Darmstadt, estate 1961 Gli armonici di Amelia Rosselli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Darmstadt, estate 1961 Gli armonici di Amelia Rosselli"

Transcript

1 Darmstadt, estate 1961 Gli armonici di Amelia Rosselli amelia rosselli partecipa ai ferienkurse für neue musik. la formazione musicale di amelia e i suoi scritti sulla teoria delle «serie armoniche». i ferienkurse e la rinascita della musica tedesca dopo il nazismo. theodor w. adorno, karlheinz stockhausen e l «informale». john cage, ernst bernhard e l i king. nuova musica e spazi metrici: «in fin di riga come per caso» La sedicesima edizione degli Internationale Ferienkurse für Neue Musik di Darmstadt si svolse dal 29 agosto al 10 settembre 1961 presso il villaggio studentesco della Dieburger Straße, e fu preceduta da un corso speciale di composizione tenuto tra il 19 e il 29 agosto da Karlheinz Stockhausen con la collaborazione del pianista americano David Tudor. Quell estate i partecipanti, che provenivano da più di trenta paesi, furono circa quattrocento fra docenti, ospiti e interpreti. Tra gli iscritti ai corsi, l archivio dell Internationales Musikinstitut Darmstadt registra la presenza di Amelia Rosselli. A quest altezza di tempo, Amelia ha trentuno anni e non ha ancora pubblicato nessun libro: nel 1964 uscirà per Garzanti la sua prima raccolta poetica, Variazioni belliche, alla quale farà seguito nel 1969 Serie ospedaliera per il Saggiatore di Alberto Mondadori. Nata il 28 marzo 1930 a Parigi, dove la famiglia viveva esiliata, Amelia si trasferì a Londra con la madre Marion Cave qualche anno dopo l assassinio del padre Carlo Rosselli e dello zio Nello compiuto per mano di sicari fascisti a Bagnoles-de-l Orne nel Già avviata agli studi di pianoforte, organo e violino, durante il soggiorno londinese Amelia incominciò ad avvicinarsi alla teoria, alla composizione musicale e all etnomusicologia. Non stupisce, quindi, la sua partecipazione, in età ormai adulta ai corsi di Darmstadt, tappa di formazione irrinunciabile per un aspirante musicista interessata alla sperimentazione contemporanea. Le urgeva, probabilmente, anche verificare o ridiscutere, attraverso il contatto diretto con esponenti di spicco della «nuova musica», alcune riflessioni teoriche da lei affidate a un saggio uscito nella primavera 1954 sulla rivista «Civiltà delle macchine» pubblicata dalla Finmeccanica e animata da Leonardo Sinisgalli. In quel 1954, infatti, Amelia, che aveva perso la madre da qualche anno subendone un fortissimo trauma, firmò come Marion Rosselli (quindi, con il nome di sua madre e il cognome di suo padre) lo scritto intitolato La serie degli armonici. Partendo dallo studio della teoria dodecafonica e da quello della musica di Bartók», il testo proponeva di introdurre «ciò che si potrebbe chiamare un allargamento della teoria, in rapporto con la musica popolare». Esso venne arricchito più tardi, nel 1964 e nel 1977, con due appendici, e questa nuova ultima versione fu pubblicata nel 1987 sul «verri», rivista che ebbe come collaboratori diversi esponenti della «neoavanguardia» italiana. Nelle appendici di La serie degli armonici si discuteva la possibilità di riprodurre con strumenti elettronici «le perturbazioni minime, ritmiche o timbriche o spaziali» del suono. Queste aggiunte testimoniano come, per Amelia Rosselli, l attenzione rivolta alle sperimentazioni dell avanguardia musicale si sia accompagnata all esperienza della scrittura poetica anche dopo i fervori giovanili e dopo quella decisiva estate di Darmstadt. D altronde, sarà lei stessa a chiarire, nella «postfazione» intitolata Spazi metrici che accompagna Variazioni belliche fin dalla prima edizione del 64, lo stretto legame che nella sua esperienza di scrittrice si instaura tra musica e poesia: Una problematica della forma poetica è stata per me sempre connessa a quella più strettamente musicale, e non ho in realtà mai scisso le due discipline, considerando la sillaba non solo come nesso ortografico ma anche come suono, e il periodo non solo un costrutto grammaticale ma anche un sistema. La scelta di partecipare ai corsi di Darmstadt segnala una matura e anticonvenzionale competenza in fatto di musica da parte di Amelia. La musicista e poetessa italiana, precocemente proiettata in un orizzonte di influenze che andava ben oltre la dimensione nazionale e che varcava ogni confine disciplinare, dovette individuare nei corsi di interpretazione e composizione pianistica tenuti dall americano David Tudor, ai quali risulta iscritta nel 1961, l occasione di sperimentare soluzioni espressive contigue a quelle che caratterizzavano la sua ricerca di stile e la pratica della sua scrittura in versi. Tudor, infatti, era noto come esecutore delle opere più discusse del compositore americano John Cage: le eccentriche interpretazioni del primo e le stranianti composizioni del secondo, in cui la destrutturazione della partitura e la casualità dell esecuzione costituivano il

2 832 Darmstadt, estate 1961 metodo dell invenzione e dell ascolto, dovettero attrarre la sua curiosità di sperimentatrice cosmopolita. Il trilinguismo praticato da Amelia sin dall adolescenza pensare, parlare e scrivere in italiano, francese, inglese, lo choc dell errore grammaticale e del lapsus, l attenzione alla materialità del testo e ai suoi aspetti grafici, l attitudine a riusare e a manipolare la tradizione poetica, la rinuncia alla soggettività del significato e il valorizzare, invece, gli aspetti fonici della parola sono aspetti delle sue partiture poetiche che suggeriscono nuove interpretazioni anche alla luce della formazione musicale acquisita a Darmstadt. Acuta deve essere stata, infatti, la sua attenzione nel recepire stimoli e suggerimenti dal gran flusso di discordanti sonorità immaginate e prodotte dalle avanguardie musicali novecentesche, prima e dopo la seconda guerra mondiale: da Schönberg a Webern a Berg ai postweberniani, fino alle composizioni aleatorie di Stockhausen e agli orientalismi di Cage, dei quali si dirà più avanti. L esperienza poetica di Amelia sembra essere stata influenzata da quest orizzonte musicale prima e in modo decisamente più incisivo che dalla neoavanguardia letteraria italiana, entro la quale pure trovò alcune conferme. La sperimentazione della «nuova musica» costituì per la poetessa un terreno di elaborazione metaletteraria, mentre contemporaneamente la scrittura divenne lo spazio di una pratica musicale con cui tentare l ardito volo fuori dall Occidente e fuori dalla modernità. Così leggiamo nella Serie degli armonici: il sistema proposto [ ] è stato concepito principalmente nella speranza di trovare una sintesi della tradizione musicale razionale e scritta dell occidente, e quella orale e istintiva dell Oriente. In un tempo successivo, l interpretazione disgregatrice, analitica, della musica, con le sue arbitrarie suddivisioni metriche e le sue formazioni artificiali di accordi, potrebbe cedere il posto ad uno schema che riproduca quattro dimensioni in una continuità spazio-temporale; nel quale intensità, altezza, ritmo e timbro, saranno derivati dalla serie degli armonici, determinandosi e producendosi a vicenda. Tornando alle motivazioni che spinsero Amelia, musicista e poetessa, a partecipare ai Ferienkurse, vale la pena sottolineare come questi, inaugurati nell estate del 1946 grazie all intraprendenza del musicologo tedesco Wolfgang Steinecke, fossero nati non solo all insegna di un grande progetto culturale e musicale ma anche di un importante intenzione politica e civile. L impegno di Steinecke, che si consolidò nel 1948 con la fondazione dell Internationales Musikinstitut di Darmstadt, restituiva nuova vita alla tradizione musicale tedesca dopo gli anni del nazismo, durante i quali le esperienze della musica contemporanea erano state considerate come Entartete Kunst, cioè come «arte degenerata», anche perché si trovavano spesso associate all identità ebraica. Invitando i giovani musicisti tedeschi a confrontarsi con quanto di nuovo si era elaborato nei paesi liberi da dittature, l iniziativa dei Ferienkurse consentì a molti musicisti europei costretti all esilio dal Terzo Reich di tornare in patria recuperando il piacere della libera espressione. La partecipazione di Amelia ai Ferienkurse für Neue Musik possiede, dunque, un valore anche simbolico, legato alle esperienze di persecuzione di cui fu vittima la sua famiglia: il padre Carlo e lo zio Nello erano di origine ebraica, oltre a essere (almeno il primo, Carlo) militanti antifascisti e pensatori politici eversivi per il regime di Mussolini. E fu una persecuzione, quella del regime contro la famiglia Rosselli, che Amelia stessa dovette subire direttamente, costretta come fu dopo l assassinio del padre a rifugiarsi assieme alla madre, alla nonna paterna, ai fratelli e ai cugini prima in Svizzera, poi a Londra e successivamente negli Stati Uniti, per fare ritorno in Italia soltanto dopo la fine della guerra. Darmstadt divenne, quindi, tra la fine degli anni quaranta e gli anni sessanta, non soltanto un Bauhaus della musica, ma anche, in certo modo, un luogo-simbolo della rinata libertà dopo le dittature. Nel 1947 fu invitato a tenere i corsi estivi Hermann Scherchen, direttore d orchestra del Pierrot lunaire di Schönberg nel 1912 a Berlino. Perseguitato dal nazismo come bolscevico, Scherchen era rimasto in esilio per quindici anni. Nel 1948 esecuzioni e conferenze furono dedicate al padre della dodecafonia Arnold Schönberg, anch egli esiliato dal 1933, prima a Parigi e poi negli Stati Uniti. Rientrato dall America nel 1949, il filosofo Theodor Wiesengrund Adorno, che aveva appena pubblicato Philosophie der neuen Musik (1949) e collaborato con Thomas Mann alla stesura di un romanzo saggistico folto di pagine dedicate alla musica come Doktor Faustus (1947), tenne nel 50 alcune conferenze a Darmstadt. Nello stesso anno parteciparono ai Ferienkurse il compositore dodecafonico Ernst K enek, emigrato in America nel 1938, e il musicista francese Edgard Varèse (con una conferenza su Mondo sonoro della musica elettronica), anche lui trasferitosi negli Stati Uniti negli anni trenta. Finita la guerra, l Europa faceva ritorno in Europa e ricominciava a esprimersi in musica. Nell estate del 1961 a Darmstadt, oltre ai corsi di musica si tennero grandi concerti. Il più importante fu quello inaugurale nella Sala Congressi della Mathildenhöhe, dove furono eseguite opere di Pierre Boulez, Luciano Berio, Karlheinz Stockhausen e Luigi Nono. Nel programma concertistico di quell anno risultano presenti anche musicisti all esordio, provenienti da Germania, Lituania, Polonia, Canada, Stati Uniti, Cina, Turchia, Italia. Tra gli autori eseguiti in quell anno, Bartók, Dallapiccola, Debussy, Prokof ev, Ravel, Stravinskij, e, an-

3 Gli armonici di Amelia Rosselli 833 cora, Schönberg, Skrjabin, Berg, Webern. L esecuzione notturna di Kontakte di Stockhausen i tre esecutori furono Tudor al piano, il percussionista Christoph Caskel e lo stesso Stockhausen ebbe grande successo. Il concerto notturno di Tudor, con musiche di autori americani, fu tra gli eventi più discussi per la stravaganza delle performance: in Incidental Music di George Brecht il pianoforte era stato ricoperto di cestini di fiori che venivano fotografati dall esecutore; in To Henry Flynt di La Monte Young il pianista si sedeva al centro della scena percuotendo un gong a intervalli regolari per un quarto d ora. In quello stesso concerto furono eseguite due opere molto innovative di Cage, The Wonderful Window of 18 Springs per voce e pianoforte e per violino e pianoforte. Si svolsero inoltre, quell anno, conferenze di notevole rilevanza per gli sviluppi successivi della «nuova musica»: Vers une musique informelle di Adorno, Gusto e funzione e Disciplina e comunicazione di Boulez, Teatro Nô e musica giapponese di Kazuo Fukushima, Invenzione e scoperta: riassunto di una evoluzione formale a partire dal 1950 e Forma momentanea di Stockhausen. La conferenza di Adorno fu accolta con viva curiosità. Il filosofo era stato invitato a Darmstadt per tenere seminari quasi ogni anno a partire dal 1950, ma l ultima volta risalente a quattro anni prima, nel 1957 le sue lezioni avevano suscitato il dissenso dei giovani compositori. Adorno infatti, soprattutto nell articolo Invecchiamento della nuova musica (1954), ma anche in altre occasioni, aveva mostrato un atteggiamento rigido verso gli esperimenti proposti dall avanguardia musicale, giudicandoli inconsistenti e presaghi della fine dell arte; a questi tentativi egli contrapponeva la lezione della prima avanguardia novecentesca rappresentata da Schönberg. Nella conferenza del 1961 che probabilmente anche Amelia Rosselli ascoltò Adorno discusse invece una diversa impostazione interpretativa, rivolta a emancipare la composizione musicale tanto dalla normatività legata alla tradizione quanto dalle regole artificiose della musica seriale, avvicinandosi così alle nuove sperimentazioni postseriali. Facendo riferimento alla corrente che aveva dominato le arti figurative dopo la seconda guerra mondiale, Adorno adoperava la categoria di «informale» anche per la musica contemporanea e, sottolineando tangenze estetiche tra le diverse sfere artistiche, mostrava di voler cercare un punto d incontro con laboratori musicali in continuo movimento come quelli dell ultimo Stockhausen, di Boulez e di Cage. In particolare, Adorno ebbe parole di apprezzamento verso la ricerca di quest ultimo, che a Darmstadt era stata accolta con una certa diffidenza nei corsi tenuti alla fine degli anni cinquanta: pur non avendo realizzato completamente il concetto di musica «informale», Cage era riuscito secondo Adorno ad avvicinarvisi, per la sua protesta contro la morte dell arte e «contro l ottusa complicità della musica con il dominio sulla natura» (Pierre Boulez, in una conferenza tenuta a Darmstadt nel 1957 e intitolata Alea il caso nella musica, aveva al contrario alluso, molto polemicamente, al metodo compositivo casuale di Cage definendolo un «paradiso artificiale», un «narcotico»). Adorno concludeva la conferenza del 61 sottolineando che se «non c è più alcun senso metafisico precostituito, né esiste una realtà da imitare [ ], il senso dell opera d arte è qualcosa che si deve creare e non riprodurre; è veramente senso solo se è in divenire. Questi aspetti costituiscono il momento di azione nella musica informale», cosicché essa è «un po come la pace eterna di Kant; il filosofo la pensava come possibilità reale e concreta, che può essere realizzata, e al contempo come idea. Oggi la figura di ogni utopia artistica è fare qualcosa senza sapere che cos è». Il discorso sul senso nell opera d arte contemporanea veniva ribadito attraverso l epigrafe che Adorno gli aveva apposto, tratta da L Innommable di Samuel Beckett «dire cela, sans savoir quoi», con cui il testo della conferenza venne stampato nei «Darmstadter Beiträge zur Neuen Musik» per l anno Quanto all intervento di Stockhausen ai corsi di quell anno, non fece che ribadire in prospettiva diversa il discorso sull «informale», soffermandosi sulla Jetztform o Momentform: una forma musicale che doveva rappresentare il divenire eterno dell attimo, una composizione dove non c è prima né dopo e in cui ogni attimo è totale ed eterno, tanto che all ascoltatore sarebbe in teoria consentito entrare e uscire dalla sala d esecuzione in qualsiasi momento lo desideri. Se è vero, come risulta dai documenti d archivio dell Internationales Musikinstitut Darmstadt, che Amelia Rosselli partecipò al laboratorio musicale di Darmstadt nell estate del 61, gli interventi di Adorno e di Stockhausen devono avere influito non poco sulle sue teorizzazioni musicali oltre che sulla sua scrittura poetica. Il primo, di taglio teorico-filosofico, era infatti rivolto a definire il nuovo orizzonte della musica contemporanea nella direzione dell «informale», valorizzando le tangenze interdisciplinari fra le arti, i concetti di immaginazione e di imprevedibilità, la problematicità del senso nella musica. Il secondo, scaturito dalla pratica del comporre e dell eseguire in pubblico, si proponeva di definire l informale attraverso la categoria dell «attimo». D altronde, che Adorno e Stockhausen abbiano lasciato tracce assieme ad altre suggestioni sonore e teoriche nella scrittura poetica di Amelia Rosselli è testimoniato proprio dal già citato testo di autocommento intitolato Spazi metrici, che venne scritto nel 1962: appena un anno dopo i corsi estivi di Darmstadt. In quel saggio Amelia non soltanto riconosce il legame intrinseco che unisce, nella sua esperienza, la musica e la poe-

4 834 Darmstadt, estate 1961 sia, ma sembra fare preciso riferimento a pratiche della composizione musicale e a riflessioni maturate all interno dei laboratori della «nuova musica». Peraltro, se la conoscenza diretta di quelle esperienze ebbe luogo nel 1961, è probabile che le discussioni teoriche dell avanguardia musicale le fossero note già prima del soggiorno in Germania. Gli esperimenti musicali di John Cage cominciarono a essere oggetto di attenzione in Europa (e di polemica) tra il 1956 e il 1958, proprio in seguito alle esecuzioni a Darmstadt del pianista americano Tudor. Ebbene, quegli esperimenti sono sorprendentemente contigui alle teorizzazioni musicali di Amelia risalenti al 54 compreso il discorso successivamente elaborato in Spazi metrici soprattutto per la ricerca che entrambi, il musicista americano e la poetessa italiana, intraprendono al di fuori del razionalismo occidentale, nella direzione della non intenzionalità della filosofia e dell arte orientali. Per Rosselli come per Cage, la conoscenza dell I King (il Libro dei Mutamenti, dove si raccoglie l antica tradizione divinatoria cinese) costituì la via di accesso a un versante fondamentale della filosofia e della mistica orientali, e anche una sorta di modello per ardite sperimentazioni espressive. Cage, che si era accostato alla filosofia dell I King attraverso Christian Wolff nel 1951, con Music of Changes fece la prova di un nuovo metodo compositivo fondato sull indeterminazione, sull aleatorietà, sulla casualità (il lancio delle monete e la separazione degli steli dell I King ne è il modello) mostrando come la musica possa essere veicolo non intenzionale del mondo interiore ed esteriore. Music of Changes si contrapponeva alla musica intesa come espressione di sentimenti, colori e significati della tradizione occidentale, ma si poneva in contrasto anche con l astratta significazione della dodecafonia. Amelia conobbe il Libro dei Mutamenti nei primi anni cinquanta, attraverso lo psicoanalista junghiano Ernst Bernhard: un ebreo di origine tedesca che esercitava a Roma la professione e che ebbe tra i suoi pazienti Federico Fellini, Natalia Ginzburg e Giorgio Manganelli. Proprio per iniziativa di Bernhard uscì in Italia nel 1950, presso Astrolabio, una traduzione dell I King, condotta sull edizione tedesca e accompagnata da una introduzione di Carl Gustav Jung. Nella Serie degli armonici, lo scritto di teoria musicale pubblicato nel 54 su «Civiltà delle macchine», Amelia mostra di riferirsi proprio alla strutturazione archetipica dell I King allorché definisce il sistema della serie armonica come costituito dagli «armonici di una data nota bassa, fino al 64º armonico incluso: e che comprende sei ottave». Il Libro dei Mutamenti è costituito infatti da 64 esagrammi che, secondo quanto scrive Jung nell introduzione, determinano il «significato di sessantaquattro situazioni differenti e insieme tipiche». Attraverso la riflessione musicale e attraverso il metodo «sincronico» (unità di spazio-tempo) dell I King, negli anni in cui scrive La serie degli armonici Amelia tenta di illustrare non solo il passaggio dalla tonalità alla modalità nella musica contemporanea, ma anche in relazione più diretta con la propria ricerca estetica il trasferimento dall unità (razionalismo occidentale) alla moltiplicazione (la non-intenzionalità orientale), e il trasporto dalla fissità al mutamento. Di ciò il testo che segue, incluso nella raccolta Variazioni belliche, èun significativo esempio: Dentro della grazia il numero dei miei amici aumentava e la gioia filava storie d amore impossibili. Dentro della grazia tormentava il povero il ricco e il cappello si levava in atto di pura gratitudine. Dentro del Tao scemava la noia fuori della grazia rimava il poeta assassinato. Dentro della grazia corrompeva i mobili l uccello passeggiero ieri l altro ieri v era bussola che guidava, oggi la pioggia scorre con tristezza e le promesse dei ricchi sono una luce che non corrisponde. Vicino alla grazia l amore giaceva dentro della grazia stonava ogni fiore e nell alba corrompeva ogni luce l inferno. Fuori dal furore percorreva sinistramente la strada maestra di tutte le nostre furie un uragano. Tale è la nascita tale è la rivincita dei poveri di spirito. Contro dello spirito di misericordia si levava unanime il mio cuore salace che scendeva toccato dalla grazia ma non ritrovava il sole delle giornate salvo in un grido d affari. Per ritrovare il Caos bastava la nota del clarino. (L indifferenza stessa). Negli Spazi metrici Amelia Rosselli approfondisce invece dal punto di vista teorico i concetti di «divenire» e di «casualità», di ritmo e di timbro, legandoli appunto con la pratica del comporre versi: Generalmente la parola viene considerata sì come definizione di una realtà data, ma la si vede piuttosto come un «oggetto» da classificare o da sotto-classificare, e non come idea. Io invece [ ] avevo proprio altre idee in proposito, e consideravo perfino «il» e «la» e «come» come «idee», e non meramente congiunzioni e precisazioni di un discorso esprimente una idea. Premettevo che il discorso intero indicasse il pensiero stesso [ ] e che il periodo fosse l esposizione logica di una idea non statica come quella materializzatasi nella parola, ma piuttosto dinamica e «in divenire» e spesso anche inconscia. [ ] Inserivo l ideogramma cinese tra la frase, e la parola, e traducevo il rullo cinese in delirante corso di pensiero occidentale. [ ] tutti i ritmi possibili immaginabili riempivano minuziosamente il mio quadrato a profondità timbrica, la mia ritmica era musicale sino agli ultimi sperimenti del postwebernismo [ ]. Nello stendere il primo rigo del poema fissavo definitivamente la larghezza del quadro insieme spaziale e temporale; i versi susseguenti dovevano adattarsi ad egual misura, a identica formulazione. Scrivendo passavo da ver-

5 Gli armonici di Amelia Rosselli 835 so a verso senza badare ad una qualsiasi priorità di significato nelle parole poste in fin di riga come per caso. Per la ricostruzione della storia dei Ferienkurse cfr. a. trudu, La «scuola» di Darmstadt. I Ferienkurse dal 1946 a oggi, Ricordi-Unicopli, Milano 1992 (le citazioni dalle conferenze tenute da Pierre Boulez nel 1957 e da John Cage nel 1961 sono riportate in traduzione italiana da questo volume); e «Darmstädter Beiträge zur Neuen Musik», Su Amelia Rosselli e la musica cfr. p. cairoli, Spazio metrico e serialismo musicale. L azione dell avanguardia postweberniana sulle concezioni poetiche di Amelia Rosselli, in «Trasparenze», n (2003), numero monografico dedicato alla poetessa, a cura di E. Tandello e G. Devoto, San Marco dei Giustiniani, Genova, pp ; e Dossier Amelia Rosselli,a cura di S. Sgavicchia, in «Il Caffè illustrato», n (2003), pp In particolare, per le citazioni inserite nel testo, cfr. m. rosselli [alias amelia rosselli], La serie degli armonici, in «Civiltà delle macchine», II (marzo-aprile 1954), n. 2; l ultima versione del testo (1987) è raccolta in Una scrittura plurale. Saggi e interventi critici, a cura di F. Caputo, Interlinea, Novara 2004, pp Sui rapporti di Amelia Rosselli con Ernst Bernhard si vedano i suoi Tre scritti e un acquerello per Ernst Bernhard ( ), a cura di È sorprendente che il discorso della poetessa sugli spazi metrici vada a incontrarsi con una serie di esperimenti che, tra il 56 e il 58, rinnovarono profondamente gli orientamenti teorici e compositivi dei musicisti d avanguardia europei, anche in relazione ai nuovi orizzonti nella musica americana. Già ai Ferienkurse del 1956 le composizioni di Cage per piano eseguite da Tudor avevano suscitato enorme curiosità. Durante le esecuzioni, il pianista dava pugni alla tastiera e calci al pianoforte, illustrando come il discorso musicale fosse completamente slegato da ogni sistema di significati. Per parte sua, Tudor aveva dedicato quell anno alcune lezioni proprio all analisi e all esecuzione di Music of Changes, la cui novità consisteva nel porre al centro della composizione la pura essenza del suono. L anno successivo anche Stockhausen, con Klavierstück XI, fornì un esempio della nuova poetica musicale fondata sulla casualità presentando una composizione costituita da un unico foglio su cui erano disposti diciannove gruppi di note che l esecutore suonava a caso, scegliendo a piacere tempo e dinamica. Nel 1958 Cage fu presente per la prima volta di persona a Darmstadt, dove le sue opere vennero eseguite da Tudor con strumenti giocattolo, apparecchi radio e sveglie, alternando lunghi silenzi a improvvisi rumori e scatenando risa e urla tra il pubblico. Cage tenne anche tre conferenze nelle quali illustrò il suo modo di composizione. In quella dedicata alla Comunicazione mostrò agli ascoltatori un esempio del suo metodo fondato sullo straniamento casuale, proponendo circa duecento domande che non prevedevano risposta ma che accostate le une alle altre innescavano la provocazione «Cos è un intervallo? Cos è un accordo? Una costellazione è un aggregato? Cos è una costellazione?» Alle domande venivano aggiunte poche frasi di raccordo e alcune citazioni. Noi non sappiamo se Amelia Rosselli abbia avuto notizia di questo episodio, fra l altro riportato nel numero annuale dei «Darmstadter Beiträge zur Neuen Musik», ma la conclusione della conferenza di Cage dedicata alla Comunicazione non sarebbe certo dispiaciuta all ironia della poetessa: «quello che è chiaro per me è chiaro anche per voi?» siriana sgavicchia C. Carpita, in La furia dei venti contrari. Variazioni Amelia Rosselli con testi inediti e dispersi dell autrice, a cura di A. Cortellessa, Le Lettere, Firenze 2007, pp Il testo qui trascritto da Variazioni belliche si può leggere ora in a. rosselli, Le poesie, acura di E. Tandello, Garzanti, Milano 1997, p Per le citazioni della conferenza di Adorno Vers une musique informelle si fa riferimento alla traduzione italiana pubblicata in id., Immagini dialettiche. Scritti musicali , a cura di G. Borio, Einaudi, Torino 2004, pp (il volume include, alle pp , la traduzione del successivo saggio Su alcune relazioni tra musica e pittura, datato 1965, dove Adorno approfondisce questa linea teorica). Di Adorno si veda anche Filosofia della musica moderna, introduzione di A. Serravezza, con un saggio di L. Rognoni, Einaudi, Torino Amelia Rosselli aveva indicato nel corso di interviste la data per la sua partecipazione ai corsi di Darmstadt; la verifica presso l Archivio dello Internationales Musikinstitut Darmstadt ha consentito la correzione all estate Ringrazio l Archivio dello I.M.D. nella persona della dottoressa Claudia Mayer.

LA RAGAZZA DELLA FOTO

LA RAGAZZA DELLA FOTO dai 9 anni LA RAGAZZA DELLA FOTO LIA LEVI Illustrazioni di Desideria Guicciardini Serie Arancio n 78 Pagine: 240 Codice: 978-88-566-3995-7 Anno di pubblicazione: 2014 L AUTRICE Lia Levi, di famiglia ebrea,

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA

CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA LINGUAGGI, CREATIVITA' ESPRESSIONE Gestualità, arte, musica, multimedialità Il bambino/la

Dettagli

Musica, arti e creatività. Musica e poesia: una partitura nel testo parlato Relazione a due voci di ANNALISA SPADOLINI e MICHELE TORTORICI

Musica, arti e creatività. Musica e poesia: una partitura nel testo parlato Relazione a due voci di ANNALISA SPADOLINI e MICHELE TORTORICI Musica, arti e creatività Il fondamento filosofico del fare musica tutti nel sistema formativo Convegno internazionale di studi IV Edizione Roma, 31 marzo - 1 aprile 2011 Musica e poesia: una partitura

Dettagli

I SUONI DEL CORPO E LE PARTITURE INFORMALI

I SUONI DEL CORPO E LE PARTITURE INFORMALI I SUONI DEL CORPO E LE PARTITURE INFORMALI Obiettivi: * sviluppare il pensiero divergente controllato (pensiero esplorativo); * classificare i suoni ed i rumori in base alla fonte e alla provenienza.;

Dettagli

IL CURRICOLO PER IL PRIMO CICLO D ISTRUZIONE SCUOLA PRIMARIA E SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MUSICA

IL CURRICOLO PER IL PRIMO CICLO D ISTRUZIONE SCUOLA PRIMARIA E SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MUSICA IL CURRICOLO PER IL PRIMO CICLO D ISTRUZIONE SCUOLA PRIMARIA E SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MUSICA MUSICA SCUOLA PRIMARIA - CLASSE PRIMA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI METODOLOGIE E STRATEGIE

Dettagli

esperienze naturali di gioco ascolti e ricerche in giardino

esperienze naturali di gioco ascolti e ricerche in giardino esperienze naturali di gioco ascolti e ricerche in giardino Indice Esperienze naturali di gioco di Sabrina Bonaccini.6 Il rapporto tra bambino e natura: una convivenza da ritrovare di Federica Marani e

Dettagli

COMPETENZE Comprendere la forma e il significato di messaggi musicali espressi in varie forme e opere

COMPETENZE Comprendere la forma e il significato di messaggi musicali espressi in varie forme e opere 1 ISTITUTO COMPRENSIVO F. de Sanctis Curricolo verticale A.S. 2014/2015 2 MUSICA L educazione musicale, al pari delle altre discipline, ha l obiettivo di educare alla cittadinanza, in linea con le nuove

Dettagli

Programmazione di Attività Alternativa all I.R.C. A.S. 2014-2015. Insegnante: Maria Cristina Paciello

Programmazione di Attività Alternativa all I.R.C. A.S. 2014-2015. Insegnante: Maria Cristina Paciello Programmazione di Attività Alternativa all I.R.C. A.S. 2014-2015 Insegnante: Maria Cristina Paciello L insegnamento dell Attività Alternativa all I.R.C. è annualmente deciso dal Collegio docenti. Al pari

Dettagli

Sinfonia di colori Progetto musicale per la scuola dell infanzia

Sinfonia di colori Progetto musicale per la scuola dell infanzia Cristina Donnini Sinfonia di colori Progetto musicale per la scuola dell infanzia Questo progetto è nato dalla richiesta delle maestre della scuola dell infanzia Sorelle Agazzi di La California (Livorno)

Dettagli

Indice. Introduzione... vii

Indice. Introduzione... vii Indice Introduzione... vii PARTE PRIMA L AMORE IN OCCIDENTE... 1 L amore nel pensiero occidentale... 3 L amore nell Occidente cristiano... 17 L amore fiorisce nell infanzia... 23 I legami che l amore crea...

Dettagli

A Los Angeles lo scorso febbraio ha ricevuto dalle mani di Clint Eastwood l Oscar alla carriera.

A Los Angeles lo scorso febbraio ha ricevuto dalle mani di Clint Eastwood l Oscar alla carriera. OLYCOM INTERVISTA Ennio Morricone A Los Angeles lo scorso febbraio ha ricevuto dalle mani di Clint Eastwood l Oscar alla carriera. Il 16 giugno Ennio Morricone è a Monza nei Giardini di Villa Reale per

Dettagli

MUSICA RACCORDO TRA LE COMPETENZE

MUSICA RACCORDO TRA LE COMPETENZE MUSICA RACCORDO TRA LE COMPETENZE SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO COMPETENZA NELL ASCOLTO E NELLA COMPRENSIONE DI MESSAGGI MUSICALI Ascoltare e confrontare messaggio musicali, al fine di diventare

Dettagli

CLASSE PRIMA COMPETENZE SPECIFICHE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI E ATTIVITA'

CLASSE PRIMA COMPETENZE SPECIFICHE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI E ATTIVITA' ISTITUTO COMPRENSIVO DI SOVIZZO SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ESPRESSIONE MUSICALE FINALITA La musica, componente fondamentale e universale dell esperienza e dell intelligenza umana, offre uno spazio simbolico

Dettagli

I PROGETTI PROGETTO MUSICA

I PROGETTI PROGETTO MUSICA I PROGETTI I progetti di lavoro fanno parte dei programmi rivolti ai bambini da tre a sei anni. Progetto di lavoro per indicare gli studi approfonditi che, piccoli gruppi di bambini, portano avanti su

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA SCUOLA DELL INFANZIA

CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA SCUOLA DELL INFANZIA Conoscere, percepire e riconoscere i suoni dell ambiente. Discriminare e interpretare gli eventi sonori. Acquisire una corretta postura. Cantare in coro.

Dettagli

CURRICOLI DISCIPLINARI

CURRICOLI DISCIPLINARI ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLI DISCIPLINARI Anno scolastico 2013-14 INDICE 1. IL SE E L ALTRO. pag. 3 2. IL CORPO E IL MOVIMENTO.. pag. 4 3. IMMAGINI, SUONI, COLORI.....

Dettagli

MUSICA SCUOLA DELL INFANZIA 3 ANNI

MUSICA SCUOLA DELL INFANZIA 3 ANNI Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Statale Sandro Pertini Via V. Cuoco,63 00013 Fonte Nuova (RM) Tel. 069059089 Fax

Dettagli

Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga,

Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga, Saggistica Aracne Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga, missionario Oblato di Maria Immacolata.

Dettagli

Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte.

Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte. Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte. Piergiorgio Trotto Finalità: Sviluppare le capacità espressive con esercizi attinenti al colore e all immagine. Ricercare la propria identità. Sperimentare

Dettagli

LA CITTÀ DEI SEGNI E I SEGNI DELLA CITTÀ

LA CITTÀ DEI SEGNI E I SEGNI DELLA CITTÀ LA CITTÀ DEI SEGNI E I SEGNI DELLA CITTÀ Per un artista dedito alla ricerca e alla meditazione, abituato a parlare tramite i suoi quadri, è difficile comunicare la sensazione di piacere che si prova in

Dettagli

Arteterapia e Counseling espressivo

Arteterapia e Counseling espressivo Arteterapia e Counseling espressivo Indice sintetico Capitolo primo... PAG. 21 ARTETERAPIA: STORIA, RADICI, PRIMI PASSI E SVILUPPI Capitolo secondo... 63 IL CAMBIAMENTO DELL IMMAGINARIO CREATIVO E DELL

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE Ambito disciplinare ITALIANO Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 TRAGUARDI DELLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della

Dettagli

FINESTRE INTERCULTURALI

FINESTRE INTERCULTURALI Scuola Classe 1C FINESTRE INTERCULTURALI DIARIO DI BORDO 2013 / 2014 IC Gandhi - Secondaria di primo grado Paolo Uccello Insegnante / materia Anelia Cassai/lettere Data Febbraio Durata 4h TITOLO DELLA

Dettagli

MUSICA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

MUSICA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA MUSICA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L'alunno esplora, discrimina ed elabora eventi sonori dal punto di vista qualitativo spaziale e in riferimento alla loro fonte.

Dettagli

SINCRONICITÀ autori vari

SINCRONICITÀ autori vari SINCRONICITÀ autori vari La sincronicità è un termine introdotto da Carl Jung nel 1950 per descrivere una connessione fra eventi, psichici o oggettivi, che avvengono in modo sincrono, cioè nello stesso

Dettagli

Omar Dodaro. L'esperienza elettronica ed elettroacustica. Analisi di Das Atmende Klarsein di Luigi Nono

Omar Dodaro. L'esperienza elettronica ed elettroacustica. Analisi di Das Atmende Klarsein di Luigi Nono Omar Dodaro L'esperienza elettronica ed elettroacustica Analisi di Das Atmende Klarsein di Luigi Nono Milano, 2011 Indice Musica elettronica e musica elettroacustica...3 Karlheinz Stockhausen...3 Compositori

Dettagli

FINESTRE INTERCULTURALI

FINESTRE INTERCULTURALI Scuola Classe 1C FINESTRE INTERCULTURALI DIARIO DI BORDO 2013 / 2014 IC Gandhi - Secondaria di primo grado Paolo Uccello Insegnante / materia lettere Data Febbraio Durata 4h TITOLO DELLA FINESTRA INTERCULTURALE

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

Prokof ev. Sonate. e le. Antonio Distaso

Prokof ev. Sonate. e le. Antonio Distaso Prokof ev e le Sonate Antonio Distaso 1 I. Introduzione Il presente breve lavoro ha preso in esame una delle più eclettiche personalità della musica del XX secolo. Fenomeno luminoso e sano, un musicista

Dettagli

associazione culturale l eptacordio via Belluno, 6 Selargius (Ca) tel.: 070 2345712-339 7782276-348 0333921 eptacordio@tiscali.it www.eptacordio.

associazione culturale l eptacordio via Belluno, 6 Selargius (Ca) tel.: 070 2345712-339 7782276-348 0333921 eptacordio@tiscali.it www.eptacordio. L eptacordio associazione culturale l eptacordio via Belluno, 6 Selargius (Ca) tel.: 070 2345712-339 7782276-348 0333921 eptacordio@tiscali.it www.eptacordio.com IL SUONO DELLA POESIA a scuola progetto

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO. Leggere, apprendere e gustare il mondo sonoro in tutta la sua diversità e ricchezza.

SCUOLA PRIMARIA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO. Leggere, apprendere e gustare il mondo sonoro in tutta la sua diversità e ricchezza. CLASSE 1^ altri. Leggere, apprendere e gustare il mondo sonoro in tutta la sua diversità e ricchezza. Esprimersi attraverso la musica utilizzando diverse modalità. Cogliere all ascolto gli aspetti espressivi

Dettagli

Archivio del sito. http://www.trio-lescano.it/ Notizie e documenti sul compositore. Fausto Arconi. (pseudonimo del M Aristodemo Uzzi)

Archivio del sito. http://www.trio-lescano.it/ Notizie e documenti sul compositore. Fausto Arconi. (pseudonimo del M Aristodemo Uzzi) Archivio del sito http://www.trio-lescano.it/ Notizie e documenti sul compositore Fausto Arconi (pseudonimo del M Aristodemo Uzzi) Il nostro collaboratore Paolo Piccardo era da lungo tempo alla ricerca

Dettagli

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Sono nell aula, vuota, silenziosa, e li aspetto. Ogni volta con una grande emozione, perché con i bambini ogni volta è diverso. Li sento arrivare, da lontano, poi sempre

Dettagli

PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON

PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON C è un libro sui ragazzini agitati, dal titolo On agite un enfant: è un gioco di parole, perché c era una pubblicità di una bevanda gassata che se non ricordo

Dettagli

Nuria Schoenberg Nono racconta gli anni americani del grande compositore VITA CON MIO PADRE, ARNOLD, ESULE A LOS ANGELES. di Pietro Acquafredda

Nuria Schoenberg Nono racconta gli anni americani del grande compositore VITA CON MIO PADRE, ARNOLD, ESULE A LOS ANGELES. di Pietro Acquafredda Nuria Schoenberg Nono racconta gli anni americani del grande compositore VITA CON MIO PADRE, ARNOLD, ESULE A LOS ANGELES 20 di Pietro Acquafredda S essant anni fa, il 13 luglio 1951, a Los Angeles, dove

Dettagli

TRAGUARDI DI COMPETENZA AL TERMINE della SCUOLA PRIMARIA

TRAGUARDI DI COMPETENZA AL TERMINE della SCUOLA PRIMARIA Curricolo verticale di MUSICA Scuola Primaria TRAGUARDI DI COMPETENZA AL TERMINE della SCUOLA PRIMARIA L alunno esplora, discrimina ed elabora eventi sonori dal punto di vista qualitativo, spaziale e in

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO Il bambino supera serenamente il distacco con la famiglia Conosce e rispetta le prime regole di convivenza E autonomo nelle situazioni di vita quotidiana (servizi igienici, pranzo, gioco)

Dettagli

Nievo-Matteotti MUSICA

Nievo-Matteotti MUSICA Scuola media statale Nievo-Matteotti PIANO DI LAVORO DI MUSICA Prof.ssa CALORIO Carla Prof.ssa DONNINI Sonia Prof.ssa PIASTRELLONI Gerardina Prof.ssa SESSO Eleonora Prof. MANTOVANI Lidio PROGRAMMAZIONE

Dettagli

SUSTAIN PIANO DIDATTICO

SUSTAIN PIANO DIDATTICO SUSTAIN PIANO DIDATTICO Titolo dell unità Nome dell insegnante, Scuola e Paese Gruppo classe di riferimento Obiettivi Competenze chiave sviluppate Motivazione / Giustificazione Durata Luogo Temi dello

Dettagli

INDICE. Il Suono, il Rumore e le loro caratteristiche... Scriviamo i suoni... Facciamo Pratica...

INDICE. Il Suono, il Rumore e le loro caratteristiche... Scriviamo i suoni... Facciamo Pratica... INDICE Il Suono, il Rumore e le loro caratteristiche... Scriviamo i suoni... pag. 2 pag. 4 pag. 4 Le Note Musicali ovvero il nome dei suoni... pag. 6 pag. 6 Come indicare l Altezza Il pentagramma o rigo

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DELLA DIDATTICA Lezioni frontali e seminari, sopralluoghi di studio. Prova Orale, Prova Scritta, Presentazione di una Tesina

ORGANIZZAZIONE DELLA DIDATTICA Lezioni frontali e seminari, sopralluoghi di studio. Prova Orale, Prova Scritta, Presentazione di una Tesina FACOLTÀ Architettura ANNO ACCADEMICO 2012-2013 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE Architettura LM4 INSEGNAMENTO Storia dell Architettura Contemporanea, C.I. con Storia dell Arte Moderna e Contemporanea TIPO DI

Dettagli

IN VIAGGIO CON ULISSE PROGETTO DIDATTICO

IN VIAGGIO CON ULISSE PROGETTO DIDATTICO IN VIAGGIO CON ULISSE PROGETTO DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Il tema scelto vuole trasmettere ai bambini l importanza del patrimonio letterario classico. Inoltre, presentando la figura dell EROE,

Dettagli

MASTER CLASS. Scholè < tempo della libertà e della identità>

MASTER CLASS. Scholè < tempo della libertà e della identità> MASTER CLASS Scholè < tempo della libertà e della identità> < Progetto di socializzazione multietnica attraverso al musica > Perugia, gennaio 2014 Logo Università per Stranieri Accademia di Belle Arti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA AMPI DI ESPERIENZA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER I BAMBINI DI 5 ANNI ESPERIENZE

Dettagli

CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO (Triennio)

CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO (Triennio) SCUOLA DI COMPOSIZIONE CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO (Triennio) A) Programma per l'ammissione L ammissione al Triennio Superiore di I livello in Composizione è subordinata al superamento

Dettagli

Istituto Comprensivo

Istituto Comprensivo CLASSE I - SCUOLA PRIMARIA PRODUZIONE VOCALE/ STRUMENTALE Utilizzare la voce, il proprio corpo, semplici strumenti o oggetti vari in giochi, situazioni, storie e varie attività per espressioni parlate,

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Scuola Primaria. LABORATORIO DI MUSICA Classe prima e seconda

Scuola Primaria. LABORATORIO DI MUSICA Classe prima e seconda Circolo Didattico Collodi-Gebbione Scuola Primaria Anno Scolastico 2010/2011 LABORATORIO DI MUSICA Classe prima e seconda Premessa Il bambino quotidianamente vive in un mondo caratterizzato dalla presenza

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE CURRICOLO delle ATTIVITA EDUCATIVE Della SCUOLA DELL INFANZIA Anno Scolastico 2012.13

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI

I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI Nel laboratorio vengono presentati e analizzati, attraverso la sperimentazione di materiali e tecniche

Dettagli

CURRICOLO QUINQUENNALE SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO QUINQUENNALE SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO QUINQUENNALE SCUOLA PRIMARIA Traguardi di sviluppo e obiettivi di apprendimento per la classe SECONDA desunti dalle Indicazioni per il Curricolo Disciplina OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Italiano

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA

SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO IL CORPO IN MOVIMENTO Prendere coscienza della propria identità Scoprire le diversità Apprendere le prime regole di vita sociale Osservare l ambiente che lo circonda Ascoltare le narrazioni

Dettagli

La musica come passione, arte, linguaggio, emozione

La musica come passione, arte, linguaggio, emozione La musica come passione, arte, linguaggio, emozione Da una tradizione secolare nel settore della costruzione degli strumenti musicali e della lavorazione dei metalli in terra di Toscana, scaturisce: Pistoia

Dettagli

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE Tratto da: M. Cecconi, La morte raccontata ai bambini: il ciclo della vita. Intervista ad Angela Nanetti, Il Pepeverde n. 10, 2001, pp. 10 11. Copyright INTERVISTA ALLA SCRITTRICE ANGELA NANETTI LA MORTE

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

ALICE SALOMON. Samantha & Jessica

ALICE SALOMON. Samantha & Jessica ALICE SALOMON Samantha & Jessica come assistenti sociali siamo uniti nella certezza che il mondo non potrà essere riformato, che non potrà essere liberato da tutte le sue attuali sofferenze fino a quando

Dettagli

Questo numero. La notazione della musica elettronica. Alvise Vidolin

Questo numero. La notazione della musica elettronica. Alvise Vidolin 5 Questo numero Alvise Vidolin Scrivere il suono, notare la musica sono problematiche che vivono da secoli nei pensieri di musicisti e di scienziati e oggi, in una società dominata dalla tecnologia, sono

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO. Classe 1 Anno scolastico 2008/09

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO. Classe 1 Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE Ambito disciplinare: ITALIANO Classe 1 Anno scolastico 2008/09 TRAGUARDI DELLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della scuola secondaria di 1

Dettagli

INDICATORI PER LA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO

INDICATORI PER LA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO INDICATORI PER LA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO Comunicare oralmente in modo adeguato. Leggere e comprendere parole, frasi e semplici brani. Produrre semplici testi scritti. Svolgere attività esplicite

Dettagli

PROGETTI PER AZIENDE STEFANO CORRADI

PROGETTI PER AZIENDE STEFANO CORRADI PROGETTI PER AZIENDE STEFANO CORRADI L attività del musicista, con la sua complessità dal punto di vista dell improvvisazione, della composizione e della performance, rappresenta un ottimo esempio di gestione

Dettagli

NOTE. ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti

NOTE. ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti Uno dei caratteri fondamentali dell arte è quello di essere contemplativa, distinguendosi, in tal modo, da ciò che è attivo, nel senso, quest ultimo, di prendere

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA CURRICOLO D ISTITUTO COMPRENDERE COMUNICARE RIFLETTERE RIELABORARE PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA AREA DEI LINGUAGGI (italiano, lingua inglese, musica, arte e immagine) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO

Dettagli

Progetto Ricerca- Azione. Indicazioni nazionali 2012

Progetto Ricerca- Azione. Indicazioni nazionali 2012 Progetto Ricerca- Azione Indicazioni nazionali 2012 VERSO EUROPA 2020.ancora Misure di accompagnamento 2014-2015 Competenze di base Prosecuzione progetti di Formazione e ricerca I.C G.Galilei Arienzo (scuola

Dettagli

Collegamento con discipline scuola primaria. Cittadinanza e costituzione. Storia/ cittadinanza e costituzione. Cittadinanza e costituzione

Collegamento con discipline scuola primaria. Cittadinanza e costituzione. Storia/ cittadinanza e costituzione. Cittadinanza e costituzione IL SE e L ALTRO Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. Sviluppa il senso dell identità personale,

Dettagli

Seminario Non luoghi qualsiasi La funzione sociale ed educativa degli Spazi per bambini e adulti Bergamo 21 novembre 2006

Seminario Non luoghi qualsiasi La funzione sociale ed educativa degli Spazi per bambini e adulti Bergamo 21 novembre 2006 Seminario Non luoghi qualsiasi La funzione sociale ed educativa degli Spazi per bambini e adulti Bergamo 21 novembre 2006 PAROLE E IMMAGINI PER RACCONTARE GLI SPAZI PER BAMBINI E ADULTI. Gruppo di coordinamento

Dettagli

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA L obbiettivo di questo laboratorio è quello di rielaborare ed interpretare un antica fiaba usando i significati profondi

Dettagli

Venezia, 29 gennaio 1924-8 maggio 1990

Venezia, 29 gennaio 1924-8 maggio 1990 Conservatorio di Musica B. Marcello, Scuola di Didattica della Musica, in collaborazione con Archivio Luigi Nono Venezia - a.a. 2005-06 progetto Nono, materiali per le Scuole: note biografiche LUIGI NONO

Dettagli

Pietro Abbà Cornaglia

Pietro Abbà Cornaglia Pietro Abbà Cornaglia (1851-1894) Compositore, organista, didatta e critico musicale Palazzo Ghilini, sec. XIX I primi anni Compositore, organista, critico musicale; nato ad Alessandria (Piemonte) il 20

Dettagli

ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza

ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza ex chiesa gesuiti nuovo spazio teatrale Via Melchiorre Gioia, 20 - Piacenza presentazione a cura di Fondazione di Piacenza e Vigevano Dopo 26 anni dall apertura del Teatro San Matteo, Teatro Gioco Vita

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI 3 anni IL SÉ E L ALTRO Supera il distacco dalla famiglia Prende coscienza di sé Sviluppa

Dettagli

Secondo incontro: La mia esperienza d amore

Secondo incontro: La mia esperienza d amore Secondo incontro: La mia esperienza d amore Prima di addentrarci nel tema dell incontro sondiamo la motivazione dei ragazzi. Propongo loro un diagramma G/T. Tutti i ragazzi pensavano ad un esercizio di

Dettagli

SCUOLA ANNA FRANK - VIA VALLAURI 24

SCUOLA ANNA FRANK - VIA VALLAURI 24 SCUOLA ANNA FRANK - VIA VALLAURI 24 L INSEGNAMENTO DELL ITALIANO COME L2 Esperienza di intervento in una classe 5^ (ins. Adele Bongioanni e Pinuccia Stroppiana). Analisi della situazione iniziale e interventi

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE MUSICALE

CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE MUSICALE CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE MUSICALE AMBITI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI OBIETTIVI 3 4 ANNI TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PAESAGGIO SONORO Riconoscimento/analisi di - suoni e rumori naturali

Dettagli

PROF. CARLO SPARANO MATERIA: MUSICA CLASSE 2 E AD INDIRIZZO MUSICALE DATA DI PRESENTAZIONE: 30-11-2013

PROF. CARLO SPARANO MATERIA: MUSICA CLASSE 2 E AD INDIRIZZO MUSICALE DATA DI PRESENTAZIONE: 30-11-2013 PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. CARLO SPARANO MATERIA: MUSICA CLASSE 2 E AD INDIRIZZO MUSICALE DATA DI PRESENTAZIONE: 30-11-2013 FINALITÀ E OBIETTIVI FORMATIVI DELLA DISCIPLINA

Dettagli

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Scuola dell infanzia di v.le Papa Giovanni XXIII Scuola dell infanzia di Ozzero Scuola dell infanzia di Morimondo propongono ampliamento del progetto

Dettagli

Movimento Ars Musicalis

Movimento Ars Musicalis Progetto di Educazione al Suono e alla Musica Movimento Ars Musicalis Proposta di potenziamento e arricchimento dell Offerta Formativa ANNO SCOLASTICO 2009/2010 Movimento Ars Musicalis proposta di potenziamento

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA PRIMARIA

ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO MUSSOLENTE SCUOLA PRIMARIA MUSICA CLASSE PRIMA 1 Ascoltare e discriminare i suoni e i rumori della realtà ambientale dal vivo o registrati. 2 Attribuire significati a segnali sonori

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO Settore Giovanile. P sico lo g ia e

FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO Settore Giovanile. P sico lo g ia e FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO Settore Giovanile Anna Fallco P sico lo g ia e B a sk et Presentazione La dottoressa Anna Falco è entrata a far parte dello staff della Squadra Nazionale A maschile nel

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

PROGETTI DI EDUCAZIONE MUSICALE

PROGETTI DI EDUCAZIONE MUSICALE PROGETTI DI EDUCAZIONE MUSICALE INTRODUZIONE I progetti di educazione musicale da me proposti si articolano in differenti approcci che variano a seconda dell età dei bambini. La differenziazione avviene

Dettagli

Presentazione. L inizio fu rappresentato da un mio saggio: Per una politica di comunicazione nell azienda, L Impresa, 1973, 5-6, pp. 325 ss.

Presentazione. L inizio fu rappresentato da un mio saggio: Per una politica di comunicazione nell azienda, L Impresa, 1973, 5-6, pp. 325 ss. Presentazione Proprio quarant anni fa, dopo un periodo di tempo dedicato allo studio specifico della pubblicità 1 allora, a livello internazionale e non solo italiano, di gran lunga il più importante strumento

Dettagli

GIANPAOLO TONINI TRADURRE SENZA ITALIANIZZARE

GIANPAOLO TONINI TRADURRE SENZA ITALIANIZZARE GIANPAOLO TONINI TRADURRE SENZA ITALIANIZZARE Desidero esprimere la mia gratitudine ai membri della giuria che hanno ritenuto le mie traduzioni dei Poeti brasiliani contemporanei meritevoli di ricevere

Dettagli

Programmazione didattica

Programmazione didattica Programmazione didattica di italiano IN BASE AL LIVELLO LOGICO COGNITIVO ESPRESSIVO DELLA CLASSE E DEI PROCESSI INTELLETTIVI E PSICODINAMICI DELL ETÀ EVOLUTIVA, SI INDIVIDUANO: GLI OBIETTIVI FORMATIVI

Dettagli

Laboratori Musicali con cadenza settimanale di 1 ora, da settembre a luglio

Laboratori Musicali con cadenza settimanale di 1 ora, da settembre a luglio L Associazione Circolo Culturale San Francesco è lieta di presentare i Laboratori e le Attività organizzate per l Anno 2011, tenute dai volontari del o Culturale San Francesco per i soci e per chiunque

Dettagli

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA (dalle INDICAZIONI NAZIONALI) IL SE E L ALTRO: Il bambino gioca

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

IL CURRICOLO DI SCUOLA MUSICA

IL CURRICOLO DI SCUOLA MUSICA IL CURRICOLO DI SCUOLA MUSICA SCUOLA DELL INFANZIA - IMMAGINI, SUONI, COLORI SCUOLA PRIMARIA - MUSICA SCUOLA SECONDARIA I GRADO - MUSICA SCUOLA INFANZIA Nell ambito dell educazione musicale trovano attuazione

Dettagli

Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C

Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C 1 INTRODUZIONE Ai bambini e alle bambine che a tre anni, fanno il loro

Dettagli

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - VICENZA DIPARTIMENTO DI ITALIANO CURRICOLO DI LINGUA ITALIANA SCUOLA SECONDARIA Fine classe terza COMPETENZE CHIAVE COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

La voce de "Gli Amici"

La voce de Gli Amici La voce de "Gli Amici" Testo più grande Cerca domenica 2 maggio 2004 Home page News Newsletter Disabili mentali: amici senza limiti Handicap e Vangelo Pagina precedente Gli Amici La mostra di pittura Scarica

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

Il sé e l altro. Il corpo e il movimento

Il sé e l altro. Il corpo e il movimento Curricolo di MUSICA La musica in un quadro didattico occupa una posizione centrale perché è una componente fondamentale dell esperienza umana. Essa ha un ruolo di primo piano nello sviluppo della personalità

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA PRIMARIA Fonte di legittimazione: Indicazioni per il curricolo 2012

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA PRIMARIA Fonte di legittimazione: Indicazioni per il curricolo 2012 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA PRIMARIA Fonte di legittimazione: Indicazioni per il curricolo 2012 PROFILO DELLO STUDENTE RELATIVO ALL AREA ESPRESSIVO-MUSICALE Lo studente al termine del PRIMO

Dettagli

Domenica 23 novembre 2014

Domenica 23 novembre 2014 28 Domenica 23 novembre 2014 Swissness La nuova stagione si apre celebrando tre compleanni musicali in qualche modo legati tra loro. In occasione del suo novantesimo compleanno è ospite a Lugano Klaus

Dettagli

Rivista di psicologia, pedagogia ed epistemologia delle scienze umane

Rivista di psicologia, pedagogia ed epistemologia delle scienze umane SPC Scienze del pensiero e del comportamento Rivista di psicologia, pedagogia ed epistemologia delle scienze umane Presentazione del Convegno su Jean Piaget all Istituto Svizzero di Roma* Merete Amann

Dettagli

Acqua, Watsu e Intimità

Acqua, Watsu e Intimità Acqua, Watsu e Intimità con Roberto Fraioli e Italo Bertolasi Nel nostro corpo, nel nostro interno, c è un tesoro nascosto, un vero gioiello erotico, la strada per l'estasi. Basta solo svegliarci e svegliarlo,

Dettagli

MUSICA - CLASSE PRIMA

MUSICA - CLASSE PRIMA MUSICA - CLASSE PRIMA Discriminare sonorità e ascoltare brani musicali interpretandoli con diversi linguaggi espressivi. L alunno sa esplorare e discriminare eventi sonori. Gestisce possibilità espressive

Dettagli