RASSEGNA STAMPA CGIL FVG giovedì 13 novembre 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RASSEGNA STAMPA CGIL FVG giovedì 13 novembre 2014"

Transcript

1 RASSEGNA STAMPA CGIL FVG giovedì 13 novembre 2014 (Gli articoli di questa rassegna, dedicata prevalentemente ad argomenti di carattere economico e sindacale, sono scaricati dal sito internet del quotidiano. La Cgil Fvg declina ogni responsabilità per i loro contenuti) Indice articoli ATTUALITÀ (pag. 2) La Cgil: 5 dicembre sciopero generale. Scontro sulla data (M. Veneto) REGIONE (pag. 3) La Finanziaria blinda i fondi ai Comuni (Piccolo) Più entrate fiscali nel 2015 corteggiando le aziende (M. Veneto) Subito 40 milioni all'industria (Gazzettino) Panariti rassicura sulla consistenza delle poste per il lavoro (Piccolo) Prevenzione contro i disastri, nuove richieste al Governo (Gazzettino) Dirigenti scolastici, protesta dopo i tagli al fondo per la retribuzione accessoria (Gazzettino) «No ad un doppio binario sul Fap per disabili e anziani» (Gazzettino) CRONACHE LOCALI (pag. 7) Evraz, presentato il piano industriale (Gazzettino Udine) «Liberazione, dibattito surreale» (Piccolo Trieste) Ater, famiglie in lista di attesa (Piccolo Trieste) Pulizie, appalto del Comune. Cgil in piazza con le scope (Piccolo Trieste) Le Acli difendono il ruolo dei Patronati (Piccolo Gorizia Monfalcone) Svuotata l ex concessionaria, 108 profughi trasferiti a Milano (Piccolo Gorizia Monfalcone) Ospedale, primi traslochi il 25 novembre (M. Veneto Pordenone) Comprensivo, sdoppiamento rinviato (Gazzettino Pordenone)

2 ATTUALITÀ La Cgil: 5 dicembre sciopero generale. Scontro sulla data (M. Veneto) ROMA Dopo la manifestazione del 25 ottobre, la Cgil rompe gli indugi e alza il livello dello scontro col governo. Il 5 dicembre si svolgeranno otto ore di sciopero generale dei settori pubblici e privati contro le scelte dell esecutivo su occupazione, diritti del lavoro, contratti e contro il jobs act. La Cgil ha proclamato anche altre quattro ore di mobilitazione da decidere nei territori. La giornata del 5 seguirà lo sciopero Fiom e la protesta del pubblico impiego. Cisl e Uil, però, non aderiscono. Lo sciopero generale è occasione di un nuovo scontro col governo e con la maggioranza del Pd. Non solo sui contenuti della protesta ma anche per la data scelta. Infatti, dopo la sua proclamazione sulla rete raffiche di tweet di esponenti renziani hanno bocciato l iniziativa: «Il 5 dicembre è un venerdì poi sabato, domenica e lunedì 8 dicembre che è festivo... il ponte è servito. Coincidenze» ironizza Ernesto Carbone della segreteria nazionale Pd. È uno sciopero contro Renzi «che strizza l occhio al calendario. È una decisione che rende l idea della debolezza della Cgil» attacca il senatore democratico, Francesco Scalia. Camusso «si allunga il week end» accusa anche il deputato di Scelta civica Librandi. Toni che non sono piaciuti a tutto il Pd. Ironizzare sulla data dello sciopero «che non condivido», replica Matteo Orfini presidente del partito, «è un inutile offesa». Dura anche Rosi Bindi: «È triste che nel mio partito ci sia chi pur di delegittimare il sindacato attacca il diritto di sciopero previsto dalla Costituzione, alimentando il qualunquismo peggiore». Il ministro Poletti non usa toni irridenti perché «rispetta la scelta del sindacato» aggiungendo però che non ci sono motivi per indire uno sciopero. Con la Cgil si schiera subito Sel. «Benvenuto allo sciopero generale» commenta Nichi Vendola ricordando a Renzi «che lo schianto del sindacato significa che dal giorno dopo gli interlocutori sono i forconi». Per il Pdci lo sciopero «è necessario». In Fvg le modalità dello sciopero terranno conto dei disagi della popolazione che ha subito i danni delle alluvioni. Nei prossimi giorni si riunirà il direttivo regionale per deciderne specifiche articolazioni. «Bisogna contrastare - dice il segretario regionale della Cgil Belci le politiche del governo che ancora una volta scaricano sui lavoratori gli effetti della crisi e non danno quelle risposte alle giovani generazioni che il governo stesso aveva promesso. Inoltre la legge di stabilità cambia di giorno in giorno, basti pensare alla grottesca vicenda del Tfr, e i provvedimenti assunti sono già stati giudicati inefficaci dalla stessa Bankitalia. Gli impegni non mantenuti e la politica degli annunci stanno portando il Paese ad uno dei punti più bassi della crisi, come attestano purtroppo in questi giorni molti indicatori».

3 REGIONE La Finanziaria blinda i fondi ai Comuni (Piccolo) di Marco Ballico TRIESTE La cifra di un anno fa, praticamente in fotocopia: 391 milioni di euro. Gli enti locali del Friuli Venezia Giulia si ritroveranno in Finanziaria 2015 gli stessi trasferimenti del Una stabilità che, in attesa delle verifiche nella riunione odierna del Consiglio delle Autonomie, può far tirare un sospiro di sollievo a sindaci e presidenti di Provincia. È l articolo 10 del disegno di legge di bilancio a decidere le sorti della periferia, cui spettano i due decimi delle quote di compartecipazione tributaria attribuita statutariamente al Friuli Venezia Giulia. Per il 2015 le casse regionali devolvono agli enti locali 366,6 milioni di euro, cui si aggiunge una posta straordinaria di 25 milioni (come nel 2014), che rappresenta una compensazione a favore delle Province e dei Comuni per il minor gettito conseguente all abrogazione delle addizionali sul consumo di energia elettrica. «Viste le macrocifre annunciate dalla Regione - commenta il presidente del Cal e sindaco di Gorizia Ettore Romoli - possiamo essere soddisfatti. Mi auguro che la prima analisi venga confermata dai fatti e si possa così predisporre bilanci preventivi che ci consentano da un lato di far sopravvivere enti sempre più in difficoltà, dall altro di mantenere i servizi a favore delle fasce deboli della popolazione, oltre che di incrementare il sostegno, ove possibile, alle attività produttive». Nel dettaglio il fondo ordinario a favore dei Comuni è di 317,6 milioni. Una previsione che tiene già conto della riforma che la maggioranza intende approvare entro novembre. La somma è infatti divisa in due parti: 222,3 milioni sono destinati a tutti i Comuni, mentre i restanti 95,3 milioni vengono indirizzati a favore dei soli Comuni facenti parte di un Unione territoriale intercomunale, la nuova ripartizione geografica introdotta dal ddl Panontin. Con queste premesse viene a mancare il fondo di 5 milioni di euro che un anno fa servì a sollecitare l'esercizio coordinato di funzioni, per la gestione associata di servizi tra enti locali e per il finanziamento dei Comuni risultanti da fusione. Quei soldi però non spariscono. Una parte viene infilata nel fondo ordinario, un altra (2 milioni) è mirata al concorso regionale agli oneri corrispondenti alle penalità di Cassa depositi e prestiti connesse alla chiusura anticipata dei debiti comunali. Nella Finanziaria 2014 il fondo ordinario dei Comuni era pari a 287 milioni (30 milioni in meno di oggi), ma il confronto non è omogeneo. Un anno fa infatti la voce comparto unico, 32 milioni, era considerata a parte. La manovra 2015, con gli obiettivi della trasparenza e della semplificazione, considera invece all interno del trasferimento anche i costi per il personale. Alle Province viene poi assegnato un fondo ordinario di 35,3 milioni (il 30% verrà erogato entro il 31 marzo). La Regione è anche autorizzata ad assegnare alle Province 8,3 milioni per lo svolgimento delle funzioni in materia di politiche del lavoro. Alle Comunità montane spettano infine 5,8 milioni, ma sono previsti stanziamenti anche per la Comunità collinare del Friuli (60mila euro) e per alcune unioni: 100mila euro ciascuna all Isontina e a Buja-Treppo Grande, 140mila euro alla Fiumicello-Villa Vicentina. Oggi la Finanziaria, con uno specifico approfondimento sull articolo 10, sarà all attenzione del Cal. L'organismo consultivo del sistema delle autonomie viene chiamato a raggiungere l'intesa sulle disposizioni del ddl in merito ai trasferimenti, oltre che a esprimere il parere sul bilancio complessivo 2015 e sul triennio All ordine del giorno anche il voto sulla programmazione dell'utilizzo delle risorse del Fondo nazionale per le politiche sociali per il 2014 e quello sulla determinazione della distanza dai luoghi sensibili per la nuova collocazione di apparecchi per il gioco d'azzardo lecito, in attuazione della legge regionale 1/2014 che detta disposizioni per la prevenzione, la cura e il contrasto delle dipendenze.

4 Più entrate fiscali nel 2015 corteggiando le aziende (M. Veneto) di Anna Buttazzoni UDINE In Fvg aumentano i grandi contribuenti. Diminuisce l Irap. Cresce l Iva. Il risultato? Il contenitore delle entrate regionali mantiene gli stessi livelli di un anno fa. Un sollievo per la giunta di Debora Serracchiani che può garantire la tenuta dei servizi, e pensare a come migliorarne il livello, e ideare nuove operazioni, come il sostegno ai redditi minimi. Con la Finanziaria 2015, approvata in via preliminare, la giunta può distribuire 3,5 miliardi, mentre 4,1 è il valore delle entrate. Crescono i grandi contribuenti Si chiamano così e si identificano con i grandi Gruppi, nazionali e non, che hanno un attività anche in regione e ai quali si chiede di aprire un conto corrente in Fvg. Perché? Perché il datore di lavoro è sostituto d imposta e se gli stipendi dei dipendenti transitano dal Fvg ciò consente all amministrazione di incassare i 6 decimi delle imposte. È una strategia precisa, individuata proprio dalla giunta Serracchiani, e poco reclamizzata per questioni di concorrenza e riservatezza. I nomi dei Gruppi che hanno aperto in regione un conto corrente resta quindi top secret, ma un esempio è un numero possono essere svelati. Nella gara europea per il trasporto pubblico locale, pubblicata di recente, è stabilito che l azienda vincitrice debba aprire un conto corrente in Fvg, soprattutto se si tratterà di un grande Gruppo. L investimento sul Tpl è di 130 milioni per dieci anni più cinque opzionali, quindi quasi due miliardi. Con la manovra del conto corrente la Regione stima di incassare 13 milioni l anno, solo per il Tpl. Nessun aumento di tasse La bozza della Finanziaria 2015 che oggi sarà al vaglio dei sindaci e delle parti sociali e che venerdì sarà approvata dalla giunta in via definitiva non prevede alcun incremento delle tasse. Per comporre il bilancio di previsione l amministrazione stima entrate complessive per 4 miliardi e 100 milioni (come riportato in tabella). Del gruzzolo 600 milioni sono già impegnati, perché si tratta di spese vincolate, come rate di ammortamento sui mutui (della Regione o dei Comuni), accantonamenti obbligatori per il programma europeo 2014/20 o riserve tecniche. I restanti 3,5 miliardi sono stati distribuiti secondo lo schema che la giunta ha già diffuso. La Finanziaria 2015 sarà dedicata al welfare. Ben 2 miliardi 358 milioni saranno assorbiti da sanità e politiche sociali, mentre (tanto per ricordare i numeri più importanti) 390 milioni saranno riservati agli enti locali, 250 alle infrastrutture e ai lavori pubblici, 51,2 alle politiche del lavoro, 46 alle Attività produttive. Meno Irap e più Iva Il Fvg incassa meno Irap imposta regionale sulle attività produttive, perché il governo di Matteo Renzi ha stabilito il taglio dell imposta per le imprese, tagli che in Fvg dovrebbero tradursi in circa 41 milioni. L Iva imposta sul valore aggiunto è invece in salita, per effetto delle operazioni romane che hanno portato all aumento dell Iva al 22 per cento, soglia che potrebbe essere alzata ancora, se (è un esempio) la revisione della spesa ideata a Roma non dovesse produrre gli effetti sperati. L Iva grava solo sul consumatore finale, perché ogni bene costa di più. Fatti due conti, quindi, le entrate in Fvg tengono e permettono maggiori margini di manovra.

5 Subito 40 milioni all'industria (Gazzettino) Antonella Lanfrit UDINE - Quaranta milioni nel 2015 e venti milioni nel 2016 e nel 2017, con l'auspicio di portare queste due annualità a 30 milioni l'una. Inoltre, la Regione per la prima volta strutturerà all'interno della direzione delle Attività produttive un ufficio dedicato alle strategie per attrarre investimenti nazionali e internazionali sul territorio, in collaborazione con le future Unioni dei Comuni, il sistema camerale, i consorzi industriali, i parchi scientifici e altri soggetti di settore. Sono alcuni degli elementi chiave che caratterizzano il disegno di legge per la nuova politica industriale della Regione che ieri sera il vice presidente della Regione e assessore dedicato, Sergio Bolzonello, ha illustrato alla maggioranza di governo e che questa mattina a Udine presenterà agli attori economici. È in piena elaborazione normativa, dunque, anche la terza importante riforma della Giunta Serracchiani, dopo quella già varata della sanità e quella degli enti locali al vaglio del Consiglio. Le nuove prospettive di politica industriale nascono dunque accompagnate da una dota finanziaria che per il prossimo triennio si attesta almeno sugli 80 milioni e si articolano su quattro punti cardine che si tengono insieme e interagiscono: misure per attrarre investimenti (non prevista l'attivazione della leva fiscale); riordino dei Consorzi industriali ed Ezit; organizzazione di distretti e filiere; misure di semplificazione e sostegno. Sarà perciò la Regione a guidare, e non solo a coordinare, le misure per attrarre capitali e aziende, avendo un po come modello operativo l'agenzia che in materia ha creato la Carinzia. Quanto ai Consorzi industriali, avranno 6 mesi di tempo per decidere in autonomia aggregazioni e fusioni secondo parametri stabiliti. Se non agiranno, interverrà la Regione. I distretti industriali restano come sistema, ma all'interno si promuoveranno le filiere produttive e scompariranno le Asdi con soggetti pubblici quali soci. Resteranno, se lo vorranno, come organizzazioni private. «Su questi processi di ammodernamento chiediamo che in Consiglio si crei un dibattito aperto e senza pregiudizi», ha commentato al termine il consigliere Pd Enio Agnola, vicepresidente della 2. Commissione che per prima affronterà l'iter consiliare. Agnola ha anche evidenziato che la riforma «sarà accompagnata da un dibattito aperto sui territori e tra le categorie». Panariti rassicura sulla consistenza delle poste per il lavoro (Piccolo) TRIESTE Nessuna sottovalutazione dell emergenza lavoro in sede di redazione della Finanziaria È la rassicurazione dell assessore Loredana Panatiti in vista del confronto con le parti sociali e in sede di Consiglio delle Autonomie locali sul bilancio. «L attenzione della giunta su questo tema rimane sempre altissima. Considerando tutti gli impegni delle risorse, non vi è alcuna riduzione». Panariti ricorda poi che la Finanziaria riserva anche un fondo globale di 10 milioni di euro a nuove forme di sostegno al reddito, da individuare attraverso un'apposita normativa da mettere a punto nei prossimi mesi. «Le nuove forme di sostegno al reddito su cui l amministrazione regionale sta ragionando non dovranno essere un mero strumento assistenziale, ma dovranno rappresentare il segnale dell attenzione della Regione verso le categorie più deboli, favorendone l'inclusione e quindi ridando fiducia e speranza. In una fase economicamente molto difficile e con risorse pubbliche calanti - prosegue Panariti - immaginiamo un insieme di interventi diretti e indiretti innovativi che offrano opportunità autentiche a chi ne ha veramente diritto. Per arrivarci confidiamo nella possibilità di dar vita ad un percorso partecipato e responsabile. E in questo senso è positivo che forze sociali e politiche si interroghino su questi temi», conclude l assessore, precisando, tuttavia, come nella comunicazione andrebbero pure citati «i quotidiani rapporti dell assessorato con le segreterie regionali, gli incontri individuali e le frequenti riunioni di concertazione e i dati forniti ogni qual volta vengono richiesti come parte di un positivo rapporto di confronto e di interlocuzione». «In sostanza - conclude - la Regione punta ad azioni realmente efficaci, sulla scia di quelle che stiamo sperimentando nel campo delle politiche attive del lavoro, come Garanzia giovani, in cui siamo tra i primi in Italia per adesioni».

6 Prevenzione contro i disastri, nuove richieste al Governo (Gazzettino) Antonella Lanfrit Tappa alla centrale operativa della Protezione civile regionale a Palmanova per una riunione di programmazione e poi via per un sopralluogo nei punti regionali maggiormente colpiti dall'imponente massa d'acqua caduta in questi giorni. Ma lo sguardo è già oltre l'emergenza da gestire in queste ore. È rivolto alla prevenzione. Così la giornata di ieri della presidente della Regione, Debora Serracchiani, che dopo aver riconosciuto quanto si è fatto sul territorio in questi anni, e che ha «permesso di superare comunque le criticità», in serata ha annunciato: «Abbiamo già chiesto e sollecitato il Governo nazionale per un secondo, più articolato, accordo contro il dissesto idrogeologico. Ci dobbiamo impegnare con le nostre risorse finanziarie, ma anche attingendo a fondi nazionali». Raccolto e rilanciato, dunque, l'appello diramato ieri dai costruttori edili dell'ance, che con il presidente Roberto Contessi hanno sollecitato perché «la sicurezza del territorio sia prioritaria», poiché «così facendo si risolverebbero molte situazioni di criticità, attribuendo nuove occasioni di lavoro alle imprese locali». Serracchiani ha infatti aggiunto di «voler valutare insieme ai sindaci e alle strutture regionali della Protezione civile e dell'ambiente un'agenda di ulteriori interventi da attuare nel prossimo periodo, per rispondere a tutte le emergenze nel frattempo maturate». In questo frangente, però, c'è l'emergenza da gestire e «ancora una volta la Protezione civile del Friuli Venezia Giulia ha dimostrato professionalità, organizzazione e impegno straordinario», ha detto Serracchiani mentre si trovava nella centrale operativa di Palmanova e sui monitor scorreva il flusso continuo di dati con il monitoraggio di fiumi e territorio. «Le precipitazioni che dal 4 novembre imperversano anche nella nostra regione hanno dell'eccezionale, con punte anche superiori o doppie rispetto ad altre regioni italiane», ha affermato Serracchiani, ma «pur con alcune criticità, non abbiamo registrato i disastri di altre regioni». Nei due momenti più difficili di questa emergenza maltempo - tra il 4 e il 9 novembre e tra l'11 e il 12 - sono stati impiegati 157 gruppi comunali della Protezione civile regionale con volontari sul campo. «A loro va il mio ringraziamento», così come alla struttura operativa che «ha risposto alla grande», ha detto Serracchiani, al contempo categorica nel rispedire al mittente le critiche mosse martedì dal vicepresidente della Provincia di Udine, Franco Mattiussi, secondo il quale «la Protezione civile regionale ha rifiutato di collaborare con il personale della Provincia di Udine alla prese con una criticità sulla P.P. 104 bis». Secondo la presidente «si vuole far pensare che la soppressione delle Province sia un fatto disastroso per l'umanità, ma non è così». Dirigenti scolastici, protesta dopo i tagli al fondo per la retribuzione accessoria (Gazzettino) UDINE - Congelate le paghe dei dirigenti scolastici. È l'effetto del taglio dell'11per cento alla dotazione del fondo per il salario accessorio deciso dal ministero. La scelta, denunciano i sindacati Anp-Cida, Snals-Confsal, Flc-Cgil, Cisl e Uil scuola del Friuli Venezia Giulia, ha congelato gli aumenti del contratto integrativo regionale e si somma al blocco del contratto nazionale, fermo al «No ad un doppio binario sul Fap per disabili e anziani» (Gazzettino) UDINE - Un solo regolamento per gli interventi del Fondo per l autonomia possibile. Questa la posizione delle segreterie regionali dei sindacati pensionati di Cgil, Cisl e Uil, contrari all introduzione di una doppia disciplina per anziani e disabili, come invece richiesto dalla Consulta regionale delle associazioni dei disabili. I sindacati considerano questa logica «inaccettabile».

7 CRONACHE LOCALI Evraz, presentato il piano industriale (Gazzettino Udine) Paola Treppo L'amministratore dello stabilimento della "Evraz Palini&Bertoli" di San Giorgio, Elio Pantanali, ha presentato ieri il piano industriale per il rilancio dell'opificio insediato nell'aussa Corno, fermo da più di un anno. Lo ha fatto in occasione di un incontro tenutosi nella sede di Udine della Regione cui hanno preso parte organizzazioni sindacali, Confindustria e l'assessore regionale alle attività produttive Sergio Bolzonello. Rispetto al piano illustrato a fine ottobre, si è constatata l'apertura dell'azienda - una società satellite del Gruppo Abramovich - ad anticipare da dicembre 3 mensilità della cassa integrazione e la disponibilità a farsi carico di un'ulteriore serie di manutenzioni e approvvigionamenti di materie prime in fase di avvio, per oltre 40 milioni di euro. Pantanali ha specificato l'entità degli investimenti per far ripartire la produzione: 650mila euro per impianti e formazione, 520mila per manutenzione propedeutica al riavvio e 240mila extra budget per manutenzione di 12 mesi, oltre ai costi fissi. È stata confermata, inoltre, la proposta di ripartenza del sito entro novembre del «A fronte della presentazione da parte di Evraz di un piano industriale aggiornato - ha detto Bolzonello - e considerando l'imminente scadenza della cigs, il 24 novembre, è stato sottoscritto un accordo per la richiesta urgente di un tavolo presso il Ministero del lavoro, per verificare la tenuta dei livelli occupazionali e l'utilizzo della cassa per riorganizzazione per i 134 addetti». «Liberazione, dibattito surreale» (Piccolo Trieste) «Trieste sta fornendo l'ennesima dimostrazione di saper guardare indietro e non avanti. Il dibattito che si è aperto su quale sia stata la "vera" liberazione della città ha del surreale. Da giorni non si parla d'altro. Sono passati settant'anni, si va a studiare a Lubiana o da Lubiana a Trieste, i triestini mettono su casa oltre confine, si va a prendere il caffè a Capodistria, bambini italiani vengono iscritti alle scuole slovene, eppure su questo dibattito si dividono e si appassionano pure (in parte, per fortuna) le nuove generazioni». Così sostiene Franco Belci, segretario regionale della Cgil, che prosegue: «Sarebbe forse ora di riconoscere che ci sono memorie diverse, una minoritaria, l'altra maggioritaria. Si lascino quelle memorie a chi ha vissuto quei giorni dolorosi, senza brandirle come arma di lotta politica. Si abbassino le bandiere e si guardi finalmente al futuro della città. La politica, a mio giudizio, ha altri compiti e funzioni. Si lasci il resto alle analisi degli studiosi. Forse una mozione in Consiglio comunale che dicesse tutto questo sarebbe più utile. Chissà che a qualcuno non possa venire in mente...»

8 Ater, famiglie in lista di attesa (Piccolo Trieste) di Fabio Dorigo Il caso Trieste. L ottavo bilancio sociale dell Ater di Trieste fotografa un emergenza sociale. Che è non solo abitativa. E soprattutto unica e diversa diversa dal resto della Regione Friuli Venezia Giulia e dell Italia. Sono i numeri a parlare. Nel 2013 ci sono state richieste di riduzione del canone che hanno portato ad una decremento dei canoni apri 905 mila euro (contro i 539 mila del 2012). Quasi un milione in meno a causa della riduzione della capacità economica degli inquilini. Un scivolamento progressivo nella povertà. Il 63% delle richieste sono motivate dalla perdita del posto di lavoro (54% nel 2012), mentre il 18% delle richieste sono motivate da pensionamento, decesso o trasferimento o separazione. Il 59% dei contratti Ater, inoltre, sono collocati in fascia A (nel 2012 era il 56%) che indica una capacità economica inferiore ai 15mila euro anno. Ma non basta. Il canone minimo di 18 euro viene corrisposto dal 28% degli inquilini di fascia A(26% nel 2012). Il canone medio mensile complessivo è di 137 euro (nel 2012 era di 143 euro). Non sono rassicuranti i numeri di quello che è l ultimo bilancio sociale dell Ater di Trieste in vista della riforma regionale che dovrebbe andare in porto entro giugno 2015 e che «omologherà il trattamento degli inquilini delle 5 aziende territoriali del Friuli Venezia Giulia» (come assicura l assessore regionale ai Lavori pubblici Mariagrazia Santoro). Con tutti i rischi che ciò comporta per la specificità di Trieste. «I dati di questo bilancio sociale offrono la fotografia di una realtà sociale che risente, in maniera più significativa rispetto ad altre situazioni territoriali, della persistente crisi economica» introduce l amministratore unico Raffaele Leo. Dati impressionanti. La Provincia di Trieste è la quarta per densità della popolazione ed è la provincia italiana ad avere l indice di vecchiaia più alto: 1096 abitanti per chilometro quadrato; 301 nel goriziano; 137 nel pordenonese 109 nell udinese e Alto Friuli. «L indice di vecchiaia è superiore del 10% rispetto alla media regionale - continua l avvocato Leo - con una forte presenza negli alloggi Ater (34% sul totale della popolazione over 65 della provincia)». Tra gli utenti dell Ater di Trieste, inoltre, è elevata la percentuale di nuclei con un solo componente (47%) prevalentemente anziano e di sesso femminile. «Il ricorso alla casa popolare a Trieste è endemico» spiega l amministratore unico. Gli alloggi gestiti dall Ater Trieste sono (circa 600 quegli sfitti). La cosa più incredibile è che il 42% ( su 48,008) della popolazione che vive in affitto nella provincia giuliana è inquilino Ater di edilizia sovvenzionata contro una percentuale a livello regionale del 24% ( su ). Praticamente il 9% della popolazione rispetto al 3% regionale (in linea con la media italiana). Ad essa si rivolge il 9% del totale della popolazione residente; più del 40% dei residenti in affitto nella Provincia di Trieste vive in un alloggio Ater. «Ne risulta che nel capoluogo regionale e nella sua provincia si concentra quasi la metà del patrimonio di edilizia sovvenzionata del Friuli Venezia Giulia» sottolinea Leo. E la domanda? Esplosa. «La recessione economica dell ultimo quinquennio ha accentuato questa tendenza comportando un forte incremento della domanda: sono i nuclei familiari in attesa di alloggio popolare, ovvero quasi la metà delle richieste presentate in tutto il territorio regionale (circa 10 mila)» aggiunge l amministratore. Un aumento del 21% rispetto al 2006: i richiedenti sono quasi il 2% dei residenti in provincia di Trieste. Rispetto agli inquilini attuali, i richiedenti sono donne per il 50,5% (57% tra gli inquilini). Nel 29% dei nuclei sono presenti figli minorenni (12% tra gli attuali inquilini) e tra questi i nuclei mono genitoriali sono 31%, il 10% dei totali richiedenti (il 5% tra gli attuali inquilini). Il 29% dei richiedenti si trova in stato di bisogno, ossia con una situazione economica complessiva non superiore a 3.942,25 euro se formate da un solo soggetto. Ma la cosa più drammatica è che i i richiedenti che dichiarano una capacita economica complessiva inferiore al limite di fascia A (15mila euro) sono il 72%. Un autentica emergenza sociale. Come il bilancio.

9 Pulizie, appalto del Comune. Cgil in piazza con le scope (Piccolo Trieste) Una piccola scopa e una pattumiera in confezione regalo, con tanto di dedica personale. Questo il provocatorio omaggio che ieri i rappresentanti della Cgil per la funzione pubblica hanno consegnato a ciascuno degli assessori della giunta Cosolini per esprimere il secco no della sigla sindacale alla recente gara, bandita dall'amministrazione, per l'affidamento dei servizi di pulizia nel locali del Comune e degli edifici di sua competenza. «Siamo stufi ha spiegato Rossana Giacaz, della segreteria della Cgil di queste gare al massimo ribasso, che comportano una netta riduzione dei già bassi stipendi percepiti dai dipendenti dell'impresa vincitrice, e un peggioramento complessivo nei servizi resi». «Mai si era arrivati a un ribasso del 36 per cento rispetto al costo di partenza come in questa occasione ha aggiunto e va sottolineato che il servizio di pulizie che rientra in questa gara riguarda non solo gli uffici del Comune, ma anche le scuole materne, i nidi d'infanzia, i ricreatori». La rabbia della Cgil per il comportamento assunto dalla giunta è accresciuto dal fatto che «esiste un preciso protocollo sottoscritto dal Comune e delle organizzazioni sindacali ha ripreso Giacaz che dovrebbe impedire che si facciano gare di questo tipo. Ebbene l'accordo è stato del tutto disatteso, superando quella matrice che avevamo definito di concerto con l'amministrazione, proprio per evitare che potessero ripetersi situazioni come questa». La consegna dello speciale omaggio agli assessori è stata preceduta da una manifestazione svoltasi davanti al Municipio, nel corso della quale i rappresentanti della Cgil hanno chiesto al sindaco Roberto Cosolini due cose: «In primo luogo il rispetto del protocollo e dei lavoratori del settore, che fra l'altro sono in maggioranza donne. Non è possibile ha osservato Giacaz che queste pulitrici, che finora percepivano 600 euro al mese, siano costrette a incassare d'ora in poi una paga di poco superiore ai 300 euro». «Dall'altra parte ha aggiunto Giacaz vorremmo che fosse rifatta la gara ma restando all'interno dei limiti delineati nel protocollo». La soluzione per il futuro proposta dalla Cgil è «la centralizzazione del meccanismo delle gare, in modo che ci sia un solo e unico schema da seguire, nel rispetto del protocollo firmato a suo tempo». Destinatari della richiesta della sigla sindacale sono soprattutto Cosolini e l'assessore Matteo Montesano. «È a quest'ultimo ha concluso Giacaz che spetta dal definizione dei bandi perciò è a lui che ci appelliamo». Ugo Salvini Le Acli difendono il ruolo dei Patronati (Piccolo Gorizia Monfalcone) «L'abbattimento al fondo di sostentamento dei Patronati è un taglio ai diritti dei cittadini»: a sostenerlo le Acli provinciali. La notizia della previsione di un sostanzioso taglio ( euro, circa 1/3 dell'attuale finanziamento) al fondo di sostentamento per i Patronati si sta spargendo tra la popolazione. Ci si rende conto che Patronati, che hanno già recentemente subito un taglio di 30 milioni, si troverebbero nella condizione di chiudere molti sportelli e licenziare molti lavoratori. «Le migliaia di persone - si legge in una nota delle Acli - che giornalmente ricevono assistenza gratuita in materia di pensioni, disoccupazione, invalidità, infortuni ed immigrazione dovrebbero trovare un'alternativa alla certezza di un'assistenza a titolo gratuito. L'Inps stesso ha ammesso che se dovesse gestire in proprio il lavoro svolto dai Patronati dovrebbe affrontare costi molto più alti ( euro all'anno) di quelli previsti con il mantenimento dell'attuale finanziamento ai Patronati ( euro). Per evitare ciò molte persone si stanno spontaneamente rivolgendo agli sportelli del Patronato Acli e di quelli dell'inas, Inca ed Italuil per sottoscrivere una petizione affinchè il capitolo di questo taglio venga abolito o almeno considerevolmente ridotto. Le sedi isontine dei Patronati con l'appoggio della associazione Acli e delle organizzazioni sindacali Cgil, Cisl e Uil hanno anche organizzato una serie di presenze esterne alle proprie sedi per una più agevole raccolta delle firme di sostegno. Si potrà quindi sostenere il proprio Patronato a Gorizia nella mattinata odierna davanti ai giardini pubblici, domattina a Cormons nei pressi del mercato e sabato mattina a Monfalcone in Piazza della Repubblica e a Gradisca d'isonzo nei pressi del mercato».

10 Svuotata l ex concessionaria, 108 profughi trasferiti a Milano (Piccolo Gorizia Monfalcone) di Francesco Fain Operazione a sorpresa ieri mattina a Gorizia. Che ha quasi dimezzato, in un solo colpo, la presenza di richiedenti-asilo a Gorizia. I 108 ospiti dell ex concessionaria Lancia di via Trieste sono stati trasferiti a bordo di tre corriere a noleggio in un centro-immigrati di Bresso, in provincia di Milano. L operazione, dicevamo, è avvenuta senza alcun preavviso e in maniera silenziosa : questo, però, non ci ha impedito di presenziare alla partenza e di scattare più di qualche foto. «Decisivo è stato il lavoro del ministero dell Interno che è riuscito ad individuare una struttura alternativa fuori provincia e fuori regione - commenta il viceprefetto vicario Gloria Allegretto -. Non appena arrivata la conferma che il trasferimento si poteva effettuare, abbiamo messo in moto la macchina organizzativa». Ma la struttura rimarrà a disposizione di eventuali (e prevedibili) nuovi arrivi? «L ex concessionaria Lancia chiude e la porta rimarrà sbarrata. Credo che in questo momento sia importante evidenziare questo successo senza pensare troppo al dopo. Vi dico comunque che stiamo lavorando su altre soluzioni, qualora il flusso di immigrati dovesse continuare», la risposta della viceprefetto. Insomma, l esperienza di quello che l assessore provinciale Ilaria Cecot definì Campo Francesco 2 è definitivamente conclusa. La soddisfazione del sindaco Intanto, interviene sull argomento il sindaco Ettore Romoli che, sin dalla prima ora, si è detto contrario a vedere trasformata Gorizia nella città dei profughi. Non a caso ha scritto nei giorni scorsi ben due lettere al ministro dell Interno Alfano di cui abbiamo dato puntualmente conto. «Non posso che esprimere soddisfazione per il trasferimento dei profughi in un sito diverso da Gorizia: ha vinto la fermezza che abbiamo avuto fin dall inizio senza mai cedere al buonismo di facciata che, purtroppo, ha solo accentuato il problema». Questo il cuore del commento del sindaco Ettore Romoli alla notizia che i richiedenti-asilo hanno lasciato ieri mattina il capannone di via Trieste per essere trasferiti in provincia di Milano. «Non è una soluzione casuale - evidenzia il sindaco - in quanto diverse persone hanno lavorato per evitare che Gorizia si trasformi in un centro-profughi e voglio ringraziare, in tal senso, il ministro dell Interno Angelino Alfano che ci ha ascoltato e il prefetto Vittorio Zappalorto che ha preso una posizione coraggiosa, senza lasciarsi intimidire da nessuno. Un apprezzamento anche al questore e ai comandi di carabinieri e finanza per l apporto dato in questa occasione, oltre al corpo della polizia municipale». Romoli approfitta per affondare il colpo. «Come detto, si tratta di una vittoria della fermezza con cui il sottoscritto e l amministrazione comunale hanno affrontato l emergenza in buona parte creata da ben identificati piccoli e miserabili interessi (non specifica quali ma è facile immaginarli, ndr) che, purtroppo, non esistono solo a Gorizia ma hanno un respiro più ampio. Certo - conclude il sindaco - il problema non si esaurisce con questa azione, però è importante lanciare il messaggio che Gorizia non è e non diventerà mai la città dei profughi ma resterà un luogo in cui è piacevole vivere». Le parole dell assessore Cecot Rompe il silenzio, per l occasione, anche l assessore provinciale al Welfare Ilaria Cecot. «Durante la difficile esperienza del Campo Francesco, ho potuto apprezzare il coraggio e la determinazione del presidente Gherghetta, che mi ha assecondato, al di là dell opportunità politica, mosso da princìpi che dovrebbero essere inviolabili indipendentemente dal colore politico di appartenenza. E se oggi il tema dell immigrazione sul nostro territorio viene finalmente trattato con responsabilità e determinazione dagli organi competenti, è anche grazie al coraggio che a suo tempo dimostrò il presidente Gherghetta», le sue parole.

11 Ospedale, primi traslochi il 25 novembre (M. Veneto Pordenone) C è già una data per le operazioni di avvio dell iter per la costruzione del nuovo ospedale di Pordenone: è il 25 novembre quando comincerà il trasloco del personale dell azienda ospedaliera verso il centro direzionale Galvani. Ieri i trasferimenti sono stati al centro di un vertice tra aziende sanitarie, rappresentate dai direttori generali Paolo Bordon e Fabio Samani, e sindacati, Paolo Florean della Cisl e Pierluigi Benvenuto della Cgil. Da liberare sono gli edifici T, U e V che saranno demoliti nella prima quindicina di gennaio, perché non considerati più strategici. Nei mesi scorsi le due aziende, ospedaliera e sanitaria, hanno individuato una nuova collocazione per i servizi ospitati negli edifici da demolire. Ma lo spostamento si intreccia con gli effetti della riforma sanitaria, che prevede l accorpamento delle due aziende. Azienda ospedaliera. Deve trasferire gli uffici delle risorse umane e della ragioneria, che lasceranno spazi per il Sert e l alcologia del servizio sanitario. La nuova collocazione è il quarto piano del palazzo dell Inail al Centro Direzionale Galvani in via della Vecchia Ceramica, a fianco dell attuale Ass 6. Ieri è stato firmato il protocollo d intesa con l Inail e, tra i lavori di adattamento, sarà abbattuto un muro in cartongesso che divide gli spazi da quelli dell azienda territoriale per farne un unico locale. Dagli uffici dell ospedale di via Montereale si sposteranno in questa prima fase 26 persone, delle risorse umane e della ragioneria. Un trasferimento a scaglioni perché deve essere garantito il funzionamento degli uffici, ma che si stima di concludere in venti giorni. Al quinto piano dello stesso edificio andranno nei prossimi mesi la direzione generale dell Azienda sanitaria 5 Friuli Occidentale che nascerà il primo gennaio prossimo, gli affari generali e il controllo di gestione. Decisioni che saranno prese dal nuovo direttore generale dell azienda unica che sarà nominato a dicembre. Azienda sanitaria. Anche l azienda territoriale è alle prese con spostamenti: interessati il Sert, l alcologia e il dipartimento di salute mentale, ospitati nei padiglioni da abbattere. Una volta che gli uffici ospedalieri lasceranno liberi gli spazi del padiglione D, vi saranno trasferiti il Sert e Alcologia, dopo alcuni interventi di adattamento. Il terzo, il dipartimento di salute mentale, andrà alla vecchia sede della Caritas di via Revedole, dove sono cominciati i lavori di sistemazione. Il trasloco per questo servizio comincerà nei primi giorni di dicembre e anche in questo caso di procederà in diverse fasi così da garantire la continuità del servizio. Sindacati. Da parte dei rappresentanti dei lavoratori sono stati posti alcuni quesiti, uno legato alle modalità di abbattimento dei padiglioni, chiedendo se siano state previste misure per limitare i disagi per i pazienti. Da risolvere anche una serie di problematiche legate al parcheggio dei dipendenti che sarà spostato nella zona della protezione civile. Ma, nel dettaglio, la questione sarà affrontata al momento dei trasferimenti. Donatella Schettini

12 Comprensivo, sdoppiamento rinviato (Gazzettino Pordenone) SACILE - (ms) Via libera al nuovo indirizzo Grafica e comunicazione per l'istituto di Istruzione scolastica superiore Sacile-Brugnera; necessità invece,di un attento approfondimento sul piano tecnico e amministrativo, per il richiesto sdoppiamento dell'istituto Comprensivo. Questo l'esito dell'incontro svoltosi in Provincia al quale hanno partecipato l'assessore all'istruzione Carlo Spagnol e il dirigente scolastico dell'istituto comprensivo Claudio Morotti, dove è iniziato il percorso che porterà a definire il dimensionamento della rete scolastica provinciale per il prossimo anno scolastico. Per quanto riguarda la richiesta di sdoppiamento dell'istituto Comprensivo suffragata da una utenza di 1700 alunni, nel corso dell'analisi della proposta fatta dal Consiglio di Istituto, sono emersi elementi di criticità già portati del resto all'evidenza quando la richiesta era stata formulata e che riguardano in particolare problemi legati all impossibilità di avere due dirigenti data la mancanza di tali figure e pertanto due Istituti in reggenza. Criticità anche tecniche riguardanti i locali da mettere a disposizione. Sulla scorta di tali considerazioni è stato unanimemente deciso di non prendere decisioni affrettate, ma di dare la possibilità di "approfondire - sottolinea l'assessore Spagnol - le tematiche emerse. Il Comune quindi compartecipa al progetto avendo ben chiaro ciò che è di sua competenza e avvierà una serie di incontri con la dirigenza per definire tempi e modi in cui attuare lo sdoppiamento che potrebbe anche richiedere un percorso più lungo di un anno scolastico per rispondere alle vere esigenze e non creare alcun problema".

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 ART. 1 SERVIZI PUBBLICI ESSENZIALI 1. Ai sensi della legge 12 giugno 1990, n. 146, i servizi pubblici da considerare

Dettagli

SANITA': ANAAO, INACCETTABILE IL DOCUMENTO DELLE REGIONI TROISE, COSI' SI SALVAGUARDA L'INVADENZA DELLA POLITICA

SANITA': ANAAO, INACCETTABILE IL DOCUMENTO DELLE REGIONI TROISE, COSI' SI SALVAGUARDA L'INVADENZA DELLA POLITICA SANITA': ANAAO, INACCETTABILE IL DOCUMENTO DELLE REGIONI TROISE, COSI' SI SALVAGUARDA L'INVADENZA DELLA POLITICA (ANSA) ROMA, 3 SET "Il documento ultimatum che gli Assessori alla Salute hanno inviato al

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Art. 1) Finalità. Art. 2) Riparto del Fondo

Art. 1) Finalità. Art. 2) Riparto del Fondo Regolamento per l erogazione dei contributi socio-economici di cui al Fondo di Solidarietà costituito dal Comune di Fabriano con la partecipazione di alcuni privati. Approvato con D.C.C. n. 160 del 10/.09.2009

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

inform@ata news n.02.15

inform@ata news n.02.15 Per contatti o segnalazioni: e-mail: r.fiore@flcgil.it siti internet: www.flc-cgiltorino.it www.flcgil.it inform@ata news n.02.15 la newsletter di informazione sulle problematiche del settore ATA della

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento

Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento Organici scuola personale ATA A.S. 2013-2014 Scheda di approfondimento Indice (cliccabile) Premessa Terziarizzazione Regole per la definizione degli organici di ciascun profilo o DSGA o Assistenti Tecnici

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg.

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg. COMUNE DI PALMANOVA Provincia di Udine Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Copia N. 120 Reg. OGGETTO: Integrazione del G.C. 34 dd. 11.04.2012 "Servizi pubblici a domanda individuale 2012 - determinazione

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 *è stato invitato a partecipare; da confermare 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE - Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30-11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA

LA PENSIONE DI VECCHIAIA Le pensioni di vecchiaia e di invalidità specifica per i lavoratori dello spettacolo (Categorie elencate nei numeri da 1 a 14 dell art. 3 del Dlgs CPS n.708/1947) Questa scheda vuole essere un primo contributo

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

inform@ata news n.02.14

inform@ata news n.02.14 inform@ata news n.02.14 Per contatti o segnalazioni: e-mail: r.fiore@flcgil.it siti internet: www.flc-cgiltorino.it www.flcgil.it la newsletter di informazione sulle problematiche del settore ATA della

Dettagli

Banca Popolare Friuladria

Banca Popolare Friuladria La Voce Banca Popolare Friuladria Comunicato d informazione sindacale per gli iscritti - settembre 2007 SOMMARIO Aumento di capitale Credit Agricole 1 Conclusa la bozza Staututo FIM 3 18 settembre primo

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper le famiglie in condizioni economiche precarie ROSIGNANO

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

QUANTI SONO GLI ISCRITTI AL SINDACATO IN ITALIA?

QUANTI SONO GLI ISCRITTI AL SINDACATO IN ITALIA? Allegato 1 Confederazione Sindacati Autonomi Lavoratori QUANTI SONO GLI ISCRITTI AL SINDACATO IN ITALIA? Sono oltre 3 milioni quelli fantasma Alcuni numeri Quando la stampa e gli enti di studio e di ricerca

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

GLI ITALIANI E LO STATO

GLI ITALIANI E LO STATO GLI ITALIANI E LO STATO Rapporto 2014 NOTA INFORMATIVA Il sondaggio è stato condotto da Demetra (sistema CATI) nel periodo 15 19 dicembre 2014. Il campione nazionale intervistato è tratto dall elenco di

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

LA STORIA DI UN VIAGGIO ACCIDENTATO PER LE SCELTE DELLA POLITICA.

LA STORIA DI UN VIAGGIO ACCIDENTATO PER LE SCELTE DELLA POLITICA. DOV'ERA LA CGIL? Al quesito post ideologico che as silla il presidente del consiglio dei ministri, Matteo Renzi, tentiamo di dare una risposta per i fatti e non per l'ideologia. Era il 2009 e la CGIL scriveva

Dettagli

A chi mi rivolgo? Cos è il diritto di accesso? Qual è la normativa di riferimento?

A chi mi rivolgo? Cos è il diritto di accesso? Qual è la normativa di riferimento? IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI A chi mi rivolgo? L' dell garantisce a tutti i soggetti interessati l'esercizio dei diritti d informazione e di accesso ai documenti amministrativi, e favorisce la conoscenza

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM)

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM) Fabio Pammolli (Direttore CeRM) CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? 1 CeRM Competitività, Regole, Mercati Dopo anni di dibattito e anche qualche tentativo non riuscito,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 OGGETTO: Recepimento verbale commissione trattante aziendale del 15.10.2013. L anno Duemilatredici, il giorno ventiquatto del mese di

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

La vigenza dell articolo è poi stata confermata dal CCNL 24/7/2003, all art. 142, e dall art.146 CCNL - 2007.

La vigenza dell articolo è poi stata confermata dal CCNL 24/7/2003, all art. 142, e dall art.146 CCNL - 2007. INDENNITÀ DI FUNZIONI SUPERIORI, DI REGGENZA e di DIREZIONE Riferimenti normativi: art. 69 del scuola 94-97 - tutt'ora in vigore in quanto richiamato esplicitamente dall'art. 146 del scuola 29/11/07 art.

Dettagli

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015 PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015 A seguito delle riunioni con le strutture regionali, sono state approfondite le tematiche relative al rinnovo

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Fabio Ragaini, Gruppo Solidarietà Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Con Ordinanza 189/2010, www.grusol.it/informazioni/12-04-10.pdf, Il Tar delle

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

CONDIVIDE E PARTECIPA

CONDIVIDE E PARTECIPA il 13 OTTOBRE 2007 - inform@ su: Delibera della Direzione Nazionale il S.I.A.P. privilegia il confronto interno Dal Governo Consiglio dei Ministri nr. 69 Decreto di razionalizzazione dell assetto organizzativo

Dettagli

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO ISTITUTO d ISTRUZIONE SUPERIORE GIOSUÈ CARDUCCI LICEO CLASSICO, SCIENTIFICO, SOCIO-PSICO-PEDAGOGICO V.le Trento e Trieste n 26-56048 - Volterra (PI) - tel. 0588 86055 - fax 0588 90203 ISTITUTO STATALE

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Riepilogo delle regole da rispettare in caso di sciopero che ricada durante gli scrutini di fine anno

Riepilogo delle regole da rispettare in caso di sciopero che ricada durante gli scrutini di fine anno Indicazioni operative per quanto riguarda l adesione allo sciopero proclamato da FLC Cgil, CISL scuola, UIL scuola, SNALS e GILDA per due giornate consecutive in concomitanza con l effettuazione degli

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30 11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI Il settore della PA è tra le priorità dell agenda

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta PIAZZA MUNICIPIO C.F.81000730853 P.IVA. 01556350856 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE (periodo dall 01/01/2011

Dettagli