isolato D PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO STORICO Comune di Muros vista Est vista Nord vista Ovest vista Sud

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "isolato D PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO STORICO Comune di Muros vista Est vista Nord vista Ovest vista Sud"

Transcript

1

2 PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO STORICO isolato D vista Nord vista Est vista Sud vista Ovest

3 PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO MATRICE SCHEDA D-01 localizzazione ISOLATO D UNITA EDILIZIA 1 fabbricato al civico n 22 di via Cesare Battisti ESTREMI CATASTALI Foglio 13 particella 136 (parte) 1/4

4 PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO MATRICE SCHEDA D-01 sezione descrittiva Superficie lotto (mq): 101,00 Superficie coperta (mq): 76,00 Superficie libera (mq): 25,00 Rapporto di copertura: 0,75 Volume edificato (mc): 410,00 Indice fondiario: 4,06 Altezza minima (m): 7,35 Altezza massima (m): 8,22 Larghezza fronte (m): 6,06 Numero di piani: 2 Destinazione d uso: Proprietà: Utilizzo: abitazione privata in uso Epoca di primo impianto catastale: post 1954 Conservazione dei caratteri storici: edificio di epoca recente, o recentemente ristrutturato, con canoni tipologici, stilistici e impiego di materiali dissonanti e incongruenti con la tradizione costruttiva del centro storico 2/4

5 PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO MATRICE SCHEDA D-01 sezione tecnica elementi di facciata Finitura superficiale Zoccolatura Soglia portone Davanzali finestre intonaco e tinteggiatura non in rilievo con finitura superficiale ad intonaco rustico in marmo con stipiti e architrave in marmo in marmo infissi materiale stato Portone di ingresso alluminio anodizzato e vetro buono Porta laterale portellone in metallo buono Finestre piano terra alluminio laccato buono Oscuramenti piano terra persiane in alluminio laccato buono Finestre piano primo n.r. Oscuramenti piano primo persiane in alluminio laccato buono copertura tipo; struttura materiale stato a falde, con terrazza sul retro; 1 falda tegole marsigliesi discreto sistemi smaltimento acque posizione materiale stato Canale di gronda esterna rame buono Pluviali esterni plastica buono Terminali esterni n.r. n.r. impianti a vista cavi elettrici e/o telefonici sportello rete idrica 3/4

6 PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO MATRICE SCHEDA D-01 sezione conservativa Alterazioni edificazione con canoni tipologici e stilistici dissonanti con la tradizione costruttiva storica Stato di manutenzione generale buono Elementi da preservare - Tipo edilizio storico - Tipologia edificio fabbricato monoaffaccio in linea sul filo strada con corte laterale Prescrizioni di piano Interventi assentiti Prescrizioni Ulteriori prescrizioni A, B, C, D, E, G O5, P4, P5, P8, P13, Q6, S2, T8, V2 V2: rimuovere le lastre di marmo dagli stipiti e dagli architravi delle aperture di ingresso. Dissimulare i cavi elettrici e/o telefonici. Sostituire il discendente con discendente in rame. Modificare la conformazione del tetto realizzando una copertura a padiglione, analoga a quella del fabbricato E-01. Sono consentiti, nel pieno rispetto dei principi informatori del piano, nei limiti dell attuale ingombro planimetrico, interventi finalizzati ad un più coerente inserimento del fabbricato nel tessuto edilizio del centro storico, ivi compresa la demolizione e successiva ricostruzione senza variazione di volume. Classificazione U7 Riferimenti tipologici - Riferimenti abachi abaco 3b: n.5, n.8 ; abaco 4: n.8, n.16 4/4

7 PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO MATRICE SCHEDA D-02 localizzazione ISOLATO D UNITA EDILIZIA 2 fabbricato al civico n 20 di via Cesare Battisti ESTREMI CATASTALI Foglio 13 particella 136 (parte) 1/5

8 PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO MATRICE SCHEDA D-02 sezione descrittiva Superficie lotto (mq): 109 Superficie coperta (mq): 109 Superficie libera (mq): 0,00 Rapporto di copertura: 1 Volume edificato (mc): 580 Indice fondiario: 5,32 Altezza minima (m): 6,09 Altezza massima (m): 6,13 Larghezza fronte (m): 7,10 Numero di piani: 2 Destinazione d uso: abitazione Proprietà: privata Utilizzo: in uso Epoca di primo impianto catastale: Conservazione dei caratteri storici: edificio storico di pregio con alterazioni 2/5

9 PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO MATRICE SCHEDA D-02 sezione tecnica elementi di facciata Finitura superficiale Zoccolatura Cornicione di gronda Fascia marcapiano Lesene/Bugnato Soglia portone Davanzali finestre intonaco e tinteggiatura in rilievo con finitura superficiale ad intonaco rustico a risalto cromatico in conci lapidei a fascia modanata multipla con dentelli e intonaco e tinteggiatura a risalto cromatico in conci lapidei intonacati e tinteggiati a risalto cromatico, con capitelli cantonali in rilievo a fascia semplice con finitura ad intonaco e tinteggiatura a risalto cromatico (p.t.); in conci lapidei a grandezza alterna e capitelli cantonali (p.p) in marmo, con stipiti e architrave in marmo in marmo sistemi portanti delle aperture Finestre piano terra Finestre piano primo piattabanda in conci lapidei, con concio di chiave aggettante, con intonaco e tinteggiatura a risalto cromatico piattabanda in conci lapidei, con intonaco e tinteggiatura a risalto cromatico, con davanzale modanato e sottostante spsecchiatura con disegno a rombi infissi materiale stato Portone di ingresso alluminio anodizzato e vetro buono Finestre piano terra n.r. n.r. Oscuramenti piano terra persiane in alluminio laccato buono Finestre piano primo n.r. n.r. Oscuramenti piano primo persiane in alluminio laccato buono copertura tipo, struttura materiale stato a falde, con terrazza sul retro, 2 falde tegole marsigliesi (fronte), tegole portoghesi (retro) discreto sistemi smaltimento acque posizione materiale stato Canale di gronda esterna rame buono Pluviali esterni ferro buono Terminali esterni plastica buono 3/5

10 PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO MATRICE SCHEDA D-02 impianti a vista cavi elettrici e/o telefonici elemento esterno condizionatore sezione conservativa Alterazioni modifica sistema portante dell apertura del vano di accesso (cfr. foto storica) sostituzione manto di copertura sostituzione infissi aggiunta del canale di gronda aggiunta lastre di marmo negli stipiti e nell'architrave del vano di ingresso ampliamento rispetto al tipo storico originario saturazione della corte Stato di manutenzione generale Elementi da preservare buono sistema delle aperture sul fronte e impianto planimetrico originario cornicione sistema portante delle aperture elementi decorativi della facciata Tipo edilizio storico Tipologia edificio monocellula su 2 livelli (corpo originario) fabbricato monoaffaccio in linea sul filo strada senza corte 4/5

11 PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO MATRICE SCHEDA D-02 Prescrizioni di piano Interventi assentiti Prescrizioni Ulteriori prescrizioni Classificazione Riferimenti tipologici A, B, C, D, E O1, P4, P6.2, P13, Q2, R6, S3, T8, V2, Y2, X2, Z1, Z3 O1: è consentito ripristinare l originale conformazione del vano del portone. V2: rimuovere le lastre di marmo dagli stipiti e dagli architravi delle aperture di ingresso. Dissimulare i cavi elettrici e/o telefonici. Rimuovere l unità esterna del condizionatore dalla facciata. Sostituire il discendente con discendente in rame. Riqualificare il retroprospetto anche mediante demolizioni parziali o totali dei volumi edificati nella corte. U2 (corpo originario) A2a (corpo originario) Riferimenti abachi abaco 3a: n.2, n.8; abaco 3b: n.2, n.7 ; abaco 4: n.8 5/5

12 PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO MATRICE SCHEDA D-03 localizzazione ISOLATO D UNITA EDILIZIA 3 fabbricato al civico n 16 di via Cesare Battisti ESTREMI CATASTALI Foglio 13 particella 135 1/4

13 PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO MATRICE SCHEDA D-03 sezione descrittiva Superficie lotto (mq): 205,00 Superficie coperta (mq): 151,00 Superficie libera (mq): 54,00 Rapporto di copertura: 0,74 Volume edificato (mc): 453,00 Indice fondiario: 2,21 Altezza minima (m): 3,05 Altezza massima (m): 3,43 Larghezza fronte (m): 15,50 Numero di piani: 1 Destinazione d uso: abitazione/attività commerciale Proprietà: privata Utilizzo: in uso Epoca di primo impianto catastale: ante 1852 Conservazione dei caratteri storici: edificio storico che ha subito irreversibili alterazioni sezione tecnica elementi di facciata Finitura superficiale Zoccolatura Cornicione di gronda Soglia portone Davanzali finestre Sistema di protezione intonaco senza tinteggiatura non in rilievo con finitura superficiale ad intonaco rustico, in rilievo con finitura superficiale ad intonaco rustico in c.a. in marmo; in granito con stipiti e architrave in granito (attività commerciale) in marmo; in granito con stipiti e architrave in granito (attività commerciale) in ferro zincato infissi materiale stato Portone di ingresso alluminio anodizzato e vetro buono Porta attività commerciale alluminio laccato e vetro buono Finestre piano terra n.r. - Oscuramenti piano terra persiane in alluminio anodizzato buono 2/4

14 PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO MATRICE SCHEDA D-03 copertura Tipo, struttura materiale stato a falde, 2 falde tegole portoghesi in laterizio buono sistemi smaltimento acque posizione materiale stato Canale di gronda esterna ferro mediocre Pluviali esterni plastica discreto Terminali esterni plastica, ferro discreto impianti a vista cavi elettrici e/o telefonici sportello rete idrica sportello rete elettrica sezione conservativa Alterazioni alterazione del sistema di aperture sul fronte sostituzione infissi rifacimento del tetto con realizzazione di un cornicione in c.a. modanato superfetazioni nella corte Stato di manutenzione generale Elementi da preservare discreto impianto planimetrico originario Tipo edilizio storico - Tipologia edificio fabbricato monoaffaccio in linea sul filo strada con corte 3/4

15 PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO MATRICE SCHEDA D-03 Prescrizioni di piano Interventi assentiti Prescrizioni Ulteriori prescrizioni A, B, C, D, F O2, P4, P5, P6.2, P13, P15 (retro), Q2, R8, S2, S3, T8, V2 V2: rimuovere le lastre di marmo dagli stipiti e dagli architravi delle aperture e uniformare il materiale di soglie e davanzali. Uniformare la zoccolatura. Sostituire i canali e i discendenti con canali e discendenti in rame o ferro preverniciato. Riqualificare il retroprospetto mediante rimozione delle superfetazioni edificate nella corte. Dissimulare i cavi elettrici e/o telefonici. F: è consentita la sopraelevazione di un ulteriore piano oltre a quello esistente nei limiti dell ingombro planimetrico originario, previa demolizione della superfetazione nella corte, indicata nella tavola 20. Il piano in ampliamento dovrà avere altezza utile interna non inferiore a m L altezza del fabbricato, calcolata sullo spigolo in aderenza al fabbricato finitimo D-02, comprensiva del cornicione, non dovrà essere superiore a quella del fabbricato D-02. La copertura dovrà essere a due falde con pendenza uguale a quella del fabbricato D-02 e con manto di copertura in coppi in laterizio. La sopraelevazione dovrà eseguirsi in coerenza con i principi informatori del Piano, conformemente ai canoni del ripristino tipologico. Il rilascio del titolo abilitativo è subordinato alla previa demolizione della superfetazione nella corte, alla composizione di schemi di aperture su entrambi i fronti rinvenibile nella tradizione costruttiva storica, all impiego di infissi in legno, nonché al recepimento integrale di tutte le prescrizioni. Classificazione Riferimenti tipologici U5 E2b Riferimenti abachi abaco 3b: n.9 ; abaco 4: n.8, n.10 4/4

16 PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO MATRICE SCHEDA D-04 localizzazione ISOLATO D UNITA EDILIZIA 4 fabbricato al civico n 14 di via Cesare Battisti ESTREMI CATASTALI Foglio 13 particella 134 (parte) 1/4

17 PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO MATRICE SCHEDA D-04 sezione descrittiva Superficie lotto (mq): 109,00 Superficie coperta (mq): 78,00 Superficie libera (mq): 31,00 Rapporto di copertura: 0,72 Volume edificato (mc): 468 Indice fondiario: 4,29 Altezza minima (m): 6,05 Altezza massima (m): 6,20 Larghezza fronte (m): 5,79 Numero di piani: 2 Destinazione d uso: abitazione Proprietà: privata Utilizzo: in uso Epoca di primo impianto catastale: ante 1852 Conservazione dei caratteri storici: edificio storico che ha subito irreversibili alterazioni sezione tecnica elementi di facciata Finitura superficiale Zoccolatura Cornicione di gronda Soglia portone Davanzali finestre intonaco e tinteggiatura rivestimento con lastre di materiale lapideo ad opus incertum in conci lapidei a fascia modanata multipla con dentelli con intonaco e tinteggiatura a risalto cromatico in marmo, con stipiti e architrave in marmo in marmo infissi materiale stato Portone di ingresso portoncino blindato buono Finestre piano terra alluminio/pvc buono Oscuramenti piano terra persiane in alluminio/pvc buono Finestre piano primo alluminio/pvc buono Oscuramenti piano primo persiane in alluminio/pvc buono 2/4

18 PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO MATRICE SCHEDA D-04 copertura tipo, struttura materiale stato a falde, 2 falde pannelli in cementoamianto (fronte e superfetazioni nella corte); tegole marsigliesi (retro) discreto sistemi smaltimento acque posizione materiale stato Canale di gronda esterna plastica discreto Pluviali esterni plastica discreto Terminali esterni plastica discreto impianti a vista cavi elettrici e/o telefonici sportello rete idrica lampione illuminazione pubblica sezione conservativa Alterazioni frazionamento dell'unità edilizia originale zoccolatura con materiale lapideo incongruente con i canoni tipologici della tradizione costruttiva storica alterazione del sistema di aperture sul fronte e sostituzione infissi sostituzione del manto di copertura e aggiunta del canale di gronda parziale saturazione della corte Stato di manutenzione generale Elementi da preservare buono impianto planimetrico originario cornicione Tipo edilizio storico - Tipologia edificio fabbricato monoaffaccio in linea sul filo strada con corte 3/4

19 PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO MATRICE SCHEDA D-04 Prescrizioni di piano Interventi assentiti Prescrizioni Ulteriori prescrizioni A, B, C, D, E O4, P4, P7, P12, Q3, Q6, R6, S5, V1 V2: rimuovere le lastre di marmo dagli stipiti e dagli architravi delle aperture. Dissimulare i cavi elettrici e/o telefonici. Sostituire il canale e il discendente con canale e discendente in rame o ferro preverniciato. Riqualificare il retroprospetto anche mediante demolizioni parziali o totali dei volumi edificati nella corte. È consentito l accorpamento con l unità edilizia D-05, ripristinando l unità originaria Classificazione Riferimenti tipologici U5 C2b Riferimenti abachi abaco 3b: n.1, n.3 ; abaco 4: n.5, n.8 4/4

20 PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO MATRICE SCHEDA D-05 localizzazione ISOLATO D UNITA EDILIZIA 5 fabbricato al civico n 10 di via Cesare Battisti ESTREMI CATASTALI Foglio 13 particella 134 (parte) 1/4

21 PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO MATRICE SCHEDA D-05 sezione descrittiva Superficie lotto (mq): 169,00 Superficie coperta (mq): 125,00 Superficie libera (mq): 44,00 Rapporto di copertura: 0,74 Volume edificato (mc): 692,70 Indice fondiario: 4,10 Altezza minima (m): 6,20 Altezza massima (m): 6,40 Larghezza fronte principale (m): 8,36 Numero di piani: 2 Destinazione d uso: abitazione Proprietà: privata Utilizzo: in uso Epoca di primo impianto catastale: ante 1852 Conservazione dei caratteri storici: edificio storico che ha subito irreversibili alterazioni sezione tecnica elementi di facciata Finitura superficiale Zoccolatura Cornicione di gronda Soglia portone Davanzali finestre intonaco e tinteggiatura parzialmente degradati rivestimento con lastre di materiale lapideo in conci lapidei a fascia modanata multipla con dentelli con intonaco e tinteggiatura a risalto cromatico con muretto di gronda in marmo, con stipiti e architrave in marmo in marmo, con stipiti e architrave in marmo (PT); marmo (PP) infissi materiale stato Portone di ingresso legno mediocre Porta laterale alluminio laccato con sopraluce buono Finestre piano terra alluminio laccato buono Oscuramenti piano terra scurini interni in alluminio laccato buono Finestre piano primo alluminio laccato buono Oscuramenti piano primo scurini interni in alluminio laccato 2/4

22 PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO MATRICE SCHEDA D-05 sistemi portanti delle aperture Finestre piano primo piattabanda in conci lapidei lavorati su stipiti in conci lapidei lavorati, e intonaco e tinteggiatura a risalto cromatico, con davanzale modanato sistemi smaltimento acque posizione materiale stato Canale di gronda interna - - Pluviali esterni plastica discreto Terminali esterni plastica mediocre copertura Tipo, struttura materiale stato a falde, 2 falde coppi in laterizio (falde tetto); pannelli in cemento-amianto (tettoia nella corte) impianti a vista cavi elettrici e/o telefonici, sportello rete idrica, lampione illuminazione pubblica sezione conservativa Alterazioni Stato di manutenzione generale alterazione del sistema di aperture sul fronte e sostituzione infissi ampliamento sul retro con parziale saturazione della corte zoccolatura con materiale lapideo incongruente con i canoni tipologici della tradizione costruttiva storica frazionamento dell'unità edilizia originale alterazione dell'originario andamento del tetto e aggiunta del canale di gronda mediocre Elementi da preservare impianto planimetrico originario cornicione cornici e davanzale al piano primo sistema di smaltimento delle acque originario Tipo edilizio storico - Tipologia edificio fabbricato monoaffaccio in linea sul filo strada con corte 3/4

23 PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO MATRICE SCHEDA D-05 Prescrizioni di piano Interventi assentiti Prescrizioni Ulteriori prescrizioni A, B, C, D, E, I O2, P1.2, P4, P8, Q1, Q3, R9, S5, T9, V2, Y2 V2: rimuovere le lastre di marmo dagli stipiti e dagli architravi delle aperture. Dissimulare i cavi elettrici e/o telefonici. Sostituire il pluviale con pluviale in rame o ferro preverniciato. Uniformare i materiali degli infissi. I: demolire il volume emergente sul retro, indicato nella tavola 20 e nel profilo regolatore. Riqualificare il retroprospetto anche mediante demolizioni parziali o totali dei volumi edificati nella corte. È consentito l accorpamento con l unità edilizia D-04, ripristinando l unità originaria. Ripristinare l originario andamento delle falde del tetto, come desumibile dalle tracce presenti sulle pareti Classificazione Riferimenti tipologici U5 D2 Riferimenti abachi abaco 3a: n.9; abaco 3b: n.2 ; abaco 4: n.5, n.18 4/4

24 PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO MATRICE SCHEDA D-06 localizzazione ISOLATO D UNITA EDILIZIA 6 fabbricato al civico n 8 di via Cesare Battisti ESTREMI CATASTALI Foglio 13 particella 133 (parte), 218 (parte) 1/4

25 PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO MATRICE SCHEDA D-06 sezione descrittiva Superficie lotto (mq): 112,90 Superficie coperta (mq): 112,90 Superficie libera (mq): 0,00 Rapporto di copertura: 1,00 Volume edificato (mc): 628 Indice fondiario: 5,56 Altezza minima (m): 6,57 Altezza massima (m): 6,64 Larghezza fronte (m): 4,70 Numero di piani: 2 Destinazione d uso: abitazione Proprietà: privata Utilizzo: in uso Epoca di primo impianto catastale: ante 1852 Conservazione dei caratteri storici: edificio storico che ha subito irreversibili alterazioni sezione tecnica elementi di facciata Finitura superficiale Zoccolatura Cornicione di gronda Soglia portone Davanzali finestre Balcone intonaco senza tinteggiatura in rilievo in conci lapidei a lavorazione convessa in marmo, con stipiti e architrave in marmo in marmo, con stipiti e architrave in marmo (PT), in marmo (PP) in c.a./muratura con parapetto in ferro infissi materiale stato Portone di ingresso allumio laccato e vetro buono Finestre piano terra n.r. - Oscuramenti piano terra persiane in alluminio/pvc buono Finestre piano primo n.r. - Oscuramenti piano primo persiane in alluminio/pvc buono 2/4

26 PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO MATRICE SCHEDA D-06 copertura Tipo, struttura materiale stato a falde, piana con terrazza sul fronte, 1 falda sul retro coppi in laterizio con orditura alla sarda (corpo sul retro), pannelli in cementoamianto (nella corte) mediocre sistemi smaltimento acque posizione materiale stato Canale di gronda Pluviali esterni rame buono Terminali esterni rame buono impianti a vista cavi elettrici e/o telefonici sportello rete idrica sportello rete elettrica sezione conservativa Alterazioni frazionamento dell unità edilizia originale alterazione del sistema di aperture sul fronte realizzazione di un balcone saturazione della corte realizzazione di una terrazza Stato di manutenzione generale Elementi da preservare discreto cornicione impianto planimetrico originario Tipo edilizio storico - Tipologia edificio fabbricato monoaffaccio in linea sul filo strada con corte 3/4

27 PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO MATRICE SCHEDA D-06 Prescrizioni di piano Interventi assentiti Prescrizioni Ulteriori prescrizioni A, B, C, D, E O2, P4, P6.2, P12, Q1, Q3, Q4, R7, S3, T8, V2, W1.1, W2 V2: rimuovere le lastre di marmo dagli stipiti e dagli architravi delle aperture. Dissimulare i cavi elettrici e/o telefonici. Riqualificare il retroprospetto anche mediante demolizioni parziali o totali dei volumi edificati nella corte. Chiudere la terrazza ripristinando l originale andamento del tetto. Classificazione U5 Riferimenti tipologici - Riferimenti abachi abaco 3a: n.10 ; abaco 3b: n.4, n.5 ; 4/4

28 PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO MATRICE SCHEDA D-07 localizzazione ISOLATO D UNITA EDILIZIA 7 fabbricato al civico n 6 di via Cesare Battisti ESTREMI CATASTALI Foglio 13 particella 133 (parte) 1/4

29 PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO MATRICE SCHEDA D-07 sezione descrittiva Superficie lotto (mq): 45,75 Superficie coperta (mq): 45,75 Superficie libera (mq): 0,00 Rapporto di copertura: 1 Volume edificato (mc): 430 Indice fondiario: 9,40 Altezza minima (m): 10,80 Altezza massima (m): 11,00 Larghezza fronte (m): 6,35 Numero di piani: 3 Destinazione d uso: Proprietà: Utilizzo: abitazione privata in uso Epoca di primo impianto catastale: ante 1852 Conservazione dei caratteri storici: edificio di epoca recente, o recentemente ristrutturato, con canoni tipologici, stilistici e impiego di materiali dissonanti e incongruenti con la tradizione costruttiva del centro storico sezione tecnica elementi di facciata Finitura superficiale Zoccolatura Cornicione di gronda Soglia portone Davanzali finestre Balcone intonaco e tinteggiatura in rilievo a risalto cromatico in conci lapidei a fascia modanata multipla intonacato in marmo con stipiti e architrave in marmo in marmo in c.a./muratura con parapetto in ferro sistemi smaltimento acque posizione materiale stato Canale di gronda Pluviali esterni plastica buono Terminali esterni plastica buono 2/4

30 PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO MATRICE SCHEDA D-07 copertura Tipo, struttura materiale stato piana - - infissi materiale stato Portone di ingresso legno con sopraluce mediocre Finestre piano terra n.r. - Oscuramenti piano terra persiane in alluminio anodizzato buono Finestre piano primo n.r. - Oscuramenti piano primo persiane in alluminio anodizzato buono Finestre piano secondo n.r.. - Oscuramenti piano secondo persiane in alluminio anodizzato buono impianti a vista cavi elettrici e/o telefonici sezione conservativa Alterazioni sopraelevazione con canoni tipologici, stilistici e impiego di materiali dissonanti ed incongruenti con la tradizione costruttiva del centro storico frazionamento dell unità edilizia originale realizzazione di un balcone sostituzione infissi apertura di un nuovo vano d'ingresso a servizio dell'unità edilizia adiacente Stato di manutenzione generale Elementi da preservare discreto cornicione impianto planimetrico originario Tipo edilizio storico - Tipologia edificio fabbricato monoaffaccio in linea sul filo strada senza corte 3/4

31 PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO MATRICE SCHEDA D-07 Prescrizioni di piano Interventi assentiti Prescrizioni Ulteriori prescrizioni A, B, C, D, E, I O2, P2.1, P6.2, P13, Q4, R5, S3, T8, V2, W1.3, W2 Dissimulare i cavi elettrici e/o telefonici. Sostituire i pluviali con pluviali in rame o ferro preverniciato, allineandoli sul lato destro del fabbricato. Rimuovere le lastre in cemento-amianto dal cornicione eventualmente sostituendole con coppi in laterizio. I: demolire il volume al piano secondo. Il tetto dovrà essere a 1 falda con pendenza non superiore al 30% e manto di copertura in coppi in laterizio. Il rilascio del titolo abilitativo è subordinato al recepimento integrale di tutte le prescrizioni. Classificazione Riferimenti tipologici U5 B2b Riferimenti abachi abaco 3b: n.3 ; abaco 4: n.6, n.10 4/4

32 PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO MATRICE SCHEDA D-08 localizzazione ISOLATO D UNITA EDILIZIA 8 fabbricato al civico n 4-4A di via Cesare Battisti ESTREMI CATASTALI Foglio 13 particella 132, 150, 151, 152 1/4

33 PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO MATRICE SCHEDA D-08 sezione descrittiva Superficie lotto (mq): 179,00 Superficie coperta (mq): 148,00 Superficie libera (mq): 31,00 Rapporto di copertura: 0,83 Volume edificato (mc): 603,90 Indice fondiario: 3,37 Altezza minima (m): 6,20 Altezza massima (m): 6,50 Larghezza fronte (m): 7,40 Numero di piani: 2 Destinazione d uso: abitazione / attività commerciale Proprietà: privata Utilizzo: in uso / in uso Epoca di primo impianto catastale: ante 1852 Conservazione dei caratteri storici: edificio storico con alterazioni 2/4

34 PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO MATRICE SCHEDA D-08 sezione tecnica elementi di facciata Finitura superficiale Zoccolatura Cornicione di gronda Lunetta portone ingresso Soglia portone Davanzali finestre intonaco e tinteggiatura in conci lapidei in rilievo e a risalto cromatico in conci lapidei a fascia modanata multipla in ferro lavorato a volute in marmo in marmo sistemi portanti delle aperture Portone di ingresso Finestre piano primo arco a tutto sesto in conci squadrati intonacato piattabanda in conci lapidei lavorati a motivi geometrici su stipiti in conci lapidei lavorati a motivi geometrici infissi materiale stato Portone di ingresso alluminio laccato e vetro buono Porta laterale alluminio laccato e vetro buono Oscuramenti piano terra serranda metallica buona Finestre piano primo legno con zanzariere buono Oscuramenti piano primo scurini interni in legno buono copertura Tipo, struttura materiale stato a falde, 2 falde tegole portoghesi in laterizio (corpo principale), coppi in laterizio con orditura alla sarda (corpi fondo lotto), tegole marsigliesi (tettoia) Buono; mediocre (corpi fondo lotto) sistemi smaltimento acque posizione materiale stato Canale di gronda esterna rame buono Pluviali esterni rame buono Terminali esterni rame buono 3/4

35 PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO MATRICE SCHEDA D-08 impianti a vista cavi elettrici e/o telefonici sportello rete idrica pensilina in materiale plastico traslucido sezione conservativa Alterazioni Stato di manutenzione generale Elementi da preservare Tipo edilizio storico Tipologia edificio alterazione del sistema di aperture sul fronte rifacimento del tetto parziale saturazione della corte demolizione e ricostruzione del corpo sul retro buono cornicione sistema portante delle aperture lunetta portone d'ingresso impianto planimetrico originario bicellula in profondità su 2 livelli (corpo fronte strada) con corte retrostante fabbricato monoaffaccio in linea sul filo strada con corte Prescrizioni di piano Interventi assentiti Prescrizioni Ulteriori prescrizioni Classificazione Riferimenti tipologici Riferimenti abachi A, B, C, D, E O2, P4, P6.1, P10.1, P15, Q2, R5, S3, Y1, V1 Dissimulare i cavi elettrici e/o telefonici. O2: la finestra al piano terra dovrà avere le medesime dimensioni delle finestre esistenti al piano primo. P15: sostituire la serranda in metallo con un cancello in ferro battuto. Rimuovere la pensilina in plexglass dell ingresso. Rimuovere la tettoia realizzata nella corte. Preservare i corpi sul fondo lotto. U2 C2b abaco 3a: n.1 (con lunetta), n.8, 4/4

36 PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO MATRICE SCHEDA D-09 localizzazione ISOLATO D UNITA EDILIZIA 9 fabbricato al civico n 2 di via Cesare Battisti ESTREMI CATASTALI Foglio 13 particella 131 1/4

37 PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO MATRICE SCHEDA D-09 sezione descrittiva Superficie lotto (mq): 44,30 Superficie coperta (mq): 44,30 Superficie libera (mq): 0,00 Rapporto di copertura: 1,00 Volume edificato (mc): 265,80 Indice fondiario: 6,00 Altezza minima (m): 6,50 Altezza massima (m): 6,90 Larghezza fronte (m): 7,55 Numero di piani: 2+1/2 Destinazione d uso: Proprietà: Utilizzo: abitazione privata in uso Epoca di primo impianto catastale: ante 1852 Conservazione dei caratteri storici: edificio di epoca recente o recentemente ristrutturato con canoni tipologici, stilistici e materiali dissonanti e incongruenti con la tradizione costruttiva storica sezione tecnica elementi di facciata Finitura superficiale Soglia portone Davanzali finestre Balcone intonaco e tinteggiatura parzialmente ammalorato in marmo con stipiti e architrave in marmo in marmo con stipiti e architrave in marmo in c.a./muratura con parapetto in muratura sistemi smaltimento acque posizione materiale stato Canale di gronda esterna plastica buono Pluviali esterni plastica buono Terminali esterni plastica buono 2/4

38 PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO MATRICE SCHEDA D-09 copertura Tipo, struttura materiale stato a falde/piana con terrazza sul fronte, 1 falda coppi in laterizio discreto infissi materiale stato Portone di ingresso alluminio anodizzato e vetro discreto Finestre piano terra n.r. - Oscuramenti piano terra persiane in alluminio anodizzato buono Finestre piano primo legno discreto Oscuramenti piano primo persiane in alluminio anodizzato buono Finestre piano secondo n.r. - Oscuramenti piano secondo persiane in alluminio anodizzato buono impianti a vista cavi elettrici e/o telefonici sportello rete idrica antenna parabolica lampione illuminazione pubblica serbatoio idrico sezione conservativa Alterazioni sopraelevazione e ristrutturazione con canoni tipologici, stilistici e materiali dissonanti con la tradizione costruttiva del centro storico Stato di manutenzione generale Elementi da preservare - discreto Tipo edilizio storico - Tipologia edificio fabbricato monoaffaccio in linea sul filo strada senza corte 3/4

39 PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO MATRICE SCHEDA D-09 Prescrizioni di piano Interventi assentiti Prescrizioni Ulteriori prescrizioni A, B, C, D, F, I O5, P4, P6.2, P13, Q1, S1, V2, W2, W3.2, W5 Sostituire il canale e il discendente con canale e discendente in rame o ferro preverniciato. Dissimulare i cavi elettrici e/o telefonici. Rimuovere la parabola dalla facciata. V2: rimuovere le lastre di marmo dagli stipiti e dagli architravi delle aperture. F: è consentita la chiusura, anche parziale del piano secondo, al fine di completare il volume del fabbricato. Il rilascio del titolo abilitativo è subordinato alla composizione di schemi di aperture sul fronte rinvenibile nella tradizione costruttiva storica, all impiego di infissi in legno, nonché al recepimento integrale di tutte le prescrizioni. I: è consentita altresì la demolizione del volume al piano secondo e la realizzazione di una copertura ad una falda avente pendenza uguale a quella del fabbricato finitimo D-08 e manto di copertura in coppi in laterizio. La quota di imposta della copertura, misurata sullo spigolo in aderenza al fabbricato finitimo D-08, comprensiva dell eventuale cornicione, non dovrà essere superiore a metri 6,00. Il rilascio del titolo abilitativo è subordinato alla composizione di schemi di aperture sul fronte rinvenibile nella tradizione costruttiva storica, all impiego di infissi in legno, nonché al recepimento integrale di tutte le prescrizioni. Sono in generale consentiti, nel pieno rispetto dei principi informatori del piano, nei limiti dell attuale ingombro planimetrico, interventi finalizzati ad un più coerente inserimento del fabbricato nel tessuto edilizio del centro storico. Classificazione U7 Riferimenti tipologici - Riferimenti abachi abaco 3b: n.5, n.6 (senza sopraluce) ; abaco 4: n.14, n.18 4/4

40 PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO MATRICE SCHEDA D-10a localizzazione ISOLATO D UNITA EDILIZIA 10a fabbricato al civico n 15 di via Brigata Sassari ESTREMI CATASTALI Foglio 13 particella /4

41 PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO MATRICE SCHEDA D-10a sezione descrittiva Superficie lotto (mq): 121 Superficie coperta (mq): 90 Superficie libera (mq): 31 Rapporto di copertura: 0,74 Volume edificato (mc): 396,60 Indice fondiario: 4,41 Altezza minima (m): Altezza massima (m): n.r. n.r. Larghezza fronte (m): 6,80 Numero di piani: 2 Destinazione d uso: Proprietà: Utilizzo: abitazione privata in uso Epoca di primo impianto catastale: ante 1852 Conservazione dei caratteri storici: edificio di epoca recente o recentemente ristrutturato con canoni tipologici, stilistici e materiali dissonanti e incongruenti con la tradizione costruttiva storica 2/4

42 PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO MATRICE SCHEDA D-10a sezione tecnica elementi di facciata Finitura superficiale Cornicione di gronda Soglia portone Davanzali finestre Balcone Accesso alla corte Intonaco lavorato a mò di squame aggetto di gronda in c.a./muratura marmo in marmo in c.a-muratura con parapetto min ferro cancello in ferro infissi materiale stato Portone di ingresso legno e vetro mediocre Finestre piano terra n.r. - Oscuramenti piano terra avvolgibili in plastica buono Finestre piano primo n.r. - Oscuramenti piano primo persiane in alluminio laccato (porta) discreto copertura Tipo, struttura materiale stato a falde/piana con terrazza sul retro, 1 falda tegole marsigliesi discreto sistemi smaltimento acque posizione materiale stato Canale di gronda esterna plastica buono Pluviali esterni plastica discreto impianti a vista Cavi elettrici e telefonici 3/4

43 PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO MATRICE SCHEDA D-10a sezione conservativa Alterazioni Stato di manutenzione generale Elementi da preservare - Tipo edilizio storico - Tipologia edificio edificazione con canoni tipologici, stilistici e materiali dissonanti con la tradizione costruttiva del centro storico mediocre fabbricato monoaffaccio arretrato rispetto al filo strada con corte antistante Prescrizioni di piano Interventi assentiti A, B, C, D, F, G Prescrizioni O4, P1.3, P6.2, P13, P15, Q6, R4, T1, T3. T8, V1, W1.2 Ulteriori prescrizioni Uniformare le tipologie degli infissi. Riqualificare il retroprospetto anche mediante demolizioni parziali o totali dei volumi edificati nella corte. Sostituire il canale e il discendente con canale e discendente in rame o ferro preverniciato. F: è consentito il completamento del volume mediante edificazione nella corte antistante, previa demolizione del volume al piano secondo dell unità edilizia D-10b. L altezza del fabbricato, calcolata sullo spigolo in aderenza al fabbricato finitimo D-10b, comprensiva del cornicione, non dovrà essere superiore a metri 6,50. La copertura dovrà essere a due falde con pendenza non superiore al 30% e con manto di copertura in coppi in laterizio. La sopraelevazione dovrà eseguirsi in coerenza con i principi informatori del Piano, conformemente ai canoni del ripristino tipologico. Il rilascio del titolo abilitativo è subordinato alla previa demolizione del volume al piano secondo dell unità edilizia D-10b, alla composizione di schemi di aperture sul fronte rinvenibile nella tradizione costruttiva storica, all impiego di infissi in legno, alla dissimulazione dei cavi elettrici e telefonici, nonché al recepimento integrale di tutte le prescrizioni. Sono in generale consentiti, nel pieno rispetto dei principi informatori del piano, interventi finalizzati ad un più coerente inserimento del fabbricato nel tessuto edilizio del centro storico, ivi compresa la demolizione e successiva ricostruzione senza variazione di volume. Classificazione U7 Riferimenti tipologici D2 Riferimenti abachi abaco 3b: n.2, n.4 ; abaco 4: n.8, n.16 4/4

44 PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO MATRICE SCHEDA D-10b localizzazione ISOLATO D UNITA EDILIZIA 10b fabbricato al civico n 15 di via Brigata Sassari ESTREMI CATASTALI Foglio 13 particella /4

45 PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO MATRICE SCHEDA D-10b sezione descrittiva Superficie lotto (mq): 94,6 Superficie coperta (mq): 94,6 Superficie libera (mq): 0,00 (esterna al centro matrice) Rapporto di copertura: 1,00 Volume edificato (mc): 984 Indice fondiario: 10,40 Altezza minima (m): 10,60 Altezza massima (m): 10,80 Larghezza fronte (m): 7,70 Numero di piani: 3 Destinazione d uso: abitazione Proprietà: privata Utilizzo: in uso Epoca di primo impianto catastale: ante 1852 Conservazione dei caratteri storici: edificio storico che ha subito irreversibili alterazioni sezione tecnica elementi di facciata Finitura superficiale Zoccolatura Cornicione di gronda Fascia marcapiano Davanzali finestre intonaco lavorato a mò di squame non in rilievo con finitura superficiale ad intonaco rustico aggetto di gronda in c.a./muratura a fascia semplice a risalto cromatico in marmo sistemi smaltimento acque posizione materiale stato Canale di gronda esterna plastica buono Pluviali esterni plastica mediocre Terminali esterni ferro mediocre 2/4

46 PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO MATRICE SCHEDA D-10b copertura Tipo, struttura materiale stato a falde, 2 falde tegole marsigliesi discreto infissi materiale stato Finestre piano terra n.r. - Oscuramenti piano terra persiane in legno cattivo Finestre piano primo n.r. - Oscuramenti piano primo persiane in legno cattivo Finestre piano secondo n.r. - Oscuramenti piano secondo persiane in legno cattivo impianti a vista cavi elettrici e/o telefonici sportello rete idrica lampione illuminazione pubblica sezione conservativa Alterazioni ristrutturazione, sopraelevazione e ampliamento con canoni tipologici, stilistici e impiego di materiali dissonanti ed incongruenti con la tradizione costruttiva del centro storico Stato di manutenzione generale Elementi da preservare - mediocre Tipo edilizio storico - Tipologia edificio fabbricato monoaffaccio in linea sul filo strada con corte 3/4

47 PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO MATRICE SCHEDA D-10b Prescrizioni di piano Interventi assentiti Prescrizioni Ulteriori prescrizioni A, B, C, D, E, I O4, P6.1, P11.1, Q6, R4, S2, T1, T3, T5, V1 Sostituire il canale e il discendente con canale e discendente in rame o ferro preverniciato. Dissimulare i cavi elettrici e/o telefonici. O4: è consentita la trasformazione di una finestra al piano terra in porta. I: è consentito demolire il volume al piano secondo. Il tetto dovrà essere a due falde con pendenza non superiore al 30% e manto di copertura in coppi in laterizio. Il rilascio del titolo abilitativo è subordinato al recepimento integrale di tutte le prescrizioni. Classificazione Riferimenti tipologici U5 E2b Riferimenti abachi: abaco 3a: n.4, abaco 3b: n.7; abaco 4: n.8, n.6, n.15 4/4

48 PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO MATRICE SCHEDA D-11 localizzazione ISOLATO D UNITA EDILIZIA 11 fabbricato al civico n 17 di via Brigata Sassari ESTREMI CATASTALI Foglio 13 particella /4

49 PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO MATRICE SCHEDA D-11 sezione descrittiva Superficie lotto (mq): 110 Superficie coperta (mq): 110 Superficie libera (mq): 0,00 Rapporto di copertura: 1,00 Volume edificato (mc): 638 Indice fondiario: 5,80 Altezza minima (m): 6,13 Altezza massima (m): 6,20 Larghezza fronte (m): 6,34 Numero di piani: 2+1/2 Destinazione d uso: abitazione Proprietà: privata Utilizzo: in uso Epoca di primo impianto catastale: ante 1852 Conservazione dei caratteri storici: edificio storico che ha subito irreversibili alterazioni sezione tecnica elementi di facciata Finitura superficiale Zoccolatura Soglia portone Davanzali finestre intonaco graffiato e tinteggiatura parzialmente degradati rivestimento con lastre di materiale lapideo in marmo, con stipiti e architrave in marmo in marmo, con stipiti e architrave in marmo infissi materiale stato Portone di ingresso legno discreto Finestre piano terra legno mediocre Oscuramenti piano terra avvolgibili in plastica discreto Finestre piano primo legno mediocre Oscuramenti piano primo avvolgibili in plastica discreto 2/4

50 PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO MATRICE SCHEDA D-11 copertura Tipo, struttura materiale stato a falde con terrazza, 2 falde pannelli in cementoamianto mediocre sistemi smaltimento acque posizione materiale stato Canale di gronda esterna ferro mediocre Pluviali esterni plastica mediocre Terminali esterni ferro mediocre impianti a vista cavi elettrici e/o telefonici sportello rete idrica sportello rete elettrica sezione conservativa Alterazioni ristrutturazione e sopraelevazione con canoni tipologici, stilistici e impiego di materiali dissonanti ed incongruenti con la tradizione costruttiva del centro storico Stato di manutenzione generale Elementi da preservare mediocre sistema delle aperture sul fronte Tipo edilizio storico - Tipologia edificio fabbricato monoaffaccio in linea sul filo strada con corte 3/4

51 PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO MATRICE SCHEDA D-11 Prescrizioni di piano Interventi assentiti A, B, C, D, F, I Prescrizioni O2, P1.3, P6.2, P15, Q3, S5, T1, T3, T8, V2, W1.2 Ulteriori prescrizioni Dissimulare i cavi elettrici e/o telefonici. Sostituire il canale e il discendente con canale e discendente in rame o ferro preverniciato. Riqualificare il retroprospetto anche mediante demolizioni totali o parziali di corpi aggiunti. V2: rimuovere le lastre di marmo dagli stipiti e dagli architravi delle aperture al piano primo e uniformare il materiale della soglia a quello dei davanzali. F: è consentito chiudere la terrazza sul retro al piano secondo, ripristinando la continuità della falda. Il rilascio del titolo abilitativo è subordinato alla rimozione dei pannelli in cemento-amianto e al rifacimento della copertura con l utilizzo di coppi in laterizio, alla composizione di schemi di aperture sul retro rinvenibile nella tradizione costruttiva storica, al ridimensionamento del vano d ingresso, all impiego di infissi in legno, nonché al recepimento integrale di tutte le prescrizioni. I: è consentita la demolizione del volume al piano secondo e la realizzazione di una copertura a due falde. La quota di imposta della copertura non dovrà essere superiore a metri 6,40 con pendenza uguale a quella del fabbricato finitimo D-12, e manto di copertura in coppi in laterizio. Il rilascio del titolo abilitativo è subordinato al ridimensionamento del vano d ingresso, all impiego di infissi in legno, nonché al recepimento integrale di tutte le prescrizioni. Classificazione Riferimenti tipologici U5 C2b Riferimenti abachi abaco 3a: n..9 (senza lunetta); abaco 3b: n.4 (senza sopraluce); abaco 4: n.14, n.16 4/4

52 PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO MATRICE SCHEDA D-12 localizzazione ISOLATO D UNITA EDILIZIA 12 fabbricato al civico n di via Brigata Sassari ESTREMI CATASTALI Foglio 13 particella /4

53 PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO MATRICE SCHEDA D-12 sezione descrittiva Superficie lotto (mq): 140 Superficie coperta (mq): 109 Superficie libera (mq): 31 Rapporto di copertura: 0,78 Volume edificato (mc): 654 Indice fondiario: 4,67 Altezza minima (m): 6,55 Altezza massima (m): 6,75 Larghezza fronte (m): 15,35 Numero di piani: 2+1/2 Destinazione d uso: Proprietà: Utilizzo: abitazione privata in uso Epoca di primo impianto catastale: Conservazione dei caratteri storici: edificio di epoca recente o recentemente ristrutturato con canoni tipologici, stilistici e materiali dissonanti e incongruenti con la tradizione costruttiva storica sezione tecnica elementi di facciata Finitura superficiale Zoccolatura Cornicione di gronda Soglia portone Davanzali finestre Balcone rivestimento al piano terra con piastrelle di materiale ceramico, intonaco e tinteggiatura al primo piano rivestimento con lastre di materiale lapideo aggetto di gronda in c.a./muratura in marmo con stipiti e architrave in marmo(sx), in granito (dx) in marmo con stipiti e architrave in marmo (p.t), marmo (1 p.) terrazza con parapetto in mattoni in laterizio (p.1), terrazza con parapetto in muratura (piano sottotetto) sistemi smaltimento acque posizione materiale stato Canale di gronda esterna ferro mediocre Pluviali esterni plastica discreto Terminali esterni plastica mediocre 2/4

54 PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO MATRICE SCHEDA D-12 copertura Tipo, struttura materiale stato a falde con terrazza, 1 falda tegole portoghesi in laterizio discreto infissi materiale stato Portone di ingresso legno con sopraluce (sx) mediocre Porta laterale alluminio/pvc e vetro (dx) discreto Finestre piano terra legno mediocre Oscuramenti piano terra avvolgibili in plastica discreto Finestre piano primo legno, alluminio anodizzato mediocre Oscuramenti piano primo avvolgibili in plastica discreto Finestre piano secondo alluminio laccato discreto impianti a vista cavi elettrici e/o telefonici sportello rete idrica antenna parabolica elemento esterno condizionatore sezione conservativa Alterazioni sopraelevazione e ristrutturazione con canoni tipologici, stilistici e materiali dissonanti con la tradizione costruttiva del centro storico accorpamento di due unità edilizie Stato di manutenzione generale Elementi da preservare - discreto Tipo edilizio storico - Tipologia edificio fabbricato monoaffaccio in linea sul filo strada con corte 3/4

55 PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO MATRICE SCHEDA D-12 prescrizioni di piano Interventi assentiti Prescrizioni Ulteriori prescrizioni A, B, C, D, F, H O5, P2.2, P4, P6.2, P8, P15, Q6, R4, S5, T8, U2, V2, W5 Dissimulare i cavi elettrici e/o telefonici. Rimuovere la parabola e l elemento esterno del condizionatore. Sostituire il canale e il discendente con canale e discendente in rame o ferro preverniciato. Riqualificare il retroprospetto anche mediante demolizioni totali o parziali di corpi aggiunti. F: chiudere la terrazza al piano primo ripristinando la continuità della facciata e della falda, mediante abbassamento della quota della copertura del volume emergente (indicata nella tav. 20) uniformandola alla quota della falda principale. Il rilascio del titolo abilitativo è subordinato alla composizione di schemi di aperture sul fronte rinvenibile nella tradizione costruttiva storica, previo ridimensionamento delle aperture esistenti, all impiego di infissi in legno, nonché al recepimento integrale di tutte le prescrizioni. V2: rimuovere le lastre di marmo dagli stipiti e dagli architravi delle aperture. Sono in generale consentiti, nel pieno rispetto dei principi informatori del piano e nei limiti dell attuale ingombro planimetrico, interventi finalizzati ad un più coerente inserimento del fabbricato nel tessuto edilizio del centro storico, ivi compresa la demolizione e successiva ricostruzione con variazione di volume. Classificazione U7 Riferimenti tipologici - Riferimenti abachi abaco 3a: n.6, n.10 (senza lunetta) ; abaco 3b: n.2 ; abaco 4: n.16, n.18 4/4

56 PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO MATRICE SCHEDA D-13 localizzazione ISOLATO D via Brigata Sassari, Cesare Battisti UNITA EDILIZIA 13 fabbricato al civico n 23 di via Brigata Sassari ESTREMI CATASTALI Foglio 13 particella /4

57 PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO MATRICE SCHEDA D-13 sezione descrittiva Superficie lotto (mq): 171 Superficie coperta (mq): 128 Superficie libera (mq): 43 Rapporto di copertura: 0,75 Volume edificato: 512 Indice fondiario: 3,00 Altezza minima (m): 4,15 Altezza massima (m): 4,3 Larghezza fronte principale (m): 11,6 Numero di piani: 1 Destinazione d uso: Proprietà: Utilizzo: Abitazione privata in uso Epoca di primo impianto catastale: Conservazione dei caratteri storici: edificio di recente ristrutturazione con canoni tipologici, stilistici e materiali dissonanti con la tradizione costruttiva storica 2/4

58 PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO MATRICE SCHEDA D-13 sezione tecnica elementi di facciata Finitura superficiale Zoccolatura Cornicione di gronda Soglia portone Davanzali finestre intonaco e tinteggiatura rivestimento con lastre di materiale lapideo aggetto di gronda in c.a./muratura in marmo in marmo infissi materiale stato Portone di ingresso persiane in alluminio/pvc buono Finestre piano terra n.r. - Oscuramenti piano terra persiane in alluminio/pvc buono Finestre piano primo n.r. - Oscuramenti piano seminterrato persiane in alluminio/pvc buono copertura tipo, struttura materiale stato a falde, 2 falde tegole portoghesi in laterizio buono sistemi smaltimento acque posizione materiale stato Canale di gronda esterna rame buono Pluviali esterna rame buono Terminali esterni rame buono impianti a vista cavi elettrici e/o telefonici sportello rete elettrica 3/4

59 PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO MATRICE SCHEDA D-13 sezione conservativa Alterazioni ristrutturazione con canoni tipologici, stilistici e materiali parzialmente dissonanti con la tradizione costruttiva del centro storico accorpamento di due unità edilizie Stato di manutenzione generale buono Elementi da preservare - Tipo edilizio storico - Tipologia edificio fabbricato monoaffaccio in linea sul filo strada con corte prescrizioni di piano Interventi assentiti Prescrizioni Ulteriori prescrizioni A, B, C, D, F O1, P4, P12, Q6, R4, S5, T8, V1 Dissimulare i cavi elettrici e/o telefonici F: è consentita la sopraelevazione di un ulteriore piano oltre a quello esistente nei limiti dell ingombro planimetrico indicato nella tavola 20. Il piano in ampliamento dovrà avere altezza utile interna non inferiore a m L altezza del fabbricato, calcolata sullo spigolo in aderenza al fabbricato finitimo D-12, comprensiva del cornicione, non dovrà essere superiore a quella del fabbricato D-12. La copertura del volume in sopraelevazione dovrà essere a una falda con pendenza uguale a quella del fabbricato D-12 e manto di copertura in coppi in laterizio. L intervento dovrà eseguirsi in coerenza con i principi informatori del Piano, conformemente ai canoni del ripristino tipologico. Il rilascio del titolo abilitativo è subordinato alla composizione di schemi di aperture sul fronte rinvenibile nella tradizione costruttiva storica, all impiego di infissi in legno nonché al recepimento integrale di tutte le prescrizioni. Classificazione U7 Riferimenti tipologici E1a Riferimenti abachi abaco 3a: n.4 ; abaco 3b: n. 2; abaco 4: n.8, n.10 4/4

isolato I PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO STORICO Comune di Muros vista Est vista Nord vista Ovest vista Sud

isolato I PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO STORICO Comune di Muros vista Est vista Nord vista Ovest vista Sud PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO STORICO isolato I vista Nord vista Est vista Sud vista Ovest PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO MATRICE SCHEDA I-01 localizzazione ISOLATO I via Cavour, via Roma, via

Dettagli

PIANO PARTICOLAREGGIATO

PIANO PARTICOLAREGGIATO COMUNE DI ILLASIMIUS Provincia di Cagliari PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO DI PRIMA ED ANTICA FORMAZIONE Allegato alla Delibera del Consiglio Comunale n del Elaborato Norme Tecniche per Unità Edilizia

Dettagli

CITTA DI ITTIRI COMPARTO N 1 N LOTTO 01 N SCHEDA 0001

CITTA DI ITTIRI COMPARTO N 1 N LOTTO 01 N SCHEDA 0001 CITTA DI ITTII COMPATO N 1 N LOTTO 01 N SCHEDA 0001 (fuori dal centro matrice) via G. Deledda 17 via Amsicora 94 NUMEO EDILIZIE Infissi ivestimenti DATI CATASTALI 2 (1) in legno pers. in ferro al p.t.

Dettagli

EDIFICI COMPRESI NEL NUCLEO DI ANTICA FORMAZIONE. Elaborato modificato a seguito dell'accoglimento delle osservazioni

EDIFICI COMPRESI NEL NUCLEO DI ANTICA FORMAZIONE. Elaborato modificato a seguito dell'accoglimento delle osservazioni COMUNE DI MALGESSO PROVINCIA DI VARESE PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO PIANO DELLE REGOLE art. 10 LR 12/2005 SCHEDE EDIFICI COMPRESI NEL NUCLEO DI ANTICA FORMAZIONE Elaborato modificato a seguito dell'accoglimento

Dettagli

RELAZIONE TECNICA E VALUTAZIONE PAESAGGISTICA

RELAZIONE TECNICA E VALUTAZIONE PAESAGGISTICA PERMESSO DI COSTRUIRE CONVENZIONATO CON PIANO DI RECUPERO RELAZIONE TECNICA E VALUTAZIONE PAESAGGISTICA Ristrutturazione edilizia con cambio di destinazione d uso e recupero del sottotetto Fabbricato sito

Dettagli

CENTRO STORICO NOBILE

CENTRO STORICO NOBILE CENTRO STORICO NOBILE Identificativo 54 Centro Storico Nobile - Via Roma Identificativo catastale 1228 fg. n. 4 Piani fuori terra n. 1 Residenziale Edifico isolato con a padiglione, manto di in tegole

Dettagli

Comune di Agropoli Provincia di Salerno. Piano del Colore

Comune di Agropoli Provincia di Salerno. Piano del Colore Provincia di Salerno Piano del Colore Mappa cromatica di uno spazio urbano Redazione del Piano del Colore in attuazione della Legge Regionale 18 Ottobre 2002, n. 26 Norme ed incentivi per la valorizzazione

Dettagli

COMUNE DI OLBIA PROVINCIA DI OLBIA - TEMPIO

COMUNE DI OLBIA PROVINCIA DI OLBIA - TEMPIO COMUNE DI OLBIA PROVINCIA DI OLBIA - TEMPIO ALLEGATO A SCHEDE DI VALUTAZIONE OBBLIGATORIE PER LA RICHIESTA DI QUALUNQUE INTERVENTO QUADRO A. DATI GENERALI TITOLARE DELL INTERVENTO Il Signore / La Signora

Dettagli

P.R.G. del comune di BOCENAGO PIANO INSEDIAMENTI STORICI Unita Edilizia Nr.: 41

P.R.G. del comune di BOCENAGO PIANO INSEDIAMENTI STORICI Unita Edilizia Nr.: 41 P.R.G. del comune di BOCENAGO PIANO INSEDIAMENTI STORICI Unita Edilizia Nr.: 41 Comprensorio C8 - Giudicarie N. particella ed. o fond..132 Comune Amministrativo Bocenago Data rilievo 21/06/07 Comune Catastale

Dettagli

COMUNE DI GALLIO Provincia di Vicenza PIANO REGOLATORE GENERALE VARIANTE PER I CENTRI STORICI DEL CAPOLUOGO E DELLA FRAZIONE DI STOCCAREDDO

COMUNE DI GALLIO Provincia di Vicenza PIANO REGOLATORE GENERALE VARIANTE PER I CENTRI STORICI DEL CAPOLUOGO E DELLA FRAZIONE DI STOCCAREDDO COMUNE DI GALLIO VARIANTE PER I CENTRI STORICI DEL CAPOLUOGO E DELLA FRAZIONE DI STOCCAREDDO SCHEDA DI RILEVAMENTO E DI NORMATIVA N. 182 UNITA DI RILEVAMENTO / CENTRO STORICO del Capoluogo della frazione

Dettagli

CINO località Torchi. N edificio : 1 COMUNE LOCALITA FOGLIO MAPPALE CINO TORCHI 5 1643

CINO località Torchi. N edificio : 1 COMUNE LOCALITA FOGLIO MAPPALE CINO TORCHI 5 1643 CINO località Torchi N edificio : 1 COMUNE LOCALITA FOGLIO MAPPALE CINO TORCHI 5 1643 ANALISI ESISTENTE STATO DI CONSERVAZIONE CONSISTENZA GRADO DI UTILIZZAZIONE GRADO DI INTERESSE AMBIENTALE E PAESAGGISTICO

Dettagli

FOTO D'INSIEME VISTA AEREA DATA CENSIMENTO GIUGNO 2009. COMUNE: BONDENO, loc. Burana TOPONIMO: INDIRIZZO: VIA PONTE SANTI BURANA DATI CATASTALI 35/11

FOTO D'INSIEME VISTA AEREA DATA CENSIMENTO GIUGNO 2009. COMUNE: BONDENO, loc. Burana TOPONIMO: INDIRIZZO: VIA PONTE SANTI BURANA DATI CATASTALI 35/11 TOPONIMO: DATI CATASTALI 35/11 Edificio residenziale isolato, attualmente non abitato e in disuso, il cui stato di conservazione è tuttavia discreto. L'impianto planimetrico è a in linea, con cellule a

Dettagli

COMUNE DI GALLIO Provincia di Vicenza PIANO REGOLATORE GENERALE VARIANTE PER I CENTRI STORICI DEL CAPOLUOGO E DELLA FRAZIONE DI STOCCAREDDO

COMUNE DI GALLIO Provincia di Vicenza PIANO REGOLATORE GENERALE VARIANTE PER I CENTRI STORICI DEL CAPOLUOGO E DELLA FRAZIONE DI STOCCAREDDO COMUNE DI GALLIO VARIANTE PER I CENTRI STORICI DEL CAPOLUOGO E DELLA FRAZIONE DI STOCCAREDDO SCHEDA DI RILEVAMENTO E DI NORMATIVA N. 143 UNITA DI RILEVAMENTO / CENTRO STORICO del Capoluogo della frazione

Dettagli

NORME TECNICHE D ATTUAZIONE

NORME TECNICHE D ATTUAZIONE COMUNE DI CLES PROVINCIA DI TRENTO NORME TECNICHE D ATTUAZIONE VARIANTE AL P.R.G. INTEGRAZIONE DELLA SCHEDATURA DEL CENTRO STORICO Redatto da: Zanolini arch. Paola Data: Prima Adozione: Adozione Definitiva:

Dettagli

ABACO DEGLI ELEMENTI RICORSIVI

ABACO DEGLI ELEMENTI RICORSIVI ABACO DEGLI ELEMENTI RICORSIVI Gli abachi degli elementi ricorsivi allegati raccoglie le norme ed il repertorio degli esempi a cui si dovrà fare riferimento nella progettazione dei singoli interventi sugli

Dettagli

COMPARTO A - ISOLATO 22 SCHEDA 01

COMPARTO A - ISOLATO 22 SCHEDA 01 OMUNE DI ESLPLNO PINO PRTIOLREGGITO DEL ENTRO STORIO OMPRTO - ISOLTO 22 SHED 01 U.E. 01 INDIRIZZO: orso Sardegna 155-153 - Via Roma 38 DTI TSTLI: Fg. 25 mapp. 555-556 DTI METRII DEL LOTTO: Sup. lotto:

Dettagli

TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA. Denuncia Inizio Attività. Se di modesta entità nessuna autorizzazione. Permesso a Costruire. Nessuna autorizzazione

TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA. Denuncia Inizio Attività. Se di modesta entità nessuna autorizzazione. Permesso a Costruire. Nessuna autorizzazione TIPO DI INTERVENTO MODALITÀ TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA PRESCRIZIONI Abbaini Costruzione di nuovi abbaini Denuncia Inizio Attività Accorpamenti di locali o di altre unità immobiliari Accorpamenti

Dettagli

REPERTORIO DEI SISTEMI COSTRUTTIVI DI RIFERIMENTO PER IL PROGETTO

REPERTORIO DEI SISTEMI COSTRUTTIVI DI RIFERIMENTO PER IL PROGETTO SISTEMA COSTRUTTIVO DELLE COPERTURE... 2 SISTEMA COSTRUTTIVO DELLE MURATURE,... 3 SISTEMA COSTRUTTIVO DELLE APERTURE...3...3 SISTEMA COSTRUTTIVO DEI COLLEGAMENTI FRA LE STRUTTURE DI COPERTURA E LE STRUTTURE

Dettagli

COMUNE DI PRIZZI. Provincia di Palermo. Settore Tecnico Ufficio Edilizia Privata

COMUNE DI PRIZZI. Provincia di Palermo. Settore Tecnico Ufficio Edilizia Privata COMUNE DI PRIZZI Provincia di Palermo Settore Tecnico Ufficio Edilizia Privata Il presente regolamento, che si compone di n art icoli, è stato approvato con deliberazione consiliare n del, pubbl icata

Dettagli

Manutenzione straordinaria

Manutenzione straordinaria Spett.le Sportello Unico per l Edilizia Comune di Camino (AL) Manutenzione straordinaria allegato b DATI GENERALI Titolare dell intervento: proprietario, amministratore, avente titolo il/la sottoscritto/a

Dettagli

COMUNE DI CERVIGNANO DEL FRIULI

COMUNE DI CERVIGNANO DEL FRIULI REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI CERVIGNANO DEL FRIULI QUADERNO DEGLI INTERVENTI ALL INTERNO DELLE ZONE A VARIANTE N. 1 1 SOMMARIO PREMESSA 2 PROPOSTA DI VARIANTE N.

Dettagli

ABACO TIPOLOGIA INTERVENTI EDILIZI

ABACO TIPOLOGIA INTERVENTI EDILIZI ABACO TIPOLOGIA INTERVENTI EDILIZI L'eventuale presenza di vincoli normativi può comportare modifiche al titolo edilizio di base specificato nel seguente Abaco. Nel caso si rimanda alla specifica normativa

Dettagli

Esempi degli interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef

Esempi degli interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef Accorpamenti di locali o di altre unità immobiliari Allargamento porte Allargamento porte e finestre esterne Allarme finestre esterne Ampliamento con formazione di volumi tecnici Apertura interna Ascensore

Dettagli

Progr.: 1 COMUNE DI SPINEA - Provincia di Venezia Scheda B Rilievo dei beni storico-architettonici Scheda: 1

Progr.: 1 COMUNE DI SPINEA - Provincia di Venezia Scheda B Rilievo dei beni storico-architettonici Scheda: 1 Progr.: 1 COMUNE DI SPINEA - Provincia di Venezia Scheda B Rilievo dei beni storico-architettonici Scheda: 1 1.Codifica edificio Scheda: 1 2. Ubicazione indirizzo: ID edificio: 1 via/piazza: Rossignago

Dettagli

COMPARTO A - ISOLATO 21 SCHEDA 01

COMPARTO A - ISOLATO 21 SCHEDA 01 OMUN I SLPLNO PINO PRTIOLRGGITO L NTRO STORIO OMPRTO - ISOLTO 21 SH 01 U.. 01 INIRIZZO: Via Roma41-39 TI TSTLI: Fg. 25 mapp. 553 TI MTRII L LOTTO: Sup. lotto: 137,61 mq Sup. coperta: 89,90 mq Vol. edificato:

Dettagli

ALLEGATO 1 SCHEDA DESCRITTIVA DEI BENI

ALLEGATO 1 SCHEDA DESCRITTIVA DEI BENI ALLEGATO 1 SCHEDA DESCRITTIVA DEI BENI 1. IMMOBILE IN VIA SANTA MARIA 50, PIANO TERRA 2. APPARTAMENTO IN VIA SANTA MARIA 50, PIANO PRIMO LATO SX 3. APPARTAMENTO IN VIA SANTA MARIA N. 50, PRIMO PIANO LATO

Dettagli

PIANO DEL COLORE (compilazione obbligatoria per interventi nel centro storico) A - Documentazione da allegare

PIANO DEL COLORE (compilazione obbligatoria per interventi nel centro storico) A - Documentazione da allegare COMUNE DI SAN GIOVANNI LIPIONI PIANO DEL COLORE (compilazione obbligatoria per interventi nel centro storico) allegati A Scheda da allegare alla richiesta di Permesso di costruire SCIA o CIL A - Documentazione

Dettagli

PROVINCIA DI FORLI'-CESENA SCHEDE DI ANALISI E INDICAZIONI OPERATIVE RELATIVE AGLI EDIFICI DEL CENTRO STORICO. Nucleo: CIVITELLA

PROVINCIA DI FORLI'-CESENA SCHEDE DI ANALISI E INDICAZIONI OPERATIVE RELATIVE AGLI EDIFICI DEL CENTRO STORICO. Nucleo: CIVITELLA PROVINCIA DI FORLI'-CESENA COMUNE DI CIVITELLA DI ROMAGNA PIANO STRUTTURALE COMUNALE - Art. 21 L.R. 20/2000 DISCIPLINA PARTICOLAREGGIATA DEI CENTRI STORICI Art. A-7 L.R. 24 marzo 2000, n. 20 SCHEDE DI

Dettagli

Ufficio Tecnico. Foglio 17, particella 151, sub. 23. Decreto di Vincolo n. 346/2005, Notifica n. 11024 del 15/12/2005. Descrizione morfologica

Ufficio Tecnico. Foglio 17, particella 151, sub. 23. Decreto di Vincolo n. 346/2005, Notifica n. 11024 del 15/12/2005. Descrizione morfologica Premessa L'edificio oggetto del presente Programma di conservazione fa parte del Complesso Ospedaliero di S. Chiara. Il complesso, situato nel centro storico della città di Pisa e di proprietà dell Azienda

Dettagli

COMUNE DI SOLARUSSA PROVINCIA DI ORISTANO PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO STORICO

COMUNE DI SOLARUSSA PROVINCIA DI ORISTANO PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO STORICO RDINTRE UFFII DEL PIN rch. Gianfranco Sanna Studio di Progettazione - via Deastro, - rista - tel/fax:0/0 UFFII DEL PIN orso f.lli ervi 0-00 Solarussa RHITETT G. RHITETTI RH. IUNIR RHELG rch. Giovanni Maria

Dettagli

Detraibile. Installazione di macchinari esterni

Detraibile. Installazione di macchinari esterni INTERVENTI SULLE SINGOLE UNITA' IMMOBILIARI INTERVENTI MODALITÀ CONDIZIONI DI DETRAIBILITÀ Accorpamenti di locali o di altre unità Spostamento di alcuni locali da una unità immobiliare ad altra o anche

Dettagli

P.R.G. Comune di Vigo di Fassa Norme Tecniche di Attuazione FORI

P.R.G. Comune di Vigo di Fassa Norme Tecniche di Attuazione FORI FORI DESCRIZIONE Nella composizione delle facciate delle architetture tradizionali sono presenti differenti tipi di aperture: - i grandi fori per accedere e arieggiare il sottotetto - le feritoie e le

Dettagli

RISTRUTTURAZIONE FABBRICATO RESIDENZIALE Oneri per la sicurezza dorante tutta la durata del cantiere. ONERI SICUREZZA % 1,5 187.791,84 2.

RISTRUTTURAZIONE FABBRICATO RESIDENZIALE Oneri per la sicurezza dorante tutta la durata del cantiere. ONERI SICUREZZA % 1,5 187.791,84 2. RISTRUTTURAZIONE FABBRICATO RESIDENZIALE Oneri per la sicurezza dorante tutta la durata del cantiere. ONERI SICUREZZA % 1,5 187.791,84 2.816,88 MAT 270 MATERIALI DA COSTRUZIONE NOLEGGI E TRASPORTI 270.

Dettagli

PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE

PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE 2009 Comune di Capriva del Friuli Provincia di Gorizia PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE ALLEGATO 2 A. INDIRIZZI DI TECNICA COSTRUTTIVA PER GLI INTERVENTI SULL EDIFICATO ESISTENTE E DI NUOVA COSTRUZIONE

Dettagli

Lo stato attuale dei luoghi è illustrato nelle tavole dedicate e nella documentazione fotografica.

Lo stato attuale dei luoghi è illustrato nelle tavole dedicate e nella documentazione fotografica. RELAZIONE TECNICA Nel corso dei diversi sopralluoghi tecnici effettuati si sono riscontrate innumerevoli problematiche legate allo stato di conservazione degli edifici nel loro complesso e in particolar

Dettagli

Soc...a r.l., con sede in., via., n.., CF. .., iscritto all ordine, della provincia di.., al n.. RELAZIONE TECNICA

Soc...a r.l., con sede in., via., n.., CF. .., iscritto all ordine, della provincia di.., al n.. RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Progetto per la costruzione di un edificio residenziale, in zona sottoposta a vincolo paesaggistico, composto da n.. alloggi, da realizzare nella zona di, in via, denominata. Ditta: Soc...a r.l.,

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

RELAZIONE TECNICA COMUNE DI ZOCCA MODULO PER RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA RICHIESTA DI: PERMESSO DI COSTRUIRE

RELAZIONE TECNICA COMUNE DI ZOCCA MODULO PER RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA RICHIESTA DI: PERMESSO DI COSTRUIRE COMUNE DI ZOCCA 1 MODULO PER RELAZIONE TECNICA RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA RICHIESTA DI: PERMESSO DI COSTRUIRE PERMESSO DI COSTRUIRE IN SANATORIA - ART. 13 LEGGE 47/85 DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA LOCALIZZAZIONE

Dettagli

LOTTO n. 6 Castello 1964

LOTTO n. 6 Castello 1964 LOTTO n. 6 Castello 1964 Ubicazione Planimetria Stato dell immobile Caratteristiche estrinseche: Trattasi di fabbricato, esternamente in stato manutentivo normale, con struttura portante in muratura,

Dettagli

COSA SI PUO' DETRARRE

COSA SI PUO' DETRARRE COSA SI PUO' DETRARRE Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità alle normative edilizie locali. INTERVENTI

Dettagli

ISOLATO 130 CARATTERISTICHE DELL'ISOLATO

ISOLATO 130 CARATTERISTICHE DELL'ISOLATO ISOLATO 130 CARATTERISTICHE DELL'ISOLATO superficie volume superficie superficie superficie indice indice indice medio isolato isolato edificata non edificta fondiaria fondiario territoriale di copertura

Dettagli

RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA LAVORI DI RISANAMENTO CONSERVATIVO COPERTURA EDIFICIO DELLA QUESTURA DI TORINO CORSO VINZAGLIO N 10, TORINO

RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA LAVORI DI RISANAMENTO CONSERVATIVO COPERTURA EDIFICIO DELLA QUESTURA DI TORINO CORSO VINZAGLIO N 10, TORINO RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA LAVORI DI RISANAMENTO CONSERVATIVO COPERTURA EDIFICIO DELLA QUESTURA DI TORINO CORSO VINZAGLIO N 10, TORINO GENERALITA Il Palazzo sede degli Uffici della Questura occupa

Dettagli

LOTTO 11: Edificio di civile abitazione in via Macerata n. 13, Castelfidardo (AN)

LOTTO 11: Edificio di civile abitazione in via Macerata n. 13, Castelfidardo (AN) V = 450 x 20 = 9.000 Euro ed il valore totale del lotto a 110.400 Euro, per cui il valore della quota di proprietà sarà, arrotondato pari a: V = 55.000 Euro Divisibilità Le unità non sono divisibili LOTTO

Dettagli

COMUNE DI BUCCINO Provincia di Salerno

COMUNE DI BUCCINO Provincia di Salerno Pagina1 SCHEDA UNITA IMMOBILIARE Pianta stato di fatto Localizzazione Comune: BUCCINO c.a.p : 84021 Provincia: Salerno Zona: Centro storico denominazione stradale: Via S.Elia n civico: s.n.c. Superficie

Dettagli

COMUNE DI SACILE Provincia di Pordenone

COMUNE DI SACILE Provincia di Pordenone COMUNE DI SACILE SCHEDA DI RILEVAMENTO E DI NORMATIVA Frazione: San Giovanni del Tempio Via: Strada Pedrada nn. 23-25 QUADRANTE n. III UNITA EDILIZIA n. 12 Zona Territoriale Omogenea dal P.R.G.C. vigente:

Dettagli

COMUNE DI VILLACIDRO. Provincia del Medio Campidano

COMUNE DI VILLACIDRO. Provincia del Medio Campidano COMUNE DI VILLACIDRO Provincia del Medio Campidano 1 ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Le disposizioni che seguono costituiscono la parte normativa della zona A Centro Storico, oggetto del Piano Particolareggiato

Dettagli

COMUNE DI SAN DEMETRIO NE VESTINI (Provincia dell Aquila)

COMUNE DI SAN DEMETRIO NE VESTINI (Provincia dell Aquila) COMUNE DI SAN DEMETRIO NE VESTINI (Provincia dell Aquila) Cap. 67028 Viale Dante Alighieri n. 1 Tel. 0862 810834 C.F. 80002710665 E mail: s.demetrio@katamail.com Fax. 0862 810017 P.I. 00193050663 c.c.b.

Dettagli

valore storico/artistico riconosciuto [da 0 nullo a 3 massimo] stato di conservazione [pessimo-mediocresufficiente-ottimo]

valore storico/artistico riconosciuto [da 0 nullo a 3 massimo] stato di conservazione [pessimo-mediocresufficiente-ottimo] elemento zona descrizione stato attuale rilievo fotografico valore storico/artistico riconosciuto [da 0 nullo a 3 massimo] stato di conservazione [pessimo-mediocresufficiente-ottimo] intervento di riqualificazione

Dettagli

Allegato A Interventi liberi Interventi ammissibili con D.I.A. Interventi ammissibili con Permesso di costruire

Allegato A Interventi liberi Interventi ammissibili con D.I.A. Interventi ammissibili con Permesso di costruire Allegato A Interventi liberi Interventi ammissibili con D.I.A. Interventi ammissibili con Interventi Titolo abilitativo Ampliamento di locali - senza aumento della Slp (spostamento di tavolati interni

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. Provincia di Oristano BORGATA DI MARCEDDI PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO STORICO (ZONA A) CON VALENZA DI PIANO DI RISANAMENTO

COMUNE DI TERRALBA. Provincia di Oristano BORGATA DI MARCEDDI PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO STORICO (ZONA A) CON VALENZA DI PIANO DI RISANAMENTO COMUNE DI TERRALBA Provincia di Oristano BORGATA DI MARCEDDI PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO STORICO (ZONA A) CON VALENZA DI PIANO DI RISANAMENTO LA PROPOSTA DI DETTAGLIO DEI COMPARTI COMPARTO T COMUNE

Dettagli

Interventi ammessi alla detrazione irpef del 36%

Interventi ammessi alla detrazione irpef del 36% CARTONGESSO CONTROSOFFITTI SISTEMI DI ISOLAMENTO TERMOACUSTICO TINTEGGIATURE Ufficio: Magazzino: Via Fistomba 8/II Cap. 35131 PADOVA Via Lisbona 8/A Cap. 35127 Z.I. PADOVA P. Iva : 02933440790 P. Iva.

Dettagli

NUOVA COSTRUZIONE RECANATI VIA DEL DONATORE

NUOVA COSTRUZIONE RECANATI VIA DEL DONATORE NUOVA COSTRUZIONE RECANATI VIA DEL DONATORE A due passi dal centro storico, immobili in fase di realizzazione con finiture di pregio. Possibilità di scegliere materiali e disposizione interna. Pannelli

Dettagli

Comune di Arzignano (VI) PROGETTO DEFINITIVO

Comune di Arzignano (VI) PROGETTO DEFINITIVO Comune di Arzignano (VI) PIANO LOTTIZZAZIONE "VIA POZZETTI" (C2-8029) PROGETTO DEFINITIVO ALLEGATO Norme di attuazione N. B Commessa D13LG022 Codice Elaborato D13LG022-CAR-00B-R0 SCALA: File Z:\ANNO-2013\D13LG022\PROGETTO\DISEGNI\D13LG022-CAR-000-R1.DWG

Dettagli

COMUNE DI SANT ANTIOCO

COMUNE DI SANT ANTIOCO - COMUNE DI SANT ANTIOCO Norme di attuazione del centro matrice PPR - Sardegna ARCH. ANGELO MARONGIU & ING. FRANCO MARTIS R.d. P. Arch. Giovanna Manunza (uff. urbanistica) NORMATIVA INTEGRATIVA per le

Dettagli

SCHEDE DEGLI EDIFICI COMUNE DI ETROUBLES HAMEAU CERISEY

SCHEDE DEGLI EDIFICI COMUNE DI ETROUBLES HAMEAU CERISEY SCHEDE DEGLI EDIFICI COMUNE DI ETROUBLES HAMEAU CERISEY Q Scheda N : 1 COMUNE DI ETROUBLES Epoca di costruzione: antecedente il 1900 Stato di conservazione: pessimo Stato del fabbricato: originario Tipo

Dettagli

U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I F I R E N Z E. AREA SERVIZI TECNICI SICUREZA E PATRIMONIO Ufficio Patrimonio Immobiliare

U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I F I R E N Z E. AREA SERVIZI TECNICI SICUREZA E PATRIMONIO Ufficio Patrimonio Immobiliare U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I F I R E N Z E AREA SERVIZI TECNICI SICUREZA E PATRIMONIO Alloggio di civile abitazione ubicato in Firenze Via dei Serragli n. 76. (N.C.E.U. Foglio di mappa

Dettagli

COMUNE DI AGUGLIANO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA

COMUNE DI AGUGLIANO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA COMUNE DI AGUGLIANO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA Ufficio proponente: Sportello Unico per l edilizia Responsabile: Dott. Arch. Tommaso Moreschi 1. RELAZIONE ILLUSTRATIVA Il Comune di Agugliano è attualmente

Dettagli

RILIEVO DI MASSIMA DEGLI IMMOBILI

RILIEVO DI MASSIMA DEGLI IMMOBILI COMUNE DI CISLIANO Provincia di Milano OGGETTO: Ampliamento scuola primaria di Cisliano - CUP J81E15001290004 PROGETTO PRELIMINARE PER APPALTO INTEGRATO COMPLESSO ai sensi dell art. 53 comma 2 lett. C)

Dettagli

ABACO TIPOLOGICO: BALCONI

ABACO TIPOLOGICO: BALCONI COMUNE DI SANT'ANDREA FRIUS PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO MATRICE : BALCONI TIPO B01 TIPO B02 0,90 m - 1,00 m 0,30-0,55 Balcone con piano di calpestio composto da una lastra in pietra portata da mensole

Dettagli

Piano di Governo del Territorio Comune di Cassina de Pecchi Piano delle Regole

Piano di Governo del Territorio Comune di Cassina de Pecchi Piano delle Regole Piano di Governo del Territorio Comune di Cassina de Pecchi Piano delle Regole 2 Abaco degli interventi e dei materiali per gli ambiti del nucleo storico... 4 1 Pavimentazione degli spazi comuni... 5 2

Dettagli

P.R.G. Comune di Vigo di Fassa Norme Tecniche di Attuazione TETTO

P.R.G. Comune di Vigo di Fassa Norme Tecniche di Attuazione TETTO TETTO DESCRIZIONE Negli edifici montani la copertura è l elemento costruttivo che più di altri segna e caratterizza il paesaggio. La struttura portante del tetto è in legno con schema a trave di colmo,

Dettagli

CENTRO STORICO NOBILE

CENTRO STORICO NOBILE CENTRO STORICO NOBILE Identificativo 34 Centro Storico Nobile Via Roma Identificativo catastale Mappale n.1142 fg. n. 4 Piani fuori terra n.3 Residenziale piano terra altri piani Grado di intervento Edificio

Dettagli

UBICAZIONE: Nella quiete e nel verde del quartiere residenziale di gabelletta in Strada di

UBICAZIONE: Nella quiete e nel verde del quartiere residenziale di gabelletta in Strada di UBICAZIONE: Nella quiete e nel verde del quartiere residenziale di gabelletta in Strada di Cerreta, in una splendida posizione collinare con vista panoramica sulla città e sulle colline circostanti dei

Dettagli

Amministrazione per la realizzazione delle suddette opere e rilascio del Permesso di Costruire. Il Comparto risulta in aderenza con i lato Sud-Ovest

Amministrazione per la realizzazione delle suddette opere e rilascio del Permesso di Costruire. Il Comparto risulta in aderenza con i lato Sud-Ovest RELAZIONE L immobile in oggetto è situato in Loc. Borgatello, frazione del Comune di Colle di Val d Elsa, lato Sud-Ovest dell abitato esistente, all inizio della frazione stessa, provenendo dalla viabilità

Dettagli

LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE DELLA STAZIONE MARITTIMA DI PESCARA E SISTEMAZIONE DELLE AREE CIRCOSTANTI PREMESSA

LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE DELLA STAZIONE MARITTIMA DI PESCARA E SISTEMAZIONE DELLE AREE CIRCOSTANTI PREMESSA PREMESSA La Stazione Marittima del Porto di Pescara è un edificio a pianta centrale di forma decagonale, dell altezza totale di m 6,00, ad un piano dell altezza interna di m 5,00, della superficie complessiva

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. lo Statuto della Regione Autonoma della Sardegna, approvato con Legge costituzionale 26 febbraio 1948, n. 3;

PROTOCOLLO D INTESA. lo Statuto della Regione Autonoma della Sardegna, approvato con Legge costituzionale 26 febbraio 1948, n. 3; REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA DIREZIONE GENERALE DELLA PIANIFICAZIONE URBANISTICA TERRITORIALE E DELLA VIGILANZA EDILIZIA MINISTERO PER I BENI E

Dettagli

P.I. 1 - Piano degli Interventi Art. 17 LR n 11/2004

P.I. 1 - Piano degli Interventi Art. 17 LR n 11/2004 Comune di Farra di Soligo Re gione del Veneto Pr ovincia di Treviso P.I. 1 - Piano degli Interventi Art. 17 LR n 11/2004 elaborato P-06 D A p r i l e 2 0 1 4 A d o z i o n e D. C. C. n 1 d e l 9. 0 1.

Dettagli

ELABORATO ARCHITETTONICO TAVOLA SCALA:

ELABORATO ARCHITETTONICO TAVOLA SCALA: PROGETTO: RESTAURO CONSERVATIVO-CONSOLIDAMENTO ED ADEGUAMENTO IMPIANTISTICO DELLA CHIESA DELLA MADONNA DEL SANTISSIMO ROSARIO IN GUARDIA PIEMONTESE (CS) ELABORATO ARCHITETTONICO TAVOLA 04 SCALA: 1:100

Dettagli

COMUNE DI CIVITELLA IN VAL DI CHIANA PIANO DI RECUPERO DI CAPANNE POSTE IN LOC. TEGOLETO VIA DELLE SCUOLE.

COMUNE DI CIVITELLA IN VAL DI CHIANA PIANO DI RECUPERO DI CAPANNE POSTE IN LOC. TEGOLETO VIA DELLE SCUOLE. COMUNE DI CIVITELLA IN VAL DI CHIANA PIANO DI RECUPERO DI CAPANNE POSTE IN LOC. TEGOLETO VIA DELLE SCUOLE. Proprietari: Sig.ri FARALLI Pietro e MARTINI Caterina Relazione Tecnica Illustrativa I Tecnici:

Dettagli

FOTO D'INSIEME VISTA AEREA DATA CENSIMENTO GIUGNO 2009 DATI IDENTIFICATIVI DELL'IMMOBILE COMUNE: POGGIO RENATICO DESCRIZIONE DEL'IMMOBILE TOPONIMO: 6

FOTO D'INSIEME VISTA AEREA DATA CENSIMENTO GIUGNO 2009 DATI IDENTIFICATIVI DELL'IMMOBILE COMUNE: POGGIO RENATICO DESCRIZIONE DEL'IMMOBILE TOPONIMO: 6 TOPONIMO: 6 INDIRIZZO VIA SCORSURO DATI CATASTALI 35/9 Corte agricola a elementi separati, in cui gli edifici sono allineati secondo una delle facciate principali. La stalla-fienile, dall'impianto molto

Dettagli

RELAZIONE MONOGRAFIA SUI SERRAMENTI

RELAZIONE MONOGRAFIA SUI SERRAMENTI MONOGRAFIA SUI SERRAMENTI RELAZIONE PREMESSA Per la posizione esterna a un edificio, il significato della facciata investe, oltre al campo dell architettura, quello dell urbanistica, condizionando spesso

Dettagli

ATTI BILITANTI ALLA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI

ATTI BILITANTI ALLA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI ATTI BILITANTI ALLA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI TIPOLOGIA DESCRIZIONE STRUMENTO Abbaino Accorpamento di locali o altre unità immobiliari Adeguamento Antisismico Adeguamento igienicofunzionale Alberatura

Dettagli

S193 S194 DESCRIZIONE. Foglio 10 Part.379 Via Mizzi n. 85-87-89 Numero piani: 2 Destinazione d uso a piano terra: non resid.

S193 S194 DESCRIZIONE. Foglio 10 Part.379 Via Mizzi n. 85-87-89 Numero piani: 2 Destinazione d uso a piano terra: non resid. VIA MIZZI 119 S193 Foglio 10 Part.379 Via Mizzi n. 85-87-89 Destinazione d uso a piano terra: non resid. - manutenzione ordinaria - rifacimento intonaco e/o scialbatura - sostituzione saracinesca - sostituzione

Dettagli

NUOVA COSTRUZIONE RECANATI VIA DEL DONATORE

NUOVA COSTRUZIONE RECANATI VIA DEL DONATORE NUOVA COSTRUZIONE RECANATI VIA DEL DONATORE A due passi dal centro storico, immobili in fase di realizzazione con finiture di pregio. Possibilità di scegliere materiali e disposizione interna. Pannelli

Dettagli

D.Lgs. 33/2013. Art.23 Obblighi di pubblicazione concernenti i provvedimenti amministrativi - Anno 2015 - S.C.I.A. presentate -

D.Lgs. 33/2013. Art.23 Obblighi di pubblicazione concernenti i provvedimenti amministrativi - Anno 2015 - S.C.I.A. presentate - D.Lgs. 33/2013. Art.23 Obblighi di pubblicazione concernenti i provvedimenti amministrativi - Anno 2015 - presentate - N. d'ordine Servizio Oggetto Contenuto Soggetto Presentatore Estremi di presentzione

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ART. 1 GENERALITA Il comparto edificabile Cver01 può essere utilizzato in conformità a quando previsto nel R.U. nonché delle norme di cui agli articoli seguenti. ART. 2 NORME

Dettagli

ELENCO DELLE PROCEDURE AMMINISTRATIVE OPERE DI MANUTENZIONE ORDINARIA NON SOGGETTE A TITOLO EDILIZIO

ELENCO DELLE PROCEDURE AMMINISTRATIVE OPERE DI MANUTENZIONE ORDINARIA NON SOGGETTE A TITOLO EDILIZIO ELENCO DELLE PROCEDURE AMMINISTRATIVE OPERE DI MANUTENZIONE ORDINARIA NON SOGGETTE A TITOLO EDILIZIO In alcuni casi, pur non necessitando di alcun titolo abilitativo, la consistenza o le modalità dell

Dettagli

Scheda n. 10 Casa Speranza

Scheda n. 10 Casa Speranza Scheda n. 10 Casa Speranza Ubicazione: I fabbricati sono inseriti, dal Piano Strutturale vigente del Comune di Collesalvetti nel Sottosistema Rurale con prevalente funzione rurale, U.T.O.E. n. 14 Colline

Dettagli

4 ) D E S C R I Z I O N E D E L B E N E I M M O B I L I A R E

4 ) D E S C R I Z I O N E D E L B E N E I M M O B I L I A R E 4 ) D E S C R I Z I O N E D E L B E N E I M M O B I L I A R E Il complesso immobiliare oggetto di stima è ubicato in un comparto artigianale/industriale posto nella periferia sud/est dell abitato di Gossolengo

Dettagli

LOTTO n. 26 San Polo 1535

LOTTO n. 26 San Polo 1535 LOTTO n. 26 San Polo 1535 Ubicazione Planimetria Stato dell immobile Caratteristiche estrinseche: Trattasi di fabbricato, esternamente in stato manutentivo mediocre, con struttura portante in muratura,

Dettagli

REPERTORIO DELLE TIPOLOGIE DEI MATERIALI E DELLE GAMME CROMATICHE DA ADOTTARE NEGLI INTERVENTI EDILIZI ANALISI DEL CONTESTO LOCALE

REPERTORIO DELLE TIPOLOGIE DEI MATERIALI E DELLE GAMME CROMATICHE DA ADOTTARE NEGLI INTERVENTI EDILIZI ANALISI DEL CONTESTO LOCALE SCHEDA N 8 REPERTORIO DELLE TIPOLOGIE DEI MATERIALI E DELLE GAMME CROMATICHE DA ADOTTARE NEGLI INTERVENTI EDILIZI STRALCIO AEROFOTOGRAMMETRICO ANALISI DEL CONTESTO LOCALE MAPPA COMUNE AMBITO UNITARIO FORNACE

Dettagli

RESIDENZA MARAINI. Edificazione n. 4 appartamenti. Lugano - Mapp.2437. Via Maraini Sommaruga

RESIDENZA MARAINI. Edificazione n. 4 appartamenti. Lugano - Mapp.2437. Via Maraini Sommaruga RESIDENZA MARAINI Edificazione n. 4 appartamenti Lugano - Mapp.2437 Via Maraini Sommaruga INQUADRAMENTO Residenza MARAINI a LUGANO LOCALIZZAZIONE SEDIME LUGANO Via Maraini Sommaruga Mapp. 2437 Residenza

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Allegato A ETS0148 12 REPARTO INFRASTRUTTURE - Comando - P.zza 1 Maggio, 28 33100 UDINE Tel. 0432-504341-2-3 Fax 0432-414050 RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Alloggio codice ETS0148 Via Rota, 9 TRIESTE

Dettagli

CAPO I DEFINIZIONE DEGLI INTERVENTI. Art. 1. Unità di intervento

CAPO I DEFINIZIONE DEGLI INTERVENTI. Art. 1. Unità di intervento Art. 1. Unità di intervento CAPO I DEFINIZIONE DEGLI INTERVENTI Il piano è stato articolato per Unità di Intervento (o lotti) che definiscono l ambito minimo di progettazione unitaria per gli interventi

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DI STIMA

RELAZIONE TECNICA DI STIMA RELAZIONE TECNICA DI STIMA Il sottoscritto Zanella geom. Roberto, nato a Cesena il 18/12/50, ivi residente in Viale Abruzzi, 27, regolarmente iscritto all'albo dei Geometri della Provincia di Forlì - Cesena

Dettagli

INTERVENTO DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA EDIFICIO VIA SEBASTIANO DEL PIOMBO 6 MILANO

INTERVENTO DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA EDIFICIO VIA SEBASTIANO DEL PIOMBO 6 MILANO INTERVENTO DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA EDIFICIO VIA SEBASTIANO DEL PIOMBO 6 MILANO CAPITOLATO D APPALTO E DESCRIZIONE LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE PARTI COMUNI I render grafici hanno scopo puramente indicativo

Dettagli

ATTI N 208/2014 I.R.E. - ISTITUZIONI DI RICOVERO E DI EDUCAZIONE S. Marco 4301 Venezia

ATTI N 208/2014 I.R.E. - ISTITUZIONI DI RICOVERO E DI EDUCAZIONE S. Marco 4301 Venezia ATTI N 208/2014 I.R.E. - ISTITUZIONI DI RICOVERO E DI EDUCAZIONE S. Marco 4301 Venezia SPORTELLO UNICO EDILIZIA RESIDENZIALE COMUNE DI VENEZIA Oggetto: RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE per frazionamento

Dettagli

COMUNICAZIONE DI ATTIVITA EDILIZIA LIBERA art. 6 D.P.R. 380/2001 e successive modifiche ed integrazioni

COMUNICAZIONE DI ATTIVITA EDILIZIA LIBERA art. 6 D.P.R. 380/2001 e successive modifiche ed integrazioni COMUNICAZIONE DI ATTIVITA EDILIZIA LIBERA art. 6 D.P.R. 380/2001 e successive modifiche ed integrazioni Al fine di rendere più agevole la procedura si elencano gli interventi previsti dall art. 5 del Regolamento

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Oggetto: PIANO ATTUATIVO DI RISTRUTTURAZIONE URBANISTICA E RICONVERSIONE FUNZIONALE DI EDIFICIO ARTIGIANALE DISMESSO A RESIDENZIALE; SUBORDINATO ALLA REALIZZAZIONE E CESSIONE DEL PARCHEGGIO PREVISTO NELLA

Dettagli

Chiesa e Canonica di Santa Maria a Bagnano, Comune di Certaldo

Chiesa e Canonica di Santa Maria a Bagnano, Comune di Certaldo Chiesa e Canonica di Santa Maria a Bagnano, Comune di Certaldo Il complesso immobiliare si trova in località Bagnano in aperta campagna, poco distante da Certaldo ed è composto da Chiesa, Canonica e alcuni

Dettagli

Tipo A manufatti architettonici di particolar pregio storico ambientale (PSA)

Tipo A manufatti architettonici di particolar pregio storico ambientale (PSA) QUADRO SINOTTICO n 1 Tipo A manufatti architettonici di particolar pregio storico ambientale (PSA) piano primo/ secondo e timpani di falda CORONAMENTO cornicione e copertura : - le aperture esistenti secondo

Dettagli

PIANO DEL COLORE SOTTOZONA PRG: Ab1* Le Bourg

PIANO DEL COLORE SOTTOZONA PRG: Ab1* Le Bourg REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA RÉGION AUTONOME DE LA VALLÉE D AOSTE COMUNE DI COMMUNE DE M O N T J O V E T PIANO DEL COLORE SOTTOZONA PRG: Ab1* Le Bourg ELABORATO PRESCRITTIVO Arch. Ing. HÉRIN Renato MATTERI

Dettagli

Per le venti unità di cui sopra, limitatamente alle parti che conservano caratteristiche tipologiche tradizionali, sono ammessi esclusivamente i

Per le venti unità di cui sopra, limitatamente alle parti che conservano caratteristiche tipologiche tradizionali, sono ammessi esclusivamente i PREMESSA Le presenti Norme riguardano l'areale compreso tra la perimetrazione del centro di antica e prima formazione ("centro matrice" individuato dal P.P.R.) ed il centro storico come riperimetrato dal

Dettagli

Il proprietario dell immobile può effettuare l intervento senza effettuare nessuna comunicazione al Comune

Il proprietario dell immobile può effettuare l intervento senza effettuare nessuna comunicazione al Comune Utilizzando la tabella sotto riportata è possibile verificare per ogni singolo intervento quale procedura adottare per procedere all esecuzione dei lavori. Manutenzione Ordinaria Il proprietario dell immobile

Dettagli

Norme tecniche di attuazione. Edifici elencati ai sensi della ex L.R. 59/80

Norme tecniche di attuazione. Edifici elencati ai sensi della ex L.R. 59/80 Norme tecniche di attuazione Edifici elencati ai sensi della ex L.R. 59/80 TESTO MODIFICATO CON DELIBERA DEL C.C. N. \ RELATIVA ALL APPROVAZIONE DEL SECONDO REGOLAMENTO URBANISTICO NOVEMBRE 2013 Comune

Dettagli

STUDIO TECNICO ASSOCIATO BELVEDERESI

STUDIO TECNICO ASSOCIATO BELVEDERESI COMUNE DI ANCONA Provincia di Ancona Regione Marche Piano di Recupero tav. scala: C 5 data: Luglio 2011 agg.: NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE APPROVAZIONE PROPRIETA' : Sig.ra Maria Lodovica Cesaroni, Ancona

Dettagli

UMBRIA TPL e MOBILITA spa INTERVENTI DI SOSTITUZIONE COPERTURA ESISTENTE IN CEMENTO E AMIANTO. SS 319 Sellanese Km 15,710 - SELLANO (PG)

UMBRIA TPL e MOBILITA spa INTERVENTI DI SOSTITUZIONE COPERTURA ESISTENTE IN CEMENTO E AMIANTO. SS 319 Sellanese Km 15,710 - SELLANO (PG) COMMITTENTE: OPERA: UMBRIA TPL e MOBILITA spa INTERVENTI DI SOSTITUZIONE COPERTURA ESISTENTE IN CEMENTO E AMIANTO LUOGO: SS 319 Sellanese Km 15,710 - SELLANO (PG) CONTENUTI DELLA RELAZIONE: RELAZIONE TECNICA

Dettagli

Art. 28 Zone di interesse storico artistico e di particolare pregio ambientale (A) - Centro Storico (Zona omogenea A)

Art. 28 Zone di interesse storico artistico e di particolare pregio ambientale (A) - Centro Storico (Zona omogenea A) Art. 28 Zone di interesse storico artistico e di particolare pregio ambientale (A) - Centro Storico (Zona omogenea A) Queste zone sono costituite dalle parti del territorio comunale interessate da agglomerati

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ARTICOLO 1 OGGETTO E FINALITA' Il presente Piano Attuativo è riferito ad un'area condotta dal signor Dindalini Alessandro il quale è titolare dell Az. Agr. Dindalini Alessandro

Dettagli

TITOLO IX SALVAGUARDIA E RIQUALIFICAZIONE DEI NUCLEI URBANI DI ANTICA FORMAZIONE ZONE B1 DI P.R.G.

TITOLO IX SALVAGUARDIA E RIQUALIFICAZIONE DEI NUCLEI URBANI DI ANTICA FORMAZIONE ZONE B1 DI P.R.G. TITOLO IX SALVAGUARDIA E RIQUALIFICAZIONE DEI NUCLEI URBANI DI ANTICA FORMAZIONE ZONE B1 DI P.R.G. Premessa Le seguenti norme, integrano e costituiscono parte integrante del Regolamento Edilizio adottato

Dettagli