COSA FARE AFFINCHÉ UN COMITATO FUNZIONI?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COSA FARE AFFINCHÉ UN COMITATO FUNZIONI?"

Transcript

1 COMIITATO GENIITORII IISSTIITUTO SSUPPERIIORE G.. FFALCONE COORDIINAMENTO DEII COMIITATII GENIITORII DELLE SCUOLE SUPPERIIORII DELLA PPROVIINCIIA DII BERGAMO ((COOR..)).CO.GE. Comitato Genitori Associazione Genitori Cosa fare affinché un Comitato funzioni? COSA FARE AFFINCHÉ UN COMITATO - A cura di Antonia Crippa (Coor.Co.Ge. Bergamo) pag. 1 di 19

2 COSA FARE AFFINCHÉ UN COMITATO - A cura di Antonia Crippa (Coor.Co.Ge. Bergamo) pag. 2 di 19

3 COSA FARE AFFINCHÉ UN COMITATO - A cura di Antonia Crippa (Coor.Co.Ge. Bergamo) pag. 3 di 19

4 NIENTE CONFUSIONE Il termine Comitato viene utilizzato negli Istituti in modi differenziati, non sempre giuridicamente corretti. Formalmente il Comitato Genitori è costituito dai Rappresentanti di classe eletti nell anno: il suo scopo è rafforzare i compiti connessi al ruolo di rappresentante anche mediante il confronto fra genitori. Il Comitato NON può gestire fondi perché privo di identità giuridica. Negli anni molti Comitati sono divenuti di fatto un associazione non registrata: hanno uno Statuto, un direttivo, un presidente, raccolgono fondi e li destinano a progetti per la scuola e con la scuola. Spesso il direttivo del Comitato e il direttivo dell Associazione coincidono, oppure si intrecciano: l Associazione è in pratica il braccio economico del Comitato. Tuttavia la differenza è sostanziale: fanno parte dell associazione tutti coloro che vi aderiscono volontariamente, fanno parte del Comitato solo i rappresentanti di classe eletti. In qualche caso accanto o al posto dei Comitati sono nate Associazioni Genitori formalmente costituite e registrate, dotate di Atto Costitutivo, Statuto e codice fiscale depositati presso l Agenzia delle Entrate (circa 300 euro di spesa). Questa forma, oltre a garantire l associazione, consente di iscriversi al registro provinciale e regionale dell associazionismo. Non serve l autenticazione da parte di un notaio. Ancora poche associazioni hanno richiesto l iscrizione al Registro Provinciale e Regionale delle Associazioni senza scopo di lucro: l iscrizione permette di partecipare a bandi provinciali e regionali per l erogazione di contributi a sostegno di propri progetti. In ogni caso, per rispondere al meglio ai bisogni maggiormente sentiti, occorre avere canali di ascolto con chi nelle classi sperimenta la vita dell istituto con le sue positività e criticità, per potenziare e diffondere le prime e analizzare/migliorare le seconde. L opera attiva dei rappresentanti di classe è e rimane indispensabile per ogni Comitato o Associazione Genitori. È auspicabile dunque che Comitato e Associazione operino in sinergia per non creare confusione o contrasti. a) PROCEDERE PER GRADI Innanzi tutto è necessario capire quale ruolo si vuole svolgere all interno della scuola, perché si può stare nella scuola in tanti modi: come organo di vigilanza portavoce dei bisogni e tutore degli interessi dei genitori-utenti, come divulgatori di informazioni, come erogatori di fondi, come propositori che COSA FARE AFFINCHÉ UN COMITATO - A cura di Antonia Crippa (Coor.Co.Ge. Bergamo) pag. 4 di 19

5 condividono da partner educativi la formazione dei figli-studenti, ecc. ecc. ecc. Chiarito ciò, è necessario dotarsi di una buona organizzazione: essa permetterà ad ogni Comitato, indipendentemente dalla spinta motivazionale, di lavorare con tranquillità anche nei momenti critici. COSA FARE AFFINCHÉ UN COMITATO - A cura di Antonia Crippa (Coor.Co.Ge. Bergamo) pag. 5 di 19

6 Se il Comitato/Associazione è andato spegnendosi negli anni è necessario ricostruire la sua storia recuperando tutti i documenti che lo/la riguardano (verbali, lettere, documenti, timbri, ecc.) e raccogliendo informazioni tra gli ex rappresentanti, i docenti, il dirigente; se era attivo un conto corrente verificare il bilancio e fare le opportune variazioni per la gestione dei fondi (cambio firme, ad esempio). b) CONTATTARE IL DIRIGENTE SCOLASTICO Il rapporto con il DS è indispensabile per capire come ci si può muovere nell istituto (il livello di formalità richiesto, gli spazi disponibili, le aspettative reciproche, ). Va chiarito, ad esempio, come fare per reperire informazioni, per comunicare con i genitori e fra rappresentanti, se si prevedono incontri di informazione/formazione/valutazione, se sono attive commissioni miste, se è prevista una procedura per portare proposte o temi all attenzione del Collegio Docenti o del Consiglio di Istituto, e via dicendo. Solitamente il rapporto con il DS viene mantenuto dal presidente del Comitato, ma è importante che il Dirigente possa incontrare tutto il Direttivo e confrontarsi con il Comitato periodicamente. Nel caso in cui il Direttivo abbia proposte da fare al DS è ovvio, anche se non scontato, che tali istanze debbano essere già state discusse in precedenza, in modo da proporre una linea comune e condivisa: sarebbe infatti assai deplorevole dare vita, durante la riunione con il preside, a discussioni interne perché il Direttivo si presenta disunito. Per il passaggio ufficiale delle consegne il Direttivo uscente dovrebbe presentare quello nuovo al Dirigente: se questo non è possibile sarà il neopresidente del Co.Ge. a richiedere un colloquio al Dirigente per presentare se stesso e i nuovi membri del Direttivo. Se il DS mostrasse una certa ritrosia verso il Comitato è necessario scoprirne il perché: forse ci sono stati scontri e incompatibilità con i precedenti referenti del Co.Ge. In ogni caso è opportuno cercare sempre la mediazione anche attraverso la disponibilità dei docenti (vicepreside, referenti di progetti, ecc.) che potranno mediare le vostre posizioni con quelle del DS. Alcune scuole nominano un referente per i rapporti con i genitori: in questo caso è a lui che ci si deve rivolgere. c) CURARE LA VISIBILITÀ E LA COMUNICAZIONE Questa è una fase importantissima da gestire con particolare attenzione, perché una comunicazione capillare ed efficace dà visibilità all azione del Comitato. COSA FARE AFFINCHÉ UN COMITATO - A cura di Antonia Crippa (Coor.Co.Ge. Bergamo) pag. 6 di 19

7 Per raggiungere il maggior numero di persone è indispensabile dotarsi almeno di una bacheca e di una cassetta postale (basta una semplice scatola) da lasciare a COSA FARE AFFINCHÉ UN COMITATO - A cura di Antonia Crippa (Coor.Co.Ge. Bergamo) pag. 7 di 19

8 scuola, previo assenso del Dirigente. È consigliabile stampare un proprio notiziario o, in alternativa, chiedere uno spazio su quello della scuola (ove esistente). Se c è qualche genitore esperto lo si può coinvolgere per creare il sito web del Comitato da tenere ovviamente sempre aggiornato: in alternativa è possibile chiedere uno spazio su quello della scuola. La partecipazione alle riunioni del Comitato potrà opportunamente essere consentita anche ai genitori non rappresentanti. Comunicare mediante una mailing list è il mezzo più immediato, pratico e meno costoso per diffondere notizie, informazioni, documenti. Mentre è d obbligo comunicare il recapito telefonico e l dei membri del Direttivo non è invece permesso divulgare i recapiti degli altri genitori, se non dietro espressa autorizzazione degli interessati. I rappresentanti di classe dovranno essere sensibilizzati affinché diffondano le notizie e le informazioni che riceveranno. La gestione della mailing list e di tutta la parte informativa (bacheca, giornalino, avvisi, ecc.) sarà affidata al presidente del Comitato o ad un efficiente segretario. Fonti da cui trarre le informazioni che possono interessare i genitori sono: il Dirigente, i referenti della scuola, i genitori stessi, gli studenti, siti web e riviste specializzate, i quotidiani, i referenti dei Comitati di altre scuole. d) FORMAZIONE Curare il sostegno e la formazione dei rappresentanti tramite corsi, manuali, incontri collegiali: un compito che spesso cercano di assumersi i genitori esperti, ma che dovrebbe essere interesse della stessa scuola. Poiché nessuno nasce rappresentante e tutti imparano il mestiere facendolo, il confronto con i rappresentanti anziani potrà essere d aiuto in molte situazioni critiche. L analisi collettiva di alcune situazioni tipo (per es. difficoltà di relazione con un docente) può portare a suggerimenti utili e ad azioni comuni se il problema è presente anche in altre classi. Un ipotesi da sperimentare prevede una giornata della rappresentanza organizzata in collaborazione con la scuola durante la quale docenti, genitori e studenti possano parlarsi condividendo una comune lettura del ruolo da riconoscere al rappresentante a livello di classe e di istituto. Tutto ciò che si costruisce assieme è, infatti, un tassello verso il dialogo e la collaborazione efficace e pone le basi per buone prassi condivise. Altre tematiche formative possono riguardare: la conoscenza dell istituto, della sua organizzazione e dei suoi progetti (con particolare attenzione al P.O.F.), aspetti di COSA FARE AFFINCHÉ UN COMITATO - A cura di Antonia Crippa (Coor.Co.Ge. Bergamo) pag. 8 di 19

9 genitorialità legati all educazione e alla crescita degli studenti, il processo di orientamento, oltre che approfondimenti culturali aperti alle componenti, secondo ciò che il programma annuale del Comitato/Associazione stabilisce. COSA FARE AFFINCHÉ UN COMITATO - A cura di Antonia Crippa (Coor.Co.Ge. Bergamo) pag. 9 di 19

10 e) RAPPORTARSI CON IL C.d.I. I rappresentanti eletti in Consiglio d Istituto sono la voce dei genitori istituzionalmente riconosciuta all interno della scuola ed è quindi indispensabile tenere con loro stretti rapporti: dovrebbero partecipare alle riunioni di Comitato o, almeno, tenersi in contatto con il presidente del Co.Ge. Il Genitore che partecipa alle riunioni di Giunta può anche portare le istanze del Comitato all attenzione del Consiglio inserendole come punti di trattazione nell ordine del giorno. f) TRASPARENZA Il bollettino per il versamento della quota associativa va consegnato ad inizio anno a tutti i genitori, insieme con una nota che motivi la richiesta del versamento e illustri il lavoro svolto l anno precedente e il programma di lavoro per il nuovo anno (si aderisce più volentieri se si sa a cosa sono destinate le quote che si versano). Il bilancio deve essere reso pubblico, così come pubblici dovrebbero essere i verbali delle riunioni. g) DARSI OBIETTIVI RAGGIUNGIBILI Per un Comitato costretto a partire da zero la fase relativa all organizzazione può richiedere molto tempo (anche più di un anno); se il Dirigente si oppone alle iniziative, le cose si complicano e i tempi si allungano ulteriormente. Quando questa fase è conclusa si può diventare operativi e avviare il programma di lavoro: si possono creare gruppi di studio, progettare percorsi formativi, gestire uno Sportello genitori all interno della scuola, collaborare con i docenti in vari progetti scolastici, avviare sondaggi e via dicendo. Il programma di lavoro deve essere adeguato alle risorse umane (numero dei genitori effettivamente attivi ) e finanziarie: è inutile, e dannoso, porsi obiettivi non raggiungibili. Molto di quello che si potrà fare, come si è già detto, dipenderà anche dal Dirigente. È opportuno curare i rapporti con i Docenti, senza MAI ENTRARE NELLE QUESTIONI CHE RIGUARDANO LA DIDATTICA (metodi d insegnamento e affini). Se vi sono disfunzioni nella scuola (progetti annullati, difficoltà con insegnanti, POF non attuato, ecc.) rivolgersi al Referente Qualità dell istituto e sporgere reclami COSA FARE AFFINCHÉ UN COMITATO - A cura di Antonia Crippa (Coor.Co.Ge. Bergamo) pag. 10 di 19

11 circostanziati, mai vaghi o generici. Se, per esempio, c è un problema sulla comunicazione scuola/famiglia, nel modulo di reclamo non si deve scrivere: nella scuola la comunicazione è carente. Occorre invece indicare data e classe in cui si è ravvisata la non conformità e descrivere il problema rilevato (circolare non letta, oppure non pervenuta, oppure diffusa con ritardo, ecc.). COSA FARE AFFINCHÉ UN COMITATO - A cura di Antonia Crippa (Coor.Co.Ge. Bergamo) pag. 11 di 19

12 h) ESSERE PROPOSITIVI Con la scuola dell autonomia e della riforma le famiglie entrano nella definizione del progetto educativo della scuola e supportano la scuola nel raggiungimento del successo formativo. La normativa, che prevede la presenza di un Comitato Genitori (DL 297/94, art. 15 comma 2: "I rappresentanti dei genitori nei consigli di intersezione, di interclasse o di classe possono esprimere un comitato dei genitori del circolo o dell'istituto ), prevede anche che il Comitato possa esprimere proposte e pareri sul POF e sui progetti di sperimentazione (DPR 275/99, art. 3 comma 3: "Il Piano dell'offerta formativa è elaborato dal collegio dei docenti sulla base degli indirizzi generali per le attività della scuola e delle scelte generali di gestione e di amministrazione definiti dal consiglio di circolo o di istituto, tenuto conto delle proposte e dei pareri formulati dagli organismi e dalle associazioni anche di fatto dei genitori... ). Offrite pertanto la vostra collaborazione alla scuola: sarebbe ottima cosa entrare a far parte delle commissioni scolastiche dove si può acquisire conoscenza diretta dei temi in discussione, comprendere le difficoltà e le motivazioni delle scelte, portare bisogni raccolti e proposte da valutare. Non ci si sovrappone ai docenti, ma si concorre a determinare decisioni maggiormente consapevoli e motivate: se i genitori sono presenti, viene naturale spiegare - o chiedere di spiegare - la situazione, le opportunità in campo, i perché delle scelte Si può collaborare anche sostenendo economicamente i progetti scolastici oppure offrendo aiuto nelle iniziative extra o para scolastiche: settimana di flessibilità, svolgimento di sondaggi, spettacoli teatrali, fornitura di materiali, ecc. i) PENSARE AL FUTURO Spesso il Comitato è visto dai genitori come organismo di raccolta delle lamentele o come semplice organo di informazione. La creatività, il confronto, la partecipazione e l attenzione ai mutamenti del territorio e della società permettono invece al Comitato di rafforzarsi e di assumere quel ruolo propositivo che gli è proprio. Per non perdere tutta la ricchezza e l esperienza maturate negli anni è però fondamentale trovare per tempo i sostituti, affinché il lavoro del Comitato possa proseguire senza intoppi ed il progetto iniziale possa essere portato a compimento. Non è sempre facile trovare genitori sufficientemente motivati che si affianchino al Direttivo uscente e ne prendano gradualmente il posto. La situazione ideale vede il Direttivo in carica composto contemporaneamente da genitori esperti e da forze nuove (meglio se delle classi prime o seconde) in modo che il passaggio delle consegne tra il vecchio e il nuovo avvenga in modo del tutto naturale e indolore, arricchito dalle idee apportate dai nuovi membri. In alternativa, i COSA FARE AFFINCHÉ UN COMITATO - A cura di Antonia Crippa (Coor.Co.Ge. Bergamo) pag. 12 di 19

13 genitori uscenti possono fornire la propria consulenza fino a quando i nuovi membri abbiano acquisito sufficiente autonomia e sicurezza. COSA FARE AFFINCHÉ UN COMITATO - A cura di Antonia Crippa (Coor.Co.Ge. Bergamo) pag. 13 di 19

14 IL COMITATO IN CINQUE MOSSE (RIASSUNTO DELLE PUNTATE PRECEDENTI) 1) ORGANIZZAZIONE: CHI FA COSA QUANDO COME L approssimazione ed il pressappochismo fanno sprecare tempo ed energie: è necessario stabilire all interno del Comitato ruoli, compiti e responsabilità di ciascuno dei componenti (ciò può essere fatto mediante uno statuto o un regolamento, ma niente funziona meglio dell intesa di gruppo). - All interno del Direttivo o in caso di iniziative particolari (per esempio organizzazione di corsi di formazione) chiarire sempre chi fa cosa quando come per evitare sovrapposizioni, malintesi, dispendio di risorse. - Il Presidente del Co.Ge. dovrebbe svolgere essenzialmente funzioni di coordinamento e di relazione con l esterno (membri C.d.I., dirigenza scolastica, referenti progetti, enti territoriali, Coor.Co.Ge. ecc.) nonché curare che le attività del Comitato abbiano un buon svolgimento. Naturalmente il suo ruolo è delicato ed impegnativo ed è auspicabile che possa contare sull aiuto di altri componenti del Direttivo. Il presidente deve saper fare gruppo, esserne il collante, essere diplomatico ma dotato del giusto grado di fermezza; deve innanzi tutto aver ben chiari gli obiettivi da perseguire ed essere capace di una visione complessiva del mondo scuola. Talvolta il presidente del Comitato è anche presidente del C.d.I.: sistema sicuramente vantaggioso ma che richiede molta disponibilità e flessibilità per non lasciarsi travolgere dagli impegni o rischiare di diventare autoreferenziali. - È consigliabile avere un direttivo composto da 7-8 persone e puntare ad avere tanti collaboratori. Ciascun componente del Direttivo, tenuto conto della storia e delle necessità dell istituto, può divenire referente di un settore specifico (P.O.F., libri, recupero, informazione e comunicazione, formazione genitori, handicap, salute, alunni stranieri, valutazione della qualità, analisi dei verbali dei Consigli di Classe, ecc.); egli sarà a capo della commissione relativa, composta a sua volta da quattro/cinque genitori (anche non rappresentanti). Il referente riporterà all interno del Direttivo le proposte e le idee sviluppate dalla commissione e sarà anche colui che potrà entrare a far parte della corrispondente commissione scolastica qualora l istituto preveda commissioni miste, o comunque sarà la persona che contatterà docenti e studenti per confrontarsi sul tema. Il cambiamento è possibile se si costruisce nella scuola un linguaggio comune fra le varie componenti con occasioni di lavoro insieme, perciò è auspicabile che la rete di relazioni non si esaurisca con il passaggio informativo fra pochi membri del Direttivo, il presidente e il Dirigente. Con una struttura a rete di questo tipo si possono coinvolgere più genitori aggregando anche coloro che non si sentono all altezza per assumere un ruolo di responsabilità e preferiscono operare in modo più anonimo (e comunque prezioso). Se le risorse umane sono poche, basta scegliere un tema prioritario e convogliare su quello le energie del gruppo. COSA FARE AFFINCHÉ UN COMITATO - A cura di Antonia Crippa (Coor.Co.Ge. Bergamo) pag. 14 di 19

15 - Le decisioni prese dal Direttivo devono essere sempre divulgate e relazionate periodicamente all assemblea dei genitori: è infatti l'assemblea che fornisce al Direttivo indirizzi e obiettivi per il proprio lavoro. L'assemblea discute e ratifica il programma delle attività, la destinazione dei fondi, le priorità, discute la relazione finale del Direttivo, ecc. Questi momenti di confronto, di scambio di idee e di osservazioni rendono viva la partecipazione. E' possibile stendere regolamenti di funzionamento (che stabiliscano, ad esempio, il grado di autonomia decisionale del Direttivo), darsi regole organizzative facilitanti, avere procedure collaudate, ma NON È QUESTO che rende certa una partecipazione efficace. Molto dipende dal materiale umano disponibile, dalla motivazione e dall'interesse che scuola e genitori scoprono e coltivano insieme per migliorare e raggiungere obiettivi condivisi. - Verificare periodicamente l attività del Comitato e del Direttivo: chi siamo, quanti siamo, cosa vogliamo, dove andiamo, come ci andiamo sono le domande fondamentali che ci si deve porre in sede di revisione dell attività svolta e programmazione dell attività futura (riunione di consuntivo e di pianificazione). È utile svolgere ogni tanto sondaggi tra i genitori per capire le loro esigenze e le aspettative e poter così operare in modo mirato. Se è previsto un verbale per i consigli di classe, è possibile prevedere uno spazio in cui i genitori possano scrivere le positività osservate, le criticità rilevate, le iniziative suggerite: può essere un utile strumento di rilevazione dei bisogni - Tenere aggiornato il libro dei verbali: oltre ad essere un valido strumento in caso di contestazioni, consente di ricostruire la storia del Comitato anche a distanza di anni, facilitando il compito di chi verrà dopo di noi. 2) COMUNICAZIONE La comunicazione e la diffusione capillare delle informazioni sono i capisaldi su cui si poggia la metodologia di lavoro di un Comitato. - Prepararsi per tempo alle elezioni per il rinnovo degli OO.CC. soprattutto se si deve rinnovare il Consiglio d Istituto (vedi documento Guida al C.d.I. pubblicata sul sito del Falcone, link Bacheca Genitori). - Possono essere comunicazioni importanti da divulgare: bandi delle borse di studio, notizie ed eventi riguardanti la scuola, convocazione riunioni, corsi e incontri di formazione per genitori, progetti scolastici, ecc. Per fare ciò è ovviamente necessario aggiornarsi e guardare all esterno: il P.O.F., l organigramma d istituto, i regolamenti e le procedure della scuola sono i principali documenti da conoscere. Conoscere ciò che invece avviene negli altri istituti e sul territorio, partecipare a convegni, riunioni o semplicemente leggere di scuola allarga gli orizzonti, aiuta a diventare sempre più propositivi e ad acquisire l esperienza necessaria per migliorare e divenire risorsa preziosa e qualificata. Gli strumenti non mancano: siti internet e riviste specializzate, COSA FARE AFFINCHÉ UN COMITATO - A cura di Antonia Crippa (Coor.Co.Ge. Bergamo) pag. 15 di 19

16 corsi, convegni, incontri organizzati da Coor.Co.Ge. e USP, sportelli genitori, mailing list sindacati e associazioni, manuali, ecc. ecc. ecc. - Divulgare i verbali delle riunioni del Comitato nel modo più capillare possibile: distribuendoli ai rappresentanti di classe, appendendoli in bacheca, pubblicandoli sul sito. Sfruttare al massimo la mailing list, ma ricordate che non tutti hanno dimestichezza con i mezzi informatici: gli avvisi e i documenti più importanti dovranno quindi essere distribuiti ancora in formato cartaceo (per approfondimenti vedi Manuale rappresentante genitori, alla voce Fotocopie). La convocazione delle riunioni di Comitato deve pervenire ai rappresentanti in formato cartaceo in tempo utile (almeno una settimana prima della data stabilita o secondo quanto stabilito dallo statuto). - I rappresentanti sono il punto d unione tra Comitato e genitori. Per questo è utile inserire in ogni comunicazione la seguente dicitura: I rappresentanti di classe sono pregati di diffondere questo documento tra i genitori delle classi da loro rappresentate utilizzando le modalità e gli strumenti che ritengono più opportuni. - Il Presidente deve avere l elenco aggiornato dei rappresentanti (da richiedere in Segreteria didattica dopo le elezioni). Si possono registrare le presenze ad ogni riunione utilizzando un foglio-presenza che i partecipanti dovranno firmare: questa registrazione è utile anche per valutare statisticamente il grado di partecipazione in quell istituto. 3) ACCOGLIENZA Curare l accoglienza dei genitori, soprattutto delle classi prime, significa rendersi visibili e dare il sostegno necessario nel momento difficile della transizione e dell inserimento in una realtà sconosciuta. Ciò significa: - Essere presenti alla riunione che solitamente il Dirigente scolastico indice con i genitori delle prime (se non è prevista, richiederla) - Divulgare una piccola guida per facilitare l approccio con la nuova scuola (vedi ad esempio il documento Vademecum per genitori ). Un sistema molto semplice è chiedersi sempre: Cosa avrei dovuto sapere e non mi è stato detto? Cosa mi sarebbe piaciuto trovare? e agire di conseguenza. - Fornire nomi e recapiti dei referenti del Comitato (o almeno del Presidente). - Essere presenti agli open day organizzati dalla scuola. 4) TRASPARENZA Se si gestiscono fondi è fondamentale tenere sotto controllo la situazione contabile (versamenti, estratti conto, scontrini fiscali, fondo cassa, ecc.). COSA FARE AFFINCHÉ UN COMITATO - A cura di Antonia Crippa (Coor.Co.Ge. Bergamo) pag. 16 di 19

17 - Il sistema più pratico per gestire i fondi è aprire un conto corrente postale: con modica spesa (circa 60 euro per 2000 bollettini) è possibile ottenere dalle Poste bollettini prestampati con l indicazione dell importo e della causale. - L invito a versare la quota a favore dell Associazione va distribuito ad inizio anno scolastico tra tutti i genitori, allegando il bollettino e motivando la richiesta: per fare ciò è ovviamente necessario aver già elaborato a giugno il programma di lavoro per il successivo anno scolastico, almeno nelle sue linee generali. - Redigere sempre il bilancio e renderlo pubblico. È necessario mantenere la massima trasparenza sulle risorse economiche del Comitato/Associazione e sul loro utilizzo. I fondi vanno gestiti secondo quanto stabilito dallo Statuto dell Associazione o dal suo regolamento che possono prevedere, per esempio, un budget di poche centinaia di euro a disposizione del Direttivo o del Presidente per le piccole spese. In ogni caso tutte le spese, e ovviamente il bilancio annuale, devono essere approvate e/o ratificate dall assemblea. - Gestire un Associazione comporta degli obblighi di legge precisi: è consigliabile rivolgersi ad esperti del settore sia per la costituzione sia per la redazione dello Statuto: il CSV (Centro Servizi Volontariato) offre consulenza gratuita alle associazioni. 5) ESSERE SQUADRA Il fine ultimo di un Comitato è quello di lavorare per una scuola che offra sempre il meglio agli studenti, che sono poi i veri destinatari del nostro mettersi in gioco. Quindi: - Imparare a fare gioco di squadra, non solo tra genitori ma soprattutto con la scuola; i docenti, il dirigente, il personale ATA non devono essere visti come il nemico da abbattere ma come alleati preziosi con i quali collaborare per raggiungere l obiettivo primario: una scuola di qualità. - Stimolare la scuola ad utilizzare strumenti di valutazione del grado di soddisfazione (la cosiddetta customer satisfaction ). Analizzare insieme i dati raccolti, specchio delle aspettative, speranze, ansie, critiche e, si spera, anche fonte di proposte costruttive. - Ascoltare i ragazzi, confrontarsi con loro: spesso il modello di scuola che i genitori hanno in mente non coincide con quello degli studenti. I ragazzi che vivono la scuola dall interno sanno cogliere molto bene i punti di forza e quelli di debolezza: talvolta una sede fatiscente che fa inorridire i genitori diviene un problema secondario se quell istituto sa offrire molto in termini di accoglienza, ascolto, attenzione, professionalità, offerta formativa, vivacità culturale, opportunità. - Responsabilizziamo i ragazzi - e sproniamo la scuola a farlo - dando loro spazio per iniziative, proposte e progetti magari direttamente gestiti da loro. L esperienza dimostra che quando i ragazzi sono chiamati direttamente in gioco acquistano COSA FARE AFFINCHÉ UN COMITATO - A cura di Antonia Crippa (Coor.Co.Ge. Bergamo) pag. 17 di 19

18 maggiore fiducia in loro stessi, aumentano il loro grado di applicazione (in genere migliora anche l approccio allo studio) e, più in generale, passano dall atteggiamento passivo e svogliato di chi la scuola la subisce a quello attivo e propositivo di chi la scuola la vive con entusiasmo. - Svolgiamo anche noi il nostro lavoro con entusiasmo: ci saranno sicuramente momenti di sconforto, arrabbiature, intoppi, ma non bisogna mollare. Se ciò che facciamo diventa un peso insostenibile oppure non ci gratifica più, è meglio passare il testimone ad altri, ritirarsi per un po dalle scene, ricaricarsi e tornare più pimpanti di prima. - L esperienza insegna che la tattica della collaborazione e della condivisione degli obiettivi si rivela sempre la scelta vincente: Con la scuola, per la Scuola quella con la esse maiuscola. COSA FARE AFFINCHÉ UN COMITATO - A cura di Antonia Crippa (Coor.Co.Ge. Bergamo) pag. 18 di 19

19 DOCUMENTI REPERIBILI SUL SITO link Bacheca genitori Manuale del rappresentate dei genitori Vademecum per i genitori Guida al Consiglio d'istituto UN PO DI INDIRIZZI UTILI Coor.Co.Ge. (Coordinamento Comitati Genitori delle scuole superiori della provincia di Bergamo) Indirizzo: all attenzione di Crippa Antonia, c/o Liceo Falcone - Via Dunant 1, Bergamo Per scopi e finalità si veda la voce omonima nel Manuale del rappresentante dei genitori. Il Coor.Co.Ge. si riunisce mensilmente presso l ITIS P. Paleocapa (ex Esperia) - via Gavazzeni, Bergamo Sportello Genitori CGIL - Via Garibaldi 3, Bergamo - Tel: /380 Iscrivendovi alla mailing list dello Sportello Genitori riceverete notizie e commenti direttamente sul vostro computer Centro IN.CON.TRA. per la genitorialità c/o Centro Famiglia - Comune e Provincia di Bergamo, via S. Martino della Pigrizia (angolo Via Strada Vecchia, 52) BERGAMO Tel: 035/ Fax: 035/ Tra le tante attività del Centro ci sono la diffusione di notizie riguardanti corsi e incontri su tematiche genitoriali in ogni ambito territoriale della Provincia e la consulenza per organizzarne. I Comitati possono inviare informazione delle iniziative formative da loro promosse per darne pubblicità sul calendario mensile pubblicato anche sul sito dell USP. E ANCHE UN PO DI LINK UTILI Sito del Ministero dell Istruzione. Sito dell Ufficio Scolastico Regionale dal quale è possibile attingere informazioni anche riguardo i bandi dei buoni scuola e delle borse di studio Sito dell Ufficio Scolastico Provinciale (ex CSA, ex Provveditorato) di Bergamo. Per essere informati su quanto succede nelle scuole della nostra provincia e reperire informazioni utili per genitori e studenti Sito aggiornatissimo sulla normativa più recente e non solo Newsletter che propone le novità del pianeta scuola Sito gestito da genitori riuniti in Associazione che ha la finalità di costruire una rete di aiuto e discussione via Internet richiamando normative ed esperienze Associazione Italiana Genitori (A.Ge.) Associazione Italiana Genitori Scuole Cattoliche (A.Ge.S.C.) Coordinamento Genitori Democratici (C.G.D.) AGe, AGeSC e CGD sono le Associazioni nazionali riconosciute ufficialmente dal Ministero e costituiscono il FoPAGS (Forum Provinciale delle Associazioni Genitori). COSA FARE AFFINCHÉ UN COMITATO - A cura di Antonia Crippa (Coor.Co.Ge. Bergamo) pag. 19 di 19

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

VADEMECUM PER I GENITORI RAPPRESENTANTI DI CLASSE

VADEMECUM PER I GENITORI RAPPRESENTANTI DI CLASSE VADEMECUM PER I GENITORI RAPPRESENTANTI DI CLASSE Premessa Nella scuola dell autonomia i Genitori rappresentano una parte dell utenza e possono avere funzione di primo piano influendo sulle scelte organizzative

Dettagli

LA TRASPARENZA E PRIVACY. E assicurata ai genitori la massima trasparenza possibile nell accesso ai documenti

LA TRASPARENZA E PRIVACY. E assicurata ai genitori la massima trasparenza possibile nell accesso ai documenti LA TRASPARENZA E PRIVACY E assicurata ai genitori la massima trasparenza possibile nell accesso ai documenti della scuola che riguardano il percorso scolastico e formativo dei propri figli secondo le modalità

Dettagli

Comitato Genitori Liceo Legnani

Comitato Genitori Liceo Legnani Anno scolastico 2013/2014 Verbale 1^ Consiglio Direttivo COMITATO GENITORI 2013-14 Data 15/02/2014 Luogo: Sede Liceo via Volonterio, 34 Saronno Ora (da - a): 10.00 12.45 Genitori presenti: Roberto Albertario

Dettagli

7 CIRCOLO DIDATTICO - MODENA

7 CIRCOLO DIDATTICO - MODENA 7 CIRCOLO DIDATTICO - MODENA Via San Giovanni Bosco, 171 - Modena tel. 059.223752 / fax 059.4391420 VADEMECUM IMPEGNI DI RECIPROCITA NEI RAPPORTI SCUOLA FAMIGLIA Premessa Dal POF 2009/2010 del 7 Circolo

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 2014-2020 La Strategia di comunicazione e gli obblighi di pubblicità 2 L attività

Dettagli

Milano, 22/09/2015. Dirigente Scolastico Prof.ssa Angela Izzuti 15.15-16.15 GIOVEDI 1/10 16.15-17.15 14.15-15.15 15.15 16.15 VENERDI 2/10 16.15 17.

Milano, 22/09/2015. Dirigente Scolastico Prof.ssa Angela Izzuti 15.15-16.15 GIOVEDI 1/10 16.15-17.15 14.15-15.15 15.15 16.15 VENERDI 2/10 16.15 17. Circolare n. 14 A Docenti corsi diurni Oggetto: Consigli di Classe Sono convocati i Consigli di Classe, secondo il calendario allegato, con il seguente OdG 1. Andamento didattico disciplinare (per le classi

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

MOVIMENTO CULTURALE IDEELIBERE

MOVIMENTO CULTURALE IDEELIBERE All attenzione del Dirigente Scolastico del Liceo Classico Adolfo Pansini, prof. Salvatore Pace Oggetto: Progetto Scriviamo... CAMBIAMO Introduzione Il sottoscritto, Salvatore Salzano, Presidente Nazionale

Dettagli

STATUTO DEL COMITATO DEI GENITORI

STATUTO DEL COMITATO DEI GENITORI Statuto del Comitato Genitori I.C. Da Rosciate 2009 1 Istituto Comprensivo A. Da Rosciate STATUTO DEL COMITATO DEI GENITORI Il Comitato dei Genitori è uno degli organi che consente la partecipazione dei

Dettagli

La collaborazione tra scuola e famiglie a Bergamo

La collaborazione tra scuola e famiglie a Bergamo La collaborazione tra scuola e famiglie a Bergamo Senso, storia e metodo di un percorso istituzionale Bergamo, 19 maggio 2012 FoNAGS Decreto Ministeriale 14/2002 istituisce il "FOrum Nazionale delle Associazioni

Dettagli

SPERIMENTAZIONI. LABORATORIO: un azione di ricerca nel contesto locale. Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti»

SPERIMENTAZIONI. LABORATORIO: un azione di ricerca nel contesto locale. Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti» Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti» SPERIMENTAZIONI LABORATORIO: un azione di ricerca nel contesto locale GREEN JOBS Formazione e Orientamento L idea Si tratta di un esperienza di ricerca

Dettagli

PROCEDURA FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE

PROCEDURA FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE N 05 Pag. 1 di 10 PROCEDURA FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE LISTA DELLE REVISIONI REV DATA REDATTO VERIFICATO APPROVATO 02 15.05.09 03 01.10.09 1 N 05 Pag. 2 di 10 Indice della Procedura P.to

Dettagli

ACCORDO DI RETE RETE NAZIONALE SCUOLE ITALIA ORIENTA. con protocollo 0004232 che riconoscono alla scuola

ACCORDO DI RETE RETE NAZIONALE SCUOLE ITALIA ORIENTA. con protocollo 0004232 che riconoscono alla scuola ACCORDO DI RETE RETE NAZIONALE SCUOLE ITALIA ORIENTA Visto il D.P.R. n. 275/1999, art. 7, che prevede la possibilità per le istituzioni Scolastiche autonome di stipulare accordi di rete per perseguire

Dettagli

Notiziario n. 2 12 ottobre

Notiziario n. 2 12 ottobre Notiziario n. 2 12 ottobre 17 OTTOBRE: Assemblee di classe Come da calendario scolastico, sono convocate le ASSEMBLEE DI CLASSE della scuola primaria Vanzo per Sabato 17 ottobre : 8:45 classe prima 9:30

Dettagli

Prot. n. 2055/C27a Bergamo, 11 febbraio 2009

Prot. n. 2055/C27a Bergamo, 11 febbraio 2009 Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Ufficio Scolastico Provinciale di Bergamo AREA D Supporto alla Scuola e alla Didattica Ufficio per le attività studentesche e la partecipazione

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. a) l accettazione e il rispetto della personalità dello studente,quali che ne siano le condizioni personali, sociali e culturali;

CARTA DEI SERVIZI. a) l accettazione e il rispetto della personalità dello studente,quali che ne siano le condizioni personali, sociali e culturali; CARTA DEI SERVIZI Premessa 1. LA carta dei servizi si ispira agli articoli 3, 21, 30, 33 e 34 della Costituzione della Repubblica Italiana e all art.149 del Trattato dell Unione Europea. 2. Alla luce di

Dettagli

Educando nelle Province di Bergamo e Brescia

Educando nelle Province di Bergamo e Brescia Scheda progetto Educando nelle Province di Bergamo e Brescia Il progetto si sviluppa in otto comuni delle province di Bergamo e Brescia. OBIETTIVI GENERALI La realizzazione del progetto si pone i seguenti

Dettagli

Progetto di cittadinanza attiva

Progetto di cittadinanza attiva Comune di Sant Antioco Progetto di cittadinanza attiva Il Consiglio Comunale dei ragazzi Il Consiglio Comunale dei ragazzi Nell'ambito del programma dell Amministrazione comunale di Sant Antioco, in particolar

Dettagli

ASSOCIAZIONE GENITORI ISTITUTO MONTESSORI BOLLATE STATUTO

ASSOCIAZIONE GENITORI ISTITUTO MONTESSORI BOLLATE STATUTO ASSOCIAZIONE GENITORI ISTITUTO MONTESSORI BOLLATE STATUTO ARTICOLO 1 Costituzione dell Associazione Genitori È costituita l Associazione Genitori Istituto Montessori. Ne fanno parte i genitori degli alunni

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA Allegato 4 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DI LINGUA NON ITALIANA IL protocollo d accoglienza è un documento deliberato dal Collegio Docenti che contiene principi, indicazioni riguardanti l iscrizione

Dettagli

Regolamento della Sezione Informatica 28 aprile 2003. Associazione Nazionale Impiantistica Industriale SEZIONE DI INFORMATICA REGOLAMENTO

Regolamento della Sezione Informatica 28 aprile 2003. Associazione Nazionale Impiantistica Industriale SEZIONE DI INFORMATICA REGOLAMENTO Associazione Nazionale Impiantistica Industriale SEZIONE DI INFORMATICA REGOLAMENTO N.B. La presente stesura aggiorna la precedente edizione del 15 aprile 1996 rendendola omogenea al nuovo statuto Animp

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO «MARIO PAGANO»

LICEO SCIENTIFICO «MARIO PAGANO» LICEO SCIENTIFICO «MARIO PAGANO» anno scolastico 2012/2013 PROGETTO GIORNALINO DI ISTITUTO DOCENTI REFERENTI DESTINATARI FINALITA' prof.sse Maria-Eleonora De Nisco Claudia Liberatore Alunni di tutte le

Dettagli

A.S. 2015/2016. RAPPRESENTANZA, RESPONSABILITA, PARTECIPAZIONE (punti di forza e

A.S. 2015/2016. RAPPRESENTANZA, RESPONSABILITA, PARTECIPAZIONE (punti di forza e SEMINARIO RESIDENZIALE Percorso di formazione per i rappresentanti in Consulta Provinciale degli Studenti Centro Don Chiavacci Crespano del Grappa 3-4 novembre 2015 A.S. 2015/2016 Premessa A conclusione

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DEL CPIA NAPOLI CITTA 1 (Riferita al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 07/06/1995)

CARTA DEI SERVIZI DEL CPIA NAPOLI CITTA 1 (Riferita al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 07/06/1995) CARTA DEI SERVIZI DEL CPIA NAPOLI CITTA 1 (Riferita al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 07/06/1995) La Carta dei servizi del CPIA Napoli città 1 ha quali principi ispiratori gli articoli

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA COMUNALE PERMANENTE DELLE ASSOCIAZIONI E DEI CITTADINI PER LA PACE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA COMUNALE PERMANENTE DELLE ASSOCIAZIONI E DEI CITTADINI PER LA PACE Comune di Casalecchio di Reno Provincia di Bologna REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA COMUNALE PERMANENTE DELLE ASSOCIAZIONI E DEI CITTADINI PER LA PACE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 2005

Dettagli

COMITATO GENITORI MONTE OLIMPINO DEL PLESSO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI COMO-MONTE OLIMPINO

COMITATO GENITORI MONTE OLIMPINO DEL PLESSO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI COMO-MONTE OLIMPINO COMITATO GENITORI MONTE OLIMPINO DEL PLESSO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI COMO-MONTE OLIMPINO STATUTO ART. 1 - COSTITUZIONE E FINALITA Il COMITATO GENITORI MONTEOLIMPINO dei PLESSI

Dettagli

Funzioni e competenze del Consiglio d Istituto e del Consiglio di classe

Funzioni e competenze del Consiglio d Istituto e del Consiglio di classe Funzioni e competenze del Consiglio d Istituto e del Consiglio di classe Che cos è il Consiglio di Istituto? Il C.d.I. è l organo di indirizzo e di gestione degli aspetti economici e organizzativi generali

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO C I R C O L O D I D A T T I C O D I S A N T A G A T A L I B A T T I A T I PROGETTO NO AL BULLISMO Percorso di prevenzione dei fenomeni di bullismo A.S. 2011-2012 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO PREMESSA

Dettagli

Il Consiglio comunale dei ragazzi.

Il Consiglio comunale dei ragazzi. Il Consiglio comunale dei ragazzi. Un Progetto per le bambine e i bambini, per i ragazzi e le ragazze tra intenzioni e scelte Premessa L Amministrazione comunale di Cento, con questo progetto, intende

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO AVIGLIANO CENTRO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO AVIGLIANO CENTRO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO AVIGLIANO CENTRO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Un bambino, un insegnante, un libro e una penna possono cambiare il mondo. Malala Yousafzai Premio Nobel per

Dettagli

AREA COMUNICAZIONE CSI ABRUZZO

AREA COMUNICAZIONE CSI ABRUZZO 1 AREA COMUNICAZIONE CSI ABRUZZO 2 PRIMA PARTE QUALI CONTENUTI? 3 IL SITO, LA VOCE UFFICIALE L organizzazione che vuole dotarsi di un sito Internet deve entrare progressivamente nell ottica di utilizzare

Dettagli

RACCOLTA ABSTRACT E PUBBLICAZIONI

RACCOLTA ABSTRACT E PUBBLICAZIONI Indice PREFAZIONE INTRODUZIONE La Consulta dei Medici in Formazione Specialistica SItI L attività della Consulta Normativa MATERIALI E METODI Studi inclusi RISULTATI Competenze teoriche - Attività didattica

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA

CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA Le nostre scuole dell'infanzia, in continuità con le scelte già espresse nel POF, hanno definito, attraverso una riflessione avvenuta in più incontri tra genitori

Dettagli

5.2. DESCRIZIONE DEGLI ORGANISMI COLLEGIALI

5.2. DESCRIZIONE DEGLI ORGANISMI COLLEGIALI 5.2. DESCRIZIONE DEGLI ORGANISMI COLLEGIALI Famiglia e scuola devono collaborare per favorire insieme il processo di educazione dei ragazzi, nel reciproco rispetto di ruoli e compiti. La scuola non può

Dettagli

2. IL CONCETTO DELLA QUALITÀ NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

2. IL CONCETTO DELLA QUALITÀ NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Segreteria Generale Ufficio Programmazione e Controllo di gestione anno 2014 1. NOZIONI INTRODUTTIVE Ai sensi del decreto-legge 10 ottobre 2012, n. 174, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 dicembre

Dettagli

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA UNA LIM PER TUTTI PREMESSA Nelle scuole dei Comuni di Tavarnelle Val di Pesa e Barberino Val d Elsa si è venuta rafforzando negli ultimi anni la collaborazione tra scuola e famiglie. La nascita del Comitato

Dettagli

COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF. A cura del GAV

COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF. A cura del GAV COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF A cura del GAV 1 Cosa è stato fatto: Il GAV ha : - Somministrato a tutto il personale un questionario per la raccolta di informazioni in merito ai

Dettagli

ADM Associazione Didattica Museale. Progetto Educare alla Scienza con le mani e con il cuore

ADM Associazione Didattica Museale. Progetto Educare alla Scienza con le mani e con il cuore ADM Associazione Didattica Museale Progetto Educare alla Scienza con le mani e con il cuore EST a Scuola: mission impossible? Suddivisione degli insegnanti in 3 gruppi. Ogni gruppo deve affrontare 3 problemi

Dettagli

Comune di Lugo REGOLAMENTO CONSULTA COMUNALE DEI BAMBINI E DELLE BAMBINE, DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE

Comune di Lugo REGOLAMENTO CONSULTA COMUNALE DEI BAMBINI E DELLE BAMBINE, DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE Comune di Lugo REGOLAMENTO CONSULTA COMUNALE DEI BAMBINI E DELLE BAMBINE, DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE Anno 2004-2005 REGOLAMENTO CONSULTA COMUNALE DEI BAMBINI E DELLE BAMBINE, DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE

Dettagli

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna A r e a F o r m a z i o n e U n a p r o p o s t a f o r m a t i v a p e r i l t e r z o s e t t o r e C o m e f a r e p r o g e t t a z i o n e A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO (per i docenti dei tre ordini di scuola)

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO (per i docenti dei tre ordini di scuola) QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO (per i docenti dei tre ordini di scuola) Docente di: scuola infanzia scuola primaria scuola secondaria I Professionalità dei docenti Programmazione e valutazione

Dettagli

Scuola Secondaria I grado VITTORIA COLONNA a.s 2014/2015 PROGETTO ACCOGLIENZA PERCORSO DI ACCOGLIENZA CLASSI PRIME

Scuola Secondaria I grado VITTORIA COLONNA a.s 2014/2015 PROGETTO ACCOGLIENZA PERCORSO DI ACCOGLIENZA CLASSI PRIME Scuola Secondaria I grado VITTORIA COLONNA a.s 2014/2015 PROGETTO ACCOGLIENZA PERCORSO DI ACCOGLIENZA CLASSI PRIME Premessa Il progetto accoglienza è un momento fondamentale per l'inserimento dei nuovi

Dettagli

Educando nella Provincia di Varese 2012

Educando nella Provincia di Varese 2012 Scheda progetto Educando nella Provincia di Varese 2012 ANCI Lombardia coordina e organizza le azioni degli enti associati in materia di servizio civile definendo una precisa strategia metodologica comune

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI PASIAN DI PRATO Istituzione scolastica dotata di personalità giuridica Decreto del Direttore Generale dell Ufficio Scolastico Regionale del F.V.G. del 25 gennaio 2012 - prot. n.

Dettagli

ACCORDO DI RETE TRA ISTITUZIONI SCOLASTICHE PER LA SICUREZZA

ACCORDO DI RETE TRA ISTITUZIONI SCOLASTICHE PER LA SICUREZZA I.P.I.A. Andrea BRUSTOLON ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO Via San Lorenzo, 19-32100 BELLUNO Scuola Capofila ACCORDO DI RETE TRA ISTITUZIONI SCOLASTICHE PER LA SICUREZZA PREMESSO

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005 CONVEGNO NAZIONALE SCUOLA E VOLONTARIATO Palermo, 16-18 gennaio 2005 "Non so quale sarà il vostro destino, ma una cosa la so: gli unici tra voi che saranno felici davvero saranno coloro che avranno cercato

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO Il progetto teatro nasce dalla necessità di avvicinare gli alunni al mondo teatrale perché

Dettagli

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accogliere e trattenere i volontari in associazione Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accoglienza Ogni volontario dovrebbe fin dal primo incontro con l associazione, potersi sentire accolto e a proprio

Dettagli

PROCEDURA PIANIFICAZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA (POF) E DI PROGETTAZIONE

PROCEDURA PIANIFICAZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA (POF) E DI PROGETTAZIONE PROCEDURA E DI PROGETTAZIONE Pag. 1/13 LISTA DELLE REVISIONI REV/ED DATA REDATTO VERIFICATO APPROVATO 0/000 16-02-04 01 01.10.09 Pag. 2/13 Indice della Procedura 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE pag. 3

Dettagli

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 INDICE Il Piano dell Offerta Formativa 1 Presentazione del Asilo Nido Navaroli 1-2 La nostra idea di bambino 3 Partecipazione

Dettagli

TOLLO CH -VIA CAVOUR N.2

TOLLO CH -VIA CAVOUR N.2 TOLLO CH -VIA CAVOUR N.2 Tel. 0871. 961126-961587 Fax 0871 961126 email chic81300t@istruzione.it chic81300t@pec.istruzione.it www.istitutocomprensivotollo.it CHIC81300T Cod. Fisc. 80003000694 PROGETTO

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO REGIONALE CALABRIA

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO REGIONALE CALABRIA CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO REGIONALE CALABRIA VADEMECUM CORSI BASE PER VOLONTARI CRI INDICE 1. Premessa pag. 3 2. Cosa fare prima del corso pag. 3 a. Attivazione pag. 3 b. Pubblicizzazione pag. 4 c.

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

Progetto regionale Cittadini sempre SCHEDA INTERVENTO LOCALE

Progetto regionale Cittadini sempre SCHEDA INTERVENTO LOCALE Progetto regionale Cittadini sempre SCHEDA INTERVENTO LOCALE DENOMINAZIONE INTERVENTO Cittadini sempre Modena Formare cittadinanza accogliente. Formazione congiunta per coprogettare percorsi di accoglienza

Dettagli

PROTOCOLLO D'ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DELL'APPRENDIMENTO

PROTOCOLLO D'ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DELL'APPRENDIMENTO ITIS "LEONARDO DA VINCI" PISA a.s. 2012-2013 PROTOCOLLO D'ACCOGLIENZA PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DELL'APPRENDIMENTO Sezioni del documento Finalità Piano Didattico Personalizzato Indicazioni per

Dettagli

PIANO PER LA COMUNICAZIONE E LA PARTECIPAZIONE

PIANO PER LA COMUNICAZIONE E LA PARTECIPAZIONE Comune di Ronco Scrivia (Provincia di Genova) PIANO PER LA COMUNICAZIONE E LA PARTECIPAZIONE INTRODUZIONE Il Piano per la comunicazione e la partecipazione è uno strumento flessibile e quindi in condizione

Dettagli

L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi

L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi Neuroscienze e Riabilitazione neuropsicologica Psicologia dello sviluppo e dell educazione Potenziamento cognitivo Metodo Feuerstein L alternanza scuola

Dettagli

CITTADINO VOLONTARIO: PARLIAMO DEI VOLONTARI! Rete tra i Responsabili della gestione dei Volontari delle ODV

CITTADINO VOLONTARIO: PARLIAMO DEI VOLONTARI! Rete tra i Responsabili della gestione dei Volontari delle ODV CITTADINO VOLONTARIO: PARLIAMO DEI VOLONTARI! Rete tra i Responsabili della gestione dei Volontari delle ODV Riunione del 13/06//2013 celivo. - AIDO ass. donatori organi tessuti e cellule; - Ass. Il Cesto;

Dettagli

ORIENTARE GLI ORIENTATORI. di Andrea Cammelli

ORIENTARE GLI ORIENTATORI. di Andrea Cammelli ORIENTARE GLI ORIENTATORI di Andrea Cammelli N egli ultimi anni abbiamo cominciato ad occuparci sempre più spesso di orientamento, portando la preziosa esperienza accumulata dal Consorzio Interuniversitario

Dettagli

A cura degli insegnanti di sostegno Dell Istituto Comprensivo L. Belludi di Piazzola sul Brenta

A cura degli insegnanti di sostegno Dell Istituto Comprensivo L. Belludi di Piazzola sul Brenta A cura degli insegnanti di sostegno Dell Istituto Comprensivo L. Belludi di Piazzola sul Brenta Accoglienza come riconoscimento delle diverse abilità Accogliere è riconoscere le persone nella loro completezza,

Dettagli

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro Linee Guida A partire dalle esperienze sviluppate dai singoli partner in relazione al coinvolgimento attivo dei giovani all interno delle specifiche realtà locali, il team di lavoro ha elaborato le seguenti

Dettagli

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO LA STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 2014-2020 LA STRATEGIA DI COMUNICAZIONE E GLI OBBLIGHI DI PUBBLICITÀ La Strategia

Dettagli

Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI

Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI Versione del gennaio 2012 DEFINIZIONE DEI COMPITI DEI COMPONENTI DELLA PRESIDENZA DEL CIRCOLO A GRANDI PRESIDENTE: (Art. 22 del Regolamento della Struttura di Base) 1. convoca la Presidenza almeno una

Dettagli

Statuto dell Associazione LAUS Vol. LAUS Volontariato della Provincia di Lodi

Statuto dell Associazione LAUS Vol. LAUS Volontariato della Provincia di Lodi Statuto dell Associazione LAUS Vol. LAUS Volontariato della Provincia di Lodi Art.1 - Costituzione e sede E costituita, con sede legale a Lodi, l Associazione denominata: LAUS Volontariato della Provincia

Dettagli

Progetto Exploring Houses N 509987-LLP-1-2010-1-TR GRUNDTVIG-GMP WP 7 Knowledge Base. Metodologia dell intervista. FAQ

Progetto Exploring Houses N 509987-LLP-1-2010-1-TR GRUNDTVIG-GMP WP 7 Knowledge Base. Metodologia dell intervista. FAQ Progetto Exploring Houses N 509987-LLP-1-2010-1-TR GRUNDTVIG-GMP WP 7 Knowledge Base. Metodologia dell intervista. FAQ Introduzione Le attività previste dal WP 7 Knowledge Base, permettono al progetto

Dettagli

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado 5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado Percorso didattico: Accogliere e orientare Autore Corrado Marchi e Franca Regazzoni Scuola Scuola secondaria di secondo grado Classi Prima, terza, quarta

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO PIANO DI MIGLIORAMENTO Premessa Nel mese di settembre 2015 si è conclusa la fase di autovalutazione di Istituto con la pubblicazione del Rapporto di Autovalutazione consultabile sul sito dell Istituto

Dettagli

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE Art.1- Costituzione E istituito, ai sensi dell art. 3 lettera J dello Statuto della Provincia, un Comitato di Coordinamento denominato CONSULTA

Dettagli

PROGETTO 2: AMBIENTE DI APPRENDIMENTO E INCLUSIONE FASE DI PIANIFICAZIONE (PLAN)

PROGETTO 2: AMBIENTE DI APPRENDIMENTO E INCLUSIONE FASE DI PIANIFICAZIONE (PLAN) COSTO TOTALE PROGETTO 17.850 PROGETTO 2: AMBIENTE DI APPRENDIMENTO E INCLUSIONE FASE DI PIANIFICAZIONE (PLAN) Definizione aree di intervento, obiettivi, azioni e priorità (tabella 2a) Area di intervento

Dettagli

Saronno, 25 ottobre 2014

Saronno, 25 ottobre 2014 Saronno, 25 ottobre 2014 La frase più pericolosa in assoluto è: «Abbiamo sempre fatto così«grace Hopper (matematica e progettista di sistemi) Il 16 maggio 2013 si costituisce il COMITATO GENITORI ITC

Dettagli

LA CONTINUITA EDUCATIVA E L ORIENTAMENTO

LA CONTINUITA EDUCATIVA E L ORIENTAMENTO ANNO SCOLASTICO 2014 2015 LA CONTINUITA EDUCATIVA E L ORIENTAMENTO Un ponte per unire: in viaggio con Ulisse SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA- SCUOLA PRIMARIA - SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Venite

Dettagli

IL CONTRIBUTO DEI GIOVANI NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI.

IL CONTRIBUTO DEI GIOVANI NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI. IL CONTRIBUTO DEI GIOVANI NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI. 2 IL CONTRIBUTO DEI GIOVANI NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI La lotta ai cambiamenti climatici prevede che tutti i cittadini europei

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Statale James Joyce

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Statale James Joyce Premessa (SCAMBI EDUCATIVI INDIVIDUALI) ESPERIENZE EDUCATIVE ALL ESTERO Le norme che regolano le Esperienze educative all Estero (gli scambi scolastici) sono poche e, in ogni caso, la premessa da tener

Dettagli

RELAZIONE SUL PROCESSO DI AUTOANALISI E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO

RELAZIONE SUL PROCESSO DI AUTOANALISI E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO E LICEO SCIENTIFICO Via Cupello n.2-86047 Santa Croce di Magliano (CB) Tel 0874728014 Fax 0874729822 C.F. 91040770702 E-mail

Dettagli

PSA: Laboratorio disciplinare di religione per gli insegnanti della scuola elementare

PSA: Laboratorio disciplinare di religione per gli insegnanti della scuola elementare PSA: Laboratorio disciplinare di religione per gli insegnanti della scuola elementare Sottogruppo coordinato da Fortunata Capparo (verbale 2 incontro - 18 /11 2002) L ispettore Gandelli ha iniziato l incontro

Dettagli

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Autore: Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance PA

Dettagli

REGOLAMENTO PER VIAGGI DI ISTRUZIONE E SOGGIORNI LINGUISTICI

REGOLAMENTO PER VIAGGI DI ISTRUZIONE E SOGGIORNI LINGUISTICI REGOLAMENTO PER VIAGGI DI ISTRUZIONE E SOGGIORNI LINGUISTICI Art.1 FINALITA E PRINCIPI La visita di istruzione è un occasione formativa e di apprendimento che consente di allargare i propri orizzonti culturali.

Dettagli

STATUTO DELLA ASOCIACIÓN DE MADRES Y PADRES DE ALUMNOS DEL LICEO ESPAÑOL CERVANTES DE ROMA

STATUTO DELLA ASOCIACIÓN DE MADRES Y PADRES DE ALUMNOS DEL LICEO ESPAÑOL CERVANTES DE ROMA STATUTO DELLA ASOCIACIÓN DE MADRES Y PADRES DE ALUMNOS DEL LICEO ESPAÑOL CERVANTES DE ROMA Atto Constitutivo e Statuto del 1998, modificato nelle Assemblee del 09.06.10 e 11.06.12 ITALIANO STATUTO DELLA

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA - ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO DI SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO Francesco D Este MASSA LOMBARDA (RA) PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA Il PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA è un documento che viene deliberato

Dettagli

Proposta educativa e motoria per una cultura sportiva. Progetto per la Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado

Proposta educativa e motoria per una cultura sportiva. Progetto per la Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado Proposta educativa e motoria per una cultura sportiva Progetto per la Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado PREMESSA La Fib, Federazione Italiana Bocce, da sempre a sostegno della pratica motoria

Dettagli

L autonomia scolastica

L autonomia scolastica L autonomia scolastica di Giacomo D Alterio La Legge 7 agosto 1990 n. 241, che detta le nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto d accesso ai documenti amministrativi, meglio

Dettagli

Attività didattica per le scuole primarie GUIDA PER LA FAMIGLIA

Attività didattica per le scuole primarie GUIDA PER LA FAMIGLIA Attività didattica per le scuole primarie GUIDA PER LA FAMIGLIA CHI È BAMA? Siamo un azienda tutta italiana che da oltre tre decenni rende la vostra quotidianità più comoda e più allegra, grazie a prodotti

Dettagli

CITTA DI BIELLA AGENDA 21 LOCALE REGOLAMENTO DEL FORUM PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE

CITTA DI BIELLA AGENDA 21 LOCALE REGOLAMENTO DEL FORUM PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE CITTA DI BIELLA AGENDA 21 LOCALE REGOLAMENTO DEL FORUM PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE 1. Disposizioni generali Il Forum Agenda 21 di Biella è promosso dal Comune di Biella nell ambito della valorizzazione

Dettagli

COMUNE di VILLA DEL CONTE. Assessorato alle Politiche Sociali Assessorato all Istruzione. in collaborazione con. Anno Scolastico 2015-2016

COMUNE di VILLA DEL CONTE. Assessorato alle Politiche Sociali Assessorato all Istruzione. in collaborazione con. Anno Scolastico 2015-2016 COMUNE di VILLA DEL CONTE Assessorato alle Politiche Sociali Assessorato all Istruzione in collaborazione con Invita tutti i bambini delle SCUOLE ELEMENTARI di Villa del Conte e di Abbazia Pisani ed i

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità

Programma triennale per la trasparenza e l integrità Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale G. Falcone e P. Borsellino Via G. Giolitti, 11 20022 Castano Primo (MI) Tel. 0331 880344 fax 0331 877311 C.M. MIIC837002

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I.I.S. ADRIANO PETROCCHI Tel. 06/121125195 - Fax 0774/637441 - Distretto 33 C.M. RMIS05800Q C.F. 94052870584

Dettagli

A più voci contro la dispersione scolastica

A più voci contro la dispersione scolastica A più voci contro la dispersione scolastica 1. Contesto dell intervento Abbandoni, interruzioni formalizzate, frequenze irregolari, ripetenze, ritardi : hanno nomi diversi le disfunzioni che caratterizzano

Dettagli

OGGETTO: Linee guida Progetto PERCORSO DI ORIENTAMENTO in collaborazione con la FS Prof. Sergio.

OGGETTO: Linee guida Progetto PERCORSO DI ORIENTAMENTO in collaborazione con la FS Prof. Sergio. Distretto Scolastico N 53 Nocera Inferiore (SA) Prot. n. 1676 C/2 Nocera Superiore,18/10/2012 A tutti i docenti All attenzione della prof. Sergio FS di riferimento All attenzione di tutti i genitori Tramite

Dettagli

SCUOLA DI FORMAZIONE PER EDUCATORI DI ORATORIO

SCUOLA DI FORMAZIONE PER EDUCATORI DI ORATORIO SCUOLA DI FORMAZIONE PER EDUCATORI DI ORATORIO BANDO PER L ASSEGNAZINE DI UNA BORSA DI STUDIO anno pastorale 2013-2014 Presentazione Nell ambito della formazione degli educatori per l animazione oratoriale

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE DI MARTELLAGO (C.C.D.R.)

STATUTO DEL CONSIGLIO DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE DI MARTELLAGO (C.C.D.R.) STATUTO DEL CONSIGLIO DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE DI MARTELLAGO (C.C.D.R.) Art. 1 Costituzione del Consiglio Materie di cui si occupa Scopi È costituito il Consiglio dei ragazzi e delle ragazze di Martellago.

Dettagli

Comune di Casaluce REGOLAMENTO FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI

Comune di Casaluce REGOLAMENTO FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI Comune di Casaluce REGOLAMENTO FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 14 del 22/7/2009 1 REGOLAMENTO FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE

Dettagli

FUNZIONE STRUMENTALE ORIENTAMENTO PROGETTO

FUNZIONE STRUMENTALE ORIENTAMENTO PROGETTO Istituto Comprensivo Casale 1 Anna D Alençon Scuola Secondaria di 1 grado Andrea Trevigi Anno Scolastico 2014 / 2015 FUNZIONE STRUMENTALE ORIENTAMENTO PROGETTO FINALITA Nel corso degli ultimi anni il tema

Dettagli

Funzionigramma d Istituto

Funzionigramma d Istituto Dirigente Scolastico Assicura la gestione unitaria dell istituzione È il rappresentante legale È responsabile della gestione delle risorse finanziare e strumentali e dei risultati del servizio Organizza

Dettagli

PROMEMORIA PER MAMMA E PAPA

PROMEMORIA PER MAMMA E PAPA PROMEMORIA PER MAMMA E PAPA Anno scolastico 2014 2015 1 Lettera aperta ai genitori Cari genitori, data la necessità di realizzare insieme a voi le condizioni migliori per favorire un buon inserimento del

Dettagli

Modalità e requisiti per la definizione delle forme di partecipazione e rappresentanza nei tavoli di programmazione partecipata inerenti il Piano di

Modalità e requisiti per la definizione delle forme di partecipazione e rappresentanza nei tavoli di programmazione partecipata inerenti il Piano di Modalità e requisiti per la definizione delle forme di partecipazione e rappresentanza nei tavoli di programmazione partecipata inerenti il Piano di Zona delle Politiche sociali dell Ambito territoriale

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR)

PROTOCOLLO D INTESA. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) PROTOCOLLO D INTESA Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) Associazione Volontari Italiani del Sangue (di seguito denominato AVIS) VISTI gli articoli 2-3-13-19-32

Dettagli

27 Giugno 2014 Z2120.6 AREA MARKETING, SALES & COMMUNICATION - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

27 Giugno 2014 Z2120.6 AREA MARKETING, SALES & COMMUNICATION - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA MARKETING, SALES & COMMUNICATION REPUTAZIONE

Dettagli

Il Rappresentante di Classe

Il Rappresentante di Classe Il Rappresentante di Classe Vademecum per i genitori settembre 2010 Autore: ScuoleModena IL RAPPRESENTANTE DI CLASSE Vademecum per i genitori Sommario VADEMECUM PER IL RAPPRESENTANTE DI CLASSE... 2 INTRODUZIONE...

Dettagli