COMUNE DI PESCASSEROLI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI PESCASSEROLI"

Transcript

1 COMUNE DI PESCASSEROLI REGIONE ABRUZZO PROVINCIA DI L AQUILA C.A.P Cod. Fisc Tel / Fax Prot Dalla Residenza Municipale, 27 Dicembre 2011 ORDINANZA DI DEMOLIZIONE E RIDUZIONE IN PRISTINO DELLO STATO DEI LUOGHI DI OPERE REALIZZATE IN ASSENZA DI TITOLO AUTORIZZATIVO ORDINANZA N. 79/2011 IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO AREA URBANISTICA PREMESSO che in virtù del sopralluogo tecnico-urbanistico dell Agente Ausiliario di P.G. (nominato con apposito verbale ai sensi dell art. 348 ultimo comma C.P.P. del ), effettuato, alla presenza di personale del Ministero delle Politiche Alimentari e Forestali, Corpo Forestale dello Stato, Comando Stazione di Pescasseroli (AQ), in data diciasette Novembre duemilaundici, sono stato accertati sull area sita nel Comune di Pescasseroli (AQ), Via San Donato, individuata al N.C.T. con il Foglio 23 particella 235 e il Foglio 24 particella 805 e al N.C.E.U. con il Foglio 23 mappali 579 sub. 3 e 778 sub. 1 graffato con il sub. 2, sub. 3 e sub. 4, interventi edilizi senza titolo abilitativo; VISTA la relazione tecnica illustrativa dell Agente Ausiliario di P.G., Geom. Massimiliano Mazzulli, del , che descrive dettagliatamente gli interventi edilizi realizzati; ACCERTATO che sono stati rilevati i seguenti interventi edilizi: - n. 144 (centoquarantaquattro) manufatti provvisti di rete idrica, fognante, elettrica e gas, collegati fra loro da n. 10 (dieci) strade carrabili e pedonali; - n. 01 area adibita ad area giochi ed area camper collegata al camping stesso tramite un ponticello in acciaio; - n. 01 ponticello in acciaio; con tipologia e dimensioni di seguito riportate: N. TIPOLOGIA DESTINAZIONE DIMENSIONI ml. 1 fabbricato chalet 11,80 x 5,55 x Hmin 2,60 x Hmax 3,65 2 fabbricato chalet per roulette 4,90 x 6,20 x Hmin 2,60 x Hmax 3,00 3 fabbricato chalet per routette 4,60 X 6,45 x Hmin 2,30 x Hmax 3,90 4 fabbricato chalet per roulette 5,50 x 4,70 x Hmin 2,10 x Hmax 2,95 5 fabbricato chalet 5,50 x 5,00 x Hmin 2,70 x Hmax 3,70

2 6 fabbricato servizi igienici 6,10 x 4,70 x Hmin 2,30 x Hmax 2,74 7 fabbricato chalet 6,10 x 4,70 x Hmin 2,55 x Hmax 2,90 8 fabbricato chalet 5,00 x 6,40 x Hmin 2,70 x Hmax 3,00 9 fabbricato chalet 6,10 x 5,80 x Hmin. 2,35 x Hmax 3,25 10 fabbricato chalet 6,15 x 3,75 x Hm 3,50 11 fabbricato chalet 7,90 x 3,70 x Hmin 2,80 x Hmax 3,75 12 fabbricato chalet 7,20 x 7,10 x Hmin 2,50 x Hmax 3,20 13 fabbricato chalet 5,80 x 5,60 x Hmin. 2,70 x Hmax. 3,15 14 fabbricato chalet 5,30 x 4,40 x Hmin 2,20 x Hmax 3,15 15 fabbricato chalet 4,80 x 2,20 x Hmin. 2,25 x Hmax. 2,60 16 fabbricato chalet 5,30 x 6,10 x Hmin. 2,30 x Hmax. 3,50 17 fabbricato chalet 5,60 x 5,80 x Hmin 2,70 x Hmax 3,00 18 fabbricato chalet 5,00 x 4,90 x Hmin 2,10 x Hmax 3,05 19 fabbricato chalet 5,30 x 4,60 x Hmin 2,60 x Hmax 3,20 20 fabbricato chalet 7,90 x 4,70 x Hmin 2,10 x Hmax 2,50 21 fabbricato chalet 4,80 x 5,50 x Hmin 2,30 x Hmax 3,00 22 fabbricato chalet 5,00 x 5,60 x Hmin 2,50 x Hmax 3,20 23 fabbricato chalet 6,10 x 5,20 x Hmin 2,45 x Hmax 3,55 24 fabbricato chalet 8,20 x 5,20 x Hmin 2,60 x Hmax 3,50 25 fabbricato chalet 6,50 x 4,50 x Hmin 2,50 x Hmax 3,00 26 fabbricato chalet 5,50 x 2,60 x Hmin 2,40 x Hmax 2,70 27 fabbricato chalet 6,40 x 6,00 x Hmin 2,85 x Hmax 3,55 28 fabbricato chalet 7,20 x 5,20 x Hmin 2,50 x Hmax 3,60 29 fabbricato chalet 5,90 x 5,20 x Hmin 2,50 x Hmax 2,80 30 fabbricato chalet 5,50 x 5,50 x Hmin 2,60 x Hmax 3,20 31 fabbricato chalet 5,70 x 5,10 x Hmin 2,40 x Hmax 3,00 32 fabbricato chalet 4,40 x 4,50 x Hmin 2,50 x Hmax 3,00 33 fabbricato chalet 6,20 x 5,00 x Hmin 2,50 x Hmax 3,00 34 fabbricato chalet 6,80 x 6,10 x Hmin 2,60 x Hmax 2,90 35 fabbricato chalet 4,60 x 5,10 x Hmin 2,60 x Hmax 3,20 36 fabbricato chalet 5,70 x 5,80 x Hmin 2,70 x Hmax 3,35 37 fabbricato chalet 6,40 x 4,90 x Hmin 2,20 x Hmax 3,05 38 fabbricato chalet 4,80 x 3,90 x Hmin 2,10 x Hmax 2,90 39 fabbricato chalet 6,00 x 4,50 x Hmin 2,25 x Hmax 3,00 40 fabbricato chalet 5,40 x 6,00 x Hmin 2,30 x Hmax 3,50 41 fabbricato chalet 5,20 x 7,00 x Hmin 2,60 x Hmax 3,20 42 fabbricato chalet 6,20 x 5,70 x Hmin 2,60 x Hmax 3,00 43 fabbricato chalet 5,60 x 6,65 x Hmin 2,42 x Hmax 2,77 44 fabbricato chalet 5,65 x 6,10 x Hmin 2,36 x Hmax 3,05 45 fabbricato chalet 5,80 x 6,10 x Hmin 2,48 x Hmax 2,90 46 fabbricato chalet 6,60 x 6,60 x Hmin 2,70 x Hmax 3,20 47 fabbricato chalet 6,15 x 6,00 x Hmin 3,10 x Hmax 4,15 48 fabbricato chalet 4,10 x 4,50 x Hmin 2,25 x Hmax 3,00 49 fabbricato chalet 5,10 x 5,00 x Hmin 2,40 x Hmax 2,70 50 fabbricato chalet 5,80 x 5,90 x Hmin 2,50 x Hmax 3,40 51 fabbricato chalet 6,35 x 5,70 x Hmin 2,70 x Hmax 3,15 52 fabbricato chalet 5,50 x 7,50 x Hmin 3,10 x Hmax 3,80 53 fabbricato chalet 7,65 x 5,65 x Hmin 2,65 x Hmax 3,70 54 fabbricato chalet 5,30 x 5,30 x Hmin 2,50 x Hmax 3,00

3 55 fabbricato chalet 6,00 x 5,45 x Hmin 2,55 x Hmax 3,20 56 fabbricato chalet 4,30 x 4,50 x Hmin 2,40 x Hmax 2,60 57 fabbricato chalet 6,00 x 6,10 x Hmin 2,50 x Hmax 3,00 58 fabbricato chalet 7,40 x 5,20 x Hmin 2,50 x Hmax 3,00 59 fabbricato chalet 4,60 x 5,00 x Hmin 2,45 x Hmax 2,95 60 fabbricato chalet 5,40 x 6,60 X Hmin 2,20 x Hmax 2,70 61 fabbricato chalet 7,90 x 5,90 x Hmin 2,80 x Hmax 3,40 62 fabbricato chalet 7,10 x 4,80 x Hmin 2,60 x Hmax 3,35 63 fabbricato chalet 4,70 x 5,70 x Hmin 2,70 x Hmax 3,60 64 fabbricato chalet 6,95 x 4,50 x Hmin 2,45 x Hmax 2,70 65 fabbricato chalet 6.05 x 5,25 x Hmin 2,55 x Hmax 3,00 66 fabbricato chalet 6,90 x 4,20 x Hmin 2,30 x Hmax 3,85 67 fabbricato chalet 8,85 x 4,95 x Hmin 2,80 x Hmax 3,10 68 fabbricato chalet 6,70 x 4,55 x Hmin 2,60 x Hmax 3,00 69 fabbricato chalet 6,05 x 6,80 x Hmin 2,44 x Hmax 2,80 70 fabbricato direzione 7,05 x 7,35 x Hmin 2,65 x Hmax 3,40 71 fabbricato chalet 5,30 x 5,30 x Hmin 2,50 x Hmax 4,10 72 fabbricato chalet 6,10 x 5,10 x Hmin 2,60 x Hmax 3,15 73 fabbricato chalet 3,80 x 5,20 x Hmin 2,20 x Hmax 2,80 74 fabbricato chalet 6,10 x 6,60 x Hmin 2,90 x Hmax 4,00 75 fabbricato chalet 8,20 x 5,05 x Hmin 2,65 x Hmax 3,15 76 fabbricato chalet 5,55 x 4,70 x Hmin 2,75 x Hmax 3,20 77 fabbricato chalet 5,15 x 4,50 x Hmin 2,20 x Hmax 2,95 78 fabbricato chalet 4,95 x 7,60 x Hmin 2,40 x Hmax 3,20 79 fabbricato chalet 5,10 x 7,30 x Hmin 2,60 x Hmax 3,45 80 fabbricato magazzino 950 x 7,80 x Hmin 2.45 x Hmax 4,10 81 fabbricato bar - ristoro 12,60 x 8,25 x Hmin 2,80 x Hmax 4,10 82 fabbricato servizi igienici 21,85 x 9,10 x Hmin 3,45 x Hmax 6,15 83 fabbricato chalet 5,75 x 5,75 x Hmin 1,87 x Hmax 3,15 84 fabbricato chalet 5,05 x 8,00 x Hmin 2.60 x Hmax 3,55 85 fabbricato chalet 4,45 x 5,95 x Hmin 2,45 xhmax 3,00 86 fabbricato chalet 5,05 x 4,65 x Hmin 2,35 x Hmax 2,90 87 fabbricato chalet 6,75 x 5,15 x Hmin 2,65 x Hmax 3,20 88 fabbricato chalet 5,55 x 4,70 x Hmin 2,35 x Hmax 2,95 89 fabbricato chalet 4,75 x 9,35 x Hmin 2,45 x Hmax 3,15 90 fabbricato chalet 7,45 x 5,40 x Hmin 2,75 x Hmax 3,20 91 fabbricato chalet 6,85 x 8,85 x Hmin 2,35 x Hmax 3,10 92 fabbricato chalet 5,55 x 5,10 x Hmin 2,73 x Hmax 3,70 93 fabbricato chalet 7,30 x 6,75 x Hmin 2,70 x Hmax 3,20 94 fabbricato chalet 6,40 x 6,60 x Hmin 2,50 x Hmax 3,30 95 fabbricato chalet 5,45 x 4,95 x Hmin 2,70 x Hmax 3,20 96 fabbricato chalet 4,50 x 6,55 x Hmin 2,40 x Hmax 3,00 97 fabbricato chalet 4,15 x 6,15 x Hmin 2,15 x Hmax 3,10 98 fabbricato chalet 6,70 x 6,75 x Hmin 2,60 x Hmax 3,40 99 fabbricato chalet 5,50 x 6,05 x Hmin 2,20 x Hmax 3, fabbricato chalet 4,45 x 7,25 x Hmin 2,40 x Hmax 3, fabbricato chalet 6,55 x 4,50 x Hmin 2,65 x Hmax 3, fabbricato chalet 6,25 x 5,90 x Hmin 2,65 x Hmax 3, fabbricato chalet 5,55 x 5,55 x Hmin 2,30 x Hmax 3,20

4 104 fabbricato chalet 5,95 x 3,85 x Hmin 2,10 x Hmax 2, fabbricato chalet 4,09 x 5,20 x Hmin 2,30 x Hmax 3, fabbricato chalet 5,95 x 8,00 x Hmin 2,70 x Hmax 3, fabbricato chalet 5,45 x 6,70 x Hmin 2,30 x Hmax 3, fabbricato chalet 7,70 x 5,30 x Hmin 2,30 x Hmax 2, fabbricato chalet 7,05 x 4,40 x Hmin 2,15 x Hmax 3, fabbricato chalet 7,75 x 5,60 x Hmin 2,90 x Hmax 3, fabbricato chalet 7,25 x 5,25 x Hmin 2,70 x Hmax 3, fabbricato chalet 6,85 x 5,75 x Hmin 2,90 x Hmax 3, fabbricato chalet 5,50 x 6,40 x Hmin 2,45 x Hmax 3, fabbricato chalet 8,45 x 4,60 x Hmin 2,75 x Hmax 3, fabbricato chalet 6,55 x 6,45 x Hmin 2,80 x Hmax 3, fabbricato chalet 5,25 x 6,65 x Hmin 2,10 x Hmax 2, fabbricato chalet 5,75 x 5,70 x Hmin 2,20 x Hmax 3, fabbricato chalet 7,15 x 6,45 x Hmin 2,10 x Hmax 3, fabbricato chalet 8,80 x 8,15 x Hmin 2,50 x Hmax 3, fabbricato chalet 8,20 x 4,85 x hmin 2,50 x Hmax 3, fabbricato chalet 5,95 x 8,40 x Hmin 2,70 x Hmax 3, fabbricato chalet 5,50 x 8,30 x Hmin 2,60 x Hmax 3, fabbricato chalet 4,40 x 7,55 x Hmin 2,70 x Hmax 3, fabbricato chalet 4,90 x 6,40 x Hmin 2,25 x Hmax 2, fabbricato chalet 5,90 x 5,35 x Hmin 2,35 x Hmax 3, fabbricato chalet 6,05 x 8,10 x Hmin 2,80 x Hmax 3, fabbricato chalet 6,70 x 5,40 x Hmin 2,60 x Hax 3, fabbricato chalet 5,70 x 5,55 x Hmin 2,60 x Hmax 3, fabbricato chalet 4,10 x 4,45 x Hmin 2,30 x Hmax 3, fabbricato chalet 7,70 x 4,65 x Hmin 2,40 x Hmax 3, fabbricato villa 9,80 x 17,40 x Hmin 2,90 x Hmax 5, fabbricato chalet 6,65 x 6,95 x Hmin 2,75 x Hmax 3, fabbricato chalet 7,60 x 6,25 x Hmin 2,20 x Hmax 3, fabbricato chalet 5,40 x 5,52 x Hmin 2,50 x Hmax 3, fabbricato chalet 4,50 x 5,95 x Hmin 2,30 x Hmax 3, fabbricato chalet 5,10 x 8,00 x Hmin 2,50 x Hmax 3, fabbricato chalet 7,20 x 7,45 x Hmin 2,50 x Hamx 3, fabbricato chalet 4,70 x 4,75 x Hmin 2,10 x Hmax 3, fabbricato chalet 5,95 X 5,75 X Hmin 2,45 x Hmax 2, fabbricato chalet 5,70 x 7,10 x Hmin 2,40 x Hmax 3, fabbricato chalet 5,80 x 4,55 x Hmin 2,50 x Hmax 3, fabbricato chalet 4,40 x 5,90 x Hmin 2,50 x Hmax 3, fabbricato tettoia quadri elettrici 2,00 x 1,10 x Hmin 1,90 x Hmax 2, fabbricato direzione 7,00 x 4,30 x Hmin 2,60 x Hmax 3,00 A strada 58,00 x Largm 4,70 B strada 47,00 x Largm 3,40 C strada 73,00 x Largm 3,00 D strada 55,20 x Largm 4,00 E strada 56,60 x Largm 3,00 F strada 55,00 x Largm 4,00 G strada 55,00 x Largm 2,70 H piazza 17,00 x 12,70

5 I strada 55,00 x Largm 3,50 L strada 36,00 x Largm 3,00 M ponticello 14,40 x 1,50 area giochi 14,00 x 13,00 RILEVATO che nella sopraccitata relazione tecnica illustrativa del si evince che l intera struttura ricettiva denominata Camping S.Andrea, possiede caratteristiche di stabilità e con chiara funzione di soddisfare esigenze abitative di carattere duraturo e continuativo; RILEVATO che l intera struttura ricettiva in esame risulta sottoposta a: a) vincoli di tutela ambientale e paesaggistica in virtù di: a. Legge n del e art. 82 del D.P.R. n , n. 616; b. L.R. n. 02 del ; c. L.R. n. 26 del ; d. L.R. n. 49 del ; e. L.R. n. 5 del ; f. D.Lgs n. 42 del ; g. D.Lgs n. 157 del ; h. D.Lgs n. 63 del ; b) parere vincolante dell Ente Autonomo Parco Nazionale D Abruzzo Lazio e Molise, con sede legale in Pescasseroli (AQ); c) rilascio di permesso di costruire in virtù degli art. 10 e 11 del DPR n. 380 del e ss.mm.ii.; VISTO che presso l Ufficio Tecnico Comunale esistono i seguenti atti amministrativi: 1) Richiesta di sanatoria in virtù della Legge N. 47 del , giusto Prot. N del a nome di Camping S.Andrea srl, con la quale si chiede di sanare l ampliamento di servizi, il cambio di destinazione d uso e ampliamento della villa esistente; 2) Richiesta di sanatoria in virtù della Legge N. 724 del , giusto Prot. N del a nome di Camping S.Andrea srl, con la quale si chiede di sanare la realizzazione di strutture mobili costituenti accessorio alle roulettes, quali gabbiotti e tettoie in legno e ferro; 3) Richiesta di sanatoria in virtù della Legge N. 724 del , giusto Prot. N del a nome di Camping S.Andrea srl, con la quale si chiede di sanare la realizzazione di un immobile adibito ad attività turistico-ricettiva; 4) Richiesta di sanatoria in virtù della Legge N. 724 del , giusto Prot. N del a nome di Camping S.Andrea srl, con la quale si chiede di sanare la realizzazione di ampliamento dei servizi igienici e cambio di destinazione d uso da servizi igienici ad abitazione custode; 5) Richiesta di sanatoria in virtù della Legge N. 724 del , giusto Prot. N del a nome di Camping S.Andrea srl, con la quale si chiede di sanare la realizzazione di un immobile adibito a bungalow; 6) Richiesta di sanatoria in virtù della Legge N. 724 del , giusto Prot. N del a nome di Camping S.Andrea srl, con la quale si chiede di sanara la realizzazione di un immobile adibito a servizi igienici; le stesse richieste sono a tutt oggi in corso di definizione;

6 7) Autorizzazione dell Ente Autonomo Parco Nazionale d Abruzzo Lazio e Molise (PNALM) di Pescasseroli (AQ) Prot. N del , inerente la realizzazione del Camping Sant Andrea ; 8) Nulla osta rilasciato dalla Regione Abruzzo, II Dipartimento Agricoltura e Foreste, Ispettorato Ripartimentale delle Foreste di L Aquila, Prot. N del inerente la realizzazione del Camping Sant Andrea ; 9) Parere favorevole rilasciato dalla Soprintendenza ai Monumenti ed alle Gallerie per l Abruzzo di L Aquila, Prot. N Pos. BN/AQ/P. del inerente la realizzazione del Camping Sant Andrea ; 10) Autorizzazione temporanea rilasciata dal Prefetto della Provincia di L Aquila Cat. 11-A/3 del inerente la attivazione dell esercizio di campeggio del Camping Sant Andrea ; 11) Concessione Edilizia N. 128 del inerente la realizzazione di un camping ; 12) Licenza di pubblico esercizio N. 25 del ; 13) Autorizzazione dell Ente Autonomo Parco Nazionale d Abruzzo Lazio e Molise (PNALM) di Pescasseroli (AQ) Prot. N. 2277/P del , inerente la realizzazione di servizi igienici all interno del Camping Sant Andrea ; 14) Nulla osta della Giunta Regionale D Abruzzo, Urbanistica e BB.AA. di L Aquila Prot. N. 7654/BN AQ 68 del , inerente la ristrutturazione servizi igienici ; 15) Parere favorevole espresso dal Ministero per i Beni e le Attività Ambientali, Soprintendenza per i Beni Ambientali Architettonici Artistici e Storici di Abruzzo L Aquila Prot. N del , inerente la ristrutturazione servizi igienici ; 16) Concessione Edilizia in sanatoria N. 481 del inerente la realizzazione di servizi igienici in difformità della Concessione Edilizia N. 128/1981 ; 17) Concessione Edilizia N. 482 del inerente la realizzazione di un fabbricato per servizi igienici nell ambito del Camping Sant Andrea ; 18) Autorizzazione Edilizia N. 15/93 del inerente la realizzazione di una rete fognaria interna all area del Camping Sant Andrea, consistente nella posa in opera di appositi pozzetti e tubazioni dei servizi delle singole roulottes; 19) Nulla osta della Giunta Regionale d Abruzzo, Sett. Urbanistica e BB.AA. e Cultura di L Aquila Prot. N /BN/66/ del , inerente la sanatoria L.724/94 ; 20) Parere favorevole espresso dal Ministero per i Beni e le Attività Ambientali, Soprintendenza per i Beni Ambientali Architettonici Artistici e Storici di Abruzzo L Aquila Prot. N del , inerente la sanatoria edilizia ai sensi delle Leggi n. 47/85 e n. 724/94 art. 39 delle strutture mobili ; 21) Autorizzazione dell Ente Autonomo Parco Nazionale d Abruzzo Lazio e Molise (PNALM) di Pescasseroli (AQ) Prot. N del , inerente la realizzazione dei seguenti interventi: a. Sistemazione della recinzione; b. Realizzazione di una passerella di collegamento in legno, ad esclusivo uso pedonale; c. Sistemazione dell area mediante il poszionamento di attrezzature da pic-nic, punto fuoco e area giochi attrezzata; 22) Denuncia di Inizio Attività (D.I.A.) Prot. n del , per la realizzazione delle seguenti opere: a. Area attrezzata nel verde debitamente recintata, con griglie, panchine e prese di acqua; b. Area attrezzata giochi con campo di bocce, ecc.;

7 c. Spazio per il parcheggio di auto, camper e motorhome, roulottes, ecc.; d. Realizzazione di una passerella di collegamento in legno, ad esclusivo uso pedonale; 23) Nulla osta Ambientale, rilasciato dal Comune di Pescasseroli (AQ), in attuazione della Sub-delega di cui alla L.R. n. 02/2003, Prot. n. 979 del inerente la D.I.A. Prot. n. 6226/2004 ; 24) Avvenuto deposito e nonché denuncia dei lavori rilasciato dalla Provincia dell Aquila, Servizio Tecnico del Territorio, Genio Civile di Avezzano (AQ) Prot. N. 906 del inerente la D.I.A. Prot. n. 6226/2004 ; 25) Autorizzazione rilasciata dalla Giunta Regionale, Direzione Territorio, Urbanistica, BB.AA., Parchi, Politiche e Gestione dei Bacini Idrografici, Servizio Genio Civile Regionale di L Aquila, ufficio di Avezzano (AQ) Prot. N. 697 del inerente la l attraversamento del fiume Sangro con passerella in acciaio ; 26) Parere favorevole espresso dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Soprintendenza per i Beni Architettonici e per il Paesaggio per l Abruzzo di L Aquila Prot. N del , inerente la D.I.A. Prot. n. 6226/2004 ; 27) Autorizzazione Provvisoria di dipendenza del Camping Sant Andrea rilasciata dal Comune di Pescasseroli (AQ) Prot. N del ; 28) Autorizzazione all esercizio della struttura ricettiva all aria aperta denominata Camping Sant Andrea rilasciata dal Comune di Pescasseroli (AQ) in data ; ACCERTATO che in base al vigente P.R.G., i manufatti non appaiono compatibili con la destinazione d uso, in quanto gli stessi ricadono in Zona Omogenea E3 : Ambiti di interesse agricolo-paesaggistico, zona a "verde pubblico di rispetto stradale", zona verde di rispetto ai corsi d'acqua", servizi campeggio ed in parte ad essere occupato da fascia di rispetto (all interno del Piano Particolareggiato Comprensorio C5, che riserva gli immobili di che trattasi alla formazione del lotto n. 26) e edificazione confermata ed in parte ad essere occupato da fascia di rispetto (all interno del Piano Particolareggiato Comprensorio C5, che riserva gli immobili di che trattasi alla formazione del lotto n. 27); RICHIAMATI: - l art. 10 del DPR n. 380/2001 e ss.mm.ii.; - l art. 11 del DPR n. 380/2001 e ss.mm.ii.; ACCERTATO che i responsabili della violazione sono i seguenti soggetti proprietari delle aree e viventi: a) Sig. Gentile Guglielmo, nato a Pescasseroli (AQ) il ed ivi residente in Via Difesa Monte Tranquillo, 7; b) Sig.ra Colasante Giovanna, nata a Foggia il e residente a Pescasseroli (AQ) in Via Difesa Monte Tranquillo, 7; c) Sig.ra Del Principe Francesco, nato a Pescasseroli (AQ) il ed ivi d) Sig.ra Gentile Anna Graziella, nata a Pescasseroli (AQ) il ed ivi rei della realizzazione abusiva di n. 144 (centoquarantaquattro) manufatti provvisti di rete idrica, fognante, elettrica e gas, collegati fra loro con n. 10 (dieci) strade carrabili e pedonali, con tipologia e dimensioni riportate in premessa, n. 01 area adibita ad area giochi ed area camper collegata al camping stesso tramite n. 01 (uno) ponticello in acciaio, su terreni individuabili catastalmente al N.C.T. con il Foglio 23 particella 235 e il

8 Foglio 24 particella 805 e al N.C.E.U. con il Foglio 23 mappali 579 sub. 3 e 778 sub. 1 graffato con il sub. 2, sub. 3 e sub. 4; RILEVATO che è stata omessa la comunicazione di avvio in quanto sussistono particolari ragioni d urgenza; VISTI gli articoli 27, 29, 31 e 36 del testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia approvato con DPR n. 380 del e ss.mm.ii.; RITENUTO pertanto di ingiungere al proprietario esecutore della violazione di effettuare la demolizione nel termine perentorio di novanta giorni dalla notificazione del presente provvedimento, eventualmente prorogabile con specifica istanza, da presentarsi prima del suddetto termine, motivata da ragioni di obiettiva impossibilità di rispettare il termine medesimo per causa non imputabile al committente e/o al responsabile dell abuso; ATTESA la propria competenza all adozione del presente atto in base all articolo 107 del D.Lgs. n. 267 del contenente il Testo unico delle leggi sull ordinamento degli enti locali; ORDINA nei confronti di: a) Sig. Gentile Guglielmo, nato a Pescasseroli (AQ) il ed ivi residente in Via Difesa Monte Tranquillo, 7; b) Sig.ra Colasante Giovanna, nata a Foggia il e residente a Pescasseroli (AQ) in Via Difesa Monte Tranquillo, 7; c) Sig.ra Del Principe Francesco, nato a Pescasseroli (AQ) il ed ivi d) Sig.ra Gentile Anna Graziella, nata a Pescasseroli (AQ) il ed ivi rei della realizzazione abusiva di n. 144 (centoquarantaquattro) manufatti provvisti di rete idrica, fognante, elettrica e gas, collegati fra loro con n. 10 (dieci) strade carrabili e pedonali, con tipologia e dimensioni riportate in premessa, n. 01 area adibita ad area giochi ed area camper collegata al camping stesso tramite n. 01 (uno) ponticello in acciaio, su terreni individuabili catastalmente al N.C.T. con il Foglio 23 particella 235 e il Foglio 24 particella 805 e al N.C.E.U. con il Foglio 23 mappali 579 sub. 3 e 778 sub. 1 graffato con il sub. 2, sub. 3 e sub. 4; 1) di predisporre e depositare presso gli uffici comunali, entro 30 (trenta) giorni dalla notificazione del presente provvedimento, il progetto di demolizione e ripristino dell area oggetto di abuso a firma di un tecnico abilitato alla libera professione; 2) di effettuare la demolizione ed il ripristino in conformità al progetto approvato entro 90 (novanta) giorni dalla comunicazione dell intervenuta approvazione del progetto di cui al punto precedente e del relativo permesso di costruire, eventualmente prorogabile con specifica istanza, da presentarsi prima della scadenza del suddetto termine per motivate ragioni tecniche non imputabili al committente o al costruttore;

9 3) di disporre con separato provvedimento, nel caso di mancata presentazione del progetto nel termine assegnato ai sensi del precedente punto 1) ovvero di presentazione del progetto non idoneo, l affidamento dell incarico di progettazione per la demolizione e ripristino con oneri che saranno addebitati ai soggetti sopra indicati; 4) di disporre con separato provvedimento, nel caso di mancata realizzazione nei termini assegnati ai sensi del precedente punto 2) ovvero di realizzazione difforme dal progetto, la realizzazione di interventi per mezzo di ditta idonea da individuarsi con le procedure di cui all art. 24 della Legge n. 109/1994 e ss.mm.ii. con oneri che saranno addebitati ai soggetti sopra indicati; DEMANDA alle forze dell ordine presenti nel territorio (Polizia Municipale, Carabinieri, Corpo Forestale dello Stato e Guardie PNALM), di verificare il corretto adempimento delle disposizioni della presente ordinanza e di attivare, in caso di inottemperanza, il procedimento di esecuzione d ufficio. AVVERTE - che in caso di mancata osservanza della realizzazione degli interventi di demolizione e ripristino, e salva l applicazione dell art. 650 del codice penale, si provvederà ex officio alla loro esecuzione con oneri che saranno addebitati al responsabile dell abuso, in virtù dell art. 31 del testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia approvato con DPR n. 380 del e ss.mm.ii.; - che in caso di mancata effettuazione degli interventi di rimozione delle opere abusive gli immobili interessati, l area di sedime unitamente all area individuata in premessa descritta, sarà acquisita di diritto gratuitamente al patrimonio del Comune; - che in caso di acquisizione gratuita di cui al punto precedente l opera acquisita sarà demolita a spese dei responsabili dell abuso, salvo che con deliberazione consiliare non si dichiari l esistenza di prevalenti interessi pubblici e che l opera non contrasti con rilevanti interessi urbanistici o ambientali. - che il presente provvedimento ha l effetto di comportare l immediata interruzione di eventuali opere in corso nonché il divieto di disporre dei suoli e delle opere stesse con atti tra vivi; - che in caso di mancata osservanza del divieto di prosecuzione dei lavori il fatto sarà segnalato all autorità giudiziaria per il provvedimenti di cui all articolo 44, comma 1, lett. b) del testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia approvato con DPR n. 380 del e ss.mm.ii.;; - che l alienazione delle aree per atti inter vivos che intervenga dopo la trascrizione del presente provvedimento nei registri immobiliari, oltre ad essere nulla di pieno diritto, comporterà, ai sensi dell articolo 47 del testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia approvato con DPR n. 380 del e ss.mm.ii., l applicazione delle sanzioni disciplinari previste dalla Legge n. 89 del a carico degli ufficiali roganti.

10 Si notifichi: - Sig. Gentile Guglielmo, nato a Pescasseroli (AQ) il ed ivi residente in Via Difesa Monte Tranquillo, 7; - Sig.ra Colasante Giovanna, nata a Foggia il e residente a Pescasseroli (AQ) in Via Difesa Monte Tranquillo, 7; - Sig.ra Del Principe Francesco, nato a Pescasseroli (AQ) il ed ivi - Sig.ra Gentile Anna Graziella, nata a Pescasseroli (AQ) il ed ivi Si comunichi: Albo pretorio (per la durata di 15 giorni); alla Procura della Repubblica, Sezione di Polizia Giudiziaria, c/o Tribunale di Sulmona (AQ), con sede in Sulmona (AQ), Piazza Capograssi; all Ufficio di Polizia Municipale - Sede; alla Stazione dei Carabinieri, con sede in Pescasseroli (AQ), Via Traversa Sangro,1; alla Provincia di L Aquila, Settore Urbanistica e Pianificazione, Territoriale ed Espropri, Politiche per le Aree Interne e Montagna, Servizio Pianificazione e Vigilanza, con sede in L Aquila, Via Poggio S.Maria, Loc. Villa Gioia; alla Provincia di L Aquila, Servizio Genio Civile, con sede in Avezzano (AQ), Via Marruvio, 75; alla Soprintendenza per i B.A.A.A.S. per l Abruzzo, con sede in L Aquila, Via di S.Basilio, 2a; all Ente Autonomo Parco Nazionale D Abruzzo Lazio e Molise, con sede in Pescasseroli (AQ), Viale Santa Lucia; al Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, Corpo Forestale dello Stato, Comando Stazione, con sede in Pescasseroli (AQ), Viale Oppieto; all Agenzia delle Entrate, con sede in Avezzano (AQ), Via Don Minzoni, 5, per gli effetti dell articolo 49 del testo unico in materia edilizia. AVVERTE ALTRESÌ ai sensi dell articolo 3, 4 della legge L. 7 agosto 1990, n. 241 contenente nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi che il presente provvedimento è impugnabile con ricorso giurisdizionale avanti il TAR di L Aquila entro il termine di sessanta giorni decorrenti dalla notifica o comunque dalla piena conoscenza del presente atto da parte dei destinatari ovvero con ricorso straordinario al Presidente della Repubblica entro 120 giorni decorrenti dal medesimo termine. IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO Area Urbanistica Geom. Massimiliano Mazzulli Dalla Residenza Municipale, lì 27 Dicembre 2011

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa COMUNE DI LARI Provincia di Pisa DETERMINAZIONE N. 519 Numerazione servizio 201 Data di registrazione 17/12/2009 COPIA Oggetto : DECRETO DI ESPROPRIO RELATIVO A PROCEDIMENTO ESPROPRIATIVO PER PUBBLICA

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

meglio descritte nella relazione tecnica allegata

meglio descritte nella relazione tecnica allegata Modello 05: Spazio riservato all Ufficio Protocollo Marca da bollo 14,62 Al Dirigente del Settore II Comune di Roccapalumba Oggetto: l sottoscritt nat a ( ) il / / residente a ( ) in via n. C.F. in qualità

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

REGOLAMENTO SANZIONI OPERE ABUSIVE IN AREE DI VINCOLO PAESAGGISTICO AMBIENTALE

REGOLAMENTO SANZIONI OPERE ABUSIVE IN AREE DI VINCOLO PAESAGGISTICO AMBIENTALE ALLEGATO alla Delibera Consiglio Comunale n 47 del 21.12.2006 Comune di Vezzano Ligure Provincia della Spezia Area Pianificazione Territoriale Urbanistica Edilizia Privata REGOLAMENTO SANZIONI OPERE ABUSIVE

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE Modello da compilarsi a cura del dichiarante, direttore lavori e impresa esecutrice opere Sportello per l Edilizia COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SPORTELLO UNICO EDILIZIA Sede di Venezia - San Marco 4023

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA (aggiornata a gennaio 2014) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA IN TOSCANA... pag. 4 INTERVENTI DI AMPLIAMENTO....pag. 5 INTERVENTI DI DEMOLIZIONE

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n.

Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n. Premesso che: - con decreto del Direttore regionale delle foreste e dei parchi, ora Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali, n. 613 di data 12 novembre 1992 è stata affidata in concessione

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE -

REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE - REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE - 1 2 Art. 1 - OGGETTO E DEFINIZIONI 1. Il presente regolamento disciplina la collocazione su suolo pubblico e privato delle strutture temporanee a servizio di locali ad

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

COMUNE DI VENEZIA. Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale

COMUNE DI VENEZIA. Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale COMUNE DI VENEZIA Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale N. 87 DEL 14 MAGGIO 2015 E presente il COMMISSARIO STRAORDINARIO: VITTORIO

Dettagli

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive Bollo 14,62 AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE STRUTTURE DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE (COM 4A - D.A. 8/5/2001) Ai sensi della L.r.

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Dipartimento 52 - Dipartimento della Salute e delle Risorse Naturali Direzione Generale 4 - Direzione Generale Tutela salute e coor.to del Sistema

Dettagli

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i.

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i. CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 1088 Versione 001 2015) Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: COMUNICAZIONE

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Permessi di costruire Ufficio Sala Visure e Certificazioni Urbanistiche Viale della

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE Deliberazione n. 217 del 14/11/2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO CESSIONE IN PROPRIETÀ DI AREA GIÀ CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE NELL AMBITO DEL

Dettagli

Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Condono Edilizio ROMA CAPITALE

Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Condono Edilizio ROMA CAPITALE ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici Ufficio Condono Edilizio Ufficio Diritto di Accesso Agli Atti Mod. 10/E (10.06.2013 )

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Legge 6 agosto 1967, n. 765 MODIFICAZIONI ED INTEGRAZIONI ALLA LEGGE URBANISTICA 17 AGOSTO 1942, N. 1150. (G.U. 31 agosto 1967, n.

Legge 6 agosto 1967, n. 765 MODIFICAZIONI ED INTEGRAZIONI ALLA LEGGE URBANISTICA 17 AGOSTO 1942, N. 1150. (G.U. 31 agosto 1967, n. Legge 6 agosto 1967, n. 765 MODIFICAZIONI ED INTEGRAZIONI ALLA LEGGE URBANISTICA 17 AGOSTO 1942, N. 1150 (G.U. 31 agosto 1967, n. 218) INDICE Art. 1... 2 Art. 2... 2 Art. 3... 2 Art. 4... 3 Art. 5... 3

Dettagli

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI rev.0 -data:pagina 1 di 10 TTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: 01 COM 1- Esercizio di vicinato: (Sup di vendita fino a 250 mq.) apertura, trasferimento di sede, ampliamento della superficie, subentro, cessazione,

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

COMUNICAZIONE VOLTURA DI DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA O DI SEGNALAZIONE CERTIFICA DI INIZIO DELL ATTIVITA

COMUNICAZIONE VOLTURA DI DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA O DI SEGNALAZIONE CERTIFICA DI INIZIO DELL ATTIVITA COMUNE DI MASER (TV) ESENTE da Marca da bollo COMUNICAZIONE VOLTURA DI DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA O DI SEGNALAZIONE CERTIFICA DI INIZIO DELL ATTIVITA Il/La sottoscritto/a: DA COMPILARSI IN CASO DI PERSONA

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 COMUNE DI VIGONZA UNITA OPERATIVA TRIBUTI GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 Il decreto legge 21 maggio 2013 n 54 ha sospeso il versamento dell'acconto IMU per alcuni

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

PROCEDURE OPERATIVE PER IL RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE SISMICA E DELL ATTESTAZIONE DI DEPOSITO SISMICO

PROCEDURE OPERATIVE PER IL RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE SISMICA E DELL ATTESTAZIONE DI DEPOSITO SISMICO TAVOLO TECNICO DI COORDINAMENTO delle Provincie della Regione Abruzzo (L.R. n. 28/2011, art. 2, comma 4) c/o Direzione Protezione Civile e Ambiente via Salaria Antica Est 27 67100 L Aquila fax 0862.364615

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t LEGGE REGIONALE 20 MAGGIO 2014, N. 26 Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contrastare l abbandono e il consumo dei suoli agricoli 2 LEGGE REGIONALE Disposizioni per favorire

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : /

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / GARDA UNO SPA Spazio per timbro e data di protocollo Via I. Barbieri, 20 25080 PADENGHE s/g

Dettagli

REGOLAMENTO EDILIZIO

REGOLAMENTO EDILIZIO IL REGOLAMENTO EDILIZIO APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N.182/2000 Modificato con delibera di Consiglio Comunale n.37/2007 Modificato con delibera di Consiglio Comunale n.16/2008 I INDICE

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

CODICE DELL URBANISTICA E DELL EDILIZIA

CODICE DELL URBANISTICA E DELL EDILIZIA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Assessorato all Urbanistica, enti locali e personale CODICE DELL URBANISTICA E DELL EDILIZIA SETTEMBRE 2010 Dipartimento Urbanistica e ambiente Servizio Urbanistica e tutela

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 37 del 16.12.2013 OGGETTO: Legge Regionale N. 1 Del 03/01/1986, Art. 8. Alienazione di terreni di proprietà collettiva di uso civico edificati o edificabili.

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Decreto dirigenziale interministeriale del 6 febbraio 2004 (G.U. n. 52 del 3 marzo 2004), concernente la Verifica dell interesse culturale dei beni immobili di utilità pubblica, così come modificato ed

Dettagli

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno).

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). Mod. 2 - imprese COMUNE DI... D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). MODULO PER IMPRESE Attività produttive, industriali, agricole, zootecniche, commerciali, artigianali, turistiche,

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

Regol@mento edilizio ed urbanistico

Regol@mento edilizio ed urbanistico . Comune di Spoleto Direzione Pianificazione Urbanistica Regol@mento edilizio ed urbanistico.......... Il Regolamento edilizio ed urbanistico è stato adottato dal Consiglio comunale con la deliberazione

Dettagli

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ'

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ' Mod. SCIA adeguato alla L.122/2010 ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ' AL COMUNE DI Ai sensi e per gli effetti di cui all'art. 19 commi

Dettagli

SETTORE VIII SVILUPPO ECONOMICO S.U.A.P. - SPORTELLO UNICO ATTIVITA' PRODUTTIVE RESPONSABILE : GEOM. O. CANNIZZARO

SETTORE VIII SVILUPPO ECONOMICO S.U.A.P. - SPORTELLO UNICO ATTIVITA' PRODUTTIVE RESPONSABILE : GEOM. O. CANNIZZARO SETTORE VIII SVILUPPO ECONOMICO S.U.A.P. - SPORTELLO UNICO ATTIVITA' PRODUTTIVE RESPONSABILE : GEOM. O. CANNIZZARO AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE Lo Sportello Unico Produttive è un servizio istituito dai

Dettagli

COMUNICAZIONE EFFETTUAZIONE

COMUNICAZIONE EFFETTUAZIONE Esente da bollo N.B.: presentare almeno 10 giorni prima dell inizio SPAZIO PER ETICHETTA PROTOCOLLO COMUNALE Si consiglia di presentare in triplice copia di cui n.1 timbrata dall Ufficio PROTOCOLLO da

Dettagli

RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE (art. 20, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380 artt. 7, d.p.r. 7 settembre 2010, n. 160)

RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE (art. 20, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380 artt. 7, d.p.r. 7 settembre 2010, n. 160) Al Comune di Pratica edilizia Sportello Unico Attività Produttive Sportello Unico Edilizia del Protocollo Indirizzo PEC / Posta elettronica RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE (art. 20, d.p.r. 6 giugno

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B L articolo 2 commi da 39 a 46 del D.L. 262/2006 conv. L. 286/2006 aveva previsto per gli enti locali

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE = = = = = = REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE Adottato con deliberazioni consiliari n. 56 dell 08.11.95 e n. 6 del 24.01.96 INDICE Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA Al Dirigente Responsabile della U.O.B.S.

Dettagli

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9 Indice Parte Prima Premessa... pag. 2 Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3 Parte Seconda A) Definizioni. pag. 9 B) Disposizioni riguardanti aspetti generali. 10 C) Disposizioni in materia di

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI CITTÀ DI BARLETTA COMANDO POLIZIA MUNICIPALE SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI Descrizione : L apertura e il trasferimento di sede degli esercizi di somministrazione

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE PER LA BELLEZZA

PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE PER LA BELLEZZA PROPOSTA DI DISEGNO DI LEGGE PER LA BELLEZZA Premessa La proposta di un Disegno di Legge che abbia al centro il tema della bellezza trova le sue motivazioni in almeno due obiettivi principali che si vogliono

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

DECRETO n. 375 del 11/07/2014

DECRETO n. 375 del 11/07/2014 ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.38381 Fax 030.3838233 - www.aslbrescia.it - informa@aslbrescia.it Posta certificata: servizioprotocollo@pec.aslbrescia.it

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380) 2 Al Comune di Pratica edilizia SUAP SUE Indirizzo PEC / Posta elettronica del Protocollo CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE (La

Dettagli

Sportello Unico per l edilizia (SUE). Linee guida per l attuazione della fase sperimentale ai sensi della Delib.G.R. n. 37/17 del 12.9.2013.

Sportello Unico per l edilizia (SUE). Linee guida per l attuazione della fase sperimentale ai sensi della Delib.G.R. n. 37/17 del 12.9.2013. Allegato alla Delib.G.R. n. 52/20 del 23.12.2014 Sportello Unico per l edilizia (SUE). Linee guida per l attuazione della fase sperimentale ai sensi della Delib.G.R. n. 37/17 del 12.9.2013. Art. 1 Finalità

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

INCENTIVI PER ATTIVITA DI PROGETTAZIONE E DI PIANIFICAZIONE

INCENTIVI PER ATTIVITA DI PROGETTAZIONE E DI PIANIFICAZIONE II Commissario delegato per la ricostruzione - Presidente della Regione Abruzzo STRUTTURA TECNICA DI MISSIONE Azioni di supporto ai Comuni colpiti dal sisma del 6 aprile 2009 INCENTIVI PER ATTIVITA DI

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Divisione

Dettagli

Al Responsabile del S.U.A.P.

Al Responsabile del S.U.A.P. Marca da bollo Da inviare al Comune competente mediante lettera A/R Al Responsabile del S.U.A.P. Comune di Penna Sant Andrea (TE) M0297/83-AB OGGETTO: Domanda di rilascio nuova autorizzazione di tipo A

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

MOD. A DOMANDA TIPO. Al Comune di Mandanici Via Roma n. 20 98020 Mandanici (ME)

MOD. A DOMANDA TIPO. Al Comune di Mandanici Via Roma n. 20 98020 Mandanici (ME) MOD. A DOMANDA TIPO Al Comune di Mandanici Via Roma n. 20 98020 Mandanici (ME) Il sottoscritto (cognome e nome)..., nato a..., prov...., il... codice fiscale..., partita I.V.A.... e residente a..., prov....,

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

CAPO I ORDINAMENTO DELLE COMPETENZE A REGIME

CAPO I ORDINAMENTO DELLE COMPETENZE A REGIME Legge regionale n.20 del 21 agosto 1991. Riordino delle competenze per l'esercizio delle funzioni amministrative in materia di bellezze naturali. (B.U. 11 novembre 1991, n. 12). (vedi circolare prot. n.

Dettagli