CONDOMINIO: Le novità in pillole della nuova legge. le principali innovazioni. il debutto del super amministratore. l nuovo regime delle cose comuni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONDOMINIO: Le novità in pillole della nuova legge. le principali innovazioni. il debutto del super amministratore. l nuovo regime delle cose comuni"

Transcript

1 CONDOMINIO: Le novità in pillole della nuova legge le principali innovazioni il debutto del super amministratore l nuovo regime delle cose comuni La riforma del condominio diventa legge. La commissione Giustizia del Senato con voto praticamente unanime ha approvato in sede legislativa il progetto di legge così com'era stato modificato alla Camera. Il testo prevede, tra l'altro, il fatto che non si possa più vietare nei condomini la presenza di animali. Ma detta anche nuove regole per la figura dell'amministratore. Queste le principali novità: No ad amministratore condannato L' amministratore resterà in carica due anni; dovrà avere requisiti di formazione e onorabilità, non dovrà essere stato condannato per delitti contro la Pubblica Amministrazione. Dovrà avere almeno il diploma di maturità, aver frequentato un apposito corso e, ove ciò sia richiesto dall'assemblea, stipulare una speciale polizza assicurativa a tutela dai rischi derivanti dal proprio operato. L'amministratore potrà essere licenziato prima della fine del mandato qualora abbia commesso gravi irregolarità fiscali o non abbia aperto o utilizzato il conto corrente condominiale. Dovrà indicare quanto chiede come compenso al momento della nomina. In caso di condomino 'moroso, l'amministratore potrà procedere con l'ingiunzione senza chiedere una preventiva autorizzazione dell'assemblea e potrà comunicare ai creditori i dati di chi non paga. Questi così potranno agire in prima battuta sui 'morosi. Se la mora dura più di 6 mesi dovrà sospendere il condomino debitore dalla fruizione dei servizi comuni

2 Riscaldamento libero Chi si vuole 'staccare dall'impianto centralizzato potrà farlo senza dover attendere il benestare dell'assemblea, ma a patto di non creare pregiudizi agli altri e di continuare a pagare la manutenzione straordinaria dell'impianto condominiale. Cala il quorum Quorum più basso (dovrà essere pari alla maggioranza degli intervenuti in assemblea, che rappresentino almeno la metà dei millesimi) per deliberare, ad esempio, l'installazione di impianti di videosorveglianza sulle parti comuni dell'edificio. Uguale il quorum per deliberare l'installazione di impianti per la produzione di energia eolica, solare o comunque rinnovabile, anche da parte di terzi che conseguano a titolo oneroso un diritto reale o personale di godimento del lastrico solare o di altra idonea superficie comune. Stessa maggioranza anche per deliberare l'attivazione, a cura dell'amministratore e a spese dei condomini, di un sito internet del condominio, ad accesso individuale protetto da una password, per consultare e stampare in formato digitale i rendiconti mensili e gli altri documenti dell'assemblea. Basteranno i quattro quinti dei consensi, infine, per il cambio di destinazione d'uso dei locali comuni. Potranno impugnare le delibere assembleari, per annullarle, anche i condomini che si sono astenuti. Mediazione obbligatoria in caso di controversie. Condomini aperti ad animali Non si potrà più vietare a nessuno di tenere animali in casa. Ma questi dovranno essere domestici. No a condomini molesti Maggior rigore contro chi arreca danni o disturba. Per chi viola il regolamento condominiale la sanzione è stata aggiornata: da 0,052 euro (pari

3 a 100 lire) a 200 euro. In caso di recidiva si arriva a 800 euro. La riforma del condominio è legge. La commissione Giustizia del Senato ha approvato oggi la nuova disciplina del condominio. Il provvedimento, varato in sede deliberante attende la firma del Capo dello Stato. L'entrata in vigore è fissata sei mesi dopo la pubblicazione in "Gazzetta Ufficiale". Vediamo in sintesi le principali innovazioni. La figura dell'amministratore Molte le novità, a cominciare dalla figura dell'amministratore, che resterà in carica due anni e che dovrà rispondere a secondo precisi requisiti "di formazione e onorabilità". L'amministratore, inoltre, su richiesta dell'assemblea, dovrà stipulare una speciale polizza assicurativa a tutela dai rischi derivanti dalla professione svolta. A sostenerne le spese sarà il condominio. La revoca dell'amministratore Nel caso in cui l'amministratore abbia commesso gravi irregolarità fiscali o non abbia aperto o utilizzato il conto corrente condominiale, i condomini possono, anche singolarmente, chiedere la convocazione dell'assemblea per far cessare la violazione e revocare il mandato all'amministratore. L'amministratore, inoltre, al momento di accettare la nomina o il rinnovo deve obbligatoriamente specificare analiticamente l'importo del suo stipendio, senza avere diritto ad ulteriori compensi, a meno che non vengano deliberati dell'assemblea. L'impianto di riscaldamento Novità anche per una delle questioni più spinose e dibattute nelle estenuanti riunioni di condominio: il riscaldamento. Secondo le nuove norme, ci si potrà staccare dal riscaldamento centralizzato solo in caso di oggettivi problemi tecnici dell'impianto comune, che non siano stati risolti dal condominio nell'arco di un'intera stagione di riscaldamento. Il distacco non è comunque consentito se puo' causare squilibri tali da compromettere la normale erogazione di calore agli altri condomini o aggravi di spesa. Quorum più bassi per la videosorveglianza Sarà più snella, grazie ad un quorum meno impegnativo (la maggioranza degli intervenuti in assemblea, che rappresentino almeno la meta' dei millesimi), la procedura per deliberare, ad esempio, l'installazione di impianti di videosorveglianza sulle parti comuni dell'edificio.con lo stesso quorum potrà essere deliberata l'installazione di impianti per la produzione di energia eolica, solare o comunque rinnovabile, anche da parte

4 di terzi che conseguano a titolo oneroso un diritto reale o personale di godimento del lastrico solare o di altra idonea superficie comune. Impianti che potranno essere installati anche per singole unita'immobiliari, sia sul lastrico solare che su ogni altra idonea superficie comune, nonché sulle parti di proprietà esclusiva. L'assemblea, su richiesta dei condomini interessati, provvedera' a ripartire l'uso del lastrico solare e delle altre superfici comuni, al svaguardando le diverse forme di utilizzo previste dal regolamento di condominio. Sito internet per controllare le spese Stessa maggioranza anche per deliberare l'attivazione, a cura dell'amministratore e a spese dei condomini, di un sito internet del condominio, ad accesso individuale protetto da una parola chiave, per consultare e stampare in formato digitale i rendiconti mensili e gli altri documenti dell'assemblea. Tutela delle parti comuni Novità anche nella definizione e nella protezione delle cosiddette 'parti comuni', che includeranno ad esempio anche i sottotetti destinati appunto all'uso comune. Più severità, inoltre, per chi arreca danni o disturba: nel testo licenziato dalla commissione Giustizia della Camera vengono infatti meglio esplicitati concetti già definiti in giurisprudenza. Come ad esempio eventuali delibere dell'assemblea per la cessazione delle attività che incidono negativamente sulle cose comuni, e quindi anche sulla tranquillitàcomune. Le tutele per gli animali domestici Per quel che riguarda ancoral a condivisione di spazi privati e comuni nel medesimo immobile abitativo, buone notizie in arrivo per chi ha in casa animali domestici. Le nuove norme, infatti, stabiliscono che i singoli regolamenti non possano in alcun modo precludere il possesso o la presenza di cani e gatti, ne', tantomeno, porre limiti alle destinazioni d'uso di proprieta' esclusiva. Dopo le prime due puntate sul super amministratore (Riforma del condominio, verso il debutto del super amministratore) e le cose comuni (Riforma del condominio, il nuovo regime delle cose comuni) proseguiamo l analisi del testo con un commento dell avvocato Salciarini sulle novità in materia di assemblee di condominio.

5 La disciplina dell assemblea di Luigi Salciarini* * avvocato, esperto di diritto condominiale, autore di monografie, articoli e saggi sulla materia Il dissenso del singolo (Articoli 1132, 1133 e 1134 del Cc) Praticamente immutate le norme riguardanti la prima il c.d. dissenso del singolo partecipante rispetto alle liti deliberate dall assemblea, la seconda il reclamo all assemblea contro i provvedimenti assunti dall amministratore, e l ultima il rimborso delle spese fatte autonomamente dal condomino, fatta eccezione per l estensione di tale ultimo caso anche all ipotesi, ben più ampia, di ogni attività di gestione delle parti comuni (effettuata dal predetto singolo senza autorizzazione dell amministratore o dell assemblea) e sempre con riferimento ad un eventuale richiesta di rimborso. La disciplina sull assemblea (Articoli 1135 e 1136 del Cc) Quale momento clou della normativa condominiale, la regolamentazione dell assemblea è stata limitatamente interessata dalla riforma che ha circoscritto il suo intervento ad una sorta di maquillage delle regole ad essa applicabili. Le attribuzioni ed il funzionamento di tale organo rimangono sostanzialmente gli stessi, con qualche intervento che si è contenuto nella sola finalità di un marginale miglioramento. Andando per punti, relativamente all assemblea, si è previsto: l obbligato della costituzione di un fondo non solo per i lavori di manutenzione straordinaria (come secondo la precedente versione della norma) ma anche per le innovazioni, di importo corrispondente alle opere da eseguire;

6 la possibilità di autorizzare l amministratore a partecipare e collaborare a progetti, programmi e iniziative territoriali promossi dalle istituzioni locali o da soggetti privati qualificati, anche mediante opere di risanamento di parti comuni degli immobili nonché di demolizione, ricostruzione e messa in sicurezza statica, al fine di favorire il recupero del patrimonio edilizio esistente, la vivibilità urbana, la sicurezza e la sostenibilità ambientale della zona in cui il condominio è ubicato; l abbassamento del quorum costitutivo dell assemblea di prima convocazione da due terzi dei partecipanti alla maggioranza dei medesimi (nel caso del computo delle c.d. teste, e fermo restando il quorum di due terzi dei millesimi per quanto riguarda il valore, sempre limitatamente a detta prima convocazione); l introduzione di un quorum costitutivo anche per l assemblea di seconda convocazione, con la ripetizione dello stesso limite numerico (1/3 valore e 1/3 teste) già previsto dalla precedente versione dell articolo 1136 c.c. per la deliberazione (cioè, per il quorum deliberativo) di tale successiva eventuale riunione. L intervento legislativo appare piuttosto discutibile se si considera il fatto che detta modifica impedisce tout court all assemblea di seconda convocazione di aprirsi ed anche solo di procedere ad una semplice discussione, magari in attesa che qualche altro condomino, giungendo in ritardo, si renda comunque presente, consentendo il raggiungimento del numero minimo richiesto per decidere. Meglio sarebbe stato, come da molte parti suggerito, eliminare del tutto l ipotesi di prima convocazione, nella pratica sostanzialmente inesistente e foriera di inutili complicazioni; l inclusione nelle ipotesi che richiedono la maggioranza qualificata del comma 2 dell articolo 1136 c.c. (maggioranza degli intervenuti e metà del valore dell edificio) delle decisioni inerenti alle azioni di tutela delle destinazioni d uso (articolo 1117 quater c.c.), delle deliberazioni riguardanti sia le fattispecie di innovazioni introdotte dal nuovo comma 2 dell articolo 1120 (opere per la sicurezza e la salubrità, per l abbattimento delle barriere architettoniche, per il contenimento del consumo energetico e quant altro), sia l installazione degli impianti di videosorveglianza sulle parti comuni (articolo 1122 ter c.c.), sia l autorizzazione all amministratore a partecipare ai predetti progetti, programmi o iniziative territoriali (di cui al comma 3 dell articolo 1135 c.c.); l estensione della prescrizione della maggioranza qualificata (due terzi del valore e maggioranza dei partecipanti) già prevista per le innovazioni ordinarie, all ipotesi della deliberazione che prescrive le adeguate modalità alternative di esecuzione o le cautele ai sensi dell articolo 1122 bis c.c. con riferimento ai c.d. impianti non centralizzati.

7 L impugnazione delle deliberazioni assembleari (Articolo 1137 Cc) Leggero restyling per l articolo 1137 c.c. recante la disciplina dell impugnazione davanti all Autorità Giudiziaria delle decisioni assembleari da parte del singolo condomino che ne assume l invalidità. Oltre al dissenziente ed all assente, la riforma estende tale facoltà di contestazione anche al condomino che, presente alla riunione, si è semplicemente astenuto (omettendo di esprimere sia un voto favorevole, sia contrario), precisando che, per quest ultimo soggetto, il termine decadenziale (sempre di trenta giorni) decorre, ovviamente, dal momento della riunione. In merito a tale aspetto, un ulteriore integrazione alla normativa già vigente è contenuta nell ultimo comma del nuovo testo ove viene precisato che l'istanza per ottenere la sospensione proposta prima dell'inizio della causa di merito non sospende né interrompe il termine per la proposizione dell'impugnazione della deliberazione e che per detta richiesta di sospensione si applicano le norme relativi ai procedimenti cautelari (libro IV, titolo I, capo III, sezione I, codice di procedura civile), con implicito riferimento alla giurisprudenza che da tempo ne aveva affermato un identica natura. Regolamento di condominio (articolo 1138 del Cc) Anche in questo caso, le modifiche introdotte sono minimali e riguardano alcune integrazioni di mero coordinamento con le altre nuove norme, e, soprattutto, l introduzione di un divieto, che pare assoluto, di limitare la detenzione di animali domestici. In particolare, la locuzione adottata ( Le norme del regolamento non possono vietare di possedere o detenere animali domestici ), a parte l incongruo riferimento alla titolarità (che, ovviamente, in via assoluta, non può certo essere messa in discussione), sembrerebbe riferirsi alla detenzione di animali attuata in qualsiasi luogo o pertinenza dell edificio, comune o privata che sia. L innovazione appare apprezzabile soprattutto in riferimento alla giurisprudenza più moderna che considera il rapporto uomo/animale d affezione come uno degli

8 aspetti nei quali si estrinseca e realizza la personalità, secondo modalità e parametri costituzionalmente garantiti (cfr., per esempio, l articolo 2 Cost.). Diversa regolamentazione, invece, sembra potersi adottare relativamente agli animali non domestici, per i quali, fatti salvi i vincoli della normativa di settore, il regolamento condominiale (di necessaria natura contrattuale) potrebbe continuare a poter prescrivere un divieto di detenzione all interno dell edificio (qualora sia possibile in base alla vigente normativa di settore). Le altre norme Infine, le nuove regole previste dalla riforma contemplano alcuni interventi su norme latamente collegate al fenomeno condominiale. In particolare: viene coordinata la maggioranza necessaria per la deliberazione avente ad oggetto la realizzazione di opere finalizzate all abbattimento delle barriere architettoniche (articolo 2 della legge n. 13/1989) col testo del nuovo comma 2 dell articolo 1120 c.c. (con conseguente innalzamento in seconda convocazione); si precisa, da una parte, la maggioranza richiesta per gli interventi volti al contenimento del consumo energetico (articolo 26, comma 2, della legge 10/1991) introducendo l opportuno chiarimento sulla necessità di un numero minimo sia di millesimi, sia di teste (stante il testo della previgente norma non univoco sul punto), e, dall altra parte si coordina quella necessaria per l'adozione di sistemi di termoregolazione e di contabilizzazione del calore (articolo 26, comma 5, della legge n. 10/1991) col testo nel nuovo comma 2 dell articolo 1120 c.c. (con riferimento al nuovo comma 2 dell articolo 1136 c.c., e conseguente chiarimento in ordine alla necessità che tale maggioranza riguardi anche le teste, e non solo i millesimi); viene, ancora una volta, effettuato un coordinamento del testo della legge 66/2001, relativa all installazione di nuovi impianti per le tecnologie di radiodiffusione e satellitari, con il nuovo articolo 1120 c.c. (innalzando la maggioranza richiesta per la relativa deliberazione da quella del comma 3 a quella prevista dal comma 2 dell articolo 1136 c.c.);

9 si esplicita la prededucibilità nelle procedure concorsuali degli oneri di manutenzione ordinaria/straordinaria e per le innovazioni (con riferimento non solo all articolo 111 del R.D. n. 267/1942 e succ. mod., ma anche al nuovo articolo 63 disp. att. c.c.); viene, da ultimo, precisato l esatto ambito di applicazione del c.d. foro del condominio (articolo 23 c.p.c.), che comprende sia le cause tra condomini, sia quelle tra condomini e condominio (in accordo a pacifica giurisprudenza). In conclusione può dirsi che, la riforma del condominio, attualmente in discussione in Parlamento, nonostante si sia limitata ad interventi sostanzialmente chirurgici sulla disciplina già esistente, non potrà non determinare il generarsi di una rilevante messe di nuove problematiche, le quali ultime, stante la loro evidente complessità di applicazione, non è infondato stimare saranno foriere di accese discussioni tra gli interpreti, e anche dell inevitabile aumento del contenzioso. LA NUOVA FIGURA DELL'AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO di Luigi Salciarini* * avvocato, esperto di diritto condominiale, autore di monografie, articoli e saggi sulla materia. Dopo una lunga trafila che parte dalla scorsa legislatura per giungere fino all attuale, la riforma della disciplina giuridica regolante la fattispecie del condominio negli edifici, col recentissimo terzo passaggio del testo al Senato, sembra essere quasi giunta al traguardo della sua definitiva approvazione. Il testo attuale si basa, quanto meno inizialmente, sulla versione già dibattuta nel precedente Parlamento, anch essa gratificata dell approvazione di un solo ramo, e nell attuale congiuntura ripresentata dai senatori, primi firmatari, Pastore e Legnini. A questi originari progetti, si sono affiancate poi, via via lungo la discussione davanti alle Camere, sia le proposte di altri parlamentari (spesso riguardanti aspetti più specifici della fattispecie), sia i numerosi e variegati emendamenti al testo emersi in sede di discussione, il tutto ora confluito nell elaborato che, col numero AS 71 B, è

10 passato all esame ed all approvazione del Senato, in tempi che dovranno essere necessariamente celeri se si vorrà evitare la ghigliottina dell imminente fine legislatura. Articoli 1129, 1130 e 1130 bis c.c. Le vere novità della riforma riguardano la figura dell amministratore di condominio che è stata sottoposta ad un vero e proprio tsunami normativo, di tale portata che non è esagerato affermare che si tratta di un vero e proprio stravolgimento dell intero sistema di regole applicabili a tale figura. Le modifiche sono talmente ampie che richiederanno certamente un analisi più meditata di quella qui possibile, e, soprattutto, il vaglio della futura giurisprudenza che inevitabilmente sarà chiamata ad un opera di profonda interpretazione delle plurime implicazioni della fattispecie. Per fornire uno sguardo di massima sulle innovazioni introdotte (che riguardano la riforma degli artt e 1130 c.c., nonché l introduzione del nuovo art bis c.c. riguardante il rendiconto ), va osservato che, relativamente all amministratore di condominio, le modifiche alla normativa previgente prevedono: l innalzamento del numero minimo di condomini oltre il quale è obbligatoria la nomina (da quattro a otto); la facoltà va detto estremamente opportuna per l amministratore dimissionario di adire l Autorità Giudiziaria per la nomina del nuovo incaricato, evidentemente a fronte dell inerzia decisionale dell assemblea; l obbligo di comunicare ai condomini una serie di dati anagrafici e di gestione, il tutto all evidente scopo di ottenere una sufficiente trasparenza amministrativa. In particolare, l amministratore è tenuto, con implicito richiamo alla normativa fiscale, a rendere noto il luogo di conservazione delle scritture ; nel concreto dove sono conservati l anagrafe condominiale e il registro dei verbali, il tutto unitamente all obbligo di una sorta di reperibilità, finalizzata a permettere ai condomini l esame della documentazione di gestione;

11 la possibilità che l assemblea, per procedere alla nomina, pretenda la presentazione di una polizza individuale di assicurazione per la responsabilità civile, con massimali adeguati qualora vi siano attività di gestione di rilevante importo (per esempio, lavori di manutenzione straordinaria dell edificio); l obbligo dell affissione sul fabbricato amministrato (in posizione visibile) della c.d. targa dell amministratore che garantisca la sua individuazione pubblica, con l implicita finalità di renderlo prontamente contattabile in caso di necessità. Detto obbligo è esteso anche al singolo condomino incaricato di attività di gestione nel caso di mancanza di un formale amministratore; la previsione dell obbligatoria attivazione di un conto corrente nel quale far transitare, necessariamente, tutti i movimenti di denaro riferibili al condominio (sia le somme corrisposte dai condomini per gli oneri dovuti, sia quelle erogate ai fornitori); l obbligo di eseguire prontamente il c.d. passaggio di consegne nel caso di cessazione dall incarico (a qualsiasi titolo), e, sempre in tal caso, l ulteriore obbligo di porre in essere le attività urgenti, il tutto senza pretendere compensi aggiuntivi; il dovere di procedere alla riscossione (peraltro, già previsto nella precedente versione dell art c.c.) con l ulteriore specificazione di provvedere entro sei mesi dalla chiusura dell esercizio; la previsione della possibilità che il regolamento preveda particolari modalità per la revoca dall incarico deliberata dall assemblea, senza, tuttavia, chiarire se tali modalità possano riguardare anche i quorum minimi di maggioranza necessari per la decisione (che, per espressa previsione contenuta nella nuova norma, sono gli stessi di quelli prescritti per la nomina); il tutto confermando che può comunque avvenire in ogni tempo ; un ampia regolamentazione della facoltà di revoca nel caso delle c.d. gravi irregolarità che vengono ampiamente precisate in numerosi casi tipici (per la conoscenza dei quali si rimanda alla lettura del corposo comma 12 del nuovo art c.c.).tuttavia, a tale proposito, può qui evidenziarsi che la revoca da parte dell Autorità Giudiziaria, e ad iniziativa del singolo condomino, viene subordinata ad un preventivo passaggio assembleare, con previsione di legge che spiega i suoi effetti anche sul piano processuale; l assai opportuna integrazione consistente nel divieto per l assemblea di procedere alla reiterazione della nomina di un amministratore già revocato dall Autorità Giudiziaria;

12 a pena di nullità della nomina, la necessità che all atto dell accettazione dell incarico, l amministratore indichi con precisione ed univocità l importo del compenso; un ulteriore, ed altrettanto opportuna, chiarificazione della disciplina applicabile al rapporto amministratore/condominio, effettuata operando un testuale richiamo alla normativa relativa al contratto di mandato (sezione I, capo IX, titolo III, libro IV del c.c.), da sempre stimata applicabile de residuo alla nostra fattispecie; l estensione della disciplina (nuovo art c.c.) anche agli amministratori degli edifici di alloggi di edilizia popolare ed economica, realizzati o recuperati da enti pubblici a totale partecipazione pubblica o con il concorso dello Stato, delle regioni, delle province o dei comuni, nonché di quelli realizzati da enti pubblici non economici o società private senza scopo di lucro con finalità sociali proprie dell'edilizia residenziale pubblica; l espresso obbligo di convocazione annuale dell assemblea per la presentazione del rendiconto; il dovere per l amministratore di eseguire gli adempimenti fiscali ; l obbligo di curare il registro dell anagrafe dei condomini, con specificazione del relativo contenuto e previsione di obblighi a carico dei condomini finalizzati ad un continuo aggiornamento dei dati trattati; una puntuale specificazione della tenuta del registro dei verbali, comprendente anche la redazione del c.d. verbale di diserzione (riguardante l assemblea non costituita causa assenze), e la registrazione delle dichiarazioni dei singoli; la previsione della tenuta di alcuni registri, indicati in quello della nomina e revoca dell amministratore, ed in quello di contabilità (relativo, quest ultimo, ai movimenti giornalieri, con possibilità dell adozione di modalità informatizzate); l obbligo di conservazione di tutta la documentazione inerente alla gestione del condominio, comprensiva di quella attestante le condizioni tecnico/amministrative dell edificio; il dovere di fornire al singolo condomino che ne faccia richiesta le opportune attestazioni in ordine allo stato dei pagamenti e delle pendenze giudiziali; la previsione del termine di 180 giorni per la prestazione del rendiconto annuale.

13 Il rendiconto annuale Un discorso a parte merita il nuovo art bis c.c., riguardante la redazione del rendiconto annuale, la cui presentazione, come visto, configura uno dei doveri più importanti per l amministratore, il quale, in tale ottica, va considerato come qualunque gestore di patrimoni altrui. L innovazione prevista dal legislatore della riforma riguarda vari aspetti del rendiconto, e, in particolare, si concretizza nelle previsioni per cui: è necessario dare conto delle voci di entrata e di uscita, della situazione patrimoniale, dei fondi e/o delle riserve disponibili, al fine di consentirne un immediata verifica; v è obbligo di tenere un registro di contabilità, un riepilogo finanziario, nonché una nota sintetica esplicativa della gestione, con l indicazione anche dei rapporti in corso e dei rapporti pendenti; è attribuita all assemblea la facoltà, in qualsiasi momento, di nominare un revisore dei conti, anche con riferimento a più annualità precedenti; i documenti contabili sono sempre visionabili da parte dei condomini, e ne deve essere assicurata la conservazione almeno decennale (dalla data di registrazione). Inoltre, con discutibile collocazione all interno di tale articolo (e non, più opportunamente, nelle norme riguardanti l assemblea), la riforma contempla anche la possibilità di nomina di un consiglio di condominio con funzioni consultive e di controllo (come, peraltro, già pacificamente possibile per la giurisprudenza). Sotto altro aspetto, va evidenziato che l art c.c. è lasciato sostanzialmente invariato (fatta eccezione per una piccola correzione con funzioni di coordinamento testuale), con ciò sostanzialmente mancando alle necessità di chiarimento sul funzionamento della c.d. legittimazione processuale (attiva e/o passiva) attribuita all amministratore, non fugate nemmeno dal recente autorevole intervento in materia delle Sezioni Unite della Suprema Corte (cfr. Cass. Sez. Un. n /2010). I requisiti soggettivi A tutto ciò, e sempre con riferimento all amministratore di condominio, si aggiungono le previsioni contenute nel testo del nuovo art. 71 bis disp. att. c.c.

14 che introduce una serie, estremamente analitica, di requisiti necessari per poter assumere l incarico (quali, ad esempio, il godimento dei diritti civili; l assenza di condanna per delitti contro la P.A., contro il patrimonio ed ogni altro delitto non colposo con pena non inferiore a cinque anni; l assenza di sottoposizione a misure di prevenzione; la piena capacità d agire personale, la mancanza di annotazione del nome nell'elenco dei protesti cambiari; il diploma di scuola secondaria superiore di secondo grado; la frequenza ad un corso di formazione iniziale e poi di periodico aggiornamento), il tutto esentando, in parte, il condomino interno che assuma l incarico. Oltre a ciò, in detta ultima norma, è confermata la possibilità della nomina di una società (qualunque sia la sua tipologia) ad amministratore condominiale, precisando che i predetti requisiti vanno riferiti ad una specifica persona inserita nell organizzazione societaria (socio illimitatamente responsabile, amministratore, dipendente incaricato, ecc.). La disciplina del patrimonio condominiale Dopo le novità sulla figura dell amministratore (Riforma del condominio, verso il debutto del super amministratore) facciamo il punto sulla nuova disciplina delle parti comuni con un approfondimento dell avvocato Luigi Salciarini. di Luigi Salciarini* * avvocato, esperto di diritto condominiale, autore di monografie, articoli e saggi sulla materia. Affrontando l analisi del testo del progetto di legge nella versione (Atto Senato n. 71 B) che, proveniente dalla Camera, è transitata da pochi giorni al Senato secondo l ordine che il medesimo ha adottato, e che è poi lo stesso che il Codice civile riporta, sarà affrontato, qui di seguito, un primo esame delle novità di più immediata evidenza, non mancando di collegarle con le certezze ormai acquisite dalla giurisprudenza condominiale. Il tentativo è quello di evidenziare la portata e le possibili conseguenze applicative delle prime, senza dimenticare che nessuna analisi teorica può mai arrivare alla profondità ed all analiticità che l attuazione concreta delle regole giuridiche è in grado di fornire. Sarà pertanto, e in ogni caso, l applicazione pratica delle nuove norme (se riusciranno ad essere approvate in questo attuale terzo passaggio al Senato) che davvero ci consentirà di apprezzarne le caratteristiche e le eventuali qualità, nella consapevolezza che la relativa

15 conoscenza, negli anni che verranno, sarà indispensabile per riuscire a comprendere appieno quale sarà davvero la veste del nuovo condominio. Parti comuni dell edifico L articolo 1117 del codice civile Nel sistema condominiale, l art c.c. è quello che pone le regole per l individuazione del patrimonio comune. La sua presenza all interno della relativa disciplina è fondamentale in ragione del fatto che il condominio non si identifica, sic et simpliciter, con l edificio, ma è costituito, più limitatamente, da una parte di esso. Di conseguenza, le norme applicabili alla fattispecie, rivolgendosi solo a questa ( minore ) parte del fabbricato, presuppongono, e devono presupporre, l esatta identificazione del relativo contenuto, in modo che possa essere certo ciò che è incluso e ciò che è escluso dalla relativa applicazione. In termini assai sintetici, l art c.c. contiene un elenco, non tassativo ma meramente esemplificativo, di cose che si presumono (iuris tantum) condominiali, con la conseguenza che un bene/impianto, pur non indicato in esso, può esser ugualmente qualificato come comune. Tale presunzione di condominialità può essere superata sia da un titolo contrario (contratto) che attribuisca diversamente la relativa titolarità, sia dalla destinazione oggettiva della cosa, che ben può essere non comune (perché destinata, appunto, ad uno solo dei partecipanti, o ad un loro gruppo ristretto). È applicando tali regole che viene individuato il patrimonio condominiale, che di conseguenza va gestito e conservato, con attribuzione della potestà decisionale e dei relativi oneri ai (soli) soggetti interessati. Relativamente a tale ambito, il testo di riforma appare comportare le seguenti novità: con riferimento ai proprietari delle singole unità immobiliari introduce la specificazione anche se aventi diritto a godimento periodico, con apparente implicito riferimento alle ipotesi della c.d. multiproprietà immobiliare (cfr. art. 69 e ss. del d.lgs. n. 206/2005, c.d. Codice del consumo, e succ. mod.). Di tale precisazione non si ravvisa la necessità in considerazione del fatto che, per pacifica giurisprudenza, certamente valida anche per il nuovo testo, le modalità di

Riforma del condominio, come cambiano le maggioranze assembleari (Guida al Diritto)

Riforma del condominio, come cambiano le maggioranze assembleari (Guida al Diritto) Riforma del condominio, come cambiano le maggioranze assembleari (Guida al Diritto) Luigi Salciarini (Guida al Diritto) Domani la Commissione Giustizia del Senato, convocata in sede deliberante, torna

Dettagli

Riforma del condominio, verso il debutto del super amministratore(guida al Diritto.it)

Riforma del condominio, verso il debutto del super amministratore(guida al Diritto.it) Riforma del condominio, verso il debutto del super amministratore(guida al Diritto.it) Luigi Salciarini (Guida al Diritto) Se la concessione della sede deliberante in commissione Giustizia del Senato indica

Dettagli

RIFORMA CONDOMINI. Di seguito trovate una sintesi ragionata delle novità introdotte dalla riforma condomini.

RIFORMA CONDOMINI. Di seguito trovate una sintesi ragionata delle novità introdotte dalla riforma condomini. RIFORMA CONDOMINI La cosiddetta riforma condominio (Legge n 220 del 11/12/2012) è stata pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n 203 del 17/12/2012 e pertanto entrerà in vigore dal 18/06/2013. La riforma

Dettagli

Da Accesso a Videosorveglianza. Queste le nuove regole condominiali Diritto e giustizia.it

Da Accesso a Videosorveglianza. Queste le nuove regole condominiali Diritto e giustizia.it Da Accesso a Videosorveglianza. Queste le nuove regole condominiali Diritto e giustizia.it di Donato Palombella Giurista d'impresa Finalmente è giunto il via libera alla riforma del condominio. Dopo un

Dettagli

Riforma del Condominio 2012: analisi delle principali novità parte 1

Riforma del Condominio 2012: analisi delle principali novità parte 1 Numero 251/2012 Pagina 1 di 9 Riforma del Condominio 2012: analisi delle principali novità parte 1 Numero : 251/2012 Gruppo : Oggetto : Norme e prassi : NOVITÀ RIFORMA DEL CONDOMINIO ARTT. 1117-1139 C.C.;

Dettagli

Le principali novità della riforma del condominio

Le principali novità della riforma del condominio Le principali novità della riforma del condominio Via libera del Senato alla riforma del condominio. La commissione Giustizia ieri ha approvato in sede deliberante la legge che cambia le regole per la

Dettagli

Modifiche alla disciplina del condominio negli edifici A.C. 4041

Modifiche alla disciplina del condominio negli edifici A.C. 4041 Camera dei deputati - XVI Legislatura - Dossier di documentazione (Versione per stampa) Autore: Titolo: Riferimenti: Servizio Studi - Dipartimento istituzioni Modifica alla disciplina del condominio negli

Dettagli

RIFORMA DEL CONDOMINIO 2013 SINTESI DELLE NOVITA

RIFORMA DEL CONDOMINIO 2013 SINTESI DELLE NOVITA RIFORMA DEL CONDOMINIO 2013 SINTESI DELLE NOVITA NOVITA PER LE PARTI COMUNI E INNOVAZIONI manutenzione ascensori Ampliamento definizione parti comuni - parti comuni: tutte le parti dell edificio di uso

Dettagli

alla luce della nuova riforma IN BREVE: COS È CAMBIATO

alla luce della nuova riforma IN BREVE: COS È CAMBIATO Condominio alla luce della nuova riforma IN BREVE: COS È CAMBIATO L amministratore dovrà essere più qualificato L amministratore non può essere stato condannato per reati contro la PA L amministratore

Dettagli

2. A oggi c è una scadenza per la formazione periodica dell amministratore?

2. A oggi c è una scadenza per la formazione periodica dell amministratore? L AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO: NOMINA E REVOCA A cura di: Avv. Anna Nicola - ANAPI 1. Quali sono i requisiti per essere amministratore (art. 71 bis disp. Att. C.c.)? 2. A oggi c è una scadenza per la

Dettagli

Modifiche alla disciplina del condominio negli edifici

Modifiche alla disciplina del condominio negli edifici Modifiche alla disciplina del condominio negli edifici Legge 11 dicembre 2012, n. 220 (Gazzetta Ufficiale n. 293 del 17/12/2012 ) (in vigore dal 18 giugno 2013) LE NUOVE COMPETENZE ATTRIBUITE ALL ASSEMBLEA

Dettagli

Riforma del Condominio L.220/2012

Riforma del Condominio L.220/2012 Riforma del Condominio L.220/2012 IMPORTANTI NOVITA PER TUTTI PROPRIETARI, CONDUTTORI, AMMINISTRATORI ED ALTRI TITOLARI DI DIRITTI REALI E DI GODIMENTO LA RIFORMA DEL CONDOMINIO MODIFICA IL CODICE CIVILE,

Dettagli

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI

TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI TABELLA DELLE NUOVE MAGGIORANZE ASSEMBLEARI AVVERTENZA Nella tabella viene usato il termine per fare riferimento ai partecipanti al condominio, mentre viene usato il termine per far riferimento ai partecipanti

Dettagli

RIFORMA DEL CONDOMINIO Le principali novità introdotte dalla riforma

RIFORMA DEL CONDOMINIO Le principali novità introdotte dalla riforma Nuovo Art. 1117 bis c.c.: Sede : Via B. Buozzi 10 21013 GALLARATE (VA) Tel. 0331/772967 Cell. 334/8172125 RIFORMA DEL CONDOMINIO Le principali novità introdotte dalla riforma Introduce il concetto di supercondominio

Dettagli

Una guida per una gestione consapevole del condominio

Una guida per una gestione consapevole del condominio Progetto finanziato da C O N D O M I N I O www.salvafamiglie.it numero verde 800 92 64 22 operativo dal lunedì al venerdì dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 17.30 Una guida per una gestione consapevole

Dettagli

RIFORMA CONDOMINIO:NUOVA FIGURA PROFESSIONALE DELL AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO Domenico Lenoci

RIFORMA CONDOMINIO:NUOVA FIGURA PROFESSIONALE DELL AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO Domenico Lenoci RIFORMA CONDOMINIO:NUOVA FIGURA PROFESSIONALE DELL AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO Domenico Lenoci Diritto e processo.com La legge recante Modifiche alla disciplina del condominio negli edifici, approvata

Dettagli

( * ) Bologna 17 ottobre 2013 Seminario tecnico giuridico Palazzo Segni Masetti ----------------- ------------ -----

( * ) Bologna 17 ottobre 2013 Seminario tecnico giuridico Palazzo Segni Masetti ----------------- ------------ ----- 1 ASSOCIAZIONE LIBERI AMMINISTRATORI CONDOMINIALI SEDE DI BOLOGNA - GRUPPO ASCOM CASA- - ADERENTE A CONFCOMMERCIO IMPRESE PER L ITALIA - alac@ascom.bo.it - www.alac.bo.it - Strada Maggiore 23 40125 Bologna

Dettagli

LA FIGURA DELL AMMINISTRATORE PRIMA E DOPO LA RIFORMA

LA FIGURA DELL AMMINISTRATORE PRIMA E DOPO LA RIFORMA LA FIGURA DELL AMMINISTRATORE PRIMA E DOPO LA RIFORMA Rossana De Angelis ARTICOLO 1129 CODICE DEL 1942 CODICE DAL GIUGNO 2013 Nomina e revoca dell amministratore. Quando i condomini sono più di quattro,

Dettagli

CORSO PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO

CORSO PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO CORSO PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO L AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO, REQUISITI, REGIME TRANSITORIO DOPO LA LEGGE 220/2012, LA PROROGATIO, L AMMINISTRATORE IN FORMA SOCIETARIA. Rosolen Monia ANNO 2013

Dettagli

L amministratore di condominio dopo la riforma della L. n. 220/2012

L amministratore di condominio dopo la riforma della L. n. 220/2012 L amministratore di condominio dopo la riforma della L. n. 220/2012 A cura di Marina Leogrande Manca ormai circa un mese al 18 giugno 2013, data di entrata in vigore della Legge n. 220 dell 11 dicembre

Dettagli

Animali domestici Regole di buon vicinato Rumori molesti Utente sapiens in caso di liti condominiali ti suggerisce di appianare i problemi in via

Animali domestici Regole di buon vicinato Rumori molesti Utente sapiens in caso di liti condominiali ti suggerisce di appianare i problemi in via La riforma del CONDOMINIO Indice Regole di buon vicinato - Rumori molesti -Animali domestici -Spazi comuni -Lavori di ristrutturazione -Riscaldamento Riforma del condominio a cura del Dott. Alessandro

Dettagli

Quorum costitutivi dell assemblea. Seconda convocazione: - almeno il 50% dei millesimi. - almeno 1/3 dei millesimi. - almeno 1/3 dei millesimi.

Quorum costitutivi dell assemblea. Seconda convocazione: - almeno il 50% dei millesimi. - almeno 1/3 dei millesimi. - almeno 1/3 dei millesimi. Quorum costitutivi dell assemblea Prima convocazione: - più del 50% dei condomini - almeno i 2/3 dei millesimi. Seconda convocazione: - almeno 1/3 dei condomini - almeno 1/3 dei millesimi. Quorum deliberativi

Dettagli

massimo fracaro - germano palmieri Dizionario del condominio RifoRma 2013

massimo fracaro - germano palmieri Dizionario del condominio RifoRma 2013 massimo fracaro - germano palmieri Dizionario del condominio RifoRma 2013 A cura di Massimo Fracaro Testi di Germano Palmieri Fotocomposizione: Nuova MCS - Firenze ISBN 978-88-17-06572-6 Copyright 2013

Dettagli

Avv. Emanuela Moretti Via Carpanelli 10 Pavia avv.moretti@tiscali.it Tel 0382/26454 fax 0382/302453 LA RIFORMA DEL CONDOMINIO

Avv. Emanuela Moretti Via Carpanelli 10 Pavia avv.moretti@tiscali.it Tel 0382/26454 fax 0382/302453 LA RIFORMA DEL CONDOMINIO Avv. Emanuela Moretti Via Carpanelli 10 Pavia avv.moretti@tiscali.it Tel 0382/26454 fax 0382/302453 LA RIFORMA DEL CONDOMINIO La L. 11.12.12 n. 220, in vigore dal 18.06.13, ha apportato rilevanti modifiche

Dettagli

PRIMO CORSO DI FORMAZIONE INIZIALE PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO

PRIMO CORSO DI FORMAZIONE INIZIALE PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO Centro Studi e Formazione PRIMO CORSO DI FORMAZIONE INIZIALE PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO Ai sensi dell art.71 bis, lettera g, Disp. Att. c.c. e del decreto del Ministro della Giustizia n. 140 del

Dettagli

ANAGRAFE CONDOMINIALE

ANAGRAFE CONDOMINIALE ANAGRAFE CONDOMINIALE In base all art. 1130 c.c., così come modificato dalla L. 220/12, gli amministratori di condominio hanno l obbligo di curare la tenuta del registro di anagrafe condominiale contenente

Dettagli

Sindacato Territoriale Pensionati di Milano Metropoli

Sindacato Territoriale Pensionati di Milano Metropoli Per chi vuole saperne di più.. nuove regole CONDOMINIALI La riforma del condominio: ecco cosa cambia La legge 11 dicembre 2012, n. 220, Modifiche alla disciplina del condominio negli edifici, è stata pubblicata

Dettagli

I creditori non possono agire nei confronti degli obbligati in regola con i pagamenti, se non dopo l escussione degli altri condomini.

I creditori non possono agire nei confronti degli obbligati in regola con i pagamenti, se non dopo l escussione degli altri condomini. Art. 61 Qualora un edificio o un gruppo di edifici appartenenti per piani o porzione di piano a proprietari diversi si possa dividere in parti che abbiano le caratteristiche di edifici autonomi, il condominio

Dettagli

Dr. Valter Patrizi Amministrazione Immobili.

Dr. Valter Patrizi Amministrazione Immobili. A Tutti i sigg. Condomini Loro sedi OGGETTO: la Riforma del condominio. Un cambiamento sostanziale. Gentile Condòmino, con la stesura del presente documento informativo intendo metterla a conoscenza che

Dettagli

CONVEGNO - DIBATTITO I PROBLEMI DELLA PROPRIETÀ IMMOBILIARE Sabato 25 gennaio 2014 - ore 9:30 Comune di Busalla - Sala del Consiglio

CONVEGNO - DIBATTITO I PROBLEMI DELLA PROPRIETÀ IMMOBILIARE Sabato 25 gennaio 2014 - ore 9:30 Comune di Busalla - Sala del Consiglio CONVEGNO - DIBATTITO I PROBLEMI DELLA PROPRIETÀ IMMOBILIARE Sabato 25 gennaio 2014 - ore 9:30 Comune di Busalla - Sala del Consiglio L AMMINISTRATORE-CONDOMINO: REQUISITI E ATTRIBUZIONI di Paola Mauro

Dettagli

Indice. Disposizioni di att. c.c. Articolo 63 137 Articolo 64 139

Indice. Disposizioni di att. c.c. Articolo 63 137 Articolo 64 139 Indice pag. Articolo 1117. Parti comuni dell edificio 1 Articolo 1117-bis. Ambito di applicabilità 5 Articolo 1117-ter. Modificazioni delle destinazioni d uso 7 Articolo 117-quater. Tutela delle destinazioni

Dettagli

FORMAZIONE PERIODICA PER AMMINISTRATORI CONDOMINIALI

FORMAZIONE PERIODICA PER AMMINISTRATORI CONDOMINIALI FORMAZIONE PERIODICA PER AMMINISTRATORI CONDOMINIALI Incontro del 11.04.2014 Avv. Monica Severin Viale Verdi n. 15/G int. 2-3 Treviso Mail: avvseverin@yahoo.it Tel.: 339 2017774 L ASSEMBLEA DEL CONDOMINIO

Dettagli

I CORSO DI FORMAZIONE INIZIALE PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO

I CORSO DI FORMAZIONE INIZIALE PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO I CORSO DI FORMAZIONE INIZIALE PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO Ai sensi dell art.71 bis, lettera g, Disp. Att. c.c. e del decreto del Ministro della Giustizia n. 140 del 13/8/2014 attuativo della legge

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MORASSUT

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MORASSUT Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3112 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MORASSUT Introduzione dell articolo 1122-quater del codice civile, in materia di interventi

Dettagli

ASSOCIAZIONE DELLA PROPRIETA EDILIZIA DI MODENA-CONFEDILIZIA

ASSOCIAZIONE DELLA PROPRIETA EDILIZIA DI MODENA-CONFEDILIZIA ASSOCIAZIONE DELLA PROPRIETA EDILIZIA DI MODENA-CONFEDILIZIA CORSO DI FORMAZIONE INIZIALE PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO Responsabile Scientifico: Avv. Alfredo Righi Riva I LEZIONE (4 ore) sabato 21/3/2015

Dettagli

TERZO CORSO DI FORMAZIONE INIZIALE PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO

TERZO CORSO DI FORMAZIONE INIZIALE PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO INTERPROFESSIONALE Architetti, Ingegneri, Geometri, Dottori Agronomi, Periti Agrari, Periti Industriali, Geologi, Agrotecnici ******************************** IN COLLABORAZIONE CON Centro Studi e Formazione

Dettagli

RIFORMA DEL CONDOMINIO: entrano in vigore dal 18 giugno gli obblighi di cui alla legge 220/12

RIFORMA DEL CONDOMINIO: entrano in vigore dal 18 giugno gli obblighi di cui alla legge 220/12 RIFORMA DEL CONDOMINIO: entrano in vigore dal 18 giugno gli obblighi di cui alla legge 220/12 Il 18 giugno saranno decorsi i sei mesi di tempo, concessi per prepararsi alle novità, dalla pubblicazione

Dettagli

MAGGIORANZE RICHIESTE PER LA REGOLARE COSTITUZIONE DELL'ASSEMBLEA

MAGGIORANZE RICHIESTE PER LA REGOLARE COSTITUZIONE DELL'ASSEMBLEA MAGGIORANZE RICHIESTE PER LA REGOLARE COSTITUZIONE DELL'ASSEMBLEA Convocazione Condomini Millesimi Prima maggioranza dei partecipanti al condominio 667/1.000 Seconda un terzo dei partecipanti al condominio

Dettagli

CONTROVERSIE IN MATERIA CONDOMINIALE. La delibera condominiale è annullabile, dunque impugnabile nel termine

CONTROVERSIE IN MATERIA CONDOMINIALE. La delibera condominiale è annullabile, dunque impugnabile nel termine CONTROVERSIE IN MATERIA CONDOMINIALE Delibera condominiale: nomi favorevoli e contrari La delibera condominiale è annullabile, dunque impugnabile nel termine perentorio di trenta giorni a decorrere dalla

Dettagli

II CORSO DI FORMAZIONE INIZIALE PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO

II CORSO DI FORMAZIONE INIZIALE PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO II CORSO DI FORMAZIONE INIZIALE PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO Ai sensi dell art.71 bis, lettera g, Disp. Att. c.c. e del decreto del Ministro della Giustizia n. 140 del 13/8/2014 attuativo della legge

Dettagli

MEDIANACI FORMAZIONE E CONCILIAZIONE S.r.l. - Società Unipersonale

MEDIANACI FORMAZIONE E CONCILIAZIONE S.r.l. - Società Unipersonale 1 ANACI Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari Progetto Formazione Continua Amministratori Immobiliari e Condominiali Professionisti per una migliore qualità di vita nelle città

Dettagli

Condominio, per i risparmi energetici basta la maggioranza dei presenti.ipsoa.it

Condominio, per i risparmi energetici basta la maggioranza dei presenti.ipsoa.it Condominio, per i risparmi energetici basta la maggioranza dei presenti.ipsoa.it Claudio Bovino La riforma della disciplina del condominio, nel modificare l'articolo del codice civile dedicato alle innovazioni,

Dettagli

LE DELEGHE IN ASSEMBLEA

LE DELEGHE IN ASSEMBLEA LE DELEGHE IN ASSEMBLEA La forma della delega Il Regolamento di Condominio La delega all Amministratore Contrasti tra condomino e delegato I comproprietari e altri casi Commenti e precisazioni A CURA DEL

Dettagli

Corso di Amministratore di condominio. L Assemblea Ordine del giorno Verbale Delibere Nulle // Annullabili

Corso di Amministratore di condominio. L Assemblea Ordine del giorno Verbale Delibere Nulle // Annullabili Corso di Amministratore di condominio L Assemblea Ordine del giorno Verbale Delibere Nulle // Annullabili 1 Assemblea E la sede deliberativa del condominio Attribuzioni dell assemblea (art. 1135 c.c.)

Dettagli

AREA PROFESSIONALIZZANTE

AREA PROFESSIONALIZZANTE LOMBARDIA Viale Monza 59 20127 Milano tel. 02.26119251 lombardia@enforma.biz VENETO via Lamarmora 12/2 30173 Mestre VE tel. 041.610918 veneto@enforma.biz www.enforma.biz Regione Lombardia Accreditamento

Dettagli

I COMPITI DELL AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO

I COMPITI DELL AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO STUDIO AVVOCATO BONINO I COMPITI DELL AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO 1 L ufficio di amministratore: NATURA L amministratore partecipa direttamente all andamento della vita comune, è chiamato ad armonizzare

Dettagli

La Riforma del Condominio Guida alle novità

La Riforma del Condominio Guida alle novità Condo Free Il tuo o su Internet... Free! www.condofree.net La Riforma del Condominio Guida alle novità aggiornato alle modifiche del Decreto Destinazione Italia D.L. 23 dicembre 2013, n. 145 (convertito

Dettagli

PRIMO CORSO DI FORMAZIONE INIZIALE PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO

PRIMO CORSO DI FORMAZIONE INIZIALE PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO INTERPROFESSIONALE Architetti, Ingegneri, Geometri, Dottori Agronomi, Periti Agrari, Periti Industriali, Geologi, Agrotecnici ******************************** IN COLLABORAZIONE CON Centro Studi e Formazione

Dettagli

OPERE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA (Lastrici solari-tetto-facciate-balconi) Art. 1126 c.c.

OPERE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA (Lastrici solari-tetto-facciate-balconi) Art. 1126 c.c. OPERE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA (Lastrici solari-tetto-facciate-balconi) Art. 1126 c.c. 1 PARTI COMUNI 2 Art. 1 L'articolo 1117 del codice civile è sostituito dal seguente: «Art. 1117. - (Parti comuni

Dettagli

Il Regolamento di Condominio

Il Regolamento di Condominio Il Regolamento di Condominio Aspetti giuridici (vedi articoli 1129 e seguenti del codice civile) E' obbligatorio nominare un amministratore quando il numero dei condomini in un edificio è maggiore di quattro.

Dettagli

Corso Amministratore di Condominio

Corso Amministratore di Condominio Corso Amministratore di Condominio La materia condominiale, già disciplinata nel codice civile del 1942, è stata interessata da un recente intervento normativo (legge 11 dicembre 2012 n. 220) che ha modificato

Dettagli

CONTRATTO TIPO AMMINISTRAZIONE CONDOMINIALE

CONTRATTO TIPO AMMINISTRAZIONE CONDOMINIALE CONTRATTO TIPO di AMMINISTRAZIONE CONDOMINIALE 1 CONTRATTO DI AMMINISTRAZIONE CONDOMINIALE Il condominio sito in via.. codice fiscale.., nella persona del sig.., delegato alla sottoscrizione del presente

Dettagli

Domvs Consulting S.r.l.s.

Domvs Consulting S.r.l.s. Approfondimenti in Condominio n. 020/2015 Per realizzare un impianto ascensore in un edificio in condominio che ne sia sprovvisto, vi sono due strade: quella collegiale - condominiale che nella disciplina

Dettagli

CONDOMINIO- La legittimazione a impugnare la delibera condominiale

CONDOMINIO- La legittimazione a impugnare la delibera condominiale CONDOMINIO- La legittimazione a impugnare la delibera condominiale Alle ipotesi codicistiche originarie del condomino assente o dissenziente la legge di riforma del condominio ha aggiunto la legittimazione

Dettagli

La Riforma del Condominio Guida alle novità

La Riforma del Condominio Guida alle novità Condo Free Il tuo o su Internet... Free! www.condofree.net La Riforma del Condominio Guida alle novità L amministratore I requisiti La nomina e la revoca La polizza assicurativa Il sito web Il conto corrente

Dettagli

Definizione. Il regolamento condominiale

Definizione. Il regolamento condominiale Il regolamento condominiale Il regolamento condominiale Il regolamento condominiale è disciplinato dall'art. 1138 c.c. nonché dagli artt. 68, 69 70, 71 e 72 disp. att. c.c. Il codice civile ne individua

Dettagli

ANALISI DELL IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE (AIR) Il corpus normativo interessato dall intervento è rappresentato dalle seguenti fonti.

ANALISI DELL IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE (AIR) Il corpus normativo interessato dall intervento è rappresentato dalle seguenti fonti. ANALISI DELL IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE (AIR) SEZIONE 1. CONTESTO E OBIETTIVI A) Descrizione del quadro normativo vigente. Il corpus normativo interessato dall intervento è rappresentato dalle seguenti

Dettagli

Intervento al Convegno organizzato da ALAC - Confcommerco sede di Bologna Camere Civili di Bologna Alberto Tabanelli

Intervento al Convegno organizzato da ALAC - Confcommerco sede di Bologna Camere Civili di Bologna Alberto Tabanelli 1 ASSOCIAZIONE LIBERI AMMINISTRATORI CONDOMINIALI SEDE DI BOLOGNA - GRUPPO ASCOM CASA- - alac@ascom.bo.it - www.alac.bo.it - Strada Maggiore 23 40125 Bologna Tel 051/ 648.75.24 Fax 051/648.76.73 ( * )

Dettagli

Le (nuove)maggioranze in assemblea

Le (nuove)maggioranze in assemblea Le (nuove)maggioranze in assemblea Prima convocazione: è necessaria la presenza della maggioranza dei condomini che abbiano almeno 2/3 dei millesimi Seconda convocazione è necessaria la presenza di 1/3

Dettagli

La riforma del Condominio

La riforma del Condominio Emilio Brancadoro 1 Riforma del Condominio La riforma del condominio A 70 anni esatti dall entrata in vigore delle disposizioni del codice civile che regolano la vita in condominio, è stata varata la legge

Dettagli

N. 01/2013. 13 Aprile 2013

N. 01/2013. 13 Aprile 2013 N. 01/2013 13 Aprile 2013 Il bilancio condominiale Innanzitutto cerchiamo di intenderci sul concetto di bilancio condominiale, termine non proprio del condominio ma delle società. In maniera estremamente

Dettagli

RIFORMA DEL CONDOMINIO Il Testo definitivo approvato alla Camera il 27/09/2012

RIFORMA DEL CONDOMINIO Il Testo definitivo approvato alla Camera il 27/09/2012 RIFORMA DEL CONDOMINIO Il Testo definitivo approvato alla Camera il 27/09/2012 Art. 1. 1. L articolo 1117 del codice civile è sostituito dal seguente: «Art. 1117. (Parti comuni dell edificio). Sono oggetto

Dettagli

Novità Riforma Condominio

Novità Riforma Condominio Novità Riforma Condominio 1 Novità Riforma Condominio: la riforma è legge. La Commissione Giustizia del Senato in sede deliberante ha infatti dato il via libera definitivo al disegno di legge sulla Riforma

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it RIFORMA CONDOMINIO Sempre più vicina l approvazione definitiva del riforma del Condominio.

www.ildirittoamministrativo.it RIFORMA CONDOMINIO Sempre più vicina l approvazione definitiva del riforma del Condominio. RIFORMA CONDOMINIO Sempre più vicina l approvazione definitiva del riforma del Condominio. Dopo il passaggio alla Camera e le modifiche da essa apportate, il disegno di legge As 71-b che si propone una

Dettagli

Èormai nota l approvazione definitiva in Parlamento del testo di legge di riforma in materia condominiale.

Èormai nota l approvazione definitiva in Parlamento del testo di legge di riforma in materia condominiale. La riforma del Condominio: tutte le novità punto per punto Presentiamo una completa panoramica di tutte le principali novità introdotte dal testo di riforma della disciplina del Condominio negli edifici,

Dettagli

LA RIFORMA DEL CONDOMINIO Legge 11 dicembre 2012, n. 220

LA RIFORMA DEL CONDOMINIO Legge 11 dicembre 2012, n. 220 LA RIFORMA DEL CONDOMINIO Legge 11 dicembre 2012, n. 220 (Gazzetta Ufficiale n. 293 del 17/12/2012 ) (in vigore dal 18 giugno 2013) ASSEMBLEA DI CONDOMINIO Camera di Commercio di Torino 11 novembre 2013

Dettagli

L'Abc della riforma del condominio

L'Abc della riforma del condominio L'Abc della riforma del condominio di Claudio Tucci Assemblee, regolamenti, amministratori, si cambia. In 32 articoli vengono riscritte in larga parte le norme sul condominio contenute nel codice civile

Dettagli

Tabella Le maggioranze dell assemblea condominiale

Tabella Le maggioranze dell assemblea condominiale Tabella Le maggioranze dell assemblea condominiale 2 a CONVOCAZIONE Quorum costitutivo (art. 1136/3 c.c.): 1/3 cond. + 1/3 valore edificio Quorum deliberativo ordinario (Regola generale): + val. edifi

Dettagli

PAOLO BRECCIAROLI. Inosservanza delle norme per la redazione del rendiconto e per la tenuta della documentazione contabile: responsabilità

PAOLO BRECCIAROLI. Inosservanza delle norme per la redazione del rendiconto e per la tenuta della documentazione contabile: responsabilità Inosservanza delle norme per la redazione del rendiconto e per la tenuta della documentazione contabile: responsabilità Milano 18 Maggio 2015 1 1 - CONSIDERAZIONI PRELIMINARI (Principi ed istituti condominiali)

Dettagli

Guida alla. Riforma della disciplina del Condominio

Guida alla. Riforma della disciplina del Condominio Guida alla Riforma della disciplina del Condominio AGENDA Obiettivo Novità in materia di Parti Comuni Novità in materia di Amministratore Novità in materia di Rendiconto Condominiale Novità in materia

Dettagli

1. INTRODUZIONE... 21 1. Premesse... 21 2. Un po di storia recente... 21 3. La riforma in pillole... 22

1. INTRODUZIONE... 21 1. Premesse... 21 2. Un po di storia recente... 21 3. La riforma in pillole... 22 INDICE PREMESSA.................................................. 20 1. INTRODUZIONE............................................ 21 1. Premesse............................................. 21 2. Un po

Dettagli

SULLA DURATA IN CARICA DELL AMMINISTRATORE CONDOMINIALE

SULLA DURATA IN CARICA DELL AMMINISTRATORE CONDOMINIALE SULLA DURATA IN CARICA DELL AMMINISTRATORE CONDOMINIALE Il quadro legislativo. I Art. 1129, primo comma, c.c.: Quando i condomini sono più di otto, se l'assemblea non vi provvede, la nomina di un amministratore

Dettagli

Il/La sottoscritto/a... (indicare il. nome della persona fisica o del legale rappresentante della società)..., nato il...a..., codice fiscale...

Il/La sottoscritto/a... (indicare il. nome della persona fisica o del legale rappresentante della società)..., nato il...a..., codice fiscale... ALL ALER DI MILANO (compilare gli spazi di pertinenza) Il/La sottoscritto/a... (indicare il nome della persona fisica o del legale rappresentante della società)..., nato il...a..., codice fiscale... con

Dettagli

3. Quali sono le principali attività dell amministratore in merito alla gestione delle spese per la manutenzione delle parti comuni?

3. Quali sono le principali attività dell amministratore in merito alla gestione delle spese per la manutenzione delle parti comuni? LE FUNZIONI DELL AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO (ART. 1130 C.C.) A cura di: Avv. Alessandro Re - ASSOCOND 1.Quali sono le principali funzioni dell amministratore del condominio in merito all assemblea e

Dettagli

ANALISI TECNICO-NORMATIVA

ANALISI TECNICO-NORMATIVA ANALISI TECNICO-NORMATIVA PARTE I. ASPETTI TECNICO-NORMATIVI DI DIRITTO INTERNO 1) Obiettivi e necessità dell'intervento normativo. Coerenza con il programma di governo. La legge n. 220 dell 11 dicembre

Dettagli

Commento delle nuove disposizioni:

Commento delle nuove disposizioni: CHIARIMENTI IN MERITO VARIAZIONE ARTICOLI (Art.11 e nuovo art. 1130-bis) RENDICONTO - BILANCIO Art. 11. 1. Dopo l'articolo 1130 del codice civile è inserito il seguente: «Art. 1130-bis. -- (Rendiconto

Dettagli

Sia, tuttavia, consentita un ultima precisazione di carattere generale.

Sia, tuttavia, consentita un ultima precisazione di carattere generale. 156 Le spese nel condominio 6.1. Introduzione Dopo aver analizzato i principi generali posti dal legislatore riguardo alla ripartizione delle spese di esercizio e di conservazione dei beni facenti parte

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO - ANNO 2015-2016

CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO - ANNO 2015-2016 CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO - ANNO 2015-2016 L'esperienza dei Corsi di formazione per Amministratori Immobiliari organizzati dalla ANAPI è più che matura. Dopo una

Dettagli

LA RIFORMA DEL CONDOMINIO. Art. 1.

LA RIFORMA DEL CONDOMINIO. Art. 1. LA RIFORMA DEL CONDOMINIO Art. 1. 1. L articolo 1117 del codice civile è sostituito dal seguente: «Art. 1117. (Parti comuni dell edificio). Sono oggetto di proprietà comune dei proprietari delle singole

Dettagli

LE INNOVAZIONI. a cura dell avv. Gennaro Guida gennaro.guida@email.it

LE INNOVAZIONI. a cura dell avv. Gennaro Guida gennaro.guida@email.it LE INNOVAZIONI a cura dell avv. Gennaro Guida gennaro.guida@email.it Art. 1120 c.c. (Innovazioni) Cosa sono le innovazioni? beni o servizi condominiali nuovi modificazioni materiali alterazione dell'entità

Dettagli

Riforma del condominio, il testo integrale approvato alla Camera

Riforma del condominio, il testo integrale approvato alla Camera Riforma del condominio, il testo integrale approvato alla Camera Il testo approvato alla Camera il 27 settembre 2012 Art. 1. 1. L articolo 1117 del codice civile è sostituito dal «Art. 1117. (Parti comuni

Dettagli

Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori di Napoli e Provincia

Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori di Napoli e Provincia Costo del corso 350 massimo 35 partecipanti Corso di Abilitazione alla Professione di Amministratore di Condominio Corso di abilitazione alla professione di Amministratore di Condominio aggiornato alle

Dettagli

Nuovo manuale pratico aggiornato con le ultime novità per conoscere diritti e doveri e vivere in pace nel condominio

Nuovo manuale pratico aggiornato con le ultime novità per conoscere diritti e doveri e vivere in pace nel condominio DIRITTI DEL CONDOMINO di Francesco Tavano Nuovo manuale pratico aggiornato con le ultime novità per conoscere diritti e doveri e vivere in pace nel condominio Testo utilissimo per condòmini, amministratori

Dettagli

RIFORMA DEL CONDOMINIO AVV. ALESSANDRO RE

RIFORMA DEL CONDOMINIO AVV. ALESSANDRO RE 1 RIFORMA DEL CONDOMINIO AVV. ALESSANDRO RE ART. 1117 C.C. PARTI COMUNI DELL EDIFICIO CONCETTO DI CONDOMINIO (v. Cass. Sez. Unite 31.01.2006, n. 2046 Posto che il regime del condominio degli edifici si

Dettagli

IL CONDOMINIO CONDOMINIO AMICO.NET ABBATTE I COSTI, FA RISPARMIARE MIGLIAIA DI EURO ALL ANNO

IL CONDOMINIO CONDOMINIO AMICO.NET ABBATTE I COSTI, FA RISPARMIARE MIGLIAIA DI EURO ALL ANNO CONDOMINIO AMICO.NET ti aiuta a capire il giusto comportamento da tenere all interno del tuo condominio, aiuta l amministratore nella contabilità e gli da modo di verificare eventuali errori prima che

Dettagli

SVOLGIMENTO DELL'ASSEMBLEA

SVOLGIMENTO DELL'ASSEMBLEA SVOLGIMENTO DELL'ASSEMBLEA L'Assemblea lo si sa è l'unico organo deliberante del condominio e quindi l'unico organo che può e deve decidere sulla vita del condominio. Questo compito e queste volontà vengono

Dettagli

L IMPUGNAZIONE DELLE DELIBERE CONDOMINIALI

L IMPUGNAZIONE DELLE DELIBERE CONDOMINIALI L IMPUGNAZIONE DELLE DELIBERE CONDOMINIALI 1 L INVALIDITÀ DELL AVVISO DI CONVOCAZIONE La questione... 1 Analisi dello scenario... 1 Inquadramento strategico... 2 Natura e funzioni dell avviso di convocazione...

Dettagli

Riforma condominio: cosa cambia dal 18 giugno 2013:

Riforma condominio: cosa cambia dal 18 giugno 2013: Riforma condominio: cosa cambia dal 18 giugno 2013: Il 18 giugno 2013 sono entrati in vigore i 32 articoli della legge 11 dicembre 2012, n. 220, intitolata Modifiche alla disciplina del condominio negli

Dettagli

Convegno interdisciplinare di studi giuridici

Convegno interdisciplinare di studi giuridici ASSOCIAZIONE LIBERI AMMINISTRATORI CONDOMINIALI SEDE DI BOLOGNA - GRUPPO ASCOM CASA - - alac@ascom.bo.it - www.alac.bo.it - Strada Maggiore 23 40125 Bologna Tel 051/ 648.75.24 Fax 051/648.76.73 ( * ) Convegno

Dettagli

DIRITTO DI PARABOLA. Per installare una parabola

DIRITTO DI PARABOLA. Per installare una parabola DIRITTO DI PARABOLA Per installare una parabola non occorrono autorizzazioni La giurisprudenza ha affermato che il diritto alla installazione di antenne riconduce al diritto primario alla libera manifestazione

Dettagli

I corso di formazione periodica dell amministratore di condominio

I corso di formazione periodica dell amministratore di condominio I corso di formazione periodica dell amministratore di condominio Relatore Daniele Marchesini Marchesini dott. Daniele 1 Introduzione IL RENDICONTO CONDOMINIALE DOPO LA RIFORMA ESEMPI DI RENDICONTO E DI

Dettagli

Ivan Meo e Marta Jerovante. IL COMPENSO DELL AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO Identificazione e problematiche irrisolte

Ivan Meo e Marta Jerovante. IL COMPENSO DELL AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO Identificazione e problematiche irrisolte Ivan Meo e Marta Jerovante IL COMPENSO DELL AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO Identificazione e problematiche irrisolte Ivan Meo e Marta Jerovante IL COMPENSO DELL AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO Identificazione

Dettagli

Il/La sottoscritto/a... (indicare il. nome della persona fisica o del legale rappresentante della società)..., nato il...a..., codice fiscale...

Il/La sottoscritto/a... (indicare il. nome della persona fisica o del legale rappresentante della società)..., nato il...a..., codice fiscale... ALL ALER DI MILANO (compilare gli spazi di pertinenza) Il/La sottoscritto/a... (indicare il nome della persona fisica o del legale rappresentante della società)..., nato il...a..., codice fiscale... con

Dettagli

PROGRAMMA DAL 15 OTTOBRE 2015 AL 26 NOVEMBRE 2015 (Durata 22 ore)

PROGRAMMA DAL 15 OTTOBRE 2015 AL 26 NOVEMBRE 2015 (Durata 22 ore) A.P.E. ASSOCIAZIONE PROPRIETA EDILIZIA Riviera Garibaldi, 19 31100 TREVISO Tel. 0422.579703 Fax 0422.574436 www.confediliziatreviso.it - e-mail: info@confediliziatreviso.it 2 CORSO DI FORMAZIONE PERIODICA

Dettagli

Regolamento di condominio

Regolamento di condominio Vincenzo Caporale 1 Introduzione Capita spesso che tra condomini si creino dei litigi a causa della presenza di animali domestici nel condominio. In presenza di simili situazioni, è difficile trovare un

Dettagli

FOCUS. Novità in materia condominiale. Vicenza, 25 e 26 ottobre 2013

FOCUS. Novità in materia condominiale. Vicenza, 25 e 26 ottobre 2013 FOCUS Novità in materia condominiale Vicenza, 25 e 26 ottobre 2013 Obiettivi Il seminario si propone di esaminare gli istituti del diritto condominiale che pongono nella pratica quotidiana rilevanti problematiche

Dettagli

NEWSLETTERS ANAP 2014

NEWSLETTERS ANAP 2014 NEWS 20 2014 L impianto idrico L impianto idrico rappresenta uno dei servizi essenziali condominiali, a ben vedere il più importante fra di essi, e l aumentato costo dell acqua che ha avuto luogo negli

Dettagli

Studio. Vasini snc. Amministrazioni Condominiali, Immobiliari, Servizi e Consulenze c/terzi

Studio. Vasini snc. Amministrazioni Condominiali, Immobiliari, Servizi e Consulenze c/terzi LA RIFORMA DEL CONDOMINIO (Legge 220/2012, in vigore dal 18/06/2013) Focus Informativo È entrata in vigore il 18 giugno 2013 Animali da compagnia a prova di regolamento - Via libera alla videosorveglianza

Dettagli

PROGRAMMA DAL 07 MAGGIO 2015 AL 30 GIUGNO 2015 (Durata 21 ore)

PROGRAMMA DAL 07 MAGGIO 2015 AL 30 GIUGNO 2015 (Durata 21 ore) A.P.E. ASSOCIAZIONE PROPRIETA EDILIZIA Riviera Garibaldi, 19 31100 TREVISO Tel. 0422.579703 Fax 0422.574436 www.confediliziatreviso.it - e-mail: info@confediliziatreviso.it CORSO DI FORMAZIONE PERIODICA

Dettagli