progettiamoci Progetto Educativo Gruppo AGESCI Trento 4

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "progettiamoci Progetto Educativo Gruppo AGESCI Trento 4"

Transcript

1 progettiamoci Progetto Educativo Gruppo AGESCI Trento 4 Triennio 2009/2012

2 IL GRUPPO Trento 4 Il gruppo Tn4, nato nel 1947 nella parrocchia di Santa Maria, e lì cresciuto fino a che sono iniziati i lavori di ristrutturazione dell oratorio, nella primavera del 2000, dopo otto anni è riuscito finalmente a ritrovare una collocazione territoriale e di appartenenza ad una comunità: la parrocchia di Cristo Re. Il gruppo è attualmente costituito da un Branco, un Reparto, un Noviziato ed un Clan. Esso attualmente va servire il bacino d utenza costituito dalla zona nord della città: Cristo Re, Piedicastello, Sardagna, Sopramonte, Solteri, Martignano. A ottobre del 2007 è iniziato un cammino di condivisione del percorso di branca R/S, con il gruppo TN11, avente sede in Sant Antonio. Ciò ha previsto un lavoro comune alle due comunità capi che hanno avuto vari momenti di incontro durante il primo anno. Nell ottobre del 2008, come accennato prima, la parrocchia di Cristo Re ha risposto favorevolmente alla richiesta di riportare gli scout in oratorio, anche da un punto di vista logistico. Per tanto da ottobre a marzo, il gruppo ha impiegato molte energie nel trovare il proprio posto, sia a livello di partecipazione, sia per quanto riguarda l organizzazione degli spazi. Tutto ciò ha permesso anche di riunire finalmente tutto il gruppo, che era disperso sul territorio, e di poter radicare la propria presenza nella comunità, partecipando in maniera collaborativa alle varie proposte. Da questo momento c è stato un cammino che ha visto i capi gruppo, del TN4 e del TN11, ed i capi unità della branca R/S in contatto tra loro per cercare di condividere i percorsi progettati ed un lavoro in parallelo tra i due gruppi, che hanno mantenuto dei momenti di formazione in comune.

3 ProgettiAMOci IL PROGETTO EDUCATIVO per il triennio 2009/2012 Il Progetto Educativo qui riportato è il frutto di un lavoro condiviso da parte di noi capi della comunità Trento 4 ; esso ha le sue fondamenta nei valori di base del Patto Associativo dell AGESCI e nella Parola di Dio. Dopo aver operato un analisi dei bisogni specifici dei nostri ragazzi, che vivono, oggi, in questa realtà ed in questo ambiente, abbiamo individuato gli obiettivi generali ai quali puntare per poterli aiutare a crescere. È così che noi capi scout, in qualità di coeducatori, intendiamo offrire un cammino significativo e mirato che li aiuti a diventare persone felici, coraggiose, ricche e capaci di mettersi a servizio della comunità, buoni cittadini e buoni cristiani. L azione educativa proposta si realizza attraverso esperienze di vita comunitaria, secondo il metodo scout, nell impegno e nella partecipazione alla vita sociale ed ecclesiale, in un cammino di progressione personale che vede la persona al centro della sua formazione e del suo progetto di vita, secondo il principio dell autoeducazione. Si tratta quindi di un azione che cerca di rendere la persona libera di pensare, di agire e di scegliere nel rispetto di chi le è accanto. Dopo aver effettuato un analisi d ambiente e dei bisogni dei nostri ragazzi, noi capi abbiamo individuato l emergenza educativa sulla quale lavoreremo per il triennio 2009/2012: SAPER PROGETTARE. Tre saranno così gli ambiti nei quali si concentreranno gli obiettivi del nostro lavoro.

4 Ad ognuno di questi ambiti si dedicherà particolare attenzione, nel corso dell anno ad esso dedicato: 1 anno (2009/10): L USO DEL TEMPO 2 anno (2010/11): L IMPORTANZA DI SAPER OPERARE DELLE SCELTE 3 anno (2011/12) L IMPORTANZA DI AVERE UN PROGETTO NELLA VITA mettendo al centro (soggetto dell educazione), gli (con cui si condivide un pezzo di strada ) e D. Nella tabella a seguire sono inseriti gli obiettivi generali che abbiamo individuato, mentre nelle altre tre, ogni staff di unità, ha fissato gli obiettivi specifici per la fascia di età corrispondente al Branco (lupetti e lupette), al Reparto (guide ed esploratori) e al Noviziato/Clan (rover e scolte).

5 ProgettiAMOci ogettiamoci Obiettivi generali Obiettivi generali TEMPO SCELTE VITA Tempo personale Orari Giornata Individuare e saper darsi priorità personali in base alle quali compiere delle scelte. Scegliere uno stile nell'affrontare gli impegni. Essere protagonista della mia Progressione personale. Progetto il tempo degli altri con il mio Capire e saper rispettare le priorità del gruppo. Condividere le scelte. Scegliere insieme. Rendere l'altro protagonista del mio cammino. Rendermi protagonista del cammino dell'altro. Saper progettare uno spazio a Dio Fare mie le scelte cristiane Dio protagonista del mio progetto: non posso non considerarlo D

6 OBIETTIVI DEL PROGETTO EDUCATIVO PER LA BRANCA L/C Anno 2009/2010: Programmazione del tempo saper valutare il tempo per gestire le attività che svolgo garantire la mia presenza costante alle attività scout non isolarmi ma aprirmi alle altre persone, mantenere la curiosità della scoperta saper adattare il mio tempo con gli altri bambini/adulti D partecipare al percorso di Fede, riconoscendo la sua importanza nella giornata dedicare del tempo a Dio vivere la Messa come tempo per Dio in una dimensione comunitaria Anno 2010/2011: Compiere scelte riconoscere la maggior o minor importanza di ogni attività che mi è proposta prendere decisioni in base alle priorità concordate assumere consapevolezza dei propri impegni da portare a compimento coinvolgere gli altri bambini (ad es. i componenti del Branco) con il proprio entusiasmo esser disposti ad accettare le scelte degli altri andando incontro alle loro opinioni sapere prendere decisioni insieme, svolgendo la propria parte come gioco di squadra

7 D tradurre in ogni momento quotidiano le parole del Vangelo concretizzandole in gesti/comportamenti semplici e significativi Anno 2011/2012: Progetto nella vita fissare e poi raggiungere degli obiettivi personali di crescita/miglioramento essere propositivi e perciò organizzati nei confronti del Branco, avere cioè l entusiasmo di proporsi (che alle volte significa esporsi) ai fratellini con l intenzione di proporre attività/giochi preparati attentamente in maniera autonoma. mettersi a disposizione degli altri offrendo la propria esperienza, dimostrandosi quindi un aiuto, uno sprone per chi ha bisogno, ma sempre con l attenzione di vedere l altro come fonte di ricchezza da cui poter imparare qualcosa di nuovo. D riuscire a sentire Gesù così vicino come aveva fatto S.Francesco riconoscere il disegno che Dio ha tracciato per me.

8 OBIETTIVI DEL PROGETTO EDUCATIVO PER LA BRANCA E/G Obiettivi Generali Insegnare a progettare: osservare, dedurre, agire e verificare il percorso fatto Insegnare il valore dell impresa come modello organizzativo valido in reparto, in squadriglia e nella vita Puntare sull iniziativa! Anno 2009/2010: Programmazione del tempo saper gestire il tempo (quanto tempo mi occorre? quanto tempo ho?) saper stare nei tempi dedicare tempo agli altri imparare a progettare il mio tempo con e per gli altri: siamo una comunità e come gestisco il mio tempo influenza direttamente gli altri; D dedicare a Dio il giusto tempo, non quello che avanza. vivere la Messa come tempo per Dio in una dimensione comunitaria Anno 2010/2011: compiere scelte fare la scala di priorità degli impegni assumersi la responsabilità di prendere decisioni assumersi la responsabilità delle proprie scelte scegliere di agire, non aspettare: questo è lo stile scout

9 imparare a compiere scelte insieme ai compagni, in squadriglia e in reparto accettare e rispettare le scelte di gruppo, dare il massimo per realizzarle aiutare gli altri a fare le proprie scelte in autonomia D fare la scelta cristiana come scelta effettivamente personale avere il coraggio di affermare la propria scelta di fede con gli altri Anno 2011/2012: progetto nella vita imparare a progettare: applicare lo schema dell impresa anche nella vita di tutti i giorni progettare il proprio sentiero in autonomia, per crescere e imparare mettersi a disposizione degli altri offrendo la propria esperienza, le proprie capacità e abilità, le proprie specialità (capire l importanza della patacchina perché ci designa come punti di riferimento per gli altri) D contare Dio nel proprio progetto di vita per crescere secondo i suoi precetti

10 OBIETTIVI DEL PROGETTO EDUCATIVO PER LA BRANCA R/S Anno 2009/2010 : Programmazione del tempo saper valutare il tempo saper gestire il tempo saper organizzare il tempo saper adattare il mio tempo con gli altri dedicare tempo anche agli altri costruire una relazione corretta con gli altri D programmare il tempo nella giornata per Dio dare a questo tempo il giusto peso e importanza riscoprire la preghiera come tempo e luogo per la relazione con Dio riscoprire la Messa come tempo per Dio in una dimensione comunitaria Anno 2010/2011: Compiere scelte fare una scala di priorità degli impegni compiere delle scelte alla luce delle priorità fissate riuscire a gestire l emozionalità accettare le idee, le opinioni e le scelte degli altri accettare le critiche degli altri come occasione di crescita sapere scegliere insieme essere corresponsabili delle scelte fatte D vivere le scelte cristiane nella vita di tutti i giorni testimoniare le scelte evangeliche

11 Anno 2011/2012: Progetto nella vita saper progettare il proprio cammino di crescita saper fissare gli obiettivi di crescita sapere trovare gli strumenti saper verificare saper gestire e alimentare le relazioni con gli altri D comprendere e fare mio il progetto di Dio su di me

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1 GRUPPO SCOUT MELNANO 1 PROGETTO EDUCATIVO 2011 2014 Cos è il Progetto Educativo Il progetto educativo è uno strumento per la comunità capi utile a produrre dei cambiamenti nel gruppo scout. E stato pensato

Dettagli

CarpiUno. Gruppo Carpi 1

CarpiUno. Gruppo Carpi 1 Gruppo Carpi 1 CarpiUno Il Progetto Educativo è lo strumento che, ispirandosi ai principi dello scautismo, individua le principali sfide in cui il Gruppo Carpi 1 è chiamato ad impegnarsi per un determinato

Dettagli

La Zona Valbisagno. Il progetto della Zona Valbisagno. Le tappe del progetto. Gruppi della zona

La Zona Valbisagno. Il progetto della Zona Valbisagno. Le tappe del progetto. Gruppi della zona La Zona Valbisagno La Zona conta 9 gruppi e si estende geograficamente lungo tutta la vallata del torrente Bisagno. Per larga parte insiste sul Comune di Genova, nei seguenti municipi: I Centro Est, III

Dettagli

2. Di sviluppare, come capi, una rete di relazioni con Associazioni, Istituzioni, Parrocchia del comune di Castel d Azzano

2. Di sviluppare, come capi, una rete di relazioni con Associazioni, Istituzioni, Parrocchia del comune di Castel d Azzano PROGETTO EDUCATIVO 2008-2011 TERRITORIO La lettura continua di ciò che ci circonda e la ricerca di relazioni significative sul territorio, costituisce un valore per la Comunità Capi del Verona 8. È ormai

Dettagli

p.e.g. Progetto Educativo di Gruppo Gruppo Scout A.G.E.S.C.I. Genova 29

p.e.g. Progetto Educativo di Gruppo Gruppo Scout A.G.E.S.C.I. Genova 29 p.e.g. Progetto Educativo di Gruppo Gruppo Scout A.G.E.S.C.I. Genova 29 Chi siamo? Il Gruppo Scout Agesci Genova 29 opera nel quartiere genovese di Quarto dei Mille. Le nostre sedi sono rispettivamente

Dettagli

A.G.E.S.C.I. Associazione Guide E Scout Cattolici Italiani

A.G.E.S.C.I. Associazione Guide E Scout Cattolici Italiani A.G.E.S.C.I. Associazione Guide E Scout Cattolici Italiani COMPOSIZIONE DEL PROGETTO EDUCATIVO Il gruppo: Numero dei ragazzi per ciascuna unità Quanti della città, quanti fuori La Comunità capi I ragazzi

Dettagli

CARTA DI CLAN Clan Sand Creek AGESCI Genova 50

CARTA DI CLAN Clan Sand Creek AGESCI Genova 50 CARTA DI CLAN Clan Sand Creek AGESCI Genova 50 COS'È IL CLAN Il Clan è una comunità dove si possono imparare nuove cose in un clima disteso che offre un opportunità che solo esso ci può dare. E importante

Dettagli

Milano 4. Scelta scout Esperienza della Fede Civitas

Milano 4. Scelta scout Esperienza della Fede Civitas Gruppo Milano 4 Viale Lucania, 18 20139 Milano (MI) milano4@lombardia.agesci.it PE Milano 4 Il Progetto Educativo di Gruppo nasce dalla verifica del precedente Progetto (2009-2013) e da un analisi della

Dettagli

Comunità Capi Mogliano 2 Progetto Educativo di Gruppo (PEG)

Comunità Capi Mogliano 2 Progetto Educativo di Gruppo (PEG) Comunità Capi Mogliano 2 Progetto Educativo di Gruppo (PEG) Il Progetto Educativo di Gruppo (PEG) è uno strumento che: orienta l azione educativa della Comunità Capi; favorisce l unitarietà della proposta

Dettagli

A.G.E.S.C.I. FOLLONICA 2 PROGETTO EDUCATIVO DI GRUPPO. Il vento non è mai favorevole per chi non sa dove andare

A.G.E.S.C.I. FOLLONICA 2 PROGETTO EDUCATIVO DI GRUPPO. Il vento non è mai favorevole per chi non sa dove andare A.G.E.S.C.I. FOLLONICA 2 PROGETTO EDUCATIVO DI GRUPPO Il vento non è mai favorevole per chi non sa dove andare Il perché di un Progetto educativo? Lo scoutismo è certamente un avventura affascinante per

Dettagli

Gruppo Scout OSIMO 1 CARTA DI CLAN

Gruppo Scout OSIMO 1 CARTA DI CLAN CARTA DI CLAN La carta di che??? E la domanda che affiora nelle menti dei novizi, e che, persino dopo svariato tempo, a volte ritorna anche nei ragazzi/e del clan per cui può essere difficile coglierne

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO. Gruppo Scout CHIARI 1

PROGETTO EDUCATIVO. Gruppo Scout CHIARI 1 PROGETTO EDUCATIVO Gruppo Scout CHIARI 1 Un esploratore è attivo facendo il bene, non passivo contentandosi di essere buono (B.P.) PERCHE UN PROGETTO EDUCATIVO Il progetto educativo descrive gli obiettivi

Dettagli

Gruppo A.G.E.S.C.I. Genzano 2 Paolo Mocchetti

Gruppo A.G.E.S.C.I. Genzano 2 Paolo Mocchetti Gruppo A.G.E.S.C.I. Genzano 2 Paolo Mocchetti Guarda lontano e sorridi... Ma quando guardate, guardate lontano, e anche quando credete di star guardando lontano, guardate ancor più lontano! Robert Baden

Dettagli

GRUPPO SCOUT PINEROLO 3 CLAN/FUOCO IL RIFUGIO PROGRAMMA DI UNITA ANNO SCOUT 2009-2010

GRUPPO SCOUT PINEROLO 3 CLAN/FUOCO IL RIFUGIO PROGRAMMA DI UNITA ANNO SCOUT 2009-2010 GRUPPO SCOUT PINEROLO 3 CLAN/FUOCO IL RIFUGIO PROGRAMMA DI UNITA ANNO SCOUT 2009-2010 Il Clan, formato attualmente da 8 ragazzi, è una comunità formata da due gruppetti : i vecchi Rover e Scolte, e i Novizi

Dettagli

OSSERVAZIONE: COME VEDIAMO I NOSTRI RAGAZZI!

OSSERVAZIONE: COME VEDIAMO I NOSTRI RAGAZZI! PREMESSA Dallo Statuto dell Agesci 2011: Il Progetto educativo del Gruppo, ispirandosi ai principi dello scautismo ed al Patto associativo, individua le aree di impegno prioritario per il Gruppo a fronte

Dettagli

Laici cristiani nel mondo di oggi

Laici cristiani nel mondo di oggi Laici cristiani nel mondo di oggi Francesco Benvenuto Roma Centro Nazareth 3 settembre 2015 3 settembre 2015 Roma - Centro Nazareth 1 Una riflessione Dal dopo concilio siamo stati abituati a progettare,

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici

La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici Come possono due genitori, entrambi lavoratori e con dei bambini piccoli, fare volontariato? Con una San Vincenzo formato famiglia! La Conferenza Famiglia

Dettagli

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010.

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. Introduzione E appena passato il tempo delle feste. Tradizionale è lo scambio di regali Quale il regalo

Dettagli

Per rendere fruttuosa la riunione che faremo, preghiamo tutti di lavorare con la seguente modalità:

Per rendere fruttuosa la riunione che faremo, preghiamo tutti di lavorare con la seguente modalità: Tutti i gruppi delle parrocchie di S.Agnese e S.Andrea sono invitati a confrontarsi sulla seguente bozza di progetto educativo e a dare il proprio contributo nel corso dell incontro di venerdì 28 marzo

Dettagli

AGESCI Associazione Gruppo Scout Milano 29 Guide E Scout P.zza S. Materno, 15 Cattolici Italiani 20131 Milano E-mail : gruppomilano29@hotmail.

AGESCI Associazione Gruppo Scout Milano 29 Guide E Scout P.zza S. Materno, 15 Cattolici Italiani 20131 Milano E-mail : gruppomilano29@hotmail. Gruppo Scout 29 P.zza S. Materno, 1 Analisi della realtà- anno 2012/13 Bisogni dei ragazzi e delle famiglie: Le famiglie del gruppo non giocano un ruolo molto attivo, pur essendo sempre molto disponibili

Dettagli

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per Carissimi Giovani, ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per rivitalizzare la pastorale giovanile diocesana, confrontarvi su tali problemi, per scambiarci opinioni e suggerire rimedi,

Dettagli

SCHEDA n. 1. PERCHE UN PROGETTO EDUCATIVO: note di riferimento nei documenti AGESCI

SCHEDA n. 1. PERCHE UN PROGETTO EDUCATIVO: note di riferimento nei documenti AGESCI SCHEDA n. 1 PERCHE UN PROGETTO EDUCATIVO: note di riferimento nei documenti AGESCI (dal Patto Associativo) La proposta educativa è vissuta localmente dal Gruppo scout, momento principale della dimensione

Dettagli

Luogo che ospita contemporaneamente infrastrutture, verde, mare

Luogo che ospita contemporaneamente infrastrutture, verde, mare Il luogo Kirara-hama, Prefettura di Yamaguchi Kirara-hama e un area che e stata strappata al mare a Yamaguchi City, quasi 930 Km a sud di Tokio. Isola artificiale realizzata per ospitare nel 2001 il grande

Dettagli

Progetto educativo 2014-2017 Gruppo Scout AGESCI Schio 3

Progetto educativo 2014-2017 Gruppo Scout AGESCI Schio 3 INDICE Introduzione...4 1. Analisi dell ambiente: chi siamo e dove operiamo...6 1.1 La comunità capi e i ragazzi...6 1.2 La realtà che ci circonda...8 2. Proposta educativa: Ragazzi/Capi e chi più ne ha

Dettagli

REGOLAMENTO METODOLOGICO

REGOLAMENTO METODOLOGICO REGOLAMENTO METODOLOGICO aggiornato al Consiglio generale 2015 1 CONSIGLIO GENERALE 2015 Regolamento metodologico 1. LA PROPOSTA EDUCATIVA E LA SUA UNITARIETÀ Art. 1 Modello educativo Il metodo educativo

Dettagli

AGESCI Regione Lombardia PROGRAMMA REGIONALE 2014-15

AGESCI Regione Lombardia PROGRAMMA REGIONALE 2014-15 AGESCI Regione Lombardia PROGRAMMA REGIONALE 2014-15 Approvato dal del 10-11 gennaio 2015 1 Linee guida per l attuazione del Progetto regionale 2012-16 E un progetto da mantenere flessibile e verificabile.

Dettagli

Il Progetto Educativo del Gruppo Scout di Caravaggio

Il Progetto Educativo del Gruppo Scout di Caravaggio Il Progetto Educativo del Gruppo Scout di Caravaggio Sommario 1. Due parole sullo scoutismo in generale e sul Metodo Educativo Scout 2. La necessità di un Progetto Educativo inserito nel metodo scout 3.

Dettagli

GRUPPO GENOVA LEVANTE. Progetto Educativo del Gruppo (approvato dalla Comunità Capi il 23 aprile 2013)

GRUPPO GENOVA LEVANTE. Progetto Educativo del Gruppo (approvato dalla Comunità Capi il 23 aprile 2013) GRUPPO GENOVA LEVANTE Progetto Educativo del Gruppo (approvato dalla Comunità Capi il 23 aprile 2013) Art. 22 Statuto Agesci Progetto educativo del Gruppo Il Progetto educativo del Gruppo, ispirandosi

Dettagli

Tema di riflessione del gruppo: la catechesi famigliare precede accompagna e arricchisce ogni altra forma di catechesi

Tema di riflessione del gruppo: la catechesi famigliare precede accompagna e arricchisce ogni altra forma di catechesi Distretto: torino nord - ciriè Tema di riflessione del gruppo: la catechesi famigliare precede accompagna e arricchisce ogni altra forma di catechesi Animatore/trice: verderone daniela -momenti di aggregazione

Dettagli

AGESCI Regione Lombardia PROGRAMMA REGIONALE 2015-16

AGESCI Regione Lombardia PROGRAMMA REGIONALE 2015-16 AGESCI Regione Lombardia PROGRAMMA REGIONALE 2015-16 Approvato dal del 17-18 ottobre 2015 1 Linee guida per l attuazione del Progetto regionale 2012-16 E un progetto da mantenere flessibile e verificabile.

Dettagli

REGOLAMENTO DI FORMAZIONE CAPI

REGOLAMENTO DI FORMAZIONE CAPI REGOLAMENTO DI FORMAZIONE CAPI L adulto che ha fatto una scelta di servizio quale capo nell Associazione, a partire dall ingresso in Comunità Capi si inserisce in un itinerario di Formazione Permanente

Dettagli

Gruppo Scout La Madonnina MILANO 22. Progetto Educativo di Gruppo

Gruppo Scout La Madonnina MILANO 22. Progetto Educativo di Gruppo Gruppo Scout La Madonnina MILANO 22 Progetto Educativo di Gruppo 2010-2014 Il cammino educativo che proponiamo a bambini, adolescenti e giovani del nostro Gruppo scout parte dal convincimento che ciascuno

Dettagli

Progetto Educativo 2014-2017. Comunità Capi Pisa 3. 03 Febbraio 2013

Progetto Educativo 2014-2017. Comunità Capi Pisa 3. 03 Febbraio 2013 Progetto Educativo 2014-2017 Comunità Capi Pisa 3 03 Febbraio 2013 Da FACEBOOK al MORSE una SCELTA SCOUT Chi siamo? Sentiamo il bisogno di riappropriarci del nostro stile e linguaggio scout per riscoprire

Dettagli

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio Anno pastorale 2011-2012 Suggerimenti per l animazione in oratorio Premessa: GIOCO E VANGELO Relazione Don Marco Mori, presidente Forum Oratori Italiani Il gioco può essere vangelo? Giocare può diventare

Dettagli

6 gennaio 1936 6 gennaio 2006: 70 anniversario della Prima idea. E il testamento spirituale che Germana ha preparato alle missionarie e per l Istitu-

6 gennaio 1936 6 gennaio 2006: 70 anniversario della Prima idea. E il testamento spirituale che Germana ha preparato alle missionarie e per l Istitu- Vincent Van Gogh, Il Seminatore al tramonto, 1888 6 gennaio 1936 6 gennaio 2006: 70 anniversario della Prima idea E il testamento spirituale che Germana ha preparato alle missionarie e per l Istitu- to.

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO. 1. I riferimenti pedagogici a cui la Scuola dell Infanzia Stella Mattutina fa riferimento

PROGETTO EDUCATIVO. 1. I riferimenti pedagogici a cui la Scuola dell Infanzia Stella Mattutina fa riferimento PROGETTO EDUCATIVO 1. I riferimenti pedagogici a cui la Scuola dell Infanzia Stella Mattutina fa riferimento Nella Scuola dell Infanzia Stella Mattutina l azione educativa mira al raggiungimento delle

Dettagli

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI 1 Caro educatore, quest'anno, come ben sai, Il richiamo al Concilio Vaticano II ha rappresentato il filo conduttore del cammino di tutti i ragazzi, i giovani e gli adulti di

Dettagli

Progetto educativo 2008 2011

Progetto educativo 2008 2011 Progetto educativo 2008 2011 Premessa La diffusione di questo documento ufficiale presso le famiglie ha l intento specifico di richiamare l attenzione sull importanza del coinvolgimento dei genitori nel

Dettagli

SCUOLA MARIA SS. DEL BUON CONSIGLIO Via delle Vigne Nuove, 104 ROMA ISTITUTO SUORE DEGLI ANGELI PROGETTO EDUCATIVO

SCUOLA MARIA SS. DEL BUON CONSIGLIO Via delle Vigne Nuove, 104 ROMA ISTITUTO SUORE DEGLI ANGELI PROGETTO EDUCATIVO SCUOLA MARIA SS. DEL BUON CONSIGLIO Via delle Vigne Nuove, 104 ROMA ISTITUTO SUORE DEGLI ANGELI PROGETTO EDUCATIVO Anno scolastico 2014-2015 1 PREMESSA La SCUOLA CATTOLICA svolge la sua missione educativa

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network

Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network Elaborazione di un esperienza pastorale utilizzando come mezzo di comunicazione un Social Network. I punti di partenza sono: Proposta

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO 2015-2017 COMUNITA' CAPI GRUPPO AGESCI BERGAMO 3

PROGETTO EDUCATIVO 2015-2017 COMUNITA' CAPI GRUPPO AGESCI BERGAMO 3 ASSOCIAZIONE GUIDE E SCOUTS CATTOLICI ITALIANI Gruppo A.G.E.S.C.I. BERGAMO 3 Via Leone XIII, 14-24124 Bergamo C.F. 95142520162 http://bergamo3.it E-mail : info@bergamo3.it PROGETTO EDUCATIVO 2015-2017

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

Distretto: Ciriè. Animatore/trice: Annalisa Bilanzone POTENZIARE CREARE

Distretto: Ciriè. Animatore/trice: Annalisa Bilanzone POTENZIARE CREARE Distretto: Ciriè Tema di riflessione del gruppo: L INIZIAZIONE CRISTIANA METTE IN GIOCO LA FIGURA DEI CATECHISTI E UNA SERIA VALORIZZAZIONE DELLA VITA REALE DEI RAGAZZI Animatore/trice: Annalisa Bilanzone

Dettagli

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI VIVERE CON E PER CRISTO Evangelizzare significa: Convertire Portare

Dettagli

1. Introduzione. 2. Gli obiettivi. 3. Il percorso 2015 16

1. Introduzione. 2. Gli obiettivi. 3. Il percorso 2015 16 1. Introduzione Il percorso genitori è il cammino che l AC diocesana ha preparato per valorizzare l esperienza associativa che i ragazzi vivono in ACR e per maggiormente condividere con le famiglie e la

Dettagli

Il «digiuno digitale» per riscoprire il gusto delle relazioni personali

Il «digiuno digitale» per riscoprire il gusto delle relazioni personali COS È Il tempo per noi nasce da una riflessione attorno alla crescente influenza che i nuovi strumenti di comunicazione hanno nella vita di ciascuno di noi, nel cambiamento di abitudini e comportamenti

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

IL PROGETTO EDUCATIVO SPORTIVO

IL PROGETTO EDUCATIVO SPORTIVO IL PROGETTO EDUCATIVO SPORTIVO Aprile 2013 1 La Polisportiva San Marco è una realtà presente all interno dell Oratorio San Marco dal 1970 e si propone di educare ai valori cristiani attraverso la pratica

Dettagli

A.G.E.S.C.I. Campania Zona Poseidonia PROGETTO EDUCATIVO DI GRUPPO MONTECORVINO1 2012-2014:

A.G.E.S.C.I. Campania Zona Poseidonia PROGETTO EDUCATIVO DI GRUPPO MONTECORVINO1 2012-2014: Associazione Guide E Scout Cattolici Italiani A.G.E.S.C.I. Campania Zona Poseidonia PROGETTO EDUCATIVO DI GRUPPO MONTECORVINO1 2012-2014: 1 ART.21 STATUTO A.G.E.S.C.I. Il Progetto educativo del Gruppo,

Dettagli

Vicariato Sant Angelo Formazione catechisti 1 incontro

Vicariato Sant Angelo Formazione catechisti 1 incontro Vicariato Sant Angelo Formazione catechisti 1 incontro Signore Gesù, tu ci inviti ad essere germe fecondo di nuovi figli per la tua Chiesa. Fa che possiamo diventare ascoltatori attenti della tua Parola

Dettagli

Come fare una scelta?

Come fare una scelta? Come fare una scelta? Don Alberto Abreu www.pietrscartata.com COME FARE UNA SCELTA? Osare scegliere Dio ha creato l uomo libero capace di decidere. In molti occasioni, senza renderci conto, effettuiamo

Dettagli

SOFFIA FORTE LA PACE

SOFFIA FORTE LA PACE SOFFIA FORTE LA PACE Cammino formativo dell acr per il mese Della pace proposto a tutti i ragazzi dell iniziazione cristiana 1 INTRODUZIONE Come ormai è tradizione della Chiesa universale (a partire dal

Dettagli

ASSOCIAZIONE GUIDE E SCOUTS CATTOLICI ITALIANI GRUPPO ROMA 113 Zona Roma Centro Urbis c/o Parroccia della Natività di Nostro Signore Gesù Cristo via

ASSOCIAZIONE GUIDE E SCOUTS CATTOLICI ITALIANI GRUPPO ROMA 113 Zona Roma Centro Urbis c/o Parroccia della Natività di Nostro Signore Gesù Cristo via ASSOCIAZIONE GUIDE E SCOUTS CATTOLICI ITALIANI GRUPPO ROMA 113 Zona Roma Centro Urbis c/o Parroccia della Natività di Nostro Signore Gesù Cristo via Gallia 162, 00183 Roma agesci.rm113@gmail.com PROGETTO

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO 2011-2014

PROGETTO EDUCATIVO 2011-2014 AGESCI Associazione Guide e Scout Cattolici Italiani Gruppo Venezia 7 PROGETTO EDUCATIVO 2011-2014 Pagina 1 di 20 Indice Introduzione... 3 Cos è il PE?... 4 Analisi d ambiente... 5 L Associazione... 5

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO DI GRUPPO 2015/2018

PROGETTO EDUCATIVO DI GRUPPO 2015/2018 PROGETTO EDUCATIVO DI GRUPPO 2015/2018 "Spingere il ragazzo ad apprendere da sé, di sua spontanea volontà, ciò che gli serve per formarsi un carattere forte". ANALISI DEL PRESENTE - ORATORIO La realtà

Dettagli

Progetto Educativo di Gruppo 2013-2016

Progetto Educativo di Gruppo 2013-2016 Progetto Educativo di Gruppo 2013-2016 «Il Progetto educativo del Gruppo, ispirandosi ai principi dello scautismo ed al Patto associativo, individua le aree di impegno prioritario per il Gruppo a fronte

Dettagli

INCONTRO NAZIONALE DEI LAICI MISSIONARI DELLA CONSOLATA. (Nepi Veneto Grugliasco)

INCONTRO NAZIONALE DEI LAICI MISSIONARI DELLA CONSOLATA. (Nepi Veneto Grugliasco) INCONTRO NAZIONALE DEI LAICI MISSIONARI DELLA CONSOLATA (Nepi Veneto Grugliasco) ASSISI, 3 5 aprile 2009 Dal 3 al 5 aprile 09 ci siamo ritrovati ad Assisi come Laici Missionari della Consolata di Nepi,

Dettagli

1) La VITA dell UOMO come DONO di DIO (8 incontri)

1) La VITA dell UOMO come DONO di DIO (8 incontri) Linee programmatiche per un anno di cammino per Adolescenti PRIMO ANNO TEMA DI FONDO: Il Senso della VITA, qualsiasi essa sia La riflessione su questo tema si sviluppa in quattro tappe per un totale di

Dettagli

CAMMINI di PROSSIMITA. Uno sguardo all esperienza delle Caritas Parrocchiali di Bologna

CAMMINI di PROSSIMITA. Uno sguardo all esperienza delle Caritas Parrocchiali di Bologna CAMMINI di PROSSIMITA Uno sguardo all esperienza delle Caritas Parrocchiali di Bologna Le motivazioni «Sapete ciò che vi ho fatto?» Gv 13, 12 Radici profonde Il servizio alla carità è intrinsecamente legato

Dettagli

Programma per l anno 2012-2013

Programma per l anno 2012-2013 ZONA DI MANTOVA Programma per l anno 2012-2013 PREMESSA Come siamo arrivati a proporre questo programma. Il nostro ruolo di educatori ci impone di guardare al futuro pur mantenendo i piedi ben saldi nel

Dettagli

AGESCI Regione Lombardia. EDUCARE ALLA FEDE IN REPARTO Rilettura degli strumenti del metodo E/G per un'educazione globale

AGESCI Regione Lombardia. EDUCARE ALLA FEDE IN REPARTO Rilettura degli strumenti del metodo E/G per un'educazione globale AGESCI Regione Lombardia EDUCARE ALLA FEDE IN REPARTO Rilettura degli strumenti del metodo E/G per un'educazione globale Cari IABZ e Capi Reparto, Siamo molto contenti di consegnarvi la rielaborazione

Dettagli

MA LE ATTIVITÀ DEL TEMPO LIBERO SONO TEMPO DI APPRENDIMENTI?

MA LE ATTIVITÀ DEL TEMPO LIBERO SONO TEMPO DI APPRENDIMENTI? Workshop n. 8 MA LE ATTIVITÀ DEL TEMPO LIBERO SONO TEMPO DI APPRENDIMENTI? Introducono il tema e coordinano i lavori - Astrid Zenarola, UPEE Diocesi di Bergamo - Marica Preda, ConfCooperative A bambini

Dettagli

La Scuola di Formazione del CSI

La Scuola di Formazione del CSI La Scuola di Formazione del CSI Ciò che rende felice la vita è avanzare verso la semplicità à. Frére re Roger (il fondatore di Taizé) La Scuola di Formazione del CSI Linee guida: Premessa: Il 7 giugno

Dettagli

LA COMUNICAZIONE: IDENTITA E TEMPO

LA COMUNICAZIONE: IDENTITA E TEMPO LA COMUNICAZIONE: IDENTITA E TEMPO SPAZIO DEL PRESENTE Come si percepiscono i Capi e le Comunità Capi. Una serie di pensieri emersi dalle chiacchierate fatte nelle Zone e nelle CoCa. [siamo in emergenza

Dettagli

L anno scolastico era cominciato tra mille difficoltà, al punto che, a causa delle

L anno scolastico era cominciato tra mille difficoltà, al punto che, a causa delle L anno scolastico era cominciato tra mille difficoltà, al punto che, a causa delle proteste dei docenti contro le ultime disposizioni del governo, avevamo deciso di non offrire nessuna attività extra-

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO ORATORIO SAN VIGILIO - SPIAZZO - ANNO PASTORALE 2013-2014

PROGETTO EDUCATIVO ORATORIO SAN VIGILIO - SPIAZZO - ANNO PASTORALE 2013-2014 PROGETTO EDUCATIVO ORATORIO SAN VIGILIO - SPIAZZO - ANNO PASTORALE 2013-2014 Chi vuole fare sul serio qualcosa, trova una strada; gli altri, una scusa. (Proverbio Africano) Come un uomo saggio che trae

Dettagli

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE VENITE ALLA FESTA Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE DOPO LA SETTIMANA DELLA CHIESA MANTOVANA Alle comunità parrocchiali, alle associazioni, ai movimenti e gruppi, ai presbiteri e diaconi,

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO 2007 / 2010

PROGETTO EDUCATIVO 2007 / 2010 gruppo scout Vicenza 3 PROGETTO EDUCATIVO 2007 / 2010 1. mandato e premesse Siamo consapevoli di aver ricevuto un mandato dai genitori, dalla Parrocchia e dall Associazione per l educazione secondo il

Dettagli

Parrocchia San Giorgio in San Pietro al Po PROGETTO CATECHISTICO PER RAGAZZI E GIOVANI

Parrocchia San Giorgio in San Pietro al Po PROGETTO CATECHISTICO PER RAGAZZI E GIOVANI Parrocchia San Giorgio in San Pietro al Po PROGETTO CATECHISTICO PER RAGAZZI E GIOVANI PERCORSO DELL INIZIAZIONE CRISTIANA Due parole per spiegare i motivi di una scelta Innanzitutto, non dobbiamo dimenticare

Dettagli

diocesi di il giorno in cui è iniziato il viaggio data luogo persone significative emozioni pensieri

diocesi di il giorno in cui è iniziato il viaggio data luogo persone significative emozioni pensieri LA VITA SI RACCONTA Primo momento della mattinata: in gruppo il coordinatore spiega brevemente il lavoro da svolgere personalmente, cosa si farà dopo e dà i tempi. Ogni partecipante si allontana, cercando

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

scuola dell infanzia di Vado

scuola dell infanzia di Vado ISTITUTO COMPRENSIVO DI VADO-MONZUNO (BO) scuola dell infanzia di Vado PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI IRC sezione (5 anni) anno scolastico 2014/2015 ins: Formicola Luigi UNITA DIDATTICA 1 Alla scoperta del

Dettagli

A G E S C I PEG PROGETTO EDUCATIVO GRUPPO R O M A

A G E S C I PEG PROGETTO EDUCATIVO GRUPPO R O M A A G E S C I R O M A PEG PROGETTO EDUCATIVO DI GRUPPO 1 3 1 2 AGESCI ROMA 131 AGESCI ROMA 131 Progetto Educativo di Gruppo I. IL GRUPPO 1. Il nostro Gruppo, attivo da settant anni all interno della Scuola

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Scheda per il Laboratorio sull educazione

Scheda per il Laboratorio sull educazione ARCIDIOCESI AMALFI CAVA DE TIRRENI EDUCARE alla solidarietà e alla condivisione XIV Convegno Diocesano * Cava S. Francesco, 22-23 Ottobre 2010 Scheda per il Laboratorio sull educazione 1. Dopo la riflessione

Dettagli

COSTRUIAMO la CASA per FARE ed ESSERE casa

COSTRUIAMO la CASA per FARE ed ESSERE casa COSTRUIAMO la CASA per FARE ed ESSERE casa Cari Oratori, ci stiamo avvicinando alla settimana diocesana degli Oratori, un momento forte che ci permette di concentrare l attenzione sulle nostre realtà educative.

Dettagli

PROGETTO DIDATTICO LAVORARE IN CONTINUITA

PROGETTO DIDATTICO LAVORARE IN CONTINUITA Comune di Casalecchio di Reno ASILO NIDO R. VIGHI PROGETTO DIDATTICO LAVORARE IN CONTINUITA Per un progetto di territorio: uno spazio e un tempo per l incontro Anno educativo 2007/2008 A cura del Collettivo

Dettagli

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità ٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità Dallo statuto leggiamo: Art. 1 L AMI è composta da laici, diaconi, presbiteri che docili all azione dello Spirito Santo intendono vivere una medesima vocazione

Dettagli

Una vita a tappe...ricominciare

Una vita a tappe...ricominciare Una vita a tappe...ricominciare Ciao io sono AN DONG, in italiano ANTONIO, sono un ragazzo cinese di 12 anni abito a Terzigno, e frequento la 2 media. Sono nato a Sarno 12 anni fa, ma all'età di quattro

Dettagli

I criteri della scelta e della riforma

I criteri della scelta e della riforma I criteri della scelta e della riforma La preghiera ha il fine di vincere se stessi, vincere la propria ignoranza, la propria pigrizia mentale per conoscere il Signore. Ogni preghiera deve essere mirata

Dettagli

GRUPPO SCOUT AGESCI LOREGGIA 1

GRUPPO SCOUT AGESCI LOREGGIA 1 PROGETTO EDUCATIVO 2014/2017 2 P R O G E T T O E D U C A T I V O PREMESSE TRIENNIO 2014 / 2017 PERCHÈ PROGETTARE? Progettare significa condividere un pensiero per la realizzazione di un cammino. Progettare

Dettagli

BOZZA DI PROGETTO LAB-ORATORIO 2.0 Chiamati per nome in un laboratorio dei talenti

BOZZA DI PROGETTO LAB-ORATORIO 2.0 Chiamati per nome in un laboratorio dei talenti BOZZA DI PROGETTO LAB-ORATORIO 2.0 Chiamati per nome in un laboratorio dei talenti #Ondemand: cosa desideriamo come oratorio? A partire da una riflessione sulla pastorale giovanile a Scandiano, iniziata

Dettagli

RINNOVO DEL CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE DI CONCORDIA SAGITTARIA

RINNOVO DEL CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE DI CONCORDIA SAGITTARIA RINNOVO DEL CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE DI CONCORDIA SAGITTARIA Il Consiglio Pastorale Parrocchiale, come organismo di comunione e di corresponsabilità, a servizio della comunità parrocchiale, per

Dettagli

Documento congressuale diocesano Movimento Studenti Azione Cattolica QUANDO TOCCA A TE. Diocesi Messina, Lipari, Santa Lucia del Mela

Documento congressuale diocesano Movimento Studenti Azione Cattolica QUANDO TOCCA A TE. Diocesi Messina, Lipari, Santa Lucia del Mela Documento congressuale diocesano Movimento Studenti Azione Cattolica QUANDO TOCCA A TE Diocesi Messina, Lipari, Santa Lucia del Mela INTRODUZIONE Il Movimento Studenti di Azione Cattolica (MSAC) è una

Dettagli

E se iscrivessi mio figlio al catechismo?

E se iscrivessi mio figlio al catechismo? E se iscrivessi mio figlio al catechismo? Don Alberto Abreu www.pietrascartata.com E se iscrivessi mio figlio al catechismo? Perché andare al Catechismo La Parola catechismo deriva dal latino catechismus

Dettagli

PROGRAMMA DI GRUPPO ANNO SCOUT 2012 2013

PROGRAMMA DI GRUPPO ANNO SCOUT 2012 2013 AGESCI Associazione Guide E Scout Cattolici Italiani Gruppo Azimut di Sondrio Branco Palù Reparto Pizzo Scalino Comunità R/S Quasar PROGRAMMA DI GRUPPO ANNO SCOUT 2012 2013 Siamo all inizio del 18 anno

Dettagli

Introduzione all animazione in oratorio

Introduzione all animazione in oratorio Corso animatori oratorio Canegrate Introduzione all animazione in oratorio Canegrate 9 ottobre 2005 Animatore: Premessa Cos è l oratorio? Per oratorio s intende quel luogo educativo ecclesiale che accoglie

Dettagli

- 1 - UNITÀ DELLA PARROCCHIA INTORNO AL PROGETTO

- 1 - UNITÀ DELLA PARROCCHIA INTORNO AL PROGETTO SPUNTI DI RIFLESSIONE SULLO STATO DELL ARTE CIRCA IL PROGETTO CATECHISTICO-EDUCATIVO DIOCESANO PREMESSE 1. L attuale anno pastorale 2015-2016 dovrà essere dedicato, dal punto di vista che ci riguarda,

Dettagli

FONDAZIONE ANGELO PASSERINI Casa di Riposo Valsabbina O.N.L.U.S. Via Angelo Passerini n. 8 25070 NOZZA di VESTONE (bs) CARTA DEI SERVIZI

FONDAZIONE ANGELO PASSERINI Casa di Riposo Valsabbina O.N.L.U.S. Via Angelo Passerini n. 8 25070 NOZZA di VESTONE (bs) CARTA DEI SERVIZI FONDAZIONE ANGELO PASSERINI Casa di Riposo Valsabbina O.N.L.U.S. Via Angelo Passerini n. 8 25070 NOZZA di VESTONE (bs) CARTA DEI SERVIZI L asilo nido IL GIARDINO SEGRETO si presenta L asilo nido aziendale

Dettagli

Lezione n 2 L educazione come atto ermeneutico (2)

Lezione n 2 L educazione come atto ermeneutico (2) Lezione n 2 L educazione come atto ermeneutico (2) Riprendiamo l analisi interrotta nel corso della precedente lezione b) struttura dialogica del fatto educativo Per rispondere a criteri ermenutici, l

Dettagli

Guida alla didattica e ai servizi infanziasaonara@libero.it

Guida alla didattica e ai servizi infanziasaonara@libero.it Scuola dell Infanzia Parrocchia S. Martino Saonara (Pd) Guida alla didattica e ai servizi infanziasaonara@libero.it Carissimi genitori, l ambiente e le persone a cui affidare l educazione dei vostri figli

Dettagli

PROGETTO dell ORATORIO di Zanica

PROGETTO dell ORATORIO di Zanica PROGETTO dell ORATORIO di Zanica Gennaio 2015 2 Premessa a. Comunità cristiana e oratorio L oratorio è il luogo in cui la comunità cristiana esprime l attenzione e la cura per l accoglienza, l educazione

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO. Ente Morale

PROGETTO EDUCATIVO. Ente Morale PROGETTO EDUCATIVO Scuola per l infanzia ASILO INFANTILE Suor Tarcisia PONCHIA Religiosa educatrice direttrice Presente nella scuola per 65 anni Scuola paritaria depubblicizzata Ente Morale con amministrazione

Dettagli

VERIFICA. Staffetta tra capiredattori: cambiamenti, ma in continuità con la linea editoriale

VERIFICA. Staffetta tra capiredattori: cambiamenti, ma in continuità con la linea editoriale VERIFICA Staffetta tra capiredattori: cambiamenti, ma in continuità con la linea editoriale Nonostante difficoltà spedizioni: cinque numeri inviati + tre sul sito Veste più colorata, aumento di pagine,

Dettagli

DISABILITA E CONTESTI. a cura di Stefania Barbaro psicopedagogista

DISABILITA E CONTESTI. a cura di Stefania Barbaro psicopedagogista DISABILITA E CONTESTI a cura di Stefania Barbaro psicopedagogista obiettivi e contenuti dell incontro Considerare l importanza del contesto nella professione docente e non docente L incontro delle professionalita

Dettagli

Casa di cura e di riposo per anziani di Gundeldingen, Basilea (BS)

Casa di cura e di riposo per anziani di Gundeldingen, Basilea (BS) Casa di cura e di riposo per anziani di Gundeldingen, Basilea (BS) Werner Wassermann, datore di lavoro La signora L. lavora da noi da tanto tempo. È stata capo reparto e noi, ma anche gli altri collaboratori

Dettagli

TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE

TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE Tempo di lavoro previsto: 60 minuti Partecipanti: 6 8 divisi in isole, ossia gruppetti spontanei creati sul momento Materiale: carta e penna (presente

Dettagli