AUSL. Guida ai Servizi. Territorio Prevenzione e MACERATA. Direzione Generale Belvedere Raffaello Sanzio, 1 - Macerata. La Marca- Carta del sec.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AUSL. Guida ai Servizi. Territorio Prevenzione e MACERATA. Direzione Generale Belvedere Raffaello Sanzio, 1 - Macerata. La Marca- Carta del sec."

Transcript

1 Regione M arche AUSL MACERATA 9 Guida ai Servizi Territorio Prevenzione e Direzione Generale Belvedere Raffaello Sanzio, 1 - Macerata La Marca- Carta del sec. XVII

2 GUIDA AI SERVIZI TERRITORIO E PREVENZIONE Percorsi di cura del Territorio a cura della Direzione Amministrativa Dipartimenti Territoriali Vademecum Sportello della Salute

3 COORDINAMENTO DEL PROGETTO SERVIZIO QUALITÀ MARKETING E FORMAZIONE REALIZZAZIONE GRAFICA CENTRO STAMPA A.U.S.L. 9 - MACERATA

4 PRESENTAZIONE Guida ai In un sistema complesso e a forte integrazione quale è il Servizio Sanitario Nazionale, una buona conoscenza del suo intimo funzionamento e una informazione chiara sono il necessario presupposto per garantire professionalità, efficienza e trasparenza nei. Il recente Decreto Legislativo n. 229/99, assegna all assistenza territoriale un ruolo centrale e vede nel distretto il punto nodale di tutte le attività. Questa Guida ai Servizi vuole essere un pratico strumento di informazione e di consultazione utilizzabile soprattutto dal cittadino attento e sensibile ai suoi diritti e doveri. Essa perciò non è stata concepita con la pretesa di contenere tutte le conoscenze in materia di sanità, ma più semplicemente, con l intenzione di fornire un orientamento nel labirinto dei percorsi sanitari assistenziali territoriali determinato dalle molteplici norme e procedure entro le quali si imbattono quotidianamente medici, operatori sanitari e, soprattutto, i cittadini. Conseguentemente alla guida è stato dato un taglio volutamente pratico cercando di privilegiare le esigenze della persona intesa come cittadino, utente e paziente. 3

5 Sezione 1 PRESENTAZIONE - Il territorio dell Azienda USL 9 - Obiettivi dei Distretti Sezione 2 SERVIZI EROGATI DIPARTIMENTO SERVIZI TERRITORIALI Pag. 9 - assistenza domiciliare integrata (ADI) - assistenza sanitaria di base - continuità assistenziale - emergenza trasporto in ambulanza - assistenza ai cittadini non residenti nel territorio asl e visite mediche occasionali - cure e ricoveri all estero - assistenza sanitaria per soggiorno all estero - assistenza sanitaria agli immigrati - assistenza specialistica 1- negli ambulatori della ASL 2 - nelle strutture accreditate - C.U.P. Centro Unico di Prenotazione - donazione di organi e tessuti: dichiarazione di volontà - unità operativa dipendenze patologiche - unità multidisciplinare età adulta UMEA - R.S.A. - percorsi agevolati per soggetti svantaggiati - assistenza integrativa DIPARTIMENTO MEDICINA FISICA E RIABILITAZIONE Pag assistenza protesica - assistenza riabilitativa - cure climatiche e termali per invalidi di guerra e per o DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE Pag o consultoriale - campagna di prevenzione programma di screening - o di neuropsichiatria infantile e psicologia dell età evolutiva - UMEE 4

6 DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE Pag centro salute mentale - day hospital psichiatrico - centro diurno - struttura riabilitativa residenziale - gruppi di appartamento casa famiglia - o psichiatrico diagnosi e cura - casa protetta Guida ai DIPARTIMENTO PREVENZIONE Pag Le prestazioni - Servizio Igiene e Sanità Pubblica - ISP - Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro - PSAL - Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione - IAN - Servizio Veterinario - Attività di Medicina Legale - Rilascio o rinnovo patente auto SERVIZIO FARMACEUTICO TERRITORIALE Pag Telecup - Farmacie convenzionate sul territorio della ASL - Distribuzione di presidi TICKET Pag. 91 PERCORSI ASSISTENZIALI TERRITORIALI Pag Visita specialistica ed esami strumentali - Assistenza domiciliare - Assistenza residenziale in R.S.A. 5

7 IL TERRITORIO DELLA AZIENDA UNITÀ SANITARIA LOCALE N. 9 TOLENTINO SARNANO Appignano Montecassiano Treia MACERATA Corridonia Pollenza Petriolo Urbisaglia Mogliano Serrapetrona Colmurano Loro Piceno Belforte Ripe S. Ginesio Caldarola Cessapalombo S. GINESIO S. Angelo in P. Gualdo Penna S. Giovanni Monte S.Martino 6

8 Sezione 1 PRESENTAZIONE Guida ai IL TERRITORIO DELL AZIENDA USL N. 9 Al 31 dicembre 2003, la popolazione residente era di circa 134 mila abitanti, distribuita su una superficie di circa 915 kmq, comprendente zone collinari e montane. L Azienda Sanitaria Locale n. 9 di Macerata comprende 24 Comuni, suddivisi in tre Distretti Sanitari. Il DISTRETTO è la struttura dell Azienda finalizzata a realizzare nel territorio un elevato grado di integrazione tra i diversi che erogano prestazioni sanitarie e fra questi ultimi ed i socio assistenziali, in modo da consentire una risposta coordinata e continuativa ai bisogni sanitari della popolazione. Il Distretto rappresenta il luogo in cui confluiscono i bisogni reali di salute espressi dai cittadini ed in cui si realizza la gestione di tutto il complesso di attività sanitarie extraospedaliere. DISTRETTO DI MACERATA DISTRETTO DI TOLENTINO COMUNI APPIGNANO CORRIDONIA MACERATA MOGLIANO MONTECASSIANO PETRIOLO POLLENZA TREIA URBISAGLIA TOTALI COMUNI BELFORTE DEL CHIENTI CALDAROLA CAMPOROTONDO CESSAPALOMBO SERRAPETRONA TOLENTINO TOTALI POPOLAZIONE POPOLAZIONE SUPERFICIE Kmq 22,7 62,02 92,73 29,26 32,99 15,63 39,47 93,07 22,8 410,67 SUPERFICIE Kmq 15,93 29,08 8,83 27,78 37,56 94,86 214,04 DIRETTORE Dr.ssa M. Elena Cingolani DIRETTORE Dr.ssa Donella Pezzola DISTRETTO DI SARNANO COMUNI COLMURANO GUALDO LORO PICENO MONTE S. MARTINO PENNA S. GIOVANNI RIPE S. GINESIO SAN GINESIO SANT ANGELO IN PONTANO SARNANO TOTALI POPOLAZIONE SUPERFICIE Kmq 11,17 22,11 32,41 18,5 28,18 10,11 77,72 27,43 62,94 290,57 RESPONSABILE Dr.ssa Elisa Melchiorri 7

9 OBIETTIVI DEI DISTRETTI Secondo il modello organizzativo tendente ad una forte integrazione tra i diversi territoriali, gli obiettivi dei Distretti sono: assicurare in ogni ambito distrettuale uniformi livelli di efficacia, efficienza, qualità ed equità dei erogati. orientare la distribuzione delle risorse e dei in riferimento alla domanda dei cittadini piuttosto che in riferimento all offerta dei. realizzare globalità e continuità dell intervento sanitario, favorendo la disponibilità sul territorio anche di professionalità e risorse un tempo confinate all interno della struttura ospedaliera. In relazione alle attività distrettuali, ferma restando la centralità del Distretto nella rete dei per l assistenza territoriale, si realizza una forte integrazione tra l attività ospedaliera e l attività territoriale svolta dai Dipartimenti che operano in entrambe le aree e cioè: DIP. SERVIZI TERRITORIALI dr.ssa M.E. Cingolani DIP. MATERNO INFANTILE dr. F.P. Perri DIP. SALUTE MENTALE dr.ssa R. Carassai DIP. MEDICINA FISICA E RIABILITAZIONE dr. G. Caraffa DIP. TUTELA SALUTE ANZIANO dr. G. Mancini DIP. PREVENZIONE dr. B. Biraghi SERV. FARMACEUTICO TERRITORIALE dr.ssa G. Giacinti DIREZ. AMM.VA DIP. TERRITORIALI dr. A. Carelli I Dipartimenti operanti sul territorio esplicano la propria attività attraverso i tre Distretti nella quale la AUSL è suddivisa: Direzione Amministrativa Dipartimenti territoriali DIP. SERVIZI TERRITORIALI DIP. MATERNO INFANTILE DIP. MEDICINA FISICA E RIABILITAZIONE DIP. TUTELA SALUTE ANZIANO DIP. SALUTE MENTALE DIP. PREVENZIONE SERV. FARMACEUTICO TERRITORIALE Macerata Tolentino Sarnano Medicina di base e specialistica ADI, SERT, RSA Consultori, Ostetricia/Ginecologia, Pediatria/Neonatologia Riabilitazione sul territorio Geriatria, Lungodegenza Attività territoriale Igiene e Sanità Pubblica, Igiene Alimentazione e Nutrizione, Sicurezza ambienti di lavoro, Veterinario Farmaceutica Convenzionata, Assistenza Integrativa 8

10 Sezione 2 SERVIZI EROGATI Guida ai DIPARTIMENTO SERVIZI TERRITORIALI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (A.D.I.) FUNZIONI E un o rivolto a tutte le persone con limitazione temporanea o permanente della propria autonomia funzionale, affette da patologie croniche a medio - lungo decorso, o da patologie acute trattabili a domicilio ed ha come funzione fondamentale quella di portare al domicilio del paziente o alla Casa di Riposo, di cura e riabilitazione, anticipando le dimissioni ospedaliere o evitando ricoveri impropri, ove le condizioni sanitarie e socio - assistenziali lo permettano. ORGANIZZAZIONE Il Servizio ADI viene attuato dal Distretto attraverso i suoi operatori: Medico del Distretto, Medico di Medicina Generale, Specialista, Infermiere, Fisioterapista, etc. Il Medico di Medicina Generale è il responsabile clinico dell assistenza. MODALITA DI ACCESSO ALL A.D.I. La segnalazione per l Assistenza domiciliare può essere fatta dal medico di medicina generale (M.M.G.) del paziente, dai sociali o dalla famiglia. La richiesta viene redatta dal medico di medicina generale (M.M.G.) del paziente, su apposita scheda regionale e viene inviata all Unità Valutativa Distrettuale (U.V.D.) che ha il compito di indicare i percorsi e le soluzioni assistenziali più idonee al paziente eleggibile in ADI. All atto della segnalazione del caso, entro ore, il M.M.G., il medico di distretto ed il case-manager, recepito il consenso dell interessato o dei familiari, provvedono all attivazione di un piano di intervento provvisorio per le prime necessità del paziente, sulla base della scheda regionale. Entro una settimana dall avvio dell assistenza l U.V.D. provvederà a stilare il piano di intervento definitivo o proporrà altre soluzioni assistenziali di intensità assistenziale maggiore (R.S.A., ospedalizzazione) o minore (A.D.P., intervento infermieristico). Il Piano di intervento assistenziale comprende: 9

11 la valutazione multidimensionale; la durata presumibile dell A.D.I.; la periodicità degli accessi del medico di medicina generale; gli interventi infermieristici e/o riabilitativi e la loro periodicità; le consulenze specialistiche; gli interventi di tipo sociale - S.A.D.; i momenti di verifica comune per accertare se l assistenza può essere terminata o se deve proseguire. Sono previsti percorsi assistenziali semplificati per: a) alcuni cicli infermieristici; b) prelievi a domicilio; c) gestione dei cateteri. ASSISTENZA FARMACEUTICA. Relativamente all assistenza farmaceutica, sono assicurati esclusivamente nei confronti dei soggetti ammessi all assistenza ADI i seguenti farmaci, sia nelle case di riposo che nel loro domicilio: farmaci appartenenti alle fasce A e B farmaci appartenenti alla fascia H (senza limitazione OSP) farmaci appartenenti alla fascia C (solo quelli prescritti in confezione ospedaliera PTO) altri presidi necessari per le cure e la riabilitazione. Per la fornitura dei farmaci e presidi di cui sopra è necessaria: la richiesta del Medico di Medicina Generale, l autorizzazione del Medico Responsabile del Distretto. PRESTAZIONI DI NATURA SOCIO-ASSISTENZIALI. Le prestazioni di natura socio assistenziale, con spesa a carico dei Comuni o delle strutture residenziali, sono: assistenza sociale e segretariato sociale; assistenza domestica (SAD) per lo svolgimento delle attività quotidiane secondo le disposizioni regionali (aiuto domestico, o lavanderia, o mensa, trasporto non sanitario ed altro); assistenza educativa per minori a rischio di emarginazione sociale ed ai loro nuclei familiari (legge regionale n. 8/94); assistenza abitativa compresa quella rivolta all eliminazione delle barriere architettoniche; assistenza economica; assistenza spirituale; igiene della persona che non abbia rilievo sanitario. LE UNITA VALUTATIVE DELL AUSL N. 9 10

12 Stabiliscono il grado di autosufficienza dei soggetti da prendere in carico attraverso una valutazione multidimensionale. Nella ASL 9 sono state istituite una Unità Valutativa Geriatrica ed una Unità Valutativa per la malattia di Alzheimer che operano su tutto il territorio e tre Unità Valutative Distrettuali (a Macerata, a Tolentino ed a Sarnano): 1) Unità Valutativa Geriatrica (U.V.G.) dell Azienda composta da: medico geriatra ospedaliero: Dr. Giorgio Mancini oppure Dr. Francesco Costantini assistente sociale : Letizia Tasso infermiere professionale (case-manager e responsabile delle cure infermieristiche):fauzia Baldoncini 2) Unità Valutativa Distrettuale (U.V.D.) composta da: U.V.D. distretto di Macerata medico del distretto: Dr.ssa M. Elena Cingolani, responsabile del distretto di Macerata o suo delegato medico di medicina generale: responsabile clinico del paziente e delle cure domiciliari infermiere professionale (case-manager e responsabile delle cure infermieristiche): Gabriella Selvadagi o suo sostituto assistente sociale : Letizia Tasso. U.V.D. distretto di Tolentino medico del distretto: Dr.ssa Donella Pezzola, responsabile del distretto di Tolentino o suo delegato medico di medicina generale responsabile clinico del paziente e delle cure domiciliari; infermiere professionale (case-manager e responsabile delle cure infermieristiche) Giannina Ercoli o suo sostituto assistente sociale: Letizia Tasso. U.V.D. distretto di Sarnano medico del distretto: Dr.ssa Elisa Melchiorri, responsabile del distretto di Sarnano-San Ginesio medico di medicina generale: responsabile clinico del paziente e delle cure domiciliari infermiere professionale (case-manager e responsabile delle cure infermieristiche): Sandra Pascucci o suo sostituto assistente sociale : Letizia Tasso. - L U.V.D. è integrata di volta in volta dalle figure professionali necessarie: medico specialista; operatori sanitari specialisti di settore. - All U.V.D., partecipa di diritto un operatore sociale del Comune o della Comunità Montana, secondo competenza territoriale. Guida ai 11

13 3) Unità Valutativa per la Malattia Alzheimer E stata data pratica attuazione al protocollo di monitoraggio dei piani di trattamento farmacologico per la malattia di Alzheimer. È stata individuata nella UVD di Macerata (sede presso il Distretto di Macerata, via Ugo Foscolo, 2) l Unità Valutativa Alzheimer (UVA). Essa è composta da: Coordinatore: Dr.ssa Maria Elena Cingolani - responsabile medico del Distretto di Macerata e responsabile delle cure domiciliari (tel. 0733/257752); Componente: medico di medicina generale - responsabile clinico del paziente e delle cure domiciliari; Componente: infermiere professionale (case manager) Gabriella Selvadagi - Responsabile delle cure infermieristiche (tel. 0733/257041); Componente: assistente sociale Tasso Letizia (tel. 0733/257042); Componente: psicologa Dr.ssa Anna Annessi (tel. 0733/257026). La commissione si avvarrà al bisogno della consulenza specialistica del geriatra, nella persona del Dr. Francesco Costantini. SEDE PRINCIPALE DELL A.D.I. DISTRETTO N. 1 DI MACERATA POLIAMBULATORIO - Via U. Foscolo, n. 1 - Macerata Puoi rivolgerti a: Dr. Severino Lorenzetti - tel. 0733/

14 ASSISTENZA SANITARIA DI BASE Guida ai L Assistenza Sanitaria di Base è garantita a tutte le persone residenti nel territorio della ASL, dal Medico di Medicina Generale (Medico di Base) e dal Pediatra di Libera Scelta. PRIMA ISCRIZIONE E necessario presentare all Ufficio Anagrafe Assistiti del Distretto: - Certificato di nascita o stato di famiglia ( o autocertificazione); - Codice fiscale. SCELTA DEL MEDICO Il cittadino sceglie il medico tra quelli iscritti nell ambito territoriale di residenza. L ASL assicura il rispetto del numero massimo di assistiti per medico stabilito dalla convenzione, ossia 1500 per la medicina generale ed 800 per la pediatria. Per ragioni di vicinanza, viabilità ed altre gravi ed obiettive circostanze, il cittadino può fare richiesta al Comitato Consultivo di Azienda, per scegliere il Medico di un altro ambito territoriale. Per i bambini fino a 6 anni è obbligatoria la scelta del pediatra. Per i bambini dai 6 ai 14 anni è possibile scegliere tra il pediatra ed il medico di medicina generale. REVOCA DEL MEDICO La scelta può essere revocata se viene meno il rapporto di fiducia, o per altri motivi, presentando il libretto sanitario ed indicando la nuova scelta. Il Medico revocato è tenuto a trasferire al nuovo medico scelto, la scheda individuale dell assistito. ASSOCIAZIONISMO MEDICO E MEDICINA DI GRUPPO Allo scopo di garantire nei confronti degli assistiti una maggiore continuità assistenziale, i medici convenzionati hanno costituito Associazioni o Gruppi. I medici che volontariamente aderiscono all associazione appartengono allo stesso ambito territoriale di iscrizione. I medici associati debbono coordinare l orario di apertura degli ambulatori che dovrà essere assicurata fino alle ore 19 e per almeno 6 ore al giorno, dal lunedì al venerdì. Ciascun associato mantiene comunque l obbligo di assicurare l apertura dell ambulatorio individuale per almeno cinque giorni alla settimana. 13

15 Nei giorni di sabato e prefestivi, i medici di medicina generale ed i pediatri di libera scelta sono tenuti a svolgere l attività ambulatoriale dalle 8.00 alle Ciascun medico associato è tenuto ad assicurare le prestazioni a tutti i cittadini utenti iscritti nelle liste dei medici facenti parte dell associazione medesima. Elenco M.M.G. che partecipano ad Associazioni o Gruppi Medicina di gruppo Brandi, Caporicci Giancarlo, Domizi, Mosca Alba, Mosca Andrea. Belluigi, Falcitelli, Ruffini, Santecchia, Paolucci, Gobbi Stefano. Cannelli, Fermani, Palombini, Cartechini, Natali. Vissani, Zambotto, Pignataro. Tombesi Massimo, Di Giuseppe Michaela, Caraceni Luciano, Paoli, Piermattei. Fabrizi, Piccinini, Lelio. Associazionismo Tambella, Spendolini, Brué, Paparoni. Bartolucci, Caporicci Graziella, Lomanno, Tosi. Lattanzi, Parrucci, Mastrocola, Silauri, Attili. Ciabocco, Gasparrini, Tasso, Rapanelli, Tavoloni, Polverini. Accattoli, Avio, Gioiella, Tamburrini, Gualco, Torresi. Angerilli, Fata, Gentilucci Umberto, Gubbinelli. Chiavari, Pisani, Rosini. Gobbi, Grelloni, Gentilucci Pierfrancesco (pediatri). Brambatti, Cesari, Luchetti, Pettarelli, Salvatori, Morresi. Caridi, Iannucci, Cecchi. Di Luca, Laici, Cristallini. Ranieri, Ferrucci, Lamberti, Bianchini. Spinaci, Campetella, Antonelli (pediatra). Maccari, Ciucciovè, (pediatra) Medicina in rete (medici associati e collegati in rete) Antolini, Bartolotti, Curzi, Mari. N.B. Non possono essere effettuate variazioni di scelta all interno delle associazioni o gruppi senza la preventiva accettazione da parte del Medico destinatario della nuova scelta. Presso gli uffici cassa e accettazione sono disponibili i modelli per le variazioni di scelta. 14

16 PRESTAZIONI Il medico garantisce gratuitamente: Visite mediche ambulatoriali, Visite mediche domiciliari * Prescrizione di farmaci, Richieste di visite specialistiche, Proposte di ricovero, Richiesta di cure termali, Certificati per incapacità temporanea al lavoro, Certificati per riammissione a scuola, Certificati per l attività pre-agonistica: giochi della gioventù (fuori del normale orario delle lezioni di educazione fisica della Scuola) dietro specifica richiesta dell Autorità scolastica. * La visita domiciliare, garantita per i pazienti non trasferibili, deve essere eseguita di norma nel corso della stessa giornata, se richiesta entro le ore 10.00, altrimenti entro le ore del giorno successivo. Non sono compresi nell assistenza fornita dal SSN e quindi sono a pagamento i seguenti certificati: Patente di guida, Assicurazioni private, Domanda di invalidità all INPS, Ammissione a case di riposo, Ammissione a palestre o di buona salute, Attività sportiva non agonistica, Domanda all INPS di cure termali, Domanda per il riconoscimento invalidità civile, Domanda per sussidio di accompagnamento e di aggravamento, Incapacità a testimoniare, Inidoneità al Servizio Militare, Di guarigione per addetti alle industrie alimentari, Qualsiasi altro certificato. Guida ai ISCRIZIONE DI CITTADINI NON RESIDENTI I cittadini che soggiornano temporaneamente nei Comuni della nostra Asl hanno diritto all assistenza sanitaria ed all iscrizione temporanea, purché la loro permanenza nel comune di domicilio sia per un periodo superiore a tre mesi e non superiore ad un anno e si trovino nelle condizioni che seguono: a) prestano attività lavorativa anche a carattere stagionale o a tem - po determinato; 15

17 b) sono inviati in missione in qualità di dipendenti pubblici o privati; c) sono iscritti in una scuola o in un università in qualità di studenti; d) sono ricoverati in istituti di cura o in case di riposo. La legge prevede l iscrizione, a domanda degli interessati, anche per i familiari conviventi. E necessario che alla domanda sia allegato il documento di iscrizione negli elenchi dell Azienda di provenienza; la AUSL di Macerata richiederà la cancellazione dagli elenchi dell Azienda di provenienza entro 5 giorni. UFFICI ANAGRAFE Puoi rivolgerti a: Ufficio anagrafe Macerata tel. 0733/ Ufficio anagrafe Tolentino tel. 0733/9001 Ufficio anagrafe Corridonia tel. 0733/ Ufficio anagrafe Treia tel. 0733/ Ufficio anagrafe Montecassiano tel. 0733/ Ufficio anagrafe Mogliano tel. 0733/ Ufficio anagrafe Pollenza tel. 0733/ Ufficio anagrafe Urbisaglia tel. 0733/ Ufficio anagrafe Sarnano tel. 0733/ Ufficio anagrafe San Ginesio tel. 0733/ Ufficio anagrafe Passo Sant Angelo tel. 0733/

18 CONTINUITA ASSISTENZIALE Tale Servizio garantisce l assistenza sanitaria di base gratuita a tutti cittadini della Azienda ASL 9 di Macerata, per situazioni che rivestono carattere di urgenza e che si verificano nelle ore e nei giorni in cui il medico di base non è tenuto a garantire il proprio o e precisamente: Nei giorni feriali dalle ore alle ore del giorno successivo. Nei giorni prefestivi dalle ore alle ore Nei giorni festivi tutte le 24 ore SEDI MACERATA c/o Ospedale Via S. Lucia Tel. 0733/ TOLENTINO c/o Ospedale V.le Repubblica Tel. 0733/ SARNANO c/o RSA Via Rimembranze Tel. 0733/ SAN GINESIO fraz. Passo Sant Angelo Tel. 0733/ CORRIDONIA c/o Ospedale V.le Italia Tel. 0733/ TREIA c/o Ospedale P.zza Leopardi, 2 Tel. 0733/ CALDAROLA c/o Distretto P.le S. Rocco Tel. 0733/ PENNA S. GIOVANNI c/o Ambulatorio Via Beato Giovanni Tel. 0733/ Solo festivi e prefestivi MONTECASSIANO c/o Distretto Via Murri Tel 0733/ * POLLENZA c/o Distretto P.zza Libertà Tel 0733/ * MOGLIANO c/o Distretto P.le S. Michele Tel 0733/ * * In queste sedi dalle ore del giorno festivo alle ore del giorno feriale successivo tutte le necessità vengono coperte da: Macerata per Montecassiano, Treia per Pollenza, Corridonia per Mogliano. Il Medico di Continuità Assistenziale può: a) formulare proposte di ricovero, b) rilasciare prescrizioni farmaceutiche per terapia d urgenza coprendo un ciclo di terapia non superiore a 48/72 ore, c) certificare stati di malattia per il lavoratore per un massimo di tre giorni. Guida ai Puoi rivolgerti a: Direzione Amministrativa Ospedale Macerata Dr. Vittorio Passantino - tel. 0733/

19 EMERGENZA FUNZIONE DEL 118 E il numero da comporre in caso di Emergenza Sanitaria. Risponderà la Centrale Operativa Macerata Soccorso attiva 24 ore al giorno su tutta la Provincia e fornirà una risposta appropriata in ogni caso di emergenza o urgenza sanitaria, mediante consigli clinici. L invio di mezzi di soccorso e personale qualificato sul luogo dell incidente o del malore avverrà tramite i di Emergenza delle Aziende di Macerata, Civitanova e Camerino. QUANDO CHIAMARE IL 118 per grave malore; per incidenti stradali, domestici, sportivi o sul lavoro; per situazioni certe o presunte di pericolo di vita; per richiedere visite urgenti della Guardia Medica notturna, festiva o prefestiva; per conoscere le farmacie di turno notturno e festivo; per urgenze veterinarie; per urgenze ambientali. COME CHIAMARE IL 118 Componendo su qualsiasi telefono pubblico o privato o cellulare il numero 118. La chiamata è gratuita, non occorrono gettoni o schede telefoniche: attendere la risposta della centrale operativa comunicare con calma e precisione: - dov è successo il fatto/l incidente (comune, via, numero civico, recapito telefonico); - che cosa è successo (malore, incidente stradale, incidente domestico); - numero delle persone e tipo dei mezzi coinvolti; rispondere con calma e chiarezza alle domande che verranno formulate dagli operatori del 118. In base alle risposte la centrale Operativa invierà il personale idoneo. 18

20 NON CHIAMARE IL 118 per rintracciare il proprio medico di famiglia; per informazioni di natura socio-sanitaria (orari ambulatori, prenotazioni, visite, ); per ogni altro motivo non legato all urgenza sanitaria. Guida ai Puoi rivolgerti a: Direzione Amministrativa Ospedale Macerata Dr. Vittorio Passantino - tel. 0733/

21 TRASPORTO IN AMBULANZA La spesa per il trasporto sanitario in ambulanza è ha carico del S.S.N., quando ricorrono le condizioni previste dalla L.R. 36/98. Il trasporto in ambulanza è gratuito: Per i pazienti che si trovano in condizioni di emergenza ed urgenza derivanti da eventi acuti di qualsiasi causa e natura verificatesi nell arco delle 24 ore precedenti In tutti i casi in cui l operazione di soccorso è seguita: - da ricovero ospedaliero - ricovero programmato - per dimissione dal luogo di cura o per il trasferimento ad altra struttura sanitaria - è richiesto per l accesso a prestazioni di day hospital o ambulatoriale di diagnostica strumentale, cura e riabilitazione. Condizione per la gratuitità è che sia richiesto da un medico dell unità operativa della struttura pubblica che ha disposto l accettazione, il trasferimento, la dimissione del malato o ha effettuato la prestazione ambulatoriale ed avvenga con mezzi di enti pubblici o privati autorizzati convenzionati Autorizzazione Se il trasporto avviene verso una struttura sanitaria privata, deve essere preventivamente autorizzato dal medico responsabile del distretto. Il trasporto richiesto dal medico di base o da un sanitario di una struttura accreditata deve essere sempre autorizzato dal medico responsabile del distretto. Al medico responsabile del distretto deve essere inoltre richiesta l autorizzazione per il trasporto sanitario in o da strutture pubbliche o private ubicate fuori regione. Rimborsi Nel caso in cui si è ricoverati in una struttura sanitaria pubblica o privata fuori ASL o fuori regione, se il costo del trasporto in ambulanza all atto della dimissione è sostenuto dallo stesso trasportato, si può ottenere il rimborso delle spese. Puoi rivolgerti a: Direzione Amministrativa Ospedale Macerata Dr. Vittorio Passantino - tel. 0733/

22 ASSISTENZA AI CITTADINI NON RESIDENTI NEL TERRITORIO ASL E VISITE MEDICHE OCCASIONALI Guida ai La legge n. 98 del disciplina l assistenza ai cittadini temporaneamente presenti sul territorio della ASL 9, ma residenti in altra U.S.L. E a carico del cittadino il solo onorario della prestazione eseguita da medici di medicina generale, pediatri di libera scelta, continuità assistenziale, guardia turistica fruite fuori ASL. E previsto il rimborso a favore delle seguenti categorie: Assistiti minori di 12 anni, Assistiti di età superiore a 60 anni, Ai lavoratori e studenti dimoranti fuori del loro domicilio per ragioni di studio o di lavoro, Ai cittadini portatori di handicap con grado di menomazione superiore all 80% ai fini dell attività lavorativa. La quota di rimborso forfettario ammonta: Euro 15,49 per le visite generiche ambulatoriali, Euro 25,82 per le visite generiche domiciliari, Euro 20,65 per le visite pediatriche ambulatoriali, Euro 30,98 per le visite pediatriche domiciliari. Per ottenere il rimborso è necessario presentare la domanda redatta su apposito modello, alla ASL di residenza, allegando: - originale fattura, - dichiarazione attestante la condizione di studente, lavoratore, portatore di handicap. Puoi rivolgerti a: Dr.ssa Giovanna Tallè - tel. 0733/

23 CURE E RICOVERI ALL ESTERO E possibile usufruire di cure o ricoveri all estero, solo per determinate patologie indicate nei Decreti Ministeriali del 1990 e I documenti da allegare alla domanda, redatta su apposito modello, sono: Certificato medico redatto da specialista pubblico su modello prestabilito; in questo modello il paziente deve indicare il motivo per cui intende curarsi all estero e dichiarare di essere in lista d attesa in almeno due centri italiani per un periodo superiore ai tempi di attesa previsti dai decreti a seconda delle patologie; Ogni altro certificato medico ritenuto necessario; Copia del Codice Fiscale. La domanda deve essere consegnata agli uffici della ASL. Il Centro di Riferimento Regionale autorizza o meno la fruizione di prestazioni sanitarie, ricoveri compresi. L ASL, a seguito del parere positivo regionale, emette il modello E 112 che il paziente consegna alla struttura estera, se si tratta di Paesi dell Unione Europea. non rilascia alcun modello se la prestazione deve essere eseguita in un paese al di fuori della Unione Europea ed il paziente dovrà sostenere la spesa di tutte le cure e presentare, al ritorno, domanda di rimborso consistente nell 80% delle spese strettamente sanitarie sostenute e nel 40% di quelle libero professionali. Puoi rivolgerti a: Dr. Siro Buccolini - tel. 0733/

24 ASSISTENZA SANITARIA PER SOGGIORNO ALL ESTERO Guida ai Il cittadino italiano che si rechi all estero, per turismo, lavoro o studio, può chiedere alla Azienda U.S.L. il rilascio di attestazioni (o modelli) che gli permettano di fruire, nel Paese straniero di temporanea o abituale dimora, dell assistenza sanitaria sulla base delle disposizioni del luogo. Per i paesi della Unione Europea valgono regolamenti Unione Europea di sicurezza sociale. PAESI DELLA UNIONE EUROPEA Sono:Belgio, Danimarca, Repubblica di Germania, Francia, Grecia, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Regno Unito di Gran Bretagna ed Irlanda del Nord, Gibilterra compresa, Spagna e Portogallo - I regolamenti Unione Europea di sicurezza sociale (reg. 1408/ 71 e reg. 574/72) si applicano anche nei confronti di Austria, Finlandia, Islanda, Norvegia, Svezia, Liechtenstein, Svizzera e Slovenia. I regolamenti Unione Europea possono applicarsi esclusivamente ai cittadini dei paesi membri della Unione Europea, residenti in uno dei predetti paesi. A richiesta dell assistito e per il periodo di permanenza in uno dei Paesi della Unione Europea è prevista l emissione di appositi formulari che, a seconda dei casi, garantiscono ogni tipo di prestazione sanitaria o le sole prestazioni urgenti. PAESI EXTRA UNIONE EUROPEA CON CONVENZIONI BILATERALI È possibile usufruire dell assistenza sanitaria in paesi con cui sono in vigore convenzioni bilaterali; trattasi di stati non appartenenti alla Unione Europea: Tunisia, Macedonia, Kossovo, Vojvodina, Montenegro, Serbia, Croazia, Brasile, Argentina, Australia, San Marino, Principato di Monaco. Nei confronti dei cittadini dei paesi extra Unione Europea che sono equiparati ai fini dell assistenza sanitaria ai cittadini italiani (stranieri che lavorano in Italia) le prestazioni all estero limitate comunque ai trasferimenti per cure in centri di altissima specializzazione, continuano ed essere assicurate in forma indiretta. Puoi rivolgerti a: Ufficio anagrafe assistiti presso i Distretti Ufficio Relazioni con il Pubblico (URP) presso la Sede Centrale della AUSL - tel. 0733/

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

Guida alle prestazioni ambulatoriali

Guida alle prestazioni ambulatoriali Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a P r e s i d i o O s p e d a l i e r o P AP AR D O Guida alle prestazioni ambulatoriali Gentile Signore/a, l Azienda,

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili U.O. AFFARI GENERALI E SEGRETERIA

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

.. QUANDO?.. DOVE?... COME?

.. QUANDO?.. DOVE?... COME? S.S.V.D. ASSISTENZA INTEGRATIVA E PROTESCA CHI?.. QUANDO?.. DOVE?... COME? Rag. Coll. Amm. Rita Papagna Dott.ssa Laura Signorotti PRESIDI EROGABILI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE D.M. n.332 del 27 agosto

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA. Guida ai Servizi Territoriali del Distretto Socio-Sanitario N 20 CASAL DI PRINCIPE

AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA. Guida ai Servizi Territoriali del Distretto Socio-Sanitario N 20 CASAL DI PRINCIPE AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA Guida ai Servizi Territoriali del Distretto Socio-Sanitario N 20 CASAL DI PRINCIPE 2013 0 La Guida ai servizi territoriali del Distretto Socio-sanitario n. 20 : come e

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Pag. 1 di 5 REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Oggetto Art. 1 Il Servizio Art. 2 L Utenza Art. 3 La domanda di Accoglienza Art. 4 Il Processo di Accoglienza Art.

Dettagli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Gustav Klimt, 1905) CONSULTORIO FAMILIARE RIETI Responsabile: Dr. Attilio Mozzetti ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Immagini tratte dal web e utilizzate per finalità istituzionali)

Dettagli

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI Fondazione di partecipazione dei Comuni di Casole d Elsa Colle di Val d Elsa Poggibonsi San Gimignano Radicondoli REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI - 1- INDICE Premessa... 5 Titolo Primo

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

ISCRIZIONE AL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PER I CITTADINI COMUNITARI E STRANIERI

ISCRIZIONE AL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PER I CITTADINI COMUNITARI E STRANIERI ISCRIZIONE AL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PER I CITTADINI COMUNITARI E STRANIERI A cura di Rossella Segurini Azienda Usl di Ravenna - U.O. Direzione Amministrativa dell Assistenza Distrettuale Procedimenti

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

ESENZIONI PER CONDIZIONE ECONOMICA ED ETA

ESENZIONI PER CONDIZIONE ECONOMICA ED ETA Esenzione dalla spesa farmaceutica Tabella Riepilogativa - Modalità di compilazione della a partire dal 1 luglio 2011 ESENZIONI PER CONDIZIONE ECONOMICA ED ETA a carico Esenzione Totale e quota E03 E04

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

MODALITA DI PRENOTAZIONE

MODALITA DI PRENOTAZIONE DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA MEDICINA DELLO SPORT MODALITA DI PRENOTAZIONE U.O.C.- CENTRO DI MEDICINA DELLO SPORT DI 2 LIVELL O CASALECCHIO DI RENO AMBULATORI DI 1 LIVELLO Per prenotare le visite di

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE Premessa Obiettivo delle presenti linee-guida è fornire indirizzi per la organizzazione della rete dei servizi di riabilitazione

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

GUIDA ALLE PRESTAZIONI SANITARIE - REGIME DI ASSISTENZA DIRETTA E REGIME RIMBORSUALE

GUIDA ALLE PRESTAZIONI SANITARIE - REGIME DI ASSISTENZA DIRETTA E REGIME RIMBORSUALE GUIDA ALLE PRESTAZIONI SANITARIE - REGIME DI ASSISTENZA DIRETTA E REGIME RIMBORSUALE La presente guida descrive le procedure operative che gli Assistiti dovranno seguire per accedere alle prestazioni garantite

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna

Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei Servizi dell'azienda USL di Ravenna Carta dei Servizi La presente Carta dei servizi è stata realizzata a cura di: - Qualità e Accreditamento dell

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU32 09/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 30 luglio 2012, n. 45-4248 Il nuovo modello integrato di assistenza residenziale e semiresidenziale socio-sanitaria a favore delle

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Conferenza Stampa Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Lunedì 6/07/2015 ore 11.00 Sala Riunioni - Direzione Generale AUSL Strada del Quartiere 2/A - Parma Alla Conferenza Stampa

Dettagli

Carta Servizi. Poliambulatorio Sani.Med. 98 S.r.l. Medicina dello sport Medicina del lavoro 4 revisione- Gennaio 2015.

Carta Servizi. Poliambulatorio Sani.Med. 98 S.r.l. Medicina dello sport Medicina del lavoro 4 revisione- Gennaio 2015. Sani.Med. S.r.l. Via Palombarese km. 19,0 Marcosimone di Guidonia 00010 Roma Carta Servizi Prestazioni di: Fisioterapia Cardiologia Dermatologia Ginecologia Endocrinologia Oculistica Neurologia Reumatologia

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Delibera di Giunta - N.ro 1999/1378 - approvato il 26/7/1999 Oggetto: DIRETTIVA PER L' INTEGRAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI E SANITARIE ED A RILIEVO SANITARIO A FAVORE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ASSISTITI

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

Informazione per persone che soggiornano temporaneamente in Svizzera e che sono assicurate in forma pubblica in uno stato UE o AELS.

Informazione per persone che soggiornano temporaneamente in Svizzera e che sono assicurate in forma pubblica in uno stato UE o AELS. Informazione per persone che soggiornano temporaneamente in Svizzera e che sono assicurate in forma pubblica in uno stato UE o AELS. Gettiamo dei ponti Istituzione comune LAMal Gibelinstrasse 25 casella

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO DI PASIAN DI PRATO Pasian di Prato (UD) - Via Leonardo da Vinci, 23 - C.A.P. 33037 tel/fax: 0432 699954 e-mail: ddpasian@tin.it udic856004@istruzione.it udic856004@pec.istruzione.it

Dettagli

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI intermedi di lavorazione del plasma, eccedenti i fabbisogni nazionali, al Þ ne di prevenirne la scadenza per mancato utilizzo, anche con recupero dei costi di produzione. 8. Per l attuazione di quanto

Dettagli

Il Servizio sanitario regionale dell Emilia-Romagna e il nuovo welfare

Il Servizio sanitario regionale dell Emilia-Romagna e il nuovo welfare STRUTTURE, SPESA, ATTIVITÀ Il Servizio sanitario regionale dell Emilia-Romagna e il nuovo welfare PROGRAMMI LE STRUTTURE, LA SPESA, LE ATTIVITÀ AL 31.12.2008 I PROGRAMMI, I MODELLI ORGANIZZATIVI MODELLI

Dettagli

www.policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it

www.policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it Progetto grafico Avenida Stampa Artestampa srl Diffusione 50.000 copie Dicembre 2003 www.policlinico.mo.it

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI Ufficio del Piano di Zona Sociale dell' Ambito Territoriale A 1 COMUNE DI ARIANO IRPINO Capofila REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI erogato nei Comuni dell ambito territoriale

Dettagli

Guida ai diritti del malato

Guida ai diritti del malato Guida ai diritti del malato ERRORI MEDICI? DIMISSIONI FORZATE? INVALIDITÀ CIVILI NEGATE? LISTE D ATTESA INTERMINABILI? CARTE DEI SERVIZI INTROVABILI? DANNI DA TRASFUSIONI E DA VACCINAZIONI OBBLIGATORIE?

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t 1

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t 1 1 LEGGE REGIONALE Norme in materia sanitaria 2 LEGGE REGIONALE Norme in materia sanitaria Il Consiglio regionale ha approvato la seguente legge: Art. 1 (Integrazione del comma 40 dell articolo 3 della

Dettagli

Invalido dal 33% al 73%

Invalido dal 33% al 73% Invalido dal 33% al 73% Definizione presente nel verbale: "Invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore ad 1/3 (art. 2, L. 118/1971)". Nel certificato può essere precisata

Dettagli

GUIDA ALLA DETRAZIONE DELLA SPESA PER I FARMACI

GUIDA ALLA DETRAZIONE DELLA SPESA PER I FARMACI GUIDA ALLA DETRAZIONE DELLA SPESA PER I FARMACI Come si detraggono le spese per l acquisto dei farmaci? Cosa deve contenere lo scontrino fiscale emesso dalla farmacia? A cosa serve la tessera sanitaria?

Dettagli

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO.

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. ALLEGATO A PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. TITOLI ACCADEMICI VOTO DI LAUREA Medici Specialisti ambulatoriali, Odontoiatri,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 19 OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 2 Prefazione IL CAMMINO DELLA QUALITÀ Inps, come le altre pubbliche Amministrazioni

Dettagli

ASSISTENZA SANITARIA AGLI STRANIERI NELL ASL di BRESCIA Indicazioni per l applicazione della normativa

ASSISTENZA SANITARIA AGLI STRANIERI NELL ASL di BRESCIA Indicazioni per l applicazione della normativa ASSISTENZA SANITARIA AGLI STRANIERI NELL ASL di BRESCIA Indicazioni per l applicazione della normativa Luglio 2014 Azienda Sanitaria Locale di Brescia DIPARTIMENTO CURE PRIMARIE Direttore: Dr. Fulvio Lonati

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato F.I.M.P. Federazione Italiana Medici Pediatri Regione Veneto Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato Il Codice

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

Enti Pubblici ASL AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE ROMA G

Enti Pubblici ASL AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE ROMA G Enti Pubblici ASL AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE ROMA G Avviso Avviso pubblico, per titoli e colloquio, per la copertura a tempo determinato di n. 12 posti di Dirigente medico - Area medica e delle specialità

Dettagli

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 La Sol Levante nasce nel 1998 per dare una risposta alle esigenze delle persone, di ogni fascia d età, affette da disagio psichico e con problematiche in

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

b) dati di base: dati elementari utilizzati in forma aggregata per la costruzione degli indicatori. Comprendono dati correnti già parte dei vigenti

b) dati di base: dati elementari utilizzati in forma aggregata per la costruzione degli indicatori. Comprendono dati correnti già parte dei vigenti D.M. 12-12-2001 Sistema di garanzie per il monitoraggio dell'assistenza sanitaria. Pubblicato nella Gazz. Uff. 9 febbraio 2002, n. 34, S.O. IL MINISTRO DELLA SALUTE di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015 U.O.S.D. FORMAZIONE EDUCAZIONE E PROMOZIONE DELLA SALUTE Scadenza 15 DICEMBRE 2014 AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo

Dettagli

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RCT/RCO Parma, ottobre 2013 2 INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Ragione sociale Pedemontana Sociale - Azienda Territoriale per i Servizi alla

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Rapporto sull Immigrazione 2014

Rapporto sull Immigrazione 2014 Rapporto sull Immigrazione 2014 Presentazione dei dati principali dell Osservatorio sull Immigrazione, Gruppo di Lavoro presso la Prefettura di Macerata anno 2013 Sergio Pollutri Istat ERM sede per le

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

Indice Indice... 1 Oggetto... 1 Referenti regionali del progetto... 1 Scopo... 2 Il progetto Rete CUP regionale... 2 Premessa... 2 La situazione regionale... 2 Azienda Ospedaliera di Cosenza... 2 ASP di

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE dott. Renato Mason, nominato con D.P.G.R. n. 245 del 31.12.2007

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE dott. Renato Mason, nominato con D.P.G.R. n. 245 del 31.12.2007 Servizio Sanitario Nazionale - Regione del Veneto AZIENDA UNITÀ LOCALE SOCIO - SANITARIA N. 8 Sede Legale: Via Forestuzzo, 41 Asolo (TV) Comuni: Altivole, Asolo, Borso del Grappa, Caerano di San Marco,

Dettagli

Approvato con. D.C.C. n.17/2008

Approvato con. D.C.C. n.17/2008 Approvato con. D.C.C. n.17/2008 REGOLAMENTO UNICO PER L ACCESSO AL SISTEMA INTEGRATO DI INTERVENTI E SERVIZI SOCIO -ASSISTENZIALI E PER LA COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AL COSTO DEI SERVIZI E DELLE PRESTAZIONI

Dettagli

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di giustizia UFG Ambito direzionale Diritto pubblico Settore di competenza Progetti e metodologia legislativi 1 gennaio 2015 Aiuto alle

Dettagli