Darmstadt, estate 1961 Gli armonici di Amelia Rosselli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Darmstadt, estate 1961 Gli armonici di Amelia Rosselli"

Transcript

1 Darmstadt, estate 1961 Gli armonici di Amelia Rosselli amelia rosselli partecipa ai ferienkurse für neue musik. la formazione musicale di amelia e i suoi scritti sulla teoria delle «serie armoniche». i ferienkurse e la rinascita della musica tedesca dopo il nazismo. theodor w. adorno, karlheinz stockhausen e l «informale». john cage, ernst bernhard e l i king. nuova musica e spazi metrici: «in fin di riga come per caso» La sedicesima edizione degli Internationale Ferienkurse für Neue Musik di Darmstadt si svolse dal 29 agosto al 10 settembre 1961 presso il villaggio studentesco della Dieburger Straße, e fu preceduta da un corso speciale di composizione tenuto tra il 19 e il 29 agosto da Karlheinz Stockhausen con la collaborazione del pianista americano David Tudor. Quell estate i partecipanti, che provenivano da più di trenta paesi, furono circa quattrocento fra docenti, ospiti e interpreti. Tra gli iscritti ai corsi, l archivio dell Internationales Musikinstitut Darmstadt registra la presenza di Amelia Rosselli. A quest altezza di tempo, Amelia ha trentuno anni e non ha ancora pubblicato nessun libro: nel 1964 uscirà per Garzanti la sua prima raccolta poetica, Variazioni belliche, alla quale farà seguito nel 1969 Serie ospedaliera per il Saggiatore di Alberto Mondadori. Nata il 28 marzo 1930 a Parigi, dove la famiglia viveva esiliata, Amelia si trasferì a Londra con la madre Marion Cave qualche anno dopo l assassinio del padre Carlo Rosselli e dello zio Nello compiuto per mano di sicari fascisti a Bagnoles-de-l Orne nel Già avviata agli studi di pianoforte, organo e violino, durante il soggiorno londinese Amelia incominciò ad avvicinarsi alla teoria, alla composizione musicale e all etnomusicologia. Non stupisce, quindi, la sua partecipazione, in età ormai adulta ai corsi di Darmstadt, tappa di formazione irrinunciabile per un aspirante musicista interessata alla sperimentazione contemporanea. Le urgeva, probabilmente, anche verificare o ridiscutere, attraverso il contatto diretto con esponenti di spicco della «nuova musica», alcune riflessioni teoriche da lei affidate a un saggio uscito nella primavera 1954 sulla rivista «Civiltà delle macchine» pubblicata dalla Finmeccanica e animata da Leonardo Sinisgalli. In quel 1954, infatti, Amelia, che aveva perso la madre da qualche anno subendone un fortissimo trauma, firmò come Marion Rosselli (quindi, con il nome di sua madre e il cognome di suo padre) lo scritto intitolato La serie degli armonici. Partendo dallo studio della teoria dodecafonica e da quello della musica di Bartók», il testo proponeva di introdurre «ciò che si potrebbe chiamare un allargamento della teoria, in rapporto con la musica popolare». Esso venne arricchito più tardi, nel 1964 e nel 1977, con due appendici, e questa nuova ultima versione fu pubblicata nel 1987 sul «verri», rivista che ebbe come collaboratori diversi esponenti della «neoavanguardia» italiana. Nelle appendici di La serie degli armonici si discuteva la possibilità di riprodurre con strumenti elettronici «le perturbazioni minime, ritmiche o timbriche o spaziali» del suono. Queste aggiunte testimoniano come, per Amelia Rosselli, l attenzione rivolta alle sperimentazioni dell avanguardia musicale si sia accompagnata all esperienza della scrittura poetica anche dopo i fervori giovanili e dopo quella decisiva estate di Darmstadt. D altronde, sarà lei stessa a chiarire, nella «postfazione» intitolata Spazi metrici che accompagna Variazioni belliche fin dalla prima edizione del 64, lo stretto legame che nella sua esperienza di scrittrice si instaura tra musica e poesia: Una problematica della forma poetica è stata per me sempre connessa a quella più strettamente musicale, e non ho in realtà mai scisso le due discipline, considerando la sillaba non solo come nesso ortografico ma anche come suono, e il periodo non solo un costrutto grammaticale ma anche un sistema. La scelta di partecipare ai corsi di Darmstadt segnala una matura e anticonvenzionale competenza in fatto di musica da parte di Amelia. La musicista e poetessa italiana, precocemente proiettata in un orizzonte di influenze che andava ben oltre la dimensione nazionale e che varcava ogni confine disciplinare, dovette individuare nei corsi di interpretazione e composizione pianistica tenuti dall americano David Tudor, ai quali risulta iscritta nel 1961, l occasione di sperimentare soluzioni espressive contigue a quelle che caratterizzavano la sua ricerca di stile e la pratica della sua scrittura in versi. Tudor, infatti, era noto come esecutore delle opere più discusse del compositore americano John Cage: le eccentriche interpretazioni del primo e le stranianti composizioni del secondo, in cui la destrutturazione della partitura e la casualità dell esecuzione costituivano il

2 832 Darmstadt, estate 1961 metodo dell invenzione e dell ascolto, dovettero attrarre la sua curiosità di sperimentatrice cosmopolita. Il trilinguismo praticato da Amelia sin dall adolescenza pensare, parlare e scrivere in italiano, francese, inglese, lo choc dell errore grammaticale e del lapsus, l attenzione alla materialità del testo e ai suoi aspetti grafici, l attitudine a riusare e a manipolare la tradizione poetica, la rinuncia alla soggettività del significato e il valorizzare, invece, gli aspetti fonici della parola sono aspetti delle sue partiture poetiche che suggeriscono nuove interpretazioni anche alla luce della formazione musicale acquisita a Darmstadt. Acuta deve essere stata, infatti, la sua attenzione nel recepire stimoli e suggerimenti dal gran flusso di discordanti sonorità immaginate e prodotte dalle avanguardie musicali novecentesche, prima e dopo la seconda guerra mondiale: da Schönberg a Webern a Berg ai postweberniani, fino alle composizioni aleatorie di Stockhausen e agli orientalismi di Cage, dei quali si dirà più avanti. L esperienza poetica di Amelia sembra essere stata influenzata da quest orizzonte musicale prima e in modo decisamente più incisivo che dalla neoavanguardia letteraria italiana, entro la quale pure trovò alcune conferme. La sperimentazione della «nuova musica» costituì per la poetessa un terreno di elaborazione metaletteraria, mentre contemporaneamente la scrittura divenne lo spazio di una pratica musicale con cui tentare l ardito volo fuori dall Occidente e fuori dalla modernità. Così leggiamo nella Serie degli armonici: il sistema proposto [ ] è stato concepito principalmente nella speranza di trovare una sintesi della tradizione musicale razionale e scritta dell occidente, e quella orale e istintiva dell Oriente. In un tempo successivo, l interpretazione disgregatrice, analitica, della musica, con le sue arbitrarie suddivisioni metriche e le sue formazioni artificiali di accordi, potrebbe cedere il posto ad uno schema che riproduca quattro dimensioni in una continuità spazio-temporale; nel quale intensità, altezza, ritmo e timbro, saranno derivati dalla serie degli armonici, determinandosi e producendosi a vicenda. Tornando alle motivazioni che spinsero Amelia, musicista e poetessa, a partecipare ai Ferienkurse, vale la pena sottolineare come questi, inaugurati nell estate del 1946 grazie all intraprendenza del musicologo tedesco Wolfgang Steinecke, fossero nati non solo all insegna di un grande progetto culturale e musicale ma anche di un importante intenzione politica e civile. L impegno di Steinecke, che si consolidò nel 1948 con la fondazione dell Internationales Musikinstitut di Darmstadt, restituiva nuova vita alla tradizione musicale tedesca dopo gli anni del nazismo, durante i quali le esperienze della musica contemporanea erano state considerate come Entartete Kunst, cioè come «arte degenerata», anche perché si trovavano spesso associate all identità ebraica. Invitando i giovani musicisti tedeschi a confrontarsi con quanto di nuovo si era elaborato nei paesi liberi da dittature, l iniziativa dei Ferienkurse consentì a molti musicisti europei costretti all esilio dal Terzo Reich di tornare in patria recuperando il piacere della libera espressione. La partecipazione di Amelia ai Ferienkurse für Neue Musik possiede, dunque, un valore anche simbolico, legato alle esperienze di persecuzione di cui fu vittima la sua famiglia: il padre Carlo e lo zio Nello erano di origine ebraica, oltre a essere (almeno il primo, Carlo) militanti antifascisti e pensatori politici eversivi per il regime di Mussolini. E fu una persecuzione, quella del regime contro la famiglia Rosselli, che Amelia stessa dovette subire direttamente, costretta come fu dopo l assassinio del padre a rifugiarsi assieme alla madre, alla nonna paterna, ai fratelli e ai cugini prima in Svizzera, poi a Londra e successivamente negli Stati Uniti, per fare ritorno in Italia soltanto dopo la fine della guerra. Darmstadt divenne, quindi, tra la fine degli anni quaranta e gli anni sessanta, non soltanto un Bauhaus della musica, ma anche, in certo modo, un luogo-simbolo della rinata libertà dopo le dittature. Nel 1947 fu invitato a tenere i corsi estivi Hermann Scherchen, direttore d orchestra del Pierrot lunaire di Schönberg nel 1912 a Berlino. Perseguitato dal nazismo come bolscevico, Scherchen era rimasto in esilio per quindici anni. Nel 1948 esecuzioni e conferenze furono dedicate al padre della dodecafonia Arnold Schönberg, anch egli esiliato dal 1933, prima a Parigi e poi negli Stati Uniti. Rientrato dall America nel 1949, il filosofo Theodor Wiesengrund Adorno, che aveva appena pubblicato Philosophie der neuen Musik (1949) e collaborato con Thomas Mann alla stesura di un romanzo saggistico folto di pagine dedicate alla musica come Doktor Faustus (1947), tenne nel 50 alcune conferenze a Darmstadt. Nello stesso anno parteciparono ai Ferienkurse il compositore dodecafonico Ernst K enek, emigrato in America nel 1938, e il musicista francese Edgard Varèse (con una conferenza su Mondo sonoro della musica elettronica), anche lui trasferitosi negli Stati Uniti negli anni trenta. Finita la guerra, l Europa faceva ritorno in Europa e ricominciava a esprimersi in musica. Nell estate del 1961 a Darmstadt, oltre ai corsi di musica si tennero grandi concerti. Il più importante fu quello inaugurale nella Sala Congressi della Mathildenhöhe, dove furono eseguite opere di Pierre Boulez, Luciano Berio, Karlheinz Stockhausen e Luigi Nono. Nel programma concertistico di quell anno risultano presenti anche musicisti all esordio, provenienti da Germania, Lituania, Polonia, Canada, Stati Uniti, Cina, Turchia, Italia. Tra gli autori eseguiti in quell anno, Bartók, Dallapiccola, Debussy, Prokof ev, Ravel, Stravinskij, e, an-

3 Gli armonici di Amelia Rosselli 833 cora, Schönberg, Skrjabin, Berg, Webern. L esecuzione notturna di Kontakte di Stockhausen i tre esecutori furono Tudor al piano, il percussionista Christoph Caskel e lo stesso Stockhausen ebbe grande successo. Il concerto notturno di Tudor, con musiche di autori americani, fu tra gli eventi più discussi per la stravaganza delle performance: in Incidental Music di George Brecht il pianoforte era stato ricoperto di cestini di fiori che venivano fotografati dall esecutore; in To Henry Flynt di La Monte Young il pianista si sedeva al centro della scena percuotendo un gong a intervalli regolari per un quarto d ora. In quello stesso concerto furono eseguite due opere molto innovative di Cage, The Wonderful Window of 18 Springs per voce e pianoforte e per violino e pianoforte. Si svolsero inoltre, quell anno, conferenze di notevole rilevanza per gli sviluppi successivi della «nuova musica»: Vers une musique informelle di Adorno, Gusto e funzione e Disciplina e comunicazione di Boulez, Teatro Nô e musica giapponese di Kazuo Fukushima, Invenzione e scoperta: riassunto di una evoluzione formale a partire dal 1950 e Forma momentanea di Stockhausen. La conferenza di Adorno fu accolta con viva curiosità. Il filosofo era stato invitato a Darmstadt per tenere seminari quasi ogni anno a partire dal 1950, ma l ultima volta risalente a quattro anni prima, nel 1957 le sue lezioni avevano suscitato il dissenso dei giovani compositori. Adorno infatti, soprattutto nell articolo Invecchiamento della nuova musica (1954), ma anche in altre occasioni, aveva mostrato un atteggiamento rigido verso gli esperimenti proposti dall avanguardia musicale, giudicandoli inconsistenti e presaghi della fine dell arte; a questi tentativi egli contrapponeva la lezione della prima avanguardia novecentesca rappresentata da Schönberg. Nella conferenza del 1961 che probabilmente anche Amelia Rosselli ascoltò Adorno discusse invece una diversa impostazione interpretativa, rivolta a emancipare la composizione musicale tanto dalla normatività legata alla tradizione quanto dalle regole artificiose della musica seriale, avvicinandosi così alle nuove sperimentazioni postseriali. Facendo riferimento alla corrente che aveva dominato le arti figurative dopo la seconda guerra mondiale, Adorno adoperava la categoria di «informale» anche per la musica contemporanea e, sottolineando tangenze estetiche tra le diverse sfere artistiche, mostrava di voler cercare un punto d incontro con laboratori musicali in continuo movimento come quelli dell ultimo Stockhausen, di Boulez e di Cage. In particolare, Adorno ebbe parole di apprezzamento verso la ricerca di quest ultimo, che a Darmstadt era stata accolta con una certa diffidenza nei corsi tenuti alla fine degli anni cinquanta: pur non avendo realizzato completamente il concetto di musica «informale», Cage era riuscito secondo Adorno ad avvicinarvisi, per la sua protesta contro la morte dell arte e «contro l ottusa complicità della musica con il dominio sulla natura» (Pierre Boulez, in una conferenza tenuta a Darmstadt nel 1957 e intitolata Alea il caso nella musica, aveva al contrario alluso, molto polemicamente, al metodo compositivo casuale di Cage definendolo un «paradiso artificiale», un «narcotico»). Adorno concludeva la conferenza del 61 sottolineando che se «non c è più alcun senso metafisico precostituito, né esiste una realtà da imitare [ ], il senso dell opera d arte è qualcosa che si deve creare e non riprodurre; è veramente senso solo se è in divenire. Questi aspetti costituiscono il momento di azione nella musica informale», cosicché essa è «un po come la pace eterna di Kant; il filosofo la pensava come possibilità reale e concreta, che può essere realizzata, e al contempo come idea. Oggi la figura di ogni utopia artistica è fare qualcosa senza sapere che cos è». Il discorso sul senso nell opera d arte contemporanea veniva ribadito attraverso l epigrafe che Adorno gli aveva apposto, tratta da L Innommable di Samuel Beckett «dire cela, sans savoir quoi», con cui il testo della conferenza venne stampato nei «Darmstadter Beiträge zur Neuen Musik» per l anno Quanto all intervento di Stockhausen ai corsi di quell anno, non fece che ribadire in prospettiva diversa il discorso sull «informale», soffermandosi sulla Jetztform o Momentform: una forma musicale che doveva rappresentare il divenire eterno dell attimo, una composizione dove non c è prima né dopo e in cui ogni attimo è totale ed eterno, tanto che all ascoltatore sarebbe in teoria consentito entrare e uscire dalla sala d esecuzione in qualsiasi momento lo desideri. Se è vero, come risulta dai documenti d archivio dell Internationales Musikinstitut Darmstadt, che Amelia Rosselli partecipò al laboratorio musicale di Darmstadt nell estate del 61, gli interventi di Adorno e di Stockhausen devono avere influito non poco sulle sue teorizzazioni musicali oltre che sulla sua scrittura poetica. Il primo, di taglio teorico-filosofico, era infatti rivolto a definire il nuovo orizzonte della musica contemporanea nella direzione dell «informale», valorizzando le tangenze interdisciplinari fra le arti, i concetti di immaginazione e di imprevedibilità, la problematicità del senso nella musica. Il secondo, scaturito dalla pratica del comporre e dell eseguire in pubblico, si proponeva di definire l informale attraverso la categoria dell «attimo». D altronde, che Adorno e Stockhausen abbiano lasciato tracce assieme ad altre suggestioni sonore e teoriche nella scrittura poetica di Amelia Rosselli è testimoniato proprio dal già citato testo di autocommento intitolato Spazi metrici, che venne scritto nel 1962: appena un anno dopo i corsi estivi di Darmstadt. In quel saggio Amelia non soltanto riconosce il legame intrinseco che unisce, nella sua esperienza, la musica e la poe-

4 834 Darmstadt, estate 1961 sia, ma sembra fare preciso riferimento a pratiche della composizione musicale e a riflessioni maturate all interno dei laboratori della «nuova musica». Peraltro, se la conoscenza diretta di quelle esperienze ebbe luogo nel 1961, è probabile che le discussioni teoriche dell avanguardia musicale le fossero note già prima del soggiorno in Germania. Gli esperimenti musicali di John Cage cominciarono a essere oggetto di attenzione in Europa (e di polemica) tra il 1956 e il 1958, proprio in seguito alle esecuzioni a Darmstadt del pianista americano Tudor. Ebbene, quegli esperimenti sono sorprendentemente contigui alle teorizzazioni musicali di Amelia risalenti al 54 compreso il discorso successivamente elaborato in Spazi metrici soprattutto per la ricerca che entrambi, il musicista americano e la poetessa italiana, intraprendono al di fuori del razionalismo occidentale, nella direzione della non intenzionalità della filosofia e dell arte orientali. Per Rosselli come per Cage, la conoscenza dell I King (il Libro dei Mutamenti, dove si raccoglie l antica tradizione divinatoria cinese) costituì la via di accesso a un versante fondamentale della filosofia e della mistica orientali, e anche una sorta di modello per ardite sperimentazioni espressive. Cage, che si era accostato alla filosofia dell I King attraverso Christian Wolff nel 1951, con Music of Changes fece la prova di un nuovo metodo compositivo fondato sull indeterminazione, sull aleatorietà, sulla casualità (il lancio delle monete e la separazione degli steli dell I King ne è il modello) mostrando come la musica possa essere veicolo non intenzionale del mondo interiore ed esteriore. Music of Changes si contrapponeva alla musica intesa come espressione di sentimenti, colori e significati della tradizione occidentale, ma si poneva in contrasto anche con l astratta significazione della dodecafonia. Amelia conobbe il Libro dei Mutamenti nei primi anni cinquanta, attraverso lo psicoanalista junghiano Ernst Bernhard: un ebreo di origine tedesca che esercitava a Roma la professione e che ebbe tra i suoi pazienti Federico Fellini, Natalia Ginzburg e Giorgio Manganelli. Proprio per iniziativa di Bernhard uscì in Italia nel 1950, presso Astrolabio, una traduzione dell I King, condotta sull edizione tedesca e accompagnata da una introduzione di Carl Gustav Jung. Nella Serie degli armonici, lo scritto di teoria musicale pubblicato nel 54 su «Civiltà delle macchine», Amelia mostra di riferirsi proprio alla strutturazione archetipica dell I King allorché definisce il sistema della serie armonica come costituito dagli «armonici di una data nota bassa, fino al 64º armonico incluso: e che comprende sei ottave». Il Libro dei Mutamenti è costituito infatti da 64 esagrammi che, secondo quanto scrive Jung nell introduzione, determinano il «significato di sessantaquattro situazioni differenti e insieme tipiche». Attraverso la riflessione musicale e attraverso il metodo «sincronico» (unità di spazio-tempo) dell I King, negli anni in cui scrive La serie degli armonici Amelia tenta di illustrare non solo il passaggio dalla tonalità alla modalità nella musica contemporanea, ma anche in relazione più diretta con la propria ricerca estetica il trasferimento dall unità (razionalismo occidentale) alla moltiplicazione (la non-intenzionalità orientale), e il trasporto dalla fissità al mutamento. Di ciò il testo che segue, incluso nella raccolta Variazioni belliche, èun significativo esempio: Dentro della grazia il numero dei miei amici aumentava e la gioia filava storie d amore impossibili. Dentro della grazia tormentava il povero il ricco e il cappello si levava in atto di pura gratitudine. Dentro del Tao scemava la noia fuori della grazia rimava il poeta assassinato. Dentro della grazia corrompeva i mobili l uccello passeggiero ieri l altro ieri v era bussola che guidava, oggi la pioggia scorre con tristezza e le promesse dei ricchi sono una luce che non corrisponde. Vicino alla grazia l amore giaceva dentro della grazia stonava ogni fiore e nell alba corrompeva ogni luce l inferno. Fuori dal furore percorreva sinistramente la strada maestra di tutte le nostre furie un uragano. Tale è la nascita tale è la rivincita dei poveri di spirito. Contro dello spirito di misericordia si levava unanime il mio cuore salace che scendeva toccato dalla grazia ma non ritrovava il sole delle giornate salvo in un grido d affari. Per ritrovare il Caos bastava la nota del clarino. (L indifferenza stessa). Negli Spazi metrici Amelia Rosselli approfondisce invece dal punto di vista teorico i concetti di «divenire» e di «casualità», di ritmo e di timbro, legandoli appunto con la pratica del comporre versi: Generalmente la parola viene considerata sì come definizione di una realtà data, ma la si vede piuttosto come un «oggetto» da classificare o da sotto-classificare, e non come idea. Io invece [ ] avevo proprio altre idee in proposito, e consideravo perfino «il» e «la» e «come» come «idee», e non meramente congiunzioni e precisazioni di un discorso esprimente una idea. Premettevo che il discorso intero indicasse il pensiero stesso [ ] e che il periodo fosse l esposizione logica di una idea non statica come quella materializzatasi nella parola, ma piuttosto dinamica e «in divenire» e spesso anche inconscia. [ ] Inserivo l ideogramma cinese tra la frase, e la parola, e traducevo il rullo cinese in delirante corso di pensiero occidentale. [ ] tutti i ritmi possibili immaginabili riempivano minuziosamente il mio quadrato a profondità timbrica, la mia ritmica era musicale sino agli ultimi sperimenti del postwebernismo [ ]. Nello stendere il primo rigo del poema fissavo definitivamente la larghezza del quadro insieme spaziale e temporale; i versi susseguenti dovevano adattarsi ad egual misura, a identica formulazione. Scrivendo passavo da ver-

5 Gli armonici di Amelia Rosselli 835 so a verso senza badare ad una qualsiasi priorità di significato nelle parole poste in fin di riga come per caso. Per la ricostruzione della storia dei Ferienkurse cfr. a. trudu, La «scuola» di Darmstadt. I Ferienkurse dal 1946 a oggi, Ricordi-Unicopli, Milano 1992 (le citazioni dalle conferenze tenute da Pierre Boulez nel 1957 e da John Cage nel 1961 sono riportate in traduzione italiana da questo volume); e «Darmstädter Beiträge zur Neuen Musik», Su Amelia Rosselli e la musica cfr. p. cairoli, Spazio metrico e serialismo musicale. L azione dell avanguardia postweberniana sulle concezioni poetiche di Amelia Rosselli, in «Trasparenze», n (2003), numero monografico dedicato alla poetessa, a cura di E. Tandello e G. Devoto, San Marco dei Giustiniani, Genova, pp ; e Dossier Amelia Rosselli,a cura di S. Sgavicchia, in «Il Caffè illustrato», n (2003), pp In particolare, per le citazioni inserite nel testo, cfr. m. rosselli [alias amelia rosselli], La serie degli armonici, in «Civiltà delle macchine», II (marzo-aprile 1954), n. 2; l ultima versione del testo (1987) è raccolta in Una scrittura plurale. Saggi e interventi critici, a cura di F. Caputo, Interlinea, Novara 2004, pp Sui rapporti di Amelia Rosselli con Ernst Bernhard si vedano i suoi Tre scritti e un acquerello per Ernst Bernhard ( ), a cura di È sorprendente che il discorso della poetessa sugli spazi metrici vada a incontrarsi con una serie di esperimenti che, tra il 56 e il 58, rinnovarono profondamente gli orientamenti teorici e compositivi dei musicisti d avanguardia europei, anche in relazione ai nuovi orizzonti nella musica americana. Già ai Ferienkurse del 1956 le composizioni di Cage per piano eseguite da Tudor avevano suscitato enorme curiosità. Durante le esecuzioni, il pianista dava pugni alla tastiera e calci al pianoforte, illustrando come il discorso musicale fosse completamente slegato da ogni sistema di significati. Per parte sua, Tudor aveva dedicato quell anno alcune lezioni proprio all analisi e all esecuzione di Music of Changes, la cui novità consisteva nel porre al centro della composizione la pura essenza del suono. L anno successivo anche Stockhausen, con Klavierstück XI, fornì un esempio della nuova poetica musicale fondata sulla casualità presentando una composizione costituita da un unico foglio su cui erano disposti diciannove gruppi di note che l esecutore suonava a caso, scegliendo a piacere tempo e dinamica. Nel 1958 Cage fu presente per la prima volta di persona a Darmstadt, dove le sue opere vennero eseguite da Tudor con strumenti giocattolo, apparecchi radio e sveglie, alternando lunghi silenzi a improvvisi rumori e scatenando risa e urla tra il pubblico. Cage tenne anche tre conferenze nelle quali illustrò il suo modo di composizione. In quella dedicata alla Comunicazione mostrò agli ascoltatori un esempio del suo metodo fondato sullo straniamento casuale, proponendo circa duecento domande che non prevedevano risposta ma che accostate le une alle altre innescavano la provocazione «Cos è un intervallo? Cos è un accordo? Una costellazione è un aggregato? Cos è una costellazione?» Alle domande venivano aggiunte poche frasi di raccordo e alcune citazioni. Noi non sappiamo se Amelia Rosselli abbia avuto notizia di questo episodio, fra l altro riportato nel numero annuale dei «Darmstadter Beiträge zur Neuen Musik», ma la conclusione della conferenza di Cage dedicata alla Comunicazione non sarebbe certo dispiaciuta all ironia della poetessa: «quello che è chiaro per me è chiaro anche per voi?» siriana sgavicchia C. Carpita, in La furia dei venti contrari. Variazioni Amelia Rosselli con testi inediti e dispersi dell autrice, a cura di A. Cortellessa, Le Lettere, Firenze 2007, pp Il testo qui trascritto da Variazioni belliche si può leggere ora in a. rosselli, Le poesie, acura di E. Tandello, Garzanti, Milano 1997, p Per le citazioni della conferenza di Adorno Vers une musique informelle si fa riferimento alla traduzione italiana pubblicata in id., Immagini dialettiche. Scritti musicali , a cura di G. Borio, Einaudi, Torino 2004, pp (il volume include, alle pp , la traduzione del successivo saggio Su alcune relazioni tra musica e pittura, datato 1965, dove Adorno approfondisce questa linea teorica). Di Adorno si veda anche Filosofia della musica moderna, introduzione di A. Serravezza, con un saggio di L. Rognoni, Einaudi, Torino Amelia Rosselli aveva indicato nel corso di interviste la data per la sua partecipazione ai corsi di Darmstadt; la verifica presso l Archivio dello Internationales Musikinstitut Darmstadt ha consentito la correzione all estate Ringrazio l Archivio dello I.M.D. nella persona della dottoressa Claudia Mayer.

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Ecco prima uno schema seguito dalla illustrazione degli elementi caratteristici.

Ecco prima uno schema seguito dalla illustrazione degli elementi caratteristici. Teoria musicale - 8 ALTRI MODI E SCALE Nell iniziare questo capitolo bisogna subito premettere che questi argomenti vengono trattati con specifiche limitazioni in quanto il discorso è estremamente vasto,

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento Scritture di movimenti Autori bambine e bambini dai 5 ai 6 anni IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento IL CORPO E LA SUA DANZA Incontri di studio per la formazione

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1 LA SCALA PITAGORICA (e altre scale) 1 IL MONOCORDO I Greci, già circa 500 anni prima dell inizio dell era cristiana, utilizzavano un semplice strumento: il monocordo. Nel monocordo, un ponticello mobile

Dettagli

L UOMO IL CUI NOME È PRONUNCIATO

L UOMO IL CUI NOME È PRONUNCIATO 1 Enrico Strobino L UOMO IL CUI NOME È PRONUNCIATO Incontro immaginario tra Steve Reich e Gianni Rodari PREMESSA L esperienza che qui presento è stata realizzata nella classe 1aG della Scuola Media S.

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Il carnevale degli animali. Grande fantasia zoologica

Il carnevale degli animali. Grande fantasia zoologica Il carnevale degli animali di Camille Saint Saёns Grande fantasia zoologica Per due pianoforti e piccola orchestra Obiettivi del nostro lavoro Imparare a riconoscere il timbro di alcuni strumenti musicali.

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

DIALOGHI SUL COMPORRE

DIALOGHI SUL COMPORRE TORRI DELL ACQUA 2 workshop di composizione assistita da computer. Seminari, lezioni e concerti dal 28 al 30 dicembre presso le Torri dell'acqua di Budrio Il fondamentale ruolo interpretato dalle Torri

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

STRUTTURA DELL ELABORATO Copertina frontespizio indice testo appendici (eventuali) bibliografia sitografia (eventuale)

STRUTTURA DELL ELABORATO Copertina frontespizio indice testo appendici (eventuali) bibliografia sitografia (eventuale) NORME ESSENZIALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA 1 (per i corsi di laurea in Lingue e culture moderne e Lingue moderne per la comunicazione e la cooperazione internazionale) STRUTTURA DELL ELABORATO

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

DAL SUONO AL SEGNO GRAFICO

DAL SUONO AL SEGNO GRAFICO Teoria musicale - 2 DAL SUONO AL SEGNO GRAFICO IL FENOMENO FISICO DEL SUONO Il suono è un fenomeno fisico generato dalla vibrazione di un corpo e percepito dal nostro sistema uditivo. La vibrazione viene

Dettagli

What Is A Kahuna? Cos'è un Kahuna? By Serge Kahili King. Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/

What Is A Kahuna? Cos'è un Kahuna? By Serge Kahili King. Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ What Is A Kahuna? Cos'è un Kahuna? By Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Esistono ancora moltissimi malintesi circa cos è un kahuna hawaiano. Scrivo questo articolo per

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti Giovanni Fusetti racconta il ruolo del Clown nella sua pedagogia teatrale Articolo apparso sulla rivista del Piccolo Teatro Sperimentale della Versilia Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO:

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

PROGETTO internazionale di TEATRODANZA 26/ 31 maggio 2014 TEATRO MASSIMO DI CAGLIARI A cura di Ars et Inventio

PROGETTO internazionale di TEATRODANZA 26/ 31 maggio 2014 TEATRO MASSIMO DI CAGLIARI A cura di Ars et Inventio GENER-AZIONI PROGETTO internazionale di TEATRODANZA 26/ 31 maggio 2014 TEATRO MASSIMO DI CAGLIARI A cura di Ars et Inventio Con il sostegno di Circuito Regionale Danza in Sardegna, Associazione Enti Locali

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

2. La struttura formale del problema dell essere.

2. La struttura formale del problema dell essere. Indice Introduzione... 7 2. La struttura formale del problema dell essere.... 9 7. Il metodo fenomenologico della ricerca.... 14 7(c). Il concetto preliminare di fenomenologia... 16 8. Schema dell opera...

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

La scala musicale e le alterazioni

La scala musicale e le alterazioni La scala musicale e le alterazioni Unità didattica di Educazione Musicale classe seconda Obiettivi del nostro lavoro Acquisire il concetto di scala musicale e di intervallo. Conoscere la struttura della

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

ITALIA / ITALIE e tra. a cura di Gabriele Dadati

ITALIA / ITALIE e tra. a cura di Gabriele Dadati ITALIA / ITALIE e tra a cura di Gabriele Dadati direzione editoriale: Calogero Garlisi redazione: Eugenio Nastri comunicazione: Gabriele Dadati commerciale: Marco Bianchi realizzazione editoriale: Veronica

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava Scale Chi ha stabilito i rapporti d altezza fra le note musicali? Chi ha stabilito che le note sono sette e i semitoni dodici? Se il è uguale al Re perché hanno lo stesso nome? Se sono diversi qual è più

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

Il coro ha cominciato la sua attiv ità con 15 bambini ed attualmente ne conta 35, prov enienti dalle div erse scuole primarie del circolo.

Il coro ha cominciato la sua attiv ità con 15 bambini ed attualmente ne conta 35, prov enienti dalle div erse scuole primarie del circolo. Il coro ha cominciato la sua attiv ità con 15 bambini ed attualmente ne conta 35, prov enienti dalle div erse scuole primarie del circolo. Tutti i bambini che ne fanno richiesta v engono ammessi al Coro,

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Rileggere oggi Lettera a una professoressa. Una lente attraverso cui esaminare la nostra scuola e capire se è cambiata e quanto vale.

Rileggere oggi Lettera a una professoressa. Una lente attraverso cui esaminare la nostra scuola e capire se è cambiata e quanto vale. Rileggere oggi Lettera a una professoressa Una lente attraverso cui esaminare la nostra scuola e capire se è cambiata e quanto vale. 1. Lettera a una professoressa Lettera a una professoressa è un libro

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

leggi, scrivi e condividi le tue 10 righe dai libri http://www.10righedailibri.it

leggi, scrivi e condividi le tue 10 righe dai libri http://www.10righedailibri.it leggi, scrivi e condividi le tue 10 righe dai libri http://www.10righedailibri.it INDICE PAGINA 9 PREFAZIONE di Rossella Grenci 13 PRESENTAZIONE Rossella Grenci, Daniele Zanoni 20 LISTA DI ALCUNI DISLESSICI

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

DALLA TEORIA ALLA PRATICA

DALLA TEORIA ALLA PRATICA DALLA TEORIA ALLA PRATICA Comunicare a distanza: il telefono a filo La prima esperienza di telecomunicazione (dal greco tele = distante) si realizza con due piccoli contenitori di plastica, cartone o metallo,

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli