799 IL NUOVO MODULO RW

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "799 IL NUOVO MODULO RW"

Transcript

1 799 IL NUOVO MODULO RW La compilazione del modulo RW rientra nella più ampia disciplina del monitoraggio fiscale contenuta nel DL 167/90, il cui impianto normativo è stato riformato dalla Legge 6 agosto 2013, n. 97. Il modulo RW non è un quadro reddituale della dichiarazione dei redditi ed è previsto per le persone fisiche, le società semplici ed enti equiparati e gli enti non commerciali che detengono investimenti all estero e attività estere di natura finanziaria a titolo di proprietà o di altro diritto reale, indipendentemente dalle modalità della loro acquisizione. Tra le novità più significative si ricordano: l ampliamento dei soggetti obbligati alla presentazione del modulo; l eliminazione della sezione I (trasferimenti attuati attraverso soggetti non residenti senza il tramite di intermediari italiani) e della sezione III (trasferimenti da, verso e sull estero relativi agli investimenti detenuti all estero); la soppressione del limite di ,00 euro per gli investimenti esteri che dovranno essere indicati nel modulo RW, soglia che si applica solo in relazione all ammontare massimo raggiunto dai conti correnti esteri nel periodo di imposta; l estensione dell obbligo di compilazione ai titolari effettivi delle attività estere; la riduzione della sanzioni per omessa compilazione del modulo RW che diventano ora comprese nell intervallo dal 3% al 15% (elevate al 6% e 30% se le attività sono detenute in Paesi black list) degli importi non dichiarati. Inoltre, per le sole persone fisiche residenti, all interno del modulo RW, da quest anno, e per il periodo d imposta 2013, devono essere liquidate anche le imposte patrimoniali sui beni esteri, ossia: l IVIE, l imposta sul valore degli immobili esteri; l IVAFE, l imposta sulle attività finanziarie detenute all estero. Modalità e termini di presentazione del modulo RW Il modulo RW costituisce parte integrante del modello UNICO, nulla è cambiato sotto questo profilo e di conseguenza il modulo dovrà essere presentato secondo le modalità ed i termini previsti per la dichiarazione dei redditi anche da parte delle persone fisiche non obbligate alla presentazione del modello UNICO 2014 PF, perché esonerate dall obbligo di presentare dichiarazione dei redditi oppure perché hanno utilizzato il modello730/2014. Gli obbligati alla presentazione del modulo RW Sono tenuti alla compilazione del modulo RW i soggetti residenti 1 in Italia ovvero le persone fisiche, gli enti non commerciali, tra cui anche i trust, le società semplici e gli enti alle stesse equiparati (ex art. 5 del TUIR). L obbligo di compilazione del modulo RW sussiste solo per persone fisiche, enti non commerciali, società semplici (enti equiparati ex art. 5 del TUIR) residenti nel territorio nazionale. Per il trust la presunzione di cui all art. 73 co. 3 del TUIR, secondo cui si considera residente in Italia il trust costituito in Paesi diversi da quelli che concedono un effettivo scambio di informazioni: se almeno uno dei disponenti e uno dei beneficiari sono fiscalmente residenti in Italia; 1 In estrema sintesi, si ricorda che il concetto di residenza fiscale è contenuto nei seguenti articoli del TUIR: - 2 co. 2 e 2-bis, per le persone fisiche; - 5 co. 3 lett. d), per le società di persone e per le associazioni alle stesse equiparate; -73 co. 3, per le società di capitali e gli altri enti soggetti all IRES. Se ne deduce che devono procedere alla compilazione del modulo RW, quindi, anche gli immigrati in Italia che abbiano mantenuto attività (di norma la casa di famiglia) nel Paese di origine.

2 quando, successivamente alla loro costituzione, un soggetto residente effettui in favore del trust un attribuzione che importi il trasferimento di proprietà di beni immobili o la costituzione o il trasferimento di diritti reali immobiliari anche per quote, nonché vincoli di destinazione sugli stessi. Ne consegue che nell ipotesi in cui sia impossibile fornire la prova dell effettiva residenza all estero del trust, questo è tenuto a dichiarare le attività estere, mediante compilazione del modulo RW. Sono esonerati dall obbligo di presentazione del modulo RW i seguenti soggetti: le società in nome collettivo e in accomandita semplice; le società alle stesse equiparate ex art. 5 co. 3 lett. a) e b) del TUIR le società di capitali e gli enti commerciali. Gli enti pubblici ed i soggetti di cui all art. 74 co. 1 del TUIR sono dispensati dall obbligo di presentare il modulo RW. Conti correnti esteri Gli obblighi relativi al monitoraggio fiscale sussistono non solo in capo all intestatario formale di investimenti esteri, bensì anche in capo a colui che ne abbia la detenzione e/o la disponibilità o la possibilità di movimentazione; perciò, in caso di conto corrente estero intestato ad un soggetto residente sul quale vi è la delega di firma di un altro soggetto residente, anche il delegato è tenuto alla compilazione del quadro RW per indicare l intera consistenza del conto corrente detenuto all estero se si tratti di una delega al prelievo e non soltanto di una mera delega ad operare per conto dell intestatario. Sono dunque espressamente esclusi dall obbligo di compilazione del modulo RW gli amministratori che hanno il potere di firma su conti correnti della società in uno Stato estero e che hanno la possibilità di movimentare i capitali, pur non essendo beneficiari dei relativi redditi. Soggetti Interposti La Circolare dell Agenzia delle Entrate del 23 dicembre 2013 n. 38 al paragrafo 1.1 ha confermato che l obbligo di compilazione del modulo RW sussiste non soltanto nel caso di possesso diretto delle attività da parte del contribuente, ma anche nel caso in cui le predette attività siano possedute dal contribuente per il tramite di interposta persona. Esaminiamo qualche caso: a) Trust come soggetto interposto Secondo l Amministrazione, si verifica un caso di interposizione di persona quando dei soggetti abbiano l effettiva disponibilità di attività finanziarie e patrimoniali formalmente intestate ad un trust (sia esso residente che non residente). In tutti i casi in cui il trust è un semplice schermo formale e la disponibilità dei beni che ne costituiscono il patrimonio sia da attribuire ad altri soggetti, disponenti o beneficiari del trust, lo stesso deve essere considerato come un soggetto meramente interposto ed il patrimonio (nonché i redditi da questo prodotti) deve essere ricondotto ai soggetti che ne hanno l effettiva disponibilità. b) Società fiduciaria come soggetto interposto Sempre ad avviso dell Amministrazione finanziaria, le considerazioni effettuate per i trust valgono anche in caso di investimenti all estero ed attività estere di natura finanziaria nonché investimenti in Italia ed attività finanziarie italiane, detenute per il tramite di fiduciarie estere o di soggetti esteri fittiziamente interposti che ne risultino formalmente intestatari. I Titolari Effettivi degli investimenti esteri

3 Sono tenuti alla redazione del modulo RW anche coloro che, pur non essendo i possessori diretti, sono considerati i titolari effettivi 2 dell investimento, secondo quanto previsto dall art. 1 co. 2 lett. u) del DLgs. 231/ Per titolare effettivo si intende: la persona fisica o le persone fisiche che, in ultima istanza, possiedono o controllano un entità giuridica, attraverso il possesso o il controllo diretto o indiretto di una percentuale sufficiente delle partecipazioni al capitale sociale o dei diritti di voto in seno a tale entità giuridica, anche tramite azioni al portatore, purché non si tratti di una società ammessa alla quotazione su un mercato regolamentato e sottoposta a obblighi di comunicazione conformi alla normativa comunitaria o a standard internazionali equivalenti; tale criterio si realizza quando la percentuale corrisponde al 25% più uno di partecipazione al capitale sociale; la persona fisica o le persone fisiche che esercitano in altro modo il controllo sulla direzione di un entità giuridica. Nel caso invece di enti giuridici come le fondazioni e gli istituti giuridici, es i trust, che amministrano e distribuiscono fondi, si individua un titolare effettivo: se i futuri beneficiari sono già stati determinati, la persona fisica o le persone fisiche beneficiarie del 25% o più del patrimonio di un entità giuridica; se le persone che beneficiano dell entità giuridica non sono ancora state determinate, la categoria di persone nel cui interesse principale è istituita o agisce l entità giuridica; la persona fisica o le persone fisiche che esercitano un controllo sul 25% o più del patrimonio di un entità giuridica. L Agenzia delle Entrate con il provvedimento del n ha stabilito che lo status di titolare effettivo è riferibile anche agli enti non commerciali, alle società semplici ed equiparate residenti in Italia. Attività estere possedute tramite società estere In caso di detenzione di attività estere per il tramite di società estere, il contribuente che abbia una partecipazione rilevante come definita dalla normativa antiriciclaggio (ad esempio, la percentuale della partecipazione al capitale sociale è superiore al 25%), in linea generale, deve indicare nel modulo RW il valore della partecipazione nella società estera (così come nel caso in cui detta partecipazione non sia rilevante) e, in aggiunta, la percentuale di partecipazione. L obbligo dichiarativo in capo al titolare effettivo sussiste esclusivamente in caso di partecipazioni in società di diritto estero e non riguarda, invece, anche l ipotesi di partecipazioni dirette in una o più società residenti che effettuano investimenti all estero. E importante segnalare che ai fini della compilazione del modulo RW rilevano le partecipazioni in società residenti qualora, unitamente alla partecipazione diretta o indiretta del contribuente in società estere, concorrano ad integrare il requisito di titolare effettivo di investimenti esteri o di attività estere di natura finanziaria, cd effetto de moltiplicativo. E il caso della persona fisica che detiene direttamente una partecipazione del 15% al capitale sociale di una società estera localizzata in un Paese white list e una partecipazione in una società italiana nella misura del 50% che, a sua volta, detiene una partecipazione nella medesima società estera nella misura del 50% (partecipazione indiretta). In questo caso la persona fisica integra il requisito di titolare effettivo nella società estera, sommando il 15% della partecipazione diretta con il 25% della partecipazione indiretta. Pertanto, dovrà compilare il modulo RW e indicare il valore della partecipazione nella società estera e la percentuale di partecipazione (40%=15%+25%). 2 Il concetto di titolare effettivo dell investimento è stato introdotto dall art. 9 della L n. 97 che ha riscritto l art. 4 del DL 167/90

4 Partecipazioni in soggetti residenti in Stati non collaborativi secondo la circolare n.38 del Se è detenuta una partecipazione rilevante in una società residente o localizzata in Stati o territori diversi da quelli che consentono un adeguato scambio di informazioni (c.d. Paesi non collaborativi ) occorre indicare, non il valore della partecipazione bensì il valore degli investimenti detenuti all estero dalla società e delle attività estere di natura finanziaria intestati alla società, e la percentuale di partecipazione posseduta nella società stessa. E il cd approccio look through, il contribuente indica nel modulo RW, per ciascuna società, il valore complessivo di tutte le attività finanziarie e patrimoniali di cui risulta essere il titolare effettivo, avendo cura di predisporre e conservare un apposito prospetto in cui devono essere specificati i valori delle singole attività. Questo prospetto dovrà essere esibito o trasmesso, su richiesta, all Amministrazione finanziaria. Società estere quotate in mercati regolamentati Le partecipazioni in società estere quotate in mercati regolamentati e sottoposte a obblighi di comunicazione conformi alla normativa comunitaria o a standard internazionali equivalenti, vanno valorizzate direttamente nel modulo RW indipendentemente dalla partecipazione al capitale sociale che le stesse rappresentano in quanto è escluso in tal caso il verificarsi dello status di titolare effettivo. Trust e fondazioni In caso di detenzione di attività estere per il tramite di entità giuridiche, diverse dalle società, quali fondazioni e di istituti giuridici quali i trust: se non si verificano i requisiti per l esercizio del controllo di tali entità o istituti (ad esempio, se i beneficiari sono destinatari di una quota inferiore al 25% del patrimonio), la fondazione o il trust sono tenuti a monitorare direttamente gli investimenti o le attività estere, sempreché si tratti di enti non commerciali residenti; se, invece sono verificati i requisiti (ad esempio, se la percentuale di attribuzione del patrimonio o di controllo è pari o superiore al 25%), il contribuente è tenuto a dichiarare il valore complessivo degli investimenti detenuti all estero dall entità e delle attività estere di natura finanziaria ad essa intestate, nonché la percentuale di patrimonio nell entità stessa. Polizze con compagnie di assicurazione estere Se il contribuente ha sottoscritto una polizza con una compagnia di assicurazione estera in cui le attività sottostanti siano rappresentate da partecipazioni rilevanti in società residenti o localizzate in Paesi non collaborativi ed integra lo status di titolare effettivo dovrà compilare il modulo RW ed indicare il valore complessivo degli investimenti e delle attività estere intestate alla società estera di cui risulti essere il titolare effettivo. Quindi se il contribuente stipula con una impresa di assicurazione di diritto estero una polizza i cui premi sono investiti in una partecipazione al capitale di una società estera localizzata in un Paese non white list in misura superiore al 25% la quale detiene all estero investimenti e attività estere di natura finanziaria dovrà indicare nel modulo RW, non il valore della polizza, ma il valore complessivo degli investimenti e delle attività della società estera indicando la percentuale di partecipazione nella società estera. Importi in valuta estera Per gli importi in valuta estera il contribuente deve indicare il controvalore in euro utilizzando, il cambio indicato nel provvedimento del Direttore dell Agenzia che per l anno 2013 che si rinviene nel Provvedimento del 10 aprile 2014 n

5 Liquidazione dell IVIE e dell IVAFE A partire dal 2013, all interno del modulo RW del modello UNICO 2014 devono essere liquidate anche l imposta sul valore degli immobili situati all estero (c.d. IVIE ) e l imposta sulle attività patrimoniali detenute all estero (c.d. IVAFE ).821 Modulo RW: Alcuni casi 1- Diritti reali su beni esteri Sono tenuti alla compilazione del modulo RW sia il titolare del diritto di usufrutto che il titolare della nuda proprietà. 2- Stock option vanno indicati nel modulo RW soltanto nei casi in cui, al termine del periodo d imposta, il prezzo di esercizio è inferiore al valore corrente del sottostante, perché soltanto in questo caso il beneficiario dispone di un valore all estero. Nell ipotesi in cui il piano di assegnazione delle stock option preveda che l assegnatario non possa esercitare il proprio diritto finché non sia trascorso un determinato periodo (c.d. vesting period ), le stesse non devono essere indicate nel modulo RW fino a quando non sia spirato tale termine. Infatti, fino a quel momento il diritto è soggetto ad una sorta di condizione sospensiva. I predetti diritti di opzione, se cedibili, devono, invece, essere indicati in ogni caso nel modulo RW e, quindi, anche nel corso del vesting period,. 3- ETFs (Exchange Traded Funds) L ETF (Exchange Traded Funds) è un fondo comune di investimento o SICAV negoziato in mercati regolamentati, fra i quali il mercato telematico dei fondi (MTF) presso la Borsa italiana, o sui mercati secondari e le consistenze di questi particolari fondi comuni, se detenuti all estero, senza l intervento di un intermediario residente, devono essere indicati nel modulo RW. 4- Cassette di sicurezza Le attività finanziarie detenute all estero vanno indicate nel modulo RW se immesse in cassette di sicurezza e comunque tutte le attività finanziarie estere detenute in Italia al di fuori del circuito degli intermediari residenti. 5- Previdenza complementare Va indicata la posizione individuale maturata nel periodo d imposta, come contenuta nel documento rilasciato dal fondo pensione di diritto estero Non è però oggetto di monitoraggio fiscale quanto versato per obbligo di legge a forme di previdenza complementare organizzate o gestite da società ed enti di diritto estero, è il caso ad esempio del cosiddetto secondo pilastro svizzero, trattandosi di forme di previdenza obbligatoria seppure complementare. Al pari, sono esonerati gli apporti alle forme di previdenza complementare estere obbligatorie per effetto di contratti collettivi nazionali ma non quelle derivanti da accordi individuali. Le nuove Sanzioni: cenni La legge n. 97 all articolo 9 ha introdotto nuove aliquote per le sanzioni; la violazione dell obbligo di dichiarazione delle attività detenute all estero è punita con la sanzione amministrativa pecuniaria dal 3% al 15% dell ammontare degli importi non dichiarati quando, invece, il precedente regime prevedeva una sanzione dal 10% al 50% per le violazioni relative alle sezioni II e III e una sanzione dal 5% al 25% per le violazioni relative alla sezione I). Nel caso in cui le attività siano detenute in Stati o territori considerati a fiscalità privilegiata la violazione viene punita con una sanzione che va dal 6% al 30% degli importi non dichiarati.

6 E stata eliminata la confisca. Se, invece, gli investimenti esteri o le attività estere di natura finanziaria,suscettibili di produrre redditi imponibili in Italia, sono comunicati con un ritardo non superiore ai 90 giorni dalla scadenza del termine, è prevista l applicazione di una sanzione amministrativa pecuniaria di 258,00 euro.

UNICO PERSONE FISICHE æ Fascicolo 2 Istruzioni per la compilazione 2014

UNICO PERSONE FISICHE æ Fascicolo 2 Istruzioni per la compilazione 2014 Nel rigo RR15 devono essere indicate le informazioni utili per il calcolo del contributo integrativo. In particolare, indicare nel: campo 1 la posizione giuridica ricoperta dal singolo associato: IO (iscritto

Dettagli

Le novità del quadro RW

Le novità del quadro RW Dott. Alessandro Terzuolo (Dottore Commercialista e Revisore Contabile Professore a contratto in Diritto Tributario Internazionale e Comunitario, Università di Management di Torino) Le novità del quadro

Dettagli

CONTRIBUTO SOGGETTIVO CONTRIBUTO INTEGRATIVO CONTRIBUTO MATERNITÀ

CONTRIBUTO SOGGETTIVO CONTRIBUTO INTEGRATIVO CONTRIBUTO MATERNITÀ Il contributo integrativo è dovuto nella misura del 4% del volume annuale d affari ai fini IVA al netto del contributo minimo pagato in acconto nel 2014. È previsto un contributo integrativo minimo, calcolato

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Prot.2013/151663 Modalità di attuazione delle disposizioni relative al monitoraggio fiscale contenute nell articolo 4 del decreto legge 28 giugno 1990, n. 167, convertito, con modificazioni, dalla legge

Dettagli

Diritto tributario italiano Il nuovo quadro RW del Modello Unico 2014

Diritto tributario italiano Il nuovo quadro RW del Modello Unico 2014 Diritto tributario italiano Il nuovo quadro RW del Modello Unico 2014 21 Raul Angelo Papotti Socio dello Studio Legale Chiomenti di Milano. Avvocato e Dottore Commercialista in Milano. LL.M. (Leiden) Obblighi

Dettagli

Genova, 15 gennaio 2015 I REDDITI PRODOTTI ALL ESTERO DA PERSONE FISICHE RESIDENTI. Centro di Formazione, Cultura e Attività Forensi Via XII Ottobre 3

Genova, 15 gennaio 2015 I REDDITI PRODOTTI ALL ESTERO DA PERSONE FISICHE RESIDENTI. Centro di Formazione, Cultura e Attività Forensi Via XII Ottobre 3 Genova, 15 gennaio 2015 I REDDITI PRODOTTI ALL ESTERO DA PERSONE FISICHE RESIDENTI Centro di Formazione, Cultura e Attività Forensi Via XII Ottobre 3 1 Il worlwide income principle ART.3, COMMA 1, del

Dettagli

Esame dei casi particolari: trust, polizze assicurative, società, fondazioni, immobili e altri beni.

Esame dei casi particolari: trust, polizze assicurative, società, fondazioni, immobili e altri beni. S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Voluntary disclosure Esame dei casi particolari: trust, polizze assicurative, società, fondazioni, immobili e altri beni. CARLO GALLI CLIFFORD CHANCE Milano,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 73/E. Roma, 25 luglio 2014. OGGETTO: Chiarimenti sugli obblighi di dichiarazione nel quadro RW delle stock option estere

RISOLUZIONE N. 73/E. Roma, 25 luglio 2014. OGGETTO: Chiarimenti sugli obblighi di dichiarazione nel quadro RW delle stock option estere RISOLUZIONE N. 73/E Direzione Centrale Normativa Roma, 25 luglio 2014 OGGETTO: Chiarimenti sugli obblighi di dichiarazione nel quadro RW delle stock option estere In considerazione delle richieste di chiarimento

Dettagli

QUADRO RW Un cenno sulle novità del 2014, una riflessione su ritardata presentazione, ravvedimento e sanzioni.

QUADRO RW Un cenno sulle novità del 2014, una riflessione su ritardata presentazione, ravvedimento e sanzioni. QUADRO RW Un cenno sulle novità del 2014, una riflessione su ritardata presentazione, ravvedimento e sanzioni. L art. 9 della L. 6.8.2013 n. 97 prevede: l eliminazione della sezione I (trasferimenti attuati

Dettagli

Società estere e Quadro RW

Società estere e Quadro RW Società estere e Quadro RW by Marina d'angerio - Wednesday, January 28, 2015 /societa-estere-e-quadro-rw/ essere compilato al fine di: Il quadro RW del Modello Unico Persone Fisiche deve Permettere il

Dettagli

Il Quadro RW. a cura di Sergio Pellegrino. Studio Pellegrino

Il Quadro RW. a cura di Sergio Pellegrino. Studio Pellegrino Il Quadro RW a cura di Sergio Pellegrino Studio Pellegrino PREMESSA METODOLOGICA NEL MODELLO UNICO CONVIVONO DUE MONDI DICHIARAZIONE DEI REDDITI PRODOTTI ALL ESTERO SEGNALAZIONE DELLE ATTIVITA DETENUTE

Dettagli

OBBLIGHI DI MONITORAGGIO A CARICO DEI CONTRIBUENTI...

OBBLIGHI DI MONITORAGGIO A CARICO DEI CONTRIBUENTI... CIRCOLARE N. 38/E Direzione Centrale Normativa Settore Imposte sui Redditi e sulle Attività Produttive Roma, 23 dicembre 2013 OGGETTO: Le nuove disposizioni in materia di monitoraggio fiscale. Adempimenti

Dettagli

QUADRO RW UNICO 2014 (appunti per Roma 08/04/2014)

QUADRO RW UNICO 2014 (appunti per Roma 08/04/2014) QUADRO RW UNICO 2014 (appunti per Roma 08/04/2014) L anno scorso con la Legge 97 del 06.08.2013 (di recepimento delle normative europee), entrata in vigore il 04/09/2013, sono stati modificati gli artt.

Dettagli

INVESTIMENTI ESTERI OBBLIGHI di SEGNALAZIONE NOVITÀ del D.L. 4/2014, conv. dalla L. 50/2014

INVESTIMENTI ESTERI OBBLIGHI di SEGNALAZIONE NOVITÀ del D.L. 4/2014, conv. dalla L. 50/2014 Circolare informativa per la clientela n. 11/2014 del 3 aprile 2014 INVESTIMENTI ESTERI OBBLIGHI di SEGNALAZIONE NOVITÀ del D.L. 4/2014, conv. dalla L. 50/2014 In questa Circolare 1. «Voluntary disclosure»

Dettagli

In tale ambito soggettivo sono ricomprese le persone fisiche titolari di: - reddito d impresa; o: - di lavoro autonomo.

In tale ambito soggettivo sono ricomprese le persone fisiche titolari di: - reddito d impresa; o: - di lavoro autonomo. Modulo RW Sono tenuti agli obblighi di monitoraggio: - le persone fisiche; - gli enti non commerciali; - le società semplici e soggetti equiparati; residenti in Italia. In tale ambito soggettivo sono ricomprese

Dettagli

Ambito di applicazione oggettivo

Ambito di applicazione oggettivo 74 Ambito di applicazione oggettivo Sommario: 2.1 Identità delle attività finanziarie e patrimoniali detenute all estero e determinazione dei corrispondenti valori 2.1.1 Valorizzazione delle attività finanziarie

Dettagli

L imposta sul valore delle attività finanziarie detenute all estero: disciplina e applicazione

L imposta sul valore delle attività finanziarie detenute all estero: disciplina e applicazione 6077 APPROFONDIMENTO L imposta sul valore delle attività finanziarie detenute all estero: disciplina e applicazione di Enzo Mignarri Con il varo del decreto legge cosiddetto Salva Italia, sono state introdotte

Dettagli

MODELLO O QUADRO RW E VOLUNTARY DISCLOSURE: PUNTI SALIENTI E SANZIONI

MODELLO O QUADRO RW E VOLUNTARY DISCLOSURE: PUNTI SALIENTI E SANZIONI S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO RAVVEDIMENTO OPEROSO E QUADRO RW MODELLO O QUADRO RW E VOLUNTARY DISCLOSURE: PUNTI SALIENTI E SANZIONI Commissione Diritto Tributario Nazionale ODCEC Milano

Dettagli

Giancarlo Modolo Commissione Diritto Tributario Nazionale ODCEC Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO

Giancarlo Modolo Commissione Diritto Tributario Nazionale ODCEC Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2015 Dichiarazione annuale degli investimenti detenuti all estero e delle attività estere di natura finanziaria, Ivie e Ivafe Commissione

Dettagli

Modulo RW Aspetti generali

Modulo RW Aspetti generali Modulo RW Aspetti generali Sono tenuti agli obblighi di monitoraggio: - le persone fisiche; - gli enti non commerciali; - le società semplici e soggetti equiparati; residenti in Italia. In tale ambito

Dettagli

La Voluntary Disclosure Internazionale

La Voluntary Disclosure Internazionale La Voluntary Disclosure Internazionale Analisi di convenienza tra calcolo analitico e calcolo forfettario Massimo Caldara Ordine dei Dottori Commercialisti Bergamo 28 maggio 2015 Dottori Commercialisti

Dettagli

IVIE IVAFE: Imposta sugli immobili situati all estero ed Imposta sulle attività finanziarie detenute all estero"

IVIE IVAFE: Imposta sugli immobili situati all estero ed Imposta sulle attività finanziarie detenute all estero Dott. Ciancianaini Riccardo Dottore Commercialista Revisore Contabile IVIE IVAFE: Imposta sugli immobili situati all estero ed Imposta sulle attività finanziarie detenute all estero" Londra, Venerdì 30

Dettagli

Il quadro RW 2015: le novità del modello

Il quadro RW 2015: le novità del modello Il quadro RW 2015: le novità del modello di Ennio Vial e Vita Pozzi Introduzione Lo scopo del presente intervento è quello di fare il punto sul quadro RW segnalandone soprattutto gli elementi di novità

Dettagli

Voluntary Disclosure: il ruolo del Private Banking e dei servizi fiduciari per la pianificazione patrimoniale dei capitali

Voluntary Disclosure: il ruolo del Private Banking e dei servizi fiduciari per la pianificazione patrimoniale dei capitali Voluntary Disclosure: il ruolo del Private Banking e dei servizi fiduciari per la pianificazione patrimoniale dei capitali Dott.ssa Concetta Granata, Area Private Banking - Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

Quadro RW e obblighi dichiarativi ai fini IVIE e IVAFE

Quadro RW e obblighi dichiarativi ai fini IVIE e IVAFE Circolare Monografica 12 giugno 2014 n. 1990 DICHIARAZIONI Quadro RW e obblighi dichiarativi ai fini IVIE e IVAFE Soggetti obbligati, modalità di compilazione e di calcolo ed esemplificazioni di Armando

Dettagli

Incontri del Martedì

Incontri del Martedì Incontri del Martedì LA TASSAZIONE DEGLI IMMOBILI E DELLE ATTIVITÀ FINANZIARIE ALL'ESTERO Luciano Olivieri Dottore Commercialista Milano, 9 Aprile 2013 1 IVIE: Imposta sul Valore degli Immobili detenuti

Dettagli

Studio Manara Matarese & Associati. Voluntary Disclosure - Riflessioni

Studio Manara Matarese & Associati. Voluntary Disclosure - Riflessioni Studio Manara Matarese & Associati Voluntary Disclosure - Riflessioni Sulla spinta dell accordo FACTA (Foreign Account Tax Compliance Act firmato a Roma il 10 gennaio 2014), è stato sviluppato in sede

Dettagli

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 03 novembre 2008

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 03 novembre 2008 CIRCOLARE N. 61/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 03 novembre 2008 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dei fondi immobiliari. Articolo 82, commi da 17 a 22, del decreto-legge 25 giugno

Dettagli

Unico 2015: IVIE, IVAFE e Voluntary disclosure

Unico 2015: IVIE, IVAFE e Voluntary disclosure Circolare Monografica 12 maggio 2015, n. 2158 DICHIARAZIONI Unico 2015: IVIE, IVAFE e Voluntary disclosure La compilazione del Quadro RW di Armando Urbano Il quadro RW deve essere compilato dalle persone

Dettagli

NOVITA UNICO PF 2014

NOVITA UNICO PF 2014 NOVITA UNICO PF 2014 NOVITA SUL 730 E RAPPORTI CON UNICO Novità per le persone fisiche 730 SENZA SOSTITUTO Pag. 138 PECULIARITÀ Comunque si presenta il 730 ad un professionista o al CAF L importo a credito

Dettagli

GPAV Dottori Commercialisti Associati

GPAV Dottori Commercialisti Associati Le novità fiscali contenute nell articolo 19 del cd. Decreto Monti (D.L. 201/2011) come integrato e modificato dal cd. Decreto sulle semplificazioni fiscali (D.L. 16/2012) Ordine Dottori Commercialisti

Dettagli

Il nuovo quadro RW di UNICO 2014

Il nuovo quadro RW di UNICO 2014 Anno Accademico 213/214 Il nuovo quadro RW di UNICO 214 Alla faccia della semplificazione 1 giugno 214 Marco Piazza 16/6/214 Le finalità del monitoraggio fiscale Un quadro destinato a essere superato dallo

Dettagli

IVAFE: L IMPOSTA PATRIMONIALE ESTERA SULLE ATTIVITÀ FINANZIARIE

IVAFE: L IMPOSTA PATRIMONIALE ESTERA SULLE ATTIVITÀ FINANZIARIE MAP IVAFE: L IMPOSTA PATRIMONIALE ESTERA SULLE ATTIVITÀ FINANZIARIE Analogamente a quanto previsto per i beni immobili, assoggettati all IVIE, a decorrere dal 2012 le persone fi siche residenti in Italia

Dettagli

Il Modulo RW: casi particolari di compilazione

Il Modulo RW: casi particolari di compilazione Speciale quesiti di Ennio Vial e Vita Pozzi Il Modulo RW: casi particolari di compilazione Nel presente intervento analizzeremo alcuni casi particolari di compilazione del Modulo RW quali l ipotesi di

Dettagli

La tassazione degli immobili e delle attività detenute all estero. Brevi appunti su IVIE ed IVAFE

La tassazione degli immobili e delle attività detenute all estero. Brevi appunti su IVIE ed IVAFE La tassazione degli immobili e delle attività detenute all estero Brevi appunti su IVIE ed IVAFE NORMATIVA DI RIFERIMENTO L'articolo 19 del DL 06/12/2011 n. 201 ha istituito: Decreto Legge Salva Italia

Dettagli

OGGETTO: IL NUOVO QUADRO RW

OGGETTO: IL NUOVO QUADRO RW Informativa per la clientela di studio N. 03 del 08.01.2014 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: IL NUOVO QUADRO RW Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla

Dettagli

EMERSIONE DI ATTIVITÀ DETENUTE ALL ESTERO

EMERSIONE DI ATTIVITÀ DETENUTE ALL ESTERO Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli EMERSIONE DI ATTIVITÀ DETENUTE ALL ESTERO (Artt. 11-21 Decreto legge 25 settembre 2001, n. 350, convertito,

Dettagli

La voluntarydisclosure : i soggetti e le fattispecie interessate, le modalità di. dott. Valerio Stroppa

La voluntarydisclosure : i soggetti e le fattispecie interessate, le modalità di. dott. Valerio Stroppa La voluntarydisclosure : i soggetti e le fattispecie interessate, le modalità di adesione, gli effetti economici e penali dott. Valerio Stroppa 1 Il quadro normativo Legge n. 186/2014 (e di conseguenza

Dettagli

Particolarità del monitoraggio fiscale con il Quadro RW

Particolarità del monitoraggio fiscale con il Quadro RW S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO PUNTUALIZZAZIONI E FOCUS FINALE SU MODELLI UNICO 2014 Particolarità del monitoraggio fiscale con il Quadro RW DUILIO LIBURDI Commissione Diritto Tributario

Dettagli

Circolare n. 21 INDICE

Circolare n. 21 INDICE Circolare n. 21 del 15 giugno 2012 Imposte patrimoniali sugli immobili all estero, sulle attività finanziarie detenute all estero e sulle attività oggetto di scudo fiscale - Riepilogo della disciplina

Dettagli

Voluntary Disclosure: luci ed ombre della nuova normativa (monitoraggio fiscale, effetti premiali e rischi penali)

Voluntary Disclosure: luci ed ombre della nuova normativa (monitoraggio fiscale, effetti premiali e rischi penali) Voluntary Disclosure: luci ed ombre della nuova normativa (monitoraggio fiscale, effetti premiali e rischi penali) Marco Abramo Lanza Dottore Commercialista Milano, 12 dicembre 2014 Variabili - Oggetto

Dettagli

Contenuto in sintesi ----------

Contenuto in sintesi ---------- DIREZIONE SERVIZI TRIBUTARI Anno 2012 Circ. n. 77 05.07.2012-77/FS/om TITOLO: Imposta sul valore degli immobili situati all estero e sul valore delle attività finanziarie detenute all estero Circolare

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Informativa n. 24 del 18 giugno 2012 Imposte patrimoniali

Dettagli

OPPORTUNITÉS 2015 - LES SOLUTIONS «TAILOR-MADE»

OPPORTUNITÉS 2015 - LES SOLUTIONS «TAILOR-MADE» 9 ème Edition TABLE RONDE SUR L INTERMÉDIATION INTERNATIONALE OPPORTUNITÉS 2015 - LES SOLUTIONS «TAILOR-MADE» VOUS SOUHAITE LA BIENVENUE et REMERCIE LES SPONSORS Et les media partners Voluntary disclosure.

Dettagli

MODIFICHE NELLA COMPILAZIONE DEL QUADRO RW IN APPLICAZIONE DELLA LEGGE SUL MONITORAGGIO

MODIFICHE NELLA COMPILAZIONE DEL QUADRO RW IN APPLICAZIONE DELLA LEGGE SUL MONITORAGGIO MODIFICHE NELLA COMPILAZIONE DEL QUADRO RW IN APPLICAZIONE DELLA LEGGE SUL MONITORAGGIO SOGGETTI OBBLIGATI ALLA COMPILAZIONE DEL QUADRO RW A NORMA DEGLI ARTT. 2 E 4 DEL D.L. 167/1990 PERSONE FISICHE ENTI

Dettagli

VOLUNTARY DISCLOSURE STRUTTURE INTERPOSTE. Prof. Guido Feller Wealth Planning Azimut Dottore Commercialista. Firenze, 10 aprile 2015

VOLUNTARY DISCLOSURE STRUTTURE INTERPOSTE. Prof. Guido Feller Wealth Planning Azimut Dottore Commercialista. Firenze, 10 aprile 2015 VOLUNTARY DISCLOSURE STRUTTURE INTERPOSTE Prof. Guido Feller Wealth Planning Azimut Dottore Commercialista Firenze, 10 aprile 2015 Agenda 1. Introduzione 2. Polizze Vita 3. Società 4. Trust 5. Sintesi

Dettagli

Professional Investment Fund: regime fiscale. Avv. Massimo Antonini Lugano 19/20 novembre 2012

Professional Investment Fund: regime fiscale. Avv. Massimo Antonini Lugano 19/20 novembre 2012 Professional Investment Fund: regime fiscale Avv. Massimo Antonini Lugano 19/20 novembre 2012 1 I proventi derivanti dalla partecipazione in PIF 2 I proventi derivanti dalla partecipazioni in PIF Qualora

Dettagli

Imposta sugli immobili e sulle attività finanziarie all estero (IVIE e IVAFE)

Imposta sugli immobili e sulle attività finanziarie all estero (IVIE e IVAFE) Imposta sugli immobili e sulle attività finanziarie all estero (IVIE e IVAFE) L IMPOSTA SUGLI IMMOBILI DETENUTI ALL ESTERO IVIE A decorrere dall 1.1.2011 è stata istituita l IVIE, imposta sul valore degli

Dettagli

LE NOVITA FISCALI 2014

LE NOVITA FISCALI 2014 LE NOVITA FISCALI 2014 I NUOVI OBBLIGHI DI MONITORAGGIO FISCALE A SEGUITO DELLE LEGGE EUROPEA 2013 & Dichiarazione spontanea dei redditi esteri in Italia (Voluntary Disclosure): Renzo Parisotto Rezzato,

Dettagli

REGIME FISCALE DEI MINIBOND

REGIME FISCALE DEI MINIBOND REGIME FISCALE DEI MINIBOND RITENUTE, IMPOSTE SOSTITUTIVE E DEDUCIBILITÀ 1 DOTT. GIOVANNI MERCANTI 1. Regime fiscale connesso ai prestiti obbligazionari prima delle modifiche agevolative Sino all introduzione

Dettagli

CIRCOLARE N. 38/E. Roma, 23 dicembre 2013

CIRCOLARE N. 38/E. Roma, 23 dicembre 2013 CIRCOLARE N. 38/E Direzione Centrale Normativa Settore Imposte sui Redditi e sulle Attività Produttive Roma, 23 dicembre 2013 OGGETTO: Le nuove disposizioni in materia di monitoraggio fiscale. Adempimenti

Dettagli

La voluntary disclosure

La voluntary disclosure News per i Clienti dello studio N. 61 del 23 Aprile 2014 Ai gentili clienti Loro sedi La voluntary disclosure Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che l Agenzia delle Entrate, con la

Dettagli

Il regime applicabile e le implicazioni sulla normativa antiriciclaggio

Il regime applicabile e le implicazioni sulla normativa antiriciclaggio LA "DISCLOSURE" DEI CONTI NON SCUDATI Il regime applicabile e le implicazioni sulla normativa antiriciclaggio Lugano Fund Forum 25 e 26 novembre 2013 Studio Legale e Tributario Monti Studio Legale e Tributario

Dettagli

Procedura di emersione e rientro dei capitali detenuti all estero e reato di autoriciclaggio

Procedura di emersione e rientro dei capitali detenuti all estero e reato di autoriciclaggio Bologna, 30 ottobre 2014 Procedura di emersione e rientro dei capitali detenuti all estero e reato di autoriciclaggio Raul-Angelo Papotti Avvocato Dottore Commercialista LL.M 1 Monitoraggio fiscale a seguito

Dettagli

ASPETTI TRIBUTARI INTERNAZIONALI E MONITORAGGIO

ASPETTI TRIBUTARI INTERNAZIONALI E MONITORAGGIO Convegno IMMOBILI IN ITALIA ED ALL ESTERO: ASPETTI TRIBUTARI INTERNAZIONALI E MONITORAGGIO Roberto TAMBURELLI 1 Introduzione all RW FONTE NORMATIVA Gli Art. 2 e 4 del D.L. 167/1990 obbligano alcuni soggetti

Dettagli

Voluntary Disclosure. Casi pratici e aspetti critici

Voluntary Disclosure. Casi pratici e aspetti critici Voluntary Disclosure Casi pratici e aspetti critici AIGA Genova 30 marzo 2015 Andrea Frassinetti Dottore Commercialista Componente della Commissione di Studio Fiscale Comunitario e Internazionale Attività

Dettagli

Dati identificativi della posizione creditoria. Intestata a (debitore principale) Cognome e nome. nato a il. residenza

Dati identificativi della posizione creditoria. Intestata a (debitore principale) Cognome e nome. nato a il. residenza MODULO DI ADEGUATA VERIFICA DELLA CLIENTELA (ai sensi del d. lgs. n. 231 del 2007) Da utilizzare in caso di prima adeguata verifica o di rinnovata adeguata verifica del debitore o del garante n. BIP Dati

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 15 febbraio 2012

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 15 febbraio 2012 CIRCOLARE N. 2/E Direzione Centrale Normativa Roma, 15 febbraio 2012 OGGETTO: Riorganizzazione della disciplina fiscale dei fondi immobiliari chiusi. Articolo 32 del decreto legge 31 maggio 2010, n. 78

Dettagli

NORMA DI COMPORTAMENTO N. 185

NORMA DI COMPORTAMENTO N. 185 ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA *** *** *** NORMA DI COMPORTAMENTO

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Unico 2006 Investimenti e trasferimenti esteri: cosa dichiarare Compilazione del quadro RW

Unico 2006 Investimenti e trasferimenti esteri: cosa dichiarare Compilazione del quadro RW Unico 2006 Investimenti e trasferimenti esteri: cosa dichiarare Compilazione del quadro RW a cura di Roberta De Pirro e Federica Lorusso- Studio Sciumé e Associati roberta.depirro@sciume.net; federica.lorusso@sciume.net

Dettagli

S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO

S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Voluntary Disclosure relativa alle attività detenute all estero (attività finanziarie, polizze, società, immobili ed altri beni): profili di tassabilità in

Dettagli

SOMMARIO Parte I IL SISTEMA DELLE IMPOSTE SUI REDDITI

SOMMARIO Parte I IL SISTEMA DELLE IMPOSTE SUI REDDITI SOMMARIO Parte I IL SISTEMA DELLE IMPOSTE SUI REDDITI Capitolo I L EVOLUZIONE DEL SISTEMA DI TASSAZIONE DEI REDDITI DI NATURA FINANZIARIA NELL ORDINAMENTO GIURIDICO ITALIANO 1. Premessa... 3 2. I redditi

Dettagli

Il trattamento fiscale dei dividendi transfrontalieri

Il trattamento fiscale dei dividendi transfrontalieri Focus di pratica professionale di Fabio Giommoni Il trattamento fiscale dei dividendi transfrontalieri La recente sentenza della CTR dell'aquila n.390/12, in materia di rimborso delle ritenute sui dividendi

Dettagli

LA MANOVRA ESTIVA 2008

LA MANOVRA ESTIVA 2008 Seminario LA MANOVRA ESTIVA 2008 Arezzo 8 ottobre 2008 Lucca 9 ottobre 2008 Firenze 14 ottobre 2008 D.L. n. 112/2008 Il nuovo regime fiscale dei fondi di investimento immobiliari Dott. Fabio Giommoni Fondi

Dettagli

I Passaggi Generazionali Aspetti Fiscali

I Passaggi Generazionali Aspetti Fiscali I Passaggi Generazionali Aspetti Fiscali Verona, 29 settembre 2011 dott. stefano dorio dott. emanuele dorio IMPOSTA SULLE SUCCESSIONI E SULLE DONAZIONI STRUTTURE SOCIETARIE TRUST Imposta Successioni e

Dettagli

Profili fiscali della polizza vita come strumento di protezione del patrimonio e di pianificazione successoria

Profili fiscali della polizza vita come strumento di protezione del patrimonio e di pianificazione successoria S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Tutela del patrimonio: disamina dei diversi strumenti a disposizione e criteri di scelta Profili fiscali della polizza vita come strumento di protezione del

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

IL QUADRO RW. a cura di Duilio Liburdi Pubblicista Dottore Commercialista

IL QUADRO RW. a cura di Duilio Liburdi Pubblicista Dottore Commercialista IL QUADRO RW a cura di Duilio Liburdi Pubblicista Dottore Commercialista 1 modulo Gli obblighi legati al quadro RW MONITORAGGIO QUADRO RW l obbligo di monitoraggio in dichiarazione RW sussiste se: sono

Dettagli

GLI ACCERTAMENTI FISCALI SULLE PERSONE FISICHE

GLI ACCERTAMENTI FISCALI SULLE PERSONE FISICHE GLI ACCERTAMENTI FISCALI SULLE PERSONE FISICHE GLI ACCERTAMENTI FISCALI SULLE PERSONE FISICHE 1. Introduzione 2. Le nuove regole per gli accertamenti 3. L acquisizione delle informazioni 4. La tutela del

Dettagli

Indice. Prefazione, di Victor Uckmar. Introduzione 1

Indice. Prefazione, di Victor Uckmar. Introduzione 1 Indice Prefazione, di Victor Uckmar xv Introduzione 1 1. I redditi di natura nanziaria nel sistema tributario italiano 9 1. Cenni sull evoluzione del concetto di reddito durante la vigenza dell imposta

Dettagli

Circolare n. 7. Indice. 1 Premessa... 2. 2 Finalità... 2. 3 Condizioni soggettive... 2. 4 Condizioni oggettive... 3. 5 Aspetti operativi...

Circolare n. 7. Indice. 1 Premessa... 2. 2 Finalità... 2. 3 Condizioni soggettive... 2. 4 Condizioni oggettive... 3. 5 Aspetti operativi... Circolare n. 7 La rivalutazione del costo o valore d acquisto delle partecipazioni non quotate (Art. 2, comma 229, Legge 23.12.2009, n. 191) Indice 1 Premessa... 2 2 Finalità... 2 3 Condizioni soggettive...

Dettagli

QUADRO RW E STOCK OPTION ESTERE

QUADRO RW E STOCK OPTION ESTERE PUNTUALIZZAZIONI E FOCUS FINALE SU MODELLI UNICO 2014 QUADRO RW E STOCK OPTION ESTERE SANDRO BOTTICELLI Commissione Diritto Tributario Nazionale ODCEC Milano Milano, 23 settembre 2014 - Auditorium San

Dettagli

Le modifiche al Quadro RW in Unico PF 2014

Le modifiche al Quadro RW in Unico PF 2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 20 22.01.2014 Le modifiche al Quadro RW in Unico PF 2014 Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: Modello RW In Unico PF 2014 (anno 2013), i contribuenti

Dettagli

Anno 2010 N. RF147 QUADRO RW CHIARIMENTI DELL AGENZIA - TUTTOESEMPI

Anno 2010 N. RF147 QUADRO RW CHIARIMENTI DELL AGENZIA - TUTTOESEMPI Anno 2010 N. RF147 Redazione Fiscale www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 10 OGGETTO QUADRO RW CHIARIMENTI DELL AGENZIA - TUTTOESEMPI RIFERIMENTI ISTRUZIONI UNICO CM 45/2010 CIRCOLARE DEL 16/09/2010 Sintesi:

Dettagli

Le nuove forme di finanziamento alle imprese

Le nuove forme di finanziamento alle imprese Le nuove forme di finanziamento alle imprese Profili fiscali Ordine Dottori Commercialisti di Padova 4 giugno 2014 Principali riferimento normativi e di prassi Art. 32 del Decreto legge 22 giugno2012,n.

Dettagli

Voluntary Disclosure le prime istruzioni ufficiali dell'agenzia delle Entrate

Voluntary Disclosure le prime istruzioni ufficiali dell'agenzia delle Entrate Voluntary Disclosure le prime istruzioni ufficiali dell'agenzia delle Entrate DISPONIBILI ONLINE IL MODELLO DEFINITIVO PER LA RICHIESTA DI ACCESSO ALLA PROCEDURA DI COLLABORAZIONE VOLONTARIA, LE ISTRUZIONI

Dettagli

Monitoraggio e patrimoniali in Unico. I quadri RW ed RM

Monitoraggio e patrimoniali in Unico. I quadri RW ed RM Focus di pratica professionale di Maurizio Tozzi Monitoraggio e patrimoniali in Unico. I quadri RW ed RM Come compilare la dichiarazione per le attività detenute all estero e per corrispondere le nuove

Dettagli

VOLUNTARY DISCLOSURE

VOLUNTARY DISCLOSURE SCHEDA MONOGRAFICA TMG VOLUNTARY DISCLOSURE Data aggiornamento scheda 6 ottobre 2015 Redattore Davide David Ultimi interventi normativi D.L. n. 153 del 30.09.2015 Ultimi interventi di prassi Circ. n. 31/E

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 18 DEL 11.12.2009 IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 18 DEL 11.12.2009 IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 18 DEL 11.12.2009 SCUDO FISCALE E ATTIVITÀ ALL ESTERO DA PARTE DEI LAVORATORI DIPENDENTI IL QUESITO Nella circolare n. 48 del 2009 l Agenzia delle entrate

Dettagli

I REDDITI DI CAPITALE. Prof. Mario Miscali - Diritto Tributario - 2012 1

I REDDITI DI CAPITALE. Prof. Mario Miscali - Diritto Tributario - 2012 1 I REDDITI DI CAPITALE Prof. Mario Miscali - Diritto Tributario - 2012 1 REDDITI DI CAPITALE Fondamento normativo - artt. 44-48 TUIR - artt. 26-27-ter D.P.R. n. 600/73 Prof. Mario Miscali - Diritto Tributario

Dettagli

commercialisti revisori contabili

commercialisti revisori contabili & PARTNERS commercialisti revisori contabili Dott. ALDO BOIDI DOTT. PROF. MARIO BOIDI DOTT. PROF. MASSIMO BOIDI DOTT. FABIO PASQUINI Dott. VALTER RUFFA Dott. ALESSANDRO MARTINI Dott. CAROLA ALBERTI Dott.

Dettagli

MODULO PER L IDENTIFICAZIONE E L ADEGUATA VERIFICA DELLA CLIENTELA

MODULO PER L IDENTIFICAZIONE E L ADEGUATA VERIFICA DELLA CLIENTELA MODULO PER L IDENTIFICAZIONE E L ADEGUATA VERIFICA DELLA CLIENTELA POLIZZA DI ASSICURAZIONE N. Instaurazione nuovo rapporto continuativo da: Riscatto Totale Riscatto Parziale Scadenza* Sinistro* (*) Nei

Dettagli

L opzione può essere esercitata solo nel caso in cui la media delle consistenze delle attività finanziarie, al termine di

L opzione può essere esercitata solo nel caso in cui la media delle consistenze delle attività finanziarie, al termine di Il frontespizio Nel frontespizio dovrà essere indicata la tipologia di collaborazione richiesta (nazionale o internazionale) dando atto, eventualmente, anche della valore integrativo dell istanza. Nel

Dettagli

Articolo 1 del DL 167/1990 così sostituito dalla L. 97/2013, art.9

Articolo 1 del DL 167/1990 così sostituito dalla L. 97/2013, art.9 Modifiche apportate al DL 28 giugno 1990,n.167 (Rilevazione a fini fiscali di taluni trasferimenti da e per l'estero di denaro, titoli e valori) dalla Legge 6 agosto 2013, n.97, Art.9 (Legge europea 2013).

Dettagli

Voluntary disclosure e primi chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Voluntary disclosure e primi chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Circolare n. 6 del 30 marzo 2015 Voluntary disclosure e primi chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Indice 1. Normativa di riferimento 2. Soggetti interessati 3. Presupposto oggettivo 3.1 Investimenti

Dettagli

Imposta sulle transazioni finanziarie (Azioni e altri strumenti finanziari soggetti all imposta)

Imposta sulle transazioni finanziarie (Azioni e altri strumenti finanziari soggetti all imposta) Imposta sulle transazioni finanziarie (Azioni e altri strumenti finanziari soggetti all imposta) Ove non espressamente specificato, i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell

Dettagli

LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014

LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014 Ai gentili clienti Loro sedi Circolare n. 27 del 4 settembre 2014 LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014 ART. 3 e 4 D.L. N. 66/2014 Circolare Agenzia Entrate 27.6.2014, n. 19/E In breve:

Dettagli

Dati identificativi della posizione creditoria oggetto di: (barrare la casella di interesse): Cessione del credito ovvero Pagamento del terzo

Dati identificativi della posizione creditoria oggetto di: (barrare la casella di interesse): Cessione del credito ovvero Pagamento del terzo MODULO DI ADEGUATA VERIFICA DELLA CLIENTELA DA UTILIZZARE: IN CASO DI CESSIONE DI CREDITO ovvero IN CASO DI PAGAMENTO DI TERZO NON OBBLIGATO (ai sensi del d. lgs. n. 231 del 2007) Dati identificativi della

Dettagli

Relazione illustrativa

Relazione illustrativa Relazione illustrativa L articolo 1, commi da 491 a 500, della legge 24 dicembre 2012, n. 228, ha introdotto un imposta sulle transazioni finanziarie che si applica ai trasferimenti di proprietà di azioni

Dettagli

I primi chiarimenti sul nuovo regime fiscale dei dividendi e dei redditi assimilati

I primi chiarimenti sul nuovo regime fiscale dei dividendi e dei redditi assimilati I primi chiarimenti sul nuovo regime fiscale dei dividendi e dei redditi assimilati 1 PREMESSA Una delle principali direttrici di cambiamento che caratterizzano la riforma del sistema fiscale, attuata

Dettagli

QUESTIONARIO ANTIRICICLAGGIO (DECRETO LEGISLATIVO 21 NOVEMBRE 2007 N. 231)

QUESTIONARIO ANTIRICICLAGGIO (DECRETO LEGISLATIVO 21 NOVEMBRE 2007 N. 231) Filiale nr. Contratto nr. Richiedente e /Ragione Sociale Provincia di residenza o della sede legale Coobbligato (da non compilare in caso di persone fisiche) e del Legale Rappresentante/Esecutore* QUESTIONARIO

Dettagli

CIRCOLARE INFORMATIVA N. 5/2014 VOLUNTARY DISCLOSURE

CIRCOLARE INFORMATIVA N. 5/2014 VOLUNTARY DISCLOSURE ENRICO MARIA BIGNAMI ANDREA BIGNAMI GAETANO PIGNATTI MORANO CESARE BEOLCHI ROGER OLIVIERI FEDERICO GENTILE CARLO GIROTTI DOMENICO BIANCHI dottore in economia e commercio ARIANNA VITALI dottoressa in economia

Dettagli

Nuovi strumenti di finanziamento per le società non quotate

Nuovi strumenti di finanziamento per le società non quotate Nuovi strumenti di finanziamento per le società non quotate Le novità del Decreto Sviluppo in tema di obbligazioni e cambiali finanziarie L apertura del mercato del capitale di debito per gli emittenti

Dettagli

IL TRASFERIMENTO DI QUOTE DI SRL Aspetti di fiscalità diretta

IL TRASFERIMENTO DI QUOTE DI SRL Aspetti di fiscalità diretta IL TRASFERIMENTO DI QUOTE DI SRL Aspetti di fiscalità diretta Dott. Pasquale SAGGESE LA CESSIONE DI NON DETENUTE NELL ESERCIZIO DI IMPRESA QUALIFICATE E FATTISPECIE ASSIMILATE Partecipazioni che rappresentano

Dettagli

RISOLUZIONE N.128/E. OGGETTO: Consulenza giuridica Esonero dall obbligo di presentazione del modulo RW

RISOLUZIONE N.128/E. OGGETTO: Consulenza giuridica Esonero dall obbligo di presentazione del modulo RW RISOLUZIONE N.128/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 dicembre 2010 OGGETTO: Consulenza giuridica Esonero dall obbligo di presentazione del modulo RW Con la richiesta di consulenza giuridica concernente

Dettagli

Il regime fiscale dei fondi e delle SICAF immobiliari

Il regime fiscale dei fondi e delle SICAF immobiliari Il regime fiscale dei fondi e delle SICAF immobiliari Dott. Domenico Ponticelli (Di Tanno & Associati) SIIQ, SICAF E FONDI IMMOBILIARI Evoluzione degli strumenti di investimento immobiliare 21 Maggio 2015

Dettagli

VOLUNTARY DISCLOSURE ANDREA BALLANCIN

VOLUNTARY DISCLOSURE ANDREA BALLANCIN VOLUNTARY DISCLOSURE ANDREA BALLANCIN a legge La legge 15 dicembre 2014, n. 186 introduce nell ordinamento italiano la disciplina della collaborazione volontaria (c.d. voluntary disclosure) in materia

Dettagli

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale.

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. CIRCOLARE N. 10/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. Premessa

Dettagli

CIRCOLARE N. 4/E. Roma, 18 gennaio 2006

CIRCOLARE N. 4/E. Roma, 18 gennaio 2006 CIRCOLARE N. 4/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 18 gennaio 2006 Oggetto: Disposizioni correttive ed integrative al Decreto Legislativo 12 dicembre 2003, n. 344 in materia di tassazione

Dettagli