Dipendenze Patologiche

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dipendenze Patologiche"

Transcript

1 Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Patologiche Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Patologiche Guida ai Servizi

2 Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Patologiche Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Patologiche Guida ai Servizi

3 Il presente opuscolo è stato realizzato a cura del Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Patologiche dell Azienda USL di Ravenna, in collaborazione con la dott.ssa Catia Sintoni - Qualità Accreditamento Aziendale dell Azienda USL di Ravenna. U.O. AFFARI GENERALI E SEGRETERIA - AZIENDA USL DI RAVENNA Composizione ed impaginazione: Claura Campanini Stampa: a cura del Centro Stampa Aziendale Ravenna: stampa aprile

4 INDICE - Premessa pag. 7 Sezione 1 - La tutela della Salute Mentale pag. 8 - I nostri principi pag. 9 - La nostra organizzazione pag. 11 Sezione 2 - Le Unità Operative del Dipartimento - U.O.C. Neuropsichiatria Infanzia e Adolescenza pag U.O.C. Dipendenze Patologiche pag U.O.C. Centro Salute Mentale pag. 25 5

5 - Servizio Psichiatrico Diagnosi e Cura pag U.O. Riabilitazione Psichiatrica pag Reclami, elogi e suggerimenti pag. 40 Sezione 3 - Standard di prodotto pag. 41 6

6 Premessa La guida ai servizi del Dipartimento di Salute Mentale e Dipendenze Patologiche dell'azienda USL di Ravenna è il documento che esplicita il "patto" tra questo Dipartimento ed i cittadini - utenti. In questa guida sono contenute tutte le informazioni riguardanti il DSM DP: prestazioni, orari, modalità di accesso, standard di qualità. Essa è pertanto strumento di comunicazione sui contenuti dell'offerta, impegni e garanzie che il DSM DP è in grado di erogare con attenzione costante ai diritti/doveri dei cittadini utenti. Se oggi il principio della partecipazione assume un rilievo particolare nella ridefinizione del rapporto tra servizi sanitari e cittadini, riconoscendo il ruolo attivo e propositivo che questi ultimi possono svolgere nella valorizzazione dei servizi pubblici, questo è tanto più vero nell'area della Salute Mentale. Il cittadino utente è infatti soggetto partecipativo, poiché la collaborazione tra chi eroga un servizio pubblico e chi ne usufruisce consente ai servizi di predisporre azioni di miglioramento per una comunità che sta progressivamente assumendo come propria una concezione di Salute che non è più esclusivamente assenza di malattia, ma che si esprime soprattutto come buona qualità di vita e che pertanto richiede forme nuove e più definite di relazione con i servizi e più precise attese sulla qualità degli stessi. 7

7 Sezione 1 La tutela della Salute Mentale Il Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Patologiche è la struttura aziendale che ha come finalità promuovere percorsi di guarigione delle persone con disabilità psichiatrica aiutandole a permanere nel loro contesto di vita cercando di raggiungere il miglior funzionamento biopsicosociale possibile compatibilmente con i deficit funzionali, la psicopatologia persistente e le ricadute. Nello specifico il DSM DP in ogni sua componente deve: Prevenire l'instaurarsi della disabilità (perdita di ruoli sociali validi) attraverso la presa in cura precoce (entro i primi 2 anni dall'esordio della psicopatologia) Contrastare l'aggravamento della disabilità negli stadi più avanzati di malattia, sostenendo le persone con grave disabilità psichiatrica a permanere nel loro contesto di vita cercando di raggiungere il miglior funzionamento biopsicosociale possibile compatibilmente con i deficit funzionali, la psicopatologia persistente e le ricadute Contenere il ricorso alla residenzialità potenziando i supporti domiciliari, lavorativi e scolastici Ciascuna area del DSM DP deve perseguire tali obiettivi coerentemente con la funzione specifica che riveste ed è solo un segmento del più complessivo processo di cura, strettamente correlato a tutti gli altri. Obiettivo principale è garantire equità e omogeneità su tutto il territorio aziendale rispetto alla qualità delle prestazioni, ai diritti degli utenti e all'uso delle risorse. 8

8 I nostri principi La particolare natura della malattia mentale che oltre ai sintomi determina anche conseguenze disabilitanti e disfunzionali nelle relazioni personali e sociali e nell'espletamento di ruoli, richiede l'intervento di diverse figure professionali. I nuovi concetti introdotti dalla letteratura internazionale sul concetto di guarigione dalle malattie mentali lunghe e persistenti (recovery) fanno sì che il DSM assuma come paradigma fondante quello biopsicosociale e quali suoi valori fondanti i seguenti principi: Principio della presa in carico multidimensionale, intesa come l'assunzione di responsabilità circa le più importanti disfunzioni che l'utente manifesta nelle principali aree di vita (lavoro, cura di sé, abitazione, famiglia, vita sociale e ricreativa), fornendo supporto per tutto il tempo necessario e lungo l'intero processo riabilitativo Principio del lavoro multidisciplinare d'èquipe, inteso come la cooperazione coordinata tra diverse figure professionali coinvolte nell'assistenza e nella riabilitazione di persone con problemi psichiatrici Principio della cooperazione tra tutte le componenti del DSM DP (CSM, SPDC, UONPIA, SERT, RIABILITAZIONE) Principio del lavoro di rete, inteso come la cooperazione con le risorse sociali, al fine di promuovere inserimenti sociali e lavorativi Principio del funzionamento, secondo il quale l'attenzione è rivolta allo svolgimento corretto delle attività quotidiane e dei ruoli sociali piuttosto che alla diminuzione dei sintomi 9

9 Principio del coinvolgimento dell'utente in tutti i passaggi del processo di cura. Il principio per il quale ogni trattamento debba essere attuato con la persona e non sulla persona è essenziale per raggiungere i risultati attesi, in quanto la sua efficacia è strettamente dipendente dal grado di partecipazione degli utenti alle fasi e ai passaggi in cui esso è articolato, fasi e passaggi che devono rispondere agli obiettivi di chi intraprende la riabilitazione e non di chi la eroga Principio del coinvolgimento della famiglia. Uno dei fattori determinanti per l'efficacia di un trattamento è la costruzione di un rapporto di partnership tra il sistema curante e la famiglia dell'utente, alla luce del ruolo primario di assistenza che questa espleta nei confronti del congiunto disabile Principio della scelta, conferisce valore alle preferenze degli utenti, in modo che siano essi stessi, supportati dagli operatori, a scegliere gli ambienti dove intendono realizzarsi Principio dell'orientamento sull'esito. Ogni trattamento tiene innanzi tutto conto del fine ultimo da perseguire, rappresentato dall'esito biopsicosociale. In questo senso, l'indicatore di efficacia di un programma non è la sua durata temporale, o il numero di operatori in esso coinvolti oppure il setting dove si svolge, quanto piuttosto la sua capacità di aiutare gli individui desocializzati a riguadagnarsi una posizione soddisfacente e di successo nella comunità, oltre che ridurre l'intensità e la frequenza dei sintomi e delle ricadute 10

10 La nostra organizzazione Al Dipartimento afferiscono le seguenti aree: Neuropsichiatria dell'infanzia e Adolescenza Dipendenze Patologiche Centro Salute Mentale Servizio Psichiatrico Diagnosi e Cura Riabilitazione Direzione di Dipartimento - Via Missiroli - Ravenna Il Direttore del DSM DP è nominato dalla Direzione Generale dell'azienda con funzioni di coordinamento, programmazione, gestione e verifica. Direttore: Dott.ssa Paola Carozza Responsabile Infermieristico Tecnico Dipartimentale: Dott. Pierpaolo Poletti Segreteria tel fax Il Direttore del Dipartimento ha responsabilità di tipo professionale in materia clinico-organizzativa e di tipo gestionale, è responsabile dell'allocazione delle risorse assegnate per la realizzazione degli obiettivi, discute il budget con la Direzione Generale. 11

11 Rappresenta l'azienda nei rapporti interni ed in quelli esterni istituzionali che riguardano le funzioni tecniche specifiche attinenti alle attività dipartimentali. E' sovraordinato ai Direttori di UO per gli aspetti di natura gestionale attinenti al Dipartimento e mantiene di norma la direzione della struttura alla quale appartiene. E' supportato dalla Direzione Sanitaria, dalla Direzione Infermieristica e Tecnica e dalla Direzione dell'assistenza Farmaceutica. Può avvalersi di un ufficio dipartimentale di staff. Alla Direzione del Dipartimento afferiscono funzioni con valenza dipartimentale: Accreditamento e Qualità Sistema Informativo Formazione Politica del farmaco Direzione Assistenziale dell'area Infermieristica e Tecnica (RITD) Il Dirigente Infermieristico e Tecnico: collabora con il Direttore Aziendale del Servizio Infermieristico e Tecnico per la direzione del personale Infermieristico, Tecnico, di Riabilitazione nonché il personale afferente come OSS, OTA, ADB, Assistente Sanitaria collabora con il responsabile di Dipartimento per garantire l'efficienza organizzativa, assicurando la necessaria flessibilità ed una adeguata gestione delle risorse umane, delle attrezzature, dei beni e dei materiali 12

12 contribuisce all'integrazione organizzativa, funzionale e professionale nel processo dell'assistenza intra ed extra dipartimentale garantisce la regolare applicazione delle decisioni del Direttore di Dipartimento e/o del Comitato di Dipartimento. garantisce la qualità dell'assistenza infermieristica e della funzione riabilitativa, mediante interventi di miglioramento continuo e di ricerca. Garanzie per i cittadini Tutto il personale si impegna affinchè siano garantiti: adozione in tutte le UU.OO. di trattamenti psicosociali Evidence Based riservatezza dei dati degli assistiti e tutela della privacy da parte di ogni operatore condivisione con l'assistito e/o suoi familiari del progetto terapeutico personalizzato valutazione con l'interessato e/o suoi familiari dello stato di avanzamento del progetto terapeutico ed eventuale rimodulazione degli obiettivi valutazione periodica della soddisfazione degli utenti 13

13 Sezione 2 Le Unità Operative del Dipartimento U.O.C. Neuropsichiatria Infanzia e Adolescenza Direttore: Dott.ssa Valeria Savoia Sede: CMP Via Fiume Abbandonato, Ravenna La U.O.NPIA è articolata in tre Centri di Neuropsichiatria (CNPIA) con sede principale e sedi distaccate: CNPIA di Ravenna Responsabile: Dott.ssa Valeria Savoia Sede principale: CMP Via Fiume Abbandonato, 134 Segreteria tel Dal lunedì al venerdì ore CNPIA di Lugo Responsabile Dott.ssa Sabrina Mainetti Sede principale: Corso G. Garibaldi, 55 Segreteria tel Dal lunedì al venerdì ore CNPIA di Faenza Responsabile Dott.ssa Elena Attanasio Sede principale: Via Zaccagnini, 22 Segreteria tel Dal lunedì al venerdì ore

14 Attività di riabilitazione Neuro Motoria Infantile Responsabile: Dott.ssa Daniela Gambini Sede Ravenna CMP Via F. Abbandonato, 134 Segreteria tel Dal lunedì al venerdì ore Sede Lugo Cotignola ex Ospedale Via Cairoli, 2 Segreteria tel Lunedi, mercoledì, venerdì ore Sede Faenza Via B. Zaccagnini, 22 Segreteria tel Martedì, mercoledì, venerdì ore L'Unità Operativa Neuropsichiatria dell'infanzia e dell'adolescenza (UONPIA) è un servizio pubblico dell'azienda USL di Ravenna che offre percorsi di prevenzione, diagnosi precoce, cura, riabilitazione e si occupa di disturbi neurologici, disturbi sensoriali, neuromotori, dismorfismi e paramorfismi, disturbi del linguaggio, dell'apprendimento, psichici e della sfera relazionale. All'interno della UONPIA sono previsti percorsi specifici per autismo. 15

15 Professionisti dell'u.o.npia Medici neuropsichiatri infantili Medici fisiatri Psicologi Fisioterapiste Logopediste Educatori professionali Operatori amministrativi A chi si rivolge Si rivolge a minori di età compresa tra 0 e 17 anni ed alle loro famiglie. Fase di accoglienza, valutazione e diagnosi Per accedere al servizio è necessaria la richiesta del Pediatra, del Medico di Famiglia o del Fisiatra Ospedaliero. E' previsto, salvo le categorie esenti e nel rispetto della privacy, il pagamento di un ticket. Fase di accoglienza Per le richieste di prima visita neuropsichiatrica e psicologica: telefonare al numero Lunedì, mercoledì, venerdì dalle 8.30 alle 12. Per le visite fisiatriche l'accesso è tramite prenotazione CUP per paramorfismi e dismorfismi prenotazione presso le segreterie della riabilitazione neuromotoria infantile per quesiti più complessi e per la fascia di età 0-24 mesi con richiesta dell'inviante. 16

16 Fase di valutazione Entro una settimana saranno comunicati: il nominativo ed il recapito telefonico del Neuropsichiatra, del Fisiatra o dello Psicologo di riferimento. Luogo, giorno e ora del primo appuntamento. Di norma la prima visita viene assegnata entro un mese dalla richiesta, le richieste urgenti saranno accolte con priorità; le prestazioni successive alla prima visita vengono effettuate su appuntamento e concordate con l'operatore di riferimento. Fase della diagnosi In genere il percorso diagnostico prevede l'intervento di più operatori (medici, psicologi, terapisti). In qualche caso potrà essere necessario ricorrere agli interventi di operatori di altri servizi (ad es. Pediatria Ospedaliera), specialmente laddove si rendano necessari accertamenti strumentali o di laboratorio. Al termine del percorso diagnostico, che di norma si conclude entro tre mesi dalla richiesta, viene consegnata una breve relazione scritta. Progetto di presa in carico Al termine del percorso di "accoglienza, valutazione, diagnosi" può rendersi necessaria la "Presa in carico" ovvero la predisposizione di uno o più percorsi di trattamento Vi sono diversi trattamenti disponibili: Trattamento Neuropsichiatrico Trattamento Fisiatrico Trattamento Psicologico Trattamento Psicoterapeutico 17

17 Trattamento Psicoeducativo Trattamento Logopedico Trattamento Fisioterapico Inserimento Residenziale/semiresidenziale Interventi socio sanitari Trattamento Farmacologico Il piano di trattamento con metodologie, finalità, modalità delle verifiche dei diversi trattamenti, viene illustrato dal medico o psicologo di riferimento e condiviso con i genitori. L'accesso ai trattamenti è regolato da liste d'attesa con criteri specifici di gestione. Garanzie per i cittadini Tutto il personale si impegna affinchè siano garantiti: rispetto dei tempi di attesa: prima visita entro 30 giorni riconoscibilità degli operatori attraverso apposito tesserino di identificazione riservatezza dei dati degli assistiti e tutela della privacy da parte di ogni operatore condivisione con l'assistito e/o suoi familiari del progetto terapeutico personalizzato valutazione con l'interessato e/o suoi familiari dello stato di avanzamento del progetto terapeutico ed eventuale rimodulazione degli obiettivi valutazione periodica della soddisfazione degli utenti 18

18 Percorso diagnostico integrato con Agenzie Educative La Legge 104/92 prevede provvedimenti specifici atti a favorire l'integrazione scolastica degli alunni con disabilità. A conclusione del percorso diagnostico, qualora se ne ravvisi la necessità, il Neuropsichiatra o lo Psicologo della UONPIA rilasciano apposita certificazione (Diagnosi funzionale) necessaria ad avviare il percorso di richiesta di personale didattico di sostegno e/o di educatore nella scuola. Appositi "Accordi di Programma" regolano la collaborazione fra operatori UONPIA, operatori scolastici e operatori sociali. Tale collaborazione è finalizzata alla formulazione, attuazione e verifica di un programma didattico individualizzato. Gli operatori della UONPIA rilasciano apposita certificazione e partecipano al percorso di "Accertamento della Disabilità" (Legge 104/92, L.R. 4/2008). Ulteriori informazioni utili Le regole generali di funzionamento della U.O.NPIA derivano dal D.G.R n. 911 del 25 giugno 2007 "Neuropsichiatria dell'infanzia e Adolescenza (NPIA) requisiti specifici di accreditamento delle strutture e catalogo regionale dei processi clinico assistenziali". E' possibile chiedere agli operatori della U.O. NPIA materiale informativo relativo a: indennità di frequenza o accompagnamento, invalidità civile, esenzioni per patologie specifiche, ausili. linee guida adottate nella diagnosi e nella presa in cura dei vari disturbi associazioni di familiari dei bambini e degli adolescenti, affetti da vari disturbi, presenti a livello locale, regionale o nazionale 19

19 U.O.C. Dipendenze Patologiche Direttore: Dott.ssa Deanna Olivoni Sede Ravenna: Via Rocca ai Fossi, 20 tel fax La U.O. Dipendenze Patologiche è articolata in Tossicodipendenze (Ser.T) con tre sedi distrettuali: Servizi Ser.T di Ravenna Direttore: Dott.ssa Deanna Olivoni Sede: Via Rocca ai Fossi, 20 tel Dal lunedì al venerdì mattina ore 8-13 Lunedì e giovedì pomeriggio ore 14,30-18 Sabato su appuntamento Ambulatorio somministrazione farmaci sostitutivi: Presidio ospedaliero - Viale Randi, 5 Dal lunedì al sabato ore Ser.T di Lugo Responsabile: Dott.ssa Manuela Martoni Sede: Via Bosi, 25 tel Lunedì, martedì, mercoledì e venerdì ore 8-13,30 Giovedì ore 8-10 e 14,30-17,30 Sabato ore 8-12,

20 Ser.T di Faenza Responsabile: Dott.ssa Deanna Olivoni Sede: Piazza San Rocco, 2 tel Dal lunedì al sabato mattina ore 8-13,30 Lunedì pomeriggio ore Altri pomeriggi su appuntamento Il Servizio Tossicodipendenze (Ser.T) è un servizio pubblico e gratuito dell'azienda USL di Ravenna. Svolge attività ambulatoriale per la prevenzione, cura e riabilitazione degli stati di dipendenza e delle patologie ad essi correlati. Ci si può rivolgere al Ser.T per una semplice richiesta di informazioni, una consulenza, un dubbio sulle sostanze d'abuso e sui rischi correlati. Professionisti dell'u.o. Dipendenze Patologiche Medici internisti Medici psichiatri Infermieri Psicologi Biologo/sociologo Assistenti Sociali Educatori Animatori Operatori Tecnici 21

21 A chi si rivolge Ogni cittadino residente nei comuni della provincia di Ravenna può accedere al Ser.T in forma del tutto gratuita (non occorre impegnativa del medico di base o pagamento di ticket) ed anonima. Possono accedere al Ser.T anche le persone temporaneamente presenti sul territorio sia italiane che straniere. Fase di accoglienza, osservazione e diagnosi La domanda giunge al servizio per accesso diretto dell'utente, di un familiare, richiesta telefonica o su invio del MMG, altro medico o altre agenzie (Tribunale, Prefettura, Scuole, Servizi Sociali, Carcere ecc.). La prima visita può essere effettuata in ambulatorio, al domicilio, in ospedale, in carcere o presso altre sedi. Viene fissato un appuntamento con l'operatore dell'accoglienza al massimo entro 7 giorni; l'operatore dell'accoglienza effettua una prima breve anamnesi con raccolta di dati utili alla compilazione della cartella clinica. Inoltre presenta brevemente il funzionamento del servizio, e, se necessario, le attività svolte; informa l'utente sui suoi diritti rispetto alla tutela della privacy e la riservatezza. Se l'operatore riscontra urgenza sanitaria coinvolge il medico che provvede all'orientamento diagnostico ed alle prime misure terapeutiche; se non riscontra urgenza, fissa successivi appuntamenti per l'approfondimento diagnostico (medico, psicologo, operatore area socio educativa). 22

22 Diagnosi e consulenza sanitaria Il medico che effettua la prima visita raccoglie i dati sanitari dell'utente. Inoltre lo informa sui possibili trattamenti terapeutici e /o farmacologici. Se indicato fa firmare il modulo di consenso al programma terapeutico. Progetto di presa in carico Al termine del percorso di Accoglienza, osservazione e diagnosi" può rendersi necessaria la "Presa in carico", ovvero la predisposizione di uno o più percorsi di trattamento. Vi sono diversi trattamenti disponibili: Trattamento Medico Trattamento Psichiatrico Trattamento Farmacologico Trattamento Psicologico Trattamento Psicoterapeutico Trattamento Socio-educativo Tirocini lavorativi Inserimento Residenziale/Semiresidenziale Interventi in carcere Il "Piano di trattamento personalizzato" con obiettivi, durata, modalità delle verifiche dei singoli trattamenti, viene illustrato dall'operatore di riferimento e condiviso con il paziente. L'accesso al trattamento residenziale/semiresidenziale è regolato da liste d'attesa con criteri specifici di gestione. 23

23 Garanzie per i cittadini Tutto il personale si impegna affinchè siano garantiti: rispetto dei tempi di attesa: primo colloquio entro 7 giorni riconoscibilità degli operatori attraverso apposito tesserino di identificazione riservatezza dei dati degli assistiti e tutela della privacy da parte di ogni operatore condivisione con l'assistito del progetto terapeutico personalizzato valutazione con l'interessato dello stato di avanzamento del progetto terapeutico ed eventuale rimodulazione degli obiettivi valutazione periodica della soddisfazione degli utenti Inoltre il Ser.T assicura La possibilità di effettuare il test HIV in forma anonima e gratuita a persone che ritengono di aver avuto comportamenti a rischio (rapporti sessuali non protetti con partner occasionali, contatto con sangue potenzialmente infetto) la possibilità di effettuare la vaccinazione anti epatite B la collaborazione con le scuole di ogni ordine e grado nella progettazione ed attuazione di iniziative volte alla formazione ed alla prevenzione interventi di formazione e consulenza ad Enti o soggetti interessati a programmi di approfondimento e/o prevenzione la collaborazione con enti del privato sociale che operino nel settore 24

24 Ulteriori informazioni utili Le regole generali di funzionamento della U.O. Dipendenze Patologiche derivano dal D.G.R 26 del 17 gennaio 2005 "Requisiti specifici per l'accreditamento dei Sert e delle Strutture di Trattamento Residenziali e Semiresidenziali per persone dipendenti da sostanze d'abuso". E' possibile chiedere agli operatori della U.O. Dipendenze Patologiche informazioni relative a: pensione, invalidità civile, esenzioni per patologie specifiche gruppi di auto aiuto presenti sul territorio linee guida adottate nella diagnosi e nella presa in cura dei vari disturbi U.O.C. Centro Salute Mentale Direttore: Dott.ssa Paola Carozza Sede Ravenna: Piazza della Magnolia, 5 tel fax La U.O. Centro Salute Mentale è articolata in tre sedi distrettuali: CSM di Ravenna Direttore: Dott.ssa Paola Carozza Sede: Piazza della Magnolia, 5 - Ponte Nuovo Ravenna tel

25 CSM di Lugo Responsabile: Dott.Pietro Nucera Sede: Viale Masi, 18 tel CSM di Faenza Responsabile: Dott. Matteo Magnante Sede: Via Baliatico, 3 tel Orari di apertura Le sedi sono aperte al pubblico dal lunedì al venerdì dalle ore 8.00 alle ore 20.00; sabato dalle ore 8.00 alle ore Negli orari di chiusura del servizio il cittadino può rivolgersi al Servizio di Continuità Assistenziale (ex Guardia Medica) e/o al Pronto Soccorso degli Ospedali di Ravenna, Faenza e Lugo. Il Centro Salute Mentale (CSM) è un servizio pubblico dell'azienda USL di Ravenna deputato alla promozione ed alla tutela della salute mentale per la popolazione di età superiore ai 18 anni. Le sue funzioni sono: limitare la disfunzione, la disabilità e l'handicap aiutare i pazienti e i loro familiari ad elaborare le reazioni avverse alla malattia mentale 26

26 rinforzare il locus internal of control. ridurre la dipendenza del paziente dal sistema dei servizi. ridurre la frequenza e l'intensità dei sintomi. ridurre l'angoscia legata ai sintomi e all'aggressione traumatica della malattia mentale. risolvere episodi critici, di origine endogena o esogena riorganizzando la persona sul piano emotivo-comportamentale, compresi i disturbi del comportamento alimentare (DCA) supportare il paziente ad ottenere ciò di cui ha bisogno per sopravvivere (sussidi, pensioni, assegni di accompagnamento alloggio, pasti, assistenza medica) Opera nel rispetto della dignità della persona tutelando, assieme ad altri servizi e/o enti, il diritto alla salute mentale. Si integra con le altre Unità Operative del DSMDP e collabora con i Medici di Medicina Generale, con i Servizi Sociali e Sanitari, con il Privato e con il Privato Sociale che si occupa di salute mentale e con le Associazioni dei familiari, promuovendo altresì iniziative di solidarietà e di lotta al pregiudizio. L'attività è svolta sia a livello ambulatoriale che domiciliare e territoriale. 27

27 Professionisti dell'u.o. Centro Salute Mentale Medici psichiatri Infermieri Psicologi Assistenti Sociali Educatori Personale tecnico e amministrativo A chi si rivolge Ogni cittadino residente nei comuni della provincia di Ravenna può accedere al CSM: su appuntamento (con richiesta anche telefonica) con accesso diretto al Servizio in urgenza inviato dal Medico curante Possono accedere al CSM anche le persone temporaneamente presenti sul territorio sia italiane che straniere. Attività Le attività di promozione e tutela della salute mentale erogate dalle articolazioni del CSM sono: accoglienza e informazione valutazione diagnostica, elaborazione di un piano di trattamento personalizzato e indicazione del percorso clinico assistenziale più idoneo al paziente ed al suo contesto familiare 28

28 percorsi clinico assistenziali: - consulenze ai MMG, alle strutture socio sanitarie ed assistenziali ed alle comunità terapeutiche presenti sul territorio di competenza - presa in carico per patologie psichiatriche all'esordio o a carattere episodico (trattamenti farmacologici e/o psico-sociali erogati in sedi ambulatoriali, domiciliari e territoriali, intensivi, interprofessionali e multidimensionali) - presa in carico a lungo termine per patologie psichiatriche in stadio avanzato di malattia (trattamenti farmacologici e/o psicosociali erogati in sedi ambulatoriali, domiciliari e territoriali, intensivi, interprofessionali e multidimensionali) - in entrambi i casi il "Piano di Trattamento personalizzato" con obiettivi, durata, modalità delle verifiche sugli esiti dei singoli trattamenti, viene illustrato dall'operatore di riferimento e condiviso con il paziente. - interventi in collaborazione ed integrazione con SPDC, Case di Cura Private accreditate, RTI per il ricovero di pazienti in fase acuta non gestibile sul territorio programmi di formazione al lavoro, finalizzati, ove possibile, all'inserimento/reinserimento lavorativo, coerentemente con gli obiettivi del piano di trattamento personalizzato che preveda un percorso di integrazione sociale nel contesto di appartenenza trattamenti riabilitativi individualizzati volti a recuperare o mantenere un ruolo sociale valido e a contrastare la progressione della disabilità 29

29 trattamenti specifici, rivolti ai familiari, utili a favorire lo sviluppo sia di abilità di coping per far fronte ai problemi dei loro congiunti sia di abilità di recupero di uno stato di benessere familiare (residenza) Garanzie per i cittadini Tutto il personale si impegna affinchè siano garantiti: rispetto dei tempi di attesa: prima visita - urgente entro 12 ore - prioritaria entro 7 giorni - programmata entro 15 giorni riconoscibilità degli operatori attraverso apposito tesserino di identificazione riservatezza dei dati degli assistiti e tutela della privacy da parte di ogni operatore condivisione con l'assistito del progetto terapeutico personalizzato valutazione con il paziente e/o suoi familiari, dello stato di raggiungimento degli obiettivi individuati nel progetto terapeutico ed eventuale rimodulazione degli stessi valutazione periodica della soddisfazione degli utenti 30

30 Servizio Psichiatrico Diagnosi e Cura Direttore: Dott. Roberto Zanfini Sede: Viale Randi, 5 Ravenna tel fax L'U.O. Emergenza Urgenza è una Unità Operativa del DSMDP ed ha il compito di integrare, presidiare ed orientare tutte le risorse ed i percorsi intra ed extra ospedalieri dell'emergenza urgenza psichiatrica. Le sue funzioni sono: stabilizzare i sintomi ridurre lo stato di angoscia correlato e la disorganizzazione emotivocomportamentale modificare l'esperienza soggettiva della crisi e dell'ospedalizzazione aiutare il paziente ed i suoi familiari a ripianificare il loro futuro, dopo l'esperienza traumatica della ricaduta Il SPDC svolge la funzione di ricovero e consulenza per i reparti e per il Pronto Soccorso del Presidio Ospedaliero. Professionisti dell'u.o.emergenza Urgenza Servizio Psichiatrico Diagnosi e Cura Medici psichiatri Infermieri Operatori Socio Sanitari 31

31 Come si accede I ricoveri possono avvenire in TSO (trattamento sanitario obbligatorio) o in TSV (trattamento sanitario volontario). Al servizio psichiatrico di Diagnosi e Cura si può afferire tramite invio motivato di uno psichiatra del Centro Salute Mentale oppure attraverso un invio del Pronto Soccorso. Garanzie per i cittadini Tutto il personale si impegna affinchè siano garantiti: un Medico curante ed un Infermiere di riferimento per ogni paziente ricoverato per tutta la durata del ricovero riconoscibilità degli operatori attraverso apposito tesserino di identificazione riservatezza dei dati degli assistiti e tutela della privacy da parte di ogni operatore condivisione con l'assistito del progetto terapeutico personalizzato valutazione con l'interessato dello stato di avanzamento del progetto terapeutico ed eventuale rimodulazione degli obiettivi valutazione periodica della soddisfazione degli utenti Inoltre il SPDC assicura Ogni degente è affidato: ad un Medico Curante che prescrive la terapia, valuta gli effetti dei farmaci, dispone gli esami clinici e le visite specialistiche necessarie, concorda le uscite dal reparto ed il giorno della dimissione ad un Infermiere di riferimento per turno insieme al quale concorda un programma assistenziale personalizzato 32

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili U.O. AFFARI GENERALI E SEGRETERIA

Dettagli

Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna

Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei Servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei Servizi La presente Carta dei servizi è stata realizzata a cura di: - Qualità e Accreditamento dell

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Guida alle prestazioni ambulatoriali

Guida alle prestazioni ambulatoriali Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a P r e s i d i o O s p e d a l i e r o P AP AR D O Guida alle prestazioni ambulatoriali Gentile Signore/a, l Azienda,

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 La Sol Levante nasce nel 1998 per dare una risposta alle esigenze delle persone, di ogni fascia d età, affette da disagio psichico e con problematiche in

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

D.P.R. 10-11-1999 Approvazione del Progetto-Obiettivo "Tutela della Salute Mentale" 1998-2000

D.P.R. 10-11-1999 Approvazione del Progetto-Obiettivo Tutela della Salute Mentale 1998-2000 D.P.R. 10-11-1999 Approvazione del Progetto-Obiettivo "Tutela della Salute Mentale" 1998-2000 IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visto l'articolo 1 del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Attilio Vercelloni Data di nascita 28/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASL DI VERCELLI Staff - S.C. Neuropsichiatria

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO

UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO PREMESSA Nelle finalità del progetto riabilitativo complessivo dell

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE Premessa Obiettivo delle presenti linee-guida è fornire indirizzi per la organizzazione della rete dei servizi di riabilitazione

Dettagli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Gustav Klimt, 1905) CONSULTORIO FAMILIARE RIETI Responsabile: Dr. Attilio Mozzetti ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Immagini tratte dal web e utilizzate per finalità istituzionali)

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività:

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività: Insieme si può Arcigay Pistoia La Fenice dopo le varie attività svolte sul territorio pistoiese e zone limitrofe, ha valutato l opportunità di realizzare un progetto con la collaborazione di personale

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE dott. Renato Mason, nominato con D.P.G.R. n. 245 del 31.12.2007

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE dott. Renato Mason, nominato con D.P.G.R. n. 245 del 31.12.2007 Servizio Sanitario Nazionale - Regione del Veneto AZIENDA UNITÀ LOCALE SOCIO - SANITARIA N. 8 Sede Legale: Via Forestuzzo, 41 Asolo (TV) Comuni: Altivole, Asolo, Borso del Grappa, Caerano di San Marco,

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192)

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) Gazzetta Ufficiale N. 244 del 18 Ottobre 2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) La Camera dei deputati ed il Senato

Dettagli

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A.

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A. PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO UONPIA Varese, Busto A., Gallarate Mancanza di un sistema di monitoraggio nazionale Nel 201110.985

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Allegato C REQUISITI ALTRI SERVIZI ALLA PERSONA. Requisiti Altri servizi alla persona

Allegato C REQUISITI ALTRI SERVIZI ALLA PERSONA. Requisiti Altri servizi alla persona REQUISITI ALTRI SERVIZI ALLA PERSONA Requisiti Altri servizi alla persona Note per la compilazione delle schede dei requisiti Il legale rappresentante o l'operatore individuale compila una scheda dei requisiti

Dettagli

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri La documentazione Dall ICF alla DF al PDF al PEI La Diagnosi Funzionale (DF) 1. Utilizzo degli items di ICF nella definizione

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Delibera di Giunta - N.ro 1999/1378 - approvato il 26/7/1999 Oggetto: DIRETTIVA PER L' INTEGRAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI E SANITARIE ED A RILIEVO SANITARIO A FAVORE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ASSISTITI

Dettagli

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Art. 1 (Delega al Governo in materia di protezione sociale e cura delle persone

Dettagli

.. QUANDO?.. DOVE?... COME?

.. QUANDO?.. DOVE?... COME? S.S.V.D. ASSISTENZA INTEGRATIVA E PROTESCA CHI?.. QUANDO?.. DOVE?... COME? Rag. Coll. Amm. Rita Papagna Dott.ssa Laura Signorotti PRESIDI EROGABILI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE D.M. n.332 del 27 agosto

Dettagli

OGGETTO STRUTTURE SEMPLICI DIPARTIMENTALI E STRUTTURE SEMPLICI

OGGETTO STRUTTURE SEMPLICI DIPARTIMENTALI E STRUTTURE SEMPLICI 1 OGGETTO STRUTTURE SEMPLICI DIPARTIMENTALI E STRUTTURE SEMPLICI QUESITO (posto in data 31 luglio 2013) pongo un quesito relativo alla organizzazione gerarchica delle strutture operative semplici e semplici

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

Indice Indice... 1 Oggetto... 1 Referenti regionali del progetto... 1 Scopo... 2 Il progetto Rete CUP regionale... 2 Premessa... 2 La situazione regionale... 2 Azienda Ospedaliera di Cosenza... 2 ASP di

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute TAVOLO NAZIONALE DI LAVORO SULL AUTISMO RELAZIONE FINALE Il Tavolo di lavoro sulle problematiche dell autismo, istituito su indicazione del Ministro della Salute, composto da rappresentanti

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI intermedi di lavorazione del plasma, eccedenti i fabbisogni nazionali, al Þ ne di prevenirne la scadenza per mancato utilizzo, anche con recupero dei costi di produzione. 8. Per l attuazione di quanto

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12

REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12 60 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 56 suppl. del 22 04 2015 REGOLAMENTO REGIONALE 16 aprile 2015, n. 12 Regolamento regionale Presidi territoriali di recupero e riabilitazione funzionale dei

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

REGIONE LIGURIA MANUALE PER L ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SOCIO-SANITARIE PUBBLICHE E PRIVATE

REGIONE LIGURIA MANUALE PER L ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SOCIO-SANITARIE PUBBLICHE E PRIVATE MANUALE PER L ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SOCIO-SANITARIE PUBBLICHE E PRIVATE Versione 2.0 Aprile 2002 INDICE I.1 PREMESSA...5 I.1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO...5 I.2 DEFINIZIONI PRELIMINARI...6 II. IL

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

Carta dei Servizi - Azienda U.L.S.S. N 13 Mirano (VE)

Carta dei Servizi - Azienda U.L.S.S. N 13 Mirano (VE) aggiornata ad Ottobre 2014 Indice pag. n. aggiornata ad Ottobre 2014 sanitarie che vengono offerte. Esiste un patto di solidarietà e fiducia che lega le strutture del Servizio Sanitario pubblico e il cittadino:

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU32 09/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 30 luglio 2012, n. 45-4248 Il nuovo modello integrato di assistenza residenziale e semiresidenziale socio-sanitaria a favore delle

Dettagli

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS Protocollo d intesa tra Ministero della Giustizia Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza e Bambinisenzasbarre ONLUS IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA L'AUTORITÀ GARANTE PER L'INFANZIA E L ADOLESCENZA

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE La sottoscritta Nannini Emanuela nata ad Arezzo il 20.08.1965, consapevole della decadenza dai benefici di cui all art. 75 del DPR 445/2000 e dalle norme penali

Dettagli

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE Numero pagine: 1 di 8 PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN Rev. Data Redatto Verificato Approvato 1 2013 GIT DP Gruppo Infermieristico Numero pagine: 2 di 8 1.COMPOSIZIONE DEL GRUPPO E METODOLOGIA DI LAVORO Le sottoscritte

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c.

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c. ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE Regolamento Regolamento GLHI del gruppo di lavoro sull handicap Ai sensi dell art. 15 c. L 104/92 Approvato dal Consiglio di stituto in data 08/07/2013 1 Gruppo di Lavoro

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

ESENZIONI PER CONDIZIONE ECONOMICA ED ETA

ESENZIONI PER CONDIZIONE ECONOMICA ED ETA Esenzione dalla spesa farmaceutica Tabella Riepilogativa - Modalità di compilazione della a partire dal 1 luglio 2011 ESENZIONI PER CONDIZIONE ECONOMICA ED ETA a carico Esenzione Totale e quota E03 E04

Dettagli

Azienda Sanitaria Provinciale Trapani

Azienda Sanitaria Provinciale Trapani \ Regione Siciliana Azienda Sanitaria Provinciale Trapani Documento di Organizzazione Direzione Amministrativa Direzione Generale Direzione Sanitaria Staff Direzionale TP 1 Distretto Ospedaliero TP 2 Distretto

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015 U.O.S.D. FORMAZIONE EDUCAZIONE E PROMOZIONE DELLA SALUTE Scadenza 15 DICEMBRE 2014 AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

Disturbi dell Apprendimento

Disturbi dell Apprendimento Master in Disturbi dell Apprendimento in collaborazione con IPS nelle sedi di MILANO ROMA PADOVA BARI CAGLIARI CATANIA RAGUSA Questo modulo d iscrizione, unitamente alla fotocopia della ricevuta del versamento

Dettagli

La disassuefazione dal fumo

La disassuefazione dal fumo Piano regionale del Veneto per la prevenzione delle malattie legate al fumo La disassuefazione dal fumo Obiettivi Nei paesi industrializzati occidentali gli interventi che riducono i danni da fumo sono

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI Fondazione di partecipazione dei Comuni di Casole d Elsa Colle di Val d Elsa Poggibonsi San Gimignano Radicondoli REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI - 1- INDICE Premessa... 5 Titolo Primo

Dettagli