Sport, confronto al Cus tra i candidati al rettorato

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sport, confronto al Cus tra i candidati al rettorato"

Transcript

1 30 maggio Il Resto del Carlino Sport, confronto al Cus tra i candidati al rettorato I TRE candidati al ruolo di rettore dell Università di Ferrara si sono confrontati ieri per la prima volta vis a vis al Cus di via Gramicia. Ai lati dei campi da tennis e da golf della struttura sportiva, Piero Olivo, Giorgio Zauli e Francesco Bernardi hanno spiegato quali mosse, in ambito sportivo, intenderebbero mettere in atto qualora venissero eletti. Un confronto pacato, dai toni rilassati, che è però partito in salita per i tre protagonisti: nel suo intervento d apertura, il presidente del Centro Universitario Sportivo Giorgio Tosi ha, infatti, sottolineato come tutti e tre i candidati non abbiano fatto menzione del CUS all interno del loro programma elettorale. Una mancanza che ha, inevitabilmente, creato qualche imbarazzo tra i concorrenti al posto di Rettore, rei di non aver pensato ad una risorsa fondamentale, come di fatto è quella sportiva, per l ateneo estense. Su un totale di 9039 iscritti al CUS, infatti, 2403 risultano studenti universitari: numeri che collocano Ferrara al secondo posto nazionale, dopo Milano, per numero totale di iscritti ed all ottavo posto per numero di studenti universitari tesserati. Nel concreto, i tre candidati, oltre a constatare la validità e la qualità del centro di via Gramicia, hanno promesso di migliorare alcuni servizi: «La mia intenzione è quella di coinvolgere maggiormente i giovani - ha precisato Olivo -, costruendo ad esempio degli spogliatoi all interno del Polo Scientifico per permettere ai ragazzi di allenarsi fuori orario e attivando una raccolta fondi per l organizzazione di manifestazioni sportive per studenti». Pensiero di stampo medico quello, invece, rivolto da Zauli, convinto che «l attività sportiva stia alla base della prevenzione. E prevenire è l unico modo possibile per diminuire i costi sanitari». Punta, infine, sull attrattività verso l esterno Bernardi, evidenziando come «lo sport, parlando un linguaggio universale, sia lo strumento di comunicazione ideale per formare i giovani studenti e convincerli a scegliere l università ferrarese». Considerazioni che, però, non si sono tradotte in alcuna promessa di aumento di investimenti, con i candidati che hanno sostenuto che, prima di tutto, bisogna guardare alla voce «entrate». CARO CARLINO, il 27 maggio scorso mi sono recata per un prelievo del sangue alla Città della salute (niente che possa definirsi tale, ma questo è il nome che hanno deciso di dare al nuovo laboratorio analisi). Orario di appuntamento 7.45; prendo il biglietto che riporta il numero delle persone che mi precedono: 107. Il corridoio è angusto, pieno di gente, non ci sono sedie (penso agli anziani, ai bambini e alle persone disabili). Esco e mi metto nel corridoio, non c è un display che ti avvisi del numero di prenotazione. Con molta pazienza attendo il mio turno; alle ore 8.50 finalmente vedo il mio numero apparire, consegno la documentazione, faccio una prima coda per prendere le provette e un altra coda per fare il prelievo, alle ore Ora mi chiedo, cosa è cambiato dalla vecchia sede? Nulla. Anzi, la situazione è peggiorata, i tempi di attesa si sono allungati ulteriormente: da notare che le analisi le avevo prenotate il giorno 22 aprile, con più d un mese d anticipo. C era una volta qualcosa che funzionava in città. Ora invece c è la Città della salute. Congratulazioni a chi l ha pensata! Daniela Brandoli IL PROBLEMA non è la Città della Salute in sè che, invece, come concetto generale, valorizza il vecchio ospedale Sant Anna altrimenti abbandonato a se stesso. Il problema, evidentemente, è che la «fase di rodaggio» successiva al trasloco di due tra i servizi più affollati e richiesti erogati dall azienda sanitaria di via Cassoli - Centro prenotazioni (Cup), Sportello unico e Centro prelievi - non è ancora terminato. Dopo le lamentele dei primi giorni di apertura, infatti, ale autorità sanitarie

2 avevano assicurato che, dopo le prime giornate di avviamento, la situazione sarebbe migliorata. Prendiamo atto che non è così. Urge qualche aggiustamento per migliorare l accoglienza. La Nuova Ferrara Ci vuole più attenzione per lo sport» Come gli alunni non proprio brillanti, anche loro si sono sentiti tirare le orecchie ieri mattina nell estivo del Cus. Ci hanno scherzato su i tre candidati nella corsa al rettorato (Francesco Bernardi, Piero Olivo e Giorgio Zauli) invitati dal presidente del Centro universitario sportivo, Giorgio Tosi, a presentare i loro programmi per questa costola dell ateneo che in Italia ha i numeri per rivaleggiare con i migliori. «Nei vostri programmi - li ha garbatamente redarguiti Tosi - manca qualsiasi riferimento al rapporto tra università e Cus». I numeri, elencati dallo stesso Tosi, confermano l ottima performance del centro. Con tesserati attivi il Cus di Ferrara vede davanti a sè solo Milano. Gli studenti iscritti sono (il 15% circa degli iscritti di Unife), gli esterni, altro dato che conferisce al Cus una sorta di eccellenza in Italia. Tra i tesserati ci sono anche 123 ultrasettantenni (il più anziano ha 91 anni). Gli impianti sono frequentati da 198 non docenti dell ateneo ma solo da...21 docenti. Un dato che suggerisce che in certi uffici dell ateneo lo sport fa fatica a entrare. Così sono arrivate in diretta le scuse dei tre candidati (Zauli ha anche annunciato l intenzione di tesserarsi). I pretendenti al rettorato hanno ammesso la leggerezza annotando proposte e richieste. Due le ha messe sul tavolo lo stesso presidente Tosi. Una è l apertura di tre sale studio per studenti in via Gramicia, nella sede distaccata di via Liuzzo (di recente passata sotto il controllo gestionale del Centro Universitario Sportivo) e alla Darsena di San Paolo. La seconda riguarda il finanziamento di un servizio di trasporto con navetta allestito per chi frequenta le lezioni in ateneo, collegamento che costerebbe «qualche decina di migliaia di euro all anno», ha precisato lo stesso Tosi. Che poi ai tre candidati ha consegnato un altra notizia positiva: le attività del Cus sono in buona parte autofinanziate. Piero Olivo, ex preside di Ingegneria, ha colto l occasione al balzo per annunciare che nella sede del Polo tecnologico si potrebbero realizzare docce e spogliatoi per consentire agli studenti di praticare sport senza...passare da casa. La perla Cus inoltre, hanno concordato Olivo, Zauli e Bernardi potrebbe essere sfruttata in modo molto efficace per potenziare ulteriormente la capacità attrattiva dell ateneo estense, un aspetto rilevante se inserito in un sistema di contributi che premia le università anche in base al loro appeal. Zauli, esponente della Scuola di Medicina, ha sottolineato «il valore dello sport e della prevenzione per la salute» ricordando l importanza del legame tra Cus e corso di Scienze motorie. Un attenzione particolare è stata rivolta alla notizia che l Università di Parma riconosce crediti formativi per la pratica dello sport. Bernardi, biochimico e prorettore uscente, ha ricordato di essere stato allievo di Conconi, figura di spicco per gli studi sullo sport. Unife, ha dichiarato, potrebbe avere un ruolo di co-finanziamento di alcune attività. Il consigliere comunale Alberto Bova, infine, ha chiesto la disponibilità dell ateneo a sostenere politiche di agevolazione per gli affitti mentre l assessore Simone Merli si è soffermato sulla necessità di «una legge quadro in materia che oggi non c è». Zauli: più borse di studio per i dottorati e accordi internazionali fra atenei Giorgio Zauli, 54 anni, forlivese, professore ordinario di Anatomia Umana a Unife e direttore scientifico dell Irccs materno infantile Burlo Garofolo di Trieste, ha riassunto le sue proposte in 12 pagine. La programmazione delle progressioni di carriera e dei

3 reclutamenti, spiega, deve essere «quinquennale». Zauli vuole incrementare il numero delle borse di studio per i dottorati di ricerca e assegnare più risorse ai ricercatori abilitati interni tenendo conto dei risultati individuali della ricerca e dell impegno didattico. Previsti premi «ex-post per i dipartimenti che hanno effettuato reclutamenti virtuosi». Nel programma di riqualificazione edilizia post-terremoto «una menzione particolare - sottolinea - meritano i laboratori presso il polo chimico e biologico dell ateneo». Agevolare la partecipazione «dei nostri ricercatori ai bandi di ricerca europei» e puntare a reperire fondi esterni (Regione ed Europa) fornendo specifico supporto organizzativo e di competenze ai docenti; incrementare il Fondo d ateneo per la ricerca scientifica. Premiare inoltre i docenti maggiormente impegnati nell attività didattica e utilizzare le commissioni paritetiche docenti-studenti per migliorare i corsi di studio. «Andrà ulteriormente potenziata - scrive Zauli - l offerta di corsi di laurea in lingua inglese» e incrementata «la stipula di accordi internazionali fra atenei per l attivazione di corsi di laurea o di dottorato che conferiscano titoli congiunti». Il direttore generale dell ateneo deve essere reperito tramite «avviso pubblico fra persone qualificate con ampia esperienza in amministrazioni pubbliche universitarie o enti di ricerca». Aumentare il livello di informatizzazione delle procedure amministrative, semplificare i percorsi amministrativi e valorizzare la formazione del personale tecnico-amministrativo. Sostenere il piano strategico della Scuola di Medicina e recuperare l autonomia del numero maggiore possibile di Scuole di specializzazione, riaffermare «la centralità dell università nei rapporti con le aziende sanitarie». Olivo pensa a un rettore-manager e ai rapporti con Modena-Reggio e Parma Piero Olivo, 58 anni, bolognese, ex preside di Ingegneria, ha presentato il documento di programma più lungo e articolato: 26 pagine. Il rettore «dovrà essere un manager, molto attento al bilancio e al controllo dei parametri che definiscono il fondo di finanziamento ordinario». Dovrà anche prestare «molta attenzione ai rapporti con le altre università vicine, in particolare Modena, Reggio Emilia e Parma». I punti cardinali sono «ricerca e internazionalizzazione». La Scuola di Medicina è una risorsa di «fondamentale importanza» e un suo depotenziamento rappresenterebbe un punto di non ritorno per l intero ateneo». Un progetto per Medicina è quindi una priorità e richiederà l attribuzione di «risorse dedicate». Il direttore generale dell ateneo dovrà possedere «capacità manageriale in ambito universitario e provata esperienza amministrativa». Senato accademico e Consiglio dovranno tornare ad essere il luogo di discussione delle «strategie di sviluppo universitario». I collaboratori del rettore non devono essere grandi elettori ma persone competenti. Ogni futura iniziativa didattica e formativa sarà valutata anche sulla base del rapporto costo/beneficio. Ma il corso di studi sarà valutato anche per la qualità della ricerca dei docenti e sulla capacità di attrarre studenti internazionali. Una delle azioni sarà favorire le iscrizioni degli studenti part-time. Si punterà a migliorare l accoglienza delle matricole, a facilitare la mobilità internazionale dei ricercatori e la partecipazione a consorzi interateneo per avere più chance nel reperimento di finanziamenti internazionali (incentivi per chi partecipa a progetti europei). Più didattica in lingua inglese. Eliminare i doppioni amministrativi in ateneo e spingere sull informatizzazione. Incentivi anche per il personale amministrativo. Reclutamento: promozione di ricercatori a professori associati e assunzione di giovani ricercatori ma tenendo in adeguato conto la produttività scientifica. Patrimonio: mettere a norma aule, laboratori, uffici e studi.

4 Bernardi rivendica i risultati di mandato Caccia ai fondi europei e regionali Francesco Bernardi, 60 anni, portuense, biochimico e prorettore vicario di Unife, ha steso le sue proposte in un documento di 15 pagine che traccia un bilancio dei risultati raggiunti negli ultimi anni, nei quali ha affiancato il rettore Pasquale Nappi. «Impegno per il reclutamento e promozione delle risorse (più di 110 promozioni/reclutamenti nell ultimo biennio)», sottolinea Bernardi. Oggi Unife «consuma il 55% di energia da fonti sostenibili». Le matricole (3.393 nel 2014/2015) sono in crescita, gli studenti provenienti da fuori provincia sono il 70.59%, da fuori regione il 57.8%. L ateneo deve favorire la trasmissione di conoscenze ed esperienze all economia del territorio e agevolare i dottorati di ricerca (svantaggiati dalla «riduzione dei fondi ministeriali»), in particolare di quelli internazionali attraverso il «sostegno finanziario all attività dei singoli». Il ricambio generazionale deve essere perseguito offrendo prospettive di reclutamento ai precari e ai ricercatori (con la promozione ad associati). Un unità di supporto dovrà agevolare la partecipazione a «bandi competitivi internazionali e nazionali». Caccia ai fondi strutturali europei e di sviluppo regionale, incentivi al personale per attrarre «ricerca commissionata». Attenzione al «ruolo» delle Scuole di Farmacia e Medicina, poli attrattivi «nazionali e internazionali», creando «network di ricerca e assistenziali focalizzati sul paziente (Care Centers) per «massimizzare i risultati in termini di competitività scientifica e capacità di attrazione clinica». Supporto al Piano strategico definito dalla Scuola di Medicina e impegno per l integrazione delle strutture di Asl e Sant Anna. Incremento dei corsi di laurea in lingua inglese. Azioni per la semplificazione burocratica; formazione e incentivi per il personale tecnico amministrativo. Edilizia: prioritario il recupero di Palazzo Gulinelli (biblioteca studi umanistici), completamento del restauro Palazzo Tassoni. Politica di accoglienza e residenzialità di studenti provenienti da altre regioni. «Troppe le lacune nel nostro ospedale» Dal 20 giugno parte anche il servizio di Guardia medica turistica sui lidi ferraresi per tutti gli assistiti del Servizio Sanitario Nazionale, italiani e stranieri con tessera sanitaria europea Team. Confermato come gli scorsi anni il potenziamento del personale del Pronto Soccorso del Delta e la collocazione di defibrillatori automatici per il soccorso cardiaco sulla costa, ogni due postazioni di salvamento. Mentre è già iniziato il consueto potenziamento dei mezzi di soccorso sul litorale ferrarese (dal 1 maggio un'ambulanza a Comacchio dalle 8 alle 20, mentre dal 1 luglio un'ambulanza h24 ai Lidi Estensi e una nei fine settimana al Lido di Pomposa), al fianco del rafforzato sistema di emergenza provinciale grazie alla quinta ambulanza in attività da quest'anno nella rete di emergenza provinciale. La centrale Unica del 118 dell'area omogenea è già a pieno regime.comacchio Resta confermata per il 1º giugno la riapertura del Punto di primo intervento all ospedale San Camillo, dopo il caso scoppiato per un presunto refuso che di fatto aveva posticipato la data al 15 giugno. «Il servizio riapre con le stesse modalità dello scorso anno spiega Gianni Serra, direttore del distretto sud/est dell Asl con un medico ed un infermiere presenti 24 ore su 24 e con un operatore socio sanitario presente per 14 ore, ossia dalle 7 alle 21. Ricordo che il personale effettuerà i turni aggiunge Serra - secondo quanto previsto e concordato in sede di conferenza territoriale socio-sanitaria». La Consulta popolare per il San Camillo però, attraverso il suo presidente Manrico Mezzogori, torna a puntare il dito, evidenziando che «ci si aspettava che l Asl assicurasse la presenza di un radiologo h 24, come c è sempre stato del resto. Questo è un disservizio

5 bello e buono, se consideriamo che un paziente che va ad esempio alle 20 al punto di primo intervento, verrà dirottato a Valle Oppio, qualora fosse necessaria una lastra». Mezzogori, dopo aver specificato che nei soli tre mesi estivi lo scorso anno il punto di primo intervento comacchiese ha totalizzato 3mila accessi, contribuendo così a snellire l intasamento al pronto soccorso del vicino ospedale del Delta, si chiede «come mai un servizio di emergenza ed urgenza aperto per 24 ore e che fa capo al 118 e non al distretto territoriale dell Asl, non debba avere anche un radiologo per 24 ore». Tra le sue considerazioni, eccependo che la conferenza territoriale socio sanitaria sia un «organo superfluo, perché vota qualsiasi cosa decisa dal partito politico di maggioranza», il presidente della Consulta assicura che non si abbasserà la guardia. «È un controsenso che di sera e di notte si debba spedire un paziente da un punto di primo intervento ad un altro pronto soccorso, se deve fare i raggi insiste Mezzogori- e riteniamo che anche questo sia un grave spreco di denaro pubblico, dopo gli oltre 14 milioni di euro investiti per la ristrutturazione dell ospedale che, dopo l accreditamento, hanno pensato di convertire in casa della salute». La Consulta continua intanto a turnarsi, dal 25 ottobre 2013, nella sorveglianza del secondo piano della struttura ospedaliera locale, per impedire l occupazione di altri reparti con ambulatori, dopo l insediamento della medicina di gruppo. Nei giorni scorsi il sindaco Fabbri aveva anche lanciato un appello, chiedendo di ascoltare le ragioni di Comacchio e di dare risposte, così da mettere al parola fine alla occupazione della Consulta. «Comacchio resta un punto nevralgico importante - sostiene Fabbri - e non si può far finta di nulla. Mi aspetto risposte concrete da qui ai prossimi giorni».

Incontri nel territorio della regione FVG per l ascolto e il confronto sulla proposta del governo Promossi dall On. Giorgio Zanin

Incontri nel territorio della regione FVG per l ascolto e il confronto sulla proposta del governo Promossi dall On. Giorgio Zanin Incontri nel territorio della regione FVG per l ascolto e il confronto sulla proposta del governo Promossi dall On. Giorgio Zanin Al nostro Paese serve una BUONA SCUOLA Perché è l unica risposta alla nuova

Dettagli

MOdena e REggio Emilia Città Amiche degli Studenti

MOdena e REggio Emilia Città Amiche degli Studenti MOdena e REggio Emilia Città Amiche degli Studenti L 1 r C d P p S i d M m I m S n L ATENEO DI MODENA E REGGIO EMILIA 12 Facoltà, 31 Dipartimenti, quasi 19.000 iscritti ai soli corsi di studio, un numero

Dettagli

Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara

Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara Politiche di Ateneo e Programmazione Università di Ferrara Le linee di indirizzo dell Università di Ferrara sono state definite già a partire dal piano strategico triennale 2010-2012: garantire la qualità

Dettagli

REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT

REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT INDICE Titolo I - Premessa... 2 Art. 1 Finalità... 2 Art. 2 Ambito di applicazione... 2 Art. 3 Definizioni... 2 Titolo II Organi del dipartimento e

Dettagli

Promuovere la formazione di capitale umano d eccellenza

Promuovere la formazione di capitale umano d eccellenza Promuovere Il problema In società sempre più basate sulla conoscenza, una delle condizioni necessarie ad affrontare con successo il processo di riqualificazione del sistema economico è la disponibilità

Dettagli

Decreti del Rettore 2015. Numero Data Oggetto Spesa Servizio

Decreti del Rettore 2015. Numero Data Oggetto Spesa Servizio Decreti del Rettore 2015 Numero Data Oggetto Spesa Servizio D.R. n. 1 07.01.2015 Nomina Commissione per attribuzione incentivo una tantum L. 240/2010 D.R. n. 2 07.01.2015 Modifica D.R. n. 309 del 15.12.2014

Dettagli

Scuola di Dottorato della Università degli Studi di Roma Foro Italico

Scuola di Dottorato della Università degli Studi di Roma Foro Italico Scuola di Dottorato della Università degli Studi di Roma Foro Italico STATUTO Art. 1 - Obiettivi e finalità della Scuola di Dottorato 1. La Scuola di Dottorato è una struttura dell Università degli Studi

Dettagli

BANDO DI RICERCA 2010-2011: PROMUOVERE LA RICERCA D ECCELLENZA

BANDO DI RICERCA 2010-2011: PROMUOVERE LA RICERCA D ECCELLENZA BANDO DI RICERCA 2010-2011: PROMUOVERE LA RICERCA D ECCELLENZA Pavia, 9 luglio 2009 2 Finalità e principi In attuazione delle proprie finalità istituzionali, la Fondazione Alma Mater Ticinensis ha deciso

Dettagli

DR 184 IL RETTORE. Caserta 25/2/2015 F.to IL RETTORE Prof.Giuseppe PAOLISSO

DR 184 IL RETTORE. Caserta 25/2/2015 F.to IL RETTORE Prof.Giuseppe PAOLISSO Rip.Affari Istituzionali e Internazionali IL RETTORE VISTO lo Statuto della Seconda Università degli Studi di Napoli; VISTO il Regolamento di Ateneo per l Amministrazione, la Finanza e la Contabilità;

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL Art.1 Ambito di applicazione 1.Il presente regolamento, emanato

Dettagli

Programmazione triennale 2010/2012

Programmazione triennale 2010/2012 Area Ricerca e Relazioni Internazionali Ufficio Relazioni Internazionali PIANO DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DI ATENEO Programmazione triennale 2010/2012 L Università degli Studi di Firenze tradizionalmente

Dettagli

Art. 1. Le università come comunità di insegnamento e di ricerca. Art. 2. Diritto allo studio

Art. 1. Le università come comunità di insegnamento e di ricerca. Art. 2. Diritto allo studio Per la valorizzazione della responsabilità educativa e sociale, della capacità e del merito nell università e nella ricerca Art. 1. Le università come comunità di insegnamento e di ricerca. 1. La missione

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara Università degli Studi di Ferrara Regolamento per il conferimento di Borse e Premi di studio nel campo della formazione con esclusione dei progetti comunitari o di internazionalizzazione Senato Accademico

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO. Ufficio Stampa. Rassegna Stampa. Roma 3 dicembre 2015

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO. Ufficio Stampa. Rassegna Stampa. Roma 3 dicembre 2015 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA Ufficio Stampa Rassegna Stampa Roma 3 dicembre 2015 Argomento Testata Titolo Pag. Università Scuola24 Dalle imprese alla PA fino alla scuola: i dottori di ricerca vanno valorizzati

Dettagli

Valutazione: strumento necessario per la crescita degli atenei. Donatella Spano spano@uniss.it

Valutazione: strumento necessario per la crescita degli atenei. Donatella Spano spano@uniss.it Valutazione: strumento necessario per la crescita degli atenei Donatella Spano spano@uniss.it Lo strumento della valutazione Contribuisce a fornire informazioni per individuare i punti di eccellenza, di

Dettagli

Scuola di Scienze e Tecnologie. corso di laurea (I livello) Matematica e applicazioni

Scuola di Scienze e Tecnologie. corso di laurea (I livello) Matematica e applicazioni Scuola di Scienze e Tecnologie corso di laurea (I livello) Matematica e applicazioni L-35 3 anni sede UNICAM: Camerino crediti complessivi da acquisire: 180 www.unicam.mat.it www.sst.unicam.it/sst/ Presentazione

Dettagli

ACCORDO CONFINDUSTRIA CRUI

ACCORDO CONFINDUSTRIA CRUI ACCORDO CONFINDUSTRIA CRUI OTTO AZIONI MISURABILI PER L UNIVERSITA, LA RICERCA E L INNOVAZIONE Premessa Nella comune convinzione che Università, Ricerca e Innovazione costituiscano una priorità per il

Dettagli

Facoltà: Farmacia Corso di Laurea Magistrale in Farmacia

Facoltà: Farmacia Corso di Laurea Magistrale in Farmacia Facoltà: Farmacia Corso di Laurea Magistrale in Farmacia viale Macario Muzio tel. 0737 402456 fax 0737 402456 e-mail: farmacia@unicam.it Consiglio di Facoltà Preside Prof. Maurizio Massi Corso di Laurea

Dettagli

POLITICHE DI ATENEO E PROGRAMMAZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA.

POLITICHE DI ATENEO E PROGRAMMAZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA. All.4 POLITICHE DI ATENEO E PROGRAMMAZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA. In linea con quanto programmato negli anni accademici precedenti, l Ateneo intende riaffermare il ruolo centrale di istituzione scientifica

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO Laurea in Ingegneria gestionale Scuola di Ingegneria e Architettura - Sede di Bologna Classe: L-9 -

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO Laurea in Ingegneria gestionale Scuola di Ingegneria e Architettura - Sede di Bologna Classe: L-9 - REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO Laurea in Ingegneria gestionale Scuola di Ingegneria e Architettura - Sede di Bologna Classe: L-9 - Ingegneria industriale Art. 1 Requisiti per l'accesso al corso

Dettagli

Pratica Sportello Unico n. 293/2009 - TECNO CAR. s.n.c. di Ronconi Gianni - Ampliamento officina. ROBERT BELLOTTI Presidente del Consiglio:

Pratica Sportello Unico n. 293/2009 - TECNO CAR. s.n.c. di Ronconi Gianni - Ampliamento officina. ROBERT BELLOTTI Presidente del Consiglio: allegato 1) PUNTO N. 3 all O.d.G.: Pratica Sportello Unico n. 293/2009 - TECNO CAR s.n.c. di Ronconi Gianni - Ampliamento officina meccanica. Cedo la parola al Sindaco. MARCO FABBRI Sindaco: Sì, grazie

Dettagli

Sistema Sanitario e la Pediatria in Grecia

Sistema Sanitario e la Pediatria in Grecia Sistema Sanitario e la Pediatria in Grecia Dr. Atanasio Kiriazopulos 20/06/2010 1 Argomenti della discussione Generalità Finanziamento Ospedali Medicina di Base Personale Medico Personale Infermieristico

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara Seduta del 23 maggio 2011 Verbale n. 1 Pag. 1 Verbale della riunione della COMMISSIONE AREA INTERNAZIONALE Il giorno lunedì 23 maggio 2011 alle ore 17,30, presso la Sala Riunioni del Rettorato, si è riunita

Dettagli

I COMUNICAZIONI DEL PRESIDENTE

I COMUNICAZIONI DEL PRESIDENTE Università degli Studi di Bari Il giorno 29.09.2010 alle ore 19.00, presso l aula delle cliniche ortopediche della Facoltà di Medicina e Chirurgia del Policlinico di Bari, in seguito a convocazione del

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Stampa

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Stampa Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Stampa La Riforma dell Università Le linee ispiratrici E il primo provvedimento organico che riforma l intero sistema universitario. Il

Dettagli

Università degli Studi di Sassari. REGOLAMENTO DIDATTICO Tirocinio Formativo Attivo (TFA) classi A445 e A446

Università degli Studi di Sassari. REGOLAMENTO DIDATTICO Tirocinio Formativo Attivo (TFA) classi A445 e A446 REGOLAMENTO DIDATTICO Tirocinio Formativo Attivo (TFA) classi A445 e A446 Art. 1 Attivazione Presso il Dipartimento di Scienze Umanistiche e Sociali per l A.A. 2014/2015 è attivato, in conformità a quanto

Dettagli

Allegato B alla Delibera di Giunta Provinciale n. 20 del 20/02/2013

Allegato B alla Delibera di Giunta Provinciale n. 20 del 20/02/2013 Allegato B alla Delibera di Giunta Provinciale n. 20 del 20/02/2013 INTEGRAZIONI AL PIANO DEGLI INTERVENTI PER LA REALIZZAZIONE DELLE POLITICHE DELL ISTRUZIONE, DELLA FORMAZIONE E DEL LAVORO INDICAZIONI

Dettagli

IL RETTORE. VISTO l art. 18 dello statuto della LUMSA, emanato con decreto rettorale 1 agosto 2011, n. 920; DECRETA

IL RETTORE. VISTO l art. 18 dello statuto della LUMSA, emanato con decreto rettorale 1 agosto 2011, n. 920; DECRETA Prot. n. 1226 IL RETTORE VISTO l art. 18 dello statuto della LUMSA, emanato con decreto rettorale 1 agosto 2011, n. 920; VISTO il decreto rettorale n. 987 del 26 gennaio 2012; VISTA la delibera del Senato

Dettagli

2. Le procedure di reclutamento, di cui al presente articolo, dovranno garantire oltre all adeguata pubblicità della selezione, l imparzialità nello

2. Le procedure di reclutamento, di cui al presente articolo, dovranno garantire oltre all adeguata pubblicità della selezione, l imparzialità nello REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE DI PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO A TEMPO DETERMINATO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITÀ CONNESSE A PROGRAMMI DI RICERCA E PER L ATTIVAZIONE DI INFRASTRUTTURE TECNICHE COMPLESSE

Dettagli

LIBERA UNIVERSITA DEGLI STUDI S. PIO V STATUTO DI AUTONOMIA. Sezione prima. Disposizioni generali. Art. 1

LIBERA UNIVERSITA DEGLI STUDI S. PIO V STATUTO DI AUTONOMIA. Sezione prima. Disposizioni generali. Art. 1 LIBERA UNIVERSITA DEGLI STUDI S. PIO V STATUTO DI AUTONOMIA Sezione prima Disposizioni generali Art. 1 1. E istituita in Roma la Libera Università degli Studi S. Pio V, di seguito denominata Università.

Dettagli

Vincono famiglie e studenti pendolari: fino a giugno si viaggia gratis

Vincono famiglie e studenti pendolari: fino a giugno si viaggia gratis Vincono famiglie e studenti pendolari: fino a giugno si viaggia gratis Un incontro dai toni piuttosto accesi è quello che si è svolto presso la sala consiliare del comune di Santa Croce. Da una parte genitori

Dettagli

Il sondaggio. Horizon 2015

Il sondaggio. Horizon 2015 Il sondaggio Horizon 2015 Mettersi all ascolto Un indagine che ha coinvolto Docenti (Professori Ordinari, Professori Associati, Ricercatori) Questionari inviati: 2099 Questionari compilati (in tutto o

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE SCUOLE (Strutture di raccordo ex art. 2, comma 2, lett. c) della Legge n. 240/2010)

REGOLAMENTO DELLE SCUOLE (Strutture di raccordo ex art. 2, comma 2, lett. c) della Legge n. 240/2010) REGOLAMENTO DELLE SCUOLE (Strutture di raccordo ex art. 2, comma 2, lett. c) della Legge n. 240/2010) emanato con D.R. n. 192 del 27 febbraio 2014 INDICE Art. 1 Istituzione 2 Pag. Art. 2 Attribuzioni 2

Dettagli

Università degli Studi di Cagliari

Università degli Studi di Cagliari UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA Università di Cagliari Università di Sassari P.O.R FESR 2007-2013 REGIONE SARDEGNA - ASSE VI COMPETITIVITÀ, LINEE DI ATTIVITA 6.1.2C; 6.2.1C; 6.2.1.D. PROGETTO INNOVA.RE

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina il reclutamento di personale addetto allo svolgimento di attività

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO Laurea in Ingegneria gestionale Scuola di Ingegneria e Architettura - Sede di Bologna Classe: L-9 - Ingegneria industriale Art. 1 Requisiti per l'accesso al corso

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI

UNIVERSITA' DEGLI STUDI UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI ALLEGATO 2B CONVENZIONE TRIENNALE PER GLI ESERCIZI 2006-2008 LEGGE REGIONALE N. 26/1996 ART. 26 RAPPORTI TRA LA REGIONE E LE UNIVERSITA DELLA SARDEGNA PIANO DELL UNIVERSITÀ

Dettagli

Progetto co-finanziato da MINISTERO DELL INTERNO UNIONE EUROPEA. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi L OSPEDALE IN TASCA

Progetto co-finanziato da MINISTERO DELL INTERNO UNIONE EUROPEA. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi L OSPEDALE IN TASCA Progetto co-finanziato da UNIONE EUROPEA MINISTERO DELL INTERNO Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi H L OSPEDALE IN TASCA 1 INDICE Il Pronto Soccorso Il ricovero in ospedale Le

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO INTERDIPARTIMENTALE DI DIDATTICA INNOVATIVA E DI SIMULAZIONE IN MEDICINA E PROFESSIONI SANITARIE SIMNOVA

REGOLAMENTO DEL CENTRO INTERDIPARTIMENTALE DI DIDATTICA INNOVATIVA E DI SIMULAZIONE IN MEDICINA E PROFESSIONI SANITARIE SIMNOVA DIVISIONE PRODOTTI SETTORE ALTA FORMAZIONE Via Duomo, 6 13100 Vercelli VC Tel. 0161 261 528/9- Fax 0161 210 289 progetti.didattica@uniupo.it REGOLAMENTO DEL CENTRO INTERDIPARTIMENTALE DI DIDATTICA INNOVATIVA

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI PROFESSIONALIZZANTI (emanato con DR n. 1629/2014 del 07.11.2014 pubblicato nel BU n. 218 del 17.11.

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI PROFESSIONALIZZANTI (emanato con DR n. 1629/2014 del 07.11.2014 pubblicato nel BU n. 218 del 17.11. Alma Mater Studiorum-Università di Bologna NormAteneo - sito di documentazione sulla normativa di Ateneo vigente presso l Università di Bologna - REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI PROFESSIONALIZZANTI (emanato

Dettagli

Il programma completo della manifestazione è visibile e costantemente aggiornato sul sito web dell Università di Parma. www.unipr.it/ope.

Il programma completo della manifestazione è visibile e costantemente aggiornato sul sito web dell Università di Parma. www.unipr.it/ope. MUOVERSI L Università mette a disposizione un bus-navetta gratuito ( sulla mappa) che parte dalla stazione ferroviaria (davanti alla biglietteria della TEP) alle ore 9, 10, 11, 12, 13, 14, 15, 16, 17 e

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DEL SANNIO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO E SECONDO LIVELLO

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DEL SANNIO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO E SECONDO LIVELLO UNIVERSITA' DEGLI STUDI DEL SANNIO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO E SECONDO LIVELLO Articolo 1 Definizione 1. In attuazione di quanto previsto dalla normativa

Dettagli

NUOVE TECNOLOGIE SCHEDA DI VALUTAZIONE SULL AVANZAMENTO DELLE AZIONI PREVISTE DAL PIANO DI AZIONE REGIONALE

NUOVE TECNOLOGIE SCHEDA DI VALUTAZIONE SULL AVANZAMENTO DELLE AZIONI PREVISTE DAL PIANO DI AZIONE REGIONALE NUOVE TECNOLOGIE SCHEDA DI VALUTAZIONE SULL AVANZAMENTO DELLE AZIONI PREVISTE DAL PIANO DI AZIONE REGIONALE DIREZIONE ORGANIZZAZIONE, SISTEMI INFORMATIVI E TELEMATICA Premessa Le azioni intraprese dalla

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DEL SENATO ACCADEMICO (articolo 24 dello Statuto) (Regolamento approvato dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione, rispettivamente,

Dettagli

Tabella 2 - Strategia delle Risorse Umane per l Ateneo di Palermo

Tabella 2 - Strategia delle Risorse Umane per l Ateneo di Palermo Tabella 2 - Strategia delle Risorse Umane per l Ateneo di Palermo C&C Misure Responsabile della misura Quando ASPETTI ETICI E PROFESSIONALI I ricercatori devono essere consapevoli del proprio ruolo e delle

Dettagli

Federica Danesi federica.danesi@unife.it. Telelavoro: perché? Ferrara, 27/10/2014

Federica Danesi federica.danesi@unife.it. Telelavoro: perché? Ferrara, 27/10/2014 Federica Danesi federica.danesi@unife.it Telelavoro: perché? Ferrara, 27/10/2014 Com è cominciata Ho due bimbe, una di 6 e l altra di 2 anni, mio marito spesso lavora fuori città e da febbraio 2013 IO

Dettagli

n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552

n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552 n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552 Inaugurazione dell anno scolastico 2015-2016 a Napoli Qualche attento lettore di ANPInews (in particolare del n. 174 della scorsa

Dettagli

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n.

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. 73) anno accademico 2008/2009 Aprile 2010 INDICE 1. Obiettivi 2. Metodologia

Dettagli

Senato Accademico del 30 novembre 2011 ALLEGATO al punto XII EVENTUALI 1. Scuole Dottorali venete - Regolamenti

Senato Accademico del 30 novembre 2011 ALLEGATO al punto XII EVENTUALI 1. Scuole Dottorali venete - Regolamenti Senato Accademico del 30 novembre 2011 ALLEGATO al punto XII EVENTUALI 1. Scuole Dottorali venete - Regolamenti REGOLAMENTO Scuola Superiore di Economia e Management Scuola di dottorato di ricerca interateneo

Dettagli

Politica per la Qualità della Formazione

Politica per la Qualità della Formazione Politica per la Qualità della Formazione Valutazione e accreditamento lasciano un segno se intercettano la didattica nel suo farsi, se inducono il docente a rendere il suo rapporto con i discenti aperto,

Dettagli

RINNOVO DELLA CONSULTA DEGLI STUDENTI DELL ISIA DI FIRENZE TRIENNIO 2010/2013. Elenco e Programmi dei candidati

RINNOVO DELLA CONSULTA DEGLI STUDENTI DELL ISIA DI FIRENZE TRIENNIO 2010/2013. Elenco e Programmi dei candidati RINNOVO DELLA CONSULTA DEGLI STUDENTI DELL ISIA DI FIRENZE TRIENNIO 2010/2013 Elenco e Programmi dei candidati ISIA Firenze, aprile 2010 ELENCO DEI CANDIDATI PER LA CONSULTA DEGLI STUDENTI TRIENNIO 2010-2013

Dettagli

Per una nuova Bicocca della condivisione, della responsabilità e della valorizzazione

Per una nuova Bicocca della condivisione, della responsabilità e della valorizzazione Per una nuova Bicocca della condivisione, della responsabilità e della valorizzazione Proposte di Cristina Messa La nostra università, nata 15 anni fa, ha bisogno di proseguire nel percorso di crescita,

Dettagli

MODIFICA AL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 240/2010

MODIFICA AL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 240/2010 MODIFICA AL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 240/2010 Emanato con D.R. n. 12097 del 5.6.2012 Pubblicato all Albo Ufficiale dell Ateneo

Dettagli

BORSE DI STUDIO DELLA TURCHIA INFORMAZIONI IN SINTESI E DOMANDE FREQUENTI INFORMAZIONI GENERALI

BORSE DI STUDIO DELLA TURCHIA INFORMAZIONI IN SINTESI E DOMANDE FREQUENTI INFORMAZIONI GENERALI BORSE DI STUDIO DELLA TURCHIA INFORMAZIONI IN SINTESI E DOMANDE FREQUENTI INFORMAZIONI GENERALI 1- Che cosa sono le Borse di Studio Turchia? - Le Borse di Studio Turchia sono le borse di studio pubbliche

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE E SCIENZE MATEMATICHE orientamento.diism.unisi.it www.diism.unisi.it Nuovo Ordinamento degli Studi Universitari Dall Anno Accademico

Dettagli

Obiettivi didattici e di ricerca Linee generali del bilancio di previsione anno 2015

Obiettivi didattici e di ricerca Linee generali del bilancio di previsione anno 2015 Obiettivi didattici e di ricerca Linee generali del bilancio di previsione anno 2015 INTRODUZIONE L Ateneo per gestire al meglio la complessità del momento presente e sfruttare le opportunità del futuro,

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO MANIFESTO DEGLI STUDI Anno Accademico 2013/14 Approvato dal Senato Accademico nella seduta del 18 giugno 2013 INDICE >OFFERTA FORMATIVA< TEST E PROVE DI ACCESSO IMMATRICOLAZIONI

Dettagli

L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA. Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma

L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA. Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma 1 L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA I Cittadini debbono

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE E SCIENZE MATEMATICHE orientamento.diism.unisi.it www.diism.unisi.it Nuovo Ordinamento degli Studi Universitari Dall Anno Accademico

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca VISTO il decreto legge 16 maggio 2008 n. 85, convertito con modificazioni dalla legge 14 luglio 2008, n. 121 e, in particolare, l art. 1, commi 1 e 5, con il quale è stato, rispettivamente, istituito il

Dettagli

Sistema scolastico in Polonia

Sistema scolastico in Polonia Sistema scolastico in Polonia Skola Podstawowa Nr 1 1. Il numero dei bambini in classe non è superiore a 26. 2. Ci sono 19 classi nella scuola e più di 400 alunni. 3. L ora di lezione è di 45 min. 4. La

Dettagli

PROPOSTE DI ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO UNIVERSITARIO PER LE SCUOLE MEDIE SUPERIORI a.s. 2014 2015

PROPOSTE DI ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO UNIVERSITARIO PER LE SCUOLE MEDIE SUPERIORI a.s. 2014 2015 AREA SERVIZI ALLO STUDENTE Divisione Orientamento e Diritto allo Studio Ufficio Orientamento e Tutorato PROPOSTE DI ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO UNIVERSITARIO PER LE SCUOLE MEDIE SUPERIORI a.s. 2014 2015 Tutte

Dettagli

ART. 1. Il numero massimo degli iscrivibili per ciascuna scuola è determinato dalla normativa specifica. ART. 2

ART. 1. Il numero massimo degli iscrivibili per ciascuna scuola è determinato dalla normativa specifica. ART. 2 DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 Sono ammessi alle scuole dirette a fini speciali i diplomati degli Istituti di istruzione secondaria di secondo grado in conformità con le disposizioni vigenti per l ammissione

Dettagli

I Facoltà di Medicina e Chirurgia. Master di II Livello in. Salute Mentale e Benessere dello Sportivo e del Praticante Attività Fisica

I Facoltà di Medicina e Chirurgia. Master di II Livello in. Salute Mentale e Benessere dello Sportivo e del Praticante Attività Fisica I Facoltà di Medicina e Chirurgia Master di II Livello in Salute Mentale e Benessere dello Sportivo e del Praticante Attività Fisica (Codice Corso di Studio da inserire nel bollettino di immatricolazione:

Dettagli

Linee guida strategiche e policy operativa in tema di promozione della nuova imprenditorialità e Spin-off nell Università degli Studi di Brescia

Linee guida strategiche e policy operativa in tema di promozione della nuova imprenditorialità e Spin-off nell Università degli Studi di Brescia Linee guida strategiche e policy operativa in tema di promozione della nuova imprenditorialità e Spin-off nell Università degli Studi di Brescia maggio 2014 - ver.2.2 Indice 1. Premessa 2. Panorama normativo

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

IL PORTALE A SUPPORTO DELLA DIDATTICA E DELLA GESTIONE

IL PORTALE A SUPPORTO DELLA DIDATTICA E DELLA GESTIONE IL PORTALE A SUPPORTO DELLA DIDATTICA E DELLA GESTIONE Di Antonella Della Rovere (luglio 2003) L ambiente accademico sta attraversando un momento di profonda trasformazione: la riforma dei corsi di studio

Dettagli

Realizzato da. Sponsor. Con il patrocinio di. Partner tecnici. Partner scientifici. Media partner. Si ringrazia BIC LAZIO per la collaborazione

Realizzato da. Sponsor. Con il patrocinio di. Partner tecnici. Partner scientifici. Media partner. Si ringrazia BIC LAZIO per la collaborazione Realizzato da Partner tecnici Partner scientifici Media partner Si ringrazia BIC LAZIO per la collaborazione Geologi Fondamentali per il settore geotermico. Ingegneri Essenziali per la progettazione di

Dettagli

Titolario unico di classificazione Titulus 97 In vigore dal 1 gennaio 2013

Titolario unico di classificazione Titulus 97 In vigore dal 1 gennaio 2013 Titolario unico di classificazione Titulus 97 In vigore dal 1 gennaio 2013 Titolo I. Amministrazione 1. Normativa e relativa attuazione 2. Statuto 3. Regolamenti 4. Stemma, gonfalone e sigillo 5. Sistema

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 Premesse e finalità 1. Il Corso di laurea magistrale in afferisce alla Classe delle lauree magistrali LM-46 in di cui al D.M. 16 marzo

Dettagli

ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014

ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 La situazione economico e sociale dalla quale partiamo per la elaborazione del nostro programma elettorale è completamente variata rispetto

Dettagli

Giorgio Calcagnini Idee per la Facoltà di Economia dei prossimi anni.

Giorgio Calcagnini Idee per la Facoltà di Economia dei prossimi anni. Giorgio Calcagnini Idee per la Facoltà di Economia dei prossimi anni. Vorrei iniziare questo breve documento con il quale presento la mia candidatura alla Presidenza della Facoltà notando con una certa

Dettagli

progetto per lo sviluppo culturale e sociale del territorio mediante la ricerca scientifica di base

progetto per lo sviluppo culturale e sociale del territorio mediante la ricerca scientifica di base La Fondazione Cassa di Risparmio di Bra promuove il progetto per lo sviluppo culturale e sociale del territorio mediante la ricerca scientifica di base La Fondazione Cassa di Risparmio di Bra ha fra i

Dettagli

Carta degli studenti dell Università per Stranieri di Siena

Carta degli studenti dell Università per Stranieri di Siena 1 2 3 Carta degli studenti dell Università per Stranieri di Siena PREAMBOLO Noi, studenti dell Università per Stranieri di Siena, riconosciamo la particolarità di questa istituzione nelle sue finalità

Dettagli

Regolamento Scuola Ingegneria

Regolamento Scuola Ingegneria D.R. 17 settembre 2013 n. 32305 - Emanazione Regolamento Scuola Ingegneria Art. 1 (Finalità e Aree culturali) 1. La Scuola di Ingegneria dell Università di Pisa (nel seguito: Scuola) ha lo scopo di promuovere,

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN INGEGNERIA DEL FOTOVOLTAICO

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN INGEGNERIA DEL FOTOVOLTAICO MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN INGEGNERIA DEL FOTOVOLTAICO STATUTO Art. 1 Istituzione È istituito presso il Dipartimento di Ingegneria Elettronica dell Università degli Studi di Roma Tor Vergata,

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Nota tecnica 2 a) i corsi di studio da istituire e attivare nel rispetto dei requisiti minimi essenziali in termini di risorse strutturali ed umane, nonché quelli da sopprimere a.1 Proporzione di corsi

Dettagli

FAQ (le risposte sono elaborate in collaborazione tra: Sardegna Ricerche -Università degli studi di Cagliari -Università degli Studi di Sassari)

FAQ (le risposte sono elaborate in collaborazione tra: Sardegna Ricerche -Università degli studi di Cagliari -Università degli Studi di Sassari) FAQ (le risposte sono elaborate in collaborazione tra: Sardegna Ricerche -Università degli studi di Cagliari -Università degli Studi di Sassari) INCOMPATIBILITA CON LA PARTECIPAZIONE A PRECEDENTI BANDI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI PER GLI STUDENTI DIVERSAMENTE ABILI. 1. Finalità e Principi Generali

CARTA DEI SERVIZI PER GLI STUDENTI DIVERSAMENTE ABILI. 1. Finalità e Principi Generali CARTA DEI SERVIZI PER GLI STUDENTI DIVERSAMENTE ABILI 1. Finalità e Principi Generali L Università degli Studi di Bari Aldo Moro, nell intento di promuovere pari opportunità di formazione e di studio,

Dettagli

http://www.pubblica.istruzione.it/ministro/comunicati/2009_miur/2808...

http://www.pubblica.istruzione.it/ministro/comunicati/2009_miur/2808... Ufficio Stampa COME SI DIVENTA INSEGNANTI: ECCO LE NUOVE REGOLE UN ANNO DI TIROCINIO PER LEGARE TEORIA A PRATICA ASSUNZIONI SOLO IN BASE ALLA NECESSITÀ PER EVITARE IL PRECARIATO PIÙ INGLESE E COMPETENZE

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

I DIVISIONE DELIBERA. Art. 2 Tipologie contrattuali Le tipologie contrattuali sono fissate dall art. 24, comma 3, della legge n. 240/2010.

I DIVISIONE DELIBERA. Art. 2 Tipologie contrattuali Le tipologie contrattuali sono fissate dall art. 24, comma 3, della legge n. 240/2010. I DIVISIONE 4.1) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITA DI SELEZIONE E DELLO SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITA DEI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO EX ART. 24 LEGGE 30 DICEMBRE 2010, N. 240.

Dettagli

1.1 I corsi di laurea

1.1 I corsi di laurea 1. Didattica 1.1 I corsi di laurea All offerta formativa per l a.a. 2013/2014, in preparazione agli inizi del 2013, viene applicato il D.M. 47 del 30 gennaio 2013 Autovalutazione, accreditamento iniziale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO. (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011)

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO. (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011) REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011) TITOLO I MASTER UNIVERSITARI DI PRIMO E DI SECONDO LIVELLO

Dettagli

Comune di Ferrara Assessorato alla Salute e Servizi alla Persona. Centro H RAPPORTO SULLE ATTIVITA DEL CENTRO H GENNAIO - DICEMBRE 2005

Comune di Ferrara Assessorato alla Salute e Servizi alla Persona. Centro H RAPPORTO SULLE ATTIVITA DEL CENTRO H GENNAIO - DICEMBRE 2005 Comune di Ferrara Assessorato alla Salute e Servizi alla Persona A.I.A.S. Ferrara Associazione di Volontariato Associazione Centro H In collaborazione con: - Azienda USL Ferrara - Centro Servizi alla Persona

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA CAMERE DI COMMERCIO UNIONCAMERE LOMBARDIA ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO E LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA LOMBARDO

REGIONE LOMBARDIA CAMERE DI COMMERCIO UNIONCAMERE LOMBARDIA ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO E LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA LOMBARDO REGIONE LOMBARDIA CAMERE DI COMMERCIO UNIONCAMERE LOMBARDIA ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO E LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA LOMBARDO PROGRAMMA D AZIONE 2006 - prime linee - Premessa La sottoscrizione

Dettagli

! Perché si chiama Bridge? Perché rappresenta un ponte di collegamento tra la realtà universitaria e il mondo del lavoro.

! Perché si chiama Bridge? Perché rappresenta un ponte di collegamento tra la realtà universitaria e il mondo del lavoro. FAQ (frequently asked questions) DOMANDE GENERICHE! Cosa è IntesaBridge? È un nuovo servizio che i Politecnici propongono ai propri studenti: un prestito personale (sotto forma di scoperto di conto corrente)

Dettagli

BANDO 5 Corso-Concorso Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione

BANDO 5 Corso-Concorso Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione BANDO 5 Corso-Concorso Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Palazzo Chigi Roma, 26 gennaio 2011 La Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione (SSPA), ai sensi dell articolo 28 del D.Lgs.

Dettagli

16/02/1992 a tutt ora Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana via Roma,67 56100 PISA

16/02/1992 a tutt ora Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana via Roma,67 56100 PISA F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome MARCHETTI FEDERICA Indirizzo PIAZZA DELLE VETTOVAGLIE, 35 56126 PISA Telefono cell. 347/3658099 ufficio 050/995751

Dettagli

Fondazione per l Università a Brindisi

Fondazione per l Università a Brindisi Fondazione per l Università a Brindisi Una Fondazione gestita dagli Enti pubblici e privati del territorio brindisino per il coordinamento e la promozione dell offerta formativa universitaria che altre

Dettagli

FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO

FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1 CONSIGLIO DI FACOLTÀ 1. Il Consiglio di Facoltà ha il compito di programmare, coordinare e gestire tutte le attività didattiche che fanno capo alla Facoltà.

Dettagli

Regolamento della Scuola di Specializzazione in Farmacia Ospedaliera ART. 1 - NORME GENERALI

Regolamento della Scuola di Specializzazione in Farmacia Ospedaliera ART. 1 - NORME GENERALI Regolamento della Scuola di Specializzazione in Farmacia Ospedaliera ART. 1 - NORME GENERALI L'ordinamento degli studi del corso di diploma di specializzazione in Farmacia Ospedaliera della Facoltà di

Dettagli

Manuale informativo per conoscere tutto sul progetto di fusione del tuo Comune

Manuale informativo per conoscere tutto sul progetto di fusione del tuo Comune Manuale informativo per conoscere tutto sul progetto di fusione del tuo Comune Cosa è la fusione È un progetto nato per creare un nuovo Comune di oltre 7mila abitanti, più visibile dal punto di vista politico

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Finalità 1.1 Il

Dettagli

AVVISO CONTENENTE LE MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE

AVVISO CONTENENTE LE MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE D.R. n. 95 del 22 marzo 2011 (modificato con D.R N. 106 del 25 marzo 2011) Il Progetto speciale Ricerca di Eccellenza - Ricercatori si propone di facilitare l'avvio, la prosecuzione o il completamento

Dettagli

CALENDARIO ACCADEMICO 2015/2016

CALENDARIO ACCADEMICO 2015/2016 CALENDARIO ACCADEMICO 2015/2016 Date e scadenze comuni Inizio dell Anno Accademico: 1 ottobre 2015. Inizio delle attività didattiche: 1 ottobre 2015. Per motivi di organizzazione ed efficacia della didattica,

Dettagli

IL FERMI SI FA IN 4, ANZI IN 5.

IL FERMI SI FA IN 4, ANZI IN 5. LICEO SCIENTIFICO STATALE ENRICO FERMI SEDE CENTRALE: VIA MAZZINI 176/2 BOLOGNA TEL.051 4298 511 - FAX 051/392318 SEDE ASSOCIATA VIA NAZIONALE TOSCANA 1 S.LAZZARO SAVENA Telefono: 051/470141 - Fax: 051/478966

Dettagli

ISTITUZIONI E SVILUPPO La programmazione dei fondi strutturali 2007-2013 2013 in Calabria e le politiche per i giovani

ISTITUZIONI E SVILUPPO La programmazione dei fondi strutturali 2007-2013 2013 in Calabria e le politiche per i giovani ISTITUZIONI E SVILUPPO La programmazione dei fondi strutturali 2007-2013 2013 in Calabria e le politiche per i giovani Università della Calabria 25 marzo 2008 Dott. Alfredo Fortunato Quarta Parte Le politiche

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1. Ente proponente il progetto: Azienda Unità Sanitaria Locale n.3 Nuoro 2. Codice di accreditamento: 3. Albo e classe di iscrizione:

Dettagli