LA DINAMICA DEI PREZZI AL DETTAGLIO DELL AGROALIMENTARE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA DINAMICA DEI PREZZI AL DETTAGLIO DELL AGROALIMENTARE"

Transcript

1 Settimana giugno 2012 numero 1/12 6 luglio 2012 LA DINAMICA DEI PREZZI AL DETTAGLIO DELL AGROALIMENTARE L andamento dei prezzi al dettaglio nella settimana compresa tra il giugno, rispetto alla precedente, è stato caratterizzato da dinamiche contenute per i principali settori del comparto agroalimentare, ad eccezione dell ortofrutta, sia fresca che trasformata. Cali significativi hanno interessato pasta di semola, cereali I colazione, pomodori tondi lisci rossi a grappolo, acqua minerale, succhi di arancia e marmellate di albicocca, mentre tassi di crescita di rilievo hanno riguardato lattuga romana, limoni, petto di pollo e parmigiano reggiano. Rispetto alle aree geografiche, a fronte contenute dinamiche dei prezzi, una maggiore tendenza al calo si riscontra al Nord ovest. dettaglio La dinamica Tuttavia, dell agroalimentare dei prezzi al 3. in termini di livello di prezzo, limitatamente ai prodotti monitorati, sembra evidenziarsi la prevalenza di prezzi più competitivi al Nord est (pasta di semola, fette biscottate, latte fresco intero pomodori tondi lisci rossi a grappolo, succhi di arancia, orata, olio extravergine 1. I derivati oliva, dei vini cereali 4.Ortofrutta Latte e derivati rossi da tavola, acqua minerale naturale). 2. Carni salumi uova Prodotti Altri prodotti ittici pag. 3 pag. 1 pag. 4 pag. 2 pag. 5 pag. 2 pag. 6 1

2 1 Derivati dei cereali Nella settimana relativa al periodo giugno 2012 i prezzi medi al dettaglio evidenziano, limitatamente ai prodotti monitorati, una tendenza al ribasso rispetto alla settimana precedente per pasta di semola e cereali I colazione, una stabilità per pane fresco e fette biscottate e una tendenza alla crescita per biscotti frollini. Rispetto alla pasta di semola, la contrazione dei prezzi appare diffusa nell ambito del territorio nazionale in cui livelli di prezzo più sostenuti si registrano al Nord ovest e più contenuti al Nord est. Il pane fresco registra una riduzione dei prezzi medi al Nord ovest e, in misura più contenuta, al Nord est; in lieve crescita il prezzo al Centro mentre risulta stabile al Sud e Isole. Per tale prodotto un livello di prezzo fortemente superiore al dato medio nazionale si evidenzia al Nord est, mentre ben al di sotto della media nazionale appare il prezzo nella ripartizione Sud e Isole. Per le fette biscottate la stabilità dei prezzi registrata a livello nazionale è sintesi di un calo nelle aree del Nord e di una crescita in quelle del Centro e Sud e Isole; il livello di prezzo risulta superiore al Centro e più contenuto al Nord est. Derivati dei cereali Tab.1 - Prezzi medi settimanali al dettaglio in Italia (euro/kg; Var.%) - Pasta di semola 1,86 1,81-2,7 - Pane fresco 2,37 2,37 0,0 - Fette biscottate 4,74 4,74 0,0 - Cereali I colazione 9,33 9,23-1,1 - Biscotti frollini 4,37 4,41 0,9 Fig.1 - Prezzi medi al dettaglio per area geografica (18-160,0 150,0 140,0 130,0 Pasta di semola Pane fresco Fette biscottate Fonte: ISMEA Rete di rilevazione Prezzi al Dettaglio 2. Carne, salumi e uova Contenuta la dinamica su base congiunturale dei prezzi medi al dettaglio relativa al settore di carni, salumi e uova, con una tendenza al rialzo che interessa petto di pollo e, in misura lieve, braciole di suino, fettine di bovino adulto e prosciutto crudo comune; stabili i prezzi medi dei restanti prodotti monitorati. Il prezzo medio del petto di pollo risulta in crescita al Centro e al Sud e isole, in calo al Nord est. Modesto risulta il differenziale di prezzo tra le diverse aree geografiche, con un prezzo più competitivo al Nord ovest. Per il prosciutto di crudo il prezzo medio tende alla stabilità nelle diverse ripartizioni geografiche. Rispetto a queste ultime un livello di prezzo inferiore al dato medio nazionale si registra al Nord ovest e, in misura più contenuta, al Centro mentre sono Nord est e Sud e isole a caratterizzarsi per livelli di prezzo superiori. Anche per le uova si conferma una stabilità di prezzo tra le varie aree geografiche rispetto alle quali un livello superiore alla media si registra al Nord ovest mentre quello più competitivo interessa il Centro. Carne, salumi e uova 2

3 Tab.2 - Carne, salumi e uova - Prezzi medi settimanali al dettaglio (euro/kg; Var.%) - Braciole di suino 6,38 6,40 0,3 - Fettine di bovino adulto 13,13 13,15 0,2 - Petto di pollo 8,85 9,00 1,7 - Prosciutto crudo 16,32 16,34 0,1 - Salame di Milano 18,33 18,33 0,0 - Uova confezionate* 0,25 0,25 0,0 Fig.2 - Prezzi medi al dettaglio per area geografica (18-70,0 Petto di pollo Prosciutto crudo Uova *euro/unità 3. Latte e derivati Nell ambito del settore i prezzi medi al dettaglio evidenziano una crescita per parmigiano reggiano e, in misura contenuta, per crescenza/stracchino ed una sostanziale stabilità per mozzarella vaccina, latte fresco intero e yogurt. Il latte fresco intero si caratterizza per una stabilità di prezzo sull intero territorio nazionale dove livelli di prezzo più competitivi si registrano al Nord est e leggermente superiori alla media nazionale al Nord ovest. La stabilità del prezzo medio della mozzarella vaccina appare sintesi degli incrementi di prezzo che si registrano al Nord est e al Sud e isole e dei cali che interessano le restanti aree geografiche. In termini di livelli di prezzo, i più sostenuti si hanno al Nord ovest e, in misura più contenuta, al Centro mentre i più competitivi sono quelli registrati nel Nord est e al Sud e isole. Per il parmigiano reggiano la crescita del prezzo riscontrata a livello nazionale è da imputare al Nord ovest e al Centro. Tra le diverse aree geografiche a caratterizzarsi per prezzi più sostenuti sono le regioni del Nord ovest mentre è l area del Sud e isole a far registrare il livello di prezzo medio più competitivo. Latte e derivati Tab.3 - Latte e derivati - Prezzi medi settimanali al dettaglio (euro/kg; Var.%) - Latte fresco intero* 1,38 1,38 0,0 - Yogurt 4,17 4,17 0,0 - Mozzarella vaccina 10,23 10,22-0,1 - Parmigiano reggiano 19,20 19,42 1,1 - Crescenza/stracchino 12,20 12,24 0,3 Fig.3 - Prezzi medi al dettaglio per area geografica (18 - Latte fresco intero Mozzarella di vaccina Parmigiano reggiano *euro/unità 3

4 4. Ortofrutta Nell ambito del segmento del fresco nella settimana in esame sono cresciuti, rispetto alla settimana precedente, i prezzi medi al dettaglio di lattuga romana, limoni e mele golden delicious; in forte calo il prezzo medio al dettaglio dei pomodori tondi lisci rossi a grappolo. Nel trasformato si registra una generalizzata tendenza al calo dei prezzi che appare più accentuata per succhi di arancia e marmellata di albicocca. Riguardo alle mele golden delicious, nell ambito del territorio nazionale una crescita dei prezzi al dettaglio si ha al Nord ovest, al Nord est e al Sud e isole; stabili i prezzi al Centro. Per tale prodotto il prezzo più competitivo si registra al Nord est e al Sud e isole mentre un livello superiore al dato medio nazionale interessa l area del Centro. La lattuga romana registra, per la settimana in esame, una dinamica su base congiunturale fortemente positiva al Sud e isole; in crescita i prezzi anche al Centro ed al Nord ovest. In calo i prezzi medi al dettaglio al Nord est. Il livello di prezzo più competitivo si ha al Centro mentre è al Nord ovest che si riscontra un prezzo superiore alla media nazionale. I pomodori tondi lisci rossi a grappolo evidenziano prezzi in forte calo sull intero territorio nazionale. Sono il Sud e isole ed il Nord est a caratterizzarsi per un livello di prezzo più competitivo per tale prodotto mentre livelli di gran lunga superiori al dato medio nazionale sono quelli registrati al Centro e al Nord ovest. I succhi di arancia registrano, nella settimana in esame, un calo dei prezzi medi al dettaglio generalizzato tra le diverse aree, più accentuato al Nord ovest ed al Sud e isole. Il prezzo medio risulta particolarmente competitivo al Nord est ed al Nord ovest mentre fortemente superiore al livello medio nazionale è il dato riscontrato al Sud e isole. Le passate di pomodoro si caratterizzano per una crescita dei prezzi al Nord ovest, un calo nelle aree del Nord est e del Centro ed una stabilità al Sud e isole. Un prezzo particolarmente competitivo per tale prodotto è quello registrato al Sud e isole mentre superiore al dato medio nazionale è il prezzo al dettaglio che si registra nelle aree del Nord ed al Centro. Per i piselli surgelati si ha una contrazione dei prezzi sull intero territorio nazionale ad eccezione della stabilità riscontrata al Nord est. Il prezzo più competitivo per tale prodotto si registra al Nord ovest, quello più sostenuto al Centro. Ortofrutta Tab.4a - Ortofrutta fresca - Prezzi medi settimanali al dettaglio (euro/kg; Var.%) - Mele golden delicious 1,51 1,52 0,7 - Limoni 1,79 1,83 2,2 - Pomodori rossi a grappolo 1,91 1,78-6,8 - Patate comuni 0,94 0,94 0,0 - Lattuga romana 1,44 1,48 2,8 Fig.4a - Prezzi medi al dettaglio per area geografica (18-130,0 Mele golden delicious Lattuga romana Pomodori rossi a grappolo 4

5 Tab.4b - Ortofrutta trasformata - Prezzi medi settimanali al dettaglio (euro/kg; Var.%) - Marmellata di albicocca 5,71 5,52-3,3 - Succhi di arancia* 1,69 1,62-4,1 - Piselli surgelati 4,43 4,40-0,7 - Piselli in scatola 2,55 2,53-0,8 - Passate di pomodoro 1,54 1,53-0,6 Fig.4b - Prezzi medi al dettaglio per area geografica (18-130,0 70,0 Succhi di arancia Passate di pomodoro Piselli surgelati *euro/lt 5. Prodotti Ittici I prezzi medi del settore risultano, nella settimana in esame, in lieve crescita per tonno sott olio e sostanzialmente stabili per sogliola surgelata e orata. Per l orata i prezzi medi al dettaglio evidenziano, per la settimana in esame, una contrazione al Nord ovest mentre dinamiche contenute si registrano sulle restanti aree geografiche. Il prezzo medio più competitivo si ha al Nord ovest mentre sono le aree del Nord est e del Sud e isole a caratterizzarsi per un livello di prezzo medio maggiore rispetto al dato nazionale. Riguardo la sogliola surgelata i prezzi medi tendono al ribasso nelle regioni del Nord ovest mentre risultano in lieve rialzo sulle restanti aree. Il prezzo medio più competitivo si ha al Nord est e al Sud e isole mentre a caratterizzarsi per un livello di prezzo medio maggiore rispetto al dato nazionale è l area del Nord ovest. Con riferimento al tonno sott olio, dall analisi per area geografica risulta un rialzo dei prezzi al Nord ovest ed al Centro ed un lieve calo al Sud e isole. Tale prodotto si caratterizza per un livello di prezzo più competitivo al Sud e isole e più sostenuto al Nord ovest. Ittici Tab.5 - Ittici - Prezzi medi settimanali al dettaglio (euro/kg; Var.%) - Orata 13,41 13,39-0,1 - Sogliola surgelata 15,65 15,66 0,1 - Tonno sott'olio 12,56 12,63 0,6 Fig.5 - Prezzi medi al dettaglio per area geografica (18-70,0 Orata Sogliola surgelata Tonno sott'olio 6. Altri prodotti alimentari 5

6 Tra gli altri prodotti, nella settimana in esame i prezzi medi al dettaglio risultano, rispetto alla settimana precedente, in crescita per sale fino e, in misura contenuta, per vini rossi da tavola e olio extravergine di oliva. In calo i prezzi per acqua minerale e caffè. L olio extravergine di oliva registra una crescita dei prezzi medi al dettaglio al Nord ovest ed al Sud e isole mentre un lieve calo interessa il Nord est ed il Centro. Un livello di prezzo fortemente superiore alla media nazionale si ha al Centro mentre il dato più competitivo si registra al Nord est. Per i vini rossi da tavola nell ambito del territorio nazionale prezzi medi in crescita si hanno al Nord est ed al Centro; stabili i prezzi al Nord ovest ed al Sud e isole. I prezzi medi al dettaglio di tale prodotto risultano sostanzialmente allineati, lievemente più contenuti al Nord est. L acqua minerale naturale registra un calo dei prezzi medi al Nord est e una crescita al Nord ovest. Il prezzo più competitivo si ha al Nord est ed al Centro mentre quello più sostenuto si registra al Nord ovest ed al Sud e isole. Altri prodotti Tab.6 - Altri prodotti alimentari - Prezzi medi settimanali al dettaglio (euro/kg; Var.%) - Olio extravergine oliva* 5,01 5,03 0,4 - Vini da tavola rossi* 1,53 1,54 0,7 - Acqua minerale nat.* 0,30 0,29-3,3 - Zucchero normale 1,31 1,31 0,0 - Sale fino 0,47 0,55 17,0 - Caffè 14,48 14,34-1,0 Fig.6 - Prezzi medi al dettaglio per area geografica (18- Olio extravergine Vino da tavola Acqua minerale di oliva rosso Area Mercati Responsabile di redazione: P. Piozzi Redazione a cura di 6

LA DINAMICA DEI PREZZI AL DETTAGLIO DELL AGROALIMENTARE

LA DINAMICA DEI PREZZI AL DETTAGLIO DELL AGROALIMENTARE Settimana 16 lio 2012 numero 4/12 30 luglio 2012 LA DINAMICA DEI PREZZI AL DETTAGLIO DELL AGROALIMENTARE I prezzi al dettaglio della terza settimana di luglio (16 - lio) rispetto alla precedente (9-15

Dettagli

LA DINAMICA DEI PREZZI AL DETTAGLIO DELL AGROALIMENTARE

LA DINAMICA DEI PREZZI AL DETTAGLIO DELL AGROALIMENTARE Settimana 24 tembre 2012 numero 7/12 LA DINAMICA DEI PREZZI AL DETTAGLIO DELL AGROALIMENTARE I prezzi al dettaglio del comparto agro-alimentare relativi all ultima settimana di settembre (24 30 settembre)

Dettagli

Progetto Osservatorio Regionale Prezzi MINIPANIERE UMBRO

Progetto Osservatorio Regionale Prezzi MINIPANIERE UMBRO Progetto Osservatorio Regionale Prezzi Regione dell'umbria Giunta Regionale Assessorato Attività Produttive Istituto Nazionale di Statistica Comune di Spoleto MINIPANIERE UMBRO Università degli Studi di

Dettagli

Attori coinvolti. Con il coordinamento e la consulenza tecnica dell Istat

Attori coinvolti. Con il coordinamento e la consulenza tecnica dell Istat Osservatorio Regionale Prezzi Spesa consapevole per il benessere dei consumatori Convegno Nazionale Usci Attori coinvolti Dal 2003 la Regione dell Umbria ha promosso la realizzazione di un importante progetto

Dettagli

Rilevazione dei prezzi di un paniere di beni di largo consumo nella distribuzione organizzata della regione Lazio.

Rilevazione dei prezzi di un paniere di beni di largo consumo nella distribuzione organizzata della regione Lazio. Rilevazione dei prezzi di un paniere di beni di largo consumo nella distribuzione organizzata della regione Lazio Seconda edizione Note metodologiche Ufficio Sistema Statistico Direzione Risorse Umane

Dettagli

La spesa domestica per i prodotti alimentari

La spesa domestica per i prodotti alimentari OSSERVATORIO CONSUMI La spesa domestica per i prodotti alimentari Panel Famiglie Periodo terminante: 15 dicembre 2001 Il trend nazionale Gli acquisti domestici nazionali di prodotti alimentari manifestano,

Dettagli

Gli acquisti domestici di prodotti biologici confezionati in Italia nella GDO

Gli acquisti domestici di prodotti biologici confezionati in Italia nella GDO Maggio 2012 In sintesi Il quadro internazionale dell agricoltura biologica Nel 2010, secondo gli ultimi dati disponibili, l agricoltura biologica a livello mondiale ha sostanzialmente confermato l estensione

Dettagli

Panel Famiglie. La spesa domestica per i prodotti biologici confezionati nel 2002

Panel Famiglie. La spesa domestica per i prodotti biologici confezionati nel 2002 OSSERVATORIO CONSUMI Panel Famiglie La spesa domestica per i prodotti biologici confezionati nel 2002 Gli acquisti nazionali Si stima in 301 milioni di euro il valore degli acquisti domestici di prodotti

Dettagli

PROGETTO OCCHIO AL PREZZO MONITORAGGIO PREZZI AL CONSUMO NEL COMUNE DI PESARO

PROGETTO OCCHIO AL PREZZO MONITORAGGIO PREZZI AL CONSUMO NEL COMUNE DI PESARO PROGETTO OCCHIO AL PREZZO MONITORAGGIO PREZZI AL CONSUMO NEL COMUNE DI PESARO NOVEMBRE 2003 Direttore del Progetto Marketing Territoriale: dr. Antonio Mezzino Direttore dell Ufficio Statistica: dr. Franco

Dettagli

Il mercato dei prodotti biologici II quadrimestre 2006. Mercato nazionale

Il mercato dei prodotti biologici II quadrimestre 2006. Mercato nazionale Osservatorio biologico Ismea Newsletter Il mercato dei prodotti biologici II quadrimestre 2006 Numero 3 novembre 2006 L andamento dei prezzi al consumo dei prodotti biologici nel II quadrimestre 2006 Mercato

Dettagli

LOTTO N. 1 ALIMENTARI VARI

LOTTO N. 1 ALIMENTARI VARI LOTTO N. 1 ALIMENTARI VARI N.Pr. Descrizione Un.Mis. Quantitativo presunto annuo Prezzo a base d'asta Prezzo unitario Prezzo netto % IVA 1 Pane fresco confezionato (rosetta) da gr.70-80 Kg 45.000 2,40

Dettagli

CONSUMI E DIMENSIONI DEL

CONSUMI E DIMENSIONI DEL CONSUMI E DIMENSIONI DEL BIOLOGICO IN ITALIA FABIO DEL BRAVO ISMEA 12 settembre 2015 www.ismea.it www.ismeaservizi.it AGENDA Il contesto Le dinamiche recenti Il valore del mercato bio Il ruolo della GDO

Dettagli

Il Concorrente Pagina 1 Il Responsabile del Procedimento

Il Concorrente Pagina 1 Il Responsabile del Procedimento UNITA DI PRODOTTI CON IVA AL 4% 1 AGLIO Kg. 30 2 ALBICOCCHE Kg. 105 3 ARANCE DA SPREMUTA Kg. 735 4 ASPARAGI Kg. 300 5 BANANE Kg. 3150 6 BASILICO Kg. 60 7 BIETA Kg. 2100 8 BROCCOLI Kg. 60 9 CACIOTTA DI

Dettagli

ALLEGATO D. CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Area della Ricerca di Pisa DIETETICO PER VITTO PAZIENTI

ALLEGATO D. CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Area della Ricerca di Pisa DIETETICO PER VITTO PAZIENTI ALLEGATO D CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Area della Ricerca di Pisa DIETETICO PER VITTO PAZIENTI 1 INDICE Presentazione del dietetico pag. 3 Vitto comune (esempio di giornata base) pag. 4 Calcolo

Dettagli

Il prezzo di alcuni generi di largo consumo a Sondrio

Il prezzo di alcuni generi di largo consumo a Sondrio Il prezzo di alcuni generi di largo consumo a Sondrio con il coordinamento scientifico di Novembre 2012 La struttura della presentazione Caratteristiche dell indagine Il paniere di prodotti rilevati Risultati:

Dettagli

TABELLE DIETETICHE / PROSPETTO GRAMMATURE

TABELLE DIETETICHE / PROSPETTO GRAMMATURE 1 TABELLE DIETETICHE / PROSPETTO GRAMMATURE ASILI NIDO Le grammature sono indicate al crudo e al netto degli scarti, tranne quando diversamente indicato: CEREALI E DERIVATI 1-3 anni Adulti Pasta asciutta

Dettagli

MENU PASTI PER I DEGENTI (n.pag: 18)

MENU PASTI PER I DEGENTI (n.pag: 18) D I E T E DIETA COSIDETTA COMUNE DIETA A Latte parzialmente scremato gr. 250 n. 4 fette biscottate zucchero gr. 10 marmellata o miele gr. 25 in alternativa al latte: un vasetto di yogurt da gr. 125 alla

Dettagli

Il prezzo di alcuni beni e servizi di largo consumo a Monza e in Lombardia. Dicembre 2013

Il prezzo di alcuni beni e servizi di largo consumo a Monza e in Lombardia. Dicembre 2013 Il prezzo di alcuni beni e servizi di largo consumo a Monza e in Lombardia Dicembre 2013 1 Il prezzo di alcuni generi di largo consumo 2 La struttura della presentazione Caratteristiche dell indagine Il

Dettagli

CITTA DI PORTICI ALLEGATO 2 AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO - TABELLE DIETETICHE E GRAMMATURE DEGLI ALIMENTI -

CITTA DI PORTICI ALLEGATO 2 AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO - TABELLE DIETETICHE E GRAMMATURE DEGLI ALIMENTI - CITTA DI PORTICI PROCEDURA APERTA - PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO Dl RISTORAZIONE SCOLASTICA COMPRESO I LAVORI Dl ADEGUAMENTO DEL CENTRO Dl COTTURA E DEI REFETTORI DEI PLESSI SCOLASTICI. ALLEGATO 2 AL

Dettagli

Simonetta Cosentino!!!!!!!!!!!!!!! MENU SCUOLA PRIMARIA DON LUCIANO SARTI

Simonetta Cosentino!!!!!!!!!!!!!!! MENU SCUOLA PRIMARIA DON LUCIANO SARTI Menu Scuole Don Luciano Sarti Simonetta Cosentino 2013-2014 MENU SCUOLA PRIMARIA DON LUCIANO SARTI Imparare a mangiare bene per crescere bene La refezione scolastica ha un ruolo fondamentale nell alimentazione

Dettagli

SCHEMA DI DIETA PRIVA DI GLUTINE (per scuola materna elementare - media)

SCHEMA DI DIETA PRIVA DI GLUTINE (per scuola materna elementare - media) Dipartimento Cure Primarie Area Dipartimentale salute donna e bambino UOS Pediatria Territoriale Est SCHEMA DI DIETA PRIVA DI GLUTINE (per scuola materna elementare - media) Merenda di metà mattina Latte

Dettagli

Allegato A) SCHEMA MENU TIPO

Allegato A) SCHEMA MENU TIPO SCHEMA MENU TIPO Allegato A) Mesi 3 3 pasti di latte intero fresco diluito secondo le dosi indicate dal pediatra del bambino + 5 gr. di zucchero ogni 100 gr. di liquido (oppure malto destrine) + eventuale

Dettagli

SCHEMA ALIMENTARE PER SOGGETTO IPERCOLESTEROLEMICO 1.400 CALORIE

SCHEMA ALIMENTARE PER SOGGETTO IPERCOLESTEROLEMICO 1.400 CALORIE SCHEMA ALIMENTARE PER SOGGETTO IPERCOLESTEROLEMICO 1.400 CALORIE Colazione 1 tazza di caffè e latte parzialmente scremato: caffè: una tazzina Latte parzialmente scremato: 200 gr. 4 fette biscottate Sostituibili

Dettagli

Giovanni Peira. Università degli studi di Torino

Giovanni Peira. Università degli studi di Torino Giovanni Peira Università degli studi di Torino L agricoltura dalla parte del consumatore Domanda e offerta di prodotti agroalimentari: il punto di vista del consumatore. 2 dicembre 2008, Torino 1 Evoluzione

Dettagli

Osservatorio prezzi Bologna. Settembre 2012

Osservatorio prezzi Bologna. Settembre 2012 Osservatorio prezzi Bologna Settembre 2012 Glossario Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di: Paola Ventura Le tendenze dell

Dettagli

DIETA - Esempio di stampa Prime scelte/alternative con porzioni

DIETA - Esempio di stampa Prime scelte/alternative con porzioni DIETA - Esempio di stampa Prime scelte/alternative con porzioni Colazione Latte di vacca parzial. scremato Yogurt magro alla frutta Spremuta di arancia Fette biscottate Biscotti secchi Miele Una Tazza

Dettagli

LOTTO N. 1 ALIMENTARI VARI

LOTTO N. 1 ALIMENTARI VARI 1 Pane fresco confezionato (rosetta) da gr.70-80 Kg 45.000 2 Pane grattugiato- cf. gr. 500 Kg 300 1,03 3 Farina bianca tipo 00- cf. 1 Kg. Kg 250 0,47 4 Fette biscottate monodose 14-15 gr. circa Kg 3.500

Dettagli

prezzo al litro o al Kg. % IVA Prodotto richiesto note prezzo unitario Aceto bianco confezione da lt.1 (prezzo al litro)..

prezzo al litro o al Kg. % IVA Prodotto richiesto note prezzo unitario Aceto bianco confezione da lt.1 (prezzo al litro).. In riferimento al bando di gara di codesta Amministrazione, si riportano, di seguito, le nostre migliori offerte per la fornitura di GENERI ALIMENTARI E SURGELATI, per la mensa della Scuola dell'infanzia,

Dettagli

CITTA DI VERBANIA Settore Pubblica Istruzione SPECIFICA TECNICA RELATIVA ALLE TABELLE DELLE GRAMMATURE PER CIASCUNA CATEGORIA DI UTENTI. Allegato n.

CITTA DI VERBANIA Settore Pubblica Istruzione SPECIFICA TECNICA RELATIVA ALLE TABELLE DELLE GRAMMATURE PER CIASCUNA CATEGORIA DI UTENTI. Allegato n. CITTA DI VERBANIA Settore Pubblica Istruzione SPECIFICA TECNICA RELATIVA ALLE TABELLE DELLE GRAMMATURE PER CIASCUNA CATEGORIA DI UTENTI Allegato n. 4 AL CAPITOLATO SPECIALE D ONERI marzo 2015 TABELLA DELLE

Dettagli

GRAFICO 4 ORTOFRUTTA 1. Quotazione massima, quotazione minima, quotazione (media) delle referenze più vendute

GRAFICO 4 ORTOFRUTTA 1. Quotazione massima, quotazione minima, quotazione (media) delle referenze più vendute Comune di Perugia Osservatorio Prezzi Flash Comune di Terni marzo 213 Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Economia, Finanza e Statistica N. 9 3 aprile 213 La presente pubblicazione mensile

Dettagli

DIPARTIMENTO / STRUTTURA DIREZIONE SANITARIA DOCUMENTO. SCHEMA IPOGLUCIDICO da Kcal 1200 Menù invernale

DIPARTIMENTO / STRUTTURA DIREZIONE SANITARIA DOCUMENTO. SCHEMA IPOGLUCIDICO da Kcal 1200 Menù invernale SCHEMA IPOGLUCIDICO da Kcal 1200 Menù invernale Colazione : una tazza di latte g 150 con caffè o tè + o 4 fette biscottate Non aggiungere grana ai primi piatti, limitare il consumo di sale Pranzo : tacchino

Dettagli

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi)

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) 1 settimana MENU D Tabella asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) petti di pollo al latte piselli e macedonia di al limone e biscotti risotto giallo involtini di tacchino cavolfiore fresca minestrina di piselli

Dettagli

Allegato 3. TABELLA DELLE GRAMMATURE (3 6 anni) Scuola dell Infanzia Porzione (grammi/ml) Cereali, derivati e tuberi

Allegato 3. TABELLA DELLE GRAMMATURE (3 6 anni) Scuola dell Infanzia Porzione (grammi/ml) Cereali, derivati e tuberi Allegato 3 Cereali, derivati e tuberi TABELLA DELLE GRAMMATURE (3 6 anni) Scuola dell Infanzia Porzione (grammi/ml) Pasta o riso asciutti 50-60 Pasta, riso, orzo o simili in brodo 20-30 Gnocchi di patate

Dettagli

Il mercato delle Dop e Igp in Italia nel 2007

Il mercato delle Dop e Igp in Italia nel 2007 Il mercato delle Dop e Igp in Italia nel 2007 Ismea Direzione Mercati e Risk management e.deruvo@ismea.it (06 85568460) 1 Il mercato delle Dop e Igp in Italia nel 2007 1. I riconoscimenti Alla fine di

Dettagli

Da Dalle Grave R. Perdere e Mantenere il Peso. Positive Press: Verona, 2010. I gruppi alimentari ed il sistema di scambio degli alimenti

Da Dalle Grave R. Perdere e Mantenere il Peso. Positive Press: Verona, 2010. I gruppi alimentari ed il sistema di scambio degli alimenti Da Dalle Grave R. Perdere e Mantenere il Peso. Positive Press: Verona, 2010 I gruppi alimentari ed il sistema di scambio degli alimenti Per avere un alimentazione varia, senza assumere elevati quantitativi

Dettagli

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata.

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. Una corretta alimentazione e una costante attività fisica sono la base per una vita sana Perché si

Dettagli

Pomodori Verdi Fritti Listino prodotti

Pomodori Verdi Fritti Listino prodotti Casa del Pane di Poirino (grissini e dolci), consegna prevista martedì 13 ottobre Canestrelli bianchi (alla vaniglia) Biscotti 2 hg 4.00 2.00/hg Canestrelli bianchi (alla vaniglia) Biscotti 3 hg 6.00 2.00/hg

Dettagli

RICETTARIO Menù invernale

RICETTARIO Menù invernale RICETTARIO Menù invernale Condimenti Parmigiano Reggiano per insaporire i primi piatti Olio extravergine di oliva per la preparazione dei piatti e per il condimento a crudo Succo di limone, erbe aromatiche

Dettagli

Allegato A) Consigli per la TIPOLOGIA e La QUALITA degli ALIMENTI

Allegato A) Consigli per la TIPOLOGIA e La QUALITA degli ALIMENTI Allegato A) Consigli per la TIPOLOGIA e La QUALITA degli ALIMENTI 1 Sede legale : Via Mazzini, 117-28887 Omegna (VB) Tel. +39 0323.5411 0324.4911 fax +39 0323.643020 e-mail: protocollo@pec.aslvco.it -

Dettagli

Aprile 2012 n. 5/12 31 maggio 2011. 1. Le tendenze nei vari comparti... 2

Aprile 2012 n. 5/12 31 maggio 2011. 1. Le tendenze nei vari comparti... 2 Osservatorio del mercato dei prodotti biologici Aprile 2012 n. 5/12 31 maggio 2011 Sommario 1. Le tendenze nei vari comparti... 2 1.1. Ortofrutta... 2 1.2. Cereali e derivati... 3 1.3. Oli vegetali...

Dettagli

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LATTANTI I bambini sino a 6 mesi assumono solamente latte seguendo le modalità e le dosi imposte dal pediatra. L allattamento artificiale inizierà con: Latte in polvere adattato

Dettagli

Il prezzo di alcuni beni e servizi di largo consumo a Monza. con il coordinamento scientifico di:

Il prezzo di alcuni beni e servizi di largo consumo a Monza. con il coordinamento scientifico di: Il prezzo di alcuni beni e servizi di largo consumo a Monza con il coordinamento scientifico di: La rilevazione 2 LA RILEVAZIONE DEI PREZZI Oggetto della rilevazione: Beni di largo consumo: prodotti alimentari

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO-SCUOLA DELL INFANZIA A.PELLIZZARI CASTELLO di GODEGO

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO-SCUOLA DELL INFANZIA A.PELLIZZARI CASTELLO di GODEGO TABELLA DIETETICA ASILO NIDO-SCUOLA DELL INFANZIA A.PELLIZZARI CASTELLO di GODEGO Il Menù è stato elaborato tenendo conto dei Livelli raccomandati di Assunzione e di Nutrienti LARN-fissati dall Istituto

Dettagli

Preparazione all intervento chirurgico in ginecologia oncologica e Nutrizione

Preparazione all intervento chirurgico in ginecologia oncologica e Nutrizione Preparazione all intervento chirurgico in ginecologia oncologica e Nutrizione Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali ad esempio

Dettagli

Ingredienti e grammature, al crudo e al netto, delle ricette del menù nidi inverno 2014/2015

Ingredienti e grammature, al crudo e al netto, delle ricette del menù nidi inverno 2014/2015 Ingredienti e grammature, al crudo e al netto, delle ricette del menù nidi inverno 2014/2015 Piatti svezzamento Ingredienti 4/12 mesi Brodo vegetale multicereali - semolino e carne Petto di pollo/fesa

Dettagli

RICETTARIO PRIMI PIATTI MENU' INVERNALE A.S.15/16

RICETTARIO PRIMI PIATTI MENU' INVERNALE A.S.15/16 RICETTARIO PRIMI PIATTI MENU' INVERNALE A.S.15/16 SALSA AL POMODORO E BASILICO sedano, carota, cipolla, pomodoro, basilico, olio extra vergine di oliva,, parmigiano SALSA X RISOTTO AL POMODORO E BASILICO

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. MENU ESTIVO (dal 1 aprile al 31 ottobre) Iª Settimana IIª Settimana IIIª Settimana IVª Settimana Vª Settimana

SCUOLA PRIMARIA. MENU ESTIVO (dal 1 aprile al 31 ottobre) Iª Settimana IIª Settimana IIIª Settimana IVª Settimana Vª Settimana ALLEGATO L MENU ESTIVO (dal 1 aprile al 31 ottobre) 63 - Spezzatino di carne agli aromi con /Succo di frutta 69 Uovo strapazzato - Gelato 22 Pasta e 48 Formaggio tipo bel Paese 26 Risotto - Gelato 81 Insalata

Dettagli

Osservatorio prezzi Bologna. Dicembre 2012

Osservatorio prezzi Bologna. Dicembre 2012 Osservatorio prezzi Bologna Dicembre 2012 Glossario Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di: Paola Ventura Le tendenze dell

Dettagli

Città di Bari RIPARTIZIONE POLITICHE EDUCATIVE E GIOVANILI SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE SINGOLE PIETANZE DEI MENU

Città di Bari RIPARTIZIONE POLITICHE EDUCATIVE E GIOVANILI SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE SINGOLE PIETANZE DEI MENU Città di Bari RIPARTIZIONE POLITICHE EDUCATIVE E GIOVANILI SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE SINGOLE PIETANZE DEI MENU ALLEGATO N 2 AL CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI REFEZIONE

Dettagli

Menù Estivo 2015 Giugno - Settembre

Menù Estivo 2015 Giugno - Settembre Servizio Ristorazione Scolastica Parrocchia S. Pietro a Mezzana "RISTORANDO" Menù Estivo 2015 Giugno - Settembre 1 SETT. Pasta con piselli Pasta pomodoro fresco e basilico Insalata di riso (Minestra in

Dettagli

IL MERCATO RETAIL DEI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA

IL MERCATO RETAIL DEI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA IL MERCATO RETAIL DEI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA NICOLA LASORSA - ISMEA 12 settembre 2015 www.ismea.it www.ismeaservizi.it IL VALORE DEL MERCATO BIO AL CONSUMO IN ITALIA -2014 STIMA DEL MERCATO RETAIL

Dettagli

TABELLE TIPO TABELLA DIETETICA PER CENTRI DI VACANZA CON PERNOTTAMENTO

TABELLE TIPO TABELLA DIETETICA PER CENTRI DI VACANZA CON PERNOTTAMENTO TABELLE TIPO TABELLA DIETETICA PER CENTRI DI VACANZA CON PERNOTTAMENTO L.A.R.N. (livelli di assunzione giornalieri raccomandati di energia) da tener presenti nella definizione delle grammature. ETA MASCHI

Dettagli

Menù 6-12 mesi. 6-12 mesi 1ª settimana. Giovedì. Lunedì. Martedì. Venerdì. Mercoledì. Sabato

Menù 6-12 mesi. 6-12 mesi 1ª settimana. Giovedì. Lunedì. Martedì. Venerdì. Mercoledì. Sabato Menù 6-12 mesi 6-12 mesi 1ª settimana ASUR - ZT 13 - SIAN - U.O. Igiene della Nutrizione Pastina () in brodo vegetale con verdura passata Formaggio grana 15g / mozzarella 20g / caciotta dolce 20g / ricotta

Dettagli

grissini 100 8,5 12,3 13,9 68,4 3,5 431 1802 mais 100 12,5 9,2 3,8 75,1 2,0 353 1475 cetrioli 77 96,5 0,7 0,5 1,8 0,8 14 59

grissini 100 8,5 12,3 13,9 68,4 3,5 431 1802 mais 100 12,5 9,2 3,8 75,1 2,0 353 1475 cetrioli 77 96,5 0,7 0,5 1,8 0,8 14 59 media book T A 06 Composizione chimica e valore energetico degli alimenti (solo macronutrienti ed energia) I richiami di nota si riferiscono alla legenda di pag. 6. Le tabelle complete sono reperibili

Dettagli

I consumi agroalimentari biologici in Italia: consuntivo 2010

I consumi agroalimentari biologici in Italia: consuntivo 2010 I consumi agroalimentari biologici in Italia: consuntivo 2010 Fiere e Comunicazioni commenta con soddisfazione la panoramica aggiornata del bio italiano nel 2010. Con la top ten delle bio-vendite e altre

Dettagli

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LATTANTI I bambini sino a 6 mesi assumono solamente latte seguendo le modalità e le dosi imposte dal pediatra. L allattamento artificiale inizierà con: Latte in polvere adattato

Dettagli

INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITÀ TERNI ANNO 2009 COMUNE DI TERNI

INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITÀ TERNI ANNO 2009 COMUNE DI TERNI COMUNE DI TERNI INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITÀ TERNI ANNO 2009 Di seguito un approfondimento riguardante l andamento che hanno avuto nel corso del 2009 i prezzi dei vari prodotti facenti

Dettagli

ALLEGATO B LINEE GUIDA, RICETTARIO E TABELLE DIETETICHE PER L ASILO NIDO

ALLEGATO B LINEE GUIDA, RICETTARIO E TABELLE DIETETICHE PER L ASILO NIDO 1 ALLEGATO B LINEE GUIDA, RICETTARIO E TABELLE DIETETICHE PER L ASILO NIDO Data: Aprile 2014 Il Documento è composto di n 7 pagine - pag1 di pagine7 - 2 LINEE GUIDA 1. INDICAZIONE PER L ELABORAZIONE DEI

Dettagli

MENU REFEZIONE SCOLASTICA Comuni di Castel San Pietro Terme E Ozzano dell Emilia

MENU REFEZIONE SCOLASTICA Comuni di Castel San Pietro Terme E Ozzano dell Emilia MENU REFEZIONE SCOLASTICA Comuni di Castel San Pietro Terme E Ozzano dell Emilia ANNO SCOLASTICO 2015/2016 1 1. GRAMMATURE DI RIFERIMENTO Di seguito si riportano le grammature di riferimento indicate nella

Dettagli

LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER

LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC) NELLE CITTA TOSCANE. MARZO - APRILE 2006 A cura di: - Settore Sistema Regione Toscana - Settore Tutela dei Consumatori

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI ALLEGATO A MENU MENSA SCOLASTICA SCUOLA INFANZIA

COMUNE DI GOLFO ARANCI ALLEGATO A MENU MENSA SCOLASTICA SCUOLA INFANZIA COMUNE DI GOLFO ARANCI ALLEGATO A MENU MENSA SCOLASTICA SCUOLA INFANZIA SETTIM. LUNEDI MARTEDI MERCOLEDI GIOVEDI VENERDI PRIMA Risotto alla parmigiana Prosciutto crudo o cotto Carote crude SECONDA Gnocchetti

Dettagli

ALLEGATO D/1. CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Area della Ricerca di Pisa ELENCO DEGLI ALIMENTI

ALLEGATO D/1. CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Area della Ricerca di Pisa ELENCO DEGLI ALIMENTI ALLEGATO D/1 CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Area della Ricerca di Pisa ELENCO DEGLI ALIMENTI 1 ELENCO DEI GENERI ALIMENTARI PER LA PREPARAZIONE DEI PASTI In ordine alfabetico ACETO: - Aceto di vino

Dettagli

ALIMENTAZIONE e NUOTO

ALIMENTAZIONE e NUOTO MICROELEMENTI ALIMENTAZIONE e NUOTO ZUCCHERI: costituiscono la fonte energetica, che permette all uomo di muoversi. Sono di due tipi : a. SEMPLICI, si trovano nella zuccheriera, nella, nel miele e sono

Dettagli

A proposito di prezzi al consumo agosto 2014

A proposito di prezzi al consumo agosto 2014 C O M U N I C A T O S T A M P A A proposito di prezzi al consumo agosto 2014 Sale l inflazione a Lecco anche se la variazione annuale è ancora negativa (-0,1%); la variazione mensile è +0,8% Per il sesto

Dettagli

TABELLA NUTRIZIONALE PER LA REFEZIONE SCOLASTICA SCUOLA MATERNA ALL. B

TABELLA NUTRIZIONALE PER LA REFEZIONE SCOLASTICA SCUOLA MATERNA ALL. B TABELLA NUTRIZIONALE PER LA REFEZIONE SCOLASTICA SCUOLA MATERNA ALL. B SETTIMANA PARI Pasta e patate Frittata di uovo Zucchine o biete minestrone con riso Hamburger di carne (bovino adulto) pasta al pomodoro

Dettagli

Settore Politiche Educative e Giovanili Servizio Politiche Educative per l'infanzia

Settore Politiche Educative e Giovanili Servizio Politiche Educative per l'infanzia COMUNE DI SASSARI Settore Politiche Educative e Giovanili Servizio Politiche Educative per l'infanzia NIDI D'INFANZIA DEL COMUNE DI SASSARI Tabelle dietetiche e Menù La nutrizionista La pediatra dell'azienda

Dettagli

DAL PERCORSO PARTECIPATO ALLA TABELLA MERCEOLOGICA DEL CAPITOLATO D APPALTO

DAL PERCORSO PARTECIPATO ALLA TABELLA MERCEOLOGICA DEL CAPITOLATO D APPALTO Prodotti bio (Pane, farine ecc) Uova allevate all aperto Materie prime di produzione biologica Farina di grano tenero, farina di mais, pane con farina bio; Pasta di semola di grano duro; Riso, orzo perlato

Dettagli

PROGETTO OCCHIO AL PREZZO MONITORAGGIO PREZZI AL CONSUMO NEL COMUNE DI PESARO

PROGETTO OCCHIO AL PREZZO MONITORAGGIO PREZZI AL CONSUMO NEL COMUNE DI PESARO PROGETTO OCCHIO AL PREZZO MONITORAGGIO PREZZI AL CONSUMO NEL COMUNE DI PESARO OTTOBRE 2003 Direttore del Progetto Marketing Territoriale: dr. Antonio Mezzino Direttore dell Ufficio Statistica: dr. Franco

Dettagli

Giugno 2012 n. 7/12 31 luglio 2011. 1. Le tendenze nei vari comparti... 2

Giugno 2012 n. 7/12 31 luglio 2011. 1. Le tendenze nei vari comparti... 2 Osservatorio del mercato dei prodotti biologici Giugno 2012 n. 7/12 31 luglio 2011 Sommario 1. Le tendenze nei vari comparti... 2 1.1. Ortofrutta... 2 1.2. Cereali e derivati... 2 1.3. Oli vegetali...

Dettagli

LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER

LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER Settore Sistema Statistico Regionale LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC) NELLE CITTA TOSCANE. GENNAIO-FEBBRAIO 2010 A cura di: - Settore Sistema Statistico

Dettagli

Settore Politiche Educative e Giovanili Servizio Politiche Educative per l'infanzia

Settore Politiche Educative e Giovanili Servizio Politiche Educative per l'infanzia COMUNE DI SASSARI Settore Politiche Educative e Giovanili Servizio Politiche Educative per l'infanzia NIDI D'INFANZIA DI VIA SATTA, SEZIONE SPERIMENTALE DI VIA BARBAGIA E SEZIONE PRIMAVERA DI VIA BERLINGUER

Dettagli

Giovedì MINESTRA CON CAROTE BISTECCA ALLA PIZZAIOLA pasta 25 manzo 30 pane 40 carote 80 pomodori pelati 20 frutta 80 parmigiano 5 patate 90 olio 15

Giovedì MINESTRA CON CAROTE BISTECCA ALLA PIZZAIOLA pasta 25 manzo 30 pane 40 carote 80 pomodori pelati 20 frutta 80 parmigiano 5 patate 90 olio 15 Prima settimana inverno 1 settimana primo grammi secondo e contorno grammi altro grammi nido nido nido Lunedì PASTA OLIO E PARMIGIANO SEPPIE CON PISELLI pasta 30 seppia 35 pane 40 pom pelati 20 frutta

Dettagli

ARTICOLAZIONE E COMPOSIZIONE DEI MENU E GRAMMATURA DEGLI ALIMENTI

ARTICOLAZIONE E COMPOSIZIONE DEI MENU E GRAMMATURA DEGLI ALIMENTI Comune di Pavullo nel Frignano Provincia di Modena CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA E DEI SERVIZI ACCESSORI NEI NIDI D INFANZIA, NELLE SCUOLE D INFANZIA,

Dettagli

ALIMENTARI. in aumento:% mese prec

ALIMENTARI. in aumento:% mese prec LA PRESENTE TABELLA HA LO SCOPO DI INDICARE LE MAGGIORI VARIAZIONI DI PREZZO RISCONTRATE DURANTE IL MESE DI RIFERIMENTO NEL MERCATO DI VICENZA. I VALORI ESPRESSI CORRISPONDONO AL VALORE MEDIO TRA TUTTE

Dettagli

La dieta della Manager Assistant

La dieta della Manager Assistant La dieta della Manager Assistant TUTTI I GIORNI COLAZIONE - 1 vasetto di yogurt oppure 1 tazza di latte parzialmente scremato oppure 1 cappuccino - 3 biscotti secchi oppure 4 fette biscottate oppure 1

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE TABELLE DIETETICHE PER CIASCUNA TIPOLOGIA DI UTENTI

SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE TABELLE DIETETICHE PER CIASCUNA TIPOLOGIA DI UTENTI SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE TABELLE DIETETICHE PER CIASCUNA TIPOLOGIA DI UTENTI Grammature dei generi alimentari al netto degli scarti (salvo diversa indicazione) per fasce scolari GENERI ALIMENTARI

Dettagli

In barca tutti sono tenuti a contribuire con le proprie capacità (o con il lavoro manuale) alla preparazione dei pasti e al riordino.

In barca tutti sono tenuti a contribuire con le proprie capacità (o con il lavoro manuale) alla preparazione dei pasti e al riordino. In barca tutti sono tenuti a contribuire con le proprie capacità (o con il lavoro manuale) alla preparazione dei pasti e al riordino. La collaborazione inizia all'imbarco, l'equipaggio sarà infatti chiamato

Dettagli

ELENCO INGREDIENTI DEI PIATTI INSERITI PER LE SCUOLE (NIDO,INFANZIA E PRIMARIA)

ELENCO INGREDIENTI DEI PIATTI INSERITI PER LE SCUOLE (NIDO,INFANZIA E PRIMARIA) UNIONE TERRE DI CASTELLI - TERRITORIO DI CASTELVETRO DI MODENA COOPERATIVA ITALIANA DI RISTORAZIONE - AREA EMILIA EST - VIA PORTOGALLO, 13 - MODENA CENTRO PASTI DI CASTELVETRO VIA PALONA - TEL. 059/799394

Dettagli

COMUNE DI RAPALLO. Allegato n. 2. CARATTERISTICHE e CRITERI per la REALIZZAZIONE del MENU - GRAMMATURE SCHEMA MENU ASILO NIDO

COMUNE DI RAPALLO. Allegato n. 2. CARATTERISTICHE e CRITERI per la REALIZZAZIONE del MENU - GRAMMATURE SCHEMA MENU ASILO NIDO COMUNE DI RAPALLO Allegato n. 2 CARATTERISTICHE e CRITERI per la REALIZZAZIONE del MENU - GRAMMATURE SCHEMA MENU ASILO NIDO 1 MENU CARATTERISTICHE DEL MENU 1. Alimenti sempre BIOLOGICI o a LOTTA INTEGRATA

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLA STRUTTURA E ALLA COMPOSIZIONE DEI PASTI

SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLA STRUTTURA E ALLA COMPOSIZIONE DEI PASTI ALLEGATO 2 (AL CAPITOLATO DI GESTIONE) SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLA STRUTTURA E ALLA COMPOSIZIONE DEI PASTI Capitolato di gestione Allegato 2 Pagina 1 di 9 Disposizioni Generali I pasti che l'amministrazione

Dettagli

VEGRA CAMIN GRAMMATURE E INGREDIENTI DELLE PIETANZE

VEGRA CAMIN GRAMMATURE E INGREDIENTI DELLE PIETANZE VEGRA CAMIN GRAMMATURE E INGREDIENTI DELLE PIETANZE RISTORAZIONE GRAMMATURE A CRUDO (al netto degli scarti) TIPO PIATTO Materna Elementare Media Tortellini o Ravioli 60g 80g 100g Gnocchi di patate 120g

Dettagli

DIETA SPECIALE TIPO A (iperglicidica e ipolipidica)

DIETA SPECIALE TIPO A (iperglicidica e ipolipidica) DIETA SPECIALE TIPO A (iperglicidica e ipolipidica) DATA della richiesta : DATA scadenza dieta : COGNOME E NOME: pasta o riso o orzo o farro con olio e parmigiano reggiano, con pomodoro o con verdure;

Dettagli

TABELLE DIETETICHE. Media Maschi/femmine (Kcal/gg) Fabbisogno Energetico. Nido d infanzia dell infanzia

TABELLE DIETETICHE. Media Maschi/femmine (Kcal/gg) Fabbisogno Energetico. Nido d infanzia dell infanzia TABELLE DIETETICHE La tabella dietetica deve fornire la corretta quantità in nutrienti, sia dal punto di vista qualitativo che quantitativo, in modo che l organismo dell individuo non debba ricorrere ad

Dettagli

agroalimentare I trimestre 2014

agroalimentare I trimestre 2014 AGRItrend Evoluzione e cifre sull agro-alimentare La bilancia commerciale agroalimentare I trimestre 2014 A 8 LA BILANCIA COMMERCIALE AGROALIMENTARE A differenza di quanto riscontrato nel corso del 2013,

Dettagli

CONSIGLI GENERALI PER UN ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA

CONSIGLI GENERALI PER UN ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA CONSIGLI GENERALI PER UN ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA Un alimentazione equilibrata prevede l assunzione di tre pasti durante la giornata: colazione, pranzo e cena ed, eventualmente, due spuntini a metà mattina

Dettagli

LOTTO F GENERI ALIMENTARI VARI CIG Z7A0B625A9

LOTTO F GENERI ALIMENTARI VARI CIG Z7A0B625A9 GENERE DI FORNITURA LOTTO F GENERI ALIMENTARI VARI CIG Z7A0B625A9 ACETO DI VINO BIANCO da lt. 1 LT. 70 d uve italiane ANANAS SCIROPPATO latta kg. 3 Senza aggiunta di coloranti BICARBONATO confezioni da

Dettagli

UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA

UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA COMUNE DI PISTOIA UFFICIO STATISTICA Via dell'annona, 210 51100 PISTOIA Tel.0573 / 371 922 - Fax 371 928 e mail : statistica@comune.pistoia.it UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO

Dettagli

LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER

LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC) NELLE CITTA TOSCANE. GENNAIO - FEBBRAIO 2006 A cura di: - Settore Sistema Regione Toscana - Settore Tutela dei

Dettagli

Asili Nido Comunali Madre Teresa di Calcutta, Salvo d'acquisto, Aldo Moro. menù lattanti fino a 6 mesi

Asili Nido Comunali Madre Teresa di Calcutta, Salvo d'acquisto, Aldo Moro. menù lattanti fino a 6 mesi Anno Educativo 2015-2016 menù lattanti fino a 6 mesi di metà crema crema di tapioca liofilizzato/omogeneizzato liofilizzato/omogeneizzato di liofilizzato/omogeneizzato liofilizzato/omogeneizzato liofilizzato/omogeneizzato

Dettagli

Acquisti Domestici: DERIVATI DEI CEREALI (1)

Acquisti Domestici: DERIVATI DEI CEREALI (1) Consumi Indagini speciali News Panel Consumi Acquisti Domestici: DERIVATI DEI CEREALI (1) N. 1 2000-2004 La tendenza degli acquisti La tendenza degli acquisti in volume 2000-2004 Il volume degli acquisti

Dettagli

NUMERI CHIAVE DELLA FILIERA BIOLOGICA dalla produzione al consumatore: il ruolo dell ortofrutta

NUMERI CHIAVE DELLA FILIERA BIOLOGICA dalla produzione al consumatore: il ruolo dell ortofrutta NUMERI CHIAVE DELLA FILIERA BIOLOGICA dalla produzione al consumatore: il ruolo dell ortofrutta Silvia ZUCCONI Coordinatore Area Agroalimentare NOMISMA > SUPERFICI BIO SUPERFICI BIOLOGICHE (milioni di

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO BAR E RISTORAZIONE DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLA CALABRIA

PROCEDURA APERTA PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO BAR E RISTORAZIONE DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLA CALABRIA ALLEGATO N. 1 AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PROCEDURA APERTA PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO BAR E RISTORAZIONE DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLA CALABRIA DISPOSIZIONI PER LA PREPARAZIONE DEL PASTO E GRAMMATURE

Dettagli

Ricette confezionate con alimenti BIOLOGICI

Ricette confezionate con alimenti BIOLOGICI GRAMMATURE PRIMI PIATTI Ricette confezionate con alimenti BIOLOGICI INGREDIENTI Pasta all'olio e parmigiano /P/E Parmigiano Reggiano 6 6 8 10 Pasta burro e parmigiano E Burro 5 6 7 8 Olio extravergine

Dettagli

ALLEGATO B (caratteristiche alimenti, grammature e menu)

ALLEGATO B (caratteristiche alimenti, grammature e menu) ALLEGATO B (caratteristiche alimenti, grammature e menu) Il presente allegato indica le caratteristiche nonché le qualità delle derrate alimentari che dovranno essere utilizzate per la preparazione di

Dettagli

Osservatorio SANA 2012

Osservatorio SANA 2012 Osservatorio SANA 2012 A cura di: Evento organizzato da: In collaborazione con: I CONSUMI ALIMENTARI BIOLOGICI DI FRONTE ALLA CRISI ECONOMICA I risultati dell indagine di Nomisma Fabio Lunati - Silvia

Dettagli

Disciplinare per l offerta di piatti sani

Disciplinare per l offerta di piatti sani DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE MANGIAR SANO IN PAUSA PRANZO Disciplinare per l offerta di piatti sani Questo disciplinare predisposto dal Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione

Dettagli

Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso.

Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso. Indicazioni alimentari per addominalepernatale. Queste ricette e indicazioni non sostituiscono la dieta di un medico nutrizionista in alcun caso. Per seguire tutti gli allenamenti collegati al sito www.workout-italia.it

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. Menu autunno inverno

SCUOLA PRIMARIA. Menu autunno inverno Rev. 15 del 3 settembre 2015 Emesso da dietista P. Battisodo Approvato da Asur dr.ssa E. Ravaglia SCUOLA PRIMARIA Menu autunno inverno a. sc. 2015-2016 in vigore da ottobre 2015 a marzo 2016 pag. n.1 di

Dettagli

Allegato B. Tabelle Dietetiche Menù Scuole Infanzia, Primarie Secondarie Asilo Nido e Centri Estivi

Allegato B. Tabelle Dietetiche Menù Scuole Infanzia, Primarie Secondarie Asilo Nido e Centri Estivi Allegato B Tabelle Dietetiche Menù Scuole Infanzia, Primarie Secondarie Asilo Nido e Centri Estivi Comune di Castel San Pietro Terme e Comune di Ozzano dell Emilia MENU REFEZIONE SCOLASTICA Comuni di Castel

Dettagli

Servizio Refezione Mense

Servizio Refezione Mense Solaris s.r.l. Servizio Refezione Mense Comune di: Castel S. Pietro Terme e Ozzano dell Emilia MENU ASILO NIDO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 A cura del Servizio Dietetico della Solaris S.r.l. Dott.ssa in dietistica

Dettagli