Logiche di Innovazione dell Industry degli ETF

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Logiche di Innovazione dell Industry degli ETF"

Transcript

1 Logiche di Innovazione dell Industry degli ETF ITF Rimini 17 Maggio 2007 Numero Verde: Sito Web:

2 Lyxor AM (Société Générale) 2

3 Lyxor Emittente leader in Italia SGR francese (100% Société Générale) EUR 64 Miliardi di Patrimonio (*) 3 campi di eccellenza (vedere grafico) ETF 4 emittente al Mondo per AUM (**) Multilisting in Europa e Asia ETF - Un emittente leader in Europa Quota di mercato europea: 25% (**) Patrimonio EUR 18,7 Mld (***) Oltre 60 ETF ETF - Leader in Italia Contratti, controvalore, n ETF 3 (*) Fonte: Lyxor al 28/02/2007. (**) Fonte: Morgan Stanley al 31/12/2006. (***) Fonte: Lyxor al 25/03/2007

4 ETF Le logiche dell «innovazione» di Lyxor 4

5 Lyxor ETF Logiche di scelta dei nuovi sottostanti 1. Completamento del range di sottostanti tradizionali Paesi; regioni; emerging markets; settori; stili; obbligazioni; ecc.. Ora focalizzazione su Emerging Markets (es. ETF su India & Russia..) 2. Innovazione Normativa (Es. ETF su Materie Prime & Private Equity Hedge Funds in futuro?) 3. Indici innovativi non basati sulla capitalizzazione Strategies ETF (es. BuyWrite/CoveredCall); Fundamentals ETF (es. FTSE RAFI) Structured ETF (es. a Leva); Select Dividends ETF etc.. 4. Nuovi veicoli diversi da Fondi/Sicav (ma simili agli ETF) (Es. ETC Exchange Traded Commodities ) 5 Lyxor vuole essere un ONE-STOP-SHOP per i suoi clienti, coprendo tutti i sottostanti sia tradizionali sia innovativi

6 Completamento del range di sottostanti tradizionali Lyxor ETF MSCI India Lyxor ETF Russia 6

7 ETF India - ETF Russia Lyxor ETF 1 ETF armonizzato Lyxor ETF 1 ETF al Mondo MSCI India Russia Gestore: Lyxor (Société Générale) Status legale: Fondo Comune francese Armonizzato UCITS III: SI Valuta: Euro Commissioni (TER): 0,85% all anno Specialist: Société Générale Liquidity Provider: Banca IMI Dividendi: Annuali (dicembre) Benchmark: MSCI India Codice Negoziazione: INDI ISIN: FR Reuters RIC: INDI.MI Bloomberg Ticker: INDI IM <Equity> <GO> Lotto minimo: 1 ETF (EUR 9,10 al 22/03/07) Descrizione indice: 68 azioni indiane 7 Le criticità tipiche del set-up di un ETF su Emerging Markets: 1. Stamp duty 2. Withholding Tax 3. Accesso diretto ai mercati 4. Limiti agli investimenti per gli stranieri

8 India-Difficoltàoperative In India se su un titolo è raggiunta il Foreign Ownership Limit (FOL) i Foreign Institutional Investors (FII) possono comprarlo solo con un inter-fii trade" oppure con la preventiva autorizzazione della Reserve Bank of India. I titoli (con pesi %) che hanno raggiunto il FOL nell indice MSCI India: 1. ACC Limited 0,76% 2. Bank of Baroda 0,24% 3. Grasim Industries Limited 1,39% 4. ICICI Bank Limited 8,64% 5. State Bank of India 0,87% 8

9 Indici India e Russia MSCI India Index: +111% (dal 31/12/99) +367% (dal 09/05/2003) DJ RusIndex Titans 10: +877% (dal 31/12/99) 9

10 MSCI India Index - Breakdown Breakdown Settoriale 20 Top Holdings SETTORE N PESO % INFORMATION TECHNOLOGY % FINANCIALS % ENERGY % INDUSTRIALS % MATERIALS % CONSUMER DISCRETIONARY % CONSUMER STAPLES % HEALTH CARE % TELECOMMUNICATION SERVICES % UTILITIES % TOTALE % RENDIMENTI 1Y: 19,18% 3Y: 175,88% 5Y: 229,53% SOCIETA' SETTORE PESO % INFOSYS TECHNOLOGIES INFORMATION TECHNOLOGY 13.69% RELIANCE INDUSTRIES ENERGY 12.20% ICICI BANK FINANCIALS 8.64% RELIANCE COMMUNICATION TELECOMMUNICATION SERVICES 4.22% HOUSING DEV FINANCE CORP FINANCIALS 4.15% OIL & NATURAL GAS CORP ENERGY 3.23% HDFC BANK FINANCIALS 3.20% SATYAM COMPUTER SERVICES INFORMATION TECHNOLOGY 3.19% ITC CONSUMER STAPLES 2.68% TATA MOTORS INDUSTRIALS 2.57% HINDUSTAN LEVER CONSUMER STAPLES 2.40% LARSEN & TOUBRO INDUSTRIALS 2.34% TATA CONSULTANCY INFORMATION TECHNOLOGY 2.32% BHARAT HEAVY ELECTRICALS INDUSTRIALS 1.87% MAHINDRA & MAHINDRA CONSUMER DISCRETIONARY 1.85% WIPRO INFORMATION TECHNOLOGY 1.75% GRASIM INDUSTRIES MATERIALS 1.45% DR REDDY'S LABORATORIES HEALTH CARE 1.30% BAJAJ AUTO CONSUMER DISCRETIONARY 1.16% GUJARAT AMBUJA CEMENTS MATERIALS 1.14% Fonte: Bloomberg. In EUR. Dividendi netti reinvestiti. 1Y 12/05/06-11/05/07 3Y 14/05/04 11/05/07 5Y 10/05/02 11/05/07 10 Fonte: Morgan Stanley al 19/01/2007

11 India Una realtà con luci e ombre (1) Alta crescita del PIL (oltre 8%)......ma la pressione inflazionistica e la crescita del credito interno hanno portato a iniziare una politica monetaria più restrittiva che potrebbe influenzare negativamente la crescita. Esuberanza (forse eccessiva) del mercato immobiliare e mobiliare. Forte importazione di materie prime in parte compensate (non totalmente) da esportazioni di prodotti lavorati. Bassi investimenti diretti in India a favore di alti investimenti finanziari. L India opera investimenti diretti importanti verso aziende estere. Settore dei servizi forte, in crescita e non estremamente ciclico. 11

12 India Una realtà con luci e ombre (2) Riforma fiscale (IVA a livello statale) in via di implementazione e con buoni ritorni preliminari. Infrastrutture scarse (trasporti, acqua, energia) e difficoltà a implementare gli investimenti stanziati. Debito all 86% del PIL e Deficit a poco più del 4% del PIL (molto più alti però considerando le imprese pubbliche). Forte sperequazione sociale. Potenziale problema di disoccupazione a causa delle dinamiche demografiche. Instabilità politica originata, nella coalizione al governo, dal partito di sinistra. 12

13 I driver per i nuovi ETF di Lyxor Innovazione Normativa 13

14 ETF «armonizzati» su MATERIE PRIME (1) Come noto la Banca d Italia prevede esplicitamente che: Nella gestione dell OICR non è consentito ( ) acquistare metalli e pietre preziosi o certificati rappresentativi dei medesimi (*) Come è stato possibile costituire un ETF armonizzato su Commodity alla luce della citata normativa? Es.: Lyxor ETF Commodities CRB Es.: Lyxor ETF Commodities CRB Non-Energy 14 (*) Regolamento sulla gestione collettiva del risparmio, Provvedimento della Banca d Italia del 14 aprile Titolo V, Capitolo III, Sezione II (OICR armonizzati), articolo 2 (Divieti di carattere generale).

15 ETF «armonizzati» su MATERIE PRIME (2) Il CESR (a), nel suo Advice di Gennaio 2006 (b), ha stabilito che: Gli indici basati su derivati su materie prime possono essere utilizzati a patto che essi rispettino i seguenti requisiti (c): l indice deve essere diversificato, rappresentativo e pubblico (come l indice CRB). Nel caso in cui l obiettivo dell OICR sia di replicare un indice su materie prime l indice su materie prime deve rispettare i limiti di diversificazione dell art. 22a (d): limite di investimento in ogni costituente al 20% e, per un solo costituente, al 35% (limiti sempre rispettati nell indice CRB). Nel valutare questi limiti di diversificazione, i costituenti che sono altamente correlati (es. Future sul petrolio trattati su differenti mercati regolamentati) dovrebbero essere trattati come se dessero esposizione alla stessa materia prima (d) : nell indice CRB il settore Petroleum-linked products (WTI Crude Oil; Heating Oil; Unleaded Gas) ha un cap al 33% (il WTI Crude Oil al 23%). 15 (a) CESR Committee of European Securities Regulators. (b) CESR s Advice to the European Commission on Clarification of Definitions concerning Eligible Assets for Investment of UCITS January 2006 (c) Box 14, pag. 57, punto 3. (d) Paragrafo 164, pag. 54, seconda alinea.

16 ETF «Armonizzati» su PRIVATE EQUITY Il CESR (a), nel suo Advice di Gennaio 2006 (b), ha stabilito che: CESR is of the opinion that these requirements (c) will allow for UCITS to invest into closed end (omissis) private equity funds (d). Lyxor, grazie alle indicazioni del CESR, ha potuto emettere il primo ETF armonizzato su Private Equity 16 (a) CESR Committee of European Securities Regulators. (b) CESR s Advice to the European Commission on Clarification of Definitions concerning Eligible Assets for Investment of UCITS January 2006 (c) It refers to Boxes 1 and 2 of the same document that state the requirements to be considered a transferable security eligible for investment. (d) Article 43.

17 ETF «Armonizzati» su HEDGE FUND Il CESR (a), nel suo Advice di Gennaio 2006 (b), ha stabilito che: Given the complexities of hedge fund indices and the fact that they are still developing, CESR cannot recommend, at this stage, allowing hedge fund indices to be considered as financial indices. CESR is monitoring the issue and is willing to reconsider its position (omissis) after gaining sufficient experience. CESR Members agree not to authorize setting up new UCITS with such investment policies during this period (c). In caso di innovazione normativa (es. il CESR modifica le sue indicazioni) potranno essere emessi ETF su indici di Hedge Fund (se sarà operativamente possibile) 17 (a) CESR Committee of European Securities Regulators. (b) CESR s Advice to the European Commission on Clarification of Definitions concerning Eligible Assets for Investment of UCITS Jan (c) Box 14, 2nd paragraph.

18 I driver per i nuovi ETF di Lyxor Indici non basati sulla capitalizzazione 18

19 Indici non basati sulla capitalizzazione INDICE Full CAPITALIZATION Obt: Rappresentatività (e replicabilità) INDICE Free Float CAPITALIZATION Obt: Replicabilità (e rappresentatività) Ma gli investitori sono interessati ai rendimenti attesi per cui sono state lanciate nuove tipologie di indici: 1. Indici Select Dividend 2. Indici Fondamentali (es. FTSE RAFI) 3. Indici di Strategia (es. BuyWrite / CoveredCall; Put Protective ecc..) 3. Indici con Leva 5. Ecc.. 19

20 Indici non basati sulla capitalizzazione Lyxor ETF DJ STOXX Select Dividend 30 20

21 ETF Select Dividend Lyxor ETF DJ STOXX Select Dividend 30 Gestore: Lyxor (Société Générale) Status legale: Fondo Comune di Investimento francese Armonizzato UCITS III: SI Valuta: Euro Commissioni Gestione: 0,30% all anno Commissioni Entrata/Uscita/Performance: 0% Specialist: Société Générale Liquidity Provider: Banca IMI Dividendi: Annuali (settembre) Indice Benchmark: DJ STOXX Select Dividend 30 Codice di Negoziazione: SEL Codice ISIN: FR Reuters RIC: SEL.MI Bloomberg Ticker: SEL IM <Equity> <GO> Lotto minimo: 1 ETF (EUR 33,39 NAV al 22/03/2007) Descrizione Indice: 30 azioni europee con maggiore annual net dividend yield 21

22 Indici Select Dividend (1) Partono da una critica agli indici di capitalizzazione che hanno l obiettivo di rappresentare il mercato (non di individuare azioni con prospettive di performance). Solo parzialmente riconducibili a logica Value (basso P/BV) degli Style Indices (*). Principali regole del DJ STOXX Select Dividend 30 Universo di partenza: 600 azioni europee del DJ STOXX 600 Eligible criteria: Dividend-per-share: 5 anni con tasso di crescita non negativo Dividend ratio (dividend to earnings) 60% Criterio per scelta componenti (annualmente) e loro pesi: Annual net dividend yield 22 (*) Three Factor Model del 1992 di Fama e French, evoluzione del CAPM del 1964 di Sharpe, ripreso dalla Style Box di Morningstar

23 Indice Select Dividend (2) Il DJ Stoxx Select Dividend 30 Index ha sovraperformato il DJ Stoxx 600 del 114% (dal 31/12/99) DIVIDEND YIELD 4,37% Fonte: Bloomberg al 16/05/2007 RENDIMENTI 1Y: 22,81% 3Y: 81,20% Fonte: Bloomberg. Dividendi netti reinvestiti. 1Y 12/05/06-11/05/07 3Y 14/05/04 11/05/07 23

24 ETF Select Dividend (3) 24 SETTORE PESO% Banks 23.5 Telecommunications 21.9 Utilities 11.9 Insurance 9.8 Oil & Gas 7.9 Financial Services 7.2 Basic Resources 6.5 Retail 4.4 Media 2.6 Chemicals 2.3 Construction & Materials 1.9 NAZIONE PESO % UK 29.8 GERMANIA 13.6 NORVEGIA 11.2 IRLANDA 9.4 AUSTRIA 7.4 ITALIA 7.0 SVIZZERA 6.5 FRANCIA 6.5 BELGIO 4.0 SVEZIA 2.5 DANIMARCA 2.1 SOCIETA' NAZIONE SETTORE PESO % Lloyds TSB Group PLC GB Banks 5.9 United Utilities PLC GB Utilities 5.6 Provident Financial Plc GB Financial Services 4.7 Vodafone Group PLC GB Telecommunications 4.6 Alliance & Leicester PLC GB Banks 4.6 DSG International PLC GB Retail 4.4 Statoil ASA NO Oil & Gas 4.3 France Telecom SA FR Telecommunications 4.2 Deutsche Telekom AG GE Telecommunications 4.1 Belgacom SA BE Telecommunications 4.0 RWE AG GE Utilities 3.8 Norske Skogindustrier ASA NO Basic Resources 3.7 ENI SpA IT Oil & Gas 3.7 Unipol SpA IT Insurance 3.3 DnB NOR ASA NO Banks 3.3 Deutsche Bank AG GE Banks 3.2 Boehler-Uddeholm AG AS Basic Resources 2.8 Telekom Austria AG AS Telecommunications 2.7 Independent News & Media PLC IR Media 2.6 Fabege AB SW Financial Services 2.5 E.ON AG GE Utilities 2.5 Ciba Specialty Chemicals AG SZ Chemicals 2.3 Irish Life & Permanent PLC IR Insurance 2.3 Assurances Generales de France FR Insurance 2.3 Allied Irish Banks PLC IR Banks 2.2 Swisscom AG SZ Telecommunications 2.2 Bank of Ireland IR Banks 2.2 Danske Bank A/S DE Banks 2.1 Zurich Financial Services AG SZ Insurance 1.9 Wienerberger AG AS Construction & Materials 1.9

25 ETF Fondamentali Es. FTSE RAFI Indices (calcolati in collaborazione con Research Affiliates) Obiettivo: Rendimenti attesi I FTSE RAFI Indices selezionano e pesano i propri costituenti usando indicatori di bilancio (e non la capitalizzazione di mercato). I pesi pertanto non sono influenzati dai prezzi (valutazioni) del mercato. Indicatori di bilancio (tratti dal bilancio dell azienda) : 1. Sales = company sales averaged over the prior 5 years 2. Cash Flow = company cash flow averaged over the prior 5 years 3. Book Value = company book value at the review date 4. Dividends = total dividend distributions averaged over the last 5 years 25

26 ETF Fondamentali Il FTSE RAFI US 1000 Index ha sovraperformato il S&P500 Index del 50% (dal 31/12/99) Il FTSE RAFI Japan Index ha sovraperformato il Nikkei 225 Index del 63% (dal 31/12/99) 26

27 ETF Covered Call ( Buy-write ) (1) 27 Posizione lunga su indice, con vendita opzione Call su indice (incasso premio) Opzione call, 5% OTM (Out of the Money), scadenza 1 mese, con rolling mensile Sovraperformance dell indice in fasi di ribasso e laterali. Sottoperformance in fasi con strappi al rialzo Obt.: Ottimizzare profilo risk / return

28 ETF BuyWrite ( Covered Call ) (2) Dow Jones Euro Stoxx 50 BuyWrite Index ha sovraperformato il DJ Euro Stoxx 50 Index del 45% (dal 31/12/99) DAXplus Covered Call Index ha sovraperformato il DAX Index del 31% (dal 31/12/99). 28

29 ETF con Leva Leva 2 sull indice Leva ottenuta con: Patrimonio + Finanziamento pari al Patrimonio al tasso EONIA Revisione giornaliera della leva (intraday solo se indice perde 25% durante la seduta) Es.: Lyxor ETF LevDAX Obiettivo: Amplificare un trend rialzista (o ribassista in caso di vendita short) 29

30 I driver per i nuovi ETF di Lyxor Nuovi veicoli non costituiti come Fondi/Sicav 30

31 ETC - Exchange Traded COMMODITIES SPV (Special Purpose Vehicle), thin capitalization, costituiti in paradisi fiscali Ragione d essere: Consentire l esposizione a 1 sola commodity (non consentita dalla Direttiva UE ai Fondi / Sicav / ETF) Non sono ETF in quanto non classificabili come Fondi / Sicav Tipicamente sono zero coupon senza scadenza, garantiti dal solo collaterale La fiscalità è da definire (non è applicabile il concetto di armonizzazione ) Gestione passiva (replica della commodity di riferimento), trattati in borsa in continua Es.: Lyxor Gold Bullion Securities (GBS) su oro (segregato presso caveau HSBC) Alcune osservazioni sugli ETC di ultima generazione: Possono non avere collaterale fisico (per la difficoltà di immagazzinare la commodity) Se replicano indici di commodity usano le stesse metodologie in derivati degli ETF... senza beneficiare di un framework regolamentare elevato a tutela degli investitori (non essendo dei Fondi ed essendo incorporati in paradisi fiscali ). 31

32 Lyxor GBS (1) Unico ETC di Borsa Italiana con collaterale ORO FISICO Lyxor GOLD BULLION SECURITIES Si tratta di titoli emessi da Gold Bullion Securities Limited, una SPV (Special Purpose Vehicle) costituita in Jersey. I titoli danno diritto a 1/10 di oncia d ORO (g. 31,1035) diminuito delle commissioni (le commissioni sono infatti addebitate diminuendo la quantità di oro a cui si ha diritto). Formalmente sono delle obbligazioni zero coupon senza scadenza con valore nominale di USD 0, I titoli sono garantiti da oro fisico segregato presso i caveau di Londra della banca depositaria HSBC. Oltre 87 Tonnellate di oro per oltre EUR Mln (al 26/03/07) MERCATO PRIMARIO (solo per Intermediari Abilitati) Sottoscrizione e rimborso in oro fisico per importi rilevanti MERCATO SECONDARIO (Borsa Italiana per tutti gli investitori) Acquisto e vendita in tempo reale (come le azioni) in denaro. Importo minimo 1 titolo (c.a. EUR 48,87) 9:05 17:25 con Specialist con obblighi di quotazione. Negoziazione/liquidazione in EUR. 32

33 Lyxor GBS (2) Commissioni Gestione (TER): 0,40% all anno Commissioni Entrata/Uscita/Performance: NO (a parte costi negoziazione del proprio broker) Dividendi: NO (l oro sottostante non genera dividendi) Arbitraggio reale con mercato dell oro fisico di Londra e tra 7 market maker e 4 borse diverse. Prezzo fair: Valore di mercato di 1/10 di 1 oncia d oro (dedotte le commissioni), convertito EUR Benchmark: I prezzi dell oro fisico che si formano sul London Bullion Market e in particolare i 2 Fixing alle 10:30 e alle 15:00 (ora di Londra). No costi/distorsioni per roll-over (dato che si detiene oro fisico e non derivati) Rispetto a mercato fisico per privati: Minori spread, no costi di deposito, no negoziazione fisica, controllo della Surveillance di Borsa Italiana su negoziazioni, piena trasparenza. Codice di Negoziazione: GBS Codice ISIN: GB00B00FHZ82 Reuters RIC: GBS.MI Bloomberg Ticker: GBS IM <Equity> <GO> 33

34 Altri ETF innovativi ETF SU CURRENCY Es. ETF della Rydex su USD vs EUR Il patrimonio è investito in un deposito in Euro con remunerazione EONIA 27 bps Es. PowerShares intende lanciare un ETF Bullish e un ETF Bearish sullo USDX (*). L ETF investe nel future su USDX trattato al NYBT + US Treasuries (K non in margine). ETF su EQUALLY WEIGHTED INDICES Si evita il large cap bias, cioè di pesare eccessivamente poche grandi società (**). Es. Rydex S&P Equal Weight ETF vs S&P500 index. ETF INVERSE Es.: ProShares ETF della ProFunds con leva negativa 1 e 2 (più di 5 anni per autorizzazione SEC) ETF su STRATEGIE CPPI Es.: Gli ETF Flexible emessi da SGAM. 34 (*) Il U.S. Dollar Index (USDX) confronta il valore dello USD con quello di 6 valute pesate per il loro PIL: EUR (57,6%), JPY, GBP, CAD, SEK, CHF (3,6%). (**) Nello S&P500 index le 100 maggiori società pesano circa il 70% dell indice Fonte: Standard & Poor s al 30/09/2004

35 Contatti 35

36 Contatti Société Générale (Milano) Numero Verde:

37 Avvertenze Nessuna informazione contenuta in questo documento deve essere considerata un offerta di acquisto o di vendita o una sollecitazione all acquisto, alla vendita o alla sottoscrizione di alcun prodotto finanziario citato. Le informazioni fornite sono state ottenute o basate su fonti ritenute attendibili e accurate anche se questo non implica alcuna garanzia da parte di Société Générale, di Lyxor o di alcun membro del gruppo Société Générale riguardo alla completezza e all accuratezza delle informazioni contenute nel presente documento. Prima di sottoscrivere un qualsiasi investimento gli interessati dovranno esaminare attentamente il Prospetto Informativo relativo ai prodotti a cui sono interessati. Questo documento ha carattere puramente informativo. 37

38 Tematiche operative 38

39 Short selling su ETF % di ETF USA venduti allo scoperto: ,1% ,3% ,2% 1H ,8% Max a 34,3% (marzo 2004) In Europa svariati desk di securities lending trattano ETF ATTENZIONE: Per investitore più agevole borrowing (non lending) 39

40 Securities Lending su ETF Il costo annuo dell ETF può essere ridotto dando a prestito l ETF Es. fittizio: (Mngt Fee 16,5 bps) (Securities Lending Fee 6 bps) = 10,5 bps Costo Annuale ETF CARATTERISTICHE Contratto GMSLA (Global Master Securities Lending Agreement) redatto dall associazione di categoria ISLA (International Securities Lenders Association). Callable (richiamabile) o meno (es. prestito per l anno, escluso scavalco per motivi contabili; rendimento è maggiore). Frequenza pagamento della fee (up-front, mensile, a scadenza ecc..) Collaterale a garanzia (presuppone gestione dei margini) o meno. I Fondi Indicizzati non offrono questa opportunità Un Basket di Titoli offre tale opportunità, ma la complessità operativa aumenta in quanto si devono prestare singolarmente molteplici titoli e non 1 solo ETF 40

41 Ottimizzazione fiscale SOCIETA DI VARI PAESI (pagamento dividendi) RITENUTA ALLA FONTE ETF ESTERO (pagamento proventi periodici) FISCALITA FONDO / SICAV RITENUTA ALLA FONTE INVESTITORE ITALIANO FISCALITA INVESTITORE 41

42 Regime Risparmio Amministrato (4) REDDITO DI CAPITALE ( NAV) REDDITO DI CAPITALE (DIVIDENDI DELL ETF) REDDITI DIVERSI ( PREZZI - NAV) ETF di diritto ITALIANO 12,50% 12,50% 12,50% ETF di diritto ESTERO ARMONIZZATI 12,50% (l intermediario applica una RITENUTA A TITOLO DI IMPOSTA) 12,50% (l intermediario applica una RITENUTA A TITOLO DI IMPOSTA) 12,50% (l intermediario applica una IMPOSTA SOSTITUTIVA) ETF di diritto ESTERO NON Propria aliquota Irpef (l intermediario applica una RITENUTA A TITOLO DI ACCONTO del 12,50%) Propria aliquota Irpef (l intermediario applica una RITENUTA A TITOLO DI ACCONTO del 12,50%) 12,50% (l intermediario applica una IMPOSTA SOSTITUTIVA) ARMONIZZATI OBBLIGO DI DICHIARAZIONE NEL MODELLO UNICO OBBLIGO DI DICHIARAZIONE NEL MODELLO UNICO 42

43 Cenni sulla fiscalità degli ETF 43

44 Ottimizzazione Fiscale Borsa Italiana ha istituito un gruppo di lavoro con ABI, Assosim, Assogestioni e le maggiori banche (2001) Quesito formale di Borsa Italiana all Agenzia delle Entrate (Ministero dell Economia e delle Finanze) (2002) Documento comune ed unanime sull interpretazione delle norme fiscali Ottenute dal Ministero 2 Risoluzioni esplicative (139/2002 e 109/2003) su fiscalità ETF Accordo con la Irish Revenue Commissioners irlandese (luglio 2002) affinché gli investitori italiani non subiscano ritenute fiscali alla fonte sugli ETF di diritto irlandese Monte Titoli ha ottenuto lo status di Recognised Clearing System Grazie agli interventi operati da Lyxor Int. e Société Générale (2003) Lyxor Int. AM ha ottimizzato la fiscalità dei propri ETF francesi per gli investitori italiani Su Borsa Italiana solo ETF armonizzati Per retail aliquota al 12,5% e nessun obbligo di dichiarazione in Modello Unico (opzione risparmio amministrato) 44

45 Cenni fiscalità ETF Borsa Italiana ha istituito un gruppo di lavoro con ABI, Assosim, Assogestioni e le maggiori banche (2001) Documento unanime su interpretazione norme fiscali Quesito formale di Borsa Italiana all Agenzia delle Entrate (Ministero dell Economia e delle Finanze) (2002) Ottenute dal Ministero 2 Risoluzioni esplicative (139/2002 e 109/2003) A livello regolamentare e fiscale gli ETF sono dei Fondi o delle Sicav (non esiste infatti l istituto giuridico dell ETF) Di seguito viene illustrata la fiscalità degli ETF relativamente a: Retail in regime di risparmio amministrato (1) (GPM; GPF; private banker ecc..) Fondi di diritto italiano 45 (1) Opzione di cui all articolo 6 del D.lgs. n. 461 del 1997

46 Regime Risparmio Amministrato (1) La negoziazione anonima su Borsa Italiana delle azioni/quote dell ETF e la loro dematerializzazione in Monte Titoli ha comportato una rivisitazione dei ruoli dell intermediario che negozia un ETF di diritto estero per conto del retail: L intermediario viene investito del ruolo di sostituto d imposta (1): sia per l applicazione della ritenuta sui redditi di capitale sia per l applicazione dell imposta sostitutiva sui redditi diversi I redditi di capitale derivanti da proventi periodici (c.d. dividendi ) dell ETF sono incassati dall intermediario tramite Monte Titoli e girati all investitore retail al netto della ritenuta d imposta del 12,50%. 46 (1) Questa posizione è stata poi avvalorata dalla Risoluzione n 139/E del 07/05/2002 dell Agenzia delle Entrate del Ministero dell Economia e delle Finanze: considerato il diverso ruolo che assume la banca corrispondente per effetto della dematerializzazione dei titoli e della quotazione delle azioni o quote degli OICR esteri, si ritiene che, in tal caso, possa essere attribuito all intermediario finale l obbligo di applicare la ritenuta di cui all articolo 10-ter, comma 1, della legge n. 77 del In caso contrario infatti ogni banca operante sul segmento MTF avrebbe dovuto inviare giornalmente alla banca corrispondente l elenco completo delle transazioni effettuate dai propri retail (tra l altro identificando singolarmente ogni investitore al fine di applicare le ritenute spettanti a ciascuno).

47 Regime Risparmio Amministrato (2) L intermediario dell investitore retail ha l onere di scindere il reddito complessivo tra reddito di capitale e reddito diverso : NON si tratta quindi di una doppia imposizione! Legenda: I NAV sono ovviamente da intendersi al lordo della fiscalità. NAV1 = NAV del giorno di acquisto NAV2 = NAV del giorno di vendita P1 = Prezzo di acquisto P2 = Prezzo di vendita REDDITO DI CAPITALE = NAV = (NAV2 - NAV1) REDDITO DIVERSO = CAPITAL GAIN/LOSS = (P2 - P1) -(NAV2 -NAV1) N.B.: Se (NAV2 - NAV1) è negativo, allora viene considerato pari a Ø (vedi Nota 1) 47 Nota 1: Cfr. circ. min. n. 165/E del 1998 paragrafo "Per la parte in cui eccedono l'apprezzamento di valore subito dalle quote, tali redditi non costituiscono redditi di capitale, ma plusvalenze in quanto trovano fonte nel maggior valore di mercato delle quote,..., qualora attraverso la partecipazione ad un OICVM di diritto estero sia conseguita una minusvalenza, tale minusvalenza, anche per la parte in cui sia riferibile,..., alla partecipazione all'oicvm devono ritenersi integralmente deducibili".

48 Regime Risparmio Amministrato (3) P1 E NAV1 NEL CASO DI ACQUISTI MULTIPLI Se la posizione del cliente retail si è formata sulla base di molteplici acquisti effettuati a prezzi differenti verrà utilizzato, come P1, la media dei prezzi di acquisto ponderati per le quantità e come NAV1 la media dei NAV dei giorni in cui sono stati effettuati gli acquisti ponderati per le quantità. TRADING INTRADAY Se un retail compra e vende un ETF nello stesso giorno il suo NAV sarà nullo (in quanto NAV1 e NAV2 sono identici) e l investitore avrà solo eventualmente un capital gain/loss. COMPENSAZIONE MINUSVALENZE / PLUSVALENZE Le plusvalenze rivenienti dalla negoziazione di un ETF si compensano con eventuali minusvalenze pregresse (tipicamente dalla negoziazione di un ETF scaturiscono in maniera preponderante redditi di capitale rispetto ai redditi diversi). Le minusvalenze rivenienti dalla negoziazione di un ETF potranno essere portate in compensazione di future eventuali plusvalenze (nei limiti temporali previsti dalla normativa). CASI PARTICOLARI DI TASSAZIONE Se NAV (positivo) > Prezzi allora si realizza un caso particolare in cui la tassazione è maggiore rispetto a quella delle azioni tradizionali: si è compensati da minusvalenze riportabili negli anni successivi e l incidenza è tipicamente non rilevante. 48

49 Regime Risparmio Amministrato (4) REDDITO DI CAPITALE ( NAV) REDDITO DI CAPITALE (DIVIDENDI DELL ETF) REDDITI DIVERSI ( PREZZI - NAV) ETF di diritto ITALIANO 12,50% 12,50% 12,50% ETF di diritto ESTERO ARMONIZZATI 12,50% (l intermediario applica una RITENUTA A TITOLO DI IMPOSTA) 12,50% (l intermediario applica una RITENUTA A TITOLO DI IMPOSTA) 12,50% (l intermediario applica una IMPOSTA SOSTITUTIVA) ETF di diritto ESTERO NON Propria aliquota Irpef (l intermediario applica una RITENUTA A TITOLO DI ACCONTO del 12,50%) Propria aliquota Irpef (l intermediario applica una RITENUTA A TITOLO DI ACCONTO del 12,50%) 12,50% (l intermediario applica una IMPOSTA SOSTITUTIVA) ARMONIZZATI OBBLIGO DI DICHIARAZIONE NEL MODELLO UNICO OBBLIGO DI DICHIARAZIONE NEL MODELLO UNICO 49

50 ETF - La fiscalità per un Fondo Italiano SE GLI ETF SONO ESTERI ARMONIZZATI PROVENTI Tutti i proventi ( NAV e dividendi) dell OICVM estero armonizzato non sono sottoposti né a ritenute né a imposte sostitutive: tutti i proventi concorrono alla formazione del risultato della gestione del fondo che subirà poi un imposta sostitutiva del 12,50% a titolo di imposta. CAPITAL GAIN Il fondo italiano è lordista: i redditi da capital gain concorrono a formare il risultato di gestione a cui verrà applicata un imposta sostitutiva del 12,50% a titolo di imposta. SE GLI ETF SONO ESTERI NON ARMONIZZATI PROVENTI Le imposte sono pagate dal fondo al momento della percezione del provento. Il soggetto incaricato del collocamento in Italia preleva una ritenuta a titolo di imposta del 12,50% sui proventi periodici e sui redditi di capitale compresi nella differenza tra il prezzo di riscatto (o vendita) ed il prezzo di sottoscrizione (o acquisto). Nel caso in cui non fosse stato nominato un soggetto incaricato allora i proventi concorrerebbero a formare il risultato di gestione a cui verrebbe applicata un imposta sostitutiva del 12,50% a titolo di imposta. CAPITAL GAIN Il fondo italiano è lordista: i redditi da capital gain concorrono a formare il risultato di gestione a cui verrà applicata un imposta sostitutiva del 12,50% a titolo di imposta. 50

51 Come riconoscere un ETF Armonizzato ETF ARMONIZZATO Nel Prospetto estero approvato dalla competente autorità regolamentare UE (gli omologhi della Banca d Italia e/o della Consob) deve essere specificato esplicitamente che lo strumento è conforme alla direttiva comunitaria UCITS. SEMPLIFICANDO, SE NON SI HA LA POSSIBILITA DI ACCEDERE AL PROSPETTO: ETF quotati su Borsa Italiana: Tutti armonizzati ETF quotati su Borse UE: Possono essere armonizzati o non armonizzati ETF quotati su Borse Extra-UE (es. USA): Tutti non armonizzati CONSEGUENZA: CLONI EUROPEI ARMONIZZATI DI ETF DI DIRITTO U.S.A. (S&P500; Nasdaq 100; D.J. Industrial Average; NASDAQ-100) 51

52 Criticità risolta: la Ritenuta alla Fonte L eventuale Ritenuta alla Fonte nel paese di incorporazione dell ETF grava tipicamente sui dividendi pagati dall ETF e, a seconda dei trattati bilaterali con l Italia, può rappresentare una criticità. Ad esempio: Impossibilità di rimborso della ritenuta Rimborso solo parziale della ritenuta Tempi e costi amministrativi per il rimborso totale/parziale della ritenuta IL PROBLEMA NON SUSSISTE PER GLI ETF DI BORSA ITALIANA ETF FRANCESI di Lyxor (SocGen) E stata individuata una soluzione contabile / amministrativa (2003) che consente di evitare la ritenuta alla fonte. 52

Innovazione negli ETF e tematiche operative

Innovazione negli ETF e tematiche operative Innovazione negli ETF e tematiche operative Borsa Italiana 16 ottobre 2006 Marcello Chelli Société Générale Co-Head Listed Products tel. +39 02 89.63.2528 marcello.chelli@sgcib.com 2 Lyxor AM (Société

Dettagli

Data di redazione degli Allegati: Dicembre 2001 / Marzo 2002 e successivi aggiornamenti Ultimo aggiornamento Novembre 2002

Data di redazione degli Allegati: Dicembre 2001 / Marzo 2002 e successivi aggiornamenti Ultimo aggiornamento Novembre 2002 ETF EXCHANGE-TRADED FUNDS E OICR QUOTATI SUL SEGMENTO MTF DI BORSA ITALIANA: NORME E PROCEDURE PER LA GESTIONE DELLA FISCALITA DEGLI INVESTITORI RETAIL Data di redazione degli Allegati: Dicembre 2001 /

Dettagli

AVVISO n.5329 01 Aprile 2011 ETFplus

AVVISO n.5329 01 Aprile 2011 ETFplus AVVISO n.5329 01 Aprile 2011 ETFplus Mittente del comunicato : SOCIETE GENERALE Societa' oggetto dell'avviso : LYXOR INTERNATIONAL ASSET MANAGEMENT S.A. Multi Units France Oggetto : Avviso ai portatori

Dettagli

AVVISO n.2279 15 Febbraio 2011

AVVISO n.2279 15 Febbraio 2011 AVVISO n.2279 15 Febbraio 2011 ETFplus OICR indicizzati Mittente del comunicato : SOCIETE GENERALE Societa' oggetto dell'avviso : LYXOR INTERNATIONAL ASSET MANAGEMENT S.A. Oggetto : 18 Lyxor ETF su settori

Dettagli

Marcello Chelli Head of Listed Products - Italy Société Générale Investire in borsa: come farlo con gli strumenti a disposizione dei risparmiatori

Marcello Chelli Head of Listed Products - Italy Société Générale Investire in borsa: come farlo con gli strumenti a disposizione dei risparmiatori Marcello Chelli Head of Listed Products - Italy Société Générale Investire in borsa: come farlo con gli strumenti a disposizione dei risparmiatori Milano, 12 aprile 2008 1 Avvertenze Nessuna informazione

Dettagli

AVVISO AI PORTATORI DEI SEGUENTI ETF

AVVISO AI PORTATORI DEI SEGUENTI ETF Borsa Italiana Da: Data: 03/05/2011 OGGETTO: Lyxor ETF Passaggio alla versione Total Return degli indici di riferimento e altre modifiche. Tabella 1 : Lista degli ETF VVISO I PORTTORI DEI SEGUENTI ETF

Dettagli

db x-trackers Strategie ad alto dividendo A Passion to Perform.

db x-trackers Strategie ad alto dividendo A Passion to Perform. db x-trackers Strategie ad alto dividendo Exchange Traded Funds su DJ EURO STOXX Select Dividend 30 Index DJ STOXX Global Select Dividend 100 Index A Passion to Perform. Strategia ad alto dividendo Nel

Dettagli

Oggetto: Quesiti in merito alla negoziazione in Borsa di OICR italiani ed esteri armonizzati.

Oggetto: Quesiti in merito alla negoziazione in Borsa di OICR italiani ed esteri armonizzati. RISOLUZIONE N. 139/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 7 maggio 2002 Oggetto: Quesiti in merito alla negoziazione in Borsa di OICR italiani ed esteri armonizzati. Con nota del 4 aprile 2002,

Dettagli

Fondi aperti Caratteri

Fondi aperti Caratteri Fondi aperti Caratteri Patrimonio variabile Quota valorizzata giornalmente in base al net asset value (Nav) Investimento in valori mobiliari prevalentemente quotati Divieti e limiti all attività d investimento

Dettagli

Benchmark FTSE/MIB leva 3 e 5 di UniCredit.

Benchmark FTSE/MIB leva 3 e 5 di UniCredit. Codice ISIN: IT0006724766 Codice Negoziazione: UMIB3L Codice ISIN: IT0006724782 Codice Negoziazione: UMIB5L Benchmark FTSE/MIB leva 3 e 5 di UniCredit. Puoi replicare, moltiplicando x3 e x5 la performance

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO ANALITICO

FOGLIO INFORMATIVO ANALITICO Gennaio 2003 FOGLIO INFORMATIVO ANALITICO MEDIOBANCA 2003-2005 INDICIZZATO ALL ANDAMENTO DELL INDICE MIB30 (Cod. ISIN IT0003417075) L investimento nel titolo oggetto della presente offerta è caratterizzato

Dettagli

Come usare gli ETF. Valerio Baselli e Azzurra Zaglio Morningstar Editor&Analyst team. Rimini, 17 maggio 2012

Come usare gli ETF. Valerio Baselli e Azzurra Zaglio Morningstar Editor&Analyst team. Rimini, 17 maggio 2012 Come usare gli ETF Valerio Baselli e Azzurra Zaglio Morningstar Editor&Analyst team Rimini, 17 maggio 2012 Cosa sono gli Etf? Gli Etf sono una particolare categoria di fondi d investimento mobiliare quotati

Dettagli

ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA

ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA SCUOLA DI ECONOMIA, MANAGEMENT E STATISTICA Corso di Laurea Magistrale in Finanza, Intermediari e Mercati GLI EXCHANGE TRADED PRODUCT: STRATEGIE DI INVESTIMENTO

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

I fondi a distribuzione Parvest

I fondi a distribuzione Parvest Il presente documento ha natura pubblicitaria e viene diffuso con finalità promozionali, è redatto a mero titolo informativo e non costituisce (i) un offerta di acquisto o una sollecitazione a vendere;

Dettagli

Oggetto: Delisting di 4 Lyxor ETF ( a partire dalla chiusura della seduta di borsa del 15/05/2013) e successiva liquidazione

Oggetto: Delisting di 4 Lyxor ETF ( a partire dalla chiusura della seduta di borsa del 15/05/2013) e successiva liquidazione All attenzione di: Borsa Italiana Da: Société Générale Data: 12/04/13 Oggetto: Delisting di 4 Lyxor ETF ( a partire dalla chiusura della seduta di borsa del 15/05/2013) e successiva liquidazione La società

Dettagli

RISOLUZIONE N. 72/E. Roma, 12 luglio 2010

RISOLUZIONE N. 72/E. Roma, 12 luglio 2010 RISOLUZIONE N. 72/E Direzione Centrale Normativa Roma, 12 luglio 2010 OGGETTO: Consulenza giuridica Redditi derivanti dagli Exchange Traded Commodities articolo 67, comma 1, lettera c-quater), del TUIR

Dettagli

Il presente Prospetto Semplificato è traduzione fedele dell ultimo Prospetto Semplificato approvato dalla competente autorità di vigilanza irlandese.

Il presente Prospetto Semplificato è traduzione fedele dell ultimo Prospetto Semplificato approvato dalla competente autorità di vigilanza irlandese. Il presente Prospetto Semplificato è traduzione fedele dell ultimo Prospetto Semplificato approvato dalla competente autorità di vigilanza irlandese. Gli Amministratori RUSSELL INVESTMENT COMPANY IV PUBLIC

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

OPTIMIZ 7% DJ Euro Stoxx 50

OPTIMIZ 7% DJ Euro Stoxx 50 OPTIMIZ DJ Euro Stoxx 50 Certificate a capitale non garantito Quotato su Borsa italiana Obiettivo: rendimento annuo del * e possibilità di rimborso anticipato Optimiz DJ Euro Stoxx 50 paga un coupon annuale

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all Investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

Fondi aperti Caratteri

Fondi aperti Caratteri Fondi aperti Caratteri Patrimonio variabile Quota valorizzata giornalmente in base al net asset value (Nav) Investimento in valori mobiliari prevalentemente quotati Divieti e limiti all attività d investimento

Dettagli

ETF e segmento MTF. Marcello CHELLI Responsabile MTF Borsa Italiana Spa. 8 maggio 2004 Palazzo Mezzanotte - Milano TOL Expo

ETF e segmento MTF. Marcello CHELLI Responsabile MTF Borsa Italiana Spa. 8 maggio 2004 Palazzo Mezzanotte - Milano TOL Expo ETF e segmento MTF Marcello CHELLI Responsabile MTF Borsa Italiana Spa 8 maggio 2004 Palazzo Mezzanotte - Milano TOL Expo ETF e segmento MTF Contenuti Che cos è un ETF Il meccanismo di Creation / Redemption

Dettagli

quadro di sintesi per la professione di Commercialista

quadro di sintesi per la professione di Commercialista La tassazione delle attività ità finanziarie: i i un quadro di sintesi per la professione di Commercialista CLAUDIA ROVINI Viterbo 3 dicembre 2015 Evento valido ai fini della F.P.C.dei dottori commercialisti

Dettagli

MerrIll lynch TrIlogy 100 Plus certificates

MerrIll lynch TrIlogy 100 Plus certificates Merrill lynch Trilogy 100 Plus certificates MerrIll lynch TrIlogy 100 Plus certificates capital ProTecTion Global Markets & Investment Banking Global Research Global Wealth Management 1 Merrill Lynch Cash

Dettagli

Certificati a Leva Fissa

Certificati a Leva Fissa Certificati a Leva Fissa Commerzbank, leader europeo dei prodotti di borsa, propone da oggi i suoi certificati a Leva Fissa sul mercato italiano! Messaggio pubblicitario La banca al tuo fianco 2 I Certificati

Dettagli

Il regime di tassazione dei fondi comuni d investimento d

Il regime di tassazione dei fondi comuni d investimento d Il regime di tassazione dei fondi comuni d investimento d italiani Relatori: Dott. Paolo Bifulco Dott. Sandro Botticelli Materiale predisposto da Assogestioni 1 Normativa di riferimento art. 2, commi da

Dettagli

AVVISO IMPORTANTE ANNUNCIO RELATIVO AI DIVIDENDI

AVVISO IMPORTANTE ANNUNCIO RELATIVO AI DIVIDENDI db x-trackers Società d investimento a capitale variabile Sede legale: 49, avenue J.F. Kennedy, L-1855 Lussemburgo R.C.S. Lussemburgo B-119.899 (la Società ) AVVISO IMPORTANTE ANNUNCIO RELATIVO AI DIVIDENDI

Dettagli

Twin Win. Opportunità generate da ogni oscillazione del mercato.

Twin Win. Opportunità generate da ogni oscillazione del mercato. Twin Win. Opportunità generate da ogni oscillazione del mercato. Banca IMI è una banca del gruppo Banca IMI offre una gamma completa di servizi alle banche, alle imprese, agli investitori istituzionali,

Dettagli

Investire in Commodities con Certificati ed ETC

Investire in Commodities con Certificati ed ETC Napoli, 23 Novembre 2011 Investire in Commodities con Certificati ed ETC Mauro Giangrande, Head of db-x financial products Italy 1 Sommario Il mercato delle commodities Certificati di investimento Exchange

Dettagli

Fideuram Omnia. 1 - Un mondo di soluzioni, un unico contratto. Febbraio 2015. Ad uso esclusivo del private banker

Fideuram Omnia. 1 - Un mondo di soluzioni, un unico contratto. Febbraio 2015. Ad uso esclusivo del private banker Fideuram Omnia 1 - Un mondo di soluzioni, un unico contratto Febbraio 2015 Ad uso esclusivo del private banker Perché Fideuram Omnia Fideuram Omnia un mondo di soluzioni, un unico contratto. La gestione

Dettagli

GRUPPO CREDEM GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO

GRUPPO CREDEM GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO GRUPPO CREDEM GLOSSARIO DEI TERMINI TECNICI UTILIZZATI NEL PROSPETTO Agenzie di Rating: società indipendenti che esprimono giudizi (rating) relativi al merito creditizio degli strumenti finanziari di natura

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

LEONARDO INVEST Leonardo European Bond Opportunities Société d'investissement à capital variable Lussemburgo PROSPETTO SEMPLIFICATO Maggio 2010

LEONARDO INVEST Leonardo European Bond Opportunities Société d'investissement à capital variable Lussemburgo PROSPETTO SEMPLIFICATO Maggio 2010 LEONARDO INVEST Leonardo European Bond Opportunities Société d'investissement à capital variable Lussemburgo PROSPETTO SEMPLIFICATO Maggio 2010 - 2 - Prospetto Informativo depositato presso la Consob in

Dettagli

Portafoglio Invesco a cedola Profilo "dinamico"

Portafoglio Invesco a cedola Profilo dinamico Portafoglio Invesco a cedola Profilo "dinamico" Questo documento è riservato per i Clienti Professionali/Investitori Qualificati e/o Soggetti Collocatori in Italia e non per i clienti finali. È vietata

Dettagli

Comunicazione ai SOTTOSCRITTORI del Fondo Fideuram Moneta e del Fondo Fideuram Master Selection

Comunicazione ai SOTTOSCRITTORI del Fondo Fideuram Moneta e del Fondo Fideuram Master Selection Comunicazione ai SOTTOSCRITTORI del Fondo Fideuram Moneta e del Fondo Fideuram Master Selection Errata corrige data di postalizzazione lettera informativa annuale al 31.12.2014 Informiamo i sottoscrittori

Dettagli

ishares FTSE BRIC 50 EUROPEAN EXCHANGE TRADED FUND COMPANY PLC PROSPETTO INFORMATIVO SEMPLIFICATO 18 aprile 2007

ishares FTSE BRIC 50 EUROPEAN EXCHANGE TRADED FUND COMPANY PLC PROSPETTO INFORMATIVO SEMPLIFICATO 18 aprile 2007 ishares FTSE BRIC 50 EUROPEAN EXCHANGE TRADED FUND COMPANY PLC PROSPETTO INFORMATIVO SEMPLIFICATO 18 aprile 2007 Il Presente Prospetto informativo Semplificato è traduzione fedele dell originale approvato

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all Investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

Piùpotenza per lemie performance di trading.

Piùpotenza per lemie performance di trading. Piùpotenza per lemie performance di trading. Mini Futures Certificate Comunicazione pubblicitaria/promozionale. Prima dell adesione leggere il prospetto informativo. Strumenti finanziari strutturati a

Dettagli

LEONARDO INVEST Eurose

LEONARDO INVEST Eurose LEONARDO INVEST Eurose Société d'investissement à capital variable Lussemburgo PROSPETTO SEMPLIFICATO Maggio 2010 Prospetto Informativo depositato presso la CONSOB in data 13 luglio 2010. Il presente Prospetto

Dettagli

Certificati a Leva Fissa

Certificati a Leva Fissa Certificati a Leva Fissa Costanza Mannocchi Trading Online Expo 2014 Milano - Palazzo Mezzanotte - 24 ottobre 2014 Il successo dei certificati a leva fissa su Borsa Italiana I Certificati a Leva Fissa

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all Investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

Credit Linked Certificate Opportunità Assicurazioni Generali

Credit Linked Certificate Opportunità Assicurazioni Generali Credit Linked Certificate Opportunità Assicurazioni Generali ISIN: DE000HV8AKR1 Entità di Riferimento: Assicurazioni Generali S.p.A. Scadenza Prevista: 20.07.2018 Comunicazione pubblicitaria/promozionale.

Dettagli

Pioneer Fondi Italia, UniCredit Soluzione Fondi e Pioneer Liquidità Euro. Aggiornamento dei dati periodici al 30/12/2011 I.P.

Pioneer Fondi Italia, UniCredit Soluzione Fondi e Pioneer Liquidità Euro. Aggiornamento dei dati periodici al 30/12/2011 I.P. Pioneer Fondi Italia, UniCredit Soluzione Fondi e Pioneer Liquidità Aggiornamento dei dati periodici al 30/12/2011 I.P. Indice Guida alla lettura... 1 Pioneer Fondi Italia Obbligazionari Pioneer Governativo

Dettagli

Gestione finanziaria dei beni conferiti al Trust

Gestione finanziaria dei beni conferiti al Trust Gestione finanziaria dei beni conferiti al Trust Paolo Vicentini 7 Marzo 2005 Avvertenze legali Questa presentazione ha carattere puramente informativo e non costituisce sollecitazione all investimento,

Dettagli

Milano, 12 aprile 2008

Milano, 12 aprile 2008 Donato Finardi (*) Head of Listed Products Banca IMI Investire in borsa: come farlo con gli strumenti a disposizione dei risparmiatori (*) Le opinioni dell autore sono espresse a titolo personale e non

Dettagli

Fondo AcomeA ETF attivo

Fondo AcomeA ETF attivo Articolo pubblicato su Borsa Italiana il 28 giugno 2012 http://www.borsaitaliana.it/speciali/trading/inside-markets/23/etf-fondoacomeaetfattivo.htm Fondo AcomeA ETF attivo Il fondo AcomeA ETF Attivo è

Dettagli

I fondi a formula nell industria italiana del risparmio gestito. A D Avenia, Head of Regional Marketing, BNPP IP SGR. Rimini, 20 maggio 2011

I fondi a formula nell industria italiana del risparmio gestito. A D Avenia, Head of Regional Marketing, BNPP IP SGR. Rimini, 20 maggio 2011 I fondi a formula nell industria italiana del risparmio gestito A D Avenia, Head of Regional Marketing, BNPP IP SGR Rimini, 20 maggio 2011 SOMMARIO La definizione di fondo a formula Il mercato dei fondi

Dettagli

Regolamento del fondo interno A.G. Global Equity Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= däçä~ä=bèìáíó=

Regolamento del fondo interno A.G. Global Equity Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= däçä~ä=bèìáíó= = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= däçä~ä=bèìáíó= A) Obiettivi e descrizione del fondo La gestione ha come obiettivo la crescita del capitale investito in un orizzonte temporale lungo ed è caratterizzata

Dettagli

Carry Strategies. Fondo con alto livello di delega e profilo di rischio basso

Carry Strategies. Fondo con alto livello di delega e profilo di rischio basso Carry Strategies Fondo con alto livello di delega e profilo di rischio basso Versione riservata ai Financial Partner ad esclusivo uso interno Maggio 2014 La posizione di Carry Strategies nell offerta AzFund

Dettagli

Comunicazione ai SOTTOSCRITTORI del Fondo Fideuram Moneta e del Fondo Fideuram Master Selection

Comunicazione ai SOTTOSCRITTORI del Fondo Fideuram Moneta e del Fondo Fideuram Master Selection Comunicazione ai SOTTOSCRITTORI del Fondo Fideuram Moneta e del Fondo Fideuram Master Selection Errata corrige data di postalizzazione lettera informativa annuale al 31.12.2014 Informiamo i sottoscrittori

Dettagli

VUOI POTENZIARE LE TUE IDEE DI INVESTIMENTO? LE CARATTERISTICHE

VUOI POTENZIARE LE TUE IDEE DI INVESTIMENTO? LE CARATTERISTICHE VUOI POTENZIARE LE TUE IDEE DI INVESTIMENTO? LE CARATTERISTICHE Con i nuovi Benchmark a Leva 3 o 5 puoi replicare, moltiplicando x 3 o x 5 la performance giornaliera degli indici FTSE/MIB, CAC40, DAX ed

Dettagli

Cassa Centrale Raiffeisen dell Alto Adige in qualità di Emittente

Cassa Centrale Raiffeisen dell Alto Adige in qualità di Emittente 1. MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE Cassa Centrale Raiffeisen dell Alto Adige in qualità di Emittente CASSA CENTRALE RAIFFEISEN DELL ALTO ADIGE S.p.A. con sede legale in 39100 Bolzano, via Laurin 1

Dettagli

SOCIETE GENERALE EXCHANGE RATE LINKED NOTES 30/06/2015 (Isin XS0512071902)

SOCIETE GENERALE EXCHANGE RATE LINKED NOTES 30/06/2015 (Isin XS0512071902) SCHEDA PRODOTTO SOCIETE GENERALE EXCHANGE RATE LINKED NOTES 30/06/2015 (Isin XS0512071902) Natura dello strumento finanziario Il titolo SOCIETE GENERALE EXCHANGE RATE LINKED NOTES 30/06/2015 è un obbligazione

Dettagli

BONUS CAP CERTIFICATE

BONUS CAP CERTIFICATE BONUS CAP CERTIFICATE Puoi ottenere un extra-rendimento (Bonus) e il prezzo di emissione, finché il sottostante si mantiene sopra il livello di barriera. In caso contrario replichi la performance del sottostante

Dettagli

ZEST ASSET MANAGEMENT SICAV

ZEST ASSET MANAGEMENT SICAV ZEST ASSET MANAGEMENT SICAV Société d Investissement à Capital Variable Comparto: ZEST ASSET MANAGEMENT SICAV - Zest Global Strategy Fund S O C I E T À d i G E S T I O N E D E G R O O F G E S T I O N I

Dettagli

COMMUNITY INVESTING FUND

COMMUNITY INVESTING FUND COMMUNITY INVESTING FUND PROSPETTO INFORMATIVO SEMPLIFICATO Giugno 2009 Prospetto pubblicato mediante deposito presso l Archivio Prospetti della Consob in data 13 novembre 2009 Il presente Prospetto è

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO

PROSPETTO SEMPLIFICATO Allianz Global Investors Selection Funds plc (la Società ) (precedentemente Darta Investment Funds plc) PROSPETTO SEMPLIFICATO 26 giugno 2009 Il presente Prospetto Informativo Semplificato fornisce importanti

Dettagli

Arca Formula II EuroStoxx 2015

Arca Formula II EuroStoxx 2015 Arca Formula II EuroStoxx 2015 PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente

Dettagli

BETA1 ETFUND P.L.C. Fondo comune di investimento multicomparto di diritto irlandese PRIMO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO

BETA1 ETFUND P.L.C. Fondo comune di investimento multicomparto di diritto irlandese PRIMO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO BETA1 ETFUND P.L.C. Fondo comune di investimento multicomparto di diritto irlandese PRIMO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO 19 Febbraio 2004 Il presente Supplemento costituisce parte integrante del Prospetto modificato

Dettagli

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Forex Coupon 2017-6 A chi si rivolge

info Prodotto Investment Solutions by Epsilon Forex Coupon 2017-6 A chi si rivolge info Prodotto Investment Solutions by Epsilon è il nuovo Comparto del fondo comune di diritto lussemburghese Investment Solutions by Epsilon, istituito da Eurizon Capital S.A. e gestito da Epsilon SGR.

Dettagli

Zenit MC Pianeta Italia - Caratteristiche generali

Zenit MC Pianeta Italia - Caratteristiche generali Zenit MC Pianeta Italia - Caratteristiche generali CARATTERISTICHE GENERALI STRATEGIA VINCOLI ALL ASSET ALLOCATION FONDO COMUNE DI DIRITTO ITALIANO UCITS IV CATEGORIA ASSOG. AZIONARIO ITALIA COMPONENTE

Dettagli

BONUS CAP CERTIFICATE

BONUS CAP CERTIFICATE BONUS CAP CERTIFICATE Puoi ottenere un extra-rendimento (Bonus) e il prezzo di emissione, finché il sottostante si mantiene sopra il livello di barriera. In caso contrario replichi la performance del sottostante

Dettagli

FR0010869578 IE00BKS8QN04 IE00BKS8QT65 IE00B3VTPS97. Azioni Vendita in utile dell 1% l Etf Global Titans che aveva guadagnato parecchio: FR0007075494

FR0010869578 IE00BKS8QN04 IE00BKS8QT65 IE00B3VTPS97. Azioni Vendita in utile dell 1% l Etf Global Titans che aveva guadagnato parecchio: FR0007075494 Verso fine gennaio 2009 avevo introdotto un Portafoglio in Etf. Ricordo che questo portafoglio, è stato concepito per essere tenuto fino alla completa uscita dalla crisi (che ricordo è soprattutto legata

Dettagli

Sistema Mediolanum Fondi Italia

Sistema Mediolanum Fondi Italia Informazioni chiave per gli Investitori (KIID) Sistema Mediolanum Fondi Italia Società di Gestione del Risparmio Collocatore Unico retro di copertina Informazioni chiave per gli investitori (KIID) Il presente

Dettagli

spa-etf.com a 4 Triton Square, Regent s Place, London, NW1 3HG, UK +44 (0)20 7396 3270 f +44 (0)20 7396 3201

spa-etf.com a 4 Triton Square, Regent s Place, London, NW1 3HG, UK +44 (0)20 7396 3270 f +44 (0)20 7396 3201 a 4 Triton Square, Regent s Place, London, NW1 3HG, UK t +44 (0)20 7396 3270 f +44 (0)20 7396 3201 spa-etf.com 2007 SPA ETF Europe Ltd SPA ETF Europe Ltd. is an appointed representative of London & Capital

Dettagli

Regolamento del fondo interno A.G. Italian Equity Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= fí~äá~å=bèìáíó=

Regolamento del fondo interno A.G. Italian Equity Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= fí~äá~å=bèìáíó= = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= fí~äá~å=bèìáíó= A) Obiettivi e descrizione del fondo Il fondo persegue l obiettivo di incrementare il suo valore nel lungo termine, attraverso l investimento in

Dettagli

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili di Roma

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili di Roma Ordine dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili di Roma Riforma della tassazione dei redditi di capitale e dei redditi diversi di natura finanziaria (D.L. n. 138/2011 convertito in L. n. 148/2011

Dettagli

Bonus Certificate. La stabilità premia.

Bonus Certificate. La stabilità premia. Bonus Certificate. La stabilità premia. Banca IMI è una banca del gruppo Banca IMI offre una gamma completa di servizi alle banche, alle imprese, agli investitori istituzionali, ai governi e alle pubbliche

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA SEZIONE 4 Società per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA "BANCA CRV CASSA DI RISPARMIO DI VIGNOLA S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO BANCA CRV CASSA DI RISPARMIO DI VIGNOLA

Dettagli

INFORMAZIONI SULLE CARATTERISTICHE DELL EMISSIONE Ammontare dell emissione

INFORMAZIONI SULLE CARATTERISTICHE DELL EMISSIONE Ammontare dell emissione FOGLIO INFORMATIVO ANALITICO PER LA RACCOLTA IN TITOLI DELLE BANCHE (REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI) OBBLIGAZIONE 127 CODICE ISIN IT0003373534

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO CARIGE

FONDO PENSIONE APERTO CARIGE FONDO PENSIONE APERTO CARIGE INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE I dati e le informazioni riportati sono aggiornati al 31 dicembre 2006. 1 di 8 La SGR è dotata di una funzione di Risk Management

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione, denominata

Dettagli

LEONARDO INVEST DNCA Evolutif

LEONARDO INVEST DNCA Evolutif LEONARDO INVEST DNCA Evolutif Société d'investissement à capital variable Lussemburgo PROSPETTO SEMPLIFICATO Maggio 2010 Prospetto Informativo depositato presso la CONSOB in data 13 luglio 2010. Il presente

Dettagli

Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509

Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509 Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509 Piano strategico di investimento e di risk budgeting art. 4.3 e art. 7.4 del Regolamento per la

Dettagli

TEOFRASTO FUND. by SQUIRREL PLUS Fund Limited

TEOFRASTO FUND. by SQUIRREL PLUS Fund Limited TEOFRASTO FUND by SQUIRREL PLUS Fund Limited TEOFRASTO Fund - Cos è Teofrasto Fund è un fondo che nasce da un gruppo di investitori privati alla ricerca delle migliori opportunità di investimento mobiliare

Dettagli

SCHEDA SINTETICA INFORMAZIONI SPECIFICHE

SCHEDA SINTETICA INFORMAZIONI SPECIFICHE SCHEDA SINTETICA INFORMAZIONI SPECIFICHE La parte Informazione Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all Investitore-Contraente prima della sottoscrizione, è volta a illustrare le principali caratteristiche

Dettagli

COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014

COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014 COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014 LA SOSTITUZIONE DELLA SOCIETÀ GESTORE A partire dal 3 giugno

Dettagli

MODIFICA DI DENOMINAZIONE, POLITICA DI INVESTIMENTO E BENCHMARK DI TALUNI COMPARTI

MODIFICA DI DENOMINAZIONE, POLITICA DI INVESTIMENTO E BENCHMARK DI TALUNI COMPARTI IMPORTANTE: Il presente documento richiede attenzione immediata. In caso di dubbi sul contenuto del presente documento, richiedere la consulenza di un professionista indipendente. Tutti i termini utilizzati

Dettagli

Vuoi amplificare il tuo trading?

Vuoi amplificare il tuo trading? Vuoi amplificare il tuo trading? Benchmark a Leva Linea Smart di UniCredit. Comunicazione pubblicitaria/promozionale. Prima dell adesione leggere il Prospetto Informativo. Strumenti finanziari strutturati

Dettagli

FR0010222224 LU0613540185 FR0010344853 LU0533032859

FR0010222224 LU0613540185 FR0010344853 LU0533032859 Vediamo di aggiornare l Etf Portfolio in ottica di Investimento, che avevo introdotto a fine gennaio 2009. (a fondo articolo metto anche un portafoglio per chi inizia adesso, chiaramente con differenti

Dettagli

Regolamento del fondo interno A.G. Euro Blue Chips Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= bìêç=_äìé=`üáéë=

Regolamento del fondo interno A.G. Euro Blue Chips Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= bìêç=_äìé=`üáéë= = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= bìêç=_äìé=`üáéë= A) Obiettivi e descrizione del fondo Il fondo persegue l obiettivo di incrementare il suo valore nel lungo termine, attraverso l investimento in

Dettagli

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Ottobre 2020 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Ottobre 2020 A chi si rivolge info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che persegue l'obiettivo di ottimizzare il rendimento del Fondo in un orizzonte temporale

Dettagli

GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI

GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI Sintesi Descrizione delle caratteristiche qualitative con l indicazione di: categoria Morningstar, categoria Assogestioni, indice Fideuram. Commenti sulla gestione

Dettagli

Luglio 2014. Modifica dell aliquota di tassazione dei redditi di natura finanziaria

Luglio 2014. Modifica dell aliquota di tassazione dei redditi di natura finanziaria Luglio 2014 Modifica dell aliquota di tassazione dei redditi di natura finanziaria Olivia M. Zonca e Angelica Carlucci, Tax Product Management, BNP Paribas Securities Services La legge 23 giugno 2014,

Dettagli

UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE

UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE UBI PRAMERICA SGR S.p.A. appartenente al gruppo bancario UNIONE DI BANCHE ITALIANE Parte II del Prospetto Informativo Illustrazione dei dati storici di rischio/rendimento, costi e turnover di portafoglio

Dettagli

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito RISOLUZIONE N. 76/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 novembre 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito Con la richiesta di consulenza

Dettagli

SCHEDA SINTETICA INFORMAZIONI SPECIFICHE

SCHEDA SINTETICA INFORMAZIONI SPECIFICHE SCHEDA SINTETICA INFORMAZIONI SPECIFICHE La parte Informazione Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all Investitore-Contraente prima della sottoscrizione, è volta a illustrare le principali caratteristiche

Dettagli

Bisogno di investimento del risparmio

Bisogno di investimento del risparmio Bisogno di investimento del risparmio Domanda e Offerta di strumenti di investimento del risparmio Bisogno di investimento Strumenti bancari (contratti bilaterali) depositi tempo; PcT; CD Strumenti di

Dettagli

Classe A NAV 101,18. Obiettivi del Fondo TORTA TIPOLOGIA FONDO. 1) Azionario 72,68% 2) Corporate 2,11% 3) Bilanciato 2,57% 4) Governativo 22,65%

Classe A NAV 101,18. Obiettivi del Fondo TORTA TIPOLOGIA FONDO. 1) Azionario 72,68% 2) Corporate 2,11% 3) Bilanciato 2,57% 4) Governativo 22,65% Classe A NAV 0,8 marzo 05 Carta d' Identita Linea Obiettivo della linea Orizzonte temporale Grado di rischio (-7) 4 Total return Crescita del patrimonio nel medio lungo periodo - 5 anni Obiettivi del Fondo

Dettagli

Informazioni chiave per gli investitori

Informazioni chiave per gli investitori Informazioni chiave per gli investitori Il presente documento contiene le informazioni chiave di cui tutti gli investitori devono disporre in relazione a questo OICVM. Non si tratta di un documento promozionale.

Dettagli

Sezione Terza I Fondi comuni di investimento

Sezione Terza I Fondi comuni di investimento Sezione Terza I Fondi comuni di investimento 369. Nella valutazione dei beni del fondo comune di investimento, il valore degli strumenti finanziari ammessi alle negoziazioni su mercati regolamentati è

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. della NOTA INFORMATIVA. per il Prestito Obbligazionario denominato

CONDIZIONI DEFINITIVE. della NOTA INFORMATIVA. per il Prestito Obbligazionario denominato CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA per il Prestito Obbligazionario denominato BANCO DESIO LAZIO 23/02/2009-23/02/2012 TASSO FISSO 2,70% Codice ISIN IT0004457351 Le presenti Condizioni Definitive

Dettagli

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ Con la presente comunicazione si desidera fornire una breve sintesi del regime fiscale applicabile ai fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano, nonché del

Dettagli

Cassa Centrale Raiffeisen dell Alto Adige in qualità di Emittente

Cassa Centrale Raiffeisen dell Alto Adige in qualità di Emittente 1. MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE Cassa Centrale Raiffeisen dell Alto Adige in qualità di Emittente CASSA CENTRALE RAIFFEISEN DELL ALTO ADIGE S.p.A. con sede legale in 39100 Bolzano, via Laurin 1

Dettagli

Bonus Plus con sottostante Intesa Sanpaolo Dal 12 luglio fino al 6 agosto solo su

Bonus Plus con sottostante Intesa Sanpaolo Dal 12 luglio fino al 6 agosto solo su Bonus Plus con sottostante Intesa Sanpaolo Dal 12 luglio fino al 6 agosto solo su ISIN: DE000HV8AJ80 Sottostante: Azione Ordinaria Intesa Sanpaolo SpA Scadenza: 23.08.2013 Bonus Plus è un certificate emesso

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione,

Dettagli

DOCUMENTO PER LA QUOTAZIONE. Offerente MULTI UNITS FRANCE

DOCUMENTO PER LA QUOTAZIONE. Offerente MULTI UNITS FRANCE DOCUMENTO PER LA QUOTAZIONE Offerente MULTI UNITS FRANCE (la Società ) società di investimento a capitale variabile di diritto francese di tipo multicomparto costituita ed operante in conformità alla Direttiva

Dettagli