Materiale Didattico Dispensa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Materiale Didattico Dispensa"

Transcript

1 Attività Formative Legge 21 dicembre 1978 n. 845 ex Art. 26 Progetto INNOVAMBIENTE Materiale Didattico Dispensa Titolo del Modulo La customer care e la customer satisfaction TECNICO ESPERTO IN COMMERCIO INTERNAZIONALE DI PRODOTTI AGRO ALIMENTARI Cod. uff. 2860/06

2 La customer care e la customer satisfaction

3 1 Obiettivo di un'azienda non è quello di vendere e beni o servizi, ma soddisfare i bisogni dei clienti

4 2 Indice degli argomenti Customer care: definizione e contesto di riferimento Customer care: tecnologie e strumenti di ascolto Marketing one-to-one Il CRM

5 3 Definizione e contesto di riferimento CUSTOMER CARE

6 4 Approccio al customer care Rapporto con i clienti = Relazione duratura Rapporto fiduciario Punto di vista dei clienti CUSTOMER CARE Prima, durante e dopo l acquisizione di: Beni, servizi, informazioni

7 5 Soddisfazione del consumatore la percezione del cliente di aver speso bene il proprio denaro, avendo ottenuto, in proporzione alle sue aspettative, il massimo possibile rispetto alla realtà ambientale in cui vive Questa definizione pone l'accento sul rapporto "prezzo-prestazioni", che, nell'ottica del consumatore, può essere riletto in termini di bisogni-desideri soddisfatti rispetto ai sacrifici complessivi richiesti

8 6 Cosa desidera il cliente? Bisogni impliciti ed espressi Bisogni ancora latenti E necessario adattare costantemente prodotti e servizi alle mutevoli esigenze del cliente. E necessario quindi disporre di strumenti di relazione che permettano di conoscere e monitorare il cliente.

9 7 progettazione produzione distribuzione e logistica vendita erogazione post vendita comunicazione interattiva e integrata cliente farsi guidare dal cliente (orientare tutte le risorse a capire e condividere il punto di vista del cliente)

10 8 Un nuovo rapporto tra azienda e cliente AZIENDA prodotti/servizi informazioni CLIENTE Rapporto interattivo "uno a uno" Micromercati personalizzati (pensiamo ad Internet) Comprensione e soddisfazione dei bisogni

11 9 Customer Care come vantaggio competitivo Fidelizzazione Customer loyalty Fluttuazioni del mercato tempo

12 10 Definizioni La customer satisfaction è quella sensazione da parte del cliente di veder realizzate, o superate, le proprie aspettative E uno stile di comportamento imprenditoriale che esplicita le capacità di generare valore per i clienti anticipando e gestendo le loro aspettative e dimostrando, in tutte le scelte strategiche e tattiche, competenze e responsabilità nel soddisfare i loro bisogni

13 11 Il circolo virtuoso del valore aziendale

14 12 Risorse All origine del vantaggio competitivo delle imprese moderne si individuano sempre più le risorse cosiddette firm specific ossia le risorse distintive dell impresa Le risorse firm specific possono essere ricondotte all interno di due macro classi: la conoscenza e la reputazione

15 13 LE RISORSE AZIENDALI Risorse di mercato (materiali o immateriali) Risorse firm specific Risorse di conoscenza Risorse reputazionali Fiducia e consenso Immagine Relazioni

16 14 Fiducia e consenso Fiducia e consenso vantato dall impresa Le risorse di fiducia sono fondate sui modelli cognitivi di altri soggetti (clienti, fornitori, finanziatori, ecc.) e sono prodotte dai processi di comunicazione aziendale. Ovviamente esiste una relazione tra fiducia e fedeltà

17 15 Immagine e marca Immagine acquisita Essa fa riferimento alla percezione che i clienti hanno di un impresa e dei suoi prodotti Si individuano diverse componenti del concetto di immagine di marca: componente identificativa componente valutativa componente fiduciaria Considerando il legame tra immagine e soddisfazione, possiamo innanzitutto evidenziare come quest ultima influenzi due specifiche componenti dell immagine: quella valutativa e quella fiduciaria. Se dall esperienza di consumo il consumatore è soddisfatto, significa in effetti che ha ritrovato nel prodotto/servizio le valenze denotative e connotative che desiderava, rafforzando il rapporto di fiducia instaurato con la marca

18 16 Relazioni Relazioni i consolidate con i vari stakeholder (fornitori, clienti, dipendenti, distributori, finanziatori, ecc.). Per quanto concerne le relazioni con i clienti, secondo la Customer based view (CBV) la creazione di valore rappresenta un requisito inderogabile per la sopravvivenza e il successo dell impresa e tale requisito è soddisfatto focalizzando i processi aziendali sul valore offerto ai clienti

19 17 Aspettative, valutazione e soddisfazione Aspettative < Valutazione effettiva = Prestazioni superiori alle attese Fidelizzazione dei clienti Aspettative > Valutazione effettiva = Attese tradite Perdita dei clienti Aspettative = Valutazione effettiva Indecisione nel giudizio Clienti conquistabili dai concorrenti

20 18 Vantaggi generati dalla soddisfazione Effetti positivi sui costi (anche in relazione alla particolare conoscenza che l azienda ha dei propri clienti e delle loro preferenze/abitudini d acquisto; passaparola positivo) Effetti a livello di patrimonio aziendale: miglioramento dell immagine e del rapporto tra dipendenti aziendali e clienti

21 19 I risvolti dell insoddisfazione Insoddisfazione del cliente Effetti negativi sui clienti, vecchi e nuovi I costi di gestione dell insoddisfazione Ricavi e profitti persi; Passaparola negativo; Sui clienti Minori ricavi e profitti nel futuro; Sui dipendenti Minore forza di applicare un premium price Sull immagine Maggiore difficoltà ad attirare nuovi clienti aziendale e

22 20 I clienti insoddisfatti appena viene data loro la possibilità, cambiano fornitore Da alcune ricerche è emerso che ciò si verifica di frequente (fra il 40% e il 91 % secondo le ricerche e i settori), anche da parte di clienti che in precedenza erano stati molto fedeli danneggiano l'immagine del fornitore, proprio a causa del passaparola negativo che innescano e alimentano Ogni cliente insoddisfatto espone la propria esperienza fallimentare in media a 9-10 persone, le quali a loro volta effettuano ulteriori contatti negativi. Per ogni cliente insoddisfatto si generano pertanto almeno 10 contatti negativi per l'azienda che ha prodotto il disservizio

23 21 TIPOLOGIE DI DISSERVIZI TEMPI ORARI PRESTA- ZIONI/ERRORI DANNI COMUNICAZIONE/ IMMAGINE AMBIENTE Velocità Non rispettati Prestazioni inferiori Economici Informazioni errate Comfort compromesso (climatizzazione, pulizia, sicurezza, spazi, comodità) Durata Modificati Alternative di scelta limitate Frequenze Non comunicati STRUMENTAZIONI Sistema informatico mal funzionante Fisici Informazioni non fornite Difficoltà di accesso Strumentazioni elettriche ed elettroniche difettose (Computer, Phon, TV, Stereo, ecc.) Errori nei prezzi Psicologici Scarsa informazione in genere Scadenze Inadeguati Errori nei preventivi Sociali Non rispetto degli impegni Attese Spese aggiuntive Scarsa attenzione al cliente Coincidenze Prenotazioni errate

24 22 Gestione del disservizio Individuazione e classificazione delle diverse tipologie di disservizi Specificazione delle modalità di gestione del disservizio Gestione del disservizio Post auditing Verifica continua delle soluzioni proposte e del loro grado di efficacia

25 23 Alcune modalità di recupero Comunicazione inviare al cliente del materiale informativo sulle cause all'origine del disservizio arrecato, corredato da scuse e la promessa che il problema è stato preso seriamente in considerazione dall'azienda che fin da subito Offerta di alcuni benefit seguendo questa strategia, in aggiunta alle scuse si offre al cliente qualche risposta concreta per alleviare, sia pure in parte, la situazione di delusione arrecata; può trattarsi, ad esempio, di uno sconto per acquisti futuri oppure un rimborso oppure ancora dei benefit sulle proposte di aziende partner. Rifacimento della prestazione (o suo rimborso) con l'obiettivo perciò di dare una qualche soluzione concreta e forte allo specifico problema del cliente, non risolto con le strategie precedenti; Offerta di una soluzione allargata che preveda il rimborso di qualcosa in più rispetto alla prestazione per compensare il cosiddetto "fattore fastidio" e cioè quegli extra-costi (monetari e non) che si sono prodotti per effetto del disservizio.

26 24 Misurazione della customer satisfaction Metodi indiretti si basano sull'impiego di opportuni indicatori che consentono di correlare i diversi risultati operativi al livello di soddisfazione della clientela. Metodi diretti prevedono il reale coinvolgimento della clientela alla quale viene chiesto di esprimere un giudizio sul proprio livello di soddisfazione relativamente ad una specifica esperienza di acquisito e di consumo

27 25 Metodi indiretti Fatturato di vendita Gestione dei reclami Raccolta dei commenti Customer retention (esprime il numero di clienti rimasti fedeli a fine anno rispetto a quelli che esistevano all'inizio dell'anno e ai nuovi clienti acquisiti) [(Clienti a fine anno - Nuovi clienti)/clienti a inizio anno]* 100

28 26 Tecnica degli incidenti critici E' l'analisi dei fattori di successo e di insuccesso mediante lo studio degli incidenti (disservizi) Il metodo si basa sulla registrazione degli avvenimenti e degli stati d'animo dei clienti coinvolti in momenti di disservizio

29 27 Sistema di rilevazione dei problemi E' una tecnica che permette di capire quali sono i problemi che incontrano i clienti nell'uso del servizio, di quantificarne l'importanza attribuita dai clienti e di determinare in che misura la soluzione di uno specifico problema è in grado di influenzare il comportamento di acquisto e/o fruizione del servizio Il metodo si basa sulla registrazione della esposizione del cliente circa i fatti e i problemi affrontati durante l'erogazione Il concetto su cui si fonda il metodo parte dal presupposto che i clienti non acquistano servizi ma soluzioni

30 28 Profit Impact of Market Strategy E' un programma di ricerca sulle strategie competitive avviato nel 1972 dallo Strategic Planning Institut americano, con lo specifico scopo di determinare come gli elementi chiave della strategia influiscano sulla redditività e sulla crescita delle imprese, collegando, in relazione diretta, la redditività con la qualità dei servizi Le analisi vengono condotte elaborando informazioni i i aziendali finanziarie i i e strategiche t

31 29 Service Quality Infine il metodo Servqual (Service Quality) è una metodologia quantitativa messa a punto negli Stati Uniti e specificamente studiata per misurare il giudizio degli utenti sulla qualità nei servizi Attraverso una serie successiva di sperimentazioni e di verifiche sul campo, gli ideatori del Servqual sono riusciti a mettere a punto un questionario di 22 domande, predeterminate e valide per qualunque servizio, per rilevare le attese e le percezioni Le 22 domande consentono di misurare la qualità percepita dal consumatore, utilizzando un questionario che si avvale, per codificare le risposte, di una semplice scala numerica. Questo strumento è particolarmente adatto a misurare la customer satisfaction nei casi in cui non si disponga di personale qualificato per la rilevazione

32 30 Un esempio di questionario

33 31 Tecnologie e strumenti di ascolto CUSTOMER CARE

34 32 Sistemi di ascolto Questionari Indagini Call center Interviste telefoniche Focus gruop Contact center FAQ

35 33 I più frequenti Front-office/sportello È un servizio accessibile (veloce e vicino), efficiente, innovativo e capace di soddisfare le esigenze in modo facile e veloce Numero verde È il servizio più esposto dell'azienda che si interfaccia giornalmente con tutti i tipi di clienti e cerca di ascoltare e risolvere le problematiche. Può essere gestito, in funzione dei costi che devono essere sostenuti e dell'organizzazione dell'azienda azienda, internamente o da un'azienda esterna di telemarketing È un mezzo di comunicazione personalizzato (one-to-one) o collettivo (one-to-many) che ha le seguenti finalità: scambiare dati ed informazioni informare il cliente/utente e raggiungerlo in tempo reale dare un riscontro immediato alle richieste pubblicizzare un prodotto/servizio e supportare il post vendita con assistenza e reclami

36 34 Focus group Durante le interviste, dette focus group, di gruppo o individuali, gli utenti contattati discutono, sotto la guida di un moderatore, le caratteristiche di un prodotto/servizio I gruppi focalizzati si riuniscono in modo non regolare si sciolgono una volta raggiunto il loro scopo hanno temi di discussione definiti e fissi hanno una durata temporale breve

37 35 Gruppi consultivi Si tratta di gruppi di clienti volontari, che si incontrano ad intervalli regolari per fornire suggerimenti e direttive ad un'impresa Talvolta vi fanno parte anche esperti dello specifico settore industriale Questa metodologia fornisce ai clienti chiave l'opportunità di co-sviluppare, insieme ai responsabili dell'impresa, il prodotto/servizio che stanno testando Permette di sviluppare un rapporto più stretto con i clienti più prestigiosi: più essi investono e sono coinvolti nell'azienda, più si faranno ambasciatori di essa

38 36 Le funzioni dei gruppi consultivi Fornire idee per innovazioni tecnologiche e di prodotto Specificare gli aspetti del prodotto/servizio su cui si fonda l'eventuale insoddisfazione Fornire opportunità ed accesso per l'impresa, ad una rete di conoscenze altrimenti ti non disponibiliibili Testare prodotti e servizi Offrire una vasta gamma di dati informativi su preferenze, bisogni ed esigenze dei clienti Gli incontri possono aver luogo ovunque, con cadenza mensile, quadrimestrale o semestrale

39 37 Call center Il call center è un centro dedicato allagestione del traffico telefonico, sia in entrata sia in uscita, adottato dalle aziende al fine di incrementare l'efficienza e l'efficacia del rapporto con la propria clientela. Esso offre due tipologie di servizi: servizi Inbound Customer Care help desk tecnico acquisizione ordini supporto informativo per potenziali clienti servizi Outbound telemarketing e teleselling analisi di mercato gestione degli appuntamenti della forza vendita recupero crediti

40 38 Il Web call center È un sistema mette in contatto i clienti che stanno navigando nel sito aziendale con gli operatori/agenti dell'azienda Alla pressione del bottone "Web call center" presente sul sito, viene attivata la modalità di comunicazione più opportuna: vocale (Voice over IP, video streaming); testuale ( , Instant Messaging, Chat); richiamata su un secondo numero subito o più tardi (web call back) Il Web call center consente all'operatore di: vedere la stessa pagina Web dell'utente (co-browsing); inviare pagine al navigatore (page pushing); interagire sulla pagina (web collaboration); inviare e condividere dati (data sharing); utilizzare schemi di risposta predefiniti iti

41 39 Punti di forza e di debolezza del web call center I punti di forza: unifica i punti di contatto e di reporting in quanto un unico operatore gestisce differenti canali di comunicazione con un solo archivio storico delle interazioni migliora il livello di servizio, dato che ogni operatore può sfruttare il canale web per gestire più interazioni con maggior efficacia i personalizza il servizio ricordando tutti i contatti avuti le regole di routing distribuiscono le richieste in base al load balancing e alle competenze degli agenti preposti all'assistenza consente di avere statistiche quantitative e qualitative, in quanto ogni supervisor può elaborare tabelle e grafici sia in real time che storici è possibile integrare il servizio con i principali centralini telefonici per offrire un servizio di assistenza clienti a 360 I punti di debolezza: elevati costi di implementazione della piattaforma informativa elevati costi di manutenzione costi di acquisto delle licenze necessità di valutare la capacità di utilizzo degli utenti

42 40 Il Contact center Il Contact center è un sistema in grado ditrattare e gestire tutti i contatti multimediali generati da soluzioni di call center e web call center, integrandoli in modo ottimale Tale strumento permette di gestire i contatti indipendentemente dal mezzo di comunicazione utilizzato, consentendo all'azienda di ascoltare la propria clientela e di creare una relazione con essa

43 41 MARKETING ONE-TO-ONE

44 42 L evoluzione del marketing Il punto di partenza nella definizione della strategia di marketing è, come sempre, l'analisi dei bisogni del cliente; la differenza, rispetto al recente passato è la disponibilità di strumenti informatici, che ampliano le possibilità di azione Già da tempo sono stati evidenziati i limiti dell'impresa industriale nell'approccio tradizionale al mercato. Questo prevedeva una gestione indiretta della relazione con il cliente, tramite l'intermediazione commerciale L'aumento della concorrenza nell'offerta spostava, infatti, il potere contrattuale a favore dell'impresa distributiva, che aveva addirittura iniziato a concorrere direttamente con i produttori attraverso l'introduzione i della marca commerciale

45 43 L evoluzione del consumatore L'evoluzione del consumatore, che lo faceva passare da semplice soggetto passivo ad attore proattivo (il cosiddetto "prosumer"), gli faceva ricercare con più insistenza la relazione con l'impresa fino al punto di influire in più occasioni sul suo processo decisionale L'obiettivo dell'impresa diventa, quindi, vendere ad ogni cliente il maggior numero di prodotti e servizi più che vendere lo stesso prodotto o servizio al maggior numero di clienti possibili: si tende ad aumentare, quindi, il portafoglio prodotti, più di quanto ci si impegni ad aumentare il portafoglio clienti

46 44 Marketing relazionale La scelta di perseguire una strategia di marketing relazionale assicura all'impresa importanti vantaggi di costo, derivanti dai minori costi di commercializzazione dovuti alla conoscenza dei propri clienti ed alle buone relazioni Il marketing relazionale comporta, quindi, un impegno consistente e costante verso ogni cliente e consiste anche nel farsi carico di tutti i problemi che il cliente affronta nel soddisfacimento del suo bisogno Per attuare un'efficace politica di marketing relazionale, l'impresa deve fare affidamento, sia su un database efficiente in grado di memorizzare i dati dei clienti e tutti i rapporti intercorsi, i ma anche su applicativi i intelligenti ti in grado di supportare il personale aziendale nella relazione

47 45 Il marketing one-to-one È proprio sulla relazione che l'impresa deve investire, perché da un marketing di massa (one-to-many), si passa sempre più verso unapersonalizzazione del rapporto. Il marketing relazionale impone, infatti, alle imprese che lo adottano una tale personalizzazione del rapporto da definire tale approccio marketing one-to-one. one. Tale personalizzazione si realizza, in primo luogo, nei contenuti scambiati e nella consulenzaofferta, ma giunge anche a definire il mezzodi comunicazione utilizzato. È per tale motivo che si è sviluppata l'esigenza per le imprese di attuare una strategia multicanale (Multichannel Marketing Strategy). La multicanalità favorisce l'espressione completa delle esigenze del cliente, secondo le modalità a lui più consone (di persona, al telefono, tramite Internet, via SMS, via mail, ecc.).

48 46 Impresa interprete del mondo del cliente Questo nuovo approccio impone all'impresadi essere interprete del mondo del cliente. L'impresa deve seguire e guidare il consumatore con la sua esperienza, assicurando la soddisfazione di quest'ultimo, nel maggior numero di occasioni possibili. Per fare ciò, è la stessa azienda che modifica, non solo la sua offerta, ma anche la sua stessa essenza, costruendo la sua realtà intorno a quella del cliente. In mercati caratterizzati da un'elevata differenziazione dei bisogni e dei clienti, come nel caso delle produzioni su commessa, il marketing one-to-one rappresenta, infatti, una delle frontiere più sofisticate dell'approccio CRM (Customer Relationship Management).

49 47 Il sistema di marketing 1to1 Elementi da considerare Ampiezza del target Tipologia di prodotto/servizio Valore unitario del prodotto/servizio Budget a disposizione Posizionamento del prodotto/servizio che si vuole vendere I vantaggi Conoscere meglio il nostro cliente Instaurare con lui un rapporto diretto senza intermediazioni Valutare con precisione le azioni alternative Misurare sempre l'efficacia delle nostre comunicazioni Avere informazioni preziose per mettere a punto il marketing L orientamento poter quantificare in modo dinamico non solo il parco clienti e la sua crescita, ma, segmento per segmento, quali sono i loro comportamenti, il tasso di fedeltà e, quindi, di abbandono. Definire il target d'utenza in modo preciso e corretto è alla base anche di qualsiasi azione di promozione

50 48 Segmentazione della clientela Fino a quale livello di segmentazione spingersi? "segmento di uno" è davvero l'obiettivo a cui tendere? Le esperienze in atto, con riferimento ai settori che per primi hanno adottato delle soluzioni di CRM, come le telecomunicazioni e il bancario, mostrano che in realtà siamo ancora lontani da logiche di marketing one-to-one La tendenza è quella di attivare processi di CRM e relazioni sempre più personalizzate solo su fasce specifiche di clientela, spingendosi a disaggregare sempre di più la customer base in segmenti sempre più piccoli fino a quando sia sensato raffinare l'elaborazione Anche per questo il marketing one-to-one risulta di fatto complementare, e non sovrapposto, alle tradizionali operazioni di "mass marketing

51 49 Difficoltà di implementazione Lo sviluppo di un'analisi one-to-one può essere penalizzata da: Un numero di clienti elevato (se nell'ordine dei milioni) Un corposo numero di transazioni Differenti linee di business Differenti i canali

52 50 Cluster Analysis Il processo di definizione dei "cluster", cioè delle unità di analisi, parte da informazioni già disponibili in azienda (spesso sottovalutate) come: l'anagrafica; gli ordini e le fatture, le informazioni raccolte dal call center, dalla forza vendita, dagli eventi di marketing o dal sito web (nei casi più evoluti) A queste si aggiungono tipicamente informazioni personali, anche acquisibili esternamente, ad esempio attraverso compilazioni di questionari e abbonamenti Tutte le informazioni devono contribuire a costruire l'identikit del cliente, in termini di: gusti esigenze preferenze conoscenza e disponibilità di strumenti informatici disponibilità all'effettuazione di operazioni on line propensione alla comunicazione on line L'obiettivo è personalizzare il prodotto/servizio sul singolo cliente/utente, in termini di prodotto, prezzo, consegna/ricezione, tempistica, assistenza post-vendita, ecc.

53 51 I sistemi di Business Intelligence I sistemi di Business Intelligence (detti anche di marketing intelligence), a partire da un'archiviazione coerente di tutte le informazioni disponibili sui propri clienti, sono in grado di elaborare analisi su segmentazioni sempre più piccole (in teoria fino al cosiddetto "segmento unitario ) Questo per studiarne il comportamento nel tempo, valutando, ad esempio, i passaggi dei clienti da un segmento all'altro Tali applicazioni tipicamente consentono di attivare degli "alert", che aiutano ad individuare le situazioni critiche. Di fatto si viene a disporre anche di strumenti per realizzare ricerche di mercato di alto livello e in tempi ridotti rispetto alle metodologie tradizionali i

54 52 CUSTOMER RELATIONSHIP Un approccio al mercato ed al cliente MANAGEMENT - CRM

55 53 Evoluzione del customer service Customer service Customer care Customer Relationship management Gestire problemi È considerato un costo Assistenza pre e post vendita Focus efficienza Strategia di business Valore al customer Reattività Proattività

56 54 CRM: un approccio al mercato e al cliente CRM significa... Customer Relationship Management (Gestione della relazione con il cliente) Cosa è? E una strategia, t il cui scopo è la costruzione di relazioni i personalizzate di lungo periodo con il Cliente Ciò significa: capire i bisogni dei propri clienti anticipare i bisogni dei Clienti attuali o potenziali Non è un prodotto, né un applicazione Si avvale di prodotti ed applicazioni

57 55 Si avvale di processi, finalizzati alla soddisfazione del Cliente Consiste in processi integrati e strutturati per la gestione delle relazioni con la clientela Lo scopo del CRM costruire e gestire relazioni personalizzate di lungo periodo con il Cliente, per: Migliori rapporti con i clienti (fidelizzazione) Aumentare la soddisfazione dei Cliente (fidelizzazione) Aumentare le vendite (acquisizione) Razionalizzazione processi di vendita Monitoraggio e controllo su risultati e azioni Centralizzazione, condivisione dati e informazioni Maggior chiarezza nelle politiche aziendali

58 56 Il CRM: un approccio strutturato alla relazione Raccoglie e organizza i dati rilevanti per la relazione Permette l adozione e la definizione di metodi nella relazione; Consente una profilazione della base clienti; Facilita la atempificazione edelle eazioni, l adozione o edi pocedue procedure di gestione, rende standard le comunicazioni Raccolta dati Organizzazione dati Analisi Sintesi Decisioni e azioni

59 57 Gli step applicativi 1. Identificazione del cliente 2. Classificazione 3. Sviluppo sistemi di interattività 4. Personalizzazione della relazione

60 58 Coinvolge tutte le aree aziendali Campagne Marketing Segmentazione Gestione forza vendita Commerciale Marketing Customer Relationship Management (CRM) Gestione reclami, assistenza Direzione Analisi dati Supporto a decisioni strategiche Produzione

61 59 Costruire la relazione con il Cliente Fornire canali di comunicazione Il Cliente esprime bisogni e ricerca prodotti/servizi Acquisire i informazioni i i Organizzare, analizzare sul Cliente, sui Informazioni sul Cliente bisogni Il Cliente acquisisce informazioni e seleziona Cliente Comunicare Conoscere Analizzare Comunicare Conquistare Proporre Azienda Cliente soddisfatto, se aspettative sono mantenute Il Cliente decide e acquista Rilevare Soddisfazione Cliente Acquisire/fidelizzare Cliente: servizio personalizzato Proporre strategia orientata al Cliente

62 60 Costruire la relazione con il Cliente Fornire canali di comunicazione Il Cliente esprime bisogni e ricerca prodotti/servizi Acquisire informazioni sul Cliente, sui bisogni Il Cliente acquisisce informazioni e seleziona Organizzare, analizzare Informazioni sul Cliente Cliente Comunicare Conoscere Analizzare Comunicare Fidelizzare Proporre Azienda Cliente soddisfatto, se aspettative sono mantenute Il Cliente decide e acquista Rilevare Soddisfazione Cliente Acquisire/fidelizzare Cliente: servizio personalizzato Proporre strategia orientata al Cliente

63 61 Fidelizzare Perchè è importante? I Clienti già acquisiti generano un aumento di ricavi più che doppio rispetto a nuovi Clienti Un aumento del 5% nella Retention dei Clienti può aumentare il profitto di circa il 100% Dimezzare la perdita di Clienti raddoppierà la crescita di una azienda Acquisire un nuovo Cliente è 5/10 volte più costoso di mantenerne uno acquisito Di conseguenza occorre... Conoscere i propri clienti Ricordare chi sono Parlare con Loro Sapere di loro qualcosa che i concorrenti non sanno Fare per loro quello che i miei concorrenti non possono fare

64 62 La differenza rispetto all approccio approccio tradizionale Comunicazione Canali Prezzo Attenzione su Conoscenza dei clienti Strategia Focalizzazione Obiettivo Unidirezionale Tradizionali Tendenza alla riduzione Prodotto Segmentazione Breve termine Acquisire clienti Vendere Bidirezionale Nuovi canali Proposte differenziate Prodotto/servizio Bisogni individuali Medio e lungo termine Conservare il Cliente Fidelizzare Marketing Tradizionale CRM

65 63 L importanza del supporto I processi di supporto sono molto diversi e diversificati, come abbiamo visto, a seconda del proprio p business Contatto Registrazione del problema Gestione del problema Soluzione

66 64 Le Aree d Intervento CRM Operazionale: Gestione Vendite Gestione Marketing Assistenza Clienti CRM Analitico Analisi dati Elaborazioni Marketing Vendite Supporto Gestione Campagne Marketing Gestione Forza Vendita Gestione Attività/Trattative Contatto cliente Servizi Web Call Center Raccolta dati Analisi dati

67 65 Il CRM nel marketing Tramite una buona profilazione si possono definire i clienti di valore e quelli a rischio di abbandono Dalla conoscenza statistica, l utilizzo ottimale del budget e le indicazioni per la creatività La raccolta strutturata di richieste, segnalazioni e disservizi è la base per una corretta analisi di Marketing Dall analisi analisi dei dati, un feed-back complessivo per innovare e adeguare strutturalmente l offerta

68 66 Il CRM nelle vendite Consente una gestione ottimale dei contatti avviati Consente una loro distribuzione e verifica Agevola il passaggio di consegne Pianifica le azioni

69 67 Il CRM nel supporto I clienti sono fedeli se non hanno sufficienti motivi per cambiare Un problema ben gestito è un ottima occasione di fidelizzazione

70 68 Il CRM dal punto di vista tecnologico (1/2) Il CRM, inteso come applicazione, consente di integrare, in un unico luogo logico, tutte le informazioni del rapporto storico con il cliente: anagrafica (azienda, contatti) commerciale (trattative, opportunità, campagne marketing, portafoglio, report ) settore tecnico (disservizi, chiamate, segnalazioni, reclami)

71 69 Il CRM dal punto di vista tecnologico (2/2) Marketing operativo DB Customer care C L I E N T E

72 70 Evoluzione delle applicazioni CRM Il Dopo Internet :La crisi economica, CRM e Business Intelligence le poche aree di crescita Anni 2000 Primi PC: Primi DB di Mkg Anni 80 Anni 90 Internet, nasce il termine CRM Anni 70 Comparsa dei Minicomputer: Sviluppo dei Gestionali

73 71 Alcune applicazioni CRM Microsoft CRM SalesLogixs On contact V Salesforce Sugar CRM

74 72 Il paradigma del CRM: la multicanalità Perché è importante? Il Cliente sceglie da sé come dialogare con l azienda Canali del CRM: Presenza on-site (help desk, presenza commerciale, accounting) Web (sito Internet, e-crm, ) Voce (numero verde, Call Center, ecc) Corrispondenza

75 73 CRM: piattaforma multicanale

76 74 CRM: Le prossime frontiere CRM 1.0 CRM 2.0 Tool con funzioni automatiche Integrazioni con: Blog Community Wiki Azienda orientata al cliente Ecosistema orientato al cliente L azienda ricerca informazioni sul cliente Il cliente scambia informazioni con l azienda e altri clienti L azienda crea prodotti e servizi L azienda crea esperienze

Nuovo servizio di Call Center

Nuovo servizio di Call Center 2009 ced infosystem S.a.s Nuovo servizio di Call Center Nuovo servizio di Call Center Vi Propone: Il Nuovo servizio di Call Center La nostra società presente nel territorio siciliano dal 1994 si è proposta

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 ORIENTAMENTO ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE... 3 ASPETTATIVE E SODDISFAZIONE DEL CLIENTE... 3 MISURARE

Dettagli

LEZIONE 3 CUSTOMER RELATIONSHIP ICT GOVERNANCE. ECONOMIA dell ICT ECONOMIA DELL ICT 1. Facoltà di Ingegneria Università di Roma Tor Vergata

LEZIONE 3 CUSTOMER RELATIONSHIP ICT GOVERNANCE. ECONOMIA dell ICT ECONOMIA DELL ICT 1. Facoltà di Ingegneria Università di Roma Tor Vergata LEZIONE 3 CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) ICT GOVERNANCE ECONOMIA dell ICT ECONOMIA DELL ICT 1 Sviluppo storico del CRM 50 60 Avvento dei brand items e delle agenzie di pubblicità 70 Avvento del

Dettagli

Corso Sistemi Informativi Aziendali, Tecnologie dell Informazione applicate ai processi aziendali. Sistemi informativi aziendali

Corso Sistemi Informativi Aziendali, Tecnologie dell Informazione applicate ai processi aziendali. Sistemi informativi aziendali Corso Sistemi Informativi Aziendali,. Sistemi informativi aziendali di Simone Cavalli (simone.cavalli@unibg.it) Bergamo, Marzo 2009 Corso Sistemi Informativi Aziendali - Il customer relationship management

Dettagli

Customer Relationship Management (Gestione Rapporto con i Clienti): cos'è e cosa può fare per aumentare la fedeltà dei Clienti

Customer Relationship Management (Gestione Rapporto con i Clienti): cos'è e cosa può fare per aumentare la fedeltà dei Clienti Customer Relationship Management (Gestione Rapporto con i Clienti): cos'è e cosa può fare per aumentare la fedeltà dei Clienti I profondi e rapidi cambiamenti che in questi anni si sono manifestati in

Dettagli

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Luca Molteni Elena Feltrinelli Università Bocconi Milano Convegno ABI Dimensione Cliente Roma, 13 febbraio

Dettagli

I valori distintivi della nostra offerta di BPO:

I valori distintivi della nostra offerta di BPO: Business Process Outsourcing Partner 3M Software è il partner di nuova generazione, per la progettazione e la gestione di attività di Business Process Outsourcing, che offre un servizio completo e professionale.

Dettagli

Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie

Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie Obiettivi della lezione Illustrare il passaggio dall orientamento alla transazione all orientamento alla relazione nel marketing contemporaneo

Dettagli

GAT.crm Customer Solution Case Study

GAT.crm Customer Solution Case Study GAT.crm Customer Solution Case Study NETSI e GAT.crm danno voce alla tua azienda IN BREVE Profilo aziendale NETSI è attiva da diversi anni sul molti fronti: ad esempio, è infatti uno dei maggiori partner

Dettagli

www.coregaincrm.it Il cuore del tuo business è conquistare il cuore del tuo cliente. CoregainCRM è prodotto e distribuito da Vecomp. www.vecomp.

www.coregaincrm.it Il cuore del tuo business è conquistare il cuore del tuo cliente. CoregainCRM è prodotto e distribuito da Vecomp. www.vecomp. www.coregaincrm.it Il cuore del tuo business è conquistare il cuore del tuo cliente. CoregainCRM è prodotto e distribuito da Vecomp. www.vecomp.it coregain time to market Il CRM che fa pulsare il tuo business.

Dettagli

Il CRM operativo. Daniela Buoli. 2 maggio 2006

Il CRM operativo. Daniela Buoli. 2 maggio 2006 Il CRM operativo 2 maggio 2006 1. Il marketing relazionale Il marketing relazionale si fonda su due principi fondamentali che è bene ricordare sempre quando si ha l opportunità di operare a diretto contatto

Dettagli

GAT.crm Customer Solution Case Study

GAT.crm Customer Solution Case Study GAT.crm Customer Solution Case Study SET Contact Center di Successo con VoIp e Crm In breve Profilo aziendale La storia di SET inizia nel 1989 dalla ferma volontà di Valter Vestena, che dopo aver creato

Dettagli

Lo sviluppo della comunicazione di marketing e del CRM nelle imprese. Evidenze empiriche e il progetto CRM in Camomilla Milano

Lo sviluppo della comunicazione di marketing e del CRM nelle imprese. Evidenze empiriche e il progetto CRM in Camomilla Milano Facoltà di lingua e cultura italiana CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN COMUNICAZIONE PUBBLICITARIA Lo sviluppo della comunicazione di marketing e del CRM nelle imprese. Evidenze empiriche e il progetto CRM

Dettagli

Multicanalità in Ferrovie: alcune riflessioni

Multicanalità in Ferrovie: alcune riflessioni Multicanalità in Ferrovie: alcune riflessioni Alessandro Musumeci Direttore Centrale Sistemi Informativi Roma, 18 aprile 2013 Ora esiste il Web 2.0: le persone al centro. Interconnesse Informate Disintermediate

Dettagli

CRM: Come le PMI possono organizzare la loro attività senza costi di licenza

CRM: Come le PMI possono organizzare la loro attività senza costi di licenza CRM: Come le PMI possono organizzare la loro attività senza costi di licenza Il Customer Relationship Management (CRM) punta a costruire, estendere ed approfondire le relazioni esistenti tra un'azienda

Dettagli

Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli

Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media INFORMAZIONI Materiale

Dettagli

Creare valore per il cliente. A) definire il target e la combinazione prezzo/benefici migliore rispetto ai competitori

Creare valore per il cliente. A) definire il target e la combinazione prezzo/benefici migliore rispetto ai competitori Creare valore per il cliente Significa: A) definire il target e la combinazione prezzo/benefici migliore rispetto ai competitori B) Gestire tutte le funzioni in modo che creino valore E un processo strategico,

Dettagli

29/01/2015 - Camera di Commercio Macerata

29/01/2015 - Camera di Commercio Macerata 29/01/2015 - Camera di Commercio Macerata Cos è? Il Customer Relationship Management (CRM) è una strategia per la gestione di tutte le interazioni che hanno luogo con i clienti potenziali ed esistenti.

Dettagli

Il Modello di Orientamento Commerciale

Il Modello di Orientamento Commerciale Il Modello di Orientamento Commerciale Un importante strumento di indirizzo strategico che, classificando clienti e prospect in base alle loro potenzialità di sviluppo, supporta azioni mirate su segmenti

Dettagli

Capitolo 2 Comprendere le relazioni. UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media

Capitolo 2 Comprendere le relazioni. UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media Capitolo 2 Comprendere le relazioni UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media IL CONCETTO DI RELAZIONE Le implementazioni di CRM sono concepite nell ottica

Dettagli

CRM: solo un inizio per la Customer Experience www.cdirectconsulting.it

CRM: solo un inizio per la Customer Experience www.cdirectconsulting.it CRM: solo un inizio per la Customer Experience www.cdirectconsulting.it Omar Zampollo INDICE CUSTOMER EXPERIENCE: DA SERVIZIO A ESPERIENZA CEM-CRM: il nuovo modo di intendere l organizzazione aziendale

Dettagli

L ATTENZIONE AL CLIENTE LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE CHI E IL CLIENTE? 07/10/2013

L ATTENZIONE AL CLIENTE LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE CHI E IL CLIENTE? 07/10/2013 L ATTENZIONE AL CLIENTE L approccio teorico. Gli strumenti di ascolto del cliente. I metodi di misurazione della customer satisfaction. 1 LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Lo stato in cui i bisogni, i desideri,

Dettagli

IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI CONSUMO

IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI CONSUMO IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI CONSUMO 1 LE ORIGINI I primi studi sul marketing relazionale risalgono alla seconda metà degli anni ' 70 e sono riferiti al settore dei beni industriali negli

Dettagli

Koinè Consulting. Profilo aziendale

Koinè Consulting. Profilo aziendale Koinè Consulting Profilo aziendale Koinè Consulting è una società cooperativa a responsabilità limitata che svolge attività di consulenza e servizi alle imprese, avvalendosi di competenze interne in materia

Dettagli

Business Intelligence CRM

Business Intelligence CRM Business Intelligence CRM CRM! Customer relationship management:! L acronimo CRM (customer relationship management) significa letteralmente gestione della relazione con il cliente ;! la strategia e il

Dettagli

ssctsp OFFERTA FORMATIVA PER LE IMPRESE DEL TERZIARIO Le relazioni con il mercato

ssctsp OFFERTA FORMATIVA PER LE IMPRESE DEL TERZIARIO Le relazioni con il mercato Le relazioni con il mercato 1 IL SISTEMA CLIENTE E IL PRESIDIO DELLA RELAZIONE CONSULENZIALE Nella situazione attuale, il venditore deve fornire un servizio sempre più di qualità, trasformandosi nel gestore

Dettagli

di Giorgia Facchini Marketing e vendite >> CRM

di Giorgia Facchini Marketing e vendite >> CRM STRATEGIE DI CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT di Giorgia Facchini Marketing e vendite >> CRM INTRODUZIONE L acronimo CRM sta per Customer Relationship Management, ossia gestione delle relazioni con i clienti,

Dettagli

Convegno CRM 2003. Multicanalità e Valori Umani. Roma, 11 Dicembre 2003. Ariodante Valeri

Convegno CRM 2003. Multicanalità e Valori Umani. Roma, 11 Dicembre 2003. Ariodante Valeri Convegno CRM 2003 Roma, 11 Dicembre 2003 Multicanalità e Valori Umani Ariodante Valeri 1 70 milioni di contatti gestiti ogni anno H24 per 365 giorni l anno 6000 risorse umane servizi multicanale in 12

Dettagli

di Giorgia Facchini (*)

di Giorgia Facchini (*) strategica Strategie di Customer Relationship Management di Giorgia Facchini (*) Il Customer Relationship Management ha costituito negli ultimi anni un opportunità a disposizione delle PMI per poter valutare

Dettagli

IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI LARGO CONSUMO

IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI LARGO CONSUMO IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI LARGO CONSUMO 1 LE ORIGINI q I primi studi sul marketing relazionale risalgono alla seconda metà degli anni ' 70 e sono riferiti al settore dei beni industriali

Dettagli

Presentazione dell edizione italiana

Presentazione dell edizione italiana GR_00.qxd:GR_00 19-10-2009 11:59 Pagina v Indice IX XIX Presentazione dell edizione italiana Introduzione 3 1 L imperativo dei servizi e dei rapporti: il management nella concorrenza dei servizi Il ruolo

Dettagli

Il Customer Relationship Management

Il Customer Relationship Management Il Customer Relationship Management In sintesi In sintesi il Customer Relationship Management può essere definito come una disciplina finalizzata a migliorare l'efficacia elle interazioni con i propri

Dettagli

IL DIRECT MARKETING CAMPAGNE MARKETING CON

IL DIRECT MARKETING CAMPAGNE MARKETING CON IL DIRECT MARKETING CAMPAGNE MARKETING CON INTRODUZIONE Ad ognuno la giusta azione di Marketing All interno del cosiddetto Customer Acquisition Funnel 1, le attività di Direct Marketing si posizionano

Dettagli

CORSO GRATUITO ADDETTO VENDITE COMMESSO DI NEGOZIO (STORE MANAGER) SEDI E CONTATTI. ANCONA E PROVINCIA www.garanziagiovaniperte.

CORSO GRATUITO ADDETTO VENDITE COMMESSO DI NEGOZIO (STORE MANAGER) SEDI E CONTATTI. ANCONA E PROVINCIA www.garanziagiovaniperte. CORSO GRATUITO ADDETTO VENDITE COMMESSO DI NEGOZIO (STORE MANAGER) SEDI E CONTATTI ANCONA E PROVINCIA www.garanziagiovaniperte.it IN EVIDENZA Frequenza infrasettimanale Corso gratuito Corpo docente formato

Dettagli

Percezioni del cliente in merito al servizio

Percezioni del cliente in merito al servizio Corso di Marketing Strategico Percezioni del cliente in merito al servizio Angelo Riviezzo angelo.riviezzo@unisannio.it Le percezioni del cliente in merito al servizio Marketing dei servizi Le percezioni

Dettagli

PROBLEM DETECTION PROGRAM:

PROBLEM DETECTION PROGRAM: Pag.1 di 7 PROBLEM DETECTION PROGRAM: IL RUOLO ATTIVO DELLA BANCA PER CONOSCERE E FIDELIZZARE I CLIENTI Marina Mele - Luigi Riva In un settore che si caratterizza per elementi di forte dinamicità, fidelizzare

Dettagli

La conoscenza del Cliente come fonte di profitto

La conoscenza del Cliente come fonte di profitto La conoscenza del Cliente come fonte di profitto Giorgio Redemagni Responsabile CRM Convegno ABI CRM 2003 Roma, 11-12 dicembre SOMMARIO Il CRM in UniCredit Banca: la Vision Le componenti del CRM: processi,

Dettagli

Il cliente multicanale, le sfide e le opportunità per la distribuzione assicurativa

Il cliente multicanale, le sfide e le opportunità per la distribuzione assicurativa Il cliente multicanale, le sfide e le opportunità per la distribuzione assicurativa I comportamenti in evoluzione dei clienti assicurativi Milano, 11 ottobre 2012 Uno scenario complesso La grande depressione

Dettagli

Relationship. Customer. Management. Che cos'è CRM? CRM non è un prodotto o un servizio. Tanto meno è un applicativo software.

Relationship. Customer. Management. Che cos'è CRM? CRM non è un prodotto o un servizio. Tanto meno è un applicativo software. Customer Relationship Management Che cos'è CRM? CRM non è un prodotto o un servizio. Tanto meno è un applicativo software. 2 CRM è una strategia competitiva,, basata sulla capacità di mantenersi costantemente

Dettagli

Guida al CRM. White Paper FrontRange Solutions. SysAround S.r.l. Pagina 1 di 18. Via Cappuccini, 4 20122 Milano

Guida al CRM. White Paper FrontRange Solutions. SysAround S.r.l. Pagina 1 di 18. Via Cappuccini, 4 20122 Milano Guida al CRM White Paper FrontRange Solutions Pagina 1 di 18 SOMMARIO 1. Il CRM: come può migliorare il business aziendale... 3 1.1 Il CRM... 3 1.2 Quali sono i vantaggi di avere una strategia CRM?...

Dettagli

Customer satisfaction

Customer satisfaction [moduli operativi di formazione] Customer satisfaction Soddisfare Migliorare Continuare a soddisfare CUSTOMER SATISFACTION Tutte le aziende dipendono dai propri clienti ed è indispensabile agire per capire

Dettagli

COME MIGLIORARE IL PROPRIO BUSINESS?

COME MIGLIORARE IL PROPRIO BUSINESS? COME MIGLIORARE IL PROPRIO BUSINESS? Le soluzioni INNOVA CRM sono la risposta L ESIGENZA DI UN NUOVO SISTEMA GESTIONALE E tipico e auspicabile per un Azienda, nel corso degli anni, avere un processo di

Dettagli

CBI 2003 - Roma 20 febbraio 2003

CBI 2003 - Roma 20 febbraio 2003 Tecnologie, Prodotti e Servizi per l Electronic Banking Dott.. Fausto Bolognini - Direttore Generale Punti chiave NECESSITÀ del mercato Cosa vogliono le aziende? Cosa offre il mondo web? Limiti dell attuale

Dettagli

Gestire efficacemente la relazione con i propri clienti attraverso le applicazioni di CRM

Gestire efficacemente la relazione con i propri clienti attraverso le applicazioni di CRM Gestire efficacemente la relazione con i propri clienti attraverso le applicazioni di CRM Alberto Cellini 8 maggio 2008 1 Indice CRM e marketing relazionale Lo sviluppo della relazione con il cliente Strumenti

Dettagli

Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail

Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail Microsoft Dynamics CRM e le istituzioni finanziare dedicate alle famiglie banche, banche assicurazioni e sim Premessa Ogni impresa che opera nel settore

Dettagli

CRM: fidelizzazione e gratificazione per i vostri clienti

CRM: fidelizzazione e gratificazione per i vostri clienti CRM: fidelizzazione e gratificazione per i vostri clienti I. Il CRM Il Customer Relationship Management (CRM) punta a costruire, estendere ed approfondire le relazioni esistenti tra un'azienda ed i suoi

Dettagli

IL CRM di Platinumdata

IL CRM di Platinumdata IL CRM di Platinumdata Cos è un CRM? Il Customer relationship management (CRM) o Gestione delle Relazioni coi Clienti è legato al concetto di fidelizzazione e gestione dei clienti. Attualmente il mercato

Dettagli

05/03/2009. Sociologia della Comunicazione. Importanza delle relazioni. Definizione di CRM A.A. 2008-2009. Logiche ed applicazioni di CRM

05/03/2009. Sociologia della Comunicazione. Importanza delle relazioni. Definizione di CRM A.A. 2008-2009. Logiche ed applicazioni di CRM Sociologia della Comunicazione A.A. 2008-2009 Logiche ed applicazioni di CRM Fulvio Fortezza Importanza delle relazioni Oggi il successo di un impresa non dipende più solo dalle competenze che si originano

Dettagli

L azienda Estesa. Giancarlo Stillittano

L azienda Estesa. Giancarlo Stillittano L azienda Estesa Giancarlo Stillittano L azienda estesa L azienda ha necessità di rafforzare le relazioni al suo interno (tra funzioni,uffici, stabilimenti produttivi e filiali di vendita) e si trova al

Dettagli

Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari. Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004

Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari. Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004 Dal CRM Strategy al CRM Technology: la soluzione di Banca Popolare di Bari Giovanni Ciccone Stefania De Maria 080 5274824 Marketing Strategico Sistemi Informativi Convegno ABI CRM 2004-13 dicembre 2004

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini

STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini Vicenza, 5 marzo 2013 Relatore: FABIO VENTURI Consulente di direzione e formatore. Testimonianza:

Dettagli

Scoprire le azioni fidelizzanti in banca

Scoprire le azioni fidelizzanti in banca Scoprire le azioni fidelizzanti in banca Il Modello di Soddisfazione-Loyalty consente alla banca di scoprire quali azioni mettere in campo per rendere concretamente più fedeli i clienti, incrementandone

Dettagli

perché è importante? Cos'è l'esperienza clienti e Di: Brett Shockley, Senior Vice President e CTO, Avaya

perché è importante? Cos'è l'esperienza clienti e Di: Brett Shockley, Senior Vice President e CTO, Avaya Cos'è l'esperienza clienti e perché è importante? Di: Brett Shockley, Senior Vice President e CTO, Avaya vaya definisce il Customer Experience Management (CEM) Acome la disciplina con cui si gestiscono

Dettagli

LA COMUNICAZIONE ESTERNA

LA COMUNICAZIONE ESTERNA LEZIONE COMUNICAZIONE E MARKETING PROF.SSA CARMENCITA GUACCI Indice 1 LA COMUNICAZIONE ESTERNA --------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 IL MARKETING NELLA

Dettagli

Dal Call Center al Contact Center ridisegnare il front-office aziendale Business Conference - Il Sole 24 Ore Milano 3 Ottobre 2001

Dal Call Center al Contact Center ridisegnare il front-office aziendale Business Conference - Il Sole 24 Ore Milano 3 Ottobre 2001 Dal Call Center al Contact Center ridisegnare il front-office aziendale Business Conference - Il Sole 24 Ore Milano 3 Ottobre 2001 Il CRM, riflessioni su strategie e strumenti intervento di Mario Massone

Dettagli

LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE CUSTOMER SATISFACTION CHI E IL CLIENTE? 23/10/2011

LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE CUSTOMER SATISFACTION CHI E IL CLIENTE? 23/10/2011 LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE 1 CUSTOMER SATISFACTION Lo stato in cui i bisogni, desideri, aspettative dei clienti sono soddisfatti e portano al riutilizzo del prodotto/ servizio ed alla fedeltà all azienda

Dettagli

CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT

CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT V I N F I N I T Y P R O J E C T CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT Infinity CRM Il Cliente a 360 CRM COMMUNICATION CMS E COMMERCE B2B AD HOC E COMMERCE B2C ACQUISIZIONE PROTOCOLLAZIONE CLASSIFICAZIONE VERSIONING

Dettagli

di Antonio Ferrandina

di Antonio Ferrandina COME SI SCRIVE IL MARKETING PLAN PARTE III di Antonio Ferrandina CONCORRENZA Questa sezione è dedicata ad un'analisi approfondita della Concorrenza. In genere, i dati che si possono includere, se conosciuti,

Dettagli

ONC Srl. Il nostro valore aggiunto

ONC Srl. Il nostro valore aggiunto ONC Srl Il nostro valore aggiunto grave crisi economica fase recessiva mercati instabili terremoto finanziario difficoltà di crescita per le aziende Il mercato La nuova sfida per le aziende: Riuscire a

Dettagli

VoipNet. La soluzione per la comunicazione aziendale

VoipNet. La soluzione per la comunicazione aziendale VoipNet La soluzione per la comunicazione aziendale grave crisi economica fase recessiva mercati instabili terremoto finanziario difficoltà di crescita per le aziende Il mercato La nuova sfida per le aziende:

Dettagli

Soluzioni. e CRM per Grandi Aziende

Soluzioni. e CRM per Grandi Aziende Soluzioni di LOYALTY e CRM per Grandi Aziende NEXUSCOM Nexuscom è un agenzia nata nel 2005 e focalizzata nella realizzazione di progetti che consentono alle aziende di entrare in contatto con i propri

Dettagli

IL CONTACT CENTER COME STRUMENTO DI CRM NELL AMBITO DI UNA STRATEGIA DI RIDUZIONE DEI COSTI

IL CONTACT CENTER COME STRUMENTO DI CRM NELL AMBITO DI UNA STRATEGIA DI RIDUZIONE DEI COSTI IL CONTACT CENTER COME STRUMENTO DI CRM NELL AMBITO DI UNA STRATEGIA DI RIDUZIONE DEI COSTI I consumatori sono saturi e hanno poco tempo, ha sentenziato recentemente Enrico Finzi, presidente di Astra/Demoskopea,

Dettagli

Sebastiano Bagnara Politecnico di Milano & Irso

Sebastiano Bagnara Politecnico di Milano & Irso Sebastiano Bagnara Politecnico di Milano & Irso Le realtà pubbliche e private possono essere confrontate prendendo in considerazione diverse dimensioni e differenti punti di vista. Un confronto su contact

Dettagli

La relazione con il cliente, evoluzione, tra nuove esigenze e opportunità

La relazione con il cliente, evoluzione, tra nuove esigenze e opportunità La relazione con il cliente, evoluzione, tra nuove esigenze e opportunità Mario Massone fondatore Club CMMC 1) Il Marketing, nuova centralità: meno invasivo, più efficace 2) La customer experience, come

Dettagli

Contact Center e Centralizzazioni

Contact Center e Centralizzazioni Contact Center e Centralizzazioni Executive Summary Tipo Società S.p.A. Settore Telecomunicazioni, sviluppo software, consulenza. Fondazione 1990 Sedi Milano e Roma. Dipendenti 76 (31dic13) Valore della

Dettagli

Primi risultati di sintesi

Primi risultati di sintesi INDAGINE ABI-UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA Approcci di CRM e di gestione delle relazioni con la clientela del settore bancario Primi risultati di sintesi (Dicembre 2003) 1 2 BANCHE RISPONDENTI: 84 RAPPRESENTATIVE

Dettagli

Come massimizzare il rapporto con il cliente esistente attraverso il Call Center

Come massimizzare il rapporto con il cliente esistente attraverso il Call Center Come massimizzare il rapporto con il cliente esistente attraverso il Call Center Marco Vecchiotti, Account Management Director - Experian Crm Luciano Bruccola, Manager - Experian Scorex ABI, Roma, 14 dicembre

Dettagli

Cap.5 La comunicazione di marketing. Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.

Cap.5 La comunicazione di marketing. Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb. Cap.5 La comunicazione di marketing Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it La comunicazione di marketing: definizione Strumento di governo delle

Dettagli

Introduzione al Web Marketing e Social Networking

Introduzione al Web Marketing e Social Networking Introduzione al Web Marketing e Social Networking Relatore: Andrea Baioni www.andreabaioni.it abaioni@andreabaioni.it DEFINIZIONI E DIFFERENZE Marketing tradizionale un sistema integrato di attività, organizzato

Dettagli

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Direttori e Commerciali; Tutti coloro che devono gestire un gruppo

Dettagli

Contatti profittevoli

Contatti profittevoli Contatti profittevoli paolo.vitali@yourvoice.com Milano, 25 gennaio 2002 CONTATTARE significa: Informare Proporre nuovi servizi / prodotti Suscitare nuove esigenze Cliente Utente Socio Collega Partner

Dettagli

Dal CRM all e-crm. Andrea De Marco

Dal CRM all e-crm. Andrea De Marco Dal CRM all e-crm Andrea De Marco Qualità Uno dei principali fattori competitivi nell attuale contesto di mercato è rappresentato dalla qualità delle relazione online che vengono gestite tramite servizi

Dettagli

Teleperformance Italia

Teleperformance Italia Teleperformance Italia Customer acquisition e gestione della relazione con il Cliente Gabriele Albani 0 Roma, 13 febbraio 2007 1978-2006 Teleperformance All rights reserved Indice Il Gruppo Teleperformance

Dettagli

Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale

Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale Lingue e Cultura per l Impresa Economia e Gestione delle Imprese Turistiche A.A. 2007-2008 Ddr Fabio Forlani

Dettagli

Dal CRM all ERM: nella condivisione degli obiettivi di business la chiave di una strategia di successo

Dal CRM all ERM: nella condivisione degli obiettivi di business la chiave di una strategia di successo Dal CRM all ERM: nella condivisione degli obiettivi di business la chiave di una strategia di successo ABI CRM 2002 Gabriella Lo Conte Marketing Manager Roma, 13 Dicembre 2002 Agenda TeleAp Customer Relationship

Dettagli

La gestione integrata dei rapporti con il Cittadino e scenari di edemocracy. 09/05/2005 Ilaria Scala CRM Consultant

La gestione integrata dei rapporti con il Cittadino e scenari di edemocracy. 09/05/2005 Ilaria Scala CRM Consultant La gestione integrata dei rapporti con il Cittadino e scenari di edemocracy 09/05/2005 Ilaria Scala CRM Consultant Agenda Un CRM per la PA Scenari di applicazione Bibliografia e Webliografia 2 Un CRM per

Dettagli

ConCert - CTP Certified Telemarketing Professional Syllabus area teleselling/telemarketing

ConCert - CTP Certified Telemarketing Professional Syllabus area teleselling/telemarketing ConCert - CTP Certified Telemarketing Professional Syllabus area teleselling/telemarketing Indice degli argomenti 2. Modulo 2 Teleselling/Telemarketing...2 2.1. Servizi e tecnologie...2 2.1.1. Call Center...2

Dettagli

Lezione 8: Direct Marketing. Stella Romagnoli

Lezione 8: Direct Marketing. Stella Romagnoli Lezione 8: Direct Marketing Direct Marketing Definizione Obiettivi Misurazione dell efficacia 2 Obiettivo fondamentale del Direct Marketing (DM) è quello di realizzare un rapporto diretto ed interattivo

Dettagli

PERCHE CW CREIAMO VALORE PER LA VOSTRA AZIENDA

PERCHE CW CREIAMO VALORE PER LA VOSTRA AZIENDA CHI SIAMO Call World, business unit di GGF GROUP, è un contact center multicanale specializzato in servizi in outsourcing multilingua,, H24, 7*7, di direct marketing, Customer Care ed Indagini di Mercato.

Dettagli

IL CUSTMER RELATIONSHIP MANAGER

IL CUSTMER RELATIONSHIP MANAGER IL CUSTMER RELATIONSHIP MANAGER di Riccardo Pio Campana* Come si configurava il dirigente privato nel passato e come lo si configura oggi, l obiettivo di questo lavoro è proprio quello di inquadrare giuridicamente

Dettagli

di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM

di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM RICONOSCERE I CLIENTI PROFITTEVOLI : GLI STRUMENTI DI VALUTAZIONE di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM DEFINIRE IL GRADO DI PROFITTABILITA DEL CLIENTE Avere un'organizzazione orientata al cliente

Dettagli

Digital CRM: analytics e customer dynamics per lo sviluppo di prodotti e servizi innovativi PROPOSTA DI ADESIONE ATTIVITA DI RICERCA 2015

Digital CRM: analytics e customer dynamics per lo sviluppo di prodotti e servizi innovativi PROPOSTA DI ADESIONE ATTIVITA DI RICERCA 2015 ATTIVITA DI RICERCA 2015 Digital CRM: analytics e customer dynamics per lo sviluppo di prodotti e servizi innovativi PROPOSTA DI ADESIONE In collaborazione con 1 TEMI E MOTIVAZIONI Nel corso degli ultimi

Dettagli

Customer Relationship Management. Eleonora Ploncher 3 aprile 2006

Customer Relationship Management. Eleonora Ploncher 3 aprile 2006 Customer Relationship Management Eleonora Ploncher 3 aprile 2006 1. Gli obiettivi Gli obiettivi della presentazione sono volti a definire: 1. gli elementi fondamentali e strutturali di una strategia di

Dettagli

Semplicemente Outsourcing di qualita'

Semplicemente Outsourcing di qualita' Semplicemente Outsourcing di qualita' Business Oriented nasce dall esperienza ventennale di un gruppo di imprenditori e manager, specialisti del mondo delle telecomunicazioni e dei servizi, esperti di

Dettagli

IL MARKETING TURISTICO. Ermanno Bonomi

IL MARKETING TURISTICO. Ermanno Bonomi IL MARKETING TURISTICO Ermanno Bonomi EVOLUZIONE DEL CONCETTO DI MARKETING Capitalismo industriale comporta attività produttive sempre più fondate sulla ricerca e la scienza. Creazione di impianti sempre

Dettagli

CRM Downsizing Program

CRM Downsizing Program Azzerare i costi inutili del CRM e massimizzare il valore di quanto già realizzato S empre, e in special modo durante periodi di crisi, risulta vitale in azienda individuare tutte le potenziali fonti di

Dettagli

PENSA IN GRANDE, VIVI MICRO!

PENSA IN GRANDE, VIVI MICRO! I N F I N I T Y P R O J E C T PENSA IN GRANDE, VIVI MICRO! L avvento del web 2.0 ha modificato radicalmente il modo di pensare e sviluppare i processi aziendali. Velocità, precisione, aggiornamento continuo

Dettagli

Alla scoperta del più innovativo sistema di contatto

Alla scoperta del più innovativo sistema di contatto Alla scoperta del più innovativo sistema di contatto C ustomer Relationship Management. Rotta al centro dei desideri. "Il CRM è la creazione, lo sviluppo, il mantenimento e l ottimizzazione delle relazioni

Dettagli

GAT.crm Customer Solution Case Study

GAT.crm Customer Solution Case Study GAT.crm Customer Solution Case Study Contact Center in Outsourcing Il gruppo PHONEMEDIA B-SERVICES Un caso di successo con SISECO In breve Profilo aziendale Phonemedia-B-Services è la prima struttura italiana

Dettagli

Capitolo 9: Gestire il ciclo di vita del cliente: Sviluppo e Retention UNIVERSITÀ LUMSA

Capitolo 9: Gestire il ciclo di vita del cliente: Sviluppo e Retention UNIVERSITÀ LUMSA Capitolo 9: Gestire il ciclo di vita del cliente: Sviluppo e Retention UNIVERSITÀ LUMSA IL CICLO DI VITA DEL CLIENTE RETENTION SVILUPPO Mantenere un elevata percentuale di clienti di valore riducendo le

Dettagli

Utilizzare i paradigmi dei social network per sviluppare un processo strutturale all'interno del CRM

Utilizzare i paradigmi dei social network per sviluppare un processo strutturale all'interno del CRM Utilizzare i paradigmi dei social network per sviluppare un processo strutturale all'interno del CRM 1.1 CRM e Social CRM Dal momento del suo sviluppo, il CRM è sempre stato utilizzato da molte aziende

Dettagli

Capitolo 8 Customer relationship management (CRM) e valore del cliente

Capitolo 8 Customer relationship management (CRM) e valore del cliente Capitolo 8 Customer relationship management (CRM) e valore del cliente Crm Schema di sintesi 1. Aspetti generali e definizioni 2. Le componenti del Crm: Crm operativo e analitico 3. Modalità di realizzazione

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE A PARTIRE DALLA GESTIONE DINAMICA DEL SUO CICLO DI VITA. LA CUSTOMER RETENTION E IL PROGETTO VALORE CLIENTE DELLA

LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE A PARTIRE DALLA GESTIONE DINAMICA DEL SUO CICLO DI VITA. LA CUSTOMER RETENTION E IL PROGETTO VALORE CLIENTE DELLA LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE A PARTIRE DALLA GESTIONE DINAMICA DEL SUO CICLO DI VITA. LA CUSTOMER RETENTION E IL PROGETTO VALORE CLIENTE DELLA Piergiorgio Qualizza Servizio Commerciale Milano, 9 febbraio

Dettagli

ORDINE DI SERVIZIO ORGANIZZATIVO n. 434/AD del 11 mar 2005 Trenitalia S.p.A.

ORDINE DI SERVIZIO ORGANIZZATIVO n. 434/AD del 11 mar 2005 Trenitalia S.p.A. ORDINE DI SERVIZIO ORGANIZZATIVO n. 434/AD del 11 mar 2005 Trenitalia S.p.A. La struttura organizzativa DIREZIONE è confermata al dr. Paolo GAGLIARDO, con le specificazioni di seguito riportate. Alle dirette

Dettagli

La visione di Telesurvey si fonda su tre importanti pilastri: la qualità dei processi, la soddisfazione e la fidelizzazione del cliente.

La visione di Telesurvey si fonda su tre importanti pilastri: la qualità dei processi, la soddisfazione e la fidelizzazione del cliente. Chi siamo Telesurvey Italia lavora dal 1987 al fianco delle aziende per aiutarle e supportarle nei contatti con i propri clienti e con i prospect. Negli anni sviluppa sempre più le proprie attività divenendo

Dettagli