INDICE - SOMMARIO LA TERZA RIFORMA DEL LAVORO PUBBLICO TRA AZIENDALISMO E AUTORITARISMO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE - SOMMARIO LA TERZA RIFORMA DEL LAVORO PUBBLICO TRA AZIENDALISMO E AUTORITARISMO"

Transcript

1 INDICE - SOMMARIO Premessa di Alessandro Garilli... Pag. V LA TERZA RIFORMA DEL LAVORO PUBBLICO TRA AZIENDALISMO E AUTORITARISMO NOTE INTRODUTTIVE La riforma del lavoro alle dipendenze delle pubbliche amministrazioni tra mortificazione della contrattazione collettiva e valutazione della performance Commento di MARIO NAPOLI 1. Premessa di metodo. La centralità della valutazione della performance e i principi della legge delega... Pag La mortificazione della contrattazione collettiva. La portata di alcune disposizioni...» 5 3. Il bastone senza la carota: la normativa disciplinare...» 8 Titolo I - PRINCIPI GENERALI Art Oggetto e finalità...» 10 Il tormentato percorso della privatizzazione Commento di ALESSANDRO GARILLI 1. Premessa... Pag Il modello pubblicistico e le sue disfunzioni...» La traiettoria della privatizzazione: nodi irrisolti e nuove inefficienze...» Verso il d.lgs. n. 150/09: i prodromi della riforma...» La filosofia della riforma: nuovo assetto delle fonti e sistema delle performance...» Il ruolo del dirigente manager nella valutazione del personale.» Il punctum dolens: l immunità del potere politico-amministrativo...» 28

2 X INDICE-SOMMARIO 8. Lo stallo della riforma e la «rivincita» dei fannulloni... Pag. 29 Art Norme per gli Enti territoriali e il Servizio sanitario nazionale...» 34 Il pubblico impiego tra stato, regioni ed enti locali. Norme per gli enti territoriali e il servizio sanitario nazionale Commento di LORENZO MARIA DENTICI 1. Lo sfondo della riforma: l assetto delle competenze dello Stato e delle Regioni in materia di lavoro pubblico dopo il nuovo titolo V della Costituzione... Pag L adeguamento di regioni, enti locali e delle amministrazioni del servizio sanitario nazionale alla riforma «Brunetta»...» Obbligo di trasmissione dei dati e trasparenza...» 48 Titolo V - NORME FINALI E TRANSITORIE Art Ambito di applicazione...» 49 Il pubblico impiego tra stato, regioni ed enti locali. Ambito di applicazione Commento di LORENZO MARIA DENTICI 1. La posizione delle regioni e degli enti locali nella riforma «Brunetta» tra applicazione immediata e applicazione mediata del d.lgs. 150/10... Pag La riforma e la legislazione regionale...» Le nuove disposizioni e la Presidenza del Consiglio dei ministri...» Il settore scolastico e della ricerca...» Le regioni a statuto speciale e le province autonome di Trento e Bolzano...» 56 Titolo IV - NUOVE NORME GENERALI SULL ORDINAMENTO DEL LAVORO ALLE DIPENDENZE DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE Capo I - PRINCIPI GENERALI Art Oggetto, ambito e finalità...» 57 Art Modifiche all articolo 2 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n » 57 Art Modifica all articolo 5 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n » 58

3 INDICE-SOMMARIO XI Art Modifica all articolo 6 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n Pag. 58 Art Modifica all articolo 9 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n » 59 I poteri datoriali rivisitati Commento di VINCENZO FERRANTE 1. Introduzione: le finalità perseguite dal legislatore (l art. 32, d.lgs. n. 150/09)... Pag Le modifiche alla disciplina delle fonti di cui all art. 2 d.lgs. n. 165/01 (art. 33 d.lgs. n. 150/09)...» Il richiamo alle disposizioni del codice che regolano la sostituzione automatica di clausole in caso di nullità parziale...» La regolazione dei poteri datoriali (modifiche agli artt. 5, 9 e 40 del d.lgs. n. 165/01)...» La indisponibilità del potere del datore di lavoro...» Gli strumenti diretti a tutelare l esercizio in via esclusiva dei poteri datoriali...» Si può ipotizzare la sussistenza di limiti impliciti al diritto di sciopero a tutela dei poteri datoriali?...» Conclusioni: dalla tutela delle posizioni soggettive dei singoli alla tutela dell efficace funzionamento della amministrazione.» 76 Capo II - DIRIGENZA PUBBLICA Art Oggetto, ambito di applicazionee finalità...» 78 La dirigenza pubblica: gli obiettivi della riforma Commento di CINZIA DE MARCO Art Modifica all articolo 16 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n » 82 Art Modifica all articolo 17 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n » 82 Le nuove funzioni dei dirigenti Commento di MARINA NICOLOSI 1. Le nuove funzioni dei dirigenti: l individuazione delle risorse e dei profili professionali... Pag Segue: le misure di contrasto ai fenomeni di corruzione...» Segue: la valutazione del personale...» 91 Art Modifica all articolo 19 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n » 91

4 XII INDICE-SOMMARIO Il conferimento dell incarico dirigenziale Commento di MARINA NICOLOSI 1. I principi ispiratori della delega... Pag I criteri del conferimento dell incarico...» La procedura per il conferimento...» La mancata conferma nell incarico in caso di scadenza o riorganizzazione...» La durata...» Il conferimento dell incarico all esterno...» 104 Art Modifica all articolo 21 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n » 108 La responsabilità dirigenziale Commento di CINZIA DE MARCO 1. Premessa... Pag La responsabilità dirigenziale: natura e differenze con la responsabilità disciplinare...» Le novità apportate dal d.lgs. n. 150/09 alla responsabilità dirigenziale...» 116 Art Modifica all articolo 22 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n » 121 Il Comitato dei Garanti Commento di CINZIA DE MARCO 1. Il quadro normativo previgente... Pag Il «nuovo» Comitato dei Garanti...» 123 Art Modifica all articolo 23 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n » 125 Art Modifica all articolo 23 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n » 125 Il passaggio dei dirigenti dalla seconda alla prima fascia Commento di CINZIA DE MARCO...» 126 Art Modifica all articolo 24 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n » 128

5 INDICE-SOMMARIO XIII Il trattamento economico Commento di MARINA NICOLOSI 1. Il trattamento economico accessorio della dirigenza... Pag. 129 Art Modifiche all articolo 28 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n » 131 Art Modifica all articolo 28 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n » 131 L accesso alle fasce dirigenziali Commento di MARINA NICOLOSI 1. L accesso alla seconda fascia dirigenziale... Pag L accesso alla prima fascia dirigenziale...» 134 Capo III - UFFICI, PIANTE ORGANICHE, MOBILITÀ E ACCESSI Art Mobilità intercompartimentale...» 137 Art Modifiche all articolo 30 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n » 138 Art Modifica all articolo 33 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n » 138 La nuova disciplina della mobilità volontaria Commento di ALESSANDRO RICCOBONO 1. Premessa... Pag La mobilità intercompartimentale...» La procedimentalizzazione della mobilità individuale...» Segue: l individuazione dei criteri di scelta...» Segue: il parere del responsabile dell ufficio di assegnazione.» Gli spazi del sindacato giudiziale e le forme di tutela conseguibili...» Le ripercussioni sulla «mobilità preventiva» rispetto ai concorsi...» Segue: la mobilità della dirigenza...» Le perduranti incertezze in materia di giurisdizione...» L intervento marginale sulla mobilità collettiva: la responsabilità erariale del dirigente per mancata rilevazione delle eccedenze di personale...» 157 Art Territorializzazione delle procedure concorsuali...» 159

6 XIV INDICE-SOMMARIO La controversa «territorializzazione delle procedure concorsuali» Commento di ALESSANDRO RICCOBONO 1. I precedenti della disposizione... Pag Profili di illegittimità costituzionale...» 161 Art Modifiche all articolo 53 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n » 164 Le nuove incompatibilità per gli incarichi di direzione di strutture deputate alla gestione del personale Commento di ALESSANDRO RICCOBONO 1. Finalità della disposizione... Pag Il possibile eccesso di delega...» La definizione di «strutture deputate alla gestione di personale»...» Segue: e quella di cariche in partiti politici o in organizzazioni sindacali...» 169 Titolo II - MISURAZIONE, VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE Premessa di scienza dell organizzazione Commento di DOMENICO BODEGA... Pag. 171 Performance, pratiche di valutazione e trasparenza: la prospettiva organizzativa Commento di BARBARA IMPERATORI 1. Misurazione e valutazione della performance e trasparenza: quale il contributo degli studi organizzativi?... Pag Performance organizzativa e performance individuale: quale relazione?...» Misurare e valutare la performance organizzativa...» Misurare e valutare la performance individuale: perché?...» Misurare e valutare la performance individuale: contenuti e misure...» Il processo di valutazione delle performance individuali: attori e fasi...» Progettare e implementare un processo di valutazione delle performance...» Trasparenza e giustizia organizzativa: da misura «esterna» a pratica gestionale «interna»...» 198

7 INDICE-SOMMARIO XV Titolo II - MISURAZIONE, VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE Capo I - DISPOSIZIONI GENERALI Art Oggetto e finalità... Pag. 201 Art Principi generali...» 201 Misurazione e valutazione della performance nel sistema delle responsabilità Commento di ANTONELLA OCCHINO 1. Pluralismo scientifico e punti di vista integrabili nel sistema, tra performance manageriali, individuali e organizzative... Pag Valutazione delle responsabilità e responsabilità della valutazione...» Il mercato immaginario: trasparenza vs. concorrenza?...» I livelli della performance individuale: verso la ridefinizione del sistema dei controlli...» I dirigenti di fronte a nuove responsabilità...» 220 Capo II - IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE Art Ciclo di gestione della performance...» 224 Art Obiettivi e indicatori...» 225 Art Monitoraggio della performance...» 225 Art Sistema di misurazione e valutazione della performance.» 226 Art Ambiti di misurazione e valutazione della performance organizzativa...» 227 Art Ambiti di misurazione e valutazione della performance individuale...» 227 Art Piano della performance e Relazione sulla performance...» 228 La pubblica amministrazione alla prova della valutazione della performance: una sfida con molte incognite Commento di ALESSANDRA SARTORI 1. Dal controllo della legalità alla valutazione della performance. Pag Finalità e strumenti della valutazione...» Il ciclo di gestione della performance...» 241

8 XVI INDICE-SOMMARIO 3.1. Le fasi del ciclo... Pag Strumenti, attori e sanzioni...» In particolare: misurazione e valutazione della performance organizzativa...» Segue: misurazione e valutazione della performance individuale...» Il dirigente...» Il personale non dirigenziale...» Criticità e potenzialità del sistema...» 273 Capo III - TRASPARENZA E RENDICONTAZIONE DELLA PERFORMANCE Art Trasparenza...» 277 La pubblica amministrazione: da castello inespugnabile a casa di vetro? Commento di ALESSANDRA SARTORI 1. I cittadini: da «sudditi passivi» ad attori consapevoli... Pag Gli strumenti della trasparenza...» Un occasione persa?...» 290 Capo IV - SOGGETTI DEL PROCESSO DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Art Soggetti...» 293 Art Commissione per la valutazione, la trasparenza e l integrità delle amministrazioni pubbliche...» 293 Art Organismo indipendente di valutazione della performance...» 297 Art Responsabilità dell organo di indirizzo politico-amministrativo...» 299 Art Norme per gli Enti territoriali e il Servizio sanitario nazionale...» 300 I soggetti del processo di misurazione e valutazione della performance Commento di TOMMASO ERBOLI 1. I soggetti del processo di misurazione e valutazione della performance: considerazioni introduttive... Pag La Commissione per la valutazione, la trasparenza e l integrità delle amministrazioni pubbliche...» 304

9 INDICE-SOMMARIO XVII 3. L Organismo indipendente di valutazione della performance. Pag Le responsabilità dell organo di indirizzo politico-amministrativo...» Norme per gli Enti territoriali e il Servizio sanitario nazionale.» 317 Titolo III - MERITO E PREMI Capo I - DISPOSIZIONI GENERALI Art Oggetto e finalità...» 319 Merito e premi 1. La performance individuale e la qualità dell azione amministrativa... Pag Segue: strumenti di valorizzazione e metodi di incentivazione.» I principi di selettività e di concorsualità...» Operatività della riforma senza «nuovi o maggiori oneri» finanziari...» 328 Art Criteri e modalità per la valorizzazione del merito ed incentivazione della performance...» 329 Merito e premi 1. La cultura del merito... Pag La nozione di performance organizzativa e individuale...» Il sistema premiale e meritocratico...» Divieto di automatismi retributivi e professionali...» 333 Art Criteri per la differenziazione delle valutazioni...» 335 Merito e premi 1. La graduatoria delle valutazioni individuali... Pag Segue: il soggetto valutatore e i soggetti valutati...» I livelli di performance e le tre fasce di merito...» Retribuzione accessoria e parità di trattamento...» Ambiti di intervento della contrattazione collettiva integrativa...» La manovra finanziaria 2010 e il blocco delle retribuzioni...» 346 Capo II - PREMI Art Strumenti...» 349

10 XVIII INDICE-SOMMARIO Art Bonus annuale delle eccellenze... Pag. 349 Art Premio annuale per l innovazione...» 350 Art Progressioni economiche...» 350 Art Progressioni di carriera...» 350 Art Attribuzione di incarichi e responsabilità...» 351 Art Accesso a percorsi di alta formazione e di crescita professionale...» 351 Merito e premi 1. Strumenti di valorizzazione del merito... Pag Premi di tipo economico: il bonus delle eccellenze...» Segue: il premio annuale per l innovazione...» Premi per uno sviluppo professionale e di competenze: le progressioni economiche...» Segue: le progressioni di carriera...» Segue: l accesso a percorsi di alta formazione...» L attribuzione di incarichi e di responsabilità...» Conclusioni...» 363 Art Premio di efficienza...» 364 Merito e premi 1. Il finanziamento del premio... Pag La quantificazione dei risparmi...» La finalità del contenimento dei costi...» 366 Art Qualità dei servizi pubblici...» 367 Merito e premi 1. Collocazione sistematica della norma... Pag Ruolo della Commissione per la valutazione, la trasparenza e l integrità nelle amministrazioni pubbliche...» 368 Capo III - NORME FINALI, TRANSITORIE E ABROGAZIONI Art Inderogabilità...» 368

11 INDICE-SOMMARIO XIX Norme finali, transitorie e abrogazioni 1. L inderogabilità della legge... Pag La sostituzione automatica...» Esiti dell applicazione pratica del meccanismo...» Decorrenza temporale...» 372 Art Norme transitorie e abrogazioni...» 374 Norme finali, transitorie e abrogazioni 1. L entrata a regime degli organi preposti alla gestione e al controllo del ciclo di gestione delle performance... Pag Abrogazione delle norme del precedente sistema di valutazione» 376 Capo IV - CONTRATTAZIONE COLLETTIVA NAZIONALE E INTEGRATIVA Art Oggetto, ambito di applicazione e finalità...» 377 Art Modifiche all articolo 40 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n » 377 Art Modifica all articolo 40-bis del decreto legislativo 30 marzo 2001, n » 380 Art Modifica all articolo 41 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n » 382 Art Modifica all articolo 45 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n » 383 Art Modifiche all articolo 46 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n » 384 Art Modifiche all articolo 47 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n » 387 Art Modifiche all articolo 48 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n » 389 Art Modifica all articolo 49 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n » 390 Art Modifiche all articolo 43 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n » 390

12 XX INDICE-SOMMARIO Art Adeguamento ed efficacia dei contratti collettivi vigenti. Pag. 390 Art Abrogazioni...» 392 La contrattazione collettiva nazionale e integrativa Commento di ALESSANDRO BELLAVISTA 1. Premessa... Pag L autonomia collettiva e la riforma Brunetta...» Gli oggetti della contrattazione...» I comparti e le aree contrattuali. I comitati di settore...» L Aran...» Il procedimento della contrattazione nazionale. La definizione delle risorse. La via d uscita unilaterale...» Gli atti di indirizzo...» Il perfezionamento dell accordo...» La contrattazione integrativa. Le finalità...» Le materie oggetto di contrattazione integrativa. I vincoli finanziari...» La provvisoria regolamentazione unilaterale...» I controlli sulla contrattazione integrativa. Gli obblighi di informazione e di pubblicazione...» Le sanzioni per i contratti integrativi illegittimi...» Il periodo transitorio. Il blocco della contrattazione collettiva nazionale Art Modifiche all art. 52 d.lgs. n. 165/ » 444 Nuove norme in tema di inquadramento e di progressione di carriera dei dipendenti pubblici Commento di VINCENZO FERRANTE 1. La tutela della professionalità come profilo di permanente specialità del lavoro pubblico... Pag L evoluzione della disciplina sino al d.lgs. n. 29/93...» Le disposizioni del d.lgs. n. 80/98 e l intervento della contrattazione collettiva alla luce delle previsioni del d.lgs. n. 165/01.» La progressione di carriera nelle giurisprudenza costituzionale e di legittimità...» La situazione precedentemente all intervento del legislatore del 2009 in relazione alla mobilità verticale e a quella orizzontale...» L intervento del legislatore del 2009: la mobilità orizzontale.» Segue: la mobilità verticale...» 463 Capo V - SANZIONI DISCIPLINARI E RESPONSABILITÀ DEI DIPENDENTI PUBBLICI Art Oggetto e finalità...» 469

13 INDICE-SOMMARIO XXI Art Ambito di applicazione, codice disciplinare, procedure di conciliazione... Pag. 469 Art Disposizioni relative al procedimento disciplinare...» 470 Art Comunicazione della sentenza...» 478 I-Sanzioni disciplinari e responsabilità dei dipendenti pubblici Commento di FABIO RAVELLI 1. Premessa... Pag Le fonti del nuovo sistema disciplinare del pubblico impiego.» Il nuovo procedimento disciplinare...» Segue: la procedura «semplice»...» Segue: la procedura «aggravata»...» Segue: le disposizioni comuni alle due procedure...» Segue: l «ultrattività» del procedimento disciplinare...» Le tipologie delle sanzioni disciplinari introdotte dal d.lgs. n. 150/09...» Segue: le sanzioni conservative...» Segue: le sanzioni espulsive...» Segue: l obbligatorietà dell azione disciplinare...» Segue: il collocamento in disponibilità...» Il rapporto tra procedimento disciplinare e procedimento penale...» 508 II - False attestazioni o certificazioni: le conseguenze per il lavoratore e per il medico Commento di MASSIMILIANO NAPOLI 1. La fattispecie... Pag La responsabilità amministrativa del dipendente pubblico...» Il danno all immagine e la sentenza della Corte cost. 15 dicembre 2010, n » Le conseguenze per il medico...» Conclusioni...» 523 III - I controlli sulla malattia tra tutela della salute e lotta all assenteismo Commento di FRANCESCA MALZANI 1. Lotta all assenteismo ed efficienza della Pubblica Amministrazione... Pag Gli strumenti contro l assenteismo...» La disciplina delle assenze...» Invio della certificazione...» 530

14 XXII INDICE-SOMMARIO 3.2. Fasce di reperibilità e visite ispettive... Pag La giurisprudenza sull assenza alla visita...» Il trattamento economico...» Disciplina delle assenze e altri congedi: cenni...» 542 IV - Inidoneità psicofisica e conservazione del posto di lavoro Commento di FRANCESCA MALZANI 1. L accertamento dell inidoneità permanente... Pag Inidoneità alla mansione: tutela della salute e conservazione del posto di lavoro...» La giurisprudenza sul cd. obbligo di repêchage...» L adibizione a mansioni inferiori...» L adibizione a mansioni superiori e i limiti dell art. 52 d.lgs. n. 165/01...» 551 V-Dipendenti pubblici col cartellino. Tra privacy e trasparenza Commento di ALESSANDRO NAPOLI 1. Introduzione. Ambito e finalità... Pag Le deroghe...» L identificazione del dipendente...» L inosservanza della prescrizione...» Conclusioni...» 556 Art Ampliamento dei poteri ispettivi...» 558 Il potere ispettivo Commento di MASSIMILIANO MARINELLI 1. Il comma 6 o dell art. 60 del d.lgs. 30 marzo 2001 alla data di approvazione del testo legislativo... Pag Le modifiche introdotte dal legislatore nel » Le novità introdotte dalla Riforma Brunetta...» 562 Art Abrogazioni...» 565 Le abrogazioni Commento di MASSIMILIANO MARINELLI 1. Le abrogazioni relative ai controlli sulla malattia... Pag Le abrogazioni riguardanti norme relative al procedimento disciplinare...» 566 Art Norme transitorie...» 569

15 INDICE-SOMMARIO XXIII Le norme transitorie Commento di MASSIMILIANO MARINELLI 1. La soppressione dei collegi arbitrali... Pag Il differimento dell entrata in vigore della norma sulla identificazione del personale...» La temporanea conservazione degli effetti delle disposizioni legali speciali in tema di sanzioni disciplinari...» 571 Art Procedimenti negoziali per il personale ad ordinamento pubblicistico...» 572 Modifiche per il pubblico impiego non privatizzato Commento di VINCENZO FERRANTE...» 573 APPENDICE DI AGGIORNAMENTO ALESSANDRO BELLAVISTA LA STORIA INFINITA DELLA RIFORMA DEL LAVORO PUBBLICO... Pag. 575

La gestione delle risorse umane nel pubblico impiego dopo la riforma della P.A. (D.L. n.90 del 2014 e Disegno di legge delega S1577)

La gestione delle risorse umane nel pubblico impiego dopo la riforma della P.A. (D.L. n.90 del 2014 e Disegno di legge delega S1577) FORMAZIONE AVANZATA La gestione delle risorse umane nel pubblico impiego dopo la riforma della P.A. (D.L. n.90 del 2014 e Disegno di legge delega S1577) 1. Scenario di riferimento La formazione del personale

Dettagli

Poteri e nuova disciplina della dirigenza tra valutazione e procedimenti disciplinari. Forum PA mercoledì 19 maggio 2010 ore 10,00

Poteri e nuova disciplina della dirigenza tra valutazione e procedimenti disciplinari. Forum PA mercoledì 19 maggio 2010 ore 10,00 Poteri e nuova disciplina della dirigenza tra valutazione e procedimenti disciplinari Forum PA mercoledì 19 maggio 2010 ore 10,00 1 Valutazione Uno dei principali intenti del D.Lgs. n. 150/2009 è stato

Dettagli

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue.

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. La pubblica amministrazione è stata oggetto negli

Dettagli

COMUNE DI MONTEBELLO JONICO

COMUNE DI MONTEBELLO JONICO COMUNE DI MONTEBELLO JONICO CAPO X SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE ART.57 -FINALITA DEL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE 1. Le disposizioni contenute nel presente Titolo

Dettagli

INDICE CAPITOLO I IL DIRITTO DEL LAVORO

INDICE CAPITOLO I IL DIRITTO DEL LAVORO Abbreviazioni.................................. pag. XXIII CAPITOLO I IL DIRITTO DEL LAVORO 1. Alle origini del diritto del lavoro................... 1 2. Il periodo corporativo.........................

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE 58 REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE APPROVATO DALLA GIUNTA COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 492 REG./.534 PROP.DEL. NELLA SEDUTA DEL 29/12/2010 Art.

Dettagli

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09)

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09) Regolamento di disciplina della misurazione, valutazione e trasparenza della performance ( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) Il presente Regolamento è assunto ai sensi degli artt. 16 e 31 del

Dettagli

Pag. (Articoli estratti)... 175

Pag. (Articoli estratti)... 175 Normativa 1. Costituzione della Repubblica Italiana, approvata dall Assemblea Costituente il 22-12-1947, promulgata dal Capo provvisorio dello Stato il 27-12-1947 ed entrata in vigore l 1-1-1948 (Articoli

Dettagli

Titolo XII. Il Sistema di valutazione, misurazione e trasparenza della Performance Merito e Premi

Titolo XII. Il Sistema di valutazione, misurazione e trasparenza della Performance Merito e Premi Titolo XII Il Sistema di valutazione, misurazione e trasparenza della Performance Merito e Premi CAPO I IL SISTEMA DI VALUTAZIONE MISURAZIONE DELLA PERFORMANCE Art. 63 Le disposizioni contenute nel presente

Dettagli

IL NUOVO SISTEMA DI VALUTAZIONE E LA RETRIBUZIONE DI PRODUTTIVITA

IL NUOVO SISTEMA DI VALUTAZIONE E LA RETRIBUZIONE DI PRODUTTIVITA IL NUOVO SISTEMA DI VALUTAZIONE E LA RETRIBUZIONE DI PRODUTTIVITA COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL DLGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009 A CHE COSA SERVE IL NUOVO SISTEMA DI VALUTAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (Approvato con deliberazione di G.C. 140/02.12.2010) 1 TITOLO I - SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE Capo I - Aspetti generali

Dettagli

DIRIGENTI Valutano e sono valutati

DIRIGENTI Valutano e sono valutati Commento alla Bozza di decreto legislativo di attuazione della legge 4 marzo 2009 n. 15 in materia di ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e di efficienza e trasparenza delle pubbliche

Dettagli

INDICE. Abbreviazioni... Art. 2107 (Orario di lavoro) Art. 2108 (Lavoro straordinario e notturno) Art. 2109 (Periodo di riposo)

INDICE. Abbreviazioni... Art. 2107 (Orario di lavoro) Art. 2108 (Lavoro straordinario e notturno) Art. 2109 (Periodo di riposo) INDICE Abbreviazioni...................................... XXIII Art. 2107 (Orario di lavoro) Art. 2108 (Lavoro straordinario e notturno) Art. 2109 (Periodo di riposo) CAPITOLO I: EVOLUZIONE DELLA DISCIPLINA

Dettagli

SOMMARIO. Premessa... Note sugli autori...

SOMMARIO. Premessa... Note sugli autori... Sommario SOMMARIO Premessa... Note sugli autori... XI XVII Capitolo 1 - Licenziamenti individuali 1. Il licenziamento individuale... 1 1.1. Le principali tipologie di licenziamento individuale... 1 1.2.

Dettagli

Comune di OLGIATE OLONA SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

Comune di OLGIATE OLONA SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Comune di OLGIATE OLONA SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE 1. INTRODUZIONE La legge-delega 4 marzo 2009, n. 15, ed il decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150, di seguito Decreto,

Dettagli

Il parere del Collegio dei Revisori dei Conti. di: Carmine Lasco Dottore Commercialista

Il parere del Collegio dei Revisori dei Conti. di: Carmine Lasco Dottore Commercialista Il parere del Collegio dei Revisori dei Conti di: Carmine Lasco Dottore Commercialista (art. 239, comma 1, T. U.E. L. ) Le funzioni obbligatorie dell'organo di revisione sono così riassumibili: collaborazione

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO \\\\\\\\\\\\\\\\ CITTÀ DI MOGLIANO VENETO P.zza Caduti, 8 C.A.P. 31021 PROVINCIA DI TREVISO tel. 041/59.30.111 - fax 041/59.30.299 Codice fiscale 00565860269 Partita IVA 00476370267 SISTEMA DI VALUTAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA METODOLOGIA E I CRITERI PER LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE E SUL NUCLEO DI VALUTAZIONE

REGOLAMENTO SULLA METODOLOGIA E I CRITERI PER LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE E SUL NUCLEO DI VALUTAZIONE REGOLAMENTO SULLA METODOLOGIA E I CRITERI PER LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE E SUL NUCLEO DI VALUTAZIONE Art. 1 Definizione di performance organizzativa e di performance individuale La performance organizzativa

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL MINISTRO DELLE POLITICHE PER LA FAMIGLIA (BINDI) DAL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA (MASTELLA)

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL MINISTRO DELLE POLITICHE PER LA FAMIGLIA (BINDI) DAL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA (MASTELLA) Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2514-A DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL MINISTRO DELLE POLITICHE PER LA FAMIGLIA (BINDI) DAL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA (MASTELLA) E DAL MINISTRO

Dettagli

PIANO DELLA PERFORMANCE

PIANO DELLA PERFORMANCE PIANO DELLA PERFORMANCE PROGRAMMI E PROGETTI DELL AMMINISTRAZIONE PER IL PERIODO 2011-2012 - 2013 L Albero della Performance Consiglio Comunale Piano di mandato Sindaco e Giunta Comunale Piano della Performance

Dettagli

Giusta delibera n. 302 del 18/11/2010

Giusta delibera n. 302 del 18/11/2010 Comune di Trapani Regolamento di disciplina della misurazione, valutazione e integrità e trasparenza della Performance - Modifiche di raccordo ad alcuni articoli del Regolamento istituito dall' O.I.V.

Dettagli

Vista la legge Costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3, recante Modifiche al titolo V della parte seconda della Costituzione ;

Vista la legge Costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3, recante Modifiche al titolo V della parte seconda della Costituzione ; DECRETO 29 dicembre 2009. Individuazione degli ufþ ci di livello dirigenziale non generale degli UfÞ ci scolastici regionali per la Sicilia. IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

Dettagli

COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO tel. 011 9234400 - Fax 011 9234422 E-mail: comune@comune.robassomero.to.it - www.comune.robassomero.to.

COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO tel. 011 9234400 - Fax 011 9234422 E-mail: comune@comune.robassomero.to.it - www.comune.robassomero.to. COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO tel. 011 9234400 - Fax 011 9234422 E-mail: comune@comune.robassomero.to.it - www.comune.robassomero.to.it Approvato con deliberazione G.C. n. 103/29.12.2010 INDICE

Dettagli

PARTE I: L INQUADRAMENTO SISTEMATICO DELLE FORME DI PREVIDENZA VOLONTARIA

PARTE I: L INQUADRAMENTO SISTEMATICO DELLE FORME DI PREVIDENZA VOLONTARIA Art 2123 (Forme di previdenza) PARTE I: L INQUADRAMENTO SISTEMATICO DELLE FORME DI PREVIDENZA VOLONTARIA CAPITOLO I: LA PREVIDENZA VOLONTARIA NEL SISTEMA ITALIANO E COMUNITARIO DI SICUREZZA SOCIALE (Maurizio

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SULL APPRENDISTATO

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SULL APPRENDISTATO Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SULL APPRENDISTATO Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18 del 30

Dettagli

IL LAVORO NEL TURISMO

IL LAVORO NEL TURISMO IL LAVORO NEL TURISMO Recenti interventi normativi e prospettive per il settore Castelfranco Veneto, 20 febbraio 2012 Area Relazioni Sindacali, Previdenziali e Formazione Tempo Determinato Maggiore costo

Dettagli

ENTE: CONFSALFORM- Consorzio per la Formazione, la Qualità e l'organizzazione delle Risorse Umane

ENTE: CONFSALFORM- Consorzio per la Formazione, la Qualità e l'organizzazione delle Risorse Umane PRESENTAZIONE delle INIZIATIVE di FORMAZIONE ORGANIZZATE dai SOGGETTI ACCREDITATI o RICONOSCIUTI COME QUALIFICATI (DM 177/00 - Direttiva 90/03) Allegato B ENTE: CONFSALFORM- Consorzio per la Formazione,

Dettagli

CRITERI GENERALI DELLA METODOLOGIA PERMANENTE PER LA VALUTAZIONE DEI RISULTATI E DELLA PRESTAZIONE LAVORATIVA DEI DIPENDENTI

CRITERI GENERALI DELLA METODOLOGIA PERMANENTE PER LA VALUTAZIONE DEI RISULTATI E DELLA PRESTAZIONE LAVORATIVA DEI DIPENDENTI CRITERI GENERALI DELLA METODOLOGIA PERMANENTE PER LA VALUTAZIONE DEI RISULTATI E DELLA PRESTAZIONE LAVORATIVA DEI DIPENDENTI Il sistema premiante introdotto dal CCNL 31 marzo 1999 e dal CCNL 1 aprile 1999

Dettagli

LEGGE 7 agosto 2015, n. 124. Deleghe al Governo in materia di riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche. (15G00138) Vigente al: 17-11-2015

LEGGE 7 agosto 2015, n. 124. Deleghe al Governo in materia di riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche. (15G00138) Vigente al: 17-11-2015 LEGGE 7 agosto 2015, n. 124 Deleghe al Governo in materia di riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche. (15G00138) Vigente al: 17-11-2015 Capo IV DELEGHE PER LA SEMPLIFICAZIONE NORMATIVA Art. 17

Dettagli

Bozza. Schema di disegno di legge recante delega in materia di riforma del lavoro alle dipendenze delle pubbliche amministrazioni e di trasparenza

Bozza. Schema di disegno di legge recante delega in materia di riforma del lavoro alle dipendenze delle pubbliche amministrazioni e di trasparenza Bozza Schema di disegno di legge recante delega in materia di riforma del lavoro alle dipendenze delle pubbliche amministrazioni e di trasparenza Art.1 (Delega al Governo in materia di riforma del lavoro

Dettagli

Secondo quesito: è possibile valorizzare i risparmi di spesa finanziari conseguenti alla soppressione, riduzione e/o razionalizzazione dei servizi?

Secondo quesito: è possibile valorizzare i risparmi di spesa finanziari conseguenti alla soppressione, riduzione e/o razionalizzazione dei servizi? Nel merito del parere espresso dalla corte dei conti, sezione della Lombardia 441/2013 si evidenzia: Primo quesito: ai fini dell inserimento nel piano triennale delle singole voci di spesa, è necessario

Dettagli

ENTE: CONFSALFORM - Consorzio per la Formazione, la Qualità e l'organizzazione delle Risorse Umane

ENTE: CONFSALFORM - Consorzio per la Formazione, la Qualità e l'organizzazione delle Risorse Umane PRESENTAZIONE delle INIZIATIVE di FORMAZIONE ORGANIZZATE dai SOGGETTI ACCREDITATI o RICONOSCIUTI COME QUALIFICATI (DM 177/00 - Direttiva 90/03) Allegato B ENTE: CONFSALFORM - Consorzio per la Formazione,

Dettagli

Programma per la Trasparenza e l Integrità 2014-2016

Programma per la Trasparenza e l Integrità 2014-2016 Programma per la Trasparenza e l Integrità 2014-2016 Documento Trasparenza: Codice di raggruppamento: Oggetto della modifica: TR.PRO.TRA TR.PRO.TRA Approvazione: Delegato Piero Buoncristiano Emissione:

Dettagli

Nota Circolare UPPA n. 33/08. Roma, lì 22.05.2008. Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Roma

Nota Circolare UPPA n. 33/08. Roma, lì 22.05.2008. Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Roma UFFICIO PERSONALE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI SEGRETERIA TECNICA DEL DIRETTORE Nota Circolare UPPA n. 33/08, lì 22.05.2008 Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Alle Amministrazioni

Dettagli

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Articolo 1 Finalità ed obiettivi 1. Il presente regolamento definisce le linee fondamentali di organizzazione

Dettagli

Comune di Grumento Nova Sistema per la misurazione e la valutazione della performance. Finalità e principi

Comune di Grumento Nova Sistema per la misurazione e la valutazione della performance. Finalità e principi Comune di Grumento Nova Sistema per la misurazione e la valutazione della performance Finalità e principi Art. 1 - Finalità Il presente regolamento disciplina il sistema di misurazione e valutazione della

Dettagli

Il modello di organizzazione pubblica, con particolare riferimento agli enti locali: principi, criteri e strumenti

Il modello di organizzazione pubblica, con particolare riferimento agli enti locali: principi, criteri e strumenti Master in gestione e innovazione nelle amministrazioni pubbliche Il modello di organizzazione pubblica, con particolare riferimento agli enti locali: principi, criteri e strumenti Giuseppe Panassidi 1

Dettagli

Gli. approfondimenti. di Publika LE PROGRESSIONI VERTICALI DOPO IL DECRETO ATTUATIVO DELLA RIFORMA BRUNETTA

Gli. approfondimenti. di Publika LE PROGRESSIONI VERTICALI DOPO IL DECRETO ATTUATIVO DELLA RIFORMA BRUNETTA Gli approfondimenti di Publika LE PROGRESSIONI VERTICALI DOPO IL DECRETO ATTUATIVO DELLA RIFORMA BRUNETTA LE PROGRESSIONI VERTICALI DOPO IL DECRETO ATTUATIVO DELLA RIFORMA BRUNETTA di Gianluca Bertagna

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

INDICE SOMMARIO PARTE PRIMA ANALISI E COMMENTI SEZIONE I PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI E LICENZIAMENTI PER MOTIVI SOGGETTIVI

INDICE SOMMARIO PARTE PRIMA ANALISI E COMMENTI SEZIONE I PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI E LICENZIAMENTI PER MOTIVI SOGGETTIVI Abbreviazioni... Pag. XI Avvertenze e Legenda (per la lettura dei «medaglioni»)...» XV LICENZIAMENTI, SOGGETTIVI E OGGETTIVI, E SANZIONI: UNA INTRODUZIONE CON LE NOVITÀ DEL «COLLEGATO LAVORO» di Marcello

Dettagli

C O M U N E D I L U G O D I V I C E N Z A PROVINCIA DI VICENZA Piazza XXV Aprile, 28

C O M U N E D I L U G O D I V I C E N Z A PROVINCIA DI VICENZA Piazza XXV Aprile, 28 C O M U N E D I L U G O D I V I C E N Z A PROVINCIA DI VICENZA Piazza XXV Aprile, 28 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014 2016 APPROVATO CON DELIBERA DI G.C. N. 9 DEL 31/01/2014

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Presentazione della Collana... pag. V. Introduzione... pag. VII. La dichiarazione giudiziale di paternità... pag.

INDICE-SOMMARIO. Presentazione della Collana... pag. V. Introduzione... pag. VII. La dichiarazione giudiziale di paternità... pag. INDICE-SOMMARIO Presentazione della Collana... pag. V Introduzione... pag. VII La dichiarazione giudiziale di paternità... pag. IX Indice-Sommario... pag. XV CAPITOLO I STORIA GIURIDICA DELLA FILIAZIONE

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Presentazione di Marco Mancini... Parte Prima IL QUADRO ISTITUZIONALE. Capitolo I PREFAZIONE

INDICE SOMMARIO. Presentazione di Marco Mancini... Parte Prima IL QUADRO ISTITUZIONALE. Capitolo I PREFAZIONE INDICE SOMMARIO Presentazione di Marco Mancini... VII Parte Prima IL QUADRO ISTITUZIONALE Capitolo I PREFAZIONE Forme e contenuto dell Università fra storia e filologia... Pag. 10 Capitolo II IL PROCESSO

Dettagli

SOMMARIO. Capitolo 1 - Dal contratto di assicurazione ai prodotti finanziari emessi da imprese di assicurazione di Laura Mazzuoccolo

SOMMARIO. Capitolo 1 - Dal contratto di assicurazione ai prodotti finanziari emessi da imprese di assicurazione di Laura Mazzuoccolo SOMMARIO Elenco Autori... Abbreviazioni... V VII Introduzione... 1 di Luca Zitiello Capitolo 1 - Dal contratto di assicurazione ai prodotti finanziari emessi da imprese di assicurazione di Laura Mazzuoccolo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE, MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE, MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE COMUNE DI CASLINO D ERBA Provincia di Como REGOLAMENTO PER LA GESTIONE, MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (approvato con delibera della Giunta Comunale n. 21 del 08.03.2013) INDICE CAPO I - PRINCIPI

Dettagli

LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO Aspetti sostanziali e processuali

LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO Aspetti sostanziali e processuali LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO Aspetti sostanziali e processuali LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO Aspetti sostanziali e processuali Filippo Aiello - Francesco Cipriani - Filippo Maria Giorgi Enzo

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Capitolo Primo INQUADRAMENTO STORICO E SISTEMATICO

INDICE-SOMMARIO. Capitolo Primo INQUADRAMENTO STORICO E SISTEMATICO IX INDICE-SOMMARIO Prefazione... pag. V Elenco delle principali abbreviazioni... pag. XV Capitolo Primo INQUADRAMENTO STORICO E SISTEMATICO 1. Inquadramento storico generale...pag. 1 1.1. La tutela del

Dettagli

CAPITOLO 12 - SISTEMA DEGLI INCARICHI E DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE

CAPITOLO 12 - SISTEMA DEGLI INCARICHI E DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE CAPITOLO 12 - SISTEMA DEGLI INCARICHI E DI VALUTAZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE 12.1 Individuazione delle Strutture Semplici e Complesse Nell individuare le strutture complesse di cui all allegato n. 2

Dettagli

Maurizio De Nuccio *

Maurizio De Nuccio * Servizio sanitario L accreditamento: un sistema per la qualità in piena evoluzione La ricostruzione legislativa della normativa in materia Maurizio De Nuccio * La definizione data da Wikipedia, l'enciclopedia

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO

CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO Pag. 1 di 9 Articolo 1 Campo di applicazione e durata 1. Il presente contratto decentrato integrativo redatto ai sensi dell art. 5 del CCNL del 01.04.1999, così

Dettagli

OPERA PIA CASA DI RIPOSO "S. VINCENZO DE' PAOLI" - VIZZINI -

OPERA PIA CASA DI RIPOSO S. VINCENZO DE' PAOLI - VIZZINI - OPERA PIA CASA DI RIPOSO "S. VINCENZO DE' PAOLI" - VIZZINI - (Istituzione Pubblica di Assistenza e Beneficenza Programma Triennale per la Trasparenza e l'integrità (PTTI) 2015-2017 Il presente Programma

Dettagli

COMUNE DI TEGLIO. Provincia di Sondrio ALLEGATO

COMUNE DI TEGLIO. Provincia di Sondrio ALLEGATO Approvato con deliberazione di G.C. N. 186 del 27.12.2010 COMUNE DI TEGLIO Provincia di Sondrio ALLEGATO AL REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI, IN ADEGUAMENTO AL D. LGS. N. 150/2009

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 2216 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore ASCIUTTI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 18 APRILE 2003 Modifica alla legge 21 dicembre 1999, n. 508, in materia

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2016 2017 2018 EMISSIONE Dicembre 2015 DECORRENZA Gennaio 2016 Redazione a cura di: Responsabile Prevenzione della corruzione Approvato da: Consiglio di

Dettagli

Secondo decreto legislativo correttivo del Codice dell ambiente Rifiuti Relazione di accompagnamento

Secondo decreto legislativo correttivo del Codice dell ambiente Rifiuti Relazione di accompagnamento Secondo decreto legislativo correttivo del Codice dell ambiente Rifiuti Relazione di accompagnamento La presente relazione dà conto delle modificazioni apportate al secondo decreto legislativo correttivo

Dettagli

REGOLAMENTO SUL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO SUL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE CITTA' DI VARAZZE REGOLAMENTO SUL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE approvato con deliberazione Giunta comunale n. 147 del 9 agosto 2012 1 SOMMARIO CAPO I MISURAZIONE E VALUTAZIONE

Dettagli

PROMEMORIA PROVVEDIMENTO N. 2720 DEL 2 LUGLIO 2009 MODIFICHE ED INTEGRAZIONI AL REGOLAMENTO N. 5 DEL 16 OTTOBRE 2006

PROMEMORIA PROVVEDIMENTO N. 2720 DEL 2 LUGLIO 2009 MODIFICHE ED INTEGRAZIONI AL REGOLAMENTO N. 5 DEL 16 OTTOBRE 2006 PROMEMORIA PROVVEDIMENTO N. 2720 DEL 2 LUGLIO 2009 MODIFICHE ED INTEGRAZIONI AL REGOLAMENTO N. 5 DEL 16 OTTOBRE 2006 L'ISVAP ha pubblicato sul proprio sito il Provvedimento 2720 del 2 luglio 2009, che

Dettagli

COMUNE DI PERUGIA AREA DEL PERSONALE DEL COMPARTO DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E DELLE ALTE PROFESSIONALITA

COMUNE DI PERUGIA AREA DEL PERSONALE DEL COMPARTO DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E DELLE ALTE PROFESSIONALITA COMUNE DI PERUGIA AREA DEL PERSONALE DEL COMPARTO DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E DELLE ALTE PROFESSIONALITA METODOLOGIA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Approvato con atto G.C. n. 492 del 07.12.2011 1

Dettagli

Incontro informativo LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO. Area Sindacale e Lavoro-Previdenza Confindustria Monza e Brianza Monza, 24 settembre 2012

Incontro informativo LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO. Area Sindacale e Lavoro-Previdenza Confindustria Monza e Brianza Monza, 24 settembre 2012 Incontro informativo LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO Area Sindacale e Lavoro-Previdenza Confindustria Monza e Brianza Monza, 24 settembre 2012 La riforma del lavoro Legge 28 giugno 2012, n. 92 Flessibilità

Dettagli

PARTE TERZA MISURAZIONE VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLE PERFORMANCE INVIDUALI E COLLETTIVE. VALUTAZIONE AREE POSIZIONI ORGANIZZATIVE

PARTE TERZA MISURAZIONE VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLE PERFORMANCE INVIDUALI E COLLETTIVE. VALUTAZIONE AREE POSIZIONI ORGANIZZATIVE ALLEGATO A PARTE TERZA MISURAZIONE VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLE PERFORMANCE INVIDUALI E COLLETTIVE. VALUTAZIONE AREE POSIZIONI ORGANIZZATIVE CAPO I NUCLEO DI VALUTAZIONE ART. 92 - NUCLEO DI VALUTAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLA VALUTAZIONE, INTEGRITA E TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLA VALUTAZIONE, INTEGRITA E TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE COMUNE DI GAGGIO MONTANO Provin cia di Bologn a REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLA VALUTAZIONE, INTEGRITA E TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE Approvat o c on De libe raz ione Giunt a Munic ipale n. 1 5 6 in dat

Dettagli

Consiglio Regionale della Toscana

Consiglio Regionale della Toscana Consiglio Regionale della Toscana PROPOSTA DI LEGGE n. 35 Istituzione del Servizio civile regionale D iniziativa della Giunta Regionale Agosto 2005 1 Allegato A Istituzione del servizio civile regionale

Dettagli

PIANO DI PREVENZIONE ANTICORRUZIONE DELLA FONDAZIONE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TERAMO 2014/2016

PIANO DI PREVENZIONE ANTICORRUZIONE DELLA FONDAZIONE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TERAMO 2014/2016 PIANO DI PREVENZIONE ANTICORRUZIONE DELLA FONDAZIONE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TERAMO 2014/2016 INTRODUZIONE Con la legge n. 190 del 6 novembre 2012, entrata in vigore il 28 novembre 2012, sono state dettate

Dettagli

STELIO MANGIAMELI I. LE REGIONI E LE RIFORME: QUESTIONI RISOLTE E PROBLEMI APERTI

STELIO MANGIAMELI I. LE REGIONI E LE RIFORME: QUESTIONI RISOLTE E PROBLEMI APERTI Avvertenza........................................ XIII STELIO MANGIAMELI I. LE REGIONI E LE RIFORME: QUESTIONI RISOLTE E PROBLEMI APERTI 1. La realizzazione del regionalismo e la crisi del sistema istituzionale

Dettagli

Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009

Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009 Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009 Parma, Sala aurea C.C.I.A.A., Via Verdi 2 Gaetano Palombelli La riforma del lavoro pubblico nel contesto della riforma istituzionale

Dettagli

Il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo

Il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo VISTA la legge 7 agosto 1990, n. 241 e successive modificazioni; VISTO il decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368 e successive modificazioni; VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300 e successive

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE MERITO E PREMI ADEGUAMENTO AL D.LGS.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE MERITO E PREMI ADEGUAMENTO AL D.LGS. COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE MERITO E PREMI ADEGUAMENTO AL D.LGS. 150/2009 Approvato con delibera di Giunta

Dettagli

Profili sostanziali. Inquadramento generale. Le molte facce della responsabilità delle pubbliche amministrazioni

Profili sostanziali. Inquadramento generale. Le molte facce della responsabilità delle pubbliche amministrazioni Premessa...XIX Parte Prima Profili sostanziali Sezione Prima Inquadramento generale Le molte facce della responsabilità delle pubbliche amministrazioni 1. Considerazioni preliminari.... 5 2. La nozione

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE

IL DIRETTORE GENERALE C.I.S.A.P. CONSORZIO INTERCOMUNALE DEI SERVIZI ALLA PERSONA Comuni di Collegno e Grugliasco DETERMINAZIONE N 27/2015 DEL 13/03/2015 ORIGINALE Oggetto: Assunzione a tempo determinato per sostituzione dipendente

Dettagli

LA RIFORMA DEL LAVORO PUBBLICO

LA RIFORMA DEL LAVORO PUBBLICO una società della Provincia di Pisa LA RIFORMA DEL LAVORO PUBBLICO 22 gennaio Di Arturo BIANCO Le novità della Riforma Brunetta (d.lgs 150/2009) e la loro applicazione agli Enti Locali 1 reformnet edizione

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA RESPONSABILITAv NELLA PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO. PROFILI GENERALI (Giovanni Falcone)

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA RESPONSABILITAv NELLA PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO. PROFILI GENERALI (Giovanni Falcone) INDICE SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni... Introduzione... XIII XV Capitolo 1 LA RESPONSABILITAv NELLA PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO. PROFILI GENERALI (Giovanni Falcone) 1. Aspetti

Dettagli

COMUNE DI CASTIGLIONE TINELLA Provincia di Cuneo

COMUNE DI CASTIGLIONE TINELLA Provincia di Cuneo COMUNE DI CASTIGLIONE TINELLA Provincia di Cuneo REGOLAMENTO COMUNALE SULLA METODOLOGIA E I CRITERI PER LA MISURAZIONE E LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE DEL PERSONALE E SUL NUCLEO DI VALUTAZIONE Art.1

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE, VALUTAZIONE, INTEGRITA E TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE, VALUTAZIONE, INTEGRITA E TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE, VALUTAZIONE, INTEGRITA E TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE Approvato con deliberazione n. del 18 /08/2015 Art.1. PRINCIPI GENERALI 1. La misurazione e la valutazione

Dettagli

Il Ministro della Difesa

Il Ministro della Difesa Il Ministro della Difesa M_D/GOIV/2013/CONT/A9-3/0000106 il r.d. 18 novembre 1923 n.2440, sull amministrazione del patrimonio e sulla contabilità generale dello Stato; il r.d. 23 maggio 1924 n.827, che

Dettagli

COMUNE DI MONTECCHIA DI CROSARA (Provincia di Verona)

COMUNE DI MONTECCHIA DI CROSARA (Provincia di Verona) COMUNE DI MONTECCHIA DI CROSARA (Provincia di Verona) SISTEMA DI APPROVAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ART. 7 COMMA 1 DEL D.LGS 150/2009. INTEGRAZIONE AL VIGENTE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEGLI

Dettagli

Le riforme Brunetta e i provvedimenti collegati nelle aziende sanitarie

Le riforme Brunetta e i provvedimenti collegati nelle aziende sanitarie Le riforme Brunetta e i provvedimenti collegati nelle aziende sanitarie giugno giugno 2008 2008 Dl Dl 112 112 luglio luglio 2008 2008 L L 133 133 dicembre dicembre 2008 2008 pacchetto pacchetto legislativo

Dettagli

Comune di Galatina Provincia di Lecce. DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE Numero 8 del 09-01-2014 REGISTRO GENERALE DELLE DETERMINAZIONI

Comune di Galatina Provincia di Lecce. DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE Numero 8 del 09-01-2014 REGISTRO GENERALE DELLE DETERMINAZIONI Comune di Galatina Provincia di Lecce DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE Numero 8 del 09-01-2014 REGISTRO GENERALE DELLE DETERMINAZIONI PRATICA N. DT - 8-2014 del 09-01-2014 L ESTENSORE DOTT. OREFICE ANTONIO

Dettagli

L EVOLUZIONE DELLA PREVIDENZA SOCIALE TRA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO

L EVOLUZIONE DELLA PREVIDENZA SOCIALE TRA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO MARCO GAMBACCIANI L EVOLUZIONE DELLA PREVIDENZA SOCIALE TRA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO JOVENE EDITORE NAPOLI 2011 INDICE CAPITOLO PRIMO PREVIDENZA SOCIALE, PREVIDENZA COMPLEMENTARE

Dettagli

Alvialenuoveregole sulpubblicoimpiego

Alvialenuoveregole sulpubblicoimpiego Alvialenuoveregole sulpubblicoimpiego di Arturo Bianco * ÈapprodatoinGazzettailDlgsn.150,diattuazione della legge n. 15, c.d. legge Brunetta. Il provvedimento costituisce una sorta di rivoluzione copernicana

Dettagli

Agenzie di somministrazione e borsa continua nazionale del lavoro: tutte le novità

Agenzie di somministrazione e borsa continua nazionale del lavoro: tutte le novità Agenzie di somministrazione e borsa continua nazionale del lavoro: tutte le novità Danilo Papa Agenzie per il lavoro: autorizzazione a tempo indeterminato Una prima modifica riguarda la concessione alle

Dettagli

SOMMARIO 1. 2. 2.1. 2.2. 2.3. 2.4.

SOMMARIO 1. 2. 2.1. 2.2. 2.3. 2.4. SOMMARIO 1 1 1. Il Nuovo Apprendistato Professionalizzante 2 2. Riferimenti Normativi 5 2.1. D. Lgs. del 14 Settembre 2011 n. 167 e smi 5 2.2. Legge Regionale del 22 Ottobre 2012 n. 31 7 2.3. Circolare

Dettagli

Risorse Umane e Formazione

Risorse Umane e Formazione Obiettivi L obiettivo del corso è affrontare in modo sistematico le tematiche e problematiche connesse alla gestione del personale con particolare attenzione agli aspetti retributivi, giuridici, fiscali,

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE, DELLA VALUTAZIONE, DELLA RENDICONTAZIONE E DELLA TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE, DELLA VALUTAZIONE, DELLA RENDICONTAZIONE E DELLA TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE COMUNE DI PATU Provincia di Lecce - Regolamento Comunale - REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE, DELLA VALUTAZIONE, DELLA RENDICONTAZIONE E DELLA TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE Approvato

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2015-2017 DELLA FONDAZIONE MUSEO DELLA SHOAH ONLUS

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2015-2017 DELLA FONDAZIONE MUSEO DELLA SHOAH ONLUS 1 PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2015-2017 DELLA FONDAZIONE MUSEO DELLA SHOAH ONLUS (ai sensi dell art. 1, comma 5, lett. a) Legge 6 novembre 2012, n. 190) Approvato dal Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca INTESA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA e LA REGIONE LOMBARDIA VISTI - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze esclusive in materia di

Dettagli

INDICE PARTE I SPORT E GIUSTIZIA. CAPITOLO 1 I RAPPORTI TRA GIUSTIZIA SPORTIVA E GIUSTIZIA ORDINARIA di Piero Sandulli

INDICE PARTE I SPORT E GIUSTIZIA. CAPITOLO 1 I RAPPORTI TRA GIUSTIZIA SPORTIVA E GIUSTIZIA ORDINARIA di Piero Sandulli INDICE Premessa............................................. Introduzione al tema....................................... XIII XVII PARTE I SPORT E GIUSTIZIA I RAPPORTI TRA GIUSTIZIA SPORTIVA E GIUSTIZIA

Dettagli

Ministro per la pubblica amministrazione e l'innovazione RIFORMA DEL LAVORO PUBBLICO E DELLA CONTRATTAZIONE COLLETTIVA

Ministro per la pubblica amministrazione e l'innovazione RIFORMA DEL LAVORO PUBBLICO E DELLA CONTRATTAZIONE COLLETTIVA Ministro per la pubblica amministrazione e l'innovazione RIFORMA DEL LAVORO PUBBLICO E DELLA CONTRATTAZIONE COLLETTIVA Mercoledì, 4 giugno 2008 LEGGE E CONTRATTAZIONE COLLETIVA NELLA REGOLAMENTAZIONE DEL

Dettagli

PROVINCIA di REGGIO CALABRIA

PROVINCIA di REGGIO CALABRIA SINTESI GRUPPO DI LAVORO A RESPONSABILITA DISCIPINARI DEL DIRIGENTE SCOLASTICO E GESTIONE RISORSE UMANE NEL D.Lgs n150/2009 (c.d. Brunetta) PRIMA PARTE Il D.Lgs 150/09 è stato emanato in attuazione della

Dettagli

La strada verso il Piano Triennale dell offerta formativa.

La strada verso il Piano Triennale dell offerta formativa. La strada verso il Piano Triennale dell offerta formativa. La fase della pianificazione tra poteri decisionali e meccanismi operativi di Anna Armone Il posto dell attività di pianificazione nell istituzione

Dettagli

PROCEDURE PER L APPROVAZIONE DELLA POLITICA DI REMUNERAZIONE

PROCEDURE PER L APPROVAZIONE DELLA POLITICA DI REMUNERAZIONE 31 della dicembre politica 2008 di PROCEDURE PER L APPROVAZIONE DELLA POLITICA DI REMUNERAZIONE 1. Premessa Il presente documento ("Procedure per l approvazione della politica di, per brevità, le Procedure

Dettagli

COMUNE DI CANTERANO PROVINCIA DI ROMA ********************** REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI DIPENDENTI

COMUNE DI CANTERANO PROVINCIA DI ROMA ********************** REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI DIPENDENTI COMUNE DI CANTERANO PROVINCIA DI ROMA ********************** REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI DIPENDENTI ********************** Approvato con Deliberazione di

Dettagli

LA RIFORMA DELLA DISCIPLINA DEI LICENZIAMENTI: PRINCIPI GENERALI E TECNICHE NORMATIVE

LA RIFORMA DELLA DISCIPLINA DEI LICENZIAMENTI: PRINCIPI GENERALI E TECNICHE NORMATIVE V Prefazione... XV Capitolo I Carlo Cester LA RIFORMA DELLA DISCIPLINA DEI LICENZIAMENTI: PRINCIPI GENERALI E TECNICHE NORMATIVE 1. Il nuovo art. 18 dello Statuto dei lavoratori: il tabù è caduto?... 1

Dettagli

AREA: ACQUISIZIONE E PROGRESSIONE DEL PERSONALE

AREA: ACQUISIZIONE E PROGRESSIONE DEL PERSONALE PROCESSO N.1 : RECLUTAMENTO E SELEZIONE DEL PERSONALE AREA: ACQUISIZIONE E PROGRESSIONE DEL PERSONALE ATTIVITA (DPR. 487/94 e s.m.i. D. Lgs. N. 165/2001 e s.m.i.) A) per i concorsi e le selezioni del.

Dettagli

INDICE CAPITOLO PRIMO LE LEGGI SULLA SANITÀ CHE HANNO PRECEDUTO LA COSTITUZIONE REPUBBLICANA

INDICE CAPITOLO PRIMO LE LEGGI SULLA SANITÀ CHE HANNO PRECEDUTO LA COSTITUZIONE REPUBBLICANA INDICE Prefazione... Pag. XIII CAPITOLO PRIMO LE LEGGI SULLA SANITÀ CHE HANNO PRECEDUTO LA COSTITUZIONE REPUBBLICANA 1.1. La concezione arcaica della salute pubblica... Pag. 1 1.2. Le prime leggi amministrative

Dettagli

COMUNE DI RIVANAZZANO TERME PROVINCIA DI PAVIA

COMUNE DI RIVANAZZANO TERME PROVINCIA DI PAVIA COMUNE DI RIVANAZZANO TERME PROVINCIA DI PAVIA CRITERI DI MISURAZIONE, VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE ESTRATTO DAL REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI APPROVATO CON ATTO

Dettagli

Decreto legge n. 90/2014 sulla pubblica amministrazione

Decreto legge n. 90/2014 sulla pubblica amministrazione TESTO Decreto legge n. 90/2014 sulla pubblica amministrazione NOTE CAPO I - PERSONALE Art.1 (Disposizioni per il ricambio generazionale nelle pubbliche amministrazioni) 1. Sono abrogati l articolo 16 del

Dettagli

Testo unico sicurezza, le modifiche introdotte D.L. 151/2015 Tecnici&Professione Associazione Nazionale Donne Geometra

Testo unico sicurezza, le modifiche introdotte D.L. 151/2015 Tecnici&Professione Associazione Nazionale Donne Geometra Razionalizzazione e Semplificazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro Testo unico sicurezza, le modifiche introdotte D.L. 151/2015 Tecnici&Professione Associazione Nazionale Donne Geometra Il

Dettagli

CASA DI RIPOSO F. BEGGIATO Via Fossalta n. 4 35026 CONSELVE (PD)

CASA DI RIPOSO F. BEGGIATO Via Fossalta n. 4 35026 CONSELVE (PD) Via Fossalta n. 4 35026 CONSELVE (PD) N 11063 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014 2016 1) PREMESSA Il presente Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità viene adottato

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DECRETO LEGISLATIVO DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE 4 MARZO 2009, N

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DECRETO LEGISLATIVO DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE 4 MARZO 2009, N RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DECRETO LEGISLATIVO DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE 4 MARZO 2009, N. 15, IN MATERIA DI OTTIMIZZAZIONE DELLA PRODUTTIVITÀ DEL LAVORO PUBBLICO E DI EFFICIENZA E TRASPARENZA DELLE PUBBLICHE

Dettagli

Relazione illustrativa al contratto INTEGRATIVO a.s.2014/2015 Legittimità giuridica MODULO 1

Relazione illustrativa al contratto INTEGRATIVO a.s.2014/2015 Legittimità giuridica MODULO 1 Prot.1897/A26 Relazione illustrativa al contratto INTEGRATIVO a.s.2014/2015 Legittimità giuridica (art. 40bis, comma 5, D.Lgs 165/2001 come modificato dal D.Lgs 150/2009, circ. MEF n. 25 del 19/07/2012)

Dettagli