Usura Bancaria: Come Trasformare un Problema in Opportunità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Usura Bancaria: Come Trasformare un Problema in Opportunità"

Transcript

1 Usura Bancaria: Come Trasformare un Problema in Opportunità Come controllare I tassi applicati dalle banche in modo rapido e semplice, ed attuare una giusta strategia per ottenere la migliore negoziazione nel caso di superamento del tasso soglia, ovvero in regime di usura! 1 Rosario De Vincenzo

2 Liberati dallo stress, cambia la tua posizione! 2 Suggerimenti e informazioni utili per affrontare con maggiore consapevolezza il controllo dei propri rapporti bancari ai sensi della LEGGE 108/96 relativa ai tassi usurai. Potrai in concreto capire se puoi ribaltare la situazione con la tua banca, e cambiare il tuo ruolo invertendo le posizioni : da debitore a creditore!

3 Sommario PREMESSA... 4 CHI DEVE EFFETTUARE IL CONTROLLO DEI TASSI USURA? Questo e-book risponderà a queste precise domande :... 9 Cos e la Legge 108/96? Come è possibile che in moltissimi casi tanti istituti finanziari hanno applicato interessi usurai? Come si verifica il controllo dei tassi? Cosa succede quando si accerta che il rapporto bancario e usuraio e quali responsabilità? Anche i Dirigenti sono responsabili! Quali conseguenze per il reato di usura? Come negoziare con la mia banca senza litigare? Cosa fare ora? Conclusioni... 27

4 P R E M E S S A Questo e-book forap formazione rapida in pillole, nasce per dare una spinta ad AGIRE,, iniziare a fare, a muoversi nella direzione di far accadere le cose per migliorare la produttività del nostro sistema impresa, ottimizzando i costi digestione e tra questi 4 valutare con attenzione il costo del danaro. Magari per te queste informazioni sono già ben note, magari vuoi soltanto approfondire l argomento, o hai qualche cliente e/o amico che potrebbe essere interessato a capire come fare una verifica dei tassi applicati dalle banche e dalle finanziarie, o addirittura in questo momento ti trovi a valutare per te o per un tuo cliente come affrontare una difesa con la tua banca perché ti e stato richiesto un rientro del fido o messo a revoca o addirittura sei in una fase ancora più avanzata di un procedimento legale. In ogni caso, sappi che è ASSOLUTAMENTE NECESSARIO prima di qualsiasi definizione ione con la tua banca, fare un controllo dei TASSI APPLICATI accertando il superamento o meno dei TASSI SOGLIA, soprattutto se il rapporto è compreso fra il 2001 e il 2010.

5 C H I D E V E E F F E T T U A R E I L C O N T R O L L O D E I T A S S I U S U R A? 5 Questo e-book, nasce su iniziativa di HGM società specializzata nel fornire il servizio di verifica tassi usura con relativa consegna di perizia giurata ai sensi della Legge 108/96, al fine di accertare l applicazione dei tassi usurai da parte delle banche. In tal caso, la situazione sarebbe a totale favore della presunta vittima dell usura (Cliente) che per effetto della legge 108/96 si troverebbe in una posizione di maggiore tutela e spesso capovolgendo la situazione, da debitore a creditore della banca di tutte le somme pagate per interessi e spese dall inizio del rapporto. Ecco uno schema logico delle fasi del controllo che puoi fare avvalendoti del serviziohgm10896 :

6 6 Come puoi notare, il sintetico schema illustra in modo chiaro e semplice ciò che può accadere nel caso di superamento dei tassi soglia, ovvero in regime di usura, cosa molto diffusa da tanti istituti bancari negli ultimi 10 anni e piu. Se stai leggendo questo e-book, significa molto probabilmente che hai anche aderito all iniziativa controlla il tuo conto con il servizio GM108/96 pre-verifica di 2 anni gratis, attraverso la quale hai la possibilità di fare una verifica preventiva sul tuo conto corrente affidato e, se i tassi sono superiori ai tassi soglia (usura), potrai valutare in che modo procedere, con la stesura di una relazione tecnica e/o perizia giurata. Nel caso vuoi avvalerti del servizio scrivi a Sono certo che dopo aver letto questo sintetico e-book forap avrai le idee più chiare e potrai decidere con maggiore cognizione di causa se e come effettuare un controllo dei tassi effettivi globali, soprattutto dopo aver valutato l esito della la relazione del controllo dei 2 anni effettuato su un tuo rapporto di conto corrente affidato. Potrai valutare sulla base dei risultati oggettivi se e come continuare nel controllo dell intero rapporto, affidandoti a dei Professionisti affidabili riservati e preparati. Sarà un piacere assisterti in ogni fase delle diverse attività, interfacciandoci, eventualmente, con i tuoi Consulenti fiduciari e seguire l intero flusso procedurale,

7 oppure se lo desideri, affiancarti in tutti gli aspetti procedurali con professionisti fiduciari della nostra organizzazione. E molto utile che si parli di questo argomento, le imprese e i professionisti possono, attraverso una maggiore conoscenza e consapevolezza, affrontare meglio questo spinoso problema, che davvero e molto diffuso, il problema dell Usura Bancaria. 7 Questo problema riguarda purtroppo tanti imprenditori, professionisti e semplici cittadini, che negli anni si sono indebitati per comprare casa, sviluppare il proprio business, incentivare lo sviluppo e far crescere la propria organizzazione per il proprio benessere e, in piccola parte, per quello dell intera comunità Italia. Le banche e le finanziarie hanno avuto un ruolo primario nell ultimo ventennio, sostenendo tale crescita, favorendo lo sviluppo e cercando di soddisfare le esigenze dei consumatori.

8 Molte banche si sono contraddistinte con servizi eccellenti e di alta qualità percepita, prodotti finanziari con tassi competitivi e in linea con tassi europei, la maggioranza delle banche italiane, hanno lavorato bene, sostenuto lo sviluppo dell intera catena economica del Paese, soprattutto nel mondo produttivo delle imprese e delle famiglie. Tuttavia, come ogni bella favola, c e sempre qualcosa che non va! Si, purtroppo come spesso succede alcune istituzioni finanziarie hanno applicato in passato (e forse qualcuno lo fa ancora oggi),interessi interessi che superano i cosiddetti tassi soglia e quindi interessi usurai. 8 E credibile che una banca non sappia fare i conti? Certo cheno! I banchieri di certo i conti sono la migliore cosa che sanno fare! E allora cosa e successo nel sistema bancario? Io credo sempre alla buona fede, e su questo personalmente non ho dubbi, tuttavia, un piccolo pasticcio si è creato negli ultimi anni. Ecco cosa e successo e quale pasticcio sta accadendo in Italia nel settore dell erogazione, soprattutto cosa è accaduto negli ultimi anni. Questo e-book,, ti darà molti spunti utili per poter comprendere in modo consapevole il fenomeno dell usura bancaria in Italia, ti fornirà dei suggerimenti su cosa puoi fare e in che modo puoi organizzare una efficace strategia per tutelare i tuoi interessi, se anche tu dovessi essere vittima dell usura.

9 Q U E S T O E - B O O K R I S P O N D E R À A Q U E S T E P R E C I S E D O M A N D E : Cos e la Legge 108/96? Come è possibile che in moltissimi casi tanti istituti finanziari hanno applicato 9 interessi usurai? Come si verifica il controllo dei tassi applicati dalla banca? Cosa succede quando si accerta che il rapporto bancario e usuraio e quali responsabilità? Come negoziare con la mia banca senza litigare? Cosa devo fare ora? Per ulteriori informazioni, ti lascio alcuni link dove potrai trovare informazioni utili per tali attività, la modulistica per richiedere gli estratti conto alla banca e ulteriori documenti e sentenze specifiche, e ricordati per attivare il servizio di controllo a condizioni esclusive, avvalendoti del servizio di pre-verifica gratuito di 2 anni, scrivi a: - visita il sito Per il momento ti auguro buona lettura, ti riamando all ultima pagina per passare dalla fase A alla fase B, ovvero da come trasformare un Problema in opportunità!

10 C O S E L A L E G G E / 9 6? La legge n. 108/1996 tutela i cittadini dal reato di usura, l usura tradizionale quella criminale che purtroppo frequentemente perpetrato dalle aziende operanti sul mercato del credito. 10 Il reato di cui all art. 108/96 ha una rilevanza sia civile che penale, infatti le conseguenze non sono solo amministrative (restituzione di tutte le spese e commissioni prelevate- interessi eventuali danni se accertati...) ma anche penali (reclusione fino a cinque anni, con pena aumentata della metà per l aggravante di aver commesso il fatto nell esercizio di un attività di intermediazione finanziaria). Il costo effettivo di un finanziamento infatti, sia esso mutuo, fido in conto corrente, regolamento di effetti auto-liquidanti (salvo buon fine -factoring riba ), non coincide con il solo tasso nominale (o tasso apparente),, quanto piuttosto con il T.E.G. (tasso effettivo globale), comprensivo cioè di tutte le remunerazioni connesse al finanziamento a qualsiasi titolo percepite dal creditore eccetto imposte e tasse. Questo è infatti il concetto sul quale si basa la disciplina della legge 108/1996 la quale determina il cosiddetto "tasso soglia", ovvero la misura matematica oltre la quale gli interessi sono sempre usurari: la normativa vigente estende dunque il concetto di interesse passivo a qualsiasi tipo di remunerazione percepita dall istituto di credito al fine di evitare l applicazione di usura "legalizzata", ovvero con tassi nominali apparentemente entro i limiti ma con tassi effettivi notevolmente eccedenti livelli considerabili equi. L applicazione di tassi di interesse effettivi superiori al tasso soglia determinato dalla legge 108/96, fa sì che il correntista sia tendenzialmente gravato da un debito via via sempre maggiore il quale va a generare interessi passivi sempre più elevati, determinando una materiale difficoltà per il soggetto a ritornare in attivo. Spesso tali situazioni precipitano con la dichiarazione di fallimento dell impresa o con il pignoramento dei beni immobili concessi ad ipoteca alla banca creditrice. Anche nell ambito della giurisprudenza, la giustizia sta muovendo passi ben definiti al fine di contrastare il fenomeno usurario, ci sono oramai numerose sentenze nei diversi

11 gradi di giudizio che man mano hanno affrontato molti casi di questo tipo, stabilendo di volta in volta principi molto importanti. Quello maggiormente rilevante, e la sentenza n del marzo della seconda Sezione Penale della Suprema Corte di Cassazione nella quale si afferma: di considerare rilevanti, ai fini della determinazione della fattispecie di usura, tutti gli oneri che un utente sopporti in connessione con il suo uso del credito. 11 Tra essi rientra indubbiamente la commissione di massimo scoperto, trattandosi di un costo indiscutibilmente collegato all erogazione del credito. e quindi stabilisce: Ciò comporta che nella determinazione del tasso effettivo globale praticato da un intermediario finanziario nei confronti del soggetto fruitore del credito deve tenersi conto anche della commissione di massimo scoperto, ove praticata,, smentendo in tal modo la tesi portata avanti per anni dagli Istituti bancari, in primis da Banca d Italia. Il TEG, acronimo di Tasso Effettivo Globale è la procedura da applicare al rapporto di c/c o di altra operazione finanziaria al fine di stabilire il tasso effettivamente applicato derivante dal rapporto stesso. Al fine di determinare una misura oltre la quale il tasso applicato diviene illegittimo il Ministero del Tesoro stabilisce trimestralmente il tasso soglia che gli interessi applicati non devono superare. Il concetto sul quale si basa la disciplina della L. 108/96 è quello di estendere il concetto di interesse passivo a qualsiasi tipo di remunerazione percepita dall istituto di credito al fine di evitare l applicazione di tassi nominali apparentemente entro i limiti ma con tassi effettivi eccedenti i livelli considerabili equi. Il TEG è un valore espresso in percentuale che contiene tutti gli oneri bancari che il correntista o il mutuatario sostiene per godere di una determinata somma di denaro di esclusiva proprietà della banca. I criteri da seguire per la determinazione ione del TEG sono quelli dettati dal comma 1 dell art. 1 della L. 108/96, che riprendono quelli seguiti per il calcolo del TAEG previsti dall art.122, comma 1 T.U.B., nonché dall art. 644 c.p. Nella determinazione del tasso usuraio, hanno rilevanza tutti gli oneri connessi all uso

12 del creditoe, e, dunque, anche la commissione di massimo scoperto. Stante il disposto dell art. 644, comma 4, c.p. a detta del quale per la determinazione del tasso di interesse usurario si tiene conto delle commissioni, delle remunerazioni a qualsiasi titolo e delle spese, escluse quelle per imposte e tasse, collegate all erogazione del credito ai fini della determinazione della fattispecie di usura occorre considerare rilevanti tutti gli oneri che un utente supporti in connessione con il suo uso del credito. 12 Tra tali oneri rientra la commissione di massimo scoperto, trattandosi di un costo indiscutibilmente collegato all erogazione del credito, atteso che ricorre tutte le volte in cui il cliente utilizza concretamente lo scoperto di conto corrente, e funge da corrispettivo per l onere, a cui l intermediario finanziario si sottopone, di procurarsi la necessaria provvista di liquidità e tenerla a disposizione del cliente. Pertanto, nella determinazione del tasso effettivo globale praticato da un intermediario nei confronti del soggetto fruitore del credito deve tenersi conto della commissione di massimo scoperto, ove prevista. In tema di usura, ai fini della valutazione dell eventuale carattere usuraio del tasso effettivo globale (TEG) di interesse praticato da un istituto ituto di credito deve tenersi conto anche della commissione di massimo scoperto praticata sulle operazioni di finanziamento per le quali l utilizzo del credito avviene in modo variabile. (La sentenza: II sezione penale della Suprema Corte di Cassazione, n depositata il 26 marzo 2010)

13 C O M E È P O S S I B I L E C H E I N M O L T I S S I M I C A S I T A N T I I S T I T U T I F I N A N Z I A R I H A N N O A P P L I C A T O I N T E R E S S I U S U R A I? Fin dall inizio le Istruzioni della Banca d Italia avevano escluso dagli elementi da utilizzare nella formula di matematica finanziaria per il calcolo del t(a)eg la commissione di massimo scoperto, la quale veniva rilevata separatamente e poi pubblicata come una nota nella tabella allegata al trimestrale decreto ministeriale contenente l indicazione del tassi medi per le varie categorie di credito. 13 Proprio alla luce di ciò e di quanto detto nel precedente capitolo, per effetto della sentenza della II Sezione Penale della Corte Suprema della Cassazione del marzo 2010, la formula del calcolo del T.E.G. (tasso effettivo globale) deve includere anche le spese di commissioni di massimo scoperto e le spese varie. Fino a prima di questa importante sentenza, vi erano numerosi giudizi nei diversi gradi (1-2 appello 3 Cassazione) per i quali alcuni già accertavano le commissioni di massimo scoperto e spese, come somme da inserire nella formula del TEG ed altri invece facevano una distinzione tra gli interessi, le spese e le commissioni di massimo scoperto, in applicazione delle disposizioni da parte della Banca d Italia. Per effetto di queste nuove disposizioni, molti rapporti bancari sono diventati ufficialmente usurai e non sono piùdifendibili da parte delle stesse banche. Il calcolo e molto preciso e oggettivo! Probabile che i tassi fossero anche prima di questa importante novità al di sopra dei tassi soglia, tuttavia, oggi per il calcolo della formula del TEG al fine di verificare il superamento dei cosiddetti tassi soglia si deve inevitabilmente tener conto delle spese accessorie correlate all utilizzo dell affidamento come quota interesse. Inoltre vi e una ulteriore precisazione che la stessa sentenza ha chiarito ancora di più in merito all applicazione dei tassi usurai : il concetto dell Usura Oggettiva e Usura Soggettiva. Quando il tasso effettivo globale è superiore al tasso soglia, ci troviamo d innanzi ad un Superamento Oggettivo o Usura oggettiva - ovvero, il TEGe superiore al tasso soglia in modo certo e matematico. L altra fattispecie di usura è descritta dalla seconda parte del terzo comma dell art. 644 c.p., e prevede che Sono altresì usurari gli interessi, anche se inferiori al tasso-soglia

14 trimestrale, che... risultano comunque sproporzionati rispetto alle prestazioni di denaro o di altra utilità ovvero all opera di mediazione, quando chi li ha dati o promessi si trova in condizioni di difficoltà economica o finanziaria. In questo caso il TEG applicato, pur non essendo superiore al tasso soglia, per le specifiche circostanze, viene considerato un applicazione del TEG in superamento soggettivo o Usura Soggettiva. 14 L Usura oggettiva si manifesta quando il TEG e superiore al tasso soglia del trimestre, mentre per l Usura Soggettiva la sentenza affronta anche l aspetto soggettivo del reato di usura, cioè dell intenzione di coloro che predispongono, concludono e/o chiedono l esecuzione dell accordo usurario, essendo l usura un reato-contratto. L usura soggettiva si ha quando c è l approfittamento di una situazione di difficoltà economica o finanziaria di un soggetto e per il suo accertamento si ha riguardo soprattutto al tasso medio, come prevede espressamente la legge (art. 644 c.p. terzo comma seconda parte). Schema usura soggettiva e oggettiva :

15 C O M E S I V E R I F I C A I L C O N T R O L L O D E I T A S S I? Esistono tanti tassi soglia, per tipologia di operazione finanziaria. I tassi soglia, sono i tassi massimi che le aziende erogatrici di finanziamenti non possono superare, per non incappare nelle conseguenzepreviste per i reati d usura. Dopo la sentenza della II Sezione Penale della Corte Suprema della Cassazione del marzo 2010, anche la Banca d'italia ha emanato le nuove regole per la rilevazione trimestrale dei tassi effettivi globali (TEG) medi utilizzati per la individuazione dei tassi soglia ai fini della normativa in materia di usura. 15 Le istruzioni prevedono tassi soglia inclusivi di ogni onere a carico del cliente, in modo da contrastare le prassi di applicare costi al di fuori del limite anti-usura e consentire verifiche chiare sulle condizioni economiche applicate alla clientela. Le principali novità riguardano l'inclusione tra i costi che determinano il tasso soglia anche di polizze assicurative, compensi per i mediatori, e tutte le forme di remunerazione diverse dal tasso so di interesse, come le commissioni di massimo scoperto e quelle per la messa a disposizione dei fondi nei limiti e alle condizioni consentiti dal legislatore. Tutto ciò che viene pagato dal cliente all istituto l istituto per l utilizzo della somma concessa. Per verificare l applicazione di un tasso legittimo al proprio finanziamento, occorre confrontare il costo complessivo del finanziamento con il tasso soglia in vigore al momento della sottoscrizione oscrizione del contratto. Il TEG deve essere indicato obbligatoriamente e nel contratto. I tassi soglia vengono calcolati trimestralmente dalla Banca d Italia, e si basano sulla osservazione dei tassi rilevati sul mercato nel trimestre precedente e aumentati del 50% (fino a prima del DL n. 70\ ) Con il decreto "sviluppo" po" di maggio 2011 (DL n. 70\ )e' cambiata la modalità di calcolo dei tassi soglia : Prima del 14/5/11 : Il tasso soglia, si calcolava aumentando del 50% il TEGM - (es. tegm 10,00% tasso soglia = 15,00% (aumento 5 punti) dal 14/5/2011 il tasso soglia si calcola aumentando del 25% + 4 punti -(es. tegm 10% tasso soglia = 16,5 % (aumento 6,5 punti)

16 Con gli ultimi aggiornamenti, ecco le tipologie di finanziamento per cui vengono rilevati i tassi medi ogni tre mesi : CONTI CORRENTI GARANTITI E NON GARANTITI SCOPERTI SENZA AFFIDAMENTO 16 ANTICIPI E SCONTI FACTORING CREDITI PERSONALI ALTRI FINANZIAMENTI A FAMIGLIE E IMPRESE PRESTITI CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO E DELLA PENSIONE LEASING AUTOVEICOLI E AERONAVALE LEASING IMMOBILIARE LEASING STRUMENTALE CREDITO FINALIZZATO CREDITO REVOLVING MUTUI Come avviene il controllo del Tasso effettivo globale? Il controllo del TEG ai sensi della Legge 108/96 si effettua ex-post, ovvero sulle operazioni effettuate tra il cliente e la banca. Sono necessari tutti gli estratti dei conti bancari, con i movimenti delle singole operazioni e gli estratti conto trimestrali con i conteggi completi delle competenze maturate e la documentazione contrattuale sottoscritta in fase iniziale. Se il Cliente non possiede le copie degli estratti, ne può fare richiesta alla banca che entro massimo 90 giorni è tenuta a fornire le copie. Quando si hanno a disposizione tutti gli estratti conto, si procede a ricalcolare tutti i movimenti effettuati con l evidenza delle valute e delle somme addebitate a titolo di

17 spese, commissioni e interessi, si riscontra il risultato con quanto riportato negli estratti conto scalare. A questo scopo la verifica costante degli estratti conto bancari assume un ruolo rilevante. La scoperta di eventuali condizioni usurarie anche in trimestri lontani, non è difficile da accertare diversamente da quello che comunemente si pensa, può essere da una lato un importante opportunità ortunità da usare per migliorare le condizioni dei finanziamentie gli stessi rapporti con gli istituti, dall altro intraprendere azioni per la restituzione di quanto pagato in regime di usura. 17 FORMULA TEG (tasso effettivo globale) I x /numeri + oneri x 100 / accordato FROMULA TAEG (tasso annuo effettivo globale) I + oneri x 36500/numeri La Sentenza n della Corte Costituzionale ha bocciato il decreto mille proroghe (DL n. 70\ ) per la parte che riguardava la retroattività della modalità di calcolo del teg e per i termini di prescrizione ai fini anatocistici, riaprendo così nuovamente i termini per agire contro le banche anche per l applicazione dei tassi anatocistici, (in pratica è il calcolo degli interessi sugli interessi)addirittura dirittura a partire dal Una notizia davvero buona per i Cittadini e gli Imprenditori, all indomani della sentenza, il Sole 24 ore pubblicava quanto segue : da il Sole 24 ore del 6/4/12 Una storia lunga quasi 15 anni. La vertenza sull anatocismo fra banche e correntisti torna alla ribalta con la decisione della Corte costituzionale (sentenza n, 78) che ieri ha bocciato il decreto milleproroghe del 2010 (poi convertito nella legge 10/11) riaprendo di fatto uno spiraglio nelle cause intentate dai clienti per il rimborso degli interessi extra versati. Si tratta di migliaia di cause promosse dai correntisti per ottenere la restituzione dei versamenti effettuati a copertura degli interessi anatocistici applicati specie negli anni Novanta dagli istituti di credito sugli scoperti di conto corrente, ma vietati per effetto di una serie di pronunce della Cassazione. Per ricostruire la vicenda bisogna risalire al La Cassazione, quell anno, con la sentenza n ha dichiarato per la prima volta l illegittimità della prassi delle banche di capitalizzare interessi passivi con periodicità più frequente (di solito, trimestrale) rispetto all accredito degli interessi attivi (di solito,

18 annuale). Questa posizione è stata ribadita a Sezioni unite nel 2004, con una sentenza (la n ) che ha esteso retroattivamente la nullità delle clausole di capitalizzazione trimestrale degli interessi passivi ai versamenti effettuati prima della riforma dell anatocismo l anatocismo avvenuta sempre nel 99 (delibera Cicr 9 febbraio 2000 e Dlgs 342/99) a seguito della presa di posizione della Suprema corte. Per alcune associazioni dei risparmiatori queste sentenze aprivano la strada a un contenzioso plurimiliardario, perché si sarebbe potuto risalire, nel chiedere il rimborso degli interessi pagati in più, fino agli anni 80. Per altre, più caute, il termine ordinario di prescrizione di 10 anni decorreva dalla sentenza del 2004 e dunque si sarebbe potuto agire fino ai versamenti del Nel 2010, la Cassazione con la sentenza n ha ulteriormente chiarito che la prescrizione decennale decorre dalla chiusura del conto in cui gli interessi non dovuti sono stati addebitati. Per la Corte, infatti, è solo in questo momento che si fissano i crediti e i debiti delle parti. Alla fine del 2010, il decreto milleproroghe (comma 9, articolo 2-quinquies) ha invece stabilito che la prescrizione decorre non dal giorno della chiusura del conto ma dal giorno di ogni singola annotazione dei versamenti effettuati dai clienti a ripianamento degli interessi passivi addebitati nel conto. Quindi con un lasso di tempo molto più breve per agire o quasi nullo, perché le singole annotazioni, cui faceva riferimento la disposizione (in vigore dal 27 febbraio 2011), erano prevalentemente antecedenti al 99 e dunque già prescritte. I consumatori-correntisti correntisti si sono così nuovamente rivolti ai tribunali, i quali si sono divisi nell interpretazione della novità. A marzo 2011 il Tribunale di Benevento ha sollevato d ufficio la questione di legittimità costituzionale del milleproroghe seguito dal Tribunale di Brindisi. Altri uffici giudiziari hanno optato per la disapplicazione del nuovo regime di prescrizione ai processi in corso (come il Tribunale di Ferrara quello di Brescia). Viceversa il Tribunale di Milano con due decisioni del 4 e 7 aprile 2011 ha giudicato manifestamente infondata la questione di legittimità costituzionale ribadendo che «in tema di anatocismo la prescrizione delle azioni ripetitorie e decorre dalla data di annotazione in conto delle singole rimesse illegittimamente poste a debito». 18

19 C O S A S U C C E D E Q U A N D O S I A C C E R T A C H E I L R A P P O R T O B A N C A R I O E U S U R A I O E Q U A L I R E S P O N S A B I L I T À? L'accertamento dell'applicazione di interessi usurari comporta orta la restituzione delle somme indebitamente pagate dal correntista. 19 L'art del codice civile, ripreso dalla legge n. 108/96 art. 4 e dall'art. 644 del codice penale, sancisce infatti che "se sono convenuti interessi usurari la clausola è nulla e non n sono dovuti interessi": : applicando tale disposizione ai parametri della legge in materia di usura di cui all'art. 2, il quale considera come costo effettivo del finanziamento "le commissioni e le remunerazioni a qualsiasi titolo e spese eccetto imposte e tasse",il danno economico cagionato al correntista corrisponde all'ammontare complessivo del costo del finanziamento, comprensivo di interessi debitori e spese corrisposte eccetto imposte e tasse includendo la rivalutazione monetaria e gli interessi legali. Ecco un esempio pratico: Nell esempio esposto, il correntista ha corrisposto osto alla propria banca circa euro nell arco di 10 anni mediante il versamento periodico di competenze trimestrali (interessi, CMS, etc.), qualora si ravvisasse l ipotesi del superamento del tasso soglia l. 108/96, sarebbe possibile reclamare un danno equivalente al totale di quanto pagato, ovvero ,00 oltre ad interessi legali e spese sostenute per il procedimento e rivalutazione monetaria dei dieci anni.in pratica sarebbe possibile esigere l intero ammontare delle competenze versate nell ambito del rapporto di conto corrente, in quanto verrebbe dichiarata la nullità della clausola. (ovviamente ogni giudizio dovrà essere efficacemente espresso nelle sedi competenti).

20 A N C H E I D I R I G E N T I S O N O R E S P O N S A B I L I! Una particolare responsabilità (penale), l hanno anche i dirigenti di banca che dichiarano la veridicità e la liquidità del credito, derivato dal saldo di un conto corrente, ai sensi dell art. 50 Tub, senza aver effettuato alcun (serio) accertamento sul tasso (annuo) globale ed effettivo applicato alle operazioni finanziarie di cui il saldo indicato nelle scritture contabili (estratti conto) è una conseguenza perché, come abbiamo visto, l eventuale verifica del tasso effettivo del conto corrente con il metodo dettato dalla Banca d Italia nelle sue Istruzioni, secondo la Corte di Cassazione, non può essere una causa esimente ex art. 5 c.p.. 20 Questo accade soprattutto quando in presenza di un Cliente che porta a conoscenza alla propria banca del controllo effettuato sul proprio rapporto bancario, avvisando quindi preventivamente, e chiedendo in modo bonario una verifica, un riscontro, al fine di poter condividere migliori soluzioni per il rapporto, e il Dirigente anziché verificare se quanto detto corrisponde al vero, si attiva esclusivamente per azionare gli atti per il recupero del credito creando ulteriori ed enormi danni al Cliente.

21 Q U A L I C O N S E G U E N Z E P E R I L R E A T O D I U S U R A? Le conseguenze non sono solo amministrative (multa e restituzione di tutte le spese e commissioni prelevate) ma anche penali (reclusione fino a cinque anni, con pena aumentata della metà per l aggravante di aver commesso il fatto nell esercizio di un attività ità di intermediazione finanziaria). 21 Inoltre la Legge 108/96 prevede una serie di tutele per chi e vittima dell Usura, una serie di privilegi che mettono in una condizione di maggiore protezione nei confronti dei terzi e creditori, consentendo alcuni benefici previsti dalla Legge stessa. Quando le condizioni applicare dalla banca sono in superamento dei tassi soglia e quindi USURAIE, oltre ai reati sopradescritti, il Cliente potrebbe avere il diritto alla restituzione di tutti gli interessi pagati sui conti correnti oltre rivalutazione monetaria e gli interessi legali retroattivamente fino a 10 anni (anche con rapporti estinti).

22 C O M E N E G O Z I A R E C O N L A M I A B A N C A S E N Z A L I T I G A R E? A questo punto, dopo aver verificato le condizioni applicate potremmo avere 3 principali situazioni : 1) I tassi applicati sono tutti al di sotto dei tassi soglia e quindi abbiamo colto l occasione per fare una verifica e un controllo dei nostri conti! BENE! 22 2) I tassi applicati sono in superamento parziale, cioè solo alcuni trimestri, nel corso del rapporto ( % dell intera movimentazione) 3) I tassi applicati sono in superamento dei tassi soglia per oltre il 50% o per il totale! A questo punto quali valutazioni? Tutto dipende dalla situazione nella la quale ti trovi e della strategia che stai attuando con la tua azienda. Se ti trovi nel punto 1, è tutto ok, e hai colto solo l occasione di fare una verifica di andamento dei tassi applicati nella tua organizzazione senza che ti sia costato nulla! Se ti trovi nel punto 2, devi fare una valutazione basata su 2 ulteriori parametri : 1. Il valore assoluto dell importo complessivo che è stato rilevato in superamento dei tassi soglia 2. Il potere negoziale che hai con la banca Sulla base di questi due aspetti, scegli le diverse opzioni, facendoti consigliare dal tuo Consulente.

23 La nostra esperienza: 23 Fino a pochi anni fa, con le banche non si riusciva neanche a parlare, erano praticamente sorde, e l argomento era tabù! Oggi, coni la diffusa conoscenza della materia, e le numerose sentenze che ogni giorno troviamo nei vari Tribunali d Italia, che condannano le banche a restituire ingenti somme per usura, le banche sono molto piu sensibili e attente a venire incontro al proprio Cliente. - Il nostro consiglio :dopo aver avuto esatta cognizione degli importi eccedenti, se le somme sono meritevoli di una negoziazione, sulla base di una relazione riepilogativa del controllo TEG(avvalendosi della consulenza di un professionista, che effettua una relazione tecnica di base e poi una perizia giurata se necessaria, servizio offerto da GM10896 ), si chiede alla banca una negoziazione, evidenziando in modo o chiaro e preciso quello che è stato verificato e chiedere un riscontro. Successivamente, individuare una soluzione bonaria, che possa favorire migliori rapporti tra le parti. La banca apprezza un Cliente che fa attenzione ai propri conti! Ovviamente tutto dipende dall entità delle somme. Per delle somme eccessivamente contenute, molto basse e scaturite unicamente da spese su conto non movimentato ed affidato, non vale neanche la pena evidenziarne la questione.

24 Se ti trovi nel punto 3, devi fare una valutazione basata sugli stessi 2 parametri del precedente punto più 1 : 1. Il valore assoluto dell importo complessivo che è stato rilevato in superamento dei tassi soglia 2. Il potere negoziale che hai con tua banca 3. Le azioni da intraprendere a tutela dei propri interessi 24 Sulla base di questi 3 aspetti, scegli le diverse opzioni, facendoti consigliare dal tuo Consulente. La nostra esperienza: Come già detto fino a pochi anni fa, con le banche non si riusciva neanche a parlare, l argomento era tabù! Oggi, coni la diffusa conoscenza della materia, è le numerose sentenze che sempre di più troviamo nei vari Tribunali d Italia, che condannano le banche a restituire ingenti somme per usura, le banche sono molto più sensibili e attente a venire incontro al proprio Cliente. - Il nostro consiglio : dopo aver avuto esatta cognizione degli importi eccedenti, se le somme sono meritevoli di una negoziazione, sulla base di una relazione riepilogativa del controllo TEG (avvalendosi della consulenza di un professionista, che effettua una relazione tecnica di base e poi una perizia giurata se necessaria, servizio offerto da GM10896 ), si chiede alla banca una negoziazione, evidenziando in modo o chiaro e preciso quello che è stato verificato e chiedere un riscontro. Successivamente, bisogna individuare una soluzione bonaria, che possa favorire migliori rapporti tra le parti, questa rimane sempre la migliore soluzione.

25 La banca solitamente apprezza il Cliente che in modo preventivo illustra le sue esigenze i suoi dubbi circa l esatta determinazione delle somme esposte sul proprio rapporto. - Nella valutazione gli interlocutori sono consapevoli che la questione èmolto GRAVE, trattandosi di un possibile REATO PENALE, che facilmente dimostrabile e verificabile dalle parti con specifici conteggi applicando la formula per il calcolo dl TEGM Sono tanti i casi che vengono risolti mediante un bonario componimento tra le parti. La valutazione è sempre soggettiva da parte del Cliente, che dovrà valutare in modo consequenziale e dinamico le fasi della negoziazione. - Ovviamente, nel caso ciò non fosse possibile, come già spiegato nel precedente capitolo, il Cliente resta una presunta Vittima dell usura e quindi può agire nelle diverse sedi competenti per far valere i propri diritti. - Ritengo che la strada della negoziazione sia sempre quella auspicabile, se possibile, consente di risolvere le questioni fra le parti, rimediare ad un errore che si è fatto, e non affollare i tribunali d Italia di tantissime ulteriori cause.

26 C O S A F A R E O R A? A questo punto puoi fare alcune azioni precise finalizzate al controllo immediato di tutti i rapporti di affidamento esistenti seguendo questi passaggi : 26 1) Fare un controllo dei Tassi effettivi globali sui tuoi conti affidati 2) Avvalerti di un Professionista di fiducia, esperto in materia di verifica Tassi ai sensi della L108/6 per realizzare una Perizia tecnica giurata. GRATISprima di 3) Avvalerti del servizio GM108/96 che prevede GRATIS realizzare la Perizia Tecnica Giurata, un pre-verifica su alcuni estratti conto a campione e solo se sono in regime di usura si procederà a realizzare la Perizia, che ti consentirà di poter effettuare i successivi step.

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO FOGLIO INFORMATIVO Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO INFORMAZIONI SULLA BANCA CREDITO TREVIGIANO Banca di Credito Cooperativo

Dettagli

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il Credito ai consumatori in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il credito ai consumatori dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Credito Emiliano SpA Iscrizione in albi

Dettagli

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG)

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG) INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LOCOROTONDO Cassa Rurale ed Artigiana - Società Cooperativa Piazza Marconi, 28-70010 Locorotondo (BA) Tel.: 0804351311 - Fax:

Dettagli

Aggiornato al 19/12/2014 1

Aggiornato al 19/12/2014 1 SERVIZI Estero Foglio Informativo n. 041108 Finanziamenti Import TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI INFORMAZIONI SULLA BANCA

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI Redatto ai sensi del decreto legislativo 1 settembre 1993, titolo VI del Testo Unico ed ai sensi delle Istruzioni di Vigilanza

Dettagli

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: (NA) QUADRI (NA) CARRIERO (NA) MAIMERI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (NA) PICARDI Membro designato da Associazione

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Società Cooperativa Piazza Garibaldi 29 26013 Crema (CR) Tel.: 0373/8771 Fax: 0373/259562

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO

FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO BANCA DEGLI ERNICI di Credito Cooperativo SCpA VIA ROMANA SELVA, SNC - 03039 - SORA (FR) Tel. : 07768520 - Fax: 0776852030 Email:info@bancadegliernici.it

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT

FINANZIAMENTI IMPORT Aggiornato al 01/01/2015 N release 0004 Pagina 1 di 8 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI : DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI INFORMAZIONE SULL INTERMEDIARIO INFORMAZIONI SUL FINANZIATORE ISTITUTO BANCARIO DEL

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE Pag. 1 / 5 Anticipi import export ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia Normativa sulla Trasparenza Bancaria Foglio informativo sulle operazioni e servizi offerti alla clientela 5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Valconca

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO Data release 01/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

AFFIDAMENTI PER ANTICIPI SU FATTURE E CONTRATTI

AFFIDAMENTI PER ANTICIPI SU FATTURE E CONTRATTI DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DELLE CONDIZIONI CONTRATTUALI DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI - (Titolo VI Testo Unico Bancario - D. Lgs. 385/1993) FOGLIO INFORMATIVO Il presente Foglio

Dettagli

Decisione N. 77 del 10 gennaio 2014

Decisione N. 77 del 10 gennaio 2014 IL COLLEGIO DI COORDINAMENTO composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente del Collegio ABF di Roma Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente del Collegio ABF di Milano Presidente Membro effettivo

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI PESCIA-CREDITO COOPERATIVO SOC.COOP. Via Alberghi n. 26-51012 - PESCIA (PT) Tel. : 0572-45941 - Fax: 0572-451621 Email:

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria)

FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria) FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Alto Adige Società cooperativa per azioni Via

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14 Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 19/14 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento

Dettagli

postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013

postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013 postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013 Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili Il presente Fascicolo Informativo contenente la Scheda Sintetica, la Nota Informativa,

Dettagli

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE E PROVINCIALE DI MILANO CONIACUT GUIDA PRATICA ALLA COMPRAVENDITA DELLA CASA Progetto cofinanziato dal Ministero delle Attività Produttive RegioneLombardia

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. *** Nota informativa per i potenziali aderenti

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo Agrobresciano Soc. Coop. Piazza Roma, 17-25016 - GHEDI (BS) Tel. : 03090441 - Fax: 0309058501 Email:

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

WEB INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

WEB INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI WEB INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. Identità e contatti del finanziatore/ intermediario del credito Finanziatore Indirizzo Telefono Email Fax Sito web Creditis Servizi Finanziari

Dettagli

Copertura delle perdite

Copertura delle perdite Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 107 09.04.2014 Copertura delle perdite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Le assemblee delle società di capitali che, nelle

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import)

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) Pagina 1/7 FOGLIO INFORMATIVO 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Il conto corrente in parole semplici

Il conto corrente in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il conto corrente in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il conto corrente dalla A alla Z conto corrente Il conto corrente bancario

Dettagli

GUIDA ALL ESTRATTO DI CONTO CORRENTE

GUIDA ALL ESTRATTO DI CONTO CORRENTE GUIDA ALL ESTRATTO DI CONTO CORRENTE Tutto quello che c è da sapere per comprendere meglio l estratto di conto corrente. In collaborazione con la Banca MPS e le Associazioni dei Consumatori: Acu Adiconsum

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Foglio informativo MUTUO MEDIOLANUM FREEDOM Sez. I - INFORMAZIONI SULLA BANCA

Foglio informativo MUTUO MEDIOLANUM FREEDOM Sez. I - INFORMAZIONI SULLA BANCA Mod. B-109/MUTUO MEDIOLANUM FREEDOM aggiornamento n. 29 del 01/01/2014 Foglio informativo MUTUO MEDIOLANUM FREEDOM Sez. I - INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA MEDIOLANUM S.p.A. Sede legale e Direzione Generale:

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti:

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: Benvenuto su RLI WEB L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: richieste di registrazione dei contratti di locazione di beni immobili e affitto fondi rustici;

Dettagli

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto Dott. Gianluca Odetto ART. 33 DL 83/2012 Novità Inserimento del piano di ristrutturazione del debito tra le procedure concorsuali. Inserimento tra le ipotesi di non sopravvenienza attiva della riduzione

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

La capitalizzazione semplice trimestrale nel conto corrente bancario Problematiche sulle capitalizzazioni degli interessi e sull anatocismo

La capitalizzazione semplice trimestrale nel conto corrente bancario Problematiche sulle capitalizzazioni degli interessi e sull anatocismo Dott. Adalciso Bruzzone La capitalizzazione semplice trimestrale nel conto corrente bancario Problematiche sulle capitalizzazioni degli interessi e sull anatocismo Dr. Adalciso Bruzzone Quadro Direttivo

Dettagli

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond EBOOK la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond.it indice Capitolo 1 Metodo #1 per aumentare i Mi piace su Facebook: Concorsi 5 Capitolo 5 Metodo #5 per aumentare

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti.

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. LINEA INVESTIMENTO GUIDA AI PRODOTTI Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti!

Dettagli

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI LO STRUMENTO PER GESTIRE A 360 LE ATTIVITÀ DELLO STUDIO, CON IL MOTORE DI RICERCA PIÙ INTELLIGENTE, L UNICO CHE TI CAPISCE AL VOLO. www.studiolegale.leggiditalia.it

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Premessa I Confidi - Consorzi e Cooperative di garanzia collettiva fidi - sono i soggetti che, ai sensi della legge 326/2003, svolgono esclusivamente

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Redatto ai sensi dell art. 5 del Regolamento approvato dalla Consob con Delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, e successive modificazioni PROROGA DELLA FIDEIUSSIONE DA PARTE DELL AZIONISTA

Dettagli

Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche

Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche Il presente modulo, sottoscritto e corredato della documentazione necessaria, può essere: consegnato in un qualunque Ufficio Postale

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due società, regolamentata dell art. 2564 c.c., che prevede l integrazione

Dettagli

Nome e cognome/ragione sociale Sede (indirizzo) Telefono e e-mail

Nome e cognome/ragione sociale Sede (indirizzo) Telefono e e-mail INFORMAZIONI SULLA BANCA Cassa di Risparmio di Cento S.p.A. Sede Legale e Direzione generale: Via Matteotti 8/B - 44042 CENTO (FE) Tel. 051 6833111 - Fax 051 6833237 CODICE FISCALE, PARTITA IVA e Numero

Dettagli

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: Scheda Sintetica; Nota Informativa; Condizioni di Assicurazione

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le informazioni fornite nel presente documento hanno esclusivamente scopo informativo

Dettagli

QUANTO PUÒ COSTARE IL FIDO. Servizio non commercializzato unitamente al conto corrente, si rinvia al foglio informativo del relativo contratto

QUANTO PUÒ COSTARE IL FIDO. Servizio non commercializzato unitamente al conto corrente, si rinvia al foglio informativo del relativo contratto INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Barlassina Società Cooperativa Via C. Colombo, 1/3 20825 BARLASSINA (MB) Tel.: 036257711 - Fax: 0362564276 Email: info@bccbarlassina.it - Sito internet:

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

GUIDA ALL AUMENTO DI CAPITALE.

GUIDA ALL AUMENTO DI CAPITALE. GUIDA ALL AUMENTO DI CAPITALE. CONSERVA QUESTA GUIDA, TI SARÀ UTILE NEL PERIODO DI OFFERTA. IL PRESENTE DOCUMENTO NON È UN PROSPETTO INFORMATIVO, OGNI DECISIONE DI INVESTIMENTO DEVE ESSERE ASSUNTA SOLO

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

CIO S.p.A. Ottici optometristi selezionati REGOLAMENTO DEL CLUB

CIO S.p.A. Ottici optometristi selezionati REGOLAMENTO DEL CLUB TITOLO I: IL CLUB DEI MIGLIORI NEGOZI DI OTTICA IN ITALIA. Il Club dei migliori negozi di ottica in Italia è costituito dall insieme delle imprese operanti nel campo del commercio dell ottica selezionate

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli