Piano di Montaggio, Uso e Smontaggio del Ponteggio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piano di Montaggio, Uso e Smontaggio del Ponteggio"

Transcript

1 Impresa Edile CAMBI ENRICO Via Bligny 34/A Prato Piano di Montaggio, Uso e Smontaggio del Ponteggio OGGETTO: UBICAZIONE: COMMITTENTE: Rifacimento della copertura oltre ad opere interne ad edificio ad uso residenziale di due piani fuori terra. Via dell Orto,14 Comune di Scandicci (FI) Carcasci Enrico Prato, lì 28/07/2014 F.to Il Titolare/Leg. rappresentante (timbro e firma)

2 Piano di Montaggio, Uso e Smontaggio del Ponteggio Impresa Edile CAMBI ENRICO Sommario ELENCO ALLEGATI...2 DATI GENERALI DELL INTERVENTO...3 DATI IDENTIFICATIVI DELL IMPRESA ESECUTRICE...3 DESCRIZIONE DEL CANTIERE, DEL CONTESTO E DELL OPERA...3 DESCRIZIONE DELLE OPERE DELLA DITTA CAMBI ENRICO...4 DATI GENERALI DELL IMPRESA ESECUTRICE...4 VERIFICHE DEGLI ELEMENTI DI PONTEGGIO PRIMA DI OGNI MONTAGGIO...5 MONTAGGIO DEL PONTEGGIO...7 VERIFICHE DURANTE L USO DEI PONTEGGI METALLICI...10 PIANO D USO DEL PONTEGGIO...11 SMONTAGGIO DEL PONTEGGIO...12 DISPOSITIVI DI ARRESTO CADUTA IMPIEGATI DURANTE LE FASI DI MONTAGGIO, SMONTAGGIO E TRASFORMAZIONE DEL PONTEGGIO...13 LAVORATORI ADDETTI ALLE OPERAZIONI DI MONTAGGIO, SMONTAGGIO E TRASFORMAZIONE DEL PONTEGGIO...14 ELENCO ALLEGATI 1. Attestati di frequenza del corso per Pontisti degli operatori 2. Libretto di istruzioni del ponteggio Autorizzazione Ministeriale (estratto) 3. Scheda tecnica per l uso del parapetto SPONDA SICURA della TRACTEL Italia S.p.A. 4. Istruzioni per l uso e la manutenzione della LINEA VITA PER PONTEGGI SAFETY LINE 5. Grafici del ponteggio Cantiere Via dell Orto, 14 Comune di Scandicci (FI) 2

3 Piano di Montaggio, Uso e Smontaggio del Ponteggio Impresa Edile CAMBI ENRICO DATI GENERALI DELL INTERVENTO Caratteristiche generali dell opera: Natura dell'opera: Rifacimento della copertura oltre ad opere interne ad edificio ad uso residenziale di due piani fuori terra. Indirizzo del CANTIERE: Località: Via Dell Orto, 14 Comune: Comune di Scandicci (FI) DATI IDENTIFICATIVI DELL IMPRESA ESECUTRICE DATI IMPRESA: Impresa: Subappaltatrice Ragione sociale: Impresa Edile CAMBI ENRICO Datore di lavoro: Enrico Cambi Sede: Via Bligny, 34/A CAP: Comune: Prato (PO) Telefono cell.: Telefono: Fax: Codice Fiscale: CMBNRC64A01G999N Partita IVA: Posizione INPS: Prato Posizione INAIL: Prato Cassa Edile: 2068 Prato Categoria ISTAT: Imprese di costruzioni edili Registro Imprese (C.C.I.A.A.): PO Tipologia Lavori: murature, restauri, nuove costruzioni, ristrutturazioni Data inizio attività: 09/01/2007 Contratto CCNL applicato: Edilizia Artigianato DESCRIZIONE DEL CANTIERE, DEL CONTESTO E DELL OPERA DESCRIZIONE SINTETICA DELL OPERA I lavori riguardano la ristrutturazione di un edificio esistente con due lati liberi da fabbricati. La parte frontale e' prospiciente ad un ampio marciapiede comunale dove saranno posizionati i ponteggi e l'area per l lo stoccaggio dei materiali a cavallo con la carreggiata stradale. Sulla parte tergale dell'edificio e' presente una terrazza in cui saranno allestiti i ponteggi per i lavori in copertura. L'immobile si trova al primo piano ed ultimo dell'edificio ed occupa l'intero piano. Le opere che saranno eseguite nell'immobile riguardano il rifacimento della copertura a capanna ed il suo rialzamento con l'inserimento del cordolo strutturale. Inoltre l'appartamento sarà oggetto di una diversa distribuzione degli spazi interni, il rifacimento degli impianti, dei pavimenti, degli intonaci e dell'imbiancatura. Inoltre saranno sostituiti gli infissi e la botola d'accesso al sottotetto quale via di accesso alla copertura. Cantiere Via dell Orto, 14 Comune di Scandicci (FI) 3

4 Piano di Montaggio, Uso e Smontaggio del Ponteggio Impresa Edile CAMBI ENRICO DESCRIZIONE DELLE OPERE DELLA DITTA CAMBI ENRICO L Impresa Edile CAMBI ENRICO è stata incaricata della realizzazione del ponteggio metallico esterno per la realizzazione dei lavori previsti di rifacimento e rialzamento della copertura. Il lavoro interesserà tutta la copertura, ad esclusione del tetto del locale lavanderia posto sul terrazzo tergale. Il ponteggio verrà realizzato a inizio lavori, modificato durante i lavori e smontato al termine dei lavori alla copertura. Il ponteggio in oggetto verrà realizzato per la messa in sicurezza della copertura, per consentire cioè di svolgere le opere in quota eliminando il pericolo di caduta dall alto. Verrà inoltre utilizzato per il trasporto del materiale in quota con l impiego di un dispositivo di tiro di portata inferiore a 200 kg. Il ponteggio risulterà completo solo in corrispondenza dell ultimo impalcato, quello sottogronda, ove svolgerà la funzione di parapetto e di passaggio sicuri. Il ponteggio risulterà completo anche nelle zone interessate dai percorsi di accesso degli addetti, in particolare si avrà un accesso sul fronte e uno sul retro. Tali aree saranno dotate di scale, parapetti, fermapiedi e quant altro. Il ponteggio verrà realizzato in due fasi per assecondare i lavori di demolizione e di costruzione. NON E PREVISTA LA REDAZIONE DEL PROGETTO DEL PONTEGGIO FIRMATO DA UN TECNICO ABILITATO (ingegnere o architetto) IN QUANTO IL PONTEGGIO IN OGGETTO VERRA REALIZZATO SECONDO LO SCHEMA TIPO PREVISTO NELL AUTORIZZAZIONE MINISTERIALE DEL PONTEGGIO STESSO. L Impresa Edile CAMBI ENRICO eseguirà il montaggio, l eventuale trasformazione e lo smontaggio del ponteggio utilizzando un sistema di protezione collettiva SPONDA SICURA della TRACTEL Italia S.p.A. oppure una linea di ancoraggio flessibile orizzontale della FOL s.a.s.. DATI GENERALI DELL IMPRESA ESECUTRICE Ragione sociale: Impresa Edile CAMBI ENRICO Datore di lavoro: Enrico Cambi Sede: Via Bligny, 34/A CAP: Comune: Prato (PO) Telefono cell.: Telefono: Fax: Codice Fiscale: CMBNRC64A01G999N Partita IVA: Posizione INPS: Prato Posizione INAIL: Prato Cassa Edile: 2068 Prato Categoria ISTAT: Imprese di costruzioni edili Registro Imprese (C.C.I.A.A.): PO Tipologia Lavori: murature, restauri, nuove costruzioni, ristrutturazioni Data inizio attività: 09/01/2007 Contratto CCNL applicato: Edilizia Artigianato Cantiere Via dell Orto, 14 Comune di Scandicci (FI) 4

5 Piano di Montaggio, Uso e Smontaggio del Ponteggio Impresa Edile CAMBI ENRICO TIPOLOGIA DEL PONTEGGIO E SUE CARATTERISTICHE TIPOLOGIA: ponteggio metallico a telaio prefabbricato a portale 105/180 perni in acciaio EDILponte AUTORIZZAZIONE MINISTERIALE: Prot. N.15/VI/ del 04/10/2005 CARATTERISTICHE DEL PONTEGGIO E DEI MATERIALI UTILIZZATI (vedi libretto) TIPOLOGIA DELL ACCIAIO DEI TUBI: Fe 360 MODULO ELASTICO ACCIAIO: Kg/cmq TENSIONE DI SNERVAMENTO DELL ACCAIO: Kg/cmq 2400 TENSIONE AMMISSIBILE A TRAZIONE E COMPRESSIONE: Kg/cmq 1600 TENSIONE AMMISSIBILE A TAGLIO: Kg/cmq 923 CARATTERISTICHE DEL PONTEGGIO IN ESECUZIONE Tipologia del lavoro: Lavori di manutenzione n.totale campate: n.totale impalcati: interasse longitudinale dei montanti: m 1.80 interasse trasversale dei montanti: m 1.05 CONTROLLI PRELIMINARI Il Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale ha emanato, nel luglio del 2000, una circolare riguardante le "Verifiche di sicurezza dei ponteggi metallici fissi di cui all art. 30 del DPR 7 gennaio 1956, n. 164." (Circolare n /07/ 2000). Le disposizioni contenute in tale circolare costituiscono, in sostanza, delle Linee guida che specificano i controlli che si ritiene l utilizzatore debba necessariamente eseguire prima di ogni montaggio e durante l uso del ponteggi, partendo dal presupposto che la stabilità e la sicurezza strutturale del ponteggio dipendono da numerosi parametri: frequenza di utilizzo, numero di montaggi e smontaggi, utilizzo conforme alle caratteristiche del ponteggio, corretto stoccaggio nelle fasi di non utilizzo, ambiente di lavoro, stato di conservazione. Per ciascuna tipologia costruttiva vengono segnalati gli elementi principali in cui eventuali anomalie riscontrate potrebbero influire sulla stabilità complessiva del sistema o ridurre la sicurezza dei lavoratori, focalizzando l'attenzione su tutte le verifiche da effettuare durante le fasi di montaggio e, successivamente, durante il periodo d'uso della attrezzatura. Si riportano di seguito le tabelle della Circolare. VERIFICHE DEGLI ELEMENTI DI PONTEGGIO PRIMA DI OGNI MONTAGGIO A -PONTEGGIO METALLICO A TELAI PREFABBRICATI Elementi Tipo di verifica Modalità di verifica Misura adottata GENERALE Controllo esistenza del libretto di cui all autorizzazione ministeriale, rilasciata dal Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Visivo Controllo che gli elementi in tubi e giunti, eventualmente utilizzati, Visivo siano di tipo autorizzato appartenenti ad unico fabbricante Se non esiste il libretto, il ponteggio non può essere utilizzato. Occorre richiedere il libretto, che deve contenere tutti gli elementi del ponteggio, al fabbricante del ponteggio Se il controllo è negativo, è necessario utilizzare elementi autorizzati appartenenti ad un unico fabbricante, richiedendone il relativo libretto Cantiere Via dell Orto, 14 Comune di Scandicci (FI) 5

6 Piano di Montaggio, Uso e Smontaggio del Ponteggio Impresa Edile CAMBI ENRICO TELAIO CORRENTI E DIAGONALI IMPALCATI PREFABBRICATI Controllo marchio come da libretto Visivo Controllo stato di conservazione della protezione contro la corrosione Controllo verticalità montanti telaio Controllo spinotto di collegamento fra montanti Controllo attacchi controventature: perni e/o boccole Controllo orizzontalità traverso Visivo Visivo, ad esempio con utilizzo filo a piombo Visivo e/o funzionale Visivo e/o funzionale Visivo Controllo marchio come da libretto Visivo Controllo stato di conservazione della protezione contro la corrosione Controllo linearità dell elemento Controllo stato di conservazione collegamenti al telaio Visivo Visivo Controllo marchio come da libretto Visivo Visivo e/o funzionale Se il marchio non è rilevabile, o è difforme rispetto a quello indicato nel libretto, occorre scartare l elemento Se il controllo è negativo, procedere al controllo degli spessori: - Se il controllo degli spessori è negativo (tenuto conto delle tolleranze previste dal fabbricante del ponteggio), scartare l elemento - Se il controllo degli spessori è positivo, procedere al ripristino della protezione, in conformità alle modalità previste dal fabbricante del ponteggio Se la verticalità dei montanti non è soddisfatta occorre scartare l elemento Se il controllo è negativo occorre scartare l elemento Se il controllo è negativo, occorre: - Scartare l elemento, o - Ripristinare la funzionalità dell elemento in conformità alle modalità previste dal fabbricante del ponteggio Se il controllo è negativo occorre scartare l elemento Se il marchio non è rilevabile, o è difforme rispetto a quello indicato nel libretto, occorre scartare l elemento Se il controllo è negativo, procedere al controllo degli spessori: - Se il controllo degli spessori è negativo (tenuto conto delle tolleranze previste dal fabbricante del ponteggio), scartare l elemento - Se il controllo degli spessori è positivo, procedere al ripristino della protezione, in conformità alle modalità previste dal fabbricante del ponteggio Se il controllo è negativo occorre scartare l elemento Se il controllo è negativo occorre scartare l elemento Se il marchio non è rilevabile, o è difforme rispetto a quello indicato nel libretto, occorre scartare l elemento Cantiere Via dell Orto, 14 Comune di Scandicci (FI) 6

7 Piano di Montaggio, Uso e Smontaggio del Ponteggio Impresa Edile CAMBI ENRICO BASETTE FISSE BASETTE REGOLABILI Controllo stato di conservazione della protezione contro la corrosione Controllo orizzontalità piani di calpestio Controllo assenza di deformazioni negli appoggi al traverso Controllo efficienza dei sistemi di collegamento tra: piani di calpestio, testata con ganci di collegamento al traverso ed irrigidimenti (saldatura, rivettatura, bullonatura e cianfrinatura) Visivo Visivo Controllo marchio come da libretto Visivo Controllo orizzontalità piatto di base Controllo marchio come da libretto Visivo Controllo orizzontalità piatto di base Controllo verticalità stelo Controllo stato di conservazione della filettatura dello stelo e della ghiera filettata Visivo e/o funzionale Visivo: - Integrità del sistema di collegamento per rivettatura, bullonatura e cianfrinatura - Assenza, nel sistema di collegamento, di cricche, distacchi ed ossidazioni penetranti per saldatura Visivo, ad esempio con un piano di riscontro Visivo, ad esempio con un piano di riscontro Visivo Visivo e funzionale Visivo: stato di conservazione della filettatura Funzionale: regolare avvitamento della ghiera Se il controllo è negativo, procedere al controllo degli spessori: - Se il controllo degli spessori è negativo (tenuto conto delle tolleranze previste dal fabbricante del ponteggio), scartare l elemento - Se il controllo degli spessori è positivo, procedere al ripristino della protezione, in conformità alle modalità previste dal fabbricante del Se il controllo è negativo occorre scartare l elemento Se il controllo è negativo occorre scartare l elemento Se il controllo è negativo: - Scartare l elemento, o - Procedere, a cura del fabbricante del ponteggio, al ripristino dell efficienza dei sistemi di collegamento Se il marchio non è rilevabile, o è difforme rispetto a quello indicato nel libretto, occorre scartare l elemento Se il controllo è negativo occorre scartare l elemento Se il marchio non è rilevabile, o è difforme rispetto a quello indicato nel libretto, occorre scartare l elemento Se il controllo è negativo occorre scartare l elemento Se il controllo è negativo occorre scartare l elemento - Se i controlli, visivo e funzionale, sono negativi occorre scartare l elemento - Se è negativo il solo controllo funzionale occorre ripristinare la funzionalità (pulizia e ingrassaggio). Se ciò non è possibile, scartare l elemento N.B.: Per le verifiche relative ad altri elementi di ponteggio (quali ad esempio: fermapiede, trave per passo carraio, mensola, montante per parapetto di sommità, scala, parasassi), riportati nel libretto di cui all'autorizzazione ministeriale, occorre utilizzare: tipo, modalità di verifica e misure, analoghi a quelli descritti per gli elementi sopraelencati. MONTAGGIO DEL PONTEGGIO PROCEDURA con il sistema SPONDA SICURA della TRACTEL Italia S.p.A. Elementi a piano terra Secondo le disposizioni del disegno esecutivo gli addetti devono procedere al tracciamento dei fili fissi del ponteggio (in corrispondenza dei montanti del ponteggio). Prima di porre in opera le basette si dovranno sistemare i tavoloni, di spessore minimo cm 5, atti a ripartire il carico avendo cura di verificare che interessino entrambi i montanti. Dopo la messa in opera delle basette si potrà Cantiere Via dell Orto, 14 Comune di Scandicci (FI) 7

8 Piano di Montaggio, Uso e Smontaggio del Ponteggio Impresa Edile CAMBI ENRICO cominciare a montare i montanti che andranno completati con correnti che hanno la doppia funzione di parapetto e di irrigidimento. Particolare attenzione dovrà essere posta nella verticalità degli elementi di partenza onde evitare scostamenti, rispetto alla verticale, degli elementi successivi, scostamenti che potrebbero compromettere la resistenza strutturale del ponteggio. Una volta controllata la verticalità dei montanti si potrà procedere al fissaggio delle basette ai tavoloni di ripartizione tramite chiodi. Queste operazioni devono necessariamente essere svolte prima del montaggio della seconda fila di elementi, dato che l aumento di carico sulle basette renderebbe impossibile tale operazione. Sempre dal piano di calpestio si dovranno montare le tavole metalliche ed i relativi meccanismi di blocco, che costituiscono il primo piano di lavoro e, prima di utilizzare il primo piano, dovranno essere predisposti gli ancoraggi, in corrispondenza delle strutture portanti dell edificio, come previsti dal progetto esecutivo (se presente). Una volta ultimato il piano di lavoro, gli addetti dovranno montare da terra il parapetto SPONDA SICURA della TRACTEL Italia S.p.A. (certificato 2007/672 vedi scheda tecnica allegata). Dopo il montaggio delle scale, le maestranze potranno procedere al montaggio delle stilate superiori; saliti sulla scaletta possono uscire dalla botola e salire sull impalcato. Elementi dei piani successivi Dato che il primo piano di lavoro risulta protetto dal parapetto SPONDA SICURA della TRACTEL Italia S.p.A. si può procedere con il montaggio degli elementi della seconda fila predisponendo i telai prefabbricati (e verificandone la verticalità), correnti e diagonali di parapetto, tavole fermapiede, e pannelli metallici del secondo piano di lavoro e gli ancoraggi così come indicato nel grafico esecutivo (o nel progetto se presente). Dopodiché si smonteranno i parapetti SPONDA SICURA della TRACTEL Italia S.p.A. della prima fila e di monteranno sulla seconda fila garantendo la protezione della terza fila ancora da montare. Quindi si ripeteranno queste operazioni per ogni piano di lavoro fino al completamento dell ultimo piano. Su tutti i lati verso il vuoto del parapetto dovranno essere disposte tavole fermapiede alte almeno cm 20, messe di costa ed aderenti ai pannelli che costituiscono il piano di lavoro o impalcato ed il parapetto costituito da due correnti, il più alto posto almeno ad un metro dal piano di lavoro, mentre il secondo al centro dello spazio libero in modo che non ci siano aperture superiori a cm 60. Il parapetto e le tavole fermapiede dovranno essere posizionati anche lungo il lato interno dove il ponteggio si distacca dal fabbricato per oltre cm 20 per eliminare ogni potenziale punto di caduta. Sulle testare devono essere predisposti cancelletti a formare i parapetti. Prima di montare una generica fila di elementi si dovrà controllare accuratamente il serraggio degli ancoraggi dei piani inferiori, quindi arrivati all ultima stilata ricontrollare tutti gli ancoraggi ed assicurarsi che il traverso più alto del ponteggio non superi di m 4 l ultimo ordine di ancoraggi e che gli ancoraggi siano inseriti tutti nelle strutture portanti dell edificio e rispettino la posizione indicata nei grafici. Gli ancoraggi devono essere tutti a tassello così come indicato nei grafici esecutivi allegati. Si devono predisporre diagonali di facciata o telaietti parapetto (dispositivi che garantiscono protezione per le maestranze e controventatura in facciata per la struttura) in modo da garantire la continuità fra un settore di stilata e l altra. Le scale di accesso ai vari piani possono essere installate solo entro il piano del ponteggio, in prossimità di un montante, nella posizione indicata nei grafici allegati. E vietato sempre l uso di scale esterne, mantovane, castelletti di tiro (oltre quello eventualmente previsto nel progetto esecutivo) se non preventivamente autorizzate dal progettista. E autorizzato il montaggio di un solo dispositivo di tiro di portata inferiore a 200 kg. Tenere la botola interna della scala aperta per il solo tempo necessario al passaggio. Se durante la realizzazione si trovasse qualche inconveniente o ingombro che impedisse la realizzazione del ponteggio come da disegno, qualsiasi modifica deve essere sottoposta al progettista per l approvazione, quindi si dovrà sospendere le operazioni di montaggio ed attendere l aggiornamento del progetto e del disegno; analogamente per difficoltà di montaggio che apparentemente rendessero impossibile la realizzazione secondo i disegni esecutivi. Solo dopo che il preposto ai lavori, insieme al responsabile della sicurezza, avrà controllato la rispondenza del ponteggio al progetto ed avrà svolto le verifiche sotto indicate, le maestranze addette potranno utilizzare il ponteggio per iniziare i lavori. Cantiere Via dell Orto, 14 Comune di Scandicci (FI) 8

9 Piano di Montaggio, Uso e Smontaggio del Ponteggio Impresa Edile CAMBI ENRICO PROCEDURA con la linea vita SAFETY LINE Per la descrizione di tale procedura si rimanda al relativo manuale allegato al presente piano, oltre al capitolo dedicato. L appoggio del ponteggio deve avvenire secondo le seguenti istruzioni: il piano di appoggio deve offrire garanzie sufficienti di resistenza durevole, da verificare preliminarmente; la ripartizione del carico deve essere realizzata a mezzo di basette con l interposizione di elementi atti a ripartire il carico sul piano di appoggio stesso, in modo da non superare la resistenza unitaria; detti elementi devono offrire resistenza sufficiente all azione delle basette. Nel corso del montaggio si devono costantemente verificare: la distanza tra il ponteggio e l edificio in modo da assicurare, seguendo il disegno esecutivo, la realizzazione degli impalcati accostati all opera in ristrutturazione. la verticalità dei montanti ed il loro collegamento assiale; l orizzontalità dei correnti e dei traversi; l assetto operativo dei dispositivi di collegamento; il corretto inserimento e rotazione del dispositivo di collegamento assiale dei telai (spine a verme); la corretta posizione del dispositivo di bloccaggio degli attacchi per correnti, diagonali e telai di parapetto; il rispetto delle distanze orizzontali e verticali previste dal disegno esecutivo (allegati 1 e 2) la messa in opera degli ancoraggi, delle controventature di facciata e in pianta seguendo il normale progredire del ponteggio ed in conformità ai disegni esecutivi. Il traverso più alto del ponteggio in costruzione non deve superare l ultimo ordine di ancoraggi di oltre 4 m. Il montaggio deve essere effettuato nel seguente ordine: si controlla l efficienza dei piani di appoggio e la resistenza degli elementi di ripartizione del carico; viene eseguito il tracciamento della struttura; vengono posti in opera i telai di base; attuato il primo orizzontamento, si provvede a controllare la verticalità dei montanti ed i loro interassi; si prosegue il montaggio avendo cura di realizzare sistematicamente la messa in opera degli ancoraggi e di ottemperare alle istruzioni sotto riportate: PRESCRIZIONI i telai portanti verticali devono avere i montanti collegati assialmente in modo che gli stessi siano atti a resistere agli sforzi di trazione; i correnti, le diagonali, le travi per i passi carrai e pedonali, i parasassi, ecc. devono essere collegati almeno in due punti; il dispositivo di collegamento deve realizzare l unione degli elementi in maniera tale che la separazione degli stessi possa avvenire solo con intervento volontario e ne sia esclusa la disattivazione per causa accidentale; si devono realizzare sui riquadri orizzontali collegamenti di controventatura in pianta con tavole metalliche o con diagonali e correnti, come previsto nello schema tipo del ponteggio; si devono realizzare collegamenti longitudinali (di facciata) mediante correnti e diagonali, curando l attivazione dei dispositivi contro lo sganciamento accidentale; i montanti di sommità devono superare di almeno 1,20 m l ultimo impalcato o il piano di gronda; l interruzione del ponteggio per la realizzazione di passi carrai e di accesso pedonale ai negozi del piano terra è consentita seguendo di disegno del ponteggio (allegati 1 e 2); l accesso ai piani di ponteggio sarà realizzato mediante gli impalcati provvisti di botole con l uso delle apposite scale prefabbricate. Cantiere Via dell Orto, 14 Comune di Scandicci (FI) 9

10 Piano di Montaggio, Uso e Smontaggio del Ponteggio Impresa Edile CAMBI ENRICO Lo schema di ponteggio prevede le tavole metalliche a tutti i piani, il montaggio delle tavole metalliche deve cominciare dal 1 piano a quota 2 metri per salire via via ai piani superiori in modo da poter operare utilizzando il piano di calpestio inferiore per realizzare l impalcato al piano superiore. Gli ancoraggi Il numero di ancoraggi da disporre e la loro posizione devono seguire quanto previsto in fase di progettazione del ponteggio, opportunamente incrementati in situazioni di impiego particolari (supporto per linee di ancoraggio, impiego di teli e cartelloni pubblicitari, apparecchi di sollevamento e piazzole di carico, parasassi, in relazione alla spinta di vento prevista per la zona d'installazione, ecc..). La tipologia prevista per gli ancoraggi viene schematizzata negli esecutivi allegati. VERIFICHE DURANTE L USO DEI PONTEGGI METALLICI» Controllare che il disegno esecutivo: Sia conforme allo schema tipo fornito dal fabbricante del ponteggio; Sia firmato dal responsabile del cantiere per conformità agli schemi tipo forniti dal fabbricante del ponteggio; Sia tenuto in cantiere, a disposizione degli organi di vigilanza, unitamente alla copia del libretto di cui all'autorizzazione ministeriale.» Controllare che per i ponteggi di altezza superiore a 20 metri e per i ponteggi non conformi agli schemi tipo: Sia stato redatto un progetto, firmato da un ingegnere o architetto abilitato a norma di legge all'esercizio della professione; Che tale progetto sia tenuto in cantiere a disposizione dell'autorità di vigilanza, unitamente alla copia del libretto di cui all'autorizzazione ministeriale.» Controllare che vi sia la documentazione dell esecuzione, da parte del responsabile di cantiere, dell ultima verifica del ponteggio di cui trattasi, al fine di assicurarne l'installazione corretta ed il buon funzionamento.» Controllare che qualora siano montati sul ponteggio tabelloni pubblicitari, graticci, teli o altre schermature sia stato redatto apposito calcolo, eseguito da Ingegnere o da Architetto abilitato a norma di legge all'esercizio della professione, in relazione all'azione del vento presumibile per la zona ove il ponteggio è montato. In tale calcolo deve essere tenuto conto del grado di permeabilità delle strutture servite. Controllare che sia mantenuto un distacco non superiore a 20 cm tra il bordo interno dell'impalcato del ponteggio e l opera servita.» Controllare che sia mantenuta l'efficienza dell'elemento parasassi, capace di intercettare la caduta del materiale dall'alto.» Controllare il mantenimento dell'efficienza del serraggio dei giunti, secondo le modalità previste dal fabbricante del ponteggio, riportate nel libretto di cui all'autorizzazione ministeriale.» Controllare il mantenimento dell'efficienza del serraggio dei collegamenti fra gli elementi del ponteggio, secondo le modalità previste dal fabbricante del ponteggio, riportate nel libretto di cui all'autorizzazione ministeriale.» Controllare il mantenimento dell'efficienza degli ancoraggi, secondo le modalità previste dal fabbricante del ponteggio riportate nel libretto di cui all'autorizzazione ministeriale.» Controllare il mantenimento della verticalità dei montanti, ad esempio con l'utilizzo del filo a piombo. Cantiere Via dell Orto, 14 Comune di Scandicci (FI) 10

11 Piano di Montaggio, Uso e Smontaggio del Ponteggio Impresa Edile CAMBI ENRICO» Controllare il mantenimento dell'efficienza delle controventature di pianta e di facciata mediante: Controllo visivo della linearità delle aste delle diagonali di facciata e delle diagonali in pianta; Controllo visivo dello stato di conservazione dei collegamenti ai montanti delle diagonali di facciata e delle diagonali in pianta; Controllo visivo dello stato di conservazione degli elementi di impalcato aventi funzione di controventatura in pianta.» Controllare il mantenimento in opera dei dispositivi di blocco degli elementi di impalcato.» Controllare il mantenimento in opera dei dispositivi di blocco o dei sistemi antisfilamento dei fermapiedi. Gli addetti alle operazioni di montaggio, controllo e smontaggio devono essere forniti delle attrezzature necessarie ed usare inoltre durante il lavoro, i dispositivi di protezione individuale: guanti; elmetti; calzature con suola flessibile antisdrucciolevole; linea vita di ancoraggio oppure il sistema SPONDA SICURA della TRACTEL Italia S.p.A.. PIANO D USO DEL PONTEGGIO Trattando di ponteggio a servizio di lavori di ristrutturazione e utilizzabile per un sovraccarico variabile pari a 150 dan/mq (150 kg/mq) su un piano di lavoro, 75 dan/mq (75 kg/mq) su un altro piano di lavoro mentre gli altri soggetti al solo peso proprio, pertanto è vietato l accumulo su qualsiasi piano di materiali di resulta o materiali da costruzione in genere o di pesi oltre a quelli indicati. I piani di ponteggio destinati al lavoro devono: avere impalcati realizzati come indicato nello schema di progetto (allegati grafici); essere costituiti da tavole ben accostate tra loro e all opera in ristrutturazione. Per l esecuzione dei lavori in oggetto è consentito un distacco dalla muratura non superiore a cm 20. essere utilizzati solo quando non distino più di 2,00 metri dall ordine più alto di ancoraggi; essere provvisti di indicazione chiara e visibile delle condizioni massime ammissibili di carico, essere provvisti, sulle facciate esterne, di un parapetto composto da un corrente superiore, da un corrente intermedio e da una tavola fermapiede, rispondente allo schema del ponteggio, nel rispetto comunque dei punti seguenti: il bordo superiore del corrente più alto deve essere sistemato a non meno di m 1 dal piano dell impalcato; il fermapiede, sistemato con il bordo inferiore a contatto con il piano dell impalcato deve avere altezza non inferiore a m 20; le distanze tra corrente inferiore intermedio e fermapiede e tra corrente superiore e corrente inferiore non devono essere superiori a cm 60; essere provvisti, per tutta l estensione dell impalcato di lavoro, di un parasassi capace di intercettare la caduta di materiali. Il parasassi deve estendersi in proiezione orizzontale fuori dell impalcato per almeno 150 cm e raccordarsi con un impalcato regolare. PRESCRIZIONI Non salire sui ponti di lavoro arrampicandosi dall esterno dei montanti; Salire sempre attraverso le scale predisposte all interno del ponteggio ed avvertendo gli eventuali lavoratori che stanno operando ai piani superiori ; Depositare sugli impalcati solo gli attrezzi ed i materiali che servono per il lavoro che deve essere eseguito e per il solo tempo necessario all esecuzione dello stesso, disponendoli sull impalcato in modo tale da lasciare sempre un passaggio libero di almeno 60 cm.; Cantiere Via dell Orto, 14 Comune di Scandicci (FI) 11

12 Piano di Montaggio, Uso e Smontaggio del Ponteggio Impresa Edile CAMBI ENRICO Non sovraccaricare mai il piano di lavoro e non depositare i materiali pesanti su un unico tratto del ponteggio: il tavolato potrebbe cedere; Il materiale depositato non deve mai superare per altezza la tavola fermapiede; Non togliere o spostare mai le scale di accesso ai vari impalcati; Non asportare mai il tavolame degli impalcati e dei fermapiede; Non correre o saltare lungo i piani di lavoro; Durante il rilascio del gancio del montacarichi, stando sul ponteggio, accompagnarlo in modo che non si impigli nella struttura del ponteggio e dare istruzioni per la risalita del gancio solo quando lo stesso si trova distante dal ponteggio; Non gettare materiale di qualsiasi natura e dimensione dal ponteggio; Per lo scarico del materiale di risulta usare solo gli appositi canali di scarico; I cavi elettrici necessari ad utensili posti sugli impalcati devono essere ancorati ai montanti con spago o filo elettrico ed attraversare gli impalcati nella parte inferiore; Adottare i dispositivi di sicurezza necessari quali casco, guanti e scarpe antinfortunistiche; Informare subito il responsabile di cantiere in caso di eventuali situazioni di pericolo. IMPIANTI ED APPARECCHI ELETTRICI Gli impianti e gli apparecchi elettrici comunque interessati il ponteggio, debbono essere per costruzione idonei alle condizioni di lavoro (umidità, pioggia, ecc.) ed essere installati in modo da evitare sulle strutture tensioni di contatto. SMONTAGGIO DEL PONTEGGIO PROCEDURA con il sistema SPONDA SICURA della TRACTEL Italia S.p.A. Per prima cosa di dovranno predisporre i parapetti SPONDA SICURA della TRACTEL Italia S.p.A. sulla penultima fila in modo che fungano da protezioni per l ultima fila di ponteggio. Dopo questa operazione si può procedere allo smontaggio in sicurezza con la rimozione di tutti gli elementi (telai prefabbricati, diagonali e correnti, tavole fermapiede). Solo dopo aver smontato la 1 stilata in alto si potrà provvedere alla rimozione degli ancoraggi ma solo di quelli della fila più alta. Dopodiché sarà possibile scendere tramite le scalette al livello inferiore, abbassare i parapetti SPONDA SICURA della TRACTEL Italia S.p.A. e procedere allo smontaggio dei pannelli superiori del piano di lavoro e tutti gli elementi della file corrente sempre protetti dai parapetti SPONDA SICURA della TRACTEL Italia S.p.A.. Nessun ancoraggio sotto il piano dove gli addetti operano potrà essere rimosso per nessun motivo. Prima di smontare la fila di elementi più in basso si deve sempre controllare ed eventualmente serrare gli ancoraggi inferiori. PROCEDURA con la linea vita SAFETY LINE Per la descrizione di tale procedura si rimanda al relativo manuale allegato al presente piano, oltre al capitolo dedicato. PRESCRIZIONI Nelle operazioni di smontaggio si devono osservare le seguenti prescrizioni: lo smontaggio del ponteggio deve essere graduale; tutte le operazioni di smontaggio del ponteggio dovranno essere eseguite sotto il diretto controllo del preposto responsabile e da personale indicato nell elenco degli addetti per nessun motivo personale diverso da quello precedentemente elencato potrà salire sul ponteggio. gli addetti devono utilizzare esclusivamente le scale interne al ponteggio; è vietato l utilizzo di scale esterne. gli ancoraggi e le diagonali devono essere smontati gradualmente di pari passo con il progredire dello smontaggio; lo smontaggio degli impalcati metallici deve avvenire sempre operando dagli impalcati del piano sottostante; gli elementi del ponteggio devono essere calati utilizzando mezzi appropriati, evitando di gettarli dall alto; gli addetti devono fare uso dei mezzi di protezione individuale (DPI). Cantiere Via dell Orto, 14 Comune di Scandicci (FI) 12

13 Piano di Montaggio, Uso e Smontaggio del Ponteggio Impresa Edile CAMBI ENRICO DISPOSITIVI DI ARRESTO CADUTA IMPIEGATI DURANTE LE FASI DI MONTAGGIO, SMONTAGGIO E TRASFORMAZIONE DEL PONTEGGIO Durante le fasi di montaggio, smontaggio, trasformazione del ponteggio, ed in tutti quei casi in cui permane per lungo periodo la mancanza di dispositivi di protezione collettivi (DPC quali parapetti temporanei o permanenti) si impiegherà un tipo di dispositivo di arresto caduta del tipo a linea di ancoraggio. TIPOLOGIA DI DISPOSITIVO DI ARRESTO CADUTA LINEA VITA in cavo metallico PER PONTEGGI : SAFETY LINE Trattasi di una linea di ancoraggio flessibile orizzontale rispondente alla normativa tecnica UNI EN 795, classe C. Il dispositivo è un DPI (Dispositivo di Protezione Individuale) di terza categoria (destinato alla salvaguardia delle cadute dall'alto) e risulta pertanto conforme alla Direttiva 89/686/CEE (D. Lgs. 4 dicembre n.475). Per informazioni sull impiego della linea di ancoraggio di rimanda alle istruzioni per l uso (allegato 3). A corredo del sopra descritto dispositivo ogni operatore verrà dotato di imbracatura per il corpo completa e cordino anticaduta, entrambi compatibili nell'uso in base alle specifiche tecniche fornite dai costruttori degli stessi, marcati CE e rispondenti alle normative vigenti. Modalità di impiego dei sistemi di arresto caduta devono essere utilizzati soltanto per gli usi previsti e conformemente alle informazioni del fabbricante; devono essere utilizzati con attenzione al fine di non danneggiarli; devono essere utilizzati soltanto da lavoratori con adeguata e specifica esperienza; devono essere utilizzato da un numero di operatori compatibile con quello indicato dal fabbricante. La procedura per la corretta esecuzione in sicurezza del ponteggio non può esimersi di seguenti accorgimenti: la linea di ancoraggio deve essere sempre già montata nel momento in cui il lavoratore sbarca al livello superiore: il montaggio deve avvenire dal basso preventivamente all allestimento del livello superiore; se gli elementi di impalcato occupano l intero spazio fra i montanti, la linea di ancoraggio deve essere montata prima dell allestimento del piano di lavoro del livello superiore; la linea di ancoraggio dei primi livelli deve essere posizionata seguendo attentamente le istruzioni fornite con il dispositivo della linea di ancoraggio, sia nel numero di pali di supporto previsto, sia per quanto riguarda lo spazio minimo libero da ostacoli al di sotto della linea. prima dell utilizzo della linea di ancoraggio, accertarsi della prevista messa in tensione della fune ( fune tesa ); l utilizzo degli altri DPI previsti. il lavoratore, al momento dello sbarco dalla scala di accesso, si collega tramite il cordino ed il relativo connettore alla linea di ancoraggio orizzontale preventivamente realizzata e messa in tensione dal piano inferiore. sarà il preposto alla sorveglianza che provvederà a verificare il corretto posizionamento dei pali di supporto ed il loro collegamento alla struttura del ponteggio, ed a mettere in posizione di blocco la fune di ancoraggio, verificandone il corretto tensionamento. l accesso al piano del ponteggio avverrà per mezzo di scale fisse o portatili, interne alla proiezione del ponteggio stesso, attraverso botole di accesso, il cui numero sarà in relazione al numero di operatori presenti contemporaneamente sul ponteggio. Ogni qualvolta si renda possibile il loro posizionamento, è buona norma prediligere l utilizzo di Dispositivi di protezione Collettiva DPC (parapetti permanenti) di caratteristiche rispondenti alle normative vigenti e compatibili con il tipo di ponteggio utilizzato. Cantiere Via dell Orto, 14 Comune di Scandicci (FI) 13

14 Piano di Montaggio, Uso e Smontaggio del Ponteggio Impresa Edile CAMBI ENRICO Conservazione e manutenzione dei DPI E obbligo per il datore di lavoro mantenere in efficienza i DPI e assicurarne la manutenzione, le riparazioni e le sostituzioni necessarie ed il lavoratori sono tenuti a segnalare immediatamente al datore di lavoro o al preposto qualsiasi difetto o inconveniente rilevato nei DPI messi a loro disposizione. I DPI devono essere sempre pronti per essere usati, vanno conservati e sottoposti alle necessarie manutenzioni e verifiche secondo quanto previsto dal fabbricante. In particolare è necessario ricordare che dopo la caduta di un operatore collegato alla linea di ancoraggio, i componenti di detto dispositivo non possono essere riutilizzati. LAVORATORI ADDETTI ALLE OPERAZIONI DI MONTAGGIO, SMONTAGGIO E TRASFORMAZIONE DEL PONTEGGIO ( Art. 36- quater comma 6 del D.Lgs 626/94 e succ. mod.) Il titolare dell impresa esecutrice, per assicurare che i ponteggi siano montati, smontati o trasformati sotto la sorveglianza di un preposto e ad opera di lavoratori esperti nella esecuzione di dette operazioni nomina fin da ora: LAVORATORE PREPOSTO ALLE OPERAZIONI: LAVORATORI ADDETTI ALLE OPERAZIONI: CAMBI ENRICO GRANDI MASSIMO EL MOUSSAOUI KHALID COMPITI DEL PREPOSTO Il preposto deve sorvegliare l esecuzione delle operazioni di accesso, posizionamento e uscita del lavoratore ed essere organizzare e dirigere le manovre di emergenza in caso di caduta di un operatore. Il preposto ha il compito di controllare costantemente i lavoratori e la corretta esecuzione delle opere di montaggio, coordinando la collaborazione di altri operatori presenti, in aiuto del lavoratore in difficoltà e deve effettuare le eventuali manovre di emergenza e allertamento dei soccorsi. Inoltre il preposto si accerta che in ogni momento il numero degli operatori che utilizzano la linea di ancoraggio nelle fasi di montaggio, modifica e smontaggio del ponteggio, sia compatibile con quello previsto dalle istruzioni del fabbricante. Cantiere Via dell Orto, 14 Comune di Scandicci (FI) 14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

31

32

33

34

35

36

37

38

39

40

41

42

43

44

45

46

47

48

49

50

51

52

53

54

55

56

57

58

59

60

61

62

63

64

65

66

67

68

69

70

71

72

73

74

75

76

77

78

79

ALLEGATO XIX. Verifiche di sicurezza dei ponteggi metallici fissi

ALLEGATO XIX. Verifiche di sicurezza dei ponteggi metallici fissi ALLEGATO XIX Verifiche di sicurezza dei ponteggi metallici fissi Si ritiene opportuno sottolineare che nel metallico fisso la sicurezza strutturale, che ha un rilievo essenziale, dipende da numerosi parametri,

Dettagli

Allegato XIX. Verifiche di sicurezza dei ponteggi metallici fissi

Allegato XIX. Verifiche di sicurezza dei ponteggi metallici fissi Allegato XIX Verifiche di sicurezza dei ponteggi metallici fissi Si ritiene opportuno sottolineare che nel ponteggio metallico fisso la sicurezza strutturale, che ha un rilievo essenziale, dipende da numerosi

Dettagli

PROPOSTA DI REDAZIONE DEL PIMUS. PIANO DI MONTAGGIO USO E SMONTAGGIO PONTEGGI (ALLEGATO XXII D.Lgs. 9 aprile 2008, n 81)

PROPOSTA DI REDAZIONE DEL PIMUS. PIANO DI MONTAGGIO USO E SMONTAGGIO PONTEGGI (ALLEGATO XXII D.Lgs. 9 aprile 2008, n 81) Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia AZIENDE PER I SERVIZI SANITARI DIPARTIMENTI DI PREVENZIONE Servizi di Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Ufficio Operativo del Comitato Regionale di

Dettagli

SCHEDE di VERIFICA della corretta MESSA IN OPERA di PONTEGGI e dell efficienza degli ELEMENTI che lo compongono

SCHEDE di VERIFICA della corretta MESSA IN OPERA di PONTEGGI e dell efficienza degli ELEMENTI che lo compongono SCHEDE di VERIFICA della corretta MESSA IN OPERA di PONTEGGI e dell efficienza degli ELEMENTI che lo compongo Le 4 schede di valutazione della corretta messa in opera dei ponteggi e dell efficienza dei

Dettagli

Piano di montaggio, uso e smontaggio del ponteggio

Piano di montaggio, uso e smontaggio del ponteggio Viale XXV Aprile n. 29 19038 - Sarzana (SP) Telefono 0187.622198 - Fax 0187.627172 e-mail: info@studioql.it Piano di montaggio, uso e smontaggio del ponteggio OGGETTO: Ristrutturazione ed ampliamento di

Dettagli

Linee guida per la stesura del PIMUS (Piano di montaggio, uso e smontaggio) dei ponteggi metallici fissi ai sensi del D. Lgs.

Linee guida per la stesura del PIMUS (Piano di montaggio, uso e smontaggio) dei ponteggi metallici fissi ai sensi del D. Lgs. Linee guida per la stesura del PIMUS (Piano di montaggio, uso e smontaggio) dei ponteggi metallici fissi ai sensi del D. Lgs. 235/2003 A) PARTE GENERALE (Anagrafica) Premesso che il PIMUS deve essere specifico

Dettagli

PiMUS PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO DI PONTEGGI METALLICI FISSI. (art. 36 quater, comma 3 del D.Lgs 626/94) IL MODELLO DI A.S.E.

PiMUS PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO DI PONTEGGI METALLICI FISSI. (art. 36 quater, comma 3 del D.Lgs 626/94) IL MODELLO DI A.S.E. PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO DI PONTEGGI METALLICI FISSI (art. 36 quater, comma 3 del D.Lgs 626/94) IL MODELLO DI A.S.E. rev. 1 Aprile 2006 Via Bismantova 7 42100 Reggio Emilia tel. 0522 293003

Dettagli

Pi.M.U.S. Piano montaggio Uso smontaggio Ponteggi

Pi.M.U.S. Piano montaggio Uso smontaggio Ponteggi D.Lgs.81/08 - TITOLO IV - SEZIONE V - PONTEGGI FISSI Pi.M.U.S. Piano montaggio Uso smontaggio Ponteggi Art. 136 (ex art. 36 quater D.Lgs 626/94) in vigore dal 19/07/2005 "Il datore di lavoro provvede a

Dettagli

Redazione PIMUS Dott. Giusti Daniele Azienda USL 3 PT

Redazione PIMUS Dott. Giusti Daniele Azienda USL 3 PT Maggio 2014 Redazione PIMUS Dott. Giusti Daniele Azienda USL 3 PT 1 Art. 136. (Montaggio e smontaggio) 1. Nei lavori in quota il datore di lavoro provvede a redigere a mezzo di persona competente un piano

Dettagli

Pi.M.U.S. PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO DI PONTEGGI METALLICI FISSI (art. 36 quater, comma 3 del D.Lgs 626/94)

Pi.M.U.S. PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO DI PONTEGGI METALLICI FISSI (art. 36 quater, comma 3 del D.Lgs 626/94) Pi.M.U.S. PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO DI PONTEGGI METALLICI FISSI (art. 36 quater, comma 3 del D.Lgs 626/94) ID. Commessa Localizzazione cantiere Impresa esecutrice incaricata del montaggio/trasformazione

Dettagli

Pi.M.U.S. PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO DI PONTEGGI METALLICI FISSI ATTENZIONE: LA COPIA DEVE ESSERE PRESENTE IN CANTIERE IMPRESA ...

Pi.M.U.S. PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO DI PONTEGGI METALLICI FISSI ATTENZIONE: LA COPIA DEVE ESSERE PRESENTE IN CANTIERE IMPRESA ... Pi.M.U.S. PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO DI PONTEGGI METALLICI FISSI ATTENZIONE: LA COPIA DEVE ESSERE PRESENTE IN CANTIERE IMPRESA...... COMMITTENTE... INDIRIZZO CANTIERE... TIPO di INTERVENTO...

Dettagli

Pi.M.U.S. Piano di Montaggio Uso e Smontaggio del ponteggio. conforme ai contenuti minimi previsti dall allegato XXII del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

Pi.M.U.S. Piano di Montaggio Uso e Smontaggio del ponteggio. conforme ai contenuti minimi previsti dall allegato XXII del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Pi.M.U.S. Piano di Montaggio Uso e Smontaggio del ponteggio conforme ai contenuti minimi previsti dall allegato XXII del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. DITTA montatrice del ponteggio INDIRIZZ CANTIERE CMUNE 1 Il

Dettagli

TU art. 113 Scale Le scale semplici portatili (a mano), se di legno, devono avere i pioli fissati ai montanti mediante incastro.

TU art. 113 Scale Le scale semplici portatili (a mano), se di legno, devono avere i pioli fissati ai montanti mediante incastro. TU art. 113 Scale Le scale semplici portatili (a mano), se di legno, devono avere i pioli fissati ai montanti mediante incastro. I pioli devono essere privi di nodi. Tali pioli devono essere trattenuti

Dettagli

Piano di Montaggio Uso e Smontaggio di Ponteggio

Piano di Montaggio Uso e Smontaggio di Ponteggio Piano di Montaggio Uso e Smontaggio di Ponteggio ( ai sensi del D.lgs 81/08 ) Lavori di : manutenzione straordinaria relativi al prospetto del Condominio denominato Santa Caterina sito in Reggio Calabria

Dettagli

3 Linee Guida ISPESL Linea Guida: Montaggio Smontaggio Trasformazione Ponteggi

3 Linee Guida ISPESL Linea Guida: Montaggio Smontaggio Trasformazione Ponteggi Dipartimento di Sanità Pubblica Ente Scuola Edile di Piacenza Comitato Paritetico Territoriale SICUREZZA IN EDILIZIA - Il lavoro in quota 3 Linee Guida ISPESL Linea Guida: Montaggio Smontaggio Trasformazione

Dettagli

Argomenti. Verbali di consegna e verifiche periodiche e straordinarie. Uso dei sistemi anticaduta durante il montaggio/trasformazione/smontaggio

Argomenti. Verbali di consegna e verifiche periodiche e straordinarie. Uso dei sistemi anticaduta durante il montaggio/trasformazione/smontaggio Argomenti verbale di consegna I CRITERI DI GESTIONE DEL PONTEGGIO Lodi, 28 Ottobre 2014 ing. Marco Antonio Fusco Verbali di consegna e verifiche periodiche e straordinarie Uso dei sistemi anticaduta durante

Dettagli

SCHEDA DEI CONTROLLI DA EFFETTUARSI DURANTE IL MONTAGGIO E L'USO DEI PONTEGGI PONTEGGI METALLICI A TELAI PREFABBRICATI MARCA CETA

SCHEDA DEI CONTROLLI DA EFFETTUARSI DURANTE IL MONTAGGIO E L'USO DEI PONTEGGI PONTEGGI METALLICI A TELAI PREFABBRICATI MARCA CETA SCHEDA DEI CONTROLLI DA EFFETTUARSI DURANTE IL MONTAGGIO E L'USO DEI PONTEGGI PONTEGGI METALLICI A TELAI PREFABBRICATI MARCA CETA CONTROLLO SI NO ESITO NON PERTINENTE NOTE sia conforme allo schema tipo

Dettagli

manuale operativo per le attività di montaggio, smontaggio e trasformazione dei ponteggi metallici

manuale operativo per le attività di montaggio, smontaggio e trasformazione dei ponteggi metallici manuale operativo per le attività di montaggio, smontaggio e trasformazione dei ponteggi metallici Comitato Paritetico Territoriale della Provincia di Salerno Sicurezza in edilizia Comitato Paritetico

Dettagli

PONTEGGI allegato XVIII D.lgs 81/08

PONTEGGI allegato XVIII D.lgs 81/08 PONTEGGI allegato XVIII D.lgs 81/08 SPINA A VERME TIPOLOGIE PIU COMUNI Legno Metallici tubi & giunti Metallici a cavalletti Multidirezionali >> CORRENTE DI PARAPETTO CORRENTE INTERMEDIO TAVOLA FERMAPIEDI

Dettagli

IMPRESA (denominazione ed eventuale logo) PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO DEL PONTEGGIO. (Pi.M.U.S.)

IMPRESA (denominazione ed eventuale logo) PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO DEL PONTEGGIO. (Pi.M.U.S.) IMPRESA (denominazione ed eventuale logo) PIA DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO DEL PONTEGGIO (Pi.M.U.S.) (ai sensi del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. Titolo IV Capo II Sez. IV, Art. 134 e Art. 136 e dell allegato

Dettagli

L USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO IN QUOTA OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO

L USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO IN QUOTA OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO L USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO IN QUOTA OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO COSA PREVEDE LA NORMATIVA SUI D.P.R. 164/1956 Art. 16 Ponteggi e opere provvisionali Nei lavori che sono eseguiti ad un altezza

Dettagli

CIRCOLARE D INFORMAZIONE N. 15 - II parte - SICUREZZA SUL LAVORO

CIRCOLARE D INFORMAZIONE N. 15 - II parte - SICUREZZA SUL LAVORO CIRCOLARE D INFORMAZIONE N. 15 - II parte - SICUREZZA SUL LAVORO In relazione alla prossima entrata in vigore del Decreto Legislativo 8 luglio 2003, n. 235: Attuazione della direttiva 2001/45/CE relativa

Dettagli

SCHEDA di RILEVAZIONE per il RISCHIO di CADUTA DALL ALTO

SCHEDA di RILEVAZIONE per il RISCHIO di CADUTA DALL ALTO SCHEDA di RILEVAZIONE per il RISCHIO di CADUTA DALL ALTO La scheda di rilevazione dei rischi di caduta dall alto è stata pensata come strumento di analisi sia per gli addetti del settore che per i funzionari

Dettagli

Indicazioni generali per le operazioni di montaggio, trasformazione, smontaggio dei ponteggi.

Indicazioni generali per le operazioni di montaggio, trasformazione, smontaggio dei ponteggi. - VENEZIA - Indicazioni generali per le operazioni di montaggio, trasformazione, smontaggio dei ponteggi. 1. planimetria delle zone destinate allo stoccaggio e al montaggio dei ponteggi. Le opere provvisionali

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione. Foto di Charles Ebbets

IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione. Foto di Charles Ebbets IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione Foto di Charles Ebbets Tutte le attività svolte su coperture in funzione dell altezza, della tipologia

Dettagli

Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 2 Misure e dispositivi di sicurezza. Fascicolo Sicurezza.

Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 2 Misure e dispositivi di sicurezza. Fascicolo Sicurezza. Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 2 Misure e dispositivi di sicurezza Fascicolo Sicurezza Allegato scheda 2 MISURE E DISPOSITIVI DA PREDISPORRE DA PARTE DEI DATORI DI LAVORO

Dettagli

SEMINARIO TECNICO IL RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO: LA STRAGE CONTINUA?

SEMINARIO TECNICO IL RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO: LA STRAGE CONTINUA? Presenta SEMINARIO TECNICO IL RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO: LA STRAGE CONTINUA? Con il patrocinio di: Città di GROSSETO Grosseto 4 marzo 2011 1 perché oggi parliamo di linee vita : Le cadute dall alto sono

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE Piazza Mazzini, 46 16038 SANTA MARGHERITA LIGURE (GE) REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SULLE COPERTURE DELLA SCUOLA PRIMARIA A.R. SCARSELLA, DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA

Dettagli

CHECK LIST PER LA SICUREZZA NEL CANTIERE EDILE

CHECK LIST PER LA SICUREZZA NEL CANTIERE EDILE IMPRESA: CHECK LIST PER LA CUREZZA NEL CANTIERE EDILE Visita al cantiere sito in. Via. Committente:.. Coordinatore per la sicurezza: Responsabile di cantiere: DATA VERIFICA: / / Soggetto verificatore:..

Dettagli

Il programma. I lavori in quota

Il programma. I lavori in quota Il programma I lavori in quota Definizioni Obblighi del datore di lavoro Scale a pioli Scale fisse a gradini Scale fisse a pioli Scale semplici portatili Definizione D.Lgs. 9 Aprile 2008 n.81 Titolo IV,

Dettagli

PIMUS -PONTEGGI. Dott. Giusti Daniele USL 3 PT -2014

PIMUS -PONTEGGI. Dott. Giusti Daniele USL 3 PT -2014 PIMUS -PONTEGGI Dott. Giusti Daniele USL 3 PT -2014 1 CSE -ponteggio? DLgs 81/08 e smi Art.92 comma 1 lettera e segnala al committente o al responsabile dei lavori, previa contestazione scritta [ ], le

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI: IL PONTEGGIO

OPERE PROVVISIONALI: IL PONTEGGIO OPERE PROVVISIONALI: IL PONTEGGIO PONTEGGI NON A NORMA Ponteggio su tettoia 2 Totale assenza di parapetti e impalcati incompleti Ponteggio su tettoia 3 Basi di appoggio instabili Rischio di crollo dell

Dettagli

S.P.Q.R. COMUNE DI ROMA SOVRAINTENTENZA BB.CC. I PONTEGGI. Servizio Prevenzione e Protezione. Corso di formazione Quaderno N

S.P.Q.R. COMUNE DI ROMA SOVRAINTENTENZA BB.CC. I PONTEGGI. Servizio Prevenzione e Protezione. Corso di formazione Quaderno N S.P.Q.R. COMUNE DI ROMA SOVRAINTENTENZA BB.CC. Corso di formazione Quaderno N I PONTEGGI Servizio Prevenzione e Protezione I ponteggi sono opere provvisionali che si usano nei lavori di ingegneria civile,di

Dettagli

TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI N 3 CAPI - N 73 articoli (da art. 88 a art. 160)

TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI N 3 CAPI - N 73 articoli (da art. 88 a art. 160) TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI N 3 CAPI - N 73 articoli (da art. 88 a art. 160) CAPO II NORME PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI SUL LAVORO NELLE COSTRUZIONI E NEI LAVORI IN QUOTA N 8 SEZIONI -

Dettagli

Ponteggi, opere provvisionali e lavori in quota

Ponteggi, opere provvisionali e lavori in quota Ponteggi, opere provvisionali e lavori in quota Parte 2/2 PONTEGGI ED OPERE PROVVISIONALI Criticità, buone prassi ed esempi applicativi alla luce del D.Lgs. 81/08 e ss. mm. Le norme per la prevenzione

Dettagli

RELAZIONI TECNICHE PER PONTEGGI METALLICI FISSI A MONTANTI E TRAVERSI PREFABBRICATI

RELAZIONI TECNICHE PER PONTEGGI METALLICI FISSI A MONTANTI E TRAVERSI PREFABBRICATI RELAZIONI TECNICHE PER PONTEGGI METALLICI FISSI A MONTANTI E TRAVERSI PREFABBRICATI a cura dell Ing.Avanzato Salvatore SCHEMA DELL'INSIEME Ogni schema funzionale di ponteggio che è possibile realizzare

Dettagli

I ponteggi metallici fissi

I ponteggi metallici fissi I ponteggi metallici fissi 10 errori da evitare 10 regole da seguire Ing. Luca Mangiapane Ing. Emiliano Davolio ASE Fuga da Alcatraz Divieto di arrampicarsi sui ponteggi Montare in sicurezza Sfortunato

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLE COPERTURE

ELABORATO TECNICO DELLE COPERTURE Comune di Scandicci Provincia di FI ELABORATO TECNICO DELLE COPERTURE relazione tecnica illustrativa (Regione TOSCANA - D.P.G.R. del 18 Dicembre 2013, n. 75/R) OGGETTO: Rifacimento della copertura oltre

Dettagli

E' obbligatorio l'uso del ponteggio per ogni lavoro svolto ad altezza superiore a 2 m. (Art.122 del D.lgs. n.81/08 )

E' obbligatorio l'uso del ponteggio per ogni lavoro svolto ad altezza superiore a 2 m. (Art.122 del D.lgs. n.81/08 ) OPERA PROVVISIONALE: PONTEGGIO METALLICO FISSO Il ponteggio fisso è un opera provvisionale realizzata per eseguire lavori ad altezze superiori ai 2 metri. Si tratta di una struttura reticolare realizzata

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO. SPISAL ULSS n. 15, Alta Padovana: dott. Francesco Zecchin. SPISAL ULSS n. 16, Padova: ing. Francesco Ciardo

GRUPPO DI LAVORO. SPISAL ULSS n. 15, Alta Padovana: dott. Francesco Zecchin. SPISAL ULSS n. 16, Padova: ing. Francesco Ciardo GRUPPO DI LAVORO SPISAL ULSS n. 15, Alta Padovana: SPISAL ULSS n. 16, Padova: SPISAL ULSS n. 17, Este Conselve: DIREZIONE TERRITORIALE DEL LAVORO: ORDINE DEGLI INGEGNERI prov. di Padova: ORDINE DEGLI ARCHITETTI

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

IL PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO DEI PONTEGGI METALLICI FISSI

IL PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO DEI PONTEGGI METALLICI FISSI IL PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO DEI PONTEGGI METALLICI FISSI (PiMUS) Proposta operativa per la redazione e la gestione Luca Mangiapane Associazione per la Sicurezza in Edilizia di Reggio E. Le

Dettagli

Come utilizzare. le scale. a mano o portatili.

Come utilizzare. le scale. a mano o portatili. Come utilizzare le scale a mano o portatili. SCALE A MANO NORME GENERALI Bisogna innanzitutto avere presente il concetto che le scale a mano devono servire esclusivamente per lavori assolutamente particolari

Dettagli

Corso di aggiornamento RSPP aziende edili. Lezione: Il PiMUS

Corso di aggiornamento RSPP aziende edili. Lezione: Il PiMUS Corso di aggiornamento RSPP aziende edili Lezione: Il PiMUS In questa unità didattica esamineremo le caratteristiche del PiMUS, il Piano di Montaggio, Uso e Smontaggio di Ponteggi, previsto dall art. 136

Dettagli

Entreranno in vigore nuovi obblighi

Entreranno in vigore nuovi obblighi InsiemeaPOSePSC,ilPIMUSèunostrumentodiprogrammazioneedigestionedellasicurezzaincantiere Obbligatorio dal 19 luglio 2005 il Piano di montaggio dei ponteggi di Damiano Romeo, consulente in materia di sicurezza

Dettagli

Parapetti provvisori quali sistemi collettivi di protezione dei bordi

Parapetti provvisori quali sistemi collettivi di protezione dei bordi Martedì 22 luglio2014, dalle ore 15.00 alle ore 17.00 presso la sede CPT, Viale Milano 56/60 Lodi Parapetti provvisori quali sistemi collettivi di protezione dei bordi ing. Massimiliano Colletta I LAVORI

Dettagli

A) DOCUMENTAZIONE SPECIFICA DELL IMPRESA

A) DOCUMENTAZIONE SPECIFICA DELL IMPRESA I CONTENUTI DELLA VIGILANZA NEI CANTIERE A) DOCUMENTAZIONE SPECIFICA DELL IMPRESA B) DOCUMENTAZIONE DEL CANTIERE C) CONTROLLO ADOZIONE MISURE DI SICUREZZA PER LE LAVORAZIONI CORSO D) LA GESTIONE DEL CANTIERE

Dettagli

FASCICOLO CON LE CARATTERISTICHE DELL'OPERA Per la prevenzione e protezione dai rischi (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 91 e Allegato XVI)

FASCICOLO CON LE CARATTERISTICHE DELL'OPERA Per la prevenzione e protezione dai rischi (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 91 e Allegato XVI) Comune di TORINO Provincia di TO FASCICOLO CON LE CARATTERISTICHE DELL'OPERA Per la prevenzione e protezione dai rischi (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81, Art. 91 e Allegato XVI) OGGETTO: AREA OVEST COMMITTENTE:

Dettagli

OPUSCOLO PER I LAVORATORI

OPUSCOLO PER I LAVORATORI 1 OPUSCOLO PER I LAVORATORI A cura: del Dott. Davide Antonelli 2 SCALE A MANO Tale attrezzatura È prevista per superare dislivelli e per effettuare lavorazioni straordinarie a carattere eccezionale e temporaneo.

Dettagli

PONTEGGI E OPERE PROVVISIONALI. Ing. Caterina Lapietra

PONTEGGI E OPERE PROVVISIONALI. Ing. Caterina Lapietra PONTEGGI E OPERE PROVVISIONALI Ing. Caterina Lapietra Il ponteggio metallico nasce nel mondoagliinizideglianni 20,in Inghilterra e negli Stati Uniti d America. Falasuacomparsanelnostropaese nel 1933, con

Dettagli

TORRE MOBILE DA LAVORO T21

TORRE MOBILE DA LAVORO T21 TORRE MOBILE DA LAVORO T21 ISTRUZIONI PER L USO, Il MONTAGGIO E LA MANUTENZIONE Il presente manuale contiene le informazioni necessarie all utilizzo, il montaggio, lo smontaggio e la manutenzione del Ponteggio

Dettagli

built build to ponteggi

built build to ponteggi uilt build to ponteggi Ponteggi e Coperture PONTEGGI Ponteggi prefabbricati K-KZ 110 PE 120 SE 132 Ponteggi multidirezionali Tubo e Giunto 144 Multidirezionale MP 150 Piazzole di carico MP 162 Scale di

Dettagli

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE. PiMUS. prof. ing. Pietro Capone

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE. PiMUS. prof. ing. Pietro Capone Corsi di:produzione EDILIZIA E CUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE PiMUS prof. ing. Pietro Capone 1 Piano di montaggio, uso e smontaggio (PiMUS) Già D.lgs. n 235 del 08/07/2003 Il montaggio, lo smontaggio

Dettagli

TORRE MOBILE DA LAVORO T21

TORRE MOBILE DA LAVORO T21 TORRE MOBILE DA LAVORO T21 ISTRUZIONI PER L USO, Il MONTAGGIO E LA MANUTENZIONE Il presente manuale contiene le informazioni necessarie all utilizzo, il montaggio, lo smontaggio e la manutenzione del Ponteggio

Dettagli

INDICE DEL CONTENUTO

INDICE DEL CONTENUTO GESTIONE DEI PONTEGGI (D.Lgs. 235/03) REVISIONE 02 INDICE DEL CONTENUTO 1. GENERALITÀ... 3 1.1. DEFINIZIONI... 3 2. MODALITÀ OPERATIVE... 4 2.1. VALUTAZIONE DELL IDONEITÀ DEL PONTEGGIO E DELLA RELATIVA

Dettagli

RISCHIO CADUTA DALL ALTO. Ing. Caterina Lapietra

RISCHIO CADUTA DALL ALTO. Ing. Caterina Lapietra RISCHIO CADUTA DALL ALTO Ing. Caterina Lapietra il rischio insito nel ponteggio, la sua percezione e gli accessori che producono sicurezza passiva La percezione del rischio è un fattore soggettivo, legato

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio di Prevenzione e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro La progettazione degli edifici e della sicurezza integrazione del regolamento locale di igiene OBIETTIVO: introdurre

Dettagli

CARPENTIERI / FERRAIOLI

CARPENTIERI / FERRAIOLI POSA DEL FERRO: MOVIMENTAZIONE E STOCCAGGIO Per quanto possibile, si dovrà ridurre la movimentazione manuale dei carichi ricorrendo all utilizzo di apparecchi di sollevamento. Le norme vigenti danno specifiche

Dettagli

PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli)

PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli) SCHEDA TECNICA N 25 PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli) SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE V I A M A S S A R E N T I, 9-4 0 1 3 8 B O L O G N A 0 5 1. 6 3. 6 1 4. 5 8 5 - FA X 0 5 1. 6 3. 6 4. 5 8 7 E-mail:

Dettagli

Dal Ministero del Lavoro una check-list per la sicurezza nei cantieri edili

Dal Ministero del Lavoro una check-list per la sicurezza nei cantieri edili Dal Ministero del Lavoro una check-list per la sicurezza nei cantieri edili L'ing. M. Grandi - funzionario della Direzione provinciale del Lavoro di Verbania ha curato la realizzazione una check list dedicata

Dettagli

Le scelte progettuaii, i documenti necessari e gli apprestamenti di difesa.

Le scelte progettuaii, i documenti necessari e gli apprestamenti di difesa. Firenze, 26 giugno 2006 CONVEGNO Sicurezza nei cantieri mobili e temporanei: i lavori in altezza Le scelte progettuaii, i documenti necessari e gli apprestamenti di difesa. Regolamento di attuazione dell

Dettagli

LAVORO IN QUOTA: DEFINZIONE

LAVORO IN QUOTA: DEFINZIONE LAVORI IN ALTEZZA - NORME DI RIFERIMENTO D.Lgs 81/2008 e s.m.i. In particolare Titolo IV Cantieri temporanei o mobili Capo II Norme per la prevenzione sul lavoro nelle costruzioni e nei lavori in quota

Dettagli

Ente Scuola Edile Taranto DEMOLIRE

Ente Scuola Edile Taranto DEMOLIRE Ente Scuola Edile Taranto DEMOLIRE DEFINIZIONE Demolizione: Operazione di abbattimento parziale o totale di un opera edificata, attraverso una sequenza programmata di interventi da effettuare sull opera

Dettagli

!!!!!!! "# "#$ % # $$%!!!!!!

!!!!!!! # #$ % # $$%!!!!!! ! "#!!!!!! "#$% #$$%!!!!!! $#!!''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''( & )!*) )+!,$#!!!)#!''''''''''''''''''''- ( $!.! */* *!#!*) #!11 +/)! * *)!#!! 2!)/*!!!!!#2!*1!'''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''''3

Dettagli

Cantieri temporanei o mobili. dott. ing. Giuseppe SEMERARO

Cantieri temporanei o mobili. dott. ing. Giuseppe SEMERARO Cantieri temporanei o mobili Titolo IV DLgs. 81/2008 1 Capo che sostituisce DPR 164/56, parte del DLgs. 626/94 ad altri provvedimenti minori abrogatiindirettamente indirettamente CAPO II NORME PER LA PREVENZIONE

Dettagli

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE prof. ing. Pietro Capone Opere realizzate provvisoriamente allo scopo di consentire l esecuzione dell opera, la loro vita è legata

Dettagli

D.Lgs. 81/2008 Lavori in altezza

D.Lgs. 81/2008 Lavori in altezza CONVEGNO 20 DICEMBRE 2012 PONTEGGI METALLICI FISSI: PROGETTAZIONE E MESSA IN OPERA Dott. Ing. Dario CASTAGNERI T.d.P. SPreSAL ASL TO 3 Reg. Piemonte D.Lgs. 81/2008 Lavori in altezza Capo II Sez. I Art.

Dettagli

PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO PONTEGGI. (art. 36-quater, c. 3, D.Lgs. 626/94, come modificato dal D.Lgs. 235/2003) Prov. di

PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO PONTEGGI. (art. 36-quater, c. 3, D.Lgs. 626/94, come modificato dal D.Lgs. 235/2003) Prov. di PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO PONTEGGI (art. 36-quater, c. 3, D.Lgs. 626/94, come modificato dal D.Lgs. 235/2003) COMUNE DI Prov. di Committente: Cantiere Ubicazione Località Natura dell'opera Inizio

Dettagli

Elementi di giudizio. Cadute dall alto. Lavoratori esposti al rischio di caduta da una altezza superiore a circa tre. Estesa carenza di protezioni

Elementi di giudizio. Cadute dall alto. Lavoratori esposti al rischio di caduta da una altezza superiore a circa tre. Estesa carenza di protezioni SPISAL Asl 20 Asl 21 Asl 22 Direzione Provinciale del Lavoro Comitato Paritetico Territoriale Polizia Municipale Campagna Cantieri Sicuri 2007 Elementi di giudizio Cantieri sotto il Minimo Etico Cadute

Dettagli

BRIO Ponteggio Multidirezionale

BRIO Ponteggio Multidirezionale BRIO Ponteggio Multidirezionale // Versatile e multifunzionale // Indice Caratteristiche Vantaggi Soluzioni Componenti base 2 4 6 13 // Caratteristiche Il Ponteggio Multidirezionale BRIO copre diverse

Dettagli

PREVENIRE LE CADUTE DALL ALTO

PREVENIRE LE CADUTE DALL ALTO PREVENIRE LE CADUTE DALL ALTO Gemona del Friuli, 23 maggio 2012 Dott.ssa Francesca Piva Tecnico della Prevenzione A.S.S. n. 3 Alto Friuli CLASSIFICAZIONE COPERTURE CLASSIFICAZIONE COPERTURE TIPOLOGIA Fortemente

Dettagli

Le lavorazioni in quota sono, per loro natura, estremamente pericolose per gli addetti ai lavori, che sono esposti al rischio di caduta dall alto.

Le lavorazioni in quota sono, per loro natura, estremamente pericolose per gli addetti ai lavori, che sono esposti al rischio di caduta dall alto. I PONTEGGI: il PIMUS Le lavorazioni in quota sono, per loro natura, estremamente pericolose per gli addetti ai lavori, che sono esposti al rischio di caduta dall alto. Un recente decreto, il D.Lgs235 del

Dettagli

PI.M.U.S ( Piano di Montaggio Uso e Smontaggio ) dei ponteggi, dei castelli di carico e dei trabattelli.

PI.M.U.S ( Piano di Montaggio Uso e Smontaggio ) dei ponteggi, dei castelli di carico e dei trabattelli. PI.M.U.S ( Piano di Montaggio Uso e Smontaggio ) dei ponteggi, dei castelli di carico e dei trabattelli. Dopo i piani di sicurezza: P.S.C., P.S.S., P.O.S., P.d.L., arriva il PI.M.U.S. ed è subito caos.

Dettagli

Comune di Fauglia Provincia di Pisa

Comune di Fauglia Provincia di Pisa Comune di Fauglia Provincia di Pisa ============= Oggetto: DICHIARAZIONE DI CONFORMITA AI SENSI DEL DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 23.11.2005, n. 62/R (misure preventive e protettive per

Dettagli

Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.)

Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.) MASTER SICUREZZA Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.) Alessandro Cauduro Creazzo 1 luglio 2010 DPI Anticaduta Generalità I dispositivi di protezione individuale (DPI) sono:

Dettagli

NUMERO VERDE 800.731.988 ASSISTENZA CLIENTI MANUALE PER LA MANUTENZIONE, L INSTALLAZIONE E L USO DEI PONTEGGI FISSI DELLA PONTEGGI EUROTEMPO

NUMERO VERDE 800.731.988 ASSISTENZA CLIENTI MANUALE PER LA MANUTENZIONE, L INSTALLAZIONE E L USO DEI PONTEGGI FISSI DELLA PONTEGGI EUROTEMPO E-mail:info@eurotempo.it 20093 - Cologno Monzese (MI) - Via Perugino, 35 Tel. 02.2542273 r.a. Fax 02.2538477 Internet:www.eurotempo.it NUMERO VERDE 800.731.988 ASSISTENZA CLIENTI MANUALE PER LA MANUTENZIONE,

Dettagli

Luca Mangiapane ingegnere

Luca Mangiapane ingegnere NOVITA SU PONTEGGI METALLICI FISSI E PIMUS secondo il D.LGS 81/2008 e s.m.i. Loc. Vedole, 39-43052 Colorno (PR) tel. 0521313291 fax 0521521405 e mail mangiapane@ingegneriasicurezza.it LE NOVITA DELL ART.

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 25 febbraio 2008, n. 7-114/Leg

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 25 febbraio 2008, n. 7-114/Leg DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 25 febbraio 2008, n. 7-114/Leg Regolamento tecnico per la prevenzione dei rischi di infortunio a seguito di cadute dall'alto nei lavori di manutenzione ordinaria

Dettagli

Prevenzione delle cadute dall alto INCONTRI DI IN FORMAZIONE 28 Settembre 2012 _MANTOVA_ LAVORI IN QUOTA. A cura di Pier Luigi Ghisi

Prevenzione delle cadute dall alto INCONTRI DI IN FORMAZIONE 28 Settembre 2012 _MANTOVA_ LAVORI IN QUOTA. A cura di Pier Luigi Ghisi Prevenzione delle cadute dall alto INCONTRI DI IN FORMAZIONE 28 Settembre 2012 _MANTOVA_ LAVORI IN QUOTA A cura di Pier Luigi Ghisi OBIETTIVO PRINCIPALE Descrivere l approccio che è stato utilizzato nella

Dettagli

Manuali uso e manutenzione del ponteggio: argomenti sicurezza

Manuali uso e manutenzione del ponteggio: argomenti sicurezza Manuali uso e manutenzione del ponteggio: argomenti sicurezza cod. 00144 - Rev. 0 - ottobre 2009 pag. 1 di 28 - Total X Sicurezza - Rev.0 - ottobre 2009 INDICE PREMESSA 3 1. ISTRUZIONI PER IL PRE-MONTAGGIO

Dettagli

built build to ponteggi ALLUMINIO PLA

built build to ponteggi ALLUMINIO PLA uilt build to ponteggi ponteggi ALLUMINIO PLA Ponteggio di facciata in alluminio P.L.A. 186 Azienda Progetti Prodotti PONTEGGIO PER MANUTENZIONE E RESTAURO Il ponteggio prefabbricato di facciata P.L.A.

Dettagli

PONTEGGI IDENTIFICAZIONE ELEMENTI TIPO DI PONTEGGIO PREFABBRICATO

PONTEGGI IDENTIFICAZIONE ELEMENTI TIPO DI PONTEGGIO PREFABBRICATO PONTEGGI IDENTIFICAZIONE ELEMENTI TIPO DI PONTEGGIO PREFABBRICATO 1 Montante: tubo verticale atto a sopportare tutti i carichi agenti sul ponteggio. 2 Traverso: elemento in direzione ortogonale alla facciata

Dettagli

ALLEGATO XVIII. 2.1.2.1. I correnti devono essere disposti a distanze verticali consecutive non superiori a m 2.

ALLEGATO XVIII. 2.1.2.1. I correnti devono essere disposti a distanze verticali consecutive non superiori a m 2. ALLEGATO XVIII Viabilità nei cantieri, ponteggi e trasporto dei materiali 1. Viabilità nei cantieri 1.1. Le rampe di accesso al fondo degli scavi di splateamento o di sbancamento devono avere una carreggiata

Dettagli

LA SICUREZZA NEI LAVORI SUI PREFABBRICATI

LA SICUREZZA NEI LAVORI SUI PREFABBRICATI INCONTRI CON LE IMPRESE Lodi, 21 Luglio 2015 LA SICUREZZA NEI LAVORI SUI PREFABBRICATI ing. Marco Antonio Fusco CPT Milano, Lodi, Monza Brianza Principali fasi di lavorazione nella prefabbricazione 1.

Dettagli

3.2.8 Parapetti 3.2.9 Gronde e pluviali 3.2.10 Misure contro la penetrazione dei volatili e di animali in genere

3.2.8 Parapetti 3.2.9 Gronde e pluviali 3.2.10 Misure contro la penetrazione dei volatili e di animali in genere 3.2.8 Parapetti Le finestre, i balconi e le terrazze devono avere parapetti di altezza non inferiore a cm. 100. In ogni caso i parapetti, fermo restando che devono garantire sufficiente resistenza agli

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA Legge Regionale 3 gennaio 2005, n. 1 - articolo 82, comma 16 Decreto del Presidente della Giunta Regionale 18 dicembre 2013, n. 75/R Regolamento di attuazione dell articolo

Dettagli

OBBLIGATORIO DAL 19 LUGLIO 2005 IL PIANO DI MONTAGGIO DEI PONTEGGI

OBBLIGATORIO DAL 19 LUGLIO 2005 IL PIANO DI MONTAGGIO DEI PONTEGGI OBBLIGATORIO DAL 19 LUGLIO 2005 IL PIANO DI MONTAGGIO DEI PONTEGGI Il 19 luglio 2005 è entrato in vigore il D.Lgs. 8 luglio 2003, n. 235, attuazione della direttiva n. 2001/45/CE relativa ai requisiti

Dettagli

SUI PRONTEGGI METALLICI FISSI

SUI PRONTEGGI METALLICI FISSI CAPITOLO 12 NOTE DOMANDE INTRODUTTIVE SUI PRONTEGGI METALLICI FISSI Nel presente capitolo vengono riportate specifiche domande sui ponteggi metallici fissi, seguite dalle relative risposte: i quesiti proposti

Dettagli

Le problematiche di sicurezza per l allestimento del cantiere per l installazione degli impianti fotovoltaici

Le problematiche di sicurezza per l allestimento del cantiere per l installazione degli impianti fotovoltaici Seminario Tecnico GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI Aggiornamenti legislativi, Problematiche tecniche, Problematiche di installazione, Rapporti con gli enti Le problematiche di sicurezza per l allestimento del

Dettagli

PiMUS PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO DEI PONTEGGI METALLICI FISSI (Art. 136 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n.81 e D.Lgs. 3 agosto 2009, n.

PiMUS PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO DEI PONTEGGI METALLICI FISSI (Art. 136 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n.81 e D.Lgs. 3 agosto 2009, n. $Empty_Logo$ Comune di $Empty_Citta$ Provincia di $Empty_Provincia$ PiMUS PIANO DI MONTAGGIO, USO E SMONTAGGIO DEI PONTEGGI METALLICI FISSI (Art. 136 del D.Lgs. 9 aprile 2008, n.81 e D.Lgs. 3 agosto 2009,

Dettagli

Pilosio è un importante realtà italiana ed internazionale del settore delle attrezzature per costruzioni e manutenzioni edili e industriali, altro

Pilosio è un importante realtà italiana ed internazionale del settore delle attrezzature per costruzioni e manutenzioni edili e industriali, altro Pilosio è un importante realtà italiana ed internazionale del settore delle attrezzature per costruzioni e manutenzioni edili e industriali, altro che delle strutture per lo spettacolo come palchi, tribune,

Dettagli

D.P.G.R. 23-11-2005 n. 62/R

D.P.G.R. 23-11-2005 n. 62/R D.P.G.R. 23-11-2005 n. 62/R Regolamento di attuazione dell'articolo 82, comma 16, della legge regionale 3 gennaio 2005, n. 1 (Norme per il governo del territorio) relativo alle istruzioni tecniche sulle

Dettagli

Seminario su linee vita: normative, tecniche e procedure

Seminario su linee vita: normative, tecniche e procedure Seminario su linee vita: normative, tecniche e procedure Fascicolo dell opera (D.Lgs. 81/08 art.91 All. XVI) elaborato tecnico e grafico della copertura relazione tecnica illustrativa fascicolo del sistema

Dettagli

Integrazione al Titolo III del Regolamento di Igiene

Integrazione al Titolo III del Regolamento di Igiene Allegato alla Delibera n. 850 del 17.12.2004 Integrazione al Titolo III del Regolamento di Igiene Articolo 3.2.11: Disposizioni concernenti la prevenzione dei rischi di caduta dall alto Le seguenti disposizioni

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

ALLEGATO XIX VERIFICHE DI SICUREZZA DEI PONTEGGI METALLICI FISSI

ALLEGATO XIX VERIFICHE DI SICUREZZA DEI PONTEGGI METALLICI FISSI ALLEGATO XIX VERIFICHE DI SICUREZZA DEI PONTEGGI METALLICI FISSI Si ritiene opportuno sottolineare che nel ponteggio metallico fisso la sicurezza strutturale, che ha un rilievo essenziale, dipende da numerosi

Dettagli

2.1 Ai fini di quanto disciplinato nel presente atto di indirizzo e coordinamento si intende per:

2.1 Ai fini di quanto disciplinato nel presente atto di indirizzo e coordinamento si intende per: Allegato 1) Atto di indirizzo e coordinamento per la prevenzione delle cadute dall alto nei lavori in quota nei cantieri edili e di ingegneria civile ai sensi dell art. 6 della legge regionale 2 marzo

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA art. 5 del DPGR del 23.11.2005 n.62/r

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA art. 5 del DPGR del 23.11.2005 n.62/r ALLEGATO alla seguente pratica: Denuncia inizio attività Richiesta Permesso di costruire Variante con sospensione lavori Variante senza sospensione lavori (art.142 L.R. 01/05) Istanza di sanatoria (art.140

Dettagli

ANCE ENNA SEZIONE EDILE DI CONFINDUSTRIA ENNA

ANCE ENNA SEZIONE EDILE DI CONFINDUSTRIA ENNA ANCE ENNA SEZIONE EDILE DI CONFINDUSTRIA ENNA VERIFICHE DEGLI ELEMENTI DI PONTEGGIO PRIMA DI OGNI MONTAGGIO CHECK-LIST 1 VERIFICHE DURANTE L USO DEI PONTEGGI METALLICI FISSI CHECK-LIST 2 Check-List 1 Data:

Dettagli