COSA FARE AFFINCHÉ UN COMITATO FUNZIONI?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COSA FARE AFFINCHÉ UN COMITATO FUNZIONI?"

Transcript

1 COMIITATO GENIITORII IISSTIITUTO SSUPPERIIORE G.. FFALCONE COORDIINAMENTO DEII COMIITATII GENIITORII DELLE SCUOLE SUPPERIIORII DELLA PPROVIINCIIA DII BERGAMO ((COOR..)).CO.GE. Comitato Genitori Associazione Genitori Cosa fare affinché un Comitato funzioni? COSA FARE AFFINCHÉ UN COMITATO - A cura di Antonia Crippa (Coor.Co.Ge. Bergamo) pag. 1 di 19

2 COSA FARE AFFINCHÉ UN COMITATO - A cura di Antonia Crippa (Coor.Co.Ge. Bergamo) pag. 2 di 19

3 COSA FARE AFFINCHÉ UN COMITATO - A cura di Antonia Crippa (Coor.Co.Ge. Bergamo) pag. 3 di 19

4 NIENTE CONFUSIONE Il termine Comitato viene utilizzato negli Istituti in modi differenziati, non sempre giuridicamente corretti. Formalmente il Comitato Genitori è costituito dai Rappresentanti di classe eletti nell anno: il suo scopo è rafforzare i compiti connessi al ruolo di rappresentante anche mediante il confronto fra genitori. Il Comitato NON può gestire fondi perché privo di identità giuridica. Negli anni molti Comitati sono divenuti di fatto un associazione non registrata: hanno uno Statuto, un direttivo, un presidente, raccolgono fondi e li destinano a progetti per la scuola e con la scuola. Spesso il direttivo del Comitato e il direttivo dell Associazione coincidono, oppure si intrecciano: l Associazione è in pratica il braccio economico del Comitato. Tuttavia la differenza è sostanziale: fanno parte dell associazione tutti coloro che vi aderiscono volontariamente, fanno parte del Comitato solo i rappresentanti di classe eletti. In qualche caso accanto o al posto dei Comitati sono nate Associazioni Genitori formalmente costituite e registrate, dotate di Atto Costitutivo, Statuto e codice fiscale depositati presso l Agenzia delle Entrate (circa 300 euro di spesa). Questa forma, oltre a garantire l associazione, consente di iscriversi al registro provinciale e regionale dell associazionismo. Non serve l autenticazione da parte di un notaio. Ancora poche associazioni hanno richiesto l iscrizione al Registro Provinciale e Regionale delle Associazioni senza scopo di lucro: l iscrizione permette di partecipare a bandi provinciali e regionali per l erogazione di contributi a sostegno di propri progetti. In ogni caso, per rispondere al meglio ai bisogni maggiormente sentiti, occorre avere canali di ascolto con chi nelle classi sperimenta la vita dell istituto con le sue positività e criticità, per potenziare e diffondere le prime e analizzare/migliorare le seconde. L opera attiva dei rappresentanti di classe è e rimane indispensabile per ogni Comitato o Associazione Genitori. È auspicabile dunque che Comitato e Associazione operino in sinergia per non creare confusione o contrasti. a) PROCEDERE PER GRADI Innanzi tutto è necessario capire quale ruolo si vuole svolgere all interno della scuola, perché si può stare nella scuola in tanti modi: come organo di vigilanza portavoce dei bisogni e tutore degli interessi dei genitori-utenti, come divulgatori di informazioni, come erogatori di fondi, come propositori che COSA FARE AFFINCHÉ UN COMITATO - A cura di Antonia Crippa (Coor.Co.Ge. Bergamo) pag. 4 di 19

5 condividono da partner educativi la formazione dei figli-studenti, ecc. ecc. ecc. Chiarito ciò, è necessario dotarsi di una buona organizzazione: essa permetterà ad ogni Comitato, indipendentemente dalla spinta motivazionale, di lavorare con tranquillità anche nei momenti critici. COSA FARE AFFINCHÉ UN COMITATO - A cura di Antonia Crippa (Coor.Co.Ge. Bergamo) pag. 5 di 19

6 Se il Comitato/Associazione è andato spegnendosi negli anni è necessario ricostruire la sua storia recuperando tutti i documenti che lo/la riguardano (verbali, lettere, documenti, timbri, ecc.) e raccogliendo informazioni tra gli ex rappresentanti, i docenti, il dirigente; se era attivo un conto corrente verificare il bilancio e fare le opportune variazioni per la gestione dei fondi (cambio firme, ad esempio). b) CONTATTARE IL DIRIGENTE SCOLASTICO Il rapporto con il DS è indispensabile per capire come ci si può muovere nell istituto (il livello di formalità richiesto, gli spazi disponibili, le aspettative reciproche, ). Va chiarito, ad esempio, come fare per reperire informazioni, per comunicare con i genitori e fra rappresentanti, se si prevedono incontri di informazione/formazione/valutazione, se sono attive commissioni miste, se è prevista una procedura per portare proposte o temi all attenzione del Collegio Docenti o del Consiglio di Istituto, e via dicendo. Solitamente il rapporto con il DS viene mantenuto dal presidente del Comitato, ma è importante che il Dirigente possa incontrare tutto il Direttivo e confrontarsi con il Comitato periodicamente. Nel caso in cui il Direttivo abbia proposte da fare al DS è ovvio, anche se non scontato, che tali istanze debbano essere già state discusse in precedenza, in modo da proporre una linea comune e condivisa: sarebbe infatti assai deplorevole dare vita, durante la riunione con il preside, a discussioni interne perché il Direttivo si presenta disunito. Per il passaggio ufficiale delle consegne il Direttivo uscente dovrebbe presentare quello nuovo al Dirigente: se questo non è possibile sarà il neopresidente del Co.Ge. a richiedere un colloquio al Dirigente per presentare se stesso e i nuovi membri del Direttivo. Se il DS mostrasse una certa ritrosia verso il Comitato è necessario scoprirne il perché: forse ci sono stati scontri e incompatibilità con i precedenti referenti del Co.Ge. In ogni caso è opportuno cercare sempre la mediazione anche attraverso la disponibilità dei docenti (vicepreside, referenti di progetti, ecc.) che potranno mediare le vostre posizioni con quelle del DS. Alcune scuole nominano un referente per i rapporti con i genitori: in questo caso è a lui che ci si deve rivolgere. c) CURARE LA VISIBILITÀ E LA COMUNICAZIONE Questa è una fase importantissima da gestire con particolare attenzione, perché una comunicazione capillare ed efficace dà visibilità all azione del Comitato. COSA FARE AFFINCHÉ UN COMITATO - A cura di Antonia Crippa (Coor.Co.Ge. Bergamo) pag. 6 di 19

7 Per raggiungere il maggior numero di persone è indispensabile dotarsi almeno di una bacheca e di una cassetta postale (basta una semplice scatola) da lasciare a COSA FARE AFFINCHÉ UN COMITATO - A cura di Antonia Crippa (Coor.Co.Ge. Bergamo) pag. 7 di 19

8 scuola, previo assenso del Dirigente. È consigliabile stampare un proprio notiziario o, in alternativa, chiedere uno spazio su quello della scuola (ove esistente). Se c è qualche genitore esperto lo si può coinvolgere per creare il sito web del Comitato da tenere ovviamente sempre aggiornato: in alternativa è possibile chiedere uno spazio su quello della scuola. La partecipazione alle riunioni del Comitato potrà opportunamente essere consentita anche ai genitori non rappresentanti. Comunicare mediante una mailing list è il mezzo più immediato, pratico e meno costoso per diffondere notizie, informazioni, documenti. Mentre è d obbligo comunicare il recapito telefonico e l dei membri del Direttivo non è invece permesso divulgare i recapiti degli altri genitori, se non dietro espressa autorizzazione degli interessati. I rappresentanti di classe dovranno essere sensibilizzati affinché diffondano le notizie e le informazioni che riceveranno. La gestione della mailing list e di tutta la parte informativa (bacheca, giornalino, avvisi, ecc.) sarà affidata al presidente del Comitato o ad un efficiente segretario. Fonti da cui trarre le informazioni che possono interessare i genitori sono: il Dirigente, i referenti della scuola, i genitori stessi, gli studenti, siti web e riviste specializzate, i quotidiani, i referenti dei Comitati di altre scuole. d) FORMAZIONE Curare il sostegno e la formazione dei rappresentanti tramite corsi, manuali, incontri collegiali: un compito che spesso cercano di assumersi i genitori esperti, ma che dovrebbe essere interesse della stessa scuola. Poiché nessuno nasce rappresentante e tutti imparano il mestiere facendolo, il confronto con i rappresentanti anziani potrà essere d aiuto in molte situazioni critiche. L analisi collettiva di alcune situazioni tipo (per es. difficoltà di relazione con un docente) può portare a suggerimenti utili e ad azioni comuni se il problema è presente anche in altre classi. Un ipotesi da sperimentare prevede una giornata della rappresentanza organizzata in collaborazione con la scuola durante la quale docenti, genitori e studenti possano parlarsi condividendo una comune lettura del ruolo da riconoscere al rappresentante a livello di classe e di istituto. Tutto ciò che si costruisce assieme è, infatti, un tassello verso il dialogo e la collaborazione efficace e pone le basi per buone prassi condivise. Altre tematiche formative possono riguardare: la conoscenza dell istituto, della sua organizzazione e dei suoi progetti (con particolare attenzione al P.O.F.), aspetti di COSA FARE AFFINCHÉ UN COMITATO - A cura di Antonia Crippa (Coor.Co.Ge. Bergamo) pag. 8 di 19

9 genitorialità legati all educazione e alla crescita degli studenti, il processo di orientamento, oltre che approfondimenti culturali aperti alle componenti, secondo ciò che il programma annuale del Comitato/Associazione stabilisce. COSA FARE AFFINCHÉ UN COMITATO - A cura di Antonia Crippa (Coor.Co.Ge. Bergamo) pag. 9 di 19

10 e) RAPPORTARSI CON IL C.d.I. I rappresentanti eletti in Consiglio d Istituto sono la voce dei genitori istituzionalmente riconosciuta all interno della scuola ed è quindi indispensabile tenere con loro stretti rapporti: dovrebbero partecipare alle riunioni di Comitato o, almeno, tenersi in contatto con il presidente del Co.Ge. Il Genitore che partecipa alle riunioni di Giunta può anche portare le istanze del Comitato all attenzione del Consiglio inserendole come punti di trattazione nell ordine del giorno. f) TRASPARENZA Il bollettino per il versamento della quota associativa va consegnato ad inizio anno a tutti i genitori, insieme con una nota che motivi la richiesta del versamento e illustri il lavoro svolto l anno precedente e il programma di lavoro per il nuovo anno (si aderisce più volentieri se si sa a cosa sono destinate le quote che si versano). Il bilancio deve essere reso pubblico, così come pubblici dovrebbero essere i verbali delle riunioni. g) DARSI OBIETTIVI RAGGIUNGIBILI Per un Comitato costretto a partire da zero la fase relativa all organizzazione può richiedere molto tempo (anche più di un anno); se il Dirigente si oppone alle iniziative, le cose si complicano e i tempi si allungano ulteriormente. Quando questa fase è conclusa si può diventare operativi e avviare il programma di lavoro: si possono creare gruppi di studio, progettare percorsi formativi, gestire uno Sportello genitori all interno della scuola, collaborare con i docenti in vari progetti scolastici, avviare sondaggi e via dicendo. Il programma di lavoro deve essere adeguato alle risorse umane (numero dei genitori effettivamente attivi ) e finanziarie: è inutile, e dannoso, porsi obiettivi non raggiungibili. Molto di quello che si potrà fare, come si è già detto, dipenderà anche dal Dirigente. È opportuno curare i rapporti con i Docenti, senza MAI ENTRARE NELLE QUESTIONI CHE RIGUARDANO LA DIDATTICA (metodi d insegnamento e affini). Se vi sono disfunzioni nella scuola (progetti annullati, difficoltà con insegnanti, POF non attuato, ecc.) rivolgersi al Referente Qualità dell istituto e sporgere reclami COSA FARE AFFINCHÉ UN COMITATO - A cura di Antonia Crippa (Coor.Co.Ge. Bergamo) pag. 10 di 19

11 circostanziati, mai vaghi o generici. Se, per esempio, c è un problema sulla comunicazione scuola/famiglia, nel modulo di reclamo non si deve scrivere: nella scuola la comunicazione è carente. Occorre invece indicare data e classe in cui si è ravvisata la non conformità e descrivere il problema rilevato (circolare non letta, oppure non pervenuta, oppure diffusa con ritardo, ecc.). COSA FARE AFFINCHÉ UN COMITATO - A cura di Antonia Crippa (Coor.Co.Ge. Bergamo) pag. 11 di 19

12 h) ESSERE PROPOSITIVI Con la scuola dell autonomia e della riforma le famiglie entrano nella definizione del progetto educativo della scuola e supportano la scuola nel raggiungimento del successo formativo. La normativa, che prevede la presenza di un Comitato Genitori (DL 297/94, art. 15 comma 2: "I rappresentanti dei genitori nei consigli di intersezione, di interclasse o di classe possono esprimere un comitato dei genitori del circolo o dell'istituto ), prevede anche che il Comitato possa esprimere proposte e pareri sul POF e sui progetti di sperimentazione (DPR 275/99, art. 3 comma 3: "Il Piano dell'offerta formativa è elaborato dal collegio dei docenti sulla base degli indirizzi generali per le attività della scuola e delle scelte generali di gestione e di amministrazione definiti dal consiglio di circolo o di istituto, tenuto conto delle proposte e dei pareri formulati dagli organismi e dalle associazioni anche di fatto dei genitori... ). Offrite pertanto la vostra collaborazione alla scuola: sarebbe ottima cosa entrare a far parte delle commissioni scolastiche dove si può acquisire conoscenza diretta dei temi in discussione, comprendere le difficoltà e le motivazioni delle scelte, portare bisogni raccolti e proposte da valutare. Non ci si sovrappone ai docenti, ma si concorre a determinare decisioni maggiormente consapevoli e motivate: se i genitori sono presenti, viene naturale spiegare - o chiedere di spiegare - la situazione, le opportunità in campo, i perché delle scelte Si può collaborare anche sostenendo economicamente i progetti scolastici oppure offrendo aiuto nelle iniziative extra o para scolastiche: settimana di flessibilità, svolgimento di sondaggi, spettacoli teatrali, fornitura di materiali, ecc. i) PENSARE AL FUTURO Spesso il Comitato è visto dai genitori come organismo di raccolta delle lamentele o come semplice organo di informazione. La creatività, il confronto, la partecipazione e l attenzione ai mutamenti del territorio e della società permettono invece al Comitato di rafforzarsi e di assumere quel ruolo propositivo che gli è proprio. Per non perdere tutta la ricchezza e l esperienza maturate negli anni è però fondamentale trovare per tempo i sostituti, affinché il lavoro del Comitato possa proseguire senza intoppi ed il progetto iniziale possa essere portato a compimento. Non è sempre facile trovare genitori sufficientemente motivati che si affianchino al Direttivo uscente e ne prendano gradualmente il posto. La situazione ideale vede il Direttivo in carica composto contemporaneamente da genitori esperti e da forze nuove (meglio se delle classi prime o seconde) in modo che il passaggio delle consegne tra il vecchio e il nuovo avvenga in modo del tutto naturale e indolore, arricchito dalle idee apportate dai nuovi membri. In alternativa, i COSA FARE AFFINCHÉ UN COMITATO - A cura di Antonia Crippa (Coor.Co.Ge. Bergamo) pag. 12 di 19

13 genitori uscenti possono fornire la propria consulenza fino a quando i nuovi membri abbiano acquisito sufficiente autonomia e sicurezza. COSA FARE AFFINCHÉ UN COMITATO - A cura di Antonia Crippa (Coor.Co.Ge. Bergamo) pag. 13 di 19

14 IL COMITATO IN CINQUE MOSSE (RIASSUNTO DELLE PUNTATE PRECEDENTI) 1) ORGANIZZAZIONE: CHI FA COSA QUANDO COME L approssimazione ed il pressappochismo fanno sprecare tempo ed energie: è necessario stabilire all interno del Comitato ruoli, compiti e responsabilità di ciascuno dei componenti (ciò può essere fatto mediante uno statuto o un regolamento, ma niente funziona meglio dell intesa di gruppo). - All interno del Direttivo o in caso di iniziative particolari (per esempio organizzazione di corsi di formazione) chiarire sempre chi fa cosa quando come per evitare sovrapposizioni, malintesi, dispendio di risorse. - Il Presidente del Co.Ge. dovrebbe svolgere essenzialmente funzioni di coordinamento e di relazione con l esterno (membri C.d.I., dirigenza scolastica, referenti progetti, enti territoriali, Coor.Co.Ge. ecc.) nonché curare che le attività del Comitato abbiano un buon svolgimento. Naturalmente il suo ruolo è delicato ed impegnativo ed è auspicabile che possa contare sull aiuto di altri componenti del Direttivo. Il presidente deve saper fare gruppo, esserne il collante, essere diplomatico ma dotato del giusto grado di fermezza; deve innanzi tutto aver ben chiari gli obiettivi da perseguire ed essere capace di una visione complessiva del mondo scuola. Talvolta il presidente del Comitato è anche presidente del C.d.I.: sistema sicuramente vantaggioso ma che richiede molta disponibilità e flessibilità per non lasciarsi travolgere dagli impegni o rischiare di diventare autoreferenziali. - È consigliabile avere un direttivo composto da 7-8 persone e puntare ad avere tanti collaboratori. Ciascun componente del Direttivo, tenuto conto della storia e delle necessità dell istituto, può divenire referente di un settore specifico (P.O.F., libri, recupero, informazione e comunicazione, formazione genitori, handicap, salute, alunni stranieri, valutazione della qualità, analisi dei verbali dei Consigli di Classe, ecc.); egli sarà a capo della commissione relativa, composta a sua volta da quattro/cinque genitori (anche non rappresentanti). Il referente riporterà all interno del Direttivo le proposte e le idee sviluppate dalla commissione e sarà anche colui che potrà entrare a far parte della corrispondente commissione scolastica qualora l istituto preveda commissioni miste, o comunque sarà la persona che contatterà docenti e studenti per confrontarsi sul tema. Il cambiamento è possibile se si costruisce nella scuola un linguaggio comune fra le varie componenti con occasioni di lavoro insieme, perciò è auspicabile che la rete di relazioni non si esaurisca con il passaggio informativo fra pochi membri del Direttivo, il presidente e il Dirigente. Con una struttura a rete di questo tipo si possono coinvolgere più genitori aggregando anche coloro che non si sentono all altezza per assumere un ruolo di responsabilità e preferiscono operare in modo più anonimo (e comunque prezioso). Se le risorse umane sono poche, basta scegliere un tema prioritario e convogliare su quello le energie del gruppo. COSA FARE AFFINCHÉ UN COMITATO - A cura di Antonia Crippa (Coor.Co.Ge. Bergamo) pag. 14 di 19

15 - Le decisioni prese dal Direttivo devono essere sempre divulgate e relazionate periodicamente all assemblea dei genitori: è infatti l'assemblea che fornisce al Direttivo indirizzi e obiettivi per il proprio lavoro. L'assemblea discute e ratifica il programma delle attività, la destinazione dei fondi, le priorità, discute la relazione finale del Direttivo, ecc. Questi momenti di confronto, di scambio di idee e di osservazioni rendono viva la partecipazione. E' possibile stendere regolamenti di funzionamento (che stabiliscano, ad esempio, il grado di autonomia decisionale del Direttivo), darsi regole organizzative facilitanti, avere procedure collaudate, ma NON È QUESTO che rende certa una partecipazione efficace. Molto dipende dal materiale umano disponibile, dalla motivazione e dall'interesse che scuola e genitori scoprono e coltivano insieme per migliorare e raggiungere obiettivi condivisi. - Verificare periodicamente l attività del Comitato e del Direttivo: chi siamo, quanti siamo, cosa vogliamo, dove andiamo, come ci andiamo sono le domande fondamentali che ci si deve porre in sede di revisione dell attività svolta e programmazione dell attività futura (riunione di consuntivo e di pianificazione). È utile svolgere ogni tanto sondaggi tra i genitori per capire le loro esigenze e le aspettative e poter così operare in modo mirato. Se è previsto un verbale per i consigli di classe, è possibile prevedere uno spazio in cui i genitori possano scrivere le positività osservate, le criticità rilevate, le iniziative suggerite: può essere un utile strumento di rilevazione dei bisogni - Tenere aggiornato il libro dei verbali: oltre ad essere un valido strumento in caso di contestazioni, consente di ricostruire la storia del Comitato anche a distanza di anni, facilitando il compito di chi verrà dopo di noi. 2) COMUNICAZIONE La comunicazione e la diffusione capillare delle informazioni sono i capisaldi su cui si poggia la metodologia di lavoro di un Comitato. - Prepararsi per tempo alle elezioni per il rinnovo degli OO.CC. soprattutto se si deve rinnovare il Consiglio d Istituto (vedi documento Guida al C.d.I. pubblicata sul sito del Falcone, link Bacheca Genitori). - Possono essere comunicazioni importanti da divulgare: bandi delle borse di studio, notizie ed eventi riguardanti la scuola, convocazione riunioni, corsi e incontri di formazione per genitori, progetti scolastici, ecc. Per fare ciò è ovviamente necessario aggiornarsi e guardare all esterno: il P.O.F., l organigramma d istituto, i regolamenti e le procedure della scuola sono i principali documenti da conoscere. Conoscere ciò che invece avviene negli altri istituti e sul territorio, partecipare a convegni, riunioni o semplicemente leggere di scuola allarga gli orizzonti, aiuta a diventare sempre più propositivi e ad acquisire l esperienza necessaria per migliorare e divenire risorsa preziosa e qualificata. Gli strumenti non mancano: siti internet e riviste specializzate, COSA FARE AFFINCHÉ UN COMITATO - A cura di Antonia Crippa (Coor.Co.Ge. Bergamo) pag. 15 di 19

16 corsi, convegni, incontri organizzati da Coor.Co.Ge. e USP, sportelli genitori, mailing list sindacati e associazioni, manuali, ecc. ecc. ecc. - Divulgare i verbali delle riunioni del Comitato nel modo più capillare possibile: distribuendoli ai rappresentanti di classe, appendendoli in bacheca, pubblicandoli sul sito. Sfruttare al massimo la mailing list, ma ricordate che non tutti hanno dimestichezza con i mezzi informatici: gli avvisi e i documenti più importanti dovranno quindi essere distribuiti ancora in formato cartaceo (per approfondimenti vedi Manuale rappresentante genitori, alla voce Fotocopie). La convocazione delle riunioni di Comitato deve pervenire ai rappresentanti in formato cartaceo in tempo utile (almeno una settimana prima della data stabilita o secondo quanto stabilito dallo statuto). - I rappresentanti sono il punto d unione tra Comitato e genitori. Per questo è utile inserire in ogni comunicazione la seguente dicitura: I rappresentanti di classe sono pregati di diffondere questo documento tra i genitori delle classi da loro rappresentate utilizzando le modalità e gli strumenti che ritengono più opportuni. - Il Presidente deve avere l elenco aggiornato dei rappresentanti (da richiedere in Segreteria didattica dopo le elezioni). Si possono registrare le presenze ad ogni riunione utilizzando un foglio-presenza che i partecipanti dovranno firmare: questa registrazione è utile anche per valutare statisticamente il grado di partecipazione in quell istituto. 3) ACCOGLIENZA Curare l accoglienza dei genitori, soprattutto delle classi prime, significa rendersi visibili e dare il sostegno necessario nel momento difficile della transizione e dell inserimento in una realtà sconosciuta. Ciò significa: - Essere presenti alla riunione che solitamente il Dirigente scolastico indice con i genitori delle prime (se non è prevista, richiederla) - Divulgare una piccola guida per facilitare l approccio con la nuova scuola (vedi ad esempio il documento Vademecum per genitori ). Un sistema molto semplice è chiedersi sempre: Cosa avrei dovuto sapere e non mi è stato detto? Cosa mi sarebbe piaciuto trovare? e agire di conseguenza. - Fornire nomi e recapiti dei referenti del Comitato (o almeno del Presidente). - Essere presenti agli open day organizzati dalla scuola. 4) TRASPARENZA Se si gestiscono fondi è fondamentale tenere sotto controllo la situazione contabile (versamenti, estratti conto, scontrini fiscali, fondo cassa, ecc.). COSA FARE AFFINCHÉ UN COMITATO - A cura di Antonia Crippa (Coor.Co.Ge. Bergamo) pag. 16 di 19

17 - Il sistema più pratico per gestire i fondi è aprire un conto corrente postale: con modica spesa (circa 60 euro per 2000 bollettini) è possibile ottenere dalle Poste bollettini prestampati con l indicazione dell importo e della causale. - L invito a versare la quota a favore dell Associazione va distribuito ad inizio anno scolastico tra tutti i genitori, allegando il bollettino e motivando la richiesta: per fare ciò è ovviamente necessario aver già elaborato a giugno il programma di lavoro per il successivo anno scolastico, almeno nelle sue linee generali. - Redigere sempre il bilancio e renderlo pubblico. È necessario mantenere la massima trasparenza sulle risorse economiche del Comitato/Associazione e sul loro utilizzo. I fondi vanno gestiti secondo quanto stabilito dallo Statuto dell Associazione o dal suo regolamento che possono prevedere, per esempio, un budget di poche centinaia di euro a disposizione del Direttivo o del Presidente per le piccole spese. In ogni caso tutte le spese, e ovviamente il bilancio annuale, devono essere approvate e/o ratificate dall assemblea. - Gestire un Associazione comporta degli obblighi di legge precisi: è consigliabile rivolgersi ad esperti del settore sia per la costituzione sia per la redazione dello Statuto: il CSV (Centro Servizi Volontariato) offre consulenza gratuita alle associazioni. 5) ESSERE SQUADRA Il fine ultimo di un Comitato è quello di lavorare per una scuola che offra sempre il meglio agli studenti, che sono poi i veri destinatari del nostro mettersi in gioco. Quindi: - Imparare a fare gioco di squadra, non solo tra genitori ma soprattutto con la scuola; i docenti, il dirigente, il personale ATA non devono essere visti come il nemico da abbattere ma come alleati preziosi con i quali collaborare per raggiungere l obiettivo primario: una scuola di qualità. - Stimolare la scuola ad utilizzare strumenti di valutazione del grado di soddisfazione (la cosiddetta customer satisfaction ). Analizzare insieme i dati raccolti, specchio delle aspettative, speranze, ansie, critiche e, si spera, anche fonte di proposte costruttive. - Ascoltare i ragazzi, confrontarsi con loro: spesso il modello di scuola che i genitori hanno in mente non coincide con quello degli studenti. I ragazzi che vivono la scuola dall interno sanno cogliere molto bene i punti di forza e quelli di debolezza: talvolta una sede fatiscente che fa inorridire i genitori diviene un problema secondario se quell istituto sa offrire molto in termini di accoglienza, ascolto, attenzione, professionalità, offerta formativa, vivacità culturale, opportunità. - Responsabilizziamo i ragazzi - e sproniamo la scuola a farlo - dando loro spazio per iniziative, proposte e progetti magari direttamente gestiti da loro. L esperienza dimostra che quando i ragazzi sono chiamati direttamente in gioco acquistano COSA FARE AFFINCHÉ UN COMITATO - A cura di Antonia Crippa (Coor.Co.Ge. Bergamo) pag. 17 di 19

18 maggiore fiducia in loro stessi, aumentano il loro grado di applicazione (in genere migliora anche l approccio allo studio) e, più in generale, passano dall atteggiamento passivo e svogliato di chi la scuola la subisce a quello attivo e propositivo di chi la scuola la vive con entusiasmo. - Svolgiamo anche noi il nostro lavoro con entusiasmo: ci saranno sicuramente momenti di sconforto, arrabbiature, intoppi, ma non bisogna mollare. Se ciò che facciamo diventa un peso insostenibile oppure non ci gratifica più, è meglio passare il testimone ad altri, ritirarsi per un po dalle scene, ricaricarsi e tornare più pimpanti di prima. - L esperienza insegna che la tattica della collaborazione e della condivisione degli obiettivi si rivela sempre la scelta vincente: Con la scuola, per la Scuola quella con la esse maiuscola. COSA FARE AFFINCHÉ UN COMITATO - A cura di Antonia Crippa (Coor.Co.Ge. Bergamo) pag. 18 di 19

19 DOCUMENTI REPERIBILI SUL SITO link Bacheca genitori Manuale del rappresentate dei genitori Vademecum per i genitori Guida al Consiglio d'istituto UN PO DI INDIRIZZI UTILI Coor.Co.Ge. (Coordinamento Comitati Genitori delle scuole superiori della provincia di Bergamo) Indirizzo: all attenzione di Crippa Antonia, c/o Liceo Falcone - Via Dunant 1, Bergamo Per scopi e finalità si veda la voce omonima nel Manuale del rappresentante dei genitori. Il Coor.Co.Ge. si riunisce mensilmente presso l ITIS P. Paleocapa (ex Esperia) - via Gavazzeni, Bergamo Sportello Genitori CGIL - Via Garibaldi 3, Bergamo - Tel: /380 Iscrivendovi alla mailing list dello Sportello Genitori riceverete notizie e commenti direttamente sul vostro computer Centro IN.CON.TRA. per la genitorialità c/o Centro Famiglia - Comune e Provincia di Bergamo, via S. Martino della Pigrizia (angolo Via Strada Vecchia, 52) BERGAMO Tel: 035/ Fax: 035/ Tra le tante attività del Centro ci sono la diffusione di notizie riguardanti corsi e incontri su tematiche genitoriali in ogni ambito territoriale della Provincia e la consulenza per organizzarne. I Comitati possono inviare informazione delle iniziative formative da loro promosse per darne pubblicità sul calendario mensile pubblicato anche sul sito dell USP. E ANCHE UN PO DI LINK UTILI Sito del Ministero dell Istruzione. Sito dell Ufficio Scolastico Regionale dal quale è possibile attingere informazioni anche riguardo i bandi dei buoni scuola e delle borse di studio Sito dell Ufficio Scolastico Provinciale (ex CSA, ex Provveditorato) di Bergamo. Per essere informati su quanto succede nelle scuole della nostra provincia e reperire informazioni utili per genitori e studenti Sito aggiornatissimo sulla normativa più recente e non solo Newsletter che propone le novità del pianeta scuola Sito gestito da genitori riuniti in Associazione che ha la finalità di costruire una rete di aiuto e discussione via Internet richiamando normative ed esperienze Associazione Italiana Genitori (A.Ge.) Associazione Italiana Genitori Scuole Cattoliche (A.Ge.S.C.) Coordinamento Genitori Democratici (C.G.D.) AGe, AGeSC e CGD sono le Associazioni nazionali riconosciute ufficialmente dal Ministero e costituiscono il FoPAGS (Forum Provinciale delle Associazioni Genitori). COSA FARE AFFINCHÉ UN COMITATO - A cura di Antonia Crippa (Coor.Co.Ge. Bergamo) pag. 19 di 19

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Progetto Formazione e informazione dei rappresentanti di classe

Progetto Formazione e informazione dei rappresentanti di classe Progetto Formazione e informazione dei rappresentanti di classe Guida pratica del rappresentante dei genitori a cura dell Associazione Per maggiori informazioni consultare il sito www.genitoriescuola.it

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Regolamento G.L.I. L'azione del G.L.I. può essere riassunta in competenze di tipo organizzativo, progettuale, valutativo e consultivo.

Regolamento G.L.I. L'azione del G.L.I. può essere riassunta in competenze di tipo organizzativo, progettuale, valutativo e consultivo. Regolamento G.L.I. Art. 1 Costituzione del G.L.I. (Gruppo di Lavoro per l Inclusione) Ai sensi della Direttiva Ministeriale del 27 dicembre 2012 (Strumenti d intervento per alunni con bisogni educativi

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Prot. N. 3156/B33 Crema, 24 Novembre 2014

Prot. N. 3156/B33 Crema, 24 Novembre 2014 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Istituto Comprensivo Crema Uno Via Borgo S.Pietro 8-26013 Crema (CR) Tel. 0373-256238 Fax 0373-250556 E-mail ufficio: segreteriacircolo1@libero.it

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA DIPARIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE

Dettagli

a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche

a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche 1)Pubblicata nel B.U. 7 novembre 1995, n. 51. Art. 1 (Ambito di applicazione) (1) Tutte le istituzioni scolastiche

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c.

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c. ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE Regolamento Regolamento GLHI del gruppo di lavoro sull handicap Ai sensi dell art. 15 c. L 104/92 Approvato dal Consiglio di stituto in data 08/07/2013 1 Gruppo di Lavoro

Dettagli

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Comitato per la Corporate Governance La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Gabriele Galateri di Genola e Carmine Di Noia Milano, 16 aprile 2014 1 La disclosure della corporate

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 REGIONE ABRUZZO Servizio Politica Energetica, Qualità dell aria, SINA Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 anno scolastico 2014-2015 1. PREMESSA La Regione Abruzzo - insieme al MIUR (Ministero della Pubblica

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO ISCRIZIONE

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO ISCRIZIONE Gentili genitori entro il 28 febbraio dovete provvedere alla iscrizione dei Vostri figli alla classe successiva. Al momento della iscrizione le famiglie sono chiamate a versare alcune tasse ministeriali

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Presentazione Progetto Sport di Classe

Presentazione Progetto Sport di Classe Presentazione Progetto Sport di Classe a sostegno dell attività motoria e sportiva nella scuola 1 GOVERNANCE dello sport a scuola MIUR - CONI - Promuove il riconoscimento in ambito scolastico del valore

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO 1 INTRODUZIONE Per la predisposizione del piano, è necessario fare riferimento alle Linee Guida. Lo schema proposto di seguito è stato sviluppato nell ambito del progetto Miglioramento delle performance

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

NOI CON GLI ALTRI CAMERUN

NOI CON GLI ALTRI CAMERUN NOI CON GLI ALTRI CAMERUN Solidarietà e cooperazione come valori fondanti per le nuove generazioni Promosso da: Fondazione Un cuore si scioglie onlus, in collaborazione con la Regione Toscana e Mèta cooperativa

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale)

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Premesso che A) IL CONTESTO POLITICO - CULTURALE 1. Col Quarto Programma d azione (1996-2000) la politica europea

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012

Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012 Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012 Presentazione dei risultati del progetto e prospettive future dr. Antonio Biasi

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione

Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione Articolo 1 - Costituzione E' costituita una Associazione denominata: Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione (CIIP)

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI EINAUDI Distr. Sc. n 9 - Via V. Veneto 89822 SERRA SAN BRUNO (VV) FONDI STRUTTURALI 2007-2013 PEC: vvis003008@pec.istruzione.it PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE FONDO

Dettagli

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime -

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Progetto Continuità" Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria 2010-11 11 Anno Scolastico 2010 Funzioni Strumentali A. Rubino Scuola Infanzia P. Stramonio Scuola

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO Premessa Il Centro Servizi Culturali Santa Chiara propone annualmente una Stagione di Teatro che si compone di differenti

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e dei Direttori Aggiunti delle Scuole europee

Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e dei Direttori Aggiunti delle Scuole europee Scuole Europee Ufficio del Segretario generale Segretariato Generale Rif. : 2009-D-422-it-5 Orig. : FR Versione: IT Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1

REGOLAMENTO. Articolo 1 REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina, a norma di quanto disposto dallo Statuto, le norme applicative per l organizzazione ed il funzionamento del CRAL e dei suoi organismi, e stabilisce, in prima

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali

Avviso prot. n. AOODGAI/11666 del 31.07.2012 conferenze informative territoriali Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli