CITTADINI E SALUTE Instaurazione del rapporto convenzionale da parte del Medico di medicina generale.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CITTADINI E SALUTE Instaurazione del rapporto convenzionale da parte del Medico di medicina generale."

Transcript

1 CITTADINI E SALUTE In Italia attraverso il Servizio Sanitario ad ogni cittadino è garantita la salute secondo i livelli essenziali di assistenza (LEA). Con la legge Costituzionale 18 ottobre 2001 n. 3, che ha modificato il titolo V della Costituzione, alle Regioni è stata affidata piena podestà sul piano legislativo e regolamentare in materia di salute, fatte salve le competenze attribuite allo Stato, come appunto la definizione dei LEA. Il Medico di Medicina Generale è il primo e indispensabile collegamento tra il Servizio sanitario e il cittadino, fornisce un accesso diretto ed illimitato ai suoi utenti, si occupa di tutti i problemi di salute, assumendo, se necessario, il ruolo di difensore dell interesse dei pazienti, ha una responsabilità specifica della salute della comunità e si occupa dei problemi di salute nella loro dimensione fisica, psicologica, sociale, culturale ed esistenziale. I diritti ed i doveri dei Medici di Medicina Generale sono definiti attraverso accordi nazionali, regionali ed aziendali che regolano l attività, nell ambito del SSN, relative ai settori dell assistenza primaria, della continuità assistenziale, della medicina dei servizi territoriali, dell emergenza sanitaria territoriale. L accordo nazionale 2005, reso esecutivo in data 23 marzo 2005, tiene conto del Piano Sanitario Nazionale , approvato il 23 maggio 2003, che, a 25 anni dall entrata in vigore della legge n. 833 del 1978 (che aveva istituito il Servizio Sanitario Nazionale abolendo le Mutue ), pone il problema di un ripensamento della organizzazione del SSN, individuando il territorio quale punto di forza per la organizzazione della risposta sanitaria e della integrazione tra prestazioni sanitarie, socio sanitarie e sociali, a garanzia dei livelli essenziali e della appropriatezza delle prestazioni. Obiettivo fondamentale è garantire su tutto il territorio nazionale, oltre alla erogazione dei LEA, la continuità dell assistenza 24 ore su 24 e 7 giorni su 7, con la presa in carico dell utente e ristabilire un riequilibrio tra ospedale e territorio,favorendo le prestazioni erogabili sul territorio e riservando all ospedale il ruolo proprio di azione per le patologie che necessitano di un ricovero. Le novità normative introdotte dalla legge costituzionale rendono importanti i tre livelli di contrattazione: nazionale, regionale, aziendale. Il contratto nazionale individua: - le garanzie per i cittadini, - il ruolo, le responsabilità, i criteri di verifica e le garanzie per il personale convenzionato (medici di medicina generale, pediatri, medici specialisti e professionisti territoriali), - i servizi per assicurare i LEA, - la compatibilità economica, - le responsabilità di Regioni e Aziende per applicare l accordo. Il livello di contrattazione regionale definisce gli obiettivi di salute, i modelli organizzativi e gli strumenti per attuarli, incentivando e remunerando i compiti per realizzare le finalità e le strategie del Servizio Sanitario Regionale. La contrattazione aziendale definisce i progetti e le attività necessarie per l attuazione degli obiettivi della programmazione regionale. La Giunta regionale della Lombardia nel mese di maggio ha deliberato la preintesa dell Accordo regionale con i Medici di medicina Generale, che dà attuazione in sede regionale all accordo nazionale. Instaurazione del rapporto convenzionale da parte del Medico di medicina generale. Ogni azienda sanitaria tiene l elenco dei medici convenzionati, inseriti in una graduatoria regionale annuale in base a punteggi relativi a titoli accademici e di studio e di servizio.

2 L assistenza è organizzata per ambiti territoriali (comuni singoli, gruppi di comuni o distretti con popolazione non inferiore a 7000 abitanti in casi particolari 5000). Gli ambiti territoriali devono garantire una consistenza di popolazione tale da essere funzionale sia al governo clinico, sia alla possibilità di acquisizione da parte del medico di un numero di scelte significative. La Regione Lombardia prevede che possa essere iscritto un medico ogni 1300 abitanti residenti o frazione superiore a 600, detratta la popolazione di età compresa tra 0 e 14 anni. Viene demandato alle Aziende sanitarie con il recente accordo regionale locali la verifica ed eventuale ridefinizione degli ambiti territoriali (in caso di modifica degli ambiti territoriali il medico conserva tutte le scelte in suo carico anche se appartenenti a ambiti diversi a conseguenza della modifica). Il medico che accetta l incarico deve entro 90 giorni aprire uno studio idoneo nell ambito territoriale indicato e trasferire la residenza o il domicilio nel Comune dell ambito territoriale assegnato. Il medico può aprire più studi nell ambito territoriale o nello stesso Comune, assicurando comunque l apertura del primo studio idonea ad assicurare l accesso alla popolazione anziana. Il rapporto tra medico di medicina generale e Azienda cessa al compimento del 65 anno di età, con possibilità di proroga per un biennio. Trattamento economico Il trattamento economico dei medici convenzionati è costituito da una quota capitaria fissa base di 38,62 per assistito. Tale quota è incrementata di 15,49 per assistito di età superiore ai 75 anni e di 18,08 per assistito di età inferiore ai 14 anni. Ad esaurimento viene mantenuto l incremento della quota capitaria in rapporto all anzianità di laurea. Sono previste quote variabili in base a rimborsi per attività in associazione, per assistente ed infermiere di studio, per aggiornamento informatico,. Sono istituiti Fondi per la incentivazione della qualificazione dell offerta. Le prestazioni aggiuntive, l assistenza in zone disagiate, le visite per assistenza programmata sono retribuite con compensi apposti su presentazione di adeguata documentazione. Scelta e revoca del medico di fiducia La costituzione e lo svolgimento del rapporto tra medico e assistito sono fondati sul rapporto di fiducia. Ciascun cittadino avente diritto all atto del rilascio del documento di iscrizione al Servizio Sanitario, sceglie per sé e per i propri familiari o soggetti conviventi il medico di fiducia tra quelli iscritti nell elenco del proprio ambito territoriale. Il figlio, il coniuge o il convivente dell assistito in carico al medico di medicina generale, purchè anagraficamente facenti parte dello stesso nucleo familiare, possono effettuare la scelta a favore dello stesso medico, anche in deroga al massimale ( la deroga non può comunque superare il 5%). La scelta ha validità annuale e, salvo revoca nel corso dell anno, è tacitamente rinnovata. L assistito può revocare la scelta dandone comunicazione alla competente Azienda ed effettuando contemporaneamente una nuova scelta. Anche il medico può ricusare la scelta dandone motivata comunicazione all Azienda. Per i cittadini non residenti la scelta è a tempo determinato da un minimo di 3 mesi ad un massimo di un anno prorogabile. (Le scelte temporanee non incidono sul massimale che può arrivare in questi casi fino a 1750 scelte).

3 In caso di trasferimento di residenza in comuni di ambiti territoriali diversi all interno della medesima azienda, non si applica la revoca della scelta d ufficio ma solo in presenza di una nuova scelta, così pure in caso di trasferimento ad ambito limitrofo ma di diversa azienda, previa accettazione del medico e parere del Comitato aziendale, è consentito all assistito mantenere la scelta del medico in essere. Semestralmente le Aziende inviano ai medici l elenco nominativo delle scelte in carico e mensilmente le variazioni nominative Cittadini extracomunitari Per i cittadini extracomunitari, in regola con le norme in materia di soggiorno, la scelta è a tempo determinato e ha validità pari a quella del permesso di soggiorno. La scelta è automaticamente rinnovata alla scadenza, anche nelle more del rinnovo del permesso di soggiorno, fatta eccezione per i casi di cambio di residenza o di mancato rinnovo del permesso a seguito di comunicazione della Questura. Organismi rappresentativi Comitato Aziendale In ogni azienda è costituito un comitato aziendale composto da rappresentanti dell Azienda e da rappresentanti delle OO.SS (3 titolari e 3 supplenti per ogni OO.SS. per le asl oltre i abitanti e 2 titolari e 2 supplenti per le Asl sotto i abitanti) con il compito di esprimere pareri obbligatori in merito alle deroghe sui massimali di scelta, sulle incompatibilità, sulle variazioni degli ambiti territoriali, sulla individuazione delle zone disagiate, ecc. Comitato Regionale In ogni Regione è istituito un Comitato permanente regionale formatola rappresentanti della Regione e da rappresentanti delle OO.SS. ( 3 titolari e 3 supplenti per ognioo.ss.) con la presenza di tecnici delle Aziende sanitarie chiamati dalla Regione e di componenti tecnici chiamati dalle OO.SS.. Il comitato è preposto alla definizione degli accordi regionali e alla verifica della corretta applicazione di essi,nonché alla formulazione di indirizzi sulla formazione e costituzione di gruppi di lavoro. Collegio arbitrale. I medici convenzionati sono tenuti all osservanza degli obblighi e dei compiti previsti dagli accordi nazionali, regionali ed aziendali. Per la valutazione delle violazioni è istitutito il Collegio arbitrale, composto da un Presidente, nominato dalla regione su indicazione dell ordine degli avvocati del capoluogo di regione, 3 componenti nominati dall Assessore regionale sanità, 2 medici di medicina generale designati dalle OO.SS. e 1 medico designato dall ordine dei medici. Compiti essenziali del MMG Gestione del paziente ammalato in condizioni acute Gestione delle patologie croniche Gestione dei malati nell ambito dell assistenza domiciliare programmata e integrata. L espletamento delle sopraddette funzioni si realizza con: - visite ambulatoriali e a domicilio; - consulto con medici specialisti e accesso presso gli ambienti di ricovero; - tenuta della scheda sanitaria individuale; - certificazioni obbligatorie per legge per la riammissione alle scuole; - certificazioni di idoneità all attività sportiva nell ambito scolastico, - certificazioni per incapacità temporanea al lavoro

4 - valutazioni multidimensionali e certificazioni relative alla prestazioni di assistenza domiciliare integrata e per l inserimento nelle RSA; - l adesione a campagne di vaccinazione antinfluenzale rivolte a tutta la popolazione a rischio promosse ed organizzate dalle aziende con modalità concordate - prestazioni aggiuntive Esercizio del diritto di sciopero Sono prestazioni indispensabili di assistenza sanitaria: le visite domiciliari urgenti, l assistenza domiciliare integrata, le forme di assistenza domiciliare programmata a malati terminali. Assistenza ai turisti Il servizio di assistenza medica ai turisti (estiva e invernale) è garantito nelle Asl della regione dove è presente un rilevante afflusso turistico; a queste è demandato di istituire specifiche postazioni. Requisiti e orari di apertura degli studi medici Lo studio del medico convenzionato deve essere dotato degli arredi e delle attrezzature indispensabili per l esercizio della medicina generale, deve disporre di una sala di attesa, di servizi igienici, di illuminazione e aerazione idonea e di strumenti di ricezione delle chiamate. Può essere inserito in una civile abitazione con locali appositamente dedicati. La presenza del collaboratore si studio per almeno 8 ore settimanali e dell infermiere per almeno 4 ore settimanali costituiscono elementi di qualificazione dell offerta essenziali. Lo studio deve essere aperto almeno cinque giorni la settimana, preferibilmente dal lunedì al venerdì, e comunque il lunedì, secondo un orario congruo al buon funzionamento dell assistenza che deve essere comunicato all Azienda Sanitaria ed esposto nello studio. Quote di incentivo sono previste a livello regionale per i medici che garantiscono l attività ambulatoriale il venerdì pomeriggio o il sabato mattina o alternativamente il lunedì mattina. Il medico titolare che si trovi nella impossibilità di prestare la propria opera deve indicare il nome del sostituto, che ne assume tutte le responsabilità professionali, gli orari di apertura dello studio (anche diversi da quelli consueti ma comunque nel rispetto dell orario minimo previsto in relazione al carico assistenziale. Per periodi inferiori ai 30 gg possono svolgere la funzione di sostituto anche medici in trattamento di quiescenza. Massimale di scelte I medici iscritti agli elenchi possono acquisire un numero di scelte pari o inferiori a 1500 unità. I medici che avevano acquisito la possibilità del raggiungimento di 1800 scelte devono rientrare gradualmente nel massimale mediante la sospensione dell attribuzione di nuove scelte. Il medico può autolimitare il proprio massimale a 1000 potenziali scelte. Visite domiciliari La visita deve essere eseguita entro la giornata ove la richiesta pervenga entro le ore dieci; entro le ore dodici del giorno successivo ove la richiesta pervenga dopo le ore dieci. La chiamata urgente deve essere soddisfatta entro il più breve tempo possibile.

5 Nella giornata di sabato il medico non è tenuto a svolgere attività ambulatoriale, ma è obbligato ad eseguire le visite domiciliari richieste entro le dieci dello stesso giorno, nonché quelle non ancora effettuate richieste il giorno precedente. Nei giorni prefestivi valgano le modalità del sabato, con l obbligo di effettuare attività ambulatoriale per i medici che in quel giorno la svolgono ordinariamente al mattino. Rapporto tra medico di famiglia e ospedale Il medico di medicina generale si prende cura del proprio assistito nell accesso all ospedale, può partecipare alla fase diagnostica, curativa e riabilitativa, e può accedere in tutti gli ospedali pubblici e le case di cura convenzionate o accreditate. In particolare al momento delle dimissioni il medico di famiglia deve ricevere dal reparto ospedaliero la relazione clinica contenente l iter diagnostico e terapeutico, nonché i suggerimenti terapeutici per l assistenza del paziente a domicilio. Assistenza farmaceutica La prescrizione di medicinali avviene su giudizio del medico, secondo scienza e coscienza, nel rispetto del prontuario nazionale. Per l anno 2007 uno dei due progetti legati all attribuzione del 50% dell aumento contrattuale della quota capitaria variabile è legato alla appropriatezza prescrittiva, ovvero al confronto con l anno precedente dell utilizzo dei farmaci a brevetto scaduto (cosiddetti farmaci generici). La necessità di erogazione di presidi, siringhe, prodotti dietetici ed ogni altro ausilio viene proposta una volta l anno da parte del medico di assistenza primaria all azienda e l erogazione con eventuale frazionamento viene definita con modalità aziendali. Il medico, ove lo ritenga necessario, formula richiesta di visita, indagine specialistica, prestazione specialistica o proposta di ricovero o di cure termali. Gli assistiti possono accedere nelle strutture pubbliche, senza richiesta del medico curante, alle seguenti specialità: odontoiatria, ostetricia e ginecologia, pediatria, psichiatria, oculistica,limitatamente alle prestazioni optometriche, attività di prevenzione e consultori. La proposta di ricovero ordinario deve essere accompagnata da una apposita scheda compilata dal medico curante che riporti i dati relativi al paziente estratti dalla scheda sanitaria individuale. Assistenza programmata ad assistiti non ambulabili. E compito del medico di medicina generale attivare le forme di assistenza domiciliare programmata inviandone richiesta documentata al distretto. L assistenza domiciliare si articola in tre forme: - assistenza domiciliare programmata nei confronti di soggetti non ambulabili che assicura la presenza effettiva periodica settimanale o quindicinale o mensile del medico in relazione alle ventuali esigenze; - assistenza domiciliare integrata che è svolta assicurando al domicilio del paziente le prestazioni di medicina generale, medicina specialistica, infermieristiche e di riabilitazione, aiuto domestico, assistenza sociale - assistenza domiciliare nei confronti di pazienti ospiti in residenze protette e collettività. Al medico di medicina generale le visite relative ai suddetti programmi sono compensate con quote aggiuntive rispetto alla quota capitarla. La domiciliarità è uno dei compiti messi in rilievo nell accordo regionale da compensare con fondi appositamente destinati. Le Aziende devono definire progetti per valorizzare la funzione di case manager del medico di famiglia e di supporto alla famiglia del paziente fragile.

6 Forme associative dei medici di assistenza primaria. L associazionismo costituisce una modalità organizzativa idonea a meglio garantire la copertura assistenziale e il governo clinico. Le forme associative sono compensate con quote aggiuntive alla quota capitaria prelevate da un apposito fondo che la Regione ha implementato; devono essere approvate dal Comitato regionale in base a caratteristiche strutturali dell offerta che devono qualificare ulteriormente le forme associative (ore complessive di ambulatorio superiori al minimo previsto e articolazione lungo l arco della settimana, contattabilità telefonica per un numero di ore aggiuntivo, presenza di personale di studio per disbrigo pratiche amministrative, condivisione con altri addetti alle cure dell elenco degli assistiti fragili tramite sistema SISS). Nelle forme associative gli orari dei singoli studi devono essere coordinati in modo da garantire complessivamente una disponibilità di accesso per un arco di almeno 6 ore giornaliere distribuite la mattino e al pomeriggio. Nella giornata di sabato e nei prefestivi deve essere assicurata da almeno uno dei medici associati la ricezione delle richieste di visite domiciliari. I medici associati coordinano la propria attività di assistenza domiciliare in modo da garantire la continuità assistenziale anche con forme di rotazione interna di sostituzione per periodi inferiori ai 30 gg. La chiusura pomeridiana di uno degli studi dei medici non deve essere prevista prima delle ore 19. Si distinguono: - Medicina in associazione: non vincolata a sede unica - Medicina in rete: non vincolata a sede unica, ma con collegamento reciproco informatico degli studi medici con possibilità di accesso alle informazioni relative agli assistiti - Medicina di gruppo: con sede unica articolata in più studi medici con condivisione di supporti tecnologici e strumentali e di eventuale personale di segreteria e infermieristico. Le quote di incentivo del Fondo di qualificazione dell offerta previste dall accordo nazionale, secondo l accordo regionale, sono riconosciute ai medici in associazione che prevedano l attività ambulatoriale il venerdì pomeriggio o il sabato mattina o alternativamente il lunedì mattina e che condividano l elenco degli assistiti fragili tramite l uso del SISS. Le quote sono riconosciute ai medici in medicina di gruppo se garantiscono un orario di studio di sette ore/die per cinque giorni la settimana, tre ore di apertura il sabato mattina e la presenza di personale di segreteria e di infermiera superiore del 15% alle condizioni attuali. Visite occasionali I medici possono prestare la propria opera in favore di cittadini italiani e stranieri che si trovano al di fuori del proprio Comune di residenza. Le visite sono compensate direttamente dall assistito con la tariffa di 15,00 per la visita ambulatoriale e di 25,00 per la visita domiciliare. Accordi regionali possono prevedere che il compenso delle visite venga effettuato da parte delle aziende. I medici iscritti negli elenchi possono svolgere attività libero professionale occasionale anche nei confronti dei propri assistiti per: - prestazioni non comprese nei compiti e nelle attività previste dagli accordi e nelle prestazioni aggiuntive - prestazioni richieste nelle fasce orarie notturne, prefestive e festive - prestazioni inerenti alla specializzazione posseduta

7 I medici iscritti negli elenchi possono svolgere anche attività libero professionale strutturata in forma organizzata e continuativa al di fuori degli orari di studio dedicati all attività convenzionale. Continuità assistenziale Per garantire la continuità dell assistenza per l intero arco della giornata e per tutti i giorni della settimana, le aziende, sulla base della organizzazione distrettuale dei servizi, organizzano le attività sanitarie per assicurare le prestazioni territoriali non differibili dalle ore 8 del sabato e dalle ore 10 del prefestivi fino alle ore 8 del giorno successivo al festivo e dalle ore 20 alle ore 8 di tutti i giorni feriali. L azienda organizza anche turni di reperibilità domiciliare nei seguenti orari: - dalle ore 19 alle ore 20,30 di tutti i giorni feriali e festivi; - dalle ore 9 alle ore 10,30 dei giorni prefestivi; - dalle ore 7 alle ore 8,30 dei giorni festivi. La continuità assistenziale è assicurata da medici incaricati in base ad apposite graduatorie. Il numero previsto di medici addetti è nel rapporto di un medico ogni 5000 abitanti. Possono concorrere al conferimento di incarico anche medici con incarico di assistenza primaria o di pediatria di base con un carico di assistiti rispettivamente inferiore a 650 e 350 (in casi particolari la regione Lombardia autorizza il raggiungimento di 900 scelte). Il conferimento dell incarico di continuità assistenziale avviene per un orario settimanale di 24 ore suddiviso in turni notturni e diurni festivi di 12 ore e prefestivi di 10 ore in caso di periodi di morbilità è consentito l aumento delle ore). L incarico è compensato a quota oraria. In caso di organizzazione del servizio in forme associative strutturali delle cure primarie o in UTAP (unità territoriali di assistenza primaria) il conferimento dell incarico è di 38 ore settimanali, di cui 14 in attività diurna feriale. In tal caso il rapporto è esclusivo. Il medico di continuità assistenziale deve lasciare relazione del proprio operato al medico di famiglia. Le aziende devono fornire agli assistiti adeguata informazione sulle attività e sui luoghi di erogazione, anche attraverso una specifica carta dei servizi e auspicabili contatti tra il personale dell URP (ufficio relazioni con il pubblico) e il Servizio di Continuità Assistenziale. Ai medici l azienda fornisce farmaci e materiale sanitario necessari, mezzo idoneo di trasporto e sede adeguata L accordo regionale pone particolare attenzione al servizio di continuità assistenziale prevedendo fondi aggiuntivi per la retribuzione maggiorata di ore festive e in particolare per la formazione e l aggiornamento professionale. Sono previsti fondi per finanziare progetti a livello aziendale per l integrazione con il sistema delle cure primarie nella cura di pazienti anziani e in condizioni di fragilità o criticità anche temporanea, con il coinvolgimento dei medici di continuità assistenziale in attività domiciliari da svolgersi anche nelle ore feriali diurne ed in accessi domiciliari programmati su richiesta del medico di famiglia con particolare riguardo ai periodi di festività consecutive. Le Azienda possono anche garantire un attività ambulatoriale strutturata presso le sedi della Continuità Assistenziale a libero accesso nei diurni festivi e prefestivi in orari concordati.

8 Emergenza territoriale Il servizio di emergenza territoriale consiste nell assicurare un complesso di servizi e prestazioni garantiti da una centrale operativa cui fa riferimento il numero telefonico nazionale 118 e alla quale devono affluire tutte le richieste di intervento. Il servizio nella regione Lombardia è stato con recente deliberazione accentrato in una nuova azienda : l azienda regionale dell Emergenze Urgenza che è ancora in fase di definizione per struttura organizzazione. Attualmente il servizio è organizzato a livello provinciale e il coordinamento è affidato a un medico ospedaliero e collegato ad una Azienda ospedaliera dotata di Dipartimento di emergenza urgenza. Sistema CRS SISS (Carta Regionale Servizi- Servizio Informativo Socio Sanitario) La CRS sostituisce la Tessera Sanitaria Nazionale cartacea, è ufficialmente anche tessera del codice fiscale, ha funzione di Tessera Europea di Assicurazione Malattia e quindi sostituisce il modello E-111, richiesto per l assistenza sanitaria, nei Paesi dell Unione Europea. Nel microprocessore sono registrati i dati personali, i dati amministrativi (codice assistito, Asl di appartenenza, Medico Curante) e i dati di esenzione sanitaria; è noltre possibile registrare sulla CRS i dati sanitari di emergenza (gruppo sanguigno, allergie, vaccinazioni, malattie croniche, terapie farmacologiche, ecc.) La carta è stata inviata a tutti i cittadini lombardi (in caso di mancato ricevimento o di smarrimento rivolgersi alla Asl o contattare il numero verde ) ed è già attiva per i dati memorizzati. Per consentire il trattamento dei dati con finalità di cura, ovvero poter utilizzare il sistema della banca dati per la consultazione da parte del medico curante dei dati diagnostici inseriti, occorre compilare il modulo per il consenso al trattamento dei dati consegnato insieme alla CRS (in caso di smarrimento si può richiedere alla Asl o agli uffici postali). Il cittadino può accedere direttamente tramite proprio computer alla consultazione della propria storia clinica utilizzando il Codice Personale (PIN) da richiedere presso gli Uffici Postali (o la Asl in alcuni Comuni) consegnando il modulo di Consenso al Trattamento dei Dati. A sistema completamente attivato il medico curante sarà in grado di leggere i dati della CRS, i dati archiviati nel SISS, i dati diagnostici immediatamente disponibili, fare prescrizioni farmaceutiche e diagnostiche, prenotare visite ed esami (comunque sempre e solo se, per il rapporto di fiducia instaurato, è stato sottoscritto il Consenso al trattamento dei dati). In caso di ricovero al Pronto Soccorso, in casi particolarmente gravi e di urgenza, il Medico in servizio può accedere ai dati dell archivio del paziente. Da aggiungere eventualmente TICKET sanità lombarda Tempi di attesa CUP

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO.

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. ALLEGATO A PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. TITOLI ACCADEMICI VOTO DI LAUREA Medici Specialisti ambulatoriali, Odontoiatri,

Dettagli

Visto il decreto legislativo 30 dicembre 1992 n. 502 e successive integrazioni e modificazioni;

Visto il decreto legislativo 30 dicembre 1992 n. 502 e successive integrazioni e modificazioni; ACCORDO COLLETTIVO NAZIONALE PER LA DISCIPLINA DEI RAPPORTI CON I MEDICI DI MEDICINA GENARALE AI SENSI DELL ART. 8 DEL D.LGS. N. 502 DEL 1992 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI ED INTEGRAZIONI QUADRIENNIO NORMATIVO

Dettagli

Guida alle prestazioni ambulatoriali

Guida alle prestazioni ambulatoriali Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a P r e s i d i o O s p e d a l i e r o P AP AR D O Guida alle prestazioni ambulatoriali Gentile Signore/a, l Azienda,

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili U.O. AFFARI GENERALI E SEGRETERIA

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari

Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari LA PROGRAMMAZIONE REGIONALE IN TEMA DI CURE DOMICILIARI E ANALISI DEL DECRETO COMMISSARIALE N. 1/2013 Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari Annalisa

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

ACCORDO COLLETTIVO NAZIONALE PER LA DISCIPLINA DEI RAPPORTI CON I MEDICI DI MEDICINA GENERALE, AI SENSI DELL ART. 8 DEL DECRETO LEGISLATIVO 502/92

ACCORDO COLLETTIVO NAZIONALE PER LA DISCIPLINA DEI RAPPORTI CON I MEDICI DI MEDICINA GENERALE, AI SENSI DELL ART. 8 DEL DECRETO LEGISLATIVO 502/92 ACCORDO COLLETTIVO NAZIONALE PER LA DISCIPLINA DEI RAPPORTI CON I MEDICI DI MEDICINA GENERALE, AI SENSI DELL ART. 8 DEL DECRETO LEGISLATIVO 502/92 COME MODIFICATO DAI DECRETI LEGISLATIVI N. 517/93 E N.

Dettagli

Guida ai diritti del malato

Guida ai diritti del malato Guida ai diritti del malato ERRORI MEDICI? DIMISSIONI FORZATE? INVALIDITÀ CIVILI NEGATE? LISTE D ATTESA INTERMINABILI? CARTE DEI SERVIZI INTROVABILI? DANNI DA TRASFUSIONI E DA VACCINAZIONI OBBLIGATORIE?

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Premessa La Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento di Protezione Civile, in base alla Legge

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU32 09/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 30 luglio 2012, n. 45-4248 Il nuovo modello integrato di assistenza residenziale e semiresidenziale socio-sanitaria a favore delle

Dettagli

Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna

Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei Servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei Servizi La presente Carta dei servizi è stata realizzata a cura di: - Qualità e Accreditamento dell

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 244 IN DATA 28 OTTOBRE 1997. MODIFICATO CON DELIBERAZIONI

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU)

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) REGIONE TOSCANA AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI LAVORO AUTONOMO LIBERO PROFESSIONALE A T. D. PER L'ACQUISIZIONE DI PRESTAZIONI

Dettagli

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Pag. 1 di 5 REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Oggetto Art. 1 Il Servizio Art. 2 L Utenza Art. 3 La domanda di Accoglienza Art. 4 Il Processo di Accoglienza Art.

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

Stato giuridico del personale delle Unità sanitarie locali

Stato giuridico del personale delle Unità sanitarie locali Testo aggiornato al 15 dicembre 2005 Decreto del Presidente della Repubblica 20 dicembre 1979, n. 761 Gazzetta Ufficiale 15 febbraio 1980, n. 45, S. O. Stato giuridico del personale delle Unità sanitarie

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO A. LA NUOVA MODALITA 3 B. RILASCIO DELL ATTESTATO DI ESENZIONE 5 C. REQUISITI PER L ESENZIONE

Dettagli

Regolamento per la gestione dei contratti di lavoro part-time (approvato con determinazione n 172 del 15.4.2013) Art. 1 - Oggetto

Regolamento per la gestione dei contratti di lavoro part-time (approvato con determinazione n 172 del 15.4.2013) Art. 1 - Oggetto Regolamento per la gestione dei contratti di lavoro part-time (approvato con determinazione n 172 del 15.4.2013) Art. 1 - Oggetto Il presente Regolamento disciplina le procedure per la trasformazione del

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

A.C.N. SPECIALISTICA AMBULATORIALE ED ALTRE PROFESSIONALITA' GRADUATORIE DOMANDE REQUISITI.

A.C.N. SPECIALISTICA AMBULATORIALE ED ALTRE PROFESSIONALITA' GRADUATORIE DOMANDE REQUISITI. A.C.N. SPECIALISTICA AMBULATORIALE ED ALTRE PROFESSIONALITA' GRADUATORIE DOMANDE REQUISITI. - Il professionista, medico specialista, il medico veterinario e delle altre professionalità sanitarie di cui

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

Tracciato Import-Export CareStudio 2.0

Tracciato Import-Export CareStudio 2.0 Il seguente documento definisce i contenuti ed il formato delle informazioni importabili ed esportabili del sistema. Per ciascuna tipologia di informazione è previsto un file di testo codificato secondo

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA. Guida ai Servizi Territoriali del Distretto Socio-Sanitario N 20 CASAL DI PRINCIPE

AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA. Guida ai Servizi Territoriali del Distretto Socio-Sanitario N 20 CASAL DI PRINCIPE AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA Guida ai Servizi Territoriali del Distretto Socio-Sanitario N 20 CASAL DI PRINCIPE 2013 0 La Guida ai servizi territoriali del Distretto Socio-sanitario n. 20 : come e

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

Invalido dal 33% al 73%

Invalido dal 33% al 73% Invalido dal 33% al 73% Definizione presente nel verbale: "Invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore ad 1/3 (art. 2, L. 118/1971)". Nel certificato può essere precisata

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

Pronto Soccorso e Sistema 118

Pronto Soccorso e Sistema 118 PROGETTO PRONTO SOCCORSO E SISTEMA 118 Ministero della Salute Progetto Mattoni SSN Pronto Soccorso e Sistema 118 Ricognizione della normativa, delle esperienze, delle sperimentazioni, relativamente a emergenza

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

MODALITA DI PRENOTAZIONE

MODALITA DI PRENOTAZIONE DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA MEDICINA DELLO SPORT MODALITA DI PRENOTAZIONE U.O.C.- CENTRO DI MEDICINA DELLO SPORT DI 2 LIVELL O CASALECCHIO DI RENO AMBULATORI DI 1 LIVELLO Per prenotare le visite di

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PART-TIME

REGOLAMENTO DEL PART-TIME REGOLAMENTO DEL PART-TIME (approvato con deliberazione di Giunta comunale n. 279 del 14/11/2012, integrato con deliberazione di Giunta comunale n. 311 del 17/12/2013 e, da ultimo, modificato con deliberazione

Dettagli

RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Approvato con atto deliberativo n. 105 del 29.3.2011 REGOLAMENTO AZIENDALE per la DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE per il Personale Dipendente dell Area del COMPARTO FINALITA : Il presente

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

ESENZIONI PER CONDIZIONE ECONOMICA ED ETA

ESENZIONI PER CONDIZIONE ECONOMICA ED ETA Esenzione dalla spesa farmaceutica Tabella Riepilogativa - Modalità di compilazione della a partire dal 1 luglio 2011 ESENZIONI PER CONDIZIONE ECONOMICA ED ETA a carico Esenzione Totale e quota E03 E04

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

Enti Pubblici ASL AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE ROMA G

Enti Pubblici ASL AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE ROMA G Enti Pubblici ASL AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE ROMA G Avviso Avviso pubblico, per titoli e colloquio, per la copertura a tempo determinato di n. 12 posti di Dirigente medico - Area medica e delle specialità

Dettagli

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI Fondazione di partecipazione dei Comuni di Casole d Elsa Colle di Val d Elsa Poggibonsi San Gimignano Radicondoli REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI - 1- INDICE Premessa... 5 Titolo Primo

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Delibera di Giunta - N.ro 1999/1378 - approvato il 26/7/1999 Oggetto: DIRETTIVA PER L' INTEGRAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI E SANITARIE ED A RILIEVO SANITARIO A FAVORE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ASSISTITI

Dettagli

Elenco provvidenze nuova mutualità

Elenco provvidenze nuova mutualità Elenco provvidenze nuova mutualità Tipologia sussidio Importo erogato Periodicità del sussidio Documentazione da allegare Ricovero 15,00 al giorno (per massimo 20 giorni all anno) Ogni anno Certificato

Dettagli

SELEZIONI INTERNE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N.5 POSTI DI OPERATORE TECNICO SPECIALIZZATO-AUTOMEZZI, N.

SELEZIONI INTERNE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N.5 POSTI DI OPERATORE TECNICO SPECIALIZZATO-AUTOMEZZI, N. Azienda Ospedaliera Nazionale SS. Antonio e Biagio e Cesare Arrigo Alessandria Via Venezia, 16 15121 ALESSANDRIA Tel. 0131 206111 www.ospedale.al.it asoalessandria@pec.ospedale.al.it C. F. P. I. 0 1 6

Dettagli

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale 1 - Individuazione qualifiche e numero di rapporti di lavoro a tempo parziale Il rapporto di lavoro a tempo parziale, anche se a tempo

Dettagli

COMUNE DI VILLACHIARA. Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI

COMUNE DI VILLACHIARA. Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI COMUNE DI VILLACHIARA Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI (Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 174 del 22/10/1997,

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI CAGLIARI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO DEI DIPENDENTI DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI

UNIVERSITA DEGLI STUDI CAGLIARI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO DEI DIPENDENTI DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI UNIVERSITA DEGLI STUDI CAGLIARI CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO DEI DIPENDENTI DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 (Campo di applicazione) 1. Il presente Contratto

Dettagli

Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata

Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata Rapporto sull Assistenza Domiciliare Integrata Indice Premessa 2 Capitolo I: introduzione 1. Il contesto normativo: la legge 328/2000 3 2. La ricognizione 6 Sintesi dei principali risultati Capitolo II:

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

SJ. /.;j.,/!1f l.9-,ç; Prot. D.3Wledel

SJ. /.;j.,/!1f l.9-,ç; Prot. D.3Wledel SJ. '. :! I. l i,... ". ' ~i"ne 'Cumj'oniu f/$eddén&e Prot. D.3Wledel /.;j.,/!1f l.9-,ç; Ai Commissari Straordinari delle Aziende Sanitarie Locali Ai Direttori Generali delle Aziende Ospedaliere Ai Direttori

Dettagli

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 27/07/1957 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO II Fascia AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t 1

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t 1 1 LEGGE REGIONALE Norme in materia sanitaria 2 LEGGE REGIONALE Norme in materia sanitaria Il Consiglio regionale ha approvato la seguente legge: Art. 1 (Integrazione del comma 40 dell articolo 3 della

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE La sottoscritta Nannini Emanuela nata ad Arezzo il 20.08.1965, consapevole della decadenza dai benefici di cui all art. 75 del DPR 445/2000 e dalle norme penali

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

Linee di indirizzo per l attività libero professionale intramuraria

Linee di indirizzo per l attività libero professionale intramuraria Linee di indirizzo per l attività libero professionale intramuraria 1/24 NORMATIVA DI RIFERIMENTO Decreto Legislativo 30.12.1992, n. 502 (e successive modificazioni ed integrazioni); Legge 23 dicembre

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI Ufficio del Piano di Zona Sociale dell' Ambito Territoriale A 1 COMUNE DI ARIANO IRPINO Capofila REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI erogato nei Comuni dell ambito territoriale

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO 1 PUBBLICATO ALL ALBO DELL ASL 2 SAVONESE IL 08.01.2010 SCADE IL 28.01.2010 AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO In attuazione della deliberazione del Direttore Generale

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Il lavoro subordinato

Il lavoro subordinato Il lavoro subordinato Aggiornato a luglio 2012 1 CHE COS È? Il contratto di lavoro subordinato è un contratto con il quale un lavoratore si impegna a svolgere una determinata attività lavorativa alle dipendenze

Dettagli

Manuale Utente SCELTA REVOCA MEDICO ON LINE. Versione 1.0.0

Manuale Utente SCELTA REVOCA MEDICO ON LINE. Versione 1.0.0 Manuale Utente SCELTA REVOCA MEDICO ON LINE Versione 1.0.0 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. USO DEL SERVIZIO E FUNZIONALITÀ... 3 2.1 Funzionalità di Revoca del proprio medico... 4 2.2 Funzionalità di scelta/revoca

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

.. QUANDO?.. DOVE?... COME?

.. QUANDO?.. DOVE?... COME? S.S.V.D. ASSISTENZA INTEGRATIVA E PROTESCA CHI?.. QUANDO?.. DOVE?... COME? Rag. Coll. Amm. Rita Papagna Dott.ssa Laura Signorotti PRESIDI EROGABILI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE D.M. n.332 del 27 agosto

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli