La certificazione del professionista: ultimo atto della marcatura CE e della corretta installazione dei prodotti. Rimini 10 aprile 2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La certificazione del professionista: ultimo atto della marcatura CE e della corretta installazione dei prodotti. Rimini 10 aprile 2015"

Transcript

1 La certificazione del professionista: ultimo atto della marcatura CE e della corretta installazione dei prodotti Rimini 10 aprile 2015

2 DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE ALLA SCIA DM e modulistica di prevenzione incendi PRODOTTI ED ELEMENTI COSTRUTTIVI PORTANTI E/O SEPARANTI CLASSIFICATI AI FINI DELLA RESISTENZA AL FUOCO (CON ESCLUSIONE DELLE PORTE E DEGLI ELEMENTI DI CHIUSURA) CERT REI 2012 Certificazione di resistenza al fuoco di prodotti/elementi costruttivi in opera (con esclusione delle porte e degli elementi di chiusura) PRODOTTI E MATERIALI CLASSIFICATI AI FINI DELLA REAZIONE E DELLA RESISTENZA AL FUOCO E DISPOSITIVI DI APERTURA DELLE PORTE DICH PROD 2014 Dichiarazione inerente i prodotti impiegati ai fini della reazione e della resistenza al fuoco ed i dispositivi di apertura delle porte; DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ DM 37/2008 DICH IMP 2012 Dichiarazione di corretta installazione e funzionamento dell impianto (non ricadente nel campo di applicazione del D.M. 22/1/2008, n. 37) CERT IMP 2014 Certificazione di rispondenza e di corretto funzionamento dell impianto

3 RESISTENZA AL FUOCO Mod CERT REI 2012 CERTIFICAZIONE DI RESISTENZA AL FUOCO DI PRODOTTI/ELEMENTI COSTRUTTIVI IN OPERA (CON ESCLUSIONE DELLE PORTE E DEGLI ELEMENTI DI CHIUSURA) valutazione tabellare, sperimentale, analitica Professionista antincendio la certificazione si basa sulle reali caratteristiche riscontrate in opera; indicazioni su come ricondurre elementi costruttivi affini ad un unico elemento tipo; prospetto nel quale il professionista elenca gli allegati, consegnati al titolare dell attività, quali ad esempio relazioni di calcolo, rapporti di classificazione, rapporti di prova, fascicoli tecnici resi disponibili dai produttori etc.

4 L uso della modulistica Lettera circolare

5

6

7 PRODOTTI Mod DICH PROD 2014 DICHIARAZIONE INERENTE I PRODOTTI IMPIEGATI AI FINI DELLA REAZIONE E DELLA RESISTENZA AL FUOCO E I DISPOSITIVI DI APERTURA DELLE PORTE tecnico abilitato incaricato del coordinamento o direzione o sorveglianza dei lavori ovvero, in assenza delle figure suddette, da professionista antincendio Il professionista redige la dichiarazione dopo aver: - accertato che i prodotti impiegati in opera rispondono alle prestazioni richieste nel progetto approvato; - preso visione delle informazioni e delle procedure fornite dal fornitore/produttore; - verificata la corretta posa in opera degli stessi o direttamente o tramite l acquisizione di dichiarazioni di corretta posa redatte dagli installatori.

8 Documentazione da consegnare al titolare dell attività - dichiarazione di corretta posa in opera; unitamente a a) Prodotti omologati - dichiarazione di conformità b) Prodotti marcati CE - dichiarazione di prestazione (DoP) ai sensi del Regolamento Prodotti da Costruzione 305/2011; oppure - copia dell etichettatura o dichiarazione di conformità CE o certificazione di conformità CE ai sensi della direttiva Prodotti da Costruzione 89/106; c) Prodotti classificati per la reazione al fuoco non ricadenti nei casi a) e b) - copia del certificato dì prova ai sensi dell art 10 del D M. 26/06/1984 d) Prodotti non omologati e non marcati CE - rapporti di prova e/o rapporti di classificazione;

9 STABILISCE DISPOSIZIONI PER: - LA DESCRIZIONE DELLA PRESTAZIONE DEI PRODOTTI IN RELAZIONE ALLE LORO CARATTERISTICHE ESSENZIALI; - L'USO DELLA MARCATURA CE. CAMPO DI APPLICAZIONE «prodotto da costruzione», qualsiasi prodotto o kit fabbricato e immesso sul mercato per essere incorporato in modo permanente in opere di costruzione o in parti di esse e la cui prestazione incide sulla prestazione delle opere di costruzione rispetto ai requisiti di base delle opere stesse «opere di costruzione», gli edifici e le opere di ingegneria civile.

10 Direttiva prodotti da costruzione (CPD 89/106) Regolamento prodotti da costruzione (CPR 305/2011) entrato in vigore il 1 luglio 2013 CPD Requisiti essenziali Dichiarazione di conformità Benestare tecnico europeo (European technical approval) Linee guida per ETA (ETAG) CPR Requisiti di base Dichiarazione di prestazione DoP Valutazione tecnica europea (ETA - European Technical Assesment) Documento per la valutazione europea (EAD - European Assesment Document)

11

12 Regolamento prodotti da costruzione (CPR 305/2011) La marcatura CE rappresenta la conclusione di un iter armonizzato con cui, attraverso procedure di prova o di calcolo e di controllo della produzione, si valuta, si accerta, si garantisce e si dichiara la prestazione di un prodotto da costruzione. marcatura CE = valutazione e verifica della costanza della prestazione del prodotto (VVCP) secondo specifiche tecniche armonizzate La marcatura CE non attesta direttamente alcuna idoneità all uso del prodotto da costruzione. L idoneità dovrà essere valutata dall utilizzatore (progettista, direttore dei lavori etc.) e/o dall autorità di controllo sulla base delle prestazioni dichiarate in confronto a quelle richieste.

13 La MARCATURA CE è apposta sulla base di: - Norme Armonizzate (EN) adottate dal CEN/CENELEC a seguito di mandato della Commissione Europea - Valutazione Tecnica Europea (ETA - European Technical Assesment): valutazione della prestazione di un prodotto da costruzione, in relazione alle sue caratteristiche essenziali, effettuata in conformità al relativo Documento per la Valutazione Europea (EAD) Si applica ai prodotti non coperti o non interamente coperti da norma armonizzata

14 La valutazione tecnica europea (ETA CPR - European Technical Assesment) ha sostituito il benestare tecnico europeo (ETA CPD - European Technical Approval),. L ETA CPR viene rilasciato su richiesta del Produttore. I Documenti per la Valutazione Europea (EAD) sono adottati dai TAB (Technical Assessment Body) e a tutti gli effetti sono specifiche tecniche armonizzate. Prendono il posto delle linee guida (ETAG) e sono l unico riferimento che possono usare i TAB per il rilascio degli ETA.

15

16 In mancanza di specificazioni tecniche armonizzate, l impiego dei prodotti innovativi è consentito sulla base di: valutazione dei rischi eseguita da professionista, sulla base di certificazioni di prova rilasciate da organismi autorizzati a tal fine. Tali certificazioni di prova faranno riferimento a norme o specifiche tecniche nazionali, internazionali o, in assenza di queste, a specifiche adottate dal laboratorio di prova autorizzato. Il fabbricante metterà a disposizione documentazione tecnica, corredata di certificazioni di prova, attestante le caratteristiche del prodotto e le relative procedure di valutazione prestazionale, con particolare riferimento al comportamento al fuoco e alle eventuali limitazioni di utilizzo (lettera circolare del 19/11/2012 del Ministero dell Interno)

17 La Dichiarazione di Prestazione (DoP) sostituisce la Dichiarazione di Conformità Al contrario di quanto previsto dalla CPD, per cui la Dichiarazione di conformità rimane al fabbricante e le informazioni sul prodotto sono riportate unitamente alla marcatura CE apposta sul prodotto stesso la DoP è un documento che accompagna sempre il prodotto

18

19

20 di prova Le norme: di progettazione EN «Azioni sulle strutture Parte 1-2: Azioni sulle strutture esposte al fuoco» EN «Progettazione delle strutture di calcestruzzo Parte 1-2: Progettazione strutturale contro l incendio» EN «Progettazione delle strutture di acciaio Parte 1-2: Progettazione strutturale contro l incendio» EN «Progettazione delle strutture miste acciaio calcestruzzo Parte 1-2: Progettazione strutturale contro l incendio» EN «Progettazione delle strutture di legno Parte 1-2: Regole generali Progettazione strutturale contro l incendio» EN «Progettazione delle strutture di muratura Parte 1-2: Progettazione strutturale contro l incendio» EN «Progettazione delle strutture di alluminio Parte 1-2: Progettazione strutturale contro l incendio»

21 di classificazione di prodotto

22 Attenzione a: norme di prova: campo di diretta applicazione punto 13 norme di prodotto:annesso ZA (marcatura CE)

23 Il D.M. 16 febbraio 2007 Allegato B Fascicolo tecnico EXAP B.8 In caso di variazioni del prodotto o dell elemento costruttivo classificato, non previste dal campo di diretta applicazione del risultato di prova, il produttore è tenuto a predisporre un fascicolo tecnico contenente almeno la seguente documentazione: Il produttore è tenuto a conservare il fascicolo tecnico e a renderlo disponibile per il professionista che se ne avvale per la certificazione..

24 ESEMPI DI MARCATURA CE

25 Sistema Europeo di Classificazione della prestazione al fuoco dei prodotti da costruzione EUROCLASSI REAZIONE AL FUOCO RESISTENZA AL FUOCO RESISTENZA AL FUOCO DALL ESTERNO dei tetti I sistemi di euroclassificazione sostituiscono tutti i sistemi nazionali

26 CLASSI DI REAZIONE AL FUOCO EUROPEE TUTTI I PRODOTTI PAVIMENTI ISOLANTI LINEARI CAVI ELETTRICI CLASSE AGGIUNTIVA CLASSE AGGIUNTIVA CLASSE AGGIUNTIVA CLASSE AGGIUNTIVA A1 - A1 FL - A1 L - A CA - A2 PRODUZIONE FUMO (S1,S2,S3) GOCCIOLAMENTO A2 FL PRODUZION E FUMO (S1,S2,S3) A2 L PRODUZION E FUMO (S1,S2,S3) GOCCIOLAMENTO B1 CA B B FL B L B2 CA (d0, d1,d2) (d0, d1,d2) C C FL C L C CA D D FL D L D CA E F PRODUZIONE FUMO (S1,S2,S3) GOCCIOLAMENTO (d0, d1,d2) ACIDITA (a1, a2, a3) GOCCIOLAMENTO (d0, d1,d2) E FL E L GOCCIOLAMENTO (d0, d1,d2) E CA - NPD F FL NPD F L NPD F CA NPD

27 DM EUROCLASSI di reazione al fuoco ALLEGATO C elenco dei materiali da considerare come appartenenti alle classi A1 e A1fl senza dover essere sottoposti a prove elenchi dei prodotti e/o materiali da costruzione ai quali è attribuita senza dover essere sottoposti a prove PANNELLI A BASE DI LEGNO PANNELLI DI CARTONGESSO PANNELLI DECORATIVI LAMINATI PRODOTTI DI LEGNO DA COSTRUZIONE LEGNO LAMELLARE RIVESTIMENTI LAMINATI PER PAVIMENTAZIONI RIVESTIMENTI RESILIENTI PER PAVIMENTAZIONI RIVESTIMENTI TESSILI PER PAVIMENTAZIONI PAVIMENTAZIONI IN LEGNO PANNELLI E RIVESTIMENTI IN LEGNO MASSICCIO

28 CARATTERISTICHE CLASSI DI RESISTENZA AL FUOCO EUROPEE R Capacità portante P o PH Continuità di corrente o capacità di segnalazione E Tenuta G Resistenza all incendio della fuliggine I Isolamento K Capacità di protezione al fuoco W Irraggiamento D Durata della stabilità a temperatura costante M Azione meccanica DH Durata della stabilità lungo la curva standard C Dispositivo automatico di chiusura F Funzionalità degli evacuatori motorizzati di fumo e calore S Tenuta al fumo B Funzionalità degli evacuatori naturali di fumo e calore

29 RESISTENZA AL FUOCO DALL ESTERNO DEI TETTI UNI EN

30

31

32 SITO construction products - cpr elenco norme armonizzate data inizio periodo applicazione marcatura CE data fine periodo di coesistenza organismi notificati etags

33

34 OMOLOGAZIONE AUTORIZZAZIONE ALLA RIPRODUZIONE DEL PROTOTIPO PER LA UTILIZZAZIONE NELLE ATTIVITÀ SOGGETTE ALLE NORME DI PREVENZIONE INCENDI Ha validità 5 anni ed è rinnovabile alla scadenza su domanda del produttore. Decade automaticamente se il materiale subisce una qualsiasi modifica. MARCHIO DI CONFORMITÀ. indicazione apposta dal produttore sul materiale riportante: - nome od altro segno distintivo del produttore; - anno di produzione; - numero progressivo di matricola; - laboratorio e/o organismo di certificazione - classe di reazione al fuoco; classe di resistenza al fuoco - codice di omologazione DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ. DICHIARAZIONE DEL PRODUTTORE CON CUI ATTESTA LA CONFORMITÀ DEL MATERIALE AL PROTOTIPO OMOLOGATO. LIBRETTO DI INSTALLAZIONE, USO E MANUTENZIONE

35 REAZIONE AL FUOCO CERTIFICAZIONE AD HOC (art. 10 DM 26/06/1984) non ai fini dell omologazione per: Materiali già in opera Materiali per usi specifici Materiali per uso limitato nel tempo Materiali di limitata produzione Verbale di prelievo con indicazione del luogo di installazione ESEMPI DI PRODOTTI: reazione al fuoco: tendaggi, mobili imbottiti, prodotti vernicianti ignifughi, prodotti senza marcatura CE con euroclassi; resistenza al fuoco: porte antincendio

36 Reazione al fuoco sedia omologazione

37 RESISTENZA AL FUOCO PORTE OMOLOGAZIONE

38 Rapporto di classificazione di resistenza al fuoco secondo UNI EN

39

40 Reazione al fuoco pavimento con DoP

41

I MODELLI DI CERTIFICAZIONE DI RESISTENZA AL FUOCO

I MODELLI DI CERTIFICAZIONE DI RESISTENZA AL FUOCO I MODELLI DI CERTIFICAZIONE DI RESISTENZA AL FUOCO dott. ing. LUCA PONTICELLI C.N.VV.F. (Area V D.C.P.S.T.) Corso di aggiornamento in prevenzione incendi Prato, 24/06/2015 INQUADRAMENTO NORMATIVO DELLA

Dettagli

Antincendio: resistenza e reazione al fuoco di prodotti ed elementi costruttivi Verifiche e controlli del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco

Antincendio: resistenza e reazione al fuoco di prodotti ed elementi costruttivi Verifiche e controlli del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco Antincendio: resistenza e reazione al fuoco di prodotti ed elementi costruttivi Verifiche e controlli del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco Torino 23.10.2013 SCIA antincendio: adempimenti e verifiche

Dettagli

SEMINARIO LA SICUREZZA ANTINCENDIO L EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NEL SETTORE DELLA REAZIONE AL FUOCO

SEMINARIO LA SICUREZZA ANTINCENDIO L EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NEL SETTORE DELLA REAZIONE AL FUOCO DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA SEMINARIO LA SICUREZZA

Dettagli

La nuova modulistica per i procedimenti di Prevenzione Incendi

La nuova modulistica per i procedimenti di Prevenzione Incendi La nuova modulistica per i procedimenti di Prevenzione Incendi ing. Giampietro BOSCAINO Comando Provinciale VVF Taranto D.M.07/08/2012 - Con decreto del Direttore centrale per la prevenzione e sicurezza

Dettagli

FORUM DI PREVENZIONE INCENDI

FORUM DI PREVENZIONE INCENDI FORUM DI PREVENZIONE INCENDI MILANO 26 27 OTTOBRE 2011 Dalla direttiva Prodotti da Costruzione 89/106/CEE (CPD) al nuovo regolamento UE n. 305/2011 sui Prodotti da Costruzione (CPR) ARCH.. SERGIO SCHIAROLI

Dettagli

Qualificazione, Identificazione, Accettazione Ing. Massimo Pugliese e Ing. Fabio Pes - TUV Italia

Qualificazione, Identificazione, Accettazione Ing. Massimo Pugliese e Ing. Fabio Pes - TUV Italia Qualificazione, Identificazione, Accettazione Ing. Massimo Pugliese e Ing. Fabio Pes - TUV Italia costruire e rinnovare in modo sostenibile e sicuro 1 Obiettivi Travi PREM 2015 Evidenziare l impatto delle

Dettagli

SOLUZIONI FASSA BORTOLO PER LA PROTEZIONE PASSIVA DAL FUOCO:

SOLUZIONI FASSA BORTOLO PER LA PROTEZIONE PASSIVA DAL FUOCO: SOLUZIONI FASSA BORTOLO PER LA PROTEZIONE PASSIVA DAL FUOCO: Sistema cartongesso Gypsotech Dott. Vincenzo De Astis Responsabile Tecnico Sistema Cartongesso Rimini, 16 Marzo 2011 FASSA Un esperienza che

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA. LA PROTEZIONE PASSIVA: IL D.M. 16.02.2007 ANCE Cremona 9 MARZO 2012

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA. LA PROTEZIONE PASSIVA: IL D.M. 16.02.2007 ANCE Cremona 9 MARZO 2012 MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA LA PROTEZIONE PASSIVA: IL D.M. 16.02.2007 ANCE Cremona 9 MARZO 2012 Direttore Dott. Ing. Massimiliano RUSSO 1 INDICE n SICUREZZA IN

Dettagli

La nuova UNI EN 1090-1

La nuova UNI EN 1090-1 . Come identificarlo, certificarlo e controllarlo attraverso le NTC ed il nuovo CPR 305/2011 La nuova UNI EN 1090-1 Agrigento, 18 giugno 2014 Geom. Raffaello Dellamotta Tel. 0541-322.324 r.dellamotta@giordano.it

Dettagli

COI SISTEMI FASSA. Dott. Vincenzo De Astis Responsabile Tecnico Sistema Cartongesso. Milano, 26 Ottobre 2011

COI SISTEMI FASSA. Dott. Vincenzo De Astis Responsabile Tecnico Sistema Cartongesso. Milano, 26 Ottobre 2011 LA PROTEZIONE PASSIVA DAL FUOCO COI SISTEMI FASSA Dott. Vincenzo De Astis Responsabile Tecnico Sistema Cartongesso Milano, 26 Ottobre 2011 COMPORTAMENTO IN CASO DI INCENDIO La Prevenzione è una materia

Dettagli

LA REAZIONE AL FUOCO DEI MATERIALI

LA REAZIONE AL FUOCO DEI MATERIALI Ordine degli Ingegneri della provincia di Forlì- Cesena LA REAZIONE AL FUOCO DEI MATERIALI Euroclassi e marcatura CE 18 Novembre 2014 - Sala Conferenze Fiera di Forlì SEMINARIO TECNICO Gli incendi e la

Dettagli

LA REAZIONE AL FUOCO DEI MATERIALI

LA REAZIONE AL FUOCO DEI MATERIALI LA REAZIONE AL FUOCO DEI MATERIALI ISP. F. GALLO RSPP DTL MANTOVA ARGOMENTI DEFINIZIONE - PREMESSA LA REAZIONE AL FUOCO È DEFINITA COME GRADO DI PARTECIPAZIONE DI UN MATERIALE COMBUSTIBILE AL FUOCO AL

Dettagli

Come cambiano gli obblighi per le strutture metalliche a partire dal 1 luglio 2014

Come cambiano gli obblighi per le strutture metalliche a partire dal 1 luglio 2014 Regolamento (UE) n.305/11 e norme del gruppo EN1090 La Marcatura CE delle strutture metalliche alla luce delle Norme tecniche per le Costruzioni Firenze, 30/10/2014 Come cambiano gli obblighi per le strutture

Dettagli

Presidenza del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici Servizio Tecnico Centrale

Presidenza del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici Servizio Tecnico Centrale Presidenza del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici Servizio Tecnico Centrale PROCEDURA PER IL RILASCIO, DA PARTE DEL SERVIZIO TECNICO CENTRALE, DEL CERTIFICATO DI IDONEITÀ TECNICA ALL IMPIEGO, DI CUI

Dettagli

Reazione al fuoco dei materiali

Reazione al fuoco dei materiali Reazione al fuoco dei materiali Definizione Reazione al fuoco grado di partecipazione di un materiale combustibile al fuoco al quale è sottoposto. In relazione a ciò i materiali sono assegnati alle classi

Dettagli

IL D.M. 16/2/2007 E LE PRESTAZIONI DI RESISTENZA AL FUOCO DEI PRODOTTI. dott. ing. Luca Ponticelli C.N.VV.F.

IL D.M. 16/2/2007 E LE PRESTAZIONI DI RESISTENZA AL FUOCO DEI PRODOTTI. dott. ing. Luca Ponticelli C.N.VV.F. IL D.M. 16/2/07 E LE PRESTZIONI DI RESISTENZ L FUOCO DEI PRODOTTI dott. ing. Luca Ponticelli C.N.VV.F. CMPO DI PPLICZIONE Classificazione prodotti per r.a.f. Il D.M. 16/2/07 si applica ai prodotti ed agli

Dettagli

LA MARCATURA CE DEGLI AGGREGATI RICICLATI LA MARCATURA CE DEGLI AGGREGATI RICICLATI

LA MARCATURA CE DEGLI AGGREGATI RICICLATI LA MARCATURA CE DEGLI AGGREGATI RICICLATI LA MARCATURA CE DEGLI Ing. Antonio Bianco Direttore ABICert D.M. 14.01.2008 Capitolo 11 Contesto normativo nazionale I materiali e prodotti per uso strutturale devono essere: identificati univocamente

Dettagli

Nuove NTC-Regolamento 305/2011-Marcatura CE

Nuove NTC-Regolamento 305/2011-Marcatura CE Nuove NTC-Regolamento 305/2011-Marcatura CE WWW.PROMOZIONEACCIAIO.IT Ing. M.Antinori Responsabile Ufficio Tecnico Fondazione Promozione Acciaio ACCIAIO STRUTTURALE: La normativa in evoluzione Identificarlo,

Dettagli

Resistenza al fuoco di tetti a falda in legno

Resistenza al fuoco di tetti a falda in legno Resistenza al fuoco di tetti a falda in legno Prove di comportamento al fuoco di strutture edilizia isolate con schiume poliuretaniche Protezione passiva dal rischio incendi Come è noto per la valutazione

Dettagli

CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI PARMA IL D.M. 7/8/2012 E LA NUOVA MODULISTICA

CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI PARMA IL D.M. 7/8/2012 E LA NUOVA MODULISTICA CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI PARMA IL D.M. 7/8/2012 E LA NUOVA MODULISTICA Parma, 10 dicembre 2012 DVD ing. Annalicia Vitullo MODULISTICA STANDARDIZZATA

Dettagli

EN 14342:2005+A1:2008: Marcatura CE per PAVIMENTAZIONI IN LEGNO A partire da MARZO 2009 - Obbligatoria a partire da MARZO 2010

EN 14342:2005+A1:2008: Marcatura CE per PAVIMENTAZIONI IN LEGNO A partire da MARZO 2009 - Obbligatoria a partire da MARZO 2010 Iscritto all'albo professionale del collegio dei Periti Industriali di PU al n 293 via Calamone, 1-61025 Montelabbate (PU) Tel. - Fax.: +39 0721 472036 Direttiva 89/106/CEE PRODOTTI DA COSTRUZIONE EN 14342:2005+A1:2008:

Dettagli

LA MARCATURA CE DEI COMPONENTI METALLICI STRUTTURALI IN ACCORDO ALLA NORMA EN 1090-1

LA MARCATURA CE DEI COMPONENTI METALLICI STRUTTURALI IN ACCORDO ALLA NORMA EN 1090-1 LA MARCATURA CE DEI COMPONENTI METALLICI STRUTTURALI IN ACCORDO ALLA NORMA RINA Services S.p.A. LA MARCATURA CE DEI COMPONENTI METALLICI STRUTTURALI IN ACCORDO ALLA NORMA 1. Il panorama normativo: opere

Dettagli

UNI EN 14351-1: Marcatura CE per PORTE E FINESTRE ESTERNE A partire da febbraio 2007 - Obbligatoria a partire da Febbraio 2009

UNI EN 14351-1: Marcatura CE per PORTE E FINESTRE ESTERNE A partire da febbraio 2007 - Obbligatoria a partire da Febbraio 2009 Iscritto all'albo professionale del collegio dei Periti Industriali di PU al n 293 via Calamone, 1-61025 Montelabbate (PU) Tel. - Fax.: +39 0721 472036 Direttiva 89/106/CEE PRODOTTI DA COSTRUZIONE UNI

Dettagli

IL LEGNO: REAZIONE AL FUOCO

IL LEGNO: REAZIONE AL FUOCO PREMESSA Il legno è un materiale che, impiegato nelle costruzioni con diverse finalità (ad es. strutturali, decorativi o di arredamento ecc.), ha sempre posto il problema della sua combustibilità, intesa

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

Prevenzione Incendi L APPROCCIO PRESTAZIONALE

Prevenzione Incendi L APPROCCIO PRESTAZIONALE Prevenzione Incendi LA NUOVA NORMATIVA IN MATERIA DI RESISTENZA AL FUOCO DELLE COSTRUZIONI E DI CLASSIFICAZIONE AI FINI DELLA RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE L APPROCCIO PRESTAZIONALE I REQUISITI DELLE

Dettagli

Soluzioni per la protezione passiva con i sistemi in lastre

Soluzioni per la protezione passiva con i sistemi in lastre Soluzioni per la protezione passiva con i sistemi in lastre il corretto uso dei rapporti di prova europei e del relativo fascicolo tecnico. Funzione tecnico-commerciale Ing. ZAMUNER Edoardo D.M. 16 febbraio

Dettagli

LA MARCATURA CE (1) La Direttiva 89/106/CE (Direttiva sui Prodotti da Costruzione) Requisiti Essenziali

LA MARCATURA CE (1) La Direttiva 89/106/CE (Direttiva sui Prodotti da Costruzione) Requisiti Essenziali LA MARCATURA CE (1) La Direttiva 89/106/CE (Direttiva sui Prodotti da Costruzione) Requisiti Essenziali 1. Resistenza meccanica e stabilità; 2. Sicurezza in caso di incendio; 3. Igiene, salute e ambiente;

Dettagli

La marcatura CE dei prodotti e le responsabilita dei professionisti. Forli 18 novembre 2014

La marcatura CE dei prodotti e le responsabilita dei professionisti. Forli 18 novembre 2014 La marcatura CE dei prodotti e le responsabilita dei professionisti Forli 18 novembre 2014 DPR 28 12 2000 n. 445 Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione

Dettagli

CERTIFICAZIONI E DICHIARAZIONI DI PREVENZIONE INCENDI

CERTIFICAZIONI E DICHIARAZIONI DI PREVENZIONE INCENDI CERTIFICAZIONI E DICHIARAZIONI DI PREVENZIONE INCENDI (ALLEGATO II al DM 7.8.2012- CERTIFICAZIONI E DICHIARAZIONI A CORREDO DELLA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA ) 1 INTRODUZIONE... 3 L ALLEGATO

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO 2010 TIPO_1: INCONTRI INFORMATIVI

PROGETTO FORMATIVO 2010 TIPO_1: INCONTRI INFORMATIVI PROGETTO FORMATIVO 2010 TIPO_1: INCONTRI INFORMATIVI DESCRIZIONE SINTETICA ARGOMENTI INCONTRI: 1a 1b 1c 1d 1e reti idranti Componenti reti idranti: scelta, utilizzo e manutenzione UNI 10779 2007 estintori

Dettagli

Reg. 305/2011/UE: il nuovo sistema per la marcatura CE dei prodotti per le costruzioni in vigore dal 1 luglio 2013

Reg. 305/2011/UE: il nuovo sistema per la marcatura CE dei prodotti per le costruzioni in vigore dal 1 luglio 2013 Reg. 305/2011/UE: il nuovo sistema per la marcatura CE dei prodotti per le costruzioni in vigore dal 1 luglio 2013 Ing. Davide Babbini www.artea.it OBIETTIVO Il Regolamento 305/2011 (CPR, art. 1), che

Dettagli

IL NUOVO REGOLAMENTO PER I PRODOTTI DA COSTRUZIONE 305/2011: COSA CAMBIA PER I SERRAMENTISTI? Relatore: Ing. Sergio Botta STUDIO BOTTA & ASSOCIATI

IL NUOVO REGOLAMENTO PER I PRODOTTI DA COSTRUZIONE 305/2011: COSA CAMBIA PER I SERRAMENTISTI? Relatore: Ing. Sergio Botta STUDIO BOTTA & ASSOCIATI IL NUOVO REGOLAMENTO PER I PRODOTTI DA COSTRUZIONE 305/2011: COSA CAMBIA PER I SERRAMENTISTI? Relatore: Ing. Sergio Botta STUDIO BOTTA & ASSOCIATI INDICE [1] LA MARCATURA CE: CONTESTO LEGISLATIVO E NORMATIVO

Dettagli

Verona 09.03.07 Marcatura CE Procedura di certificazione

Verona 09.03.07 Marcatura CE Procedura di certificazione Istituto per la Tecnologia delle Costruzioni Verona 09.03.07 Marcatura CE Procedura di certificazione Luisa Morfini Antonio Bonati Giovanni Cavanna gli argomenti che verranno trattati il quadro di riferimento

Dettagli

[Come riconoscere una porta tagliafuoco]

[Come riconoscere una porta tagliafuoco] Come riconoscere una porta tagliafuoco Il problema è : come avere una prova che il serramento sia stato,al tempo della sua produzione e messa in opera, attestato per il requisito di resistenza al fuoco,

Dettagli

Evoluzione normativa dalla CPD (Direttiva 89/106/CEE) al CPR (Regolamento n. 305/2011/UE) e al Regolamento Delegato (UE) n.

Evoluzione normativa dalla CPD (Direttiva 89/106/CEE) al CPR (Regolamento n. 305/2011/UE) e al Regolamento Delegato (UE) n. Evoluzione normativa dalla CPD (Direttiva 89/106/CEE) al CPR (Regolamento n. 305/2011/UE) e al Regolamento Delegato (UE) n. 157/2014 Ing. Lorenzo Bari Bari, 26 settembre 2014 MARCATURA CE Contesto legislativo

Dettagli

GUIDA ALLA MARCATURA CE PER IL COSTRUTTORE DI SERRAMENTI BUROCRAZIA FACILE

GUIDA ALLA MARCATURA CE PER IL COSTRUTTORE DI SERRAMENTI BUROCRAZIA FACILE GUIDA ALLA MARCATURA CE PER IL COSTRUTTORE DI SERRAMENTI BUROCRAZIA FACILE BROCHURE_CE_A4.indd pagina:2 17/07/13 16:43 Techne Media Agency INDICE Che cos e la marcatura ce?... pag. 03 a. definire i prodotti

Dettagli

Le certificazioni, la dichiarazione di prestazioni, la marcatura CE. Dario Agalbato, Direttore IGQ, Presidente GNB CPR

Le certificazioni, la dichiarazione di prestazioni, la marcatura CE. Dario Agalbato, Direttore IGQ, Presidente GNB CPR Le certificazioni, la dichiarazione di prestazioni, la marcatura CE Dario Agalbato, Direttore IGQ, Presidente GNB CPR Il Regolamento prodotti da costruzione «EVOLUTION NOT REVOLUTION» 2 CPD CPR (1) La

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO

SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO (Norme di Riferimento: UNI EN ISO 9001:00 ) Viale C. Castracani, 55 55100 Lucca tel.: 0583.464482 464536 Web: www.cartesiostudio.it e-mail: info@cartesiostudio.it Marcatura

Dettagli

ACCIAI PER STRUTTURE METALLICHE E STRUTTURE COMPOSTE

ACCIAI PER STRUTTURE METALLICHE E STRUTTURE COMPOSTE ACCIAI PER STRUTTURE METALLICHE E STRUTTURE COMPOSTE Documentazione di conformità secondo le nuove Norme Tecniche delle Costruzioni (DM 14 Gennaio 2008) Ing. Lorenzo Di Gregorio PRESIDER Srl Bastia Umbra,

Dettagli

Trasporti: politiche, qualità e soluzioni

Trasporti: politiche, qualità e soluzioni Ordine degli Ingegneri della Provincia di Palermo con il patrocinio di AICQ Sicilia Trasporti: politiche, qualità e soluzioni Palermo, 14-02-2014 IL CONTROLO DELLA QUALITA NELLA REALIZZAZIONE DELLE INFRASTRUTTURE

Dettagli

LE NORMATIVE EUROPEE E LA LORO VALENZA LE NORME DI BUONA TECNICA LE DIRETTIVE DI PRODOTTO

LE NORMATIVE EUROPEE E LA LORO VALENZA LE NORME DI BUONA TECNICA LE DIRETTIVE DI PRODOTTO LE NORMATIVE EUROPEE E LA LORO VALENZA LE NORME DI BUONA TECNICA LE DIRETTIVE DI PRODOTTO Trento 08 aprile 2010 stefano@armprocess.com - www.armprocess.com N 1 / 39 DEFINIZIONI conformità: Soddisfacimento

Dettagli

Prodotti prefabbricati strutturali. 1 Bergamo, 09 Giugno 2011

Prodotti prefabbricati strutturali. 1 Bergamo, 09 Giugno 2011 Prodotti prefabbricati strutturali. Ing. Arch. Gianpiero Montalti Sezione Solai e Doppia Lastra Bergamo 09 Giugno 2011 1 Contenuti della presentazione Inquadramento legislativo Prodotti soggetti a Marcatura

Dettagli

MARCATURA CE CONGLOMERATI BITUMINOSI

MARCATURA CE CONGLOMERATI BITUMINOSI MARCATURA CE CONGLOMERATI BITUMINOSI COS E LA MARCATURA CE? La marcatura CE, é il principale indicatore della conformità di un prodotto alle normative UE e ne consente la libera commercializzazione entro

Dettagli

Il legno e il fuoco C I principi della protezione antincendio e la legislazione vigente

Il legno e il fuoco C I principi della protezione antincendio e la legislazione vigente I corsi promo_legno (7 ottobre 2004) - 1 - I corsi promo_legno (7 ottobre 2004) - 2 - I corsi promo_legno (7 ottobre 2004) - 3 - Protezione antincendio del legno - obiettivi e strumenti La resistenza al

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA SOMMINISTRAZIONE TEMPORANEA DI ALIMENTI E BEVANDE - allestimenti temporanei - CAPES10C.rtf - (06/2012) RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA TIPO DI MANIFESTAZIONE ED UBICAZIONE Descrizione sommaria: Gli spazi

Dettagli

LA PROGETTAZIONE DI STRUTTURE PREFABBRICATE SECONDO I DD.MM. 16.02.2007 09.03.2007

LA PROGETTAZIONE DI STRUTTURE PREFABBRICATE SECONDO I DD.MM. 16.02.2007 09.03.2007 CONSULTA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO ORDINI E COLLEGI PROFESSIONI TECNICHE DEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI TREVISO TREVISO incede per ignes CO N V E G N O PRESTAZIONI DEGLI EDIFICI E RESISTENZA

Dettagli

Day training Prodotti siderurgici: - elenco norme armonizzate - marcatura CE - CPD e requisiti NTC - trasporto acque in collaborazione con

Day training Prodotti siderurgici: - elenco norme armonizzate - marcatura CE - CPD e requisiti NTC - trasporto acque in collaborazione con Unsider -ENTE ITALIANO DI UNIFICAZIONE SIDERURGICA - FEDERATO ALL UNI e-mail segreteria@unsider.it www.unsider.it Day training Prodotti siderurgici: - elenco norme armonizzate - marcatura CE - CPD e requisiti

Dettagli

I futuri obblighi di marcatura dei manufatti Dalla Iso3834 alla EN 1090

I futuri obblighi di marcatura dei manufatti Dalla Iso3834 alla EN 1090 Seminario: Elementi strutturali in acciaio; I futuri obblighi di marcatura dei manufatti Dalla Iso3834 alla EN 1090 Relatore: Ing. Filippo Lago Certification Product Manager Distretto Nord est RINA Services

Dettagli

i rapporti di classificazione Dossier/16034 Chiusure tagliafuoco e tagliafumo 416 NUOVAFINESTRA www.guidafinestra.it

i rapporti di classificazione Dossier/16034 Chiusure tagliafuoco e tagliafumo 416 NUOVAFINESTRA www.guidafinestra.it 68 Dossier/16034 Chiusure tagliafuoco e taglia El2-C5-Sa: tutto chiaro? La nuova norma di prodotto per porte e finestre con proprietà tagliafuoco e taglia EN 16034 entra in vigore a partire dal 01.12.2015,

Dettagli

Metti a fuoco la tua professionalità! Il processo tecnico normativo nell ambito dell evacuazione fumi e calore. Le più recenti novità

Metti a fuoco la tua professionalità! Il processo tecnico normativo nell ambito dell evacuazione fumi e calore. Le più recenti novità Metti a fuoco la tua professionalità! Il processo tecnico normativo nell ambito dell evacuazione fumi e calore. Le più recenti novità Ing. GIUSEPPE GIUFFRIDA ZENITAL Associazione italiana sistemi di illuminazione

Dettagli

FORUM PREVENZIONE INCENDI 2008

FORUM PREVENZIONE INCENDI 2008 Roma 18/06/08 FORUM PREVENZIONE INCENDI 2008 Relatore: dott. Matteo Filippin Starkem : la protezione dal fuoco certificata MISSION AZIENDALE RICERCA CONTINUA DI PRODOTTI INNOVATIVI, A BASSO IMPATTO AMBIENTALE

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA PREMESSA... 3 DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO... 3 DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 4 OPERE CIVILI... 6 NORME DI RIFERIMENTO... 8 NORME RELATIVE ALLA SICUREZZA ED ALLA PREVENZIONE INCENDI... 8 NORME RELATIVE

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI CAMBIA

LA PREVENZIONE INCENDI CAMBIA LA PREVENZIONE INCENDI CAMBIA D.P.R. 01 agosto 2011, n. 151 NORMATIVA E PROCEDURE La nuova normativa e le procedure per la prevenzione incendi e in particolare l arrivo della cosi detta Scia, segnano un

Dettagli

1. PROCEDURE PER IL RILASCIO DEL BENESTARE ALLA SINGOLA INSTALLAZIONE

1. PROCEDURE PER IL RILASCIO DEL BENESTARE ALLA SINGOLA INSTALLAZIONE ALL. A 1. PROCEDURE PER IL RILASCIO DEL BENESTARE ALLA SINGOLA INSTALLAZIONE Per ottenere il rilascio del benestare alla singola installazione di un sipario di sicurezza, il produttore deve inoltrare al

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA PREMESSA...3 DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO... 3 DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 4 OPERE CIVILI...6 NORME DI RIFERIMENTO...7 NORME RELATIVE ALLA SICUREZZA ED ALLA PREVENZIONE INCENDI... 7 NORME RELATIVE

Dettagli

Qualità e certificazioni

Qualità e certificazioni 13 Qualità e certificazioni 13.1 La certificazione di qualità La qualità è intesa come l insieme delle caratteristiche di un entità materiale (prodotto) o immateriale (servizio) che le conferiscono la

Dettagli

Ing. Emanuele RENZI Dirigente delle Divisione IV del Servizio Tecnico Centrale Consiglio Superiore dei LL.PP.

Ing. Emanuele RENZI Dirigente delle Divisione IV del Servizio Tecnico Centrale Consiglio Superiore dei LL.PP. FONDAZIONE DELL ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI MILANO Seminario di aggiornamento in collaborazione con IL CONTROLLO DEI PRODOTTI DA COSTRUZIONE PER USO STRUTTURALE MARCATURA CE - Regolamento

Dettagli

ALLEGATO DOCUMENTAZIONE TECNICA

ALLEGATO DOCUMENTAZIONE TECNICA ALLEGATO DOCUMENTAZIONE TECNICA LOCALI FISSI CON CAPIENZA PARI O INFERIORE A 200 PERSONE DOMANDA DI PARERE PREVENTIVO Tutti i documenti allegati alla richiesta devono essere in originale od in copia autenticata

Dettagli

Marcatura CE. Controllo di produzione in fabbrica - FPC. Segnaletica stradale. Caratteristiche energetiche prodotti per edilizia

Marcatura CE. Controllo di produzione in fabbrica - FPC. Segnaletica stradale. Caratteristiche energetiche prodotti per edilizia ICMQ Certificazioni e controlli per le costruzioni La certificazione dei prodotti Le tipologie di certificazione rilasciate da ICMQ riguardano sia le certificazioni cogenti, cioè obbligatorie secondo la

Dettagli

Marcatura CE Cancelli

Marcatura CE Cancelli SB studio www.essebistudio.com www.marcatura-ce-cancelli.com Marcatura CE Cancelli SB studio di Bertolo Sergio Borgo Treviso 152/C 31033 Castelfranco Veneto TV Direttiva Prodotti da Costruzione CPD 89/106/CEE

Dettagli

ORDINE ARCHITETTI PPC PROVINCIA VARESE

ORDINE ARCHITETTI PPC PROVINCIA VARESE ORDINE ARCHITETTI PPC PROVINCIA VARESE organizza in collaborazione con PRO FIRE ENTE ACCREDITATO Corso tecnico di aggiornamento in materia di prevenzione Incendi Art. 7 D.M. 05/08/2011 AUTORIZZAZIONE IN

Dettagli

SPEAKER: Marco Antonelli. PROMAT S.p.A. s.u. Head of Product Managers Team Responsabile relazioni esterne

SPEAKER: Marco Antonelli. PROMAT S.p.A. s.u. Head of Product Managers Team Responsabile relazioni esterne Monza 13/03/2015 SPEAKER: Marco Antonelli Head of Product Managers Team Responsabile relazioni esterne PROMAT S.p.A. s.u. C.so Paganini 39/3 16125 Genova Tel 010.24.88.411 Fax 010.213768 www.promat.it

Dettagli

Dichiarazione di Prestazione

Dichiarazione di Prestazione Dichiarazione di Prestazione Scarpa d Ancoraggio Interno via Trieste, 1 San Giovanni al Natisone (UD) Italy - ph. +39 0432 747911 www.friulsider.com - info@friulsider.com 1. Identificazione del Prodotto:

Dettagli

SPEAKER: Marco Antonelli. Prato 26/03/2015. PROMAT S.p.A. s.u. Head of Product Managers Team Responsabile relazioni esterne

SPEAKER: Marco Antonelli. Prato 26/03/2015. PROMAT S.p.A. s.u. Head of Product Managers Team Responsabile relazioni esterne Prato 26/03/2015 SPEAKER: Marco Antonelli Head of Product Managers Team Responsabile relazioni esterne PROMAT S.p.A. s.u. C.so Paganini 39/3 16125 Genova Tel 010.24.88.411 Fax 010.213768 www.promat.it

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI PISTOIA. Seminario di aggiornamento professionale. Pistoia, 30 novembre 2012

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI PISTOIA. Seminario di aggiornamento professionale. Pistoia, 30 novembre 2012 ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI PISTOIA Seminario di aggiornamento professionale Protezione passiva dal fuoco di elementi strutturali Pistoia, 30 novembre 2012 "Dal progetto alla certificazione

Dettagli

IL RUOLO DELL ENTE DI CERTIFICAZIONE NELLE COSTRUZIONI SOSTENIBILI

IL RUOLO DELL ENTE DI CERTIFICAZIONE NELLE COSTRUZIONI SOSTENIBILI FORUM DELLE TECNOLOGIE III SESSIONE IL RUOLO DELL ENTE DI CERTIFICAZIONE Ing. Massimo De Vincentiis La normativa di riferimento: il quadro normativo nazionale ed europeo Il Regolamento (UE) n. 305/2011

Dettagli

LE STRUTTURE DI CARPENTERIA METALLICA: DALLA DIRETTIVA PRODOTTI DA COSTRUZIONE ALLE NORME EN 1090

LE STRUTTURE DI CARPENTERIA METALLICA: DALLA DIRETTIVA PRODOTTI DA COSTRUZIONE ALLE NORME EN 1090 LE STRUTTURE DI CARPENTERIA METALLICA: DALLA DIRETTIVA PRODOTTI DA COSTRUZIONE ALLE NORME EN 1090 COME DEVONO OPERARE LE OFFICINE DI FABBRICAZIONE DI PRODOTTI METALLICI CHE DEVONO ESSERE INCORPORATE IN

Dettagli

Marcatura CE e quadro normativo per serramenti e pavimenti di legno. ing. Rita D Alessandro Ufficio Normative EdilegnoArredo/FederlegnoArredo

Marcatura CE e quadro normativo per serramenti e pavimenti di legno. ing. Rita D Alessandro Ufficio Normative EdilegnoArredo/FederlegnoArredo Marcatura CE e quadro normativo per serramenti e pavimenti di legno BOIS LAB Workshop Torino, 21 maggio 2010 ing. Rita D Alessandro Ufficio Normative EdilegnoArredo/FederlegnoArredo Direttiva Prodotti

Dettagli

Obbligo Di marcatura CE dei componenti del calcestruzzo. Obbligo di certificazione FPC per gli impianti di betonaggio. Responsabilità del Direttore

Obbligo Di marcatura CE dei componenti del calcestruzzo. Obbligo di certificazione FPC per gli impianti di betonaggio. Responsabilità del Direttore Obbligo Di marcatura CE dei componenti del calcestruzzo. Obbligo di certificazione FPC per gli impianti di betonaggio. Responsabilità del Direttore dei Lavori e del Collaudatore secondo il D.M. 14/01/2008

Dettagli

Presidenza del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici Servizio Tecnico Centrale

Presidenza del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici Servizio Tecnico Centrale Presidenza del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici Servizio Tecnico Centrale Linee Guida per la certificazione dell idoneità tecnica all impiego di materiali e prodotti innovativi in legno per uso

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NEGLI EDIFICI IN LEGNO

LA PREVENZIONE INCENDI NEGLI EDIFICI IN LEGNO LA PREVENZIONE INCENDI NEGLI EDIFICI IN LEGNO VALORIZZAZIONE DELLA RISORSA LEGNO NELL AMBITO DELLE COSTRUZIONI ATTRAVERSO L INDIVIDUAZIONE DI MODALITA PER IL RAGGIUNGIMENTO DI ELEVATI STANDARD DI SICUREZZA

Dettagli

Il fissaggio mediante ancoranti chimici o meccanici

Il fissaggio mediante ancoranti chimici o meccanici Il fissaggio mediante ancoranti chimici o meccanici Hilti. Passione. Performance. 1 Agenda 1. Campi di applicazione 2. Principi di funzionamento 3. Inquadramento normativo e metodo di calcolo 4. Fattori

Dettagli

MARCATURA CE (prodotti da costruzione) Direttiva europea 89/106/CE.

MARCATURA CE (prodotti da costruzione) Direttiva europea 89/106/CE. La Marcatura CE Normativa UNI EN 13659 MARCATURA CE (prodotti da costruzione) Direttiva europea 89/106/CE. Dal 2 Aprile 2006 è in vigore l'obbligo di Marcatura CE per tutte le chiusure oscuranti (persiane,

Dettagli

Dal Benestare alla Valutazione Tecnica Europea Roma 11/12/13 - Il ruolo di ITC CNR nel rilascio di un ETA Luisa Morfini

Dal Benestare alla Valutazione Tecnica Europea Roma 11/12/13 - Il ruolo di ITC CNR nel rilascio di un ETA Luisa Morfini Terminologia Terminologia Nuova definizione estesa prima del 01.07.13 dopo il 01.07.13 CPD CPR Construction Product Regulation EOTA EOTA European Organization for Technical Assessment AB TAB Technical

Dettagli

DICHIARA LA CORRETTA POSA IN OPERA

DICHIARA LA CORRETTA POSA IN OPERA mod. DICH. POSA OPERA-2004 pag. 1 Rif. Pratica VV.F. n. DICHIARAZIONE DI CORRETTA POSA IN OPERA DEI MATERIALI CLASSIFICATI AI FINI DELLA REAZIONE AL FUOCO (COMPRESI I PRODOTTI VERNICIANTI IGNIFUGHI), DELLE

Dettagli

mod. DICH. POSA OPERA-2004 pag. 1

mod. DICH. POSA OPERA-2004 pag. 1 DICHIARAZIONE DI CORRETTA POSA IN OPERA DEI MATERIALI CLASSIFICATI AI FINI DELLA REAZIONE AL FUOCO (COMPRESI I PRODOTTI VERNICIANTI IGNIFUGHI), DELLE PORTE ED ALTRI ELEMENTI DI CHIUSURA E DEI PRODOTTI

Dettagli

Sistema di gestione. Criteri di acquisto e di controllo dell acciaio per opere. in carpenteria metallica pagina 1 di 7

Sistema di gestione. Criteri di acquisto e di controllo dell acciaio per opere. in carpenteria metallica pagina 1 di 7 in carpenteria metallica pagina 1 di 7 0 2014-07-07 Aggiornamenti secondo Reg. Eu. 305-2011 Servizio QSA Luca Bosi REV DATA DESCRIZIONE DELLE MODIFICHE PREPARATO VERIFICATO E APPROVATO 1.0 SCOPO Si stabiliscono

Dettagli

dipvvf.dcprev.registro UFFICIALE.U.0004849.11-04-2014

dipvvf.dcprev.registro UFFICIALE.U.0004849.11-04-2014 dipvvf.dcprev.registro UFFICIALE.U.0004849.11-04-2014 DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA AREA III

Dettagli

D.M. 16/2/2007 e s.m.i.: reazione al fuoco e classificazione di prodotti ed elementi costruttivi Gustavo Gherardi

D.M. 16/2/2007 e s.m.i.: reazione al fuoco e classificazione di prodotti ed elementi costruttivi Gustavo Gherardi Pag. 1 D.M. 16/2/2007 e s.m.i.: reazione al fuoco e classificazione di prodotti ed elementi costruttivi Gustavo Gherardi PRINCIPI GENERALI DI SICUREZZA ANTINCENDIO Pag. 2 La sicurezza, in generale, e la

Dettagli

SEMINARIO TECNICO. Protezione Passiva - Innovazioni industriali Tende tagliafumo e tagliafuoco. Ing. Luca Camedda Ing. Isoardi

SEMINARIO TECNICO. Protezione Passiva - Innovazioni industriali Tende tagliafumo e tagliafuoco. Ing. Luca Camedda Ing. Isoardi SEMINARIO TECNICO Protezione Passiva - Innovazioni industriali Ing. Luca Camedda Ing. Isoardi INDICE: NORMATIVA EN 12101 STORIA DEI SISTEMI PER IL CONTROLLO DEL FUMO E DEL CALORE EN 12101-1 - Specifiche

Dettagli

La filiera del legno per uso strutturale e la qualificazione ai sensi del D.M. 14/01/08

La filiera del legno per uso strutturale e la qualificazione ai sensi del D.M. 14/01/08 Norme Tecniche delle costruzioni, compiti e responsabilità dei progettisti - direttori lavori - collaudatori per opere strutturali in legno La filiera del legno per uso strutturale e la qualificazione

Dettagli

DIRETTIVA MACCHINE NORME ARMONIZZATE APPLICABILI SOLUZIONI TECNICHE. Ordine Ingegneri di Taranto (TA), 23 Settembre 2015

DIRETTIVA MACCHINE NORME ARMONIZZATE APPLICABILI SOLUZIONI TECNICHE. Ordine Ingegneri di Taranto (TA), 23 Settembre 2015 DIRETTIVA MACCHINE NORME ARMONIZZATE APPLICABILI SOLUZIONI TECNICHE Ordine Ingegneri di Taranto (TA), 23 Settembre 2015 PORTE, CANCELLI E BARRIERE Le norme di sicurezza nelle automazioni: dalla UNI 8612

Dettagli

PROGETTO DI IMPIANTO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E DI SEGNALAZIONE ALLARME INCENDIO

PROGETTO DI IMPIANTO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E DI SEGNALAZIONE ALLARME INCENDIO Ing. Pietro Marco SIMONI Via Roncari, 39/A 21023 BESOZZO (VA) Tel/fax 0332-970793 PROGETTO DI IMPIANTO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E DI SEGNALAZIONE ALLARME INCENDIO RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA (ai sensi

Dettagli

Sede corsi Sala San Satiro - Piazza S. Ambrogio 15

Sede corsi Sala San Satiro - Piazza S. Ambrogio 15 PRO FIRE organizza in cooperazione con COLLEGIO DEI GEOMETRI E GEOMETRI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI MILANO ENTE ACCREDITATO Corso tecnico di aggiornamento in materia di prevenzione Incendi. D.M. art. 7

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP007 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO 0.2 DOCUMENTI IGQ DI RIFERIMENTO

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP007 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO 0.2 DOCUMENTI IGQ DI RIFERIMENTO SCHEMA per il rilascio del certificato di costanza della prestazione ai fine della marcatura CE di segnali permanenti di cui alla norma UNI EN 12899 1 ed. 2008 0 STORIA Edizione 0 14/10/2009 Schema per

Dettagli

7. Il progetto dei sistemi di protezione dal fuoco delle

7. Il progetto dei sistemi di protezione dal fuoco delle 7. Il progetto dei sistemi di protezione dal fuoco delle strutture di acciaio. A cura di: Premessa Nel lavoro presentato sono illustrati gli aspetti principali legati alla protezione dal fuoco delle strutture

Dettagli

UNI EN 1125:2008. Dispositivi antipanico

UNI EN 1125:2008. Dispositivi antipanico NF 114 Guida alle norme europee ario Sanvito, esperto normatore. Si ringrazia l ing. Alessandro Brunelli UNI EN 1125:2008. Dispositivi antipanico Analisi dettagliata e semplificata della norma UNI EN 1125:2008

Dettagli

FORMULARIO SICU PREVENZIONE INCENDI SICUREZZA PROGETTO - MATERIALI DI ALLESTIMENTO IMPIANTO ELETTRICO ALLEGATI

FORMULARIO SICU PREVENZIONE INCENDI SICUREZZA PROGETTO - MATERIALI DI ALLESTIMENTO IMPIANTO ELETTRICO ALLEGATI FORMULARIO SICU PREVENZIONE INCENDI SICUREZZA PROGETTO - MATERIALI DI ALLESTIMENTO IMPIANTO ELETTRICO ALLEGATI Dati da compilare obbligatoriamente a cura dell Espositore PROSPETTO RIEPILOGATIVO Con riferimento

Dettagli

SEMINARIO FORMATIVO ACCETTAZIONE E CONTROLLO DEI MATERIALI DA COSTRUZIONE CATANZARO - 14 MARZO 2014

SEMINARIO FORMATIVO ACCETTAZIONE E CONTROLLO DEI MATERIALI DA COSTRUZIONE CATANZARO - 14 MARZO 2014 SEMINARIO FORMATIVO ACCETTAZIONE E CONTROLLO DEI MATERIALI DA COSTRUZIONE CATANZARO - 14 MARZO 2014 QUALIFICAZIONE ED ACCETTAZIONE DEI MATERIALI PER USO STRUTTURALE ING. PASQUALE GIDARO DIRIGENTE SERVIZIO

Dettagli

Nuovi decreti riguardanti la classificazione di resistenza al fuoco di prodotti ed elementi costruttivi di opere da costruzione

Nuovi decreti riguardanti la classificazione di resistenza al fuoco di prodotti ed elementi costruttivi di opere da costruzione Nuovi decreti riguardanti la classificazione di resistenza al fuoco di prodotti ed elementi costruttivi di opere da costruzione di S. Vasini*, R. Gulino** *Istituto Giordano S.p.A., Bellaria (RN) **ANDIL

Dettagli

Marcatura CE Cancelli

Marcatura CE Cancelli SB studio www.essebistudio.com www.marcatura-ce-cancelli.com Marcatura CE Cancelli SB studio di Bertolo Sergio Borgo Treviso 152/C 31033 Castelfranco Veneto TV 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 Tipologie di cancelli

Dettagli

La messa in opera delle strutture metalliche: dall accettazione delle opere in cantiere al montaggio delle strutture. Ing. Igor SOLUSTRI ICIC SPA

La messa in opera delle strutture metalliche: dall accettazione delle opere in cantiere al montaggio delle strutture. Ing. Igor SOLUSTRI ICIC SPA REGOLAMENTO (UE) N.305/11 E NORME DEL GRUPPO EN1090 LA MARCATURA CE DELLE STRUTTURE METALLICHE ALLA LUCE DELLE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI FIRENZE, 30/10/2014 La messa in opera delle strutture metalliche:

Dettagli

Guida ai fini della Marcatura di PORTE e CANCELLI INDUSTRIALI, COMMERCIALI e da GARAGE

Guida ai fini della Marcatura di PORTE e CANCELLI INDUSTRIALI, COMMERCIALI e da GARAGE Guida ai fini della Marcatura di PORTE e CANCELLI INDUSTRIALI, COMMERCIALI e da GARAGE La direttiva prodotti da costruzione 89/106 (CPD) impone la marcatura CE dei materiali utilizzati in edilizia. È un

Dettagli

STRUTTURE METALLICHE IN ACCIAIO

STRUTTURE METALLICHE IN ACCIAIO STRUTTURE METALLICHE IN ACCIAIO La marcatura CE UNI EN 1090-1. Il primo passo è il conseguimento dell Attestato di Denuncia Attività da parte del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici e l iscrizione

Dettagli

Disciplinare Sistema IT01 100% Qualità Originale Italiana Made in Italy Certificate Appendice Parte A.A - Appendice Settore Arredo

Disciplinare Sistema IT01 100% Qualità Originale Italiana Made in Italy Certificate Appendice Parte A.A - Appendice Settore Arredo Disciplinare Sistema IT01 100% Qualità Originale Italiana Made in Italy Certificate Appendice Parte A.A - Appendice Settore Arredo Pagina 1 di 6 APPENDICE SETTORE ARREDO 1 - Obiettivo Il presente documento

Dettagli

Pannelli Metallici Coibentati

Pannelli Metallici Coibentati Pannelli Metallici Coibentati Fondazione promozione Acciaio Tipologie e mercato Attualmente il pannello metallico coibentato si sta portando all attenzione dei committenti e dei progettisti anche nell

Dettagli

entrata in vigore delle norme armonizzate e della fine del periodo di coesistenza delle disposizioni legislative nazionali preesistenti.

entrata in vigore delle norme armonizzate e della fine del periodo di coesistenza delle disposizioni legislative nazionali preesistenti. La direttiva 89/106 sui prodotti da costruzione e la normativa tecnica - Il ruolo dell UNI Ruggero Lensi Direttore Tecnico UNI Fin dal primo giorno del suo insediamento il Comitato Costruzioni UNI ha individuato

Dettagli

Sistemi a secco Protezione con sistemi in lastre

Sistemi a secco Protezione con sistemi in lastre Sistemi a secco Protezione con sistemi in lastre Programma 1. Il Metodo Sperimentale: Rapporto di Prova, Rapporto di Classificazione, Fascicolo Tecnico 2. Compartimentazioni: Pareti a grande altezza 3.

Dettagli

TAU S.r.l. Linee guida per le automazioni, secondo le nuove norme europee EN 13241-1, EN 12445 ed EN 12453

TAU S.r.l. Linee guida per le automazioni, secondo le nuove norme europee EN 13241-1, EN 12445 ed EN 12453 TAU S.r.l. Linee guida per le automazioni, secondo le nuove norme europee EN 13241-1, EN 12445 ed EN 12453 Dal 31 maggio 2001, gli impianti per cancelli automatici ad uso promiscuo (carrabile-pedonale)

Dettagli