lavoro Canicola Libera circolazione pagina 11 4 Proteggere la propria salute Prossimo numero: 19 luglio 2012 Più dolori che gioie

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "lavoro Canicola Libera circolazione pagina 11 4 Proteggere la propria salute Prossimo numero: 19 luglio 2012 Più dolori che gioie"

Transcript

1 lavoro Giornale dell Organizzazione cristiano-sociale ticinese 5 luglio Anno LXVII - N.11 - CHF G.A.A Lugano Prossimo numero: 19 luglio 2012 pagina 2 Libera circolazione Più dolori che gioie pagina 3 Padronato Si apra alla contrattazione pagina 7 Docenti Concretizziamo le rivendicazioni! pagina 11 Valora La delegazione ticinese non ci sta pagina 11 4 Canicola Proteggere la propria salute Redazione Il Lavoro - Via Balestra Lugano Tel Fax

2 Sindacato Attualità 2 5 luglio 2012 il Lavoro Libera circolazione Più dolori che gioie RENATO RICCIARDI Q ueste note di commento non possono rendere adeguatamente ragione del lavoro molto importante svolto dal team dell Uicio di statistica che ha presentato mercoledì 27 giugno uno studio sull impatto della libera circolazione sul mercato del lavoro svizzero e ticinese. Veramente interessante in particolare la metodologia utilizzata che ha permesso, finalmente, di misurare scientificamente che le regioni di confine, e in particolare il Ticino, hanno subito eetti negativi sui livelli occupazionale e salariale, a seguito dell abolizione, nel 2004, della priorità di assunzione dei lavoratori indigeni. La semplice constatazione della crescita del numero di occupati ha finora portato a delle valutazioni politiche fuorvianti sull impatto della libera circolazione sul mercato del lavoro svizzero. L esame dei risultati dello studio permette di concludere quanto il sindacato aveva già percepito dall esperienza, e cioè che, per parafrasare il titolo della ricerca, i dolori sono ben maggiori delle gioie. Le regioni di confine hanno perso, dal 2001 al 2005, oltre posti di lavoro, pari all 1,5 per cento. L impatto sui posti di lavoro occupati dalle donne e dagli uomini svizzeri è stato forte, dimostrando l eetto di sostituzione esercitato dalla manodopera frontaliera. In crescita solo l occupazione delle donne straniere. In sostanza trova più facilmente un impiego chi è disposto ad accettare un salario inferiore, facendo il gioco di chi specula a loro spese. L impatto sui salari è, a dierenza dell occupazione, regionalizzabile e consente di evidenziare alcuni aspetti importanti per il Ticino. In questo caso sono stati messi a confronto i dati dai quali risulta che a fronte di uno 0,8 per cento di crescita generale in Svizzera, in Ticino si è registrata una perdita salariale di quasi il 2 per cento. Gli eetti negativi della concorrenza dei lavoratori frontalieri sono percepibili per le categorie la cui sostituzione avviene a tutti i livelli, in particolare i giovani, i lavoratori con qualifiche medie e per posti senza funzioni di quadro. I dati confermano quanto il sindacato OCST ha più volte denunciato: la situazione degenerata che coinvolge sempre più il settore terziario. Questa è la situazione fotografata nel 2006; è ragionevole immaginare che le cose non siano migliorate con il passare degli anni e l introduzione delle successive misure di deregolamentazione. Nostra opinione è che questo studio merita altri approfondimenti. Compito del sindacato e della politica è ora quello di continuare a premere ainché le autorità e i datori di lavoro siano consapevoli della situazione di particolare esposizione del Ticino agli eetti della libera circolazione delle persone e della necessità stringente di potenziare e rendere eicaci le misure di accompagnamento. Proprio in queste settimane nelle quali si è parlato di contratti collettivi di lavoro e salari minimi per combattere gli abusi, l OCST ribadisce la necessità che tutti i partner si assumano le proprie responsabilità, tralasciando sterili e inconcludenti polemiche, come quelle cui abbiamo assistito dopo la giornata di manifestazione nel settore industriale dello scorso 5 giugno. Ricordiamo che la riduzione dei salari e delle possibilità occupazionali dei lavoratori indigeni impoveriscono le famiglie e, di conseguenza, il nostro Cantone. Prestazioni complementari AVS e AI Per un attenuazione degli eetti soglia e per una diversa considerazione della sostanza nelle zone periferiche GIANNI GUIDICELLI T utte le persone (a partire dai 64 anni per le donne e 65 anni per gli uomini) possono beneficiare di prestazioni complementari all AVS, se adempiono le condizioni previste dalla legge. Queste prestazioni assicurano un minimo vitale per vivere in modo dignitoso. Le stesse prestazioni vengono riconosciute ai beneficiari di rendite AI. Secondo i dati da me assunti, risulta che oggi i beneficiari di PC in Ticino sono , di cui in AI, in AVS. La ripartizione svizzeri-stranieri segnala che i primi sono , i secondi Nel Cantone Ticino, nella situazione attuale, i pensionati che non raggiungono il reddito minimo fissato dalla legge sull assistenza sociale (LAS) possono beneficiare delle prestazioni complementari (PC) previste dalla legge federale che, oltre ad una rendita completiva mensile, garantiscono il pagamento integrale del premio per l assicurazione malattia obbligatoria, il rimborso integrale delle spese di cura, compresi i trattamenti dentistici, l esenzione del pagamento della Billag (Fr. 462) oltre ad altre misure (art. 20 LAS). Inoltre, queste prestazioni complementari non sono imponibili fiscalmente. Si tratta quindi di un sistema di copertura sociale molto importante che però produce un eetto soglia significativo in quanto il versamento della prestazione dipende in stretta misura dalla situazione economica dell avente diritto: chi non rientra nei limiti definiti dalle PC, anche per solo poche decine di franchi, perde totalmente il diritto a tutto quanto indicato in precedenza. Gli anziani che vivono maggiori diicoltà sono quelli che si trovano di poco al di sopra della soglia che dà diritto alle PC. Esiste poi una tipologia di anziani, generalmente residenti nelle zone periferiche, che non possono beneficiare delle PC poiché in sede di valutazione del diritto viene considerata anche la sostanza (abitazione primaria o beni immobiliari, quali terreni o rustici, spesso ricevuti in eredità, privi di ipoteca e con scarso valore commerciale). Queste situazioni, come detto, sono abbastanza diuse nelle zone periferiche e nelle nostre valli generando situazioni di disagio che meritano di essere valutate in modo approfondito. Facendo uso delle facoltà previste dall art. 101 della Legge sul Gran Consiglio e sui rapporti con il Consiglio di Stato il sottoscritto deputato chiede - nella forma della mozione - al Consiglio di Stato di valutare: 1. l introduzione di prestazioni complementari cantonali, allo scopo di attenuare gli eetti soglia per quella tipologia di popolazione anziana privata per pochi franchi dal diritto PC previste dalla legge federale. Si chiede altresì di analizzare le conseguenze per i gruppi di persone che beneficiano di aiuti o che dovrebbero beneficiarne ma che vi sfuggono per gli eetti soglia, nonché le ripercussioni finanziarie dei diversi modelli di aiuti. Si osserva che forme diverse di prestazioni complementari cantonali sono già state introdotte nei cantoni di Ginevra, Zurigo e Basilea; 2. un cambiamento della LAS (art. 22, cpv. 2) allo scopo di modificare il sistema di computo della sostanza soprattutto nelle zone periferiche (oggi considerata interamente e senza dierenziazioni a partire da fr. per l abitazione primaria) per non privare di aiuti quelle persone anziane che hanno entrate limitate, ma che vengono escluse dal diritto alla PC perché proprietarie di un bene immobiliare di scarso valore commerciale.

3 5 luglio 2012 il Lavoro Sindacato Attualità 3 Le associazioni padronali contro i contratti collettivi e normali Se non vuole imposizioni il padronato si apra alla contrattazione Articolo pubblicato sul Corriere del Ticino di oggi, 5 luglio 2012 MEINRADO ROBBIANI* L a Commissione tripartita, incaricata di applicare le misure di accompagnamento alla libera circolazione, ha recentemente pubblicato sul Foglio uiciale un progetto di contratto normale che, qualora l iter si concluda positivamente, introdurrebbe in tre rami industriali un salario minimo obbligatorio per il personale non qualificato. Il passo adottato dalla Commissione ha fatto immediatamente da detonatore a due prese di posizione convergenti, che provengono dai ranghi padronali. Franco Ambrosetti, presidente della Camera di Commercio, prende di mira i rappresentanti dello Stato nella Commissione tripartita e più in generale lo Stato stesso, accusandolo di essere schierato con i sindacati e di venire conseguentemente meno al suo ruolo di mediatore. L Associazione industrie ticinesi, congiuntamente all associazione Farma Industria Ticino, preannuncia da parte sua una opposizione netta ai contratti normali, la cui adozione definitiva è di competenza del Consiglio di Stato. Una palpabile incoerenza Attribuire allo Stato una posizione di faziosa vicinanza ai sindacati è un addebito che si rivela visibilmente privo di fondamento. L introduzione di salari minimi obbligatori, promulgati d uicio dal governo, rientra tra i provvedimenti fissati dalla legislazione per proteggere i livelli retributivi contro le possibili ricadute della libera circolazione. Laddove - come è stato il caso in alcuni rami industriali - si riscontrino situazioni abusive ed una pressione indebita sui salari è un preciso compito dello Stato di intervenire. Per lo Stato non si tratta perciò di schierarsi o meno a fianco dei sindacati. Si tratta al contrario di porsi, come è suo compito, a tutela di salari minimamente decorosi. La reazione del padronato stupisce però soprattutto per un secondo aspetto, che gli si ritorce tangibilmente contro. Se lo Stato interviene promulgando salari minimi è per il motivo che le parti sociali (associazioni padronali e sindacati) non hanno regolato loro stesse le condizioni di lavoro. Lo Stato assume cioè un ruolo di supplenza delle parti sociali con un intervento che interpella la loro stessa responsabilità. Invece di prendersela con lo Stato occorrerebbe perciò che le associazioni padronali assumano, più di quanto è oggi il caso, il compito di negoziare con i sindacati le condizioni di lavoro nei diversi rami professionali, evitando allo Stato di dovere fare le veci delle parti sociali. Lo strumento del contratto collettivo Si tratta concretamente di favorire l adozione di contratti collettivi di lavoro. Il contratto collettivo di lavoro, che consente del resto di considerare le particolarità di ogni impresa o ramo professionale, è lo strumento più adeguato e eicace per regolare le condizioni minime di lavoro. Ma non solo. Pone solide fondamenta a relazioni di organica collaborazione tra datori di lavoro e sindacati. Questa duplice funzione fa del contratto collettivo un perno centrale del nostro ordinamento, che è ampiamente innestato sul dialogo, ed un punto di forza per lo sviluppo stesso dell economia. Il contratto collettivo è cioè lo strumento primario di regolazione delle condizioni di lavoro e dei rapporti tra imprese e sindacati. Ogni intervento dello Stato per supplire a carenze di capacità regolativa delle parti sociali evidenzia perciò un vuoto che padronato e sindacati devono sapere colmare. I contratti normali, emanati d uicio dall autorità, sono un surrogato al quale ricorrere in casi particolari. Lo strumento prioritario e più autentico di regolazione delle condizioni di lavoro deve rimanere il contratto collettivo quale espressione diretta della volontà e della responsabilità delle parti sociali. Un nuovo ruolo per le parti sociali La libera circolazione ha sovvertito radicalmente le regole che governano il mercato del lavoro. Ha in particolare abolito il ruolo cruciale esercitato in passato dall autorità, che aveva la competenza di bloccare le entrate di manodopera estera se costatava la presenza di personale disoccupato o se non venivano accordate condizioni di lavoro e retributive usuali. Caduto questo filtro esercitato «dall alto» dall autorità preposta al mercato del lavoro, la salvaguardia di un suo funzionamento armonioso ricade direttamente sulle imprese e sulle parti sociali. La libera circolazione ha in tal modo caricato sulle associazioni padronali e sulle organizzazioni sindacali una corposa e inedita responsabilità. Le prese di posizione del padronato sono purtroppo il sintomo di una insuiciente percezione della più ampia funzione della quale devono oggi farsi carico le parti sociali. Le lamentele verso lo Stato sono fuori tiro. Spetta al padronato stesso aggregare e rappresentare i diversi rami dell economia, entrando in dialogo con i sindacati allo scopo di regolare le condizioni di lavoro come pure di preservare un andamento ordinato del mercato del lavoro. Aprirsi ad un autentico dialogo sociale La reazione dell AITI è da questo profilo indicativa di una carente consapevolezza del nuovo grado di responsabilità che cala sul padronato e sulle parti sociali. Si fa segnatamente paladina della contrarietà dell industria farmaceutica verso l introduzione di un salario minimo quando sarebbe più lungimirante e fruttuoso sollecitare l associazione del ramo a dimostrarsi finalmente disponibile ad una regolamentazione delle condizioni di lavoro attraverso un contratto collettivo di lavoro. Diicile però attendersi un simile passo quando i piani alti dell AITI si sono recentemente dichiarati contrari, finché l associazione avrà fiato, all estensione dei contratti collettivi. Perdurasse questo atteggiamento, che è in aperta contraddizione con le esigenze di regolazione poste dal nuovo contesto di libera circolazione, ci si deve preparare, contrariamente a quanto auspicato dal padronato stesso, ad un ondata ulteriore di salari imposti dal governo cantonale. Non si meravigli perciò la Camera di Commercio, peraltro tradizionalmente più aperta alla collaborazione tra le parti sociali rispetto all associazione consorella, se dovrà assistere a ulteriori interventi coercitivi dello Stato. Né si stupisca se lo Stato, per arginare i casi di deriva salariale, tornerà a schierarsi con i sindacati. Invece di lagnarsene, si faccia promotrice attiva, possibilmente aiancata dall AITI, di un raorzamento del dialogo con i sindacati per una gestione più diusa ed eicace del mercato del lavoro. *Segretario cantonale OCST

4 4 Sindacato Attualità 5 luglio 2012 il Lavoro Protezione dei lavoratori Canicola e ozono: proteggere la propria salute D a quasi una decina d anni, il Gruppo Operativo Salute e Ambiente (GaSA) istituito dal Dipartimento cantonale della Sanità e della Socialità lancia l allarme canicola e, in certe zone del cantone, l allarme ozono. Una prolungata esposizione a caldo e ozono può infatti provocare seri problemi di salute come il disturbo del sistema di termoregolazione di anziani e neonati o generare malori a persone che assumono regolarmente medicamenti anti-ipertensivi e psicofarmaci. In settori di attività particolarmente condizionati dagli eetti negativi della canicola/ozono, ritenuto che lo sforzo fisico e l esposizione alla calura sono molto elevati (pavimentazioni stradali), si è deciso di dotarsi uno strumento contrattuale eicace a tutela della salute dei lavoratori. Allarme canicola Il GaSA eettua un costante monitoraggio della situazione meteorologica e, in particolare, dell evoluzione dell indice di calore in collaborazione con Meteosvizzera - Locarno Monti. L indice di calore elaborato da Meteosvizzera - Locarno Monti tiene conto della temperatura e dell umidità relativa dell aria. Il periodo di canicola viene annunciato quanto è previsto un superamento per almeno 3 giorni consecutivi dell indice di calore 90. Il periodo di canicola è comunicato tramite i principali media consultando il sito GOSA. Quando il caldo è pericoloso? la temperatura esterna supera i gradi l alta umidità impedisce la regolare sudorazione la temperatura in casa è superiore a quella esterna (locali poco ventilati, tetti e solai non ben isolati). Chi sono le persone a rischio? Tutta la popolazione può sorire per le conseguenze del caldo. Vi sono però persone a maggior rischio: anziani (più di 65 anni), neonati e bambini piccoli, gestanti, persone aette da disturbi psichici o con ridotte capacità cognitive, persone aette da malattie circolatorie, compresa l ipertensione. Consigli pratici validi per tutti chiudere le finestre durante il giorno e arieggiare la notte appena la temperatura esterna lo consente bere più liquidi (in particolare acqua) non aspettando di avere sete per bere prendere pasti leggeri portare vestiti ampi, chiari e leggeri, cappello stare in casa o in zone fresche e, se possibile, in ambienti condizionati nelle ore di maggiore insolazione ( ) evitare intense attività all esterno nelle ore di maggiore insolazione (per esempio rinviare le competizioni sportive, riorganizzare il lavoro) Consigli per le persone a rischio fare docce e bagni extra far bere molto e spesso i bambini e gli anziani consultare il medico o il farmacista se si prendono medicinali avvisare vicini o i servizi sociali se si deve passare un periodo da soli se si prendono anti-ipertensivi e/o psicofarmaci consultare il medico o il farmacista. Pavimentazioni stradali In caso di allarme ozono e/o canicola decretato dal DSS devono essere adottati i seguenti provvedimenti: anticipare i lavori pesanti al mattino garantire al personale un ottimale approvvigionamento d acqua anticipare l inizio del lavoro alle ore 6.00 sospendere il lavoro al più tardi alle ore 13.00, o non iniziare l attività lavorativa sul cantiere l impresa formulerà alla CPC una proposta per il recupero delle ore tenuto conto, della disponibilita di ore flessibili, o di un prolungamento della durata giornaliera di lavoro o settimanale, nel limite di quanto previsto dall art. 18 CCL, o attraverso il recupero al sabato il recupero delle ore perse per canicola di sabato non da diritto a supplementi le richieste di recupero ore perse per «ozono e/o canicola» devono essere debitamente documentate ( elenco del personale interessato/cantieri per i quali si chiede il recupero/giornaliere di cantiere ). Trattasi di disposizioni contrattuali obbligatorie. Vedi art. 28 CCL-TI pavimentazioni stradali. Edilizia principale Per compensare la perdita di liquidi: bere regolarrnente per compensare le perdite di liquidi provocate dalla traspirazione bere in quantità suiciente, vale a dire più litri al giorno in caso di lavori da me- diamente a molto pesanti rinunciare sistematicamente a bere alcool consumare pasti leggeri, soprattutto frutta e verdura Per proteggersi dai raggi solari: portare vestiti leggeri che proteggono dai raggi del sole ed evitano le ferite. Fare attenzione ainché essi permettano comunque al sudore di evaporare (per esempio T-shirt o camicia). scegliere tessuti con un elevato grado di protezione UV. utilizzare una crema solare con un fattore di protezione elevato (minimo 15) per proteggere dai raggi UV la pelle non coperta dagli indumenti. applicare la crema prima della esposizione al sole e ripetere l operazione più volte al giorno. mettere burro cacao sulle labbra più volte al giorno per evitare che si secchino e si screpolino. portare occhiali di protezione con lenti colorate. in caso di esposizione diretta ai raggi del sole, proteggersi la testa. a causa del rischio di incidenti è comunque obbligatorio portare il casco anche nei giorni di canicola. durante le pause, mettersi sempre, se possibile, in zone d ombra. rinfrescarsi la testa e le braccia con acqua. Trattasi di una raccomandazione condivisa con gli impresari costruttori e riassunta in una circolare della Commissione paritetica cantonale di Bellinzona. Ai datori di lavoro e ai quadri d impresa si raccomanda inoltre di: anticipare l inizio dei lavori il mattino, compatibilmente alle norme comunali vigenti in materia. se possibile, organizzare il lavoro in modo che le attività all aperto vengano svolte al mattino. concedere pause a intervalli regolari al personale, se possibile sempre all ombra. verificare che i lavoratori indossino indumenti idonei alla protezione dai raggi del sole e alle ferite. mettere a disposizione di tutti i lavoratori crema solare, burro cacao e acqua fresca.

5 5 luglio 2012 il Lavoro Edilizia principale Non vendete lucciole per lanterne Sindacato Edilizia 5 EDILIO L a Società svizzera impresari costruttori, sede centrale di Zurigo, ha recentemente pubblicato i dati salariali relativi al proprio settore di attività. Dati statistici che, anche a volere essere maliziosi, non possono essere confutati nella misura in cui sono stati rilevati dalle imprese sulla base di un indagine corretta e documentata. Non ci permettiamo nemmeno di dubitare circa l attendibilità statistica del documento. Non troverete in queste colonne teoremi «agro-alimentari» volti a dimostrare aritmeticamente che «dinnanzi a quattro persone e quattro polli, ogni persona si sia mangiato un pollo intero a testa». È la chiave di lettura, in questo frangente, che ha attirato la nostra attenzione. E, in particolare, la sottolineatura del concetto «gli impresari costruttori pagano bene i propri collaboratori, più di altri artigiani». Potremmo subito ribadire, e comprovare, che la media dei salari eettivi in altri settori professionali dell artigianato di cantiere si lasciano comunque guardare (ad esempio, nel settore delle piastrelle la media al netto della tredicesima e delle indennità dista poche decine di franchi dai salari dei muratori ticinesi). Il Contratto nazionale mantello prevede una suddivisione in tre aree geografiche. Per ogni AlpTransit Aperto il dialogo sul cantiere di Sigirino ROBERTO CEFIS I l 15 maggio scorso i sindacati avevano denunciato a mezzo stampa l anomalia del cantiere AlpTransit di Sigirino nel quale il Consorzio Condotte Cossi punta costantemente al ribasso sulle condizioni oerte ai lavoratori e si dimentica delle consuetudini consolidate negli altri cantieri in sotterranea. Prova ne sia che, inaudito per un appalto pubblico, si sia dovuto arontare un licenziamento collettivo dopo un anno di attività. Non essendo considerati partner contrattuali nella costruzione dell opera, i sindacati non avevano finora avuto la possibilità di confrontarsi direttamente con la direzione AlpTransit: le problematiche dovevano essere sottoposte alla Commissione paritetica nazionale e alla Suva. Il 26 giugno scorso per la prima volta si è svolto un incontro fra sindacati e direzione di area sono stabiliti salari minimi per ogni singola categoria. Bisogna quindi precisare che in Ticino i salari minimi sono inferiori rispetto ad altre aree della Svizzera. È come sostenere che, il muratore ticinese guadagna di meno rispetto al muratore basilese perché «suda di meno, lavora peggio e produce di conseguenza»? Il messaggio veicolato dalla SSIC-CH è sostanzialmente contraddistinto dal tentativo di dimostrare che «i nostri lavoratori li trattiamo bene». Ma questo non significa che siccome la categoria dei muratori è meglio pagata di altre, i sindacati debbano indirizzare le loro attenzioni altrove. Per non scadere nella propaganda associativa fine a se stessa, avremmo comunque gradito dalla SSIC-CH altri spunti di riflessione. Si dica ad esempio che il settore edile nazionale si è dotato di un concreto modello di pensionamento anticipato. Si ammetta, senza arrossire, che malgrado la presenza sui cantieri della metà della manodopera rispetto a 10 anni orsono si produce molto di più. In definitiva, la si smetta di categorizzare ogni singolo lavoratore in base solo al reddito: i muratori, da Chiasso a Basilea, si meritano ogni centesimo della propria busta paga! E se esistono categorie di strapagati, quelli sono i top manager, rispetto ai quali un muratore deve lavorare 170 anni per guadagnare quanto loro in un anno. AlpTransit, voluto dalla direzione stessa, durante il quale i sindacati hanno potuto esporre in modo aperto e chiaro le varie problematiche e fornire ai responsabili una visione diversa dell opera. L incontro di cui sopra ha portato ad un altro incontro avvenuto in data 28 giugno, cui hanno presenziato i sindacati e i quadri di Condotte Acque Spa di Roma, durante il quale si sono gettate delle basi per un maggiore controllo dal punto di vista della sicurezza, della gestione del personale e della comunicazione tra le parti. Si è già fissata una nuova data per il prossimo incontro (6 luglio) durante il quale si comincerà ad entrare nel dettaglio delle diverse tematiche. Visto e considerata l apertura, auspichiamo che in tempi molto brevi si possano sanare le situazioni più preoccupanti sul cantiere di Sigirino per permettere ai lavoratori di operare in tranquillità, senza pressioni e paure. Concorso assunzione ispettore di cantiere La Commissione Paritetica Cantonale dell Edilizia e Rami Aini, Bellinzona cerca subito o data da convenire UN ISPETTORE DI CANTIERE Si richiede - Età tra i 30 e i 45 anni - Cittadinanza Svizzera o domiciliati - Impiego dal martedì al sabato - Disponibilità a picchetti o interventi fuori orario - Attestato federale di capacità in ambito tecnico, preferibilmente settori edili - L esperienza in ambiente di cantiere o settori equivalenti costituirà titolo preferenziale - Buone conoscenze delle lingue nazionali (tedesco in particolare, inglese costituisce titolo preferenziale) - Buone conoscenze PC (MS Oice) e capacità redazionali - Sana costituzione e personalità forte - Patente di guida - Attitudine al lavoro indipendente, autonomia, flessibilità e dinamicità - Spiccate doti organizzative e relazionali Attività da svolgere - Verifica del rispetto dei contratti collettivi di lavoro sui luoghi di lavoro in tutto il Canton Ticino - Verifica delle condizioni di lavoro - Redazione di rapporti di constatazione Si ore - Un attività indipendente e stimolante - Formazione interna - Retribuzione adeguata alle capacità e prestazioni sociali avanzate - Team giovane e dinamico La candidatura completa con curriculum vitae, certificati di studio e professionali, certificato di buona salute, dichiarazione UEF ed estratto del casellario giudiziale è da inviare entro a: Commissione Paritetica Cantonale Edilizia e Rami Aini, «Concorso Ispettore», Casella postale 1220, 6501 Bellinzona

6 Sindacato Sanità 6 5 luglio 2012 il Lavoro Istituzioni sociali Un importantissima riforma contrattuale ICM Integrazione nell EOC CARLO VANONI RENATO RICCIARDI I l rinnovo del Ccl del personale delle Istituzioni sociali è a un bivio. Dopo una lunga fase di discussione con le direzioni delle IS lo scorso 14 giugno si è tenuto a Bellinzona un incontro con la divisione dell azione sociale e delle famiglie del Dss per un primo scambio di valutazioni sull impatto finanziario che potrebbero avere le richieste di modifica del Ccl. Dal canto suo il capo della divisione Claudio Blotti e i suoi collaboratori hanno indicato quali saranno gli aumenti di spesa nei prossimi anni a seguito della maggior oerta di posti in favore delle persone invalide e nelle strutture per minorenni (4 milioni all anno per il settore invalidi e 1,2 milioni per i minorenni e le famiglie). Le parti si sono lasciate con l impegno di procedere al calcolo del maggior costo delle misure stabilendo delle priorità. L OCST aveva convocato il personale in assemblea lo scorso 13 giugno per discutere il risultato di questa prima fase di trattativa. Il personale ha condiviso l impostazione della riforma del contratto indirizzata ad una maggiore equità tra le categorie professionali: vacanze, ore di lavoro, salari. Il personale socioeducativo e quello attivo in strutture dove si lavora a turni e dove il servizio di picchetto è importante hanno tuttavia ribadito che occorrerà prestare la massima attenzione nel limitare gli eetti negativi in particolare del diritto alle vacanze per gli educatori impegnati nei turni a diretto contatto con gli utenti dei foyer. Dunque si tratterà, d intesa con le direzioni e il Dss, di trovare il giusto equilibrio per rinnovare senza compromettere eccessivamente quanto finora acquisito. Rimane la minacciosa spada di Damocle di eventuali misure di risparmio che potrebbe decidere il Consiglio di Stato. Il sindacato si impegnerà per costruire il consenso necessario per portare in porto questa importantissima riforma contrattuale. Per quanto riguarda invece la cassa pensione ed in particolare la rendita ponte per consentire un pensionamento anticipato sostenibile per il personale, i sindacati e l Associazione delle IS hanno inviato una lettera al direttore del DSS Paolo Beltraminelli chiedendo un incontro di approfondimento. cantonale di microbiologia (ICM) di Bellinzona sarà integrato L istituto nell Ente ospedaliero cantonale (EOC) a partire dal 1. gennaio Fondato nel 1964, è il centro cantonale di competenza per la microbiologia clinica e generale, l epidemiologia e l ecologia microbica, ed è il principale centro nel quale vengono eseguite analisi cliniche e veterinarie di routine per gli ospedali dell EOC. L integrazione nell Ente dell attività di analisi di routine è la naturale conseguenza di questa stretta relazione. Questo progetto ore interessanti prospettive di ottimizzazione delle risorse e dei costi dal momento che saranno create interessanti sinergie. Si calcola un risparmio per il Cantone di circa 1,8 mio di franchi all anno. Ci sono notizie rassicuranti anche per i 47 dipendenti dei laboratori. Alcuni infatti rimarranno alle dipendenze dell Amministrazione cantonale per garantire i compiti pubblici attualmente svolti dall ICM (igiene ospedaliero, epidemiologia, centro per la legionella, ecc...). Gli altri potranno fare invece riferimento al contratto collettivo dell EOC e avranno anche la possibilità di richiedere un trasferimento del luogo di lavoro. L'OCST sta seguendo con attenzione l'evolversi del processo di riorganizzazione e vigila ainché i diritti del personale siano garantiti. Redazionale VUOI TRASLOCARE? ECCO UN PARTNER AFFIDABILE! di due professionisti che hanno lo stesso metodo di lavoro, L incontro la stessa cura del cliente e voglia di creare un modello di business nuovo, appagante, che, supportato da prezzi competitivi e da una qualità senza eguali, fornisca una visione nuova del mondo dei traslochi. Nasce così la società Neki Trade 360 ed il sito internet Società nuova, ma professionisti da ormai 10 anni in questo settore che lasciano da parte i vecchi trucchetti classici di questo mondo e che fanno della qualità del servizio, della trasparenza dei prezzi e della massima disponibilità verso il cliente la loro arma vincente. Un azienda che prova ad imporsi nel panorama Ticinese e Svizzero con una serie di servizi unici collegati ai traslochi sia nazionali che internazionali che vanno dalla modifica dei mobili, agli imballi, allo sgombero, alla pulizia, all imbiancatura e più in generale ad ogni esigenza del cliente(arredi su misura) per avere così un unico interlocutore. A volte quindi la scelta del fai-da-te non è sicuramente la più vantaggiosa in quanto amici, aitti di furgoni ed il proprio tempo perso alla fine dei conti portano ad un piccolo risparmio rispetto alla fatica accumulata. Aidarsi inoltre a dei professionisti garantisce oltre ad una copertura assicurativa sempre compresa nel prezzo il pieno rispetto delle leggi sia per la circolazione (furgoni «fuori peso» che devono scaricare gli arredi presso dei depositi di polizia) sia del condominio che a volte vieta l uso degli ascensori per il trasloco (un lift esterno è sicuramente la soluzione più comoda) sia per le disposizioni doganali per i traslochi internazionali (dazi e multe molto salate). Aidarsi a dei professionisti conviene sempre in quanto dei mobili danneggiati o peggio rotti non torneranno più come prima. Fino ad oggi tanti privati e tante aziende hanno usufruito dei servizi di Traslochiamo. ch e ne sono rimasti molto soddisfatti soprattutto in situazioni di emergenza dove altri non erano riusciti. Un azienda sulla quale si può contare sempre e che saprà sempre come aiutarti. PROFESSIONALITÀ STRUMENTI ALL'AVANGUARDIA PREZZO CONCORRENZIALE Via Zurigo Lugano Tel Tel Fax

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere 2.09 Contributi Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Questo promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

Contratto normale di lavoro per il personale di vendita al dettaglio (di seguito CNLV)

Contratto normale di lavoro per il personale di vendita al dettaglio (di seguito CNLV) 1 Estratto dal Foglio ufficiale n. 50 del 22 giugno 2001 e no. 27 del 4 aprile 2003 (Testo unico aggiornato al 1. gennaio 2015, FU 101/2014 del 19.12.2014) Contratto normale di lavoro per il personale

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale obbligatoria (LPP) in Svizzera Stato gennaio 2015 Sommario Il 2 pilastro nel sistema previdenziale svizzero 3 Obbligo

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità

6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità 6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Le donne che esercitano un attività lucrativa hanno diritto all indennità di maternità

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti 2 Questo opuscolo La informa sulla Sua situazione assicurativa spiegandole se e in che misura Lei è coperto

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015 PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015 A seguito delle riunioni con le strutture regionali, sono state approfondite le tematiche relative al rinnovo

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

Direzione scolastica congiunta per gli istituti scolastici di Medio Malcantone, Croglio Monteggio, Ponte Tresa, Pura e Sessa

Direzione scolastica congiunta per gli istituti scolastici di Medio Malcantone, Croglio Monteggio, Ponte Tresa, Pura e Sessa Concorso per l assunzione di un/a direttore/direttrice scolastico/a con un grado di occupazione al 100% per le scuole elementari e dell infanzia dall anno scolastico 2015-2016 Il Municipio di Novaggio

Dettagli

Indennità di perdita di guadagno. Persone aventi diritto alle indennità

Indennità di perdita di guadagno. Persone aventi diritto alle indennità 6.01 Stato al 1 gennaio 2009 perdita di guadagno Persone aventi diritto alle indennità 1 Hanno diritto alle indennità di perdita di guadagno (IPG) le persone domiciliate in Svizzera o all estero che: prestano

Dettagli

Regolamento FAR. Valido dal 1.1.2014

Regolamento FAR. Valido dal 1.1.2014 Regolamento FAR Regolamento concernente le prestazioni e i contributi della Fondazione per il pensionamento anticipato nel settore dell edilizia principale (Fondazione FAR) Valido dal 1.1.2014 STIFTUNG

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

Dettagli

www.integration.zh.ch

www.integration.zh.ch Cantone di Zurigo Dipartimento della giustizia e degli interni Ufficio cantonale per l integrazione Informazioni per i nuovi arrivati dall estero www.integration.zh.ch Indice 03 Immigrazione e diritto

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali I. Introduzione : una Carta essenziale per tutti i lavoratori europei II. Contesto storico : come è stata elaborata

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia

Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia Informazione sul prodotto e condizioni contrattuali Edizione 2010 La vostra sicurezza ci sta a cuore. 2 Informazione

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

Istruzioni sull attestazione dei giorni di corso per i corsi per la formazione dei quadri di Gioventù+Sport (G+S)

Istruzioni sull attestazione dei giorni di corso per i corsi per la formazione dei quadri di Gioventù+Sport (G+S) Istruzioni sull attestazione dei giorni di corso per i corsi per la formazione dei quadri di Gioventù+Sport (G+S) 318.703 i 01.15 2 di 11 Indice 1. Scopo del questionario... 3 2. Compiti degli organizzatori(trici)

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 5.2.4 DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI Bellinzona, gennaio 2009 CIRCOLARE N. 4/2008 Abroga la circolare n. 4/2007 del gennaio 2008 DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 2. Scuole

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal. 1 gennaio 2014

Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal. 1 gennaio 2014 Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal 1 gennaio 2014 A cura di Leonardo Pascarella Aggiornamento DICEMBRE 2014 Responsabile:

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

ICEC CPP Corsi di Perfezionamento Professionale. Corsi di Perfezionamento Professionale

ICEC CPP Corsi di Perfezionamento Professionale. Corsi di Perfezionamento Professionale Corsi di Perfezionamento Professionale I Corsi di Perfezionamento Professionale costituiscono una struttura creata per fornire determinati servizi centrali all ICEC (Istituto cantonale di economia e commercio)

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

2. Quali persone sono assoggettate all imposta alla fonte? 3. Quali prestazioni sono assoggettate all imposta alla fonte?

2. Quali persone sono assoggettate all imposta alla fonte? 3. Quali prestazioni sono assoggettate all imposta alla fonte? Kanton Zürich Finanzdirektion Scheda informativa per i dipendenti assoggettati all imposta alla fonte nel Cantone di Zurigo Valida dal 1 gennaio 2015 Kantonales Steueramt Dienstabteilung Quellensteuer

Dettagli

1.03 Stato al 1 gennaio 2012

1.03 Stato al 1 gennaio 2012 1.03 Stato al 1 gennaio 2012 Accrediti per compiti assistenziali Base legale 1 Le disposizioni legali prevedono che, per il calcolo delle rendite, possano essere conteggiati anche accrediti per compiti

Dettagli

Il mercato del lavoro danese

Il mercato del lavoro danese 1 AMBASCIATA D ITALIA COPENAGHEN Il mercato del lavoro danese Il modello della Flexicurity Composto dalle parole inglesi flexibility e security, il termine coniuga il concetto della facilità con cui le

Dettagli

3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs

3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs 3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a una rendita di vecchiaia le persone che hanno raggiunto l'età ordinaria

Dettagli

4.06 Stato al 1 gennaio 2013

4.06 Stato al 1 gennaio 2013 4.06 Stato al 1 gennaio 2013 Procedura nell AI Comunicazione 1 Le persone che chiedono l intervento dell AI nell ambito del rilevamento tempestivo possono inoltrare una comunicazione all ufficio AI del

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI)

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) 4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Tutte le persone che abitano o esercitano un attività lucrativa in Svizzera sono per principio

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e dei Direttori Aggiunti delle Scuole europee

Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e dei Direttori Aggiunti delle Scuole europee Scuole Europee Ufficio del Segretario generale Segretariato Generale Rif. : 2009-D-422-it-5 Orig. : FR Versione: IT Regolamento di applicazione relativo alla nomina ed alla valutazione dei Direttori e

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

1.2015 Generalità Cambiamenti a partire dal 1 gennaio 2015

1.2015 Generalità Cambiamenti a partire dal 1 gennaio 2015 1.2015 Generalità Cambiamenti a partire dal 1 gennaio 2015 Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Il presente promemoria informa su quanto cambia in merito a contributi e prestazioni a partire dal 1 gennaio

Dettagli

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE)

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) Regolamento (CEE) n. 2137/85 del Consiglio del 25 luglio 1985 Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) EPC Med - GEIE Via P.pe di Villafranca 91, 90141 Palermo tel: +39(0)91.6251684

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 La circolare del dipartimento funzione pubblica esplicativa dell articolo 4 del Decreto Legge n. 101 del 31 agosto 2013, convertito

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida La formazione professionale di base su due anni con certificato federale di formazione pratica Guida 1 Indice Premessa alla seconda edizione 3 Introduzione 4 1 Considerazioni preliminari 7 2 Organizzazione

Dettagli

Procedura di conteggio semplificata per i datori di lavoro

Procedura di conteggio semplificata per i datori di lavoro 2.07 Contributi Procedura di conteggio semplificata per i datori di lavoro Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve La procedura di conteggio semplificata rientra nel quadro della legge federale concernente

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda TCS Carta Aziendale Soccorso stradale e protezione giuridica circolazione per veicoli aziendali TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda Un problema in viaggio? Ci pensa il Suo pattugliatore

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli