DONNE E GIOVANI: QUALITÀ DA COLTIVARE.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DONNE E GIOVANI: QUALITÀ DA COLTIVARE."

Transcript

1 RURALE L Europa investe nelle LAZIO zone rurali DONNE E GIOVANI: QUALITÀ DA COLTIVARE. Linee guida per fare impresa agricola secondo il nuovo PSR

2 Premessa CARA IMPRENDITRICE, CARO IMPRENDITORE Mi rivolgo direttamente a te perché uno dei principali obiettivi è che tu divenga protagonista e non solo risorsa passiva di questo nostro progetto di innovazione dell Agricoltura del Lazio. Come sai da quando ci siamo insediati alla Regione il nostro lavoro si è incentrato a trasformare questo impegno in realtà. E così un settore cui era stato affidato un ruolo residuale, si è trasformato nel giro di pochi anni in fattore strategico. Un comparto che, se ben gestito, superando logiche assistenziali può in breve trasformarsi in un ambito economicamente rilevante generando reddito e occupazione. Occupazione che oggi per essere competitiva non può che essere altamente qualificata e rispondere ad uno sviluppo compatibile sia con la qualità della vita che con il rispetto dell Ambiente. Tutto ciò per altro, in una Regione come il Lazio, che racchiude in sé un patrimonio agricolo inestimabile fatto di paesaggi straordinari tra Natura e Arte. Un lavoro faticoso e entusiasmante fatto di concertazione, di ascolto, di individuazione delle problematiche e di politiche di coordinamento, teso a tessere una trama di relazioni con i settori produttivi individuando obbiettivi certi e che ci ha portato a risultati che sono sotto gli occhi di tutti. Penso ad esempio alla legge sull Agriturismo, ai Distretti Rurali, alla realizzazione puntuale della filiera e la considerazione del valore della multifunzionalità in Agricoltura, come anche le politiche innovative nel campo del biologico e delle bioenergie, la predisposizione di Tavoli settoriali per consentire ai diversi operatori di partecipare attivamente ai lavori dell assessorato. Per non parlare dell impegno sugli sbocchi della nostra Agricoltura sul mercato interno Regionale. Fino a qualche anno fa -solo per citare alcune cifre- a Roma, la quota dei prodotti laziali era di circa l 1 %. Ora siamo quasi arrivati all 11%: un risultato che ci incoraggia a proseguire in questa direzione. Il tutto con un bilancio senza debiti: non a caso siamo stati definiti Regione efficiente, qualifica che non è stata riconosciuta a molte altre regioni italiane. Il nuovo piano di sviluppo rurale (PSR) programmato per il periodo si inserisce in questa direzione ed è il progetto cardine della nostra azione amministrativa e di governance. L idea è di trasformare l Agricoltura in un volano di tutta l economia regionale, agganciandola al mondo della trasformazione e della commercializzazione, tenendo conto dei nuovi scenari che stanno caratterizzando l Unione Europea. Gli investimenti messi in moto (sono) di circa 660 milioni di euro con un aumento di circa 80 milioni di euro in più rispetto al 2000 e che, aggiungendo la spesa dei privati alla spesa pubblica, permette di quantificare a circa 1 miliardo e mezzo di euro gli investimenti che gravitano attorno al PSR. Una cifra ragguardevole che può segnare la svolta in questo campo. Occorre però superare la vecchia e fallimentare idea del finanziamento pubblico a pioggia, che rischia di essere soddisfacente solo nel breve periodo, senza rispondere alle reali criticità del Sistema Agricoltura nel Lazio o piuttosto, ricorrendo a forme di assistenzialismo diffuso quanto inefficace. Bisogna dunque invertire la rotta e avviare un processo virtuoso che investa nell innovazione, nei giovani come nelle donne ricorrendo ad un elevata capacità progettuale e gestionale tale da rimettere in moto un processo di rilancio vero e costruttivo, recependo in tal modo anche le indicazioni fornite dall Europa. Si tratta di misure di incentivo e agevolazioni a livello finanziario per favorire la permanenza e l insediamento dei giovani nelle campagne. E dunque, di creare nuove possibilità imprenditoriali, quindi lavoro e reddito, ma anche di arginare il mancato ricambio generazionale di cui l Agricoltura soffre. Ma per far si che tale lavoro raggiunga i risultati sperati abbiamo bisogno della tua collaborazione, del tuo contributo diretto. Per questo abbiamo ritenuto utile, in occasione di questo Agriforum in cui verranno consegnati i Nulla Osta per gli investimenti aziendali (il premio insediamento), di offrirti un agile documento, una sorta di vademecum che ti accompagni in questa fase più delicata. In modo che tu possa riuscire a predisporre tutti i passi necessari per avviare la tua attività e farlo nel miglior modo. Un agile manualetto ove trovare le risposte che ti occorrono e per segnalarti nella maniera più semplice e diretta i passi da intraprendere. Siamo convinti che così potremo condurre meglio questo cammino e vincere assieme la sfida che ci attende. Daniela Valentini 1

3 Indice Vademecum per fare impresa 3 Vademecum per fare impresa 3 Anticipo 4 Acconto 5 Saldo 6 Credito 6 Varianti in corso d opera 7 Proroga 8 Recesso 8 Vincoli 10 Che cos è il PSR 11 I punti strategici e gli obiettivi del nuovo PSR 12 La Progettazione Integrata 12 Che cos è la filiera agroalimentare? 13 I quattro assi di intervento 14 La Pianificazione Strategica in agricoltura: il Business Plan ANTICIPO La mia domanda di aiuto per la realizzazione di un progetto di investimenti per sostenere l insediamento nella mia nuova azienda è stata accolta: adesso cosa posso e devo fare? Quali sono i miei impegni? Quali vincoli devo rispettare? Dopo che ho ricevuto e sottoscritto l atto di concessione posso iniziare a realizzare gli investimenti programmati con la certezza di ottenere i benefici richiesti. Il tempo massimo che ho a disposizione per l esecuzione degli investimenti è: - 6 mesi per operazioni che prevedono l acquisto di dotazioni (macchine, attrezzature ecc.). -18 mesi per realizzazione di interventi strutturali (fabbricati, opere,impianti ecc..). Di quale aiuto mi posso avvalere in questa fase iniziale? Nella fase iniziale posso ottenere una anticipazione per affrontare i primi costi degli investimenti. Possono essere erogate anticipazioni di importo non superiore al 50 % dell aiuto pubblico previsto sia per gli investimenti che per il premio di primo insediamento. Su quali operazioni ammesse a contributo posso richiedere una anticipazione? Possono essere richieste anticipazioni esclusivamente per gli investimenti per i quali ho richiesto l aiuto con le misure e Per richiedere l anticipo cosa devo fare? 1. Presentare domanda di pagamento attraverso la funzionalità online della procedura informatizzata operante sul portale dell Assessorato all Agricoltura (www.agricoltura.regione.lazio.it ), eventualmente corredata dalla documentazione specificata in ciascuno dei bandi delle misure per le quali ho richiesto l aiuto presentando il Pacchetto Giovani. 2. Fornire garanzia fideiussoria bancaria o assicurativa di importo pari al 110% dell anticipo concesso, utilizzando il formulario che sarà reso disponibile sul portale dell Assessorato all Agricoltura. 3. Inviare la dichiarazione di inizio lavori sottoscritta dal beneficiario e, nel caso di interventi strutturali (fabbricati, opere,impianti ecc..), da un tecnico abilitato, con indicazione della data di inizio degli stessi. 4. Fornire l eventuale ulteriore documentazione prevista dai singoli bandi pubblici delle misure per le quali ho richiesto l aiuto. 3

4 Quando posso richiedere un anticipazione? Quanto posso chiedere in acconto? L anticipo può essere richiesto entro e non oltre 3 mesi dalla data del provvedimento di concessione. Trascorso tale periodo non posso più ottenere alcuna anticipazione. Quanto posso ottenere come anticipazione? Esempio: Investimento ammesso Contributo pubblico pari al 40% dell investimento = Richiedo l anticipo del 50% del contributo: posso ricevere La polizza fideiussoria o assicurativa che devo fornire dovrà garantire di Gli istituti bancari o assicurativi con cui stipulare le polizze sono soltanto quelli autorizzati dall Organismo Pagatore (Agea) il cui elenco sarà visionabile nella apposita sezione del portale dell Assessorato all Agricoltura. Quando posso svincolare le garanzie fideiussorie fornite? Le garanzie fideiussorie possono essere svincolate quanto avrà rendicontato spese effettivamente sostenute per un importo eguale o superiore all anticipazione ricevuta. Durante la realizzazione degli investimenti approvati, posso richiedere il pagamento di altre somme oltre all anticipazione? Si, è possibile ricevere in pagamento anche degli acconti, sia se ho richiesto l anticipazione che se non ho ancora richiesto nulla. ACCONTO Per richiedere l acconto cosa devo fare? 1. Presentare domanda di pagamento attraverso la funzionalità online della procedura informatizzata operante sul portale dell Assessorato all Agricoltura, corredata della eventuale documentazione specificata in ciascun bando. 2. Fornire la dichiarazione sullo stato di avanzamento dei lavori a firma del direttore dei lavori, ove richiesto ed incaricato. 3. Posso richiedere acconti solo se rimangono almeno 60 giorni di calendario rispetto alla data fissata per l ultimazione dei lavori. - Se gli investimenti complessivi sono inferiori a ,00, posso richiedere un unico acconto che, compreso l eventuale anticipazione già ricevuta, non superi 80 % del contributo concesso. - Per gli investimenti superiori a ,00 posso richiedere due acconti per un minino del 40 % ed un massimo dell 80%, il cui importo, compreso l eventuale anticipazione già ricevuta, complessivamente non superi l 80% del contributo concesso. Cosa fare per ottenere l acconto? - Devo presentare copia quietanzata delle fatture e documenti probatori che dimostrino l effettiva realizzazione di spese equivalenti all acconto richiesto, nei limiti stabiliti per la concessione degli acconti (dal 40% all 80%). Ottenuto l acconto, cosa succede alla polizza fideiussoria che ho presentato per ricevere l anticipazione? - Se lo richiedo, per incassare l acconto per l intero importo, posso mantenere la garanzia fideiussoria, altrimenti la revoco ma, in questo caso, l acconto mi viene pagato scontando l anticipazione già ricevuta. SALDO Per ottenere il pagamento del saldo finale cosa devo fare? 1. Presentare domanda di pagamento utilizzando l apposito modello attraverso la funzionalità online della procedura informatizzata operante sul portale dell Assessorato all Agricoltura. 2. Presentare copia quietanzata delle fatture e documenti probatori o documenti aventi forza probatoria equivalente, a dimostrazione di tutte le spese sostenute per la realizzazione degli investimenti. I bandi pubblici per ogni singola misura specificano la documentazione specifica da presentare per la rendicontazione finale dei lavori. 3. Mi devo ricordare di presentare la domanda di saldo entro e non oltre i 60 giorni successivi alla conclusione dei lavori. Se non ho validi e documentati motivi che mi impediscono di rispettare questo termine, verranno attivate dall amministrazione le procedure per l eventuale revoca, parziale o totale, dell aiuto. Devo seguire regole particolari per il pagamento degli investimenti che realizzo? I pagamenti relativi agli investimenti finanziati devono essere effettuati esclusivamente con una o più delle modalità di seguito indicate: - Bonifico e ricevuta bancaria (RiBa) - Assegno circolare non trasferibile - Bollettino postale - Vaglia postale 4 5

5 In tutti i casi il documento di pagamento deve riportare nella causale i dati identificativi del documento di spesa (nome e codice fiscale fornitore, numero e data fattura, se acconto o saldo). - Posso pagare in contanti per importi non superiori a 500,00 IVA compresa, per singolo bene o servizio acquistato, e comunque per un importo complessivo, dato dalla sommatoria dei singoli pagamenti effettuati nel limite dei 500,00 euro, non superiore al 3% del costo totale dell investimento ammesso. - Pagamenti per contatti effettuati per fatture di importo che supera il limite di 500,00 euro determinano la non ammissibilità della spesa. - Se è stato ammesso al finanziamento un progetto con un importo di investimento che supera complessivamente i ,00 euro, sono obbligato ad aprire un apposito conto corrente bancario o postale (conto dedicato), che devo utilizzare esclusivamente per le movimentazioni finanziarie relative alla realizzazione degli investimenti ammessi a contributo. Gli interessi passivi di questo conto corrente non sono riconosciuti come spesa rimborsabile. - Per il pagamento del saldo verranno effettuati controlli in luogo per la verifica della conclusione dei lavori e dell effettiva realizzazione delle opere in coerenza con quanto previsto nell atto di concessione o a quanto autorizzato con varianti in corso d opera, nonché verranno visionati tutti gli originali dei documenti fiscali presentati con la domanda di pagamento del saldo. - Eventuali maggiori costi accertati rispetto a quelli preventivamente ammessi non possono essere riconosciuti ai fini della liquidazione. La regione effettuerà i controlli entro 60 gg dalla data di presentazione della domanda di pagamento finale. La variante in corso d opera debbono essere richieste preventivamente alla struttura competente per lo svolgimento del procedimento amministrativo, corredata di tutta la documentazione tecnica dalla quale risultino le motivazioni che giustifichino le modifiche apportate al progetto, un quadro di confronto tra la situazione originaria e quella proposta in sede di variante. La variante deve comunque mantenere la funzionalità complessiva del progetto e confermare che gli interventi siano coerenti con gli obiettivi e le finalità della misura e che la loro articolazione mantenga invariata la finalità originaria del progetto. La variante non può in ogni caso comportare un aumento del contributo concesso ne l aumento dei tempi per la realizzazione dell investimento. Non sono ammissibili varianti che comportino una modifica della categoria di spesa, l importo oggetto di variante non può superare il 20% del totale dell investimento finanziato al netto delle spese generali; Non sono considerate varianti gli adeguamenti tecnici di progetto che comunque non comportino variazioni superiori al 5%. L esecuzione di varianti non preventivamente autorizzate comporta il mancato riconoscimento di ammissibilità delle spese realizzate in regime di variante, confermando la finanziabilità del progetto solo se esso conserva la sua funzionalità originariamente approvata. In caso contrario ( perdita della funzionalità originaria) l amministrazione potrà procedere alla revoca dei contributi concessi. La variazione dell assetto proprietario che comporti il cambio di beneficiario, costituisce variante non ammissibile. CREDITO Non ho disponibilità finanziarie mie, dove posso richiedere ed ottenere credito? - Posso rivolgermi all ufficio che l Assessorato Agricoltura ha istituito, insieme ad Unionfidi, per chiedere ogni informazione necessaria. Posso telefonare al n. 06/ Avrò informazioni sulle banche a cui rivolgermi e con le quali la regione Lazio ha sottoscritto una convenzione per la facilitazione del credito. - L elenco delle banche che hanno sottoscritto la convenzione lo potrò trovare sul portale dell Assessorato all Agricoltura. - Le banche convenzionate con la regione Lazio mi possono mettere a disposizione il credito, anche se non posso fornire garanzie patrimoniali adeguate. L Unionfidi ed i Confidi forniscono per mio conto le garanzie necessarie alla banca prescelta. - Se richiedo ed ottengo il credito, debbo aprire un apposito conto corrente dedicato, anche se il mio progetto comporta investimenti inferiori a ,00 euro. VARIANTI IN CORSO D OPERA Posso effettuare varianti in corso d opera del progetto di investimento? Sono considerate varianti in corso d opera: - Cambio del beneficiario - Cambio della sede di investimento - Modifiche tecniche sostanziali alle operazioni approvate - Modifiche del quadro economico originario 6 PROROGA Posso chiedere una proroga per l ultimazione dei lavori? Si, posso ottenere una proroga ma devono sussistere, e devo documentare, cause di impedimento all ultimazione, nei tempi previsti, dei lavori e/o degli acquisti indipendenti dalla mia volontà. Se ne ho diritto, posso richiedere una proroga prima che scada il termine di 60 giorni antecedenti alla data originariamente prevista per l ultimazione dei lavori. L ufficio istruttore mi comunicherà, a mezzo raccomandata A.R., la decisione adottata che porterà la specificazione della nuova data fissata per la conclusione dei lavori. Cosa deve contenere la richiesta? Deve essere debitamente giustificata dal beneficiario e contenere il nuovo crono programma degli interventi ed una relazione tecnica sullo stato di realizzazione dell iniziativa. Posso richiedere più di una proroga? No, si può concedere una sola proroga e per un periodo non superiore a 4 mesi. 7

6 RECESSO Posso recedere dalla domanda e dagli interventi? Si, in qualsiasi momento, il recesso o rinuncia volontaria comporta la decadenza totale dell aiuto ed il recupero delle somme già erogate, se non sussistono cause di forza maggiore che impediscono il completamento degli investimenti. Quali sono le cause di forza maggiore che consentono il recesso? - Il decesso del beneficiario. - L incapacità professionale di lunga durata del beneficiario (malattia,incidenti ). - L esproprio per pubblica utilità di una parte rilevante dell azienda, che non consenta la prosecuzione dell attività, se detta espropriazione non era prevedibile al momento dell assunzione dell impegno. - Calamità naturale grave che colpisca in misura rilevante gli impianti e/o la superficie agricola. - La distruzione fortuita dei fabbricati aziendali adibiti all allevamento. - L epizoozia che colpisca la totalità o una parte del patrimonio zootecnico del beneficiario. Se realizzo parziale esecuzione dei lavori cosa succede? Qualora venga accertato che ho solo parzialmente eseguito i lavori e che quelli realizzati non costituiscono un lotto funzionale, l amministrazione regionale potrà avviare le procedure di decadenza totale e la revoca della concessione del contributo, nonché l eventuale restituzione delle somme già erogate a titolo di anticipo o acconto. Se il lotto risulta funzionale, anche se i lavori relativi all intero progetto di investimento sono stati parzialmente eseguiti, le spese effettuate e per le quali ho presentato richiesta di pagamento a saldo possono essere riconosciute ammissibili nel limite di quelle effettivamente sostenute. Se ho dubbi o problemi, a chi posso rivolgermi? Per qualsiasi altro dubbio o necessità di chiarimenti posso continuare a rivolgermi al Tutor di progetto che ha curato l esame di ammissibilità della mia domanda di aiuto. Nome, telefono ed indirizzo del mio Tutor di progetto li posso trovare sulla nota con la quale la direzione Agricoltura mi ha comunicato la ricevibilità della domanda. Le cause di forza maggiore devono essere comunicate all amministrazione regionale entro dieci giorni dal loro verificarsi. VINCOLI Posso trasferire gli impegni ad altra persona? No, non è possibile variare l assetto proprietario. Posso cedere macchine o attrezzature acquistate con il contributo? No non è possibile cedere le dotazioni aziendali oggetto di contributo prima che siano trascorsi cinque anni dalla data della decisione di concedere il finanziamento. In caso io effettui una cessione del bene prima di tale termine, devo sostituire il bene ceduto con altro di caratteristiche uguali o superiori, vincolandolo all impegno residuo, dandone preventiva comunicazione all amministrazione. In caso contrario potrà essere avviata la procedura di decadenza e restituzione dell intero contributo concesso. Qualora, per esigenze imprenditoriali, un impianto fisso o un macchinario oggetto di finanziamento necessiti di essere spostato dall insediamento produttivo ove lo stesso è stato installato ad un altro sito appartenente allo stesso beneficiario, il beneficiario medesimo ne deve dare preventiva comunicazione all autorità che ha emesso il provvedimento di concessione del contributo che può o meno autorizzarlo. Posso vendere o modificare strutture o terreni su cui ho richiesto e ottenuto il contributo? No, per sette (7) anni a partire dalla data nella quale è stato adottato l atto di concessione dell aiuto, sono tenuto a mantenere le strutture invariate. Se non rispetto questo vincolo l amministrazione regionale può richiedere la restituzione dell intero contributo concesso. 8 9

7 Che cos è il PSR Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) è un documento di programmazione redatto dalle Regioni, nell'ambito del nuovo quadro di riferimento a livello Europeo noto come "Agenda Il futuro della Politica agricola Comunitaria (PAC) viene delineato come la prosecuzione della riforma avviata nel 1992 (riforma Mac Sharry) e vede privilegiate la sicurezza alimentare, il rapporto agricoltura ambiente e lo sviluppo integrato delle campagne. Il PSR è il principale strumento di programmazione e finanziamento per gli interventi nel settore agricolo, forestale e dello sviluppo rurale e opera sull'intero territorio regionale. Il riferimento normativo principale del PSR è il Regolamento (CE) 1257/99 "sul sostegno allo sviluppo rurale da parte del Fondo Europeo Agricoltura Orientamento e Garanzia (FEAOG)", che tende a razionalizzare gli interventi previsti nel periodo di programmazione precedente e consente l'attivazione di misure concernenti l'agevolazione dei giovani imprenditori, l'incentivazione della formazione agricola e forestale, il sostegno ad attività e servizi extragricoli, ecc. Il Programma di Sviluppo Rurale viene approvato dal Consiglio Regionale successivamente dalla Commissione Europea. La Giunta Regionale approva la delibera di attuazione del Piano comprensiva di due allegati contenenti rispettivamente le procedure e le priorità da seguire per la selezione delle domande relative alle misure attivate. L assessorato all agricoltura, di concerto con le organizzazioni di categoria e con gli Enti Locali (Provincie, Comuni, Comunità montane quantificano gli impegni,e emanano i bandi, che vengono fatti sulla base di linee definite dal Comitato di Sorveglianza. I punti strategici e gli obiettivi del nuovo PSR la centralità dei giovani e delle donne l integrazione delle filiere produttive attraverso un coordinamento di tutti i soggetti il sostegno alle politiche per la qualità dei prodotti e la sicurezza alimentare la realizzazione di iniziative per il miglioramento del capitale umano l attivazione di misure ambientali e il loro collegamento con gli interventi a favore della competitività delle imprese la concentrazione territoriale delle risorse infrastrutture la semplificazione amministrativa IL NUOVO PSR PARTE DA UNA SELETTIVITA DEGLI INTERVENTI E DA UNA CONCENTRAZIONE DELLE RISORSE ATTRAVERSO LA PROGETTAZIONE INTEGRATA E DI FILIERA 10 11

8 LA PROGETTAZIONE INTEGRATA Rappresenta la novità assoluta di questo PSR e si può declinare in progettazione integrata TERRITORIALE e di FILIERA. Con essa si possono attivare contemporaneamente più misure su più assi, realizzando progetti a livello di singola azienda (progetto integrato aziendale), nell ambito di un territorio omogeneo (prodotto integrato territoriale) o nell ambito di una specifica filiera produttiva (progetto integrato di filiera). CHE COS È LA FILIERA AGROALIMENTARE? La filiera agroalimentare è paragonabile a un percorso che porta i cibi e le bevande che consumiamo dal produttore alle nostre tavole. Sono 4 i suoi momenti fondamentali: - PRODUZIONE: il prodotto viene seminato, coltivato e raccolto e selezionato. - TRASFORMAZIONE: il prodotto viene lavorato e trasformato dalle industrie fino ad assumere la sua forma definitiva. - DISTRIBUZIONE: i prodotti vengono messi in vendita nei supermercati o in altri esercizi commerciali. - CONSUMO: il segmento del consumo è intesi come domanda, dunque considera sia le famiglie che la ristorazione a tutti i livelli. Le SCELTE si sono incentrate su QUATTRO ASSI di intervento: LA COMPETITIVITÀ DELLE IMPRESE Favorita attraverso interventi finanziari mirati a sostenere aggregazioni tra imprese e accordi di filiera: l idea è quella di non distribuire più contributi a pioggia, ma finanziare progetti mirati e considerare l agricoltore come un imprenditore a tutto tondo, collegato agli altri anelli della catena produttiva, come la trasformazione e la commercializzazione. IL MIGLIORAMENTO DELL AMBIENTE Ovvero l attenzione per la salvaguardia delle biodiversità, la riduzione dei gas serra, il sostegno della filiera agro energetica, la tutela e il miglioramento delle risorse idriche e del suolo e la conservazione del paesaggio rurale. LA MULTIFUNZIONALITÀ DELL AGRICOLTURA Questo concetto applicato all agricoltura serve ad ampliare la visione del mondo agricolo facendone superare una vecchia concezione come compartimento stagno. Consente infatti, di mettere in relazione questo settore con l ambiente, il territorio, il tessuto sociale e antropologico, lo sviluppo economico. Multifunzionalità significa anche avvicinare i cittadini alle proprie tradizioni culturali e, ancor di più, ai prodotti della propria terra che, attraverso le politiche di filiera e di promozione turistica ed enogastronomica acquistano maggior valore e diffusione sul mercato. Avvicinare il produttore al consumatore significa non solo risparmio economico, ma anche maggiore conoscenza dei prodotti acquistati. LE STRATEGIE DI SVILUPPO LOCALE Va considerata in tale direzione la costituzione dei Distretti rurali. Una legge che intende fornire gli strumenti per metter a sistema le risorse del territorio in un ottica multifunzionale per pensare all Agricoltura e all Industria come due realtà collegate e per garantire livelli occupazionali stabili partendo dalla risorse del territorio

9 La Pianificazione Strategica in agricoltura: IL BUSINESS PLAN Da quando l Unione Europea ha posto l obbligo della redazione di un piano aziendale per lo sviluppo dell attività agricola come condizione di accesso ai finanziamenti per l'agricoltura, la consapevolezza dell importanza del business plan ha incominciato ad affermarsi anche in agricoltura. Se, in una logica riduttiva, si potrebbe pensare all introduzione del business plan solo come ad una misura di tipo amministrativo, necessaria per accedere ai fondi comunitari la sua introduzione offre, invece, la possibilità di affrontare e risolvere alcuni temi chiave della gestione d impresa e del rapporto tra impresa agricola e mercato. Il business plan diventa, dunque, strumento di programmazione, di comunicazione ed informazione per tutti gli stakeholder tra cui la pubblica amministrazione. Scelte imprenditoriali, rischio e mercato Una impresa agricola può definirsi tale solo quando assume i requisiti della professionalità e della proiezione al mercato. Ne consegue che non può essere considerato imprenditore chi svolge l attività agricola in modo del tutto occasionale. Nello stesso tempo l attività imprenditoriale comporta orientamento al reddito e capacità di affrontare il rischio di impresa. Il requisito dell orientamento al mercato diviene tanto più necessario quanto più la politica agricola perde la sua funzione di garanzia e quanto più lo stesso reddito agricolo viene ad essere composto da una serie di attività complementari all agricoltura, riconducibili alla categoria della diversificazione, che in pratica richiedono una serie di competenze (nell accoglienza turistica, nella trasformazione agroalimentare, nel commercio) diverse dalle competenze di carattere produttivo tradizionalmente attribuite all agricoltura. L imprenditore deve quindi essere in grado di prevedere l evoluzione dei mercati in cui storicamente ha operato (sempre meno protetti) e anche imparare a conoscere una serie di mercati in cui non ha operato in precedenza: mercato della vendita al dettaglio, mercato turistico, ecc. Deve imparare a valutare la redditività di investimenti diversi (non solo confrontando investimenti alternativi per una stessa attività ma attività diverse tra loro) partendo dalle risorse (finanziarie ma anche di competenze) a disposizione dell impresa e dall analisi delle potenzialità del mercato. Il piano di impresa, o business plan, è lo strumento da utilizzare per sviluppare adeguatamente le idee progettuali, confrontando le competenze dell impresa con le opportunità di mercato, per definire gli investimenti e le fonti di finanziamento, per permettere una valutazione della redditività delle scelte, ma anche per fornire all imprenditore una guida che dia la possibilità di tenere sotto controllo l evoluzione del progetto. Contenuti del business plan Il piano d impresa è quindi lo strumento utilizzabile per pianificare e descrivere lo sviluppo di una nuova iniziativa imprenditoriale, per valutare gli effetti degli investimenti programmati dall impresa e per ottenere finanziamenti, convincendo eventuali finanziatori della bontà della propria iniziativa. Permette all impresa, nel medio-lungo periodo, di programmare e progettare il cambiamento (senza subirlo); è il progetto che motiva, analizza, valuta e riassume l attività che si vuole intraprendere o lo sviluppo di un attività già esistente, limitando quanto più possibile il rischio imprenditoriale. Il business plan è sia uno strumento gestionale che un documento di presentazione e formalizzazione dell idea progettuale. Esso assolve, quindi, due funzioni fondamentali: - una funzione interna all impresa, come strumento di supporto nella fase di pianificazione dell iniziativa; - una funzione esterna, come mezzo di comunicazione dell iniziativa imprenditoriale ai partner, ai potenziali finanziatori, ai clienti, ai fornitori, ecc.. Il business plan, così come il processo logico di pianificazione da seguire per la sua redazione, può essere predisposto secondo uno schema di base che si riassume: PARTE INTRODUTTIVA - Descrizione dell idea imprenditoriale o presentazione dell azienda - Localizzazione dell azienda - Panoramica sull attività che svolge o intende svolgere - Presentazione del prodotto o del servizio offerto ANALISI DI MERCATO - Descrizione del segmento di mercato in cui l azienda opera od intende operare - Panoramica sui competitors già presenti nel mercato - Riferimenti sui clienti dell azienda attuali e futuri - Presentazione dei prodotti, caratteristiche, standard qualitativi e quantitativi - Vantaggio competitivo dell azienda rispetto ai concorrenti PARTE STRATEGICA - Delineazione degli obiettivi di breve-lungo termine da raggiungere - Elaborazione delle strategie e delle azioni da attuare per perseguire i predetti obiettivi PARTE TECNICO-OPERATIVA - Struttura organizzativa dell azienda - Individuazione dei centri di responsabilità e delle aree aziendali PARTE QUANTITATIVA MONETARIA - Prospetti previsionali economico-finanziari L analisi del mercato è un punto fondamentale per valutare la validità dell iniziativa. Il successo dell iniziativa imprenditoriale dipende, infatti, dalla capacità dell impresa di interagire con l esterno, cioè con l ambiente competitivo in cui si trova ad operare, e con lo specifico mercato di riferimento a cui si rivolge. Sarà necessario analizzare la disponibilità del mercato ad assorbire i prodotti o servizi che si intendono offrire, nonché le forze competitive presenti su ogni mercato al quale ci si rivolge. L analisi dell ambiente competitivo è preliminare alla progettazione di dettaglio dell iniziativa ed è la base per elaborare una corretta strategia di marketing. Attraverso questa analisi si possono individuare le minacce e le opportunità per l impresa, i fattori critici di successo dell iniziativa imprenditoriale, le caratteristiche della domanda e della concorrenza. L idea progettuale deve essere coerente con le capacità dei soggetti che realizzeranno l iniziativa e con le opportunità e i vincoli offerti dall ambiente competitivo. La coerenza di questi tre aspetti è un primo elemento di giudizio sulla validità del business plan ed è premessa necessaria per delineare la strategia che condurrà l impresa sul mercato. L impresa definisce il proprio posizionamento strategico attraverso le leve del marketing mix, cioè le decisioni di marketing relative alla politica di prodotto, di prezzo, di distribuzione, di comunicazione, nonché il livello di servizio al cliente che l impresa vuole offrire. Una volta definita la strategia, vanno pianificate con precisione le attività da mettere in atto. Gli strumenti utilizzabili sono i piani operativi, che riguardano le modalità di produzione ed erogazione dei servizi, la struttura 14 15

10 DONNE E GIOVANI: QUALITÀ DA COLTIVARE. organizzativa aziendale, gli obiettivi di vendita e la modalità di gestione della rete distributiva, gli investimenti da realizzare e la relativa copertura finanziaria, che rappresentano il modo mediante il quale si realizzano gli obiettivi fissati. La determinazione della struttura patrimoniale e la definizione del piano degli investimenti permettono di quantificare l ammontare di denaro necessario all avvio dell attività, programmando l acquisizione dei beni di investimento, identificando il capitale necessario per la gestione dell impresa, evidenziando le fonti di finanziamento cui attingere per finanziare gli investimenti previsti. L ultimo passaggio consiste nel dimostrare la fattibilità economico-finanziaria dell iniziativa, coerentemente con le scelte strategiche e operative effettuate. Il piano economico-finanziario, con i bilanci di previsione e l analisi del fabbisogno finanziario, rappresenta la quantificazione contabile delle scelte strategiche e tecnicoorganizzative effettuate per la realizzazione dell iniziativa. Con la redazione e la valutazione dei piani economico-finanziari previsionali si conclude la redazione del piano di impresa. Costruendo un piano in modo completo, obiettivo e aderente alla realtà, l imprenditore ha raccolto gli elementi necessari a dimostrare a se stesso e ad eventuali finanziatori la fattibilità della nuova iniziativa imprenditoriale. Naturalmente questa non è garanzia assoluta di successo, ma il modo migliore per aumentarne le possibilità, diminuendo in modo significativo il rischio imprenditoriale, che rimane una caratteristica imprescindibile del fare impresa. Quali elementi innovativi per l'agricoltura? La redazione del business plan, come descritta, ha il merito di indurre l imprenditore ad elaborare ex ante un progetto complessivo di impresa e a prendere in considerazione le conseguenze finanziarie e reddituali delle sue scelte di investimento. E' importante sottolineare come il business plan sia uno strumento dinamico. Non è infatti pensabile che il progetto, che è di lungo periodo, possa essere realizzato esattamente come previsto nel momento iniziale, per la variabilità delle condizioni di mercato e per la natura stessa dell attività progettuale. Per risolvere questo problema e utilizzare allo stesso tempo il business plan in tutte le sue potenzialità è allora necessario che l impresa possa dotarsi di un set di strumenti di controllo, che permettano di monitorare lo stato di realizzazione del progetto, di verificare il perseguimento degli obiettivi, ma anche di modificare in tempo strategie e tattiche di azione. Il documento, dunque, deve servire da linea guida, da timone per le scelte di gestione aziendale. L attività di pianificazione strategica che il piano di impresa permette di realizzare ha bisogno, quindi, di essere supportata da strumenti di controllo direzionale e di controllo di gestione, che permettano un confronto tra la situazione reale e quella programmata in merito agli aspetti commerciali, agli obiettivi di vendita, agli investimenti, agli aspetti economico-finanziari. 16

11 I PRESIDENTI DELLE PROVINCE, LE ORGANIZZAZIONI PROFESSIONALI E DELLA COOPERAZIONE, I SINDACATI, ARSIAL

Rinnovabile al n. 3/2008 de L Informatore. Nell Asse 2 sono finanziati, ad esempio,

Rinnovabile al n. 3/2008 de L Informatore. Nell Asse 2 sono finanziati, ad esempio, PIEMONTE, EMILIA-ROMAGNA E LAZIO Cosa riservano i Psr alle agroenergie Nel tentativo di semplificare e chiarire la grande mole di materiale contenuto nei Psr, vengono qui prese in esame le Misure specifiche

Dettagli

UNIONE EUROPEA - REPUBBLICA ITALIANA REGIONE TOSCANA Programma di Sviluppo Rurale 2014/2020 Reg. (CE) 1305/2013

UNIONE EUROPEA - REPUBBLICA ITALIANA REGIONE TOSCANA Programma di Sviluppo Rurale 2014/2020 Reg. (CE) 1305/2013 Allegato A UNIONE EUROPEA - REPUBBLICA ITALIANA REGIONE TOSCANA Programma di Sviluppo Rurale 2014/2020 Reg. (CE) 1305/2013 Disposizioni generali per l attivazione del bando condizionato Aiuti all avviamento

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA

UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA Regione Puglia FEASR 2007 -- 2013 Programma di Sviluppo Rurale 22 00 00 77 -- 22 00 11 33 M aa rr zz oo 22 00 11 00 MISURA 114 1. Titolo della Misura Utilizzo

Dettagli

TRA. La Regione Sardegna, in persona del rappresentante legale pro tempore.

TRA. La Regione Sardegna, in persona del rappresentante legale pro tempore. SCHEMA DI CONVENZIONE - TIPO PER FAVORIRE L ACCESSO AL CREDITO DEGLI IMPRENDITORI DEL SETTORE AGRICOLO E DELLA PESCA VOLTO AD AGEVOLARE LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI PREVISTI DAL PSR REGIONE SARDEGNA

Dettagli

Informazioni riguardanti gli Assi e le Misure ASSE 1. Titolo IV capo I, art. 20, lettera, a), ii) e 22 del Reg. (CE) del Consiglio n.1698/2005.

Informazioni riguardanti gli Assi e le Misure ASSE 1. Titolo IV capo I, art. 20, lettera, a), ii) e 22 del Reg. (CE) del Consiglio n.1698/2005. 5.3.1.5.2 MISURA 112 Insediamento di giovani agricoltori Riferimenti normativi Titolo IV capo I, art. 20, lettera, a), ii) e 22 del Reg. (CE) del Consiglio n.1698/2005. Giustificazione logica alla base

Dettagli

MISURA 115 Avviamento dei servizi di assistenza alla gestione, servizi di sostituzione e di consulenza aziendale

MISURA 115 Avviamento dei servizi di assistenza alla gestione, servizi di sostituzione e di consulenza aziendale REGIONE LAZIO ASSESSORATO AGRICOLTURA DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE DEL LAZIO 2007/2013 ATTUATIVO REG. (CE) N. 1698/05 BANDO PUBBLICO MISURA 115 Avviamento dei servizi di

Dettagli

Servizio on line per la costruzione, l elaborazione e la valutazione dei business plan per le misure di investimento previste nei Psr 2007-2013

Servizio on line per la costruzione, l elaborazione e la valutazione dei business plan per le misure di investimento previste nei Psr 2007-2013 Servizio on line per la costruzione, l elaborazione e la valutazione dei business plan per le misure di investimento previste nei Psr 2007-2013 BREVE INTRODUZIONE AL SERVIZIO (a cura di Roberto D Auria

Dettagli

Provincia dell Ogliastra Gestione Commissariale (L.R. n. 15 /2013)

Provincia dell Ogliastra Gestione Commissariale (L.R. n. 15 /2013) BANDO PUBBLICO PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO SPERIMENTALE DI PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELLA COLTIVAZIONE DEL CILIEGIO DOLCE E DEL MELO NELLA PROVINCIA DELL OGLIASTRA ALLEGATO A - PIANO DI SVILUPPO

Dettagli

L.R. 34/04 Cluster, Reti e aggregazioni d imprese. Domande frequenti

L.R. 34/04 Cluster, Reti e aggregazioni d imprese. Domande frequenti L.R. 34/04 Cluster, Reti e aggregazioni d imprese Domande frequenti 1. COME PRESENTARE DOMANDA 1.1. Come si presenta una domanda?.....3 1.2. E previsto un termine per la presentazione delle domande?...3

Dettagli

ENERGIE ALTERNATIVE PER UN TURISMO ED UNA AGRICOLTURA DI QUALITA

ENERGIE ALTERNATIVE PER UN TURISMO ED UNA AGRICOLTURA DI QUALITA ENERGIE ALTERNATIVE PER UN TURISMO ED UNA AGRICOLTURA DI QUALITA Erogazione di contributi in conto capitale alle P.M.I. del settore turistico e del settore agricolo localizzati nel territorio provinciale

Dettagli

PSR Veneto 2014-2020: arrivata l'approvazione definitiva della Commissione europea

PSR Veneto 2014-2020: arrivata l'approvazione definitiva della Commissione europea PSR Veneto 2014-2020: arrivata l'approvazione definitiva della Commissione europea 27/05/2015 Approvato il nuovo Psr Veneto. La Commissione europea ha dato il via libera al Programma di sviluppo rurale

Dettagli

L.R. 11/2014, art. 40 B.U.R. 14/10/2015, n. 41 L.R. 80/1982, art. 5, comma primo. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 2 ottobre 2015, n. 0205/Pres.

L.R. 11/2014, art. 40 B.U.R. 14/10/2015, n. 41 L.R. 80/1982, art. 5, comma primo. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 2 ottobre 2015, n. 0205/Pres. L.R. 11/2014, art. 40 B.U.R. 14/10/2015, n. 41 L.R. 80/1982, art. 5, comma primo DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 2 ottobre 2015, n. 0205/Pres. Regolamento recante criteri e modalità applicabili nella

Dettagli

REGIONE CAMPANIA CONTRATTO DI PROGRAMMA REGIONALE

REGIONE CAMPANIA CONTRATTO DI PROGRAMMA REGIONALE REGIONE CAMPANIA CONTRATTO DI PROGRAMMA REGIONALE FONTI LEGISLATIVE 1. Decreto Legislativo 31 marzo 1998, n. 123: "Disposizioni per la razionalizzazione degli interventi di sostegno pubblico alle imprese,

Dettagli

MISURA 112 - INSEDIAMENTO DI GIOVANI AGRICOLTORI

MISURA 112 - INSEDIAMENTO DI GIOVANI AGRICOLTORI MISURA 112 - INSEDIAMENTO DI GIOVANI AGRICOLTORI Riferimento normativo Articolo 22 del regolamento (CE) n. 1698/2005 RAGIONI DELL INTERVENTO La misura punta a incentivare il primo insediamento di giovani

Dettagli

Insediamento di giovani agricoltori (Misura 112) Riferimento normativo Titolo IV capo I, art. 20, lettera, a), ii) e 22 del Reg. (CE) del Consiglio

Insediamento di giovani agricoltori (Misura 112) Riferimento normativo Titolo IV capo I, art. 20, lettera, a), ii) e 22 del Reg. (CE) del Consiglio Insediamento di giovani agricoltori (Misura 112) Riferimento normativo Titolo IV capo I, art. 20, lettera, a), ii) e 22 del Reg. (CE) del Consiglio n.1698/2005. Giustificazione logica alla base dell intervento

Dettagli

Deliberazione di Giunta regionale n. 231 del 06 marzo 2009

Deliberazione di Giunta regionale n. 231 del 06 marzo 2009 REGIONE LIGURIA REPUBBLICA ITALIANA COMMISSIONE EUROPEA Deliberazione di Giunta regionale n. 231 del 06 marzo 2009 Regolamento (CE) n. 1698/2995: Programma regionale di Sviluppo Rurale 2007-2013. Avvio

Dettagli

Produzione di beni e servizi.

Produzione di beni e servizi. Produzione di beni e servizi. Dalla tua idea alla tua impresa. Guida alle agevolazioni per le Imprese Giovani Decreto Legislativo 185/2000 Titolo I Capo I e Capo II Le norme nazionali e comunitarie hanno

Dettagli

Articolo 1 (Modifiche all art. 9 del Regolamento Regionale n. 1 del 19 gennaio 2009) PARTE PRIMA

Articolo 1 (Modifiche all art. 9 del Regolamento Regionale n. 1 del 19 gennaio 2009) PARTE PRIMA 8648 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 44 del 28-03-2011 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 24 marzo 2011, n. 4 Ulteriori modifiche al Regolamento Regionale n.

Dettagli

5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza

5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza 5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza Riferimenti normativi Articolo 20 lettera a) punto iv) ed articolo 24 Regolamento (CE) n. 1698/05. Articolo 15 del Regolamento (CE) n. 1974/2006

Dettagli

FONDO DI GARANZIA PER L ACCESSO AL CREDITO A FAVORE DELL IMPRENDITORIA FEMMINILE E GIOVANILE INDICE

FONDO DI GARANZIA PER L ACCESSO AL CREDITO A FAVORE DELL IMPRENDITORIA FEMMINILE E GIOVANILE INDICE F.A.Q. art. 8 della L.R. 12/2004, come sostituito dall art. 33 della l.r. 30/2009 FONDO DI GARANZIA PER L ACCESSO AL CREDITO A FAVORE DELL IMPRENDITORIA FEMMINILE E GIOVANILE INDICE 1. Modalità di presentazione

Dettagli

OGGETTO: L Assessore Giuseppe Pan riferisce quanto segue.

OGGETTO: L Assessore Giuseppe Pan riferisce quanto segue. OGGETTO: Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2014-2020. Apertura dei termini di presentazione delle domande di aiuto per i tipi d intervento 1.1.1, 3.1.1, 3.2.1, 4.1.1, 4.2.1, 5.2.1, 6.1.1 e 6.4.1

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1, comma 845 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, che prevede che il Ministro dello Sviluppo economico con proprio decreto istituisca appositi regimi

Dettagli

PSR: Misura 112 "Insediamento di giovani agricoltori"

PSR: Misura 112 Insediamento di giovani agricoltori PSR: Misura 112 "Insediamento di giovani agricoltori" La misura 112 concede un aiuto all insediamento dei giovani agricoltori attraverso l attivazione di un piano di sviluppo aziendale e l utilizzo di

Dettagli

SERVIZIO DI SUPPORTO ALLE SCELTE GESTIONALI E PRODUTTIVE RIVOLTE AL MIGLIORAMENTO GLOBALE DEL RENDIMENTO DELLE AZIENDE AGRICOLE E FORESTALI BANDO ANNO

SERVIZIO DI SUPPORTO ALLE SCELTE GESTIONALI E PRODUTTIVE RIVOLTE AL MIGLIORAMENTO GLOBALE DEL RENDIMENTO DELLE AZIENDE AGRICOLE E FORESTALI BANDO ANNO SERVIZIO DI SUPPORTO ALLE SCELTE GESTIONALI E PRODUTTIVE RIVOLTE AL MIGLIORAMENTO GLOBALE DEL RENDIMENTO DELLE AZIENDE AGRICOLE E FORESTALI BANDO ANNO 2007 OBIETTIVI DEL BANDO Con il presente bando sono

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA Regolamento PRESTITO D ONORE (Delibere C.P. 27/04, 4/05 ) ------------------------------- La Provincia Regionale di Enna, IV Settore Programmazione e Sviluppo Economico concede

Dettagli

GUIDA AL BUSINESS PLAN*

GUIDA AL BUSINESS PLAN* GUIDA AL BUSINESS PLAN* *La guida può essere utilizzata dai partecipanti al Concorso che non richiedono assistenza per la compilazione del businnes plan INDICE Introduzione 1. Quando e perché un business

Dettagli

AGEVOLAZIONI PER IL SUBENTRO IN AGRICOLTURA DECRETO LEGISLATIVO N. 185/2000 TITOLI I CAPO III REGOLAMENTO ATTUATIVO

AGEVOLAZIONI PER IL SUBENTRO IN AGRICOLTURA DECRETO LEGISLATIVO N. 185/2000 TITOLI I CAPO III REGOLAMENTO ATTUATIVO AGEVOLAZIONI PER IL SUBENTRO IN AGRICOLTURA DECRETO LEGISLATIVO N. 185/2000 TITOLI I CAPO III REGOLAMENTO ATTUATIVO 1. OBIETTIVO DELLA MISURA Favorire la nuova imprenditorialità ed il ricambio generazionale

Dettagli

REGIONE LAZIO GIUNTA REGIONALE STRUTTURA PROPONENTE. OGGETTO: Schema di deliberazione concernente: ASSESSORATO PROPONENTE DI CONCERTO

REGIONE LAZIO GIUNTA REGIONALE STRUTTURA PROPONENTE. OGGETTO: Schema di deliberazione concernente: ASSESSORATO PROPONENTE DI CONCERTO REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 228 19/05/2015 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 7616 DEL 13/05/2015 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: Area: AGRICOLTURA E SVILUPPO RURALE, CACCIA E PESCA Prot. n.

Dettagli

Cooperative sociali. Un impresa sociale, la tua. Guida alle agevolazioni per le Imprese Giovani Decreto Legislativo 185/2000 Titolo I Capo IV

Cooperative sociali. Un impresa sociale, la tua. Guida alle agevolazioni per le Imprese Giovani Decreto Legislativo 185/2000 Titolo I Capo IV Cooperative sociali. Un impresa sociale, la tua. Guida alle agevolazioni per le Imprese Giovani Decreto Legislativo 185/2000 Titolo I Capo IV Le norme nazionali e comunitarie hanno la prevalenza sui contenuti

Dettagli

Voucher CooperAttive!

Voucher CooperAttive! bando Voucher CooperAttive! per l acquisto di servizi di assistenza destinati allo sviluppo delle società cooperative Sviluppo Aziendale Check-up Economico Finanziario Riorganizzazione Responsabilita Sociale

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE Area Imprese Padova PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE PER IL VENETO 2007-2013 Obiettivi, strategie ed interventi 2013 Misura 112 Insediamento di giovani agricoltori e Pacchetto Giovani Il Pacchetto giovani

Dettagli

Allegato A Delibera Giunta Provinciale n. 674-23761 del 22 giugno 2010 LEGGE REGIONALE N. 12 DEL 23 MAGGIO 2008 ART. 10

Allegato A Delibera Giunta Provinciale n. 674-23761 del 22 giugno 2010 LEGGE REGIONALE N. 12 DEL 23 MAGGIO 2008 ART. 10 Allegato A Delibera Giunta Provinciale n. 674-23761 del 22 giugno 2010 LEGGE REGIONALE N. 12 DEL 23 MAGGIO 2008 ART. 10 PROGRAMMA DI ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI A FAVORE DELLA MECCANIZZAZIONE AGRICOLA

Dettagli

Consorzio UNI.T.I. Modalita attuative FONDO START UP

Consorzio UNI.T.I. Modalita attuative FONDO START UP Consorzio UNI.T.I. Modalita attuative FONDO START UP luglio 2013 1 1. PREMESSA Il Consorzio UNI.T.I. ha come obiettivo la realizzazione di un programma dell Università degli Studi di Genova per il supporto

Dettagli

FONDO DI GARANZIA PER L ACCESSO AL CREDITO A FAVORE DELL IMPRENDITORIA FEMMINILE E GIOVANILE INDICE

FONDO DI GARANZIA PER L ACCESSO AL CREDITO A FAVORE DELL IMPRENDITORIA FEMMINILE E GIOVANILE INDICE F.A.Q. art. 8 della L.R. 12/2004, come sostituito dall art. 33 della l.r. 30/2009 FONDO DI GARANZIA PER L ACCESSO AL CREDITO A FAVORE DELL IMPRENDITORIA FEMMINILE E GIOVANILE INDICE 1. Modalità di presentazione

Dettagli

ISA. svolge attività di supporto al Mipaaf nei procedimenti di erogazione delle agevolazioni relative ai contratti di filiera (L. 289/2002).

ISA. svolge attività di supporto al Mipaaf nei procedimenti di erogazione delle agevolazioni relative ai contratti di filiera (L. 289/2002). Commissione Agricoltura Senato - Roma, 25 Luglio 2013 Presentazione ISA è una società di intermediazione finanziaria, partecipata al 100% dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali (Mipaaf),

Dettagli

8.2.2. M02 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art. 15)

8.2.2. M02 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art. 15) 8.2.2. M02 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art. 15) 8.2.2.1. Base giuridica Regolamento (UE) n. 1305/2013 Art.15 Regolamento (UE) n. 808/2014

Dettagli

la D.G.R. n. 20-388 del 6/10/2014 ha stabilito, tra l altro, che:

la D.G.R. n. 20-388 del 6/10/2014 ha stabilito, tra l altro, che: REGIONE PIEMONTE BU41S1 09/10/2014 Codice DB1116 D.D. 7 ottobre 2014, n. 848 D.G.R. n. 20-388 del 6/10/2014. Piano verde - Programma regionale per la concessione di contributi negli interessi sui prestiti

Dettagli

Contributi per processi di aggregazione dei Consorzi Fidi. Regolamento di Attuazione

Contributi per processi di aggregazione dei Consorzi Fidi. Regolamento di Attuazione UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA ASSESSORATO ALLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE Contributi per processi di aggregazione dei Consorzi Fidi Regolamento di Attuazione L.R. 7/2006 art. 25 L.R. n.

Dettagli

5.3.1.1.2 Insediamento di giovani agricoltori

5.3.1.1.2 Insediamento di giovani agricoltori 5.3.1.1.2 Insediamento di giovani agricoltori Riferimenti normativi Codice di Misura Articoli 20 (a) (ii) e 22 del Reg. (CE) N 1698/2005. Art. 13 e punto 5.3.1.1.2. dell allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

AZIONE B: Produzione e vendita

AZIONE B: Produzione e vendita Dipartimento Regionale Interventi Infstrutturali per l'agricoltura MIS. 312: Sostegno alla creazione e allo sviluppo di micro-imprese AZIONE B: Produzione e vendita PSR SICILIA 2007/2013 MISURA 312/B di

Dettagli

Indice. 1. Finalità. 2. Tipologia di aiuto. 3. Beneficiari. 4. Intensità dell aiuto e spese ammissibili. 5. Criteri di selezione

Indice. 1. Finalità. 2. Tipologia di aiuto. 3. Beneficiari. 4. Intensità dell aiuto e spese ammissibili. 5. Criteri di selezione Allegato alla Delib.G.R. n. 28/41 del 17.7.2013 Modifica delle direttive in materia di aiuto all avviamento delle organizzazioni dei produttori (OP), delle loro unioni (OC) non ortofrutta e dei consorzi

Dettagli

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione)

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione) Regolamento contenente criteri e modalità per la concessione di contributi a favore degli apicoltori, singoli o associati che risiedono sul territorio della Provincia e ivi esercitano l'attività apistica,

Dettagli

Regolamento per l attuazione del Programma operativo regionale (POR) FESR 2014 2020 Investimenti a favore della crescita e dell occupazione

Regolamento per l attuazione del Programma operativo regionale (POR) FESR 2014 2020 Investimenti a favore della crescita e dell occupazione Regolamento per l attuazione del Programma operativo regionale (POR) FESR 2014 2020 Investimenti a favore della crescita e dell occupazione Articolo 1 Finalità Articolo 2 Definizioni CAPO I FINALITÀ E

Dettagli

ALLEGATO _B_ Dgr n. 573 del 15/04/2014 pag. 19/51

ALLEGATO _B_ Dgr n. 573 del 15/04/2014 pag. 19/51 ALLEGATO _B_ Dgr n. 573 del 15/04/2014 pag. 19/51 MISURA 114 UTILIZZO DEI SERVIZI DI CONSULENZA AZIONE 1 Servizi di consulenza agricola rivolti agli imprenditori agricoli 1. DESCRIZIONE DELLA MISURA 1.1

Dettagli

REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Rurale

REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Rurale Allegato 3 UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Rurale Programma Sviluppo Rurale FEASR 2007 2013 Art. 20 (a) (i) e 21 del Reg. (CE) 1698/05 Allegato

Dettagli

Bando. Riqualificazione Ed Innovazione Energetica Nei Processi Produttivi E Nei Servizi Ausiliari delle Imprese

Bando. Riqualificazione Ed Innovazione Energetica Nei Processi Produttivi E Nei Servizi Ausiliari delle Imprese Bando Riqualificazione Ed Innovazione Energetica Nei Processi Produttivi E Nei Servizi Ausiliari delle Imprese Approvato con deliberazione della Giunta regionale n. 944 del 29/07/2011 Pubblicato sul Supplemento

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche Agricole e Valorizzazione dei Prodotti Locali;

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche Agricole e Valorizzazione dei Prodotti Locali; DGR N. 184 DEL 6 MAGGIO 2011 OGGETTO: Reg. CE 1698/2005. Programma di Sviluppo Rurale (PSR) 2007/2013 del Lazio. Misure 211, 212 e 214 - Disposizioni per il finanziamento delle domande di aiuto/pagamento

Dettagli

COMUNE DI FLORIDIA. Provincia di Siracusa

COMUNE DI FLORIDIA. Provincia di Siracusa COMUNE DI FLORIDIA Provincia di Siracusa REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE AI GIOVANI DI AGEVOLAZIONI IN CONTO INTERESSI PER L APERTURA DI NUOVE ATTIVITA NEL TERRITORIO DI FLORIDIA DELIBERATO DAL CONSIGLIO

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO A FAVORE DEI CENTRI DI ASSISTENZA TECNICA ALLE IMPRESE (CAT)

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO A FAVORE DEI CENTRI DI ASSISTENZA TECNICA ALLE IMPRESE (CAT) BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO A FAVORE DEI CENTRI DI ASSISTENZA TECNICA ALLE IMPRESE (CAT) 1. BENEFICIARI Possono presentare domanda di contributo i Centri di Assistenza Tecnica

Dettagli

BANDO A SOSTEGNO DELLA REALIZZAZIONE DI NUOVE IDEE IMPRENDITORIALI IN PROVINCIA DI LODI

BANDO A SOSTEGNO DELLA REALIZZAZIONE DI NUOVE IDEE IMPRENDITORIALI IN PROVINCIA DI LODI BANDO A SOSTEGNO DELLA REALIZZAZIONE DI NUOVE IDEE IMPRENDITORIALI IN PROVINCIA DI LODI Mantenere il lavoro, la propria abitazione e assicurarsi con continuità l'accesso al cibo in questi anni è diventato

Dettagli

MISURA 6.5 SICUREZZA PER LO SVILUPPO E CONTROLLO DI LEGALITÀ SUGLI INVESTIMENTI

MISURA 6.5 SICUREZZA PER LO SVILUPPO E CONTROLLO DI LEGALITÀ SUGLI INVESTIMENTI POR SARDEGNA 2000-2006 MISURA 6.5 SICUREZZA PER LO SVILUPPO E CONTROLLO DI LEGALITÀ SUGLI INVESTIMENTI AZIONE 6.5.D PROGETTI PILOTA LOCALI LEGALITÀ BANDO PUBBLICO DI SELEZIONE DEI PROGETTI PILOTA LOCALI

Dettagli

NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE

NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE POR FESR SARDEGNA 2007 2013 Asse VI Competitività - Linea di attività 6.2.1.b Programma di aiuti per Nuove Imprese Innovative NUOVE IMPRESE INN OVA TIVE Giuseppe Serra Sardegna Ricerche Progetto cofinanziato

Dettagli

REGIONE MOLISE ASSESSORATO POLITICHE AGRICOLE E AGROALIMENTARI - PROGRAMMAZIONE FORESTALE - SVILUPPO RURALE - PESCA PRODUTTIVA TUTELA DELL AMBIENTE

REGIONE MOLISE ASSESSORATO POLITICHE AGRICOLE E AGROALIMENTARI - PROGRAMMAZIONE FORESTALE - SVILUPPO RURALE - PESCA PRODUTTIVA TUTELA DELL AMBIENTE REGIONE MOLISE ASSESSORATO POLITICHE AGRICOLE E AGROALIMENTARI - PROGRAMMAZIONE FORESTALE - SVILUPPO RURALE - PESCA PRODUTTIVA TUTELA DELL AMBIENTE AUTORITA DI GESTIONE PSR MOLISE 2014-2020 PROGRAMMA DI

Dettagli

Da tali presupposti e attraverso il supporto degli strumenti normativi regionali si delineano i presenti criteri attuativi.

Da tali presupposti e attraverso il supporto degli strumenti normativi regionali si delineano i presenti criteri attuativi. Criteri per la predisposizione del bando INNOVA RETAIL 3 Premessa La DG Commercio, Turismo e Servizi ha supportato le imprese lombarde nelle nuove sfide del mercato globalizzato, sia puntando sulle sinergie

Dettagli

Regolamento Regionale

Regolamento Regionale Regolamento Regionale Ulteriori modifiche al Regolamento generale dei regimi di aiuto in esenzione della Regione Puglia n. 1 del 19 gennaio 2009 come modificato dall art. 1 del Regolamento Regionale n.

Dettagli

ALLEGATO _A_ Dgr n. 1592 del 04/10/2011 pag. 25/31

ALLEGATO _A_ Dgr n. 1592 del 04/10/2011 pag. 25/31 ALLEGATO _A_ Dgr n. 1592 del 04/10/2011 pag. 25/31 MISURA 114 UTILIZZO DEI SERVIZI DI CONSULENZA AZIONE 1 Servizi di consulenza agricola rivolti agli imprenditori agricoli 1. DESCRIZIONE DELL AZIONE 1.1

Dettagli

Art. 1 Oggetto e finalità

Art. 1 Oggetto e finalità REGOLAMENTO del, n. Regolamento di attuazione della legge regionale 8 agosto 2014, n. 20 Riconoscimento e costituzione dei distretti rurali, dei distretti agroalimentari di qualità e dei distretti di filiera

Dettagli

100 milioni di euro per i nuovi bandi

100 milioni di euro per i nuovi bandi Seminario - Lamezia Terme - venerdì 28 gennaio 2011 100 milioni di euro per i nuovi bandi Misure 1.2.1 e 1.2.3 Miglioramento della competitività del settore agricolo e forestale BANDI 121-123 ISTRUZIONI

Dettagli

Misure in favore dell autoimprenditorialità in agricoltura e del ricambio generazionale

Misure in favore dell autoimprenditorialità in agricoltura e del ricambio generazionale Misure in favore dell autoimprenditorialità in agricoltura e del ricambio generazionale Ambito di applicazione L obiettivo della misura è quello di favorire il turnover in agricoltura e sostenere i giovani

Dettagli

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia Roberto Pretolani Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano La politica

Dettagli

Art. 1 FINALITÁ. Art. 2 DEFINIZIONI

Art. 1 FINALITÁ. Art. 2 DEFINIZIONI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEI CONTRIBUTI PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI E PER L'ACQUISTO DI MACCHINE ED ALTRI BENI MOBILI IDONEI ALL ESERCIZIO DELL ATTIVITA AGRICOLA NELLE AZIENDE AGRICOLE RICADENTI

Dettagli

1. PREMESSA 2. FONDI MESSI A DISPOSIZIONE PER L EROGAZIONE DEI CONTRIBUTI

1. PREMESSA 2. FONDI MESSI A DISPOSIZIONE PER L EROGAZIONE DEI CONTRIBUTI - Innovazione per progetti di comunicazione delle MPMI della provincia di Varese, anche in vista di Expo 2015. Anno 2013 Approvato con deliberazione di giunta camerale n.90 del 07/11/2013 1. PREMESSA Nell

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell A.G.C. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 22 - Mercoledì 30 maggio 2012

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 22 - Mercoledì 30 maggio 2012 15 D.G. Sport e giovani D.d.u.o. 24 maggio 2012 - n. 4490 Approvazione del bando Voucher sperimentale Leva Civica Regionale - percorsi di cittadinanza attiva per il potenziamento delle opportunita dei

Dettagli

ALLEGATO C MODALITA E TERMINI PER L ESECUZIONE DEGLI INTERVENTI

ALLEGATO C MODALITA E TERMINI PER L ESECUZIONE DEGLI INTERVENTI 14175 ALLEGATOC MODALITA ETERMINIPERL ESECUZIONEDEGLIINTERVENTI Per le domande ammesse ai benefici la Regione adotta specifici provvedimenti di concessione degliaiutiecomunicaaibeneficiaril ammissioneafinanziamento,lemodalitàdiesecuzionedegli

Dettagli

DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ

DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ DECRETO 12 febbraio 2010. CORTE DEI CONTI Differimento dell adozione di specifici provvedimenti attuativi collegati all istituzione delle nuove funzioni dirigenziali.

Dettagli

Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) FEASR 2014 2020

Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) FEASR 2014 2020 PROGRAMMAZIONE 2014 2020 Valutazione Ambientale Strategica Programma Operativo Regionale FESR Programma di Sviluppo Rurale FEASR Forum Pubblico e prima Conferenza di Valutazione Il Programma di Sviluppo

Dettagli

BANDO RETI DI IMPRESE PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ANNO 2014

BANDO RETI DI IMPRESE PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ANNO 2014 BANDO RETI DI IMPRESE PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ANNO 2014 Allegato 1) 1. FINALITA E RISORSE FINANZIARIE 1.1. Finalità La Regione Umbria, nell ambito delle proprie iniziative istituzionali, intende promuovere

Dettagli

Premessa. Risultati della rilevazione misura 311

Premessa. Risultati della rilevazione misura 311 VALUTAZIONE DELL INCIDENZA DELLE MISURE DI SVILUPPO RURALE SULLE SCELTE DEGLI IMPRENDITORI AGRICOLI E DEI LORO FAMILIARI CON PARTICOLARE RIGUARDO ALLA PROPENSIONE VERSO LA DIVERSIFICAZIONE. Premessa In

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Pari opportunità, Autonomie locali, Sicurezza;

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Pari opportunità, Autonomie locali, Sicurezza; OGGETTO: Approvazione della proposta di legge regionale concernente: Interventi regionali per la prevenzione e il contrasto del fenomeno del sovraindebitamento e dell usura e istituzione della Casa regionale

Dettagli

SOGGETTI BENEFICIARI E LOCALIZZAZIONE DELL INTERVENTO

SOGGETTI BENEFICIARI E LOCALIZZAZIONE DELL INTERVENTO FAQ: Bando approvato con decreto n. 9441 del 18/10/2013 - Programma integrato di interventi a sostegno della creazione d impresa linea 8 Frim Start up e Re-start. SOGGETTI BENEFICIARI E LOCALIZZAZIONE

Dettagli

Allegato alla D.G.P. n.del.

Allegato alla D.G.P. n.del. Allegato alla D.G.P. n.del. Legge Regionale n. 12 del 23 Maggio 2008 art. 10 Programma Meccanizzazione Agricola. D.G.R. n. 40-9259 Del 21/07/2008 e D.G.R. n. 41-11192 Del 06/04/2009 BANDO PROVINCIALE 2010

Dettagli

Schema di decreto legislativo recante:

Schema di decreto legislativo recante: Schema di decreto legislativo recante: Incentivi all autoimprenditorialità e all autoimpiego, in attuazione della delega conferita dall articolo 45, comma 1, della legge 17 maggio 1999, n. 144. Visti gli

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale 2014-2010. DOMODOSSOLA 18 settembre 2015

Programma di Sviluppo Rurale 2014-2010. DOMODOSSOLA 18 settembre 2015 Programma di Sviluppo Rurale 2014-2010 MISURA 19 CLLD LEADER LA SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO DOMODOSSOLA 18 settembre 2015 1 Piemonte PROGRAMMAZIONE 2007-2013 PSR 2007-2013 ASSE IV LEADER 13 GRUPPI

Dettagli

R E G I O N E C A L A B R I A G I U N T A R E G I O N A L E

R E G I O N E C A L A B R I A G I U N T A R E G I O N A L E R E G I O N E C A L A B R I A G I U N T A R E G I O N A L E Deliberazione n. 114 della seduta del 20/04/2015. Oggetto: Approvazione schema di Accordo ai sensi dell art. 15 della legge n. 241/90 tra il

Dettagli

Legge regionale 19 febbraio 2014 - n. 11 Impresa Lombardia: per la libertà di impresa, il lavoro e la competitività.

Legge regionale 19 febbraio 2014 - n. 11 Impresa Lombardia: per la libertà di impresa, il lavoro e la competitività. Legge regionale 19 febbraio 2014 - n. 11 Impresa Lombardia: per la libertà di impresa, il lavoro e la competitività. Principali novità: Riferimento alla normativa europea e regionale in particolare a "Una

Dettagli

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave:

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave: 2 3 scheda SEZIONE C: SCHEDA La strategia di sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia 2014-2020 in breve La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole

Dettagli

1 I documenti dovranno essere prodotti in formato PDF e trasmessi esclusivamente attraverso la casella di posta elettronica certificata del

1 I documenti dovranno essere prodotti in formato PDF e trasmessi esclusivamente attraverso la casella di posta elettronica certificata del ALLEGATO B L.R. 26/09 Bando regionale per la concessione dei contributi di cui all art. 6 ai soggetti del commercio equo e solidale individuati dalla Regione Emilia-Romagna senza fini di lucro - Anno 2013.

Dettagli

Aiuti ai contratti di filiera agroalimentari

Aiuti ai contratti di filiera agroalimentari Agevolazioni Finanziarie 13 di Bruno Pagamici - Dottore commercialista, Revisore contabile, Pubblicista - Studio Pagamici - Macerata Settore agricolo Aiuti ai contratti di filiera agroalimentari Aiuti

Dettagli

MISURA B, AZIONI DI COMUNICAZIONE RURALE - ART. 2 COMMA 1, LETT. D ( L. R. 34/2001).

MISURA B, AZIONI DI COMUNICAZIONE RURALE - ART. 2 COMMA 1, LETT. D ( L. R. 34/2001). Allegato B alla Determinazione n. del MISURA B, AZIONI DI COMUNICAZIONE RURALE - ART. 2 COMMA 1, LETT. D ( L. R. 34/2001). La Provincia di Prato in attuazione della L.R. 34/2001 e del Piano Provinciale

Dettagli

MISURA 144 Aziende agricole in via di ristrutturazione in seguito alla riforma dell organizzazione comune di mercato

MISURA 144 Aziende agricole in via di ristrutturazione in seguito alla riforma dell organizzazione comune di mercato ALLEGATO ALLA DGR N. 482 DEL 21 OTTOBRE 2011 REGIONE LAZIO ASSESSORATO AGRICOLTURA DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE DEL LAZIO 2007/2013 ATTUATIVO REG. (CE) N. 1698/05 BANDO

Dettagli

Per coltivare. un futuro sostenibile. Breve guida al PSR 2014-2020 del Friuli Venezia Giulia

Per coltivare. un futuro sostenibile. Breve guida al PSR 2014-2020 del Friuli Venezia Giulia Per coltivare un futuro sostenibile Breve guida al PSR 2014-2020 del Friuli Venezia Giulia CHE COS È IL PSR Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) è lo strumento di attuazione del Fondo Europeo Agricolo

Dettagli

Legge Regionale n. 12 del 23 maggio 2008 art. 10 - Programma meccanizzazione agricola. D.G.R. n. 40-9269 Del 21/07/2008. Istruzioni operative

Legge Regionale n. 12 del 23 maggio 2008 art. 10 - Programma meccanizzazione agricola. D.G.R. n. 40-9269 Del 21/07/2008. Istruzioni operative Allegato 1 Legge Regionale n. 12 del 23 maggio 2008 art. 10 - Programma meccanizzazione agricola. D.G.R. n. 40-9269 Del 21/07/2008. Istruzioni operative A) PREMESSA L articolo 10 della L.R. n. 12 del 23

Dettagli

Misura 114 - Utilizzo dei servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali

Misura 114 - Utilizzo dei servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali Misura 114 - Utilizzo dei servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali Titolo della misura: Utilizzo dei servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e dei detentori

Dettagli

Conferenza stampa APPROVAZIONE PSR BASILICATA 2014-2020

Conferenza stampa APPROVAZIONE PSR BASILICATA 2014-2020 Conferenza stampa APPROVAZIONE PSR BASILICATA 2014-2020 Assessore Regionale Luca Braia Giovanni Oliva - Vittorio Restaino Dipartimento Politiche Agricole e Forestali - Regione Basilicata Potenza - Sala

Dettagli

Scheda di sintesi Bando regionale Ricerca industriale delle imprese

Scheda di sintesi Bando regionale Ricerca industriale delle imprese Scheda di sintesi Bando regionale Ricerca industriale delle imprese 1. Oggetto dell intervento Sono finanziabili progetti che prevedono le seguenti attività: Ricerca industriale e Sviluppo sperimentale.

Dettagli

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo Genesis s.r.l. - Via Galliera, 26-40121 Bologna - www.genesis.it Copyright Genesis, 2004. - 1 - CHECK LIST 1. Hai messo a fuoco il mercato a cui rivolgerti?

Dettagli

Club Alpino Italiano Fondo Stabile Pro Rifugi Bando 2015

Club Alpino Italiano Fondo Stabile Pro Rifugi Bando 2015 FONDO STABILE PRO RIFUGI (Istituito dall Assemblea dei Delegati di Varese 2006) BANDO 2015 (*) Importo presunto per il 2015: euro _751.000,00 SOMMARIO 1 Finalità 2 Soggetti beneficiari (requisiti soggettivi

Dettagli

Le aree rurali per uno sviluppo sostenibile

Le aree rurali per uno sviluppo sostenibile INFORMAZIONE PUBBLICITARIA Le aree rurali per uno sviluppo sostenibile Il futuro dell agricoltura non è più legato solo alla produzione di materie prime per l alimentazione, ma anche alla sua centralità

Dettagli

MISURA 112. 1. Titolo della Misura Insediamento di giovani agricoltori

MISURA 112. 1. Titolo della Misura Insediamento di giovani agricoltori MISURA 112 1. Titolo della Misura Insediamento di giovani agricoltori 2. Articoli di riferimento Titolo IV, Capo I, sezione 1, Articolo 20 lettera a) punto ii e sottosezione 1, Articolo 22 del Regolamento

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE DELL INTERVENTO FORMATIVO

SPECIFICHE TECNICHE DELL INTERVENTO FORMATIVO SPECIFICHE TECNICHE DELL INTERVENTO FORMATIVO (art. 68 D. Lgs. 163/2006) ALLEGATO A FINALITÀ L intervento formativo richiesto deve essere finalizzato a formare il giovane imprenditore agricolo in maniera

Dettagli

Misura 2 Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole

Misura 2 Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20 Misura 2 Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole Sottomisura 2.1 Sostegno ad avvalersi di servizi di consulenza

Dettagli

Area politiche per lo sviluppo rurale Servizio Agricoltura ==========

Area politiche per lo sviluppo rurale Servizio Agricoltura ========== REGIONE PUGLIA Area politiche per lo sviluppo rurale Servizio Agricoltura ========== ORIGINALE DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE DEL SERVIZIO AGRICOLTURA N. 12 del registro delle determinazioni CODICE CIFRA:

Dettagli

INDICE. 1. Modalità di presentazione e requisiti formali delle domande di agevolazione

INDICE. 1. Modalità di presentazione e requisiti formali delle domande di agevolazione F.A.Q. L.R. 18/1999 INDICE 1. Modalità di presentazione e requisiti formali delle domande di agevolazione 1.1 1.2 1.3 1.4 1.5 1.6 Come si presenta una domanda? Quali modalità di spedizione sono ammesse?

Dettagli

Condizioni e modalità per la domanda e la concessione dei contributi

Condizioni e modalità per la domanda e la concessione dei contributi Regione autonoma Valle d Aosta Contributi regionali a sostegno dei progetti di sviluppo, promozione e commercializzazione presentati dai raggruppamenti di operatori turistici riconosciuti (raggruppamenti

Dettagli

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la formazione continua. Manuale per le attività di Vigilanza e Controllo

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la formazione continua. Manuale per le attività di Vigilanza e Controllo Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la formazione continua Manuale per le attività di Vigilanza e Controllo 1 Sommario 1. Vigilanza e Controllo... 3 2. Modalità e procedure di esercizio delle

Dettagli

REGIONE ABRUZZO DIREZIONE RIFORME ISTITUZIONALI ENTI LOCALI CONTROLLI SERVIZIO SISTEMI LOCALI E PROGRAMMAZIONE DELLO SVILUPPO MONTANO

REGIONE ABRUZZO DIREZIONE RIFORME ISTITUZIONALI ENTI LOCALI CONTROLLI SERVIZIO SISTEMI LOCALI E PROGRAMMAZIONE DELLO SVILUPPO MONTANO ALL. A REGIONE ABRUZZO DIREZIONE RIFORME ISTITUZIONALI ENTI LOCALI CONTROLLI SERVIZIO SISTEMI LOCALI E PROGRAMMAZIONE DELLO SVILUPPO MONTANO Criteri e modalità per la presentazione e verifica di ammissibilità

Dettagli

5. PROCEDURE. 5.1 Presentazione della domanda

5. PROCEDURE. 5.1 Presentazione della domanda 5. PROCEDURE 5.1 Presentazione della domanda Le domande di contributo dovranno essere predisposte e presentate esclusivamente utilizzando gli appositi servizi on-line ad accesso riservato, integrati nel

Dettagli