13

13 Sezione 2 Le Unità Operative del Dipartimento U.O.C. Neuropsichiatria Infanzia e Adolescenza Direttore: Dott.ssa Valeria Savoia Sede: CMP Via Fiume Abbandonato, Ravenna La U.O.NPIA è articolata in tre Centri di Neuropsichiatria (CNPIA) con sede principale e sedi distaccate: CNPIA di Ravenna Responsabile: Dott.ssa Valeria Savoia Sede principale: CMP Via Fiume Abbandonato, 134 Segreteria tel Dal lunedì al venerdì ore CNPIA di Lugo Responsabile Dott.ssa Sabrina Mainetti Sede principale: Corso G. Garibaldi, 55 Segreteria tel Dal lunedì al venerdì ore CNPIA di Faenza Responsabile Dott.ssa Elena Attanasio Sede principale: Via Zaccagnini, 22 Segreteria tel Dal lunedì al venerdì ore

14 Attività di riabilitazione Neuro Motoria Infantile Responsabile: Dott.ssa Daniela Gambini Sede Ravenna CMP Via F. Abbandonato, 134 Segreteria tel Dal lunedì al venerdì ore Sede Lugo Cotignola ex Ospedale Via Cairoli, 2 Segreteria tel Lunedi, mercoledì, venerdì ore Sede Faenza Via B. Zaccagnini, 22 Segreteria tel Martedì, mercoledì, venerdì ore L'Unità Operativa Neuropsichiatria dell'infanzia e dell'adolescenza (UONPIA) è un servizio pubblico dell'azienda USL di Ravenna che offre percorsi di prevenzione, diagnosi precoce, cura, riabilitazione e si occupa di disturbi neurologici, disturbi sensoriali, neuromotori, dismorfismi e paramorfismi, disturbi del linguaggio, dell'apprendimento, psichici e della sfera relazionale. All'interno della UONPIA sono previsti percorsi specifici per autismo. 15

15 Professionisti dell'u.o.npia Medici neuropsichiatri infantili Medici fisiatri Psicologi Fisioterapiste Logopediste Educatori professionali Operatori amministrativi A chi si rivolge Si rivolge a minori di età compresa tra 0 e 17 anni ed alle loro famiglie. Fase di accoglienza, valutazione e diagnosi Per accedere al servizio è necessaria la richiesta del Pediatra, del Medico di Famiglia o del Fisiatra Ospedaliero. E' previsto, salvo le categorie esenti e nel rispetto della privacy, il pagamento di un ticket. Fase di accoglienza Per le richieste di prima visita neuropsichiatrica e psicologica: telefonare al numero Lunedì, mercoledì, venerdì dalle 8.30 alle 12. Per le visite fisiatriche l'accesso è tramite prenotazione CUP per paramorfismi e dismorfismi prenotazione presso le segreterie della riabilitazione neuromotoria infantile per quesiti più complessi e per la fascia di età 0-24 mesi con richiesta dell'inviante. 16

16 Fase di valutazione Entro una settimana saranno comunicati: il nominativo ed il recapito telefonico del Neuropsichiatra, del Fisiatra o dello Psicologo di riferimento. Luogo, giorno e ora del primo appuntamento. Di norma la prima visita viene assegnata entro un mese dalla richiesta, le richieste urgenti saranno accolte con priorità; le prestazioni successive alla prima visita vengono effettuate su appuntamento e concordate con l'operatore di riferimento. Fase della diagnosi In genere il percorso diagnostico prevede l'intervento di più operatori (medici, psicologi, terapisti). In qualche caso potrà essere necessario ricorrere agli interventi di operatori di altri servizi (ad es. Pediatria Ospedaliera), specialmente laddove si rendano necessari accertamenti strumentali o di laboratorio. Al termine del percorso diagnostico, che di norma si conclude entro tre mesi dalla richiesta, viene consegnata una breve relazione scritta. Progetto di presa in carico Al termine del percorso di "accoglienza, valutazione, diagnosi" può rendersi necessaria la "Presa in carico" ovvero la predisposizione di uno o più percorsi di trattamento Vi sono diversi trattamenti disponibili: Trattamento Neuropsichiatrico Trattamento Fisiatrico Trattamento Psicologico Trattamento Psicoterapeutico 17

17 Trattamento Psicoeducativo Trattamento Logopedico Trattamento Fisioterapico Inserimento Residenziale/semiresidenziale Interventi socio sanitari Trattamento Farmacologico Il piano di trattamento con metodologie, finalità, modalità delle verifiche dei diversi trattamenti, viene illustrato dal medico o psicologo di riferimento e condiviso con i genitori. L'accesso ai trattamenti è regolato da liste d'attesa con criteri specifici di gestione. Garanzie per i cittadini Tutto il personale si impegna affinchè siano garantiti: rispetto dei tempi di attesa: prima visita entro 30 giorni riconoscibilità degli operatori attraverso apposito tesserino di identificazione riservatezza dei dati degli assistiti e tutela della privacy da parte di ogni operatore condivisione con l'assistito e/o suoi familiari del progetto terapeutico personalizzato valutazione con l'interessato e/o suoi familiari dello stato di avanzamento del progetto terapeutico ed eventuale rimodulazione degli obiettivi valutazione periodica della soddisfazione degli utenti 18

18 Percorso diagnostico integrato con Agenzie Educative La Legge 104/92 prevede provvedimenti specifici atti a favorire l'integrazione scolastica degli alunni con disabilità. A conclusione del percorso diagnostico, qualora se ne ravvisi la necessità, il Neuropsichiatra o lo Psicologo della UONPIA rilasciano apposita certificazione (Diagnosi funzionale) necessaria ad avviare il percorso di richiesta di personale didattico di sostegno e/o di educatore nella scuola. Appositi "Accordi di Programma" regolano la collaborazione fra operatori UONPIA, operatori scolastici e operatori sociali. Tale collaborazione è finalizzata alla formulazione, attuazione e verifica di un programma didattico individualizzato. Gli operatori della UONPIA rilasciano apposita certificazione e partecipano al percorso di "Accertamento della Disabilità" (Legge 104/92, L.R. 4/2008). Ulteriori informazioni utili Le regole generali di funzionamento della U.O.NPIA derivano dal D.G.R n. 911 del 25 giugno 2007 "Neuropsichiatria dell'infanzia e Adolescenza (NPIA) requisiti specifici di accreditamento delle strutture e catalogo regionale dei processi clinico assistenziali". E' possibile chiedere agli operatori della U.O. NPIA materiale informativo relativo a: indennità di frequenza o accompagnamento, invalidità civile, esenzioni per patologie specifiche, ausili. linee guida adottate nella diagnosi e nella presa in cura dei vari disturbi associazioni di familiari dei bambini e degli adolescenti, affetti da vari disturbi, presenti a livello locale, regionale o nazionale 19

19 U.O.C. Dipendenze Patologiche Direttore: Dott.ssa Deanna Olivoni Sede Ravenna: Via Rocca ai Fossi, 20 tel fax La U.O. Dipendenze Patologiche è articolata in Tossicodipendenze (Ser.T) con tre sedi distrettuali: Servizi Ser.T di Ravenna Direttore: Dott.ssa Deanna Olivoni Sede: Via Rocca ai Fossi, 20 tel Dal lunedì al venerdì mattina ore 8-13 Lunedì e giovedì pomeriggio ore 14,30-18 Sabato su appuntamento Ambulatorio somministrazione farmaci sostitutivi: Presidio ospedaliero - Viale Randi, 5 Dal lunedì al sabato ore Ser.T di Lugo Responsabile: Dott.ssa Manuela Martoni Sede: Via Bosi, 25 tel Lunedì, martedì, mercoledì e venerdì ore 8-13,30 Giovedì ore 8-10 e 14,30-17,30 Sabato ore 8-12,

20 Ser.T di Faenza Responsabile: Dott.ssa Deanna Olivoni Sede: Piazza San Rocco, 2 tel Dal lunedì al sabato mattina ore 8-13,30 Lunedì pomeriggio ore Altri pomeriggi su appuntamento Il Servizio Tossicodipendenze (Ser.T) è un servizio pubblico e gratuito dell'azienda USL di Ravenna. Svolge attività ambulatoriale per la prevenzione, cura e riabilitazione degli stati di dipendenza e delle patologie ad essi correlati. Ci si può rivolgere al Ser.T per una semplice richiesta di informazioni, una consulenza, un dubbio sulle sostanze d'abuso e sui rischi correlati. Professionisti dell'u.o. Dipendenze Patologiche Medici internisti Medici psichiatri Infermieri Psicologi Biologo/sociologo Assistenti Sociali Educatori Animatori Operatori Tecnici 21

21 A chi si rivolge Ogni cittadino residente nei comuni della provincia di Ravenna può accedere al Ser.T in forma del tutto gratuita (non occorre impegnativa del medico di base o pagamento di ticket) ed anonima. Possono accedere al Ser.T anche le persone temporaneamente presenti sul territorio sia italiane che straniere. Fase di accoglienza, osservazione e diagnosi La domanda giunge al servizio per accesso diretto dell'utente, di un familiare, richiesta telefonica o su invio del MMG, altro medico o altre agenzie (Tribunale, Prefettura, Scuole, Servizi Sociali, Carcere ecc.). La prima visita può essere effettuata in ambulatorio, al domicilio, in ospedale, in carcere o presso altre sedi. Viene fissato un appuntamento con l'operatore dell'accoglienza al massimo entro 7 giorni; l'operatore dell'accoglienza effettua una prima breve anamnesi con raccolta di dati utili alla compilazione della cartella clinica. Inoltre presenta brevemente il funzionamento del servizio, e, se necessario, le attività svolte; informa l'utente sui suoi diritti rispetto alla tutela della privacy e la riservatezza. Se l'operatore riscontra urgenza sanitaria coinvolge il medico che provvede all'orientamento diagnostico ed alle prime misure terapeutiche; se non riscontra urgenza, fissa successivi appuntamenti per l'approfondimento diagnostico (medico, psicologo, operatore area socio educativa). 22

22 Diagnosi e consulenza sanitaria Il medico che effettua la prima visita raccoglie i dati sanitari dell'utente. Inoltre lo informa sui possibili trattamenti terapeutici e /o farmacologici. Se indicato fa firmare il modulo di consenso al programma terapeutico. Progetto di presa in carico Al termine del percorso di Accoglienza, osservazione e diagnosi" può rendersi necessaria la "Presa in carico", ovvero la predisposizione di uno o più percorsi di trattamento. Vi sono diversi trattamenti disponibili: Trattamento Medico Trattamento Psichiatrico Trattamento Farmacologico Trattamento Psicologico Trattamento Psicoterapeutico Trattamento Socio-educativo Tirocini lavorativi Inserimento Residenziale/Semiresidenziale Interventi in carcere Il "Piano di trattamento personalizzato" con obiettivi, durata, modalità delle verifiche dei singoli trattamenti, viene illustrato dall'operatore di riferimento e condiviso con il paziente. L'accesso al trattamento residenziale/semiresidenziale è regolato da liste d'attesa con criteri specifici di gestione. 23

23 Garanzie per i cittadini Tutto il personale si impegna affinchè siano garantiti: rispetto dei tempi di attesa: primo colloquio entro 7 giorni riconoscibilità degli operatori attraverso apposito tesserino di identificazione riservatezza dei dati degli assistiti e tutela della privacy da parte di ogni operatore condivisione con l'assistito del progetto terapeutico personalizzato valutazione con l'interessato dello stato di avanzamento del progetto terapeutico ed eventuale rimodulazione degli obiettivi valutazione periodica della soddisfazione degli utenti Inoltre il Ser.T assicura La possibilità di effettuare il test HIV in forma anonima e gratuita a persone che ritengono di aver avuto comportamenti a rischio (rapporti sessuali non protetti con partner occasionali, contatto con sangue potenzialmente infetto) la possibilità di effettuare la vaccinazione anti epatite B la collaborazione con le scuole di ogni ordine e grado nella progettazione ed attuazione di iniziative volte alla formazione ed alla prevenzione interventi di formazione e consulenza ad Enti o soggetti interessati a programmi di approfondimento e/o prevenzione la collaborazione con enti del privato sociale che operino nel settore 24

24 Ulteriori informazioni utili Le regole generali di funzionamento della U.O. Dipendenze Patologiche derivano dal D.G.R 26 del 17 gennaio 2005 "Requisiti specifici per l'accreditamento dei Sert e delle Strutture di Trattamento Residenziali e Semiresidenziali per persone dipendenti da sostanze d'abuso". E' possibile chiedere agli operatori della U.O. Dipendenze Patologiche informazioni relative a: pensione, invalidità civile, esenzioni per patologie specifiche gruppi di auto aiuto presenti sul territorio linee guida adottate nella diagnosi e nella presa in cura dei vari disturbi U.O.C. Centro Salute Mentale Direttore: Dott.ssa Paola Carozza Sede Ravenna: Piazza della Magnolia, 5 tel fax La U.O. Centro Salute Mentale è articolata in tre sedi distrettuali: CSM di Ravenna Direttore: Dott.ssa Paola Carozza Sede: Piazza della Magnolia, 5 - Ponte Nuovo Ravenna tel

25 CSM di Lugo Responsabile: Dott.Pietro Nucera Sede: Viale Masi, 18 tel CSM di Faenza Responsabile: Dott. Matteo Magnante Sede: Via Baliatico, 3 tel Orari di apertura Le sedi sono aperte al pubblico dal lunedì al venerdì dalle ore 8.00 alle ore 20.00; sabato dalle ore 8.00 alle ore Negli orari di chiusura del servizio il cittadino può rivolgersi al Servizio di Continuità Assistenziale (ex Guardia Medica) e/o al Pronto Soccorso degli Ospedali di Ravenna, Faenza e Lugo. Il Centro Salute Mentale (CSM) è un servizio pubblico dell'azienda USL di Ravenna deputato alla promozione ed alla tutela della salute mentale per la popolazione di età superiore ai 18 anni. Le sue funzioni sono: limitare la disfunzione, la disabilità e l'handicap aiutare i pazienti e i loro familiari ad elaborare le reazioni avverse alla malattia mentale 26

26 rinforzare il locus internal of control. ridurre la dipendenza del paziente dal sistema dei servizi. ridurre la frequenza e l'intensità dei sintomi. ridurre l'angoscia legata ai sintomi e all'aggressione traumatica della malattia mentale. risolvere episodi critici, di origine endogena o esogena riorganizzando la persona sul piano emotivo-comportamentale, compresi i disturbi del comportamento alimentare (DCA) supportare il paziente ad ottenere ciò di cui ha bisogno per sopravvivere (sussidi, pensioni, assegni di accompagnamento alloggio, pasti, assistenza medica) Opera nel rispetto della dignità della persona tutelando, assieme ad altri servizi e/o enti, il diritto alla salute mentale. Si integra con le altre Unità Operative del DSMDP e collabora con i Medici di Medicina Generale, con i Servizi Sociali e Sanitari, con il Privato e con il Privato Sociale che si occupa di salute mentale e con le Associazioni dei familiari, promuovendo altresì iniziative di solidarietà e di lotta al pregiudizio. L'attività è svolta sia a livello ambulatoriale che domiciliare e territoriale. 27

27 Professionisti dell'u.o. Centro Salute Mentale Medici psichiatri Infermieri Psicologi Assistenti Sociali Educatori Personale tecnico e amministrativo A chi si rivolge Ogni cittadino residente nei comuni della provincia di Ravenna può accedere al CSM: su appuntamento (con richiesta anche telefonica) con accesso diretto al Servizio in urgenza inviato dal Medico curante Possono accedere al CSM anche le persone temporaneamente presenti sul territorio sia italiane che straniere. Attività Le attività di promozione e tutela della salute mentale erogate dalle articolazioni del CSM sono: accoglienza e informazione valutazione diagnostica, elaborazione di un piano di trattamento personalizzato e indicazione del percorso clinico assistenziale più idoneo al paziente ed al suo contesto familiare 28

28 percorsi clinico assistenziali: - consulenze ai MMG, alle strutture socio sanitarie ed assistenziali ed alle comunità terapeutiche presenti sul territorio di competenza - presa in carico per patologie psichiatriche all'esordio o a carattere episodico (trattamenti farmacologici e/o psico-sociali erogati in sedi ambulatoriali, domiciliari e territoriali, intensivi, interprofessionali e multidimensionali) - presa in carico a lungo termine per patologie psichiatriche in stadio avanzato di malattia (trattamenti farmacologici e/o psicosociali erogati in sedi ambulatoriali, domiciliari e territoriali, intensivi, interprofessionali e multidimensionali) - in entrambi i casi il "Piano di Trattamento personalizzato" con obiettivi, durata, modalità delle verifiche sugli esiti dei singoli trattamenti, viene illustrato dall'operatore di riferimento e condiviso con il paziente. - interventi in collaborazione ed integrazione con SPDC, Case di Cura Private accreditate, RTI per il ricovero di pazienti in fase acuta non gestibile sul territorio programmi di formazione al lavoro, finalizzati, ove possibile, all'inserimento/reinserimento lavorativo, coerentemente con gli obiettivi del piano di trattamento personalizzato che preveda un percorso di integrazione sociale nel contesto di appartenenza trattamenti riabilitativi individualizzati volti a recuperare o mantenere un ruolo sociale valido e a contrastare la progressione della disabilità 29

29 trattamenti specifici, rivolti ai familiari, utili a favorire lo sviluppo sia di abilità di coping per far fronte ai problemi dei loro congiunti sia di abilità di recupero di uno stato di benessere familiare (residenza) Garanzie per i cittadini Tutto il personale si impegna affinchè siano garantiti: rispetto dei tempi di attesa: prima visita - urgente entro 12 ore - prioritaria entro 7 giorni - programmata entro 15 giorni riconoscibilità degli operatori attraverso apposito tesserino di identificazione riservatezza dei dati degli assistiti e tutela della privacy da parte di ogni operatore condivisione con l'assistito del progetto terapeutico personalizzato valutazione con il paziente e/o suoi familiari, dello stato di raggiungimento degli obiettivi individuati nel progetto terapeutico ed eventuale rimodulazione degli stessi valutazione periodica della soddisfazione degli utenti 30

30 Servizio Psichiatrico Diagnosi e Cura Direttore: Dott. Roberto Zanfini Sede: Viale Randi, 5 Ravenna tel fax L'U.O. Emergenza Urgenza è una Unità Operativa del DSMDP ed ha il compito di integrare, presidiare ed orientare tutte le risorse ed i percorsi intra ed extra ospedalieri dell'emergenza urgenza psichiatrica. Le sue funzioni sono: stabilizzare i sintomi ridurre lo stato di angoscia correlato e la disorganizzazione emotivocomportamentale modificare l'esperienza soggettiva della crisi e dell'ospedalizzazione aiutare il paziente ed i suoi familiari a ripianificare il loro futuro, dopo l'esperienza traumatica della ricaduta Il SPDC svolge la funzione di ricovero e consulenza per i reparti e per il Pronto Soccorso del Presidio Ospedaliero. Professionisti dell'u.o.emergenza Urgenza Servizio Psichiatrico Diagnosi e Cura Medici psichiatri Infermieri Operatori Socio Sanitari 31

31 Come si accede I ricoveri possono avvenire in TSO (trattamento sanitario obbligatorio) o in TSV (trattamento sanitario volontario). Al servizio psichiatrico di Diagnosi e Cura si può afferire tramite invio motivato di uno psichiatra del Centro Salute Mentale oppure attraverso un invio del Pronto Soccorso. Garanzie per i cittadini Tutto il personale si impegna affinchè siano garantiti: un Medico curante ed un Infermiere di riferimento per ogni paziente ricoverato per tutta la durata del ricovero riconoscibilità degli operatori attraverso apposito tesserino di identificazione riservatezza dei dati degli assistiti e tutela della privacy da parte di ogni operatore condivisione con l'assistito del progetto terapeutico personalizzato valutazione con l'interessato dello stato di avanzamento del progetto terapeutico ed eventuale rimodulazione degli obiettivi valutazione periodica della soddisfazione degli utenti Inoltre il SPDC assicura Ogni degente è affidato: ad un Medico Curante che prescrive la terapia, valuta gli effetti dei farmaci, dispone gli esami clinici e le visite specialistiche necessarie, concorda le uscite dal reparto ed il giorno della dimissione ad un Infermiere di riferimento per turno insieme al quale concorda un programma assistenziale personalizzato 32

Dipendenze Patologiche

Dipendenze Patologiche Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Patologiche Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Patologiche Guida ai Servizi Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Patologiche Dipartimento Salute Mentale

Dettagli

Dipendenze Patologiche

Dipendenze Patologiche Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Patologiche Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Patologiche Guida ai Servizi Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Patologiche Dipartimento Salute Mentale

Dettagli

guida ai servizi di psichiatria adulti

guida ai servizi di psichiatria adulti Dipartimento di Salute Mentale guida ai servizi di psichiatria adulti del Dipartimento di Salute Mentale Copia Prodotta Internamente dal Servizio Informazione e Comunicazione Ausl Imola Luglio 2005 Suggerimenti,

Dettagli

CENTRO DI SALUTE MENTALE DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE

CENTRO DI SALUTE MENTALE DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE CENTRO DI SALUTE MENTALE DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE 1/7 Premessa Il Dipartimento salute mentale e dipendenze patologiche è la struttura aziendale che ha come finalità la promozione

Dettagli

SERVIZIO PSICHIATRICO DI DIAGNOSI E CURA DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE

SERVIZIO PSICHIATRICO DI DIAGNOSI E CURA DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE SERVIZIO PSICHIATRICO DI DIAGNOSI E CURA DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE E DIPENDENZE PATOLOGICHE 1/6 Premessa Il Dipartimento salute mentale e dipendenze patologiche è la struttura aziendale che ha come finalità

Dettagli

Dipartimento di Salute Mentale

Dipartimento di Salute Mentale OSPEDALE 88 Dipartimento di Salute Mentale Direttore: Dr. Vincenzo Zindato UO PSICHIATRIA CENTRO PSICO SOCIALE (CPS) E AMBULATORI PERIFERICI Il CPS è il Servizio che si occupa della prevenzione, della

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009 Servizi Socio-Sanitari AZIENDA ULSS N. 22 Bussolengo (VR) Unità Complessa Disabilità Direttore Dott. Gabriele Bezzan Funzionario Dott.ssa Liliana Menegoi Segreteria

Dettagli

Unità Operativa Aziendale Malattie Infettive

Unità Operativa Aziendale Malattie Infettive Presidi Ospedalieri di Ravenna, Faenza, Lugo Dipartimento Medico 2 Unità Operativa Aziendale Malattie Infettive Guida ai Servizi Presidi Ospedalieri di Ravenna, Faenza, Lugo Dipartimento Medico 2 Unità

Dettagli

Dipartimento di Salute Mentale

Dipartimento di Salute Mentale Dipartimento di Salute Mentale UO DI PSICHIATRIA E NEUROPSICHIATRIA Direttore: Dr. Vincenzo Zindato UO DI PSICHIATRIA Il CPS è il Servizio che si occupa della prevenzione, della cura e della riabilitazione

Dettagli

UNITÀ OPERATIVA RIABILITAZIONE SCLEROSI MULTIPLA DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE

UNITÀ OPERATIVA RIABILITAZIONE SCLEROSI MULTIPLA DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE UNITÀ OPERATIVA RIABILITAZIONE SCLEROSI MULTIPLA DIPARTIMENTO DI NEUROSCIENZE 1/7 Premessa Il Dipartimento di Neuroscienze ha come obiettivo la prevenzione, la diagnosi, la cura, la riabilitazione e la

Dettagli

Ambulatorio di Cardiologia

Ambulatorio di Cardiologia Presidio Ospedaliero di Lugo Dipartimento Cardiovascolare U.O. di Cardiologia Ambulatorio di Cardiologia Guida ai Servizi Presidio Ospedaliero di Lugo Dipartimento Cardiovascolare U.O. di Cardiologia Ambulatorio

Dettagli

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il distretto sanitario di Cividale si presenta A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il Distretto è una struttura dell Azienda per i servizi sanitari territoriali

Dettagli

FONDAZIONE. Bartolomea Spada Schilpario Valle di Scalve O.N.L.U.S. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI

FONDAZIONE. Bartolomea Spada Schilpario Valle di Scalve O.N.L.U.S. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI per servizio di ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA REVISIONI N. Descrizione Data 0 Redazione documento 20 giugno 2012 1 Pagina 6, modifica prima riga 15

Dettagli

SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE

SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE DOVE ANDARE PER cominciare un percorso oncologico, prenotare una visita CENTRO ACCOGLIENZA E SERVIZI (CAS): Ospedale U. Parini, blocco D, piano -1 È la struttura dedicata

Dettagli

Il nursing riabilitativo nel Dipartimento di Salute Mentale. Docente: Paolo Barelli

Il nursing riabilitativo nel Dipartimento di Salute Mentale. Docente: Paolo Barelli Il nursing riabilitativo nel Dipartimento di Salute Mentale Docente: Paolo Barelli Day Hospital Centro Diurno CONTESTO Centro Salute Mentale: Ambulatori e Territorio SOCIALE Ospedale: Servizio Psichiatrico

Dettagli

Dr. Bruno FRANCHINI Dr.Marina PALEARI Dr.Vincenzo VALESI

Dr. Bruno FRANCHINI Dr.Marina PALEARI Dr.Vincenzo VALESI CARTA INFORMATIVA DEI SERVIZI DEI MEDICI IN GRUPPO Dr. Bruno FRANCHINI Dr.Marina PALEARI Dr.Vincenzo VALESI MEDICINA DI GRUPPO SAN DAMIANO 4 NOVEMBRE 12 - BRUGHERIO IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE ha il

Dettagli

MA 28. DAI NEUROSCIENZE UOC di PSICHIATRIA du Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE. Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 7. pag.

MA 28. DAI NEUROSCIENZE UOC di PSICHIATRIA du Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE. Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 7. pag. pag. 7 DAI NEUROSCIENZE UOC di PSICHIATRIA du Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 7 Inserire eventuali altri loghi appartenenti all UO (es. Università,

Dettagli

Sedi periferiche per attivazione servizio ADI

Sedi periferiche per attivazione servizio ADI Sedi e numeri di telefono L Ente Erogatore ADI ASL di Brescia ha una sede principale presso il Distretto di Brescia in Viale Duca degli Abruzzi, 13. La Segreteria, sita al primo piano, opera con il seguente

Dettagli

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI Regione del Veneto Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO DISTRETTO SOCIO SANITARIO OSPEDALE DI COMUNITA VALDAGNO CARTA DEI SERVIZI 1 Presentazione dell Ospedale di Comunità: L Ospedale

Dettagli

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE CENTRO DI TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE Direttore: dott. Marco Bertolotto LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE Le Cure Palliative forniscono il sollievo dal dolore e da altri gravi

Dettagli

Dr. Corbetta Contardo Luigi Dr. Corti Fiorenzo Massimo Dr.ssa Lampreda Maria P. Consuelo (Via Giotto 20 20060 Masate)

Dr. Corbetta Contardo Luigi Dr. Corti Fiorenzo Massimo Dr.ssa Lampreda Maria P. Consuelo (Via Giotto 20 20060 Masate) 09/2009 CARTA INFORMATIVA DEI SERVIZI DEI MEDICI IN GRUPPO Dr. Corbetta Contardo Luigi Dr. Corti Fiorenzo Massimo Dr.ssa Lampreda Maria P. Consuelo (Via Giotto 20 20060 Masate) IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE

Dettagli

Progetto co-finanziato da MINISTERO DELL INTERNO UNIONE EUROPEA. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi L OSPEDALE IN TASCA

Progetto co-finanziato da MINISTERO DELL INTERNO UNIONE EUROPEA. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi L OSPEDALE IN TASCA Progetto co-finanziato da UNIONE EUROPEA MINISTERO DELL INTERNO Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi H L OSPEDALE IN TASCA 1 INDICE Il Pronto Soccorso Il ricovero in ospedale Le

Dettagli

CARTA dei SERVIZI. di Cure Domiciliari della coop.

CARTA dei SERVIZI. di Cure Domiciliari della coop. CARTA dei SERVIZI di Cure Domiciliari della coop. 1 La carta dei servizi costituisce un importante punto di riferimento per l utente che può conoscere agevolmente i servizi e le loro modalità di erogazione.

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI CENTRO DI RIABILITAZIONE SAN VINCENZO CENTRO DIURNO IL VELIERO

CARTA DEI SERVIZI CENTRO DI RIABILITAZIONE SAN VINCENZO CENTRO DIURNO IL VELIERO CARTA DEI SERVIZI CENTRO DI RIABILITAZIONE SAN VINCENZO CENTRO DIURNO IL VELIERO 1. L'Istituto San Vincenzo L'Istituto San Vincenzo è un ente religioso legalmente riconosciuto che dipende dalla Arcidiocesi

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

ADI (Assistenza Domiciliare Integrata)

ADI (Assistenza Domiciliare Integrata) Università degli Studi di Foggia C.di L. nella Professione Sanitaria di INFERMIERE ADI (Assistenza Domiciliare Integrata) Dott. Cristiano Capurso Definizione L'Assistenza Domiciliare Integrata è una forma

Dettagli

Unità Operativa di Ginecologia

Unità Operativa di Ginecologia Presidio Ospedaliero di Ravenna Dipartimento Maternità, Infanzia, Età Evolutiva Unità Operativa di Ginecologia Guida ai Servizi Presidio Ospedaliero di Ravenna Dipartimento Maternità, Infanzia, Età Evolutiva

Dettagli

UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE GENERALE IN REGIME DIURNO CONTINUO PER ETA EVOLUTIVA

UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE GENERALE IN REGIME DIURNO CONTINUO PER ETA EVOLUTIVA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE GENERALE IN REGIME DIURNO CONTINUO PER ETA EVOLUTIVA DEFINIZIONE E UTENZA: L Unità Operativa di Riabilitazione Generale in Regime Diurno Continuo, accreditata presso il

Dettagli

Servizio Specialistico Ambulatoriale

Servizio Specialistico Ambulatoriale Servizio Specialistico Ambulatoriale Ospedale privato Villa Igea Mission Il nostro impegno è quello di fornire, nel rispetto della persona, servizi e prestazioni sanitarie appropriate, efficaci e sicure,

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISABILITA PREMESSA L Istituto opera con particolare attenzione per l integrazione degli alunni disabili, favorendo la socializzazione, l acquisizione di autonomia

Dettagli

Notizie generali sulla Psichiatria

Notizie generali sulla Psichiatria Notizie generali sulla Psichiatria Psichiatria: è la branca della medicina specializzata nello studio, nella diagnosi e nella terapia dei disturbi mentali. Oggi si privilegia considerare la Psichiatria

Dettagli

UNITÁ OPERATIVA DI CHIRURGIA MAXILLO- FACCIALE DIPARTIMENTO CHIRURGICO

UNITÁ OPERATIVA DI CHIRURGIA MAXILLO- FACCIALE DIPARTIMENTO CHIRURGICO UNITÁ OPERATIVA DI CHIRURGIA MAXILLO- FACCIALE DIPARTIMENTO CHIRURGICO 1/6 Attività L unità operativa di Chirurgia Maxillo-Facciale rappresenta un centro di eccellenza nel suo settore e si rivolge ai cittadini

Dettagli

1. DISABILI E FAMIGLIA

1. DISABILI E FAMIGLIA 1. DISABILI E FAMIGLIA COSA FA IL CISS OSSOLA PER LE PERSONE CON DISABILITA E LE LORO FAMIGLIE Contribuisce a garantire condizioni di benessere relazionale, ambientale e sociale che valorizzino le risorse

Dettagli

ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Dipartimento cure primarie 1/7 Premessa L'Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) è una forma di assistenza rivolta a persone residenti o domiciliate a Bologna e provincia,

Dettagli

ABITARE LA VITA Pisa 21 febbraio 2013

ABITARE LA VITA Pisa 21 febbraio 2013 APPARTAMENTI VERSO L AUTONOMIA ABITARE LA VITA Pisa 21 febbraio 2013 Le politiche Regionali di sostegno all abitare Marzia Fratti Settore Politiche per l integrazione socio-sanitaria e la salute in carcere

Dettagli

SERVIZI PER PERSONE CON PROBLEMI DI SALUTE MENTALE O DIPENDENZA

SERVIZI PER PERSONE CON PROBLEMI DI SALUTE MENTALE O DIPENDENZA SERVIZI PER PERSONE CON PROBLEMI DI SALUTE MENTALE O DIPENDENZA Servizio tossicodipendenze (Ser.T.) 10 Il Ser.T. dell Asl 2 Savonese si occupa della cura delle persone che hanno problemi di dipendenza

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER L INSERIMENTO DEI PAZIENTI PSICHIATRICI NELLE RSA e NEI CDI

PROTOCOLLO D INTESA PER L INSERIMENTO DEI PAZIENTI PSICHIATRICI NELLE RSA e NEI CDI PROTOCOLLO D INTESA PER L INSERIMENTO DEI PAZIENTI PSICHIATRICI NELLE RSA e NEI CDI Indice : 1. Scopo del protocollo 2. Invio 3. Verifiche 2.1 tipologia dell utenza 2.2 procedura segnalazione 2.3 procedura

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. n. 3, 4 novembre 2013

CARTA DEI SERVIZI. n. 3, 4 novembre 2013 CARTA DEI SERVIZI n. 3, 4 novembre 2013 Cos è il Consultorio Familiare Il Consultorio Familiare è un luogo che offre interventi di tutela, di prevenzione e di promozione della salute. In modo particolare

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE di SAN GIOVANNI IN PERSICETO Provincia di Bologna REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. _45 DEL _19/4/2004 Pag. N. 1 INDICE Art.

Dettagli

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO Rev. 01 del 21.10.2014 1. Presentazione del libretto informativo Dal 1999 ci occupiamo di assistenza domiciliare ed il nostro intento è stato

Dettagli

L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI. Raffaella Bonforte - Angelita Volpe

L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI. Raffaella Bonforte - Angelita Volpe L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI Raffaella Bonforte - Angelita Volpe "La R.S.A. è una struttura extra-ospedaliera per anziani disabili, prevalentemente non autosufficienti, non assistibili

Dettagli

UNITÁ OPERATIVA DI PSICOLOGIA OSPEDALIERA DIPARTIMENTO ONCOLOGICO

UNITÁ OPERATIVA DI PSICOLOGIA OSPEDALIERA DIPARTIMENTO ONCOLOGICO UNITÁ OPERATIVA DI PSICOLOGIA OSPEDALIERA DIPARTIMENTO ONCOLOGICO 1/7 Attività L unità operativa di Psicologia Ospedaliera assicura interventi psicologici per: 1. Garantire, quando richiesto, il supporto

Dettagli

Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti. Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca

Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti. Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca 1 Le Aziende USL di Modena e Reggio Emilia hanno sviluppato una

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 3 - PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA RETE PEDIATRICA REGIONALE Art. 20 - Art. 21 - Art. 22 - Art. 23 - Art. 24 - Art. 25 - Verso

Dettagli

SERVIZI PER L AUTONOMIA DELLA PERSONA DISABILE

SERVIZI PER L AUTONOMIA DELLA PERSONA DISABILE SERVIZI PER L AUTONOMIA DELLA PERSONA DISABILE Sportello di informazioni sulla disabilità 4 È un servizio promosso dalle associazioni Abc-Liguria e Dopodomani Onlus per dare informazioni ed indicazioni

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 1 maggio 2007. Servizio di assistenza domiciliare Distretto n. 2

Carta dei Servizi rev. 1 maggio 2007. Servizio di assistenza domiciliare Distretto n. 2 Carta dei Servizi rev. 1 maggio 2007 Servizio di Azienda ULSS n. 22 Bussolengo VR Distretto socio sanitario n. 2 Direttore: dott. Carmine Capaldo Coordinatore: AFD Giovanni Righetti Sede principale DOMEGLIARA,

Dettagli

Stato di attuazione: Aspetti critici, positivi ecc. N. soci coinvolti N. e tipologia delle attività realizzate

Stato di attuazione: Aspetti critici, positivi ecc. N. soci coinvolti N. e tipologia delle attività realizzate D 1 - ANFFAS LABORATORIO IL FARO : interventi per contrastare l isolamento sociale e favorire la partecipazione attiva delle persone disabili e delle loro famiglie alla vita sociale. Pag. 333 ANFFAS Servizi

Dettagli

A.D.I. S. FRANCESCO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

A.D.I. S. FRANCESCO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA A.D.I. S. FRANCESCO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Carta dei Servizi L Istituto Suore Cappuccine di M. Rubatto, perseguendo nel tempo il proprio carisma, ha voluto iniziare questa nuova attività sociosanitaria

Dettagli

SER.T SERVIZIO PUBBLICO PER LE TOSSICODIPENDENZE

SER.T SERVIZIO PUBBLICO PER LE TOSSICODIPENDENZE SER.T SERVIZIO PUBBLICO PER LE T.U. 309/90 e L.n.49/06 Prov.to30/10/07 (Conferenza stato/regioni) D.M.S. 444/90 e LR n.22/02 con relativi decreti Testo unico delle leggi in materia di disciplina degli

Dettagli

UOSD Unità Operativa Semplice Dipartimentale CENTRO SCLEROSI MULTIPLA FIGURE PROFESSIONALI DI RIFERIMENTO L ATTIVITÀ ASSISTENZIALE

UOSD Unità Operativa Semplice Dipartimentale CENTRO SCLEROSI MULTIPLA FIGURE PROFESSIONALI DI RIFERIMENTO L ATTIVITÀ ASSISTENZIALE Centro di riferimento della Regione Lazio per la Sclerosi Multipla [Prof. Diego Centonze] Carta dei Servizi FIGURE PROFESSIONALI DI RIFERIMENTO L ATTIVITÀ ASSISTENZIALE L AMBULATORIO GENERALE L AMBULATORIO

Dettagli

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA PREMESSA Il presente documento è stato redatto in modo da offrire una panoramica dei principali servizi socio-sanitari e socio-assistenziali

Dettagli

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA IL SERVIZIO ADI NEL TERRITORIO DELL ISOLA BERGAMASCA Coord. Sanitario Dott.ssa Porrati Luisa Infermiera CeAD

Dettagli

COMUNE DI TORREBELVICINO PROVINCIA DI VICENZA

COMUNE DI TORREBELVICINO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI E DISABILI Approvato con deliberazione di C.C. n. 79/94 Il servizio di assistenza domiciliare rientra tra i servizi per i

Dettagli

ASL CASERTA OSPEDALE DI COMUNITA. Guida ai Servizi SETTEMBRE 2015

ASL CASERTA OSPEDALE DI COMUNITA. Guida ai Servizi SETTEMBRE 2015 Regione Campania ASL CASERTA OSPEDALE DI COMUNITA di TEANO Guida ai Servizi SETTEMBRE 2015 GUIDA AI SERVIZI OSPEDALE DI COMUNITÀ DI TEANO (OdC) Premessa L Ospedale di Comunità di Teano è una struttura

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE ASSISTENZA RIABILITATIVA PSICHIATRICA DOMICILIARE E TERRITORIALE ASSICURATA DAL PRIVATO ISTITUZIONALMENTE ACCREDITATO

REGOLAMENTO REGIONALE ASSISTENZA RIABILITATIVA PSICHIATRICA DOMICILIARE E TERRITORIALE ASSICURATA DAL PRIVATO ISTITUZIONALMENTE ACCREDITATO REGOLAMENTO REGIONALE ASSISTENZA RIABILITATIVA PSICHIATRICA DOMICILIARE E TERRITORIALE ASSICURATA DAL PRIVATO ISTITUZIONALMENTE ACCREDITATO Il presente regolamento si compone di n. 6 pagine, compresa la

Dettagli

Area Infanzia, Adolescenti, Giovani, Famiglia. Assistenza domiciliare socio-educativa per minori LIVEAS

Area Infanzia, Adolescenti, Giovani, Famiglia. Assistenza domiciliare socio-educativa per minori LIVEAS Area Infanzia, Adolescenti, Giovani, Famiglia Num. Scheda 1 TITOLO AZIONE o o Assistenza domiciliare socio-educativa per minori LIVEAS OBIETTIVI Scopo dell intervento è promuovere un processo di cambiamento

Dettagli

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio Problema Bisogni Risposta Piano personalizzato

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 10 del 22.03.2006 Pubblicato

Dettagli

Si riportano alcune indicazioni generali sui principali interventi. Per informazioni potete rivolgervi alle sedi territoriali Cgil o Spi.

Si riportano alcune indicazioni generali sui principali interventi. Per informazioni potete rivolgervi alle sedi territoriali Cgil o Spi. Aiuti alle persone e alle famiglie in condizioni di fragilità - Misure concordate tra sindacato e Regione Lombardia.( a cura dipartimento welfare SPI Lombardia) Cgil, Cisl e Uil con i sindacati dei pensionati

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Emergenza ed Accettazione come previsto

Dettagli

Percorso di accesso alla visita di medicina sportiva

Percorso di accesso alla visita di medicina sportiva Dipartimento di Sanità Pubblica Servizio di Medicina dello Sport e Promozione dell'attività Fisica Percorso di accesso alla visita di medicina sportiva Informazioni utili Dipartimento di Sanità Pubblica

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI

PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI titolo documento PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI SCOPO e CAMPO DI APPLICAZIONE Lo scopo della presente procedura è di definire le modalità con cui la Cooperativa Promozione Lavoro gestisce

Dettagli

Azione Disabilità. Per raggiungere gli obiettivi enunciati si perseguiranno sue punti: Le attività previste verranno realizzate in tre fasi:

Azione Disabilità. Per raggiungere gli obiettivi enunciati si perseguiranno sue punti: Le attività previste verranno realizzate in tre fasi: Azione Disabilità Num. Scheda 2 TITOLO AZIONE o o Assistenza domiciliare per disabili LIVEAS OBIETTIVI Scopo dell intervento è consentire alle persone disabili la permanenza nell abituale contesto di vita

Dettagli

Regolamento Regolamento Attuativo del Servizio di PSICOLOGIA

Regolamento Regolamento Attuativo del Servizio di PSICOLOGIA Regolamento Regolamento Attuativo del Servizio di PSICOLOGIA Art. 1 Finalità e compiti. Capo I - Finalità e compiti. 1) L'assistenza Psicologica si occupa degli aspetti psicologici attinenti la domanda

Dettagli

AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Principi Generali Finalità del servizio Il servizio di Assistenza Domiciliare

Dettagli

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili U.O. AFFARI GENERALI E SEGRETERIA

Dettagli

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale Introduzione Reggio Emilia, 19 e 26 maggio 2010 Riferimenti normativi Accordo Collettivo Nazionale

Dettagli

Il Dipartimento di Salute Mentale e l Associazionismo dell Auto-Aiuto. dott. Corrado Rossi Coordinatore DSM ASL n. 5 - Pisa 18 maggio 2007

Il Dipartimento di Salute Mentale e l Associazionismo dell Auto-Aiuto. dott. Corrado Rossi Coordinatore DSM ASL n. 5 - Pisa 18 maggio 2007 Il Dipartimento di Salute Mentale e l Associazionismo dell Auto-Aiuto dott. Corrado Rossi Coordinatore DSM ASL n. 5 - Pisa 18 maggio 2007 I Servizi per la salute mentale sono costituiti in Dipartimento:

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE UNITÀ OPERATIVA DI PSICHIATRIA OSPEDALE SAN MARTINO DI BELLUNO CSM - CENTRO DI SALUTE MENTALE

CARTA DEI SERVIZI DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE UNITÀ OPERATIVA DI PSICHIATRIA OSPEDALE SAN MARTINO DI BELLUNO CSM - CENTRO DI SALUTE MENTALE CARTA DEI SERVIZI DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE UNITÀ OPERATIVA DI PSICHIATRIA OSPEDALE SAN MARTINO DI BELLUNO CSM - CENTRO DI SALUTE MENTALE Sistema di gestione per la Qualità Carta dei servizi Struttura

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE. Notizie Operative ed Informazioni Pratiche

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE. Notizie Operative ed Informazioni Pratiche CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE Notizie Operative ed Informazioni Pratiche 15/04/2014 ESTRATTO notizie operative ed informazioni pratiche numeri utili Relativi al servizio di Assistenza

Dettagli

Medici e Pediatri di Famiglia

Medici e Pediatri di Famiglia Medici e Pediatri di Famiglia L assistenza del medico e del pediatra di famiglia Il Medico di Medicina Generale (MMG) ed il Pediatra di Famiglia (PdF) sono le figure di riferimento per ogni problema che

Dettagli

PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA 2. Nuovo Progetto o Si X 3. Progetto già avviato o Si X 4. Se il Progetto dà continuità a servizi/strutture già attivati, indicare se amplia l ambito territoriale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica Sezione Formativa di Ravenna Forlì Cotignola REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO Premessa L'attività formativa

Dettagli

PCO INSERIMENTO IN CENTRO DIURNO

PCO INSERIMENTO IN CENTRO DIURNO PCO INSERIMENTO IN CENTRO DIURNO Edizione 2009 INSERIMENTI IN CENTRO DIURNO Il Centro Diurno è una struttura semiresidenziale con funzioni terapeutico riabilitative, collocata nel contesto territoriale.

Dettagli

REGIONANDO 2000 REGIONE LAZIO ASSESSORATO SALVAGUARDIA E CURA DELLA SALUTE

REGIONANDO 2000 REGIONE LAZIO ASSESSORATO SALVAGUARDIA E CURA DELLA SALUTE REGIONANDO 2000 REGIONE LAZIO ASSESSORATO SALVAGUARDIA E CURA DELLA SALUTE PROGETTO TRIENNALE DI POTENZIAMENTO DELL ASSISTENZA DOMICILIARE NEL LAZIO, ANNI 1998/2000. Premessa Il programma di assistenza

Dettagli

Un nuovo modello organizzativo: il Triage Psichiatrico Territoriale

Un nuovo modello organizzativo: il Triage Psichiatrico Territoriale Comportamento violento e istituzioni di cura: i rischi del curare venerdì, 28.09.2007 Aula Magna Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Milano Bicocca Un nuovo modello organizzativo:

Dettagli

Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Patologiche (DSM-DP)

Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Patologiche (DSM-DP) Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Patologiche (DSM-DP) 1 Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Patologiche (DSM-DP)... 1 Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Patologiche (DSM-DP)... 4 1.

Dettagli

ASL - Uffici di Piano - Valle Imagna/Villa d Almè - Valle Brembana. Progetto: BADANTI, VERSO UN ASSISTENZA FAMILIARE QUALIFICATA

ASL - Uffici di Piano - Valle Imagna/Villa d Almè - Valle Brembana. Progetto: BADANTI, VERSO UN ASSISTENZA FAMILIARE QUALIFICATA ASL - Uffici di Piano - Valle Imagna/Villa d Almè - Valle Brembana Progetto: BADANTI, VERSO UN ASSISTENZA FAMILIARE QUALIFICATA In Italia, a differenza degli altri Paesi, il 75/60% delle cure degli anziani

Dettagli

Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI

Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 93 del 22/12/2014 INDICE 1. I servizi domiciliari nel Sistema integrato sociale, socio-sanitario

Dettagli

Funzionigramma Comunità Panta Rei

Funzionigramma Comunità Panta Rei Funzionigramma Comunità Panta Rei Sanitario Psicoterapia/Psichiatra: In collaborazione con la Psicoterapeuta/Psicologa/NPI si occupa della valutazione clinica degli utenti nella fase del preingresso e

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA SUI PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI ANNO 2003 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO

RILEVAZIONE STATISTICA SUI PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI ANNO 2003 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO RILEVAZIONE STATISTICA SUI PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI ANNO 2003 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO Il questionario deve essere compilato dal responsabile del presidio residenziale,

Dettagli

Centro accreditato di Riabilitazione

Centro accreditato di Riabilitazione Centro accreditato di Riabilitazione Carta dei Servizi Revisione 3 del 20.01.2015 INTRODUZIONE: La Carta dei Servizi vuole essere il documento che formalizza il contratto stipulato tra il nostro Centro

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE UNIONE DEI COMUNI DELL ALTO APPENNINO REGGIANO

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE UNIONE DEI COMUNI DELL ALTO APPENNINO REGGIANO CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE UNIONE DEI COMUNI DELL ALTO APPENNINO REGGIANO 1)Finalità del servizio Il Servizio di Assistenza Domiciliare ha lo scopo di favorire il mantenimento al

Dettagli

DISTRETTO VALLI TARO E CENO

DISTRETTO VALLI TARO E CENO UFFICIO di PIANO DISTRETTO VALLI TARO E CENO PROTOCOLLO OPERATIVO di recepimento delle DELIBERE DI GIUNTA REGIONALE n. 1230 del 28/07/2008 e n. 1206 del 30/07/2007 approvato dal Comitato di Distretto in

Dettagli

Ambulatori di Cardiologia

Ambulatori di Cardiologia Presidio Ospedaliero di Ravenna Dipartimento Cardiovascolare U.O. di Cardiologia Ambulatori di Cardiologia Guida ai Servizi Presidio Ospedaliero di Ravenna Dipartimento Cardiovascolare U.O. di Cardiologia

Dettagli

Day Hospital Psichiatrico

Day Hospital Psichiatrico Day Hospital Psichiatrico Ospedale privato Villa Igea Mission Il nostro impegno è quello di fornire, nel rispetto della persona, servizi e prestazioni sanitarie appropriate, efficaci e sicure, attraverso

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI DISABILIdell'I.C.di Belgioioso FINALITA Il presente documento contiene criteri, principi e indicazioni riguardanti le procedure e le pratiche per un ottimale inserimento

Dettagli

www.mutuaperlamaremma.it info@mutuaperlamaremma.it

www.mutuaperlamaremma.it info@mutuaperlamaremma.it www.mutuaperlamaremma.it info@mutuaperlamaremma.it 1 La Mutua per la Maremma La Banca della Maremma che, coerentemente con i propri principi ispiratori, valorizza la centralità della persona, ha deli berato

Dettagli

PRINCIPI GENERALI PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PRINCIPI GENERALI PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ALL ISC 05 Ed 1 -Rev 1 del 08/2011 SISTEMA DI GESTIONE QUALITÀ CERTIFICATO N 5705/0 SECONDO LA NORMA ISO 9001:2008 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA- INTEGRAZIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI E SEDI ASSOCIATE Il

Dettagli

COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera n. 16 adottata dal Commissario Straordinario nella seduta del 13.09.2007 Articolo 1 -

Dettagli

Le Linee Guida della Regione Toscana sui DSAp

Le Linee Guida della Regione Toscana sui DSAp Le Linee Guida della Regione Toscana sui DSAp V.Corridori Regione Toscana - Azienda Ospedaliera Universitaria Senese A.Monti Direttore UOC NPI Empoli-Membro gruppo di lavoro Riferimenti nazionali Legge

Dettagli

PROGETTO SPERIMENTALE Organizzazione operativa Centro Autismo Territoriale (CAT) ASL BR PREMESSA

PROGETTO SPERIMENTALE Organizzazione operativa Centro Autismo Territoriale (CAT) ASL BR PREMESSA PROGETTO SPERIMENTALE Organizzazione operativa Centro Autismo Territoriale (CAT) ASL BR PREMESSA I disturbi dello spettro autistico rappresentano un disordine neuropsicologico complesso biologicamente

Dettagli

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Sede legale: via Valverde n.42-37122 Verona - tel. 045/8075511 Fax 045/8075640Cod. Fiscale e P. IVA 02573090236 Dipartimento delle Unità Organizzative della Direzione dei Servizi

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO Allegato alla Delib.G.R. n. 44/ 10 del 31.10.2007 PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO Premessa L autismo, assieme agli altri disturbi pervasivi

Dettagli

Area Persone Anziane. Servizio di assistenza domiciliare sociale per anziani LIVEAS

Area Persone Anziane. Servizio di assistenza domiciliare sociale per anziani LIVEAS Area Persone Anziane Num. Scheda 1 TITOLO AZIONE o o Servizio di assistenza domiciliare sociale per anziani LIVEAS OBIETTIVI Scopo del servizio è permettere agli anziani, parzialmente o totalmente non

Dettagli

REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE

REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE Adottato con delibera G. C. n. 108 del 24.2.2005 Articolo 1 - L INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA

Dettagli

a cura di: Società Italiana di Psicologia dei Servizi Ospedalieri e Territoriali

a cura di: Società Italiana di Psicologia dei Servizi Ospedalieri e Territoriali EROGATA DALLE STRUTTURE ORGANIZZATIVE COMPLESSE DI PSICOLOGIA, TERRITORIALI ED OSPEDALIERE, DEL S. S. N. E PER GLI INTERVENTI A FAVORE DELLO SVILUPPO DELL INTEGRAZIONE SOCIO SANITARIA. a cura di: Società

Dettagli

COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO. Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO

COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO. Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 11 del 22.03.2006 Pubblicato dal 11.04.2006 al 26.04.2006

Dettagli

Residenza per anziani "Le Querce"

Residenza per anziani Le Querce Residenza per anziani "Le Querce" La residenza Nata da una sinergia tra il Comune di Cavenago Brianza e la C.R.M Cooperativa Sociale a r.l., la Residenza «Le querce» è pensata per l assistenza agli anziani

Dettagli

UNA BUSSOLA PER IL CITTADINO

UNA BUSSOLA PER IL CITTADINO UN UNA BUSSOLA PER IL CITTADINO Guida ai servizi della SALUTE MENTALE ADULTI della Valdinievole DOC.UFSMAVDN.01 rev.1 del 01/10/2012 Referente documento: Dr. Vito D Anza Gentile Signore, Gentile Signora,

Dettagli