ELENCO DOCUMENTI PER LA RICHIESTA DI AMMISSIONE IN RSA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ELENCO DOCUMENTI PER LA RICHIESTA DI AMMISSIONE IN RSA"

Transcript

1 MS. RSA 45 Rev Pag. 1/1 Segreteria Medica ELENCO DOCUMENTI PER LA RICHIESTA DI AMMISSIONE IN RSA DOCUMENTI PER LA RICHIESTA DI AMMISSIONE IN RSA La domanda di ammissione deve essere accompagnata dalla seguente documentazione medica: 1. Relazione sanitaria compilata a cura del Medico Curante relativa alle condizioni di salute del richiedente (modulo da richiedersi presso l Ufficio Ricoveri di questo Centro e disponibile sul sito ASL di Pavia ). 2. Relazione assistenziale compilata dalla persona che assiste il richiedente (modulo da richiedersi presso l Ufficio Ricoveri di questo Centro e disponibile sul sito ASL di Pavia). Alla domanda vanno inoltre allegati: Certificato di nascita Stato di famiglia Certificato di matrimonio (nel caso il richiedente sia coniugato o vedovo) Copia del codice fiscale Copia di un documento d identità non scaduto Copia della tessera sanitaria Copia della tessera di invalidità All atto del ricovero dovranno essere consegnati in Struttura: Tesserino Sanitario originale Tesserino eventuali esenzioni ticket Tutta la documentazione clinica in possesso del richiedente (cartelle cliniche, lettere di dimissioni ospedaliere, referti di esami strumentali e visite specialistiche, ecc.) L Unità di Valutazione interna si riserva di richiedere ulteriori accertamenti clinico-strumentali qualora ritenuti necessari per confermare la possibilità di ingresso del richiedente in RSA. Si ringrazia per la cortese collaborazione.

2 Mod _SMRSA Domanda ricov. Rev Pag. 1/1 Modulo MODULO DOMANDA DI RICOVERO DOMANDA DI RICOVERO Informazioni generali Data primo colloquio Data riconsegna della domanda (riservata al Centro) Cognome Nome Luogo e data di nascita Sesso F M Residente a Via n Tel Domicilio in Via n Cittadinanza Provenienza ospite: Domicilio IDR Struttura privata Ospedale RSA Altro Persona di riferimento (care giver principale) / Iniziativa della richiesta: Coniuge Altro famigliare Figlio/a n. Conoscente/vicino Convivente Volontario Altro Nome Cognome Indirizzo Tel Nome Cognome Indirizzo Tel Nome Cognome Indirizzo Tel Stato civile: Celibe/nubile Coniugato vedovo/a separato/a divorziato/a Motivo della domanda: Perdita dell autonomia Famiglia non in grado di provvedere Solitudine Assistenza sanitaria Sollievo Alloggio non idoneo Trasferimento da altro Istituto Altro Situazione abitativa attuale: L anziano vive in casa solo coniuge figli altro famigliare badante altro di: giorno/notte giorno notte L anziano usufruisce di servizi del territorio: SI NO Assistenza domiciliare integrata Centro Diurno Integrato Altro Riconosciuta invalidità: SI NO In corso Accertata di grado Firma richiedente L Ufficio Ricoveri

3 MS. RSA 60 Rev Pag. 1/5 Direzione CONTRATTO DI INGRESSO ALLA RESIDENZA SANITARIA ASSISTITA CONTRATTO DI INGRESSO L anno, il giorno del mese di presso la sede della Residenza Sanitaria Assistenziale Santa Maria alle Fonti della Fondazione Don Carlo Gnocchi, Viale Mangiagalli, 52 di Salice Terme Godiasco (PV), TRA Il Signor Nome e Cognome Nato a Residente a in Via Codice fiscale In qualità di del Sig./ra E La Residenza Sanitaria Assistenziale Santa Maria alle Fonti della Fondazione Don Carlo Gnocchi, in persona del Direttore Dr. Diego Maltagliati, domiciliato per la carica presso la sede del Centro in Viale Mangiagalli, 52 Salice Terme Godiasco (PV) PREMESSO che 1 La Residenza Sanitaria Assistenziale del Centro S. Maria alle Fonti, per vocazione organizzativa e gestionale è orientata all assistenza degli anziani non autosufficienti ed è in grado di accogliere 41 ospiti non autosufficienti; 2 E titolare di autorizzazione al funzionamento e accreditamento per l attività di RSA e appartiene alla rete delle unità di offerta socio sanitarie della regione Lombardia; 3 E in possesso di tutte le autorizzazioni previste dalla normativa in materia di igiene, prevenzione e sicurezza; 4 Per lo svolgimento della predetta attività, la Struttura si avvale di apposito personale, con professionalità e consistenza numerica adeguate alle indicazioni previste dal contratto di accreditamento con l ASL di Pavia; 5 I servizi erogati dalla Struttura sono quelli specificati nella Carta dei Servizi di cui il contraente dichiara di conoscerne il contenuto; Tutto ciò premesso fra le parti come sopra rappresentate SI CONVIENE E STIPULA QUANTO SEGUE Art. 1 Oggetto e durata La Fondazione Don Carlo Gnocchi si impegna ad assegnare all ospite un posto letto in camera doppia e/o in camera singola (spostabile in qualsiasi momento in relazione alle esigenze del Centro o allo stato di salute dell Ospite) fornendo le proprie prestazioni istituzionali (assistenza, vitto, alloggio, ecc.) favorendo le relazioni degli ospiti fra loro e quelle con l ambiente esterno e di provenienza, nel rispetto della personalità e della libertà dell ospite. Il presente contratto ha decorrenza dal ed ha durata fino alle dimissioni dell'ospite dalla RSA che devono avvenire con le modalità di cui all'art.10 Art. 2 Prestazioni Assistenza medica La Fondazione assicura agli ospiti, con oneri interamente a suo carico, l assistenza medica e farmaceutica di base come da prontuario interno, con la conseguente cancellazione dagli elenchi dei rispettivi medici di fiducia e l adozione del codice relativo. Il Centro ha l obbligo di fornire anche gli ausili per incontinenti necessari agli ospiti. Il servizio di assistenza medica viene garantito dal medico di reparto durante i giorni feriali e dai medici di guardia durante i giorni festivi e le ore notturne.

4 MS. RSA 60 Rev Pag. 2/5 Direzione CONTRATTO DI INGRESSO ALLA RESIDENZA SANITARIA ASSISTITA Assistenza infermieristica Gli infermieri garantiscono l assistenza infermieristica nell arco delle 24 ore operando in stretta collaborazione con il personale medico. Le loro funzioni, oltre che di carattere sanitario-assistenziale, sono anche di tipo organizzativo e di supporto a tutte le figure che ruotano nell assistenza alla persona. Assistenza riabilitativa La RSA garantisce interventi terapeutici e preventivi volti a mantenere e/o recuperare le capacità residue degli ospiti e a migliorare la qualità di vita degli stessi. L attività riabilitativa individuale si svolge nella palestra presente in reparto, per gli ospiti allettati direttamente al letto del paziente. Il servizio viene svolto dal lunedì al venerdì nelle modalità esplicate nella Carta dei Servizi. Attività di animazione Il servizio di animazione svolto presso la RSA del Centro si integra con le attività sanitarie e assistenziali allo scopo di valorizzare la persona nella sua globalità, di sostenerla dal punto di vista emotivo, attivare e mantenere nell anziano l interesse per una socialità viva e positiva, recuperare e mantenere le performance cognitive, favorire l integrazione nelle attività di reparto, l accettazione dell istituzionalizzazione e la risoluzione delle problematiche della vita quotidiana. Il servizio viene svolto dal lunedì al giovedì nelle modalità esplicate nella Carta dei Servizi. Assistenza alla persona L assistenza agli ospiti viene garantita da personale qualificato nell arco delle 24 ore, gli operatori suppliscono alle carenze di autonomia degli ospiti stessi, nelle loro funzioni personali essenziali. In particolare provvedono a: igiene personale, mobilizzazione dell ospite, sorveglianza e assistenza alla nutrizione eseguite secondo le modalità fissate dai protocolli di reparto governo dell ambiente: rifacimento giornaliero del letto, cambio letto e sua sanificazione settimanale, sanificazione quotidiana dell unità paziente, pulizia e riordino degli armadi, pulizia degli ausili. Servizio religioso La Messa viene officiata nei giorni prefestivi, con l assistenza spirituale di un sacerdote. Viene garantito agli ospiti il massimo livello di autodeterminazione possibile, nell assoluto rispetto delle convinzioni, degli ideali politici, religiosi e morali di ciascuno. Ristorazione La RSA provvede alla somministrazione quotidiana dei pasti (colazione, pranzo, merenda pomeridiana, cena) preparati all interno della struttura in base a menù settimanale a rotazione stagionale predisposto dalla dietista (allegato alla Carta dei Servizi). Con la consulenza della dietista richiesta dal medico di reparto, vengono inoltre approntate diete personalizzate per ospiti con particolari esigenze sanitarie (diete per pazienti con diabete, insufficienza renale, obesità ). La gestione della cucina è appaltata ad una ditta esterna. Servizio Pulizia /Lavanderia /Stireria La RSA mette a disposizione dell ospite un servizio di lavanderia, stireria per gli indumenti personali e la biancheria da letto. La gestione del servizio è appaltata ad una ditta esterna La pulizia e sanificazione dell unità paziente viene effettuata dal personale ASA di reparto, che provvede inoltre alla pulizia settimanale della cucina di reparto e dei bagni assistiti. La pulizia quotidiana dei locali è affidata al personale di una ditta esterna. Servizio Parrucchiere estetista I servizi parrucchiere, estetista vengono offerti su richiesta dell Ospite o dei parenti dello stesso, il costo è compreso nella retta (Scheda retta Allegato alla Carta dei Servizi). La richiesta deve essere inoltrata presso l infermeria del piano e l accesso presso la RSA del personale qualificato avviene, di norma, ogni quindici giorni per il parrucchiere e una volta al mese per l estetista.

5 MS. RSA 60 Rev Pag. 3/5 Direzione CONTRATTO DI INGRESSO ALLA RESIDENZA SANITARIA ASSISTITA Art. 3 Accoglienza degli Ospiti presso la R.S.A. La Segreteria Medica comunica la disponibilità all accoglienza dell Ospite e la data di ingresso. Nel caso di impedimenti all ingresso nella data prevista, se l Ospite desidera mantenere il posto assegnato, può ritardare l accesso, previa comunicazione alla Segreteria Medica, con decorrenza della retta dalla data di disponibilità del posto letto. Nel caso di rinuncia, l Ospite è tenuto a pagare la retta per il numero di giornate che decorre dalla data di ingresso a lui assegnata a quella di avvenuta comunicazione di rinuncia. Art. 4 Carta dei Servizi e Regolamento Interno L Ente si è dotato della Carta dei Servizi che consegna all Ospite ed ai suoi parenti, nella quale sono descritte tutte le attività e le prestazioni di cui gli Ospiti possono fruire nella RSA. Il Regolamento individua l insieme delle regole e dei comportamenti che l Ospite e i familiari si impegnano ad osservare durante la loro permanenza in RSA. Con la sottoscrizione del presente contratto l Ospite o il parente danno atto di aver ricevuto, in occasione della presentazione della domanda di ingresso la Carta dei Servizi della RSA e di averne preso visione. Danno quindi atto di essere sufficientemente informati in merito al Servizio. Art. 5 Oneri a carico dell Ente L Ente pone a proprio carico e quindi ricomprese nella retta a carico dell ospite le prestazioni specificate all Art. 2 e in particolare eroga, senza ulteriori oneri a carico degli ospiti: l assistenza medica generica, infermieristica, riabilitativa, ritenendosi escluse le prestazioni mediche specialistiche, di diagnostica strumentale nonché quelle relative all assistenza protesica erogabile nell ambito del Servizio Sanitario Nazionale; fornisce ausili per incontinenti (pannolini, pannoloni e traverse); fornisce ogni tipo di farmaco, gas medicale, e materiale sanitario; garantisce la fornitura di letti a tre snodi per tutti i posti letto; garantisce una dotazione di materassi e cuscini antidecubito atta a rispondere alle esigenze degli ospiti che presentano o sono a rischio di lesioni da decubito Inoltre restano a carico dell Ente: gli obblighi di custodia di beni dell ospite di assicurazione per la responsabilità civile contro terzi L Ente eroga tutte le attività in base alla predisposizione di protocolli specifici cui il personale è tenuto ad adeguarsi nell esecuzione delle prestazioni agli ospiti. Art. 6 Oneri a carico dell Ospite L ospite si impegna al pagamento della retta mensile secondo le modalità descritte nel successivo Art. 7. Restano a carico dell ospite tutte le prestazioni non ricomprese nella retta, così come riportato nel documento Scheda Retta RSA consegnato, in edizione aggiornata, insieme al presente contratto. Art. 7 Retta di ricovero L Ospitalità presso la Residenza Sanitaria Assistita del Centro Santa Maria alle Fonti della Fondazione Don Gnocchi Onlus, prevede una retta giornaliera, al netto delle quote forfettarie erogate dalla regione, fissata dal Consiglio di Amministrazione. La retta stabilita per l anno in corso è quella riportata nel documento Scheda Retta RSA consegnato, in edizione aggiornata, insieme al presente contratto. Il calcolo della retta inizia a decorrere dal giorno di ingresso. Il giorno di dimissione o di decesso non viene calcolato ai fini del computo della retta.

6 MS. RSA 60 Rev Pag. 4/5 Direzione CONTRATTO DI INGRESSO ALLA RESIDENZA SANITARIA ASSISTITA Modalità e termini di pagamento della retta La retta viene pagata mensilmente e anticipatamente entro il decimo giorno lavorativo del mese di riferimento. La retta può essere pagata con una delle seguenti modalità: 1 Assegno Bancario o Circolare intestato a Fondazione Don Carlo Gnocchi Onlus presso l Ufficio Contabilità; 2 Bonifico Bancario alle seguenti coordinate Bancarie: Fondazione don Carlo Gnocchi Onlus, presso Banca Intesa SanPaolo Agenzia di Godiasco Sportello di Salice Terme Codice IBAN IT02X con motivazione Pagamento retta mese di per conto di Qualora la retta non venisse corrisposta nei termini di cui ai precedenti commi, verrà conteggiata una mora per i giorni di ritardo pare a due punti superiori al tasso di sconto. Dopo trenta giorni di ritardo dalla data utile di pagamento della retta, si procederà alla dimissione dell Ospite. Si precisa che la dimissione a causa del mancato pagamento della retta potrà avvenire dopo che l Ente avrà adempiuto ai propri obblighi normativamente sanciti e si sia attivato affinchè le dimissioni avvengano in forma assistita dal Comune di residenza dell Ospite e dalla ASL. L impegno di spesa viene assunto dall ospite stesso o dal Sig. Grado di parentela dal Tutore / Amministratore di sostegno Atro soggetto (Comune ecc.) Che si riconosce quale unico obbligato nei confronti della Fondazione Don Gnocchi, sollevando quest ultima da ogni obbligo di riparto dell onere della retta, anche in presenza di altri congiunti tenuti per legge a provvedere. Si impegna ad accettare gli eventuali aumenti di retta che potessero essere disposti dalla Direzione del Centro Santa Maria alle Fonti di Salice Terme, la quale si occuperà di darne preavviso con anticipo di almeno un mese. Si impegna ad accettare eventuali cambi di camera in relazione alle esigenze del Centro e allo stato di salute dell Ospite. Sarà cura della Fondazione - Ufficio Contabilità - rilasciare la certificazione delle rette ai fini fiscali, per i servizi che prevedono una compartecipazione al costo da parte dell ospite, entro i tempi utili per la presentazione della dichiarazione dei redditi. Art. 8 Oggetti personali L ospite stesso, o chi per esso, si impegna a non lasciare in reparto denaro o oggetti preziosi in quanto la Direzione declina ogni responsabilità in caso di smarrimento. La Struttura offre la possibilità di deposito di piccole somme in contanti presso la Segreteria Medica. Art. 9 Assenze temporanee e ricoveri in ospedale Le assenze temporanee degli Ospiti, dovute a rientri in famiglia per festività, vacanze, ecc., sono esposte come giornate di presenza entro il limite massimo di quindici giorni e viene garantito all Ospite il mantenimento dello stesso posto letto, fermo restando il pagamento della retta. Le assenze volontarie superiori ai quindici giorni devono essere autorizzate dal medico di reparto sul piano sanitario; sul piano amministrativo le assenze vanno concordate con la Direzione del Centro e comportano l intero pagamento della retta per il mantenimento dello stesso posto letto. Nel caso di ricovero ospedaliero che superi i quindici giorni la Struttura non dimetterà l ospite e manterrà il posto letto applicando la retta giornaliera. La retta verrà interamente rimborsata all ospite, od a chi per esso, in caso di dimissioni volontarie o decesso per la quota non più di competenza.

7 MS. RSA 60 Rev Pag. 5/5 Direzione CONTRATTO DI INGRESSO ALLA RESIDENZA SANITARIA ASSISTITA Qualora l allontanamento fosse dovuto a dimissioni volontarie, si procederà al rimborso della retta come stabilito al comma precedente se l ospite ha provveduto a darne preavviso di almeno 15 giorni; in caso contrario la retta intera sarà dovuta per il periodo di mancato preavviso. Art. 10 Dimissioni La richiesta di dimissione dell Ospite dalla R.S.A. va presentata in forma scritta alla Segreteria Medica, con quindici giorni di anticipo rispetto alla data di dimissione prevista. La dimissione può avvenire anche, per decisione motivata della RSA, con preavviso di 15 giorni, oppure senza onere di preavviso, nei casi in cui l Ospite presenti condizioni di pericolosità per sé o per terzi, o determinanti gravi problemi di convivenza in comunità. In ogni caso, la Struttura, attiverà tutti i comportamenti e le procedure di buona prassi, con eventuali coinvolgimenti di possibili figure di Tutore, delle eventuali Amministrazioni Comunali di residenza dell Ospite, dei Servizi Sociali, per garantire le cosiddette dimissioni in sicurezza. Art. 11 Tutela dei dati personali e sensibili L'Ente direttamente o tramite il proprio personale, assicura il rispetto dei dati personali e sensibili degli ospiti della RSA come stabilito dal "Codice in materia di protezione dei dati personali" approvato con Decreto Legislativo n. 196 del Le parti si danno reciproco consenso al trattamento dei dati in conformità al disposto di cui al citato decreto legislativo limitatamente ed ai fini dell'esecuzione del contratto. Art. 12 Giurisdizione e controversie In materia di contestazioni e controversie saranno applicate le vigenti disposizioni di legge, fermo restando, per la competenza dell'autorità Giudiziaria ordinaria, il Foro di Voghera. Art. 13 Norma finale Tutto quanto non disciplinato dal presente contratto sarà regolamentato dalla vigente normativa nazionale e regionale in materia di assistenza socio sanitaria per anziani. Letto, approvato e sottoscritto Il Sig. Per la Fondazione Don Carlo Gnocchi RSA "Santa Maria alle Fonti" Il Direttore Polo Lombardia 1 Dr. Diego Maltagliati Salice Terme lì,

8 Mod _SMRSA Relazione sanit. Rev Pag. 1/4 Modulo MODULO RELAZIONE SANITARIA RELAZIONE SANITARIA A CURA DEL MEDICO CURANTE Cognome Nome M F Data di nascita Data di compilazione LEGENDA: A: assente; L:lieve; trattamento facoltativo; prognosi eccellente. M: moderata; trattamento necessario; prognosi buona. G: grave; è invalidante; trattamento necessario con urgenza; prognosi riservata. MG: molto grave; trattamento di emergenza; può essere letale; prognosi grave. GRAVITA Barrare la casella che interessa solo per la patologia più grave PATOLOGIE CARDIACHE: A L M G MG IPERTENSIONE ( si valuta la severità): A L M G MG Diagnosi APPARATO VASCOLARE ( sangue, vasi, midollo, sistema linfatico) A L M G MG APPARATO RESPIRATORIO : A L M G MG OCCHI/ORL (orecchio, naso, gola,laringe): A L M G MG APPARATO DIGERENTE SUPERIORE (esofago, stomaco, duodeno, vie biliari, pancreas) A L M G MG APPARATO DIGERENTE INFERIORE ( intestino, ernie; segnalare anche stipsi ed incontinenza fecale): A L M G MG

9 Mod _SMRSA Relazione sanit. Rev Pag. 2/4 Modulo MODULO RELAZIONE SANITARIA FEGATO: A L M G MG RENE: A L M G MG APPARATO RIPRODUTTIVO E PATOLOGIE GENITO- URINARIE (mammelle, ureteri, vescica, uretra, prostata, genitali; segnalare anche incontinenza urinaria) A L M G MG APPARATO MUSCOLO SCHELETRICO E CUTE ( segnalare anche le ulcere da decubito) A L M G MG PATOLOGIE SISTEMA NERVOSO ( non include la demenza) A L M G MG PATOLOGIE SISTEMA ENDOCRINO METABOLICO ( diabete, infezioni, sepsi, stati tossici) A L M G MG STATO MENTALE E COMPORTAMENTALE ( demenza, depressione, ansia, agitazione, psicosi) A L M G MG

10 Mod _SMRSA Relazione sanit. Rev Pag. 3/4 Modulo MODULO RELAZIONE SANITARIA ALTRI PROBLEMI CLINICI Descrizione NO SI Se SI indicare se Lesioni da decubito Dialisi Insufficienza respiratoria Alimentazione artificiale Gestione incontinenza Ausili per il movimento Protesi Disorientamento tempo/spazio Vagabondaggio Agitazione psico-motoria Inversione ritmo sonno-veglia Stato nutrizionale insoddisfacente Allergie Sede: Stadio: Dialisi peritoneale Dialisi etracorporea Frequenza sedute dialitiche:.../settimana O2 terapia per...ore/die Ventilatore SNG PEG Parentelare totale Presidi assorbenti Ano artificiale Catetere vescicale Tipo catetere: Sostituito il: Bastone e/o deambulatore Carrozzina Dentale Acustica Occhiali Altro: Obesità Sottopeso A farmaci:..... A MDC:... Alimentari:......

11 Mod _SMRSA Relazione sanit. Rev Pag. 4/4 Modulo MODULO RELAZIONE SANITARIA TERAPIA IN ATTO DOCUMENTAZIONE SANITARIA NECESSARIA Si prega di allegare alla presente domanda tutta la documentazione sanitaria in possesso del paziente (lettere di dimissione ospedaliere, esami ematici e strumentali, referti di visite specialistiche eseguite, relazioni mediche, ecc) Firma del Medico Telefono

12 Mod _SMRSA Relazione assist. Rev Pag. 1/3 Modulo MODULO RELAZIONE ASSISTENZIALE RELAZIONE ASSISTENZIALE SEZIONE DA COMPILARSI DA PARTE DI CHI ASSISTE LA PERSONA (Infermiera, Parente, Medico, Vicino, Volontario) Nome dell assistito LEGENDA: barrare il numero che interessa TRASFERIMENTO LETTO SEDIA E VICEVERSA 1. Necessarie due persone per il trasferimento con o senza sollevatore meccanico. 2. Collabora ma richiede massimo aiuto da parte di una persona. 3. Necessario la collaborazione di una persona per una o più fasi del trasferimento. 4. Necessaria la presenza di una persona per maggiore fiducia. 5. E indipendente. DEAMBULAZIONE 1. Dipendenza rispetto alla locomozione. 2. Necessaria la presenza costante di una o più persone per la deambulazione 3. Necessario l aiuto di una persona per raggiungere o manovrare gli ausili 4. Autonomo nella deambulazione ma necessita di supervisione, non riesce a percorrere 50 metri senza bisogno di aiuto 5. Cammina senza aiuto. LOCOMOZIONE SU SEDIA A ROTELLE 1. Paziente in carrozzina, dipendente per la locomozione 2. Paziente in carrozzina, può avanzare per proprio conto solo per brevi tratti in piano. 3. Indispensabile la presenza di una persona ed assistenza continua per accostarsi al tavolo, al letto, ecc 4. Riesce a spingersi per durate ragionevoli in ambienti consueti, necessita di assistenza per i tratti difficoltosi 5. Autonomo, è in grado di girare intorno agli spigoli, su se stesso, di accostarsi al tavolo; è in grado di percorrere almeno 50 metri

13 Mod _SMRSA Relazione assist. Rev Pag. 2/3 Modulo MODULO RELAZIONE ASSISTENZIALE IGIENE PERSONALE 1. Incapace di attendere all igiene personale, dipende sotto tutti gli aspetti. 2. Necessita di assistenza in tutte le circostanze dell igiene personale. 3. Necessita di assistenza per una o più circostanze dell igiene personale. 4. E in grado di provvedere alla cura della propria persona ma richiede un minimo di assistenza prima e/o dopo la operazione da eseguire 5. E capace di lavarsi mani e faccia, pettinarsi, lavarsi i denti e radersi. ALIMENTAZIONE 1. Deve essere imboccato. 2. Riesce a manipolare una posata ma necessita dell aiuto di qualcuno che fornisca assistenza attiva 3. Riesce ad alimentarsi sotto supervisione; l assistenza è limitata ai gesti più complicati 4. Paziente indipendente nel mangiare salvo che in operazioni quali tagliarsi la carne, aprire confezioni, ecc. La presenza di un altra persona non è indispensabile 5. Totale indipendenza nel mangiare. CONFUSIONE 1. E completamente confuso, così che sono compromesse le capacità di comunicare e le attività cognitive. 2. E chiaramente confuso e non si comporta, in determinate situazioni come dovrebbe. 3. Appare incerto e dubbioso nonostante sia orientato nello spazio e nel tempo. 4. E in grado di pensare chiaramente. IRRITABILITA 1. Qualsiasi contatto è causa di irritabilità. 2. Uno stimolo esterno che non dovrebbe essere provocatorio, produce spesso irritabilità che non sempre è in grado di controllare. 3. Mostra ogni tanto segni di irritabilità, specialmente se gli vengono rivolte domande indiscrete. 4. Non mostra segni di irritabilità, è calmo.

14 Mod _SMRSA Relazione assist. Rev Pag. 3/3 Modulo MODULO RELAZIONE ASSISTENZIALE IRREQUIETEZZA 1. Cammina avanti e indietro incessantemente, e/o è incapace di stare fermo persino per brevi periodi di tempo 2. Appare chiaramente irrequieto: non riesce a stare seduto, e/o tocca gli oggetti, si muove continuamente durante la conversazione 3. Mostra ogni tanto segni di irrequietezza. 4. Non mostra segni di irrequietezza motoria, è normalmente attivo con periodi di tranquillità. ALTRE SEGNALAZIONI Incontinenza: assente Solo urinaria solo fecale doppia Gestione incontinenza : Presidi assorbenti Ano artificiale catetere Ausili per il movimento : nessuno Bastone / deambulatore Carrozzina Il compilatore: Cognome Nome Firma Data

15 MS.RSA 47 Rev Pag. 1/4 Direzione SCHEDA RETTA RSA RETTA Anno 2014 Residenza Sanitaria Assistenziale Retta: 56,00 Esente IVA art. 10 D.P.R n.633 (Per gli Ospiti in stato vegetativo la retta è a carico del Fondo Sanitario Regionale come da DGR VIII/5237/2007 e DGR 6220/2007) Le prestazioni erogate dalla RSA vengono di seguito illustrate specificando i servizi inclusi e quelli resi a pagamento con il loro costo. L erogazione di prestazioni non incluse nel presente schema deve essere richiesta alla Direzione della Struttura che, in caso di recepimento delle particolari richieste, provvederà a fornire per iscritto modalità ed eventuali costi per l erogazione. L Ospite/Rappresentante dell Ospite Luogo e data,

16 MS.RSA 47 Rev Pag. 2/4 Direzione SCHEDA RETTA RSA AREA SERVIZI SANITARI La RSA in attuazione alla d.g.r. 7435/2001: 1 eroga, senza ulteriori oneri a carico degli ospiti, l assistenza medica generica, infermieristica, riabilitativa, ritenendosi escluse le prestazioni mediche specialistiche, di diagnostica strumentale nonché quelle relative all assistenza protesica erogabile nell ambito del Servizio Sanitario Nazionale; 2 fornisce, senza ulteriori oneri a carico degli ospiti, ausili per incontinenti (pannolini, pannoloni e traverse); 3 fornisce, senza ulteriori oneri a carico degli ospiti, ogni tipo di farmaco, gas medicale, e materiale sanitario; 4 garantisce la fornitura di letti a tre snodi per tutti i posti letto; 5 garantisce una dotazione di materassi e cuscini antidecubito atta a rispondere alle esigenze degli ospiti che presentano o sono a rischio di lesioni da decubito La RSA garantisce altresì i seguenti servizi: Tipologia di Servizio Frequenza AB (al bisogno) Servizio compreso nella retta Servizio non compreso nella retta Costi Consulenze specialistiche fisiatra AB cardiologo AB oculista AB neurologo AB ortopedico AB Tariffa specialista chirurgo AB Tariffa specialista psicologo AB psichiatra AB otorinolaringoiatra AB altre consulenze AB Tariffa specialista Ticket esami diagnostici se prescritti dal Medico di Struttura se non prescritti dal Medico di Struttura Tariffario regionale Ticket visite specialistiche ambulatoriali se prescritti dal Medico di Struttura se non prescritti dal Medico di Struttura Tariffario regionale Terapia fisica con apparecchi elettromed. ionoforesi AB ultrasuonoterapia AB radarterapia AB altro AB

17 MS.RSA 47 Rev Pag. 3/4 Direzione SCHEDA RETTA RSA SERVIZI ALBERGHIERI E GENERALI Tipologia di Servizio Lavanderia / Stireria Servizio erogato dalla RSA SI NO Servizio compreso nella retta indumenti personali Servizio non compreso nella retta Costi biancheria lavaggio capi delicati a secco (es. giacca, cappotto) piccole riparazioni fornitura abbigliamento particolare (es. tutone) Parrucchiere / Barbiere il servizio ricompreso nella retta è previsto una volta al mese lavaggio asciugatura piega taglio trattamenti: permanente, tinta Tariffa parrucchiera Pedicure/Manicure il servizio ricompreso nella retta è previsto una volta al mese cure conservative podologia curativa Prodotti per l igiene Prodotti per l igiene personale Ristorazione consulenza nutrizionale bevande ai pasti bevande fuori pasto spuntino/merenda pasto visitatore Il buono pasto può essere acquistato direttamente dalla Ditta che ha in gestione il Servizio Ristorazione

18 MS.RSA 47 Rev Pag. 4/4 Direzione SCHEDA RETTA RSA Tipologia di Servizio Assistenza in ospedale cambio biancheria sorveglianza Servizi Generali Servizio erogato dalla RSA SI NO Servizio compreso nella retta riscaldamento raffrescamento condizionamento climatizzazione Servizio non compreso nella retta telefono pubblico Al costo giornali Al costo biblioteca televisione nei locali comuni Trasporti per visite ospedaliere prescritte dalla RSA, accertamenti stati di invalidità con autoambulanza per visite ospedaliere non prescritte dalla RSA, con autoambulanza trasporti sociali a cura di volontariato trasporti con mezzi della RSA accompagnamento nei trasferimenti Attività ricreative esterne gite vacanze estive o invernali Servizi funebri esequie funebri vestizione defunti Costi Tariffa applicata dal fornitore

19 MGP02 rev.1 del Pagina 1 di 2 CONSENSO SCRITTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI PER PRESTAZIONI IN REGIME DI RICOVERO ORDINARIO E DAY HOSPITAL Io sottoscritto/a acquisite le informazioni fornite dal titolare del trattamento ai sensi dell art. 13 del D.lgs n.196 del 30 giugno del 2003, recante disposizioni in materia di protezione dei dati personali, e consapevole che il trattamento riguarderà sia i dati anagrafici personali che i dati "sensibili" di cui all'art.4 comma 1 lett. d), nonché art.26 del D.lgs.196/2003, vale a dire i dati ricompresi in quelli "idonei a rivelare l'origine razziale ed etnica, le convinzioni religiose, filosofiche o di altro genere, le opinioni politiche, l'adesione a partiti, sindacati, associazioni od organizzazioni a carattere religioso, filosofico, politico o sindacale, nonché i dati personali idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale": ACCONSENTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI E/O SENSIBILI IDONEI A RIVELARE IL MIO STATO DI SALUTE Detto consenso sarà considerato valido per la pluralità di prestazioni erogate anche da distinte Unità Operative e Servizi di questo Istituto nonché per eventuali trattamenti clinici e strumentali che si rendessero necessari per la cura anche presso altre Strutture sanitarie su richiesta di questo Istituto; sarà pertanto mio compito comunicare eventuali modifiche o la revoca dello stesso. Inoltre: 1) AUTORIZZO NON AUTORIZZO l informazione a chi ne faccia richiesta della mia presenza in questo Istituto. 2) In merito al rilascio di notizie relative alle mie condizioni di salute autorizzo/non autorizzo il Personale Medico ad informare: AUTORIZZO NON AUTORIZZO Chiunque Parenti tutti Genitori Coniuge Conviventi Figli Fratelli/sorelle Mediatore culturale (se straniero) Altri (specificare) 3) AUTORIZZO NON AUTORIZZO La comunicazione del mio ricovero e dello stato di salute al mio Medico di Medicina Generale (curante): Dr./Dr.ssa Tel: Data / / Firma leggibile e per esteso

20 MGP02 rev.1 del Pagina 2 di 2 Il Sottoscritto che compila il presente modulo in vece di Dichiara che il soggetto è un minore oppure è in uno stato di impossibilità fisica, incapacità di agire o di intendere o di volere, pertanto il consenso viene acquisito dai soggetti di cui all art. 82 comma 2 del D.lgs n.196/03, in quanto: Tutore Affidatario Genitore Coniuge Convivente Familiare Amministratore di sostegno Prossimo congiunto presta il consenso per il trattamento e la comunicazione dei dati, nei modi e per le finalità, necessari allo svolgimento di quanto appreso dall'informativa Data / / Firma leggibile e per esteso di chi esprime il consenso.. Documento n. rilasciato il. a.. (.) N.B: Questa modulistica deve essere compilata correttamente. Pertanto tutte le caselle vanno barrate (autorizzo/non autorizzo); la mancata indicazione dei punti sopra indicati verrà considerata come Non Autorizzo o Non praticabile.

21 MGP01 rev.1 del Pagina 1 di 1 Informativa ai sensi dell articolo 13 del Decreto Legislativo n.196 del 30/06/2003 Codice in materia di protezione dei dati personali Il D. Lgs. 30/06/2003 n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali, regola il trattamento dei dati personali obbligando a rispettare i diritti, le libertà fondamentali, la dignità dell interessato con particolare riferimento alla riservatezza, all identità personale e al diritto di protezione dei dati personali. L art. 13 prevede che l interessato (persona fisica, persona giuridica, ente o associazione cui si riferiscono i dati), o la persona presso la quale sono raccolti i dati personali, debbano essere previamente informati del trattamento. La, ai sensi e per gli effetti dell articolo 13 del D.Lgs 196/2003, desidera informarla che: Finalità e modalità di trattamento dei dati I dati personali e quelli sensibili idonei a rivelare lo stato di salute (documentazione relativa ad una situazione di invalidità, certificati di malattia, referti medici, ecc..) da Lei forniti direttamente o raccolti presso terzi (parenti, medico di famiglia, medici di ospedale, tutori, amministratori di sostegno, ecc ), verranno trattati ad opera di soggetti appositamente preposti ai fini della gestione dei rapporti con gli Enti e competenze pubbliche, nonché per la conoscenza degli elementi necessari ai fini dei trattamenti sociali, sanitari, riabilitativi, assistenziali, per attività di ricerca presso i nostri centri con qualifica IRCCS e per documentare l esito dei trattamenti stessi. I dati sensibili, spontaneamente conferiti, saranno oggetto di trattamento, previo espresso consenso scritto. I Suoi dati saranno raccolti e registrati per scopi determinati, espliciti e legittimi; saranno trattati secondo principi di correttezza, liceità, trasparenza; saranno pertinenti, completi e non eccedenti alle finalità del trattamento. Utilizzo di immagini: Le immagini (foto, video) di ospiti/utenti/pazienti del Centro potranno essere utilizzate sia per uso interno che per pubblicazioni della Fondazione. Natura del conferimento e conseguenze dell eventuale rifiuto La natura del conferimento dei dati è facoltativa, ma l eventuale rifiuto, totale o parziale, al conferimento dei suoi dati, ovvero l eventuale diniego ad acconsentire al trattamento o alla comunicazione, quando richiesto, non ci consentirà di attivare la specifica prestazione di natura sanitaria, riabilitativa assistenziale, sociale. Modalità di conservazione dei dati e soggetti o categoria di soggetti a cui comunicarli I dati da Lei forniti saranno conservati con modalità cartacee e/o informatizzate, oppure mediante supporti di altro tipo, con logiche strettamente correlate alle finalità della richiesta e, comunque, in modo da garantire e rispettare la sicurezza e la riservatezza dei dati stessi. I dati raccolti, oltre che per gli usi di competenza amministrativa, di ricerca e tecnico- assistenziali propri ed interni alla Fondazione, potranno essere comunicati a soggetti esterni unicamente per assolvere agli adempimenti costituiti dalle competenze pubbliche con le quali intercorrono le convenzioni per le prestazioni erogate o per assolvere ad adempimenti di legge. Diritti dell interessato In base all articolo 7 Dlgs 196/03 Lei ha il diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che la riguardano, il diritto a richiedere l'aggiornamento, la rettifica ovvero, qualora ne abbia interesse, l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati. Ha il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che la riguardano, ancorché pertinenti allo scopo della raccolta, o all invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. Tutti i diritti possono essere esercitati mediante richiesta, anche per il tramite di un incaricato, al Titolare del trattamento o al Responsabile. Titolare del Trattamento è la, persona giuridica privata nella persona del legale rappresentante pro-tempore, Mons. Angelo Bazzari, con sede legale in Milano, Piazza R. Morandi n Milano Il RESPONSABILE DEL TRATTAMENTO: preposto al trattamento dei suoi dati è il Direttore del Polo Lombardia 1 della Fondazione Don Carlo Gnocchi Onlus (attualmente il Dott. Diego Maltagliati), cui afferiscono i Centri IRCCS Santa Maria Nascente di Milano - Via Capecelatro 66, Santa Maria alle Fonti di Salice Terme - Viale Mangiagalli, 52 e Santa Maria alla Rotonda di Inverigo - Via privata D'Adda, 2

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose.

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose. RESIDENZA LE ROSE DATI ANAGRAFICI STRUTTURA SCHEDA SERVIZIO Residenza LE ROSE DENOMINAZIONE Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD INDIRIZZO CAP CITTÀ PROVINCIA 0429 644544 TELEFONO info@residenzalerose.net

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

.. QUANDO?.. DOVE?... COME?

.. QUANDO?.. DOVE?... COME? S.S.V.D. ASSISTENZA INTEGRATIVA E PROTESCA CHI?.. QUANDO?.. DOVE?... COME? Rag. Coll. Amm. Rita Papagna Dott.ssa Laura Signorotti PRESIDI EROGABILI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE D.M. n.332 del 27 agosto

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Pag. 1 di 5 REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Oggetto Art. 1 Il Servizio Art. 2 L Utenza Art. 3 La domanda di Accoglienza Art. 4 Il Processo di Accoglienza Art.

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare GLOSSARIO DEI TRACCIATI SIAD Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare Dicembre 2011 Versione 4.0 SIAD Glossario_v.4.0.doc Pag. 1 di 35 Versione 4.0 Indice 1.1 Tracciato 1 Definizione

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU32 09/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 30 luglio 2012, n. 45-4248 Il nuovo modello integrato di assistenza residenziale e semiresidenziale socio-sanitaria a favore delle

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni)

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni) REGOLAMENTO SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI emanato con decreto direttoriale n.220 dell'8 giugno 2000 pubblicato all'albo Ufficiale della Scuola

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Regolamento interno Residenze Sanitarie Assistenziali. (Allegato alla Carta dei Servizi)

Regolamento interno Residenze Sanitarie Assistenziali. (Allegato alla Carta dei Servizi) Regolamento interno Residenze Sanitarie Assistenziali (Allegato alla Carta dei Servizi) REGOLAMENTO INTERNO RSA ************* TITOLO 1 OGGETTO, FINALITA, CARATTERISTICHE Art. 1 OGGETTO Il presente regolamento

Dettagli

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE MODULO DOMANDA / NUOVO CAS-SISMA MAGGIO 2012 DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE (Dichiarazione sostitutiva di certificazione e di atto di notorietà resa ai sensi degli artt. 46 e 47

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Alassio AL MARE RESIDENZA. Stagione 2014-2015

Alassio AL MARE RESIDENZA. Stagione 2014-2015 RESIDENZA AL MARE Alassio Stagione 2014-2015 Periodi e tariffe giornaliere di soggiorno: PERIODO DAL AL SOCI AGOAL AGGREGATI NOTE Festività fine Anno 28/12/2014 02/01/2015 72,00 77,00 Periodo non frazionabile

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI Ufficio del Piano di Zona Sociale dell' Ambito Territoriale A 1 COMUNE DI ARIANO IRPINO Capofila REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI erogato nei Comuni dell ambito territoriale

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

VILLA FRANCIA CASA DI RIPOSO CON REPARTO PROTETTO

VILLA FRANCIA CASA DI RIPOSO CON REPARTO PROTETTO Distretto Di Casalecchio Di Reno CASA DI RIPOSO CON REPARTO PROTETTO Carta dei Servizi Il testo della Carta dei servizi è stato condiviso dal Gruppo Tecnico costituito ai sensi della L.R. 377/2004, istituito

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI Fondazione di partecipazione dei Comuni di Casole d Elsa Colle di Val d Elsa Poggibonsi San Gimignano Radicondoli REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI - 1- INDICE Premessa... 5 Titolo Primo

Dettagli

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET Il presente Accordo è posto in essere tra: Maiora Labs S.r.l. ( Maiora ), in persona del legale rappresentante

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. R CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 La Sol Levante nasce nel 1998 per dare una risposta alle esigenze delle persone, di ogni fascia d età, affette da disagio psichico e con problematiche in

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

Al SUAP. Denominazione società/ditta

Al SUAP. Denominazione società/ditta COMUNICAZIONE SUBINGRESSO DI COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SU POSTEGGIO L.R. 28/2005 e s.m.i. Codice del Commercio art.74 e D.P. G.R. n. 15/R del 1 aprile 2009 Regolamento di attuazione della legge n. 28/2005

Dettagli

Guida alle prestazioni ambulatoriali

Guida alle prestazioni ambulatoriali Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a P r e s i d i o O s p e d a l i e r o P AP AR D O Guida alle prestazioni ambulatoriali Gentile Signore/a, l Azienda,

Dettagli

SCHEDA DI ADESIONE - Foglio 1 -

SCHEDA DI ADESIONE - Foglio 1 - Versione 10/04/15 SCHEDA DI ADESIONE - Foglio 1 - Rifiuti dei Beni a base di Polietilene, Piazza di S. Chiara, 49 00186 ROMA) e (facoltativamente) anticipata mezzo fax Il richiedente... In persona del

Dettagli

GUIDA SUL LAVORO A TEMPO PARZIALE (PART TIME) Aggiornata a novembre 2013

GUIDA SUL LAVORO A TEMPO PARZIALE (PART TIME) Aggiornata a novembre 2013 GUIDA SUL LAVORO A TEMPO PARZIALE (PART TIME) Aggiornata a novembre 2013 MODALITÀ RICHIESTE (TRASFORMAZIONE E/O MODIFICA) DURATA ORARIO : ARTICOLAZIONE E INTERVALLO CRITERI PRINCIPALI ACCOGLIMENTO DELLE

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

(1) Livello Inquadramento

(1) Livello Inquadramento di Mutualità ed Assistenza MACERATA Via Gramsci, 38 Tel. 0733 230243 Fax. 0733 232145 E mail: info@cassaedilemacerata.it www. cassaedilemacerata.it DATI ANAGRAFICI DEL LAVORATORE ( per i nuovi assunti

Dettagli

! " # $" $ () # $ $ % % # % $ + $ & "!" $ $ $ # #

!  # $ $ () # $ $ % % # % $ + $ & ! $ $ $ # # !!"!%!!!& '! " " ()! **" % % % + & "!"!" " ' % ''(, ( ) ) *+ (, + ( +! ( - "&.& + & & ''-- + / 0( 0 1 2 ))3-01"( + ( +! % ( + + & ( + 4 + & ( 5 + + 4 ( 6 + 0 (+ ( + + ( 6 / 6 0 (! ' 7 3!. ( 89 :;:

Dettagli

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO A. LA NUOVA MODALITA 3 B. RILASCIO DELL ATTESTATO DI ESENZIONE 5 C. REQUISITI PER L ESENZIONE

Dettagli

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1.

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1. Allegato 4: scheda di rilevazione dat i della persona con lesione midollare La scheda deve essere compilata nei casi in cui la persona venga ricoverata in Unità Spinale o Centro di Riabilitazione in occasione

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

GUIDA ALLE ISCRIZIONI ALLE SCUOLE DELL INFANZIA COMUNALI ANNO SCOLASTICO 2015-2016 ISCRIZIONI

GUIDA ALLE ISCRIZIONI ALLE SCUOLE DELL INFANZIA COMUNALI ANNO SCOLASTICO 2015-2016 ISCRIZIONI 1 All. 2) GUIDA ALLE ISCRIZIONI ALLE SCUOLE DELL INFANZIA COMUNALI ANNO SCOLASTICO 2015-2016 La Scuola Comunale dell Infanzia assume e valorizza le differenze individuali dei bambini nell ambito del processo

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA Istituto Nazionale Previdenza Sociale ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA (articolo 23 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 e successive modifiche e integrazioni) In base all art. 7, D.L. n. 70/2011 non è più obbligatorio

Dettagli

BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU

BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU Ai sensi delle seguenti disposizioni: Legge 02.12.1991, n. 390 Articolo 13 D.P.C.M. 09/04/2001 Articolo 4 comma 17 D.P.C.M. 05/12/2013

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA procede alla raccolta di domande al fine di effettuare selezioni per eventuali assunzioni con contratto subordinato, a tempo determinato, relativamente al Festival Areniano

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

DICHIARAZIONE ANTICIPATA DI TRATTAMENTO (D.A.T.) AFFERMO SOLENNEMENTE

DICHIARAZIONE ANTICIPATA DI TRATTAMENTO (D.A.T.) AFFERMO SOLENNEMENTE CITTA DI VITTORIA DICHIARAZIONE ANTICIPATA DI TRATTAMENTO (D.A.T.) Ai sensi dell articolo 32 della Costituzione Italiana, io sottoscritto/a......... nato/a a...... Prov...... il............... residente

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO

ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO Scheda esplicativa per la trattativa decentrata maggio 2009 ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO a cura di Giuseppe Montante e Carlo Palermo componenti la Delegazione trattante nazionale

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno...... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare Ufficio ex Enam Area Piccolo Credito Lista: settore.. n.... Largo Josemaria Escriva

Dettagli

Invalido dal 33% al 73%

Invalido dal 33% al 73% Invalido dal 33% al 73% Definizione presente nel verbale: "Invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore ad 1/3 (art. 2, L. 118/1971)". Nel certificato può essere precisata

Dettagli

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA PER ATTIVITA

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA

DOMANDA DI ISCRIZIONE A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO CRESPELLANO Via IV Novembre, 23 Valsamoggia (BO) 40056 Località - Crespellano Tel. 051/6722325 051/960592 Fax. 051/964154 - C.F. 91235100376 E-mail: boic862002@istruzione.it - iccrespellano@virgilio.it

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I Edizione 28 Settembre 2012 II Edizione 23 Novembre 2012 Martinengo - Sala Congressi Diapath L evento è stato

Dettagli

Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA' TIPO A TIPO B

Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA' TIPO A TIPO B CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 0047 Versione 002 2014) Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA'

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Che cos è il Centro diurno regionale Ai Gelsi? Il nuovo Centro diurno socio-assistenziale con sede a Riva San Vitale si inserisce nel

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Fabio Ragaini, Gruppo Solidarietà Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Con Ordinanza 189/2010, www.grusol.it/informazioni/12-04-10.pdf, Il Tar delle

Dettagli