Tracce di quartieri Il legame sociale nella città che cambia a cura di Marco Cremaschi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tracce di quartieri Il legame sociale nella città che cambia a cura di Marco Cremaschi"

Transcript

1

2

3 Tracce di quartieri Il legame sociale nella città che cambia a cura di Marco Cremaschi FRANCOANGELI

4

5 Indice Narrazioni e cambiamento dei quartieri, di Marco Cremaschi pag. 7 Luoghi e spazi dell eccezione, di Daniela De Leo» 30 Una riflessione sul cambiamento, di Viviana Fini» 49 Nicchie urbane Urbanità e desiderio, di Sandra Annunziata» 66 Milano, Isola: narrazione e comunità, di Alessandra Micoli» 83 Roma, San Lorenzo: reale e immaginario, di Sandra Annunziata» 106 Napoli, Chiaia: differenze e ripetizioni, di Daniela De Leo» 125 Vecchi quartieri pubblici Le borgate romane tra 45 e 89: esclusione sociale, movimenti urbani e poteri locali, di Alessandro Coppola Torino, via Arquata: dieci anni di politiche omeopatiche, di Daniela Ciaffi» 161» 187 Roma, Primavalle: da borgata a quartiere, di Daniele Ceccarelli» 202 Una certa idea di periferia Milano, lungo via Padova: periferie in sequenza, di Christian Novak e Viviana Andriola» 222 5

6 Roma, Torre Maura: una dolce trasformazione?, di Alessandro Coppola Napoli, Montecalvario: le carriere dei migranti, di Maria Teresa Sepe» 249» 293 Borghi metropolitani Le geografie sociali di Torino, Milano, Roma e Napoli, di Massimiliano Radini» 323 Roma, Ladispoli: da balneare a urbano, di Silvia Lucciarini» 359 Milano, Garbagnate: la scala metropolitana delle politiche locali, di Marilisa Di Carlo» 381 Napoli, Varcaturo: un quartiere extraurbano, di Giovanni Laino» 395 6

7 Narrazioni e cambiamento dei quartieri di Marco Cremaschi Questa raccolta di saggi descrive il cambiamento della città attraverso i suoi quartieri 1 ; tratta cioè di luoghi specifici e particolari traiettorie di cambiamento. Alcuni anni fa, Doreen Massey (2005) ha discusso le contemporanee immagini di spazio e tempo, e le idee e narrazioni che ne conseguono; affermando in conclusione che non esiste uno spazio, o un luogo, né un tempo privilegiato. Luoghi, temporalità e processi di cambiamenti sono appunto il prodotto d interazioni sociali; sono frutto di processi diversi, e il carattere contestuale del cambiamento fonda una pluralità di percorsi e narrazioni costitutivamente eterogenea; e sono costruiti socialmente, un impresa mai definitivamente compiuta, in un intreccio di storie in simultaneo divenire (ivi). Si capirà, allora, l interesse per la città vista dalla prospettiva del quartiere, per un aggregato regolato visto da dove il tempo e lo spazio si riconoscono l uno nell altro nella costruzione di una vicenda comune. In questa prospettiva, si privilegiano alcuni punti di vista: quello della vita quotidiana, senza dubbio; e dei legami sociali tradizionali scossi dalla modernizzazione prima, dalla globalizzazione poi. E, infine, dell agire politico locale, al tempo stesso centrale nelle pratiche sociali e residuale rispetto alle dinamiche complessive. I capitoli che seguono, scritti in prevalenza da giovani ricercatori di diversa provenienza (antropologia, architettura, psicologia, sociologia, storia e urbanistica), seguono inevitabilmente linee di ricerca di diverso orientamento disciplinare, pur con alcuni punti in comune: cercano nuove descrizioni della morfologia degli spazi, secondo una tradizione che in Italia ha avuto una recente fortuna, rinnovando le 1 Questo volume restituisce i lavori dell unità locale composta da ricercatori del Dipartimento di Studi Urbani dell Università degli Studi Roma Tre e dell Università di Napoli, coordinatore Marco Cremaschi. La ricerca faceva parte del PRIN I territori della città in trasformazione: innovazione delle descrizioni e nelle politiche, coordinato a livello nazionale da A. Balducci, e finanziato con fondi del Ministero dell Università e della Ricerca nel I risultati preliminari sono apparsi in Balducci A. e Fedeli V. (2007) (a cura di). La redazione finale del volume non sarebbe stata possibile senza le numerose riletture, i commenti e i suggerimenti critici di Daniela De Leo. 7

8 analisi urbanistiche e geografiche; ricostruiscono le pratiche sociali, i modi di uso e i rapporti di convivenza a livello sociale, con una dichiarata attenzione etnografica alle pratiche e alle culture locali; esaminano le forme di mediazione e di mobilitazione politica, e la gestione locale che le leadership locali, non ancora sparite del tutto, cercano di fare degli effetti delle politiche pubbliche. Più che una sintesi, dunque, il valore di questa ricerca è di riaprire un ambito di studio che sembra esser stato seppellito sotto frettolose liquidazioni. E che altrettanto frettolosamente potrebbe essere rivisitato. Ancora una volta, le facili dicotomie prevalenti sul declino sociale oscurano la ricerca più umile e paziente d interpretazioni che sappiano essere coerenti con il quadro dei fenomeni e capaci di dialogare con le rappresentazioni dei soggetti. Forse il primo risultato, e il più importante, è suggerire che il tema del quartiere resiste, e occupa una certa rilevanza nelle fenomenologie del cambiamento metropolitano, nelle pratiche degli abitanti, nei comportamenti degli attori politici. Questo lavoro inoltre introduce diverse famiglie di quartieri, situazioni distinte e forse tipizzabili di convivenza locale. Ciascuna con problemi e con potenzialità, alcune con risorse e opportunità. Più avanti descriveremo alcuni fenomeni emergenti che sembrano mostrare degli aspetti innovativi: la creazione di quartieri di nicchia, per esempio, o la improvvisa conversione di vecchi comuni di periferia in nuovi borghi metropolitani. E le diverse configurazioni che nel frattempo assumono i quartieri consolidati della ormai logora (come fenomeno, e come descrizione) periferia delle città, siano essi pubblici o di nuova immigrazione. In secondo luogo, dopo anni di sperimentazione delle azioni locali di quartiere, queste riflessioni indicano la necessità di ampliare il quadro di riferimento delle politiche urbane, interrogando con maggior respiro l orizzonte evolutivo del neoliberismo e la sua ibridazione locale (vedi anche i saggi in Cremaschi, 2008, a cura di). C è una storia dietro ogni formazione sociale e, nelle debite proporzioni, dietro ogni quartiere. Conoscerla e ricostruirla sono condizione per capire le possibilità di trasformazione locale. La storia locale, la rappresentazione del passato (e insieme del futuro) hanno una forza e un inerzia straordinaria e trascinante. Inoltre, i saggi che seguono suggeriscono di approfondire la dimensione delle pratiche sociali, che non solo danno senso e sostengono le politiche locali e le reti locali degli attori della politica; ma che costituiscono un volano resiliente e duraturo della vita sociale locale. La tenuta della coesione sociale è un problema delle nostre società, ma non implica necessariamente che ogni organizzazione sociale sia fragile. Riconoscere gli elementi di resistenza e quelli di crisi può aiutare a definire politiche meno generiche. In definitiva, questo libro tratta del cambiamento. E non del cambiamento di grana minuta che avviene localmente, o quello che riguarda solo la vita personale e gli orientamenti culturali. Ma, pur attraverso queste lenti (e con i limiti conseguenti), il cambiamento delle società urbane. Con il risultato di evidenziare i ritmi diversi, le rielaborazioni culturali, il campo delle differenze: cambiamenti lenti, a volte dolci, ma con subitanei accelerazioni (come quella che stiamo attraversando); cambiamenti spesso attesi, ma che offrono non di rado conseguenze non intuitive, rielaborate a volte con esiti insospettabili. 8

9 Sembra allora possibile affermare che con un po di sorpresa questo tema non è abbastanza curato da studiosi e scienziati sociali, che lo venerano ma raramente lo criticano. Ciascuno di noi è incline a sottostimare i difetti del proprio lavoro, e non sarà chi scrive a sfuggire a questa regola. Ma questa raccolta, pur con tutte le approssimazioni, sembra affrontare il tema trascurato delle forme concrete del cambiamento, della società e della città, del territorio, cosi come sono intese localmente; e le combinazioni tra i grandi eventi, le regolazioni locali e le forme di territorializzazione. A me sembra che concentrarsi su questo aspetto sia una delle necessità di studio dei prossimi anni. 1. Quattro città Si è sempre constatato nello studio delle città un legame forte tra cambiamento dei quartieri e cambiamento urbano in generale. Le teorie principali sottolineano alcuni dispositivi specifici che oggi possono essere collocati nel contesto sociale e ideologico che li ha prodotti: il ciclo di vita dei quartieri di nuovo insediamento, e le corrispondenti teorie sulla città, che estrapolano dagli insediamenti dei ceti medi bianchi del dopoguerra un percorso caratterizzato da cause naturali interne, solo apparentemente ovvio e, invece, fortemente protetto da dispositivi di governo; il modello di Chicago della competizione e della sostituzione di ondate successive di immigranti, che enfatizza una causa esterna e i rapporti di mercato; la riproposizione recente della tesi della polarizzazione urbana nel contesto delle nuove sfide della globalizzazione. Ma la diseguaglianza urbana è frutto della maturazione di un percorso di lungo periodo, piuttosto che l esito di un evento di rottura. Contrariamente a quanto spesso ripetuto, in particolare nella letteratura angloamericana, il cambiamento delle città che abbiamo osservato è lento, e le situazioni sono segnate più dal percorso evolutivo precedente che dalle fratture epocali (dal contesto specifico, insomma, piuttosto che dagli shock esterni). Dal punto di vista strutturale, condizioni di rapida trasformazione si riscontrano abbastanza di rado, benché siano avvertite accelerazioni che seminano lacerazioni e sollecitano conflitti tra gli abitanti (Ceccarelli su Primavalle; Novak e Andriola su via Padova). Un carattere dell epoca recente è la crescita della polarizzazione sociale e della divisione spaziale della città. L analisi empirica dei dati dei censimenti del 1991 e del 2001 in quattro grandi città, con tutti i limiti di questi esercizi descritti in dettaglio nel saggio di Radini, conferma la forte divisione tra città del Nord e del Sud, le prime con popolazione agiata o di pensionati; le seconde, con popolazione povera o, comunque, segnata da combinazioni di disagi plurimi. Il dato forse più importante è però che i cambiamenti tra i due decenni sono modesti. L intuitiva struttura territoriale del disagio che vede in tutte le città una polarizzazione tra zone centrali benestanti e zone periferiche più povere era già evidente negli anni novanta; nel 2001 si conferma, e acquista forse maggior chiarezza, ma non cambia strutturalmente. 9

10 Come è noto, in tutte e due le soglie temporali, le città perdono popolazione mentre aumenta quella delle province e dei territori contermini. Al tempo stesso, la quota di popolazione che vive in zone svantaggiate si riduce dappertutto. Attenzione, però: sembra sensato assumere che mentre la popolazione favorita ha la possibilità di restare, venga espulsa proprio quella meno favorita, in particolare al nord. Per esempio, Milano ha una quota inferiore di popolazione che vive in zone disagiate di Roma, Torino e Napoli. Viceversa, aumenta, in tutte e quattro le città, la quota di popolazione residente in aree favorite. Torino e, in misura minore, Milano, appaiono cosi maggiormente omogenee; e conseguentemente, l indice di polarizzazione si riduce lievemente al nord, non a Roma. E cresce, invece, a Napoli. Dai dati Istat del 2001, infatti, Napoli appare un po sorprendentemente la città con la maggiore divisione spaziale; mentre Torino è quella nella quale si riscontrano minori contrasti. Nel mezzo troviamo Roma e Milano. Insomma, dobbiamo concludere che le città più avanzate nel processo di globalizzazione economica sono meno divise? Probabilmente no: interferiscono fattori geografici e condizioni istituzionali particolari, nonché le diverse fasi di sviluppo, anche se è probabilmente vero che i processi di polarizzazione sociale innescati recentemente (in termini relativi) dai processi competitivi sollecitati dalla apertura all economia globale non sono così forti da rimpiazzare lo strutturarsi locale delle diseguaglianze. Piuttosto, la divisione spaziale delle città è ancora fortemente condizionata dall evolversi delle dinamiche locali, e, in particolare, dal percorso molto lento (in termini relativi) che questo processo ha seguito finora. La ragione di questa insolita conclusione, che contrasterebbe con tutte le ricerche accessibili in letteratura dalle quali risulta che le città ricche non sono più eguali è che probabilmente i processi di diffusione urbana al nord sono stati intensi nei decenni trascorsi, al punto di aver già selezionato gli abitanti dei capoluoghi metropolitani. Stiamo dunque assistendo, questa è dunque l ipotesi di lettura che adottiamo, alla conclusione di un onda lunga che comincia a manifestarsi anche a sud. Non sembra azzardato suggerire che la tradizionale lentezza delle trasformazioni urbane che verrà più volte ricordata nei capitoli che seguono, e che non viene meno come carattere originario del nostro paese non impedisca il radicalizzarsi degli esiti complessivi, probabilmente il raggiungimento di un punto di soglia. Le grandi città sono cambiate e le trasformazioni hanno un ritmo crescente. Non è un caso peraltro che negli anni novanta sia ripartito il ciclo immobiliare e che da allora sia ripreso a crescere il volume delle costruzioni, nonché delle opere pubbliche, dopo un lungo periodo di stasi. In definitiva, ci sono indicazioni sufficienti per sostenere che, nel cambiamento più generale, una certa attenzione sia dovuta alle modalità differenziali in cui cambiano le parti di città. In un elenco impreciso, si può anticipare qualche corollario al fatto che il cambiamento in corso abbia natura disomogenea. Alcuni quartieri sono investiti da trasformazioni dirette, espansioni e ricostruzioni; altri solo dal cambiamento dei valori immobiliari, o da opere esterne che ne modificano la posizione rispetto al resto dell area metropolitana. Altri ancora restano identici a se stessi, ma vedono cambiare la popolazione, per sostituzione o per nuovo arrivo: altri 10

11 invece non cambiano popolazione, ma quella esistente invecchia... La natura del cambiamento differenziale delle parti di città risulta dalla combinazioni di aspetti diversi, esiti materiali e trasformazioni culturali. La ricerca qui esposta indaga soprattutto quest ultime, nella convinzione che l oggetto più importante di studio sia proprio la natura del cambiamento in corso, di cui ci sfugge l alchimia e il ritmo. E per le ragioni precisate in seguito (vedi i saggi di Fini, Annunziata e Micoli), il cambiamento non è indipendente dal modo in cui viene percepito. Ogni rappresentazione del cambiamento, infatti, chiama in causa progettualità e capacità di gruppi diversi di cittadini: immagini contraddittorie che non si inibiscono a vicenda e contribuiscono, continuamente, a ridefinire la natura del quartiere. Rappresentazioni diverse catalizzano nuove attività, e si fanno cerniera per nuove identità. Alcune in particolare, a volte proprio quelle che rinverdiscono il mito fondativo del quartiere, riescono a coalizzare maggiori forze e a dare forma ai desideri di socialità e affermazione di gruppi eterogenei. 2. Due riferimenti preliminari Ci sono delle ragioni profonde per questa ricerca, legate alle trasformazioni in corso del legame sociale e del fatto urbano; e, contemporaneamente, al cambiamento (francamente, non molto ordinato) degli approcci disciplinari. Queste ragioni sono evidenti, in particolare, nell ambito della pianificazione e, più in generale, degli studi urbani. In particolare due riferimenti vengono utili a questo proposito: a) il primo riguarda la critica al modello di razionalità standard (nel nostro settore disciplinare, la più completa ricostruzione è frutto del lavoro di Palermo, 1981), e la conseguente riammissione di una nozione ampia di ragione che recupera gli elementi sociali ed emozionali (un esplorazione disciplinare su questi terreni in: Belli, 2004); una critica che ha avuto peraltro un ruolo fertile nella costruzione della conoscenza dei fatti urbani nella forma non sempre esplicita, né riconosciuta dell immaginario urbanistico (Dematteis, 1981; Cremaschi, 2006), che talvolta ha saputo riconoscere in modo esplicito una matrice costruttivista (Crosta, 1995). Più in generale, l aspetto creativo e progettuale della disciplina da sempre si è posto confusamente in alternativa all aspirazione scientista, sia pure oscillando ambiguamente tra pratiche fertili di ascolto delle situazioni; e l ossequio formale ai linguaggi estetici (spesso declinati a loro volta in termini scientisti, sul modello delle teorie che guidano la percezione delle forme); b) il secondo riferimento utile riguarda la problematizzazione del rapporto con la domanda sociale (Tosi 1994; Crosta 1998) che dovrebbe dare senso all azione del pianificatore nella ridefinizione dell azione pubblica postwelfarista. Riguardo a quest ultimo punto, c è, però, da fare una precisione. L area occupata dalle pratiche di trasformazione del territorio è ibrida, ed è percorsa da molti attori variamente titolati a trattarla a partire da principi di potere, sapere e legittimità formale. In altre parole, urbanistica e politica condividono la stessa ambiguità di fronte alla formazione delle volontà comuni e dei comportamenti condivisi. È un 11

12 campo di pratiche molto conflittuale e segnato dalla storicità dell evoluzione sociale, e mai interamente ridotto a schemi funzionali. La riflessione sulle procedure cognitive (Fini sul cambiamento) aiuta sicuramente a ripensare l orientamento dei professionisti e comunque degli operatori intenzionali, ma non può risolvere interamente una prassi che coinvolge aspetti politici e strategici, dove conoscenza e azione sono legati nei processi (non sempre intenzionali) dell interazione sociale. Nonostante i progressi registrati in questa direzione, non è facile trattare i problemi urbani a partire da queste due premesse. L obiettivo che si pone la frontiera della disciplina è la costruzione di politiche pubbliche locali che vengano consapevolmente indirizzate a configurazioni di attori concreti e a problemi specifici, e siano capaci, al tempo stesso, di sollecitare processi di apprendimento, aggredire i nodi problematici, e rendere espliciti le possibilità e i vincoli esogeni. Che tutto questo sia oggetto di una pratica professionale, è per lo meno dubbio; che siano preferite misure politiche più spicce e congeniali all attuale organizzazione amministrativa, è abbastanza evidente; che prevalgano, infine, percorsi legati al progetto tradizionale architettonico capaci di evocare (se non di realizzare) processi più creativi, includenti, provocatori, è sempre possibile. Insomma, la pratica urbanistica così configurata è un attività pubblica piena d incertezze, che si svolge in un contesto politico e plurale, dove le aspettative d intervento sono probabilmente destinate a rimanere aperte. Inoltre, è stata denunciata di recente non tanto l alterità delle domande, quanto al contrario l afasia del pubblico, che costituisce un problema vincolante ma esogeno alla pratica (non solo professione, dunque) dell urbanistica, sia nello specifico dell agire sullo spazio fisico (Bianchetti, 2008), che in generale della costruzione delle politiche per la città e il territorio (che si fanno più complesse e indirette: Cremaschi, 2005). Con queste cautele preliminari, questo lavoro offre tre tracce di riflessioni: - la prima riguarda il tema storico del quartiere, un tradizionale ancorché problematico punto di contatto tra le scienze sociali e le discipline progettuali; utilizzato prevalentemente in chiave funzionalista, viene oggi problematizzato dal punto di vista delle pratiche di convivenza; - la seconda riflessione più generale riprende la questione della convivenza tra culture diverse in città, e amplia lo sguardo fino a porre la questione della forma di urbanità contemporanea. In questo modo, si rielabora l astratta nozione di coesione sociale e la si verifica con le reciproche rappresentazioni dei gruppi sociali; - infine, l ultima tocca l interpretazione del significato delle forme che, a seconda di come vengano trattate, investono problemi d identità sociale o di estetica, altro punto controverso di contatto tra interpretazione e progetti. Le tre questioni quartiere, urbanità e immaginario sono divenuti centrali nelle discipline progettuali una volta passata la stagione empirista e strutturalista; e imposti dalle nuove condizioni di azione territoriale delle società postindustriali. Ma non sono ancora riconosciuti e ammessi nella consapevolezza disciplinare. Questi temi si propongono in modo prepotente a chi si accosta oggi ai problemi 12

13 sociali di una città che non ha più la forma ordinata, a volte crudele ma comprensibile, della città moderna; come pure a chi si trova a dover operare in queste condizioni, e provvisoriamente dare risposte a domande non sempre formulate pur non disponendo di fondamenta certe. Per esempio, a chi deve affrontare problemi pratici, come l ideazione o gestione di nuovi quartieri pensati per popolazioni eterogenee dai modi di vita mobili, più liberi e più precari rispetto al lavoro e al consumo. Probabilmente queste pagine sollevano, senza risolverlo, un problema ampio che riguarda la natura della nuova urbanità. Si tratta di un campo di ricerca importante, un po trascurato, che forse potrebbe giovarsi di incontri con altre discipline, ma che già presenta più di una consonanza con le riflessioni proposte in quest occasione. 3. Quartiere, convivenza e civile rispetto Dopo la felice stagione di studi tra gli anni 30 e 50, il quartiere è stato liquidato come uno strumento concettuale non più adeguato a interpretare la formazione dell identità sociale. Il quartiere è sempre apparso come una dimensione incerta, a mezza via tra i legami interpersonali (le interazioni sociali, le pratiche); e il legame sociale nel suo insieme (le classi, il conflitto). Viceversa, il quartiere invita, come afferma Gans (2002, p. 329), a concentrarsi sui «pochi ma importanti modi in cui lo spazio naturale influenza la vita sociale e le collettività; e sugli innumerevoli modi in cui le collettività trasformano lo spazio naturale in spazio sociale, e ne modellano gli usi». Nell uso pratico, nelle politiche urbane, la nozione di quartiere è ancora più povera. Un quartiere è solo un insieme di issues ed elementi, concentrati spazialmente, con confini geografici ben definiti. Ma anche concettualmente la nozione di quartiere è incerta, una scatola nera (Germain 2005) di cui poco si conosce. Nelle scienze sociali, la definizione corrente oscilla tra due riferimenti principali: da un lato, l idea di sottocomunità e di omogeneità culturale; dall altro, sulla scia di Wirth, la nozione di aggregato fisico e di concentrazione. Questa doppia rappresentazione è stata spesso criticata con riferimento soprattutto ai quartieri socialmente omogenei, ai quartieri operai in particolare: la coesione di classe (Ellen e Turner, 1997) è insufficiente a garantire l omogeneità sociale (per esempio, dialetto, nazionalità, religione dividono più di quanto la classe unisca); la dimensione locale (Blokland, 2001) non offre i requisiti organizzativi necessari ad alimentare l azione collettiva. In particolare, le modalità di appartenenza famigliari, di gruppo o classe sono più spesso trans-locali, e sostengono reti molto più strutturate. La recente riscoperta del quartiere dà frettolosamente per scontato lo svolgimento naturale del processo di socializzazione: l apprendimento dei ruoli intermedi tra famiglia e lavoro è avvenuta storicamente per strada, in piccole comunità (come riscoprono gli architetti neo-romantici) ma, anche, nelle rivendicazioni per i servizi urbani. Queste esperienze erano prossime ai canali che conducevano all integrazione lavorativa. Questi due percorsi sono interrotti nelle città contemporanee, e sono all origine della crisi che porta a concludere la città non fa 13

14 società (Donzelot, 2006). L ipotesi di ricerca (Cremaschi, 2007a) riguardava il modo in cui funziona la convivenza locale. L ipotesi che scartiamo (perché superata già da cinquant anni, come dimostra la sociologia urbana, che peraltro a ciò si è fermata) è che sia una comunità, cioè una qualche forma di legame sociale retto da confini (sociali e non) e riti comuni. Una comunità rimanda a fondazioni, legami naturali, associazioni, tutti elementi che nella società liquida non si ritrovano facilmente. E che soprattutto tendono a svanire nella condizione di accelerata mobilità spaziale e sociale tipica della contemporaneità. Inoltre, la nozione di comunità rimanda a un idea di ordine che non dà adeguato spazio alle dimensioni eventuali, cioè dipendenti dal caso e dagli accadimenti. Sono in particolare queste ultime che mettono in gioco la capacità dei soggetti di elaborare riflessivamente il loro ruolo e contributo alla situazione nella quale si trovano a operare. Sintetizzo in breve tre temi che mi sembrano importanti per la ridefinizione del quartiere come dimensione dell azione e della convivenza: - il quartiere appare nella città contemporanea come un intrapresa comune che avviene (o non avviene) nel contesto procelloso delle trasformazioni metropolitane. Non è facile definire l intrapresa. Facciamo riferimento almeno in parte alle comunità di pratica, ma sappiamo che è un riferimento parzialmente inadatto a una competenza vaga come quella dell abitare in prossimità. Questo genere di attività è, infatti, tanto comune, quanto occasionale; - in questa intrapresa appare centrale la dimensione pratica della socialità, che con un salto argomentativo potremmo definire l esercizio del civile rispetto. Il rispetto reciproco porta talvolta, ma non sempre, al riconoscimento di valori, spazi, azioni e identità comuni. Quello che sappiamo è che senza il rispetto e la gestione civile della prossimità non avvengono (alla scala del quartiere) le forme più ricche di coinvolgimento. Che si danno comunque anche a scala non di quartiere; - infine, la pratica locale della società si incrocia con un organizzazione sociale e statuale della dimensione collettiva in modi ampi e complessi, che nuovamente non approfondiamo in questa sede. Basti dire, come avvertenza che l aspettativa diffusa di un prius logico tra società e stato, tra convivenza e politiche, confonde un po il quadro interpretativo. Questo legame necessario è a seconda dei punti di vista declinato in modo positivo o negativo. Ma quest opposizione tende a esagerare: la società civile è robusta indipendentemente dalle politiche; oppure al contrario è disfatta e disaggregata. Lo stato schiaccia i legami sociali e li annulla; o, al contrario, consente di ricostruirli pazientemente in un lavoro omeopatico. I risultati del lavoro sono abbastanza lontani dalle tradizionali immagini oppositive. Società civile, residui comunitari, spezzoni di politica e di politiche, attivismo politico e comunitarismo di propinquità, sembrano molto più con-fusi di quanto si voglia descrivere. Questo non toglie che ci siano dinamiche e attori più potenti, da collocare nel flusso e nella rete di relazione specifica a ciascun contesto. Quindi, in definitiva, la definizione di convivenza è un po labile ma fertile. Si basa sulla capacità degli abitanti di stabilire modi di reciproca accettazione e sull evoluzione di questi modi nel tempo e sul loro eventualmente radicamento. Si tratta al tempo stesso di codici, pratiche, arti di fare, come pure conflitti e vicende, 14

15 spesso tanto intrecciati che riesce difficile descriverli in astratto. 4. Urbanità, pratiche e identità La riflessione precedente è però importante perché di recente a partire almeno dagli anni 80 è avvenuto un ritorno alla città molto celebrato. Interi settori economici si sono trasformati: il mercato edilizio, per esempio, ha colto le opportunità di marketing offerte da alcuni modi di abitare. In pochissimo tempo, rispetto all inerzia precedente, interi quartieri (centri storici e villaggi tradizionali in Europa, mentre negli Usa la vicenda è stata un po diversa) sono stati gentrificati, occupati cioè da un nuovo ceto medio-alto fortemente sensibile all aspetto simbolico-culturale anche nella scelta residenziale (un processo solo in parte avvenuto in Italia e, comunque, non solo nei centri storici). Questo processo può essere esemplificato in vario modo, e alcuni aspetti socialmente cruciali sono connessi alla sostituzione ed espulsione della popolazione precedente. In questa occasione, però, vogliamo toccare delle questioni emergenti che riguardano la convivenza urbana e sono riproposte da riflessioni sulla natura della urbanità. I quartieri nuovi, o trasformati da developers e gentrifiers, propongono una nuova idea di urbanità, fatta di stili di consumo, rapporto con il lavoro, identità culturale. In questo contesto, ha assunto un certo peso la versione ideologica della riscoperta delle identità dei luoghi: centri storici, piazze affollate, quartieri operai. Un nuovo romanticismo celebra i quartieri urbani come il luogo che preserva le identità sociali, e concilia storia e modernità; laddove sobborghi o periferia li negherebbero entrambi. Quest atteggiamento non è raro nella storia urbana, in particolare europea, ma si ritrova facilmente in operazioni e movimenti diversi come la renaissance urbana, le politiche urbane della UE, il New Urbanism. Le identità collettive tradizionali si dissolvono, e la formazione di nuove è incerta. Anche l identità sociale attribuita a luoghi quartieri e città viene ridefinita. Gli stessi spazi urbani non appaiono più definiti per sempre, scritti nella pietra; al contrario, risultano mutevoli per natura: piuttosto che essere degli spazi, diventano progressivamente dei luoghi. È interessante anche il processo inverso (Blokland 2001) che dalla costruzione sociale del luogo conduce alla formazione delle identità sociali. In un epoca di migrazioni e identità liquide, il riferimento a spazi e riferimenti comuni contribuisce al reciproco adattamento di nuove popolazioni e vecchi simboli. Quale forme assume la coesione della società locale in queste trasformazioni? La coesione sociale e la formazione delle identità sono altri esempi di problemi tradizionalmente affrontati in chiave funzionalista che oggi godono di una certa riconsiderazione in termine interazionisti e costruttivisti. Il timore prevalente è per la sparizione o la frattura (anche spaziale) della coesione sociale (Donzelot 2006 e 2008 in Cremaschi, a cura di), in una società individualizzata e carente di processi d integrazione. Ma anche la nozione d integrazione in ambito urbano va rivista. Assumere che la prossimità spaziale produca direttamente integrazione sociale non sarebbe corretto. L integrazione che si produce in ambito urbano è, a sua volta, il risultato di un processo eventuale, di un apprendimento di modi e arti della 15

16 convivenza, di scambio e ridefinizione delle rispettive identità (Tosi, in Cottino 2003). Al centro di questa ripresa è posta la nozione di pratica. Le pratiche non sono sola routine, bensì una forma dell agire collettivo che funziona per l attivismo di chi vi prende parte. Anche in questo caso, si trova che la coesione locale è frutto di processi di elaborazione collettiva che risentono dell intreccio di storie individuali, dei frangenti storici e degli investimenti personali (il processo di attivazione) che rendono disponibili risorse e beni comuni. Come sempre in questi giochi, le finalità dei diversi attori non sono necessariamente condivise, anticipate o concordate. Attraverso lo studio delle pratiche si può affrontare anche la formazione delle identità sociale. L identità dei luoghi è un prodotto sociale, che si costruisce iterativamente. La concentrazione e i confini sono due tipiche nozioni costruite dagli abitanti in un processo di elaborazione collettiva. Queste identità sono un prodotto vulnerabile ma resistente: a mutamenti, ricostruzioni, falsificazioni, all omogeneizzazione strisciante della globalizzazione culturale, alle impossibili fondazioni delle dottrine che proclamano un autentico storico (e come conseguenza ne minano dall interno la permanenza). 5. Immaginario e forme della città Gli studi urbani recenti leggono la crisi della città come una manifestazione della crisi della modernità. La trasformazione dei processi identitari delle classi e dei gruppi sociali è stata legata per tutta la prima modernità a specifici luoghi quartieri, fabbriche, associazioni e a legami di prossimità. La razionalizzazione postfordista scardina la coincidenza tra la prossimità nel processo produttivo e quella residenziale, e apre la prospettiva a una riarticolazione più vasta dell identità sociale. Questi sono però dislocati dal rescaling della società contemporanea. che possono essere locali, basati sulla prossimità; o transcalari, legati ai flussi. Dal punto di vista degli users, alcuni tipi sociali i cosmopoliti risultano in grado di approfittare di queste nuove opportunità; altri, meno mobili e flessibili, sono al contrario penalizzati. Questa si sposta progressivamente (come sostiene Harvey, 2002) su un asse temporale. La crescita del turismo globale ne è la manifestazione più evidente. Il turismo tocca tanto i paradisi tropicali che i centri storici. Il viaggio recupera nel tempo della vacanza la perdita di senso dello spazio di vita quotidiana. La distorsione del nesso tra spazio e coscienza sociale ha portata epocale, che stiamo ancora esplorando. La ricerca urbana ha toccato in parte questo tema, ma sembra più attratta dalle interpretazioni epocali del cambiamento (come testimoniano gli sforzi di dare dei modelli alla città globale, postmoderna, creativa ecc.). In queste riflessioni, la costruzione delle identità individuali appare influenzata soprattutto da processi globali. Ma la narrativa della crisi urbana nella sua forma attuale eccede in superlativi, rendendo un cattivo servizio all impresa critica della ricerca urbana (Beauregard 2003), e appare viziata da eccessi di drammatizzazione e di pretesa 16

17 generalista. Nulla di più lontano dal pensiero del movimento moderno. L estetica del funzionalismo in architettura aveva cercato volenterosamente di cancellare i rituali che velano il potere: la città moderna doveva rivelare, non nascondere, la dura essenza del ruolo e delle gerarchie. Questa strategia culturale non ha avuto successo: non solo il potere non si assoggetta alla pura forma degli architetti, ma nuovi rituali tendono sempre a ricrescere. La città postmoderna gioca con questi nuovi significati e riti in modo cinico, a volte mistificante. Ma il problema del senso rimane intatto, sia sotto l ansia purificatrice dei razionalisti che nel gioco estetizzante dei postmoderni. In un recente inusuale resoconto, si recupera un episodio importante nella maturazione civile di questo paese, che riprendo qui per esteso (Susani 2008). Dopo il tragico terremoto del Belice, i tecnici della ricostruzione hanno un ambizione: dare un carattere diverso ai nuovi insediamenti, più egualitario e progressista. Lo fanno, però, in modo tecnocratico e astratto, in coerenza con il sapere e i presupposti dell epoca. Il manuale predisposto con buona volontà per l occasione recitava: «il carattere unitario dei nuovi insediamenti è dato dalla volontà di coinvolgere direttamente tutte le residenze in rapporti diretti e molteplici con le attrezzature pubbliche eliminando distinzioni di centro e periferia, fra luoghi di maggiore e minore interesse, e quindi di maggiore o minore peso sociale». La città di Gibellina nuova esemplificherebbe quest utopia. Invece, commenta l autrice: «l idea della totale democratizzazione del tessuto urbano è ingenua e affascinante. Eppure l effetto non è buono. Amiamo le città antiche, ci è facile leggere negli incastellamenti, nei palazzi signorili, nelle piazze, le strutture di potere. Le città antiche sono trasparenti, rappresentano il proprio senso, e in più ti mostrano potere ormai morto, schiavitù sconfitte. Le città antiche ti fanno sentire forte, sopravvissuto e dunque vincitore» (ivi, p ). L episodio rivela come i significati sono posti in relazione sempre mediata con i luoghi, addirittura capovolta. Le forme del potere di un tempo possono paradossalmente prestarsi a un esperienza emancipatrice. Il timore, spesso paventato, è che ogni nuovo intervento sia fagocitato dai sistemi d identificazione che il mercato elabora per le nuove popolazioni di consumatori: i centri storici ricostruiti, i waterfront, i nuovi quartieri satellite non ricreano la città integrata, anzi perpetuano i nuovi principi di diseguaglianza e segregazione. La città perde forma, confini, significato: si riprende i caratteri di autonomia e naturalità che il modernismo cercava di irreggimentare. La rappresentazione uniforme del consumo sostituisce la gerarchia delle forme che rispondeva alla celebrazione del potere. Eppure, la lettura dei significati sociali delle forme fisiche è sempre negoziata, un campo in continua ricostruzione. La capacità delle élite di egemonizzare il consenso ed elaborare i concetti spaziali appropriati alle strategie urbane fa da pendant alla resistenza degli abitanti, alla loro capacità di riproporre usi imprevisti (Cottino 2003). La produzione dei nuovi concetti spaziali lungi dall essere espressione di un puro esercizio di potere risponde al gioco di pratiche conflittuali. A questo titolo, l immaginario sociale rientra nel raggio di azione degli studi urbani, un materiale esile intorno al quale sembrerebbe utile coagulare un programma di ricerca che stabilisca un ponte tra la narrativa storica e la formazione locale delle identità. 17

18 6. La raccolta I saggi contenuti in questa raccolta descrivono il cambiamento dei quartieri di quattro delle principali città italiane. I racconti consentono di individuare ambiti e percorsi diversi, riconducibili però ad alcune fenomenologie. Queste, che descriviamo in seguito, sollecitano alcune domande sulla natura del cambiamento stesso. I saggi iniziali toccano in particolare questa riflessione; i casi, pur tra differenze e sensibilità diverse, affrontano questioni comuni. Una prima questione comune è la definizione di quartiere, nonostante l apparente eterogeneità, credo ben giustificata, dovuta al fatto che i saggi adottano scale diverse di osservazione secondo le condizioni e i processi di trasformazione. I quartieri, sintetizzando una vasta letteratura, sono stati prevalentemente intesi su tre livelli: come spazio di vita, come spazio di organizzazione dei servizi locali e come quadrante di relazioni territoriali più dense in un sistema metropolitano. È il caso dei quartieri che quasi si ripiegano su stessi (De Leo su Chiaia; Ciaffi su via Arquata), come quelli gentrificati del centro città; o, al contrario, dei comuni ridefiniti come quartieri di una nuova città di città, che abbiamo chiamato i nuovi quartieri metropolitani. Nonostante le differenze di approccio e di scala, i casi trattano ambiti di dimensione demografica abbastanza coerente, intorno ai trenta mila abitanti, elemento che non ha costituito condizione di scelta preliminare, ma risulta dall aver seguito i percorsi dei casi. Infatti, la definizione del quartiere non è avvenuta in astratto, ma a partire dai casi studio, che sono stati scelti in base a una semplice griglia interpretativa. I quartieri studiati esemplificano nelle diverse città le articolazioni fenomeniche identificate nella prima fase della ricerca. Ne sono risultati degli ambiti con caratteristiche complementari, più che omogenee, e identità riconosciute. Va da sé che ogni caso sia stato influenzato dalla storia complessiva della città di appartenenza, come meglio affrontato nell ultima sezione e in particolare dal saggio di Laino. Si tratta di vicende in gran parte distinte, come differente è il posizionamento del quartiere nel contesto metropolitano e nelle sue dinamiche. Ma anche in questo caso ci sono degli elementi comuni. Per esempio, una cesura comune nelle vicende dei quartieri appare alla fine anni settanta, per effetto l inversione del ciclo demografico e per l accelerazione dei valori fondiari. In alcuni casi, inoltre, shock esterni hanno scosso alle fondamenta l organizzazione del quartiere (singolari, come il terremoto a Napoli; più tipici dell epoca recente, come la realizzazione di grandi infrastrutture, nel caso di Garbagnate o Primavalle). Per questa ragione, soprattutto, si fa riferimento nei casi prevalentemente all ultimo ventennio. È un periodo che influenza i modi e la qualità del cambiamento un po più veloce, ancor più eteroegeneo. Infine, ogni singola situazione mostra una combinazione particolare di popolazioni diverse, con equilibri a volte costruiti faticosamente in un tempo lungo, che vengono recentemente rotti dal pesante effetto dell immigrazione. Gruppi sociali ad alta coesione interna sembrano produrre habitat e comportamenti distinti (per esempio, l alta borghesia di Chiaia descritta da De Leo); in generale, ma non sempre, i gruppi d immigrati (Sepe su Montecalvario, Novak e Andriola su via Padova; 18

19 Lucciarini su Ladispoli); gli abitanti storici di aree invase da nuovi arrivi (Annunziata su San Lorenzo; Micoli su Isola). Frizioni tra habitat diversi emergono a volte in forma di conflitti politici o confronti diretti, a volte in forma di apprendimento, a volte in forma latente nelle dichiarazioni d individui (e nella distanza frapposta con le posizioni ufficiali). Ma la caratteristica più interessante che è stata rilevata non è tanto il conflitto, ma la capacità di elaborarlo. I casi segnalano esempi di convivenza non necessariamente felice, ma di convivenza nondimeno, spesso elaborata in senso proprio e tematizzata anche nelle istanza politiche formali. A dimostrazione che habitat (e gruppi sociali) diversi possono convivere. Modi del cambiamento La prima osservazione consiste nel fatto che i quartieri cambiano, come cambia la città. Cambia cioè l articolazione del tempo sullo spazio, l intreccio delle vicende e delle storie e nel loro farsi. Quindi, cambiano i dati materiali, i numeri, i volumi e i valori. Ma cambia soprattutto la significazione dello spazio locale rispetto all agire degli abitanti e degli attori. Il cambiamento che viene descritto è quindi il frutto di piccole e grandi trasformazioni materiali: e i casi esaminati illustrano una certa densità di queste trasformazioni (urbanistiche, infrastrutturali, immobiliari ), con risultati forse maggiori che nel periodo precedente, e, probabilmente, destinati a crescere in prospettiva. Ma è anche frutto di un riposizionamento delle categorie di vita locale e convivenza, che si riflettono con evidenza nel mutamento delle pratiche. Cambiano le nozioni di prossimità e di famiglia, l idea di privato e di spazio pubblico, di appartenenza e autonomia. I casi si sono fatti guidare dalla osservazione delle pratiche sociali per cogliere i risultati di questo processo di risignificazione. L esame non è sufficientemente sistematico e approfondito, per il momento, per discutere degli esiti e delle tendenze aggregate. Due riflessioni trasversali suggeriscono delle osservazioni importanti, che trattano della discontinuità del cambiamento, la prima sulla stabilizzazione delle eccezioni, la seconda sulle categorie cognitive. De Leo tocca il tema delle singolarità delle forme di convivenza, d uso e configurazione degli spazi. L osservazione nasce dalla sensibilità per un caso apparentemente estremo, il controllo criminale del territorio, che si esercita in vaste zone, non solo dei quartieri di periferie ma anche centrali. Nel tentativo di catturare e comprendere tali singolarità, in una specie di vuoto linguistico, De Leo prova a utilizzare la formula dell eccezione riproposta da Agamben. Guardando Napoli, ma tenendo in mente le caratteristiche proprie di molte città mediterranee, si incontrano spesso intrecci di caratteri popolari, problemi atavici (disoccupazione, bassi livelli di scolarizzazione, reddito...) e attività criminali. Alcuni luoghi circoscritti, concentrano popolazioni e attività illegali o illegittimi, che producono un singolare ordinamento spaziale e un caratteristico sistema di convivenza. Di fronte ad aree di diffusa marginalità, l eccezione reintroduce la problematica delle sacche urbane e il ruolo che svolgono nel quadro delle trasformazioni. Si può riprendere dal saggio 19

20 un introduzione più realistica alla città, come giustapposizione di regole e eccezioni e dei luoghi corrispondenti, degli spazi cioè dove si applicano o si sospendono le norme, e dove si realizzano diversi statuti funzionali, comportamenti e convenzioni. Lo spazio urbano dell eccezione non è quindi opposto a quello della norma, ma distinto da una soglia, la cui percezione fa parte delle capacità di abitare iscritte nelle pratiche. Fini affronta una riflessione più generale sul cambiamento riformulando la nota contrapposizione tra attenzione all esito o al processo. La natura del cambiamento, paradossalmente, non è problematizzata, si dà sovente per scontata: si pensa che se cambia la struttura, la cultura si adegua. Al contrario, il cambiamento attiva l ambivalenza dei soggetti implicati, fa tornare in circolo le risorse cognitive depositate negli atteggiamenti emotivi a vario titolo rimossi dai comportamenti. Rielaborando queste ultime è possibile dare forma, categoria e discorso al cambiamento che si manifesta proprio con l esaurirsi delle forme, categorie e discorsi razionali utilizzati in precedenza. La consapevolezza dell importanza delle narrazioni, della loro dinamicità e conflittualità, del loro divenire simultaneo attraversa tutti i casi studio. Alcuni segnalano prevalentemente l esaurimento delle narrazioni classiche, spesso ereditate dalla città moderna e dalla cultura industriale. Non pochi però segnalano lo sforzo di produrre nuove rappresentazioni, sia l adattamento a trasformazioni esterne (Isola, San Lorenzo, Varcaturo), che la ricerca di elaborarne di nuove (Garbagnate, Torre Maura, Ladispoli). Forse è quest ultimo il caso più inatteso, laddove si riscopre una capacità locale di significazione in attori politici che si davano già per scomparsi. Nicchie urbane La costruzione di nuovi quartieri passa per questo processo di risignificazione, al punto che le novità più consistenti sono appunto costituite da quartieri esistenti, riscoperti e trasformati. Si tratta di un processo che in Italia non è specifico del centro storico, tantomeno nelle città turistiche, che le elite non hanno mai abbandonato e che il turismo internazionale ha scoperto già da decenni, se non da secoli. Anzi, la gentrification nel senso che viene dato usualmente in letteratura a questo processo poco si applica al caso italiano, dove la sostituzione della popolazione precedente avviene in tempi lunghissimi e in coincidenza con il riassestamento di tutte le geografie sociali e dei valori urbani. Inoltre, in Italia in modo evidente anche se mi pare un tema poco studiato l invasione dei ceti medi avviene maggiormente fuori città, nei paesi di seconda abitazione (o di provenienza familiare), con un interessante massificazione della doppia residenza. Il processo che si intravede nelle città studiate è piuttosto di specializzazione del profilo sociale e immobiliare dei quartieri, in particolare rispetto ai ceti più mobili legati allo stile di vita, se non all economia, della conoscenza. Un processo di progressiva distinzione, dove attori di mercato come pure processi spontanei e mode culturali si intrecciano nella produzione di ambiti urbani con caratteri più definiti: non più quartieri, o comunità, ma distretti culturali, se con questo termine si intende rafforzare la natura non organica e relazionale della nuova organizzazione. Nicchie urbane, diciamo più prudentemente. L aspetto non sarebbe nuovo di per sé (spesso 20

Tecnica e Pianificazione Urbanistica

Tecnica e Pianificazione Urbanistica Università di Palermo - Scuola Politecnica Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Civile Anno accademico 2014-2015 Tecnica e Pianificazione Urbanistica Prof. Ignazio Vinci Lezioni frontali La dimensione

Dettagli

Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori

Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori Le competenze organizzative come vantaggio distintivo di Domenico Bodega Processi di cambiamento strategico e organizzativo richiedono attori rapidi nel pensiero, nel giudizio, nell azione e nella parola.

Dettagli

UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti *

UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti * UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti * PREMESSA La breve riflessione che segue si colloca nell ambito degli attuali orientamenti di riforma, di conseguenza considera suo principale punto

Dettagli

La Pianificazione Strategica come strumento di governance territoriale

La Pianificazione Strategica come strumento di governance territoriale Contributo al Gruppo ASTRID su L istituzione della Città Metropolitana Gruppo di Lavoro Pianificazione Strategica urbana coordinato da Raffaella Florio, ReCS Rete delle Città Strategiche La città metropolitana

Dettagli

Sogni, bisogni, aspettative di persone normalmente differenti. 25 anni di lavoro della cooperativa Dedalus, Gesco edizioni, Napoli, 2006

Sogni, bisogni, aspettative di persone normalmente differenti. 25 anni di lavoro della cooperativa Dedalus, Gesco edizioni, Napoli, 2006 Sogni, bisogni, aspettative di persone normalmente differenti. 25 anni di lavoro della cooperativa Dedalus, Gesco edizioni, Napoli, 2006 La Rete di Andrea Morniroli Premessa In questi ultimi anni è cresciuta

Dettagli

Cremona2030: una nuova governance locale per costruire territorio e sviluppo sociale

Cremona2030: una nuova governance locale per costruire territorio e sviluppo sociale dalla PROVINCIA al nuovo ENTE di AREA VASTA Cremona2030: una nuova governance locale per costruire territorio e sviluppo sociale a cura della federazione del PD di Cremona La legge 56/2014: limiti, rischi

Dettagli

Sul primato della relazione in Adriano Fabris

Sul primato della relazione in Adriano Fabris Etica & Politica / Ethics & Politics, XIII, 2011, 1, pp. 325-329 Sul primato della relazione in Adriano Fabris Graziano Lingua Università di Torino Dipartimento di Filosofia graziano.lingua@unito.it KEYWORDS

Dettagli

CITTÀ, POLITICHE E STRUMENTI DI GOVERNANCE

CITTÀ, POLITICHE E STRUMENTI DI GOVERNANCE A14 371 Giovanni Tocci CITTÀ, POLITICHE E STRUMENTI DI GOVERNANCE LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA IN ALCUNE CITTÀ MEDIE ITALIANE Copyright MMX ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it

Dettagli

Indice. 1 La pedagogia interculturale ----------------------------------------------------------------------------- 3

Indice. 1 La pedagogia interculturale ----------------------------------------------------------------------------- 3 LEZIONE PEDAGOGIA GENERALE E PEDAGOGIA INTERCULTURALE PROF.SSA ANGELA PERUCCA Indice 1 La pedagogia interculturale ----------------------------------------------------------------------------- 3 2 Intercultura:

Dettagli

ABC Apprendere Bene (in) CGIL

ABC Apprendere Bene (in) CGIL Marche Percorso di ricerca, formazione e sviluppo Promuovere e tutelare il diritto ad apprendere attraverso il funzionamento organizzativo della CGIL MARCHE DOCUMENTO FINALE 4 luglio 2007 ABC Apprendere

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE

PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE Scuole dell infanzia di Baraggiole e Calderara PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE Anni scolastici 2012-13/2014-15 Le scuole dell infanzia dell Istituto Comprensivo T. Croci si pongono come obiettivo, nel corso

Dettagli

XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998. Guido Maura 1

XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998. Guido Maura 1 XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998 Telefono amico e le contraddizioni della società della comunicazione Guido Maura 1 Telefono Amico, come altri servizi dedicati a favorire contatti

Dettagli

LA BILATERALITA NEL TERZIARIO: UN MODELLO DI RESPONSABILITA CONDIVISE PER UNA NUOVA STAGIONE DI CRESCITA

LA BILATERALITA NEL TERZIARIO: UN MODELLO DI RESPONSABILITA CONDIVISE PER UNA NUOVA STAGIONE DI CRESCITA LA BILATERALITA NEL TERZIARIO: UN MODELLO DI RESPONSABILITA CONDIVISE PER UNA NUOVA STAGIONE DI CRESCITA Intervento del Direttore Generale Francesco Rivolta Roma, 20 ottobre 2011 Condividere per crescere.

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

Metodi e Tecniche del Servizio Sociale 3 A.A. 2010-2011

Metodi e Tecniche del Servizio Sociale 3 A.A. 2010-2011 Metodi e Tecniche del Servizio Sociale 3 A.A. 2010-2011 Che cosa intendiamo quando usiamo il termine comunità? Che cosa evoca in noi il termine comunità? Esclusione sociale Povertà di rapporti Mondo privatizzato

Dettagli

Educazione alla cittadinanza e interculturalità Il Trentino come laboratorio di cittadinanza attiva e differenziata

Educazione alla cittadinanza e interculturalità Il Trentino come laboratorio di cittadinanza attiva e differenziata ecit Educazione alla cittadinanza e interculturalità Il Trentino come laboratorio di cittadinanza attiva e differenziata ISTITUTO PROVINCIALE PER LA RICERCA, L AGGIORNAMENTO E LA SPERIMENTAZIONE EDUCATIVI

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

HOUSING SOCIALE, RIQUALIFICAZIONE URBANA E QUALITÀ DELL ABITARE

HOUSING SOCIALE, RIQUALIFICAZIONE URBANA E QUALITÀ DELL ABITARE HOUSING SOCIALE, RIQUALIFICAZIONE URBANA E QUALITÀ DELL ABITARE a cura degli architetti Roberta Prampolini Daniela Rimondi F/01_FASCICOLO 1_DESCRIZIONE DELLA RICERCA Indice 1. La ricerca 2. Gli obiettivi

Dettagli

IL DONO DEL VOLONTARIATO COME CAMBIA IL TERRITORIO

IL DONO DEL VOLONTARIATO COME CAMBIA IL TERRITORIO Convegno interregionale AVULSS 2015 Il volontariato: un dono per il territorio Alessandria 26-27 settembre 2015 IL DONO DEL VOLONTARIATO COME CAMBIA IL TERRITORIO di Franco Vernò Schema intervento: Le

Dettagli

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO Definizione Le finalità del colloquio Il contesto del colloquio Il ruolo dell orientatore La struttura del colloquio La fase di accoglienza Cenni sugli strumenti 1 Che cos

Dettagli

Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079)

Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079) Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079) AUDIZIONE DELLA SVIMEZ c/o Camera dei Deputati Commissione VIª: Finanze INDICE DELL

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI NON DI MADRELINGUA ITALIANA. PRIMO QUADRIMESTRE L inserimento La relazione e la partecipazione Gli apprendimenti

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI NON DI MADRELINGUA ITALIANA. PRIMO QUADRIMESTRE L inserimento La relazione e la partecipazione Gli apprendimenti LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI NON DI MADRELINGUA ITALIANA PRIMO QUADRIMESTRE L inserimento La relazione e la partecipazione Gli Alunni che manifestano difficoltà di inserimento L alunno ha iniziato a frequentare

Dettagli

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO di Lorenzo Sartini 1. Quali necessità nell azione del volontario? Ciò che contraddistingue le associazioni di volontariato fra le altre organizzazioni che agiscono per

Dettagli

IL CURRICOLO VERTICALE

IL CURRICOLO VERTICALE IL CURRICOLO VERTICALE Fiorin: LAVORARE SUL CURRICOLO Imperfezione delle «Indicazioni nazionali» dimensione della ricerca Lavorare su ciò che già c è PUNTI DI RIFERIMENTO Tutto il quadro normativo recupera

Dettagli

STRATEGIE DIDATTICHE E QUALITA DELL INSEGNAMENTO.

STRATEGIE DIDATTICHE E QUALITA DELL INSEGNAMENTO. Appunti incontro di giovedì 11 nov. 2002 Italo Fiorin STRATEGIE DIDATTICHE E QUALITA DELL INSEGNAMENTO. E ormai convinzione consolidata che, nell insegnamento, non si possa parlare di un metodo capace

Dettagli

ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi

ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi ROMA AL 2015: UNA STRUTTURA METROPOLITANA POLICENTRICA Francesca Rossi Credo che intervenire per ultima, anche solo per l ordine alfabetico, in questa giornata di riflessione sul futuro della città di

Dettagli

www.servizisocialionline.it Sezione Articoli L auto/mutuo aiuto e il conflitto:

www.servizisocialionline.it Sezione Articoli L auto/mutuo aiuto e il conflitto: www.servizisocialionline.it Sezione Articoli L auto/mutuo aiuto e il conflitto: Spunti di riflessione per operatori sociali e facilitatori di gruppi di auto/mutuo aiuto. di Silvia Clementi* Le dinamiche

Dettagli

L immigrazione straniera in Italia e il ruolo della statistica

L immigrazione straniera in Italia e il ruolo della statistica L immigrazione straniera in Italia e il ruolo della statistica Luigi Biggeri Roma, 15-16 dicembre 2005 Circondati dai paesi poveri con vasti eserciti di giovani che reclamano lavori modesti nei paesi sviluppati

Dettagli

Le competenze dell asse storico-sociale

Le competenze dell asse storico-sociale CIDI di Milano Come valutare e certificare le competenze in uscita Le competenze dell asse storico-sociale i Marina Medi Istituto Zappa - Milano 20 gennaio 2011 Quali competenze? L insegnamento storico-sociale

Dettagli

Empoli, giovedì 13 dicembre 2012

Empoli, giovedì 13 dicembre 2012 PER LO SVILUPPO DI UN WELFARE EDUCATIVO P r e m e s s a Da tempo si avverte l esigenza di riprendere una riflessione condivisa intorno al concetto fondamentale di impegno della comunità e delle istituzioni

Dettagli

8 Educare cittadini globali

8 Educare cittadini globali Presentazione Flavia Virgilio è componente (insieme a Davide Zoletto e ad Anselmo Roberto Paolone) del Gruppo di Ricerca in Pedagogia Generale e Sociale dell Università di Udine, da me coordinato. Questa

Dettagli

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione CHE COS È IL FACILITY MANAGEMENT Il Facility Management è una disciplina in continua evoluzione ed infatti in un contesto altamente dinamico, tipico della società odierna, si trova a dover interpretare

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

Barbetta Alessandra Matr. 620385 Riassunto della tesi: Il turismo culturale nei centri d arte minori in Italia

Barbetta Alessandra Matr. 620385 Riassunto della tesi: Il turismo culturale nei centri d arte minori in Italia Barbetta Alessandra Matr. 620385 Riassunto della tesi: Il turismo culturale nei centri d arte minori in Italia L attuale fase recessiva che investe le economie occidentali le pone dinanzi alla necessità

Dettagli

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO E' un percorso educativo e didattico perseguito nei tre ordini di scuola che rende più organico il lavoro compiuto dai docenti; sono state condivise le mete comuni ed è in

Dettagli

Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1)

Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1) Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1) La conoscenza pedagogica, nella misura in cui fa riferimento alla persona considerata nel suo complesso, non si fonda sul procedimento conoscitivo della

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA CLASSE I

SCUOLA PRIMARIA CLASSE I SCUOLA PRIMARIA CLASSE I ITALIANO INDICATORI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO STANDARD PER LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE Ascoltare e comprendere Leggere e comprendere Comunicare oralmente Mantenere l attenzione

Dettagli

ELEMENTO CENTRALE È IL RICERCATORE

ELEMENTO CENTRALE È IL RICERCATORE Significa riconoscere che la società e il sociale possono diventare oggetto di ricerca empirica. Si può realizzare essenzialmente attraverso due operazioni: quella concettuale e quella osservativa. È importante

Dettagli

Presentazione 5 PRESENTAZIONE

Presentazione 5 PRESENTAZIONE Presentazione Il Rapporto sull economia romana elaborato dal Comune di Roma raggiunge quest anno la quinta edizione ufficiale (sesta, se si tiene conto di un numero zero risalente all ormai lontano 1996

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

8 Il futuro dei futures

8 Il futuro dei futures Introduzione Come accade spesso negli ultimi tempi, il titolo di questo libro è volutamente ambiguo, ma in questo caso non si tratta solo di un espediente retorico: come spero si colga nel corso della

Dettagli

Il comportamento del consumatore turista

Il comportamento del consumatore turista Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia Corso di marketing agroalimentare e turismo rurale a.a. 2010/2011 Prof. Gervasio Antonelli Il comportamento del consumatore turista Lavoro

Dettagli

Figura 1 Andamento della popolazione residente in Piemonte dal 1951 al 2014

Figura 1 Andamento della popolazione residente in Piemonte dal 1951 al 2014 Capitolo 5.1 ANALISI DEI MOVIMENTI ANAGRAFICI DELLA PO- POLAZIONE 1 Maria Cristina Migliore Un primo sguardo di sintesi Nel 2014 la popolazione residente in Piemonte è diminuita di oltre 10mila unità.

Dettagli

FESTIVAL DELLA FAMIGLIA

FESTIVAL DELLA FAMIGLIA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO AGENZIA PER LA FAMIGLIA, LA NATALITÀ E LE POLITICHE GIOVANILI FESTIVAL DELLA FAMIGLIA La Famiglia come risorsa per la crisi economica Se cresce la Famiglia, cresce la Società

Dettagli

PRINCIPIO DI AGGLOMERAZIONE

PRINCIPIO DI AGGLOMERAZIONE PRINCIPIO DI AGGLOMERAZIONE 1.1. PRINCIPIO DI AGGLOMERAZIONE A - Il principio di agglomerazione è genetico / fondativo della città Perché? la concentrazione spaziale come scelta di comodità/efficienza

Dettagli

DOMENICO BODEGA. Le forme della leadership

DOMENICO BODEGA. Le forme della leadership DOMENICO BODEGA Le forme della leadership Redazione e fotocomposizione Norma, Parma ISBN 978-88-17-05823-0 Copyright 2002 RCS Libri S. p. A. Prima edizione Etas: maggio 2002 Quinta ristampa Rizzoli Etas:

Dettagli

I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano

I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12 La famiglia

Dettagli

Laboratori di intercultura in classe Attività formative in classe rivolte agli alunni delle scuole di ogni ordine e grado. www.canalescuola.

Laboratori di intercultura in classe Attività formative in classe rivolte agli alunni delle scuole di ogni ordine e grado. www.canalescuola. INTERCULTURA accoglienza, inclusione, educazione e didattica interculturale Corsi di formazione per dirigenti scolastici, insegnanti, personale non docente e operatori sociali che collaborano con le scuole

Dettagli

AUTO MUTUO AIUTO cos è?

AUTO MUTUO AIUTO cos è? AUTO MUTUO AIUTO cos è? L Auto Mutuo Aiuto è un processo, un modo di trattare i problemi concreti che ciascuno si trova a fronteggiare nella propria vita: malattie, separazioni, lutti, disturbi alimentari,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE MODELLO DI MATRICE ADOTTATA PER LA COSTRUZIONE DEL CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE Periodo di riferimento Traguardi

Dettagli

Consumeeting 2013. Consumatori, Imprese e Istituzioni: idee a confronto

Consumeeting 2013. Consumatori, Imprese e Istituzioni: idee a confronto Consumeeting 2013. Consumatori, Imprese e Istituzioni: idee a confronto Abstract dei risultati 1 Contesto: percezioni sulla situazione economica La crisi economica continua ad essere fonte di costanti

Dettagli

Discipline e competenze

Discipline e competenze Discipline e competenze Per assistenza è possibile contattare lo staff Pearson scrivendo al seguente indirizzo e-mail: helpdesk@pearson.it oppure chiamando il numero : 0332.802251 La didattica per competenze

Dettagli

Da Milano all Aquila: i Centri Storici tra boom e rinascita di Saverio DI ROLLO (*)

Da Milano all Aquila: i Centri Storici tra boom e rinascita di Saverio DI ROLLO (*) Da Milano all Aquila: i Centri Storici tra boom e rinascita di Saverio DI ROLLO (*) Quanti di noi avranno avuto un senso di leggero straniamento percorrendo le strade di numerosi centri storici italiani?

Dettagli

La condizione della famiglia nella provincia di Verona

La condizione della famiglia nella provincia di Verona La condizione della famiglia nella provincia di Verona E uno studio sulle famiglie della provincia di Verona, condotto a livello territoriale, che entra nel dettaglio della loro composizione, della loro

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA

MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA GRUPPO DI LAVORO CULTURA D IMPRESA MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA GRUPPO DI LAVORO CULTURA D IMPRESA Manifesto della Cultura d Impresa MANIFESTO DELLACULTURA D IMPRESA

Dettagli

PREMESSA Piano Strutturale

PREMESSA Piano Strutturale PREMESSA il Comune ha avviato la procedura di revisione ed aggiornamento del Piano Strutturale, il documento che disegna il futuro del territorio, sia per il suo sviluppo, sia per la sua tutela. Per permettere

Dettagli

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio OLTRE LA CRISI MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio Nel nostro mondo sempre più globalizzato viviamo in una condizione di interdipendenza

Dettagli

Provincia di Reggio Calabria. Provincia di Reggio Calabria MANIFESTO. Piano Strategico della Città Metropolitana

Provincia di Reggio Calabria. Provincia di Reggio Calabria MANIFESTO. Piano Strategico della Città Metropolitana Provincia di Reggio Calabria MANIFESTO Piano Strategico della Città Metropolitana Reggio Calabria - Novembre 2013 Provincia di Reggio Calabria INDICE Perché un Piano Strategico Quale visione del futuro

Dettagli

Dimensioni del cambiamento Dimensione personale

Dimensioni del cambiamento Dimensione personale SINTESI Rilevanza ed effetti dell azione nel campo della fede e della giustizia Un tentativo di identificare, valutare e documentare i risultati e gli impatti dell attività dei partner di Sacrificio Quaresimale

Dettagli

MATRIARCATO. La ricerca dei confini entro i quali delimitare lo studio del fenomeno.

MATRIARCATO. La ricerca dei confini entro i quali delimitare lo studio del fenomeno. MATRIARCATO La ricerca dei confini entro i quali delimitare lo studio del fenomeno. Matriarcato: non passa giorno senza che qualcosa venga proposto su questo argomento, sia esso un articolo su una rivista

Dettagli

Demografia, Occupazione e Produttività in Italia e nelle Regioni italiane. di Nicola C. Salerno 1

Demografia, Occupazione e Produttività in Italia e nelle Regioni italiane. di Nicola C. Salerno 1 Demografia, Occupazione e Produttività in Italia e nelle Regioni italiane di Nicola C. Salerno 1 1 3. Demografia, Occupazione e Produttività in Italia e nelle Regioni italiane Le sfide attese dall invecchiamento

Dettagli

LA SICUREZZA SUL LAVORO: BUONE PRASSI TRA ORGANIZZAZIONE, MANAGEMENT E FORMAZIONE

LA SICUREZZA SUL LAVORO: BUONE PRASSI TRA ORGANIZZAZIONE, MANAGEMENT E FORMAZIONE LA SICUREZZA SUL LAVORO: BUONE PRASSI TRA ORGANIZZAZIONE, MANAGEMENT E FORMAZIONE Per un cambiamento culturale affidabile nella gestione della sicurezza di Alessandro Cafiero 1 La sicurezza fra contesto

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Riflessioni di Luciano Perego (prima parte) CARATTERISTICHE DELLA MODALITÀ TRADIZIONALE PER LA GESTIONE DELLO SVILUPPO

Dettagli

LECCE CITTA PUBBLICA Concorso di idee. bando

LECCE CITTA PUBBLICA Concorso di idee. bando bando Che cos è oggi la città per noi? Penso d aver scritto qualcosa come un ultimo poema d amore alle città, nel momento in cui diventa sempre più difficile viverle come città. Italo Calvino PRESENTAZIONE

Dettagli

Corso di Valutazione Economica dei Progetti e dei Piani. Marta Berni AA. 2006-2007

Corso di Valutazione Economica dei Progetti e dei Piani. Marta Berni AA. 2006-2007 Corso di Valutazione Economica dei Progetti e dei Piani AA. 2006-2007 PIANO e PIANIFICAZIONE 3 Pianificazione È il Processo con il quale un individuo, una impresa, una istituzione, una collettività territoriale

Dettagli

INTERVENTO ELISABETTA DONATI PARI E DISPARI

INTERVENTO ELISABETTA DONATI PARI E DISPARI INTERVENTO ELISABETTA DONATI PARI E DISPARI Al momento attuale la nostra società, attraversata da profondi cambiamenti demografici, ci offre uno scenario particolare e completamente nuovo: cinque generazioni

Dettagli

ELABORATO DAI DOCENTI ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghj ISTITUTO COMPRENSIVO CALVISANO. klzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwer

ELABORATO DAI DOCENTI ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghj ISTITUTO COMPRENSIVO CALVISANO. klzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwer qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg CURRICOLO DI STORIA hjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqw ELABORATO DAI DOCENTI

Dettagli

Counselling e mediazione familiare: una possibile integrazione tra approccio relazionale e Gestalt

Counselling e mediazione familiare: una possibile integrazione tra approccio relazionale e Gestalt Counselling e mediazione familiare: una possibile integrazione tra approccio relazionale e Gestalt Francesca Belforte con direttore dell Istituto Mille e una Meta, Livorno "INformazione Psicologia Psicoterapia

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO

SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO Via Pertini, 1 73020 UGGIANO LA CHIESA (LE) tel 036 17370 fax 036 14535 LEIC4300C@istruzione.it www.comprensivouggiano.it codice

Dettagli

Partecipazione e processi decisionali.

Partecipazione e processi decisionali. Partecipazione e processi decisionali. La legge regionale della Toscana sulla partecipazione: principi, finalità, contenuti. Antonio Floridia Responsabile del settore Politiche per la partecipazione Giunta

Dettagli

L albero storto. A proposito di un recente libro di Stefano Piperno sulla finanza locale italiana *

L albero storto. A proposito di un recente libro di Stefano Piperno sulla finanza locale italiana * LETTURE E SEGNALAZIONI 183 L albero storto. A proposito di un recente libro di Stefano Piperno sulla finanza locale italiana * Giorgio Brosio C era bisogno di un nuovo libro sul governo e la finanza locale

Dettagli

IV Forum Confcommercio sul Fisco

IV Forum Confcommercio sul Fisco IV Forum Confcommercio sul Fisco Intervento del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan al IV Forum Confcommercio sul Fisco Meno tasse, meno spesa Binomio per la ripresa Roma, 22

Dettagli

Indicazioni Nazionali 2012 per il curricolo della scuola dell Infanzia e del 1 ciclo d istruz ione. 26 marzo e 12 aprile 2013 LE DISCIPLINE

Indicazioni Nazionali 2012 per il curricolo della scuola dell Infanzia e del 1 ciclo d istruz ione. 26 marzo e 12 aprile 2013 LE DISCIPLINE SEMINARIO Per i docenti e dirigenti scolastici delle scuole statali della provincia di Torino Indicazioni Nazionali 2012 per il curricolo della scuola dell Infanzia e del 1 ciclo d istruz ione Una bussola

Dettagli

Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola

Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola La frase, tratta da un noto film con Hugh Grant ( About a boy ), apre la strada a importanti riflessioni sul valore a

Dettagli

AUTONOMIA DI RICERCA, SPERIMENTAZIONE E SVILUPPO

AUTONOMIA DI RICERCA, SPERIMENTAZIONE E SVILUPPO AUTONOMIA DI RICERCA, SPERIMENTAZIONE E SVILUPPO Ivana Summa, 2003 Il quadro giuridico L art. 21, comma 10 della Legge 15 marzo 1997 n. 59 attribuisce alle singole istituzioni scolastiche autonome anche

Dettagli

sociale, Sett. 2002, n. 1/4, pp. 363-372

sociale, Sett. 2002, n. 1/4, pp. 363-372 Gli indicatori di qualità dell integrazione scolastica L esperienza dell integrazione scolastica ha mostrato come vi possano essere diversi livelli di qualità dell integrazione dovuti a differenti circostanze,

Dettagli

I COMMENTI DI ISTITUTO AMBIENTE EUROPA AL D. Lgs. 81/08 ( TESTO UNICO ) 4 - FORMAZIONE DEI PREPOSTI: valutazioni e proposte

I COMMENTI DI ISTITUTO AMBIENTE EUROPA AL D. Lgs. 81/08 ( TESTO UNICO ) 4 - FORMAZIONE DEI PREPOSTI: valutazioni e proposte valutazioni e proposte FORMAZIONE DEI PREPOSTI: valutazioni e proposte di Attilio Pagano Psicologo del Lavoro e formatore 1. ANALISI CRITICA DELLE NORME Tra le principali innovazioni portate dal decreto

Dettagli

Trento, novembre 2015. Alessandro Franceschini

Trento, novembre 2015. Alessandro Franceschini La storia delle città è molto spesso una storia di lente stratificazioni e l immagine che oggi abbiamo di esse non è altro che l ultima, provvisoria, tappa di un lungo lavoro di costruzione e ricostruzione.

Dettagli

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI Mantenendo il curricolo sulle sole competenze disciplinari si rischia di rimanere alle discipline senza perseguire realmente competenze,

Dettagli

CARTA dei SERVIZI CENTRO PRIMA INFANZIA. SERVIZIO INFANZIA e FAMIGLIA

CARTA dei SERVIZI CENTRO PRIMA INFANZIA. SERVIZIO INFANZIA e FAMIGLIA Settore Politiche sociali e di sostegno alla famiglia CARTA dei SERVIZI CENTRO PRIMA INFANZIA SERVIZIO INFANZIA e FAMIGLIA Indice Capo 1 La carta dei servizi Uno strumento per dialogare e collaborare con

Dettagli

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa Convegno Nazionale La Mediazione familiare, una risorsa per genitori e bambini nella separazione Bologna, 1 e 2 dicembre 2006 LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini

Dettagli

Esperimenti di cittadinanza con adolescenti stranieri: i laboratori teen press

Esperimenti di cittadinanza con adolescenti stranieri: i laboratori teen press Codici Agenziadiricercasocialesc Italy20124MilanopiazzaIVNovembre1 t.+390289053913fax+390236560403 codici@codiciricerche.it www.codiciricerche.it P.Iva/codicefiscale05064170961 NOTADI RICERCA acuradi StefanoLaffi

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

Gruppi di sostegno alla persona ed alla comunità: strategie di promozione del benessere esistenziale

Gruppi di sostegno alla persona ed alla comunità: strategie di promozione del benessere esistenziale Gruppi di sostegno alla persona ed alla comunità: strategie di promozione del benessere esistenziale Psicologia di comunità La Psicologia di comunità nasce nel 1965 in America, ad opera di docenti universitari

Dettagli

Bambine e bambini costruttori di scenari di democrazia

Bambine e bambini costruttori di scenari di democrazia Bambine e bambini costruttori di scenari di democrazia a cura di Cristian Fabbi La riflessione sul tema dei diritti ha portato alcune consapevolezze che, per altro, già erano diffuse tra noi, ma che ora

Dettagli

Dalle politiche di assistenza alle politiche della famiglia.

Dalle politiche di assistenza alle politiche della famiglia. Dalle politiche di assistenza alle politiche della famiglia. Prof. Riccardo Prandini Docente di Sociologia della famiglia presso l Università di Bologna Sussidiarietà e welfare societario nei servizi alle

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA CURRICOLO D ISTITUTO COMPRENDERE COMUNICARE RIFLETTERE RIELABORARE PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA AREA DEI LINGUAGGI (italiano, lingua inglese, musica, arte e immagine) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO

Dettagli

Manuale di pedagogia interculturale Competenze interculturali: gestione dei conflitti (A. Portera)

Manuale di pedagogia interculturale Competenze interculturali: gestione dei conflitti (A. Portera) Manuale di pedagogia interculturale Competenze interculturali: comunicazione, mediazione, gestione dei conflitti (A. Portera) Dimensione di globalizzazione Società liquida Bauman Non luoghi Augè Hurried

Dettagli

Modulo 1. La Mia Storia/ Le Mie Domande

Modulo 1. La Mia Storia/ Le Mie Domande Modulo 1 La Mia Storia/ Le Mie Domande FINALITÀ Il ciclo di attività si propone di stimolare gli studenti a ricostruire la propria storia formativa, individuandone gli aspetti più salienti e a riflettere

Dettagli

Didattica Generale Corso 33132

Didattica Generale Corso 33132 Didattica Generale Corso 33132 Caterina Cangià Anno Accademico 2013-2014 David Ausubel ha classificato le diverse modalità di apprendimento in relazione a due parametri centrati entrambi sul ruolo attivo

Dettagli

Messa in onda: programma settimanale di RAINEWS. In onda dal 9 agosto alle 23, tutti i giovedì per otto settimane con repliche nei fine settimana.

Messa in onda: programma settimanale di RAINEWS. In onda dal 9 agosto alle 23, tutti i giovedì per otto settimane con repliche nei fine settimana. RAINEWS MI CHIAMO CITTA edizione 2012 un programma di Marta Francocci in collaborazione con Ordine degli Architetti di Roma INU Istituto Nazionale di Urbanistica Compagnia di San Paolo, Torino Ance Genova

Dettagli

Carta d Identità del CNGEI

Carta d Identità del CNGEI Carta d Identità del CNGEI "Il nostro è un movimento libero, accanitamente, irriducibilmente libero da ingerenza politica, confessionale o di interesse e deve rimanere tale contro chiunque fosse di diverso

Dettagli

Comunicazione d impresa

Comunicazione d impresa Comunicazione d impresa Lorenza Rossini Anno 2005-2006 Programma I concetti fondamentali Le aree della comunicazione d impresa Gli strumenti e i mezzi della comunicazione Il piano di comunicazione Alcuni

Dettagli

Presentiamo dunque un lavoro progettato per chi crede in una scuola per tutti, per chi si pone domande e per chi cerca risposte.

Presentiamo dunque un lavoro progettato per chi crede in una scuola per tutti, per chi si pone domande e per chi cerca risposte. Introduzione Il manuale La scuola inclusiva nell Italia che cambia. si propone di accompagnare e sostenere l insegnante in ogni fase dell inserimento scolastico di un allievo non madrelingua nella scuola

Dettagli

Indice 1 PROFILO PROFESSIONALE DELL EDUCATORE SOCIALE --------------------------------------------------- 3

Indice 1 PROFILO PROFESSIONALE DELL EDUCATORE SOCIALE --------------------------------------------------- 3 LEZIONE MEDIAZIONE CULTURALE ED EDUCAZIONE SOCIALE PROF.SSA ANGELA PERUCCA Indice 1 PROFILO PROFESSIONALE DELL EDUCATORE SOCIALE --------------------------------------------------- 3 2 di 8 1 Profilo professionale

Dettagli

Un nuovo sguardo alla società: siamo sempre più vecchi e sempre più giovani. L incidenza degli immigrati e i contesti consolidati d integrazione

Un nuovo sguardo alla società: siamo sempre più vecchi e sempre più giovani. L incidenza degli immigrati e i contesti consolidati d integrazione Un nuovo sguardo alla società: siamo sempre più vecchi e sempre più giovani. L incidenza degli immigrati e i contesti consolidati d integrazione Indagine demografica (1981-2013) con dati aggiornati al

Dettagli