SWIM v2 Design Document

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SWIM v2 Design Document"

Transcript

1 PROGETTO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE 2 SWIM v2 DD Design Document Matteo Danelli Daniel Cantoni 22 Dicembre

2 Indice Progettazione concettuale Modello ER Entità e relazioni nel dettaglio User Feedback Richiesta amicizia Richiesta Skill Messaggio Skill Admin Progettazione logica Modello logico UX Model UX relativi agli user Login, registrazione, logout Modifica dati utente, modifica personal skill, proponi skill Ricerca user, invio richiesta amicizia, messaggio, richiesta aiuto, feedback Visualizzazione amici Visualizza messaggio, visualizza richiesta aiuto, visualizza richiesta amicizia UX relativi ai guest Cerca utenti UX relativi all admin Modifica password, visualizza/accetta/rifiuta richieste ampliamento skill set Architettura del sistema Descrizione Pattern MVC MVC in JEE Package Diagram BCE Diagram Registrazione Login, cerca utenti, modifica dati personali e personal skill Visualizza amici, proponi skill, visualizza/rispondi a messaggi o richieste Invia messaggi e richieste ad un user Admin: modifica password, rispondi alle richieste di ampliamento skill set

3 Progettazione concettuale Per la gestione dei dati persistenti sarà usata una base di dati relazionale, di cui rappresentiamo il diagramma Entità-Relazione, utile per avere una visione concettuale del database che sarà implementato. Modello ER 3

4 Entità e relazioni nel dettaglio Di seguito vengono descritte le varie entità e le relazioni presenti nel modello, con lo scopo di mettere in evidenza quegli aspetti che nel modello possono essere ambigui, come i tipi di dato utilizzati per i vari attributi e la loro cardinalità. User E l entità fondamentale del sistema; come già specificato nel documento di analisi ogni suo attributo è modificabile in qualsiasi momento dall utente. Gli attributi che la compongono sono: 1. costituisce la chiave primaria della tabella; deve essere di tipo char. 2. Password: è la password di accesso al sistema; deve essere di tipo char e per ragioni di sicurezza deve essere codificata con un algoritmo di hashing, ad esempio MD5. 3. Nome: è il nome dell user; il campo è obbligatorio e deve essere di tipo char. 4. Cognome: è il cognome dell user; il campo è obbligatorio e deve essere di tipo char. 5. Provincia, sesso, data nascita: sono tutti attributi non obbligatori. L entità User è soggetta alle seguenti relazioni 1. Possiede: mette in relazione User con Skill; la cardinalità è molti a molti: un user può infatti possedere più skill, ed una skill a sua volta può essere associata a più user. In fase di progettazione logica per realizzare questo tipo di relazione sarà necessaria una tabella di appoggio. 2. Invia(Feedback): mette in relazione User con Feedback; la cardinalità è uno a molti: un User infatti può essere il mittente di più feedback, ma un feedback può avere sono un mittente. 3. Riceve(Feedback): mette in relazione User con feedback; la cardinalità è uno a molti. 4. Invia(Richiesta Amicizia): mette in relazione User con Richiesta Amicizia; la cardinalità è uno a molti: User sarà colui che ha richiesto l amicizia. 5. Riceve(Richiesta Amicizia): mette in relazione User con Richiesta Amicizia; la cardinalità è uno a molti: User sarà colui che ha ricevuto la richiesta d amicizia. 6. Amicizia: questa relazione serve per esprimere l amicizia tra due user distinti; la cardinalità è molti a molti, quindi in fase di progettazione logica servirà una tabella di appoggio. 7. Invia(Richiesta Skill): mette in relazione User con Richiesta Skill; cardinalità uno a molti. 8. Invia(Messaggio): mette in relazione User con Messaggio; cardinalità uno a molti: User è il mittente del messaggio. 9. Riceve(Messaggio): mette in relazione User con Messaggio; cardinalità uno a molti: User è il destinatario del messaggio. 4

5 Feedback Questa entità rappresenta i feedback che gli userpossono scambiarsi, è composto dai seguenti atributi: 1. Id: chiave primaria di tipo int, il suo valore è autoincrementale. 2. Numero Stelle: rappresenta il giudizio dell user; il suo valore deve essere maggiore o uguale a 0 e minore o uguale a 5. Tale campo è di tipo int ed è obbligatorio 3. Commento: campo non obbligatorio di tipo char. 4. Data: rappresenta la data e l ora in cui il feedback è stato inviato; tale attributo è obbligatorio. Richiesta Amicizia Questa entità serve per tenere traccia delle richieste di amicizia non ancora confermate tra 2 user. La chiave primaria è formata dalla coppia di user(mittente/destinatario) appartenenti alla richiesta. Richiesta Skill Tale entità serve per rappresentare le richieste di ampliamento dello skill set fatte da uno o più user all admin; gli attributi che la compongono sono: 1. Id: chiave primaria di tipo int; il suo valore è autoincrementale. 2. Richiesta: attributo di tipo char, obbligatorio, che rappresenta la skill proposta. 3. Letto: è un valore booleano che indica se la richiesta è gia stata letta. Messaggio L entità messaggio rappresenta i messaggi che ogni user può inviare; i messaggi possono essere richieste di aiuto o semplici messaggi di testo. E composta dai seguenti attributi: 1. Id: chiave primaria di tipo int, il suo valore è autoincrementale. 2. Testo: campo non obbligatorio che costituisce l oggetto del messaggio; è di tipo char. 3. Data: rappresenta la data e l ora in cui il messaggio è stato inviato; l attributo è obbligatorio. 4. Letto: è un valore booleano che rappresenta se il messaggio è stato letto o meno. I messaggio testuali sono i messaggi con contenuto generale che due user possono scambiarsi, indipendentemente dalla richiesta di aiuto. I messaggi di richiesta di aiuto sono relativi solo alla richiesta e quindi sono soggetti alla relazione compone che indica la skill per la quale il mittente chiede aiuto. La cardinalità della relazione compone è uno a molti. 5

6 Skill Tale entità contiene tutte le skill presenti nel sistema ed è formata dai seguenti attributi: 1. Id: chiave primaria di tipo int; il suo valore è autoincrementale. 2. Nome: Il nome dell abilità in questione; il suo tipo è char. Da notare che non possono esistere due skill con lo stesso nome. Admin L entita admin contiene le informazioni relative all amministratore di sistema. Gli attributi che la compongono sono: 1. costituisce la chiave primaria della tabella; deve essere di tipo char. 2. Password: di tipo char; valgono le stesse considerazioni fatte a riguardo della password di User. A tale entità non è associata nessuna relazione per l assunzione che l amministratore di sistema è unico. 6

7 Progettazione logica Modello Logico Rappresentiamo di seguito il modello logico della base di dati, derivabile direttamente dal modello ER indicato sopra. 7

8 UX Model L obiettivo dei seguenti grafici è modellare l esperienza dell utente, rappresentando i possibili percorsi di navigazione e di interazione con il sistema. Vengono di seguito documentati tutti i percorsi possibili effettuabili da un utente, raggruppandoli in modo da rendere gli stessi diagrammi più leggibili. UX Relativi agli User Login, Registrazione, Logout 8

9 Modifica dati utenti, Modifica personal skill, Proponi skill 9

10 Ricerca user, Invio richiesta amicizia, Invio messaggio, Invio richiesta aiuto, Invio Feedback 10

11 Nota: Nella <<Screen>> Profilo Utente sono presenti i metodi InviaFeedback() e InviaRichiestaAmicizia() che vengono resi disponibili a seconda della relazione d amicizia tra due user: Se gli utenti sono amici: deve essere presente InviaFeedback() ma non InviaRichiestaAmicizia() Se gli utenti non sono amici: deve essere presente InviaRichiestaAmicizia() ma non InviaFeedback() Visualizzazione amici 11

12 Visualizza messaggio, Visualizza richiesta aiuto, Visualizza richiesta amicizia 12

13 UX Relativi ai Guest Cerca Utenti 13

14 UX Relativi ad Admin Modifica Password, Visualizza/Accetta/Rifiuta richieste ampliamento skill set 14

15 Architettura del sistema Descrizione Il sistema SWIMv2 sarà sviluppato seguendo un paradigma web-oriented. L architettura utilizzata segue lo standard suggerito dalla piattaforma JEE, in modo da semplificare la gestione dell applicativo rendendolo al tempo stesso scalabile, sicuro e affidabile. La piattaforma JEE utilizza un modello multi tier che prevede la suddivisione del sistema in diversi moduli dedicati rispettivamente all interfaccia utente, alla logica di presentazione, alla logica di business, e alla gestione dei dati. Il tier dedicato all interfacciamento con l utente, detto anche client tier, rappresenta il browser web, utilizzato dagli utenti per interagire con il sistema. Il tier relativo alla logica di presentazione incapsula tutta la logica necessaria ai client, ovvero la logica jsp e le servlets. Le jsp sono utilizzate per generare dinamicamente dei contenuti da mostrare all utente mentre le servlets sono i componenti che gestiscono l interazione clientserver. Il tier dedicato alla logica di business contiene gli enterprise beans, ovvero i componenti necessari per gestire la logica del sistema. Esso include entity beans e session beans. Gli entity beans rappresentano i dati persistenti salvati sul database mentre i session beans sono legati alla singola sessione dell utente. L ultimo tier è dedicato alla gestione dei dati; contiene il database e tutte le istanze utilizzate dal sistema. L interazione tra il client tier e il presentation tier avviene tramite il protocollo http, utilizzato attualmente dai browser. La comunicazione tra il database e la logica invece utilizza la tecnologia jdbc. Nell architettura che verrà implementata il presentation tier e il business tier saranno uniti in un singolo container e posti sullo stesso nodo insieme al database. 15

16 Pattern MVC La scelta di adottare l architettura esposta sopra è stata dettata dal fatto di voler aderire al famoso pattern Model-View-Controller. Tale pattern architetturale consente infatti di separare in modo netto la rappresentazione dei dati dalla logica del sistema e dall interfaccia utente. JEE è un framework Java che ne facilita l utilizzo. Nel nostro caso la logica del sistema include sia il presentation tier che il business tier. Possiamo quindi distinguere le seguenti tre componenti: Controller: il componente che riconosce e interpreta le azioni dell utente sulla View invocando oppurtune operazioni sul Model. Model: è il cuore del sistema; contiene tutti i dati, rappresenta lo stato del sistema e le operazioni disponibili. View: è una rappresentazione grafica del modello. Include tutto il necessario per gestire l interazione con l utente. Il disaccoppiamento tra logica, dati e presentazione rispecchia i paradigmi di buona programmazione e consente anche una migliore manutenibilità del codice. 16

17 MVC in JEE Nell architettura scelta, JEE, tale pattern si traduce come segue: Considerando lo schema illustrato sopra vediamo come opera una web application: 1. Il browser invia una richiesta al server web del sistema. 2. Nel server web una servlet gestisce la richiesta prendendo i dati inviati dal browser. 3. La servlet interagisce poi con i javabeans richiamando opportuni metodi (che vanno solitamente ad agire sul database). 4. La servlet, una volta ottenuti i dati, fa una forward della richiesta alla jsp. 5. La jsp, ricevuti i dati, si preoccupa di generare la pagina da restituire al web browser. 17

18 Package Diagram Per una migliore gestione dell implementazione del sistema si adotta la seguente suddivisione: Il sistema è composto di due progetti diversi, chiamati rispettivamente Swimv2-Server e Swimv2-Client. Il primo è un progetto ejb e contiene tutta la logica e i riferimenti al database, il secondo invece è responsabile dell interazione con l utente tramite il web browser. Il progetto server è diviso in tre package: Entity, Test e Session. L entity contiene tutte le classi che si riferiscono ai dati e permettono l accesso al database. Il session invece contiene le classi che implementano la logica del sistema e tutte le azioni che l utente può effettuare. Il test è un contenitore di tutte le classi necessarie al testing del sistema. Il progetto client contiene, all interno delle java resources, un package Servlet che contiene tutte le classi java necessarie alla generazione delle pagine dinamiche (servlet). Nel client, all interno della cartella Web Content sono presenti due sottocartelle, User e Admin, che contengono i file html visulizzati staticamente dal client e i file jsp che generano le pagine dinamiche nel browser. 18

19 BCE Diagram L obiettivo dei seguenti grafici è mostrare come vengono mappati i componenti del pattern MVC nel nostro sistema. Anche se i diagrammi hanno valenza generale è possibile trovare una correlazione con gli elementi strutturali offerti da JEE: I <<Boundary>> corrispondono alle pagine.jsp e alle servlet. I <<Control>> rappresentano i session beans. Le <<Entity>> sono i vari entity beans. Registrazione 19

20 Login, cerca utenti, Modifica dati personali e personalskill 20

21 Visualizza Amici, Proponi skill, Visualizza/rispondi a messaggi e richieste 21

22 Invia Messaggi e richieste ad un User 22

23 Admin: Modifica password, visualizza/rispondi alle richieste di ampliamento skillset 23

Meet O Matic. Design Document. Autori: Matteo Maggioni Luca Mantovani. Matricola: 721923 721014

Meet O Matic. Design Document. Autori: Matteo Maggioni Luca Mantovani. Matricola: 721923 721014 Meet O Matic Design Document Autori: Matteo Maggioni Luca Mantovani Matricola: 721923 721014 1 Indice 1 Introduzione 4 2 Architettura 4 3 Definizione della base di dati 6 3.1 Tabelle, campi e chiavi primarie.................

Dettagli

Concetti base. Impianti Informatici. Web application

Concetti base. Impianti Informatici. Web application Concetti base Web application La diffusione del World Wide Web 2 Supporto ai ricercatori Organizzazione documentazione Condivisione informazioni Scambio di informazioni di qualsiasi natura Chat Forum Intranet

Dettagli

DD - Design Document

DD - Design Document Politecnico di Milano Progetto di Ingegneria del Software 2 DD - Design Document Autori: Claudia Foglieni Giovanni Matteo Fumarola Massimo Maggi Professori: Elisabetta Di Nitto Raffaela Mirandola 1 gennaio

Dettagli

L architettura MVC (Model- View-Controller) Introduzione

L architettura MVC (Model- View-Controller) Introduzione L architettura MVC (Model- View-Controller) Introduzione Architettura MCV L architettura MVC è un insieme di regole per strutturare un sito-web dinamico. Queste regole complicano la struttura del sito,

Dettagli

J2EE (o JEE): Framework Java per lo sviluppo di applicazioni WEB Enterprise, che vivono in rete e che siano accessibili attraverso browser.

J2EE (o JEE): Framework Java per lo sviluppo di applicazioni WEB Enterprise, che vivono in rete e che siano accessibili attraverso browser. Il Pattern MVC J2EE (o JEE): Framework Java per lo sviluppo di applicazioni WEB Enterprise, che vivono in rete e che siano accessibili attraverso browser. Il famework Sun J2EE Component, Container e Connector:

Dettagli

Politecnico di Milano

Politecnico di Milano 1 Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione Progetto di Ingegneria del Software 2: SWIMv2 Prof.ssa Mirandola Raffaella A.A 2012/2013 SWIMv2: Small World hypotesis Machine v2 Realizzato

Dettagli

Implementazione di MVC. Gabriele Pellegrinetti

Implementazione di MVC. Gabriele Pellegrinetti Implementazione di MVC Gabriele Pellegrinetti 2 Come implementare il pattern Model View Controller con le tecnologie JSP, ASP e XML Implementazione del pattern MVC in Java (JSP Model 2) SUN è stato il

Dettagli

Architettura MVC-2 A L B E R T O B E L U S S I A N N O A C C A D E M I C O 2 0 1 2 / 2 0 1 3

Architettura MVC-2 A L B E R T O B E L U S S I A N N O A C C A D E M I C O 2 0 1 2 / 2 0 1 3 Architettura MVC-2 A L B E R T O B E L U S S I A N N O A C C A D E M I C O 2 0 1 2 / 2 0 1 3 Verso l architettura MVC-2 2 Il secondo passo verso l architettura MVC-2 è quello di separare il controllo dell

Dettagli

Progettazione di Applicazioni Web

Progettazione di Applicazioni Web 1 Argomenti della lezione Progettazione di Applicazioni Web Sviluppo delle applicazioni Processo di sviluppo Formalismi grafici di supporto diagrammi UML (cenni) Scelta dell architettura Sviluppo di applicazioni

Dettagli

Laboratorio di Basi di Dati

Laboratorio di Basi di Dati Laboratorio di Basi di Dati Docente: Alberto Belussi Lezione 9 Architettura Model-View-Controller (MVC) Adottando l'architettura MVC e la tecnologia Servlet-JSP, un'applicazione web può essere realizzata

Dettagli

Framework di Middleware. per Architetture Enterprise

Framework di Middleware. per Architetture Enterprise Framework di Middleware per Architetture Enterprise Corso di Ingegneria del Software A.A.2011-2012 Un po di storia 1998: Sun Microsystem comprende l importanza del World Wide Web come possibile interfaccia

Dettagli

Architetture Software

Architetture Software Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Ingegneria del Software Architetture Software Giulio Destri Ing. del Sw: Architettura - 1 Scopo del modulo

Dettagli

Considera tutti i requisiti funzionali (use cases) NON deve necessariamente modellare i requisiti non funzionali

Considera tutti i requisiti funzionali (use cases) NON deve necessariamente modellare i requisiti non funzionali Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Progettazione OO E. TINELLI Punto di Partenza Il modello di analisi E una rappresentazione minima del

Dettagli

Applicazione: GAS - Gestione AcceSsi

Applicazione: GAS - Gestione AcceSsi Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni Gestione ICT Applicazione: GAS - Gestione AcceSsi Amministrazione: Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) Responsabile dei sistemi informativi Nome

Dettagli

Progetto di Applicazioni Software

Progetto di Applicazioni Software Progetto di Applicazioni Software Antonella Poggi Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti SAPIENZA Università di Roma Anno Accademico 2008/2009 Questi lucidi sono stati prodotti sulla

Dettagli

Strutture di accesso ai dati

Strutture di accesso ai dati Strutture di accesso ai dati 1 A L B E R T O B E L U S S I P A R T E I I A N N O A C C A D E M I C O 2 0 1 0-2 0 1 1 Gestore dei metodi di accesso 2 E il modulo del DBMS che trasforma il piano di esecuzione

Dettagli

Progetto di Applicazioni Software

Progetto di Applicazioni Software Progetto di Applicazioni Software Antonella Poggi Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti SAPIENZA Università di Roma Anno Accademico 2010/2011 Questi lucidi sono stati prodotti sulla

Dettagli

UX model e Architetture di SI web-based. B. Pernici D. Ardagna

UX model e Architetture di SI web-based. B. Pernici D. Ardagna UX model e Architetture di SI web-based B. Pernici D. Ardagna Conallen, cap. 7,9 Bibliografia Modellazione concettuale: UX model Primo passo di analisi UX: user experience Schermate Modellare la navigazione,

Dettagli

PROGRAMMA CORSO Analista Programmatore JAVA - ORACLE

PROGRAMMA CORSO Analista Programmatore JAVA - ORACLE PROGRAMMA CORSO Analista Programmatore JAVA - ORACLE 1. JAVA 1.1 Introduzione a Java Introduzione Cosa è Java 1.2 Sintassi e programmazione strutturata variabili e metodi tipi di dati, array operatori

Dettagli

Lezione di Basi di Dati 1 18/11/2008 - TECNOLOGIE PER IL WEB: CGI - AJAX SERVLETS & JSP

Lezione di Basi di Dati 1 18/11/2008 - TECNOLOGIE PER IL WEB: CGI - AJAX SERVLETS & JSP EVOLUZIONE DEL WEB: PAGINE STATICHE vs PAGINE DINAMICHE Il Web è nato a supporto dei fisici, perché potessero scambiare tra loro le informazioni inerenti le loro sperimentazioni. L HTTP è nato inizialmente

Dettagli

PROGETTAZIONE E SVILUPPO DI UN. Relatore: Studente: Paolo Merialdo Valerio Barbagallo

PROGETTAZIONE E SVILUPPO DI UN. Relatore: Studente: Paolo Merialdo Valerio Barbagallo PROGETTAZIONE E SVILUPPO DI UN SIMULATORE ECONOMICO FISCALE Relatore: Studente: Paolo Merialdo Valerio Barbagallo Sommario il problema: gestione e ottimizzazione del bilancio piattaforma J2EE e framework

Dettagli

Candidato: Luca Russo Docente: Prof. Raffaele Montella. 27 Marzo 2013

Candidato: Luca Russo Docente: Prof. Raffaele Montella. 27 Marzo 2013 e di e di Candidato: Luca Russo Docente: Corso di laurea in Informatica Applicata Facoltá di Scienze e Tecnologie Programmazione su Reti 27 Marzo 2013 Traccia d esame Sviluppare multitier con disaccoppiamento

Dettagli

Architetture e applicazioni web

Architetture e applicazioni web Architetture e applicazioni web L o Guido Porruvecchio Tecnologia e Applicazioni della Rete Internet Cosa è un'applicazione web E' un particolare tipo di applicazione che si appoggia sulle tecnologie,

Dettagli

Breve introduzione allo sviluppo WEB. a cura di Ciro Attanasio - ciro.attanasio@email.cz

Breve introduzione allo sviluppo WEB. a cura di Ciro Attanasio - ciro.attanasio@email.cz Breve introduzione allo sviluppo WEB a cura di Ciro Attanasio - ciro.attanasio@email.cz Partiamo (1 di 1) Come funziona il WEB e quali tecnologie lo compongono Cos è un Client (1 di 2) Un client, in informatica,

Dettagli

Architetture di sistema

Architetture di sistema Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria Applicazioni Internet B Paolo Salvaneschi B1_1 V1.6 Architetture di sistema Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti, per studio

Dettagli

Applicazione: OIL Online Interactive helpdesk

Applicazione: OIL Online Interactive helpdesk Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione ICT Applicazione: OIL Online Interactive helpdesk Amministrazione: Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) Responsabile dei sistemi informativi

Dettagli

Design Patterns. Sommario. Architettura a 3 Livelli Concetti Generali Presentazione Dominio Sorgente Dati DIB 1. Design Patterns DIB 2

Design Patterns. Sommario. Architettura a 3 Livelli Concetti Generali Presentazione Dominio Sorgente Dati DIB 1. Design Patterns DIB 2 DIB 1 Sommario Architettura a 3 Livelli Concetti Generali Presentazione Dominio Sorgente Dati DIB 2 Architettura a 3 Livelli DIB 3 Architettura a 3 Livelli Presentazione Gestione dell interazione degli

Dettagli

Architettura SW Definizione e Notazioni

Architettura SW Definizione e Notazioni Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Stili Architetturali E. TINELLI Architettura SW Definizione e Notazioni Definizione ANSI/IEEE Std Std1471-2000

Dettagli

Sviluppo di applicazioni web con il pattern Model-View-Controller. Gabriele Pellegrinetti

Sviluppo di applicazioni web con il pattern Model-View-Controller. Gabriele Pellegrinetti Sviluppo di applicazioni web con il pattern Model-View-Controller Gabriele Pellegrinetti 2 MVC: come funziona e quali sono vantaggi che derivano dal suo utilizzo? La grande diffusione della tecnologia

Dettagli

Corso Android Corso Online Sviluppo su Cellulari con Android

Corso Android Corso Online Sviluppo su Cellulari con Android Corso Android Corso Online Sviluppo su Cellulari con Android Accademia Futuro info@accademiafuturo.it Programma Generale del Corso di Sviluppo su Cellulari con Android Programma Base Modulo Uno - Programmazione

Dettagli

UNICAL Università della Calabria

UNICAL Università della Calabria UNICAL Università della Calabria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica e Applicazioni in Rete Titolo tesi: Sviluppo di un'applicazione Web Based dedicata alla gestione di profili utente su un generico

Dettagli

MODEL-VIEW-CONTROLLER PROBLEMA

MODEL-VIEW-CONTROLLER PROBLEMA MODEL VIEW CONTROLLER DESIGN PATTERN MODEL-VIEW-CONTROLLER INGEGNERIA DEL SOFTWARE Università degli Studi di Padova Dipartimento di Matematica Corso di Laurea in Informatica, A.A. 2013 2014 rcardin@math.unipd.it

Dettagli

Esercitazioni di PROGETTAZIONE DEL SOFTWARE A.A. 2011-2012

Esercitazioni di PROGETTAZIONE DEL SOFTWARE A.A. 2011-2012 Sapienza Università di Roma Facoltà di Ingegneria dell Informazione, Informatica e Statistica Corso di Laurea in Ingegneria Informatica ed Automatica Corso di Laurea in Ingegneria dei Sistemi Informatici

Dettagli

CORSO DI PROGRAMMAZIONE JAVA

CORSO DI PROGRAMMAZIONE JAVA CORSO DI PROGRAMMAZIONE JAVA Corso di Programmazione Java Standard Edition ( MODULO A) OBIETTIVI ll corso ha come obiettivo quello di introdurre la programmazione a oggetti (OOP) e di fornire solide basi

Dettagli

Object-Relational Mapping

Object-Relational Mapping Object-Relational Mapping Versione Preliminare Antonella Poggi Dipartimento di informatica e Sistemistica Sapienza Università di Roma Progetto di Applicazioni Software Anno accademico 2008-2009 Questi

Dettagli

Applicazione: SIPER Servizi In linea per il PERsonale

Applicazione: SIPER Servizi In linea per il PERsonale Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni Gestione Personale Applicazione: SIPER Servizi In linea per il PERsonale Amministrazione: Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) Responsabile dei

Dettagli

Programmazione Java Avanzata

Programmazione Java Avanzata Programmazione Java Avanzata Introduzione a Servlet e Struts 2 Ing. Giuseppe D'Aquì 1 Testi Consigliati Java Enterprise in a nutshell, 3 rd edition (O'Reilly) Struts 2 in Action Brown, Davis, Stanlick

Dettagli

Progettazione: Tecnologie e ambienti di sviluppo

Progettazione: Tecnologie e ambienti di sviluppo Contratto per l acquisizione di servizi di Assistenza specialistica per la gestione e l evoluzione del patrimonio software della Regione Basilicata. Repertorio n. 11016 del 25/09/2009 Progettazione: Tecnologie

Dettagli

Sviluppo e manutenzione di un applicazione CAD tramite le WPF e l MV-VM

Sviluppo e manutenzione di un applicazione CAD tramite le WPF e l MV-VM Metodologie e strumenti per il reengineering del workflow management Tesi di Laurea tramite le WPF e l MV-VM 2011/2012 Relatore Ch.mo prof. Porfirio Tramontana Correlatore Ch.mo ing. Davide Affaticati

Dettagli

Architetture di sistema

Architetture di sistema Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria Applicazioni Internet B Paolo Salvaneschi B1_1 V1.7 Architetture di sistema Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti, per studio

Dettagli

Componenti Web: client-side e server-side

Componenti Web: client-side e server-side Componenti Web: client-side e server-side side Attività di applicazioni web Applicazioni web: un insieme di componenti che interagiscono attraverso una rete (geografica) Sono applicazioni distribuite logicamente

Dettagli

1. Destinatari e requisiti di ingresso. 2. Durata sede e organizzazione del corso. 3. Oggetto della formazione

1. Destinatari e requisiti di ingresso. 2. Durata sede e organizzazione del corso. 3. Oggetto della formazione Summer school per lo sviluppo di applicazioni software enterprise Sottotitolo: "Formazione, seminari e sviluppo software in Java. Implementazione di un caso di studio reale" Sardegna Ricerche, nell ambito

Dettagli

ITI M. FARADAY Programmazione modulare a.s. 2014-2015

ITI M. FARADAY Programmazione modulare a.s. 2014-2015 Indirizzo: INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI Disciplina: Informatica Docente:Maria Teresa Niro Classe: Quinta B Ore settimanali previste: 6 (3 ore Teoria - 3 ore Laboratorio) ITI M. FARADAY Programmazione

Dettagli

UNA RELEASE ROBUSTA E COLLAUDATA IN CONTESTI NAZIONALI ED INTERNAZIONALI EVOLUZIONE DELLA PIATTAFORMA ASSICURATIVA ALL IN ONE

UNA RELEASE ROBUSTA E COLLAUDATA IN CONTESTI NAZIONALI ED INTERNAZIONALI EVOLUZIONE DELLA PIATTAFORMA ASSICURATIVA ALL IN ONE L offerta di Value+, in origine focalizzata sulla gestione dei Rami Vita e dei Fondi Pensione attraverso il sistema invita, diffuso in Italia e all estero, si è arricchita nel corso degli anni estendendosi

Dettagli

Siti web centrati sui dati Architettura MVC-2: i JavaBeans

Siti web centrati sui dati Architettura MVC-2: i JavaBeans Siti web centrati sui dati Architettura MVC-2: i JavaBeans 1 ALBERTO BELUSSI ANNO ACCADEMICO 2009/2010 Limiti dell approccio SEVLET UNICA La servlet svolge tre tipi di funzioni distinte: Interazione con

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

WEBsfa: l automazione della forza vendita via Web

WEBsfa: l automazione della forza vendita via Web WEBsfa: l automazione della forza vendita via Web White Paper 1 Gennaio 2005 White Paper Pag. 1 1/1/2005 L automazione della Forza Vendita Le aziende commerciali che che sviluppano e alimentano il proprio

Dettagli

JSIS JSIS L architettura JSIS

JSIS JSIS L architettura JSIS JSIS JSIS L architettura JSIS La piattaforma JSIS Java Solution Integrated Suites, interamente realizzata dai nostri laboratori di sviluppo software, è una soluzione che integra la gestione di diverse

Dettagli

Università degli studi dell Aquila. Sistemi informativi aziendali

Università degli studi dell Aquila. Sistemi informativi aziendali Università degli studi dell Aquila 6 C.F.U. 9 C.F.U. Ing. Gaetanino Paolone (gaetanino.paolone@univaq.it) Prof. Dr. Luciano Fratocchi (luciano.fratocchi@univaq.it) Contenuti Web Information System. La

Dettagli

Marco Faella Il paradigma Model-View-Controller. Il pattern Strategy.

Marco Faella Il paradigma Model-View-Controller. Il pattern Strategy. Marco Faella Il paradigma Model-View-Controller. Il pattern Strategy. 10 Lezione n. Parole chiave: Java Corso di Laurea: Informatica Insegnamento: Linguaggi di Programmazione II Email Docente: faella.didattica@gmail.com

Dettagli

Corso Analista Programmatore Java Corso Online Analista Programmatore Java

Corso Analista Programmatore Java Corso Online Analista Programmatore Java Corso Analista Programmatore Java Corso Online Analista Programmatore Java Accademia Futuro info@accademiafuturo.it Programma Generale del Corso Analista Programmatore Java Tematiche Trattate Modulo Uno

Dettagli

SDD System design document

SDD System design document UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PALERMO FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA INFORMATICA TESINA DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Progetto DocS (Documents Sharing) http://www.magsoft.it/progettodocs

Dettagli

Introduzione al Model-View-Controller (MVC)

Introduzione al Model-View-Controller (MVC) Introduzione al Model-View-Controller (MVC) Maurizio Cozzetto 9 Luglio 2009 Indice 1 Model-View-Controller 1 1.1 Definizione.................................................. 1 1.2 Soluzione...................................................

Dettagli

Architettura MVC-2: i JavaBeans

Architettura MVC-2: i JavaBeans Siti web centrati sui dati Architettura MVC-2: i JavaBeans Alberto Belussi anno accademico 2008/2009 Limiti dell approccio SEVLET UNICA La servlet svolge tre tipi di funzioni distinte: Interazione con

Dettagli

Architetture Web. parte 1. Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2003-04

Architetture Web. parte 1. Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2003-04 Architetture Web parte 1 Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2003-04 Architetture Web (1) Modello a tre livelli in cui le interazioni tra livello presentazione e livello applicazione sono mediate

Dettagli

Sviluppi e Casi di Test in JAVA/J2EE con framework STRUTS per Sistema di Riconciliazione Economica on-line

Sviluppi e Casi di Test in JAVA/J2EE con framework STRUTS per Sistema di Riconciliazione Economica on-line tesi di laurea Sviluppi e Casi di Test in JAVA/J2EE con framework STRUTS per Sistema di Riconciliazione Economica on-line Anno accademico 2008/2009 Relatore Prof. Porfirio Tramontana Candidato Di Costanzo

Dettagli

Tratte da (18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET)

Tratte da (18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET) Tratte da (18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET) Ipotesi di partenza: concetti di base del networking Le ipotesi di partenza indispensabili per poter parlare di tecniche di accesso

Dettagli

Use Case Driven Object Modeling: ICONIX

Use Case Driven Object Modeling: ICONIX Use Case Driven Object Modeling: ICONIX Un esempio di specifica, analisi, progetto e sviluppo utilizzando ICONIX (applicazione web) Ditta di Noleggio Dvd Un sistema per la gestione di una ditta di noleggio

Dettagli

Sme.UP Web Application

Sme.UP Web Application Sme.UP Web Application Web Application Web.UP Una interfaccia web per i vostri dati gestionali Il modulo applicativo Web.UP fornisce al progettista di siti Internet una serie di potenti strumenti per l'integrazione

Dettagli

Database e reti. Piero Gallo Pasquale Sirsi

Database e reti. Piero Gallo Pasquale Sirsi Database e reti Piero Gallo Pasquale Sirsi Approcci per l interfacciamento Il nostro obiettivo è, ora, quello di individuare i possibili approcci per integrare una base di dati gestita da un in un ambiente

Dettagli

Realizzato da: Montanaro Teodoro (10091047)

Realizzato da: Montanaro Teodoro (10091047) Appunti online PROGETTO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE The Apache Software Realizzato da: Montanaro Teodoro (10091047) SOMMARIO 1. Requisiti informali... 4 2. Analisi e specifica dei requisiti... 5 2.1 Stake

Dettagli

Introduzione al linguaggio Java: Servlet e JSP

Introduzione al linguaggio Java: Servlet e JSP Introduzione al linguaggio Java: Servlet e JSP Corso di Gestione della Conoscenza d Impresa A. A. 2006/2007 Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Bari 1 Servlet e JSP: il contesto Un applicazione

Dettagli

Tecnologie di Sviluppo per il Web

Tecnologie di Sviluppo per il Web Tecnologie di Sviluppo per il Web Programmazione Web: Architetture versione 2.2 Questo lavoro è concesso in uso secondo i termini di una licenza Creative Commons (vedi ultima pagina) G. Mecca mecca@unibas.it

Dettagli

Esercitazione sui Design Pattern

Esercitazione sui Design Pattern Esercitazione sui Design Pattern Pattern Creazionali Singleton Permette la creazione di una sola istanza della classe all interno dell applicazione Fornisce un metodo con cui ottenere l istanza Il costruttore

Dettagli

Introduzione al mondo della persistenza. Dott. Doria Mauro doriamauro@gmail.com

Introduzione al mondo della persistenza. Dott. Doria Mauro doriamauro@gmail.com Hibernate Introduzione al mondo della persistenza Dott. Doria Mauro doriamauro@gmail.com La questione della persistenza Il modo dei database è complesso e le tecniche e le tecnologie sono molte. Per anni

Dettagli

Framework. Impianti Informatici. Web application - tecnologie

Framework. Impianti Informatici. Web application - tecnologie Framework Web application - tecnologie Web Application: tecnologie 2 Java-based (J2EE) Sviluppata inizialmente da Sun Cross-platform e open source Gestire direttamente le funzionalità dell applicazione

Dettagli

Relazione Progetto. Restaurant Manager. Corso: Programmazione ad oggetti Anno scolastico 2014/2015. Sara Sintoni Matteo Venditto

Relazione Progetto. Restaurant Manager. Corso: Programmazione ad oggetti Anno scolastico 2014/2015. Sara Sintoni Matteo Venditto Relazione Progetto Restaurant Manager Corso: Programmazione ad oggetti Anno scolastico 2014/2015 Autori: Daniele Rosetti Sara Sintoni Matteo Venditto Indice 1. Analisi 3 1.1 Requisiti... 3 1.2 Problema...

Dettagli

Progettazione di Sistemi Interattivi. Gli strati e la rete. Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni)

Progettazione di Sistemi Interattivi. Gli strati e la rete. Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni) Progettazione di Sistemi Interattivi Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni) Docente: Daniela Fogli Gli strati e la rete Stratificazione da un altro punto di vista: i calcolatori

Dettagli

Tecnologie di Sviluppo per il Web

Tecnologie di Sviluppo per il Web Tecnologie di Sviluppo per il Web Applicazioni Web J2EE Framework per il Modello 2 it.unibas.pinco versione 3.2 Questo lavoro è concesso in uso secondo i termini di una licenza Creative Commons (vedi ultima

Dettagli

Capitolo 1. Relazione di progetto

Capitolo 1. Relazione di progetto Indice 1. Relazione di progetto... 1 1.1. Introduzione... 1 1.1.1. Diagrammi delle attività... 1 1.2. Descrizione dell'architettura... 2 1.2.1. Diagrammi preliminari dell'architettura... 2 1.2.2. Diagrammi

Dettagli

Corso Android Corso Online Programmatore Android

Corso Android Corso Online Programmatore Android Corso Android Corso Online Programmatore Android Accademia Domani Via Pietro Blaserna, 101-00146 ROMA (RM) info@accademiadomani.it Programma Generale del Corso Modulo Uno - Programmazione J2ee 1) Programmazione

Dettagli

Cronoprogramma e Quadro Economico

Cronoprogramma e Quadro Economico Tutela della Biodiversità nel parco Regionale dei Castelli Romani Cronoprogramma e Quadro Economico 1 Indice generale 1 PREMESSA... 3 2 DESCRIZIONE DELLE COMPONENTI DEL PROGETTO PER LA CONSERVAZIONE DELLA

Dettagli

Oggetto: MASTER DI ALTA FORMAZIONE PROFESSIONALE IN PROGRAMMATORE JAVA PARTECIPAZIONE GRATUITA

Oggetto: MASTER DI ALTA FORMAZIONE PROFESSIONALE IN PROGRAMMATORE JAVA PARTECIPAZIONE GRATUITA Oggetto: MASTER DI ALTA FORMAZIONE PROFESSIONALE IN PROGRAMMATORE JAVA PARTECIPAZIONE GRATUITA Salerno Formazione, società operante nel settore della didattica, della formazione professionale e certificata

Dettagli

PROGETTI DISPONIBILI IL CORSO DI PROGETTO DI RETI E SISTEMI INFORMATICI

PROGETTI DISPONIBILI IL CORSO DI PROGETTO DI RETI E SISTEMI INFORMATICI PROGETTI DISPONIBILI IL CORSO DI PROGETTO DI RETI E SISTEMI INFORMATICI 1 Web Link Monitor... 2 2 Database Browser... 4 3 Network Monitor... 5 4 Ghost Site... 7 5 Copy Search... 9 6 Remote Audio Video

Dettagli

Sistema di risparmio energetico aziendale Documento di Analisi della gestione dell illuminazione

Sistema di risparmio energetico aziendale Documento di Analisi della gestione dell illuminazione Sistema di risparmio energetico aziendale Documento di Analisi della gestione dell illuminazione Descrizione gestione dell illuminazione Nell ambito dello sviluppo di un sistema di risparmio energetico,

Dettagli

Architetture per le applicazioni web-based. Mario Cannataro

Architetture per le applicazioni web-based. Mario Cannataro Architetture per le applicazioni web-based Mario Cannataro 1 Sommario Internet e le applicazioni web-based Caratteristiche delle applicazioni web-based Soluzioni per l architettura three-tier Livello utente

Dettagli

Programmazione Java Avanzata

Programmazione Java Avanzata Programmazione Java Avanzata Accesso ai Dati Ing. Giuseppe D'Aquì Testi Consigliati Eclipse In Action Core J2EE Patterns - DAO [http://java.sun.com/blueprints/corej2eepatterns/patterns/dataaccessobject.html]

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI SISTEMI E INFORMATICA. Elaborato di Tecnologie del Software per Internet

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI SISTEMI E INFORMATICA. Elaborato di Tecnologie del Software per Internet UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI SISTEMI E INFORMATICA Elaborato di Tecnologie del Software per Internet JMSWEB 2 SISTEMA PER LO SCAMBIO DI MESSAGGI TRA APPLICAZIONI

Dettagli

Sistemi Informativi e WWW

Sistemi Informativi e WWW Premesse Sistemi Informativi e WWW WWW: introduce un nuovo paradigma di diffusione (per i fornitori) e acquisizione (per gli utilizzatori) delle informazioni, con facilità d uso, flessibilità ed economicità

Dettagli

PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152)

PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152) Commissario Delegato per l Emergenza Bonifiche e la Tutela delle Acque in Sicilia PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152) Sistema WEB-GIS

Dettagli

Architettura del software: dai Casi d Uso al Modello

Architettura del software: dai Casi d Uso al Modello Architettura del software: dai Casi d Uso al Modello Lorenzo Barbieri Sono un Senior Trainer/Consultant in ObjectWay SpA (www.objectway.it), specializzato in architetture Microsoft.NET, Windows, SQL Server,

Dettagli

Siti interattivi e dinamici. in poche pagine

Siti interattivi e dinamici. in poche pagine Siti interattivi e dinamici in poche pagine 1 Siti Web interattivi Pagine Web codificate esclusivamente per mezzo dell HTML non permettono alcun tipo di interazione con l utente, se non quella rappresentata

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Prospetto Informativo on-line Standard tecnici del sistema informativo per l invio telematico del Prospetto Informativo Documento: UNIPI.StandardTecnici Revisione

Dettagli

Registro SPICCA Architettura del Software

Registro SPICCA Architettura del Software Registro SPICCA Architettura del Software Versione 1.0 del 25/08/2009 Sommario 1 Introduzione... 4 1.1 Scopo... 4 1.2 Obiettivo... 4 1.3 Riferimenti... 4 1.4 Panoramica del documento... 4 2 Rappresentazione

Dettagli

NETSHOP: un centro commerciale virtuale

NETSHOP: un centro commerciale virtuale Seconda Università degli Studi di Napoli Facoltà di Ingegneria Tesi di Laurea in Ingegneria Informatica NETSHOP: un centro commerciale virtuale Relatore: Candidato: Ch.mo Prof. Luigi Luongo Antonio d Acierno

Dettagli

Informatica Documentale

Informatica Documentale Informatica Documentale Ivan Scagnetto (scagnett@dimi.uniud.it) Stanza 3, Nodo Sud Dipartimento di Matematica e Informatica Via delle Scienze, n. 206 33100 Udine Tel. 0432 558451 Ricevimento: giovedì,

Dettagli

Piazza Multicanale. Caso di Studio: Progetto di sistema. Realizzato da: Addante Michele Daddario Fabio De Vito Francesco Cania Lagrotta Piero

Piazza Multicanale. Caso di Studio: Progetto di sistema. Realizzato da: Addante Michele Daddario Fabio De Vito Francesco Cania Lagrotta Piero Ingegneria del Software Caso di Studio: Piazza Multicanale Progetto di sistema Realizzato da: Addante Michele Daddario Fabio De Vito Francesco Cania Lagrotta Piero Indice Parte III: Progetto di Sistema

Dettagli

Corso analista programmatore Java. Corso analista programmatore Java Programma

Corso analista programmatore Java. Corso analista programmatore Java Programma Corso analista programmatore Java Programma 1.1 Obiettivo e modalità di fruizione L obiettivo del corso è di fornire le conoscenze tecniche e metodologiche per svolgere la professione di Programmatore

Dettagli

EyesDGTV. Your digital terrestrial television. Soluzioni Informatiche

EyesDGTV. Your digital terrestrial television. Soluzioni Informatiche EyesDGTV Your digital terrestrial television Soluzioni Informatiche Cos è EyesDGTV è la soluzione che Betacom propone per la televisione digitale terrestre. Basata su tecnologie consolidate, quali J2EE

Dettagli

Analisi e sviluppo di un portale di e-commerce

Analisi e sviluppo di un portale di e-commerce tesi di laurea Analisi e sviluppo di un portale di e-commerce 2011/2012 relatore Ch.mo prof. Porfirio Tramontana correlatore Ch.mo Antonio Agliata candidato Roberta Petruzzo Matr. 534/1042 Introduzione

Dettagli

Amministrazione Patrimonio Fondi

Amministrazione Patrimonio Fondi Amministrazione Patrimonio Fondi Un esperienza progettuale italiana in ottica europea Funds management back office. An Italian approach in the European context Salvatore Casolaro, Responsabile Sistemi

Dettagli

DESIGN PATTERN ESERCITAZIONE UML E DP INGEGNERIA DEL SOFTWARE. A quali pattern si riferiscono i tre schemi?

DESIGN PATTERN ESERCITAZIONE UML E DP INGEGNERIA DEL SOFTWARE. A quali pattern si riferiscono i tre schemi? ESERCITAZIONE UML E DP INGEGNERIA DEL SOFTWARE Università degli Studi di Padova Dipartimento di Matematica Corso di Laurea in Informatica, A.A. 2014 2015 rcardin@math.unipd.it DESIGN PATTERN A quali pattern

Dettagli

DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER

DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER L architettura CLIENT SERVER è l architettura standard dei sistemi di rete, dove i computer detti SERVER forniscono servizi, e computer detti CLIENT, richiedono

Dettagli

Progetto di Ingegneria del Software 2. SWIMv2

Progetto di Ingegneria del Software 2. SWIMv2 Progetto di Ingegneria del Software 2 2012/2013 SWIMv2 Guida al Testing Docente: Prof. Luca Mottola Davide Brambilla Antonio Caputo Paolo Caputo 1 Indice 1 Introduzione 1.1 Materiale fornito................................

Dettagli

Progetto di Applicazioni Software

Progetto di Applicazioni Software Progetto di Applicazioni Software Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti SAPIENZA Università di Roma Anno Accademico 2008/2009 I lucidi del corso sono stati prodotti sulla base del

Dettagli

Corso Programmazione Java Android. Programma

Corso Programmazione Java Android. Programma Corso Programmazione Java Android Programma 1.1 Obiettivo e modalità di fruizione L obiettivo del corso è di fornire le conoscenze tecniche e metodologiche per svolgere la professione di Programmatore

Dettagli

Diagrammi di Interazione

Diagrammi di Interazione Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Diagrammi di Interazione Definizioni Diagrammi di Interazione una interazione specifica i dettagli

Dettagli

Server-side Programming: Java servlets Parte II

Server-side Programming: Java servlets Parte II Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria delle Telecomunicazioni Corso di Reti di Applicazioni Telematiche a.a. 2009-2010 Server-side Programming:

Dettagli

La Roadmap dello sviluppo per System i5: dalle Applicazioni Legacy alla SOA

La Roadmap dello sviluppo per System i5: dalle Applicazioni Legacy alla SOA IBM System i5 La Roadmap dello sviluppo per System i5: dalle Applicazioni Legacy alla SOA Massimo Marasco System i Technical Sales Support massimo_marasco@it.ibm.com Oriented Architecture (SOA) Servizio

Dettagli

Breve introduzione curata da Alessandro Benedetti. Struts2-Introduzione e breve guida

Breve introduzione curata da Alessandro Benedetti. Struts2-Introduzione e breve guida Breve introduzione curata da Alessandro Benedetti Struts2-Introduzione e breve guida 22-11- 2008 1 Struts 2 Costruisci,attiva e mantieni! Apache Struts 2 è un framework elegante ed estensibile per creare

Dettagli