"Il popolo dei risparmiatori invisibili" Introduzione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ""Il popolo dei risparmiatori invisibili" Introduzione"

Transcript

1 Giulia Minichiello Ferrara 1 novembre 2005 Facoltà di Economia Università degli Studi di Ferrara "Il popolo dei risparmiatori invisibili" Introduzione La mia ricerca si è posta fin dall inizio come obiettivo quello di indagare la difficile relazione tra gli istituti di credito e i soggetti immigrati. Volevo capire se è davvero possibile parlare di una politica della diversità da parte delle banche. Fin dall inizio ho trovato difficoltà a conciliare la figura di una persona immigrata con il complesso mondo bancario, difficoltà che in gran parte deriva dal fatto che o non si comprende o non si vuole comprendere ancora il potenziale degli immigrati come target per le banche. Infatti, secondo gli ultimi dati ufficiali (Caritas/Migrantes 2004) il 4,6% della popolazione residente in Italia, ovvero circa 2,7 milioni di persone, è costituito da immigrati, circa il 16% delle assunzioni nel nostro paese riguarda i lavoratori di origine stranieri ed essi rappresentano circa l 8% della forza lavoro. Pertanto, sotto il profilo economico, gli immigrati costituiscono ormai una componente non trascurabile della domanda di servizi finanziari in Italia. Il seguente progetto parte da una ricerca effettuata personalmente nella città di Ferrara presso i maggiori istituti di credito, dove sono poche le esperienze compiute per favorire l integrazione finanziaria degli immigrati. Nella prima parte del lavoro, sono riportate le condizioni che le banche chiedono ad un cliente immigrato, senza distinzione di provenienza geografica e ceto sociale, per l accessione ai principali servizi finanziari: apertura di un conto corrente, richiesta di un mutuo e/o di un prestito personale. Come emerge chiaramente dai dati raccolti, prevale ancora l esigenza per gli istituti di credito di tutelarsi da eventuali inadempimenti del cliente immigrato senza mettere in atto una vera e propria politica della diversità che miri a far comprendere al cittadino straniero la cultura economica del nostro paese. Nella seconda parte si descrive il caso di Torino, che sembra interessante poiché ha costruito, con la partecipazione attiva del Gruppo Sanpaolo IMI, un vero e proprio canale di collegamento tra il cittadino immigrato e la banca. In questo modo il cliente straniero viene introdotto nel complesso sistema economico italiano senza trovare grandi ostacoli, a partire dalla lingua parlata dagli operatori bancari. Infine si è cercato di dare una visione di insieme del problema, analizzando l evento biellese del Welcomebank Idee, prodotti e progetti per l integrazione bancaria dei

2 2 migranti svoltosi il 14 Ottobre 2005 in collaborazione con la Fondazione Cassa di Risparmio di Biella. Il caso ferrarese. In un primo momento della mia ricerca ho voluto conoscere quali fossero i servizi, che le banche offrono concretamente oggi, nella città di Ferrara, ad un soggetto sconosciuto, senza un apparente garanzia e per di più immigrato in Italia. Ciò che caratterizza un immigrato è l instabilità non solo nella relazione con una banca ma anche nella relazione sociale. Questo fa si che l istituto di credito tenda maggiormente a tutelarsi nel caso di clienti immigrati. Infatti, citando un semplice esempio, nel caso in cui un cliente italiano non paghi la rata di un mutuo, la banca sa dove abita e riesce a contattarlo, e può far leva sulla sua immagine o conoscenze ; per un immigrato talvolta ciò non è possibile. Il caso più frequente è quello in cui a seguito della propria assunzione in una società, la persona immigrata desidera accreditare il proprio stipendio presso un istituto di credito. Requisito essenziale per l apertura di un conto corrente (per quanto riguarda i conti correnti, la tipologia che si offre ad un immigrato è quella dei conti correnti di base ossia conti correnti aperti presso la banca che si caratterizzano per i normali movimenti di Dare e Avere) è il possesso dei seguenti documenti: - un valido permesso di soggiorno - un contratto di lavoro a tempo indeterminato - la disponibilità ad accreditare movimenti Se sussistono tali requisiti allora si procede ad una prima fase di apertura di conto corrente presso la banca per dare la possibilità alla persona di accreditare le proprie somme, senza però fornirgli mezzi di spesa quali bancomat, carnet di assegni e carta di credito. Se dopo un periodo di circa due mesi i rapporti tra banca e immigrato non hanno incontrato difficoltà allora si procede all apertura di un conto corrente effettivo. In altri casi invece per l apertura di un conto corrente è richiesta come condizione principale che il soggetto abbia un lavoro fisso e quindi sia in grado di poter contare su un reddito e avere quindi una propria busta paga. In questo caso si procede all apertura di un libretto nominativo e in seguito dopo 3 o 4 mesi se non sussistono difficoltà, si procede all apertura di un vero e proprio conto corrente. Nell ambito del territorio ferrarese si è dato il via ad un progetto denominato Conto Radici sorto da una convenzione fra il Credito Cooperativo Bolognese e il CNA di Ferrara. Tale modello nasce come un prototipo di un conto corrente multifunzionale che offre diversi servizi: accredito dello stipendio su c/c, trasferimenti di denaro all estero e finanziamenti. Inoltre presenta condizioni più agevoli per quei soggetti che non dispongono di ingenti somme da accreditare e che non hanno necessità di numerose operazioni. 2

3 3 Un discorso diverso viene fatto per la concessione di un prestito e/o di un mutuo ad un soggetto immigrato, caso in cui prevale, come ovvio, l esigenza delle banche di tutelarsi dal possibile mancato pagamento del debito residuo (per esempio per un inatteso ritorno in madrepatria del cliente, o altro ). Il prestito, quindi, richiede la presenza di maggiori garanzie per l istituto di credito in quanto spesso è concesso per l acquisto di beni mobili e non si ha la certezza del buon fine delle risorse erogate. Per quanto riguarda i mutui il problema di carattere fiduciario è ancora più evidente: la banca cerca di tutelarsi con la richiesta che il soggetto abbia un reddito fisso, se il reddito dell immigrato è sufficiente alla copertura delle rate del mutuo questo viene concesso, in caso contrario prevale per la banca l esigenza di tutelarsi e quindi il mutuo non viene concesso. Il discorso cambia se l immigrato è presentato da un cliente fidato per la banca che si presta a garanzia ad esempio, un cliente conosciuto, italiano, chiede alla banca di concedere un prestito alla propria badante; in questo caso è sufficiente una firma di garanzia. Questo può verificarsi anche tra stranieri nel caso in cui un immigrato già cliente della banca garantisce per un'altra persona. Le condizioni principali che si richiedono quindi ad una persona immigrata per accedere ad un prestito sono: - permesso di soggiorno in regola - almeno 5 anni di residenza in Italia - un lavoro certo e di conseguenza una fonte di reddito certa - una capacità di reddito adeguata a rimborsare il prestito In alcuni casi un ulteriore forma di cautela per quanto riguarda il mutuo viene presa inizialmente dalla banca che finanzia solo il 75% dell intero valore dell immobile e in seguito, riservandosi l ipoteca sull immobile stesso, eroga il restante 25%. Il mutuo su immobili di per sè da maggiori garanzie in quanto se l immigrato è intenzionato all acquisto di una casa non fa pensare ad un suo ritorno in patria con conseguente impossibilità di provvedere al pagamento delle rate del mutuo. Un ulteriore ostacolo al rapporto tra banche e immigrati può consistere nel disegno di Legge denominato Basilea il quale prevede che il ricorso al credito sia più caro per quelle persone che presentano meno garanzie e più agevole per quelle che per esempio godono di buoni redditi. Quindi un prestito ordinario che normalmente viene concesso con un tasso del 7%, può essere concesso ad un tasso anche del 15% per una persona che ha scarsi margini di garanzia. Di fatto tale disegno di Legge non è stato recepito dalle banche nelle quali non è più diffusa la pratica secondo cui ad un maggior rischio corrisponde un maggior tasso di interesse. 3

4 4 il caso torinese Interessante è l esperienza del Gruppo Sanpaolo IMI di Torino che ha creato un Multiethnic Point ossia un punto operativo dedicato alla clientela multietnica. Il progetto prende il via nell estate 2003 con alcuni incontri tra la Questura di Torino e il Comitato Progetto Porta Palazzo riguardo la presenza di diversità di etnie sul territorio della città di Torino. L obiettivo era quello di modificare la percezione del mondo bancario visto dalla maggior parte dei cittadini immigrati come distante, complesso, burocratico e diffidente nei loro confronti. Era difficile però individuare quali fossero realmente i bisogni finanziari e i progetti di questi soggetti: se prevalesse l esigenza di aprire un semplice conto corrente oppure quella di avere la disponibilità di un prestito. Si sono quindi portati a termine numerosi incontri con i responsabili delle Comunità nel territorio di Torino e provincia in cui si è discusso del progetto e si sono raccolte informazioni sulle esigenze finanziarie degli stranieri. Il Multiethnic Point di Torino si presenta come un isola di accoglienza all interno della filiale e può contare sulla presenza di consulenti con conoscenza della lingue cinese, inglese e francese (a breve anche araba) e materiale informativo in 7 lingue straniere (arabo, cinese, francese, inglese, spagnolo, rumeno e albanese). Quello che distingue il Multiethnic Point è il fatto che esso offre prodotti definiti sulle esigenze dei cittadini immigrati, partendo da prodotti utilizzati dalla clientela italiana. Un secondo momento del progetto prevede lo sviluppo di accordi di cooperazione con banche dei paesi di origine delle popolazioni immigrate, indispensabili per garantire l invio di rimesse in tempi rapidi e a costi contenuti, ma anche per sviluppare scambi commerciali e iniziative imprenditoriali. Accordi sono stati siglati con: MAROCCO, Banque Marocaine du Commerce Exterieur (BMCE): accordo siglato fine Maggio 2004 BULGARIA, ROMANIA, PERU, MALI TUNISIA, Banque Internazionale Arabe de Tunisine (BIAT): accordo in corso di definizione 4

5 5 Nell ottobre del 2003 è stato avviato anche il progetto denominato Microcredito Sociale promosso dalla compagnia San Paolo, con la partecipazione di Sanpaolo IMI e Sanpaolo Banco di Napoli. Questa iniziativa è per ora attiva nelle aree metropolitane di Roma, Napoli, Torino e Genova. Il gruppo Sanpaolo ha stimato la distribuzione delle domande di microcredito per tipo di progetto nell area di Torino. Distribuzione delle domande per tipo di progetto Attività commerciali/di vendita 16% 6% 32% Servizi Corsi di formazione 11% 2% 33% Bar/Ristoranti Attività manufatturiere Debiti assistenza Il grafico evidenzia da parte dei soggetti immigrati un forte spirito imprenditoriale: infatti il 32% di essi utilizza le risorse finanziarie ricevute per avviare attività commerciali o nel settore dei servizi. Da un altro grafico si evidenziano invece le percentuali di contratti conclusi con stranieri nell ambito del microcredito. 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% Roma Napoli Genova Torino Come si nota dal grafico a Genova circa la metà dei contratti avviene con immigrati, mentre a Roma è interamente dedicata a loro. 5

6 6 dalla ricerca Il risparmio Invisibile La ricerca nasce da un progetto svolto nell ambito della città di Biella per comprendere i rapporti che si instaurano fra immigrati e sistema bancario. La ricerca è stata finanziata dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Biella ed è nata dalla collaborazione fra l Associazione Etnica e Fabio Pettirino e Emilio Sulis da un idea sorta nel 2004 durante la terza edizione di Welcomebank. Di seguito mi sembra interessante riportare i dati relativi alla decisione di aprire un Conto Corrente da parte degli immigrati chiarendo quali sono le motivazioni che spingono alla sua apertura o, in caso contrario, alla decisione di non utilizzare questo strumento bancario. Ritengo utile anche fornire qualche informazione sulle pratiche economiche informali, ossia i canali utilizzati da quegli immigrati che decidono di non ricorrere alle banche o alla Posta per la gestione dei propri risparmi. Verranno forniti dati raccolti da Fabio Pettirino nella ricerca Il risparmio invisibile. Con il sostantivo bancarizzazione si intende la decisione di aprire un Conto Corrente e di instaurare un rapporto in qualche modo strutturato con le istituzioni bancarie. È una misura particolarmente significativa per analizzare l intensità del rapporto tra immigrati e banche. Gli immigrati in possesso di un Conto Corrente Bancario o Postale sono risultati nel complesso 190 (75,4% del totale su un campione di 252 ) contro 62. La scelta di non aprire un Conto Corrente deriva da motivazioni che sono riconducibili a 2 grandi categorie: mancanza di denaro e di bisogno, da un lato, e mancanza di fiducia e di conoscenza, dall altro. Ragioni per cui non viene attivato un C/C 0% 5% 10% 15% 20% 25% non ho soldi non ne ho bisogno costa troppo non mi fido difficoltà burocratiche ho paura di indebitarmi altri motivi 6

7 7 L apertura di un C/C Postale ha riguardato il 20,4% degli immigrati che sono bancarizzati (il 15,7% possiede il solo conto in Posta, mentre un altro 4,7% ha sia il C/C Postale che in Banca). Le motivazioni alla base della scelta delle Poste Italiane sono riassumibili nel seguente grafico: 12% 2% 6% 42% costi inferiori maggiore semplicità vicinanza mi danno più fiducia altro: motivi religiosi 38% I costi inferiori, la maggiore semplicità delle operazioni e dei documenti necessari per l apertura sono i motivi indicati con maggiore frequenza nella scelta del servizio BancoPosta. La maggiore fiducia, inoltre, rilevata dal 12% dei casi, appare l atteggiamento prevalente degli immigrati verso le Poste, mentre le banche sono percepite in una veste sicuramente più negativa. La soddisfazione degli immigrati sulla gestione del proprio C/C da parte delle banche o della Posta è un dato che appare molto significativo. La maggior parte degli immigrati bancarizzati si dichiara soddisfatto, in generale, della gestione del suo Conto mentre solo un 11% si dichiara apertamente insoddisfatto. Un altro dato significativo emerge dall esame del rapporto con gli impiegati delle banche. Anche in questo caso la grande maggioranza dichiara di avere un rapporto soddisfacente con sportellisti e impiegati in generale. Ben 93% degli immigrati bancarizzati infatti rileva un atteggiamento molto disponibile (29%), gentile o quantomeno normale (64%). Soltanto il 7% rileva un atteggiamento ostile o diffidente nei propri confronti. 7

8 8 Perché un immigrato apre un Conto Corrente? La gestione dei risparmi da parte dei clienti è un argomento di grande interesse per le banche. L apertura e l utilizzo del C/C è legato per la maggior parte degli immigrati al deposito di risparmi e alla possibilità di ricevere la busta paga. Soltanto l 8% utilizza il Conto per accedere a un prestito o per trasferire denaro. 9% 8% 32% ricevere la busta paga pagare bollettini depositare risparmi trasferire denaro 33% 18% accedere a prestiti La parte che viene utilizzata e spesa in consumi rispetto al totale conservato in banca è, secondo quanto dichiarato dagli immigrati, la maggior parte o l intera parte del totale: il 37% dichiara di consumare oltre due terzi o quasi tutto, mentre il 32% dichiara circa la metà. A fronte di una certa immigrazione che preferisce ancora risparmiare per inviare la maggior parte del denaro possibile ai figli o ai familiari residenti nel Paese di origine, una buona parte dell immigrazione si è ormai stabilita nel Biellese, ha attuato il ricongiungimento con il rispettivo nucleo familiare e sta cercando quindi di accumulare risparmi e investire in modo oculato (ad esempio nella casa) per garantirsi un futuro migliore. Si riscontrano per questo motivo diversi atteggiamenti verso l utilizzo del denaro guadagnato o presente in banca. La maggior parte degli intervistati dichiara di consumare quasi tutto o comunque più di due terzi di quello che guadagna (37%), mentre una buona parte indica di consumare la metà (32%). Si rileva inoltre una quota di immigrazione che spende soltanto circa un terzo di quello che guadagna (20%) e in casi più rari, si dichiara di consumare solo una minima parte di quello che si è guadagnato. 8

9 9 L aspetto del risparmio è sicuramente legato al reddito ma anche a quanto l immigrato invia come rimesse. Il dato che emerge in modo significativo dall indagine condotta è che il 64% dichiara di inviare poco o niente di quanto guadagna e un altro 32% invia invece meno della metà o circa un terzo. % di denaro inviato come rimessa al Paese di origine 10% 3% 23% 64% niente o poco meno metà/un terzo circa metà circa due terzi/quasi tutto A inviare in modo consistente sono soprattutto le donne immigrate da Paesi dell Est Europeo, impiegate come badanti, che hanno figli e mariti nel Paese d origine e che hanno attuato la scelta di migrare con il preciso scopo di guadagnare denaro da inviare ai familiari. Un aspetto che merita sottolineare riguarda i canali alternativi alle banche per la gestione del denaro, una realtà che si dimostra molto rilevante. Molti immigrati dichiarano infatti di utilizzare, per gestire denaro, chiedere piccoli prestiti, operare dei trasferimenti anche verso il Paese di origine, parenti o familiari (45,2%), amici o conoscenti (28%), associazioni (5,4%) o altri canali, quali ad esempio, il minibus verso la Romania e i Paesi dell Est. 9

10 10 Pratiche economiche informali I circuiti alternativi (ma non esclusivi) attraverso i quali vengono impiegati parte dei risparmi accumulati dai migranti, sono stati classificati come potenziali ostacoli di natura socio-culturale al pieno sfruttamento dei servizi bancari, nel senso che possono indirettamente sottrarre risorse altrimenti destinabili ai circuiti ufficiali. I circuiti alternativi di gestione del risparmio si inseriscono in quelle che sono le pratiche religiose e culturali della vita di ogni cittadino immigrato e si devono quindi analizzare come strettamente interconnessi con questi. Ad esempio un aspetto culturale che condurrebbe di per sé all impossibilità di aprire un C/C bancario, è il precetto islamico secondo il quale è vietato il prestito di denaro ad interesse. Tale proibizione in realtà era comune in antichità alle tre religioni del Libro ed è ascrivibile ad un passo del Deuteronomio: Non farai a tuo fratello prestiti ad interesse, né di denaro, né di viveri, né di qualunque altra cosa che si presta ad interesse (Deut. 23, 19); La questione della liceità del prestito oneroso è fondamentale per comprendere l origine dell etica moderna. Per l Islam il divieto è ancora oggi valido ed in linea teorica gli utenti di religione islamica non potrebbero accedere ai servizi bancari occidentali senza venir meno al rispetto del precetto. In realtà se è vero che sono in molti, a livello individuale, a decidere di scendere a compromesso per ragioni di praticità, questo non possibile per le associazioni islamiche che svolgono vere e proprie funzioni di welfare religioso come centro di raccolta e redistribuzione delle donazioni dei fedeli (autotassazione dei suoi integrati per la costituzione di un fondo da devolvere a coloro che si trovano in stato di bisogno). Oltre ai precetti e ai circuiti religiosi che contribuiscono a calamitare parte dei risparmi degli osservanti islamici, esistono anche prassi sganciate dall ambito religioso come le tontines ossia associazioni rotative di risparmio a credito diffuse soprattutto fra le famiglie immigrate marocchine e gestite dalle donne. Consistono nel versamento di una somma prefissata per ogni famiglia a scadenze concordate. Il capitale costituito dai versamenti di tutti i partecipanti è reso disponibile nella sua interezza a rotazione affinché periodicamente tutti i partecipanti ne possano usufruire. I vantaggi di questa pratica stanno nel rafforzamento del proprio capitale sociale e nell ampliamento delle reti di conoscenza che possono divenire di estrema importanza nel momento del bisogno. 10

11 11 La causa principale di dispersione dei risparmi dei migranti sono le rimesse che vengono trasferite in larga parte attraverso canali differenti da quelli bancari. Le rimesse monetarie formali bancarie non sono l unica modalità di invio di risorse ai propri familiari. Esiste un sistema efficiente di rimesse materiali informali utilizzato dalle immigrate ucraine e moldave che si affidano ad una rete di trasporto insolita costituita da microbus che prelevano e depositano merci dall Italia ai Paesi dell Est. Le spedizioni sono organizzate dalle migranti sulla base di una fitta rete comunicativa ed informativa molto efficiente che permette di tessere reti di sostegno trasnazionali con le proprie famiglie. Oltre al denaro risparmiato vengono inviati vestiti e piccoli elettrodomestici, fotografie e lettere. La corrispondenza in arrivo comprende soprattutto generi alimentari e di conforto. Conclusioni: Questa ricerca è nata dalla desiderio di conoscere il problema economico che riguarda le persone immigrate nel nostro paese. Si parla di denaro perché spesso è la motivazione principale che spinge queste persone a lasciare la propria terra di origine. Gli immigrati però non trovano ancora negli istituti di credito soggetti in grado di dare loro fiducia e rassicurazione, in questa sfida perdiamo entrambi l opportunità di contribuire attivamente alla vita economico-sociale del nostro paese. Si è evidenziato tuttavia che si stanno costruendo le basi per un rapporto più consapevole e maturo, fondato su una maggiore conoscenza e accoglienza reciproca, prima di tutto a livello sociale e di conseguenza tra banche e immigrati, che possa comportare vantaggi per entrambi. La mia indagine è stata portata avanti con lo scopo di affrontare il tema dell immigrazione da questo punto di vista, scoprendo come emerge sempre più, una nazione di risparmiatori invisibili che riescono con grandi sacrifici e rinunce a risparmiare e a sostenere dignitosamente le proprie condizioni di immigrati. 11

Inclusione Finanziaria e Mercato del Migrant Banking

Inclusione Finanziaria e Mercato del Migrant Banking Inclusione Finanziaria e Mercato del Migrant Banking Aspetti e criticità del mercato, esperienze nazionali e internazionali, proposte di sviluppo In collaborazione con: PREFAZIONE... 3 INTRODUZIONE...

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Convegno Romeni emergenti o emergenza Romania? Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Prof. Stefano Rolando Segretario generale delle e Direttore scientifico

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

Osservatorio Nazionale sull Inclusione Finanziaria dei Migranti in Italia

Osservatorio Nazionale sull Inclusione Finanziaria dei Migranti in Italia progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo Europeo per l Integrazione di cittadini di Paesi Terzi migranti CITTADINANZA ECONOMICA SECONDO REPORT (2013) Osservatorio Nazionale sull Inclusione Finanziaria

Dettagli

Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche

Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche Se la Banca non ci fosse... Come accade per tutte quelle aziende che servono in ogni momento

Dettagli

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko Modelli di consumo e di risparmio del futuro Nicola Ronchetti GfK Eurisko Le fonti di ricerca Multifinanziaria Retail Market: universo di riferimento famiglie italiane con capofamiglia di età compresa

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI

I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI 11 luglio 2012 Anno 2011 I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI Il 59,5% dei cittadini afferma che nel nostro Paese gli immigrati sono trattati meno bene degli italiani. In particolare, la maggior parte degli

Dettagli

Il conto corrente in parole semplici

Il conto corrente in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il conto corrente in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il conto corrente dalla A alla Z conto corrente Il conto corrente bancario

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5 CONTRATTO QUADRO PER LO SVOLGIMENTO DEI SERVIZI DI PAGAMENTO A VALERE SUL CONTO CORRENTE (Contratto per persone fisiche che agiscono per scopi estranei all attività imprenditoriale o professionale) Mod.

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza chiarezza e trasparenza State progettando un investimento? Oppure desiderate semplicemente conoscere quali possibilità vi

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura L ECC la sua sperimentazione in Italia Evert-Jan Hoogerwerf (AIAS Bologna onlus) Referente dell ECC per Italia Membro del CD dell ECC Creare una base comune per il lavoro di cura Piano di lavoro 1. Comprensione

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia Normativa sulla Trasparenza Bancaria Foglio informativo sulle operazioni e servizi offerti alla clientela 5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Valconca

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI.

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. BancoPosta www.bancoposta.it numero gratuito: 800 00 33 22 COME CAMBIANO INCASSI E PAGAMENTI CON LA SEPA PER I TITOLARI DI CONTI CORRENTI BANCOPOSTA DEDICATI

Dettagli

donare&ricevere Guida rapida alle norme sulla donazione + dai - versi!

donare&ricevere Guida rapida alle norme sulla donazione + dai - versi! Guida rapida alle norme sulla donazione + dai - versi! DONARE AL VOLONTARIATO Vantaggi e opportunità per imprese e persone!l attuale normativa, dopo l approvazione anche della legge Le Organizzazioni di

Dettagli

Semplice e Redditizio Per guadagnare denaro online

Semplice e Redditizio Per guadagnare denaro online Semplice e Redditizio Per guadagnare denaro online Aperto nel Mondo Intero! Supporto in Francese, Inglese, Italiano e Spagnolo. Ovunque tu sia, approfitta di questa eccezionale opportunità! copyright Support

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT

FINANZIAMENTI IMPORT Aggiornato al 01/01/2015 N release 0004 Pagina 1 di 8 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Per poter lavorare in Italia il cittadino straniero non comunitario deve essere in possesso del permesso di soggiorno rilasciato per

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

Gli stranieri in Italia

Gli stranieri in Italia Gli stranieri in Italia E straniero, evidentemente, chi non è cittadino italiano. Tuttavia, nell epoca della globalizzazione questa definizione negativa non è più sufficiente per identificare le regole

Dettagli

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale 2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale a. Direttiva 2011/98/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 2011, relativa a una procedura unica di domanda

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche

Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche Il presente modulo, sottoscritto e corredato della documentazione necessaria, può essere: consegnato in un qualunque Ufficio Postale

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Modulo VA : Art. 22 Lavoro subordinato. Informazioni generali

Modulo VA : Art. 22 Lavoro subordinato. Informazioni generali Modulo VA : Art. 22 Lavoro subordinato Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha realizzato il servizio di inoltro Telematico delle domande

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo. Sede legale e amministrativa Via Lucrezia Romana, 41/47 00178 Roma

ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo. Sede legale e amministrativa Via Lucrezia Romana, 41/47 00178 Roma PRODOTTO BASE UTENTE INFORMAZIONI SULL EMITTENTE ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo Sede legale e amministrativa Numero telefonico: 800.991.341 Numero fax: 06.87.41.74.25 E-mail

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Pochi e semplici consigli per essere e sentirsi più sicuri

Pochi e semplici consigli per essere e sentirsi più sicuri Pochi e semplici consigli per essere e sentirsi più sicuri In caso di rapina in un pubblico esercizio Mantieni la massima calma ed esegui prontamente ciò che viene chiesto dai rapinatori. Non prendere

Dettagli

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA SEDE LEGALE CASTELLO N. 77 SEDE AMMINISTRATIVA SAN POLO N. 2123 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO Data release 01/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO FOGLIO INFORMATIVO Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO INFORMAZIONI SULLA BANCA CREDITO TREVIGIANO Banca di Credito Cooperativo

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti COMUNE DI FAENZA SETTORE SVILUPPO ECONOMICO E POLITICHE EUROPEE Servizio Aziende comunali, Servizi pubblici e Statistica Popolazione residente a Faenza anno 2013 Edizione 1/ST/st/03.01.2014 Supera: nessuno

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION

POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION I. SCOPO POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION La corruzione è proibita dalle leggi di quasi tutte le giurisdizioni al mondo. Danaher Corporation ( Danaher ) si impegna a rispettare le leggi

Dettagli

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

Paolo Ferrario, Dispensa didattica n. 2: SCHEMI DI ANALISI DELLE POLITICHE SOCIALI: IL MODELLO STATO E MERCATO 15 marzo 2011

Paolo Ferrario, Dispensa didattica n. 2: SCHEMI DI ANALISI DELLE POLITICHE SOCIALI: IL MODELLO STATO E MERCATO 15 marzo 2011 MODELLO STATO E MERCATO, 15 Marzo 2011 1/12 Paolo Ferrario, Dispensa didattica n. 2: SCHEMI DI ANALISI DELLE POLITICHE SOCIALI: IL MODELLO STATO E MERCATO 15 marzo 2011 FATTORI (O VARIABILI, O COMPONENTI

Dettagli

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro (adottate dall Ente in data 10/06/2014) La Provincia di Cuneo intende promuovere un ambiente di lavoro scevro da qualsiasi tipologia di discriminazione.

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI La Parrocchia Art. 1. La parrocchia è una persona giuridica pubblica, costituita con decreto dell Ordinario Diocesano (can. 515,3 ), riconosciuta

Dettagli

WEB INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

WEB INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI WEB INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. Identità e contatti del finanziatore/ intermediario del credito Finanziatore Indirizzo Telefono Email Fax Sito web Creditis Servizi Finanziari

Dettagli

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE E PROVINCIALE DI MILANO CONIACUT GUIDA PRATICA ALLA COMPRAVENDITA DELLA CASA Progetto cofinanziato dal Ministero delle Attività Produttive RegioneLombardia

Dettagli

Aggiornato al 19/12/2014 1

Aggiornato al 19/12/2014 1 SERVIZI Estero Foglio Informativo n. 041108 Finanziamenti Import TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI INFORMAZIONI SULLA BANCA

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO?

IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO? IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO? La maggior parte di noi non si pone neppure la domanda. In Italia, quella di fare testamento è una pratica poco utilizzata. Spesso ci rifiutiamo per paura, per incertezza

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

CONVENZIONE SULL ESAME MEDICO DI ATTITUDINE ALL IMPIEGO NEI LAVORI NON INDUSTRIALI DEI RAGAZZI E DEGLI ADOLESCENTI, 1946 1

CONVENZIONE SULL ESAME MEDICO DI ATTITUDINE ALL IMPIEGO NEI LAVORI NON INDUSTRIALI DEI RAGAZZI E DEGLI ADOLESCENTI, 1946 1 Convenzione 78 CONVENZIONE SULL ESAME MEDICO DI ATTITUDINE ALL IMPIEGO NEI LAVORI NON INDUSTRIALI DEI RAGAZZI E DEGLI ADOLESCENTI, 1946 1 La Conferenza generale dell Organizzazione Internazionale del Lavoro,

Dettagli

Domanda di concessione dell assegno integrativo

Domanda di concessione dell assegno integrativo mod. Ass. integrativo COD. SR91 Domanda di concessione dell assegno integrativo (Art. 9, comma 5, della legge n. 223/1991) La presente domanda deve essere presentata per la concessione dell assegno integrativo.

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y QATAR DISCIPLINA IMPORT EXPORT IN QATAR di Avv. Francesco Misuraca Regole dell import-export in Qatar Licenza d importazione, iscrizione nel Registro Importatori, altre regole La legge doganale del Qatar,

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria)

FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria) FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Alto Adige Società cooperativa per azioni Via

Dettagli

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO Perché una questione linguistica per l Unione europea? Il multilinguismo è oggi inteso come la capacità di società, istituzioni, gruppi e cittadini di relazionarsi

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

P.O.S. (POINT OF SALE)

P.O.S. (POINT OF SALE) P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena Telefono 059/2021111 (centralino)

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE MODULO DOMANDA / NUOVO CAS-SISMA MAGGIO 2012 DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE (Dichiarazione sostitutiva di certificazione e di atto di notorietà resa ai sensi degli artt. 46 e 47

Dettagli

Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.)

Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.) Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.) Familiari per i quali può essere richiesto il ricongiungimento: 1. Coniuge non

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO PART TIME PER RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE QUESITO (posto in data 23 marzo 2014) Sono una dipendente a tempo indeterminato dal 2010, trasferita in mobilità nel luglio 2011 presso un Azienda Sanitaria

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli