CITTADINI E SALUTE Instaurazione del rapporto convenzionale da parte del Medico di medicina generale.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CITTADINI E SALUTE Instaurazione del rapporto convenzionale da parte del Medico di medicina generale."

Transcript

1 CITTADINI E SALUTE In Italia attraverso il Servizio Sanitario ad ogni cittadino è garantita la salute secondo i livelli essenziali di assistenza (LEA). Con la legge Costituzionale 18 ottobre 2001 n. 3, che ha modificato il titolo V della Costituzione, alle Regioni è stata affidata piena podestà sul piano legislativo e regolamentare in materia di salute, fatte salve le competenze attribuite allo Stato, come appunto la definizione dei LEA. Il Medico di Medicina Generale è il primo e indispensabile collegamento tra il Servizio sanitario e il cittadino, fornisce un accesso diretto ed illimitato ai suoi utenti, si occupa di tutti i problemi di salute, assumendo, se necessario, il ruolo di difensore dell interesse dei pazienti, ha una responsabilità specifica della salute della comunità e si occupa dei problemi di salute nella loro dimensione fisica, psicologica, sociale, culturale ed esistenziale. I diritti ed i doveri dei Medici di Medicina Generale sono definiti attraverso accordi nazionali, regionali ed aziendali che regolano l attività, nell ambito del SSN, relative ai settori dell assistenza primaria, della continuità assistenziale, della medicina dei servizi territoriali, dell emergenza sanitaria territoriale. L accordo nazionale 2005, reso esecutivo in data 23 marzo 2005, tiene conto del Piano Sanitario Nazionale , approvato il 23 maggio 2003, che, a 25 anni dall entrata in vigore della legge n. 833 del 1978 (che aveva istituito il Servizio Sanitario Nazionale abolendo le Mutue ), pone il problema di un ripensamento della organizzazione del SSN, individuando il territorio quale punto di forza per la organizzazione della risposta sanitaria e della integrazione tra prestazioni sanitarie, socio sanitarie e sociali, a garanzia dei livelli essenziali e della appropriatezza delle prestazioni. Obiettivo fondamentale è garantire su tutto il territorio nazionale, oltre alla erogazione dei LEA, la continuità dell assistenza 24 ore su 24 e 7 giorni su 7, con la presa in carico dell utente e ristabilire un riequilibrio tra ospedale e territorio,favorendo le prestazioni erogabili sul territorio e riservando all ospedale il ruolo proprio di azione per le patologie che necessitano di un ricovero. Le novità normative introdotte dalla legge costituzionale rendono importanti i tre livelli di contrattazione: nazionale, regionale, aziendale. Il contratto nazionale individua: - le garanzie per i cittadini, - il ruolo, le responsabilità, i criteri di verifica e le garanzie per il personale convenzionato (medici di medicina generale, pediatri, medici specialisti e professionisti territoriali), - i servizi per assicurare i LEA, - la compatibilità economica, - le responsabilità di Regioni e Aziende per applicare l accordo. Il livello di contrattazione regionale definisce gli obiettivi di salute, i modelli organizzativi e gli strumenti per attuarli, incentivando e remunerando i compiti per realizzare le finalità e le strategie del Servizio Sanitario Regionale. La contrattazione aziendale definisce i progetti e le attività necessarie per l attuazione degli obiettivi della programmazione regionale. La Giunta regionale della Lombardia nel mese di maggio ha deliberato la preintesa dell Accordo regionale con i Medici di medicina Generale, che dà attuazione in sede regionale all accordo nazionale. Instaurazione del rapporto convenzionale da parte del Medico di medicina generale. Ogni azienda sanitaria tiene l elenco dei medici convenzionati, inseriti in una graduatoria regionale annuale in base a punteggi relativi a titoli accademici e di studio e di servizio.

2 L assistenza è organizzata per ambiti territoriali (comuni singoli, gruppi di comuni o distretti con popolazione non inferiore a 7000 abitanti in casi particolari 5000). Gli ambiti territoriali devono garantire una consistenza di popolazione tale da essere funzionale sia al governo clinico, sia alla possibilità di acquisizione da parte del medico di un numero di scelte significative. La Regione Lombardia prevede che possa essere iscritto un medico ogni 1300 abitanti residenti o frazione superiore a 600, detratta la popolazione di età compresa tra 0 e 14 anni. Viene demandato alle Aziende sanitarie con il recente accordo regionale locali la verifica ed eventuale ridefinizione degli ambiti territoriali (in caso di modifica degli ambiti territoriali il medico conserva tutte le scelte in suo carico anche se appartenenti a ambiti diversi a conseguenza della modifica). Il medico che accetta l incarico deve entro 90 giorni aprire uno studio idoneo nell ambito territoriale indicato e trasferire la residenza o il domicilio nel Comune dell ambito territoriale assegnato. Il medico può aprire più studi nell ambito territoriale o nello stesso Comune, assicurando comunque l apertura del primo studio idonea ad assicurare l accesso alla popolazione anziana. Il rapporto tra medico di medicina generale e Azienda cessa al compimento del 65 anno di età, con possibilità di proroga per un biennio. Trattamento economico Il trattamento economico dei medici convenzionati è costituito da una quota capitaria fissa base di 38,62 per assistito. Tale quota è incrementata di 15,49 per assistito di età superiore ai 75 anni e di 18,08 per assistito di età inferiore ai 14 anni. Ad esaurimento viene mantenuto l incremento della quota capitaria in rapporto all anzianità di laurea. Sono previste quote variabili in base a rimborsi per attività in associazione, per assistente ed infermiere di studio, per aggiornamento informatico,. Sono istituiti Fondi per la incentivazione della qualificazione dell offerta. Le prestazioni aggiuntive, l assistenza in zone disagiate, le visite per assistenza programmata sono retribuite con compensi apposti su presentazione di adeguata documentazione. Scelta e revoca del medico di fiducia La costituzione e lo svolgimento del rapporto tra medico e assistito sono fondati sul rapporto di fiducia. Ciascun cittadino avente diritto all atto del rilascio del documento di iscrizione al Servizio Sanitario, sceglie per sé e per i propri familiari o soggetti conviventi il medico di fiducia tra quelli iscritti nell elenco del proprio ambito territoriale. Il figlio, il coniuge o il convivente dell assistito in carico al medico di medicina generale, purchè anagraficamente facenti parte dello stesso nucleo familiare, possono effettuare la scelta a favore dello stesso medico, anche in deroga al massimale ( la deroga non può comunque superare il 5%). La scelta ha validità annuale e, salvo revoca nel corso dell anno, è tacitamente rinnovata. L assistito può revocare la scelta dandone comunicazione alla competente Azienda ed effettuando contemporaneamente una nuova scelta. Anche il medico può ricusare la scelta dandone motivata comunicazione all Azienda. Per i cittadini non residenti la scelta è a tempo determinato da un minimo di 3 mesi ad un massimo di un anno prorogabile. (Le scelte temporanee non incidono sul massimale che può arrivare in questi casi fino a 1750 scelte).

3 In caso di trasferimento di residenza in comuni di ambiti territoriali diversi all interno della medesima azienda, non si applica la revoca della scelta d ufficio ma solo in presenza di una nuova scelta, così pure in caso di trasferimento ad ambito limitrofo ma di diversa azienda, previa accettazione del medico e parere del Comitato aziendale, è consentito all assistito mantenere la scelta del medico in essere. Semestralmente le Aziende inviano ai medici l elenco nominativo delle scelte in carico e mensilmente le variazioni nominative Cittadini extracomunitari Per i cittadini extracomunitari, in regola con le norme in materia di soggiorno, la scelta è a tempo determinato e ha validità pari a quella del permesso di soggiorno. La scelta è automaticamente rinnovata alla scadenza, anche nelle more del rinnovo del permesso di soggiorno, fatta eccezione per i casi di cambio di residenza o di mancato rinnovo del permesso a seguito di comunicazione della Questura. Organismi rappresentativi Comitato Aziendale In ogni azienda è costituito un comitato aziendale composto da rappresentanti dell Azienda e da rappresentanti delle OO.SS (3 titolari e 3 supplenti per ogni OO.SS. per le asl oltre i abitanti e 2 titolari e 2 supplenti per le Asl sotto i abitanti) con il compito di esprimere pareri obbligatori in merito alle deroghe sui massimali di scelta, sulle incompatibilità, sulle variazioni degli ambiti territoriali, sulla individuazione delle zone disagiate, ecc. Comitato Regionale In ogni Regione è istituito un Comitato permanente regionale formatola rappresentanti della Regione e da rappresentanti delle OO.SS. ( 3 titolari e 3 supplenti per ognioo.ss.) con la presenza di tecnici delle Aziende sanitarie chiamati dalla Regione e di componenti tecnici chiamati dalle OO.SS.. Il comitato è preposto alla definizione degli accordi regionali e alla verifica della corretta applicazione di essi,nonché alla formulazione di indirizzi sulla formazione e costituzione di gruppi di lavoro. Collegio arbitrale. I medici convenzionati sono tenuti all osservanza degli obblighi e dei compiti previsti dagli accordi nazionali, regionali ed aziendali. Per la valutazione delle violazioni è istitutito il Collegio arbitrale, composto da un Presidente, nominato dalla regione su indicazione dell ordine degli avvocati del capoluogo di regione, 3 componenti nominati dall Assessore regionale sanità, 2 medici di medicina generale designati dalle OO.SS. e 1 medico designato dall ordine dei medici. Compiti essenziali del MMG Gestione del paziente ammalato in condizioni acute Gestione delle patologie croniche Gestione dei malati nell ambito dell assistenza domiciliare programmata e integrata. L espletamento delle sopraddette funzioni si realizza con: - visite ambulatoriali e a domicilio; - consulto con medici specialisti e accesso presso gli ambienti di ricovero; - tenuta della scheda sanitaria individuale; - certificazioni obbligatorie per legge per la riammissione alle scuole; - certificazioni di idoneità all attività sportiva nell ambito scolastico, - certificazioni per incapacità temporanea al lavoro

4 - valutazioni multidimensionali e certificazioni relative alla prestazioni di assistenza domiciliare integrata e per l inserimento nelle RSA; - l adesione a campagne di vaccinazione antinfluenzale rivolte a tutta la popolazione a rischio promosse ed organizzate dalle aziende con modalità concordate - prestazioni aggiuntive Esercizio del diritto di sciopero Sono prestazioni indispensabili di assistenza sanitaria: le visite domiciliari urgenti, l assistenza domiciliare integrata, le forme di assistenza domiciliare programmata a malati terminali. Assistenza ai turisti Il servizio di assistenza medica ai turisti (estiva e invernale) è garantito nelle Asl della regione dove è presente un rilevante afflusso turistico; a queste è demandato di istituire specifiche postazioni. Requisiti e orari di apertura degli studi medici Lo studio del medico convenzionato deve essere dotato degli arredi e delle attrezzature indispensabili per l esercizio della medicina generale, deve disporre di una sala di attesa, di servizi igienici, di illuminazione e aerazione idonea e di strumenti di ricezione delle chiamate. Può essere inserito in una civile abitazione con locali appositamente dedicati. La presenza del collaboratore si studio per almeno 8 ore settimanali e dell infermiere per almeno 4 ore settimanali costituiscono elementi di qualificazione dell offerta essenziali. Lo studio deve essere aperto almeno cinque giorni la settimana, preferibilmente dal lunedì al venerdì, e comunque il lunedì, secondo un orario congruo al buon funzionamento dell assistenza che deve essere comunicato all Azienda Sanitaria ed esposto nello studio. Quote di incentivo sono previste a livello regionale per i medici che garantiscono l attività ambulatoriale il venerdì pomeriggio o il sabato mattina o alternativamente il lunedì mattina. Il medico titolare che si trovi nella impossibilità di prestare la propria opera deve indicare il nome del sostituto, che ne assume tutte le responsabilità professionali, gli orari di apertura dello studio (anche diversi da quelli consueti ma comunque nel rispetto dell orario minimo previsto in relazione al carico assistenziale. Per periodi inferiori ai 30 gg possono svolgere la funzione di sostituto anche medici in trattamento di quiescenza. Massimale di scelte I medici iscritti agli elenchi possono acquisire un numero di scelte pari o inferiori a 1500 unità. I medici che avevano acquisito la possibilità del raggiungimento di 1800 scelte devono rientrare gradualmente nel massimale mediante la sospensione dell attribuzione di nuove scelte. Il medico può autolimitare il proprio massimale a 1000 potenziali scelte. Visite domiciliari La visita deve essere eseguita entro la giornata ove la richiesta pervenga entro le ore dieci; entro le ore dodici del giorno successivo ove la richiesta pervenga dopo le ore dieci. La chiamata urgente deve essere soddisfatta entro il più breve tempo possibile.

5 Nella giornata di sabato il medico non è tenuto a svolgere attività ambulatoriale, ma è obbligato ad eseguire le visite domiciliari richieste entro le dieci dello stesso giorno, nonché quelle non ancora effettuate richieste il giorno precedente. Nei giorni prefestivi valgano le modalità del sabato, con l obbligo di effettuare attività ambulatoriale per i medici che in quel giorno la svolgono ordinariamente al mattino. Rapporto tra medico di famiglia e ospedale Il medico di medicina generale si prende cura del proprio assistito nell accesso all ospedale, può partecipare alla fase diagnostica, curativa e riabilitativa, e può accedere in tutti gli ospedali pubblici e le case di cura convenzionate o accreditate. In particolare al momento delle dimissioni il medico di famiglia deve ricevere dal reparto ospedaliero la relazione clinica contenente l iter diagnostico e terapeutico, nonché i suggerimenti terapeutici per l assistenza del paziente a domicilio. Assistenza farmaceutica La prescrizione di medicinali avviene su giudizio del medico, secondo scienza e coscienza, nel rispetto del prontuario nazionale. Per l anno 2007 uno dei due progetti legati all attribuzione del 50% dell aumento contrattuale della quota capitaria variabile è legato alla appropriatezza prescrittiva, ovvero al confronto con l anno precedente dell utilizzo dei farmaci a brevetto scaduto (cosiddetti farmaci generici). La necessità di erogazione di presidi, siringhe, prodotti dietetici ed ogni altro ausilio viene proposta una volta l anno da parte del medico di assistenza primaria all azienda e l erogazione con eventuale frazionamento viene definita con modalità aziendali. Il medico, ove lo ritenga necessario, formula richiesta di visita, indagine specialistica, prestazione specialistica o proposta di ricovero o di cure termali. Gli assistiti possono accedere nelle strutture pubbliche, senza richiesta del medico curante, alle seguenti specialità: odontoiatria, ostetricia e ginecologia, pediatria, psichiatria, oculistica,limitatamente alle prestazioni optometriche, attività di prevenzione e consultori. La proposta di ricovero ordinario deve essere accompagnata da una apposita scheda compilata dal medico curante che riporti i dati relativi al paziente estratti dalla scheda sanitaria individuale. Assistenza programmata ad assistiti non ambulabili. E compito del medico di medicina generale attivare le forme di assistenza domiciliare programmata inviandone richiesta documentata al distretto. L assistenza domiciliare si articola in tre forme: - assistenza domiciliare programmata nei confronti di soggetti non ambulabili che assicura la presenza effettiva periodica settimanale o quindicinale o mensile del medico in relazione alle ventuali esigenze; - assistenza domiciliare integrata che è svolta assicurando al domicilio del paziente le prestazioni di medicina generale, medicina specialistica, infermieristiche e di riabilitazione, aiuto domestico, assistenza sociale - assistenza domiciliare nei confronti di pazienti ospiti in residenze protette e collettività. Al medico di medicina generale le visite relative ai suddetti programmi sono compensate con quote aggiuntive rispetto alla quota capitarla. La domiciliarità è uno dei compiti messi in rilievo nell accordo regionale da compensare con fondi appositamente destinati. Le Aziende devono definire progetti per valorizzare la funzione di case manager del medico di famiglia e di supporto alla famiglia del paziente fragile.

6 Forme associative dei medici di assistenza primaria. L associazionismo costituisce una modalità organizzativa idonea a meglio garantire la copertura assistenziale e il governo clinico. Le forme associative sono compensate con quote aggiuntive alla quota capitaria prelevate da un apposito fondo che la Regione ha implementato; devono essere approvate dal Comitato regionale in base a caratteristiche strutturali dell offerta che devono qualificare ulteriormente le forme associative (ore complessive di ambulatorio superiori al minimo previsto e articolazione lungo l arco della settimana, contattabilità telefonica per un numero di ore aggiuntivo, presenza di personale di studio per disbrigo pratiche amministrative, condivisione con altri addetti alle cure dell elenco degli assistiti fragili tramite sistema SISS). Nelle forme associative gli orari dei singoli studi devono essere coordinati in modo da garantire complessivamente una disponibilità di accesso per un arco di almeno 6 ore giornaliere distribuite la mattino e al pomeriggio. Nella giornata di sabato e nei prefestivi deve essere assicurata da almeno uno dei medici associati la ricezione delle richieste di visite domiciliari. I medici associati coordinano la propria attività di assistenza domiciliare in modo da garantire la continuità assistenziale anche con forme di rotazione interna di sostituzione per periodi inferiori ai 30 gg. La chiusura pomeridiana di uno degli studi dei medici non deve essere prevista prima delle ore 19. Si distinguono: - Medicina in associazione: non vincolata a sede unica - Medicina in rete: non vincolata a sede unica, ma con collegamento reciproco informatico degli studi medici con possibilità di accesso alle informazioni relative agli assistiti - Medicina di gruppo: con sede unica articolata in più studi medici con condivisione di supporti tecnologici e strumentali e di eventuale personale di segreteria e infermieristico. Le quote di incentivo del Fondo di qualificazione dell offerta previste dall accordo nazionale, secondo l accordo regionale, sono riconosciute ai medici in associazione che prevedano l attività ambulatoriale il venerdì pomeriggio o il sabato mattina o alternativamente il lunedì mattina e che condividano l elenco degli assistiti fragili tramite l uso del SISS. Le quote sono riconosciute ai medici in medicina di gruppo se garantiscono un orario di studio di sette ore/die per cinque giorni la settimana, tre ore di apertura il sabato mattina e la presenza di personale di segreteria e di infermiera superiore del 15% alle condizioni attuali. Visite occasionali I medici possono prestare la propria opera in favore di cittadini italiani e stranieri che si trovano al di fuori del proprio Comune di residenza. Le visite sono compensate direttamente dall assistito con la tariffa di 15,00 per la visita ambulatoriale e di 25,00 per la visita domiciliare. Accordi regionali possono prevedere che il compenso delle visite venga effettuato da parte delle aziende. I medici iscritti negli elenchi possono svolgere attività libero professionale occasionale anche nei confronti dei propri assistiti per: - prestazioni non comprese nei compiti e nelle attività previste dagli accordi e nelle prestazioni aggiuntive - prestazioni richieste nelle fasce orarie notturne, prefestive e festive - prestazioni inerenti alla specializzazione posseduta

7 I medici iscritti negli elenchi possono svolgere anche attività libero professionale strutturata in forma organizzata e continuativa al di fuori degli orari di studio dedicati all attività convenzionale. Continuità assistenziale Per garantire la continuità dell assistenza per l intero arco della giornata e per tutti i giorni della settimana, le aziende, sulla base della organizzazione distrettuale dei servizi, organizzano le attività sanitarie per assicurare le prestazioni territoriali non differibili dalle ore 8 del sabato e dalle ore 10 del prefestivi fino alle ore 8 del giorno successivo al festivo e dalle ore 20 alle ore 8 di tutti i giorni feriali. L azienda organizza anche turni di reperibilità domiciliare nei seguenti orari: - dalle ore 19 alle ore 20,30 di tutti i giorni feriali e festivi; - dalle ore 9 alle ore 10,30 dei giorni prefestivi; - dalle ore 7 alle ore 8,30 dei giorni festivi. La continuità assistenziale è assicurata da medici incaricati in base ad apposite graduatorie. Il numero previsto di medici addetti è nel rapporto di un medico ogni 5000 abitanti. Possono concorrere al conferimento di incarico anche medici con incarico di assistenza primaria o di pediatria di base con un carico di assistiti rispettivamente inferiore a 650 e 350 (in casi particolari la regione Lombardia autorizza il raggiungimento di 900 scelte). Il conferimento dell incarico di continuità assistenziale avviene per un orario settimanale di 24 ore suddiviso in turni notturni e diurni festivi di 12 ore e prefestivi di 10 ore in caso di periodi di morbilità è consentito l aumento delle ore). L incarico è compensato a quota oraria. In caso di organizzazione del servizio in forme associative strutturali delle cure primarie o in UTAP (unità territoriali di assistenza primaria) il conferimento dell incarico è di 38 ore settimanali, di cui 14 in attività diurna feriale. In tal caso il rapporto è esclusivo. Il medico di continuità assistenziale deve lasciare relazione del proprio operato al medico di famiglia. Le aziende devono fornire agli assistiti adeguata informazione sulle attività e sui luoghi di erogazione, anche attraverso una specifica carta dei servizi e auspicabili contatti tra il personale dell URP (ufficio relazioni con il pubblico) e il Servizio di Continuità Assistenziale. Ai medici l azienda fornisce farmaci e materiale sanitario necessari, mezzo idoneo di trasporto e sede adeguata L accordo regionale pone particolare attenzione al servizio di continuità assistenziale prevedendo fondi aggiuntivi per la retribuzione maggiorata di ore festive e in particolare per la formazione e l aggiornamento professionale. Sono previsti fondi per finanziare progetti a livello aziendale per l integrazione con il sistema delle cure primarie nella cura di pazienti anziani e in condizioni di fragilità o criticità anche temporanea, con il coinvolgimento dei medici di continuità assistenziale in attività domiciliari da svolgersi anche nelle ore feriali diurne ed in accessi domiciliari programmati su richiesta del medico di famiglia con particolare riguardo ai periodi di festività consecutive. Le Azienda possono anche garantire un attività ambulatoriale strutturata presso le sedi della Continuità Assistenziale a libero accesso nei diurni festivi e prefestivi in orari concordati.

8 Emergenza territoriale Il servizio di emergenza territoriale consiste nell assicurare un complesso di servizi e prestazioni garantiti da una centrale operativa cui fa riferimento il numero telefonico nazionale 118 e alla quale devono affluire tutte le richieste di intervento. Il servizio nella regione Lombardia è stato con recente deliberazione accentrato in una nuova azienda : l azienda regionale dell Emergenze Urgenza che è ancora in fase di definizione per struttura organizzazione. Attualmente il servizio è organizzato a livello provinciale e il coordinamento è affidato a un medico ospedaliero e collegato ad una Azienda ospedaliera dotata di Dipartimento di emergenza urgenza. Sistema CRS SISS (Carta Regionale Servizi- Servizio Informativo Socio Sanitario) La CRS sostituisce la Tessera Sanitaria Nazionale cartacea, è ufficialmente anche tessera del codice fiscale, ha funzione di Tessera Europea di Assicurazione Malattia e quindi sostituisce il modello E-111, richiesto per l assistenza sanitaria, nei Paesi dell Unione Europea. Nel microprocessore sono registrati i dati personali, i dati amministrativi (codice assistito, Asl di appartenenza, Medico Curante) e i dati di esenzione sanitaria; è noltre possibile registrare sulla CRS i dati sanitari di emergenza (gruppo sanguigno, allergie, vaccinazioni, malattie croniche, terapie farmacologiche, ecc.) La carta è stata inviata a tutti i cittadini lombardi (in caso di mancato ricevimento o di smarrimento rivolgersi alla Asl o contattare il numero verde ) ed è già attiva per i dati memorizzati. Per consentire il trattamento dei dati con finalità di cura, ovvero poter utilizzare il sistema della banca dati per la consultazione da parte del medico curante dei dati diagnostici inseriti, occorre compilare il modulo per il consenso al trattamento dei dati consegnato insieme alla CRS (in caso di smarrimento si può richiedere alla Asl o agli uffici postali). Il cittadino può accedere direttamente tramite proprio computer alla consultazione della propria storia clinica utilizzando il Codice Personale (PIN) da richiedere presso gli Uffici Postali (o la Asl in alcuni Comuni) consegnando il modulo di Consenso al Trattamento dei Dati. A sistema completamente attivato il medico curante sarà in grado di leggere i dati della CRS, i dati archiviati nel SISS, i dati diagnostici immediatamente disponibili, fare prescrizioni farmaceutiche e diagnostiche, prenotare visite ed esami (comunque sempre e solo se, per il rapporto di fiducia instaurato, è stato sottoscritto il Consenso al trattamento dei dati). In caso di ricovero al Pronto Soccorso, in casi particolarmente gravi e di urgenza, il Medico in servizio può accedere ai dati dell archivio del paziente. Da aggiungere eventualmente TICKET sanità lombarda Tempi di attesa CUP

Medici e Pediatri di Famiglia

Medici e Pediatri di Famiglia Medici e Pediatri di Famiglia L assistenza del medico e del pediatra di famiglia Il Medico di Medicina Generale (MMG) ed il Pediatra di Famiglia (PdF) sono le figure di riferimento per ogni problema che

Dettagli

Dr. Bruno FRANCHINI Dr.Marina PALEARI Dr.Vincenzo VALESI

Dr. Bruno FRANCHINI Dr.Marina PALEARI Dr.Vincenzo VALESI CARTA INFORMATIVA DEI SERVIZI DEI MEDICI IN GRUPPO Dr. Bruno FRANCHINI Dr.Marina PALEARI Dr.Vincenzo VALESI MEDICINA DI GRUPPO SAN DAMIANO 4 NOVEMBRE 12 - BRUGHERIO IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE ha il

Dettagli

Medici di Famiglia Cislago Via C. Battisti 1451, Cislago Tel. 0296382050 Fax 0296382050. Carta dei servizi

Medici di Famiglia Cislago Via C. Battisti 1451, Cislago Tel. 0296382050 Fax 0296382050. Carta dei servizi Medici di Famiglia Cislago Via C. Battisti 1451, Cislago Tel. 0296382050 Fax 0296382050 Carta dei servizi INFORMAZIONI GENERALI Scopo di questa Carta dei servizi è quello di offrire le informazioni per

Dettagli

Dalla firma tra le parti e fino all entrata in vigore del Nuovo Accordo Collettivo Nazionale.

Dalla firma tra le parti e fino all entrata in vigore del Nuovo Accordo Collettivo Nazionale. PROPOSTA S.N.A.M.I. BOLZANO DI APPLICAZIONE DI ACCORDO INTEGRATO, UNIFORMATO E REGOLARIZZATO SECONDO LA LEGISLAZIONE DEL RAPPORTO CONVENZIONALE DEI MEDICI DI MEDICINA GENERALE A LIVELLO NAZIONALE IN PROVINCIA

Dettagli

Dr. Corbetta Contardo Luigi Dr. Corti Fiorenzo Massimo Dr.ssa Lampreda Maria P. Consuelo (Via Giotto 20 20060 Masate)

Dr. Corbetta Contardo Luigi Dr. Corti Fiorenzo Massimo Dr.ssa Lampreda Maria P. Consuelo (Via Giotto 20 20060 Masate) 09/2009 CARTA INFORMATIVA DEI SERVIZI DEI MEDICI IN GRUPPO Dr. Corbetta Contardo Luigi Dr. Corti Fiorenzo Massimo Dr.ssa Lampreda Maria P. Consuelo (Via Giotto 20 20060 Masate) IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE

Dettagli

La CARTA dei SERVIZI. del Medico di Medicina Generale

La CARTA dei SERVIZI. del Medico di Medicina Generale La CARTA dei SERVIZI del Medico di Medicina Generale Caro Cittadino, questa breve Carta dei Servizi è stata preparata per fornirti tutte le informazioni utili a garantire, tra te assistito e il tuo medico,

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI STUDIO MEDICO ASSOCIATO MEDICINA DI GRUPPO MEDICINA IN RETE X ------------------------

CARTA DEI SERVIZI STUDIO MEDICO ASSOCIATO MEDICINA DI GRUPPO MEDICINA IN RETE X ------------------------ CARTA DEI SERVIZI STUDIO MEDICO ASSOCIATO MEDICINA DI GRUPPO MEDICINA IN RETE X ------------------------ Dr. FATI FRANCO Sede studio: Piazza Caprera 2\3 SML e-mail: fatif@libero.it Telefono fisso: 0185283645

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI MEDICINA IN RETE INTRAMED-RAPALLO ------------------------

CARTA DEI SERVIZI MEDICINA IN RETE INTRAMED-RAPALLO ------------------------ CARTA DEI SERVIZI MEDICINA IN RETE INTRAMED-RAPALLO ------------------------ Dr. Salvatore ROMANO Spec. in Chirurgia Plastica Spec. in Oncologia Sede studio: piazza G. Garibaldi 45 Rapallo Telefono fisso:

Dettagli

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale Introduzione Reggio Emilia, 19 e 26 maggio 2010 Riferimenti normativi Accordo Collettivo Nazionale

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI STUDIO MEDICO ASSOCIATO MEDICINA DI GRUPPO X MEDICINA IN RETE ------------------------ INFORMAZIONI GENERALI

CARTA DEI SERVIZI STUDIO MEDICO ASSOCIATO MEDICINA DI GRUPPO X MEDICINA IN RETE ------------------------ INFORMAZIONI GENERALI CARTA DEI SERVIZI STUDIO MEDICO ASSOCIATO MEDICINA DI GRUPPO X MEDICINA IN RETE ------------------------ Dr. COGORNO Stefano Dr. DAPELO Federico Dr. LAMBRUSCHINI Mario Dr. ROTTOLA Cristina Dr. SANNAZZARI

Dettagli

Il moderno ruolo del medico di assistenza primaria nel sistema delle cure domiciliari distrettuali

Il moderno ruolo del medico di assistenza primaria nel sistema delle cure domiciliari distrettuali Il moderno ruolo del medico di assistenza primaria nel sistema delle cure domiciliari distrettuali Ovidio Brignoli, MMG, Brescia (Vice-Presidente SIMG - Società Italiana di Medicina Generale) Cosa dovrebbe

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. STUDIO MEDICO ASSOCIATO MEDICINA DI GRUPPO MEDICINA IN RETE x ------------------------

CARTA DEI SERVIZI. STUDIO MEDICO ASSOCIATO MEDICINA DI GRUPPO MEDICINA IN RETE x ------------------------ CARTA DEI SERVIZI STUDIO MEDICO ASSOCIATO MEDICINA DI GRUPPO MEDICINA IN RETE x ------------------------ Dr. LEVAGGI FRANCESCO Specialista in: IGIENE E MED.PREVENTIVA Dr. PRATO RENZO Specialista in:cardiologia

Dettagli

Regolamento per il servizio di trasporto per minori e adulti disabili, anziani, e persone in temporanea situazione di disagio.

Regolamento per il servizio di trasporto per minori e adulti disabili, anziani, e persone in temporanea situazione di disagio. Regolamento per il servizio di trasporto per minori e adulti disabili, anziani, e persone in temporanea situazione di disagio. Regolamento per il servizio di trasporto per minori e adulti disabili, anziani,

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI MEDISETTE

CARTA DEI SERVIZI MEDISETTE CARTA DEI SERVIZI Forma Associativa di Medicina in Rete MEDISETTE (accordi regionali 2009) Medici Associati LODI ASL 306 DOTT. ARAGIUSTO GIUSEPPE Specialista in Malattie dell Apparato Respiratorio Medico

Dettagli

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI Regione del Veneto Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO DISTRETTO SOCIO SANITARIO OSPEDALE DI COMUNITA VALDAGNO CARTA DEI SERVIZI 1 Presentazione dell Ospedale di Comunità: L Ospedale

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI MEDICINA DI GRUPPO. Dr. MARCO MARI Specialista in Medicina Interna. Dr. ENA PORCELLA Specialista in Endocrinologia Dr.

CARTA DEI SERVIZI MEDICINA DI GRUPPO. Dr. MARCO MARI Specialista in Medicina Interna. Dr. ENA PORCELLA Specialista in Endocrinologia Dr. CARTA DEI SERVIZI MEDICINA DI GRUPPO Dr. MARCO MARI Specialista in Medicina Interna Dr. ANGELO B. MASSUCCO Specialista in Pneumologia Dr. ENA PORCELLA Specialista in Endocrinologia Dr. FRANCO SIVORI Sede

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLA LIBERA PROFESSIONE INTRA MOENIA DEI MEDICI SPECIALISTI AMBULATORIALI INTERNI E DELLE ALTRE PROFESSIONALITA

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLA LIBERA PROFESSIONE INTRA MOENIA DEI MEDICI SPECIALISTI AMBULATORIALI INTERNI E DELLE ALTRE PROFESSIONALITA REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLA LIBERA PROFESSIONE INTRA MOENIA DEI MEDICI SPECIALISTI AMBULATORIALI INTERNI E DELLE ALTRE PROFESSIONALITA 1 I N D I C E Articolo 1 PREMESSA Articolo 2 NORME GENERALI

Dettagli

FONDAZIONE. Bartolomea Spada Schilpario Valle di Scalve O.N.L.U.S. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI

FONDAZIONE. Bartolomea Spada Schilpario Valle di Scalve O.N.L.U.S. RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI RESIDENZA SANITARIA ASSISTENZIALE CARTA DEI SERVIZI per servizio di ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA REVISIONI N. Descrizione Data 0 Redazione documento 20 giugno 2012 1 Pagina 6, modifica prima riga 15

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI Forma Associativa di Medicina in Rete

CARTA DEI SERVIZI Forma Associativa di Medicina in Rete CARTA DEI SERVIZI Forma Associativa di Medicina in Rete COMPOSIZIONE DELLA MEDICINA DI RETE La Medicina in Rete è una associazione, libera, volontaria e paritaria che ha lo scopo di esercitare la Medicina

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI MEDICINA DI GRUPPO ------------------------

CARTA DEI SERVIZI MEDICINA DI GRUPPO ------------------------ CARTA DEI SERVIZI MEDICINA DI GRUPPO ------------------------ Dott. Benvenuto Maria Nicoletta Specialista in: Anestesia e rianimazione Dott. Borzone Stefano Specialista in:gastroenterologia ed endoscopia

Dettagli

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il distretto sanitario di Cividale si presenta A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il Distretto è una struttura dell Azienda per i servizi sanitari territoriali

Dettagli

guida ai servizi di psichiatria adulti

guida ai servizi di psichiatria adulti Dipartimento di Salute Mentale guida ai servizi di psichiatria adulti del Dipartimento di Salute Mentale Copia Prodotta Internamente dal Servizio Informazione e Comunicazione Ausl Imola Luglio 2005 Suggerimenti,

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DELLA MEDICINA GENERALE e CONTINUITA ASSISTENZIALE

CARTA DEI SERVIZI DELLA MEDICINA GENERALE e CONTINUITA ASSISTENZIALE Area Cure Primarie e Continuità Assistenziale Direttore Dott.ssa Daniela Sgroi Via Casal Bernocchi, 73 00125 Roma Tel. 0656487-423/405/406 Fax 06 56487424 e-mail: daniela.sgroi@aslromad.it CARTA DEI SERVIZI

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI Forma Associativa di Medicina in Rete M.I.R.SUD

CARTA DEI SERVIZI Forma Associativa di Medicina in Rete M.I.R.SUD CARTA DEI SERVIZI Forma Associativa di Medicina in Rete M.I.R.SUD Medici Associati: Dott. ALBERTO GANDOLFI ( spec. Chirurgia apparato digerente endoscopia digestiva ) Dott. MARCO PRIORI Dott. FAUSTA RANCATI

Dettagli

Ruolo del Medico nell Assistenza Sanitaria di base. Prof. A. Mistretta

Ruolo del Medico nell Assistenza Sanitaria di base. Prof. A. Mistretta Ruolo del Medico nell Assistenza Sanitaria di base Prof. A. Mistretta Il medico di medicina generale (MMG) Garantisce l assistenza sanitaria Si assicura di promuovere e salvaguardare la salute in un rapporto

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI Forma Associativa di Medicina in RETE. Medici associati

CARTA DEI SERVIZI Forma Associativa di Medicina in RETE. Medici associati CARTA DEI SERVIZI Forma Associativa di Medicina in RETE Medici associati Dott. Altrocchi Vittorio cod. reg. 10012/c Medico di Medicina Generale Dott. Gugliandolo Angelo cod.reg. 27711 Medico di Medicina

Dettagli

MEDICI DI MEDICINA GENERALE, PEDIATRI DI LIBERA SCELTA, MEDICI DI CONTINUITÀ ASSISTENZIALE

MEDICI DI MEDICINA GENERALE, PEDIATRI DI LIBERA SCELTA, MEDICI DI CONTINUITÀ ASSISTENZIALE MEDICI DI MEDICINA GENERALE, PEDIATRI DI LIBERA SCELTA, MEDICI DI CONTINUITÀ ASSISTENZIALE Area cure primarie 1/8 Premessa I Medici di Medicina Generale e i Pediatri di libera scelta (comunemente definiti

Dettagli

S.C. PRONTO SOCCORSO Medicina d Urgenza e OSSERVAZIONE BREVE INTENSIVA Direttore Dr Roberto Lerza

S.C. PRONTO SOCCORSO Medicina d Urgenza e OSSERVAZIONE BREVE INTENSIVA Direttore Dr Roberto Lerza Dipartimento di Emergenza e Accettazione S.C. PRONTO SOCCORSO Medicina d Urgenza e OSSERVAZIONE BREVE INTENSIVA Direttore Dr Roberto Lerza Ospedale San Paolo di Savona Guida ai Servizi Tel. 019 8404963/964

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI Art. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento disciplina, all interno di un sistema integrato di interventi e servizi sociali di competenza dei comuni

Dettagli

COMUNE DI SANGUINETTO

COMUNE DI SANGUINETTO COMUNE DI SANGUINETTO Provincia di Verona REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE (Il presente Regolamento è stato approvato con deliberazione C.C. n. 25 del 12.04.2006) 2 Articolo 1 OGGETTO Il servizio

Dettagli

Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di

Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di FORUMPA SANITA' 2001 A.S.L. della Provincia di Milano n 1 Dipartimento ASSI Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di Corsico e

Dettagli

I MEDICI DI MEDICINA GENERALE DI PROVAGLIO D ISEO CARTA DEI SERVIZI

I MEDICI DI MEDICINA GENERALE DI PROVAGLIO D ISEO CARTA DEI SERVIZI I MEDICI DI MEDICINA GENERALE DI PROVAGLIO D ISEO CARTA DEI SERVIZI La Repubblica Italiana tutela la salute, come fondamentale diritto dell individuo ed interesse della collettività. La tutela della salute

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 10 DEL 18-02-2010 REGIONE PIEMONTE

LEGGE REGIONALE N. 10 DEL 18-02-2010 REGIONE PIEMONTE LEGGE REGIONALE N. 10 DEL 18-02-2010 REGIONE PIEMONTE Servizi domiciliari per persone non autosufficienti. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PIEMONTE N. 8 del 25 febbraio 2010 Il Consiglio regionale

Dettagli

Nota trasmessa dalla Regione Emilia Romagna in merito al disposto dell art. 19. Comma 11 della legge finanziaria 2002 (L. 28.12.

Nota trasmessa dalla Regione Emilia Romagna in merito al disposto dell art. 19. Comma 11 della legge finanziaria 2002 (L. 28.12. FINANZIARIA 2002 (L.448 DEL 28.12.2001): IMPORTANTI NOVITA' PER I MEDICI, IN VIGORE DALL' 1.1.2002 Art. 19 (...) 10. I medici di base iscritti negli elenchi di medicina generale del Servizio sanitario

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE.

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE. REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE. Approvato con deliberazione del C.C. n. 40 del 30.6.2003 Comune di Cusano Milanino REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE. Art.1 OGGETTO

Dettagli

Approvato con delibera di C.C. n. 57 del 22.12.2010

Approvato con delibera di C.C. n. 57 del 22.12.2010 Comune dii Godega dii Sant Urbano (Proviinciia dii Treviiso) Regolamento comunale per l accesso al servizio di trasporto per l utenza svantaggiata. Approvato con delibera di C.C. n. 57 del 22.12.2010 Modificato

Dettagli

Oggetto: Accordo per la MEDICINA DI GRUPPO. CHIEDONO. Al Direttore Generale dell Azienda ULSS ----------- Via --------------------- e per conoscenza:

Oggetto: Accordo per la MEDICINA DI GRUPPO. CHIEDONO. Al Direttore Generale dell Azienda ULSS ----------- Via --------------------- e per conoscenza: Al Direttore Generale dell Azienda ULSS ----------- Via --------------------- e per conoscenza: Al Presidente dell Ordine dei Medici di Verona Via S. Paolo 16-37129 Verona Oggetto: Accordo per la MEDICINA

Dettagli

Il miglioramento delle cure urgenti

Il miglioramento delle cure urgenti Ogni anno più di 1 milione e 700 mila cittadini in Emilia-Romagna si rivolgono al pronto soccorso quando hanno un problema sanitario. È un numero che tende a crescere costantemente determinando spesso

Dettagli

Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI

Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 93 del 22/12/2014 INDICE 1. I servizi domiciliari nel Sistema integrato sociale, socio-sanitario

Dettagli

Azienda per l'assistenza sanitaria n.2 "Bassa Friulana-Isontina"

Azienda per l'assistenza sanitaria n.2 Bassa Friulana-Isontina Pagina n.1 Azienda per l'assistenza sanitaria n.2 "Bassa Friulana-Isontina" Gorizia N. 173 del 22/04/2015 DECRETO DEL DIRETTORE GENERALE OGGETTO: ISTITUZIONE DEL SERVIZIO DI GUARDIA MEDICA TURISTICA NEL

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 5/31 DEL 11.2.2014. Istituzione della rete per la terapia del dolore della Regione Sardegna.

DELIBERAZIONE N. 5/31 DEL 11.2.2014. Istituzione della rete per la terapia del dolore della Regione Sardegna. Oggetto: Istituzione della rete per la terapia del dolore della Regione Sardegna. L Assessore dell'igiene e Sanità e dell'assistenza Sociale ricorda che la legge 15 marzo 2010, n. 38, tutela il diritto

Dettagli

Progetto co-finanziato da MINISTERO DELL INTERNO UNIONE EUROPEA. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi L OSPEDALE IN TASCA

Progetto co-finanziato da MINISTERO DELL INTERNO UNIONE EUROPEA. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi L OSPEDALE IN TASCA Progetto co-finanziato da UNIONE EUROPEA MINISTERO DELL INTERNO Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi H L OSPEDALE IN TASCA 1 INDICE Il Pronto Soccorso Il ricovero in ospedale Le

Dettagli

CARTA SERVIZI PER LA PEDIATRIA DI FAMIGLIA

CARTA SERVIZI PER LA PEDIATRIA DI FAMIGLIA CARTA SERVIZI PER LA PEDIATRIA DI FAMIGLIA Dott. Claudia Mognaschi Via S. Cristoforo, 44-21047 SARONNO Tel. 3663819473 / 0296702270 - Fax 0287153169 e-mail: cmognaschi@alice.it (Ultimo aggiornamento 18.03.2014,

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DI DIREZIONE

REGOLAMENTO AZIENDALE DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DI DIREZIONE SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA REGOLAMENTO AZIENDALE DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DI DIREZIONE Articolo 1 Costituzione

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

Comune di Ferrara Assessorato Cultura, Turismo e Giovani AGENZIA INFORMAGIOVANI - EURODESK

Comune di Ferrara Assessorato Cultura, Turismo e Giovani AGENZIA INFORMAGIOVANI - EURODESK Comune di Ferrara Assessorato Cultura, Turismo e Giovani AGENZIA INFORMAGIOVANI - EURODESK a cura di Sara Ferrari volontaria del Servizio Civile Nazionale Garanzia Giovani progetto ed elaborazione grafica

Dettagli

SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE

SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE DOVE ANDARE PER cominciare un percorso oncologico, prenotare una visita CENTRO ACCOGLIENZA E SERVIZI (CAS): Ospedale U. Parini, blocco D, piano -1 È la struttura dedicata

Dettagli

Legge Regionale Liguria 26/4/1985 n.27. B.U.R. 15/5/1985 n.20 TUTELA DEI DIRITTI DELLE PERSONE CHE USUFRUISCONO DELLE STRUTTURE SANITARIE

Legge Regionale Liguria 26/4/1985 n.27. B.U.R. 15/5/1985 n.20 TUTELA DEI DIRITTI DELLE PERSONE CHE USUFRUISCONO DELLE STRUTTURE SANITARIE Legge Regionale Liguria 26/4/1985 n.27 B.U.R. 15/5/1985 n.20 TUTELA DEI DIRITTI DELLE PERSONE CHE USUFRUISCONO DELLE STRUTTURE SANITARIE Articolo 1 Finalità della legge In attuazione dei principi e delle

Dettagli

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE CENTRO DI TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE Direttore: dott. Marco Bertolotto LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE Le Cure Palliative forniscono il sollievo dal dolore e da altri gravi

Dettagli

Sedi periferiche per attivazione servizio ADI

Sedi periferiche per attivazione servizio ADI Sedi e numeri di telefono L Ente Erogatore ADI ASL di Brescia ha una sede principale presso il Distretto di Brescia in Viale Duca degli Abruzzi, 13. La Segreteria, sita al primo piano, opera con il seguente

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE di SAN GIOVANNI IN PERSICETO Provincia di Bologna REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. _45 DEL _19/4/2004 Pag. N. 1 INDICE Art.

Dettagli

AIUTI E RICONOSCIMENTI SOCIO-ASSISTENZIALI

AIUTI E RICONOSCIMENTI SOCIO-ASSISTENZIALI AIUTI E RICONOSCIMENTI SOCIO-ASSISTENZIALI La conoscenza di quelli che sono i diritti di chi è affetto da una disabilità, permette ai familiari di compiere i giusti passi per agevolare il reinserimento

Dettagli

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali - 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE Capo I Finalità e disposizioni generali Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 (Finalità) (Definizioni) (Pianificazione regionale) (Campagne di informazione)

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE TIPO TRA L AZIENDA SANITARIA E LE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO PER ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE ONCOLOGICA

SCHEMA DI CONVENZIONE TIPO TRA L AZIENDA SANITARIA E LE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO PER ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE ONCOLOGICA SCHEMA DI CONVENZIONE TIPO TRA L AZIENDA SANITARIA E LE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO PER ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE ONCOLOGICA L anno, addi. del mese di in. presso. fra l partita IVA/codice fiscale

Dettagli

GUIDA AI SERVIZI ASSISTENZIALI

GUIDA AI SERVIZI ASSISTENZIALI GUIDA AI SERVIZI ASSISTENZIALI FASIE è una associazione senza scopo di lucro che persegue lo scopo di garantire ai propri assistiti trattamenti sanitari integrativi del Servizio Sanitario Nazionale. Inoltre,

Dettagli

ARCHIVIO UNICO REGIONALE DEGLI ASSISTITI organizzazione e modalità di gestione

ARCHIVIO UNICO REGIONALE DEGLI ASSISTITI organizzazione e modalità di gestione ARCHIVIO UNICO REGIONALE DEGLI ASSISTITI organizzazione e modalità di gestione Pagina 1 di 55 SOMMARIO Sezione 1 - Gestione dei dati anagrafici dei cittadini a fini sanitari...3 Premessa...4 Scheda n.1:

Dettagli

Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti. Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca

Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti. Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca Modello di erogazione diffusa delle Cure Palliative/Fine Vita con supporto di esperti Parma, 21 ottobre 2011 Dott.ssa Maria Luisa De Luca 1 Le Aziende USL di Modena e Reggio Emilia hanno sviluppato una

Dettagli

ORGANIZZAZIONE SANITARIA. Prof. A. Mistretta

ORGANIZZAZIONE SANITARIA. Prof. A. Mistretta ORGANIZZAZIONE SANITARIA Prof. A. Mistretta LEGISLAZIONE ED ORGANIZZAZIONE Il Servizio Sanitario Nazionale Il Servizio Sanitario Nazionale (S.S.N.) è nato con una legge n. 833 del 23 dicembre del 1978;

Dettagli

Regolamento PER L ASSISTENZA DOMICILIARE

Regolamento PER L ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como Regolamento PER L ASSISTENZA DOMICILIARE Art. 1 Istituzione 1. E istituito nel Comune di Brienno il Servizio di Assistenza Domiciliare (S.A.D.). Detto servizio è costituito

Dettagli

C O M U N E D I I T T I R E D D U Provincia di Sassari REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO TRASPORTO STRUTTURE SANITARIE E OSPEDALIERE

C O M U N E D I I T T I R E D D U Provincia di Sassari REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO TRASPORTO STRUTTURE SANITARIE E OSPEDALIERE C O M U N E D I I T T I R E D D U Provincia di Sassari REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO TRASPORTO STRUTTURE SANITARIE E OSPEDALIERE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 15 DEL 10 marzo 2011

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Disposizioni in materia di ospedalizzazione domiciliare per i malati terminali N. 2739

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Disposizioni in materia di ospedalizzazione domiciliare per i malati terminali N. 2739 Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2739 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CARLUCCI Disposizioni in materia di ospedalizzazione domiciliare per i malati terminali Presentata

Dettagli

INCENTIVARE L USO APPROPRIATO DEL RICETTARIO SSR DA PARTE DEGLI SPECIALISTI OSPEDALIERI

INCENTIVARE L USO APPROPRIATO DEL RICETTARIO SSR DA PARTE DEGLI SPECIALISTI OSPEDALIERI Modalità da seguire da parte dei Medici Specialisti per il corretto uso del ricettario SSR definite fra ASL Città di Milano e le seguenti strutture di ricovero e cura pubbliche e private accreditate: (versione

Dettagli

7 2005 7/20467 2002-2004 LA GIUNTA REGIONALE

7 2005 7/20467 2002-2004 LA GIUNTA REGIONALE D.g.r. 7 febbraio 2005 n. 7/20467 Progetto quadro per la sperimentazione di un modello organizzativo-gestionale per i Gruppi di Cure Primarie (GCP) in associazionismo evoluto ed integralo in attuazione

Dettagli

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA

L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA L ASSISTENZA DOMICILIARE : PUBBLICO E PRIVATO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA VITA IL SERVIZIO ADI NEL TERRITORIO DELL ISOLA BERGAMASCA Coord. Sanitario Dott.ssa Porrati Luisa Infermiera CeAD

Dettagli

O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte. ..Tornando a casa

O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte. ..Tornando a casa Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a..tornando a casa Gentile Sig. / Sig.ra, sta per tornare a casa dopo un periodo di ricovero presso la nostra Struttura

Dettagli

L INFERMIERE DI FAMIGLIA. Giornata internazionale dell infermiere STAR BENE INSIEME PER STAR BENE

L INFERMIERE DI FAMIGLIA. Giornata internazionale dell infermiere STAR BENE INSIEME PER STAR BENE L INFERMIERE DI FAMIGLIA Giornata internazionale dell infermiere STAR BENE INSIEME PER STAR BENE Uno degli obiettivi di oggi RILEGGERE LO SVILUPPO DELL ASSISTENZA INFERMIERISTICA TERRITORIALE DAL PUNTO

Dettagli

Articoli dell ACN Medicina Generale sulle forme associative e le società di servizio

Articoli dell ACN Medicina Generale sulle forme associative e le società di servizio Articoli dell ACN Medicina Generale sulle forme associative e le società di servizio ART: 26 Bis 1. Con le aggregazioni funzionali territoriali si realizzano alcune fondamentali condizioni per l integrazione

Dettagli

Regolamento Servizio Assistenza Domiciliare Minori Premessa

Regolamento Servizio Assistenza Domiciliare Minori Premessa Regolamento Servizio Assistenza Domiciliare Minori Premessa A seguito della stesura del protocollo operativo, approvato dal Direttivo della Comunità Montana Valle Seriana Superiore con Delibera n. 27 del

Dettagli

Il problema dei farmaci

Il problema dei farmaci Presentazione del Manuale Gestione del Rischio Clinico e Sicurezza delle Cure negli Ambulatori dei MMG e PdF Roma, 16 marzo 2010 Auditorium Lungotevere Ripa, 1 Il problema dei farmaci Susanna Ciampalini

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER L INSERIMENTO DEI PAZIENTI PSICHIATRICI NELLE RSA e NEI CDI

PROTOCOLLO D INTESA PER L INSERIMENTO DEI PAZIENTI PSICHIATRICI NELLE RSA e NEI CDI PROTOCOLLO D INTESA PER L INSERIMENTO DEI PAZIENTI PSICHIATRICI NELLE RSA e NEI CDI Indice : 1. Scopo del protocollo 2. Invio 3. Verifiche 2.1 tipologia dell utenza 2.2 procedura segnalazione 2.3 procedura

Dettagli

VALLE D'AOSTA INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE

VALLE D'AOSTA INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE VALLE D'AOSTA NDCE CRONOLOGCO DELLA NORMATA REGONALE AVVSO A LETTOR Gli indici cronologici sono stati realizzati per facilitare la ricerca di una specifica norma di legge. Per consultarne il testo è comunque

Dettagli

L ASP assicura l erogazione di prestazioni incluse nei seguenti Livelli Essenziali di Assistenza:

L ASP assicura l erogazione di prestazioni incluse nei seguenti Livelli Essenziali di Assistenza: Informazioni sulle strutture e i servizi forniti Questa parte della Carta dei Servizi contiene informazioni sintetiche sulle strutture e i servizi dell Azienda Sanitaria Provinciale. Per le informazioni

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 33/32. Istituzione della rete di cure palliative della d

DELIBERAZIONE N. 33/32. Istituzione della rete di cure palliative della d 32 Oggetto: Istituzione della rete di cure palliative della d Regione Sardegna. L Assessore dell'igiene e Sanità e dell'assistenza Sociale ricorda che la legge 15 marzo 2010, n. 38, tutela il diritto del

Dettagli

Immigrazione, come dove e quando

Immigrazione, come dove e quando Immigrazione, come dove e quando Manuale d uso per l integrazione Edizione 2008 a cura del Ministero del lavoro, della Salute e Politiche Sociali Settore Politiche Sociali www.solidarietasociale.gov.it

Dettagli

C e n t r o d i u r n o i n t e g r a t o

C e n t r o d i u r n o i n t e g r a t o C e n t r o d i u r n o i n t e g r a t o c a r t a d e i s e r v i z i centro diurno integrato Il CDI è dedicato a persone anziane con vario grado di non autosufficienza che, pur continuando a vivere

Dettagli

Genera Soc. Coop. Soc. Onlus. Centro Diurno Integrato SDB REGOLAMENTO INTERNO

Genera Soc. Coop. Soc. Onlus. Centro Diurno Integrato SDB REGOLAMENTO INTERNO REGOLAMENTO INTERNO Centro Diurno Integrato SDB Edizione Novembre 2015 1 Premessa Il di Via Bicetti de Buttinoni 15 a Milano è una struttura sociosanitaria semiresidenziale che accoglie persone affette

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DELLA MEDICINA DI GRUPPO dei Medici di Famiglia Serafino Caverzasio Ferloni Mario Gambato Lodovica Vitaloni

CARTA DEI SERVIZI DELLA MEDICINA DI GRUPPO dei Medici di Famiglia Serafino Caverzasio Ferloni Mario Gambato Lodovica Vitaloni CARTA DEI SERVIZI DELLA MEDICINA DI GRUPPO dei Medici di Famiglia Serafino Caverzasio Ferloni Mario Gambato Lodovica Vitaloni 1. Presentazione 2. Composizione della Medicina di Gruppo 3. Sede 4. Attività

Dettagli

CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI

CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI Allegato A alla Delib.G.G.R. n. 9/15 del 12.2.2013 CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI Per la predisposizione e valutazione dei Piani Personalizzati di sostegno relativi

Dettagli

3.BENEFICI IN AMBITO SANITARIO

3.BENEFICI IN AMBITO SANITARIO 3.BENEFICI IN AMBITO SANITARIO c ESENZIONE TICKET. CONDIZIONI GENERALI Soggetti esenti dalla partecipazione alla spesa sanitaria Beneficiari Totalmente esenti CITTADINI DI ETÀ INFERIORE A SEI ANNI e appartenenti

Dettagli

ASL CASERTA OSPEDALE DI COMUNITA. Guida ai Servizi SETTEMBRE 2015

ASL CASERTA OSPEDALE DI COMUNITA. Guida ai Servizi SETTEMBRE 2015 Regione Campania ASL CASERTA OSPEDALE DI COMUNITA di TEANO Guida ai Servizi SETTEMBRE 2015 GUIDA AI SERVIZI OSPEDALE DI COMUNITÀ DI TEANO (OdC) Premessa L Ospedale di Comunità di Teano è una struttura

Dettagli

Servizio Sanitario Nazionale. Regione Emilia-Romagna AZIENDA U.S.L. DI IMOLA

Servizio Sanitario Nazionale. Regione Emilia-Romagna AZIENDA U.S.L. DI IMOLA Servizio Sanitario Nazionale Regione Emilia-Romagna AZIENDA U.S.L. DI IMOLA AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI N. 3 INCARICHI LIBERO- PROFESSIONALI DI MEDICO GENERICO ADDETTO ALL EFFETTUAZIONE DI CONTROLLI

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Presentazione. Composizione della medicina in rete. Attività ambulatoriale. Visite domiciliari. Prestazioni. Personale di studio

CARTA DEI SERVIZI. Presentazione. Composizione della medicina in rete. Attività ambulatoriale. Visite domiciliari. Prestazioni. Personale di studio CARTA DEI SERVIZI Presentazione Composizione della medicina in rete Attività ambulatoriale Visite domiciliari Prestazioni Personale di studio Formazione continua dei i medici della medicina in rete Partecipazione

Dettagli

CONTRATTO DI FORMAZIONE SPECIALISTICA (ARTT. 37 del D.Lgs. n. 368/1999 e successive modifiche) TRA - L Università degli Studi di..., rappresentata dal

CONTRATTO DI FORMAZIONE SPECIALISTICA (ARTT. 37 del D.Lgs. n. 368/1999 e successive modifiche) TRA - L Università degli Studi di..., rappresentata dal CONTRATTO DI FORMAZIONE SPECIALISTICA (ARTT. 37 del D.Lgs. n. 368/1999 e successive modifiche) TRA - L Università degli Studi di..., rappresentata dal. - La Regione, rappresentata dal E Il Dott., ammesso

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE. Autorizzato con DRD n. 2817/2015

AVVISO DI SELEZIONE. Autorizzato con DRD n. 2817/2015 Data di pubblicazione dell Avviso sul web: 26/11/2015 Data di scadenza della selezione: 18/12/2015 AVVISO DI SELEZIONE Autorizzato con DRD n. 2817/2015 - Visto il Regolamento per il conferimento a terzi

Dettagli

COMUNE DI CASALGRANDE

COMUNE DI CASALGRANDE COMUNE DI CASALGRANDE PROVINCIA DI REGGIO NELL EMILIA Cap 42013 Piazza Martiri della Libertà, 1 tel: 0522 998511 fax: 0522 841039 Cod. fisc. e P. IVA 00284720356 Regolamento distrettuale determinante i

Dettagli

ACCORDO INTEGRATIVO AZIENDALE TRA I MEDICI DI MEDICINA GENERALE

ACCORDO INTEGRATIVO AZIENDALE TRA I MEDICI DI MEDICINA GENERALE ACCORDO INTEGRATIVO AZIENDALE TRA I MEDICI DI MEDICINA GENERALE E LA ASL DELLA PROVINCIA DI MILANO 2 per il miglioramento delle cure primarie ed il governo clinico ANNO 2013 Premessa Il Comitato Aziendale,

Dettagli

III COMMISSIONE TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO FEBBRAIO 2011

III COMMISSIONE TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO FEBBRAIO 2011 III COMMISSIONE TESTO UNIFICATO DELLE PROPOSTE DI LEGGE NN. 117, 127 TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO FEBBRAIO 2011 SERVIZIO PER L'ASSISTENZA GIURIDICO-LEGISLATIVA IN MATERIA DI ATTIVITÀ SOCIALI

Dettagli

EMERGENZA SANITARIA TERRITORIALE

EMERGENZA SANITARIA TERRITORIALE gnbvmnbvb ACCORDO INTEGRATIVO REGIONALE PER LA DISCIPLINA DEI RAPPORTI CON I MMG EMERGENZA SANITARIA TERRITORIALE Art. 1 Compiti professionali Il medico di emergenza sanitaria territoriale, oltre ai compiti

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI E SOGGETTI SVANTAGGIATI

OGGETTO: APPROVAZIONE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI E SOGGETTI SVANTAGGIATI OGGETTO: APPROVAZIONE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI E SOGGETTI SVANTAGGIATI I L C O N S I G L I O C O M U N A L E PREMESSO che l assistenza domiciliare

Dettagli

A.D.I. S. FRANCESCO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

A.D.I. S. FRANCESCO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA A.D.I. S. FRANCESCO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Carta dei Servizi L Istituto Suore Cappuccine di M. Rubatto, perseguendo nel tempo il proprio carisma, ha voluto iniziare questa nuova attività sociosanitaria

Dettagli

Associazione Pediatrica in Rete IL TUO PEDIATRA.NET Carta dei servizi

Associazione Pediatrica in Rete IL TUO PEDIATRA.NET Carta dei servizi Associazione Pediatrica in Rete IL TUO PEDIATRA.NET Carta dei servizi Cari genitori, Secondo quanto previsto dall Accordo Collettivo Nazionale per la Pediatria di Libera Scelta, i pediatri dott.ssa Isetta

Dettagli

Scheda relativa al servizio "Appartamenti protetti per anziani e disabili" oggetto del contratto con l ASP Giovanni XXIII.

Scheda relativa al servizio Appartamenti protetti per anziani e disabili oggetto del contratto con l ASP Giovanni XXIII. Scheda relativa al servizio "Appartamenti protetti per anziani e disabili" oggetto del contratto con l ASP Giovanni XXIII. 1 OBIETTIVI, DESCRIZIONE DEL SERVIZIO E UTENZA POSTI DISPONIBILI UBICAZIONE/LUOGO

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI TRAPANI

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI TRAPANI AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI TRAPANI Avviso pubblico per il conferimento di incarichi con contratto di lavoro autonomo per Dirigente Medico di M.C.A.U., Ostetricia e Ginecologia, Chirurgia Generale,

Dettagli

ATTO. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale LA GIUNTA REGIONALE

ATTO. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale LA GIUNTA REGIONALE O GG E TTO : Rimodulazione del Fondo di solidarietà per la gravi disabilità rinominato "CONTRIBUTO DI SOLIDARIETA' PER LA RESIDENZIALITA' E SEMIRESIDENZIALITA (DISABILI, PAZIENTI PSICHIATRICI E PERSONE

Dettagli

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio Problema Bisogni Risposta Piano personalizzato

Dettagli

SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA DEMETRA SRL

SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA DEMETRA SRL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA DEMETRA SRL vicolo Gerosa, 15 27020 San Giorgio Lomellina (PV) tel. 0384/43102 cellulare: 340/7973742 Fax 0384/439870 e-mail: adi.demetra@gmail.com CARTA DEI SERVIZI

Dettagli

PROCEDURA AZIENDALE. PA SQ - 32 Rev. 0 del 02/04/2013. Certificato N 9122 AOLS. Data applicazione Redazione Verifica Approvazione

PROCEDURA AZIENDALE. PA SQ - 32 Rev. 0 del 02/04/2013. Certificato N 9122 AOLS. Data applicazione Redazione Verifica Approvazione PA SQ - 32 Rev. 0 del 02/04/2013 Certificato N 9122 AOLS Data applicazione Redazione Verifica Approvazione 02/04/2013 Dr.ssa G. Saporetti Sig.ra Pallone Dr.ssa G. Saporetti Dr.ssa L. Di Palo Dr. M. Agnello

Dettagli

Unità Operativa Aziendale Malattie Infettive

Unità Operativa Aziendale Malattie Infettive Presidi Ospedalieri di Ravenna, Faenza, Lugo Dipartimento Medico 2 Unità Operativa Aziendale Malattie Infettive Guida ai Servizi Presidi Ospedalieri di Ravenna, Faenza, Lugo Dipartimento Medico 2 Unità

Dettagli

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012

Cure Domiciliari. Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 Cure Domiciliari Corso Elettivo Malato a casa 23 gennaio 2012 DEFINIZIONE DELLE CURE DOMICILIARI Le cure domiciliari consistono in trattamenti medici, infermieristici, riabilitativi, prestati da personale

Dettagli

Il presidente del Consorzio di Rosa Marina

Il presidente del Consorzio di Rosa Marina Avviso pubblico per la formazione di una short list di medici disponibili a svolgere attività di ambulatorio e primo soccorso presso il punto di assistenza medica del Consorzio di Rosa Marina- Ostuni Il

Dettagli