«Il Quarto Stato torni a Palazzo Marino»

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "«Il Quarto Stato torni a Palazzo Marino»"

Transcript

1 «Il Quarto Stato torni a Palazzo Marino» - Milano 1 di 1 03/10/ «Il Quarto Stato torni a Palazzo Marino» L'assessore Boeri: l'opera non è valorizzata al Museo del Novecento Stefano Boeri In quella posizione, il quadro diventa un innocuo ornamento Il Quarto Stato al Museo del '900 (Grosso) Il Quarto Stato in marcia verso Palazzo Marino. Il capolavoro di Pellizza da Volpedo, uno dei simboli universali delle lotte NOTIZIE CORRELATE Il sondaggio dei lavoratori e del socialismo italiano, è pronto a tornare nella «casa di tutti i milanesi». In Comune. In sala giunta, magari, come ai tempi di Antonio Greppi, il sindaco della Liberazione. A sorvegliare su delibere da approvare e patrocini da concedere. Una proposta «rivoluzionaria». Che l'assessore alla Cultura Stefano Boeri «posta» mercoledì sera sulla sua pagina Facebook e che prende poi corpo in un colloquio col sindaco Pisapia. Tutto parte da una piccola nota «personale e forse futile». Spiega l'assessore su internet: «Oggi entrando al Museo del '900, ho rivisto Il Quarto Stato di Pellizza da Volpedo. In quella posizione, lungo la rampa di accesso al museo, dietro una vetrata, con uno spazio troppo ridotto per poter percepire la potenza in movimento del dipinto, il quadro diventa un piccolo innocuo ornamento. Dobbiamo spostarlo da lì, restituendogli la sua forza e restituendoci la possibilità di una contemplazione all'altezza dell'opera». Mentre lancia la proposta, Boeri ha già in mente varie alternative. La soluzione interna è quella più immediata. Un'altra location, sempre all'arengario. Poi c'è l'ipotesi più radicale, la «tentazione» del trasloco. Al Castello Sforzesco, per esempio, una delle tante sedi che hanno ospitato nel corso dei decenni i lavoratori di Pellizza in marcia. Oppure il «ritorno» alla Galleria d'arte Moderna, a Villa reale. Infine, perché no?, Palazzo Marino. Il «sondaggio» condotto presso il sindaco ha esito «inequivocabile»: «Pellizza deve tornare a casa sua, qui in Comune», raccomanda Giuliano Pisapia. Che poche ore dopo, sulla questione, dirama tanto di nota ufficiale: «Si tratta di un segnale molto importante perché un'opera d'arte così significativa per la storia del nostro Paese deve essere esposta nella casa di tutti i milanesi. Ci impegniamo comunque a fare in modo che Il Quarto Stato di Pellizza da Volpedo possa essere collocato in una sala del Comune aperta ai cittadini e a chi visita la nostra città». Il proletariato di Pellizza sfila dal 1901, tre anni dopo i moti repressi nel sangue dal generale Bava Beccaris. Il pittore si autoritrae tra la moglie e il capopopolo, le figure sono in gruppi di tre, qualche critico suggerisce pure un parallelo con il Cenacolo. Il Quarto Stato viene acquistato dal Comune tramite sottoscrizione pubblica per essere collocato in una sala del Castello Sforzesco, dove rimane fino agli anni Trenta, quando, complice il fascismo, finisce in qualche polveroso deposito interno. Con la Liberazione, arriva la nuova vita. Al piano nobile di Palazzo Marino. In sala giunta. Narrano le cronache del tempo che nel suo discorso inaugurale il sindaco Antonio Greppi, davanti al presidente della Repubblica Luigi Einaudi, sottolineerà il valore del luogo e dell'evento richiamandosi proprio all'immagine- simbolo del quadro. In municipio Pellizza rimane fino agli anni 80: dopo una serie di successi espositivi e di riconoscimenti internazionali, Il Quarto Stato torna a Milano, ma non in Comune. Finisce invece in una sala della Galleria d'arte Moderna di Milano, accanto ad altre opere divisioniste e ai capolavori dell'ottocento. Poi la svolta, preceduta dall'immancabile dibattito. Il capolavoro viene «promesso» al futuro museo del Novecento che l'architetto Italo Rota sta progettando all'arengario. Ne diventerà anzi il biglietto da visita. «Tutti i musei hanno bisogno di un incipit, un'opera che i visitatori possano ricordare», spiegherà Rota. Ma anche allora c'era chi guardava indietro: «È un'opera simbolo dell'ottocento milanese», sostenevano i puristi: «Quindi deve rimanere dove sta, a Villa Reale». Ora l'annuncio di un nuovo trasloco. Su Facebook i commenti tifano tutti o quasi per l'addio all'arengario. Quantomeno per una collocazione più idonea. «Come Guernica, che ha una sala riservata» scrive qualcuno. «La collocazione attuale assomiglia al ripostiglio delle scope», sostiene un altro. Immancabili i «nostalgici»: «Il posto ideale era la vecchia collocazione della Galleria d'arte Moderna, sia per modalità di fruizione, sia per il dialogo con altre opere analoghe». Dibattito (di nuovo) in marcia.

2 «Il Quarto Stato in Comune? Gesto sovietico» - Milano - ilgiornale.it 1 di 1 03/10/ «Il Quarto Stato in Comune? Gesto sovietico» di Marta Bravi Vota Risultato Strumenti utili Carattere Salva l'articolo Invia a un amico Condividi su Facebook Condividi su Twitter Stampa Rss Pdf «Un gesto da vecchio dominio sovietico». Parola di Philippe Daverio, che attacca senza mezzi termini la proposta dell'archistar e assessore alla Cultura del Comune Stefano Boeri, avallata dal sindaco Pisapia, di spostare il Quarto stato di Pellizza da Volpedo, simbolo del museo del Novecento, per metterlo a Palazzo Marino, la casa dei milanesi. «Solo il potere sovietico - spiega Daverio - poteva decidere di togliere un quadro da una collezione o da una mostra per metterlo in un palazzo del governo». La motivazione accampata da Boeri è che il quadro sarebbe esposto «in uno spazio troppo ridotto per poter percepire la potenza in movimento dle dipinto, diventa un piccolo innocuo ornamento». Il critico d'arte concorda sul fatto che l'opera che dà il la al percorso museale non sia valorizzata: «il quadro lì esposto effettivamente sta male, d'altronde tutta la collezione del museo al momento è molto disordinata, non si riesce a capire il filo logico del percoro espositivo. Il luogo naturale per il Quarto Stato è la Villa Reale, sarebbe perfetto in mezzo ai quadri di Segantini, che si aprono alla modernità». Il sindaco sostiene che esporlo a Palazzo Marino significa restituirlo ai milanesi, riportarlo nella casa dei milanesi. «Ma Palazzo Marino non è assolutamente percepito come la casa dei milanesi - risponde secco il critico d'arte, asserssore alla Cultura sotto la giunta Formentini - Palazzo Marino piuttosto è il palazzo del governo che a fatica deve riconquistarsi la simpatia dei cittadini. Il Commenti Condividi la tua opinione con gli altri lettori de ilgiornale.it Leggi tutti i commenti Log in / Registrati alla community e lascia il tuo commento gesto di Greppi che portò l'opera, comprata con una sottoscrizione pubblica, a Palazzo Marino come simbolo della ricostruzione era un gesto politico, se Pisapia intende fare un gesto politico di salvezza, si metta le camicia da garibaldino. Il simbolismo di Greppi che disse pane e musica per rilanciare la città è certamente superiore alla capacità comunicativa di Boeri. La giunta Pisapia eviti di fare caricature grottesche». Sulla stessa linea il capogruppo del Pdl Carlo Masseroli che parla di «pura follia, conferma lo spirito elitario e di parte di questo governo cittadino. Aggiungerei anche miope per l'attrattivita della nostra città. Ci sono almeno due evidenti ragioni a conferma di questo giudizio - prosegue -. È un'opera di livello internazionale che deve poter essere vista da tutti e non tenuta quindi in un luogo accessibile a sindaco e pochi altri. Il museo del Novecento è certo il luogo ideale. Ha un valore simbolico di parte che non puo essere associato ad un luogo istituzionale che per definizione non deve privilegiare una parte». Contrario allo spostamento dell'opera firmata Pellizza da Volpedo anche l'ex assessore alla Cultura e presidente dell'accademia delle Belle arti, Salvatore Carrubba: «Eviterei spostamenti di quadri in base al cambio degli assessori a Palazzo Marino. Quel quadro è stato pensato esplicitamente come inizio di un percorso espositivo nell'arte del Novecento, un progetto con cui Italo Rota ha vinto un concorso internazionale. Per me il quadro deve rimanere lì dov'è». Un «simbolo di Milano oltre che del socialismo milanese, quindi è giusto che torni a palazzo Marino in una sala sempre aperta al pubblico» difende la proposta Roberto Biscardini, non a caso segretario del Psi e consigliere comunale. Così Roberto Caputo, capogruppo del Pd in Provincia: «Il dipinto deve tornare in Comune. Milano è sempre stata la capitale del socialismo, la città di Turati, vero laboratorio riformista e politico». aiuto

3 Il «Quarto Stato» divide i critici - Milano IL DIBATTITO BISCOTTINI, UN ERRORE TOGLIERE L'OPERA. FINAZZER: LA VERA CASA DEI MILANESI È IL MUSEO DEL NOVECENTO Il «Quarto Stato» divide i critici Sgarbi: bene spostare il quadro a Palazzo Marino. Daverio: scelta da soviet L'ex sindaco L'opposizione Tognoli: ci sembrava egoistico tenerla in Comune, per questo fu collocata in un museo L'ex assessore Masseroli: un'opera troppo di parte per collocarla in un luogo istituzionale Chi di web ferisce, di web perisce. L'ipotesi di riportare il Quarto Stato del Pellizza da Volpedo a Palazzo Marino - definita «affascinante» via Facebook dall'assessore Stefano Boeri e sposata subito da Giuliano Pisapia - sembra invece non intrigare affatto i milanesi. A partire dagli internauti, che ieri hanno bocciato la proposta con un inequivocabile 63.5%, in risposta a un sondaggio indetto da Corriere.it. Tuttavia, l'idea non trova miglior fortuna neppure tra gli addetti ai lavori. Il critico Philippe Daverio la definisce «raccapricciante»: «È una sgrammaticatura tipica dell'arroganza della politica - attacca -. Roba da soviet. Non ci sono le sale adatte, il quadro merita una collocazione aulica». Ma nemmeno Daverio è convinto dell'attuale luogo che ospita l'opera: «Dovrebbe tornare alla Galleria d'arte moderna, dove concludeva un percorso dell'ottocento innovativo dialogando con le opere del Segantini: è un'ovvietà. Il museo del Novecento non ha ancora preso una piega concettuale plausibile per ospitare l'opera divisionista». Della stessa opinione anche Paolo Biscottini, direttore del museo Diocesano. Che premette: «Già consideravo vertiginoso il salto dal Quarto Stato alla collezione Jucker del museo del Novecento - afferma - ma reputo ancora più stupefacente l'idea di spostarlo in Comune alla mercé di pochi notabili. Capisco la scelta simbolica, ma così si non si valorizza un'opera già decontestualizzata e mal esposta. Sono contrario: doveva restare alla Gam». Insomma, al museo del Novecento non piace, ma ancor meno a Palazzo Marino. Anche l'editore e gallerista Gabriele Mazzotta, ex presidente dell'accademia di Brera, prediligeva l'opera in via Palestro: «Il Quarto Stato doveva rimanere lì. Ora ha perso profondità e significato». Stesso discorso per il collezionista e critico Guido Galimberti: «Qualunque luogo è migliore del cunicolo piccolo e scuro attuale che sacrifica l'opera. Però, avrei preferito un ritorno alla Gam, accessibile a tutti i milanesi». La visibilità dell'opera è il nodo cruciale anche per l'ex assessore e attore (impegnato al festival di Ravello), Massimiliano Finazzer Flory: «La vera casa dei milanesi non è Palazzo Marino ma il museo del Novecento e la sua arte futurista che ha reso famosa Milano nel mondo - dichiara -. Traslocare l'opera comporta meno supporto scientifico; meno sicurezza; un personale non qualificato; orari di visita non museali; minore partecipazione. Senza contare che s'invaliderebbe il bando internazionale vinto da Italo Rota. Trovo assurdo che si parli solo di traslochi di opere e mai del personale. Che si prepara a un autunno nero». Controcorrente come sempre, invece, Vittorio Sgarbi. «Boeri ha ragione. Vada avanti. L'opera ha un valore civico oltre che artistico. La collocazione ideale sarebbe la Sala delle Cariatidi a palazzo Reale ma l'idea di riportarlo in Comune mi sembra buona. Suggerisco al collega di dar seguito al suo gesto nobile e alto. Ma dubito che ce la faccia». Anche l'opposizione insorge. Il capogruppo Pdl, Carlo Masseroli, reputa l'opera «troppo di parte per poter essere collocata in un luogo istituzionale», mentre l'ex vicesindaco Riccardo De Corato la liquida: «Boeri ha preso un colpo di sole. La vuole togliere agli italiani, consegnandola a sindaco e assessori». Di diverso avviso l'ex primo cittadino Carlo Tognoli che da Palazzo Marino la spostò nel 1981: «Ci sembrava egoistico tenerla nelle sale del Comune. Ma detto ciò, far girare le opere d'arte è sempre una cosa positiva». Giacomo Valtolina 19 agosto 2011 (ultima modifica: 30 agosto :26) 1 di 1 03/10/

4 Il Comune lo pagò 20 mila lire e il duce lo mise in uno scantinato - Milano 1 di 1 03/10/ UNA STORIA COMINCIATA NEL 1901 Il Comune lo pagò 20 mila lire e il duce lo mise in uno scantinato Greppi, il primo sindaco del dopoguerra che decise di farne un simbolo della città, portandolo a Palazzo Marino (Fotogramma) Strano destino quello del Quarto Stato. Tra arte e politica, tra Ottocento e Novecento, tra operai e padroni, tra stanze del potere e NOTIZIE CORRELATE Il caso del Quarto Stato che divide i critici gallerie d'arte. «Ma Giuseppe Pellizza era fortemente convinto che la pittura fosse al di sopra della politica» racconta Aurora Scotti, direttrice dell'associazione dedicata all'artista di Volpedo e massima esperta del pittore piemontese. «Era vicino al movimento operaio sì, ma non era un militante». Una precisazione dovuta. Giusto per sgomberare il campo da equivoci e strumentalizzazioni, oggi, nel giorno in cui il capolavoro torna protagonista del dibattito politico milanese. Il sindaco Pisapia e l'assessore Boeri, infatti, vorrebbero riportarla a Palazzo Marino, dove ha dimorato dal 1953 al Completato nel 1901 dopo due opere preliminari, il Quarto Stato venne esposto per la prima volta alla Quadriennale dell'anno successivo. Sommerso dalle critiche, rimase a lungo nello studio del Pellizza, anche dopo la sua morte. Fino a quando, nel 1920, venne acquistato per sottoscrizione pubblica dal Comune di Milano per 20 mila lire. «L'opera - spiega Scotti - rappresenta la presa di coscienza dell'autore, come persona, come artista e come lavoratore. Una conquista che va di pari passo con l'aumento di dignità dei contadini, simboleggiata nel dipinto dal moto e dall'avanzata inesorabile della folla». Dopo l'acquisizione pubblica, il capolavoro venne trasferito alla Galleria d'arte moderna, all'epoca ospitata dalle sale del Castello Sforzesco. «Nessuno sa dove fosse esattamente - riprende la direttrice dell'associazione Pellizza da Volpedo - perché non esiste una documentazione fotografica che la raffiguri». Si dice che furono i fascisti a farla sparire, relegandola nei depositi del Castello. Ma nemmeno loro resistettero al fascino del dipinto, rivalutando però la sua versione precedente, Fiumana, «più inquieta e meno pericolosa politicamente». La rivincita del Quarto Stato arrivò con la Liberazione e grazie ad Antonio Greppi, il primo sindaco del Dopoguerra che decise di riesumarlo, facendone un simbolo della città e portandolo nelle stanze del Comune. E lì rimase, sconosciuto ai più, fino agli anni Settanta. «Uscì da Palazzo Marino - racconta Scotti - dove era immerso tra i fumi dei politici, tutto sporco di nicotina. Si può dire che fosse un'opera quasi ignota dal punto di vista pittorico. Non veniva nemmeno considerata divisionista. Solo un'esposizione a Londra, alla Royal Academy le restituì il prestigio che meritava. Ricordo ancora i titoli entusiasti - ricorda l'esperta -: Londra ne fu davvero impressionata». Si procedette quindi a un restauro e si pensò che fosse il caso di trovare una sede museale consona al capolavoro, piuttosto che lasciarlo in preda alle sigarette degli assessori. «Ci sembrava un egoismo inutile tenerla tutta per noi - conferma l'allora sindaco socialista Carlo Tognoli - privando i cittadini di un'opera così importante». Nel 1981, dunque, traslocò a Villa Reale, dove rimase fino al dicembre scorso, quando Italo Rota, ne fece del dipinto il protagonista del nuovo museo del Novecento, posizionandolo nella scala che conduce all'ingresso come ponte simbolico tra l'ottocento e il Novecento. «È un'opera pittoricamente ottocentesca ma concettualmente del Novecento - riprende Scotti -. Prima di questa polemica stavamo organizzando una mostra che riunisse tutti gli studi e bozzetti: 35 lavori, tra cui Ambasciatori della fame e Fiumana. Il primo è oggi custodito in una collezione privata, il secondo è conservato alla Pinacoteca di Brera». Cosa succederà ora?». G.V. 19 agosto :43

5 «La rivoluzione non si fa spostando i quadri» - Milano - ilgiornale.it 1 di 1 03/10/ «La rivoluzione non si fa spostando i quadri» di Marta Bravi Vota Risultato Strumenti utili Carattere Salva l'articolo Invia a un amico Condividi su Facebook Condividi su Twitter Stampa Rss Pdf Marina Pugliese, critica d'arte e direttrice del Museo del Novecento come giudica la proposta dell'assessore alla Cultura Stefano Boeri di spostare il Quarto Stato di Pellizza da Volpedo dal museo? «Un enorme passo falso. Vogliono fare la rivoluzione? Non si fa certo spostando i quadri, assumano i precari del museo». Come, scusi? «Sarebbe molto più rivoluzionario mettere in regola tutti i lavoratori precari...» Anche più di sinistra, se vogliamo... «Certamente, in un momento di crisi globale e di crisi della cultura mi sembra che non sia una priorità mettersi a smontare una delle poche cose che sono state fatte». Quanto verrebbe a costare traslocare l'opera a Palazzo Marino? «Difficile dirlo perch i costi di allestimento e di protezione dell'opera sono stati calcolati ad hoc, o meglio, è stata costruita una teca apposta antiproiettili, antivandalismi, antiriflessi. Per esporre la tela in quello spazio è stata costruita una passerella che collega la rampa delle scale alla sala. È stato fatto uno studio per illuminare la tela: tutto ciò è costato svariate centinaia di migliaia di euro. Anche a Palazzo Marino sarebbe necessario studiare un sistema di protezione o di sorveglianza, e un allestimento ad hoc. E comunque...» Cosa? «Il Quarto Stato è l'incipit del percorso espositivo perch così ha stabilito un concorso del Comune nel 2000 vinto dall'architetto Commenti Condividi la tua opinione con gli altri lettori de ilgiornale.it Leggi tutti i commenti Log in / Registrati alla community e lascia il tuo commento Italo Rota. Il bando prevedeva che l'opera fosse inserita nella torre, vero spazio pubblico aperto a tutti». Dal punto di vista museale cosa implicherebbe spostare l'opera? «Bhè si dovrebbe riconsiderare l'intero percorso espositivo. Poi rifare il catalogo del museo, i pannelli esplicativi. Non è stato facile organizzare la collezione intorno al Quarto Stato: si tratta di un'opera Divisionista di inizio secolo, mentre il resto della collezione Divisionista si trova alla Galleria di Arte Moderna. Abbiamo dovuto giustificare lo iato creato dall'opera, che rappresenta una frattura rispetto agli altri quadri dei primi del Novecento esposti». Pensa che quest'operazione porterebbe un danno di immagine al museo e alla città? «Non rispondo, ma il mio silenzio è eloquente». Come commenta il calo vertiginoso dei visitatori, passati da 180mila di Dicembre, quando aprì il museo, agli 8000 di Agosto? «Bhè è naturale che un museo che apre gratis in Duomo attiri migliaia di visitatori. Io lo dicevo: i numeri di dicembre avevamo un valore relativo, ma non mi stuipisce nemmeno che non ci siano visitatori a luglio e agosto: Milano non è una città turistica e ad agosto non c'è in giro nessuno. Detto ciò a giugno abbiamo avuto 20mila presenze, che sono tantissime». Ha parlato con l'assessore Boeri dopo la pubblicazione del post su Facebook? «No, ma mi ha stupito che si sia passati da un post su Facebook a un comunicato congiunto del sindaco nel giro di due giorni. Detto ciò, la casa dei milanesi è il museo del Novecento, e non Palazzo Marino. Non solo, il Quarto Stato si può sempre ammirare gratis, anche adesso. Boeri non si nemmeno preoccupato di pensare a un'opera da mettere al suo posto. Proietteremo Novecento di Bertolucci...». Ha pensato di dimettersi? «Sì eccome, anche perch sono lontana, la polemica mi ha rovinato la vacanza». aiuto

6 Pisapia ospite a Volpedo Silenzi sul «Quarto Stato» NEL PAESE DI GIUSEPPE PELLIZZA Pisapia ospite a Volpedo Silenzi sul «Quarto Stato» L' Internazionale e poi Fratelli d' Italia. Un' accoglienza da star, col paese tappezzato di manifesti per salutarne l' arrivo. Giuliano Pisapia a Volpedo, il paese natale di Giuseppe Pellizza e meta ogni anno in settembre di un happening socialista che richiama simpatizzanti da tutto il Nord Italia. Da qui Pisapia aveva lanciato dodici mesi fa la sua sfida: «Riunire la sinistra». E a Volpedo, il paese del Quarto Stato, Pisapia ieri è voluto tornare. Per dire che «bisogna liberarsi di Berlusconi che ha perso ogni credibilità» e che la sinistra «deve superare le antiche diffidenze». Applausi, ovazioni. A fianco del sindaco l' assessore al Commercio Franco D' Alfonso, uno degli animatori delle liste civiche pro Pisapia. Volpedo, ovvero il Quarto Stato. Sul destino del dipinto, simbolo ora del Museo del Novecento, Pisapia ha preferito glissare. In attesa che il «percorso» decisionale indicato da Stefano Boeri arrivi a destinazione. «Consulteremo i cittadini», aveva spiegato non più tardi di venerdì l' assessore alla Cultura, protagonista della «provocazione» agostana: «Spostiamo il Pellizza in sala giunta». Ne seguì un diluvio di polemiche. Ma anche tanti consensi e molti applausi. Il trasloco verso Palazzo Marino è ora rinviato sine die. Troppo complicato. Il silenzio del sindaco dice in questo senso più di mille parole: il Quarto Stato in marcia verso il Comune è destinato forse a rimanere un sogno. A.Se. RIPRODUZIONE RISERVATA Senesi Andrea Pagina 2 (25 settembre 2011) - Corriere della Sera 1 di 1 03/10/

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011

CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011 Roma CASTEL SANT ANGELO SALA PAOLINA TUTT ALTRA ITALIA IO SOGNAVO PUBBLICATO IL 25 OTT 2010 Data Evento: da 08/11/2010 a 03/04/2011 Castel Sant Angelo Sala Paolina Mostra su Giuseppe Garibaldi Tutt altra

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

"Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare

Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare "Ogni persona, indipendentemente dal grado di disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare mediante la comunicazione le condizioni della sua vita". Questo è l'incipit della Carta dei Diritti della

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

IL FESTIVAL. Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio

IL FESTIVAL. Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio IL FESTIVAL Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio della Tuscia ma con una forte vocazione internazionale, premiato al Jazzit Awards come

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Il viaggio oltre la vita. Gli Etruschi e l aldilà tra capolavori e realtà virtuale

Il viaggio oltre la vita. Gli Etruschi e l aldilà tra capolavori e realtà virtuale Comunicato stampa Venerdì 24 ottobre 2014 alle ore 17.30 presso Palazzo Pepoli. Museo della Storia di Bologna (via Castiglione, 8 Bologna) inaugura la mostra Il viaggio oltre la vita. Gli Etruschi e l

Dettagli

LA STORIA DI UN VIAGGIO ACCIDENTATO PER LE SCELTE DELLA POLITICA.

LA STORIA DI UN VIAGGIO ACCIDENTATO PER LE SCELTE DELLA POLITICA. DOV'ERA LA CGIL? Al quesito post ideologico che as silla il presidente del consiglio dei ministri, Matteo Renzi, tentiamo di dare una risposta per i fatti e non per l'ideologia. Era il 2009 e la CGIL scriveva

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

IL DIRIGENTE DI SERVIZIO

IL DIRIGENTE DI SERVIZIO Pag. 1 / 6 comune di trieste piazza Unità d Italia 4 34121 Trieste www.comune.trieste.it partita iva 00210240321 AREA CULTURA E SPORT SERVIZIO MUSEO ARTE MODERNA REVOLTELLA REG. DET. DIR. N. 5164 / 2011

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

12 - APQ Beni Culturali

12 - APQ Beni Culturali 12 - APQ Beni Culturali Assessorato Pubblica Istruzione Schede di sintesi per intervento al 31 dicembre 2006 Cagliari, febbraio 2007 12 - Beni Culturali Indice Pag. Intervento 1 APQ Originario 1 1 - SarBC-SF1

Dettagli

Guida alla promozione, all adesione e al sostegno dell iniziativa europea Uno di Noi.

Guida alla promozione, all adesione e al sostegno dell iniziativa europea Uno di Noi. Guida alla promozione, all adesione e al sostegno dell iniziativa europea Uno di Noi. 6 maggio 2013 Perché l embrione umano è già uno di noi Comitato italiano UNO DI NOI Lungotevere dei Vallati 10, 00186

Dettagli

Progetto Pedü: il futuro nella tradizione, sarà traino per un riscatto valtellinese - FOTO

Progetto Pedü: il futuro nella tradizione, sarà traino per un riscatto valtellinese - FOTO Lanzada - Campo Moro, 09 maggio 2015 Progetto Pedü: il futuro nella tradizione, sarà traino per un riscatto valtellinese - FOTO I pedü sono costituiti da una spessa suola di stoffa sulla quale è cucita

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est indipendentista ma anche italiano Il Gazzettino, 17.03.2015 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Matteo Freddi L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Youcanprint Self-Publishing Titolo L arte di vincere al fantacalcio Autore Matteo Freddi Immagine di copertina a cura dell Autore ISBN 978-88-91122-07-0 Tutti

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

Catturare una nuova realtà

Catturare una nuova realtà (Interviste "di LuNa" > di Nadia Andreini Strive - 2004 Catturare una nuova realtà L opera di Ansen Seale (www.ansenseale.com) di Nadia Andreini (www.nadia-andreini.com :: nadia@nadia-andreini.com) Da

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

GLI ITALIANI E LO STATO

GLI ITALIANI E LO STATO GLI ITALIANI E LO STATO Rapporto 2014 NOTA INFORMATIVA Il sondaggio è stato condotto da Demetra (sistema CATI) nel periodo 15 19 dicembre 2014. Il campione nazionale intervistato è tratto dall elenco di

Dettagli

REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE

REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE

Dettagli

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della cultura UFC Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera realizzata per l Ufficio federale della cultura Luglio 2014 Rapport_I Indice

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Regolamento. Regolamento Oltre le Mura di Roma 28 aprile 2015 1) PREMESSA

Regolamento. Regolamento Oltre le Mura di Roma 28 aprile 2015 1) PREMESSA Regolamento Oltre le Mura di Roma 28 aprile 2015 Regolamento 1) PREMESSA Oltre le Mura di Roma è un concorso di fotografia dedicato alle periferie di Roma organizzato dai Global Shapers (www.globalshapersrome.org),

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

PER LE SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA E MEDIA

PER LE SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA E MEDIA PER LE SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA E MEDIA ArteMa propone alcuni percorsi-gioco e attività pratico-creative rivolte al mondo dell infanzia, ai bambini della scuola primaria e agli alunni della scuola

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 1 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web INTRODUZIONE INDEX 3 6 9 L importanza di avere un dominio e gli obiettivi di quest opera Come è cambiato

Dettagli

TUTTO CIO CHE AVRESTE SEMPRE VOLUTO SAPERE E NON AVETE MAI OSATO CHIEDERE SUI DANNI A TAPPETI!!!

TUTTO CIO CHE AVRESTE SEMPRE VOLUTO SAPERE E NON AVETE MAI OSATO CHIEDERE SUI DANNI A TAPPETI!!! TUTTO CIO CHE AVRESTE SEMPRE VOLUTO SAPERE E NON AVETE MAI OSATO CHIEDERE SUI DANNI A TAPPETI!!! LIBERA CHIACCHIERATA CON UN CONSULENTE DEL SOTTOSCRITTO, ESPERTO CONOSCITORE DI TAPPETI. Durante l attività

Dettagli

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città 1 Ciao!! Quando guardi il cielo ogni volta che si fa buio, se è sereno, vedi tanti piccoli punti luminosi distribuiti nel cielo notturno: le stelle. Oggi si apre l immaginario Osservatorio per guardare...

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

ITALIA / ITALIE e tra. a cura di Gabriele Dadati

ITALIA / ITALIE e tra. a cura di Gabriele Dadati ITALIA / ITALIE e tra a cura di Gabriele Dadati direzione editoriale: Calogero Garlisi redazione: Eugenio Nastri comunicazione: Gabriele Dadati commerciale: Marco Bianchi realizzazione editoriale: Veronica

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Oltre che alla grande visibilità pubblica degli avvisi murali scritti, dei manifesti e

Oltre che alla grande visibilità pubblica degli avvisi murali scritti, dei manifesti e Piccola ma efficace 134 L ALtrA réclame: CArtOLINE, CALENDArIEttI, FIGUrINE, OPUSCOLI Nella pagina a fronte, dall alto in senso orario: blocco per annotazioni e corrispondenza delle Generali destinato

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA Il Museo Diocesano di Catania desidera, anche quest anno, proseguire con le scuole l impegno e la ricerca educativa con particolare attenzione ai Beni Culturali, Artistici e Ambientali. L alleanza fra

Dettagli

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM

Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM Protocollo Adotta una Scuola per l EXPO 2015 VADEMECUM INDICE Premessa Adotta una Scuola per l EXPO 2015: obiettivi Tipologie di scuole La procedura di selezione delle scuole Le modalità per adottare la

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

AVVISO VOLONTARI AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO

AVVISO VOLONTARI AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO AVVISO VOLONTARI AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO AL VIA LA CAMPAGNA AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO 1. ESSERE UN AGRONOMO E FORESTALE WAA for EXPO2015 Il grande appuntamento dell EXPO MILANO 2015 dal

Dettagli

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto La Milano che (non) vorrei... 13 aprile 2014 Anche per oggi suona la campanella che annuncia la fine delle lezioni! Insieme ai miei compagni di

Dettagli

Il concetto di sfera pubblica viene introdotto dal sociologo tedesco Jurgen Habermas

Il concetto di sfera pubblica viene introdotto dal sociologo tedesco Jurgen Habermas Il concetto di sfera pubblica viene introdotto dal sociologo tedesco Jurgen Habermas Con questo termine si identifica lo spazio pubblico, diverso dallo Stato, creato all interno dei café francesi dell

Dettagli

TRIBUTO AL GRAN PREMIO PARCO VALENTINO

TRIBUTO AL GRAN PREMIO PARCO VALENTINO TRIBUTO AL Fai sfilare la tua passione tra le strade di Torino. Iscrivi la tua vettura al DOMENICA, 14 GIUGNO 2015 la parata celebrativa delle automobili più importanti di sempre PARCO VALENTINO - SALONE

Dettagli

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond EBOOK la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond.it indice Capitolo 1 Metodo #1 per aumentare i Mi piace su Facebook: Concorsi 5 Capitolo 5 Metodo #5 per aumentare

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile,

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, e della cioccolata, in una cornice resa particolarmente suggestiva dal sole che illuminava la bella valle circostante,

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 COMUNICATO STAMPA La Regione che vogliamo: la CIDA organizza il confronto con i candidati alla Presidenza della regione Toscana 29 Aprile

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli