C1) PROGRAMMA OPERATIVO DEI SERVIZI AI PROGETTI PROGETTAZIONE SOCIALE. Denominazione del progetto: HO TEMPO PER TE HO TEMPO PER ME!

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "C1) PROGRAMMA OPERATIVO DEI SERVIZI AI PROGETTI PROGETTAZIONE SOCIALE. Denominazione del progetto: HO TEMPO PER TE HO TEMPO PER ME!"

Transcript

1 C1) PROGRAMMA OPERATIVO DEI SERVIZI AI PROGETTI PROGETTAZIONE SOCIALE Denominazione del progetto: HO TEMPO PER TE HO TEMPO PER ME! 1. Tipologia del progetto che si intende supportare barrare la casella di riferimento: X progettazione sociale progetto di rilevanza inter-provinciale 2. Descrizione dell idea progettuale, obiettivi generali e collegamenti con il territorio, trasformazioni che si intendono attivare, innovazioni eventuali che si intendono promuovere Il progetto HO TEMPO PER TE HO TEMPO PER ME! ha lo scopo di promuovere il volontariato giovanile, ricercando il contatto coi giovani nei loro luoghi quotidiani, quali la scuola e gli oratori (quest ultimi particolarmente frequentati nel periodo estivo durante l Estate Ragazzi, progetto educativo proposto dal Centro di Pastorale Giovanile a cui aderiscono gran parte dei centri estivi parrocchiali. Essi sono frequentati da tantissimi bambini e ragazzi e da molti adolescenti e giovani, che si impegnano nell animazione e nel servizio verso i più piccoli.) In un tempo definito da molte agenzie educative come il tempo dell emergenza educativa, l educazione al volontariato diventa un importante opportunità di crescita personale e sociale, promuovendo una partecipazione attiva al bene comune. Un volontariato non del fare, ma dell essere, basato sulla centralità della relazione umana; per questo sono state scelte sul territorio forlivese delle sedi di servizio dove i giovani potranno fare esperienza di volontariato, rapportandosi con varie tipologie di persone: bambini stranieri presso il doposcuola della Parrocchia di Ravaldino (Forlì), bambini e ragazzi in difficoltà presso le Case di accoglienza Papa Giovanni XXIII (in particolare Il Villaggio della Gioia), adulti con vari tipi di disagio presso il Centro di ascolto Buon Pastore, anziani presso la Casa dell accoglienza Mario Bondini. Essi saranno accompagnati e sostenuti grazie ad una formazione specifica e al tutoraggio nelle sedi di servizio. Importante sarà al termine dell esperienza la restituzione dei giovani ai giovani, attraverso le forme artistiche da essi privilegiati (video, teatro, fotografia), al fine di continuare la sensibilizzazione e il coinvolgimento giovanile nel mondo del volontariato, che a fatica trova un ricambio generazionale. Pur avendo come primi destinatari del progetto i giovani, riteniamo importante stimolare al loro fianco il coinvolgimento delle famiglie negli oratori, per promuovere anche il volontariato degli adulti e creare così una rete di sostegno reciproco. Gli oratori del territorio stanno infatti crescendo come realtà, strutturandosi come luoghi aperti ai ragazzi e giovani, caratterizzati dalla presenza educativa di volontari e operatori. Qui i ragazzi e i giovani si possono incontrare, giocare, fare attività ludico-ricreativo, fare esperienze significative di gruppo e di servizio. Negli oltre 20 oratori presenti sul territorio forlivese è dunque importante stimolare anche la presenza degli adulti, per sostenere la crescita dei giovani volontari e della realtà stessa dell oratorio. Negli oratori è prevista la presenza di tutor che diano continuità al servizio e che organizzino alcune attività, sostenuti dal lavoro dei volontari. Senza l'apporto delle decine di volontari attivi (solo per questo progetto se ne attiveranno 30 almeno, vedi punto 6) gli oratori non potrebbero garantire le attività che vengono portate avanti. I volontari intervengono nella fase di animazione dei ragazzi e sono al loro fianco come delle guide esperte per ascoltarli e sostenerli nelle fasi della crescita ed è questo il compito più importante da svolgere. Ai tutor quindi vengono lasciati compiti più operativi e pratici, lasciando più libertà d'azione ai volontari nello stare a fianco dei ragazzi/e. Formulario - Fondo 2010 Pagina 1

2 3. Descrizione dei collegamenti esistenti con progetti già finanziati precedentemente, dei risultati già conseguiti ed eventuale motivazione della continuità - compilare solo se si tratta di progetto in prosecuzione - Il progetto Ho tempo per te ho tempo per me si collega con i precedenti LabOratorio dei giovani (2008) e LabOratorio dei giovani 2 (2009), per le azioni formative rivolte ai volontari, per lo più giovani, presenti negli oratori. Con questo progetto si vuole provare a espandere i confini degli oratori,facendo conoscere ai ragazzi alcune realtà di servizio presenti sul territorio, per stimolare un impegno dei giovani al volontariato non solo nel proprio ambiente, ma anche in nuove realtà, proponendo un esperienza significativa basata sulla relazione con l altro. Si vuole inoltre potenziare la formazione dei giovani volontari presenti negli oratori, pensando soprattutto a quelli che per la prima volta si avvicinano al servizio verso i più piccoli nell ambito dei centri estivi, supportandoli con una formazione specifica in loco e motivandoli con una formazione unitaria, dove sarà possibile confrontarsi con altri ragazzi di altre realtà. Infine si vuole stimolare il volontariato degli adulti a fianco di quello dei giovani, perché possa costituirsi così una rete di reciproco sostegno. 4. La rete degli attori coinvolti NOME ORGANIZZAZ. TIPO ORGANIZZAZ. (1) RUOLO NEL PROGETTO Associazione PIGI ODV PROMOTORE Associazione ASFO ODV PROMOTORE Associazione Centro di Ascolto e di prima accoglienza Buon Pastore Associazione Mario Bondini ODV ODV (2) PROMOTORE PROMOTORE Associazione Al Centro la famiglia ODV PROMOTORE REFERENTE e RUOLO Don Enrico Casadio Stefano Raggi Sauro Bandi Don Felice Brognoli Andrea Fabbri Vicepresidente RIFERIMENTI Comunità Papa Giovanni XXIII Diocesi di Forlì- Bertinoro (Pastorale Giovanile Pastorale della scuola Pastorale Familiare Caritas) ENTE ECCLESIALE ENTE ECCLESIALE PARTNER PARTNER Daniele Severi (operatore) Don Erio Castellucci (Vicario episcopale) Nota 1: ODV, ENTE LOCALE, COOPERATIVA, FONDAZIONE, Nota 2: PROMOTORE O PARTNER: i promotori del progetto possono essere SOLO ODV N.B.: la compilazione DETTAGLIATA della suddetta tabella elimina la necessità di raccogliere e inviare al CoGe le schede di adesione 5. Attività a supporto gestito dal Centro di Servizio Formulario - Fondo 2010 Pagina 2

3 5.1 Elenco dei servizi Tipo di servizio Consulenza Documentazione Formazione Informazione Progettazione Promozione Ricerca Tecnico logistici Numero prestazioni 30 ore 158 ore complessive 5.2 Risorse umane retribuita da parte del CSV (nota: nella scheda relativa alle ore specificare se il costo è attribuito al progetto o fa riferimento ad un area del CSV, es. se chi si occupa della formazione all interno del progetto è il referente della formazione del CSV esplicitare dove viene imputato il suo costo) TIPOLOGIA N. DI PERSONE ORE Formatori per la sensibilizzazione al volontariato (azione 1) 3 60 Esperti per la creazione di prodotti artistici 3 30 Formatori specifici (azione 3) 4 58 Formatori specifici (azione 4) Contributo del volontariato al progetto N. VOLONTARI ORGANIZZAZIONE TEMPO STIMATO IN ORE 20 Associazione PIGI 100 ore a volontario 4 Associazione Buon Pastore 100 a volontario 2 Associazione Asfo 50 a volontario 2 Associazione Al Centro la famiglia 50 a volontario 2 Associazione Mario Bondini 40 ore a volontario 7. Piano delle azioni: elenco e tempi (nota: specificare, con la massima precisione possibile, i tempi previsti per la realizzazione delle azioni) N. PROGRESS. 1 A lezione. di volontariato TITOLO DELL AZIONE INIZIO AZIONE Settembre 2010 TERMINE AZIONE Maggio Vivere e raccontare l incontro Febbraio 2011 Giugno E-state insieme! Marzo 2011 Maggio Io lo so che non sono solo! 8. Piano delle Azioni: specifiche di dettaglio Azione 1) A LEZIONE. DI VOLONTARIATO Settembre 2010 Dicembre 2011 Formulario - Fondo 2010 Pagina 3

4 Obiettivo: Sensibilizzare al volontariato gli adolescenti delle scuole e degli oratori che aderiranno al percorso, attraverso la formazione e la conoscenza di alcune realtà significative del territorio (case famiglia, centri per anziani, ecc.), allo scopo di promuovere una cultura della gratuità e della solidarietà. Gli incontri vedranno l utilizzo di varie metodologie: immagini, teatro, testimonianze, incontri frontali, lavori di gruppo Destinatari: adolescenti e giovani delle scuole e degli oratori aderenti al percorso Modalità di fruizione: si proporranno 3 incontri formativi di 2 ore ciascuno (6 ore complessive) in orario scolastico (previo contatto con le scuole e in particolare con gli insegnanti di religione delle scuole superiori) o in orario di attività di gruppo in oratorio (previo contatto con i responsabili dei gruppi e delle associazioni), al termine dei quali si chiederà di creare un messaggio multimediale che raccolga l idea condivisa dal gruppo sul tema proposto. Questi contributi verranno presentati all interno della rassegna Teatro Insieme - San Luigi Musical, da anni proposta dall Associazione PIGI a Forlì Prodotti (eventuali): messaggio multimediale di ogni gruppo aderente al progetto, materiale promozionale per pubblicizzare il percorso da diffondere in scuole e oratori Risultati attesi: si ipotizza di coinvolgere 5 classi scolastiche e 5 gruppi di oratorio Azione 2) VIVERE E RACCONTARE L INCONTRO Obiettivo: Al termine del percorso formativo dell azione 1, stimolare nei giovani la scelta di fare esperienza diretta di volontariato nei contesti sociali conosciuti durante il percorso formativo. Si sceglieranno contesti dove è possibile privilegiare l essere più che il fare, cioè dove è fondamentale la relazione umana con il disabile, o l anziano, o il minore, ecc. Destinatari: ragazzi e giovani che hanno seguito il percorso formativo a lezione di volontariato Modalità di fruizione: I ragazzi verranno accompagnati a conoscere la realtà scelta da ciascuno per vivere l esperienza di volontariato. Ai partecipanti verrà chiesto di garantire dalle 20 alle 30 di volontariato, questo per far sì che l esperienza sia significativa e che ci sia il tempo congruo per riuscire ad instaurare delle relazioni non superficiali. Durante il periodo di servizio i ragazzi saranno seguiti e sostenuti da tutor delle associazioni; verrà chiesto loro di compilare un diario di bordo dell esperienza e al termine saranno aiutati a verificarsi sulla propria crescita e sull arricchimento che il volontariato ha dato loro. Questo servirà per creare una restituzione finale e una testimonianza di quanto vissuto dai protagonisti dell esperienza (giovani, ma anche gli ospiti e gli utenti delle realtà coinvolte). Si proporrà ai giovani di restituire l esperienza attraverso accattivanti forme artistico-creative (video, spettacolo, mostra fotografica), accompagnati da esperti nelle fasi di progettazione e realizzazione (30 ore complessive). Tutti i lavori confluiranno nella rassegna giovanile Teatro Insieme San Luigi Musical Prodotti (eventuali): diario di bordo personale, prodotti artistici ( video, spettacolo, mostra fotografica) come mezzo di rielaborazione in gruppo dell esperienza di volontariato, materiale promozionale della rassegna Risultati attesi: si auspica di coinvolgere 20 ragazzi/giovani in esperienze di volontariato e di avere 3 prodotti artistici come restituzione in gruppo dell esperienza Formulario - Fondo 2010 Pagina 4

5 Obiettivo: Potenziare la formazione dei moltissimi giovani volontari (14-19 anni) che nel periodo estivo sono coinvolti negli oratori del territorio per l esperienza di Estate Ragazzi e in altre esperienze estive di servizio e sensibilizzare nuovi giovani a utilizzare il tempo libero estivo impegnandosi in esperienze significative Destinatari: ragazzi e giovani che nel periodo estivo si impegneranno come animatori volontari nei centri estivi degli oratori del territorio, affiancati da educatori adulti Modalità di fruizione: Si proporrà agli oratori un pacchetto di 8 ore di formazione specifica in base alle esigenze del gruppo o del contesto (si pensa di coinvolgere 6 oratori = 48 ore di formazione), attivabile secondo una tempistica individualizzata. Infine si proporrà una formazione unitaria, articolata in 3 serate (10 ore totali), nel mese precedente l avvio di Estate Ragazzi, al fine di formare i partecipanti sulle tematiche specifiche scelte per il progetto educativo estivo Prodotti (eventuali): dispense, foglio firme, questionario di gradimento, foto della formazione unitaria Risultati attesi: si prevede di avere 6 oratori richiedenti l intervento di formazione specifica e di coinvolgere oltre 200 ragazzi/giovani nella formazione unitaria Azione 3) E-STATE INSIEME! Azione 4) IO LO SO CHE NON SONO SOLO! Obiettivo: Favorire il coinvolgimento delle famiglie nelle attività dei luoghi di aggregazione dove i giovani vivono il loro tempo libero e le loro esperienze di volontariato (Associazioni, animazione dell oratorio, Estate Ragazzi, ecc.), allo scopo di creare una rete di sostegno reciproco e di stimolare il volontariato degli adulti, a fianco dei giovani Destinatari: adulti e famiglie che gravitano attorno all oratorio Modalità di fruizione: In ogni oratorio richiedente verrà organizzato un incontro di promozione e sensibilizzazione, dopo il quale si proporrà alle famiglie aderenti di prendere parte ad un percorso (10 ore) di promozione umana nel proprio oratorio, che li aiuti a riconoscere le risorse (attuali e potenziali) a loro disposizione e promuovendo la loro capacità di aiutarsi e di aiutare, per arrivare così ad impegnarsi come volontari nell oratorio Prodotti (eventuali): questionari di verifica, dossier di riepilogo dell esperienza, foglio firme Risultati attesi: si prevede di attuare 4 percorsi di promozione umana 9. Monitoraggio/Valutazione: Quali attività di monitoraggio/valutazione sono previste per il progetto? Analisi del livello di soddisfazione Formulario - Fondo 2010 Pagina 5

6 Valutazioni strutturate degli operatori Monitoraggio ogni 3 mesi rispetto agli esiti del progetto Altro: specificare:.. Descrivere soggetti, strumenti e indicatori delle attività di monitoraggio/valutazione Il monitoraggio e la valutazione dell impatto delle varie azioni saranno effettuati costantemente dai volontari delle associazioni promotrici, che si incontreranno regolarmente per verificare le azioni già attuate e programmare quelle da realizzare. Il gruppo di lavoro costituito dai volontari relazionerà periodicamente agli operatori dell area progettazione circa lo stato di avanzamento delle azioni e la concordanza con quanto preventivato. Per verificare l andamento del progetto si valuteranno i seguenti elementi: - il numero di ragazzi coinvolti nella sensibilizzazione al volontariato e il numero di volontari, giovani e adulti, coinvolti nelle varie azioni del progetto (valutazione quantitativa); - i messaggi multimediali (azione 1) e i prodotti artistici (azione 2), quali restituzione rispettivamente della riflessione dei giovani sul volontariato e della concreta esperienza. In particolare, i prodotti artistici saranno importanti indicatori della percezione dei giovani sull utilità del cammino di accompagnamento e dell esperienza di volontariato; - valutazione da parte dei tutor volontari delle sedi di servizio della presenza dei giovani nelle loro realtà; - la percezione di utilità della formazione e dell accompagnamento in loco, per una crescita personale e comunitaria rispetto alla tematica del volontariato (valutazione qualitativa con i questionari di gradimento). Formulario - Fondo 2010 Pagina 6

C1) PROGRAMMA OPERATIVO DEI SERVIZI AI PROGETTI PROGETTAZIONE SOCIALE

C1) PROGRAMMA OPERATIVO DEI SERVIZI AI PROGETTI PROGETTAZIONE SOCIALE C1) PROGRAMMA OPERATIVO DEI SERVIZI AI PROGETTI PROGETTAZIONE SOCIALE Denominazione del progetto: Genitori in controtendenza: accogliere i bambini e camminare con le famiglie 1. Tipologia del progetto

Dettagli

C1) PROGRAMMA OPERATIVO DEI SERVIZI AI PROGETTI

C1) PROGRAMMA OPERATIVO DEI SERVIZI AI PROGETTI C1) PROGRAMMA OPERATIVO DEI SERVIZI AI PROGETTI Denominazione del progetto ORA NON SIAMO PIU SOLI 1. Tipologia del progetto che si intende supportare barrare la casella di riferimento: X progettazione

Dettagli

C1) PROGRAMMA OPERATIVO DEI SERVIZI AI PROGETTI PROGETTAZIONE SOCIALE. Denominazione del progetto: Legami: la famiglia come risorsa

C1) PROGRAMMA OPERATIVO DEI SERVIZI AI PROGETTI PROGETTAZIONE SOCIALE. Denominazione del progetto: Legami: la famiglia come risorsa C1) PROGRAMMA OPERATIVO DEI SERVIZI AI PROGETTI PROGETTAZIONE SOCIALE Denominazione del progetto: Legami: la famiglia come risorsa 1. Tipologia del progetto che si intende supportare barrare la casella

Dettagli

C1) PROGRAMMA OPERATIVO DEI SERVIZI AI PROGETTI PROGETTAZIONE SOCIALE

C1) PROGRAMMA OPERATIVO DEI SERVIZI AI PROGETTI PROGETTAZIONE SOCIALE C1) PROGRAMMA OPERATIVO DEI SERVIZI AI PROGETTI PROGETTAZIONE SOCIALE Denominazione del progetto: L ANCORA DEL BENE 1. Tipologia del progetto che si intende supportare barrare la casella di riferimento:

Dettagli

C1) PROGRAMMA OPERATIVO DEI SERVIZI AI PROGETTI PROGETTAZIONE SOCIALE

C1) PROGRAMMA OPERATIVO DEI SERVIZI AI PROGETTI PROGETTAZIONE SOCIALE C1) PROGRAMMA OPERATIVO DEI SERVIZI AI PROGETTI PROGETTAZIONE SOCIALE Denominazione del progetto: CENTRO PER LE DIFFICOLTA E I DISTURBI DELL APPRENDIMENTO 1. Tipologia del progetto che si intende supportare

Dettagli

TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE

TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE Tempo di lavoro previsto: 60 minuti Partecipanti: 6 8 divisi in isole, ossia gruppetti spontanei creati sul momento Materiale: carta e penna (presente

Dettagli

Cantiere Giovani Comune di Fidenza 2014-2015.

Cantiere Giovani Comune di Fidenza 2014-2015. Sede legale Centro Giovanile Don Bosco Via Berzieri n 11 43036 Fidenza (PR) Tel.- fax 0524/528830 www.progettolink.net coordinamento@progettolink.net P.IVA C.F. 02240060349 TITOLO DEL PROGETTO: Cantiere

Dettagli

Formulario Allegato 2. 1. Dati sul soggetto richiedente

Formulario Allegato 2. 1. Dati sul soggetto richiedente Formulario Allegato 2 1. Dati sul soggetto richiedente - Denominazione Associazione Rimettere le ali Onlus - Data costituzione 14 Aprile 2011 - Codice Fiscale 97650020585 - P.IVA _12112461004 (se in possesso)

Dettagli

Piano Giovani di Zona di Bassa Val di Sole piano operativo giovani anno 2012 Sommario SPLASH - CALCIO SAPONATO 2012 (BVS_6_2012)...

Piano Giovani di Zona di Bassa Val di Sole piano operativo giovani anno 2012 Sommario SPLASH - CALCIO SAPONATO 2012 (BVS_6_2012)... Piano Giovani di Zona di Bassa Val di Sole piano operativo giovani anno 2012 Sommario SPLASH - CALCIO SAPONATO 2012 (BVS_6_2012)... 1 29-10-2012 SCHEDA di presentazione progetti 1 Codice progetto 1 BVS_6_2012

Dettagli

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola.

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola. Passo dopo Passo Insieme supporta la motivazione scolastica dei preadolescenti, promuovendo percorsi che mettano al centro le risorse personali dei ragazzi e offrendo progetti di formazione e sensibilizzazione

Dettagli

Centro Direzionale Via G.Porzio - Isola E3 80143 - Napoli Tel: 081.19811450 Fax: 081.19811451 Sito: www.amesci.org Email: info@amesci.

Centro Direzionale Via G.Porzio - Isola E3 80143 - Napoli Tel: 081.19811450 Fax: 081.19811451 Sito: www.amesci.org Email: info@amesci. BREVE DESCRIZIONE DEL PROGETTO IL MIO SPAZIO SETTORE D INTERVENTO AREA D INTERVENTO OBIETTIVO GENERALE OBIETTIVI SPECIFICI ASSISTENZA MINORI Il progetto qui presentato ha l obiettivo generale di alleviare

Dettagli

Caritas Italiana. Ambito. Diocesi Regione. SCHEDA DI VALUTAZIONE e MONITORAGGIO IN ITINERE PROGETTI otto per mille Italia anno 2006

Caritas Italiana. Ambito. Diocesi Regione. SCHEDA DI VALUTAZIONE e MONITORAGGIO IN ITINERE PROGETTI otto per mille Italia anno 2006 Caritas Italiana Ambito Diocesi Regione SCHEDA DI VALUTAZIONE e MONITORAGGIO IN ITINERE PROGETTI otto per mille Italia anno 2006 (LA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA È OBBLIGATORIA IN OGNI SUA PARTE E DEVE ESSERE

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

Formulario Allegato 2. 1. Dati sul soggetto richiedente

Formulario Allegato 2. 1. Dati sul soggetto richiedente Formulario Allegato 2 1. Dati sul soggetto richiedente - Denominazione Borgo Ragazzi Don Bosco - Data costituzione 30 giugno 1959 - Codice Fiscale 02230700581 - P.IVA (se in possesso) - Indirizzo Sede

Dettagli

Piano Giovani di Zona di Valle di Cembra piano operativo giovani anno 2012 Sommario. Valorizzazione PGZ (CEM_1_2012)... 1

Piano Giovani di Zona di Valle di Cembra piano operativo giovani anno 2012 Sommario. Valorizzazione PGZ (CEM_1_2012)... 1 Piano Giovani di Zona di Valle di Cembra piano operativo giovani anno 2012 Sommario Valorizzazione PGZ (CEM_1_2012)... 1 13-11-2012 SCHEDA di presentazione progetti 1 Codice progetto 1 CEM_1_2012 2 Titolo

Dettagli

IntergenerazionalMENTE

IntergenerazionalMENTE ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO COMUNE DI TRAMATZA TITOLO DEL PROGETTO: IntergenerazionalMENTE SETTORE e Area di Intervento: A 01/02 Assistenza Anziani e Minori OBIETTIVI DEL PROGETTO Il progetto

Dettagli

La progettazione di rete territoriale 2007/2009. 21 Gennaio 2010 - VOLABO

La progettazione di rete territoriale 2007/2009. 21 Gennaio 2010 - VOLABO La progettazione di rete territoriale 2007/2009 Incontro di riflessione e confronto tra i protagonisti 2 Gennaio 200 - VOLABO 3 PROGETTI REALIZZATI: QUARTIERE / DISTRETTO Q.re NAVILE Q.re PORTO Q.re SAN

Dettagli

Tema di riflessione del gruppo: la catechesi famigliare precede accompagna e arricchisce ogni altra forma di catechesi

Tema di riflessione del gruppo: la catechesi famigliare precede accompagna e arricchisce ogni altra forma di catechesi Distretto: torino nord - ciriè Tema di riflessione del gruppo: la catechesi famigliare precede accompagna e arricchisce ogni altra forma di catechesi Animatore/trice: verderone daniela -momenti di aggregazione

Dettagli

SCHEDA PROGETTO. Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. L. 383/2000. Direttiva 383/2011

SCHEDA PROGETTO. Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. L. 383/2000. Direttiva 383/2011 SCHEDA PROGETTO La linea di finanziamento Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. L. 383/2000. Direttiva 383/2011 Titolo del progetto PRESENTE/I PER IL FUTURO Il protagonismo dei giovani

Dettagli

Nome del Progetto: Volontario Volentieri: interventi a favore del volontariato giovanile. Comune Capofila: Albino (Bg)

Nome del Progetto: Volontario Volentieri: interventi a favore del volontariato giovanile. Comune Capofila: Albino (Bg) ALLEGATO B PROGETTO ESECUTIVO Nome del Progetto: Volontario Volentieri: interventi a favore del volontariato giovanile Comune Capofila: Albino (Bg) 1 1. DATI PROGETTO Nome del Progetto: Volontario Volentieri:

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Social Day Percorso di cittadinanza attiva sulla solidarietà internazionale

Social Day Percorso di cittadinanza attiva sulla solidarietà internazionale Social Day Percorso di cittadinanza attiva sulla solidarietà internazionale Chi siamo ProgettoMondo Mlal (www.progettomondomlal.org) è una ONG di cooperazione internazionale con sede a Verona, attiva da

Dettagli

SCHEDA PROGETTO Anno di Volontariato Sociale

SCHEDA PROGETTO Anno di Volontariato Sociale SCHEDA PROGETTO Anno di Volontariato Sociale TITOLO DEL PROGETTO: GIOVANI CAPACI DI FUTURO AN 2006/2007 CARITAS DIOCESANE DEL FRIULI VENEZIA GIULIA Giovani capaci di futuro Indice PARTE PRIMA: CHI 1. Caritas

Dettagli

Ente: CARITAS DIOCESANA DI CARPI Titolo del Progetto 1 : PERCORSI D'INCLUSIONE. Obiettivi del progetto

Ente: CARITAS DIOCESANA DI CARPI Titolo del Progetto 1 : PERCORSI D'INCLUSIONE. Obiettivi del progetto Ente: CARITAS DIOCESANA DI CARPI Titolo del Progetto 1 : PERCORSI D'INCLUSIONE Obiettivi del Produrre un miglioramento nella condizione di vita delle famiglie in situazione di difficoltà che abitano il

Dettagli

Bando Educare con gli Oratori n 5 Anno 2015

Bando Educare con gli Oratori n 5 Anno 2015 Bando Educare con gli Oratori n 5 Anno 2015 100.000 per l individuazione di progetti di utilità sociale Finalità della Fondazione La Fondazione Comunitaria del Varesotto Onlus opera nella provincia di

Dettagli

PROGETTO dialogo interculturale 2011-2012

PROGETTO dialogo interculturale 2011-2012 Pagina: 1 di 10 Parte 1 - Titolo del progetto Indicare la denominazione del progetto PROGETTO dialogo interculturale 2011-2012 Responsabile progetto e Gruppo di lavoro Indicare Il responsabile del progetto

Dettagli

CSV.net Gruppo Europa Programma esecutivo 2008

CSV.net Gruppo Europa Programma esecutivo 2008 CSV.net Gruppo Europa Programma esecutivo 2008 OBIETTIVI STRATEGICI Nel corso del 2007 si è venuto precisando ed arricchendo il ruolo ed il potenziale del Gruppo Europa che ha superato la fase sperimentale

Dettagli

BOZZA DI PROGETTO LAB-ORATORIO 2.0 Chiamati per nome in un laboratorio dei talenti

BOZZA DI PROGETTO LAB-ORATORIO 2.0 Chiamati per nome in un laboratorio dei talenti BOZZA DI PROGETTO LAB-ORATORIO 2.0 Chiamati per nome in un laboratorio dei talenti #Ondemand: cosa desideriamo come oratorio? A partire da una riflessione sulla pastorale giovanile a Scandiano, iniziata

Dettagli

AMBITO DISTRETTUALE DI REALIZZAZIONE DEL PROGETTO (indicare un solo ambito) Distretto di Pavullo nel Frignano

AMBITO DISTRETTUALE DI REALIZZAZIONE DEL PROGETTO (indicare un solo ambito) Distretto di Pavullo nel Frignano Allegato 1.2) SCHEDA-PROGETTO PER PROGETTI A VALENZA TERRITORIALE PER ATTIVITÀ DI SPESA CORRENTE PROMOSSI DA SOGGETTI PRIVATI SENZA FINI DI LUCRO RIVOLTI A PREADOLESCENTI E ADOLESCENTI PUNTO 2.1, LETTERA

Dettagli

Progetto Lingua Comune: l italiano per stranieri

Progetto Lingua Comune: l italiano per stranieri Parte Seconda: Relazione illustrativa del progetto Titolo del progetto Progetto Lingua Comune: l italiano per stranieri Settore ed area di intervento del progetto (barrare le tematiche prevalenti nel progetto,

Dettagli

PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE SPERIMENTALE SUI TEMI DELLA DIFESA CIVILE NON ARMATA E NONVIOLENTA

PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE SPERIMENTALE SUI TEMI DELLA DIFESA CIVILE NON ARMATA E NONVIOLENTA PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE SPERIMENTALE SUI TEMI DELLA DIFESA CIVILE NON ARMATA E NONVIOLENTA Ente proponente il progetto: ASSOCIAZIONE COMUNITA PAPA GIOVANNI XXIII cod NZ00394 (capofila ) FOCSIV CARITAS

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: A SCUOLA CON EMMANUEL GARANZIA GIOVANI SETTORE e Area di Intervento: Settore E - EDUCAZIONE E PROMOZIONE CULTURALE; Area d intervento: 06.

Dettagli

Distretto: Ciriè. Animatore/trice: Annalisa Bilanzone POTENZIARE CREARE

Distretto: Ciriè. Animatore/trice: Annalisa Bilanzone POTENZIARE CREARE Distretto: Ciriè Tema di riflessione del gruppo: L INIZIAZIONE CRISTIANA METTE IN GIOCO LA FIGURA DEI CATECHISTI E UNA SERIA VALORIZZAZIONE DELLA VITA REALE DEI RAGAZZI Animatore/trice: Annalisa Bilanzone

Dettagli

FINALITA' AMBITI DI INTERVENTO. Gli ambiti in cui si muove il Concorso di Idee 2016:

FINALITA' AMBITI DI INTERVENTO. Gli ambiti in cui si muove il Concorso di Idee 2016: FINALITA' Realizzare reti sociali e fiduciarie tra comunità civile e comunità ecclesiale, strutturando e mettendo a sistema vere e proprie alleanze tra parrocchie, famiglie, scuola, istituzioni, società

Dettagli

OBIETTIVI GENERALI DEL PROGETTO

OBIETTIVI GENERALI DEL PROGETTO Piccoli PA.S.S.I.- Parrocchia di San Prospero Sostegno Scolastico Integrato di bambini e ragazzi con Disturbi Specifici dell Apprendimento e Bisogni Educativi Speciali PREMESSA In ambito scolastico e,

Dettagli

ALLEGATO B PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI DI FORMAZIONE PER IL VOLONTARIATO ANNO 2014

ALLEGATO B PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI DI FORMAZIONE PER IL VOLONTARIATO ANNO 2014 ALLEGATO B PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI DI FORMAZIONE PER IL VOLONTARIATO ANNO 2014 FORMULARIO PER LA PRESENTAZIONE DI IDEE PROGETTUALI RELATIVE AD INIZIATIVE FORMATIVE DENOMINAZIONE DEL PROGETTO DENOMINATO:

Dettagli

Concorso di Iniziative di Servizio Giovani Solidali Quarta Edizione 2015-2016

Concorso di Iniziative di Servizio Giovani Solidali Quarta Edizione 2015-2016 Concorso di Iniziative di Servizio Giovani Solidali Quarta Edizione 2015-2016 Rivolto ai giovani dai 16 ai 25 anni Regolamento Bando di concorso La Caritas Diocesana di Cagliari consapevole del suo mandato

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO Il progetto teatro nasce dalla necessità di avvicinare gli alunni al mondo teatrale perché

Dettagli

Oratorio, passione educativa e talenti. Siena, 19 gennaio 2013

Oratorio, passione educativa e talenti. Siena, 19 gennaio 2013 + Oratorio, passione educativa e talenti Siena, 19 gennaio 2013 I suoi strumenti e il suo linguaggio sono quelli dell esperienza quotidiana dei più giovani: aggregazione, sport, musica, teatro, gioco,

Dettagli

C1) PROGRAMMA OPERATIVO DEI SERVIZI AI PROGETTI

C1) PROGRAMMA OPERATIVO DEI SERVIZI AI PROGETTI C1) PROGRAMMA OPERATIVO DEI SERVIZI AI PROGETTI Denominazione del progetto: ANche tu Puoi Aiutare Se vuoi Promozione e formazione Pubbliche Assistenze Reggio Emilia 1. Tipologia del progetto che si intende

Dettagli

A) PRESENTAZIONE DEL PROGETTO CHE SI INTENDE SUPPORTARE

A) PRESENTAZIONE DEL PROGETTO CHE SI INTENDE SUPPORTARE SCHEDA (C1) SERVIZI A SUPPORTO DELLA PROGETTAZIONE SOCIALE, DI PROGETTI DI SVILUPPO O DI PROGETTI DI RILEVANZA SOVRA-PROVINCIALE CENTRO DI SERVIZI DI RAVENNA PROGETTO: N. 5 Tratti di strada A) PRESENTAZIONE

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: SHALOM ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO ONLUS 2) Codice di accreditamento: NZ 03078

Dettagli

Allegato C Scheda progetto ENTE. Denominazione ANCI Lombardia. Città MILANO. Via PIAZZA DUOMO N. 21 CAP 20121. Codice di accreditamento NZ00504

Allegato C Scheda progetto ENTE. Denominazione ANCI Lombardia. Città MILANO. Via PIAZZA DUOMO N. 21 CAP 20121. Codice di accreditamento NZ00504 Allegato C Scheda progetto ENTE Denominazione ANCI Lombardia Città MILANO Via PIAZZA DUOMO N. 21 CAP 20121 Codice di accreditamento NZ00504 Iscrizione all albo regionale ALBO REGIONALE REGIONE LOMBARDIA

Dettagli

- 1 - UNITÀ DELLA PARROCCHIA INTORNO AL PROGETTO

- 1 - UNITÀ DELLA PARROCCHIA INTORNO AL PROGETTO SPUNTI DI RIFLESSIONE SULLO STATO DELL ARTE CIRCA IL PROGETTO CATECHISTICO-EDUCATIVO DIOCESANO PREMESSE 1. L attuale anno pastorale 2015-2016 dovrà essere dedicato, dal punto di vista che ci riguarda,

Dettagli

SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ

SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ Per progetto si intende qualsiasi azione volta al perseguimento

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. Educazione e Promozione culturale. Interventi di animazione nel territorio

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. Educazione e Promozione culturale. Interventi di animazione nel territorio ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: GlocalzzAzione SETTORE e Area di Intervento: ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO Educazione e Promozione culturale. Interventi di animazione nel territorio OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

Modulo di domanda 1 Progetto per la promozione di DIRITTI UMANI E CULTURA DI PACE

Modulo di domanda 1 Progetto per la promozione di DIRITTI UMANI E CULTURA DI PACE giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO D Dgr n. 1382 del 12/05/2009 pag. 1/10 marca da bollo Indicare il motivo di esenzione : 1 organismi di volontariato iscritti al Registro regionale di cui alla L.R.

Dettagli

PROGETTO. Promozione, sviluppo e diffusione del volontariato giovanile in ambito socio-sanitario

PROGETTO. Promozione, sviluppo e diffusione del volontariato giovanile in ambito socio-sanitario PROGETTO Promozione, sviluppo e diffusione del volontariato giovanile in ambito socio-sanitario Soggetti Committente Dipartimento tutela della salute Regione Calabria Ente Gestore ASP DI CROTONE Soggetto

Dettagli

Le attività sono proposte e condotte da operatori laici con esperienza nel contesto missionario e migratorio.

Le attività sono proposte e condotte da operatori laici con esperienza nel contesto missionario e migratorio. Il Centro Missionario è un ufficio della Diocesi di Bergamo che svolge il suo servizio e le sue attività nel contesto dell animazione missionaria nelle Parrocchie e a sostegno di progetti nei paesi del

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA COMUNE DIOCESI di PADOVA

PROTOCOLLO D'INTESA COMUNE DIOCESI di PADOVA PROTOCOLLO D'INTESA COMUNE DIOCESI di PADOVA 1 PROTOCOLLO D'INTESA TRA: Il Comune di Padova, in seguito denominato Comune, con sede a Padova, in via del Municipio n. 1, C.F. 00644060287, e in particolare:

Dettagli

Periferie educative 2014 - LA SPEZIA

Periferie educative 2014 - LA SPEZIA Presidenza del Consiglio dei Ministri Ufficio Nazionale per il Servizio Civile PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA della Caritas Diocesana della LA SPEZIA TITOLO DEL PROGETTO

Dettagli

E...STATE CON NOI! PER VIVERE UN GIORNO DA ARTISTA, CUOCO, ACROBATA, BALLERINO, SPORTIVO

E...STATE CON NOI! PER VIVERE UN GIORNO DA ARTISTA, CUOCO, ACROBATA, BALLERINO, SPORTIVO www.ilpuntocoop.it IL PUNTO S.C.S. O.N.L.U.S. Società Cooperativa Sociale 10090 GASSINO T.se (TO) Via Bussolino Centro, 16 E-mail: ilpunto@ilpuntocoop.it Albo Nazionale A119438 P.IVA e Cod. Fisc. 05339380015

Dettagli

MA LE ATTIVITÀ DEL TEMPO LIBERO SONO TEMPO DI APPRENDIMENTI?

MA LE ATTIVITÀ DEL TEMPO LIBERO SONO TEMPO DI APPRENDIMENTI? Workshop n. 8 MA LE ATTIVITÀ DEL TEMPO LIBERO SONO TEMPO DI APPRENDIMENTI? Introducono il tema e coordinano i lavori - Astrid Zenarola, UPEE Diocesi di Bergamo - Marica Preda, ConfCooperative A bambini

Dettagli

GOVERNANCE DEL MONITORAGGIO: CHI PRODUCE INFORMAZIONI, CHI LE RICEVE, A COSA SERVONO. L esperienza di cooperazione del terzo settore

GOVERNANCE DEL MONITORAGGIO: CHI PRODUCE INFORMAZIONI, CHI LE RICEVE, A COSA SERVONO. L esperienza di cooperazione del terzo settore GOVERNANCE DEL MONITORAGGIO: CHI PRODUCE INFORMAZIONI, CHI LE RICEVE, A COSA SERVONO L esperienza di cooperazione del terzo settore Fondazione Paideia FONDAZIONE PAIDEIA - CHI SIAMO L attività operativa

Dettagli

UN ANNO PER CRESCERE INSIEME

UN ANNO PER CRESCERE INSIEME TITOLO DEL PROGETTO: UN ANNO PER CRESCERE INSIEME SETTORE E AREA D INTERVENTO Assistenza - Minori LUOGO DI REALIZZAZIONE DEL PROGETTO ENTE TITOLARE DEL PROGETTO COMUNE INDIRIZZO CODICE SEDE ATTUAZIONE

Dettagli

Laboratorio Nazionale Giovani e Cultura: l immigrazione Roma, 17 19 aprile 2009

Laboratorio Nazionale Giovani e Cultura: l immigrazione Roma, 17 19 aprile 2009 Laboratorio Nazionale Giovani e Cultura: l immigrazione Roma, 17 19 aprile 2009 I lavori svolti in questo laboratorio hanno messo in luce tre aspetti che definiremmo di carattere generale: In primo luogo

Dettagli

Scheda di presentazione progetto del Piano Operativo Giovani (POG)

Scheda di presentazione progetto del Piano Operativo Giovani (POG) Mod. A2 PGZ Scheda di presentazione progetto del Piano Operativo Giovani (POG) 1. Codice Progetto APG_1_ 2015 2. Titolo del progetto G.I.GI. all'altropiano 3. Riferimenti del compilatore Nome Giuliana

Dettagli

A) PRESENTAZIONE DEL PROGETTO CHE SI INTENDE SUPPORTARE

A) PRESENTAZIONE DEL PROGETTO CHE SI INTENDE SUPPORTARE SCHEDA (C1) SERVIZI A SUPPORTO DELLA PROGETTAZIONE SOCIALE, DI PROGETTI DI SVILUPPO O DI PROGETTI DI RILEVANZA SOVRA-PROVINCIALE CENTRO DI SERVIZI DI RAVENNA PROGETTO: N. 6 Tracce e Università della Strada

Dettagli

ORGANIZZAZIONI di VOLONTARIATO

ORGANIZZAZIONI di VOLONTARIATO ALLEGATO B Direzione Generale Famiglia e Solidarietà Sociale Bandi 2006/2007 ORGANIZZAZIONI di VOLONTARIATO (Legge regionale n. 22/93) SCHEMA DI PRESENTAZIONE DEI PROGETTI N progetto (spazio riservato

Dettagli

PROGETTO: TEATRO FORUM

PROGETTO: TEATRO FORUM 24 5 PROGETTO: TEATRO FORUM (per Oratori sensibili) Che cos è Il Teatro forum è un metodo e percorso formativo utilizzato spesso in situazioni di disagio socio-culturale e si propone come strumento per

Dettagli

L AQUILONE vola alto

L AQUILONE vola alto onlus PROGETTO CULTURA L AQUILONE vola alto intrecciamo le nostre vite per poterle vivere al meglio. Scuole primarie PREMESSA Far cultura è uno dei fini statutari dell Associazione. Nel rispetto di tale

Dettagli

Progetto Diocesano TALITA KUM CARITAS DIOCESANA CALTAGIRONE CALTAGIRONE 4 OTTOBRE 2013 SEMINARIO ESTIVO H. 18,30

Progetto Diocesano TALITA KUM CARITAS DIOCESANA CALTAGIRONE CALTAGIRONE 4 OTTOBRE 2013 SEMINARIO ESTIVO H. 18,30 Progetto Diocesano TALITA KUM CARITAS DIOCESANA CALTAGIRONE CALTAGIRONE 4 OTTOBRE 2013 SEMINARIO ESTIVO H. 18,30 Da dove siamo partiti La Diocesi e la Caritas hanno cercato sempre più di configurarsi come

Dettagli

Allegato 6 Progetti con Enti Esterni A) Progetti in atto sostenuti da protocolli d intesa e accordi La Scuola ha firmato Protocolli d intesa con la città di Torino grazie ai quali il Comune mette a disposizione

Dettagli

1. Servizio / Ufficio! Politiche giovanili. 2. Dirigente! Isabella Magnani. 4. Referente per la comunicazione! Antonella Muccioli

1. Servizio / Ufficio! Politiche giovanili. 2. Dirigente! Isabella Magnani. 4. Referente per la comunicazione! Antonella Muccioli [65] 1. Servizio / Ufficio! Politiche giovanili 2. Dirigente! Isabella Magnani 3. Account! Paolo Angelini 4. Referente per la comunicazione! Antonella Muccioli 5. Referente sito web! Elena Malfatti I.

Dettagli

SCUOLA DI FORMAZIONE PER EDUCATORI DI ORATORIO

SCUOLA DI FORMAZIONE PER EDUCATORI DI ORATORIO SCUOLA DI FORMAZIONE PER EDUCATORI DI ORATORIO BANDO PER L ASSEGNAZINE DI UNA BORSA DI STUDIO anno pastorale 2013-2014 Presentazione Nell ambito della formazione degli educatori per l animazione oratoriale

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

X Nuovo Attivato in continuità con interventi avviati a partire dall anno:

X Nuovo Attivato in continuità con interventi avviati a partire dall anno: Comune sede progetto: Bariano AT n. 14 - Romano di Lombardia Progetto: Progetto "Media Dispersione" di Bariano Sede presso Oratorio di Bariano Via don Luigi Paganessi 6/P Tel. fax e-mail Tipologia di progetto

Dettagli

INCONTRO DEL CSV A SAN PIETRO VERNOTICO CON GLI OPERATORI ED EDUCATORI DELLA CARITAS E DELLE VINCENZIANE

INCONTRO DEL CSV A SAN PIETRO VERNOTICO CON GLI OPERATORI ED EDUCATORI DELLA CARITAS E DELLE VINCENZIANE INCONTRO DEL CSV A SAN PIETRO VERNOTICO CON GLI OPERATORI ED EDUCATORI DELLA CARITAS E DELLE VINCENZIANE E IL TEMPO In occasione dell Anno Europeo del Volontariato sono state programmate nel 2011 una serie

Dettagli

SISTEMA DI MONITORAGGIO E VALUTAZIONE * (Obbligatorio all atto della richiesta di accreditamento per enti di 1^ classe)

SISTEMA DI MONITORAGGIO E VALUTAZIONE * (Obbligatorio all atto della richiesta di accreditamento per enti di 1^ classe) Mod. S/MON SISTEMA DI MONITORAGGIO E VALUTAZIONE * (Obbligatorio all atto della richiesta di accreditamento per enti di 1^ classe) Ente: CARITAS ITALIANA Cod. Ente: NZ01752 Elementi obbligatori del sistema

Dettagli

I nuovi progetti. Il Pozzo di Sicar Per favorire la partecipazione degli immigrati alla vita delle nostre comunità

I nuovi progetti. Il Pozzo di Sicar Per favorire la partecipazione degli immigrati alla vita delle nostre comunità I nuovi progetti Il Pozzo di Sicar Per favorire la partecipazione degli immigrati alla vita delle nostre comunità Idea di fondo «Il tema dello sviluppo coincide con quello dell inclusione relazionale di

Dettagli

Scheda Associazione da inserire in banca dati CSV Pavia e Provincia

Scheda Associazione da inserire in banca dati CSV Pavia e Provincia Scheda Associazione da inserire in banca dati CSV Pavia e Provincia Denominazione DATI ANAGRAFICI Sigla/Acronimo Preferenza per la sigla: Sì No Sede legale Sede operativa (se diverso da sede legale) per

Dettagli

RACCONTIAMO IL GIUBILEO

RACCONTIAMO IL GIUBILEO PROGETTO DIDATTICO RACCONTIAMO IL GIUBILEO riprendiamone i valori Scuole secondarie di secondo grado PREMESSA In occasione del Giubileo della Misericordia la Segreteria Tecnica del Giubileo intende proporre

Dettagli

FONDAZIONE COMUNITARIA DEL VARESOTTO ONLUS Via Felice Orrigoni, 6 21100 Varese Tel. 0332 287721. Bando n. 1 - Anno 2016. Assistenza Sociale

FONDAZIONE COMUNITARIA DEL VARESOTTO ONLUS Via Felice Orrigoni, 6 21100 Varese Tel. 0332 287721. Bando n. 1 - Anno 2016. Assistenza Sociale FONDAZIONE COMUNITARIA DEL VARESOTTO ONLUS Via Felice Orrigoni, 6 21100 Varese Tel. 0332 287721 Bando n. 1 - Anno 2016 Assistenza Sociale 700.000,00 per l individuazione di progetti di utilità sociale

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE PIÙ BIBLIOTECA

SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE PIÙ BIBLIOTECA SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE PIÙ BIBLIOTECA ENTE Ente proponente il progetto: COMUNE DI ITTIRI CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto: PIÙ BIBLIOTECA Obiettivi del progetto:

Dettagli

RACCONTIAMO IL GIUBILEO

RACCONTIAMO IL GIUBILEO PROGETTO DIDATTICO RACCONTIAMO IL GIUBILEO fotografiamone i valori scuole secondarie di primo grado PREMESSA In occasione del Giubileo della Misericordia la Segreteria Tecnica del Giubileo intende proporre

Dettagli

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per Carissimi Giovani, ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per rivitalizzare la pastorale giovanile diocesana, confrontarvi su tali problemi, per scambiarci opinioni e suggerire rimedi,

Dettagli

CHE COS È IL DOSSIER DEL VOLONTARIATO?

CHE COS È IL DOSSIER DEL VOLONTARIATO? VOLONTARIATO GIOVANE: ENERGIA RINNOVABILE PER I VOLONTARI Il dossier del volontariato si inserisce nel quadro delle attività previste nell ambito del progetto provinciale «Mosaico Giovani». In qualità

Dettagli

GIOVANI IN SERVIZIO. progetto. una proposta di lavoro per gli animatori parrocchiali

GIOVANI IN SERVIZIO. progetto. una proposta di lavoro per gli animatori parrocchiali GIOVANI IN SERVIZIO progetto una proposta di lavoro per gli animatori parrocchiali Quali esperienze di servizio proporre ai ragazzi dei gruppi giovanili? Durante la programmazione delle attività per i

Dettagli

IL CONTESTO: LE EVIDENZE LA DISOCCUPAZIONE GIOVANILE

IL CONTESTO: LE EVIDENZE LA DISOCCUPAZIONE GIOVANILE PREMESSA IL PROGETTO DI SEGUITO ESPOSTO E IL RISULTATO DEL LAVORO DI UN COMITATO di PROGETTO COMPOSTO DAI SEGUENTI PARTNER: Fondazione La Fornace dell Innovazione Cooperativa Sociale IL SESTANTE Consulmarc

Dettagli

Progetto Scuola: «TUTTI FUORI!»

Progetto Scuola: «TUTTI FUORI!» Roma, settembre 2013 IL DIRETTORE Agli Insegnanti di Religione Cattolica e agli Insegnanti cattolici di ogni disciplina delle scuole statali e paritarie Secondarie di II grado di ROMA Carissima/o, in considerazione

Dettagli

Banca Dati Rete Consortile. Questionario raccolta dati cooperative di tipo A

Banca Dati Rete Consortile. Questionario raccolta dati cooperative di tipo A Pagina 1 di 14 Questionario raccolta dati cooperative di tipo A Il presente questionario intende promuovere un indagine finalizzata a rilevare le informazioni necessarie per la redazione del bilancio sociale

Dettagli

PROGETTI NON FINANZIATI

PROGETTI NON FINANZIATI PROGETTI NON FINANZIATI 119 SCHEDA DI PROGETTO relativa al Programma finalizzato alla promozione di diritti e di opportunità per l'infanzia e l'adolescenza Titolo del progetto TUTOR FAMILIARE Responsabile

Dettagli

L'OFFERTA FORMATIVA DELLE NOSTRE SCUOLE

L'OFFERTA FORMATIVA DELLE NOSTRE SCUOLE L'OFFERTA FORMATIVA DELLE NOSTRE SCUOLE 4. LA SCUOLA DELL INFANZIA 4.1 L OFFERTA FORMATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA LA SCUOLA DELL INFANZIA rimane aperta dalle ore 8.00 alle ore 15.45 ed offre un servizio

Dettagli

REGOLAMENTO INTERVENTI DI MUTUALITA E SOLIDARIETA

REGOLAMENTO INTERVENTI DI MUTUALITA E SOLIDARIETA REGOLAMENTO INTERVENTI DI MUTUALITA E SOLIDARIETA Principi Ispiratori e Obiettivi Gli interventi di mutualità e solidarietà rientrano nella missione della Cassa Rurale che, come realtà radicata sul territorio,

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: A MAGLIE FITTE ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale Area di Intervento: Attività di tutoraggio scolastico

Dettagli

FONDAZIONE COMUNITARIA DELLA VALLE D AOSTA - Onlus

FONDAZIONE COMUNITARIA DELLA VALLE D AOSTA - Onlus FONDAZIONE COMUNITARIA DELLA VALLE D AOSTA - Onlus 2 Bando 2012 PER L'INDIVIDUAZIONE DI PROGETTI DI UTILITÀ SOCIALE SETTORE DI INTERVENTO INFANZIA E ADOLESCENZA 1 OBIETTIVI DEL BANDO Con questo bando la

Dettagli

BANDO DI EROGAZIONE ESERCIZIO 2015

BANDO DI EROGAZIONE ESERCIZIO 2015 BANDO DI EROGAZIONE ESERCIZIO 2015 1 Verso il welfare di comunità Assistenza sociale 1 Indice 1 Premessa... 3 1.1 Le risorse a disposizione... 3 2 Enti ammissibili... 3 2.1 Ente responsabile e partenariato...

Dettagli

SCHEDA DI PROGETTO. relativa al Programma finalizzato alla promozione di diritti e di opportunità per l'infanzia e l'adolescenza

SCHEDA DI PROGETTO. relativa al Programma finalizzato alla promozione di diritti e di opportunità per l'infanzia e l'adolescenza SCHEDA DI PROGETTO relativa al Programma finalizzato alla promozione di diritti e di opportunità per l'infanzia e l'adolescenza Titolo del progetto n. 5 Carpi amica delle bambine e dei bambini Responsabile

Dettagli

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI TRA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO, LA COMUNITA DELLA VALLE DEI LAGHI, IL COMUNE DI VEZZANO, IL COMUNE DI

Dettagli

Relazione Intermedia

Relazione Intermedia Relazione Intermedia Dopo il terremoto: più vicini-più sicuri/più sicuri-più vicini _Unione dei Comuni Bassa Reggiana_ Data presentazione: 31/01/2013 Progetto partecipativo finanziato con il contributo

Dettagli

Corsi di aggiornamento interregionali per insegnanti della scuola primaria e secondaria di I grado

Corsi di aggiornamento interregionali per insegnanti della scuola primaria e secondaria di I grado Corsi di aggiornamento interregionali per insegnanti della scuola primaria e secondaria di I grado Decreto MIUR, 2 agosto 2005 Premessa generale L associazione S.O.S.- il Telefono Azzurro, accreditata

Dettagli

Progetto giovani, oggi e domani 2012

Progetto giovani, oggi e domani 2012 Comune di Ceresole d'alba Comune di Pocapaglia Comune di Sanfrè Progetto giovani, oggi e domani Progetto per le Politiche Giovanili nei comuni di Baldissero d'alba Ceresole d Alba Pocapaglia Sanfrè Sommariva

Dettagli

CENTRO SOCIO CUTURALE IL PALAZZONE. Proposta di azione sociale

CENTRO SOCIO CUTURALE IL PALAZZONE. Proposta di azione sociale CENTRO SOCIO CUTURALE IL PALAZZONE Proposta di azione sociale Breve descrizione dell Idea / Progetto /Proposta Il Centro Socio Culturale Il Palazzone nasce in una zona della città legata a doppio filo

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI E DELLE OPPORTUNITà PER IL VOLONTARIATO

CARTA DEI SERVIZI E DELLE OPPORTUNITà PER IL VOLONTARIATO CARTA DEI SERVIZI E DELLE OPPORTUNITà PER IL VOLONTARIATO Identità DarVoce è un associazione di volontariato di secondo livello in quanto i suoi soci sono associazioni di volontariato; ha personalità giuridica;

Dettagli

CARTA dei SERVIZI CENTRO PRIMA INFANZIA. SERVIZIO INFANZIA e FAMIGLIA

CARTA dei SERVIZI CENTRO PRIMA INFANZIA. SERVIZIO INFANZIA e FAMIGLIA Settore Politiche sociali e di sostegno alla famiglia CARTA dei SERVIZI CENTRO PRIMA INFANZIA SERVIZIO INFANZIA e FAMIGLIA Indice Capo 1 La carta dei servizi Uno strumento per dialogare e collaborare con

Dettagli

Anno scolastico 2015-2016 CONCORSO BASTA CONOSCERSI! IV edizione

Anno scolastico 2015-2016 CONCORSO BASTA CONOSCERSI! IV edizione Anno scolastico 2015-2016 CONCORSO BASTA CONOSCERSI! IV edizione Il Concorso Basta conoscersi! nasce dall idea di alcuni ragazzi di offrire ai propri coetanei la possibilità di vivere un esperienza concreta

Dettagli

Chi siamo. L organizzazione

Chi siamo. L organizzazione Chi siamo Il Forum Giovani di Marigliano nasce con lo scopo di raccogliere idee, sogni e domande dei giovani cittadini. È uno strumento di partecipazione attiva per incidere sul territorio, fornendo occasioni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di BORGO SAN GIACOMO. Anno Scolastico 2015 / 2016

ISTITUTO COMPRENSIVO di BORGO SAN GIACOMO. Anno Scolastico 2015 / 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO di BORGO SAN GIACOMO SCHEDA PROGETTO POF ARTICOLAZIONE ANNUALE SCUOLA PRIMARIA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROGETTO DI ISTITUTO DELLA SEZ. /PLESSO DI DELLA/E CLASSE/I Anno Scolastico

Dettagli