La Modulistica STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Modulistica STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA"

Transcript

1 152 La guida associativa 2009 La Modulistica ATTO COSTITUTIVO DELL'ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. A ( ) in via, n. si sono riuniti il giorno per costituire un'associazione sportiva dilettantistica senza scopo di lucro, i seguenti cittadini: I presenti chiamano a presiedere la riunione il Sig. il Segretario il Sig.. Il Presidente illustra i motivi che hanno spinto i presenti a farsi promotori della costituzione dell'associazione e legge lo Statuto che, dopo ampia discussione, posto in votazione viene approvato alla unanimità. Lo Statuto stabilisce in particolare che l'adesione all'associazione è libera, che il funzionamento dell'associazione è basato sulla volontà democraticamente espressa dai soci, che le cariche sociali sono elettive e che è assolutamente escluso ogni scopo di lucro. Il Presidente dà inoltre lettura dello statuto dell'aics (Associazione Italiana Cultura Sport) e propone che l'associazione, prendendo conoscenza di detto Statuto e approvandolo, dia la sua adesione all'aics adottandone la tessera nazionale quale tessera sociale. La proposta messa ai voti viene approvata all'unanimità. I Presenti deliberano inoltre che l'associazione venga chiamata Associazione sportiva dilettantistica, con sede legale in ( ), via n. e nominano i seguenti signori a componenti il Comitato Direttivo provvisorio, Comitato che durerà in carica per i primi due anni se non sarà modificato in successive apposite elezioni: Presidente: Vice Presidente: Segretario: Consigliere: Consigliere: Il Presidente: Il Segretario STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA Come fare un circolo 153 Costituzione e scopi Art. 1 È costituita con sede a ( ) in via n. un'associazione, disciplinata dagli art. 36 e segg. Cod. Civ., che assume la denominazione di A.S. Dilettantistica. L'associazione, pur mantenendo la propria autonomia patrimoniale ed organizzativa, aderisce all'a.i.c.s. - Associazione Italiana Cultura Sport -, Ente di promozione Sociale iscritto al Registro Nazionale, Ente di promozione Sportiva riconosciuto dal CONI ed Ente a finalità assistenziali riconosciuto dal Ministero degli Interni con decreto del n /12000, accettandone lo statuto e né adotta la tessera nazionale quale tessera sociale ed impegnandosi a conformare il proprio statuto alle norme e alle direttive del CONI e dell' AICS. Art 2 L'associazione ha durata illimitata nel tempo e potrà essere sciolta solo con delibera dell'assemblea straordinaria dei soci, come previsto dall'art. 26 del presente statuto. L'associazione può gestire strutture sociali e svolgere attività nei settori sportivo dilettantistico, artistico, culturale, musicale, ambientale, editoriale, ricreativo e assistenziale, senza finalità di lucro. Art. 3 L'Associazione è apolitica, non ha scopo di lucro ed è aperta a tutti coloro che intendono praticare l'attività sportiva e associativa, è caratterizzata dalla democraticità della struttura, dell'elettività e gratuità delle cariche associative. L'Associazione per il raggiungimento degli scopi associativi può avvalersi della collaborazione di professionisti, lavoratori dipendenti e/o autonomi, potrà erogare compensi, premi, indennità e rimborsi forfettari conformemente alla legislazione vigente. In particolare i fini istituzionali dell'associazione sono: a) lo sviluppo, la promozione, l'organizzazione e la disciplina dello sport dilettantistico nelle specialità ad esso/a appartenenti in tutte le forme e manifestazioni, nel territorio dello Stato Italiano ed a livello internazionale; b) promuovere attività didattiche per l'avvio, l'aggiornamento e il perfezionamento nello svolgimento della pratica sportiva nonché organizzare corsi di istruzione tecnica e di coordinamento delle attività istituzionali; c) gestire impianti, propri o di terzi, adibiti a palestre, campi o strutture sportive di vario genere. Organizzare squadre sportive per la partecipazione a campionati, gare, concorsi manifestazioni ed esibizioni di diverse specialità sportive. Organizzare corsi di avviamento agli sport, attività motorie e di mantenimento, corsi di formazione per operatori sportivi; d) gestire un eventuale spaccio ad uso esclusivamente dei soci per la somministrazione di alimenti pronti e bevande che diventi il punto d'incontro ed il luogo dove vengono ideate ed organizzate le varie iniziative dell'associazione; e)in modo complementare e in diretta attuazione dell'attività istituzionale organizzare iniziative, raccogliere sponsorizzazioni e rivendere ai soli soci prodotti legati alle attività sopra citate per soddisfare le esigenze di conoscenza, di intrattenimento e di ricreazione dei soci. Art. 4 Il numero dei soci è illimitato; all'associazione possono aderire tutti i cittadini e stranieri di ambo i sessi. Fino al compimento del 14 anno di età, il minore è rappresentato nei rapporti sociali dai genitori. Il diritto di voto viene esercitato dal 18 anno di età. Tutti gli associati hanno eguali diritti. Il rapporto associativo è disciplinato in maniera uniforme per tutti gli associati e uniformi sono le

2 154 La guida associativa 2009 Come fare un circolo 155 modalità associative, che sono volte a garantire l'effettività del rapporto associativo medesimo. Art. 5 Per essere ammessi a socio è necessario presentare domanda di ammissione all'associazione con la osservanza delle seguenti modalità e indicazioni: 1) indicare nome e cognome, luogo e data di nascita, e residenza; 2) dichiarare di attenersi al presente Statuto ed alle deliberazioni degli organi sociali. E' compito del legale rappresentante dell'associazione o da altra persona da lui delegata anche verbalmente, valutare in merito all'accettazione o meno di tale domanda. L'accettazione, comunicata all'interessato e seguita dall'iscrizione a libro soci, dà diritto immediato a ricevere la tessera sociale, acquisendo quindi la qualifica di socio. L'adesione all'associazione è a tempo indeterminato, con esclusione di partecipazioni temporanee alla vita associativa; resta salvo in ogni caso il diritto di recesso da parte del socio. Nel caso in cui la domanda venga respinta, l'interessato può presentare ricorso, sul quale si pronuncia in via definitiva il Consiglio Direttivo, alla prima convocazione. Art. 6 Qualora si manifestino motivi di incompatibilità del nuovo socio con le finalità statutarie e con i regolamenti del circolo, entro i 30 giorni successivi all'iscrizione del socio stesso, il Consiglio Direttivo ha la possibilità di revocare tale iscrizione. In questo caso l'interessato potrà presentare ricorso sul quale si pronuncia in via definitiva il Collegio dei Probiviri del circolo, o in mancanza di questo, l'assemblea dei soci alla prima convocazione. Le dimissioni da socio vanno presentate per iscritto al Consiglio Direttivo del circolo. Art. 7 Tutti i soci hanno eguali diritti e cioè di: 1. frequentare i locali sociali, di servirsi degli impianti e dei servizi gestiti dall'associazione. 2. prendere parte alle competizioni sportive promosse dall'associazione e da altri Enti sotto i nostri colori sociali. 3. partecipare a qualsiasi manifestazione organizzata dall'associazione; 4. intervenire e discutere alle assemblee generali; presentare proposte e/o reclami per scritto al Consiglio Direttivo; 5. partecipare con il proprio voto alla delibera dell'assemblea, purché in regola con la qualifica di socio; 6. di esercitare il diritto di voto per l'elezione del Consiglio Direttivo; 7. essere delegati ad assumere incarichi sociali se è rispettato il requisito di eleggibilità; 8. esercitare il diritto di voto per le modifiche e l'approvazione dello Statuto Sociale. I soci con la domanda di iscrizione, eleggono domicilio per i rapporti sociali presso la sede del circolo. Art. 8 I soci sono tenuti: 1. al puntuale pagamento della quota associativa annuale, uguale per tutti i soci, stabilita annualmente dal Consiglio Direttivo 2. al puntuale pagamento della quota aggiuntiva per il pagamento di corrispettivi specifici. 3. alla osservanza dello Statuto, delle disposizioni legislative e regolamentari vigenti in materia sportiva, degli eventuali regolamenti interni e delle deliberazioni prese dagli organi sociali, comprese eventuali integrazioni della cassa sociale attraverso versamenti di quote straordinarie. Ogni socio deve versare la quota associativa stabilita dal Consiglio Direttivo di anno in anno entro il termine fissato dal Consiglio stesso. La quota associativa non è rivalutabile, ma variabile e non è trasmissibile neanche in caso di morte, e non verrà rimborsata né al socio dimissionario, né al socio radiato. Art. 9 Il socio cessa di far parte dell'associazione: a. per dimissioni; b. per mancato rinnovo delle quote sociali e di iscrizione nei termini stabiliti dal Consiglio Direttivo; c. per inosservanza del presente Statuto, ai regolamenti interni o alle deliberazioni prese dagli organi sociali; d. per decisione del Consiglio Direttivo a causa di gravi inadempienze; quando, in qualunque modo, arrechi danni morali o materiali all'associazione o dimostri di non condividere più le finalità dell'associazione; e. per radiazione; f. per decesso. In caso di trasgressioni alle norme sportive e sociali nonché alla disciplina tecnica il Consiglio direttivo può infliggere al socio le seguenti sanzioni: a. avvertimento; b. ammonizione; c. diffida; d. sospensione a tempo limitato; e. radiazione. PATRIMONIO SOCIALE Art. 10 Il patrimonio sociale è indivisibile ed è costituito: 1. da beni mobili ed immobili che diverranno di proprietà dell'associazione; 2. da contributi, erogazioni, donazioni e lasciti diversi effettuati da soci, da privati o da Enti; 3. da eventuali fondi di riserva costituiti con le eccedenze di bilancio. Le entrate dell'associazione per il conseguimento dei propri fini istituzionali sono costituite: 1. dalle quote sociali e dai corrispettivi specifici versati dai soci per le attività sociali; 2. dall'utile derivante dalle attività e manifestazioni eventualmente organizzate o alle quali essa partecipa; 3. da ogni eventuale entrata che concorra ad incrementare l'attivo sociale; 4. dagli introiti derivanti dalla gestione di bar o spacci interni gestiti direttamente dai soci, dalla vendita ai soci di materiale sportivo necessario per lo svolgimento della pratica sportiva, nonché da eventuali sponsorizzazioni e pubblicità o altra attività di carattere commerciale che l'associazione pone in essere al fine di autofinanziamento. Art. 11 Le somme versate per la tessera e per le quote sociali non sono rimborsabili in nessun caso. RENDICONTO ECONOMICO E FINANZIARIO Art. 12 Il rendiconto economico e finanziario comprende l'esercizio sociale dal 1 al 31 e deve essere sottoposto all'approvazione dell'assemblea entro quattro mesi dalla chiusura. Il rendiconto economico e finanziario deve essere redatto con chiarezza e deve rappresentare in modo veritiero e corretto la situazione patrimoniale ed economica - finanziaria dell'associazione, nel rispetto del principio della trasparenza nei confronti degli associati, con separata indicazione dell'eventuale attività commerciale posta in essere accanto all'attività istituzionale. All'associazione è vietato distribuire, anche in modo indiretto, i proventi delle attività, utili o avanzi di gestione nonché fondi, riserve o capitale durante la vita dell'associazione stessa, salvo che la destinazione o la distribuzione non siano imposte dalla legge.

3 156 La guida associativa 2009 Come fare un circolo 157 ORGANI DELL'ASSOCIAZIONE Art. 13 Sono organi dell'associazione: l'assemblea dei soci; il Consiglio Direttivo; il Presidente; ASSEMBLEA Art. 14 L'Assemblea dei soci è l'organo sovrano dell'associazione. Essa è composta da tutti i soci in regola con il pagamento della quota sociale. La partecipazione del socio all'assemblea è strettamente personale ed ogni socio ha diritto ad un voto; è ammessa la possibilità di delega scritta di un socio ad un altro socio, il quale non può rappresentare più di due soci nell'ambito della stessa assemblea. L'Assemblea ha tutti i poteri per conseguire gli scopi sociali. Le Assemblee dei Soci possono essere ordinarie e straordinarie. Le Assemblee sono convocate con avviso affisso all'interno dei locali dell'associazione con almeno 10 giorni di preavviso. L'avviso dovrà riportare luogo, data, ora della prima e della seconda convocazione e ordine del giorno dell'assemblea. La seconda convocazione può aver luogo anche mezz'ora dopo la prima. Art. 15 L'Assemblea ordinaria viene convocata almeno una volta all'anno entro quattro mesi dalla chiusura dell'esercizio sociale. Essa: - approva le linee generali del programma di attività per l'anno sociale; - elegge il Consiglio Direttivo; - approva il rendiconto economico - finanziario consuntivo; - delibera su tutte le questioni attinenti alla gestione sociale che non rientrino nella competenza dell'assemblea straordinaria. Art. 16 L'assemblea straordinaria è convocata: - tutte le volte il Consiglio lo reputi necessario; - allorché ne faccia richiesta motivata almeno 1/3 dei soci. - allorché ne facciano richiesta i due probiviri nominati ai sensi dello statuto per provvedere all'elezione del terzo probiviro. L'Assemblea dovrà essere convocata entro 20 giorni dalla data in cui viene richiesta. Essa delibera sullo scioglimento dell'associazione, sulle modifiche allo statuto, su ogni altro argomento di carattere straordinario sottoposto alla sua approvazione dal Consiglio Direttivo. Art. 17 In prima convocazione l'assemblea, sia ordinaria che straordinaria, è regolarmente costituita con la presenza di metà più uno dei soci. In seconda convocazione l'assemblea, sia ordinaria che straordinaria, è regolarmente costituita qualunque sia il numero degli intervenuti e delibera validamente a maggioranza assoluta dei voti dei soci presenti su tutte le questioni poste all'ordine del giorno; Art. 18 Per deliberare sullo scioglimento o sulla liquidazione dell'associazione, è indispensabile la presenza di almeno il 50 %, dei soci e il voto favorevole dei 3/5 dei presenti. In seconda convocazione, e che è validamente costituita qualunque sia il numero degli intervenuti è sufficiente il voto favorevole dei 2/3 dei presenti. Art. 19 Le votazioni possono avvenire per alzata di mano, per acclamazione o a scrutinio segreto. Alla votazione partecipano tutti i soci. Le votazioni per le elezioni alle cariche sociali devono avvenire con votazione a scrutinio segreto. Art. 20 L'Assemblea, tanto ordinaria che straordinaria, è presieduta da un Presidente e un Segretario nominati dall'assemblea stessa; le deliberazioni adottate dovranno essere riportate su apposito libro dei verbali. CONSIGLIO DIRETTIVO Art. 21 Il Consiglio Direttivo è composto da un minimo di 5 consiglieri eletti fra i soci, e dura in carica 2 anni e comunque fino all'assemblea ordinaria che procede al rinnovo delle cariche sociali. Al termine del mandato i consiglieri possono essere riconfermati. E' fatto divieto ai componenti del Consiglio Direttivo dell'associazione di ricoprire cariche sociali in altre società o associazioni sportive dilettantistiche nell'ambito della medesima federazione sportiva o disciplina associata se riconosciute dal C.O.N.I., ovvero nell'ambito della medesima disciplina facente capo ad un ente di promozione sportiva Art. 22 Il Consiglio elegge nel suo seno il Presidente, il Vice Presidente, il Segretario Amministrativo, e fissa le responsabilità degli altri consiglieri in ordine all'attività svolta dal circolo per il conseguimento dei propri fini sociali (attività culturale, sportiva, turistica, ecc.). E' riconosciuto al Consiglio il potere di cooptare altri membri fino ad un massimo di un terzo dei suoi componenti. Le funzioni dei membri del Consiglio Direttivo sono completamente gratuite e saranno rimborsate le sole spese inerenti l'espletamento dell'incarico o eventuali compensi per prestazioni lavorative. Art. 23 Il Consiglio Direttivo si riunisce ordinariamente ogni 4 mesi e straordinariamente ogni qualvolta lo ritenga necessario la Presidenza o ne facciano richiesta un terzo dei consiglieri; in assenza del Presidente la riunione sarà presieduta dal Vice Presidente. Le riunioni del Consiglio Direttivo sono valide quando vi partecipano la maggioranza dei suoi componenti e le deliberazioni saranno valide a maggioranza semplice. In caso di parità prevale sempre il voto del Presidente. Il Consiglio Direttivo decade prima della fine del mandato: a) quando l'assemblea sociale non approvi il rendiconto economico e finanziario consuntivo; b) quando il totale dei suoi componenti sia ridotto a meno di tre. Art. 24 Il Consiglio Direttivo deve: - redigere i programmi di attività sociale previsti dallo Statuto sulla base delle linee approvate dall'assemblea dei Soci; - curare l'esecuzione delle deliberazioni dell'assemblea; - redigere il rendiconto economico - finanziario; - compilare i progetti per l'impiego del residuo del bilancio da sottoporre all'assemblea; - approvare tutti gli atti e contratti di ogni genere inerenti alla attività sociale; - formulare il regolamento interno da sottoporre all'approvazione dell'assemblea; - deliberare circa la sospensione e la radiazione dei soci; - nominare, in caso di necessità, commissioni provvisorie con compiti e poteri particolari;

4 158 La guida associativa 2009 Come fare un circolo favorire la partecipazione dei soci alle attività del circolo. Nell'esercizio delle sue funzioni il Consiglio Direttivo può avvalersi di responsabili di commissioni di lavoro da esso nominati. Detti responsabili possono partecipare alle riunioni del Consiglio Direttivo con voto consultivo. Art. 25 Il Presidente ha la rappresentanza legale e la firma sociale e può aprire e gestire conti correnti o altre forme di finanziamento. In caso di assenza o di impedimento del Presidente tutte le di lui mansioni spettano al Vice Presidente. SCIOGLIMENTO DEL CIRCOLO Art. 26 La decisione di scioglimento del circolo deve essere presa dalla maggioranza di cui all'art. 18. Art. 27 In caso di scioglimento l'assemblea delibera con la maggioranza prevista dall'art. 18 sulla designazione del patrimonio residuo, dedotte le passività, per uno o più scopi stabiliti dal presente Statuto, o devolverlo ad altra associazione con finalità analoghe o ai fini di pubblica utilità, sentito l'eventuale organismo di controllo di cui all'art. 3 comma 190, della legge 23/12/1996, n DISPOSIZIONE FINALE Art. 28 Tutte le eventuali controversie sociali, anche relative all'interpretazione dello Statuto, tra gli associati, tra questi e l'associazione o i suoi organi, tra gli organi e l'associazione, tra i componenti degli organi dell'associazione sono devolute, con esclusione di qualsiasi altra giurisdizione, alla competenza di tre probiviri da designarsi tra i soci con le seguenti modalità. Due probiviri saranno nominati rispettivamente da ciascuna parte controvertente; il terzo sarà eletto dall'assemblea straordinaria all'uopo convocata su richiesta dei due probiviri nominati dalle parti entro 30 giorni dalla nomina. I probiviri decideranno ex bono et aequo senza formalità di procedura. Il loro lodo sarà inappellabile. Art. 29 Per quanto non compreso nel presente Statuto decide l'assemblea a maggioranza assoluta dei partecipanti. Particolari norme di funzionamento e di esecuzione del presente statuto potranno essere eventualmente disposte con regolamento interno adottato dal consiglio direttivo. ATTO COSTITUTIVO DELL'ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE. A ( ) in via, n. si sono riuniti il giorno per costituire un'associazione di Promozione Sociale senza scopo di lucro, i seguenti cittadini: I presenti chiamano a presiedere la riunione il Sig. il quale a sua volta nomina a suo Segretario il Sig.. Il Presidente illustra i motivi che hanno spinto i presenti a farsi promotori della costituzione dell'associazione e legge lo Statuto che, dopo ampia discussione, posto in votazione viene approvato alla unanimità. Lo Statuto stabilisce in particolare che l'adesione all'associazione è libera, che il funzionamento dell'associazione è basato sulla volontà democraticamente espressa dai soci, che le cariche sociali sono elettive e che è assolutamente escluso ogni scopo di lucro. Il Presidente dà inoltre lettura dello statuto dell'aics (Associazione Italiana Cultura Sport) e propone che l'associazione, prendendo conoscenza di detto Statuto e approvandolo, dia la sua adesione all'aics adottandone la tessera nazionale quale tessera sociale. La proposta messa ai voti viene approvata all'unanimità. I Presenti deliberano inoltre che l'associazione venga chiamata Associazione di Promozione Sociale, con sede in ( ), via n. e nominano i seguenti signori a componenti il Comitato Direttivo provvisorio, Comitato che durerà in carica per i primi due anni se non sarà modificato in successive apposite elezioni: Presidente: Vice Presidente: Segretario: Consigliere: Consigliere: Il Presidente: Il Segretario......

5 160 La guida associativa 2008 Come fare un circolo 161 STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE COSTITUZIONE E SCOPI Art. 1 È costituita con sede a ( ) in via n. un'associazione di promozione sociale, disciplinata dagli art. 36 e segg. Cod. Civ., che assume la denominazione di. L'associazione, pur mantenendo la propria autonomia patrimoniale ed organizzativa, aderisce all'a.i.c.s. - Associazione Italiana Cultura Sport -, Ente di promozione Sociale iscritto al Registro Nazionale, Ente di promozione Sportiva riconosciuto dal CONI ed Ente a finalità assistenziali riconosciuto dal Ministero degli Interni con decreto del n /12000, accettandone lo statuto e né adotta la tessera nazionale quale tessera sociale. Art 2 L'associazione ha durata illimitata nel tempo e potrà essere sciolta solo con delibera dell'assemblea straordinaria dei soci, come previsto dall'art. 26 del presente statuto. L'associazione può gestire strutture sociali e svolgere attività nei settori artistico, culturale, musicale, ambientale, editoriale, ricreativo, assistenziale e sportivo dilettantistico, senza finalità di lucro. Art. 3 L'Associazione è apolitica, non ha scopo di lucro ed è aperta a tutti coloro che intendono praticare l'attività associativa, è caratterizzata dalla democraticità della struttura, dell'elettività e gratuità delle cariche associative. L'Associazione per il raggiungimento degli scopi associativi può avvalersi della collaborazione di professionisti, lavoratori dipendenti e/o autonomi, potrà erogare compensi e rimborsi conformemente alla legislazione vigente. In particolare i fini istituzionali dell'associazione sono: a) lo sviluppo, la promozione, l'organizzazione e la diffusione dell'attività di nelle specialità ad esso/a appartenenti in tutte le forme e manifestazioni, nel territorio dello Stato Italiano ed a livello internazionale; b) promuovere attività didattiche per l'avvio, l'aggiornamento e il perfezionamento nello svolgimento della pratica sportiva e culturale nonché organizzare corsi di istruzione tecnica e di coordinamento delle attività istituzionali; c) gestire impianti, propri o di terzi, strutture e locali di vario genere dove svolgere l'attività. d) gestire un eventuale spaccio ad uso esclusivamente dei soci per la somministrazione di alimenti pronti e bevande che diventi il punto d'incontro ed il luogo dove vengono ideate ed organizzate le varie iniziative dell'associazione; e) in modo complementare e in diretta attuazione dell'attività istituzionale organizzare iniziative, raccogliere sponsorizzazioni e rivendere ai soli soci prodotti legati alle attività sopra citate per soddisfare le esigenze di conoscenza, di intrattenimento e di ricreazione dei soci. Art. 4 Il numero dei soci è illimitato; all'associazione possono aderire tutti i cittadini e stranieri di ambo i sessi. Fino al compimento del 14 anno di età, il minore è rappresentato nei rapporti sociali dai genitori. Il diritto di voto viene esercitato dal 18 anno di età. Tutti gli associati hanno eguali diritti. Il rapporto associativo è disciplinato in maniera uniforme per tutti gli associati e uniformi sono le modalità associative, che sono volte a garantire l'effettività del rapporto associativo medesimo. Art. 5 Per essere ammessi a socio è necessario presentare domanda di ammissione all'associazione con la osservanza delle seguenti modalità e indicazioni: 1) indicare nome e cognome, luogo e data di nascita, e residenza; 2) dichiarare di attenersi al presente Statuto ed alle deliberazioni degli organi sociali. E' compito del legale rappresentante dell'associazione o da altra persona da lui delegata anche verbalmente, valutare in merito all'accettazione o meno di tale domanda. L'accettazione, comunicata all'interessato e seguita dall'iscrizione a libro soci, dà diritto immediato a ricevere la tessera sociale, acquisendo quindi la qualifica di socio. L'adesione all'associazione è a tempo indeterminato, con esclusione di partecipazioni temporanee alla vita associativa; resta salvo in ogni caso il diritto di recesso da parte del socio. Nel caso in cui la domanda venga respinta, l'interessato può presentare ricorso, sul quale si pronuncia in via definitiva il Consiglio Direttivo, alla prima convocazione. Art. 6 Qualora si manifestino motivi di incompatibilità del nuovo socio con le finalità statutarie e con i regolamenti del circolo, entro i 30 giorni successivi all'iscrizione del socio stesso, il Consiglio Direttivo ha la possibilità di revocare tale iscrizione. In questo caso l'interessato potrà presentare ricorso sul quale si pronuncia in via definitiva il Collegio dei Probiviri del circolo, o in mancanza di questo, l'assemblea dei soci alla prima convocazione. Le dimissioni da socio vanno presentate per iscritto al Consiglio Direttivo del circolo. Art. 7 Tutti i soci hanno eguali diritti e cioè di: 1. frequentare i locali sociali, di servirsi degli impianti e dei servizi gestiti dall'associazione. 2. prendere parte alle attività promosse dall'associazione. 3. partecipare a qualsiasi manifestazione organizzata dall'associazione; 4. intervenire e discutere alle assemblee generali; presentare proposte e/o reclami per scritto al Consiglio Direttivo; 5. partecipare con il proprio voto alla delibera dell'assemblea, purché in regola con la qualifica di socio; 6. di esercitare il diritto di voto per l'elezione del Consiglio Direttivo; 7. essere delegati ad assumere incarichi sociali se è rispettato il requisito di eleggibilità; 8. esercitare il diritto di voto per le modifiche e l'approvazione dello Statuto Sociale. I soci con la domanda di iscrizione, eleggono domicilio per i rapporti sociali presso la sede del circolo. Art. 8 I soci sono tenuti: 1. al puntuale pagamento della quota associativa annuale, uguale per tutti i soci, stabilita annualmente dal Consiglio Direttivo 2. al puntuale pagamento della quota aggiuntiva per il pagamento di corrispettivi specifici. 3. alla osservanza dello Statuto, delle disposizioni legislative e regolamentari vigenti in materia sportiva, degli eventuali regolamenti interni e delle deliberazioni prese dagli organi sociali, comprese eventuali integrazioni della cassa sociale attraverso versamenti di quote straordinarie. Ogni socio deve versare la quota associativa stabilita dal Consiglio Direttivo di anno in anno entro il termine fissato dal Consiglio stesso. La quota associativa non è rivalutabile, ma variabile e non è trasmissibile neanche in caso di morte, e non verrà rimborsata né al socio dimissionario, né al socio radiato. Art. 9 Il socio cessa di far parte dell'associazione: a. per dimissioni; b. per mancato rinnovo delle quote sociali e di iscrizione nei termini stabiliti dal Consiglio Direttivo; c. per inosservanza del presente Statuto, ai regolamenti interni o alle deliberazioni prese dagli organi sociali; d. per decisione del Consiglio Direttivo a causa di gravi inadempienze; quando, in qualunque modo, arrechi danni morali o materiali all'associazione o dimostri di non condividere più le finalità dell'associazione;

6 162 La guida associativa 2008 Come fare un circolo 163 e. per radiazione; f. per decesso. In caso di trasgressioni alle norme sportive e sociali nonché alla disciplina tecnica il Consiglio direttivo può infliggere al socio le seguenti sanzioni: a. avvertimento; b. ammonizione; c. diffida; d. sospensione a tempo limitato; e. radiazione. PATRIMONIO SOCIALE Art. 10 Il patrimonio sociale è indivisibile ed è costituito: 1. da beni mobili ed immobili che diverranno di proprietà dell'associazione; 2. da contributi, erogazioni, donazioni e lasciti diversi effettuati da soci, da privati o da Enti; 3. da eventuali fondi di riserva costituiti con le eccedenze di bilancio. Le entrate dell'associazione per il conseguimento dei propri fini istituzionali son costituite: 1. dalle quote sociali e dai corrispettivi specifici versati dai soci per le attività sociali; 2. dall'utile derivante dalle attività e manifestazioni eventualmente organizzate o alle quali essa partecipa; 3. da ogni eventuale entrata che concorra ad incrementare l'attivo sociale; 4. dagli introiti derivanti dalla gestione di bar o spacci interni gestiti direttamente dai soci, dalla vendita ai soci di materiale sportivo necessario per lo svolgimento della pratica sportiva, nonché da eventuali sponsorizzazioni e pubblicità o altra attività di carattere commerciale che l'associazione pone in essere al fine di autofinanziamento. Art. 11 Le somme versate per la tessera e per le quote sociali non sono rimborsabili in nessun caso. RENDICONTO ECONOMICO E FINANZIARIO Art. 12 Il rendiconto economico e finanziario comprende l'esercizio sociale dal 1 al 31 e deve essere sottoposto all'approvazione dell'assemblea entro quattro mesi dalla chiusura. Il rendiconto economico e finanziario deve essere redatto con chiarezza e deve rappresentare in modo veritiero e corretto la situazione patrimoniale ed economica - finanziaria dell'associazione, nel rispetto del principio della trasparenza nei confronti degli associati, con separata indicazione dell'eventuale attività commerciale posta in essere accanto all'attività istituzionale. All'associazione è vietato distribuire, anche in modo indiretto, i proventi delle attività, utili o avanzi di gestione nonché fondi, riserve o capitale durante la vita dell'associazione stessa, salvo che la destinazione o la distribuzione non siano imposte dalla legge. ORGANI DELL'ASSOCIAZIONE Art. 13 Sono organi dell'associazione: l'assemblea dei soci; il Consiglio Direttivo; il Presidente; Assemblea Art. 14 L'Assemblea dei soci è l'organo sovrano dell'associazione. Essa è composta da tutti i soci in regola con il pagamento della quota sociale. La partecipazione del socio all'assemblea è stretta- mente personale ed ogni socio ha diritto ad un voto; è ammessa la possibilità di delega scritta di un socio ad un altro socio, il quale non può rappresentare più di due soci nell'ambito della stessa assemblea. L'Assemblea ha tutti i poteri per conseguire gli scopi sociali. Le Assemblee dei Soci possono essere ordinarie e straordinarie. Le Assemblee sono convocate con avviso affisso all'interno dei locali dell'associazione con almeno 10 giorni di preavviso. L'avviso dovrà riportare luogo, data, ora della prima e della seconda convocazione e ordine del giorno dell'assemblea. La seconda convocazione può aver luogo anche mezz'ora dopo la prima. Art. 15 L'Assemblea ordinaria viene convocata almeno una volta all'anno entro quattro mesi dalla chiusura dell'esercizio sociale. Essa: - approva le linee generali del programma di attività per l'anno sociale; - elegge il Consiglio Direttivo; - approva il rendiconto economico - finanziario consuntivo; - delibera su tutte le questioni attinenti alla gestione sociale che non rientrino nella competenza dell'assemblea straordinaria. Art. 16 L'assemblea straordinaria è convocata: - tutte le volte il Consiglio lo reputi necessario; - allorché ne faccia richiesta motivata almeno 1/3 dei soci. - allorché ne facciano richiesta i due probiviri nominati ai sensi dello statuto per provvedere all'elezione del terzo probiviro. L'Assemblea dovrà essere convocata entro 20 giorni dalla data in cui viene richiesta. Essa delibera sullo scioglimento dell'associazione, sulle modifiche allo statuto, su ogni altro argomento di carattere straordinario sottoposto alla sua approvazione dal Consiglio Direttivo. Art. 17 In prima convocazione l'assemblea, sia ordinaria che straordinaria, è regolarmente costituita con la presenza di metà più uno dei soci. In seconda convocazione l'assemblea, sia ordinaria che straordinaria, è regolarmente costituita qualunque sia il numero degli intervenuti e delibera validamente a maggioranza assoluta dei voti dei soci presenti su tutte le questioni poste all'ordine del giorno; Art. 18 Per deliberare sullo scioglimento o sulla liquidazione dell'associazione, è indispensabile la presenza di almeno il 50 %, dei soci e il voto favorevole dei 3/5 dei presenti. In seconda convocazione, e che è validamente costituita qualunque sia il numero degli intervenuti è sufficiente il voto favorevole dei 2/3 dei presenti. Art. 19 Le votazioni possono avvenire per alzata di mano, per acclamazione o a scrutinio segreto. Alla votazione partecipano tutti i soci. Le votazioni per le elezioni alle cariche sociali devono avvenire con votazione a scrutinio segreto. Art. 20 L'Assemblea, tanto ordinaria che straordinaria, è presieduta da un Presidente e un Segretario nominati dall'assemblea stessa; le deliberazioni adottate dovranno essere riportate su apposito libro dei verbali. CONSIGLIO DIRETTIVO Art. 21 Il Consiglio Direttivo è composto da un minimo di 5 consiglieri eletti fra i soci, e dura in carica 2 anni e comunque fino all'assemblea ordinaria che procede al rinnovo delle cariche sociali. Al termine del mandato i consiglieri possono essere riconfermati.

7 164 La guida associativa 2009 Come fare un circolo 165 Art. 22 Il Consiglio elegge nel suo seno il Presidente, il Vice Presidente, il Segretario Amministrativo, e fissa le responsabilità degli altri consiglieri in ordine all'attività svolta dal circolo per il conseguimento dei propri fini sociali (attività culturale, sportiva, turistica, ecc.). E riconosciuto al Consiglio il potere di cooptare altri membri fino ad un massimo di un terzo dei suoi componenti. Le funzioni dei membri del Consiglio Direttivo sono completamente gratuite e saranno rimborsate le sole spese inerenti l'espletamento dell'incarico o eventuali compensi per prestazioni lavorative. Art. 23 Il Consiglio Direttivo si riunisce ordinariamente ogni 4 mesi e straordinariamente ogni qualvolta lo ritenga necessario la Presidenza o ne facciano richiesta un terzo dei consiglieri; in assenza del Presidente la riunione sarà presieduta dal Vice Presidente. Le riunioni del Consiglio Direttivo sono valide quando vi partecipano la maggioranza dei suoi componenti e le deliberazioni saranno valide a maggioranza semplice. In caso di parità prevale sempre il voto del Presidente. Il Consiglio Direttivo decade prima della fine del mandato: a) quando l'assemblea sociale non approvi il rendiconto economico e finanziario consuntivo; b) quando il totale dei suoi componenti sia ridotto a meno di tre. Art. 24 Il Consiglio Direttivo deve: - redigere i programmi di attività sociale previsti dallo Statuto sulla base delle linee approvate dall'assemblea dei Soci; - curare l'esecuzione delle deliberazioni dell'assemblea; - redigere il rendiconto economico - finanziario; - compilare i progetti per l'impiego del residuo del bilancio da sottoporre all'assemblea; - approvare tutti gli atti e contratti di ogni genere inerenti alla attività sociale; - formulare il regolamento interno da sottoporre all'approvazione dell'assemblea; - deliberare circa la sospensione e la radiazione dei soci; - nominare, in caso di necessità, commissioni provvisorie con compiti e poteri particolari; - favorire la partecipazione dei soci alle attività del circolo. Nell'esercizio delle sue funzioni il Consiglio Direttivo può avvalersi di responsabili di commissioni di lavoro da esso nominati. Detti responsabili possono partecipare alle riunioni del Consiglio Direttivo con voto consultivo. Art. 25 Il Presidente ha la rappresentanza e la firma sociale e può aprire e gestire conti correnti o altre forme di finanziamento. In caso di assenza o di impedimento del Presidente tutte le di lui mansioni spettano al Vice Presidente. Due probiviri saranno nominati rispettivamente da ciascuna parte controvertente; il terzo sarà eletto dall'assemblea straordinaria all'uopo convocata su richiesta dei due probiviri nominati dalle parti entro 30 giorni dalla nomina. I probiviri decideranno ex bono et aequo senza formalità di procedura. Il loro lodo sarà inappellabile. Art. 29 Per quanto non compreso nel presente Statuto decide l'assemblea a maggioranza assoluta dei partecipanti. Particolari norme di funzionamento e di esecuzione del presente statuto potranno essere eventualmente disposte con regolamento interno adottato dal consiglio direttivo. SCIOGLIMENTO DEL CIRCOLO Art. 26 La decisione di scioglimento del circolo deve essere presa dalla maggioranza di cui all'art. 18. Art. 27 In caso di scioglimento l'assemblea delibera con la maggioranza prevista dall'art. 18 sulla designazione del patrimonio residuo, dedotte le passività, per uno o più scopi stabiliti dal presente Statuto, o devolverlo ad altra associazione con finalità analoghe o ai fini di pubblica utilità, sentito l'organismo di controllo di cui all'art. 3 comma 190, della legge 23/12/1996, n DISPOSIZIONE FINALE Art. 28 Tutte le eventuali controversie sociali, anche relative all'interpretazione dello Statuto, tra gli associati, tra questi e l'associazione o i suoi organi, tra gli organi e l'associazione, tra i componenti degli organi dell'associazione sono devolute, con esclusione di qualsiasi altra giurisdizione, alla competenza di tre probiviri da designarsi tra i soci con le seguenti modalità.

8 166 La guida associativa 2009 Come fare un circolo 167 DOMANDA DI AMMISSIONE A SOCIO Il sottoscritto/a... nato/a...il residente a... in Via...n...CAP Tel...Codice Fiscale... Fax CHIEDE di essere ammesso, dopo aver preso visione e approvato lo statuto sociale ed il regolamento interno, quale socio della Associazione /circolo... attenendosi a pagare la quota sociale determinata per l'anno.in euro (.). Ricevuta l'informativa sull'utilizzazione dei miei dati personali ai sensi dell'art. 13 del decreto legislativo numero 196 del 30 giugno 2003, recante il nuovo Codice in materia di protezione dei dati personali, consento al loro trattamento nella misura necessaria per il perseguimento degli scopi statuari. Ai sensi dell'art. 13 del decreto legislativo n. 196/2003, recante disposizioni sul nuovo Codice in materia di protezione dei dati personali si informa che i dati da Lei forniti formeranno oggetto di trattamento nel rispetto della normativa sopra richiamata e degli obblighi di riservatezza. Tali dati verranno trattati per finalità istituzionali, quindi strettamente connesse e strumentali all'attività statutaria.il trattamento dei dati avverrà mediante utilizzo di supporto telematico o cartaceo idonei a garantire la sicurezza e la riservatezza. In relazione ai predetti trattamenti Lei potrà esercitare i diritti di cui all'art. 7 del D.lgs. n. 196/2003 (cancellazione, modifica, opposizione al trattamento). AVVISO DI CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA (STRAORDINARIA) (Carta intestata dell'associazione) Oggetto: Avviso di convocazione di Assemblea ordinaria I soci dell'associazione sono convocati in Assemblea ordinaria presso la sede sociale dell'associazione / circolo... per le ore...del...per discutere e deliberare sul seguente ordine del giorno: 1. Relazione del Consiglio Direttivo sull'esercizio sociale Presentazione ed approvazione del bilancio chiuso al......(vedi statuto) 3. Presentazione ed approvazione del bilancio preventivo Programma di attività per l'anno Elezione degli organi sociali 6. Varie ed eventuali L'assemblea sarà validamente costituita, a norma di statuto, con la presenza di almeno il 50% più uno dei soci. Nel caso il numero legale non venisse raggiunto, l'assemblea si intende convocata in seconda convocazione, senza ulteriori avvisi, per le ore... dello stesso giorno (o del...) nella stessa sede e con il medesimo ordine del giorno. Data,... Data... Firma... Il Presidente...

9 168 La guida associativa 2009 Come fare un circolo 169 VERBALE ASSEMBLEA DI I CONVOCAZIONE ANDATA DESERTA (Libro dei verbali delle assemblee) Verbale di Assemblea ordinaria VERBALE ASSEMBLEA DI ASSEMBLEA ORDINARIA (O STRAORDINARIA) (Libro dei verbali delle assemblee) Verbale di Assemblea ordinaria L'anno...il giorno...del mese di...alle ore... presso la sede sociale dell'associazione/circolo, in località...via....si è riunita l'assemblea ordinaria dei soci dell'associazione/circolo.. Il Presidente, constatato che sono presenti n.... soci su n.... iscritti all'associazione, fa rilevare che pur essendo stata l'assemblea regolarmente convocata il numero dei soci presenti non raggiunge quello richiesta dallo statuto per la validità delle assemblee di prima convocazione, dichiara pertanto la riunione convocata in seconda convocazione per le ore... del...e dichiara chiusa la seduta. Il Segretario Il Presidente.. L'anno...il giorno...del mese di...alle ore... presso la sede sociale dell'associazione/circolo, in località...via.... si è riunita l'assemblea ordinaria dei soci dell'associazione.. E' chiamato a presiedere la riunione il Sig... ed a fungere da Segretario il Sig Il Presidente, rilevato che l'assemblea è stata regolarmente convocata a norma di Statuto e che il numero dei presenti supera quello richiesto dallo Statuto per la validità dell'assemblea di prima convocazione. Dichiara pertanto che l'assemblea deve ritenersi pienamente regolare e valida e l'invita a discutere sul seguente ordine del giorno: Il Presidente dell'associazione prende la parola, relazionando sul primo punto all'ordine del giorno La relazione viene allegata al verbale. Si passa al 2 punto all'ordine del giorno (ad es. Il Presidente legge la relazione al bilancio). Alla relazione segue la discussione alla quale partecipano i seguenti soci:... Successivamente l'assemblea approva/delibera all'unanimità (si riportano le decisioni assunte). oppure sono favorevoli i soci contrari i soci.. astenuti i soci Alle ore... essendo esauriti gli argomenti all'ordine del giorno e non avendo altri chiesto la parola, il Presidente dichiara chiusa la seduta. Il Segretario.. Il Presidente..

10 170 La guida associativa 2009 Come fare un circolo 171 VERBALE DEL CONSIGLIO DIRETTIVO (Libro dei verbali del Consiglio Direttivo) Verbale della seduta del Consiglio Direttivo del... A seguito di regolare avviso a cura del Presidente, alle ore...del... presso la sede sociale dell'associazione, si è riunito il Consiglio Direttivo. Sono presenti i sottoelencati membri del Consiglio Direttivo: Il Presidente Sig.... fatta rilevare la regolarità della seduta, invita tutti i convenuti a discutere e deliberare in merito al seguente ordine del giorno: 1) Lettura ed approvazione del verbale precedente seduta 2)... 3)... 4)... Il Segretario apre i lavori con la lettura del verbale della seduta precedente che viene approvato all'unanimità (o con il voto contrario o l'astensione di..). VERBALE NOMINA PRESIDENTE Oggi... alle ore...(al termine dell'assemblea ordinaria dei soci) presso la sede sociale si è riunito il Consiglio Direttivo dell'associazione... per discutere e deliberare sul seguente ordine del giorno: 1) Nomina del Presidente 2) Varie ed eventuali. E' presente l'intero Consiglio Direttivo. Presiede il Sig...., funge da Segretario il Sig.... Il Presidente constatata la validità della seduta apre i lavori informando il Consiglio dell'obbligo statutario di eleggere il nuovo Presidente. Dopo breve discussione l'assemblea alla unanimità delibera di nominare Presidente il Sig.... il quale dichiara di accettare. Null'altro essendovi da discutere la seduta viene tolta alle ore... previa lettura ed approvazione del presente verbale. Il Segretario. Il Presidente. Il Presidente passa ad illustrare il secondo punto all'ordine del giorno.. Alla relazione fa seguito la discussione, alla quale partecipano i consiglieri Successivamente l'assemblea approva/delibera all'unanimità (si riportano le decisioni assunte). oppure sono favorevoli i consiglieri... contrari i soci.. astenuti i soci Essendo stati esauriti gli argomenti all'ordine del giorno e non avendo altri chiesto la parola, il Presidente alle ore... dichiara chiusa la seduta. Il Segretario. Il Presidente.

11 172 La guida associativa 2009 Come fare un circolo 173 VERBALE DELEGA POTERI VERBALE APPROVAZIONE BILANCIO E RINNOVO CONSIGLIO DIRETTIVO Oggi...alle ore...presso la sede sociale si è riunito il Consiglio Direttivo dell'associazione per discutere e deliberare sul seguente ordine del giorno: 1) Rapporti con Istituti di Credito; delega poteri. 2) Varie ed eventuali. E' presente al completo il Consiglio Direttivo. Presiede a norma di Statuto il Sig..., funge da Segretario il Sig.... Sul primo punto il Presidente illustra al Consiglio la necessità di intrattenere rapporti con Istituti di Credito per lo svolgimento dell'attività sociale. Propone quindi che il Consiglio deleghi ad una o più persone il potere di richiedere l'apertura di conti correnti anche allo scoperto. Al termine della discussione che segue il Consiglio, alla unanimità, autorizza, con firma disgiunta, il Presidente ed il Consigliere...a compiere tutte le operazioni di ordinaria amministrazione, compresa la richiesta di fido, con tutti gli Istituti di Credito ed a firmare tutti gli atti che si rendessero necessari in nome e per conto della società. Null'altro essendovi da deliberare la seduta viene tolta alle ore...previa lettura ed approvazione del presente verbale. Il Segretario. Il Presidente. Oggi...alle ore... presso la sede sociale a seguito di regolare convocazione si è riunita in prima/seconda convocazione l'assemblea ordinaria dei soci per discutere e deliberare sul seguente ordine del giorno: 1) Esame ed approvazione del Bilancio chiuso al... 2) Rinnovo del Consiglio Direttivo. Sono presenti n... soci iscritti regolarmente a libro soci. Il Consiglio direttivo è presente al completo. (in caso di assenze indicare i nomi) Presiede a norma di Statuto il Sig..., funge da segretario il Sig.... Il Presidente constatata la validità della seduta e che sono rispettate le maggioranze previste dallo Statuto, dà inizio ai lavori con l'illustrazione del Bilancio chiuso al... Si apre quindi la discussione al termine della quale il Bilancio viene messo in votazione. Il Bilancio viene approvato all'unanimità. Sul secondo punto all'ordine del giorno il Presidente informa che il Consiglio Direttivo è scaduto per fine mandato. Apre quindi la discussione sull'argomento. Al termine l'assemblea all'unanimità nomina quali membri del Consiglio Direttivo i Sigg.... Il nuovo Consiglio Direttivo rimarrà in carica per n...anni. Null'altro essendovi da discutere la seduta viene tolta alle ore... Il Presidente ed il segretario vengono delegati dall'assemblea alla firma del presente verbale. Il Segretario. Il Presidente.

12 174 La guida associativa 2009 Come fare un circolo 175 VERBALE DELLA RIUNIONE DEI REVISORI CONTABILI VERBALE DI PASSAGGIO CONSEGNE L'anno... il giorno... del mese di... presso la sede sociale si è tenuta la riunione del Collegio dei Revisori Contabili. Sono presenti i Revisori Contabili effettivi.. che, in presenza del Segretario del Circolo Sig...., hanno proceduto alla ispezione dei libri sociali, rilevando che la prima nota cassa sono al corrente con le registrazioni a tutto il La cassa presenta i seguenti totali: riscossioni euro...pagamenti euro...saldo in cassa euro... I Revisori Contabili hanno constatato che sul conto corrente n.... vi è un saldo di euro..., che la rimanenza di euro... è effettivamente quella risultante dalla differenza fra il saldo cassa e quanto contenuto nel conto corrente. I Revisori Contabili... riferiscono in merito ai controlli da essi effettuati individualmente nei mesi di... nel corso dei quali hanno controllato le fatture dei fornitori, e le registrazioni, le scritture. Infine il Presidente del Collegio invita il Revisore Contabile... a controllare nei prossimi giorni le bollette di consegna dei fornitori, e il Revisore Contabile...a spuntare i versamenti effettuati dal Cassiere (o Segretario dell'amministrazione). Alle ore...il Presidente del Collegio dei Revisori Contabili dichiara chiusa la seduta. Il Sig.... consegna al Sig... a) i seguenti libri sociali: 1) Libro Soci compilato dalla data...alla data... 2) Libro Verbali Assemblee 3) Libro Verbali Consiglio Direttivo b) i seguenti libri contabili: 1) Libro cassa 2) Libro giornale e inventari (se esistenti) 3) Registri IVA c) copie delle seguenti dichiarazioni (se dovute) 1) IVA relativa agli anni... 2) Redditi relativi agli anni... 3) Sostituti di imposta relativi agli anni... 4) I.C.I. relativa agli anni... d) copia dei bilanci relativi agli anni... e) documentazione contabile e fiscale: 1) fatture di acquisti relative agli anni... 2) fatture di vendita relative agli anni... 3) ricevute fiscali, scontrini fiscali relativi agli anni... I Revisori Contabili.... 4) Mod. F24 relativi agli anni... 5) Altri documenti di spesa relativi agli anni... 6) Estratti conti bancari e documentazione relativa al rapporto con Istituti di Credito relativi agli anni... 7) Contratti per utenze, contratti d'affitto, convenzioni con Enti Pubblici e privati Il Sig...consegna inoltre la documentazione relativa agli impegni di firma assunti da parte dei Consiglieri... Il Sig....consegna infine la situazione debitoria e creditoria alla data odierna. Presidente uscente. Presidente entrante.

13 176 La guida associativa 2009 Come fare un circolo 177 LETTERA DI INCARICO PER RIMBORSI SPESE A PIE' DI LISTA Il sottoscritto... nato a... il...residente in...via... telefono... nella sua qualità di Presidente dell'associazione/circolo affiliato all'aics (Associazione Italiana cultura Sport) con codice fiscale n. così come da delibera del Consiglio Direttivo incarica il Sig nella sua qualità di ad effettuare trasferte e/o missioni per nostro conto secondo il programma predisposto dall'associazione/circolo e a tal fine, ove necessario, lo autorizziamo a usare il proprio automezzo per effettuare i percorsi necessari per i quali gli verrà riconosciuta una indennità di...euro/km. data. (Timbro dell'ente e firma del Presidente)... NOTA SPESE VIAGGIO A...DAL...AL... SIGNOR... N... DATA... TIPO DELLA SPESA IMPONIBILE % I.V.A. TOTALE FATTURE Ristorante/Hotel Acquisti RICEVUTE Ristorante Mancie Viaggi/Autostrada Rimborso Km... a euro...(vedi retro) Posteggi Telefono Bar Taxi TOTALE euro Il sottoscritto dichiara che tutte le spese suelencate sono derivanti dall'incarico conferitogli Allegati n...documenti giustificati di cui alle voci... (1)L'indennità chilometrica prevista non potrà essere superiore alle tabelle ACI esistenti in materia. Il presente modulo può essere compilato sia per ogni trasferta effettuata sia come riepilogo mensile delle trasferte del periodo di riferimento. N.B. se l'importo della ricevuta è superiore a euro 516,46 occorre che il pagamento sia eseguito tramite conti correnti bancari (assegni non trasferibili, giroconti, bonifici) o postali intestati all'associazione sportiva o mediante carte di credito o bancomat (art. 4 D.M. n. 473 del 26/11/1999, modificato dall'art. 37 legge 342/2000). Se l'importo della ricevuta supera euro 77,47 applicare sull'originale una marca da bollo da euro 1,81

14 178 La guida associativa 2009 Come fare un circolo 179 NOTA DI RIMBORSO SPESE CHILOMETRICHE PER USO AUTOMEZZO PROPRIO A UFFICIO AMMINISTRAZIONE Nome e Cognome... Ufficio di appartenenza... Tipo di autovettura e targa... RICEVUTA GENERICA RILASCIATA AI SENSI DELL'ART.37 L.342/2000 E D.M.473/99. All'associazione sportiva: Data Percorso Motivazione del viaggio Km percorsi Il sottoscritto... nato a... il... e domiciliato a... in Via...Codice Fiscale...nella sua qualità di...di codesta società sportiva, come da lettera di incarico del..., dichiara di ricevere per le prestazioni effettuate nel periodo... : la somma complessiva di euro... dedotto Ritenuta d'imposta 23,90% euro... Importo netto da pagare euro... Ai sensi dell'art.37 Legge 342/2000 non sono soggette a ritenuta le somme fino a euro 7.500,00 annui per persona Ai sensi e per gli effetti dell'art. 37 della L. 342/00 dichiaro: Di non avere percepito, alla data odierna nell'anno..., alcun compenso della stessa natura. Di aver percepito, alla data odierna nell'anno..., compensi della stessa natura per euro....esclusa la somma indicata nel presente rimborso. Di non aver superato, inclusa la somma indicata nel presente rimborso, il limite di euro 7.500,00. Marca da bollo di euro 1,81 se la somma supera euro 77,47 Data... Firma... Totale Km.... x euro/km... TOTALE euro... Io sottoscritto...dichiaro pertanto di aver percorso Km...nell'espletamento degli incarichi affidatemi. Data... Firma...

15 180 La guida associativa 2009 Come fare un circolo 181 RICEVUTA PREMI GARE RILASCIATA AI SENSI DELL'ART.37 L.342/2000 E D.M.473/99. All'associazione sportiva: LETTERA DI INCARICO PER PRESTAZIONI CONNESSE A MANIFESTAZIONI SPORTIVE Al Sig.... Nella sua qualità di... Il sottoscritto... nato a... il... e domiciliato a... in Via...Codice Fiscale...nella sua qualità di... dichiara di ricevere, quale premio nella gara del... la somma complessiva di euro... dedotto Ritenuta d'imposta 23,90% euro... Importo netto da pagare euro... Ai sensi dell'art.37 Legge 342/2000 non sono soggette a ritenuta le somme fino a euro 7.500,00 annui per persona Il sottoscritto dichiara, sotto la propria responsabilità, di non aver superato, con il pagamento della suddetta indennità, il limite di euro 7.500,00 previsto dall'art. 37, legge 342/00. Data... Marca da bollo di euro 1,81 se la somma supera euro 77,47 Firma... A seguito della delibera del Consiglio Direttivo dell'associazione ed a seguito degli incontri intervenuti nei giorni scorsi sono con la presente a confermarle che la nostra Associazione intende avvalersi della sua collaborazione per lo svolgimento delle proprie attività sportive. Come verbalmente concordato Lei assumerà il seguente incarico... Considerata la particolare natura della nostra associazione che si avvale del contributo volontario dei propri soci, svolgerà il Suo incarico in collaborazione ed in alternanza con altri nostri soci e/o collaboratori. La preghiamo pertanto di comunicarci i giorni nei quali intende prestare la sua collaborazione al fine di procedere alla stesura di un programma di lavoro. Per ogni prestazione giornaliera Le verrà riconosciuto un rimborso di Euro... ed un rimborso chilometrico di Euro... Come verbalmente comunicato il pagamento dei suddetti rimborsi avverrà in base alle disponibilità di cassa dell'associazione e quindi potranno non avere cadenza regolare. Il presente incarico è regolato dalla legge 342/2000 art. 37. Le ricordiamo che all'atto del pagamento, che avverrà dietro presentazione dell'allegata nota di rimborso spese, dovrà autocertificarci eventuali compensi della stessa natura a Lei erogati da altre associazioni. Distinti saluti IL PRESIDENTE...

16 182 La guida associativa 2009 Come fare un circolo 183 LETTERA DI INCARICO PER PRESTAZIONI CONNESSE A MANIFESTAZIONI SPORTIVE DI BILANCIO Al Sig.... BILANCIO AL.../.../... Oggetto: lettera di incarico per lo svolgimento di attività sportiva dilettantistica Facciamo seguito agli accordi verbali intercorsi per confermarle, con la presente, che la nostra associazione intende avvalersi della Sua collaborazione per lo svolgimento delle proprie attività sportive. Il presente incarico è regolato dalla legge 917/1986 art. 67, comma 1, lettera m. essendo la nostra associazione affiliata all'... Ente di promozione sportiva riconosciuto. L'incarico, come verbalmente concordato, sarà il seguente L'incarico dovrà essere svolto nel rispetto delle direttive programmatiche generali dell'associazione, secondo un programma concordato fra le parti e tenuto conto degli orari di disponibilità dei locali e delle attrezzature a disposizione dell'associazione. Dovrà essere svolto personalmente ed in piena autonomia, senza vincoli di subordinazione. Il luogo di svolgimento della prestazione è presso... La durata del presente incarico è la seguente: dal...al... Il compenso per il presente incarico è di Euro..., da liquidarsi... Trattandosi di prestazione fuori campo IVA in quanto viene da Lei svolta occasionalmente e non quale attività professionale né in forma di impresa, il pagamento avverrà dietro presentazione di regolare ricevuta rilasciata nel rispetto della disciplina prevista dell'art. 37 della legge 342/2000. ATTIVITÀ Commerciale Istituzionale Complessivo STATO PATRIMONIALE ATTIVITA' IMMOBILIZZAZIONI CREDITI: - Depositi Cauzionali - Anticipi a fornitori - Crediti - Crediti verso Erario DISPONIBILITA' LIQUIDE: - Cassa - Banca c/c attivo RIMANENZE FINALI RATEI E RISCONTI ATTIVI TOTALE ATTIVITA' PASSIVITA' DEBITI - Fornitori - Banca c/c passivo - Verso Soci - Debiti diversi - Debiti verso erario FONDI AMM.TO IMMOBILIZZ. RATEI E RISCONTI PASSIVI - Avanzo es. preced. da reinvest. - Avanzo/Disavanzo di gestione TOTALE PASSIVITA'

17 184 La guida associativa 2009 Come fare un circolo 185 DI BILANCIO (segue dalla pagina precedente) ATTIVITÀ Commerciale Istituzionale Complessivo CONTO ECONOMICO ENTRATE QUOTE ASSOCIATIVE ATTIVITA' SOCIALI (1) RACCOLTE DI FONDI PROVENTI DA PUBBLICITA IVA FORFETIZZATA CONTRIBUTI PROVENTI VARI PROVENTI GEST. IMP. SPORTIVI INTERESSI ATTIVI RIMANENZE FINALI TOTALE ENTRATE USCITE QUOTE ASSOCIATIVE ATTIVITA' SOCIALI (1) PERSONALE DIPENDENTE COLLAB. COORD. CONTIN. RENDICONTO DELLE RACCOLTE PUBBLICHE DI FONDI ASSOCIAZIONE... Via... Città.... Cod. fisc..... RENDICONTO EX ART. 20, comma 2, D.P.R. n. 600/73 Raccolta pubblica di fondi per la ricorrenza...del... n.p Descrizione Entrate Uscite 1. Contributi ricevuti da soci 2. Contributi ricevuti da privati 3. Contributi ricevuti da imprese 4. Contributi ricevuti da enti pubblici 5. Contributi ricevuti da altre associazioni Spese per 11. Spese per 12. Spese per 13. Spese per 14. Spese per 15. Spese per TOTALE ENTRATE E USCITE Residui attivi TOTALE GENERALE RIMBORSI LEGGE 342/2000 SPESE GESTIONI IMPIANTI SPESE GENERALI RIMANENZE INIZIALI CONTRIBUTI ONERI FINANZIARI IMP. TASSE AMMORTAMENTI TOTALI USCITE Avanzo /Disavanzo di gestione TOTALE A PAREGGIO (1) Le voci di entrata e di spesa possono essere suddivise per tipo di attività (sportiva-ricreativa o per settore (teatro-ballo-bar-calcio-tennis) sulla base delle esigenze delle singole associazioni

18 186 La guida associativa 2009 Come fare un circolo 187 RICEVUTA PER EROGAZIONE LIBERALE DI ASSOCIAZIONE AFFILIATA AICS E CHE SVOLGE ATTIVITÀ RICREATIVA CULTURALE DI ASSOCIAZIONE AFFILIATA AICS CHE SVOLGE ATTIVITÀ SPORTIVA (CARTA INTESTATA ASSOCIAZIONE/CIRCOLO) L'Associazione..., affiliata AICS, con sede a... C.F....iscritta nel Registro Provinciale delle Associazioni di Promozione Sociale della Provincia di... DICHIARA di ricevere dalla Ditta...la somma di Euro..., quale contributo liberale e volontario per il raggiungimento dei propri scopi sociali. Ai sensi dell'art. 100 del DPR 917/86, la somma suindicata è deducibile dal reddito, nella misura massima di euro 1.549,37. L'iscrizione nel Registro Provinciale delle APS è condizione per la deduzione fiscale. RICEVUTA PER EROGAZIONE LIBERALE Località... data... Egr. Sig./Sig.ra/Spett.le Ditta codice fiscale... Il sottoscritto..., nella sua qualita' di Presidente dell'associazione/circolo di cui in intestazione dichiara di aver ricevuto da Lei in data odierna la somma di euro (...) quale erogazione liberale corrisposta a favore dell'attività istituzionale dell'associazione/circolo stesso. In fede Il Presidente.. Ai sensi dell'art. 15 del DPR 917/86 la somma suindicata è deducibile dal reddito nella misura massima di euro

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via 1 ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via Pitagora n. 7 alle ore 20,00 si sono riuniti i Sigg.: - Iacobellis

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede)

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) 1) E costituita, nel rispetto del Codice Civile, della Legge 383/2000 e della normativa in

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART.

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART. STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART. 1 E costituita, nello spirito della Costituzione della Repubblica

Dettagli

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta)

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 Articolo -1 Denominazione e sede sociale STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 - E costituita con sede in. ( ) Via un Associazione sportiva, ai sensi degli art. 36 e ss. Codice Civile denominata

Dettagli

CAPITOLO I - COSTITUZIONE

CAPITOLO I - COSTITUZIONE CAPITOLO I - COSTITUZIONE ART. 1- FONDAZIONE E' fondata per coloro che aderiscono e aderiranno al presente statuto, che prende vigore immediato, un' associazione per la pratica e la diffusione del Viet

Dettagli

STATUTO DELLA S.I.A.

STATUTO DELLA S.I.A. STATUTO DELLA S.I.A. Art. 1 È costituita a tempo indeterminato una Associazione sotto la denominazione Società Italiana di Agopuntura S.I.A. Art. 2 La Società Italiana di Agopuntura ha lo scopo di dare

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione

Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione Articolo 1 - Costituzione E' costituita una Associazione denominata: Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione (CIIP)

Dettagli

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti STATUTO del CNCP Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE E costituita ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile un Associazione di rappresentanza,

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

ASSOCIAZIONE ORTI URBANI TRE FONTANE

ASSOCIAZIONE ORTI URBANI TRE FONTANE ASSOCIAZIONE ORTI URBANI TRE FONTANE sede: Casella Postale N.6 C/O Ufficio Postale Rm 161 Via della Fotografia 107 00142 Roma Mail: orti.urbani.tre.fontane@gmail.com REGOLAMENTO INTERNO Art. 1 - Scopo

Dettagli

STATUTI DELLA SEZIONE BELLINZONA E VALLI DEL CLUB ALPINO SVIZZERO

STATUTI DELLA SEZIONE BELLINZONA E VALLI DEL CLUB ALPINO SVIZZERO STATUTI DELLA SEZIONE BELLINZONA E VALLI DEL CLUB ALPINO SVIZZERO I GENERALITÀ Natura giuridica Art. 1. La sezione Bellinzona e Valli del Club Alpino Svizzero (detta in seguito semplicemente Sezione) è

Dettagli

OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA SEGGIANO D.O.P. (EX CONSORZIO OLIVASTA SEGGIANESE)

OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA SEGGIANO D.O.P. (EX CONSORZIO OLIVASTA SEGGIANESE) STATUTO DI CONSORZIO DI TUTELA VOLONTARIO OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA SEGGIANO D.O.P. (EX CONSORZIO OLIVASTA SEGGIANESE) ART. 1 (Denominazione e Sede) E costituito il Consorzio tra produttori di Olio extravergine

Dettagli

Statuto ATTO ESENTE IN MODO ASSOLUTO DA DALL IMPOSTA DI BOLLO AI SENSI DEL dpr642/72 art.27bis

Statuto ATTO ESENTE IN MODO ASSOLUTO DA DALL IMPOSTA DI BOLLO AI SENSI DEL dpr642/72 art.27bis Statuto ATTO ESENTE IN MODO ASSOLUTO DA DALL IMPOSTA DI BOLLO AI SENSI DEL dpr642/72 art.27bis Art. 1 - Denominazione E' costituita nel rispetto del codice civile e della L 383/2000 l'associazione di promozione

Dettagli

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio;

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio; 5) GESTIONE DELL UFFICIO SVILUPPO TURISTICO, CULTURALE, RICETTIVO VALLI JONICHE Comuni di Pagliara, Mandanici, Itala, Scaletta Zanclea, Ali Terme, Ali, Nizza di Sicilia, Roccalumera, Fiumedinisi. S T A

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1

REGOLAMENTO. Articolo 1 REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina, a norma di quanto disposto dallo Statuto, le norme applicative per l organizzazione ed il funzionamento del CRAL e dei suoi organismi, e stabilisce, in prima

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

ARTICOLI GENERALI Articolo 1 (Denominazione) Articolo 2 (Sede Legale) Articolo 3 (Finalità e attività) costruzione di un centro

ARTICOLI GENERALI Articolo 1 (Denominazione) Articolo 2 (Sede Legale) Articolo 3 (Finalità e attività) costruzione di un centro 1 ARTICOLI GENERALI Articolo 1 (Denominazione) È istituita per opera dei coniugi GASPARINI LUCIANO e PRAVATO CANDIDA, l Associazione UNA NUOVA SPERANZA O.N.L.U.S. con sede in Mirano (VE) Scaltenigo Via

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382

DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382 DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382 Norme sui Consigli degli Ordini e Collegi e sulle Commissioni centrali professionali Pubblicato nella Gazzetta ufficiale n. 98 del 23 Dicembre

Dettagli

S T A T U T O ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. Affiliata FIPSAS - CONI

S T A T U T O ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. Affiliata FIPSAS - CONI S T A T U T O Art. 1 - Al fine di collaborare con g1i Organi preposti alla tutele dell ambiente lagunare, nonché per conservare e razionalizzare le attività sportive che in esso vengono svolte durante

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ISCRIZIONE DI UN ASSOCIAZIONE AL REGISTRO REGIONALE DEL VOLONTARIATO

LINEE GUIDA PER L ISCRIZIONE DI UN ASSOCIAZIONE AL REGISTRO REGIONALE DEL VOLONTARIATO LINEE GUIDA PER L ISCRIZIONE DI UN ASSOCIAZIONE AL REGISTRO REGIONALE DEL VOLONTARIATO Giunta Regionale d Abruzzo Ufficio Pari Opportunità Via Leonardo da Vinci, 6-67100 L Aquila Tel. 0862.363374 3424

Dettagli

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE.

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. Parte prima Premessa Il presente accordo assume la disciplina generale

Dettagli

Statuto della "Federazione Tessile e Moda" in forma abbreviata "SMI Sistema Moda Italia" TITOLO I - COSTITUZIONE, SEDE, SCOPI

Statuto della Federazione Tessile e Moda in forma abbreviata SMI Sistema Moda Italia TITOLO I - COSTITUZIONE, SEDE, SCOPI Statuto della "Federazione Tessile e Moda" in forma abbreviata "SMI Sistema Moda Italia" TITOLO I - COSTITUZIONE, SEDE, SCOPI ARTICOLO 1 - COSTITUZIONE E DENOMINAZIONE E' costituita la Federazione delle

Dettagli

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE INTRODUZIONE Uno degli obiettivi che il nuovo consiglio federale si è posto all atto del proprio insediamento

Dettagli

a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche

a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche 1)Pubblicata nel B.U. 7 novembre 1995, n. 51. Art. 1 (Ambito di applicazione) (1) Tutte le istituzioni scolastiche

Dettagli

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D.

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. Convegno del 7 dicembre 2010 Dott. ssa Mariangela Brunero Il rendiconto: criteri e modalità di redazione ed approvazione Introduzione Attività

Dettagli

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno di martedì trenta del mese di giugno, alle ore 10 e

Dettagli

STATUTO DEL CONSORZIO TRA I COMUNI DI BORGARO TORINESE E CASELLE TORINESE

STATUTO DEL CONSORZIO TRA I COMUNI DI BORGARO TORINESE E CASELLE TORINESE STATUTO DEL CONSORZIO TRA I COMUNI DI BORGARO TORINESE E CASELLE TORINESE ART. 1- DENOMINAZIONE E NATURA DEL CONSORZIO 1. Il Consorzio già esistente tra i Comuni, nel cui territorio ricade la Frazione

Dettagli

CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA

CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA STATUTO FEDERALE CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA APPROVATO CON DELIBERA PRESIDENTE CONI N. 130/56 E RATIFICATO DALLA GIUNTA C.O.N.I. IL 4/9/2012 INDICE

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

La legge sul Volontariato della Regione Lazio

La legge sul Volontariato della Regione Lazio La legge sul Volontariato della Regione Lazio Legge 29 del 1993 Art. 2 Attività ed organizzazioni di volontariato 1. Ai sensi dell'art. 2 della legge n. 266 del 1991: a) l'attività di volontariato disciplinata

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

Realizzazione e Gestione servizi pubblici locali S.p.A. COGEIDE S.p.A. STATUTO Allegato C al rep. n. 2.728/1.872

Realizzazione e Gestione servizi pubblici locali S.p.A. COGEIDE S.p.A. STATUTO Allegato C al rep. n. 2.728/1.872 Realizzazione e Gestione servizi pubblici locali S.p.A. COGEIDE S.p.A. STATUTO Allegato C al rep. n. 2.728/1.872 Art. 1) Denominazione E' costituita, ai sensi dell'art. 113 lett. e) del D.Lgs. 18.08.2000

Dettagli

PONTIFICIA ACADEMIA PRO VITA

PONTIFICIA ACADEMIA PRO VITA PONTIFICIA ACADEMIA PRO VITA FONDAZIONE VITAE MYSTERIUM NUOVO STATUTO DELLA FONDAZIONE VITAE MYSTERIUM Preambolo La Fondazione autonoma "Vitae Mysterium" è stata eretta canonicamente dall'em.mo Card. Angelo

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

CONSORZIO DI TUTELA OLIVA DA MENSA D.O.P. LA BELLA DELLA DAUNIA -"CULTIVAR BELLA DI CERIGNOLA" STATUTO

CONSORZIO DI TUTELA OLIVA DA MENSA D.O.P. LA BELLA DELLA DAUNIA -CULTIVAR BELLA DI CERIGNOLA STATUTO CONSORZIO DI TUTELA OLIVA DA MENSA D.O.P. LA BELLA DELLA DAUNIA -"CULTIVAR BELLA DI CERIGNOLA" STATUTO Articolo 1 Costituzione, sede durata È costituito, ai sensi dell'art.2602 del Codice Civile e della

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

Relazione del collegio

Relazione del collegio Relazione del collegio revisori i dei conti RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI SUL RENDICONTO DELL'ESERCIZIO 2013 DEL PARTITO "IL POPOLO DELLA L1BERTA'" Il Collegio dei revisori composto dai

Dettagli

STATUTO TITOLO I DENOMINAZIONE, SEDE, DURATA

STATUTO TITOLO I DENOMINAZIONE, SEDE, DURATA STATUTO TITOLO I DENOMINAZIONE, SEDE, DURATA Articolo 1 (costituzione e denominazione) È costituita con sede presso il Comune di Brugherio la Società Cooperativa denominata "Il Brugo società cooperativa

Dettagli

COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O

COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O 1. Costituzione In applicazione della normativa nazionale ed europea al fine di: - Promuovere le politiche di pari

Dettagli

Statuti CAS Sezione Bregaglia

Statuti CAS Sezione Bregaglia Statuti CAS Sezione Bregaglia Art. 1 Costituzione Sotto il nome Club Alpino Svizzero (detto in seguito CAS) Sezione Bregaglia è costituita un associazione retta dal presente statuto e dagli art. 60 e seguenti

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Regolamento per l'elezione dei rappresentanti dei dipendenti al consiglio di fondazione

Regolamento per l'elezione dei rappresentanti dei dipendenti al consiglio di fondazione Swiss Life SA, General-Guisan-Quai 40, Casella postale, 8022 Zurigo Fondazione collettiva LPP Swiss Life, Zurigo (Fondazione) Regolamento per l'elezione dei rappresentanti dei dipendenti al consiglio di

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI La Parrocchia Art. 1. La parrocchia è una persona giuridica pubblica, costituita con decreto dell Ordinario Diocesano (can. 515,3 ), riconosciuta

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI

REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI REGOLAMENTO DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI Titolo primo L Associazione Italiana Arbitri Capo primo: Natura, funzioni e poteri. Art. 1 Natura e funzione 1.L Associazione Italiana Arbitri (AIA) è l associazione

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF)

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) INDICE Articolo 1 - Finalità e natura dell Ente 2 Articolo 2 - Attività dell INAF 3 Articolo 3 - Principi di organizzazione 5 Articolo 4 - Organi 6

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia Normativa sulla Trasparenza Bancaria Foglio informativo sulle operazioni e servizi offerti alla clientela 5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Valconca

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana Ambito dell'accesso REGOLAMENTO PER L'ACCESSO AGLI ATTI ED AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI DELL'ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA (G.U.R.S. n. 28 del 20/06/2008)

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI Adottata dal Consiglio d'europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 Preambolo Gli Stati membri del Consiglio d'europa e gli altri Stati, firmatari

Dettagli

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE "M. T. CICERONE" RMPC29000G Via Fontana Vecchia, 2 00044 FRASCATI tel. 06.9416530 fax 06.9417120 Cod.

Dettagli

Fondazione collettiva Swiss Life Invest, Zurigo. Atto di fondazione. (Fondazione) Entrata in vigore: 1 dicembre 2011

Fondazione collettiva Swiss Life Invest, Zurigo. Atto di fondazione. (Fondazione) Entrata in vigore: 1 dicembre 2011 Swiss Life SA, General-Guisan-Quai 40, Casella postale, 8022 Zurigo Fondazione collettiva Swiss Life Invest, Zurigo (Fondazione) Atto di fondazione Entrata in vigore: 1 dicembre 2011 web1486 / 04.2012

Dettagli

ALLEGATO -B- 112065/18206. STATUTO SOCIETA SIA s.r.l. TITOLO I DENOMINAZIONE-NATURA -SEDE-DURATA-SOCI-OGGETTO

ALLEGATO -B- 112065/18206. STATUTO SOCIETA SIA s.r.l. TITOLO I DENOMINAZIONE-NATURA -SEDE-DURATA-SOCI-OGGETTO ALLEGATO -B- 112065/18206 STATUTO SOCIETA SIA s.r.l. TITOLO I DENOMINAZIONE-NATURA -SEDE-DURATA-SOCI-OGGETTO Articolo 1. Denominazione. Natura. 1.1. E' costituita una società a responsabilità limitata

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le società di capitali Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le Società per azioni Art. 2325. Responsabilità. Nella societa' per azioni per le obbligazioni

Dettagli

Emittente: Exprivia S.p.A Sito Web: www.exprivia.it AL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. E S.M.I.

Emittente: Exprivia S.p.A Sito Web: www.exprivia.it AL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. E S.M.I. Statuto sociale con evidenza delle modifiche approvate (AI SENSI DELL ART. IA.2.3.1, CO. 2 DELLE ISTRUZIONI AL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. E S.M.I.) Emittente:

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Progetto Formazione e informazione dei rappresentanti di classe

Progetto Formazione e informazione dei rappresentanti di classe Progetto Formazione e informazione dei rappresentanti di classe Guida pratica del rappresentante dei genitori a cura dell Associazione Per maggiori informazioni consultare il sito www.genitoriescuola.it

Dettagli

GLI ENTI NO PROFIT: Norme giuridiche e fiscali ed adempimenti amministrativi. Ufficio Centrale Orientamento e Formazione Professionale dei Lavoratori

GLI ENTI NO PROFIT: Norme giuridiche e fiscali ed adempimenti amministrativi. Ufficio Centrale Orientamento e Formazione Professionale dei Lavoratori GLI ENTI NO PROFIT: Norme giuridiche e fiscali ed adempimenti amministrativi Ufficio Centrale Orientamento e Formazione Professionale dei Lavoratori 1 INDICE Prefazione Parte prima ENTI NO PROFIT secondo

Dettagli

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. La cancellazione della società senza apertura

Dettagli

Statuto del Partito Democratico

Statuto del Partito Democratico Statuto del Partito Democratico Approvato dalla Assemblea Costituente Nazionale il 16 febbraio 2008 CAPO I Principi e soggetti della democrazia interna Articolo 1. (Principi della democrazia interna) 1.

Dettagli

Legge quadro relativa alla disciplina delle libere professioni. Noi Capitani Reggenti. la Serenissima Repubblica di San Marino

Legge quadro relativa alla disciplina delle libere professioni. Noi Capitani Reggenti. la Serenissima Repubblica di San Marino LEGGE 20 febbraio 1991 n.28 (pubblicata il 26 febbraio 1991) Legge quadro relativa alla disciplina delle libere professioni Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Promulghiamo e

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali?

Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali? Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali? 1 R. Per gli enti non commerciali non sussiste, ai fini civilistici, relativamente

Dettagli

BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU

BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU Ai sensi delle seguenti disposizioni: Legge 02.12.1991, n. 390 Articolo 13 D.P.C.M. 09/04/2001 Articolo 4 comma 17 D.P.C.M. 05/12/2013

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti

Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti Documento Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti Art.1 Scopo del Regolamento 1) Scopo di questo Regolamento e disciplinare l attivita di formazione

Dettagli

HELP 03 RIMBORSI SPESE

HELP 03 RIMBORSI SPESE a cura di Flavio Chistè RIMBORSI SPESE RIMBORSI SPESE Nella gestione ordinaria degli enti non commerciali accade spesso che vengano erogate delle somme ai collaboratori, ai professionisti e ai dipendenti

Dettagli

PARTE I - NORME GENERALI

PARTE I - NORME GENERALI Decreto Legislativo 16 aprile 1994, n. 297 - Testo Unico delle disposizioni legislative vigenti in materia di istruzione, relative alle scuole di ogni ordine e grado (s.o. G.U. n.115 del 19/5/1994) PARTE

Dettagli