Il Termovalorizzatore di Torino

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Termovalorizzatore di Torino"

Transcript

1 Presentazione a cura : Ing. V. M. Fasone Dirigente Ingegneria & Manutenzione Il Termovalorizzatore di Torino 1

2 La società TRM S.p.A - Trattamento Rifiuti Metropolitani è la società che ha progettato, fatto realizzare e gestisce il Termovalorizzatore dei rifiuti della Città Metropolitana di Torino. Assetto societario 2

3 Rifiuti solidi urbani ( r.s.u. ) domestici da strade ed aree pubbliche aree verdi Tipologia di rifiuti Rifiuti speciali ( r.s.a. ) ( in funzione della pericolosità vengono assimilati o no agli urbani ) da lavorazioni industriali da attività commerciali da fanghi dopo trattamento acque da attività sanitarie Rifiuti smaltiti con il Termovalorizzatore Rifiuti urbani pericolosi ( r.u.p. ) con elevate dosi di sostanze inquinanti medicinali scaduti pile 3

4 Produzione e raccolta differenziata Andamento della raccolta differenziata dal 2000 al 2013 Fonte: Provincia di Torino - Rapporto sullo stato del sistema di gestione rifiuti Dicembre 2014 Quantità di rifiuti prodotti nel t Pertanto il rifiuto urbano, residuo da raccolta differenziata supera le t/anno 4

5 Localizzazione del Termovalorizzatore DIMENSIONI AREA ~ m 2 LOCALITA GERBIDO ( Città di Torino ) 5

6 Cosa brucia? I rifiuti solidi urbani, residui da raccolta differenziata (RSU) e rifiuti speciali assimilabili agli urbani (RSA), vengono invece inviati quasi totalmente al Termovalorizzatore. In città i rifiuti vengono raccolti in modo differenziato I rifiuti differenziati vengono inviati ai diversi impianti di recupero e riciclo I rifiuti urbani bruciati provengono dalla Città di Torino e da molti comuni della Città Metropolitana. 6

7 Dati tecnici generali Dimensioni dell edificio centrale: planimetria: ~ 80 x 200 m; altezza massima coperture: ~ 50 m; altezza camino: 120 m Tipo di tecnologia Caldaia Depurazione fumi Ciclo termodinamico Tipo di turbina Sistema di condensazione del vapore Forno a griglia mobile raffreddata ad aria con ricircolo fumi Caldaia a 3 canali radianti verticali e canale convettivo orizzontale Elettrofiltro Reattore a secco Filtro a maniche - Denox catalitico T vapore : < 420 C P vapore : < 60 bar(a) Turbina a condensazione con spillamenti regolati Condensazione a circuito d acqua e torri di raffreddamento tipo wet dry 7

8 Dati tecnici generali Potere calorifico ( PCI ) di progetto kj/kg DIAGRAMMA DI CAPACITA DELLA GRIGLIA DELL IMPIANTO DI TORINO Campo di variazione del PCI min max kj/kg 8

9 Planimetria generale Magazzino & Officina Portale controllo radioattivo Pese Torri di raffreddamento Ingresso mezzi Palazzina staff tecnico Area ricevimento e stoccaggio rifiuti Area demi ed antincendio Area turbina Area caldaie e trattamento fumi Edificio (futuro) teleriscaldamento Sottostazione elettrica Camino Centro direzionale Prolungamento via Gorini Tecnici & visitatori Portineria Area stoccaggio ceneri e reagenti Area stoccaggio scorie Spogliatoio Stazione gas metano 9

10 Cronoprogramma dei lavori Avvio del cantiere 8 Febbraio 2010 Periodo di costruzione Febbraio 2010 Aprile 2013 Esercizio provvisorio e collaudo prestazionale Maggio 2013 Avvio esercizio commerciale da metà

11 Schema di principio CONDENSATORE TURBINA A VAPORE CAMINO FOSSA RSU CALDAIA 11

12 Portate e temperature dei fumi di combustione in MCR 630 C Nm 3 /h 900 C 200 C 195 C fumi da trattare Nm 3 /h fumi in caldaia Nm 3 /h 190 C fumi ricircolati Fino a 1200 C 12

13 Controllo rifiuti Per conferire i propri rifiuti in impianto, tutti i camion devono passare in primo luogo attraverso un portale di controllo radioattività. Successivamente i mezzi giungono al locale pesa per la verifica dei documenti e la pesatura. PORTALE CONTROLLO RADIAZIONI PESA 13

14 Conferimento rifiuti Superati tali controlli, i mezzi di conferimento entrano in avanfossa e, dopo essersi posizionati in corrispondenza di una delle 10 bocche di lupo disponibili, scaricano i rifiuti in fossa. La fossa ha una capacità utile pari a ~ m 3 ed è dimensionata per accumulare rifiuti per ~ 5giorniad impianto spento. AVANFOSSA DI SCARICO RIFIUTI CABINA GRUISTI TRAMOGGE DI CARICO DEI RIFIUTI BOCCHE DI LUPO FOSSA RIFIUTI SCIVOLI RIFIUTI 14

15 Conferimento rifiuti MONITOR DELL AREA AVANFOSSA QUOTA TRAMOGGE : 22.5 m MONITORS DELLE 3 TRAMOGGE I gruisti, utilizzando ciascuno una delle 2 benne a polipo, miscelano, prelevano e depositano i rifiuti in una delle 3 tramogge di ingresso alle griglie dei forni di incenerimento. QUOTA CABINA GRUISTI : 13 m 15

16 Ingresso rifiuti Conferimento rifiuti in caldaie ( vista in 3 D ) L aria prelevata all interno dell edificio caldaia, detta aria secondaria, viene inviata in caldaia per migliorare la combustione. Ingresso aria secondaria Ingresso fumi in elettrofiltro Ingresso aria primaria Le benne a polipo alimentano con i rifiuti (fino a 7t per volta) le tramogge (10,7m x 6,9m) e quindi i sottostanti canali di carico (9,4m x 1m) verso le griglie. I rifiuti alimentati in 1harrivano all MCR a ~ 22,5 t. Attraverso l aspirazione di aria primaria dalla fossa rifiuti, inviata sotto la griglia, viene creata nell ambiente fossa una leggera depressione, tale da evitare così la fuoriuscita dall impianto di cattivi odori. 16

17 Sistema griglia/caldaia Al di sopra di ciascuna griglia, è collocata una caldaia, costituita da tre canali radianti verticali ed una parte convettiva orizzontale, nella quale sono installati banchi scambiatori verticali. All interno di questi banchi circola acqua in pressione che, riscaldandosi per effetto dei fumi caldi, sotto forma di vapore alimenta una turbina a vapore. La combustione dei rifiuti avviene a ~ 1000/1200 C su 3 griglie Martin mobili a spinta inversa. Ogni griglia, con superficie di 76,5 m 2, è costituita da 4 treni paralleli, suddivisi in 5 zone trasversali. 17

18 Griglia di combustione In circa 1 h di permanenza sulla griglia, i rifiuti bruciano grazie all aria primaria comburente, insufflata sotto la griglia. La velocità di avanzamento è regolata dal sistema di controllo di movimento alternato dei barrotti, mentre 2 tamburi rotanti, azionati ciascuno da un cilindro idraulico, regolano l altezza dello strato finale (0,3 0,6 m) di scorie, per garantire la totale copertura della griglia. Treno Inoltre, per migliorare e completare il processo di combustione secondaria in caldaia, cioè l ossidazione dei gas incombusti, vengono insufflati aria secondaria e fumi di ricircolo. n. 4 Treni Barrotto Tamburo scorie 18

19 Sistema griglia/caldaia 1286 m 2 di superfici rivestite con Inconel 625 ( colore verde ) Corpo cilindrico Surriscaldatori Pareti membranate di caldaia protette da tavelle di refrattari ( colore marrone ) 19

20 Recupero energetico Il vapore viene poi convogliato nell area di recupero energetico per diventare energia elettrica/termica. L impianto può lavorare in assetto solo elettrico o in cogenerazione (produzione contemporanea di energia termica ed elettrica) In assetto elettrico il vapore viene inviato alla turbina che trasforma l energia termica del vapore in energia elettrica attraverso un generatore. In assetto cogenerativo, una parte del vapore prodotto in caldaia viene spillato a metà della turbina e cede il proprio calore ad uno scambiatore per produrre acqua calda da inviare alla rete di teleriscaldamento. 20

21 Ciclo termico in sala turbina 21

22 Sistema di raffreddamento Dopo che il vapore, prodotto nelle caldaie, ha ceduto tutto la sua energia cinetica alle pale della turbina, viene ricondensato in uno scambiatore a fascio tubiero, utilizzando acqua di raffreddamento. Una delle due pompe da m 3 /h alimenta così un condensatore principale ed uno di by-pass in serie, quest ultimo pronto ad intervenire in condizioni di flusso di vapore non diretto alla turbina. L acqua, utilizzata per la condensazione del vapore, deve a sua volta essere raffreddata; ciò avviene entro 6 celle di raffreddamento di un sistema di torri ibride wet-dry e no plume. Pompe del sistema di raffreddamento La loro peculiarità è quella di consentire di ridurre la formazione dell innocuo pennacchio di vapore prodotto dai camini delle ventole. Acqua in ingresso Aria in ingresso Acqua in uscita Aria aspirata in uscita Acqua in ingresso Aria in ingresso Torri di raffreddamento 22

23 Sottostazione elettrica Sottostazione elettrica L Impianto di Termovalorizzazione è collegato alla Rete Elettrica di Trasmissione Nazionale 220kV RTN Terna mediante una sottostazione elettrica AT 220kV, munita di due trasformatori AT/MT 220/15kV di potenza pari a 80MVA ciascuno, eserciti non in parallelo, ma con parallelo di passaggio consentito sul QMT 15kV, per mezzo dei quali si realizza il collegamento tra il gestore TERNA e la rete MT interna dell impianto. Sulla rete di distribuzione MT 15kV dell impianto insiste inoltre un turboalternatore di potenza pari a 80 MVA, associato alla turbina a vapore. 23

24 Sottostazione elettrica Dalla sbarra a 15kV sono alimentati due trasformatori MT/MT 15/6,3kV di potenza pari a 16MVA ciascuno, chesi attestano rispettivamente sulle due semisbarre del Quadro Elettrico Generale di Smistamento 6,3kV. Le due semisbarre risultano normalmente esercite a congiuntore aperto. Un sistema di trasferimento dell alimentazione automatica istantanea permette la chiusura del congiuntore in caso di mancanza di tensione su una semisbarra. Dalle sbarre a 6,3kV sono alimentati i motori in MT ed i trasformatori MT/BT 6,3/0,4kV, che forniscono alimentazione ai Quadri Elettrici Power Center. Sottostazione elettrica Il sistema elettrico ha quattro differenti fonti di alimentazione: rete 220kV proveniente da stazione Grugliasco rete 220kV proveniente da stazione Torino Sud-Ovest turbina a vapore-turboalternatore MAN gruppo elettrogeno diesel di emergenza 24

25 Teleriscaldamento Nei corso dei primi mesi del 2016, un nuovo edificio verrà costruito all interno dell area nella quale sorge l impianto. Esso ospiterà una stazione di scambio termico, per mezzo della quale si trasferirà calore, proveniente sotto forma di vapore, dalla turbina alla rete urbana. Tale rete sarà costituita da una doppia tubazione interrata lunga circa 5,4 Km, che porterà acqua calda alle utenze finali di Beinasco e Grugliasco. Area prevista per edificio teleriscaldamento La popolazione che beneficerà del servizio sarà di circa 50mila abitanti. L erogazione del calore prodotto è prevista nel corso della stagione termica Tubazione vapore predisposta per teleriscaldamento 25

26 Trattamento fumi ( vista 3D ) Fumi da caldaie Elettrofiltro Filtro a maniche Reattore catalitico Reattore a secco Sili bicarbonato di sodio Silo carbone attivo Sili ceneri Sili prodotti sodici residui Ventilatore estrazione fumi 26

27 Sistema trattamento fumi (1 stadio di depurazione) ELETTROFILTRO Nell elettrofiltro le particelle, trasportate dai fumi di combustione, vengono sottoposte ad un campo elettrostatico che permette di attirare le ceneri su piastre di metallo (piatti di raccolta) interne al filtro. Le ceneri trattenute vengono raccolte nelle tramogge sottostanti per mezzo di un sistema di martellamento meccanico delle piastre. Flusso fumi verso il ventilatore di ricircolo 27

28 Sistema trattamento fumi (sistema di ricircolo fumi) Dopo l elettrofiltro e prima dell economizzatore esterno è installato il ventilatore di ricircolo fumi. VENTILATORE DI RICIRCOLO FUMI La sua presenza consente di ridurre le emissioni inquinanti (NO X in particolare) presenti nei fumi, inviando in caldaia circa il 14% della portata dei fumi. Ciò si traduce in evidenti vantaggi ambientali: assicurando non solo basse concentrazioni di inquinanti al camino, ma limitando anche i flussi di massa di tali inquinanti in atmosfera. A valle dell elettrofiltro un economizzatore a fascio tubiero regola la temperatura dei fumi, utilizzando l acqua del ciclo termico, come mezzo di raffreddamento. 28

29 Sistema trattamento fumi (2 stadio di depurazione) REATTORE A SECCO Nel reattore a secco avviene l iniezione controllata di carbone attivo e bicarbonato di sodio. Si generano così delle reazioni meccaniche e chimiche in grado di catturare gli inquinanti gassosi ancora presenti nei fumi. Il carbone attivo, altamente poroso, adsorbe i microinquinanti: inorganici metalli pesanti quali Pb, Zn, Cd, HG organici diossine (PCDD), furani (PCDF), composti clorurati e idrocarburi policiclici aromatici (IPA) Il bicarbonato di sodio, reagendo chimicamente con i macroinquinanti gassosi: ossidi di zolfo acidi (cloridrico, fluoridrico) fa sì che vengano prodotti altri composti gassosi, che vengono espulsi dal camino sotto forma di anidride carbonica (CO 2 ) e vapor d acqua (H 2 O). ECONOMIZZATORE ESTERNO 29

30 Sistema trattamento fumi (3 stadio di depurazione) FILTRO A MANICHE I residui solidi sono quasi totalmente trattenuti dal filtro a maniche, in particolare i sali sodici, prodotti dalle reazioni di abbattimento ( NaCl, NaF, Na 2 SO 4, Na 2 CO 3 genericamente indicati come PSR). L ampia superficie di contatto tra i fumi e le maniche del filtro (circa 4200 m 2 ), realizzate in materiale filtrante microporoso PTFE (Gore- Tex), consente la massima efficienza di rimozione delle polveri, incluso il PM 2,5. La pulizia delle maniche avviene periodicamente tramite impulsi d aria compressa che, scuotendo le maniche, fanno cadere le polveri depositate sulla loro superficie esterna nelle sottostanti tramogge. Si generano quindi i cosiddetti PSR (Prodotti Sodici Residui) che vengono raccolti in silos. 30

31 Sistema trattamento fumi (iniezione vapori di NH 3 ) REATTORE CATALITICO Reattore termico Per abbattere gli ossidi di azoto ( NOx ), presenti nel flusso di fumi provenienti dal filtro a maniche, si utilizzano vapori ammoniacali. Per la loro produzione, viene stoccata in 2 serbatoi da 80 m 3 della soluzione acquosa al 45% di urea, che viene decomposta in NH 3 all interno di un reattore termico, grazie al calore prodotto da due bruciatori a metano, uno in riserva all altro, che innalzando la temperatura a T=300 C, dissociano l urea in NH 3. Per evitare eccessive temperature in camera di reazione e favorire il trasporto dell NH 3, si provvede ad iniettare aria, quale flusso addizionale di trasporto in uscita e con funzione di limitazione della concentrazione a valori molto inferiori al limite inferiore di esplosività. 31

32 Sistema trattamento fumi (4 stadio di depurazione) REATTORE CATALITICO Ingresso vapori ammoniacali Ingresso fumi Setti a nido d ape Uscita fumi Nel reattore catalitico, attualmente il sistema più efficace per ottenere bassi livelli di emissione in atmosfera, vengono rimossi più del 95% degli ossidi di azoto (NO X ). Si tratta di un reattore catalitico suddiviso in due parti: Catalizzatori una zona di miscelazione incui i fumi, provenienti dal filtro a maniche, sono additivati con iniezione di gas contenenti ammoniaca ( NH 3 ) una zona di trattamento, dove l ammoniaca abbatte gli NO X dei fumi, reagendo con essi grazie a delle sostanze catalizzatrici (WO 3, V 2 O 5 su TiO 2 ) 32

33 Sistema trattamento fumi (scambiatore teflonato) Uscita fumi Uno scambiatore fumi/condensato, rivestito in teflon (PTFE), consente ai fumi a ~180 C, di cedere parte del loro calore (~60 C) alla condensa del ciclo termico, proveniente dal pozzo caldo del condensatore principale e diretta al degasatore. Questo scambiatore ha pertanto una importante funzione di recuperatore di calore, consentendo l invio a camino dei fumi depurati e raffreddati a ~120 C. SCAMBIATORE FUMI/CONDENSATO 33

34 Sistema trattamento fumi (ventilatore di tiraggio) Il sistema di trattamento dei fumi termina con il ventilatore di tiraggio che, mantenendo in depressione l intera linea, evita fuoriuscite di fumi dai condotti e dalle apparecchiature collocate all interno dell edificio. Uscita fumi VENTILATORE DI TIRAGGIO 34

35 I residui del Termovalorizzatore I residui solidi derivanti dal processo di combustione e depurazione dei fumi sono di 4 tipi: Scorie e ferrosi da combustione sotto la griglia Ceneri leggere da combustione sotto caldaia ed elettrofiltro 23% in peso 2% in peso Prodotti Sodici Residui da depurazione fumi sotto filtro a maniche 1,5% in peso 35

36 Gestione scorie Benna di movimentazione scorie Culle di raffreddamento Le scorie vengono raffreddate in culle colme d acqua e successivamente caricate su nastri trasportatori, dove, dopo essere state separate per mezzo di una elettrocalamita dai residui ferrosi, vengono stoccate in una fossa dedicata, in attesa di essere prelevate dagli operatori individuati. Fossa scorie 36

37 Trattamento scorie Le scorie, possedendo proprietà pozzolaniche simili alle rocce eruttive, come basalto e granito, vengono riutilizzate in alcune nazioni europee secondo le seguenti percentuali: Italia (additivo nel cemento, copertura giornaliera delle discariche) 20% Germania (opere civili) 72% Francia (costruzione strade) 77% Olanda (costruzione strade, massicciate) 87% Danimarca (costruzione edifici/strade, massicciate 98% (Crillesen e Skaarup, 2006) In particolare quelle prodotte all interno del Termovalorizzatore di Torino, vengono trattate presso gli impianti della RMB SpA e della Officina dell Ambiente SpA, per la produzione di aggregati destinati ad essere utilizzati nei settori delle infrastrutture, delle costruzioni civili, della produzione di conglomerati cementizi e bituminosi. 37

38 Descrizione del processo Officina dell Ambiente Selezione materiali in ingresso Ricevimento dei rifiuti Processo di trattamento Valorizzazione delle frazioni nobili della scoria L impianto ritira solamente scorie da incenerimento RSU acquisendole direttamente dal forno inceneritore a garanzia di ripetibilità e tracciabilità Messa in riserva delle scorie per un lungo periodo di maturazione/litostabilizzazione Trattamenti meccanici di frantumazione e vagliature abbinati ad asportazione di metalli ferrosi (MF) e non ferrosi (MNF) Ottenimento, dalla frazione minerale della scoria, di una famiglia di aggregati denominati Matrix Family utilizzata per la produzione di cemento ed altri conglomerati dell industria edilizia. Tutti i prodotti sono in possesso di marcatura CE, Dichiarazione Ambientale di Prodotto (EPD) e registrazione REACh (ai sensi del Reg. 1907/2006/CE) Vantaggi ambientali del processo di valorizzazione del Matrix Indice di recupero di materia molto elevato: (Matrix + MF + MNF) > 99% Riduzione del ricorso a materie prime di origine naturale quali sabbia o ghiaia Sottrazione di un consistente flusso di rifiuti dal tradizionale smaltimento in discarica 38

39 Applicazioni e vantaggi competitivi I prodotti della Matrix Family sono le MPS ideali per il LEED perché vantano una gamma di applicazioni molto ampia nell industria delle costruzioni e, attraverso i manufatti in cui vengono utilizzati, contribuiscono all ottenimento dei crediti Materials and Resources. 39

40 Gestione Prodotti Sodici Residui ( P.S.R.) Un area d impianto, denominata Edificio Sili, è destinata allo stoccaggio dei reagenti (soluz. ureica, carbone attivo e bicarbonato di sodio) e dei residui solidi (ceneri e prodotti sodici residui). Ceneri e prodotti sodici residui, dopo essere stati scaricati in autosili e pesati su di una pesa a ponte, vengono trasferiti ad impianti di trattamento. Pesa a ponte In particolare, presso la piattaforma SOLVAL S.p.A. di Rosignano, attraverso il processo SOLVAL, i P.S.R. vengono trattati per produrre una salamoia, avviata ai cicli industriali di sodiera. Processo di scarico dei p.s.r. 40

41 Trattamento Prodotti Sodici Residui (P.S.R.) Descrizione del Processo SOLVAL Stoccaggio PSR Dissoluzione Filtrazione Rettifica Stoccaggio salamoia Trasferimento da autosili a sili di stoccaggio per via pneumatica Dissoluzione in acqua dei componenti solubili (sali di sodio) e precipitazione dei metalli pesanti sotto forma di sali e idrossidi Separazione materie in sospensione dalla salamoia e successiva ulteriore depurazione Purificazione in 4 filtri rispettivamente: a sabbia per la componente insolubile, a carbone attivo per le sostanze organiche e a resine cationiche per i metalli pesanti residui Salamoia depurata per l invio ai cicli industriali di sodiera Vantaggi del Processo SOLVAL Elevato tasso di recupero: frazione salina recuperabile > % Riduzione di massa: in discarica < 20% del peso originale del PSR 41

42 Processo SOLVAL Rettifica Stoccaggio PSR Filtrazione Stoccaggio salamoia Dissoluzione 42

43 Sistema di monitoraggio di impianto Il flusso gassoso viene monitorato in tre distinte zone della linea di incenerimento: a. in caldaia b. a monte del sistema di trattamento dei fumi c. a camino Nelle prime due zone (a, b) la funzione del monitoraggio è quella di regolazione e controllo del dosaggio dei reagenti. La terza è dedicata alla verifica del rispetto dei limiti di legge ed è ridondata: ci sono infatti due identiche strumentazioni per ogni canna di ciascuna linea. Le 3 canne all interno del camino 43

44 Sistema di monitoraggio a camino Prima di essere espulsi in atmosfera i fumi sono analizzati dal sistema di monitoraggio delle emissioni (SME), dove vengono misurati i valori delle sostanze residue per verificare il rispetto dei limiti emissivi. L ARPA è l ente di controllo che ha il compito di monitorare le emissioni dell impianto. I sistemi dell ARPA sono costantemente collegati via modem al Sistema di Monitoraggio Emissioni (SME) dell impianto. A camino sono installati per ciascuna linea: strumenti che misurano la temperatura, la portata e la pressione dei fumi un sistema per controllo e misura di eventuale radioattività presente nei fumi 2 analizzatori per la misura dei parametri in continuo Diossine, Furani, IPA e metalli pesanti sono monitorati e misurati con prelievi periodici trimestrali. È previsto anche il controllo in continuo, con prelievi periodici, di diossine, furani e IPA, che, accumulati in fiale, vengono poi inviati a laboratori specializzati per le analisi. 44

45 Andamento impianto Dati aggiornati al

46 Anno al mese Rifiuti conferiti nel corso del tonnellate tonnellate tonnellate

47 Energia elettrica Totale da inizio attività (20/04/13) a 30/09/15 Energia elettrica prodotta di cui immessa in rete MWh MWh Anno PRODOTTA PRODOTTA CEDUTA Anno 2015 CEDUTA MWh MWh mese mese 47

48 Limiti emissivi autorizzati Parametri misurati in continuo Parametri misurati con prelievi periodici PARAMETRO Unità di misura Limite di Legge (D.Lgs. 133/2005) Valori autorizzati per i primi due anni di esercizio (fase iniziale LIMITE 1) Valori autorizzati dopo i primi due anni di esercizio (fase a regime LIMITE 2) Polveri mg/nm Acido Cloridrico (HCl) mg/nm Acido Fluoridrico (HF) mg/nm Ossidi di Zolfo (SO 2 ) mg/nm Ossidi di Azoto (NO x ) mg/nm Carbonio Organico Totale (TOC) mg/nm Monossido di Carbonio mg/nm Ammoniaca (NH 3 ) mg/nm Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA) mg/nm Diossine e Furani (PCDD + PCDF) ngteq/nm Cadmio e Tallio (Cd+Tl) mg/nm Mercurio (Hg) mg/nm Zinco (Zn) mg/nm Metalli pesanti (Sb+As+Pb+Cr+Co+Cu+Mn+Ni+V+Sn) mg/nm NOTA: La Normativa nazionale di settore attualmente vigente (D. Lgs 133/05) non impone la misurazione dei parametri NH 3 (Ammoniaca), Zn (Zinco) e Sn (Stagno); l autorizzazione concessa a TRM ne prevede cautelativamente la misurazione. 48

49 Parametri misurati con prelievi periodici A seguito di una prescrizione contenuta nell A.I.A., a partire da luglio 15 i limite emissivi autorizzati di ciascuna linea di combustione sono progressivamente divenuti più stringenti secondo le tempistiche seguenti: Linea 1: Limite 2 valido dal Linea 2: Limite 2 valido dal Linea 3: Limite 2 valido dal Nella tabella che segue, in ultima colonna, vengono indicati sia il Limite 1, che l attuale Limite 2. 49

50 Parametri misurati con prelievi periodici anno 2015 PARAMETRO Unità di misura Linea Febbraio Marzo Giugno Luglio Limite autorizzato PCDD+PCDF (Diossine e Furani) ngteq/nm 3 2 0, , , , , , Limite 1: 0,1 ngteq/nm 3 Limite 2: 0,05 ngteq/nm 3 IPA (Idrocarburi Policiclici Aromatici) mg/nm 3 2 0, , , , , , Limite 1: 0,01 mg/nm 3 Limite 2: 0,005 mg/nm 3 Cd+Tl (Cadmio + Tallio) mg/nm 3 2 0,002 0, ,002 0, ,003 0,002 Limite 1: 0,05 mg/nm 3 Limite 2: 0,03 mg/nm 3 Hg (Mercurio) mg/nm 3 2 0,018 0, ,009 0, ,012 0,001 Limite 1: 0,05 mg/nm 3 Limite 2: 0,05 mg/nm 3 Zn (Zinco) mg/nm 3 2 0,008 0, ,008 0, ,007 0,007 Limite 1: 0,5 mg/nm 3 Limite 2: 0,5 mg/nm 3 Sommatoria metalli (Sb+As+Pb+Cr+Co+Cu+Mn +Ni+V+Sn) mg/nm 3 2 0,025 0, ,032 0, ,026 0,022 Limite 1: 0,5 mg/nm 3 Limite 2: 0,3 mg/nm 3 Tutti i parametri analizzati sono ampiamente al di sotto dei limiti previsti dall autorizzazione. 50

51 Nulla è un rifiuto pertanto nulla va rifiutato, bensì valorizzato! Grazie per l attenzione Il nostro sito : 51

Il termovalorizzatore di Torino

Il termovalorizzatore di Torino Il termovalorizzatore di Torino Funzionamento Andamento 2015 13 febbraio 2016 La Società TRM S.p.A - Trattamento Rifiuti Metropolitani èlasocietà che ha progettato, costruito e, attualmente, gestisce il

Dettagli

Intervento di Revamping Impianto di termovalorizzazione Sito in Busto Arsizio

Intervento di Revamping Impianto di termovalorizzazione Sito in Busto Arsizio Intervento di Revamping Impianto di termovalorizzazione Sito in Busto Arsizio Schema di riferimento generale Raccolta rifiuti Controllo radioattività / allarme Ricevimento / Fossa di stoccaggio Sistema

Dettagli

Parametro Valore Unità misura

Parametro Valore Unità misura Parametro Valore Unità di misura Dimensione lotto 268.660 m 2 Potenza elettrica lorda 16,8 MWe Potenza elettrica netta 14,0 MWe Producibilità media lorda annua 126 GWh/anno Tensione di rete 150 kv Potenza

Dettagli

Centro studi MatER Materia & Energia da Rifiuti Impianto di termovalorizzazione della Città Metropolitana di Torino

Centro studi MatER Materia & Energia da Rifiuti Impianto di termovalorizzazione della Città Metropolitana di Torino Centro studi MatER Materia & Energia da Rifiuti Impianto di termovalorizzazione della Città Metropolitana di Torino Relazione della presentazione e della visita tecnica Torino 14 luglio 2015 Il termovalorizzatore

Dettagli

LA PRODUZIONE DEL CDR E IL SUO UTILIZZO IN CO-COMBUSTIONE Isola di San Servolo, Venezia. Il Termovalorizzatore di Padova 13 Maggio 2011

LA PRODUZIONE DEL CDR E IL SUO UTILIZZO IN CO-COMBUSTIONE Isola di San Servolo, Venezia. Il Termovalorizzatore di Padova 13 Maggio 2011 LA PRODUZIONE DEL CDR E IL SUO UTILIZZO IN CO-COMBUSTIONE Isola di San Servolo, Venezia Il Termovalorizzatore di Padova 13 ENERGIA GAS ACQUA AMBIENTE E SERVIZI Cristiano Piccinin Responsabile Operativo

Dettagli

Impianto di termovalorizzazione I cipressi (FI) Fasi di funzionamento dell'impianto: Prima fase. Schema. Sezione

Impianto di termovalorizzazione I cipressi (FI) Fasi di funzionamento dell'impianto: Prima fase. Schema. Sezione Impianto di termovalorizzazione I cipressi (FI) Fasi di funzionamento dell'impianto: Prima fase Schema Sezione 1 La seconda fase, quella più "calda", dove i rifiuti vengono bruciati e, col calore ottenuto,

Dettagli

L impianto di termovalorizzazione di Torino. Ing. Riccardo Statini TM.E. S.p.A. Termomeccanica Ecologia

L impianto di termovalorizzazione di Torino. Ing. Riccardo Statini TM.E. S.p.A. Termomeccanica Ecologia L impianto di termovalorizzazione di Torino Ing. Riccardo Statini TM.E. S.p.A. Termomeccanica Ecologia Soggetto aggiudicatario Costituenda Associazione Temporanea di Imprese tra TM.E. S.p.A. termomeccanica

Dettagli

Emissioni inquinanti. Derivati della combustione e del raffreddamento dei fumi

Emissioni inquinanti. Derivati della combustione e del raffreddamento dei fumi Depurazione fumi Emissioni inquinanti Derivati della combustione e del raffreddamento dei fumi Macroinquinanti (g m -3 o mg m -3 ) Microinquinanti (µg m -3 o ng m -3 ) rganici (es. PCDD/F) Inorganici Es.

Dettagli

Termovalorizzatore di Acerra

Termovalorizzatore di Acerra Termovalorizzatore di Acerra Il termovalorizzatore di Acerra è uno dei più grandi impianti d Europa, con una capacità di smaltimento pari a 600.000 t/anno di RSU pretrattato; esso produce 600 milioni di

Dettagli

Il termovalorizzatore del territorio di Forlì

Il termovalorizzatore del territorio di Forlì Il termovalorizzatore del territorio di Forlì Il termovalorizzatore del territorio di Forlì Cos è la termovalorizzazione Come funziona la termovalorizzazione Realizzato nel 2008 secondo le più moderne

Dettagli

12. GARANZIE PROGETTO DEFINITIVO. Page : 1/8. Via Giacomo Puccini, 8/10. Numéro du document

12. GARANZIE PROGETTO DEFINITIVO. Page : 1/8. Via Giacomo Puccini, 8/10. Numéro du document Page : 1/8 12. GARANZIE Page : 2/8 SOMMARIO 12.1 Basi di definizione delle garanzie... 3 12.2 Garanzie di prestazioni... 3 12.2.1 Potenzialità di trattamento... 3 12.2.2 Caratteristiche e portate vapore

Dettagli

Esperienze Hera nella progettazione di soluzioni per la termovalorizzazione dei rifiuti

Esperienze Hera nella progettazione di soluzioni per la termovalorizzazione dei rifiuti Esperienze Hera nella progettazione di soluzioni per la termovalorizzazione dei rifiuti Direzione Ingegneria Davide Corrente Indice 1 - Gruppo HERA 2 - Impianti progettati, costruiti e messi in marcia

Dettagli

15. INVESTIMENTO PROGETTO DEFINITIVO. Page : 1/6. Via Giacomo Puccini, 8/10. Numero del documento

15. INVESTIMENTO PROGETTO DEFINITIVO. Page : 1/6. Via Giacomo Puccini, 8/10. Numero del documento Page : 1/6 15. INVESTIMENTO Page : 2/6 15.1 Descrizione del prezzo di investimento Il prezzo di investimento comprende gli elementi seguenti : - L ingegneria e project managemenent - Le forniture elettromeccaniche

Dettagli

La realizzazione del Termovalorizzatore dei rifiuti di Torino Le tappe fondamentali

La realizzazione del Termovalorizzatore dei rifiuti di Torino Le tappe fondamentali Il Termovalorizzatore del Gerbido La realizzazione del Termovalorizzatore dei rifiuti di Torino Le tappe fondamentali Piacenza, 15 maggio 2013 Bruno Torresin - Presidente TRM S.p.A. Il TERMOVALORIZZATORE

Dettagli

LINEA DI TRATTAMENTO. Rifiuti solidi. Impianto di selezione per la produzione di Cdr e Cnc

LINEA DI TRATTAMENTO. Rifiuti solidi. Impianto di selezione per la produzione di Cdr e Cnc LINEA DI TRATTAMENTO Rifiuti solidi Impianto di selezione per la produzione di Cdr e Cnc Impianto di recupero energetico mediante forno a letto fluido Produzione di CdR e/o CnC SCHEMA A BLOCCHI IMPIANTO

Dettagli

WORKSHOP. I controlli di ARPA agli impianti di incenerimento dei rifiuti in Emilia - Romagna Stato attuale e prospettive RIMINI.

WORKSHOP. I controlli di ARPA agli impianti di incenerimento dei rifiuti in Emilia - Romagna Stato attuale e prospettive RIMINI. WORKSHOP I controlli di ARPA agli impianti di incenerimento dei rifiuti in Emilia - Romagna Stato attuale e prospettive RIMINI 31 Maggio 2005 Centro Congressi SGR Via Chiabrera 34/B Produzione e recupero

Dettagli

COGENERAZIONE A BIOGAS

COGENERAZIONE A BIOGAS COGENERAZIONE A BIOGAS Aspetti ambientali L evoluzione del biogas per un agricoltura più sostenibile BOLOGNA, 6 Luglio 2011 INTERGEN Divisione energia di IML Impianti s.r.l. - via garcía lorca 25-23871

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL SISTEMA DI TELERISCALDAMENTO TORINESE CON IL PROGETTO TORINO NORD EST

L EVOLUZIONE DEL SISTEMA DI TELERISCALDAMENTO TORINESE CON IL PROGETTO TORINO NORD EST 1 Convegno TELERISCALDAMENTO: verso la SMART GRID L EVOLUZIONE DEL SISTEMA DI TELERISCALDAMENTO TORINESE CON IL PROGETTO TORINO NORD EST Torino Lingotto Fiere, 25 maggio 2012 Ing. Carmelo TRIPODI Direttore

Dettagli

LA CENTRALE TORINO NORD

LA CENTRALE TORINO NORD LA CENTRALE TORINO NORD Iren Energia è la società del Gruppo Iren che opera nei settori della produzione e distribuzione di energia elettrica, nella produzione e distribuzione di energia termica per teleriscaldamento

Dettagli

Il trattamento delle emissioni in atmosfera prodotte dai termovalorizzatori

Il trattamento delle emissioni in atmosfera prodotte dai termovalorizzatori Università degli Studi di Palermo Il trattamento delle emissioni in atmosfera prodotte dai termovalorizzatori Prof. Ing. Giorgio Micale, Dott. Ing. Onofrio Scialdone Dipartimento di Ingegneria Chimica

Dettagli

Incenerimento di rifiuti Recupero di energia e materia. SAIE 2008 Risparmio energetico e sostenibilità ambientale nelle aree industriali

Incenerimento di rifiuti Recupero di energia e materia. SAIE 2008 Risparmio energetico e sostenibilità ambientale nelle aree industriali Incenerimento di rifiuti Recupero di energia e materia SAIE 2008 Risparmio energetico e sostenibilità ambientale nelle aree industriali Bologna, 18.10.2008 CONTENUTI DELLA PRESENTAZIONE Il gruppo HERA

Dettagli

IMPIANTO DI COGENERAZIONE ALIMENTATO A BIOMASSE VEGETALI SOLIDE

IMPIANTO DI COGENERAZIONE ALIMENTATO A BIOMASSE VEGETALI SOLIDE IMPIANTO DI COGENERAZIONE ALIMENTATO A BIOMASSE VEGETALI SOLIDE S. Agata di Puglia (FG) PROPONENTE/PROMOTER IL PRESIDENTE VIA ZUCCHERIFICIO, 10-48213 - MEZZANO (RA) DOCUMENTAZIONE TECNICA AI FINI AUTORIZZATIVI

Dettagli

INGEGNERIA INDUSTRIALE Impianti per la produzione di energia elettrica alimentati da fonti rinnovabili

INGEGNERIA INDUSTRIALE Impianti per la produzione di energia elettrica alimentati da fonti rinnovabili ICARIA s.r.l. SOCIETA DI SERVIZI DI INGEGNERIA Sede legale: Via La Spezia, 6 00182 Roma Sedi Operative: Corso Cavour, 445 05018 Orvieto Tel. 0763.340875 Fax 0763.341251 Viale Liegi, 42 00198 Roma e_mail

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Le centrali termoelettriche sono impianti che utilizzano l energia chimica dei combustibili per trasformarla in energia elettrica. Nelle centrali termoelettriche la produzione

Dettagli

IL PUNTO DI UN GESTORE IPPC: CRITICITA NELL APPLICAZIONE DEL PMC

IL PUNTO DI UN GESTORE IPPC: CRITICITA NELL APPLICAZIONE DEL PMC IL PUNTO DI UN GESTORE IPPC: CRITICITA NELL APPLICAZIONE DEL PMC Seminario Tecnico Stabilimenti IPPC: Piano di Monitoraggio e Controllo (PMC) e Sistemi di Monitoraggio delle emissioni (SME) Provincia di

Dettagli

5 ANALISI DELLE ALTERNATIVE

5 ANALISI DELLE ALTERNATIVE Pag. 1 di 14 5 ANALISI DELLE ALTERNATIVE Pag. 2 di 14 5.1 PREMESSA... 3 5.2 ALTERNATIVE TECNOLOGICHE: SEZIONE DI COMBUSTIONE RECUPERO ENERGETICO... 6 5.3 ALTERNATIVE TECNOLOGICHE: SEZIONE DI TRATTAMENTO

Dettagli

Gli impianti di termodistruzione nel loro complesso, possono essere distinti in quattro sezioni fondamentali (Fig. 17):

Gli impianti di termodistruzione nel loro complesso, possono essere distinti in quattro sezioni fondamentali (Fig. 17): 4. LE SEZIONI DI UN IMPIANTO DI TEMODISTRUZIONE Gli impianti di termodistruzione nel loro complesso, possono essere distinti in quattro sezioni fondamentali (Fig. 17): Fig.17: sezioni fondamentali di un

Dettagli

1) DESCRIZIONE DELL IMPIANTO

1) DESCRIZIONE DELL IMPIANTO 1) DESCRIZIONE DELL IMPIANTO L impianto è costituito da due linee: la linea 1, derivante dalla completa ristrutturazione della linea 1 esistente e la linea 3 di nuova costruzione, le cui capacità orarie

Dettagli

EDIZIONE 2015/2016 AGRICOLTURA, ALIMENTAZIONE E SOSTENIBILITA' Il dispacciamento dell energia Andrea Ponta IREN SpA. Documento di livello: A

EDIZIONE 2015/2016 AGRICOLTURA, ALIMENTAZIONE E SOSTENIBILITA' Il dispacciamento dell energia Andrea Ponta IREN SpA. Documento di livello: A EDIZIONE 2015/2016 AGRICOLTURA, ALIMENTAZIONE E SOSTENIBILITA' Il dispacciamento dell energia Andrea Ponta IREN SpA Documento di livello: A Teleriscaldamento: calore e benessere per la città PREMESSA:

Dettagli

TERMOUTILIZZATORE DI BRESCIA

TERMOUTILIZZATORE DI BRESCIA TERMOUTILIZZATORE DI BRESCIA SINTESI DEI DATI RELATIVI ALLE EMISSIONI IN ATMOSFERA - ANNO 2012 1 ANALISI DELLA TIPOLOGIA, QUANTITÀ E PROVENIENZA GEOGRAFICA DEI RIFIUTI TRATTATI NELL IMPIANTO Analisi della

Dettagli

Relazione annuale per l anno 2013 ai sensi del D.Lgs. 133/05 art. 15 comma 3 e del Decreto n. 5149 del 17/05/2010.

Relazione annuale per l anno 2013 ai sensi del D.Lgs. 133/05 art. 15 comma 3 e del Decreto n. 5149 del 17/05/2010. ACCAM S.P.A. Strada Comunale di Arconate 21052 Busto Arsizio Tel 0331-351560 Fax 0331-351780 COD FISC PIVA 00234060127 Relazione annuale art. 15 D.Lgs. 133/05 Pagina 1 di 17 Data: 18.06.2014 Relazione

Dettagli

Tecnologie e Metodologie per la Conversione Termochimica dei Rifiuti Solidi Urbani

Tecnologie e Metodologie per la Conversione Termochimica dei Rifiuti Solidi Urbani Tecnologie e Metodologie per la Conversione Termochimica dei Rifiuti Solidi Urbani Francesco Pepe Dipartimento di Ingegneria Università del Sannio, Benevento LA GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI La gestione

Dettagli

Analisi dell efficienza di un nuovo sistema di trattamento del biogas

Analisi dell efficienza di un nuovo sistema di trattamento del biogas Rimini, 7 Novembre 2006 Analisi dell efficienza di un nuovo sistema di trattamento del biogas Relatore: M. Gugliotta Autori: V. Gerardi - M. Gugliotta M. X Cabibbo - G. Spina - F.Vanni Chi è e di cosa

Dettagli

Lo Stabilimento di Ferrera Erbognone

Lo Stabilimento di Ferrera Erbognone Lo Stabilimento di Ferrera Erbognone LO STABILIMENTO Lo stabilimento, ubicato nel Comune di Ferrera Erbognone (Pavia) nelle adiacenze della Raffineria Eni Divisione R&M di Sannazzaro de Burgondi, è il

Dettagli

TERMODISTRUZIONE RIFIUTI SOLIDI E PRODOTTI DERIVATI

TERMODISTRUZIONE RIFIUTI SOLIDI E PRODOTTI DERIVATI TERMODISTRUZIONE RIFIUTI SOLIDI E PRODOTTI DERIVATI Principi generali combustione potere calorifico bilanci di massa: stechiometria, volume fumi, eccessi d aria Recupero energetico bilanci termici, rendimenti

Dettagli

VALUTAZIONE SINTETICA DELLE MITIGAZIONI AMBIENTALI POSSIBILI CON LA REALIZZAZIONE DI UNA RETE DI TELERISCALDAMENTO.

VALUTAZIONE SINTETICA DELLE MITIGAZIONI AMBIENTALI POSSIBILI CON LA REALIZZAZIONE DI UNA RETE DI TELERISCALDAMENTO. Allegato 2b VALUTAZIONE SINTETICA DELLE MITIGAZIONI AMBIENTALI POSSIBILI CON LA REALIZZAZIONE DI UNA RETE DI TELERISCALDAMENTO. In questa memoria si analizzano le risultanze dello Studio di Impatto Ambientale

Dettagli

pierluigi.villa@univaq.it a cura di Pierluigi Villa Antonella Nardini

pierluigi.villa@univaq.it a cura di Pierluigi Villa Antonella Nardini COMBUSTIONE CATALITICA COME COMPLEMENTO DEL PROCESSO DI GASSIFICAZIONE INNOVATIVO DICOTOM PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA BIOMASSA E NON, CON PRODUZIONE DI ENERGIA a cura di Pierluigi Villa Antonella Nardini

Dettagli

LA CONDENSAZIONE LA CONDENSAZIONE CFP MANFREDINI ESTE (PD) Insegnante. Padovan Mirko 1

LA CONDENSAZIONE LA CONDENSAZIONE CFP MANFREDINI ESTE (PD) Insegnante. Padovan Mirko 1 POTERE CALORIFICO DEI COMBUSTIBILI Il potere calorifico è la quantità di calore prodotta dalla combustione completa di 1 m³ di combustibili gassosi. Generalmente i combustibili hanno un determinato quantitativo

Dettagli

Riduzione degli NOx tramite applicazione di membrane catalitiche su filtri a maniche del Termovalorizzatore. Cristiano PICCININ WTE Padova

Riduzione degli NOx tramite applicazione di membrane catalitiche su filtri a maniche del Termovalorizzatore. Cristiano PICCININ WTE Padova Riduzione degli NOx tramite applicazione di membrane catalitiche su filtri a maniche del Termovalorizzatore Cristiano PICCININ WTE Padova INTRODUZIONE Nel 2007 venne deliberato il rifacimento delle linee

Dettagli

Gli scenari di sviluppo del termovalorizzatore. (o impianto di trasformazione e produzione?) Gianni Bidini

Gli scenari di sviluppo del termovalorizzatore. (o impianto di trasformazione e produzione?) Gianni Bidini Gli scenari di sviluppo del termovalorizzatore (o impianto di trasformazione e produzione?) Gianni Bidini Dipartimento di Ingegneria Università degli Studi di Perugia 1 2 3 PRINCIPALI IMPIANTI DI TRATTAMENTO

Dettagli

Impianto di cogenerazione realizzato presso una azienda del settore ceramico della provincia di Modena (Emilia-Romagna, Italia)

Impianto di cogenerazione realizzato presso una azienda del settore ceramico della provincia di Modena (Emilia-Romagna, Italia) OPET SEED (Italia) Impianto di realizzato presso una azienda del settore ceramico della provincia di Modena (Emilia-Romagna, Italia) ENERGIE Introduzione L impianto di in esame è installato presso un azienda

Dettagli

Il termovalorizzatore del territorio di Bologna

Il termovalorizzatore del territorio di Bologna Il termovalorizzatore del territorio di Bologna Il termovalorizzatore del territorio di Bologna Cos è la termovalorizzazione Come funziona la termovalorizzazione Realizzato nel 2005 secondo le più moderne

Dettagli

Ancora qualche giorno e il PAI (Polo Ambientale Integrato) di Ugozzolo, nella. Il Polo Ambientale

Ancora qualche giorno e il PAI (Polo Ambientale Integrato) di Ugozzolo, nella. Il Polo Ambientale RIFIUTI E RICICLAGGIO Il Polo Ambientale Integrato di Parma Il termovalorizzatore produrrà energia elettrica, pari al fabbisogno di circa 75.000 cittadini, ed energia termica per l allaccio al teleriscaldamento

Dettagli

FANGHI DI DEPURAZIONE: L ESPERIENZA SMAT

FANGHI DI DEPURAZIONE: L ESPERIENZA SMAT ESPERIENZE INNOVATIVE IN ITALIA SUGLI ASPETTI DEPURATIVI: UN FOCUS SUI FANGHI Bologna, 22 ottobre 2014 FANGHI DI DEPURAZIONE: L ESPERIENZA SMAT Ing. Marco ACRI Direttore Generale SOCIETÀ METROPOLITANA

Dettagli

Tecnologie di valorizzazione energetica di biomasse e termotrattamento di RSU non preselezionati/preselezionati

Tecnologie di valorizzazione energetica di biomasse e termotrattamento di RSU non preselezionati/preselezionati Tecnologie di valorizzazione energetica di biomasse e termotrattamento di RSU non preselezionati/preselezionati Incenerimento a griglia * raffreddati ad aria o ad acqua; * a griglia fissa o mobile Combustione

Dettagli

DIATI Dipartimento di Ingegneria dell Ambiente, del Territorio e delle infrastrutture TECNOLOGIE E TENDENZE PER IL RECUPERO DA RIFIUTI Termovalorizzatore di Torino: aspetti ambientali ed energetici Piacenza

Dettagli

E.T.A. Energie Tecnologie Ambiente - Fuelco Uno. sistema integrato di produzione di energia elettrica rinnovabile. Cutro - Crotone MARCEGAGLIA.

E.T.A. Energie Tecnologie Ambiente - Fuelco Uno. sistema integrato di produzione di energia elettrica rinnovabile. Cutro - Crotone MARCEGAGLIA. E.T.A. Energie Tecnologie Ambiente - Fuelco Uno sistema integrato di produzione di energia elettrica rinnovabile. Cutro - Crotone MARCEGAGLIA energy La nostra missione: Produrre energia rinnovabile Ridurre

Dettagli

RAB IMOLA. Relazione sulla visita svolta presso la centrale di cogenerazione Nuovo polo energetico di Enìa a Reggio Emilia

RAB IMOLA. Relazione sulla visita svolta presso la centrale di cogenerazione Nuovo polo energetico di Enìa a Reggio Emilia RAB IMOLA Relazione sulla visita svolta presso la centrale di cogenerazione Nuovo polo energetico di Enìa a Reggio Emilia In data 10/10/2008 si è svolta la visita presso la centrale di cogenerazione di

Dettagli

IMPIANTI DI INCENERIMENTO DI RIFIUTI SPECIALI

IMPIANTI DI INCENERIMENTO DI RIFIUTI SPECIALI IMPIANTI DI INCENERIMENTO DI RIFIUTI SPECIALI Eliminazione efficiente di sostanze inquinanti e recupero energetico Un azienda di Bayer e LANXESS Soluzioni estremamente pulite Fornitore competente di servizi,

Dettagli

Inceneritore di Torino - Gerbido. Impatti Ambientali ed Economici

Inceneritore di Torino - Gerbido. Impatti Ambientali ed Economici Inceneritore di Torino - Gerbido Impatti Ambientali ed Economici Inceneritore di Torino-Gerbido Da wikipedia: secondo le più moderne teorie sulla corretta gestione dei rifiuti gli unici modi per "valorizzare"

Dettagli

130.000 t/anno (con PCI 13,000 kj/kg) Anno di esecuzione: 2008-2014

130.000 t/anno (con PCI 13,000 kj/kg) Anno di esecuzione: 2008-2014 qéååçäçöá~çûáãéá~åíáç~ää~^jww ~ãäáéåíéiéåéêöá~i~åèì~iéçáäáòá~kk obcbobkwbfjmf^kqfafpj^iqfjbkqlbob`rmbolofcfrqf Epl^`~íKlpNQF G molsfk`f^^rqlklj^af_liw^kl Progettazione esecutiva e realizzazione chiavi

Dettagli

Approfondimento 1: Catalizzatori per l abbattimento degli NO x

Approfondimento 1: Catalizzatori per l abbattimento degli NO x Approfondimento 1: Catalizzatori per l abbattimento degli NO x Il gas fuoriuscente da un motore Diesel viene convogliato nel primo stadio del convertitore catalitico, dove si ha l ossidazione del monossido

Dettagli

Relazione Tecnica annuale - Anno 2014 Relativa al funzionamento ed alla sorveglianza dell impianto

Relazione Tecnica annuale - Anno 2014 Relativa al funzionamento ed alla sorveglianza dell impianto Relazione Tecnica annuale - Anno 2014 Relativa al funzionamento ed alla sorveglianza dell impianto In ottemperanza alla Det. della Provincia di Torino n.27-956/2012 Azienda Sede stabilimento: Via Paolo

Dettagli

SOMMARIO 1 INTRODUZIONE... 9 2 DESCRIZIONE GENERALE... 10 2.1 CONFIGURAZIONE DELL IMPIANTO... 10

SOMMARIO 1 INTRODUZIONE... 9 2 DESCRIZIONE GENERALE... 10 2.1 CONFIGURAZIONE DELL IMPIANTO... 10 Rev. Descrizione della revisione Simbolo A Emissione del 31/07/2012 B B Revisione del 01/07/2014 per prescrizioni VIA Revisione del 16/12/2014 per integrazioni AU e AIA SOMMARIO 1 INTRODUZIONE... 9 2 DESCRIZIONE

Dettagli

FILTRO A TESSUTO. Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m)

FILTRO A TESSUTO. Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m) FILTRO A TESSUTO Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m) Portata massima di progetto (mc/s) Sezione del camino (mq) Percentuale di materiale particolato con

Dettagli

GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 8. Angelo Bonomi

GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 8. Angelo Bonomi GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 8 Angelo Bonomi LE TECNOLOGIE DI TRATTAMENTO Sono classificate secondo il tipo di flusso e precisamente: ACQUE

Dettagli

SCHEDA TECNICA PUNTO DI EMISSIONE N. Dati caratteristici dell emissione

SCHEDA TECNICA PUNTO DI EMISSIONE N. Dati caratteristici dell emissione Dati caratteristici dell emissione Portata normalizzata umida.................................................................. Nm3/h... Portata normalizzata secca...................................................................

Dettagli

CiAl Consorzio Imballaggi Alluminio. Recupero Alluminio da scorie di combustione da impianti di incenerimento dei rifiuti urbani

CiAl Consorzio Imballaggi Alluminio. Recupero Alluminio da scorie di combustione da impianti di incenerimento dei rifiuti urbani CiAl Consorzio Imballaggi Alluminio Recupero Alluminio da scorie di combustione da impianti di incenerimento dei rifiuti urbani RECUPERO ALLUMINIO DALLE SCORIE POST-COMBUSTIONE L impianto BSB per il trattamento

Dettagli

Impianto di combustione rifiuti di stabilimento. Opuscolo informativo. Fabbrica Italiana Sintetici Stabilimento di Montecchio Maggiore (VI)

Impianto di combustione rifiuti di stabilimento. Opuscolo informativo. Fabbrica Italiana Sintetici Stabilimento di Montecchio Maggiore (VI) Impianto di combustione rifiuti di stabilimento Opuscolo informativo Fabbrica Italiana Sintetici Stabilimento di Montecchio Maggiore (VI) Impianto di combustione rifiuti stabilimento Introduzione F.I.S.

Dettagli

Decreto Legislativo n. 133/2005 Relazione annuale sul funzionamento e la sorveglianza dell impianto Periodo: 1/1/2013 31/12/2013 Milano, giugno 2014

Decreto Legislativo n. 133/2005 Relazione annuale sul funzionamento e la sorveglianza dell impianto Periodo: 1/1/2013 31/12/2013 Milano, giugno 2014 IMPIANTO DI TERMOVALORIZZAZIONE RIFIUTI "SILLA 2" Decreto Legislativo n. 133/2005 Relazione annuale sul funzionamento e la sorveglianza dell impianto Periodo: 1/1/2013 31/12/2013 Milano, giugno 2014 Silla2

Dettagli

IMPIANTI DI INCENERIMENTO. Incenerimento di rifiuti speciali Incenerimento di acque reflue Incenerimento di fanghi di depurazione

IMPIANTI DI INCENERIMENTO. Incenerimento di rifiuti speciali Incenerimento di acque reflue Incenerimento di fanghi di depurazione IMPIANTI DI INCENERIMENTO Incenerimento di rifiuti speciali Incenerimento di acque reflue Incenerimento di fanghi di depurazione Un azienda di Bayer e LANXESS INCENERIMENTO DI RIFIUTI SPECIALI Introduzione

Dettagli

menoenergia PROPOSTA ENERGETICA SETTORE LATTIERO - CASEARIO Ing. M. Alberti ( Amministratore MenoEnergia S.r.l.)

menoenergia PROPOSTA ENERGETICA SETTORE LATTIERO - CASEARIO Ing. M. Alberti ( Amministratore MenoEnergia S.r.l.) PROPOSTA ENERGETICA SETTORE LATTIERO - CASEARIO Ing. M. Alberti ( Amministratore MenoEnergia S.r.l.) 2 LA MISSION DI MENOENERGIA ORIGINE DI MENOENERGIA Menoenergia è una società controllata dal Gruppo

Dettagli

Impianto di preselezione RSU e stabilizzazione della frazione organica sporca

Impianto di preselezione RSU e stabilizzazione della frazione organica sporca Impianto di preselezione RSU e stabilizzazione della frazione organica sporca LOCALIZZAZIONE: STRADA RONCAGLIA 4/C CASALE MONFERRATO ORARIO DI APERTURA: DAL LUNEDI AL VENERDI dalle 8.00 alle 12,30 e dalle

Dettagli

Area ad elevata concentrazione di stabilimenti di S.Martino

Area ad elevata concentrazione di stabilimenti di S.Martino PREFETTURA di NOVARA Ufficio Territoriale del Governo PIANO DI EMERGENZA ESTERNO (Art. 21 D. Lgs. 105/2015) Area ad elevata concentrazione di stabilimenti di S.Martino Comune di Trecate ALLEGATO 2D - ESSECO

Dettagli

ALCUNI MODELLI SULLA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI A LIVELLO EUROPEO: CASE HISTORIES

ALCUNI MODELLI SULLA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI A LIVELLO EUROPEO: CASE HISTORIES ALCUNI MODELLI SULLA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI A LIVELLO EUROPEO: CASE HISTORIES Fausto Talenti Presidente AMSA SpA Milano dall emergenza all autosufficienza: autosufficienza: una sfida percorribile

Dettagli

obcbobkwb=fjmf^kqf=af=pj^iqfjbkql=b=ob`rmbol=ofcfrqf= Epl^=`~íK=lpNQF= = = G= molsfk`f^=^rqlklj^=af=_liw^kl=

obcbobkwb=fjmf^kqf=af=pj^iqfjbkql=b=ob`rmbol=ofcfrqf= Epl^=`~íK=lpNQF= = = G= molsfk`f^=^rqlklj^=af=_liw^kl= qéååçäçöá~çûáãéá~åíáç~ää~^jww ~ãäáéåíéiéåéêöá~i~åèì~iéçáäáòá~kk obcbobkwbfjmf^kqfafpj^iqfjbkqlbob`rmbolofcfrqf Epl^`~íKlpNQF G molsfk`f^^rqlklj^af_liw^kl 14.640.000,00 Progettazione esecutiva e realizzazione

Dettagli

Impianti a biocombustibili solidi per la produzione di energia elettrica

Impianti a biocombustibili solidi per la produzione di energia elettrica Impianti a biocombustibili solidi per la produzione di energia elettrica TIPOLOGIA DI IMPIANTO Un impianto di produzione di energia elettrica da biocombustibili solidi si compone dei due seguenti principali

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA. 1. Complementi sui sistemi termici. Roberto Lensi

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA. 1. Complementi sui sistemi termici. Roberto Lensi Roberto Lensi 1. Complementi sui sistemi termici Pag. 1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA 1. Complementi sui sistemi termici Roberto Lensi DIPARTIMENTO DI ENERGETICA Anno Accademico

Dettagli

Impianto per il trattamento ecologico dei rifiuti

Impianto per il trattamento ecologico dei rifiuti Impianto per il trattamento ecologico dei rifiuti Indice 1. Introduzione... 2 2. L'impianto proposto... 3 3. Schema a blocchi dell'impianto... 4 4. Descrizione dell'impianto... 5 4.1 Trattamenti meccanici...

Dettagli

CENTRALE DI COGENERAZIONE DI RAVENNA

CENTRALE DI COGENERAZIONE DI RAVENNA CENTRALE DI IN SOSTITUZIONE DELL ESISTENTE B 400 SEZIONE A PREMESSA REV.0 SETTEMBRE 2013 Pagina 1 di 13 REV.0 INDICE A.1 PREMESSA... 3 1 Stato di fatto... 3 1.1 Generalità... 3 2 Motivazioni dell intervento...

Dettagli

Tali fluidi, utilizzati in prossimità del punto di produzione, o trasportati a distanza, possono essere utilizzati per diversi impieghi:

Tali fluidi, utilizzati in prossimità del punto di produzione, o trasportati a distanza, possono essere utilizzati per diversi impieghi: LA COGENERAZIONE TERMICA ED ELETTRICA 1. Introduzione 2. Turbine a Gas 3. Turbine a vapore a ciclo combinato 4. Motori alternativi 5. Confronto tra le diverse soluzioni 6. Benefici ambientali 7. Vantaggi

Dettagli

APPROVAZIONE PROGETTO DEL PIROGASSIFICATORE NEL COMUNE DI CASTELFRANCO D/S DELLA WASTE RECYCLING E AUTORIZZAZIONE ALL ESERCIZIO A TEMPO DETERMINATO

APPROVAZIONE PROGETTO DEL PIROGASSIFICATORE NEL COMUNE DI CASTELFRANCO D/S DELLA WASTE RECYCLING E AUTORIZZAZIONE ALL ESERCIZIO A TEMPO DETERMINATO APPROVAZIONE PROGETTO DEL PIROGASSIFICATORE NEL COMUNE DI CASTELFRANCO D/S DELLA WASTE RECYCLING E AUTORIZZAZIONE ALL ESERCIZIO A TEMPO DETERMINATO Effettuazione del collaudo dell impianto per il periodo

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA DA BIOMASSE FRA PROBLEMA DELLA QUALITA DELL ARIA ED EMISSIONI DI ANIDRIDE CARBONICA

PRODUZIONE DI ENERGIA DA BIOMASSE FRA PROBLEMA DELLA QUALITA DELL ARIA ED EMISSIONI DI ANIDRIDE CARBONICA Produzione energetica da biomasse: aspetti tecnici, elementi gestionali, sostenibilità ambientale Cooperazione Trentina PRODUZIONE DI ENERGIA DA BIOMASSE FRA PROBLEMA DELLA QUALITA DELL ARIA ED EMISSIONI

Dettagli

NUOVO IMPIANTO DI TERMOVALORIZZAZIONE RIFIUTI DI MODENA ANALISI DELLE SCELTE TECNOLOGICHE ADOTTATE

NUOVO IMPIANTO DI TERMOVALORIZZAZIONE RIFIUTI DI MODENA ANALISI DELLE SCELTE TECNOLOGICHE ADOTTATE NUOVO IMPIANTO DI TERMOVALORIZZAZIONE RIFIUTI DI MODENA ANALISI DELLE SCELTE TECNOLOGICHE ADOTTATE Modena, 19 Settembre CONTENUTI DELLA PRESENTAZIONE Descrizione delle migliori tecnologie disponibili (DM

Dettagli

TELERISCALDAMENTO AD AOSTA. I PRIMI PASSI DI UNA GRANDE RETE. INAUGURAZIONE DEL CANTIERE DELLA CENTRALE DI TELERISCALDAMENTO IN CITTÀ.

TELERISCALDAMENTO AD AOSTA. I PRIMI PASSI DI UNA GRANDE RETE. INAUGURAZIONE DEL CANTIERE DELLA CENTRALE DI TELERISCALDAMENTO IN CITTÀ. 27-09-2013 Comunicato stampa TELERISCALDAMENTO AD AOSTA. I PRIMI PASSI DI UNA GRANDE RETE. INAUGURAZIONE DEL CANTIERE DELLA CENTRALE DI TELERISCALDAMENTO IN CITTÀ. Per contatti e ulteriori informazioni:

Dettagli

Figura 3-13. Figura 3-14

Figura 3-13. Figura 3-14 Figura 3-13 Figura 3-14 Per eliminare questi fenomeni indesiderabili, che causano perturbazioni alla marcia regolare del forno, aumentano i consumi specifici e gli onerosi interventi manuali di pulizia

Dettagli

Metodi di abbattimento delle emissioni. Università di Roma La Sapienza Sistemi Energetici II

Metodi di abbattimento delle emissioni. Università di Roma La Sapienza Sistemi Energetici II Metodi di abbattimento delle emissioni Metodi per l abbattimento l delle emissioni I sistemi di abbattimento delle emissioni a valle della camera di combustione risultano indispensabili qualsiasi sia la

Dettagli

A.I.R.A. Associazione Industriale Riciclatori Auto

A.I.R.A. Associazione Industriale Riciclatori Auto ELV: criticità del sistema I trattamenti post frantumazione Ing. - Feralpi Siderurgica SpA Il Tavolo Tecnico FIAT-AIRA Obiettivi - Collaborazione di filiera - Selezione soluzioni tecnologiche più promettenti

Dettagli

Evoluzione tecnologica e mercato degli apparecchi ad uso privato

Evoluzione tecnologica e mercato degli apparecchi ad uso privato Evoluzione tecnologica e mercato degli apparecchi ad uso privato Sessione 1 Biogas, Biomassa: La filiera della legna per il riscaldamento domestico: dal bosco al caminetto Ing. Roberta ROBERTO - Ricercatrice

Dettagli

Lo Stabilimento di Ravenna

Lo Stabilimento di Ravenna Lo Stabilimento di Ravenna LE NOSTRE RISORSE Sin dalla costituzione EniPower ha adottato strutture organizzative snelle nell ottica di semplificare i processi operativi. Tutto il personale è stato coinvolto

Dettagli

CALDAIE PER COMBUSTIBILI SOLIDI MODELLO SASP

CALDAIE PER COMBUSTIBILI SOLIDI MODELLO SASP CALDAIE PER COMBUSTIBILI SOLIDI MODELLO SASP Caldaie in acciaio per la produzione di acqua calda ad inversione di fumi, funzionanti a scarti di legno, trucioli, pelet, segatura, cippati, bricchetti, gasolio,

Dettagli

IMPIANTO DI MICROGENERAZIONE ELETTRICA ALIMENTATO A POLLINA

IMPIANTO DI MICROGENERAZIONE ELETTRICA ALIMENTATO A POLLINA IMPIANTO DI MICROGENERAZIONE ELETTRICA ALIMENTATO A POLLINA 20851 Lissone (MB) - Via Adamello, 9 - Tel. 039 483498 / 2456105 - Fax 039 461286 e-mail: info@ventilazioneindustriale.it - web: www.ventilazioneindustriale.it

Dettagli

Relatore: Dott. Ing. Daniele Pasquali

Relatore: Dott. Ing. Daniele Pasquali Milano, 27/02/2015 Relatore: Dott. Ing. Daniele Pasquali L AZIENDA Ciclo Idrico Integrato Teleriscaldamento Depurazione acque Fotovoltaico Spazzamento strade 2 ESPERIENZE DI ASMORTARA NEL CAMPO ENERGETICO

Dettagli

Risultati della caratterizzazione dei fumi

Risultati della caratterizzazione dei fumi Progetto Produzione di energia e sostanza organica dai sottoprodotti del vigneto Risultati della caratterizzazione dei fumi Paolo Giandon ARPAV Dipartimento Provinciale di Treviso Biella, 24 settembre

Dettagli

Sistema ECOLOGICO per il recupero di energia da generatori termici

Sistema ECOLOGICO per il recupero di energia da generatori termici Sistema ECOLOGICO per il recupero di energia da generatori termici Una grande innovazione per l ambiente e il risparmio energetico per impianti industriali. Dalla rivoluzionaria tecnologia Thermo Recovery,

Dettagli

I sistemi di trattamento e smaltimento

I sistemi di trattamento e smaltimento SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MATERIALE DI APPROFONDIMENTO I sistemi di trattamento e smaltimento Impianti di selezione 1/2 Gli impianti di selezione si dividono in due tipologie: gli impianti per la

Dettagli

ENERGiA. Sistema ECOLOGICO per il recupero di energia da generatori termici

ENERGiA. Sistema ECOLOGICO per il recupero di energia da generatori termici ENERGiA Sistema ECOLOGICO per il recupero di energia da generatori termici Una grande innovazione per l ambiente e il risparmio energetico per impianti industriali. ASB ENERGIA presenta I-TA: Industrial

Dettagli

FILTRO A TESSUTO. Allegato n. Azienda. Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m)

FILTRO A TESSUTO. Allegato n. Azienda. Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m) REGIONE EMILIA-ROMAGNA Allegato n. Azienda ASSESSORATO AMBIENTE E DIFESA DEL SUOLO FILTRO A TESSUTO Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m) Portata massima di

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Introduzione I procedimenti tradizionali di conversione dell energia, messi a punto dall uomo per rendere disponibili, a partire da fonti di energia naturali, energia in forma

Dettagli

TERMOVALORIZZATORE DI TORINO PRESS KIT

TERMOVALORIZZATORE DI TORINO PRESS KIT TERMOVALORIZZATORE DI TORINO PRESS KIT 1. Il termovalorizzatore di Torino 2. La gestione dei rifiuti solidi urbani: un sistema integrato a. Strategie e politiche di gestione virtuosa dei rifiuti (Europa,

Dettagli

Audizione IV e VI ccp Città di Torino presso il termovalorizzatore

Audizione IV e VI ccp Città di Torino presso il termovalorizzatore Torino, 24 luglio 2013 Il Termovalorizzatore del Gerbido Audizione IV e VI ccp Città di Torino presso il termovalorizzatore Fase di Esercizio Provvisorio In data 01.05.2013 l Appaltatore ha comunicato

Dettagli

LA CENTRALE TORINO NORD

LA CENTRALE TORINO NORD LA CENTRALE Iren Energia è la società del ruppo Iren che opera nei settori della produzione e distribuzione di energia elettrica, nella produzione e distribuzione di energia termica per teleriscaldamento

Dettagli

COMMITTENTE: AITHERCO2 s.r.l. SITO DI INSTALLAZIONE: VIA CASCINA BOCCALERA 26900 LODI (LO)

COMMITTENTE: AITHERCO2 s.r.l. SITO DI INSTALLAZIONE: VIA CASCINA BOCCALERA 26900 LODI (LO) RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA RELATIVA ALLA MODIFICA SOSTANZIALE DELL IMPIANTO IMPIANTO DI COGENERAZIONE ESISTENTE SITO IN VIA CASCINA BOCCALERA, 26900 LODI COMMITTENTE: AITHERCO2 s.r.l. SITO DI INSTALLAZIONE:

Dettagli

ARPA Valle d Aosta Sezione ARIA ed ENERGIA Ing. Giordano Pession Ing. Ivan Tombolato. RIGENERGIA12, Aosta 26 maggio 2012 ARPA VdA

ARPA Valle d Aosta Sezione ARIA ed ENERGIA Ing. Giordano Pession Ing. Ivan Tombolato. RIGENERGIA12, Aosta 26 maggio 2012 ARPA VdA ARPA Valle d Aosta Sezione ARIA ed ENERGIA Ing. Giordano Pession Ing. Ivan Tombolato Uniformare gli strumenti e i sistemi di monitoraggio della qualità dell aria. Potenziare le misure di tutela (es. Piani

Dettagli

air protection technology Regenerative Thermal Oxidizer for alogenated compound

air protection technology Regenerative Thermal Oxidizer for alogenated compound RTO per SOV alogenate Regenerative Thermal Oxidizer for alogenated compound Sede Legale e Unità Operativa: p.zza Vittorio Veneto 8 20013 MAGENTA (MI) ITALY tel. 02 9790466 02 9790364 fax 02 97297483 E-mail:

Dettagli

Architettura dei GENERATORI di VAPORE

Architettura dei GENERATORI di VAPORE Corso di IMPIEGO INDUSTRIALE dell ENERGIA L energia, fonti, trasformazioni i ed usi finali Impianti a vapore I generatori di vapore Impianti turbogas Cicli combinati e cogenerazione Il mercato dell energia

Dettagli

APLOS 20 MICROCOGENERATORE ALIMENTATO A GAS METANO / GPL PRODUZIONE COMBINATA DI ENERGIA ELETTRICA E TERMICA

APLOS 20 MICROCOGENERATORE ALIMENTATO A GAS METANO / GPL PRODUZIONE COMBINATA DI ENERGIA ELETTRICA E TERMICA APLOS 20 MICROCOGENERATORE ALIMENTATO A GAS METANO / GPL PRODUZIONE COMBINATA DI ENERGIA ELETTRICA E TERMICA INSIEME PER L EFFICIENZA: UNIVERSAL SUN SRL & POWER GECO S.C. La microcogenerazione Gas 6,2

Dettagli

7. TECNOLOGIE DI DEPURAZIONE FUMI. 7.1 I limiti all emissione

7. TECNOLOGIE DI DEPURAZIONE FUMI. 7.1 I limiti all emissione 7. TECNOLOGIE DI DEPURAZIONE FUMI 7.1 I limiti all emissione I limiti di accettabilita all emissione dai camini dei forni di incenerimento sono normalmente impostati sul concetto della gia citata BAT-Best

Dettagli

Tecnologie per l ottimizzazione dei consumi e l autoproduzionel di energia

Tecnologie per l ottimizzazione dei consumi e l autoproduzionel di energia Buone pratiche per la gestione dei consumi energetici in azienda Tecnologie per l ottimizzazione l dei consumi e l autoproduzionel di energia Marco Zambelli, ENEA UTT Como, 11 giugno 2014 1 TIPOLOGIE INTERVENTO

Dettagli

INCENERIMENTO DI RIFIUTI NEI CEMENTIFICI MITI E FATTI

INCENERIMENTO DI RIFIUTI NEI CEMENTIFICI MITI E FATTI Centro per la Salute Giulio A. Maccacaro via Roma 2-21053 Castellanza (VA) fax 0331/501792 - email : medicinademocratica@libero.it INCENERIMENTO DI RIFIUTI NEI CEMENTIFICI MITI E FATTI Mito 1. I CEMENTIFICI,

Dettagli