Verso un contratto di fiume per il Medio Aterno Report Intermedio

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Verso un contratto di fiume per il Medio Aterno Report Intermedio"

Transcript

1 Verso un contratto di fiume per il Medio Aterno Report Intermedio Piano di Azione Locale 2007/2013, Un identità massiccia GAL Gran Sasso Velino Progetto pilota sul paesaggio rurale a2 Mosaici d Abruzzo Azione 1.2 Avviare la realizzazione di un contratto di fiume con gli attori sociali, istituzionali ed economici del medio corso del fiume Aterno, compreso nel parco del Sirente Velino ed a monte fino all Aquila Report intermedio ILEX, via Cantone della Terra 22, Fontecchio (AQ) sito: mail: tel

2 Verso un contratto di fiume per il medio Aterno 1 Report - prima fase Il progetto di un Contratto di Fiume nel medio corso della valle dell Aterno rientra nel progetto "Mosaici d'abruzzo", che fa parte del Piano di Azione Locale del GAL Gran Sasso Velino, finalizzato a realizzare attività innovative per la tutela e la valorizzazione del paesaggio rurale (Misura 4.1.2). Come chiarito nel progetto esecutivo generale, il lavoro che sta svolgendo Ilex è quello di avviare un percorso collaborativo con tutti i soggetti coinvolti nella gestione dell'area ricompresa nel bacino del medio Aterno, per arrivare solo successivamente ad un contratto di fiume vero e proprio. I nostri obiettivi sono, per tanto, entro il 2014 di definire: - Un quadro condiviso sulle problematiche del medio corso dell Aterno - Gli obiettivi generali e specifici che si dovrebbero perseguire sul medio corso dell Aterno. - Una possibile strategia di azione da affinare poi per fasi successive. - Un sistema stabile di cooperazione tra i diversi soggetti istituzionali e privati, per arrivare poi ad un contratto di fiume vero e proprio. Di seguito un ipotesi schematica di metodologia di lavoro che si concluderanno ad Ottobre

3 La prima fase di lavoro, appena conclusa, ha visto le seguenti azioni avviate: - Creazione di un piano di lavoro indicante i tempi e le modalità di svolgimento del progetto (si veda il precedente schema). - Ricerca e analisi di casi studio: Patto di Fiume Valle del Simeto, Contratto di Fiume sull ambito vallivo dell Labro (MI), Piano di Gestione del Distretto Idrografico del Fiume Po, Contratto di Fiume del Medio Panaro, Contratto di Bacino Fluviale del Mella. - Creazione di un data- bose con l elenco di tutti i soggetti coinvolgibili nel progetto sul medio corso dell Aterno. - Partecipazione a convegni in materia di contratti d fiume e pianificazione partecipata: - Convegno Obiettivi dello Sviluppo Sostenibile : le sfide per una Governance Innovativa del Territorio(Contratti di Gestione Territoriale, Contratti di Fiume, Contratti di Lago) - Perugia 29 Aprile Organizzato dall Università di Perugia - Convegno Difendersi dai fiumi o difendere i fiumi Siena 24 maggio 2014, organizzato da WWF Italia. - Analisi territoriale composta da una cartografia di sintesi in cui vengono illustrate, l'inquadramento dell'area di azione, gli enti pubblici e privati potenzialmente coinvolti e gli elementi critici, che verranno approfonditi e verificati durante i primi tavoli di consultazione. - Presentazione ufficiale del progetto agli enti e alla popolazione durante il convegno "Vivere il Paesaggio", che si è svolto a Fontecchio, lo scorso 14 Giugno (si veda allegato alla presente relazione). - Organizzazione di una sezione di lavori specifica sui Contratti di Fiume durante il convegno Vivere il Paesaggio (si veda allegato B), con i seguenti interventi: - Maurizio Bacci, La gestione degli ecosistemi fluviali - Giancarlo Gusmaroli - Dalle politiche alle azioni con le comunità: l esperienza dei Contratti di Fiume in Europa e in Italia - Mario Clerici: L esperienza dei Contratti di Fiume in Lombardia. - Giusy Pappalardo - Il Patto di Fiume della Valle dl Simeto: un esperienza di ricerca- azione partecipata - Teresa Ciambellini Presentazione del progetto Contratto di Fiume nella Media Valle dell Aterno. Durante questa sezione è stato possibile confrontarsi con altre realtà in cui è già stato avviato un contratto di fiume e da questo scambio proficuo sono emersi alcuni aspetti che è necessario sottolineare: - la necessità di avere un riconoscimento istituzionale, che renda formale l'atto di impegno tra i portatori di interesse.

4 - l'importanza del coinvolgimento di istituiti di ricerca (nel nostro caso, università dell'aquila, Gran Sasso Science Institute), per permettere un approfondimento scientifico sul tema. - la necessità di creare una rete con le esperienze simili appena nascenti nei territori limitrofi. Una rete di collaborazione che per metta sia lo scambio di esperienze che il coordinamento di azioni specifiche sullo stesso territorio. - Organizzazione del primo appuntamento di consultazione, che si terrà a fine agosto,. Il tavolo di discussione sarà aperto a tutti ma di fatto rivolto agli stakeholders individuati durante la fase di analisi. Durante il tavolo sarà nostro obiettivo verificare gli elementi di criticità e le potenzialità presenti nell'area di studio, e predisporre un elenco di azioni da realizzare nel breve e medio periodo per superare le criticità e valorizzare le potenzialità. In seguito alle analisi scaturita dalle fase sopracitate,verrà quindi stilato un report finale che ci auguriamo rappresenti una base per l'avvio del processo sul territorio.

5

6 !!

7

8

9

10 !"#$%&'(&)%(*#+**%&,-&!&'."&/"#&-0&.",-%&1*"#(% A& 29-&$-+.%&"&)%$+&B+))-+.% A& 6"#)9"&'(&)%(*#+**%&,-&!&'."&$'00C1*"#(% A& D%3":&E'+0"&*#+**% A& F'+0-&)#-*-)-*G A& 2%(&E'+0-&+**%#- A& H&/+$$-&,+&B+#"

11 !"#$%&'(&)%(*#+**%&,-&!&'."&/"#&-0&.",-%&1*"#(%!"#$%#&'($)$*(%&$+&**#&'( A& BC1DE&FG&>HF66E&DFIJCKCB2C6ICG1HL&2ML&81&216E&1K&CILN&B1B&FG1& BE2CLJO&2ML&BC&E22F61&KC&B!CIF66E&IE21ILP &&&&&&&6LH&CG8E&QQQRCILNCJ1ISR2EDT A& 2EII1UEHC1DE&2EG&FG1&HLJL&KC&61HJGLH&IE21IC&L&G1VCEG1IC&6LH& B!CIF661HL&6HE>LJJC:&BLH!CVC&L&HLJC&KWCD6HLB1P A& 61HJL2C6C1DE&1&U1GKC&HL>CEG1IC&LK&LFHE6LC&6LH&8CG1GVC1HL&C&GE BJHC&6HE>LJJCP A& KC&HL2LGJL&BJC1DE&I1!EH1GKE&1I&6HE>LJJE&5DEB1C2C&KW1UHFVVE7& 8CG1GVC1JE&K1I&>1I&>H1G&B1BBE&!LICGE&CG&2EII1UEH1VCEGL&2EG& 2EE6R2E>LBJHL:&IC6F:&2C1&L&CHCBP A& FGE&KL>IC&EUCLJJC!C&KLI&6HE>LJJE&LW&XFLII1&KC&58EHDFI1HL&FG1&!CBCEGL&2EGKC!CB1&6LH&I1&BEBJLGCUCICJ1W&KLC&61LB1>>C&HFH1IC&RR7 A& FGE&KL>IC&EUCLJJC!C&B6L2C8C2C&KLI&6HE>LJJE&DEB1C2C&KW1UHFVVE A& Y&XFLIIE&KC&1!!C1HL&FG&6HE2LBBE&6HE6LKLFJC2E&6LH&I1&8EHD1VCE GL&KCFG&2EGJH1JJE&KC&8CFDL&&2ECG!EI>LGKE&>IC&1JJEHC&BE2C1IC:& A& CBJCJFVCEG1IC&LK&L2EGEDC2C&KLI&DLKCE&2EHBE&KLI&8CFDL&1JLHGER

12 !"#$%&'(&)%(*#+**%&,-&!&'."&/"#&-0&.",-%&1*"#(%!"#$%"&'(&$)(*#+**)&,-&!&'."&/'0012*"#()!"#$!!%&'%()*"+,-"% -((%3+*-3%& I+&,-#"**-3+&$',,-3-,"&-0&*"##-*%#-%&-(&5,-$*#"**-&-,#%4#+!&)-7 P4(-&,-$*#"**%&/#",-$/%("&'(&/#%4#+..+&,-&.-$'#"&-(,-)+*-&("-&6-+(-&,-&4"$*-%(":&+00L-(*"#(%&,"-&K'+0-&$-&/#%.'%3"&-0&)%(*#+**%&,-&!&'."!"#$!!%&*,."%*,!$ /#%.'%3"#"&.%,+0-*U&,-&4"$*-%("&-(*"4#+*+:&)%(&0%&$)%/%&,"00+&*'*"0+&"&3+0%#-MM+M-%("&,"00"&#-$%#$"&-,#-)9"&"&,"40-&+.N-"(*-&)%("$$-!"#$!!%&-$/"%*,!$!"#$!!%&!%',!$ N+)-(%&,"0&!&'.":&"0+N%#-(%&'(+&/#%4#+..+M-%("&$/")-!&)+&#-4'+#,+(*"&3+#-&+$/"**-&,"00+&$%$*"(-N-0-*U&S+.N-"(*+0":&$%)-+0"&",&")%(%H.-)+TX 2%(&-0&/#%4"**%&5Y%#49-&1**-3-7&SZZZXN%#49-+**-3-X-*T&+NN-+.%&/%#*+*%&+3+(*-&'(&/#%4"**%&,-&/#%4"**+M%("&/+#*")-/+*+&)%-(3%04"(H,%&0"&)%.'(-*U&,-&=&/+"$-&,"0&)#+*#"&$-$.-)%X&B0&,%)'."(*%&!&(+0"&)%$*#'-*%&-($-"."&+00+&/%/%0+M-%("&,-&8%(*"))9-%&9+&"3-,"(M-+*%&0%& $*#"**%&#+//%#*%&)%(&-0&!&'."&)9"&0+&)%.'(-*U&9+&+3'*%&-(&/+$$+*%X&[(+&,"00"&0-(""&4'-,+&-(\+**+&O&0+&)#"+M-%("&,-&'(&/+#)%&+**#"MM+*%& 0'(4%&-0&!&'."&1*"#(%&S3-)-(%&+00+&5)%MM+&,"-&) &)9"&O&$*%#-)+."(*"&0+&$/-+44-+&,"0&/+"$"T

13 !"#$%&'(&)%(*#+**%&,-&!&'."&/"#&-0&.",-%&1*"#(%!"#$%"&'(&$)(*#+**)&,-&!&'."&/'0012*"#() H1C2K&A1&GH&CD>>KFFD&BCFBFGLBDH1EK& MCFIGJKHFD&&!DEDHF1IBD&IB2DHDC2BGFDN AB&CDEBFD&GH&2DHFI1FFD&AB&8BGJK %//'#" A1&GH1&2DJGHBF1O&2PK&ED&CFBJDE1

14 !"#$%&'(&)%(*#+**%&,-&!&'."&/"#&-0&.",-%&1*"#(%!"#$%"&'(&$)(*#+**)&,-&!&'."&/'0012*"#() AB&2CDEF1EEC&GA&8AHIJ&KHBBL&1EJFDC G1&HD&>FH66C&GA&EJ2DA2A&2MJ&KA&C22H61DC& GA&K!ABH66C&GJB&EJFFAECFAC J&NHJKEC&2MJ&KA>DA8A21:&2CK1&AI6BA21OO P& AI6BA21&B1&DJ2JKKAE1L&GA&!JFA8A21FJ&BLJ88JEEA!1&122C>BAJDQ1&6CKAEA!1&GJBBC&KEFHIJDEC P& EF1K8CFI1FJ&BLAD21FA2C&AD&HDC&KEFHIJDEC&GA&1DAI1QACDJ&EJFFAECFA1BJ P& BLC66CFEHDAE1L&GA&2FJ1FJ&HD&2CIAE1EC&6FCICECFJ&2CD&>BA&1EECFA&ADEJFJKK1EA P& B1&DJ2JKKAE1L&GA&2CAD!CB>JFJ&G1&KHRAEC&BA!JBBA&AKEAEHQACD1BA&!A2ADA& &&&&&&&S2CIHDA:&6FC!AD2A1T

15 !"#$%&'(&)%(*#+**%&,-&!&'."&/"#&-0&.",-%&1*"#(%!"#$%"&'(&$)(*#+**)&,-&!&'."&/'0012*"#() AB&CDEFGD&2DH6AFD&IJACKA&LM&IJLBBD&KA&1!!A1GL&B1&2DCEJBF1NADCL& 2DC&A&6DGF1FDGA&KA&ACFLGLEEL&EA1&6JOOBA2A&2PL&6GA!1FA&L&216AGL&EL&AB& 2DCFG1FFD&KA&8AJHL&EA1&B1&EDBJNADCL&HA>BADGL&6LG&B1&>LEFADCL&KA& IJLEFD&FLGGAFDGAD&L&6LG&IJLEFD&FG1FFD&KA&8AJHLQ GIUGNO - LUGLIO SETTEMBRE - OTTOBRE AB&CDEFGD&6JCFD& KA&58ACL7 CLA&R&HLEA&KA&B1!DGD&6GL!AEFA&K1B&6GD>LFFD&>1B E1G1M&AB&6JCFD&KA&ACANAD

16 !"#$%&'(&)%(*#+**%&,-&!&'."&/"#&-0&.",-%&1*"#(% A%3":&B'+0"&*#+**% C(B'+,#+."(*%&*"##-*%#-+0" Pescara F.Raiale T.Raio L Aquila F.Vera F.Aterno R.Scuro Avezzano Sulmona F.Vella F.Sagittario confine regionale confine provinciale confine GAL Gran Sasso-Velino confine Parco Sirente Velino confine Parco Gran Sasso bacino idrografico Fiume Aterno

17 !"#$%&'(&)%(*#+**%&,-&!&'."&/"#&-0&.",-%&1*"#(% A%3":&B'+0"&*#+**% T.Raio F.Raiale L Aquila 1#"+&,-&C*',-% D0&*#+**%&,-&!&'."&1*"#(%& %44"**%&,-&$*',-%&E&)-#)+B'"00%&)9"&,+0& *%##"(*"&!"#+&F+&3+00"&,"00+&)-**GH&+##-3+&!&(%&+0&*%##"(*"&C+4-**+#-%I J-)%./#"$%&/"#&0+&.+44-%#&/+#*" ("-&)%(!&(-&,"0&6+#)%&C-#"(*"&!"0-(% *%))+(,%&+0."(%&K&)%.'(-&,"00+&!+00"& C'L"B'+(+:&)+#+**"#-MM+*-&/"#&0%&/-N&,+& /-))%0-&L%#49-&$*%#-)-I F.Vera Fossa Villa Sant Angelo Poggio Picenze F.Aterno San Demetrio nè Vestini Fontecchio!+0%#-&"&#-$%#$"&,-&*-/%& /+"$+44-$*-)% (+*'#+0-$*-)%&"&$*%#-)% Tione degli Abruzzi Acciano Molina Aterno R.Scuro Raiano

18 !"#$%&'(&)%(*#+**%&,-&!&'."&/"#&-0&.",-%&1*"#(% T.Raio L Aquila F.Vera Poggio Picenze Fossa San Demetrio nè Vestini Villa Sant Angelo F.Aterno Fontecchio Tione degli Abruzzi confine regionale confine provinciale confine GAL Gran Sasso-Velino confine Parco Sirente Velino confine Parco Gran Sasso SS 17 SP 261 ferrovia area industriale centrale idroelettrica depuratori stazioni monitoraggio della qualità dell acqua bacino idrografico Fiume Aterno 6")'0-+#-*A&.%#B%0%4-)9"&)9"&)+#+**"#-CC+(%& 0D+#"+E +00D+0*"CC+&,-&2+./+(+:&/#%/#-%&+0&)%(!&("& )%(&-&0-.-*-&,"0&/+#)%:&0+&3+00+*+&$-&)9-',":& $"4(+(,%&'(&/'(*%&-./%#*+(*"&/"#&-0&)+.F G-+."(*%&,"0&/+"$+44-%H I+&'(&0+*%&0+&3+00"&)9"&$-&+/#"&,+&!-00+& J+(*D1(4"0%&+-&)%(!&(-&,"00D1K'-0+H&LD&+//#"CF C+G-0"&0+&3+$*+&+#"+&)%0*-3+*+&)9"&)%(*-"("& /-))%0"&"&.",-"&+C-"(,"&+4#-)%0"&M!&(%&+& P"00D+#"+&-(*"#(+&+0&/+#)%&-(3")"&("00+&3+00"& /-Q&$*#"**+:&0"&+**-3-*A&+4#-)%0"&$%(%&#-,%**":& "$-$*%(%&/"#R&+0*"&/%*"(C-+0-*A&*'#-$*-)9" 2#-*-)-*AE S& T#+**%&)9"&$-&*#%3+&+&3+00"&,"0&/-Q&!&**%& +440%."#+*%&'#G+(%&,"00+&C%(+:&$'G"(F,%&B%#*"&/#"$$-%("&+(*#%/-)+H S& 1**#+3"#$+&'(&-./%#*+(*"&/+#)%&(+*'#+F 0" S& "&-($-$*"&$'&'(+&,"0-)+*+&+#"+&/#%*"**+& M4%0"&,"0&J+4-**+#-%O S& U(%0*#"&0+&/#"$"(C+&,"-&G%#49-&"& & #-)%./#"$-&("0&G+)-(%&+&,-$*+(C"&"& +0*"CC"&)9"&(%(&/"#."**%(%&'(D-.."F,-+*+&B#'-G-0-*AH Acciano Molina Aterno T.Sagittario 2#-*-)-*A Raiano

19 !"#$%&'(&)%(*#+**%&,-&!&'."&/"#&-0&.",-%&1*"#(% A& 2%(&B'+0-&+**%#- F.Vera Poggio Picenze C$*-*'D-%(+0-E A& F"4-%("&"&6#%3-()-+ A& C&2%.'(-&)%-(3%0*- A& 1'*%#-*G&,-&H+)-(% A& I(*"&6+#)%&J-#"(*"&!"0-(% A& K(-3"#$-*G&,"00L1B'-0+:&,-/M Fossa Villa Sant Angelo F.Aterno San Demetrio nè Vestini O#4+(-DD+D-%(-E A& 2C1&P2%(Q","#+D-%("&14#-)%0*%#-R A& 2%($%#D-%&,-&H%(-!&)+ A& >#+(&J+$$%&1)B'+&$/+ Fontecchio J)-"(D"&1.N-"(*+0-1$$%)-+D-%(-&0%)+0- A& J%)-"*G&,-&/"$)+&$/%#*-3+ A& 1$$%)-+D-%(-&+.N-"(*+0-$*" A& 1$$%)-+D-%(-&(+*'#+0-$*-)9" Tione degli Abruzzi 2%.'(-*G&0%)+0- A& F"$-,"(*-&,"-& A& 10N"#4+*%#-&"&*'#-$*- Acciano Molina Aterno T.Sagittario

20 !"#$%&'(&)%(*#+**%&,-&!&'."&/"#&-0&.",-%&1*"#(% A&/+$$-&,+&B+#" ;<&>-'4(%&2%(3"4(%&5!-3"#"&-0&6+"$+44-%7!"!#$%&'(&)""(% Dove siamo C+D+*%&;?&E'40-%&F& 6#-.%&*+3%0%&,-&+//#%B%(,-."(*%&+/"#*%&+&*'**- Dove andiamo >-'4(%&"&E'40-%&F& A()%(*#-&",&-(*"#3-$*"&+-&/%#*+*%#-&,-&-(*"#"$$" G"/%#*&+(+0-$-&*"##-*%#-+0" 14%$*%&"&C"**".D#"&F& H+3%0-&*".+*-)-&$'00+&D+$"&,"40-&-(*"#3"(*-&,+&#"+0-II+#" G")"/-."(*%&,+&/+#*"&,"00+&/#%3-()-+&,"00%&$*',-%&/#%/","'*-)% 133-%&,"0&/#%)"$$%&,-&/-+(-!&)+I-%(" Dove speriamo di andare J**%D#"&F& G",+I-%("&,"0&G"/%#*&)%(&3-$-%(":&%D-"**-3-&4"("#+0-&"& $/")-!&)-

Contratti di fiume strategie e prospettive. Massimo Bastiani Coordinatore Tavolo Nazionale Contratti di Fiume

Contratti di fiume strategie e prospettive. Massimo Bastiani Coordinatore Tavolo Nazionale Contratti di Fiume Contratti di fiume strategie e prospettive Massimo Bastiani Coordinatore Tavolo Nazionale Contratti di Fiume Contratti di Fiume come Patti per i beni collettivi Agricoltura e prodotti tipici Fruizione

Dettagli

L Università dei monti

L Università dei monti Centro Cultura del Paesaggio Torre del Cornone Fontecchio (AQ) L Università dei monti Scuola estiva di paesaggio e sviluppo rurale sostenibile Landscape and sustainable rural development Summer School

Dettagli

IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI

IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI LA RESPONSABILITÀ SOCIALE UN VOLANO PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRITORIO IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI Lucia Briamonte M. Assunta D Oronzio Villa

Dettagli

Considerazioni e Prospettive

Considerazioni e Prospettive Convegno Contratti di Fiume e di Lago Università Federico II Dipartimento di Architettura Napoli, 18 Dicembre 2013 VIII Tavolo Nazionale dei Contratti tti di Fiume: Considerazioni e Prospettive Coordinatore

Dettagli

PROGRAMMA DI ATTIVITA 2011-2012 NELL AMBITO DEL PROTOCOLLO D INTESA FRA

PROGRAMMA DI ATTIVITA 2011-2012 NELL AMBITO DEL PROTOCOLLO D INTESA FRA PROGRAMMA DI ATTIVITA 2011-2012 NELL AMBITO DEL PROTOCOLLO D INTESA FRA L ENTE DI GESTIONE DEL PARCO FLUVIALE DEL PO TRATTO TORINESE, L ENTE DI GESTIONE DEL PARCO NATURALE DELLA COLLINA TORINESE a cui

Dettagli

Gestione integrata e partecipata delle risorse idriche

Gestione integrata e partecipata delle risorse idriche Gestione integrata e partecipata delle risorse idriche Quadro legislativo Direttiva 2000/60/CE D.Lgs 152/2006, riportante Norme in materia ambientale Piano di Gestione del distretto idrografico del Fiume

Dettagli

CON IL CONTRIBUTO DI PROMOSSO DA DALLE POLITICHE ALL AZIONE CON IL CONTRATTO DI FIUME. Ing. Giancarlo Gusmaroli ASSISTENZA TECNICO-SCIENTIFICA:

CON IL CONTRIBUTO DI PROMOSSO DA DALLE POLITICHE ALL AZIONE CON IL CONTRATTO DI FIUME. Ing. Giancarlo Gusmaroli ASSISTENZA TECNICO-SCIENTIFICA: CON IL CONTRIBUTO DI PROMOSSO DA DALLE POLITICHE ALL AZIONE CON IL CONTRATTO DI FIUME Ing. Giancarlo Gusmaroli ASSISTENZA TECNICO-SCIENTIFICA: OBIETTIVI IN CONFLITTO? MIGLIORAMENTO AMBIENTALE VALORIZZAZIONE

Dettagli

Provincia di Pordenone

Provincia di Pordenone REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone SETTORE POLITICHE DEL LAVORO E POLITICHE SOCIALI Regolamento Forum delle Fattorie Sociali della Provincia di Pordenone Art. 1 1. Con la finalità di sviluppare

Dettagli

DMC. Le 13 Compagnie di Destinazione in Abruzzo. PAR FAS ABRUZZO 2007-2013 Linea Azione 1.3.1.d

DMC. Le 13 Compagnie di Destinazione in Abruzzo. PAR FAS ABRUZZO 2007-2013 Linea Azione 1.3.1.d DMC Le 13 Compagnie di Destinazione in Abruzzo Ragione Sociale Consorzio Soc. Coop. A R.L.P.A. Capitale Sociale Euro 100.000,00 Legale Rappresentante Giagnoli Ottaviana Comuni del territorio coinvolto

Dettagli

15 01 01 Imballaggi in carta e cartone. La raccolta della carta in Provincia dell'aquila LA RACCOLTA DELLA CARTA IN PROVINCIA DELL'AQUILA

15 01 01 Imballaggi in carta e cartone. La raccolta della carta in Provincia dell'aquila LA RACCOLTA DELLA CARTA IN PROVINCIA DELL'AQUILA CARTA E CARTONE CODICI CER DESCRIZIONE 15 01 01 Imballaggi in carta e cartone 20 01 01 Carta e cartone La raccolta della carta in Provincia dell'aquila 160.000 148.984,12 134.369,82 120.000 80.000 40.000

Dettagli

Piano Migliorativo Territoriale dell Area GAL Gran Sasso Velino DIAGNOSI CONDIVISA

Piano Migliorativo Territoriale dell Area GAL Gran Sasso Velino DIAGNOSI CONDIVISA Piano Migliorativo Territoriale dell Area GAL Gran Sasso Velino DIAGNOSI CONDIVISA Attività cofinanziata dal PSR Abruzzo 2007-2013, Fondo FEASR; Asse 4 LEADER PSL GAL GRAN SASSO VELINO UN IDENTITA MASSICCIA

Dettagli

Il volontariato: ruolo e impegni per la Conferenza dei Servizi

Il volontariato: ruolo e impegni per la Conferenza dei Servizi Il volontariato: ruolo e impegni per la Conferenza dei Servizi Rel. sig. Giancarlo Cavallin Volontarinsieme Coordinamento delle Associazioni di volontariato della provincia di Treviso. Gruppo Salute, ospedale

Dettagli

Le attività dell Amministrazione Provinciale nel campo Energetico

Le attività dell Amministrazione Provinciale nel campo Energetico Le attività dell Amministrazione Provinciale nel campo Energetico La Provincia di Lucca esercita le competenze in materia energetica assegnatele dalla normativa nazionale e regionale in materia sia nel

Dettagli

PROPOSTA PERCORSO PARTECIPATIVO

PROPOSTA PERCORSO PARTECIPATIVO PROPOSTA PERCORSO PARTECIPATIVO per la definizione del Piano Unico di Gestione del Parco Fluviale della Sarca Ilaria Rigatti Parco Naturale Adamello Brenta PERCHÉ UN PROCESSO PARTECIPATIVO? pluralità di

Dettagli

Il welfare provinciale e il ruolo della cooperazione sociale

Il welfare provinciale e il ruolo della cooperazione sociale Il welfare provinciale e il ruolo della cooperazione sociale In questa periodo sono un fase di sottoscrizione gli Accordi di Programma nei diversi ambiti territoriali nella Provincia di Cuneo. La ricerca

Dettagli

Deliberazione del Comitato di gestione n. 6 di data 6 maggio 2015.

Deliberazione del Comitato di gestione n. 6 di data 6 maggio 2015. Deliberazione del Comitato di gestione n. 6 di data 6 maggio 2015. Oggetto: Adozione dell aggiornamento del Programma pluriennale 2011-2015 da sottoporre alla Giunta provinciale. La legge provinciale 23

Dettagli

Mercoledì 24 luglio 2013. www.europa.marche.it

Mercoledì 24 luglio 2013. www.europa.marche.it Mercoledì 24 luglio 2013 1 2 Data: 18 /07/2013 Diffusione: PROGRAMMA OPERATIVO FESR, VIA ALLE CONSULTAZIONI Spacca: Innovazione e Macroregione, le strade da seguire per recuperare le risorse - Ancona -

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. L anno 2008, il giorno 1 del mese di marzo presso il Comune di Trebisacce (CS) TRA PREMESSO CHE

PROTOCOLLO D INTESA. L anno 2008, il giorno 1 del mese di marzo presso il Comune di Trebisacce (CS) TRA PREMESSO CHE PROVINCIA PROVINCIA PROVINCIA PROVINCIA DI COSENZA DI LECCE DI MATERA DI TARANTO PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL TAVOLO DI CONSULTAZIONE PERMANENTE TRA LE PROVINCE DEL GOLFO DI TARANTO (COSENZA,

Dettagli

Il progetto Nexus dell UNECE per il bacino idrografico dell Isonzo/Soca

Il progetto Nexus dell UNECE per il bacino idrografico dell Isonzo/Soca Gorizia 14 Ottobre 2014 Il progetto Nexus dell UNECE per il bacino idrografico dell Isonzo/Soca Stato dell arte e prospettive sul possibile caso di studio nato dalla cooperazione fra Convenzione delle

Dettagli

INTERVENTO del SOTTOSEGRETARIO ON. GIANCLAUDIO BRESSA MILANO 1 DICEMBRE 2014

INTERVENTO del SOTTOSEGRETARIO ON. GIANCLAUDIO BRESSA MILANO 1 DICEMBRE 2014 Stakeholder conference on the EU Strategy for the Alpine Region INTERVENTO del SOTTOSEGRETARIO ON. GIANCLAUDIO BRESSA MILANO 1 DICEMBRE 2014 Signora Commissaria Cretu, Signori Ministri, Signori Presidenti,

Dettagli

CONTRATTO DEL LAGO DI BOLSENA. Accordo di Programmazione Negoziata PROTOCOLLO DI INTESA

CONTRATTO DEL LAGO DI BOLSENA. Accordo di Programmazione Negoziata PROTOCOLLO DI INTESA CONTRATTO DEL LAGO DI BOLSENA Accordo di Programmazione Negoziata PROTOCOLLO DI INTESA Protocollo d Intesa per l attuazione del Contratto del Lago di Bolsena PREMESSO CHE la Direttiva 2000/60/CE del Parlamento

Dettagli

I CONTRATTI DI FIUME in Lombardia

I CONTRATTI DI FIUME in Lombardia Governance e partecipazione per il bacino del Po Colorno 26 ottobre 2007 I CONTRATTI DI FIUME in Lombardia Mario Clerici Regione Lombardia mario_clerici@regione.lombardia.it PERCHE UN CONTRATTO DI FIUME

Dettagli

1 0 O T T O B R E 2 0 1 4. Report sulla Città metropolitana di Reggio Calabria

1 0 O T T O B R E 2 0 1 4. Report sulla Città metropolitana di Reggio Calabria 1 0 O T T O B R E 2 0 1 4 Report sulla Città metropolitana di Reggio Calabria Report sulla Città metropolitana di Reggio Calabria A pochi giorni dalle elezioni per il rinnovo degli organi comunali del

Dettagli

Applicativo Intese Monitoraggio Accordi di Programma Quadro. Report A - Elenco interventi

Applicativo Intese Monitoraggio Accordi di Programma Quadro. Report A - Elenco interventi Ads-01 - Azioni di Sistema per la realizzazione di un quadro conoscitivo, di supporto alla paianificazione regionale e di indirizzo alla individuazione delle misure strutturali e non strutturali, finalizzato

Dettagli

EQAVET: Quadro di riferimento europeo per la garanzia di qualità dell istruzione e formazione professionale

EQAVET: Quadro di riferimento europeo per la garanzia di qualità dell istruzione e formazione professionale EQAVET: Quadro di riferimento europeo per la garanzia di qualità dell istruzione e formazione professionale In riferimento all obiettivo qualità, nel Documento del Consiglio dell'unione europea del maggio

Dettagli

NE FANNO PARTE: PALAZZO VERDE, GENOA PORT CENTER E MUVITA SCIENCE CENTRE.

NE FANNO PARTE: PALAZZO VERDE, GENOA PORT CENTER E MUVITA SCIENCE CENTRE. NASCE A GENOVA S.C.E.L. - SMART CITY EDUCATION LABS UNA RETE DI STRUTTURE SCIENTIFICHE E DIDATTICHE PER FARE INFORMAZIONE E DIVULGAZIONE SUI TEMI DELLA SMART CITY. NE FANNO PARTE: PALAZZO VERDE, GENOA

Dettagli

Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese

Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese Maria Paola Corona Presidente di Sardegna Ricerche Sardegna Ricerche: dove la ricerca diventa

Dettagli

Sintetica descrizione del progetto: azioni previste, strumenti, metodologie e destinatari

Sintetica descrizione del progetto: azioni previste, strumenti, metodologie e destinatari Scheda riepilogativa del programma finalizzato Centri per l adattamento dell ambiente domestico per anziani e disabili - Anno 2004 in attuazione della Delibera del Consiglio regionale n. 615/2004 Riferimenti:

Dettagli

ATTIVARE RETI E PROMUOVERE PARTNERSHIP FINALIZZATE

ATTIVARE RETI E PROMUOVERE PARTNERSHIP FINALIZZATE SEMINARIO USR LOMBARDIA 2015 ATTIVARE RETI E PROMUOVERE PARTNERSHIP FINALIZZATE Theofanis Vervelacis FORMAZIONE COME.. Vivere l organizzazione nel quotidiano agire Estraniarsi all organizzazione guardarla

Dettagli

COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA

COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA ASSOCIAZIONI CHE PARTECIPANO ALLA GESTIONE IN RETE DEL PROGETTO. UISP Comitato regionale ER (capofila) Arci Comitato regionale Emilia Romagna CSI Comitato regionale Emilia

Dettagli

INNOVAPPENNINO - un nuovo modo di fare formazione Castelnovo né Monti, 1 ottobre 2013 Alessandra Nironi M.Letizia Dini

INNOVAPPENNINO - un nuovo modo di fare formazione Castelnovo né Monti, 1 ottobre 2013 Alessandra Nironi M.Letizia Dini INNOVAPPENNINO - un nuovo modo di fare formazione Castelnovo né Monti, 1 ottobre 2013 Alessandra Nironi M.Letizia Dini INNOVAPPENNINO - un nuovo modo di fare formazione Programma dei lavori 10.00 Registrazione

Dettagli

Repertorio dei Piani e Programmi relativi a sottobacini o settori e tematiche specifiche

Repertorio dei Piani e Programmi relativi a sottobacini o settori e tematiche specifiche Repertorio dei Piani e Programmi relativi a sottobacini o settori e tematiche specifiche All. VII, parti A e B, punto 8 della Direttiva 2000/60/CE e All. 4, parti A e B, punto 8, alla Parte Terza del D.Lgs.

Dettagli

ARPACAL EDUCAZIONE ORIENTATA ALLA SOSTENIBILITA

ARPACAL EDUCAZIONE ORIENTATA ALLA SOSTENIBILITA LINEE GUIDA EDUCAZIONE ORIENTATA ALLA SOSTENIBILITA GdL 10: Educazione Ambientale Direzione Generale: Fortunata Giordano Claudia Morabito Antonella Federico 1 INDICE PREMESSA 1. FINALITA 2. STRUMENTI OPERATIVI

Dettagli

Il Programma MED 2014-2020

Il Programma MED 2014-2020 Il Programma MED 2014-2020 Obiettivo generale Promuovere una crescita sostenibile nel bacino mediterraneo favorendo pratiche innovative e un utilizzo ragionevole delle risorse (energia, acqua, risorse

Dettagli

Finalità: La promozione in Italia, e in particolare nelle aree urbane, del processo di Agenda 21 Locale

Finalità: La promozione in Italia, e in particolare nelle aree urbane, del processo di Agenda 21 Locale Finalità: La promozione in Italia, e in particolare nelle aree urbane, del processo di Agenda 21 Locale Organizzazione Forma: Associazione nazionale volontaria senza scopo di lucro Organi dell Associazione:

Dettagli

REPORT SECONDO LABORATORIO DI PROGETTAZIONE PARTECIPATA SCENARIO WORKSHOP: VALORIZZAZIONE SITI PILOTA

REPORT SECONDO LABORATORIO DI PROGETTAZIONE PARTECIPATA SCENARIO WORKSHOP: VALORIZZAZIONE SITI PILOTA MED-PHARES Strategie di gestione integrate per la valorizzazione del patrimonio dei fari e delle stazioni semaforiche del Mediterraneo REPORT SECONDO LABORATORIO DI PROGETTAZIONE PARTECIPATA SCENARIO WORKSHOP:

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO Bergamo, 22 ottobre 2012

PROVINCIA DI BERGAMO Bergamo, 22 ottobre 2012 PROVINCIA DI BERGAMO Bergamo, 22 ottobre 2012 IL PATTO DEI SINDACI Raccogliere la sfida della riduzione del 20% delle emissioni di CO2 entro il 2020 sul proprio territorio: questo, in estrema sintesi,

Dettagli

La conservazione del biocorridoio Alpi-Appennini Un approccio ecoregionale WWF

La conservazione del biocorridoio Alpi-Appennini Un approccio ecoregionale WWF La conservazione del biocorridoio Alpi-Appennini Un approccio ecoregionale WWF Mauro Belardi, Dario Ottonello e Giorgio Baldizzone Convegno Internazionale La gestione di rete Natura 2000: esperienze a

Dettagli

Comitato di Sorveglianza Roma, 20 giugno 2014

Comitato di Sorveglianza Roma, 20 giugno 2014 Supporto alla definizione e attuazione delle politiche regionali di ricerca e innovazione (Smart Specialisation Strategy Regionali) Comitato di Sorveglianza Roma, 20 giugno 2014 Indice La Smart Specialisation

Dettagli

Fondo Europeo per l'integrazione di Cittadini di Paesi Terzi 2007-2013

Fondo Europeo per l'integrazione di Cittadini di Paesi Terzi 2007-2013 Fondo Europeo per l'integrazione di Cittadini di Paesi Terzi 2007-2013 SCHEDA DI MONITORAGGIO Beneficiario Titolo del Progetto COMUNE DI PERUGIA FOR PA UMBRIA- Formazione nella Pubblica Amministrazione

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

LA SPERIMENTAZIONE DEI PIANI LOCALI GIOVANI Sintesi e informazioni

LA SPERIMENTAZIONE DEI PIANI LOCALI GIOVANI Sintesi e informazioni LA SPERIMENTAZIONE DEI PIANI LOCALI GIOVANI Sintesi e informazioni PREMESSA La sperimentazione dei Piani Locali Giovani ha la finalità di sostenere l azione degli enti locali nel campo delle politiche

Dettagli

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 1. Istituzione del gruppo di lavoro Decisione della Conferenza delle Alpi in merito all istituzione del Gruppo di

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

PROGRAMMA Scientiam Inquirendo Discere SID

PROGRAMMA Scientiam Inquirendo Discere SID PROGRAMMA Scientiam Inquirendo Discere SID Documenti di base a cura di Anna Lepre, Isabella Marini, Silvia Zanetti e Anna Pascucci 1 PROGRAMMA Scientiam Inquirendo Discere SID Documenti di base INTRODUZIONE

Dettagli

LA CARTA EUROPEA DEL TURISMO SOSTENIBILE NEI PARCHI LOMBARDI

LA CARTA EUROPEA DEL TURISMO SOSTENIBILE NEI PARCHI LOMBARDI LA CARTA EUROPEA DEL TURISMO SOSTENIBILE NEI PARCHI LOMBARDI Lorenzo Canova Futuro sostenibile: azioni e strumenti Conferenza Programmatica -25 Gennaio 2005 Milano 1 PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PROMOZIONE

Dettagli

Corso di Laurea in Economia e Gestione delle Amministrazioni Pubbliche Anno Accademico 2015/16

Corso di Laurea in Economia e Gestione delle Amministrazioni Pubbliche Anno Accademico 2015/16 Università degli Studi di Catania - Dipartimento di Economia e impresa Corso di Laurea in Economia e Gestione delle Amministrazioni Pubbliche Anno Accademico 2015/16 Marketing (Anno II, semestre I, n 9

Dettagli

Dipartimento di ECONOMIA e STATISTICA. UniversitàdegliStudidiParma F a c o l t à d i E c o n o m i a

Dipartimento di ECONOMIA e STATISTICA. UniversitàdegliStudidiParma F a c o l t à d i E c o n o m i a Dipartimento di ECOMIA e STATISTICA UniversitàdegliStudidiParma F a c o l t à d i E c o n o m i a 1 Database degli studenti (19) ai Master NUVAL delle Università di Parma e Cosenza Anno Master Sede dello

Dettagli

La rete per la promozione della salute in Lombardia

La rete per la promozione della salute in Lombardia La differenza che vale Gli ospedali di ANDREA: amici del bambino e della sua famiglia Bosisio Parini (LC) - 12-14 Novembre 2009 - IRCCS E. MEDEA La rete per la promozione della salute in Lombardia Giancarlo

Dettagli

Tracce di scenari futuri

Tracce di scenari futuri 2 giorno Tracce di scenari futuri 13 giugno 14 giugno Rapporto del laboratorio di co-progettazione seconda giornata 2015 Il percorso Il percorso di partecipazione Imola ripartecipa è promosso dall Amministrazione

Dettagli

COMITATO PER IL PARCO REGIONALE DELLA BRUGHIERA C.F.:

COMITATO PER IL PARCO REGIONALE DELLA BRUGHIERA C.F.: COMITATO PER IL PARCO REGIONALE DELLA BRUGHIERA C.F.: 91124990150 www.comitatoparcobrughiera.it Report della serata tenutasi il 30 maggio 2014 a MARIANO COMENSE (CO) presso la VILLA SORMANI dal titolo

Dettagli

Provincia di Modena. Provincia di Bologna. Provincia di Ravenna

Provincia di Modena. Provincia di Bologna. Provincia di Ravenna Provincia di Modena Provincia di Bologna Provincia di Ravenna Struttura partnership Regional co-ordinator Emilia-Romagna Provincia di Modena Co-operating partners Provincia di Bologna Provincia di Ravenna

Dettagli

COMUNE DI MONTORIO AL VOMANO Provincia di Teramo Via Poliseo De Angelis, 24 64046 Montorio al Vomano

COMUNE DI MONTORIO AL VOMANO Provincia di Teramo Via Poliseo De Angelis, 24 64046 Montorio al Vomano Provincia di Teramo Via Poliseo De Angelis, 24 64046 Montorio al Vomano MODELLO PER IL CURRICULUM VITAE Informazioni personali Cognome e Nome Cingoli Ennio Data di nascita 6 Giugno 1954 Qualifica Cat.

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

A U T O I M P I E G O. Diventa imprenditore di te stesso

A U T O I M P I E G O. Diventa imprenditore di te stesso A U T O I M P I E G O. Diventa imprenditore di te stesso Di cosa si tratta. La legge che agevola l Autoimpiego (D. Lgs. 185/00, Titolo II) costituisce il principale strumento di sostegno alla realizzazione

Dettagli

Valutare gli esiti di una consultazione online

Valutare gli esiti di una consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Valutare gli esiti di una consultazione online Autore: Antonella Fancello, Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance

Dettagli

Data: 26/02/2014 Estratto da pagina 1 FONDI EUROPEI 2014-2020? TUTTO QUELLO CHE È NECESSARIO SAPERE

Data: 26/02/2014 Estratto da pagina 1 FONDI EUROPEI 2014-2020? TUTTO QUELLO CHE È NECESSARIO SAPERE Data: 26/02/2014 Estratto da pagina 1 FONDI EUROPEI 2014-2020? TUTTO QUELLO CHE È NECESSARIO SAPERE Sarà l'auditoriurn 'Adriano Luzi' di Comunanza a ospitare domani la carovana di ascolto che la Regione

Dettagli

nei PROCESSI DI RAFFREDDAMENTO delle centrali TERMOELETTRICHE attraverso lo sfruttamento dell energia associata alle MAREE

nei PROCESSI DI RAFFREDDAMENTO delle centrali TERMOELETTRICHE attraverso lo sfruttamento dell energia associata alle MAREE AD USO INDUSTRIALE per la produzione di ENERGIA IDROELETTRICA nei PROCESSI DI RAFFREDDAMENTO delle centrali TERMOELETTRICHE attraverso lo sfruttamento dell energia associata alle MAREE attraverso lo sfruttamento

Dettagli

INDICE. Che cosa vuol dire partecipazione. La relazione tra A21 e partecipazione dei cittadini. Lo strumento che garantisce la partecipazione in A21

INDICE. Che cosa vuol dire partecipazione. La relazione tra A21 e partecipazione dei cittadini. Lo strumento che garantisce la partecipazione in A21 INDICE CAPITOLI COSA SI RACCONTA PRESENTAZIONE DI ABCITTA PARTECIPAZIONE Che cosa vuol dire partecipazione AGENDA 21 La relazione tra A21 e partecipazione dei cittadini IL FORUM Lo strumento che garantisce

Dettagli

Elena Farnè, architetto IntercityLab

Elena Farnè, architetto IntercityLab 5 Aprile 2011 / RIMINI PAESAGGIO E RISORSE / dal progetto di recupero Dell ex-cava In.Cal.System proposte per la valle del Marecchia Elena Farnè, architetto IntercityLab PROGETTO INCAL / richieste d incarico

Dettagli

La politica regionale per la sicurezza idraulica e la riqualificazione paesaggistico - ambientale dei corsi d acqua del nord milano

La politica regionale per la sicurezza idraulica e la riqualificazione paesaggistico - ambientale dei corsi d acqua del nord milano La politica regionale per la sicurezza idraulica e la riqualificazione paesaggistico - ambientale dei corsi d acqua del nord milano D. Fossati U.O. Difesa del suolo Dalle esondazioni alla sicurezza idraulica

Dettagli

Contratto di Fiume Meolo Vallio Musestre DAL

Contratto di Fiume Meolo Vallio Musestre DAL DAL Contratto di Fiume Meolo Vallio Musestre L approccio dal basso: l esperienza del Contratto di Fiume Meolo Vallio Musestre Ing. Alessandro Pattaro, coordinatore tecnico del CdF Meolo Vallio Musestre

Dettagli

Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21 come processo partecipato e condiviso del nostro territorio

Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21 come processo partecipato e condiviso del nostro territorio CoMoDo. Comunicare Moltiplica Doveri (art direction, grafica, fotografia Marco Tortoioli Ricci) Provincia di Terni in collaborazione con i Comuni della provincia Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21

Dettagli

NUORO (08/05/2015) SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LA FORMALIZZAZIONE DI UN ACCORDO

NUORO (08/05/2015) SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LA FORMALIZZAZIONE DI UN ACCORDO NUORO (08/05/2015) SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LA FORMALIZZAZIONE DI UN ACCORDO FINALIZZATO ALL' INDIVIDUAZIONE DI UN LUOGO IN CUI PROMUOVERE SCAMBI CULTURALI E PROCESSI DI INCLUSIONE E RELAZIONE

Dettagli

Schema di Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni

Schema di Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni Schema di Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni Art. 7 della Direttiva 2007/60/CE e del D.lgs. n. 49 del 23.02.2010 Allegato 6 Sintesi delle misure/azioni adottate

Dettagli

Sergio Tasso e Elia Buono La democratizzazione digitale per il territorio

Sergio Tasso e Elia Buono La democratizzazione digitale per il territorio Un Patto per i nostri fiumi: dalla politica dell emergenza alla prevenzione Venezia Mestre, 19 Novembre 2014 Sergio Tasso e Elia Buono La democratizzazione digitale per il territorio Democrazia digitale

Dettagli

CETS. sviluppo? Necessario creare uno strumento! Le sfide, diffusione e buone pratiche

CETS. sviluppo? Necessario creare uno strumento! Le sfide, diffusione e buone pratiche CETS La Carta Europea per il Turismo Sostenibile Le sfide, diffusione e buone pratiche Antonello Zulberti Gli scopi dei parchi sono contraddittori? E possibile conciliare conservazione e sviluppo? Riflessioni

Dettagli

AGENDA 21 LOCALE DELLE PROVINCE D ABRUZZO

AGENDA 21 LOCALE DELLE PROVINCE D ABRUZZO Regione Abruzzo AGENDA 21 LOCALE DELLE Rete Agende 21 Locali della Regione Abruzzo PIANO DI LAVORO della PROVINCIA DELL AQUILA PREMESSA L Agenda 21 è il documento messo a punto a livello mondiale durante

Dettagli

ASSESSORATO PER LA SANITA'

ASSESSORATO PER LA SANITA' R E P U B B L I C A I T A L I A N A REGIONE SICILIANA ASSESSORATO PER LA SANITA' DIPARTIMENTO OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO PREVENZIONE E FORMAZIONE PERMANENTE Allegato al punto 4B del Cronoprogramma anno

Dettagli

Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia

Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia Allegato 4 Tabella di raccordo tra dimensioni del BES, funzioni e obiettivi della provincia Dimensione/dominio Funzioni Piano strategico Tema Descrizione Standard materiali di vita (reddito,consumi,ricchezz

Dettagli

RUOLO E FINALITA DELLE ASSOCIAZIONI FEMMINILI IN UNA SOCIETA IN RAPIDA E CONTINUA EVOLUZIONE

RUOLO E FINALITA DELLE ASSOCIAZIONI FEMMINILI IN UNA SOCIETA IN RAPIDA E CONTINUA EVOLUZIONE Carissime amiche, nel ringraziare ancora per avermi eletta nel ruolo di vice Presidente del Distretto Sud Est, vi saluto augurandovi un Anno Sociale all insegna dell impegno e dell amicizia vera. Il mio

Dettagli

INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE

INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE PROGETTO L.e.A. LAVORO E ACCOGLIENZA a cura di S. Campisi INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE PROGETTO L.e.A.

Dettagli

PROGETTO LIFE+ PRATERIE. Luglio / Agosto 2013. Camunicati e Rassegna Stampa

PROGETTO LIFE+ PRATERIE. Luglio / Agosto 2013. Camunicati e Rassegna Stampa ENTE PARCO NAZIONALE DEL GRAN SASSO E MONTI DELLA LAGA PROGETTO LIFE+ PRATERIE Luglio / Agosto 2013 Camunicati e Rassegna Stampa Progetto LIFE+ Praterie - LIFE11/NAT/IT/234 COMUNICATO STAMPA IL PROGETTO

Dettagli

Tavola rotonda. 3. Governance e strumenti del Piano innovazione e ricerca. Dr. Francesco Bongiovanni. Roma 10 luglio 2014

Tavola rotonda. 3. Governance e strumenti del Piano innovazione e ricerca. Dr. Francesco Bongiovanni. Roma 10 luglio 2014 Tavola rotonda 3. Governance e strumenti del Piano innovazione e ricerca Roma 10 luglio 2014 Dr. Francesco Bongiovanni Cosa intendiamo con il termine governance? L insieme di azioni che consentono la realizzazione

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

Il mondo della pesca nel Veneto: numeri, problematiche e iniziative.

Il mondo della pesca nel Veneto: numeri, problematiche e iniziative. Il mondo della pesca nel Veneto: numeri, problematiche e iniziative. Dott. Mario Richieri Dirigente Regionale Unità di Progetto Caccia e Pesca Dott. Luca Tenderini Responsabile Ufficio Pesca Villa Cordellina

Dettagli

Elezioni Collegio IPASVI Brescia Triennio 2015-2017 Sabato 29 novembre dalle 8.30 alle 19:30 Domenica 30 novembre dalle 8.30 alle 19:30 Lunedì 1

Elezioni Collegio IPASVI Brescia Triennio 2015-2017 Sabato 29 novembre dalle 8.30 alle 19:30 Domenica 30 novembre dalle 8.30 alle 19:30 Lunedì 1 Elezioni Collegio IPASVI Brescia Triennio 2015-2017 Sabato 29 novembre dalle 8.30 alle 19:30 Domenica 30 novembre dalle 8.30 alle 19:30 Lunedì 1 dicembre dalle 8.30 alle 16:30 PRESENZA Obiettivo: avvicinare

Dettagli

DMC. Le 13 Compagnie di Destinazione in Abruzzo. PAR FAS ABRUZZO 2007-2013 Linea Azione 1.3.1.d

DMC. Le 13 Compagnie di Destinazione in Abruzzo. PAR FAS ABRUZZO 2007-2013 Linea Azione 1.3.1.d Le 13 Compagnie di Destinazione in Abruzzo AQ Abruzzo Qualità L AQUILA SIRENTE-VELINO MARSICA S.C. a.r.l. Ragione Sociale L Aquila Sirente- Velino Marsica S.C. a.r.l. Capitale Sociale Euro 108.000,00 Legale

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. VISTO la legge regionale n.1 del 5 gennaio 2001 recante Norme per la valorizzazione e lo sviluppo del litorale del Lazio ;

LA GIUNTA REGIONALE. VISTO la legge regionale n.1 del 5 gennaio 2001 recante Norme per la valorizzazione e lo sviluppo del litorale del Lazio ; OGGETTO: PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTI PER LO SVILUPPO DEL LITORALE DEL LAZIO, DI CUI ALLA LEGGE REGIONALE N.1 DEL 5 GENNAIO 2001 - AZIONE I.1.4. RAFFORZAMENTO DEGLI STRUMENTI DI VALUTAZIONE E CONTROLLO

Dettagli

AMBIENTE TERRITORIO PAESAGGIO

AMBIENTE TERRITORIO PAESAGGIO AMBIENTE TERRITORIO PAESAGGIO Soluzioni per la tutela, la gestione e la valorizzazione del patrimonio naturale Pianificazione sostenibile significa individuare soluzioni per la gestione e la tutela delle

Dettagli

Governance di sistema e di progetto e possibili canali di finanziamento

Governance di sistema e di progetto e possibili canali di finanziamento Governance di sistema e di progetto e possibili canali di finanziamento di Giorgio Casoni Il concetto di capacità competitiva territoriale è entrato a far parte del linguaggio comune degli amministratori.

Dettagli

VERSO IL CONTRATTO DI FIUME DEL TREBBIA IMPOSTAZIONE, METODOLOGIA e FASI PROPOSTA DI DISCUSSIONE PER I PARTECIPANTI

VERSO IL CONTRATTO DI FIUME DEL TREBBIA IMPOSTAZIONE, METODOLOGIA e FASI PROPOSTA DI DISCUSSIONE PER I PARTECIPANTI VERSO IL CONTRATTO DI FIUME DEL TREBBIA IMPOSTAZIONE, METODOLOGIA e FASI PROPOSTA DI DISCUSSIONE PER I PARTECIPANTI Forum di avvio del Processo di Partecipazione, 28 Giugno 2014 Coordinamento del Contratto

Dettagli

POSTER SESSION @ FORUM PA 2013

POSTER SESSION @ FORUM PA 2013 POSTER SESSION @ FORUM PA 2013 WIZ - WATERIZE SPATIAL PLANNING: "ACQUIFICHIAMO" LA PIANIFICAZIONE TERRITORIALE Autorità di Bacino del Fiume Arno #poster #forumpa2013 WIZ La mia città vivrà anche domani

Dettagli

Un Patto per i nostri fiumi:

Un Patto per i nostri fiumi: Un Patto per i nostri fiumi: Un patto per i nostri fiumi: dalla politica dell emergenza alla prevenzione PREMIO IX TAVOLO NAZIONALE DEI CONTRATTI DI FIUME 2014 Venezia, 18 Novembre 2014 Aula Tafuri, Palazzo

Dettagli

Scheda Progetto L.R. 46/95 Annualità 2008

Scheda Progetto L.R. 46/95 Annualità 2008 ALLEGATO Scheda Progetto L.R. 6/9 Annualità 008 Comune Capofila di Porto Sant Elpidio Ambito Territoriale Sociale N Ambito Sociale n 0 Popolazione 8.8 Il Progetto è stato presentato in ٱSingola Forma ٱAssociata

Dettagli

Guadagnare Salute Piemonte Scuole che Promuovono Salute

Guadagnare Salute Piemonte Scuole che Promuovono Salute ALLEGATO A Programmazione annuale 2015 Programma 1 Guadagnare Salute Piemonte Scuole che Promuovono Salute Programmazione annuale regionale anno 2015 Azioni previste nel periodo - Sintesi complessiva Per

Dettagli

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA.

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA. CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA 18 Novembre, 2014 In occasione della Presidenza di turno del Consiglio dell Unione Europea,

Dettagli

SCHEDA GAC: FLAG JONICO SALENTINO

SCHEDA GAC: FLAG JONICO SALENTINO R E G I O N E P U G L I A AREA POLITICHE PER LO SVILUPPO RURALE Servizio Caccia e Pesca Via Paolo Lembo, 38/F 70126 BARI Tel. 080/9179817 SCHEDA GAC: FLAG JONICO SALENTINO Paese:

Dettagli

Corso di formazione gratuito. ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015

Corso di formazione gratuito. ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015 Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015 Il corso di formazione Associazioni Migranti per il Co-sviluppo, promosso dall Organizzazione Internazionale

Dettagli

Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO

Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO Il corso di formazione Empowerment of Migrant Associations for Co-development,

Dettagli

La programmazione 2014-2020: scenario e attività in Regione Lombardia

La programmazione 2014-2020: scenario e attività in Regione Lombardia AGRIEST 2013 Tipicamente europeo Tipicamente friulano La programmazione 2014-2020: scenario e attività in Regione Lombardia Udine 24 gennaio 2013 Mery Pampaluna 1 Verso. Il PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE

Dettagli

PIANO ISS INSEGNARE SCIENZE SPERIMENTALI

PIANO ISS INSEGNARE SCIENZE SPERIMENTALI PIANO ISS INSEGNARE SCIENZE SPERIMENTALI Scienze sperimentali Perché un piano ISS Dopo i risultati OCSE-Pisa il piano ISS nasce dall esigenza di ottenere maggior successo scolastico nell insegnamento delle

Dettagli

Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A.

Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A. Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A. La Regione Abruzzo, rappresentata dal componente la Giunta preposto alle Politiche attive del lavoro, Formazione ed Istruzione, Politiche Sociali,

Dettagli

Politiche di sostegno dei consumi e Osservatori prezzi

Politiche di sostegno dei consumi e Osservatori prezzi Politiche di sostegno dei consumi e Osservatori prezzi Intervento di: PALMA COSTI Assessore Interventi Economici, Innovazione e Pari opportunità della Provincia di Modena Mercoledì 1 aprile 2009 Camera

Dettagli

A.S. 2015/2016. RAPPRESENTANZA, RESPONSABILITA, PARTECIPAZIONE (punti di forza e

A.S. 2015/2016. RAPPRESENTANZA, RESPONSABILITA, PARTECIPAZIONE (punti di forza e SEMINARIO RESIDENZIALE Percorso di formazione per i rappresentanti in Consulta Provinciale degli Studenti Centro Don Chiavacci Crespano del Grappa 3-4 novembre 2015 A.S. 2015/2016 Premessa A conclusione

Dettagli

PROGRAMMA INTEGRATO DI SVILUPPO DEL MONTEPIANO REATINO INTESA di PROGRAMMA

PROGRAMMA INTEGRATO DI SVILUPPO DEL MONTEPIANO REATINO INTESA di PROGRAMMA PROGRAMMA INTEGRATO DI SVILUPPO DEL MONTEPIANO REATINO INTESA di PROGRAMMA Oggi 16 luglio 2007, presso l ex convento San Francesco di Labro si sono riuniti tutti i Soggetti partecipanti al Programma Integrato

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

ATTIVITÀ E Piano di informazione e comunicazione

ATTIVITÀ E Piano di informazione e comunicazione PROVINCIA DI POTENZA Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio Home PIANO D AZIONE ENEPOLIS Indice ATTIVITÀ E Piano di informazione e comunicazione L attività E comprende tre azioni specifiche;

Dettagli

PRESENTAZIONE PLL - Piani Locali per il Lavoro. Sala Consiliare del Comune di Cassano allo Ionio, 5 marzo 2013

PRESENTAZIONE PLL - Piani Locali per il Lavoro. Sala Consiliare del Comune di Cassano allo Ionio, 5 marzo 2013 PRESENTAZIONE PLL - Piani Locali per il Lavoro Sala Consiliare del Comune di Cassano allo Ionio, 5 marzo 2013 Oggetto: BURC n. 50 del 14 dicembre 2012 - Parte Terza POR Calabria FSE 2007-2013 Asse Occupabilità

Dettagli

PROFILO SOCIETARIO. Supportiamo gli enti locali nella programmazione e nella realizzazione degli

PROFILO SOCIETARIO. Supportiamo gli enti locali nella programmazione e nella realizzazione degli PROFILO SOCIETARIO Supportiamo gli enti locali nella programmazione e nella realizzazione degli indirizzi tecnico-operativi. Accompagniamo le aziende verso l innovazione e l aumento di competitività. L

Dettagli