Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ""

Transcript

1 Luciano Poli 40 schede-gioco di metalinguaggio per la gestione e la manipolazione delle parole Nicola Milano editore, Bologna

2 ALLETTERANDO di L.POLI 40 schede-gioco di metalinguaggio per la gestione e la manipolazione delle parole PREMESSA p. 2 Giochi fonologici p. 4 PARTE PRIMA p. 6 1-Arriva una nave carica di... (1) p Gioco del come p. 9 3-Ruota dei colori p Il dadone (1) p Il burattino p La roulette p Il dadone (2) p Parole salterine p Arriva una nave carica di... (2) p Tagliaparole p Le belle bandierine p Palla canterina p. 22 PARTE SECONDA p Indovina indovinello p Appello in rima p Conte e filastrocche in rima p La spesa in rima p Cesto delle rime (1) p Ping-pong p Completa la rima p Spezzacatena p L'eco p Tennis p Cesto delle rime (2) p. 38 2

3 PARTE TERZA p Mago Eo p Scatolina p Scatolona p Cambianome p Mago Ditone p Il robot p Parola lunga / parola corta p Parole in aria p Domino (1) p Trasformer p Tamburino p Parole magiche p Cuoco pasticcione p Puzzle p Domino (2) p Domino (3) p Dico / non dico p. 57 BIBLIOGRAFIA p. 58 3

4 PREMESSA Fino a poco tempo fa si riteneva che il primo approccio dei bambini con la scrittura avvenisse al momento del loro ingresso nella scuola elementare; si ignorava così l ' insieme degli stimoli e delle informazioni che essi ricevono dall ' ambiente e da una scuola dell ' infanzia competente e sempre più attenta ad un bambino in grado di costruirsi «sistemi coerenti di concettualizzazione» e di risolvere operazioni cognitivo-linguistiche complesse e molto importanti. Secondo gli studi psicolinguistici più recenti la conquista e la progressiva padronanza della lingua scritta sono strettamente correlate non tanto all'acquisizione di abilità proprie della sfera percettiva e motoria, quanto piuttosto all'attivazione di processi logici assai complessi ed elaborati. Tali considerazioni incominciano ad essere valutate più attentamente nella pratica didattica della scuola materna ed elementare; sempre più si lavora sulle idee che i bambini hanno della lingua scritta, e si impostano didattiche che ne facilitano l'approccio attraverso l ' incontro con materiali significativi e gli usi reali e pragmatici della scrittura. A tre -quattro anni i bimbi non possiedono ancora le chiavi convenzionali di accesso al sistema alfabetico ma formulano via via ipotesi concettuali sempre più precise circa il suo funzionamento. E partendo da tali ipotesi che vengono creati personalissimi ma logicissimi sistemi di scrittura: ecco nascere quindi quelli che comunemente si definiscono scarabocchi e le stringhe variamente composite attraverso le quali essi scrivono i loro nomi e cominciano a comunicare pensieri e messaggi. Così fin dagli anni della scuola materna, i bambini non solo manifestano curiosità e interesse verso la scrittura, ma sono in grado di accedere alle regole della sua strutturazione. La scrittura intesa come strumento rappresentativo li aiuterà nelle operazioni di concettualizzazione e di rappresentazione della realtà. Li stimolerà inoltre ad intraprendere un processo graduale e pel:sonale di costruzione delle proprie competenze di fruizione e produzione del codice scritto, partendo dalle riflessioni e dalle osservazioni che essi conducono sugli atti di lettura e scrittura degli adulti. In questa direzione si muove anche il testo degli Orientamenti '91 della Scuola materna che sottolinea l'importanza di un corretto approccio del bambino con la lingua scritta, evidenziando la necessità di incrementare le occasioni di familiarizzazione con il «mondo della scrittura», che circonda sempre più la vita quotidiana del bambino, a casa come a scuola. 4

5 Un progetto di lingua scritta per la Scuola materna, in una prospettiva di continuità, non deve prevedere che si anticipi di un anno la Scuola elementare, ma che si introduca nella scuola dell'infanzia la lingua scritta che il bambino «vede» e che fa parte della sua esperienza. La Scuola materna deve intervenire in un processo in cui il bambino attiva le conoscenze già possedute sulla lingua scritta, non tanto e solo per far scrivere tutti, ma per avviare forme consapevoli di rappresentazione, di simbolizzazione e di riflessione. Nella fase di esplorazione e manipolazione della lingua fra i tre e i sei anni, una delle più entusiasmanti conquiste dei bambini è la scoperta delle relazioni tra le variazioni della scrittura e quelle dei tratti fonici della lingua orale. Contemporaneamente i bambini cominceranno a capire come la parola possa essere manipolata, trasformata, variata in alcune sue parti, indipendentemente dal suo contenuto. Nella scuola dell'infanzia, attraverso significative e stimolanti attività di lettura e scrittura, il bambino si avvia quindi ad impadronirsi e ad «usare un metalinguaggio» che gli permetterà di accedere sempre più al codice alfabetico della lingua scritta e di porre le basi per una reale competenza linguistica, punto di partenza per il cammino che proseguirà nella scuola elementare. Le attività fonologiche e metalinguistiche che qui si propongono sono state progettate in parte nell'ambito del laboratorio didattico «Fare la lingua: l ' apprendimento della lettura e scrittura tra scuola materna ed elementare» coordinato dal Prof. G. Stella e dal Dott. A. Biancardi negli anni a Imola e «sperimentate» in diverse scuole materne della città. Viva gratitudine va quindi alle insegnanti e un ringraziamento parti-colare è rivolto a Maria Grazia Turrini e a Enrico Michelini la cui collaborazione è stata preziosa nell'impostazione di questo lavoro. 5

6 GIOCHI FONOLOGICI Le schede qui presentate si riferiscono a diverse attività il cui scopo è quello di aiutare i bambini a sviluppare e a incrementare le competenze fonologiche e metalinguistiche. Esse riguardano la fascia di età 3-6 anni corrispondente alla scuola materna, in una prospettiva di sviluppo che coinvolge anche il primo ciclo della scuola elementare. La competenza fonologica è la capacità di analizzare la struttura sonora della parola e rappresenta un elemento cruciale nel processo di apprendimento della lettura e della scrittura; in altre parole è la capacità di analizzare separatamente i suoni che compongono la parola. La competenza metalinguistica è la capacità di riflettere sulla struttura del linguaggio ed è data dall'insieme di tutte quelle operazioni che si compiono con la lingua, non finalizzate direttamente alla comprensione del linguaggio stesso. Si compie un ' operazione metalinguistica, ad esempio, quando si associano le parole «cartella» e «mantella», intervenendo sul suono e non sul significato delle parole stesse. Un'operazione simile avviene anche quando applichiamo delle regole di trasformazione alle parole come nel caso dei suffissi (-ina, -ona ecc.). Le operazioni metalinguistiche rivestono una grande importanza nei processi di apprendimento della lettura e della scrittura poiché si basano su operazioni mentali dette morfofonologiche, le quali inducono la possibilità di creare nella mente del bimbo immagini dette appunto morfofonologiche. L'importanza di tali operazioni è data dal fatto che nel linguaggio parlato non si attivano tali processi poiché si opera sulle strutture sonore. Secondo i più recenti studi psicolinguistici la competenza fonologica, cioè la capacità di manipolare e di riflettere sulle unità fonemiche delle parole, rappresenta un prerequisito fondamentale per imparare a leggere e a scrivere, poiché la parola scritta rappresenta l ' immagine sonora della parola. Un bambino che giunge ad acquisire una buona competenza fonologica si incamminerà più facilmente lungo il percorso che lo porterà ad impadronirsi delle tecniche del leggere e dello scrivere e a padroneggiare le regole fonografiche della scrittura man mano che gli si insegneranno i grafemi corrispondenti ai suoni che lui è già in grado di isolare. 6

7 Numerose e recenti ricerche suggeriscono che una buona competenza fonologica è alla base dell'apprendimento della lettura e della scrittura: è necessario riconoscere i suoni che costituiscono le parole per apprendere successivamente i meccanismi delle lettere e della scrittura. In caso contrario, passando prevalentemente attraverso il sistema grafomotorio, come spesso avviene ancora nelle esperienze scolastiche di tanti bimbi, si andrà incontro a un numero maggiore di difficoltà nell'apprendimento. La competenza fonologica è una capacità che può essere sviluppata con l'esercizio ed è particolarmente interessante notare come parecchi studi mostrino che essa può essere indotta anche attraverso le attività della scuola dell'infanzia. 7

8 PARTE PRIMA 8

9 Arriva una ave carica di... (1) Gioco del come Ruota dei colori Il dadone (1) Il burattino La roulette Il dadone (2) Parole salterine Arriva una nave carica di... (2) Tagliaparole Le belle bandierine Palla canterina Con questi giochi ci si prefigge, attraverso una molteplicità di stimoli, di aiutare i bambini ad acquisire una buona competenza fonologica, elemento cruciale nel processo di apprendimento della scrittura, poiché la parola scritta rappresenta l ' immagine sonora della parola stessa. Le attività, centrate sul riconoscimento e l ' analisi di singoli suoni o di sillabe posti all'inizio delle parole, favoriscono la riflessione sulla forma e l ' analisi della struttura fonetica delle parole stesse e permettono, attraverso situazioni ludiche, un primo approccio alla distinzione dei tratti specifici di alcuni fonemi. Le diverse situazioni di gioco vanno programmate con sistematicità e in tempi ben definiti, sia per permettere ai bambini di compiere esperienze significative, sia per evitare il decadimento dell ' attenzione. L ' insegnante deve svolgere un ruolo di attento regista in modo da governare i processi ed evitare fenomeni ripetitivi e non attinenti le attività fonologiche programmate. L'indicazione dell'età, riportata in ogni scheda, è puramente informativa dato che lo stesso gioco può essere collocato nei diversi momenti del percorso di apprendimento della lettura e della scrittura che i bambini compiono nella scuola dell ' infanzia e nel primo anno della scuola elementare. 9

10 Gioco 1 ARRIVA UNA NAVE CARICA DI... (1) Sviluppo delle competenze linguistiche e fonologiche e delle capacità di discriminazione e segmentazione. Sviluppo della capacità di riflettere sulla forma delle parole. A partire dai 4 anni. Angolo della lettura-scrittura. Spazi limitati e definiti in modo da evitare la dispersione dell'attenzione. Tappeto su cui disporsi, berretto da «capitano». Inizialmente l'insegnante (ma poi di volta in volta un bambino), svolge il ruolo di capitano della nave che impartisce il comando: - Arriva una nave carica di... PA - I bambini devono quindi trovare una parola che inizi con la stessa sillaba data dal capita-no (es: pane). Il bambino che per primo trova la parola diventa il capitano della nave, indossa il ber-retto e il gioco prosegue. È un gioco assai noto nelle sue diverse varianti che favorisce il processo di riflessione sulla forma delle parole. L'insegnante deve svolgere un ruolo di «regista» e governare i processi in modo che il gioco non diventi una trasgressione, altrimenti il bambino viene trascinato in situazioni che non controlla più. Il lavoro va svolto con siste-maticità. In questo gioco è opportuno iniziare con la sillaba piana (es: PA) perché la performance richiesta è più facile in quanto inizialmente si instaura un fenomeno ripetitivo (PAPANE-PAPÀ...) che facilita i processi di anticipazione. Può essere poi introdotta la variante della sillaba sdrucciola (es: È in arrivo una nave carica di... STRA). 10

11 Gioco 2 GIOCO DEL COME Sviluppo della capacità di riflettere sulla forma delle parole A partire dai 4/5 anni. Angolo della lettura-scrittura.. Cartoncini con immagini di oggetti familiari o di uso comune. L'insegnante alza un cartoncino nel quale, ad es., è raffigurata una mela, e chiede al bambino: - Dimmi una parola che inizi come mela. È una delle prime attività per sviluppare nei bambini abilità fonologiche e avviarli a uscire dal campo semantico per attenersi via via alla riflessione sulla forma delle parole. Se il bambino, nell'esempio di «Dimmi una parola che inizi come mela» risponde pera, siamo probabilmente di fronte non a una incomprensione del gioco, ma probabilmente ad una difficoltà ad «entrare» nella struttura fonologica delle parole. Si consiglia di avviare questa attività singolarmente con ogni bambino, predisponendo una griglia di osservazione (pagina 12) per registrare agevolmente le sue risposte in modo da poter osservare la situazione in progress. 11

12 Esempio di griglia. GICO del COME Bambino Cartoncino Risposta del Risposta del Risposta del mostrato (data) (data) (data) MELA PANE ROSA DADO 12

13 Gioco 3 RUOTA DEI COLORI Sviluppo delle capacità di segmentazione e di analisi. A partire dai 4/5 anni. Angolo della lettura-scrittura.. Ruota girevole di cartone o compensato, colorata a spicchi e montata su supporto dotato di indicatore di fermata. Cartoncini colorati. Ogni bambino avrà a disposizione almeno tre cartoncini colorati. Un bambino a turno gira la ruota e i compagni controllano se fra i cartoncini che sono stati loro distribuiti c'è quello con il colore segna-lato dall'indicatore d'arresto.il bambino che ha il cartoncino col colore «uscito» viene invitato a dire una parola che inizi come il nome del colore: es.: r o s a rotolo. Anche con questo gioco si offrono al bambino altre possibilità di riflettere sulla forma delle parole e di sviluppare competenze fonologiche. Con lo stesso materiale si possono studiare diverse varianti: stessa sillaba, sillaba finale, uguale fonema, vocale, consonante ecc. È importante che i colori della ruota siano molti e i partecipanti pochi, sia per facilitare l attenzione, sia per permettere a tutti i bambini di intervenire personalmente nell attività. 13

14 Gioco 4 IL DADONE (1) Sviluppo delle capacità di discriminare e riflettere sulla forma delle parole A partire dai 4/5 anni. Angolo della lettura-scrittura.. Cubo di gommapiuma (dadone) abbastanza grande. Foto o disegni di oggetti conosciuti montati su cartoncini. Velcro. Tappeto. Colla. Incollare sui cartoncini le foto o i disegni e fissare il velcro sia sul retro dei cartoncini che sulle facce del cubo. Fissare quindi un cartoncino su ogni faccia del dadone. I cartoncini rimanenti verranno disposti sul tappeto, davanti ai bambini. Un bambino alla volta lancia il dadone e i compagni cercheranno fra i cartoncini disposti per terra un'immagine il cui nome inizi come quello dell'immagine uscita sulla faccia superiore del dadone. Un altro bambino lancia il dadone e il gioco prosegue. Sono necessarie molte immagini il cui nome inizi con la stessa sillaba o con lo stesso fonema (questa variabile, sillaba o fonema, è legata all'età e alle esperienze linguistiche dei bambini). Occorre poi sostituire abbastanza spesso le immagini di riferimento sul cubo, sia per evitare fenomeni di disattenzione legati a un eccessivo prolungamento dello stesso stimolo, sia per ovviare a facili memorizzazioni che limiterebbero la ricerca. 14

15 Gioco 5 IL BURATTINO Sviluppo delle capacità di segmentazione e di analisi della struttura fonetica delle parole. A partire dai 5 anni. Angolo della lettura-scrittura. Un burattino o altro pupazzo di pelouche (in questo caso adeguare il nome al gioco). Piccoli premi per i bambini. Il burattino ripete le parole che l'insegnante dice (ovviamente l'insegnante recita anche la parte del burattino) e... non sempre le azzecca. Esempio: Insegnante: pollo Burattino: pollo palla palla balla palla Il bambino deve dire di volta in volta se il burattino ha ripetuto la stessa parola: quando il burattino non sbaglia viene premiato e alla fine i premi vanno al bambino. 15

16 Con questo gioco richiediamo ai bambini di analizzare la struttura fonetica della parola. Contemporaneamente il bambino si avvia a un primo approccio alla distinzione dei tratti specifici di alcuni fonemi. È sufficiente formare 10 coppie di parole (6 diverse e 4 uguali, ad es.) avendo l'avvertenza di inserire anche coppie di parole con suoni iniziali affini (p/b, d/t...). Esempio di lista: pollo/bollo, balla/palla, vela/tela, pane/pane, vaso/naso, foglia/foglia, mano/nano, dado/dado, nido/rido, rana/rana. Questa attività può essere svolta sia in un piccolo gruppo che individualmente. Questo ultimo caso permette un'osservazione più mirata ed è opportuno quindi predisporre una griglia su cui verificare lo sviluppo delle competenze di ogni singolo bambino. Esempio di griglia di riflessione: Bambino Coppie di parole Risposta del (data) Risposta del (data) Risposta del (data) POLLO/BOLLO BALLA/PALLA VELA/TELA PANE/PANE VASO/NASO FOGLIA/FOGLIA MANO/NANO DADO/DADO NIDO/RIDO RANA/RANA Registrare con un colore o con altro simbolo le performance del bambino 16

17 Gioco 6 LA ROULETTE Sviluppo delle competenze di discriminazione e segmentazione. Sviluppo della capacità di riflettere sulla forma delle parole. A partire dai 5 anni. Angolo della lettura-scrittura, aula. Ruota girevole a spicchi di diversi colori (tanti quanti sono i bambini che giocano) montata su un supporto e dotata di indicatore di arresto. Assegnare un colore a ogni bambino e girare la ruota. Il bambino a cui corrisponde il colore «uscito» dirà una parola, a sua scelta. Riparte il giro. All'uscita del nuovo colore il bambino di turno dovrà trovare una nuova parola che inizi con la stessa sillaba o suono di quella detta precedentemente. E così il gioco prosegue. Per evitare che il gioco risenta delle ovvie difficoltà dovute a un lessico ridotto e che si evidenziano nel reperire parole che iniziano sempre con la stessa sillaba, può essere introdotta la seguente variante: all'uscita del nuovo colore, il bambino d i turno dovrà trovare una parola che inizi con la stessa sillaba o suono di quella detta precedentemente, ma poi rilancerà il gioco con una nuova parola (e quindi con nuova sillaba o nuovo fonema), che sarà il punto di riferimento per il giocatore successivo. 17

18 Valgono in linea di massima le osservazioni elencate nelle note relative al gioco «Arriva una nave carica di...». Anche in questo caso si offre al bambino l'occasione di compiere, giocando, attività legate a esperienze linguistiche. Occorre evitare che l'attività scada in episodi dispersivi e/o che i bambini si stanchino. Il gioco riesce meglio se organizzato in piccoli gruppi in modo che nessun bambino debba «aspettare» troppo a lungo l'uscita del proprio colore (la ruota non dovrebbe avere più di 4 o 5 colori). Le consegne devono essere molto chiare. Il lavoro va svolto con sistematicità, altrimenti non si evidenziano risultati apprezzabili in tutti i bambini. L'insegnante, che non deve intervenire direttamente nel gioco, può predisporre una griglia di osservazione delle competenze linguistiche di ciascun bambino, che riporti il numero delle parole e il grado di pertinenza rispetto alla regola data. 18

19 Gioco 7 DADONE (2) Sviluppo delle capacità di discriminare, segmentare e riflettere sulla forma delle parole. A partire dai 5 anni. Angolo della lettura-scrittura, aula. Cubo di gommapiuma (dadone) abbastanza grande. Foto o disegni di oggetti conosciuti montati su cartoncini. Velcro. Tappeto. Colla. La consegna, in questa variante più complessa, è di trovare una parola che inizi come quella dell'immagine fissata sulla faccia del dadone, non avendo più a disposizione altre immagini disposte sul tappeto, cui fare riferimento, ma dovendo contare solo sul proprio patrimonio di conoscenze. Un'altra variante, ancora più complessa, è quella di richiedere una parola che inizi come la sillaba finale del nome dell'immagine che esce sul dadone (Es.: pera ramo). È necessario che l'insegnante introduca le varianti tenendo conto dell'età e delle esperienze linguistiche dei bambini. 19

20 Gioco 8 PAROLE SALTERINE Sviluppo delle competenze linguistiche e fonologiche e della capacità di riflettere sulla forma delle parole. MATERIALI e A partire dai 5 anni. Palestra, all'aperto, aula. Cartoncini con immagini. L'insegnante mostrerà una coppia di cartoncini; se i nomi degli oggetti rappresentati iniziano allo stesso modo i bambini faranno un salto. È uno dei molti giochi che si possono inventare per abituare i bambini a riflettere sulla forma delle parole. È importante, all'inizio, che l'insegnante mostri immagini di oggetti molto «distanti» sul piano semantico, ad es. BANDIERA-BANCO, in modo da facilitare nei bambini l'approccio alla struttura fonologica delle parole. Nei primi momenti è opportuno ricorrere a coppie di nomi che inizino con la stessa sillaba, poi con il solo fonema. Si può introdurre successivamente anche la variante della parola scritta sotto l'immagine. 20

21 Gioco 9 ARRIVA UNA NAVE CARICA DI (2) Sviluppo delle capacità di discriminazione e segmentazione. Sviluppo della capacità di riflettere sulla forma delle parole. A partire dai 5 anni. Angolo della lettura-scrittura; spazi limitati e definiti in modo da evitare fenomeni di dispersione del l'attenzione. Tappeto su cui disporsi, berretto da «capitano». Variante del gioco 1. Ora il capitano dirà: - Arriva una nave carica di... P. I compagni cercheranno delle parole che inizino con questo suono. Il bambino che per primo trova la parola diventa il capitano della nave, indossa il berretto e il gioco prosegue. Questa variante presenta difficoltà maggiori ed è riservata ai bambini di 5/6 anni. Limitare il comando a un solo fonema impone al bambino un notevole sforzo di analisi, segmentazione e anticipazione e un riconoscimento più preciso dei suoni iniziali. È importante che l'insegnante svolga un ruolo di regista attento sia nell'evitare fenomeni ripetitivi e inutili sia nell'impostare una continua, ma semplice, riflessione sulle risposte dei bambini. 21

22 Gioco 10 TAGLIAPAROLE Sviluppo de le capacità di segmentazione e analisi. A partire dai 5/6 anni. Angolo della lettura-scrittura, aula. Cartoncini su cui sono riportate immagini semplici e chiare. Si lavora in piccolo gruppo. L'insegnante mostra un cartoncino con, ad es., l'immagine di una rosa, lo nasconde, e chiede ai bambini di dire come comincia il nome dell'immagine che ha fatto vedere. La maggior parte dei bambini tende a dire la parola intera e non il suo inizio. Si può anche scegliere di richiedere la sillaba con cui inizia la parola, cosa che rappresenta inizialmente un passaggio più accessibile. È necessario partire da termini che abbiano la sillaba piana, ad es. ca-rota. 22

23 Gioco 11 LE BELLE BANDIERINE Sviluppo delle capacità di scrittura e lettura. A partire dai 5/6 anni. Angolo della lettura-scrittura, aula. Contenitore tipo «fustino detersivo», cartoncini, supporti in legno o plastica per l'asta delle bandierine, colla, matite. Con i supporti e i cartoncini preparare delle bandierine sulle quali si scriveranno i nomi dei giorni della settimana. Disporle, quindi, nel contenitore. Un bambino estrarrà, di volta in volta, una bandierina e a quel punto le richieste potranno essere: trova una parola che inizi come martedì trova una parola che finisca come sabato costruiamo una filastrocca adoperando la rima di lunedì. Le attività fonologiche sembrano rivestire una grande importanza all'interno dell'apprendimento linguistico, in quanto con esse si mette in condizione il bambino di analizzare la struttura fonetica della parola. La competenza fonologica è un passaggio fondamentale nel processo di apprendimento della scrittura poiché la parola scritta rappresenta l'immagine sonora della parola stessa. 23

24 Gioco 12 PALLA CANTERINA Sviluppo della capacità di riflettere sulla forma delle parole. A partire dai 5/6 anni. Palestra, all'aperto. Palla di gommapiuma. I bambini sono disposti in un cerchio abbastanza ampio. Uno di loro sta al centro e lancia la palla verso i compagni dicendo forte il proprio nome. Il bambino che afferra la palla deve rispondere con una parola che inizi con la stessa sillaba o con lo stesso fonema (si può optare per l'una o l'altra situazione a seconda delle competenze dei bambini). Se la risposta è pertinente il bambino che ha preso la palla va al centro del cerchio e il gioco prosegue. Possono essere apportate numerose varianti legate alle competenze linguistiche dei bambini e alla programmazione dell'attività didattica, introducendo d o p o il nome proprio altre parole, ponendo attenzione a graduare le difficoltà (sillaba piana, sillaba sdrucciola, vocale, consonante...). L'importante è che l'insegnante svolga un ruolo di osservatore e regista, lasciando che i bambini avanzino ipotesi, interpretazioni e giudizi sulle risposte date da loro stessi. Questo gioco, legato anche all'attività motoria, obbliga i bambini a ragionare sulla forma delle parole; capita frequentemente, di fronte a richieste come quelle che si indicano, che essi seguano la strada semantica piuttosto che quella fonologica. 24

25 Es.: mela pera e non mela - mese L'insegnante deve essere cosciente di questo fenomeno in modo da favorire momenti di riflessione. Sarà opportuno inoltre predisporre attività diverse e complementari. Spesso infatti i bambini capiscono le regole del gioco ma necessitano d una maggiore competenza linguistica per affrontare la struttura fonologica delle parole. La varietà delle proposte risulta quindi fondamentale per favorire e consolidare i processi metalinguistici. 25

26 PARTE SECONDA 26

27 Indovina indovinello Appello in rima Conte e filastrocche in rima La spesa in rima Cesto delle rime (1) Ping-pong Completa la rima Spezzacatena L'eco Tennis Cesto delle rime (2) I giochi proposti in questa sezione presentano come comune denominatore l'uso della rima in situazione linguistica ludico-giocosa. Con i giochi di rima si offre al bambino la possibilità di manipolare le parole acquisendo contemporaneamente competenze fonologiche e metalinguistiche, cioè capacità di riflettere sulla forma e non sul contenuto delle parole stesse. La creazione di conte e filastrocche con «ripetizioni variate» può giocare un ruolo importante nello sviluppo complessivo del linguaggio e nell'uso, anche sofisticato, di pattern sintattici. Il divertimento che queste attività possono suscitare può essere considerato un risultato di per sé importante soprattutto nella scuola dell'infanzia, che ha anche fra i suoi scopi principali quello di stimolare il bambino a«voler-parlare, voler-ascoltare, voler-leggere e voler-scrivere» 1. Anche in questi giochi (come in quelli presentati nelle altre sezioni) il suggerimento dell'età è da considerarsi puramente indicativo: fondamentali sono le competenze e le abilità dei bambini, non sempre correlate alla loro età anagrafica. 1 AA. V V., I bambini nella scuola dell'infanzia e l'educazione linguistica, Bologna, Nicola Milano Editore,

28 Gioco 13 INDOVINA INDOVINELLO A partire dai 4 anni. Angolo della lettura-scrittura. Cesto ampio o scatolone. Oggetti specifici secondo la rima prescelta. Un bambino estrarrà dal cesto un oggetto alla volta e inviterà i compagni a pronunciare il nome dell'oggetto estratto. Es.: - Indovina indovinello, cosa prendo dal cestello?, Un martello. Un cappello. Un pennarello. Un secchiello. Un ombrello. È un modo molto semplice per avviare i bambini alla scoperta del mondo delle parole e delle loro forme. Dopo qualche volta che si gioca occorre cambiare la serie degli oggetti in modo che vari la rima. È importante chiedere ai bambini che portino da casa serie di oggetti con il nome in rima (si può ricorrere a rime di riferimento molto comuni: -dia, -erta, -otre...), sia per avere la possibilità di offrire un numero maggiore di stimoli e occasioni di riflessioni linguistiche, sia per coinvolgere, anche nella preparazione di questi giochi, i bambini e le loro famiglie. Si può poi cominciare a riflettere su cosa hanno in comune le varie parole. Molto facilmente i bambini sceglieranno la strada semantica. Niente paura: siamo solo all'inizio e un po' alla volta acquisiranno competenze e abilità 28

29 che permetteranno loro di accedere facilmente alla struttura fonologica della parola. Serie di oggetti in rima: 1. padella, caramella, scodella, mantella, mortadella, ciambella, mozzarella, stella forchetta, bicicletta, motocicletta, racchetta, maglietta, etichetta, paletta, berretta, cassetta cartolina, figurina, farina, gallina, lampadina, catenina, pallina, medicina, tazzina, gommina. 4. pallone, bastone, peperone, maccherone, maglione, bottone, leone, cartone... 29

30 Gioco 14 APPELLO IN RIMA Sviluppo delle capacità ludico-linguistiche. Sviluppo della capacità di analisi della forma delle parole. A partire dai 4/5 anni. Aula. Fogli, matite colorate. Si fa l'appello dei bambini: ad ogni nome o cognome si individuano parole in rima. Si ricompongono poi le coppie di nomi in rima per formare delle facili filastrocche che possono anche essere scritte su fogli da appendere alle pareti della sezione o conservati in un raccoglitore facilmente consultabile dai bambini. Es.: Simone bottone Galamini calzini Simone Galamini ha perso i calzini. Galamini Simone ha trovato un bottone. È un gioco che appassiona i bambini. Dopo pochissimo tempo dedicato a questa attività essi sono in grado automaticamente di comporre filastrocche simpatiche e spiritose. 30

31 Gioco 15 CONTE E FILASTROCCHE IN RIMA A partire dai 4/5 anni. Aula, palestra, all aperto. Semplici strumenti a percussione per l accompagnamento ritmico. Registratore per eventuale base musicale. Recitazione o canto accompagnati da semplici interventi strumentali, che evidenzino i passaggi accettati o in rima delle conte o delle filastrocche. Dal repertorio popolare delle diverse località possiamo trarre una serie pressoché infinita di conte o canzoni in rima già strutturate per facilitarne la rievocazione ma che possono essere utilizzate, oltre che per creare occasioni di socializzazione e di gioco, anche per cominciare a creare l abitudine alla rima e quindi anche all attività fonologica. Possono essere utilizzati per l accompagnamento ritmico semplici strumenti a percussione quali maracas, legnetti, bottiglie e lattine contenenti semi o sassolini, tamburelli, campanelli In questo gioco è possibile predisporre un attività fonologica più consapevole in quanto esso richiede molta attenzione alle situazioni ritmiche. ESEMPI DI CONTE E CANZONI IN RIMA La Rosina al mercato, Cecco Bilecco, Cavallino Arrì Arrò, Ambarabaciccicoccò... 31

OSSERVAZIONI SISTEMATICHE DI RILEVAZIONE PRECOCE AREA LINGUISTICA. Potenziamento area linguistica

OSSERVAZIONI SISTEMATICHE DI RILEVAZIONE PRECOCE AREA LINGUISTICA. Potenziamento area linguistica OSSERVAZIONI SISTEMATICHE DI RILEVAZIONE PRECOCE AREA LINGUISTICA Potenziamento area linguistica AREA LINGUISTICA AREA LINGUISTICA Comprensione linguistica Competenze narrative Competenze narrative 1.

Dettagli

Scuola dell infanzia. A. Monti. - I.C. COAZZE - a. s 2008/09

Scuola dell infanzia. A. Monti. - I.C. COAZZE - a. s 2008/09 Scuola dell infanzia - I.C. COAZZE - a. s 2008/09 A. Monti Titolo attività : Giocare con le PAROLE Le attività sono rivolte ad un gruppo di 17 bambini all ultimo anno di frequenza della scuola dell infanzia,

Dettagli

Scuola Infanzia Piantedo A.S. 2012/2013. Percorso metafonologico e fonologico: GIOCO CON LE PAROLE

Scuola Infanzia Piantedo A.S. 2012/2013. Percorso metafonologico e fonologico: GIOCO CON LE PAROLE Scuola Infanzia Piantedo A.S. 2012/2013 Percorso metafonologico e fonologico: GIOCO CON LE PAROLE GRUPPO: intersezione bambini 5 anni UNITÀ DI APPRENDIMENTO TITOLO/OF OO FF Titolo: GIOCO CON LE PAROLE

Dettagli

Scuola dell Infanzia Umberto I Robecco sul Naviglio Anno Scolastico 2014-2015 PROGETTO LETTO-SCRITTURA

Scuola dell Infanzia Umberto I Robecco sul Naviglio Anno Scolastico 2014-2015 PROGETTO LETTO-SCRITTURA Scuola dell Infanzia Umberto I Robecco sul Naviglio Anno Scolastico 2014-2015 PROGETTO LETTO-SCRITTURA Il progetto nasce dal desiderio di accompagnare il bambino/a dell ultimo anno della Scuola dell Infanzia

Dettagli

I DISCORSI E LE PAROLE

I DISCORSI E LE PAROLE I DISCORSI E LE PAROLE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE 1. Il bambino usa la lingua italiana, arricchisce e precisa il proprio lessico, comprende parole e discorsi, fa ipotesi sui significati

Dettagli

Laboratori fonologici: Verifica e punto di partenza per l apprendimento della lettoscrittura

Laboratori fonologici: Verifica e punto di partenza per l apprendimento della lettoscrittura Laboratori fonologici: Verifica e punto di partenza per l apprendimento della lettoscrittura Suggerimenti per le insegnanti Ins. Formatore Orfei Carla OBIETTIVI GENERALI: Esplorare e conoscere l ambiente

Dettagli

Scuola infanzia e primaria di Mortara(PV), 14 giugno 2012

Scuola infanzia e primaria di Mortara(PV), 14 giugno 2012 Prima di arrivare ai DSA Modulo letto-scrittura Dr.ssa Laura Landi Psicologa dell Apprendimento Dr.ssa Maria Carmela Valente Logopedista Insegnante per l Infanzia Scuola infanzia e primaria di Mortara(PV),

Dettagli

Stella stellina la prima si avvicina

Stella stellina la prima si avvicina Stella stellina la prima si avvicina Proposta di un laboratorio per un training fonologico per gli alunni dell ultimo anno della scuola d infanzia e alunni di classe prima Ins.te V. Piazza PREMESSA Il

Dettagli

IL CURRICOLO LINGUISTICO ALLA SCUOLA DELL INFANZIA. PROGETTO IN RETE SCUOLA DELL INFANZIA Demontis Paola Novembre 2012

IL CURRICOLO LINGUISTICO ALLA SCUOLA DELL INFANZIA. PROGETTO IN RETE SCUOLA DELL INFANZIA Demontis Paola Novembre 2012 IL CURRICOLO LINGUISTICO ALLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO IN RETE SCUOLA DELL INFANZIA Demontis Paola Novembre 2012 «IL VERBO LEGGERE NON SOPPORTA L IMPERATIVO; AVVERSIONE CHE CONDIVIDE CON ALCUNI ALTRI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO NOTARESCO SCUOLA DELL INFANZIA DI MORRO D ORO CAPOLUOGO PROGETTO DI PLESSO. Il girotondo delle parole ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTITUTO COMPRENSIVO NOTARESCO SCUOLA DELL INFANZIA DI MORRO D ORO CAPOLUOGO PROGETTO DI PLESSO. Il girotondo delle parole ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO NOTARESCO SCUOLA DELL INFANZIA DI MORRO D ORO CAPOLUOGO PROGETTO DI PLESSO Il girotondo delle parole ANNO SCOLASTICO 2015/2016 INSEGNANTI CURRICOLARI: DI BONAVENTURA LAURA MARAINI

Dettagli

Giocare con le parole in palestra

Giocare con le parole in palestra Anita Piazza IX ciclo SSIS anno scolastico 2007/08 Unità didattica di lingua italiana L2 Giocare con le parole in palestra Destinatari: prime classi di scuola secondaria di primo grado, con presenza di

Dettagli

La magia delle parole

La magia delle parole SEZIONE 1 Consapevolezza fonologica Scheda 12 Avviare il bambino alla composizione e scomposizione delle parole attraverso l aggiunta e la sottrazione di fonemi. Piccolo gruppo. Aula o angolo di lettura.

Dettagli

Laboratorio Musicale Musica Maestro di Barbara Pavesi Anno scolastico 2008-2009 dal 12 gennaio 2009 al 27 marzo 2009

Laboratorio Musicale Musica Maestro di Barbara Pavesi Anno scolastico 2008-2009 dal 12 gennaio 2009 al 27 marzo 2009 Laboratorio Musicale Musica Maestro di Barbara Pavesi Anno scolastico 2008-2009 dal 12 gennaio 2009 al 27 marzo 2009 Suddivisione del gruppo I bambini della Sezione Primavera, divisi in 2 gruppi da 10-11

Dettagli

LA PREVENZIONE DELLA DISLESSIA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROPOSTE DIDATTICHE

LA PREVENZIONE DELLA DISLESSIA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROPOSTE DIDATTICHE LA PREVENZIONE DELLA DISLESSIA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROPOSTE DIDATTICHE 1 Scuola dell infanzia e primi anni scuola primaria Segnali di rischio e difficoltà IDENTIFICAZIONE PRECOCE Intervenire: risolvere

Dettagli

Direzione Didattica di Budrio Istituto Comprensivo di Budrio CURRICOLI VERTICALI ITALIANO. Anno Scolastico 2014-2015

Direzione Didattica di Budrio Istituto Comprensivo di Budrio CURRICOLI VERTICALI ITALIANO. Anno Scolastico 2014-2015 Direzione Didattica di Budrio Istituto Comprensivo di Budrio CURRICOLI VERTICALI ITALIANO Anno Scolastico 2014-2015 in uscita da tutti gli ordini di scuola PREMESSA 1) Riteniamo la COMPRENSIONE trasversale

Dettagli

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa Progetto 5 anni Premessa Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco L esplorazione di questi elementi così diversi tra loro rappresenta un occasione per stimolare l immaginazione

Dettagli

Tratto da: "DISLESSIA, lavoro fonologico", A.A.V.V. - ed. LibriLiberiPrima esperienza

Tratto da: DISLESSIA, lavoro fonologico, A.A.V.V. - ed. LibriLiberiPrima esperienza Tratto da: "DISLESSIA, lavoro fonologico", A.A.V.V. - ed. LibriLiberiPrima esperienza I SUONI, IL CORPO, LE PAROLE GIOCHI SULL'ASCOLTO L'educazione all'ascolto costituisce un aspetto della più complessa

Dettagli

Metafonologia. Luciana Ventriglia. insegnante-pedagogista clinico Formatore A.I.D

Metafonologia. Luciana Ventriglia. insegnante-pedagogista clinico Formatore A.I.D Metafonologia Luciana Ventriglia insegnante-pedagogista clinico Formatore A.I.D Definizione di competenza metafonologica È una particolare conoscenza metalinguistica che consiste nella capacità di percepire

Dettagli

Cliccare per avanzare

Cliccare per avanzare Cliccare per avanzare UNITÀ DI APPERENDIMENTO Dalla sillaba al fonema TEMPI Otto settimane DESTINATARI bambini e bambine di 5 anni SITUAZIONE INIZIALE La presente unità non può prescindere dal raggiungimento

Dettagli

OSSERVAZIONI SISTEMATICHE DI RILEVAZIONE PRECOCE AREA DELL INTELLIGENZA NUMERICA

OSSERVAZIONI SISTEMATICHE DI RILEVAZIONE PRECOCE AREA DELL INTELLIGENZA NUMERICA OSSERVAZIONI SISTEMATICHE DI RILEVAZIONE PRECOCE AREA DELL INTELLIGENZA NUMERICA Potenziamento dell area dell intelligenza numerica Processi lessicali Denomina su richiesta i numeri fino a 10 (come si

Dettagli

SVILUPPO DEL LINGUAGGIO NEL BAMBINO

SVILUPPO DEL LINGUAGGIO NEL BAMBINO SVILUPPO DEL LINGUAGGIO NEL BAMBINO L.Carretti-logopedista- HSA - Como 1 1 2 L.Carretti-logopedista- HSA 2 - Como 3 L.Carretti-logopedista- HSA 3 - Como 4 L.Carretti-logopedista- HSA 4 - Como L.Carretti-logopedista-

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA : CAMPANELLI D ALLARME

SCUOLA DELL INFANZIA : CAMPANELLI D ALLARME SCUOLA DELL INFANZIA : CAMPANELLI D ALLARME E IDEE PER LAVORARE 5 dicembre 2012 Grazia Crinzi 1 DI COSA PARLIAMO? LINEE GUIDA INDIVIDUAZIONE PRECOCE E INDICI DI RISCHIO IDEE PER LAVORARE MONITORAGGIO 5

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 La programmazione educativa, redatta dal Presidente del Gruppo H e stilata dalla Docente F/S per le attività a sostegno

Dettagli

Siete pronti a.. mettervi in gioco?

Siete pronti a.. mettervi in gioco? Siete pronti a.. mettervi in gioco? Progetto di logico-matematica sezione 4 anni A.S 2012/13 Scuola dell Infanzia San Carlo.B. Sassuolo Insegnanti Leonelli-Gualdi La matematica intorno a noi Nel nostro

Dettagli

DISLESSIA A SCUOLA PROPOSTE DIDATTICHE. A cura di Alessandra CHIARETTA Referente DSA di Pietra Ligure per la dislessia

DISLESSIA A SCUOLA PROPOSTE DIDATTICHE. A cura di Alessandra CHIARETTA Referente DSA di Pietra Ligure per la dislessia DISLESSIA A SCUOLA PROPOSTE DIDATTICHE A cura di Alessandra CHIARETTA Referente DSA di Pietra Ligure per la dislessia estratto da Il disturbo nella scuola primaria di Iozzino pg. 1 PROPOSTE DIDATTICHE

Dettagli

A SCUOLA DI PAROLE. ATTIVITA PER I BIMBI DI 5 ANNI lavori di gruppo per docenti della Scuola dell Infanzia

A SCUOLA DI PAROLE. ATTIVITA PER I BIMBI DI 5 ANNI lavori di gruppo per docenti della Scuola dell Infanzia A SCUOLA DI PAROLE ATTIVITA PER I BIMBI DI 5 ANNI lavori di gruppo per docenti della Scuola dell Infanzia Lunedì 17 novembre 2014 Venerdì 30 gennaio 2015 Lunedì 11 maggio 2015 Chiara Portoraro - logopedista

Dettagli

Screening: che cosa è?

Screening: che cosa è? Screening: che cosa è? Con il termine screening si intende una metodologia di rilevazione che è in grado di predire un disturbo sulla base della presenza di un segno critico selezionato in precedenza (test

Dettagli

Scuola dell Infanzia Maddalena di Canossa

Scuola dell Infanzia Maddalena di Canossa Scuola dell Infanzia Maddalena di Canossa Progetto di Lingua Inglese a.s. 2014 /2015 Insegnante: Donatini Benedetta INTRODUZIONE Le Indicazioni Nazionali per il Curricolo rappresentano il riferimento normativo

Dettagli

PAROLE..parole..parole

PAROLE..parole..parole Istituto comprensivo di Castelverde Scuola dell infanzia di Corte de' frati PAROLE..parole..parole Laboratorio di educazione linguistica insegnante Morelli Elisabetta Anno scolastico 2014-2015 Motivazione

Dettagli

Si propongono quindi esercizi di:

Si propongono quindi esercizi di: PERCORSO FONOLOGICO PER LIVELLI DI ACQUISIZIONE DELLA SCRITTURA In ogni attività, per ogni livello, è importante valutare la gradualità delle proposte e i fattori di complessità delle parole. Quindi la

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO SPECIFICA PER

UNITA DI APPRENDIMENTO SPECIFICA PER SCUOLA DELL'INFANZIA AD ONORE DEGLI EROI UNITA DI APPRENDIMENTO SPECIFICA PER bambini di 2 anni e mezzo PASTICCIO DIPINGO E MI DIVERTO ANNO SCOLASTICO 2011-12 Scuola dell infanzia ad onore degli Eroi A.S.

Dettagli

Istituto Comprensivo San Vito Scuola Primaria PROGETTAZIONE ANNUALE LINGUA INGLESE CLASSI V A - B

Istituto Comprensivo San Vito Scuola Primaria PROGETTAZIONE ANNUALE LINGUA INGLESE CLASSI V A - B Istituto Comprensivo San Vito Scuola Primaria PROGETTAZIONE ANNUALE LINGUA INGLESE CLASSI V A - B ANNO SCOLASTICO 2013-2014 Premessa La progettazione fa riferimento alle Indicazioni nazionali per il Curricolo

Dettagli

Può succedere che il bambino utilizzi le lettere dell alfabeto scritte correttamente, ma ancora come semplice imitazione dell atto di scrivere degli

Può succedere che il bambino utilizzi le lettere dell alfabeto scritte correttamente, ma ancora come semplice imitazione dell atto di scrivere degli LA PAROLA SCRITTA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Francesco Nota Capita con una certa frequenza di incontrare bambini che sanno leggere e scrivere già alla scuola dell infanzia, scuola che finora si è per

Dettagli

valentina.ferraris16@gmail.com

valentina.ferraris16@gmail.com LINGUAGGIO prevenzione e intervento (proposte operative) valentina.ferraris16@gmail.com Studi retrospettivi sui precursori dei DSA Studi longitudinali sull evoluzione dei bambini con DSL Molti DSA hanno

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO n. 4c di PASTORI Cristina (bambini di 5 anni) Anno Scolastico 2008-2009 Laboratorio linguistico da gennaio a maggio

UNITA DI APPRENDIMENTO n. 4c di PASTORI Cristina (bambini di 5 anni) Anno Scolastico 2008-2009 Laboratorio linguistico da gennaio a maggio UNITA DI APPRENDIMENTO n. 4c di PASTORI Cristina (bambini di 5 anni) Anno Scolastico 2008-2009 Laboratorio linguistico da gennaio a maggio 1. TIPOLOGIA DELL UNITA APPRENDIMENTO Come sottolineano Ferreiro

Dettagli

Raccomandazioni per l attuazione delle Indicazioni Nazionali per i Piani di studio personalizzati nella Scuola Primaria Inglese La lingua inglese,

Raccomandazioni per l attuazione delle Indicazioni Nazionali per i Piani di studio personalizzati nella Scuola Primaria Inglese La lingua inglese, Raccomandazioni per l attuazione delle Indicazioni Nazionali per i Piani di studio personalizzati nella Scuola Primaria Inglese La lingua inglese, come ogni lingua che non sia madre, riveste un ruolo fondamentale

Dettagli

LINGUA INGLESE DALLE INDICAZIONI NAZIONALI

LINGUA INGLESE DALLE INDICAZIONI NAZIONALI LINGUA INGLESE DALLE INDICAZIONI NAZIONALI L apprendimento della lingua inglese e di una seconda lingua comunitaria, oltre alla lingua materna e di scolarizzazione, permette all alunno di sviluppare una

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

UNIVERSITA DELLA CALABRIA A.A

UNIVERSITA DELLA CALABRIA A.A UNIVERSITA DELLA CALABRIA A.A. 2012/2013 CORSO AGGIUNTIVO PER LE ATTIVITÀ FORMATIVE PER GLI ALUNNI IN SITUAZIONE DI HANDICAP NELLA SCUOLA DELL INFANZIA (MATERNA) E NELLA SCUOLA PRIMARIA (ELEMENTARE) Educazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO U. FERRARI DI CASTELVERDE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE IL GIRASOLE DI SAN MARTINO IN BELISETO. English is fun

ISTITUTO COMPRENSIVO U. FERRARI DI CASTELVERDE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE IL GIRASOLE DI SAN MARTINO IN BELISETO. English is fun ISTITUTO COMPRENSIVO U. FERRARI DI CASTELVERDE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE IL GIRASOLE DI SAN MARTINO IN BELISETO English is fun Anno scolastico 2011/2012 Istituto Comprensivo U. Ferrari di Castelverde

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA AMPI DI ESPERIENZA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER I BAMBINI DI 5 ANNI ESPERIENZE

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1º GRADO 93010 - D E L I A

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1º GRADO 93010 - D E L I A BLA, BLA, BLA, ANNO SCOLASTICO 2008/2009 MOTIVAZIONE L età dei bambini della scuola dell infanzia è particolarmente feconda poiché, proprio in questo periodo, l interesse e la curiosità, se vengono alimentati,

Dettagli

IL PROGETTO DIDATTICO: La vecchia fattoria

IL PROGETTO DIDATTICO: La vecchia fattoria IL PROGETTO DIDATTICO: Le educatrici del nido, nel corso dell anno 2011-2012, proporranno ai bambini un percorso didattico intitolato, finalizzato alla conoscenza degli animali, della loro alimentazione,

Dettagli

Workshop 11: !!!! Alphabetisierung in zwei Sprachen Costruire insieme la competenza comunicativa nella scuola primaria

Workshop 11: !!!! Alphabetisierung in zwei Sprachen Costruire insieme la competenza comunicativa nella scuola primaria Workshop 11: Alphabetisierung in zwei Sprachen Costruire insieme la competenza comunicativa nella scuola primaria Esperienza educativo - didattica della Scuola Primaria San Giovanni Bosco di Bolzano insegnante

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

LABORATORIO FONOLOGICO. Anno scolastico 2015/2016

LABORATORIO FONOLOGICO. Anno scolastico 2015/2016 LABORATORIO FONOLOGICO Anno scolastico 2015/2016 1 MOTIVAZIONE Tra i quattro e i cinque anni i bambini, se stimolati, sono in grado di decentrarsi dal significato della parola, per concentrarsi sul suo

Dettagli

Facciamo un calendario

Facciamo un calendario ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO DOCUMENTAZIONE PERCORSO DI STORIA Scuola dell Infanzia Facciamo un calendario Scuola dell Infanzia Insegnanti: F Aloisio,

Dettagli

G iochi con le carte 1

G iochi con le carte 1 Giochi con le carte 1 PREPARAZIONE E DESCRIZIONE DELLE CARTE L insegnante prepara su fogli A3 e distribuisce agli allievi le fotocopie dei tre diversi tipi di carte. Invita poi ciascun allievo a piegare

Dettagli

ESERCIZI METAFONOLOGICI

ESERCIZI METAFONOLOGICI ESERCIZI METAFONOLOGICI - Segmentazione e fusione sillabica (es. MA-TI-TA); - Riconoscimento della sillaba iniziale delle parole ; - Riconoscimento del sillaba finale; - Riconoscimento della somiglianza

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO Via Aldo Moro Fabriano (AN) Web: www.scuola1.net 1/14

ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO Via Aldo Moro Fabriano (AN) Web: www.scuola1.net 1/14 ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO Via Aldo Moro Fabriano (AN) Web: www.scuola1.net 1/14 La pedagogia dell attenzione da applicare con gli alunni in classe: L OSSERVARE e L ASCOLTARE con intenzionalità rappresentano

Dettagli

Chiavari, 16 Novembre 2013

Chiavari, 16 Novembre 2013 Chiavari, 16 Novembre 2013 È una particolare conoscenza metalinguistica che consiste nella capacità di percepire e riconoscere per via uditiva i fonemi che compongono le parole del linguaggio parlato,

Dettagli

DAL PROTOCOLLO REGIONALE ALL AZIONE SCOLASTICA PROGETTO DI IDENTIFICAZIONE PRECOCE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ISTITUTO COMPRENSIVO CASTELMASSA- ROVIGO

DAL PROTOCOLLO REGIONALE ALL AZIONE SCOLASTICA PROGETTO DI IDENTIFICAZIONE PRECOCE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ISTITUTO COMPRENSIVO CASTELMASSA- ROVIGO DAL PROTOCOLLO REGIONALE ALL AZIONE SCOLASTICA PROGETTO DI IDENTIFICAZIONE PRECOCE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ISTITUTO COMPRENSIVO CASTELMASSA- ROVIGO Castelmassa 24 Novembre 2014 11 Dicembre 2014 Francesca

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE 1 CURRICOLO INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA DI I GRADO IMPARARE A IMPARARE Dal Curricolo Scuola Primaria e Secondaria di I

Dettagli

INSIEME A LUPO ROSSO

INSIEME A LUPO ROSSO Istituto Comprensivo n.1 Bologna Anno Scolastico 2007-2008 Scuola dell'infanzia "Giovanni XXIII" INSIEME A LUPO ROSSO IMPARIAMO LE REGOLE DELLA STRADA PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE GUIDATO DA SILVIA

Dettagli

NELLA SCUOLA PRIMARIA PADOVA 17 APRILE 2008. Maria Rita Cortese Psicopedagogista Insegnante Formatore AID ELEMENTI PREDITTIVI SCUOLA DELL INFANZIA

NELLA SCUOLA PRIMARIA PADOVA 17 APRILE 2008. Maria Rita Cortese Psicopedagogista Insegnante Formatore AID ELEMENTI PREDITTIVI SCUOLA DELL INFANZIA LE DIFFICOLTA NELLA SCUOLA PRIMARIA PADOVA 17 APRILE 2008 Maria Rita Cortese Psicopedagogista Insegnante Formatore AID ELEMENTI PREDITTIVI SCUOLA DELL INFANZIA Difficoltà di linguaggio Inadeguatezza nei

Dettagli

La scuola di fronte ai disturbi specifici di apprendimento: LA DISLESSIA

La scuola di fronte ai disturbi specifici di apprendimento: LA DISLESSIA La scuola di fronte ai disturbi specifici di apprendimento: LA DISLESSIA Informazioni e suggerimenti per la scuola Giuliana Nova Rezzonico Associazione AFORISMA Associazione accreditata dal MIUR per la

Dettagli

Potenziare le Abilità. Scuola dell Infanzia

Potenziare le Abilità. Scuola dell Infanzia Potenziare le Abilità Metafonologiche nell ultimo anno di Scuola dell Infanzia Rete Infanzia CTI Valmont 28 settembre 2010 a cura di Beatrice Caponi Leggi questo testo Abnembaren mixstab, spulmaschinen

Dettagli

Progetto 0-6 D tt.ss s a Mavi Lodoli 22 se s ttemb m r b e 2012

Progetto 0-6 D tt.ss s a Mavi Lodoli 22 se s ttemb m r b e 2012 Progetto 0-6 Dott.ssa 22 settembre 2012 Mavi Lodoli Progetto 0-6 Incontri iniziali con: genitori, insegnanti. Nido Integrato Primi Passi : San Giorgio Tagliamento. Scuole dell Infanzia: San Giorgio al

Dettagli

TITOLO: LABORATORIO DI SCRITTURA CREATIVA Scrittura giocata: dal gesto al segno mi muovo con l alfabeto

TITOLO: LABORATORIO DI SCRITTURA CREATIVA Scrittura giocata: dal gesto al segno mi muovo con l alfabeto TITOLO: LABORATORIO DI SCRITTURA CREATIVA Scrittura giocata: dal gesto al segno mi muovo con l alfabeto DESTINATARI: Il progetto è rivolto al gruppo omogeneo per età dei bambini di 5 anni (sezione B) della

Dettagli

PROPOSTA DIDATTICA INTERDISCIPLINARE DI MATEMATICA E MUSICA

PROPOSTA DIDATTICA INTERDISCIPLINARE DI MATEMATICA E MUSICA 1 MATEMATICA in MUSICA PROPOSTA DIDATTICA INTERDISCIPLINARE DI MATEMATICA E MUSICA INTRODUZIONE PERCHÉ MATEMATICA E MUSICA? La maggior parte degli adulti ha rimosso da lungo tempo i ricordi relativi al

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

FONOLOGIA GLOBALE OBIETTIVO ATTIVITA : DISCRIMINAZIONE DELLA SILLABA FINALE RIFLESSIONE: CERTE PAROLE SI ASSOMIGLIANO (SILLABA FINALE)

FONOLOGIA GLOBALE OBIETTIVO ATTIVITA : DISCRIMINAZIONE DELLA SILLABA FINALE RIFLESSIONE: CERTE PAROLE SI ASSOMIGLIANO (SILLABA FINALE) FONOLOGIA GLOBALE OBIETTIVO ATTIVITA : DISCRIMINAZIONE DELLA SILLABA FINALE RIFLESSIONE: CERTE PAROLE SI ASSOMIGLIANO (SILLABA FINALE) BURATTI NO FAGIOLI NO Gruppo omogeneo, età 5 anni (7 bambini). I bambini

Dettagli

La storia di Gallo Cristallo

La storia di Gallo Cristallo La storia di Gallo Cristallo La storia di Gallo Cristallo parla di sei personaggi, cinque dei quali sono stati invitati alle nozze di Pollicino: gallo cristallo, gallina cristallina, oca contessa, anatra

Dettagli

Unità uno. barche e vento. I colori. Le parti del corpo. I numeri. da 11 a 20 La casa Chi è? La casa (2) Gli animali.

Unità uno. barche e vento. I colori. Le parti del corpo. I numeri. da 11 a 20 La casa Chi è? La casa (2) Gli animali. Unità uno I numeri da 0 a 10 Che tempo fa? 1 I colori Le parti del corpo I numeri da 11 a 20 La casa Chi è? La casa (2) Gli animali Gli animali (2) I giorni, i mesi, le stagioni barche e vento Da dove

Dettagli

CIRCOLO DIDATTICO DI SAN MARINO Anno Scolastico 2013/2014

CIRCOLO DIDATTICO DI SAN MARINO Anno Scolastico 2013/2014 CIRCOLO DIDATTICO DI SAN MARINO Anno Scolastico 2013/2014 RICERCA-AZIONE Insegnare per competenze: Lo sviluppo dei processi cognitivi Scuola Elementare Fiorentino DESCRIZIONE DELL ESPERIENZA Docente: Rosa

Dettagli

Teoria Linguistica del Bambino

Teoria Linguistica del Bambino Teoria Linguistica del Bambino Luciana Ventriglia insegnante-pedagogista clinico Formatore A.I.D Scuola e DSA Scuola dell infanzia Scuola primaria Interventi di prevenzione Ansie dei bambini Ho tanta paura

Dettagli

PERCHE UN PERCORSO FONOLOGICO GIA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA?

PERCHE UN PERCORSO FONOLOGICO GIA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA? PERCHE UN PERCORSO FONOLOGICO GIA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA? I bambini in età prescolare sono abituati a utilizzare il suono delle parole in modo inconsapevole, automatico, come un mezzo per arrivare

Dettagli

Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione

Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione 4 LEZIONE: Programmazione su Carta a Quadretti Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10 Minuti Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione SOMMARIO:

Dettagli

ASILO NIDO Programmazione didattica Classe Formichine e Coccinelle Anno Scolastico 2008/2009

ASILO NIDO Programmazione didattica Classe Formichine e Coccinelle Anno Scolastico 2008/2009 ASILO NIDO Programmazione didattica Classe Formichine e Coccinelle Anno Scolastico 2008/2009 Nei primi due anni di vita l intelligenza del bambino si manifesta attraverso l azione, ossia le attività ludiche,

Dettagli

Progetto per l insegnamento della lingua inglese. Motivazione e Organizzazione del progetto. Motivazione

Progetto per l insegnamento della lingua inglese. Motivazione e Organizzazione del progetto. Motivazione CURIOSANDO NELL INGLESE Anno scolastico 2014/2015 Tipo di intervento: Laboratori pomeridiani Destinatari del progetto: Alunni classi prime scuola primaria Progetto per l insegnamento della lingua inglese

Dettagli

RACCONTIAMOCI CON LE PAROLE SCUOLA DELL INFANZIA GUARDIA VOMANO A.S. 2015/16

RACCONTIAMOCI CON LE PAROLE SCUOLA DELL INFANZIA GUARDIA VOMANO A.S. 2015/16 PROGETTO DIDATTICO RACCONTIAMOCI CON LE PAROLE SCUOLA DELL INFANZIA GUARDIA VOMANO A.S. 2015/16 Educare è come seminare: il frutto non è garantito e non è immediato, ma se non si semina è certo che non

Dettagli

MODELLO EDUCATIVO SCUOLE DELL INFANZIA

MODELLO EDUCATIVO SCUOLE DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO RIGNANO INCISA Azioni per l autovalutazione formativa MODELLO EDUCATIVO SCUOLE DELL INFANZIA Definizione condivisa del concetto di standard Si tratta della individuazione di comportamenti

Dettagli

NOVEMBRE - FEBBRAIO UNITA DI LAVORO LE CONSONANTI M-R-S-L F-P-N-V Z-D-B-T

NOVEMBRE - FEBBRAIO UNITA DI LAVORO LE CONSONANTI M-R-S-L F-P-N-V Z-D-B-T TITOLO: AREA DI APPRENDIMENTO: CLASSE: PERIODO: LE CONSONANTI AREA LINGUISTICA PRIMA NOVEMBRE - FEBBRAIO ANNO SCOLASTICO: 2010/2011 UNITA DI LAVORO LE CONSONANTI M-R-S-L F-P-N-V Z-D-B-T ASCOLTO, COMPRENSIONE

Dettagli

I bambini preconvenzionali

I bambini preconvenzionali I bambini preconvenzionali Sono bambini che scrivono lettere a caso, non quantificano la lunghezza della parole, in alcuni casi non scrivono nulla. In genere le difficoltà di questi bambini sono a due

Dettagli

PROGETTO CLASSI PRIME. Scuola Primaria Plessi: CARNOVALI-MATTEI-S.UGUZZONE A SCUOLA IMPARIAMO GIOCANDO.

PROGETTO CLASSI PRIME. Scuola Primaria Plessi: CARNOVALI-MATTEI-S.UGUZZONE A SCUOLA IMPARIAMO GIOCANDO. PROGETTO CLASSI PRIME Scuola Primaria Plessi: CARNOVALI-MATTEI-S.UGUZZONE A SCUOLA IMPARIAMO GIOCANDO. PREMESSA Per agevolare l inserimento nella scuola Primaria dei bambini provenienti da diverse scuole

Dettagli

Come l aspetto ludico possa essere utile all apprendimento: il software didattico Sorpasso!

Come l aspetto ludico possa essere utile all apprendimento: il software didattico Sorpasso! 1 Erika Firpo Come l aspetto ludico possa essere utile all apprendimento: il software didattico Sorpasso! INTRODUZIONE Sempre più spesso i bambini e i ragazzi passano parte del loro tempo a giocare coi

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

L A CONDIVISIONE DEL PROGETTO EDUCATIVO

L A CONDIVISIONE DEL PROGETTO EDUCATIVO L A CONDIVISIONE DEL PROGETTO EDUCATIVO Diagnosi : sindrome da alterazione globale dello sviluppo psicologico. Seguito dall insegnante di sostegno (già dallo scorso anno) per 16 ore settimanali. Inserito

Dettagli

IL PAESE QUATRICERCHIO

IL PAESE QUATRICERCHIO Scuola dell infanzia di Santa Maria in Punta UNITÀ DI APPRENDIMENTO: IL PAESE QUATRICERCHIO UN MONDO DI FORME(prima parte) Comprendente: UDA CONSEGNA AGLI STUDENTI PIANO DI LAVORO GRIGLIA DI OSSERVAZIONE/RUBRICA

Dettagli

Protocollo per l'allenamento meta-fonologico nell'ultimo anno della scuola dell'infanzia e nei primi anni della scuola Primaria

Protocollo per l'allenamento meta-fonologico nell'ultimo anno della scuola dell'infanzia e nei primi anni della scuola Primaria Protocollo per l'allenamento meta-fonologico nell'ultimo anno della scuola dell'infanzia e nei primi anni della scuola Primaria Le abilità meta-fonologiche sono considerate un pre-requisito fondamentale

Dettagli

Scuola dell Infanzia

Scuola dell Infanzia Monza, gennaio febbraio marzo 2010 CORSO DI FORMAZIONE LA SCUOLA DI FRONTE AI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO : LA DISLESSIA Scuola dell Infanzia I mediatori dell incontro con il sistema simbolico:

Dettagli

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTO ACCOGLIENZA A SCUOLA SIAMO TUTTI AMICI Fermani Roberta Nocelli Rita - Grassi Katia Bambini di 2 anni e mezzo e 3 anni Sezioni D e E Il progetto Accoglienza

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO GIO POMODORO ORCIANO DI PESARO. PROGETTO: leggere

ISTITUTO COMPRENSIVO GIO POMODORO ORCIANO DI PESARO. PROGETTO: leggere ISTITUTO COMPRENSIVO GIO POMODORO ORCIANO DI PESARO Legger mente PROGETTO: leggere Prevenzione, potenziamento e sviluppo delle autonomie scolastiche nell apprendimento: dalla scuola dell infanzia alla

Dettagli

ASPETTI ORGANIZZATIVI

ASPETTI ORGANIZZATIVI MOTIVAZIONE Fin dalla prima infanzia, i bambini/e esplorano con le mani e con il corpo l ambiente intorno a loro. Attraverso la percezione sensoriale, cominciano ad elaborare una rappresentazione mentale

Dettagli

Istituto Comprensivo SAN GIOVANNI BOSCO. San Salvatore Telesino. Castelvenere. Anno scolastico 2015/2016. Scuola dell infanzia. Curriculum annuale

Istituto Comprensivo SAN GIOVANNI BOSCO. San Salvatore Telesino. Castelvenere. Anno scolastico 2015/2016. Scuola dell infanzia. Curriculum annuale Istituto Comprensivo SAN GIOVANNI BOSCO San Salvatore Telesino Castelvenere Anno scolastico 2015/2016 Scuola dell infanzia Curriculum annuale Il se e l altro Contenuti Traguardi Giochi per imparare i nomi

Dettagli

IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione)

IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione) IC SIGNA- Curricolo verticale di INGLESE (in raccordo con le competenze previste dall UE e in ambito Nazionale al termine dell obbligo di istruzione) COMPETENZE DI BASE A CONCLUSIONE DELL OBBLIGO DI Utilizzare

Dettagli

Obiettivi formativi Competenze europee Da Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell'infanzia e del primo ciclo d'istruzione (2012)

Obiettivi formativi Competenze europee Da Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell'infanzia e del primo ciclo d'istruzione (2012) LIVELLO: Esperienze significative, lezioni partecipate, progetti... realizzati Drama Filastrocche / Canzoni / Giochi di Total Physical Response (TPR) Scuola dell'infanzia/1^ Scuola Primaria Disciplina

Dettagli

Cosa farò da grande?

Cosa farò da grande? Scuola dell Infanzia Paritaria Maestre Pie Rimini Progetto educativo Cosa farò da grande? Anno Scolastico 2009/2010 Quest anno abbiamo voluto coinvolgere i bambini e le famiglie in una programmazione incentrata

Dettagli

Apprendere a leggere, capire, scrivere

Apprendere a leggere, capire, scrivere QUALCHE MATERIALE reperito in rete sui giochi per lo sviluppo della competenza metalinguistica e metafonologica 1. http://venus.unive.it/italslab/nozion/nozm.htm - Nozionario di glottodidattica DEFINIZIONE

Dettagli

Scuola Primaria - LINGUA INGLESE

Scuola Primaria - LINGUA INGLESE Scuola Primaria - LINGUA INGLESE INDICATORE Ascoltare Parlare TRAGUARDI COMPETENZE L alunno partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti attraverso frasi e/o messaggi, chiari e pertinenti, formulati

Dettagli

Programma giochi 14 novembre 1999. Viaggio in cina

Programma giochi 14 novembre 1999. Viaggio in cina Programma giochi 14 novembre 1999 Viaggio in cina La muraglia cinese (1) Pallone Questo gioco serve per fare le squadre. Tutti i giocatori si piazzeranno nella posizione B1. Un animatore si piazzerà invece

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA DI BRA 1 CIRCOLO. Progettazione annuale a.s. 2015/16 delle Classi Prime. Disciplina: ITALIANO

DIREZIONE DIDATTICA DI BRA 1 CIRCOLO. Progettazione annuale a.s. 2015/16 delle Classi Prime. Disciplina: ITALIANO DIREZIONE DIDATTICA DI BRA 1 CIRCOLO Progettazione annuale a.s. 2015/16 delle Classi Prime Disciplina: ITALIANO Profilo d uscita Leggere per il piacere di leggere, per divertirsi, per informarsi, per acquisire

Dettagli

LEGGERE E COMPRENDERE DIVERSI TIPI DI TESTO

LEGGERE E COMPRENDERE DIVERSI TIPI DI TESTO ISTITUTO COMPRENSIVO DI CASTELLUCCHIO SCUOLA PRIMARIA DI GABBIANA Classe prima Discipline coinvolte: italiano,storia,geografia,educazione all immagine,educazione al suono e alla musica,informatica. INSEGNANTE:Milena

Dettagli

Imparare ad imparare Comunicazione nella lingua straniera Spirito d'iniziativa Competenze sociali e civiche Consapevolezza ed espressione culturale

Imparare ad imparare Comunicazione nella lingua straniera Spirito d'iniziativa Competenze sociali e civiche Consapevolezza ed espressione culturale LIVELLO: Esperienze significative, lezioni partecipate, progetti... realizzati Drama Scuola dell'infanzia/1^ Scuola Primaria Disciplina di riferimento LINGUA INGLESE Obiettivi formativi Competenze europee

Dettagli

Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network

Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network Elaborazione di un esperienza pastorale utilizzando come mezzo di comunicazione un Social Network. I punti di partenza sono: Proposta

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO

SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO Via Pertini, 1 73020 UGGIANO LA CHIESA (LE) tel 036 17370 fax 036 14535 LEIC4300C@istruzione.it www.comprensivouggiano.it codice

Dettagli

LABORATORI CREATIVI PER IL SUCCESSO SCOLASTICO I LABORATORI DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SONO RIVOLTI AGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI.

LABORATORI CREATIVI PER IL SUCCESSO SCOLASTICO I LABORATORI DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SONO RIVOLTI AGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI. LABORATORI CREATIVI PER IL SUCCESSO SCOLASTICO I LABORATORI DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SONO RIVOLTI AGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI. CINEFORUM LABORATORIO DI CERAMICA LABORATORIO DI SCIENZE MOTORIE

Dettagli

Il volume e la capacità: un percorso, tanti sentieri. Antonella Vieri I Circolo Sesto Fiorentino

Il volume e la capacità: un percorso, tanti sentieri. Antonella Vieri I Circolo Sesto Fiorentino Il volume e la capacità: un percorso, tanti sentieri Antonella Vieri I Circolo Sesto Fiorentino VOLUME è la MISURA DELLA QUANTITA DI SPAZIO OCCUPATO DA UN CORPO Conservazione della quantità attraverso

Dettagli

ATTIVITÀ PRATICHE PER DISCALCULICI

ATTIVITÀ PRATICHE PER DISCALCULICI ATTIVITÀ PRATICHE PER DISCALCULICI (Indicazioni di Cristiana Zucca, insegnante referente per la dislessia nella scuola primaria di Argentera Canavese. Spunti tratti da "La discalculia evolutiva" Biancardi-

Dettagli