guide operative Giovanni Santarcangelo TASSAZIONE con Cd-Rom Seconda edizione

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "guide operative Giovanni Santarcangelo TASSAZIONE con Cd-Rom Seconda edizione"

Transcript

1 Giovanni Santarcangelo TASSAZIONE degli atti NOTARILi con Cd-Rom guide operative Seconda edizione

2 Giovanni Santarcangelo TASSAZIONE DEGLI ATTI NOTARILI Seconda edizione

3 2014 Wolters Kluwer Italia S.r.l. Strada I, Palazzo F Milanofiori Assago (MI) Redazione Giuridica: Corso Lombardia, San Mauro Torinese (TO) Sito Internet: UTET GIURIDICA è un marchio registrato e concesso in licenza da De Agostini Editore S.p.A. a Wolters Kluwer Italia S.r.l. I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento totale o parziale, con qualsiasi mezzo (compresi i microfilm e le copie fotostatiche), sono riservati per tutti i Paesi. Le fotocopie per uso personale del lettore possono essere effettuate nei limiti del 15% di ciascun volume/fascicolo di periodico dietro pagamento alla SIAE del compenso previsto dall art. 68, commi 4 e 5, della legge 22 aprile 1941 n Le riproduzioni diverse da quelle sopra indicate (per uso non personale cioè, a titolo esemplificativo, commerciale, economico o professionale e/o oltre il limite del 15%) potranno avvenire solo a seguito di specifica autorizzazione rilasciata da EDISER Srl, società di servizi dell Associazione Italiana Editori, attraverso il marchio CLEARedi Centro Licenze e Autorizzazioni Riproduzioni Editoriali. L elaborazione dei testi, anche se curata con scrupolosa attenzione, non può comportare specifiche responsabilità per eventuali errori o inesattezze. Project editor: Pietro Giordano Redazione: Simonetta Scursatone Editing: Centrofotocomposizione Dorigo (PD) Composizione: Integra Software Services - Pvt. Ltd. Stampa: L.E.G.O. S.p.A. - Lavis (TN) ISBN:

4 Decreto del Presidente della Repubblica del , n. 131 Approvazione del testo unico delle disposizioni concernenti l imposta di registro - TUR/TAB IMPOSTA DI REGISTRO TABELLA TITOLO UNICO ATTI PER I QUALI NON VI È OBBLIGO DI CHIEDERE LA REGISTRAZIONE Gli atti indicati nella tabella rientrano nella categoria degli atti non soggetti a registrazione (art. 7, comma 1, Tur), neppure in caso d uso (art. 5, comma 1, Tur), purché redatti per scrittura privata non autenticata. Se formati per atto pubblico o scrittura privata autenticata, rientrano invece negli atti soggetti a registrazione in termine fisso (art. 5, comma 1, Tur) col pagamento dell imposta in misura fissa (art. 11, comma 1, Tur/tar/I), salvo le eccezioni espressamente indicate (art. 7, comma 1, Tur e art. 11, comma 1, Tur/tar/I). Essi possono essere presentati per la registrazione volontaria (art. 8, comma 1, Tur), nel qual caso l imposta è dovuta in misura fissa (art. 7, comma 1, Tur) (Risoluzione n del ). Art. 1 Tur/tab [1] Atti del potere legislativo, atti relativi a referendum, atti posti in essere dalla amministrazione dello Stato, dalle regioni, province e comuni diversi da quelli relativi alla gestione dei loro patrimoni. L articolo riproduce esattamente il contenuto dell art. 1 Reg/tab. Art. 1 Tur/tab 1. Atti del potere legislativo e atti posti in essere dalle amministrazioni dello Stato Non vi è obbligo di chiedere la registrazione per: gli atti del potere legislativo, compresi gli atti relativi a referendum. gli atti posti in essere dalle amministrazioni dello Stato, dalle Regioni, Province e Comuni, nell esplicazione della loro attività amministrativa di diritto pubblico con esclusione quindi dell attività di diritto privato che si estrinseca con la contrattazione nei confronti dei singoli privati (Risoluzione prot del ). L esenzione si applica agli atti posti in essere da tali soggetti jure imperii, con esclusione degli atti relativi alla gestione dei loro patrimoni (Risoluzione prot del ) i quali, trattandosi di rapporti di diritto privato (concessione su beni demaniali, compravendite, locazioni, licitazioni, appalti, prestazione di servizi), sono soggetti a registrazione secondo i principi normali (Risoluzione n del ). Gli atti qui esaminati: se redatti per scrittura privata non autenticata, rientrano tra gli atti non soggetti a registrazione (art. 7, comma 1, Tur); se redatti per atto pubblico o scrittura privata autenticata, rientrano negli atti soggetti a registrazione in termine fisso (art. 5, comma 1, Tur), con pagamento dell imposta in misura fissa (art. 7, comma 1, Tur e art. 11, comma 1, Tur/tar/I). Wolters Kluwer Italia 1511

5 D.p.r. 26 aprile 1986, n Tabella Art. 2 Tur/tab [1] Atti, diversi da quelli espressamente contemplati nella parte prima della tariffa, dell autorità giudiziaria in sede civile e penale, della Corte costituzionale, del Consiglio di Stato, della Corte dei conti, dei Tribunali amministrativi regionali, delle Commissioni tributarie e degli organi di giurisdizione speciale e dei relativi procedimenti; atti del contenzioso in materia elettorale e dei procedimenti disciplinari; procure alle liti. L articolo riproduce sostanzialmente il contenuto dell art. 2 Reg/tab. Art. 2, Tur/tab 1. Atti dell autorità giudiziaria non soggetti a registrazione 1. Dalla norma in esame si trae il principio per il quale gli atti dell autorità giudiziaria diversi da quelli espressamente e tassativamente indicati nella prima parte della tariffa (art. 37, comma 1, Tur) non sono soggetti a registrazione. Ciò comporta che non vi è obbligo di chiedere la registrazione, neanche in caso d uso (art. 5, comma 1, Tur) per tutti gli atti dell autorità giudiziaria ordinaria, amministrativa e speciale in materia di controversie civili che non definiscono, neanche parzialmente, il giudizio (art. 8, Tur/ tar/i) e non abbiano contenuto patrimoniale (Risoluzione n del ). Rientrano in questa categoria: i decreti ingiuntivi non ancora esecutivi (i quali diventano soggetti a registrazione solo nel momento in cui diventano esecutivi); le sentenze penali, tributarie e dei giudici amministrativi (salvo quelli indicati nell art. 8, comma 1 bis, Tur/tar/I), della Corte Costituzionale, della Corte dei Conti, delle commissioni tributarie, degli organi di giurisdizione speciali, del contenzioso in materia elettorale, dei procedimenti disciplinari; i decreti di sequestro e dissequestro; i provvedimenti cautelari conservativi o, comunque, non anticipatori, come il sequestro conservativo, il sequestro giudiziario, i procedimenti d istruzione preventiva (Risoluzione n. 255 del ) (Risoluzione n. 255 del ). i verbali di apposizione di sigilli, i verbali di deposito e i decreti di svincolo dei depositi giudiziari (Risoluzione n del ); i provvedimenti che dichiarano l estinzione del giudizio (Circolare n. 45/E del ), l incompetenza territoriale (Circolare n. 45/E del ), la rinunzia agli atti del giudizio (Risoluzione n. 263/E del ) ed in genere tutti gli atti di carattere meramente procedurale, ossia i provvedimenti che non definiscono liti e controversie (Circolare n. 45/E del ). Non vi è obbligo di chiedere la registrazione neppure per gli atti del giudice di pace e altri atti giudiziari indicati nell art. 10 Tur/tab. 2. Non vi è obbligo di chiedere la registrazione neppure per la Procura alle liti, anche se redatta per atto pubblico o scrittura privata autenticata da notaio. Lo stesso dicasi per il Verbale di giuramento di perizie o traduzioni. Non rientrano nella disposizione in esame gli atti che, seppure espletati dinanzi ad un ufficio giudiziario, non sono correlati ad alcun procedimento, come ad esempio il Verbale di inventario di tutela di minori e il Verbale di inventario di tutela di interdetti e altre persone prive di autonomia Wolters Kluwer Italia

6 Art. 4 Tur/tab Art. 3 Tur/tab [1] Atti di qualsiasi natura formati per essere prodotti: a) in procedimenti amministrativi, non giurisdizionali, iniziati d ufficio od a richiesta di parte per ottenere provvedimenti di interesse pubblico; b) ad enti di assistenza, beneficenza e previdenza, relativi a persone non assoggettate alle imposte sul reddito. Nota: Ai fini della lettera b) all atto deve essere allegato il certificato del competente ufficio delle imposte attestante che il richiedente non è assoggettato a tributo. L articolo riproduce sostanzialmente il contenuto dell art. 3 Reg/Tab. Art. 3 Tur/tab 1. Atti formati per essere prodotti in procedimenti amministrativi o ad enti di assistenza, beneficenza e previdenza La norma in esame esclude dall obbligo della registrazione tutti gli atti, di qualsiasi natura, formati (per scrittura privata non autenticata) per essere prodotti ai fini di cui appresso: in procedimenti amministrativi, non giurisdizionali, diretti a ottenere provvedimenti di interesse pubblico (è indifferente che essi siano iniziati d ufficio o su istanza di parte); a enti di assistenza, beneficenza e previdenza, purché relativi a persone indigenti, non assoggettate alle imposte sul reddito (formalmente attestato mediante apposita certificazione o autocertificazione). Per tali atti non vi è obbligo di chiedere la registrazione solo se redatti per scrittura privata non autenticata. Se redatti per scrittura privata autenticata o per atto pubblico, sono soggetti a registrazione in termine fisso (art. 5, comma 1, Tur), col pagamento dell imposta in misura fissa (art. 7, comma 1, Tur e art. 11, comma 1, Tur/tar/I). Art. 4 Tur/tab [1] Atti di ultima volontà. L articolo riproduce esattamente il contenuto dell art. 4 Reg/tab. Art. 4 Tur/tab 1. Atti di ultima volontà Gli atti di ultima volontà rientrano nella categoria degli atti non soggetti a registrazione (art. 7, comma 1, Tur), anche se redatti in forma pubblica o comunque con l intervento del notaio o altro pubblico ufficiale (art. 7, comma 1, Tur e art. 11, comma 1, Tur/tar/I). Per tali atti, infatti, il legislatore ha espressamente derogato al principio per il quale sono soggetti a registrazione in termine fisso (art. 5, comma 1, Tur) gli atti pubblici e le scritture private autenticate aventi ad oggetto atti compresi nella tabella (art. 7, comma 1, Tur e art. 11, comma 1, Tur/tar/I). Rientrano nella previsione normativa: il Testamento, qualunque forma assuma, e quindi non solo quello olografo, ma anche quello pubblico o internazionale; il Verbale di deposito di testamento olografo o segreto; Wolters Kluwer Italia 1513

7 D.p.r. 26 aprile 1986, n Tabella il Verbale di ritiro di testamento olografo o segreto; la Revoca del testamento, fatta in un atto notarile; in genere tutti gli atti che vengono annotati nel repertorio degli atti di ultima volontà. Sono atti soggetti a registrazione in termine fisso (art. 5, comma 1, Tur), con pagamento dell imposta di registro in misura fissa, non trattandosi di atti di ultima volontà, ma atti tra vivi (tant è vero che vengono annotati nel relativo repertorio) che s inquadrano nella categoria degli atti non aventi per oggetto prestazioni a contenuto patrimoniale che rivestono la forma dell atto pubblico o della scrittura privata autenticata (art. 11, comma 1, Tur/tar/I): il Verbale di richiesta di registrazione di testamento pubblico il Verbale di pubblicazione di testamento. Art. 5 Tur/tab [1] Atti e documenti formati per l applicazione, riduzione, liquidazione, riscossione, rateazione e rimborso delle imposte e tasse a chiunque dovute, comprese le relative sentenze, e gli atti relativi alla concessione o all appalto per la loro riscossione; garanzie richieste da leggi, anche regionali e provinciali, e atti relativi alla loro cancellazione, comprese le quietanze da cui risulti l estinzione del debito; atti e documenti formati in relazione al servizio militare obbligatorio o a quello civile sostitutivo. L art. 5 Reg/Tab già disciplinava la materia prevedendo l esonero dall obbligo di registrazione di determinati atti che prima erano soggetti a registrazione in termine fisso. L art. 5 Tur/tab ne ha ampliato il contenuto, allo scopo di dirimere le incertezze sorte sotto il vigore della precedente normativa (Circolare n. 37 del ). Art. 5, Tur/tab 1. Atti formati per l applicazione d imposte e tasse Gli atti formati per l applicazione d imposte e tasse rientrano tra gli atti non soggetti a registrazione (art. 7, comma 1, Tur), anche quando sono redatti per atto pubblico o scrittura privata autenticata (art. 7, comma 1, Tur e art. 11, comma 1, Tur/tar/I). Per tali atti, infatti, il legislatore ha espressamente derogato al principio per il quale sono soggetti a registrazione in termine fisso (art. 5, comma 1, Tur) gli atti pubblici e le scritture private autenticate aventi ad oggetto atti compresi nella tabella (art. 7, comma 1, Tur e art. 11, comma 1, Tur/tar/I). Rientrano nella categoria tutti gli atti e documenti formati per l applicazione, riduzione, liquidazione, riscossione, rateazione e rimborso delle imposte e tasse a chiunque dovute, comprese le relative sentenze (Risoluzione n del ), e gli atti relativi alla concessione o all appalto per la loro riscossione. Stante l ampia formulazione della norma, vi rientrano tutti gli atti connessi al procedimento di applicazione delle imposte, compresi quelli relativi alla sospensione, dilazione, rateazione delle imposte, come ad esempio: gli Accordi di consolidamento (Risoluzione n. 166/E del ); l Asseverazione di perizie richieste da leggi fiscali (come ad esempio, per la rivalutazione di terreni o quote sociali); gli atti di dilazione di qualsiasi imposta, compresa la dilazione del pagamento dell imposta di successione, tenendo presente che il contestuale atto costitutivo di garanzia, reale o personale, è soggetto al pagamento dell imposta di registro in misura fissa (art. 38, comma 3, TUS/38) 1514 Wolters Kluwer Italia

8 Art. 5 Tur/tab gli atti emanati dall AF in applicazione di leggi tributarie; gli atti relativi alle procedure esecutive per la riscossione delle entrate iscritte a ruolo (art. 66, comma 2, d.lgs , n. 112); le dichiarazioni dei redditi, le istanze di sgravio o riduzione di imposte; il Verbale di apertura di cassetta di sicurezza, la cui redazione è prescritta esclusivamente da norma tributarie (Risoluzione n. 2/E del ). L Atto dichiarativo d impresa familiare è anch esso previsto da una legge fiscale (art. 5, comma 4, d.p.r , n. 917), tuttavia l AF ritiene che esso sia soggetto a registrazione perché produce anche effetti sostanziali (riconoscimento dell esistenza dell impresa familiare). Art. 5 Tur/tab 2. Garanzie richieste da leggi Gli atti con cui sono prestate garanzie richieste dalla legge, anche regionali e provinciali e per gli atti relativi alla loro cancellazione, comprese le quietanze da cui risulti l estinzione del debito sono atti non soggetti a registrazione (art. 7, comma 1, Tur), anche se redatti per atto pubblico o scrittura privata autenticata (art. 7, comma 1, Tur e art. 11, comma 1, Tur/tar/I). Per tali atti, infatti, il legislatore ha espressamente derogato al principio per il quale sono soggetti a registrazione in termine fisso (art. 5, comma 1, Tur) gli atti pubblici e le scritture private autenticate aventi ad oggetto atti compresi nella tabella (art. 7, comma 1, Tur e art. 11, comma 1, Tur/tar/I). Rientrano in tale categoria: le fideiussioni rilasciate a garanzia della restituzione di imposte, come l Iva (Circolare n. 84 del ) o le imposte sui redditi (Circolare n. 211 del ), sia quelle rilasciate da Banche e assicurazioni, sia quelle rilasciate dalle società capogruppo (Circolare n. 164 del ). la concessione d ipoteca a garanzia della dilazione del pagamento dell imposta di successione; la cessione del quinto dello stipendio a garanzia di prestiti; la cauzione versata a enti pubblici in dipendenza di atti di acquisto di beni (Risoluzione n del ); le quietanze relative a tali atti, dalle quali risulti l estinzione del debito; gli atti relativi alla cancellazione delle garanzie. i decreti di cancellazione dell ipoteca iscritta a garanzia dell atto di dilazione dell imposta di successione (Circolare n. 37 del ). Art. 5 Tur/tab 3. Atti e documenti per servizio militare o civile Gli atti e documenti formati in relazione al servizio militare obbligatorio o civile sostitutivo sono atti non soggetti a registrazione (art. 7, comma 1, Tur), non solo se portati da scritture private non autenticate ma anche se redatti per atto pubblico o scrittura privata autenticata (art. 7, comma 1, Tur e art. 11, comma 1, Tur/tar/I). Per tali atti, infatti, il legislatore ha espressamente derogato al principio per il quale sono soggetti a registrazione in termine fisso (art. 5, comma 1, Tur) gli atti pubblici e le scritture private autenticate aventi ad oggetto atti compresi nella tabella (art. 7, comma 1, Tur e art. 11, comma 1, Tur/tar/I). Wolters Kluwer Italia 1515

9 D.p.r. 26 aprile 1986, n Tabella Art. 6 Tur/tab [1] Atti per la formazione del catasto dei terreni e dei fabbricati. L articolo riproduce esattamente il contenuto dell art. 6 Reg/Tab (art. 6 Reg/Tab). Art. 6 Tur/tab 1. Atti per la formazione del catasto Gli atti, i modelli, le schede e i documenti necessari per la formazione del catasto sono atti non soggetti a registrazione (art. 7, comma 1, Tur), ma solo se redatti per scrittura privata non autenticata. Se redatti per atto pubblico o scrittura privata autenticata, si applica la disposizione per la quale, in mancanza di espressa deroga, sono atti soggetti a registrazione in termine fisso (art. 5, comma 1, Tur) gli atti pubblici e le scritture private autenticate aventi ad oggetto atti compresi nella tabella (art. 7, comma 1, Tur e art. 11, comma 1, Tur/tar/I). Art. 7 Tur/tab [1] Contratti di assicurazione, di riassicurazione e di rendita vitalizia soggetti all imposta di cui alla legge 29 ottobre 1961, n. 1216, nonché ricevute parziali di pagamento, quietanze, ivi comprese quelle rilasciate agli assicuratori per il pagamento delle somme assicurate e ogni altro atto inerente all acquisizione, gestione ed esecuzione dei predetti contratti posto in essere nei rapporti dell assicuratore con altri assicuratori, con agenti, intermediari ed altri collaboratori, anche autonomi, e con gli assicurati; atti relativi alla istituzione di fondi comuni di investimento mobiliare autorizzati [a], alla sottoscrizione e al rimborso delle quote, anche in sede di liquidazione, e alla emissione ed estinzione dei relativi certificati, compresi le quote ed i certificati di analoghi fondi esteri autorizzati al collocamento nel territorio dello Stato. L art. 7 Reg/tab aveva ripreso l esenzione dall obbligo di registrazione per i contratti di assicurazione, soggetti all imposta sostitutiva sulle assicurazioni (art. 16, l , n. 1216). L art. 7 Tur/tab ha confermato tale agevolazione e chiarito che l imposta sostitutiva dovuta per i fondi comuni di investimento mobiliare (di cui all art. 9, comma 2, l n. 77) si estende anche all imposta di registro (Circolare n. 37 del ). Con successive disposizioni, il trattamento previsto dall art. in esame è stato esteso alle SICAV (art. 14, d.lgs , n. 84) e ai fondi d investimento immobiliari (art. 9, comma 1, D.L , n. 351). Art. 7 Tur/tab 1. Atti relativi ad assicurazione, riassicurazione e rendita vitalizia, atti relativi all istituzione di fondi comuni di investimento Non vi è obbligo di chiedere la registrazione, se redatti per scrittura privata non autenticata, per: i contratti di assicurazione, riassicurazione e rendita vitalizia e in genere tutti i contratti e gli atti soggetti all imposta sostitutiva sulle assicurazioni, comprese le polizze fideiussorie relative ad assicurazioni contro i danni (Risoluzione n del ); ogni altro atto inerente all acquisizione, gestione ed esecuzione dei contratti di assicurazione posto in essere dall assicuratore nei rapporti con altri assicuratori, con agenti, intermediari ed altri collaboratori, anche autonomi, compresa la Procura ad agenti di assicurazione; gli atti relativi alla istituzione di fondi comuni di investimento mobiliare autorizzati (tali fondi erano regolati dal d.lgs , n. 84 ed ora dal d.lgs , n. 58), alla sottoscrizione e al rimborso delle quote, anche in sede di liquidazione, e alla emissione ed estinzione dei relativi certificati 1516 Wolters Kluwer Italia

10 Art. 8 Tur/tab gli atti relativi all istituzione o alla sottoscrizione di fondi comuni di investimento immobiliare, compresi quelli effettuati mediante apporto di beni (Circolare n. 47/E dell ); gli atti relativi alle società di investimento a capitale variabile (SICAV). Gli atti indicati in questo articolo non sono soggetti a registrazione solo se portati da scritture private non autenticate Sono atti soggetti a registrazione in termine fisso (art. 5, comma 1, Tur) e con pagamento dell imposta in misura fissa se redatti per atto pubblico o scrittura privata autenticata (art. 7, comma 1, Tur e art. 11, comma 1, Tur/tar/I). Art. 8 Tur/tab [1] Azioni, obbligazioni, altri titoli in serie o di massa e relative girate, titoli di Stato o garantiti; atti, documenti e registri relativi al movimento, a qualunque titolo, e alla compravendita degli stessi titoli e dei valori in moneta o verghe, salvo quanto disposto dall articolo 11 della Tariffa, parte prima, e dall articolo 2 della Tariffa, parte seconda [a]. [2] Per le sentenze, gli atti pubblici e le scritture private relative alla negoziazione dei titoli indicati nel comma 1 si applicano rispettivamente gli articoli 8 e 11 della parte prima e l art. 2 della parte seconda della tariffa. Gli artt. 8 e 9 Reg/tab avevano disposto l esenzione dall obbligo di registrazione per l emissione di azioni e partecipazioni sociale e i contratti relativi al loro trasferimento, essendo soggetti all imposta sostitutiva dei contratti di borsa. L art. 8 Tur/Tab nella sua formulazione originaria (formulazione originaria), si limitava a stabilire che l emissione e la negoziazione di tali titoli erano esenti da registrazione, essendo soggette all imposta sui contratti di borsa, salvo che effettuato per atto giudiziario o notarile. [a] Dal , con l abolizione dell esenzione della registrazione per le cessioni soggette a tassa sui contratti di borsa, il legislatore ha riformulato il primo comma (art. 37, comma 2, lett. a, D.L , n. 248) nella versione attuale. Art. 8, comma 1, Tur/tab 1. Atti relativi ad azioni, obbligazioni, titoli in serie o di massa Non vi è obbligo di registrazione per gli atti relativi ad azioni, obbligazioni, titoli in serie o di massa (tali sono i titoli formati a seguito di un unica dichiarazione diretta a creare un determinato numero di titoli uguali, rappresentativi di un certo diritto), titoli di Stato o garantiti, quali: l emissione, le girate apposte sui titoli, aventi a oggetto il loro trasferimento o la costituzione di vincoli (v. Girata di azioni); gli atti, documenti e registri relativi al loro movimento, alla compravendita ed in genere alla loro negoziazione. Le scritture private non autenticate che hanno per oggetto la negoziazione dei titoli in esame sono atti soggetti a registrazione solo in caso d uso (art. 5, comma 1, Tur), mentre gli atti pubblici e le scritture private autenticate sono atti soggetti a registrazione in termine fisso, col pagamento dell imposta in misura fissa (art. 7, comma 1, Tur e art. 11, comma 1, Tur/tar/I). Art. 8, comma 2, Tur/tab 2. Atti relativi alla negoziazione di azioni, obbligazioni, titoli in serie o di massa Gli atti relativi alla negoziazione di tali titoli sono soggetti ad un regime differenziato, a seconda della forma che assumono: sono atti soggetti a registrazione solo in caso d uso (art. 5, comma 1, Tur) se redatti per scrittura privata non autenticata (art. 2, comma 1, Tur/tar/II); Wolters Kluwer Italia 1517

11 D.p.r. 26 aprile 1986, n Tabella sono atti soggetti a registrazione in termine fisso (art. 5, comma 1, Tur), con pagamento dell imposta in misura fissa se redatti per scrittura privata autenticata o per atto pubblico (art. 7, comma 1, Tur e art. 11, comma 1, Tur/tar/I) o portati da una sentenza (art. 8, Tur/ tar/i) (v. Cessione di azioni). Art. 9 Tur/tab [1] Atti propri delle società ed enti di cui all articolo 4 della parte prima della tariffa diversi da quelli ivi indicati, compresi quelli di nomina e accettazione degli organi di amministrazione, controllo e liquidazione [a] nonché quelli che comportano variazione del capitale sociale delle società cooperative e loro consorzi e delle società di mutuo soccorso [b]. L art. 9 Tur/Tab che non trova corrispondente nella legge precedente nella sua formulazione originaria (formulazione originaria), non contemplava gli atti relativi alle cooperative, mentre comprendeva i contratti soggetti alla tassa sui contratti di borsa. [a] L art. 66, comma 6, D.L , n. 331 (art. 66, comma 6, D.L , n. 331), con effetto dal , ha sostituito l articolo in esame, comprendendovi anche gli atti che comportano variazione del capitale sociale delle cooperative e società di mutuo soccorso. [b] L art. 37, comma 2, lett. b, D.L , n. 248 (art. 37, comma 2, lett. b, D.L , n. 248), con effetto dal , ha soppresso la parte finale che disciplinava l esenzione per gli atti soggetti alla tassa sui contratti di borsa. Art. 9 Tur/tab 1. Atti propri delle società non soggetti a registrazione 1. Rientrano in questa categoria tutti gli atti propri di società diversi da quelli espressamente e tassativamente indicati dal legislatore nell articolo della tariffa che individua gli atti propri delle società soggetti a registrazione (art. 4 Tur/tar/I). Il principio è posto dall art. 4, nota III, Tur/tar/I ed è ribadito dalla norma in esame. 2. Rientrano nella categoria in esame sia gli atti espressamente indicati dal legislatore sia ogni altro atto proprio di società (ed enti assimilati) che non sia compreso nella elencazione tassativa degli atti propri delle società soggetti a registrazione (art. 4 Tur/tar/I) (Circolare n. 18/E del ). In particolare, rientrano nella previsione in esame gli atti e delibere aventi ad oggetto (Circolare n. 37 del ): l Accettazione di cariche sociali (amministratori, sindaci, liquidatori, ecc.); l Approvazione del bilancio senza distribuzione di utili, compreso il bilancio finale di liquidazione quand anche venga indicato un credito Iva (Circolare n. 18/E del ); deve essere registrata la delibera di Approvazione del bilancio con distribuzione di utili, comportando un assegnazione a socio di denaro (art. 4, comma 1, lett. d, n. 1, Tur/tar/I) (Risoluzione 174/E del ) (Circolare n. 18/E del ); le delibere circa l utilizzo di riserve per copertura perdite; l Aumento di capitale (delibera di delega agli amministratori); l Aumento di capitale senza contestuale sottoscrizione; gli atti e delibere relative a Cariche sociali (accettazione, modifica, nomina, revoca); la delibera assembleare che determina il Compenso ad amministratori, sindaci o liquidatori e in genere a qualunque altro organo sociale (Cass., , n. 3198); la delibera di conversione in euro del capitale sociale (Risoluzione n. 149/E del ). la Delibera di delega agli amministratori per aumento di capitale; la Delibera di finanziamento soci, cioè la delibera con cui i soci autorizzano gli amministratori a cercare finanziamento tra i soci stessi (Comm. Trib. Prov. Milano, , n. 204); 1518 Wolters Kluwer Italia

12 Art. 10 Tur/tab la Delibera di fusione (Circolare n. 18/E del ); la Delibera di scissione (Circolare n. 18/E del ); la delibera di Emissione di obbligazioni convertibili e quella di Emissione di obbligazioni non convertibili (Circolare n. 37 del ); la Modifica dei patti sociali o dello statuto; la Modifica di cariche sociali; la Nomina di cariche sociali; la Revoca di cariche sociali; la delibera di Ripianamento perdite con utilizzo di riserve perché non comporta modifiche statutarie (Circolare n. 37 del ); lo Scioglimento anticipato di società, senza contestuale assegnazione di beni ai soci, poiché l atto non determina un trapasso di diritti; tuttavia nel caso di scioglimento anticipato della società di persone per mancata ricostituzione della pluralità dei soci, che comporta Continuazione di società in impresa individuale l atto si sostanzia in un assegnazione al socio dell azienda sociale (Circolare n. 18/E del ); l Utilizzo di riserve per ripianamento perdite. Rientrano infine gli atti che comportano la variazione del capitale sociale di cooperative e loro consorzi e delle società di mutuo soccorso. La previsione comprende tutte le cooperative, indipendentemente dall attività esercitata e dal tipo adottato (Nota ABI n. 5320/1996). 3. Tali atti (Circolare n. 18/E del , 6.2): se contenuti in documenti non redatti per atto pubblico o scrittura privata autenticata, rientrano tra gli atti non soggetti a registrazione (art. 7, comma 1, Tur); se formati per atto pubblico o scrittura privata autenticata, devono essere registrati in termine fisso e con pagamento dell imposta di euro 200,00 in applicazione del principio per il quale sono soggetti a registrazione in termine fisso (art. 5, comma 1, Tur) gli atti pubblici e le scritture private autenticate aventi ad oggetto atti compresi nella tabella, in mancanza di espressa deroga (art. 7, comma 1, Tur e art. 11, comma 1, Tur/tar/I); se compresi in un altro atto o verbale soggetto a registrazione, non devono essere codificati né dev essere corrisposta un autonoma imposta. Art. 10 Tur/tab [1] Sentenze, decreti ingiuntivi ed altri atti dei conciliatori [ora del giudice di pace] [a]; atti, documenti e provvedimenti previsti dalla legge 11 agosto 1973, n. 533 [b]; atti, documenti e provvedimenti di cui all art. 57 della legge 27 luglio 1978, n. 392 [c]; contratti di lavoro subordinato, collettivi, e individuali; contratti di mezzadria, di colonia e di soccida; convenzioni per pascolo e per alimenti di animali. L art. 10 Reg/tab prevedeva l esenzione dall obbligo di registrazione solo per le sentenze e i verbali dei conciliatori. La legge sull equo canone l aveva esteso anche alle controversie in materia (art. 57, l , n. 392). L art. 10 Tur/tab ha aggiunto anche la previsione dei decreti ingiuntivi emessi da conciliatori, dei contratti di lavoro subordinato (prima soggetti a registrazione in caso d uso), dei contratti agrari (Circolare n. 37 del ). [a] Con la legge n. 374, in vigore dal , la figura del conciliatore è stata soppressa e sostituita dal giudice di pace. Pertanto la detta legge individua la competenza del giudice di pace e disciplina l esenzione dall imposta di registro per i suoi atti, sovrapponendosi alla norma in esame. [b] la legge n. 533 reca la «Disciplina delle controversie individuali di lavoro e delle controversie in materia di previdenza e di assistenza obbligatorie». [c] L art. 57 l n. 392 sopra citato disciplinava il regime fiscale delle controversie in materia di locazione. Wolters Kluwer Italia 1519

Capitolo III IMPOSTE IPOTECARIA E CATASTALE

Capitolo III IMPOSTE IPOTECARIA E CATASTALE 1. IMPOSTA IPOTECARIA IMPOSTE IPOTECARIA E CATASTALE Vi sono soggette le formalità di trascrizione, iscrizione, rinnovazione ed annotazione eseguite nei pubblici registri immobiliari. Per quanto riguarda

Dettagli

SOMMARIO PARTE I IL RECUPERO DEI CREDITI IN AMBITO NAZIONALE

SOMMARIO PARTE I IL RECUPERO DEI CREDITI IN AMBITO NAZIONALE SOMMARIO Prefazione pag. 1 PARTE I IL RECUPERO DEI CREDITI IN AMBITO NAZIONALE CAPITOLO PRIMO FASE STRAGIUDIZIALE pag. 5 1. Aspetti preliminari pag. 7 F.1 Lettera di richiesta di certificato di residenza

Dettagli

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture)

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture) SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 1425 DISEGNO DI LEGGE presentato dal Presidente del Consiglio dei ministri (BERLUSCONI) e dal Ministro dell economia e delle finanze (TREMONTI) di concerto col

Dettagli

Commissione Protocolli. Regola n. 21 Modifiche di società di persone e patti sociali

Commissione Protocolli. Regola n. 21 Modifiche di società di persone e patti sociali Commissione Protocolli Regola n. 21 Modifiche di società di persone e patti sociali Il notaio chiamato a stipulare un atto modificativo di società di persone è tenuto ad integrare, con la modifica approvata,

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO Studio n. 59-2006/I Acquisto di quote o azioni proprie da parte di un confidi operante in forma di società cooperativa Approvato dal Gruppo di Studio Consorzi Fidi il

Dettagli

Diritto tributario, fisco e leggi finanziarie

Diritto tributario, fisco e leggi finanziarie Diritto tributario fisco e leggi finanziarie Decreto legislativo 31 ottobre 1990 n. 347 Approvazione del testo unico delle disposizioni concernenti le imposte ipotecaria e catastale. (in Gazz. Uff. 27

Dettagli

TABELLA CONTRIBUTO UNIFICATO (AGGIORNATA A LUGLIO 2014)

TABELLA CONTRIBUTO UNIFICATO (AGGIORNATA A LUGLIO 2014) TABELLA CONTRIBUTO UNIFICATO (AGGIORNATA A LUGLIO 2014) CAUSE CON VALORE DETERMINATO, Locazione procedimento di determinazione del canone, Comodato, Occupazione senza titolo, Impugnazioni delibere condominiali,

Dettagli

TARIFFA DEGLI ONORARI, DEI DIRITTI, DELLE INDENNITA E DEI COMPENSI SPETTANTI AI NOTAI TITOLO I. Disposizione generale

TARIFFA DEGLI ONORARI, DEI DIRITTI, DELLE INDENNITA E DEI COMPENSI SPETTANTI AI NOTAI TITOLO I. Disposizione generale 1 TARIFFA DEGLI ONORARI, DEI DIRITTI, DELLE INDENNITA E DEI COMPENSI SPETTANTI AI NOTAI TITOLO I Disposizione generale Art. 1. - La presente tariffa determina gli onorari, i diritti accessori, le indennità

Dettagli

ALLEGATO. Indicazione degli atti soggetti ad imposta

ALLEGATO. Indicazione degli atti soggetti ad imposta ALLEGATO TARIFFA (PARTE I) Articolo della tariffa Indicazione degli atti soggetti ad imposta 1. 1. Atti rogati, ricevuti o autenticati da notai o da altri pubblici ufficiali e certificati, estratti di

Dettagli

L IMPOSTA SOSTITUTIVA SUI FINANZIAMENTI BANCARI

L IMPOSTA SOSTITUTIVA SUI FINANZIAMENTI BANCARI L IMPOSTA SOSTITUTIVA SUI FINANZIAMENTI BANCARI a cura Giuseppe Demauro La complessa fase di erogazione dei finanziamenti stipulati con le banche, si caratterizza anche per la determinazione dell imposta

Dettagli

COMUNE DI GONZAGA. Provincia di Mantova REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI

COMUNE DI GONZAGA. Provincia di Mantova REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI COMUNE DI GONZAGA Provincia di Mantova REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI Testo coordinato con delibere del Consiglio Comunale: n. 26 del 26/04/2007 n.5 del 12/02/2008 n.

Dettagli

Quale tipo di società scegliere per il proprio business

Quale tipo di società scegliere per il proprio business Quale tipo di società scegliere per il proprio business È possibile scegliere la forma giuridica più conveniente all interno di queste quattro categorie: 1) Impresa individuale 2) Società di persone 3)

Dettagli

Giovanni Panzera Notaio in Bologna. TARIFFA NOTARILE aggiornata al 1 gennaio 2014

Giovanni Panzera Notaio in Bologna. TARIFFA NOTARILE aggiornata al 1 gennaio 2014 Giovanni Panzera Notaio in Bologna Via Garibaldi, 7-40124 Bologna ufficio atti tel 051-6447682 fax 051-581284 e-mail gpanzera@notariato.it cassa cambiali tel 051-580719 fax 051-581284 e-mail panzeraprotesti@email.it

Dettagli

CONTRIBUTO UNIFICATO PER L ISCRIZIONE A RUOLO

CONTRIBUTO UNIFICATO PER L ISCRIZIONE A RUOLO CONTRIBUTO UNIFICATO PER L ISCRIZIONE A RUOLO Si riportano qui di seguito le tabelle ed i criteri di calcolo del contributo unificato per i procedimenti giurisdizionali riguardo ai quali ne è previsto

Dettagli

agevolazione prevista dal citato DPR n. 601 del 1973, art. 15, la quale come tutte le disposizioni che prevedono delle agevolazioni tributarie, è

agevolazione prevista dal citato DPR n. 601 del 1973, art. 15, la quale come tutte le disposizioni che prevedono delle agevolazioni tributarie, è RISOLUZIONE N. 121/E Roma, 13 dicembre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Imposta sostitutiva sui finanziamenti a medio e lungo termine DPR 29 settembre 1973, n. 601, articoli 15 e seguenti Contratti

Dettagli

95 00146 1.750,00 07456230585 620609 R.E.A. C.F.

95 00146 1.750,00 07456230585 620609 R.E.A. C.F. REGOLAMENTO INTERNO della FUTURHAUS Società Cooperativa Edilizia a r.l. Sede in Roma Lungotevere di Pietra Papa, 95 00146 Capitale Sociale versato e sottoscritto Euro 1.750,00 Iscritta al n. 07456230585

Dettagli

CIRCOLARE N. 58/E. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. Roma 17 ottobre 2008

CIRCOLARE N. 58/E. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. Roma 17 ottobre 2008 CIRCOLARE N. 58/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma 17 ottobre 2008 Oggetto: Trasferimento di quote di S.r.l. Art. 36 del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni,

Dettagli

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 19/E Roma, 09 maggio 2005 OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 56/E. OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte

RISOLUZIONE N. 56/E. OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte RISOLUZIONE N. 56/E Roma, 30 maggio 2014 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte Pervengono alla scrivente quesiti circa il trattamento

Dettagli

Circolare n. 21. del 2 luglio 2013. Imposta di bollo - Aumento degli importi INDICE

Circolare n. 21. del 2 luglio 2013. Imposta di bollo - Aumento degli importi INDICE Circolare n. 21 del 2 luglio 2013 Imposta di bollo - Aumento degli importi fissi INDICE 1 Premessa...2 2 Decorrenza degli aumenti...2 3 Ammontare dei nuovi importi...2 4 Ambito di applicazione dei nuovi

Dettagli

poter procedere al suo aumento 6.8 L obbligo di dimostrare in sede di aumento del capitale che il capitale originario è interamente versato e integro

poter procedere al suo aumento 6.8 L obbligo di dimostrare in sede di aumento del capitale che il capitale originario è interamente versato e integro 1 CAPITALE E PATRIMONIO 1.1 Il capitale sociale: nozione e caratteri 1.2 Funzione del capitale sociale 1.3 Capitale e patrimonio: classificazioni 1.4 Il nuovo concetto di capitale alla luce delle esperienze

Dettagli

COMUNE DI URBINO SETTORE AFFARI INTERNI, CULTURA E TURISMO SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO GENERALE

COMUNE DI URBINO SETTORE AFFARI INTERNI, CULTURA E TURISMO SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO GENERALE COMUNE DI URBINO SETTORE AFFARI INTERNI, CULTURA E TURISMO SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO GENERALE PER LA GESTIONE DELLE ENTRATE COMUNALI APPROVATO con delibera di C.C. n. 19 del 28 Febbraio

Dettagli

R21 - QUADRO RZ - DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA RELATIVA A INTERESSI, ALTRI REDDITI DI CAPITALE E REDDITI DIVERSI

R21 - QUADRO RZ - DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA RELATIVA A INTERESSI, ALTRI REDDITI DI CAPITALE E REDDITI DIVERSI R21 - QUADRO RZ - DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA RELATIVA A INTERESSI, ALTRI REDDITI DI CAPITALE E REDDITI DIVERSI 21.1 Generalità Il quadro RZ deve essere compilato dai soggetti che hanno corrisposto

Dettagli

La mediazione in condominio Procedimenti esclusi dalla mediazione Transazione in condominio: quali quorum 4258 24 2 2006

La mediazione in condominio Procedimenti esclusi dalla mediazione Transazione in condominio: quali quorum 4258 24 2 2006 La mediazione in condominio La mediazione è l attività svolta da un terzo imparziale finalizzata ad assistere due o più soggetti nella ricerca di un accordo amichevole per la composizione di una controversia.

Dettagli

LA BOLLATURA DEI LIBRI CONTABILI E SOCIALI

LA BOLLATURA DEI LIBRI CONTABILI E SOCIALI CAMERA DI COMMERCIO DI LIVORNO UFFICIO REGISTRO IMPRESE LA BOLLATURA DEI LIBRI CONTABILI E SOCIALI Luglio 2013 Conservatore R.I.: Dott. Pierluigi Giuntoli REV6 IST/BOLL/1 1. Premessa LA BOLLATURA DEI LIBRI

Dettagli

PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE

PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE 1 PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE DPR 131/86 1 Prassi C.M. 11.7.91 n. 37; Circ. Agenzia delle Entrate 22.1.2008 n. 3 Giurisprudenza Cass. 5.2.90 n. 1963

Dettagli

COMUNE DI VALLIO TERME Provincia di Brescia

COMUNE DI VALLIO TERME Provincia di Brescia COMUNE DI VALLIO TERME Provincia di Brescia Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 26 del 29.11.2010 PARTE I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 Oggetto del Regolamento 1. Il presente Regolamento,

Dettagli

Introduzione. Trascrizioni Annotazioni Comunicazioni Varie Scioglimento Riserve

Introduzione. Trascrizioni Annotazioni Comunicazioni Varie Scioglimento Riserve Introduzione Le istanze connesse ai titoli di proprietà industriale, denominate anche seguiti brevettuali, vengono depositate successivamente alla domanda originaria. Sono necessarie in caso di trasferimenti

Dettagli

TRIBUNALE di MASSA DISPOSIZIONI RELATIVE ALLE VENDITE GIUDIZIARIE

TRIBUNALE di MASSA DISPOSIZIONI RELATIVE ALLE VENDITE GIUDIZIARIE TRIBUNALE di MASSA DISPOSIZIONI RELATIVE ALLE VENDITE GIUDIZIARIE Tutti, tranne il debitore, possono partecipare alle vendite giudiziarie. Non occorre assistenza legale. Ogni immobile è stimato da un perito

Dettagli

RISOLUZIONE 353/E QUESITO. Le questioni rappresentate dall interpellante sono così riassumibili:

RISOLUZIONE 353/E QUESITO. Le questioni rappresentate dall interpellante sono così riassumibili: RISOLUZIONE 353/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 05 dicembre 2007 OGGETTO: Istanza di interpello ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Imposta di bollo art. 1, comma 1-bis.1 della tariffa.

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 Sommario 1. Inquadramento normativo generale 2. Trasferimenti di fabbricati 3. terreni edificabili 4. terreni agricoli 5. Successioni

Dettagli

Estratto dal D. L. 04/12/97 n. 460

Estratto dal D. L. 04/12/97 n. 460 Estratto dal D. L. 04/12/97 n. 460 1. RIFORMA DELLA DISCIPLINA TRIBUTARIA DEGLI ENTI NON COMMERCIALI E ISTITUZIONE DELLE ONLUS modifica la disciplina degli enti non commerciali in materia di imposte sul

Dettagli

f e r d i n a n d o b o c c i a

f e r d i n a n d o b o c c i a Circ. n. 10 del 22 gennaio 2013 A TUTTI I CLIENTI L O R O S E D I Oggetto: COMPENSAZIONE E CESSIONE DEI CREDITI NEI CONFRONTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE. Procedura di certificazione degli stessi 1.

Dettagli

4. Cosa può essere oggetto di conferimento nella s.p.a.? Disciplina dei conferimenti in denaro e dei conferimenti di beni in natura o crediti.

4. Cosa può essere oggetto di conferimento nella s.p.a.? Disciplina dei conferimenti in denaro e dei conferimenti di beni in natura o crediti. Le società di capitali 89 anche se non iscritte, vengono ad esistenza pur assumendo la condizione di società irregolari. In particolare, la società in nome collettivo non registrata è irregolare per tutto

Dettagli

Le modalità di attuazione della nuova disciplina saranno stabilite da un apposito decreto del Ministero dell Economia e delle Finanze.

Le modalità di attuazione della nuova disciplina saranno stabilite da un apposito decreto del Ministero dell Economia e delle Finanze. Circolare n. 35 del 4 dicembre 2014 L. 30.10.2014 n. 161 (legge europea 2013- bis) - Principali novità INDICE 1 Premessa 2 2 Tassazione dei soggetti non residenti - Estensione delle disposizioni previste

Dettagli

TABELLA DEGLI ATTI SOGGETTA A TRASCRIZIONE ATTI TRA VIVI 100 Atto tra vivi 101 Affrancazione 102 Anticresi 103 Assegnazione a socio di cooperativa

TABELLA DEGLI ATTI SOGGETTA A TRASCRIZIONE ATTI TRA VIVI 100 Atto tra vivi 101 Affrancazione 102 Anticresi 103 Assegnazione a socio di cooperativa TABELLA DEGLI ATTI SOGGETTA A TRASCRIZIONE ATTI TRA VIVI 100 Atto tra vivi 101 Affrancazione 102 Anticresi 103 Assegnazione a socio di cooperativa edilizia 104 Assegnazione a socio per scioglimento di

Dettagli

TARIFFA DEGLI ONORARI, DEI DIRITTI, DELLE INDENNITA E DEI COMPENSI SPETTANTI AI NOTAI TITOLO I. Disposizione generale

TARIFFA DEGLI ONORARI, DEI DIRITTI, DELLE INDENNITA E DEI COMPENSI SPETTANTI AI NOTAI TITOLO I. Disposizione generale TARIFFA DEGLI ONORARI, DEI DIRITTI, DELLE INDENNITA E DEI COMPENSI SPETTANTI AI NOTAI TITOLO I Disposizione generale Art. 1. - La presente tariffa determina gli onorari, i diritti accessori, le indennità

Dettagli

FAQ POST GRADUATORIA AVVISO GIOVANI PER LA VALORIZZAZIONE DEI BENI PUBBLICI

FAQ POST GRADUATORIA AVVISO GIOVANI PER LA VALORIZZAZIONE DEI BENI PUBBLICI FAQ POST GRADUATORIA AVVISO GIOVANI PER LA VALORIZZAZIONE DEI BENI PUBBLICI 1. Domanda: Quanti progetti risultano ammessi al co finanziamento? Risposta: Al momento i progetti ammessi al co finanziamento

Dettagli

CONTRIBUTO UNIFICATO 2014. Processo civile ordinario

CONTRIBUTO UNIFICATO 2014. Processo civile ordinario CONTRIBUTO UNIFICATO 2014 Processo civile ordinario Valore 1 grado Impugnazione Cassazione Per i processi di valore fino a 1.100,00 37,00 55,50 74,00 Per i processi di valore superiore a 1.100,00 e fino

Dettagli

IL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA. di concerto con IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA. di concerto con IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Decreto Ministero della Giustizia 27 novembre 2012, n. 265 Regolamento recante la determinazione dei parametri per oneri e contribuzioni dovuti alle Casse professionali e agli Archivi a norma dell articolo

Dettagli

Libro giornale NO NO SI artt. 2215, 2216, 2217 c.c. Libro degli inventari NO NO SI artt. 2215, 2216, 2217 c.c.

Libro giornale NO NO SI artt. 2215, 2216, 2217 c.c. Libro degli inventari NO NO SI artt. 2215, 2216, 2217 c.c. LA SEMPLIFICAZIONE PER SCRITTURE CONTABILI E REGISTRI FISCALI La legge sul rilancio dell economia, entrata in vigore il 25 ottobre scorso, ha soppresso o semplificato alcuni adempimenti considerati onerosi

Dettagli

Tabelle Contributo Unificato C.U.

Tabelle Contributo Unificato C.U. Tabelle Contributo Unificato aggiornamento gennaio 2015 PROCESSO CIVILE ORDINARIO ORDINARIO Per tutte le cause civili è dovuta a titolo di anticipazione forfettaria per le spese di Giustizia una marca

Dettagli

INDICE DELLE OBBLIGAZIONI

INDICE DELLE OBBLIGAZIONI DELLE OBBLIGAZIONI Art. 2410 c.c. Emissione... 1 1. Premessa... 1 2. Competenza... 3 2.1. Competenza dell organo amministrativo... 3 2.2. Competenza di altri organi sociali... 4 2.3. I compiti del collegio

Dettagli

Il procedimento di mediazione

Il procedimento di mediazione Il procedimento di mediazione 1 Informativa al cliente e procura alle liti (art. 4 D.Lgs. 28/2010, modif. ex art. 84, co. 1, D.L. n. 69/2013, conv., con modif., dalla L. n. 98/2013) INFORMATIVA EX ART.

Dettagli

CONTRIBUTO UNIFICATO Tabella aggiornata al 13 marzo 2015 (fonte altalex)

CONTRIBUTO UNIFICATO Tabella aggiornata al 13 marzo 2015 (fonte altalex) CONTRIBUTO UNIFICATO Tabella aggiornata al 13 marzo 2015 (fonte altalex) Processo civile ordinario (1) Valore Primo GRADO Impugnazione Cassazione Processi di valore fino a. 1.100,00. 43,00. 64,50. 86,00

Dettagli

L imposta sostitutiva sui finanziamenti a medio / lungo termine alle imprese

L imposta sostitutiva sui finanziamenti a medio / lungo termine alle imprese Fabrizio Molteni L imposta sostitutiva sui finanziamenti a medio / lungo termine alle imprese Milano, 25 novembre 2014 1 Inquadramento generale (1/2) Ogni operazione di finanziamento determina normalmente

Dettagli

Checklist per la preparazione alla revisione cooperativa ex art. 27 L.R. 9 luglio 2008, n. 5

Checklist per la preparazione alla revisione cooperativa ex art. 27 L.R. 9 luglio 2008, n. 5 Checklist per la preparazione alla revisione cooperativa ex art. 27 L.R. 9 luglio 2008, n. 5 La checklist fornisce utili indicazioni per agevolare il lavoro del revisore cooperativo, nell'ottica di una

Dettagli

PRESTITO OBBLIGAZIONARIO

PRESTITO OBBLIGAZIONARIO PRESTITO OBBLIGAZIONARIO DEFINIZIONE E CARATTERISTICHE L'emissione di prestiti obbligazionari è un'operazione con la quale una società contrae un debito a lunga scadenza con una pluralità di soggetti.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 101/E

RISOLUZIONE N. 101/E RISOLUZIONE N. 101/E Direzione Centrale Normativa Roma, 19 novembre 2014 OGGETTO: Consulenza giuridica ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 SOSTITUTO D IMPOSTA - CESSIONE QUOTE FONDI MOBILIARI

Dettagli

REGOLAMENTO per LA RISCOSSIONE COATTIVA delle ENTRATE COMUNALI TRIBUTARIE ED EXTRA-TRIBUTARIE

REGOLAMENTO per LA RISCOSSIONE COATTIVA delle ENTRATE COMUNALI TRIBUTARIE ED EXTRA-TRIBUTARIE REGOLAMENTO per LA RISCOSSIONE COATTIVA delle ENTRATE COMUNALI TRIBUTARIE ED EXTRA-TRIBUTARIE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 78 del 28.11.2014 1 Sommario Art. 1 Ambito di applicazione

Dettagli

dott. Enrico ZANETTI

dott. Enrico ZANETTI TRASFERIMENTI DI QUOTE DI SRL PROCEDURA CON FIRMA DIGITALE dott. Enrico ZANETTI Diretta 27 ottobre 2008 PROFILI INTRODUTTIVI CO. 1-BIS DELL ART. 36 DEL DL 112/2008 L ATTO DI TRASFERIMENTO DI CUI AL SECONDO

Dettagli

RISOLUZIONE N. 119 /E

RISOLUZIONE N. 119 /E RISOLUZIONE N. 119 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 31 dicembre 2014 OGGETTO: Interpello ordinario, art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Tassazione decreto ingiuntivo con enunciazione di fideiussione

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI PER L ASSEMBLEA ORDINARIA CHE SI TERRA IN PRIMA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI PER L ASSEMBLEA ORDINARIA CHE SI TERRA IN PRIMA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI PER L ASSEMBLEA ORDINARIA CHE SI TERRA IN PRIMA CONVOCAZIONE IL 9.05.2014 ED IN SECONDA CONVOCAZIONE IL 15.05.2014, PER DELIBERARE SULLA PROPOSTA DI AUTORIZZAZIONE

Dettagli

Roma, 23 gennaio 2009

Roma, 23 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 15/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 23 gennaio 2009 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 Imposta di bollo sulle comunicazioni riguardanti

Dettagli

Regolamento di disciplina delle anticipazioni

Regolamento di disciplina delle anticipazioni PreviGen - Cassa di previdenza per i Dipendenti delle aziende convenzionate - Fondo Pensione Regolamento di disciplina delle anticipazioni Ai sensi dell Art. 11 comma 7 del D. Lgs. 252, 5 dicembre 2005

Dettagli

Dentro la Notizia. 5 Dicembre 2013

Dentro la Notizia. 5 Dicembre 2013 Consiglio Provinciale dei Consulenti del Lavoro di Napoli A CURA DELLA COMMISSIONE COMUNICAZIONE DEL CPO DI NAPOLI Dentro la Notizia 157/2013 DICEMBRE/3/2013 (*) 5 Dicembre 2013 L AGENZIA DELLE ENTRATE

Dettagli

MODALITÁ OPERATIVE IN MATERIA DI ANTICIPAZIONI

MODALITÁ OPERATIVE IN MATERIA DI ANTICIPAZIONI Alico Italia S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale Viale Castro Pretorio, 124 00185 Roma Tel.: +39 06 492161 Fax: +39 06 49216300 Unionfondo Fondo Pensione Aperto Iscritto all Albo dei Fondi Pensione

Dettagli

Il Ministro dell economia e delle finanze

Il Ministro dell economia e delle finanze Il Ministro dell economia e delle finanze Visto il decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 642, e successive modificazioni ed integrazioni recante la disciplina dell imposta di bollo;

Dettagli

2.1.3. Gli adempimenti posti a carico dei soggetti interessati dalla norma Pag. 22

2.1.3. Gli adempimenti posti a carico dei soggetti interessati dalla norma Pag. 22 1. LA FIGURA DEL TRIBUTARISTA 1.1. La figura del Tributarista Pag. 9 1.1.1. Premessa Pag. 9 1.1.2. Le principali caratteristiche, obblighi ed attività del tributarista in sintesi Pag. 10 2. LA LEGGE N.

Dettagli

1) ILLUSTRAZIONE DELLA DELEGA ALL EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI CONVERTIBILI

1) ILLUSTRAZIONE DELLA DELEGA ALL EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI CONVERTIBILI Società Cooperativa - Sede in Modena, Via San Carlo 8/20 Registro delle imprese di Modena e cod. fisc. n. 01153230360 Cap. soc. al 31 dicembre 2010 Euro 761.130.807 Relazione illustrativa del Consiglio

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E. Con istanza di interpello, concernente la corretta tassazione di rinunzia al diritto di usufrutto è stato esposto il seguente

RISOLUZIONE N. 25/E. Con istanza di interpello, concernente la corretta tassazione di rinunzia al diritto di usufrutto è stato esposto il seguente RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 febbraio 2007 OGGETTO: Istanza di Interpello. Atto di rinunzia abdicativa. art. 13 della legge n. 383 del 2001 come modificato dall

Dettagli

Onlus ed enti non commerciali

Onlus ed enti non commerciali CORSO DI AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE DI INTERESSE NOTARILE ALTRE AGEVOLAZIONI DI INTERESSE NOTARILE Onlus ed enti non commerciali Thomas Tassani Aggregato di Diritto Tributario Università di Urbino Carlo Bo

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Decreto legislativo sulla disciplina Tributaria degli enti non commerciali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS) DLGS 460/97

Decreto legislativo sulla disciplina Tributaria degli enti non commerciali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS) DLGS 460/97 Decreto legislativo sulla disciplina Tributaria degli enti non commerciali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS) DLGS 460/97 Agevolazioni ai fini delle imposte sui redditi ARTICOLO

Dettagli

LA NUOVA IMPOSTA DI REGISTRO PER I TRASFERIMENTI IMMOBILIARI DAL 2014

LA NUOVA IMPOSTA DI REGISTRO PER I TRASFERIMENTI IMMOBILIARI DAL 2014 INFORMATIVA N. 229 18 SETTEMBRE 2013 IMPOSTE INDIRETTE LA NUOVA IMPOSTA DI REGISTRO PER I TRASFERIMENTI IMMOBILIARI DAL 2014 Art. 10, D.Lgs. n. 23/2011 Art. 26, DL n. 104/2013 Nell ambito del Decreto c.d.

Dettagli

TABELLA C. ONORARIO (in percentuale di quello indicato agli artt. 3, 4) ATTO

TABELLA C. ONORARIO (in percentuale di quello indicato agli artt. 3, 4) ATTO TABELLA C ATTO ACCETTAZIONE DI PROPOSTE CONTRATTUALI (COMPRESA LA ACCETTAZIONE DI PROPOSTA IRREVOCABILE E LA ACCETTAZIONE DI DONAZIONE NON CONTESTUALE). AFFITTO ONORARIO (in percentuale di quello indicato

Dettagli

ITALCEMENTI S.P.A. PIANO DI STOCK OPTION PER AMMINISTRATORI - 2007 REGOLAMENTO

ITALCEMENTI S.P.A. PIANO DI STOCK OPTION PER AMMINISTRATORI - 2007 REGOLAMENTO ITALCEMENTI S.P.A. PIANO DI STOCK OPTION PER AMMINISTRATORI - 2007 REGOLAMENTO INDICE 1. PREMESSA 3 2. SCOPI DEL PIANO 3 3. OGGETTO DEL PIANO 3 4. GESTIONE DEL PIANO 4 5. PARTECIPAZIONE ELEGGIBILITÀ 4

Dettagli

INFORMATIVA N. 23/2013. Novità concernenti le imposte d atto applicabili agli atti immobiliari dall 1.1.2014

INFORMATIVA N. 23/2013. Novità concernenti le imposte d atto applicabili agli atti immobiliari dall 1.1.2014 STUDIO RENZO GORINI DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE LEGALE COMO 5.11.2013 22100 COMO - VIA ROVELLI, 40 TEL. 031.27.20.13 www.studiogorini.it FAX 031.27.33.84 E-mail: segreteria@studiogorini.it INFORMATIVA

Dettagli

LA CARTA DEI DIRITTI DEL CITTADINO NEI RAPPORTI CON IL NOTAIO

LA CARTA DEI DIRITTI DEL CITTADINO NEI RAPPORTI CON IL NOTAIO LA CARTA DEI DIRITTI DEL CITTADINO NEI RAPPORTI CON IL NOTAIO Vuoi comprare una casa e chiedere un mutuo a una banca? Vuoi donare la tua casa a uno dei tuoi figli? Vuoi costituire una società? Vuoi fare

Dettagli

PARTE PRIMA IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO

PARTE PRIMA IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO XI PREFAZIONE di Domenico de Stefano... IX PARTE PRIMA IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO CAPITOLO I IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO: DISCIPLINA E PRINCIPI Norme... 3 Esercizio di imprese... 3 1. Cessioni di beni...

Dettagli

Rivalutazione di partecipazioni e terreni

Rivalutazione di partecipazioni e terreni Rivalutazione di partecipazioni e terreni Il Legislatore con l art. 1 commi 376 e 428 della legge 30 dicembre 2004, n. 311 (Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato,

Dettagli

Art. 2 - Condizioni per il deposito di prestito sociale presso la Cooperativa

Art. 2 - Condizioni per il deposito di prestito sociale presso la Cooperativa REGOLAMENTO DEI PRESTITI SOCIALI Art. 1 - Definizione dei prestiti sociali 1. I depositi in denaro effettuati da soci esclusivamente per il conseguimento dell oggetto sociale con obbligo di rimborso per

Dettagli

PRESUPPOSTO SOGGETTIVO DELL IRAP

PRESUPPOSTO SOGGETTIVO DELL IRAP 2 PRESUPPOSTO SOGGETTIVO DELL IRAP DLgs. 446/97 3 Prassi C.M. 4.6.98 n. 141/E; C.M. 26.7.2000 n. 148/E; Circ. Agenzia delle Entrate 6.8.2007 n. 48; Circ. Agenzia delle Entrate 19.11.2007 n. 61; Circ. Agenzia

Dettagli

CONVENZIONE. per la disciplina delle operazioni di delegazione di pagamento di cui al D.P.R. 180/1950 Il giorno del mese di dell anno 2015 in Firenze

CONVENZIONE. per la disciplina delle operazioni di delegazione di pagamento di cui al D.P.R. 180/1950 Il giorno del mese di dell anno 2015 in Firenze CONVENZIONE per la disciplina delle operazioni di delegazione di pagamento di cui al D.P.R. 180/1950 Il giorno del mese di dell anno 2015 in Firenze TRA - L Azienda Regionale per il Diritto allo Studio

Dettagli

ALIFOND FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DELL INDUSTRIA ALIMENTARE E DEI SETTORI AFFINI

ALIFOND FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DELL INDUSTRIA ALIMENTARE E DEI SETTORI AFFINI Allegato alla Nota Informativa ALIFOND FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I LAVORATORI DELL INDUSTRIA ALIMENTARE E DEI SETTORI AFFINI DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI SEZIONE I:

Dettagli

Università La Sapienza di Roma

Università La Sapienza di Roma Università La Sapienza di Roma Imposta di Registro Diritto Tributario Prof.ssa Rossella Miceli A cura di: Avv. Marco Rippa Imposta di registro I PARTE 1 Inquadramento normativo II PARTE 2 Soggetti passivi

Dettagli

CONTRIBUTO UNIFICATO PER L ISCRIZIONE A RUOLO

CONTRIBUTO UNIFICATO PER L ISCRIZIONE A RUOLO 20 CONTRIBUTO UNIFICATO PER L ISCRIZIONE A RUOLO Ove il difensore non indichi il proprio indirizzo P.E.C. e il proprio numero di fax ai sensi degli articoli 125, comma 1, c.p.c., ed il proprio indirizzo

Dettagli

9.9 Modulo richiesta anticipazione per ristrutturazione prima casa

9.9 Modulo richiesta anticipazione per ristrutturazione prima casa 9.9 Modulo richiesta anticipazione per ristrutturazione prima casa Azienda di appartenenza Autorizzo l invio del prospetto di liquidazione all indirizzo e-mail sopra indicato. Chiedo UN ANTICIPAZIONE,

Dettagli

COME SI COSTITUISCE UN ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA

COME SI COSTITUISCE UN ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA COME SI COSTITUISCE UN ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L attività sportiva dilettantistica, con l introduzione della Finanziaria del 2003 (Legge n.289 del 27/12/2002 articolo 90), può essere esercitata

Dettagli

CORSO DI AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE DI INTERESSE NOTARILE ALTRE AGEVOLAZIONI DI INTERESSE NOTARILE. Onlus ed enti non commerciali.

CORSO DI AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE DI INTERESSE NOTARILE ALTRE AGEVOLAZIONI DI INTERESSE NOTARILE. Onlus ed enti non commerciali. CORSO DI AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE DI INTERESSE NOTARILE ALTRE AGEVOLAZIONI DI INTERESSE NOTARILE Onlus ed enti non commerciali Domande Frequenti Sommario 1. Ai fini IRES cosa si intende per ente non commerciale?

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE CESSIONI A TITOLO GRATUITO AL COMUNE, DI AREE ED OPERE DI URBANIZZAZIONE

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE CESSIONI A TITOLO GRATUITO AL COMUNE, DI AREE ED OPERE DI URBANIZZAZIONE Città di Castel San Giovanni Provincia di Piacenza Settore IV: Sviluppo Urbano IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE CESSIONI A TITOLO GRATUITO AL COMUNE, DI AREE ED OPERE DI URBANIZZAZIONE Disposizione tecnico-organizzativa

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2397-A PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CAPEZZONE Riforma della disciplina delle tasse automobilistiche e altre disposizioni concernenti

Dettagli

STUDIO ANDRETTA & PARTNERS MAURO O. ANDRETTA DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE

STUDIO ANDRETTA & PARTNERS MAURO O. ANDRETTA DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE La COSTITUZIONE di una ASD e di una Società Sportiva di capitali L attività sportiva dilettantistica, con l introduzione della Finanziaria del 2003 (Legge n.289 del 27/12/2002 articolo 90), può essere

Dettagli

CERTIFICAZIONE E COMPENSAZIONE DEI CREDITI VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

CERTIFICAZIONE E COMPENSAZIONE DEI CREDITI VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE CERTIFICAZIONE E COMPENSAZIONE DEI CREDITI VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE a cura del Dott. Vito e in Bitonto (BA) Con il decreto legge 29 novembre 2008, n. 185 (art. 9, co. 3-bis) sono state introdotte

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Prefazione... pag. 5

INDICE SOMMARIO. Prefazione... pag. 5 INDICE SOMMARIO Prefazione........................................................ pag. 5 Costituzione in mora del debitore 1. Lettera di convocazione per tentativo di definizione bonaria...» 21 2. Lettera

Dettagli

INDICE PARTE PRIMA INDICAZIONI GENERALI

INDICE PARTE PRIMA INDICAZIONI GENERALI INDICE PARTE PRIMA INDICAZIONI GENERALI 1. Scrittura privata avente ad oggetto il conferimento dell incarico professionale (fac-simile predisposto dal consiglio nazionale forense)... 3 2. Dichiarazione

Dettagli

Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 QUESITO

Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 QUESITO RISOLUZIONE N. 105/E Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n.212. Art. 19 bis 1,

Dettagli

Legge 347/1990 IMPOSTA IPOTECARIA E CATASTALE. Ipotecaria si paga se c è trascrizione o annotazione nei RR II

Legge 347/1990 IMPOSTA IPOTECARIA E CATASTALE. Ipotecaria si paga se c è trascrizione o annotazione nei RR II IMPOSTA IPOTECARIA E CATASTALE Legge 347/1990 Ipotecaria si paga se c è trascrizione o annotazione nei RR II (ma fissa se non c è trasferimento, o iva, prima casa..) Catastale -> se c è voltura Es Servitù

Dettagli

PEGNO SU STRUMENTI FINANZIARI TITOLI CARTACEI BENI O CREDITI VALORE DELL INSIEME

PEGNO SU STRUMENTI FINANZIARI TITOLI CARTACEI BENI O CREDITI VALORE DELL INSIEME Il presente foglio informativo non costituisce offerta al pubblico ai sensi dell art. 1336 Cod.Civ. PEGNO SU STRUMENTI FINANZIARI TITOLI CARTACEI BENI O CREDITI VALORE DELL INSIEME Sezione I - Informazioni

Dettagli

Roma,28 dicembre 2007

Roma,28 dicembre 2007 CIRCOLARE N. 75/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,28 dicembre 2007 Oggetto: Negoziazione di quote di partecipazione in società mediante atti pubblici o scritture private autenticate Imposta

Dettagli

ALLEGATO A Modello di domanda di iscrizione nell Elenco regionale delle associazioni dei consumatori e degli utenti. Domanda di iscrizione

ALLEGATO A Modello di domanda di iscrizione nell Elenco regionale delle associazioni dei consumatori e degli utenti. Domanda di iscrizione ALLEGATO A Modello di domanda di iscrizione nell Elenco regionale delle associazioni dei consumatori e degli utenti Alla REGIONE LIGURIA Settore Staff del Dipartimento Sviluppo Economico e Affari Giuridici

Dettagli

Roma, 11 agosto 2009

Roma, 11 agosto 2009 RISOLUZIONE N. 214/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 11 agosto 2009 OGGETTO: Istanza di interpello, articolo 11 della legge n. 212 del 2000 Eredità devolute ai minori e agli interdetti

Dettagli

CONTRIBUTO UNIFICATO nel PROCESSO TRIBUTARIO NOVITÀ del D.L. 98/2011, CONVERTITO dalla L. 111/2011, e del D.L. 138/2011, CONVERTITO dalla L.

CONTRIBUTO UNIFICATO nel PROCESSO TRIBUTARIO NOVITÀ del D.L. 98/2011, CONVERTITO dalla L. 111/2011, e del D.L. 138/2011, CONVERTITO dalla L. Circolare informativa per la clientela n. 31/2011 del 6 ottobre 2011 CONTRIBUTO UNIFICATO nel PROCESSO TRIBUTARIO NOVITÀ del D.L. 98/2011, CONVERTITO dalla L. 111/2011, e del D.L. 138/2011, CONVERTITO

Dettagli

2. SOPPRESSIONE DELL OBBLIGO

2. SOPPRESSIONE DELL OBBLIGO Cattedra di diritto commerciale Prof. Gian Domenico Mosco MATERIALI Circolare Agenzia delle Entrate 22 ottobre 2001, n.92 E - Soppressione e semplificazione di adempimenti a carico del contribuente. (Estratto)

Dettagli

Avviso di posticipazione dell assemblea ordinaria e straordinaria

Avviso di posticipazione dell assemblea ordinaria e straordinaria DMAIL GROUP S.p.A. Sede legale e amministrativa: Via San Vittore n. 40 20123 MILANO (MI) - Capitale Sociale: 15.300.000,00 euro C.F. P.IVA e Registro delle Imprese: 12925460151 Sito internet: www.dmailgroup.it

Dettagli

Fondo Pensione Nazionale di Previdenza Complementare per i Lavoratori della Logistica SEZIONE I: NORME GENERALI

Fondo Pensione Nazionale di Previdenza Complementare per i Lavoratori della Logistica SEZIONE I: NORME GENERALI Allegato alla Nota Informativa SEZIONE I: NORME GENERALI Articolo 1. Oggetto 1.1 Il presente documento disciplina le modalità di liquidazione anticipata dell ammontare della posizione pensionistica individuale

Dettagli

MODELLO B - DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DELL ATTO DI NOTORIETA. Il sottoscritto... nato il. a...nella qualità di. dell impresa...

MODELLO B - DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DELL ATTO DI NOTORIETA. Il sottoscritto... nato il. a...nella qualità di. dell impresa... MODELLO B - DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DELL ATTO DI NOTORIETA Il sottoscritto... nato il. a...nella qualità di legale rappresentante... procuratore... dell impresa... con sede legale

Dettagli

DISPOSIZIONI ATTUATIVE IN MATERIA DI PUBBLICAZIONE DEI PROTESTI CAMBIARI TITOLO PRIMO. Art.1. Criteri generali

DISPOSIZIONI ATTUATIVE IN MATERIA DI PUBBLICAZIONE DEI PROTESTI CAMBIARI TITOLO PRIMO. Art.1. Criteri generali DISPOSIZIONI ATTUATIVE IN MATERIA DI PUBBLICAZIONE DEI PROTESTI CAMBIARI (DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N.272 DEL 29 OTTOBRE 2008) TITOLO PRIMO DOMANDE DI CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DEI PROTESTI A SEGUITO

Dettagli

Guida operativa per la compilazione dell Atto d Impegno e per la richiesta di erogazione a titolo di anticipazione

Guida operativa per la compilazione dell Atto d Impegno e per la richiesta di erogazione a titolo di anticipazione SETTORE E FILIERA DELLA NAUTICA (in attuazione della DGR n. 611/2008) Guida operativa per la compilazione dell Atto d Impegno e per la richiesta di erogazione a titolo di anticipazione INDICE PREMESSA...

Dettagli

CONVEGNO TELEMATICO. La piattaforma elettronica di dialogo tra banche e notai. Il progetto mutui connect e le surroghe 9 ottobre 2013

CONVEGNO TELEMATICO. La piattaforma elettronica di dialogo tra banche e notai. Il progetto mutui connect e le surroghe 9 ottobre 2013 CONVEGNO TELEMATICO La piattaforma elettronica di dialogo tra banche e notai. Il progetto mutui connect e le surroghe 9 ottobre 2013 Cenni generali sulla surroga nel testo unico bancario GEA ARCELLA Notaio

Dettagli