COMUNE DI PESCASSEROLI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI PESCASSEROLI"

Transcript

1 COMUNE DI PESCASSEROLI REGIONE ABRUZZO PROVINCIA DI L AQUILA C.A.P Cod. Fisc Tel / Fax Prot Dalla Residenza Municipale, 27 Dicembre 2011 ORDINANZA DI DEMOLIZIONE E RIDUZIONE IN PRISTINO DELLO STATO DEI LUOGHI DI OPERE REALIZZATE IN ASSENZA DI TITOLO AUTORIZZATIVO ORDINANZA N. 79/2011 IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO AREA URBANISTICA PREMESSO che in virtù del sopralluogo tecnico-urbanistico dell Agente Ausiliario di P.G. (nominato con apposito verbale ai sensi dell art. 348 ultimo comma C.P.P. del ), effettuato, alla presenza di personale del Ministero delle Politiche Alimentari e Forestali, Corpo Forestale dello Stato, Comando Stazione di Pescasseroli (AQ), in data diciasette Novembre duemilaundici, sono stato accertati sull area sita nel Comune di Pescasseroli (AQ), Via San Donato, individuata al N.C.T. con il Foglio 23 particella 235 e il Foglio 24 particella 805 e al N.C.E.U. con il Foglio 23 mappali 579 sub. 3 e 778 sub. 1 graffato con il sub. 2, sub. 3 e sub. 4, interventi edilizi senza titolo abilitativo; VISTA la relazione tecnica illustrativa dell Agente Ausiliario di P.G., Geom. Massimiliano Mazzulli, del , che descrive dettagliatamente gli interventi edilizi realizzati; ACCERTATO che sono stati rilevati i seguenti interventi edilizi: - n. 144 (centoquarantaquattro) manufatti provvisti di rete idrica, fognante, elettrica e gas, collegati fra loro da n. 10 (dieci) strade carrabili e pedonali; - n. 01 area adibita ad area giochi ed area camper collegata al camping stesso tramite un ponticello in acciaio; - n. 01 ponticello in acciaio; con tipologia e dimensioni di seguito riportate: N. TIPOLOGIA DESTINAZIONE DIMENSIONI ml. 1 fabbricato chalet 11,80 x 5,55 x Hmin 2,60 x Hmax 3,65 2 fabbricato chalet per roulette 4,90 x 6,20 x Hmin 2,60 x Hmax 3,00 3 fabbricato chalet per routette 4,60 X 6,45 x Hmin 2,30 x Hmax 3,90 4 fabbricato chalet per roulette 5,50 x 4,70 x Hmin 2,10 x Hmax 2,95 5 fabbricato chalet 5,50 x 5,00 x Hmin 2,70 x Hmax 3,70

2 6 fabbricato servizi igienici 6,10 x 4,70 x Hmin 2,30 x Hmax 2,74 7 fabbricato chalet 6,10 x 4,70 x Hmin 2,55 x Hmax 2,90 8 fabbricato chalet 5,00 x 6,40 x Hmin 2,70 x Hmax 3,00 9 fabbricato chalet 6,10 x 5,80 x Hmin. 2,35 x Hmax 3,25 10 fabbricato chalet 6,15 x 3,75 x Hm 3,50 11 fabbricato chalet 7,90 x 3,70 x Hmin 2,80 x Hmax 3,75 12 fabbricato chalet 7,20 x 7,10 x Hmin 2,50 x Hmax 3,20 13 fabbricato chalet 5,80 x 5,60 x Hmin. 2,70 x Hmax. 3,15 14 fabbricato chalet 5,30 x 4,40 x Hmin 2,20 x Hmax 3,15 15 fabbricato chalet 4,80 x 2,20 x Hmin. 2,25 x Hmax. 2,60 16 fabbricato chalet 5,30 x 6,10 x Hmin. 2,30 x Hmax. 3,50 17 fabbricato chalet 5,60 x 5,80 x Hmin 2,70 x Hmax 3,00 18 fabbricato chalet 5,00 x 4,90 x Hmin 2,10 x Hmax 3,05 19 fabbricato chalet 5,30 x 4,60 x Hmin 2,60 x Hmax 3,20 20 fabbricato chalet 7,90 x 4,70 x Hmin 2,10 x Hmax 2,50 21 fabbricato chalet 4,80 x 5,50 x Hmin 2,30 x Hmax 3,00 22 fabbricato chalet 5,00 x 5,60 x Hmin 2,50 x Hmax 3,20 23 fabbricato chalet 6,10 x 5,20 x Hmin 2,45 x Hmax 3,55 24 fabbricato chalet 8,20 x 5,20 x Hmin 2,60 x Hmax 3,50 25 fabbricato chalet 6,50 x 4,50 x Hmin 2,50 x Hmax 3,00 26 fabbricato chalet 5,50 x 2,60 x Hmin 2,40 x Hmax 2,70 27 fabbricato chalet 6,40 x 6,00 x Hmin 2,85 x Hmax 3,55 28 fabbricato chalet 7,20 x 5,20 x Hmin 2,50 x Hmax 3,60 29 fabbricato chalet 5,90 x 5,20 x Hmin 2,50 x Hmax 2,80 30 fabbricato chalet 5,50 x 5,50 x Hmin 2,60 x Hmax 3,20 31 fabbricato chalet 5,70 x 5,10 x Hmin 2,40 x Hmax 3,00 32 fabbricato chalet 4,40 x 4,50 x Hmin 2,50 x Hmax 3,00 33 fabbricato chalet 6,20 x 5,00 x Hmin 2,50 x Hmax 3,00 34 fabbricato chalet 6,80 x 6,10 x Hmin 2,60 x Hmax 2,90 35 fabbricato chalet 4,60 x 5,10 x Hmin 2,60 x Hmax 3,20 36 fabbricato chalet 5,70 x 5,80 x Hmin 2,70 x Hmax 3,35 37 fabbricato chalet 6,40 x 4,90 x Hmin 2,20 x Hmax 3,05 38 fabbricato chalet 4,80 x 3,90 x Hmin 2,10 x Hmax 2,90 39 fabbricato chalet 6,00 x 4,50 x Hmin 2,25 x Hmax 3,00 40 fabbricato chalet 5,40 x 6,00 x Hmin 2,30 x Hmax 3,50 41 fabbricato chalet 5,20 x 7,00 x Hmin 2,60 x Hmax 3,20 42 fabbricato chalet 6,20 x 5,70 x Hmin 2,60 x Hmax 3,00 43 fabbricato chalet 5,60 x 6,65 x Hmin 2,42 x Hmax 2,77 44 fabbricato chalet 5,65 x 6,10 x Hmin 2,36 x Hmax 3,05 45 fabbricato chalet 5,80 x 6,10 x Hmin 2,48 x Hmax 2,90 46 fabbricato chalet 6,60 x 6,60 x Hmin 2,70 x Hmax 3,20 47 fabbricato chalet 6,15 x 6,00 x Hmin 3,10 x Hmax 4,15 48 fabbricato chalet 4,10 x 4,50 x Hmin 2,25 x Hmax 3,00 49 fabbricato chalet 5,10 x 5,00 x Hmin 2,40 x Hmax 2,70 50 fabbricato chalet 5,80 x 5,90 x Hmin 2,50 x Hmax 3,40 51 fabbricato chalet 6,35 x 5,70 x Hmin 2,70 x Hmax 3,15 52 fabbricato chalet 5,50 x 7,50 x Hmin 3,10 x Hmax 3,80 53 fabbricato chalet 7,65 x 5,65 x Hmin 2,65 x Hmax 3,70 54 fabbricato chalet 5,30 x 5,30 x Hmin 2,50 x Hmax 3,00

3 55 fabbricato chalet 6,00 x 5,45 x Hmin 2,55 x Hmax 3,20 56 fabbricato chalet 4,30 x 4,50 x Hmin 2,40 x Hmax 2,60 57 fabbricato chalet 6,00 x 6,10 x Hmin 2,50 x Hmax 3,00 58 fabbricato chalet 7,40 x 5,20 x Hmin 2,50 x Hmax 3,00 59 fabbricato chalet 4,60 x 5,00 x Hmin 2,45 x Hmax 2,95 60 fabbricato chalet 5,40 x 6,60 X Hmin 2,20 x Hmax 2,70 61 fabbricato chalet 7,90 x 5,90 x Hmin 2,80 x Hmax 3,40 62 fabbricato chalet 7,10 x 4,80 x Hmin 2,60 x Hmax 3,35 63 fabbricato chalet 4,70 x 5,70 x Hmin 2,70 x Hmax 3,60 64 fabbricato chalet 6,95 x 4,50 x Hmin 2,45 x Hmax 2,70 65 fabbricato chalet 6.05 x 5,25 x Hmin 2,55 x Hmax 3,00 66 fabbricato chalet 6,90 x 4,20 x Hmin 2,30 x Hmax 3,85 67 fabbricato chalet 8,85 x 4,95 x Hmin 2,80 x Hmax 3,10 68 fabbricato chalet 6,70 x 4,55 x Hmin 2,60 x Hmax 3,00 69 fabbricato chalet 6,05 x 6,80 x Hmin 2,44 x Hmax 2,80 70 fabbricato direzione 7,05 x 7,35 x Hmin 2,65 x Hmax 3,40 71 fabbricato chalet 5,30 x 5,30 x Hmin 2,50 x Hmax 4,10 72 fabbricato chalet 6,10 x 5,10 x Hmin 2,60 x Hmax 3,15 73 fabbricato chalet 3,80 x 5,20 x Hmin 2,20 x Hmax 2,80 74 fabbricato chalet 6,10 x 6,60 x Hmin 2,90 x Hmax 4,00 75 fabbricato chalet 8,20 x 5,05 x Hmin 2,65 x Hmax 3,15 76 fabbricato chalet 5,55 x 4,70 x Hmin 2,75 x Hmax 3,20 77 fabbricato chalet 5,15 x 4,50 x Hmin 2,20 x Hmax 2,95 78 fabbricato chalet 4,95 x 7,60 x Hmin 2,40 x Hmax 3,20 79 fabbricato chalet 5,10 x 7,30 x Hmin 2,60 x Hmax 3,45 80 fabbricato magazzino 950 x 7,80 x Hmin 2.45 x Hmax 4,10 81 fabbricato bar - ristoro 12,60 x 8,25 x Hmin 2,80 x Hmax 4,10 82 fabbricato servizi igienici 21,85 x 9,10 x Hmin 3,45 x Hmax 6,15 83 fabbricato chalet 5,75 x 5,75 x Hmin 1,87 x Hmax 3,15 84 fabbricato chalet 5,05 x 8,00 x Hmin 2.60 x Hmax 3,55 85 fabbricato chalet 4,45 x 5,95 x Hmin 2,45 xhmax 3,00 86 fabbricato chalet 5,05 x 4,65 x Hmin 2,35 x Hmax 2,90 87 fabbricato chalet 6,75 x 5,15 x Hmin 2,65 x Hmax 3,20 88 fabbricato chalet 5,55 x 4,70 x Hmin 2,35 x Hmax 2,95 89 fabbricato chalet 4,75 x 9,35 x Hmin 2,45 x Hmax 3,15 90 fabbricato chalet 7,45 x 5,40 x Hmin 2,75 x Hmax 3,20 91 fabbricato chalet 6,85 x 8,85 x Hmin 2,35 x Hmax 3,10 92 fabbricato chalet 5,55 x 5,10 x Hmin 2,73 x Hmax 3,70 93 fabbricato chalet 7,30 x 6,75 x Hmin 2,70 x Hmax 3,20 94 fabbricato chalet 6,40 x 6,60 x Hmin 2,50 x Hmax 3,30 95 fabbricato chalet 5,45 x 4,95 x Hmin 2,70 x Hmax 3,20 96 fabbricato chalet 4,50 x 6,55 x Hmin 2,40 x Hmax 3,00 97 fabbricato chalet 4,15 x 6,15 x Hmin 2,15 x Hmax 3,10 98 fabbricato chalet 6,70 x 6,75 x Hmin 2,60 x Hmax 3,40 99 fabbricato chalet 5,50 x 6,05 x Hmin 2,20 x Hmax 3, fabbricato chalet 4,45 x 7,25 x Hmin 2,40 x Hmax 3, fabbricato chalet 6,55 x 4,50 x Hmin 2,65 x Hmax 3, fabbricato chalet 6,25 x 5,90 x Hmin 2,65 x Hmax 3, fabbricato chalet 5,55 x 5,55 x Hmin 2,30 x Hmax 3,20

4 104 fabbricato chalet 5,95 x 3,85 x Hmin 2,10 x Hmax 2, fabbricato chalet 4,09 x 5,20 x Hmin 2,30 x Hmax 3, fabbricato chalet 5,95 x 8,00 x Hmin 2,70 x Hmax 3, fabbricato chalet 5,45 x 6,70 x Hmin 2,30 x Hmax 3, fabbricato chalet 7,70 x 5,30 x Hmin 2,30 x Hmax 2, fabbricato chalet 7,05 x 4,40 x Hmin 2,15 x Hmax 3, fabbricato chalet 7,75 x 5,60 x Hmin 2,90 x Hmax 3, fabbricato chalet 7,25 x 5,25 x Hmin 2,70 x Hmax 3, fabbricato chalet 6,85 x 5,75 x Hmin 2,90 x Hmax 3, fabbricato chalet 5,50 x 6,40 x Hmin 2,45 x Hmax 3, fabbricato chalet 8,45 x 4,60 x Hmin 2,75 x Hmax 3, fabbricato chalet 6,55 x 6,45 x Hmin 2,80 x Hmax 3, fabbricato chalet 5,25 x 6,65 x Hmin 2,10 x Hmax 2, fabbricato chalet 5,75 x 5,70 x Hmin 2,20 x Hmax 3, fabbricato chalet 7,15 x 6,45 x Hmin 2,10 x Hmax 3, fabbricato chalet 8,80 x 8,15 x Hmin 2,50 x Hmax 3, fabbricato chalet 8,20 x 4,85 x hmin 2,50 x Hmax 3, fabbricato chalet 5,95 x 8,40 x Hmin 2,70 x Hmax 3, fabbricato chalet 5,50 x 8,30 x Hmin 2,60 x Hmax 3, fabbricato chalet 4,40 x 7,55 x Hmin 2,70 x Hmax 3, fabbricato chalet 4,90 x 6,40 x Hmin 2,25 x Hmax 2, fabbricato chalet 5,90 x 5,35 x Hmin 2,35 x Hmax 3, fabbricato chalet 6,05 x 8,10 x Hmin 2,80 x Hmax 3, fabbricato chalet 6,70 x 5,40 x Hmin 2,60 x Hax 3, fabbricato chalet 5,70 x 5,55 x Hmin 2,60 x Hmax 3, fabbricato chalet 4,10 x 4,45 x Hmin 2,30 x Hmax 3, fabbricato chalet 7,70 x 4,65 x Hmin 2,40 x Hmax 3, fabbricato villa 9,80 x 17,40 x Hmin 2,90 x Hmax 5, fabbricato chalet 6,65 x 6,95 x Hmin 2,75 x Hmax 3, fabbricato chalet 7,60 x 6,25 x Hmin 2,20 x Hmax 3, fabbricato chalet 5,40 x 5,52 x Hmin 2,50 x Hmax 3, fabbricato chalet 4,50 x 5,95 x Hmin 2,30 x Hmax 3, fabbricato chalet 5,10 x 8,00 x Hmin 2,50 x Hmax 3, fabbricato chalet 7,20 x 7,45 x Hmin 2,50 x Hamx 3, fabbricato chalet 4,70 x 4,75 x Hmin 2,10 x Hmax 3, fabbricato chalet 5,95 X 5,75 X Hmin 2,45 x Hmax 2, fabbricato chalet 5,70 x 7,10 x Hmin 2,40 x Hmax 3, fabbricato chalet 5,80 x 4,55 x Hmin 2,50 x Hmax 3, fabbricato chalet 4,40 x 5,90 x Hmin 2,50 x Hmax 3, fabbricato tettoia quadri elettrici 2,00 x 1,10 x Hmin 1,90 x Hmax 2, fabbricato direzione 7,00 x 4,30 x Hmin 2,60 x Hmax 3,00 A strada 58,00 x Largm 4,70 B strada 47,00 x Largm 3,40 C strada 73,00 x Largm 3,00 D strada 55,20 x Largm 4,00 E strada 56,60 x Largm 3,00 F strada 55,00 x Largm 4,00 G strada 55,00 x Largm 2,70 H piazza 17,00 x 12,70

5 I strada 55,00 x Largm 3,50 L strada 36,00 x Largm 3,00 M ponticello 14,40 x 1,50 area giochi 14,00 x 13,00 RILEVATO che nella sopraccitata relazione tecnica illustrativa del si evince che l intera struttura ricettiva denominata Camping S.Andrea, possiede caratteristiche di stabilità e con chiara funzione di soddisfare esigenze abitative di carattere duraturo e continuativo; RILEVATO che l intera struttura ricettiva in esame risulta sottoposta a: a) vincoli di tutela ambientale e paesaggistica in virtù di: a. Legge n del e art. 82 del D.P.R. n , n. 616; b. L.R. n. 02 del ; c. L.R. n. 26 del ; d. L.R. n. 49 del ; e. L.R. n. 5 del ; f. D.Lgs n. 42 del ; g. D.Lgs n. 157 del ; h. D.Lgs n. 63 del ; b) parere vincolante dell Ente Autonomo Parco Nazionale D Abruzzo Lazio e Molise, con sede legale in Pescasseroli (AQ); c) rilascio di permesso di costruire in virtù degli art. 10 e 11 del DPR n. 380 del e ss.mm.ii.; VISTO che presso l Ufficio Tecnico Comunale esistono i seguenti atti amministrativi: 1) Richiesta di sanatoria in virtù della Legge N. 47 del , giusto Prot. N del a nome di Camping S.Andrea srl, con la quale si chiede di sanare l ampliamento di servizi, il cambio di destinazione d uso e ampliamento della villa esistente; 2) Richiesta di sanatoria in virtù della Legge N. 724 del , giusto Prot. N del a nome di Camping S.Andrea srl, con la quale si chiede di sanare la realizzazione di strutture mobili costituenti accessorio alle roulettes, quali gabbiotti e tettoie in legno e ferro; 3) Richiesta di sanatoria in virtù della Legge N. 724 del , giusto Prot. N del a nome di Camping S.Andrea srl, con la quale si chiede di sanare la realizzazione di un immobile adibito ad attività turistico-ricettiva; 4) Richiesta di sanatoria in virtù della Legge N. 724 del , giusto Prot. N del a nome di Camping S.Andrea srl, con la quale si chiede di sanare la realizzazione di ampliamento dei servizi igienici e cambio di destinazione d uso da servizi igienici ad abitazione custode; 5) Richiesta di sanatoria in virtù della Legge N. 724 del , giusto Prot. N del a nome di Camping S.Andrea srl, con la quale si chiede di sanare la realizzazione di un immobile adibito a bungalow; 6) Richiesta di sanatoria in virtù della Legge N. 724 del , giusto Prot. N del a nome di Camping S.Andrea srl, con la quale si chiede di sanara la realizzazione di un immobile adibito a servizi igienici; le stesse richieste sono a tutt oggi in corso di definizione;

6 7) Autorizzazione dell Ente Autonomo Parco Nazionale d Abruzzo Lazio e Molise (PNALM) di Pescasseroli (AQ) Prot. N del , inerente la realizzazione del Camping Sant Andrea ; 8) Nulla osta rilasciato dalla Regione Abruzzo, II Dipartimento Agricoltura e Foreste, Ispettorato Ripartimentale delle Foreste di L Aquila, Prot. N del inerente la realizzazione del Camping Sant Andrea ; 9) Parere favorevole rilasciato dalla Soprintendenza ai Monumenti ed alle Gallerie per l Abruzzo di L Aquila, Prot. N Pos. BN/AQ/P. del inerente la realizzazione del Camping Sant Andrea ; 10) Autorizzazione temporanea rilasciata dal Prefetto della Provincia di L Aquila Cat. 11-A/3 del inerente la attivazione dell esercizio di campeggio del Camping Sant Andrea ; 11) Concessione Edilizia N. 128 del inerente la realizzazione di un camping ; 12) Licenza di pubblico esercizio N. 25 del ; 13) Autorizzazione dell Ente Autonomo Parco Nazionale d Abruzzo Lazio e Molise (PNALM) di Pescasseroli (AQ) Prot. N. 2277/P del , inerente la realizzazione di servizi igienici all interno del Camping Sant Andrea ; 14) Nulla osta della Giunta Regionale D Abruzzo, Urbanistica e BB.AA. di L Aquila Prot. N. 7654/BN AQ 68 del , inerente la ristrutturazione servizi igienici ; 15) Parere favorevole espresso dal Ministero per i Beni e le Attività Ambientali, Soprintendenza per i Beni Ambientali Architettonici Artistici e Storici di Abruzzo L Aquila Prot. N del , inerente la ristrutturazione servizi igienici ; 16) Concessione Edilizia in sanatoria N. 481 del inerente la realizzazione di servizi igienici in difformità della Concessione Edilizia N. 128/1981 ; 17) Concessione Edilizia N. 482 del inerente la realizzazione di un fabbricato per servizi igienici nell ambito del Camping Sant Andrea ; 18) Autorizzazione Edilizia N. 15/93 del inerente la realizzazione di una rete fognaria interna all area del Camping Sant Andrea, consistente nella posa in opera di appositi pozzetti e tubazioni dei servizi delle singole roulottes; 19) Nulla osta della Giunta Regionale d Abruzzo, Sett. Urbanistica e BB.AA. e Cultura di L Aquila Prot. N /BN/66/ del , inerente la sanatoria L.724/94 ; 20) Parere favorevole espresso dal Ministero per i Beni e le Attività Ambientali, Soprintendenza per i Beni Ambientali Architettonici Artistici e Storici di Abruzzo L Aquila Prot. N del , inerente la sanatoria edilizia ai sensi delle Leggi n. 47/85 e n. 724/94 art. 39 delle strutture mobili ; 21) Autorizzazione dell Ente Autonomo Parco Nazionale d Abruzzo Lazio e Molise (PNALM) di Pescasseroli (AQ) Prot. N del , inerente la realizzazione dei seguenti interventi: a. Sistemazione della recinzione; b. Realizzazione di una passerella di collegamento in legno, ad esclusivo uso pedonale; c. Sistemazione dell area mediante il poszionamento di attrezzature da pic-nic, punto fuoco e area giochi attrezzata; 22) Denuncia di Inizio Attività (D.I.A.) Prot. n del , per la realizzazione delle seguenti opere: a. Area attrezzata nel verde debitamente recintata, con griglie, panchine e prese di acqua; b. Area attrezzata giochi con campo di bocce, ecc.;

7 c. Spazio per il parcheggio di auto, camper e motorhome, roulottes, ecc.; d. Realizzazione di una passerella di collegamento in legno, ad esclusivo uso pedonale; 23) Nulla osta Ambientale, rilasciato dal Comune di Pescasseroli (AQ), in attuazione della Sub-delega di cui alla L.R. n. 02/2003, Prot. n. 979 del inerente la D.I.A. Prot. n. 6226/2004 ; 24) Avvenuto deposito e nonché denuncia dei lavori rilasciato dalla Provincia dell Aquila, Servizio Tecnico del Territorio, Genio Civile di Avezzano (AQ) Prot. N. 906 del inerente la D.I.A. Prot. n. 6226/2004 ; 25) Autorizzazione rilasciata dalla Giunta Regionale, Direzione Territorio, Urbanistica, BB.AA., Parchi, Politiche e Gestione dei Bacini Idrografici, Servizio Genio Civile Regionale di L Aquila, ufficio di Avezzano (AQ) Prot. N. 697 del inerente la l attraversamento del fiume Sangro con passerella in acciaio ; 26) Parere favorevole espresso dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Soprintendenza per i Beni Architettonici e per il Paesaggio per l Abruzzo di L Aquila Prot. N del , inerente la D.I.A. Prot. n. 6226/2004 ; 27) Autorizzazione Provvisoria di dipendenza del Camping Sant Andrea rilasciata dal Comune di Pescasseroli (AQ) Prot. N del ; 28) Autorizzazione all esercizio della struttura ricettiva all aria aperta denominata Camping Sant Andrea rilasciata dal Comune di Pescasseroli (AQ) in data ; ACCERTATO che in base al vigente P.R.G., i manufatti non appaiono compatibili con la destinazione d uso, in quanto gli stessi ricadono in Zona Omogenea E3 : Ambiti di interesse agricolo-paesaggistico, zona a "verde pubblico di rispetto stradale", zona verde di rispetto ai corsi d'acqua", servizi campeggio ed in parte ad essere occupato da fascia di rispetto (all interno del Piano Particolareggiato Comprensorio C5, che riserva gli immobili di che trattasi alla formazione del lotto n. 26) e edificazione confermata ed in parte ad essere occupato da fascia di rispetto (all interno del Piano Particolareggiato Comprensorio C5, che riserva gli immobili di che trattasi alla formazione del lotto n. 27); RICHIAMATI: - l art. 10 del DPR n. 380/2001 e ss.mm.ii.; - l art. 11 del DPR n. 380/2001 e ss.mm.ii.; ACCERTATO che i responsabili della violazione sono i seguenti soggetti proprietari delle aree e viventi: a) Sig. Gentile Guglielmo, nato a Pescasseroli (AQ) il ed ivi residente in Via Difesa Monte Tranquillo, 7; b) Sig.ra Colasante Giovanna, nata a Foggia il e residente a Pescasseroli (AQ) in Via Difesa Monte Tranquillo, 7; c) Sig.ra Del Principe Francesco, nato a Pescasseroli (AQ) il ed ivi d) Sig.ra Gentile Anna Graziella, nata a Pescasseroli (AQ) il ed ivi rei della realizzazione abusiva di n. 144 (centoquarantaquattro) manufatti provvisti di rete idrica, fognante, elettrica e gas, collegati fra loro con n. 10 (dieci) strade carrabili e pedonali, con tipologia e dimensioni riportate in premessa, n. 01 area adibita ad area giochi ed area camper collegata al camping stesso tramite n. 01 (uno) ponticello in acciaio, su terreni individuabili catastalmente al N.C.T. con il Foglio 23 particella 235 e il

8 Foglio 24 particella 805 e al N.C.E.U. con il Foglio 23 mappali 579 sub. 3 e 778 sub. 1 graffato con il sub. 2, sub. 3 e sub. 4; RILEVATO che è stata omessa la comunicazione di avvio in quanto sussistono particolari ragioni d urgenza; VISTI gli articoli 27, 29, 31 e 36 del testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia approvato con DPR n. 380 del e ss.mm.ii.; RITENUTO pertanto di ingiungere al proprietario esecutore della violazione di effettuare la demolizione nel termine perentorio di novanta giorni dalla notificazione del presente provvedimento, eventualmente prorogabile con specifica istanza, da presentarsi prima del suddetto termine, motivata da ragioni di obiettiva impossibilità di rispettare il termine medesimo per causa non imputabile al committente e/o al responsabile dell abuso; ATTESA la propria competenza all adozione del presente atto in base all articolo 107 del D.Lgs. n. 267 del contenente il Testo unico delle leggi sull ordinamento degli enti locali; ORDINA nei confronti di: a) Sig. Gentile Guglielmo, nato a Pescasseroli (AQ) il ed ivi residente in Via Difesa Monte Tranquillo, 7; b) Sig.ra Colasante Giovanna, nata a Foggia il e residente a Pescasseroli (AQ) in Via Difesa Monte Tranquillo, 7; c) Sig.ra Del Principe Francesco, nato a Pescasseroli (AQ) il ed ivi d) Sig.ra Gentile Anna Graziella, nata a Pescasseroli (AQ) il ed ivi rei della realizzazione abusiva di n. 144 (centoquarantaquattro) manufatti provvisti di rete idrica, fognante, elettrica e gas, collegati fra loro con n. 10 (dieci) strade carrabili e pedonali, con tipologia e dimensioni riportate in premessa, n. 01 area adibita ad area giochi ed area camper collegata al camping stesso tramite n. 01 (uno) ponticello in acciaio, su terreni individuabili catastalmente al N.C.T. con il Foglio 23 particella 235 e il Foglio 24 particella 805 e al N.C.E.U. con il Foglio 23 mappali 579 sub. 3 e 778 sub. 1 graffato con il sub. 2, sub. 3 e sub. 4; 1) di predisporre e depositare presso gli uffici comunali, entro 30 (trenta) giorni dalla notificazione del presente provvedimento, il progetto di demolizione e ripristino dell area oggetto di abuso a firma di un tecnico abilitato alla libera professione; 2) di effettuare la demolizione ed il ripristino in conformità al progetto approvato entro 90 (novanta) giorni dalla comunicazione dell intervenuta approvazione del progetto di cui al punto precedente e del relativo permesso di costruire, eventualmente prorogabile con specifica istanza, da presentarsi prima della scadenza del suddetto termine per motivate ragioni tecniche non imputabili al committente o al costruttore;

9 3) di disporre con separato provvedimento, nel caso di mancata presentazione del progetto nel termine assegnato ai sensi del precedente punto 1) ovvero di presentazione del progetto non idoneo, l affidamento dell incarico di progettazione per la demolizione e ripristino con oneri che saranno addebitati ai soggetti sopra indicati; 4) di disporre con separato provvedimento, nel caso di mancata realizzazione nei termini assegnati ai sensi del precedente punto 2) ovvero di realizzazione difforme dal progetto, la realizzazione di interventi per mezzo di ditta idonea da individuarsi con le procedure di cui all art. 24 della Legge n. 109/1994 e ss.mm.ii. con oneri che saranno addebitati ai soggetti sopra indicati; DEMANDA alle forze dell ordine presenti nel territorio (Polizia Municipale, Carabinieri, Corpo Forestale dello Stato e Guardie PNALM), di verificare il corretto adempimento delle disposizioni della presente ordinanza e di attivare, in caso di inottemperanza, il procedimento di esecuzione d ufficio. AVVERTE - che in caso di mancata osservanza della realizzazione degli interventi di demolizione e ripristino, e salva l applicazione dell art. 650 del codice penale, si provvederà ex officio alla loro esecuzione con oneri che saranno addebitati al responsabile dell abuso, in virtù dell art. 31 del testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia approvato con DPR n. 380 del e ss.mm.ii.; - che in caso di mancata effettuazione degli interventi di rimozione delle opere abusive gli immobili interessati, l area di sedime unitamente all area individuata in premessa descritta, sarà acquisita di diritto gratuitamente al patrimonio del Comune; - che in caso di acquisizione gratuita di cui al punto precedente l opera acquisita sarà demolita a spese dei responsabili dell abuso, salvo che con deliberazione consiliare non si dichiari l esistenza di prevalenti interessi pubblici e che l opera non contrasti con rilevanti interessi urbanistici o ambientali. - che il presente provvedimento ha l effetto di comportare l immediata interruzione di eventuali opere in corso nonché il divieto di disporre dei suoli e delle opere stesse con atti tra vivi; - che in caso di mancata osservanza del divieto di prosecuzione dei lavori il fatto sarà segnalato all autorità giudiziaria per il provvedimenti di cui all articolo 44, comma 1, lett. b) del testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia approvato con DPR n. 380 del e ss.mm.ii.;; - che l alienazione delle aree per atti inter vivos che intervenga dopo la trascrizione del presente provvedimento nei registri immobiliari, oltre ad essere nulla di pieno diritto, comporterà, ai sensi dell articolo 47 del testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia approvato con DPR n. 380 del e ss.mm.ii., l applicazione delle sanzioni disciplinari previste dalla Legge n. 89 del a carico degli ufficiali roganti.

10 Si notifichi: - Sig. Gentile Guglielmo, nato a Pescasseroli (AQ) il ed ivi residente in Via Difesa Monte Tranquillo, 7; - Sig.ra Colasante Giovanna, nata a Foggia il e residente a Pescasseroli (AQ) in Via Difesa Monte Tranquillo, 7; - Sig.ra Del Principe Francesco, nato a Pescasseroli (AQ) il ed ivi - Sig.ra Gentile Anna Graziella, nata a Pescasseroli (AQ) il ed ivi Si comunichi: Albo pretorio (per la durata di 15 giorni); alla Procura della Repubblica, Sezione di Polizia Giudiziaria, c/o Tribunale di Sulmona (AQ), con sede in Sulmona (AQ), Piazza Capograssi; all Ufficio di Polizia Municipale - Sede; alla Stazione dei Carabinieri, con sede in Pescasseroli (AQ), Via Traversa Sangro,1; alla Provincia di L Aquila, Settore Urbanistica e Pianificazione, Territoriale ed Espropri, Politiche per le Aree Interne e Montagna, Servizio Pianificazione e Vigilanza, con sede in L Aquila, Via Poggio S.Maria, Loc. Villa Gioia; alla Provincia di L Aquila, Servizio Genio Civile, con sede in Avezzano (AQ), Via Marruvio, 75; alla Soprintendenza per i B.A.A.A.S. per l Abruzzo, con sede in L Aquila, Via di S.Basilio, 2a; all Ente Autonomo Parco Nazionale D Abruzzo Lazio e Molise, con sede in Pescasseroli (AQ), Viale Santa Lucia; al Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, Corpo Forestale dello Stato, Comando Stazione, con sede in Pescasseroli (AQ), Viale Oppieto; all Agenzia delle Entrate, con sede in Avezzano (AQ), Via Don Minzoni, 5, per gli effetti dell articolo 49 del testo unico in materia edilizia. AVVERTE ALTRESÌ ai sensi dell articolo 3, 4 della legge L. 7 agosto 1990, n. 241 contenente nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi che il presente provvedimento è impugnabile con ricorso giurisdizionale avanti il TAR di L Aquila entro il termine di sessanta giorni decorrenti dalla notifica o comunque dalla piena conoscenza del presente atto da parte dei destinatari ovvero con ricorso straordinario al Presidente della Repubblica entro 120 giorni decorrenti dal medesimo termine. IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO Area Urbanistica Geom. Massimiliano Mazzulli Dalla Residenza Municipale, lì 27 Dicembre 2011

Al Responsabile dello Sportello Unico per l edilizia del Comune di Rovato

Al Responsabile dello Sportello Unico per l edilizia del Comune di Rovato P.G. CAT. VI CL. 03 FASC. 01 DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA (articoli 22 e 23 del d.p.r. n. 380 del 2001) ordinaria per interventi di cui alla successiva tabella B (articolo 22, commi 1 e 2, d.p.r. n. 380

Dettagli

Settore Gestione del Territorio. Permesso di costruire. Permesso di costruire per variante edilizia. Fattore della qualità

Settore Gestione del Territorio. Permesso di costruire. Permesso di costruire per variante edilizia. Fattore della qualità Settore Gestione del Territorio Fattore della qualità Indicatori di qualità Competenza Professionalità degli operatori Grado di soddisfazione degli utenti: 70% di soddisfazione del campione esaminato.

Dettagli

SOSTITUTIVA DEL PERMESSO DI COSTRUIRE per interventi di cui alla tabella A (articolo 22 comma 3 D.P.R. n 380 del 2001)

SOSTITUTIVA DEL PERMESSO DI COSTRUIRE per interventi di cui alla tabella A (articolo 22 comma 3 D.P.R. n 380 del 2001) COMUNE di MAGLIANO DE MARSI Provincia di L Aquila Via S. Maria di Loreto n.8 cap 67062 Tel. 0863/516 - FAX 0863/515018 P.I. 001820906 E-Mail info@comune.maglianodemarsi.aq.it Protocollo Generale Al Sig.

Dettagli

Comune di Trissino Provincia di Vicenza

Comune di Trissino Provincia di Vicenza Comune di Trissino Provincia di Vicenza MODULISTICA ONLINE 2014 www.comune.trissino.vi.it servizi tecnici pianificazione e sviluppo del territorio edilizia privata Definizione dei TIPI di INTERVENTO aggiornato

Dettagli

DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITÀ

DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITÀ Regione Lombardia Comune di Ticengo Provincia di Cremona Area Tecnica Sportello Unico edilizia Responsabile del procedimento:.. Protocollo Generale per interventi di cui alla successiva tabella A (articolo

Dettagli

COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli

COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli ORDINANZA N. ^% del 29 -U,iL Oggetto: Ordinanza per la rimozione e lo smaltimento dei rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi depositati in modo incontrollato -

Dettagli

COMUNE DI FINALE EMILIA ORDINANZA DEL SINDACO PROVINCIA DI MODENA ORDINANZA N. 272 21/08/2014. Data:

COMUNE DI FINALE EMILIA ORDINANZA DEL SINDACO PROVINCIA DI MODENA ORDINANZA N. 272 21/08/2014. Data: COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA O R I G I N A L E ORDINANZA N. 272 Data: 21/08/2014 SINDACO ORDINANZA DEL SINDACO Assunta il giorno VENTUNO del mese di AGOSTO dell'anno DUEMILAQUATTORDICI dal

Dettagli

COMUNE di CERRO AL LAMBRO Provincia di Milano UFFICIO TECNICO

COMUNE di CERRO AL LAMBRO Provincia di Milano UFFICIO TECNICO COMUNE di CERRO AL LAMBRO Provincia di Milano UFFICIO TECNICO PRATICA EDILIZIA N. AL RESPONSABILE DELL UFFICIO TECNICO DEL COMUNE DI CERRO AL LAMBRO Piazza Roma, 11 20070 Cerro al Lambro (MI) DENUNCIA

Dettagli

COMUNE DI SANTA MARINA Provincia di Salerno

COMUNE DI SANTA MARINA Provincia di Salerno Prot. n'.5.l~1 COMUNE DI SANTA MARINA Provincia di Salerno UFFICIO TECNICO Tele/ono 097498981 Z - Fax 0914989166 e-mail ulc.santamariml@jisca/lit 2 8 GIU. 2011 Santa Marina, 11 _ AL PROPRIETARIO SIG. CRISCIULLO

Dettagli

COMUNE DI COLONNA ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 15 DEL 27/05/2010 REGOLAMENTO

COMUNE DI COLONNA ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 15 DEL 27/05/2010 REGOLAMENTO COMUNE DI COLONNA P r o v i n c i a d i R o m a ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 15 DEL 27/05/2010 REGOLAMENTO CRITERI E MODALITA DI CALCOLO DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE SCHEMA DI CONVENZIONE CON IL COMUNE DI TRIGGIANO FINALIZZATO ALL ATTUAZIONE DEL PIANO DI LOTTIZZAZIONE - ZONA DI ESPANSIONE C4-4

SCHEMA DI CONVENZIONE SCHEMA DI CONVENZIONE CON IL COMUNE DI TRIGGIANO FINALIZZATO ALL ATTUAZIONE DEL PIANO DI LOTTIZZAZIONE - ZONA DI ESPANSIONE C4-4 SCHEMA DI CONVENZIONE Allegato alla deliberazione di C.C. n./.. SCHEMA DI CONVENZIONE CON IL COMUNE DI TRIGGIANO FINALIZZATO ALL ATTUAZIONE DEL PIANO DI LOTTIZZAZIONE - ZONA DI ESPANSIONE C4-4 REPUBBLICA

Dettagli

ATTIVITA PROFESSIONALE. DIRITTI DI SEGRETERIA (es. Comune di Roma)

ATTIVITA PROFESSIONALE. DIRITTI DI SEGRETERIA (es. Comune di Roma) ATTIVITA PROFESSIONALE PREZZI (*esclusi: IVA e CNPAIA 4%, diritti di segreteria P.A.- COMPUTO-METRICI, CAPITOLATI, CONTRATTI, DIREZIONE LAVORI, N.O. VINCOLI, PROGETTO STRUTTURALE, RELAZIONE GEOLOGICA,

Dettagli

COMUNE DI BERTINORO Provincia Forlì-Cesena

COMUNE DI BERTINORO Provincia Forlì-Cesena COMUNE DI BERTINORO Provincia Forlì-Cesena PROTOCOLLO Settore Tecnico Urbanistica Servizio Edilizia Privata SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA Dati della denuncia di inizio attività/permesso di costruire: (Legge

Dettagli

COMUNE DI ARICCIA PROVINCIA DI ROMA ORDINANZE

COMUNE DI ARICCIA PROVINCIA DI ROMA ORDINANZE COMUNE DI ARICCIA PROVINCIA DI ROMA ORDINANZE Ordinanza n 134 del 05/09/2012 OGGETTO: ORDINANZA A TUTELA DELLA PUBBLICA E PRIVATA INCOLUMITA' PER LA VERIFICA STRUTTURALE DEL MURO DI SOSTEGNO SUL LATO DI

Dettagli

CHIEDE. il rilascio della concessione edilizia per eseguire nell immobile suddetto i lavori di ristrutturazione che sinteticamente si descrivono:

CHIEDE. il rilascio della concessione edilizia per eseguire nell immobile suddetto i lavori di ristrutturazione che sinteticamente si descrivono: (C.E. per ristrutturazione) Istanza in bollo Al Responsabile di P.O. N. 4 Settore Urbanistica Del Comune di Casteltermini Oggetto: Richiesta di Concessione Edilizia per ristrutturazione. Il sottoscritto..,

Dettagli

PERMESSO DI COSTRUIRE

PERMESSO DI COSTRUIRE Pratica Edilizia n. 1192/2011 Prot. n. 6903 Area Tecnica Del 16/06/2011 PERMESSO DI COSTRUIRE (ai sensi del D.P.R. 380/2001 e s.m.i. e della L.R. 16/2008 e s.m.i.) IL RESPONSABILE AREA TECNICA - Vista

Dettagli

Al Comune di SAN PANCRAZIO SALENTINO. Sportello Unico per le Attività Produttive (S.U.A.P.)

Al Comune di SAN PANCRAZIO SALENTINO. Sportello Unico per le Attività Produttive (S.U.A.P.) Al Comune di SAN PANCRAZIO SALENTINO Sportello Unico per le Attività Produttive (S.U.A.P.) Protocollo COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI Art. 6, comma 2, del d.p.r. 6 giugno 2001 n. 380 TITOLARE: TECNICO: IMPRESA:

Dettagli

N DEL COMUNE DI MONTOPOLI DI SABINA

N DEL COMUNE DI MONTOPOLI DI SABINA PROTOCOLLO GENERALE COMUNICAZIONE MANUTENZIONE STRAORDINARIA COMUNE DI MONTOPOLI DI SABINA N DEL Al COMUNE DI MONTOPOLI DI SABINA Sportello Unico per l edilizia COMUNICAZIONE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE

Dettagli

Spazio per l ufficio protocollo (si prega di verificare in accettazione la presenza degli allegati indicati nell allegato II pagina 4)

Spazio per l ufficio protocollo (si prega di verificare in accettazione la presenza degli allegati indicati nell allegato II pagina 4) Apporre contrassegno telematico (marca da bollo) da 14.62 Spazio per l ufficio protocollo (si prega di verificare in accettazione la presenza degli allegati indicati nell allegato II pagina 4) Avvertenze

Dettagli

Norme per il sostegno dell attività edilizia e la riqualificazione del patrimonio edilizio. *********************** Regione siciliana

Norme per il sostegno dell attività edilizia e la riqualificazione del patrimonio edilizio. *********************** Regione siciliana L.R. 23 marzo 2010, n. 6. Norme per il sostegno dell attività edilizia e la riqualificazione del patrimonio edilizio. Pubblicata sulla Gazz. Uff. Reg. sic. 26 marzo 2010, n. 14. ***********************

Dettagli

Prot. Al Responsabile dello Sportello Unico per l edilizia del Comune di Toscolano Maderno

Prot. Al Responsabile dello Sportello Unico per l edilizia del Comune di Toscolano Maderno Al COMUNE DI TOSCOLANO MADERNO UFFICIO EDILIZIA ED URBANISTICA VIA TRENTO, N.5 25088 - TOSCOLANO MADERNO(BS) Prot. DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA (articoli 22 e 23 del d.p.r. n. 380 del 2001) ordinaria per

Dettagli

SETTORE URBANISTICA, EDILIZIA PRIVATA E SPORTELLO UNICO PER LE IMPRESE ABBATTIMENTO ALBERI

SETTORE URBANISTICA, EDILIZIA PRIVATA E SPORTELLO UNICO PER LE IMPRESE ABBATTIMENTO ALBERI SETTORE URBANISTICA, EDILIZIA PRIVATA E SPORTELLO UNICO PER LE IMPRESE ABBATTIMENTO ALBERI Deve essere presentata comunicazione relativa all abbattimento degli alberi. Solo nel caso in cui le piante interessate

Dettagli

Assunta il giorno SEDICI del mese di AGOSTO dell'anno DUEMILATREDICI dal Sindaco

Assunta il giorno SEDICI del mese di AGOSTO dell'anno DUEMILATREDICI dal Sindaco COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA O R I G I N A L E ORDINANZA N. 289 Data: 16/08/2013 ORDINANZA DEL SINDACO Assunta il giorno SEDICI del mese di AGOSTO dell'anno DUEMILATREDICI dal Sindaco Oggetto:

Dettagli

COMUNE DI ORDONA. Provincia di Foggia AREA TECNICA. Al Responsabile del Settore Tecnico del Comune di Ordona

COMUNE DI ORDONA. Provincia di Foggia AREA TECNICA. Al Responsabile del Settore Tecnico del Comune di Ordona RICHIESTA DI RILASCIO DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA' (articoli 24 e 25 del d.p.r. n. 380 del 2001) Pratica Edilizia N. 20 COMUNE DI ORDONA Provincia di Foggia protocollo AREA TECNICA Marca da bollo da 14,62

Dettagli

C O M U N E D I D E R U T A

C O M U N E D I D E R U T A C O M U N E D I D E R U T A PROVINCIA DI PERUGIA OGGETTO: Piano Attuativo di iniziativa privata in Variante al PRG Parte Operativa, sensi e per gli effetti della L.R. 11/2005, riguardante l ambito urbano

Dettagli

Guida pratica sulle principali fasi della procedura espropriativa per l esecuzione di opere di pubblica utilità.

Guida pratica sulle principali fasi della procedura espropriativa per l esecuzione di opere di pubblica utilità. Guida pratica sulle principali fasi della procedura espropriativa per l esecuzione di opere di pubblica utilità. CAP.1: Presupposti per l avvio della procedura espropriativa. La presente guida si riferisce

Dettagli

www.suapdellevalli.it

www.suapdellevalli.it SUAP DELLE VALLI SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE PRESSO LA COMUNITÀ MONTANA VALLE SUSA E VAL SANGONE Allo Sportello Unico per l Edilizia del Comune di D.I.A. DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA ai sensi degli

Dettagli

COMUNE DI BAGNO DI ROMAGNA

COMUNE DI BAGNO DI ROMAGNA COMUNE DI BAGNO DI ROMAGNA Sede S. Piero in Bagno Piazza Martiri 25 luglio 1944 n. 1 Provincia Forlì-Cesena Tel. 0543 900411 Fax 0543 903032 e-mail: settoreurbanistica@comune.bagnodiromagna.fc.it SCHEDA

Dettagli

TIMBRO PROTOCOLLO N. PRATICA

TIMBRO PROTOCOLLO N. PRATICA TIMBRO PROTOCOLLO BOLLO COMUNE DI RIVIGNANO N. PRATICA Nominativo del dichiarante (1)...... SI n altri titolari oltre al presente dichiarante NO... (in caso di più dichiaranti, compilare una scheda anagrafica

Dettagli

P.A.S. Procedura Abilitativa Semplificata

P.A.S. Procedura Abilitativa Semplificata COMUNE DI COLONNELLA P.A.S. Procedura Abilitativa Semplificata (ai sensi dell art. 6 del D.Lgs. 28/2001) Moduli fotovoltaici collocati su edifici (NON INTEGRATI) e/o con superficie complessiva dei moduli

Dettagli

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa COMUNE DI LARI Provincia di Pisa DETERMINAZIONE N. 519 Numerazione servizio 201 Data di registrazione 17/12/2009 COPIA Oggetto : DECRETO DI ESPROPRIO RELATIVO A PROCEDIMENTO ESPROPRIATIVO PER PUBBLICA

Dettagli

Servizio di documentazione tributaria

Servizio di documentazione tributaria Titolo del provvedimento: Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia. (Testo A). (N.D.R.: Il termine di entrata in vigore del presente testo unico e' stato prorogato

Dettagli

Modulo Stoccaggio rifiuti speciali non pericolosi da attività di costruzione e demolizione

Modulo Stoccaggio rifiuti speciali non pericolosi da attività di costruzione e demolizione Provincia dell Aquila Settore Ambiente Genio Civile Protezione Civile Modulo Stoccaggio rifiuti speciali non pericolosi ELENCO E DESCRIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE IN N. 3 ESEMPLARI IN ORIGINALE

Dettagli

Schema di convenzione di Lottizzazione

Schema di convenzione di Lottizzazione Schema di convenzione di Lottizzazione per piani con volumetria superiore a 10.000 mc approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 13 del 11.03.2002 modificato con deliberazione di Consiglio Comunale

Dettagli

Comune di Crespellano Provincia di Bologna

Comune di Crespellano Provincia di Bologna Comune di Crespellano Provincia di Bologna Copia dell ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 61 DEL 25/08/2010. OGGETTO: RICORSO AL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER L'EMILIA ROMAGNA CONTRO

Dettagli

DI GUSPINI (VS) - SETTORE URBANISTICA OPERE PUBBLICHE

DI GUSPINI (VS) - SETTORE URBANISTICA OPERE PUBBLICHE AGI COMUNE DI GUSPINI (VS) - SETTORE URBANISTICA OPERE PUBBLICHE MODULO DI RICHIESTA AGIBILITÀ PROTOCOLLO GENERALE Marca da Bollo 16,00 NUMERO PROTOCOLLO AGIBILITÀ ANNO 201 AL SINDACO DEL COMUNE DI GUSPINI

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

COMUNE DI SAN DONATO MILANESE

COMUNE DI SAN DONATO MILANESE COMUNE DI SAN DONATO MILANESE (Provincia di Milano) CONVENZIONE PER L'ALLESTIMENTO DI UN PREFABBRICATO ADIBITO A MENSA PROVVISORIA DA COLLOCARE IN VIA ALCIDE DE GAPERI s.n.c. E LA FUTURA CESSIONE DELL'AREA

Dettagli

L.R. 08 Novembre 2004, n. 12 Disposizioni in materia di definizione di illeciti edilizi (1)

L.R. 08 Novembre 2004, n. 12 Disposizioni in materia di definizione di illeciti edilizi (1) L.R. 08 Novembre 2004, n. 12 Disposizioni in materia di definizione di illeciti edilizi (1) SOMMARIO Art. 1 - Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 - Opere abusive suscettibili di sanatoria Art. 3 -

Dettagli

AL DIRIGENTE DEL SETTORE PIANIFICAZIONE URBANISTICA E GESTIONE DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI AGRIGENTO. Il sottoscritto cod. fisc.

AL DIRIGENTE DEL SETTORE PIANIFICAZIONE URBANISTICA E GESTIONE DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI AGRIGENTO. Il sottoscritto cod. fisc. AL DIRIGENTE DEL SETTORE PIANIFICAZIONE URBANISTICA E GESTIONE DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI AGRIGENTO N. Prot. OGGETTO: COMUNICAZIONE ATTIVITA EDILIZIA LIBERA Istallazione di un impianto fotovoltaico (Art.

Dettagli

COMUNICAZIONE DI ATTIVITÀ EDILIZIA LIBERA(1) comma 2, art. 6 del D.P.R. 380/01

COMUNICAZIONE DI ATTIVITÀ EDILIZIA LIBERA(1) comma 2, art. 6 del D.P.R. 380/01 In duplice copia Al Comune di SAN SALVO SERVIZIO URBANISTICA COMUNICAZIONE DI ATTIVITÀ EDILIZIA LIBERA(1) comma 2, art. 6 del D.P.R. 380/01 Il/i sottoscritt, nato a.. Il con residenza e/o recapito in..

Dettagli

DOCUMENTAZIONE MINIMA PER PRATICHE EDILIZIE (Mod. 1)

DOCUMENTAZIONE MINIMA PER PRATICHE EDILIZIE (Mod. 1) DOCUMENTAZIONE MINIMA PER PRATICHE EDILIZIE (Mod. 1) A) Documentazione Minima Istanza per Richiesta di Permesso di Costruire (PdC) RICEVUTA del versamento dei diritti di segreteria di.290,00 (N.B. per

Dettagli

CITTÀ DI IMOLA SERVIZIO INTERVENTI ECONOMICI

CITTÀ DI IMOLA SERVIZIO INTERVENTI ECONOMICI SERVIZIO INTERVENTI ECONOMICI Prot. n. 3722 REGISTRO ON-LINE ATTO UNICO N. 6 DEL 02/02/2015 Il rilascio del presente atto è condizionato all accertamento dell avvenuto pagamento con bonifico bancario di

Dettagli

SEGNALA. L inizio dell attività di noleggio di veicoli senza conducente nel locale sito in Roma, Via/P.za n.. codice ATECO

SEGNALA. L inizio dell attività di noleggio di veicoli senza conducente nel locale sito in Roma, Via/P.za n.. codice ATECO SUROMA SPORTELLO UNICO DEL COMMERCIO - MUNICIPIO.. Via. - 00.. R O M A OGGETTO : SCIA Segnalazione Certificata di Inizio Attività di noleggio di veicoli senza conducente. (ai sensi del D.P.R. 481 del 19.12.2001

Dettagli

PROVINCIA DI LECCE. Ordinanza n. 08 /2014

PROVINCIA DI LECCE. Ordinanza n. 08 /2014 C I T T A D I U G E N T O PROVINCIA DI LECCE Ordinanza n. 08 /2014 Oggetto. Ordinanza per la rimozione e lo smaltimento di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi e rifiuti urbani in modo incontrollato-

Dettagli

meglio descritte nella relazione tecnica allegata

meglio descritte nella relazione tecnica allegata Modello 05: Spazio riservato all Ufficio Protocollo Marca da bollo 14,62 Al Dirigente del Settore II Comune di Roccapalumba Oggetto: l sottoscritt nat a ( ) il / / residente a ( ) in via n. C.F. in qualità

Dettagli

COMUNE DI RIO NELL'ELBA (Prov. di Livorno) Via G.Garibaldi, 38 57039

COMUNE DI RIO NELL'ELBA (Prov. di Livorno) Via G.Garibaldi, 38 57039 tel. 0565-943411 fax.0565-943021 COMUNE DI RIO NELL'ELBA (Prov. di Livorno) Via G.Garibaldi, 38 57039 C.F.:82001450491 SETTORE-EDILIZIA E URBANISTICA U.O. - EDILIZIA PRIVATA DOCUMENTAZIONE NECESSARIA DA

Dettagli

1. Dati del tecnico incaricato del collaudo IL SOTTOSCRITTO

1. Dati del tecnico incaricato del collaudo IL SOTTOSCRITTO Spazio per apporre il timbro di protocollo Spazio per la vidimazione Data Perseguito L addetto alla ricezione Spett.le Sportello Unico per le Attività Produttive Comune di Castellammare del Golfo Verbale

Dettagli

Repubblica Italiana Comune di Ciampino (Provincia di Roma) CONVENZIONE SCHEMA CONVENZIONE RELATIVA AL PIANO DI LOTTIZZAZIONE CONVENZIONATA

Repubblica Italiana Comune di Ciampino (Provincia di Roma) CONVENZIONE SCHEMA CONVENZIONE RELATIVA AL PIANO DI LOTTIZZAZIONE CONVENZIONATA RELATIVA AL PIANO DI LOTTIZZAZIONE CONVENZIONATA CONVENZIONE Repubblica Italiana Comune di Ciampino (Provincia di Roma) Prot. n pag. i - che il progetto del Piano di Loffizzazione Convenzionata presentato

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ASSEVERATA allegata alla comunicazione esecuzione intervento di attività edilizia libera art. 16 comma 5 della L.R. 19/2009 e s.m.i.

RELAZIONE TECNICA ASSEVERATA allegata alla comunicazione esecuzione intervento di attività edilizia libera art. 16 comma 5 della L.R. 19/2009 e s.m.i. RELAZIONE TECNICA ASSEVERATA allegata alla comunicazione esecuzione intervento di attività edilizia libera art. 16 comma 5 della L.R. 19/2009 e s.m.i. Il/La sottoscritto/a Arch./Ing./Geom./Per.Ind. nato/a

Dettagli

COMUNICAZIONE ULTIMAZIONE LAVORI EDILI

COMUNICAZIONE ULTIMAZIONE LAVORI EDILI COMUNICAZIONE ULTIMAZIONE LAVORI EDILI TOTALE PARZIALE PARZIALE A COMPLETAMENTO Il sottoscritto in qualità di titolare: Persona fisica: nato a ( ) il C.F. Residente/sede in Provincia CAP Via N. Civico

Dettagli

Emendamento alla proposta di legge 8 ottobre 2013 n. 282 Norme per il governo del territorio. Relazione illustrativa

Emendamento alla proposta di legge 8 ottobre 2013 n. 282 Norme per il governo del territorio. Relazione illustrativa Emendamento alla proposta di legge 8 ottobre 2013 n. 282 Norme per il governo del territorio Relazione illustrativa Il presente emendamento di modifica della proposta di legge 282/2013 porta a compimento

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

COMUNE DI CAVE Sportello Unico per l Edilizia Piazza Garibaldi n. 6 00033 Cave (Rm)

COMUNE DI CAVE Sportello Unico per l Edilizia Piazza Garibaldi n. 6 00033 Cave (Rm) Protocollo COMUNE DI CAVE Sportello Unico per l Edilizia Piazza Garibaldi n. 6 00033 Cave (Rm) Riservato all Ufficio ALL UFFICIO URBANISTICA DEL COMUNE DI CAVE RIFERIMENTO DI ARCHIVIAZIONE: Pratica Edilizia:

Dettagli

Rilevata la propria competenza ai sensi dell art. 42 del D.Lgs. n 267/2000 Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali e s.m. e i.

Rilevata la propria competenza ai sensi dell art. 42 del D.Lgs. n 267/2000 Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali e s.m. e i. Oggetto: SNAM RETE GAS S.p.A PRESA D ATTO DELL ATTO DIRIGENZIALE N. 4350 del 21/11/2014 DELLA PROVINCIA DI FIRENZE E RATIFICA DELLA RELATIVA VARIANTE AL REGOLAMENTO URBANISTICO IL CONSIGLIO COMUNALE, Rilevata

Dettagli

Segnalazione Certificata di Inizio Attività (art. 19 Legge 241/1990 e s.m.i.)

Segnalazione Certificata di Inizio Attività (art. 19 Legge 241/1990 e s.m.i.) Segnalazione Certificata di Inizio Attività (art. 19 Legge 241/1990 e s.m.i.) Agenzie di viaggio e turismo: DD.G.R. 816/2010 e 95/2011 - Variazione della sede della filiale di agenzia di viaggi Allo Sportello

Dettagli

Segnalazione Certificata di Inizio Attività (S.C.I.A.) (ex art. 19 L. 07.08.1990 n. 241)

Segnalazione Certificata di Inizio Attività (S.C.I.A.) (ex art. 19 L. 07.08.1990 n. 241) Regione Lombardia Provincia di Cremona Comune di Sesto ed Uniti Timbro protocollo Area Tecnica Responsabile del Servizio Tecnico Segnalazione Certificata di Inizio Attività (S.C.I.A.) (ex art. 19 L. 07.08.1990

Dettagli

1. Dati del dichiarante IL SOTTOSCRITTO

1. Dati del dichiarante IL SOTTOSCRITTO Spazio per apporre il timbro di protocollo Spazio per la vidimazione Data L addetto alla ricezione N.B: Il presente documento è privo di validità in assenza di vidimazione da parte del SUAP. La vidimazione

Dettagli

C O M U N E D I C A S T E N A S O Provincia di Bologna VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

C O M U N E D I C A S T E N A S O Provincia di Bologna VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Pubblicato all Albo Pretorio di questo Comune dal 26/05/2008 al 10/06/2008 Numero di registro 317 L incaricato della pubblicazione C O M U N E D I C A S T E N A S O Provincia di Bologna VERBALE DI DELIBERAZIONE

Dettagli

COMUNICAZIONE ATTIVITA EDILIZIA LIBERA Per opere di cui all Art. 6 comma 2 D.P.R. 380/01 Art. 80 comma 2 L.R.T. 1/2005 DATI RELATIVI ALL IMMOBILE

COMUNICAZIONE ATTIVITA EDILIZIA LIBERA Per opere di cui all Art. 6 comma 2 D.P.R. 380/01 Art. 80 comma 2 L.R.T. 1/2005 DATI RELATIVI ALL IMMOBILE (Protocollo) C O M U N E D I CASTIGLIONE DELLA PESCAIA Provincia di Grosseto COMUNICAZIONE ATTIVITA EDILIZIA LIBERA Per opere di cui all Art. 6 comma 2 D.P.R. 380/01 Art. 80 comma 2 L.R.T. 1/2005 DATI

Dettagli

CONVEGNO. La funzione del notaio nella circolazione dei beni culturali

CONVEGNO. La funzione del notaio nella circolazione dei beni culturali CONVEGNO La funzione del notaio nella circolazione dei beni culturali Ferrara, 20 21 aprile 2012012 a, 20 21 aprile 2012 Beni culturali e normativa urbanistica Giovanni Rizzi Notaio in Vicenza 2 Disciplina

Dettagli

COMUNE DI POVIGLIO Provincia di Reggio Emilia VIA VERDI,1 C.A.P. 42028 TEL. 0522/966822 FAX. 0522/966805

COMUNE DI POVIGLIO Provincia di Reggio Emilia VIA VERDI,1 C.A.P. 42028 TEL. 0522/966822 FAX. 0522/966805 COMUNE DI POVIGLIO Provincia di Reggio Emilia VIA VERDI,1 C.A.P. 42028 TEL. 0522/966822 FAX. 0522/966805 SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA (Art. 20 L.R. 31 del 25/11/02) DESCRIZIONE DELL INTERVENTO.. LOCALIZZAZIONE

Dettagli

PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE PIANIFICAZIONE GENERALE E DI BACINO SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE INTERVENTI

PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE PIANIFICAZIONE GENERALE E DI BACINO SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE INTERVENTI PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE PIANIFICAZIONE GENERALE E DI BACINO SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE INTERVENTI Prot. Generale N. 0059507 / 2013 Atto N. 2490 OGGETTO: ACCERTAMENTO

Dettagli

Ordinanza n.12 del 20 Febbraio 2014

Ordinanza n.12 del 20 Febbraio 2014 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n.12 del 20 Febbraio 2014 Realizzazione Palestre

Dettagli

Al Comune di CORTONA Piazza della Repubblica n. 1 52044 CORTONA

Al Comune di CORTONA Piazza della Repubblica n. 1 52044 CORTONA Prot. gen. del Comune Riservato al Servizio Prat. Edilizia: n. / Modalità di inoltro fax posta a mano via telematica Servizio Edilizia Privata (1) Sportello Unico Attività Produttive (2) Al Comune di CORTONA

Dettagli

TRIBUNALE DI CHIETI AVVISO DI VENDITA IMMOBILIARE. (secondo esperimento con primo ribasso di un quarto)

TRIBUNALE DI CHIETI AVVISO DI VENDITA IMMOBILIARE. (secondo esperimento con primo ribasso di un quarto) TRIBUNALE DI CHIETI AVVISO DI VENDITA IMMOBILIARE (secondo esperimento con primo ribasso di un quarto) Procedura espropriativa immobiliare n. 150/2012 R.G.E. promossa da EL TANTAWI MONIR MOHAMED Il sottoscritto

Dettagli

TAV. 2 ANAGRAFE IMMOBILI OGGETTO DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE

TAV. 2 ANAGRAFE IMMOBILI OGGETTO DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE Città di Copertino PROVINCIA DI LECCE PROGETTO PRELIMINARE SERVIZIO DI MANUTENZIONE DEGLI IMMOBILI COMUNALI, VERDE PUBBLICO URBANO E DI PULIZIA SEDI COMUNALI TAV. n. 2 ANAGRAFE IMMOBILI OGGETTO DEL SERVIZIO

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) (ai sensi dell art. 19 L. 241/1990 come modificato ed integrato dall art. 49 della L.

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) (ai sensi dell art. 19 L. 241/1990 come modificato ed integrato dall art. 49 della L. Protocollo Comune 1 AL RESPONSABILE UFFICIO TECNICO COMUNE DI 87010 SAN DONATO DI NINEA Il/La sottoscritto/a Nato/a a Codice fiscale/partita Iva /con sede in Via Tel Fax E.mail in qualità di: (specificare)

Dettagli

COMUNE DI CASTELNUOVO DI PORTO Provincia di Roma

COMUNE DI CASTELNUOVO DI PORTO Provincia di Roma COMUNE DI CASTELNUOVO DI PORTO Provincia di Roma ORDINANZA SINDACALE COPIA N. 2 DEL 07-01-2015 Oggetto: VERIFICA STATICA ED IMPIANTISTICA IMMOBILE DI PROPRIETA' SIGG.RI PASINI ENRICO ED ERREDE PAOLA L'anno

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione del Consiglio Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione del Consiglio Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del IL SINDACO Proposta N. 10 del 31/01/2014 SERVIZIO --Pianificazione Urbanistica Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione del Consiglio Comunale

Dettagli

LOCALIZZAZIONE DELL INTERVENTO : Via n. int. ;

LOCALIZZAZIONE DELL INTERVENTO : Via n. int. ; Al Responsabile dell Ufficio Tecnico Settore Urbanistico Del Comune di MORCONE Bollo 14,62 DOMANDA DI PERMESSO DI COSTRUIRE PER : Il/La sottoscritto/a Nato/a a Codice fiscale/partita Iva /con sede in Via

Dettagli

ELENCO E DESCRIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE IN N

ELENCO E DESCRIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE IN N Provincia dell Aquila Settore Ambiente Genio Civile Protezione Civile Modulo Discarica rifiuti inerti ELENCO E DESCRIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE IN N. 3 ESEMPLARI IN ORIGINALE ALLA DOMANDA DI

Dettagli

155 6 0 - DIREZIONE MANUTENZIONE INFRASTRUTTURE E VERDE PUBBLICO - SETTORE OPERE IDRAULICO - SANITARIE ORDINANZA DEL SINDACO

155 6 0 - DIREZIONE MANUTENZIONE INFRASTRUTTURE E VERDE PUBBLICO - SETTORE OPERE IDRAULICO - SANITARIE ORDINANZA DEL SINDACO 155 6 0 - DIREZIONE MANUTENZIONE INFRASTRUTTURE E VERDE PUBBLICO - SETTORE OPERE IDRAULICO - SANITARIE ORDINANZA DEL SINDACO N. ORD-2014-26 DATA 04/02/2014 OGGETTO: OGGETTO: CONVALIDA DI SGOMBERO CAUTELATIVO,

Dettagli

Piano di Repressione dell Abusivismo Pubblicitario (PRAP)

Piano di Repressione dell Abusivismo Pubblicitario (PRAP) Comune di CALOLZIOCORTE Provincia di Lecco Piano di Repressione dell Abusivismo Pubblicitario (PRAP) Ex Decreto Legislativo 15 novembre 1993, n. 507 Linee guida operative Approvato con Delibera della Giunta

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA (SCIA) Ai sensi art. 49 comma 4 bis della Legge 30.07.2010 n. 122

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA (SCIA) Ai sensi art. 49 comma 4 bis della Legge 30.07.2010 n. 122 Settore Governo del Territorio Mod SCIA_08 / 02.2015 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA (SCIA) Ai sensi art. 49 comma 4 bis della Legge 30.07.2010 n. 122 ( Da presentarsi DOPO l ottenimento

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE

BANDO PER LA CONCESSIONE BANDO PER LA CONCESSIONE Dl CONTRIBUTI PER LA BONIFICA, RIMOZIONE E SMALTIMENTO DI COPERTURE IN AMIANTO DA FABBRICATI ED EDIFICI AD USO CIVILE, PRODUTTIVO, COMMERCIALE, TERZIARIO ED AGRICOLO. ANNO 2015

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA AGRITURISTICA

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA AGRITURISTICA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA AGRITURISTICA Legge regionale 21 novembre 2007 n.37 art. 19 L. 241/1990 modificato dalla L. 122/2010 AL SINDACO DEL COMUNE e p.c. Alla Regione Liguria Servizio

Dettagli

Gorasso Loretta Gorasso Lucina

Gorasso Loretta Gorasso Lucina REPUBBLICA ITALIANA COMUNE di CAMPOFORMIDO PROVINCIA di UDINE SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA DEFINIZIONE DEL AMBITO COMPRESO IN ZONA OMOGENEA C E SUDDIVISIONE IN LOTTI DELLE PROPRIETA DEI SIGNORI GORASSO

Dettagli

PERMESSO DI COSTRUIRE (ai sensi del D.P.R. 380/2001 e s.m.i. e della L.R. 16/2008 e s.m.i.)

PERMESSO DI COSTRUIRE (ai sensi del D.P.R. 380/2001 e s.m.i. e della L.R. 16/2008 e s.m.i.) Prot. n. Pratica Edilizia n. 1065/2008 Area Tecnica Del PERMESSO DI COSTRUIRE (ai sensi del D.P.R. 380/2001 e s.m.i. e della L.R. 16/2008 e s.m.i.) IL RESPONSABILE AREA TECNICA - Vista l istanza pervenuta

Dettagli

attività commerciali impianti di distribuzione dei carburanti modello 2_14_01

attività commerciali impianti di distribuzione dei carburanti modello 2_14_01 N. identificativo marca da bollo La marca da bollo deve essere annullata e conservata in originale dal soggetto interessato AL COMUNE DI MONTE SAN SAVINO U Sportello Unico per le Attività Produttive -

Dettagli

Oggetto: Quesito sulla gratuità ovvero onerosità degli interventi edilizi.

Oggetto: Quesito sulla gratuità ovvero onerosità degli interventi edilizi. Oggetto: Quesito sulla gratuità ovvero onerosità degli interventi edilizi. Al fine di poter compiutamente illustrare il quesito che si andrà a formulare, necessita introdurre una breve premessa. Per conoscere

Dettagli

UFFICIO TECNICO - SETTORE URBANISTICO AUTORIZZAZIONE EDILIZIA

UFFICIO TECNICO - SETTORE URBANISTICO AUTORIZZAZIONE EDILIZIA COMUNE DI CASTELLANA SICULA PROVINCIA DI PALERMO UFFICIO TECNICO - SETTORE URBANISTICO P.zza Avv. P. Miserendino snc - 90020 tel.: 0921558232 Fax 0921558231 pec: tecnico@comune.castellana-sicula.pa.it

Dettagli

COMUNE Dl LEGNAGO (Provincia di Verona) UFFICIO TECNICO SETTORE 3

COMUNE Dl LEGNAGO (Provincia di Verona) UFFICIO TECNICO SETTORE 3 COMUNE Dl LEGNAGO (Provincia di Verona) UFFICIO TECNICO SETTORE 3 SERVIZIO I URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA CRITERI E MODALITÀ DI CALCOLO DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE E DELLE SOMME DA CORRISPONDERE

Dettagli

COMUNE DI PUTIGNANO - Provincia di Bari - www.comune.putignano.ba.it

COMUNE DI PUTIGNANO - Provincia di Bari - www.comune.putignano.ba.it REGOLAMENTO COMUNALE PER LA LOCALIZZAZIONE E INSTALLAZIONE DI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE E PER L EMITTENZA RADIO TELEVISIVA E MINIMIZZAZIONE DELL ESPOSIZIONE DELLA POPOLAZIONE AI CAMPI ELETTROMAGNETICI

Dettagli

S E T T O R E 3 GOVERNO DEL TERRITORIO SERVIZIO AMBIENTE Tel. 0963599490 fax 0963263769 cell. 3287609287 Mail leolucaprestia@comune.vibovalentia.vv.

S E T T O R E 3 GOVERNO DEL TERRITORIO SERVIZIO AMBIENTE Tel. 0963599490 fax 0963263769 cell. 3287609287 Mail leolucaprestia@comune.vibovalentia.vv. C I T T Á D I V I B O V A L E N T I A S E T T O R E 3 GOVERNO DEL TERRITORIO SERVIZIO AMBIENTE Tel. 0963599490 fax 0963263769 cell. 3287609287 Mail leolucaprestia@comune.vibovalentia.vv.it ORDINANZA N.

Dettagli

Segnalazione Certificata di Inizio Attività (art. 19 Legge 241/1990 e s.m.i.)

Segnalazione Certificata di Inizio Attività (art. 19 Legge 241/1990 e s.m.i.) Segnalazione Certificata di Inizio Attività (art. 19 Legge 241/1990 e s.m.i.) Agenzie di viaggio e turismo: DD.G.R. 816/2010 e 95/2011 - Variazione strutturale Agenzia di viaggi Allo Sportello Unico per

Dettagli

COMUNE DI OPPEANO. Provincia di Verona Settore edilizia privata/urbanistica DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA D.I.A.

COMUNE DI OPPEANO. Provincia di Verona Settore edilizia privata/urbanistica DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA D.I.A. COMUNE DI OPPEANO Provincia di Verona Settore edilizia privata/urbanistica Al Responsabile UTC Ed. Priv./Urbanistica del Comune di Oppeano (VR) P.zza G. Altichieri, n. 1 37050 OPPEANO (VR) DENUNCIA DI

Dettagli

../../2013 Tra PREMESSO

../../2013 Tra PREMESSO CONVENZIONE FRA IL COMUNE DI MONTE SAN PIETRO E LA PROPRIETA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL COMPARTO URBANISTICO AD USO RESIDENZIALE DENOMINATO CUT 11 VIA BEGHELLI, LOCALITA BADIA Il

Dettagli

COMUNICAZIONE ATTIVITA' EDILIZIA LIBERA 1 C.I.A. - D.P.R. 380 ART. 6 ai sensi della L.R. 7 del 18/04/2012 art. 19

COMUNICAZIONE ATTIVITA' EDILIZIA LIBERA 1 C.I.A. - D.P.R. 380 ART. 6 ai sensi della L.R. 7 del 18/04/2012 art. 19 Protocollo Regione Lombardia Comune di Provincia di Milano Settore Servizi al Territorio Servizio Edilizia Privata Urbanistica Ambiente COMUNICAZIONE ATTIVITA' EDILIZIA LIBERA 1 C.I.A. - D.P.R. 380 ART.

Dettagli

COMUNICA. 1. Ex convento di Sant Orsola ex Manifattura tabacchi (Via di Sant Orsola/Via Guelfa 23/ via Panicate e via Taddea).

COMUNICA. 1. Ex convento di Sant Orsola ex Manifattura tabacchi (Via di Sant Orsola/Via Guelfa 23/ via Panicate e via Taddea). VARIANTE URBANISTICA AL PRG VIGENTE RELATIVA A CINQUE IMMOBILI DI PROPRIETA DEL COMUNE DI FIRENZE, DELLA REGIONE TOSCANA, DELLA PROVINCIA DI FIRENZE E DEL DEMANIO DELLO STATO A SEGUITO DELPROTOCOLLO D

Dettagli

CITTA' DI TEMPIO PAUSANIA C.A.P. 07029 Provincia di Olbia Tempio

CITTA' DI TEMPIO PAUSANIA C.A.P. 07029 Provincia di Olbia Tempio CITTA' DI TEMPIO PAUSANIA C.A.P. 07029 Provincia di Olbia Tempio proposta n. 17 Settore Servizi alla persona ed alle imprese N GENERALE 3 DEL 09/01/2015 OGGETTO: INSTALLAZIONE DI UN INSEGNA NON LUMINOSA

Dettagli

N. 65770 di Rep. N. 17887 di Racc. COMPRAVENDITA REPUBBLICA ITALIANA 2 8-2011. Avanti a me dr. GIUSEPPE CALAFIORI, Notaio residente in Milano,

N. 65770 di Rep. N. 17887 di Racc. COMPRAVENDITA REPUBBLICA ITALIANA 2 8-2011. Avanti a me dr. GIUSEPPE CALAFIORI, Notaio residente in Milano, N. 65770 di Rep. N. 17887 di Racc. COMPRAVENDITA REPUBBLICA ITALIANA L anno duemilaundici, questo giorno due del due di agosto. 2 8-2011 In Milano, nel mio studio in Piazza San Babila n. 3. Avanti a me

Dettagli

CONTRIBUTI RELATIVI AGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E COSTO DI COSTRUZIONE

CONTRIBUTI RELATIVI AGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E COSTO DI COSTRUZIONE Urbanistica Edilizia privata Comune di Fauglia Provincia di Pisa CONTRIBUTI RELATIVI AGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E COSTO DI COSTRUZIONE DISCIPLINA IN MATERIA DI SANZIONI AMMINISTRATIVE DI CUI L ART. 140

Dettagli

PROVVEDIMENTO AUTORIZZATIVO UNICO

PROVVEDIMENTO AUTORIZZATIVO UNICO Sportello Unico Attività Produttive SUAP Madonie Associato Viale Risorgimento, 13/B 90020 CASTELLANA SICULA (PA) COMUNE DI CASTELLANA SICULA UFFICIO TECNICO - SETTORE URBANISTICA P.zza Avv. P. Miserendino

Dettagli

Comune di Cagliari Assessorato Ambiente e Urbanistica Servizio Edilizia Privata

Comune di Cagliari Assessorato Ambiente e Urbanistica Servizio Edilizia Privata Comune di Cagliari Assessorato Ambiente e Urbanistica Servizio Edilizia Privata OGGETTO: INDIRIZZI INTERPRETATIVI DELLA L. R. 4/2009 AGGIORNAMENTO AL 18.10.2010 ART. 1 Finalità 1) L obiettivo primario

Dettagli

COMUNICAZIONE DI OPERE NON SOGGETTE AD ATTO ABILITATIVO ( art. 6 comma 1 lett. a), b),c),d),e) DPR 380/2001 e s.m.i.)

COMUNICAZIONE DI OPERE NON SOGGETTE AD ATTO ABILITATIVO ( art. 6 comma 1 lett. a), b),c),d),e) DPR 380/2001 e s.m.i.) Prot. COMUNE DI TERNO D ISOLA Provincia di Bergamo Via Casolini, n. 7-24030 Terno d Isola (BG) Tel. 035/49.40.001 - fax 035/90.44.98 www.comune.ternodisola.bg.it tecnico@comune.ternodisola.bg.it PRATICA

Dettagli

COMUNE DI BARANO D'ISCHIA (Prov. di Napoli) UFFICIO TECNICO COMUNALE

COMUNE DI BARANO D'ISCHIA (Prov. di Napoli) UFFICIO TECNICO COMUNALE COMUNE DI BARANO D'ISCHIA (Prov. di Napoli) UFFICIO TECNICO COMUNALE SETTORE LAVORI PUBBLICI AMBIENTE MANUTENZIONE DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE DELL U.T.C. N. 72 del 04 Maggio 2012 N. 148 raccolta generale

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI DI ATTIVITA EDILIZIA LIBERA

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI DI ATTIVITA EDILIZIA LIBERA Protocollo Comune COMUNE DI REGGELLO (Provincia di Firenze) Pratica Ed. n. / Al Responsabile del Settore Urbanistica del Comune di Reggello Copia per Comune Copia per Denunciante COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI

Dettagli