Anno 7 Numero 32 Ottobre - Novembre - Dicembre 2007

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Anno 7 Numero 32 Ottobre - Novembre - Dicembre 2007"

Transcript

1 Anno 7 Numero 32 Ottobre - Novembre - Dicembre 2007 Tr i m e s t r a l e d i i n f o r m a z i o n e d i A r c o S p e d i z i o n i S p a S O M M A R I O Trend. La sicurezza dell autotrasporto per gemellare l Europa Azienda. Sicurezza e Ambiente ADR. Consulente Sicurezza del Trasporto: Obbligo Relazione Annuale Servizi. Divisione Progetti per la Logistica Integrata Rete. Apre Piacenza, si trasferiscono Como e Pordenone News

2 T R E N D La sicurezza dell autotrasporto per 2 Al via la terza campagna sulla sicurezza stradale, promossa dall Albo degli Autotrasporatori e il patrocinio del Parlamento Europeo. Con il convegno che si è svolto al centro Congressi di Milano Fiera sul tema La tecnologia per la sicurezza: un valore per i costruttori si è celebrato il primo atto della terza Campagna sulla Sicurezza Stradale promossa dall Albo degli Autotrasportatori. Dopo gli ottimi esiti della prima iniziativa Siamo tutti sulla stessa strada e il grande eco del 2006 di TIRispetto, che si concluse con la benedizione di Sua Santità Benedetto XVI in piazza San Pietro, il terzo impegno vanta un importante supporto istituzionale e allarga i confini italiani. Infatti le tappe sono previste a Berlino, Bruxelles, Budapest, Madrid e Praga, oltre a quella già vissuta Milano, e gli altri appuntamenti italiani di Roma e Caserta. I tre attori Moderato dal giornalista Maurizio Caprino de Il Sole 24 ore, l appuntamento milanese è stato aperto dall intervento di Raffaele Maria De Lipsis, Presidente del Comitato Centrale dell Albo Nazionale degli Autotrasportatori che, dopo aver letto un messaggio del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, ha ricordato il grande sforzo prodotto nelle due precedenti edizioni per avviare una ristrutturazione dell impianto di rilevazione dei dati. «La necessità di predisporre di dati omogenei sull incidentalità è uno degli elementi fondamentali per poter avviare un attenta disamina delle cause e dei rimedi - ha ricordato De Lipsis -. La documentazione lacunosa non consente infatti un analisi corretta, mancando gli elementi di conoscenza sui motivi e sui luoghi degli incidenti». «Un dato incontestabile è però la diminuzione della incidentalità negli ultimi anni e, in particolare, il ruolo virtuoso svolto dall autotrasporto che incide solo nel 7% degli incidenti mortali - ha proseguito de Lipsis -.

3 gemellare l Europa Siamo ancora lontani dall obiettivo del 2010 che è quello di dimezzare il numero delle vittime registrate nel 2001, ma la percentuale appena citata è un primo dato confortante e sottolinea come il trasporto professionale faccia la sua parte. Adesso bisogna trasferire questo dato, portarlo a conoscenza dell opinione pubblica e questo è anche uno degli obiettivi che si pone la nuova campagna. Analizzare i dati e i punti critici della viabilità, elevare ulteriormente il livello di responsabilità, far conoscere l impegno di tutto il settore e incrementare l utilizzo della telematica sono i punti qualificanti del progetto pilota che deve avere al centro i tre principali attori: l uomo, il veicolo e l ambiente, inteso come dotazione di infrastrutture». Concetti ribaditi anche nell intervento di Rocco Giordano, coordinatore di tutto il progetto: «sicurezza come consapevolezza degli operatori, sensibilità degli utenti, impegno delle Istituzioni, comunicazione e ricerca. Per la legge sulla incompenetrabilità dei corpi - ha quindi ironizzato -, non si può pensare che delle infrastrutture che sono cresciute pochissimo negli ultimi anni possano sopportare carichi di traffico che invece sono aumentati in maniera esponenziale. È per questo che il sottotitolo di questa campagna, I cavalli della nostra economia, vuole proprio ricordare come l autotrasporto abbia un ruolo fondamentale nello sviluppo del Prodotto Interno Lordo». La tecnologia per la sicurezza Mauro Colombano, ingegnere che opera nell ambito della piattaforma veicoli medi e pesanti Iveco, e Luca Secondini, Responsabile Marketing Mercedes Trucks, hanno quindi portato la testimonianza dei costruttori sullo stato dell arte delle soluzioni tecnologiche sviluppate in termini di sicurezza da parte dei costruttori. «Uno degli obiettivi prioritari - ha ricordato Colombano - è potenziare le soluzioni di prevenzione, passare dalla sicurezza passiva a quella preventiva, integrando le tecnologie disponibili in un sistema coerente. Un esempio di questo è dato dall Iveco Transport Concept, presentato da Iveco lo scorso anno al salone di Hannover. Alle caratteristiche di economia di esercizio abbinava infatti un livello di sicurezza superiore, adottando tutti i dispositivi di sicurezza attiva sui quali Iveco, come gli altri costruttori, ha maturato una significativa esperienza e che oggi offre anche sui veicoli di serie: ESP, dispositivo per il monitoraggio della pressione dei pneumatici; Adaptive Cruise Control di seconda generazione; Lane Warning per evitare i salti di corsia; Active Lane Assistant; Blind Spot Detection sul lato destro e Lane Change Assistant sul lato sinistro grazie all ausilio di telecamera e sensori». La voce delle Associazioni È stata quindi la volta di tre rappresentati delle associazioni di categoria. Franco Coppelli, Presidente CNA FITA, ha ribadito la necessità di aumentare i controlli e di migliorare le infrastrutture: «perché ci si deve sempre confrontare con il mercato e gli autotrasportatori per fare investimenti sulla sicurezza hanno bisogno che il committente riconosca questi costi. È quindi necessario continuare a lavorare sulla riforma dell autotrasporto, perché la sicurezza non la può pagare solo l autotrasportatore, ma tutta la filiera del trasporto». Francesco Del Boca, Presidente Confartigianato Trasporti, ha sostenuto la necessità «che le innovazioni tecnologiche debbano diventare obbligatorie e che rigorosi controlli ne verifichino l adozione. Solo così saranno premiati gli autotrasportatori corretti che ora invece devono fronteggiare una concorrenza sleale che non rispetta le regole sia a livello di preparazione professionale degli autisti, sia di qualità dei veicoli». Paolo Uggé, Presidente FAI, ha infine sottolineato come la sicurezza sia «un valore condiviso solo a parole. La professionalità dell autotrasporto è un messaggio che non passa, l opinione pubblica non lo conosce, ed è invece un dato di fatto incontestabile. Di fronte all aumento del traffico si registra una diminuzione degli incidenti che coinvolgono veicoli pesanti, questo depone indubbiamente a favore della professionalità degli autisti. Se in Francia ogni anno vengono effettuati 11 milioni di controlli, e in Italia solo un milione, vuol dire che il problema sta proprio nella mancanza di rispetto delle regole. La riforma non è stata ancora attuata, e quindi l obiettivo prioritario dovrebbe essere quello di avere una pattuglia per ogni provincia, questo avrebbe certamente delle importanti ricadute in termini di sicurezza». 3

4 A Z I E N D A Sicurezza e Ambiente 4 Sicurezza e Ambiente è il nuovo Ufficio che in Arco Spedizioni ha il compito di sovrintendere alla verifica e implementazione delle normative relative alla sicurezza sul posto di lavoro e al rispetto ambientale. Il tema della sicurezza sul posto di lavoro non è certo secondo per attualità e drammaticità a quello della sicurezza sulla strada. Se a questo si aggiunge l attenzione dell opinione pubblica e del legislatore alle tematiche ambientali, capiamo come il Responsabile del nuovo Ufficio Sicurezza e Ambiente di Arco Spedizioni sia chiamato a un compito impegnativo quanto ricco di responsabilità. La sicurezza L impegno legislativo nei confronti della sicurezza sul posto di lavoro è fatto risalire al Decreto Legislativo n. 626 del 1994, ma in realtà a questo si sommano le norme in vigore precedentemente e tutte quelle varate negli anni successivi. L ufficio Sicurezza e Ambiente è operativo in Arco Spedizioni dallo scorso mese di giugno, il suo Responsabile è stato chiamato proprio per creare un unico riferimento con il compito di gestire le diverse problematiche relative alla sicurezza sul posto di lavoro e al rispetto dell ambiente con cui si deve confrontare ogni moderna azienda. Diversi anni di esperienza presso una società di consulenza specializzata proprio in questi settori hanno fatto maturare al nuovo Responsabile una profonda conoscenza della materia che adesso è a disposizione di Arco Spedizioni e dei suoi clienti. «Il mio primo compito rispetto alla sicurezza degli ambienti di lavoro è stato quello di verificare la conformità alla normativa vigente delle strutture e delle metodologie di lavoro adottate - spiega -. In precedenza i singoli reparti provvedevano in maniera autonoma alla messa a norma dei rispettivi ambiti di lavoro. Unificare questa situazione è un intervento facilitato dalla buona rispondenza dei vari settori alla normativa. Un lavoro di verifica e razionalizzazione a cui

5 si affiancano gli interventi a fronte di nuove problematiche. In ogni caso la metodologia è sempre la medesima: un attenta valutazione dei rischi per le singole operazioni e quindi lo studio degli interventi necessari. Questi ultimi possono essere di varia natura: spesso ci si limita a semplici istruzioni organizzative che incidono sulle sole procedure di lavoro a vari livelli, dall indicazione dell abbigliamento più idoneo, allo studio di una vera e propria metodologia di svolgimento del lavoro nel rispetto delle regole di sicurezza. In altri casi sono invece necessari interventi sostanziali che possono arrivare a modifiche anche strutturali degli immobili; si pensi per esempio alla prevenzione degli incendi per i magazzini a norma ADR. Proprio l attenzione a stoccare le merci in transito nelle condizioni di massima sicurezza, e in piena rispondenza alle norme vigenti, è uno degli impegni più pressanti e prioritari. Un altro aspetto importante della mia figura è quello di costituire un unico referente anche verso l esterno. In altre parole i clienti di Arco Spedizioni che hanno bisogno di chiarimenti o hanno la necessità di dialogare con il proprio trasportatore per chiarire alcuni dubbi, adesso hanno un riferimento preciso che può confrontarsi con la figura corrispondente all interno delle aziende clienti». L ambiente Oltre che un obbligo da parte di tutti gli attori della filiera produttiva, avere maggiore attenzione per l ambiente è anche un dovere civico di tutti i cittadini. «Arco Spedizioni non presenta da questo punto di vista criticità particolari relative a emissioni in atmosfera o acque di scarico - prosegue il Responsabile del nuovo Ufficio -, semmai l emergenza può essere costituita dagli sversamenti di materiale inquinante in caso di incidenti, sulle cui modalità di intervento siamo strettamente legati alle normative ADR in materia. Per il resto la procedura è simile alla precedente: verifica della rispondenza alle norme vigenti e studio della soluzione che consenta di rispondere in maniera efficace e sicura. Ovviamente sia per gli aspetti relativi alle norme di sicurezza che per quelle di natura ambientale il mio intervento si estende anche alla rete delle filiali. In tutto il mondo Arco Spedizioni sotto questi aspetti c è un impegno quotidiano a massimizzare l attenzione e la prevenzione su entrambi i fronti». 5

6 A D R Consulente Sicurezza del Trasporto: 6 Flash Point spiega il nuovo obbligo del Consulente per la Sicurezza del Trasporto: la redazione della Relazione Annuale entro la fine del Il Decreto Legislativo n. 40 del 4 febbraio 2000 ha recepito in Italia la Direttiva 96/35/CE concernente la designazione del Consulente per la Sicurezza dei Trasporti su strada per ferrovia o per via navigabile interna (Dangerous Goods Safety Advisor). Questa nuova disposizione di legge ha imposto importanti e gravosi compiti alla figura professionale del Consulente per la Sicurezza del trasporto di merci pericolose. Infatti, se da un lato la designazione del Consulente è apparsa come una qualificazione professionale importante per i soggetti interessati, dall altro ha rappresentato un ardua prova da superare per chi doveva fare i conti, all interno della propria azienda, con una gestione merci pericolose non completamente conforme alle disposizioni ADR vigenti. Il Consulente deve assolvere i compiti di cui al ADR e, in particolare, redigere, entro il 31 dicembre di ogni anno, una Relazione Annuale destinata alla direzione dell impresa o eventualmente ad un autorità pubblica locale. La Relazione Annuale La redazione della Relazione Annuale è un obbligo derivante dall attività ordinaria del Consulente per la Sicurezza dei trasporti di merci pericolose. La Relazione dovrebbe pertanto contenere le verifiche concernenti almeno le seguenti procedure: 1. Le procedure volte a far rispettare le norme in materia di identificazione delle merci pericolose trasportate, ovvero relative alla segnalazione di pericolo dei colli (etichette e marcature), dei contenitori, container cisterna e dei veicoli (pannelli arancio ed etichette). 2. La segnalazione di pericolo implica che il Consulente abbia verificato la corretta classificazione di pericolosità delle merci trattate dalla sua azienda, indicando quali criteri abbia

7 Obbligo della Relazione Annuale adottato per tale verifica. 3. Le prassi dell impresa all atto dell acquisto dei mezzi di trasporto e di qualsiasi particolare esigenza relativa alle merci pericolose trasportate. 4. Il Consulente deve segnalare perciò ogni eventuale accessorio, attrezzatura o accorgimento tecnico particolare di cui deve essere dotato un veicolo prima del suo acquisto. 5. Le procedure di verifica del materiale utilizzato per il trasporto di merci pericolose o per le operazioni di carico o scarico. Il Consulente deve verificare l idoneità degli imballaggi utilizzati per contenere le merci pericolose (marcatura ONU, requisiti minimi per i colli spediti in quantità limitata, compatibilità del materiale con le merci), dei bancali di legno per la realizzazione di sovraimballaggi, dei materiali di interposizione per effettuare l ammaraggio delle merci in colli all interno dei veicoli ecc. 6. Le modalità e la periodicità di effettuazione dei corsi di formazione diretti al personale aziendale coinvolto nella gestione delle merci pericolose previsti dal capitolo 1.3 dell ADR. 7. Il programma dei corsi deve tenere conto delle esigenze delle varie funzioni e degli operatori interessati; la periodicità dovrà comunque essere almeno biennale parallelamente all aggiornamento degli allegati tecnici dell Accordo ADR. 8. Le procedure di verifica volte a garantire la presenza, a bordo dei mezzi di trasporto, dei documenti e delle attrezzature di sicurezza che devono accompagnare il trasporto e la loro conformità alle normative. 9. Il Consulente deve mettere a punto procedure per l accertamento della presenza degli equipaggiamenti di protezione per l autista ovvero contenuti nelle istruzioni di sicurezza fornite dallo speditore. 10. La documentazione da tenere a bordo del veicolo comprende la patente di guida, il passaporto o la carta di identità in caso di trasporto internazionale, la carta di circolazione del veicolo, l eventuale certificato di approvazione internazionale, la lettera di vettura internazionale (CMR), il documento di trasporto (italiano più altra lingua da scegliere fra inglese, francese o tedesco per trasporti internazionali), le istruzioni di sicurezza (nella lingua conosciuta dall autista, dei Paesi di origine, transito e destino del trasporto). 11. Le procedure d urgenza adeguate agli eventuali incidenti o eventuali imprevisti che possono pregiudicare la sicurezza durante il trasporto di merci pericolose o le operazioni di carico o scarico. 12. Il Consulente deve conoscere, ed eventualmente integrare, i piani di emergenza già disponibili per le aziende che effettuano operazioni di carico o scarico di merci pericolose; deve inoltre redigere delle procedure specifiche nel caso di incidente che si verifichi durante il trasporto su Alcune immagini della sede di Würth Srl a Egna. strada o su ferrovia. 13. Le modalità e la periodicità di effettuazione di verifiche interne (audit) all azienda per valutare lo stato di conformità dell azienda alle disposizioni dell ADR. 14. Il Consulente, la serie ISO 9000 docet, deve predisporre un efficace sistema di auditing per verificare l applicazione delle procedure scritte segnalando le eventuali non conformità e valutando le possibili azioni correttive da adottare. Le procedure scritte, esistenti in virtù o meno di una certificazione del sistema qualità, devono essere comunque verificate ed eventualmente revisionate con cadenza biennale, ovvero integrate nel caso l azienda vada a espletare nuove attività concernenti il trasporto di merci pericolose. Nella revisione delle procedure è auspicabile che il Consulente interagisca efficacemente almeno con il Responsabile dell Assicurazione Qualità, con il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione e, naturalmente, con il Capo dell Impresa che poi, in definitiva, risponde direttamente dell effettiva attuazione nella propria azienda delle procedure redatte dal Consulente. 7

8 S E R V I Z I D i v i s i o n e P r o g e t t i p e r l a 8 La Divisione Progetti è la risposta di Arco Spedizioni alla richiesta di soluzioni mirate sviluppate sulla base delle esigenze del cliente. Creata da oltre un anno per dare risposte mirate alle richieste sempre più specifiche di un mercato del trasporto e della logistica in grande evoluzione, la Divisione Progetti ha sviluppato il proprio intervento in particolare nell ambito dei servizi logistici. Arco Spedizioni aveva colto da tempo queste esigenze del mercato e si era tempestivamente strutturata per fornire risposte mirate a ogni specifica necessità di tutte quelle aziende alla ricerca di un partner a cui affidare, non solo la gestione distributiva delle proprie merci, ma anche quella di deposito delle stesse. Negli ultimi due anni Arco Spedizioni ha quindi investito molte risorse economiche e umane per il potenziamento delle attività di logistica e di deposito, ma mai, come in questo momento, lo sviluppo di questo settore è stato percepito da Arco Spedizioni come imperativo strategico per il futuro dell azienda. A questo proposito la Divisione Progetti è stata ulteriormente potenziata con l inserimento di figure professionali di alto profilo. L obiettivo primario è quello di coordinare un gruppo di professionisti facenti parte della Divisione Depositi e dei settori Patrimonio e Immobili, Ambente e Sicurezza e Commerciale che, lavorando in team, consentano di produrre analisi di fattibilità e progetti chiavi in mano per ogni tipo di esigenza relativa allo stoccaggio e alla gestione delle merci. Fino a poco tempo fa l attività di logistica offerta da Arco Spedizioni era concentrata principalmente presso i due grandi impianti siti in Monza e Bologna-Bentivoglio, oltre che in piccoli depositi easy-dep dislocati presso le 49 Filiali distributive, per un totale complessivo di oltre 100 mila mq di magazzini. Ora la metodologia di intervento è più

9 L o g i s t i c a I n t e g r a t a articolata e parte dalla sistematica analisi dell opportunità di costituire spazi adibiti a deposito caratterizzati da metrature importanti e ubicati in zone limitrofe o meglio ancora adiacenti alle piattaforme distributive consentendo una sinergia operativa tra i servizi distributivi e logistici. Tale sinergia concretizza la risposta Arco Spedizioni alle esigenze di logistica integrata del mercato con il conseguente vantaggio di poter offrire ai propri clienti la completa gestione operativo-informatica del flusso delle loro merci, dal momento in cui vengono affidate e depositate nei magazzini a quando vengono consegnate a destino. La Logistica Integrata Il presupposto del concetto di logistica integrata è rappresentato dalla minimizzazione del costo totale delle attività di gestione dei magazzini e delle scorte viste nel loro complesso garantendo al contempo un elevato livello di servizio. L integrazione delle diverse aree della logistica è dunque un passo necessario che ogni azienda deve fortemente prendere in considerazione sia perché l impatto delle scelte prese in quest ambito hanno importanti ricadute su tutti gli altri settori aziendali, sia perché il potenziale di efficienza insito in una gestione integrata è molto elevato. Questi concetti non possono essere trascurati o sottovalutati nella pianificazione strategica di qualunque azienda che voglia recitare un ruolo da protagonista nel proprio settore. D altro canto ogni azienda ha la primaria esigenza di concentrarsi sul proprio core-business e spesso non ha la capacità, il tempo o i mezzi per affrontare in modo competente ed efficace la complessità delle problematiche di logistica. La soluzione di affidare questa gestione ad un fornitore esterno è dunque un opportunità che ogni azienda deve attentamente valutare al fine di concentrare le proprie risorse unicamente alle proprie attività core ed ottenere vantaggi anche a livello economico (riduzione e variabilizzazione dei costi), finanziario (cessione di asset/personale) e operativo (maggiore qualità ed efficienza). 9

10 R E T E Apre Piacenza, si trasferiscono Como e Pordenone Da gennaio sarà operativa la nuova Filiale nel cuore della Pianura Padana. Traslochi in sedi più grandi e funzionali per gli importanti siti di Como e 10 Pordenone. Quota 50 si avvicina sempre di più. Con l apertura della sede di Piacenza sale infatti a 49 il numero delle Filiali Arco operative, da gennaio, sul territorio nazionale. Ma non si tratta dell unica novità, infatti anche per le sedi di Como e Pordenone ci sono importanti cambiamenti. Piacenza La città emiliana sta diventando un polo logistico di sempre maggiore importanza. La sua posizione strategica, all incrocio tra le Autostrade del Sole e la Torino-Brescia, e l importanza del suo scalo ferroviario, hanno attirato l attenzione di importanti operatori internazionali che vi hanno edificato i loro hub. Basti per tutti l esempio di Ikea, considerata un punto di riferimento per gli arredi ma anche per la sua organizzazione logistica, che ha insediato a Piacenza il suo principale magazzino italiano. Arco finora era presente a Piacenza con un distributore esclusivo ma la necessità di un presidio diretto dell area era sentita da tempo. Finalmente è stato individuata la sede idonea e, dal primo di gennaio 2008, sarà così operativa la Filiale piacentina. L insediamento si sviluppa su un magazzino di 600 mq con otto possibilità di attracco su un fronte e un passo carraio per i furgoni sull altro, una zona uffici e un piazzale in uso esclusivo di altri 500 mq. Strategica anche la posizione, a solo un chilometro dal casello di Piacenza Sud sulla A1, nel cuore della zona industriale della cittadina. La nuova filiale servirà anche la vicina provincia di Cremona e promette di diventare il primo passo per un progetto più ampio che riguarderà tutta questa area. A regime è prevista una linea giornaliera per la sede centrale di Monza. Como e Pordenone La nuova struttura della Filiale comasca è operativa dalla fine di ottobre. Il trasloco è stato dettato dalla necessità di dotarsi di una superficie più ampia, infatti i 1125 mq di magazzino,

11 a cui si aggiungono oltre 200 mq di uffici, portano al raddoppio dello spazio disponibile. Questo consentirà di ampliare notevolmente l attività con uno sviluppo commerciale e attività di raccolta e gestione e non solo servizi distributivi come succedeva finora. La nuova sede si trova a Casnate con Besnate, a pochi chilometri casello autostradale di Fino Mornasco, più lontano dal capoluogo rispetto alla precedente ma meglio inserita nell area industriale della provincia. Si dovrà invece aspettare la fine di dicembre per la piena operatività della nuova sede di Pordenone che trasloca all interno del nuovo Interporto Centro Ingrosso, sorto nella periferia del capoluogo friulano. Si tratta di un investimento con ampie possibilità di sviluppo future, infatti l attuale capannone di 1200 mq dispone di un terreno tale da poter raddoppiare la superficie coperta. N E W S Ospiti al GP di Monza C ome è ormai diventata tradizione, Arco Spedizioni ha invitato all autodromo di Monza i clienti appassionati di Formula 1 e tifosi della Ferrari in occasione del Gran Premio d Italia. Purtroppo la Rossa non ha vissuto una delle sue giornate più brillanti (ma si è rifatta nei GP seguenti ), l occasione è stata comunque piacevole e ha offerto l opportunità per incontrarsi in un ambiente diverso, consolidando il rapporto tra gli ospiti e il management Arco che li ha accompagnati. A Natale dona un sorriso. Grazie, dal COMITATO MARIA LETIZIA VERGA ONLUS - PER LO STUDIO E LA CURA DELLA LEUCEMIA DEL BAMBINO Grazie, da UNICEF, Fondo delle Nazioni Unite per l Infanzia Grazie, dall ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LA RICERCA SUL CANCRO - ONLUS Grazie, da SURVIVAL ORGANIZZAZIONE MONDIALE DI SOSTEGNO AI POPOLI TRIBALI Anche quest anno in occasione del Santo Natale abbiamo trasformato la somma destinata ai regali in una donazione. È un gesto di solidarietà a favore dello studio e della cura della leucemia del bambino, dell organizzazione mondiale per la tutela dei diritti e delle condizioni di vita dell infanzia e dell adolescenza, della ricerca sul cancro e a sostegno della difesa della vita, della protezione delle terre, della determinazione autonoma del futuro dei popoli tribali. Certi che condividete e apprezzate questa scelta, Vi auguriamo Buon Natale e Felice Anno Nuovo. Grazie, da ARCO SPEDIZIONI SPA

12 Sedi Principali: 49 Distributori Esclusivi: 5 Bari-Modugno, S.S. 98 km 79,385, Caserta-Marcianise, via Consortile, Z.I. Asi Sud, Arco Spedizioni Una rete capillare Alessandria-Solero, S.S. 10 km 83,5, Z. I , tel , fax , Ancona, via Varano 334/A, S.P. Cameranense, 60029, tel , fax , Arezzo-Castelfranco di Sopra, loc. Botriolo, 52020, tel , fax , Arezzo-Sansepolcro, via Casa Prato, Z.I. Santa Fiora, 52037, tel , fax , Ascoli Piceno-Monteprandone, CLO Marconi, loc. Sant Anna - pad 7, 63033, tel , fax , Biella-Verrone, S.S. Trossi 31, Reg. Borrianina, 13871, tel , fax , Bologna-Bentivoglio, Interporto blocco 2.2, unità A-B-C, 40010, tel , fax , Bologna-Bentivoglio, Interporto blocco 3.2, unità A-B-C, 40010, tel , fax , Bologna, Arco Logistica Srl, Interporto blocco 4.4, Bentivoglio (Bo), tel , fax , Bolzano-Egna, via Bolzano 56, 39044, tel , fax , Brescia-Roncadelle, via Mattei 21/23, 25030, tel , fax , Catania, contrada Bicocca S.P. 55 s.n., 95100, tel , fax , Como-Casnate, via Socrate 15, 22070, tel , fax , Cuneo-Bra, via Tetti Milanesi 1/B, Fraz. Bandito, 12042, tel , fax , Firenze, via La Malfa 4/6 - Z.I. Osmannoro, 50145, tel , fax , Frosinone, via Vado La Lena 30, 03100, tel , fax , Genova-Bolzaneto, via Bruzzo 20, 16162, tel , fax , Imperia, via Caprile s.n., 18100, tel , fax , La Spezia-S.Stefano di Magra, via Casale, Loc. Vincinella, 19037, tel , fax , Lucca-Capannori, via Pesciatina Fraz. Lunata, 55012, tel , fax , Macerata-Civitanova Marche, Z. I. A Interporto, Via Gobetti - Ed. 2 int. A, 62012, tel , fax , Milano, via Pedroni 15, 20161, tel , fax , Modena, via Mare Adriatico 195, 41100, tel , fax , Monza, via Buonarroti 203, 20052, tel , fax , Monza, via Lorenzetti 15, 20052, tel , fax , Napoli-Casoria, via Capri s.n., Loc. Cittadella, 80026, tel , fax , Padova, 1 Fabbr. Spedizionieri, corso Spagna 8, 35127, tel , fax , Parma, via Ghirarduzzi 1 - Z.I. Moletolo, 43100, tel , fax , Pavia-Garlasco, via Edison snc, 27026, tel , fax , Perugia, via Piermarini 8/10 - Z.I. S.Andrea delle Fratte, 06132, tel , fax , Pescara, via Salaria Vecchia 138, 65100, tel , fax , Piacenza, via Liguria 13, 29100, Pordenone, Interporto Centro Ingrosso - Settore G/5, 33170, Ravenna-Bagnacavallo, via Ca del Vento 22, 48012, tel , fax , Rimini-Sant Arcangelo, via Trasversale Marecchia 777, 47900, Roma, via Pieve Torina ang. via Scorticabove, 00156, tel , fax , Roma-Pomezia, via Pontina km , 00040, tel , fax , Rovigo, via delle Industrie 55 - U.I. 5, 45100, tel , fax , Savona-Quiliano, via Privata Briano sns,17047, tel , fax , Terni, via Vanzetti 41, 05100, Torino, Interporto S.I. TO, Sett. Nord - X Strada 40/B - tang. Sud km , 10100, tel , fax , Torino, Interporto S.I. TO, Sett. Nord - X Strada 48 - tang. Sud km , 10100, tel , fax , Trento-Gardolo, Interporto Doganale di Trento - Loc. Roncafort - via Innsbruck 20, 38014, tel , fax , Treviso, via Dei Da Prata 1, 31100, tel , fax , Trieste, via Valmaura 14, 34100, tel , fax , Udine-Campoformido, via Cussignacco 150, 33030, tel , fax , Varese-Gallarate, via Vaschi 15, 21013, tel , fax , Venezia, via Malcontenta 26 int. 3, Loc. Marghera Malcontenta, 30030, tel , fax , Verona-Lugagnano di Sona, via dell Industria 30, 37060, tel , fax , Verona-Sommacampagna, via Edison 23, Loc. Caselle, 37066, tel , fax , Vicenza-Altavilla Vicentina, via Olmo 43, 36077, tel , fax , Cremona-Monticelli D Ongina, via Di Vittorio 7/9 Palermo-Carini, via Don Milani 19/21, Pesaro-Fano, via dei Platani 2, Arco Spedizioni Spa - via Buonarroti 203, Monza (Mi) tel fax

Anno 8 Numero 33 GENNAIO - FEBBRAIO - MARZO 2008. Trimestrale di informazione di Arco Spedizioni Spa

Anno 8 Numero 33 GENNAIO - FEBBRAIO - MARZO 2008. Trimestrale di informazione di Arco Spedizioni Spa Anno 8 Numero 33 GENNAIO - FEBBRAIO - MARZO 2008 Trimestrale di informazione di Arco Spedizioni Spa SOMMARIO Trend. Com è cambiata la responsabilità per i danni alla merce Servizi. Una Divisione per le

Dettagli

Periodico di informazione di Arco Spedizioni Spa

Periodico di informazione di Arco Spedizioni Spa Anno 9 Numero 38 SPECIALE NATALE 2009 Periodico di informazione di Arco Spedizioni Spa SOMMARIO Trend. L Autotrasporto motore della ripresa Rete. Sempre più fitta ed efficiente Rete. 60 Filiali in tutta

Dettagli

Anno 10 Numero 39 GENNAIO - APRILE 2010. Periodico di informazione di Arco Spedizioni Spa

Anno 10 Numero 39 GENNAIO - APRILE 2010. Periodico di informazione di Arco Spedizioni Spa Anno 10 Numero 39 GENNAIO - APRILE 2010 Periodico di informazione di Arco Spedizioni Spa SOMMARIO Trend. La scommessa dell Ultimo miglio Servizi. I plus dei Servizi Espresso Rete. Tra logistica e spedizioni

Dettagli

Anno 7 Numero 30 Aprile - Maggio - Giugno 2007

Anno 7 Numero 30 Aprile - Maggio - Giugno 2007 Anno 7 Numero 30 Aprile - Maggio - Giugno 2007 Tr i m e s t r a l e d i i n f o r m a z i o n e d i A r c o S p e d i z i o n i S p a S O M M A R I O Trend. Gli ITS per la mobilità delle merci Azienda.

Dettagli

S O M M A R I O. Anno 6 Numero 26 Aprile - Maggio - Giugno 2006

S O M M A R I O. Anno 6 Numero 26 Aprile - Maggio - Giugno 2006 Anno 6 Numero 26 Aprile - Maggio - Giugno 2006 Tr i m e s t r a l e d i i n f o r m a z i o n e d i A r c o S p e d i z i o n i S p a S O M M A R I O Trend. Dal Transpotec verso il futuro Azienda. La forza

Dettagli

Anno 10 Numero 40 MAGGIO - AGOSTO 2010. Periodico di informazione di Arco Spedizioni Spa

Anno 10 Numero 40 MAGGIO - AGOSTO 2010. Periodico di informazione di Arco Spedizioni Spa Anno 10 Numero 40 MAGGIO - AGOSTO 2010 Periodico di informazione di Arco Spedizioni Spa SOMMARIO Trend. Trasporto su gomma e Logistica, luci e ombre Servizi. Nuovo sito Arco: un vero portale Rete. 2010,

Dettagli

INTERPORTO DI BOLOGNA Moves the global logistics

INTERPORTO DI BOLOGNA Moves the global logistics INTERPORTO DI BOLOGNA Moves the global logistics La società Interporto Bologna Spa gestisce dal 1971 l Interporto di Bologna, una delle piattaforme logistiche ed intermodali più grandi in Europa. L Interporto

Dettagli

Anno 5 Numero 21 Gennaio - Febbraio - Marzo 2005

Anno 5 Numero 21 Gennaio - Febbraio - Marzo 2005 Anno 5 Numero 21 Gennaio - Febbraio - Marzo 2005 Tr i m e s t r a l e d i i n f o r m a z i o n e d i A r c o S p e d i z i o n i S p a S O M M A R I O Le responsabilità del committente e del vettore secondo

Dettagli

Programma ELISA - Proposta progettuale

Programma ELISA - Proposta progettuale MACRO DESCRIZIONE DEL PROGETTO In Italia l utilizzo integrato di tecnologie informatiche e telematiche nel mondo dei trasporti ha consentito, nel corso degli ultimi anni, di sviluppare sistemi per il monitoraggio

Dettagli

Gli operatori nel trasporto di merci pericolose e la sicurezza

Gli operatori nel trasporto di merci pericolose e la sicurezza Gli operatori nel trasporto di merci pericolose e la sicurezza Dott. Ing. Alfonso Simoni Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Direzione Generale per la Motorizzazione Il quadro legislativo nel

Dettagli

Priorità per i Trasporti e la Logistica

Priorità per i Trasporti e la Logistica Priorità per i Trasporti e la Logistica Audizione presso Comitato Scientifico Consulta Generale per l Autotrasporto e la Logistica Sommario Premessa: le Linee Guida del Piano per la Logistica... 2 Descrizione

Dettagli

2014 Profilo aziendale

2014 Profilo aziendale Profilo aziendale 2014 Il gruppo Interporto gestisce oggi una delle infrastrutture logistiche e intermodali più grandi in Europa, 1971 2014 piattaforma sostenibile di una logistica innovativa e globale

Dettagli

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE Brugherio, 20 gennaio 2015 piomboleghe srl via eratostene, 1-20861 brugherio (mb) tel. 039289561, fax. 039880244 info@piomboleghe.it www.piomboleghe.it cap. soc. 1.300.000,00

Dettagli

L impatto del settore trasporti sui cambiamenti climatici ed il ruolo della Regione Emilia-Romagna a favore della mobilità sostenibile

L impatto del settore trasporti sui cambiamenti climatici ed il ruolo della Regione Emilia-Romagna a favore della mobilità sostenibile Direzione Generale Reti infrastrutturali, Logistica e Sistemi di mobilità L impatto del settore trasporti sui cambiamenti climatici ed il ruolo della Regione Emilia-Romagna a favore della mobilità sostenibile

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 11

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 11 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ITALIA POPOLAZIONE Cose da sapere VOLUME 1 CAPITOLO 11 A. Le idee importanti l L Italia è uno Stato con 20 regioni e 103 province l In Italia ci sono molte città. Le

Dettagli

IL SISTEMA INFRASTRUTTURALE E LOGISTICO VENETO. Criticità e potenzialità per una maggiore competitività delle imprese e del territorio

IL SISTEMA INFRASTRUTTURALE E LOGISTICO VENETO. Criticità e potenzialità per una maggiore competitività delle imprese e del territorio IL SISTEMA INFRASTRUTTURALE E LOGISTICO VENETO Criticità e potenzialità per una maggiore competitività delle imprese e del territorio Verona, 28 Febbraio 2011 Sommario La dotazione infrastrutturale attuale:

Dettagli

Le infrastrutture ferroviarie del Nord Est

Le infrastrutture ferroviarie del Nord Est Le infrastrutture ferroviarie del Nord Est Grazie agli interventi di potenziamento infrastrutturale e di ammodernamento tecnologico delle linee ferroviarie del Nord Est portati a termine negli ultimi anni

Dettagli

AUTOTRASPORTO Professionalità & Sicurezza Giornata di Studio del 18 gennaio 2003 organizzata dalla Provincia di Roma

AUTOTRASPORTO Professionalità & Sicurezza Giornata di Studio del 18 gennaio 2003 organizzata dalla Provincia di Roma AUTOTRASPORTO Professionalità & Sicurezza Giornata di Studio del 18 gennaio 2003 organizzata dalla Provincia di Roma Relazione di MARIO TERRA Presidente Confcooperative Roma Gli argomenti ad oggetto di

Dettagli

Interporto della Toscana Centrale Piano di Ampliamento

Interporto della Toscana Centrale Piano di Ampliamento Interporto della Toscana Centrale Piano di Ampliamento Information Memorandum Strettamente privato & confidenziale Novembre 2012 Con la consulenza fornita da: Indice & Disclaimer 1. Finalità della presentazione

Dettagli

IL TERZO POLO VENETO DELLA LOGISTICA. Risultati ottenuti e prospettive future. Portogruaro, 28/10/2014

IL TERZO POLO VENETO DELLA LOGISTICA. Risultati ottenuti e prospettive future. Portogruaro, 28/10/2014 IL TERZO POLO VENETO DELLA LOGISTICA. Risultati ottenuti e prospettive future Portogruaro, 8//4 LA CRONISTORIA Protocollo d intesa 3 4 dicembre Protocollo d intesa finalizzato alla stesura di una proposta

Dettagli

Eraldo Sanna Passino Delegato per il personale Guido Croci Direttore amministrativo. Organizzazione dei servizi di supporto alla didattica

Eraldo Sanna Passino Delegato per il personale Guido Croci Direttore amministrativo. Organizzazione dei servizi di supporto alla didattica Eraldo Sanna Passino Delegato per il personale Guido Croci Direttore amministrativo Organizzazione dei servizi di supporto alla didattica Premessa: il contesto di riferimento Il decreto ministeriale 270/2004

Dettagli

Progetto Percorsi sicuri casa-scuola Schema per la redazione della Relazione finale

Progetto Percorsi sicuri casa-scuola Schema per la redazione della Relazione finale Progetto Percorsi sicuri casa-scuola Schema per la redazione della Relazione finale A. PARTE DESCRITTIVA Si richiede la conferma / aggiornamento dei dati riportati nelle analoghe caselle della scheda di

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PROCEDURA OPERATIVA: RISCHIO VIABILITA E TRASPORTI Versione 1.0 del 05.03.2013 Redazione a cura di: Corpo Polizia Municipale Reno-Galliera GENERALITA 2.4 - Incidenti

Dettagli

LO SPECIALISTA DEL TRATTAMENTO MERCI

LO SPECIALISTA DEL TRATTAMENTO MERCI LO SPECIALISTA DEL TRATTAMENTO MERCI DAL 2000, IMPORTANTE SNODO PRODUTTIVO DEL TERRITORIO RAVENNATE CONSAR LOGISTICI CONSAR servizi logistici è un operatore logistico attivo in tutti i segmenti della movimentazione

Dettagli

6 - Interventi e indicatori di risposta

6 - Interventi e indicatori di risposta 6 - Interventi e indicatori di risposta 6.1 Gli adempimenti previsti dalla legislazione Tra le azioni attuate dal Comune di Padova in risposta a precise disposizioni di legge in materia di inquinamento

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL PIANO DI A22 PER L'ESODO ESTIVO 2015

PRESENTAZIONE DEL PIANO DI A22 PER L'ESODO ESTIVO 2015 PRESENTAZIONE DEL PIANO DI A22 PER L'ESODO ESTIVO 2015 Attività, assistenza, informazione e servizi per incrementare l efficienza dell arteria e affrontare l esodo estivo. Stop a cantieri e TIR. Trento,

Dettagli

PROGETTO ARIANNA ANNUALITA 2008-2009

PROGETTO ARIANNA ANNUALITA 2008-2009 PROGETTO ARIANNA ANNUALITA 2008-2009 Bando di gara Attivazione di una Rete nazionale Antiviolenza e organizzazione e gestione di un servizio di call center mediante attivazione di un numero verde sperimentale

Dettagli

LA LOGISTICA AD ALTO VALORE AGGIUNTO SPINGE LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA TERRITORIALE PIACENTINO (estratto)

LA LOGISTICA AD ALTO VALORE AGGIUNTO SPINGE LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA TERRITORIALE PIACENTINO (estratto) LA LOGISTICA AD ALTO VALORE AGGIUNTO SPINGE LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA TERRITORIALE PIACENTINO (estratto) NOTA: Il presente documento è un estratto di uno studio effettuato dalla sede piacentina di ITL.

Dettagli

L anno 2009, il giorno 14 del mese di luglio, in Roma, nella sede del Presidenza del Consiglio dei Ministri sono presenti:

L anno 2009, il giorno 14 del mese di luglio, in Roma, nella sede del Presidenza del Consiglio dei Ministri sono presenti: PROTOCOLLO D INTESA TRA IL MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA, E IL MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI, DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI, LA NAVIGAZIONE ED I SISTEMI INFORMATIVI

Dettagli

The advanced logistics and intermodal system of the Northeast. Il sistema avanzato di logistica integrata. Your Ideal Logistics Provider

The advanced logistics and intermodal system of the Northeast. Il sistema avanzato di logistica integrata. Your Ideal Logistics Provider The advanced logistics and intermodal system of the Northeast Il sistema avanzato di logistica integrata Your Ideal Logistics Provider INTERPORTO PADOVA Interporto Padova S.p.A. è una società costituita

Dettagli

Città di Torino. Logistica urbana e distribuzione delle merci: il Progetto PUMAS

Città di Torino. Logistica urbana e distribuzione delle merci: il Progetto PUMAS Città di Torino Logistica urbana e distribuzione delle merci: il Progetto PUMAS Intermodalità e logistica: il Nord Ovest piattaforma fra Italia e Europa Il trasporto delle merci è il trasferimento di beni

Dettagli

L utilizzo dei sistemi informativi avanzati come. strumento innovativo nelle attività dell ingegneria di

L utilizzo dei sistemi informativi avanzati come. strumento innovativo nelle attività dell ingegneria di L utilizzo dei sistemi informativi avanzati come strumento innovativo nelle attività dell ingegneria di manutenzione Autori: C. Bianco L. Bordoni ATM S.p.A. Divisione metropolitana Parlare di trasporto

Dettagli

Progetti strategici per il Territorio Snodo di Jesi Messa in sicurezza e riqualificazione SS76

Progetti strategici per il Territorio Snodo di Jesi Messa in sicurezza e riqualificazione SS76 Progetti strategici per il Territorio Snodo di Jesi Enrico Pastori TAVOLO TECNICO ALLARGATO Jesi, 19 novembre 2009 Indice della presentazione Stato di fatto Obiettivi del progetto Descrizione del progetto

Dettagli

Progetto ACI per il Sociale

Progetto ACI per il Sociale Progetto ACI per il Sociale Iniziative sperimentali realizzate dall Automobile Club d Italia a favore delle fasce deboli della mobilità (Lucia Vecere) Finalità del Progetto Dare attuazione alla missione

Dettagli

Infrastrutture portuali. Infrastrutture di collegamento e trasporti del porto con il retroterra. Le infrastrutture a condotta.

Infrastrutture portuali. Infrastrutture di collegamento e trasporti del porto con il retroterra. Le infrastrutture a condotta. Il porto è il futuro di Trieste Il ritorno della cultura marinara per i traffici di Nordest ed Europa centrale. Intervento introduttivo di Mario Goliani Innanzitutto rivolgo un ringraziamento agli Ordini

Dettagli

INDICE pag. 01. 1.1.) Le infrastrutture pag. 02. 1.2.) Le previsioni del P.R.G. pag. 03

INDICE pag. 01. 1.1.) Le infrastrutture pag. 02. 1.2.) Le previsioni del P.R.G. pag. 03 INDICE pag. 01 1.) Le infrastrutture e le previsioni del P.R.G. pag. 02 1.1.) Le infrastrutture pag. 02 1.2.) Le previsioni del P.R.G. pag. 03 2.) Gli effetti delle previsioni della Variante al P.R.G.

Dettagli

POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATA POLITICA PER LA QUALITÀ E PER LA SICUREZZA

POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATA POLITICA PER LA QUALITÀ E PER LA SICUREZZA POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATA POLITICA PER LA QUALITÀ E PER LA SICUREZZA 01.04 La Politica per la Qualità e per la salute e sicurezza sui luoghi di lavoro definita dalla Direzione contiene

Dettagli

Sicurezza e durabilità delle opere: l intesa tra Regione Piemonte e ATECAP

Sicurezza e durabilità delle opere: l intesa tra Regione Piemonte e ATECAP In Concreto n 103 Calcestruzzo di Qualità Sicurezza e durabilità delle opere: l intesa tra Regione Piemonte e ATECAP Davide Ruggeri Qualificazione 34 Figura 1 Il Predidente dell Atecap, Silvio Sarno e

Dettagli

IL NUOVO PIANO NAZIONALE DELLA LOGISTICA 2011-2020: EFFETTI SUL TERRITORIO EMILIANO-ROMAGNOLO. Modena, 4 aprile 2011

IL NUOVO PIANO NAZIONALE DELLA LOGISTICA 2011-2020: EFFETTI SUL TERRITORIO EMILIANO-ROMAGNOLO. Modena, 4 aprile 2011 IL NUOVO PIANO NAZIONALE DELLA LOGISTICA 2011-2020: EFFETTI SUL TERRITORIO EMILIANO-ROMAGNOLO Modena, 4 aprile 2011 1 PIANO NAZIONALE DELLA LOGISTICA Strumento per la Competitività del Paese In un paese

Dettagli

Gam Edit: la prima litografia a basso impatto ambientale

Gam Edit: la prima litografia a basso impatto ambientale Gam Edit: la prima litografia a basso impatto ambientale La sostenibilità lungo tutta la filiera: una nuova sfida per le aziende eticamente all avanguardia 14 Maggio 2012 Chi siamo: una PMI Dipendenti:

Dettagli

EUROFRIGO VERNATE. Logistica integrata del freddo

EUROFRIGO VERNATE. Logistica integrata del freddo Logistica integrata del freddo EUROFRIGO VERNATE Via Sitia Yomo, 10-20080 Vernate (MI) - Tel. +39 02.9054685 - Fax +39 02.90091211 Web: www.eurofrigovernate.com - E-mail: info@eurofrigovernate.com L AZIENDA

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio DIREZIONE GENERALE PER LA SALVAGUARDIA AMBIENTALE LA STRADA PER KYOTO

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio DIREZIONE GENERALE PER LA SALVAGUARDIA AMBIENTALE LA STRADA PER KYOTO Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio DIREZIONE GENERALE PER LA SALVAGUARDIA AMBIENTALE Roma, 16-17 febbraio 2006 XVII CONVEGNO TECNICO ACI LA STRADA PER KYOTO Ing. Bruno Agricola Direttore

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO ITALIA - SLOVENIA

PROGRAMMA OPERATIVO ITALIA - SLOVENIA PROGRAMMA OPERATIVO ITALIA - SLOVENIA Finalità: Obiettivo generale Rafforzare l attrattività e la competitività dell area-programma ASSI PRIORITARIE 1 Ambiente, trasporti e integrazione territoriale sostenibile

Dettagli

ALLEGATO 3 SETTORE: LOGISTICA E TRASPORTI AREE PROFESSIONALI: LOGISTICA INDUSTRIALE E DI SERVIZIO, DEL TRASPORTO E SPEDIZIONE

ALLEGATO 3 SETTORE: LOGISTICA E TRASPORTI AREE PROFESSIONALI: LOGISTICA INDUSTRIALE E DI SERVIZIO, DEL TRASPORTO E SPEDIZIONE ALLEGATO 3 SETTORE: LOGISTICA E TRASPORTI AREE PROFESSIONALI: LOGISTICA INDUSTRIALE E DI SERVIZIO, DEL TRASPORTO E SPEDIZIONE 1 AREA PROFESSIONALE LOGISTICA INDUSTRIALE E DI SERVIZIO, DEL TRASPORTO E SPEDIZIONE

Dettagli

Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Cod. ISTAT INT 00012 AREA: Ambiente e Territorio Settore di interesse: Ambiente Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Titolare: Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso

Dettagli

EDIZIONE 2013 INDICE

EDIZIONE 2013 INDICE S.E.A.C. CARTA DEI SERVIZI Pag. 1 di 17 EDIZIONE 2013 INDICE INTRODUZIONE... 2 PRESENTAZIONE DELLA SOCIETA... 3 QUALITA DEL SERVIZIO E RISPETTO DELL AMBIENTE... 3 Rete e copertura oraria... 4 Facilità

Dettagli

IL BILANCIO DEL PTCP DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA E LE POLITICHE DI SVILUPPO URBANO Bologna, 15 maggio 2013

IL BILANCIO DEL PTCP DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA E LE POLITICHE DI SVILUPPO URBANO Bologna, 15 maggio 2013 IL BILANCIO DEL PTCP DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA E LE POLITICHE DI SVILUPPO URBANO Bologna, 15 maggio 2013 3 area logistica 1.165.000 m 2 Futura espansione 1 area logistica 1.380.000 m 2 Corrieri e magazzini

Dettagli

Una Piattaforma Logistica per Il Nord-Ovest

Una Piattaforma Logistica per Il Nord-Ovest Comitato Regionale Giovani Imprenditori Confindustria Liguria Comitato Regionale Giovani Imprenditori Confindustria Lombardia Federazione Regionale Gruppi Giovani Imprenditori Confindustria Piemonte Una

Dettagli

www.prologis.com ITALIA

www.prologis.com ITALIA www.prologis.com ITALIA PROLOGIS IN ITALIA Anagni... p.04-05 Arena Po... p.06-07 Bologna - Castel San Pietro Terme... p.08-09 Bologna - Interporto... p.10-11 Castel San Giovanni... p.12-13 Cortemaggiore...

Dettagli

Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano

Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano A cura dell Area Professionale Statistica L Automobile Club d Italia produce ormai da molti anni la pubblicazione Localizzazione degli Incidenti

Dettagli

SULLA STRADA PER LA SICUREZZA PROGETTO DELLA PROVINCIA DI PORDENONE IN ATTUAZIONE DELLA L.R. N. 9/2008

SULLA STRADA PER LA SICUREZZA PROGETTO DELLA PROVINCIA DI PORDENONE IN ATTUAZIONE DELLA L.R. N. 9/2008 Allegato Atto G.P. N.184 del 25/09/2008 SULLA STRADA PER LA SICUREZZA PROGETTO DELLA PROVINCIA DI PORDENONE IN ATTUAZIONE DELLA L.R. N. 9/2008 Il Programma d azione europeo per la sicurezza stradale mette

Dettagli

Pur in presenza della crisi economica Nordiconad continua a crescere ed a investire

Pur in presenza della crisi economica Nordiconad continua a crescere ed a investire Comunicato stampa Pur in presenza della crisi economica Nordiconad continua a crescere ed a investire Il bilancio consuntivo 2013 Nordiconad è una delle otto cooperative associate a Conad ed è presente

Dettagli

Progetto MO.S.T. - MObilità Sostenibile a Tirana -

Progetto MO.S.T. - MObilità Sostenibile a Tirana - Progetto MO.S.T. - MObilità Sostenibile a Tirana - SICUREZZA STRADALE Politiche ed esperienze europee a confronto Bari, 11 luglio 2008 www.progettomost.org SINTESI DEL PROGETTO MO.S.T. www.progettomost.org

Dettagli

Progetto DESTINATION

Progetto DESTINATION CONFERENZA FINALE Progetto DESTINATION TORINO 5 FEBBRAIO 2014 UNA RETE PER IL MONITORAGGIO DEL TRASPORTO DELLE MERCI PERICOLOSE SU STRADA Fabio Borghetti Politecnico di Milano Luca Bonura 5T S.r.l. I collaboratori

Dettagli

Croce Verde Ambiente

Croce Verde Ambiente Croce Verde Ambiente NETWORK NAZIONALE DI PRONTO INTERVENTO ANTINQUINAMENTO INDUSTRIALE - STRADALE - ACQUEO - GEOLOGICO Dislocate in ogni provincia italiana, rappresentano l'unico e vero "braccio operativo"

Dettagli

Arianna. Attivazione Rete nazionale antiviolenza

Arianna. Attivazione Rete nazionale antiviolenza Arianna Attivazione Rete nazionale antiviolenza Il progetto sperimentale Arianna Si propone come azione di sistema volta a fornire un servizio nazionale di accoglienza telefonica alle donne vittime di

Dettagli

Corriere Espresso Colli. Corriere Espresso Pallet. Distribuzione. Fashion Service. Logistica Integrata. Trasporto Combinato

Corriere Espresso Colli. Corriere Espresso Pallet. Distribuzione. Fashion Service. Logistica Integrata. Trasporto Combinato Corriere Espresso Colli Smyb effettua ritiro e consegna di colli senza limite di peso, in 24/48h, su tutto il territorio nazionale con controllo spedizioni via Track & Trace. Corriere Espresso Pallet Il

Dettagli

Breve sintesi - 2012

Breve sintesi - 2012 Breve sintesi - 2012 L Italia e l Europa nel 2012 Nel 2010 l Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha proclamato un nuovo decennio di iniziative per la Sicurezza Stradale 2011-2020 al fine di ridurre

Dettagli

SPEDIRE MATERIALE RADIOATTIVO. di Franco CIOCE

SPEDIRE MATERIALE RADIOATTIVO. di Franco CIOCE SPEDIRE MATERIALE RADIOATTIVO. di Franco CIOCE Consulente ADR per il trasporto di merci pericolose Esperto Qualificato - Università degli Studi della Tuscia di Viterbo Premessa La scelta di utilizzare

Dettagli

Camera di Commercio di Como 6^ Giornata dell Economia

Camera di Commercio di Como 6^ Giornata dell Economia Camera di Commercio di Como 6^ Giornata dell Economia Rapporto sulle infrastrutture: la Provincia di Como ponte per lo sviluppo in Europa Prof. Rocco Giordano Como, 15 Maggio 2008 1 DAI TRASPORTI ALLA

Dettagli

AREA PROFESSIONALE TECNICO DELLA LOGISTICA INDUSTRIALE TECNICO DI SPEDIZIONE, TRASPORTO E LOGISTICA. pag. 1

AREA PROFESSIONALE TECNICO DELLA LOGISTICA INDUSTRIALE TECNICO DI SPEDIZIONE, TRASPORTO E LOGISTICA. pag. 1 Regione Siciliana Assessorato regionale al Lavoro Previdenza Sociale, Formazione Professionale ed Emigrazione REPERTORIO REGIONALE DEI PROFILI PROFESSIONALI E FORMATIVI AREA PROFESSIONALE LOGISTICA INDUSTRIALE,

Dettagli

NEST Network Eur Netw opeo Servizi e T ork Eur r opeo Servizi e T asporto r

NEST Network Eur Netw opeo Servizi e T ork Eur r opeo Servizi e T asporto r NEST Network Europeo Servizi e Trasporto NEST, logistica a 360 gradi NEST (acronimo di: Network Europeo Servizi e Trasporto) si fonda sulla sottoscrizione di un Contratto di Rete d Imprese e si propone

Dettagli

ADDESTRAMENTO. Accredited School

ADDESTRAMENTO. Accredited School 1 ADDESTRAMENTO Accredited School Tutte le normative che disciplinano il trasporto di merci pericolose, per aereo, strada e mare, impongono oramai che tutto il personale coinvolto nelle spedizioni di dette

Dettagli

LA REGISTRAZIONE EMAS APPLICATA AD UN IMPIANTO DI RECUPERO DI RIFIUTI INERTI: BILANCIO DI 12 ANNI DI ATTIVITÀ Dott. Roberto Marsicola RIME 1 srl

LA REGISTRAZIONE EMAS APPLICATA AD UN IMPIANTO DI RECUPERO DI RIFIUTI INERTI: BILANCIO DI 12 ANNI DI ATTIVITÀ Dott. Roberto Marsicola RIME 1 srl LA REGISTRAZIONE EMAS APPLICATA AD UN IMPIANTO DI RECUPERO DI RIFIUTI INERTI: BILANCIO DI 12 ANNI DI ATTIVITÀ Dott. Roberto Marsicola RIME 1 srl IL SITO E LE ATTIVITÀ La RIME 1 è una società che svolge

Dettagli

Giorgio Colato Vice Presidente Comitato Centrale Albo

Giorgio Colato Vice Presidente Comitato Centrale Albo Comitato Centrale per l Albo degli autotrasportatori Giorgio Colato Vice Presidente Comitato Centrale Albo Vadena(Bz), 24 maggio 2008 Centro Guida Sicura Safety Park L autotrasporto e la sua riforma. Funzione

Dettagli

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 20 gennaio 2009 INDICE Sezione Contenuto 1. Il programma Responsible Care: scopo e campo di applicazione

Dettagli

Lettera Circolare Prot. DCPST/A4/RS/ 3600 Roma, 20 dicembre 2005. Ai Comandi Provinciali dei Vigili del Fuoco. e, per conoscenza:

Lettera Circolare Prot. DCPST/A4/RS/ 3600 Roma, 20 dicembre 2005. Ai Comandi Provinciali dei Vigili del Fuoco. e, per conoscenza: Lettera Circolare Prot. DCPST/A4/RS/ 3600 Roma, 20 dicembre 2005 Alle Direzioni Regionali ed Interregionali dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile LORO SEDI Ai Comandi Provinciali

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

FIDEL S.r.l. Transport & Logistics

FIDEL S.r.l. Transport & Logistics La è nata con la finalità di riunire le esperienze più che ventennali della FI.DEL TRASPORTI S.r.l. e della LAGOON TRANSPORT S.r.l., nel campo delll autotrasporto conto terzi e della logistica, in un unica

Dettagli

TERMINAL CONTAINER A VOLTRI

TERMINAL CONTAINER A VOLTRI TERMINAL CONTAINER A VOLTRI Il terminal Voltri Terminal Europa di Genova-Voltri, entrato recentemente nel pieno della sua operatività, rappresenta il classico esempio di terminale marittimo creato ex novo,

Dettagli

IL FACILITY MANAGEMENT IN ITALIA IL MERCATO PUBBLICO, IL MERCATO PRIVATO La domanda e l offerta di servizi di FM dentro e oltre la crisi

IL FACILITY MANAGEMENT IN ITALIA IL MERCATO PUBBLICO, IL MERCATO PRIVATO La domanda e l offerta di servizi di FM dentro e oltre la crisi IL FACILITY MANAGEMENT IN ITALIA IL MERCATO PUBBLICO, IL MERCATO PRIVATO La domanda e l offerta di servizi di FM dentro e oltre la crisi FM INNOVATION IN 60 MINUTI: UN REPERTORIO DI ESPERIENZE ED IDEE

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute PROTOCOLLO D'INTESA TRA IL MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA Direzione Centrale per la Polizia Stradale, Ferroviaria, delle Comunicazioni e per i Reparti Speciali della Polizia

Dettagli

1. La Società. 2. L evoluzione operativa. 3. Possibili sviluppi strategici

1. La Società. 2. L evoluzione operativa. 3. Possibili sviluppi strategici 1. La Società 2. L evoluzione operativa 3. Possibili sviluppi strategici Novara, 13.1.2010 1. La Società CIM spa realizza e gestisce l Interporto di Novara. Secondo la definizione che ne dà la Legge 240/1990

Dettagli

Industria 2015 Mobilita Sostenibile

Industria 2015 Mobilita Sostenibile SLIMPort Sicurezza, Logistica ed InterModalita Portuale Genova, 5 novembre 2009 Industria 2015 Mobilita Sostenibile Il Programma Industria 2015 del Ministero dello Sviluppo Economico, varato dal Governo

Dettagli

Sala Falck Assolombarda 30 gennaio 2006

Sala Falck Assolombarda 30 gennaio 2006 Sala Falck Assolombarda 30 gennaio 2006 Convegno LA SICUREZZA NEL TRASPORTO DELLE MERCI PERICOLOSE Intervento Francesco Carpinteri Capo Ufficio Sicurezza della Navigazione Comando Generale del Corpo della

Dettagli

Gruppo Bureau Veritas

Gruppo Bureau Veritas Gruppo Bureau Veritas Bureau Veritas in sintesi Nato nel 1828 Leader a livello globale per i servizi di verifica di conformità nell ambito della Qualità, Salute e Sicurezza, Ambiente e Responsabilità Sociale

Dettagli

Piano Strategico Aree Gioco Urbane RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Piano Strategico Aree Gioco Urbane RELAZIONE ILLUSTRATIVA Piano Strategico Aree Gioco Urbane RELAZIONE ILLUSTRATIVA PROGETTO DEFINITIVO Ottobre 2009 Coordinamento progettuale Laboratorio Città Sostenibile Pier Giorgio Turi Responsabile Settore Gestione Verde

Dettagli

FRIULANA COSTRUZIONI S.R.L.

FRIULANA COSTRUZIONI S.R.L. REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Direzione centrale ambiente e lavori pubblici Servizio tutela da inquinamento atmosferico, acustico e ambientale Via Giulia, 75 34126 TRIESTE (TS) FRIULANA COSTRUZIONI

Dettagli

EUROPEAN SEA PORTS ORGANISATION ASBL/VZW ORGANISATION DES PORTS MARITIMES EUROPEENS ASBL/VZW

EUROPEAN SEA PORTS ORGANISATION ASBL/VZW ORGANISATION DES PORTS MARITIMES EUROPEENS ASBL/VZW Traduzione informale a cura di ASSOPORTI EUROPEAN SEA PORTS ORGANISATION ASBL/VZW ORGANISATION DES PORTS MARITIMES EUROPEENS ASBL/VZW CE 2010 Consultazione sulla futura politica delle Reti Transeuropee

Dettagli

dove siamo L ottima posizione strategica facilmente raggiungibile da qualsiasi direzione

dove siamo L ottima posizione strategica facilmente raggiungibile da qualsiasi direzione i numeri del CAAR Superficie: estensione 17 ettari Aree coperte: mq. 45.000 Viabilità e parcheggi: mq. 20.000 Imprese insediate: n. 150 Settori: ortofrutta - fiori - ittico - forniture alberghiere - servizi

Dettagli

La sicurezza stradale in Italia: stato dell arte e prospettive future

La sicurezza stradale in Italia: stato dell arte e prospettive future La sicurezza stradale in Italia: stato dell arte e prospettive future Ing. Valentino Iurato Direzione Generale Sicurezza Stradale DIMENSIONI QUANTITATIVE In Italia, nel 2011, si sono registrati 205.638

Dettagli

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane Università degli Studi di Padova Dipartimento Ingegneria Industriale Centro Studi Qualità Ambiente In collaborazione con ACCREDIA Ente Italiano di Accreditamento Benefici, costi e aspettative della certificazione

Dettagli

IMU: PENALIZZATI I PENSIONATI E I LAVORATORI DIPENDENTI E PENSIONATI, SALVAGUARDATI I SOLITI IGNOTI

IMU: PENALIZZATI I PENSIONATI E I LAVORATORI DIPENDENTI E PENSIONATI, SALVAGUARDATI I SOLITI IGNOTI : PENALIZZATI I PENSIONATI E I LAVORATORI DIPENDENTI E PENSIONATI, SALVAGUARDATI I SOLITI IGNOTI. ABITAZIONE PRINCIPALE DA 33 A 133 MEDI EURO L ANNO. SECONDE CASE SCONTI IN 59 CITTA PER I REDDITI MEDIO

Dettagli

L'ARTICOLAZIONE MODELLO DI BOLOGNA

L'ARTICOLAZIONE MODELLO DI BOLOGNA PROGETTI BOLOGNA L'ARTICOLAZIONE MODELLO DI BOLOGNA L'interporto di Bologna, oltre ad essere uno dei maggiori in Italia per traffico merci, si presenta come caso emblematico di infrastruttura interportuale,

Dettagli

COMUNE DI SERGNANO Provincia di Cremona

COMUNE DI SERGNANO Provincia di Cremona COMUNE DI SERGNANO Provincia di Cremona PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PREMESSA Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica

Dettagli

Le politiche e le strategie nazionali sugli ITS. Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Cagliari, 26 Giugno 2013

Le politiche e le strategie nazionali sugli ITS. Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Cagliari, 26 Giugno 2013 Le politiche e le strategie nazionali sugli ITS Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Cagliari, 26 Giugno 2013 TTS Italia, l Associazione ITS Nazionale fondata nel 1999, rappresenta circa 80 Enti,

Dettagli

VALE IL DISCORSO ORALE

VALE IL DISCORSO ORALE VALE IL DISCORSO ORALE Convegno SUPSI-SIA/TI-ATG-Rotary Club Mendrisiotto AlpTransit 2019: un futuro ad alta velocità per il Ticino? «Una rivoluzione per la mobilità e un opportunità per il territorio»

Dettagli

fonte: http://burc.regione.campania.it Allegato 1 Riepilogo Qualificazioni Professionali Repertorio Settore Economico Professionale TRASPORTI

fonte: http://burc.regione.campania.it Allegato 1 Riepilogo Qualificazioni Professionali Repertorio Settore Economico Professionale TRASPORTI Allegato 1 Riepilogo Qualificazioni Professionali Repertorio Settore Economico Professionale TRASPORTI 1 Tecnico di spedizione, trasporti e logistica 2. Tecnico spedizioniere 3. Marinaio di porto addetto

Dettagli

Spett.li. Segreterie Nazionali FILT CGIL FIT CISL UIL TRASPORTI RSA. Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Via Fornovo, 8 00192 Roma

Spett.li. Segreterie Nazionali FILT CGIL FIT CISL UIL TRASPORTI RSA. Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Via Fornovo, 8 00192 Roma Roma, 29 settembre 2014 Anticipata via mail Spett.li Segreterie Nazionali FILT CGIL FIT CISL UIL TRASPORTI Segreterie Territoriali Filt CGIL, Fit Cisl e Uil Trasporti di: Emilia Romagna, Friuli Venezia

Dettagli

TRASPORTO MERCI ALLA RINFUSA E MOVIMENTO TERRA TRASPORTO MERCI CONFEZIONATE - TRASPORTO GAS CRIOGENICI TRASPORTI ECCEZIONALI - LOGISTICA INTEGRATA

TRASPORTO MERCI ALLA RINFUSA E MOVIMENTO TERRA TRASPORTO MERCI CONFEZIONATE - TRASPORTO GAS CRIOGENICI TRASPORTI ECCEZIONALI - LOGISTICA INTEGRATA TRASPORTO MERCI ALLA RINFUSA E MOVIMENTO TERRA TRASPORTO MERCI CONFEZIONATE - TRASPORTO GAS CRIOGENICI TRASPORTI ECCEZIONALI - LOGISTICA INTEGRATA TRASPORTO MERCI ALLA RINFUSA E MOVIMENTO TERRA TRASPORTO

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA IN MATERIA DI FORMAZIONE AVANZATA DEI CONDUCENTI TRA IL MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

PROTOCOLLO D'INTESA IN MATERIA DI FORMAZIONE AVANZATA DEI CONDUCENTI TRA IL MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI PROTOCOLLO D'INTESA IN MATERIA DI FORMAZIONE AVANZATA DEI CONDUCENTI TRA IL MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI E PREMESSO 1. che l'art. 1, comma 1, del Codice della Strada prevede che "la sicurezza

Dettagli

Company profile. Nihil difficile volenti Nulla è arduo per colui che vuole. Environment, Safety & Enterprise Risk Management more or less

Company profile. Nihil difficile volenti Nulla è arduo per colui che vuole. Environment, Safety & Enterprise Risk Management more or less Environment, Safety & Enterprise Risk Management more or less Company profile Nihil difficile volenti Nulla è arduo per colui che vuole Business Consultant S.r.l. Via La Cittadella, 102/G 93100 Caltanissetta

Dettagli

Grafico 1: Distribuzione % premi del lavoro diretto italiano 2011

Grafico 1: Distribuzione % premi del lavoro diretto italiano 2011 GRAFICI STATISTICI Grafico 1: Distribuzione % premi del lavoro diretto italiano 211 RAMI VITA - Premi lordi contabilizzati per ramo di attività e per tipologia di premio: 73.869 milioni di euro Malattia,

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

Premessa. Il presente documento si pone come allegato al Documento di Piano e al Piano dei servizi al fine

Premessa. Il presente documento si pone come allegato al Documento di Piano e al Piano dei servizi al fine Allegato Traffico - PGT di Ospedaletto Lodigiano Premessa Il presente documento si pone come allegato al Documento di Piano e al Piano dei servizi al fine di evidenziare ed approfondire la tematica del

Dettagli

Comuni di: Baricella - Budrio - Granarolo dell Emilia - Minerbio

Comuni di: Baricella - Budrio - Granarolo dell Emilia - Minerbio PIANO DI EMERGENZA INTERCOMUNALE ALLEGATO 2 SCENARIO DI RISCHIO INTERCOMUNALE CARTA RISCHIO TRASPOROTO Comuni di: Baricella - Budrio - Granarolo dell Emilia - Minerbio PREMESSA I pericoli potenziali derivanti

Dettagli

Presentazione Primi Risultati Incontro con la stampa

Presentazione Primi Risultati Incontro con la stampa Rapporto Sicurezza 2008 Presentazione Primi Risultati Incontro con la stampa 17 Aprile 2009 Premessa Questa breve presentazione ha l obiettivo di illustrare in anteprima i principali dati del 1 Rapporto

Dettagli

Logistica e Distribuzione. Packaging e Trasporti

Logistica e Distribuzione. Packaging e Trasporti Logistica e Distribuzione Logistica, distribuzione e supporto gestionale per prodotti food e non food. In questi settori sono impegnati, con il loro know how, due generazioni della famiglia Colozza che

Dettagli

UN SISTEMA INTEGRATO DI INDICATORI PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE NELLE AREE URBANE ITALIANE

UN SISTEMA INTEGRATO DI INDICATORI PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE NELLE AREE URBANE ITALIANE UN SISTEMA INTEGRATO DI INDICATORI PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE NELLE AREE URBANE ITALIANE Silvia Brini Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) silvia.brini@isprambiente.it

Dettagli