Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ""

Transcript

1 Durante la campagna elettorale, il Sindaco Moratti ha diffuso il suo programma dal titolo 100 progetti: insieme a voi per il futuro di Milano, definiti idee progettuali discusse ed elaborate coinvolgendo tutti i partiti della casa delle Libertà, rendendolo quindi programma di governo per la città per la durata del suo mandato. Ogni punto del progetto è diventato una interrogazione con la quale si chiede quali atti politici ed amministrativi il Sindaco abbia messo in essere per l attuazione di ogni punto programmatico AMBIENTE 1. Migliorare la qualità dell aria in città regolando l accesso degli autoveicoli mediante un contributo rapportato alle emissioni inquinanti, per avere nuove risorse da investire nella protezione dell ambiente 2. Premiare chi ristruttura gli edifici sostituendo le vecchie caldaie e chi costruisce nuove case utilizzando impianti di riscaldamento ecologici 3. Incentivare, anche con l utilizzo di fondi regionali, la sostituzione dei veicoli inquinanti a benzina con automobili a metano 4. Riorganizzare il servizio di pulizia notturna delle strade con mezzi meno rumorosi e meno inquinanti ANZIANI 5. Lanciare un programma di assistenza domiciliare che agevoli le famiglie con anziani in casa, utilizzando l Albo delle Badanti, sviluppando il telesoccorso e sostenendo il commercio del vicinato 6. Istituire nuovi centri di ricreazione e incontro e nuovi centri benessere per anziani nei quartieri dove non esistono 7. Aumentare il numero di portieri sociali e di Custodi Socio-sanitari nelle case popolari del Comune e dell Aler 8. Ridurre le attese per le pratiche pensionistiche e agevolarne la riscossione mensile CAPITALE UMANO 9. Fare di Milano la capitale della scienza e della salute valorizzando le eccellenze scientifiche e le competenze cliniche esistenti nei poli di ricerca, nelle università, nelle strutture ospedaliere e nei laboratori dell industria

2 farmaceutica affinché si producano ricadute diffuse sul territorio per tutti i cittadini 10. Inserire Milano nei network internazionali di ricerca per attirare talenti dall estero, mediante l attivazione di speciali Borse di studio e di corsi universitari estivi per i neolaureati stranieri disposti dai centri di ricerca e dalle Università milanesi 11. Avviare scambi di buone pratiche, iniziative di co-finanziamento di progetti di ricerca e migliori relazioni commerciali e culturali con le principali città del mondo 12. Promuovere la realizzazione di nuove residenze universitarie per i giovani che non abitano a Milano; creare uno Sportello internazionale per l accoglienza e l ospitalità dei ricercatori, dei docenti e degli studenti stranieri che soggiornano a Milano per brevi periodi di tempo CASA 13. Promuovere una politica di alleggerimento fiscale per i proprietari di case che affittano a canoni accessibili a giovani coppie, lavoratori atipici e famiglie numerose; fornire garanzie alle banche che concedono mutui a tassi agevolati a persone bisognose; istituire fondi di garanzia comunali per dare mutui a chi non può ottenere credito 14. Fissare un prezzo massimo per le case di edilizia convenzionata tenendo conto del bisogno sociale 15. Mobilitare tutti protagonisti pubblici e privati (Aler, cooperative, proprietari di immobili, banche e fondi immobiliari) per rispondere alla domanda di affitti equi 16. Garantire l alloggio a canoni d affitto agevolati al personale delle forze dell ordine CITTA BELLA 17. Creare uno sviluppo architettonico e urbanistico più armonioso, aumentando l illuminazione delle strade, creando più spazi per chi usa la bicicletta e riportando i monumenti all antico splendore 18. Aumentare gli spazi a disposizione dei proprietari di animali domestici e migliorare la pulizia delle strade, dei marciapiedi, e dei giardini

3 19. Pulire i muri della città dai graffiti e punire chi imbratta gli edifici 20. Garantire il riposo dei cittadini punendo più severamente chi disturba e chi crea rumori molesti CITTA CREATIVA 21. Collegare scuole, laboratori e atelier per far crescere nuove professionalità e nuovi mestieri 22. Integrare moda, design, pubblicità anche attraverso la riorganizzazione dei centri di formazione, dei laboratori di ricerca e dei musei 23. Stimolare la diffusione della creatività attraverso bandi e concorsi per nuovi progetti in architettura, design, illuminazione e fotografia 24. Favorire rapporti di collaborazione dei creativi con gli operatori nei settori del commercio, del turismo e della cultura COMMERCIO E ARTIGIANATO 25. Riqualificare i mercati comunali settimanali scoperti, trovando spazi di vendita dotati di servizi (acqua, elettricità, servizi igienici) e ampliando le forme di autogestione da parte degli operatori commerciali 26. Incentivare lo sviluppo di centri commerciali naturali, mediante il coordinamento a livello di via dei servizi e dell accoglienza ai clienti 27. Combattere l abusivismo, la contraffazione e la pirateria attraverso azioni di controllo e di repressione e rafforzando gli organici della Polizia Annonaria 28. Valorizzare le piccole imprese artigiane, di arti e mestieri creando le condizioni per la loro partecipazione ai bandi comunali COMPETITIVITA e ATTRATTIVITA 29. Favorire la creazione di un unico sistema decisionale attraverso un più stretto rapporto tra tutti gli attori principali dello sviluppo internazionale di Milano (Camera di Commercio, associazioni di categoria, Fiera, Teatro alla Scala) e partecipare così ai finanziamenti regionali, nazionali ed europei 30. Semplificare la macchina burocratica del Comune, snellendo le procedure, riducendo i vincoli amministrativi e i regolamenti per consentire in tempi rapidi l avviamento di nuove imprese, l erogazione di finanziamenti pubblici e privati, l insediamento di aziende straniere

4 31. Creare una Cittadella dell Innovazione per favorire, con un migliore collegamento tra il mondo produttivo e il mondo finanziario, la nascita di nuove imprese 32. Candidare Milano a ospitare lo svolgimento di grandi eventi internazionali (Olimpiadi, Expo mondiale) e la sede prestigiosa di enti e organismi internazionali GUSTO della VITA 33. Controllare e contenere l aumento del costo della vita attraverso la collaborazione tra Comune e associazioni dei commercianti e artigiani per la promozione stagionale di prodotti alimentari a prezzi convenzionati; il lancio di una nuova campagna di sconti e offerte-risparmio nei mercati comunali; una politica di controllo delle tariffe dei servizi pubblici (trasporti, elettricità, asili, impianti sportivi); il rafforzamento dell Osservatorio Prezzi del Comune e la creazione di un nuovo Paniere dei prodotti alimentari e non alimentari riferito ai consumi e ai comportamenti di acquisto delle famiglie milanesi 34. Mantenere invariate le imposte comunali sugli immobili 35. Liberalizzare il settore servizi pubblici, aprendolo ai privati, con l obiettivo di offrire tariffe più basse 36. Riorganizzare in Borsa Merci gli attuali Mercati Generali per ottimizzare i costi di approvvigionamento e distribuzione dei prodotti CULTURA 37. Valorizzare le eccellenze museali, teatrali e musicali della Città, partendo dalle tradizioni culturali e linguistiche milanesi e inserendole nei grandi circuiti internazionali delle mostre, delle rassegne e dei festival. 38. Realizzare un Museo di Arte Contemporanea e la Biblioteca Europea. 39. Sviluppare il coordinamento tra le attività delle scuole di cinema, creando un nuovo Centro di Produzione cinematografica in Città. 40. Dare contributi finalizzati alla ristrutturazione e al rilancio delle piccole biblioteche specialistiche e di quartiere.

5 DONNE 41. Favorire la nascita e lo sviluppo dell imprenditoria femminile, offrendo contributi per il capitale di avviamento di nuove aziende. 42. Facilitare la concessione di crediti bancari a tassi agevolati alle donne che vogliono avviare attività commerciali autonome. 43. Sostenere l occupazione femminile rendendo più flessibili gli orari degli uffici e sviluppando il part-time e l uso delle tecnologie per il lavoro a distanza. 44. Aumentare il numero degli asili nido, dei nidi-famiglia, degli asili di condominio e incentivare la creazione di nuovi nidi aziendali. EDILIZIA 45. Valorizzare il patrimonio pubblico di pregio e riqualificare gli immobili demaniali per destinare nuove risorse all edilizia. 46. Avviare un piano di sviluppo territoriale destinando a edilizia e servizi abitativi circa tre milioni di metri quadri di zone oggi non utilizzabili quali: aree agricole ai confini della Città, aree dismesse, aree pubbliche non finalizzate a servizi, aree confinanti con i parchi. 47. Destinare alla costruzione di alloggi popolari aree del Demanio Ferroviario e del Demanio della Difesa. 48. Riqualificare i quartieri degradati destinandoli a edilizia privata, convenzionata e sociale. FAMIGLIA 49. Offrire alle famiglie buoni-scuola per la frequenza dei figli agli asili nido e alle scuole materne e per l acquisto di libri 50. Valorizzare il ruolo attivo di tutti i componenti della famiglia, in particolare il ruolo sociale dei nonni 51. Aumentare i sostegni alle famiglie composte da anziani non autosufficienti o disabili utilizzando i servizi di prossimità e le tecnologie di telecomunicazione per la sorveglianza a distanza 52. Potenziare e mettere in sicurezza le aree di gioco per i bambini nei parchi e nelle zone di verde pubblico

6 FASCE DEBOLI 53. Stipulare convenzioni tra il Comune e le associazioni di volontariato che aiutano le famiglie sfrattate nel trasferimento in nuovi alloggi, con assistenza per i traslochi, le pratiche amministrative e l allaccio delle utenze 54. Aumentare i fondi per l assistenza ai malati terminali, ai tetraplegici e agli ammalati di sclerosi multipla; aiutare l inserimento al lavoro dei disabili; rafforzare le comunità di recupero dei tossicodipendenti; lanciare una campagna di informazione sulle dipendenze multiple, sugli stili di vita e sull obesità 55. Contribuire allo sviluppo dei progetti del Banco Alimentare e del Banco Farmaceutico per aiutare chi ha difficoltà ad acquistare beni di prima necessità e medicinali 56. Rinnovare gli accordi presi dal Comune con le organizzazioni del volontariato e del Terzo Settore, rendendo più snelle le procedure di accreditamento e verificando i risultati dei servizi resi alla persona GIOVANI 57. Dare aiuto e sostegno ai giovani ne percorso di orientamento al lavoro, rafforzando gli strumenti (stage aziendali e tirocini) che li avvicinino al mondo produttivo 58. Offrire gratuitamente ai giovani grandi eventi culturali e di intrattenimento 59. Costruire nuove strutture per l intrattenimento, le attività culturali e strutture polisportive anche attrezzando aree dedicate nei parchi 60. Istituire concorsi e premi per i giovani musicisti, pittori e fotografi IMMIGRATI 61. Favorire l integrazione e l inserimento degli immigrati regolari nella vita attiva della Città, perché contribuiscano all arricchimento produttivo e culturale di Milano, attraverso il lavoro e l avviamento di nuove attività professionali 62. Aiutare gli immigrati regolari, in collaborazione con la Regione e la Provincia, a trovare accoglienza e assistenza sociale,, attivando una rete integrata di infrastrutture dotate di funzioni e servizi per l orientamento al lavoro, il sostegno all auto-imprenditorialità, i servizi informativi sull accesso ai fondi pubblici e al micro-credito in collaborazione con le banche

7 63. Coordinare le Forze di Polizia Locale con le Forze dell Ordine per il controllo dell immigrazione 64. Potenziare i sistemi di verifica del rispetto delle normative edilizie, sanitarie, commerciali e di sicurezza negli insediamenti abitativi, nei luoghi di culto e nei luoghi di educazione LAVORO 65. Rafforzare i servizi per la ricerca del lavoro, per l orientamento al mondo della produzione e delle professioni e per la formazione professionale completando la Borsa Lavoro. 66. Introdurre le associazioni di volontariato nel circuito dei servizi per il lavoro, dell accoglienza, dell assistenza sociale, della cura degli ammalati, dell assistenza domiciliare agli anziani e della tutela ambientale. 67. Rilanciare il Patto di Milano per il lavoro per una collaborazione di tutte le forze produttive e sociali al miglioramento del sistema delle relazioni industriali, creando un comune Osservatorio del mercato del lavoro per lo sviluppo dell occupazione. 68. Utilizzare le scuole civiche del Comune per la formazione ai mestieri artigianali e manuali. MOBILITA 69. Estendere gli orari di attività della Metropolitana Milanese almeno fino alle 1.30 nei giorni feriali e alle 24 ore nel fine settimana. 70. Integrare il sistema tariffario della rete di trasporti urbani con la rete regionale. 71. Completare il piano infrastrutturale della mobilità nella Grande Milano (secondo Passante Ferroviario, nuovo anello tangenziale esterno) anche tramite accordi con i Comuni limitrofi; completare le opere già progettate (M4 e M5) per la realizzazione di una grande rete metropolitana a largo raggio. 72. Realizzare un servizio espresso metropolitano con incremento delle frequenze e delle corse, e l integrazione della rete ferroviaria con il sistema metropolitano di trasporto su ferro.

8 PERIFERIE 73. Fare di ogni periferia un centro urbano, valorizzando il patrimonio storico e decentrando funzioni amministrative e di servizi sociali. 74. Migliorare la rete dei trasporti per favorire la mobilità di persone e merci tra le periferie. 75. Predisporre misure di incentivazione e facilitazione per l insediamento nei quartieri periferici di attività commerciali e produttive. 76. Favorire la nascita nelle periferie di nuove strutture dedicate all intrattenimento, allo sport e alla cultura valorizzando i luoghi di attività esistenti come le associazioni e gli oratori. SICUREZZA 77. Istituire un nucleo di polizia locale addetto alla sicurezza sui mezzi pubblici e nei parchi per evitare fenomeni di spaccio, taccheggio, accattonaggio e molestie; rafforzare i <<vigili di quartiere>> creando <<punti di sicurezza>> con unità mobili di controllo 78. Aumentare il controllo del rispetto della legalità nelle attività delle imprese, dei mercati e dei piccoli commercianti, rafforzando e professionalizzando i servizi di ispezione 79. Prevedere che per ogni zona del decentramento cittadino siano organizzate altrettante aree di lavoro dei Commissariati di Polizia 80. Difendere la legalità eliminando tutte le zone di occupazione abusiva e sgomberando le case occupate per ridarle ai cittadini che ne hanno diritto SPORT 81. Valorizzare il volontariato sportivo e dare pieno riconoscimento all impegno sociale delle associazioni sportive giovanili 82. Coinvolgere le società sportive nella politica per lo sport dando loro rappresentanza nelle strutture e coinvolgendole nella conduzione e gestione degli impianti 83. Pianificare il rinnovo, la ristrutturazione e la messa a norma del patrimonio degli impianti sportivi comunali sviluppando nuovi grandi impianti per gli eventi e le competizioni internazionali

9 84. Creare nuove strutture polisportive e palestre in forza di convenzioni con strutture private, favorendo la diffusione dello sport TECNOLOGIE per il CITTADINO 85. Introdurre nuove tecnologie per controllare e regolare lo scorrimento del traffico e per comunicare tempestivamente ai cittadini i punti di congestione, la disponibilità dei parcheggi e le alternative stradali in caso di incidenti 86. Utilizzare le tecnologie per rafforzare i sistemi di sorveglianza nei parchi, sui mezzi pubblici e nelle zone a rischio 87. Riorganizzare la rete telematica di comunicazione del Comune per rendere più capillare l informazione sulle attività amministrative, sui progetti per la città e sulla loro realizzazione 88. Potenziare la rete telematica informativa a domicilio per anziani e fasce deboli, per le visite sanitarie e le pratiche burocratiche TRAFFICO 89. Costruire nuovi parcheggi a sviluppo verticale e procedere a una revisione delle tariffe per i parcheggi pubblici e privati, definendo un piano di abbonamenti scontati per la sosta nelle <<strisce blu>> e confermando la gratuità della sosta nelle <<strisce gialle>>; ridefinire il ruolo degli <<ausiliari della sosta>> investendoli della funzione di <<ausiliari del traffico>> 90. Realizzare una nuova linea di circonvallazione sotterranea al di sotto della cerchia dei Bastioni oppure, in alternativa, realizzare un asse di attraversamento interrato sulla direttrice Est-Ovest della città con parcheggi di interscambio nei nodi di Porta Vittoria e Garibaldi 91. Costruire nuovi marciapiedi di dimensione adeguata in modo da non restringere le carreggiate e impedire la normale circolazione dei mezzi pubblici 92. Regolare il flusso di merci verso la Città, stabilendo orari prefissati di carico e scarico e vietando l accesso del trasporto merci in transito TURISMO 93. Creare sinergie tra mondo della cultura, della moda, del commercio, dell industria e del terziario per realizzare iniziative integrate con le attività turistiche

10 94. Offrire pacchetti turistici integrati con i grandi eventi di spettacolo e di sport della Città 95. Valorizzare le risorse enogastronomiche e della ristorazione milanese. 96. Estendere alle periferie le iniziative di attrazione turistica, offrendo ai visitatori nuovi volti della città e del territorio. VERDE 97. Collegare le aree verdi urbane per creare corridoi da affiancare alle piste ciclabili. 98. Riqualificare le zone verdi nei progetti di rinascita dei quartieri. 99. Valorizzare e riqualificare i Navigli milanesi per ricostruire l ambiente originario Realizzare la copertura a verde delle aree dismesse.

In questi mesi ho chiesto a ciascuno di voi di contribuire alla redazione del programma per il futuro di Torino. Mi sono rivolto direttamente a tutte

In questi mesi ho chiesto a ciascuno di voi di contribuire alla redazione del programma per il futuro di Torino. Mi sono rivolto direttamente a tutte In questi mesi ho chiesto a ciascuno di voi di contribuire alla redazione del programma per il futuro di Torino. Mi sono rivolto direttamente a tutte le donne e agli uomini che vivono in questa nostra

Dettagli

Programma amministrativo

Programma amministrativo Programma amministrativo AMBIENTE E SOSTENIBILITA Riduzione dei rifiuti: Redazione del Piano Comunale per la Riduzione della Produzione dei Rifiuti. Il Piano è uno strumento necessario per individuare

Dettagli

EL NOST MILAN la nostra milano OUR MILAN

EL NOST MILAN la nostra milano OUR MILAN Progetto e realizzazione a cura di: Direzione Comunicazione - Comune di Milano Per maggiori informazioni www.comune.milano.it Infoline 02.02.02 Stampato su carta riciclata EL NOST MILAN la nostra milano

Dettagli

Vogliamo una Bergamo sempre più di qualità

Vogliamo una Bergamo sempre più di qualità Vogliamo una Bergamo sempre più di qualità Cara amica bergamasca, caro amico bergamasco, sono Franco Tentorio, Sindaco di Bergamo. Ho deciso di ricandidarmi alla guida della coalizione che comprende Forza

Dettagli

Il piano generale di sviluppo 2010-2014. Città di Seriate - www.comune.seriate.bg.it

Il piano generale di sviluppo 2010-2014. Città di Seriate - www.comune.seriate.bg.it Il piano generale di sviluppo 2010-2014 1 Cos è il piano generale di sviluppo Uno degli strumenti di programmazione e di rendicontazione finanziaria di mandato Citato (solamente citato) in due norme sull

Dettagli

PREMESSA Piano Strutturale

PREMESSA Piano Strutturale PREMESSA il Comune ha avviato la procedura di revisione ed aggiornamento del Piano Strutturale, il documento che disegna il futuro del territorio, sia per il suo sviluppo, sia per la sua tutela. Per permettere

Dettagli

5 modi. Boeri. per cambiare città restando a Milano. I Milanesi si riprendono la città. Scopri come. www.stefanoboeri.it. Stefano

5 modi. Boeri. per cambiare città restando a Milano. I Milanesi si riprendono la città. Scopri come. www.stefanoboeri.it. Stefano www.stefanoboeri.it 5 modi per cambiare città restando a Milano. I Milanesi si riprendono la città. Scopri come. Stefano Boeri Cambiamo città. Restiamo a Milano. 5 PROPOSTE. Un altra Milano comincia da

Dettagli

COMUNE DI NOVARA Mappa strategica 2012-2014 PROGRAMMI LA CITTA SICURA E SERENA LA CITTA SI PRENDE CURA DELLA CITTA LA SCUOLA CASA APERTA PER TUTTI

COMUNE DI NOVARA Mappa strategica 2012-2014 PROGRAMMI LA CITTA SICURA E SERENA LA CITTA SI PRENDE CURA DELLA CITTA LA SCUOLA CASA APERTA PER TUTTI COMUNE DI NOVARA Mappa strategica 2012-2014 PROGRAMMI L AMMINISTRAZION E SEMPLICE E PARTECIPATA LA CITTA CHE SI MUOVE LA CITTA SICURA E SERENA LA CITTA PER IL TEMPO LIBERO LA CITTA CHE GUARDA AL FUTURO:

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

REGIONE LAZIO COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE DOCUP OBIETTIVO 2 2000-06

REGIONE LAZIO COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE DOCUP OBIETTIVO 2 2000-06 REGIONE LAZIO COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE DOCUP OBIETTIVO 2 2000-06 4 dicembre 2001 modificato dal CdS del 2 aprile 2004 e dal CdS del 24 giugno 2004 PARTE GENERALE... 3 LA STRATEGIA DEL DOCUP: DAGLI

Dettagli

Progetto Civico PROGRAMMA ELETTORALE AMMINISTRATIVE 2015. Palombara, Maggio 2015 [Selezionare la data]

Progetto Civico PROGRAMMA ELETTORALE AMMINISTRATIVE 2015. Palombara, Maggio 2015 [Selezionare la data] Progetto Civico PROGRAMMA ELETTORALE AMMINISTRATIVE 2015 Palombara, Maggio 2015 [Selezionare la data] URBANISTICA Progetto civico si propone di realizzare i seguenti obiettivi per l area urbanistica :

Dettagli

Progetto BES delle Province (PSU-00003) maggio 2013, abstract. Diffusione dell innovazione tecnologica. Combattere la delocalizzazione del lavoro

Progetto BES delle Province (PSU-00003) maggio 2013, abstract. Diffusione dell innovazione tecnologica. Combattere la delocalizzazione del lavoro Standard materiali di vita/ Benessere economico Salute/ Salute attivita' in collaborazione con i Comuni nel settore economico, produttivo, commerciale e turistico Servizi sanitari, di igiene e profilassi

Dettagli

Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia

Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia Dimensione/dominio Funzioni Piano strategico Tema Descrizione Standard materiali di vita (reddito,consumi,ricchezz

Dettagli

Programma Partito Democratico di Pergine Elezioni amministrative 2009

Programma Partito Democratico di Pergine Elezioni amministrative 2009 Secondo noi amministrare una città vuol dire: PENSARE AI BISOGNI DI TUTTI AGIRE IN MODO TRASPARENTE INTRECCIARE RAGIONAMENTI DIVERSI IN UNA SINTESI COMUNE PORSI OBIETTIVI DI BENESSERE SOCIALE LAVORARE

Dettagli

Gruppo di lavoro territorio. I questionari conoscitivi

Gruppo di lavoro territorio. I questionari conoscitivi Gruppo di lavoro territorio I questionari conoscitivi Aprile 2010 Presentazione Questionario sul "Puc Partecipato" a cura di Alessia Fracchia e Valentina Rivera In previsione della redazione del nuovo

Dettagli

Comune di SCANDICCI. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi BROSHURË XHEPI E SCANDICCI-T. Udhëzues shërbimesh për qytetarët

Comune di SCANDICCI. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi BROSHURË XHEPI E SCANDICCI-T. Udhëzues shërbimesh për qytetarët Progetto cofinanziato da 1 UNIONE EUROPEA Comune di SCANDICCI Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi SCANDICCI IN TASCA Guida ai servizi per i cittadini SCANDICCI IN YOUR POCKET Guide

Dettagli

Allegato1 FUNZIONIGRAMMA DELL ENTE

Allegato1 FUNZIONIGRAMMA DELL ENTE Allegato1 FUNZIONIGRAMMA DELL ENTE 1.1 - SEGRETARIO GENERALE SEGRETARIO GENERALE - Partecipazione con funzioni consultive, referenti e di assistenza alle riunioni di Consiglio e Giunta - Segreteria Giunta

Dettagli

Buone idee per Bologna

Buone idee per Bologna Buone idee per Bologna RILANCIAR IL NOSTRO SISTMA PRODUTTIVO IN MODO SOSTNIBIL, PROMUOVNDO L OCCUPAZION Il LAVORO DI QUALITA, VALORIZZANDO I SAPRI LA CRATIVITA 1. Come riformare il nostro sistema di sviluppo

Dettagli

Città di Grosseto Il Comune che vogliamo. 2011-2016 - Programma di governo

Città di Grosseto Il Comune che vogliamo. 2011-2016 - Programma di governo 2011-2016 - Programma di governo GROSSETO OGGI La città ha superato gli 80 mila abitanti e la popolazione cresce velocemente. Si diffondono caratteri metropolitani e con essi gli elementi problematici

Dettagli

DIRE IL VERO, FARE SUL SERIO. L IMPEGNO CHE SERVE PER CAMBIARE DAVVERO.

DIRE IL VERO, FARE SUL SERIO. L IMPEGNO CHE SERVE PER CAMBIARE DAVVERO. PROGRAMMA ELETTORALE DEL CANDIDATO SINDACO LORELLA PERETTI E LISTE: PD PER ARZIGNANO, LISTA CIVICA PERETTI SINDACO, NOSTRARZIGNANO E ARZIGNANO AL CENTRO DIRE IL VERO, FARE SUL SERIO. L IMPEGNO CHE SERVE

Dettagli

PER CRESCERE INSIEME PROGRAMMA ELETTORALE 2011

PER CRESCERE INSIEME PROGRAMMA ELETTORALE 2011 PER CRESCERE INSIEME PROGRAMMA ELETTORALE 2011 ELEZIONI COMUNALI AL COMUNE DI FISCIANO - 15/16 MAGGIO 2011 Programma 1 Area Politiche Sociali e Servizi alla Persona 2 Ambiente e Territorio 3 Giovani -

Dettagli

LA STRUTTURA ORGANIZZATIVA DELL ENTE

LA STRUTTURA ORGANIZZATIVA DELL ENTE LA STRUTTURA ORGANIZZATIVA DELL ENTE A far data 01/03/2015 la struttura organizzativa dell Ente viene articolata in 5 macroaree suddivise in 9 Servizi, ai quali sono preposti i Responsabili individuati

Dettagli

Comune di Galzignano Terme (Prov. Pd)

Comune di Galzignano Terme (Prov. Pd) ELEZIONE DEL SINDACO E DEL CONSIGLIO COMUNALE (Art. 71, comma 2, D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267) (Comuni sino a 15.000 abitanti) Comune di Galzignano Terme (Prov. Pd) Votazioni del giorno 26 e 27 maggio

Dettagli

Cinque anni passati e la sfida per i cinque anni futuri

Cinque anni passati e la sfida per i cinque anni futuri Cinque anni passati e la sfida per i cinque anni futuri E un resoconto ampio quello che attiene ai cinque anni (2009-2013) della prima amministrazione guidata da Paolo Lucchi, così come è dettagliato il

Dettagli

PROGRAMMA ELETTORALE del CENTRO SINISTRA SCARPERIA E SAN PIERO

PROGRAMMA ELETTORALE del CENTRO SINISTRA SCARPERIA E SAN PIERO PROGRAMMA ELETTORALE del CENTRO SINISTRA COMUNE di SCARPERIA E SAN PIERO La fusione tra i comuni di Scarperia e San Piero a Sieve, conclusasi il 31/12/2013 con lo scioglimento dei rispettivi Consigli Comunale,

Dettagli

MANIFESTO PER PARMA UNITA

MANIFESTO PER PARMA UNITA MANIFESTO PER PARMA UNITA Parma è una città piena di risorse, ricca di intelligenze vivaci, di saperi e cultura, fatta da persone intraprendenti che non possono non avvertire la responsabilità di questo

Dettagli

Premessa percorso municipale, Conferenza Urbanistica Cittadina, Carta dei valori municipali parte generale schede progetto

Premessa percorso municipale, Conferenza Urbanistica Cittadina,  Carta dei valori municipali parte generale  schede progetto Premessa Il percorso municipale, che porterà alla Conferenza Urbanistica Cittadina, prevede la raccolta dei materiali progettuali, riguardanti tutta l area municipale, da acquisire nel corso delle riunioni

Dettagli

Nutrire il pianeta, energia per la vita. Progetto di Elena Cazzaniga - Elena Riva Azienda Agricola La Botanica - Birago (MB)

Nutrire il pianeta, energia per la vita. Progetto di Elena Cazzaniga - Elena Riva Azienda Agricola La Botanica - Birago (MB) Nutrire il pianeta, energia per la vita Expo 2015 Sarà l'occasione anche per ripensare e riacquistare i vecchi saperi e sapori legati ai mestieri del cibo e dell'accoglienza. Includerà tutto ciò che riguarda

Dettagli

SOMMARIO. Presentazione Il progetto Il risultato

SOMMARIO. Presentazione Il progetto Il risultato SOMMARIO Presentazione Il progetto Il risultato PARTE I - Identità Le origini del nome La storia Ragusa patrimonio dell umanità Le persone Il territorio L amministrazione - Gli organi di governo - La struttura

Dettagli

PROGRAMMA AMMINISTRATIVO 2013-2018 CANDIDATO SINDACO DOMENICO GUARNERI

PROGRAMMA AMMINISTRATIVO 2013-2018 CANDIDATO SINDACO DOMENICO GUARNERI ELEZIONI AMMINISTRATIVE 26-27 MAGGIO 2013 COMUNE DI ORBASSANO PROGRAMMA AMMINISTRATIVO 2013-2018 CANDIDATO SINDACO DOMENICO GUARNERI Il cittadino sarà al centro dell attività amministrativa dei Socialisti:

Dettagli

ALLEGATO B Dgr n. del pag. 1/12

ALLEGATO B Dgr n. del pag. 1/12 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO B Dgr n. del pag. 1/12 SCHEDE DI VALUTAZIONE AREA STRUTTURALE INDICATORE DELLA PLURALIZZAZIONE DELLE OFFERTE TARIFFARIE Descrizione delle microazioni Agevolazione

Dettagli

PROGRAMMA AMMINISTRATIVO

PROGRAMMA AMMINISTRATIVO PROGRAMMA AMMINISTRATIVO (Da affiggere all Albo Pretorio del Comune di Sapri ai sensi dell art. 71 comma 2 e art. 73 comma 2 D.Lgs. 267/2000) Lista Insieme per Sapri Candidato Sindaco Vito D Agostino 1

Dettagli

Tavolo 1: Cultura e Sport Martedì 17 novembre h.20,45, Sala Conferenze del Museo di Fotografia Contemporanea, via Frova 24, Cinisello Balsamo

Tavolo 1: Cultura e Sport Martedì 17 novembre h.20,45, Sala Conferenze del Museo di Fotografia Contemporanea, via Frova 24, Cinisello Balsamo Tavolo 1: Cultura e Sport Martedì 17 novembre h.20,45, Sala Conferenze del Museo di Fotografia Contemporanea, via Frova 24, Cinisello Balsamo Il PGT DI CINISELLO BALSAMO: UN PROGETTO DI CITTA ABITABILE

Dettagli

Articolo 4 Oggetto Sociale

Articolo 4 Oggetto Sociale Articolo 4 Oggetto Sociale La Cooperativa, con riferimento ai requisiti e agli interessi dei soci, ha per oggetto: 1. Istituire o gestire comunità alloggio, a carattere residenziale o semiresidenziale,

Dettagli

City Act. Linee Guida per una Milano Metropolitana. primi passi del piano strategico per la Milano che verrà

City Act. Linee Guida per una Milano Metropolitana. primi passi del piano strategico per la Milano che verrà City Act Linee Guida per una Milano Metropolitana primi passi del piano strategico per la Milano che verrà Il Secolo Urbano Ormai oltre il 50% della popolazione mondiale vive in zone fortemente urbanizzate.

Dettagli

Con noi per la città Area Civica Merlino Sindaco di Valenza

Con noi per la città Area Civica Merlino Sindaco di Valenza COMUNE DI VALENZA ELEZIONE DIRETTA DEL SINDACO E RINNOVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEL 31-05-2015 PROGRAMMA AMMINISTRATIVO DELLA LISTA N. 1: Con noi per la città Area Civica Merlino Sindaco di Valenza Cerchio

Dettagli

META: LA NAPOLI CHE SARA

META: LA NAPOLI CHE SARA META: LA NAPOLI CHE SARA Napoli è al suo punto di SVOLTA. E grave la crisi nella città di Napoli e Civicrazia ha scelto Napoli quale città civicratica da costruire. Napoli, infatti, non è disposta ad arrendersi

Dettagli

INFORMARE PER COINVOLGERE:

INFORMARE PER COINVOLGERE: INFORMARE PER COINVOLGERE: I Servizi e i Progetti per i Giovani del Comune di Cinisello Balsamo Essere informati sui Servizi e sui Progetti che il Comune mette in campo per i giovani èessenziale: èla prima

Dettagli

3. LA BANCA DATI E GLI INDICATORI

3. LA BANCA DATI E GLI INDICATORI 3. LA BANCA DATI E GLI INDICATORI Per descrivere lo stato attuale del sistema della mobilità è stata predisposta una banca dati che ha sistematizzato su supporti informatici condivisi tutte le informazioni

Dettagli

Istituti Professionali

Istituti Professionali I nuovi Istituti Professionali Regolamento recante norme concernenti il riordino degli Istituti professionali ai sensi dell articolo 64, comma 4, del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito dalla

Dettagli

BASE PROGRAMMATICA DELLA COALIZIONE PER IL RINNOVAMENTO DEL COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI 2015-2020

BASE PROGRAMMATICA DELLA COALIZIONE PER IL RINNOVAMENTO DEL COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI 2015-2020 ELEZIONI COMUNALI DI CIVIDALE DEL FRIULI DOMENICA 31 MAGGIO 2015 Candidato Sindaco: MASSIMO MARTINA Liste a sostegno: Partito Democratico Cittadini per Massimo Martina Sindaco Alternativa Libera Cividale

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007-2013 CCI N 2007 IT 161 PO 008 (Settembre 2012) 1/372 4.5.2. Patrimonio Culturale 4.5.2.1. Obiettivo Specifico

Dettagli

ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014

ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 La situazione economico e sociale dalla quale partiamo per la elaborazione del nostro programma elettorale è completamente variata rispetto

Dettagli

PRIMAVERA ROMANÌ MANIFESTO POLITICO

PRIMAVERA ROMANÌ MANIFESTO POLITICO PRIMAVERA ROMANÌ MANIFESTO POLITICO Siamo giovani rom, sinti e non rom, italiani e stranieri. Molti di noi vengono da una storia di disagio, soprusi ed esclusione, ma non ci siamo fermati e non ci fermeremo.

Dettagli

4 UNA COMUNITÀ SOLIDALE APERTA E ACCOGLIENTE LE NUOVE MAPPE DEL DISAGIO: POTENZIARE IL MONITORAGGIO

4 UNA COMUNITÀ SOLIDALE APERTA E ACCOGLIENTE LE NUOVE MAPPE DEL DISAGIO: POTENZIARE IL MONITORAGGIO 4 UNA COMUNITÀ SOLIDALE APERTA E ACCOGLIENTE Il contesto di riferimento (1999-2004): Nel quinquennio precedente la spesa sociale è stata raddoppiata mettendo in campo risorse per la parte più debole e

Dettagli

PARTE II - SPESA 1.500,00 AREA 7 - COMUNICAZIONE

PARTE II - SPESA 1.500,00 AREA 7 - COMUNICAZIONE Pag. / 5 Codice Cap/Art Disavanzo di amministrazione TITOLO I Spese correnti Funzione Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo Servizio Organi istituzionali, partecipazione e decentramento

Dettagli

PROGRAMMA AMMINISTRATIVO (Artt. 71 e 73, comma 2 del D.Lgs. 18 agosto 2000, n.267)

PROGRAMMA AMMINISTRATIVO (Artt. 71 e 73, comma 2 del D.Lgs. 18 agosto 2000, n.267) PROGRAMMA AMMINISTRATIVO (Artt. 71 e 73, comma 2 del D.Lgs. 18 agosto 2000, n.267) AI CITTADINI DEL COMUNE DI GRANCONA LISTA PROGETTO GRANCONA ELEZIONI AMMINISTRATIVE DEL 25 Maggio 2014 Un progetto per

Dettagli

PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014

PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014 PROGRAMMA ELETTORALE ELEZIONI COMUNALI 25 MAGGIO 2014 La politica non è nelle competizioni degli uomini; non è nei sonanti discorsi. È, o dovrebbe essere, nell interpretare l epoca in cui si vive (..).

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE PER IL RICONOSCIMENTO DEI MUSEI E DELLE RACCOLTE MUSEALI DI ENTE LOCALE EDI INTERESSE LOCALE

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE PER IL RICONOSCIMENTO DEI MUSEI E DELLE RACCOLTE MUSEALI DI ENTE LOCALE EDI INTERESSE LOCALE QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE PER IL RICONOSCIMENTO DEI MUSEI E DELLE RACCOLTE MUSEALI DI ENTE LOCALE EDI INTERESSE LOCALE DATI GENERALI Dati informativi - descrittivi Denominazione del museo o della

Dettagli

COMITATO PROMOTORE DEL GRUPPO DI AZIONE LOCALE COLLINE JONICHE QUESTIONARIO E SCHEDA PER LA RACCOLTA PROPOSTE

COMITATO PROMOTORE DEL GRUPPO DI AZIONE LOCALE COLLINE JONICHE QUESTIONARIO E SCHEDA PER LA RACCOLTA PROPOSTE Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali Commissione Europea Regione Puglia COMITATO PROMOTORE DEL GRUPPO DI AZIONE LOCALE COLLINE JONICHE QUESTIONARIO E SCHEDA PER LA RACCOLTA PROPOSTE

Dettagli

bollettino ufficiale della regione autonoma friuli venezia giulia 18 dicembre 2013 51 19

bollettino ufficiale della regione autonoma friuli venezia giulia 18 dicembre 2013 51 19 bollettino ufficiale della regione autonoma friuli venezia giulia 18 dicembre 2013 51 19 13_51_1_DPR_234_1_TESTO Decreto del Presidente della Regione 9 dicembre 2013, n. 0234/Pres. Regolamento recante

Dettagli

ANAGNINA-TOR VERGATA CORRIDOIO DEL TRASPORTO PUBBLICO. 17 settembre 2009. Inaugurazione

ANAGNINA-TOR VERGATA CORRIDOIO DEL TRASPORTO PUBBLICO. 17 settembre 2009. Inaugurazione ANAGNINA-TOR VERGATA CORRIDOIO DEL TRASPORTO PUBBLICO Inaugurazione 17 settembre 2009 Inizio lavori 28 gennaio 2008 Inaugurazione 17 settembre 2009 Importo contrattuale 10.800.000 Stazione appaltante:

Dettagli

PENSIONATI PIACENTINI

PENSIONATI PIACENTINI PENSIONATI PIACENTINI PROGRAMMA AMMINISTRATIVO 2012 1 PENSIONATI PIACENTINI Chi siamo, che cosa vogliamo, con chi lo vogliamo Il Movimento dei Pensionati Piacentini, nato nel 1998, ha l impegno prioritario

Dettagli

Provincia di ModenaProvincia. IL BILANCIO DI GENERE della Provincia di Modena

Provincia di ModenaProvincia. IL BILANCIO DI GENERE della Provincia di Modena Provincia IL BILANCIO DI GENERE della 1 Lo sviluppo delle capacità umane nell attività di Gender Auditing Il ruolo della società e delle istituzioni dovrebbe essere quello di stimolare e promuovere la

Dettagli

ALLEGATO B) COMUNE DI NUORO COMPETENZE DEI SETTORI

ALLEGATO B) COMUNE DI NUORO COMPETENZE DEI SETTORI ALLEGATO B) COMUNE DI NUORO COMPETENZE DEI SETTORI Allegato alla Deliberazione della Giunta Comunale n 265 del 23.12.2003 Uffici di staff al sindaco Gabinetto del Sindaco Programmazione, innovazione e

Dettagli

LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE PATRIMONIALE. Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune

LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE PATRIMONIALE. Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E DOTAZIONE L elevata varietà e complessità di servizi e funzioni

Dettagli

contratto di quartiere II un quartiere ad altezza d uomo

contratto di quartiere II un quartiere ad altezza d uomo città di venaria reale contratto di quartiere II un quartiere ad altezza d uomo obiettivo generale promuovere l integrazione del quartiere con il resto del tessuto urbano attraverso la riqualificazione

Dettagli

8. SEGRATE: PIU TEMPO PER LA FAMIGLIA E I FIGLI

8. SEGRATE: PIU TEMPO PER LA FAMIGLIA E I FIGLI 8. SEGRATE: PIU TEMPO PER LA FAMIGLIA E I FIGLI L impegno sarà quello di promuovere azioni di armonizzazione e conciliazione dei tempi di vita, di lavoro e personali: l obiettivo è offrire un aiuto concreto

Dettagli

LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI. Il rendiconto della gestione Gli indicatori Il patrimonio del Comune

LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI. Il rendiconto della gestione Gli indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI Il rendiconto della gestione Gli indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI L elevata varietà e complessità di servizi e funzioni come

Dettagli

Claudio Masi Direttore Agenzia Milanese Mobilità Ambiente

Claudio Masi Direttore Agenzia Milanese Mobilità Ambiente Intervento Claudio Masi Direttore Agenzia Milanese Mobilità Ambiente Convegno LA GESTIONE DELLA MOBILITA NELLA CITTA METROPOLITANA: PROPOSTE, PROGETTI E RISORSE PER MILANO Sala Conferenze Camera di Commercio

Dettagli

Milano (MI) PII Montecity Rogoredo. Scala 1:20.000

Milano (MI) PII Montecity Rogoredo. Scala 1:20.000 Milano (MI) PII Montecity Rogoredo Scala 1:20.000 Inquadramento territoriale Il Programma Integrato d Intervento interessa un area di circa 1.100.000 mq, collocata nel settore sud est di Milano, attualmente

Dettagli

IL PIANO URBANO DELLA MOBILITÀ SOSTENIBILE (PUMS) LINEE DI INDIRIZZO

IL PIANO URBANO DELLA MOBILITÀ SOSTENIBILE (PUMS) LINEE DI INDIRIZZO IL PIANO URBANO DELLA MOBILITÀ SOSTENIBILE (PUMS) LINEE DI INDIRIZZO Popolazione/Inhabitants 1,800,000 1,700,000 1,600,000 1,500,000 1,400,000 1,300,000 1,200,000 1,100,000 1,000,000 Residenti a Milano

Dettagli

Comune di Serrenti. Dichiarazioni programmatiche del Sindaco Gian Luca Becciu

Comune di Serrenti. Dichiarazioni programmatiche del Sindaco Gian Luca Becciu Comune di Serrenti Provincia del Medio Campidano Dichiarazioni programmatiche del Sindaco Gian Luca Becciu Azioni e progetti da realizzare nel corso del mandato amministrativo 2010-2015 Serrenti, giugno

Dettagli

Programma Elettorale

Programma Elettorale ELEZIONI COMUNALI 2014 CASTRI DI LECCE Programma Elettorale Perché una società vada bene, si muova nel progresso, nell'esaltazione dei valori della famiglia, dello spirito, del bene, dell'amicizia, perché

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

CITTA DI SANTENA TERMINE PER LA CONCLUSIONE DEI PROCEDIMENTI SERVIZI AL CITTADINO E ALLE IMPRESE PROVINCIA DI TORINO ALLEGATO B SCHEDA RELATIVA AI DEI

CITTA DI SANTENA TERMINE PER LA CONCLUSIONE DEI PROCEDIMENTI SERVIZI AL CITTADINO E ALLE IMPRESE PROVINCIA DI TORINO ALLEGATO B SCHEDA RELATIVA AI DEI ALLEGATO B SCHEDA RELATIVA AI PER LA CONCLUSIONE DEI PROCEDIMENTI DEI SERVIZI AL CITTADINO E ALLE IMPRESE URP E TUTTE LE ALTRE UNITA ORGANIZZATIVE DEL COMUNE Visione atti e rilascio di copie atti e provvedimenti:

Dettagli

c. MIGLIORAMENTO ED ESPANSIONE DELLE INFRASTRUTTURE E CON- SEGUENTE VALORIZZAZIONE DEL TERRITORIO

c. MIGLIORAMENTO ED ESPANSIONE DELLE INFRASTRUTTURE E CON- SEGUENTE VALORIZZAZIONE DEL TERRITORIO INFRASTRUTTURE E TERRITORIO Pag. 51 c. MIGLIORAMENTO ED ESPANSIONE DELLE INFRASTRUTTURE E CON- SEGUENTE VALORIZZAZIONE DEL TERRITORIO Quadro di riferimento Le infrastrutture sono lo scheletro del territorio,

Dettagli

ELEZIONI REGIONALI PER LA LOMBARDIA 24-25 FEBBRAIO 2013. www.ioscrivoparolini.it

ELEZIONI REGIONALI PER LA LOMBARDIA 24-25 FEBBRAIO 2013. www.ioscrivoparolini.it ELEZIONI REGIONALI PER LA LOMBARDIA 24-25 FEBBRAIO 2013 www.ioscrivoparolini.it La politica deve aiutare le persone, le famiglie, le associazioni e le imprese a rispondere ai propri bisogni e a crescere,

Dettagli

LA CITTA DEI GIOVANI

LA CITTA DEI GIOVANI LA CITTA DEI GIOVANI Provincia di Cuneo Comune di Bra Area tematica Informagiovani Minori/politiche giovanili/educativa territoriale Cultura/Biblioteca/Scuola di pace Turismo/manifestazioni/Cultura Numero

Dettagli

REPORT WORLD CAFÈ 07 E 14 MARZO 2015

REPORT WORLD CAFÈ 07 E 14 MARZO 2015 REPORT WORLD CAFÈ 07 E 14 MARZO 2015 Facciamo Centro è un percorso partecipativo promosso dal Comune di Reggiolo per costruire con i cittadini una decisione condivisa sulla rigenerazione e sul rilancio

Dettagli

Una laurea: Bah!!! 2/2. Passa un anno e trovi posto nel 53% dei casi. Ti laurei. Se te ne vai all estero, nel 45,4% dei casi non rientrerai

Una laurea: Bah!!! 2/2. Passa un anno e trovi posto nel 53% dei casi. Ti laurei. Se te ne vai all estero, nel 45,4% dei casi non rientrerai Una laurea: Bah!!! Ti laurei Passa un anno e trovi posto nel 53% dei casi Se te ne vai all estero, nel 45,4% dei casi non rientrerai Fonte: Rapporto Almalaurea sull occupazione Una laurea: Bah!!! 1/2 Ma,

Dettagli

LA CITY LOGISTICS MILANESE: MOVE TO EXPO 2015 (E OLTRE )

LA CITY LOGISTICS MILANESE: MOVE TO EXPO 2015 (E OLTRE ) MOBILITY CONFERENCE 2014 LA CITY LOGISTICS MILANESE: MOVE TO EXPO 2015 (E OLTRE ) Maria Berrini AU di AMAT, Agenzia Mobilità Ambiente Territorio, Comune di Milano Accessibilità EXPO Domanda e Ripartizione

Dettagli

L ITALIA riparte con ENERGIA

L ITALIA riparte con ENERGIA L ITALIA riparte con ENERGIA Schema di disegno di legge recante misure per la liberalizzazione del mercato dell energia, per la razionalizzazione dell approvvigionamento, per il risparmio energetico e

Dettagli

L ESPERIENZA DEL COMUNE DI REGGIO EMILIA NELLA DEFINIZIONE DELLE STRATEGIE E SELEZIONE DI INDICATORI

L ESPERIENZA DEL COMUNE DI REGGIO EMILIA NELLA DEFINIZIONE DELLE STRATEGIE E SELEZIONE DI INDICATORI L ESPERIENZA DEL COMUNE DI REGGIO EMILIA NELLA DEFINIZIONE DELLE STRATEGIE E SELEZIONE DI INDICATORI Mauro Bonaretti Direttore generale del Comune di Reggio Emilia IL CICLO DELLE POLITICHE PUBBLICHE BISOGNI

Dettagli

I Patti sulla sicurezza Scheda tecnica informativa a cura di Sergio Bontempelli (Dipartimento Nazionale Immigrazione PRC-SE)

I Patti sulla sicurezza Scheda tecnica informativa a cura di Sergio Bontempelli (Dipartimento Nazionale Immigrazione PRC-SE) 1 I Patti sulla sicurezza Scheda tecnica informativa a cura di Sergio Bontempelli (Dipartimento Nazionale Immigrazione PRC-SE) Come nascono i Patti per la sicurezza La legge finanziaria 2007 (Legge 296/2006,

Dettagli

PROGRAMMA AMMINISTRATIVE 2014

PROGRAMMA AMMINISTRATIVE 2014 PROGRAMMA AMMINISTRATIVE 2014 TERRITORIO Potenziamento delle strutture sul territorio : Realizzazione di progetti ex novo e di ristrutturazione affiancati da richieste di assegnazione di fondi europei,

Dettagli

AZIONI. A88. Incentivi fiscali per i soggetti privati che investano in tecnologie sostenibili.

AZIONI. A88. Incentivi fiscali per i soggetti privati che investano in tecnologie sostenibili. SCENARIO: UNA CITTÀ CONSAPEVOLE DELLA RICADUTA SOCIALE E AMBIENTALE DELLE PROPRIE, SCELTE E STILI DI VITA INDIVIDUALI, E QUINDI A BASSO IMPATTO AMBIENTALE E SOCIALE. CRITICITA' C1 Modello sociale orientato

Dettagli

Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio

Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio Università degli Studi di Firenze - Facoltà di Architettura Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio UNA RETE DI GREENWAYS PER IL TERRITORIO DEL COMUNE DI PRATO: occasioni di riqualificazione

Dettagli

ALLEGATO A AL REGOLAMENTO COMUNALE PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI

ALLEGATO A AL REGOLAMENTO COMUNALE PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI ALLEGATO A AL REGOLAMENTO COMUNALE PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI TIPOLOGIA DESCRIZIONE esemplificativa Limite importo per affid. diretto Limite importo per gara ufficiosa Col.1 Col.2 Col.3

Dettagli

Ateco 2002 Ateco 2007 Dizione Ateco 2007

Ateco 2002 Ateco 2007 Dizione Ateco 2007 Commercio all'ingrosso e al dettaglio e riparazione di autoveicoli e motocicli 50.1 45.1 Commercio di autoveicoli 50.20.5 45.20.9 autolavaggio e altre attività di manutenzione 50.3 45.31.0 commercio all'ingrosso

Dettagli

LINEE PROGRAMMATICHE

LINEE PROGRAMMATICHE LINEE PROGRAMMATICHE SVILUPPO E LAVORO VALORIZZAZIONE AMBIENTE E TURISMO LAVORI PUBBLICI ED URBANISTICA SERVIZI SOCIALI E SANITARI ISTRUZIONE CULTURA E TEMPO LIBERO SERVIZI VARI SVILUPPO E LAVORO Agricoltura,

Dettagli

Note su incontro del 3 dicembre 2014 con il consigliere comunale Maurizio Policastro su PGTU

Note su incontro del 3 dicembre 2014 con il consigliere comunale Maurizio Policastro su PGTU Note su incontro del 3 dicembre 2014 con il consigliere comunale Maurizio Policastro su PGTU (redatto il 4 dicembre 2014) 1 SINTESI... 1 2 IL PGTU... 1 2.1 IL PGTU IN BREVE... 2 2.2 LE 6 AREE DI ROMA...

Dettagli

Regione Lombardia La rivoluzione della concretezza. 4 luglio 2013

Regione Lombardia La rivoluzione della concretezza. 4 luglio 2013 Regione Lombardia La rivoluzione della concretezza 4 luglio 2013 1 I 100 GIORNI IN CIFRE La Lombardia riduce i costi della politica: più di 24 milioni risparmiati La Lombardia del fare: oltre 1,5 miliardi

Dettagli

IL PATTO PER EXPO 2015 GLI IMPEGNI PREVISTI NEL PATTO. inoltre:

IL PATTO PER EXPO 2015 GLI IMPEGNI PREVISTI NEL PATTO. inoltre: IL PATTO PER EXPO 2015 GLI IMPEGNI PREVISTI NEL PATTO Con l adesione al Patto mi impegno a: - Promuovere la cultura autodisciplinare e dell etica di mercato monitorando e garantendo la qualità dei servizi;

Dettagli

GAL IL GAL PRESENTA I BANDI DELLE MISURE 311, 312, 313

GAL IL GAL PRESENTA I BANDI DELLE MISURE 311, 312, 313 GAL IL GAL PRESENTA I BANDI DELLE MISURE 311, 312, 313 BANDO MISURA 311 Diversificazione in attività non agricole La misura 413. 311 viene attivata per favorire la permanenza delle attività agricole laddove

Dettagli

Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005

Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005 Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005 I conti del cittadino: come sono stati spesi i soldi di tutti Ecco le cifre del conto del bilancio 2005 LE ENTRATE ACCERTATE NEL 2005 SONO STATE PARI AD 43.962.251,42

Dettagli

La mappa delle esigenze del territorio

La mappa delle esigenze del territorio La mappa delle esigenze del territorio Settembre - Ottobre 2014 Luoghi di aggregazione Valorizzando strutture già esistenti, serve la creazione di nuovi luoghi di socializzazione e integrazione, per favorire

Dettagli

OBIETTIVI GENERALI DELL ENTE (STRATEGICI)

OBIETTIVI GENERALI DELL ENTE (STRATEGICI) CASO SULL ASSOCIAZIONE OBIETTIVI STRATEGICI E OPERATIVI AGLI INDICATORI DEL COMUNE X Sulla base del programma di mandato il comune X ha individuato le seguenti linee strategiche da seguire nei cinque anni

Dettagli

LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO rese dal Sindaco dott. Mario Battistuta nella seduta del 6 luglio 2011

LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO rese dal Sindaco dott. Mario Battistuta nella seduta del 6 luglio 2011 LINEE PROGRAMMATICHE DI GOVERNO rese dal Sindaco dott. Mario Battistuta nella seduta del 6 luglio 2011 Il sociale continuare l'associazione con gli altri Comuni del Distretto di Codroipo; sostenere l'operato

Dettagli

PROGRAMMA ELETTORALE AMMINISTRATIVE 2014

PROGRAMMA ELETTORALE AMMINISTRATIVE 2014 PROGRAMMA ELETTORALE AMMINISTRATIVE 2014 Linee guida, criteri e principi ispiratori della lista N. 2 per le elezioni amministrative 25.05.2014 SOMMARIO: PREMESSA LINEE PROGRAMMATICHE CONCLUSIONI PREMESSA

Dettagli

Ateco 2002 Ateco 2007 Dizione Ateco 2007

Ateco 2002 Ateco 2007 Dizione Ateco 2007 Commercio all'ingrosso e al dettaglio e riparazione di autoveicoli e motocicli 50.1 45.1 Commercio di autoveicoli 50.20.5 45.20.9 autolavaggio e altre attività di manutenzione 50.3 45.31.0 commercio all'ingrosso

Dettagli

DALLA PROGRAMMAZIONE ALLA GESTIONE DELLE STRUTTURE PER LA SOSTA: L ESPERIENZA DI TORINO

DALLA PROGRAMMAZIONE ALLA GESTIONE DELLE STRUTTURE PER LA SOSTA: L ESPERIENZA DI TORINO DALLA PROGRAMMAZIONE ALLA GESTIONE DELLE STRUTTURE PER LA SOSTA: 1 INTRODUZIONE In tutte le grandi città italiane e del mondo il problema della circolazione degli autoveicoli e tutti i disagi ad esso connessi,

Dettagli

Non profit e cultura: stato dell arte. Alcuni dati di scenario. Daria Broglio Istituto per la ricerca sociale

Non profit e cultura: stato dell arte. Alcuni dati di scenario. Daria Broglio Istituto per la ricerca sociale Non profit e cultura: stato dell arte. Alcuni dati di scenario Daria Broglio Istituto per la ricerca sociale Primi dati di scenario: Il valore aggiunto del Sistema Produttivo Culturale Il perimetro del

Dettagli

L intervento a scala di quartiere: aspetti progettuali e di finanziabilità

L intervento a scala di quartiere: aspetti progettuali e di finanziabilità L intervento a scala di quartiere: aspetti progettuali e di finanziabilità Anna Maria Pozzo Direttore tecnico di Federcasa Premessa L efficienza energetica é una esigenza e una opportunità che va anche

Dettagli

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 La valigia delle idee Progetti e percorsi formativi per gli studenti delle scuole dell infanzia, primarie e secondarie di primo grado di Sesto Fiorentino 1

Dettagli

INIZIATIVA COMUNITARIA URBAN

INIZIATIVA COMUNITARIA URBAN INIZIATIVA COMUNITARIA URBAN 1 IL PROGRAMMA URBAN DI PALERMO Area di intervento: Mandamenti Tribunale e Castellamare del centro storico Estensione: Popolazione: 112 ettari 11.000 ab. 2 1 Il contesto politico

Dettagli

Materiali didattici «Smart City» FIRENZE SMART CITY. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Materiali didattici «Smart City» FIRENZE SMART CITY. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Materiali didattici «Smart City» GREEN JOBS Formazione e Orientamento INTRODUZIONE Firenze conquista la terza posizione grazie in particolare all ottima performance in termini di governance e una forte

Dettagli

SINTESI DEL PROGETTO

SINTESI DEL PROGETTO Ministero dell Economia e delle Finanze Ministero per i Beni e le Attività Culturali Società di Cultura La Biennale di Venezia ALLEGATO I PROGETTO PER LA PROMOZIONE E DIFFUSIONE DELL ARTE CONTEMPORANEA

Dettagli

Turismo innovativo - Valorizzazione dell attrattività del territorio

Turismo innovativo - Valorizzazione dell attrattività del territorio ESTRATTO Turismo innovativo - Valorizzazione dell attrattività del territorio Como, 8 maggio 2009 Documentazione distribuita in occasione della 7ma Giornata dell Economia - Como 8 maggio 2009 Chiostro

Dettagli

PREMESSA. Il programma individua tre linee di indirizzo:

PREMESSA. Il programma individua tre linee di indirizzo: PREMESSA Gli eventi traumatici e l'instabilità amministrativa che hanno dolorosamente segnato gli ultimi quaranta anni della nostra città hanno disperso le già labili tracce della sua tradizione comunale

Dettagli