Relazione annuale sull attività svolta e sui programmi di lavoro.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazione annuale 2013. sull attività svolta e sui programmi di lavoro. www.agcom.it"

Transcript

1 2009 Relazione annuale 2013 sull attività svolta e sui programmi di lavoro

2 Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Presidente Angelo Marcello Cardani Componenti Maurizio Dècina Antonio Martusciello Francesco Posteraro Antonio Preto Segretario generale Francesco Sclafani Vice segretari generali Antonio Perrucci Laura Arìa Capo di gabinetto del Presidente Annalisa D Orazio

3 Relazione annuale 2013 sull attività svolta e sui programmi di lavoro

4 La Relazione annuale 2013 sull attività svolta e sui programmi di lavoro presenta dati e rendiconti sull azione condotta dall Autorità per le garanzie nelle comunicazioni nel periodo compreso tra il 1 maggio 2012 e il 30 aprile 2013.

5 Indice PARTE I L evoluzione del quadro economico-regolamentare e il ruolo dell Autorità 1. L ecosistema digitale 1.1. Introduzione Gli scenari economici e tecnologici Le reti Le reti fisse Le reti mobili Le reti radio-televisive I servizi e le piattaforme I contenuti I temi della convergenza Le prospettive regolamentari Le novità normative I mercati delle comunicazioni in Italia 2.1. Le tendenze del settore I servizi di telecomunicazione I servizi media La televisione La radio L editoria Internet La pubblicità I servizi postali

6 Relazione annuale sull attività svolta e sui programmi di lavoro 2013 PARTE II L attività svolta dall Autorità 3. Gli interventi 3.1. Le reti e i servizi di comunicazione elettronica Le analisi dei mercati La regolamentazione e la vigilanza I servizi di telecomunicazione su rete fissa I servizi di telecomunicazione su rete mobile I servizi e le reti a banda larga Le controversie tra operatori I procedimenti sanzionatori nei confronti degli operatori di comunicazione elettronica I servizi media Le analisi dei mercati Il Sistema integrato delle comunicazioni e i singoli mercati che lo compongono L informativa economica di sistema Indagine conoscitiva sul settore della raccolta pubblicitaria La regolamentazione e la vigilanza Posizioni dominanti, operazioni di concentrazione ed intese nel SIC e trasferimenti di proprietà di società radiotelevisive Il rilascio di autorizzazioni per i servizi di media audiovisivi e per le emittenti satellitari La televisione digitale terrestre e la radio digitale La comunicazione commerciale televisiva e radiofonica La tutela dei minori e degli utenti Gli obblighi di programmazione e investimento in produzioni europee e indipendenti Gli indici di ascolto e di diffusione dei mezzi di comunicazione e la pubblicazione e la diffusione dei sondaggi I diritti audiovisivi sportivi e degli eventi di particolare rilevanza e il diritto di cronaca La tutela del diritto d autore sulle reti di comunicazione elettronica

7 Il servizio pubblico radiotelevisivo La comunicazione politica Gli interventi sanzionatori I servizi postali La regolamentazione La vigilanza La tutela degli utenti La tutela del consumatore I rapporti con i consumatori e gli utenti La qualità dei servizi e la trasparenza delle offerte agli utenti Gli obblighi di servizio universale Le attività di vigilanza e sanzione a tutela dell utenza Le controversie tra utenti ed operatori Le funzioni ispettive e di registro Il Registro degli operatori di comunicazione Il Catasto nazionale delle infrastrutture di diffusione Le attività ispettive La tutela giurisdizionale in ambito nazionale e comunitario I rapporti istituzionali e l organizzazione 4.1. I rapporti istituzionali I rapporti internazionali I rapporti con le istituzioni nazionali e con il Ministero dello sviluppo economico I rapporti con le università e gli enti di ricerca La Guardia di finanza e la Polizia postale e delle comunicazioni Gli organismi strumentali e ausiliari I Comitati regionali per le comunicazioni Il Consiglio nazionale degli utenti L organizzazione dell Autorità L organizzazione e le risorse umane Il bilancio e le risorse economiche Il Comitato etico e il sistema dei controlli Appendice

8 Relazione annuale sull attività svolta e sui programmi di lavoro 2013 Indice delle figure 1. L ecosistema digitale Figura 1.1. Figura 1.2. Figura 1.3. Figura 1.4. Figura 1.5. I servizi di comunicazione Consumi giornalieri per persona in Italia nel I servizi di comunicazione: una mappa...19 I servizi di comunicazione nel mondo Ricavi (2012, miliardi di euro)...24 I servizi di comunicazione Traffico su rete mobile ( , petabyte)...25 I servizi di comunicazione elettronica Utenze ( , miliardi)...26 Figura 1.6. I servizi tv nel mondo Ripartizione dei ricavi (2012, in %)...27 Figura 1.7. I servizi tv nel mondo Ripartizione delle tv households (2012, in %)...28 Figura 1.8. I servizi tv nel mondo Ripartizione del traffico (2012, in %)...29 Figura 1.9. I servizi tv in Europa Ripartizione dei ricavi (2012, in %)...29 Figura I servizi tv in Europa Tv households per paese e tecnologia (2012, in %)...30 Figura I servizi tlc nel mondo Andamento dei ricavi ( , miliardi di euro)...31 Figura I servizi tlc nel mondo Ricavi per fonte di reddito e per area geografica (2012, miliardi di euro)...33 Figura I servizi tlc in Europa Andamento dei ricavi ( , miliardi di euro)...33 Figura I servizi tlc in Europa Sim attive per tecnologia (2012, in %)...35 Figura I servizi postali Volumi e ricavi nel mondo ( )...36 Figura I servizi postali Variazione annuale dei ricavi e dei volumi (2011, in %)...36 Figura Metodologie di costo del Servizio Universale Postale...37 Figura Utenti internet che effettuano acquisti online (2012, in %)...37 Figura La velocità di accesso VDSL in funzione della lunghezza del subloop...42 Figura Reti broadband in mobilità Numero di bande assegnate al mobile broadband entro il Figura Reti broadband in mobilità Numero di bande con offerte commerciali di mobile ultra-broadband (2013)...45 Figura Reti broadband in mobilità Città italiane con offerte commerciali di mobile ultra-broadband (2013)...46 Figura Lo stato del processo di transizione al DVB-T2 in Europa (2012)...48 Figura La radiodiffusione sonora digitale in Europa Copertura del servizio (2012, in % della popolazione)...50 Figura Caratterizzazione del traffico su internet (2012)...71 Figura I temi della regolamentazione...78 Figura Le macro-attività della regolamentazione I mercati delle comunicazioni in Italia Figura 2.1. Il settore delle comunicazioni Ricavi (2012, miliardi di euro)...93 Figura 2.2. Comunicazioni e prezzi al consumo: dinamiche a confronto (2005=100)...98 Figura 2.3. Prezzi alla produzione dei servizi di telecomunicazione (media 2006=100)...99 Figura 2.4. Dinamiche delle principali tariffe pubbliche (2005=100)...99 Figura 2.5. Dinamiche dei prezzi nei servizi (2005=100) Figura 2.6. Dinamiche dei prezzi nelle telecomunicazioni in Europa (2005=100) Figura 2.7. Spesa finale per tipologia di rete e clientela (2012, in %) Figura 2.8. Accessi a larga banda su rete fissa (milioni) Figura 2.9. Incrementi netti degli accessi a larga banda (milioni)

9 Figura Quota di mercato di Telecom Italia nei servizi a larga banda retail (%) Figura Quote di mercato nei servizi a larga banda retail (marzo 2013, in %) Figura Individui residenti nelle province con diffusione broadband maggiore della media nazionale (dicembre 2012, %) Figura Individui residenti nelle province con diffusione broadband inferiore alla media nazionale (dicembre 2012, %) Figura Ricavi servizi dati / ricavi voce, retail e complessivi (%) Figura Sim-dati e connect card (milioni) Figura Traffico dati su rete mobile (petabyte) Figura Movimentazione sim / customer base (2012, in %) Figura Mobile Number Portability Operazioni annue (milioni) Figura Evoluzione delle risorse dei mezzi di comunicazione (mln. euro) Figura Media tradizionali vs. internet (%) Figura Prezzi al consumo della televisione Figura Audience televisivo Figura Indici dei prezzi: l editoria rispetto all indice generale al consumo ( ).150 Figura Vendite medie giornaliere di quotidiani ( ) (unità) Figura Evoluzione delle quote per mezzo della pubblicità su mezzi classici e internet (%) Figura Prestazioni nel servizio postale universale, inclusi i servizi affidati in esclusiva a Poste Italiane Quote di mercato (2012, % dei ricavi complessivi) Figura Servizi di posta massiva Quote di mercato (2012, % dei ricavi complessivi)..185 Figura Servizi di corriere espresso Quote di mercato (2012, % dei ricavi complessivi) Gli interventi Figura 3.1. Roaming internazionale prezzi retail Figura 3.2. Roaming internazionale prezzi wholesale Figura 3.3. Numero totale delle portabilità dei numeri mobili effettuate dall introduzione del servizio ( , milioni) Figura 3.4. Programmazione EW (% aggregato gruppi editoriali) Figura 3.5. Programmazione EW dei palinsesti principali (confronto dati dichiarazioni dati monitoraggio, in %) Figura 3.6. Figura 3.7. Figura 3.8. Investimenti in opere di produttori indipendenti (% dei ricavi) Ripartizione complessiva degli investimenti in opere di produttori indipendenti Composizione dell offerta 2012 Generi per rete generalista (fascia oraria: 06:00-24:00) Figura 3.9. Composizione dell offerta 2012 Tempo complessivo dei generi predefiniti. Reti generaliste (fascia oraria 06:00-24:00) e Reti specializzate (fascia oraria 02:00-26:00) Figura Informazione Provvedimenti adottati nella seconda fase della campagna elettorale Figura Informazione Provvedimenti adottati nelle campagne elettorali Figura Segnalazioni pervenute al contact center per tipologia di servizio (maggio 2012-aprile 2013) Figura Segnalazioni per servizi di fonia fissa (maggio 2012-aprile 2013, in %) Figura Segnalazioni per servizi di fonia mobile (maggio 2012-aprile 2013, in %) Figura Segnalazioni per servizi dati in postazione fissa e mobile (maggio 2012-aprile 2013, in %)

10 Relazione annuale sull attività svolta e sui programmi di lavoro 2013 Figura Segnalazioni per servizi di pay-tv (maggio 2012-aprile 2013, in %) Figura Andamento Indice di Qualità Globale del Servizio Universale Figura Denunce per principali casistiche (%) Figura Segnalazioni e denunce per regione di provenienza Figura Segnalazioni e denunce per operatore Figura Procedimenti avviati per operatore Figura Importo sanzioni per operatore (migliaia di euro) Figura Iscrizioni al Registro per attività su totale attività (1 aprile marzo 2013) Figura Operatori iscritti al Registro per attività su totale operatori... (31 marzo 2013, %) I rapporti istituzionali e l organizzazione Figura 4.1. Il programma di ricerca SCREEN Figura 4.2. Mappa dei Co.re.com. (1 luglio 2013) Figura 4.3. Istanze di conciliazione pervenute per mille abitanti Figura 4.4. Efficacia del processo di conciliazione a livello nazionale ( , in %) Figura 4.5. Istanze di definizione (migliaia) Figura 4.6. Ripartizione operatori iscritti per Regione (%) Figura 4.7. Gli Organi dell Autorità e il Gabinetto del Presidente (maggio 2013) Figura 4.8. La struttura dell Autorità (2 maggio 2013) Indice delle tabelle 1. L ecosistema digitale Tabella 1.1. I servizi tv nel mondo Variazione dei ricavi ( , in %)...27 Tabella 1.2. Tabella 1.3. I servizi tv nel mondo Variazione dei ricavi per area e per fonte di reddito (2012, in %)...27 I servizi tv nel mondo Variazione delle tv households per area e per piattaforma (2012, in %)...28 Tabella 1.4. I servizi tlc nel mondo Abbonati a internet ( , in migliaia)...32 Tabella 1.5. I servizi tlc in Europa Andamento degli abbonati ( , in migliaia)...34 Tabella 1.6. I servizi tlc in Europa Variazione dei ricavi per paese ( , %)...34 Tabella 1.7. La regolamentazione delle NGA in Europa (2013)...42 Tabella 1.8. La regolamentazione e la gestione del subloop in Europa (2013)...43 Tabella 1.9. Selezione di iniziative regolamentari adottate a livello europeo e internazionale ( ) I mercati delle comunicazioni in Italia Tabella 2.1. Composizione dei ricavi nel settore delle comunicazioni (mln di euro)...94 Tabella 2.2. L economia italiana nel (miliardi di euro)...97 Tabella 2.3. Le telecomunicazioni e l economia italiana ( , in %)...98 Tabella 2.4. Telecomunicazioni fisse e mobili Ricavi lordi (miliardi di euro) Tabella 2.5. Spesa finale degli utenti residenziali e affari (miliardi di euro) Tabella 2.6. Ricavi da servizi intermedi (miliardi di euro)

11 Tabella 2.7. Tabella 2.8. Prezzi del servizio di terminazione di chiamate vocali (Ecent/minuto) Spesa finale per categoria di clientela (miliardi di euro) Tabella 2.9. Investimenti in immobilizzazioni (milioni di euro) Tabella Spesa finale degli utenti di rete fissa e mobile per operatore (%) Tabella Ricavi unitari nei servizi di fonia (2012/2011, variazione %) Tabella Agenda digitale europea: confronto Italia Unione europea Tabella Rete fissa Spesa degli utenti per tipologia di servizi (mld di euro) Tabella Tipologie contrattuali dei servizi broadband (%) Tabella Traffico su rete fissa commutata per direttrice (miliardi di minuti) Tabella Accessi a larga banda per classe di velocità nominale (%) Tabella Accessi alla rete fissa (migliaia) Tabella Accessi alla rete fissa (dicembre 2012, % delle famiglie) Tabella Accessi alla rete fissa Quote di mercato (dicembre 2012, in %) Tabella Accessi a larga banda (dicembre 2012, % delle famiglie) Tabella Accessi a larga banda Quote di mercato (dicembre 2012, in %) Tabella Spesa finale degli utenti per operatore (%) Tabella Ricavi da servizi finali su rete commutata e a larga banda (%) Tabella Distribuzione dei ricavi da servizi di fonia e accesso su rete commutata (%) Tabella Distribuzione dei ricavi da servizi finali su rete a larga banda (%) Tabella Spesa degli utenti per tipologia di servizi (miliardi di euro) Tabella Traffico voce nella telefonia mobile (miliardi di minuti) Tabella Componente on-net dei ricavi per chiamate vocali e sms-mms (% del totale)..123 Tabella Ricavi da servizi voce per direttrice (miliardi di euro) Tabella Ricavi da servizi dati per tipologia (miliardi di euro) Tabella Ricavi unitari per sim attiva (euro/anno) Tabella Ricavi unitari per user (euro/anno) Tabella Ricavi unitari per comunicazioni voce, sms e dati Tabella Quote di mercato nella spesa finale per clientela (%) Tabella Spesa degli utenti Quote di mercato per tipologia di operatore (%) Tabella Quote di mercato nei servizi voce e dati (%) Tabella Sim attive per tipologia di clientela e di contratto (in migliaia) Tabella Sim attive per operatore (%) Tabella Sim attive Quote di mercato per tipologia di operatore (%) Tabella Sim attive operatori di rete Acquisizioni e cessazioni (%) Tabella Mobile Number Portability: distribuzione tra operatori (%) Tabella Ricavi complessivi della televisione suddivisi per mercato rilevante (mln. euro) Tabella Ricavi complessivi della televisione suddivisi per tipologia (mln. euro) Tabella Ricavi televisivi suddivisi per operatore (milioni di euro) Tabella Ascolti televisivi per piattaforma Tabella Audience dei principali Tg ( ) Tabella Principali canali della tv in chiaro Tabella TV gratuita Quote di mercato dei principali operatori (%) Tabella TV a pagamento Quote di mercato dei principali operatori (%) Tabella L offerta radiofonica nazionale Tabella Ricavi complessivi della radio suddivisi per tipologia (milioni di euro) Tabella Quote di mercato dei principali operatori (%)

12 Relazione annuale sull attività svolta e sui programmi di lavoro 2013 Tabella Ricavi complessivi dell editoria (milioni di euro) Tabella Editoria. Ricavi da attività caratteristiche Tabella Quotidiani in Italia per tipologia Tabella Editoria quotidiana. Ricavi da attività caratteristiche (mln di euro) Tabella Editoria quotidiana. Quote di mercato dei principali gruppi editoriali (%) Tabella Editoria quotidiana. Quote di mercato in volume (2011) Tabella Editoria periodica. Ricavi da attività caratteristiche (mln di euro) Tabella Principali operatori del mercato Tabella Editoria periodica. Quote di mercato dei principali gruppi editoriali (%) Tabella La fruizione di internet in Italia Tabella I primi 15 siti sul web in termini di audience (febbraio 2013) Tabella Le prime 10 società sul web in termini di audience (febbraio 2013) Tabella Le prime 10 società sul web in termini di audience: confronto internazionale Tabella I primi 15 siti degli operatori media classici (febbraio 2013) Tabella Il valore del mercato della raccolta pubblicitaria online (milioni di euro) Tabella Il mercato della raccolta pubblicitaria online nazionale in Italia (mln di euro) Tabella Principali gruppi editoriali attivi nell offerta pubblicitaria in Italia (2012) Tabella Ripartizione dei ricavi da pubblicità, nazionale e locale, per mezzo (mln di euro) Tabella Determinanti degli investimenti pubblicitari Tabella Tipologia di investitori per mezzo pubblicitario Tabella Assetto del mercato dell intermediazione pubblicitaria in Italia e all estero Tabella Il settore dei servizi postali Ricavi ( , milioni di euro) Tabella Prestazioni nel servizio postale universale, inclusi i servizi affidati in esclusiva a Poste Italiane Quote di mercato ( , % dei ricavi) Tabella Servizi di posta massiva Quote di mercato ( , % dei ricavi) Gli interventi Tabella 3.1. Controversie tra operatori di comunicazione elettronica (maggio 2012-aprile 2013) Tabella 3.2. Ricavi complessivi del SIC e delle relative aree economiche Tabella 3.3. Principali soggetti operanti nel SIC Tabella 3.4. Tabella 3.5. Verifica del rispetto dei principi di cui all art. 43 del decreto legislativo 31 luglio 2005, n. 177 e successive modificazioni e integrazioni Servizi di media audiovisivi lineari o radiofonici su altri mezzi di comunicazione elettronica Tabella 3.6. Comunicazioni di notifica di ritrasmissione in simulcast delle prestazioni di servizi di media audiovisivi lineari o radiofonici su altri mezzi di comunicazione elettronica Tabella 3.7. Autorizzazioni alla diffusione via satellite dei programmi televisivi Tabella 3.8. Programmi e soggetti autorizzati alla diffusione via satellite Tabella 3.9. Capacità trasmissiva Listini pubblicati (all 11 aprile 2013) Tabella Richieste di deroga agli obblighi di programmazione e di investimento Tabella Deroghe dagli obblighi di programmazione e di investimento (1 maggio aprile 2013) Tabella Qualificazione delle piattaforme trasmissive ai fini del d.lgs. n. 9/

13 Tabella Rai I generi predefiniti dal Contratto di servizio nelle reti generaliste. Periodo: 1 gennaio-31 dicembre Fascia oraria 06:00-24:00 (Valori in ore nette e %) Tabella Rai L offerta I generi predefiniti dal Contratto di servizio e gli Altri generi. Reti generaliste e reti specializzate. Periodo: 1 gennaio-31 dicembre 2012 (Valori in ore nette e %) Tabella Rai Offerta dei canali radiofonici Radio 1, Radio 2, Radio 3 (1 gennaio-31 dicembre 2012) Tabella Rai La programmazione per minori dei canali televisivi generalisti (1 gennaio-31 dicembre 2012). Fascia oraria: 07:00-22: Tabella Rai Edizioni dei TG sottotitolate Tabella Rai Edizioni dei TG Sport Tabella Rai Edizioni dei TG tradotti in Lingua dei segni (LIS) Tabella Rai Programmi sottotitolati per genere Tabella Rai Programmazione sottotitolata nel triennio Reti generaliste RaiUno, RaiDue, RaiTre Tabella Rai Portale Rai. Fruizione mensile e giornaliera Tabella Rai Portale Rai. Il pubblico (media mese 2012) Tabella Rai Portali Rai. Tipo di connessione (%) Tabella Rai Portali Rai. Domini di provenienza Tabella Rai Canali trasmessi dai Mux Rai Tabella Rai L innovazione editoriale e tecnologica del Servizio Pubblico Tabella Informazione Provvedimenti campagna elettorale 2012 per le elezioni comunali Tabella Comunicazione istituzionale Provvedimenti campagne elettorali Tabella Sanzioni pecuniarie irrogate nella campagna elettorale Tabella Comunicazione istituzionale Provvedimenti campagna elettorale Tabella Andamento settimanale per tipologia di provvedimenti Campagna elettorale Tabella Emittenti televisive nazionali, stato dell attività sanzionatoria nel settore della pubblicità radiofonica e televisiva Tabella Diritti audiovisivi sportivi Procedimenti sanzionatori Tabella Misura Internet Test Ne.Me.Sys e Misura Internet Speed Test, utenti registrati e PDF rilasciati (novembre 2010-aprile 2013) Tabella Classificazione dei decodificatori Apparati classificati suddivisi per classe (novembre 2012-marzo 2013) Tabella Codici di classificazione delle denunce mod. D Tabella Procedimenti sanzionatori avviati e provvedimenti adottati Tabella Attività di risoluzione extragiudiziale delle controversie Tabella Procedimenti istruiti nel Registro ( ) Tabella Impianti dichiarati attivi al Catasto nazionale delle frequenze individuati per tipologia e livello qualitativo dei dati Tabella Tipologie e numero di operazioni effettuate sul Catasto nazionale delle frequenze radiotelevisive Tabella Esiti attività contenziosa I rapporti istituzionali e l organizzazione Tabella 4.1. Pareri resi all Autorità garante della concorrenza e del mercato Tabella 4.2. I Co.re.com.: leggi istitutive, presidenti e deleghe Tabella 4.3. Co.re.com. Abruzzo Controversie operatore-utente

14 Relazione annuale sull attività svolta e sui programmi di lavoro 2013 Tabella 4.4. Co.re.com. Basilicata Controversie operatore-utente Tabella 4.5. Comitato Provinciale per le comunicazioni di Bolzano Controversie operatore-utente Tabella 4.6. Co.re.com. Calabria Controversie operatore-utente Tabella 4.7. Co.re.com. Campania Controversie operatore-utente Tabella 4.8. Co.re.com. Emilia-Romagna Controversie operatore-utente Tabella 4.9. Co.re.com. Friuli Venezia Giulia Controversie operatore-utente Tabella Co.re.com. Lazio Controversie operatore-utente Tabella Co.re.com. Liguria Controversie operatore-utente Tabella Co.re.com. Lombardia Controversie operatore-utente Tabella Co.re.com. Marche Controversie operatore-utente Tabella Co.re.com. Molise Controversie operatore-utente Tabella Co.re.com. Piemonte Controversie operatore-utente Tabella Co.re.com. Puglia Controversie operatore-utente Tabella Co.re.com. Sicilia Controversie operatore-utente Tabella Co.re.com. Toscana Controversie operatore-utente Tabella Comitato provinciale per le comunicazioni di Trento Controversie operatore-utente Tabella Co.re.com. Umbria Controversie operatore-utente Tabella Co.re.com. Valle d Aosta Controversie operatore-utente Tabella Co.re.com. Veneto Controversie operatore-utente Tabella Autorità Pianta organica Tabella Autorità Personale in servizio

15 PARTE I L evoluzione del quadro economico-regolamentare e il ruolo dell Autorità

16

17 L ecosistema digitale 1

18

19 1. L ecosistema digitale 1.1. Introduzione La dieta mediatica dei cittadini è composta da un numero sempre crescente di servizi digitali, che nutrono i bisogni di comunicazione, di informazione e di intrattenimento soddisfatti dagli operatori di telecomunicazione e del settore postale, dalle imprese radiotelevisive e del comparto editoriale. Le comunicazioni personali, orali e in forma scritta, si traducono in servizi vocali di telefonia e di videochiamata o in servizi testuali come sms, messaggistica istantanea, posta elettronica, oltre che nei tradizionali servizi di corrispondenza. Le comunicazioni di massa si declinano nei servizi media radiotelevisivi e a stampa, cui si associano i servizi di editoria elettronica e audiovisivi su internet, un area che comprende media lineari e non lineari, variamente composta da servizi IPTV, web-tv, internet tv, nonché dalla over-the-top tv (OTT-tv) e aggregatori di video online. Trasversali alla storica dicotomia delle comunicazioni, personali versus di massa, sono i servizi di social networking, i giochi interattivi, i blog e le trasmissioni attraverso la nuvola (c.d. cloud). L insieme di questi servizi è comunemente utilizzato dagli utenti e la dieta mediatica, pertanto, non si riferisce solo alla composizione del paniere di servizi di comunicazione utilizzati dall utente, ma rimanda agli stili di vita e alle abitudini dei cittadini, che in questi ultimi anni appaiono in continua e profonda trasformazione. Dall analisi dei consumi medi in Italia nel 2012, si conferma la centralità dei contenuti audiovisivi, che assorbono circa due ore delle giornate di ogni italiano, ossia il 42% dei totali 274 minuti dedicati alla comunicazione (Figura 1.1). Va tuttavia rilevato come la tradizionale unità di misura temporale (minuti) presenti un potere esplicativo ridotto nell ecosistema digitale delle comunicazioni: difatti, l alimentazione televisiva è accompagnata sempre più di frequente dal consumo, contemporaneo, di altri servizi mediatici (multitasking) e la progressiva importanza di internet tende a privilegiare il bit come unità di misura dell informazione e della conoscenza. In tal senso, ogni giorno sono consumati circa 36GB a persona. Oltre ai consumi relativi all editoria elettronica (con circa 5 mila e-book acquistati ogni giorno in Italia), nel paniere dell utente medio sono altresì comprese le comunicazioni interpersonali, sia orali, con 10 minuti di telefonate, che scritte, con 30 short e instant messaging e 21 lettere, cartacee o elettroniche. Infine, le comunicazioni sociali svolte in Rete occupano, in media, oltre 20 minuti al giorno. La dieta mediatica e le abitudini degli italiani. Figura 1.1. I servizi di comunicazione Consumi giornalieri per persona in Italia nel 2012 TOT 274 min 10 minuti di chiamate effettuate 276 byte di ebook letti 23 minuti passati sui social network 21 e lettere inviate 30 sms e instant message inviati 115 minuti di televisione visti TOT 36 GB Fonte: elaborazioni dell Autorità su dati Istat, Oecd e operatori 17

20 Relazione annuale sull attività svolta e sui programmi di lavoro 2013 Le trasformazioni in atto: - all-digital - offline vs online - social networking. I prossimi sviluppi: processi di sostituzione Alla base dei mutamenti in corso nel tessuto sociale ed economico che delinea lo sfondo in cui opera l industria delle comunicazioni e dell informazione si pongono tre processi innescati da innovazioni tecnologiche ossia la digitalizzazione dei segnali e dei supporti trasmissivi, la progressiva affermazione delle reti e dei servizi basati sul protocollo internet, nonché la diffusione di piattaforme di social networking la cui portata è diversa, a ben guardare, in termini diacronici (Figura 1.2). Difatti, le fonti e la provenienza dei servizi elettronici disponibili e consumati dai cittadini sono costituite da reti fisiche e logiche che utilizzano in misura intensa è oramai un dato di fatto le tecniche di trasmissione numerica. Innanzitutto, si tratta delle reti di comunicazione elettronica che trasmettono i segnali di comunicazione interpersonale e i servizi media: le tradizionali reti metalliche in rame elicoidale, le nuove reti in fibra ottica e quelle mobili a banda larga, nonché le reti diffusive del segnale radiotelevisivo solo per menzionare le principali reti elettroniche fondate sui sistemi digitali. Allo stesso modo, ampio è a questo punto il ricorso a risorse digitali nelle piattaforme applicative e nei sistemi di gestione dei clienti utilizzati come bene intermedio da parte degli operatori di tlc, dei fornitori di servizi postali e delle imprese media impegnati nella produzione di servizi destinati agli utenti finali. Il digitale tende, dunque, nel suo processo di espansione a riempire l insieme delle comunicazioni. All interno del processo di digitalizzazione delle reti e dei servizi di comunicazione elettronica che come detto risulta in fase avanzata una questione centrale, oggi e nel prossimo futuro, è data dal rapporto tra l universo offline e quello online. Nascono offline i servizi di comunicazione, di media audiovisivi ed editoriali forniti per mezzo delle reti diffusive e delle infrastrutture wireline e wireless. Al fianco di questi servizi si collocano quelli disponibili online, che in virtù della versatilità del protocollo internet assumono talvolta le forme dei tradizionali servizi voce, video e testo, talaltra configurano nuovi prodotti nativi digitali, di comunicazione e non. L endiadi offline e online caratterizzerà, nel prossimo futuro, lo sviluppo dell ecosistema digitale e del sistema economico nel suo complesso. Il fenomeno riguardante la diffusione delle piattaforme di social networking, che incorporano una porzione crescente di applicazioni e servizi internet, benché produca effetti già allo stato attuale, appare destinato a incidere in profondità, nel medio periodo, sulle abitudini di consumo degli utenti e sulle strategie degli operatori. Tali piattaforme riassumono, del resto, due fondamentali tendenze ravvisabili nell ecosistema di internet: la rinnovata centralità dei contenuti e la compresenza sinergica di pratiche di fruizione sociale delle comunicazioni digitali con modalità di accesso alla rete sempre più orientate a una prevalenza del mobile e always on. La pervasività delle pratiche di social networking appare idonea, nel lungo periodo, a rendere labili i confini tra le comunicazioni personali e quelle di massa. La traiettoria che seguirà il percorso evolutivo dell ecosistema digitale è aperta, allo stato attuale, a diversi sviluppi. I fenomeni di sostituzione sono osservati nel campo della voce e delle comunicazioni di testo, tra i servizi VoIP e di instant messaging forniti dagli operatori di tlc (c.d. servizi managed) e dagli over-the-top (unmanaged), nonché nel mondo dei media, tra i servizi lineari tradizionalmente appannaggio dei broadcaster e i servizi non lineari che sono terreno di conquista per i colossi di internet. I servizi di posta elettronica e i social network rappresentano in taluni casi soluzioni alternative alle tradizionali chiamate telefoniche e alle comunicazioni per corrispondenza. 18

Relazione annuale 2011. sull attività svolta e sui programmi di lavoro

Relazione annuale 2011. sull attività svolta e sui programmi di lavoro Relazione annuale 2011 sull attività svolta e sui programmi di lavoro Indice 1. L ecosistema digitale 1.1. Introduzione...................................15 1.2. La catena del valore..............................18

Dettagli

PARTE I. L evoluzione del quadro economico-regolamentare e il ruolo dell Autorità

PARTE I. L evoluzione del quadro economico-regolamentare e il ruolo dell Autorità PARTE I L evoluzione del quadro economico-regolamentare e il ruolo dell Autorità L ecosistema digitale 1 1. L ecosistema digitale 1.1. Introduzione La dieta mediatica dei cittadini è composta da un numero

Dettagli

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni. Relazione annuale 2013 sull attività svolta e sui programmi di lavoro

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni. Relazione annuale 2013 sull attività svolta e sui programmi di lavoro Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Relazione annuale 2013 sull attività svolta e sui programmi di lavoro Roma, 9 luglio 2013 AGENDA 2 Introduzione L ecosistema digitale: la dieta degli italiani

Dettagli

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Relazione annuale 2014 sull attività svolta e sui programmi di lavoro

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Relazione annuale 2014 sull attività svolta e sui programmi di lavoro Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Relazione annuale 2014 sull attività svolta e sui programmi di lavoro 15 luglio 2014 1 INDICE Il settore delle comunicazioni in Italia I servizi tlc I servizi

Dettagli

LA TUTELA DELLE TELECOMUNICAZIONI, AUDIOVISIVO, EDITORIA E SERVIZI POSTALI. Annalisa D Orazio Milano, 21 ottobre 2014

LA TUTELA DELLE TELECOMUNICAZIONI, AUDIOVISIVO, EDITORIA E SERVIZI POSTALI. Annalisa D Orazio Milano, 21 ottobre 2014 LA TUTELA DELLE TELECOMUNICAZIONI, AUDIOVISIVO, EDITORIA E SERVIZI POSTALI Annalisa D Orazio Milano, 21 ottobre 2014 Sommario 1. Chi siamo Istituzione e obiettivi Quadro comunitario (focus DDA) 2. Come

Dettagli

Relazione annuale 2012. sull attività svolta e sui programmi di lavoro. www.agcom.it

Relazione annuale 2012. sull attività svolta e sui programmi di lavoro. www.agcom.it 2009 Relazione annuale 2012 sull attività svolta e sui programmi di lavoro www.agcom.it Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Presidente Corrado Calabrò Componenti Nicola D Angelo Michele Lauria

Dettagli

Le imprese di telecomunicazioni

Le imprese di telecomunicazioni Le imprese di telecomunicazioni Anno 2004 6 giugno 2006 L Istat rende disponibili i principali risultati, relativi al 2004, della rilevazione annuale sulle imprese di telecomunicazioni. L indagine, di

Dettagli

Monitor semestrale Internet in Italia. I semestre 2012

Monitor semestrale Internet in Italia. I semestre 2012 Monitor semestrale Internet in Italia I semestre 2012 Luglio 2012 Indice Premessa Pag. 2 Sintesi Pag. 3 Le dimensioni complessive del mercato Pag. 6 L offerta e l audience di Rai Pag. 11 Rai nel contesto

Dettagli

I MODELLI DI BUSINESS DEL MERCATO TELEVISIVO

I MODELLI DI BUSINESS DEL MERCATO TELEVISIVO I MODELLI DI BUSINESS DEL MERCATO TELEVISIVO I modelli di business nel sistema televisivo vengono definiti in base ai soggetti che finanziano le azioni di produzione e ed erogazione del servizio offerto.

Dettagli

STUDIO ECONOMICO DEL SETTORE TELEVISIVO PRIVATO ITALIANO

STUDIO ECONOMICO DEL SETTORE TELEVISIVO PRIVATO ITALIANO STUDIO ECONOMICO DEL SETTORE TELEVISIVO PRIVATO ITALIANO Il presente studio fa parte delle pubblicazioni effettuate ogni anno, sin dal 1994, a cura della FRT - Federazione Radio Televisioni e SLC-CGIL,

Dettagli

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 45/ 06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 45/ 06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 45/ 06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: 1. l ambito di intervento, con particolare riferimento alle

Dettagli

Osservatorio banda larga e ultralarga e digital divide regioni Italia

Osservatorio banda larga e ultralarga e digital divide regioni Italia Osservatorio banda larga e ultralarga e digital divide regioni Italia Qual è la percentuale di popolazione in Italia raggiunta da servizi di accesso a Internet a banda larga e a banda ultralarga? Quanto

Dettagli

La tv digitale: innovazione ed economia

La tv digitale: innovazione ed economia La tv digitale: innovazione ed economia Giuseppe Richeri Università della Svizzera Italiana, Lugano Il processo d innovazione in atto L applicazione delle tecniche digitali ai mezzi di comunicazione oggi

Dettagli

SISTEMA INTEGRATO DELLE COMUNICAZIONI: RISULTANZE DEL PROCESSO DI VALUTAZIONE DELLE DIMENSIONI ECONOMICHE PER L ANNO 2014

SISTEMA INTEGRATO DELLE COMUNICAZIONI: RISULTANZE DEL PROCESSO DI VALUTAZIONE DELLE DIMENSIONI ECONOMICHE PER L ANNO 2014 Allegato A alla delibera n. 658/15/CONS SISTEMA INTEGRATO DELLE COMUNICAZIONI: RISULTANZE DEL PROCESSO DI VALUTAZIONE DELLE DIMENSIONI ECONOMICHE PER L ANNO 2014 Premessa Il presente documento illustra

Dettagli

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 4/06/CONS. a. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 4/06/CONS. a. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 4/06/CONS a. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE b. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: 1. l ambito di

Dettagli

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Osservatorio trimestrale sulle Telecomunicazioni (*) -Aggiornamento al 31 marzo 2013 - (*) - I valori indicati nelle figure che seguono rappresentano elaborazioni

Dettagli

ALLEGATO B2 ALLA DELIBERA N. 34/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ALLEGATO B2 ALLA DELIBERA N. 34/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE ALLEGATO B2 ALLA DELIBERA N. 34/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE 1 ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: a. l ambito dell

Dettagli

I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI

I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI 14 Maggio 2015 Anno 2013 I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI Nel 2013 le entrate complessive accertate delle amministrazioni provinciali sono pari a 10.363 milioni di euro, in diminuzione

Dettagli

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Osservatorio trimestrale sulle unicazioni (*) - Aggiornamento al 30 giugno 2014 - (*) - I valori indicati nelle figure che seguono rappresentano elaborazioni

Dettagli

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Osservatorio trimestrale sulle unicazioni (*) - Aggiornamento al 31 marzo 2014 - (*) - I valori indicati nelle figure che seguono rappresentano elaborazioni

Dettagli

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006 24 novembre 2008 La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006 L Istat diffonde i risultati delle rilevazioni sulla Ricerca e Sviluppo intra-muros (R&S) in Italia, riferiti alle imprese, alle istituzioni pubbliche

Dettagli

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 2012 4. GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 4. FLUSSI DEI REDDITI DERIVANTI DALLE LOCAZIONI DEI FABBRICATI E FLUSSI INTERTERRITORIALI 4.1 ASPETTI GENERALI In questo capitolo si presentano i dati sui canoni di

Dettagli

Class Editori S.p.A. e società controllate Sede in Milano, Via Marco Burigozzo, 5 Note di commento ai prospetti contabili consolidati

Class Editori S.p.A. e società controllate Sede in Milano, Via Marco Burigozzo, 5 Note di commento ai prospetti contabili consolidati Class Editori S.p.A. e società controllate Sede in Milano, Via Marco Burigozzo, 5 Note di commento ai prospetti contabili consolidati La relazione trimestrale è redatta su base consolidata in quanto la

Dettagli

BANDA LARGA NELLE AREE RURALI ITALIANE IL CONTRIBUTO DEL FEASR

BANDA LARGA NELLE AREE RURALI ITALIANE IL CONTRIBUTO DEL FEASR BANDA LARGA NELLE AREE RURALI ITALIANE IL CONTRIBUTO DEL FEASR PROGRAMMAZIONE SVILUPPO RURALE 2007-2013 Risorse per la banda larga con il Piano europeo di ripresa economica Banda larga nel PSN e nei PSR

Dettagli

LA PUBBLICITA IN SICILIA

LA PUBBLICITA IN SICILIA LA PUBBLICITA IN SICILIA Quadro produttivo, articolazione della spesa e strategie di sviluppo Paolo Cortese Responsabile Osservatori Economici Istituto G. Tagliacarne Settembr e 2014 Gli obiettivi del

Dettagli

e società controllate Sede in Milano, Via Marco Burigozzo, 5 Note di commento ai prospetti contabili consolidati al 31 Marzo 2004

e società controllate Sede in Milano, Via Marco Burigozzo, 5 Note di commento ai prospetti contabili consolidati al 31 Marzo 2004 Relazione trimestrale Marzo 2004 Class Editori S.p.A. e società controllate Sede in Milano, Via Marco Burigozzo, 5 Note di commento ai prospetti contabili consolidati al 31 Marzo 2004 La relazione trimestrale

Dettagli

I principali risultati

I principali risultati FINANZA LOCALE: ENTRATE E SPESE DEI BILANCI CONSUNTIVI (COMUNI, PROVINCE E REGIONI). ANNO 2012 1 I principali risultati 1 Comuni Nel prospetto 1 sono riportati i principali risultati finanziari di competenza

Dettagli

La Stampa in Italia (2010 2012)

La Stampa in Italia (2010 2012) (2010 2012) Roma 5 giugno 2013 La crisi dell editoria quotidiana e periodica: la negativa congiuntura economica, l evoluzione tecnologica e i fattori di criticità strutturali L editoria quotidiana e periodica

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO NUMERO G I U G N O 2003 QUATTORDICI INDICE PREMESSA pag.5 TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO 11 CAPITOLO 2 L ANALISI DEL MERCATO DEL CREDITO

Dettagli

Le dinamiche degli investimenti in comunicazione in Italia nel 2010 COMUNICARE DOMANI

Le dinamiche degli investimenti in comunicazione in Italia nel 2010 COMUNICARE DOMANI Le dinamiche degli investimenti in comunicazione in Italia nel 2010 COMUNICARE DOMANI Milano, 30 Giugno 2010 Scaricato da www.largoconsumo.info Il mercato della comunicazione mondiale Le previsioni per

Dettagli

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Osservatorio trimestrale sulle Telecomunicazioni (*) - Aggiornamento al 30 settembre 2013 - (*) - I valori indicati nelle figure che seguono rappresentano elaborazioni

Dettagli

IN D IC E DELLE FIGURE

IN D IC E DELLE FIGURE Senato della Repubblica - 5 - Camera dei deputati IN D IC E DELLE FIGURE Figura 1.1. Scenari. Ricavi dei mercati delle comunicazioni nel mondo (2013, mld di euro) Figura 1.2. Scenari. Variazione dei volumi

Dettagli

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 746 MILA UNITÀ, 13 MILA IN PIÙ RISPETTO ALLA SCORSA SETTIMANA

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 746 MILA UNITÀ, 13 MILA IN PIÙ RISPETTO ALLA SCORSA SETTIMANA Roma, 11 Settembre 2015 I giovani presi in carico sono 441.589. A quasi 159 mila è stata proposta almeno una misura. Il Ministro Poletti ha dato il via al progetto Crescere in Digitale durante la conferenza

Dettagli

Anteprima del Rapporto 2014

Anteprima del Rapporto 2014 Anteprima del Rapporto 2014 Conferenza Stampa Elio Catania - Presidente di Assinform Giancarlo Capitani - Presidente NetConsulting Milano, 2 Aprile 2014 Milano, 2 Aprile 2014 0 Anteprima del Rapporto 2014

Dettagli

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato 1 Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato quindi un milione di copie, pari a poco meno del 20% del

Dettagli

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato B alla delibera n. 380/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: a) l ambito dell intervento regolamentare proposto, con particolare

Dettagli

Le radio e le tv sul web: F.A.Q.

Le radio e le tv sul web: F.A.Q. Le radio e le tv sul web: FAQ L Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, sulla base delle competenze ad essa assegnate dal decreto legislativo n. 44 del 2010 (cosiddetto decreto Romani, di seguito

Dettagli

Economia e impresa digitale Lelio Iapadre (Università dell Aquila e UNU-CRIS, Bruges) Intervento al convegno dell Intergruppo sull innovazione «L

Economia e impresa digitale Lelio Iapadre (Università dell Aquila e UNU-CRIS, Bruges) Intervento al convegno dell Intergruppo sull innovazione «L Economia e impresa digitale Lelio Iapadre (Università dell Aquila e UNU-CRIS, Bruges) Intervento al convegno dell Intergruppo sull innovazione «L Italia digitale: dall Abruzzo tre progetti innovativi tra

Dettagli

Agricoltura biologica oggi Estratto dalla pubblicazione Scegliere l agricoltura biologica in Calabria, Edagricole (2015).

Agricoltura biologica oggi Estratto dalla pubblicazione Scegliere l agricoltura biologica in Calabria, Edagricole (2015). Agricoltura biologica oggi Estratto dalla pubblicazione Scegliere l agricoltura biologica in Calabria, Edagricole (2015). L agricoltura biologica nel mondo ha registrato negli ultimi venti anni un trend

Dettagli

Vantaggi della sottoscrizione di più servizi associati alle tariffe ADSL e. telefono: stima del risparmio

Vantaggi della sottoscrizione di più servizi associati alle tariffe ADSL e. telefono: stima del risparmio Vantaggi della sottoscrizione di più servizi associati alle tariffe ADSL e telefono: stima del risparmio Indice: Introduzione 1 Il panorama delle Telecomunicazioni in Italia 1 L'evoluzione delle tariffe

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL SETTORE RADIOTELEVISIVO

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL SETTORE RADIOTELEVISIVO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL SETTORE RADIOTELEVISIVO Televisione nazionale - Servizi Media Audiovisivi (SMA) lineari e non lineari su reti trasmissive tradizionali (inclusa IPTV): fornitori

Dettagli

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Presentati i risultati dello studio di UniCredit, dedicato

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Attesa una crescita organica dei ricavi di Gruppo tra 3% ed il 4%

COMUNICATO STAMPA. Attesa una crescita organica dei ricavi di Gruppo tra 3% ed il 4% COMUNICATO STAMPA ILLUSTRATE ALLA COMUNITA FINANZIARIA LE STRATEGIE E GLI OBIETTIVI PER IL TRIENNIO 2006-2008 DEL GRUPPO TELECOM ITALIA E DELLA BUSINESS UNIT OPERATIONS Attesa una crescita organica dei

Dettagli

RAPPORTO MENSILE. Periodo di riferimento Gennaio 14

RAPPORTO MENSILE. Periodo di riferimento Gennaio 14 RAPPORTO MENSILE Periodo di riferimento Gennaio 14 Indice Sezione 1 - Riepilogo mensile Linea Amica... 2 Tab. 1.1 - Numero di contatti gestiti da operatore per canale e destinazione... 2 Graf. 1.2 - Linea

Dettagli

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Presentati oggi i risultati dello studio di UniCredit, dedicato

Dettagli

Le cifre chiave delle comunicazioni elettroniche in Francia Cifre del 2010

Le cifre chiave delle comunicazioni elettroniche in Francia Cifre del 2010 RÉPUBLIQUE FRANÇAISE Giugno 211 Le cifre chiave delle comunicazioni elettroniche in Francia Cifre del 21 Caratteristiche degli operatori Salvo precisazione contraria, le cifre presentate in questo documento

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

Allegato B alla Delibera 714/06/CONS DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE. 1. Premessa

Allegato B alla Delibera 714/06/CONS DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE. 1. Premessa Allegato B alla Delibera 714/06/CONS DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 1. Premessa A seguito di una richiesta di chiarimenti da parte della Commissione Europea in materia di costi di ricarica per gli utenti

Dettagli

Caratteristiche degli operatori

Caratteristiche degli operatori RÉPUBLIQUE FRANÇAISE Luglio 2013 Le cifre chiave delle comunicazioni elettroniche e postali in Francia Dati 2012 Caratteristiche degli operatori Salvo ulteriori precisazioni, i dati contenuti in questo

Dettagli

Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni

Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni Istituto per la Ricerca Sociale Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni La ricerca presentata oggi è stata realizzata dall Istituto per la Ricerca Sociale per conto del Summit della Solidarietà, nell

Dettagli

La Stampa in Italia (2009 2011)

La Stampa in Italia (2009 2011) FEDERAZIONE ITALIANA EDITORI GIORNALI La Stampa in Italia (2009 2011) Roma 18 aprile 2012 Quadro generale L andamento recessivo del Paese nella seconda metà del 2011 e le prospettive di accentuazione di

Dettagli

Documento di consultazione per l indagine conoscitiva sulla Televisione 2.0 nell era della convergenza.

Documento di consultazione per l indagine conoscitiva sulla Televisione 2.0 nell era della convergenza. Allegato B alla delibera n. 93/13/CONS Documento di consultazione per l indagine conoscitiva sulla Televisione 2.0 nell era della convergenza. Premessa In Italia, con il recente switch-off della televisione

Dettagli

La Liguria all interno del contesto nazionale

La Liguria all interno del contesto nazionale La Liguria all interno del contesto nazionale François de Brabant Between 24 Novembre 2009 La banda: tra l uovo e la gallina sistema paese infrastrutture servizi mercato 2 Il cruscotto regionale della

Dettagli

Strategie della Regione del Veneto per lo sviluppo della. Le iniziative nella provincia di Belluno. La banda larga tra presente e futuro

Strategie della Regione del Veneto per lo sviluppo della. Le iniziative nella provincia di Belluno. La banda larga tra presente e futuro La banda larga tra presente e futuro Strategie della Regione del Veneto per lo sviluppo della Banda Larga. Le iniziative nella provincia di Belluno Villa Patt di Sedico Belluno,18 marzo 2009 A cura di:

Dettagli

L OSSERVATORIO DELLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE

L OSSERVATORIO DELLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE L OSSERVATORIO DELLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE Federcomin/MIT Osservatorio permanente della Società dell Informazione Sintesi a cura del Centro Studi Giugno 2005 Sommario 1. Il settore ICT in Italia...

Dettagli

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013 CONVEGNO LABORATORIO FARMACIA LA GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE DEL FARMACO: STRATEGIE E STRUMENTI DI RISANAMENTO Pisa, 9 ottobre 2014 L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA

Dettagli

OSSERVATORIO SULLE COMUNICAZIONI. Dicembre 2014. Servizio Economico Statistico

OSSERVATORIO SULLE COMUNICAZIONI. Dicembre 2014. Servizio Economico Statistico OSSERVATORIO SULLE COMUNICAZIONI Dicembre 214 Indice 1. Comunicazioni elettroniche 1.1 Rete fissa: accessi diretti complessivi 1.2 Rete fissa: accessi diretti (esclusa Telecom Italia) 1.3 Rete fissa: accessi

Dettagli

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato C alla delibera n. 417/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: 1. l ambito di intervento, con particolare riferimento alle

Dettagli

LO SVILUPPO DELL ECONOMIA DIGITALE: ALCUNE CONSIDERAZIONI PER OPPORTUNITA DI SVILUPPO

LO SVILUPPO DELL ECONOMIA DIGITALE: ALCUNE CONSIDERAZIONI PER OPPORTUNITA DI SVILUPPO LO SVILUPPO DELL ECONOMIA DIGITALE: ALCUNE CONSIDERAZIONI PER OPPORTUNITA DI SVILUPPO 1 Applicando questa metodologia, nel 2009 il valore a livello mondiale dell internet economy poteva essere stimato,

Dettagli

Facoltà di Economia e Commercio

Facoltà di Economia e Commercio Facoltà di Economia e Commercio Una analisi comparata degli obiettivi dei Piani Sanitari e Socio Sanitari delle Regioni e delle Province Autonome : 2003-2005 di: Eleonora Todini (*) (*) Il presente contributo

Dettagli

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 606/07/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 606/07/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato B alla Delibera n. 606/07/CONS ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 606/07/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato B alla Delibera n 606/07/CONS 1 ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

Dettagli

COPERTURA BANDA LARGA IN ITALIA. (in rosso le aree in Digital Divide)

COPERTURA BANDA LARGA IN ITALIA. (in rosso le aree in Digital Divide) COPERTURA BANDA LARGA IN ITALIA (in rosso le aree in Digital Divide) AL VIA BANDI PER 900 MLN DI EURO PER AZZERARE DIGITAL DIVIDE E BANDA ULTRALARGA Internet veloce per 7 mln. di cittadini, 5000 nuovi

Dettagli

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Osservatorio trimestrale sulle unicazioni (*) -Aggiornamento al 30 giugno 2013 - (*) - I valori indicati nelle figure che seguono rappresentano elaborazioni

Dettagli

IPTV. Video Services. Fondazione Ugo Bordoni 2007 Tutti i diritti riservati http:// www.fub.it email: redazioneweb@fub.it

IPTV. Video Services. Fondazione Ugo Bordoni 2007 Tutti i diritti riservati http:// www.fub.it email: redazioneweb@fub.it IPTV IPTV, o Internet Protocol Television è il generico acronimo per una serie di sistemi con i quali i segnali televisivi, o genericamente i contenuti video, sono distribuiti agli utenti utilizzando tecnologie

Dettagli

LA SOSTENIBILITÀ DEI SISTEMI SANITARI REGIONALI

LA SOSTENIBILITÀ DEI SISTEMI SANITARI REGIONALI LA SOSTENIBILITÀ DEI SISTEMI SANITARI REGIONALI Il ruolo dei farmaci come strumento per il controllo della spesa sanitaria RAPPORTO DI SINTESI Febbraio 2010 Da anni il sistema sanitario pubblico italiano

Dettagli

X RAPPORTO SULL'APPRENDISTATO Ministero del Lavoro Isfol (scheda di sintesi)

X RAPPORTO SULL'APPRENDISTATO Ministero del Lavoro Isfol (scheda di sintesi) X RAPPORTO SULL'APPRENDISTATO Ministero del Lavoro Isfol (scheda di sintesi) Presentazione X Rapporto di monitoraggio sullo stato di avanzamento dell apprendistato, appuntamento annuale dell Isfol, che

Dettagli

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni

Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Autorità per le garanzie nelle comunicazioni Osservatorio trimestrale sulle Telecomunicazioni (*) - Aggiornamento al 31 Dicembre 2011 - (*) - I valori indicati nelle figure che seguono rappresentano elaborazioni

Dettagli

Relazione annuale 2014

Relazione annuale 2014 Relazione annuale 2014 sull attività svolta e sui programmi di lavoro www.agcom.it Relazione annuale 2014 sull attività svolta e sui programmi di lavoro www.agcom.it Autorità per le garanzie nelle comunicazioni

Dettagli

TARIFFE E CORRISPETTIVI

TARIFFE E CORRISPETTIVI TARIFFE E CORRISPETTIVI CONVENZIONE TELEFONIA MOBILE 6 Tariffe e corrispettivi di cui nel seguito non comprendono tasse ed imposte, quali la tassa di concessione governativa, ove applicabile, e l IVA.

Dettagli

Struttura e attività degli istituti di cura

Struttura e attività degli istituti di cura SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA 2 0 0 6 Settore Sanità e previdenza Struttura e attività degli istituti di cura Anno 2003 Contiene cd-rom Informazioni n. 10-2006 I settori

Dettagli

LE DOTAZIONI MULTIMEDIALI PER LA DIDATTICA NELLE SCUOLE A.S. 2013/14

LE DOTAZIONI MULTIMEDIALI PER LA DIDATTICA NELLE SCUOLE A.S. 2013/14 LE DOTAZIONI MULTIMEDIALI PER LA DIDATTICA NELLE SCUOLE A.S. 2013/14 (Gennaio 2014) La presente pubblicazione fa riferimento ai dati aggiornati al 20 dicembre 2013. I dati elaborati e qui pubblicati sono

Dettagli

Il mercato IT nelle regioni italiane

Il mercato IT nelle regioni italiane RAPPORTO NAZIONALE 2004 Contributi esterni nelle regioni italiane a cura di Assinform Premessa e obiettivi del contributo Il presente contributo contiene la seconda edizione del Rapporto sull IT nelle

Dettagli

La televisione digitale: una nuova realtà per i sordi? A cura di Giulio Scotto di Carlo Senior Software Engineer

La televisione digitale: una nuova realtà per i sordi? A cura di Giulio Scotto di Carlo Senior Software Engineer La televisione digitale: una nuova realtà per i sordi? A cura di Giulio Scotto di Carlo Senior Software Engineer Abstract Illustrazione nuove possibilità di utilizzare la televisione digitale come uno

Dettagli

Regolamentazione della condotta e regolamentazione strutturale: il caso Telecom Italia e l esperienza dei Paesi dell OECD

Regolamentazione della condotta e regolamentazione strutturale: il caso Telecom Italia e l esperienza dei Paesi dell OECD Regolamentazione della condotta e regolamentazione strutturale: il caso Telecom Italia e l esperienza dei Paesi dell OECD Corso di Economia Industriale 2 Davide Arduini Facoltà di Economia - Università

Dettagli

Camera dei Deputati 625 Senato della Repubblica. xiv legislatura disegni di legge e relazioni documenti

Camera dei Deputati 625 Senato della Repubblica. xiv legislatura disegni di legge e relazioni documenti Camera dei Deputati 625 Senato della Repubblica Camera dei Deputati 626 Senato della Repubblica Camera dei Deputati 627 Senato della Repubblica Camera dei Deputati 628 Senato della Repubblica Camera dei

Dettagli

La vendita del libro online. Le nuove forme del commercio librario

La vendita del libro online. Le nuove forme del commercio librario La vendita del libro online. Le nuove forme del commercio librario di Francesca Vannucchi La presente ricerca focalizza l attenzione sul ruolo che la rete ha assunto nella distribuzione del libro. L obiettivo

Dettagli

Tutte le pensioni in Lombardia e nelle altre regioni:

Tutte le pensioni in Lombardia e nelle altre regioni: 1 Tutte le pensioni in Lombardia e nelle altre regioni: quante sono, a chi vanno, quanto rendono Rilevazioni sui trattamenti pensionistici condotta dall Istituto nazionale di statistica in collaborazione

Dettagli

Servizio Rapporti Internazionali e Studi Sezione Studi e Statistica

Servizio Rapporti Internazionali e Studi Sezione Studi e Statistica Servizio Rapporti Internazionali e Studi Sezione Studi e Statistica Statistiche relative alla gestione dei rami: 10. Responsabilità civile autoveicoli terrestri; 12. Responsabilità civile veicoli marittimi,

Dettagli

Pubblicata su questo Sito in data 02/03/07 Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 53 del 5 marzo 2007

Pubblicata su questo Sito in data 02/03/07 Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 53 del 5 marzo 2007 Delibera n. 96/07/CONS Modalità attuative delle disposizioni di cui all articolo 1, comma 2, del decreto-legge 31 gennaio 2007, n. 7 Pubblicata su questo Sito in data 02/03/07 Gazzetta Ufficiale della

Dettagli

L industria della comunicazione in Italia Andamento dei mercati e raffronti con l estero. IEM-Fondazione Rosselli

L industria della comunicazione in Italia Andamento dei mercati e raffronti con l estero. IEM-Fondazione Rosselli L industria della comunicazione in Italia Andamento dei mercati e raffronti con l estero IEM-Fondazione Rosselli La mission Quinto Summit sull Industria della Comunicazione IL DECIMO RAPPORTO IEM Riunire

Dettagli

Osservazioni della Concessionaria del Servizio Pubblico Radiotelevisivo italiano Rai-Radiotelevisione italiana Spa

Osservazioni della Concessionaria del Servizio Pubblico Radiotelevisivo italiano Rai-Radiotelevisione italiana Spa Proposta di revisione della Comunicazione della Commissione Europea del 2001 relativa all applicazione delle norme sugli aiuti di Stato al servizio pubblico di radiodiffusione 4 novembre 2008 Osservazioni

Dettagli

1. La velocità dell ADSL in Italia: evoluzione dal 2010 ad oggi

1. La velocità dell ADSL in Italia: evoluzione dal 2010 ad oggi Velocità ADSL: analisi della velocità media delle connessioni internet in Italia. Aumenta molto lentamente la velocità media delle connessioni ADSL italiane: secondo le rilevazioni di SosTariffe.it, che

Dettagli

DELIBERA N. 93/13/CONS AVVIO DI UN INDAGINE CONOSCITIVA IN VISTA DELLA REDAZIONE DI UN LIBRO BIANCO SULLA TELEVISIONE 2.0 NELL ERA DELLA CONVERGENZA

DELIBERA N. 93/13/CONS AVVIO DI UN INDAGINE CONOSCITIVA IN VISTA DELLA REDAZIONE DI UN LIBRO BIANCO SULLA TELEVISIONE 2.0 NELL ERA DELLA CONVERGENZA DELIBERA N. 93/13/CONS AVVIO DI UN INDAGINE CONOSCITIVA IN VISTA DELLA REDAZIONE DI UN LIBRO BIANCO SULLA TELEVISIONE 2.0 NELL ERA DELLA CONVERGENZA L AUTORITÀ NELLA riunione del Consiglio del 6 febbraio

Dettagli

Costruire un economia digitale: l importanza di salvaguardare i livelli occupazionali nelle industrie creative dell UE

Costruire un economia digitale: l importanza di salvaguardare i livelli occupazionali nelle industrie creative dell UE SINTESI DELLO STUDIO Marzo 2010 Costruire un economia digitale: l importanza di salvaguardare i livelli occupazionali nelle industrie creative dell UE TERA Consultants Lo studio è stato condotto da TERA

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

I LIVELLI RETRIBUTIVI DEI DIPENDENTI STRANIERI e i differenziali con gli italiani

I LIVELLI RETRIBUTIVI DEI DIPENDENTI STRANIERI e i differenziali con gli italiani I LIVELLI RETRIBUTIVI DEI DIPENDENTI STRANIERI e i differenziali con gli ITALIA II trimestre 2009 Ottobre 2009 Livelli retributivi dei in Italia La presenza straniera nel nostro Paese è in continua evoluzione

Dettagli

Offerta Televisiva. Generalità

Offerta Televisiva. Generalità Offerta Televisiva Generalità Quadro Generale Cambiamenti a livello delle filiera televisiva Accanto alla tradizionale modalità di diffusione terrestre (satellitare, TV via cavo,...) l offerta di contenuti

Dettagli

Giancarlo Capitani Presidente NetConsulting³ Il Nuovo Rapporto Assinform 2015: l andamento del mercato ICT

Giancarlo Capitani Presidente NetConsulting³ Il Nuovo Rapporto Assinform 2015: l andamento del mercato ICT Giancarlo Capitani Presidente NetConsulting³ Il Nuovo Rapporto Assinform 2015: l andamento del mercato ICT Il mercato digitale nel 2014 Web e Mobility alla base della digitalizzazione della popolazione

Dettagli

La Stampa in Italia 2008 2010

La Stampa in Italia 2008 2010 FEDERAZIONE ITALIANA EDITORI GIORNALI La Stampa in Italia 2008 2010 Roma 13 aprile 2011 Le ricadute della crisi economica sul settore dell editoria giornalistica nel biennio 2008-2009 sono state pesanti.

Dettagli

Gli studenti universitari di quali aiuti beneficiano?

Gli studenti universitari di quali aiuti beneficiano? Gli studenti universitari di quali aiuti beneficiano? Il quadro attuale (e uno sguardo al futuro) Federica Laudisa La dimensione sociale degli studi in Europa e in Italia: quali risposte alle nuove domande?

Dettagli

Il Mercato ICT 2015-2016

Il Mercato ICT 2015-2016 ASSINFORM 2016 Il Mercato ICT 2015-2016 Anteprima Giancarlo Capitani Milano, 15 Marzo 2016 ASSINFORM 2016 Il mercato digitale in Italia nel 2015 Il Mercato Digitale in Italia (2013-2015) Valori in mln

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO DICEMBRE 2001 NUMERO UNDICI CON DATI AGGIORNATI AL 30 GIUGNO 2001 5 Il presente Rapporto nasce da una collaborazione ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA

Dettagli

Strategia di Comunicazione Programma Operativo Regionale Fondo Sociale Europeo 2014-2020 Regione Lombardia. Allegato 1 Utilizzo dei media

Strategia di Comunicazione Programma Operativo Regionale Fondo Sociale Europeo 2014-2020 Regione Lombardia. Allegato 1 Utilizzo dei media Strategia di Comunicazione Programma Operativo Regionale Fondo Sociale Europeo 2014-2020 Regione Lombardia Allegato 1 Utilizzo dei media 1 L utilizzo dei media L analisi del contesto nel quale gli emittenti

Dettagli

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa.

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa. Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane 12 edizione 60 anni Artigiancassa Abstract SOMMARIO Descrizione sintetica dei risultati del Rapporto 3 Finanziamenti

Dettagli

Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i trend e le proposte per la crescita

Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i trend e le proposte per la crescita Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i trend e le proposte per la crescita Alessandro Nova Università L. Bocconi Roma, 18 febbraio 2014 Filiera della carta 2014 - Alessandro Nova 1 La Filiera della

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1931

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1931 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1931 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori VITA, DI GIOVAN PAOLO, VIMERCATI e ZANDA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 14 DICEMBRE 2009 Misure per favorire la

Dettagli

1 2 3 4 5 6 7 La riduzione delle copie vendute nel quinquennio è stata di 400 milioni, oltre un milione di copie al giorno. Lievemente meno accentuato il calo degli abbonamenti, passati da circa 380mila

Dettagli

Buongiorno Vitaminic S.p.A.

Buongiorno Vitaminic S.p.A. Buongiorno Vitaminic è una società operativa dal 16 luglio del 2003, nata dall integrazione tra le attività di Buongiorno (società operante nell ambito dei servizi alle imprese via mail e telefono) e Vitaminic

Dettagli

Metodi e Modelli per l Analisi Strategica per l A.A. 2013-2014

Metodi e Modelli per l Analisi Strategica per l A.A. 2013-2014 Metodi e Modelli per l Analisi Strategica per l A.A. 2013-2014 Caso 1: Progetto strategico: basic intelligence, visione e posizionamenti Caso 2: Progetto strategico: criticità, macro trend e obiettivi

Dettagli

Internet e il World Wide Web. Informatica Generale -- Rossano Gaeta 30

Internet e il World Wide Web. Informatica Generale -- Rossano Gaeta 30 Internet e il World Wide Web 30 Tecnologia delle Telecomunicazioni Uso di dispositivi e sistemi elettromagnetici per effettuare la comunicazione a lunghe distanze (telefoni, televisione, radio, etc) Comunicazione

Dettagli