O rdine degli Ingegneri della Provincia di Teramo

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "O rdine degli Ingegneri della Provincia di Teramo"

Transcript

1 Giorno Periodo Argomento Docente Introduzione alla Prevenzione Incendi. Allegato I del D.M. 10 marzo 1998 (valutazione dei rischi di incendio nei luoghi di lavoro). Criteri generali alla luce delle norme vigenti. Termini, definizioni e simboli grafici di prevenzione incendi (D.M. 30/11/83). Concetti generali e principi sulla combustione e l incendio. Concetti di pericolo e di rischio. Parametri fisici della combustione. Effetti dell incendio sulle persone e sulle strutture. L incendio: sviluppo e propagazione. Concetti generali sulle esplosioni. Allegato II del D.M. 10 marzo 1998 (misure intese a ridurre la probabilità di insorgere degli incendi). Allegato III del D.M. 10 marzo 1998 (misure relative alle vie di uscita in caso di incendio). Allegato IV del D.M. 10 marzo 1998 (misure per la rilevazione e l allarme in caso di incendio). Distanze di sicurezza e criteri di compartimentazione. Reazione al fuoco dei materiali, evoluzione normativa - dal D.M. 26 giugno 1984 (classificazione di reazione al fuoco ed omologazione dei materiali ai fini della prevenzione incendi) al D.M. 10 marzo Classi di materiali Nuovo sistema di classificazione europea (Decreto Ministeriale 15 marzo 2005, Decreto 16 febbraio 2009) Cenni sui metodi di prova Normativa sui prodotti della prevenzione incendi (certificazione, omologazione, marchio CE) Resistenza al fuoco delle strutture. Classificazione di resistenza al fuoco di prodotti ed elementi costruttivi di opere di costruzione (Decreto 16 febbraio 2007 e successive modifiche ed integrazioni). Prestazioni di resistenza al fuoco delle costruzioni nelle attività soggette al controllo del Corpo Nazionale dei vigili del Fuoco (Decreto 9 marzo 2007 e successive modifiche ed integrazioni). Ing. Sergio Basti (Direttore Regionale VVF per l Abruzzo) Ing. Vincenzo Ciani (Comandante VVF L Aquila) Ing. Pietro Di Risio (Comandante VVF Pescara) Ing. Vincenzo Palano (Comandante VVF Chieti) Ing. Daniele Centi (Comandante VVF Teramo) 1/6

2 ore Aspetti antincendio nelle norme di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro (Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81 e successive modifiche ed integrazioni) Segnaletica di sicurezza. Compiti di polizia amministrativa e giudiziaria del personale del C.N.VV.F. Il regime sanzionatorio dei reati in materia di sicurezza sul lavoro (D.Lgs 758/94). Sostanze estinguenti. Allegato V del D.M. 10 marzo 1998 (attrezzature ed impianti di estinzione degli incendi). Estintori d incendio portatili e carrellati. Allegato VI del D.M. 10 marzo 1998 (controllo e manutenzione sulle misure di protezione antincendio). Ing. Vincenzo Ciani (Comandante VVF L Aquila) Ing. Davide Martella (Comando Provinciale VVF L Aquila) Il nuovo regolamento di Prevenzione Incendi - DPR 151/2011 e Lettera Circolare n del 07/10/2011. Le attività soggette a controlli di prevenzione incendi (Allegato I al DPR 151/2011). Procedimenti di prevenzione incendi. Responsabilità dei professionisti e relative sanzioni penali. (1 a parte) Il nuovo regolamento di Prevenzione Incendi - DPR 151/2011 e Lettera Circolare n del 07/10/2011. Le attività soggette a controlli di prevenzione incendi (Allegato I al DPR 151/2011). Procedimenti di prevenzione incendi. Responsabilità dei professionisti e relative sanzioni penali. (2 a parte) (Comando Provinciale VVF Teramo 2/6

3 Allegato VII del D.M. 10 marzo 1998 (informazione e formazione antincendio). Allegato VIII del D.M. 10 marzo 1998 (pianificazione delle procedure da attuare in caso di incendio). Ing. Sergio Basti (Direttore Regionale VVF per l Abruzzo Misure di protezione attiva. Impianto idrico antincendio (UNI 10779). Impianti automatici di estinzione a pioggia (sprinkler UNI 12845). Locali destinati a gruppi di pompaggio antincendio (UNI 11292). Misure di protezione attiva. Impianti automatici di rivelazione ed allarme (UNI 9795). Impianti di evacuazione di fumo e calore (UNI 9494). Cenni sugli impianti a gas estinguente. Procedimenti di deroga (art. 7 DPR 151/2011). Approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio (D.M ). Sistema di gestione della sicurezza (SGSA) Ing. Vincenzo De Thomasis Ing. Daniele Centi (Comandante VVF Teramo) Ing. Sergio Basti (Direttore Regionale VVF per l Abruzzo) Trasporto, accumulo e distribuzione del gas naturale (D.M e D.M ). Distributori carburanti (liquidi, metano e gpl) per autotrazione. Arch. Giovanni B. De Rosa Edifici scolastici (D.M ). Autorimesse (D.M ) - Deroghe in via generale, circolari di chiarimento ed esempi di applicazione sulle autorimesse Locali di pubblico spettacolo e trattenimento (D.M ). Impianti sportivi e nuova norma antiviolenza negli stadi (D.M e D.M ). 3/6

4 Edifici per civile abitazione ed industriali (D.M. n 246 del ). Ascensori e montacarichi (D.M ). Arch. Luigi Cupaiolo (Comando Provinciale VVF Chieti) Attività commerciali (D.M ) Ing. Daniele Centi (Comandante VVF Teramo) Impianti per la produzione di energia elettrica e di cogenerazione (Circ. M.I. n 31 del ) Impianti per la produzione di calore (DD.MM e ). Ing. Luca Verna (Comando Provinciale VVF Pescara) Alberghi (D.M e successive modifiche ed integrazioni) Arch. Giovanni B. De Rosa Sostanze esplodenti: stabilimenti, depositi ed esercizi di minuta vendita. Uffici (D.M. 22 febbraio 2006). Ing. Vincenzo De Thomasis Ospedali, ambulatori e case di cura (D.M e successive modifiche ed integrazioni). Ing. Vincenzo De Thomasis Depositi di oli minerali (D.M e succ.). Depositi di soluzioni idroalcoliche (D.M ). Ing. Pietro Di Risio (Comandante VVF Pescara) Attività a rischio di incidente rilevante (dal DPR 175/88 al D.Lgs 238/05). Decreti collegati. Procedure ed adempimenti. Schema di un Rapporto di Sicurezza. Piani di emergenza esterni. Ing. Angelo Ursini (Direzione Regionale VVF per l Abruzzo) 4/6

5 Edifici pregevoli per arte e storia (D.P.R. n 418 del ). Edifici storici destinati a musei, gallerie, esposizione e mostre (D.M. n 569 del ) Deposito di GPL in serbatoi fissi ed in recipienti portatili (D.M e D.M ). Arch. Dario Pompilio (Comando Provinciale VVF Chieti) Giovedì Impianti elettrici nei luoghi con pericolo di esplosione. Normativa ATEX - Apparecchiature elettriche di manovra e protezione. Impianti di messa a terra. Impianti di protezione contro le scariche atmosferiche. Illuminazione di emergenza. Ing. Vincenzo Palano (Comandante VVF Chieti) Sostanze radiogene (D.Lvo 230/95 e ss.mm.ii.). Normativa sui gas tossici. Ing. Carmine Iampieri (Comando Provinciale VVF L Aquila) Esercitazione. Attività di pubblico spettacolo (analisi di un caso reale e visita guidata ). Geom. Giovanni Cavallari Esercitazione. Centro commerciale (analisi di un caso reale e visita guidata ). P.I. Ennio Corona Esercitazione. Autorimessa pubblica (analisi di un caso reale e visita guidata). P.I. Ermanno Pigliacelli 5/6

6 12.06 Esercitazione. Gruppo elettrogeno e centrale termica a metano (analisi di casi reali e visita guidata). Geom. Giancarlo Tancredi Esercitazione. Attività industriale (analisi di un caso reale e visita guidata). P.I. Sergio Divisi Esami finali Commissione Totale ore del corso: n 120 Ore di assenza consentite n. 24 6/6

Corso base di specializzazione in Prevenzione Incendi

Corso base di specializzazione in Prevenzione Incendi Corso base di specializzazione in Prevenzione Incendi Modulo Argomento Ore Data Orario 1 Obiettivi, direttive, legislazione e regole tecniche di prevenzione incendi 1.1 Obiettivi e fondamenti di prevenzione

Dettagli

Collegio geometri della provincia di Milano

Collegio geometri della provincia di Milano 15/0/011 Collegio geometri della provincia di Milano Corso di Specializzazione in prevenzione incendi ex legge 818/8 Giorni Orario Ore Moduli Docenti Presentazione Corso LEGISLAZIONE GENERALE (F.1-F.)

Dettagli

PROGRAMMA DEL CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI di cui all art. 4 del D.M. 5 agosto 2011

PROGRAMMA DEL CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI di cui all art. 4 del D.M. 5 agosto 2011 PROGRAMMA DEL CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI di cui all art. 4 del D.M. 5 agosto 011 A) OBIETTIVI E FONDAMENTI DI PREVENZIONE INCENDI A1 A A3 A4 A5 A6 Introduzione alla prevenzione

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI CROTONE Corso di specializzazione in Prevenzione Incendi PROGRAMMA CONFORME AL DM 05.08.

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI CROTONE Corso di specializzazione in Prevenzione Incendi PROGRAMMA CONFORME AL DM 05.08. a ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI CROTONE Corso di specializzazione in Prevenzione Incendi PROGRAMMA CONFORME AL DM 05.0.011 ARGOMENTO ORE Obiettivi e fondamenti di prevenzione incendi DOCENTE

Dettagli

programma aggiornato al 05/02/14

programma aggiornato al 05/02/14 programma aggiornato al 05/02/14 Modulo 1: Obiettivi, direttive, Legislazione e regole tecniche di prevenzione incendi Presentazione del corso Presidenti degli Ordini e Collegi 0.15 15.30 15.45 mercoledì

Dettagli

Collegio dei Geometri e dei Geometri Laureati della Provincia di Pescara

Collegio dei Geometri e dei Geometri Laureati della Provincia di Pescara D.M. 05 Agosto 0 - OBBIETTIVI E DESTINATARI DEL CORSO Il corso, rivolto ai soggetti in possesso dei requisiti previsti dall Art.3 del D.M. 5 Agosto 0, ha l obbiettivo di formare le figure professionali

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DI BENEVENTO

ORDINE DEGLI INGEGNERI DI BENEVENTO Lezione Programma didattico del corso base di specializzazione in Prevenzione Incendi organizzato ai sensi del DM 05.08.0 Ora Durata Argomento trattato Modulo Docente Data 6 OBIETTIVI, DIRETTIVE, LEGISLAZIONE

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI. Della PROVINCIA DI TRAPANI. In collaborazione con Fiarcom. Corso di formazione PREVENZIONE INCENDI

ORDINE DEGLI ARCHITETTI. Della PROVINCIA DI TRAPANI. In collaborazione con Fiarcom. Corso di formazione PREVENZIONE INCENDI ORDINE DEGLI ARCHITETTI Della PROVINCIA DI TRAPANI In collaborazione con Fiarcom Corso di formazione PREVENZIONE INCENDI Legge 7 dicembre 1984 n.818, DM 5 marzo 1985 e se0gg 12 GIUGNO- 26 SETTEMBRE 2015

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI CATANIA FONDAZIONE ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI CATANIA

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI CATANIA FONDAZIONE ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI CATANIA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI CATANIA FONDAZIONE ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI CATANIA CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE IN MATERIA DI PREVENZIONE INCENDI AI FINI DELLA ISCRIZIONE

Dettagli

1 Corso base prevenzione incendi 120 ore. c/o Sede Collegio Geometri e Geometri Laureati della Provincia di Brescia P.za C. Battisti 12 Brescia

1 Corso base prevenzione incendi 120 ore. c/o Sede Collegio Geometri e Geometri Laureati della Provincia di Brescia P.za C. Battisti 12 Brescia c/o Sede Collegio Geometri e Geometri Laureati della Provincia di Brescia P.za C. Battisti 12 Brescia LEZ. 1 ARGOMENTO 14/09/2015 Obiettivi, direttive, legislazione e regole tecniche di prevenzione incendi

Dettagli

CORSO PREVENZIONE INCENDI D.M. 5 agosto 2011 (ex Legge 818/84)

CORSO PREVENZIONE INCENDI D.M. 5 agosto 2011 (ex Legge 818/84) CORSO PREVENZIONE INCENDI D.M. 5 agosto 011 (ex Legge 818/84) Si informa dell'imminente avvio c/o l Ordine degli Ingegneri di Matera del corso base di specializzazione in prevenzione incendi finalizzato

Dettagli

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN PREVENZIONE INCENDI FINALIZZATO ALL'ISCRIZIONE DEI PROFESSIONISTI NEGLI ELENCHI DEL MINISTERO DELL'INTERNO

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN PREVENZIONE INCENDI FINALIZZATO ALL'ISCRIZIONE DEI PROFESSIONISTI NEGLI ELENCHI DEL MINISTERO DELL'INTERNO CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN PREVENZIONE INCENDI FINALIZZATO ALL'ISCRIZIONE DEI PROFESSIONISTI NEGLI ELENCHI DEL MINISTERO DELL'INTERNO CODICE CORSO: -PE-VVF (0 h)-0 (D.M. 05 Agosto 0 - Art. ) OGGETTO:

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI MESSINA PROGRAMMA

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI MESSINA PROGRAMMA CORSO DI SPECIALIZZAZIONE "PREVENZIONE INCENDI" AI SENSI DEL D.M. 05/08/2011 dal 2 aprile al 2 luglio 2014 ARGOMENTO: Obiettivi,direttive,legislazione e regole tecniche di prevenzione incendi Data Ora

Dettagli

CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE IN PREVENZIONE INCENDI DM 5 AGOSTO 2011

CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE IN PREVENZIONE INCENDI DM 5 AGOSTO 2011 CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE IN PREVENZIONE INCENDI DM 5 AGOSTO 2011 PROGRAMMA ai sensi dell art. 4 del DM 5/08/2011 Modulo 1 Obiettivi, direttive, legislazione e regole tecniche di prevenzione incendi

Dettagli

Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Università di Roma CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN PREVENZIONE INCENDI AI SENSI DEL D.M. DEL 25 MARZO 1985 Sede e orari del corso - Via Eudossiana 18 (, ) a.a. 2012-2013 II semestre 14.05.2012 20.07.2012

Dettagli

PREVENZIONE INCENDI norme e procedure

PREVENZIONE INCENDI norme e procedure PREVENZIONE INCENDI norme e procedure dott. ing. Gioacchino Giomi COMANDANTE VIGILI DEL FUOCO ROMA 1 abitazione 2 fabbrica 3 albergo 4 albergo 5 CHE COSA E LA PREVENZIONE INCENDI è una funzione di preminente

Dettagli

BOZZA CORSO BASE PROFESSIONISTI ANTINCENDIO - D.M. 05/08/2011

BOZZA CORSO BASE PROFESSIONISTI ANTINCENDIO - D.M. 05/08/2011 Ente di diritto pubblico non economico sotto la vigilanza del Ministero della Giustizia Art. 0 R.D. 75/99 74 Verona Via A. Sacchi, 6 Tel. +9 045 85.7.7 Fax + 9 045 84.9.84 E-mail: segreteriaperiti@tin.it

Dettagli

LA SICUREZZA ANTINCENDIO LA SICUREZZA ANTINCENDIO NEGLI OSPEDALI

LA SICUREZZA ANTINCENDIO LA SICUREZZA ANTINCENDIO NEGLI OSPEDALI LA SICUREZZA ANTINCENDIO LA SICUREZZA ANTINCENDIO NEGLI OSPEDALI dott. ing. Emilio Milano pagina 1 COS E LA PREVENZIONE INCENDI Decreto Legislativo 8 marzo 2006, n. 139 - Capo III - Art. 13 (S.O.G.U. Serie

Dettagli

Gli esami si svolgeranno in sessione unica, dopo il termine delle lezioni e in date da confermarsi (comunque entro luglio 2015).

Gli esami si svolgeranno in sessione unica, dopo il termine delle lezioni e in date da confermarsi (comunque entro luglio 2015). CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE IN PREVENZIONE INCENDI finalizzato all iscrizione dei professionisti negli elenchi del Ministero dell Interno, art. D.M. 5 agosto 0 PERIODO: aprile 9 luglio 05 dal aprile

Dettagli

Autorimesse. Un progetto di prevenzione incendi per garantire la sicurezza degli utenti

Autorimesse. Un progetto di prevenzione incendi per garantire la sicurezza degli utenti Autorimesse Un progetto di prevenzione incendi per garantire la sicurezza degli utenti TABELLA 1 CLASSIFICAZIONE DELLE AUTORIMESSE N. attività secondo D.P.R. n. 151/2011 Descrizione attività 59 Autorimesse

Dettagli

CALENDARIO DEL CORSO DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI FERRARA 2016

CALENDARIO DEL CORSO DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI FERRARA 2016 1.1 Obiettivi e fondamenti di prevenzione incendi e competenze del CNWF 2 In questo ambito vengono analizzati gli obiettivi della prevenzione incendi, introdotti i criteri generali per la valutazione del

Dettagli

PROGRAMMA DEL CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Ordine degli Ingegneri della Provincia di Ferrara

PROGRAMMA DEL CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Ordine degli Ingegneri della Provincia di Ferrara Mod Tema trattato H docente data Obiettivi e fondamenti di prevenzione incendi e competenze del CNWF In questo ambito vengono analizzati gli obiettivi della prevenzione incendi, introdotti i criteri generali

Dettagli

Collegio Periti Industriali - Collegio Geometri - Collegio Periti Agrari della Provincia di Bologna

Collegio Periti Industriali - Collegio Geometri - Collegio Periti Agrari della Provincia di Bologna In questo ambito vengono analizzati gli obiettivi della prevenzione incendi, introdotti i criteri generali per la valutazione del rischio di incendio e per la individuazione delle misure preventive, protettive

Dettagli

Corso base antincendio secondo il D.M. 05 agosto 2011 e successive modifiche/integrazioni

Corso base antincendio secondo il D.M. 05 agosto 2011 e successive modifiche/integrazioni ertificata UNI N ISO 9001: 008 n. 03197 Settore A 37 Provider Ministero Salute M n. 713 Accreditata Regione Lombardia I Operatore 33877 I Unità Organizzativa 39065 Iscrizione Albo N. 0516 Info-Planet,

Dettagli

emmeciemme Srl Laboratorio di analisi, servizi e consulenze in campo agroalimentare 1 di 5 ROBERTO CROTTI

emmeciemme Srl Laboratorio di analisi, servizi e consulenze in campo agroalimentare 1 di 5 ROBERTO CROTTI D. Lgs Governo 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. Art. 37. - Formazione dei lavoratori

Dettagli

Le guide degli alberghi. La prevenzione incendi Il registro dei controlli

Le guide degli alberghi. La prevenzione incendi Il registro dei controlli Le guide degli alberghi La prevenzione incendi Il registro dei controlli INTRODUZIONE L art. 5 del D.P.R. n. 37/98, disciplinando i principali adempimenti gestionali finalizzati a garantire il corretto

Dettagli

14 novembre 2012/ 20 marzo 2013 via Carroccio 6 - Milano

14 novembre 2012/ 20 marzo 2013 via Carroccio 6 - Milano corso di specializzazione di PREVENZIONE INCENDI ai fini dell'iscrizione dei professionisti negli elenchi del Ministero dell'interno D.M. 5 agosto 2011 - GU n. 198 del 26 agosto 2011 - Ex L. 818/84 14

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA PREMESSA...3 DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO... 3 DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 4 OPERE CIVILI...6 NORME DI RIFERIMENTO...7 NORME RELATIVE ALLA SICUREZZA ED ALLA PREVENZIONE INCENDI... 7 NORME RELATIVE

Dettagli

REGISTRO DEI CONTROLLI ANTINCENDIO

REGISTRO DEI CONTROLLI ANTINCENDIO Amministrazione Provinciale di Pordenone Settore Edilizia e Appalti AUDITORIUM CONCORDIA Via Interna, 2 Pordenone REGISTRO DEI CONTROLLI ANTINCENDIO Auditorium Sala Conferenze Sala Teatrale e Musicale

Dettagli

PROGRAMMA MINIMO DI BASE PER CORSO PER ADDETTO ANTINCENDIO IN ATTIVITÀ A RISCHIO DI INCENDIO BASSO (DURATA 4 ORE)

PROGRAMMA MINIMO DI BASE PER CORSO PER ADDETTO ANTINCENDIO IN ATTIVITÀ A RISCHIO DI INCENDIO BASSO (DURATA 4 ORE) PROGRAMMA MINIMO DI BASE PER CORSO PER ADDETTO ANTINCENDIO IN ATTIVITÀ A RISCHIO DI INCENDIO BASSO ( 4 ORE) 1) INCENDIO 1 ora principi della combustione prodotti della combustione sostanze estinguenti

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI P.P.C. DELLA PROVINCIA DI CASERTA CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN PREVENZIONE INCENDI AI SENSI DEL D.

ORDINE DEGLI ARCHITETTI P.P.C. DELLA PROVINCIA DI CASERTA CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN PREVENZIONE INCENDI AI SENSI DEL D. ORDINE DEGLI ARCHITETTI P.P.C. DELLA PROVINCIA DI CASERTA CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN PREVENZIONE INCENDI AI SENSI DEL D.Lvo 139/006 P R O G R A M M A Modulo A: Obiettivi e fondamenti della prevenzione

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO PORDENONE

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO PORDENONE COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO PORDENONE Corsi di formazione e modalità di accertamento dell idoneità tecnica del personale incaricato a svolgere, nei luoghi di lavoro, mansioni di addetto alla prevenzione

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI SQUADRA ANTINCENDIO

CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI SQUADRA ANTINCENDIO CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI SQUADRA ANTINCENDIO A CURA DI Ing. SEBASTIANO MARTIGNANO Via G.Boccaccio, n. 4 73100 LECCE Via Cerreto di Spoleto, n. 29 00181 Roma Tel.: +39 (832) 498023 Fax: +39 (832)

Dettagli

I Corso: DPR 151/2011 DM 07.08.2012

I Corso: DPR 151/2011 DM 07.08.2012 CALENDARIO SESSIONE DI CORSI PER AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE DI 40 ORE OBBLIGATORIO PER IL MANTENIMENTO DELL'ISCRIZIONE NEGLI ELENCHI DEL MINISTERO DELL'INTERNO PREVISTO DALL ART. 7 DEL D.M. 5/8/0 - (5

Dettagli

GLI OBBLIGHI TECNICO-AMMINISTRATIVI PER LE ATTIVITÀ SOGGETTE AI CONTROLLI DEL C.N.VV.F.

GLI OBBLIGHI TECNICO-AMMINISTRATIVI PER LE ATTIVITÀ SOGGETTE AI CONTROLLI DEL C.N.VV.F. Sommario SOMMARIO Prefazione... IX Nota sugli autori... XI Capitolo 1 GLI OBBLIGHI TECNICO-AMMINISTRATIVI PER LE ATTIVITÀ SOGGETTE AI CONTROLLI DEL C.N.VV.F. 1.1 Norme fondamentali di prevenzione incendi...

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA SOMMINISTRAZIONE TEMPORANEA DI ALIMENTI E BEVANDE - allestimenti temporanei - CAPES10C.rtf - (06/2012) RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA TIPO DI MANIFESTAZIONE ED UBICAZIONE Descrizione sommaria: Gli spazi

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA PREMESSA... 3 DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO... 3 DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 4 OPERE CIVILI... 6 NORME DI RIFERIMENTO... 8 NORME RELATIVE ALLA SICUREZZA ED ALLA PREVENZIONE INCENDI... 8 NORME RELATIVE

Dettagli

DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO ALESSANDRIA

DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO ALESSANDRIA DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO ALESSANDRIA Gestione del rischio incendio e delle misure mitigative negli istituti scolastici

Dettagli

SICUREZZA NELL USO DEI GAS COMPRESSI E LIQUEFATTI 6 luglio 2010

SICUREZZA NELL USO DEI GAS COMPRESSI E LIQUEFATTI 6 luglio 2010 SICUREZZA NELL USO DEI GAS COMPRESSI E LIQUEFATTI 6 luglio 2010 Comando Provinciale Vigili del Fuoco di PARMA Dott.ing. Francesco Martino 1 LEGISLAZIONE ANTINCENDIO IN MATERIA DI SICUREZZA NELL USO DEI

Dettagli

DPR 151 del 01.08.2011. Novità e varianti introdotti rispetto alla normativa previgente

DPR 151 del 01.08.2011. Novità e varianti introdotti rispetto alla normativa previgente DPR 151 del 01.08.2011 Novità e varianti introdotti rispetto alla normativa previgente Ridefinizione delle attività soggette al controllo dei Vigili del Fuoco Allegato I del DPR 151/2011 Art. 2 comma 2

Dettagli

Organizza. Coordinatore alla progettazione ed esecuzione dell opera ai sensi dell art.98 commi 2-3 e dell allegato XIV del D.Lgs.

Organizza. Coordinatore alla progettazione ed esecuzione dell opera ai sensi dell art.98 commi 2-3 e dell allegato XIV del D.Lgs. Il Collegio dei in collaborazione con la Fondazione dei Laureati della provincia di Anno 2016 - un corso di: Organizza Formazione periodica in materia di Sicurezza sui luoghi di lavoro valido per l aggiornamento

Dettagli

Preparazione dei professionisti per l'iscrizione all'albo Ministeriale di cui agli artt. 3 e 6 del DM 05/08/2011

Preparazione dei professionisti per l'iscrizione all'albo Ministeriale di cui agli artt. 3 e 6 del DM 05/08/2011 corso di specializzazione di PREVENZIONE INCENDI ai fini dell'iscrizione dei professionisti negli elenchi del Ministero dell'interno D.M. 5 agosto 2011 - GU n. 198 del 26 agosto 2011 - Ex L. 818/84 25

Dettagli

Addetto alla Gestione Emergenza Antincendio

Addetto alla Gestione Emergenza Antincendio Addetto alla Gestione Emergenza Antincendio Il corso di Addetto Antincendio si prefigge di formare gli operatori in modo completo sulle tematiche relative alla gestione delle emergenze e sull estinzione

Dettagli

CALENDARIO DEL CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI FERRARA 2013

CALENDARIO DEL CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI FERRARA 2013 1.1 Obiettivi e fondamenti di prevenzione incendi e competenze del CNWF 2 Ing. Giovanni NANNI 23.02 SAB In questo ambito vengono analizzati gli obiettivi della prevenzione incendi, introdotti i criteri

Dettagli

ARGOMENTI DEI CORSI E DEI SEMINARI. PRIMA UNITA DIDATTICA CORSO n.10-16 ORE (19 CFP ai Periti Industriali)

ARGOMENTI DEI CORSI E DEI SEMINARI. PRIMA UNITA DIDATTICA CORSO n.10-16 ORE (19 CFP ai Periti Industriali) N.ORE DOCENTI ARGOMENTI DEI CORSI E DEI SEMINARI PER PRIMA UNITA DIDATTICA CORSO n.10-16 ORE (19 CFP ai Periti Industriali) PROCEDIMENTI DI TECNOLOGIA DEI SISTEMI E DEGLI IMPIANTI DI PROTEZIONE ATTIVA

Dettagli

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010)

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) Corso scienza e tecnica della prevenzione incendi Pisa 11-12 Aprile 2014 La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) Dr. Ing. Fabio Bernardi C.N.VV.F. 1 2 Attività commerciali

Dettagli

21 novembre 2013 _ 25 marzo 2014 via Carroccio 6 - Milano

21 novembre 2013 _ 25 marzo 2014 via Carroccio 6 - Milano corso di specializzazione di PREVENZIONE INCENDI ai fini dell'iscrizione dei professionisti negli elenchi del Ministero dell'interno D.M. 5 agosto 2011 - GU n. 198 del 26 agosto 2011 - Ex L. 818/84 21

Dettagli

Collegio Geometri e Geometri Laureati di Monza e Brianza

Collegio Geometri e Geometri Laureati di Monza e Brianza Collegio Geometri e Geometri Laureati di Monza e Brianza Corso di Specializzazione in prevenzione incendi ex legge 818/8 Giorni Orario Ore Moduli 0.0.010 0.0.010 09.0.010 11.0.010 16.0.010 Presentazione

Dettagli

Orario delle lezioni ( )

Orario delle lezioni ( ) SCIENZA E TECNICA DELLA PREVENZIONE INCENDI 2014-2015 Orario delle lezioni ( ) DATA PERIODO ARGOMENTO ORE DOCENTE 04.10.2014 09,30-11,30 Breve introduzione al Corso Obiettivi e fondamenti di prevenzione

Dettagli

Master per il conseguimento del DIPLOMA EUROPEO DI ESPERTO NELLA PREVENZIONE INCENDI. 46 edizione. Roma, 21 ottobre 19 dicembre 2014

Master per il conseguimento del DIPLOMA EUROPEO DI ESPERTO NELLA PREVENZIONE INCENDI. 46 edizione. Roma, 21 ottobre 19 dicembre 2014 Il secondo modulo Il rischio di incendio e di esplosione nei luoghi di lavoro è valido come Corso di Aggiornamento per RSPP e ASPP (D. Lgs. 81/08 Accordo Stato Regioni 26.01.06) Master per il conseguimento

Dettagli

REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ANTINCENDIO 2014

REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ANTINCENDIO 2014 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio per il Personale, Ufficio per la sicurezza sul lavoro EDIFICIO REGISTRO DEI CONTROLLI PERIODICI ANTINCENDIO 2014 Responsabile della gestione del

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE SPECIFICA

CORSI DI FORMAZIONE SPECIFICA Informativa del 11/09/2012 CORSI DI FORMAZIONE SPECIFICA AMBITO SEGNALAZIONE PAG. Sicurezza Corso Addetti Antincendio 2 Sicurezza Corso Aggiornamento Addetti Antincendio 4 Bucciarelli Engineering S.r.l.

Dettagli

LA QUALIFICAZIONE DEL PROGETTO ANTINCENDIO ALLA LUCE DELLE NUOVE REGOLE TECNICHE ORIZZONTALI DM 03.08.2015 [SECONDA EDIZIONE AGGIORNATA]

LA QUALIFICAZIONE DEL PROGETTO ANTINCENDIO ALLA LUCE DELLE NUOVE REGOLE TECNICHE ORIZZONTALI DM 03.08.2015 [SECONDA EDIZIONE AGGIORNATA] Il 20 novembre 2015 è entrato ufficialmente in vigore il nuovo DM 03 agosto 2015 Approvazione di norme tecniche di prevenzione incendi, ai sensi dell'art. 15 del decreto legislativo 8 marzo 2006, n. 139.

Dettagli

CATALOGO TEMATICA SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO CATALOGO OFFERTA FORMATIVA TEMATICA SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO

CATALOGO TEMATICA SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO CATALOGO OFFERTA FORMATIVA TEMATICA SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO CATALOGO OFFERTA FORMATIVA TEMATICA SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI E DEI PREPOSTI SECONDO L ACCORDO STATO REGIONI 21.12.2011 FORMAZIONE GENERALE Lavoratori definiti secondo

Dettagli

CLASSIFICAZIONE INCENDI

CLASSIFICAZIONE INCENDI Lucidi lezione "Normativa Antincendio" Conformità edifici civili ed industriali alle norme di prevenzione incendi. Fase progettuale: - Vie di esodo - Autorimesse - Locali per impianti tecnologici (CT,

Dettagli

CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO COMANDO PROVINCIALE LUCCA

CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO COMANDO PROVINCIALE LUCCA CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO COMANDO PROVINCIALE LUCCA 1 IL RISCHIO INCENDIO NEL SETTORE CARTARIO Gilberto Giunti, Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Lucca 2 IL RISCHIO INCENDIO Che cos è

Dettagli

"CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN PREVENZIONE INCENDI FINALIZZATO ALL'ISCRIZIONE DEI PROFESSIONISTI NEGLI ELENCHI DEL MINISTERO DELL'INTERNO"

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN PREVENZIONE INCENDI FINALIZZATO ALL'ISCRIZIONE DEI PROFESSIONISTI NEGLI ELENCHI DEL MINISTERO DELL'INTERNO "CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN PREVENZIONE INCENDI FINALIZZATO ALL'ISCRIZIONE DEI PROFESSIONISTI NEGLI ELENCHI DEL MINISTERO DELL'INTERNO" (D.M. 05 Agosto 0 - Art. ) CODICE CORSO: 6-PE-VVF (0 h)-0 OGGETTO:

Dettagli

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010)

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) 1 Attività commerciali Obbligo del C.P.I. ai sensi del punto 87 del D.M. 16 febbraio 1982 Locali, adibiti ad esposizione e/o vendita,

Dettagli

Corso di Formazione per Gestori Impianti Sportivi

Corso di Formazione per Gestori Impianti Sportivi Corso di Formazione per Gestori Impianti Sportivi La sicurezza sui luoghi di lavoro Condizioni di sicurezza - Piano D.M. 10 marzo 1998 Ing. Luca Magnelli Firenze 19 ottobre 2010 Cosa è un piano Scopo Lo

Dettagli

CALENDARIO DEL CORSO

CALENDARIO DEL CORSO Viale delle Alpi 6-90 Tel/Fax: 0969907 CALENDARIO DEL CORSO 05/06/0. 05/06/0. 09/06/0. Obiettivi, direttive, legislazione e regole tecniche di prevenzione incendi Obiettivi e fondamenti di prevenzione

Dettagli

La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie

La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO Comando Provinciale di Lecco La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie Lecco, 16 Settembre 2015 Le strutture sanitarie: le criticità

Dettagli

Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso L.818/84

Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso L.818/84 Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso L.818/84 Impianti di estinzione incendi RETI IDRANTI Progettazione, Installazione ed esercizio UNI 10779 - Luglio 2007 Vicenza: aprile 2008 relatore: Giuseppe Ing.

Dettagli

Locale gruppo elettrogeno (Scheda)

Locale gruppo elettrogeno (Scheda) LOCALE GRUPPO ELETTROGENO Sistema di alimentazione: TT, TN-S, IT Norme di riferimento: Norma CEI 64-8 Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e

Dettagli

RELAZIONE CALCOLO CARICO INCENDIO VERIFICA TABELLARE RESISTENZA AL FUOCO **** **** **** D.M. Interno 09 Marzo 2007 D.M. 16 Febbraio 2007 L.C.

RELAZIONE CALCOLO CARICO INCENDIO VERIFICA TABELLARE RESISTENZA AL FUOCO **** **** **** D.M. Interno 09 Marzo 2007 D.M. 16 Febbraio 2007 L.C. RELAZIONE CALCOLO CARICO INCENDIO VERIFICA TABELLARE RESISTENZA AL FUOCO **** **** **** D.M. Interno 09 Marzo 2007 D.M. 16 Febbraio 2007 L.C. 15/02/2008 L.C. 28/03/2008 GENERALITA' COMPARTIMENTI La presente

Dettagli

D.Lgs. 9 aprile 2008, n. n. 81

D.Lgs. 9 aprile 2008, n. n. 81 D.Lgs. 9 aprile 2008, n. n. 81 81 La prevenzione incendi Disposizioni generali Restano inalterate, rispetto al D.Lgs. 626/94, le disposizioni sulla prevenzioni incendi La prevenzione incendi è la funzione

Dettagli

ANTINCENDIO Impianti di protezione attiva: la nuova regola tecnica

ANTINCENDIO Impianti di protezione attiva: la nuova regola tecnica GRANDI RISCHI COMMENTO 58 N. 2-29 gennaio 2013 IL SOLE 24 ORE www.ambientesicurezza24.com Dal MinInterno nuove disposizioni con il D.M. 20 dicembre 2012 ANTINCENDIO Impianti di protezione attiva: la nuova

Dettagli

Sistema di Gestione della Sicurezza Antincendio (SGSA)

Sistema di Gestione della Sicurezza Antincendio (SGSA) Sistema di Gestione della Sicurezza Antincendio (SGSA) Comunicazione breve nell ambito del convegno I Sistemi di Gestione della Sicurezza sul Lavoro Organismo Provinciale di Coordinamento per la Prevenzione

Dettagli

MODELLO DI REGISTRO DELLA SICUREZZA ANTINCENDIO

MODELLO DI REGISTRO DELLA SICUREZZA ANTINCENDIO I PRODOTTI DI Modelli per la valutazione dei rischi, Kit, Linee guida, Registro della Sicurezza Antincendio (cod. 300.41) DIMOSTRATIVO MODELLO DI REGISTRO DELLA SICUREZZA ANTINCENDIO Modello di REGISTRO

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE

LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE CONVEGNO SICUREZZA: QUALI EQUILIBRI tra SCUOLA ed ENTI LOCALI? LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE ASTI, 16 aprile 2012 Ing. Francesco ORRU Normativa Classificazione Scelta dell area Ubicazione

Dettagli

VANI ASCENSORI E MONTACARICHI

VANI ASCENSORI E MONTACARICHI VANI ASCENSORI E MONTACARICHI 2015 ilario.mammone@ordineingegneripisa.it ing. ilario mammone 1 NORMATIVA DPR 1497 DEL 29/05/63 APPROVAZIONE DEL REGOLAMENTO PER ASCENSORI E MONTACARICHI D.M. 246 DEL 16/05/87

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema Indicazioni per la stesura del documento standardizzato

Dettagli

Il progetto di prevenzione incendi nella GDO:

Il progetto di prevenzione incendi nella GDO: Dal progetto alla gestione Il progetto di prevenzione incendi nella GDO: elementi tecnici e aspetti procedurali alla luce della Nuova Regola Tecnica di Prevenzione incendi per i Centri Commerciali di Mario

Dettagli

CORSI DI AGGIORNAMENTO DI PREVENZIONE INCENDI

CORSI DI AGGIORNAMENTO DI PREVENZIONE INCENDI Collegio dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati della Provincia di Livorno CORSI DI AGGIORNAMENTO DI PREVENZIONE INCENDI L'art. 7 del D.M. 5 agosto 0 stabilisce che per il mantenimento

Dettagli

Orario delle lezioni ( )

Orario delle lezioni ( ) SCIENZA E TECNICA DELLA PREVENZIONE INCENDI Orario delle lezioni ( ) DATA PERIODO ARGOMENTO ORE DOCENTE 04.10.2013 14,30-16,30 Breve introduzione al Corso Obiettivi e fondamenti di prevenzione incendi

Dettagli

Martedì 26 Luglio 2011 06:15 - Ultimo aggiornamento Martedì 26 Luglio 2011 06:25

Martedì 26 Luglio 2011 06:15 - Ultimo aggiornamento Martedì 26 Luglio 2011 06:25 Ministero dell'interno - Dip. Vigili del Fuoco, circ. 23 febbraio 2011, n. 12653 - Formazione addetti alla prev Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile COM-RM REGISTRO

Dettagli

ANACI ROMA INCENDIO NEI CONDOMINI

ANACI ROMA INCENDIO NEI CONDOMINI INCENDIO NEI CONDOMINI FILMATO ANACI ROMA TRIANGOLO DEL FUOCO PRIMA DOMANDA... L incendio scoppia nei condomini moderni... o anche nei condomini antichi? L incendio non ha età! ANACI ROMA Dove può scoppiare

Dettagli

Il D.M. 27 luglio 2010 La regola tecnica sulle attività commerciali con superficie superiore a 400 mq. (G.U. n. 187 del 12-8-2010)

Il D.M. 27 luglio 2010 La regola tecnica sulle attività commerciali con superficie superiore a 400 mq. (G.U. n. 187 del 12-8-2010) MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE CORSO DI AGGIORNAMENTO IN MATERIA DI PREVENZIONE INCENDI FINALIZZATO AL MANTENIMENTO DELL ISCRIZIONE

Dettagli

Impianti per lo scarico di fumo e calore

Impianti per lo scarico di fumo e calore Impianti per lo scarico di fumo e calore CORSO 818 Vicenza, 13 novembre 2007 ing. Giuseppe Ruffino Vigili del Fuoco Vicenza 13 novembre 2007 ing. Giuseppe Ruffino 1 Impianti per lo scarico di fumo e calore

Dettagli

FEBBRAIO 2015. Informazioni ed Iscrizioni: Antonella Moi amoi@confindustriaravenna.it Tel.0544/210499 Fax 0544/34565

FEBBRAIO 2015. Informazioni ed Iscrizioni: Antonella Moi amoi@confindustriaravenna.it Tel.0544/210499 Fax 0544/34565 FEBBRAIO 2015 : Aggiornamento di Primo Soccorso per aziende appartenenti al Gruppo A (D.M. n.388 del 15/07/03) 03/02/2015 ore 11.00-18.00 Aggiornamento della formazione degli Addetti al Primo Soccorso,

Dettagli

Codice di individuazione alfanumerico o di abilitazione

Codice di individuazione alfanumerico o di abilitazione LETTERA CIRCOLARE PROT. P1334 / 4101 Sott. 120 DEL 13/11/2007 Professionisti abilitati di cui alla Legge 7 dicembre 1984, n 818. Sintesi delle disposizioni in vigore e relativi chiarimenti. Pervengono

Dettagli

Prevenzione Incendi. Perché scegliere AntiFuocus. Elaborati prodotti da AntiFuocus

Prevenzione Incendi. Perché scegliere AntiFuocus. Elaborati prodotti da AntiFuocus Il vantaggio di una soluzione unica, integrata ed omogenea. Unica interfaccia per tutte le attività: più semplice l integrazione delle diverse attività, più veloci l input dei dati e la lettura dei risultati.

Dettagli

ORDINE INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI CREMONA CORSO BASE IN PREVENZIONE INCENDI / LEZ. DATA Mod. Argomento Ore Docente 1 08/04/2016

ORDINE INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI CREMONA CORSO BASE IN PREVENZIONE INCENDI / LEZ. DATA Mod. Argomento Ore Docente 1 08/04/2016 LEZ. DATA Mod. Argomento Ore Docente 1 08/04/2016 1 OBIETTIVI, DIRETTIVE, LEGISLAZIONE E REGOLE TECNICHE DI PREVENZIONE INCENDI (6) Salone 1.1 Obiettivi e fondamenti di prevenzione incendi e competenze

Dettagli

Relatore: Ing.Luigi Abate. Milano 26-03-2015

Relatore: Ing.Luigi Abate. Milano 26-03-2015 Le soluzioni di mitigazione del rischio incendio per le strutture sanitarie alla luce del nuovo disposto normativo Relatore: Ing.Luigi Abate Milano 26-03-2015 L ospedale è forse l unico edificio abitativo

Dettagli

Sicurezza antincendio nei luoghi di lavoro

Sicurezza antincendio nei luoghi di lavoro IX Giornata della Sicurezza Como, 30 ottobre 2008 Sicurezza antincendio nei luoghi di lavoro Ing. Claudio Giacalone Comando provinciale Vigili del fuoco di Como Decreto legislativo 8 marzo 2006, n. 139

Dettagli

Direzione regionale VV.F. Lombardia

Direzione regionale VV.F. Lombardia Direzione regionale VV.F. Lombardia Corsi di formazione Prevenzione incendi Gli impianti di ascensori Ing. G. Sola 1 File: ascensori Creato il 26 novembre 2005 Aggiornto: il 28 novembre 2005 Attività specifica

Dettagli

B5-1. Gestione del rischio incendio nella scuola. CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03. MODULO B Unità didattica

B5-1. Gestione del rischio incendio nella scuola. CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03. MODULO B Unità didattica Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole Gestione del rischio incendio nella scuola MODULO B Unità didattica B5-1 CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03 Il quadro

Dettagli

LA SICUREZZA DEI CANTIERI. ing. PAOLO IANNELLI- Ministero per i beni e le attività culturali

LA SICUREZZA DEI CANTIERI. ing. PAOLO IANNELLI- Ministero per i beni e le attività culturali LA SICUREZZA DEI CANTIERI ing. PAOLO IANNELLI- Ministero per i beni e le attività culturali 1 I riferimenti normativi (norme prescrittive) D.P.R. 27.04.1955 n. 547 Norme di prevenzione degli infortuni

Dettagli

Modulo DATA ARGOMENTO DURATA ORARIO DOCENTE. OBIETTIVI, DIRETTIVE, LEGISLAZIONE E REGOLE TECNICHE DI PREVENZIONE 6 ore INCENDI

Modulo DATA ARGOMENTO DURATA ORARIO DOCENTE. OBIETTIVI, DIRETTIVE, LEGISLAZIONE E REGOLE TECNICHE DI PREVENZIONE 6 ore INCENDI Giornate 1 2 COLLEGIO DEI PERITI INDUSTRIALI E PERITI INDUSTRIALI LAUREATI DI ASCOLI PICENO E FERMO 1 OBIETTIVI, DIRETTIVE, LEGISLAZIONE E REGOLE TECNICHE DI PREVENZIONE 6 ore INCENDI 1.1 Obiettivi e fondamenti

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI M.I.U.R. - U.S.R. LAZIO - Istituto di Istruzione Superiore "TULLIANO" 03033 ARPINO (FR) fris060008@istruzione.it FRIS006008 C.F. 91011090601 C/C Postale 28880003 Sez. Ass. Liceo Ginnasio - FRPC00601G :

Dettagli

ATTIVITÀ DI TE.S.I. S.r.l.

ATTIVITÀ DI TE.S.I. S.r.l. Prove, collaudi e certificazioni nel campo antincendio; formazione; consulenze tecniche; verifiche ascensori. ATTIVITÀ DI Tecnologie Sviluppo Industriale S.r.l. (TE.S.I.) é un'azienda articolata in più

Dettagli

Normativa antincendio negli impianti termici a pellets e cippato

Normativa antincendio negli impianti termici a pellets e cippato TIS - Bolzano, 19 novembre 2010 Normativa antincendio negli impianti termici a pellets e cippato Dr. Ing. Arianna Villotti Definizione di impianto termico Distinzione fra impianti termici Riferimenti normativi

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Prot. n. 15713 Titolo IX Classe 3 Fascicolo 31-2013 Allegati 1 Ai Direttori di struttura Ai Dirigenti Ai Segretari Amministrativi di dipartimento Agli Addetti Locali alla Sicurezza Pavia, 23/04/2013 p.c.

Dettagli

Formazione di base e aggiornamento per gli addetti al salvataggio, lotta antincendio, gestione dell emergenza. emergenza.

Formazione di base e aggiornamento per gli addetti al salvataggio, lotta antincendio, gestione dell emergenza. emergenza. Modena - 11 ottobre 2012 Formazione di base e aggiornamento per gli addetti al salvataggio, lotta antincendio, gestione dell emergenza. emergenza. Il punto sugli obblighi e le scadenze Dott.Ing. Michele

Dettagli

Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa

Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa «Scienza e Tecnica della Prevenzione Incendi» A.A. 2013-2014 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa DPR 151/2011 Regolamento

Dettagli

ING. GIANLUCA CESAREO COMUNE DI ANCONA. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO ALLA NORMATIVA PREVENZIONE INCENDI Parcheggi Cialdini e Scosciacavalli

ING. GIANLUCA CESAREO COMUNE DI ANCONA. INTERVENTI DI ADEGUAMENTO ALLA NORMATIVA PREVENZIONE INCENDI Parcheggi Cialdini e Scosciacavalli ING. GIANLUCA CESAREO COMUNE DI ANCONA INTERVENTI DI ADEGUAMENTO ALLA NORMATIVA PREVENZIONE INCENDI Parcheggi Cialdini e Scosciacavalli PROGETTO ESECUTIVO OGGETTO DELLA TAVOLA: TAVOLA N RELAZIONE GENERALE

Dettagli

PROGRAMMA DEL CORSO (artt. 4 e 7, D.M. 5 agosto 2011 e Circolare ministeriale n del )

PROGRAMMA DEL CORSO (artt. 4 e 7, D.M. 5 agosto 2011 e Circolare ministeriale n del ) 1 1.1 1.2 1.3 1.4 Obiettivi, direttive, legislazione e regole tecniche di prevenzione incendi Obiettivi e fondamenti di prevenzione incendi e competenze del CNVVF Legislazione sulla sicurezza antincendio

Dettagli

Elenco delle norme UNI Impianti di riscaldamento e climatizzazione relative alle civili abitazioni

Elenco delle norme UNI Impianti di riscaldamento e climatizzazione relative alle civili abitazioni Elenco delle norme UNI Impianti di riscaldamento e climatizzazione relative alle civili abitazioni UNI 5104 Impianti di condizionamento dell'aria - norme per l'ordinazione, l'offerta e il collaudo. UNI

Dettagli

Prevenzione Incendi. Perché scegliere AntiFuocus. Elaborati prodotti da AntiFuocus

Prevenzione Incendi. Perché scegliere AntiFuocus. Elaborati prodotti da AntiFuocus Il vantaggio di una soluzione unica, integrata ed omogenea. Unica interfaccia per tutte le attività: più semplice l integrazione delle diverse attività, più veloci l input dei dati e la lettura dei risultati.

Dettagli

FORMAZIONE ANTINCENDIO

FORMAZIONE ANTINCENDIO ISTITUTO SUPERIORE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA SUL LAVORO SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE Decreto Ministero dell Interno 10 marzo 1998 FORMAZIONE ANTINCENDIO con LEGGI, DECRETI, CIRCOLARI E COMMENTI

Dettagli

1. INDIVIDUAZIONE DELLE ATTIVITA' SOGGETTE AI CONTROLLI DI PREVENZIONE INCENDI

1. INDIVIDUAZIONE DELLE ATTIVITA' SOGGETTE AI CONTROLLI DI PREVENZIONE INCENDI 1. INDIVIDUAZIONE DELLE ATTIVITA' SOGGETTE AI CONTROLLI DI PREVENZIONE INCENDI Con riferimento al DPR 151/2011 "Regolamento recante disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione incendi, a norma

Dettagli