RESPONSABILITA DISCIPLINARE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RESPONSABILITA DISCIPLINARE"

Transcript

1 RESPONSABILITA DISCIPLINARE del dirigente medico.

2 I Quadro normativo e principi generali

3 Principali norme di legge Artt. 2104, 2105 e 2106 c.c. D.lgs. n. 165/2001 (Norme generali sull'ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche. Pubblicato nella Gazz. Uff. 9 maggio 2001, n. 106, S.O.) D.Lgs. n. 150/2009 (Attuazione della legge 4 marzo 2009, n. 15, in materia di ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e di efficienza e trasparenza delle pubbliche amministrazioni. Pubblicato nella Gazz. Uff. 31 ottobre 2009, n. 254, S.O.) Statuto dei lavoratori ( L. n. 300/1970).

4 2104. Diligenza del prestatore di lavoro. Il prestatore di lavoro deve usare la diligenza richiesta dalla natura della prestazione dovuta, dall'interesse dell'impresa e da quello superiore della produzione nazionale [c.c. 1176]. Deve inoltre osservare le disposizioni per l'esecuzione e per la disciplina del lavoro impartite dall'imprenditore e dai collaboratori di questo dai quali gerarchicamente dipende [c.c. 2086, 2094, 2236].

5 2105. Obbligo di fedeltà. Il prestatore di lavoro non deve trattare affari, per conto proprio o di terzi, in concorrenza con l'imprenditore, né divulgare notizie attinenti all'organizzazione e ai metodi di produzione dell'impresa, o farne uso in modo da poter recare ad essa pregiudizio [c.c. 2125].

6 2106. Sanzioni disciplinari. L'inosservanza delle disposizioni contenute nei due articoli precedenti può dar luogo alla applicazione di sanzioni disciplinari, secondo la gravità dell'infrazione [e in conformità delle norme corporative] (1).

7 Tipi di responsabilità Responsabilità penale, Responsabilità patrimoniale, Amministrativa (giudizio di responsabilità), Contabile ( giudizio di conto), Civile (aquiliana). Responsabilità disciplinare.

8 Fonte resp. disciplinare Il potere disciplinare trova fonte nella responsabilità contrattuale (diligenza ed obbedienza) e nel dovere di fedeltà previsto dalla legge.

9 Peculiarità potere P.A. Il potere disciplinare della P.A. è posto a presidio non solo dei doveri di ufficio, ma anche a tutela del prestigio e dell organizzazione dell amministrazione pubblica.

10 Supremazia della legge. Con la riforma Brunetta è stato introdotto il principio per cui la norma legislativa prevale su quella contrattuale (art. 2 co.2 n. 165/01: I rapporti di lavoro dei dipendenti delle amministrazioni pubbliche sono disciplinati dalle disposizioni del capo I, titolo II, del libro V del codice civile e dalle legge sui rapporti di lavoro subordinato nell'impresa, fatte salve le diverse disposizioni contenute nel presente decreto, che costituiscono disposizioni a carattere imperativo. Eventuali disposizioni di legge, regolamento o statuto, che introducano discipline dei rapporti di lavoro la cui applicabilità sia limitata ai dipendenti delle amministrazioni pubbliche, o a categorie di essi, possono essere derogate da successivi contratti o accordi collettivi e, per la parte derogata, non sono ulteriormente applicabili, solo qualora ciò sia espressamente previsto dalla legge).

11 Materie contrattuali Struttura contrattuale (durata, rapporti tra livelli ecc.), Retribuzione, Responsabilità (residuale), Sanzioni (residuale).

12 Principi in materia disciplinare Predeterminazioni infrazioni e sanzioni, Pubblicità/affissione, Preventiva contestazione addebito, Diritto di difesa lavoratore, Obbligatorietà azione disciplinare, Tempestività, Proporzionalità, Trasparenza.

13 II La disciplina nella legislazione

14 Art. 55. Responsabilità, infrazioni e sanzioni, procedure conciliative. Co.1. Le disposizioni del presente articolo e di quelli seguenti, fino all'articolo 55-octies, costituiscono norme imperative, ai sensi e per gli effetti degli articoli 1339 e 1419, secondo comma, del codice civile, e si applicano ai rapporti di lavoro di cui all'articolo 2, comma 2, alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche di cui all'articolo 1, comma 2.

15 Brunetta imperativa! Le norme imposte dalla legge sono inserite di diritto nel contratto, anche in sostituzione di quelle in contrasto volute dalle parti, Le clausole nulle non importano la nullità del contratto se sostituite da quelle imperative.

16 Art. 55. Responsabilità, infrazioni e sanzioni, procedure conciliative. Co. 2. Ferma la disciplina in materia di responsabilità civile, amministrativa, penale e contabile, ai rapporti di lavoro di cui al comma 1 si applica l'articolo 2106 del codice civile. Salvo quanto previsto dalle disposizioni del presente Capo, la tipologia delle infrazioni e delle relative sanzioni è definita dai contratti collettivi. La pubblicazione sul sito istituzionale dell'amministrazione del codice disciplinare, recante l'indicazione delle predette infrazioni e relative sanzioni, equivale a tutti gli effetti alla sua affissione all'ingresso della sede di lavoro.

17 Statuto lavoratori Art. 7. Sanzioni disciplinari. Co. 1: Le norme disciplinari relative alle sanzioni, alle infrazioni in relazione alle quali ciascuna di esse può essere applicata ed alle procedure di contestazione delle stesse, devono essere portate a conoscenza dei lavoratori mediante affissione in luogo accessibile a tutti. Esse devono applicare quanto in materia è stabilito da accordi e contratti di lavoro ove esistano.

18 D.M Codice di comportamento dei dipendenti delle pubbliche amministrazioni 1. Disposizioni di carattere generale. Co. 1. I princìpi e i contenuti del presente codice costituiscono specificazioni esemplificative degli obblighi di diligenza, lealtà e imparzialità, che qualificano il corretto adempimento della prestazione lavorativa. I dipendenti pubblici - escluso il personale militare, quello della polizia di Stato ed il Corpo di polizia penitenziaria, nonché i componenti delle magistrature e dell'avvocatura dello Stato - si impegnano ad osservarli all'atto dell'assunzione in servizio.

19 Codice disciplinare È parte integrante del contratto collettivo, predisposto dal datore di lavoro in forza della disciplina disciplinare prevista e del quale occorre dare adeguata pubblicità, anche informatica.

20 II- segue (La disciplina nella legislazione) LA PROCEDURA

21 Due competenze: A. Dirigente dell ufficio (rimprovero verbale, scritto, multa fino a 4 h., sospensione fino a 10gg.), B. - Ufficio Procedimenti Disciplinari (sospensione >10 gg., licenziamento con preavviso, senza preavviso, tutte le sanzioni se resp. struttura non è dirigente).

22 Rimprovero verbale Procedura stabilite da CCNL (art. 7 6/5/2010 non lo prevede), Non vi sono particolari adempimenti, Applicazione entro 20 gg. dalla conoscenza del fatto.

23 Rimprovero scritto, multa 4h., sospensione < 10 gg. 1) Contestazione scritta subito o max 20 gg. 2) Convocazione con 10 gg. per difesa, 3) Assistenza, memoria o rinvio, 4) Eventuale istruttoria, 5) Entro 60 gg. sanzione o archiviazione (se c è rinvio >10 gg., termine = prorogato). N.B. Termini perentori-decadenze.

24 Trasmissione atti Se il resp. struttura non è dirigente o sanzione applicabile + grave ENTRO 5 GG., trasmissione all ufficio procedimenti disciplinari, con comunicazione all interessato.

25 Sosp. > 10 gg.- Licenziamento con o senza preavviso Procedimento analogo co. 2 con : - Termini raddoppiati, - Decorrenza ricezione atti, - Termine finale però decorre sempre dalla conoscenza da parte del resp. struttura.

26 Contestazione 4 Immediata, deve contenere in modo chiaro e specifico i dati e gli aspetti essenziali del fatto e riferibilità, tanto da consentire contraddittorio e diritto di difesa.

27 Cass., sez. lav., , n Il requisito dell immediatezza va inteso in senso relativo e valutato dal giudice di merito anche in rapporto alla eventuale complessità delle indagini necessarie per l accertamento dell illecito, dovendosi peraltro considerare che tale requisito è posto a tutela del lavoratore ed inteso a consentirgli un adeguata difesa, onde il ritardo nella contestazione può costituire un vizio del procedimento disciplinare solo ove sia tale da determinare un ostacolo alla difesa effettiva del lavoratore.

28 Istruttoria - trasparenza, - Parità di mezzi tra le parti, - Contraddittorio, - Correttezza e buona fede contrattuali, - Non sospende i termini, - Informazioni da altre P.A. - Responsabilità del destinatario richiesta.

29 U.P.D. Viene individuato dalla P.A. secondo il proprio ordinamento. ATT! Cfr. dichiarazione congiunta n. 3 che prevede l OPPORTUNITA che ci sia un dirigente medico-veterinario > dell incolpato nell UPD

30 Conciliazione (art. 55 co. 3) I CCNL (cfr. art. 12) possono prevedere forme di conciliazione NON obbligatoria per sanzioni diverse da licenziamento, con durata max 30 gg. e sanzione stessa specie da quella edittale senza possibilità di impugnazione. NB sospesi i termini azione disciplinare.

31 Dirigente +/- N.B. Il dirigente medico può essere soggetto passivo della sanzione, ma anche (se responsabile con qualifica dirigenziale, della struttura in cui lavora il dipendente ) attivo, in quanto irroga la sanzione.

32 Procedimento disciplinare/penale (art. 55 ter) 653. Efficacia della sentenza penale nel giudizio disciplinare. 1. La sentenza penale irrevocabile di assoluzione ha efficacia di giudicato nel giudizio per responsabilità disciplinare davanti alle pubbliche autorità quanto all'accertamento che il fatto non sussiste o non costituisce illecito penale ovvero che l'imputato non lo ha commesso. 1-bis. La sentenza penale irrevocabile di condanna ha efficacia di giudicato nel giudizio per responsabilità disciplinare davanti alle pubbliche autorità quanto all'accertamento della sussistenza del fatto, della sua illiceità penale e all'affermazione che l'imputato lo ha commesso

33 Procedimento disciplinare/penale (art. 55 ter)/2 fatti meno gravi NON è prevista la sospensione del disciplinare, fatti + gravi possibile la sospensione sino alla fine del penale se: complessità fatto, mancano elementi sufficienti per motivare sanzione.

34 Procedimento disciplinare/penale (art. 55 ter)/3 1. Irrogazione sanzione-assoluzione penale (!): 6 mesi istanza di parte per riaprire procedimento per conferma o modifica. 2. Archiviazione-condanna penale: UPD riapre per adeguare le determinazioni, 3. Sanzione conservativa/licenziamento: UPD riapre se dal penale emerge caso di licenziamento.

35 Procedimento disciplinare/penale (art. 55 ter)/4 Nel caso in cui il procedimento disciplinare riguardi casi gravi e di complesso accertamento tanto da richiedere la sospensione della procedura sino all esito del penale PUO essere adottata la sospensione dall incarico o altri strumenti cautelari.

36 Impugnazioni Competente la sola A.G.O. Espressa previsione (Cfr art. 67 co. 2 n. 150/09) Divieto di per ccnl di istituire procedure di impugnazione (art. 55 co. 3 n. 165/01) Divieto di impugnare davanti i collegi arbitrali (art. 73 co. 1, n. 150/09.)

37 Nuove fattispecie (artt. 55 quater e ss.) La Brunetta non si limita a prevedere norme La Brunetta non si limita a prevedere norme di rito, ma anche di merito istituendo nuove ipotesi di licenziamento, con o senza preavviso, di sospensione dal servizio.

38 III Il contratto.

39 Sanzioni conservative E ora previsto che si possano applicare ai E ora previsto che si possano applicare ai medici dirigenti sanzioni conservative e non solo il recesso dal rapporto di lavoro.

40 Principi generali Resp. disciplinare diversa da resp. dirigenziale (valutazione risultato e competenza) ed anche da civile amministrativa, penale e contabile, Richiamo al rispetto di n. 165/01 e n. 150/09, Sanzione su elementi certi ed obiettivi, Tempestiva comunicazione della sanzione, Solo sanzioni previste dalla legge o CCNL.

41 Obblighi dirigente Diligenza e fedeltà(c.c.), impegno e responsabilità, Rispetto codice comportamento pubbl. dip. + aziendali, Art. 6 elenco di 13 ipotesi che sono, in buona sostanza, esplicitazione degli artt.c.c. Privacy, trasparenza amministrativa, infortunistica, fumo.

42 Abrogazione Viene abrogato l art. 11 CCNL del Viene abrogato l art. 11 CCNL del 17/10/2008 solo per evitare rindondanze.

43 Sanzioni 1. Censura scritta, 2. Sanzione pecuniaria, 3. Sospensione dal servizio senza retribuzione, 4. Licenziamento con preavviso, 5. Licenziamento senza preavviso.

44 Autorità competente Ribadita e specificata la Brunetta: a) Minore gravità: dirigente responsabile della struttura in cui l interessato è formalmente assegnato, b) Maggiore gravità: UPD art. 55 bis co. 4., c) Mancata collaborazione istruttoria o attivazione procedimento disciplinare:dir.gen. o delegato

45 Riabilitazione e recidiva Decorsi due anni dall irrogazione della sanzione, non se ne tiene conto ai fini di altro procedimento disciplinare. Nei due anni la recidiva comporta una sanzione più grave

46 Gradualità e proporzionalità Per decidere tipo e entità sanzione: Intenzionalità, Negligenza e prevedibilità evento, Rilevanza infrazione ed inosservanza regole Responsabilità incarico e danno al prestigio P.A. Entità danno cagionato, Aggravanti e attenuanti (comportamento complessivo, pluralità di soggetti).

47 Continuazione Più violazioni con unica azione o omissione o più collegate, accertate con unico procedimento, Si applica Sanzione più grave tra quelle applicabili

48 Raggruppamenti di sanzioni (codice disciplinare - art. 8) 1) Da censura scritta a multa da 200 a 500 (8 casi) 2) Sospensione servizio e retribuzione max 15 gg. (mancata collaborazione istruttoria), 3) Sospensione servizio e retribuzione sino a 3 mesi (no azione disciplinare e controllo assenze), 4) Sosp. Servizio e retribuzione da 3 gg. A 3 mesi (condanna risarcitoria per la P.A.) 5) Sosp. Servizio e retribuzione da 3 gg. A 6 mesi (13 casi)

49 Applicazione sanzione L applicazione può essere differita per max 30 gg. Sospensione servizio e privazione retribuzione può essere trasformata, con consenso, in pena pecuniaria = valore.

50 Licenziamento Il codice disciplinare prevede anche varie ipotesi di licenziamento con e senza preavviso, fatte salve le ipotesi più generali di licenziamento per giusta causa e giustificato motivo.

51 Sospensione cautelare (procedimento disciplinare) Quando sono necessari atti istruttori, 30gg gg. Retribuzione corrisposta, Scomputo sospensione c. dalla sanzione definitiva della sospensione,

52 Sospensione cautelare ( procedimento penale) Obbligatoria: Restrizione libertà o impedimento a lavorare, No retribuzione, Facoltativa: In tutti i casi in cui ci sia procedimento penale e disciplinare non sospeso (!)

53 Rapporti con penale In via generale ripercorre la disciplina n. 165/01 e c.p.p. Prevista la riammissione in servizi dopo licenziamento errato, anche in soprannumero + incarico equivalente. Altro risarcimento?

54 Patteggiamento disciplinare Conciliazione su sanzione diversa da licenziamento, Sanzione stessa specie, non impugnabile, Proposta (entrambe parti) procedura c. entro 5 gg. dall audizione (10 gg.) dirigente, Sommari fatti, esito contraddittorio, proposta sanzione, Entro 5 gg. accettazione procedura c. Convocazione dall autorità e verbalizzazione si o no Tutto entro 30 gg.

55 Licenziamento illegittimo - reintegrazione/indennità. Sentenza, Domanda dirigente, Anche in soprannumero Incarico equivalente, Retribuzione non corrisposta, OVVERO indennità ex art. 15 Ulteriori danni?

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

Art. 8 CCNL 06/05/2010 INTEGRATIVO DEL CCNL 17/10/2008 CODICE DISCIPLINARE

Art. 8 CCNL 06/05/2010 INTEGRATIVO DEL CCNL 17/10/2008 CODICE DISCIPLINARE Art. 8 CCNL 06/05/2010 INTEGRATIVO DEL CCNL 17/10/2008 CODICE DISCIPLINARE 1. Le Aziende sono tenute al rispetto dei principi di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della

Dettagli

CAPO II RESPONSABILITÀ DISCIPLINARE

CAPO II RESPONSABILITÀ DISCIPLINARE CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO DELL'AREA DELLA DIRIGENZA MEDICO VETERINARIA E DELLA DIRIGENZA SANITARIA, PROFESSIONALE, TECNICA E AMMINISTRATIVA DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE CONTRATTO INTEGRATIVO

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA COMUNE DI VIGONZA (PROVINCIA DI PADOVA) REGOLAMENTO DI DISCIPLINA (Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 126 del 03.10.2011) INDICE Art. 1 Inquadramento normativo fonti Art. 2 Sanzioni disciplinari

Dettagli

LE SANZIONI DISCIPLINARI NEL DECRETO LEGISLATIVO 27 ottobre 2009 n. 150. TITOLO IV, CAPO V Dall art. 67 all art. 73

LE SANZIONI DISCIPLINARI NEL DECRETO LEGISLATIVO 27 ottobre 2009 n. 150. TITOLO IV, CAPO V Dall art. 67 all art. 73 LE SANZIONI DISCIPLINARI NEL DECRETO LEGISLATIVO 27 ottobre 2009 n. 150 TITOLO IV, CAPO V Dall art. 67 all art. 73 ARTICOLO 67 Oggetto e finalità Comma 1 Finalità: potenziare i livelli di efficienza negli

Dettagli

SISTEMA DISCIPLINARE

SISTEMA DISCIPLINARE COZZI S.r.l. Sistema disciplinare ex D.lgs. 231/2001 COZZI S.r.l. SISTEMA DISCIPLINARE ai sensi dell art. 6 D.Lgs. 8 giugno 2001 n. 231 ENTRATA IN VIGORE DATA (Deliberazione C.d.a. 15/12/2009) 15/12/2009

Dettagli

D. Lgs. 231/01 Modello OGC All. 4 SISTEMA DISCIPLINARE

D. Lgs. 231/01 Modello OGC All. 4 SISTEMA DISCIPLINARE D. Lgs. 231/01 Modello OGC All. 4 SISTEMA DISCIPLINARE APPROVATO DAL CDA SOLINFO IL 21/05/15 Rev. 1 del 01/04/2015 Pag. 1 di 10 Indice 1. SEZIONE I - PRINCIPI GENERALI... 3 1.1 Introduzione... 3 1.2 Destinatari...

Dettagli

SISTEMA SANZIONATORIO

SISTEMA SANZIONATORIO Sommario 1. Introduzione... 2 2. Criteri di valutazione della violazione... 2 3. Sanzioni... 2 3.1 Lavoratori dipendenti non dirigenti... 2 3.1.1 Sanzioni per i lavoratori dipendenti... 3 3.2 Soggetti

Dettagli

Il sistema disciplinare

Il sistema disciplinare ALLEGATO 2a Il sistema disciplinare Si fa riferimento alle vigenti norme di legge e di contratto, tra cui: D.Lgs 81/08 - Art. 20 - Obblighi dei lavoratori 1. Ogni lavoratore deve prendersi cura della propria

Dettagli

18/10/2013. Rev. 01. CASALP S.p.A.

18/10/2013. Rev. 01. CASALP S.p.A. CASALP S.p.A. SISTEMA SANZIONATORIO E DISCIPLINARE EX D.LGS. 231/2001 1 INDICE 1. Premessa.. 3 2. Violazioni.. 4 3. Soggetti destinatari... 4 4. Comitato che vigila sui comportamenti e formula le proposte

Dettagli

Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001. Sistema Disciplinare

Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001. Sistema Disciplinare Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 Sistema Disciplinare ELENCO DELLE REVISIONI MODELLO DI ORGANIZZAZ IONE GESTIONE E CONT ROLLO REV. DATA NATURA DELLE MODIFICHE

Dettagli

INDICE. Introduzione 9. Capitolo 1 IL POTERE DISCIPLINARE 11 Premessa 11 1.1 Fonti normative 11

INDICE. Introduzione 9. Capitolo 1 IL POTERE DISCIPLINARE 11 Premessa 11 1.1 Fonti normative 11 INDICE Introduzione 9 Capitolo 1 IL POTERE DISCIPLINARE 11 Premessa 11 1.1 Fonti normative 11 Capitolo 2 IL CODICE DISCIPLINARE 17 2.1 Contenuti e caratteri del Codice Disciplinare 17 2.2 L obbligo di

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Parthenope

Università degli Studi di Napoli Parthenope PBX 081.5475111 (19 linee urb.) COD. FISC. 800 182 40 632 PART. IVA 018 773 20 638 T E L E F A X 0 8 1. 5 5 2 1 4 8 5 I N T E R N E T : w w w. u n i p a r t h e n o e p. i t 8 0 1 3 3 N A P O L I 1 4 D

Dettagli

Stralcio D. Lgs. 150/09

Stralcio D. Lgs. 150/09 Stralcio D. Lgs. 150/09 CAPO V Sanzioni disciplinari e responsabilità dei dipendenti pubblici Art. 67. Oggetto e finalità 1. In attuazione dell articolo 7 della legge 4 marzo 2009, n. 15, le disposizioni

Dettagli

Sanzioni disciplinari e Procedimento disciplinare

Sanzioni disciplinari e Procedimento disciplinare Seminario sul D.Lgs. 27 ottobre 2009 n. 150 1 Sanzioni disciplinari e Procedimento disciplinare (artt. 55-55 novies D. lsg. 30 marzo 2001 n. 165) Avv. Mauro Montini Firenze, 23 novembre 2009 AMBITO DI

Dettagli

Quando si parla di RESPONSABILITA PATRIMONIALE è opportuno precisare che ad essa afferiscono, secondo la teoria più seguita, due tipologie di

Quando si parla di RESPONSABILITA PATRIMONIALE è opportuno precisare che ad essa afferiscono, secondo la teoria più seguita, due tipologie di Quando si parla di RESPONSABILITA PATRIMONIALE è opportuno precisare che ad essa afferiscono, secondo la teoria più seguita, due tipologie di responsabilità: RESPONSABILITÀ CIVILE regolata dall art. 2043

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

Cons. Antonio Naddeo firmato

Cons. Antonio Naddeo firmato CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO RELATIVO AL PERSONALE DELL AREA VII DELLA DIRIGENZA UNIVERSITÀ E ISTITUZIONI ED ENTI DI RICERCA E SPERIMENTAZIONE PER ILQUADRIENNIO NORMATIVO 2006-2009 E BIENNIO

Dettagli

IL LICENZIAMENTO INDIVIDUALE

IL LICENZIAMENTO INDIVIDUALE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE IL LICENZIAMENTO INDIVIDUALE Vittorio De Luca avvocato e dottore commercialista Studio De Luca Avvocati Giuslavoristi Galleria Passarella, 2 Milano Milano - 17 Settembre

Dettagli

Il Decreto Legislativo 150/2009 e le sanzioni disciplinari

Il Decreto Legislativo 150/2009 e le sanzioni disciplinari Inserito il 23 dicembre 2009 Il Decreto Legislativo 150/2009 e le sanzioni disciplinari Il Decreto Legislativo 150/2009, pubblicato nel Supplemento Ordinario alla Gazzetta Ufficiale del 31 ottobre 2009

Dettagli

ARCESE TRASPORTI S.P.A. Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 CODICE DISCIPLINARE

ARCESE TRASPORTI S.P.A. Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 CODICE DISCIPLINARE ARCESE TRASPORTI S.P.A. Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 CODICE DISCIPLINARE ELENCO DELLE REVISIONI REV. DATA DESCRIZIONE APPROVAZIONE 00 28/07/15 Codice _Disciplinare

Dettagli

AZIENDA SANITARIA DI NUORO. REGOLAMENTO PER I PROCEDIMENTI DISCIPLINARI Allegato alla deliberazione n. 56 del 2014

AZIENDA SANITARIA DI NUORO. REGOLAMENTO PER I PROCEDIMENTI DISCIPLINARI Allegato alla deliberazione n. 56 del 2014 AZIENDA SANITARIA DI NUORO REGOLAMENTO PER I PROCEDIMENTI DISCIPLINARI Allegato alla deliberazione n. 56 del 2014 ART. 1 Fonti normative Il presente Regolamento ha per oggetto gli obblighi del dipendente,

Dettagli

Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001. Sistema Disciplinare

Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001. Sistema Disciplinare Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 Sistema Disciplinare ELENCO DELLE REVISIONI 2 INDICE Introduzione... 4 Sistema disciplinare... 4 Dirigenti... 5 Amministratori...

Dettagli

Aspetto essenziale per l effettività del Modello è costituito dalla predisposizione di un

Aspetto essenziale per l effettività del Modello è costituito dalla predisposizione di un b CASSA EDILE DELLA PROVINCIA DI BARI SISTEMA DISCIPLINARE ex D.lgs. 8 giugno 2001 n. 231 Principi generali Aspetto essenziale per l effettività del Modello è costituito dalla predisposizione di un adeguato

Dettagli

sistema disciplinare Modello 231/01 di Organizzazione Gestione e Controllo Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 29/02/2012

sistema disciplinare Modello 231/01 di Organizzazione Gestione e Controllo Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 29/02/2012 sistema disciplinare Modello 231/01 di Organizzazione Gestione e Controllo Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 29/02/2012 1 Indice Introduzione... 3 Sistema disciplinare... 3 2 Introduzione

Dettagli

1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni, in relazione alla

1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni, in relazione alla ART.95 CCNL SCUOLA -CODICE DISCIPLINARE (SOLO PERSONALE ATA) 1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni, in relazione alla gravità della mancanza ed in conformità di quanto

Dettagli

Sistema Disciplinare e Sanzionatorio

Sistema Disciplinare e Sanzionatorio Sistema Disciplinare e Sanzionatorio Contenuti 1. Introduzione... 3 1.1 Lavoratori dipendenti non Dirigenti... 3 1.2 Lavoratori dipendenti Dirigenti... 4 1.3 Misure nei confronti degli Amministratori e

Dettagli

RESPONSABILITA E PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

RESPONSABILITA E PROCEDIMENTO DISCIPLINARE RESPONSABILITA E PROCEDIMENTO DISCIPLINARE Treviso, 26 giugno 2013 1 Artt. 67 e seguenti del D.lgs. n. 150 del 2009. Sostituzione integrale dell art. 55 del decreto legislativo n. 165 del 2001 e inserimento

Dettagli

REGOLAMENTO DEI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI DEL PERSONALE DIPENDENTE NON DIRIGENTE E DI QUALIFICA DIRIGENZIALE

REGOLAMENTO DEI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI DEL PERSONALE DIPENDENTE NON DIRIGENTE E DI QUALIFICA DIRIGENZIALE Regolamento dei procedimenti disciplinari Pagina 1 REGOLAMENTO DEI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI DEL PERSONALE DIPENDENTE NON DIRIGENTE E DI QUALIFICA DIRIGENZIALE (CC.NN.LL. Personale del 6.7.1995 22.1.2004

Dettagli

Kosme srl D. Lgs. 231 Codice Sanzionatorio SOMMARIO

Kosme srl D. Lgs. 231 Codice Sanzionatorio SOMMARIO Kosme srl D. Lgs. 231 Codice Sanzionatorio SOMMARIO 1. Premessa 2. Violazioni 3. Soggetti destinatari 4. Misure disciplinari nei confronti dei lavoratori dipendenti 5. Misure disciplinari nei confronti

Dettagli

CODICE SANZIONATORIO norma del D.lgs. 231/2001

CODICE SANZIONATORIO norma del D.lgs. 231/2001 CODICE SANZIONATORIO norma del D.lgs. 231/2001 Numero Approvazione Data EDIZIONE 01 Consiglio di Amministrazione 19/12/2013 EDIZIONE 02 Consiglio di Amministrazione 03/09/2015 Pag. 2/8 INDICE 1. Obiettivo

Dettagli

LE SANZIONI DISCIPLINARI DEL RAPPORTO DI LAVORO

LE SANZIONI DISCIPLINARI DEL RAPPORTO DI LAVORO dott. Marco Ansaldi e rag. Antonella Bolla CONSULENZA FISCALE E DEL LAVORO 25.04.2011 LE SANZIONI DISCIPLINARI DEL RAPPORTO DI LAVORO Il codice civile, con l art. 2106, attribuisce al datore di lavoro

Dettagli

SISTEMA DISCIPLINARE. ai sensi del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231

SISTEMA DISCIPLINARE. ai sensi del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 SISTEMA DISCIPLINARE ai sensi del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 SISTEMA DISCIPLINARE 1 INDICE 1. PRINCIPI GENERALI... 3 2. CONDOTTE SANZIONABILI... 3 3. IL TITOLARE DEL POTERE SANZIONATORIO...

Dettagli

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP.

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP. Dipartimento per le Infrastrutture, gli affari generali ed il personale Direzione generale del personale e degli affari generali Divisione 4 Ufficio Ispettivo e Disciplina Via Nomentana, 2 00161 Roma tel.06.4412.3285

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE Dirigenti Medici e Veterinari

CODICE DISCIPLINARE Dirigenti Medici e Veterinari CODICE DISCIPLINARE Dirigenti Medici e Veterinari CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO 6 maggio 2010 (per la sequenza contrattuale dell art. 28 del CCNL del personale della dirigenza medico veterinaria

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE

CODICE DISCIPLINARE PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE CODICE DISCIPLINARE PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE Integrato con le modifiche e aggiunte apportate agli articoli da 55 a 55 septies dal D.Lgs. n. 150/2009 CCNL 11 APRILE 2008 ARTICOLO 3, COMMI 1, 2 E 3

Dettagli

Sistema Disciplinare relativo al MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.lgs. 8 giugno 2001 n. 231

Sistema Disciplinare relativo al MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.lgs. 8 giugno 2001 n. 231 Sistema Disciplinare relativo al MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.lgs. 8 giugno 2001 n. 231 di Fujitsu Technology Solutions S.p.A. Vers. 2.0 approvato dal CdA il 21/01/2015

Dettagli

Istituto Professionale per l Industria e l Artigianato GUGLIELMO MARCONI

Istituto Professionale per l Industria e l Artigianato GUGLIELMO MARCONI Istituto Professionale per l Industria e l Artigianato GUGLIELMO MARCONI Via G. B. Basile, 39-80014 Giugliano in Campania (NA)- tel. 081/8945777 fax 081/3302641 -codice meccanografico NARI020001- codice

Dettagli

MINISTERO dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO di ISTRUZIONE SUPERIORE Carlo Alberto Dalla Chiesa 21018 Sesto Calende (Va)

MINISTERO dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO di ISTRUZIONE SUPERIORE Carlo Alberto Dalla Chiesa 21018 Sesto Calende (Va) ISO 9001 CERTIFIED ORGANISATION ISTITUTO Di ISTRUZIONE SUPERIORE MINISTERO dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO di ISTRUZIONE SUPERIORE Carlo Alberto Dalla Chiesa 21018 Sesto Calende

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA PUGLIESE CIACCIO VIA VINICIO CORTESE N.25 88100 CATANZARO

AZIENDA OSPEDALIERA PUGLIESE CIACCIO VIA VINICIO CORTESE N.25 88100 CATANZARO AZIENDA OSPEDALIERA PUGLIESE CIACCIO VIA VINICIO CORTESE N.25 88100 CATANZARO REGOLAMENTO PER I PROCEDIMENTI DISCIPLINARI Disposizioni applicabili a tutti i dirigenti Approvato con deliberazione n. 50/CS

Dettagli

L appuntamento con l Esperto Jobs Act: il contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti. Alberto Bosco

L appuntamento con l Esperto Jobs Act: il contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti. Alberto Bosco L appuntamento con l Esperto Jobs Act: il contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti Alberto Bosco La L. 10 dicembre 2014, n. 183, all art. 1, co. 7, lettera c) dispone che la delega va attuata,

Dettagli

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Sede legale: via Valverde n.42-37122 Verona - tel. 045/8075511 Fax 045/8075640 Cod. Fiscale e P. IVA 02573090236 A TUTTO IL PERSONALE DIPENDENTE DELLA DIRIGENZA SANITARIA TECNICA

Dettagli

OGGETTO: 206/CL = Licenziamento per giusta causa CCNL ORTOFRUTTA

OGGETTO: 206/CL = Licenziamento per giusta causa CCNL ORTOFRUTTA OGGETTO: 206/CL = Licenziamento per giusta causa CCNL ORTOFRUTTA Se nel corso del rapporto un lavoratore compie un atto tanto grave da non consentire anche solo in via provvisoria la prosecuzione del rapporto,

Dettagli

CODICE SANZIONATORIO. Allegato 3 al Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del decreto legislativo 8 Giugno 2001 n 231

CODICE SANZIONATORIO. Allegato 3 al Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del decreto legislativo 8 Giugno 2001 n 231 Pag. 1 a 8 CODICE SANZIONATORIO Allegato 3 al Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del decreto legislativo 8 Giugno 2001 n 231 In vigore dal: 30/04/2014 Precedenti versioni: PRIMA EMISSIONE

Dettagli

Regione del Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico

Regione del Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico A TUTTO IL PERSONALE DIPENDENTE DELLA DIRIGENZA MEDICA La pubblicazione sul sito internet aziendale del codice disciplinare avviene ai sensi dell art. 55 del D. Lgs. 165/2001, modificato dall art. 68,

Dettagli

IL SISTEMA SANZIONATORIO

IL SISTEMA SANZIONATORIO IL SISTEMA SANZIONATORIO EX D. LGS. 231/2001 1 L introduzione di un sistema disciplinare volto a sanzionare il mancato rispetto delle misure contenute nel Modello 231/2001, aggiornato alla L. 190/2012,

Dettagli

SEMINARIO: LA RESPONSABILITA' DEI DIPENDENTI DEL SETTORE DEL CREDITO NELL'ESERCIZIO DELLE LORO FUNZIONI

SEMINARIO: LA RESPONSABILITA' DEI DIPENDENTI DEL SETTORE DEL CREDITO NELL'ESERCIZIO DELLE LORO FUNZIONI SEMINARIO: LA RESPONSABILITA' DEI DIPENDENTI DEL SETTORE DEL CREDITO NELL'ESERCIZIO DELLE LORO FUNZIONI 1 responsabilità e diligenza del dipendente il lavoratore dipendente può incorrere in: responsabilità

Dettagli

TITOLO II RAPPORTO DI LAVORO

TITOLO II RAPPORTO DI LAVORO CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO DELL'AREA DELLA DIRIGENZA MEDICO VETERINARIA DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE CONTRATTO INTEGRATIVO DEL CCNL DEL 17 OTTOBRE 2008 TITOLO II RAPPORTO DI LAVORO CAPO

Dettagli

ASL N. DI CODICE DISCIPLINARE PERSONALE APPARTENENTE ALL'AREA DELLA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

ASL N. DI CODICE DISCIPLINARE PERSONALE APPARTENENTE ALL'AREA DELLA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE ASL N. DI CODICE DISCIPLINARE PERSONALE APPARTENENTE ALL'AREA DELLA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE Il presente codice disciplinare è relativo al personale appartenente

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE DIRIGENZA MEDICO E VETERINARIA

CODICE DISCIPLINARE DIRIGENZA MEDICO E VETERINARIA CODICE DISCIPLINARE DIRIGENZA MEDICO E VETERINARIA CCNL DELL AREA DELLA DIRIGENZA MEDICO VETERINARIA DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE CONTRATTO INTEGRATIVO DEL CCNL DEL 17 OTTOBRE 2008 (firmato il 6 maggio

Dettagli

CODICE SANZIONATORIO DELL ATER DI LATINA

CODICE SANZIONATORIO DELL ATER DI LATINA MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO DELL ATER DI LATINA ai sensi del decreto legislativo 8 Giugno 2001 n 231 CODICE SANZIONATORIO DELL ATER DI LATINA Testo approvato dal Commissario Straordinario

Dettagli

1) MODIFICHE AL TESTO UNICO BANCARIO IN ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N.

1) MODIFICHE AL TESTO UNICO BANCARIO IN ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 1) MODIFICHE AL TESTO UNICO BANCARIO IN ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione; Visto il decreto

Dettagli

Nota Circolare UPPA n. 41/08. Alla Presidenza del Consiglio dei ministri Segretariato generale

Nota Circolare UPPA n. 41/08. Alla Presidenza del Consiglio dei ministri Segretariato generale UFFICIO PERSONALE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI SERVIZIO TRATTAMENTO DEL PERSONALE DFP-0027366-12/06/2008-1.2.3.3 Roma, 12 giugno 2008 Nota Circolare UPPA n. 41/08 Alla Presidenza del Consiglio dei ministri

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER LA SEQUENZA CONTRATTUALE DELL ART. 28 DEL CCNL DEL PERSONALE DELLA DIRIGENZA MEDICO VETERINARIA DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE SOTTOSCRITTO IL 17 OTTOBRE

Dettagli

SISTEMA DISCIPLINARE. Sistema di Gestione della Responsabilità Amministrativa (Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex Dlgs 231/01)

SISTEMA DISCIPLINARE. Sistema di Gestione della Responsabilità Amministrativa (Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex Dlgs 231/01) Pagina 1 di 12 STAMPLAST S.r.l. ex Dlgs 231/01 Presidente Consiglio di Amministrazione Redatto/Approvato Pagina 2 di 12 INDICE 10. LA FUNZIONE, L AUTONOMIA E I PRINCIPI DEL... 3 2.0 I SOGGETTI DESTINATARI...

Dettagli

FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO

FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO REGOLAMENTO DISCIPLINARE Dirigenza medica, sanitaria, professionale, tecnica e amministrativa AZIENDA OSPEDALIERA FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Allegato alla deliberazione n.. Del. Responsabile del procedimento:

Dettagli

Aran Agenzia per la Rappresentanza negoziale delle Pubbliche Amministrazioni

Aran Agenzia per la Rappresentanza negoziale delle Pubbliche Amministrazioni Comparto: Sanita' Tipo: CCNL Area: Personale dei livelli Data: 01/09/1995 Descrizione: CCNL comparto Sanità personale non dirigente - parte normativa 1994/1997 e parte economica 1994/1995 AGENZIA PER LA

Dettagli

Patente di guida: irregolarità e relative sanzioni

Patente di guida: irregolarità e relative sanzioni Patente di guida: irregolarità e relative sanzioni Errata applicazione dell articolo 126 bis al titolare di patente rilasciata da uno Stato estero All atto di rilascio della patente viene attribuito un

Dettagli

JOBS ACT Legge n. 183 del 10 dicembre 2014

JOBS ACT Legge n. 183 del 10 dicembre 2014 JOBS ACT Legge n. 183 del 10 dicembre 2014 SINTESI DELLA SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO nel DECRETO RECANTE LA DISCIPLINA ORGANICA DEI CONTRATTI DI LAVORO Decreto Legislativo n. 81 del 15 giugno 2015 Con riferimento

Dettagli

Art. 1. Dal minimo della censura scritta fino alla multa di importo da 200,00 a 500,00 (art. 8, comma 4, del CCNL 6/5/2010)

Art. 1. Dal minimo della censura scritta fino alla multa di importo da 200,00 a 500,00 (art. 8, comma 4, del CCNL 6/5/2010) NUOVO CODICE DISCIPLINARE PER IL PERSONALE DELLA DIRIGENZA DIRIGENZA MEDICA - VETERINARIA E DELLA DIRIGENZA SANITARIA, PROFESSIONALE, TECNICA ED AMMINISTRATIVA COORDINATO CON IL D.LGS. 27/10/2009 N. 150

Dettagli

Comune di Rotonda Provincia di Potenza

Comune di Rotonda Provincia di Potenza Comune di Rotonda Provincia di Potenza REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI DISCIPLINARI E PER LA GESTIONE DEL CONTENZIOSO DEL LAVORO- CODICE DISCIPLINARE Approvato con delibera della Giunta Comunale

Dettagli

Allegato n. 6. Allegato n. 6 SISTEMA DISCIPLINARE

Allegato n. 6. Allegato n. 6 SISTEMA DISCIPLINARE Allegato n. 6 SISTEMA DISCIPLINARE 1 Premessa Un punto qualificante nella costruzione di un Modello di organizzazione e gestione, ex art. 6 e 7 del D.lgs 231/01, (di seguito Modello) è costituito dalla

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE DELLA DIRIGENZA E CODICE DISCIPLINARE

REGOLAMENTO SULLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE DELLA DIRIGENZA E CODICE DISCIPLINARE REGOLAMENTO SULLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE DELLA DIRIGENZA E CODICE DISCIPLINARE 1 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI, RESPONSABILITA DISCIPLINARI E SANZIONI Articolo 1 Ambito di applicazione e fonti

Dettagli

COMUNE DI DOLO Provincia di VENEZIA

COMUNE DI DOLO Provincia di VENEZIA COMUNE DI DOLO Provincia di VENEZIA CODICE DISCIPLINARE E NORMATIVA PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI DISCIPLINARI Approvato con delibera C.C. n. 78 del 14.11.2006 - esecutivo INDICE Art. 1 Contenuto del

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO

SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO ARTT. 30 40 D.LGS 81/2015 IL CONTRATTO DI È IL CONTRATTO, A TEMPO INDETERMINATO O DETERMINATO, CON IL QUALE UN AGENZIA DI AUTORIZZATA METTE A DISPOSIZIONE DI UN UTILIZZATORE UNO O PIÙ LAVORATORI SUOI DIPENDENTI,

Dettagli

SISTEMA SANZIONATORIO

SISTEMA SANZIONATORIO Sommario Introduzione... 2 Le violazioni e le misure disciplinari... 2 SISTEMA SANZIONATORIO PER I LAVORATORI DIPENDENTI... 3 LAVORATORI DIPENDENTI NON DIRIGENTI (QUADRI, IMPIEGATI, OPERAI)... 3 DIRIGENTI...

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE. Art. 48 AMMONIZIONI SCRITTE, MULTE E SOSPENSIONI

CODICE DISCIPLINARE. Art. 48 AMMONIZIONI SCRITTE, MULTE E SOSPENSIONI Pag. 1 di 5 Con la presente si informa il lavoratore su alcuni aspetti tratti dal contratto collettivo nazionale di categoria: Art. 47 PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI L inosservanza, da parte del lavoratore,

Dettagli

Licenziamenti e Riforma Fornero

Licenziamenti e Riforma Fornero Licenziamenti e Riforma Fornero La legge n. 92/2012 un anno dopo Messina, 25.10.13 1 Il nuovo art. 18 La tutela del lavoratore in caso di licenziamento illegittimo Reintegra e risarcimento pieno (5 min)

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE DEL PERSONALE DELLA DIRIGENZA MEDICO VETERINARIA E S.P.T.A AZIENDA SANITARIA LOCALE TO3

CODICE DISCIPLINARE DEL PERSONALE DELLA DIRIGENZA MEDICO VETERINARIA E S.P.T.A AZIENDA SANITARIA LOCALE TO3 CODICE DISCIPLINARE DEL PERSONALE DELLA DIRIGENZA MEDICO VETERINARIA E S.P.T.A AZIENDA SANITARIA LOCALE TO3 in attuazione del Contratto Collettivo Nazionale sottoscritto il 6 maggio 2010, integrativo del

Dettagli

SCHEMA DI REGOLAMENTO CONCERNENTE LA PROCEDURA DI IRROGAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE L ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI

SCHEMA DI REGOLAMENTO CONCERNENTE LA PROCEDURA DI IRROGAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE L ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI SCHEMA DI REGOLAMENTO CONCERNENTE LA PROCEDURA DI IRROGAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE L ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI VISTA la legge 12 agosto 1982, n. 576 concernente

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DELL ASP ISTITUZIONI ASSISTENZIALI RIUNITE DI PAVIA

REGOLAMENTO IN MATERIA DI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DELL ASP ISTITUZIONI ASSISTENZIALI RIUNITE DI PAVIA ISTITUZIONI ASSISTENZIALI RIUNITE DI PAVIA REGOLAMENTO IN MATERIA DI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DELL ASP ISTITUZIONI ASSISTENZIALI RIUNITE DI PAVIA Art. 1 Oggetto 1. Il presente

Dettagli

CAPO II NORME DISCIPLINARI RESPONSABILITÀ DISCIPLINARE. Art. 4 Principi generali

CAPO II NORME DISCIPLINARI RESPONSABILITÀ DISCIPLINARE. Art. 4 Principi generali CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO DEL PERSONALE DIRIGENTE DEL comparto Regioni e autonomie locali (Area II) Quadriennio NORMATIVO 2006 2009 BIENNIO ECONOMICO 2006-2007 22 febbraio 2010 CAPO II NORME

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE MODIFICHE ALL'ARTICOLO 55- QUATER DEL DECRETO LEGISLATIVO 30 MARZO 2001, N. 165, AI SENSI DELL'ARTICOLO 17, COMMA 1, LETTERA S), DELLA LEGGE 7 AGOSTO 2015, N. 124,

Dettagli

EDIZIONE 1 23 Agosto 2013 REV. 1 PAG. 1 DI 11 Risorsa Sociale Gera d Adda Via Dalmazia, 2 24047 Treviglio (BG) Tel. 0363 3112101

EDIZIONE 1 23 Agosto 2013 REV. 1 PAG. 1 DI 11 Risorsa Sociale Gera d Adda Via Dalmazia, 2 24047 Treviglio (BG) Tel. 0363 3112101 SISTEMA DISCIPLINARE EDIZIONE 1 23 Agosto 2013 REV. 1 PAG. 1 DI 11 SOMMARIO PREMESSA... 3 1. IL MODELLO DI ADOTTATO DA RISORSA SOCIALE GERA D ADDA... 4 2. IL SISTEMA DISCIPLINARE DI RISORSA SOCIALE GERA

Dettagli

Sistema Disciplinare. Modello 231/01 di Organizzazione Gestione e Controllo

Sistema Disciplinare. Modello 231/01 di Organizzazione Gestione e Controllo Sistema Disciplinare Modello 231/01 di Organizzazione Gestione e Controllo Rev 00 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 23/10/2013 SISTEMA DISCIPLINARE Pag. 2 di 11 INDICE: PREMESSA... 3 SISTEMA

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE Alessandria, 18 e 20 aprile 2012 Avv. Carlo CASTELLOTTI Ufficio Legale A.S.L. AL 1 RESPONSABILITA PUBBLICO DIPENDENTE PENALE CIVILE AMMINISTRATIVA (ERARIALE DISCIPLINARE) CONTABILE

Dettagli

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Sede legale: via Valverde n.42-37122 Verona - tel. 045/8075511 Fax 045/8075640 Cod. Fiscale e P. IVA 02573090236 A TUTTO IL PERSONALE DIPENDENTE DELLA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA

Dettagli

CAPO V NORME DISCIPLINARI ART. 28 (DOVERI DEL DIPENDENTE)

CAPO V NORME DISCIPLINARI ART. 28 (DOVERI DEL DIPENDENTE) CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO DEL COMPARTO DEL PERSONALE DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PARTE NORMATIVA QUADRIENNIO 1994/1997 E PARTE ECONOMICA BIENNIO 1994-1995 CAPO V NORME DISCIPLINARI

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente Regolamento in materia di esercizio del potere sanzionatorio dell Autorità Nazionale Anticorruzione per l omessa adozione dei Piani triennali di prevenzione

Dettagli

La nuova disciplina dei licenziamenti disciplinari

La nuova disciplina dei licenziamenti disciplinari Milano, 30 marzo 2015 La nuova disciplina dei licenziamenti disciplinari Presentazione a «Tutto Lavoro» Avv. Angelo Zambelli Licenziamento disciplinare espressione del potere disciplinare del datore di

Dettagli

Tel.015/881852 881324 fax 015/8285600 c.a.p. 13855 C.F. 83001090022

Tel.015/881852 881324 fax 015/8285600 c.a.p. 13855 C.F. 83001090022 REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI BIELLA C O M U N E D I VA L D E N G O Tel.015/881852 881324 fax 015/8285600 c.a.p. 13855 C.F. 83001090022 CODICE DISCIPLINARE ART. 3 DEL C.C.N.L. DEL PERSONALE DEL COMPARTO

Dettagli

Le sanzioni disciplinari ed il relativo procedimento

Le sanzioni disciplinari ed il relativo procedimento Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale Le sanzioni disciplinari ed il relativo procedimento di Arturo Bianco Aggiornato a Maggio 2007 SSPAL Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione

Dettagli

ESTRATTO TITOLO VII NORME COMPORTAMENTALI E DISCIPLINARI

ESTRATTO TITOLO VII NORME COMPORTAMENTALI E DISCIPLINARI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER IL PERSONALE DIPENDENTE SETTORI SOCIOASSISTENZIALE, SOCIO-SANITARIO ED EDUCATIVO UNEBA Unione Nazionale Istituzioni ed Iniziative di Assistenza Sociale ESTRATTO

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE RIFERITO AL PERSONALE DIRIGENTE

CODICE DISCIPLINARE RIFERITO AL PERSONALE DIRIGENTE PUBBLICATO IN DATA 19 MAGGIO 2010 IN VIGORE DAL 3 GIUGNO 2010 CODICE DISCIPLINARE RIFERITO AL PERSONALE DIRIGENTE Art. 8 CCNL Integrativo del CCNL 17 ottobre 2008, sottoscritto in data 6 maggio 2010 1.

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE Maria Elisa Caldera Consulente del Lavoro Iscritta al n 839 dell'albo di Brescia info@calderaconsulenzalavoro.it Il potere disciplinare Consiste nella facoltà del datore di

Dettagli

SISTEMA DISCIPLINARE. Venis Venezia Informatica e Sistemi S.p.A.

SISTEMA DISCIPLINARE. Venis Venezia Informatica e Sistemi S.p.A. SISTEMA DISCIPLINARE Venis Venezia Informatica e Sistemi S.p.A. Versione: 3.0 Approvato con determinazione dell Amministratore Unico il 7 novembre 2014 MO231 - pag. 1 di 5 SISTEMA DISCIPLINARE 1. PREMESSA

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE COMUNE DI LOIRI PORTO SAN PAOLO

CODICE DISCIPLINARE COMUNE DI LOIRI PORTO SAN PAOLO COMUNE DI LOIRI PORTO SAN PAOLO (PROVINCIA DI OLBIA TEMPIO) CODICE DISCIPLINARE PREMESSA Il D. Lgs 150/2009, di attuazione della L. 15/2009, ha previsto un nuovo sistema disciplinare per i dipendenti pubblici.

Dettagli

Incidenti stradali: le nuove disposizioni

Incidenti stradali: le nuove disposizioni INCONTRO DI STUDIO PER OPERATORI DI POLIZIA LOCALE LE NOVITA LEGISLATIVE PER LA P.M. FAENZA (RA) - 19 maggio 2006 Incidenti stradali: le nuove disposizioni LEGGE 21 febbraio 2006, n. 102 Disposizioni in

Dettagli

La responsabilità disciplinare del dipendente del servizio sanitario nazionale ed il ruolo dell infermiere forense. Indice

La responsabilità disciplinare del dipendente del servizio sanitario nazionale ed il ruolo dell infermiere forense. Indice LEZIONE: LA RESPONSABILITÀ DISCIPLINARE DEL DIPENDENTE DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE ED IL RUOLO DELL INFERMIERE FORENSE PROF. MARCO GALDI Indice 1 INTRODUZIONE ---------------------------------------------------

Dettagli

MODULO 2: IL DIRITTO DEL LAVORO

MODULO 2: IL DIRITTO DEL LAVORO 1) Il lavoro nella Costituzione (13, 14) MODULO 2: IL DIRITTO DEL LAVORO L importanza del lavoro è immediatamente sancita dall art. 1 L Italia è una repubblica democratica fondata sul lavoro ed esso costituisce

Dettagli

PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI E VINCOLO FIDUCIARIO Doveri e diritti del lavoratore bancario

PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI E VINCOLO FIDUCIARIO Doveri e diritti del lavoratore bancario 2014 PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI E VINCOLO FIDUCIARIO Doveri e diritti del lavoratore bancario Federazione Autonoma Bancari Italiani Dipartimento Nazionale Formazione 1 DOVERI DEL LAVORATORE DIPENDENTE

Dettagli

Poteri e nuova disciplina della dirigenza tra valutazione e procedimenti disciplinari. Forum PA mercoledì 19 maggio 2010 ore 10,00

Poteri e nuova disciplina della dirigenza tra valutazione e procedimenti disciplinari. Forum PA mercoledì 19 maggio 2010 ore 10,00 Poteri e nuova disciplina della dirigenza tra valutazione e procedimenti disciplinari Forum PA mercoledì 19 maggio 2010 ore 10,00 1 Valutazione Uno dei principali intenti del D.Lgs. n. 150/2009 è stato

Dettagli

TESTO COORDINATO DELLE NORME IN MATERIA DISCIPLINARE PER IL PERSONALE DELL AGENZIA CON QUALIFICA DIRIGENZIALE

TESTO COORDINATO DELLE NORME IN MATERIA DISCIPLINARE PER IL PERSONALE DELL AGENZIA CON QUALIFICA DIRIGENZIALE TESTO COORDINATO DELLE NORME IN MATERIA DISCIPLINARE PER IL PERSONALE DELL AGENZIA CON QUALIFICA DIRIGENZIALE 1. PRINCIPI GENERALI 2. OBBLIGHI DEL DIRIGENTE 3. SANZIONI E PROCEDURE DISCIPLINARI 4. CODICE

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE PERSONALE NON DIRIGENTE (Art. 3 del C.C.N.L. 11 aprile 2008 integrato con le disposizioni di cui al D.Lgs.27 ottobre 2009, n.

CODICE DISCIPLINARE PERSONALE NON DIRIGENTE (Art. 3 del C.C.N.L. 11 aprile 2008 integrato con le disposizioni di cui al D.Lgs.27 ottobre 2009, n. Pagina 1 di 7 CODICE DISCIPLINARE PERSONALE NON DIRIGENTE (Art. 3 del C.C.N.L. 11 aprile 2008 integrato con le disposizioni di cui al D.Lgs.27 ottobre 2009, n.150) 1. Nel rispetto del principio di gradualità

Dettagli

La conciliazione in materia di lavoro: schede riassuntive

La conciliazione in materia di lavoro: schede riassuntive La conciliazione in materia di lavoro: schede riassuntive di Flavia Pasquini Contratti certificati Licenziamento per giustificato motivo oggettivo Licenziamento di lavoratori di cui all art. 1 dello schema

Dettagli

Art. 5 Principi generali

Art. 5 Principi generali CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO DELL AREA DELLA DIRIGENZA MEDICO-VETERINARIA DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE CONTRATTO INTEGRATIVO DEL CCNL DEL 17 OTTOBRE 2008 (sottoscritto in data 06/05/2010)

Dettagli

SISTEMA DISCIPLINARE E SANZIONATORIO (SDS)

SISTEMA DISCIPLINARE E SANZIONATORIO (SDS) SISTEMA DISCIPLINARE SANZIONATORIO Rev 0 SISTEMA DISCIPLINARE E SANZIONATORIO (SDS) MODELLO ORGANIZZATIVO Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D.Lgs. 231/01 Disciplina e Compiti dell Organismo

Dettagli

ai sensi del D.Lgs 231/2001

ai sensi del D.Lgs 231/2001 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO GASPARINA DI SOPRA Società Cooperativa Sociale Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 Sistema Disciplinare 1 ELENCO DELLE

Dettagli