SEMINARIO LA COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DELLE AREE RURALI: POLITICHE ED INTERVENTI Palmi e Scilla (Reggio Calabria) dicembre 2000.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SEMINARIO LA COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DELLE AREE RURALI: POLITICHE ED INTERVENTI Palmi e Scilla (Reggio Calabria) 15-16 dicembre 2000."

Transcript

1 SEMINARIO LA COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DELLE AREE RURALI: POLITICHE ED INTERVENTI Palmi e Scilla (Reggio Calabria) dicembre 2000 Relazione IL CONTESTO AMMINISTRATIVO E GIURIDICO DEI PROGETTI DI COOPERAZIONE TRANSNAZIONALE ALESSANDRO CIOFFI Dicembre 2000

2 INDICE - SOMMARIO Introduzione pag. 3 I. PARTER: GEIE E LEADER II p. 5 a.1. Misura c : la cooperazione transnazionale b.1. Perché il GEIE c.1. Sintesi delle funzioni. Cosa può fare il GEIE per attuare la misura c : 1 finanziamento ; 2 concezione, realizzazione ed esecuzione in comune di prodotti e servizi rurali II. PARTE: DISCIPLINA E USO PRATICO DEL GEIE... p. 18 a.2.premessa : Aspetti fondamentali del GEIE b.2. Membri c.2. Legame dei membri con la UE d.2. Attività, scopo, carattere ausiliario e.2. Risultati economici e problema del lucro f.2. Soggettività e amministrazione g.2.patrimonio e responsabilità h.2.organizzare un GEIE : alcune cautele i.2.costituzione III. PARTE: CONCLUSIONI... p. 30 IV. PARTE: APPENDICE - GUIDA PRATICA ALLA COSTITUZIONE... p. 33 2

3 Introduzione Questo studio tende a dimostrare che Leader II si può servire del GEIE per attuare lo sviluppo rurale in ambito transnazionale. Questo perché la prospettiva del diritto comunitario rivela due corrispondenze. Per un verso è la stessa disciplina comunitaria di LEADER II che indica il GEIE quale istituto idoneo alla cooperazione transfrontaliera. Per altro verso il regime proprio del GEIE, dal canto suo, stabilisce che tra le molteplici sue funzioni il gruppo può essere idoneo ad eseguire i programmi sovvenzionati con i fondi strutturali dell UE. Pertanto si vedrà che l esame incrociato delle fonti normative dimostra che LEADER II va verso il GEIE e che il GEIE va verso LEADER II. Vi è, si direbbe, un reciproco incontro, una corrispondenza biunivoca del GEIE con LEADER II sul piano del diritto. Si può dunque anticipare una prima conclusione, che sorge immediata dall esame delle fonti normative applicabili : il GEIE è la figura giuridica tipica e idonea ad attuare lo sviluppo dei territori rurali prefigurato dal regolamento UE n. 2052/88 e in specie la misura c introdotta dalla Comunicazione della Commissione istitutiva di LEADER II. Sullo sfondo poi, in una visione più ampia, che si volge a considerare gli interessi pubblici sottesi e gli obiettivi di coesione socioeconomica e di sviluppo dell agricoltura dell UE, lo studio del GEIE, senza profondersi in costruzioni teoriche fuor di luogo, manifesta una particolare attitudine dell istituto, che trascende la sfera privata dell interesse economico dei singoli membri e che ben può essere usata per curare i pubblici interessi perseguiti dalla Politica Agricola Comune, rivelando il gruppo la virtù di poter riunire in sé due anime in apparenza contrapposte : pubblico - privato e al contempo Italia - Europa. Difatti la specialità del GEIE risiede nella composizione aperta e transnazionale : vi possono partecipare lo Stato e il privato assieme e ambedue quali soggetti giuridici appartenenti a differenti Stati dell Unione. Da queste osservazioni introduttive, che indicano gli scopi e l oggetto, appaiono anche i contenuti di questo studio. 3

4 La prima parte dimostra come il GEIE possa servire LEADER II e ciò attraverso l esame sistematico delle fonti normative di diritto comunitario. In specie si vedrà che la disciplina LEADER II indica il GEIE quale strumento designato alla sua attuazione e che la disciplina GEIE, a sua volta, contempla proprio LEADER II, poiché vuole che il GEIE sia usato dai soggetti giuridici dell UE per partecipare agli appalti pubblici ed ai programmi finanziati con i fondi pubblici dell UE ; tra questi ultimi figura, appunto, LEADER II. La seconda parte illustra la disciplina del GEIE e in specie il suo uso pratico. Qui predomina l esame del diritto societario e contrattuale. Si studia come costituire il gruppo e come farlo funzionare. Grande attenzione è prestata ai modelli di contratto istitutivo ed agli esempi di concreta applicazione. La terza parte è conclusiva e vorrebbe dar cenno degli sviluppi futuri del GEIE, inteso questo quale strumento della Politica Agricola Comune. 4

5 PARTE I GEIE E LEADER II 5

6 MISURA C : la COOPERAZIONE TRANSNAZIONALE Leader II è disciplinato da un sistema discendente di norme comunitarie ed è volto a promuovere lo sviluppo delle zone rurali. E questo il cd. obiettivo dei territori ricadenti nell obiettivo 1 e 5b, fissato nell art.1 del regolamento CEE n. 2052/88 e sorretto con l intervento del FEAOG - ORIENTAMENTO DEL FSE del FSR 1. Ad attuare detto obiettivo, di sviluppo delle zone rurali, viene la Comunicazione della Commissione agli Stati 94/C/180/12, la quale appunto istituisce LEADER II, iniziativa comunitaria avente ad oggetto il collegamento fra azioni di sviluppo dell economia rurale. La Comunicazione applica LEADER II alle zone svantaggiate ricomprese negli obiettivi 1 e 5 b) e intende realizzare il loro sviluppo attraverso quattro misure : a) Acquisizione di competenze ; b) Programmi d innovazione rurale ; c) Cooperazione transnazionale, la misura oggetto della nostra relazione; d) Creazione di Reti. La cooperazione transnazionale, resa operativa dalla Guida all attuazione adottata dalla Direzione Generale Agricoltura della Commissione VI/3452/98, ha ad oggetto la concezione, la realizzazione e la commercializzazione in comune di prodotti o servizi in tutti i settori dello sviluppo rurale (Comunicazione 94/C180/12, punto 13). PERCHE IL GEIE La misura c) può essere realizzata dai GAL o da altri operatori collettivi pubblici o privati del settore rurale, ma la Commissione fissa una condizione inderogabile : vuole che questi soggetti siano appartenenti ad almeno due Stati membri (Comunicazione 94/C180/12, punto 13). Dunque la normativa comunitaria imprime natura transnazionale alla misura c) : gli interessati alla 6

7 misura c) appartengono ad almeno due Stati diversi dell UE, ma agiscono insieme. In prospettiva ne viene, dal nostro punto di vista, che GAL italiani e GAL appartenenti all UE si accingono a cooperare per la concezione e la realizzazione in comune di prodotti e servizi rurali. Sorge allora l esigenza di svolgere la cooperazione comune con una figura giuridica comune. Questa figura è il GEIE. Infatti è la stessa Commissione che nella Guida attuativa della misura c indica il GEIE quale struttura comune incaricata di eseguire una azione comune (cfr. Guida attuativa, punto 4 c). Ma vi è di più. Questa indicazione si spiega per mezzo di un esame sistematico della normativa comunitaria. In sintesi la misura c) è attuata dal GEIE per quattro ragioni (in ordine logico). I. il carattere transnazionale della cooperazione imposto dalla normativa su LEADER II è soddisfatto dal carattere transnazionale tipico del GEIE (cfr. Comunicazione, punto 13). II. la funzione obiettiva della misura c) corrisponde alla funzione di sviluppo del GEIE. III. come detto, la Guida all attuazione adottata dalla Direzione Generale Agricoltura della Commissione VI/3452/98 indica il GEIE quale struttura comune per costituire una azione comune. IV. la Comunicazione sulla partecipazione del GEIE agli appalti pubblici ed ai programmi comunitari sovvenzionati con fondi strutturali UE. E bene spiegare queste ragioni una per una, al fine di mettere in chiaro perché LEADER II usa il GEIE. 1 Il regolamento 2052/88 deve essere coordinato col regolamento CEE n. 4253/88, modificato dal 7

8 I. Carattere transnazionale della misura c Il carattere transnazionale della cooperazione imposto dalla Comunicazione è soddisfatto dal carattere transnazionale del GEIE. E bene passare in rassegna per prima la causa che vede il GEIE quale strumento diretto della cooperazione transnazionale. Con la Comunicazione 94/C180/12 la Commissione istituisce la misura c) e fissa una condizione inderogabile : vuole che i soggetti attuatori siano appartenenti ad almeno due Stati membri (punto 13). Questo requisito è soddisfatto dal regolamento istitutivo del GEIE. Difatti il GEIE deve essere costituito almeno da due soggetti radicati in Stati membri diversi (art. 4 regolamento n. 2137/85). Tra misura c e GEIE vi è dunque coincidenza piena del carattere transnazionale : la misura c deve essere attuata da soggetti appartenenti a Stati membri diversi e il GEIE deve essere costituito da almeno due entità aventi sede e attività in Stati membri diversi. II la funzione obiettiva della misura c) corrisponde alla funzione di sviluppo del GEIE Questo carattere transnazionale è impresso alla misura c da una precisa ed espressa valutazione della Commissione. Ritiene infatti la Commissione che i soggetti attuatori della cooperazione transnazionale non sono obbligati a presentare progetti dal contenuto innovativo per ottenere dai Fondi strutturali il contributo finanziario. Questo perché la cooperazione transnazionale in sé è ritenuta essere una novità per la maggior parte delle zone e degli operatori interessati (cfr. Comunicazione punto 13). Questo essere la cooperazione transnazionale una novità in sé rispecchia la funzione del GEIE. Il gruppo istituzionalmente è creato per sviluppare l attività dei suoi membri e dà vita ad un azione non preesistente. Dunque coincidono anche le funzioni dei due istituti, tesi ambedue a creare una nuova energia. Infatti secondo la Commissione la misura c) di LEADER II ha un oggetto ben definito. Questo consiste nella concezione, realizzazione e commercializzazione in comune di prodotti o servizi in tutti i settori dello sviluppo rurale (Comunicazione 94/C180/12, punto 13). Il fine istituzionale del GEIE è di regolamento CEE n. 2082/93. 8

9 agevolare o di sviluppare l attività economica dei suoi membri, di migliorare o aumentare i risultati di questa attività (art. 3 regolamento). Se si mettono a confronto le due formule, si vede che il concepire, realizzare e commercializzare prodotti e servizi della misura c corrisponde perfettamente allo sviluppare, agevolare e migliorare del GEIE. Le funzioni tipiche dei due istituti coincidono perfettamente. Sul punto si tornerà nelle conclusioni. III la Guida all attuazione adottata dalla Direzione Generale Agricoltura della Commissione VI/3452/98 indica il GEIE quale struttura comune per costituire una azione comune Secondo la Guida all attuazione adottata dalla Direzione Generale Agricoltura della Commissione VI/3452/98 la cooperazione transfrontaliera può raggiungere un livello che è di massima integrazione. Questa massima integrazione è data da una struttura comune costituita per svolgere una azione comune. In questa ipotesi, secondo la Guida attuativa, la struttura comune è il GEIE. Il GEIE infatti, secondo la Guida, si presta a farsi carico dell insieme delle spese progettuali e può consentire trasferimenti di stanziamenti pubblici tra Stati membri (cfr. Guida, punto 4 c). In definitiva, come meglio si vedrà in seguito, dalla prima lettura della Guida la ragione del GEIE è ragione finanziaria : le spese possono gravare tutte sul GEIE e questo al contempo può ricevere i finanziamenti comunitari disponibili a titolo di misura C, affluenti anche per via di trasferimento da parte degli altri Stati membri. E la visione del GEIE - catalizzatore ; sul punto si tornerà. IV la Comunicazione 97 /C 285/10 della Commissione sulla partecipazione del GEIE ai programmi finanziati con fondi pubblici Con la Comunicazione 97 /C 285/10 la Commissione intende promuovere la partecipazione del GEIE ai programmi finanziati con fondi pubblici. Dopo aver illustrato l accesso del GEIE al differente campo degli appalti pubblici, la Commissione sposta l attenzione sul nostro tema. Avverte che plurimi programmi di sostegno assistiti dai fondi strutturali esigono che i progetti finanziabili siano presentati da più soggetti stabiliti in Stati differenti dell UE. La Commissione porta ad esempio proprio LEADER II e dice testualmente : la cooperazione 9

10 transfrontaliera costituisce un obiettivo dei programmi operativi nel quadro di iniziative comunitarie finanziate con i fondi strutturali. Ciò vale... per LEADER II che sovvenziona anche (parte C) progetti di cooperazione transnazionale di sviluppo rurale. Secondo la Commissione il GEIE è perfettamente idoneo ad attuare LEADER II. Al riguardo la Commissione dice testualmente : Le specificità del GEIE dovrebbero consentirgli di partecipare a pieno titolo ai programmi realizzati con fondi pubblici. Di modo che secondo la Commissione il GEIE può partecipare da solo a LEADER II per due ragioni : 1.carattere transnazionale : il GEIE deve essere composto da almeno due soggetti appartenenti a Stati membri dell UE. 2. indipendenza : secondo la Commissione gli associati del GEIE mantengono pienamente la loro indipendenza giuridica. Ciò significa che per la Commissione il GEIE è al contempo un soggetto singolo e plurimo : partecipa da solo, ma rappresenta contestualmente i suoi membri, senza annullarli. Per questo soddisfa nello stesso tempo due esigenze : l esigenza di LEADER II acché il progetto sia presentato da due soggetti distinti stabiliti in Stati differenti dell UE ; l esigenza del capofila, che rappresenta da solo i membri sin dalla fase di aggiudicazione del programma. Del resto l esigenza del capofila corrisponde in pieno alla soggettività assegnata al GEIE dalla sua fonte istitutiva. Per l art. 1 del regolamento n. 2137/85 il GEIE ha la capacità, a proprio nome, di essere titolare di diritti e di obbligazioni di qualsiasi natura, di stipulare contratti o di compiere altri atti giuridici e di stare in giudizio. * * * 10

11 A questo punto l analisi pare matura per studiare in modo globale cosa il GEIE possa fare per LEADER II, quali esigenze possa soddisfare, fissando gli usi ai quali si presta nell ambito della misura C dei PO. SINTESI DELLE FUNZIONI. COSA PUO FARE IL GEIE PER ATTUARE LA MISURA C) : 1 FINANZIAMENTO ; 2 CONCEZIONE, REALIZZAZIONE ED ESECUZIONE IN COMUNE DI PRODOTTI E SERVIZI 1 FINANZIAMENTO : ACCESSO E DISPOSIZIONE Si è visto che il GEIE si presta a compiere l accesso ai finanziamenti comunitari che prevedono che il progetto sovvenzionato sia presentato da almeno due soggetti stabiliti in Stati differenti dell UE. Al riguardo il GEIE presenta due volti : a) rappresenta contestualmente i soggetti stabiliti in Stati membri differenti e dunque soddisfa il requisito di accesso di LEADER II, che vuole che i soggetti proponenti siano stabiliti in Stati membri differenti; b) agisce però quale soggetto unico. Al riguardo la Commissione è ben chiara, perché nella citata Comunicazione dice testualmente che la soggettività attribuita al GEIE dal regolamento ed il suo carattere transnazionale comportano che il GEIE pone la sua candidatura da solo, senza che i suoi membri debbano presentare autonome candidature. Richiamata questa natura del GEIE ed esposte le sue attitudini, non resta che vederne l efficacia nell attivare il finanziamento. Al proposito è noto che LEADER II prevede che i piani Leader regionali approvati siano composti anche da misure c, dotate di Programmi Operativi (PO). I PO della misura c sono gestiti dalle Autorità regionali degli Stati membri e consentono di finanziare i progetti presentati dai promotori locali e in specie dai GAL. Esistono due ipotesi di finanziamento, indicate dalla Commissione nella Guida attuativa della misura c : I. appalti pubblici Nella prima ipotesi la Commissione testualmente dice che la misura C del PO è attuata mediante gare d appalto a scadenze fisse. In questa ipotesi, di finanziamento comunitario offerto al pubblico con una gara, si è visto che il GEIE 11

12 costituito dai GAL potrà rappresentare i suoi membri per partecipare alla gara pubblica, aggiudicarsi e poi gestire il finanziamento. Vantaggi : - primo vantaggio - l unità- : verso ciascuna Autorità regionale il GEIE assume la veste di unico interlocutore : presenta il progetto comune, raccoglie informazioni e documenti ; in breve, risponde agli adempimenti richiesti dal bando di gara, soddisfa le richieste dell Autorità concedente. Infine inoltra e fa approvare le domande di variante del progetto. - secondo vantaggio - il capofila - : verso i membri il GEIE assume il ruolo di capofila : presenta il progetto comune, raccoglie le informazioni, dirige, controlla, coordina. Infine, come si vedrà, in un ipotesi di cooperazione molto avanzata, può giungere a sostituirsi ai membri, assorbendo esso stesso la fase di esecuzione del progetto e assumendo gli impegni e le prestazioni che attualmente gravano pro parte sui GAL. - terzo vantaggio - catalizzare i finanziamenti : Secondo la Guida, come detto, il GEIE può consentire trasferimenti di stanziamenti pubblici tra Stati membri (cfr. Guida, punto 4 c). Il passo citato è laconico e non aggiunge altro, ma pare supporre che i contributi disponibili in capo ai distinti PRL possano confluire tutti in capo al medesimo GEIE. Appare invece fuor di ogni dubbio che il GEIE possa catalizzare i finanziamenti che i GAL associati in GEIE avevano ottenuto dall Autorità regionale a titolo di misura c. Quest ultimo aspetto apre l esame al secondo modo di finanziamento ipotizzato dalla Guida. II. Dotazione finanziaria preesistente a titolo di misura c in capo ai GAL Nella seconda ipotesi avanzata dalla Guida attuativa i GAL hanno già ottenuto, al momento della selezione, stanziamenti per un importo prestabilito a titolo di misura C, destinati a finanziare i progetti di cooperazione internazionale. Pertanto già possiedono una dotazione disponibile. In questa ipotesi i GAL possono dar vita ad un GEIE che - quale unico interlocutore - del finanziamento segua la fase 12

13 esecutiva, gli stati di avanzamento, le varianti del progetto da sottoporre all approvazione del Comitato di sorveglianza. Le due ipotesi di finanziamento appena esaminate costituiscono lo sviluppo logico della volontà espressa dalla Commissione nella citata Comunicazione su GEIE e appalti pubblici. Testualmente infatti la Commissione dice che nel campo delle sovvenzioni pubbliche il GEIE può avere differenti funzioni : può essere utilizzato come semplice quadro di coordinamento e di organizzazione delle attività dei suoi membri, ma può anche stipulare in nome proprio e provvedere all esecuzione dei contratti che formano oggetto di appalti pubblici o di programmi finanziati con fondi pubblici. CONCEZIONE, REALIZZAZIONE ED ESECUZIONE IN COMUNE DI PRODOTTI E SERVIZI Quando il GEIE o i promotori del progetto hanno ottenuto il finanziamento, si apre la fase di realizzazione del progetto. Vi è una funzionalizzazione del finanziamento concesso, che è interessato da un vincolo di destinazione al fine imposto dalla disciplina comunitaria. Difatti s è detto che lo scopo della misura C consiste nella concezione, realizzazione e commercializzazione in comune di prodotti o servizi in tutti i settori dello sviluppo rurale (Comunicazione 94/C180/12, punto 13). Si è visto che questo fine coincide pienamente con la funzione istituzionale del GEIE, che è di agevolare o di sviluppare l attività economica dei suoi membri, di migliorare o aumentare i risultati di questa attività (art. 3 regolamento). Dunque non resta che vedere come la funzione di sviluppo del GEIE possa servire la concezione, realizzazione, esecuzione in comune di prodotti e servizi nel campo dell agricoltura. Al riguardo conviene esemplificare. 13

14 ESEMPI DI COOPERAZIONE ESISTENTE, SVOLTA CON GEIE 2 Agricoltura Imprese francesi, italiane e tedesche, in prevalenza PMI, hanno costituito un GEIE per creare una linea di produzione del ricino in Europa. PMI di quattro Stati membri diversi hanno costituito un GEIE, in collaborazione con due centri di ricerca, nel settore della produzione del sorgo da carta. Dieci imprese, in maggioranza PMI attive nel settore della sericoltura, hanno creato il GEIE EUROSILK al fine di realizzare una rete europea del settore. Esse hanno intrapreso importanti progetti volti a diffondere la sericoltura in paesi in via di sviluppo quali la Colombia. Numerose associazioni di produttori di succhi di frutta hanno creato una struttura volta ad armonizzare e a effettuare controlli di qualità sui succhi di frutta sul mercato comunitario. Numerosi produttori di banane francesi, spagnoli e portoghesi si sono riuniti per difendere i propri interessi presso le istituzioni europee. Un GEIE, denominato EDAPI, è stato costituito tra alcune società e associazioni senza scopo di lucro con attività pubblicistica nel settore dell apicoltura. Oggetto del gruppo è lo scambio di articoli e di pubblicazioni, nonché la loro presentazione in manifestazioni internazionali in uno stand comune. GEIE, COOPERAZIONE REGIONALE E SETTORE SEMIPUBBLICO Il GEIE si presenta come un quadro giuridico perfettamente idoneo alla realizzazione di progetti di cooperazione interregionale e alla conseguente partecipazione alle azioni della politica regionale comunitaria. Uno dei vantaggi del GEIE rispetto ad altre forme di cooperazione sta nella sua capacità di realizzare una partnership pubblica/privata, ossia ad associare gli operatori politici, economici e sociali dello sviluppo regionale, compresi gli enti locali (regioni, comuni, ecc.), le Camere di commercio e le agenzie di sviluppo. Il GEIE può essere utilizzato per la realizzazione di progetti pilota limitati nel tempo, ma permette altresì di perpetuare la collaborazione, garantendo un organizzazione stabile e una flessibilità operativa. Vengono presentati qui di seguito alcuni esempi che illustrano le potenzialità del GEIE nel quadro della cooperazione regionale. - GEIE Eurorégion Cinque enti territoriali, ossia la regione di Bruxelles-capitale, il Kent, il Nord-Pas-de-Calais, 2 Gli esempi indicati nel testo sono tratti da Il GEIE : uno strumento per la cooperazione transnazionale, GUIDA PRATICA PER LE PMI. II ed., a cura della COMMISSIONE EUROPEA- REGIE. 14

15 le Fiandre e la Vallonia, hanno costituito a Bruxelles un GEIE con l obiettivo di migliorare la cooperazione nel settore dello sviluppo economico, della ricerca e sviluppo, del trasferimento di tecnologie, dell ambiente e del turismo. Il GEIE è organizzato in cinque gruppi di lavoro, ciascuno dei quali è presieduto da una regione diversa. I gruppi sono specializzati nei seguenti settori: strategia di sviluppo economico, assetto del territorio e politica urbana, ambiente, scambio di personale e comunicazioni. Il GEIE Eurorégion ha ottenuto importanti risultati quali l adozione di una carta dell ambiente sottoscritta dai responsabili politici delle regioni, la realizzazione di una banca dati informatizzata nel settore dei nuovi materiali e delle loro applicazioni, l organizzazione di una esposizione itinerante sul tema dell ambiente, ecc. - GEIE Sud-Mont Blanc Una società italiana di impianti di risalita e un comune francese hanno costituito un GEIE incaricato di provvedere alla gestione in comune di un comprensorio sciistico transnazionale nelle Alpi. Le attività del GEIE comprendono la realizzazione di servizi comuni (quali abbonamenti agli impianti di risalita validi nelle due zone, la manutenzione delle piste di collegamento, la gestione in comune della segnaletica, ecc.), una politica comune dell ambiente e una strategia comune di promozione (realizzazione in comune di una carta turistica e di una videocassetta di presentazione). - GEIE Eurodéveloppement Si tratta di un GEIE, con sede a Bruxelles, che riunisce società finanziarie a livello regionale di diversi Stati membri. Il capitale di tali società è detenuto da enti pubblici locali e, nella maggior parte dei casi, con una quota in minoranza, anche da enti del settore privato (banche, associazioni di imprenditori).gli obiettivi che tale GEIE persegue sono quelli di favorire la creazione di imprese, di creare una rete di scambi e di collaborazione tra le imprese e le regioni, nonché di prestare servizi in comune (in particolare servizi finanziari, quali il finanziamento di progetti in comune). Settore (semi)pubblico Un GEIE costituito da Camere di commercio è inteso a migliorare gli scambi transnazionali e ad applicare misure di sviluppo economico comune in una data regione. Cinque regioni di frontiera in Belgio, Regno Unito e Francia hanno ottenuto notevoli progressi in settori quali la programmazione strategica, i trasporti, lo sviluppo economico, il turismo, la formazione e la tutela dell ambiente. Un GEIE riunisce numerosi enti regionali europei, esperti e Università in un consesso finalizzato a stimolare il telelavoro e a generare nuove tipologie di piccole imprese. Settori diversi Artigianato 15

16 Diverse imprese artigiane in Irlanda e nell Irlanda del Nord hanno costituito un GEIE al fine di promuovere la vendita di prodotti artigianali delle loro regioni. Commercio e distribuzione Numerosi commercianti al dettaglio di prodotti cartacei hanno costituito un GEIE allo scopo di effettuare gli acquisti e sviluppare una strategia di marketing in comune. PMI di 6 Stati membri dell Unione europea hanno costituito un GEIE per l acquisto in comune e la distribuzione di libri e oggetti artistici per corrispondenza. Si può citare inoltre un gruppo costituito da PMI operanti nel settore dei giocattoli per bambini, denominato LUX-TOYS, al fine di acquistare in comune giochi e giocattoli. Turismo Una catena alberghiera utilizza la formula del GEIE per promuovere i propri alberghi in tutta Europa. Acquicoltura Attraverso la creazione di un GEIE, organizzazioni marittime belghe, francesi, spagnole e britanniche hanno unito le forze per garantire la sicurezza in mare e intensificare la prevenzione dell inquinamento delle acque marine. Un GEIE, denominato "GEIE - Firestop - Europe" è stato costituito tra una fondazione creata da enti locali della regione Toscana e PMI italiane, spagnole, francesi e greche attive nel settore della protezione dell ambiente. Il gruppo ha per oggetto la formazione e la ricerca nel settore della prevenzione degli incendi boschivi. Tecnologia Numerosi istituti di ricerca, società di consulenza e di ingegneria, nonché associazioni professionali utilizzano un GEIE per la rilevazione e la divulgazione di informazioni scientifiche, economiche e generali su tematiche ambientali attraverso un CD-ROM interattivo. Numerose società nell industria del software hanno unito le loro forze costituendo un GEIE al fine di sviluppare un linguaggio di programmazione standard. Cultura e istruzione Più di autori, musicisti e artisti controllano la protezione del copyright utilizzando un GEIE per difendere i loro interessi a livello internazionale. Istituti scolastici riuniti in un GEIE offrono un programma di mobilità agli studenti e agli insegnanti in tutta Europa. Un GEIE consente il coordinamento di un progetto che offre un sistema d informazione multimediale inteso a descrivere il patrimonio culturale europeo. Trasporti 16

17 Un gruppo di società europee di trasporti e traslochi, per lo più PMI, coordina e facilita i trasporti e i traslochi internazionali. Ricerca e Sviluppo Tredici imprese, in maggioranza PMI, attive nel settore dei biocarburanti, hanno costituito un GEIE finalizzato a promuovere le attività di ricerca e sviluppo in comune. 17

18 PARTE II DISCIPLINA E USO PRATICO DEL GEIE 18

19 PREMESSA. ASPETTI FONDAMENTALI DEL GEIE Il GEIE è il primo strumento di azione comune nello spazio economico europeo. E retto a titolo primario e completo dal diritto dell UE. Il regolamento istitutivo predispone una disciplina uniforme che del gruppo regola gli aspetti primari : scopo, attività, organizzazione, responsabilità. In questo modo i membri del GEIE si sottopongono ad un regime europeo, che è distaccato dai singoli diritti nazionali e che è uguale per tutti. Per l art. 1 del regolamento n. 2137/85 il GEIE ha la capacità, a proprio nome, di essere titolare di diritti e di obbligazioni di qualsiasi natura, di stipulare contratti o di compiere altri atti giuridici e di stare in giudizio. Sorge con un contratto costitutivo, iscritto nel registro delle imprese. Agisce, come detto, per agevolare, migliorare e sviluppare l attività dei suoi membri (art.3). Non può produrre profitti per se stesso, ma può ripartire gli utili prodotti tra i membri (art. 21), in capo ai quali sono tassati. E dotato di un collegio dei membri (art. 16) ed è rappresentato solo dall amministratore, il quale obbliga il GEIE verso i terzi, anche se i suoi atti non rientrino nell oggetto del gruppo (art. 20). Delle obbligazioni assunte rispondono illimitatamente e solidalmente i membri, ma prima di soddisfarsi sui membri i creditori sono obbligati a richiedere il pagamento al GEIE, il quale può essere dotato di un fondo patrimoniale (art. 24). Conviene esaminare il regolamento del GEIE, sottolineando gli aspetti che interessano l attuazione della misura c. MEMBRI DEL GEIE (art. 4 del regolamento) Secondo l art. 4 del regolamento possono essere membri del GEIE : Società Le società ex articolo 58 del Trattato di Roma, quindi le società di diritto civile o di diritto commerciale. Nella categoria sono comprese, secondo la dottrina, tutte le società, quale sia 19

20 la causa : lucrativa, non lucrativa, mutualistica, consortile ; e quale sia l attività esercitata : commerciale, civile, agricola 3. Vi rientrano dunque a pieno titolo le cooperative agricole. enti giuridici di diritto pubblico La formulazione è ampia e secondo la dottrina abbraccia lo Stato, gli enti statali autonomi, gli enti locali territoriali e in genere gli enti preposti alla cura di interessi collettivi, di natura assistenziale, economica, culturale, sportiva 4. Al riguardo la GUIDA della Comunità al GEIE enuncia le figure istituzionali che già aderiscono a GEIE : le Università, i centri di ricerca scientifica, gli enti locali, le Camere di commercio, le società miste, i consorzi, le imprese pubbliche. altri enti giuridici di diritto privato Si tratta di figure residuali : ogni fenomeno associativo non societario, con capacità di agire 5. Al riguardo è pertinente il problema e il limite generale dell attività economica dei membri, che riguarda tutte le categorie dei possibili membri. Sarà esaminato in seguito. Persone fisiche Il GEIE può essere altresì composto da persone fisiche che esercitano un attività industriale, commerciale, artigianale, agricola o che esercitano una libera professione, o prestano altri servizi nella comunità. Secondo la GUIDA dall artigiano all avvocato, dal commerciante all agricoltore, tutte le professioni produttive sono incluse. Non lo sono per contro i lavoratori dipendenti ; l indipendenza costituisce una caratteristica indispensabile per la partecipazione a un GEIE. La dottrina italiana precisa che possono partecipare al GEIE tutti i soggetti che siano configurabili come imprenditori agricoli nel nostro ordinamento ; aggiungendovi però i <<coltivatori>>, poiché la norma comunitaria contempla l attività agricola e non l impresa agricola 6. LEGAME DEI MEMBRI CON LA UE L istituzione di un GEIE risponde all esigenza di realizzare una cooperazione transnazionale, di dimensione europea. Il respiro europeo e la multinazionalità economica dei membri 3 Così A. MONGIELLO, Il gruppo europeo di interesse economico (GEIE), in Trattato di diritto commerciale e di diritto pubblico dell economia diretto da F. GALGANO, XVII, Padova, 1994, In questo senso, A. MONGIELLO... cit., Cfr. A. MONGIELLO... cit., Così A. MONGIELLO,... cit., 77, spec. nota

STRATEGIE DI COOPERAZIONE INTERNAZIONALE LE FORME GIURIDICHE DI ESERCIZIO DELL ATTIVITA D IMPRESA.

STRATEGIE DI COOPERAZIONE INTERNAZIONALE LE FORME GIURIDICHE DI ESERCIZIO DELL ATTIVITA D IMPRESA. STRATEGIE DI COOPERAZIONE INTERNAZIONALE LE FORME GIURIDICHE DI ESERCIZIO DELL ATTIVITA D IMPRESA. 1. I CONSORZI FRA IMPRENDITORI. 1.1. Premessa. I consorzi trovano la propria disciplina nel Libro V, Titolo

Dettagli

IL GECT Gruppo Europeo di Cooperazione Territoriale Regolamento UE 1082/2006 e Regolamento UE 1302/2013 (in vigore dal 22 Giugno 2014)

IL GECT Gruppo Europeo di Cooperazione Territoriale Regolamento UE 1082/2006 e Regolamento UE 1302/2013 (in vigore dal 22 Giugno 2014) IL GECT Gruppo Europeo di Cooperazione Territoriale Regolamento UE 1082/2006 e Regolamento UE 1302/2013 (in vigore dal 22 Giugno 2014) Indice generale Scheda descrittiva SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRE AL

Dettagli

Ha la direzione dell impresa. È responsabile per i cd. reati fallimentari

Ha la direzione dell impresa. È responsabile per i cd. reati fallimentari Capitolo 1 L impresa L IMPRESA E LE SOCIETÀ La nozione di impresa si desume implicitamente dal codice civile che delinea la figura dell imprenditore. Manca, infatti, nel nostro codice, una definizione

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 10.06.2004 COM(2004)415 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Piano d azione europeo per l agricoltura biologica

Dettagli

AIUTI AI CONSORZI DI GARANZIA (CONFIDI) Osservazioni sulla questione degli aiuti ai Confidi in generale

AIUTI AI CONSORZI DI GARANZIA (CONFIDI) Osservazioni sulla questione degli aiuti ai Confidi in generale AIUTI AI CONSORZI DI GARANZIA (CONFIDI) Osservazioni sulla questione degli aiuti ai Confidi in generale Relativamente agli aiuti concessi ai Confidi la disciplina 136 rilevante è contenuta nella Comunicazione

Dettagli

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15)

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2 DESCRIZIONE DELLA MISURA 8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2.2.1 Base Giuridica Art.

Dettagli

LA STRUTTURA GIURIDICA DELL IMPRESA

LA STRUTTURA GIURIDICA DELL IMPRESA LA STRUTTURA GIURIDICA DELL IMPRESA Le scelte economiche relative alla possibilità d intraprendere un attività in proprio sono profondamente connesse con le scelte di carattere giuridico. Di solito la

Dettagli

UNPLI Toscana - Commento alla Legge 7 dicembre 2000, n. 383 pagina 1 "Disciplina delle associazioni di promozione sociale"

UNPLI Toscana - Commento alla Legge 7 dicembre 2000, n. 383 pagina 1 Disciplina delle associazioni di promozione sociale UNPLI Toscana - Commento alla Legge 7 dicembre 2000, n. 383 pagina 1 Alcune Precisazioni sulla legge 383 : 1) La Legge 383/2000 non è una legge che si applica automaticamente, ma per usufruire dei vantaggi

Dettagli

12. Consultazione dei partner e loro partecipazione al comitato di sorveglianza

12. Consultazione dei partner e loro partecipazione al comitato di sorveglianza 12. Consultazione dei partner e loro partecipazione al comitato di sorveglianza Nella fase di programmazione dell Iniziativa Leader +, al fine di dare concreta attauzione alla sua programmazione con il

Dettagli

Appunti di Economia L impresa nell ordinamento giuridico italiano impresa attività di impresa stagionale

Appunti di Economia L impresa nell ordinamento giuridico italiano impresa attività di impresa stagionale Appunti di Economia L impresa nell ordinamento giuridico italiano L impresa...1 L azienda...2 Avviamento...2 Trasferimento di azienda...3 Usufrutto e affitto di azienda...3 Classificazione dell attività

Dettagli

PARERE TECNICO GIURIDICO. Di Romano Mosconi

PARERE TECNICO GIURIDICO. Di Romano Mosconi PARERE TECNICO GIURIDICO SUL RICONOSCIMENTO DELLA QUALIFICAZIONE DI IMPRESA ARTIGIANA AD UNA COOPERATIVA DI LAVORO E VALENZA DEI LIMITI DIMENSIONALI DOPO L EMANAZIONE DELLA LEGGE 14 FEBBRAIO 2003, N. 30

Dettagli

NOTE GUIDA IN MATERIA DI INGEGNERIA FINANZIARIA

NOTE GUIDA IN MATERIA DI INGEGNERIA FINANZIARIA Versione finale del 22/12/2008 COCOF 08/0002/03-EN COMMISSIONE EUROPEA DIREZIONE GENERALE POLITICA REGIONALE NOTE GUIDA IN MATERIA DI INGEGNERIA FINANZIARIA DISCLAIMER: "Il presente Documento di Lavoro

Dettagli

Il nuovo Regolamento (UE) n. 1407/2013 relativo all applicazione degli articoli 107 e 108 del Trattato agli aiuti di importanza minore ( De minimis ).

Il nuovo Regolamento (UE) n. 1407/2013 relativo all applicazione degli articoli 107 e 108 del Trattato agli aiuti di importanza minore ( De minimis ). Il nuovo Regolamento (UE) n. 1407/2013 relativo all applicazione degli articoli 107 e 108 del Trattato agli aiuti di importanza minore ( De minimis ). Circolare esplicativa Il Regolamento (UE) n. 1407/2013

Dettagli

METTERSI IN PROPRIO: FORME GIURIDICHE ED ADEMPIMENTI SCHEDE SINOTTICHE. (A cura di: Ezio Casavola)

METTERSI IN PROPRIO: FORME GIURIDICHE ED ADEMPIMENTI SCHEDE SINOTTICHE. (A cura di: Ezio Casavola) METTERSI IN PROPRIO METTERSI IN PROPRIO: FORME GIURIDICHE ED ADEMPIMENTI SCHEDE SINOTTICHE (A cura di: Ezio Casavola) L. 1 DISCIPLINA DELLE ATTIVITA COMMERCIALI FINO AL 1942: CODICE DI COMMERCIO, CHE REGOLAVA

Dettagli

Diritto commerciale l. Lezione del 4/12/2015

Diritto commerciale l. Lezione del 4/12/2015 Diritto commerciale l Lezione del 4/12/2015 Associazioni e fondazioni Altre forme di esercizio collettivo dell impresa - Consorzi con attività esterna - GEIE - Impresa coniugale - Contratto di rete - Associazioni

Dettagli

22.1.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 17/43

22.1.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 17/43 22.1.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 17/43 IV (Atti adottati prima del 1 o dicembre 2009, in applicazione del trattato CE, del trattato UE e del trattato Euratom) DECISIONE DEL CONSIGLIO

Dettagli

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE)

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) Regolamento (CEE) n. 2137/85 del Consiglio del 25 luglio 1985 Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) EPC Med - GEIE Via P.pe di Villafranca 91, 90141 Palermo tel: +39(0)91.6251684

Dettagli

proposta di legge n. 302

proposta di legge n. 302 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 302 a iniziativa della Giunta regionale presentata in data 17 febbraio 2009 NORME IN MATERIA DI TUTELA DEI CONSUMATORI E DEGLI UTENTI (669) REGIONE

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

IL GRUPPO EUROPEO DI INTERESSE ECONOMICO (G.E.I.E.)

IL GRUPPO EUROPEO DI INTERESSE ECONOMICO (G.E.I.E.) IL GRUPPO EUROPEO DI INTERESSE ECONOMICO (G.E.I.E.) Sommario: - 1. Riferimenti legislativi. - 2. Definizione del GEIE. - 3. Le condizioni e le modalità di costituzione. - 4. Gli organi del GEIE. - 5. Iscrizione

Dettagli

TIPI DI SOCIETÀ PREVISTI DAL CODICE

TIPI DI SOCIETÀ PREVISTI DAL CODICE N O E S Le società Ripassare ed esercitarsi TIPI DI SOCIETÀ PREVISTI DAL CODICE Società di persone Società di capitali Società semplice Società in accomandita semplice Società cooperativa Società di mutua

Dettagli

ORIENTAMENTI PER L APPLICAZIONE DEL COMMUNITY-LED LOCAL DEVELOPMENT IN ITALIA

ORIENTAMENTI PER L APPLICAZIONE DEL COMMUNITY-LED LOCAL DEVELOPMENT IN ITALIA ORIENTAMENTI PER L APPLICAZIONE DEL COMMUNITY-LED LOCAL DEVELOPMENT IN ITALIA I. Le principali sfide da affrontare con il CLLD Il Community-led local development (CLLD) è uno strumento normato dai regolamenti

Dettagli

La costituzione di raggruppamenti d imprese è finalizzata a dimostrare uno o più dei seguenti requisiti:

La costituzione di raggruppamenti d imprese è finalizzata a dimostrare uno o più dei seguenti requisiti: SCHEDA FORME ASSOCIATIVE DI PARTECIPAZIONE Nessun concorrente partecipante a RTI può presentare più offerte, né potrà subentrare successivamente alla gara ove abbia presentato offerta in una qualsiasi

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Nell adottare tale decisione la Commissione ha tenuto conto delle considerazioni esposte qui di seguito.

COMMISSIONE EUROPEA. Nell adottare tale decisione la Commissione ha tenuto conto delle considerazioni esposte qui di seguito. COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 20.X.2005 C(2005)3849 def. Oggetto: Aiuti di Stato N 45/2005 - Italia Misure per garantire la qualità nel settore dei prodotti alimentari e adozione del marchio di qualità

Dettagli

l osservanza della direttiva fornendo le indicazioni necessarie a questo riguardo agli enti e alle persone interessate.

l osservanza della direttiva fornendo le indicazioni necessarie a questo riguardo agli enti e alle persone interessate. LA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE, (2) Gli enti e le persone soggetti alla direttiva 2005/60/CE possono non riuscire a identificare un cliente quale appartenente a una delle categorie di persone politicamente

Dettagli

Autoimprenditorialità

Autoimprenditorialità Autoimprenditorialità Aspetti giuridici e burocratici dell impresa Febbraio 2012 La figura giuridica dell imprenditore L art. 2082 del Codice Civile definisce imprenditore chi esercita professionalmente

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Presentazione... V Introduzione... 1 PARTE PRIMA ASPETTI GIURIDICI CAPITOLO 1 LE ASSOCIAZIONI RICONOSCIUTE

INDICE SOMMARIO. Presentazione... V Introduzione... 1 PARTE PRIMA ASPETTI GIURIDICI CAPITOLO 1 LE ASSOCIAZIONI RICONOSCIUTE Presentazione...................................... V Introduzione...................................... 1 PARTE PRIMA ASPETTI GIURIDICI CAPITOLO 1 LE ASSOCIAZIONI RICONOSCIUTE 1.1. Nozioni generali................................

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A ottobre 2011, la Commissione europea ha adottato alcune proposte legislative per la politica di coesione 2014-2020 La presente scheda

Dettagli

LA SOCIETA PER AZIONI UNIPERSONALE

LA SOCIETA PER AZIONI UNIPERSONALE LA SOCIETA PER AZIONI UNIPERSONALE di Claudio Venturi Sommario: 1. Premessa. 2. La disciplina attuale. 2.1. Nelle società per azioni. 2.2. Nelle società a responsabilità limitata. 3. La nuova disciplina.

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

L 343/10 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 29.12.2010

L 343/10 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 29.12.2010 L 343/10 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 29.12.2010 REGOLAMENTO (UE) N. 1259/2010 DEL CONSIGLIO del 20 dicembre 2010 relativo all attuazione di una cooperazione rafforzata nel settore della legge

Dettagli

Progetto di atto di determinazione

Progetto di atto di determinazione Partecipazione delle reti di impresa alle procedure di gara per l aggiudicazione di contratti pubblici ai sensi degli articoli 34 e 37 del d.lgs. 12 aprile 2006, n. 163 Progetto di atto di determinazione

Dettagli

Principi per la vigilanza sugli stabilimenti esteri delle banche

Principi per la vigilanza sugli stabilimenti esteri delle banche Principi per la vigilanza sugli stabilimenti esteri delle banche (Maggio 1983) I. Introduzione Il presente documento 1 delinea alcuni principi ai quali il Comitato ritiene dovrebbe essere informata la

Dettagli

La governance della politica regionale unitaria Innovazioni e lavori in corso per il 2007-2013

La governance della politica regionale unitaria Innovazioni e lavori in corso per il 2007-2013 La governance della politica regionale unitaria Innovazioni e lavori in corso per il 2007-2013 1. Governance e politiche di coesione Nelle politiche di coesione 2007 2013 hanno un forte rilievo le azioni

Dettagli

Allegato A al D.D.G. n 4186 /2014

Allegato A al D.D.G. n 4186 /2014 Allegato A al D.D.G. n 4186 /2014 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO REGIONALE DELL'AGRICOLTURA, DELLO SVILUPPO RURALE E DELLA PESCA MEDITERRANEA - DIPARTIMENTO REGIONALE DELL'AGRICOLTURA

Dettagli

ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE

ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI DISPOSIZIONI GENERALI ADEMPIMENTI CONTABILI E FISCA- LI AGEVOLAZIONI ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE L. 7.12.2000, n. 383 La Costituzione Italiana riconosce il valore sociale

Dettagli

www.cipecomitato.it/it/documenti/finanza_di_progetto_100_domande_e_risposte.pdf

www.cipecomitato.it/it/documenti/finanza_di_progetto_100_domande_e_risposte.pdf www.cipecomitato.it/it/documenti/finanza_di_progetto_100_domande_e_risposte.pdf 22 19 CHE COS È IL PROJECT FINANCING? Per Project Financing (PF Finanza di Progetto) si intende il finanziamento di un progetto

Dettagli

La tutela dell acquirente nei contratti con causa di consumo.

La tutela dell acquirente nei contratti con causa di consumo. - Gabriele Gentilini - La tutela dell acquirente nei contratti con causa di consumo. Premessa Ambito di applicazione della nuova normativa La conformità al contratto La tutela del consumatore ====================================================

Dettagli

I sottoscritti: a) (Impresa proponente) . nato a il.., in qualità di.. legale. rappresentante della società. con sede legale in - Via

I sottoscritti: a) (Impresa proponente) . nato a il.., in qualità di.. legale. rappresentante della società. con sede legale in - Via INTERVENTI A FAVORE DELLE PMI E DEGLI ORGANISMI DI RICERCA - SPORTELLO DELL'INNOVAZIONE ALLEGATO A - CONTENUTI RICHIESTI NELL'ATTO FORMALIZZAZIONE DEL PARTNERIATO I sottoscritti: a) (Impresa proponente).

Dettagli

STATUTO. Articolo 2 Sede La sede dell Associazione è in Roma e possono istituirsi sedi secondarie sia in Italia sia all estero.

STATUTO. Articolo 2 Sede La sede dell Associazione è in Roma e possono istituirsi sedi secondarie sia in Italia sia all estero. STATUTO Articolo 1 Denominazione E costituita in Roma un Associazione avente la seguente denominazione: Nessun luogo è Lontano. Tale Associazione si costituisce per iniziativa di un Comitato di soci fondatori

Dettagli

AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO. ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329

AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO. ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 in relazione alla configurabilità di un Trust Onlus Approvato dalla Commissione

Dettagli

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 73 Le novità nell imposizione indiretta del patto di famiglia

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 73 Le novità nell imposizione indiretta del patto di famiglia DOCUMENTI ARISTEIA documento n. 73 Le novità nell imposizione indiretta del patto di famiglia febbraio 2007 Le novità nell imposizione indiretta del patto di famiglia DOCUMENTO ARISTEIA N. 73 LE NOVITÀ

Dettagli

L ABC dell Associazionismo

L ABC dell Associazionismo Provincia di Bologna Ufficio Terzo Settore L ABC dell Associazionismo Palazzo Malvezzi Sala Zodiaco 9 e 11 maggio 2013 16 e 18 maggio 2013 Il non profit Cenni storici. L Associazione. Inquadramento civilistico

Dettagli

Domande sull Unione Europea?.....Può aiutarti!

Domande sull Unione Europea?.....Può aiutarti! Domande sull Unione Europea?.....Può aiutarti! Finanziamenti dell Unione europea: funzionamento e fonti di informazione on-line Perché una strategia per l Europa 2020? La crisi degli ultimi anni ha determinato

Dettagli

DIRETTIVA 2007/36/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DIRETTIVA 2007/36/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO 14.7.2007 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 184/17 DIRETTIVE DIRETTIVA 2007/36/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO dell 11 luglio 2007 relativa all esercizio di alcuni diritti degli azionisti

Dettagli

STATUTO della Fondazione Toscana Spettacolo onlus

STATUTO della Fondazione Toscana Spettacolo onlus STATUTO della Fondazione Toscana Spettacolo onlus Approvato dal Consiglio della Fondazione con deliberazione n. 29 del 4 maggio 2015 e dalla Giunta Regionale della Toscana con deliberazione n. 424 del

Dettagli

LA SOCIETA EUROPEA Procedura di costituzione e struttura organizzativa

LA SOCIETA EUROPEA Procedura di costituzione e struttura organizzativa LA SOCIETA EUROPEA Procedura di costituzione e struttura organizzativa Di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Normativa di riferimento. 3. La società europea e la delega nazionale. 4. Le procedure

Dettagli

Oggetto: chiarimenti in materia di vendita diretta dei prodotti agricoli (art. 4 d.lgs. n. 228 del 2001 e art. 4 del d.lgs. n. 99 del 2004).

Oggetto: chiarimenti in materia di vendita diretta dei prodotti agricoli (art. 4 d.lgs. n. 228 del 2001 e art. 4 del d.lgs. n. 99 del 2004). Oggetto: chiarimenti in materia di vendita diretta dei prodotti agricoli (art. 4 d.lgs. n. 228 del 2001 e art. 4 del d.lgs. n. 99 del 2004). Sono pervenute allo scrivente Servizio molteplici richieste

Dettagli

CIRCOLARE N. 51/E. Roma, 28 novembre 2011 OGGETTO :

CIRCOLARE N. 51/E. Roma, 28 novembre 2011 OGGETTO : CIRCOLARE N. 51/E Roma, 28 novembre 2011 Direzione Centrale Normativa Settore Fiscalità Internazionale e Agevolazioni Ufficio Agevolazioni Fiscali OGGETTO : Articolo 1 del decreto-legge 13 maggio 2011,

Dettagli

Relazione illustrativa

Relazione illustrativa Relazione illustrativa La direttiva 2010/30/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 19 maggio 2010 concernente l indicazione del consumo di energia e di altre risorse dei prodotti connessi all energia,

Dettagli

APPLICABILITA DELLE DISPOSIZIONI ANTIRICICLAGGIO ALLE SOCIETA PER LA CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI

APPLICABILITA DELLE DISPOSIZIONI ANTIRICICLAGGIO ALLE SOCIETA PER LA CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI APPLICABILITA DELLE DISPOSIZIONI ANTIRICICLAGGIO ALLE SOCIETA PER LA CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI 1. Premessa La disciplina antiriciclaggio contenuta, in particolare, nel Decreto Legge 3 maggio 1991,

Dettagli

CIRCOLARE N. 51/E. Prot.: 166468 / 2011 Alle Direzioni regionali e provinciali

CIRCOLARE N. 51/E. Prot.: 166468 / 2011 Alle Direzioni regionali e provinciali CIRCOLARE N. 51/E Roma, 28 novembre 2011 Direzione Centrale Normativa Settore Fiscalità Internazionale e Agevolazioni Ufficio Agevolazioni Fiscali Prot.: 166468 / 2011 Alle Direzioni regionali e provinciali

Dettagli

Il diritto delle banche di credito cooperativo tra legge e contratto

Il diritto delle banche di credito cooperativo tra legge e contratto Emanuele Cusa Il diritto delle banche di credito cooperativo tra legge e contratto G. Giappichelli Editore Torino Copyright 2013 - G. GIAPPICHELLI EDITORE - TORINO VIA PO, 21 - TEL. 011-81.53.111 - FAX:

Dettagli

OGGETTO: Consulenze giuridiche Quesito in materia di contributi regionali erogati ad aziende agrituristiche.

OGGETTO: Consulenze giuridiche Quesito in materia di contributi regionali erogati ad aziende agrituristiche. Roma, 22 gennaio 2010 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenze giuridiche Quesito in materia di contributi regionali erogati ad aziende agrituristiche. Quesito Nell ambito dei Piani di Sviluppo

Dettagli

CONVENZIONE SULLA PROTEZIONE DEI MINORI E SULLA COOPERAZIONE IN MATERIA DI ADOZIONE INTERNAZIONALE

CONVENZIONE SULLA PROTEZIONE DEI MINORI E SULLA COOPERAZIONE IN MATERIA DI ADOZIONE INTERNAZIONALE CONVENZIONE SULLA PROTEZIONE DEI MINORI E SULLA COOPERAZIONE IN MATERIA DI ADOZIONE INTERNAZIONALE Per ogni bambino Salute, Scuola, Uguaglianza, Protezione CONVENZIONE SULLA PROTEZIONE DEI MINORI E SULLA

Dettagli

RISOLUZIONE N. 74/E. OGGETTO: Interpello art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Erogazioni liberali. Art. 100, comma 2, lettera a) del TUIR

RISOLUZIONE N. 74/E. OGGETTO: Interpello art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Erogazioni liberali. Art. 100, comma 2, lettera a) del TUIR RISOLUZIONE N. 74/E Direzione Centrale Normativa Roma, 29 luglio 2014 OGGETTO: Interpello art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Erogazioni liberali. Art. 100, comma 2, lettera a) del TUIR Con l interpello

Dettagli

Comunitàincoop. Vademecum Cooperative di Comunità. Prima elaborazione

Comunitàincoop. Vademecum Cooperative di Comunità. Prima elaborazione Comunitàincoop Vademecum Cooperative di Comunità Prima elaborazione VADEMECUM COOPERATIVE DI COMUNITA COSA SONO LE COOPERATIVE DI COMUNITA Le Cooperative di Comunità o le Comunità Cooperative sono un progetto

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 agosto 2007, n. 1338

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 agosto 2007, n. 1338 16056 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 agosto 2007, n. 1338 Atto di indirizzo e nomina Commissione di studio per la elaborazione di un progetto di legge regionale di riordino della normativa in

Dettagli

per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno

per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno Progetto dall'iter alle reti: Implementazione Sportello Unico Rassegna delle principali possibilità di finanziamento a disposizione

Dettagli

IN ITINER@ BANDO DI VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO MONUMENTALE DEDICATO A VISITE ED ITINERARI

IN ITINER@ BANDO DI VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO MONUMENTALE DEDICATO A VISITE ED ITINERARI IN ITINER@ BANDO DI VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO MONUMENTALE DEDICATO A VISITE ED ITINERARI Criteri generali Obiettivi del bando Il bando intende promuovere la vocazione turistico-culturale dei Comuni

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI DELLA POLITICA DI COESIONE PER IL PERIODO 2014-2020 POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le

Dettagli

LA SOGGETTIVITA DELLE ASSOCIAZIONI DI AZIONE CATTOLICA

LA SOGGETTIVITA DELLE ASSOCIAZIONI DI AZIONE CATTOLICA LA SOGGETTIVITA DELLE ASSOCIAZIONI DI AZIONE CATTOLICA 1 Persone giuridiche e soggetti no profit nel sistema giuridico italiano Nel sistema giuridico italiano sono previsti enti che hanno una soggettività

Dettagli

SOCIETÀ DI PERSONE. Società semplice (s.s.) Società in nome collettivo (s.n.c.) Società in accomandita semplice (s.a.s.) 2251-2290 c.c. 2291-2312 c.c.

SOCIETÀ DI PERSONE. Società semplice (s.s.) Società in nome collettivo (s.n.c.) Società in accomandita semplice (s.a.s.) 2251-2290 c.c. 2291-2312 c.c. SOCIETÀ DI PERSONE Società semplice (s.s.) 2251-2290 c.c. Società in nome collettivo (s.n.c.) 2291-2312 c.c. Società in accomandita semplice (s.a.s.) 2313-2324 c.c. SOCIETÀ SEMPLICE La società semplice

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 12-VIII-2005 C(2005) 3213

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 12-VIII-2005 C(2005) 3213 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 12-VIII-2005 C(2005) 3213 Oggetto: Aiuti di Stato/Italia (Calabria) Aiuti n. N 391/2003 e N 29/2004 Fondo di garanzia per l agricoltura. Signor Ministro, con lettera del

Dettagli

Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento INDICE

Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento INDICE COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell Umanità Servizio Attività Produttive, Commercio e Turismo Ufficio Sportello Europa Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento

Dettagli

Quesito n. 2. Autorità ATO dei Rifiuti Comunità di Ambito Toscana Sud

Quesito n. 2. Autorità ATO dei Rifiuti Comunità di Ambito Toscana Sud Quesito n. 1 In risposta al precedente quesito in cui venivano richiesti chiarimenti riguardo alla ripartizione del possesso dei requisiti tecnico organizzativi relativi alla gestione del servizio tra

Dettagli

RISOLUZIONE N. 21/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 27 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 21/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 27 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 21/E f Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 27 gennaio 2009 Oggetto: Interpello ex articolo 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212 Fusione concernente società di diversi Stati

Dettagli

STATUTO della FONDAZIONE ERIO TRIPODI MUSEO DELLA CANZONE

STATUTO della FONDAZIONE ERIO TRIPODI MUSEO DELLA CANZONE STATUTO della FONDAZIONE ERIO TRIPODI MUSEO DELLA CANZONE 1. COSTITUZIONE E DENOMINAZIONE. 1.1 È costituita, ai sensi e per gli effetti degli artt. 14 e seguenti del Codice Civile, la Fondazione denominata

Dettagli

Dr.ssa Anna Maria Scuderi

Dr.ssa Anna Maria Scuderi D.M. MAP 593/2000 E SS.MM.II.: MODALITÀ PROCEDURALI PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI PREVISTE DAL DECRETO LEGISLATIVO DEL 27 LUGLIO 1999, N. 297 (ARTT. DA 5 A 16) Tale decreto riunisce in un unico

Dettagli

IL TRUST ED I VINCOLI DI DESTINAZIONE PATRIMONIALE

IL TRUST ED I VINCOLI DI DESTINAZIONE PATRIMONIALE IL TRUST ED I VINCOLI DI DESTINAZIONE PATRIMONIALE IL TRUST La Repubblica Italiana con la legge n. 364 del 16 ottobre 1989, entrata in vigore il 1 gennaio 1992, ha ratificato la sottoscrizione della Convenzione

Dettagli

UFFICIO INTERCOMUNALE PER LA RICERCA DI FINANZIAMENTI (U.I.R.F.)

UFFICIO INTERCOMUNALE PER LA RICERCA DI FINANZIAMENTI (U.I.R.F.) UFFICIO INTERCOMUNALE PER LA RICERCA DI FINANZIAMENTI (U.I.R.F.) (Schema di Convenzione di cui all art.20 della LRT n. 68/2011) Tra 1)- Il comune di Calenzano, nella persona di... domiciliato per la sua

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE. Seminario n. 3. Cooperazione e integrazione delle regioni europee. Guida per il dibattito

DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE. Seminario n. 3. Cooperazione e integrazione delle regioni europee. Guida per il dibattito DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE 1. Contesto Seminario n. 3 Cooperazione e integrazione delle regioni europee Guida per il dibattito La seconda relazione sulla coesione ha sottolineato

Dettagli

SCHEDA TECNICA. Concessione alle imprese artigiane di contributi in conto interessi ai sensi dell articolo 40, comma 1, lettera d) della L. r.

SCHEDA TECNICA. Concessione alle imprese artigiane di contributi in conto interessi ai sensi dell articolo 40, comma 1, lettera d) della L. r. Studio Biagi STUDIO ATTIVO IN TUTTA ITALIA Consulenza e assistenza tecnica sulle agevolazioni i finanziamenti e i programmi comunitari, nazionali, regionali e l internazionalizzazione delle imprese SCHEDA

Dettagli

MISURA 112. 1. Titolo della Misura Insediamento di giovani agricoltori

MISURA 112. 1. Titolo della Misura Insediamento di giovani agricoltori MISURA 112 1. Titolo della Misura Insediamento di giovani agricoltori 2. Articoli di riferimento Titolo IV, Capo I, sezione 1, Articolo 20 lettera a) punto ii e sottosezione 1, Articolo 22 del Regolamento

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. L anno 2008, il giorno 1 del mese di marzo presso il Comune di Trebisacce (CS) TRA PREMESSO CHE

PROTOCOLLO D INTESA. L anno 2008, il giorno 1 del mese di marzo presso il Comune di Trebisacce (CS) TRA PREMESSO CHE PROVINCIA PROVINCIA PROVINCIA PROVINCIA DI COSENZA DI LECCE DI MATERA DI TARANTO PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL TAVOLO DI CONSULTAZIONE PERMANENTE TRA LE PROVINCE DEL GOLFO DI TARANTO (COSENZA,

Dettagli

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno La programmazione europea 2014 2020 per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno POIn (FESR) 2007-2013 - Attrattori culturali, naturali e turismo Asse II - Linea di intervento II.2.1 Intervento:

Dettagli

LE AGGREGAZIONI TRA IMPRESE: ASPETTI FISCALI

LE AGGREGAZIONI TRA IMPRESE: ASPETTI FISCALI LE AGGREGAZIONI TRA IMPRESE: ASPETTI FISCALI Francesca Miconi Università di Chieti - Pescara LE SOCIETÀ E LE CORPORATE JOINT VENTURE Con il contratto di società due o più persone conferiscono beni o servizi

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

EUROPA CREATIVA (2014-2020) Sottoprogramma Cultura. Invito a presentare proposte

EUROPA CREATIVA (2014-2020) Sottoprogramma Cultura. Invito a presentare proposte EUROPA CREATIVA (2014-2020) Sottoprogramma Cultura Invito a presentare proposte EACEA 29/2015 : Sostegno a favore di progetti di cooperazione europei Attuazione del regime del sottoprogramma Cultura Europa

Dettagli

Marco Maltoni. Trasformazione, fusione e scissione delle nuove srl

Marco Maltoni. Trasformazione, fusione e scissione delle nuove srl Marco Maltoni Trasformazione, fusione e scissione delle nuove srl 1. Impostazione della questione. La natura giuridica delle nuove s.r.l. Il tema presuppone di chiarire preventivamente se i nuovi modelli

Dettagli

DIREZIONE BILANCIO FINANZA E TRIBUTI SETTORE GESTIONE BILANCIO FINANZIARIO APPUNTI IN MATERIA DI FIDEIUSSIONI

DIREZIONE BILANCIO FINANZA E TRIBUTI SETTORE GESTIONE BILANCIO FINANZIARIO APPUNTI IN MATERIA DI FIDEIUSSIONI DIREZIONE BILANCIO FINANZA E TRIBUTI SETTORE GESTIONE BILANCIO FINANZIARIO APPUNTI IN MATERIA DI FIDEIUSSIONI PREMESSA Il presente lavoro vuole essere un piccolo riassunto dei principali aspetti che è

Dettagli

NORME PER LA PROMOZIONE E LA DISCIPLINA DEL VOLONTARIATO IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA

NORME PER LA PROMOZIONE E LA DISCIPLINA DEL VOLONTARIATO IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LEGGE REGIONALE 26 luglio 2012, n. 33 NORME PER LA PROMOZIONE E LA DISCIPLINA DEL VOLONTARIATO la seguente legge: IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA CAPO

Dettagli

Le misure contenute nel

Le misure contenute nel 16_21:Programma_Amva.qxd 04/07/2012 12.45 Pagina 16 16 AGEVOLAZIONI NAZIONALI INVESTIMENTI PRODUTTIVI Per il Fondo di garanzia in arrivo le nuove percentuali di copertura Ammesse anche le anticipazioni

Dettagli

Aspetti amministrativi, contabili e fiscali relativi all attuazione dei progetti di cooperazione

Aspetti amministrativi, contabili e fiscali relativi all attuazione dei progetti di cooperazione Aspetti amministrativi, contabili e fiscali relativi all attuazione dei progetti di cooperazione Ottobre 2005 ASPETTI AMMINISTRATIVI, CONTABILI E FISCALI RELATIVI ALL ATTUAZIONE DEI PROGETTI DI COOPERAZIONE

Dettagli

I SISTEMI QUALITÀ NEI RAGGRUPPAMENTI DI IMPRESE E NEI CONSORZI

I SISTEMI QUALITÀ NEI RAGGRUPPAMENTI DI IMPRESE E NEI CONSORZI I SISTEMI QUALITÀ NEI RAGGRUPPAMENTI DI IMPRESE E NEI CONSORZI DINO BOGAZZI Direttore Qualità e Organizzazione Consorzio Cooperative Costruzioni e Vicepresidente Settore Costruzioni AICQ 1. Premessa Il

Dettagli

Art. 1 Oggetto e finalità

Art. 1 Oggetto e finalità REGOLAMENTO del, n. Regolamento di attuazione della legge regionale 8 agosto 2014, n. 20 Riconoscimento e costituzione dei distretti rurali, dei distretti agroalimentari di qualità e dei distretti di filiera

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Pari opportunità, Autonomie locali, Sicurezza;

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Pari opportunità, Autonomie locali, Sicurezza; OGGETTO: Approvazione della proposta di legge regionale concernente: Interventi regionali per la prevenzione e il contrasto del fenomeno del sovraindebitamento e dell usura e istituzione della Casa regionale

Dettagli

STATUTO del Consorzio Interuniversitario per l Università Telematica della Sardegna

STATUTO del Consorzio Interuniversitario per l Università Telematica della Sardegna Università degli Studi di Cagliari Università degli Studi di Sassari STATUTO del Consorzio Interuniversitario per l Università Telematica della Sardegna ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE OGGETTO SEDE 1. Il Consorzio

Dettagli

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Ambito di applicazione

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Ambito di applicazione Regolamento per l affidamento degli appalti di lavori, servizi e forniture di importo inferiore alla soglia di rilevanza comunitaria, ai sensi dell articolo 238, comma 7 del d.lgs. 12 aprile 2006, n. 163.

Dettagli

Onlus ed enti non commerciali

Onlus ed enti non commerciali CORSO DI AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE DI INTERESSE NOTARILE ALTRE AGEVOLAZIONI DI INTERESSE NOTARILE Onlus ed enti non commerciali Thomas Tassani Aggregato di Diritto Tributario Università di Urbino Carlo Bo

Dettagli

DECISIONE n. 624/2007/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO. del 23 maggio 2007

DECISIONE n. 624/2007/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO. del 23 maggio 2007 14.6.2007 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 154/25 DECISIONE n. 624/2007/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 23 maggio 2007 che istituisce un programma d azione doganale nella Comunità

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

PROGRAMMA. SECONDA GIORNATA 17 febbraio 2016 1. La fidejussione: nozione. 2. Le diverse tipologie di fidejussione.

PROGRAMMA. SECONDA GIORNATA 17 febbraio 2016 1. La fidejussione: nozione. 2. Le diverse tipologie di fidejussione. "La fidejussione: nozione e caratteristiche, le diverse tipologie di fidejussione, la costruzione della fidejussione e le principali clausole negoziali" Avv. Lucio Nicastro PROGRAMMA SECONDA GIORNATA 17

Dettagli

PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETÀ E DELLE PARTECIPAZIONI SOCIETARIE

PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETÀ E DELLE PARTECIPAZIONI SOCIETARIE ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO N. 7 DEL 23-4-2015 CITTÀ DI AVIGLIANO (Provincia di Potenza) PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETÀ E DELLE PARTECIPAZIONI SOCIETARIE (art. 1, commi 611-614,

Dettagli

- 1 - sede-delegazioni

- 1 - sede-delegazioni - 1 - Allegato A ad atto rep. n.77925/15335 STATUTO Fondazione Bracco Articolo 1 Costituzione-sede sede-delegazioni delegazioni È costituita una Fondazione denominata "Fondazione Bracco", con sede in Milano,

Dettagli

ACCORDO DI COLLABORAZIONE per la realizzazione del Sistema Turistico Locale Riviera dei Fiori

ACCORDO DI COLLABORAZIONE per la realizzazione del Sistema Turistico Locale Riviera dei Fiori ACCORDO DI COLLABORAZIONE per la realizzazione del Sistema Turistico Locale Riviera dei Fiori PREMESSO: - che la Legge 135/01 all art. 5 istituisce i Sistemi Turistici Locali definendoli contesti turistici

Dettagli

BANDO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI ALLA PROMOZIONE DELL E-COMMERCE IN FAVORE DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI PISA,

BANDO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI ALLA PROMOZIONE DELL E-COMMERCE IN FAVORE DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI PISA, BANDO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI ALLA PROMOZIONE DELL E-COMMERCE IN FAVORE DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI PISA, Accordo Programma MISE- Unioncamere 2012 Budget : 40.000,00 1. Premessa

Dettagli

L area di consolidamento: capitolo 2

L area di consolidamento: capitolo 2 L area di consolidamento: capitolo 2 La definizione e l individuazione dell area di consolidamento La nozione di controllo, in materia di consolidato secondo l ordinamento italiano Le imprese esonerate

Dettagli