ASSEMBLEA STRAORDINARIA DEI SOCI DI FIAT INDUSTRIAL S.P.A. CONVOCATA PER IL 9 LUGLIO 2013 DOMANDE & RISPOSTE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ASSEMBLEA STRAORDINARIA DEI SOCI DI FIAT INDUSTRIAL S.P.A. CONVOCATA PER IL 9 LUGLIO 2013 DOMANDE & RISPOSTE"

Transcript

1 ASSEMBLEA STRAORDINARIA DEI SOCI DI FIAT INDUSTRIAL S.P.A. CONVOCATA PER IL 9 LUGLIO 2013 DOMANDE & RISPOSTE PREDISPOSTE AI SENSI DELL ART. 127-ter DEL D. LGS. 58/1998 LA FUSIONE FIAT INDUSTRIAL INDICE DELLE DOMANDE E RISPOSTE A B C D E F G H GENERALE OBIETTIVO DELL OPERAZIONE RAPPORTI DI CAMBIO DIRITTO DI RECESSO AZIONI A VOTO SPECIALE QUOTAZIONE ASPETTI FISCALI CORPORATE GOVERNANCE

2 A. GENERALE A.1 Cos è l operazione (i.e., la Fusione Fiat Industrial e la Fusione CNH)? La fusione è una aggregazione societaria per effetto della quale Fiat Industrial S.p.A. e CNH Global N.V. si fonderanno per incorporazione in CNH Industrial N.V., la quale succederà in tutte le attività, le passività e in tutti gli altri rapporti giuridici delle due società. Le attività che saranno svolte da CNH Industrial, quale società incorporante e risultante dalla fusione, e dalle sue controllate a seguito del perfezionamento delle Fusioni saranno sostanzialmente le stesse svolte da Fiat Industrial e dalle sue controllate (inclusa CNH) prima del perfezionamento delle Fusioni. A.2 Quali sono le principali caratteristiche dell operazione proposta? La Fusione di Fiat Industrial e CNH è volta a creare un singolo emittente con quotazione al NYSE come Foreign Private Issuer e quotazione a Milano Struttura: Fiat Industrial e CNH si fonderanno ciascuna in una holding olandese di nuova costituzione, ossia CNH Industrial N.V. (CNH Industrial) gli azionisti di Fiat Industrial riceveranno 1 azione di CNH Industrial per ciascuna azione Fiat Industrial; gli azionisti di minoranza di CNH riceveranno 3,828 azioni di CNH Industrial per ciascuna azione di CNH. Tale rapporto di cambio è basato su prezzi precedenti a e, pertanto, non condizionati dall annuncio dell operazione, ossia sulla media mensile registrata fino al 4 aprile 2012, il giorno precedente l assemblea ordinaria annuale di Fiat Industrial quando l operazione è stata comunicata per la prima volta al mercato dal Presidente di Fiat Industrial; inoltre, come previsto dall accordo di fusione, in data 28 dicembre 2012 CNH ha pagato agli azionisti di minoranza di CNH un dividendo di 10 dollari per ciascuna azione ordinaria detenuta Governance: introduzione di una struttura di voto speciale volta a premiare l azionariato di lungo termine ed aumentare la stabilità della base azionaria. A.3 Perché questa struttura di operazione e non un incentivo ad uscire agli azionisti di minoranza di CNH oppure una fusione diretta di CNH in Fiat Industrial? L operazione proposta non è un incentivo ad uscire dal capitale, bensì un operazione finalizzata a creare valore per tutti gli azionisti di Fiat Industrial e CNH che beneficeranno della possibile assegnazione di un nuovo rating e di altri vantaggi (si veda la Domanda B.3) Il potenziale esercizio di diritti di recesso da parte di azionisti di Fiat Industrial e di opposizione da parte dei creditori è limitato in valore ad Euro 325 milioni in virtù di una condizione sospensiva al closing e, pertanto, l esborso massimo per la società sarà limitato. Un incentivo ad uscire dal capitale pagato per cassa non avrebbe consentito di conseguire tutti i vantaggi descritti ed avrebbe richiesto un esborso significativamente più elevato con potenziali conseguenze negative sul rating della società risultante dalla fusione Infine, saremo in grado di creare una struttura di voto speciale per gli azionisti di lungo termine Il sistema, simile a quello adottato da varie società francesi (ad esempio, Sanofi, LVMH, Pernod Ricard, PSA Peugeot), premia l azionariato di lungo termine ed aumenta la stabilità della base azionaria; La normativa italiana non consente la realizzazione di un sistema di voto simile 2

3 A.4 Perché costituire la società in Olanda e non in Italia? Lo spostamento della sede in Olanda risulta necessario al fine di perseguire gli obiettivi strategici del Gruppo Il principale obiettivo è quello di realizzare un più forte titolo azionario unico denominato in una singola valuta che creerà valore per tutti gli azionisti e consentirà al gruppo come riorganizzato di realizzare operazioni strategiche Vogliamo realizzare una piena riorganizzazione di Fiat Industrial e CNH sotto un unica società holding quotata senza impatti onerosi sul bilancio o CNH è società olandese e la normativa comunitaria consente la fusione trasfrontaliera di una società italiana ed una società olandese in modo simile ad una fusione che venga realizzata in un unico Stato Membro Vogliamo attuare un meccanismo che premi gli azionisti di lungo periodo e la normativa italiana non consente l assegnazione di azioni a voto multiplo o Ai sensi della normativa olandese è possibile realizzare un sistema di voto multiplo simile a quello francese Inoltre, CNH, che ha garantito la maggior parte dei ricavi e profitti del Gruppo Fiat Industrial, ha sede legale in Olanda ed è quotata negli Stati Uniti Infine, un ampio numero di gruppi industriali ha scelto storicamente di insediare le proprie società holding in Olanda alla luce dell ambiente societario favorevole ed internazionale Ulteriore incremento del profilo globale di Fiat Industrial e messa in evidenza della diversificazione internazionale delle attività e della base azionaria A.5 Perché state lasciando l Italia? Fiat Industrial non sta lasciando l Italia. Soltanto la società holding si sposterà in Olanda, mentre restano immutati le attività italiane ed un impegno generale nei confronti del paese Molte delle ragioni a sostegno della costituzione in Olanda sono legate alla normativa societaria e questa decisione non deve essere interpretata come l intenzione di ridurre la presenza di Fiat Industrial in Italia A.6 Quando è previsto il completamento dell Operazione? Attualmente si prevede che l Operazione sia completata nel corso del terzo trimestre del 2013, subordinatamente, tuttavia, al verificarsi di talune condizioni sospensive, molte delle quali non dipendono da Fiat Industrial e/o CNH. A.7 Quali sono i passaggi fondamentali dell operazione e la tempistica prevista? Le assemblee straordinarie di Fiat Industrial (9 luglio) e CNH (23 luglio) deliberano in merito alla fusione; Dall iscrizione della delibera di fusione di Fiat Industrial (pochi giorni dopo il 9 luglio) Periodo di 60 giorni per l opposizione dei creditori di Fiat Industrial Periodo di 15 giorni per l esercizio dei diritti di recesso degli azionisti di Fiat Industrial Il closing dell operazione sarà soggetto alla soddisfazione di alcune condizioni sospensive (importo massimo per Fiat Industrial relativo al possibile esborso conseguente ai recessi ed all opposizione dei creditori, quotazione ed altre condizioni di prassi) 3

4 Il completamento dell operazione è previsto durante il terzo trimestre del 2013 salva la soddisfazione di talune condizioni sospensive previste nell accordo di fusione, molte delle quali non rientrano nel controllo di Fiat Industrial o CNH A.8 Quali sono le condizioni fondamentali per il closing? L accordo di fusione prevede le seguenti condizioni sospensive Approvazione assembleare Limite di Euro 325 milioni all esborso totale per pagare gli azionisti recedenti ed i creditori che esercitino un diritto di opposizione; Ammissione a quotazione al NYSE da parte della SEC Altre condizioni di prassi A.9 Quali sono le approvazioni regolamentari o di altra natura richieste? Ammissione a quotazione al NYSE da parte della SEC Nessuna autorizzazione da parte di Consob per il completamento dell operazione; l autorizzazione Consob alla pubblicazione di un documento equivalente ad un prospetto sarà comunque richiesta ai fini della quotazione presso l MTA Nessuna autorizzazione Antitrust A.10 Il perfezionamento della fusione Fiat Industrial è condizionato all esercizio dei diritti dei creditori? Sì, la fusione di Fiat Industrial non diverrà efficace se non trascorsi 60 giorni dalla data di iscrizione presso il Registro delle Imprese di Torino del verbale dell assemblea straordinaria degli azionisti di Fiat Industrial. Se durante questo periodo di 60 giorni le opposizioni dei creditori di Fiat Industrial supereranno, assieme all ammontare che deve essere pagato agli azionisti che eserciteranno il loro diritto di recesso, la somma complessiva di Euro 325 milioni, una condizione cui è subordinata l operazione non si sarà verificata. A.11 Quali sono le conseguenze del mancato perfezionamento dell operazione? In caso di mancata approvazione da parte degli azionisti di Fiat Industrial o degli azionisti di CNH della fusione Fiat Industrial o della fusione CNH e delle delibere inerenti e conseguenti nell ambito delle assemblee straordinarie o in caso di mancato perfezionamento dell operazione per qualsivoglia altra ragione, gli azionisti di Fiat Industrial e gli azionisti di CNH continueranno a detenere le loro azioni ordinarie Fiat Industrial e/o azioni ordinarie CNH, a seconda del caso, e l esercizio del diritto di recesso da parte degli azionisti di Fiat Industrial non avrà efficacia. Fiat Industrial resterà una società quotata sull MTA. CNH resterà una società quotata sul NYSE e continuerà ad essere un emittente non USA soggetto agli obblighi informativi della SEC. In caso di risoluzione dell accordo di fusione, lo stesso prevede l obbligo per CNH di distribuire un dividendo pari a $10.00 per azione ordinaria CNH detenuta da FNH (o Fiat Industrial, nel caso in cui FNH sia fusa in Fiat Industrial). A.12 Quando si terranno le assemblee straordinarie di CNH e CNH Industrial? L assemblea straordinaria di CNH per l approvazione della relativa fusione in CNH Industrial è stata convocata per il 23 luglio 2013, mentre l assemblea straordinaria di CNH Industrial si terrà poco dopo. 4

5 A.13 Fiat Industrial sarà tenuta al pagamento di denaro a favore di CNH nel caso in cui l assemblea di Fiat Industrial non approvi la relativa fusione? No, Fiat Industrial non pagherà alcuna somma a CNH; ai sensi dell accordo di fusione, sia Fiat Industrial sia CNH potrebbero risolvere l accordo di fusione qualora l approvazione assembleare di Fiat Industrial o CNH richiesta per la realizzazione dell operazione non sia ottenuta in conseguenza del mancato conseguimento delle maggioranze di voto previste in tali sedi assembleari. In tal caso, l accordo di fusione sarà nullo e cesserà di avere qualsiasi effetto senza che alcuna responsabilità possa essere imputata a Fiat Industrial, FNH, CNHI o CNH ed i loro rispettivi amministratori e dipendenti. In ogni caso, indipendentemente dall effettiva esecuzione della fusione qualsiasi costo o spesa sostenuti in relazione all accordo di fusione ed alle operazioni colà previste resteranno a carico della parte che avrà sostenuto tali oneri salvo che l accordo di fusione preveda altrimenti. A.14 Il consiglio di amministrazione di Fiat Industrial e il consiglio di amministrazione di CNH raccomandano l approvazione della fusione e delle operazioni oggetto dell accordo di fusione? Sì. Il consiglio di amministrazione di Fiat Industrial ha attentamente valutato la prospettata fusione e all unanimità ha raccomandato agli azionisti di Fiat Industrial di votare a favore della fusione e dei progetti di fusione. Il consiglio di amministrazione di CNH, mediante i propri amministratori indipendenti e non in conflitto, ha attentamente valutato la prospettata Fusione e all unanimità ha raccomandato agli azionisti di CNH di votare a favore della fusione, dell accordo di fusione e delle operazioni oggetto dell accordo di fusione. A.15 In cosa consiste il cap di 325 milioni di euro? Il suddetto limite è una condizione sospensiva al closing delle fusioni. In particolare, qualora l ammontare dell esborso di cassa da parte di Fiat Industrial nei confronti dei propri creditori che esercitino diritti di opposizione ai sensi della normativa italiana e nei confronti dei propri azionisti che esercitino diritti di recesso ai sensi della medesima normativa superi complessivamente Euro 325 milioni, una condizione sospensiva al closing non risulterà soddisfatta. A.16 Quando Fiat Industrial procederà alla verifica dell eventuale superamento del cap di 325 milioni di euro? Il limite è riferito a due voci, di cui una relativa all ammontare da pagare agli azionisti che esercitino i propri diritti di recesso e la seconda relativa agli importi oggetto di opposizione da parte dei creditori di Fiat Industrial. Fiat Industrial verificherà l ammontare delle somme dovute agli azionisti recedenti ed ai creditori agenti in opposizione nei giorni lavorativi immediatamente seguenti la fine, rispettivamente, del periodo per l esercizio del diritto di recesso (ossia 15 giorni a partire dall iscrizione della delibera dell assemblea straordinaria di FI nel Registro delle Imprese di Torino) e del periodo di opposizione dei creditori (ossia 60 giorni a partire dall iscrizione della delibera dell assemblea straordinaria di FI nel Registro delle Imprese di Torino), o nei giorni immediatamente successivi, e comunicherà quindi al pubblico l eventuale soddisfazione delle relative condizioni sospensive. A.17 Perché non ha trovato applicazione con riferimento alla fusione di Fiat Industrial la procedura per operazioni con parti correlate? Come già comunicato al pubblico, la fusione Fiat Industrial beneficia dell ipotesi di esenzione prevista dall articolo 14 del Regolamento Consob e dall articolo 2.3 delle Procedure per operazioni con parti correlate adottate da Fiat Industrial. 5

6 B. OBIETTIVO DELL OPERAZIONE B.1 Qual è lo scopo dell operazione? Lo scopo dell operazione è fornire una soluzione alle seguenti tematiche: L esistenza di due distinti titoli azionari per Fiat Industrial e CNH, quotati su mercati diversi, è il risultato di una serie di operazioni realizzate nel tempo dal gruppo FIAT; la situazione attuale è onerosa e limita il valore da vari punti di vista La limitata diffusione dei titoli di CNH riduce la valutazione sia di CNH sia di Fiat Industrial (con un impatto anche sull andamento dei titoli) e rappresenta un ostacolo alla capacità del gruppo di capitalizzare sulle opportunità strategiche Limita la capacità dei principali investitori USA nel settore dei Capital Goods di assumere partecipazioni significative rispetto al capitale di CNH Implica uno sconto di società holding al livello di Fiat Industrial dovuta alla complessità della struttura societaria del gruppo Fiat Industrial Tali tematiche sono state amplificate a seguito della scissione di Fiat Industrial dal gruppo FIAT alla luce dell aumento di incidenza di CNH rispetto al gruppo Fiat Industrial B.2 Quali sono gli obiettivi perseguiti con l operazione? Quale sarà l impatto della Fusione rispetto ai programmi ed alle prospettive del gruppo Fiat Industrial? Il principale obiettivo dell operazione è semplificare la struttura societaria del gruppo Fiat Industrial creando un unica categoria di azioni quotate al NYSE e, successivamente, sull MTA. Da una prospettiva strategica ed operativa l operazione consentirà una piena integrazione delle attività controllate da Fiat Industrial, che al termine della fusione rappresenterà il terzo maggior gruppo nel mercato mondiale dei beni di capitale per vendite di attrezzature. Infine, si prevede che l operazione incrementi la flessibilità del Gruppo nel perseguire operazioni strategiche e nel premiare l azionariato di lungo periodo. B.3 Quali sono i benefici derivanti dall operazione? Si prevede che l operazione produca vari benefici per gli azionisti sia di Fiat Industrial sia di CNH e per le due società Mercati finanziari e valutazione creazione di un unica categoria di azioni quotate a New York e a Milano creazione di un gruppo realmente comparabile alle maggiori società nordamericane operanti nel settore dei capital goods incremento della liquidità e l attrazione di nuovi investitori con focus nel mercato dei capital goods, nonché l incremento della copertura del titolo da parte di analisti finanziari negli Stati Uniti possibilità di trarre un vantaggio derivante dall essere l unico produttore quotato di rilievo nel settore dell agricultural equipment in Europa eliminazione dello sconto derivante dall illiquidità di CNH e l ottenimento, nel corso del tempo, di una valutazione più in linea con quella degli altri operatori del settore dei capital goods agevolare l accesso ai mercati finanziari del debito statunitensi così riducendo il costo del funding 6

7 per il Gruppo miglioramento del profilo di credito ed accesso ad un più ampio serbatoio di liquidità riorganizzazione neutra fino a relativamente positiva in una prospettiva di rating (salvo l effetto dell esercizio di diritti di recesso) eliminazione di qualsiasi erronea percezione da parte del mercato in merito alla cassa di CNH detenuta presso Fiat Industrial Aspetti strategici ed operativi creazione di potenziali opportunità per il consolidamento a livello regionale delle piattaforme dei servizi finanziari e lo sviluppo in comune di nuove infrastrutture nei mercati in via di sviluppo acquisto di una maggiore dimensione nei principali mercati emergenti come, ad esempio, Cina, Brasile, Argentina, che consenta un esecuzione locale ancora più efficace semplificazione dei rapporti infra-gruppo CNH avrà pieno accesso al know how del settore powertrain aumentare la flessibilità nel perseguire operazioni strategiche mediante strumenti di equity incoraggiare e premiare l azionariato di lungo periodo 7

8 C. RAPPORTI DI CAMBIO C.1 Cosa riceveranno gli azionisti di Fiat Industrial nell ambito della fusione? Con l efficacia delle fusioni, ciascuna azione ordinaria Fiat Industrial attribuirà al suo titolare il diritto di ricevere una (1) azione ordinaria CNH Industrial, con valore nominale pari a 0.01 per azione. Inoltre, tutti gli azionisti di Fiat Industrial e di CNH che parteciperanno o saranno rappresentati mediante procura alla assemblea straordinaria rilevante che approverà la fusione (indipendentemente dal voto espresso in relazione alla fusione) e che continueranno a detenere le proprie azioni ordinarie Fiat Industrial e/o le azioni ordinarie di CNH dalla record date relativa all assemblea straordinaria fino alla data di efficacia della rispettiva fusione rilevante potranno decidere di ricevere una azione a voto speciale in aggiunta a ciascuna azione ordinaria CNH Industrial che sarà loro attribuita nell ambito della fusione. Ai fini dell assegnazione delle azioni a voto speciale, ciascun azionista dovrà essere in possesso dei requisiti previsti dai Termini e Condizioni delle Azioni a Voto Speciale e far avere a Fiat Industrial, tramite il proprio intermediario depositario, il modulo di richiesta (messo a disposizione sul sito internet di Fiat Industrial), debitamente compilato, entro il 30 luglio C.2 Come è stato determinato il rapporto di cambio? Il rapporto di cambio di 3,828 azioni ordinarie CNH Industrial per ogni azione CNH corrisponde al rapporto di cambio nel mese fino al 4 aprile 2012, prima che l operazione fosse pubblicamente menzionata dal Presidente di Fiat Industrial nel corso dell assemblea degli azionisti del 5 aprile Nell iniziale proposta presentata da Fiat Industrial il 30 maggio 2012, il rapporto di cambio era basato su prezzi di mercato undisturbed al fine di non attribuire un premio agli azionisti in senso lato, alla luce della mancanza di un evento di cambio di controllo o in assenza di sinergie significative da condividere. Nell ambito dell accordo di fusione, Fiat Industrial ha infine accettato il pagamento, a favore degli azionisti di minoranza CNH, di un dividendo straordinario in misura pari a 10,00 dollari USA per ciascuna azione ordinaria CNH (pagato in data 28 dicembre 2012) senza alcuna modificazione del rapporto di cambio. 8

9 D. DIRITTO DI RECESSO D.1 Gli azionisti di Fiat Industrial e/o gli azionisti di CNH sono legittimati ad esercitare il diritto di recesso, di riscatto o altri diritti simili? Gli azionisti di CNH non sono legittimati ad esercitare diritti di recesso, diritti di riscatto o altri diritti simili in relazione alla fusione di CNH. Ai sensi del diritto italiano, gli azionisti di Fiat Industrial che non abbiano concorso all approvazione della delibera dell assemblea straordinaria sono legittimati ad esercitare il diritto di recesso dal momento che, in conseguenza della fusione, la sede legale della società risultante dalla fusione, CNH Industrial, sarà al di fuori dell Italia, le azioni ordinarie Fiat Industrial saranno escluse dalla quotazione sull MTA e la società risultante dalla fusione, CNH Industrial, sarà regolata da una legge diversa da quella italiana. L esercizio del diritto di recesso acquisterà efficacia subordinatamente all efficacia della Fusione. D.2 Quali sono i requisiti da rispettare ai fini del diritto di recesso? Ai fini della legittimazione per l esercizio del diritto di recesso, i titolari di azioni Fiat Industrial in relazione alle quali il diritto di recesso sia esercitato dovranno possedere le azioni prima dell assemblea straordinaria e fino alla data di comunicazione di esercizio del diritto di recesso, nonché dovranno non aver votato in favore della fusione. D.3 Cosa devo fare per esercitare il diritto di recesso? Ai fini dell esercizio del diritto di recesso, gli azionisti legittimati dovranno inviare comunicazione scritta a Fiat Industrial mediante lettera raccomandata entro 15 giorni di calendario dalla data di iscrizione della relativa delibera. Tale comunicazione deve contenere: (i) le informazioni personali dell azionista recedente, ivi incluso il codice fiscale; (ii) i contatti dell azionista recedente ivi incluso il numero di telefono e, ove possibile, l indirizzo ai fini delle comunicazioni relative alla procedura; (iii) il numero e la categoria di azioni in relazione alle quali il diritto di recesso è esercitato. La comunicazione deve, altresì, fornire i dettagli dell intermediario presso cui le azioni sono detenute in conto, unitamente alla attestazione da parte dell azionista recedente che confermi che le azioni sono libere da ogni peso ed onere. L azionista recedente deve, al momento della comunicazione, anche richiedere che l intermediario invii a Fiat Industrial la certificazione attestante il possesso da parte dell azionista recedente delle azioni anteriormente all assemblea la cui delibera importa il sorgere del diritto di recesso e fino alla data della comunicazione. D.4 Quale sarà il prezzo che sarà pagato agli azionisti recedenti di Fiat Industrial? Gli azionisti recedenti di Fiat Industrial che esercitino validamente il proprio diritto di recesso riceveranno un importo di Euro 8,897 per ciascuna azione (corrispondente alla media dei prezzi di chiusura delle azioni ordinarie Fiat Industrial registrati nei 6 mesi precedenti la data di pubblicazione dell avviso di convocazione dell assemblea straordinaria), come specificato nello stesso avviso di convocazione. Ai sensi dell accordo di fusione, qualora l ammontare di denaro da pagarsi agli azionisti di Fiat Industrial in relazione all esercizio da parte di tali azionisti del diritto di recesso ai sensi della legge italiana, nonché ai creditori di Fiat Industrial che abbiano proposto opposizione sempre ai sensi della legge italiana sia complessivamente superiore a 325 milioni di euro, risulterà non essersi verificata una condizione 9

10 sospensiva al perfezionamento delle fusioni. D.5 Quando sarà pagato il prezzo di recesso? Il prezzo di recesso sarà pagato agli azionisti recedenti successivamente alla data di efficacia della fusione ai sensi delle applicabili disposizioni legislative e regolamentari e, in ogni caso, entro 180 giorni dalla comunicazione inviata dall azionista recedente. D.6 Posso vendere le mie azioni a seguito di esercizio del diritto di recesso? No, poiché le azioni saranno vendute obbligatoriamente per espressa previsione di legge. D.7 Se la fusione non diventa efficace, cosa accade alle mie azioni se esercito il diritto di recesso? Perderò in ogni caso la titolarità delle mie azioni? Se la fusione non acquista efficacia, l offerta delle azioni dei soci recedenti e l eventuale acquisto non diverranno efficaci a loro volta e lei resterà titolare delle azioni, ma non riceverà il prezzo di recesso. D.8 Se esercito il diritto di recesso, posso ricevere azioni a voto speciale? Un azionista Fiat Industrial non ha diritto a richiedere azioni a voto speciale relativamente alle azioni per le quali ha esercitato il diritto di recesso. 10

11 E. AZIONI A VOTO SPECIALE E.1 Potete descrivere quali siano gli obiettivi e la struttura del nuovo sistema di voto? E di fondamentale importanza per il gruppo derivante dalla riorganizzazione favorire lo sviluppo e il coinvolgimento costante di un nucleo di azioni di lungo periodo in modo tale da migliorare la flessibilità atta al perseguimento di opportunità strategiche Il meccanismo è strutturato in modo da funzionare in maniera analoga ai meccanismi adottati da molte società quotate francesi (e.g. Sanofi, LVMH, Pernod Ricard, PSA Peugeot, Michelin, Lafarge, PPR) Al perfezionamento delle fusioni, a seguito di richiesta in precedenza presentata da ciascun azionista di Fiat Industrial e di CNH alle rispettive Società, le azioni ordinarie CNH Industrial (che attribuiscono un diritto di voto) saranno iscritte in una sezione speciale del libro soci di CNH Industrial e sarà attribuito uno strumento finanziario aggiuntivo (l azione a voto speciale) Solo gli azionisti che siano presenti alle assemblee straordinarie chiamate ad approvare la fusione (anche per delega), a prescindere da come votino, e che continuino a possedere le proprie azioni dalla record date della relativa assemblea fino alla data di efficacia della fusione saranno legittimati a richiedere azioni a voto speciale Ogni azione a voto speciale attribuisce un solo diritto di voto e, pertanto, gli azionisti le cui azioni siano iscritte nel registro speciale e siano titolari di azioni a voto speciale avranno il doppio dei diritti di voto rispetto agli altri azionisti Le azioni a voto speciale non saranno negoziabili e avranno diritti economici minimi Gli azionisti iscritti nel registro speciale potranno, in qualunque momento, richiedere di riportare le proprie azioni ordinarie al sistema di negoziazione ordinario e vendere le loro azioni ordinarie La vendita delle azioni ordinarie sottostanti le azioni a voto special importa la cancellazione delle correlate azioni a voto speciale A seguito del perfezionamento della fusione e della quotazione, gli azionisti potranno richiedere il voto aggiuntivo, a condizione che le loro azioni ordinarie siano rimaste iscritte nella sezione speciale del libro soci per almeno 3 anni E.2 Quale è lo scopo perseguito mediante la struttura di voto speciale? CNH Industrial ha implementato la struttura di voto speciale al fine di promuovere il possesso di lungo periodo delle azioni ordinarie CNH Industrial e la stabilità della sua base azionaria attribuendo agli azionisti di lungo periodo l equivalente di due diritti di voto per ogni azione ordinaria CNH Industrial posseduta. Gli investitori dovrebbero considerare le azioni a voto speciale come un diritto di voto ulteriore attribuito alle azioni ordinarie dal momento che tali azioni a voto speciale non sono trasferibili (salvo che in alcuni specifici casi) e non attribuiscono diritti patrimoniali significativi. 11

12 E.3 Ho diritto di partecipare alla struttura di voto speciale? Quali sono le modalità per decidere di partecipare alla struttura di voto speciale? Sì, tutti gli azionisti di Fiat Industrial (e di CNH) in possesso di taluni requisiti potranno partecipare alla struttura di voto speciale richiedendo di ricevere un azione a voto speciale per ogni azione CNH Industrial che essi riceveranno nell ambito della (rispettiva) fusione. Con riferimento agli azionisti di Fiat Industrial, essi avranno diritto di partecipare a tale struttura se Fiat Industrial riceverà, entro il 30 luglio 2013, il modulo di richiesta messo a disposizione sul sito internet di Fiat Industrial (debitamente compilato e firmato dall azionista e controfirmato dal rispettivo intermediario depositario). I requisiti necessari a tale fine sono indicati nella nota informativa messa a disposizione sul sito internet di Fiat Industrial. E.4 Avrò diritto di decidere di partecipare alla struttura di voto speciale a seguito del perfezionamento dell operazione? In tale caso, quando e a che condizioni riceverò le azioni a voto speciale? A seguito del perfezionamento dell operazione, ciascun azionista di CNH Industrial potrà richiedere, in ogni momento, di partecipare alla struttura di voto speciale. Le azioni dell azionista richiedente saranno a tal fine iscritte nel registro speciale. Qualora le azioni ordinarie CNH Industrial restino iscritte nel registro speciale per un periodo ininterrotto di 3 anni a nome del medesimo azionista, tale azionista avrà il diritto di ricevere un azione a voto speciale per ognuna delle azioni ordinarie iscritte nel registro speciale. E.5 Che percentuale di diritti di voto avrò se scelgo di ricevere azioni a voto speciale? Non è possibile prevederlo ad oggi in quanto la percentuale di diritti di voto e il relativo peso dipenderà dal numero complessivo degli azionisti di Fiat Industrial e di CNH che richiederanno l assegnazione di azioni a voto speciale e dal rispettivo numero di azioni ordinarie possedute; si sottolinea che, se si richiede l assegnazione di azioni a voto speciale e si rispettano i relativi requisiti, si otterrà una azione a voto speciale per ogni azione ordinaria Fiat Industrial (o CNH) posseduta alla record date relativa alla rispettiva assemblea, a condizione che nessuna delle azioni in relazione alle quali è stata richiesta l assegnazione di azioni a voto speciale sia stata venduta. E.6 Quando saranno assegnate le azioni a voto speciale agli aventi diritto? Le azioni a voto speciale saranno assegnate agli aventi diritto a seguito del perfezionamento dell operazione. E.7 Le azioni a voto speciale saranno quotate sul NYSE e/o sull MTA? No, le azioni a voto speciale non saranno quotate. Le azioni a voto speciale non possono essere trasferite a terzi (tranne che in casi particolari, ad esempio a favore di società dello stesso gruppo, a parenti per via successoria o per donazione o per altri atti dispositivi, a CNH Industrial a titolo gratuito). E.8 Come si può determinare il valore economico delle azioni a voto speciale? Le azioni a voto speciale non attribuiscono diritti patrimoniali significativi e non sono trasferibili o negoziabili. Lo scopo perseguito mediante le azioni a voto speciale è di incentivare la titolarità a lungo termine delle azioni ordinarie CNH Industrial e di promuovere la stabilità della base azionaria di CNH Industrial. 12

13 E.9 Se decido di ricevere azioni a voto speciale, posso poi vendere le mie azioni ordinarie? Mentre le azioni ordinarie CNH Industrial sono sempre liberamente trasferibili, le azioni a voto speciale non possono essere trasferite a terzi. In qualunque momento un titolare di azioni ordinarie CNH Industrial che siano azioni ordinarie legittimate (i.e., azioni ordinarie per cui siano rispettati taluni requisiti ed iscritte nel registro speciale) intenda trasferire tali azioni ordinarie, salvo che in talune limitate ipotesi (ad esempio, essenzialmente, in caso di trasferimento a società controllate o sottoposte a comune controllo ovvero a congiunti in caso di successione o donazione tra persone fisiche), dovrà previamente richiedere che tali azioni ordinarie legittimate siano cancellate dal registro speciale. Successivamente alla cancellazione di tali azioni ordinarie CNH Industrial, il titolare di tali azioni dovrà offrire e trasferire le azioni a voto speciale associate a tali azioni CNH Industrial alla società stessa senza corrispettivo. E.10 Posso vendere le mie azioni a voto speciale? Nonostante l articolo 12 dello statuto di CNH Industrial consenta al consiglio di amministrazione di approvare trasferimenti delle azioni a voto speciale, le azioni a voto speciale non possono essere oggetto di negoziazione e sono trasferibili solo in limitate circostanze (ad esempio, essenzialmente, a società controllate o sottoposte a comune controllo ovvero a congiunti in caso di successione, donazione o altro trasferimento ovvero a CNH Industrial senza corrispettivo); il consiglio di amministrazione di CNH Industrial potrà autorizzare il trasferimento esclusivamente in tali limitate circostanze. Inoltre, non è possibile creare o acconsentire alla creazione di pegni, pesi, privilegi ovvero altri diritti o vincoli fissi o rotativi sulle azioni a voto speciale. E.11 Che documento devo compilare al fine di ricevere le azioni a voto speciale? Dove è disponibile tale documento? Che procedura bisogna seguire? Prima dell assemblea straordinaria di Fiat Industrial, è stato messo a disposizione sul sito internet di Fiat Industrial (www.fiatindustrial.com/investorrelations/shareholderinfo/shareholdermeetings) un modulo di richiesta. Tale modulo di richiesta deve essere debitamente compilato e sottoscritto, nonché trasmesso per il tramite del proprio intermediario depositario a Fiat Industrial, unitamente ad ogni eventuale ulteriore documento che sia necessario allegare allo stesso, in modo che Fiat Industrial lo riceva entro il 30 luglio Gli azionisti che esercitino il diritto di recesso in relazione alla delibera eventualmente adottata dall assemblea straordinaria non potranno richiedere l assegnazione di azioni a voto speciale. Nel modulo di richiesta pubblicato sul sito internet di Fiat Industrial sono disponibili tutte le informazioni necessarie e gli ulteriori dettagli. E.12 Come dovrà essere esercitato il voto speciale? Il consiglio di amministrazione di CNH Industrial individua ai sensi dello statuto la record date al ventottesimo giorno antecedente l assemblea in modo da stabilire quali siano gli azionisti legittimati a partecipare ed a esercitare il diritto di voto in tale assemblea. Esclusivamente coloro che risultino titolari delle azioni a tale data potranno partecipare ed esercitare il diritto di voto in assemblea. L avviso di convocazione dell assemblea dovrà individuare la record date e le modalità per la partecipazione e l esercizio del diritto di voto in assemblea. E.13 Come dovrò esercitare il diritto di voto attribuito alle azioni a voto speciale? Ciascuna azione a voto speciale dà diritto ad un voto. 13

14 E.14 Posso vendere le mie azioni Fiat Industrial dopo aver richiesto le azioni a voto speciale? Sì, ma in caso di trasferimento di tutte le azioni Fiat Industrial in relazione alle quali sia stata richiesta l assegnazione di azioni a voto speciale, non si avrà più diritto a ricevere l assegnazione delle corrispondenti azioni a voto speciale nel contesto della fusione. E.15 Devo comunicare a Fiat Industrial ogni trasferimento delle mie azioni Fiat Industrial? No. Le azioni Fiat Industrial in relazione alle quali sia richiesta l assegnazione di azioni a voto speciale saranno identificate con un codice ISIN speciale e, pertanto, al momento della vendita, l intermediario depositario provvederà a mutare il codice ISIN speciale nel codice ISIN ordinario. Quindi, l intermediario depositario provvederà a comunicare a Monte Titoli e Fiat Industrial la variazione del codice ISIN e l azionista non sarà più legittimato a ricevere le azioni a voto speciale nel contesto della fusione. E.16 Devo presentare una richiesta per la modifica del codice ISIN? No, Fiat Industrial ha richiesto ed ottenuto un nuovo codice ISIN a Banca d Italia ai fini della identificazione delle azioni Fiat Industrial in relazione alle quali sia stata richiesta l assegnazione di azioni a voto speciale. E.17 Devo pagare in relazione alla modifica del codice ISIN? No, la società non richiederà agli azionisti il pagamento di alcun importo in relazione alla modifica del codice ISIN. E.18 Posso richiedere l assegnazione di azioni a voto speciale solo in relazione ad una parte delle mie azioni Fiat Industrial? Sì, il numero di azioni Fiat Industrial in relazione alle quali sia richiesta l assegnazione di azioni a voto speciale è indicata dall azionista nel modulo di richiesta. E.19 Qualora io partecipi all assemblea straordinaria del 9 luglio, quando e a che condizioni riceverei le azioni a voto speciale? Tutte le informazioni necessarie ai fini dell assegnazione iniziale delle azioni a voto speciale sono contenute nella Nota informativa sulle azioni a voto speciale pubblicata sul sito di Fiat Industrial (www.fiatindustrial.com/investorrelations/shareholderinfo/shareholdermeetings), nel Modulo di Richiesta e nel Documento Informativo pubblicato ai sensi delle applicabili disposizioni legislative e regolamentari. Si noti che la partecipazione all assemblea straordinaria costituisce solo uno dei requisiti da rispettare al fine di essere legittimati a ricevere le azioni a voto speciale. Qualora tutti i requisiti siano rispettati, gli azionisti di Fiat Industrial avranno diritto di ricevere, nel contesto della fusione, un azione ordinaria CNH Industrial per ogni azione Fiat Industrial e un azione a voto speciale. Le azioni ordinarie CNH Industrial in relazione alle quali sia stata assegnata un azione a voto speciale saranno iscritte in un registro separato e, per tutto il tempo in cui resteranno iscritte in tale registro, le azioni a voto speciale non potranno essere vendute, fatte oggetto di atti di disposizione, trasferite, costituite in pegno o sottoposte ad qualsivoglia altro peso, privilegio ovvero altro diritto o vincolo fisso o rotativo, fatte salve talune predeterminate ipotesi (ad esempio, essenzialmente, a società controllate o sottoposte a comune controllo ovvero a congiunti in caso di successione, donazione o altro trasferimento delle azioni ordinarie associate). In qualunque momento, un titolare di azioni ordinarie iscritte nel registro speciale potrà richiedere la 14

15 cancellazione di tali azioni dal registro speciale ed il libero trasferimento mediante immissione nel sistema ordinario di negoziazione. Successivamente alla cancellazione dal registro speciale, tali azioni sarnno liberamente trasferibili e le azioni a voto speciale dovranno essere trasferite a CNH Industrial senza corrispettivo. 15

16 F. QUOTAZIONE F.1 Dove sarà quotata la società? La società sarà quotata sul New York Stock Exchange (NYSE) come Foreign Private Issuer, nonché sul Mercato Telematico Azionario (MTA). Pertanto, le azioni CNH Industrial potranno essere negoziate indifferentemente sul NYSE (in dollari statunitensi) ovvero sull MTA (in euro), previo relativo accordo con l intermediario depositario. Le azioni a voto speciale mediante le quali è implementata la struttura a voto speciale non saranno quotate e non saranno trasferibili o negoziabili. F.2 Se la fusione si perfeziona, le mie azioni CNH Industrial saranno ammesse a negoziazione? Le azioni CNH Industrial saranno quotate sul NYSE nonché sull MTA dopo l efficacia dell operazione, previa approvazione da parte delle competenti autorità italiane. L ammissione a quotazione sul NYSE (con provvedimento subordinato all emissione delle azioni) delle azioni ordinarie CNH Industrial costituisce una condizione sospensiva dell operazione. Le azioni a voto speciale mediante le quali è implementata la struttura a voto speciale non saranno quotate e non saranno trasferibili o negoziabili. F.3 Quali sono i benefici derivanti dalla doppia quotazione sul NYSE e sul Mercato Telematico Azionario? L emissione di un unica classe di azioni negoziate sul New York Stock Exchange e, successivamente, sull MTA dovrebbe comportare, a nostro avviso, i seguenti benefici: la creazione di un unica classe di azioni negoziate sul NYSE e sull MTA; la creazione di un gruppo realmente comparabile alle maggiori società nordamericane operanti nel settore dei capital goods, sia per dimensioni sia per capacità di attrarre investitori; l incremento della liquidità e l attrazione di nuovi investitori con focus nel mercato dei capital goods, nonché l incremento della copertura del titolo da parte di analisti finanziari negli Stati Uniti; la possibilità di trarre un vantaggio derivante dall essere l unico produttore quotato di rilievo nel settore dell agricultural equipment in Europa; l eliminazione dello sconto derivante dall illiquidità di CNH e l ottenimento, nel corso del tempo, di una valutazione più in linea con quella degli altri operatori del settore dei capital goods; la possibilità di migliorare il profilo di credito e l accesso ai mercati dei capitali, ampliando le potenziali fonti di finanziamento. F.4 Quale è la ragione della quotazione negli Stati Uniti in aggiunta alla quotazione in Italia? La quotazione negli Stati Uniti presenta molti vantaggi e si attaglia perfettamente alle caratteristiche del gruppo migliora la comparabilità con i maggiori operatori nel settore dei capital goods, massimizzando la possibilità di migliorare il profilo di credito e accrescendo la creazione di valore per gli azionisti; l attrazione di nuovi investitori con focus nel mercato dei capital goods nonché l incremento della 16

17 copertura del titolo da parte di analisti finanziari negli Stati Uniti; l incremento della liquidità ed una maggiore penetrazione a livello di investitori istituzionali; maggiore facilità di accesso al mercato del debito statunitense; inoltre, CNH è già quotata sul NYSE. In aggiunta a tali benefici, la quotazione in Italia consentirà di: avere anche accesso agli investitori europei, considerato che non esiste un produttore di macchine agricole quotato in Europa; venire incontro alle esigenze degli attuali investitori di Fiat Industrial, che potrebbero essere limitate in ipotesi di investimento su un titolo non quotato in Europa; minimizzare la discontinuità per gli azionisti di Fiat Industrial. F.5 Posso scegliere se avere le mie azioni quotate sul NYSE o sull MTA? Tutte le azioni saranno negoziabili sia sul NYSE, in dollari statunitensi, o sull MTA, in euro (fatte salve quelle iscritte nel registro speciale). In una prima fase, le azioni assegnate ai vecchi azionisti di CNH saranno immesse nel sistema di gestione organizzato da DTC ai fini della negoziazione sul NYSE e le azioni assegnate ai vecchi azionisti di Fiat Industrial saranno detenute per il tramite di Monte Titoli ai fini della negoziazione sull MTA. In ogni caso, tutte le azioni ordianrie saranno negoziabili sul NYSE o sull MTA a richiesta del relativo titolare sin dal primo giorno di quotazione. F.6 A quanto ammontano i costi che dovrò sostenere in relazione all assegnazione delle azioni ordinarie CNH Industrial? La società non Le addebiterà alcun costo in relazione all assegnazione delle azioni ordinarie CNH Industrial alla data di efficacia della fusione. Con riguardo ai costi relativi alla successiva negoziazione delle azioni ordinarie, consigliamo di verificare tale aspetto con il Suo intermediario autorizzato. F.7 Quando avranno inizio le negoziazioni sull MTA? Si prevede che le negoziazioni sull MTA avranno inizio dopo l inizio delle negoziazione sul NYSE. F.8 Quale sarà l ultimo giorno di negoziazione delle azioni Fiat Industrial? Ove tale data non sia conosciuta ad oggi, quando e come ne saremo informati? In relazione alla complessità della complessiva operazione e al fatto che la medesima è soggetta a varie condizioni, al momento non è possibile conoscere con certezza la data dell ultimo giorno di negoziazione del titolo Fiat Industrial. Attualmente è ragionevole stimare entro la fine del 3 trimestre 2013 la conclusione dell intera operazione di riorganizzazione. A tal riguardo sarà cura della società informare tempestivamente il mercato e gli azionisti, attraverso la pubblicazione di un avviso e la diffusione di un comunicato stampa contenente tutte le informazioni rilevanti. F.9 Quando riceverò le azioni CNH Industrial in cambio delle mie azioni Fiat Industrial? Sull assunto che la fusione si perfezioni, le registrazioni in conto che rappresentano le azioni ordinarie Fiat Industrial presso gli intermediari depositari partecipanti al sistema di gestione accentrata organizzato e gestito da Monte Titoli saranno sostituite da registrazioni in conto rappresentative delle azioni ordinarie CNH Industrial da assegnare agli azionisti di Fiat Industrial sulla base del rapporto di 17

18 cambio e senza interessi, al terzo giorno di mercato aperto successivo all ultimo giorno di negoziazione delle azioni Fiat Industrial e dopo il perfezionamento della fusione. 18

19 G. ASPETTI FISCALI G.1 Quali sono la conseguenze rilevanti della fusione di Fiat Industrial per gli azionisti di Fiat Industrial? Le conseguenze fiscali della fusione di Fiat Industrial per gli azionisti dipendono dalla situazione specifica di ognuno. Di conseguenza, gli azionisti sono invitati a consultare i propri consulenti fiscali al fine di determinare le conseguenze fiscali della fusione alla luce delle proprie particolari situazioni e della normativa fiscale del Paese in cui sono residenti. G.2 Quali sono le conseguenze fiscali per gli azionisti italiani di Fiat Industrial della scelta di sottoscrivere azioni a voto speciale? Se un azionista italiano sceglie di sottoscrivere le azioni a voto speciale, tale azionista non realizza un ammontare significativo di utile al momento del ricevimento delle azioni a voto speciale. Tuttavia non esistono ad oggi chiarimenti o prese di posizione ufficiali in merito al trattamento fiscale dell attribuzione di azioni a voto speciale e gli azionisti sono invitati a consultare i propri consulenti fiscali al fine di chiarire il relativo trattamento fiscale. Le plusvalenze realizzate tramite la vendita delle azioni ordinarie depositate presso la sezione speciale del Libro Soci a seguito della scelta di sottoscrivere azioni a voto speciale e i dividendi ricevuti sono soggetti a tassazione in Italia sulla base delle regole di tassazione ordinariamente applicabili alla tipologia di azionista. G.3 Quale sarà il regime applicabile a persone fisiche residenti in Italia che a seguito della fusione avranno azioni in CNH Industrial? Le plusvalenze realizzate da persone fisiche residenti in Italia nella cessione di azioni o diritti in CNH Industrial sono soggette all imposta sostitutiva del 20%. I dividendi pagati da CNH Industrial ad azionisti persone fisiche sono soggetti all imposta del 20% in Italia. I dividendi non sono soggetti ad alcuna ulteriore tassazione all estero a condizione CNH Industrial ottenga una risposta positiva alla procedura amichevole instaurata tra le Autorità fiscali olandesi e inglesi finalizzata a concordare l esclusiva residenza fiscale nel Regno Unito di CNH Industrial. La società è fiduciosa nel risultato positivo della procedura amichevole. Nel caso di risposta negativa, i dividendi sarebbero soggetti ad un ulteriore ritenuta estera del 15% che ridurrebbe la base imponibile su cui viene applicata la tassazione del 20%. G.4 Quale sarà il regime applicabile a società residenti in Italia che a seguito della fusione avranno azioni in CNH Industrial? Le plusvalenze realizzate da società residenti Italia nella cessione di azioni o diritti in CNH Industrial beneficiano dell esenzione al 95%, a condizione che siano rispettate alcune condizioni previste dalla normativa italiana. La medesima esenzione del 95% si applica ai dividendi pagati da CNH Industrial ad azionisti italiani soggetti all imposta sul reddito delle persone giuridiche. Il rimanente 5% dei dividendi è soggetto all ordinaria tassazione IRES applicabile alle società residenti in Italia. I dividendi non sono soggetti ad alcuna ulteriore tassazione all estero a condizione che CNH Industrial ottenga una risposta positiva alla procedura amichevole instaurata tra le Autorità fiscali olandesi e inglesi finalizzata a concordare l esclusiva residenza fiscale nel Regno Unito di CNH Industrial. La società è fiduciosa nel risultato positivo della procedura amichevole. Nel caso di risposta negativa, i dividendi sarebbero soggetti ad un ulteriore ritenuta estera del 15% a meno che la società italiana possegga una partecipazione superiore al 19

20 5% del capitale sociale o che attribuisca diritti di voto superiori al 5%. G.5 Quale sarà il regime applicabile a fondi pensione italiani che a seguito della fusione avranno azioni in CNH Industrial? Le plusvalenze realizzate da fondi pensioni italiani non sono soggetti a ritenute alla fonte o ad imposte sostitutive. Le plusvalenze e minusvalenze devono essere incluse nel risultato della gestione maturato a fine esercizio ed assoggettate all imposta sostitutiva dell 11%. I dividendi pagati a fondi pensione italiani devono in linea di principio essere inclusi nel risultato della gestione maturato a fine esercizio ed assoggettati all imposta sostitutiva dell 11%. I dividendi non sono soggetti ad alcuna ulteriore tassazione all estero a condizione che CNH Industrial ottenga una risposta positiva alla procedura amichevole instaurata tra le Autorità fiscali olandesi e inglesi finalizzata a concordare l esclusiva residenza fiscale nel Regno Unito di CNH Industrial. La società è fiduciosa nel risultato positivo della procedura amichevole. Nel caso di risposta negativa, i dividendi sarebbero soggetti ad un ulteriore ritenuta estera del 15%. Qualora fossero soddisfatte specifiche condizioni previste dalla normativa estera, i fondi pensioni potrebbero beneficiare del rimborso della ritenuta estera sui dividendi. G.6 Quale sarà il regime applicabile a fondi d investimento italiani e SICAV che a seguito della fusione avranno azioni in CNH Industrial? Le plusvalenze realizzate da fondi comuni d investimento italiani e dalle SICAV non sono soggette a ritenute alla fonte o ad imposte sostitutive. Le plusvalenze e minusvalenze concorrono all utile complessivo dei fondi e delle SICAV. L utile non è assoggettato ad imposte sostitutive, tuttavia le distribuzioni effettuate dal fondo o SICAV possono in determinate circostanze essere assoggettate ad una ritenuta alla fonte del 20%. I dividendi pagati ai fondi comuni d investimento italiani e alle SICAV non sono soggetti ad alcuna tassazione per il fondo o la SICAV. Inoltre, i dividendi ricevuti dai fondi o SICAV non sono soggetti ad alcuna ulteriore tassazione all estero a condizione che CNH Industrial ottenga una risposta positiva alla procedura amichevole instaurata tra le Autorità fiscali olandesi e inglesi finalizzata a concordare l esclusiva residenza fiscale nel Regno Unito di CNH Industrial. La società è fiduciosa nel risultato positivo della procedura amichevole. Nel caso di risposta negativa, i dividendi sarebbero soggetti ad un ulteriore ritenuta estera del 15%. Qualora fossero soddisfatte specifiche condizioni previste dalla normativa estera, i fondi e le SICAV potrebbero beneficiare del rimborso della ritenuta estera sui dividendi. 20

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la "Società"):

Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la Società): 24 luglio 2014 Comunicazione ai titolari di Azioni dei seguenti comparti di GO UCITS ETF Solutions Plc (già ETFX Fund Company Plc) (la "Società"): ETFS WNA Global Nuclear Energy GO UCITS ETF (ISIN: IE00B3C94706)

Dettagli

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA Mid Industry Capital S.p.A Sede Legale Galleria Sala dei Longobardi 2, 20121 Milano Cod. Fisc. e P.IVA R.I. Milano 05244910963, R.E.A. Mi 1806317, Capitale Sociale Euro 5.000.225 i.v. CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Articolo 1 Oggetto e Ambito di applicazione dell Accordo Le autorità

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE

PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI MEDIOLANUM S.P.A. IN BANCA MEDIOLANUM S.P.A. *** *** *** REDATTO AI SENSI E PER GLI EFFETTI DELL ARTICOLO 2501-TER DEL CODICE CIVILE PREMESSA A norma dell articolo

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

Maggio 2014. Guida dell Azionista

Maggio 2014. Guida dell Azionista Maggio 2014 Guida dell Azionista Con la presente Guida intendiamo offrire un utile supporto ai nostri azionisti, evidenziando i diritti connessi alle azioni possedute e consentendo loro di instaurare un

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BORSA

INTRODUZIONE ALLA BORSA INTRODUZIONE ALLA BORSA Informazioni guida per gli insegnanti delle scuole superiori CHE COSA È LA BORSA? Una piazza, dove avviene la compravvendita di titoli. La determinazione delle quotazioni è di solito

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life 3 Indice 1. Autorizzazione e valori depositati 4 2. Apertura di un deposito 4 3. Autorizzazione di iscrizione

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato con delibera n.

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 e dell art. 12 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato

Dettagli

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti.

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. LINEA INVESTIMENTO GUIDA AI PRODOTTI Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti!

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI )

( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI ) ( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI ) PROCEDURA RELATIVA ALLA TENUTA E AGGIORNAMENTO DEL REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO AD INFORMAZIONI PRIVILEGIATE IN GIOVANNI CRESPI SPA Approvata dal Consiglio

Dettagli

Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi -

Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi - Dal Decreto Sviluppo al Decreto Destinazione Italia con i MINI BOND per il rilancio delle PMI Italiane - un alternativa alla crisi - di Mario Gabbrielli, Davide D Affronto, Rossana Bellina, Paolo Chiappa

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE)

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) Regolamento (CEE) n. 2137/85 del Consiglio del 25 luglio 1985 Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) EPC Med - GEIE Via P.pe di Villafranca 91, 90141 Palermo tel: +39(0)91.6251684

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013 L accertamento delle cause di scioglimento ai sensi dell art. 2484 c.c. e gli adempimenti pubblicitari conseguenti per Società di Capitali e Cooperative. 1 L art. 2484 c.c., rubricato Cause di scioglimento,

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v.

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. Partita IVA, codice fiscale ed iscrizione presso il registro delle imprese di Roma n. 08028081001

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

COMUNICATO STAMPA PROROGATE LE OFFERTE VINCOLANTI DI GALA HOLDING S.R.L. AD EEMS ITALIA S.P.A. E DI GALA S.P.A. A SOLSONICA S.P.A.

COMUNICATO STAMPA PROROGATE LE OFFERTE VINCOLANTI DI GALA HOLDING S.R.L. AD EEMS ITALIA S.P.A. E DI GALA S.P.A. A SOLSONICA S.P.A. COMUNICATO STAMPA PROROGATE LE OFFERTE VINCOLANTI DI GALA HOLDING S.R.L. AD EEMS ITALIA S.P.A. E DI GALA S.P.A. A SOLSONICA S.P.A. Le offerte sono parte del più ampio progetto d integrazione tra il Gruppo

Dettagli

BNP Paribas CARDIF VITA Compagnia di Assicurazione e Riassicurazione S.p.A. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili

BNP Paribas CARDIF VITA Compagnia di Assicurazione e Riassicurazione S.p.A. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili BNP Paribas CARDIF VITA Compagnia di Assicurazione e Riassicurazione S.p.A. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili Mod. T915 Ed. 07/2014 BNL Risparmio Prodotto EVPH Il presente

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le società di capitali Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le Società per azioni Art. 2325. Responsabilità. Nella societa' per azioni per le obbligazioni

Dettagli

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile.

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. Signori Azionisti, come illustrato nella Relazione sulla

Dettagli

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L.

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L. INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N. 11971 RELATIVE AL PATTO PARASOCIALE FRA EQUILYBRA CAPITAL PARTNERS S.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri. La società tra professionisti

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri. La società tra professionisti Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri La società tra professionisti (c.r.385) Roma, maggio 2013 Ing. Armando Zambrano Ing. Fabio Bonfà Ing. Gianni Massa Ing. Riccardo Pellegatta Ing. Michele Lapenna

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali

Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali Si è cercato il punto di equilibrio tra la tutela dei soci e la salvaguardia del buon funzionamento della società e della certezza dei rapporti societari

Dettagli

STATUTO DELLA S.I.A.

STATUTO DELLA S.I.A. STATUTO DELLA S.I.A. Art. 1 È costituita a tempo indeterminato una Associazione sotto la denominazione Società Italiana di Agopuntura S.I.A. Art. 2 La Società Italiana di Agopuntura ha lo scopo di dare

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via 1 ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via Pitagora n. 7 alle ore 20,00 si sono riuniti i Sigg.: - Iacobellis

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO Modello B Comune di Saluzzo Via Macallè, 9 12037 SALUZZO PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DELLA POLIZZA DI ASSICURAZIONE A FAVORE DEL COMUNE DI SALUZZO RELATIVA A INCENDIO E ALTRI EVENTI, FURTO E

Dettagli

Emittente: Exprivia S.p.A Sito Web: www.exprivia.it AL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. E S.M.I.

Emittente: Exprivia S.p.A Sito Web: www.exprivia.it AL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. E S.M.I. Statuto sociale con evidenza delle modifiche approvate (AI SENSI DELL ART. IA.2.3.1, CO. 2 DELLE ISTRUZIONI AL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. E S.M.I.) Emittente:

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI La Direttiva MIFID (2004/39/CE), relativa ai mercati degli strumenti finanziari, introduce

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Redatto ai sensi dell art. 5 del Regolamento approvato dalla Consob con Delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, e successive modificazioni PROROGA DELLA FIDEIUSSIONE DA PARTE DELL AZIONISTA

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Re: Cessione di crediti pubblici assistiti da garanzia dello Stato

Re: Cessione di crediti pubblici assistiti da garanzia dello Stato ORRICK, HERRINGTON & SUTCLIFFE CORSO MATTEOTTI, 10 20121 MILANO, ITALIA TEL +39 02 45 41 3800 FAX +39 02 45 41 3801 PIAZZA DELLA CROCE ROSSA, 2 00161 ROMA, ITALIA TEL +39 06 45 21 3900 FAX +39 06 68 19

Dettagli

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno di martedì trenta del mese di giugno, alle ore 10 e

Dettagli

Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione

Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione Articolo 1 - Costituzione E' costituita una Associazione denominata: Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione (CIIP)

Dettagli

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Comitato per la Corporate Governance La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Gabriele Galateri di Genola e Carmine Di Noia Milano, 16 aprile 2014 1 La disclosure della corporate

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

"OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI

OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI "OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI Ai sensi dell art. 114, comma 7, D. Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 e dal Regolamento Emittenti adottato dalla Consob

Dettagli