Prima edizione - maggio 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Prima edizione - maggio 2013"

Transcript

1

2 Prima edizione - maggio 2013 Autori: Ivan Meo, Angelo e Alfredo Pesce, Daniela Sibilio Copyright GRUPPO CONDOMINIOWEB S.R.L. Sito Web: Per un contatto diretto con gli autori scrivi a tutti i diritti riservati La traduzione, l adattamento, l elaborazione, la riproduzione con qualsiasi mezzo (compresa la memorizzazione elettronica), totali o parziali, di tutto il materiale contenuto in questo e-book sono riservati per tutti i Paesi. La riproduzione, la pubblicazione e la distribuzione, totale o parziale, e la memorizzazione digitale sono espressamente vietati, salvo precisa autorizzazione scritta rilasciata dall Editore. L elaborazione dei testi contenuti in questo e-book, anche se curata con scrupolosa attenzione, non può comportare specifiche responsabilità, nei confronti degli Autori e dell Editore, per eventuali errori ed inesattezze. Copertina, impostazione grafica e impaginazione: Marta Consoli

3

4 INDICE PRESENTAZIONE 1 GAZEBO 2 PENSILINE 3 MANUFATTI ASSIMILABILI AL GAZEBO: CARATTERISTICHE E DIFFERENZE 5 COSTRUZIONE DI UN GAZEBO SUL LASTRICO SOLARE AD USO ESCLUSIVO: LIMTI E DIVIETI PREVISTI DAL CODICE CIVILE 7 LA NOZIONE ED IDENTIFICAZIONE DEL DECORO ARCHITETTONICO DAL PUNTO DI VISTA GIURIDICO 9 IL DECORO DEGLI EDIFICI DAL PUNTO DI VISTA ARCHITETTONICO 11 GUIDA ALLA CORRETTA REALIZZAZIONE DI UN GAZEBO IN CONDOMINIO 13 ALCUNE INDICAZIONE PER COSTRUIRE IL GAZEBO DA GIARDINO 14 LA CASISTICA In ambito condominiale è possibile realizzare un gazebo sul terrazzo di un appartamento senza l osservanza della normativa in materia di distanze o vedute? Il proprietario che ha l uso esclusivo del terrazzo condominiale a livello dell appartamento può installare gazebo, pergolati o strutture in ferro senza chiedere la preventiva autorizzazione al condominio? Il gazebo può essere considerato una costruzione stabile? Che titolo abilitativo edilizio è necessario richiedere per la realizzazione di un gazebo? Per la realizzazione del gazebo è necessario rispettare delle distanze? Un condomino ho deciso di costruire sopra posto-macchina un tettoie-gazebo di protezione. È legittima tale realizzazione? BIBLIOGRAFIA

5 Presentazione I proprietari dei lastrici solari, ad uso esclusivo, spesso installano dei gazebi al fine di ripararsi dai raggi solari o dalle intemperie. La realizzazione di tale tipologia di manufatto non sempre sono liberi da vincoli o disposizioni di legge. Per tali ragioni, questo approfondimento, cercherà di spiegare quali sono gli adempimenti amministrativi da eseguire per una corretta installazione del gazebo. Preliminarmente si partirà da una breve disamina delle diverse tipologie di manufatti simili al gazebo, per poi analizzare alcune problematiche di natura condominiale.

6 GAZEBO Gazebo con struttura lignea e pareti laterali in grigliata lignea Il gazebo architettonicamente è una struttura coperta, ma aperta verso l esterno. Di solito si presenta con struttura in legno, in ferro battuto o, talvolta, in muratura. Si tratta di una struttura di fattura leggera che trova allocazione frequente nei giardini o nei parchi e, a volte, anche su terrazze private. Originariamente il gazebo rappresentava un manufatto concepito come punto panoramico o punto di osservazione in un parco o giardino (solitamente posizionato nel punto più alto), dove offriva protezione dalle intemperie e soprattutto dal sole. Nel tempo, però, il gazebo ha trovato nuove destinazioni d uso, diventando un vero e proprio ambiente indipendente, impiegati per il riposo o la sosta, oltreché per attività all aperto, fino a veri e propri prefabbricati installati in giardino per abbellimento o zone pranzo o, se di piccole dimensioni, ricovero di attrezzi. Dal punto di vista planimetrico, il gazebo più comune prevede pianta poligonale (solitamente esagonale o ottagonale), ma non meno frequenti sono i classici gazebo a pianta quadra, rettangolare o circolare. La struttura non prevede pareti in muratura portante, ma una struttura in legno o metallo autoportante con copertura piana, o a falda o, in alcuni casi, a cupola che poggia sullo scheletro di travi e pilastri. Le pareti laterali del gazebo vengono di solito chiuse con strutture vetrate o telate, ma anche con reticolati lignei, spesso decorati con piante rampicanti. Tuttavia, spesso le pareti vengono chiuse con murature creando dei veri e propri ambienti abitabili, con tutti i confort del caso. Gazebo con pilastrini il legno, struttura metallica a sostegno della copertura telata 1

7 PENSILINE Pensilina con struttura metallica e copertura in plexiglas traslucido Due tipologie di pensilina con struttura portante in legno Architettonicamente, la pensilina va intesa come un elemento di copertura in aggetto, spesso strutturalmente indipendente, utilizzato a protezione di porte, finestre, ecc. In generale, possiamo dire che il termine pensilina definisce un infrastruttura accessoria presente principalmente nell ambito dell edilizia urbana e ferroviaria costruita allo scopo di fornire un riparo dalle intemperie alle persone in attesa nelle fermate, nelle stazioni, sui marciapiedi e ballatoi. Si tratta, di massima, di una tettoia posizionata a terra mediante delle colonne autoportanti, oppure, ove necessario, staffata a sbalzo su parete. Pensilina estensibile mediante elementi telescopici metallici Nel caso di specie, il Consiglio di Stato con sent. n.615/2112 ritiene che il manufatto in esame non possa essere definito quale pertinenza, posto le notevoli dimensioni, risulta stabilmente collegato al suolo per cui rappresenta di fatto uno stabile ampliamento dell immobile cui inerisce ed è tale da comportare una durevole e non irrilevante trasformazione del territorio. Quindi l opera in questione non può essere considerata pertinenza ai fini urbanistico-edilizi, viste le dimensioni del manufatto, tali da renderlo una trasformazione stabile del territorio, con la conseguente necessaria richiesta del permesso di costruire. Pensilina con struttura in ferro e copertura in plexiglas in zona sottoposta a vincolo paesaggistico Nel caso di specie vista la sostanziale identità delle nozioni di tettoia e pensilina ricavabile dalle medesime finalità di arredo, riparo o protezione anche dagli agenti atmosferici, determina la necessità del permesso di costruire nel casi in cui sia da escludere la natura precaria o pertinenziale dell intervento (Cass. pen., n / 2011). Sostituzione di una pensilina per la copertura dell accesso ad una cantina, di natura pertinenziale Non sono soggetti a titoli abilitativi né a denuncia di inizio attività. (T.A.R. Bari-Puglia, sez. II, n. 3290/2010) 2

8 Costruzione di un gazebo sul lastrico solare ad uso esclusivo: limiti e divieti previsti dal codice civile L art cod. civ., elenca espressamente, tra le parti comuni dell edificio, il lastrico solare. Il lastrico solare si presume di proprietà comune a tutti i condomini, sempreché non risulti dal titolo una pattuizione diversa. Avviene piuttosto di frequente che il lastrico solare anziché essere di proprietà comune di tutti i condomini, appartiene soltanto ad alcuni (o ad uno) di costoro. È anche ipotesi abbastanza frequente che il lastrico appartenga addirittura a persona che partecipa al condominio solamente quale proprietaria del lastrico. Questa peculiarità ha i suoi riflessi con particolare riguardo all onere delle spese di manutenzione e riparazione, nonché al diritto di sopraelevazione. L esistenza della proprietà esclusiva, dà vita ad una particolare situazione di concorrenza di diritti: quello di copertura dell edificio, a vantaggio del proprietario esclusivo, o di chi ne ha l uso esclusivo. Sviluppando quanto accennavamo sopra, possiamo ora individuare i limiti al godimento del lastrico, da parte del proprietario esclusivo: 1. le modificazioni o gli atti di godimento del lastrico solare non devono essere operati a scopo emulativo. È un divieto di carattere generale che trova il suo fondamento dell art. 833 cod. civ.: Il proprietario non può fare atti i quali non abbiano altro scopo che quello di nuocere o recare molestia ad altri ; 2. tutte le opere poste in essere dal singolo condomino non devono essere contrarie alle norme previste dal regolamento condominiale; 3. il proprietario esclusivo non può, nell esercizio del proprio diritto, arrecare comunque pregiudizio alla funzione di copertura cui la terrazza, o il lastrico solare, naturalmente assolve; 4. Il proprietario esclusivo del lastrico solare non può compiere alcun atto di godimento, o di modificazione del suo bene, se ciò comporta un danno al decoro dell edificio, poiché, evidentemente, ne deriverebbe una diminuzione patrimoniale del valore dell intero edificio e, quindi, una violazione dei diritti degli altri condomini. Proprio in riferimento a quest ultimo limite, descritto al punto sub-4, una recentissima ed inedita sentenza della Corte di Cassazione (sentenza n /08) ha stabilito che va rimosso il gazebo fatto con materiali che contrastano con quelli usati per il terrazzo condominiale, anche se l edificio non ha pregi architettonici e la costruzione del manufatto è stata eseguita sulla parte del lastrico solare di cui il proprietario dell appartamento dell ultimo piano ha l uso esclusivo. Praticamente il gazebo, secondo i Giudici, deve essere rimosso in quanto non si armonizza col contesto che lo circonda, peggiorando addirittura lo stato preesistente, in quanto la palizzata in legno costruita e i tubi metallici di sostegno si presentavano molto simile ad una recinzione di cantiere e sicuramente non armonizzavano, ma svilivano sotto il profilo estetico e simmetrico le pur modeste strutture preesistenti. Da questa sentenza emerge, in primo luogo, che il decoro architettonico non costituisce una qualità eventuale, bensì un valore connaturale all esistenza stessa di un edificio come tale; vi è una dignità estetica, quindi, in ogni fabbricato, anche in quelli a carattere popolare o, comunque, con minori pretese dal punto di vista artistico (PETROLATI F., RINZIVILLO ). Si afferma, quindi, che il giudice, nell accertare se il decoro architettonico sia stato in concreto pregiudicato, deve prendere in considerazione il carattere dell edificio, usando criteri di maggior rigore per gli edifici che abbiano un vero e rilevante pregio architettonico e criteri di minor rigore per quegli edifici che ne abbiano invece uno modesto, per il loro carattere popolare (Cass. 24 ottobre 1968, n. 5

9 Il decoro degli edifici dal punto di vista architettonico Va subito chiarito un equivoco: il decoro architettonico non è, come spesso condomini litigiosi ritengono, il valore estetico dell edificio. Tant è vero che, perfino costruzioni di edilizia popolare, di qualità artistica molto discutibile, hanno un loro decoro architettonico. Al contrario si tratta di un dato abbastanza oggettivo: è l insieme delle linee e delle strutture ornamentali che connotano il fabbricato stesso e gli danno una determinata, armonica fisionomia ed una specifica identità, senza che occorra che si tratti di un edificio di particolare pregio artistico. In questo senso, anche una realizzazione o un intervento di altissimo pregio possono essere considerati lesivi del decoro architettonico, anche quando sono inseriti nella facciata di un brutto edificio. E nello stesso senso, un lucernaio sul tetto, anche se di qualità discutibile, non lede il decoro se non è visibile. Starà piuttosto ai regolamenti del comune, alla eventuale esistenza di vincoli sul tipo di materiale all esterno e all accoglimento o meno dei pareri della locale commissione edilizia, stabilire se quella particolare opera è lecita. Ogni innovazione che, comunque, modifichi l aspetto dell edificio, ma solo quelle che ne determinino una vera e propria alterazione, cioè, mutamenti sufficienti ad apportare una disarmonia nell insieme, risolvendosi in un deterioramento di carattere estetico e dell aspetto decorativo del fabbricato, tale da comportare un deprezzamento dell edificio nel suo insieme e nelle singole unità che lo compongono, sarebbe da evitare o per lo meno, da sottoporre all analisi di una apposita commissione tecnica. Ciò significa che, anche se è vero che ogni edificio ha una sua certa dignità, per cui il divieto di alterazione del decoro architettonico vale anche per i fabbricati che non rivestono particolari pregi artistici, la valutazione deve essere più o meno rigorosa a seconda del carattere dell edificio. Ne consegue anche che debbono essere tenute presenti non solo le condizioni originarie dell edificio, ma anche quelle in cui esso, in concreto, versava prima dell esecuzione delle opere da esaminare. Anche se l edificio non ha pregi architettonici ed il manufatto è eseguito sulla parte del lastrico di cui il proprietario ha l uso esclusivo o sulla facciata esterna di un edificio piuttosto che su quella che dà sul cortile, che spesso, soprattutto negli edifici recenti, è di qualità inferiore e utilizzata per varie funzioni (scarichi, canne fumarie esterne, ecc.), va demolito se svilisce, sotto il profilo estetico e simmetrico, le strutture preesistenti. Si ha alterazione quando la nuova opera crea una evidente turbativa all insieme delle linee caratteristiche dell edificio. Il decoro architettonico viene, in questo caso, violato da elementi più o meno disarmonici, più o meno estranei, che tendono ad alterarlo, comprometterlo, sfregiarlo, contaminarlo, non solo esteticamente. Il decoro, inteso come qualità positiva dell edificio derivante dal complesso delle caratteristiche architettoniche principali e secondarie, viene leso o alterato, nel caso di innovazione, cioè una trasformazione o superfetazione che può interessare qualsiasi porzione, anche di modesta consistenza, dell edificio ed è suscettibile di incidere non tanto sullo stile, quando su caratteristiche primarie quali la simmetria o la proporzione tra le varie parti integranti la fisionomia estetica del volume. L aspetto architettonico, inteso come caratteristica principale con la quale un edificio appare a chi lo osserva, va inteso come peculiarità insita nello stile architettonico adottato e che l adozione, nella parte sopraelevata o sulla facciata dell immobile, di uno stile diverso da quello della 9

10 Guida alla corretta realizzazione di un gazebo in condominio Come accennato nella descrizione tecnica del manufatto gazebo, questo si presenta come una struttura coperta, aperta sui lati e destinata al relax, solitamente posta in giardino o in terrazza; alle volte presenta pareti laterali composte da teli in plastica o vetrate (spesso colorate) o griglie in legno (adibite a sostegno di rampicanti). In alcuni casi, però, il gazebo viene chiuso (spesso senza alcuna autorizzazione) con pareti in muratura e finestrature, tali da renderlo un ambiente indipendente, dotato di tutti i confort e adibito anche alla permanenza prolungata. Un altro caso è quello della casetta in legno prefabbricata, di facile montaggio, in vendita a costi abbastanza abbordabili e destinato a deposito attrezzi o piccolo deposito o piccolo ambiente per i bambini, anch esso installabile in giardino con o senza basamento per isolarlo dal terreno. Tuttavia l installazione di questi manufatti non sempre sono liberi da vincoli o disposizioni di legge. Proviamo a fare una breve analisi sull iter dispositivo. Normalmente, una qualsiasi opera edilizia che comporti la realizzazione di una volumetria, è sottoposta alla concessione di un Permesso di costruire o alla presentazione di una DIA (Denuncia di Inizio Attività), firmata da un tecnico abilitato. Anche nel caso di una struttura precaria, essendo comunque poggiata sul terreno, necessità di autorizzazione: è il caso del gazebo in legno, della casetta da giardino, del box prefabbricato in legno o in lamiera, della recinzione con paletti, ecc.); lo stesso dicasi per strutture poggianti su fondazioni a zattera o puntiformi (tettoia, box in c.a., ecc.). Il rilascio dell autorizzazione è quindi vincolata al parere dell Ufficio Tecnico del comune ove il manufatto viene realizzato e quindi legato alle disposizioni del Regolamento Edilizio attuativo. Nel caso di realizzazioni di strutture precarie in un giardino condominiale, sarà lo stesso comune ad accertare che vi sia il parere favorevole dell intero condominio, che valuterà l eventuale fattibilità della struttura e la sua compatibilità rispetto al decoro dell immobile. Il parere del condominio (inteso come collettività dei condomini), è quanto mai necessario anche lì dove il comune non dovesse richiederlo; è importante ottenere il parere positivo per iscritto della maggioranza dell assemblea, onde evitare problematiche future. Per la posa in giardino di un gazebo o di una casetta in legno, dunque, è importante approntare accorgimenti specifici che evitino rischi futuri in termini di regolamenti. Per seguire un corretto iter, è consigliabile redigere una relazione tecnica illustrativa sull opera che si intende realizzare, 11

11

Regolamento per la realizzazione di interventi edilizi minori

Regolamento per la realizzazione di interventi edilizi minori COMUNE DI CASTELFIDARDO Provincia di Ancona Urbanistica Edilizia privata Regolamento per la realizzazione di interventi edilizi minori IL RESPONSABILE IV SETTORE Urbanistica - Edilizia Privata Ing. Ranieri

Dettagli

Prima edizione - maggio 2013

Prima edizione - maggio 2013 Prima edizione - maggio 2013 Autori: Ivan Meo, Angelo e Alfredo Pesce, Daniela Sibilio Copyright 2013 - GRUPPO CONDOMINIOWEB S.R.L. Email: info@condominioweb.com Sito Web: www.condominioweb.com Per un

Dettagli

Prima edizione - maggio 2013

Prima edizione - maggio 2013 Prima edizione - maggio 2013 Autori: Ivan Meo, Angelo e Alfredo Pesce, Daniela Sibilio Copyright 2013 - GRUPPO CONDOMINIOWEB S.R.L. Email: info@condominioweb.com Sito Web: www.condominioweb.com Per un

Dettagli

Decoro architettonico del palazzo in condominio: cosa è legittimo e cosa no La legge per tutti.it

Decoro architettonico del palazzo in condominio: cosa è legittimo e cosa no La legge per tutti.it Decoro architettonico del palazzo in condominio: cosa è legittimo e cosa no La legge per tutti.it Redazione Tende e tendoni, antenne paraboliche, condizionatori, inferriate, doppi infissi, panni dai balconi,

Dettagli

ELENCO DELLE PROCEDURE AMMINISTRATIVE OPERE DI MANUTENZIONE ORDINARIA NON SOGGETTE A TITOLO EDILIZIO

ELENCO DELLE PROCEDURE AMMINISTRATIVE OPERE DI MANUTENZIONE ORDINARIA NON SOGGETTE A TITOLO EDILIZIO ELENCO DELLE PROCEDURE AMMINISTRATIVE OPERE DI MANUTENZIONE ORDINARIA NON SOGGETTE A TITOLO EDILIZIO In alcuni casi, pur non necessitando di alcun titolo abilitativo, la consistenza o le modalità dell

Dettagli

Il proprietario dell immobile può effettuare l intervento senza effettuare nessuna comunicazione al Comune

Il proprietario dell immobile può effettuare l intervento senza effettuare nessuna comunicazione al Comune Utilizzando la tabella sotto riportata è possibile verificare per ogni singolo intervento quale procedura adottare per procedere all esecuzione dei lavori. Manutenzione Ordinaria Il proprietario dell immobile

Dettagli

INSTALLAZIONE CONDIZIONATORE

INSTALLAZIONE CONDIZIONATORE ON-LINE - 1 - ON-LINE - 2 - QUESITO DELLA COMMITTENZA Buongiorno, La presente a chiedere cortesemente un 'informazione. Risiedo in una casa costituita da tre appartamenti disposti verticalmente e appartenenti

Dettagli

REGOLAMENTO PER INTERVENTI EDILIZI MINORI

REGOLAMENTO PER INTERVENTI EDILIZI MINORI COMUNE DI AVETRANA REGOLAMENTO PER INTERVENTI EDILIZI MINORI (Manufatti Pertinenziali e per esigenze temporanee) (Allegato alla delibera di Consiglio Comunale n. 27 del 22/10/2013) Pag. 1/17 INDICE CAPO

Dettagli

TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA. Denuncia Inizio Attività. Se di modesta entità nessuna autorizzazione. Permesso a Costruire. Nessuna autorizzazione

TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA. Denuncia Inizio Attività. Se di modesta entità nessuna autorizzazione. Permesso a Costruire. Nessuna autorizzazione TIPO DI INTERVENTO MODALITÀ TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA PRESCRIZIONI Abbaini Costruzione di nuovi abbaini Denuncia Inizio Attività Accorpamenti di locali o di altre unità immobiliari Accorpamenti

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI PEGLIO Provincia di Pesaro e Urbino SETTORE TECNICO 61049 Piazza Petrangolini, 6 (PU) tel. 0722/310100 fax 0722/310157 e mail: comune.peglio@provincia.ps.it REGOLAMENTO COMUNALE PER LA REALIZZAZIONE

Dettagli

Innovazioni vietate con rifermento alla eliminazione della barriere architettoniche

Innovazioni vietate con rifermento alla eliminazione della barriere architettoniche Innovazioni vietate con rifermento alla eliminazione della barriere architettoniche Avv. Riccardo Prete, Direttivo Foro Immobiliare Lions Club Genova Host Abbiamo verificato come le nuove disposizioni

Dettagli

Art. 9 Manutenzione ordinaria

Art. 9 Manutenzione ordinaria Comune di Padova Settore Edilizia Privata Settore Pianificazione Urbanistica Piano Regolatore Generale Nuovo Regolamento Edilizio Comunale (Approvato con Deliberazione del C.C. n. 41 del 05/06/2006) Specifiche

Dettagli

ABACO TIPOLOGIA INTERVENTI EDILIZI

ABACO TIPOLOGIA INTERVENTI EDILIZI ABACO TIPOLOGIA INTERVENTI EDILIZI L'eventuale presenza di vincoli normativi può comportare modifiche al titolo edilizio di base specificato nel seguente Abaco. Nel caso si rimanda alla specifica normativa

Dettagli

COMUNE DI POVIGLIO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA VIA VERDI, 1 C.A.P. 42028 TEL. 0522/966811 FAX. 0522/966805

COMUNE DI POVIGLIO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA VIA VERDI, 1 C.A.P. 42028 TEL. 0522/966811 FAX. 0522/966805 COMUNE DI POVIGLIO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA VIA VERDI, 1 C.A.P. 42028 TEL. 0522/966811 FAX. 0522/966805 ALLEGATO AL REGOLAMENTO URBANISTICO ED EDILIZIO Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del

Dettagli

costruttivi mantenendo le caratteristiche preesistenti - opere di modifica con variazione delle caratteristiche preesistenti - nuova costruzione

costruttivi mantenendo le caratteristiche preesistenti - opere di modifica con variazione delle caratteristiche preesistenti - nuova costruzione CASISTICA DEGLI INTERVENTI E RELATIVO REGIME AUTORIZZATIVO OPERA INTERVENTO REGIME ALBERATURE - piantumazione o abbattimento - potatura (*) AMPLIAMENTO EDIFICI opere di ristrutturazione e di modifica che

Dettagli

N. 01/2014 29 Marzo 2014

N. 01/2014 29 Marzo 2014 N. 01/2014 29 Marzo 2014 Avv. Simone Fadalti LA RIPARTIZIONE DELLE SPESE CONDOMINIALI PRINCIPIO GENERALE Art. 1123 c.c. Criterio di tripartizione: Le spese necessarie per la conservazione e per il godimento

Dettagli

Allegato A Interventi liberi Interventi ammissibili con D.I.A. Interventi ammissibili con Permesso di costruire

Allegato A Interventi liberi Interventi ammissibili con D.I.A. Interventi ammissibili con Permesso di costruire Allegato A Interventi liberi Interventi ammissibili con D.I.A. Interventi ammissibili con Interventi Titolo abilitativo Ampliamento di locali - senza aumento della Slp (spostamento di tavolati interni

Dettagli

QUESITO ALIQUOTA IVA SU RISTRUTTURAZIONE PRIMA CASA

QUESITO ALIQUOTA IVA SU RISTRUTTURAZIONE PRIMA CASA QUESITO ALIQUOTA IVA SU RISTRUTTURAZIONE PRIMA CASA ATTENZIONE: la risposta ai quesiti è stata formulata attenendosi alle leggi vigenti all' epoca della richiesta. Pertanto si consiglia di verificare se

Dettagli

Parte Prima. Le parti comuni. a cura di Pia Grazia Mistò

Parte Prima. Le parti comuni. a cura di Pia Grazia Mistò Parte Prima Le parti comuni a cura di Pia Grazia Mistò 1 2 L art. 1117 c.c. fa un elencazione non tassativa delle cose comuni, degli impianti e dei servizi comuni, con un criterio unitario di classificazione.

Dettagli

Comune di Trissino Provincia di Vicenza

Comune di Trissino Provincia di Vicenza Comune di Trissino Provincia di Vicenza MODULISTICA ONLINE 2014 www.comune.trissino.vi.it servizi tecnici pianificazione e sviluppo del territorio edilizia privata Definizione dei TIPI di INTERVENTO aggiornato

Dettagli

AMMINISTRARE. Condizionatori. >>Speciale. Aspetti giurisprudenziali e problematiche relative ai condizionatori. I condizionatori e il decoro

AMMINISTRARE. Condizionatori. >>Speciale. Aspetti giurisprudenziali e problematiche relative ai condizionatori. I condizionatori e il decoro AMMINISTRARE R Immobili >>Speciale Condizionatori Aspetti giurisprudenziali e problematiche relative ai condizionatori di Adriano Buzzanca I condizionatori e il decoro di Carlo Parodi >> Speciale Aspetti

Dettagli

TIPI DI TITOLI ABILITATIVI NECESSARI PER L ESECUZIONE DEGLI INTERVENTI

TIPI DI TITOLI ABILITATIVI NECESSARI PER L ESECUZIONE DEGLI INTERVENTI TIPI DI TITOLI ABILITATIVI NECESSARI PER L ESECUZIONE DEGLI INTERVENTI Manutenzione Ordinaria Il proprietario dell immobile può effettuare l intervento senza effettuare nessuna comunicazione al Comune.

Dettagli

COMUNICAZIONE DI ATTIVITA EDILIZIA LIBERA art. 6 D.P.R. 380/2001 e successive modifiche ed integrazioni

COMUNICAZIONE DI ATTIVITA EDILIZIA LIBERA art. 6 D.P.R. 380/2001 e successive modifiche ed integrazioni COMUNICAZIONE DI ATTIVITA EDILIZIA LIBERA art. 6 D.P.R. 380/2001 e successive modifiche ed integrazioni Al fine di rendere più agevole la procedura si elencano gli interventi previsti dall art. 5 del Regolamento

Dettagli

ALLEGATO A - IL REGIME DELLE AUTORIZZAZIONI -

ALLEGATO A - IL REGIME DELLE AUTORIZZAZIONI - ALLEGATO A - IL REGIME DELLE AUTORIZZAZIONI - Intervento Manutenzione ordinaria (articolo 6, comma 1, lettera a: articolo 3, comma 1, lettera a) Libero Titolo Eliminazione di barriere architettoniche che

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE LE DISPOSIZIONI PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI, FOTOVOLTAICI ED EOLICI DESTINATI ALL AUTOCONSUMO

REGOLAMENTO RECANTE LE DISPOSIZIONI PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI, FOTOVOLTAICI ED EOLICI DESTINATI ALL AUTOCONSUMO REGOLAMENTO RECANTE LE DISPOSIZIONI PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI, FOTOVOLTAICI ED EOLICI DESTINATI ALL AUTOCONSUMO Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 5/2/2010

Dettagli

REGOLAMENTO EDILIZIO UNIFICATO

REGOLAMENTO EDILIZIO UNIFICATO COMUNE DI CAPANNOLI REGOLAMENTO EDILIZIO UNIFICATO ALLEGATO A disposizioni diversificate in rapporto alle specificità dei singoli Comuni 1 INDICE TITOLO I Disposizioni diversificate Capo I - Norme specifiche

Dettagli

PROCEDURE EDILIZIE: INTERVENTI EDILIZI RIFERIMENTI NORMATIVI dicembre 2011 art. 10 comma 1 DPR 380/01 art. 10 c.1 DPR 380/01

PROCEDURE EDILIZIE: INTERVENTI EDILIZI RIFERIMENTI NORMATIVI dicembre 2011 art. 10 comma 1 DPR 380/01 art. 10 c.1 DPR 380/01 PdC PROCEDURE EDILIZIE: INTERVENTI EDILIZI RIFERIMENTI NORMATIVI dicembre 2011 art. 10 comma 1 DPR 380/01 art. 10 c.1 DPR 380/01 art. 3 comma 1 lett. e) DPR 380/01 [art.27 lett. e) LR 12/05] a) gli interventi

Dettagli

Oggetto: Quesito sulla gratuità ovvero onerosità degli interventi edilizi.

Oggetto: Quesito sulla gratuità ovvero onerosità degli interventi edilizi. Oggetto: Quesito sulla gratuità ovvero onerosità degli interventi edilizi. Al fine di poter compiutamente illustrare il quesito che si andrà a formulare, necessita introdurre una breve premessa. Per conoscere

Dettagli

Tuttavia tale presunzione di comunione può essere vinta dalla destinazione della canna fumaria stessa.

Tuttavia tale presunzione di comunione può essere vinta dalla destinazione della canna fumaria stessa. L installazione di canne fumarie nel condominio di edifici. Vicinitas est mater discordiarum, La vicinanza è la madre delle discordie. I Latini già l avevano intuito pur non avendo ancora conosciuta la

Dettagli

COLLABORAZIONI SPECIALISTICHE

COLLABORAZIONI SPECIALISTICHE Comune di ZIMELLA Provincia di Verona P.I. 2^ fase Elaborato N.T.O. All. 01 Scala Regolamento relativo all installazione delle strutture precarie GRUPPO DI LAVORO Ufficio Tecnico Comunale Geom. Claudio

Dettagli

Allarme (Sistema di segnalazione acustico e/o visivo di tentativi di furto, scasso, ecc.)

Allarme (Sistema di segnalazione acustico e/o visivo di tentativi di furto, scasso, ecc.) Accorpamento di unità immobiliari Adeguamento antisismico Interventi edilizi e titoli abilitativi L elenco di seguito riportato individua il titolo abilitativo necessario per l esecuzione di ciascuna delle

Dettagli

REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE

REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE COMUNE DI MONTIGNOSO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE Variante artt. 26 47 62 63 Progettisti: Arch. Stefano Francesconi Geom. Giovanni Antonio Del Freo Testo Eliminato = Evidenziato

Dettagli

LEGENDA. ISOLATO 1. pag. 4. ISOLATO 2. pag. 7. ISOLATO 3. pag. 10. ISOLATO 4. pag. 13. ISOLATO 5. pag. 16

LEGENDA. ISOLATO 1. pag. 4. ISOLATO 2. pag. 7. ISOLATO 3. pag. 10. ISOLATO 4. pag. 13. ISOLATO 5. pag. 16 1 2 3 LEGENDA ISOLATO 1. pag. 4 ISOLATO 2. pag. 7 ISOLATO 3. pag. 10 ISOLATO 4. pag. 13 ISOLATO 5. pag. 16 4 P.R.G. - Comune di Storo PIANO DEL CENTRO STORICO DESCRIZIONI PROGETTUALI ISOLATO N. 01 CATEGORIE

Dettagli

A. Definizione delle serre fotovoltaiche e caratteristiche strutturali.

A. Definizione delle serre fotovoltaiche e caratteristiche strutturali. CIRCOLARE n. 1/2012 CRITERI, MODALITÀ E PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI CONNESSI ALL AUTORIZZAZIONE PER LE REALIZZAZIONE DI SERRE FOTOVOLTAICHE SUL TERRITORIO REGIONALE. La Regione Puglia con legge regionale

Dettagli

EDIFICI COMPRESI NEL NUCLEO DI ANTICA FORMAZIONE. Elaborato modificato a seguito dell'accoglimento delle osservazioni

EDIFICI COMPRESI NEL NUCLEO DI ANTICA FORMAZIONE. Elaborato modificato a seguito dell'accoglimento delle osservazioni COMUNE DI MALGESSO PROVINCIA DI VARESE PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO PIANO DELLE REGOLE art. 10 LR 12/2005 SCHEDE EDIFICI COMPRESI NEL NUCLEO DI ANTICA FORMAZIONE Elaborato modificato a seguito dell'accoglimento

Dettagli

COMUNE DI PIOMBINO DESE Provincia di Padova Area Urbanistica - Edilizia Privata

COMUNE DI PIOMBINO DESE Provincia di Padova Area Urbanistica - Edilizia Privata COMUNE DI PIOMBINO DESE Provincia di Padova Area Urbanistica - Edilizia Privata SERVIZIO URBANISTICA (FAQ: Frequently Asked Questions) Come si ottiene il rilascio di un certificato di destinazione urbanistica

Dettagli

C O M U N E D I I L L A S I

C O M U N E D I I L L A S I C O M U N E D I I L L A S I PROVINCIA DI VERONA DEFINIZIONI, LIMITI, MODALITA E CRITERI INTERPRETATIVI DELLA LEGGE REGIONALE VENETO 8 LUGLIO 2009 N.14 NEL TERRITORIO COMUNALE DI ILLASI TITOLO I DEFINIZIONI

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

TIMBRO PROTOCOLLO N. PRATICA

TIMBRO PROTOCOLLO N. PRATICA TIMBRO PROTOCOLLO BOLLO COMUNE DI RIVIGNANO N. PRATICA Nominativo del dichiarante (1)...... SI n altri titolari oltre al presente dichiarante NO... (in caso di più dichiaranti, compilare una scheda anagrafica

Dettagli

Orientamenti interpretativi in merito agli interventi di sopraelevazione di edifici esistenti

Orientamenti interpretativi in merito agli interventi di sopraelevazione di edifici esistenti COMITATO TECNICO SCIENTIFICO in materia di rischio sismico (istituito con Delibera Giunta Regionale n. 606 del 21/6/2010) Orientamenti interpretativi in merito agli interventi di sopraelevazione di edifici

Dettagli

COMUNE DI RIO NELL'ELBA (Prov. di Livorno) Via G.Garibaldi, 38 57039

COMUNE DI RIO NELL'ELBA (Prov. di Livorno) Via G.Garibaldi, 38 57039 tel. 0565-943411 fax.0565-943021 COMUNE DI RIO NELL'ELBA (Prov. di Livorno) Via G.Garibaldi, 38 57039 C.F.:82001450491 SETTORE-EDILIZIA E URBANISTICA U.O. - EDILIZIA PRIVATA DOCUMENTAZIONE NECESSARIA DA

Dettagli

Regolamento per interventi edilizi minori

Regolamento per interventi edilizi minori Regolamento per interventi edilizi minori (manufatti pertinenziali e per esigenze temporanee) Allegato al Regolamento Edilizio Comunale Adottato con deliberazione consigliare n. del INDICE DEI CONTENUTI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI CONDIZIONATORI E APPARECCHI TECNOLOGICI

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI CONDIZIONATORI E APPARECCHI TECNOLOGICI TESTO-TIPO DI NORMA COMUNALE - Pag. 01di Proposta al Comune di Monza REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI Capo I - Impianti tecnologici in generale 1. Tutti gli interventi per l inserimento di apparecchiature

Dettagli

Norme tecniche di attuazione. Edifici elencati ai sensi della ex L.R. 59/80

Norme tecniche di attuazione. Edifici elencati ai sensi della ex L.R. 59/80 Norme tecniche di attuazione Edifici elencati ai sensi della ex L.R. 59/80 TESTO MODIFICATO CON DELIBERA DEL C.C. N. \ RELATIVA ALL APPROVAZIONE DEL SECONDO REGOLAMENTO URBANISTICO NOVEMBRE 2013 Comune

Dettagli

COMUNE DI CASTELBELLINO Provincia di Ancona Area Urbanistica

COMUNE DI CASTELBELLINO Provincia di Ancona Area Urbanistica COMUNE DI CASTELBELLINO Provincia di Ancona Area Urbanistica Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 53 del 29 novembre 2006 Modificato con delibera di C.C. n. 13 del 13.02.2008 Modificato

Dettagli

COSA SI PUO' DETRARRE

COSA SI PUO' DETRARRE COSA SI PUO' DETRARRE Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità alle normative edilizie locali. INTERVENTI

Dettagli

Esempi degli interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef

Esempi degli interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef Accorpamenti di locali o di altre unità immobiliari Allargamento porte Allargamento porte e finestre esterne Allarme finestre esterne Ampliamento con formazione di volumi tecnici Apertura interna Ascensore

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DEFINIZIONE DI ELEMENTI DI ARREDO E PERTINENZE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DEFINIZIONE DI ELEMENTI DI ARREDO E PERTINENZE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DEFINIZIONE DI ELEMENTI DI ARREDO E PERTINENZE APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 26 DEL 30.11.2013 Page 1 sur 10 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DEFINIZIONE DI ELEMENTI

Dettagli

COMUNE DI CAVAION VERONESE

COMUNE DI CAVAION VERONESE REGOLAMENTO E CRITERI TECNICI PER L INSTALLAZIONE DEGLI ELEMENTI DI ARREDO A DEFINIZIONE DEI PLATEATICI ANNESSI AI LOCALI DI PUBBLICO ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE Approvato con deliberazione

Dettagli

EDILIZIA RESIDENZIALE DI TIPO MEDIO E DI PREGIO

EDILIZIA RESIDENZIALE DI TIPO MEDIO E DI PREGIO EDILIZIA RESIDENZIALE DI TIPO MEDIO Villa singola di pregio 35 1.22,00 382,00 TABELLA RIASSUNTIVA DEI COSTI E PERCENTUALI D INCIDENZA COD. OPERA PREZZI IN URO % 01 Impianto di cantiere e scavi 02 Struttura

Dettagli

Piano Casa e Condominio

Piano Casa e Condominio Piano Casa e Condominio 1 A CURA D I A. I M. A. & ST I N G E N I M S R L I N G. G I U L I E T T I FA B R I Z I O T E L. 0 6. 8 3765142 C E L. 3 9 3. 2587324 2 AMPLIAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI IN CONDOMINIO

Dettagli

Realizzazione di opere e interventi strutturali

Realizzazione di opere e interventi strutturali Realizzazione di opere e interventi strutturali Elenco normativa di riferimento: L. 1086/71 L. 64/74 D.P.R. 380/2001 D.M. Infrastrutture 14.01.2008 Nuove norme tecniche per le costruzioni (NTC 2008) L.R.

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

CONDOMINIO I LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA Aspetti e Profili Problematici

CONDOMINIO I LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA Aspetti e Profili Problematici Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari CONVEGNO CONDOMINIO I LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA Aspetti e Profili Problematici Spese straordinarie in condominio: la procedura

Dettagli

ELENCO DELLE OPERE EDILIZIE ED I RELATIVI TITOLI ABILITATIVI

ELENCO DELLE OPERE EDILIZIE ED I RELATIVI TITOLI ABILITATIVI CITTA DI GUIDONIA MONTECEIO Provincia di Roma AREA IV URBANISTICA E ASSETTO DE TERRITORIO EENCO DEE OPERE EDIIZIE ED I REATIVI TITOI ABIITATIVI Elenco delle opere edilizie con l' indicazione della procedura

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI BRESCIA MONUMENTO NATURALE ALTOPIANO DI CARIADEGHE N PROGRESSIVO UNITA DI RILEVAMENTO 61

REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI BRESCIA MONUMENTO NATURALE ALTOPIANO DI CARIADEGHE N PROGRESSIVO UNITA DI RILEVAMENTO 61 N PROGRESSIVO UNITA DI RILEVAMENTO 61 ESTREMI CATASTALI FG.: 5 MAPP.: 327 SUB.: TONOLINI TARCISIO, TONOLINI ORESTE, TONOLINI MARIA, TONOLINI LUCIANO, TONOLINI GIULIANA Residenza/Magazzino Residenza/ Magazzino

Dettagli

NEWSLETTERS ANAP 2014

NEWSLETTERS ANAP 2014 NEWS 20 2014 L impianto idrico L impianto idrico rappresenta uno dei servizi essenziali condominiali, a ben vedere il più importante fra di essi, e l aumentato costo dell acqua che ha avuto luogo negli

Dettagli

Novembre 2013. 1. Criteri ordinari di ripartizione. 2. Acqua. 3. Ascensore. 4. Balconi. 5. Facciata. 6. Lastrico solare

Novembre 2013. 1. Criteri ordinari di ripartizione. 2. Acqua. 3. Ascensore. 4. Balconi. 5. Facciata. 6. Lastrico solare SPESE CONDOMINIALI A cura di: Avv. Piera Bessi UPPI 1. Criteri ordinari di ripartizione 2. Acqua 3. Ascensore 4. Balconi 5. Facciata 6. Lastrico solare 7. Personale per raccolta differenziata 8. Ponteggi

Dettagli

Attività edilizia libera. Attività soggette a comunicazione

Attività edilizia libera. Attività soggette a comunicazione REGIMI PROCEDURALI A CUI È SOGGETTA L ATTIVITÀ EDILIZIA IN SICILIA APPENDICE NORMATIVA Attività edilizia libera (Art. 6 L.R. 37/85) Per la realizzazione degli interventi edilizi rientranti nel "regime

Dettagli

COME SCEGLIERE LA PROCEDURA EDILIZIA CORRETTA

COME SCEGLIERE LA PROCEDURA EDILIZIA CORRETTA COME SCEGLIERE LA PROCEDURA EDILIZIA CORRETTA Per facilitare l'individuazione del procedimento più appropriato si forniscono di seguito alcune indicazioni di carattere generale, sottolineando che con l'entrata

Dettagli

VOLUMI E SUPERFICI IN EDILIZIA Tratto da D. Borri, Lessico Urbanistico, Ed. Dedalo, BARI

VOLUMI E SUPERFICI IN EDILIZIA Tratto da D. Borri, Lessico Urbanistico, Ed. Dedalo, BARI VOLUMI E SUPERFICI IN EDILIZIA Tratto da D. Borri, Lessico Urbanistico, Ed. Dedalo, BARI RICHIAMI DI TECNICA URBANISTICA SUPERFICIE URBANA Insieme delle superfici occupate da costruzioni ed attrezzature,

Dettagli

COMUNE DI CAGLIARI. Servizio Edilizia Privata

COMUNE DI CAGLIARI. Servizio Edilizia Privata COMUNE DI CAGLIARI Servizio Edilizia Privata Indirizzi Interpretativi 19 Dicembre 2013 1 La presente nota scaturisce dalla necessità di dare risposta ai quesiti più frequenti posti all ufficio da parte

Dettagli

Classificazione, regime e procedure per la realizzazione degli interventi edilizi

Classificazione, regime e procedure per la realizzazione degli interventi edilizi Classificazione, regime e procedure per la realizzazione degli interventi edilizi Con questo articolo si intende fornire un riepilogo, alla luce della normativa nazionale vigente dopo l entrata in vigore

Dettagli

SOTTOSCRITT. Cognome Nome. Nato a Prov. Stato. Via/Piazza n. Comune CAP Prov. Tipo attività svolta. con sede nel Comune di CAP Prov. Via/Piazza n.

SOTTOSCRITT. Cognome Nome. Nato a Prov. Stato. Via/Piazza n. Comune CAP Prov. Tipo attività svolta. con sede nel Comune di CAP Prov. Via/Piazza n. Modello P3 DOMANDA PER IL RILASCIO DELLA CONCESSIONE PERMANENTE DI SUOLO PUBBLICO Chioschi - Dehors Tipo 4 e Dehors Tipo 5 (art 31 C.C. n. 131 del 20.12.2012 del Comune di Cesena) in possesso del titolo

Dettagli

Prontuario dei Lavori Edili

Prontuario dei Lavori Edili TIPOLOGIA DESCRIZIONE STRUMENTO Abbaino Accorpamento di locali o altre unità immobiliari Adeguamento Antisismico Adeguamento igienico -funzionale Alberatura Realizzazione senza aumento di volume e coerente

Dettagli

2. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI PROPEDEUTICI ALLA REALIZZAZIONE DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO... 4

2. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI PROPEDEUTICI ALLA REALIZZAZIONE DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO... 4 SOMMARIO 1. PREMESSA... 2 2. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DEGLI EDIFICI ESISTENTI PROPEDEUTICI ALLA REALIZZAZIONE DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO... 4 3. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO DELL AREA PARCHEGGI PER LA POSA

Dettagli

- A cura del Prof. Onofrio Frenda -

- A cura del Prof. Onofrio Frenda - SIMULAZIONE DELLA PROVA DI ESAME DI ESTIMO Anno Scolastico 2009-0 ^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^ COMPILAZIONE DELLE TABELLE MILLESIMALI PER UN EDIFICIO IN CONDOMINIO (Maturità tecnica per geometri

Dettagli

L.R. 10.11.2014 n. 65 Norme per il governo del territorio - - - - - le principali novità in materia edilizia Arch. Lorenzo Paoli

L.R. 10.11.2014 n. 65 Norme per il governo del territorio - - - - - le principali novità in materia edilizia Arch. Lorenzo Paoli L.R. 10.11.2014 n. 65 Norme per il governo del territorio - - - - - le principali novità in materia edilizia Arch. Lorenzo Paoli Dirigente del Settore Edilizia e Urbanistica / Comune di Scandicci (FI)

Dettagli

a) Condizioni statiche dell edificio.

a) Condizioni statiche dell edificio. 253 ne (art. 934 c.c.), ciascuno dei comunionisti acquista la proprietà di una quota ideale di esso corrispondente a quella spettantegli sul suolo, a meno che gli effetti dell accessione, prima del loro

Dettagli

A. NUOVE COSTRUZIONI PRIVE DI RILEVANZA PER LA PUBBLICA INCOLUMITÀ AI FINI SISMICI

A. NUOVE COSTRUZIONI PRIVE DI RILEVANZA PER LA PUBBLICA INCOLUMITÀ AI FINI SISMICI Delibera Giunta Regionale n. 687/11. A. NUOVE COSTRUZIONI PRIVE DI RILEVANZA PER LA PUBBLICA INCOLUMITÀ AI FINI SISMICI A.1. Tettoie, serre e opere assimilabili A.1.1. a) Tettoie aventi peso proprio (G1)

Dettagli

COMUNE DI CARUGO PROVINCIA DI COMO

COMUNE DI CARUGO PROVINCIA DI COMO COMUNE DI CARUGO PROVINCIA DI COMO AVVISO CENSIMENTO PRESENZA AMIANTO (ETERNIT) Il Sindaco Ufficiale di Igene Pubblica e L Amministrazione Comunale di Carugo, con delibera della Giunta Comunale n del ha

Dettagli

REGOLAMENTO APPLICATIVO

REGOLAMENTO APPLICATIVO REGOLAMENTO APPLICATIVO DEL PIANO CASA ai sensi dell art. 9 comma 5 della L.R. 14/2009 Autore(i) nome dott.urb. Alessandro Calzavara arch. Paola Barbato data ottobre 2009 Verificato dott.urb. Alessandro

Dettagli

NORMATIVA e PROCEDURE per INTERVENTI EDILIZI

NORMATIVA e PROCEDURE per INTERVENTI EDILIZI NORMATIVA e PROCEDURE per INTERVENTI EDILIZI Normativa di riferimento Attività libera e Comunicazione Inizio Attività Legge n. 73 del 22 maggio 2010 che riscrive l art. 6 del DPR 380/2001 Comunicazione

Dettagli

LA RIPARTIZIONE DELLE SPESE TRA I CONDOMINI:

LA RIPARTIZIONE DELLE SPESE TRA I CONDOMINI: LA RIPARTIZIONE DELLE SPESE TRA I CONDOMINI: IL PRINCIPIO ART. 1123 C.C. Le spese necessarie per la conservazione e per il godimento delle parti comuni dell'edificio, per la prestazione dei servizi nell'interesse

Dettagli

Sentenze e pareri legali sulla competenza delle spese per balconi

Sentenze e pareri legali sulla competenza delle spese per balconi Diciamo, in premessa, che le due principali incassati e aggettanti. tipologie di balconi sono quella dei cosiddetti I balconi incassati sono quelli rientranti, cioè che non sporgono rispetto ai muri perimetrali

Dettagli

4. Le tipologie di interventi ammessi alla detrazione (*) I - LE RISTRUTTURAZIONI NELLE ABITAZIONI

4. Le tipologie di interventi ammessi alla detrazione (*) I - LE RISTRUTTURAZIONI NELLE ABITAZIONI 4. Le tipologie di interventi ammessi alla detrazione (*) I - LE RISTRUTTURAZIONI NELLE ABITAZIONI INTERVENTI MODALITÀ CONDIZIONI DI DETRAIBILITÀ Accorpamenti di locali spostamento di alcuni locali da

Dettagli

VADEMECUM PER L APPLICAZIONE DELLE DIVERSE PROCEDURE EDILIZIE SEMPLIFICATE, IN FUNZIONE DEL TIPO DI INTERVENTO PREVISTO

VADEMECUM PER L APPLICAZIONE DELLE DIVERSE PROCEDURE EDILIZIE SEMPLIFICATE, IN FUNZIONE DEL TIPO DI INTERVENTO PREVISTO COMUNE DI PIADENA Provincia di Cremona Sede Municipale: Piazza Garibaldi n. 3 - Tel. 0375.98125 - Fax n. 0375.98733 VADEMECUM PER L APPLICAZIONE DELLE DIVERSE PROCEDURE EDILIZIE SEMPLIFICATE, IN FUNZIONE

Dettagli

Parere n. 46/2010 Normativa in materia di installazione di impianti fotovoltaici. Titoli abilitativi necessari.

Parere n. 46/2010 Normativa in materia di installazione di impianti fotovoltaici. Titoli abilitativi necessari. Parere n. 46/2010 Normativa in materia di installazione di impianti fotovoltaici. Titoli abilitativi necessari. Si chiede parere avente ad oggetto alcune precisazioni inerenti i titoli abilitativi necessari

Dettagli

PROBLEMATICHE IN AMBITO CONDOMINIALE. Ristrutturazione del singolo appartamento: acquisizione di una

PROBLEMATICHE IN AMBITO CONDOMINIALE. Ristrutturazione del singolo appartamento: acquisizione di una PROBLEMATICHE IN AMBITO CONDOMINIALE Ristrutturazione del singolo appartamento: acquisizione di una porzione di area condominiale Lo spostamento del muro perimetrale, durante i lavori di ristrutturazione

Dettagli

A N A C I. Balcone e frontalini: analisi dei criteri di ripartizione delle spese

A N A C I. Balcone e frontalini: analisi dei criteri di ripartizione delle spese A N A C I SEDE DI ROMA SEMINARIO GIURIDICO 7 FEBBRAIO 2012 Balcone e frontalini: analisi dei criteri di ripartizione delle spese avv. Paola Carloni Sul tema del seminario molto è stato scritto e continuano

Dettagli

Via/p.zza n. Sezione censuaria di Foglio n. Mappali. I sottoscritt dichiara altresì che le opere avranno inizio a decorrere dal giorno

Via/p.zza n. Sezione censuaria di Foglio n. Mappali. I sottoscritt dichiara altresì che le opere avranno inizio a decorrere dal giorno Comune di Tradate E dilizia P rivata/servizi U rbanistici COMUNICAZIONE DI ATTIVITA EDILIZIA LIBERA art. 27 comma A della L.R. 12/2005 e art. 6 comma 1 del D.P.R. 380/01 modificato dalla Legge n. 73/10

Dettagli

ITG A. POZZO LEZIONI DI ESTIMO. Tabelle millesimali di condominio. Classi 5^ LB-LC-SA Anno scolastico 2009/10. Prof. Romano Oss

ITG A. POZZO LEZIONI DI ESTIMO. Tabelle millesimali di condominio. Classi 5^ LB-LC-SA Anno scolastico 2009/10. Prof. Romano Oss ITG A. POZZO LEZIONI DI ESTIMO Tabelle millesimali di condominio Classi 5^ LB-LC-SA Anno scolastico 2009/0 Prof. Romano Oss Condominio: quando nello stesso fabbricato vi sono delle parti di proprietà individuale

Dettagli

(approvato con delib. del C.C. n. del )

(approvato con delib. del C.C. n. del ) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI PER LO SMALTIMENTO DI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO PRESSO IMMOBILI AD USO CIVILE ABITAZIONE E RELATIVE PERTINENZE (approvato con delib. del

Dettagli

DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITÀ

DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITÀ Regione Lombardia Comune di Ticengo Provincia di Cremona Area Tecnica Sportello Unico edilizia Responsabile del procedimento:.. Protocollo Generale per interventi di cui alla successiva tabella A (articolo

Dettagli

Scheda n. 10 Casa Speranza

Scheda n. 10 Casa Speranza Scheda n. 10 Casa Speranza Ubicazione: I fabbricati sono inseriti, dal Piano Strutturale vigente del Comune di Collesalvetti nel Sottosistema Rurale con prevalente funzione rurale, U.T.O.E. n. 14 Colline

Dettagli

Regolamento di condominio

Regolamento di condominio Vincenzo Caporale 1 Introduzione Capita spesso che tra condomini si creino dei litigi a causa della presenza di animali domestici nel condominio. In presenza di simili situazioni, è difficile trovare un

Dettagli

Calcolo delle tabelle millesimali

Calcolo delle tabelle millesimali Daniele Galoppa Giuseppe Semeraro Calcolo delle tabelle millesimali Con il software professionale illimitato Calcolo Quote Millesimali:. acquisizione dati da elaborato grafico. coefficienti di virtualizzazione

Dettagli

Singoli capitoli CPN Edilizia

Singoli capitoli CPN Edilizia Titoli generali (solo in forma cartacea) 1001I/99 Istruzioni per l uso CPN gratuito 1003I/15 Elenco dei capitoli CPN con indice analitico 79.00 1004I/92 Informazioni per l utenza 49.00 1010I Schede tecniche

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA 12 REPARTO INFRASTRUTTURE - Comando - P.zza 1 Maggio, 28 33100 UDINE Tel. 0432-504341-2-3 Fa 0432-414050 RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Alloggio codice Via Manzoni, 18 - MANIAGO (PN) 1 Indice 1. OGGETTO

Dettagli

ALLEGATO A REGIONE LOMBARDIA. REGOLAMENTO D USO DEGLI ALLOGGI Di Edilizia Residenziale Pubblica

ALLEGATO A REGIONE LOMBARDIA. REGOLAMENTO D USO DEGLI ALLOGGI Di Edilizia Residenziale Pubblica ALLEGATO A REGIONE LOMBARDIA REGOLAMENTO D USO DEGLI ALLOGGI Di Edilizia Residenziale Pubblica 1 2 REGOLAMENTO DI USO DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA DELL AZIENDA LOMBARDA PER L EDILIZIA

Dettagli

CONVEGNO. La funzione del notaio nella circolazione dei beni culturali

CONVEGNO. La funzione del notaio nella circolazione dei beni culturali CONVEGNO La funzione del notaio nella circolazione dei beni culturali Ferrara, 20 21 aprile 2012012 a, 20 21 aprile 2012 Beni culturali e normativa urbanistica Giovanni Rizzi Notaio in Vicenza 2 Disciplina

Dettagli

Al Responsabile dello Sportello Unico per l edilizia del Comune di Rovato

Al Responsabile dello Sportello Unico per l edilizia del Comune di Rovato P.G. CAT. VI CL. 03 FASC. 01 DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA (articoli 22 e 23 del d.p.r. n. 380 del 2001) ordinaria per interventi di cui alla successiva tabella B (articolo 22, commi 1 e 2, d.p.r. n. 380

Dettagli

PARERE SU QUESITO IN MERITO ALLE VARIAZIONI A PERMESSO DI COSTRUIRE

PARERE SU QUESITO IN MERITO ALLE VARIAZIONI A PERMESSO DI COSTRUIRE PARERE SU QUESITO IN MERITO ALLE VARIAZIONI A PERMESSO DI COSTRUIRE * * * Si riscontra il quesito in oggetto, articolato in due questioni: 1) in primo luogo chiarire se sia corretto il convincimento secondo

Dettagli

In edilizia l iva può essere applicata con l aliquota del 4, del 10 o del 21 per cento.

In edilizia l iva può essere applicata con l aliquota del 4, del 10 o del 21 per cento. In edilizia l iva può essere applicata con l aliquota del 4, del 10 o del 21 per cento. In edilizia l iva può essere applicata con l aliquota del 4, del 10 o del 21 per cento. Distinguendo a seconda che

Dettagli

CONTROVERSIE IN MATERIA CONDOMINIALE. Nella eventualità in cui il singolo condomino proceda alla sostituzione del tetto

CONTROVERSIE IN MATERIA CONDOMINIALE. Nella eventualità in cui il singolo condomino proceda alla sostituzione del tetto CONTROVERSIE IN MATERIA CONDOMINIALE Tetto: sostituzione con un terrazzo ad uso esclusivo Nella eventualità in cui il singolo condomino proceda alla sostituzione del tetto dell edificio con un terrazzo

Dettagli

MASSALOMBAR SSALOMBARDARAV RDARAVENNA

MASSALOMBAR SSALOMBARDARAV RDARAVENNA MASSALOMBAR SSALOMBARDARAV RDARAVENNA UN ECCELLENTEOPPORTUNITÀDIRIQUALIFIC ECCELLENTEOPPORTUNITÀDIRIQUALIFICAZIONEIMMOBIL PPORTUNITÀDI RIQUALIFICAZIONEIMMOBILIAREUN ECCE ALIFICAZIONEIMMOBILIARE L EX ZUCCHERIFICIO

Dettagli

P.R.G. DI URBINO 1994 TERZA PARTE LINEE NORMATIVE 201.III.A5

P.R.G. DI URBINO 1994 TERZA PARTE LINEE NORMATIVE 201.III.A5 P.R.G. DI URBINO 1994 TERZA PARTE LINEE NORMATIVE 201.III.A5 Norme Tecniche di Attuazione ALLEGATO 4: Centro storico 1 L allegato 4 è costituito dalle presenti norme e dagli elaborati grafici di seguito

Dettagli

REGOLAMENTO APPLICATIVO

REGOLAMENTO APPLICATIVO REGOLAMENTO APPLICATIVO DEL PIANO CASA ai sensi dell art. 9 comma 5 della L.R. 14/2009 Autore(i) nome dott.urb. Alessandro Calzavara arch. Paola Barbato data SETTEMBRE 2011 Verificato dott.urb. Alessandro

Dettagli

Natura in arte Arte in natura

Natura in arte Arte in natura Legno & Design Natura in arte Arte in natura L azienda Falegnameria e arredamenti su misura Porte ed infissi in legno Scale in legno Case ecologiche e bioarchitettura Arredamenti e strutture da giardino

Dettagli

REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO CENSIMENTO BENI SPARSI NEL TERRITORIO RURALE

REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO CENSIMENTO BENI SPARSI NEL TERRITORIO RURALE COMUNE DI BERTINORO REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO CENSIMENTO BENI SPARSI NEL TERRITORIO RURALE ANNO 2007 SCHEDE DI ANALISI E INDICAZIONI OPERATIVE RELATIVE AGLI EDIFICI DEL TERRITORIO RURALE Toponimo

Dettagli