CONFLITTI. il magazine della CROCE ROSSA ITALIANA GUERRA 2.0 JAKOB KELLENBERGER DANIELE SILVESTRI BARBARA CARFAGNA PRIMO PIANO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONFLITTI. il magazine della CROCE ROSSA ITALIANA GUERRA 2.0 JAKOB KELLENBERGER DANIELE SILVESTRI BARBARA CARFAGNA PRIMO PIANO"

Transcript

1 PRIMO PIANO GUERRA 2.0 NOTIZIE DALLA ZONA DEL CONFLITTO il magazine della CROCE ROSSA ITALIANA Anno II ~ NUMERO 1 Gennaio + Febbraio 2012 L INTERVISTA JAKOB KELLENBERGER LA SFIDA OGGI È MANTENERE LE PROMESSE E RIMANERE FEDELI AI PRINCIPI AMBASCIATORI DI PACE DANIELE SILVESTRI IL VOLONTARIATO CI SALVERÀ SCRIVE PER NOI BARBARA CARFAGNA KIA E L INFELICITÀ DELLA NOSTRA RICCHEZZA CONFLITTI

2

3 EDITORIALE D 150+ ANDARE AVANTI CON LA RIFORMA di Francesco Rocca Commissario straordinario Croce Rossa Italiana E un momento di grandi cambiamenti e sicuramente c è ancora molto lavoro da fare. In questi anni di commissariamento ho fatto tutto quello che era nelle mie possibilità per cercare di razionalizzare e rilanciare la Croce Rossa Italiana e per dare tutti gli strumenti all Associazione per rispondere alle nuove e tante sfide umanitarie. Purtroppo, come sapete, il percorso della riforma ha subito uno stop e in questo momento siamo ostaggi della riforma legislativa e così com è, con le vecchie regole e i vecchi sistemi, la Croce Rossa Italiana non può andare a votare, poiché l attuale Statuto è stato dichiarato illegittimo in più punti. Quello che abbiamo capito è che evidentemente c è ancora molto da fare nel disseminare la cultura di Croce Rossa, i suoi compiti istituzionali, le convenzioni, visto che anche le stesse Istituzioni a volte hanno difficoltà a conoscere le regole e i Principi ispiratori della Croce Rossa, ovvero la più grande organizzazione umanitaria in Italia e nel Mondo intero. L attuale Governo si è impegnato formalmente per arrivare a una riforma il più possibile condivisa entro il mese di giugno e sarà mia cura stimolarlo nel continuare il percorso del rinnovamento. Il termine del 30 giugno per la riforma, come previsto dal recente Milleproroghe, è un segnale che va proprio verso l obiettivo di dotare l Associazione in tempi rapidi di nuovi strumenti. Solo così potremo avere una riforma coerente con quell ortodossia più volte richiesta dal Comitato Internazionale della Croce Rossa. Solo così potremo avere una CRI competitiva, vicino ai volontari e alla popolazione, sempre pronta a intervenire e a rispondere alle nuove sfide, sempre vicina ai vulnerabili, con un attenzione particolare alle nuove vulnerabilità. Solo così, in poche parole, potremo affrontare al meglio i compiti che ci spettano e che sono dovuti per chi, 365 giorni all anno, 7 giorni su 7, 24 ore su 24, porta addosso un emblema simbolo di umanità e soccorso. 1

4

5 SOMMARIO D Croce Rossa Italiana 150+ Il Magazine della Croce Rossa Italiana Registrazione al Tribunale di Roma n 359/2011 del 05/12/2011 Via Toscana, Roma Telefono: Fax: E.mail: Direttore responsabile: Tommaso Della Longa - Direttore editoriale: Francesco Rocca - Caporedattore: Lucio Palazzo - Redazione: Lucrezia Martinelli - Felicia Mammone - Hanno collaborato: Anna Miriam Bicego, Fausto Biloslavo, Barbara Carfagna, Matteo Ciarli, Fiammetta Cogliolo, Micaela D Andrea, Marco De Francesco, Ludovico Di Meo, Elisa Favilli, Roberta Fusacchia, Marco Galassi, Lorenzo Massucchielli, Michele Novaga, Lorenza Raiola, Anastasia Siena, Francesco Testa, Giovanni Zambello. Progetto grafico, photo editing, impaginazione e produzione: Ince Media S.r.l. Segreteria di redazione: Francesco Testa - Pubblicità: Ince Media S.r.l. Miriam Martini - Credits Photo: Contrasto,Thierry Gassmann, Marko Kokic, Fred Clarke, Fausto Biloslavo, Alessandro Serranò L INTERVISTA La sfida, oggi, è mantenere le promesse Intervista al Presidente del Comitato Internazionale della Croce Rossa Jakob Kellenberger PRIMO PIANO Notizie dalla zona del conflitto Fausto Biloslavo racconta il progresso delle tecnologie al servizio dei reporter di guerra ZOOM Conflitti armati ieri e oggi TESTIMONIANZE Non chiamatemi angelo Alberto Cairo, l angelo di Kabul, racconta la sua esperienza IN MEDIA CRI Conflitti armati, i media raccontano Da quando esiste la guerra c è qualcuno che la racconta AMBASCIATORI DI PACE Il volontariato ci salverà Intervista a Daniele Silvestri, musica, entusiasmo e impegno a favore della CRI FOCUS Emergenza maltempo Le attività della Croce Rossa per fronteggiare l ondata di maltempo SCRIVE PER NOI Kia e l infelicità della nostra ricchezza Barbara Carfagna, giornalista e conduttrice del TG1, racconta la storia di Kia STORIE DI VOLONTARI Costruiamo ponti, non muri Intervista a Rodica Streja: volontaria della CRI con doppia nazionalità, rumena e italiana Un oasi di solidarietà La vocazione di Tiziana Codazzi, volontaria CRI esperta di pet therapy CRI NEL MONDO Indonesia, Nicaragua e Congo: la parola ai Delegati CRI LA FEDERAZIONE INTERNAZIONALE News dalla Federazione Internazionale della Croce Rossa e Mezzaluna Rossa IL COMITATO INTERNAZIONALE Le attività del Cicr in Afghanistan e la campagna sulla violenza contro il personale sanitario SPECIALE LIGURIA La CRI attiva nell ondata di maltempo che ha investito la regione NAUFRAGIO CONCORDIA Il racconto di un volontario durante i soccorsi ai sopravvissuti CONOSCIAMO I COMITATI Le attività della CRI a Milano, Livorno e in Umbria DIU Diffonderlo per rispettarlo La sfida è assicurare l applicazione delle norme del DIU CRI SHOP I gadget ufficiali di Croce Rossa Italiana 3

6 AFGHANISTAN Scansione dell iride di un civile afgano da parte di un marine ad un posto di blocco nella provincia di Helmand

7 GUERRA 2.0

8 LIBANO Il Presidente Jakob Kellenberger trasporta aiuti umanitari sulle rive del fiume Litani Marko Kokic LA SFIDA OGGI È MANTENERE LE PROMESSE INTERVISTA AL PRESIDENTE DEL COMITATO INTERNAZIONALE DELLA CROCE ROSSA JAKOB KELLENBERGER di Tommaso Della Longa

9 L INTERVISTA RIMANERE FEDELI AI PRINCIPI E OPERARE NELLE SITUAZIONI DI VIOLENZA ORGANIZZATA, NON SOLO NEI CONFLITTI ARMATI Jakob Kellenberger non ha bisogno di presentazioni. Presidente del Comitato Internazionale della Croce Rossa (CICR) dal primo gennaio del 2000, è il volto dell aiuto umanitario e dell assistenza sanitaria in zona di guerra e il custode dei sette Principi fondamentali e del Diritto internazionale umanitario (DIU). In questi anni di mandato, la presenza del CICR è aumentata in molte situazioni di crisi internazionale: Afghanistan, Iraq, Darfur, Striscia di Gaza, solo per citare alcuni dei campi d azione. Incontriamo Kellenberger nel pieno della 31a Conferenza Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa, dove tra i mille impegni istituzionali riesce a trovare anche uno spazio per Non è solamente un intervista, ma molto di più: parlare con il Presidente del CICR è l occasione per riflettere sui momenti cruciali che hanno stravolto il mondo negli ultimi 11 anni e per capire fino in fondo l attualità e l importanza di temi come la protezione degli operatori umanitari in zone di conflitto. E ancora, incontrare Kellenberger serve per comprendere il fondamentale lavoro degli operatori del Comitato Internazionale e l importanza di un Presidente che non ha remore a intervenire direttamente sul terreno per avere una testimonianza diretta e per sapere come e cosa vivono gli uomini e le donne della Croce Rossa che operano in zona di guerra. e oggi. I contesti non sono comparabili e c è una mancanza di statistiche. Inoltre, i politici e i media si concentrano sulle violazioni del diritto internazionale umanitario, e non sulle tante situazioni in cui le violazioni potrebbero essere impedite. Tuttavia, oggi molti prolungati conflitti non strutturati rappresentano una sfida particolare. Questo significa che ci sono diverse parti nei conflitti armati, alleanze mutevoli, parti in conflitto non strutturate, per cui è difficile sapere dove si trovano i quartier generali e chi è al comando. È un ambiente in cui è più difficile effettuare interventi riguardanti il diritto internazionale umanitario e assicurare che questi interventi arrivino nel posto giusto. Quanto è importante il Diritto internazionale umanitario in zona di guerra? Quali sono le principali violazioni? In termini di protezione, tra le principali violazioni ci sono i maltrattamenti di persone private della libertà. In condizioni di detenzione le persone sono particolarmente esposte al maltrattamento, che è un termine generico che comprende la tortura, trattamenti umilianti e disumani, etc. C è anche un alto rischio di violazioni nella condotta delle ostilità. Una delle violazioni più gravi è l attacco diretto ai civili, ma un altra violazione molto frequente consiste anche nel fatto che le parti in conflitto non facciano distinzione tra civili e combattenti. Ma questi sono solo due esempi. It s a matter of life & death. Questo è lo slogan che avete usato per lanciare un importante campagna per la difesa del personale sanitario in zone di crisi e di guerra. Qual è la situazione attuale per chi opera sul terreno? Quali sono i rischi maggiori? Negli ultimi anni abbiamo notato che, sia nei conflitti armati, sia in altre situazioni di violenza, il personale medico spesso non viene rispettato e l accesso ai luoghi dove è necessaria assistenza medica viene negato, nei casi peggiori le ambulanze e gli ospedali vengono attaccati. Devo dire che i due principali problemi che ho rilevato sono, da una parte, il mancato rispetto di chi fornisce soccorso medico e, dall altra, viene impedito alle persone di ricevere assistenza medica. Purtroppo questa situazione prevale troppo spesso, non solo nei conflitti armati, ma anche in altre situazioni di violenza, come il caso siriano per esempio. Bisogna semplicemente mobilitare la gente per far sì che le misure legali esistenti vengano rispettate. Perché negli ultimi anni c è stato un maggior numero di violazioni del Diritto internazionale umanitario? Come sono cambiati i conflitti armati negli ultimi tempi? Devo dire di non essere pronto ad affermare che le violazioni del Diritto internazionale umanitario siano aumentate negli ultimi anni perché credo che nessuno possa seriamente fare una comparazione tra il rispetto del diritto internazionale umanitario in passato Thierry Gassmann Jakob Kellenberger Presidente del Comitato Internazionale Croce Rossa 7

10 L INTERVISTA Quali sono le nuove sfide umanitarie e quali gli strumenti che il CICR può mettere in campo? Per me la sfida principale rimane la stessa ma in un ambiente più complesso. Intendo dire che l accesso alle persone che necessitano di protezione e assistenza rimane una sfida enorme. Il CICR negli ultimi anni ha esteso e migliorato l accesso, ma bisogna sempre combattere per ottenerlo e, più i conflitti armati sono complessi, più difficile può essere l accesso perché esso dipende dall accettazione di più parti del conflitto. Abbiamo già detto che assicurare il rispetto del diritto internazionale umanitario rimane una grande sfida. Nel CICR pensiamo che sempre più le sfide non si limiteranno ai conflitti armati ma includeranno anche altre situazioni di violenza, con le conseguenze umanitarie che stanno aumentando. Parlo principalmente di violenza organizzata, di situazioni come la Siria adesso o il Kirghizstan nel Tutte queste diverse forme di violenza, sotto la soglia di applicabilità del diritto internazionale umanitario, sono in aumento. Non siamo alla ricerca di nuove missioni, ma notiamo semplicemente che potremmo essere sempre più coinvolti in queste situazioni, forse perché abbiamo un tipo di know-how e di lavoro che è richiesto in questo contesto e che deriva dalla nostra esperienza nei conflitti armati. Abbiamo esperienza ma ho l impressione che avremo molto da imparare e KIRGHIZISTAN Visita ad un punto di distribuzione nel distretto di Sharq,abitato prevalentemente da etnia uzbeca Marko Kokic Noi vogliamo continuare a realizzare direttamente l azione umanitaria sul campo perché crediamo che niente possa sostituire la nostra esperienza sperimentare. C è una sfida che vorrei citare anche se è un po astratta: nel mondo di oggi è una sfida rimanere aderenti ai Principi. Viviamo in un mondo con sempre più organizzazioni umanitarie con principi diversi che possono essere molto flessibili. Trovo che sia una sfida continuare ad aderire ai nostri Principi più importanti: non solo indipendenza, imparzialità, neutralità, ma è anche importante mantenere le nostre promesse in un mondo in cui c è sempre più confusione tra dichiarazioni d intenti e azione. Vogliamo rimanere un organizzazione che mantiene le promesse e la cui azione è utile a chi è in condizioni di necessità. Credo che questa sia una sfida importante, in un ambiente umanitario in cui le organizzazioni tendono sempre più a delegare l azione ad altre organizzazioni, i cosiddetti partner attuatori. Noi vogliamo continuare a realizzare direttamente l azione umanitaria sul campo perché crediamo che niente possa sostituire la nostra esperienza, perché bisogna rilevare direttamente i bisogni e fornire aiuto. Anche se devo aggiungere, e questo è importante, che dipendiamo molto dalla cooperazione con le Società Nazionali di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa. Senza di esse, in contesti come la Somalia, la Siria, l Afghanistan, avremmo potuto fare molto meno. Non è solo merito nostro, dobbiamo ringraziare anche la cooperazione con i nostri partner del Movimento. Quali sono le strategie di implementazione del Diritto internazionale umanitario per quanto riguarda temi come il terrorismo internazionale, i conflitti armati non internazionali, i detenuti di conflitti interni? Abbiamo identificato quattro aree di priorità in cui crediamo che il Diritto internazionale umanitario debba essere sviluppato e, a seguito di consultazioni con gli Stati, abbiamo dato priorità a due aree: i meccanismi per migliorare l osservanza e le norme applicabili ai detenuti nei conflitti armati non internazionali, principalmente la detenzione per motivi di sicurezza. Quanto al terrorismo internazionale, è regolato da specifiche convenzioni, per questo credo che sia importante separare la legislazione sul terrorismo internazionale dal Diritto internazionale umanitario. Tuttavia, nel Diritto internazionale umanitario ci sono misure che proibiscono assolutamente di diffondere il terrore. Alla luce dei nuovi conflitti armati e dei disastri naturali, come stanno cambiando i flussi migratori? Quali saranno i Paesi maggiormente interessati dall immigrazione e come preparare il personale sul terreno per la problematica dell accoglienza e dei richiedenti asilo? 8

11

12 L INTERVISTA Credo che in parte per ragioni economiche, in parte per il cambiamento climatico, in parte per le enormi ineguaglianze tra Stati e all interno degli Stati, ci saranno sempre più flussi migratori in futuro. Vedo le Società Nazionali di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa al centro della risposta. E credo che un organizzazione come il CICR possa essere utile in determinati settori, ma che abbia solo un ruolo sussidiario rispetto alle Società Nazionali. Per esempio, a Lampedusa abbiamo aiutato nel ristabilimento dei contatti con i membri delle famiglie. SVIZZERA Conferenza internazionale della Croce Rossa e MezzaLuna Rossa Thierry Gassmann In casi come il 2006 in Libano o nel 2009 a Gaza, lei è andato sul terreno per avere una testimonianza diretta della situazione. Cosa ricorda di quelle situazioni? Quanto sono state importanti quelle visite? Quelle visite sono state una questione di principio. Quando sono arrivato al CICR ho detto allo staff: Andrò ovunque voi lavoriate. Voglio vedere con i miei occhi come stanno le cose sul campo in situazioni delicate perché ciò che viene comunicato spesso non corrisponde a ciò che realmente avviene. Inoltre, si è più credibili quando si fanno interventi a livello governativo o militare. Durante un conflitto armato si è molto più credibili se si è stati sul campo rispetto a quando si danno lezioni da una sala conferenze a distanza di sicurezza. Anche negli esempi di Gaza e del Libano, ho voluto andare per essere credibile parlando con le autorità. Si impara molto, certo, ed è anche importante visitare lo staff per vedere come stanno davvero le cose e ringraziarlo per il suo coraggioso impegno. Qual è il ricordo più bello e quello più drammatico di questi anni nel CICR? La domanda è un po difficile perché non ho ancora iniziato a fare un bilancio sistematico di quello che sento. Spontaneamente potrei parlare per esempio, iniziando dai bei momenti, di quando ero in Darfur nel 2004 e ho visto in un ospedale un paziente gravemente ferito. Sembrava felice perché aveva appena saputo che sarebbe stato meglio e che c era una reale prospettiva di miglioramento, si poteva leggerglielo in faccia. È un immagine che trovo molto piacevole: quando vedi qualcuno che sta uscendo da una situazione molto difficile e puoi vedere questo sul suo viso. Tra le impressioni tristi, ricordo la mia visita all Ospedale Shifa di Gaza durante la guerra di gennaio 2009, con persone gravemente ferite, tra cui molti bambini. E ancora, durante la mia prima missione in Afghanistan, ricordo il volto di un uomo che aveva perso una gamba e aveva poi ottenuto una protesi. Ho sentito, solo guardando il suo viso, quanto doveva essere disperato, ma grazie alla protesi e al programma di riabilitazione la qualità della sua vita era migliorata. Ha qualche rimpianto? C è sempre la possibilità di migliorare, ma è un dato di fatto che l organizzazione si è sviluppata bene, ha aumentato la propria presenza sul campo soccorrendo più persone che necessitano protezione e assistenza. Il CICR ha rafforzato la propria rapida capacità di sviluppo e ha consolidato la propria posizione. Rispetto agli anni novanta, il CICR ha ulteriormente esteso le attività umanitarie rimanendo in una situazione economica sana. Ha rafforzato le attività nel settore medico e sanitario nelle situazioni di primo soccorso e ha iniziato a lavorare più sistematicamente in altre situazioni di violenza. Abbiamo strategie molto chiare. In questi ultimi anni ha seguito il processo di riforma della Croce Rossa Italiana. Cosa ne pensa? Sono molto soddisfatto di come si sta sviluppando, credo che sia davvero importante riconoscere l indipendenza dell organizzazione. Se non ci sarà opposizione in Parlamento, il decreto diventerà legge e allora i volontari potranno redigere il proprio statuto per la prima volta. Sono molto contento perché è da molto tempo che affermiamo quanto sia importante che una Società Nazionale sia indipendente e la Croce Rossa Italiana ce l ha fatta. Sono anche contento per il dottor Rocca che si è molto impegnato per questo, mi fa piacere anche personalmente per lui perché credo che abbia davvero investito molte energie e so che non è facile con opinioni e forze così diverse. (si ringrazia Lorenza Raiola) 10

13 PAKISTAN Il Presidente con il personale della Croce Rossa giapponese responsabile della clinica mobile Fred Clarke

14 NOTIZIE DALLA ZONA DEL CONFLITTO a cura di Fausto Biloslavo

15 PRIMO PIANO IL PROGRESSO DELLE TECNOLOGIE NELLE CO- MUNICAZIONI HA CAMBIATO PROFONDAMENTE IL LAVORO DEL REPORTER DI GUERRA, UN LAVORO CHE RIMANE SEMPRE RISCHIOSO, MA CHE OGGI PUÒ APPROFITTARE DI ALCUNE COMODITÀ IM- PENSABILI SOLTANTO TRENT ANNI FA BOSNIA Fausto Biloslavo La lunga colonna di Mercedes e macchine blindate arriva sulla linea verde che divide in due Beirut, dilaniata della guerra civile e dall'invasione israeliana del Prima dei nerboruti legionari francesi con il dito sul grilletto una masnada di giornalisti internazionali è pronta a tutto pur di beccare Yasser Arafat, il leader palestinese, costretto ad andarsene in nord Africa con i suoi miliziani assediati e sconfitti. Nessuno sa in che macchina si trovi il capo dell'olp. Il caos è tale che i giornalisti cominciano ad azzuffarsi con le guardie del corpo palestinesi, i legionari e addirittura fra di loro per un posto in prima fila. Qualcuno salta sul cofano dei mezzi per bloccare la colonna, ma nessuno si sogna di sparare una raffica contro la stampa. Giovane ed inesperto, al primo reportage di guerra, apro la portiera di una delle ultime mercedes della colonna e mi ritrovo davanti ad una canna di kalashnikov. Fra il serio e l'impaurito farfuglio in inglese maccheronico che sono un giornalista italiano aggiungendo "democratico", che a quel tempo andava di moda, con l'obiettivo di fotografare Arafat. Un possente palestinese con i baffoni, di Forza 17 la guardia speciale del capo popolo con la kafya, risponde con un leggero accento emiliano: "Italiano? Salta su, io ho studiato a Bologna". E così sono l'unico a fotografare Arafat che si imbarca nel porto di Beirut per l'ennesimo esilio. Dopo l'11 settembre tutto è cambiato. Molti giornalisti si sono infilati l'elmetto partecipando al nuovo scontro di civiltà e realizzare reportage di guerra è diventato sempre più difficile e pericoloso. Gli insorti in Iraq o i talebani in Afghanistan hanno cominciato a catalogarti non per il lavoro che fai, ma per il passaporto che tieni in tasca. Se è di un paese Nato sei buono per venir rapito a fini di lucro e propaganda e se ti va male sgozzato davanti ad una telecamera. Non hanno più bisogno della stampa perché l'informazione a senso unico se la fanno da soli filmando le loro imprese con i videofonini e postandole su internet. Se non hai l'aspirazione per il giornalismo kamikaze ti accontenti del reportage da embedded aggregato alle truppe occidentali. Sputi sangue e sudore assieme ai soldati che combattono guerre esotiche e scrivi servizi interessanti, ma pur sempre condizionati dalla visuale ridotta del tuo reparto in prima linea. Quando la guerra era "fredda" e veniva combattuta dai giannizzeri delle super potenze talvolta si riusciva a realizzare il reportage "per- 13

16 IRAN Pasdaran in addestramento ateheran Fausto Biloslavo

17

18 PRIMO PIANO fetto" passando le linee e andando a raccontare la storia del conflitto da tutte e due le parti in lotta. Lo stesso è accaduto dopo il crollo del muro di Berlino. In Ruanda, durante il genocidio, sventolando sul fuoristrada una grande bandiera italiana, siamo arrivati a Kigali, sotto una pioggia di granate, ancora nelle mani del governo hutu passando per i posti di blocco degli interahamwe, gli squadroni della morte che consideravano i tutsi "scarafaggi" da schiacciare. Dopo aver visto le braccia e le gambe dei civili massacrati, che spuntavano dalle fosse comuni, siamo passati con i guerriglieri tutsi, che hanno "liberato" il paese vendicandosi sulle milizie hutu. Nel 1998, dopo gli attentati alle ambasciate americane in Africa, l'allora presidente Bill Clinton lanciò una selva di missili contro i campi di al Qaida, che nessuno conosceva, in Afghanistan. I talebani mi Le rivolte in Nord Africa,in particolare quella libica,la più sanguinosa,ha estremizzato al massimo il ruolo perverso delle nuove Cnn che parlano arabo hanno concesso lo stesso un agognato visto e ho girato il paese dal Kyber pass, fino a Kabul e Kandahar solo con un interprete, di giorno e di notte, senza scorta. Oggi sarebbe un servizio suicida. Anche nello scannatoio dell'ex Jugoslavia, dove sono morti più giornalisti che in Vietnam, siamo riusciti a passare da Sarajevo stritolata alle linee degli assedianti, dalla Krajina serba alle trincee croate, dai guerriglieri albanesi in Macedonia alle postazioni governative. Con i terribili conflitti post 11 settembre in Afghanistan, Iraq, Libano, Gaza tutto è diventato più difficile e parte dell'informazione si è schierata sfacciatamente con una parte o con l'altra. A Baghdad l'ex colonnello Oliver North, Rambo delle operazioni coperte ai tempi dell'amministrazione Reagan, era inviato di Fox news tv per documentare la caduta di Saddam Hussein. Al Jazeera la nascente televisione globale araba replicava facendo da grancassa mediatica ai terroristi tagliagole. Un'involuzione dell'informazione sui conflitti, che negli anni novanta ha cominciato a vivere la rivoluzione copernicana delle nuove tecnologie. Nella savana angolana dove si fronteggiavano sudafricani e cubani, durante la guerra fredda, ci si portava dietro la gloriosa Olivetti 32. Dopo aver battuto a macchina il pezzo, i fogli partivano con staffetta verso una postazione radio che li trasmetteva fino a Londra, dove un fantastico fax mandava finalmente l'articolo in redazione. A Tripoli, sotto le prime bombe americane del 1986, non esistevano certo cellulari, tantomeno via satellite e si trasmetteva l'articolo dopo lunghe attese in coda al telex, o dettandolo ai pochi telefoni abilitati in albergo e super controllati. Ancora all'inizio della guerra in Bosnia scrivevo con una candela sulla machina da scrivere, perché non c'era corrente per le batterie e la posta elettronica era un miraggio. Quante volte si scopriva, dopo settimane o mesi, se una foto scattata in battaglia era venuta bene, mossa o sfuocata solo sviluppando il rullino al rientro a casa. In Iraq nel 2003, dopo una giornata di avanzata nel deserto con le truppe americane, ci piazzavamo sul tetto delle jeep scrivendo su un portatile dove scaricavi le foto digitali. In tempo per la chiusura accendevi il telefono satellitare e trasmettevi la storia quotidiana. La primavera araba, che rischia di trasformarsi velocemente in inverno, ha rivoluzionato ancor più i servizi dal fronte con le dirette per i siti dei giornali via Iphone o le notizie sparate in breve, ma subito, con Twitter. In Afghanistan durante l'invasione sovietica degli anni ottanta si filmava una battaglia su pellicola, che veniva mandata in onda un mese dopo quando si tornava a piedi in Pakistan. Le rivolte in Nord Africa, in particolare quella libica, la più sanguinosa, ha estremizzato al massimo il ruolo perverso delle nuove Cnn che parlano arabo. Le tv globali, accanto all'informazione, hanno sparso, più o meno volutamente, propaganda e disinformazione. Le inesistenti fosse comuni a Tripoli oppure i bombardamenti aerei dei manifestanti anti Gheddafi nella capitale hanno creato un clima di manipolazione della notizia e stravolgimento dei fatti influenzando seriamente la decisione occidentale di bombardare il regime libico. Per la prima volta dei grandi media internazionali, ferocemente contrari agli interventi armati occidentali in Iraq e Afghanistan, sono riusciti a favorire, se non provocare, l'attacco della Nato con il paravento della guerra umanitaria. La propaganda del regime libico ha fatto il resto. Le rivolte arabe, però, hanno permesso al giornalismo di guerra di coprire tutte e due le parti in lotta, pur fra mille ostacoli, spiegando il conflitto a 360 gradi, anche se con troppa faciloneria abbiamo diviso con l'accetta i buoni e cattivi. La rivolta in Tunisia, quella in Egitto e la guerra civile in Libia sono state raccontate in diretta grazie agli stessi protagonisti con video e notizie fai da te che rimbalzavano nel mondo attraverso internet ed i Social network. Solo la Siria è ancora una sommossa semi invisibile. Per questo bisogna raccontarla, da una parte e dall'altra della barricata. 16

19 PRIMO PIANO ANGOLA Guerrigliero dell'unità di Jonas Sawimbi Fausto Biloslavo 17

20 ZOOM CONFLITTI ARMATI IERI E OGGI foto di Fausto Biloslavo

21 ZOOM LIBANO Beirut - Ritiro dei palestinesi,verso il Nord Africa, assediati dagli israeliani

22

23 UGANDA Guerriglieri acholi vicino a Gulu

24

25 AFGHANISTAN Gian Micalessin nella provincia di Helmand con i marines

26 24

27 TESTIMONIANZE di Lucio Palazzo Non chiamatemi angelo Alberto Cairo è un punto di riferimento. Per i volontari della Croce Rossa, in Italia ma non solo. Alberto Cairo per molti è l angelo di Kabul anche se lui non ama sentirsi chiamare così, è un uomo per cui gruppi organizzati di internauti chiedono la candidatura al Nobel per la Pace, un fisioterapista che 21 anni fa è arrivato in Afghanistan per una missione e non è più tornato, un signore che cura gente saltata sulle mine o vittime di una guerra della quale nessuno ricorda quasi più inizio e ragioni Uomini che non potrebbero più camminare grazie a persone come lui possono riacquistare dignità. Questo ogni giorno, tutto il giorno, per tutto l anno, da più di 20 anni. Alberto Cairo (classe 1952, piemontese di Ceva, Cuneo) è, anche, un testimone. Un narratore ( Storie da Kabul del 2003 e Mosaico Afghano del 2011 entrambi per Einaudi è collaboratore di Repubblica) che non si tira indietro davanti al diritto/dovere di raccontare quello che succede davanti a lui, con la speranza, concreta, che il suo esempio possa spingere più persone possibile ad impegnarsi al fianco dei deboli, in Italia o in qualunque luogo ce ne fosse bisogno. É per questo che abbiamo voluto parlare con lui. Cairo, ci racconti la sua lunga esperienza in Afghanistan che ormai taglia il traguardo dei 21 anni. Come è iniziata? «Sono arrivato a Kabul nel 1990 dopo circa tre anni trascorsi a Juba, nel Sud Sudan, con OVCI, una organizzazione lombarda. L esperienza africana era stata così bella da spingermi a cercare un altra missione. Scrissi a destra e a manca senza successo; contattai la Croce Rossa Italiana ma non fui preso. Finalmente mi accettò la Croce Rossa Internazionale di Ginevra, il CICR, offrendomi un lavoro in Kenya, destinazione cambiata qualche giorno dopo: Afghanistan. Accettai senza sapere quasi nulla del paese. Una decisione alla cieca che non ho mai rimpianto. Venni assegnato all'ospedale per feriti di guerra che il CICR aveva appena aperto. Non ne avevo mai visto uno. Impossibile scordare il giorno in cui mi trovai per la prima volta tra centinaia di vittime di combattimenti, da mine o da bombe. Inadeguato fra medici e infermieri che si muovevano sicuri, ebbi tuttavia la certezza di es-

28 TESTIMONIANZE sere arrivato nel posto giusto - se mai un posto del genere possa chiamarsi così. Un posto d azione, di bisogni, dove sentirsi utili e imparare. I feriti arrivavano spesso a decine, assieme a familiari in lacrime o urlanti. Le donne si strappavano i capelli, gli uomini gettavano il copricapo a terra, maledicendo il nemico. Per me un battesimo del fuoco che contribuì a legarmi a quella gente impulsiva e saggia, generosa e crudele. Mi colpirono molto il rispetto e la cortesia riservatami perché straniero e ospite. Ricordo un giovane mujahiddin con entrambe le gambe rotte, immobilizzato in trazione. Quando mi avvicinai al suo letto per la fisioterapia si affrettò a spolverare la sedia su cui mi sarei seduto. Si sporse tanto da perdere l'equilibrio, restando praticamente appeso a corde e pesi. "Mister, la sedia era sporca", mi spiegò quando lo rimisero a posto. Ma il paese cambiava velocemente. Nel 1992 i mujahiddin cacciarono i comunisti e presero il potere. La guerra civile, anziché finire, si propagò a tutto il paese. Io divenni il responsabile dei centri protesi che, a causa dei bombardamenti, erano spesso chiusi. Disoccupato, coi miei colleghi lavoravo per gli sfollati che bivaccavano nelle moschee, scuole e case abbandonate. Portavamo loro cibo, acqua e coperte. Scoprii un Afghanistan fatto di gente disperata che, incredibilmente, riusciva a sorridere. Quando i centri protesi riaprirono, ci trovammo con nuovi pazienti: non più solo vittime di guerra ma anche disabili per la poliomielite, tubercolosi e deformità congenite. Aprimmo anche a loro e il lavoro aumentò a tal punto da non avere più spazio. Gli afgani dimostrarono pienamente le loro capacità di lavorare e imparare. Sembravano spugne. Ma fu nel 1998 che il più grande cambiamento ebbe luogo. I pazienti, dopo avere ricevuto le protesi, ci chiedevano adesso che faccio? Ci rendemmo conto che la rieducazione fisica è una gran cosa, ma non può essere considerata lo scopo finale; il traguardo è il reinserimento sociale. La persona disabile deve ritrovare un posto nella società, con piena dignità. A questo scopo quattro nuovi programmi vennero iniziati: scuola, corsi professionali, microcrediti e impiego. Per provare che una persona disabile può fare qualsiasi cosa se le si danno le giuste opportunità, decidemmo di offrire lavoro solo a portatori di handicap. Una vera discriminazione positiva. Ora, nei 7 centri che abbiamo nel paese, praticamente tutti i 700 lavoratori sono persone disabili. L ultimo progetto iniziato qualche mese fa è pallacanestro in carrozzina. Entusiasmante. Come può vedere, nei 21 anni passati in Afghanistan non ho mai avuto modo di annoiarmi». Come funziona il centro di riabilitazione di Kabul? «Funziona un po come un grande ospedale, con reparti per i degenti e uno per i pazienti esterni. Tutti ricevono fisioterapia, protesi, ortesi (tutori, scarpe ortopediche), stampelle e carrozzine. Ogni cosa è costruita sul posto e su misura. Le protesi hanno superato i test di qualità internazionali. Ne facciamo 15 mila l anno, di certo una delle più grandi produzioni al mondo. Uno speciale settore si occupa dei trattamenti domiciliari, riservati alle persone paralizzate (i paraplegici), e una scuola per tecnici ortopedici garantisce la formazione delle nuove leve. C è poi il dipartimento per il reinserimento sociale, con la banca per i microprestiti, la scuola a domicilio, i corsi professionali. Il numero di pazienti che ogni giorno fa visita al centro di Kabul è anche di 450 persone, pazienti vecchi e nuovi. L accesso è libero, i servizi sono gratuiti». Ci sono anche volontari locali? «Stranieri siamo solo 5, tutti con funzioni di istruttori. Sono gli afghani a portare avanti il lavoro, le vere colonne. Deve essere così, è casa loro. Che si tratti di persone disabili rende il programma unico: un programma per persone disabili gestito da persone disabili. Tra pazienti e terapisti si stabilisce un rapporto speciale». Ci racconti in questi anni una (o più) storie che l'hanno particolarmente segnata. «Le storie che mi hanno lasciato un segno sono tantissime. La storia di Ahmad Alì è quella che mi fa provare il più grande rimpianto. É avvenuta diversi anni fa. Ahmad Alì era un paziente paraplegico del nostro programma domiciliare. Il fisioterapista-infermiere che lo curava ci disse un giorno che stava male e rifiutava il ricovero malgrado fosse tutto gonfio e i reni non funzionavano quasi più. Era diventato paraplegico una decina di anni prima, a vent'anni. Trascorso tre mesi all'ospedale, era venuto da noi per fisioterapia e tutori, imparando in fretta a camminare con le stampelle. Aveva 26

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

YET S O F A R F R O M SAF E T Y

YET S O F A R F R O M SAF E T Y UNHCR / A. D Amato YET S O F A R F R O M SAF E T Y 70.000 59.000 60.000 26.300 9.700 22.500 165.000 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 Totale di arrivi via mare MEDITERRANEO RIFUGIATI E MIGRANTI RISCHIANO

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche:

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche: PREMESSA Insignita della Medaglia d Argento al Valor Militare della Resistenza, Pistoia, al pari di altre città toscane, è stata teatro di avvenimenti tragici, la maggior parte dei quali intercorsi tra

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit.

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. NID Non profit Innovation Day Università Bocconi Milano, 12 novembre 2014 18/11/2014 1 Mi presento, da dove vengo? E perché

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

La Fame: una sfida da affrontare

La Fame: una sfida da affrontare La Fame: una sfida da affrontare La fame nascosta La fame è tra le minacce più grandi dell'umanità. Colpisce oltre 850 milioni di persone in tutto il mondo. Ciononostante, quante volte i giornali pubblicano

Dettagli

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 PIANO DI IO CI SARÒ LIA LEVI LETTURA dai 9 anni Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE Lia Levi è oggi una delle più affermate

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio OSSIGENO Osservatorio Fnsi-Ordine Giornalisti su I CRONISTI SOTTO SCORTA E LE NOTIZIE OSCURATE Perché un ennesimo osservatorio Alberto Spampinato* Il caso dei cronisti italiani minacciati, costretti a

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO 916 INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO Comunicazioni del presidente del Consiglio dei Ministri in vista del Consiglio europeo straordinario del 23 aprile 2015 22 aprile 2015 a

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

di: Francesco Zanardi

di: Francesco Zanardi LE PISTOLE A RAFFICA di: Francesco Zanardi Tra i tanti argomenti di cui si parla nei poligoni di tiro non mancano mai le pistole a raffica. Queste armi un po particolari hanno sempre affascinato gli appassionati

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Sono gocce, ma scavano il marmo

Sono gocce, ma scavano il marmo Sono gocce, ma scavano il marmo di Alberto Spampinato G occiola un liquido lurido e appiccicoso. Cade a gocce. A gocce piccole, a volte a goccioloni. Può cadere una sola goccia in due giorni. Possono caderne

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto La Milano che (non) vorrei... 13 aprile 2014 Anche per oggi suona la campanella che annuncia la fine delle lezioni! Insieme ai miei compagni di

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

DALL ALTRA PARTE DEL MARE

DALL ALTRA PARTE DEL MARE PIANO DI LETTURA dai 9 anni DALL ALTRA PARTE DEL MARE ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Sagramola Serie Arancio n 149 Pagine: 128 Codice: 566-3278-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE La scrittrice

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 20/15 Lussemburgo, 26 febbraio 2015 Stampa e Informazione Sentenza nella causa C-472/13 Andre Lawrence Shepherd / Bundesrepublik Deutschland

Dettagli

In senato per un giorno Conversione in legge di un decreto-legge

In senato per un giorno Conversione in legge di un decreto-legge In senato per un giorno Conversione in legge di un decreto-legge Come nasce una legge: Dalla presentazione all approvazione definitiva Presentazione L iter di una legge inizia con la presentazione, al

Dettagli

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi L'equilibrio tra libertà e regole nella formazione dei bambini Incontro Mario Lodi nella cascina ristrutturata a Drizzona, nella campagna tra Cremona

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE Introduzione Il quindici e il sedici ottobre siamo andati in viaggio d'istruzione a Rovereto con la 3 C. Rovereto è una città a sud di Trento ricco di molte attrazioni

Dettagli

Giovedì 13/11/2014. Un ora con Dio. Dov'è tuo fratello?

Giovedì 13/11/2014. Un ora con Dio. Dov'è tuo fratello? Giovedì 13/11/2014 Un ora con Dio Dov'è tuo fratello? Canto d inizio: Invochiamo la tua presenza Invochiamo la tua presenza, vieni Signor Invochiamo la tua presenza, scendi su di noi. Vieni luce dei cuori,

Dettagli