LA COMUNITA DI OLGIASCA DI COLICO. Carta dei servizi. Comunità Terapeutico Riabilitativa di Olgiasca di Colico (LC)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA COMUNITA DI OLGIASCA DI COLICO. Carta dei servizi. Comunità Terapeutico Riabilitativa di Olgiasca di Colico (LC)"

Transcript

1 Carta dei servizi Comunità Terapeutico Riabilitativa di Olgiasca di Colico (LC) Carta dei servizi IL GABBIANO Comunità di Olgiasca di Colico (LC) rev.1.1 agg Pagina 1

2 La Comunità Terapeutico Riabilitativa di Olgiasca di Colico (LC) Definizione del servizio: la comunità Terapeutico Riabilitativa di Piona offre un servizio residenziale che si inserisce nella logica di costruire progetti pensati in riferimento ai livelli di responsabilità e di progettualità soggettivamente possibili. L individualizzazione del percorso, principio cardine del progetto educativo, implica l adozione di criteri di negoziazione e di flessibilità nei tempi e nei modi di svolgimento dell iter terapeutico. Giorni e orari: la comunità residenziale svolge la sua attività 24/24 ore per l intero arco dell anno. Costi: agli ospiti accolti presso l Associazione Comunità Il Gabbiano non viene richiesto alcun contributo finanziario per quanto concerne i servizi indicati in questa carta. La struttura percepisce dall Asl territorialmente competente la retta stabilita secondo i criteri della Regione Lombardia. Agli ospiti che hanno un reddito o una qualsiasi forma di sussidio (familiare e/ sociale) viene invece chiesto di farsi carico del costo dei farmaci non mutuabili, delle sigarette e dei prodotti diversi da quelli che la comunità fornisce gratuitamente. Come raggiungere la nostra comunità: In auto: da Lecco superstrada 36, uscita Colico. All incrocio svoltare a sinistra lungo la statale 72, proseguire per circa 3 Km; svoltare a destra e proseguire seguendo i cartelli segnaletici Comunità Il Gabbiano in località di Olgiasca di Colico. In treno: dalla Stazione Centrale di Milano, tratta Milano-Lecco-Colico. Alla stazione di Colico telefonare in comunità per l accompagnamento presso la struttura. Visite della struttura : dal lunedì al venerdì, dalle ore 9.00 alle ore 16.00, è possibile effettuare la visita della struttura comunitaria purché previo accordo telefonico stabilito con il responsabile del centro al numero 0341/ Carta dei servizi IL GABBIANO Comunità di Olgiasca di Colico (LC) rev.1.1 agg Pagina 2

3 Piantina della località in cui è situata la comunità Descrizione della struttura: la Comunità di Olgiasca di Colico è una struttura che si sviluppa su tre piani di un antica villa affacciata sul lago di Como. Entrati nella struttura, dopo aver percorso il grande parco attorno alla casa, al piano terreno si trovano: l ampio atrio, due uffici operatori, un laboratorio, un attrezzeria, una sala relax, la sala da pranzo, la cucina e la dispensa. Al piano semi-interrato ci sono la lavanderia con alcuni locali annessi, le celle frigorifere, il bagno riservato alla cucina e lo spogliatoio cuochi. Al primo piano si trovano: ufficio riunioni/biblioteca, uffici servizio sociale e psicologi, salone adibito a sala relax e palestra; tre camere (una da tre posti e due da un posto, bagni/docce, terrazzo). Al secondo piano: quattro camere ospiti (due da quattro, una da due e una da un posto letto), una camera operatori, bagni/docce, sala tv, terrazzo; un locale adibito ad infermeria. Al terzo piano (mansardato) due camere (due da quattro posti letto) con bagni/docce. I bagni sono tutti esterni alle camere. Carta dei servizi IL GABBIANO Comunità di Olgiasca di Colico (LC) rev.1.1 agg Pagina 3

4 La comunità offre inoltre ai suoi ospiti i seguenti spazi ricreativi e per la socializzazione: Campo da calcetto-pallavolo; Darsena sul lago; Parco. Posti letto: la comunità è convenzionata per 24 posti letto. Composizione dell équipe: l équipe educativa della Comunità è composta dal responsabile della struttura, da cinque educatori, tre operatori e da un maestro di lavoro. I membri dell équipe portano un apposito cartellino identificativo di riconoscimento. Utenza: gli ospiti sono persone adulte di entrambi i sessi, senza distinzioni di razza, fede o credo politico o stato di salute, con problemi legati alla dipendenza da sostanze stupefacenti e/o alcoliche, con fenomeni di poliabuso e in stato di sofferenza psichica compatibile con la vita comunitaria. E prevista l accoglienza per coppie etero e omossessuali. L Associazione ospita persone in misura alternativa al carcere (arresti e detenzione domiciliare, affidamento terapeutico). Modalità d ingresso in comunità: la richiesta d inserimento in comunità può giungere: a) direttamente dai potenziali ospiti, così come previsto dalla legislazione che dal 2008 prevede il libero accesso della persona che può scegliere autonomamente la struttura comunitaria b) dai servizi aventi in carico la persona. In entrambi i casi i Servizi (Ser.D. e/o S.M.I. di riferimento) producono la nuova certificazione di tossicodipendenza (CERTIFICATO TOX E NULLA-OSTA ALL INSERIMENTO). Accoglienza Dove e come fare: l ospite si presenta o viene presentato direttamente alla comunità dal servizio inviante che collabora con l équipe educativa per tutto il periodo di permanenza in comunità e rimane titolare del progetto. L inserimento degli ospiti viene accettato dall'équipe educativa della Comunità su segnalazione del Direttore Educativo dell'associazione Comunità Il Gabbiano, il quale - insieme all'assistente sociale - raccoglie le richieste di inserimento provenienti dai potenziali ospiti o da parte degli enti invianti e la relativa documentazione. Prima dell'ammissione l'ospite viene invitato, insieme alla figura di Carta dei servizi IL GABBIANO Comunità di Olgiasca di Colico (LC) rev.1.1 agg Pagina 4

5 riferimento dell'ente inviante quando presente, a uno o più colloqui con il responsabile della struttura; durante questi colloqui viene consegnata la Carta dei Servizi, a lui e ad eventuali famigliari, illustrato il programma educativo della Comunità, le regole base che informano sulla convivenza nella struttura e vengono fornite informazioni sulle modalità di gestione del progetto; inoltre si raccolgono dati sulla storia dell'utente attraverso la compilazione della scheda d ingresso, sulle sue aspettative rispetto alla permanenza comunitaria e sulle motivazioni della richiesta di accoglienza. Per gli ospiti provenienti dal carcere questi colloqui vengono effettuati dagli stessi all'interno della Casa Circondariale o di Reclusione. Se per ragioni organizzative è impossibile effettuare colloqui di ingresso, viene comunque consegnato il materiale informativo. Tempi di attesa: i tempi di attesa per poter essere accolti in comunità dipendono dalla disponibilità di posti letto della struttura scelta come più idonea e dall espletamento delle pratiche burocratiche del Servizio inviante. Le fasi dell accoglienza: al momento dell ingresso in comunità, l ospite viene accolto direttamente dal responsabile o in sua assenza dall operatore in turno che svolgerà un colloquio iniziale in cui vengono presentate la struttura, la giornata-tipo e le attività interne. Vengono inoltre aggiornate la scheda di ingresso e la cartella personale. Dopo alcuni giorni dedicati all ambientamento, l équipe sceglie un operatore di riferimento che lo accompagnerà per il periodo di permanenza nella sede. L operatore di riferimento propone inoltre un primo contratto d accoglienza, in grado di delineare gli obiettivi iniziali del percorso. Tale contratto ha la durata di tre mesi e al termine di ogni mese viene effettuata una verifica circa l andamento degli obiettivi concordati. Al termine dei tre mesi, le parti (operatore, ospite) possono concordare di: stilare il progetto educativo individualizzato; prolungare il contratto se gli obiettivi prefissati non sono stati raggiunti in modo significativo; valutare un trasferimento in una sede più idonea ed eventualmente concordare i nuovi obiettivi con gli operatori della nuova struttura; considerare conclusa, al momento, l esperienza comunitaria per la mancanza dei presupposti di un programma completo. Carta dei servizi IL GABBIANO Comunità di Olgiasca di Colico (LC) rev.1.1 agg Pagina 5

6 Il Progetto Educativo Individualizzato: il progetto educativo individualizzato è lo strumento principale di lavoro dell équipe di tutte le unità di offerta dell Associazione Comunità Il Gabbiano onlus. I progetti individualizzati prevedono la presenza di due attori che giocano un ruolo fondamentale: l ospite e l educatore (équipe educativa). I progetti per natura non sono statici, bensì flessibili e basati sulla negoziazione e la condivisione. Il progetto può essere definito un documento condiviso che successivamente viene sottoscritto da entrambe le parti, contenente i seguenti elementi: l analisi dei nodi problematici emersi durante il periodo d accoglienza; l analisi delle risorse presenti (sia personali che contestuali); gli obiettivi da raggiungere (a breve, medio e lungo termine); le azioni da svolgere da entrambe le parti (équipe e ospite); i tempi previsti riferiti a ogni singolo obiettivo; le verifiche. Il progetto educativo è uno strumento dinamico che deve necessariamente prevedere la possibilità di apportare opportune modifiche ogni volta che, effettuata una verifica, si rileva la necessità di cambiare o aggiungere obiettivi o azioni da compiere. Gli obiettivi del progetto devono prevedere la possibilità di costruire un processo di cambiamento che aiuti l ospite a riflettere su se stesso, sulle sue dinamiche e che gli possa offrire la concreta possibilità di sperimentarsi in contesti diversi con l utilizzo di nuovi strumenti. Il progetto educativo viene inoltre concordato e condiviso con il servizio inviante e, per chi ha vincoli giuridici anche con gli operatori di riferimento del Ministero della Giustizia, in particolare con l Ufficio per l Esecuzione Penale Esterna (UEPE) e la Magistratura di Sorveglianza. Per gli ospiti agli arresti domiciliari, il programma va concordato con il Giudice di competenza. Per tutta la durata del percorso terapeutico l ospite è titolare di una cartella Fasas (fascicolo socio assistenziale), che contiene i dati anagrafici, le informazioni riguardanti il progetto educativo individualizzato, le informazioni di carattere medico e giuridico. Le dimissioni: il percorso comunitario può giungere al termine in diverse modalità: dimissioni per fine programma: si verificano quando le parti (équipe, ospite e servizio inviante) ritengono raggiunti gli obiettivi stabiliti all interno del progetto; allontanamento dalla comunità: questa possibilità si verifica quando l ospite viola gravemente le regole comunitarie, agendo così comportamenti che compromettono Carta dei servizi IL GABBIANO Comunità di Olgiasca di Colico (LC) rev.1.1 agg Pagina 6

7 seriamente il suo percorso e il raggiungimento degli obiettivi dichiarati all interno del progetto educativo, o quando l ospite manca di compliance terapeutica; abbandono volontario: si verifica quando l ospite decide, in completa autonomia, di abbandonare il progetto in corso. Ogni volta che si verifica una dimissione, l équipe educativa produce una relazione da mandare al servizio inviante e, per chi è in misura alternativa, ai servizi competenti. I servizi della Comunità: la Comunità Il Gabbiano offre ai propri ospiti i seguenti servizi: Residenzialità: a ogni ospite viene offerto un posto letto in camera singola, doppia, tripla o quadrupla (vedere sezione descrizione struttura ), un minimo quotidiano di tre pasti, accompagnamento all assistenza sanitaria e pronto soccorso. È inoltre disponibile un servizio di lavanderia interna. Servizi educativi: dal momento dell ingresso dell ospite e per tutta la sua permanenza, verranno garantiti colloqui individualizzati, gruppi educativi di riflessione e la stesura di un progetto individualizzato. Sarà inoltre garantita la possibilità di effettuare colloqui con lo psicologo a richiesta dell ospite per un servizio di sostegno; inoltre possono essere accessibili vari servizi del territorio (Centro Psico- Sociale- CPS Nucleo Operativo Alcologia - NOA, gruppi Alcolisti Anonimi); esiste inoltre una convenzione con uno Psichiatra consulente. Ergoterapia: uno tra gli strumenti di intervento educativo previsti all interno delle strutture comunitarie è rappresentato dall assegnazione agli ospiti di ruoli diversi rispetto a quelli assunti in passato al fine di dare alla persona la possibilità di scegliere fra i ruoli precedentemente sperimentati e i nuovi ruoli acquisiti. Conoscendo l importanza che i ruoli assumono nell organizzazione dell identità personale, aiutare gli ospiti a saper entrare ed uscire dai diversi ruoli, conoscerli, riconoscerli e sperimentarne il confine, per poi riproporli in modo efficace all interno dei contesti sociali, può contribuire a: promuovere lo sviluppo di nuove competenze; facilitare i processi di cambiamento; consentire la sperimentazione di nuove e diverse immagini di sé; costruire abilità; individuare risorse; Carta dei servizi IL GABBIANO Comunità di Olgiasca di Colico (LC) rev.1.1 agg Pagina 7

8 potenziare l autostima. In tal senso anche l attività ergoterapica rappresenta un importante strumento di intervento capace di sviluppare determinate competenze e abilità tra cui: - realizzare compiti preordinati che possono essere, entro certi limiti, svolti secondo criteri soggettivi; in questo modo viene stimolata la capacità della persona di sperimentarsi anche nella ricerca di soluzioni che le consentano di svolgere il compito con successo ( problem-solving ); - realizzare compiti in collaborazione con gli altri: in questo modo viene attivata la capacità di cooperazione; - sviluppare competenze nei processi di valutazione: - sviluppare responsabilità rispetto agli impegni presi e ai risultati conseguiti. A ogni ospite si propone pertanto di assumere, all interno della comunità, una responsabilità lavorativa quotidiana (gli orari di tale attività non sono rigidi e uguali per tutti ma sono tarati sui bisogni, caratteristiche e potenzialità di ciascuno); l attività lavorativa fa parte integrante del progetto educativo di ciascuno e sono previsti pertanto momenti di monitoraggio e valutazione finalizzati a affrontare con l operatore di riferimento difficoltà e problemi eventualmente incontrati. Nella fase iniziale del percorso le attività proposte sono quelle interne alla comunità: Lavori all interno della struttura: - gestione della cucina; - manutenzione e pulizia della casa; - attività di giardinaggio; - laboratorio di cere (interno alla comunità). I lavori interni vengono assegnati a ogni ospite in riferimento a: - considerazioni di tipo educativo (vengono scelte per ognuno quelle mansioni che possono potenziare le risorse della persona o aiutarla a mettersi a confronto e affrontare le proprie difficoltà); - esigenze del gruppo di ospiti che vive in struttura; - fase del percorso terapeutico (in genere tali attività vengono assegnate alle persone inserite nella prima fase del percorso comunitario). Carta dei servizi IL GABBIANO Comunità di Olgiasca di Colico (LC) rev.1.1 agg Pagina 8

9 Lavori all esterno della struttura - lavori di giardinaggio; - traslochi di piccola entità; - tinteggiatura locali; - pensione, allevamento per cani (adiacente alla comunità). Lavorare all esterno della comunità offre alla persona l opportunità per sperimentarsi in un contesto esterno e, nelle fasi finali del percorso, di iniziare a costruire il passaggio dal contesto comunitario a quello sociale della comunità locale. E importante sottolineare che, nella fase centrale del percorso comunitario, l attività lavorativa all esterno, laddove prevista, è seguita e supportata dagli operatori e dai maestri di lavoro. Servizi di documentazione - accompagnamento: viene offerta assistenza e accompagnamento per le pratiche civili e penali, assistenza nella interpretazione della documentazione giuridica, accompagnamento e gestione delle prescrizioni imposte dalla misura alternativa in atto, come le istanze di richiesta di liberazione anticipata, istanze di affidamento, le richieste di permesso. Viene inoltre offerto aiuto per gli altri casi di documentazione giuridico - legale, sanitaria, sociale, attraverso l istruzione di pratiche pensionistiche e in generale tutto ciò che riguarda il diritto alla pensione, il rinnovo di documentazione personale come il codice fiscale, la carta di identità, il libretto sanitario, la patente di guida e l ottenimento di tessere per mezzi pubblici o treni e nella ricerca di enti disponibili a fornire domicilio di soccorso. Saranno garantiti gli accompagnamenti di natura sanitaria in caso di necessità, per gli altri casi l ospite si muoverà in maniera autonoma. Area sanitaria: a tutti gli ospiti della struttura viene aperta una cartella sanitaria e gli viene assegnato il medico di base che si occupa della comunità. Per gli ospiti della struttura che presentano bisogni di salute e che richiedono prestazioni sanitarie ed azioni di protezione sociale, anche di lungo periodo, ci si rivolge ai presidi sanitari di competenza al fine di valutare e monitorare la situazione sanitaria; agli ospiti a cui è prescritta una terapia dai propri medici di riferimento (Ser.T., psichiatra, specialista, medico di base) viene garantita la conservazione dei farmaci in luogo sicuro (cassaforte) e viene garantita l auto-somministrazione di tali farmaci in ufficio e a vista dell operatore. Per quanto riguarda le terapie sostitutive esiste un protocollo con il Carta dei servizi IL GABBIANO Comunità di Olgiasca di Colico (LC) rev.1.1 agg Pagina 9

10 Ser.T. di Bellano per garantire la somministrazione di metadone e/o buprenorfina. Vengono garantiti inoltre i controlli delle morfinurie presso i servizi di competenza. E garantito l accompagnamento agli accertamenti per l invalidità. Assistenza nella ricerca di lavoro: monitoraggio delle possibilità di accesso a borse lavoro, iscrizione alle liste di collocamento e, quando possibile, alle liste speciali per persone svantaggiate; contatti con cooperative e aziende del territorio; possibilità, nei termini previsti dai programmi individuali, di ricerca autonoma di opportunità lavorative. Viene garantita l assistenza per la raccolta di tutta la documentazione prevista per l inserimento lavorativo (curriculum vitae), nella ricerca di inserzioni di lavoro e contatti con aziende del territorio. Nei casi più problematici si cerca di costruire le condizioni per lo svolgimento di tirocini lavorativi tramite i servizi sociali di residenza e progetti sul territorio. Inserimento nella rete di servizi territoriali: la Comunità incentiva la partecipazione degli ospiti a occasioni di incontro con le associazioni operanti nella zona, ad eventi culturali e manifestazioni sportive. Gli ospiti, a seconda del proprio progetto e della propria situazione psicofisica, possono accedere ai servizi presenti sul territorio, come biblioteca, circoli culturali e ricreativi, corsi, attività varie, in maniera da cercare di sviluppare nuovi interessi e di raggiungere una migliore gestione del proprio tempo libero. Accompagnamento all autonomia: ad ogni ospite viene offerta l opportunità di imparare a gestire la quotidianità, anche negli aspetti organizzativi, in modo autonomo; gli operatori coinvolgono in prima persona gli ospiti nella gestione delle pratiche burocratiche (ad es. questioni sanitarie, pratiche giuridiche, richieste di invalidità, ottenimento dei documenti, gestione dei soldi). Diritti degli ospiti A ogni ospite viene garantito il: diritto alla salvaguardia della propria identità personale, intesa come rispetto globale del vissuto, delle esigenze e aspirazioni di ciascuno; diritto a essere assistito e curato con attenzione e con tutti gli strumenti e tecniche a disposizione, nel rispetto della sua libertà di pensiero, di opinioni politiche, di scelte religiose, sessuali, affettive, etiche e morali; diritto di potere abbandonare la Comunità. L ospite entrerà e rimarrà in Comunità solo per sua libera scelta, essendo proibiti comportamenti coercitivi che ne ledono la libertà, così Carta dei servizi IL GABBIANO Comunità di Olgiasca di Colico (LC) rev.1.1 agg Pagina 10

11 come qualunque forma di violenza fisica, psicologica o verbale ovvero forme di isolamento. Il diritto ad abbandonare la Comunità vale nei limiti della situazione penale e degli impegni sottoscritti al momento dell ingresso; diritto a partecipare attivamente alla vita comunitaria; diritto a ottenere dagli operatori della Comunità informazioni complete e comprensibili in merito alla diagnosi di eventuali malattie, alle terapie proposte e relative prognosi; diritto a essere informato su possibili trattamenti alternativi, anche quelli da eseguire in altre strutture; diritto a essere chiamato col proprio nome, al rispetto dell immagine, dell onore e reputazione; diritto alla riservatezza; diritto a proporre reclami e a essere informato sull esito degli stessi; diritto alla segretezza della corrispondenza, che non viene sottoposta ad alcun tipo di censura; le lettere ricevute vengono aperte dall ospite in presenza di un operatore. Doveri degli ospiti: ogni ospite ha il dovere di: rispettare il progetto individualizzato concordato al momento del suo ingresso; rispettare il regolamento firmato al momento dell ingresso in comunità; collaborare con gli operatori per la realizzazione del proprio progetto individualizzato; rispettare il nome, l onore, la reputazione degli operatori e degli altri ospiti, indipendentemente dalle altrui opinioni politiche, scelte religiose sessuali, affettive, etiche e morali e dall età, lingua, nazionalità, cultura e situazione economica; rispettare e prendersi cura dei locali della Comunità, non potendosi apportare modifiche permanenti a locali e arredi; sottoporsi a richiesta degli operatori, al controllo a vista delle urine ed etilometro. Informazioni pratiche Denaro: gli ospiti che godono di disponibilità economica (pensione, stipendio, rendite da valori mobiliari ecc.) o di un capitale depositato (conto corrente, libretti postali o di risparmio ecc.) dovranno permettere il controllo pratico dei movimenti di denaro da parte dell équipe educativa. Le modalità di tale controllo sono concordate con ciascun ospite. Carta dei servizi IL GABBIANO Comunità di Olgiasca di Colico (LC) rev.1.1 agg Pagina 11

12 Al momento dell ingresso in comunità gli ospiti dovranno consegnare il denaro, tessere bancomat, carte di credito, libretti postali e tutto quanto assimilabile al denaro, in proprio possesso. Questi verranno custoditi in cassaforte. Gli ospiti potranno avere delle somme di denaro nei limiti dei propri bisogni e concordando con l operatore di riferimento le spese da sostenere. I viaggi sanitari in autonomia e i farmaci sono a carico della comunità solo in caso d indigenza dell ospite; così come l Associazione risponde alle necessità in grado di garantire la dignità della persona (igiene personale, abbigliamento, parrucchiere) per gli ospiti che ne risultassero sprovvisti e incapaci di provvedervi in modo autonomo. Per gli ospiti che intendono usufruire di prestazioni diverse da quelle proposte dal territorio di competenza della struttura sono a carico degli stessi. Spese a carico dell ospite: - sigarette; - viaggi sanitari; - uscite, viaggi e attività di tempo libero personali; - farmaci; - ricariche cellulari; - prodotti per igiene personale diversi da quelli forniti dalla comunità; - abbigliamento. Spese a carico dell associazione: - farmaci (per chi non ha alcuna disponibilità economica); - sigarette (per chi non ha alcuna disponibilità economica); - abbigliamento (per chi ne è sprovvisto e non ha alcun reddito, anche attraverso associazioni non profit); - prodotti per l igiene personale e per l igiene della casa; - alimenti; - uscite comunitarie. Sigarette: ad ogni ospite senza disponibilità economica verranno distribuite in base alla disponibilità di budget per questo tipo di prestazione (al massimo 50 a settimana). Carta dei servizi IL GABBIANO Comunità di Olgiasca di Colico (LC) rev.1.1 agg Pagina 12

13 Spazi comuni e apparecchiature: l uso delle aree della comunità o l utilizzo di televisori e riproduttori video sono consentite nel rispetto dello stesso diritto verso gli altri ospiti, negli orari consentiti e comunque secondo le indicazioni degli operatori. Durante le attività ergoterapiche e di notte, apparecchi radio, giochi elettronici, Tv, dovranno essere tenuti spenti. Orari: i momenti dei pasti sono una occasione di convivenza importante per la vita comunitaria. Per questo, ogni ospite è tenuto a partecipare a questi momenti e a rispettare gli orari, che sono previsti come segue: sveglia: ore 7.00 (lun-ven) 8.00 (sab.dom.) colazione: ore 7.15 distribuzione terapie entro le ore 8.00 inizio attività ergoterapiche: ore 8.30 pausa caffè: ore ripresa attività: ore pranzo: ore ripresa attività: ore fine attività: ore cena: ore Dalle ore sino all ora di cena e da dopo la cena il tempo è a disposizione per attività libere, salvo momenti di gruppo o colloqui educativi. Turni: così come per i pasti e compatibilmente con le proprie condizioni psicofisiche, ogni ospite è tenuto a offrire il proprio contributo alle pulizie degli spazi nel seguente modo: servizi a tavola (lavaggio stoviglie, sparecchiare e riordinare) e pulizia parti comuni: rispetto alla pulizia della cucina, del soggiorno, dei bagni, della sala pranzo, delle scale e dei corridoi, vengono stabiliti quotidianamente i turni e le mansioni di ciascuno. spazi personali: ogni ospite provvede personalmente alla pulizia quotidiana della propria camera. Durante tutte queste attività, gli ospiti sono affiancati dagli operatori, che li aiutano e supervisionano le attività svolte. I prodotti utilizzati per le pulizie sono tutti disinfettanti. Uso del telefono: durante il primo mese in comunità non è consentito l uso del telefono cellulare, che dovrà essere consegnato al momento dell ingresso in comunità agli operatori che lo conserveranno in cassaforte unitamente agli effetti personali di valore. Carta dei servizi IL GABBIANO Comunità di Olgiasca di Colico (LC) rev.1.1 agg Pagina 13

14 L ospite, in questo periodo, può utilizzare il telefono della comunità una volta alla settimana, la sera in cui è presente l operatore di riferimento, per effettuare una telefonata ai familiari. Trascorso il primo mese, l uso del telefono della comunità sarà consentito solo per chiamate di servizio (avvocato, servizi invianti ecc.), a meno che un ospite non disponga del telefono cellulare. I telefoni cellulari non possono essere utilizzati durante le ore di attività ergoterapiche, durante i pasti e, salvo eccezioni concordate, dopo la mezzanotte. Test urine ed etilometro: a cadenza periodica o anche senza preavviso l équipe educativa può chiedere agli ospiti di sottoporsi al prelievo delle urine per la ricerca di metaboliti delle sostanze di alterazione. Il rifiuto da parte dell ospite per almeno 12 ore dal momento della richiesta verrà considerato e trattato di conseguenza come un ammissione di positività e segnalato ai servizi di competenza. Stesso discorso dicasi per il controllo con l etilometro, a cui ci si dovrà sottoporre al momento della richiesta. Visite, uscite e rientri a casa: la Comunità è uno spazio aperto, che consente e incentiva le uscite degli ospiti e quando possibile le visite da e verso amici e parenti. Durante i primi tre mesi, corrispondenti al periodo di osservazione, le uscite degli ospiti sono consentite solo se comunitarie o con accompagnamento degli educatori. Tra il terzo e quinto mese di soggiorno, previa valutazione positiva dell équipe, le uscite consentite saranno di breve durata e nelle zone limitrofe, graduate a seconda della valutazione della condizione dell ospite al momento del rientro e all'andamento del percorso terapeutico. Dopo il quinto mese, potranno essere consentiti anche i rientri a casa, concordati nelle modalità e orari dal Ser.D. di appartenenza, dall equipe, e per chi sottoposto a vincoli giuridici anche dall'uepe o dal Tribunale di competenza. Per le visite dei parenti, occorre fare richiesta agli operatori prima dell incontro di équipe: i parenti stretti possono fare visita ai congiunti dopo 7 giorni dall ingresso in comunità. Non è prevista l ospitalità a pranzo delle famiglie degli ospiti se non in casi eccezionali. Per le persone agli obblighi di legge, la regolamentazione delle uscite fa riferimento alle corrispondenti prescrizioni legali. Eventuali violazioni delle prescrizioni verranno segnalate alle forze dell ordine competenti. Reclami e lamentele: la Comunità il Gabbiano Onlus garantisce la funzione di tutela nei confronti degli utenti attraverso la possibilità di sporgere reclamo a seguito di qualunque disservizio, atto o Carta dei servizi IL GABBIANO Comunità di Olgiasca di Colico (LC) rev.1.1 agg Pagina 14

15 comportamento che abbia negato o limitato la fruibilità alle prestazioni e/o leso un diritto previsto nella presente Carta dei Servizi o comunque giuridicamente tutelato. Le osservazioni, lamentele e reclami vengono ricevuti in qualunque forma siano presentati dagli ospiti, da servizi invianti, persone fisiche o giuridiche riconosciute che li rappresentano, tramite comunicazione, scritta o verbale, al responsabile o all o via fax 0341/ Per i casi di immediata soluzione, viene data immediata risposta, mentre per gli altri casi, predispone attività istruttoria per la risoluzione del contenzioso. L Associazione adegua ed organizza la propria struttura e mantiene costantemente aggiornato il proprio personale, monitorando periodicamente la qualità dei servizi offerti per garantire l adeguamento agli standard. Lavoro in rete: la comunità lavora in rete con vari servizi territoriali: Asl invianti, durante l intero percorso terapeutico, con cui vengono periodicamente effettuati degli incontri; Asl territorialmente competente; Ufficio per l Esecuzione Penale Esterna, magistrati, tribunali, servizi sociali per minori; Cooperative sociali; Aziende, per quanto concerne le borse lavoro e gli inserimenti lavorativi; Parrocchie; Comuni; Associazioni di volontariato. Fattori e standard di qualità L Associazione Comunità Il Gabbiano ONLUS si impegna a garantire al proprio personale educativo e amministrativo percorsi di formazione continua rispetto alle tematiche teoriche e operative specifiche dei propri ambiti di intervento. In particolare, l aggiornamento costante riguarda, oltre ad argomenti più generali, la riflessione sulle teorie intorno alla tematica delle dipendenze, sui percorsi terapeutici individualizzati, sui processi e sugli strumenti di valutazione dei trattamenti delle dipendenze, sui contesti storico-sociali, nazionali ed internazionali, in continuo mutamento rispetto al fenomeno delle dipendenze. L Associazione Comunità Il Gabbiano onlus si è dotata di un codice etico, secondo quanto previsto dai provvedimenti regionali, visionabile sul sito L Associazione dispone di un ufficio stampa per la comunicazione interna e esterna, per la tutela del diritto all immagine e alla dignità degli ospiti attraverso comunicazioni ufficiali istituzionali. Carta dei servizi IL GABBIANO Comunità di Olgiasca di Colico (LC) rev.1.1 agg Pagina 15

16 Elabora le sue politiche e strategie per permettere il rispetto dei diritti degli utenti, in relazione alla umanizzazione dei servizi, alla personalizzazione delle cure, alla tutela della privacy e alla produzione delle informazioni necessarie per la fruizione del servizio, monitorando i suoi processi per verificare l efficienza e l efficacia degli interventi e misurando i risultati ottenuti a fronte degli obiettivi. La Comunità terapeutico riabilitativa di Olgiasca di Colico offre ai suoi ospiti un numero di ore di presenza degli operatori superiore ai valori di legge. Inoltre, l Associazione promuove e supporta una costante supervisione alle proprie équipe educative in un ottica di costante miglioramento dei processi di erogazione dei servizi attraverso la professionalità di esperti consulenti. Viene inoltre consegnato ogni sei mesi un questionario di valutazione della soddisfazione degli ospiti che verrà compilato in forma assolutamente anonima e a discrezione dell ospite riposto in un urna chiusa o non riconsegnato. Periodicamente (due volte l anno) l équipe educativa legge i questionari e in una riunione plenaria con gli ospiti condivide i dati emersi e ne discute al fine di apportare eventuali migliorie. Tutela della Privacy L Associazione il Gabbiano, nella sua unità di offerta di Olgiasca di Colico garantisce la tutela delle persone rispetto al trattamento dei dati personali, ai sensi delle disposizioni attualmente vigenti in materia di tutela della privacy (legge , n. 675) e il Codice in materia di protezione dei dati personali (Decreto Legislativo 196/03). I dati personali degli ospiti vengono conservati in appositi archivi, fisici e informatici, protetti in maniera conforme alla legge e tale da evitarne l accesso alle persone non autorizzate. La conservazione dei dati avviene per un periodo non superiore a quello necessario al perseguimento delle finalità di trattamento, in un ottica di non eccedenza dei dati trattati. Associazione Comunità Il Gabbiano (onlus) Via Malpensata Olgiasca di Colico (LC) Tel Fax Carta dei servizi IL GABBIANO Comunità di Olgiasca di Colico (LC) rev.1.1 agg Pagina 16

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose.

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose. RESIDENZA LE ROSE DATI ANAGRAFICI STRUTTURA SCHEDA SERVIZIO Residenza LE ROSE DENOMINAZIONE Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD INDIRIZZO CAP CITTÀ PROVINCIA 0429 644544 TELEFONO info@residenzalerose.net

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 La Sol Levante nasce nel 1998 per dare una risposta alle esigenze delle persone, di ogni fascia d età, affette da disagio psichico e con problematiche in

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS Protocollo d intesa tra Ministero della Giustizia Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza e Bambinisenzasbarre ONLUS IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA L'AUTORITÀ GARANTE PER L'INFANZIA E L ADOLESCENZA

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA Studio professionale di fisioterapia: Gli Studi Professionali di Fisioterapia sono strutture dove possono essere erogate prestazioni terapeutiche riconducibili al profilo professionale del fisioterapista

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

1. Come si svolgono gli accertamenti a Firenze e a chi vengono fatti? 2. Qual è l iter di accertamento

1. Come si svolgono gli accertamenti a Firenze e a chi vengono fatti? 2. Qual è l iter di accertamento Continuiamo con la nostra serie di interviste ad operatori che si occupano dell'applicazione delle attuali leggi sui consumi di sostanze Oggi incontriamo il dr. Francesco Ruffa - Medico Chirurgo, referente

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI Fondazione di partecipazione dei Comuni di Casole d Elsa Colle di Val d Elsa Poggibonsi San Gimignano Radicondoli REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI - 1- INDICE Premessa... 5 Titolo Primo

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

Alassio AL MARE RESIDENZA. Stagione 2014-2015

Alassio AL MARE RESIDENZA. Stagione 2014-2015 RESIDENZA AL MARE Alassio Stagione 2014-2015 Periodi e tariffe giornaliere di soggiorno: PERIODO DAL AL SOCI AGOAL AGGREGATI NOTE Festività fine Anno 28/12/2014 02/01/2015 72,00 77,00 Periodo non frazionabile

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

COMUNE DI ROVELLASCA

COMUNE DI ROVELLASCA COMUNE DI ROVELLASCA Provincia di COMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI VOLONTARIATO CIVICO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 13.04.2015 Ripubblicato all Albo pretorio dal 13.05.2015 al 28.05.2015

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE N.B. Qualora ritenga importante integrare il questionario con commenti particolari o chiarimenti che ritiene importanti può farlo scrivendo quanto ritiene opportuno nello

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

La privacy a scuola DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE

La privacy a scuola DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE La privacy DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE Temi in classe Non lede la privacy l insegnante che assegna ai propri alunni lo svolgimento di temi in classe riguardanti il loro

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Che cos è il Centro diurno regionale Ai Gelsi? Il nuovo Centro diurno socio-assistenziale con sede a Riva San Vitale si inserisce nel

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA SEDE LEGALE CASTELLO N. 77 SEDE AMMINISTRATIVA SAN POLO N. 2123 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

VILLA FRANCIA CASA DI RIPOSO CON REPARTO PROTETTO

VILLA FRANCIA CASA DI RIPOSO CON REPARTO PROTETTO Distretto Di Casalecchio Di Reno CASA DI RIPOSO CON REPARTO PROTETTO Carta dei Servizi Il testo della Carta dei servizi è stato condiviso dal Gruppo Tecnico costituito ai sensi della L.R. 377/2004, istituito

Dettagli

Regolamento interno Residenze Sanitarie Assistenziali. (Allegato alla Carta dei Servizi)

Regolamento interno Residenze Sanitarie Assistenziali. (Allegato alla Carta dei Servizi) Regolamento interno Residenze Sanitarie Assistenziali (Allegato alla Carta dei Servizi) REGOLAMENTO INTERNO RSA ************* TITOLO 1 OGGETTO, FINALITA, CARATTERISTICHE Art. 1 OGGETTO Il presente regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

COMUNE DI NOVARA Regolamento comunale per lo svolgimento di attività di volontariato nelle strutture e nei servizi del Comune

COMUNE DI NOVARA Regolamento comunale per lo svolgimento di attività di volontariato nelle strutture e nei servizi del Comune COMUNE DI NOVARA Regolamento comunale per lo svolgimento di attività di volontariato nelle strutture e nei servizi del Comune Direzione Generale INDICE Art. 1 Oggetto del Regolamento. Principi generali,

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI Ufficio del Piano di Zona Sociale dell' Ambito Territoriale A 1 COMUNE DI ARIANO IRPINO Capofila REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI erogato nei Comuni dell ambito territoriale

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

Gentili Ospiti, Cittadini e Istituzioni, abbiamo il piacere di presentare la Carta dei Servizi della Casa Sabate, struttura dedicata al benessere

Gentili Ospiti, Cittadini e Istituzioni, abbiamo il piacere di presentare la Carta dei Servizi della Casa Sabate, struttura dedicata al benessere Gentili Ospiti, Cittadini e Istituzioni, abbiamo il piacere di presentare la Carta dei Servizi della Casa Sabate, struttura dedicata al benessere fisico, m entale e sociale di tutte le persone che desiderano

Dettagli

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività:

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività: Insieme si può Arcigay Pistoia La Fenice dopo le varie attività svolte sul territorio pistoiese e zone limitrofe, ha valutato l opportunità di realizzare un progetto con la collaborazione di personale

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano

La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano VISTO gli articoli 2, comma 2, lett. b) e 4, comma 1 del decreto legislativo 28 agosto 1997,

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Carta Servizi. Poliambulatorio Sani.Med. 98 S.r.l. Medicina dello sport Medicina del lavoro 4 revisione- Gennaio 2015.

Carta Servizi. Poliambulatorio Sani.Med. 98 S.r.l. Medicina dello sport Medicina del lavoro 4 revisione- Gennaio 2015. Sani.Med. S.r.l. Via Palombarese km. 19,0 Marcosimone di Guidonia 00010 Roma Carta Servizi Prestazioni di: Fisioterapia Cardiologia Dermatologia Ginecologia Endocrinologia Oculistica Neurologia Reumatologia

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli