Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ""

Transcript

1 Luciano Poli 40 schede-gioco di metalinguaggio per la gestione e la manipolazione delle parole Nicola Milano editore, Bologna

2 ALLETTERANDO di L.POLI 40 schede-gioco di metalinguaggio per la gestione e la manipolazione delle parole PREMESSA p. 2 Giochi fonologici p. 4 PARTE PRIMA p. 6 1-Arriva una nave carica di... (1) p Gioco del come p. 9 3-Ruota dei colori p Il dadone (1) p Il burattino p La roulette p Il dadone (2) p Parole salterine p Arriva una nave carica di... (2) p Tagliaparole p Le belle bandierine p Palla canterina p. 22 PARTE SECONDA p Indovina indovinello p Appello in rima p Conte e filastrocche in rima p La spesa in rima p Cesto delle rime (1) p Ping-pong p Completa la rima p Spezzacatena p L'eco p Tennis p Cesto delle rime (2) p. 38 2

3 PARTE TERZA p Mago Eo p Scatolina p Scatolona p Cambianome p Mago Ditone p Il robot p Parola lunga / parola corta p Parole in aria p Domino (1) p Trasformer p Tamburino p Parole magiche p Cuoco pasticcione p Puzzle p Domino (2) p Domino (3) p Dico / non dico p. 57 BIBLIOGRAFIA p. 58 3

4 PREMESSA Fino a poco tempo fa si riteneva che il primo approccio dei bambini con la scrittura avvenisse al momento del loro ingresso nella scuola elementare; si ignorava così l ' insieme degli stimoli e delle informazioni che essi ricevono dall ' ambiente e da una scuola dell ' infanzia competente e sempre più attenta ad un bambino in grado di costruirsi «sistemi coerenti di concettualizzazione» e di risolvere operazioni cognitivo-linguistiche complesse e molto importanti. Secondo gli studi psicolinguistici più recenti la conquista e la progressiva padronanza della lingua scritta sono strettamente correlate non tanto all'acquisizione di abilità proprie della sfera percettiva e motoria, quanto piuttosto all'attivazione di processi logici assai complessi ed elaborati. Tali considerazioni incominciano ad essere valutate più attentamente nella pratica didattica della scuola materna ed elementare; sempre più si lavora sulle idee che i bambini hanno della lingua scritta, e si impostano didattiche che ne facilitano l'approccio attraverso l ' incontro con materiali significativi e gli usi reali e pragmatici della scrittura. A tre -quattro anni i bimbi non possiedono ancora le chiavi convenzionali di accesso al sistema alfabetico ma formulano via via ipotesi concettuali sempre più precise circa il suo funzionamento. E partendo da tali ipotesi che vengono creati personalissimi ma logicissimi sistemi di scrittura: ecco nascere quindi quelli che comunemente si definiscono scarabocchi e le stringhe variamente composite attraverso le quali essi scrivono i loro nomi e cominciano a comunicare pensieri e messaggi. Così fin dagli anni della scuola materna, i bambini non solo manifestano curiosità e interesse verso la scrittura, ma sono in grado di accedere alle regole della sua strutturazione. La scrittura intesa come strumento rappresentativo li aiuterà nelle operazioni di concettualizzazione e di rappresentazione della realtà. Li stimolerà inoltre ad intraprendere un processo graduale e pel:sonale di costruzione delle proprie competenze di fruizione e produzione del codice scritto, partendo dalle riflessioni e dalle osservazioni che essi conducono sugli atti di lettura e scrittura degli adulti. In questa direzione si muove anche il testo degli Orientamenti '91 della Scuola materna che sottolinea l'importanza di un corretto approccio del bambino con la lingua scritta, evidenziando la necessità di incrementare le occasioni di familiarizzazione con il «mondo della scrittura», che circonda sempre più la vita quotidiana del bambino, a casa come a scuola. 4

5 Un progetto di lingua scritta per la Scuola materna, in una prospettiva di continuità, non deve prevedere che si anticipi di un anno la Scuola elementare, ma che si introduca nella scuola dell'infanzia la lingua scritta che il bambino «vede» e che fa parte della sua esperienza. La Scuola materna deve intervenire in un processo in cui il bambino attiva le conoscenze già possedute sulla lingua scritta, non tanto e solo per far scrivere tutti, ma per avviare forme consapevoli di rappresentazione, di simbolizzazione e di riflessione. Nella fase di esplorazione e manipolazione della lingua fra i tre e i sei anni, una delle più entusiasmanti conquiste dei bambini è la scoperta delle relazioni tra le variazioni della scrittura e quelle dei tratti fonici della lingua orale. Contemporaneamente i bambini cominceranno a capire come la parola possa essere manipolata, trasformata, variata in alcune sue parti, indipendentemente dal suo contenuto. Nella scuola dell'infanzia, attraverso significative e stimolanti attività di lettura e scrittura, il bambino si avvia quindi ad impadronirsi e ad «usare un metalinguaggio» che gli permetterà di accedere sempre più al codice alfabetico della lingua scritta e di porre le basi per una reale competenza linguistica, punto di partenza per il cammino che proseguirà nella scuola elementare. Le attività fonologiche e metalinguistiche che qui si propongono sono state progettate in parte nell'ambito del laboratorio didattico «Fare la lingua: l ' apprendimento della lettura e scrittura tra scuola materna ed elementare» coordinato dal Prof. G. Stella e dal Dott. A. Biancardi negli anni a Imola e «sperimentate» in diverse scuole materne della città. Viva gratitudine va quindi alle insegnanti e un ringraziamento parti-colare è rivolto a Maria Grazia Turrini e a Enrico Michelini la cui collaborazione è stata preziosa nell'impostazione di questo lavoro. 5

6 GIOCHI FONOLOGICI Le schede qui presentate si riferiscono a diverse attività il cui scopo è quello di aiutare i bambini a sviluppare e a incrementare le competenze fonologiche e metalinguistiche. Esse riguardano la fascia di età 3-6 anni corrispondente alla scuola materna, in una prospettiva di sviluppo che coinvolge anche il primo ciclo della scuola elementare. La competenza fonologica è la capacità di analizzare la struttura sonora della parola e rappresenta un elemento cruciale nel processo di apprendimento della lettura e della scrittura; in altre parole è la capacità di analizzare separatamente i suoni che compongono la parola. La competenza metalinguistica è la capacità di riflettere sulla struttura del linguaggio ed è data dall'insieme di tutte quelle operazioni che si compiono con la lingua, non finalizzate direttamente alla comprensione del linguaggio stesso. Si compie un ' operazione metalinguistica, ad esempio, quando si associano le parole «cartella» e «mantella», intervenendo sul suono e non sul significato delle parole stesse. Un'operazione simile avviene anche quando applichiamo delle regole di trasformazione alle parole come nel caso dei suffissi (-ina, -ona ecc.). Le operazioni metalinguistiche rivestono una grande importanza nei processi di apprendimento della lettura e della scrittura poiché si basano su operazioni mentali dette morfofonologiche, le quali inducono la possibilità di creare nella mente del bimbo immagini dette appunto morfofonologiche. L'importanza di tali operazioni è data dal fatto che nel linguaggio parlato non si attivano tali processi poiché si opera sulle strutture sonore. Secondo i più recenti studi psicolinguistici la competenza fonologica, cioè la capacità di manipolare e di riflettere sulle unità fonemiche delle parole, rappresenta un prerequisito fondamentale per imparare a leggere e a scrivere, poiché la parola scritta rappresenta l ' immagine sonora della parola. Un bambino che giunge ad acquisire una buona competenza fonologica si incamminerà più facilmente lungo il percorso che lo porterà ad impadronirsi delle tecniche del leggere e dello scrivere e a padroneggiare le regole fonografiche della scrittura man mano che gli si insegneranno i grafemi corrispondenti ai suoni che lui è già in grado di isolare. 6

7 Numerose e recenti ricerche suggeriscono che una buona competenza fonologica è alla base dell'apprendimento della lettura e della scrittura: è necessario riconoscere i suoni che costituiscono le parole per apprendere successivamente i meccanismi delle lettere e della scrittura. In caso contrario, passando prevalentemente attraverso il sistema grafomotorio, come spesso avviene ancora nelle esperienze scolastiche di tanti bimbi, si andrà incontro a un numero maggiore di difficoltà nell'apprendimento. La competenza fonologica è una capacità che può essere sviluppata con l'esercizio ed è particolarmente interessante notare come parecchi studi mostrino che essa può essere indotta anche attraverso le attività della scuola dell'infanzia. 7

8 PARTE PRIMA 8

9 Arriva una ave carica di... (1) Gioco del come Ruota dei colori Il dadone (1) Il burattino La roulette Il dadone (2) Parole salterine Arriva una nave carica di... (2) Tagliaparole Le belle bandierine Palla canterina Con questi giochi ci si prefigge, attraverso una molteplicità di stimoli, di aiutare i bambini ad acquisire una buona competenza fonologica, elemento cruciale nel processo di apprendimento della scrittura, poiché la parola scritta rappresenta l ' immagine sonora della parola stessa. Le attività, centrate sul riconoscimento e l ' analisi di singoli suoni o di sillabe posti all'inizio delle parole, favoriscono la riflessione sulla forma e l ' analisi della struttura fonetica delle parole stesse e permettono, attraverso situazioni ludiche, un primo approccio alla distinzione dei tratti specifici di alcuni fonemi. Le diverse situazioni di gioco vanno programmate con sistematicità e in tempi ben definiti, sia per permettere ai bambini di compiere esperienze significative, sia per evitare il decadimento dell ' attenzione. L ' insegnante deve svolgere un ruolo di attento regista in modo da governare i processi ed evitare fenomeni ripetitivi e non attinenti le attività fonologiche programmate. L'indicazione dell'età, riportata in ogni scheda, è puramente informativa dato che lo stesso gioco può essere collocato nei diversi momenti del percorso di apprendimento della lettura e della scrittura che i bambini compiono nella scuola dell ' infanzia e nel primo anno della scuola elementare. 9

10 Gioco 1 ARRIVA UNA NAVE CARICA DI... (1) Sviluppo delle competenze linguistiche e fonologiche e delle capacità di discriminazione e segmentazione. Sviluppo della capacità di riflettere sulla forma delle parole. A partire dai 4 anni. Angolo della lettura-scrittura. Spazi limitati e definiti in modo da evitare la dispersione dell'attenzione. Tappeto su cui disporsi, berretto da «capitano». Inizialmente l'insegnante (ma poi di volta in volta un bambino), svolge il ruolo di capitano della nave che impartisce il comando: - Arriva una nave carica di... PA - I bambini devono quindi trovare una parola che inizi con la stessa sillaba data dal capita-no (es: pane). Il bambino che per primo trova la parola diventa il capitano della nave, indossa il ber-retto e il gioco prosegue. È un gioco assai noto nelle sue diverse varianti che favorisce il processo di riflessione sulla forma delle parole. L'insegnante deve svolgere un ruolo di «regista» e governare i processi in modo che il gioco non diventi una trasgressione, altrimenti il bambino viene trascinato in situazioni che non controlla più. Il lavoro va svolto con siste-maticità. In questo gioco è opportuno iniziare con la sillaba piana (es: PA) perché la performance richiesta è più facile in quanto inizialmente si instaura un fenomeno ripetitivo (PAPANE-PAPÀ...) che facilita i processi di anticipazione. Può essere poi introdotta la variante della sillaba sdrucciola (es: È in arrivo una nave carica di... STRA). 10

11 Gioco 2 GIOCO DEL COME Sviluppo della capacità di riflettere sulla forma delle parole A partire dai 4/5 anni. Angolo della lettura-scrittura.. Cartoncini con immagini di oggetti familiari o di uso comune. L'insegnante alza un cartoncino nel quale, ad es., è raffigurata una mela, e chiede al bambino: - Dimmi una parola che inizi come mela. È una delle prime attività per sviluppare nei bambini abilità fonologiche e avviarli a uscire dal campo semantico per attenersi via via alla riflessione sulla forma delle parole. Se il bambino, nell'esempio di «Dimmi una parola che inizi come mela» risponde pera, siamo probabilmente di fronte non a una incomprensione del gioco, ma probabilmente ad una difficoltà ad «entrare» nella struttura fonologica delle parole. Si consiglia di avviare questa attività singolarmente con ogni bambino, predisponendo una griglia di osservazione (pagina 12) per registrare agevolmente le sue risposte in modo da poter osservare la situazione in progress. 11

12 Esempio di griglia. GICO del COME Bambino Cartoncino Risposta del Risposta del Risposta del mostrato (data) (data) (data) MELA PANE ROSA DADO 12

13 Gioco 3 RUOTA DEI COLORI Sviluppo delle capacità di segmentazione e di analisi. A partire dai 4/5 anni. Angolo della lettura-scrittura.. Ruota girevole di cartone o compensato, colorata a spicchi e montata su supporto dotato di indicatore di fermata. Cartoncini colorati. Ogni bambino avrà a disposizione almeno tre cartoncini colorati. Un bambino a turno gira la ruota e i compagni controllano se fra i cartoncini che sono stati loro distribuiti c'è quello con il colore segna-lato dall'indicatore d'arresto.il bambino che ha il cartoncino col colore «uscito» viene invitato a dire una parola che inizi come il nome del colore: es.: r o s a rotolo. Anche con questo gioco si offrono al bambino altre possibilità di riflettere sulla forma delle parole e di sviluppare competenze fonologiche. Con lo stesso materiale si possono studiare diverse varianti: stessa sillaba, sillaba finale, uguale fonema, vocale, consonante ecc. È importante che i colori della ruota siano molti e i partecipanti pochi, sia per facilitare l attenzione, sia per permettere a tutti i bambini di intervenire personalmente nell attività. 13

14 Gioco 4 IL DADONE (1) Sviluppo delle capacità di discriminare e riflettere sulla forma delle parole A partire dai 4/5 anni. Angolo della lettura-scrittura.. Cubo di gommapiuma (dadone) abbastanza grande. Foto o disegni di oggetti conosciuti montati su cartoncini. Velcro. Tappeto. Colla. Incollare sui cartoncini le foto o i disegni e fissare il velcro sia sul retro dei cartoncini che sulle facce del cubo. Fissare quindi un cartoncino su ogni faccia del dadone. I cartoncini rimanenti verranno disposti sul tappeto, davanti ai bambini. Un bambino alla volta lancia il dadone e i compagni cercheranno fra i cartoncini disposti per terra un'immagine il cui nome inizi come quello dell'immagine uscita sulla faccia superiore del dadone. Un altro bambino lancia il dadone e il gioco prosegue. Sono necessarie molte immagini il cui nome inizi con la stessa sillaba o con lo stesso fonema (questa variabile, sillaba o fonema, è legata all'età e alle esperienze linguistiche dei bambini). Occorre poi sostituire abbastanza spesso le immagini di riferimento sul cubo, sia per evitare fenomeni di disattenzione legati a un eccessivo prolungamento dello stesso stimolo, sia per ovviare a facili memorizzazioni che limiterebbero la ricerca. 14

15 Gioco 5 IL BURATTINO Sviluppo delle capacità di segmentazione e di analisi della struttura fonetica delle parole. A partire dai 5 anni. Angolo della lettura-scrittura. Un burattino o altro pupazzo di pelouche (in questo caso adeguare il nome al gioco). Piccoli premi per i bambini. Il burattino ripete le parole che l'insegnante dice (ovviamente l'insegnante recita anche la parte del burattino) e... non sempre le azzecca. Esempio: Insegnante: pollo Burattino: pollo palla palla balla palla Il bambino deve dire di volta in volta se il burattino ha ripetuto la stessa parola: quando il burattino non sbaglia viene premiato e alla fine i premi vanno al bambino. 15

16 Con questo gioco richiediamo ai bambini di analizzare la struttura fonetica della parola. Contemporaneamente il bambino si avvia a un primo approccio alla distinzione dei tratti specifici di alcuni fonemi. È sufficiente formare 10 coppie di parole (6 diverse e 4 uguali, ad es.) avendo l'avvertenza di inserire anche coppie di parole con suoni iniziali affini (p/b, d/t...). Esempio di lista: pollo/bollo, balla/palla, vela/tela, pane/pane, vaso/naso, foglia/foglia, mano/nano, dado/dado, nido/rido, rana/rana. Questa attività può essere svolta sia in un piccolo gruppo che individualmente. Questo ultimo caso permette un'osservazione più mirata ed è opportuno quindi predisporre una griglia su cui verificare lo sviluppo delle competenze di ogni singolo bambino. Esempio di griglia di riflessione: Bambino Coppie di parole Risposta del (data) Risposta del (data) Risposta del (data) POLLO/BOLLO BALLA/PALLA VELA/TELA PANE/PANE VASO/NASO FOGLIA/FOGLIA MANO/NANO DADO/DADO NIDO/RIDO RANA/RANA Registrare con un colore o con altro simbolo le performance del bambino 16

17 Gioco 6 LA ROULETTE Sviluppo delle competenze di discriminazione e segmentazione. Sviluppo della capacità di riflettere sulla forma delle parole. A partire dai 5 anni. Angolo della lettura-scrittura, aula. Ruota girevole a spicchi di diversi colori (tanti quanti sono i bambini che giocano) montata su un supporto e dotata di indicatore di arresto. Assegnare un colore a ogni bambino e girare la ruota. Il bambino a cui corrisponde il colore «uscito» dirà una parola, a sua scelta. Riparte il giro. All'uscita del nuovo colore il bambino di turno dovrà trovare una nuova parola che inizi con la stessa sillaba o suono di quella detta precedentemente. E così il gioco prosegue. Per evitare che il gioco risenta delle ovvie difficoltà dovute a un lessico ridotto e che si evidenziano nel reperire parole che iniziano sempre con la stessa sillaba, può essere introdotta la seguente variante: all'uscita del nuovo colore, il bambino d i turno dovrà trovare una parola che inizi con la stessa sillaba o suono di quella detta precedentemente, ma poi rilancerà il gioco con una nuova parola (e quindi con nuova sillaba o nuovo fonema), che sarà il punto di riferimento per il giocatore successivo. 17

18 Valgono in linea di massima le osservazioni elencate nelle note relative al gioco «Arriva una nave carica di...». Anche in questo caso si offre al bambino l'occasione di compiere, giocando, attività legate a esperienze linguistiche. Occorre evitare che l'attività scada in episodi dispersivi e/o che i bambini si stanchino. Il gioco riesce meglio se organizzato in piccoli gruppi in modo che nessun bambino debba «aspettare» troppo a lungo l'uscita del proprio colore (la ruota non dovrebbe avere più di 4 o 5 colori). Le consegne devono essere molto chiare. Il lavoro va svolto con sistematicità, altrimenti non si evidenziano risultati apprezzabili in tutti i bambini. L'insegnante, che non deve intervenire direttamente nel gioco, può predisporre una griglia di osservazione delle competenze linguistiche di ciascun bambino, che riporti il numero delle parole e il grado di pertinenza rispetto alla regola data. 18

19 Gioco 7 DADONE (2) Sviluppo delle capacità di discriminare, segmentare e riflettere sulla forma delle parole. A partire dai 5 anni. Angolo della lettura-scrittura, aula. Cubo di gommapiuma (dadone) abbastanza grande. Foto o disegni di oggetti conosciuti montati su cartoncini. Velcro. Tappeto. Colla. La consegna, in questa variante più complessa, è di trovare una parola che inizi come quella dell'immagine fissata sulla faccia del dadone, non avendo più a disposizione altre immagini disposte sul tappeto, cui fare riferimento, ma dovendo contare solo sul proprio patrimonio di conoscenze. Un'altra variante, ancora più complessa, è quella di richiedere una parola che inizi come la sillaba finale del nome dell'immagine che esce sul dadone (Es.: pera ramo). È necessario che l'insegnante introduca le varianti tenendo conto dell'età e delle esperienze linguistiche dei bambini. 19

20 Gioco 8 PAROLE SALTERINE Sviluppo delle competenze linguistiche e fonologiche e della capacità di riflettere sulla forma delle parole. MATERIALI e A partire dai 5 anni. Palestra, all'aperto, aula. Cartoncini con immagini. L'insegnante mostrerà una coppia di cartoncini; se i nomi degli oggetti rappresentati iniziano allo stesso modo i bambini faranno un salto. È uno dei molti giochi che si possono inventare per abituare i bambini a riflettere sulla forma delle parole. È importante, all'inizio, che l'insegnante mostri immagini di oggetti molto «distanti» sul piano semantico, ad es. BANDIERA-BANCO, in modo da facilitare nei bambini l'approccio alla struttura fonologica delle parole. Nei primi momenti è opportuno ricorrere a coppie di nomi che inizino con la stessa sillaba, poi con il solo fonema. Si può introdurre successivamente anche la variante della parola scritta sotto l'immagine. 20

21 Gioco 9 ARRIVA UNA NAVE CARICA DI (2) Sviluppo delle capacità di discriminazione e segmentazione. Sviluppo della capacità di riflettere sulla forma delle parole. A partire dai 5 anni. Angolo della lettura-scrittura; spazi limitati e definiti in modo da evitare fenomeni di dispersione del l'attenzione. Tappeto su cui disporsi, berretto da «capitano». Variante del gioco 1. Ora il capitano dirà: - Arriva una nave carica di... P. I compagni cercheranno delle parole che inizino con questo suono. Il bambino che per primo trova la parola diventa il capitano della nave, indossa il berretto e il gioco prosegue. Questa variante presenta difficoltà maggiori ed è riservata ai bambini di 5/6 anni. Limitare il comando a un solo fonema impone al bambino un notevole sforzo di analisi, segmentazione e anticipazione e un riconoscimento più preciso dei suoni iniziali. È importante che l'insegnante svolga un ruolo di regista attento sia nell'evitare fenomeni ripetitivi e inutili sia nell'impostare una continua, ma semplice, riflessione sulle risposte dei bambini. 21

22 Gioco 10 TAGLIAPAROLE Sviluppo de le capacità di segmentazione e analisi. A partire dai 5/6 anni. Angolo della lettura-scrittura, aula. Cartoncini su cui sono riportate immagini semplici e chiare. Si lavora in piccolo gruppo. L'insegnante mostra un cartoncino con, ad es., l'immagine di una rosa, lo nasconde, e chiede ai bambini di dire come comincia il nome dell'immagine che ha fatto vedere. La maggior parte dei bambini tende a dire la parola intera e non il suo inizio. Si può anche scegliere di richiedere la sillaba con cui inizia la parola, cosa che rappresenta inizialmente un passaggio più accessibile. È necessario partire da termini che abbiano la sillaba piana, ad es. ca-rota. 22

23 Gioco 11 LE BELLE BANDIERINE Sviluppo delle capacità di scrittura e lettura. A partire dai 5/6 anni. Angolo della lettura-scrittura, aula. Contenitore tipo «fustino detersivo», cartoncini, supporti in legno o plastica per l'asta delle bandierine, colla, matite. Con i supporti e i cartoncini preparare delle bandierine sulle quali si scriveranno i nomi dei giorni della settimana. Disporle, quindi, nel contenitore. Un bambino estrarrà, di volta in volta, una bandierina e a quel punto le richieste potranno essere: trova una parola che inizi come martedì trova una parola che finisca come sabato costruiamo una filastrocca adoperando la rima di lunedì. Le attività fonologiche sembrano rivestire una grande importanza all'interno dell'apprendimento linguistico, in quanto con esse si mette in condizione il bambino di analizzare la struttura fonetica della parola. La competenza fonologica è un passaggio fondamentale nel processo di apprendimento della scrittura poiché la parola scritta rappresenta l'immagine sonora della parola stessa. 23

24 Gioco 12 PALLA CANTERINA Sviluppo della capacità di riflettere sulla forma delle parole. A partire dai 5/6 anni. Palestra, all'aperto. Palla di gommapiuma. I bambini sono disposti in un cerchio abbastanza ampio. Uno di loro sta al centro e lancia la palla verso i compagni dicendo forte il proprio nome. Il bambino che afferra la palla deve rispondere con una parola che inizi con la stessa sillaba o con lo stesso fonema (si può optare per l'una o l'altra situazione a seconda delle competenze dei bambini). Se la risposta è pertinente il bambino che ha preso la palla va al centro del cerchio e il gioco prosegue. Possono essere apportate numerose varianti legate alle competenze linguistiche dei bambini e alla programmazione dell'attività didattica, introducendo d o p o il nome proprio altre parole, ponendo attenzione a graduare le difficoltà (sillaba piana, sillaba sdrucciola, vocale, consonante...). L'importante è che l'insegnante svolga un ruolo di osservatore e regista, lasciando che i bambini avanzino ipotesi, interpretazioni e giudizi sulle risposte date da loro stessi. Questo gioco, legato anche all'attività motoria, obbliga i bambini a ragionare sulla forma delle parole; capita frequentemente, di fronte a richieste come quelle che si indicano, che essi seguano la strada semantica piuttosto che quella fonologica. 24

25 Es.: mela pera e non mela - mese L'insegnante deve essere cosciente di questo fenomeno in modo da favorire momenti di riflessione. Sarà opportuno inoltre predisporre attività diverse e complementari. Spesso infatti i bambini capiscono le regole del gioco ma necessitano d una maggiore competenza linguistica per affrontare la struttura fonologica delle parole. La varietà delle proposte risulta quindi fondamentale per favorire e consolidare i processi metalinguistici. 25

26 PARTE SECONDA 26

27 Indovina indovinello Appello in rima Conte e filastrocche in rima La spesa in rima Cesto delle rime (1) Ping-pong Completa la rima Spezzacatena L'eco Tennis Cesto delle rime (2) I giochi proposti in questa sezione presentano come comune denominatore l'uso della rima in situazione linguistica ludico-giocosa. Con i giochi di rima si offre al bambino la possibilità di manipolare le parole acquisendo contemporaneamente competenze fonologiche e metalinguistiche, cioè capacità di riflettere sulla forma e non sul contenuto delle parole stesse. La creazione di conte e filastrocche con «ripetizioni variate» può giocare un ruolo importante nello sviluppo complessivo del linguaggio e nell'uso, anche sofisticato, di pattern sintattici. Il divertimento che queste attività possono suscitare può essere considerato un risultato di per sé importante soprattutto nella scuola dell'infanzia, che ha anche fra i suoi scopi principali quello di stimolare il bambino a«voler-parlare, voler-ascoltare, voler-leggere e voler-scrivere» 1. Anche in questi giochi (come in quelli presentati nelle altre sezioni) il suggerimento dell'età è da considerarsi puramente indicativo: fondamentali sono le competenze e le abilità dei bambini, non sempre correlate alla loro età anagrafica. 1 AA. V V., I bambini nella scuola dell'infanzia e l'educazione linguistica, Bologna, Nicola Milano Editore,

28 Gioco 13 INDOVINA INDOVINELLO A partire dai 4 anni. Angolo della lettura-scrittura. Cesto ampio o scatolone. Oggetti specifici secondo la rima prescelta. Un bambino estrarrà dal cesto un oggetto alla volta e inviterà i compagni a pronunciare il nome dell'oggetto estratto. Es.: - Indovina indovinello, cosa prendo dal cestello?, Un martello. Un cappello. Un pennarello. Un secchiello. Un ombrello. È un modo molto semplice per avviare i bambini alla scoperta del mondo delle parole e delle loro forme. Dopo qualche volta che si gioca occorre cambiare la serie degli oggetti in modo che vari la rima. È importante chiedere ai bambini che portino da casa serie di oggetti con il nome in rima (si può ricorrere a rime di riferimento molto comuni: -dia, -erta, -otre...), sia per avere la possibilità di offrire un numero maggiore di stimoli e occasioni di riflessioni linguistiche, sia per coinvolgere, anche nella preparazione di questi giochi, i bambini e le loro famiglie. Si può poi cominciare a riflettere su cosa hanno in comune le varie parole. Molto facilmente i bambini sceglieranno la strada semantica. Niente paura: siamo solo all'inizio e un po' alla volta acquisiranno competenze e abilità 28

29 che permetteranno loro di accedere facilmente alla struttura fonologica della parola. Serie di oggetti in rima: 1. padella, caramella, scodella, mantella, mortadella, ciambella, mozzarella, stella forchetta, bicicletta, motocicletta, racchetta, maglietta, etichetta, paletta, berretta, cassetta cartolina, figurina, farina, gallina, lampadina, catenina, pallina, medicina, tazzina, gommina. 4. pallone, bastone, peperone, maccherone, maglione, bottone, leone, cartone... 29

30 Gioco 14 APPELLO IN RIMA Sviluppo delle capacità ludico-linguistiche. Sviluppo della capacità di analisi della forma delle parole. A partire dai 4/5 anni. Aula. Fogli, matite colorate. Si fa l'appello dei bambini: ad ogni nome o cognome si individuano parole in rima. Si ricompongono poi le coppie di nomi in rima per formare delle facili filastrocche che possono anche essere scritte su fogli da appendere alle pareti della sezione o conservati in un raccoglitore facilmente consultabile dai bambini. Es.: Simone bottone Galamini calzini Simone Galamini ha perso i calzini. Galamini Simone ha trovato un bottone. È un gioco che appassiona i bambini. Dopo pochissimo tempo dedicato a questa attività essi sono in grado automaticamente di comporre filastrocche simpatiche e spiritose. 30

31 Gioco 15 CONTE E FILASTROCCHE IN RIMA A partire dai 4/5 anni. Aula, palestra, all aperto. Semplici strumenti a percussione per l accompagnamento ritmico. Registratore per eventuale base musicale. Recitazione o canto accompagnati da semplici interventi strumentali, che evidenzino i passaggi accettati o in rima delle conte o delle filastrocche. Dal repertorio popolare delle diverse località possiamo trarre una serie pressoché infinita di conte o canzoni in rima già strutturate per facilitarne la rievocazione ma che possono essere utilizzate, oltre che per creare occasioni di socializzazione e di gioco, anche per cominciare a creare l abitudine alla rima e quindi anche all attività fonologica. Possono essere utilizzati per l accompagnamento ritmico semplici strumenti a percussione quali maracas, legnetti, bottiglie e lattine contenenti semi o sassolini, tamburelli, campanelli In questo gioco è possibile predisporre un attività fonologica più consapevole in quanto esso richiede molta attenzione alle situazioni ritmiche. ESEMPI DI CONTE E CANZONI IN RIMA La Rosina al mercato, Cecco Bilecco, Cavallino Arrì Arrò, Ambarabaciccicoccò... 31

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Attività con la fune

Attività con la fune lo sport a scuola Attività con la fune percorso n. 1 Attrezzatura: - uno spazio adatto (palestra, cortile) - una fune Scansione delle attività: 1. Fase motoria 2. Fase espressivo-analogica 3. Fase ludica

Dettagli

Unità uno. barche e vento. I colori. Le parti del corpo. I numeri. da 11 a 20 La casa Chi è? La casa (2) Gli animali.

Unità uno. barche e vento. I colori. Le parti del corpo. I numeri. da 11 a 20 La casa Chi è? La casa (2) Gli animali. Unità uno I numeri da 0 a 10 Che tempo fa? 1 I colori Le parti del corpo I numeri da 11 a 20 La casa Chi è? La casa (2) Gli animali Gli animali (2) I giorni, i mesi, le stagioni barche e vento Da dove

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE E bene presentarla confrontando tra loro varie tecniche: addizione ripetuta; prodotto combinatorio (schieramenti). Rispetto a quest'ultima tecnica, grande utilità

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

BAMBINI E ROBOT. Giusy Dompé, Laura Gullino, Lucia Papalia, Luisa Pezzuto

BAMBINI E ROBOT. Giusy Dompé, Laura Gullino, Lucia Papalia, Luisa Pezzuto BAMBINI E ROBOT Giusy Dompé, Laura Gullino, Lucia Papalia, Luisa Pezzuto Docenti di Scuola dell Infanzia e di Scuola Primaria Circolo Didattico Beinasco - Gramsci www.beinascogramsci.it Introduzione La

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

AVVIAMENTO ALL ORIENTEERING. per bambini di 4-6 anni. di CRISTINA RUINI

AVVIAMENTO ALL ORIENTEERING. per bambini di 4-6 anni. di CRISTINA RUINI AVVIAMENTO ALL ORIENTEERING per bambini di 4-6 anni di CRISTINA RUINI Esperienze di gioco-orienteering svolte nell anno scolastico 2009-2010 alla scuola d infanzia di Longera (Trieste) Questa è una raccolta

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico IRCCS Burlo Garofolo U.O. Neuropsichiatria Infantile Trieste Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico Dott.ssa Isabella Lonciari Bolzano, 28 Febbraio 2008 Disortografia Aspetti linguistici

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to Progetto educativo "Le quattro stagioni" ANNO 2011-2012 Il progetto Le stagioni al nido intende proporre ai bambini un viaggio nelle stagioni e nel tempo finalizzato

Dettagli

Lo sviluppo del linguaggio l idea di lettura e scrittura e il numero nella scuola dell infanzia Marialuisa Antoniotti Claudio Turello

Lo sviluppo del linguaggio l idea di lettura e scrittura e il numero nella scuola dell infanzia Marialuisa Antoniotti Claudio Turello Lo sviluppo del linguaggio l idea di lettura e scrittura e il numero nella scuola dell infanzia Marialuisa Antoniotti Claudio Lo sviluppo delle abilità numeriche La psicologia genetica (Piaget 1896-1980)

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

A SCUOLA SENZA ZAINO Quale metodologia? Organizzazione delle attività nei primi giorni di scuola

A SCUOLA SENZA ZAINO Quale metodologia? Organizzazione delle attività nei primi giorni di scuola Cinzia Turini Emilia Catastini A SCUOLA SENZA ZAINO Quale metodologia? Organizzazione delle attività nei primi giorni di scuola Clima relazionale E importante costruire già dal primo giorno di scuola un

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Screening I elementare La scuola fa bene a tutti anno scol. 2010-2011 Marialuisa Antoniotti Claudio Turello

Screening I elementare La scuola fa bene a tutti anno scol. 2010-2011 Marialuisa Antoniotti Claudio Turello Screening I elementare La scuola fa bene a tutti anno scol. 2010-2011 Marialuisa Antoniotti Claudio Turello "La scuola fa bene a tutti" 1 La trasparenza di una lingua L U P O /l/ /u/ /p/ /o/ C H I E S

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

L'appetito vien...assaggiando!

L'appetito vien...assaggiando! SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA MAGIC SCHOOL 2 coop. soc. VIA G. MELI, N. 8 90010 FICARAZZI PROGETTO EDUCATIVO A.S. 2014 / 2015 L'appetito vien...assaggiando! INSEGNANTI : Benfante Rosa, Bentivegna Simona,

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

Comune di Rimini Direzione dei Servizi Educativi. Scuola infanzia Arcobaleno PROGETTO DIDATTICO

Comune di Rimini Direzione dei Servizi Educativi. Scuola infanzia Arcobaleno PROGETTO DIDATTICO Comune di Rimini Direzione dei Servizi Educativi Scuola infanzia Arcobaleno PROGETTO DIDATTICO SCUOLA INFANZIA ARCOBALENO PROGETTO DIDATTICO PREMESSA L azione del documentare necessita sempre di una fase

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

I numeri che si ottengono successivamente sono 98-2 = 96 4 = 92 8 = 84 16 = 68 32 = 36 e ci si ferma perché non possibile togliere 64

I numeri che si ottengono successivamente sono 98-2 = 96 4 = 92 8 = 84 16 = 68 32 = 36 e ci si ferma perché non possibile togliere 64 Problemini e indovinelli 2 Le palline da tennis In uno scatolone ci sono dei tubi che contengono ciascuno 4 palline da tennis.approfittando di una offerta speciale puoi acquistare 4 tubi spendendo 20.

Dettagli

IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI

IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI Ottobre 2012. CONOSCERE lo SVILUPPO TIPICO Per effettuare una programmazione didattica che - stimoli l acquisizione delle competenze tipiche delle varie età - fornisca i prerequisiti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE Istituto Comprensivo Ferentino 1 SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE ANNUALE anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE : il ruolo della Scuola dell Infanzia Nelle recenti Bozze delle Indicazioni Nazionali

Dettagli

RITARDO PRIMARIO DI LINGUAGGIO

RITARDO PRIMARIO DI LINGUAGGIO LAVORO DELLA PERCEZIONE UDITIVA NEL LINGUAGGIO Identificazione e rafforzamento delle caratteristiche fonemiche della lingua e, contemporaneamente, inibizione delle caratteristiche che le sono estranee

Dettagli

Scuola dell Infanzia H. C. Andersen Anno Scolastico 2012-2013 Sezione 2 mista Insegnanti: Martinelli, Tenace

Scuola dell Infanzia H. C. Andersen Anno Scolastico 2012-2013 Sezione 2 mista Insegnanti: Martinelli, Tenace Scuola dell Infanzia H. C. Andersen Anno Scolastico 2012-2013 Sezione 2 mista Insegnanti: Martinelli, Tenace Ogni giorno abbiamo modo di osservare come i bambini possiedono intuizioni geometriche, logiche

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche. nei bambini in età prescolare

Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche. nei bambini in età prescolare Istituto di Riabilitazione ANGELO CUSTODE PARLARE E CONTARE ALLA SCUOLA DELL INFANZIA Lo sviluppo delle abilità logico-matematiche nei bambini in età prescolare Dott.ssa Liana Belloni Dott.ssa Claudia

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE Anno scolastico 2012-2013 INSEGNANTI Clagluna Alessandra Corvitto Giovanna De Gaetanis Antonella Ficicchia Valeria Giuliani Cristina

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Facilitare l individuazione precoce dei disturbi di apprendimento della lettura e della scrittura

Facilitare l individuazione precoce dei disturbi di apprendimento della lettura e della scrittura Laboratorio DiLCo Dipartimento di Linguistica Università degli studi di Firenze Facilitare l individuazione precoce dei disturbi di apprendimento della lettura e della scrittura Ricerca in collaborazione

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra???

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra??? DIREZIONE DIDATTICA DI MARANELLO SCUOLA DELL INFANZIA STATALE J.DA GORZANO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

LE COOPERAZIONI TRA BAMBINI: IMMAGINARE INSIEME

LE COOPERAZIONI TRA BAMBINI: IMMAGINARE INSIEME Nei giochi di far finta sono all'opera differenti processi sociocognitivi. Le idee circolano da un bambino all'altro apportando nuovi elementi alla costruzione del gioco. LE COOPERAZIONI TRA BAMBINI: IMMAGINARE

Dettagli

La Matematica con il Contafacile Impariamo giocando

La Matematica con il Contafacile Impariamo giocando La Matematica con il Contafacile Impariamo giocando SCUOLA.. A cura dell insegnante Liliana Del Papa e della prof.ssa Maria Pia Saitta classe 1 ª Care colleghe, questo quaderno nasce dal desiderio di condividere

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Ne forniamo alcuni esempi.

Ne forniamo alcuni esempi. Con il termine coordinamento oculo-manuale si intende la capacità di far funzionare insieme la percezione visiva e l azione delle mani per eseguire compiti di diversa complessità. Per sviluppare questa

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE IN ETA' PRESCOLARE.

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE IN ETA' PRESCOLARE. Dipartimento di studi umanistici Corso di laurea in Scienze della Formazione Primaria Modulo di Elementi di Psicometria applicata alla didattica IV infanzia A.A. 2013/2014 LA COMUNICAZIONE NON VERBALE

Dettagli

La guerra delle posizioni

La guerra delle posizioni www.maestrantonella.it La guerra delle posizioni Gioco di carte per il consolidamento del valore posizionale delle cifre e per il confronto di numeri con l uso dei simboli convenzionali > e < Da 2 a 4

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

FULGOR ACADEMY 2014-15

FULGOR ACADEMY 2014-15 PRIMI CALCI 2009-2010 OBIETTIVI: Conoscenza del proprio corpo (giochi ed esercizi coordinativi) Rispetto delle regole e del gruppo di cui si fa parte Conoscenza del pallone Capacità di eseguire un gesto

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

APPROCCIO LUDICO-MOTORIO PER L' ACQUISIZIONE DI ALCUNI PRE-REQUISITI LOGICO-MATEMATICI

APPROCCIO LUDICO-MOTORIO PER L' ACQUISIZIONE DI ALCUNI PRE-REQUISITI LOGICO-MATEMATICI DIREZIONE DIDATTICA STATALE 2 CIRCOLO CESENATICO Anno Scolastico 2011/ 2012 APPROCCIO LUDICO-MOTORIO PER L' ACQUISIZIONE DI ALCUNI PRE-REQUISITI LOGICO-MATEMATICI Ideato e realizzato da CI.nzia Giorgetti

Dettagli

2011 Alma Edizioni. Materiale fotocopiabile

2011 Alma Edizioni. Materiale fotocopiabile Proponiamo alcune possibili attività didattiche da fare in classe con i calendari di Domani, in cui sono riportati gli eventi significativi della cultura e della Storia d Italia. 2011 Alma Edizioni Materiale

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

Viva le vacanze! Leitfaden

Viva le vacanze! Leitfaden Viva le vacanze! Viva le vacanze! è un corso ideato per un pubblico adulto, senza preconoscenze della lingua italiana ed interessato ad acquisire una competenza linguistica e culturale di base, soprattutto

Dettagli

Introduzione del numero zero

Introduzione del numero zero Introduzione del numero zero E arrivato il momento di introdurre lo zero L'insegnante inizierà un discorso, sulla quantità degli oggetti in classe, formulando delle domande mirate al confronto dello zero

Dettagli

Progetto Psicomotricità

Progetto Psicomotricità Progetto di Psicomotricità Corpo in movimento, emozioni in gioco Attività psicomotoria per bambini della scuola d infanzia (3-6 anni) Dott. Franceschi Fabio PREMESSA IL SEGUENTE PROGETTO SI SVILUPPA IN

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Seconda PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

AVVIAMENTO ALLA LETTURA E SCRITTURA in prima classe. di MIRCA PASSARELLA SETTEMBRE 2012

AVVIAMENTO ALLA LETTURA E SCRITTURA in prima classe. di MIRCA PASSARELLA SETTEMBRE 2012 AVVIAMENTO ALLA LETTURA E SCRITTURA in prima classe di MIRCA PASSARELLA SETTEMBRE 2012 Fondamentale la programmazione congiunta e sistematica degli insegnanti delle classi prime, ponendo particolare attenzione

Dettagli

Progetto di Educazione Motoria e Sportiva nella Scuola Primaria. Classi in movimento

Progetto di Educazione Motoria e Sportiva nella Scuola Primaria. Classi in movimento Progetto di Educazione Motoria e Sportiva nella Scuola Primaria Classi in movimento Il progetto "Classi...in movimento è un progetto di Educazione Motoria e Sportiva nella Scuola Primaria" che mira a:

Dettagli

La disponibilità di tecnologie informatiche per favorire l apprendimento scolastico

La disponibilità di tecnologie informatiche per favorire l apprendimento scolastico Quando è opportuno proporre agli alunni con DSA l uso di tecnologie compensative? Ricerche e proposte italiane Quando è opportuno proporre agli alunni con DSA l uso di tecnologie compensative? Flavio Fogarolo

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato Centro d Infanzia Giacinto Bonanome Via San Marco 217 37050 Isola Rizza (Vr) Asilo Nido Integrato Progetto psicopedagogico DELLA SEZIONE API Anno scolastico 2013/2014 Centro d Infanzia Giacinto Bonanome

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

L UOMO IL CUI NOME È PRONUNCIATO

L UOMO IL CUI NOME È PRONUNCIATO 1 Enrico Strobino L UOMO IL CUI NOME È PRONUNCIATO Incontro immaginario tra Steve Reich e Gianni Rodari PREMESSA L esperienza che qui presento è stata realizzata nella classe 1aG della Scuola Media S.

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Uno spettroscopio fatto in casa

Uno spettroscopio fatto in casa Uno spettroscopio fatto in casa Angela Turricchia Laboratorio per la Didattica Aula Planetario Comune di Bologna, Włochy Ariel Majcher Centro di fisica teorica, PAS Varsava, Polonia Uno spettroscopio fatto

Dettagli

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Fondamenti teorici Vygotskji Zona di Sviluppo Prossimale Feuerstein VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Esperienza di Apprendimento Mediato

Dettagli

LA DISPRASSIA EVOLUTIVA VERBALE

LA DISPRASSIA EVOLUTIVA VERBALE LA DISPRASSIA EVOLUTIVA VERBALE Rapporti tra DVE e CAS Valutazione e trattamento Irina Podda A.F.A. Centro REUL Genova UNIVERSITA DEGLI STUDI Genova Roma, 29-30 gennaio 2012 III Convegno Nazionale AIDEE

Dettagli