"Il popolo dei risparmiatori invisibili" Introduzione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ""Il popolo dei risparmiatori invisibili" Introduzione"

Transcript

1 Giulia Minichiello Ferrara 1 novembre 2005 Facoltà di Economia Università degli Studi di Ferrara "Il popolo dei risparmiatori invisibili" Introduzione La mia ricerca si è posta fin dall inizio come obiettivo quello di indagare la difficile relazione tra gli istituti di credito e i soggetti immigrati. Volevo capire se è davvero possibile parlare di una politica della diversità da parte delle banche. Fin dall inizio ho trovato difficoltà a conciliare la figura di una persona immigrata con il complesso mondo bancario, difficoltà che in gran parte deriva dal fatto che o non si comprende o non si vuole comprendere ancora il potenziale degli immigrati come target per le banche. Infatti, secondo gli ultimi dati ufficiali (Caritas/Migrantes 2004) il 4,6% della popolazione residente in Italia, ovvero circa 2,7 milioni di persone, è costituito da immigrati, circa il 16% delle assunzioni nel nostro paese riguarda i lavoratori di origine stranieri ed essi rappresentano circa l 8% della forza lavoro. Pertanto, sotto il profilo economico, gli immigrati costituiscono ormai una componente non trascurabile della domanda di servizi finanziari in Italia. Il seguente progetto parte da una ricerca effettuata personalmente nella città di Ferrara presso i maggiori istituti di credito, dove sono poche le esperienze compiute per favorire l integrazione finanziaria degli immigrati. Nella prima parte del lavoro, sono riportate le condizioni che le banche chiedono ad un cliente immigrato, senza distinzione di provenienza geografica e ceto sociale, per l accessione ai principali servizi finanziari: apertura di un conto corrente, richiesta di un mutuo e/o di un prestito personale. Come emerge chiaramente dai dati raccolti, prevale ancora l esigenza per gli istituti di credito di tutelarsi da eventuali inadempimenti del cliente immigrato senza mettere in atto una vera e propria politica della diversità che miri a far comprendere al cittadino straniero la cultura economica del nostro paese. Nella seconda parte si descrive il caso di Torino, che sembra interessante poiché ha costruito, con la partecipazione attiva del Gruppo Sanpaolo IMI, un vero e proprio canale di collegamento tra il cittadino immigrato e la banca. In questo modo il cliente straniero viene introdotto nel complesso sistema economico italiano senza trovare grandi ostacoli, a partire dalla lingua parlata dagli operatori bancari. Infine si è cercato di dare una visione di insieme del problema, analizzando l evento biellese del Welcomebank Idee, prodotti e progetti per l integrazione bancaria dei

2 2 migranti svoltosi il 14 Ottobre 2005 in collaborazione con la Fondazione Cassa di Risparmio di Biella. Il caso ferrarese. In un primo momento della mia ricerca ho voluto conoscere quali fossero i servizi, che le banche offrono concretamente oggi, nella città di Ferrara, ad un soggetto sconosciuto, senza un apparente garanzia e per di più immigrato in Italia. Ciò che caratterizza un immigrato è l instabilità non solo nella relazione con una banca ma anche nella relazione sociale. Questo fa si che l istituto di credito tenda maggiormente a tutelarsi nel caso di clienti immigrati. Infatti, citando un semplice esempio, nel caso in cui un cliente italiano non paghi la rata di un mutuo, la banca sa dove abita e riesce a contattarlo, e può far leva sulla sua immagine o conoscenze ; per un immigrato talvolta ciò non è possibile. Il caso più frequente è quello in cui a seguito della propria assunzione in una società, la persona immigrata desidera accreditare il proprio stipendio presso un istituto di credito. Requisito essenziale per l apertura di un conto corrente (per quanto riguarda i conti correnti, la tipologia che si offre ad un immigrato è quella dei conti correnti di base ossia conti correnti aperti presso la banca che si caratterizzano per i normali movimenti di Dare e Avere) è il possesso dei seguenti documenti: - un valido permesso di soggiorno - un contratto di lavoro a tempo indeterminato - la disponibilità ad accreditare movimenti Se sussistono tali requisiti allora si procede ad una prima fase di apertura di conto corrente presso la banca per dare la possibilità alla persona di accreditare le proprie somme, senza però fornirgli mezzi di spesa quali bancomat, carnet di assegni e carta di credito. Se dopo un periodo di circa due mesi i rapporti tra banca e immigrato non hanno incontrato difficoltà allora si procede all apertura di un conto corrente effettivo. In altri casi invece per l apertura di un conto corrente è richiesta come condizione principale che il soggetto abbia un lavoro fisso e quindi sia in grado di poter contare su un reddito e avere quindi una propria busta paga. In questo caso si procede all apertura di un libretto nominativo e in seguito dopo 3 o 4 mesi se non sussistono difficoltà, si procede all apertura di un vero e proprio conto corrente. Nell ambito del territorio ferrarese si è dato il via ad un progetto denominato Conto Radici sorto da una convenzione fra il Credito Cooperativo Bolognese e il CNA di Ferrara. Tale modello nasce come un prototipo di un conto corrente multifunzionale che offre diversi servizi: accredito dello stipendio su c/c, trasferimenti di denaro all estero e finanziamenti. Inoltre presenta condizioni più agevoli per quei soggetti che non dispongono di ingenti somme da accreditare e che non hanno necessità di numerose operazioni. 2

3 3 Un discorso diverso viene fatto per la concessione di un prestito e/o di un mutuo ad un soggetto immigrato, caso in cui prevale, come ovvio, l esigenza delle banche di tutelarsi dal possibile mancato pagamento del debito residuo (per esempio per un inatteso ritorno in madrepatria del cliente, o altro ). Il prestito, quindi, richiede la presenza di maggiori garanzie per l istituto di credito in quanto spesso è concesso per l acquisto di beni mobili e non si ha la certezza del buon fine delle risorse erogate. Per quanto riguarda i mutui il problema di carattere fiduciario è ancora più evidente: la banca cerca di tutelarsi con la richiesta che il soggetto abbia un reddito fisso, se il reddito dell immigrato è sufficiente alla copertura delle rate del mutuo questo viene concesso, in caso contrario prevale per la banca l esigenza di tutelarsi e quindi il mutuo non viene concesso. Il discorso cambia se l immigrato è presentato da un cliente fidato per la banca che si presta a garanzia ad esempio, un cliente conosciuto, italiano, chiede alla banca di concedere un prestito alla propria badante; in questo caso è sufficiente una firma di garanzia. Questo può verificarsi anche tra stranieri nel caso in cui un immigrato già cliente della banca garantisce per un'altra persona. Le condizioni principali che si richiedono quindi ad una persona immigrata per accedere ad un prestito sono: - permesso di soggiorno in regola - almeno 5 anni di residenza in Italia - un lavoro certo e di conseguenza una fonte di reddito certa - una capacità di reddito adeguata a rimborsare il prestito In alcuni casi un ulteriore forma di cautela per quanto riguarda il mutuo viene presa inizialmente dalla banca che finanzia solo il 75% dell intero valore dell immobile e in seguito, riservandosi l ipoteca sull immobile stesso, eroga il restante 25%. Il mutuo su immobili di per sè da maggiori garanzie in quanto se l immigrato è intenzionato all acquisto di una casa non fa pensare ad un suo ritorno in patria con conseguente impossibilità di provvedere al pagamento delle rate del mutuo. Un ulteriore ostacolo al rapporto tra banche e immigrati può consistere nel disegno di Legge denominato Basilea il quale prevede che il ricorso al credito sia più caro per quelle persone che presentano meno garanzie e più agevole per quelle che per esempio godono di buoni redditi. Quindi un prestito ordinario che normalmente viene concesso con un tasso del 7%, può essere concesso ad un tasso anche del 15% per una persona che ha scarsi margini di garanzia. Di fatto tale disegno di Legge non è stato recepito dalle banche nelle quali non è più diffusa la pratica secondo cui ad un maggior rischio corrisponde un maggior tasso di interesse. 3

4 4 il caso torinese Interessante è l esperienza del Gruppo Sanpaolo IMI di Torino che ha creato un Multiethnic Point ossia un punto operativo dedicato alla clientela multietnica. Il progetto prende il via nell estate 2003 con alcuni incontri tra la Questura di Torino e il Comitato Progetto Porta Palazzo riguardo la presenza di diversità di etnie sul territorio della città di Torino. L obiettivo era quello di modificare la percezione del mondo bancario visto dalla maggior parte dei cittadini immigrati come distante, complesso, burocratico e diffidente nei loro confronti. Era difficile però individuare quali fossero realmente i bisogni finanziari e i progetti di questi soggetti: se prevalesse l esigenza di aprire un semplice conto corrente oppure quella di avere la disponibilità di un prestito. Si sono quindi portati a termine numerosi incontri con i responsabili delle Comunità nel territorio di Torino e provincia in cui si è discusso del progetto e si sono raccolte informazioni sulle esigenze finanziarie degli stranieri. Il Multiethnic Point di Torino si presenta come un isola di accoglienza all interno della filiale e può contare sulla presenza di consulenti con conoscenza della lingue cinese, inglese e francese (a breve anche araba) e materiale informativo in 7 lingue straniere (arabo, cinese, francese, inglese, spagnolo, rumeno e albanese). Quello che distingue il Multiethnic Point è il fatto che esso offre prodotti definiti sulle esigenze dei cittadini immigrati, partendo da prodotti utilizzati dalla clientela italiana. Un secondo momento del progetto prevede lo sviluppo di accordi di cooperazione con banche dei paesi di origine delle popolazioni immigrate, indispensabili per garantire l invio di rimesse in tempi rapidi e a costi contenuti, ma anche per sviluppare scambi commerciali e iniziative imprenditoriali. Accordi sono stati siglati con: MAROCCO, Banque Marocaine du Commerce Exterieur (BMCE): accordo siglato fine Maggio 2004 BULGARIA, ROMANIA, PERU, MALI TUNISIA, Banque Internazionale Arabe de Tunisine (BIAT): accordo in corso di definizione 4

5 5 Nell ottobre del 2003 è stato avviato anche il progetto denominato Microcredito Sociale promosso dalla compagnia San Paolo, con la partecipazione di Sanpaolo IMI e Sanpaolo Banco di Napoli. Questa iniziativa è per ora attiva nelle aree metropolitane di Roma, Napoli, Torino e Genova. Il gruppo Sanpaolo ha stimato la distribuzione delle domande di microcredito per tipo di progetto nell area di Torino. Distribuzione delle domande per tipo di progetto Attività commerciali/di vendita 16% 6% 32% Servizi Corsi di formazione 11% 2% 33% Bar/Ristoranti Attività manufatturiere Debiti assistenza Il grafico evidenzia da parte dei soggetti immigrati un forte spirito imprenditoriale: infatti il 32% di essi utilizza le risorse finanziarie ricevute per avviare attività commerciali o nel settore dei servizi. Da un altro grafico si evidenziano invece le percentuali di contratti conclusi con stranieri nell ambito del microcredito. 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% Roma Napoli Genova Torino Come si nota dal grafico a Genova circa la metà dei contratti avviene con immigrati, mentre a Roma è interamente dedicata a loro. 5

6 6 dalla ricerca Il risparmio Invisibile La ricerca nasce da un progetto svolto nell ambito della città di Biella per comprendere i rapporti che si instaurano fra immigrati e sistema bancario. La ricerca è stata finanziata dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Biella ed è nata dalla collaborazione fra l Associazione Etnica e Fabio Pettirino e Emilio Sulis da un idea sorta nel 2004 durante la terza edizione di Welcomebank. Di seguito mi sembra interessante riportare i dati relativi alla decisione di aprire un Conto Corrente da parte degli immigrati chiarendo quali sono le motivazioni che spingono alla sua apertura o, in caso contrario, alla decisione di non utilizzare questo strumento bancario. Ritengo utile anche fornire qualche informazione sulle pratiche economiche informali, ossia i canali utilizzati da quegli immigrati che decidono di non ricorrere alle banche o alla Posta per la gestione dei propri risparmi. Verranno forniti dati raccolti da Fabio Pettirino nella ricerca Il risparmio invisibile. Con il sostantivo bancarizzazione si intende la decisione di aprire un Conto Corrente e di instaurare un rapporto in qualche modo strutturato con le istituzioni bancarie. È una misura particolarmente significativa per analizzare l intensità del rapporto tra immigrati e banche. Gli immigrati in possesso di un Conto Corrente Bancario o Postale sono risultati nel complesso 190 (75,4% del totale su un campione di 252 ) contro 62. La scelta di non aprire un Conto Corrente deriva da motivazioni che sono riconducibili a 2 grandi categorie: mancanza di denaro e di bisogno, da un lato, e mancanza di fiducia e di conoscenza, dall altro. Ragioni per cui non viene attivato un C/C 0% 5% 10% 15% 20% 25% non ho soldi non ne ho bisogno costa troppo non mi fido difficoltà burocratiche ho paura di indebitarmi altri motivi 6

7 7 L apertura di un C/C Postale ha riguardato il 20,4% degli immigrati che sono bancarizzati (il 15,7% possiede il solo conto in Posta, mentre un altro 4,7% ha sia il C/C Postale che in Banca). Le motivazioni alla base della scelta delle Poste Italiane sono riassumibili nel seguente grafico: 12% 2% 6% 42% costi inferiori maggiore semplicità vicinanza mi danno più fiducia altro: motivi religiosi 38% I costi inferiori, la maggiore semplicità delle operazioni e dei documenti necessari per l apertura sono i motivi indicati con maggiore frequenza nella scelta del servizio BancoPosta. La maggiore fiducia, inoltre, rilevata dal 12% dei casi, appare l atteggiamento prevalente degli immigrati verso le Poste, mentre le banche sono percepite in una veste sicuramente più negativa. La soddisfazione degli immigrati sulla gestione del proprio C/C da parte delle banche o della Posta è un dato che appare molto significativo. La maggior parte degli immigrati bancarizzati si dichiara soddisfatto, in generale, della gestione del suo Conto mentre solo un 11% si dichiara apertamente insoddisfatto. Un altro dato significativo emerge dall esame del rapporto con gli impiegati delle banche. Anche in questo caso la grande maggioranza dichiara di avere un rapporto soddisfacente con sportellisti e impiegati in generale. Ben 93% degli immigrati bancarizzati infatti rileva un atteggiamento molto disponibile (29%), gentile o quantomeno normale (64%). Soltanto il 7% rileva un atteggiamento ostile o diffidente nei propri confronti. 7

8 8 Perché un immigrato apre un Conto Corrente? La gestione dei risparmi da parte dei clienti è un argomento di grande interesse per le banche. L apertura e l utilizzo del C/C è legato per la maggior parte degli immigrati al deposito di risparmi e alla possibilità di ricevere la busta paga. Soltanto l 8% utilizza il Conto per accedere a un prestito o per trasferire denaro. 9% 8% 32% ricevere la busta paga pagare bollettini depositare risparmi trasferire denaro 33% 18% accedere a prestiti La parte che viene utilizzata e spesa in consumi rispetto al totale conservato in banca è, secondo quanto dichiarato dagli immigrati, la maggior parte o l intera parte del totale: il 37% dichiara di consumare oltre due terzi o quasi tutto, mentre il 32% dichiara circa la metà. A fronte di una certa immigrazione che preferisce ancora risparmiare per inviare la maggior parte del denaro possibile ai figli o ai familiari residenti nel Paese di origine, una buona parte dell immigrazione si è ormai stabilita nel Biellese, ha attuato il ricongiungimento con il rispettivo nucleo familiare e sta cercando quindi di accumulare risparmi e investire in modo oculato (ad esempio nella casa) per garantirsi un futuro migliore. Si riscontrano per questo motivo diversi atteggiamenti verso l utilizzo del denaro guadagnato o presente in banca. La maggior parte degli intervistati dichiara di consumare quasi tutto o comunque più di due terzi di quello che guadagna (37%), mentre una buona parte indica di consumare la metà (32%). Si rileva inoltre una quota di immigrazione che spende soltanto circa un terzo di quello che guadagna (20%) e in casi più rari, si dichiara di consumare solo una minima parte di quello che si è guadagnato. 8

9 9 L aspetto del risparmio è sicuramente legato al reddito ma anche a quanto l immigrato invia come rimesse. Il dato che emerge in modo significativo dall indagine condotta è che il 64% dichiara di inviare poco o niente di quanto guadagna e un altro 32% invia invece meno della metà o circa un terzo. % di denaro inviato come rimessa al Paese di origine 10% 3% 23% 64% niente o poco meno metà/un terzo circa metà circa due terzi/quasi tutto A inviare in modo consistente sono soprattutto le donne immigrate da Paesi dell Est Europeo, impiegate come badanti, che hanno figli e mariti nel Paese d origine e che hanno attuato la scelta di migrare con il preciso scopo di guadagnare denaro da inviare ai familiari. Un aspetto che merita sottolineare riguarda i canali alternativi alle banche per la gestione del denaro, una realtà che si dimostra molto rilevante. Molti immigrati dichiarano infatti di utilizzare, per gestire denaro, chiedere piccoli prestiti, operare dei trasferimenti anche verso il Paese di origine, parenti o familiari (45,2%), amici o conoscenti (28%), associazioni (5,4%) o altri canali, quali ad esempio, il minibus verso la Romania e i Paesi dell Est. 9

10 10 Pratiche economiche informali I circuiti alternativi (ma non esclusivi) attraverso i quali vengono impiegati parte dei risparmi accumulati dai migranti, sono stati classificati come potenziali ostacoli di natura socio-culturale al pieno sfruttamento dei servizi bancari, nel senso che possono indirettamente sottrarre risorse altrimenti destinabili ai circuiti ufficiali. I circuiti alternativi di gestione del risparmio si inseriscono in quelle che sono le pratiche religiose e culturali della vita di ogni cittadino immigrato e si devono quindi analizzare come strettamente interconnessi con questi. Ad esempio un aspetto culturale che condurrebbe di per sé all impossibilità di aprire un C/C bancario, è il precetto islamico secondo il quale è vietato il prestito di denaro ad interesse. Tale proibizione in realtà era comune in antichità alle tre religioni del Libro ed è ascrivibile ad un passo del Deuteronomio: Non farai a tuo fratello prestiti ad interesse, né di denaro, né di viveri, né di qualunque altra cosa che si presta ad interesse (Deut. 23, 19); La questione della liceità del prestito oneroso è fondamentale per comprendere l origine dell etica moderna. Per l Islam il divieto è ancora oggi valido ed in linea teorica gli utenti di religione islamica non potrebbero accedere ai servizi bancari occidentali senza venir meno al rispetto del precetto. In realtà se è vero che sono in molti, a livello individuale, a decidere di scendere a compromesso per ragioni di praticità, questo non possibile per le associazioni islamiche che svolgono vere e proprie funzioni di welfare religioso come centro di raccolta e redistribuzione delle donazioni dei fedeli (autotassazione dei suoi integrati per la costituzione di un fondo da devolvere a coloro che si trovano in stato di bisogno). Oltre ai precetti e ai circuiti religiosi che contribuiscono a calamitare parte dei risparmi degli osservanti islamici, esistono anche prassi sganciate dall ambito religioso come le tontines ossia associazioni rotative di risparmio a credito diffuse soprattutto fra le famiglie immigrate marocchine e gestite dalle donne. Consistono nel versamento di una somma prefissata per ogni famiglia a scadenze concordate. Il capitale costituito dai versamenti di tutti i partecipanti è reso disponibile nella sua interezza a rotazione affinché periodicamente tutti i partecipanti ne possano usufruire. I vantaggi di questa pratica stanno nel rafforzamento del proprio capitale sociale e nell ampliamento delle reti di conoscenza che possono divenire di estrema importanza nel momento del bisogno. 10

11 11 La causa principale di dispersione dei risparmi dei migranti sono le rimesse che vengono trasferite in larga parte attraverso canali differenti da quelli bancari. Le rimesse monetarie formali bancarie non sono l unica modalità di invio di risorse ai propri familiari. Esiste un sistema efficiente di rimesse materiali informali utilizzato dalle immigrate ucraine e moldave che si affidano ad una rete di trasporto insolita costituita da microbus che prelevano e depositano merci dall Italia ai Paesi dell Est. Le spedizioni sono organizzate dalle migranti sulla base di una fitta rete comunicativa ed informativa molto efficiente che permette di tessere reti di sostegno trasnazionali con le proprie famiglie. Oltre al denaro risparmiato vengono inviati vestiti e piccoli elettrodomestici, fotografie e lettere. La corrispondenza in arrivo comprende soprattutto generi alimentari e di conforto. Conclusioni: Questa ricerca è nata dalla desiderio di conoscere il problema economico che riguarda le persone immigrate nel nostro paese. Si parla di denaro perché spesso è la motivazione principale che spinge queste persone a lasciare la propria terra di origine. Gli immigrati però non trovano ancora negli istituti di credito soggetti in grado di dare loro fiducia e rassicurazione, in questa sfida perdiamo entrambi l opportunità di contribuire attivamente alla vita economico-sociale del nostro paese. Si è evidenziato tuttavia che si stanno costruendo le basi per un rapporto più consapevole e maturo, fondato su una maggiore conoscenza e accoglienza reciproca, prima di tutto a livello sociale e di conseguenza tra banche e immigrati, che possa comportare vantaggi per entrambi. La mia indagine è stata portata avanti con lo scopo di affrontare il tema dell immigrazione da questo punto di vista, scoprendo come emerge sempre più, una nazione di risparmiatori invisibili che riescono con grandi sacrifici e rinunce a risparmiare e a sostenere dignitosamente le proprie condizioni di immigrati. 11

MIGRANTI E SERVIZI FINANZIARI

MIGRANTI E SERVIZI FINANZIARI N questionario (non compilare) MIGRANTI E SERVIZI FINANZIARI Con questo questionario le chiediamo di aiutarci a capire i suoi rapporti con il sistema bancario italiano: modalità, livello di soddisfazione,

Dettagli

Il comportamento economico delle famiglie straniere

Il comportamento economico delle famiglie straniere STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Il comportamento economico delle straniere Redditi, consumi, risparmi e povertà delle straniere in Italia nel 2010 Elaborazioni su dati Banca d Italia Perché

Dettagli

La relazione tra banche e migranti in Italia

La relazione tra banche e migranti in Italia La relazione fra migranti e banche in Italia è venuta emergendo come un tema di grande interesse, suscitando l attenzione sia delle istituzioni pubbliche che del mondo economico e finanziario. Ciò ha comportato

Dettagli

Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura Asti. Immigrazione e sviluppo dell imprenditorialità

Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura Asti. Immigrazione e sviluppo dell imprenditorialità Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura Asti Immigrazione e sviluppo dell imprenditorialità Provincia di Asti, 1 dicembre 2007, ore 9 Intervento del Presidente Mario Sacco Dall Osservatorio

Dettagli

FINANZIAMENTI A BREVE

FINANZIAMENTI A BREVE FINANZIAMENTI A BREVE Il presupposto per accedere a finanziamenti da parte delle banche è la concessione del fido. Un soggetto affidato può accedere ad operazioni di finanziamento di diverso genere, tra

Dettagli

Percorsi e storie d impresa a Roma

Percorsi e storie d impresa a Roma Percorsi e storie d impresa a Roma Esperienze, valutazioni e prospettive degli imprenditori stranieri Sintesi dei principali risultati Indagine realizzata attraverso la somministrazione telefonica o diretta

Dettagli

BUSINESS PLAN e FINANZIAMENTI

BUSINESS PLAN e FINANZIAMENTI BUSINESS PLAN e FINANZIAMENTI 1 PREVENIRE I RISCHI si può? Sì, prima di avviare l impresa, con realismo e piedi per terra business plan (fatto da soli, vedi sito www. pd.camcom.it, miniguide) 2 PREVENIRE

Dettagli

Dati e informazioni su ricchezza e povertà delle famiglie straniere in Italia nel 2008. Agosto 2011

Dati e informazioni su ricchezza e povertà delle famiglie straniere in Italia nel 2008. Agosto 2011 STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Redditi, consumi e risparmi delle a confronto con le Dati e informazioni su ricchezza e povertà delle in Italia nel 2008 Agosto 2011 1 CONSIDERAZIONI E

Dettagli

Cittadini stranieri consumatori

Cittadini stranieri consumatori Cittadini stranieri consumatori Grazie ai dati raccolti dalla Fondazione Leone Moressa è possibile comprendere la struttura dei redditi delle famiglie immigrate e comprenderne gli effettivi livelli.

Dettagli

Sezione A: indicatori di scenario

Sezione A: indicatori di scenario Public Affairs S.r.l. Via Mauro Macchi, 61 20124 MILANO SONDAGGIO IPSOS ACRI 84ª Giornata Mondiale del Risparmio PRODUTTIVITA, RISPARMIO, SVILUPPO Risultati diffusi nell ambito della conferenza stampa

Dettagli

Problematiche, prospettive e interventi

Problematiche, prospettive e interventi Anche gli imprenditori stranieri soffrono la crisi Burocrazia, ritardo dei pagamenti e l accesso al credito i maggiori ostacoli all attività Più difficoltà per le imprese edili e nel Centro Italia La crisi

Dettagli

L INDAGINE TECNOBORSA 2010: LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE MUTUI

L INDAGINE TECNOBORSA 2010: LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE MUTUI L INDAGINE TECNOBORSA 2010: LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE MUTUI a cura di Alice Ciani e Lucilla Scelba Tecnoborsa 1. Introduzione Come ogni anno Tecnoborsa torna a sondare il mercato dei

Dettagli

Quanti sono gli immigrati a Verona e da dove vengono?

Quanti sono gli immigrati a Verona e da dove vengono? MAT E RIALI D IDAT TI C I SULL I M M I GRAZ I O N E C E STIM TEMA DELL INCONTRO/UNITA DIDATTICA OBIETTIVO Quanti sono gli immigrati a Verona e da dove vengono? Fornire agli studenti alcuni dati utili a

Dettagli

INDAGINE SUI FABBISOGNI DI SERVIZI ABITATIVI DEGLI IMMIGRATI

INDAGINE SUI FABBISOGNI DI SERVIZI ABITATIVI DEGLI IMMIGRATI INDAGINE SUI FABBISOGNI DI SERVIZI ABITATIVI DEGLI IMMIGRATI - SINTESI - L obiettivo di questa ricerca è quello di comprendere quali sono i fabbisogni di servizi abitativi della popolazione immigrata presente

Dettagli

GLI IMMIGRATI ALBANESI NELLE MARCHE: CARATTERISTICHE DETERMINANTI E MODALITA DI IMPIEGO DELLE RIMESSE

GLI IMMIGRATI ALBANESI NELLE MARCHE: CARATTERISTICHE DETERMINANTI E MODALITA DI IMPIEGO DELLE RIMESSE GLI IMMIGRATI ALBANESI NELLE MARCHE: CARATTERISTICHE DETERMINANTI E MODALITA DI IMPIEGO DELLE RIMESSE Eralba Cela - Università Politecnica delle Marche INDAGINE SUGLI IMMIGRATI ALBANESI NELLE MARCHE: ANALISI

Dettagli

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito. I servizi di investimento e di pagamento

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito. I servizi di investimento e di pagamento Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito I servizi di investimento e di pagamento I servizi di investimento Prodotti che soddisfano le esigenze di investimento della clientela Raccolta diretta (raccolta

Dettagli

FAMIGLIE E RISPARMIO

FAMIGLIE E RISPARMIO COMUNICATO STAMPA Sondaggio realizzato per ACRI da TNS Abacus in occasione della 79ª Giornata Mondiale del Risparmio FAMIGLIE E RISPARMIO Roma, 30 ottobre 2003. La quasi totalità degli italiani riconosce

Dettagli

SONDAGGIO IPSOS Acri Nuovi orizzonti per la tutela del risparmio

SONDAGGIO IPSOS Acri Nuovi orizzonti per la tutela del risparmio Via Mauro Macchi, 61 20124 MILANO Public Affairs S.r.l. SONDAGGIO IPSOS Acri Nuovi orizzonti per la tutela del risparmio NOTA INFORMATIVA da allegare al sondaggio (in ottemperanza al regolamento dell Autorità

Dettagli

CONDIZIONI CONTRATTUALI ED ECONOMICHE DEL PERSONALE Finanziamenti Società interessate: Ambito: Tutti

CONDIZIONI CONTRATTUALI ED ECONOMICHE DEL PERSONALE Finanziamenti Società interessate: Ambito: Tutti Circolare n. 36 del 29 maggio 2012 Oggetto: Finanziamenti ai Dipendenti Serie: PERSONALE Argomento: CONDIZIONI CONTRATTUALI ED ECONOMICHE DEL PERSONALE Finanziamenti Società interessate: Ambito: Tutti

Dettagli

Le condizioni abitative dei cittadini stranieri assistiti dal Patronato Ital

Le condizioni abitative dei cittadini stranieri assistiti dal Patronato Ital Le condizioni abitative dei cittadini stranieri assistiti dal Patronato Ital L accesso alla casa rappresenta uno degli aspetti salienti del processo di integrazione sociale degli stranieri nel nostro paese.

Dettagli

MEDIAZIONE TRA PARI PRESENTA. www.mediazionetrapari.wordpress.com

MEDIAZIONE TRA PARI PRESENTA. www.mediazionetrapari.wordpress.com MEDIAZIONE TRA PARI PRESENTA LE CONTROVERSIE IN MATERIA DI CONTRATTI BANCARI E FINANZIARI GRAZIE PER AVER SCARICATO LA MIA GUIDA ALLA GESTIONE DELLE CONTROVERSIE IN MATERIA DI CONTRATTI BANCARI E FINANZIARI

Dettagli

SONDAGGIO IPSOS Acri Responsabilità individuali e collettive rispetto al risparmio

SONDAGGIO IPSOS Acri Responsabilità individuali e collettive rispetto al risparmio Via Mauro Macchi, 61 20124 MILANO Public Affairs S.r.l. SONDAGGIO IPSOS Acri Responsabilità individuali e collettive rispetto al risparmio NOTA INFORMATIVA da allegare al sondaggio (in ottemperanza al

Dettagli

Roma, 23 gennaio 2009

Roma, 23 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 15/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 23 gennaio 2009 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 Imposta di bollo sulle comunicazioni riguardanti

Dettagli

Nel 2013 la domanda di credito dei nuovi italiani e stata pari al 11% del totale (era del 11,9% nel 2012)

Nel 2013 la domanda di credito dei nuovi italiani e stata pari al 11% del totale (era del 11,9% nel 2012) Nel 2013 la domanda di credito dei nuovi italiani e stata pari al 11% del totale (era del 11,9% nel 2012) Rumeni ancora in testa con il 21,1% della quota parte; si conferma modesta l incidenza dei cinesi.

Dettagli

PROGRAMMA N. 14: CITTÀ MULTIETNICA

PROGRAMMA N. 14: CITTÀ MULTIETNICA PROGRAMMA N. 14: CITTÀ MULTIETNICA 14. CITTA MULTIETNICA SUPPORTARE INSERIMENTO IMMIGRATI Confermando il ruolo che il Centro Servizi per Stranieri ha assunto all interno delle politiche per l immigrazione,

Dettagli

Micred Group. Busto Arsizio 21052 (VA) - P.za Trento Trieste 1 - Tel 0331.1393017 - Fax 0331.621473. P.Iva 03306590120 - info@micredgroup.

Micred Group. Busto Arsizio 21052 (VA) - P.za Trento Trieste 1 - Tel 0331.1393017 - Fax 0331.621473. P.Iva 03306590120 - info@micredgroup. Micred Group Busto Arsizio 21052 (VA) - P.za Trento Trieste 1 - Tel 0331.1393017 - Fax 0331.621473 P.Iva 03306590120 - info@micredgroup.it PRESTITI PERSONALI I prestiti personali sono delle forme di finanziamento

Dettagli

Conti correnti: analisi costo annuo e risparmi possibili usando Internet o passando a una banca online

Conti correnti: analisi costo annuo e risparmi possibili usando Internet o passando a una banca online Conti correnti: analisi costo annuo e risparmi possibili usando Internet o passando a una banca online Secondo recenti indagini i conti correnti italiani sono tra i più cari d Europa, con costi di gestione

Dettagli

Settore di appartenenza

Settore di appartenenza Impresa e filantropia III^ edizione curata da Osservatorio IID di Sostegno al Non Profit Sociale settembre 2009 1 Anche per il 2009 l Istituto ha ripetuto la sua indagine sull universo di Aziende Socie

Dettagli

IL CONSUMATORE E IL CREDITO Indagine sul rapporto tra i consumatori e i prodotti di credito al consumo anno 2012

IL CONSUMATORE E IL CREDITO Indagine sul rapporto tra i consumatori e i prodotti di credito al consumo anno 2012 IL CONSUMATORE E IL CREDITO Indagine sul rapporto tra i consumatori e i prodotti di al consumo anno 2012 Il al consumo in Italia Il settore del ai consumatori è regolato dal Testo Unico Bancario, così

Dettagli

L indagine Borsa Immobiliare di Roma 2015: le famiglie romane e il mercato immobiliare

L indagine Borsa Immobiliare di Roma 2015: le famiglie romane e il mercato immobiliare L indagine Borsa Immobiliare di Roma 2015: le famiglie romane e il mercato immobiliare Transazioni effettuate, previste e mutui luglio 2015 Luglio 2015-1/12 Acquisti effettuati 6,1 5,8 7,2 7,0 4,5 2015

Dettagli

Domanda e offerta di credito

Domanda e offerta di credito 2/5/2013 Domanda e offerta di credito La situazione registrata nel 2012 in provincia di Nel 2012 si è registrata una contrazione della domanda di credito. Rispetto alla media regionale le imprese modenesi

Dettagli

LE BANCHE. Barbarossa Salvatore Marco Classe 5 ^ D MERCURIO ITE A. BASSI

LE BANCHE. Barbarossa Salvatore Marco Classe 5 ^ D MERCURIO ITE A. BASSI LE BANCHE Barbarossa Salvatore Marco Classe 5 ^ D MERCURIO ITE A. BASSI Cos è una banca? L'attività bancaria è definita come l'esercizio congiunto dell'attività di raccolta di risparmio tra il pubblico

Dettagli

Le Operazioni di Impiego: I FINANZIAMENTI BANCARI A MEDIO-LUNGO TERMINE. Università degli Studi di Teramo - Prof. Paolo Di Antonio

Le Operazioni di Impiego: I FINANZIAMENTI BANCARI A MEDIO-LUNGO TERMINE. Università degli Studi di Teramo - Prof. Paolo Di Antonio I FINANZIAMENTI BANCARI A MEDIO-LUNGO TERMINE 1 Finanziamenti Bancari Finanziamenti a breve termine Finanziamenti a medio- lungo termine Operazioni di prestito bancario Operazioni di smobilizzo 2 Definizione

Dettagli

Rete Europea di Microfinanza Studio del Settore del Microcredito nell Unione Europea 2010 2011

Rete Europea di Microfinanza Studio del Settore del Microcredito nell Unione Europea 2010 2011 Rete Europea di Microfinanza Studio del Settore del Microcredito nell Unione Europea 2010 2011 Questionario per l indagine sulle istituzioni di microfinanza Sommario: I. Caratteristiche istituzionali chiave

Dettagli

Normativa condizioni finanziarie (accordo 30 novembre 2007)

Normativa condizioni finanziarie (accordo 30 novembre 2007) CONTO CORRENTE PERSONALE BANCA Normativa condizioni finanziarie (accordo 30 novembre 2007) Tasso creditore BCE 0,50 Norme generali: - è intestato al dipendente o al pensionato; - può essere cointestato

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

Quali badanti per quali famiglie?

Quali badanti per quali famiglie? STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Quali badanti per quali famiglie? I lavoratori domestici in Italia (dagli archivi Inps) pag. 2 Quanti sono e quanto contribuiscono L identikit del lavoratore

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO PER IL CREDITO AL CONSUMO

MUTUO CHIROGRAFARIO PER IL CREDITO AL CONSUMO FOGLIO INFORMATIVO relativo a: MUTUO CHIROGRAFARIO PER IL CREDITO AL CONSUMO INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI BARBARANO ROMANO VIA 4 NOVEMBRE, 3/5/7-01010 - BARBARANO ROMANO n.

Dettagli

Committente e Acquirente: Acri Associazione di Fondazioni e di Casse di Risparmio Spa

Committente e Acquirente: Acri Associazione di Fondazioni e di Casse di Risparmio Spa Public S.r.l. Via Mauro Macchi, 61 20124 MILANO SONDAGGIO IPSOS - ACRI 86ª Giornata Mondiale del Risparmio SONDAGGIO IPSOS - Rigore e sviluppo nell era del mercato. Risultati diffusi nell ambito della

Dettagli

Conti correnti: analisi costo annuo e risparmi possibili usando Internet o passando a una banca online

Conti correnti: analisi costo annuo e risparmi possibili usando Internet o passando a una banca online Conti correnti: analisi costo annuo e risparmi possibili usando Internet o passando a una banca online Secondo recenti indagini i conti correnti con costi di gestione aumentati del 36% in due anni a fronte

Dettagli

LA COMUNITÀ FILIPPINA IN ITALIA

LA COMUNITÀ FILIPPINA IN ITALIA Direzione Generale Dell immigrazione e Delle Politiche Di integrazione LA COMUNITÀ FILIPPINA IN ITALIA Abstract del Rapporto annuale sulla presenza degli immigrati - 2014 Rapporto annuale sulla presenza

Dettagli

GUIDA AL CREDITO. GLOSSARIO principali voci di un contratto di finanziamento.

GUIDA AL CREDITO. GLOSSARIO principali voci di un contratto di finanziamento. GUIDA AL CREDITO Vogliamo rappresentare un saldo punto di riferimento per la ns. clientela, nell esercizio dell attività finanziaria. Siamo in grado di venire incontro alle esigenze creditizie del cliente

Dettagli

2.3 Le rimesse degli immigrati all estero

2.3 Le rimesse degli immigrati all estero 2.3 Le rimesse degli immigrati all estero L importanza crescente che il fenomeno migratorio sta assumendo comporta la necessità di considerare la funzione economica svolta dai cittadini stranieri inseriti

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 7 II) SCRITTURE DI GESTIONE F) OTTENIMENTO CAPITALE DI TERZI 20 novembre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 F. Scritture relative all

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

L INDAGINE TECNOBORSA 2011: LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE NELLE SEI GRANDI CITTA INTERMEDIAZIONE E VALUTAZIONE

L INDAGINE TECNOBORSA 2011: LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE NELLE SEI GRANDI CITTA INTERMEDIAZIONE E VALUTAZIONE L INDAGINE TECNOBORSA 2011: LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE NELLE SEI GRANDI CITTA INTERMEDIAZIONE E VALUTAZIONE a cura di Alice Ciani Centro Studi sull Economia Immobiliare di Tecnoborsa

Dettagli

L ASSOCIAZIONISMO FEMMINILE MIGRANTE IN EMILIA-ROMAGNA

L ASSOCIAZIONISMO FEMMINILE MIGRANTE IN EMILIA-ROMAGNA L ASSOCIAZIONISMO FEMMINILE MIGRANTE IN EMILIA-ROMAGNA Intrecci per una rete di associazioni di donne migranti e italiane ALCUNI DATI DI CONTESTO L immigrazione straniera in Emilia-Romagna raggiunge al

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO SCUOLA DI MANAGEMENT ED ECONOMIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO SCUOLA DI MANAGEMENT ED ECONOMIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO SCUOLA DI MANAGEMENT ED ECONOMIA 3 Novembre2015 Gli strumenti finanziari Eleonora Isaia UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO SCUOLA DI MANAGEMENT ED ECONOMIA Le esigenze finanziarie

Dettagli

7. CONTABILITA GENERALE

7. CONTABILITA GENERALE 7. CONTABILITA GENERALE II) SCRITTURE DI GESTIONE OTTENIMENTO CAPITALE DI TERZI 1 Definizione Per poter acquisire i fattori produttivi da impiegare nel processo produttivo l impresa necessita del fattore

Dettagli

SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE:

SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE: PICCOLE E MEDIE IMPRESE SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE: RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: IN COLLABORAZIONE CON: L indagine Nel mese di ottobre 2010,

Dettagli

CONTI CORRENTI A CONSUMATORI INDICATORE SINTETICO DI COSTO (ISC) E PROFILI DI OPERATIVITA

CONTI CORRENTI A CONSUMATORI INDICATORE SINTETICO DI COSTO (ISC) E PROFILI DI OPERATIVITA individuati CONTI CORRENTI A CONSUMATORI INDICATORE SINTETICO DI COSTO (ISC) E PROFILI DI OPERATIVITA Che cos è l ISC L INDICATORE SINTETICO DI COSTO (ISC) è un indice definito da Banca d Italia per quantificare,

Dettagli

Attività del Centro di ascolto Caritas per italiani

Attività del Centro di ascolto Caritas per italiani Esclusione sociale Osservatorio Diocesano Caritas Nonostante la provincia di Prato continui a caratterizzarsi come una delle prime dieci province italiane per depositi bancari pro capite (12.503, secondi

Dettagli

ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO

ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO per passare all analisi del fabbisogno e della copertura finanziaria occorre terminare l analisi economica. i ricavi sono stati previsti nel dossier mercato alcuni costi sono

Dettagli

Il quinto e ultimo capitolo quinto è dedicato al caso italiano. Nel nostro paese, la domanda di

Il quinto e ultimo capitolo quinto è dedicato al caso italiano. Nel nostro paese, la domanda di I SINTESI Questo numero di Osservatorio monetario viene interamente dedicato all analisi delle implicazioni derivanti dallo sviluppo della microfinanza. Il primo capitolo descrive le ragioni del successo

Dettagli

Sondaggio realizzato da Ispos Public Affair IL RISPARMIO E LE GIOVANI ENERAZIONI

Sondaggio realizzato da Ispos Public Affair IL RISPARMIO E LE GIOVANI ENERAZIONI Via Mauro Macchi, 61 20124 MILANO Public Affairs S.r.l. Sondaggio realizzato da Ispos Public Affair IL RISPARMIO E LE GIOVANI ENERAZIONI NOTA INFORMATIVA da allegare al sondaggio (in ottemperanza al regolamento

Dettagli

Il giorno per giorno

Il giorno per giorno Il giorno per giorno Vado a dormire Mi alzo la mattina Compro 1$ di paglia Produco 4 cesti Rimane 1$ Utilizzo 3$ per mangiare e nutrire la famiglia Ricavo 4$ Vendo ogni cesto a 1$ I poveri e il normale

Dettagli

Fondo Europeo per l integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Progetto MEDIARE.COM. Glossario. dei principali termini finanziari di uso quotidiano

Fondo Europeo per l integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Progetto MEDIARE.COM. Glossario. dei principali termini finanziari di uso quotidiano Fondo Europeo per l integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Progetto MEDIARE.COM dei principali termini finanziari di uso quotidiano IL PROGETTO MEDIARE.COM La presente pubblicazione è stata curata da

Dettagli

Versione in vigore per le seguenti banche del Gruppo Intesa Sanpaolo

Versione in vigore per le seguenti banche del Gruppo Intesa Sanpaolo Versione in vigore per le seguenti banche del Gruppo Intesa Sanpaolo Intesa Sanpaolo S.p.A. Banco di Napoli S.p.A. Cassa di Risparmio del Veneto S.p.A. Banca CR Firenze S.p.A. Cassa di Risparmio in Bologna

Dettagli

a) 1670 b) 2285 c) 4520 d) 1300 b a) 865000 b) 640000 c) 725000 d) 645000 d a) 1 b) 2 c) 3 d) Non è possibile calcolarlo

a) 1670 b) 2285 c) 4520 d) 1300 b a) 865000 b) 640000 c) 725000 d) 645000 d a) 1 b) 2 c) 3 d) Non è possibile calcolarlo RB00001 Una banca offre un interesse sui suoi conti correnti a) 1.5 euro b) 3 euro c) 150 euro d) 300 euro b dello 0.05% annuo in capitalizzazione semplice. Quanto si ottiene di interessi investendo per

Dettagli

Assessorato all Artigianato. Direzione Commercio e Artigianato

Assessorato all Artigianato. Direzione Commercio e Artigianato Assessorato all Artigianato Direzione Commercio e Artigianato Imprendiitoriialliità straniiera nellll artiigiianato iin Piiemonte Michelangelo Filippi R. & P. Torino, giovedì 27 Maggio 2004 Imprenditorialità

Dettagli

Le operazioni di finanziamento

Le operazioni di finanziamento Le operazioni di finanziamento ATTIVITÀ PASSIVITÀ DI TERZI PROPRIO Il reperimento delle risorse finanziarie Per acquistare i fattori produttivi l impresa necessita di risorse monetarie. Dove reperirle?

Dettagli

Maranhão: Progetto d investimento immobiliare

Maranhão: Progetto d investimento immobiliare Maranhão: Progetto d investimento immobiliare Premessa E noto a tutti come il Brasile rappresenti una delle grandi economie emergenti, caratterizzate da tassi di crescita elevati e relativamente stabili

Dettagli

Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA

Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA MAROCCO E ITALIA: UN ANALISI DELLE PROBLEMATICHE INCONTRATE DAI GENITORI NEL CONTESTO DI MIGRAZIONE ITALIANO, Università degli studi di

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

Sommario: Questionario Studio del Settore del Microcredito nell Unione Europe 2010-2011 ; Versione 06.03.2012 pag 1

Sommario: Questionario Studio del Settore del Microcredito nell Unione Europe 2010-2011 ; Versione 06.03.2012 pag 1 Rete Europea di Microfinanza Studio del Settore del Microcredito nell Unione Europea 2010-2011 Questionario per l indagine sulle istituzioni di microfinanza Sommario: I. Caratteristiche istituzionali chiave

Dettagli

Banche e nuovi italiani: domanda e offerta di servizi finanziari e assicurativi Presentazione della ricerca ABI-CeSPI

Banche e nuovi italiani: domanda e offerta di servizi finanziari e assicurativi Presentazione della ricerca ABI-CeSPI Banche e nuovi italiani: domanda e offerta di servizi finanziari e assicurativi Presentazione della ricerca ABI-CeSPI José Luis Rhi-Sausi 1 Le due indagini ABI CeSPI Rilevazione sull offerta presso le

Dettagli

AGENZIA CIVICA DI AVVIAMENTO AL CREDITO

AGENZIA CIVICA DI AVVIAMENTO AL CREDITO per l innovazione della città CHANGE MILANO è un iniziativa del Partito Democratico: un piano di progetti d innovazione per il governo della Città AGENZIA CIVICA DI AVVIAMENTO AL CREDITO Per aprire la

Dettagli

! Perché si chiama Bridge? Perché rappresenta un ponte di collegamento tra la realtà universitaria e il mondo del lavoro.

! Perché si chiama Bridge? Perché rappresenta un ponte di collegamento tra la realtà universitaria e il mondo del lavoro. FAQ (frequently asked questions) DOMANDE GENERICHE! Cosa è IntesaBridge? È un nuovo servizio che i Politecnici propongono ai propri studenti: un prestito personale (sotto forma di scoperto di conto corrente)

Dettagli

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof.

L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) Università degli Studi di Teramo - Prof. L attività di intermediazione creditizia: LE OPERAZIONI DI IMPIEGO (Operazioni Attive) 1 I contratti bancari fanno parte della più ampia categoria dei CONTRATTI FINANZIARI ossia quei contratti che si caratterizzano

Dettagli

CREDITO COOPERATIVO VALDARNO FIORENTINO BANCA DI CASCIA

CREDITO COOPERATIVO VALDARNO FIORENTINO BANCA DI CASCIA CREDITO COOPERATIVO VALDARNO FIORENTINO BANCA DI CASCIA INFORMAZIONI GENERALI SULLE DIVERSE TIPOLOGIE DI MUTUI GARANTITI DA IPOTECA PER L ACQUISTO DELL ABITAZIONE PRINCIPALE (ai sensi del D.L. n. 185/2008)

Dettagli

La trasferibilità del risparmio dei migranti fra prospettive ed ostacoli.

La trasferibilità del risparmio dei migranti fra prospettive ed ostacoli. La trasferibilità del risparmio dei migranti fra prospettive ed ostacoli. Daniele Frigeri CeSPI Roma, 26 novembre 2009 Evoluzione bancarizzazione dei migranti in Italia Nel 2007 i migranti titolari di

Dettagli

Alle tue necessità, le nostre soluzioni

Alle tue necessità, le nostre soluzioni Alle tue necessità, le nostre soluzioni EUNICE SIM Dall esperienza di Sofid Sim, società di intermediazione finanziaria del gruppo Eni, nasce Eunice Sim che insieme ad altre società attive nell erogazione

Dettagli

1 Alloggio 200. Sono ospitato da familiari/amici, ho degli obblighi? 201. L obbligo riguarda tutti i cittadini/enti?

1 Alloggio 200. Sono ospitato da familiari/amici, ho degli obblighi? 201. L obbligo riguarda tutti i cittadini/enti? 1 Alloggio Lo straniero per soggiornare in Italia necessita della garanzia di un alloggio. L alloggio può essere ottenuto grazie all ospitalità di qualcuno oppure affittando o acquistando una casa. In

Dettagli

La ricerca il rapporto degli Italiani con il risparmio investimento 1.000 interviste campione nazionale rappresentativo 4 focus group ISPO

La ricerca il rapporto degli Italiani con il risparmio investimento 1.000 interviste campione nazionale rappresentativo 4 focus group ISPO La ricerca La presente indagine, svoltasi nel mese di giugno 2006, aveva l obiettivo di indagare il rapporto degli Italiani con il risparmio e con le attività di investimento. Sono state raccolte 1.000

Dettagli

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Attività e passività finanziarie Depositi e Titoli di Stato Le attività finanziarie Il primo degli elementi che compongono il sistema finanziario è rappresentato

Dettagli

Finanziare le start-up

Finanziare le start-up Stampa Finanziare le start-up admin, Riccardo Ferranti in Bilancio Finanziare le startup Avviare un impresa è il sogno di molte persone che hanno acquisito conoscenze e competenze in un determinato settore

Dettagli

Garanzia confidi_sezione breve termine

Garanzia confidi_sezione breve termine Garanzia confidi_sezione breve termine Scheda prodotto DESCRIZIONE PRODOTTO CapitaleSviluppo attraverso il servizio di accesso alla garanzia dei confidi offre alle imprese un importante strumento atto

Dettagli

IN FUTURO LA TUA CASA. RISPARMIO CASA.

IN FUTURO LA TUA CASA. RISPARMIO CASA. IN FUTURO LA TUA CASA. RISPARMIO CASA. 1 Indice 1. Che cos è il Risparmio Casa?...3 2. Come funziona il Risparmio Casa?...4 3. Come ottenere un Mutuo Risparmio Casa?... 5 4. Come restituire il Mutuo Risparmio

Dettagli

DESCRIZIONE DEL CAMPIONE DI CITTADINI CHE HANNO COMPILATO IL QUESTIONARIO

DESCRIZIONE DEL CAMPIONE DI CITTADINI CHE HANNO COMPILATO IL QUESTIONARIO DESCRIZIONE DEL CAMPIONE DI CITTADINI CHE HANNO COMPILATO IL QUESTIONARIO I questionari sul credito al consumo sono stati somministrati ad un campione accidentale non probabilistico costituito da 1.725

Dettagli

Microcredito nel territorio: BCC Castenaso

Microcredito nel territorio: BCC Castenaso Convegno Microcredito in Emilia-Romagna: le esperienze a confronto 21 maggio 2010, Bologna Microcredito nel territorio: BCC Castenaso Nadia Bosi Responsabile Ufficio Sviluppo BCC Castenaso I poveri sono

Dettagli

Stato patrimoniale al 31/12/n

Stato patrimoniale al 31/12/n Tema d esame Gestione economica delle imprese ristorative, analisi di bilancio e fonti di finanziamento di Grazia BATARRA ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE ECONOMICHE (Classe 5 a IP Tecnico servizi ristorativi)

Dettagli

Nuovi italiani, nuovi marketing

Nuovi italiani, nuovi marketing Nuovi italiani, nuovi marketing Approcci emergenti per la targettizzazione del mercato etnico Migranti: nuovi clienti da conoscere e servire Milano, 14 marzo 2008 Agenda Presentazione di Banca Popolare

Dettagli

I NOSTRI PRODOTTI E SERVIZI IN CONVENZIONE CON LA CASSA FORENSE.

I NOSTRI PRODOTTI E SERVIZI IN CONVENZIONE CON LA CASSA FORENSE. Messaggio pubblicitario con finalità promozionale. Per tutte le condizioni contrattuali si rinvia ai fogli informativi a disposizione della clientela presso ogni filiale della Banca o sul sito bper.it.

Dettagli

PATTICHIARI - CONTI CORRENTI A CONFRONTO

PATTICHIARI - CONTI CORRENTI A CONFRONTO Versione n. 2 di Giugno 2005 TABELLA DI RACCORDO TRA LE VOCI DELLA SCHEDA STANDARD PATTICHIARI e LE VOCI ADOTTATE DALLA BANCA Versione n. 2 di Giugno 2005 PATTICHIARI - CONTI CORRENTI A CONFRONTO 2 1 Descrizione

Dettagli

La gestione aziendale, il reddito e il patrimonio

La gestione aziendale, il reddito e il patrimonio 1 di 6 La gestione aziendale, il reddito e il patrimonio Come possono essere classificate le operazioni di gestione? La gestione aziendale è l insieme coordinato di operazioni attraverso le quali l impresa

Dettagli

Versione in vigore per le seguenti banche del Gruppo Intesa Sanpaolo

Versione in vigore per le seguenti banche del Gruppo Intesa Sanpaolo Versione in vigore per le seguenti banche del Gruppo Intesa Sanpaolo Intesa Sanpaolo S.p.A. Banco di Napoli S.p.A. Cassa di Risparmio del Veneto S.p.A. Banca CR Firenze S.p.A. Cassa di Risparmio in Bologna

Dettagli

Dieci Talenti. Opportunità di Microcredito. Accoglienza Ascolto Accompagnamento. Susanna Piccioni Palermo 22 novembre 2013

Dieci Talenti. Opportunità di Microcredito. Accoglienza Ascolto Accompagnamento. Susanna Piccioni Palermo 22 novembre 2013 Dieci Talenti Opportunità di Microcredito Accoglienza Ascolto Accompagnamento Susanna Piccioni Palermo 22 novembre 2013 Il progetto Dieci Talenti fa capo alla Fondazione Don Mario Operti, istituzione voluta

Dettagli

AVVISO 2013 PER L EROGAZIONE DI MUTUI IN FAVORE DI GIOVANI COPPIE CON CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI. Premessa

AVVISO 2013 PER L EROGAZIONE DI MUTUI IN FAVORE DI GIOVANI COPPIE CON CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI. Premessa ALLEGATO A ALLA D.G.R DEL 2013 AVVISO 2013 PER L EROGAZIONE DI MUTUI IN FAVORE DI GIOVANI COPPIE CON CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI Premessa L iniziativa s inserisce nell ambito della collaborazione attivata

Dettagli

DALLA PARTE DEI SENIOR. Prodotti e servizi che semplificano la vita.

DALLA PARTE DEI SENIOR. Prodotti e servizi che semplificano la vita. DALLA PARTE DEI SENIOR Prodotti e servizi che semplificano la vita. LA BANCA COME TU LA DALLA PARTE DEI SENIOR Prodotti e servizi che semplificano la vita. VUOI Per Una banca che sia il mio consulente

Dettagli

ABI FORUM CSR Sessione Parallela F CSR quale possibile leva per l inclusione l Roma, 25 ottobre 2006

ABI FORUM CSR Sessione Parallela F CSR quale possibile leva per l inclusione l Roma, 25 ottobre 2006 ABI FORUM CSR Sessione Parallela F CSR quale possibile leva per l inclusione l finanziaria Roma, 25 ottobre 2006 LA BANCARIZZAZIONE DEI NUOVI ITALIANI Canalizzazione e valorizzazione delle rimesse José

Dettagli

DALLA PARTE DEI SENIOR. Prodotti e servizi che semplificano la vita.

DALLA PARTE DEI SENIOR. Prodotti e servizi che semplificano la vita. DALLA PARTE DEI SENIOR Prodotti e servizi che semplificano la vita. LA BANCA COME TU LA DALLA PARTE DEI SENIOR Prodotti e servizi che semplificano la vita. VUOI Per Una banca che sia il mio consulente

Dettagli

RISULTATI DELLA RILEVAZIONE SULLE COMMISSIONI APPLICATE DALLE BANCHE SU AFFIDAMENTI E SCOPERTI DI CONTO

RISULTATI DELLA RILEVAZIONE SULLE COMMISSIONI APPLICATE DALLE BANCHE SU AFFIDAMENTI E SCOPERTI DI CONTO RISULTATI DELLA RILEVAZIONE SULLE COMMISSIONI APPLICATE DALLE BANCHE SU AFFIDAMENTI E SCOPERTI DI CONTO 1. Premessa La legge n. 2 del 28 gennaio 2009 ha vietato la commissione di massimo scoperto (CMS)

Dettagli

Le 6 regole fondamentali per un sicuro accesso al credito.

Le 6 regole fondamentali per un sicuro accesso al credito. Le 6 regole fondamentali per un sicuro accesso al credito. Torino, 18 settembre 2006 Indice Introduzione...p. 3 Le 6 regole fondamentali...p. 3 Introduzione Come abbiamo rilevato nei precedenti articoli

Dettagli

C O M U N E D I G A L G A G N A N O (Provincia di Lodi) REGOLAMENTO PRESTITO SULL ONORE

C O M U N E D I G A L G A G N A N O (Provincia di Lodi) REGOLAMENTO PRESTITO SULL ONORE C O M U N E D I G A L G A G N A N O (Provincia di Lodi) REGOLAMENTO PRESTITO SULL ONORE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 35 del 29.07.2015 ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il servizio

Dettagli

Rapporto Economico e Sociale 2014 L Umbria nella lunga crisi. Risparmi e bilanci delle famiglie umbre

Rapporto Economico e Sociale 2014 L Umbria nella lunga crisi. Risparmi e bilanci delle famiglie umbre Rapporto Economico e Sociale 2014 L Umbria nella lunga crisi Risparmi e bilanci delle famiglie umbre Loris Nadotti Università degli Studi di Perugia Valeria Vannoni Università degli Studi di Perugia Perugia,

Dettagli

Allegato alla deliberazione di G.C. n. 133 del 13/10/2011

Allegato alla deliberazione di G.C. n. 133 del 13/10/2011 Allegato alla deliberazione di G.C. n. 133 del 13/10/2011 PROTOCOLLO D INTESA PROMOSSO DALLA PREFETTURA DI BOLOGNA TRA TRIBUNALE DI BOLOGNA, REGIONE EMILIA-ROMAGNA, PROVINCIA DI BOLOGNA, COMUNI DELLA PROVINCIA

Dettagli

10. Mercato immobiliare

10. Mercato immobiliare 10. Mercato immobiliare I prezzi relativi al mercato immobiliare residenziale, dopo un periodo di forte crescita (fig. 10.1), negli anni 90 hanno subito un decremento; poi, con la fine del decennio, la

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE

FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE Qualora il titolare sia un consumatore, si avverte che questo conto è particolarmente adatto a chi al momento dell apertura del conto pensa di svolgere un numero bassissimo

Dettagli

Dati e qualifica soggetto incaricato dell offerta fuori sede

Dati e qualifica soggetto incaricato dell offerta fuori sede Cassa Lombarda S.p.A. 1 di 7 FOGLIO INFORMATIVO MUTUO CHIROGRAFARIO A TASSO VARIABILE Il presente Foglio Informativo è rivolto ai clienti non Consumatori e ai clienti Consumatori che intendono richiedere

Dettagli

l presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione Europea. L'autore è il solo responsabile di questa pubblicazione (comunicazione) e

l presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione Europea. L'autore è il solo responsabile di questa pubblicazione (comunicazione) e l presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione Europea. L'autore è il solo responsabile di questa pubblicazione (comunicazione) e la Commissione declina ogni responsabilità sull'uso

Dettagli