Verbale della Assemblea delle Società Schermistiche della Lombardia, tenutasi domenica 16 gennaio 2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Verbale della Assemblea delle Società Schermistiche della Lombardia, tenutasi domenica 16 gennaio 2011"

Transcript

1 Verbale della Assemblea delle Società Schermistiche della Lombardia, tenutasi domenica 16 gennaio 2011 Alle ore di domenica 16 gennaio 2011, nella Sala Convegni presso l'hotel Welcome, in Legnano Via Grigna n. 14. il Presidente del Comitato Regionale Lombardo della FIS, Gianfranco Magnini, ha aperto i lavori dell'assemblea delle Società Schermistiche Lombarde. L'Assemblea era stata indetta con lettera del 16 dicembre 2010 ed inserita sul sito del CR Lombardo. Il Presidente Magnini dichiara aperta l'assemblea e viene chiamato a fungere da Segretario il Vice Presidente Gianandrea Nicolai. Sono presenti,in proprio o per delega i Presidenti e/o Dirigenti di 20 Società Schermistiche della Lombardia: 1. Bergamasca Scherma di Bergamo BG 2. Compagnia della Scherma Lombarda di Treviglio BG 3. Polisportiva Scherma Bergamo BG 4. Circolo della Spada Marcello Marcellini di Sarnico BG 5. Schermabrescia srl BS 6. Società Ginnastica Comense 1872 CO 7. Accademia d'armi Fratelli Di Dio di Cremona CR 8. Scherma Desio s.r.l. MB, 9. ASD Associazione Schermistica Bresso MI 10. Società del Giardino di Milano MI 11. Piccolo Teatro di Milano MI 12. Circolo della Spada maestro Giuseppe Mangiarotti di Milano, MI 13. Circolo della Spada maestro Marcello Lodetti di Milano MI (+ delega Compagnia della Scherma - Treviglio) 14. Forza e Coraggio MI 15. Club Scherma Legnano MI 16. Gruppo Sportivo Valle Lomellina Scherma PV (+ delega Scherma Club Vigevano PV) 17. Pro Patria et Libertate di Busto Arsizio VA 18. Società Varesina di Ginnastica e Scherma VA. Sono inoltre presenti il Consigliere FIS Giuseppe Cafiero, e i Consiglieri del CR Lombardo FIS Antonio Pagano e Gabriele Aru,Presidente del Comitato Provinciale di Milano Il Presidente Magnini ringrazia i Presidenti e i Dirigenti presenti, ricorda come la consueta Assemblea Regionale di metà mandato non preveda un momento di votazioni, ma sia in ogni caso un momento utile e significativo per trasmettere informazioni, ascoltare ogni suggerimento per lo sviluppo della scherma nella Regione Lombardia e per le attività che svolgono le Società Schermistiche lombarde,nonché di interfaccia circa i rapporti con la Federazione Italiana Scherma. Il Presidente Magnini informa che l'assemblea si dividerà in due parti: la prima con la relazione dello stesso Presidente del Comitato Regionale Lombardo sull'attività svolta, sui programmi futuri e le eventuali domande e suggerimenti da parte dell'assemblea, mentre la seconda parte lascerà spazio al Consigliere FIS Giuseppe Cafiero per un approfondimento circa le modifiche statutarie che verranno discusse e poste in approvazione in occasione dell'assemblea Straordinaria Nazionale in programma sabato 22 gennaio 2011 a Ravenna. Il Presidente Magnini inizia la sua relazione e ricorda il gran numero di gare di scherma che la Regione Lombardia ogni anno organizza e ospita, in un calendario agonistico sempre più fitto di impegni. A titolo di

2 esempio viene ricordato come nel fine settimana in corso, le schermitrici e gli schermidori lombardi, con i loro tecnici, sono impegnati in quattro diverse località e gare: a Legnano per il Trofeo Carroccio, gara di Coppa del Mondo di Spada Maschile, a Busto Arsizio per la prova italiana del Circuito Europeo Under 23 di Spada Femminile e Maschile, a Pisa per la prova italiana del Circuito Europeo Under 17 di Fioretto e Spada Maschile e Femminile, a Novara per la prova interregionale per Under 14 di Fioretto e Sciabola Maschile e Femminile. Con regolarità vengono assegnate e organizzate tutte le gare "istituzionali" del Comitato Regionale Lombardo, ma altrettanto numerose e qualificate sono le gare "private" organizzate con lodevole impegno da molte Società Schermistiche della Lombardia; inoltre ogni anno almeno una o due gare nazionali o zonali vengono assegnate dalla FIS a COL e a Società Schermistiche della Lombardia. Il Comitato Lombardo organizzerà a fine Maggio, per il terzo anno consecutivo su mandato del Consiglio Federale FIS, il Trofeo delle Regioni per le categorie del Gran Premio Giovanissimi Under 14; la località prescelta per l'edizione 2011 è in provincia di Bergamo, Villa d'ogna, e si conta di poter incrementare il numero delle squadre partecipanti. La omologa competizione per i Veterani, il Trofeo delle Regioni Master si è disputata per la prima volta a dicembre 2010 a Napoli e l'auspicio è ora di poter portare in Lombardia la seconda edizione, nel corrente anno Le maggiori novità del biennio sono state l'iscrizione telematica per tutte le competizioni regionali, la compilazione preventiva dei gironi delle gare del giorno seguente, l'attivazione del pagamento per via elettronica. Per le prime innovazioni il Comitato Lombardo è stato tra i primi in Italia ad attivarsi e a rendere operativi e funzionali i nuovi servizi. Altra novità è stata l'avvio del settore della Scherma Storica e una società, Ginnastica Pavese Sezione Scherma Storica, è ora affiliata al Comitato Regionale Lombardo e partecipa alle gare nazionali I corsi per Istruttori Regionali di Scherma sono stati previsti e organizzati dal Comitato Regionale Lombardo secondo la recente normativa FIS dell'agosto 2010, Progetto SNaQ. La Lombardia,grazie all'entusiasmo dei Sigg.Magnoni di Lonato vanta da anni una gara di Coppa del Mondo di Scherma in carrozzina,ha tiratori in carrozzina operanti in alcune sale regionali,da alcuni anni realizza gare regionali ed inter-regionali di cui le ultime con svolgimento parallelo alle normali Gare di Scherma,è recentissima la novità che concerne l'inserimento della scherma in carrozzina anche nella Federazione Nazionale. Il Presidente Magnini ringrazia il Club Scherma Legnano che ha messo a disposizione dei Presidenti delle Società Schermistiche Lombarde biglietti omaggio per assistere al Trofeo Carlo Carnevali, competizione a squadre per la Coppa del Mondo, in corso di svolgimento nella giornata odierna. Il Presidente Magnini ricorda inoltre che sono stati oggi distribuite ai partecipanti all'assemblea, buste che contengono i formulari relativi al questionario "Insegnare scherma"; un'iniziativa, promossa dal Club Scherma Presso,e riguardante un progetto regionale volto a realizzare un manuale di psicologia ad uso dell'insegnamento della Scherma. L'invito è rivolto ai Presidenti di Società affinché distribuiscano a loro volta ai Maestri e Istruttori delle proprie Società i formulari da restituire compilati da parte dei Tecnici. Ancora il Presidente Magnini informa che è stato distribuito, sempre quest'oggi, il volumetto con gli atti e le relazioni del Convengo "Scherma e dinamiche psicologiche per educatori e maestri d'arme", tenutosi in occasione del Trofeo Carroccio dello scorso anno, il 29 gennaio 2010 in Legnano. Da ultimo il Presidente Magnini ricorda, che come segnalato sul sito del Comitato Regionale Lombardo FIS, è in corso di completamento il trasloco di tutte le Federazioni e Comitati Regionali nella nuova sede del CONI

3 Lombardia, al numero 46, sempre in Via Piranesi in Milano. Il Presidente Magnini conclude invitando i presenti a porre domande su questa parte, prima di passare a ciò che riguarda l'assemblea Nazionale. Giovanni Lodetti (Circolo della Spada maestro Marcello Lodetti) interviene per informare come la Regione Lombardia abbia formato ben 17 tecnici CIP - Comitato Italiano Paralimpico, perché possano operare nel territorio. Ringrazia la Società del Giardino per aver messo a disposizione i propri locali; si rallegra che la FIS andrà ad inserire pienamente entro il corrente anno solare la scherma in carrozzina al proprio interno. Da ultimo ringrazia vivamente il Comitato Regionale Lombardo, nelle persone del Presidente e del Consiglio tutto per l'attenzione riservata ai temi della psicologia applicata alla scherma. Su invito del Presidente Magnini il Consigliere FIS Giuseppe Cafiero, anche nelle vesti di Consigliere referente nella Commissione Statuto e Regolamenti, inizia a presentare quanto l'assemblea Ordinaria e Straordinaria, in programma sabato 22 gennaio a Ravenna, andranno ad esaminare. Il Consigliere Cafiero centra il proprio intervento sull'assemblea Straordinaria; le ragioni delle modifiche statutarie presentate dal Consiglio Federale FIS stesso hanno due motivazioni. La prima è di tipo "tecnico", vale a dire l'esigenza di mettere a punto alcune imperfezioni che erano rimaste nel testo approvato dall'assemblea dell'anno 2004,innovare o razionalizzare alcuni articoli, riordinare la terminologia, apportare alcune variazioni obbligatorie alla luce delle disposizioni del CONI. Il secondo motivo risiede invece nella necessità di inserire nello Statuto quanto deve essere adeguato per alcune novità, quali l'inserimento della Scherma Storica nella FIS, i rapporti tra AIMS e FIS, l'introduzione del Giudice Sportivo. Il Consigliere FIS Cafiero ricorda il recente iter seguito, che ha visto il Consiglio Federale nel Giugno 2010 approvare una stesura preliminare del nuovo Statuto, da sottoporre preventivamente al CONI, Ufficio Vigilanza per un parere preventivo; quindi nell'ottobre 2010 il Consiglio Federale FIS ha approvato la versione da trasmettere alle Società Schermistiche. Tutti questi documenti erano stati discussi e preparati con il valido apporto della Commissione Statuto e Regolamenti, in primis nella persona del suo Presidente, avvocato Sergio Fabrizi. Nei giorni scorsi, il 12 gennaio 2011, la Segreteria Generale FIS ha diffuso il verbale dei lavori della Commissione Statuto e Regolamenti che ha accettato quattro ulteriori proposte di emendamento allo Statuto da parte di Società Schermistiche, quattro proposte che pertanto si aggiungeranno alle proposte presentate dal Consiglio Federale FIS. Il Consigliere Cafiero si dilunga in particolare nel descrivere le motivazioni e la ratio di due modifiche statutarie che sono state oggetto di discussioni da parte di alcuni Dirigenti di Società Schermistiche, e diffuse anche a mezzo internet. Si tratta della modifica della modalità con cui gli atleti andrebbero ad eleggere i propri "grandi elettori" per la votazione del Presidente Nazionale, che, a differenza delle due volte precedenti, prevederebbe un'elezione per liste regionali, con numero di candidati eleggibili per ciascuna Regione, sulla base del numero dei tesserati, ma in ogni caso assicurando un rappresentante per ciascuna regione con almeno cinquanta tesserati. Gli schermidori infatti si conoscono tra di loro per arma o per regione, mentre solo una ristrettissima percentuale accede agli allenamenti collegiali nazionali o alle convocazioni con tiratori di altre armi e di altre regioni. Vi è poi l'aspetto del gran numero di preferenza che in precedenza venivano apposte su ciascuna scheda, che poteva costituire una base per l'affermazione di un blocco unico a livello nazionale, senza alcuna rappresentatività di eventuali minoranze. Diversamente per i "grandi elettori" dei tecnici il Consiglio Federale ha ritenuto di mantenere la procedura sinora seguita, poiché si tratta di un numero ridotto, in considerazione inoltre del fatto che i Tecnici si conoscano meglio tra di loro e ancora diversi maestri sono attivi in due regioni nello stesso momento. Ancora più tempo e considerazioni richiede la presentazione del nuovo articolo 64, già articolo 62, per l'enunciazione delle regole relative alle votazioni del Presidente che, dopo due mandati consecutivi, si presenti candidato alla Presidenza per la terza volta. La formulazione preparata dalla Commissione Statuto e

4 Regolamenti, approvata dal Consiglio Federale, ha recepito le indicazioni ricevute dal CONI e intende dare le nuove chiare regole per l'eventuale presentazione per il terzo mandato consecutivo del Presidente Giorgio Scarso. Il tema del terzo mandato è comune a molte altre Federazioni Sportive e pertanto il CONI ha potuto dare delle indicazioni, in continuità con la Legge Melandri e tutte le successive modifiche e integrazioni. Nel concludere la relazione, il Consigliere Cafiero rivolge un invito a tutti i presenti e a tutte le Società Schermistiche lombarde affinché siano presenti sabato 22 gennaio all'assemblea Nazionale a Ravenna, anche per confermare quanto la scherma lombarda ha dato e continua a dare in quantità e qualità al mondo schermistico italiano. Il Presidente Magnini, dopo aver ringraziato il Consigliere Cafiero per la presentazione, invita i presenti a prendere la parola per chiarimenti e domande. Marco Leali (Bergamasca Scherma) chiede una previsione in merito all'andamento dell'assemblea di Ravenna, vale a dire se potrà essere una Assemblea costruttiva o se vi saranno contrasti e tensioni. Personalmente condivide le proposte presentate dal Consiglio Federale. Conclude con due osservazioni e richieste: si rafforza l'esigenza che la FIS distribuisca e faccia conoscere uno "statuto tipo" per le Società Schermistiche affiliate, dal momento che sembra vi siano tuttora statuti differenti e a maggiore ragione dopo l'assemblea di Ravenna il Consiglio Federale potrebbe comunicare appunto lo "statuto tipo" suggerito alle Società Schermistiche. La seconda osservazione riguarda la chiusura natalizia degli Uffici Federali, pur in presenza di imminenti competizioni nazionali e internazionali e, talvolta, i lunghi tempi di accesso al server della FIS per l'invio delle iscrizioni e quanto previsto. Federico Fico (Marcellini Sarnico BG) esprime parere contrario alla proposta di elezioni regionali per i rappresentanti degli atleti, poiché in tal modo verrebbero danneggiate le Società più piccole, rispetto alle Società Schermistiche che hanno in Regione un numero elevato di tesserati e quindi di votanti che andrebbero di fatto a bloccare l'elezione dei candidati di Società di dimensioni ridotte. Cafiero e Magnini rispondono per rispettiva competenza; Cafiero ricorda come uno "statuto tipo" per le Società Schermistiche sia stato già approvato e inserito sul sito federale; i punti importanti dello statuto societario non sono poi molti: la democraticità, la rappresentatività degli atleti e dei tecnici nel Consiglio; vero è che è per CUS, Gruppi Sportivi Militari e alcune Polisportive vi possono essere delle specificità da mettere a punto; come ancora differente resta la modalità con cui i minorenni possono esprimere il proprio voto o meno tramite i genitori. Cafiero ricorda con sia un obbligo imposto dal CONI di far godere le ferie ai dipendenti ed è imposta la chiusura natalizia, così come la chiusura estiva; per ciò che riguarda i tempi di accesso ad internet e ai servizi associati, la FIS dipende dal server del CONI e da alcuni mesi l'utilizzo di tutte le modalità telematiche per iscrizioni e pagamenti hanno accresciuto notevolmente il carico di lavoro FIS sul server CONI; sono ora in fase di potenziamento tutti i servizi collegati. A parere di Magnini e alla luce dell'esperienza delle precedenti votazioni concernenti gli atleti, in Regione Lombardia non si è verificato quanto paventato da Adriano Fico, al contrario sono state alcune delle maggiori Società Schermistiche milanesi che non hanno avuto e non hanno alcun "grande elettore". Rosario Cassarà (Schermabrescia) interviene per osservare come le comunicazioni relative all'assemblea Nazionale siano state diffuse in modo insufficiente; ricorda come la natura pubblica del CONI vincoli e condizioni le Federazioni Sportive, è vero che le Federazioni sportive hanno anche risorse proprie private, quali le quote associative e gli sponsor, ma la parte prevalente resta denaro pubblico e quindi sussistono tutti i vincoli connessi alla natura pubblica della Federazione. In merito agli Organi di Giustizia preposti nella nuova redazione dello statuto resta ancora da chiarire nel caso in cui non venga accettata la decisione del Procuratore, a chi si possa presentare appello e ricorso superiore. Entrando nel più discusso nuovo articolo 64, la redazione proposta dal Consiglio Federale appare contradditoria, poiché al comma 5 prevede per il candidato Presidente al terzo mandato consecutivo l'elezione nel caso del raggiungimento del 55% dei voti, esclude invece che possa andare

5 al ballottaggio. Mentre al comma 6 viene previsto il ballottaggio, con il migliore degli altri due candidati in lizza al primo turno. Cassarà conclude come il 55% sia da considerare comunque un percentuale minima indicata dal CONI, e che le singole Federazioni Sportive possano elevare questa soglia, come ad esempio ha fatto la Federcalcio, portando al 65% dei voti la soglia per l'elezione al terzo mandato presidenziale consecutivo Cafiero,invitato a leggere la formulazione degli articoli ne dà lettura e, rispondendo, riprende la ratio seguita dal Consiglio Federale per la redazione finale del nuovo articolo 64, appunto la possibilità di andare al ballottaggio unicamente se vi siamo almeno tre candidati alla Presidenza, e il Presidente uscente, sempre dopo due mandati consecutivi, abbia ottenuti un numero di voti tra il 50% e il 55%. Le indicazioni del CONI sono state seguite, anche alla luce della recentissima precisazione inviata con lettera circolare a tutte le Federazioni sportive in data 13 gennaio e pubblicata anche sul sito federale FIS. Michele Calleri (Piccolo Teatro) saluta i presenti e si definisce come un partecipante esordiente ai lavori assembleari; comunica che è ora in dirittura di arriva la disponibilità di una nuova sede per la propria Società Schermistica. La Sala di Scherma del Piccolo Teatro si sposterà in un edificio scolastico di proprietà del Comune di Milano, ma in gestione alla Provincia di Milano: si tratta dell'istituto Tecnico Nicola Moreschi, in Via San Michele del Carso n. 25. Il progetto prevede che si renderanno disponibili ampi locali per allenamento, spogliatoi e segreteria, dove potrà essere attivato il Centro Federale di Spada. Nando Cappelli (Polisportiva Scherma Bergamo) conferma la candidatura delle società della Provincia di Bergamo ad organizzare e ospitare il Trofeo delle Regioni Master e ringrazia delle disponibilità già verbalmente ricevuta dal Presidente Leali (Bergamasca Scherma) e dal Presidente Fico (Marcellini Sarnico) Alle ore non chiedendo più alcuno di intervenire, il Presidente Magnini ringrazia tutti coloro che hanno partecipato e dichiara chiusa l'assemblea del Comitato Regionale Lombardo. Il Presidente del CRL Il Segretario dell'assemblea Gianfranco Magnini Gianandrea Nicolai

Verbale dell Assemblea Straordinaria Elettiva delle Società Schermistiche della Lombardia di domenica 21 dicembre 2014.

Verbale dell Assemblea Straordinaria Elettiva delle Società Schermistiche della Lombardia di domenica 21 dicembre 2014. FIS Federazione Italiana Scherma Comitato Regionale Lombardo Verbale dell Assemblea Straordinaria Elettiva delle Società Schermistiche della Lombardia di domenica 21 dicembre 2014. Alle ore 10.30 di domenica

Dettagli

Disposizioni per l affiliazione ed il tesseramento

Disposizioni per l affiliazione ed il tesseramento Circolare n.1 Tesseramento STAGIONE AGONISTICA 2015/2016 Disposizioni per l affiliazione ed il tesseramento Si forniscono con la presente circolare le informazioni inerenti gli adempimenti per ottenere

Dettagli

Roma, 4 aprile 2006. Prot.n.1377/mdl

Roma, 4 aprile 2006. Prot.n.1377/mdl Roma, 4 aprile 2006 Prot.n.1377/mdl e, p.c. Ai Soggetti Affiliati Ai Delegati Atleti e Tecnici Assemblee Nazionali Ai Comitati e Delegazioni Regionali FIC Alla Commissione Tecnica Nazionale Ai Coordinatori

Dettagli

REGOLAMENTO SOCIALE REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLO STATUTO C.U.S. TRENTO

REGOLAMENTO SOCIALE REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLO STATUTO C.U.S. TRENTO REGOLAMENTO SOCIALE REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLO STATUTO C.U.S. TRENTO 1 TITOLO I DEFINIZIONE Art. 1- Definizione 1. Il Regolamento Sociale contiene le norme di attuazione dello Statuto del C.U.S. Trento

Dettagli

ASSEMBLEA STRAORDINARIA ANNUALE COLLEGIO dei MAESTRI DI SCI

ASSEMBLEA STRAORDINARIA ANNUALE COLLEGIO dei MAESTRI DI SCI ASSEMBLEA STRAORDINARIA ANNUALE COLLEGIO dei MAESTRI DI SCI DELLA REGIONE LOMBARDIA Lecco- 27 maggio 2006 Oggi 27 maggio 2006 in Lecco, presso la sala del Palazzo del Commercio che si ringrazia per la

Dettagli

Progetto SNaQ Scuola Magistrale

Progetto SNaQ Scuola Magistrale 1 PROGETTO SCUOLA MAGISTRALE ARGOMENTI TRATTATI Sistema Nazionale di Qualifica dei Tecnici; Qualifiche e Competenze; Crediti formativi; I Quattro Livelli di Qualifica dei Tecnici Sportivi; Formazione permanente.

Dettagli

REGOLAMENTO Atto Costitutivo e Statuto Verbale dell Assemblea dei Soci Modulo "Informativa ex art. 13 D.lgs. 196/2003" Ricevuta di versamento

REGOLAMENTO Atto Costitutivo e Statuto Verbale dell Assemblea dei Soci Modulo Informativa ex art. 13 D.lgs. 196/2003 Ricevuta di versamento REGOLAMENTO 1. Possono partecipare ai campionati ed alle manifestazioni indette dal Settore Scherma della Confsport Italia A.S.D., tutte le scuole, associazioni e società sportive regolarmente affiliate

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE DI MARTELLAGO (C.C.D.R.)

STATUTO DEL CONSIGLIO DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE DI MARTELLAGO (C.C.D.R.) STATUTO DEL CONSIGLIO DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE DI MARTELLAGO (C.C.D.R.) Art. 1 Costituzione del Consiglio Materie di cui si occupa Scopi È costituito il Consiglio dei ragazzi e delle ragazze di Martellago.

Dettagli

Associazione Sportiva Dilettantistica Don Bosco Rivoli REGOLAMENTO

Associazione Sportiva Dilettantistica Don Bosco Rivoli REGOLAMENTO Associazione Sportiva Dilettantistica Don Bosco Rivoli REGOLAMENTO Premessa Il presente regolamento intende dare completezza alle norme di funzionamento dell associazione sportiva, specificandone i compiti

Dettagli

COMUNICATO GARE N 21/15

COMUNICATO GARE N 21/15 Roma, 9 marzo 2015 COMUNICATO GARE N 21/15 A TUTTI GLI INTERESSATI - LORO INDIRIZZI - OGGETTO: Campionati Italiani Assoluti individuali e serie A1 a squadre Torino - 12/15 giugno 2015 Orario gara Venerdì

Dettagli

REGOLAMENTO INFORMATICA SOLIDALE ONLUS. Premessa

REGOLAMENTO INFORMATICA SOLIDALE ONLUS. Premessa REGOLAMENTO INFORMATICA SOLIDALE ONLUS Premessa Il Regolamento è un documento interno all'associazione, approvato dal Consiglio Direttivo e da questo modificabile, in ogni momento, con le maggioranze previste

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA SCHERMA FEDERSCHERMA PUGLIA IL PRESIDENTE. Consiglieri del Comitato Regionale delle FIS. Delegati Provinciali della FIS

FEDERAZIONE ITALIANA SCHERMA FEDERSCHERMA PUGLIA IL PRESIDENTE. Consiglieri del Comitato Regionale delle FIS. Delegati Provinciali della FIS ai sigg. ai sigg. ai sigg. al Presidenti Società Schermistiche Puglia Consiglieri del Comitato Regionale delle FIS Delegati Provinciali della FIS Delegato Regionale GSA al Responsabili delle relazioni

Dettagli

CIRCOLO RICREATIVO AZIENDALE LAVORATORI VIGILI DEL FUOCO COMO STATUTO

CIRCOLO RICREATIVO AZIENDALE LAVORATORI VIGILI DEL FUOCO COMO STATUTO CIRCOLO RICREATIVO AZIENDALE LAVORATORI VIGILI DEL FUOCO COMO STATUTO Art.1 - Istituzione C.R.A.L. Si è liberamente costituito per volontà dei lavoratori del Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Como

Dettagli

Estensore Chiara Alfano ************************************************************************

Estensore Chiara Alfano ************************************************************************ Verbale n 02 2014 Torino, 15/03/2014 Ordine del giorno 1. Abbassamento età componenti per gare a squadre 2. Convocazioni Campionati Europei a squadre, Porec (CRO) 15-18 maggio 2014 3. Pagamento iscrizioni

Dettagli

COMUNICATO GARE N 21/13

COMUNICATO GARE N 21/13 Roma, 23 maggio 2013 A TUTTE LE SOCIETA SCHERMISTICHE - LORO INDIRIZZI - COMUNICATO GARE N 21/13 OGGETTO: Campionati Italiani Assoluti individuali e serie A1 a squadre Trieste 30 maggio/2 giugno 2013 Orario

Dettagli

ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA ARC.A. - ARCIERI ALPIGNANO

ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA ARC.A. - ARCIERI ALPIGNANO 1. COSTITUZIONE E' costituita in Alpignano (TO) con sede in via Collegno 31, Parco della Pace, una Associazione Sportiva Dilettantistica per l'esercizio dello sport del Tiro con l'arco, con qualità di

Dettagli

REGOLAMENTO DI COMPAGNIA

REGOLAMENTO DI COMPAGNIA REGOLAMENTO DI COMPAGNIA Art.1-ANNO SOCIALE: L anno sociale va dall 1/1 al 31/12. L anno sportivo va dal 1/10 al 30/9 dell anno successivo Art.2-ASPIRANTI SOCI 2.1 - Gli aspiranti Socio devono presentare

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE DI MARTELLAGO C.C.d.R.

STATUTO DEL CONSIGLIO DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE DI MARTELLAGO C.C.d.R. STATUTO DEL CONSIGLIO DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE DI MARTELLAGO C.C.d.R. Art. 1 Costituzione del Consiglio Materie di cui si occupa Scopi È costituito il Consiglio dei Ragazzi e delle Ragazze di Martellago.

Dettagli

Associazione Nazionale di Impiantistica Industriale

Associazione Nazionale di Impiantistica Industriale Associazione Nazionale di Impiantistica Industriale SEZIONE LOGISTICA, TRASPORTI E SPEDIZIONI REGOLAMENTO Questa stesura rimane valida fino ad una eventuale diversa edizione compatibile con il regolamento

Dettagli

Tabella Tasse Federali Stagione Agonistica 2014/2015

Tabella Tasse Federali Stagione Agonistica 2014/2015 A ) Tabella Tasse Federali Stagione Agonistica 2014/2015 TASSA DI AFFILIAZIONE, ASSOCIAZIONE E VARIAZIONE DI ELEMENTI DELLA PERSONALITÀ DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE 1) Affiliazione a) Domanda presentata

Dettagli

Commissione Regionale Minibasket Toscana

Commissione Regionale Minibasket Toscana Verbale d assemblea L'anno 2011 il giorno 13 del mese di Ottobre alle ore 20:30, presso la sede del Comitato Regionale Coni di Firenze in Viale Milton, 99 Firenze - si è tenuta l'assemblea generale ordinaria

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER GLI ORGANI COLLEGIALI

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER GLI ORGANI COLLEGIALI REGOLAMENTO D ISTITUTO PER GLI ORGANI COLLEGIALI (Revisione 2 del 30 giugno 2008) 1. PREMESSA In sintonia con la Legge 10 marzo 2000, n. 62 (articolo 1, comma 4, lettera c) e con il Centro Salesiano don

Dettagli

di Basilicata 1. (CONVOCAZIONE DEL PROCEDIMENTO ELETTORALE) 2. (ELETTORATO ATTIVO E PASSIVO)

di Basilicata 1. (CONVOCAZIONE DEL PROCEDIMENTO ELETTORALE) 2. (ELETTORATO ATTIVO E PASSIVO) REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DEL SEGRETARIO E DELL ASSEMBLEA DELL UNIONE PROVINCIALE DI POTENZA E DI MATERA, DEI SEGRETARI E DEI COMITATI DIRETTIVI DI CIRCOLO 1 La Direzione Regionale del Partito Democratico

Dettagli

Tabella Tasse Federali Stagione Agonistica 2014/2015

Tabella Tasse Federali Stagione Agonistica 2014/2015 Allegato n. 2 Tabella Tasse Federali Stagione Agonistica 2014/2015 A ) TASSA DI AFFILIAZIONE, ASSOCIAZIONE E VARIAZIONE DI ELEMENTI DELLA PERSONALITÀ DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE 1) Affiliazione a) Domanda

Dettagli

COMUNICATO GARE N 27/15

COMUNICATO GARE N 27/15 Roma, 21 aprile 2015 COMUNICATO GARE N 27/15 A TUTTE LE SOCIETA SCHERMISTICHE - LORO INDIRIZZI - OGGETTO: Coppa Italia Nazionale e serie A2 a squadre 8/10 maggio 2015 Orario gara Venerdì 8 maggio Sabato

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO DELLE RAGAZZE E DEI RAGAZZI DI SPINEA C.C.d.R. Art. 1

STATUTO DEL CONSIGLIO DELLE RAGAZZE E DEI RAGAZZI DI SPINEA C.C.d.R. Art. 1 STATUTO DEL CONSIGLIO DELLE RAGAZZE E DEI RAGAZZI DI SPINEA C.C.d.R. Art. 1 Costituzione del Consiglio Materie di cui si occupa Scopi È costituito il Consiglio delle ragazze e dei ragazzi di Spinea. Le

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE META BRASIL

REGOLAMENTO INTERNO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE META BRASIL REGOLAMENTO INTERNO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE META BRASIL Il seguente regolamento contiene le norme attuative per la vita sociale dell ASSOCIAZIONE CULTURALE META BRASIL. Esso discende dallo statuto,

Dettagli

ASSEMBLEA DELLE SOCIETÀ DEL C.R. CAMPANIA

ASSEMBLEA DELLE SOCIETÀ DEL C.R. CAMPANIA Federazione Italiana Giuoco Calcio Lega Nazionale Dilettanti DELEGAZIONE PROVINCIALE AVELLINO Via Carlo del Balzo, 81 83100 AVELLINO Tel. (0825) 31087 Fax (0825) 780011 Sito Internet: www.figcavellino.it

Dettagli

ASSOCAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA A.S. GINNASTICA VALENTIA

ASSOCAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA A.S. GINNASTICA VALENTIA STATUTO SOCIALE ASSOCAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA A.S. GINNASTICA VALENTIA Valenza 16.12.2005 Statuto sociale dell Associazione sportiva dilettantistica A.S. GINNASTICA VALENTIA Art. 1 COSTITUZIONE

Dettagli

Tabella Tasse Federali Stagione Agonistica 2015/2016

Tabella Tasse Federali Stagione Agonistica 2015/2016 A ) Tabella Tasse Federali Stagione Agonistica 2015/2016 TASSA DI AFFILIAZIONE, ASSOCIAZIONE E VARIAZIONE DI ELEMENTI DELLA PERSONALITÀ DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE 1) Affiliazione a) Domanda presentata

Dettagli

Associazione Sportiva Dilettantistica STATUTO. Scopi sociali. Art.1. E costituita un associazione non riconosciuta denominata Gruppo MTB Pedalando

Associazione Sportiva Dilettantistica STATUTO. Scopi sociali. Art.1. E costituita un associazione non riconosciuta denominata Gruppo MTB Pedalando Associazione Sportiva Dilettantistica STATUTO Scopi sociali Art.1 E costituita un associazione non riconosciuta denominata Gruppo MTB Pedalando Associazione sportiva dilettantistica, con sede in Mentana

Dettagli

COMUNICATO GARE N 4/13

COMUNICATO GARE N 4/13 Roma, 11 ottobre 2012 A TUTTI GLI INTERESSATI - LORO INDIRIZZI - COMUNICATO GARE N 4/13 OGGETTO: 1 prova Nazionale Giovani alle 6 specialità Rimini 27/28 ottobre 2012 Orario gara Sabato 27 ottobre Domenica

Dettagli

CamMiNo Camera Nazionale Avvocati per la Famiglia e i Minorenni STATUTO TITOLO I (FINALITA')

CamMiNo Camera Nazionale Avvocati per la Famiglia e i Minorenni STATUTO TITOLO I (FINALITA') CamMiNo Camera Nazionale Avvocati per la Famiglia e i Minorenni STATUTO TITOLO I (FINALITA') Art. 1 Art. 1 Denominazione e finalità dell'associazione CamMiNo Camera Nazionale Avvocati per la Famiglia e

Dettagli

Congresso - Il Regolamento per la partecipazione al voto degli italiani all estero

Congresso - Il Regolamento per la partecipazione al voto degli italiani all estero Congresso - Il Regolamento per la partecipazione al voto degli italiani all estero Delibera n. La Commissione nazionale, riunita il giorno 08 ottobre 2013, - visto l art.10 dello Statuto nazionale; - in

Dettagli

Protocollo d intesa tra Comitato Italiano Paralimpico C.I.P. e Federazione Italiana Scherma F.I.S.

Protocollo d intesa tra Comitato Italiano Paralimpico C.I.P. e Federazione Italiana Scherma F.I.S. Protocollo d intesa tra Comitato Italiano Paralimpico C.I.P. e Federazione Italiana Scherma F.I.S. Protocollo d intesa tra il COMITATO ITALIANO PARALIMPICO e la FEDERAZIONE ITALIANA SCHERMA Il Comitato

Dettagli

Regolamento Consulta Provinciale degli Studenti di Palermo TITOLO I NORME GENERALI CAPO I PRINCIPI GENERALI

Regolamento Consulta Provinciale degli Studenti di Palermo TITOLO I NORME GENERALI CAPO I PRINCIPI GENERALI Regolamento Consulta Provinciale degli Studenti di Palermo TITOLO I NORME GENERALI CAPO I PRINCIPI GENERALI Art.1 - Istituzione della Consulta La Consulta Provinciale delle studentesse e degli studenti

Dettagli

COMUNICATO GARE N 24/14

COMUNICATO GARE N 24/14 Roma, 9 aprile 2014 A TUTTE LE SOCIETA SCHERMISTICHE - LORO INDIRIZZI - COMUNICATO GARE N 24/14 OGGETTO: Campionati Italiani Assoluti individuali e serie A1 a squadre Acireale 29 maggio/1 giugno 2014 Orario

Dettagli

Progetto C.S.A.In. Commissione Nazionale dello Sport 2007-2011

Progetto C.S.A.In. Commissione Nazionale dello Sport 2007-2011 Progetto C.S.A.In. Commissione Nazionale dello Sport 2007-2011 C.S.A.In Lo C.S.A.In., Centri Sportivi Aziendali Industriali, è un Ente di Promozione Sportiva riconosciuto dal CONI. Organismo che non ha

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLO SPORT E DEL TEMPO LIBERO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA SPORTIVA. Art.1 Costituzione

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLO SPORT E DEL TEMPO LIBERO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA SPORTIVA. Art.1 Costituzione REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLO SPORT E DEL TEMPO LIBERO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA SPORTIVA Art.1 Costituzione Il Comune di Ozieri riconosce lo sport come servizio sociale e di volontariato e intende

Dettagli

ATTIVITÀ UFFICIALE DELLA LEGA NAZIONALE DILETTANTI di COMPETENZA del COMITATO REGIONALE LOMBARDIA

ATTIVITÀ UFFICIALE DELLA LEGA NAZIONALE DILETTANTI di COMPETENZA del COMITATO REGIONALE LOMBARDIA ATTIVITÀ UFFICIALE DELLA LEGA NAZIONALE DILETTANTI di COMPETENZA del COMITATO REGIONALE LOMBARDIA La Lega Nazionale Dilettanti - in attuazione delle disposizioni di cui all'art. 49, punto 1, lett. c),

Dettagli

Art.1 - Costituzione. Art.6 Cessazione dell affiliazione

Art.1 - Costituzione. Art.6 Cessazione dell affiliazione Modifiche urgenti per adeguamento a richieste CONI artt. 1-6- 7-9- 10-16- 22-25- 27-36 41-44- 49-50- 57-58- 59 89 Approvate con delibera d urgenza del Presidente federale n. 81 del 7 ottobre 2010, ratificata

Dettagli

Convocazione di Assemblea Generale Free Hardware Foundation

Convocazione di Assemblea Generale Free Hardware Foundation Cari membri della fondazione, dopo un'ampia discussione sia all'interno del Consiglio che all'interno dell'esecutivo, siamo giunti alla conclusione, pacifica e condivisa, che la Fondazione abbia raggiunto

Dettagli

OGGETTO: CONVOCAZIONE ASSEMBLEA PROVINCIALE ELETTIVA NAPOLI CASERTA

OGGETTO: CONVOCAZIONE ASSEMBLEA PROVINCIALE ELETTIVA NAPOLI CASERTA Alla cortese attenzione dei Presidenti dei CSB Provincie di Napoli e Caserta Milano, 20 giugno 2013 OGGETTO: CONVOCAZIONE ASSEMBLEA PROVINCIALE ELETTIVA NAPOLI CASERTA E convocata l Assemblea Provinciale

Dettagli

REGOLAMENTO RAGGRUPPAMENTI

REGOLAMENTO RAGGRUPPAMENTI REGOLAMENTO RAGGRUPPAMENTI 79 TITOLO I COSTITUZIONE COMPOSIZIONE 1) Le Associazioni affiliate alla F.O.I. ONLUS presenti in una Regione geografica costituiscono un Raggruppamento. In ogni Regione è presente

Dettagli

COMUNICATO CAF N 1/16

COMUNICATO CAF N 1/16 Roma, 9 ottobre 2015 Alle Società sedi dei Centri di Allenamento Federale Ai Referenti Tecnici Territoriali Alle Società Schermistiche interessate Ai Comitati Regionali - LORO INDIRIZZI COMUNICATO CAF

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA JOLLY ART. 1. - E costituita l Associazione sportiva dilettantistica denominata JOLLY.

STATUTO ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA JOLLY ART. 1. - E costituita l Associazione sportiva dilettantistica denominata JOLLY. STATUTO ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA JOLLY ART. 1 - E costituita l Associazione sportiva dilettantistica denominata JOLLY. L Associazione ha sede in Palazzolo Milanese, Via San Giuseppe 2/4 ed

Dettagli

REGOLAMENTO COMITATO NAZIONALE ALLENATORI PATTINAGGIO di FIGURA C.N.A. F.

REGOLAMENTO COMITATO NAZIONALE ALLENATORI PATTINAGGIO di FIGURA C.N.A. F. FEDERAZIONE ITALIANA SPORT GHIACCIO REGOLAMENTO COMITATO NAZIONALE ALLENATORI PATTINAGGIO di FIGURA C.N.A. F. Approvato con Delibera del Consiglio Federale N. 3-11/190 del 29 Aprile 2011 ART. 1 - DEFINIZIONE

Dettagli

Articolo 3. L'associazione ha per oggetto di:

Articolo 3. L'associazione ha per oggetto di: Statuto della Associazione Sportiva Dilettantistica NOVI NUOTO Articolo 1 Nello spirito della Costituzione della Repubblica Italiana ed in ossequio a quanto previsto in merito dal Codice Civile articolo

Dettagli

Statuto Approvato con delibera del Presidente CONI 187/92 del 27 novembre 2014

Statuto Approvato con delibera del Presidente CONI 187/92 del 27 novembre 2014 Statuto Approvato con delibera del Presidente CONI 187/92 del 27 novembre 2014 1 TITOLO PRIMO COSTITUZIONE SCOPI FUNZIONI E SEDE Art.1 Costituzione Art.2 Scopi e Funzioni Art.3 Durata e sede Art.4 Affiliazione

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE CAMPIONATI INDIVIDUALI

REGOLAMENTO REGIONALE CAMPIONATI INDIVIDUALI F.I.Te.T. - Comitato Regionale Lazio REGOLAMENTO REGIONALE CAMPIONATI INDIVIDUALI 2013-2014 Sommario PREMESSA...3 Art. 1 QUAL. REGIONALE CAMP. ITALIANI GIOVANILI, 2^ e 3^CAT...3 Art. 2 TORNEI REGIONALI...4

Dettagli

STATUTO SOCIETARIO. Articolo 2 FINALITA. a) la promozione, la formazione di atleti e di squadre per la partecipazione alle gare sportive;

STATUTO SOCIETARIO. Articolo 2 FINALITA. a) la promozione, la formazione di atleti e di squadre per la partecipazione alle gare sportive; 1 STATUTO SOCIETARIO Articolo 1 FINALITA Nello spirito della Repubblica Italiana ed in ossequio a quanto previsto dagli artt. 36 e seguenti del Codice Civile, è costituita un associazione non commerciale

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

SEZIONE PROVINCIALE DI MILANO Associazione Sportiva Dilettantistica Convenzionata FIPSAS SEZIONE PROVINCIALE DI MILANO

SEZIONE PROVINCIALE DI MILANO Associazione Sportiva Dilettantistica Convenzionata FIPSAS SEZIONE PROVINCIALE DI MILANO STATUTO DELLA SEZIONE PROVINCIALE DI MILANO ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA CONVENZIONATA FIPSAS Art. 1 - Costituzione - Denominazione - Sede Tra tutti gli affiliati alla F.I.P.S.A.S. (Federazione

Dettagli

F.A.S.I. Regolamento Gruppo Giudici di Gara

F.A.S.I. Regolamento Gruppo Giudici di Gara F.A.S.I. Regolamento Gruppo Giudici di Gara Definizione Tutti i Giudici di Gara federali sono raggruppati nell organo definito Gruppo Giudici di Gara (G.G.G.). Esso è costituito da: - Il Segretario dei

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA TENNIS DESIO ASD Tennis Desio (associazione non riconosciuta)

STATUTO ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA TENNIS DESIO ASD Tennis Desio (associazione non riconosciuta) STATUTO ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA TENNIS DESIO ASD Tennis Desio (associazione non riconosciuta) CAPO I COSTITUZIONE - AFFILIAZIONE - RICONOSCIMENTO Articolo 1 - Costituzione 1. È costituita

Dettagli

IL REGOLAMENTO DELLE ELEZIONI. Ogni biennio il Presidente pro tempore convoca l assemblea degli iscritti

IL REGOLAMENTO DELLE ELEZIONI. Ogni biennio il Presidente pro tempore convoca l assemblea degli iscritti IL REGOLAMENTO DELLE ELEZIONI 1 Ogni biennio il Presidente pro tempore convoca l assemblea degli iscritti all albo degli avvocati, a mezzo di manifesti da affiggersi all interno del Palazzo di Giustizia

Dettagli

Stagione Sportiva 2014/2015 Comunicato Ufficiale N 44 del 25/06/2015

Stagione Sportiva 2014/2015 Comunicato Ufficiale N 44 del 25/06/2015 DELEGAZIONE PROVINCIALE DI VARESE V.le Ippodromo, 59 21100 VARESE Tel. 0332 235544 Fax. 0332 237131 Sito internet: www.lnd.it Email: del.varese@lnd.it indirizzo E-mail per il settore giovanile: del.varese@lnd.it

Dettagli

CALENDARIO ATTIVITA AGONISTICHE 2015

CALENDARIO ATTIVITA AGONISTICHE 2015 Settore Tecnico Nazionale Dilettanti Prot. n. 141 Trasmesso a mezzo Fax ed E-mail Ai Sigg.ri Presidenti e Delegati degli Organi Territoriali F.P.I. e p.c Ai Sigg.ri Consiglieri Federali Al Collegio dei

Dettagli

Ufficio Gare Regionale Lombardia

Ufficio Gare Regionale Lombardia Ufficio Gare Regionale Lombardia Via Piranesi 10 20137 Milano MI Tel. 02-7002091 Fax 02-76110102 e-mail: ufficiogare@lombardia.fip.it web: http://www.lombardia.fip.it LIMITI DI ETA COMUNICATO UFFICIALE

Dettagli

COMUNICATO GARE N 25/12

COMUNICATO GARE N 25/12 Roma, 3 maggio 2012 A TUTTE LE SOCIETA SCHERMISTICHE - LORO INDIRIZZI - COMUNICATO GARE N 25/12 OGGETTO: Campionati Italiani Assoluti individuali e serie A1 a squadre Bologna -24/27 maggio 2012 Giovedì

Dettagli

STATUTO DEL GRUPPO SPORTIVO NABOR ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA

STATUTO DEL GRUPPO SPORTIVO NABOR ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA 1 Gruppo Sportivo Nabor - Associazione Sportiva Dilettantistica c/o Parrocchia S.S. Nabore e Felice - via T.Gulli, 62-20147 Milano Te.02 48701531 e-mail: info@gsnabor.it Web site : www.gsnabor.it C.F.

Dettagli

DISPOSIZIONI ATTIVITA AGONISTICA MASTER 2014-2015

DISPOSIZIONI ATTIVITA AGONISTICA MASTER 2014-2015 Versione del 25/9/2014 DISPOSIZIONI ATTIVITA AGONISTICA MASTER 2014-2015 Art. 1 Generalità L'Attività Agonistica Master 2014/2015 prevede, per ogni arma e per ciascuna delle categorie d età da 24 anni

Dettagli

associazione nazionale dirigenti e alte professionalità della scuola ADERENTE ALL ESHA EUROPEAN SCHOOL HEADS ASSOCIATION

associazione nazionale dirigenti e alte professionalità della scuola ADERENTE ALL ESHA EUROPEAN SCHOOL HEADS ASSOCIATION associazione nazionale dirigenti e alte professionalità della scuola ADERENTE ALL ESHA EUROPEAN SCHOOL HEADS ASSOCIATION Regolamento dei congressi e delle assemblee Approvato dal Consiglio Nazionale nella

Dettagli

PGS Samber 84. Statuto sociale

PGS Samber 84. Statuto sociale PGS Samber 84 Statuto sociale SOMMARIO GLI STRUMENTI DELL ASSOCIAZIONE... 3 STATUTO... 4 INTRODUZIONE... 4 Parte prima PRINCIPI GENERALI... 4 Parte seconda STRUTTURA DELLA SOCIETÀ... 6 Parte terza LA GESTIONE

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA ORANSPORT

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA ORANSPORT STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA ORANSPORT TITOLO I DENOMINAZIONE, SEDE E SCOPO Art. 1 E' costituita l'associazione sportiva dilettantistica denominata ORANSPORT Associazione sportiva

Dettagli

STATUTO TIPO EX ARTICOLO 54 R.O. ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA (associazione non riconosciuta)

STATUTO TIPO EX ARTICOLO 54 R.O. ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA (associazione non riconosciuta) STATUTO TIPO EX ARTICOLO 54 R.O. ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA (associazione non riconosciuta) CAPO I COSTITUZIONE - AFFILIAZIONE - RICONOSCIMENTO Articolo 1 - Costituzione 1. È costituita un associazione

Dettagli

Oggetto: Norme amministrative e organizzative stagione agonistica 2005/2006.

Oggetto: Norme amministrative e organizzative stagione agonistica 2005/2006. Roma, 22 giugno 2005 A Tutte le società dei Campionati Nazionali Ai Comitati Regionali FIPAV Ai Comitati Provinciali FIPAV Alle Leghe Nazionali Pallavolo TRASMISSIONE VIA FAX ed E-MAIL Oggetto: Norme amministrative

Dettagli

associazione ludica ToRisiKo! RisiKo! Club Ufficiale Torino STATUTO DELL ASSOCIAZIONE

associazione ludica ToRisiKo! RisiKo! Club Ufficiale Torino STATUTO DELL ASSOCIAZIONE associazione ludica ToRisiKo! RisiKo! Club Ufficiale Torino STATUTO DELL ASSOCIAZIONE I sottoelencati signori: 1. Carmine Loiercio nato a.. il././.., codice fiscale.. 2. Stefano Rondolino nato a.. il././..,

Dettagli

Regolamento dell Associazione Noi del Tosi

Regolamento dell Associazione Noi del Tosi Regolamento dell Associazione Noi del Tosi Disposizioni preliminari Art. I Con questo regolamento interno l Associazione Noi dell Enrico Tosi intende darsi un insieme di norme pratiche atte a favorire

Dettagli

Regolamento del Consiglio Comunale dei Ragazzi

Regolamento del Consiglio Comunale dei Ragazzi Comune di Capriano del Colle Regolamento del Consiglio Comunale dei Ragazzi approvato con deliberazione del Consiglio Comunale N 1 Art. 1 Principi fondamentali Con riferimento alla Legge 176/91 Ratifica

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE SAN GABRIELE BASKET

REGOLAMENTO GENERALE SAN GABRIELE BASKET PREFAZIONE Questo regolamento rappresenta il punto di riferimento per tutti gli associati della Associazione Sportiva Dilettantistica (di seguito ASD ) che risulta essere un punto d incontro per diffondere

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA SCHERMA

FEDERAZIONE ITALIANA SCHERMA FEDERAZIONE ITALIANA SCHERMA DISPOSIZIONI PER LO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITÀ AGONISTICA E PREAGONISTICA STAGIONE 2014-15 1 Versione del 15-10-2014 INDICE PREMESSE... 5 NORME GENERALI... 7 TESSERA FEDERALE...

Dettagli

CAMPIONATO NAZIONALE DI CALCIO AICS REGOLAMENTO GENERALE

CAMPIONATO NAZIONALE DI CALCIO AICS REGOLAMENTO GENERALE PREMESSA CAMPIONATO NAZIONALE DI CALCIO AICS La parte iniziale del regolamento è riferita alle norme di carattere generale inerenti l organizzazione dei Campionati di: Calcio a 5 maschile e femminile,

Dettagli

Art. 2 SEDE - L'associazione ha sede legale in Bergamo, presso l Istituto Pesenti, Via Ozanam, 27

Art. 2 SEDE - L'associazione ha sede legale in Bergamo, presso l Istituto Pesenti, Via Ozanam, 27 Bergamo, 29 settembre 2010 Statuto Associazione Coordinamento dei Comitati e delle Associazioni Genitori delle Scuole Secondarie Superiori della provincia di Bergamo, in sigla Coor.Co.Ge. Art. 1 DENOMINAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO ASSOCIAZIONE SERVIZI PER IL VOLONTARIATO MODENA approvato dall assemblea del 6 marzo 2014. Art. 1. Criteri di ammissione

REGOLAMENTO ASSOCIAZIONE SERVIZI PER IL VOLONTARIATO MODENA approvato dall assemblea del 6 marzo 2014. Art. 1. Criteri di ammissione REGOLAMENTO ASSOCIAZIONE SERVIZI PER IL VOLONTARIATO MODENA approvato dall assemblea del 6 marzo 2014 Art. 1. Criteri di ammissione 1. L Associazione Servizi Per il volontariato di Modena (ASVM) è aperta

Dettagli

STATUTO DELLA SOCIETÀ BOTANICA ITALIANA (ONLUS) Approvato dai Soci nell Assemblea Straordinaria tenutasi a Firenze il 4 settembre 2014

STATUTO DELLA SOCIETÀ BOTANICA ITALIANA (ONLUS) Approvato dai Soci nell Assemblea Straordinaria tenutasi a Firenze il 4 settembre 2014 STATUTO DELLA SOCIETÀ BOTANICA ITALIANA (ONLUS) Approvato dai Soci nell Assemblea Straordinaria tenutasi a Firenze il 4 settembre 2014 Art. 1 - DENOMINAZIONE La Società Botanica Italiana (SBI), fondata

Dettagli

Norme tesseramento atleti provenienti da Federazioni Straniere

Norme tesseramento atleti provenienti da Federazioni Straniere FIPAV Federazione Italiana Pallavolo Norme tesseramento atleti provenienti da Federazioni Straniere Il presente documento costituisce una guida sulle norme per l'affiliazione, il tesseramento. Attualmente

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA DI COMUNICAZIONE E MARKETING DELLA FISO 2010-2012. Roma, 16 gennaio 2010

LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA DI COMUNICAZIONE E MARKETING DELLA FISO 2010-2012. Roma, 16 gennaio 2010 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA DI COMUNICAZIONE E MARKETING DELLA FISO 2010-2012 Roma, 16 gennaio 2010 1. PREMESSA Con i piani di comunicazione e marketing, la FISO si è dotato di due strumenti

Dettagli

PRINCIPI FONDAMENTALI DEGLI STATUTI DELLE FEDERAZIONI SPORTIVE NAZIONALI, DELLE DISCIPLINE SPORTIVE ASSOCIATE

PRINCIPI FONDAMENTALI DEGLI STATUTI DELLE FEDERAZIONI SPORTIVE NAZIONALI, DELLE DISCIPLINE SPORTIVE ASSOCIATE PRINCIPI FONDAMENTALI DEGLI STATUTI DELLE FEDERAZIONI SPORTIVE NAZIONALI, DELLE DISCIPLINE SPORTIVE ASSOCIATE 1. Principio comunitario 2. Principio di legalità 3. Principio di separazione dei poteri 4.

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA ORATORIANA SPES SAN PROTASO ESAGONO SPORT

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA ORATORIANA SPES SAN PROTASO ESAGONO SPORT STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA ORATORIANA SPES SAN PROTASO ESAGONO SPORT Titolo I DENOMINAZIONE, SEDE E SCOPO Art. 1 È costituita l Associazione sportiva dilettantistica oratoriana

Dettagli

Federazione Italiana Hockey e Pattinaggio STATUTO FEDERALE

Federazione Italiana Hockey e Pattinaggio STATUTO FEDERALE Federazione Italiana Hockey e Pattinaggio STATUTO FEDERALE Approvato Assemblea Nazionale del 20 settembre 2014 Delibera Giunta Nazionale Coni N. 35 del 10 febbraio 2015 Sommario TITOLO PRIMO - COSTITUZIONE

Dettagli

ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA SCUOLA CALCIO A 5 REGOLAMENTO. Alla Scuola Calcio a 5 possono iscriversi i bambini e i ragazzi nati negli anni

ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA SCUOLA CALCIO A 5 REGOLAMENTO. Alla Scuola Calcio a 5 possono iscriversi i bambini e i ragazzi nati negli anni ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA SCUOLA CALCIO A 5 REGOLAMENTO CHI PUO ISCRIVERSI ALLA SCUOLA CALCIO Alla Scuola Calcio a 5 possono iscriversi i bambini e i ragazzi nati negli anni 1996/1997/1998/1999/2000/2001/2002/2003/2004.

Dettagli

Art. 14 Scioglimento e liquidazione a) lo scioglimento dell associazione può avvenire per delibera dell assemblea straordinaria dei soci con voto

Art. 14 Scioglimento e liquidazione a) lo scioglimento dell associazione può avvenire per delibera dell assemblea straordinaria dei soci con voto STATUTO Art. 1 Denominazione e sede sociale E costituita un Associazione Sportiva Dilettantistica denominata ASSOCIAZIONE POLISPORTIVA DILETTANTISTICA G.S. BOLGHERA La sede dell associazione è fissata

Dettagli

COMITATO REGIONALE LIGURIA CAMPIONATO NAZIONALE MASTER MASCHILE E FEMMINILE 2011/2012

COMITATO REGIONALE LIGURIA CAMPIONATO NAZIONALE MASTER MASCHILE E FEMMINILE 2011/2012 E-mail: liguria@federvolley.it http://www.volleyliguria.net CAMPIONATO NAZIONALE MASTER MASCHILE E FEMMINILE 2011/2012 1. INDIZIONE Il C. R. Liguria indice e la COGR organizza la Fase Regionale del Campionato

Dettagli

= Ai sigg.ri Presidenti delle Associazioni e Società affiliate

= Ai sigg.ri Presidenti delle Associazioni e Società affiliate Iiederazione ltllianzr Sport Ì,questri Roma, 17 febbraio 2015 GR/ab, Prot. n.0l081 = Ai sigg.ri Presidenti delle Associazioni e Società affiliate = Ai sigg.ri. rappresentanti dei Cavalieri, dei Tecnici

Dettagli

REGOLAMENTO ORGANICO INDICE

REGOLAMENTO ORGANICO INDICE CONI art. art. art. art. art. art. WA Federazione Italiana di Tiro con l Arco REGOLAMENTO ORGANICO INDICE PARTE PRIMA I Soggetti TITOLO I La Fitarco 1 - Organizzazione Federale 2 - Le assemblee Nazionali,

Dettagli

SOCIETA' DI INIZIATIVA SPORTIVA " GENS ITALICA "

SOCIETA' DI INIZIATIVA SPORTIVA  GENS ITALICA SOCIETA' DI INIZIATIVA SPORTIVA " GENS ITALICA " STATUTO TITOLO I: COSTITUZIONE E SCOPI Art. 1) La Associazione Veterani Gens Italica società dilettantistica è costituita da tutti i volontari sportivi

Dettagli

Partito Democratico del Trentino REGOLAMENTO PER LA FONDAZIONE E PER IL FUNZIONAMENTO DEI CIRCOLI TERRITORIALI

Partito Democratico del Trentino REGOLAMENTO PER LA FONDAZIONE E PER IL FUNZIONAMENTO DEI CIRCOLI TERRITORIALI Partito Democratico del Trentino REGOLAMENTO PER LA FONDAZIONE E PER IL FUNZIONAMENTO DEI CIRCOLI TERRITORIALI Approvato dall Assemblea provinciale il 13 giugno 2011 1 REGOLAMENTO PER LA FONDAZIONE E PER

Dettagli

STATUTO A.Ge. - ASSOCIAZIONE ITALIANA GENITORI ONLUS Approvato nell'assemblea straordinaria del 19 maggio 2007

STATUTO A.Ge. - ASSOCIAZIONE ITALIANA GENITORI ONLUS Approvato nell'assemblea straordinaria del 19 maggio 2007 STATUTO A.Ge. - ASSOCIAZIONE ITALIANA GENITORI ONLUS Approvato nell'assemblea straordinaria del 19 maggio 2007 ART. 1 - COSTITUZIONE E' costituita, con sede in Roma, l'a.ge - ONLUS, di seguito indicata

Dettagli

ATTIVITÀ SPORTIVA 2014/2015 delle Sezioni G.R. G.A.F. G.A.M. G.G. DANZA

ATTIVITÀ SPORTIVA 2014/2015 delle Sezioni G.R. G.A.F. G.A.M. G.G. DANZA ATTIVITÀ SPORTIVA 2014/2015 delle Sezioni G.R. G.A.F. G.A.M. G.G. DANZA SETTORE GINNASTICA SEZIONE GINNASTICA RITMICA XXIV Campionato di Coreografia XVII Trofeo Internationalgym Trofeo Arcobaleno Arcobimbe

Dettagli

CAMPIONATI NAZIONALI DI CACIO A 11 REGOLAMENTO GENERALE FASE PROVINCIALE 44ª COPPA CITTA DI CAVA CALCIO A 11

CAMPIONATI NAZIONALI DI CACIO A 11 REGOLAMENTO GENERALE FASE PROVINCIALE 44ª COPPA CITTA DI CAVA CALCIO A 11 COMITATO PROVINCIALE DI CAVA DE TIRRENI c/o Stadio Comunale S.Lamberti C.so Mazzini, 210 Cava de Tirreni (SA) e-mail: info@csicava.it www.csicava.it Telefax 089/461602 ANNO SPORTIVO 2015/2016 CAMPIONATI

Dettagli

- LORO INDIRIZZI - COMUNICATO ATT. AGONISTICA N 19/09. Roma, 31 marzo 2009 A TUTTI GLI INTERESSATI

- LORO INDIRIZZI - COMUNICATO ATT. AGONISTICA N 19/09. Roma, 31 marzo 2009 A TUTTI GLI INTERESSATI Roma, 31 marzo 2009 A TUTTI GLI INTERESSATI - LORO INDIRIZZI - COMUNICATO ATT. AGONISTICA N 19/09 OGGETTO: Richiesta organizzazione gare Stagione agonistica 2009/10 Si comunica che la Federazione Italiana

Dettagli

1. La F.G.I. ha durata illimitata ed ha sede in Roma.

1. La F.G.I. ha durata illimitata ed ha sede in Roma. STATUTO F.G.I. Art. 1 Costituzione 1. La Federazione Ginnastica d Italia, di seguito denominata F.G.I., decana delle Federazioni Sportive Nazionali, fondata a Venezia il 15-17 marzo 1869 ed eretta ad Ente

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Liceo Scientifico Linguistico Statale Paolo Giovio - Como

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Liceo Scientifico Linguistico Statale Paolo Giovio - Como Prot. n. 5585/C16 Anno scolastico 2015-2016 Como, li 26.09.2015 Comunicazione n. 39 Alle Studentesse, agli Studenti e alle loro Famiglie Ai Docenti Ai Docenti collaboratori del dirigente scolastico Al

Dettagli

Federazione Italiana Rugby

Federazione Italiana Rugby Federazione Italiana Rugby Stadio Olimpico Curva Nord Foro Italico - 00135 Roma P.Iva 02151961006 C.F. 97015510585 PRESIDENTE Alfredo GAVAZZI La Federazione Italiana Rugby, conosciuta anche con l acronimo

Dettagli

Federazione Ginnastica d'italia. Prot. 12332/AG/lc del 28/09/2004

Federazione Ginnastica d'italia. Prot. 12332/AG/lc del 28/09/2004 Prot. 12332/AG/lc del 28/09/2004 Agli Atleti maggiorenni tesserati Ai Tecnici tesserati e, p.c. Ai Comitati e Delegati Regionali Al Consiglio Direttivo Federale Oggetto: Convocazione elezioni in data 30

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Circ. n. 27 Prot. n. 2939/A4 Lucera, 01 ottobre 2015 All ALBO AL SITO WEB Oggetto: Elezioni Scolastiche : Rappresentanti GENITORI e STUDENTI nei consigli di classe A.S. 2015-2016; Rappresentanti degli

Dettagli

COMUNE DI RUSSI REGOLAMENTO DEI CONSIGLI DI ZONA

COMUNE DI RUSSI REGOLAMENTO DEI CONSIGLI DI ZONA COMUNE DI RUSSI REGOLAMENTO DEI CONSIGLI DI ZONA Approvato con delibera Consiglio Comunale n. 2 del 25/02/2014 Art. 1 - ISTITUZIONE E FINALITA' 1. In attuazione dei principi enunciati nell art. 8 dello

Dettagli

Regolamento Interno Associazione Tand

Regolamento Interno Associazione Tand Regolamento Interno Associazione Tand Premessa Il seguente Regolamento contiene le norme attuative per la vita sociale dell Associazione Tand. E redatto secondo le disposizioni di cui all art.18 dello

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA ROMA CLUB REGOLAMENTO

ASSOCIAZIONE ITALIANA ROMA CLUB REGOLAMENTO ASSOCIAZIONE ITALIANA ROMA CLUB REGOLAMENTO ALLEGATO ALLO STATUTO SOCIALE 05 Marzo 2010 1 PREMESSA Ai sensi dell art. 16 dello Statuto Sociale dell A.I.R.C. (Associazione Italiana Roma Club) è redatto

Dettagli