Liceo Scientifico Statale Albert Einstein Milano. Documento del Consiglio di Classe Esame di Stato anno scolastico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Liceo Scientifico Statale Albert Einstein Milano. Documento del Consiglio di Classe Esame di Stato anno scolastico2012-2013."

Transcript

1 Liceo Scientifico Statale Albert Einstein Milano Documento del Consiglio di Classe Esame di Stato anno scolastico Classe 5^ A Presentazione della classe 1. Numero studenti: 24 Maschi: 17 Femmine: 7 Provenienti dalla stessa classe: 24 (un alunno ha frequentato la classe quarta all estero) Provenienti da altre classi del liceo Einstein: nessuno Provenienti da altri istituti: nessuno Ripetenti: nessuno Abbandoni e/o ritiri durante l anno scolastico: nessuno Sottogruppi: 21 alunni seguono il piano di studi sperimentale PNI con in più scienze sperimentali; 3 alunni il piano di studi sperimentale PNI. Composizione Consiglio di Classe Disciplina Insegnante Continuità didattica III IV V Italiano e Latino Roberto Maria sì sì sì Devincenzi Inglese Fabio Bellocci sì sì sì Storia e Filosofia Laura Casaccia no sì sì Matematica e Fisica Silvia Frazzitta no no sì Scienze Naturali Laura Gangemi sì sì sì Scienze Nat. Giovanna Coggiola no no sì Pittoni (scienze tradizionali) Disegno e St. dell Arte Eugenio Grosso sì sì sì Ed. Fisica Annalisa Portioli no sì sì Religione Paola Trimboli sì sì sì

2 OBIETTIVI DEL CONSIGLIO DI CLASSE OBIETTIVI FORMATIVI: - sviluppare un rapporto corretto con gli insegnanti, il personale scolastico e i compagni - rispettare il materiale scolastico, gli ambienti e le scadenze - sviluppare la consapevolezza dei propri limiti e delle proprie potenzialità, divenendo capaci di correggersi autonomamente - personalizzare i contenuti conoscitivi proposti, così da costruire un proprio bagaglio culturale - adottare un metodo di studio che permetta il raggiungimento degli obiettivi - saper lavorare in gruppo, in modo collaborativo e proficuo per tutti i componenti - partecipare attivamente, consapevolmente e per iniziativa propria all attività scolastica. OBIETTIVI COGNITIVI: - saper selezionare, ordinare (in modo logico e cronologico) e gerarchizzare le informazioni all interno di ogni disciplina - saper collegare e confrontare le informazioni all interno di ogni disciplina - saper strutturare le informazioni acquisite all interno di ogni disciplina in un insieme organico e coerente - saper confrontare e collegare fra loro, a livelli di complessità crescente, le informazioni separatamente acquisite nell ambito delle varie discipline - sapersi esprimere correttamente, utilizzando in misura sempre più significativa il linguaggio specifico di ogni disciplina - saper utilizzare le conoscenze e le capacità acquisite, applicandole in forma sempre più autonoma alle attività proposte - saper elaborare giudizi critici argomentati su temi progressivamente sempre più complessi. Si è ritenuto importante anche per migliorare la qualità dello studio e del profitto sollecitare negli studenti la curiosità conoscitiva e il gusto per l apprendimento, inteso come arricchimento individuale e non come mera acquisizione di nozioni finalizzata alla verifica scolastica o ad una futura applicazione pratica.

3 CRITERI COMUNI DEL CONSIGLIO DI CLASSE PER LA VALUTAZIONE CORRISPONDENZA TRA VOTI E LIVELLI DI CONOSCENZA E CAPACITA VOTI GIUDIZIO 1 2 Prova nulla, priva di elementi di valutazione 3 Prova gravemente insufficiente con lacune estese, gravi e numerosi errori 4 Prova insufficiente, lacunosa e incompleta con gravi errori 5 Prova mediocre, lacunosa o incompleta con errori non particolarmente gravi 6 Prova sufficiente con informazioni essenziali, frutto di un lavoro manualistico con lievi errori 7 Prova discreta con informazioni essenziali, frutto di un lavoro diligente ed esposte in forma corretta con sufficienti capacità di collegamenti 8 Prova buona che denota un lavoro di approfondimento da parte dell allievo e capacità di esposizione chiara e fluida, con soddisfacenti capacità disciplinari di collegamento. 9 Prova ottima che denota capacità di rielaborazione personale e critica con esposizione sicura ed appropriata. Prova completa e rigorosa. 10 Prova eccellente che denota capacità di collegamento ampie ed utilizzo di conoscenze Approfondite e personali espresse con sicura padronanza della terminologia specifica e non specifica. Prova completa, approfondita e rigorosa. MODALITA' DI INSEGNAMENTO DI CIASCUNA DISCIPLINA Rel ig. Italia no Lati no Stori a Filos of. Ingle se Mate ma. Fisi ca Scienz e sperim en. Scie nze Diseg no Lezione frontale X X X X X X X X X X X X Lezione in laboratorio X X X Lezione multimediale X Lezione con esperti Metodo induttivo X Lavoro di gruppo X Discussione guidata X X X X X X Simulazione X X X X X X Altro * (vedi note) X X X X *visione video Educ az. Fisic a

4 Rel ig. MODALITA' DI VERIFICA DI CIASCUNA DISCIPLINA Italia no Latin o Stori a Filos of. Ingle se Mate ma. Fisi ca Scienz e sperim en. Scien ze Trad iz. Diseg no Colloquio X X X X X X X X X X X X Interrogazione X X X X X X X X Prova di Laboratorio Prova pratica X Prova strutturata X X Questionario X X X X X X X Relazione X Esercizi X X X X X Altro tema Tradu zione Educ az. Fisic a Elementi che concorrono alla determinazione del credito scolastico,in caso di conseguimento della media dei voti di almeno 6/10: Comportamento corretto e assiduità nella frequenza, interesse e impegno nell attività didattica Interesse e impegno nella partecipazione alle attività gestionali della scuola (Organi Collegiali). Partecipazione alle attività complementari ed integrative in modo continuativo e assiduo con risultati finali positivi Partecipazione alle attività sportive scolastiche, qualora si consegua un risultato finale compreso nei primi tre posti Capacità di utilizzo di strumenti multimediali. CRITERI DI ATTRIBUZIONE DEL CREDITO FORMATIVO: Esperienza formativa qualificata acquisita al di fuori della scuola e che abbia inciso sulla formazione dello studente, favorendo la sua crescita umana, civile e culturale Documentazione dell esperienza Coerenza con il tipo di corso di studi frequentato Omogeneità di contenuti tematici del corso ESPERIENZE RITENUTE VALIDE AI FINI DELL ATTRIBUZIONE DEL PUNTEGGIO DEL CREDITO FORMATIVO: Stage, tirocini formativi ed esperienze di lavoro espletate nell ultimo triennio Esperienze di volontariato Approfondimento ed ampliamento dei contenuti disciplinari

5 Superamento di esami di lingue straniere riconosciuti internazionalmente (First Certificate, DELF ) Esperienze nel campo artistico e dei beni culturali Qualificazione in concorsi su temi legati ai contenuti del corso di studio, qualora si sia conseguito uno dei primi tre posti Qualificazione in campo sportivo Altri titoli di studio posseduti che attestino competenze aggiuntive e/o complementari al corso di studio. ATTIVITA INTEGRATIVE EXTRACURRICOLARI Gli studenti hanno assistito allo spettacolo teatrale della Compagnia I Cosmicomici tenutosi presso l Istituto... e quindi uscimmo a riveder le stelle: c era una volta celeste e Dante vi sbatteva contro in data 13 ottobre Percorso Body World presso la Fabbrica del Vapore ( ) Viaggio di istruzione a Parigi: marzo 2013 PREPARAZIONE ALLA TERZA PROVA SCRITTA TIPOLOGIA B DATA STRUTTURA PLURIDISCIPLINARE MATERIE (tempo a disposizione: 3 ore) latino storia inglese scienze TIPOLOGIA B DATA STRUTTURA PLURIDISCIPLINARE MATERIE (tempo a disposizione: 3 ore) storia dell arte fisica inglese scienze TIPOLOGIA B STRUTTURA PLURIDISCIPLINARE DATA MATERIE(tempo a disposizione: 150 ) filosofia scienze inglese storia dell arte

6 Profilo della classe La classe, costituita dal gruppo proveniente dall anno precedente a cui si è riunito, dopo aver sostenuto gli opportuni esami integrativi, un alunno che lo scorso anno ha frequentato una scuola negli U.S.A, nel corso del triennio si è mostrata ben amalgamata, unita da rapporti di collaborazione e amicizia. Gli alunni, educati e corretti, hanno saputo instaurare un rapporto di collaborazione e stima con gli insegnanti e hanno mostrato costante attenzione e vivo interesse all attività didattica in classe; si sono altresì dimostrati sempre disponibili durante l intero triennio alle attività extrascolastiche proposte. Alcuni studenti hanno evidenziato intorno alla metà del secondo quadrimestre un certo calo nel rendimento globale, probabilmente motivato da una stanchezza accumulata nel corso dell'anno e da una certa difficoltà a portare avanti contemporaneamente una pluralità di impegni, quali la normale attività didattica, la preparazione più specifica per l'esame di Stato e, in alcuni casi, lo studio per sostenere i test di ammissione alle diverse facoltà. Il profitto alla data di stesura del presente documento vede la classe articolata in gruppi: alcuni hanno conseguito risultati buoni o più che discreti, dimostrando capacità di analisi, sintesi e di rielaborazione personale dei contenuti; il gruppo numericamente maggiore è quello degli alunni complessivamente discreti nella maggioranza delle discipline; a questi segue una ristretta minoranza con risultati nell ambito della sufficienza conseguita in quasi tutte le materie solo in quest ultima parte dell anno. La mancata continuità dell insegnante di matematica e fisica ha contribuito a creare alcune difficoltà in queste discipline. Milano, Il coordinatore della classe Prof. Roberto Maria Devincenzi Il Dirigente Scolastico Prof. Edgardo Pansoni

7 Programma di Italiano Classe V A a.s. 2012/2013 L età napoleonica; il Neoclassicismo; il Purismo; il Preromanticismo Ugo Foscolo: la vita e la personalità 1. Le Ultime lettere di Jacopo Ortis - Il sacrificio della patria nostra è consumato - Il colloquio con Parini: la delusione storica - La lettera da Ventimiglia: la storia e la natura 2. I Sonetti - Alla sera - In morte del fratello Giovanni - A Zacinto - Alla Musa 3. I Sepolcri (lettura integrale) Il Romanticismo: quadro storico e culturale François-René de Chateaubriand, L ardore di desiderio dell eroe romantico Madame de Stael, Sulla maniera e l utilità delle traduzioni Pietro Giordani, Un italiano risponde al discorso della de Stael Giovanni Berchet, La poesia popolare Il romanzo storico e il romanzo realistico di ambiente contemporaneo Alessandro Manzoni: la vita e la personalità 1. Le Odi civili. Il cinque maggio 2. L Adelchi: - Il dissidio romantico di Adelchi - Morte di Adelchi: la visione pessimistica della storia - L amor tremendo di Ermengarda - Coro dell atto IV 3. L elaborazione del romanzo: dal Fermo e Lucia ai Promessi sposi. Il problema della lingua - La Signora : confronto tra il Fermo e Lucia e I promessi sposi - La redenzione di Renzo e la funzione salvifica di Lucia dal Cap. XVII dei Promessi sposi Giacomo Leopardi: la vita, l evoluzione del pensiero, la poetica del vago e dell indefinito 1.Dallo Zibaldone: - Il vago, l indefinito e le rimembranze della fanciullezza - L antico - Il vero è brutto - Teoria della visione - Parole poetiche - Teoria del suono - La rimembranza 2. Leopardi e il Romanticismo. I Canti - L infinito - La sera del dì di festa - A Silvia - La quiete dopo la tempesta - Il sabato del villaggio - Canto notturno di un pastore errante dell Asia - Amore e morte - La ginestra o il fiore del deserto

8 3. Le Operette morali e l arido vero. Dialogo della Natura e di un Islandese L età postunitaria. Naturalismo francese e Verismo italiano Gustave Flaubert, I sogni romantici di Emma Charles Baudelaire, I fiori dl male: Corrispondenze; L Albatro; Spleen; Paesaggio; Il viaggio La Scapigliatura. Emilio Praga, Preludio; La strada ferrata Giosue Carducci: Il Comune rustico; San Martino; Nella piazza di San Petronio Giovanni Verga: la poetica, la tecnica narrativa, l ideologia, le opere principali 1. Da Vita dei campi: - Impersonalità e regressione (Prefazione a L amante di Gramigna) - Fantasticheria - Rosso Malpelo - La lupa 2. Le Novelle rusticane. La roba 3. Dai Malavoglia - I vinti e la fiumana del progresso (Prefazione) - I Malavoglia e la comunità del villaggio: valori ideali e interesse economico - Il vecchio e il giovane: tradizione e rivolta - La conclusione del romanzo: l addio al mondo pre-moderno 4. Il Mastro-don Gesualdo. La morte di Mastro-don Gesualdo Il Decadentismo: quadro storico e culturale. Paul Verlaine, Languore; Arte poetica Gabriele D Annunzio: la vita, l estetismo e la sua crisi, i romanzi del superuomo 1. Il Piacere. Un ritratto allo specchio: Andrea Sperelli ed Elena Muti 2. da Alcyone: - Lungo l Affrico nella sera di giugno dopo la pioggia - La sera fiesolana - La tenzone - La pioggia nel pineto - Meriggio 3. Il Notturno. La prosa notturna Giovanni Pascoli: la vita, la visione del mondo, la sincronicità della poesia pascoliana, le raccolte poetiche principali, i temi, le soluzioni formali 1. Il fanciullino. Una poetica decadente 2. da Myricae: - I puffini dell Adriatico - Arano - X Agosto - L assiuolo - Novembre 3. I Canti di Castelvecchio. Il gelsomino notturno Italo Svevo: la vita, la cultura di Svevo 1. Il primo romanzo: Una vita - Le ali del gabbiano 2. Senilità

9 - Il ritratto dell inetto 3. La coscienza di Zeno - La morte del padre - La salute malata di Augusta - La vita non è né brutta né bella, ma è originale! - La morte dell antagonista Luigi Pirandello: la vita, la visione del mondo e la poetica 1. Novelle per un anno - Ciàula scopre la luna - Il treno ha fischiato - C è qualcuno che ride 2. I romanzi Il fu Mattia Pascal. Lo strappo nel cielo di carta e la lanterninosofia Uno nessuno e centomila. Nessun nome 3. Il teatro. Sei personaggi in cerca d autore. La rappresentazione teatrale tradisce il personaggio I crepuscolari. Guido Gozzano, La Signorina Felicità ovvero la felicità I futuristi. Manifesto del Futurismo. Manifesto tecnico della letteratura futurista Giuseppe Ungaretti: la vita, l Allegria - In memoria - Veglia - I fiumi - San Martino del Carso - Commiato - Mattina - Vanità - Soldati Eugenio Montale: la vita e le raccolte poetiche principali. Il correlativo oggettivo 1. Da Ossi di seppia: - I limoni - Non chiederci la parola - Meriggiare pallido e assorto - Spesso il male di vivere ho incontrato - Gloria del disteso mezzogiorno - Cigola la carrucola del pozzo 2. Da Le occasioni - La casa dei doganieri Cesare Pavese, I mari del sud Da La bella estate - Dove son nato non lo so - La luna, bisogna crederci per forza - Ha bruciato la casa - Come il letto di un falò Percorso tematico: Industria e letteratura 1. Ottiero ottieri, Lo sfogo di una rabbia repressa (da Donnarumma all assalto) 2. Paolo Volponi, La razionalità industriale e la follia dell operaio (da Memoriale)

10 3. Goffredo Parise, La funzione dell uomo cosa (da Il padrone) 4. Lucio Mastronardi, I nuovi ricchi e l ambiente della scuola (da Il maestro di Vigevano) Percorso tematico: L inquietudine giovanile 1. Pier Vittorio Tondelli, Autoban (da Altri libertini) 2. Andrea De Carlo, La rivolta studentesca: entusiasmi e delusioni (da Due di due) 3. Aldo Busi, La gioventù inquieta come specchio mobile (da Seminario sulla gioventù) 4. Enrico Brizzi, Ribellione giovanile e sublimazione sentimentale (da Jack Frusciante è uscito dal gruppo) Dante, Paradiso, canti I, III, VI, XI, XII, XXXI, XXXIII Testo utilizzato: Baldi, Giusso, Razetti, Zaccaria, La letteratura, Paravia, voll. 4, 5, 6, 7 Il Professore I rappresentanti degli alunni

11 Programma di Latino Classe V A a.s. 2012/2013 Lucrezio: l autore, l opera, lo stile Dal De rerum natura in italiano: Varietà delle forme degli atomi. La giovenca che ha perduto il figlio Innumerevoli altri mondi L origine dei sogni La follia d amore, IV Non bisogna aver paura della morte Il taedium vitae Progresso-regresso in latino: L inno a Venere (parte I e II) L elogio di Epicuro L epicureismo non può essere accusato di empietà La difficoltà del compito di Lucrezio La funzione della poesia La superiorità del sapiente, l infelicità degli stolti Vita culturale nell età giulio-claudia Fedro: l autore, l opera, lo stile Dalle Fabulae (in italiano): La parte del leone La volpe e la cicogna Il lupo magro e il cane grasso La novella della vedova e del soldato Seneca: l autore, l opera, lo stile. Il pensiero di Seneca e il cristianesimo in latino: E davvero breve il tempo della vita? Capp. 1 e 2 (De brevitate vitae) Passato senza prospettiva (Epistulae ad Lucilium) Fuggire la folla (Epistulae ad Lucilium) Vivere secondo natura (Epistulae ad Lucilium) Come trattare gli schiavi (Epistulae ad Lucilium) I veri schiavi (Epistulae ad Lucilium) in italiano: Tutto il resto è meschino (Naturales quaestiones) Considerazioni sul suicidio (Epistulae ad Lucilium) Le tragedie. La dichiarazione di Fedra a Ippolito Lucano: l autore, l opera, lo stile Dal Bellum civile (in italiano): L argomento del poema e l apostrofe ai cittadini romani I ritratti di Pompeo e Cesare Una scena di necromanzia Il discorso di Catone Catone e Marcia Petronio: l autore, l opera, lo stile Dal Satyricon (in italiano): L ingresso di Trimalchione

12 Presentazione dei padroni di casa Chiacchiere di commensali Il testamento di Trimalchione Mimica mors: suicidio da melodramma La matrona di Efeso Vita culturale nell età dei Flavi Marziale: l autore, l opera, lo stile Dagli Epigrammata: in italiano: Libro o libretto La scelta dell epigramma Il trasloco di Vacerra La bellezza di Bìlbili In latino: Erotion Quintiliano: l autore, l opera, lo stile Dall Institutio oratoria: in italiano: La formazione dell oratore incomincia dalla culla in latino: Due modelli a confronto: istruzione individuale e collettiva I vantaggi dell insegnamento collettivo Tacito: l autore, l opera, lo stile Dall Agricola (in italiano): Denuncia dell imperialismo romano nel discorso di un capo barbaro Dagli Annales (in latino): L incendio di Roma Il ritorno di Nerone nella capitale in preda alle fiamme La ricostruzione di Roma e la Domus Aurea La persecuzione contro i cristiani Vita culturale nell età degli Antonini Apuleio: l autore, l opera, lo stile Dalle Metamorfosi (in italiano): Lucio diventa asino La preghiera a Iside Il significato delle vicende di Lucio Aurelio Agostino Dalle Confessiones (in latino): L incipit delle Confessioni: Grande sei Signore Avversione per lo studio Libro di testo utilizzato: G. Garbarino, Opera, voll. 1 e 3 Il Professore I rappresentanti degli alunni

13 LINGUA E LETTERATURA INGLESE PROF. FABIO BELLOCCI. 1. The Gothic Novel 2. The Romantic poetry 3. The Romantic Novel 4. The Victorian Novel 5. The aesthetic movement in England 6. The Victorian Theatre 7. The Modern Age Testo in adozione: R. Marinoni Mingazzini, L. Salmoiraghi, Witness to the Times 2-3 (Compact), Principato

14 LICCEO SCIENTIFICO A.EISTEIN Anno Scolastico 2012/2013 Classe V sez. a FI LOSOFIA Durante l'anno scolastico è stato affrontato un programma che ha preso in esame le tematiche fondamentali dei più grandi filosofi a partire dagli elementi più significativi del pensiero kantiano, per analizzare poi i nodi fondanti dell'idealismo attraverso i concetti più significativi di Fichte, Schelling ed Hegel. Sono poi stati presi in considerazione gli sviluppi del pensiero hegeliano attraverso l'analisi critico/interpretativa di Feuerbach e Marx e il pensiero filosofico caratterizzante, insieme a questi, la società industriale di metà ottocento, ovvero il positivismo di Comte. Il percorso compiuto ha poi messo in evidenza gli elementi caratterizzanti del pensiero di Schopenhauer, Kierkegaard e Nietzsche per culminare nell'analisi del cambiamento della visione che l'uomo ha di se stesso rappresentato dalla psicoanalisi di Freud e terminare con alcuni cenni sugli sviluppi filosofici elaborati dal Circolo di Vienna e da Popper. Il lavoro è stato piuttosto complesso e articolato perché lo scopo fondamentale è stato non solo quello di stimolare la curiosità intellettuale dei ragazzi, ma cercare di fargli acquisire un metodo di analisi e di confronto con le problematiche più differenziate che consentisse loro di confrontarsi in modo costruttivo con qualunque problema. La classe, già abituata a questa tipologia di lavoro che era stato iniziato l'anno precedente, ha risposto positivamente alle sollecitazioni proposte partecipando costruttivamente all'attività didattica e al dialogo educativo. Si è cercato di sollecitare non solo l'acquisizione di conoscenze che permettano di orientarsi nel panorama della storia della filosofia contemporanea, ma anche di sviluppare capacità di analisi, di sintesi e di esposizione. I risultati ottenuti, benché per tutti soddisfacenti, sono ovviamente stati differenziati sia in base alle difficoltà delle problematiche affrontate sia in relazione all'impegno e all'interesse personale divenendo per taluni discreti e per altri buoni. Il passaggio tra settecento e ottocento tra Illuminismo e Romanticismo Kant tra razionalismo, empirismo e illuminismo La rivoluzione copernicana di Kant Le caratteristiche dei Giudizio La Critica della Ragion Pura Analisi delle Forme Trascendentali a Priori della Sensibilità e dell Intelletto Il Noumeno e il Fenomeno Cenni sulla distruzione della Metafisica come scienza La Critica della Ragion Pratica Le idee, strutture fondamentali per la vita morale Legalità e Moralità Imperativo Ipotetico e Imperativo Categorico I Postulati della Ragion Pratica La Critica del Giudizio

15 Il giudizio determinante e il riflettente Il Giudizio estetico Il sentimento del bello e del sublime Il genio e il gusto Il Giudizio telelologico Il Romanticismo Una nuova sensibilità per una nuova epoca La nuova dimensione dell uomo romantico Fichte La scelta tra scienza e moralità, tra dogmatismo e idealismo Il soggettivismo Il processo di deduzione fichtiano Schelling Una nuova visione del rapporto uomo/natura Il Naturalismo Hegel Razionalità e logica alla base di ogni realtà La dialettica Il sistema hegeliano La Filosofia dello Spirito Nuovi valori per una nuova società La filosofia e la nascita di nuove classi e nuovi rapporti sociali Positivismo e industrializzazione Comte e il Positivismo Francese Destra e sinistra hegeliana Feuerbach L umanismo L alienazione religiosa Marx: una nuova filosofia per una nuova realtà sociale La nuova concezione del lavoro e la nuova dimensione dell uomo Il Capitale: un opera economica caposaldo della filosofia L uomo del XIX secolo alla ricerca di se stesso e di nuovi valori Schopenhauer Il Mondo come Volontà e Rappresentazione Il ruolo della Volontà La ricerca della Noluntas Kierkegaard Il tragico destino dell uomo: la scelta Vita estetica Vita Etica Vita Religiosa Nietzsche: un nuovo uomo per una nuova visione del mondo Spirito apollineo e spirito dionisiaco La morale dei signori e la morale degli Schiavi La morte di Dio Il SuperUomo Il novecento: un uomo nuovo per un mondo nuovo Freud: l uomo scopre una nuova dimensione di se stesso La Rivoluzione Psicoanalitica

16 La Psicoanalisi come nuovo modo si rapportarsi alla realtà e alla cultura La sessualità infantile e le sue implicazioni Il pensiero tra neopositivismo e falsificazionismo Cenni su alcune tematiche fondamentali affrontate dal neopositivismo (Circolo di Vienna) Cenni sul falsificazionismo di Popper L Insegnante Prof.ssa Laura Casaccia

17 LICEO SCIENTIFICO A. EISTEIN Anno Scolastico 2012/2013 Classe V sez. A STORIA Durante l'anno scolastico è stato affrontato un ampio programma centrato sulla storia contemporanea a partire dall'analisi della situazione italiana negli ultimi anni dell'ottocento con la Democrazia Autoritaria di Crispi e la Crisi di Fine Secolo, per analizzare l'età giolittiana come momento di evoluzione ma anche di transizione verso il dramma della Grande Guerra con tutti i cambiamenti e gli sconvolgimenti da essa portati. Il dramma bellico, con la propria portata europea e mondiale ha comportato un cambiamento di prospettiva, determinando la necessità di comprendere i profondi mutamenti e le grandi conseguenze che essa ha avuto nelle varie parti del mondo. Sono stati fatti alcuni cenni ai grandi cambiamenti avvenuti in Russia nel 1917, con le loro profonde ed eclatanti conseguenze, si è analizzata la drammatica situazione della Germania e quella statunitense. L'analisi del dopoguerra in Italia ha aperto la strada alla comprensione dei fenomeni che hanno portato all'avvento del fascismo, alla sua affermazione, all'inevitabile coinvolgimento del'italia nella II guerra mondiale e alle sue conseguenze. La comprensione della situazione degli U.S.A negli anni '20 e dei prodromi della crisi del '29, il suo sviluppo con i riflessi sul contesto tedesco e il conseguente avvento e sviluppo del nazismo hanno permesso una ampio panorama della situazione del XX secolo. I grandi cambiamenti causati dalla II guerra mondiale e la conseguente nuova visione e percezione del mondo sia dal punto di vista europeo che italiano e alcuni cenni sui primi vent'anni dopo la guerra hanno consentito di individuare gli elementi che hanno portato alla caratterizzazione del mondo contemporaneo. Il lavoro è stato portato avanti con lo scopo di consentire ai ragazzi di sviluppare una visione chiara della storia che ci ha immediatamente preceduto per cercare di capire meglio il mondo che ci circonda. A tale scopo ci si è concentrati soprattutto sul l'analisi dei rapporti causa/effetto per sottolineare come la storia sia un flusso continuo in cui non è possibile né isolarsi né ignorare la realtà. La classe ha risposto positivamente, dimostrando interesse e partecipando costruttivamente all'attività didattica e al dialogo educativo. Ogni componente del gruppo, pur con le differenziazioni dovute agli interessi e all'impegno personali, è riuscito a sviluppare adeguate conoscenze e a evidenziare capacità di analisi, sintesi ed esposizione che permettono di formulare un'adeguata riflessione sul panorama storico contemporaneo. LO STATO ITALIANO TRA DESTRA E SINISTRA STORICA I problemi dei governi della destra storica La sinistra al potere Depretis, le riforme e il trasformismo La democrazia autoritaria di Crispi Il tentativo italiano di costruire un impero coloniale

18 IL PASSAGGIO TRA XIX E XX SECOLO: POCHI ANNI IN ATTESA DI UN GRANDE DRAMMA Il passaggio tra ottocento e novecento La crisi di fine secolo La società di massa: un nuovo modo di vivere per una nuova realtà L Italia nell età giolittiana La conquista della Libia La situazione europea L Europa dopo la crisi del sistema bismarkiano L alterazione dei rapporti internazionali I motivi di contrasto nel panorama politico europeo L inesorabilità di una nuova guerra La I Guerra Mondiale e la Rivoluzione Russa Le cause Il ruolo della Germania La posizione italiana La drammaticità della guerra La fine della guerra Le conseguenze Cenni sulla Rivoluzione Russa:cause, sviluppo, conseguenze DUE DECENNI DI PROBLEMI IRRISOLTI E DI SITUAZIONI DRAMMATICHE L eredità della Grande Guerra I problemi sociali ed economici La situazione in Germania: la Repubblica di Weimar La crisi della Ruhr L Italia nel primo dopoguerra La situazione economica La situazione politica La Vittoria Mutilata I problemi sociali Il Fascismo Il fascismo agrario L agonia dello stato liberale La marcia su Roma Il delitto Matteotti La dittatura Il totalitarismo imperfetto La crisi economica Il colonialismo Apogeo e declino del regime fascista La grande crisi Gli Stati Uniti d America: l euforia economica Il crollo del 1929 Roosevelt e il New Deal La crisi in Europa UN UOMO A TAPPE FORZATE ALLA CONQUISTA DELL EUROPA: IL MONDO CAMBIA ATTRAVERSO UNA NUOVA DRAMMATICA GUERRA

19 Il Nazismo La crisi della Repubblica di Weimar e l ascesa di Hitler Hitler al potere Il Terzo Reich La prima fase della II Guerra Mondiale Le cause Il Patto di Monaco, ovvero la falsa pace L attacco alla Polonia L attacco a Occidente e la caduta della Francia L evoluzione della posizione italiana La II Guerra mondiale dal 1940 al 1943 La battaglia di Inghilterra L attacco all Unione Sovietica Pearl Harbour: gli Stati Uniti entrano in guerra La svolta del 1943 e la fine della guerra La campagna d Italia e le sue conseguenze per la storia italiana Lo sbarco in Normandia Il crollo del Terzo Reich La fine della guerra L ITALIA, L EUROPA, IL MONDO ALLA RICERCA DI UNA NUOVA DIMENSIONE Il mondo diviso in due blocchi Le conseguenze della II Guerra Mondiale La Guerra Fredda Unione Sovietica e Stati Uniti d America L Unione Sovietica e le Democrazie Popolari Gli Stati Uniti e l Europa Occidentale L Italia nel secondo dopoguerra Le drammatiche conseguenze della guerra La situazione politica La nascita della Repubblica TENSIONI E CAMBIAMENTI TRA LA FINE DELLA GUERRA E GLI ANNI SESSANTA Il Medioriente e la nascita di Israele Le guerre arabo-israeliane Kennedy, Kruscev e la crisi dei missili La guerra del Vietnam Cenni sull Italia negli anni 60 L Insegnante Prof.ssa Laura Casaccia

20 Programma di matematica classe 5A, a.s. 2012/13 Le funzioni La definizione di funzione: funzioni iniettive, suriettive e biunivoche; il dominio di una funzione; il segno di una funzione; le funzioni pari e dispari; le funzioni periodiche; le funzioni monotone crescenti e decrescenti; le funzioni composte e le funzioni inverse. Limiti e continuità La definizione di limite; i limiti delle funzioni elementari; i teoremi di unicità, del confronto e di permanenza del segno; la classificazione delle forme di indecisione; il calcolo dei limiti e la risoluzione delle forme d indecisione; i limiti notevoli; la continuità di una funzione e la classificazione dei punti di discontinuità. Teoremi di Weierstrass, Darboux e degli zeri. Il calcolo differenziale Il rapporto incrementale ed il suo significato geometrico; la derivata ed il suo significato geometrico; la derivata destra e sinistra; la continuità e la derivabilità di una funzione; la derivata delle funzioni elementari; la derivata della somma e della differenza di due funzioni, la derivata del prodotto e del quoziente, la derivata della funzione composta e della funzione inversa, la derivata della funzione potenza ad esponente reale; la classificazione dei punti di non derivabilità: punti angolosi, cuspidi, flessi a tangente verticale; i teoremi di Fermat, Rolle, Lagrange e de l Hôpital e le relative applicazioni; Lo studio di funzione La descrizione di una funzione: simmetrie, periodicità, intersezione con gli assi, studio del segno, il dominio ed limiti agli estremi del dominio; la definizione di massimo e minimo assoluto e relativo; lo studio dei massimi e minimi di una funzione tramite la derivata prima; la definizione di concavità/convessità di una funzione; lo studio della concavità tramite la derivata seconda; la definizione di asintoto, la classificazione degli asintoti: orizzontali, verticali, obliqui; la determinazione degli asintoti obliqui. Studio degli zeri di una funzione mediante calcolo approssimato: il metodo delle tangenti. I problemi di massimo e minimo applicati alla geometria piana e solida. Il calcolo integrale L integrale definito ed il problema del calcolo delle aree di una figura piana a contorno curvilineo; la funzione integrale; il teorema di Torricelli-Barrow; il concetto di primitiva o integrale indefinito; le tecniche di calcolo degli integrali indefiniti: gli integrali elementari, l integrazione per parti, per sostituzione, gli integrali delle funzioni razionali fratte; il teorema del valor medio; il calcolo dell area sottesa da funzioni; il calcolo dei volumi dei solidi di rotazione e di solidi particolari; gli integrali impropri. Integrazione numerica: regola del rettangolo. Elementi di calcolo combinatorio Permetuazioni semplici e con ripetizione, disposizioni semplici e con ripetizione, combinazioni semplici, il binomio di Newton. Elementi di probabilità Definizione di probabilità a priori, a posteriori, soggettivista. Teoremi sulla probabilità. Probabilità condizionata e teorema di Bayes.

PROGRAMMA DI ITALIANO

PROGRAMMA DI ITALIANO LICEO SCIENTIFICO "A. EINSTEIN" ANNO SCOLASTICO 2012/2013 CLASSE V C Prof. Paolo Albergati PROGRAMMA DI ITALIANO Testo in adozione: G. Baldi, S. Giusso, M. Razetti, G. Zaccaria, La letteratura, Paravia,

Dettagli

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE 5 PASTICCERIA MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO Inquadramento storico culturale: la crisi del Positivismo La poesia simbolista in Francia. C. Baudelaire Da I Fiori

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino Anno Scolastico PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino 2012-2013 Classe: V D Sezione TURISTIC O Docente: Disciplina: Pericolosi Walter Italiano e storia Descrizione: PROGRAMMA DI ITALIANO Modulo 1 L età del

Dettagli

Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico e Liceo Scientifico V. Julia - Acri

Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico e Liceo Scientifico V. Julia - Acri Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico e Liceo Scientifico V. Julia - Acri PROGETTAZIONE DISCIPLINARE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 CLASSE _I SEZIONE A DISCIPLINA: SCIENZE DOCENTE: _DE TOMMASO MARIANGELA

Dettagli

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PROGRAMMA CONSUNTIVO Anno scolastico 2014-2015 MATERIA ITALIANO CLASSE 5 SEZIONE A Liceo scientifico opzione scienze applicate DOCENTE DOSSO BARBARA ORE DI LEZIONE 4 SETTIMANALI **************** OBIETTIVI

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5FSC Indirizzo:

Dettagli

... a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

... a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Docente: Nicoletta Antolini MODULO N. 1 (ritratto d autore) - ALESSANDRO MANZONI 1. ALESSANDRO MANZONI La vita Le opere: caratteri generali

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F

PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F LICEO SCIENTIFICO STATALE G. CASTELNUOVO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F Testi adottati: Corrado Bologna, Paola Rocchi, Rosa fresca aulentissima, ed.loescher (vol.4-5-6)

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5CSC Indirizzo:

Dettagli

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo PROGRAMMA MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo LIBRI DI TESTO ADOTTATI: G. Baldi, S Giusso, Il piacere dei testi, vol. 5 R, Luperini, P. Cataldi, Il nuovo la scrittura e l interpretazione - Volume

Dettagli

PROGRAMMA DI ITALIANO SVOLTO DALLA CLASSE 5ª B

PROGRAMMA DI ITALIANO SVOLTO DALLA CLASSE 5ª B LICEO SCIENTIFICO STATALE PIETRO SETTE SANTERAMO IN COLLE A.S. 2011/12 PROGRAMMA DI ITALIANO SVOLTO DALLA CLASSE 5ª B Libri di testo adottati: R. Luperini - P. Cataldi - L. Marchiani - F. Marchese, La

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta

I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta Anno scolastico 2013-14 classe V sez..a Prof. A. Rogai Programma di Italiano Modulo I: Tra Positivismo e Naturalismo Il Positivismo: un nuovo indirizzo di pensiero Il Naturalismo:

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE 74 XVII

LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE 74 XVII LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE Via Domenico Rossetti, 74 XVII Distretto Tel.: 040390202 Fax: 0409383360 e-mail: scrivici@liceopetrarcats.it Anno Scolastico 2010-2011 RELAZIONE

Dettagli

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo PROGRAMMA MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo LIBRI DI TESTO ADOTTATI: G. Baldi, S Giusso, La letteratura, vol. 4 R, Luperini, P. Cataldi, Il nuovo la scrittura e l interpretazione - Volumi 5 e 6

Dettagli

Istituto S. Giuliana Falconieri Classe II A Classico - Scientifico Programmazione didattica di Scienze A.S. 2012-2013

Istituto S. Giuliana Falconieri Classe II A Classico - Scientifico Programmazione didattica di Scienze A.S. 2012-2013 Istituto S. Giuliana Falconieri Classe II A Classico - Scientifico Programmazione didattica di Scienze A.S. 2012-2013 Obiettivi e finalità: Al termine del corso gli allievi dovranno essere in grado di:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Pag. 1 di 7 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Prof.ssa Paola VERGANI Materia MATEMATICA Classe V Sez. D ss Testi adottati: - Bergamini- Trifone- Barozzi Fondamenti di calcolo algebrico

Dettagli

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS 1 ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS SCANSIONE MODULARE DEL PERCORSO DIDATTICO Materia Italiano e Storia Modulo

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO " L. DA VINCI " Reggio Calabria PROGRAMMA di FISICA Classe II G Anno scolastico 2014/15 Docente: Bagnato Maria

LICEO SCIENTIFICO  L. DA VINCI  Reggio Calabria PROGRAMMA di FISICA Classe II G Anno scolastico 2014/15 Docente: Bagnato Maria LICEO SCIENTIFICO " L. DA VINCI " Reggio Calabria PROGRAMMA di FISICA Classe II G Anno scolastico 2014/15 Docente: Bagnato Maria La velocità Il punto materiale in movimento. I sistemi di riferimento. Il

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN.

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN. PIANO DI LAVORO DELLA DISCIPLINA: SCIENZE NATURALI CLASSI: QUINTE CORSO: LICEO SCIENTIFICO e CLASSICO AS 2014-2015 Moduli Libro Di Testo Competenze di base Abilità Conoscenze Disciplina Concorrenti Atomi,

Dettagli

Programma di Storia dell'arte Docente: Silvia Verga a.s. 2014/2015

Programma di Storia dell'arte Docente: Silvia Verga a.s. 2014/2015 Programma di Storia dell'arte Docente: Silvia Verga a.s. 2014/2015 Premessa metodologica L insegnamento della Storia dell Arte mira a fare conoscere le diverse forme espressive dell arte, la cui fruizione

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini Corsi di Studio: Amministrazione, Finanza e Marketing/IGEA- Costruzioni, Ambiente e Territorio/Geometra Liceo Linguistico/Linguistico Moderno -

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEI DOCENTI

PIANO DI LAVORO DEI DOCENTI PROGRAMMAZIONE PERCORSO FORMATIVO DISCIPLINARE A. S. 2009/2010 Fisica Classe quinta C liceo Ore annuali: DOCENTE: Giorgio Follo Obiettivi disciplinari Conoscenze Elettromagnetismo: teoria e semplici applicazioni.

Dettagli

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013 Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013 Prof.ssa Genoveffa Caliò Classe III B Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano Ascoltare in modo attivo e partecipe. L alunno comprende testi orali di

Dettagli

PROGRAMMA A.S. 2012/2013

PROGRAMMA A.S. 2012/2013 Istituto Tecnico Commerciale Statale Giuseppe Ginanni Via Carducci, 11, 48121 Ravenna Percorsi di studio: - Amministrazione Finanza e Marketing - Sistemi informativi aziendali - Turismo - Relazioni internazionali

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... SERVIZI SOCIO-SANITARI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... SERVIZI SOCIO-SANITARI 1 di 5 23/01/2015 12.36 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIO-SANITARI 1. QUINTO ANNO DISCIPLINA: Matematica DOCENTI : Provoli, Silva, Vassallo MODULI CONOSCENZE

Dettagli

PROGRAMMA di Storia dell Arte. Prof. Carlo Bianchi

PROGRAMMA di Storia dell Arte. Prof. Carlo Bianchi ESAMI DI STATO SESSIONE ORDINARIA 2012/2013 CLASSE V SEZIONE B. PROGRAMMA di Storia dell Arte Prof. Carlo Bianchi Libro/i di testo in adozione: Itinerario nell Arte. Autori: Cricco-Di Teodoro Editore:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2010/11 Docente: Antonio Gottardo Materia: Matematica Classe: 5BSo Liceo delle Scienze Sociali 1. Nel primo consiglio di classe sono stati definiti gli obiettivi

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO G. FERRARIS

LICEO SCIENTIFICO G. FERRARIS LICEO SCIENTIFICO G. FERRARIS Via Sorrisole, 6-21100 - VARESE Esami di stato conclusivi del corso di studi (Legge 425/97 - DPR 323/98 art. 5.2) DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE Documento predisposto dal

Dettagli

LICEO STATALE MARIE CURIE

LICEO STATALE MARIE CURIE Via Mons. Brioschi - 21049 (Va) - tel. 0331 842220 - Fax 0331 811080 FORMAT LICEO SCIENTIFICO Lingua e letteratura italiana CONTENUTI ESSENZIALI QUARTO ANNO Il Rinascimento: Torquato Tasso: La vita, le

Dettagli

I.I.S. "MARGHERITA DI SAVOIA" a.s. 20014-2015 LICEO LINGUISTICO classe I BL Programma di MATEMATICA

I.I.S. MARGHERITA DI SAVOIA a.s. 20014-2015 LICEO LINGUISTICO classe I BL Programma di MATEMATICA classe I BL Numeri naturali L insieme dei numeri naturali e le quattro operazioni aritmetiche. Le potenze. Espressioni. Divisibilità, numeri primi. M.C.D. e m.c.m. Numeri interi relativi L insieme dei

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA MATERIA: MATEMATICA PROFESSORE: ANNA ZUMMO CLASSE: IV sez. A informatica A.S.: 2014/2015 DATA: 30/10/2014 SOMMARIO

Dettagli

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA Allegato A Istituto paritario di Istruzione Secondaria Superiore Ivo de Carneri Civezzano Indirizzo I.T.A.S. indirizzo Biologico RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA A.S. 2010/2011 CLASSE 5 a Biologico

Dettagli

Programmi svolti nell anno scolastico 2014/15

Programmi svolti nell anno scolastico 2014/15 Disciplina d insegnamento/apprendimento EDUCAZIONE FISICA PEZZULLO GIOVANNI 1 Le prestazioni fisiche di resistenza, forza e velocità Metodologie semplici per l allenamento delle capacità condizionali di

Dettagli

GRIGLIA VALUTAZIONE PER DISCIPLINA SCIENZE CLASSE 3 a COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA DESCRITTORI di VOTO VOTO L energia

GRIGLIA VALUTAZIONE PER DISCIPLINA SCIENZE CLASSE 3 a COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA DESCRITTORI di VOTO VOTO L energia GRIGLIA VALUTAZIONE PER DISCIPLINA SCIENZE CLASSE 3 a COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA DESCRITTORI di VOTO VOTO L energia Lavoro, energia e calore. Calcolare lavoro, potenza ed energia Le forme dell energia.

Dettagli

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2014/2015. Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2014/2015. Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2014/2015 Prof.ssa Roberta Tadini Classe III B Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano ASCOLTARE IN MODO ATTIVO E PARTECIPE. L alunno comprende testi orali di

Dettagli

ISIS G. Tassinari a.s. 2015-2016. Programmazione di Matematica. Classe V I

ISIS G. Tassinari a.s. 2015-2016. Programmazione di Matematica. Classe V I ISIS G. Tassinari a.s. 2015-2016 Programmazione di Matematica Classe V I Prof.ssa C. Pirozzi Analisi della situazione di partenza La classe V sezione I è costituita da un gruppo di 16 allievi non sempre

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO ALBERT EINSTEIN Cervignano del Friuli CLASSE 5^ A PERCORSI DIDATTICI

LICEO SCIENTIFICO ALBERT EINSTEIN Cervignano del Friuli CLASSE 5^ A PERCORSI DIDATTICI LICEO SCIENTIFICO ALBERT EINSTEIN Cervignano del Friuli CLASSE 5^ A PERCORSI DIDATTICI Disciplina: LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Prof.ssa Giuseppina Gambin Anno Scolastico 2008/2009 PERCORSI FORMATIVI

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI. Scuola secondaria di 1 grado A. MANZONI

FONDAZIONE MALAVASI. Scuola secondaria di 1 grado A. MANZONI FONDAZIONE MALAVASI Scuola secondaria di 1 grado A. MANZONI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: STORIA DOCENTE: Luna Martelli CLASSE IV SEZ. ITTL A.S.2015 /2016 1. OBIETTIVI E COMPETENZE

Dettagli

Programmazione annuale docente classi 1^ - 2^ - 3^-4^

Programmazione annuale docente classi 1^ - 2^ - 3^-4^ Programmazione annuale docente classi 1^ - 2^ - 3^-4^ Docente Anna Maria Candiani Classe IV sez. A Indirizzo Sistemi informativi aziendali Materia di insegnamento Matematica Applicata Libro di testo Bergamini

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE NEL BIENNIO DELL OBBLIGO DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S.

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE NEL BIENNIO DELL OBBLIGO DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE NEL BIENNIO DELL OBBLIGO DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015 ASSE DISCIPLINA DOCENTE SCIENTIFICO TECNOLOGICO SCIENZE INTEGRATE

Dettagli

I.I.S. N. BOBBIO DI CARIGNANO - PROGRAMMAZIONE PER L A. S. 2014-15

I.I.S. N. BOBBIO DI CARIGNANO - PROGRAMMAZIONE PER L A. S. 2014-15 I.I.S. N. BOBBIO DI CARIGNANO - PROGRAMMAZIONE PER L A. S. 2014-15 DISCIPLINA: FISICA (Indirizzi scientifico e scientifico sportivo) CLASSE: QUARTA (tutte le sezioni) COMPETENZE DISCIPLINARI ABILITA CONTENUTI

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO MATERIA: MATEMATICA ANNO SCOLASTICO: 2014-2015 PROF: MASSIMO BANFI

Dettagli

M i n i s t e r o d e l l a P u b b l i c a I s t r u z i o n e ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE

M i n i s t e r o d e l l a P u b b l i c a I s t r u z i o n e ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA-INFORMATICA CLASSI QUINTE TECNICO DEI SERVIZI SOCIO SANITARI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1 FINALITÀ OBIETTIVI E COMPETENZE DELLA DISCIPLINA Il docente di Matematica concorre

Dettagli

Prof. Gabriele Vezzosi... Settore Inquadramento MAT03...

Prof. Gabriele Vezzosi... Settore Inquadramento MAT03... UNIVERSITÀ DEGLI STUDI Registro dell insegnamento Anno Accademico 2014/2015 Facoltà Ingegneria....................................... Insegnamento Matematica................................ Settore Mat03............................................

Dettagli

DIPARTIMENTO SCIENTIFICO

DIPARTIMENTO SCIENTIFICO DIPARTIMENTO SCIENTIFICO PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE DI MATEMATICA CLASSI QUINTE Anno scolastico 2015/2016 Ore di lezione previste nell anno: 165 (n. 5 ore sett. x 33 settimane) 1. FINALITÀ DELL INSEGNAMENTO

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. LICEO ARTISTICO Triennio Indirizzo: GRAFICA

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. LICEO ARTISTICO Triennio Indirizzo: GRAFICA SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE LICEO ARTISTICO Triennio Indirizzo: GRAFICA Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe 3 sezione U Data di approvazione 24 / 10 / 2012 PROFILO DELLA

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Secondo biennio: LINGUA E LETTERATURA ITALIANA a.s. 2015/16

Secondo biennio: LINGUA E LETTERATURA ITALIANA a.s. 2015/16 1 Secondo biennio: LINGUA E LETTERATURA ITALIANA a.s. 2015/16 Premessa: di seguito vengono presentate le competenze e i contenuti di riferimento per Lingua e letteratura italiana. Le competenze e i contenuti

Dettagli

Sezione Scientifica COMPOSIZIONE CONSIGLIO DI CLASSE

Sezione Scientifica COMPOSIZIONE CONSIGLIO DI CLASSE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE ALDO MORO Liceo Scientifico Istituto Tecnico Industriale Via Gallo Pecca n.4/6 10086 RIVAROLO CANAVESE Tel. 0124/45.45.11 - Cod. Fisc. 85502120018 E-mail: segreteria@istitutomoro.it

Dettagli

ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE ZENALE E BUTINONE

ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE ZENALE E BUTINONE pag.1 ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE ZENALE E BUTINONE Vale la pena di insegnare un argomento solo se si ritiene di poterlo approfondire ad un punto tale da poter formulare domande non banali con

Dettagli

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8 Libro misto DVD Atlante Storico Percorso di cittadinanza e Costituzione con testi integrali Materiali aggiuntivi per lo studio individuale immagini, carte, mappe concettuali RISORSE ONLINE Schede per il

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE 2014-15

DIPARTIMENTO DI SCIENZE 2014-15 DIPARTIMENTO DI SCIENZE 2014-15 LICEO CLASSICO E DELLE SCIENZE UMANE PLAUTO PREMESSA L insegnamento delle Scienze naturali ha il fine di far acquisire allo studente conoscenze disciplinari e metodologie

Dettagli

Programma delle singole materie

Programma delle singole materie Programma delle singole materie Materia: Storia dell'arte Anno scolastico 2011-2012 Libro di testo Comunicarte, Omar Calabrese, Ed. Le Monnier, (voll. 5 e 6) Altri strumenti didattici Proiettore; L.I.M.;

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA Pagina 1 di 6 Il profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale: I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE Anno Scolastico: 2014 / 2015 Dipartimento: MATEMATICA Coordinatore: TRIMBOLI SILVIA Classe: 4 Indirizzo: Istituto Tecnico per il Turismo orientamento sportivo Ore di insegnamento

Dettagli

I.I.S. MARGHERITA DI SAVOIA NAPOLI ANNO SCOLASTICO 2014/2015. CLASSE III SEZ. Ae INDIRIZZO LICEO ECONOMICO PROGRAMMA DI FISICA

I.I.S. MARGHERITA DI SAVOIA NAPOLI ANNO SCOLASTICO 2014/2015. CLASSE III SEZ. Ae INDIRIZZO LICEO ECONOMICO PROGRAMMA DI FISICA I.I.S. MARGHERITA DI SAVOIA NAPOLI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 CLASSE III SEZ. Ae INDIRIZZO LICEO ECONOMICO PROGRAMMA DI FISICA PROFESSORESSA: REGALBUTO PAOLA LE GRANDEZZE: LE GRANDEZZE FONDAMENTALI E DERIVATE,

Dettagli

Liceo Scientifico Galileo Galilei - Siena A.S. 2015-2016. Classi III B III E Docente Chiara Agostini Materia Filosofia. Piano di lavoro.

Liceo Scientifico Galileo Galilei - Siena A.S. 2015-2016. Classi III B III E Docente Chiara Agostini Materia Filosofia. Piano di lavoro. Liceo Scientifico Galileo Galilei - Siena A.S. 2015-2016 Classi III B III E Docente Chiara Agostini Materia Filosofia Piano di lavoro Settembre La nascita della filosofia : il contesto storico-culturale

Dettagli

FISICA E LABORATORIO

FISICA E LABORATORIO Programma di FISICA E LABORATORIO Anno Scolastico 2014-2015 Classe V P indirizzo OTTICO Docente Giuseppe CORSINO Programma di FISICA E LABORATORIO Anno Scolastico 2013-2014 Classe V P indirizzo OTTICO

Dettagli

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA SOMMARIO Laboratori Tecnologici ed Esercitazioni... 2 Lingua e Letteratura Italiana...

Dettagli

MATEMATICA Prof. ssa Monica Sambo

MATEMATICA Prof. ssa Monica Sambo MATEMATICA Prof. ssa Monica Sambo Nella classe vi sono delle differenze sul piano linguistico e nel possesso di contenuti ed abilità; la classe risulta sostanzialmente eterogenea con ottimi risultati per

Dettagli

Programmazione educativo-didattica del C.d.C.

Programmazione educativo-didattica del C.d.C. I.I.S. Federico II di Svevia Liceo Scientifico Opzione Scienze Applicate - - Melfi - Programmazione educativo-didattica del C.d.C. Classe V sez. AA a. s. 2015-16 La programmazione educativa e didattica

Dettagli

LICEO STATALE A.VOLTA COLLE DI VAL D ELSA PROGRAMMA DI FISICA SVOLTO NELLA CLASSE VA ANNO SCOLASTICO 2014/2015

LICEO STATALE A.VOLTA COLLE DI VAL D ELSA PROGRAMMA DI FISICA SVOLTO NELLA CLASSE VA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 LICEO STATALE A.VOLTA COLLE DI VAL D ELSA PROGRAMMA DI FISICA SVOLTO NELLA CLASSE VA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Insegnante: LUCIA CERVELLI Testo in uso: Claudio Romeni FISICA E REALTA Zanichelli Su alcuni

Dettagli

AUSILI DIDATTICI. OBIETTIVI EDUCATIVI e DIDATTICI TRASVERSALI

AUSILI DIDATTICI. OBIETTIVI EDUCATIVI e DIDATTICI TRASVERSALI Programmazione di Matematica Anno Scolastico 2015/2016 5ACAT IIS Cigna-Baruffi-Garelli 1) Contesto della classe: classe discretamente collaborativa e disciplinata. Non ho eseguito test di ingresso. 2)

Dettagli

I.I.S. "PAOLO FRISI"

I.I.S. PAOLO FRISI I.I.S. "PAOLO FRISI" Via Otranto angolo Cittadini, 1-20157 - MILANO www.ipsfrisi.it PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DI FISICA Anno Scolastico:2014-15 CLASSI TUTTE III, IV E V LICEO DOCENTE : _ Rinaldi.

Dettagli

PROGRAMMA EFFETTIVAMENTE SVOLTO DAL DOCENTE

PROGRAMMA EFFETTIVAMENTE SVOLTO DAL DOCENTE Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto d Istruzione Superiore Severi-Correnti IIS Severi-Correnti 02-318112/1 via Alcuino 4-20149 Milano 02-33100578 codice fiscale 97504620150

Dettagli

Allegato al documento di classe no. 1.6 RELAZIONE FINALE

Allegato al documento di classe no. 1.6 RELAZIONE FINALE Allegato al documento di classe no. 1.6 Docente Materia Classe Maria Stefania Strati Matematica P.N.I. 5D RELAZIONE FINALE 1. Considerazioni generali La classe ha avuto una stessa insegnante di matematica

Dettagli

CLASSE 3C ALGEBRA GONIOMETRIA GEOMETRIA GEOMETRIA NEL PIANO RECUPERO PROGRAMMA A.S. PRECEDENTE. CALORIMETRIA e TERMODINAMICA

CLASSE 3C ALGEBRA GONIOMETRIA GEOMETRIA GEOMETRIA NEL PIANO RECUPERO PROGRAMMA A.S. PRECEDENTE. CALORIMETRIA e TERMODINAMICA CLASSE 3C La programmazione didattica per le discipline Matematica e Fisica prevede i temi di seguito elencati. Sia le famiglie che gli alunni hanno quindi possono seguire l agenda dei lavori in classe

Dettagli

I.P.S.S.S. DE AMICIS ROMA

I.P.S.S.S. DE AMICIS ROMA I.P.S.S.S. DE AMICIS ROMA PROGRAMMAZIONE a.s. 2014 2015 MATERIA : ITALIANO CLASSE IV E Prof.ssa Gigliotti Ginestra ARGOMENTO I: IL SECOLO DEL BAROCCO: G.B. MARINO P. Calderon de La BARCA TOMMASO CAMPANELLA

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE PREMESSA GENERALE AI PROGRAMMI DI MATERIE LETTERARIE BIENNIO POST-QUALIFICA OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

Dettagli

Programmazione Disciplinare: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONE Classi: 3^-4^-5^

Programmazione Disciplinare: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONE Classi: 3^-4^-5^ Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Disciplinare: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONE Classi: 3^-4^-5^ I Docenti della Disciplina Salerno, lì 10/11 settembre 2013 Finalità

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA - BERGAMO. PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI DIPARTIMENTO ITALIANO TRIENNIO a.s. 2013-2014

LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA - BERGAMO. PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI DIPARTIMENTO ITALIANO TRIENNIO a.s. 2013-2014 LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA - BERGAMO PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI DIPARTIMENTO ITALIANO TRIENNIO a.s. 2013-2014 Nulla di sé e del mondo sa la generalità degli uomini se la letteratura non glielo

Dettagli

Matematica SECONDO BIENNIO NUOVO ORDINAMENTO I.T.Ag Noverasco PIANO DI LAVORO ANNUALE 2014/2015

Matematica SECONDO BIENNIO NUOVO ORDINAMENTO I.T.Ag Noverasco PIANO DI LAVORO ANNUALE 2014/2015 Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE ABBA - BALLINI Via Tirandi n. 3-25128 BRESCIA www.abba-ballini.gov.it tel. 030/307332-393363 - fax 030/303379

Dettagli

POF 2014-2015 CLIMA POSITIVO: PARTECIPAZIONE ATTIVA E COOPERATIVA APPRENDIMENTO SOCIALIZZATO: RELAZIONI CON ALTRI, CON I LIBRI, CON I MEDIA

POF 2014-2015 CLIMA POSITIVO: PARTECIPAZIONE ATTIVA E COOPERATIVA APPRENDIMENTO SOCIALIZZATO: RELAZIONI CON ALTRI, CON I LIBRI, CON I MEDIA ISTITUTO PARITARIO NAZARETH SCUOLA DELL INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA DI I GRADO - LICEI CLASSICO-LINGUISTICO-SCIENTIFICO POF 2014-2015 Il piano offerta formativa è il documento fondamentale che rappresenta

Dettagli

Liceo scientifico Albert Einstein. Anno scolastico 2009-2010. Classe V H. Lavoro svolto dalla prof.ssa Irene Galbiati. Materia: MATEMATICA

Liceo scientifico Albert Einstein. Anno scolastico 2009-2010. Classe V H. Lavoro svolto dalla prof.ssa Irene Galbiati. Materia: MATEMATICA Liceo scientifico Albert Einstein Anno scolastico 2009-2010 Classe V H Lavoro svolto dalla prof.ssa Irene Galbiati Materia: MATEMATICA PROGRAMMA DI MATEMATICA CLASSE V H Contenuti Ripasso dei prerequisiti

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012/2013

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012/2013 Liceo Scientifico Statale LEONARDO DA VINCI Via Cavour, 6 Casalecchio di Reno (BO) - Tel. 051/591868 051/574124 - Fax 051/6130834 C. F. 92022940370 E-mail: LSLVINCI@IPERBOLE.BOLOGNA.IT PROGRAMMA SVOLTO

Dettagli

LICEO STATALE TERESA CICERI COMO 11 settembre 2012 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI FISICA A. S. 2012/2013

LICEO STATALE TERESA CICERI COMO 11 settembre 2012 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI FISICA A. S. 2012/2013 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI FISICA A. S. 2012/2013 TRIENNIO BROCCA LICEO SOCIO PSICO - PEDAGOGICO TRIENNIO BROCCA LICEO LINGUISTICO FINALITA GENERALI Il Progetto Brocca individua le seguenti finalità

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Classe III D Prof. Claudio Mordenti

PROGRAMMA SVOLTO LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Classe III D Prof. Claudio Mordenti PROGRAMMA SVOLTO LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Classe III D Prof. Claudio Mordenti Il medioevo L evoluzione delle strutture politiche, sociali ed economiche Mentalità e visione del mondo La nascita delle

Dettagli

Testo in uso:b. Panebianco-C. Pisoni- L.Reggiani, TESTI E SCENARI, ed. Zanichelli

Testo in uso:b. Panebianco-C. Pisoni- L.Reggiani, TESTI E SCENARI, ed. Zanichelli Docente Materia Classe Taietta Paola Marina Italiano 5B Programmazione Consuntiva Anno Scolastico 2011/2012 Data 9/06/2012 Obiettivi Cognitivi Obiettivi Minimi Cognitivi Conoscere adeguatamente le regole

Dettagli

ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI L A N U S E I PROGETTO SIRIO PROGRAMMI PER L IDONEITA ALLA CLASSE QUINTA SIRIO

ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI L A N U S E I PROGETTO SIRIO PROGRAMMI PER L IDONEITA ALLA CLASSE QUINTA SIRIO ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI L A N U S E I PROGETTO SIRIO PROGRAMMI PER L IDONEITA ALLA CLASSE QUINTA SIRIO APPROVATI DAL COMITATO TECNICO SCIENTIFICO DEL PROGETTO SIRIO A.S. 2013/2014 I.T.G. LANUSEI

Dettagli

Attività didattiche Scuola Secondaria I grado

Attività didattiche Scuola Secondaria I grado 1 VISITA GUIDATE Attività didattiche Scuola Secondaria I grado Visita standard Gli studenti vengono condotti da un animatore scientifico in una visita ad alcune delle postazioni interattive del Museo.

Dettagli

PROGRAMMA DI ITALIANO

PROGRAMMA DI ITALIANO PROGRAMMA DI ITALIANO Istituto: LICEO SCIENTIFICO STATALE IPPOLITO NIEVO Anno scolastico: 2011-2012 Classe: V F Docente: Prof.ssa EMANUELA VIGNAGA Testi adottati: H. GROSSER, Il canone letterario - Il

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE Anno Scolastico: 2013 / 2014 Dipartimento: MATEMATICA Coordinatore: ROVETTA ROBERTA Classe: 5 Indirizzo: TECNICO DEI SERVIZI TURISTICI Ore di insegnamento settimanale:

Dettagli

Italiano Inglese. Arte e immagine. Storia Geografia. Scienze motorie e sportive. Matematica. Religione cattolica. Attività didattiche alternative

Italiano Inglese. Arte e immagine. Storia Geografia. Scienze motorie e sportive. Matematica. Religione cattolica. Attività didattiche alternative Italiano Inglese Storia Geografia Arte e immagine Scienze motorie e sportive Matematica Tecnologia e Informatica Musica Scienze Religione cattolica Attività didattiche alternative Convivenza civile: -Ed.

Dettagli

PROGRAMMA PREVENTIVO PREMESSA DISCIPLINARE

PROGRAMMA PREVENTIVO PREMESSA DISCIPLINARE COD. Progr.Prev. PAGINA: 1 PROGRAMMA PREVENTIVO A.S. 2014/15 SCUOLA LICEO LINGUISTICO A. MANZONI DOCENTE: CRISTINA FRESCURA MATERIA: FISICA Classe 5 Sezione B FINALITÀ DELLA DISCIPLINA PREMESSA DISCIPLINARE

Dettagli

DOCENTI : VINCENZI RICCARDO MATERIA: ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA A.S.: 2014-2015 CLASSE: 3 A-ET

DOCENTI : VINCENZI RICCARDO MATERIA: ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA A.S.: 2014-2015 CLASSE: 3 A-ET : VINCENZI RICCARDO MATERIA: ELETTROTECNICA ED ENZO LUCIO ELETTRONICA A.S.: 2014-2015 CLASSE: 3 A-ET Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si No Gli obiettivi disciplinari

Dettagli

Al Dirigente Scolastico dell I.T.S.T. F. Algarotti Venezia

Al Dirigente Scolastico dell I.T.S.T. F. Algarotti Venezia PIANO DI LAVORO ANNUALE Al Dirigente Scolastico dell I.T.S.T. F. Algarotti Venezia prof.ssa LAURA MARCHETTO Classe 3 sez. H MATEMATICA a.s 2014/15 B Obiettivi generali da raggiungere: Lo studente rispetti

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DELLA DISCIPLINA MATEMATICA Classi 1^ LICEO SCIENTIFICO opzione SCIENZE APPLICATE A.S. 2014/15

PIANO DI LAVORO ANNUALE DELLA DISCIPLINA MATEMATICA Classi 1^ LICEO SCIENTIFICO opzione SCIENZE APPLICATE A.S. 2014/15 Istituto di Istruzione Secondaria Superiore ETTORE MAJORANA 24068 SERIATE (BG) Via Partigiani 1 -Tel. 035-297612 - Fax 035-301672 e-mail: majorana@ettoremajorana.gov.it - sito internet: www.ettoremajorana.gov.it

Dettagli

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Anno scolastico 2011/12 Docente Ketti Demo Disciplina Storia Classe II Sezione A n. alunni 23 SITUAZIONE DI PARTENZA Livello della classe (indicare con X a sinistra):

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO LINGUISTICO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO LINGUISTICO http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 9 09/12/2013 10.06 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO LINGUISTICO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PRIMO BIENNIO

Dettagli

Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014

Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014 STRUTTURA DELLA CLASSE Alunni iscritti n. Alunni frequentanti n. Alunni ripetenti n. /. Alunni disabili n.. Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Classe 1 TIPOLOGIA

Dettagli

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15 CLASSE 5 a B Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Liceo Scientifico - Piano di studi Discipline 1 Biennio 2 Biennio 5

Dettagli

Anno Scolastico 2014-2015. INDIRIZZO: Manutenzione e assistenza tecnica DISCIPLINA: MATEMATICA. CLASSI: Terza Quarta Quinta

Anno Scolastico 2014-2015. INDIRIZZO: Manutenzione e assistenza tecnica DISCIPLINA: MATEMATICA. CLASSI: Terza Quarta Quinta ISTITUTO PROFESSIONALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO E. BERNARDI PADOVA Anno Scolastico 2014-2015 INDIRIZZO: Manutenzione e assistenza tecnica DISCIPLINA: MATEMATICA CLASSI: Terza Quarta Quinta Anno

Dettagli

Geologia Fisica (12 CFU, 42 ore di lezioni frontali + 72 ore di laboratorio)

Geologia Fisica (12 CFU, 42 ore di lezioni frontali + 72 ore di laboratorio) Università degli Studi di Catania Dipartimento di Scienze Biologiche, Geologiche e Ambientali (SBGA) Corso di Laurea in Scienze Geologiche Anno Accademico 2015/16 Geologia Fisica (12 CFU, 42 ore di lezioni

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico: 2013/2014 CLASSE 4 H LSA

PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico: 2013/2014 CLASSE 4 H LSA PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico: 2013/2014 CLASSE 4 H LSA MODULO n. 1 TITOLO: L ETA DELL ASSOLUTISMO ORE TOTALI: 12 PREREQUISITI MODULO Conoscere termini e concetti fondamentali del linguaggio

Dettagli

Programmazione didattica di Matematica a. s. 2015/2016 IV I

Programmazione didattica di Matematica a. s. 2015/2016 IV I ISIS Guido Tassinari Programmazione didattica di Matematica a. s. 2015/2016 IV I Prof.ssa Costigliola Analisi della situazione di partenza La classe IV sezione I è costituita da un gruppo di 21 allievi

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2007-2008 STORIA. Argomenti svolti con l uso degli appunti dell insegnante e del manuale in adozione:

PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2007-2008 STORIA. Argomenti svolti con l uso degli appunti dell insegnante e del manuale in adozione: Liceo T.L.Caro Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2007-2008 STORIA CLASSE IV BSO Insegnante:Guastella Egizia Argomenti svolti con l uso degli appunti dell insegnante e del manuale in adozione:

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO GUSPINI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PIANO DI LAVORO

ISTITUTO PROFESSIONALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO GUSPINI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PIANO DI LAVORO ISTITUTO PROFESSIONALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO GUSPINI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PIANO DI LAVORO MATERIA CLASSE INDIRIZZO DOCENTI TECNOLOGIE ELETTRICO-ELETTRONICHE E APPLICAZIONI III^B (Qualifica

Dettagli