I diritti di previdenza sociale. in Ungheria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I diritti di previdenza sociale. in Ungheria"

Transcript

1 I diritti di previdenza sociale in Ungheria

2 Le informazioni fornite nella presente guida sono state elaborate e aggiornate in stretta collaborazione con i corrispondenti nazionali del Sistema di informazione reciproca sulla protezione sociale nell'unione europea (MISSOC). Ulteriori informazioni sulla rete MISSOC sono disponibili all'indirizzo: La presente guida fornisce una descrizione generale delle disposizioni in materia di previdenza sociale nei rispettivi paesi. Per ottenere maggiori informazioni consultare ulteriori pubblicazioni MISSOC disponibili al link succitato. In alternativa è possibile contattare gli enti e le autorità competenti riportati nell allegato alla presente guida. Né la Commissione europea né alcuna persona che agisca a nome della Commissione europea può essere considerata responsabile dell'uso che dovesse essere fatto delle informazioni contenute nella presente pubblicazione. Unione europea, 2012 Riproduzione autorizzata con citazione della fonte. Luglio

3 Indice Capitolo I: Introduzione, organizzazione e finanziamento... 4 Introduzione... 4 Organizzazione della protezione sociale... 4 Finanziamento... 6 Capitolo II: Servizi sanitari... 8 Requisiti per beneficiare dell'assistenza sanitaria... 8 Rischi coperti... 8 Come beneficiare delle prestazioni sanitarie...10 Capitolo III : Prestazioni di malattia in denaro...11 Requisiti per beneficiare delle prestazioni di malattia in denaro...11 Rischi coperti...11 Come beneficiare delle prestazioni di malattia in denaro...11 Capitolo IV: Prestazioni di maternità e paternità...12 Requisiti per beneficiare delle prestazioni di maternità o paternità...12 Rischi coperti...13 Come beneficiare delle prestazioni di maternità e di paternità...13 Capitolo V: Prestazioni di invalidità...14 Requisiti per beneficiare delle prestazioni di invalidità...14 Rischi coperti...15 Come beneficiare delle prestazioni di invalidità...15 Capitolo VI: Prestazioni e pensioni di vecchiaia...16 Requisiti per beneficiare delle prestazioni di vecchiaia...16 Rischi coperti...18 Come beneficiare delle prestazioni di vecchiaia...19 Capitolo VII: Prestazioni ai superstiti...20 Requisiti per beneficiare delle prestazioni ai superstiti...20 Rischi coperti...21 Come beneficiare delle prestazioni ai superstiti...22 Capitolo VIII: Prestazioni in caso di infortuni sul lavoro e malattie professionali...23 Requisiti per beneficiare delle prestazioni in caso di infortuni sul lavoro e malattie professionali...23 Rischi coperti...23 Capitolo IX: Prestazioni familiari...25 Requisiti per beneficiare delle prestazioni familiari...25 Rischi coperti...27 Come beneficiare delle prestazioni familiari...27 Capitolo X: Disoccupazione...29 Requisiti per il diritto alle prestazioni di disoccupazione...29 Rischi coperti...29 Come beneficiare delle prestazioni di disoccupazione...30 Capitolo XI: Risorse minime...31 Requisiti per beneficiare delle prestazioni relative alle risorse minime...31 Rischi coperti...32 Come beneficiare delle prestazioni relative alle risorse minime...32 Capitolo XII: Assistenza di lunga durata...34 Requisiti per beneficiare dell'assistenza a lungo termine...34 Rischi coperti...34 Come beneficiare dell'assistenza a lungo termine...35 Allegato: Recapiti delle istituzioni e degli enti e siti Internet utili...36 Luglio

4 Capitolo I: Introduzione, organizzazione e finanziamento Introduzione Il sistema di previdenza sociale in Ungheria offre la protezione contro la malattia, maternità, vecchiaia, invalidità, malattie professionali e infortuni, infortuni sul lavoro, reversibilità, istruzione dei figli, disoccupazione. Tutte le persone che esercitano un attività lavorativa e quelle con statuto equivalente sono coperte contro tutti i rischi. Tali persone comprendono quanti svolgono un attività retribuita (tra cui i dipendenti pubblici), i lavoratori autonomi (compresi i membri delle società cooperative), molte categorie di soggetti assimilati, i beneficiari di aiuti al reddito, di assegni o indennità di disoccupazione o di indennità di disoccupazione anteriormente alla pensione. Le persone che accedono al mondo del lavoro rientrano automaticamente nel regime di previdenza sociale. Il lavoratore autonomo si iscrive quando inizia a lavorare, mentre il lavoratore subordinato è iscritto dal datore di lavoro presso la sede locale competente dell agenzia preposta al controllo delle imposte e delle finanze e/o, se del caso, presso gli enti previdenziali competenti. Sia il datore di lavoro sia il lavoratore subordinato devono versare contributi. Coloro che aderiscono volontariamente al regime di previdenza sociale possono sottoscrivere un accordo con l ente previdenziale competente. Per effetto di una nuova legge, a decorrere dal 3 novembre 2010 il secondo pilastro non è più obbligatorio. La legge in questione ha offerto a quanti avevano sottoscritto un assicurazione obbligatoria nel 1 e nel 2 pilastro la libertà di scegliere, entro il 1 marzo 2011, se rimanere nel 1 pilastro o rientrare esclusivamente nel 2 pilastro, su base volontaria. In quest ultimo caso, le persone che hanno deciso di rimanere esclusivamente nel 2 pilastro, non acquisiranno ulteriori diritti derivanti dall assicurazione del 1 pilastro, ma continueranno a godere dei diritti acquisiti in precedenza. Il sistema obbligatorio resta prevalentemente pubblico. L Ungheria è tornata al sistema pensionistico a due pilastri basato sul sistema di previdenza sociale obbligatoria, da un lato, e sui risparmi facoltativi dall altro. Per beneficiare della copertura assicurativa contro i rischi per la salute, i residenti non occupati pagano una somma forfettaria HUF (pari a 22 EUR). Organizzazione della protezione sociale Il regime ungherese di previdenza sociale si compone di cinque grandi settori: le pensioni e i servizi sanitari (compreso il regime legale di assicurazione contro gli infortuni sul lavoro) costituiscono l'assicurazione sociale. Gli altri tre settori sono costituiti dall'assicurazione contro la disoccupazione, dal regime di assistenza familiare e dal regime di assistenza sociale. La gestione, l organizzazione, la direzione del sistema ungherese di previdenza sociale sono centralizzate, mentre l erogazione delle prestazioni sociali è decentrata. Assicurazione malattia In Ungheria è previsto un unico tipo di assicurazione malattia. Il Ministero delle Risorse umane (Emberi Erőforrások Minisztériuma) è competente per l assicurazione sanitaria e il settore sanitario. Tale ministero supervisiona l attività degli assicuratori, Luglio

5 delle mutue e dei fornitori di prestazioni sanitarie e prende in esame anche i ricorsi concernenti le procedure degli organi dell assicurazione sanitaria. La Cassa nazionale di assicurazione sanitaria (OEP) opera attraverso il suo organo centrale nonché per mezzo delle casse mutue dei 19 dipartimenti. La legge stabilisce gli status giuridici che danno diritto, ipso facto, al titolo di assicurato obbligatorio dall insorgenza di tale status giuridico. Se del caso, il datore di lavoro è tenuto a dichiarare i lavoratori subordinati e a versare i contributi per i soggetti dichiarati agli uffici competenti delle autorità tributarie, che trasmettono i dati inerenti ai diritti degli assicurati alle casse dipartimentali responsabili in materia di assicurazione sanitaria. Le prestazioni sanitarie possono essere offerte da specifici fornitori, compresi quelli privati, che hanno stipulato un contratto con la Cassa nazionale dell'assicurazione sanitaria (Országos Egészségbiztosítási Pénztár, OEP). Assicurazione pensioni Nel 1997 l'assicurazione pensionistica obbligatoria è stata oggetto di una riforma generale, divenuta operativa il 1 gennaio Il sistema si basa su due pilastri. Il primo pilastro, modificato dalla riforma, continua ad essere la pensione statale obbligatoria, gestita e finanziata pubblicamente per ripartizione. Il regime di assicurazione pensionistica del primo pilastro è soggetto alla supervisione del ministero delle Risorse umane (Emberi Erőforrások Minisztériuma) ed è gestito dall'amministrazione centrale dell'assicurazione pensionistica nazionale [Central Administration of National Pension Insurance (CANPI) - Országos Nyugdíjbiztosítási Főigazgatóság, (ONYF], nonché dalle sue direzioni degli uffici provinciali. Alla direzione pensioni, organo speciale affiliato all'amministrazione centrale dell'assicurazione pensionistica nazionale, spetta principalmente il compito di erogare tutti i tipi di prestazioni pensionistiche ai pensionati (con esclusione di quelle previste dal secondo pilastro). Il sistema obbligatorio resta prevalentemente pubblico. L Ungheria è tornata al sistema pensionistico a due pilastri basato sul sistema di previdenza sociale obbligatoria, da un lato, e sui risparmi facoltativi dall altro. A decorrere dal 3 novembre 2010, la parte restante del secondo pilastro è volontaria, nonché interamente finanziata e gestita da vari fondi pensione privati, autorizzati e indipendenti, che sono controllati dall'ente pubblico di vigilanza degli organismi finanziari (Pénzügyi Szervezetek Állami Felügyelete). Dal 1 gennaio 2012, le precedenti opzioni di pensionamento anticipato, tranne "il periodo di ammissibilità di 40 anni per le donne (nők 40 év jogosultsági idővel), sono state gradualmente eliminate dal sistema pensionistico. Le precedenti opzioni di pensionamento anticipato sono state trasformate in prestazioni sociali, le cosiddette indennità precedenti all'età di pensionamento" e pertanto, non sono più pensioni come indennità sostitutive del reddito in vecchiaia. A partire dal 1 gennaio 2012, le indennità per le persone che percepiscono una pensione di disabilità, con età inferiore a quella pensionabile, sono trasformate in indennità di assicurazione sanitaria (disabilità o riabilitazione); le indennità per le persone che ricevono la pensione di disabilità che hanno superato l età pensionabile, sono trasformate in pensioni di vecchiaia. Assicurazione disoccupazione Il regime di disoccupazione è anch esso basato sull assicurazione e i contributi sono versati tanto dai datori di lavoro quanto dai lavoratori. Per promuovere l'occupazione e far fronte alle esigenze dei disoccupati, il mercato del lavoro prevede misure attive e misure passive. I servizi per l'impiego sono aperti a tutti i residenti, compresi i cittadini SEE, a prescindere dal rapporto di assicurazione. Il ministero dell'economia nazionale (Nemzetgazdasági Minisztérium) si occupa del sistema di assicurazione contro la disoccupazione. La struttura istituzionale del regime ungherese relativo alla Luglio

6 politica per l'occupazione può essere suddivisa in due categorie principali: enti autonomi da un lato e organi amministrativi dall'altro. Il servizio nazionale per l occupazione è l ente amministrativo responsabile del sistema per l impiego. È composto dall'ufficio nazionale per il lavoro (Nemzeti Munkaügyi Hivatal), dai centri dipartimentali di collocamento con i loro uffici locali, nonché dai centri dipartimentali per la formazione e lo sviluppo della forza lavoro. L ente autonomo è costituito dal Consiglio nazionale economico e sociale, dal Consiglio di amministrazione del Fondo per il mercato del lavoro e dai consigli regionali del lavoro. Assegno di sostegno familiare L'erogazione delle prestazioni familiari spetta al ministero delle Risorse umane (Emberi Erőforrások Minisztériuma). Il regime di assistenza familiare è universale e, pertanto, si rivolge a tutti i cittadini che soddisfano i requisiti richiesti. Qualunque cittadino che abbia un figlio di una certa età può beneficiare di varie prestazioni a sostegno della famiglia. Tali prestazioni sono gestite e amministrate dall'erario ungherese (Magyar Államkincstár) e dalla Cassa nazionale dell'assicurazione sanitaria (Országos Egészségbiztosítási Pénztár). Aiuti sociali I governi locali gestiscono il sistema degli aiuti sociali. Essi concedono vari tipi di prestazioni di assistenza sociale. La supervisione del loro operato è affidata al ministero delle Risorse umane (Emberi Erőforrások Minisztériuma). Finanziamento Le prestazioni sanitarie sono finanziate da un fondo pubblico, ossia il Fondo assicurativo sanitario (Egészségbiztosítasi Alap). Il fondo incamera i contributi e le imposte sulla sanità ed è finanziato con il bilancio statale. Sia il lavoratore sia il datore di lavoro devono versare contributi per l assicurazione sanitaria, pari al 7% della retribuzione lorda nel caso del lavoratore. I datori di lavoro sono obbligati a pagare la tassa di contribuzione sociale, da cui il fondo assicurativo sanitario ha diritto a una parte del suo introito annuale, in base alla Legge sul budget centrale.. Non esistono limiti per il pagamento dei contributi. Questi ultimi confluiscono all agenzia preposta al controllo delle imposte e delle finanze. I lavoratori autonomi che svolgono attività complementari o le loro imprese comuni e le persone non diversamente assicurate o aventi diritto sono tenuti a versare un contributo per l'assistenza sanitaria se risiedono in Ungheria da almeno un anno in via continuativa. Salvo alcune eccezioni, anche i familiari stretti che a carico o i loro coniugi devono versare un contributo per l'assistenza sanitaria. Il regime obbligatorio di assicurazione pensionistica del primo pilastro è finanziato tramite contributi e la parte definita degli introiti della tassa di contribuzione sociale, in base alla legge sul budget centrale, mentre il regime pensionistico privato volontario è sovvenzionato solo tramite contributi. Il 1 pilastro del regime pensionistico prevede un tetto per i contributi assicurativi dei lavoratori, mentre non è previsto alcun tetto per i contributi a carico dei datori di lavoro. Il regime di disoccupazione è anch esso assicurativo, basato sul sistema a ripartizione. Le prestazioni familiari sono pagate dal bilancio centrale. Luglio

7 L'assistenza sociale pubblica è un regime non contributivo, basato sull'accertamento del reddito e finanziato in parte dal bilancio centrale (80-95%) e in parte dai bilanci degli enti locali (5-20%). Luglio

8 Capitolo II: Servizi sanitari Requisiti per beneficiare dell'assistenza sanitaria Sono due le categorie di soggetti che possono beneficiare delle prestazioni fornite dal regime di assicurazione sanitaria: i titolari, ossia le persone che devono versare contributi in forza della normativa citata, per esempio i lavoratori subordinati, i funzionari, i dipendenti pubblici, i fornitori di servizi o coloro che lavorano nell ambito di altri statuti professionali, gli imprenditori individuali o costituiti in società, il personale ecclesiastico e i membri di associazioni. Essi hanno il diritto di beneficiare di tutte le prestazioni (prestazioni in denaro e in natura, prestazioni per infortunio) fornite dall assicurazione sanitaria. Rientrano nella categoria di titolari anche le persone che beneficiano dell aiuto a favore dell occupazione, che versano contributi pensionistici su tali prestazioni (anche se non hanno diritto alle prestazioni in denaro); gli aventi diritto, vale a dire, in particolare, i minatori anziani, gli alunni, gli studenti iscritti a corsi diurni, i pensionati, le persone a basso reddito che hanno raggiunto l età pensionabile, i beneficiari di prestazioni di maternità in denaro rientranti nell assicurazione sanitaria e di prestazioni di copertura previdenziale nonché coloro che devono versare contributi per prestazioni sanitarie. Tali prestazioni non possono essere erogate ai lavoratori autonomi. Rischi coperti Prestazioni mediche Tutti gli assicurati e gli aventi diritto alle prestazioni sanitarie hanno diritto a ottenere tutte le cure richieste dal loro stato di salute. Le cure mediche in Ungheria sono di norma gratuite. Se le cure non sono state prestate dietro prescrizione medica o se sono state fornite con modalità diverse da quelle previste dal regime di richiesta di degenza o se il malato intende ricorrere a un medico diverso da quello designato dal fornitore di prestazioni sanitarie, le tariffe applicate dal fornitore delle prestazioni sanitarie saranno a carico del paziente. È prevista una partecipazione individuale obbligatoria in caso di farmaci e presidi medici. Medicinali In caso di ricovero, i farmaci somministrati sono gratuiti. Per quanto riguarda le prestazioni ambulatoriali, la cassa nazionale di assicurazione sanitaria (OEP) concede un importo parziale o integrale, allorché i farmaci forniti dietro ricetta medica rientrino nell'elenco di rimborso. Le norme concernenti il rimborso sono indicate in un decreto ministeriale: categorie di rimborso normativo: 80%, 55%, 25% (in caso di medicinali ospedalieri, il prodotto deve essere incluso nel rimborso con una sovvenzione di almeno lo 0%); livello di rimborso aumentato (90%, 70%, 50%) e molto aumentato (100%) è collegato a indicazioni terapeutiche specifiche. La percentuale di sovvenzione può differire per gravità delle malattie. In caso di alcune malattie croniche o altre malattie gravi, la sovvenzione è del 100%, ma in questo caso, deve essere pagata una tariffa forfetaria di 300 HUF (1,05 EUR). Cure dentistiche Luglio

9 In Ungheria le cure dentistiche correnti costano quanto un consulto ordinario. Le cure dentistiche sono gratuite sino all età di 18 anni; gli studenti, le persone con più di 60 anni e le donne in stato di gravidanza (dal momento della diagnosi di gravidanza fino a 90 giorni successivi al parto) pagano il corrispettivo di un consulto ordinario. In caso di prestazioni dentistiche, l assicurato deve rimborsare le spese tecniche relative alle prestazioni. In virtù della convenzione stipulata con la Cassa nazionale dell'assicurazione sanitaria, il regime di previdenza sociale copre esclusivamente le cure dentistiche relative a casi urgenti. Prestazioni sanitarie preventive e di diagnosi precoce Tutti coloro che hanno diritto alle prestazioni sanitarie, agli esami preventivi e di diagnosi precoce delle malattie nell ambito dell assicurazione sanitaria obbligatoria possono beneficiarne a talune condizioni, in funzione di limiti di età e con una determinata frequenza. Il malato o il suo medico curante possono richiedere gli accertamenti di screening; qualora sussistano problemi di salute pubblica, tutti gli interessati riceveranno un invito personale per sottoporsi a tali esami. L effettuazione degli esami di screening è volontaria fatta eccezione per alcuni casi visto che questi accertamenti rientrano nell interesse del singolo. La maggior parte delle prestazioni sanitarie preventive è fornita dal medico di famiglia. A tal fine sono altresì importanti gli infermieri, che informano sugli esami di screening, nonché i fornitori di prestazioni sanitarie nelle scuole; taluni accertamenti spettano a fornitori di prestazioni sanitarie particolari. Per garantire l efficacia delle prestazioni preventive, talune leggi possono porre come requisito della gratuità di alcune cure la partecipazione agli esami di screening; inoltre possono imporre, in caso di mancata partecipazione a tali esami, l obbligo di una partecipazione finanziaria dell interessato alle prestazioni in questione. Gli esami di screening sono esenti dal pagamento dell onorario per il consulto. Per motivi di prevenzione, a decorrere dal 1 gennaio 2012, è vietato fumare in tutti i luoghi pubblici chiusi, compresi luoghi di lavoro, ristoranti, bar e le caffetterie. Sarà possibile fumare solo in apposite salette già allestite. Prestazioni sanitarie a domicilio Le prestazioni sanitarie a domicilio sono di un tipo di prestazioni volto a ridurre il numero di trattamenti ospedalieri e a garantire cure più umane. A tale proposito, l assicurato può beneficiare di interventi erogati da fornitori di prestazioni sanitarie a domicilio convenzionati con l OEP. Per tali prestazioni si beneficia di un aiuto soltanto se sono prescritte da un medico specialista. La durata delle prestazioni sanitarie a domicilio non può superare quella delle cure che il malato avrebbe ricevuto in un ospedale per la malattia di cui trattasi e la copertura riguarda pertanto tale durata. Cure ospedaliere L assistenza specializzata con ricovero è fornita in diversi tipi di strutture: istituti (per malattie croniche, riabilitazione o cure infermieristiche), ospedali, istituti nazionali (assistenza altamente specializzata), cliniche universitarie e ospedali diurni. Il malato ospedalizzato cui sono prestate le cure necessarie per il suo stato di salute ha diritto alle seguenti prestazioni, comprese nell importo forfetario giornaliero dovuto per il ricovero: Luglio

10 esami diagnostici inerenti alla malattia; trattamento prescritto dal medico, inclusi gli interventi chirurgici, il materiale terapeutico utilizzato durante le operazioni, le protesi; farmaci, prelievi di sangue, medicazioni, presidi terapeutici; cure terapeutiche; consigli di igiene personale e dietetici; alimentazione, dieta prescritta da un medico; ricovero del malato in una struttura terapeutica per malati allettati per il periodo necessario, a seconda della disponibilità e nel rispetto dei requisiti professionali ed etici posti da tali prestazioni sanitarie. Il malato ha anche diritto a una partecipazione finanziaria dell assicurazione sanitaria per l acquisto del presidio terapeutico prescritto dal medico in via definitiva, nonché a un contributo finanziario per le spese di riparazione e noleggio delle apparecchiature. Le prestazioni sanitarie fornite negli ospedali e nelle cliniche possono essere di diverso tipo: oltre al periodo di degenza, includono in particolare le diagnosi, le terapie, la riabilitazione e i servizi d igiene. Tali prestazioni possono essere fornite di continuo o periodicamente; si può trattare di un intervento unico o di un trattamento a più riprese, il cui controllo può essere garantito per una determinata durata. Vi sono malattie che prevedono un trattamento in base a una lista d attesa; le liste d attesa sono consultabili sui siti Internet dei fornitori di prestazioni sanitarie. In caso di recrudescenza della malattia, occorre effettuare nuovi esami, ragion per cui l ordine della lista d attesa può essere modificato in funzione degli esiti. Presidi medici Le regole di rimborso di presidi medici sono stabilite dalla legge. Le informazioni sui presidi medici rimborsati sono pubblicate nel bollettino della Cassa nazione di assicurazione sanitaria. Per poter beneficiare di tale rimborso, i presidi medici devono essere prescritti da un medico. L importo del rimborso è determinato su base percentuale riferita al prezzo (98%, 90%, 80%, 70%, 60 %, 50%o 45%). Per i presidi medici appartenenti alla fascia di rimborso più alta, qualsiasi co-pagamento che superi i HUF (18 EUR) è sostenuto dalla Cassa nazione di assicurazione sanitaria. Come beneficiare delle prestazioni sanitarie L assicurato può scegliere liberamente un medico o un ospedale convenzionati. È necessario iscriversi nella lista dei pazienti di un medico generico. Non esiste alcuna restrizione geografica. È possibile cambiare medico una volta all'anno (o più, se giustificato). Le prestazioni in natura possono essere ottenute da fornitori di prestazioni sanitarie che hanno siglato un accordo con l OEP. Le cure assistenziali di secondo livello ai pazienti a livello ambulatoriale e/o ai pazienti costretti a letto sono erogate dal fornitore di prestazioni sanitarie a tal fine designato, a seconda del domicilio o del luogo di residenza. Se il medico che provvede alla prescrizione è il medico di famiglia, il malato sarà accolto nella struttura competente corrispondente al luogo di residenza o all ambulatorio del medico. Luglio

11 Capitolo III : Prestazioni di malattia in denaro Requisiti per beneficiare delle prestazioni di malattia in denaro Hanno diritto alle indennità gli assicurati e le madri che si occupano di curare un figlio malato e che risultano inabili al lavoro. Rischi coperti La retribuzione per periodi di assenza (Távolléti díj, betegszabadság) di importo pari al 70% del reddito giornaliero lordo è garantita dal datore di lavoro per un periodo massimo di 15 giorni lavorativi all'anno. Il calcolo si basa sul reddito medio lordo (tranne in caso di gravidanza a rischio). Le indennità di malattia (Táppénz) possono essere concesse al massimo per un anno nel periodo di validità dello status di assicurato. L importo delle indennità è pari al 60% del reddito medio lordo giornaliero e non supera mensilmente il doppio della retribuzione minima lorda ( HUF, pari a 547 EUR). Come beneficiare delle prestazioni di malattia in denaro L'inabilità al lavoro deve essere certificata da un medico. Questa prassi non prevede alcun limite di tempo. L'interessato deve essere regolarmente sottoposto a nuovi esami (a seconda del parere del medico). Le indennità sono versate entro 30 giorni dal servizio di assicurazione sanitaria degli uffici provinciali o in corrispondenza del giorno di paga dal Servizio preposto al pagamento dell assicurazione sociale(il datore di lavoro con più di 100 dipendenti è tenuto a istituire un servizio di pagamento dell assicurazione sociale). Luglio

12 Capitolo IV: Prestazioni di maternità e paternità Requisiti per beneficiare delle prestazioni di maternità o paternità Indennità di gravidanza e parto Hanno diritto a tali assegni le donne che nei due anni precedenti la nascita del figlio sono state considerate assicurate per almeno 365 giorni presso l assicurazione sanitaria e che partoriscono: mentre sono ancora iscritte al sistema assicurativo (per esempio, sotto contratto di lavoro) oppure nei 42 giorni dalla data di scadenza dell assicurazione, oppure nei 42 giorni successivi alla scadenza dell assicurazione durante l erogazione dell indennità per infortunio sul lavoro (Baleseti táppénz) (oppure entro 28 giorni dal termine dell erogazione) o successivamente alla scadenza della copertura assicurativa durante la corresponsione dell indennità di malattia (Táppénz) (oppure entro 28 giorni dal termine della corresponsione). Se alla data di affidamento del figlio sussistono questi requisiti, tali assegni sono dovuti anche alle donne che si occupano della crescita del bambino in vista dell adozione. In tal caso gli assegni di gravidanza e parto spettano per il periodo compreso tra la data di affidamento del figlio e la fine del congedo parentale residuo. Gli assegni di gravidanza e parto non spettano all assicurata che: percepisce l intera retribuzione durante il congedo parentale, per il periodo in cui le è corrisposta totalmente la retribuzione; svolge un lavoro retribuito in qualsiasi regime fatta eccezione per la retribuzione concessa per prestazioni rientranti nella protezione dei diritti di autore o retribuzioni onorarie esenti dall imposta sul reddito individuale o esercita un attività retribuita per cui è necessaria l autorizzazione delle autorità competenti. Se l assicurata percepisce una parte della retribuzione durante il congedo parentale, beneficia degli assegni di gravidanza e maternità per la quota di retribuzione non percepita. Indennità di nascita L'assegno di nascita viene corrisposto a: partorienti che risiedono legalmente in Ungheria, genitori adottivi, tutori o al padre in caso di decesso della madre. Gli assegni di maternità non spettano ai genitori che, prima della nascita del figlio, ne hanno consentito l adozione; il neonato dato in adozione in base a una decisione definitiva dell autorità preposta all affidamento beneficia del regime di protezione dell infanzia. Luglio

13 Rischi coperti Indennità di gravidanza e parto Le madri hanno diritto agli assegni di gravidanza e maternità per il congedo parentale, nello specifico al massimo per 168 giorni. La durata massima del congedo parentale è di 24 settimane, di cui quattro settimane devono essere godute, per quanto possibile, prima della data presunta del parto. L assegno di gravidanza e parto è pari al 70% della retribuzione media giornaliera dell anno civile precedente il primo giorno di congedo parentale. Tale importo va versato nel periodo di congedo parentale alla madre o alla donna che intende adottare il figlio e che risponde ai requisiti sopra indicati. Alcune particolarità concernenti le prestazioni: il periodo di erogazione degli assegni di gravidanza e parto è conteggiato come periodo di servizio ai fini della pensione di vecchiaia; oltre agli assicurati, hanno diritto ai servizi previdenziali (per esempio, alle cure ambulatoriali o alle prestazioni sanitarie fornite ai malati ricoverati presso strutture sanitarie) anche le persone che beneficiano di assegni di gravidanza e parto; le persone che devono versare gli alimenti o che hanno beneficiato indebitamente delle prestazioni di assicurazione sanitaria riceveranno gli assegni di gravidanza e parto per un importo massimo ridotto del 33%; non sono tenuti al rimborso gli studenti che frequentano scuole superiori e beneficiano degli assegni di gravidanza e parto il primo giorno del semestre in corso (periodo di insegnamento) e che prendono parte a una formazione di base, a una formazione di base complementare, a corsi di perfezionamento professionale o a programmi di formazione professionale di livello avanzato presso un istituto scolastico autorizzato. Indennità di nascita L'assegno di nascita consiste nel versamento di una somma forfetaria una tantum pari al 225% della pensione minima di vecchiaia o al 300% per ciascun figlio in caso di gemelli. Come beneficiare delle prestazioni di maternità e di paternità L'assegno di nascita viene corrisposto dopo almeno quattro visite mediche prenatali (una in caso di nascita prematura) o una sentenza di adozione o affidamento passata in giudicato entro 180 giorni dal parto. La richiesta di questo assegno va corredata di un documento attestante la residenza ungherese. Luglio

14 Capitolo V: Prestazioni di invalidità Requisiti per beneficiare delle prestazioni di invalidità Alla fine del 2011, il Parlamento ha preso una decisione su una nuova Legge sulle prestazioni per le persone per cui è cambiata l'abilità al lavoro. La nuova legge ha lo scopo di garantire la reintegrazione sociale, il lavoro la riabilitazione finalizzata al lavoro basata sulle capacità rimanenti e migliorabili di coloro per cui l abilità al lavoro è cambiata. Inoltre, la legge regola la sostituzione del reddito per il reddito non più percepito. L'attenzione è rivolta alle rimanenti abilità al lavoro e lo scopo è quello di guidare tali persone nel loro ritorno nel mercato del lavoro. In base ai nuovi regolamenti, la precedente pensione di disabilità (rokkantsági nyugdíj), la pensione di disabilità correlata (baleseti rokkantsági nyugdíj), la rendita vitalizia di riabilitazione rehabilitációs járadék), la rendita vitalizia sociale per persone malate (rendszeres szociális járadék), la rendita vitalizia per invalidità temporanea (átmeneti járadék) e l assegno sociale per danni alla salute per i minatori (bányász dolgozók egészségkárosodási járadéka) non sono più erogati a partire dal 1 gennaio 2012 in poi. Al loro posto, sono concessi nuove indennità attraverso un metodo di valutazione complesso recentemente istituito. Indennità per persone con abilità al lavoro cambiata Sono idonee all ottenimento dell indennità per persone con abilità al lavoro cambiata: le persone il cui stato di salute è stato valutato al 60% o meno e le persone che erano state assicurate per almeno giorni in 5 anni prima di inviare la domanda, le persone che non effettuano alcuna attività retributiva e le persone che non ricevono prestazioni in denaro regolarmente L indennità per le persone con abilità al lavoro cambiata è composta da due separate disposizioni: la persona ha diritto all'indennità di riabilitazione se può essere riabilitata. L'indennità di riabilitazione può essere erogata per il periodo necessario per la riabilitazione, entro il limite di 3 anni dall'inizio dell'indennità. una persona con abilità al lavoro cambiata ha diritto all indennità di disabilità se la riabilitazione non è consigliata, oppure non può essere riabilitata o se raggiunge l'età pensionabile entro cinque anni. Le indennità per persona con abilità al lavoro cambiata sono indennità di assicurazione sanitaria. Luglio

15 Rischi coperti Indennità per persone con abilità al lavoro cambiata L importo si basa sul reddito mensile medio, e il suo minimo è stabilito in base ad alcune percentuali minime retributive. Indennità di riabilitazione: persone per cui la riabilitazione è possibile entro tempistiche attese Importo: 35% del reddito mensile medio; Minimo: 30% della retribuzione minima; Tetto: 40% della retribuzione minima; persone che hanno bisogno di una riabilitazione permanente: Importo: 45% del reddito mensile medio; Minimo: 40% della retribuzione minima; Tetto: 50% della retribuzione minima; L indennità di disabilità varia in base alla decisione sullo stato di salute e sulla possibilità di riabilitazione: Importo: 40-70% del reddito mensile medio; Minimo: 30-55% della retribuzione minima; Tetto: 45 o 150% della retribuzione minima; Come beneficiare delle prestazioni di invalidità L'idoneità è valutata dall autorità per la riabilitazione, che conduce un esame multidisciplinare (la cosiddetta valutazione complessa ) sullo stato di salute e sulla possibilità di riabilitazione del richiedente. A partire dal 1 gennaio 2012, le indennità per le persone con abilità al lavoro cambiata possono essere richieste gratuitamente attraverso i moduli stampati o elettronici presso i nuovi enti di riabilitazione dell'ufficio regionale del governo del luogo di residenza del richiedente. Il richiedente potrebbe essere obbligato a rivolgersi all ente di riabilitazione per la valutazione complessa. Il mancato rispetto di tale obbligo potrebbe comportare la terminazione della procedura. Nel corso della valutazione complessa, l ente di riabilitazione esaminerà lo stato di salute del richiedente e l'eventuale idoneità alla riabilitazione. In quest ultimo caso, emetterà una decisione sulla riabilitazione. Le indennità di disabilità e riabilitazione sono pagate dalla direzione pensioni. Luglio

16 Capitolo VI: Prestazioni e pensioni di vecchiaia Requisiti per beneficiare delle prestazioni di vecchiaia Il sistema pensionistico ungherese è stato rivisto nel 1977 ed è basato su due pilastri principali: fra il 1998 e il novembre 2010: il primo pilastro è un sistema pensionistico a ripartizione obbligatorio, finanziato dai contributi, che fa parte del sistema di previdenza sociale. È gestito dal ministero delle Risorse umane e gestito dall amministrazione centrale dell'assicurazione pensionistica nazionale e le sue direzioni. La direzione pensioni è responsabile del versamento di tutte le pensioni comprese nel primo pilastro e delle indennità simili a pensioni; il secondo pilastro include le assicurazioni pensionistiche private obbligatorie a capitalizzazione, amministrate da molte casse previdenziali controllate dal ministero dell Economia nazionale. Dopo il 3 novembre 2010, il sistema pensionistico obbligatorio è divenuto pubblico. L Ungheria è tornata al sistema pensionistico a due pilastri basato sul sistema di previdenza sociale obbligatoria, da un lato, e sui risparmi facoltativi dall altro. Hanno diritto alla pensione di vecchiaia le persone che hanno raggiunto l età pensionabile stabilita per legge e che hanno maturato gli anni di servizio richiesti. Nel 2009 il limite per l età pensionabile è di 62 anni sia per gli uomini sia per le donne. A partire dal 2010 è stato registrato un graduale aumento dell'età pensionabile (mezzo anno per ogni classe di età) che, nel 2022, sarà portata a 65 anni per i nati dal 1957 in poi. Le prime persone interessate da questo aumento sono quelle nate nel Le età pensionabili in funzione dell'anno di nascita sono le seguenti: Anno di nascita Età pensionabile Prima del 1 gennaio , , , e anni successivi 65 La pensione di vecchiaia può essere concessa anche alle persone che esercitano ancora un attività retribuita, fino al raggiungimento del tetto massimo sul reddito stabilito dalla legge. Dal 1 aprile 2007 i titolari di una pensione che esercitano un attività subordinata sono tenuti a versare contributi pensionistici sui redditi realizzati. Dopo 365 giorni di servizio (di assicurazione) la pensione aumenta dello 0,45% dell importo della retribuzione mensile su cui si è fondato il calcolo della contribuzione. In base alle nuove regole, entrate in vigore a partire dal 1 gennaio 2012, le indennità erogate dal sistema pensionistico stabilito per legge sono le pensioni di vecchiaia (solo dopo l età pensionabile), il periodo di ammissibilità di 40 anni per le donne (nők 40 év jogosultsági idővel) e le indennità ai superstiti. Luglio

17 Dal 1 gennaio 2011 è disponibile una nuova opzione, il cosiddetto periodo di ammissibilità dei 40 anni per le donne ( nők 40 év jogosultsági idővel ), per le lavoratrici che, indipendentemente dalla loro età, hanno completato almeno 40 anni di periodo di ammissibilità e hanno cessato un attività lucrativa. Per periodo di ammissibilità ci si riferisce a un qualunque periodo di attività lucrativa o di ricezione di assegni di gravidanza e parto (Terhességi-gyermekágyi segély), di un indennità per la custodia dei figli (Gyermekgondozási díj), di un assegno per la custodia dei figli (gyermekgondozási segély) e di assegni per l'educazione dei figli (gyermeknevelési támogatás) oppure di un indennità correlata all educazione dei figli (Ápolási díj). Oltre ai periodi di ricezione delle suddette prestazioni relative all educazione dei figli sono necessari 32 anni di attività lucrativa oppure 30 anni di attività lucrativa, in caso di ricezione dell indennità per la custodia dei figli. Il periodo di ammissibilità è ridotto di un anno dopo la nascita di ciascun bambino educato all interno del nucleo familiare per le donne con 5 o più figli, per una riduzione massima di 7 anni. A partire dal 1 gennaio 2012, le precedenti indennità di pensionamento anticipato, tranne il periodo di ammissibilità di 40 anni per le donne" ( nők 40 év jogosultsági idővel ), ora sono state unificate nelle "indennità precedenti all'età pensionabile" (korhatár előtti ellátás). Hanno diritto a tali indennità precedenti all'età pensionabile: persone che hanno rispettato le condizioni di età e tempo di servizio per la pensione avanzata (Előrehozott öregségi nyugdíj) oppure la pensione avanzata con somma ridotta (Csökkentett összegű előrehozott öregségi nyugdíj) prima del 31 dicembre 2011; donne nate nel 1953, che hanno raggiunto l'età di 59 anni e che hanno almeno 37 anni di servizio prima della data di inizio dell'indennità, prima dell'età pensionabile, ma non oltre il 31 dicembre persone a cui spettava la precedente pensione anticipata a causa di condizioni di lavoro pericolose (korkedvezményes öregségi nyugdíj) prima della data di inizio dell indennità, prima dell età pensionabile, ma non dopo il 31 dicembre 2012; persone a cui spettava la pensione dei minatori (bányásznyugdíj) prima del 31 dicembre 2011; persone a cui spettava la pensione di vecchiaia per artisti prima del 31 dicembre 2011; persone il cui rapporto di lavoro è stato terminato prima del 1 gennaio 2012 e che erano idonee per l'indennità di pensionamento anticipato a tale data, nel rispetto di alcune condizioni. Per ulteriori dettagli, fare riferimento alle Tabelle MISSOC. Coloro che hanno diritto alla pensione anticipata a causa di condizioni di lavoro pericolose, possono richiedere un indennità precedente all età pensionabile, tanto molti anni prima di raggiungere l età pensionabile quanto il numero di anni di pensione anticipata a causa di condizioni di lavoro pericolose acquisito fino al 31 dicembre 2012, oppure se il giorno di inizio dell indennità è nel 2012, fino al giorno precedente al giorno di inizio di tale indennità. Prestazioni di pensionamento anticipato Nel 2005 è stato introdotto un nuovo strumento sul mercato del lavoro. Si tratta del Programma degli anni a premio per mantenere in attività le persone anziane. Il programma si propone di dare a coloro che lavorano nel settore pubblico la possibilità di andare in pensione gradualmente, consentendo loro di svolgere la propria attività a Luglio

18 tempo parziale. I lavoratori che abbandonano il settore pubblico che, nei tre anni successivi, matureranno il diritto alla pensione e con almeno 25 anni di servizio e che accettano di partecipare al programma lavorando a tempo parziale nell ambito di tale iniziativa percepiscono il 70% della retribuzione precedente e mantengono lo stato di dipendenti fino al raggiungimento dell età pensionabile; tale prestazione può essere considerata alla stregua di un prepensionamento. Rischi coperti L importo della pensione varia in funzione della retribuzione media e degli anni di servizio (periodo di assicurazione). La retribuzione media che funge da base di calcolo della pensione è stabilita, in linea generale, a seconda della retribuzione e dei redditi soggetti a contributi pensionistici del periodo compreso tra il 1 gennaio 1988 e la data di pensionamento. Attualmente, per calcolare la retribuzione media si tiene conto delle retribuzioni nette. Le retribuzioni precedenti devono essere moltiplicate per un coefficiente di valorizzazione adeguato per portarne l importo al livello delle retribuzioni del secondo anno precedente il pensionamento. Dal 2008 la retribuzione media netta di alcuni anni dev essere ricalcolata per arrivare al livello dell anno precedente il pensionamento. Pensione minima Il regime pensionistico ungherese prevede una pensione minima di HUF (100 EUR) al mese, cui hanno diritto le persone che hanno maturato almeno 20 anni di servizio. Ciononostante, se l importo della retribuzione media è inferiore all importo della pensione minima, la pensione equivale al 100% della retribuzione media mensile. Rinvio della pensione Coloro che hanno maturato 20 anni di servizio e che hanno raggiunto l età pensionabile, ma non percepiscono la pensione, e hanno continuato a lavorare per almeno 30 giorni avranno diritto a una maggiorazione della pensione. La maggiorazione corrisponde allo 0,5% dell importo della pensione per ogni periodo di 30 giorni supplementari. In tal caso l importo della pensione può superare, calcolata la maggiorazione, la retribuzione mensile media che funge da base di calcolo della pensione. Prestazioni in caso di morte Secondo la legislazione ungherese, le indennità sono erogabili in due diverse forme: un indennità per le spese funerarie e la copertura delle spese funerarie da parte dello Stato. Indennità per le spese funerarie L amministrazione locale può concedere assegni per spese funerarie alle persone che provvedono al funerale di un defunto pur non avendone l obbligo o perché, pur essendo noti i congiunti della persona deceduta, questi non possono sostenere le spese funerarie senza pregiudicare i mezzi di sussistenza propri o della famiglia. L importo dell assegno per persona non può essere inferiore alla pensione minima mensile di vecchiaia percepita da una famiglia e, in caso di nuclei composti da una sola persona, non può essere inferiore al 150% di tale base. L importo degli assegni per spese funerarie non può scendere al di sotto del 10% delle spese funerarie minime, ma può coprire l intero costo quando vi sia la possibilità che le spese pregiudichino i mezzi di sussistenza del richiedente o della sua famiglia. Luglio

19 Spese funerarie coperte dallo Stato Nei 30 giorni successivi alla dichiarazione di morte, il sindaco del comune competente territorialmente del luogo di decesso deve accertarsi che le spese funerarie siano coperte da fondi pubblici se tale obbligo non ricade su alcun soggetto o se coloro che vi sono tenuti sono irreperibili o non vi provvedono. Il comune corrispondente all ultimo domicilio della persona deceduta rimborsa le spese funerarie al comune nel cui luogo è avvenuto il decesso. Come beneficiare delle prestazioni di vecchiaia Le prestazioni pensionistiche possono essere concesse soltanto su richiesta opportunamente presentata. Le persone che vivono in Ungheria possono depositare tale domanda di persona presso qualsiasi direzione dell assicurazione pensionistica, oppure possono inviarla per posta o utilizzando il portale elettronico. I moduli di domanda possono essere scaricati all indirizzo Internet oppure sono disponibili presso qualsiasi struttura per i servizi pensionistici. La domanda di pensione concernente coloro che vivono o soggiornano all estero (in uno Stato non membro dell Unione europea o del SEE) va inoltrata alla Direzione per il pagamento delle pensioni. In caso di consegna non effettuata a mano da parte del richiedente, la firma di quest ultimo dev essere apposta sul modulo prestampato e autenticata da un notaio o dagli enti rappresentativi della Repubblica d Ungheria all estero, o addirittura per il tramite delle autorità straniere. Luglio

20 Capitolo VII: Prestazioni ai superstiti Requisiti per beneficiare delle prestazioni ai superstiti Il requisito di base affinché i congiunti possano beneficiare delle prestazioni ai superstiti è che il titolare (deceduto) abbia maturato il periodo di assicurazione richiesto o che, prima della morte, percepisse una pensione di vecchiaia o di invalidità. Il soggetto che ha causato deliberatamente la morte del titolare, ai sensi della sentenza definitiva emessa dal tribunale, non ha diritto a una prestazione. La pensione di reversibilità è concessa al coniuge vedovo o al figlio orfano a seguito della morte dell assicurato per infortunio sul lavoro (danno di natura professionale). Pensione di reversibilità (al coniuge vedovo) Le persone idonee al ricevimento della pensione di reversibilità sono coloro il cui coniuge è deceduto mentre riceveva la pensione di vecchiaia, oppure il cui coniuge è deceduto prima di raggiungere l'età di 22 anni e ha maturato un periodo di servizio negli ultimi 180 giorni dopo aver terminato gli studi, oppure ha maturato in totale un periodo di almeno 2 anni di servizio, è deceduto tra i 22 e i 25 anni ed ha maturato un periodo di almeno 4 anni di servizio, è deceduto tra i 25 e i 30 anni ed ha maturato un periodo di almeno 6 anni di servizio, è deceduto tra i 30 e i 35 anni ed ha maturato un periodo di almeno 8 anni di servizio, è deceduto tra i 35 e i 45 anni ed ha maturato un periodo di almeno 10 anni di servizio, è deceduto dopo il compimento di 45 anni ed ha maturato un periodo di almeno 15 anni di servizio, Sono inoltre idonei coloro il cui coniuge deceduto non ha maturato i sopraindicati periodi di servizio, ma ha maturato il periodo di servizio necessario per una fascia di età inferiore, purché fino alla data di decesso non ci siano interruzioni superiori a 30 giorni nel suo periodo di servizio. Pensione di reversibilità temporanea e permanente: La pensione di reversibilità temporanea è erogata per un periodo che va da un minimo di 1 anno a un massimo di 3, se il/la vedovo/a ha un orfano a carico. La pensione di reversibilità temporanea viene convertita in pensione permanente se il coniuge: Ha superato l'età pensionabile, oppure È considerato una persona con capacità di lavoro cambiata, oppure Ha avuto almeno due figli minorenni (che hanno diritto all assegno per orfani) dalla persona deceduta. Il coniuge vedovo il cui coniuge deceduto era passato, fra il 3 novembre 2010 e il 31 gennaio 2011, al 1 pilastro del regime pensionistico statale, ha il diritto di scegliere Luglio

LE PENSIONI DI ANZIANITA IN EUROPA QUADRO SCHEMATICO DELLA LEGISLAZIONE VIGENTE

LE PENSIONI DI ANZIANITA IN EUROPA QUADRO SCHEMATICO DELLA LEGISLAZIONE VIGENTE LE PENSIONI DI ANZIANITA IN EUROPA QUADRO SCHEMATICO DELLA LEGISLAZIONE VIGENTE AUSTRIA BELGIO CIPRO DANIMARCA ESTONIA FINLANDIA FRANCIA La pensione ordinaria è erogata al compimento del 60 anno di età

Dettagli

È il sistema di calcolo valido per coloro che sono stati assunti dopo il 31 dicembre 1995 ed è legato alla totalità dei contributi versati.

È il sistema di calcolo valido per coloro che sono stati assunti dopo il 31 dicembre 1995 ed è legato alla totalità dei contributi versati. PENSIONI In virtù del principio della territorialità dell obbligo assicurativo, i lavoratori devono essere assicurati ai fini previdenziali ed assistenziali nel Paese in cui svolgono attività lavorativa.

Dettagli

La pensione ai superstiti

La pensione ai superstiti Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Pensioni La pensione ai superstiti Aggiornato al Febbraio 2006 E' la pensione che, alla morte del lavoratore assicurato o pensionato, spetta ai componenti del

Dettagli

I diritti di previdenza sociale. a Cipro

I diritti di previdenza sociale. a Cipro I diritti di previdenza sociale a Cipro Le informazioni fornite nella presente guida sono state elaborate e aggiornate in stretta collaborazione con i corrispondenti nazionali del Sistema di informazione

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) n. 1992/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio. del 18 dicembre 2006

REGOLAMENTO (CE) n. 1992/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio. del 18 dicembre 2006 30.12.2006 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 392/1 I (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) REGOLAMENTO (CE) n. 1992/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio

Dettagli

Torino, 11 novembre 2013. Marcello Alessandro Resca Delegato Cassa per ODCEC Torino

Torino, 11 novembre 2013. Marcello Alessandro Resca Delegato Cassa per ODCEC Torino Torino, 11 novembre 2013 Marcello Alessandro Resca Delegato Cassa per ODCEC Torino Prestazioni Assistenziali a favore dei Dottori Commercialisti In caso di Gravidanza: -Indennità di maternità -Interruzione

Dettagli

SEMINARIO. Partite IVA, lavoratori a progetto e aspetti previdenziali 15 NOVEMBRE 2012

SEMINARIO. Partite IVA, lavoratori a progetto e aspetti previdenziali 15 NOVEMBRE 2012 SEMINARIO I LAVORATORI ATIPICI NELLE PROFESSIONI Partite IVA, lavoratori a progetto e aspetti previdenziali 15 NOVEMBRE 2012 Dr. Gianbattista Guzzetti (Unione Confcommercio Imprese per l Italia-Milano-Lodi-Monza

Dettagli

1 pilastro, AVS / AI Garanzia del minimo esistenziale

1 pilastro, AVS / AI Garanzia del minimo esistenziale 1 pilastro, AVS / AI Garanzia del minimo esistenziale La previdenza statale, nell ambito dell AVS/ AI, garantisce il minimo di sussistenza a tutta la popolazione. 1. Contesto In Svizzera la previdenza

Dettagli

Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Obbligatoria

Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Obbligatoria Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Obbligatoria www.logicaprevidenziale.it A Adeguamento della pensione: Rivalutazione annuale delle pensioni in essere in base all aumento del costo della

Dettagli

Possono esercitare la facoltà prevista e totalizzare i periodi assicurativi, per ottenere un unica pensione, i lavoratori iscritti:

Possono esercitare la facoltà prevista e totalizzare i periodi assicurativi, per ottenere un unica pensione, i lavoratori iscritti: Totalizzazione dei contributi È stata prevista da recenti disposizioni legislative per consentire l acquisizione del diritto ad un unica pensione di vecchiaia, di anzianità o ai superstiti a quei lavoratori

Dettagli

LA PENSIONE AI SUPERSTITI

LA PENSIONE AI SUPERSTITI LA PENSIONE AI SUPERSTITI CHE COS'È È la pensione che, alla morte del lavoratore assicurato o pensionato, spetta ai componenti del suo nucleo familiare. Questa pensione può essere: di reversibilità: se

Dettagli

Requisiti Ammontare del contributo

Requisiti Ammontare del contributo 1 Requisiti Rapporto professionale con il Servizio Sanitario Nazionale (o altri Istituti) in qualità di Medici di Medicina Generale, Pediatri di libera scelta ed addetti ai servizi di continuità assistenziale

Dettagli

L evoluzione della pensione a seguito della riforma Lo Presti e della maggiore aliquota di computo. Padova, 22 maggio 2015

L evoluzione della pensione a seguito della riforma Lo Presti e della maggiore aliquota di computo. Padova, 22 maggio 2015 L evoluzione della pensione a seguito della riforma Lo Presti e della maggiore aliquota di computo Padova, 22 maggio 2015 Il secondo Welfare dei Dottori Commercialisti dott.ssa Anna Faccio In caso di gravidanza

Dettagli

La Previdenza del Pediatra di libera scelta

La Previdenza del Pediatra di libera scelta ENTE NAZIONALE PREVIDENZA ED ASSISTENZA ENTE NAZIONALE MEDICI PREVIDENZA ED ODONTOIATRI ED ASSISTENZA DEI MEDICI E DEGLI ODONTOIATRI La Previdenza del Pediatra di libera scelta Pietro Fusilli Responsabile

Dettagli

Istituzione dell integrazione al minimo vitale per trattamenti pensionistici calcolati esclusivamente con il sistema contributivo.

Istituzione dell integrazione al minimo vitale per trattamenti pensionistici calcolati esclusivamente con il sistema contributivo. Istituzione dell integrazione al minimo vitale per trattamenti pensionistici calcolati esclusivamente con il sistema contributivo. A) La prestazioni per invalidità nel regime generale obbligatorio La legge

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE *

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * Chi è interessato dalla Riforma Sono interessati alla riforma della previdenza complementare attuata con il decreto legislativo n. 252/2005

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI DI ASSISTENZA

REGOLAMENTO GENERALE PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI DI ASSISTENZA REGOLAMENTO GENERALE PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI DI ASSISTENZA Articolo 1 Finalità. 1. Il presente Regolamento disciplina l erogazione delle prestazioni assistenziali di cui all art. 3, comma 2

Dettagli

Prefettura RIMINI 10/03/2015. L evoluzione del sistema previdenziale: il passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo

Prefettura RIMINI 10/03/2015. L evoluzione del sistema previdenziale: il passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo Prefettura RIMINI 10/03/2015 L evoluzione del sistema previdenziale: il passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo 1919 Nascita della tutela obbligatoria per i lavoratori dipendenti L Istituto

Dettagli

Indennità di disoccupazione Mini-ASpI

Indennità di disoccupazione Mini-ASpI Indennità di disoccupazione Mini-ASpI COSA E E una prestazione economica istituita dal 1 gennaio 2013 e che sostituisce l indennità di disoccupazione ordinaria non agricola con requisiti ridotti. E una

Dettagli

LA PREVENZIONE DEI TUMORI NELL ASL DI LECCO. LE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI. LECCO 21 DICEMBRE 2015 Servizio Medicina Legale Dr Daniele Coppola

LA PREVENZIONE DEI TUMORI NELL ASL DI LECCO. LE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI. LECCO 21 DICEMBRE 2015 Servizio Medicina Legale Dr Daniele Coppola LA PREVENZIONE DEI TUMORI NELL ASL DI LECCO. LE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI LECCO 21 DICEMBRE 2015 Servizio Medicina Legale Dr Daniele Coppola Lo Stato assiste i pazienti oncologici attraverso il riconoscimento

Dettagli

FAQ ASSEGNO NUCLEO FAMILIARE [MEF]

FAQ ASSEGNO NUCLEO FAMILIARE [MEF] FAQ ASSEGNO NUCLEO FAMILIARE [MEF] Da chi è composto il nucleo familiare? Il nucleo familiare è composto ai sensi dell art.2, comma 2, del D.L. 13.3.1988, n.69, convertito nella L. 13.5.1988, n.153 (norma

Dettagli

3.03 Stato al 1 gennaio 2011

3.03 Stato al 1 gennaio 2011 3.03 Stato al 1 gennaio 2011 Rendite per superstiti dell AVS Rendite per superstiti 1 Le rendite per superstiti hanno lo scopo di evitare che, al decesso del coniuge, del padre o della madre, i superstiti

Dettagli

SOSTENIBILITA E PROSPETTIVE FUTURE DELLE PENSIONI FINANZIERBARKEIT UND ZUKUNFTSPERSPEKTIVEN DER PENSIONEN

SOSTENIBILITA E PROSPETTIVE FUTURE DELLE PENSIONI FINANZIERBARKEIT UND ZUKUNFTSPERSPEKTIVEN DER PENSIONEN SOSTENIBILITA E PROSPETTIVE FUTURE DELLE PENSIONI FINANZIERBARKEIT UND ZUKUNFTSPERSPEKTIVEN DER PENSIONEN 2014 1 Previdenza ENPAM Il fondo di Previdenza Generale è composto da: Quota A Quota B 2 QUOTA

Dettagli

LA PENSIONE AI SUPERSTITI (REVERSIBILITA )

LA PENSIONE AI SUPERSTITI (REVERSIBILITA ) LA PENSIONE AI SUPERSTITI (REVERSIBILITA ) DUE TIPI DI PENSIONE La pensione ai superstiti può essere: 1) DI REVERSIBILITA' : se il defunto è già titolare di pensione diretta (vecchiaia, inabilità, anzianità).

Dettagli

IL SISTEMA PENSIONISTICO

IL SISTEMA PENSIONISTICO IL SISTEMA PENSIONISTICO LA CONTRIBUZIONE PREVIDENZIALE : CONTRIBUZIONE, FONDO PENSIONE LAVORATORI DIPENDENTI IL SISTEMA PENSIONISTICO ITALIANO Il cardine della tutela previdenziale riguarda la soddisfazione

Dettagli

ADESIONE AL FOPEN DEI FAMILIARI FISCALMENTE A CARICO DEI SOCI

ADESIONE AL FOPEN DEI FAMILIARI FISCALMENTE A CARICO DEI SOCI Fondo Pensione Dipendenti del Gruppo Enel COMUNICATO AGLI ISCRITTI N. 6-2011 ADESIONE AL FOPEN DEI FAMILIARI FISCALMENTE A CARICO DEI SOCI Si informano gli associati che, a partire dal 1 ottobre 2011,

Dettagli

400 TUTELA DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA

400 TUTELA DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA 400 TUTELA DELLA MATERNITA E DELLA PATERNITA Le norme in materia sono contenute nel d. lgs. 151/2001 e, per ciò che riguarda le disposizioni relative ai minori in adozione o affidamento, sono state introdotte

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PENSIONI

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PENSIONI Modernised EU Social Security Coordination La nuova regolamentazione comunitaria DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PENSIONI 1 Disposizioni in materia di prestazioni pensionistiche Le Le norme in in materia pensionistica

Dettagli

ASSISTENZA WELFARE DOMANI

ASSISTENZA WELFARE DOMANI ASSISTENZA OGGI WELFARE DOMANI In attuazione del principio costituzionale di sicurezza sociale, la Cassa, oltre ai trattamenti previdenziali, tutela gli iscritti mediante erogazione di trattamenti assistenziali,

Dettagli

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: UTILIZZO E FINALITA

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: UTILIZZO E FINALITA LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: UTILIZZO E FINALITA Il decreto legislativo n. 252 del 5 dicembre 2005 ha rinviato al 1 gennaio 2007 esclusivamente l obbligo della destinazione del TFR maturando alla previdenza

Dettagli

3. Maternità e Paternità in

3. Maternità e Paternità in 3. Maternità e Paternità in CONDIZIONE NON PROFESSIONALE o CON RIDOTTI TRATTAMENTI ECONOMICI La legge prevede forme di tutela anche per le madri che non lavorano al momento del parto (o dell ingresso in

Dettagli

TRATTAMENTO DI PENSIONE AI SUPERSTITI Vademecum

TRATTAMENTO DI PENSIONE AI SUPERSTITI Vademecum TRATTAMENTO DI PENSIONE AI SUPERSTITI Vademecum 1 TRATTAMENTO DI PENSIONE AI SUPERSTITI Vademecum 1. Premessa Preliminarmente va sottolineato che la reversibilità ha natura previdenziale e non assistenziale.

Dettagli

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE E il momento di scegliere A cura della Struttura di Comparto Scuola non statale DESTINARE IL TFR COS E IL TFR? Il trattamento di fine rapporto (anche conosciuto come liquidazione

Dettagli

Portrait. Contributi e prestazioni. Piani assicurativi e le loro possibilità di combinazione Disposizioni comuni

Portrait. Contributi e prestazioni. Piani assicurativi e le loro possibilità di combinazione Disposizioni comuni Portrait Contributi e prestazioni Piani assicurativi e le loro possibilità di combinazione Disposizioni comuni Sono determinanti le disposizioni del Regolamento Berna, febbraio 2008 I nostri Piani delle

Dettagli

3.03 Prestazioni dell AVS Rendite per superstiti dell AVS

3.03 Prestazioni dell AVS Rendite per superstiti dell AVS 3.03 Prestazioni dell AVS Rendite per superstiti dell AVS Stato al 1 gennaio 2016 In breve Le rendite per superstiti hanno lo scopo di evitare che, al decesso del coniuge, di uno o di entrambi i genitori,

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA VI LEGISLATURA DISEGNO DI LEGGE (N. 693) approvato dalla Camera dei deputati nella seduta del 14 dicembre 1972 (V. Stampato n. 830) presentato dal Ministro degli Affari Esteri (MEDICI)

Dettagli

La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti

La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti Analisi degli Enti del decreto 509/1994 LA PENSIONE DELL AVVOCATO CASSA FORENSE Indice Considerazioni di carattere generale La contribuzione

Dettagli

Contributi figurativi per il prepensionamento, le indicazioni INPS, le indicazioni INPDAP

Contributi figurativi per il prepensionamento, le indicazioni INPS, le indicazioni INPDAP PENSIONI Il Decreto Legislativo 30 dicembre 1992, n. 503 (articolo 1, comma 8) prevede la possibilità per i lavoratori con invalidità non inferiore all 80%, di anticipare l età pensionabile (pensione di

Dettagli

REGOLAMENTO DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA GESTIONE SEPARATA ENPAPI

REGOLAMENTO DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA GESTIONE SEPARATA ENPAPI Approvato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con il Ministero dell Economia e delle Finanze in data 29 marzo 2013 REGOLAMENTO DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA GESTIONE SEPARATA

Dettagli

NOVITA PREVIDENZIALI 2011

NOVITA PREVIDENZIALI 2011 Il sistema pensionistico attuale e le novità del 2011 Roberto Perazzoli 1 CALCOLO PENSIONE - DEFINIZIONI SISTEMA RETRIBUTIVO: è applicato a coloro che alla data del 31.12.1995 avevano un anzianità contributiva

Dettagli

OGGETTO : RICHIESTA PENSIONE REVERSIBILITA

OGGETTO : RICHIESTA PENSIONE REVERSIBILITA Alla CASSA ITALIANA PREVIDENZA GEOMETRI Area Servizi Istituzionali Servizio Erogazione Trattamenti ed Iscrizione Ufficio Istruttoria invalidità, inabilità, superstiti e supplementi Lungotevere Arnaldo

Dettagli

CONGEDI PARENTALI UNA GUIDA A TUTTE LE AGEVOLAZIONI DELLA NUOVA LEGGE

CONGEDI PARENTALI UNA GUIDA A TUTTE LE AGEVOLAZIONI DELLA NUOVA LEGGE CONGEDI PARENTALI UNA GUIDA A TUTTE LE AGEVOLAZIONI DELLA NUOVA LEGGE * QUALI SONO I NUOVI DIRITTI E LE NUOVE OPPORTUNITA PER I NEO-GENITORI? ASPETTATIVA OBBLIGATORIA: - Resta l aspettativa obbligatoria

Dettagli

COMUNE DI LEDRO. Provincia di Trento SERVIZIO DI NIDO D INFANZIA COMUNALE

COMUNE DI LEDRO. Provincia di Trento SERVIZIO DI NIDO D INFANZIA COMUNALE . COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento SERVIZIO DI NIDO D INFANZIA COMUNALE DISCIPLINARE recante criteri e modalità di presentazione delle domande di accesso e formazione della graduatoria Approvato con

Dettagli

e, per conoscenza, OGGETTO: Computo nella gestione separata - articolo 3 D.M. 2 maggio 1996, n. 282 Riepilogo istruzioni ed ulteriori chiarimenti.

e, per conoscenza, OGGETTO: Computo nella gestione separata - articolo 3 D.M. 2 maggio 1996, n. 282 Riepilogo istruzioni ed ulteriori chiarimenti. Direzione Centrale Pensioni Roma, 18/11/2015 Circolare n. 184 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al

Dettagli

15 lezione Le prestazioni previdenziali e assistenziali

15 lezione Le prestazioni previdenziali e assistenziali L'attività dell Inps consiste nella liquidazione e nel pagamento delle prestazioni che possono essere di natura previdenziale assistenziale sono liquidate sulla base di rapporti assicurativi e finanziate

Dettagli

FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DEL BANCO DI NAPOLI

FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DEL BANCO DI NAPOLI REGOLAMENTO MODALITA DI ADESIONE E CONTRIBUZIONE AL FONDO DA PARTE DEI FAMILIARI FISCALMENTE A CARICO Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 21 febbraio 2014 SOMMARIO ARTICOLO 1 DEFINIZIONE

Dettagli

Le prestazioni per gli iscritti alla gestione separata dei lavoratori parasubordinati

Le prestazioni per gli iscritti alla gestione separata dei lavoratori parasubordinati Le prestazioni per gli iscritti alla gestione separata dei lavoratori parasubordinati Pensione di vecchiaia Con almeno 57 anni, sia uomini che donne possono conseguire la pensione di vecchiaia. Si prescinde

Dettagli

ACCORDO AMMINISTRATIVO per l attuazione dell Accordo di sicurezza sociale tra l Italia ed il Canada, firmato a Toronto il 17 novembre 1977

ACCORDO AMMINISTRATIVO per l attuazione dell Accordo di sicurezza sociale tra l Italia ed il Canada, firmato a Toronto il 17 novembre 1977 ACCORDO AMMINISTRATIVO per l attuazione dell Accordo di sicurezza sociale tra l Italia ed il Canada, firmato a Toronto il 17 novembre 1977 Parte I Disposizioni Generali Art. 1 Per l attuazione dell Accordo

Dettagli

13 lezione il sistema della previdenza

13 lezione il sistema della previdenza 13 lezione il sistema della previdenza Legislazione sociale del lavoro Legislazione sociale preventiva PREVIDENZA assistenza Statuto dei lavoratori Privacy Sicurezza 1 La previdenza sociale è una branca

Dettagli

REGOLAMENTO BENEFICI ASSISTENZIALI. Parte VI. Erogazione di sussidi a sostegno della famiglia.

REGOLAMENTO BENEFICI ASSISTENZIALI. Parte VI. Erogazione di sussidi a sostegno della famiglia. REGOLAMENTO BENEFICI ASSISTENZIALI Parte VI Erogazione di sussidi a sostegno della famiglia. Testo finale approvato dal C.I.G. Delibera n. 103 del 29.05.2014 e approvato dai MMVV con nota n. 36/0016601/MA004.A007

Dettagli

3.03 Prestazioni dell AVS Renditi per superstiti dell AVS

3.03 Prestazioni dell AVS Renditi per superstiti dell AVS 3.03 Prestazioni dell AVS Renditi per superstiti dell AVS Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Le rendite per superstiti hanno lo scopo di evitare che, al decesso del coniuge, di uno o di entrambi i genitori,

Dettagli

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito. Roma, 26/07/2013

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito. Roma, 26/07/2013 Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Roma, 26/07/2013 Circolare n. 114 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici

Dettagli

TuttoInps. Le prestazioni a sostegno del reddito. L'assegno per il nucleo familiare. Sommario

TuttoInps. Le prestazioni a sostegno del reddito. L'assegno per il nucleo familiare. Sommario TuttoInps Le prestazioni a sostegno del reddito L'assegno per il nucleo familiare Sommario A CHI SPETTA... 2 L'ASSEGNO AL CONIUGE... 2 I REQUISITI... 3 PER QUALI PERSONE SPETTA... 3 LA DOMANDA... 4 CHI

Dettagli

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue:

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue: Le pensioni nel 2007 Gli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps, con particolare riferimento al fondo pensioni lavoratori dipendenti Tetto di retribuzione pensionabile Il tetto

Dettagli

LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI I TIPI DI PENSIONE

LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI I TIPI DI PENSIONE LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI I TIPI DI PENSIONE Le PRESTAZIONI PREVIDENZIALI sono un trasferimento di denaro che sostituisce il reddito da lavoro nel momento in cui si verificano determinati eventi, quali:

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO

LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO Negli ultimi anni nel nostro Paese si sono susseguite varie riforme che già soddisfacevano le richieste dell'unione Europea di avere

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

M A V FONDO INTEGRAZIONE MALATTIA E ASSISTENZE VARIE. Le Prestazioni

M A V FONDO INTEGRAZIONE MALATTIA E ASSISTENZE VARIE. Le Prestazioni F M A V FONDO INTEGRAZIONE MALATTIA E ASSISTENZE VARIE Le Prestazioni R e g o l a m e n t o operante dal 01 gennaio 2014 INDICE: AVENTI DIRITTO Pag. 4 INTEGRAZIONE DELLE PRESTAZIONI E MISURA DELLE INDENNITA

Dettagli

Guida all assicurazione sociale per i dipendenti. Edizione 2015

Guida all assicurazione sociale per i dipendenti. Edizione 2015 Guida all assicurazione sociale per i dipendenti Edizione 2015 Indice Introduzione...3 Cambiamento di impiego...4 Disoccupazione...6 Congedo non pagato, perfezionamento professionale, soggiorni linguistici,

Dettagli

PREVIDENZA OBBLIGATORIA E FORME ASSISTENZIALI L ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA

PREVIDENZA OBBLIGATORIA E FORME ASSISTENZIALI L ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA Anno 2012 PREVIDENZA OBBLIGATORIA E FORME ASSISTENZIALI L ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA Percorso ENPAPI: previdenziale ENTRAT ISCRIZIONE A GESTION E CONTRIBUZIONE

Dettagli

PREMESSA. Studio e Ricerca per lo Sviluppo delle attività delle Convenzioni Internazionali. Direzione Centrale delle Prestazioni

PREMESSA. Studio e Ricerca per lo Sviluppo delle attività delle Convenzioni Internazionali. Direzione Centrale delle Prestazioni Studio e Ricerca per lo Sviluppo delle attività delle Convenzioni Internazionali Direzione Centrale delle Prestazioni Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Roma, 28 Ottobre 2002 Circolare

Dettagli

I diritti di previdenza sociale. in Estonia

I diritti di previdenza sociale. in Estonia I diritti di previdenza sociale in Estonia Le informazioni fornite nella presente guida sono state elaborate e aggiornate in stretta collaborazione con i corrispondenti nazionali del Sistema di informazione

Dettagli

MATERNITÀ permessi, congedi, riposi e malattia del bambino

MATERNITÀ permessi, congedi, riposi e malattia del bambino MATERNITÀ permessi, congedi, riposi e malattia del bambino Il comma 14 dell art. 19 Ccnl 2003 finalmente sancisce quello che sosteniamo da tempo: al personale con contratto a tempo determinato si applica

Dettagli

I diritti di previdenza sociale. nella Repubblica slovacca

I diritti di previdenza sociale. nella Repubblica slovacca I diritti di previdenza sociale nella Repubblica slovacca Le informazioni fornite nella presente guida sono state elaborate e aggiornate in stretta collaborazione con i corrispondenti nazionali del Sistema

Dettagli

C.C.N.L. LAVORO DOMESTICO

C.C.N.L. LAVORO DOMESTICO Finanze & Lavoro Gruppo Editoriale Esselibri-Simone Appendice di aggiornamento al volume FL 18 C.C.N.L. LAVORO DOMESTICO Edizione Aprile 2003 Questa appendice è scaricabile gratuitamente dal sito internet:

Dettagli

Sono da ricomprendere nell'ambito di applicazione della predetta normativa le seguenti categorie di lavoratori.

Sono da ricomprendere nell'ambito di applicazione della predetta normativa le seguenti categorie di lavoratori. Circolare INPS, 30 gennaio 2002, n. 29, Direzione Centrale delle Prestazioni - "Articolo 80, comma 3, della legge 23 dicembre 2000, n. 388. Maggiorazione del periodo di servizio effettivamente svolto dai

Dettagli

OGGETTO : RICHIESTA PENSIONE REVERSIBILITA

OGGETTO : RICHIESTA PENSIONE REVERSIBILITA Alla CASSA ITALIANA PREVIDENZA GEOMETRI Area Servizi Istituzionali Servizio Erogazione Trattamenti ed Iscrizione Ufficio Istruttoria invalidità, inabilità, superstiti e supplementi Lungotevere Arnaldo

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

Vademecum in caso di infortunio sul lavoro

Vademecum in caso di infortunio sul lavoro Vademecum in caso di infortunio sul lavoro Questo documento vuole essere un ausilio a tutti i lavoratori si trovassero nella necessità di denunciare un infortunio, una malattia professionale, un danno

Dettagli

Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS.

Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. Roma, 12 febbraio 2009 Le pensioni nel 2009 Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. TETTO DI RETRIBUZIONE

Dettagli

Prot. n. C/2015/07DIR Roma, 11 Settembre 2015

Prot. n. C/2015/07DIR Roma, 11 Settembre 2015 Circolare n. 07/15 Prot. n. C/2015/07DIR Roma, 11 Settembre 2015 Alla c.a. - Aziende - Centri Servizi - Consulenti - Dipendenti - Iscritti volontari E p.c. - Parti Sociali - Organi Statutari - Ebna 1.

Dettagli

LAVORATORI PARASUBORDINATI

LAVORATORI PARASUBORDINATI LAVORATORI PARASUBORDINATI 1.1 INDENNITÀ UNA TANTUM A FINE CONTRATTO Anche per il 2013 è stata prevista una indennità una tantum. Per quanti termineranno il contratto nel 2013, i requisiti per l accesso

Dettagli

ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI

ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI C O M U N E PROVINCIA D I S E N N O R I DI SASSARI ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI ASSEGNO DI MATERNITA' ANNO 2012 L assegno è stato istituito dall art.66 della legge n.448/98 con effetto dal 01.01.1999

Dettagli

6.02 Stato al 1 gennaio 2010

6.02 Stato al 1 gennaio 2010 6.02 Stato al 1 gennaio 2010 Indennità in caso di maternità Aventi diritto 1 Hanno diritto all indennità di maternità le donne che al momento della nascita del bambino: esercitano un attività lucrativa

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI DEL FONDO DI PREVIDENZA GENERALE

REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI DEL FONDO DI PREVIDENZA GENERALE REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI DEL FONDO DI PREVIDENZA GENERALE Norme di attuazione delle disposizioni di cui al titolo IV del regolamento del Fondo di Previdenza Generale (Approvate dal Consiglio

Dettagli

Il calcolo della pensione INPS e il Sistema Previdenziale in Italia

Il calcolo della pensione INPS e il Sistema Previdenziale in Italia La Previdenza Sociale in Italia Il calcolo della pensione INPS e il Sistema Previdenziale in Italia BBF&Partners, Servizi per la Gestione delle Risorse Umane 1 2 L Assicurazione Previdenziale Obbligatoria

Dettagli

Norme di applicazione del protocollo aggiuntivo all'accordo di immigrazione tra il Brasile e l'italia, firmato a Brasilia il 30 gennaio 1974

Norme di applicazione del protocollo aggiuntivo all'accordo di immigrazione tra il Brasile e l'italia, firmato a Brasilia il 30 gennaio 1974 Norme di applicazione del protocollo aggiuntivo all'accordo di immigrazione tra il Brasile e l'italia, firmato a Brasilia il 30 gennaio 1974 Articolo 1 All'applicazione delle presenti Norme provvedono:

Dettagli

Pensione di inabilità assoluta e permanente ENPAM - INPS( ex-inpdap)

Pensione di inabilità assoluta e permanente ENPAM - INPS( ex-inpdap) Pensione di inabilità assoluta e permanente ENPAM - INPS( ex-inpdap) ENPAM La pensione di inabilità assoluta e permanente è una prestazione economica che viene erogata da ENPAM ai medici e odontoiatri

Dettagli

Fondo di solidarietà Credito

Fondo di solidarietà Credito BANCA POPOLARE DI MILANO Documenti: conoscere per decidere Fondo di solidarietà Credito Il fondo eroga prestazioni a favore dei lavoratori di aziende facenti parte di gruppi creditizi o che applicano i

Dettagli

Il regime francese di protezione sociale III - Pensione

Il regime francese di protezione sociale III - Pensione Il regime francese di protezione sociale III - Pensione In Francia la pensione di base è integrata da pensioni complementari obbligatorie che riposano ugualmente sul meccanismo della ripartizione: ARRCO

Dettagli

LÊINDENNITAÊ DI MOBILITAÊ (Legge n 223 del 23/07/1991)

LÊINDENNITAÊ DI MOBILITAÊ (Legge n 223 del 23/07/1991) LÊINDENNITAÊ DI MOBILITAÊ (Legge n 223 del 23/07/1991) CHI HA DIRITTO AD ESSERE INSERITO NELLE LISTE DI MOBILITA : 1) CON INDENNITA DI MOBILITA : a) Gli operai, impiegati e quadri dipendenti da imprese

Dettagli

Vademecum sulle pensioni

Vademecum sulle pensioni Vademecum sulle pensioni Dalla riforma Amato a quella Berlusconi A cura dei Cobas Comitati di base della scuola Sede Nazionale: V.le Manzoni 55, 00185 Roma tel.: 0670452452; fax: 0677206060. e-mail: mail@cobas-scuola.org

Dettagli

COMUNE GENONI PROVINCIA ORISTANO BANDO SELEZIONE

COMUNE GENONI PROVINCIA ORISTANO BANDO SELEZIONE COMUNE GENONI PROVINCIA ORISTANO BANDO SELEZIONE PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE AL PROGRAMMA SPERIMENTALE PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA ESTREME SERVIZI

Dettagli

LE PENSIONI SOCIALI E PER INVALIDI CIVILI GLI ASSEGNI PER INVALIDI DEL LAVORO I REDDITI PER VEDOVE E ORFANI della regione

LE PENSIONI SOCIALI E PER INVALIDI CIVILI GLI ASSEGNI PER INVALIDI DEL LAVORO I REDDITI PER VEDOVE E ORFANI della regione Serie schede tematiche febbraio 2007 - n. 28 - cod. 67456 pag. 1 LE PENSIONI SOCIALI E PER INVALIDI CIVILI GLI ASSEGNI PER INVALIDI DEL LAVORO I REDDITI PER VEDOVE E ORFANI della regione di ogni provincia

Dettagli

Scritto da Lunedì 04 Febbraio 2013 12:11 - Ultimo aggiornamento Lunedì 04 Febbraio 2013 13:39

Scritto da Lunedì 04 Febbraio 2013 12:11 - Ultimo aggiornamento Lunedì 04 Febbraio 2013 13:39 SOMMARIO: - ERRATA CORRIGE BROCHURE ENPAF - Contributi - riscossione 2013 - Prestazioni - invio CUD ERRATA CORRIGE BROCHURE ENPAF Si riportano di seguito le correzioni alla versione della brochure dell'enpaf

Dettagli

Fondo Pensione Dipendenti Gruppo ENEL

Fondo Pensione Dipendenti Gruppo ENEL REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELLE ANTICIPAZIONI DI CUI ALL ART. 27 DELLO STATUTO DEL FOPEN 1. BENEFICIARI Come previsto dal D.Lgs 124/93 e successive modifiche hanno titolo a richiedere l anticipazione

Dettagli

2.09 Stato al 1 gennaio 2013

2.09 Stato al 1 gennaio 2013 2.09 Stato al 1 gennaio 2013 Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere In generale 1 Il presente promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

Scadenza per la presentazione delle domande 21 APRILE 2015 (ORE 18:30) A PENA DI ESCLUSIONE. DATI RELATIVI AL BAMBINO cognome nome

Scadenza per la presentazione delle domande 21 APRILE 2015 (ORE 18:30) A PENA DI ESCLUSIONE. DATI RELATIVI AL BAMBINO cognome nome All ufficio Pubblica Istruzione del Comune di Signa Oggetto: Iscrizione all Asilo Nido Comunale - Privato a convenzione a.e. 2015/2016 Scadenza per la presentazione delle domande 21 APRILE 2015 (ORE 18:30)

Dettagli

Titolo XXIV Gravidanza e Puerperio

Titolo XXIV Gravidanza e Puerperio Titolo XXIV Gravidanza e Puerperio Le parti, visto la Legge n 53 dell 8 Marzo 2000, concernente i Congedi Parentali, hanno convenuto sull opportunità di aggiornare la disciplina contrattuale di tale Istituto

Dettagli

SCHEDA SINTETICA "Misure di finanza pubblica per la stabilizzazione e lo sviluppo" ART. 65, 66 LEGGE 448/1998

SCHEDA SINTETICA Misure di finanza pubblica per la stabilizzazione e lo sviluppo ART. 65, 66 LEGGE 448/1998 SCHEDA SINTETICA "Misure di finanza pubblica per la stabilizzazione e lo sviluppo" ART. 65, 66 LEGGE 448/1998 SCOPO E OBIETTIVO La legge in esame, in particolare l art. 65 e 66, concerne l erogazione di

Dettagli

CIRCOLARE N 13 DEL 23 SET. 2013

CIRCOLARE N 13 DEL 23 SET. 2013 AREA RISORSE E SISTEMI Settore Personale e Sviluppo Organizzativo Unità Organizzativa Sitpendi e altri Compensi Unità Organizzativa Personale Tecnico ed Amministrativo e Dirigenti A tutto il Personale

Dettagli

PROVINCIA DI BENEVENTO Settore Avvocatura-Organizzazione del Personale e Politiche del Lavoro

PROVINCIA DI BENEVENTO Settore Avvocatura-Organizzazione del Personale e Politiche del Lavoro ASPI (Assicurazione Sociale per l Impiego) COSA E E una prestazione economica istituita per gli eventi di disoccupazione che si verificano a partire dal 1 gennaio 2013 e che sostituisce l indennità di

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici N. 5 13.01.2015 Bonus bebè 2015 e dichiarazione ISEE: chiarimenti sulla domanda La domanda di ammissione al bonus bebè 2015 può

Dettagli

Analizziamo quali possibilità di scelta, in concreto, hanno ciascuna delle citate tipologie di medici dipendenti.

Analizziamo quali possibilità di scelta, in concreto, hanno ciascuna delle citate tipologie di medici dipendenti. Fondo Pensione CAIMOP Via C.Pavese 360 00144 Roma Tel.065022185 Fax 065022190 www.caimop.it A seguito dell entrata in vigore del Dlgs. 5 dicembre 2005 n.252, dal 1 gennaio 2007 ciascun lavoratore dipendente

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Informativa - ONB Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza INDICE 1 Premessa... 2 2 Sintesi delle principali novità in materia di lavoro e previdenza...

Dettagli

Circolare N. 103 del 14 Luglio 2011. Indennizzo per chi chiude bottega entro il 31.12.2011

Circolare N. 103 del 14 Luglio 2011. Indennizzo per chi chiude bottega entro il 31.12.2011 Circolare N. 103 del 14 Luglio 2011 Indennizzo per chi chiude bottega entro il 31.12.2011 Indennizzo per chi chiude bottega entro il 31.12.2011 Gentile cliente, con la presente desideriamo ricordarle che

Dettagli

" Il Futuro Previdenziale Dei Giovani Medici E Degli Ospedalieri: La Necessità Della Previdenza Integrativa "

 Il Futuro Previdenziale Dei Giovani Medici E Degli Ospedalieri: La Necessità Della Previdenza Integrativa Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Monza Brianza " Il Futuro Previdenziale Dei Giovani Medici E Degli Ospedalieri: La Necessità Della Previdenza Integrativa " I redditi

Dettagli

SPECIALE PENSIONI: HANDICAP, DONAZIONE SANGUE

SPECIALE PENSIONI: HANDICAP, DONAZIONE SANGUE Welfare news n. 48 novembre 2013 SPECIALE PENSIONI: HANDICAP, DONAZIONE SANGUE I recentissimi interventi legislativi: DLGS 101 e 102 del 31/8/2013 hanno apportato alcuni correttivi di salvaguardia per

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI SUSSIDI PER INTERVENTI ASSISTENZIALI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI SUSSIDI PER INTERVENTI ASSISTENZIALI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI SUSSIDI PER INTERVENTI ASSISTENZIALI A FAVORE DEL PERSONALE TECNICO, AMMINISTRATIVO E DI BIBLIOTECA DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TERAMO Articolo 1 - Ambito di applicazione

Dettagli