RETI MOBILI E MULTIMEDIALI I e II parte. Aldo Roveri

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RETI MOBILI E MULTIMEDIALI I e II parte. Aldo Roveri"

Transcript

1 RETI MOBILI E MULTIMEDIALI I e II parte Aldo Roveri Roma, febbraio 2015

2 INDICE PRIMA PARTE. VERSO UN ACCESSO A LARGA BANDA 1 INDICE I. Processo evolutivo delle reti di accesso 10 II. Tecniche di trasmissione a spettro espanso 14 II.1 Segnali SS 14 II.2 Trattamento DS-SS 18 II.3 Trattamento FH-SS 27 II.4 Immunità all interferenza di un sistema SS 30 2 Page 1

3 INDICE III. Tecniche di trasmissione OFDM 34 III.1 Trasmissione multi-portante e l OFDM 35 III.2 Trattamenti OFDM in banda-base 37 III.3 Guida all implementazione OFDM 48 III.4 Opportunità offerte dall OFDM 58 III.5 Grandezze caratterizzanti di OFDM 59 III.6 Capacità trasmissiva OFDM 61 3 INDICE IV. Le reti di accesso a larga banda 63 IV.1 La rete di accesso in rame 64 IV.2 La rete di accesso in fibra 83 IV.3 La rete di accesso wireless 98 IV.4 I sistemi WLAN WiFi 103 IV.5 Lo standard WiMax 113 IV.6 Le reti mobili cellulari 129 IV.7 Efficienza spettrale massima trasmissiva 141 IV.8 La trasmissione multiantenna Page 2

4 INDICE V. Modelli di propagazione 146 V.1 Fenomeni di propagazione 146 V.2 Propagazione nello spazio libero 151 V.3 I Fading 158 V.4 Fading a lungo termine 162 V.5 Fading a breve termine con T/R stazionari 172 V.6 Fading a breve termine con T/R mobili 179 V.7 Classificazione dei canali mobili INDICE VI. La Rete di Nuova Generazione 196 VI.1 Definizione di una NGN 197 VI.2 Architettura di una NGN 203 VI.3 Fattori abilitanti di una NGAN Page 3

5 INDICE SECONDA PARTE. MULTIMEDIALITA E SICUREZZA 7 INDICE VII. Dal Web al P2P 220 VII.1 Il World Wide Web 221 VII.2 Il trasferimento di file 236 VII.3 La condivisione di file 244 VIII. Multimedia 254 VIII.1 Compressione audio e video 255 VIII.2 L operazione di streaming 267 VIII.3 Streaming audio/video memorizzato 274 VIII.4 Servizi audio e video interattivi 283 VIII.5 Controllo della multimedialità Page 4

6 INDICE IX. Reti per la multimedialità 312 IX.1 IP Multimedia Subsystem 313 IX.2 Correttivi sull operatività di Internet 322 IX.3 Modalità di scheduling e di policing 326 IX.4 Servizi integrati e servizi differenziati 334 IX.5 Il Reservation Protocol INDICE X. Sicurezza nelle reti 344 X.1 La crittografia 345 X.2 Sicurezza di un messaggio 351 X.3 Identificazione di un utente 355 X.4 Distribuzione delle chiavi 357 X.5 Sicurezza in Internet 359 XI. Gestione della mobilità in Internet 365 XI.1 Parti coinvolte 365 XI.2 Instradamento verso il nodo mobile 369 XI.3 IP mobile Page 5

7 INDICE TERZA PARTE. LE RETI CELLULARI 11 INDICE XII. Accesso wireless e mobilità 381 XII.1 Tecniche di duplicazione 382 XII.2 Tecniche di accesso multiplo 384 XII.3 Sistemi di accesso Page 6

8 INDICE XIII. L accesso wireless in UMTS 413 XIII.1 Il processo di espansione 414 XIII.2 Condizioni per i codici di espansione 418 XIII.3 Gestione delle risorse radio 425 XIII.4 Gestione della mobilità 433 XIII.5 Caratteristiche generali di UMTS 438 XIII.6 Requisiti e servizi di UMTS 447 XIII.7 Struttura della rete di accesso di UMTS 459 XIII.8 Evoluzione dell UTRA 463 XIV. Analisi della copertura radio INDICE XV. Analisi della capacità radio in ambiente UMTS 505 XV.1 Disturbo interferenziale 505 XV.2 Carico in uplink 510 XV.3 Carico in downlink 522 XV.4 Potenza emessa in downlink 531 XV.5 Capacità di cella 535 XV.6 Codificazione adottate nel WCDMA 536 XV.7 Efficienza spettrale trasmissiva in WCDM Page 7

9 INDICE XVI. Il sistema LTE 542 XVI.1 Obbiettivi prestazionali dello sviluppo 542 XVI.2 La nuova architettura di rete 551 XVI.3 I terminali mobili e la Qualità di Servizio 562 XVI.4 I piani e i livelli dell E-UTRA FDD 571 XVI.5 L architettura protocollare 593 XVI.6 L interfaccia E-UTRA 602 XVI.7 Il modem OFDMA 617 XVI.8 Le caratteristiche tecniche di LTE 633 XVI.9 Efficienza spettrale trasmissiva in LTE INDICE XVI. Il sistema LTE (continua) XVI.10 Capacità trasmissiva LTE 648 XVI.11 L utilizzazione del MIMO 650 XVI.12 La griglia delle risorse 656 XVI.13 Handover 665 XVI.14 Trattamento degli errori 671 XVI.15 Sincronizzazioni 675 XVI.16 Scadenzamento delle risorse 681 XVI.17 Procedura di una comunicazione di dati 686 XVI.18 Bilancio di tratta e copertura radio Page 8

10 INDICE XVII. Advanced LTE 699 XVII.1 I sistemi di quarta generazione 699 XVII.2 Aggregazione delle portanti 708 XVII.3 Miglioramenti di MIMO 713 XVII.4 Multipunto cooperativo (CoMP) 717 XVII.5 Reti eterogenee 722 XVII.6 Rilegamenti 726 XVIII. Bibliografia Page 9

11 I. PROCESSO EVOLUTIVO DELLA RETE DI ACCESSO Generalità La rete di accesso è la sezione di una rete di telecomunicazioni che collega gli apparati o, più in generale, la rete di utente con il più vicino nodo (stadio di linea) in grado di effettuare funzioni di trattamento ed erogazione del servizio. Essa svolge quindi funzioni essenziali di raccolta e consolidamento del traffico di utente, presentandosi verso la rete (o le reti) di servizio attraverso interfacce ben definite. 20 Page 10

12 Condizionamenti sullo sviluppo Lo sviluppo della rete di accesso è funzione di condizionamenti di natura varia geografici (caratteristiche orografiche e di urbanizzazione del territorio); sociale (distribuzione e tipo della domanda); regolatoria (tariffazione, privacy, norme sulla concorrenza, autorizzazione di Enti locali); economica (sorgenti di costo: materiali, installazione, manutenzione, gestione; aspetti finanziari: investimenti, ammortamenti). 21 Evoluzione in atto (1/5) Nelle soluzioni concepite nel passato (POTS, ISDN, GSM, infrastruttura radio-tv), ma tuttora operative, le funzioni svolte dalla rete di accesso sono di fatto limitate al trasporto da e per uno specifico nodo, monoo multi-servizio, con integrazione delle funzioni della rete di accesso nel rispettivo nodo. 22 Page 11

13 Evoluzione in atto (2/5) Attualmente, già da alcuni anni, sotto la spinta della tecnologia e del mercato, c è tendenza ad accentuare la separazione delle funzioni tra reti di accesso e relativi nodi. In questa scelta si presenta la necessità di interconnetere le reti di accesso con i nodi di servizio; tale struttura di interconnessione è chiamata rete di raccordo (backhauling) 23 Evoluzione in atto (3/5) I fattori trainanti dell evoluzione sono la crescente domanda di nuovi servizi all utente finale e la competizione tra nuovi e vecchi operatori. Elementi caratterizzanti dell evoluzione sono: l esigenza di una drastica riduzione dei costi di esercizio e di manutenzione, dato che la rete di accesso è ormai diventata la principale componente di investimento per un operatore di telecomunicazione; l estensione della rete di accesso, attraverso l impiego delle fibre, anche per decine di chilometri, consentendo di centralizzare le funzioni di commutazione in pochi nodi di elevate dimensioni. 24 Page 12

14 Evoluzione in atto (4/5) Nelle svariate realizzazioni delle attuali reti di accesso, si assiste frequentemente all impiego combinato di mezzi trasmissivi diversi in diverse porzioni della rete di accesso (soprattutto allo scopo di impiegare sempre la migliore tecnologia in ciascuna situazione) dando così origine ad una grande quantità di soluzioni ibride con caratteristiche loro proprie. 25 Evoluzione in atto (5/5) I mezzi attualmente impiegati sono la coppia simmetrica in rame (twisted pair - doppino telefonico); la fibra ottica; il canale radio. Con i primi due mezzi si attua un accesso cablato, mentre con il terzo si parla di accesso wireless. Nel seguito si considereranno dapprima accessi cablati (parr. IV.1 e IV.2) e successivamente quelli di tipo wireless 26 Page 13

15 II. TECNICHE DI TRASMISSIONE A SPETTRO ESPANSO II. Tecniche di trasmissione a spettro espanso II.1 Segnali SS 28 Page 14

16 Sistema a spettro espanso Indichiamo con m(t) ilsegnale-dati agente come modulante; c(t) il segnale di espansione; s(t) il segnale risultante dalla modulazione e trasmesso; sarà qui chiamato segnale SS (Spread-Spectrum). In un sistema a spettro espanso sono verificate due condizioni o la banda del segnale s(t) deve essere molto maggiore di quella del segnale m(t), o l incremento di banda del segnale s(t) è prodotto dal segnale c(t) indipendente da m(t) e noto al ricevitore in modo da consentire a questo la rivelazione di m(t). 29 Segnale SS (1/3) Come per qualunque modulazione, il segnale SS, che è di tipo passa banda, è esprimibile con st j2 f t gt 0 Re e 1 in cui Re{ } indica la parte reale di { }; g t è l inviluppo complesso di s(t); f 0 è la frequenza della portante. (II.1) 30 Page 15

17 Segnale SS (2/3) L inviluppo complesso g t dipende da m(t) edac(t); una dipendenza usuale è data da, (II.2) 2 g t g t g t m dove g t e gc t sono i consueti inviluppi complessi ottenuti da modulazioni aventi m(t) ec(t) come modulanti. Gli elementi di segnale (impulsi) che compongono c(t) sono chiamati chip per distinguerli dai bit che compongono m(t). m c 31 Segnale SS (3/3) Se T b èl intervallo di bit in m(t); T c èl intervallo di chip in c(t), affinchè il segnale di espansione svolga il suo ruolo, occorre che la sua larghezza di banda sia molto maggiore di quella del segnale - dati. Deve cioè essere R c >> R b (II.3) (3) in cui R c = 1/T c e R b = 1/T b sono i ritmi degli elementi di segnale in c(t) e in m(t), rispettivamente. 32 Page 16

18 Tipi di segnali SS (1/3) Supponiamo che m(t) sia bipolare con valori ± 1 e che si utilizzi una BPSK come sua modulazione; ne segue che m Am t 4 g t (II.4) c Con questa ipotesi, i segnali SS sono classificati in base al tipo di modulazione utilizzata per gc t. Si distinguono segnali SS a Sequenza Diretta (Direct Sequence - DS); a Salto di Frequenza (Frequency Hopping - FH). 33 Tipi di segnali SS (2/3) Segnale DS-SS (Direct Sequence-Spread Spectrum) gc t è un segnale c(t) binario NRZ bipolare, ottenuto da una sequenza di espansione {c(n)},(n= 0,1,,); l inviluppo complesso del segnale DS-SS è allora espresso da Am t c t. 5 g t c (II.5) 34 Page 17

19 Tipi di segnali SS (3/3) Segnale FH-SS (Frequency Hopping-Spread Spectrum) gc t èditipofskcon2 k frequenze determinate da gruppi di k bit in corrispondenza con una sequenza di espansione {c(n)}, (n = 0,1, ). 35 II. Tecniche di trasmissione a spettro espanso II.2 Trattamento DS-SS 36 Page 18

20 Trattamento DS-SS Vantaggi riduce l effetto del fading selettivo in frequenza nelle reti cellulari le SRB possono usare la stessa banda di frequenze varie SRB possono rivelare e ricostruire il segnale è possibile un soft handover Svantaggi è necessario un preciso controllo di potenza. 37 Trattamento DS-SS in trasmissione (1/3) Si effettua, come in Fig. II.1, un XOR del segnale-dati (dati di utente) con il segnale di espansione: in questa operazione molti chip per bit (ad es. 128) danno luogo a una più larga banda del segnale risultante (segnale SS). Il segnale SS viene inviato ad un modulatore che lo trasforma in un segnale a radio frequenza. La formazione del segnale SS a partire dai dati di utente e con l utilizzazione del segnale di espansione è mostrata in Fig. II.2 38 Page 19

21 Trattamento DS-SS in trasmissione (2/3) TRASMETTITORE Dati di utente X Segnale SS modulatore Segnale trasmesso Segnale di espansione Portante radio Fig. II.1 39 Trattamento DS-SS in trasmissione (3/3) T b Dati di utente 0 1 T c XOR Trattamento in trasmissione Segnale di espansione = Segnale SS T b : intervallo di bit T c : intervallo di chip Fig. II.2 40 Page 20

22 Trattamento DS-SS in ricezione (1/3) Dal segnale a radio frequenza si passa con una demodulazione ad un segnale filtrato passa-basso. Quest ultimo è l ingresso ad un correlatore che opera sul segnale di espansione. L uscita del correlatore è inviata ad un dispositivo di decisione, che restituisce i dati di utente. Questa catena di trattamenti del segnale ricevuto sul canale a radio-frequenza è illustrata in Fig. II.3. la formazione del segnale dati a partire dal segnale a valle del demodulatore è mostrata in Fig. II Trattamento DS-SS in ricezione (2/3) RICEVITORE Segnale filtrato segnale ricevuto passa-basso demodulatore X correlatore prodotti integratore Somme campionate decisione Dati di utente Portante radio Segnale di espansione Fig. II.3 42 Page 21

23 Trattamento DS-SS in ricezione (3/3) Segnale SS T c XOR Trattamento in ricezione T b Segnale di espansione = Dati di utente 0 1 T b : intervallo di bit T c : intervallo di chip Fig. II.4 43 Correlatore (1/2) Il cuore del ricevitore DS-SS è quindi un correlatore che opera un filtraggio passa-basso sul risultato dell operazione di compressione (despreading) e che equivale a un filtro adattato al segnale di espansione. È infatti noto che, in presenza di particolari condizioni di disturbo (rumore additivo bianco), questo filtro adattato può essere realizzato nella forma di un correlatore che opera sul segnale espanso s(t) uscente dalla sezione RF e sullo stesso segnale di espansione c(t) utilizzato in trasmissione. 44 Page 22

24 Correlatore (2/2) Se il canale tra trasmettitore e ricevitore può essere modellato con un filtro ideale e con un rumore additivo bianco, la ricezione ottima di un segnale DS- SS si attua integrando nel tempo il prodotto s(t)c(t) dei segnali s(t) e c(t), con il vincolo che quest ultimo sia sincronizzato con il primo; l intervallo di integrazione per la rivelazione dell n-esimo bit del segnale di utente è quello nt b (n+1)t b, avendo indicato con T b l intervallo di bit. Questo integratore e il dispositivo che effettua la moltiplicazione s(t)c(t) costituiscono il correlatore di un ricevitore per segnale DS-SS. 45 Operatività del correlatore (1/7) Per fornire una illustrazione intuitiva dell operatività del correlatore come componente di base in un ricevitore DS-SS, facciamo riferimento ai casi illustrati nelle Figg. II.5, II.6 e II.7, che riguardano un trasferimento di una sequenza di dati di utente nella quale si ha alternanza regolare di 1 e 1e assenza di rumore additivo; segnale di espansione c(t) con intervallo di chip T c, che è uguale a 1/8 dell intervallo di bit T b. 46 Page 23

25 Operatività del correlatore (2/7) Ciascuna delle tre figure riporta nell ordine, dall alto verso il basso, la forma d onda del segnale espanso s(t) all ingresso del correlatore; segnale di espansione c(t) all ingresso del correlatore; segnale all uscita dell operazione di prodotto s(t)c(t). Infine l ultima forma d onda nelle figure riguarda il risultato dell integrazione 1 b T b T 0 s t c t d t, mentre il segno rappresenta il valore sottoposto al rivelatore di soglia. 47 Operatività del correlatore (3/7) T c Segnale ricevuto s(t) t Segnale di espansione c(t) t Segnale prodotto s(t)c(t) t T 1 b s t c t dt T b 0 T b 1 T b T c intervallo di bit intervallo di chip t 1 Fig. II.5 48 Page 24

26 Operatività del correlatore (4/7) T c Segnale ricevuto s(t) t Segnale di espansione c(t) t Segnale prodotto s(t)c(t) t T 1 b s t c t dt T b 0 1/2 T b 0 T b T c 1/2 intervallo di bit intervallo di chip 0 t Fig. II.6 49 Operatività del correlatore (5/7) T c Segnale ricevuto s(t) t Segnale di espansione c(t) t Segnale prodotto s(t)c(t) t T 1 b s t c t dt T b 0 T b 1/8 0 T b T c 1/8 intervallo di bit intervallo di chip t 1/4 Fig.II.7 50 Page 25

27 Operatività del correlatore (6/7) Entrando nello specifico nella Fig. II.5, la correlazione è effettuata sul segnale espanso s(t) e sul suo pertinente segnale di espansione c(t) supposto in condizioni di sincronismo; nella Fig.II.6, la correlazione è effettuata sullo stesso segnale espanso considerato nella Fig. II.5 e su un segnale di espansione che è ortogonale a quello utilizzato nella Fig. II.5 e che quindi non è pertinente a s(t); nella Fig. II.7, la correlazione è effettuata su un segnale espanso che, rispetto a quello considerato nella Fig.II.5, è ritardato di T b /8 e su un segnale di espansione che è lo stesso considerato in Fig.II.5 e che quindi è pertinente a quest ultimo. 51 Operatività del correlatore (7/7) Come si vede dalla Fig.II.5, se si correlano un segnale espanso e il suo pertinente segnale di espansione, tra loro in condizioni di sincronismo, il decisore è in grado di rivelare correttamente la sequenza di dati trasferita. Se invece, come appare in Fig.II.6, la correlazione è effettuata su un segnale espanso e su un segnale di espansione che è ortogonale a quello pertinente, non è consentito al decisore di rivelare valori corretti. Infine se, come in Fig.II.7, si correlano un segnale espanso e il suo pertinente segnale di espansione senza condizioni di sincronismo, il risultato è ancora una decisione errata. 52 Page 26

28 II. Tecniche di trasmissione a spettro espanso II.3 Trattamento FH-SS 53 Trattamento FH-SS (1/5) Variazioni discrete della frequenza portante. la sequenza di cambiamenti di frequenza determinata attraverso una sequenza PN; Due versioni (cfr. Fig. II.8) salto veloce: varie frequenze per bit di utente; salto lento: vari bit di utente per frequenza. Nelle Figg. II.9 e II.10 sono rappresentati gli schemi di principio per un trasmettitore e per un ricevitore FH-SS. 54 Page 27

29 Trattamento FH-SS (2/5) T b Dati di utente t f T d f 3 f 2 f 1 Salto lento (3 bit/salto) f T d t f 3 f 2 f 1 Salto veloce (3 salti/bit) t T b : periodo di bit - T d tempo di stazionamento Fig. II.8 55 Trattamento FH-SS (3/5) Vantaggi. fading selettivo in frequenza e interfe-renza limitati a breve periodo; implementazione semplice; usa solo una piccola porzione dello spettro ad ogni istante. Svantaggi non robusto come il DS SS; più semplice da intercettare 56 Page 28

30 Trattamento FH-SS (4/5) TRASMETTITORE Dati di utente modulatore Segnale a banda stretta modulatore Segnale trasmesso espanso Sintetizzatore di frequenza Sequenza di salto Fig. II.9 57 Trattamento FH-SS (5/5) RICEVITORE Segnale ricevuto Segnale a banda stretta Dati di utente demodulatore demodulatore Sequenza di salto Sintetizzatore di frequenza Fig. II Page 29

31 II. Tecniche di trasmissione a spettro espanso II.4 Immunità all interferenza di un sistema SS 59 Immunità all interferenza di un segnale DS-SS (1/3) Supponiamo che il segnale DS-SS s(t) sia disturbato da un segnale n(t) intenzionalmente interferente. All ingresso del ricevitore si ha allora r(t) = s(t) + n(t) = A c m(t) c(t) cos 0 t + n J (t) n J (t) = A J cos 0 t Al ricevitore si effettua una compressione spettrale (Despreading) pilotata da un generatore di codice PN sincrono con il segnale ricevuto. 60 Page 30

32 Immunità all interferenza di un segnale DS-SS (2/3) L uscita del compressore è v 1 (t) = A c m(t) cos 0 t + A J c (t) cos 0 t dato che c 2 (t) = (± 1) 2 = 1 Il segnale BPSK DS-SS è tornato ad essere un segnale BPSK e quindi la banda passante è passata dal valore 2R c all ingresso del ricevitore al valore 2 R b con un fattore di compressione R c /R b. 61 Immunità all interferenza di un segnale DS-SS (3/3) A valle dell operazione di demodulazione e all ingresso del filtro passa-basso, risulta v 2 (t) = A c m(t) + A J c (t). All uscita del filtro passa-basso la potenza della componente di disturbo è 2 AJ P, R / R n 3 c b mentre quella all ingresso del filtro è uguale a 2 A J. 62 Page 31

33 DSP (approssimata) di un segnale BPSK-DS-SS (1/2) Nella figura II.11 viene mostrato lo spettro di densità di potenza (DSP) in forma approssimata come convoluzione dei DSP P m (f) del segnale-dati m(t) con ritmo binario R b P c (f) del segnale di espansione c(t) conritmo chip R c. di 63 DSP (approssimata) di un segnale BPSK-DS-SS (2/2) P m (f) 1 / 2R b 1 / 2R c - R b + R b P c (f) A2 c 2R c - R c P f = 2 A P f * P f + R g c m c c Fig. II Page 32

34 Effetto dell espansione sull interferenza (1/3) La Figura II.12 mostra l effetto dell espansione su interferenze a banda stretta e larga. Le Figg. II.12.i) e II.12.ii) riguardano l operatività del trasmettitore e mostrano i DSP (in forma approssimata) del segnale di utente a monte e a valle dell espansione. 65 Effetto dell espansione sull interferenza (2/3) Invece le Figg. II.12.iii), II.12.iv) e II.12.v) si riferiscono al ricevitore; in particolare la Fig. II.12.iii) mostra la sovrapposizione,a monte della compressione dei DSP del segnale SS ricevuto e di interferenze a larga banda e a banda stretta; le Figg. II.12.iv) e II.12.v) considerano l effetto della compressione e della successiva operazione di filtraggio passa-basso. 66 Page 33

35 Effetto dell espansione sull interferenza (3/3) P(f) P(f) i) f ii) f Segnale di utente Interferenza larga banda Interferenza banda stretta TRASMETTITORE P(f) P(f) P(f) iii) iv) v) f RICEVITORE f f Fig. II III. TECNICHE DI TRASMISSIONE OFDM Page 34

36 III. Tecniche di trasmissione OFDM III.1 Trasmissione multi-portante e l OFDM 69 Trasmissione multi-portante e l OFDM (1/4) In una trasmissione multi-portante un singolo flusso di dati (segnale di ingresso) è trasmesso su un certo numero di sotto-portanti a banda stretta tra loro adiacenti, in modo che la banda complessiva così occupata non sia sostanzialmente modificata rispetto a quella richiesta per trasferire lo stesso segnale di ingresso su una singola portante. Il vantaggio di questa tecnica risiede nel fatto che il segnale trasferito su ogni sotto-portante, se la banda da questa resa disponibile è sufficientemente stretta, può subire una distorsione lineare talmente ridotta da non richiedere operazioni di equalizzazione. 70 Page 35

37 Trasmissione multi-portante e l OFDM (2/4) L OFDM (Orthogonal Frequency Division Multiplexing) è una particolare tecnica di trasmissione multi-portante nella quale,con un accorta scelta della distanza tra sotto-portanti adiacenti, si riesce a minimizzare tale distanza a parità dell intervallo tra i simboli del flusso di dati attribuito a ogni sottoportante; evitare, al tempo stesso, l interferenza tra le sottoportanti in cui viene suddivisa la banda disponibile. 71 Trasmissione multi-portante e l OFDM (3/4) L attuale successo di questa tecnica, che si manifesta nella sua adozione in sistemi di comunicazione wireless a larga banda, operanti in presenza di fenomeni di fading a breve termine di elevata entità, risiede nella sua possibilità di realizzazione relativamente agevole impiegando un noto algoritmo della tecnica di elaborazione numerica dei segnali; nella sua possibilità di fronteggiare con successo la dispersione dei ritardi (delay spread) prodotta da cammini multipli. 72 Page 36

38 Trasmissione multi-portante e l OFDM (4/4) Circa la capacità trasmissiva che un sistema OFDM è in grado di assicurare, occorre conside-rare che, in ogni intervallo di simbolo del segnale di ingresso, si trasmette in parallelo un elevato numero di bit, dato dal numero di bit che ciascu-na sotto-portante trasferisce in un simbolo (pos-sono essere due con una modulazione 4PSK fino a 6 con la modulazione 64QAM) moltiplicato per il numero di sotto-portanti utilizzate. Si possono così raggiungere capacità trasmis-sive di valore anche molto elevato. 73 III. Tecniche di trasmissione OFDM III.2 Trattamenti OFDM in banda-base 74 Page 37

39 Trattamento OFDM in trasmissione (1/10) Per chiarire le linee guida del trattamento in trasmissione, utilizziamo la Fig. III.1, ove è rappresentato lo schema di principio di un trasmettitore per la parte riguardante l elaborazione del se-gnale di ingresso in banda base e, quindi, per la formazione del segnale OFDM. Precisiamo però subito che trattasi di uno schema puramente funzionale, che, come sarà chiarito successivamente, non corrisponde a una rappresentazione delle modalità realizzative di un trasmettitore OFDM. 75 Trattamento OFDM in trasmissione (2/10) b k (0) x w T (t)exp (j2πf 0 t) m (t) Conversione serieparallelo b k (1) b k (N 1) x x w T (t)exp (j2πf 1 t) w T (t)exp (j2πf N 1 t) + s k (t) (t ϵ I k ; k = 0,1, ) Fig. III.1 76 Page 38

40 Trattamento OFDM in trasmissione (3/10) Il segnale di ingresso m(t) nella Fig. III.1 è descritto da una sequenza di simboli (sequenza di ingresso) in generale complessi, risultanti (ad esempio) da una codifica di canale su un flusso informativo binario e da una modulazione multi-livello del tipo QPSK o QAM. Indichiamo con T d l intervallo di simbolo tra gli elementi della sequenza di ingresso; N il numero di sotto-portanti del sistema. 77 Trattamento OFDM in trasmissione (4/10) In Fig. III.1, un convertitore serie-parallelo provvede a suddividere la sequenza di ingresso in blocchi (blocchi OFDM), ciascuno dei quali è formato da N simboli; è emesso a intervallo regolare uguale a T. I simboli componenti ogni blocco vengono parallelizzati sulle N uscite del convertitore. 78 Page 39

41 Trattamento OFDM in trasmissione (5/10) Indichiamo con b k il blocco OFDM emesso al passo temporale kt, (k = 0,1, ); b k (n) il simbolo n-esimo (n = 0,1,, N 1) del blocco b k. Conseguentemente {b k (n)} è la sotto-sequenza n-esima, i cui elementi b k (n), al variare dell indice k, hanno un inter-vallo T che è uguale a N volte l intervallo T d della sequen-za di ingresso: T = NT d. (III.1) A valle del convertitore serie-parallelo c è un banco di N modulatori, l n-esimo dei quali opera sulla sequenza {b k (n)} ed è pilotato da una sotto-portante di frequenza f n. 79 Trattamento OFDM in trasmissione (6/10) Supponiamo che tutti i modulatori utilizzino un unico impulso w T (t) di durata finita non superiore a T; le frequenze sotto-portanti siano scelte con spaziatura f uniforme nell intorno della frequenza f = 0 e nell intervallo N f cioè N / 2 1 ; / 2 fn f N fn n f, n,,..., N (III.2) 80 Page 40

42 Trattamento OFDM in trasmissione (7/10) Per effetto di queste posizioni, l inviluppo complesso dell uscita dell n-esimo modulatore in corrispondenza del blocco b k è dato dalla relazione s k n, t bk n wt t kt exp j2 fnt, che, per l ipotesi sulla durata massima di w T (t), ha validità limitata all intervallo Ik kt t k 1 T, k 0, 1,.... (III.3) 8 Dato che le uscite degli N modulatori vengono aggregate per formare il segnale OFDM, l inviluppo complesso di questo segnale associato al blocco b k è esprimibile con N 1 exp 2,. 9 s t w t kt b n j f t t I k T k n k n 0 (III.4) 81 Trattamento OFDM in trasmissione (8/10) Il generico blocco OFDM di indice k è quindi rappresentato in modo completo da un segnale (in forma di inviluppo complesso) che occupa un intervallo di tempo I k avente durata limitata T; poichéi simboli b k (n) si susseguono, al variare dell indice k, senza soluzione di continuità, l unione di tutti gli intervalli I k copre l intero asse dei tempi. 82 Page 41

43 Trattamento OFDM in trasmissione (9/10) Nel seguito, per semplicità notazionale, viene considerata la trasmissione del solo blocco OFDM di indice k =0;si potrà quindi omettere nella (III.4) l indice del blocco; la (III.4) diventa allora: N 1 s t b n g T t, n, t I, (III.5) 10 n 0 ove I indica l intervallo I 0 definito dalla (III.3) e ove, exp 2, ; 0, 1,..., 1 11 g t n w t j f t t I n N T T n (III.6) è una famiglia di N segnali in forma di inviluppo complesso, che sono caratterizzanti per il trattamento OFDM in trasmissione 83 Trattamento OFDM in trasmissione (10/10) I segnali definiti dalla (III.6) sono di durata limitata T nella cosiddetta finestra in trasmissione; a meno del termine w T (t) e in base alla (III.2), sono periodici di periodo uguale a 1/ f. Queste due proprietà si riflettono ovviamente anche sul segnale s(t) espresso dalla (III.5). 84 Page 42

44 Trattamento OFDM in ricezione (1/11) In ricezione, come mostrato in Fig. III.2, il segnale ricevuto a valle della sezione RF, viene sottoposto a un banco di N correlatori, che calcolano la correlazione mutua dell inviluppo complesso del segnale ricevuto con una famiglia di N segnali, in forma di inviluppo complesso, definita da g t, n w t exp j2 f t, t I; n 01,,..., N 1 (III.7) 12 R R n in cui w R (t) è un impulso comune a tutti i segnali della famiglia e supposto di durata limitata T 1 inferiore a T T 1 < T. (III.8) 85 Trattamento OFDM in ricezione (2/11) La famiglia di segnali definita dalla (III.7) svolge un ruolo analogo a quello della famiglia (III.6), ma con riferimento al trattamento in ricezione; circa le loro proprietà, i segnali forniti dalla (III.7) sono di durata limitata T 1 nella cosiddetta finestra in ricezione; a meno del termine w R (t), sono periodici di periodo 1/ f. 86 Page 43

45 Trattamento OFDM in ricezione (3/11) w R (t)exp (j2πf 0 t) s (t) x x x Iort w R (t)exp (j2πf 1 t) Iort w R (t)exp (j2πf N 1 t) Iort Conversione parallelo-serie m(t) Fig. III.2 87 Trattamento OFDM in ricezione (4/11) Naturalmente per l operatività di questo ricevitore, occorre assicurare che tra il generatore dei segnali g R (t,n) e l integratore che compone ciascun correlatore sia assicurato un sincronismo di blocco, per identificare l inizio e la fine dell intervallo I. 88 Page 44

46 Trattamento OFDM in ricezione (5/11) La scelta di segnali del tipo definito dalla (III.7) come ingresso di una mutua correlazione con il segnale ricevuto nell intervallo I consente di estrarre da quest ultimo gli elementi del blocco b; per questo scopo è però necessario assumere la spaziatura f delle frequenze sotto-portanti data da 1 f, (III.9) 14 T 1 ove T 1 è la già definita larghezza della finestra in ricezione. 89 Trattamento OFDM in ricezione (6/11) Infatti, supponiamo che valga la (III.9); i due impulsi w T (t) ew R (t) siano scelti di forma rettangolare, con ampiezze uguali a 1 e 1/T 1 rispettivamente e con le durate precedentemente precisate; cioè, come mostrato in Fig. III.3, sia 1 TG t T1 wt t 0 altrove (III.10) 15 1/T1 0 t T1 wr t 0 altrove in cui T G = T T 1 è la durata del cosiddetto intervallo di guardia, avente lo scopo chiarito nel seguito. 90 Page 45

47 Trattamento OFDM in ricezione (7/11) w T (t) T 1 t w R (t) 1/T 1 t Intervallo di guardia Intervallo di ortonormalità Fig. III.3 T G T 1 91 Trattamento OFDM in ricezione (8/11) Con queste ipotesi le famiglie g T (t,r) e g R (t,s), definite dalle (III.6) e (III.7) rispettivamente, se in accordo con la (III.9) risulta f =1/T 1, sono ortonormali su un intervallo I ort definito da e chiamato nel seguito intervallo di ortonormalità. I 0 t T (III.11) 16 ort 1 92 Page 46

48 Trattamento OFDM in ricezione (9/11) Infatti, se si indica con * l operazione di coniugazione su un numero complesso e se si tiene conto delle (III.6), (III.7), (III.9), (III.10) e (III.11) risulta Iort T1 * 1 t g T t,r g R t,s dt exp j2 r s dt T T exp j 2 r s r s N 1 (III.12) 17 j2 r s 0 altrove. 93 Trattamento OFDM in ricezione (10/11) La ortonormalità delle famiglie (III.6) e (III.7) assicura che il simbolo b(r), (r =0,1,,N 1) affidato alla sotto-portante di indice r è semplicemente dato dalla correlazione mutua tra s(t) e g R (t,r) sull intervallo I ort ; per convincersene basta osservare che dalle (III.5), (III.7 e (III.12) si ottiene Iort N 1 * * s t g R t,r d t b n g T t,n g R t,r d t b r. (III.13) 18 n 0 Iort 94 Page 47

SISTEMI XDSL PER L ACCESSO A LARGA BANDA SU COPPIE SIMMETRICHE

SISTEMI XDSL PER L ACCESSO A LARGA BANDA SU COPPIE SIMMETRICHE SISTEMI XDSL PER L ACCESSO A LARGA BANDA SU COPPIE SIMMETRICHE L acronimo xdsl indica una famiglia di sistemi che consente di impiegare il doppino telefonico in rame per trasportare il traffico numerico

Dettagli

DigitalSubscriberLine(DSL)

DigitalSubscriberLine(DSL) DigitalSubscriberLine(DSL) 1 La famiglia di tecnologie, nota come DSL (DigitalSubscriberLine), è stata introdotta allo scopo di aumentare il ritmo binario sulle ordinarie linee d utente fino a valori dell

Dettagli

SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI

SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI MODI DI TRASFERIMENTO SERVIZI DI TRASFERIMENTO DELL INFORMAZIONE L informazione da trasferire si ipotizza strutturata in IU Costituita da b bit Da consegnare in t secondi Se

Dettagli

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA Fondamenti Segnali e Trasmissione Trasmissione dati su rete telefonica rete telefonica analogica ISP (Internet Service Provider) connesso alla WWW (World Wide Web)

Dettagli

Architettura della tecnologia ADSL Tipologie delle tecnologie xdsl

Architettura della tecnologia ADSL Tipologie delle tecnologie xdsl Reti di Telecomunicazioni R. Bolla, L. Caviglione, F. Davoli Aspetti generali della tecnologia xdsl Architettura della tecnologia ADSL Tipologie delle tecnologie xdsl Il DSLAM 10.2 Genericamente le tecnologie

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni 1

Reti di Telecomunicazioni 1 Reti di Telecomunicazioni 1 Corso on-line - AA2005/06 Blocco 2 (v2) Ing. Stefano Salsano e-mail: stefano.salsano@uniroma2.it 1 Richiami sul concetto di multiplazione 2 Riprendendo il discorso sulle diverse

Dettagli

Accesso a larga banda. Accesso a larga banda (xdsl)

Accesso a larga banda. Accesso a larga banda (xdsl) Accesso a larga banda (xdsl) Accesso a larga banda (xdsl) xdsl = diverse tecniche di trasmissione numerica su doppino telefonico DSL = Digital Subscriber Line (Linea d Utente Numerica) Un sistema xdsl

Dettagli

Sistemi di Telecomunicazione

Sistemi di Telecomunicazione Sistemi di Telecomunicazione Parte 4: Tecnologie xdsl Universita Politecnica delle Marche A.A. 2013-2014 A.A. 2013-2014 Sistemi di Telecomunicazione 1/39 Tecnologie xdsl di nuova generazione Le tecniche

Dettagli

Sistemi a larga banda (Broadband)

Sistemi a larga banda (Broadband) 61 Sistemi a larga banda (Broadband) Le applicazioni informatiche e i servizi multimediali (musica, film, manifestazioni sportive) offerti sulla grande rete Internet e attraverso la televisione digitale

Dettagli

xdsl Generalità xdsl fa riferimento a tutti i tipi di Digital Subscriber Line

xdsl Generalità xdsl fa riferimento a tutti i tipi di Digital Subscriber Line xdsl Generalità xdsl fa riferimento a tutti i tipi di Digital Subscriber Line ADSL: asymmetric DSL SDSL: symmetric DSL HDSL: High-data-rate DSL VDSL: Very high DSL E una tecnologia utilizzata per fornire

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 3

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 3 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Parte II Lezione 3 Giovedì 12-03-2015 Reti a commutazione di pacchetto datagram Le reti a commutazione

Dettagli

Orthogonal Frequency-Division Multiplexing

Orthogonal Frequency-Division Multiplexing Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Firenze, 20 Gennaio 2005 Corso di Sistemi Wireless in Area Locale Orthogonal Frequency-Division Multiplexing Un approccio

Dettagli

ADSL (ASYMMETRIC DIGITAL SUBSCRIBER LINE) Prof. Ing. Maurizio Casoni

ADSL (ASYMMETRIC DIGITAL SUBSCRIBER LINE) Prof. Ing. Maurizio Casoni ADSL (ASYMMETRIC DIGITAL SUBSCRIBER LINE) Prof. Ing. Maurizio Casoni Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia GENERALITÀ Soluzione proposta per la realizzazione

Dettagli

Lezione 28 Maggio I Parte

Lezione 28 Maggio I Parte Lezione 28 Maggio I Parte La volta scorsa abbiamo fatto un analisi dei fenomeni di diafonia e avevamo trovato che per la diafonia vicina il valore medio del quadrato del segnale indotto dalla diafonia

Dettagli

TECNICHE DI TRASMISSIONE- DATI DIGITALE BASATE SUL CONCETTO DI SPREAD SPECTRUM

TECNICHE DI TRASMISSIONE- DATI DIGITALE BASATE SUL CONCETTO DI SPREAD SPECTRUM Corso di Tecniche e Sistemi di Trasmissione Fissi e Mobili TECNICHE DI TRASMISSIONE- DATI DIGITALE BASATE SUL CONCETTO DI SPREAD SPECTRUM Prima Parte: Generalità Prof. Carlo Regazzoni RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI

Dettagli

Sistemi di Telecomunicazione

Sistemi di Telecomunicazione Sistemi di Telecomunicazione Caratteristiche dei cavi a coppie simmetriche (seconda parte) Universita Politecnica delle Marche A.A. 2013-2014 A.A. 2013-2014 Sistemi di Telecomunicazione 1/22 Il doppino

Dettagli

RETI DI TELECOMUNICAZIONI

RETI DI TELECOMUNICAZIONI Corso di Studi in Ing. delle Telecomunicazioni LAUREA in INGEGNERIA DELLE TELECOMUNICAZIONI RETI DI TELECOMUNICAZIONI Stefano Giordano Lezione n.17n Reti a collegamento diretto: soluzioni xdsl,, HFC, FTTB

Dettagli

Modulazione CAP (Carrierless Amplitude/Phase modulation).

Modulazione CAP (Carrierless Amplitude/Phase modulation). Sistemi xdsl Pag 1 Schema a blocchi generale del sistema ADSL Lato centrale Lato utente Downstream DTE Servers Network ATU-C LOOP PLANT ATU-R Customer Interace Modules Upstream Linea ADSL Collegamento

Dettagli

2 - Canali e Multiplazione

2 - Canali e Multiplazione Università degli studi di Bergamo Università degli studi di Bergamo Dipartimento di Ingegneria dell Informazione e Metodi Matematici Reti di Calcolatori prof. F. Martignon 2 - Canali e Multiplazione 1

Dettagli

R. Cusani, F. Cuomo: Telecomunicazioni Strato Fisico: Campionamento e Multiplexing, Marzo 2010

R. Cusani, F. Cuomo: Telecomunicazioni Strato Fisico: Campionamento e Multiplexing, Marzo 2010 1 8: Strato fisico: campionamento, multiplexing FDM e TDM Dati analogici, segnali numerici 2 Per poter trasmettere un dato analogico con una trasmissione digitale è necessario trasformare il dato analogico

Dettagli

Il collegamento delle reti aziendali: DHCP, DSL, PPPoE

Il collegamento delle reti aziendali: DHCP, DSL, PPPoE Il collegamento delle reti aziendali: DHCP, DSL, PPPoE Contenuti del corso La progettazione delle reti Il routing nelle reti IP Il collegamento agli Internet Service Provider e problematiche di sicurezza

Dettagli

DHCP e ISP. DHCP e ISP. DHCP e server. DHCP e server DSL. Soluzioni. Digital Subscriber Line. Regola di dimensionamento

DHCP e ISP. DHCP e ISP. DHCP e server. DHCP e server DSL. Soluzioni. Digital Subscriber Line. Regola di dimensionamento DHCP Dynamic Host Configuration Protocol 09CDUdc Reti di Calcolatori DHCP! RFC 2131, 2132! Protocollo client/server per configurare dinamicamente gli host di una rete! Permette l allocazione automatica

Dettagli

01CXGBN Trasmissione numerica. parte 1: Introduzione ai sistemi di trasmissione numerica. Grandezze fondamentali.

01CXGBN Trasmissione numerica. parte 1: Introduzione ai sistemi di trasmissione numerica. Grandezze fondamentali. 01CXGBN Trasmissione numerica parte 1: Introduzione ai sistemi di trasmissione numerica. Grandezze fondamentali. 1 TRASMISSIONE NUMERICA Trasmissione da un utente TX a un utente RX di informazione discreta

Dettagli

Modulazione DMT* (Discrete Multitone Modulation) sulla banda ADSL (up to 1104 KHz)

Modulazione DMT* (Discrete Multitone Modulation) sulla banda ADSL (up to 1104 KHz) LA MODULAZIONE DMT Modulazione DMT* (Discrete Multitone Modulation) sulla banda (up to 1104 KHz) Consente di suddividere la banda di trasmissione in un determinato numero di sottobande (BINS) a ciascuna

Dettagli

Sistemi di Telecomunicazione

Sistemi di Telecomunicazione Sistemi di Telecomunicazione Parte 4: Tecnologie xdsl Universita Politecnica delle Marche A.A. 2014-2015 A.A. 2014-2015 Sistemi di Telecomunicazione 1/42 Dall accesso POTS alla banda larga su doppino A.A.

Dettagli

Direct Sequence o Frequency Hopping

Direct Sequence o Frequency Hopping Direct Sequence o Frequency Hopping Questo documento vuole essere un punto di riferimento per aiutare quanti si avvicinano per la prima volta alla tecnologia delle wireless Fidelity LAN Wi-Fi. Un confronto

Dettagli

Tecnologie Radio Cellulari. Reti Cellulari. Forma e Dimensione delle Celle. Organizzazione di una Rete Cellulare

Tecnologie Radio Cellulari. Reti Cellulari. Forma e Dimensione delle Celle. Organizzazione di una Rete Cellulare I semestre 04/05 Tecnologie Radio Cellulari Reti Cellulari Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica

Dettagli

Rete di accesso. Reti di accesso

Rete di accesso. Reti di accesso Rete di accesso Gruppo Reti TLC nome.cognome@polito.it http://www.telematica.polito.it/ INTRODUZIONE ALLE RETI TELEMATICHE - 1 Reti di accesso Per arrivare all utenza residenziale ( ultimo miglio ), l

Dettagli

LTE Long Term Evolution Late To Evolve

LTE Long Term Evolution Late To Evolve LTE Long Term Evolution Late To Evolve 0 Overview della tecnologia 1 Driver del 4G: la domanda di banda del mobile 2 LTE (3GPP Rel.8): ingredienti tecnologici del 4G Architettura Evoluta (E-UTRAN) di tipo

Dettagli

Elementi di teoria dei segnali /b

Elementi di teoria dei segnali /b Elementi di teoria dei segnali /b VERSIONE 29.4.01 Filtri e larghezza di banda dei canali Digitalizzazione e teorema del campionamento Capacità di canale e larghezza di banda Multiplexing e modulazioni

Dettagli

Rete di accesso in rame Pag 1

Rete di accesso in rame Pag 1 Caratteristiche dei cavi a coppie simmetriche Rete di accesso in rame Pag 1 Tecnologie per l ultimo miglio Parametri di una linea trasmissiva in rame I 0 Cellula elementare I x G V 0 l g r c V x Linea

Dettagli

Perché Codificare i Dati? Codifica dei Dati. Tecniche di Codifica del Segnale. Cooperazione Trasmettitore- Ricevitore

Perché Codificare i Dati? Codifica dei Dati. Tecniche di Codifica del Segnale. Cooperazione Trasmettitore- Ricevitore Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Codifica dei Dati Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Perché Codificare i

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 3

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 3 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II Lezione 3 Martedì 11-03-2014 1 Accesso alla rete Gli host possono connettersi

Dettagli

802.11: modulazioni a confronto

802.11: modulazioni a confronto 802.11: modulazioni a confronto Normando Marcolongo 20 dicembre 2003 Tivoli 1 Obiettivi dell intervento Cenni sulle tecniche di Spread Spectrum Quali modulazioni vengono impiegate nello strato fisico dei

Dettagli

Sistemi xdsl per l accesso ad alta velocità su coppie simmetriche in rame

Sistemi xdsl per l accesso ad alta velocità su coppie simmetriche in rame xdsl Sistemi xdsl per l accesso ad alta velocità su coppie simmetriche in rame LORENZO MAGNONE LAMBERTO PETRINI La trasmissione numerica su coppie simmetriche in rame costituisce uno dei principali elementi

Dettagli

Introduzione: scelta della tecnica di accesso multiplo

Introduzione: scelta della tecnica di accesso multiplo Sistema UMTS Tecnica di accesso W-CDMA Introduzione: scelta della tecnica di accesso multiplo... 1 Concetti generali sul CDMA... 3 L operazione di spreading... 6 Parametri caratteristici dell operazione

Dettagli

Funzioni trigonometriche e modulazione dei segnali

Funzioni trigonometriche e modulazione dei segnali Funzioni trigonometriche e modulazione dei segnali Valentino Liberali Dipartimento di Tecnologie dell Informazione Università di Milano, 263 Crema e-mail: liberali@dti.unimi.it http://www.dti.unimi.it/~liberali

Dettagli

Multiplexing. Multiplexing. Multiplexing a Divisione di Frequenza (FDM) Tipi di Multiplexing

Multiplexing. Multiplexing. Multiplexing a Divisione di Frequenza (FDM) Tipi di Multiplexing Multiplexing I semestre 02/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Multiplexing In genere un utente non riesce ad utilizzare tutta la banda messa a disposizione

Dettagli

Unbundling e xdsl. Mario Baldi

Unbundling e xdsl. Mario Baldi Unbundling e xdsl Mario Baldi Politecnico di Torino Dipartimento di Automatica e Informatica mario.baldi[at]polito.it http://staff.polito.it/mario.baldi Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze

Dettagli

RETI GEOGRAFICHE Introduzione alle reti geografiche Trasmissione dati su linea telefonica analogica. Lenee dedicate Reti a commutazione di pacchetto

RETI GEOGRAFICHE Introduzione alle reti geografiche Trasmissione dati su linea telefonica analogica. Lenee dedicate Reti a commutazione di pacchetto 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 RETI GEOGRAFICHE Introduzione alle reti geografiche Trasmissione dati su linea telefonica analogica ISDN ADSL RAS Lenee dedicate Reti a commutazione di pacchetto ATM Reti wireless

Dettagli

Reti di elaboratori. Reti di elaboratori. Reti di elaboratori INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042)

Reti di elaboratori. Reti di elaboratori. Reti di elaboratori INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042) Reti di elaboratori Rete di calcolatori: insieme di dispositivi interconnessi Modello distribuito INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042) Funzioni delle reti: comunicazione condivisione di

Dettagli

RACCOLTA ESEMPI ESAMI SCRITTI TELECOMUNICAZIONI 2013 2014

RACCOLTA ESEMPI ESAMI SCRITTI TELECOMUNICAZIONI 2013 2014 RACCOLTA ESEMPI ESAMI SCRITTI TELECOMUNICAZIONI 2013 2014 (NOTA BENE: GLI ESERCIZI E LE DOMANDE SI RIFERISCONO AL PROGRAMMA SVOLTO NELL A. A. 2013 14 E NON NECESSARIAMENTE TUTTE LE DOMANE/ESERCIZI SONO

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23 Martedì 26-05-2015 1 Confronto tra switch

Dettagli

Indirizzi in Internet

Indirizzi in Internet Contenuti Architettura di Internet Principi di interconnessione e trasmissione World Wide Web Posta elettronica Motori di ricerca Tecnologie delle reti di calcolatori Servizi Internet (come funzionano

Dettagli

Mezzi trasmissivi e livello fisico. Reti di Accesso. Reti di accesso

Mezzi trasmissivi e livello fisico. Reti di Accesso. Reti di accesso Reti di Accesso Reti di accesso Per arrivare all utenza residenziale ( ultimo miglio ), l ultima tratta di rete viene detta rete d accesso ( local loop in inglese) Tecnologie nelle reti di accesso: Plain

Dettagli

Coperture cellulari. Marco Listanti. Reti cellulari - Prof. Marco Listanti - A.A. 2008/2009. INFOCOM Dept

Coperture cellulari. Marco Listanti. Reti cellulari - Prof. Marco Listanti - A.A. 2008/2009. INFOCOM Dept Coperture cellulari Marco Listanti Reti cellulari - Prof. Marco Listanti - A.A. 008/009 Indice Le reti cellulari Architettura di una rete cellulare Coperture cellulari Motivazioni Il canale radiomobile

Dettagli

Modulazioni. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Comunicazione a lunga distanza

Modulazioni. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Comunicazione a lunga distanza Modulazioni Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 06 Modulazioni 1/29 Comunicazione a lunga distanza I segnali elettrici si indeboliscono quando viaggiano su un

Dettagli

Relazione di elettronica

Relazione di elettronica ANTINORO ANGELO 5IA 16/04/2007 Relazione di elettronica I MODEM INDICE Premessa Le telecomunicazione Il significato di modem Tipi di modem Modem in banda base I modem fonici La modulazione La modulazione

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12 Sommario della

Dettagli

Fondamenti teorici dello SS

Fondamenti teorici dello SS Tecniche a spettro espanso Un sistema a spettro espanso è realizzato sulla base di tecniche per cui il segnale trasmesso ha un occupazione spettrale maggiore (10 3 10 6 ) di quella che avrebbe il convenzionale

Dettagli

Reti di Calcolatori:

Reti di Calcolatori: Reti di Calcolatori: Internet, Intranet e Mobile Computing a.a. 2007/2008 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/reti/reti0708.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì

Dettagli

Modem analogici. Modem Rete Modem

Modem analogici. Modem Rete Modem xdsl Modem analogici Linea telefonica Linea telefonica Modem Rete Modem Il canale telefonico ha una banda di circa 3,3 KHz ( tra 300 Hz e 3.400 Hz). I modem utilizzano tale banda per trasmettere i dati

Dettagli

Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale. Area Didattica di Ingegneria. Corso di Laurea in Ingegneria Industriale

Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale. Area Didattica di Ingegneria. Corso di Laurea in Ingegneria Industriale Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Area Didattica di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Industriale Lezioni del Corso di Misure Industriali 1 Università degli Studi di Cassino

Dettagli

FRANCESCO MARINO - TELECOMUNICAZIONI

FRANCESCO MARINO - TELECOMUNICAZIONI ESAME DI SAO DI ISIUO POFESSIONALE A.S. 2000/2001 Indirizzo: ECNICO DELLE INDUSIE ELEONICHE ema di: ELEONICA, ELECOMUNICAZIONI E APPLICAZIONI Il candidato, formulando di volta in volta tutte le ipotesi

Dettagli

Indica la velocità con cui una sorgente numerica emette i bit Per un canale di comunicazione i ne precisa la capacità trasmissiva Si misura in bit/s

Indica la velocità con cui una sorgente numerica emette i bit Per un canale di comunicazione i ne precisa la capacità trasmissiva Si misura in bit/s Precisiamo i innanzitutto it tt DUE NOZIONI 1. Banda a livello 1 2. Bit rate (frequenza di cifra) BANDA (LIVELLO FISICO) È riferita al dominio delle frequenze Si misura in Hz Banda di un segnale Banda

Dettagli

Pianificazione e progetto di reti geografiche

Pianificazione e progetto di reti geografiche Pianificazione e progetto di reti geografiche 1 Architettura delle reti di telecomunicazioni e contesto infrastrutturale regionale 1 Indice Architettura delle reti di Telecomunicazioni Banda Larga nella

Dettagli

Appunti di telecomunicazione

Appunti di telecomunicazione Servizio radiomobile GSM Cenni storici Il primo sistema telefonico radiomobile della storia nacque negli USA nel 1964 e funzionava nella gamma di frequenza dei 160/450 MHz con soli 23 canali bidirezionali.

Dettagli

I sistemi di accesso all utente per informazioni audiovisive

I sistemi di accesso all utente per informazioni audiovisive La rivoluzione digitale nella Televisione I sistemi di accesso all utente per informazioni audiovisive Da un passato con poche e ben definite soluzioni ad un mondo variegato per il futuro. Vannucchi, Politecnico

Dettagli

Il candidato svolga, a sua scelta, una delle due tracce proposte.

Il candidato svolga, a sua scelta, una delle due tracce proposte. M86 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Sessione ordinaria 004 Seconda prova scritta CORSO DI ORDINAMENTO Indirizzo: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI Tema di: TELECOMUNICAZIONI (Testo valevole

Dettagli

GSM - GSM - parte IV

GSM - GSM - parte IV GSM - parte IV Argomenti della lezione Il livello fisico dell interfaccia radio (Um) Frequenze assegnate al GSM (Europa) GSM primario downlink GSM primario uplink GSM esteso downlink GSM esteso uplink

Dettagli

Sommario. Capitolo 1 Introduzione 1. Prefazione all edizione italiana XVII XVIII XXI XXV

Sommario. Capitolo 1 Introduzione 1. Prefazione all edizione italiana XVII XVIII XXI XXV Sommario Prefazione all edizione italiana Prefazione Basi teoriche Applicazioni pratiche Simboli Funzioni definite Notazione degli operatori Acronimi XV XVII XVII XVIII XXI XXIV XXIV XXV Capitolo 1 Introduzione

Dettagli

COLLEGAMENTI IN PONTE RADIO

COLLEGAMENTI IN PONTE RADIO COLLEGAMENTI IN PONTE RADIO Il ponte radio è un sistema di radiocomunicazione punto-punto che impiega frequenze nel campo delle microonde, in grado di convogliare informazioni telefoniche, televisive e

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23 Giovedì 22-05-2014 1 Reti wireless Una

Dettagli

Teoria dei Segnali Modulazione digitale

Teoria dei Segnali Modulazione digitale Teoria dei Segnali Modulazione digitale Valentino Liberali Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano valentino.liberali@unimi.it Teoria dei Segnali Modulazione digitale 9 novembre Valentino

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 8 -

Informatica per la comunicazione - lezione 8 - Informatica per la comunicazione - lezione 8 - Esercizio Convertire i seguenti numeri da base 10 a base 2: 8, 23, 144, 201. Come procedere per risolvere il problema? Bisogna ricordarsi che ogni sistema,

Dettagli

Trasmissione Dati. Trasmissione Dati. Sistema di Trasmissione Dati. Prestazioni del Sistema

Trasmissione Dati. Trasmissione Dati. Sistema di Trasmissione Dati. Prestazioni del Sistema I semestre 03/04 Trasmissione Dati Trasmissione Dati Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Ogni tipo di informazione può essere rappresentata come insieme

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEI DOCENTI

PIANO DI LAVORO DEI DOCENTI Pag. 1 di 6 Docente: Materia insegnamento: Telecomunicazioni Dipartimento: Elettronica Classe Anno scolastico: 1 Livello di partenza (test di ingresso, livelli rilevati) Verifica formativa attuata nel

Dettagli

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n Comunicazioni elettriche A - Prof. Giulio Colavolpe Compito n. 3 3.1 Lo schema di Fig. 1 è un modulatore FM (a banda larga). L oscillatore che genera la portante per il modulatore FM e per la conversione

Dettagli

Wireless LAN. Scritto da BigDaD

Wireless LAN. Scritto da BigDaD Una Wireless local area network, WLAN, è un sistema di comunicazione flessibile e implementabile nella sua estensione, o alternativo, ad una rete fissa (wired LAN). In una W-LAN viene utilizzata una tecnologia

Dettagli

Dipendenza delle misure di segnali GSM dai parametri di impostazione dell analizzatore di spettro digitale

Dipendenza delle misure di segnali GSM dai parametri di impostazione dell analizzatore di spettro digitale Dipendenza delle misure di segnali GSM dai parametri di impostazione dell analizzatore di spettro digitale Barellini A. 1,Bogi L. 2, Licitra G. 3, Silvi A.M. 2 1 ARPA Toscana Dip. Prov.le Pisa via V.Veneto,

Dettagli

Capitolo 15 Reti di calcolatori e sistemi distribuiti

Capitolo 15 Reti di calcolatori e sistemi distribuiti Capitolo 15 Reti di calcolatori e sistemi distribuiti Indice Mezzi e tecniche di trasmissione dati Cavi in rame Fibre ottiche Onde radio e sistemi wireless Modulazione e demodulazione Reti di calcolatori

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni 1

Reti di Telecomunicazioni 1 Reti di Telecomunicazioni 1 Corso on-line - AA2004/05 Blocco 3 Ing. Stefano Salsano e-mail: stefano.salsano@uniroma2.it 1 Le sorgenti di traffico in una rete di TLC 2 Tipi di flussi di informazione Messaggi

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

i nodi i concentratori le dorsali

i nodi i concentratori le dorsali RETI LOCALI Reti di computer collegati direttamente tra di loro in un ufficio, un azienda etc. sono dette LAN (Local Area Network). Gli utenti di una LAN possono condividere fra di loro le risorse quali

Dettagli

Tecnologie e potenzialità della banda larga

Tecnologie e potenzialità della banda larga Tecnologie e potenzialità della banda larga Unione degli Industriali di Pordenone 1 febbraio 2010 Dip. di Ingegneria Elettrica Gestionale e Meccanica Università degli Studi di Udine Pier Luca Montessoro

Dettagli

2) individui il numero "n" di bit necessari per ottenere un rapporto S/N di almeno 20 db per i livelli più bassi della dinamica;

2) individui il numero n di bit necessari per ottenere un rapporto S/N di almeno 20 db per i livelli più bassi della dinamica; ESAME DI STATO Istituto Tecnico Industriale Anno 2004 Indirizzo ELETTRONICI Tema di TELECOMUNICAZIONI TRACCIA N. 1 Si vuole realizzare un sistema che permetta di strutturare 20 canali informativi analogici

Dettagli

WLAN 802.11. Local Area Network (LAN)

WLAN 802.11. Local Area Network (LAN) WLAN 802.11 1 Local Area Network (LAN) Ethernet Server Hub Internet 2 1 Wireless Local Area Network (WLAN) Ethernet Server Access Point Internet 3 Perchè le Wireless LAN Riduzione costi di manutenzione

Dettagli

Telecomunicazioni RETI DI ELABORATORI

Telecomunicazioni RETI DI ELABORATORI Telecomunicazioni RETI DI ELABORATORI Fino a qualche anno fa, per poter gestire e trasmettere a distanza i dati elaborati si utilizzava il mainframe, in cui tutta la potenza di calcolo era concentrata

Dettagli

Le funzioni di una rete (parte 1)

Le funzioni di una rete (parte 1) Marco Listanti Le funzioni di una rete (parte 1) Copertura cellulare e funzioni i di base di una rete mobile Strategia cellulare Lo sviluppo delle comunicazioni mobili è stato per lungo tempo frenato da

Dettagli

Università degli Studi di Roma La Sapienza Dipartimento INFOCOM. Aldo Roveri Lezioni dell a.a. 2013-2014

Università degli Studi di Roma La Sapienza Dipartimento INFOCOM. Aldo Roveri Lezioni dell a.a. 2013-2014 Università degli Studi di Roma La Sapienza Dipartimento INFOCOM RETI MOBILI E MULTIMEDIALI Aldo Roveri Lezioni dell a.a. 2013-2014 1 XII. ACCESSO WIRELESS E MOBILITA Accesso wireless e mobilità XII.1 Tecniche

Dettagli

STRUMENTAZIONE E MISURE ELETTRICHE. Condizionamento ed acquisizione del segnale

STRUMENTAZIONE E MISURE ELETTRICHE. Condizionamento ed acquisizione del segnale STRUMENTAZIONE E MISURE ELETTRICHE Condizionamento ed acquisizione del segnale Prof. Salvatore Nuccio salvatore.nuccio@unipa.it, tel.: 0916615270 1 Circuito di condizionamento Un sensore/trasduttore (S/T)

Dettagli

TRASMISSIONE-DATI DIGITALE SU LINEE TELEFONICHE: GENERALITA

TRASMISSIONE-DATI DIGITALE SU LINEE TELEFONICHE: GENERALITA Corso di Tecniche e Sistemi di Trasmissione Fissi e Mobili TRASMISSIONE-DATI DIGITALE SU LINEE TELEFONICHE: GENERALITA Prof. Carlo Regazzoni RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI [1] Z. Papir, A. Simmonds, Competing

Dettagli

Reti di computer. Tecnologie ed applicazioni

Reti di computer. Tecnologie ed applicazioni Reti di computer Tecnologie ed applicazioni Da I.T a I.C.T Con I.T (Information Tecnology) si intende il trattamento delle informazioni attraverso il computer e le nuove apparecchiature tecnologiche ad

Dettagli

2. SINCRONIZZAZIONE (CENNI)

2. SINCRONIZZAZIONE (CENNI) 2. SINCRONIZZAZIONE (CENNI) INTRODUZIONE AL PROBLEMA DELLA SINCRONIZZAZIONE SINCRONISMO DI BIT SCRAMBLING SINCRONISMO DI FRAME INTRODUZIONE Abbiamo visto diverse tecniche in grado di convertire e di trasmettere

Dettagli

Descrizione della struttura e delle funzioni di una stazione radio base TACS

Descrizione della struttura e delle funzioni di una stazione radio base TACS c.so Duca degli Abruzzi 4 1019 Torino (Italy) Fax +39 011 564 4099 pag. /34 Premessa Il seguente capitolo illustra i principi tecnici fondamentali a cui si ispirano le tecnologie utilizzate per i serivizi

Dettagli

COMUNICAZIONI ELETTRICHE + TRASMISSIONE NUMERICA COMPITO 13/7/2005

COMUNICAZIONI ELETTRICHE + TRASMISSIONE NUMERICA COMPITO 13/7/2005 COMUNICAZIONI ELETTRICHE + TRASMISSIONE NUMERICA COMPITO 13/7/005 1. Gli esercizi devono essere risolti su fogli separati: uno per la prima parte del compito (esercizi 1/4), uno per la seconda parte (esercizi

Dettagli

Livello Fisico rappresentazione dell informazione

Livello Fisico rappresentazione dell informazione Reti di calcolatori mezzi trasmissivi Prof.ssa Simonetta Balsamo Dipartimento di Informatica Università Ca Foscari di Venezia balsamo@dsi.unive.it http://www.dsi.unive.it/~reti Livello fisico L'informazione

Dettagli

Anno Accademico 2013-2014. Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale. Introduzione ( parte II) Topologie di rete

Anno Accademico 2013-2014. Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale. Introduzione ( parte II) Topologie di rete INFORMATICA e COMUNICAZIONE DIGITALE Anno Accademico 2013-2014 Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale Introduzione ( parte II) Prof. Sebastiano Pizzutilo Dipartimento di Informatica

Dettagli

Ermes, internet veloce per la regione Friuli Venezia Giulia

Ermes, internet veloce per la regione Friuli Venezia Giulia Ermes, internet veloce per la regione Friuli Venezia Giulia Amaro, venerdì 10 aprile 2015 David Licursi Direttore Divisione Telecomunicazioni INDICE TECNOLOGIE PER LA BANDA LARGA LA BANDA LARGA SUL TERRITORIO

Dettagli

DIRECT SEQUENCE CDMA... 2 1 DESCRIZIONE DELLA TECNICA DI SPREADING A SEQUENZA DIRETTA... 2 2 PROPRIETÀ DELLE SEQUENZE DI CODICE PN...

DIRECT SEQUENCE CDMA... 2 1 DESCRIZIONE DELLA TECNICA DI SPREADING A SEQUENZA DIRETTA... 2 2 PROPRIETÀ DELLE SEQUENZE DI CODICE PN... DRCT SQUNC CDMA... 2 DSCRZON DLLA TCNCA D SPRADNG A SQUNZA DRTTA... 2 2 PROPRTÀ DLL SQUNZ D CODC PN... 4 L CONTROLLO D POTNZA LA CAPACTÀ D UNA RT CLLULAR CDMA... 5 L CONTROLLO D POTNZA... 5 2 LA CAPACTÀ

Dettagli

Programma del corso. Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori

Programma del corso. Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori Programma del corso Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori Sistemi operativi di rete (locale) In una LAN si vogliono condividere

Dettagli

Componenti della rete

Componenti della rete Componenti della rete Nodi, Link e adattatori di rete (NIC) Modulazione e Multiplexing Tipologia di cavi - wireless Correzione d errore - rete affidabile Ethernet - reti ad anello - reti wireless - reti

Dettagli

CORSO ELETTRONICA-TELECOMUNICAZIONI PIANO DI LAVORO PREVENTIVO MATERIA: TELECOMUNICAZIONI ANNO SCOLASTICO 2009/2010. (3 ore settimanali)

CORSO ELETTRONICA-TELECOMUNICAZIONI PIANO DI LAVORO PREVENTIVO MATERIA: TELECOMUNICAZIONI ANNO SCOLASTICO 2009/2010. (3 ore settimanali) Istituto Tecnico Industriale Statale G. Marconi Via Milano, 1-56025 Pontedera (Pisa) Tel. 0587 / 53566-55390 Fax 0587/57411 : iti@marconipontedera.it - WEB: www.marconipontedera.it cod. fisc. 81002020501

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni. Livello Fisico

Reti di Telecomunicazioni. Livello Fisico Reti di Telecomunicazioni Livello Fisico Autori Queste slides sono state scritte da MicheleMichelotto michele.michelotto@pd.infn.it che ne detiene i diritti a tutti gli effetti 2 Copyright Notice Queste

Dettagli

Internet e il World Wide Web. Informatica Generale -- Rossano Gaeta 30

Internet e il World Wide Web. Informatica Generale -- Rossano Gaeta 30 Internet e il World Wide Web 30 Tecnologia delle Telecomunicazioni Uso di dispositivi e sistemi elettromagnetici per effettuare la comunicazione a lunghe distanze (telefoni, televisione, radio, etc) Comunicazione

Dettagli

Capitolo 6. Wireless LAN: via i fili!

Capitolo 6. Wireless LAN: via i fili! Capitolo 6 Wireless LAN: via i fili! Spesso la realizzazione di una rete impone maggiori problemi nella realizzazione fisica che in quella progettuale: il passaggio dei cavi all interno di apposite guide

Dettagli

Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni

Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni 5 - EGALI DIGITALI E A IMPULI I BADA BAE Prof. Mario Barbera [parte ] Codifica La fase di codifica prevede che venga fatta una associazione tra il livello del segnale

Dettagli

Queste raccomandazioni definiscono le specifiche dei modem, delle interfacce, delle apparecchiature di test e la qualità delle linee.

Queste raccomandazioni definiscono le specifiche dei modem, delle interfacce, delle apparecchiature di test e la qualità delle linee. Pagina 1 di 10 Collegamenti telefonici analogici via modem Modem per collegamenti telefonici analogici La modulazione consiste nel modificare lo spettro di frequenze del segnale informativo digitale (codifica

Dettagli

Il livello fisico e Topologie di rete. Mauro Gaspari

Il livello fisico e Topologie di rete. Mauro Gaspari Il livello fisico e Topologie di rete Mauro Gaspari 1 Il livello fisico I protocolli sono realizzati sopra il livello fisico Lo scopo del livello fisico è di trasportare un flusso grezzo di bit da una

Dettagli