Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Liceo Scientifico Statale Maria Curie REGOLAMENTO SULL ATTIVITA NEGOZIALE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Liceo Scientifico Statale Maria Curie REGOLAMENTO SULL ATTIVITA NEGOZIALE"

Transcript

1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Liceo Scientifico Statale Maria Curie C.F Via dei Rochis, Pinerolo - Tel. 0121/ Fax 0121/ REGOLAMENTO SULL ATTIVITA NEGOZIALE ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Redatto ai sensi dell art. 125 comma 10 Decreto Legislativo 12 aprile 2006, del Codice dei contratti pubblici n.163 relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE (G.U. n. 100 del 2 maggio 2006) e ai sensi dell art. 34 del D.I. 44/2001 e successive integrazioni Approvato con delibera del Consiglio di Istituto n. 06/15 del 06/10/2015 Pagina 1

2 IL CONSIGLIO DI ISTITUTO Viste Le norme sull autonomia delle istituzioni scolastiche previste dalla Legge 59/97, dal D.L.vo 112/98 e dal DPR 275/99; Visto L art. 33, co. 2, del D.I. 44 dell 1/2/2001 con il quale viene attribuita al Consiglio di istituto la competenza a determinare i criteri e i limiti per lo svolgimento dell attività negoziale da parte del Dirigente Scolastico; Visto Il D.L.vo 165/2001 modificato dal D.L.vo 150/2009 di attuazione della Legge 15 del 04/3/2009; Visto Il nuovo codice dei contratti pubblici di cui al D.L.vo 163/2006 e successive modifiche e integrazioni; Visto Il DPR 5/10/2010 n 207 recante il regolamento di esecuzione ed attuazione del D.L.vo n. 163 del 12/04/2006; Visto Il regolamento della Commissione Europea n 1336/2013 che modifica le soglie europee degli appalti a partire dal 01/01/2014; Considerato che, per le acquisizioni in economia di lavori forniture e servizi da parte delle Pubbliche Amministrazioni, deve essere nominato il responsabile delle procedure di affidamento ed esecuzione dei contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art.125, comma 10, del D.L.vo n. 163/2006 Codice dei Contratti Pubblici s.m.i, in relazione all oggetto ed ai limiti di importo delle singole voci di spesa, preventivamente individuate da ciascuna stazione appaltante, con riguardo alle proprie specifiche esigenze; Considerato che il provvedimento de quo si configura quale atto di natura regolamentare idoneo ad individuare tali fattispecie prima che si proceda all acquisto; Tenuto conto che tale atto assume, di norma, la forma del regolamento interno (cd. regolamento economale), tramite il quale viene individuato l oggetto delle prestazioni affidabili in economia; Ritenuto necessario che anche le istituzioni scolastiche autonome quali Stazioni appalpaltanti, sono tenute a redigere un Regolamento interno idoneo a garantire il pieno rispetto delle norme del Codice dei Contratti, prima di porre in essere le procedure relative agli affidamenti per l acquisizione in economia di lavori, forniture e servizi. Nella seduta del 06/10/2015 con delibera n. 06/15 il Consiglio di Istituto ha adottato il Regolamento per lo svolgimento dell attività negoziale, tramite il quale viene individuato l oggetto delle prestazioni acquisibili in economia ai sensi dell art. 125 del Dlgs 163/2006. Il presente Regolamento fa parte dei documenti ufficiali della scuola ed è pubblicato sul sito istituzionale. Pagina 2

3 INDICE TITOLO I PRINCIPI ED AMBITI GENERALI Art. 1 Principi ed ambiti di applicazione Art. 2 Acquisti, appalti e forniture Art. 3 Limiti di applicazione TITOLO II ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Art. 4 Modalità di acquisizione in economia Art. 5 Ricorso a lavori, servizi e forniture in economia Art. 6 Elenco fornitori e relative verifiche Art. 7 Il responsabile del procedimento Art. 8 Il responsabile del trattamento dei dati Art. 9 Norme di comportamento Art.10 Forma del contratto - Ordine Art.11 Iter procedurale dall ordine ufficiale al pagamento della fattura Art.12 Oneri fiscali Art.13 Garanzie Art.14 Norme di rinvio TITOLO III INVENTARIAZIONE DEI BENI Art.15 Inventario dei beni TITOLO IV FONDO MINUTE SPESE DEL DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMM.VI Art.16 Art.17 Art.18 Art.19 Art.20 Art.21 Gestione del fondo delle Minute spese Utilizzo delle minute spese Pagamento delle minute spese Reintegro del Fondo minute spese Chiusura del Fondo minute spese Altre disposizioni TITOLO V CRITERI PER LA SELEZIONE DEGLI ESPERTI ESTERNI Art.22 Art.23 Art.24 Art.25 Art.26 Art.27 Contratti di prestazione d opera con esperti per particolari attività e insegnamenti Definizione dei requisiti professionali Individuazione attività e insegnamenti Selezione dei contraenti Corrispettivi della prestazione Stipula del contratto Pagina 3

4 TITOLO VI INTERVENTI DEL CONSIGLIO DI ISTITUTO NELL ATTIVITA NEGOZIALE Art.28 Sponsorizzazioni Art.29 Utilizzazione locali e beni dell Istituzione scolastica da parte di soggetti terzi Art.30 Partecipazione a progetti internazionali e viaggi di istruzione Art.31 Sovvenzioni e contributi ad alunni Art.32 Contratti di prestazione d opera con esperti per particolari attività ed insegnamenti Pagina 4

5 TITOLO I PRINCIPI E AMBITI GENERALI Art. 1 PRINCIPI E AMBITI DI APPLICAZIONE - L Istituzione scolastica può svolgere attività negoziale per l acquisto di beni e/o servizi, al fine di garantire il funzionamento amministrativo e didattico e per la realizzazione di specifici progetti. Il dirigente scolastico svolge l attività negoziale nel rispetto delle deliberazioni assunte dal Consiglio di Istituto ai sensi dell art. 33 del D.I. n. 44/ L attività contrattuale si ispira ai principi fondamentali di economicità, efficacia, efficienza, trasparenza, tempestività, correttezza, concorrenzialità e pubblicità. - Ove i principi indicati pregiudichino l economia e l efficacia dell azione ed il perseguimento degli obiettivi dell Istituto, gli organi competenti, con provvedimento motivato, potranno avvalersi del sistema ritenuto più congruo, nel rispetto delle norme vigenti. - Alla scelta del contraente si può pervenire attraverso il sistema di gara stabilito dell art. 34 del D.I. n. 44/2001 oppure, nei casi in cui è previsto dalla legge e ove risulti più conveniente, attraverso le procedure previste dal D.Lgs. 163/ La scelta del sistema di contrattazione, se diverso dal sistema di contrattazione tipico delle istituzioni scolastiche, va motivata con prevalente riferimento ai criteri di economicità ed efficacia. - Il fondo minute spese di cui all art. 17 del D.I. n.4/2001 viene utilizzato per le spese necessarie a soddisfare i bisogni urgenti e di modesta entità e viene gestito dal Direttore dei Servizi Generali e Amministrativi. Pagina 5

6 Il Dirigente Scolastico a. esercita il potere negoziale nel rispetto dei principi di efficacia, efficienza ed economicità dell azione amministrativa; b. provvede direttamente per gli acquisti di cui al successivo articolo 6, nel rispetto delle norme sulla trasparenza, pubblicizzazione e informazione dei procedimenti amministrativi della pubblica amministrazione; c. per gli acquisti di beni e servizi di importo superiore a quanto stabilito al successivo articolo 6, applica le procedure previste dal novellato D.Leg.vo 163/2006 e s.m., disciplinate dal presente regolamento; d. chiede la preventiva autorizzazione al Consiglio d istituto, secondo quanto previsto dall art.33 del novellato decreto 44/01, per: 1. accettazione e rinuncia di legati, eredità e donazioni; 2. costituzione o compartecipazione a fondazioni; istituzione o compartecipazione a borse di studio; 3. accensione di mutui e in genere ai contratti di durata pluriennale; 4. contratti di alienazione, trasferimento, costituzione, modificazione di diritti reali su beni immobili appartenenti alla istituzione scolastica, previa verifica, in caso di alienazione di beni pervenuti per effetto di successioni a causa di morte e donazioni, della mancanza di condizioni ostative o disposizioni modali che ostino alla dismissione del bene; 5. adesione a reti di scuole e consorzi; 6. utilizzazione economica delle opere dell'ingegno; 7. partecipazione della scuola ad iniziative che comportino il coinvolgimento di agenzie, enti, università, soggetti pubblici o privati; 8. eventuale individuazione del superiore limite di spesa di cui al successivo articolo 5; 9. acquisto di immobili; e. applica i criteri e i limiti del presente regolamento, nel rispetto delle deliberazioni assunte dal Consiglio di istituto ai sensi dell art. 33 del D.I. 44/2001 e precisamente in ordine a : a) Contratti di sponsorizzazione b) Contratti di locazione di immobili c) Utilizzazione di locali, beni o siti informatici appartenenti all Istituzione scolastica da parte di soggetti terzi d) Convenzioni relative a prestazioni del personale della scuola e degli alunni per conto terzi e) Alienazione di beni e servizi prodotti nell esercizio di attività didattiche o programmate a favore di terzi f) Acquisto ed alienazione di titoli di stato g) Contratti di prestazione d opera con esperti per particolari attività ed insegnamenti h) Partecipazione a progetti internazionali Pagina 6

7 Art. 2 ACQUISTI, APPALTI E FORNITURE L attività gestionale e contrattuale spetta al Dirigente Scolastico nei limiti del budget previsto nel Programma annuale, approvato dal Consiglio di Istituto. Il Dirigente Scolastico, in qualità di rappresentante legale dell istituzione scolastica, deve garantire procedure trasparenti che saranno pubblicizzate attraverso il sito ufficiale della scuola. Gli acquisti, appalti e forniture sono effettuati nell ambito del budget previsto nel Programma Annuale approvato dal Consiglio di Istituto. L attività gestionale e contrattuale spetta al dirigente scolastico, in qualità di rappresentante dell Istituzione Scolastica, attraverso procedure che garantiscono la trasparenza e la pubblicità. L affidamento di acquisti, appalti e forniture è eseguito attraverso indagini di mercato verificando che gli operatori economici interpellati siano in possesso dei requisiti di idoneità morale, di capacità tecnicoprofessionale, di capacità economico-finanziaria. Nessuna acquisizione di beni prestazione servizi o lavori può essere artificiosamente frazionata. L acquisizione in economia di lavori, in osservanza al D.L.vo 163/2006, art. 125, comma 8, è eseguita come segue: - per importi pari o superiori a Euro e fino a Euro l affidamento avviene mediante cottimo fiduciario; - per importi inferiori a Euro è consentito l affidamento diretto da parte del responsabile del procedimento; L esecuzione in economia nasce come modalità di esecuzione di lavori di piccola entità. Le categorie dei lavori affidabili in economia sono elencate nell art.125 al comma 5 del Codice. L acquisizione in economia di beni e servizi, ai sensi al D.L.vo 163/2006, art. 125 comma 11 modificato dall art.4-comma2, lettera m-bis della Legge n.106 del 2011, è eseguita come segue: - per importi fino a Euro si procederà ad affidamento diretto, previa possibile indagine di mercato per un confronto qualità / prezzo; - per importi da Euro a Euro si procederà alla scelta del contraente previa comparazione delle offerte di almeno 3 ditte direttamente interpellate; - per importi superiori a Euro e inferiori a Euro (limite soglia comunitaria) si applica la disciplina di cui al D.L.vo 163/2006, art. 125, che prevede l affidamento mediante cottimo fiduciario interpellando almeno 5 operatori economici, se sussistono in tale numero soggetti idonei, individuati sulla base di indagini di mercato, ovvero, tramite elenchi di operatori economici qualificati predisposti dall Istituto (albo fornitori); Tutti i limiti di soglia di importo indicati previsti all art.28 del Codice dei Contratti, si intenderanno Pagina 7

8 automaticamente adeguati secondo il meccanismo di cui all art. 248 del D.L.vo n.163/2006 entro il termine per il recepimento nel diritto nazionale delle nuove soglie ridefinite con le procedure comunitarie nei provvedimenti della Commissione Europea. L acquisizione di beni e servizi sotto la soglia comunitaria è effettuata in base ad uno dei seguenti criteri: criterio dell offerta tecnicamente ed economicamente più vantaggiosa che tenga conto, oltre che del prezzo, di altri diversi fattori ponderali quali l assistenza, la qualità, la garanzia, la funzionalità, l affidabilità o altri criteri stabiliti dal mercato; il miglior prezzo di mercato nel caso di beni che non richiedano valutazioni specifiche e qualora non sia indicato nella richiesta della Scuola. Prima di effettuare qualsiasi acquisto, occorrerà verificare sulla piattaforma CONSIP l esistenza di convenzioni attive (Legge 488/2009 art. 26 e successive integrazioni e modificazioni - Legge n. 228 del 24/12/2012 (Legge di stabilità 2013) Circolare MEF del 25/08/2015). In applicazione dell art.1, comma 1, del decreto legge 6 luglio 2012 n. 95 e del terzo periodo del medesimo articolo, qualora gli acquisti da effettuare non siano presenti nelle convenzioni o se presenti non si traducano in risparmio, per procedere in maniera autonoma, fuori dal sistema Consip, occorrerà produrre una dichiarazione di rispetto delle norme contenute nel c. dell art.26 della Legge 488/99. In tale dichiarazione dovrà essere evidenziato che il prodotto/servizio non era presente nelle convenzioni aperte in quel momento o se presente, non conveniente nel rapporto quantità/prezzo. Sono fatte salve da nullità le stipulazioni che non seguono le convenzioni quadro della CONSIP nel caso in cui il contratto sia stipulato ad un prezzo più basso rispetto a quello offerto in CONSIP. Al momento le istituzioni non hanno l obbligo di ricorrere al MEPA (Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione) per gli acquisti. Tuttavia ai fini dell accertamento della congruità dei prezzi offerti dagli operatori economici la scuola può avvalersi dei cataloghi di beni e servizi pubblicati sul mercato elettronico. Alle uscite didattiche e viaggi di istruzione, data l implicazione soggettiva delle varie richieste da parte dei docenti, e per ragioni di semplificazione dei processi, si possono applicare procedure diverse stabilite di volta in volta. L albo fornitori sarà stilato ed aggiornato periodicamente dal responsabile degli acquisti. Art. 3 LIMITI DI APPLICAZIONE Si procederà, di norma, alle acquisizioni in economia a seguito della normale attività di programmazione delle spese e degli investimenti svolta nell ambito della pianificazione e dell attuazione del Programma Annuale dell istituto. Il piano delle acquisizioni dovrà risultare, di conseguenza, coerente con le previsioni di spesa del Programma Annuale. L autorizzazione di ciascuna spesa è adottata dal D.S., cui afferisce la capacità negoziale, con emissione di proprio specifico provvedimento. Pagina 8

9 È fatto divieto di procedere a frazionamenti artificiosi degli importi previsti nei limiti di soglia di cui sopra al fine di eludere l osservanza delle norme di legge e di quelle del presente Regolamento. Il Dirigente Scolastico per ogni acquisizione in economia è individuato quale Responsabile del Procedimento. Lo stesso, per assicurare il pieno rispetto della procedure in materia, di quelle di cui al presente Regolamento e di tutti gli adempimenti conseguenti, potrà, ove opportunità e/o natura della prestazione lo richiedano, esercitare la facoltà di delega della funzione di Responsabile del Procedimento a favore del Direttore S.G.A. o di uno dei docenti Collaboratori, sotto la propria personale, completa ed esclusiva responsabilità secondo quanto previsto dal D.L.vo n. 165/2001 art. 17 comma 1-bis d così come modificato ed integrato dal D.lgs.n.150 del 31 ottobre Il nominativo del Responsabile del Procedimento dovrà essere sempre indicato nel bando o nell avviso con cui si indice la gara o nella lettera di invito a presentare l offerta e/o nell albo dei fornitori. Il Direttore S.G.A. assolve, comunque, ai sensi dell art. 32 D.M. 44/01 al compito di svolgere tutta l attività istruttoria relativa alle procedure di acquisizione e predisponendo gli atti propedeutici alle attività negoziali, secondo i criteri stabiliti dal presente regolamento. Il dirigente scolastico, dopo il termine della presentazione delle offerte, nomina un apposita commissione a composizione variabile per la valutazione delle offerte relative agli acquisti di lavori, beni e servizi. I membri vengono di volta in volta convocati a seconda delle professionalità e competenze inerenti i beni e/o i servizi da acquistare. La commissione può essere integrata, anche con personale esterno, con provvedimento del dirigente, qualora le esigenze dovessero richiederle. La Commissione è presieduta dal dirigente scolastico o da un suo delegato. Informazione, pubblicizzazione e responsabilità contabile Il dirigente scolastico informa il Consiglio d istituto sui contratti stipulati, sui costi sostenuti e le procedure adottate (art. 35 comma 5 del novellato decreto 44/01) mediante le procedure di pubblicazione previste dalle norme che regolano la pubblicità legale (art. 32 Legge 69/2009). Il Direttore S.G.A. cura che i contratti stipulati per acquisto di beni e servizi siano pubblicati nell albo online presente sul sito web dell istituto e nelle previste sezioni della Amministrazione trasparente (vedi Dlgs 33/2013). TITOLO II ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Art. 4 MODALITA DI ACQUISIZIONE IN ECONOMIA Tutte le acquisizioni in economia di lavori, beni e servizi possono essere effettuate con le seguenti modalità: 1. Amministrazione diretta 2. Affidamento diretto 3. Gara informale 4. Cottimo fiduciario Pagina 9

10 1) Amministrazione diretta è riferibile soprattutto all esecuzione di lavori e di servizi; le acquisizioni verranno effettuate, sotto la direzione del Responsabile del Procedimento ai sensi di quanto disposto dall art. 10 del Codice dei Contratti Pubblici, con materiali e mezzi propri o appositamente acquistati o noleggiati e con personale proprio o eventualmente assunto per l occasione. Le attività si sostanzieranno attraverso organizzazione ed esecuzione di opere con personale legato da rapporto di lavoro subordinato alla Scuola e facendo ricorso alla provvista di materiali e mezzi da terzi. Saranno realizzati con la procedura dell amministrazione diretta tutti quegli interventi per i quali non si renda necessaria la partecipazione di alcun operatore economico. 2) Affidamento diretto è riferibile a spese di importo fino a Euro 5.000,00 Iva esclusa ed è consentita la trattativa con un unico operatore economico, direttamente interpellato dal Dirigente Scolastico. Tale condizione è compatibile anche per la stipula di contratti con esperti esterni per particolari attività di insegnamento e/o attività didattiche. 3) Gara informale È riferibile a spese di importo superiore a Euro 5.000,00 e inferiore a Euro Si applica la procedura di cui all art.44 del D.I. 44/2001, ovvero procedimento comparativo di offerta di almeno 3 operatori economici individuati dall albo fornitori o sulla base di ricerche di mercato. L osservanza di tale ultimo obbligo è esclusa quando non sia possibile acquisire, da altri operatori, il medesimo bene sul mercato di riferimento. 4) Cottimo fiduciario E riferibile alle acquisizioni di beni e servizi la cui spesa è compresa tra Euro e Euro e per lavori la cui spesa è compresa tra Euro e che saranno affidate ad operatori economici terzi, siano essi imprese o singoli contraenti. L affidamento mediante cottimo fiduciario dovrà avvenire nel rispetto dei principi di trasparenza, rotazione e parità di trattamento, previa consultazione di almeno cinque operatori economici, se sussistono in tale numero soggetti idonei, individuati sulla base di indagini dì mercato ovvero tramite elenchi di operatori economici predisposti ed aggiornati dall Istituto. Si potrà prescindere dalla richiesta di più offerte nelle procedure di affidamento mediante cottimo fiduciario nel caso di lavori, servizi e forniture a tutela di diritti di esclusiva in relazione alle caratteristiche tecniche e/o di mercato (brevetti, esclusive, copyright, ecc.). Si potrà anche procedere con il sistema in forma mista quando motivi di ordine tecnico rendano indispensabile che si debba procedere all esecuzione dei lavori parte in amministrazione diretta e parte mediante cottimo fiduciario. Pagina 10

11 Per quanto riguarda la procedura di cottimo fiduciario si darà luogo all individuazione del contraente, a seguito dell esame comparativo dei preventivi o delle offerte fatte pervenire, secondo il criterio del prezzo più basso (art.82 del D.L.vo n.163/2006 e s.m.i.) o quello dell offerta economicamente più vantaggiosa (art.83 del D.L.vo n.163/2006 e s.m.i. )scelti di volta in volta dalla Scuola. Detti criteri dovranno essere chiaramente indicati nella lettera di invito. Nel caso in cui venga scelto il criterio dell offerta economicamente più vantaggiosa, secondo quanto disposto dall art.84 del D.L.vo 163/2006 e successive modifiche ed integrazioni, dovrà essere nominata un apposita Commissione Giudicatrice presieduta dal Dirigente Scolastico (o suo delegato), composta da almeno tre membri, di norma individuati tra il personale docente e/o ATA della Scuola che sia esperto rispetto all oggetto di ogni singolo contratto, tra i quali figurerà quale membro di diritto il docente responsabile dell Ufficio Tecnico (ove esistente). Se il Direttore SGA non è nominato nella Commissione dovrà, comunque, fornire alla stessa il necessario supporto amministrativo. La Commissione si riunirà, a seguito di apposita convocazione del Presidente, in seduta pubblica per l apertura delle buste e in seduta riservata ed assumerà tutte le proprie decisioni a maggioranza, redigendo di volta in volta, a cura di uno dei membri all uopo appositamente individuato, uno specifico verbale che sarà conservato in un apposita raccolta agli atti della Scuola. Art. 5 RICORSO A LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA Le acquisizioni in economia, mediante criterio di cottimo fiduciario o con affidamento diretto con riguardo alle esigenze e necessità della Scuola per lo svolgimento di tutte le sue attività istituzionali, gestionali ed operative, potranno avvenire, di norma, nel rispetto di quanto al sotto indicato elenco non esaustivo, per: Acquisto, noleggio, manutenzione, riparazioni di attrezzature, di automezzi, autoveicoli, impianti, ricambi ed accessori; Spese per piccole manutenzioni e riparazioni di locali scolastici e dei relativi impianti; Acquisto, manutenzione, riparazione e ripristino di attrezzature macchinari e strumentazioni, utensili, strumenti e materiale tecnico occorrenti per il funzionamento dei laboratori; Spese per telefono ed altri sistemi di comunicazione e acquisto di relativi piccoli impianti e apparecchiature; Spese per il noleggio in genere di beni mobili e attrezzature strumentali per il funzionamento degli uffici e la realizzazione delle attività didattico-formative; Acquisto di materiali per il funzionamento degli uffici, compreso l acquisto di licenze software e la manutenzione degli stessi; Acquisto, noleggio, manutenzione e riparazione macchine di ufficio (quali fotocopiatrici, strumenti e apparecchiature tecniche, personal computer, impianti ed attrezzature informatiche, apparati di telefonia, fax); Acquisto e manutenzione reti informatiche, programmi di software e relativo aggiornamento, reti telefoniche; Acquisto di generi di cancelleria e di materiale di consumo (carta, stampati, toner, materiale informatico, materiale telefonico, materiale elettrico, materiale fotografico, ed altro materiale Pagina 11

12 tecnico, di stampati, di registri, di modelli e similari necessari per il funzionamento degli uffici e delle attività didattico-formative etc); Spese per abbonamenti a riviste, pubblicazioni, libri e periodici, rilegature di libri e stampe, acquisto o predisposizione di volumi, pubblicazioni, materiale audiovisivo e similari; stampe, Spese per servizi di sede quali (derattizzazioni, disinfestazioni, copisteria, spedizioni postali e similari); Acquisto di materiale di pulizia (igienico-sanitario) di tutti i locali e servizi scolastici; Acquisto e noleggio di apparecchiature e macchinari per la nettezza e la pulizia di tutti i locali scolastici; Acquisto e fornitura di dispositivi di protezione individuali (DPI) e vestiario da lavoro per il personale dipendente; Acquisto, manutenzione e riparazione di mobili, arredi, segnaletica, complementi di arredamento e suppellettili e attrezzature varie per gli uffici, le aule, le palestre ed i laboratori; Acquisto di servizi assicurativi; Acquisto di servizi di vigilanza; Acquisto di materiali e beni necessari per la realizzazione di corsi di formazione ed aggiornamento destinati al personale ed agli studenti; Acquisto di materiali e beni necessari per la realizzazione di convegni, conferenze, celebrazioni, mostre, rassegne e manifestazioni; Acquisto biglietti di viaggio in tram, bus, metro, treno, aereo, nave, per transfert connessi a tutte le attività istituzionali formativo-didattico-amministrative. Spese per compensi e ospitalità, anche sotto forma di rimborso spese a relatori, partecipanti a iniziative di formazione o a convegni, conferenze, celebrazioni, mostre, rassegne e manifestazioni, promosse dall istituto e incaricati di altre attività specifiche o similari; Spese di rappresentanza; Spese per la comunicazione e divulgazione dell attività dell istituto; Spese per quote di partecipazione a reti o consorzi di scuole e/o ad iniziative per la promozione dell attività didattica e formativa dell istituto; Spese per trasporti, spedizioni e facchinaggio; Spese per pulizia e disinfezione straordinaria di locali; Spese per assicurazioni connesse a circostanze e ad eventi straordinari; Spese per borse di studio e sussidi (alunni e personale) Spese per assistenza medico-sanitaria Spese per consulenze (tecnico-scientifiche / giuridico-amministrative / informatiche ecc.) Spese per assistenza psicologica, sociale e religiosa, tecnico-informatica, perizie e prestazioni professionali e specialistiche (progetti sicurezza) Spese per corsi extracurriculari affidati a personale esterno Spese per affitto sale per rappresentazioni, convegni ecc. Acquisizione di beni e servizi non ricompresi nelle tipologie di cui sopra ai punti precedenti, rientranti nell ordinaria amministrazione delle funzioni e delle attività dell istituto, per gli importi stabiliti dalla normativa vigente in materia; Risoluzione di un precedente rapporto contrattuale, o in danno del contraente inadempiente, Pagina 12

13 quando ciò sia ritenuto necessario o conveniente per conseguire la prestazione nel termine previsto dal contratto; Necessità di completare le prestazioni di un contratto in corso, ivi non previste, se non sia possibile imporne l esecuzione nell ambito del contratto medesimo; Prestazioni periodiche di servizi, forniture, a seguito della scadenza dei relativi contratti, nelle more dello svolgimento delle ordinarie procedure di scelta del contraente, nella misura strettamente necessaria; Urgenza, determinata da eventi oggettivamente imprevedibili, al fine di scongiurare situazioni di pericolo per persone, animali o cose, ovvero per l igiene e salute pubblica, ovvero per il patrimonio storico, artistico, culturale. Art. 6 ELENCO FORNITORI E RELATIVE VERIFICHE L affidatario di lavori, forniture e servizi in economia deve essere in possesso degli stessi requisiti di idoneità morale, capacità tecnico-professionale ed economico-finanziaria richiesti nelle ordinarie procedure di scelta del contraente. La Scuola forma elenchi di fornitori qualificati denominati Albo Fornitori per gli affidamenti in economia, ai quali possono essere iscritti soltanto gli operatori economici in possesso dei requisiti di cui al precedente comma che avranno reso autocertificazione attestante, in conformità alla vigente normativa in materia, l adempimento degli obblighi di regolarità contributiva. Al fine della formulazione dei predetti elenchi, viene pubblicato, annualmente, sul sito internet della scuola: un apposito avviso. La scuola ha l obbligo, in base alla normativa vigente, di acquisire il documento unico di regolarità contributiva (DURC) che attesta la regolarità di un operatore economico relativamente agli adempimenti INPS, INAIL e, per i lavori, cassa edile. Inoltre, si dovrà procedere alla verifica dell adempimento, da parte dell operatore economico, degli obblighi relativi al pagamento delle imposte e tasse per pagamento di fatture di importo superiore a attraverso la piattaforma Acquisti in rete Equitalia. In caso di inadempienza accertata dell operatore economico, non si procede al pagamento della fattura e si segnala la circostanza all agente di riscossione competente per territorio. Art. 7 IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO Secondo quanto previsto dagli artt. 4,5,6 della Legge 241/90 e dal Codice dei Contratti, all art. 125, comma 10, D.Lvo 163, ogni qualvolta sarà emanato un bando di gara, dovrà essere indicato il nominativo del Responsabile del Procedimento e le modalità di comunicazione con quest ultimo. Art. 8 IL RESPONSABILE DEL TRATTAMENTO DEI DATI Secondo quanto previsto dal D.L.vo 196/2003, ogni qualvolta sarà emanato un bando di gara, dovrà essere indicato il nominativo del Responsabile del trattamento dei dati e le modalità di comunicazione con quest ultimo. Pagina 13

14 Art. 9 NORME DI COMPORTAMENTO Le imprese partecipanti alle procedure del presente regolamento sono tenute al rispetto delle "Norme per la tutela della concorrenza e del mercato" di cui alla L. 287/1990 e si astengono dal porre in essere comportamenti anticoncorrenziali. Si intende per "comportamento anticoncorrenziale" qualsiasi comportamento - o pratica di affari - ingannevole, fraudolento o sleale, contrario alla libera concorrenza, in forza del quale l impresa pone in essere gli atti inerenti al procedimento concorsuale. In particolare, e sempre che il fatto non costituisca autonomo reato, è vietato qualsiasi accordo illecito volto a falsare la concorrenza, quale: la promessa, l offerta, la concessione diretta o indiretta ad una persona, per se stessa o per un terzo, di un vantaggio nell ambito della procedura per l affidamento di un appalto; il silenzio sull esistenza di un accordo illecito o di una concertazione fra le imprese; l accordo ai fini della concertazione dei prezzi o di altre condizioni dell offerta; l offerta o la concessione di vantaggi ad altri concorrenti affinché questi non concorrano alla gara e/o procedure di affidamento di appalto o ritirino la propria offerta o che, comunque, condizionino la libera partecipazione alla gara/procedura medesima. Qualunque impresa coinvolta in procedure per l affidamento di appalti promossi dalla Scuola si astiene da qualsiasi tentativo volto ad influenzare i dipendenti della stazione appaltante che rivestono funzioni di rappresentanza, di amministrazione e/o direzione, o che esercitano, anche di fatto, poteri di gestione e di controllo, ovvero le persone preposte alla direzione ed alla vigilanza dei suddetti soggetti. A tutte le imprese concorrenti non è permesso accedere, in fase di procedura, agli uffici della Scuola ai fini della richiesta di informazioni riservate; l accesso agli atti sarà consentito solo in conformità della legge n.241/1990 e successive modifiche ed integrazioni. Tutte le imprese hanno l obbligo di segnalare alla Scuola qualsiasi tentativo effettuato da altro concorrente, o interessato, atto a turbare il regolare svolgimento della procedura/gara di appalto e/o dell esecuzione del contratto e qualsiasi anomala richiesta o pretesa avanzata da dipendenti della stazione appaltante o da chiunque possa influenzare le decisioni relative alla gara/procedura o dalla stipula del contratto ed alla sua esecuzione. Tutte le imprese appaltatrici o subappaltatrici agiscono nel rispetto della normativa vigente sul divieto di intermediazione ed interposizione nelle prestazioni di lavoro e non pongono dunque in essere comportamenti che integrino tali fattispecie tramite l affidamento, in qualsiasi forma, dell esecuzione di mere prestazioni di lavoro. Tutte le imprese si impegnano a rispettare i limiti legislativi relativi al subappalto ed al nolo a caldo; esse, inoltre, prendono atto ed accettano incondizionatamente il divieto di subappaltare in qualsiasi modo e misura parte dei lavori aggiudicati ad imprese che abbiano partecipato alla gara o ad imprese da esse controllate, ad esse collegate o loro controllanti. La violazione delle norme contenute nel presente Regolamento, configurata quale contestazione della violazione e non accettazione delle giustificazioni eventualmente addotte, poste a tutela della concorrenza Pagina 14

15 e della correttezza nello svolgimento delle gare/procedure di appalto, comporta l esclusione dalla gara, ovvero, qualora la violazione sia riscontrata in un momento successivo, l annullamento dell aggiudicazione. La violazione delle norme poste a tutela della corretta esecuzione del contratto comporterà la risoluzione del contratto per colpa dell impresa appaltatrice. Art. 10 -FORMA DEL CONTRATTO ORDINE I rapporti tra la Scuola e le ditte, società o imprese affidatarie saranno sempre regolati nelle forme previste dalle disposizioni vigenti in materia (scrittura privata, lettera commerciale, ordine, accettazione ordine/offerta, disposizione, ecc.) L'atto di cottimo fiduciario, in qualunque forma stipulata, dovrà almeno contenere: Oggetto dei lavori, Forniture e Servizi che si affidano, Importo dell'affidamento, Condizioni di esecuzione, Inizio e termine del contratto, Modalità di pagamento, Penalità, Estremi delle garanzie prestate, Estremi della dichiarazione di assunzione degli obblighi di tracciabilità di cui all art.3 legge 13 agosto 2010 n.13 6 e successive modifiche ed integrazioni, Estremi di verifica della regolarità contributiva. Nel caso di lettera commerciale vanno riportate le medesime indicazioni sopra indicate ed il documento dovrà essere controfirmato per accettazione dall affidatario. Art. 11 ITER PROCEDURALE DALL ORDINE UFFICIALE AL PAGAMENTO DELLA FATTURA Le fatture relative alla prestazione-fornitura-bene-servizio resi, saranno liquidate con la cadenza temporale stabilita nell ordine, contratto e/o scrittura privata, ecc., a seguito della verifica della regolare esecuzione delle prestazioni pattuite, nonché a seguito di formale accettazione ed ossequio alle norme e modalità obbligatorie inerenti la tracciabilità dei flussi finanziari ex art.3 d.lgs. n.136 del 13 agosto 2010 e successive modifiche ed integrazioni. Per quanto attiene nello specifico ai servizi ed alle forniture essi sono soggetti all attestazione di regolare esecuzione o, per quanto attiene ai lavori, al certificato di regolare esecuzione e/o collaudo come previsto dalla normativa vigente. Su ogni documento inerente la procedura di acquisto di beni, servizi e lavori dovrà essere indicato il CIG (codice identificativo gara) ottenuto dalla scuola tramite richiesta effettuata sulla piattaforma dell ANAC (autorità di vigilanza sui contratti pubblici), ciò per consentire la tracciabilità della spesa. Si elencano di seguito i passi per la procedura di acquisto: a) determina a firma del Dirigente Scolastico nella quale sono esplicitate le sequenze normative e giuridiche inerenti a: ricorso al tipo di contrattazione adottata, l oggetto dell acquisto e la Pagina 15

16 disponibilità finanziaria nel relativo aggregato di spesa b) richiesta dell offerta spedita al fornitore prescelto c) offerta o preventivo del fornitore d) comunicazione di affidamento della fornitura e) ordine o contratto a seconda della tipologia di spesa con indicazione del CIG e della dichiarazione del conto dedicato, ai sensi della Legge 13/8/2010 n 136 e, qualora previsto, del CUP ai sensi della Legge 144/99 e successiva Legge 16/11/2003 n 3 f) fattura elettronica rilasciata dalla Ditta g) visto di congruità della spesa per i beni non inventariabili h) verbale di collaudo per beni durevoli da inventariare i) modello DURC j) eventuale verifica presso Equitalia per inadempienza fornitore, per importo della singola spesa superiore a Euro k) pagamento, entro 30/60 giorni dal ricevimento della fattura elettronica Art. 12 ONERI FISCALI Gli importi di spesa indicati nel presente regolamento sono sempre da intendersi "IVA esclusa". Resterà a carico di ogni affidatario qualsiasi onere, contributo e spesa connessa e conseguente alla partecipazione alle procedure di affidamento messe in atto dalla Scuola, oggetto del presente regolamento. Art. 13 GARANZIE La cauzione provvisoria e definitiva, laddove prevista e/o richiesta, deve essere prestata nelle forme previste dalle disposizioni vigenti in materia. Art. 14 NORMA DI RINVIO Per quanto non previsto nel presente Regolamento, trovano applicazione le disposizioni di cui al D.L.vo del 12 aprile 2006 n.163 Codice dei Contratti Pubblici e successivi regolamenti attuativi per quanto applicabili e nei limiti di applicazione alla Scuola, nonché alle leggi e regolamenti e al codice civile che, tempo per tempo, risulteranno applicabili. TITOLO III INVENTARIAZIONE DEI BENI Art. 15 INVENTARIO DEI BENI Per quanto riguarda i beni durevoli, previo positivo collaudo, saranno assunti nell inventario dell Istituto ai sensi degli artt. 24 e 27 del D.I. 44/2001. A seconda della tipologia di spesa i beni potranno essere inventariati secondo il principio dell unitarietà. Qualora il bene sia composto da più elementi e il prezzo sia riferito alla complessità del bene stesso, si potrà procedere all inventariazione di ogni singolo elemento dando agli stessi un valore di stima determinato dalla Commissione in sede di collaudo, assicurando comunque il rispetto della spesa complessiva. Pagina 16

17 TITOLO IV FONDO MINUTE SPESE DEL DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMM.VI Art GESTIONE DEL FONDO MINUTE SPESE Il fondo per le minute spese al DSGA è regolato dall art. 17 e 32, 2 co. del D.I. 44/2001 ed è utilizzato per l acquisizione di beni e/o servizi occorrenti per il funzionamento generale dell Istituzione scolastica entro il limite massimo di spesa di Euro 500,00 per ogni prelievo, cifra deliberata dal Consiglio di Istituto nell ambito dell approvazione del Programma Annuale. Tale fondo viene anticipato integralmente al DSGA, a inizio esercizio, con mandato in partita di giro, con imputazione all aggregato A01 Funzionamento amministrativo generale. Art. 17 UTILIZZO DELLE MINUTE SPESE Il DSGA può utilizzare il fondo per tutte quelle spese che abbiano carattere occasionale, di ordinaria amministrazione o urgenza, il cui pagamento in contanti risulti opportuno e conveniente. Il limite massimo per ogni singola spesa è fissato indicativamente in Euro 10,00 (I.C.), salvo casi particolari giustificabili. Entro il predetto limite il DSGA provvede direttamente alla spesa sotto la sua responsabilità. Art. 18 PAGAMENTO DELLE MINUTE SPESE I pagamenti delle minute spese sono ordinati con buoni di pagamento numerati progressivamente e firmati dal DSGA. A tali buoni devono essere allegate le note giustificative delle spese (fatture, scontrino fiscale, ricevuta di pagamento, ecc.). Nel caso di spesa documentata da scontrino fiscale, privo dell intestazione dell Istituzione scolastica, il buono dovrà essere sottoscritto dalla persona incaricata dell acquisto. Nell eventualità che non sia possibile produrre il documento giustificativo della spesa, in casi circoscritti ed eccezionali, potrà essere presentata apposita dichiarazione, sottoscritta dalla persona incaricata dell acquisto, in cui sia specificata la natura della spesa e l importo pagato. Tutte le spese effettuate con il fondo delle minute spese sono esentate dalla richiesta di CIG e DURC. Art. 19 REINTEGRO DEL FONDO MINUTE SPESE Durante l esercizio in fondo minute spese è reintegrabile, fino al raggiungimento della quota previsto per l esercizio finanziari in corso, previa presentazione al Dirigente scolastico, del relativo registro riportante l elenco delle spese effettuate con motivazione. Tale reintegro può essere parziale o totale e i mandati emessi a copertura delle spese effettuate saranno tratti dagli aggregati di appartenenza secondo la natura della spesa. Art. 20 CHIUSURA DEL FONDO MINUTE SPESE A fine esercizio, la somma messa a disposizione del DSGA deve essere, a cura dello stesso, versata interamente in conto partite di giro delle entrate A01 provvedendo al reintegro delle somme spese, Pagina 17

18 aggiunto ad eventuale somma rimasta inutilizzata. Art. 21 ALTRE DISPOSIZIONI E vietato al DSGA di ricevere in custodia denaro, oggetti e valori di proprietà privata. TITOLO V CRITERI PER LA SELEZIONE DEGLI ESPERTI ESTERNI Art. 22 CONTRATTI DI PRESTAZIONE D OPERA CON ESPERTI PER PARTICOLARI ATTIVITA ED INSEGNAMENTI Il dirigente può stipulare, ai sensi dell art. 40 del D.I. N 44 del 1/2/2001, contratti di prestazione d opera con esperti per particolari attività ed insegnamenti e/o attività didattiche, al fine di garantire l arricchimento dell offerta formativa, nonché la realizzazione di specifici programmi di ricerca e di sperimentazione. Art. 23 DEFINIZIONE DEI REQUISITI PROFESSIONALI Il Dirigente si avvale, nella fase istruttoria dell individuazione dell esperto esterno se previsto, del parere del responsabile di progetto e/o della commissione e/o del docente referente. Art INDIVIDUAZIONE ATTIVITA E INSEGNAMENTI Il dirigente, sulla base del piano dell offerta formativa (POF) e alla previsione dei progetti che saranno deliberati nel programma annuale, individua le attività e gli insegnamenti per i quali possono essere conferiti contratti ad esperti esterni e ne dà informazione al Consiglio di Istituto attraverso il riepilogo dell attività negoziale che verrà messo a disposizione nella prima riunione utile e pubblicato sul sito della scuola sezione albo pretorio. All inizio dell anno scolastico il dirigente, sulla base dei progetti di ampliamento e/o arricchimento dell offerta formativa previsti dal POF, verifica la necessità o l impossibilità di soddisfare tale esigenza con il personale in servizio presso l istituzione scolastica attraverso interpelli interni, tenendo conto delle mansioni esigibili e decide il ricorso ad una collaborazione esterna secondo le modalità di seguito indicate: 1. Compatibilmente con le disponibilità finanziarie, il dirigente individua le attività e gli insegnamenti per i quali possono essere conferiti contratti ad esperti; 2. Il periodo massimo di validità per ogni contratto è di anni uno, salvo deroghe particolari, di volta in volta deliberate dal Consiglio di Istituto; 3. Il contratto è stipulato con esperti, italiani o stranieri, che per la loro posizione professionale, quali dipendenti pubblici o privati o liberi professionisti, siano in grado di apportare la necessaria esperienza tecnico-professionali nell insegnamento richiesto; Pagina 18

19 4. L affidamento dell incarico avverrà previa acquisizione dell autorizzazione da parte dell amministrazione di appartenenza dell esperto, se dipendente pubblico, in applicazione dell art. 58 del D.Lvo 3 febbraio 1993, n. 29 e successive modificazioni ed integrazioni; 5. Sono esclusi dall ambito di applicazione del presente regolamento i docenti di altre istituzioni scolastiche, ai quali si applica l art. 35 del CCNL del personale del comparto Scuola del 29 novembre 2007; 6. Per ciascun contratto deve essere specificato: l oggetto della prestazione la durata del contratto: termini di inizio e conclusione della prestazione luogo dell incarico e modalità di realizzazione del medesimo il corrispettivo proposto per la prestazione 7. Si prescinde dal requisito della comprovata specializzazione universitaria in caso di stipulazione di contratti d opera per attività che debbano essere svolte da professionisti iscritti in ordini o albi o con soggetti che operino nel campo dell arte, dello spettacolo dello sport o dei mestieri artigianali, ferma restando la necessità di accertare la maturata esperienza nel settore. Art. 25 SELEZIONE DEI CONTRAENTI Sulla base delle proposte pervenute, il Dirigente Scolastico individuerà il prestatore d opera, per le attività che esulano dall insegnamento curriculare, mediante valutazione dei titoli culturali e professionali posseduti, nonché delle esperienze nel settore specifico (curriculum vitae). 1. Gli esperti esterni cui conferire i contratti sono selezionati mediante valutazione comparativa dal dirigente scolastico il quale potrà avvalersi, per la scelta, della consulenza di persone coinvolte nel progetto; 2. La valutazione sarà effettuata sulla base dei seguenti titoli: a) Curriculum del candidato b) Contenuti e modalità dell attività professionale e scientifica individuale c) Pubblicazioni ed altri titoli. 3. La comparazione dei curriculum avviene, nel rispetto dell articolo 40 del D.I. n 44 del 1/2/2001 e delle norme di trasparenza di cui al D. Lg.vo n 163 del 12/4/2006 e successive modifiche, tenendo presente i seguenti criteri: a) Livello di qualificazione professionale e scientifica dei candidati b) Correlazione tra attività professionale e/o scientifica svolta dal candidato e gli specifici obiettivi formativi dell insegnamento o dell attività formativa per i quali è richiesto l intervento c) Precedenti esperienze didattiche ed esperienza maturata nel settore oggetto dell incarico d) Collaborazioni con altri Enti del territorio. Pagina 19

20 4. Per esigenze di flessibilità e celerità dell Istituto riguardanti incarichi di assistenza tecnica, l Amministrazione individuerà mediante indagini di mercato i fornitori qualificati, in possesso di determinati requisiti. Impedimenti alla stipula del contratto I contratti con i collaboratori esterni possono essere stipulati, ai sensi dell art.32 comma 4 del D.I. n 44 del 01/02/2001, soltanto per le prestazioni e le attività: - che non possono essere assegnate al personale dipendente per inesistenza di specifiche competenze professionali; - che non possono essere espletate dal personale dipendente per indisponibilità o coincidenza di altri impegni di lavoro; - di cui sia comunque opportuno/obbligatorio il ricorso a specifica professionalità esterna. Art. 26 CORRISPETTIVI DELLA PRESTAZIONE La determinazione dei corrispettivi è determinata come segue: CORSI DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO: Si stabilisce l importo massimo di Euro 150,00/ora DOCENZE PER ATTIVITA DI INSEGNAMENTO : La quota non dovrà superare la cifra prevista per il personale dipendente dipendente. Euro 35,00 - lordo Nel caso in cui l attività di docenza sia tenuta da un docente universitario o da un esperto esterno la cifra oraria sarà stabilita di volta in volta e non potrà superare 150,00/ora. ATTIVITA NON DI INSEGNAMENTO: La quota verrà stabilita di volta in volta e non dovrà superare la cifra prevista per il personale dipendente ( Euro 17,50 - lordo dipendente). Ogni qualvolta la richiesta da parte del prestatore d opera esterno fosse superiore alla cifre suddette, il Dirigente Scolastico provvederà a richiedere parere al Consiglio di Istituto. Pagina 20

21 Art STIPULA DEL CONTRATTO Il Dirigente provvede alla stipula del contratto configurabile nell ambito di rapporto privatistico qualificato come prestazione d opera intellettuale. Autorizzazione dipendenti pubblici e comunicazione alla funzione pubblica 1. Ai fini della stipula dei contratti disciplinati dal presente regolamento con i dipendenti di altra amministrazione pubblica é richiesta obbligatoriamente la preventiva autorizzazione dell amministrazione di appartenenza di cui all art. 53 del D.Lgs n 165 del 30/03/ L elenco dei contratti stipulati con i soggetti di cui al comma precedente è comunicato annualmente al dipartimento della funzione pubblica entro i termini previsti dall art. 53, commi 12 e 16 del citato D.Lgs. n 165/2001. TITOLO VI INTERVENTI DEL CONSIGLIO DI ISTITUTO NELL ATTIVITA NEGOZIALE Art. 28 SPONSORIZZAZIONI I contratti di sponsorizzazione sono ammessi a condizione che la scuola persegua interessi di immagine e/o economici. E accordata la preferenza a soggetti che, per finalità statutarie, per le attività svolte, ovvero per altre circostanze, abbiano in concreto dimostrato particolare attenzione e sensibilità nei confronti dei problemi legati all età degli studenti. Il dirigente verificherà che la scelta degli sponsor avvenga secondo criteri di trasparenza e con il maggior vantaggio per la scuola. Art UTILIZZAZIONE LOCALI E BENI DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA DA PARTE DI SOGGETTI TERZI LOCALI: L utilizzazione temporanea dei locali dell istituto può essere concessa a terzi. Il dirigente provvederà: a stipulare idonea convenzione che preveda criteri e modalità sulla concessione dei locali della scuola con i richiedenti; a verificare che la cessione sia compatibile con la destinazione dell istituto e ai compiti educativi e formativi; a verificare che l utilizzatore assuma la custodia dei locali e risponda a tutti gli effetti di legge, delle attività e delle destinazioni del bene stesso, tenendo nel contempo esente la scuola e l ente proprietario dalle spese connesse all utilizzo. Per la concessione si rispetterà quanto stabilito dal Consiglio di Istituto. Il Consiglio di Istituto, considerato che in numerose occasioni alla scuola, per il tramite del Dirigente, è richiesto di mettere a disposizione alcuni spazi per rispondere a esigenze di varia natura (incontri, riunioni, saggi, attività sportive e didattiche) da parte di associazioni ed enti pubblici e privati, stabilisce quanto segue: - nel caso di richieste di utilizzo una-tantum per riunioni da parte di associazioni scolastiche e/o genitoriali, Pagina 21

22 personale interno, enti scolastici in seguito a progetti collegati alla proposta formativa dell Istituto, si delega il Dirigente Scolastico, sentito il DSGA per quanto riguarda gli aspetti organizzativi e gli eventuali costi aggiuntivi per la predisposizione e la sorveglianza dei locali e la messa a disposizione di eventuali ausili tecnici, alla concessione gratuita dei locali e a provvedere per quanto attiene al rispetto delle normative per la sicurezza degli utenti, la salvaguardia dei locali, il recupero di eventuali danni; - nel caso di richieste che prevedono utilizzi ripetuti e prolungati nel tempo si richiederà la presentazione scritta delle richieste alla giunta esecutiva che potrà autorizzare direttamente il Dirigente alla concessione o sottoporre la questione al Consiglio di Istituto per casi per i quali paia opportuno richiedere approfondimenti o stilare una apposita concessione o ancora, richiedere contributi a titolo di rimborso spese; - nel caso di richieste che prevedano attività a pagamento è necessaria la delibera autorizzativa del Consiglio che procederà alla stipula di concessione secondo il modello già presentato in Consiglio, con partecipazione alle spese generali dell istituzione scolastica; - nel caso di richieste da parte del Comune e della sua IV Circoscrizione amministrativa per quanto riguarda la concessione di nulla-osta per l utilizzo delle attrezzature sportive, la delibera dovrà specificare, oltre a quanto previsto nel testo di concessione sopra citato, le condizioni indicate nel nostro Documento per la Valutazione dei Rischi: Le attività relative alle concessioni in oggetto non sono riconducibili a quelle scolastiche e quindi l Istituto ed il suo dirigente non potranno in alcun modo essere ritenuti responsabili dell eventuale inadeguatezza dei locali, delle attrezzature e del loro uso improprio, nonché di infortuni o incidenti che dovessero verificarsi nell entrata, uscita e permanenza dei locali utilizzati, che restano pertanto nella titolarità dell ente proprietario per quanto riguarda la normativa antincendio alla quale dovrà direttamente provvedere BENI: Il Dirigente, per assicurare il diritto allo studio, su richiesta degli esercenti la potestà genitoriale, può concedere, in uso gratuito, beni mobili e libri, nonché programmi software, di cui sia licenziataria, con autorizzazione alla cessione d uso. Tale cessione dovrà avvenire previa richiesta scritta e motivata da parte di chi esercita la potestà genitoriale. Tutta la documentazione relativa alla cessione sarà custodita agli atti della scuola e disponibile per eventuale consultazione da parte del Consiglio di Istituto. La concessione in uso non può determinare, per l istituzione scolastica, l assunzione di oneri eccedenti il valore di mercato del bene ed è subordinata alla assunzione di responsabilità per l utilizzazione del bene da parte degli esercenti la rappresentanza legale, poiché trattasi di alunni minorenni. La concessione è sempre revocabile e non può mai estendersi oltre i periodi di tempo predeterminati. Il bene dato in concessione dovrà essere restituito in buono stato e funzionante. In caso contrario, se il danno è imputabile a incuria da parte dell utilizzatore, lo stesso dovrà risarcire alla scuola il valore determinato dal costo di acquisto meno l ammortamento previsto dalle norme vigenti. Art. 30 PARTECIPAZIONE A PROGETTI INTERNAZIONALI E VIAGGI D ISTRUZIONE Le visite di istruzione sono un momento della normale attività didattica. Il Dirigente predisporrà i necessari accordi con il Collegio Docenti al fine di integrare le visite nell ambito delle attività programmate dal Collegio Pagina 22

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Ministero dell Istruzione Università e Ricerca Istituto di Istruzione Superiore "Primo Levi" GEIS017007 LICEO SCIENTIFICO SCIENZE APPLICATE ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE SETTORE TECNOLOGICO SETTORE ECONOMICO

Dettagli

G. F. MAIA MATERDONA - A. MORO

G. F. MAIA MATERDONA - A. MORO Scuola Secondaria di 1 Grado G. F. MAIA MATERDONA - A. MORO Via G.Carducci n.3-72023 MESAGNE (BR) Sede Materdona 0831 771421 Fax n. 0831 730667 Sede Moro / Fax 0831738266 C.F. 91062130744 - C.M. BRMM06500N

Dettagli

Regolamento d Istituto per l acquisizione in economia di lavori, servizi e forniture

Regolamento d Istituto per l acquisizione in economia di lavori, servizi e forniture Prot. n. 2633/c14 Massa, 18/06/2014 Regolamento d Istituto per l acquisizione in economia di lavori, servizi e forniture Redatto ai sensi dell art. 125 comma 10 Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI DI FONDAZIONE COGEME ONLUS

REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI DI FONDAZIONE COGEME ONLUS REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI DI FONDAZIONE COGEME ONLUS INDICE 1) OGGETTO DEL REGOLAMENTO 2) NORMATIVA DI RIFERIMENTO PARTE I PRINCIPI GENERALI PARTE II CONTRATTI SOPRA SOGLIA 3) ACQUISTO

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE SEN. ONOFRIO JANNUZZI Specializzazioni: ELETTRONICA - INFORMATICA MECCANICA E MECCATRONICA

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE SEN. ONOFRIO JANNUZZI Specializzazioni: ELETTRONICA - INFORMATICA MECCANICA E MECCATRONICA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE SEN. ONOFRIO JANNUZZI Specializzazioni: ELETTRONICA - INFORMATICA MECCANICA E MECCATRONICA Viale Gramsci, 40-76123 ANDRIA (BT) - Tel. 0883/599941 - Fax 0883/594578

Dettagli

REGOLAMENTO ACQUISTI

REGOLAMENTO ACQUISTI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE E PER GEOMETRI STATALE Luigi Einaudi BASSANO DEL GRAPPA M.I.U.R. REGOLAMENTO ACQUISTI ART. 1 - INTRODUZIONE 1. Il presente regolamento disciplina, nell ambito del D.I. n.44/2001

Dettagli

COMUNE DI OSSI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI SPESA PER ACQUISIZIONE DI SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA

COMUNE DI OSSI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI SPESA PER ACQUISIZIONE DI SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA COMUNE DI OSSI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI SPESA PER ACQUISIZIONE DI SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente regolamento disciplina il sistema delle

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ATTIVITA NEGOZIALE

REGOLAMENTO DELL ATTIVITA NEGOZIALE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Bagnatica Via dei Mille 24060 Bagnatica (BG) Tel. 035.689540 Fax 035.6669364 @-mail: bgic824009@istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ATTIVITA NEGOZIALE

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ATTIVITA NEGOZIALE Ministero dell Istruzione, Università e della Ricerca ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE David Maria Turoldo www.istitutoturoldo.it - turoldo@istitutoturoldo.it Via Ronco n 11 24019 ZOGNO (BG) Tel. 0345/92210

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ATTIVITA NEGOZIALE ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE

REGOLAMENTO SULL ATTIVITA NEGOZIALE ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE REGOLAMENTO SULL ATTIVITA NEGOZIALE ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Redatto ai sensi dell art. 125 comma 10 Decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 Codice dei contratti pubblici

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Istituto Comprensivo Casoria 5 Ludovico da Casoria succ. Via Brodolini, 19 Casoria (NA) Tel / Fax 081/7370972 Cod. Mecc. NAIC8EU009/Cod. Fiscale 930056850634 Mail naic8eu009@istruzione.it REGOLAMENTO D

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE LICEO SCIENTIFICO STATALE Fulcieri Paulucci di Calboli Via Aldo Moro, 13-47100 FORLI Tel 0543-63095 Fax 0543-65245 e-mail: fops040002@istruzione.it casella di posta elettronica certificata: fops040002@pec.istruzione.it

Dettagli

COMUNE DI PIANSANO Provincia di Viterbo

COMUNE DI PIANSANO Provincia di Viterbo COMUNE DI PIANSANO Provincia di Viterbo Regolamento per gli affidamenti in economia. pagina 1 di pagine 10 Articolo 1 Ambito di applicazione, oggetto. Il presente regolamento disciplina l attività dell

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE GALILEO FERRARIS TORINO

LICEO SCIENTIFICO STATALE GALILEO FERRARIS TORINO CONSIGLIO DI ISTITUTO DEL 23/10/2012 DELIBERA N. 33 Visto il regolamento per l'attività negoziale per le forniture di beni e servizi (D.I. 44/2001 - D.Lgs 163/2006); Delibera il regolamento come da allegato.

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER GLI ACQUISTI DI FORNITURE DI BENI E SERVIZI

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER GLI ACQUISTI DI FORNITURE DI BENI E SERVIZI REGOLAMENTO D ISTITUTO PER GLI ACQUISTI DI FORNITURE DI BENI E SERVIZI Redatto ai sensi dell art. 125, comma 10 del D.Lgs 12 aprile 2006, n. 163 Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ACQUISIZIONI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI DI ANAS SpA

REGOLAMENTO PER LE ACQUISIZIONI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI DI ANAS SpA 8 Anas SpA Società con Socio Unico Cap. Soc. 2.269.892.000,00 Iscr. R.E.A. 1024951 P.IVA 02133681003 C.F. 80208450587 Via Monzambano, 10 00185 Roma Tel. 06 44461 Fax 06 4456224 06 4454956 06 4454948 06

Dettagli

Regolamento per le attività negoziali e la gestione del fondo minute spese

Regolamento per le attività negoziali e la gestione del fondo minute spese ISTITUTO COMPRENSIVO DEL PO Scuola dell Infanzia- Primaria- Secondaria di 1 grado Via Bonazzi, 9 46035 OSTIGLIA (MN) Tel. 0386/802030 - Fax 0386/802086 e-mail: info@icdelpo.gov.it PEC: mnic820005@pec.istruzione.it

Dettagli

L.R. 12/2003, art. 4 B.U.R. 24/3/2010, n. 12 L.R. 14/2002, art. 23. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 marzo 2010, n. 051/ Pres.

L.R. 12/2003, art. 4 B.U.R. 24/3/2010, n. 12 L.R. 14/2002, art. 23. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 marzo 2010, n. 051/ Pres. L.R. 12/2003, art. 4 B.U.R. 24/3/2010, n. 12 L.R. 14/2002, art. 23 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 marzo 2010, n. 051/ Pres. Regolamento per l acquisizione in economia di lavori e servizi attinenti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO GRANAROLO DELL EMILIA

ISTITUTO COMPRENSIVO GRANAROLO DELL EMILIA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO GRANAROLO DELL EMILIA Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Indirizzo Musicale Via Roma, 30 40057

Dettagli

REGOLAMENTO LAVORI, SERVIZI, FORNITURE E SERVIZI TECNICI IN ECONOMIA ART. 125 D.Lgs. 163/2006 e s.m.i.

REGOLAMENTO LAVORI, SERVIZI, FORNITURE E SERVIZI TECNICI IN ECONOMIA ART. 125 D.Lgs. 163/2006 e s.m.i. Approvato con Determinazione del Direttore n. 007/DD del 22.01.2013 REGOLAMENTO LAVORI, SERVIZI, FORNITURE E SERVIZI TECNICI IN ECONOMIA ART. 125 D.Lgs. 163/2006 e s.m.i. ARTICOLO. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO....

Dettagli

Regolamento per le attività negoziali

Regolamento per le attività negoziali Istituto comprensivo di Rivignano Regolamento per le attività negoziali Redatto ai sensi dell art. 125, comma 10 del D.Lgs 12 aprile 2006, n. 163 Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi

Dettagli

Art. 1 PRINCIPI E AMBITI DI APPLICAZIONE

Art. 1 PRINCIPI E AMBITI DI APPLICAZIONE Prot. n. 1551/D3 Verona, 26/04/2016 REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI SERVIZI E FORNITURE Redatto ai sensi dell art. 125, comma 10 del D.Lgs 12 aprile 2006, n. 163 Codice

Dettagli

Tutti gli usi della parola a tutti, non perché tutti siano artisti, ma perché nessuno sia schiavo (Rodari)

Tutti gli usi della parola a tutti, non perché tutti siano artisti, ma perché nessuno sia schiavo (Rodari) ISTITUTO COMPRENSIVO D AOSTA Tutti gli usi della parola a tutti, non perché tutti siano artisti, ma perché nessuno sia schiavo (Rodari) Prot. 5023/C14 Ottaviano, 27/12/2013 REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVITÀ NEGOZIALE

REGOLAMENTO PER L ATTIVITÀ NEGOZIALE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO Montebelluna 2 REGOLAMENTO PER L ATTIVITÀ NEGOZIALE ACQUISTO DI BENI E SERVIZI Art. 1 INTRODUZIONE 1. Il presente regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA. Approvato dall AU - il 13/06/14

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA. Approvato dall AU - il 13/06/14 REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Approvato dall AU - il 13/06/14 ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento, tenuto conto delle specifiche

Dettagli

Istituto d Istruzione Secondaria Superiore Umberto I

Istituto d Istruzione Secondaria Superiore Umberto I Regione Siciliana Ministero dell Istruzione Unione Europea Assessorato Regionale P. I. dell Università e della Ricerca Istituto d Istruzione Secondaria Superiore Umberto I LICEO CLASSICO STATALE "UMBERTO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI ATRI

ISTITUTO COMPRENSIVO DI ATRI ISTITUTO COMPRENSIVO DI ATRI Ad Indirizzo Musicale Viale Umberto I, 3 64032 ATRI (TE) Tel. 08587265 Fax 0858780748 Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria - Scuola Secondaria di primo Grado Cod. Fisc.:

Dettagli

Approvato dal Commissario straordinario in data 6/12/2013 verbale numero 10 delibera n.2

Approvato dal Commissario straordinario in data 6/12/2013 verbale numero 10 delibera n.2 DIREZIONE DIDATTICA STATALE P. VETRI RAGUSA Via delle Palme, 13 97100 RAGUSA tel./fax 0932/228158 e-mail:rgee011005@istruzione.it Cod. Mecc.RGEE011005 C.F. 92020890882 REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE

Dettagli

STORIA DELLE VARIAZIONI

STORIA DELLE VARIAZIONI RESPONSABILITÀ Funzione Nome Data Redatto da Donatella Diotti 11/01/2012 Controllato e Approvato da Sergio Duretti, Paola Mascarello 12/01/2012 Emesso da Sergio Duretti 18/01/2012 STORIA DELLE VARIAZIONI

Dettagli

ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. n. 163/2006 DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. DIRETTIVA GENERALE

ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. n. 163/2006 DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. DIRETTIVA GENERALE Allegato n. 1 alla Delib.G.R. n. 38/12 del 30.9.2014 ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. n. 163/2006 DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. DIRETTIVA GENERALE SOMMARIO

Dettagli

Sito web: www.icteverola.gov.it REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE

Sito web: www.icteverola.gov.it REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Delibera N. 202 del 29/09/2015 Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA CAMPANIA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE TEVEROLA VIA CAMPANELLO SNC - 81030 TEVEROLA

Dettagli

Art. 1 - Oggetto del Regolamento

Art. 1 - Oggetto del Regolamento REGOLAMENTO PER LE FORNITURE ED I SERVIZI IN ECONOMIA Approvato con Delibera Assemblea n. 12 del 03 Aprile 2003 Modificato con Delibera Assemblea n. 10 del 03 Aprile 2007 Art. 1 - Oggetto del Regolamento

Dettagli

ISTITUZIONI RIUNITE DI IMOLA. Approvato con deliberazione n. 26 del 27/06/2013

ISTITUZIONI RIUNITE DI IMOLA. Approvato con deliberazione n. 26 del 27/06/2013 ISTITUZIONI RIUNITE DI IMOLA REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI Approvato con deliberazione n. 26 del 27/06/2013 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina la

Dettagli

Regolamento per l acquisto in economia di. forniture di beni e servizi. REGOLAMENTO PER ACQUISTI IN ECONOMIA. Regolamento Acquisti in economia pag.

Regolamento per l acquisto in economia di. forniture di beni e servizi. REGOLAMENTO PER ACQUISTI IN ECONOMIA. Regolamento Acquisti in economia pag. TECNOPOLIS CSATA Società consortile a responsabilità limitata Sede Legale: Str. Prov. Per Casamassima Km. 3-70010 Valenzano Bari/Italy tel. +39-80-4670.111 - fax +39-80-4551.868 Cap. soc. Euro 90.646,00

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI LAVORI, BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Dell UFFICIO D AMBITO DELLA PROVINCIA DI MILANO AZIENDA SPECIALE

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI LAVORI, BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Dell UFFICIO D AMBITO DELLA PROVINCIA DI MILANO AZIENDA SPECIALE REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI LAVORI, BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Dell UFFICIO D AMBITO DELLA PROVINCIA DI MILANO AZIENDA SPECIALE Approvato con delibera n. 09 del C.D.A del 6 Agosto 2013 1 INDICE ART

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE SOTTO I 40.000 EURO

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE SOTTO I 40.000 EURO REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE SOTTO I 40.000 EURO Sede Legale ed Amministrativa: Via Biagio di Montluc 2, 53100 Siena (SI) - Tel 0577 48154 Fax 0577 42449 Capitale Sociale

Dettagli

SERVIZI E FORNITURE. Principi Generali

SERVIZI E FORNITURE. Principi Generali LICEO SCIENTIFICO STATALE S. CANNIZZARO Via Gen. Arimondi 14 90143 PALERMO Tel 091347266 - Fax 091307957 Codice Fiscale 80014480828 Email : paps02000l@istruzione.it PEC : liceocannizzaro@ecert.it REGOLAMENTO

Dettagli

prot.. n. 967/D02 Roma, 03-03-2016

prot.. n. 967/D02 Roma, 03-03-2016 MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO VIALE VEGA V.LE VEGA, 91-00122 ROMA (RM) tel. 0656304550 Codice Fiscale: 97199630589

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISTO IN ECONOMIA DI FORNITURE DI BENI E SERVIZI dell Istituto Comprensivo A. Testore di Santa Maria Maggiore (VB)

REGOLAMENTO PER L ACQUISTO IN ECONOMIA DI FORNITURE DI BENI E SERVIZI dell Istituto Comprensivo A. Testore di Santa Maria Maggiore (VB) ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "A. TESTORE" Via Torino,11 28857 SANTA MARIA MAGGIORE (VB) C.M. VBIC804007 vbic804007@istruzione.it Tel. 0324 94965 - Fax 0324 95404082 www.icandreatestore.gov.it REGOLAMENTO

Dettagli

ENTE PARCO NAZIONALE GRAN PARADISO

ENTE PARCO NAZIONALE GRAN PARADISO ENTE PARCO NAZIONALE GRAN PARADISO VIA PIO VII N 9-10135 TORINO REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI PRESSO L ENTE PARCO NAZIONALE GRAN PARADISO (approvato con deliberazione n.

Dettagli

REGOLAMENTO DI ISTITUTO PER L AFFIDAMENTO DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE

REGOLAMENTO DI ISTITUTO PER L AFFIDAMENTO DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA G. MATTEOTTI, 11 REGOLAMENTO DI ISTITUTO PER L AFFIDAMENTO DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Redatto ai sensi dell art. 30, comma 1, 36, 37, 38 del D. Lgs. 18 aprile 2016, n. 50 e

Dettagli

Regolamento per l attività negoziale per la fornitura di beni e servizi

Regolamento per l attività negoziale per la fornitura di beni e servizi MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO G. GAVAZZENI Via Combattenti e Reduci 70 TALAMONA (Sondrio) Tel. e Fax 0342/670755 - e.mail: segreteria@ictalamona.it sito:

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Mestre 5 Lazzaro Spallanzani

Istituto Comprensivo Statale Mestre 5 Lazzaro Spallanzani Prot. n. 870/VI/10 Venezia-Mestre, 3 marzo 2016 REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Redatto ai sensi dell art. 125, comma 10 del D.Lgs. 12 aprile 2006,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA COMUNE DI CALVENZANO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 39 del 29/11/2004 Modificato con deliberazione di

Dettagli

Premessa. Principi Generali

Premessa. Principi Generali Scuola Secondaria di 1 grado G.Pascoli-C.Nivola Presidenza: Corso America n.3 Centr.:070/941123 Fax 070/947473 Via Cipro, 1/a (Piri-Piri) - Centr.: 070/94.01.11 fax 070/94.27.09 09032 ASSEMINI (CA) Sito

Dettagli

REGOLAMENTO ACQUISIZIONI IN ECONOMIA DI LAVORI, BENI E SERVIZI. TERRA DELLE SIRENE SpA. Pag.1. Servizi Ecoambientali e del Territorio

REGOLAMENTO ACQUISIZIONI IN ECONOMIA DI LAVORI, BENI E SERVIZI. TERRA DELLE SIRENE SpA. Pag.1. Servizi Ecoambientali e del Territorio Pag.1 REGOLAMENTO ACQUISIZIONI IN ECONOMIA DI LAVORI, BENI E SERVIZI SOMMARIO ART. 1 - OGGETTO ART. 2 - LIMITI DI APPLICAZIONE - DIVIETO DI FRAZIONAMENTO ART. 3 - MODALITÀ DI ACQUISIZIONE IN ECONOMIA ART.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI E FORNITURE DI BENI E SERVIZI - Art. 330 DPR 207/2010

REGOLAMENTO PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI E FORNITURE DI BENI E SERVIZI - Art. 330 DPR 207/2010 REGOLAMENTO PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI E FORNITURE DI BENI E SERVIZI - Art. 330 DPR 207/2010 Approvato con deliberazione n. 03/2012 del Consiglio di Istituto del 07/02/2012 INDICE ART. 1

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE VISTE le norme sull autonomia delle istituzioni scolastiche previste dalla Legge 59/97, dal D.Lgs. 112/98 e dal DPR

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ATTIVITA NEGOZIALE PER LA FORNITURA DI BENI E SERVIZI

REGOLAMENTO DELL ATTIVITA NEGOZIALE PER LA FORNITURA DI BENI E SERVIZI Istituto Comprensivo Zona Est "Aldo Moro" Fabriano (AN) Via Aldo Moro, n. 4-60044 Fabriano (AN) tel. +39 0732 779005 fax +39 073 2709353 e-mail: anic84500p@istruzione.it p.e.c: anic84500p@pec.it; sito

Dettagli

Sviluppo Investimenti Territorio s.r.l.

Sviluppo Investimenti Territorio s.r.l. 161/13 Sviluppo Investimenti Territorio s.r.l. Regolamento per l affidamento di incarichi professionali a soggetti esterni Sommario Articolo 1 Oggetto del Regolamento... 2 Articolo 2 Presupposti e limiti...

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L'ACQUISIZIONE IN

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L'ACQUISIZIONE IN SCUOLA MEDIA STATALE N.5 + N.12 G.BIASI-BRIGATA SASSARI Via Mastino n.6 -SASSARI -Tel./Fax: 079/271426 C.F. 80014260907 C.M. ssmm08300a e-mail: ssmm08300a@istruzione.it www.scuolamedia5-12.com REGOLAMENTO

Dettagli

COMUNE DI PONTOGLIO. Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI PONTOGLIO. Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI PONTOGLIO Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Indice Art. 1 Servizio di Economato Art. 2 Economo Comunale Art. 3 Funzioni del Servizio di Economato Art. 4 Indennità

Dettagli

Istituto Comprensivo statale G. D. Petteni

Istituto Comprensivo statale G. D. Petteni Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo statale G. D. Petteni Via Buratti, 2 24124 BERGAMO tel 035/342094 Fax 035/361280 - CF 95118590165 email bgic81600a@istruzione.it

Dettagli

COMUNE DI TOIRANO. Provincia di Savona REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ECONOMATO

COMUNE DI TOIRANO. Provincia di Savona REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ECONOMATO COMUNE DI TOIRANO Provincia di Savona REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ECONOMATO TITOLO I Disposizioni generali Art. 1 Oggetto e scopo del regolamento 1. Il presente regolamento disciplina le procedure di acquisto,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DELLE FORNITURE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DELLE FORNITURE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Ente Zona Industriale di Trieste REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DELLE FORNITURE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Limite di valore 200.000 Euro (IVA esclusa) Art. 1 Finalità 1. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ATTIVITA NEGOZIALE ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE

REGOLAMENTO SULL ATTIVITA NEGOZIALE ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO DANTE ALIGHIERI 10146 TORINO sede via Pacchiotti 80 Tel. 011/ 710091 011/7725738 - fax 011/ 721332 *succ. via Passoni 13 Tel 715551 - *succ. via Capelli 66 Tel. 011/7710454

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER GLI ACQUISTI

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER GLI ACQUISTI MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO OLCESE Distretto XV - Via V. Olcese, 16-00155 ROMA - Tel. (06) 2301748-23296321

Dettagli

"#$%#&#$'($&)'***+,&#$+,--+ REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE

#$%#&#$'($&)'***+,&#$+,--+ REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE !!"#$!% &!"#$! ''' ##&"!!%( )* +, "#$%#&#$'($&)'***+,&#$+,--+ REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE VISTE le norme sull autonomia delle istituzioni scolastiche

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI

REGOLAMENTO PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI sede operativa: Via Corte d Appello 16-10122 Torino telefono +39 011 4432580 fax +39 011 4432585 fondazione@torinosmartcity.it - www.torinosmartcity.it REGOLAMENTO PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI

Dettagli

Istituto Comprensivo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado 86048 Sant Elia a Pianisi (CB)

Istituto Comprensivo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado 86048 Sant Elia a Pianisi (CB) Istituto Comprensivo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado 86048 Sant Elia a Pianisi (CB) Approvato con delibera del Consiglio di Istituto n. 83 del 28/11/2015 REGOLAMENTO D ISTITUTO PER

Dettagli

COMUNE DI PRIGNANO CILENTO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER LE FORNITURE E SERVIZI IN ECONOMIA

COMUNE DI PRIGNANO CILENTO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER LE FORNITURE E SERVIZI IN ECONOMIA COMUNE DI PRIGNANO CILENTO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER LE FORNITURE E SERVIZI IN ECONOMIA REGOLAMENTO PER LE FORNITURE E SERVIZI IN ECONOMIA Art. 1 - Oggetto del Regolamento 1. Il presente regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Redatto ai sensi dell'art. 125 comma 10 Decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 Codice dei contratti pubblici relativi

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Redatto ai sensi dell art. 125, comma 10 del D.Lgs 12 aprile 2006, n. 163 Codice dei contratti pubblici relativi a lavori,

Dettagli

COMUNE DI GERMAGNANO PROVINCIA DI TORINO

COMUNE DI GERMAGNANO PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI GERMAGNANO PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEI LAVORI, DELLE FORNITURE E DEI SERVIZI DA ESEGUIRSI IN ECONOMIA Approvato con deliberazione del Commissario Straordinario

Dettagli

Associazione Intercomunale per Esercizio Sociale Consorzio per i Servizi alla Persona REGOLAMENTO DI CONTABILITA E GESTIONE PATRIMONIALE

Associazione Intercomunale per Esercizio Sociale Consorzio per i Servizi alla Persona REGOLAMENTO DI CONTABILITA E GESTIONE PATRIMONIALE Associazione Intercomunale per Esercizio Sociale Consorzio per i Servizi alla Persona REGOLAMENTO DI CONTABILITA E GESTIONE PATRIMONIALE SOMMARIO Art. 1 - Principi generali Pag. 3 Art. 2 - Esercizi Pag.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI ESTERNI DI STUDIO, RICERCA, CONSULENZA E COLLABORAZIONE

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI ESTERNI DI STUDIO, RICERCA, CONSULENZA E COLLABORAZIONE REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI ESTERNI DI STUDIO, RICERCA, CONSULENZA E COLLABORAZIONE APPROVATO CON DELIBERA DI G.C. N. 222 DEL 29/11/2011 Articolo 1 Finalità ed ambito applicativo 1. Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ATTIVITA NEGOZIALE PER LA FORNITURA DI BENI E SERVIZI

REGOLAMENTO DELL ATTIVITA NEGOZIALE PER LA FORNITURA DI BENI E SERVIZI Istituto Comprensivo BRUINO Piazza Donatori di Sangue, 1-10090 BRUINO (TO) Tel: 011.9094470 - Fax: 011.9094477 C.F. 95565680014 segreteria@icbruino.it toic837002@istruzione.it REGOLAMENTO DELL ATTIVITA

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA I S T I T U T O T E C N I C O I N D U S T R I A L E S T A T A L E G u g l i e l m o M a r c o n i V e r o n a Sede P.le R. Guardini, 1-37138 Verona 045-8101428 fax 045-573497 - Codice fiscale 80020540235

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE DIPENDENTE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI E COLLABORAZIONI

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE DIPENDENTE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI E COLLABORAZIONI REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE DIPENDENTE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI E COLLABORAZIONI SEZIONE I Disposizioni generali Art.1 Finalità La società Terme di Recoaro SpA

Dettagli

Settore Amministrativo e Servizi alla persona

Settore Amministrativo e Servizi alla persona COMUNE DI GIARDINELLO (Provincia Regionale di Palermo) Settore Amministrativo e Servizi alla persona REPERTORIO GENERALE N. 1225 DEL 31.12.2012 DETERMINAZIONE N. 669 DEL 31.12.2012 Oggetto: Determinazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELLA STRUTTURA. COMPLESSA GESTIONE TECNICA ART. 2 STRUTTURA DELLA S.C. GESTIONE TECNICA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELLA STRUTTURA. COMPLESSA GESTIONE TECNICA ART. 2 STRUTTURA DELLA S.C. GESTIONE TECNICA Azienda Sanitaria Locale n. 4 - Chiavarese Via G.B. Ghio 9-16043 CHIAVARI C.F. e P.IVA 01038700991 UNITA OPERATIVA GESTIONE TECNICA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELLA STRUTTURA. COMPLESSA GESTIONE TECNICA

Dettagli

COMUNE DI BORGHI PROVINCIA DI FORLÌ-CESENA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI CASSA/ECONOMATO

COMUNE DI BORGHI PROVINCIA DI FORLÌ-CESENA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI CASSA/ECONOMATO COMUNE DI BORGHI PROVINCIA DI FORLÌ-CESENA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI CASSA/ECONOMATO Approvato con deliberazione di consiglio comunale n. 22 del 26.9.2012 1 INDICE Art. 1 Oggetto Art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE DIPENDENTE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI E COLLABORAZIONI

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE DIPENDENTE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI E COLLABORAZIONI REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE DIPENDENTE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI E COLLABORAZIONI 1 di 5 ARTICOLO 1 FINALITÀ 1. L Associazione Curia Mercatorum, (di seguito denominata

Dettagli

COMUNE DI SAN GIULIANO TERME Provincia di Pisa

COMUNE DI SAN GIULIANO TERME Provincia di Pisa COMUNE DI SAN GIULIANO TERME Provincia di Pisa DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SETTORE: SETTORE 4 PERSONALE - BILANCIO - PARTECIPATE - SPUC - INFORMATICA SERVIZIO : INFORMATIZZAZIONE E SERV. STATISTICI N.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI (adottato ai sensi dell articolo 18, comma 2, del Decreto Legge n. 112/2008, convertito in Legge n. 133/2008)

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ACQUISIZIONI DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ACQUISIZIONI DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Approvato con deliberazione di C.C. n. 14 del 10.03.2006 Modificato con deliberazione di C.C. n. 29 del 25.05.2007 e n. 5 del 24.01.2012 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ACQUISIZIONI DI BENI E SERVIZI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA NEGOZIALE PER LA FORNITURA DI BENI E SERVIZI (Decreto Interministeriale 1 febbraio 2001 n.44) IL CONSIGLIO DI ISTITUTO

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA NEGOZIALE PER LA FORNITURA DI BENI E SERVIZI (Decreto Interministeriale 1 febbraio 2001 n.44) IL CONSIGLIO DI ISTITUTO REGOLAMENTO PER L ATTIVITA NEGOZIALE PER LA FORNITURA DI BENI E SERVIZI (Decreto Interministeriale 1 febbraio 2001 n.44) IL CONSIGLIO DI ISTITUTO VISTE le norme sull autonomia scolastica di cui alla Legge

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Prot N. 0007364/A32 del 02 ottobre 13 REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE CONSIDERATO che le Istituzioni Scolastiche, per l affidamento di lavori, servizi

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO Cagliari, 24 Marzo 2016 All Albo Pretorio dell Istituto Agli Atti Alle scuole di ogni ordine e grado Al sito Web www.17circolo.gov.it BANDO DI GARA PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO MUSICABILMENTE DA SVOLGERE

Dettagli

2. SOGGETTI BENEFICIARI

2. SOGGETTI BENEFICIARI ALLEGATO A CRITERI E MODALITÀ PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI, PER PROGETTI INERENTI LE TEMATICHE DEFINITE DAL PIANO REGIONALE ANNUALE DEL DIRITTO ALLO STUDIO 1. CRITERI

Dettagli

Procedure per l'acquisizione di personale, il conferimento di incarichi e gli appalti

Procedure per l'acquisizione di personale, il conferimento di incarichi e gli appalti In base all'art. 18 della Legge n. 133 /2008, le società a partecipazione pubblica totale o di controllo sono tenute all'adozione, con propri provvedimenti, di criteri e modalità per il reclutamento del

Dettagli

ART.2 COMPETENZA E PRESUPPOSTI PER IL CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI

ART.2 COMPETENZA E PRESUPPOSTI PER IL CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE, DI STUDIO, DI RICERCA E DI CONSULENZA AD ESPERTI ESTERNI. ART.1 OGGETTO, FINALITA E AMBITO DI APPLICAZIONE 1. Il presente regolamento disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO DI SEMPLIFICAZIONE DEI PROCEDIMENTI DI SPESE IN ECONOMIA RELATIVE A LAVORI, FORNITURE DI BENI E SERVIZI.

REGOLAMENTO DI SEMPLIFICAZIONE DEI PROCEDIMENTI DI SPESE IN ECONOMIA RELATIVE A LAVORI, FORNITURE DI BENI E SERVIZI. REGOLAMENTO DI SEMPLIFICAZIONE DEI PROCEDIMENTI DI SPESE IN ECONOMIA RELATIVE A LAVORI, FORNITURE DI BENI E SERVIZI. Approvato con deliberazione N. del ART. 1 Oggetto 1. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

COMUNE DI PIEVE DI SOLIGO (Treviso)

COMUNE DI PIEVE DI SOLIGO (Treviso) Allegato sub A) alla deliberazione della Giunta Comunale n. 42 del 17.03.2008 COMUNE DI PIEVE DI SOLIGO (Treviso) DISCIPLINA PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI STUDIO, RICERCA, CONSULENZA E COLLABORAZIONE

Dettagli

COMUNE DI PONTERANICA Provincia di Bergamo

COMUNE DI PONTERANICA Provincia di Bergamo COMUNE DI PONTERANICA Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Pagina 1 di 6 INDICE Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art. 8 Art. 9 Art. 10

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO FORNITORI E PARTNER. del Gruppo Poste Italiane

CODICE DI COMPORTAMENTO FORNITORI E PARTNER. del Gruppo Poste Italiane CODICE DI COMPORTAMENTO FORNITORI E PARTNER del Gruppo Poste Italiane 28 settembre 2009 Approvato nell adunanza del 28 settembre 2009 del Consiglio di Amministrazione INDICE 1. PREMESSA 3 2. OBIETTIVI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI SOCIO - ASSISTENZIALI. Art. 1 Oggetto e finalità.

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI SOCIO - ASSISTENZIALI. Art. 1 Oggetto e finalità. REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI SOCIO - ASSISTENZIALI Art. 1 Oggetto e finalità. Il presente regolamento disciplina l affidamento dei servizi socio-assistenziali erogati dal Piano di Zona Ambito

Dettagli

TITOLO I CONTRATTI PER ATTIVITA DI INSEGNAMENTO

TITOLO I CONTRATTI PER ATTIVITA DI INSEGNAMENTO REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA STIPULA DI CONTRATTI PER ATTIVITA DI INSEGNAMENTO A TITOLO ONEROSO O GRATUITO E DI ATTIVITA INTEGRATIVE AI SENSI DELL ART. 23 DELLA LEGGE 240/2010 Emanato con DR. 11460/I/003

Dettagli

Regolamento per l acquisizione in economia di beni, servizi e lavori. 1 Oggetto del Regolamento. 2 Modalità di acquisizione in economia

Regolamento per l acquisizione in economia di beni, servizi e lavori. 1 Oggetto del Regolamento. 2 Modalità di acquisizione in economia Regolamento per l acquisizione in economia di beni, servizi e lavori 1 Oggetto del Regolamento 1. l presente regolamento disciplina le modalità, i limiti e le procedure per l acquisizione in economia di

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Approvato dal Consiglio d Istituto il giorno Redatto ai sensi dell'art. 125 comma 10 Decreto legislativo 12 aprile 2006,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA NEGOZIALE PER LA FORNITURA DI BENI E SERVIZI

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA NEGOZIALE PER LA FORNITURA DI BENI E SERVIZI Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale Salvo d Acquisto Via G. Giordani, 40-40041 GAGGIO MONTANO (BO) Tel. 0534/37213 Fax 0534/3717 C.F. 92050240370 e-mail:

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ATTIVITA NEGOZIALE

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ATTIVITA NEGOZIALE Istituto Comprensivo Giacomo Masi Via 1 Maggio n 148 41032 CAVEZZO (MO) Cod. Mecc. MOIC838003 C.F. 91029930368 Tel 0535-58608 / Fax 0535-46265 moic838003@istruzione.it - moic838003@pec.istruzione.it -

Dettagli

Prot. n. 10636 C/01 Catanzaro 16.12.2015

Prot. n. 10636 C/01 Catanzaro 16.12.2015 MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Istituto Comprensivo Statale Catanzaro V. Vivaldi Viale Crotone, 57-88100 Catanzaro - Tel.0961 31056 fax 0961 391908 e-mail: czic86700c@istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE FORNITURE E SERVIZI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER LE FORNITURE E SERVIZI IN ECONOMIA REGOLAMENTO PER LE FORNITURE E SERVIZI IN ECONOMIA Art. 1 - Oggetto del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina le modalità, i limiti e le procedure da seguire per l esecuzione in economia di

Dettagli

VIALE EUROPA UNITA N 141 33100 UDINE

VIALE EUROPA UNITA N 141 33100 UDINE VIALE EUROPA UNITA N 141 33100 UDINE REGOLAMENTO DELLE ACQUISIZIONI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI ai sensi dell art. 125 del D.Lgs. 12 aprile 2006 n. 163 e la parte IV, titoli I, II, III e IV del D.P.R.

Dettagli

Tipo atto: Decreto dirigenziale soggetto a controllo contabile e di legittimità. n 224 del 31/05/2013. Oggetto:

Tipo atto: Decreto dirigenziale soggetto a controllo contabile e di legittimità. n 224 del 31/05/2013. Oggetto: Tipo atto: Decreto dirigenziale soggetto a controllo contabile e di legittimità n 224 del 31/05/2013 Struttura organizzativa : Settore bilancio e finanze Dirigente responsabile : Dirigente Mascagni Fabrizio

Dettagli

(Provincia di Caserta)

(Provincia di Caserta) (Provincia di Caserta) Regolamento comunale per la concessione di contributi ad Enti, Associazioni e Comitati operanti nel campo culturale, della storia, della solidarietà, turistico, sportivo, ricreativo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA NEGOZIALE PER LA FORNITURA DI BENI E SERVIZI. Deliberato dal Consiglio di Istituto il 17.01.2014

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA NEGOZIALE PER LA FORNITURA DI BENI E SERVIZI. Deliberato dal Consiglio di Istituto il 17.01.2014 REGOLAMENTO PER L ATTIVITA NEGOZIALE PER LA FORNITURA DI BENI E SERVIZI Deliberato dal Consiglio di Istituto il 17.01.2014 1 ART. 1 - INTRODUZIONE 1. Il presente regolamento disciplina, nell ambito del

Dettagli